Sei sulla pagina 1di 417

JULES VERNE

Il paese delle pellicce



Disegni di J.-D. Frat e G. de Beaurepaireincisi
da A.-F. Pannemaker, Hildibrand, L. Dumont, Pauline Louis
Copertina di Graziella Sarno
Titolo originale dell'opera
LE PAYS DES FOURRURES
(1873)
Traduzione integrale dal francese
di CLARA MINOLA



Prima edizione: 1968 Seconda edizione: 1970
Propriet letteraria e artistica riservata
Printed in Italy Copyright 1968 -1970 U. MURSIA & C.
842/AC/Il - U. MURSIA & C. - Milano - Via Tadino, 29
Indice
PRESENTAZIONE________________________________________6
Il Paese delle Pellicce ____________________________ 11
PARTE PRIMA______________________________________ 12
Capitolo I _______________________________________________12
UNA SERATA AL FORTE RELIANCE__________________________ 12
Capitolo II ______________________________________________21
HUDSON'S BAY FUR COMPANY ___________________________ 21
Capitolo III______________________________________________28
UNO SCIENZIATO NELLA MORSA DEL GELO _________________ 28
Capitolo IV______________________________________________35
UN CENTRO COMMERCIALE________________________________ 35
Capitolo V ______________________________________________42
DAL FORTE RELIANCE AL FORTE ENTREPRISE_______________ 42
Capitolo VI______________________________________________51
UN DUELLO DI WAPITI _____________________________________ 51
Capitolo VII _____________________________________________60
IL CIRCOLO POLARE _______________________________________ 60
Capitolo VIII ____________________________________________69
IL GRAN LAGO DEGLI ORSI _________________________________ 69
Capitolo IX______________________________________________78
UNA TEMPESTA SUL LAGO_________________________________ 78
Capitolo X ______________________________________________87
UN RITORNO SUL PASSATO_________________________________ 87
Capitolo XI______________________________________________95
LUNGO LA COSTA _________________________________________ 95
Capitolo XII ____________________________________________104
IL SOLE DI MEZZANOTTE__________________________________ 104
Capitolo XIII ___________________________________________112
IL FORTE ESPRANCE_____________________________________ 112
Capitolo XIV ___________________________________________121
ALCUNE ESCURSIONI _____________________________________ 121
Capitolo XV ____________________________________________130
A QUINDICI MIGLIA DAL CAPO BATHURST _________________ 130
Capitolo XVI ___________________________________________138
DUE COLPI DI FUCILE _____________________________________ 138
Capitolo XVII __________________________________________147
L'INVERNO SI AVVICINA __________________________________ 147
Capitolo XVIII__________________________________________155
LA NOTTE POLARE _______________________________________ 155
Capitolo XIX ___________________________________________166
UNA VISITA DI VICINATO _________________________________ 166
Capitolo XX ____________________________________________176
IL MERCURIO GELA_______________________________________ 176
Capitolo XXI ___________________________________________183
I GRANDI ORSI POLARI ____________________________________ 183
Capitolo XXII __________________________________________194
DURANTE CINQUE MESI___________________________________ 194
Capitolo XXIII__________________________________________203
L'ECLISSI DEL 18 LUGLIO 1860 _____________________________ 203
PARTE SECONDA__________________________________ 213
Capitolo I ______________________________________________214
UN FORTE GALLEGGIANTE________________________________ 214
Capitolo II _____________________________________________224
DOVE SI TROVA LISOLA __________________________________ 224
Capitolo III_____________________________________________233
IL GIRO DELL'ISOLA ______________________________________ 233
Capitolo IV_____________________________________________243
UN ACCAMPAMENTO NOTTURNO__________________________ 243
Capitolo V _____________________________________________252
DAL 25 LUGLIO AL 20 AGOSTO_____________________________ 252
Capitolo VI_____________________________________________261
DIECI GIORNI DI TEMPESTA _______________________________ 261
Capitolo VII ____________________________________________270
UN FUOCO E UN GRIDO ___________________________________ 270
Capitolo VIII ___________________________________________281
UN'ESCURSIONE DI PAOLINA BARNETT ____________________ 281
Capitolo IX_____________________________________________293
LE AVVENTURE DI KALUMAH _____________________________ 293
Capitolo X _____________________________________________302
LA CORRENTE DEL KAMCIATKA___________________________ 302
Capitolo XI_____________________________________________310
UNA COMUNICAZIONE DI J ASPER HOBSON _________________ 310
Capitolo XII ____________________________________________319
UN RISCHIO DA TENTARE _________________________________ 319
Capitolo XIII ___________________________________________328
SULL' IMMENSO BANCO DI GHIACCIO______________________ 328
Capitolo XIV ___________________________________________336
I MESI D'INVERNO ________________________________________ 336
Capitolo XV ____________________________________________344
UN' ULTIMA ESPLORAZIONE_______________________________ 344
Capitolo XVI ___________________________________________355
IL DISGELO ______________________________________________ 355
Capitolo XVII __________________________________________363
LA VALANGA ____________________________________________ 363
Capitolo XVIII__________________________________________370
TUTTI AL LAVORO________________________________________ 370
Capitolo XIX ___________________________________________380
IL MARE DI BERING_______________________________________ 380
Capitolo XX ____________________________________________388
IN ALTO MARE ___________________________________________ 388
Capitolo XXI ___________________________________________394
L'ISOLA DIVENTA ISOLOTTO ______________________________ 394
Capitolo XXII __________________________________________400
I QUATTRO GIORNI CHE SEGUONO_________________________ 400
Capitolo XXIII__________________________________________406
SOPRA UN MASSO DI GHIACCIO ___________________________ 406
Capitolo XXIV__________________________________________416
CONCLUSIONE ___________________________________________ 416
PRESENTAZIONE
Dopo aver scritto, con Le avventure del capitano Hatteras, un grande
romanzo d'esplorazione ambientato al Polo Nord, Verne scrisse
questo romanzo, sempre ambientato nelle regioni artiche, con intenti
e propositi diversi. Infatti Il paese delle pellicce soprattutto un
romanzo a sfondo geografico, in cui la componente avventurosa, pur
presente in ogni sua pagina, sembra passare in secondo piano
rispetto a quella didascalica.
Il capitano Hatteras un personaggio interessantissimo, mosso da
una sete d'avventura e di gloria che lo rende unico. Il suo proposito
di piantare per primo la bandiera inglese al Polo Nord rivela, con il
suo orgoglio nazionalistico, la carica ideale che sorregge la sua
temeraria impresa, ha conclusione poi, che assume insolitamente per
Verne i colori della tragedia, non solo celebra il valore di un uomo e
dell'ardimento umano in genere, ma scopre anche un giudizio morale
dello scrittore su di esso, ne sottolinea i limiti, oltre i quali ogni
gesto temerario diviene follia.
Ne Il paese delle pellicce, invece, il tenente Jasper Hobson, che
guida la spedizione oltre il 70 parallelo, rappresenta un funzionario
ligio al dovere, coraggioso, s, energico, avveduto e tempestivo, ma
in cui lo spirito per cos dire mercantile prevale su quello
avventuroso e gli intenti pratici ne limitano la carica ideale e
disinteressata. Accanto ad Hatteras, Verne pose il dottor Clawbonny,
il genio in quella spedizione, che correggeva con la scienza e la
prudenza gli slanci temerari del capitano; accanto ad Hobson ha
posto invece uno scienziato come Tommaso Black, con la testa
completamente nelle nuvole, o per dir meglio, completamente persa
dietro l'eclisse solare che sarebbe avvenuta il 18 luglio 1860 e dietro
altri fenomeni astronomici che solo oltre il 70 parallelo egli
avrebbe potuto studiare da vicino. Jasper Hobson, evidentemente,
non aveva bisogno di uno spirito pratico che temperasse i suoi
ardori.
E ancora, tutto l'equipaggio di Hatteras fatto d'uomini di mare,
avventurosi e rotti ad ogni pericolo, mentre il gruppo che segue
Jasper Hobson fatto di modesti soldati del forte Reliance, alle
dipendenze della Compagnia della baia di Hudson, i quali sperano
di ottenere dalla loro spedizione una paga doppia. E quando si
muovono sulle slitte trainate da mute di cani per esplorare le
impervie regioni ai confini del Mar Glaciale Artico, tra il capo
Bathurst e lo stretto di Bering, portano addirittura con s le loro
mogli, tanto che durante la spedizione nascer persino un bambino.
Come non bastasse, alla carovana s aggiungono altre due donne: la
coraggiosa esploratrice Paolina Barnett, uno dei personaggi di
maggior rilievo del libro, e la sua fedele compagna, Madge.
Sembrerebbe quasi, pi che una spedizione in regioni desolate e
selvagge, un'allegra scampagnata.
E invece lo scopo molto serio e preciso.
La Compagnia della baia di Hudson, che traffica e commercia in
pellicce pregiate nelle regioni dell'America Settentrionale, ha deciso
di scoprire a nord nuovi territori da sfruttare e di costruire, oltre il
70 parallelo, un forte che serva come base per i nuovi commerci. E
a dire il vero, la spedizione, sotto l'energica guida di Jasper Hobson,
procede per un buon tratto a meraviglia, com'era stato previsto.
L'ardimentoso drappello giunge oltre il 70 parallelo, al capo
Bathurst, scopre un territorio dove il bottino per cos dire a portata
di fucile e vi costruisce il forte.
Ma a questo punto avviene l'imprevedibile.
Il forte, per un errore che non pu essere imputato a nessuno, non
stato costruito su uno sperone di solida roccia, ma su un grande
banco di ghiaccio saldato al continente da secoli (tanto che vi sono
piccole colline e vi crescono abeti e betulle) e questo banco di
ghiaccio, per una improvvisa scossa tellurica, si stacca dalla
terraferma e va alla deriva trascinato dalle correnti marine che dal
Nord discendono verso lo stretto di Bering o che dallo stretto di
Bering risalgono verso il Nord, intersecandosi in quelle acque aperte
che gelo e disgelo rendono mutevoli, pericolosissime.
Ha cos inizio la terribile avventura di Jasper Hobson e dei suoi
compagni, completamente soli, in balia delle forze della natura, e
nella pi assoluta impossibilit di comunicare con il continente.
Grandi pericoli li minacciano; e primo fra tutti quello d'essere
trascinati dalle correnti marine verso il Polo, da cui nessuno
avrebbe fatto pi ritorno. Oppure quello, non meno grave, d'essere
trascinati oltre lo stretto di Bering, nelle acque calde del Pacifico,
dove l'isolotto di ghiaccio si sarebbe fatalmente disciolto,
inabissandosi con tutti i suoi abitatori. E poi, con l'inverno
incombente, c' l'assalto degli icebergs e l'avanzata della grande
banchisa che, con la sua enorme pressione, pu stritolare l'isola
come un guscio di noce.
Tutto questo mette a durissima prova il gruppo degli ardimentosi
esploratori. Ma l'intelligenza, il coraggio, la fede ancora una volta
riusciranno a vincere. Nulla impossibile, per chi continua a
sperare; e a un certo punto sar persino un gioco da ragazzi il dare
le vele al vento sull'isolotto di ghiaccio, trasformandolo in una
specie di zattera a comando.
Si direbbe, tanto imprevista la soluzione, che il lieto fine abbia
impegnato non solo tutte le energie e le risorse di quegli ardimentosi
esploratori, ma anche tutte le risorse d'inventiva dello scrittore, il
quale, ancora una volta, si dimostra abilissimo nel congegnare la
trama e nel risolverne i nodi pi complessi con il gioco della fortuna
e il sussidio tempestivo dell'intelligenza umana. Non a caso proprio
lo scienziato Tommaso Black, che, uscito dal suo ostinato e
stravagante mutismo, offrir l'estremo espediente per la salvezza di
tutti.
Come si detto, questo soprattutto un romanzo avventuroso a
sfondo didascalico, storico e geografico. L'Autore approfitta delle
pi svariate circostanze non solo per ricordare le tappe storiche
delle grandi esplorazioni artiche, ma anche per illustrare la natura
delle regioni polari, la loro flora e la loro fauna, i mutamenti cui
sono soggette per opera del gelo e del disgelo, i fenomeni atmosferici
- notte polare, aurora boreale, ecc. - le condizioni climatiche, e i
grandi, spettacolari cataclismi provocati dai ghiacci alla deriva.
Lo scrittore, pur appoggiandosi sempre a precise nozioni
scientifiche, ha pagine descrittive d'una straordinaria potenza. E il
tutto, secondo le esigenze di un buon romanzo, ravvivato
costantemente dal senso dell'imprevisto e dell'avventura. La
tempesta sul Gran Lago degli Orsi, la notte polare che cala sul forte,
la lotta estenuante contro il gelo del lungo inverno, la battaglia con
gli orsi, la valanga di ghiaccio sotto la quale un gruppo di infelici
viene sepolto vivo, la lunga odissea dell'isola errante, sono tutti
momenti di alta tensione drammatica, narrati con grande efficacia e
bravura.
Verne, con questo romanzo, porta a compimento il suo viaggio
nelle regioni artiche, iniziato con Le avventure del capitano Hatteras.
L, l'itinerario moveva da Liverpool e, risalendo a nord oltre lo
stretto di Davis, puntava al Polo, esplorando la parte della calotta
polare i cui meridiani si proiettano a sud sull'Europa e
sull'Atlantico; qui l'itinerario si sposta invece sull'altro versante:
muove dalla baia di Hudson, nel, Canada, lungo la fascia compresa
fra il 60 e il 70 parallelo, tra il Gran Lago degli Schiavi, il Gran
Lago degli Orsi e il capo Bathurst, che s affaccia sul Mar Glaciale
Artico, fino alla folle corsa attraverso lo stretto di Bering, verso il
Pacifico e le isole Aleutine. Regioni impervie, pittoresche e spettrali,
grandiose e selvagge, che si aggiungono a quelle descritte ne Le
avventure del capitano Hatteras, in un viaggio straordinario al Polo
Nord e dintorni.
G.C.


J ULES VERNE nacque a Nantes, l8 febbraio 1828. A undici anni,
tentato dallo spirito d'avventura, cerc di imbarcarsi
clandestinamente sulla nave La Coralie, ma fu scoperto per tempo e
ricondotto dal padre. A vent'anni si trasfer a Parigi per studiare
legge, e nella :capitale entr in contatto con il miglior mondo
'intellettuale dell'epoca. Frequent soprattutto la casa di Dumas
padre, dal quale venne incoraggiato nei suoi primi tentativi letterari.
Intraprese dapprima la carriera teatrale, scrivendo commedie e
libretti d'opera; ma lo scarso successo lo costrinse nel 1856 a cercare
un'occupazione pi redditizia presso un agente di cambio a Parigi.
Un anno dopo sposava Honorine Motel. Nel frattempo entrava in
contatto con l'editore Hetzel di Parigi e, nel 1863, pubblicava il
romanzo Cinque settimane in pallone.
La fama e il successo giunsero fulminei. Lasciato l'impiego, si
dedic esclusivamente alla letteratura e un anno dopo l'altro - in base
a un contratto stipulato con l'editore Hetzel - venne via via
pubblicando i romanzi che compongono l'imponente collana dei
Viaggi straordinari - I mondi conosciuti e sconosciuti e che
costituiscono il filone pi avventuroso della sua narrativa. Viaggio al
centro della Terra, Valla Terra alla Luna, Ventimila leghe sotto i
mari, L'isola misteriosa, Il giro del mondo in 80 giorni, Michel
Strogoff sono i titoli di alcuni fra i suoi libri pi famosi. La sua opera
completa comprende un'ottantina di romanzi o racconti lunghi, e
numerose altre opere di divulgazione storica e scientifica.
Con il successo era giunta anche l'agiatezza economica, e Verne,
nel 1872, si stabil definitivamente ad Amiens, dove continu il suo
lavoro di scrittore, conducendo, nonostante la celebrit acquistata,
una vita semplice e metodica. La sua produzione letteraria ebbe
termine solo poco prima della morte, sopravvenuta a settantasette
anni, il 24 marzo 1905.
Il Paese delle Pellicce

PARTE PRIMA
CAPITOLO I
UNA SERATA AL FORTE RELIANCE
LA SERA del 17 marzo 1859, il capitano Craventy dava una festa al
forte Reliance.
La parola festa non deve tuttavia suscitare l'idea di una pompa
grandiosa, di un ballo di corte, di un ricevimento solenne o di un
festival con grande orchestra; la festa del capitano Craventy era
molto pi semplice, per quanto egli non avesse risparmiato nulla al
fine di renderla il pi possibile attraente e piacevole a tutti i
convenuti.
Infatti, sotto la direzione del caporale J oliffe, la gran sala del
pianterreno si era trasformata. Si vedevano ancora le pareti di legno,
fatte di tronchi appena squadrati, disposti orizzontalmente; ma
quattro bandiere britanniche, collocate ai quattro angoli, e alcune
armature prese a prestito nell'arsenale del forte, ne nascondevano lo
squallore; e se le lunghe travi del soffitto, rugose e nerastre, si
allungavano sui contrafforti grossolanamente dirozzati, in compenso
due lampade con il riflettore di latta si dondolavano come lampadari
appesi alla loro catena, diffondendo una luce appena sufficiente
attraverso lannebbiata atmosfera della sala. Le finestre erano strette,
tanto che alcune sembravano feritoie, e i loro vetri, appannati da una
fitta brina, erano una sfida a ogni curiosit, mentre due o tre lembi di
percallina rossa, disposti con gusto, eccitavano l'ammirazione degli
invitati. Quanto al pavimento, esso si componeva di pesanti tavole
sovrapposte che il caporale J oliffe aveva spazzato con gran cura per
l'occasione. N seggioloni, n divani, n sedie, n altri accessori
moderni ostacolavano la circolazione; panche di legno, per met
incastrate netta robusta parete, sedili massicci squadrati a colpi di
accetta, due tavole dai grossi piedi: ecco tutto il mobilio della sala.
La parete di divisione, attraverso la quale una stretta porta a un
solo battente dava accesso alla camera attigua, era invece ornata in
maniera pittoresca e ricca insieme; dalle travi, e in meraviglioso
ordine, pendeva un'intera esposizione di opulenti pellicce la cui
eguale non si sarebbe potuta trovare nelle pi ricche vetrine di
Regent-Street o della Prospettiva Nevski. Si poteva dire che tutta la
fauna delle regioni artiche fosse rappresentata in quella decorazione
da un campione delle sue pelli pi belle. Lo sguardo indugiava fra
pellicce di lupi, di orsi grigi, di orsi polari, di lontre, di ghiottoni, di
visoni, di castori, di ondatre, di ermellini e di volpi argentate. Sotto
quella esposizione si leggeva un'insegna, le cui lettere erano state
artisticamente ritagliate in un pezzo di cartone dipinto, l'insegna della
celebre Compagnia della baia di Hudson: Propelle cutem, motto in
latino che significa appunto: Caccia la pelliccia.
Davvero, caporale J oliffe, disse il capitano Craventy al suo
subordinato, avete superato voi stesso!
Lo credo, mio capitano, lo credo, rispose il caporale, ma
rendiamo giustizia a chi tocca. Una parte dei vostri elogi spetta alla
signora J oliffe che mi ha aiutato nell'impresa.
una donna abile, caporale.
Nessuno la pu superare, capitano.
Nel mezzo della sala troneggiava un'enorme stufa, met di mattoni
e met di maiolica, il cui grosso tubo di latta, traversando il soffitto,
buttava al di fuori torrenti di fumo nero. Quella stufa russava e
diveniva di fuoco per le palate di carbone che un soldato, incaricato
soprattutto di tale servizio, vi buttava di continuo. Talvolta un soffio
di vento chiudeva lo sbocco esterno, e allora un fumo acre,
scendendo attraverso il tubo, invadeva la sala, e lingue di fiamme
lambivano le pareti di ghisa, mentre una nuvola opaca velava la luce
della lampada e anneriva le travi del soffitto. Ma quel lieve
inconveniente non impressionava certo gli invitati del forte Reliance;
la stufa li scaldava, e quel calore non era mai pagato troppo caro,
perch di fuori faceva un freddo terribile, cui si aggiungeva il vento
del Nord.
Si udiva infatti mugghiare la tempesta intorno alla casa; la neve,
che cadeva gi quasi allo stato solido, crepitava contro la brina dei
vetri; acuti fischi, passando attraverso le commessure delle porte e
delle finestre, si levavano talvolta sino al massimo limite dei suoni
percettibili; poi si faceva un gran silenzio; la natura pareva riprendere
fiato, e un'altra volta la raffica si scatenava con una forza spaventosa.
Si sentiva la casa tremare sui pali di sostegno, scricchiolare le assi,
gemere le travi, tanto che uno straniero, meno avvezzo degli ospiti
del forte a tali violenze del vento, avrebbe temuto che la tempesta
portasse via quell'edificio di tavole e di panconi. Ma gli invitati del
capitano Craventy si preoccupavano poco per le raffiche, e anche
all'aperto non si sarebbero certo spaventati di pi delle procellarie
che volteggiavano in mezzo agli uragani.
Eppure fra quegli invitati vi erano alcune eccezioni. La riunione
comprendeva un centinaio di individui d'ambo i sessi, e due soli
due donne non appartenevano al personale consueto del forte
Reliance. Quel personale era composto dal capitano Craventy, dal
tenente J asper Hobson, dal sergente Long, dal caporale J oliffe e da
una sessantina di soldati e di impiegati della Compagnia.
Alcuni avevano una loro famiglia, e fra questi il caporale J oliffe,
felice sposo di una canadese, vivace e svelta; un certo Mac Nap,
scozzese, ammogliato a una scozzese, e J ohn Ra il quale aveva
preso moglie poco tempo prima scegliendo una indiana della regione.
Tutti costoro, senza distinzione di grado, ufficiali, impiegati e soldati,
quella sera venivano ricevuti dal capitano Craventy. Bisogna per
aggiungere che non solo il personale della Compagnia era presente
alla festa.
I forti delle vicinanze, e in quelle regioni lontane si vicini anche
quando si abita a cento miglia di distanza, avevano accettato l'invito
del capitano Craventy e un buon numero di impiegati era venuto dal
forte Providence o dal forte Rsolution, appartenente alla
circoscrizione del Gran Lago degli Schiavi, e perfino dal forte
Chipewan e dal forte Liard, posti pi a sud.
La festa costituiva un divertimento raro, una distrazione
veramente inconsueta, che quei reclusi ed esiliati, quasi sperduti nella
solitudine di quelle legioni iperboree, accoglievano con molto
entusiasmo.
Infine alcuni capi indiani indigeni avevano accettato l'invito che
era stato fatto loro. Quegli indigeni, in continui rapporti con i centri
commerciali, fornivano in gran parte, scambiandole con altri
prodotti, le pellicce di cui la Compagnia faceva traffico. Erano
generalmente indiani Chipeways, uomini robusti, di meravigliosa
costituzione, vestiti di casacche di pelle e di mantelli di pelliccia
assai appariscenti. La loro faccia, per met rossa e per met nera,
presentava quella maschera speciale che il colore locale impone in
Europa ai diavoli delle fiabe. Sul loro capo si drizzano mazzi di
penne d'aquila spiegate come un ventaglio da signora e tremolanti a
ogni movimento della loro nera capigliatura. Quei capi, circa dodici,
non avevano condotto con s le loro donne, disgraziate squaws
considerate al pari delle schiave.
Questi erano gli invitati della serata, ai quali il capitano presentava
gli onori del forte Reliance. Non si poteva ballare poich mancava
l'orchestra, ma il buffet sostituiva vantaggiosamente i passi dei
balli europei. Sulla tavola sorgeva un pudding piramidale che la
signora J oliffe aveva preparato con le sue mani. Era un enorme cono
tronco composto di farina, di grasso di renna e di bue muschiato, cui
mancavano forse le uova, il latte e il cedro, raccomandati dai trattati
di cucina; ma tale difetto era compensato largamente dalle
gigantesche proporzioni. La signora J oliffe non si stancava di
tagliarlo a fette, eppure l'enorme massa resisteva sempre. Sulla tavola
vi erano anche piramidi di sandwich, nei quali il biscotto sostituiva le
sottili fette di pane inglese; fra due pezzi di biscotto, che nonostante
la loro durezza non resistevano ai morsi dei Chipeways, la signora
J oliffe aveva ingegnosamente infilato piccole fette di corn-beef,
specie di bue salato che sostituiva il prosciutto di York, la galantina
tartufata delle credenze dell'antico continente. Quanto ai rinfreschi,
whisky e gin circolavano in piccole tazze di stagno, senza contare un
gigantesco punch che doveva chiudere quella festa di cui gli indiani
avrebbero parlato a lungo nei loro wigwams.
Quanti complimenti ricevettero i coniugi J oliffe in quella serata!
Ma d'altra parte quanta operosit, quanta gentilezza! Come si
moltiplicavano, e con quale grazia presiedevano alla distribuzione
dei rinfreschi! Anzich aspettare, essi prevenivano i desideri di
ciascuno, tanto che non si aveva tempo di domandare e nemmeno di
desiderare. Ai sandwich succedevano le fette dell'inesauribile
pudding, e al pudding i bicchieri di gin e di whisky!
No, grazie, signora J oliffe.
Voi siete troppo gentile, caporale, e vi chiedo di lasciarmi
respirare.
Signora J oliffe, vi assicuro che scoppio.
Caporale J oliffe, mi rassegno alla vostra prepotenza.
No, signora J oliffe, no, questa volta no, impossibile.
Erano le risposte che la coppia felice si attirava invariabilmente;
ma il caporale e sua moglie insistevano tanto che i pi recalcitranti
finivano per cedere, e mangiavano senza sosta, e bevevano in
continuazione. Il tono delle conversazioni si faceva sempre pi alto; i
soldati e gli impiegati si accaloravano. Qui si parlava di caccia, l di
traffici. Quanti progetti si facevano per la prossima stagione! L'intera
fauna di quelle regioni artiche non sarebbe stata sufficiente a
soddisfare quegli intraprendenti cacciatori. Gi gli orsi, le volpi e i
buoi muschiati cadevano sotto i colpi dei loro fucili! I castori, gli
ermellini, le martore e i visoni si lasciavano catturare a migliaia nelle
trappole, e le preziose pellicce si accumulavano nei magazzini della
Compagnia che in quell'anno stava ricavando profitti insperati.
E mentre i liquori, distribuiti in grande quantit, infiammavano le
menti degli europei, gli indiani gravi e silenziosi, troppo fieri per
ammirare qualcuno, e troppo circospetti per promettere qualcosa,
lasciavano parlare quelle lingue loquaci, accontentandosi di assorbire
in abbondanti dosi l'acquavite del capitano Craventy.
Costui, felice di quella baraonda, soddisfatto della gioia di quella
povera gente, per cos dire relegata oltre il mondo abitabile,
passeggiava allegramente in mezzo agli invitati, rispondendo
invariabilmente a tutte le domande che gli venivano rivolte circa la
festa:
Domandate a J oliffe, domandate a J oliffe!
E si domandava a J oliffe, il quale aveva sempre per tutti una
parola gentile.
Fra le persone addette alla guardia e al servizio del forte Reliance,
alcune devono essere segnalate in modo particolare, perch
parteciperanno ad avvenimenti terribili che nessuna perspicacia
umana poteva prevedere. Conviene dunque citare fra gli altri il
tenente J asper Hobson, il sergente Long, i coniugi J oliffe e due
stranieri, ai quali il capitano faceva gli onori della serata.
Il tenente J asper Hobson era un uomo sulla quarantina, piccolo,
magro, e fornito se non di una grande forza fisica, di una notevole
energia morale che lo aiutava a superare brillantemente tutte le prove
e tutti gli avvenimenti. Era una creatura della Compagnia. Suo
padre, il maggiore Hobson, un irlandese di Dublino, morto da alcuni
anni, aveva per lungo tempo abitato con la signora Hobson al forte
Assiniboine, dove era nato J asper Hobson. L, ai piedi delle
Montagne Rocciose, trascorse liberamente l'infanzia e la giovinezza.
Istruito severamente dal maggiore Hobson, divenne un uomo, per
la fermezza e per il coraggio, quand'era ancora un adolescente. J asper
Hobson non era un cacciatore, ma un soldato, un accorto e
coraggioso ufficiale, il quale, durante le lotte sostenute nell'Oregon
dalla Compagnia contro le Compagnie rivali dell'Unione, si distinse
per zelo e audacia, e guadagn presto il grado di tenente.
Per il suo merito, riconosciuto da tutti, egli era stato designato al
comando di una spedizione nel Nord, spedizione che si proponeva di
esplorare le parti settentrionali del Gran Lago degli Orsi e di
costruire un forte sul confine del continente americano. La partenza
del tenente J asper Hobson doveva avvenire nei primi giorni d'aprile.
Se il tenente rappresentava il tipo perfetto dell'ufficiale, il sergente
Long, uomo sulla cinquantina, la cui ruvida barba sembrava fatta di
fibre di cocco, era dal canto suo il tipo del soldato coraggioso per
natura, obbediente per temperamento, consapevole solo della
consegna; non discuteva mai un ordine, anche se fosse stato strano, e
non ragionava pi quando si trattava del servizio. Vera macchina in
uniforme, ma tanto perfetta che non si logorava mai e camminava
senza stancarsi. Forse il sergente Long era alquanto rigido con i suoi
uomini, come era rigido con se stesso; egli non tollerava la pi
piccola infrazione alla disciplina; consegnava senza piet per la
minima mancanza mentre egli non era stato mai consegnato.
Comandava perch il suo grado di sergente l'obbligava, ma dopo
tutto a lui non piaceva dare ordini; era, in una parola, uomo nato per
obbedire, e quell'annientamento di se stesso si confaceva alla sua
natura passiva. Con persone di questo stampo si formano eserciti
formidabili, poich non sono altro che braccia al servizio di una sola
testa. E non forse questa la vera organizzazione della forza? Due
tipi ne furono immaginati nei vecchi miti: Briareo dalle cento
braccia, Idra dalle cento teste. Se i due mostri si mettono l'uno contro
l'altro, quale potr vincere? Briareo.
Vi era poi il caporale J oliffe. Era forse un po' faccendone, ma si
provava gusto a vederlo cos attivo. Avrebbe fatto meglio il
maggiordomo che il soldato. E lo sapeva; si chiamava volentieri:
caporale incaricato dei particolari, nei quali, del resto, si sarebbe
smarrito cento volte, se la piccola signora J oliffe non l'avesse guidato
con polso fermo. Di conseguenza il caporale J oliffe obbediva alla
moglie senza volerne convenire, dicendo, sicuro di s, come Sancio il
filosofo: Non vale gran cosa un consiglio di donna, ma bisogna
essere pazzi per non darvi retta.
L'elemento straniero fra gli invitati era rappresentato da due donne
sui quarant'anni circa.
Una di queste straniere meritava a buon diritto di essere inclusa
nella lista d'onore delle celebri viaggiatrici. Rivale delle Pfeiffer,
delle Tinn, delle Hommaire de Hell, il suo nome, Paolina Barnett, fu
pi di una volta menzionato con onore nelle adunanze della Societ
reale di geografia.
Paolina Barnett, risalendo il corso del Brahmaputra fino al Tibet, e
attraversando una regione inesplorata della Nuova Olanda, dalla baia
dei Cigni al golfo di Carpentaria, aveva mostrato qualit di grande
viaggiatrice.
Era una donna alta, vedova da quindici anni, e la passione dei
viaggi la portava di continuo attraverso paesi sconosciuti.
Il suo viso incorniciato da lunghe bandine di capelli gi brizzolati,
esprimeva una singolare energia. Gli occhi alquanto miopi si
nascondevano dietro un occhialetto, con la montatura d'argento che si
appoggiava sopra un naso lungo, diritto, le cui mobili narici
parevano fiutare lo spazio. La sua andatura, occorre convenirne,
era piuttosto maschile, e tutta la sua persona era improntata pi alla
forza morale che alla grazia. Era un'inglese della contea di York,
provvista di un certo patrimonio che spendeva in avventurose
spedizioni. E se in quel periodo si trovava al forte Reliance, era
perch qualche nuova esplorazione l'aveva condotta in quel luogo
lontano. Senza dubbio dopo essersi avventurata attraverso le regioni
equatoriali, voleva ora spingersi fino ai pi lontani confini delle
regioni iperboree. La sua presenza al forte era un grande
avvenimento, perch il direttore della Compagnia l'aveva
raccomandata con lettera speciale al capitano Craventy, il quale,
secondo quanto era detto nella lettera, doveva rendere facile il
progetto della celebre viaggiatrice di recarsi fino alle spiagge del
mare polare. Veramente una grande impresa! Bisognava riprendere
l'itinerario degli Hearne, dei Mackenzie, dei Ra, dei Franklin. E
quante fatiche, quante prove, quanti pericoli in quella lotta con i
terribili elementi dei climi artici! Come mai una donna osava
avventurarsi l dove tanti esploratori avevano fallito ed erano dovuti
ritornare o erano morti? Ma la straniera, confinata in quel periodo al
forte Reliance, non era una semplice donna: era Paolina Barnett,
tanto stimata dalla Societ reale di geografia.
Si deve aggiungere che la celebre viaggiatrice aveva nella sua
compagna Madge, pi che una cameriera, un'amica affezionata e
coraggiosa, la quale non viveva se non per lei, una scozzese dei
tempi antichi, che un Caleb avrebbe potuto sposare senza
vergognarsi. Madge aveva alcuni anni pi della sua padrona, cinque
circa; era alta e di costituzione robusta. Madge dava del tu a Paolina
e viceversa. Paolina considerava Madge come una sorella maggiore e
Madge la trattava come una figlia. Insomma, erano due esseri in uno
solo.
Per amore di verit, era in onore di Paolina Barnett che il capitano
Craventy aveva invitato quella sera i suoi impiegati e gl'indiani della
trib dei Chipeways. Infatti la viaggiatrice doveva unirsi al
distaccamento del tenente J asper Hobson nella sua esplorazione nel
Nord. Ed era per Paolina Barnett che il salone del forte risuonava di
giocondi evviva. Durante quella memorabile serata la stufa consum
un quintale di carbone, poich fuori faceva molto freddo e la
temperatura era scesa a -24 F (32 C sotto zero), dato che il forte
Reliance posto a 61 47' di latitudine nord, vale a dire a meno di
quattro gradi dal Circolo Polare.
CAPITOLO II
HUDSON'S BAY FUR COMPANY
SIGNOR capitano?
Signora Barnett.
Che ne dite del vostro tenente, del signor J asper Hobson?
un ufficiale che andr lontano.
Che intendete dire con queste parole, andr lontano? Volete
forse dire che superer l'80 parallelo?
Il capitano Craventy non pot trattenersi dal sorridere a una tale
domanda della signora Barnett. Essi chiacchieravano accanto alla
stufa mentre gli invitati andavano e venivano dalla tavola dei viveri a
quella dei rinfreschi.
Signora, rispose il capitano, tutto quello che un uomo
pu fare, J asper Hobson lo far. La Compagnia lo ha incaricato di
esplorare a nord dei suoi possedimenti, e di fondare un centro
commerciale il pi vicino possibile ai confini del continente
americano. Egli lo fonder.
una grande responsabilit per il tenente Hobson! disse la
viaggiatrice.
S, signora, ma J asper Hobson non mai indietreggiato di
fronte a una impresa da compiere, per quanto potesse sembrare
insuperabile.
Vi credo, capitano, rispose la signora Barnett, e lo
vedremo all'opera, questo tenente. Ma quale interesse pu spingere la
Compagnia a costruire un forte sui confini del Mare Artico?
Un grande interesse, signora, e aggiunger anche un doppio
interesse. Probabilmente, presto la Russia ceder i suoi possedimenti
americani al governo degli Stati Uniti.
1
Quando questa cessione sar

1
Infatti la previsione del capitano Craventy si avver in seguito. (N.d.A.)
compiuta, il traffico della Compagnia diventer difficilissimo con
l'Oceano Pacifico, a meno che il Passaggio di nord-ovest, scoperto da
Mac Clure, non diventi una via praticabile: ci che del resto nuovi
tentativi dimostreranno, poich l'Ammiragliato sta per inviare una
nave che ha il compito di risalire lungo le coste americane dallo
stretto di Bering sino al golfo Coronation, limite orientale prima del
quale deve essere fondato il nuovo forte. Se l'impresa riesce, quel
nuovo forte diventer un importante centro commerciale nel quale si
convoglier tutto il traffico di pelli del Nord; e mentre il trasporto
delle pellicce attraverso i territori indiani richiede gran tempo ed
enormi spese, gli steamer
22
potranno andare in pochi giorni dal
nuovo forte all'Oceano Pacifico.
Questo, infatti, rispose la signora Barnett, se potr essere
utilizzato il Passaggio di nord-ovest sar un risultato importante. Ma
avete parlato, mi sembra, di un duplice interesse
L'altro interesse, signora, riprese a dire il capitano,
eccolo, ed , per cos dire, una questione vitale per la Compagnia, di
cui, con il vostro permesso, vi ricorder l'origine in poche parole.
Comprenderete allora perch questa associazione, cos fiorente una
volta, ora minacciata all'origine stessa dei suoi prodotti.
E in poche parole il capitano Craventy fece la storia di questa
celebre Compagnia.
Fin dai tempi pi antichi, l'uomo prese agli animali la loro pelle e
la loro pelliccia per vestirsene. Il commercio delle pelli risale dunque
alla pi remota antichit. Il lusso del vestiario si svilupp tanto, che
leggi suntuarie furono emanate per porre argine alla moda che
riguardava particolarmente le pellicce. Il vaio e il petit-gris
3

dovettero essere proibiti nel XII secolo.
Nel 1553 la Russia fond molti stabilimenti nelle steppe
settentrionali, e alcune Compagnie inglesi non tardarono a imitarla. Il
traffico delle martore, degli zibellini, degli ermellini, dei castori, si
faceva allora con la mediazione dei Samoiedi. Ma durante il regno di
Elisabetta l'uso delle pellicce di lusso fu molto ristretto per decreto

2
Piroscafi.
3
La pelliccia dello scoiattolo delle regioni settentrionali, divenuta color grigio-
ardesia per il freddo, nota in commercio con il nome di petit-gris.
reale; perci, per molti anni, questo ramo del commercio non ebbe
sviluppi. Il 2 maggio 1670 fu accordato un privilegio alla Compagnia
delle Pellicce della baia di Hudson. Quella societ contava un certo
numero di azionisti nell'alta nobilt: il duca di York, il duca
d'Albermale, il conte di Shaftesbury, e cos via. Il suo capitale non
era allora che di 8420 sterline. Aveva per rivali le associazioni
private, i cui agenti francesi, dimoranti nel Canada, si lanciavano in
avventurose, ma lucrosissime escursioni. Quegli intrepidi viaggiatori,
conosciuti con il nome di viaggiatori canadesi, fecero una tale
concorrenza alla nascente Compagnia da metterne in grave pericolo
l'esistenza. Ma la conquista del Canada venne a modificare quella
precaria condizione di cose. E tre anni dopo la presa di Quebec, nel
1766, il commercio delle pellicce fu ripreso con nuovo ardore. I
commercianti inglesi si erano ormai familiarizzati con le difficolt di
quel genere di traffico; conoscevano i costumi del paese, le abitudini
degli indiani, il modo che essi usavano per i loro scambi, eppure i
bilanci della Compagnia erano ancora passivi. Inoltre, verso il 1784,
alcuni mercanti di Montreal si associarono per il traffico delle
pellicce, e fondarono quella possente Compagnia del nord-ovest che
accentr in breve tutte le operazioni di tal genere. Nel 1798, le
spedizioni della nuova societ salirono per l'equivalente di 120.000
sterline, e ancora una volta la Compagnia della baia di Hudson fu
gravemente minacciata.
Occorre dire che questa Compagnia del nord-ovest non si
arrestava davanti ad alcuna azione immorale, quando si trattava del
proprio interesse. Sfruttando i loro impiegati, speculando sulla
miseria degli indiani, maltrattandoli e saccheggiandoli dopo averli
ubriacati, sfidando il decreto del Parlamento che proibiva la vendita
di liquori agli indigeni sui territori di caccia, gli agenti del nord-ovest
ricavavano enormi benefici nonostante la concorrenza delle Societ
americane e russe che erano state fondate; fra le altre la Compagnia
americana delle Pellicce creata nel 1809 con un capitale di un
milione di dollari, e che trafficava all'ovest delle Montagne Rocciose.
Ma di tutte quelle societ, la Compagnia della baia di Hudson era
quella pi in crisi, quando nel 1821, in seguito a un trattato
lungamente discusso, assorb la sua antica rivale, la Compagnia del
nord-ovest, e prese la denominazione generale di Hudson's bay fur
Company.
Ora quell'importante associazione non ha pi altra rivale fuorch
la Compagnia americana dei Pellicciai di Saint-Louis. Possiede
molti centri dispersi su un'area di 3.700.000 miglia quadrate. I suoi
principali centri commerciali sono posti nella baia J ames, alla foce
del fiume di Severn, nella parte sud e verso la frontiera dell'Alto
Canada, nei laghi Atapeskow, Winnipeg, Superiore, Methye,
Buffalo, vicino ai fiumi Colombia, Mackenzie, Saskatchewan,
Assinipoil, e cos via. Il forte York che controlla il corso del fiume
Nelson, tributario della baia di Hudson, costituisce il quartier
generale della Compagnia, ed l che si trova il suo principale
deposito di pellicce. Inoltre, nel 1842, prese in affitto per 200.000
franchi l'anno stabilimenti russi dell'America del Nord; cos essa
sfrutta, per proprio conto, i terreni immensi posti fra il Mississippi e
l'Oceano Pacifico. Essa diram in tutte le direzioni intrepidi
viaggiatori: Hearne verso il mare polare, alla scoperta del
Coppermine nel 1770; Franklin, dal 1819 al 1822 a 5550 miglia dal
litorale americano; Mackenzie, il quale dopo aver scoperto il fiume
cui diede il nome, giunse alle sponde del Pacifico a 52 24' di
latitudine nord.
Nel 1833-34 inviava in Europa le seguenti quantit di pelli e di
pellicce, quantit che daranno un'idea esatta del suo traffico:
Castori . . . . . . . . . 1.074
Carta-pecora e giovani castori . 92.288
Ondate . . . . . . . . . 694.092
Tassi . . . . . . . . . . 1.069
Orsi . . . . . . . . . . 7.451
Ermellini . . . . . . . . 491
Pescatori . . . . . . . . 5.296
Volpi . . . . . . . . . . 9.937
Linci . . . . . . . . . . 14255
Martore . . . . . . . . . 64.490
Puzzole . . . . . . . . . 25.100
Lontre . . . . . . . . . 22.303
Procioni . . . . . . . . . 713
Cigni . . . . . . . . . . 7.918
Lupi . . . . . . . . . . 8.484
Ghiottoni . . . . . . . . 1.571
Una tale produzione doveva dunque assicurare alla Compagnia
della baia di Hudson larghi benefici; ma purtroppo quelle cifre non
durarono, e da vent'anni circa diminuivano in proporzione. Da che
cosa provenisse tale diminuzione ci che il capitano Craventy stava
spiegando appunto alla signora Paolina Barnett.
Fino al 1837, signora, disse, si pu affermare che le
condizioni della Compagnia erano fiorenti. In quell'anno
l'esportazione delle pelli era ancora salita alla cifra di 2.358.000; ma
poi and sempre scemando; e ora questa cifra diminuita almeno
della met.
Ma a cosa si pu attribuire questo abbassamento notevole
nell'esportazione delle pellicce? domand la signora Barnett.
Allo spopolamento che l'operosit, e aggiunger, la noncuranza
dei viaggiatori produsse nei territori di caccia. stata fatta strage di
continuo e senza discernimento. Non furono risparmiati n i cuccioli
n le femmine gravide; di qui un'inevitabile carestia fra gli animali da
pelliccia. La lontra quasi interamente scomparsa e si trova solo
vicino alle isole del Capo Nord. I castori si sono rifugiati in piccole
comunit, sulle rive dei fiumi pi lontani. E lo stesso accadde per
altri animali preziosi che dovettero fuggire per l'invasione dei
cacciatori. Le trappole che una volta erano sempre piene ora restano
vuote. Il prezzo delle pelli aumenta e ci avviene proprio perch le
pellicce sono ricercatissime. Cos i cacciatori si stancano, e solo gli
audaci e gli infaticabili si spingono ormai sino ai limiti del continente
americano.
Comprendo ora, rispose la signora Barnett,
l'interessamento della Compagnia per la creazione di un centro
commerciale sulle rive del Mare Artico; perch gli animali si sono
rifugiati oltre il circolo polare.
S, signora; d'altra parte bisognava pure che la Compagnia si
decidesse a portare pi a nord il centro delle sue operazioni, perch
due anni or sono, decreto del Parlamento britannico ha ridotto molto
i suoi territori.
E quale fu la ragione di questa riduzione?
Una ragione economica di notevole importanza, signora, e che
dovette impressionare vivamente gli uomini di Stato della Gran
Bretagna. Infatti, la missione della Compagnia non era quella di
civilizzare, tutt'altro; nel proprio interesse doveva mantenere il suo
immenso territorio allo stato di terreno incolto; e impedirvi
spietatamente ogni tentativo di dissodamento che potesse allontanare
gli animali da pelliccia. Il suo stesso monopolio dunque nemico di
ogni operazione agricola; inoltre le questioni estranee alla sua
industria sono rigorosamente respinte dal consiglio
d'amministrazione. questo regime assoluto, e per certi aspetti
immorale, che provoc la deliberazione del Parlamento; per cui, nel
1857, una commissione nominata dal segretario di Stato delle colonie
decise che era necessario annettere al Canada tutte le terre coltivabili,
come per esempio i territori del Fiume Rosso, i distretti di
Saskatchewan, e che le si poteva lasciare solo quella parte di
territorio che non poteva avere alcun avvenire. L'anno seguente la
Compagnia perdeva il versante ovest delle Montagne Rocciose che
pass direttamente al Colonial Office, e fu cos sottratto alla
giurisdizione degli agenti della baia di Hudson. Ecco perch, prima
di rinunciare al traffico delle pellicce, la Compagnia tenter di
spingersi verso le regioni del Nord, a mala pena conosciute, e di
cercare i mezzi per collegarle all'Oceano Pacifico con il Passaggio di
nord-ovest.
La signora Barnett ne sapeva ora abbastanza circa i progetti della
celebre Compagnia; e avrebbe assistito di persona alla fondazione del
nuovo forte sul confine del Mare Artico. Il capitano Craventy l'aveva
messa al corrente della situazione; ma forse - poich gli piaceva
chiacchierare - sarebbe entrato in altri particolari, se un incidente non
gli avesse arrestato le parole in bocca.
Infatti il caporale J oliffe venne ad annunciare ad alta voce che,
con l'aiuto di sua moglie, avrebbe preparato il punch. La notizia fu
accolta come meritava con rumorosi evviva. Il recipiente - o per dir
meglio il catino era colmo del prezioso liquore, e conteneva circa
cinque litri di brandevin. Sul fondo si ammucchiavano i pezzi di
zucchero, misurati dalla mano della signora J oliffe; sulla superficie
galleggiavano fette grinzose di limone. Non restava che dar fuoco a
quella specie di lago alcoolico, e il caporale, con la miccia accesa,
attendeva l'ordine del capitano, come se si fosse trattato di dar fuoco
a una mina.
Fuoco, J oliffe! grid il capitano Craventy.
La fiamma si comunic al liquido, e il punch si accese in un
baleno fra gli applausi di tutti gli invitati.
Dieci minuti dopo, i bicchieri colmi circolavano fra gli invitati, e
trovarono sempre cercatori, come le azioni durante il rialzo in borsa.
Evviva! Evviva! Evviva la signora Paolina Barnett! Evviva il
capitano! Ma mentre risuonavano questi allegri evviva, si udirono
fuori alcune grida, e gli invitati tacquero di colpo.
Sergente Long, disse il capitano, guardate un po' che
cosa succede!
A quell'ordine, il sergente, lasciando il suo bicchiere ancora
colmo, usc dalla sala.
CAPITOLO III
UNO SCIENZIATO NELLA MORSA DEL GELO
IL SERGENTE Long, giunto allo stretto corridoio su cui dava la
porta esterna del forte, sent raddoppiare le grida. Si picchiava con
violenza alla porta di soccorso che dava sul cortile protetto da alte
muraglie di legno. Il sergente spinse l'uscio. Uno strato di neve alto
trenta centimetri copriva il terreno. Il sergente, sprofondando fino al
ginocchio in quella coltre bianca, accecato dalle raffiche, morso da
quel terribile freddo, attravers il cortile diagonalmente e si diresse
verso la porta di soccorso.
Chi diamine pu essere con questo tempo, diceva il sergente
Long, togliendo metodicamente, e direi quasi disciplinatamente, le
sbarre pesanti dell'uscio; solo gli eschimesi osano arrischiarsi con
questo freddo.
Aprite, dunque, aprite! si gridava di fuori.
Apro, rispose il sergente Long, che in verit pareva aprisse
in dodici tempi.
Alla fine i battenti dell'uscio si aprirono all'interno, e il sergente fu
quasi rovesciato nella neve da una slitta tirata da sei cani che pass
come un baleno. Per poco il degno Long non fu schiacciato, ma
risollevandosi senza nemmeno proferire un lamento, chiuse la porta
di soccorso e ritorn verso la casa principale al passo ordinario, vale
a dire facendo settantacinque passi al minuto.
Ma gi il capitano Craventy, il tenente J asper Hobson e il caporale
J oliffe erano l, sfidando la temperatura terribile, e si misero intorno
alla slitta imbiancata di neve che si era arrestata.
Un uomo foderato e incappucciato di pellicce era subito balzato a
terra.
Il forte Reliance? domand costui.
questo rispose il capitano.
Il capitano Craventy?
Sono io; e voi chi siete?
Un corriere della Compagnia.
Siete solo?
No, conduco un viaggiatore.
Un viaggiatore? e che cosa viene qui a fare?
Viene a veder la luna.
A tale risposta il capitano Craventy ebbe il sospetto di aver a che
fare con un pazzo, e in tali condizioni tutto era possibile: ma non
ebbe il tempo di manifestare la sua opinione, che gi il corriere aveva
tratto dalla slitta una massa inerte, una specie di sacco coperto di
neve e si accingeva a trasportarlo nell'interno della casa. Il capitano
gli domand:
Che cosa quel sacco?
il mio viaggiatore, rispose il corriere.
E chi questo viaggiatore?
L'astronomo Tommaso Black.
Ma gelato.
Lo faremo sgelare
Tommaso Black, trasportato dal sergente, dal caporale e dal
corriere, fece il suo ingresso nei locali del forte, fu deposto in una
camera al primo piano, la cui temperatura era resa sopportabile da
una stufa rovente; fu disteso sopra il letto, e il capitano gli prese una
mano letteralmente gelata.
Furono svolti le coperte e i tabarri impellicciati che coprivano
Tommaso Black, confezionato come un pacco, e sotto questo involto
comparve un uomo sulla cinquantina, grosso, tozzo, con i capelli
brizzolati, la barba incolta, gli occhi chiusi, la bocca serrata come se
le labbra fossero incollate. Quell'uomo non respirava pi o cos poco
che a mala pena il suo alito avrebbe appannato uno specchio. J oliffe
lo svestiva, lo voltava e lo rivoltava lestamente continuando a dire:
Via, via, signore! non volete rinvenire?
Quel personaggio giunto in quelle condizioni sembrava ormai un
cadavere. Per richiamare in lui il calore scomparso, il caporale J oliffe
progett avventatamente di tuffare il disgraziato nel punch bollente.
Ma fortunatamente per Tommaso Black, il tenente J asper Hobson
ebbe un'altra idea.
Neve! domand, sergente Long, alcune manciate di
neve! Questa non mancava nel cortile del forte Reliance, e mentre
il sergente andava a cercarla, J oliffe svesti l'astronomo. Il corpo del
disgraziato era coperto di macchie biancastre che indicavano una
violenta penetrazione del freddo nelle carni. Era perci urgentissimo
richiamare il sangue nelle parti irrigidite, e J asper Hobson sperava
appunto di ottenere questo risultato con vigorose frizioni di neve.
risaputo che questo il rimedio generalmente adottato nelle regioni
polari per riattivare la circolazione che un freddo terribile ha arrestato
come arresta il corso dei fiumi.
Quando ritorn il sergente Long, egli e J oliffe strofinarono il
nuovo venuto, come probabilmente non era mai stato strofinato in
vita sua. Non era gi un dolce lenimento, n un massaggio con
unguenti, ma una vigorosa frizione fatta con tutta forza che dava
meglio l'idea del passaggio della striglia, che delle carezze della
mano; durante l'operazione il loquace caporale continuava ad
interpellare il viaggiatore che non poteva sentire:
Su, su, signore; via, che idea vi mai venuta di lasciarvi gelare
in questo modo? Via, non siate cos ostinato!
Pareva davvero che Tommaso Black si ostinasse perch pass una
mezz'ora senza che egli desse segni di vita. Gi disperavano di
rianimarlo, e gli strofinatori stavano gi per interrompere il loro
faticoso esercizio, quando il pover'uomo emise alcuni sospiri.
Vive, torna in s! esclam J asper Hobson.
Dopo aver riscaldato con le frizioni la parte esterna del corpo, non
bisognava dimenticare l'interno, perci il caporale J oliffe si affrett a
portare alcuni bicchieri di punch. Il viaggiatore cominci a sentirsi
veramente sollevato. Gli torn il colore alle guance, l'espressione agli
occhi, la parola alle labbra, e il capitano pot finalmente sperare che
Tommaso Black gli spiegasse perch mai fosse giunto in quel luogo
e in uno stato cos deplorevole.
Tommaso Black, ben avviluppato nelle coperte, si mise a sedere,
si appoggi sul gomito e con voce ancora debole, domand:
Il forte Reliance?
questo rispose il capitano.
Il capitano Craventy?
Sono io, e aggiunger, signore, siate il benvenuto; ma potrei
chiedervi perch siete venuto al forte Reliance?
Per vedere la luna, rispose il corriere, senza dubbio geloso
di tale risposta, poich la diceva per la seconda volta.
Del resto parve che essa soddisfacesse Tommaso Black, il quale
fece un segno affermativo, poi riprese a dire:
Il tenente Hobson?
Eccomi.
Non siete ancora partito?
Non ancora, signore.
Ebbene, soggiunse Tommaso Black, non mi rimane che
ringraziarvi e dormire fino a domani mattina.
Il capitano e i suoi compagni si ritirarono lasciando che quello
strano personaggio riposasse tranquillamente.
Mezz'ora dopo la festa ebbe termine, e gli invitati tornarono alle
loro rispettive dimore, poste nelle camere del forte o nelle poche
abitazioni che sorgevano fuori del recinto.
L'indomani, Tommaso Black era quasi ristabilito. La sua robusta
costituzione aveva resistito a quel freddo eccezionale. Un altro non si
sarebbe pi sgelato, ma egli non era come gli altri.
E ora, chi era questo astronomo? Donde veniva? E perch quel
viaggio attraverso i territori della Compagnia in quel periodo cos
cruento dell'inverno? E che cosa significava la risposta del corriere?
Veder la luna! Forse che la luna non risplende in tutti i luoghi, e
bisogna venirla a cercare sino nelle regioni iperboree?
Il capitano Craventy si pose questi interrogativi, ma l'indomani,
dopo aver conversato un'ora con il suo nuovo ospite, non aveva pi
nulla da sapere.
Tommaso Black era, infatti, un astronomo addetto all'Osservatorio
di Greenwich, diretto brillantemente dal signor Hairy. Spirito
intelligente e sagace piuttosto che teorico, Tommaso Black, in
vent'anni di esercizio delle sue funzioni, aveva reso grandi servigi
alle scienze uranografiche. Nella vita privata era un uomo
assolutamente mediocre: per lui non esisteva altro al di fuori delle
questioni astronomiche, e viveva nel cielo e non sulla terra;
insomma, un discendente di quel gran saggio di un La Fontaine, che
guardando le stelle fin in un pozzo. Con lui non era possibile alcuna
conversazione se non si parlava di' stelle o di costellazioni. Era uomo
che passava la vita nell'interno di un cannocchiale. Ma quando
scrutava il cielo era un osservatore senza rivali al mondo, con una
pazienza senza limiti, capace di spiare per mesi interi l'apparizione di
un fenomeno cosmico. Era specializzato, in particolar modo, sui
bolidi e sulle stelle cadenti, e le sue scoperte in questa branca della
meteorologia meritavano di essere citate; inoltre, quando si trattava
di osservazioni minuziose, di misurazioni delicate e di calcoli precisi,
si ricorreva sempre a Tommaso Black il quale aveva un occhio
veramente notevole. Saper osservare non cosa da tutti. Non
meraviglier perci se l'astronomo di Greenwich era stato scelto per
operare in una particolare circostanza che interessava vivamente la
scienza selenografica. noto che durante un'eclissi totale di sole, la
luna circondata da un'aureola luminosa; ma qual l'origine di
questa aureola? un oggetto reale o un effetto di rifrazione causato
dai raggi solari in vicinanza della luna? un quesito che gli studi
fatti sino ad oggi non hanno potuto ancora risolvere.
Fin dal 1706 gli astronomi avevano scientificamente descritto
questa aureola luminosa. Louville e Halley durante l'eclissi totale del
1715, Maraldi nel 1724, Antonio de Ulloa nel 1778, Bouditch e
Ferrer nel 1806 osservarono attentamente quest'aureola: ma dalle
loro teorie contraddittorie non si riusc a trarre conclusioni definitive.
A proposito dell'eclissi totale del 1842 gli scienziati di tutte le
nazioni, Hairy, Arago, Peytal, Laugier, Mauvais, Otto, Struve, Petit,
Baily, e cos via, cercarono di giungere a una soluzione completa
circa l'origine del fenomeno; ma per quanto rigorose fossero state le
osservazioni, il disaccordo, dice Arago, che si trova fra le
osservazioni fatte in diversi luoghi da astronomi provetti nel corso di
una medesima eclissi, ha gettato sulla questione tali oscurit che non
ormai possibile approdare a nulla di certo circa la causa del
fenomeno. Dopo quella volta furono studiate altre eclissi totali di
sole, ma gli osservatori non ottennero alcun serio risultato.
Eppure questa questione interessava molto gli studi selenografici e
bisognava perci risolverla ad ogni costo. Ora si offriva una nuova
occasione di studiare l'aureola luminosa tanto discussa fino ad ora,
perch una nuova eclissi totale di sole, totale per l'estremit nord
dell'America, per la Spagna, per il nord Africa ecc., doveva avere
luogo il 18 luglio 1860. Fu convenuto dagli astronomi dei diversi
paesi di fare osservazioni simultanee nei vari punti della zona per la
quale quell'eclissi era totale. E Tommaso Black fu designato per
osservare questa eclissi nella parte settentrionale dell'America. Egli
avrebbe dovuto dunque trovarsi all'incirca nelle condizioni degli
astronomi inglesi che si recarono in Svezia e in Norvegia per l'eclissi
del 1851.
Come facile immaginare, Tommaso Black colse l'occasione che
gli si offriva per studiare l'aureola luminosa. Egli doveva inoltre
studiare, per quanto fosse possibile, la natura delle protuberanze
rossicce che apparivano in diversi punti del contorno del satellite
della terra: se l'astronomo di Greenwich riusciva a risolvere la
questione in maniera incontrastabile, avrebbe avuto diritto agli elogi
di tutta l'Europa scientifica. Tommaso Black si prepar dunque alla
partenza e ottenne calde lettere di raccomandazione per gli agenti
principali della Compagnia della baia di Hudson.
Egli aveva saputo che una spedizione doveva recarsi ai confini
settentrionali del continente per fondarvi un nuovo centro
commerciale. Era quella l'occasione di cui bisognava approfittare,
perci Tommaso Black parti, attravers l'Atlantico, sbarc a New
York, giunse attraverso i laghi allo stabilimento del Fiume Rosso, poi
di forte in forte, trasportato da una rapida slitta guidata da un corriere
della Compagnia, nonostante l'inverno, il freddo e tutti i pericoli di
un viaggio attraverso le regioni artiche, il 17 marzo giunse al forte
Reliance nelle condizioni che ci sono note.
Queste furono le spiegazioni date dall'astronomo al capitano
Craventy, il quale si pose completamente a disposizione di Tommaso
Black.
Ma, signor Black, gli disse, perch mai siete cos ansioso
di arrivare, se questa eclissi di sole prevista per il 1860, vale a dire
l'anno venturo?
Capitano, rispose l'astronomo, io avevo saputo che la
Compagnia mandava una spedizione sul litorale americano oltre il
70 parallelo, e non volevo perdere l'occasione di partire con il
tenente Hobson.
Signor Black, rispose il capitano, se il tenente fosse gi
partito, mi sarei fatto un dovere di accompagnarvi io stesso fino ai
limiti del Mare Artico.
Poi ripet all'astronomo che poteva assolutamente contare su di lui
e che era il benvenuto al forte Reliance.
CAPITOLO IV
UN CENTRO COMMERCIALE
IL GRAN LAGO DEGLI SCHIAVI uno dei pi vasti che si incontrino
nella regione situata oltre il 71 parallelo. lungo 250 miglia, largo
50, ed situato esattamente a 61 25' di latitudine e 114 di
longitudine ovest. Tutta la regione circostante scende in lunghi
declivi verso un centro comune, la larga depressione di terreno
occupata dal lago.
La posizione di questo lago in mezzo a territori di caccia, nei quali
pullulavano una volta gli animali da pelliccia, attrasse fin dai primi
tempi l'attenzione della Compagnia. Molti corsi d'acqua vi si gettano
o vi hanno la sorgente: il Mackenzie, il fiume del Fieno,
l'Atapeskow. Perci furono costruiti sulle sue rive molti forti
importanti, il forte Providence al nord, il forte Rsolution al sud.
Quanto al forte Reliance, occupa l'estremit nord-est del lago e si
trova a circa trecento miglia dall'entrata di Chesterfield, lungo e
stretto estuario formato dalle stesse acque della baia di Hudson. Il
Gran Lago degli Schiavi , per cos dire, disseminato di piccoli
isolotti, alti da trenta a sessanta metri, il cui granito e lo gneis
emergono in pi luoghi. Sulla sua riva settentrionale vi sono fitti
boschi confinanti con quella parte arida e ghiacciata del continente
che ha ricevuto non senza ragione il nome di Terra Maledetta. In
compenso la regione al sud, principalmente formata di calcare,
piana, senza colli e senza alcun rilievo del suolo. L si profila il
confine da cui non passano mai i grandi ruminanti dell'America
polare, bufali o bisonti, la cui carne forma quasi esclusivamente il
nutrimento dei cacciatori canadesi e indigeni.
Gli alberi della riva settentrionale formavano ampie e magnifiche
foreste. Non deve meravigliare se si trova una vegetazione cos bella
in una zona tanto remota, poich in realt il Gran Lago degli Schiavi
non molto pi elevato in latitudine delle parti della Svezia e della
Norvegia occupate da Stoccolma e da Cristiania. Solo bisogna notare
che le linee isotermiche, secondo le quali si distribuisce il calore in
dosi eguali, non seguono assolutamente i paralleli terrestri, e che ad
eguale latitudine l'America molto pi fredda dell'Europa. In aprile
le strade di New York sono ancora imbiancate di neve, e pure New-
York occupa all'inarca lo stesso parallelo delle Azzorre. Il motivo
che la natura di un continente, la sua posizione rispetto agli oceani e
la stessa conformazione del suolo influiscono assai sulle condizioni
climatiche. Il forte Reliance, durante la stagione estiva, era dunque
circondato da alberi e cespugli che rallegravano lo sguardo dopo i
rigori di un lungo inverno. Non mancava la legna in quelle foreste
quasi unicamente composte di pioppi, di pini e di betulle. Gli isolotti
del lago erano popolati di magnifici salici. La selvaggina abbondava
nei boschetti anche nella cattiva stagione. Pi a sud i cacciatori del
forte inseguivano con fortuna i bisonti, gli alci e certi porcospini del
Canada, la cui carne eccellente. Quanto alle acque del Gran Lago
degli Schiavi, esse erano ricchissime di pesci. Le trote avevano
dimensioni straordinarie e il loro peso superava spesso i venti chili; i
lucci, le lote voraci e una specie di temolo, chiamato pesce azzurro
dagli inglesi, e legioni innumerevoli di tittamegs, il corregon
bianco dei naturalisti, abbondavano nel lago. La questione
dell'alimentazione si risolveva dunque facilmente per gli abitanti del
forte Reliance, poich la natura provvedeva alle loro necessit; e, a
condizione di essere vestiti durante l'inverno come lo sono le volpi,
le martore, gli orsi e altri animali da pelliccia, potevano sfidare il
rigore di quei climi.
Il forte, propriamente detto, si componeva di una casa di legno,
che comprendeva un piano superiore e un pianterreno ad uso
abitazione per il comandante e per i suoi ufficiali. Intorno a quella
casa erano disposte regolarmente le abitazioni dei soldati, i
magazzini della Compagnia e gli uffici nei quali si operavano gli
scambi. Una cappelletti, cui non mancava altro che _in ministre, e
una polveriera completavano l'insieme degli edifici del forte. Il tutto
era circondato da un recinto di palizzate alto sei metri, vasto
parallelogrammo difeso da quattro piccoli bastioni a tetto acuminato
collocati ai quattro angoli. Il forte si trovava dunque al riparo da un
colpo di mano; precauzioni necessarie una volta, quando gli indiani,
invece di essere i fornitori della Compagnia, lottavano per
l'indipendenza del loro territorio; precauzione presa sia contro gli
agenti sia contro i soldati delle altre associazioni rivali che si
contendevano un tempo il possesso e il traffico di quel ricco paese
delle pellicce. La Compagnia della baia di Hudson contava allora in
tutto il suo dominio circa mille uomini, e aveva sugli impiegati e sui
soldati un'autorit assoluta che giungeva fino ai diritto di vita o di
morte. I capi dei centri commerciali potevano a loro piacere regolare
i salari e fissare il valore degli oggetti di provvigione e delle pellicce.
A causa di questo sistema sottratto ad ogni controllo, non era raro
che essi ricavassero benefici del trecento per cento. Si vedr del resto
con la seguente tavola, tolta dal Viaggio del capitano Robert Lade,
in quali condizioni si facessero una volta gli scambi con gli indiani
che sono ormai i veri e i migliori cacciatori della Compagnia.
La pelle di castoro era a quel tempo l'unit che serviva di base
nelle trattative per la compra-vendita. Gli indiani pagavano:
Per un fucile . . . . . . . 10 pelli di castoro
Per mezza libbra di polvere . . 1 pelle
Per quattro libbre di piombo . 1
Per un'accetta . . . . . . 1
Per sei coltelli . . . . . . 1
Per una libbra di conterie . . 1
Un abito con galloni . . . . 6 pelli
Un abito senza galloni . . . 5
Vesti da donna con galloni . . 6
Una libbra di tabacco . . . . 1 pelle
Una cassa di polvere . . . . 1
Un pettine e uno specchio . . 1 pelli
Ma da alcuni anni la pelle di castoro diventata cos rara che si
dovette mutare l'unit monetaria, ed ormai la pelle del bisonte che
serve come base per i baratti. Quando un indiano si presenta al forte,
gli agenti gli consegnano tante marche di legno quante pelli egli
porta e nel luogo stesso egli scambia quelle marche con prodotti di
manifattura. Con tale sistema la Compagnia, la quale d'altra parte
fissa arbitrariamente il valore degli oggetti che vende, non pu
mancare di fare, e fa veramente enormi guadagni.
Questi erano gli usi vigenti nei diversi centri commerciali e anche
nel forte Reliance, dove la signora Paolina Barnett pot studiarli
durante il suo soggiorno che si prolung fino al 16 aprile. La
viaggiatrice e il tenente Hobson si intrattenevano sovente in
colloquio, facendo progetti meravigliosi decisi com'erano a non
arrendersi davanti a nessun ostacolo. Quanto a Tommaso Black non
parlava se non quando gli si chiedevano informazioni sulla sua
missione speciale. Questa questione dell'aureola luminosa e delle
protuberanze rossicce della luna lo appassionava. Si capiva che egli
aveva consacrato tutta la vita alla soluzione di questo problema, e
Tommaso Black fin perfino per interessare vivamente la viaggiatrice
all'osservazione scientifica. Ah! come erano entrambi impazienti di
superare il circolo polare, e come quella data del 18 luglio 1860
pareva lontana, soprattutto all'impaziente astronomo di Greenwich!
I preparativi della partenza non si erano potuti incominciare se
non alla met di marzo, e pass un mese prima che fossero compiuti.
Era infatti un compito difficile e lungo quello di ordinare una simile
spedizione attraverso le regioni polari: bisognava portare ogni cosa
con s, viveri, indumenti, arnesi, strumenti, armi e munizioni.
La comitiva, comandata dal tenente J asper Hobson, doveva
comporsi di un ufficiale, di due sottufficiali e di dieci soldati, tre dei
quali, ammogliati, avrebbero portato con s le loro donne. Ora ecco
la lista di quegli uomini che il capitano Craventy aveva scelto fra i
pi energici e risoluti:
1) Il tenente J asper
2) Il sergente Long
3) Il caporale J oliffe
4) Petersen, soldato
5) Belcher
6) Ra
7) Marbr
8) Garry
9) Pond
10) Mac Nap
11) Sabine
12) Hope
13) Kellet
Inoltre: la signora Ra, la signora J oliffe, la signora Mac Nap.
Stranieri al forte: la signora Paolina Barnett, Madge, Tommaso
Black.
In tutto diciannove persone, che bisognava condurre per molte
centinaia di miglia attraverso un territorio deserto e poco noto.
Ma in previsione di questa impresa, gli agenti della Compagnia
avevano riunito nel forte Reliance tutto il materiale necessario alla
spedizione. Erano state preparate una dozzina di slitte, provviste
delle loro mute di cani. Questi veicoli, molto primitivi, consistevano
in una solida commettitura di tavole leggere, legate fra di loro da
strisce trasversali. Un'aggiunta, formata da due traversine laterali di
legno centinato, ricurve e sollevate all'estremit come un pattino,
permetteva alla slitta di fendere la neve senza sprofondarvi. Sei cani,
attaccati alla slitta a due a due, servivano come mezzo di traino.
Erano animali intelligenti e veloci, i quali, sferzati dal lungo staffile
della guida, potevano percorrere perfino quindici miglia al giorno.
Il guardaroba dei viaggiatori si componeva di indumenti di pelli di
renna, foderati all'interno di folta pelliccia. Tutti avevano a contatto
della pelle tessuti di lana che li difendevano dai repentini mutamenti
di temperatura, frequenti a quella latitudine. Ciascuno, ufficiale o
soldato, uomo o donna, era fornito di stivali di pelle di foca, cuciti
con nervi, che gli indigeni fabbricano con rara abilit. Quelle
calzature sono assolutamente impermeabili e si prestano alle
camminate per l'elasticit delle loro articolazioni. Alle loro suole si
potevano adattare racchette di legno di pino lunghe circa un metro,
arnesi fatti in modo da reggere il peso di un uomo sulla neve pi
friabile e che permettono di muoversi con estrema facilit, come
fanno gli sciatori sulle superfici ghiacciate. Berretti di pellicce e
cinture di pelle di daino completavano l'abbigliamento.
In fatto di armi, il tenente Hobson portava, insieme con una
quantit sufficiente di munizioni, i moschetti regolamentari dati dalla
Compagnia, pistole e alcune sciabole d'ordinanza. Gli arnesi erano
accette, seghe, pialle e altri attrezzi necessari ai falegnami; inoltre,
v'era tutto quanto occorreva per costruire uno stabilimento in quelle
condizioni; fra le altre cose, una stufa, un fornello di ghisa, due
pompe ad aria che dovevano servire alla ventilazione, un halkett-
boat, specie di canotto di gomma che si gonfia quando deve essere
usato.
Quanto alle provviste, si poteva contare sui cacciatori, alcuni dei
quali erano abili nello stanare la selvaggina, e si sa che le renne non
mancano nelle regioni polari. Intere trib di indiani e di eschimesi,
prive di pane e di ogni altro alimento, si nutrono esclusivamente di
questa cacciagione, che insieme abbondante e saporita. Del resto,
poich bisognava tener conto degli inevitabili ritardi e di ogni sorta
di difficolt, si dovette portare una certa quantit di viveri. Era carne
di bisonte, di alce, di daino, fornita dalle lunghe cacce fatte a sud del
lago, corn-beef che poteva essere conservato per lunghissimo tempo,
preparati indiani nei quali la carne, macinata e ridotta in polvere
impalpabile, conserva tutti gli elementi nutritivi concentrati in
piccolissime quantit. Cos triturata, questa carne non richiede alcuna
cottura e offre un'alimentazione molto nutriente.
In fatto di liquori, il tenente Hobson aveva a disposizione molti
barili di grappa e di whisky, deciso del resto a far economia quanto
pi poteva di queste bevande alcooliche, nocive alla salute degli
uomini in quelle fredde regioni. Ma in compenso la Compagnia
aveva messo a sua disposizione, insieme con una piccola farmacia
portatile, una gran quantit di succhi di cedro, di limoni e di altri
prodotti naturali indispensabili a combattere le infezioni scorbutiche,
cos terribili in quelle regioni, e a prevenirle all'occorrenza. Tutti gli
uomini, del resto, erano stati scelti con cura, n troppo grassi, n
troppo magri, e avvezzi da molti anni ai rigori del clima, perch
potessero sopportare meglio le fatiche di una spedizione al Mare
Artico. Inoltre erano persone volonterose, intrepide, che avevano
accettato liberamente. Avevano doppia paga per tutto il tempo del
loro soggiorno ai confini del continente americano, se fossero riusciti
ad arrivare al 70 parallelo.
Una slitta speciale, alquanto pi comoda, era stata preparata per la
signora Paolina Barnett e la fedele Madge. La coraggiosa donna non
voleva esser trattata diversamente dai suoi compagni di viaggio, ma
dovette arrendersi alle disposizioni del capitano, il quale d'altra parte
non era se non l'interprete dei sentimenti della Compagnia. E la
signora Barnett si rassegn.
Quanto all'astronomo Tommaso Black, la slitta che l'aveva portato
sino al forte Reliance doveva condurlo sino alla mta con il suo
piccolo bagaglio di scienziato. Esso consisteva in un cannocchiale
per le osservazioni selenografiche, in un sestante per determinare la
latitudine, in un cronometro per fissare le longitudini, in alcune carte
e in pochi libri. Tutto ci aveva trovato comodamente posto nella
slitta e Tommaso Black era sicuro che i cani fedeli non lo avrebbero
lasciato per strada.
Naturalmente non era stato dimenticato il nutrimento per le varie
mute; erano in tutto 72 cani, un vero branco che bisognava mantenere
cammin facendo: questo era il compito affidato ai cacciatori della
spedizione. Questi animali intelligenti e vigorosi erano stati
comperati dagli indiani Chipeways, che sanno addestrarli molto bene
a quel duro mestiere. L'organizzazione della piccola comitiva venne
messa a punto nel pi breve tempo possibile. Il tenente J asper
Hobson vi lavorava con uno zelo superiore ad ogni elogio. Fiero di
questa missione, appassionato al suo lavoro, egli non voleva
dimenticare nulla che potesse porne in pericolo il buon successo. Il
caporale J oliffe, affaccendatissimo sempre, si moltiplicava senza
concludere molto; ma la presenza della moglie era e doveva essere
utilissima alla spedizione.
Paolina Barnett se l'era fatta amica, ed era veramente una
intelligente e vivace canadese, bionda e con due grandi occhi dolci.
S'intende che il capitano Craventy non tralasci nulla per condurre
a buon fine l'impresa. Le istruzioni che egli aveva ricevuto dagli
agenti superiori della Compagnia mostravano quanta importanza essi
attribuissero alla riuscita della spedizione e alla fondazione di una
nuova stazione commerciale oltre il 70 parallelo. Si pu dunque
affermare che tutto ci che era umanamente possibile fare per
giungere allo scopo venne fatto. Ma la natura non avrebbe procurato
ostacoli insuperabili sul cammino del coraggioso tenente? Questo
nessuno poteva prevederlo.
CAPITOLO V
DAL FORTE RELIANCE AL FORTE ENTREPRISE
LE PRIME belle giornate erano giunte. Il verde delle colline
cominciava a riapparire sotto gli strati di neve in parte dileguati.
Alcuni uccelli, cigni, tetraoni, aquile dalla testa calva e altri
migratori, venendo dal Sud, arrivavano a stormi attraverso l'aria
intiepidita. Le gemme si gonfiavano sugli alti rami dei pioppi, delle
betulle e dei salici; i grandi pantani formati qua e l dallo
scioglimento delle nevi attiravano quelle anitrelle dalla testa rossa, le
cui specie sono cos svariate nell'America settentrionale. I gabbiani,
le berte, gli eider duks andavano a cercare al Nord regioni pi fredde.
I topiragni, piccoli sorci microscopici, grossi come una nocciola, si
arrischiavano fuori del loro buco, disegnando sul terreno capricciose
strisce con l'estremit della loro coduzza appuntita. Era inebriante
respirare e godere quei raggi solari che la primavera rendeva cos
vivificanti. La natura si ridestava dal lungo sonno, dopo
l'interminabile notte d'inverno, e sorrideva nel risvegliarsi. L'effetto
di questo rinnovamento forse pi sensibile nelle regioni iperboree
che nelle altre regioni.
Anche lo scioglimento delle nevi non era ancora compiuto; il
termometro Fahrenheit indicava, vero, 41 F (5 C sopra zero), ma
la bassa temperatura delle notti manteneva la superficie dei piani
nevosi allo stato solido: cosa che favoriva del resto la corsa delle
slitte, e di questo J asper Hobson voleva approfittare prima dello
scioglimento delle nevi.
I ghiacci del lago non erano ancora rotti: i cacciatori del forte da
un mese facevano avventurose escursioni percorrendo quelle lunghe
pianure uniformi, gi frequentate dalla selvaggina; la signora Barnett
era veramente stupefatta per la meravigliosa abilit con cui quegli
uomini usavano le racchette.
Con quegli attrezzi legati alle scarpe, la loro velocit avrebbe
eguagliato quella di un cavallo al galoppo.
Seguendo i consigli del capitano Craventy, la viaggiatrice si
esercit a camminare con le racchette, e in breve tempo divenne
abilissima a scivolare sulla superficie delle nevi.
Gi da alcuni giorni gli indiani giungevano al forte per scambiare i
prodotti della loro caccia d'inverno con prodotti manufatti.
La stagione non era stata fortunata e le pellicce erano scarse.
Quelle di martora e di visone erano abbastanza numerose; ma le pelli
di castoro, di lontra, di lince, d'ermellino e di volpe erano poche. La
Compagnia, perci, saggiamente faceva aprire nuove vie al traffico
su territori pi a nord che erano per il momento sfuggiti alla rapacit
dell'uomo.
Il 16 aprile, di primo mattino, il tenente J asper Hobson e il suo
drappello erano pronti per partire. L'itinerario era stato tracciato in
anticipo per quanto riguardava quella parte della regione gi
conosciuta che si stende fra il Gran Lago degli Schiavi e il Gran
Lago degli Orsi, posto di l dal Circolo Polare. J asper Hobson
doveva giungere al forte Confidence, che all'estremit
settentrionale di quel lago; una stazione adatta per approvvigionare il
proprio drappello era il forte Entreprise, costruito a 200 miglia a
nord-ovest sulle sponde del lago Snure; dove, facendo quindici
miglia al giorno, J asper Hobson contava di riposarvisi nei primi
giorni del mese di maggio.
Da quel luogo, poi, la compagnia doveva raggiungere per la via
pi corta il litorale americano e dirigersi poi verso il capo Bathurst.
Si era deciso che durante l'anno il capitano Craventy avrebbe spedito
l un convoglio di provvigioni e che il tenente avrebbe mandato
incontro alcuni uomini per condurlo verso la sede del nuovo forte.
In questo modo l'avvenire della spedizione era assicurato contro
qualunque avventura spiacevole, e il tenente e i suoi compagni, esuli
volontari, avrebbero potuto tenere ancora qualche relazione con i loro
simili.
Il mattino del 16 aprile, le slitte erano pronte davanti alla
postierla: non aspettavano altro che i viaggiatori. Il capitano
Craventy, dopo aver riunito gli uomini che avrebbero composto il
drappello, rivolse loro un breve e commosso discorso. Raccomand
soprattutto unione costante nei pericoli che avrebbero dovuto
superare. Erano poi indispensabili per il buon successo di una simile
impresa obbedienza ai capi, abnegazione e devozione. Il discorso del
capitano fu accolto da evviva, poi si salutarono brevemente e
ciascuno prese posto nella slitta che gli era stata assegnata.
J asper Hobson e il sergente Long erano in testa; seguivano
Paolina Barnett e Madge, la quale maneggiava con destrezza un
lungo scudiscio eschimese che terminava con una correggia di nervi
induriti; Tommaso Black, uno dei soldati, il canadese Petersen,
formavano la terza fila della carovana.
Seguivano le altre slitte, occupate dai soldati e dalle donne: il
caporale J oliffe e la signora J oliffe stavano alla retroguardia.
Secondo gli ordini di J asper Hobson, ciascun conduttore doveva
conservare il pi possibile il posto assegnatogli e mantenere le
distanze in modo da non causare confusione. Infatti un urto fra slitte,
lanciate a tutta velocit, avrebbe potuto dar luogo a qualche
spiacevole incidente.
Lasciando il forte Reliance, J asper Hobson prese direttamente la
via di nord-ovest. Dovevano passare dapprima un largo fiume che
univa il Gran Lago degli Schiavi al lago Wolmsley. Ma questo corso
d'acqua, ancora profondamente gelato, non si distingueva
dall'immensa pianura biancheggiante, quasi un informe lenzuolo di
neve che copriva tutta la regione, e le slitte, trainate dalle veloci
mute, volavano su quello strato indurito.
Il tempo era bello, ma molto freddo. Il sole, poco alto sopra
l'orizzonte, descriveva nel cielo una curva molto allungata; i suoi
raggi, riflessi vivamente dalla neve, davano pi luce che calore.
Fortunatamente nessun soffio di vento turbava l'atmosfera e questa
calma rendeva il freddo pi sopportabile. Tuttavia, a causa della
velocit delle slitte, la brezza gelata doveva certamente sferzare il
viso ai due compagni del tenente Hobson, non avvezzi al rigore del
clima polare.
Va bene, diceva J asper Hobson al sergente che stava
immobile accanto a lui come se fosse sotto le armi, il viaggio
comincia bene. Il cielo ci favorevole, la temperatura propizia; le
nostre mute filano come diretti, e la traversata si compir senza
ostacoli. Che ne dite, sergente Long?
Sono della vostra opinione, tenente J asper, rispose il
sergente, il quale non poteva pensare diversamente dal suo superiore.
Siete anche voi deciso come me, replic J asper Hobson,
a spingere le nostre ricognizioni verso il Nord, pi lontano che sia
possibile?
Quello che voi comandate, tenente, io lo eseguir.
Lo so, sergente, lo so che basta darvi un ordine perch sia
eseguito. E possano i nostri uomini comprendere come voi
l'importanza della nostra missione e consacrarsi corpo e anima agli
interessi della Compagnia! Ah! sergente Long, io sono certo che
anche se vi dessi un ordine impossibile
Non vi sono ordini impossibili, signor tenente.
Che! e se io vi ordinassi di andare al Polo Nord?
Ci andrei, signor tenente.
E ritornereste? aggiunse J asper Hobson sorridendo.
Ritornerei rispose semplicemente il sergente Long.
Durante questo colloquio fra il sergente Long e il tenente, anche la
signora Barnett e Madge scambiavano qualche parola, quando il
terreno, fatto pi ripido, rallent per un istante la corsa delle slitte.
Quelle due coraggiose donne, bene incappucciate nei loro berretti di
lontra e mezzo sepolte sotto una folta pelliccia d'orso bianco,
osservavano affascinate l'aspra natura e i bianchi profili degli alti
massi di ghiaccio che si disegnavano sull'orizzonte.
Il convoglio si era gi lasciato alle spalle le colline della riva
settentrionale del Gran Lago degli Schiavi, le cui vette erano
coronate da grotteschi scheletri di alberi. L'infinita pianura si
stendeva a perdita d'occhio in una uniformit assoluta: alcuni uccelli
animavano con il loro canto e con il loro volo la vasta solitudine; si
notavano in particolar modo stormi di cigni emigranti verso il Nord,
il cui candore si confondeva con quello delle nevi a tal punto che si
scorgevano soltanto quando si levavano nell'atmosfera grigiastra; ma
quando si appoggiavano al suolo si confondevano quasi con esso e
anche l'occhio pi acuto non avrebbe potuto riconoscerli.
Che paese meraviglioso! disse Paolina Barnett. Quale
differenza fra queste regioni polari e le nostre verdeggianti pianure
dell'Australia! Ti ricordi, mia buona Madge, di quel caldo afoso che
ci opprimeva sulle spiagge del golfo di Carpentaria e di quel cielo
spietato senza una nube, senza ombra di vapori?
Figlia mia, rispose Madge, io non ho come te il bene di
ricordarmene. Tu riesci a conservare le tue impressioni; le mie, io le
dimentico.
Come, Madge, esclam la signora Paolina Barnett, hai
dimenticato i calori tropicali dell'India e dell'Australia? Non ricordi
quali torture, quando l'acqua ci mancava nel deserto, quando i raggi
del sole ci bruciavano fino alle ossa, quando la notte stessa non
portava alcun refrigerio alle nostre sofferenze?
No, Paolina, no, rispose Madge, avviluppandosi pi
strettamente nella sua pelliccia; no, io non ricordo pili! E come
potrei rammentarmi le sofferenze di cui parli, ora che i ghiacci ci
circondano da tutti i lati, e che basta mettere una mano fuori della
slitta per raccogliere una manciata di neve? Tu mi parli di calore
quando noi geliamo sotto le pelli d'orso che ci coprono? Mi ricordi i
raggi infocati del sole, quando questo sole di aprile non pu
nemmeno fondere i ghiaccioli che si formano sulle nostre labbra?
No, figlia mia, non dirmi che il calore esiste in qualche parte del
mondo, non ripetermi che io mi sia mai lagnata di aver troppo caldo,
che tanto non ti crederei!
Paolina Barnett non pot trattenersi dal sorridere.
Ma, soggiunse, hai dunque molto freddo, buona Madge?
Certamente, figlia mia, ho freddo; ma la temperatura non mi
spiace. Al contrario, questo clima deve essere molto sano, e sono
sicura che io star a meraviglia in questo lembo estremo
dell'America! veramente un bel paese!
S, Madge, un paese meraviglioso; e non abbiamo ancor visto
nulla delle meraviglie che esso racchiude! Ma lascia che il nostro
viaggio ci conduca sino ai limiti del mare polare, lascia che l'inverno
venga con i suoi ghiacci paurosi, con il suo lenzuolo di neve, con le
sue tempeste, con le sue splendide costellazioni, con le sue aurore
boreali, con le sue notti lunghe sei mesi, e allora capirai come l'opera
del Creatore sia dappertutto e sempre nuova!
Cos parlava la signora Barnett lasciandosi andare ai voli della sua
vivace immaginazione. In quelle regioni perdute, con un clima
implacabile, essa non voleva vedere se non lo svolgersi dei pi
caratteristici fenomeni della natura. I suoi istinti di viaggiatrice erano
pi forti della sua ragione. Da quelle regioni polari ella voleva
ricavare solo la commovente poesia di cui la saga
4
ha perpetuato la
leggenda e che i bardi
5
hanno cantato nei tempi ossianici. Ma Madge,
pi positiva, non sottovalutava n i pericoli di una spedizione verso i
continenti artici, n le sofferenze di un inverno trascorso a meno di
30 dal polo.
E infatti, persone pi robuste avevano dovuto soccombere alle
fatiche, alle privazioni, alle torture morali e fisiche, sotto quei rigidi
climi. Senza dubbio la missione del tenente J asper Hobson non
doveva spingerlo fino alle latitudini pi elevate del globo; senza
dubbio, non si trattava di arrivare al Polo Nord e di lanciarsi sulle
tracce di Parry, di Ross, di Mac Clure, di Kean, di Morton; ma dal
momento in cui si supera il circolo polare, i disagi sono press'a poco
gli stessi dappertutto e non crescono proporzionalmente all'aumento
delle latitudini.
J asper Hobson non pensava di spingersi oltre il 70 parallelo,
vero, ma non bisogna per dimenticare che Franklin e i suoi
compagni morirono di fame e di freddo, quando non avevano ancora
oltrepassato il 68 di latitudine nord!
Nella slitta occupata dai coniugi J oliffe, si parlava di ben altre
cose. Forse il caporale aveva innaffiato un po' troppo gli addii della
partenza, poich contrariamente al solito contraddiceva la sua piccola
moglie. S, egli non le dava retta, cosa che non accadeva se non in
occasioni eccezionali.
No, signora J oliffe, diceva il caporale, no; non dovete
temere nulla. Una slitta non pi difficile da condurre di un poney-
chaise, e che il diavolo mi porti se io non sono capace di dirigere una
muta di cani!

4
Narrazione epica e leggendaria delle antiche letterature nordiche.
5
Cantori di imprese eroiche presso gli antichi Celti.
Non nego la tua abilit, rispondeva la signora J oliffe; ti
invito solo a moderare i tuoi movimenti. Eccoti gi alla testa della
carovana, e io sento il tenente Hobson che ti grida di tornare al tuo
posto nella retroguardia.
Lasciatelo gridare, signora J oliffe, lasciatelo gridare!
E il caporale, con un nuovo colpo di frusta alla muta, aument
ancora la velocit della slitta.
Bada, J oliffe! ripeteva la sua piccola moglie. Non cos
veloce. Eccoci su un declivio.
Un declivio! rispondeva il caporale. Voi chiamate questo
un declivio, signora J oliffe? Io dico invece che si sale!
Io ti ripeto che si discende.
E io affermo che si sale! Guardate, guardate i cani, come
tirano! Nonostante le sue ostinate affermazioni, i cani non tiravano
per niente. Il declivio del suolo era al contrario molto ripido. La slitta
scendeva vertiginosamente, e gi si trovava molto pi avanti del
drappello. J oliffe e sua moglie rimbalzavano ad ogni momento,
poich gli urti, causati dalle ineguaglianze dello strato nevoso, si
moltiplicavano.
I due coniugi, buttati ora a destra ora a sinistra, urtandosi l'un
l'altro, sobbalzarono terribilmente, ma il caporale non voleva
intendere nulla: n le raccomandazioni della moglie, n le grida del
tenente Hobson. Costui, capito il pericolo di quella corsa
all'impazzata, affrett la proprie mute per raggiungere gli imprudenti,
e tutta la carovana lo segu nella rapida corsa.
Ma il caporale andava sempre pi pazzamente! La velocit del suo
veicolo lo inebriava; egli gesticolava, gridava e maneggiava la lunga
frusta come avrebbe fatto un vero sportsman.
Grande strumento questa frusta! esclamava; e con quale
insuperabile abilit gli eschimesi la usano!
Ma tu non sei un eschimese, gridava la signora J oliffe,
tentando, ma invano, di arrestare il braccio dell'imprudente
conduttore.
Ho inteso dire, soggiungeva il caporale, che gli
eschimesi sanno frustare qualsiasi cane della muta, e proprio l dove
vogliono. Essi possono perfino con la punta di questo nerbo indurito
portar loro via un pezzettino d'orecchio, se lo credono conveniente.
Voglio provare
Non provare, J oliffe, non provare! esclam spaventata la
piccola signora.
Non dovete temere nulla, signora J oliffe, non dovete temere
nulla! So quel che faccio! Ecco precisamente il quinto cane di destra
che ne fa una delle sue! Ora lo corregger io
Ma certamente il caporale non era ancora abbastanza eschimese
e nemmeno abbastanza pratico del maneggio di questa lunga frusta,
che sorpassa di quattro piedi la prima muta della slitta; per la corda
si svolse fischiando, e, tornando indietro per un contraccolpo mal
combinato, si avvinghi intorno al collo dello stesso padron J oliffe,
ed il suo cappello di pelliccia vol in aria. Certo senza la folta
berretta, il caporale si sarebbe strappato le orecchie.
In quel momento i cani si gettarono da un lato, la slitta si rovesci,
e la coppia si trov nella neve. Per fortuna lo strato era alto e i due
coniugi non si fecero alcun male. Ma che vergogna per il caporale! E
in che modo fu guardato dalla sua piccola moglie! E quali rimproveri
gli fece il tenente Hobson!
La slitta fu rialzata; ma venne deciso che da allora in poi le redini
del veicolo, come quelle della cucina, sarebbero appartenute di diritto
alla signora J oliffe. Il caporale, tutto indolenzito, dovette rassegnarsi;
il viaggio, interrotto per un istante, venne ripreso.
Nei quindici giorni che seguirono non avvenne alcun incidente. Il
tempo era sempre propizio, la temperatura sopportabile, e il 1
maggio il drappello giungeva al forte Entreprise.

CAPITOLO VI
UN DUELLO DI WAPITI
DALLA PARTENZA dal forte Reliance la spedizione aveva
percorso una distanza di 200 miglia. I viaggiatori, favoriti dai lunghi
crepuscoli, correndo giorno e notte, trasportati dalle mute a grande
velocit, erano veramente oppressi dalla fatica quando arrivarono alle
rive del lago Snure, vicino al quale si ergeva il forte Entreprise.
Questo forte, solo da alcuni anni fondato dalla Compagnia della
baia di Hudson, altro non era in realt che un posto di
approvvigionamento di poca importanza. Serviva soprattutto come
stazione ai drappelli che accompagnavano i convogli di pellicce
provenienti dal Gran Lago degli Orsi situato a 300 miglia a nord-
ovest.
Tutta la guardia era formata da una dozzina di soldati; e il forte
era composto di una casa di legno, circondata da una cinta di
palizzate. Ma per quanto poco attraente fosse questa abitazione, i
compagni del tenente Hobson vi si rifugiarono con piacere per
ristorarsi dalle prime fatiche del viaggio.
La primavera polare faceva gi sentire in quel luogo la sua
modesta influenza. La neve si scioglieva a poco a poco, e le notti non
erano pi tanto fredde da congelarla di nuovo. Pochi muschi e magre
gramigne verdeggiavano qua e l; e alcuni fiorellini scialbi
mostravano l'umida corolla in mezzo ai ciottoli.
Queste manifestazioni della natura, che a fatica si ridestava dopo
la lunga notte dell'inverno, rallegrarono lo sguardo che, affaticato
dalla bianchezza delle nevi, restava incantato davanti all'apparizione
di quei rari campioni della flora artica.
Paolina Barnett e J asper Hobson approfittarono del periodo di
ozio per visitare le rive del laghetto. Entrambi comprendevano la
natura e la ammiravano con entusiasmo; perci andarono insieme,
attraverso i ghiacci scoscesi e le cascate d'acqua che si formavano
sotto l'azione dei raggi solari.
La superficie del lago Snure era ancora congelata e nessuna
screpolatura indicava prossimo lo scioglimento. Alcuni icebergs
6
in
rovina ergevano la loro superficie solida, presentando forme
pittoresche del pi bizzarro effetto, principalmente quando la luce,
rifrangendosi sulle loro creste, ne variava i colori. Sembrava di
vedere i pezzi di un arcobaleno, frantumato da una mano poderosa,
che si incrociavano sul suolo.
Lo spettacolo veramente bello, signor Hobson, ripeteva la
signora Barnett. Questi effetti del prisma si modificano
infinitamente, anche se ci si muove di poco. Non vi sembra di essere
sospeso sopra l'oculare di un immenso caleidoscopio? Ma forse voi
ne avete gi abbastanza di questo spettacolo cos nuovo per me.
No, signora, rispose il tenente. Quantunque io sia nato in
questo continente e vi abbia trascorso l'infanzia e la giovinezza, non
mi stanco mai di contemplarne le sublimi bellezze. Ma se il nostro
entusiasmo gi grande, ora che il sole versa la sua luce su queste
regioni, e ha gi modificato l'aspetto del paese, che direte dunque
quando vi sar dato di osservare questi territori in mezzo ai grandi
freddi dell'inverno? Io vi confesso, signora, che il sole, cos prezioso
nelle zone temperate, guasta un pochino il mio continente artico.
Veramente, signor Hobson, rispose la signora sorridendo
all'osservazione del tenente, credo che il sole sia invece un
eccellente compagno di viaggio, e che non ci si debba lamentare del
calore che egli manda anche in queste regioni polari!
Ah! signora, io sono di quelli che credono sia meglio visitare la
Russia durante l'inverno e il Sahara in estate. Allora si vedono questi
paesi nell'aspetto che pi li caratterizza. Il sole l'astro delle alte
zone e dei paesi caldi. A 30 dal polo, non pi al suo posto! Il cielo
di queste regioni il cielo freddo dell'inverno, il cielo tutto pieno di
stelle, e qualche volta infiammato dagli splendori di un'aurora

6
Gli icebergs sono massi di ghiaccio che si formano sulle rive dei mari
settentrionali e che poi se ne staccano con i tepori della primavera; allora cadono
nelle acque, in cui pescano a grandi profondit, e sono mossi dalle correnti
sottomarine.
boreale. Questo il paese della notte e non del giorno, signora, e
questa lunga notte del polo vi prepara nuovi incanti e meraviglie
nuove.
Signor Hobson, avete visitato le zone temperate dell'Europa e
dell'America?
S, signora, e le ho ammirate come meritano. Ma con una
passione pi ardente, con un nuovo entusiasmo ritornai alla mia terra
nativa. Io sono l'uomo del freddo, e veramente non ho alcun merito a
sfidarlo. Esso non pu nulla su di me, che, come gli eschimesi, posso
vivere mesi interi in una casa di neve.
Signor Hobson, soggiunse la Barnett, voi parlate in un
modo tale d questo formidabile nemico, che riscaldate il cuore!
Spero proprio di mostrarmi degna di voi, e per quanto lontano
andiate a sfidare i freddi del polo, andremo a sfidarli insieme.
Bene, signora, bene, e possano tutti i compagni che ci seguono,
soldati e donne, mostrarsi risoluti quanto voi! Con l'aiuto di Dio,
andremo molto lontano.
Ma non potete lamentarvi del modo con cui questo viaggio
cominciato, fece osservare la viaggiatrice. Fino ad ora nulla di
straordinario! Un tempo propizio che agevola lo scivolare delle slitte!
Una temperatura sopportabile! Tutto va secondo i desideri.
Senza dubbio, signora, ma precisamente questo sole, che voi
ammirate tanto, moltiplicher presto sul nostro cammino le fatiche e
gli ostacoli.
Che volete dire, signor Hobson?
Voglio dire che fra poco il suo calore muter l'aspetto e la
natura del paese, che il ghiaccio, fondendosi, non presenter pi una
superficie favorevole alla corsa delle slitte, che il suolo ridiventer
scabroso e duro, che i nostri cani ansanti non ci traineranno pi con
la rapidit di una freccia, che i fiumi e i laghi riprenderanno il loro
stato liquido, e che bisogner girar loro intorno o passarli a guado.
Tutti questi cambiamenti, signora, dovuti al calore solare, si
tradurranno poi in ritardi, fatiche, pericoli, i meno temibili dei quali
sono le nevi friabili che sfuggono sotto il piede o le valanghe che si
precipitano dal sommo delle montagne di ghiaccio! Ecco quello che
ci dar questo sole che si eleva ogni giorno di pi sull'orizzonte!
Ricordatevi bene di questo, signora: dei quattro elementi della
cosmogonia antica, uno solo qui utile, necessario e indispensabile:
l'aria. Ma gli altri tre, la terra, il fuoco e l'acqua non dovrebbero
esistere per noi, perch sono contrari alla natura stessa delle regioni
polari!
Senza dubbio il tenente esagerava, e la signora Barnett avrebbe
facilmente potuto ribattere tale argomentazione; ma le piaceva sentire
J asper Hobson parlare con tanto ardore. Il tenente amava con
passione il paese verso il quale i casi della sua vita di viaggiatore lo
conducevano allora, e questa era una garanzia che egli non sarebbe
tornato indietro davanti a nessun ostacolo.
E tuttavia J asper Hobson aveva ragione di prendersela con il sole
riguardo alle difficolt future. E ci parve evidente, quando, tre
giorni dopo, il 4 maggio, il drappello si rimise in cammino. Il
termometro, anche nelle ore pi fredde della notte, si manteneva
costante sopra i 32.
7
Le vaste pianure subivano un completo
scioglimento e il bianco lenzuolo si squagliava in acqua. Le asperit
del suolo, fatto di rocce d'antica formazione, si facevano notare dagli
urti che scuotevano le slitte, e per contraccolpo i viaggiatori. I cani
erano obbligati al piccolo trotto, e, senza danno, si sarebbero potute
rimettere le guide nelle mani imprudenti del caporale J oliffe.
N le grida, n gli incitamenti della frusta avrebbero indotto le
mute stanche e provate a una maggiore velocit.
Accadde dunque che, di tanto in tanto, i viaggiatori dovettero
diminuire il carico dei cani facendo tratti di strada a piedi. D'altra
parte questo modo di procedere conveniva ai cacciatori della
comitiva, che si stava dirigendo poco alla volta verso i territori
abbondanti di selvaggina dell'America inglese. La signora Barnett e
la sua fedele Madge seguivano queste cacce con vivo interesse; al
contrario Tommaso Black mostrava di essere del tutto indifferente a
qualunque esercizio cinegetico. Egli non era venuto in quelle lontane
regioni per andare a caccia di visoni o di ermellini, ma unicamente
per osservare la luna, al momento preciso in cui avrebbe coperto con
il suo disco quello del sole. Per, quando l'astro della notte appariva

7
Questa cifra sul termometro Fahrenheit corrisponde allo zero del termometro
centigrado. (N.d.A.)
all'orizzonte, l'impaziente astronomo lo divorava con gli occhi.
Questa cosa induceva il tenente a dirgli:
Eh! signor Black! Se, per caso, la luna mancasse
all'appuntamento del 18 luglio 1860, vi dispiacerebbe molto, non
vero?
Signor Hobson, rispondeva gravemente l'astronomo, se
la luna si permettesse una tale incivilt io la citerei a giudizio!
I principali cacciatori della comitiva erano i soldati Marbr e
Sabine, tutti e due maestri nel loro mestiere, in cui avevano
acquistato una destrezza senza pari, tanto che i pi abili indiani non
avrebbero trovato nulla da ridire sulla loro prontezza d'occhio e
sull'abilit della loro mano. Essi erano cacciatori sia da trappola sia
da fucile; conoscevano tutti i mezzi e gli strumenti con i quali
possibile catturare le martore, le lontre, i lupi, le volpi, gli orsi, e cos
via. Nessuna astuzia era loro sconosciuta. Erano davvero uomini
destri e intelligenti, Marbr e Sabine, e il capitano Craventy aveva
fatto una cosa saggia aggiungendoli al drappello del tenente Hobson.
Ma cammin facendo, n Marbr, n Sabine avevano la possibilit di
tendere le loro trappole. Essi potevano allontanarsi un'ora o due al
massimo, e dovevano accontentarsi della selvaggina che passava a
tiro di fucile.
Tuttavia furono cos fortunati da uccidere uno di quei grossi
ruminanti della fauna americana che raramente si incontrano a
latitudini cos elevate.
Un giorno, e precisamente il mattino del 15 maggio, i due
cacciatori, il tenente Hobson e la signora Paolina Barnett si erano
spinti a qualche miglio a est dell'itinerario; Marbr e Sabine avevano
ottenuto dal loro tenente il permesso di seguire alcune tracce recenti
che avevano scoperte; e non solo J asper Hobson diede il permesso,
ma volle seguirli in compagnia della signora Paolina Barnett.
Quelle impronte erano evidentemente dovute al recente passaggio
di una mezza dozzina di grossi daini. Non vi era pi dubbio; Marbr
e Sabine erano d'accordo su questo punto, e se fosse stato necessario
avrebbero saputo nominare la specie alla quale quei ruminanti
appartenevano.
La presenza di questi animali pare che vi meravigli, signor
Hobson, osserv la signora Barnett.
Infatti, signora, rispose J asper Hobson, queste specie
s'incontrano raramente di l dal 57 di latitudine. Noi li cacciamo
solamente a sud del Gran Lago degli Schiavi, dove si incontrano, in
mezzo a boschetti di salici e di pioppi, alcune specie di rose
selvatiche di cui i daini sono molto ghiotti.
Bisogna dunque ammettere che questi ruminanti, come gli
animali da pelliccia attorniati dai cacciatori, fuggono verso territori
pi tranquilli.
Io non so in quale altro modo spiegare la loro presenza
all'altezza del 65 parallelo, rispose il tenente, purch i nostri
due uomini non si siano sbagliati sulla natura e sull'origine delle
orme.
No, tenente, rispose Sabine, no; Marbr e io non ci
siamo ingannati. Le tracce sono state lasciate sul suolo da quei daini
che noi cacciatori chiamiamo daini rossi, e il cui nome indigeno
wapiti.
Sicuro, disse Marbr, a vecchi cacciatori come noi, non
la si pu fare. D'altra parte non sentite, tenente, questi fischi
particolari?
J asper Hobson, Paolina Barnett e i loro compagni erano arrivati in
quel momento alla base di una piccola collina le cui falde, quasi
sprovviste di nevi, erano praticabili. Si affrettarono ad
arrampicarvisi, mentre i fischi, segnalati da Marbr, si facevano
sentire con una certa intensit. Alcune grida, simili al raglio
dell'asino, vi si frammettevano questa volta, prova che i due
cacciatori non si erano sbagliati.
J asper Hobson, la signora Barnett, Marbr e Sabine, giunti sulla
vetta del colle, rivolsero i loro sguardi sulla pianura che si estendeva
verso est.
Il suolo accidentato era ancora bianco in qualche luogo, ma una
leggera tinta verde spiccava qua e l sullo splendido mantello di
neve; qualche magro arbusto spiccava qua e l, in quell'aperta e
sconfinata regione, e all'orizzonte alcuni grandi icebergs, nettamente
profilati, si distaccavano sul fondo grigio del cielo.
Wapiti! Sono wapiti! Eccoli! esclamarono a una voce
Marbr e Sabine indicando a un quarto di miglio verso est un gruppo
compatto di animali, facilmente riconoscibili.
Ma che cosa fanno? domand la signora Barnett.
Si battono, signora, rispose J asper Hobson. loro
costume, quando il sole del polo riscalda loro il sangue! Un altro
deplorevole effetto dell'astro radioso!
Dal luogo in cui erano, J asper Hobson, la signora Barnett e i loro
compagni potevano facilmente scorgere il gruppo di wapiti. Erano
magnifici campioni di quella famiglia di daini, conosciuta sotto gli
svariati nomi di cervi dalle corna rotonde, cervi americani, alci grigi
e alci rossi. Questi eleganti animali avevano le zampe sottili; qualche
pelo rossiccio, la cui tinta doveva farsi pi cupa nella calda stagione,
brizzolava il loro bruno mantello. Dalle loro bianche corna,
superbamente sviluppate, si riconoscevano facilmente i maschi
battaglieri, poich le femmina sono assolutamente sprovviste di
quest'appendice. Questi wapiti, una volta, erano sparsi su tutto il
territorio dell'America settentrionale, e gli Stati Uniti ne avevano un
gran numero. Ma il dissodamento continuato delle terre e il cadere
delle foreste sotto la scure del boscaiolo obbligarono i wapiti a
rifugiarsi nelle pacifiche terre del Canada. Anche l non poterono
stare molto tranquilli, e dovettero radunarsi in particolar modo nei
dintorni della baia di Hudson.
Insomma certo che i wapiti sono animali dei paesi freddi; ma,
come aveva fatto notare il tenente, abitano non normalmente in
territori situati oltre il 57 parallelo. Questi, dunque, si erano spinti
tanto oltre solo per sfuggire i Chipeways, che facevano loro guerra a
oltranza, e per ritrovare quella sicurezza che non manca mai nel
deserto.
Intanto il combattimento dei wapiti continuava con accanimento;
questi animali non avevano scorto i cacciatori, il cui intervento non
avrebbe probabilmente fatto cessare la lotta. Marbr e Sabine, che
sapevano benissimo con quali ciechi combattenti avessero a che fare,
potevano dunque avvicinarli senza timore di spaventarli e sparare
cos a piacimento. La proposta venne fatta dal tenente Hobson.
Scusate, signor .tenente, rispose Marbr, risparmiamo la
polvere e il piombo. Quegli animali si divertono ad uccidersi, e noi
saremo sempre in tempo per recuperare i vinti.
Questi wapiti hanno un valore commerciale? domand
Paolina Barnett.
S, signora, rispose J asper Hobson, e dalla loro pelle, che
meno compatta di quella dell'alce propriamente detto, si ricava un
cuoio pregiato. Strofinando questa pelle con il grasso, e con il
cervello dell'animale, la si rende estremamente flessibile, in modo
che pu sopportare poi ugualmente il secco e l'umidit. Perci gli
indiani studiano con cura il momento adatto per procurarsi pelli di
wapiti.
Ma la loro carne non un cibo eccellente?
Mediocre, signora, rispose il tenente, assai mediocre
davvero. dura e poco saporita; il grasso si rapprende appena levato
dal fuoco e si attacca ai denti; perci carne poco stimata, e
certamente inferiore a quella degli altri daini. Tuttavia nei giorni di
carestia, in mancanza di meglio, la si mangia e ha le stesse propriet
nutritive dell'altra.
Paolina Barnett e J asper Hobson chiacchieravano cos da qualche
minuto, quando la lotta dei wapiti si modific a un tratto. Quei
ruminanti avevano forse soddisfatto la loro collera? Oppure, avendo
scorto i cacciatori, presentivano un pericolo vicino? Qualsiasi cosa
potesse essere successa, nello stesso istante tutto il branco, tranne
due enormi wapiti, fugg verso est con una velocit straordinaria. In
pochi istanti quegli animali erano spariti, e il cavallo pi rapido non
avrebbe potuto raggiungerli.
Ma due superbi daini erano restati sul campo di battaglia. La testa
abbassata, le corna contro le corna, le zampe posteriori potentemente
tese e puntate al suolo, essi continuavano il combattimento; simili a
due lottatori che pi non si lasciano da quando sono riusciti ad
avvinghiarsi, non si scioglievano, e barcollavano sulle zampe
anteriori, come se fossero avvinti l'uno all'altro.
Quale accanimento! esclam Paolina Barnett.
S, rispose J asper Hobson. Sono animali che serbano
rancore, questi wapiti; certamente stanno aggiustando un vecchio
dissapore!
Ma non sarebbe questo il momento di avvicinarli mentre l'ira li
acceca? domand la viaggiatrice.
Abbiamo tempo, signora, rispose Sabine; quei daini non
possono pi sfuggirci! Potremmo essere a tre passi da loro con il
fucile spianato e il dito sul grilletto, che essi non abbandonerebbero il
posto.
Davvero?
Infatti, signora, disse J asper Hobson che aveva guardato con
pi attenzione i due combattenti dopo l'osservazione del cacciatore,
sia per mano nostra sia per i denti di un lupo, questi wapiti
moriranno presto o tardi nel luogo stesso che occupano in questo
momento.
Io non capisco perch parliate cos, signor Hobson, rispose
la signora Barnett.
Ebbene, avvicinatevi, signora. Non temete di spaventare gli
animali. Come disse Sabine essi non possono pi fuggire.
La signora Barnett, accompagnata da Sabine, da Marbr e dal
tenente, discese la collina. Qualche minuto bast per percorrere la
distanza che li separava dal teatro del combattimento; i wapiti non si
erano mossi; essi cozzavano continuamente come due arieti, ma
sembravano inseparabilmente legati l'uno all'altro.
Infatti, nell'ardore del combattimento, le corna dei due wapiti si
erano intrecciate in modo che non potevano pi staccarsi se non
rompendosi. un incidente che capita sovente; e sui territori della
caccia si trovano per terra talvolta queste appendici ramose
intrecciate le une con le altre. Gli animali cos avvinghiati muoiono
ben presto di fame, e diventano facilmente preda delle belve.
Due palle terminarono il combattimento dei wapiti, che Marbr e
Sabine scorticarono sul posto: conservarono le loro pelli, che
dovevano conciare pi tardi, e abbandonarono ai lupi e agli orsi un
ammasso di carni sanguinolente.
CAPITOLO VII
IL CIRCOLO POLARE
LA SPEDIZIONE continu a dirigersi verso nord-ovest, bench il
traino delle slitte su quel terreno disuguale affaticasse estremamente i
cani; i coraggiosi animali, che la mano dei conducenti stentava a
trattenere al principio del viaggio, ora andavano cos lenti che non
venivano percorse pi di otto miglia al giorno. J asper Hobson
affrettava quanto era possibile l'andatura del suo drappello,
desideroso di arrivare in breve tempo all'altra estremit del Gran
Lago degli Orsi e di giungere al forte Confidence; l infatti contava
di raccogliere alcune informazioni utili alla spedizione.
Gli indiani che frequentavano le rive settentrionali del lago
avevano gi percorso i luoghi vicini al mare? E il Mar Glaciale
Artico era libero in quella stagione dell'anno? Questi erano gravi
problemi, la cui soluzione poteva determinare le sorti del nuovo
centro commerciale.
La regione che il piccolo drappello stava attraversando era
capricciosamente intersecata da un gran numero di fiumiciattoli, la
maggior parte affluenti di due fiumi importanti che scorrendo dal
Sud al Nord vanno a gettarsi nel Mar Glaciale Artico. E sono a ovest
il fiume Mackenzie, a est il Coppermine; fra queste due principali
arterie fluviali si aprivano laghi e stagni in gran numero. La loro
superficie, gi sgelata, non permetteva pi alle slitte di av-
venturarvisi. Di qui la necessit di girare loro intorno, cosa che
aumentava di molto la lunghezza del viaggio. Assolutamente il
tenente Hobson aveva ragione; l'inverno era la vera stagione dei
paesi settentrionali che li rende pi facilmente praticabili, e Paolina
Barnett avrebbe avuto modo di accorgersene in pi occasioni.
Questa regione, compresa nella Terra Maledetta, era del resto
assolutamente deserta, come lo sono quasi tutti i territori
settentrionali del continente americano. stato calcolato infatti che
in quei luoghi la media della popolazione non neppure di un
abitante per dieci miglia quadrate. Questi abitanti sono, non tenendo
conto degli indigeni gi divenuti rarissimi, alcune migliaia di agenti e
di soldati appartenenti alle diverse Compagnie di pellicce, e tale
popolazione generalmente raccolta nei distretti del Sud e nei
dintorni dei centri commerciali. Perci non si sarebbero incontrate
impronte di passi umani sul sentiero percorso dal drappello. Le tracce
conservate sul suolo friabile appartenevano unicamente ai ruminanti
e ai roditori. Si videro alcuni orsi, terribili animali quando
appartengono alle specie polari; ma la rarit di quei carnivori
meravigliava molto la signora Barnett.
La viaggiatrice pensava, riferendosi ai racconti degli esploratori
che nelle regioni artiche fossero molto frequenti quei formidabili
animali, poich i naufraghi e i balenieri della baia di Baffin, al pari di
quelli della Groenlandia e delle Spitzbergen, vengono assaliti
giornalmente da essi; e invece era molto se ne intravedevano
qualcuno a una certa distanza.
Aspettate l'inverno, signora, rispondeva il tenente Hobson,
aspettate il freddo che porta la fame e forse i vostri desideri
verranno soddisfatti.
Frattanto, dopo un faticoso e lungo tragitto, il 23 maggio la
piccola comitiva era finalmente giunta al limite del Circolo Polare.
noto che questo parallelo, a 23 27' 57" dal Polo Nord, forma il limite
matematico dove si arrestano i raggi solari quando l'astro radioso
descrive il suo arco nell'emisfero opposto. A partire da questo punto,
perci, la spedizione entrava addirittura nei territori delle regioni
artiche.
La latitudine era stata rilevata con gran cura per mezzo di
strumenti esattissimi che l'astronomo Tommaso Black e J asper
Hobson maneggiavano con la stessa abilit. Paolina Barnett, che
assisteva all'operazione, apprese con piacere che finalmente stava per
superare il Circolo Polare. Amor proprio di viaggiatrice davvero
perdonabilissimo.
Voi avete gi passato i due tropici nei vostri precedenti viaggi,
signora, le disse il tenente, ed eccoci oggi sul limite del Circolo
Polare; pochi esploratori si sono avventurati in regioni cos diverse.
Alcuni, infatti, si sono specializzati nell'esplorazione delle terre
calde, e l'Africa e l'Australia in particolar modo sono il campo dei
loro viaggi: come Barth, Burton, Livingstone, Speek, Douglas,
Stuart. Altri, invece, si appassionano per queste regioni artiche
ancora poco note; per esempio: Mackenzie, Franklin, Penny, Kane,
Parry e Ra, di cui noi stiamo seguendo le tracce. Dobbiamo dunque
rallegrarci con Paolina Barnett che una viaggiatrice cosmopolita.
Occorre vedere tutto ci che possibile, o almeno tentare,
signor Hobson, gli rispose la signora. Io credo che le difficolt
e i pericoli sono pressoch i medesimi in qualunque zona si
presentino. Se in queste terre artiche non dobbiamo temere le febbri
dei paesi caldi, n l'insalubrit delle alte temperature, n la crudelt
delle trib di razza nera, il freddo non un nemico meno pericoloso.
Quanto agli animali feroci si incontrano a tutte le latitudini. Gli orsi
bianchi, immagino, non accolgono i viaggiatori meglio di come
fanno le tigri del Tibet e i leoni d'Africa. Dunque di l dal Circolo
Polare si incontrano gli stessi pericoli e gli stessi ostacoli di quelli
che si possono incontrare ai due tropici. Vi sono regioni che
resisteranno per lungo tempo agli audaci tentativi degli esploratori.
Senza dubbio, signora, rispose J asper Hobson, ma ho
ragione di credere che le regioni iperboree resisteranno pi a lungo.
Nelle regioni tropicali la presenza degli indigeni un ostacolo
insuperabile, e io so quanti viaggiatori furono vittime di quei barbari
africani che una guerra di incivilimento assoggetter necessariamente
un giorno; ma nei paesi artici e antartici, non sono gli abitanti che
respingono gli esploratori, la natura stessa, sono gli insuperabili
banchi di ghiaccio, il freddo, il freddo crudele che fiacca le forze
umane.
Credete voi dunque, signor Hobson, che la zona torrida possa
essere esplorata fin nei pi segreti territori dell'Africa o
dell'Australia, prima che la zona glaciale venga percorsa
interamente?
S, signora, rispose il tenente, e tale opinione mi sembra
basata su fatti. I pi audaci scopritori delle regioni artiche, Parry,
Penny, Franklin, Mac Clure, Kane, Morton, non si sono spinti oltre
l'83 parallelo, arrestandosi cos a pi di 7 dal polo. Al contrario,
l'Australia fu pi volte esplorata dal Sud al Nord, dall'intrepido
Stuart; e la stessa Africa - cos pericolosa per chi vi si avventura - fu
totalmente attraversata dal dottor Livingstone, dalla baia di Loanga
sino alle foci dello Zambesi. Si ha dunque diritto di credere che le
regioni equatoriali saranno pi presto conosciute geograficamente dei
territori polari.
E credete, signor Hobson, domand la signora Barnett,
che gli uomini possano mai giungere al polo?
Senza dubbio, signora: l'uomo, o la donna aggiunse
sorridendo. Anche se mi sembra che i mezzi adoperati finora dai
naviganti per giungere a quel punto in cui si incrociano tutti i
meridiani del globo, debbano essere assolutamente modificati. Si
parla del mare libero intravisto da alcuni osservatori. Ma a questo
mare sgombro di ghiacci, se pure esiste, difficile arrivare, e nessuno
pu asserire con prove che esso si stende fino al polo. Io penso d'altra
parte che il mare libero aggiungerebbe difficolt invece di facilitare
la via agli esploratori. E quanto a me preferirei poter contare per tutta
la durata del viaggio su un terreno sempre solido, fosse pur fatto di
rocce o di ghiaccio. Per mezzo di spedizioni successive, poi, farei
porre depositi di viveri e di carbone sempre pi vicino al polo e cos
con molto tempo e con molto denaro e forse sacrificando molti
uomini alla soluzione del gran problema scientifico, credo che potrei
giungere fino a quell'inaccessibile punto del globo.
Sono della vostra opinione, signor Hobson; e se mai tentaste
l'avventura sarei felice di dividere con voi le fatiche e i pericoli per
andare a piantare la bandiera del Regno Unito al Polo Nord. Ma in
questo momento non quella la nostra meta.
In questo momento no, signora. Tuttavia, una volta realizzati i
progetti della Compagnia e quando il nuovo forte sar costruito
all'estremo limite del continente americano, pu darsi che questo
diventi un punto di partenza naturale per ogni spedizione diretta al
Nord. D'altra parte se gli animali da pelliccia, inseguiti, si rifugiano
al polo, converr pure che noi li seguiamo fino l!
Sempre se questa costosa moda delle pellicce non cesser,
rispose Paolina Barnett.
Ah, signora! si trover sempre qualche bella donna che
desiderer un manicotto di zibellino o una pellegrina di visone e
bisogner pur soddisfarla!
Lo temo, rispose ridendo la viaggiatrice, ed probabile
infatti che il primo scopritore del polo vi giunga inseguendo una
martora o una volpe argentata.
Ne sono convinto, signora. La natura umana cos fatta, e
l'esca del guadagno trasciner sempre l'uomo pi lontano e pi
velocemente dell'interesse scientifico.
Proprio voi parlate cos, signor Hobson?
Non sono forse un semplice impiegato della Compagnia della
baia di Hudson, signora? E la Compagnia non ha forse altro scopo
che quello d'impegnare i propri capitali e i propri agenti, nell'unica
speranza di accrescere i propri guadagni?
Signor Hobson, io credo di conoscervi abbastanza bene per
poter affermare che all'occorrenza voi sapreste consacrarvi corpo e
anima alla scienza.
Se occorresse per un interesse puramente geografico spingervi
sino al polo, sono certa che non esitereste; ma, aggiunse
sorridendo, un gran progetto la cui soluzione ancora
lontanissima; quanto a noi siamo giunti al circolo polare, e spero che
lo passeremo senza difficolt.
Non so, signora, rispose J asper Hobson che stava
osservando attentamente lo stato dell'atmosfera, da alcuni giorni il
tempo si fa minaccioso; osservate il colore grigio uniforme del cielo;
tutte quelle nubi non tarderanno a convertirsi in neve, e se soffier il
vento potremo esser sorpresi da qualche uragano. In fede mia, non
vedo l'ora d'essere giunto al Gran Lago degli Orsi.
Quand' cos, signor Hobson, disse Paolina Barnett
levandosi in piedi, non perdiamo tempo e date il segnale della
partenza.
Il tenente non aveva bisogno di esser stimolato. Solo, o in
compagnia di uomini energici come lui, avrebbe continuato ad andar
innanzi senza perdere n un minuto, n una notte, n un giorno. Ma
da nessuno poteva ottenere ci che avrebbe ottenuto da se stesso. Per
cui doveva necessariamente fare i conti con le fatiche degli altri,
sebbene egli non tenesse conto delle proprie. Quel giorno dunque per
prudenza accord alcune ore di riposo al suo drappello, e verso le tre
del pomeriggio riprese il viaggio interrotto.
J asper Hobson non si era ingannato prevedendo un prossimo
mutamento nello stato dell'atmosfera, mutamento che infatti non si
fece aspettare. Nel pomeriggio le nuvole si addensarono e presero
una tinta giallastra di sinistro aspetto. Il tenente era molto inquieto,
sebbene non volesse dimostrarlo. E mentre i cani trainavano le slitte
con grande fatica, egli discuteva con il sergente Long, inquieto
anch'egli per quei sintomi che preannunciavano un uragano.
Il territorio attraversato allora dalla compagnia era
malauguratamente poco favorevole alla corsa delle slitte. Quel suolo
accidentato e spaccato qua e l da burroni, ora irto di grossi massi di
granito ora chiuso da enormi icebergs che appena incominciavano a
sciogliersi, frenava molto la corsa delle mute e la rendeva
faticosissima. I disgraziati cani non ne potevano pi e lo scudiscio
dei conducenti non serviva quasi a nulla.
Il tenente e i suoi uomini furono di frequente obbligati a scendere
a terra per aiutare le mute sfinite, per spingere le slitte, e talvolta per
sorreggerle, quando i repentini avvallamenti del suolo rischiavano di
farle cadere. Erano, si capisce, incessanti fatiche che ciascuno
sopportava senza lamentarsi. Solo Tommaso Black, assorto del resto
nella sua idea fissa, non scendeva mai dal veicolo; inoltre la sua mole
si sarebbe male adattata a quei penosi esercizi. Dal momento in cui
superarono il circolo polare, trovarono il terreno immediatamente
modificato. Era evidente che alcune geologiche convulsioni vi
avevano sparso massi enormi. Pure una vegetazione pi completa si
manifestava ora alla superficie, e non solo alberelli e arbusti, ma
anche alberi si raggruppavano al fianco delle colline l dove qualche
avvallamento li poneva al riparo dai freddi venti del Nord.
Erano invariabilmente le stesse piante: pini, abeti, salici, la cui
presenza attestava in quella terra fredda una certa forza vegetativa.
J asper Hobson sperava che quei prodotti della flora artica non gli
venissero a mancare, quando fosse giunto ai limiti del Mar Glaciale,
poich quegli alberi potevano dare legname adatto per costruire il
forte e legna per scaldare gli abitanti. Ciascuno pensava le stesse cose
osservando il contrasto di quella regione relativamente meno arida
nei riguardi delle lunghe pianure bianche che si stendevano dal Gran
Lago degli Schiavi al forte Entreprise. Durante la notte quella nebbia
giallastra divenne pi opaca. Si lev il vento e dopo poco tempo la
neve cadde a larghe falde, coprendo in pochi istanti il terreno di un
fitto lenzuolo. In meno di un'ora lo strato di neve raggiunse uno
spessore di circa trenta centimetri, e siccome non si solidificava pi e
restava allo stato di fango liquido, le slitte andavano innanzi con
estrema difficolt. La loro parte anteriore ricurva sprofondava nella
massa molle che la frenava sensibilmente.
Verso le otto pomeridiane il vento cominci a soffiare con
estrema violenza. La neve, spinta a forza, ora precipitata al suolo, ora
risollevata in aria, formava un fitto turbine; i cani, ricacciati indietro
dalle raffiche, accecati dalla neve, non potevano pi procedere. Il
drappello si trovava allora in una stretta gola aperta fra le montagne
di ghiaccio, entro le quali la tempesta si incanalava con una forza
paurosa. Pezzi di icebergs staccati dall'uragano cadevano nel
passaggio e lo rendevano pericolosissimo, poich formavano tante
parziali valanghe, la pi piccola delle quali avrebbe schiacciato le
slitte e quelli che vi erano sopra. In queste condizioni il viaggio non
poteva continuare. J asper Hobson non insist oltre, e dopo aver
chiesto il parere del sergente Long, ordin di fermarsi. Ma bisognava
trovare un riparo contro il chasse-neige
8
che si scatenava allora. Ci
non poteva preoccupare uomini avvezzi alle spedizioni polari. J asper
Hobson e i suoi compagni, infatti, sapevano come comportarsi in tali
circostanze. Non era la prima volta che l'uragano li coglieva cos alla
sprovvista a qualche centinaio di miglia dai forti della Compagnia
senza che essi avessero una capanna di eschimesi o una casupola di
indiani per ripararsi.
Agli icebergs! agli icebergs! grid J asper Hobson.
Il tenente fu capito da tutti. Si trattava di scavare in quei massi
ghiacciati alcune snow-houses, case di neve, o per meglio dire veri
buchi dentro i quali ciascuno si sarebbe accoccolato per tutta la

8
Vento delle zone polari che contribuisce ad alimentare i ghiacciai
spostando masse di neve con la sua forza.
durata dell'uragano. Le accette e i coltelli non durarono molta fatica a
intaccare la massa friabile degli icebergs, e tre quarti d'ora dopo una
decina di tane dalle strette aperture, capaci di contenere ciascuna due
o tre persone, erano state scavate nel masso. Quanto ai cani erano
stati staccati e abbandonati a se stessi. Si aveva fiducia nella loro
sagacia che li avrebbe indotti a trovare sotto la neve un sufficiente
ricovero. Prima delle dieci tutti gli uomini della spedizione si erano
accoccolati nelle snow-houses. Si erano radunati a due, a tre,
ciascuno secondo le proprie simpatie. Paolina Barnett, Madge e il
tenente Hobson occupavano la stessa tana. Tommaso Black e il
sergente Long si erano rifugiati nello stesso buco. Gli altri a casaccio.
Quei ricoveri erano veramente caldi se non comodi, e conviene
sapere che gli indiani o gli eschimesi non hanno altro rifugio
nemmeno durante i freddi pi rigidi. J asper Hobson e i suoi potevano
dunque aspettare tranquillamente la fine dell'uragano, avendo per
cura che l'ingresso della loro tana non venisse otturato dalla neve.
Perci lo spazzavano ogni mezz'ora. Durante quell'uragano il tenente
e i soldati poterono appena affacciarsi sull'ingresso del loro rifugio.
Per fortuna ciascuno si era munito di sufficienti provviste e poterono
sopportare quell'esistenza di castori senza patire n freddo n fame.
Per quarantott'ore l'intensit dell'uragano continu ad aumentare. Il
vento mugghiava nello stretto passo e smantellava le cime degli
icebergs; forti rumori ripetuti venti volte dagli echi indicavano
quanto si moltiplicassero le valanghe. J asper Hobson cominciava a
temere, a ragione, che il sentiero fra le montagne diventasse irto di
ostacoli insuperabili. A quel frastuono si univano ruggiti, sulla natura
dei quali il tenente non sbagliava certo; e non nascose alla coraggiosa
signora Paolina Barnett che alcuni orsi dovevano ronzare nel
passaggio. Ma fortunatamente quei terribili animali, troppo
preoccupati di loro stessi, non scoprirono il ricovero dei viaggiatori,
e i cani e le slitte nascoste sotto un fitto strato di neve non attrassero
la loro attenzione; per cui passarono senza attaccare la spedizione.
L'ultima notte, quella dal 25 al 26 maggio, fu ancora pi terribile,
e la violenza dell'uragano divenne tale che si temette addirittura che
gli icebergs si rovesciassero su se stessi. Si sentivano infatti gli
enormi massi tremare alla loro base; una morte spaventosa sarebbe
toccata a quei disgraziati che fossero rimasti fra quelle montagne.
I massi di ghiaccio scricchiolavano con un rumore assordante, a
causa di certe oscillazioni, si formavano fessure che dovevano
minacciarne la solidit. Ma, per fortuna, non vi furono frane; la
massa intera resistette, e verso l'alba, per uno di quei fenomeni
frequenti nelle regioni artiche, cessata in un attimo la violenza
dell'uragano per l'influsso di un freddo rigidissimo, ritorn la calma
con le prime luci del giorno.
CAPITOLO VIII
IL GRAN LAGO DEGLI ORSI
ERA UNA FORTUNATA circostanza: quei freddi pungenti, ma poco
duraturi, che caratterizzano di solito alcuni giorni del mese di
maggio, anche ai paralleli della zona temperata, bastarono a
solidificare il fitto strato di neve, e il suolo ridivent accessibile.
J asper Hobson si mise in cammino e il drappello lo segu con tutta la
velocit delle mute. La direzione dell'itinerario fu allora lievemente
modificata, e invece di dirigersi direttamente a nord, la spedizione
avanz verso ovest, seguendo per cos dire la curva del circolo
polare. Il tenente voleva giungere al forte Confidence costruito sulla
punta estrema del Gran Lago degli Orsi. Quei pochi giorni di freddo
erano stati utili ai suoi progetti, perci il suo viaggio fu rapidissimo,
non interrotto da alcun ostacolo, tanto che il 30 maggio il piccolo
drappello giungeva al forte.
Il forte Confidence e il forte Good-Hope, situati sul fiume
Mackenzie, erano i posti pi avanzati verso il Nord che la
Compagnia della baia di Hudson possedesse a quel tempo. Il forte
Confidence, costruito all'estremit settentrionale del Gran Lago degli
Orsi, punto importantissimo, si trovava, per le stesse acque del lago,
ghiacciate in inverno e libere in estate, in facile comunicazione con il
forte Franklin che sorge all'estremit meridionale. Per non dire degli
scambi giornalieri con gli indiani cacciatori di quelle elevate
latitudini che quei centri commerciali, e specialmente il forte
Confidence, facevano fra le rive e le acque del Gran Lago degli Orsi.
Questo lago un vero e proprio mare che si stende per molti gradi
sia in lunghezza sia in larghezza. Ha forme molto irregolari;
strozzato nella parte centrale da due promontori aguzzi e al nord
prende la forma di un triangolo dilatato. La sua forma generale
sarebbe all'inarca quella della pelle distesa di un grande ruminante
cui manca interamente la testa.
Ora all'estremit della zampa destra era stato costruito il forte
Confidence a meno di 200 miglia dal golfo Coronation, uno di quei
numerosi estuari che intaccano cos capricciosamente la costa
settentrionale dell'America. Si trovava dunque un po' al di sopra del
Circolo Polare, ma tuttavia distante tre gradi da quel 70 parallelo
oltre il quale la Compagnia della baia di Hudson voleva fondare una
nuova stazione.
Il forte Confidence, nel suo insieme, aveva le stesse disposizioni
degli altri centri commerciali del Sud, e si componeva di una casa per
gli ufficiali, di un quartiere per i soldati, di magazzini per le pellicce;
il tutto fatto di legno e circondato da un recinto di palizzate. Il
capitano che lo comandava era allora assente; aveva accompagnato a
est un drappello di indiani e di soldati che si erano avventurati alla
ricerca di territori pi ricchi di selvaggina. L'ultima stagione non era
stata buona, poich mancavano le pellicce di gran prezzo; in
compenso si erano potute catturare in abbondanza, grazie alle
vicinanze del lago, molte lontre. Ma questo stock era stato gi inviato
ai centri commerciali pi a sud, per cui i magazzini del forte
Confidence erano allora vuoti.
In assenza del capitano, un sergente fece a J asper Hobson gli
onori del forte. Questo sottufficiale era precisamente il cognato del
sergente Long e si chiamava Felton. Costui si pose completamente a
disposizione del tenente, il quale, desideroso di far riposare i
compagni, decise di fermarsi per due o tre giorni al forte Confidence.
Non mancava l'alloggio, essendo assente la piccola guarnigione;
perci uomini e cani furono accomodati benissimo. La pi bella
camera dell'edificio principale fu naturalmente riservata a Paolina
Barnett, la quale si rallegr delle gentilezze del sergente Felton.
Primo pensiero di J asper Hobson fu di domandare a Felton se
bande di indiani del Nord non percorressero allora le rive del Gran
Lago.
S, tenente, rispose Felton, ci stato segnalato da non
molto un accampamento di indiani Lepri appostato sull'altra punta
settentrionale del lago.
A che distanza dal forte?
A trenta miglia circa; volete forse entrare in rapporti con questi
indigeni?
S, gli indiani possono darmi utili informazioni sulla parte del
territorio che confina con il mare polare e che termina con il capo
Bathurst. Se il luogo sar adatto, l io conto di costruire il nuovo
stabilimento.
Ebbene, tenente, rispose Felton, nulla di pi facile che
andare all'accampamento degli indiani.
Seguendo la riva del lago?
No, sulle stesse acque: ora sono libere e il vento propizio;
metteremo a vostra disposizione un canotto e un marinaio per
condurvi; in poche ore sarete all'accampamento indiano.
Bene, sergente; accetto la vostra proposta e domattina se per
voi comodo
Quando vi piaccia, tenente.
La partenza fu fissata per l'indomani mattina. Quando la signora
Barnett venne a sapere di questo progetto, domand a J asper Hobson
il permesso di accompagnarlo; permesso che, come si pu
immaginare, le fu accordato con premura.
Ma si trattava di impiegare le ore che restavano di quella giornata,
perci la signora Barnett, J asper Hobson, due o tre soldati, Madge, la
signora Mac Nap e J oliffe guidati da Felton andarono a visitare le
rive vicine del lago. Queste rive avevano una certa vegetazione; le
coste, allora sgombre di neve, si mostravano qua e l incoronate di
alberi resinosi della specie dei pini scozzesi. Questi alberi erano alti
circa tredici metri e fornivano agli abitanti del forte tutto il
combustibile necessario per i lunghi mesi d'inverno. I grossi tronchi
ricoperti di flessibili rami avevano una tinta grigiastra molto
caratteristica; ma, poich formavano fitti boschi che scendevano fino
alle rive del lago, e cos raggruppati uniformemente, diritti tutti e
quasi di eguale altezza, davano poca variet al paesaggio.
Fra questi alberi una specie di erba bianchiccia rivestiva il terreno
profumando l'aria con un soave odore di timo, e il sergente Felton
spieg agli ospiti che quell'erba cos profumata si chiamava erba
incenso, nome del resto che si spiegava molto bene quando veniva
gettata sopra i carboni ardenti.
I viaggiatori lasciarono il forte e dopo aver fatto alcune centinaia
di passi giunsero in prossimit di un piccolo porto naturale incassato
fra alte rocce di granito che lo riparavano molto bene dalla risacca
del lago aperto. L era ormeggiata la flotta del forte Confidence che
consisteva in un solo canotto da pesca: quello stesso che l'indomani
avrebbe dovuto trasportare J asper Hobson e Paolina Barnett
all'accampamento degli indiani.
Da quel punto lo sguardo abbracciava una gran parte del lago, le
coste boschive, le capricciose rive spaccate da capi e da insenature, le
acque lievemente ondulate dalla brezza e sopra le quali alcuni
icebergs stagliavano il loro mobile profilo. Verso sud lo sguardo si
arrestava sopra un vero orizzonte di mare, linea circolare tracciata
nettamente dal cielo e dall'acqua che si confondevano allora al
bagliore dei raggi solari.
Quel largo spazio occupato dalla liquida superficie del Gran Lago
degli Orsi, le rive sparse di ciottoli e di massi di granito, i declivi
tappezzati di erba, le colline e gli alberi che lo incoronavano
mostravano da ogni parte la presenza della vita vegetale e animale.
Molte variet di anitre correvano nelle acque gracidando
rumorosamente. Erano edredoni, fischiatori, tadorne, vecchie
donne, uccelli ciarlieri che non stanno mai con il becco chiuso.
Alcune centinaia di berte fuggivano in tutte le direzioni. Sotto gli
alberi si pavoneggiavano aquile di mare alte sessanta centimetri,
specie di falchi dal ventre cinereo, con le zampe e con il becco
azzurro e con gli occhi color arancio. I nidi di questi volatili incassati
nelle biforcazioni degli alberi e formati di erbe marine erano
numerosissimi.
Il cacciatore Sabine riusc a catturare una coppia di quelle
gigantesche aquile, che ad ali spiegate misuravano pi di un metro e
mezzo; magnifici esemplari di quegli uccelli viaggiatori
esclusivamente ittiofagi che l'inverno spinge fino alle pi alte
latitudini dell'America settentrionale.
Ma ci che interess particolarmente i passeggeri, fu la cattura di
una lontra la cui pelle valeva molte centinaia di rubli.
La pelliccia di questi preziosi anfibi era un tempo ricercatissima in
Cina; ma bench oggi sia in notevole ribasso sui mercati del Celeste
Impero, tuttavia in grande auge sui mercati russi, dove lo smercio
sicuro e a prezzi elevatissimi: perci i commercianti russi, trafficando
su tutte le frontiere della Nuova Cornovaglia fino al Mare Artico,
danno una continua caccia alle lontre marine, la cui specie si fa
sempre pi rara.
Per questa ragione quegli animali fuggirono costantemente
davanti ai cacciatori che dovettero inseguirli fin sulle rive del
Kamciatka e su tutte le isole dell'arcipelago di Bering.
Ma, aggiunse il sergente Felton, dopo aver dato queste
notizie ai suoi ospiti non si devono sottovalutare le lontre
americane e quelle che frequentano il Gran Lago degli Orsi valgono
ben da 250 a 300 franchi l'una.
Erano infatti lontre magnifiche quelle che vivevano nelle acque
del lago. Uno di questi mammiferi, abilmente preso di mira e ucciso
dallo stesso sergente, fu valutato quasi come quelli del Kamciatka.
Questo animale lungo circa settanta centimetri, dall'estremit del
muso fino alla punta della coda, ha i piedi palmati, le zampe corte, il
pelo bruno, chiaro sul ventre, pi carico sul dorso, morbido, lungo e
lucente.
Un bel colpo, sergente! disse il tenente Hobson facendo
ammirare alla signora Barnett la magnifica pelliccia dell'animale
ucciso.
Certo, signor Hobson, rispose il sergente Felton, e se
ogni giornata ci fornisse la sua pelle di lontra, non potremmo
lagnarci! Ma quanto tempo si perde ad appostare questi animali che
nuotano e calano a fondo con estrema rapidit. Essi vanno a caccia di
notte e raramente si arrischiano a uscir di giorno dal loro covo,
tronco d'albero o cavit di roccia, difficile da scoprire persino per i
cacciatori pi abili.
E queste lontre diventano sempre pi rare?
S, signora, rispose il sergente, e il giorno in cui la loro
specie sar scomparsa, i proventi della Compagnia diminuiranno di
molto. Tutti i cacciatori si contendono questa pelliccia, e
specialmente gli americani ci fanno una fortissima concorrenza.
Durante il vostro viaggio, tenente, non avete incontrato per caso
agenti delle Compagnie americane?
Nessuno, rispose J asper Hobson; ma essi frequentano i
territori ad una latitudine cos elevata?
E anche con assiduit, signor Hobson; e quando vengono
segnalati questi marioli buona cosa prendere le proprie precauzioni.
Questi agenti sono dunque razziatori comuni? domand
Paolina Barnett.
No, signora, rispose il sergente, ma rivali formidabili, e
quando la selvaggina rara, i cacciatori se la contendono a fucilate.
Oserei quasi assicurare che, se il tentativo della Compagnia riuscir
bene, e se riuscirete a costruire un forte sull'estremo limite del
continente, gli americani, che il cielo li confonda, non tarderanno a
imitare il vostro esempio.
Bah! rispose il tenente, i territori della caccia sono estesi,
c' terra al sole per tutti. Intanto cominciamo noi! Andiamo innanzi
finch il terreno solido non ci mancher sotto i piedi, e che Dio ci
protegga!
Dopo tre ore di cammino i visitatori tornarono al forte
Confidence.
Un buon pranzo a base di pesce e di selvaggina fresca li attendeva
nel salone, ed essi vi fecero molto onore. Quella giornata termin con
alcune ore di conversazione, e la notte permise agli ospiti del forte un
sonno eccellente.
L'indomani, 31 maggio, la signora Barnett e J asper Hobson, alle
cinque del mattino, erano gi alzati. Il tenente doveva dedicare tutto
il giorno a visitare l'accampamento degli indiani e a raccogliere le
notizie che potevano essergli utili.
Egli propose a Tommaso Black di accompagnarlo in questa
escursione; ma l'astronomo prefer restare a terra, poich voleva fare
qualche osservazione astronomica e stabilire con precisione la
latitudine e la longitudine del forte Confidence.
Paolina Barnett e J asper Hobson dovevano dunque affrontare da
soli la traversata del lago sotto la direzione di un vecchio marinaio,
chiamato Norman, che era da qualche anno al servizio della
Compagnia.
I due passeggeri, accompagnati dal sergente Felton, si diressero
verso il piccolo porto, dove il vecchio Norman li aspettava nella
barca.
Non era che un canotto da pesca, senza ponte, con la chiglia lunga
circa dieci metri, arredato come un cutter, che un solo uomo poteva
facilmente manovrare.
Il tempo era bello e spirava una leggera brezza di nord-est molto
favorevole alla traversata. Il sergente Felton salut i suoi ospiti,
pregandoli di scusarlo se non li accompagnava; ma egli non poteva
abbandonare il forte durante l'assenza del capitano. Si allent
l'ormeggio, e il canotto, uscito dal piccolo porto, fil rapidamente
sulle fresche acque del lago.
Quel viaggio si presentava veramente come una passeggiata, e una
passeggiata deliziosa. Il vecchio marinaio, taciturno per natura, con il
braccio appoggiato al timone, se ne stava silenzioso a poppa della
barca. Paolina Barnett e J asper Hobson, seduti sulle panchette
laterali, osservavano il paesaggio che si spiegava sotto i loro occhi.
Il canotto seguiva la costa settentrionale del Gran Lago degli Orsi
a una distanza di tre miglia circa, in modo da mantenere una
direzione rettilinea; si potevano dunque osservare facilmente le
grandi masse dei colli boschivi che si abbassavano a poco a poco
verso ovest.
Da questa parte, la regione che formava la parte settentrionale del
lago sembrava interamente piana, e la linea dell'orizzonte appariva,
tra l'azzurro dell'acqua e del cielo, lontanissima.
Questa riva contrastava con quella che disegnava l'angolo acuto in
fondo al quale sorgeva il forte Confidence, incorniciato di verdi
abeti. Si vedeva ancora la bandiera della Compagnia sventolare in
cima alla torricella.
Verso sud e ovest le acque del lago, percosse obliquamente dai
raggi solari, risplendevano qua e l; e lo sguardo era abbagliato da
mobili icebergs somiglianti a massi d'argento in fusione, e di cui
l'occhio non poteva reggere il riflesso. Non rimaneva pi nessuna
traccia dei ghiacci invernali; solo quelle montagne galleggianti, che
l'astro radioso riusciva appena a sciogliere, sembravano protestare
contro il sole polare, che descriveva un arco diurno molto allungato,
e al quale mancava ancora, se non la luce, il calore.
Paolina Barnett e J asper Hobson parlavano di queste cose,
scambiandosi, come sempre, le idee che quella bizzarra natura
suscitava in loro. Arricchivano il loro spirito di ricordi, mentre il
canotto, oscillando appena sulle acque tranquille, filava rapidamente.
Infatti erano partiti alle sei del mattino, e alle nove si accostavano
gi alla riva settentrionale del lago cui dovevano arrivare.
L'accampamento degli indiani era posto sull'angolo nord-ovest del
Gran Lago degli Orsi. Prima delle dieci, il vecchio Norman accost,
e approd vicino a un argine a picco ai piedi di una spiaggia di media
altezza.
Il tenente e la signora Barnett misero subito piede a terra e si
videro venir incontro due o tre indiani fra cui il loro capo, un
personaggio abbastanza piumato, il quale rivolse loro la parola in un
inglese sufficientemente comprensibile.
Questi indiani Lepri, come gli indiani Castori, gli indiani Rame e
altri, appartengono tutti alla razza dei Chipeways, perci tutti hanno
press'a poco gli stessi abiti e gli stessi costumi. Essi hanno, del resto,
frequenti rapporti con i centri commerciali, e questo commercio li ha
per cos dire britannizzati, per quanto possa esserlo un selvaggio.
Ai forti portano i prodotti della loro caccia; e ai forti li scambiano
con gli oggetti necessari alla vita, oggetti che da qualche anno essi
non fabbricano pi.
Sono quasi assoldati dalla Compagnia, ed per essa che vivono;
nessuna meraviglia, dunque, se hanno gi perduto tutte le
caratteristiche della loro razza. Per trovare una razza di indigeni sui
quali il contatto europeo non abbia ancora lasciato impronta, bisogna
salire a latitudini pi elevate, fino alle regioni frequentate dagli
eschimesi. L'eschimese, come il groenlandese, il vero figlio delle
regioni polari.
Paolina Barnett e J asper Hobson andarono all'accampamento degli
indiani Lepri, situato a mezzo miglio dalla riva. L trovarono una
trentina di indigeni: uomini, donne e fanciulli, che vivevano di pesca
e di caccia e trafficavano nei dintorni del lago. Questi indiani erano
precisamente ritornati dai territori situati a nord del continente
americano, e diedero a J asper Hobson alcune indicazioni molto
imprecise per dire il vero, sullo stato del litorale intorno al 60
parallelo. Tuttavia il tenente apprese con una certa soddisfazione che
nessun drappello europeo o americano era stato veduto lungo i
confini del mare polare, e che allora quel mare era libero. Quanto al
capo Bathurst, propriamente detto, verso il quale egli aveva
l'intenzione di dirigersi, gli indiani non sapevano nulla. Del resto il
loro capo parl della regione situata tra il Gran Lago degli Orsi e il
capo Bathurst, come di un paese difficile da attraversare, alquanto
accidentato e percorso da rigagnoli allora sgelati. Consigli al tenente
di discendere il fiume Coppermine, a nord-est del lago, in modo da
giungere alle coste per la strada pi breve. Giunto al mare, sarebbe
stato pi facile seguirne le rive, e J asper Hobson avrebbe potuto
allora arrestarsi dove pi gli conveniva.
Il tenente ringrazi il capo indiano e prese commiato da lui, dopo
avergli fatto qualche dono. Poi, con Paolina Barnett, visit i dintorni
dell'accampamento, e ritornarono al canotto solo verso le tre del
pomeriggio.
CAPITOLO IX
UNA TEMPESTA SUL LAGO
IL VECCHIO marinaio aspettava con una certa impazienza il ritorno
dei suoi passeggeri, poich da due ore circa il tempo era cambiato, e
l'aspetto del cielo, che si era modificato a un tratto, preoccupava
naturalmente un uomo avvezzo a interrogare i venti e le nuvole. Il
sole, coperto da una fitta nebbia, appariva come un disco biancastro
senza splendore e senza raggi. La brezza si era calmata, ma si
sentivano le acque del lago rumoreggiare a sud. Quei sintomi di un
prossimo mutamento dell'atmosfera si erano manifestati con la
rapidit propria delle latitudini elevate.
Partiamo, signor tenente, partiamo! esclam il vecchio
Norman, osservando inquieto la nebbia sospesa sul loro capo.
Partiamo senza perdere un istante, il tempo minaccia.
Infatti, rispose J asper Hobson, il cielo non pi come
prima. Noi non avevamo notato questo cambiamento, signora
Barnett.
Temete dunque qualche tempesta? domand la viaggiatrice
a Norman.
S, signora, rispose il vecchio marinaio, e le tempeste del
Gran Lago degli Orsi sono spesso terribili; l'uragano vi si scatena
come in pieno Atlantico; e questa nebbia improvvisa non presagisce
nulla di buono. Tuttavia facile che la tempesta non scoppi prima di
tre o quattro ore, perci faremo in tempo ad arrivare al forte
Confidence. Ma partiamo senza indugio, perch la barca non sicura
vicino a queste rocce a fior d'acqua.
Il tenente non poteva discutere cose che Norman conosceva
meglio di lui; d'altra parte il vecchio marinaio era uomo da lungo
tempo avvezzo a quelle traversate del lago; perci bisognava stare a
quanto gli suggeriva l'esperienza. Paolina Barnett e J asper Hobson
s'imbarcarono. Tuttavia, al momento di distaccare l'ormeggio e di
spingersi al largo, Norman, quasi obbedendo a una specie di
presentimento, mormor queste parole:
Sarebbe forse meglio aspettare!
J asper Hobson, che l'aveva inteso, guard il vecchio marinaio gi
seduto vicino al timone. Se fosse stato solo non avrebbe esitato a
partire, ma la presenza di Paolina Barnett gli consigliava maggior
circospezione. La viaggiatrice, comprendendo l'esitazione del
compagno, gli disse:
Non vi preoccupate per me, signor Hobson, e fate come se io
non ci fossi. Dal momento che questo bravo marinaio crede di dover
partire, partiamo immediatamente.
Bene! rispose Norman allentando l'ormeggio; torniamo
al forte per la via pi breve.
Il canotto prese il largo, e in un'ora riusc a compiere poco
cammino. La vela, appena gonfiata da instabili brezze che non
avevano una direzione, batteva contro l'albero. La nebbia diveniva
pi fitta, e la barca subiva gi gli effetti di ondate pi violente;
sembrava che l'acqua sentisse prima dell'aria il prossimo
cataclisma. I due passeggeri restavano silenziosi, mentre il vecchio
marinaio tentava di vedere attraverso la fitta nebbia. D'altra parte egli
era preparato a tutto, e con la scotta in mano aspettava il vento,
pronto a filare rapidamente se l'assalto fosse stato troppo brusco.
Tuttavia, fino allora, gli elementi non si erano ancora scatenati e tutto
sarebbe andato per il meglio se la barca fosse riuscita a percorrere un
buon tratto. Ma dopo un'ora di navigazione si trovavano solo a due
miglia dall'accampamento degli indiani. Inoltre qualche malaugurato
vento di terra l'aveva spinta al largo, in modo che a causa della poca
visibilit potevano appena discernere la costa. Sarebbe stato uno
spiacevole incidente se il vento si fosse stabilizzato verso il nord,
perch il leggero canotto, molto sensibile alla deriva, difficilmente si
sarebbe tenuto pi vicino alla costa e correva il rischio di essere
trasportato molto lontano.
Non si cammina quasi! disse il tenente al vecchio Norman.
Sicuro, signor Hobson, rispose il marinaio. La brezza
non vuole saperne di spingere, e quando spinger temo che
disgraziatamente ci porter dalla parte cattiva. Allora, soggiunse
tendendo la mano verso sud, vedremo certamente il forte Franklin
prima del forte Confidence!
Ebbene, rispose scherzosamente Paolina Barnett, sarebbe
forse una passeggiata pi completa. Questo Gran Lago degli Orsi
magnifico e merita proprio di essere visitato da nord a sud!
Immagino, Norman, che si potr ben tornare dal forte Franklin, non
vero?
S, signora, bisogna per prima arrivarci. Le tempeste che
durano quindici giorni non sono rare in questo lago, e se la nostra
mala sorte ci spingesse fino alle rive meridionali, non potrei garantire
al signor Hobson di ritornare al forte Confidence prima di un mese.
Stiamoci bene attenti rispose il tenente, poich un simile
ritardo porrebbe a grave rischio i nostri progetti. Dunque agite con
prudenza, amico, e se necessario, avvicinatevi al pi presto alla riva
verso nord. La signora non temer, credo, un viaggio di venti o
venticinque miglia per terra.
Anch'io vorrei guadagnare la costa settentrionale, signor
Hobson, rispose Norman, ma ora non posso pi rimontare. Lo
vedete anche voi. Il vento tende a soffiare da questo lato; tutto quello
che io posso tentare di tenere la prua a nord-est, e se il vento non
aumenter di forza, spero di riuscire.
Ma verso le quattro e mezzo la tempesta scoppi davvero. Alcuni
fischi acuti risonarono negli alti strati dell'aria. Il vento, che lo stato
dell'atmosfera manteneva nelle zone superiori, non poteva tardare ad
abbassarsi fino alla superficie del lago. Si udivano le strida degli
uccelli spaventati che passavano nella nebbia; poi tutt'a un tratto
quella nebbia si squarci, lasciando vedere grossi nuvoloni bassi,
frastagliati in brandelli, veri cenci di vapore, violentemente sospinti
verso sud. I timori del vecchio marinaio si avverarono; il vento
soffiava da nord, e soffiando sul lago, non doveva tardare a prendere
le proporzioni di un uragano.
Attenzione! grid Norman, tenendo la scotta in modo da
porre verso il vento il canotto di prua sotto l'azione del timone.
Giunse la raffica. Il canotto pieg dapprima sul fianco, poi si
risollev a cavallo di un'ondata. Da questo momento il lago fu agitato
come fosse un mare. In quelle acque, relativamente poco profonde, i
cavalloni, battendo contro il fondo del lago, rimbalzavano a
un'altezza prodigiosa.
Aiuto, aiuto! aveva gridato il vecchio marinaio, cercando di
ammainare rapidamente la vela.
J asper Hobson e la stessa signora Barnett tentarono di aiutare
Norman, ma senza frutto, essendo poco pratici della manovra di un
canotto; e siccome Norman non poteva lasciare la barra e le drizze
erano legate in cima all'albero, era impossibile ammainare la vela. A
ogni istante il canotto minacciava di capovolgersi, e gi grossi
cavalloni l'assalivano di fianco. Il cielo scurissimo si ottenebrava
sempre di pi; una fredda pioggia, mista a nevischio, cadeva a
torrenti e l'uragano infuriava pi forte scompigliando la cresta delle
onde.
Tagliate, tagliate! grid il vecchio marinaio in mezzo ai
muggiti della tempesta.
J asper Hobson, a capo scoperto, accecato dalla pioggia, prese il
coltello di Norman, e recise la drizza tesa come una corda d'arpa; ma
la corda bagnata non scorreva pi nella gola della puleggia e il
pennone rimase issato in cima all'albero. Allora Norman volle
fuggire verso nord non potendo resistere al vento; fuggire, bench
fosse molto pericoloso, in mezzo alle onde la cui velocit superava
quella del canotto; fuggire, sebbene quella fuga minacciasse di
trascinarlo irresistibilmente verso le rive meridionali del Gran Lago
degli Orsi. J asper Hobson e la sua coraggiosa compagna si resero
conto del pericolo che li minacciava e della fragilit del canotto che
non avrebbe potuto resistere a lungo ai colpi di mare e che si sarebbe
rotto o capovolto e che la loro vita era nelle mani di Dio.
Eppure n il tenente n Paolina Barnett si abbandonarono alla
disperazione. Aggrappati alle loro panche, coperti da capo a piedi
dalla fredda doccia delle onde, bagnati di acqua e di neve, avvolti
nelle raffiche tenebrose, guardavano attraverso la nebbia. A una
gomena dal canotto le nuvole e le acque del lago si confondevano
oscuramente. Interrogavano con gli occhi il vecchio Norman, il quale
a denti stretti e con le mani contratte sulla barra cercava ancora di
mantenere il canotto quanto pi poteva in direzione del vento.
Ma fu tale l'impeto dell'uragano che il canotto non pot continuare
a navigare pi oltre in quella maniera; le ondate sbattevano contro la
prua e l'avrebbero inevitabilmente rotta. Gi il suo fasciame
cominciava a sconnettersi e quando cadeva di peso nel cavo delle
onde c'era proprio da temere che non si risollevasse pi.
Bisogna fuggire ad ogni costo! mormor il vecchio
marinaio. Dopo aver spinto e filato la barra e la scotta, mise la prua a
sud. La vela tesa violentemente trasport immediatamente il canotto
con vertiginosa rapidit; ma le immense ondate correvano ancora pi
veloci e in ci stava il grande pericolo di quella fuga con il vento in
poppa.
E gi liquide masse si precipitavano dietro al canotto che, non
potendo evitarle, si riempiva e doveva esser vuotato di continuo per
non colare a picco. A mano a mano che si giungeva alla parte pi
larga del lago, e perci pi lontano dalla costa, le acque divenivano
sempre pi tumultuose. Nessun riparo, n alberi, n colline,
tratteneva la furia dell'uragano; e in certi punti in cui le nebbie si
squarciavano, si intravedevano enormi icebergs rotolanti come
gavitelli sotto l'azione delle onde, spinti anch'essi verso la parte
meridionale del lago. Erano le cinque e mezzo, n Norman, n J asper
Hobson poterono valutare il cammino percorso o la direzione
seguita. Non erano pi padroni del loro canotto e subivano i capricci
della tempesta.
In quel momento a trenta metri dalla poppa si lev un mostruoso
cavallone nettamente incoronato di una cresta bianchiccia. Sul
davanti la differenza del livello della superficie liquida formava una
specie di abisso. Tutte le piccole ondulazioni intermedie livellate dal
vento erano scomparse. In quel mobile abisso le acque erano nere e
l'imbarcazione vi sprofondava dentro sempre pi. La grande ondata
si accostava ergendosi su tutte le altre circostanti; veniva
avvicinandosi al canotto e minacciava di schiacciarlo. Norman,
voltatosi all'indietro, la vide giungere. J asper Hobson e Paolina
Barnett la guardavano con gli occhi spalancati, aspettando che si
rovesciasse loro addosso, non potendo evitarla.
L'onda si rovesci, infatti, con spaventoso rumore sul canotto di
cui copr interamente la poppa. Avvenne un urto terribile e si ud un
simultaneo grido del tenente e della sua compagna, i quali, sepolti da
quella liquida valanga, pensarono di essere stati sommersi.
Invece il canotto si risollev sebbene fosse per tre quarti pieno
d'acqua; solo il vecchio marinaio era scomparso. J asper Hobson
mand un grido disperato, e Paolina Barnett si rivolse a lui.
Norman! esclam egli mostrando il posto vuoto a poppa.
Poveretto! mormor la viaggiatrice.
Entrambi si erano levati a rischio di venir proiettati fuori del
canotto che rimbalzava sulle creste delle onde. Non videro nulla; non
si ud un grido n una chiamata; non apparve alcun corpo fra la
bianca schiuma il vecchio marinaio aveva trovato la morte in
quell'ondata.
Paolina Barnett e J asper Hobson erano ricaduti sulla panca; ormai
soli a bordo, dovevano da soli pensare a salvarsi. Ma n il tenente n
la sua compagna sapevano manovrare un'imbarcazione, e in quelle
paurose condizioni anche un marinaio esperto avrebbe fatto fatica a
manovrarla. Il canotto era in balia delle onde. La vela tesa lo
trasportava con impeto. Poteva, J asper Hobson, frenare quella corsa?
Terribile era la condizione di quei disgraziati colti dall'uragano
sopra una fragile barchetta che non sapevano neppure dirigere!
Siamo perduti, disse il tenente.
No, signor Hobson, rispose la coraggiosa Paolina Barnett,
aiutiamoci anzitutto noi stessi; poi Iddio ci aiuter.
J asper Hobson comprese quanto valesse quella donna coraggiosa.
Urgeva anzitutto vuotare il canotto dell'acqua che lo rendeva pi
pesante; un'altra ondata l'avrebbe riempito del tutto e allora sarebbe
colato a picco. Importava del resto che l'imbarcazione, alleggerita, si
sollevasse di pi sulle onde, in modo che avrebbe corso minor rischio
di essere affondata. J asper Hobson e Paolina Barnett vuotarono
dunque in fretta quell'acqua che con la sua stessa mobilit poteva
farli capovolgere.
Non fu certo un'impresa da poco, poich ad ogni istante qualche
cresta d'onda si riversava a prua o a poppa e bisognava avere
incessantemente la gottazza in mano. Era Paolina Barnett che si
occupava in particolar modo di quel lavoro faticoso. Il tenente teneva
la barra mantenendo alla meglio il canotto con il vento in poppa.
Come se ci non bastasse, la notte, o se non la notte, che in quella
latitudine e in quel periodo dell'anno dura solo alcune ore, almeno
l'oscurit cresceva. Le nuvole basse, mescolandosi alle nebbie,
formavano un intenso nebbione appena illuminato da una luce
diffusa. Non ci si vedeva a due gomene dal canotto, che sarebbe
andato in pezzi solo se avesse urtato qualche errante masso di
ghiaccio.
Ora questi ghiacci galleggianti potevano sorgere all'improvviso, e
camminando con quella velocit, non rimaneva alcun mezzo per
evitarli.
Riuscite a dominare la barra, signor J asper? domand la
signora Barnett durante una breve tregua della tempesta.
No, signora, rispose il tenente, e dovete tenervi pronta a
ogni avvenimento.
Sono pronta rispose semplicemente quella donna
coraggiosa.
In quel momento si ud come uno schianto. Fu un rumore
assordante. La vela sventrata dal vento vol via come un vapore
bianco. Il canotto, spinto dalla velocit acquistata, fil ancora per
alcuni istanti, poi si arrest sballottato dalle onde come un relitto di
naufragio. J asper Hobson e Paolina Barnett si sentirono perduti.
Venivano spaventosamente scrollati, sbalzati dalle loro panche,
ammaccati e feriti. Non vi era a bordo neppure un pezzo di tela che si
potesse spiegare al vento; perci i due disgraziati in quei nuvoloni
scuri, in mezzo a quel rovescio di neve e di pioggia, si vedevano a
stento e non potevano neppure comunicare; ad ogni istante si
sentivano vicini alla morte e rimasero cos, per un'ora forse,
raccomandandosi alla provvidenza che sola ormai poteva salvarli.
Quanto tempo rimasero in quel modo, sballottati dalle acque
furiose? Non avrebbero potuto dirlo, quando avvenne un urto
violento.
Il canotto era stato scagliato contro un enorme iceberg, un masso
galleggiante dalle falde ripide e sdrucciolevoli sulle quali le mani
non avrebbero trovato presa. Quell'urto improvviso, che non era stato
possibile evitare, spacc la prua del canotto e l'acqua vi penetr a
torrenti.
Coliamo a picco! coliamo a picco! grid J asper Hobson.
Infatti, il canotto si inabissava e gi l'acqua era giunta all'altezza
delle panche.
Signora, signora! esclam il tenente; io sono qua
rimarr vicino a voi
No, signor J asper, rispose Paolina Barnett, da solo potete
salvarvi, periremmo insieme lasciatemi, lasciatemi.
Mai!
Ma il tenente aveva appena proferito questa parola che il canotto,
colpito da un nuovo cavallone, colava a picco.
Entrambi disparvero nel gorgo formato dall'inabissamento
improvviso del battello. Ma dopo alcuni istanti tornarono a galla.
J asper Hobson nuotava vigorosamente con un braccio, sostenendo la
sua compagna con l'altro. Ma era evidente che non avrebbe potuto
lottare a lungo contro i marosi e ad un certo punto avrebbe dovuto
soccombere insieme con colei che voleva salvare.
A un certo punto, per, la sua attenzione venne attratta da suoni
curiosi; non erano grida di uccelli spaventati, ma un richiamo
proferito da una voce umana. J asper Hobson, sollevandosi sui flutti
con un supremo sforzo, gett un rapido sguardo intorno a s.
Ma non vide nulla in quella fitta nebbia. Eppure egli udiva ancora
le grida che si avvicinavano. Chi era cos ardimentoso da osare
venirgli incontro in quel frangente? Ma qualsiasi tentativo facessero,
sarebbero giunti troppo tardi. Imbarazzato dalle sue vesti, il tenente
si sentiva travolto con la disgraziata, della quale non poteva pi
sostenere la testa fuori dell'acqua.
Allora, obbedendo a un ultimo istinto, J asper Hobson mand un
grido straziante, poi scomparve sotto un'enorme ondata.
Ma il tenente non si era ingannato: tre uomini che si trovavano sul
lago, essendosi accorti che il canotto era in difficolt, si slanciarono
in suo soccorso. Quegli uomini, i soli che potessero sfidare senza
correre pericoli quelle acque furiose, montavano le sole imbarcazioni
che potessero resistere all'uragano.
Erano eschimesi solidamente legati ciascuno al proprio kayak. Il
kayak una lunga piroga incurvata e con le due estremit rivolte
verso l'alto, fatta con una armatura estremamente leggera, sulla quale
sono tese pelli di foca ben ricucite con nervi di vitelli marini. La
parte superiore del kayak pure coperta di pelli in tutta la sua
lunghezza, salvo nel mezzo, dove nell'apertura formata si colloca
l'eschimese. Egli allaccia la veste impermeabile intorno all'apertura e
fa un corpo solo con la piroga, in modo che non penetri neppure una
goccia d'acqua. Questo kayak, agile e leggero, sempre a cavallo sulle
onde, insommergibile, pu capovolgersi, ma con un colpo di pagaia
pu essere raddrizzato facilmente. Pu cos resistere, e resiste infatti,
dove le altre imbarcazioni inevitabilmente verrebbero sconquassate.
I tre eschimesi giunsero appena in tempo sul luogo del naufragio,
guidati dall'ultimo disperato grido del tenente. J asper Hobson e
Paolina Barnett, quasi soffocati, sentirono tuttavia che una vigorosa
mano li traeva dall'abisso, ma in quella oscurit non poterono
riconoscere i loro salvatori.
Uno di quegli eschimesi prese il tenente e lo pose di traverso sulla
sua barca, e un altro fece lo stesso con Paolina Barnett; e i tre kayak,
abilmente guidati da pagaie lunghe circa due metri, filarono
rapidamente sulle onde schiumose.
Mezz'ora dopo i due naufraghi venivano adagiati su una spiaggia
sabbiosa, a tre miglia dal forte Confidence.
Solo il vecchio marinaio non aveva fatto ritorno.
CAPITOLO X
UN RITORNO SUL PASSATO
VERSO LE dieci di sera Paolina Barnett e J asper Hobson
picchiavano alla porta del forte. Fu una vera festa il rivederli, poich
tutti ormai li credevano perduti. Ma alla gioia subentr un profondo
dolore quando venne annunciata la morte del vecchio Norman. Il
brav'uomo era amato da tutti, e la sua memoria fu onorata con i pi
vivi rimpianti. Quanto ai coraggiosi eschimesi, dopo aver ricevuto
flemmaticamente gli affettuosi ringraziamenti del tenente e della sua
compagna, non avevano nemmeno voluto andare al forte. Ci che
essi avevano fatto pareva loro una cosa naturalissima; non erano
infatti al loro primo salvataggio, e avevano immediatamente ripreso
l'avventurosa corsa su quel lago che percorrevano giorno e notte
dando la caccia alle lontre e agli uccelli acquatici.
La notte successiva al ritorno di J asper Hobson, l'indomani primo
giugno e la notte dall'1 al 2, furono interamente consacrate al riposo.
Il piccolo drappello ne approfitt al massimo, ma il tenente fu
risolutamente deciso a partire all'alba del 2 giugno, e per fortuna la
tempesta si calm.
Il sergente Felton aveva messo a disposizione del distaccamento
tutto il forte. Alcune mute di cani furono sostituite, e al momento
della partenza J asper Hobson trov le slitte schierate in bell'ordine
dinanzi al recinto.
Si fecero gli ultimi addii e ciascuno ringrazi il sergente Felton
che si era mostrato squisitamente ospitale: Paolina Barnett non fu
l'ultima a dimostrargli la propria gratitudine. Una forte stretta di
mano data dal sergente Felton al cognato Long chiuse la cerimonia.
Ogni coppia sal nella slitta che le era stata assegnata; Paolina
Barnett era questa volta con J asper Hobson; Madge e il sergente
Long li seguivano.
Stando al consiglio dato dal capo indiano, J asper Hobson decise di
raggiungere la costa americana per la via pi breve, tagliando in linea
retta tra il forte Confidence e il litorale.
Consultate le carte che davano solo approssimativamente la
configurazione del territorio, egli ritenne giusto di discendere verso
la valle del Coppermine, corso d'acqua di una certa importanza che si
getta nel golfo Coronation.
Tra il forte Confidence e la foce del fiume la distanza al
massimo di un grado e mezzo, ossia da 85 a 90 miglia. Il profondo
incavo che forma il golfo termina a nord con il capo Krusenstern, e
dopo quel capo la costa muove diritta a ovest fino a quando supera il
70 parallelo con la punta Bathurst.
J asper Hobson cambi allora la direzione che aveva seguito fino
allora, e si diresse a est in modo da giungere in poche ore al corso
d'acqua, seguendo la linea retta.
Si giunse al fiume il giorno dopo, 3 giugno, nelle prime ore del
pomeriggio. Il Coppermine, dalle acque limpide e rapide sgombre
allora di ghiaccio, scorreva in una larga vallata, percorsa da un gran
numero di capricciosi fiumiciattoli facilmente guadabili. Le slitte
camminavano dunque abbastanza rapidamente, e mentre la muta li
trascinava, J asper Hobson incominci a raccontare alla compagna la
storia del paese che stavano attraversando. Un'intimit vera, una
sincera amicizia, favorita dalla loro situazione e dai loro anni, si era
ormai stabilita fra il tenente Hobson e la viaggiatrice.
A Paolina Barnett piaceva conoscere sempre nuove cose, e avendo
l'istinto delle scoperte, amava sentire parlare di esploratori.
J asper Hobson, che conosceva a memoria l'America
settentrionale, pot pienamente soddisfare la curiosit della sua
compagna.
Novantanni fa circa, le disse, tutto questo territorio
attraversato dal fiume Coppermine era ancora sconosciuto, e
dobbiamo la sua scoperta agli agenti della Compagnia della baia di
Hudson. Solo, come accade quasi sempre nel mondo scientifico,
cercando una cosa se ne scopre un'altra. Colombo cercava l'Asia, e
trov l'America.
E che cosa cercavano gli agenti della Compagnia? Forse il
famoso Passaggio di nord-ovest?
No, signora, rispose il giovane tenente. Un secolo fa la
Compagnia non aveva alcun interesse a scoprire questa via di
comunicazione, che sarebbe stata pi utile ai suoi concorrenti che
non ad essa. Si pensa anzi che nel 1741 un certo Christophe
Middleton, incaricato di esplorare quei luoghi, fu accusato di aver
ricevuto 5000 sterline dalla Compagnia per affermare che la
comunicazione per mare fra i due oceani non esisteva e non poteva
esistere.
Questo non torna certo ad onore della celebre Compagnia,
rispose la signora Paolina Barnett.
N io la difendo; aggiunger anzi che il Parlamento biasim
severamente la sua condotta, quando nel 1745 promise un premio di
20.000 sterline a chiunque scoprisse il passaggio in questione. Perci
si videro nello stesso anno due intrepidi viaggiatori, William Moor e
Francis Smith, spingersi fino alla baia Repulse, sperando di scoprire
il passaggio tanto agognato. Ma non riuscirono nella loro impresa, e
dopo un anno e mezzo dovettero ritornare in Inghilterra.
Ma altri capitani audaci e convinti non si slanciarono subito
sulle loro tracce?
No, signora, e per quasi trent'anni, nonostante l'importante
ricompensa promessa dal Parlamento, non fu fatto alcun tentativo di
esplorazione geografica in quella parte del continente americano o
meglio dell'America inglese, poich questo il nome che bisogna
darle. Solo nel 1769 un agente della Compagnia tent di riprendere i
lavori di Moor e di Smith.
La Compagnia si era dunque pentita delle sue idee grette ed
egoistiche, signor J asper?
No, signora, non ancora. Samuel Hearne, questo il nome
dell'agente, non aveva altra missione se non quella di conoscere
l'ubicazione di una miniera di rame che i corrieri indigeni avevano
segnalato. E fu il 6 novembre 1769 che questo agente lasci il forte
del Principe di Galles, posto sul fiume Churchill presso la costa
occidentale della baia di Hudson. Samuel Hearne si inoltr
arditamente verso nord-ovest, ma il freddo divenne cos rigido che,
come ebbe finito i viveri, dovette ritornarsene al forte del Principe di
Galles. Per fortuna non era un uomo che si scoraggiava. Il 23
febbraio dell'anno seguente riparti portando con s alcuni indiani.
Enormi furono le fatiche di questo viaggio, poich vennero meno la
selvaggina e il pesce, su cui Samuel Hearne contava; e gli accadde
persino di stare sette giorni senza mangiare altro che frutti selvatici,
pezzi di vecchio cuoio e ossi bruciati. E di nuovo l'intrepido
viaggiatore fu costretto a ritornare alla stazione di partenza senza
aver ottenuto alcun risultato. Non si perse d'animo; parti una terza
volta il 7 dicembre 1770, e dopo diciannove mesi di lotta, il 13 luglio
1772 scopr il fiume Coppermine, che segu fino alla foce, dove egli
afferm d'aver visto il mare libero. Era la prima volta che qualcuno
giungeva alla costa settentrionale dell'America.
Ma il Passaggio di nord-ovest, vale a dire quella
comunicazione diretta fra l'Atlantico e il Pacifico non era gi stata
scoperta?
No, signora, rispose il tenente; e quanti avventurosi la
cercarono poi! Phipps nel 1773, J ames Cook e Clerke dal 1776 al
1779, Kotzebue dal 1815 al 1817, Ross, Parry, Franklin e tanti altri si
consacrarono, ma inutilmente, a questa difficile impresa. E bisogna
arrivare agli esploratori dei tempi nostri, all'intrepido Mac Clure, per
trovare il solo uomo che sia veramente passato dall'uno all'altro
oceano, attraversando il mare polare.
Infatti, rispose Paolina Barnett, un avvenimento
geografico di cui noi inglesi andiamo fieri! Ma ditemi, la Compagnia
della baia di Hudson, venuta a pi generose idee, non ha incoraggiato
un altro viaggiatore dopo Samuel Hearne?
Lo ha fatto, signora, ed per merito suo che il capitano
Franklin pot compiere il suo viaggio dal 1819 al 1822 precisamente
tra il fiume di Hearne e il capo Turnagain. Questa esplorazione non si
comp senza fatica e senza dolori. Pi volte venne a mancare il cibo
ai viaggiatori. Due canadesi, assassinati dai loro compagni, furono
addirittura divorati. Nonostante simili fatti e sofferenze inaudite, il
capitano Franklin percorse ben 5550 miglia in quella parte ancora
sconosciuta del litorale dell'America settentrionale.
Doveva essere un uomo di rara energia! aggiunse Paolina
Barnett, e ne diede prove, nonostante tutto quello che aveva gi
sofferto, quando parti un'altra volta alla conquista del Polo Nord.
S, rispose J asper Hobson, e l'audace esploratore trov
sul luogo stesso delle sue scoperte una morte crudele. Ma ormai
certo che non tutti i compagni di Franklin perirono con lui. Molti di
quei disgraziati errano certamente ancora fra quelle gelide solitudini!
Ah! io non posso pensare a questo terribile abbandono senza sentirmi
stringere il cuore. E verr il giorno, signora Barnett, aggiunse il
tenente con singolare commozione e fermezza, verr il giorno in
cui io percorrer quelle terre sconosciute in cui si comp, la funesta
catastrofe e
E in quel giorno, rispose Paolina Barnett stringendo la mano
del tenente, vi sar compagna nella vostra esplorazione. S, anche
a me venne pi volte questa idea e il mio cuore si commuove al
pensiero che compatrioti inglesi possano aspettare forse un
soccorso
Che giunger troppo tardi per la maggior parte di quei
disgraziati, ma in tempo tuttavia per qualcuno, siatene certa..
Iddio vi ascolti, signor Hobson; aggiunger che gli agenti della
Compagnia, poich vivono vicino al litorale, mi sembrano in miglior
condizione di ogni altro per tentare di compiere questo dovere di
umanit.
Anch'io sono della vostra opinione, signora, poich questi
agenti sono inoltre abituati ai rigori dei continenti artici, e lo hanno
dimostrato in molte occasioni. Non furono essi che assistettero il
capitano Back nel suo viaggio del 1834, viaggio durante il quale
venne scopertala terra di re Guglielmo, quella terra in cui avvenne
precisamente la catastrofe di Franklin? E non furono forse due dei
nostri, il coraggioso Dease e Simpson che il Governatore della baia
di Hudson incaric specialmente nel 1838 di esplorare le rive del
mare polare; esplorazione durante la quale la terra Vittoria venne
scoperta per la prima volta? Credo dunque che l'avvenire riserbi alla
nostra Compagnia la conquista definitiva del continente artico. A
poco a poco le sue stazioni si spingeranno verso il Nord, necessario
rifugio degli animali da pelliccia, e verr il giorno in cui sorger un
forte al polo stesso, in quel punto in cui si incrociano tutti i meridiani
del globo.
Durante questa conversazione e molte altre fatte in seguito, J asper
Hobson raccont le sue avventure da quando egli era al servizio della
Compagnia; le sue lotte con i concorrenti delle agenzie rivali, i suoi
tentativi di esplorazioni nei territori sconosciuti del Nord e
dell'Ovest. Dal canto suo Paolina Barnett narr le proprie
peregrinazioni attraverso le regioni intertropicali. Disse tutto quanto
aveva fatto e tutto quanto contava di fare un giorno. Fra il tenente e
la viaggiatrice si venne a creare un piacevole scambio di idee e di
esperienze che rallegr le lunghe ore di viaggio.
Mentre le slitte, trainate al galoppo dai cani, si dirigevano verso
nord, la valle del Coppermine si allargava in prossimit del Mare
Artico: le colline laterali meno scoscese si abbassavano a poco a
poco; alcuni gruppi di alberi resinosi rompevano qua e l la
monotonia di quei paesaggi cos particolari. Alcuni ghiacci portati
dal fiume resistevano ancora al sole, ma il loro numero diminuiva
ogni giorno di pi, e un canotto o anche una piccola imbarcazione
avrebbe potuto scendere senza fatica la corrente di quel fiume al
quale nessun naturale ostacolo, nessun agglomerato di rocce
impediva il corso. Il letto del Coppermine era largo e profondo. Le
sue acque limpidissime alimentate dallo scioglimento delle nevi
scorrevano rapidamente, ma senza mai formare tumultuose correnti.
Il suo corso, sinuosissimo a monte, a poco a poco si faceva pi diritto
per una distesa di molte miglia.
Quanto alle rive, allora larghe e piatte, fatte di sabbia fine e dura,
in alcuni luoghi coperta da un'erbetta secca e breve, erano adatte allo
scivolare delle slitte e allo snodarsi della lunga serie degli equipaggi.
Non vi erano rocce, perci era facile per le mute trainare le slitte su
quel terreno piano.
Il drappello avanzava dunque rapidissimo. Si camminava notte e
giorno se questa espressione pu riferirsi a una regione sulla quale il
sole, tracciando un cerchio quasi orizzontale, a mala pena
scompariva. La vera notte non durava pi di due ore in quella
latitudine, e l'alba, in quella stagione, succedeva quasi
immediatamente al crepuscolo. D'altra parte il tempo era bello, e il
cielo puro, sebbene annebbiato all'orizzonte; la comitiva stava
compiendo il suo viaggio in condizioni eccellenti. Per due giorni
venne seguito senza difficolt il corso del Coppermine: i dintorni del
fiume erano poco popolati da quadrupedi, ma gli uccelli vi
abbondavano e si sarebbero potuti contare a migliaia. Questa assenza
quasi totale di martore, di castori, di ermellini, di volpi e simili
preoccupava il tenente, il quale si domandava se quei territori non
fossero gi stati abbandonati come quelli del Sud dalla popolazione
dei carnivori e dei roditori a cui si dava una caccia troppo spietata. La
cosa era probabile, poich si incontravano di frequente resti di
accampamenti, fuochi spenti che testimoniavano il passaggio pi o
meno recente dei cacciatori indigeni o stranieri.
J asper Hobson si stava accorgendo che avrebbe dovuto spostare le
sue esplorazioni pi a nord e che avrebbe fatto solo una parte del
viaggio quando fosse giunto alla foce del Coppermine. Perci non
vedeva l'ora di arrivare in quel punto del litorale intravisto da Samuel
Hearne e affrettava quanto pi poteva la corsa della comitiva.
Del resto tutti erano impazienti come J asper Hobson, e tutti si
affrettavano per giungere al pi presto sulle rive del Mare Artico.
Un'attrazione indescrivibile spingeva innanzi quegli ardimentosi. Il
fascino dell'ignoto acquistava un valore immenso ai loro occhi. Forse
le vere fatiche dovevano incominciare appunto su quella costa tanto
desiderata: ma non importava; tutti avevano fretta di sfidare
quell'ignoto, e di muovere direttamente verso la meta. Quel viaggio
che facevano allora non era altro che una passeggiata attraverso un
paese che li interessava direttamente; solo dalle rive del Mare Artico
sarebbe incominciata la vera ricerca; perci ciascuno voleva gi
essere al pi presto in quei luoghi segnati, a qualche centinaio di
miglia verso ovest, dal 70 parallelo.
Finalmente il 5 giugno, vale a dire quattro giorni dopo aver
lasciato il forte Confidence, il tenente J asper Hobson vide il
Coppermine allargarsi notevolmente; la costa occidentale si svolgeva
seguendo una linea lievemente curva e correva quasi direttamente a
nord; a est, invece, si arrotondava fino agli estremi confini
dell'orizzonte. J asper Hobson si arrest subito e accenn ai compagni
il mare senza confini.

CAPITOLO XI
LUNGO LA COSTA
IL LARGO estuario, al quale il drappello giungeva dopo sei
settimane di viaggio, formava un seno trapezoidale nettamente
tagliato nel continente americano. All'angolo ovest si apriva la foce
del Coppermine; all'angolo est, invece, c'era uno scavo profondo,
chiamato Entrata di Bathurst. Da questo lato la riva,
capricciosamente frastagliata a festoni, con seni e anse, irta di capi
aguzzi e di promontori scoscesi, si andava a perdere in quel labirinto
di stretti, di canali, di passi, che d alle carte del continente polare un
cos bizzarro aspetto. Dall'altro lato, sulla sinistra dell'estuario,
partendo dalla foce stessa del Coppermine, la costa risaliva a nord e
terminava con il capo Krusenstern.
Quell'estuario portava il nome di golfo Coronation e le sue acque
erano seminate di isole, isolette, isolotti che costituivano l'arcipelago
del Duca di York.
Dopo essersi consigliato con il sergente Long, J asper Hobson
decise di accordare in questo luogo un giorno di riposo ai suoi
compagni.
L'esplorazione propriamente detta, che doveva permettere al
tenente di trovare il luogo adatto per costruire la stazione di una
agenzia commerciale, stava per incominciare. La Compagnia aveva
raccomandato al suo agente di tenersi il pi possibile al disopra del
70 parallelo, e sulle coste del Mare Artico. Ora, per adempiere al
suo mandato, il tenente non poteva cercare se non a ovest un punto
che fosse cos elevato in latitudine e che appartenesse al continente
americano. Infatti, verso est, tutte quelle terre divise fanno piuttosto
parte del continente artico, eccetto forse le terre di Boothia,
nettamente tagliate da questo 70 parallelo, ma la cui conformazione
geografica ancora molto incerta.
Presa la longitudine e la latitudine, J asper, dopo aver rilevato la
sua posizione sulla carta, vide che si trovava ancora a pi di cento
miglia al disotto del 70 parallelo.
Ma di l dal capo Krusenstern la costa, correndo verso nord-est, si
incrociava facendo un angolo brusco con il 70 parallelo, all'incirca
sul 130 meridiano, e precisamente all'altezza del capo Bathurst,
indicato come luogo di appuntamento con il capitano Craventy. A
quel punto dunque bisognava giungere, e quivi si sarebbe costruito il
nuovo forte, se il luogo fosse stato adatto per un centro commerciale.
L, sergente Long, disse il tenente mostrando al sottufficiale
la carta delle regioni polari, l avremo quelle condizioni che ci
sono state imposte dalla Compagnia. In quel luogo il mare, libero per
la maggior parte dell'anno, permetter alle navi dello stretto di Bering
di arrivare fino al forte, di approvvigionarlo e di esportarne i prodotti.
Senza contare, aggiunse il sergente Long, che i nostri
uomini, allorch saranno stabiliti di l dal 70 parallelo, avranno
diritto a paga doppia!
Questo sottinteso, disse il tenente, e credo che essi
accetteranno senza lamentarsi.
Ebbene, tenente, non ci resta altro che partire alla volta del
capo Bathurst.
Ma, essendo stato accordato un giorno di riposo, la partenza non
ebbe luogo che il giorno successivo, 6 giugno.
Questa seconda parte del viaggio doveva essere, e fu infatti, molto
diversa dalla prima. Le disposizioni, che avevano regolato fino allora
il viaggio delle slitte, non erano state osservate e ciascuna muta
andava a modo suo. Si camminava per poche ore durante la giornata,
arrestandosi a ogni angolo della costa, e il pi delle volte si
camminava a piedi. Una sola raccomandazione era stata fatta dal
tenente Hobson ai suoi compagni, quella di non allontanarsi pi di tre
miglia dal litorale e di unirsi tutti in drappello, due volte al giorno, a
mezzogiorno, e a sera; alla notte poi si poneva l'accampamento.
Il tempo era allora costantemente bello, e la temperatura elevata,
anche se si manteneva in media a 59 F ( +15 C). Solo due o tre
volte scoppiarono improvvise tempeste di neve; ma siccome
durarono poco, la temperatura non si modific di molto.
Tutta quella parte della costa americana compresa fra il capo
Krusenstern e il capo Parry, che si estende per uno spazio di oltre
250 miglia, fu dunque studiata con grandissima cura dal 6 al 20
giugno. La ricognizione geografica di questa regione non lasci nulla
a desiderare, e J asper Hobson, felicemente aiutato in questa
operazione da Tommaso Black, pot perfino rettificare qualche
errore del rilievo idrografico; e le terre circostanti furono altrettanto
bene studiate, specialmente quelle che potevano interessare la
Compagnia della baia di Hudson.
Ma questi territori erano poi davvero ricchi di selvaggina? Si
poteva far conto con certezza sia sugli animali domestici sia sugli
animali da pelliccia? I soli prodotti del luogo avrebbero consentito di
approvvigionare un centro commerciale almeno durante l'estate?
Questo era il grave dilemma che il tenente Hobson si proponeva, e
che, a buon diritto, gli dava da pensare. Ecco ora quello che egli
not.
La selvaggina propriamente detta, quella che il caporale J oliffe
preferiva, non era per nulla abbondante in quei luoghi. Certamente
non mancavano i volatili, appartenenti alla numerosa famiglia delle
anitre; ma la specie dei roditori era scarsamente rappresentata da
alcune lepri polari, che ben difficilmente si lasciavano avvicinare. Al
contrario, gli orsi dovevano essere abbastanza numerosi in quella
parte del continente americano. Sabine e Mac Nap avevano pi volte
scoperto tracce recenti del passaggio di quei carnivori.
Ne furono scorti alcuni, e furono seguite le orme, ma essi si
tenevano sempre a rispettosa distanza. In ogni caso, era per certo
che, durante la stagione rigida, quegli animali affamati, venendo da
latitudini elevate, dovevano frequentare assiduamente le spiagge del
Mare Artico.
Ora, diceva il caporale J oliffe, sempre preoccupato per il
problema degli approvvigionamenti, quando l'orso nella
dispensa una specie di selvaggina da non disdegnare, via; ma
quando non c' ancora una selvaggina molto pericolosa, e che in
ogni caso non domanda che di far subire a voi cacciatori la sorte che
gli preparate!
Non avrebbe potuto parlare pi saggiamente. Gli orsi non
potevano offrire una provvista sicura ai forti. Fortunatamente quel
territorio era frequentato da numerose mandrie di animali pi utili
degli orsi, eccellenti da mangiare, e di cui alcune trib di eschimesi e
di indiani fanno il loro principale nutrimento. Questi animali sono le
renne, e il caporale J oliffe pot accertare con evidente soddisfazione
che tali ruminanti abbondavano in quella parte del litorale. La natura
aveva fatto di tutto per attirarveli, facendo crescere una specie di
lichene di cui la renna estremamente ghiotta, e che essa sa
destramente scoprire sotto la neve perch costituisce la sua unica
alimentazione nell'inverno.
J asper Hobson fu soddisfatto come il caporale, vedendo in alcuni
luoghi le impronte lasciate da quei ruminanti; impronte facilmente
riconoscibili, poich lo zoccolo della renna invece di avere una
superficie piana nella sua faccia interna, ha una superficie convessa,
disposizione analoga a quella del cammello. Si videro persino
mandrie piuttosto numerose di questi animali, che, errando allo stato
selvaggio in certe parti dell'America, si riuniscono sovente in numero
di parecchie migliaia.
Esse si lasciano addomesticare con facilit, e rendono allora
grandi servizi ai vari forti, sia fornendo un latte eccellente e pi
nutriente di quello delle giovenche, sia per il traino delle slitte.
Morte, sono altrettanto utili, poich la loro pelle, molto compatta,
serve a fare indumenti, il loro pelo d un filo resistente, e la loro
carne saporita: certo non esiste animale pi prezioso in quelle
regioni. L'accertata presenza delle renne doveva incoraggiare J asper
Hobson nel suo progetto di fondare un nuovo centro commerciale in
quel punt del territorio.
Ebbe inoltre ragione di essere soddisfatto per quanto riguardava
gli animali da pelliccia, perch sui numerosi corsi d'acqua si
trovavano molte capanne di castori e di ondatre, e i tassi, le linci, gli
ermellini, le martore, i visoni frequentavano quei luoghi molto
tranquillamente per l'assenza dei cacciatori.
La presenza dell'uomo in quei luoghi non si era fatta notare in
nessun modo, e gli animali sapevano di potervi trovare un asilo. Si
osservarono anche orme di quelle magnifiche volpi azzurre e
argentate, specie che va scemando ogni giorno di pi, e la cui pelle si
paga, per cos dire, a peso d'oro. Sabine e Mac Nap ebbero
occasione, durante quella esplorazione, di sparare a qualche animale
dalla pelliccia pregiata. Ma il tenente aveva proibito, saggiamente,
ogni specie di caccia, non volendo spaventare quegli animali prima
della stagione propizia, cio, prima dei mesi d'inverno, durante i
quali il loro pelo diventa pi folto e naturalmente pi bello. D'altra
parte, era inutile sovraccaricare le slitte. Sabine e Mac Nap
compresero quelle buone ragioni; tuttavia la loro mano faceva fatica
a stare ferma quando vedevano alla portata del fucile una martora,
uno zibellino o qualche preziosa volpe; ma gli ordini di J asper
Hobson erano severi, e il tenente non era certo indulgente in simili
occasioni.
Le fucilate dei cacciatori durante quel secondo periodo del viaggio
non ebbero dunque per bersaglio che alcuni orsi polari, che si
facevano vedere qualche volta ai fianchi del drappello. Ma quei
carnivori, non essendo spinti dalla fame, fuggivano prontamente, e la
loro presenza non caus alcun grave conflitto. Tuttavia, se i
quadrupedi del territorio poterono stare tranquilli anche con l'arrivo
del distaccamento, i volatili non godettero degli stessi riguardi, e
pagarono le spese per tutto il regno animale.
Furono uccise aquile dalla testa bianca, enormi uccelli dall'acuto
strido, falchi-pescatori, di solito rannicchiati nei tronchi degli alberi
morti, e che durante l'estate risalgono fino alle latitudini artiche; oche
di neve, di un candore bellissimo, bernacle selvatiche, il miglior
campione della trib delle anserinee, assai pregiato dal punto di vista
commestibile; anitre dalla testa rossa e dal petto nero, cornacchie
cenerine, specie di gazze beffatrici di una bruttezza poco comune,
edredoni, macrose e molti altri esemplari di quella specie alata che
con le sue grida riempiva di echi le spiagge artiche.
Questi uccelli vivono a milioni in quei luoghi remoti, e il loro
numero sul litorale del Mare Artico non si pu assolutamente
calcolare nemmeno per approssimazione.
Si pu facilmente asserire che i cacciatori, cui era vietata la caccia
ai quadrupedi, si buttarono con frenesia su quel mondo di volatili.
Parecchie centinaia di uccelli, la maggior parte appartenenti alla
specie commestibile, furono uccise durante i primi quindici giorni, e
aggiunsero al solito pasto di corn-beef e di biscotto un cibo che fu
molto apprezzato.
Cos dunque non mancavano gli animali in quel territorio. La
Compagnia avrebbe potuto riempire i suoi magazzini, e il personale
del forte avrebbe certamente avuto di che occuparsi. Ma non
bastavano queste due condizioni per assicurare l'avvenire della nuova
stazione; in un paese a una latitudine cos elevata occorreva, e
abbondantemente, il combustibile necessario per combattere i rigori
degli inverni artici.
Per una felice combinazione il litorale era boschivo. Le colline
dietro la costa si mostravano coronate di alberi verdi, fra cui
dominava il pino. Erano agglomerati importanti di quelle piante
resinose, ai quali si poteva dare in alcuni luoghi il nome di foreste.
Qualche volta anche J asper Hobson not gruppi isolati di salici, di
pioppi, di betulle nane e numerosi boschetti di corbezzoli. In quella
calda stagione tutti gli alberi erano verdeggianti, cosicch lo sguardo
avvezzo agli aspri e nudi profili dei paesaggi polari ne restava
affascinato. Il suolo, ai piedi delle colline, si copriva di un'erbetta
corta, che le renne mangiavano con avidit e che doveva nutrirle
durante l'inverno.
Il tenente non poteva che rallegrarsi di aver cercato a nord-ovest
del continente americano un nuovo territorio di caccia.
Ma se gli animali non mancavano in quel vasto territorio, di
uomini non vi era neppure l'ombra. Non si vedevano n eschimesi, le
cui trib visitano pi volentieri i distretti vicini alla baia di Hudson,
n indiani, che normalmente non si arrischiano molto oltre il circolo
polare. E infatti, a quella distanza, i cacciatori possono esser colti
dalle intemperie, da improvvise riprese dell'inverno e trovarsi cos
del tutto isolati dal resto del mondo. Come si pu immaginare, il
tenente Hobson non si lagn certo dell'assenza dei suoi simili, poich
non avrebbe potuto trovare che rivali.
Egli cercava un paese disabitato, un deserto, nel quale dovevano
andare a rifugiarsi gli animali da pelliccia; e su questo J asper Hobson
faceva le pi sensate osservazioni a Paolina Barnett, la quale si
interessava vivamente alla buona riuscita dell'impresa. La
viaggiatrice, che non dimenticava di essere ospite della Compagnia
della baia di Hudson, faceva naturalmente voti per il buon successo
dei progetti del tenente.
Si pu quindi pensare al disappunto di J asper Hobson, quando il
mattino del 20 giugno si trov dinanzi un accampamento che era
stato pi o meno recentemente abbandonato. Esso era in fondo a una
piccola e stretta baia, che porta il nome di baia Darnley, e la cui
punta pi avanzata a ovest formata dal capo Parry.
Si vedevano in questo luogo, alle falde di una collinetta, alcuni
piuoli, che erano serviti a tracciare una specie di perimetro circolare,
e ceneri fredde ammucchiate vicino ai focolari spenti.
Tutto il drappello si era riunito vicino all'accampamento;
comprendevano tutti che una tale scoperta doveva dispiacere molto al
tenente Hobson.
Ecco una circostanza antipatica, disse infatti; avrei
certamente preferito trovare sul mio cammino una famiglia di orsi
polari!
Ma qualsiasi persona si sia accampata in questo luogo,
rispose Paolina Barnett, senza dubbio lontana e probabilmente
ha gi fatto ritorno ai soliti territori di caccia nel Sud.
Secondo i casi, signora Barnett, rispose il tenente. Se
coloro di cui vediamo ora le tracce sono eschimesi, avranno piuttosto
continuato la loro strada verso il Nord. Se invece sono indiani, stanno
forse esplorando questo nuovo distretto di caccia come facciamo noi
stessi; e, ripeto, per noi veramente uno spiacevole contrattempo.
Ma, domand Paolina Barnett, non si potrebbe
riconoscere a quale razza appartengono questi viaggiatori? Non si
pu sapere se sono eschimesi o indiani del Sud? Mi pare che due
trib tanto differenti per costumi e per origine non usino la stessa
tecnica per costruire accampamenti.
Paolina Barnett aveva ragione; ed era possibile che l'importante
questione potesse venire risolta dopo una pi attenta ispezione
dell'accampamento.
J asper Hobson e alcuni dei suoi compagni si prepararono dunque
a queste ricerche, tentando di individuare minuziosamente qualche
traccia, qualche oggetto dimenticato, persino qualche impronta che
potesse metterli sulla buona via. Ma il terreno e le ceneri fredde non
avevano conservato sufficienti indizi, poich alcune ossa sparse qua e
l non significavano nulla. Perci il tenente, indispettito, stava per
tralasciare l'inutile esame, quando si sent chiamare dalla signora
J oliffe che si era spostata di un centinaio di passi sulla sinistra.
J asper Hobson, Paolina Barnett, il sergente, il caporale e qualche
altro si diressero subito verso la giovane canadese, che se ne stava
immobile osservando attentamente il terreno.
Quando le furono vicini:
Cercate alcune tracce? disse al tenente Hobson. Ebbene,
eccole! E la signora J oliffe mostr impronte di passi abbastanza
numerose e nettamente conservate sopra un suolo argilloso.
Quello poteva essere un indizio caratteristico, dato che i piedi
dell'indiano e dell'eschimese, come pure le loro calzature, sono
completamente differenti. Ma J asper Hobson fu soprattutto
impressionato dalla disposizione di quelle impronte. Esse
provenivano s, dalla pressione di un piede umano, d un piede
calzato, ma, cosa alquanto bizzarra, sembravano esser fatte con la
sola pianta del piede; il segno del tallone mancava. Per di pi, quelle
orme, sebbene contenute in un cerchio ristretto, erano singolarmente
ripetute, in alcuni punti ravvicinate, in altri incrociate.
J asper Hobson fece osservare ai compagni questa stranezza.
Questi non sono i passi di una persona che cammina, disse.
N di una persona che salta, giacch manca il tallone,
soggiunse Paolina Barnett.
No, rispose la signora J oliffe, sono i passi di una persona
che balla.
La signora J oliffe aveva certamente ragione. Esaminando bene
quelle impronte non si poteva pi dubitare che non fossero fatte dal
piede d'un uomo che si era lasciato andare a qualche esercizio
coreografico; e non gi ad un ballo pesante e compassato, ma
piuttosto a una danza leggera, amabile, festosa; una tale osservazione
era indiscutibile. Ma chi mai poteva essere l'individuo tanto giocondo
d'indole d'aver avuto l'idea o la necessit di ballare allegramente su
quell'estremo lembo del continente americano, a qualche grado sopra
il circolo polare?
Non certamente un eschimese, disse il tenente.
N un indiano! esclam il caporale J oliffe.
No! un francese! disse tranquillamente il sergente Long.
E stando al parere di tutti, non poteva essere altri che un francese
capace di ballare in quel punto del globo!
CAPITOLO XII
IL SOLE DI MEZZANOTTE
L'AFFERMAZIONE del sergente Long non era alquanto arrischiata?
Era evidente che in quel punto avevano danzato, ma come si poteva
concludere che solo un francese, anche conoscendo la sua
leggerezza, potesse eseguire quella danza?
Anche J asper Hobson fu del parere del sergente; parere che
nessuno del resto trov troppo arrischiato; tutti ritenevano che una
comitiva di viaggiatori, fra i quali vi era almeno un compatriota di
Vestris, avesse soggiornato di recente in quel luogo.
Si pu immaginare che questa scoperta non soddisfacesse gran
che il tenente, il quale dovette temere di essere stato preceduto da
concorrenti sui territori di nord-ovest dell'America inglese. Certo, per
quanto la Compagnia avesse tenuto segreto i propri progetti, questi
erano stati divulgati al centro del Canada e degli Stati Uniti.
Quando dunque riprese la marcia, per un istante interrotta, J asper
Hobson apparve particolarmente inquieto. Eppure, arrivato a quel
punto del suo viaggio, non poteva certo pensare di ritornare indietro.
Dopo questo incidente Paolina Barnett gli chiese:
Signor J asper, s'incontrano dunque ancora francesi sui territori
del continente artico?
S, signora, e se non proprio francesi, almeno, ed quasi
tutt'uno, canadesi, i quali discendono dagli antichi padroni del
Canada, al tempo in cui il Canada apparteneva alla Francia, e, a dir il
vero, costoro sono i nostri pi formidabili rivali.
Io credevo, soggiunse la viaggiatrice, che dopo aver
assorbito l'antica Compagnia di nord-ovest, la Compagnia della baia
di Hudson non avesse concorrenti sul continente americano.
Signora Barnett, se non esiste pi, oltre la nostra, nessuna
societ importante che si dedichi al traffico delle pellicce, si trovano
ancora associazioni private perfettamente indipendenti. In generale
sono societ americane che conservarono al loro servizio agenti o
discendenti di agenti francesi.
Questi agenti erano dunque molto stimati?
Certo, signora, e a buon diritto. Durante i novantaquattro anni
che dur la supremazia della Francia in Canada, quegli agenti
francesi si mostrarono costantemente superiori ai nostri. Bisogna
saper rendere giustizia anche ai propri rivali.
Soprattutto ai propri rivali! aggiunse Paolina Barnett.
S soprattutto A quel tempo i cacciatori francesi, lasciando
Montreal, loro principale centro, avanzavano verso il Nord pi
arditamente degli altri. Vivevano per anni interi in mezzo a trib di
indiani, talvolta sposavano indiane; venivano chiamati corridori di
boschi o viaggiatori canadesi e si trattavano fra loro come cugini
e fratelli. Erano uomini ardimentosi, abili, espertissimi nella
navigazione fluviale, eroici, incuranti e arrendevoli a tutto con quella
malleabilit propria della loro razza; leali, allegri e sempre pronti in
qualsiasi occasione a cantare e a danzare.
E voi immaginate che questa comitiva di viaggiatori, di cui
abbiamo visto le tracce, si sia spinta tanto oltre con lo scopo di dar la
caccia agli animali da pelliccia?
Non si pu ammettere nessun'altra ipotesi, signora Barnett;
certo quella gente va in cerca di nuovi territori di caccia. Ma poich
non esiste alcun mezzo per trattenerli, cerchiamo di giungere al pi
presto alla meta e lotteremo coraggiosamente contro ogni
concorrenza.
Il tenente Hobson aveva pensato a una probabile concorrenza, alla
quale del resto non poteva opporsi; e affrett il passo del drappello
per superare al pi presto il 70 parallelo. Forse, almeno lo sperava, i
suoi rivali non lo avrebbero seguito fino l.
Nei giorni successivi, la piccola comitiva ridiscese una ventina di
miglia verso sud per costeggiare pi facilmente la baia Franklin. Il
paese aveva sempre lo stesso aspetto verdeggiante ed era frequentato
dai quadrupedi e dagli uccelli gi incontrati, in gran numero; era
probabile che tutta l'estremit nordovest del continente americano
fosse popolata allo stesso modo.
Il mare che bagnava quel litorale si stendeva allora senza confini
davanti agli occhi, e d'altra parte le pi recenti carte non indicavano
nessuna terra a nord del litorale americano. Era il mare libero, e solo
i banchi di ghiaccio avevano impedito ai naviganti dello stretto di
Bering di spingersi fino al Polo.
Il 4 luglio il drappello, dopo aver girato intorno a un'altra baia
molto accentuata, la baia Wasburn, era giunto all'estrema punta di un
lago poco noto fino allora, che occupava solo una piccola superficie
del territorio, due miglia quadrate a mala pena. Era in verit solo un
vasto stagno di acqua dolce e non gi un lago.
Le slitte camminavano tranquillamente e facilmente. L'aspetto del
paese era allettante per chi voleva impiantare un nuovo centro
commerciale, ed era probabile che un forte situato all'estremit del
capo Bathurst, con alle spalle quello stagno, e dinanzi la grande via
dello stretto di Bering, vale a dire il mare sempre libero nei quattro o
cinque mesi della stagione calda, si sarebbe trovato in condizioni
favorevoli per l'esportazione e l'approvvigionamento.
Il giorno dopo, 5 luglio, alle tre del pomeriggio, il drappello si
arrestava finalmente all'estremit del capo Bathurst. Rimaneva da
fare il rilievo della esatta posizione di quel capo che le carte
ponevano al disopra del 70 parallelo.
Non ci si poteva fidare del rilievo idrografico di queste coste che
non si era ancora potuto effettuare con sufficiente precisione. J asper
Hobson decise di arrestarsi in quel luogo.
Chi ci impedisce di fermarci qui definitivamente? domand
il caporale J oliffe; converrete con me che il luogo meraviglioso.
Certo vi sembrer ancora pi bello, rispose Hobson, se vi
toccher una paga doppia, caporale.
Non vi dubbio, rispose il caporale J oliffe, e bisogna
conformarsi alle istruzioni della Compagnia.
Pazientate dunque fino a domani, e se, come io immagino,
questo capo Bathurst davvero situato di l dal 70 parallelo, vi
pianteremo le nostre tende.
Infatti il luogo era favorevole per fondarvi un centro commerciale.
Le sponde dello stagno, contornate da colline boschive, potevano
fornire abbondantemente i pini, le betulle e altri legnami necessari
alle costruzioni e al riscaldamento del forte.
Il tenente, essendosi inoltrato con qualcuno dei suoi fino
all'estremit del capo, osserv che a ovest la costa si incurvava
seguendo un arco molto allungato. Rive abbastanza elevate
racchiudevano l'orizzonte ad alcune miglia dalla costa. Quanto alle
acque dello stagno, ci si accorse che erano dolci e non salmastre,
come avrebbe potuto far credere la vicinanza del mare.
Del resto l'acqua dolce non sarebbe mancata alla colonia
nemmeno nel caso che quella dello stagno non fosse stata potabile
poich un rigagnolo, allora limpido e fresco, scorreva verso il Mare
Artico, dove si gettava per una stretta foce a qualche centinaio di
passi a sud-est del capo Bathurst.
Quella foce, protetta non da rocce, ma da un cumulo singolare di
terra e di sabbia, formava un porto naturale nel quale due o tre navi si
sarebbero trovate perfettamente al riparo dai venti del largo; questa
disposizione poteva essere molto vantaggiosa per l'ancoraggio dei
bastimenti che sarebbero venuti poi dallo stretto di Bering.
J asper Hobson, per galanteria verso la viaggiatrice, diede a quel
corso d'acqua il nome di Paolina-river, e al piccolo porto il nome di
Port-Bamett; della qual cosa la viaggiatrice si mostr molto lieta.
Costruendo il forte molto indietro dalla punta formata dal capo
Bathurst, la casa principale e i magazzini adiacenti si sarebbero
trovati senza dubbio riparati dai venti pi freddi, e la stessa altezza
del capo avrebbe contribuito a difenderli dai violenti chasse-neiges
che in poche ore possono seppellire abitazioni intere sotto le loro
enormi valanghe.
Lo spazio compreso fra il piede del promontorio e la riva dello
stagno era tanto ampio da contenere le costruzioni necessarie a un
forte. Si poteva anche circondarlo di una palizzata che si sarebbe
appoggiata alla parte bassa della riva e sopra il capo si poteva
costruire un fortino: lavori di semplice difesa, ma utili nel caso che
concorrenti pensassero di porre la loro dimora in quel territorio. Per
J asper Hobson, senza tuttavia pensare ancora a prendere misure di
sicurezza, osserv con soddisfazione che la difesa del luogo era
facile.
Il tempo era allora bellissimo e il calore abbastanza intenso. Non
si vedeva una nuvola n all'orizzonte, n allo zenit; solo non
bisognava cercare in quelle alte latitudini il limpido cielo dei paesi
temperati e dei paesi caldi. Nell'estate una lieve nebbiolina era di
continuo sospesa nell'atmosfera; ma nella stagione invernale, quando
le montagne di ghiaccio diventavano immobili, quando il rauco vento
del Nord percuoteva le rive, quando una notte di quattro mesi si
stendeva su quei continenti, che cosa doveva essere allora quel capo
Bathurst? Non uno dei compagni di J asper Hobson pensava a questo,
perch il tempo era superbo, il paesaggio verde, la temperatura calda
e il mare scintillante.
Un accampamento provvisorio, di cui le slitte fornirono il
materiale, era stato disposto per la notte sulle rive dello stagno. Fino
a sera Paolina Barnett, il tenente, lo stesso Tommaso Black e il
sergente Long percorsero la zona circostante in modo da studiare
bene la situazione, e trovarono che quel territorio era conveniente
sotto tutti gli aspetti. J asper Hobson non vedeva l'ora di fare i propri
calcoli per rilevare l'esatta posizione e per sapere esattamente se
aveva trovato quello che la Compagnia voleva.
Ebbene, tenente, gli disse l'astronomo, come ebbero
terminata l'esplorazione, ecco una regione veramente incantevole;
non avrei mai creduto che oltre il circolo polare si potesse trovare un
paese simile.
qui, signor Black, che si vedono i pi bei paesi del mondo,
rispose J asper Hobson, e io sono impaziente di stabilire la
latitudine e la longitudine di questo luogo.
La latitudine soprattutto, riprese a dire l'astronomo, che non
pensava ad altro se non alla futura eclissi, e io credo che i vostri
bravi compagni siano impazienti quanto voi, signor Hobson; doppia
paga, se vi riesce di stabilirvi di l dal 70 parallelo!
Ma voi stesso, signor Black, domand Paolina Barnett,
non avete un interesse, puramente scientifico s'intende, a superare
quel parallelo?
Senza dubbio, signora, sono interessato a superarlo, ma non
troppo. Stando ai nostri calcoli, che sono assolutamente esatti,
l'eclisse di sole che io devo osservare sar totale solo per un
osservatore posto appena di l dal 70 parallelo. Io sono dunque
impaziente al pari del nostro tenente di rilevare la posizione del capo
Bathurst.
Mi fate ricordare, signor Black, disse la viaggiatrice, che
questa eclisse di sole non deve accadere che il 18 luglio, se non
erro
S, signora, il 18 luglio 1860.
E siamo solo al 5 luglio 1859! Il fenomeno non avr dunque
luogo che fra un anno!
D'accordo, signora Barnett, rispose l'astronomo. Ma se io
fossi partito solo l'anno prossimo, converrete con me che avrei corso
il rischio di arrivare troppo tardi?
vero, signor Black, rispose J asper Hobson, e avete
fatto bene a partire un anno prima. In questo modo siete certo di non
perdere l'eclisse, poich, ve lo confesso, il nostro viaggio dal forte
Reliance al capo Bathurst stato compiuto in condizioni
favorevolissime ed eccezionali, tanto che abbiamo avuto pochi
incidenti, perci pochi ritardi. A dirvi il vero, io non contavo di
giungere in questa parte del litorale prima della met d'agosto. E se
l'eclisse avesse dovuto avvenire il 18 luglio 1859, vale a dire
quest'anno, avreste potuto anche perderla. E del resto non sappiamo
ancora se siamo davvero oltre il 70 parallelo.
Dunque, mio caro tenente, rispose Tommaso Black, sono
ben felice del viaggio che ho fatto in vostra compagnia, e aspetter
pazientemente l'eclisse fino all'anno venturo. La bionda Febe una
gran signora, e immagino che meriti l'onore di aspettarla!
L'indomani, 6 luglio, poco prima di mezzogiorno, J asper Hobson
e Tommaso Black avevano preso le loro disposizioni per ottenere il
rilievo rigorosamente esatto del capo Bathurst, vale a dire, la sua
posizione in longitudine e in latitudine. In quel giorno il sole
splendeva con tanta limpidezza che fu possibile rilevarne
rigorosamente i contorni. Inoltre in quel tempo dell'anno aveva
toccato la massima altezza sopra l'orizzonte, e perci il suo punto pi
alto durante il passaggio al meridiano doveva rendere pi facile
l'opera degli osservatori.
Gi fin dalla vigilia e al mattino, prendendo differenti altezze e
calcolando gli angoli orari, il tenente e l'astronomo avevano ottenuto
con estrema precisione la longitudine del luogo. Ma era la latitudine
ci che preoccupava soprattutto J asper Hobson. Infatti poco
importava il meridiano del capo Bathurst, se il capo si trovava di l
dal 70 parallelo.
Si avvicinava mezzogiorno. Tutti gli uomini della compagnia
circondavano gli osservatori che si erano muniti dei loro sestanti.
Quella brava gente aspettava il risultato dell'osservazione con una
impazienza che si pu facilmente comprendere. Infatti si trattava di
sapere se erano giunti alla meta del viaggio o se dovevano cercare in
un altro punto del litorale un territorio posto nelle condizioni chieste
dalla Compagnia.
Ora quest'ultima alternativa non avrebbe probabilmente dato alcun
risultato soddisfacente. Infatti stando alle carte, imperfette vero, di
quella parte del litorale americano, la costa, piegando dopo il capo
Bathurst verso ovest, ridiscendeva sotto il 70 parallelo, e lo
superava un'altra volta solo in quella parte dell'America russa, sulla
quale gli inglesi non avevano tuttavia alcun diritto di stabilirsi. Non
senza ragione J asper Hobson, dopo aver coscienziosamente studiato
la cartografia di quelle terre boreali, si era diretto verso il capo
Bathurst. Questo capo infatti si slancia come una punta oltre il 70
parallelo, e fra il 100 e il 150 meridiano non vi un altro
promontorio del continente propriamente detto, vale a dire
dell'America inglese, che si spinga oltre quel circolo. Rimaneva
dunque da decidere se veramente il capo Bathurst occupasse la
posizione assegnatagli nelle carte pi moderne.
Questo era insomma l'importante quesito che le precise
osservazioni di Tommaso Black e di J asper Hobson stavano per
risolvere.
Il sole si accostava in quel momento allo zenit del suo arco. I due
osservatori appuntarono allora il cannocchiale del sestante sull'astro
che saliva ancora. Per mezzo di specchi inclinati, disposti sullo
strumento, il sole doveva apparire all'orizzonte, e il momento in cui
sembrava che lo toccasse con l'orlo inferiore del disco, doveva essere
appunto quello in cui avrebbe toccato la massima altezza dell'arco
diurno, perci il momento esatto in cui sarebbe passato sul
meridiano, vale a dire a mezzogiorno del luogo.
Tutti guardavano standosene in profondo silenzio.
Mezzogiorno! esclam J asper Hobson.
Mezzogiorno! ripete nel medesimo tempo Tommaso Black.
Furono subito abbassati i cannocchiali; il tenente e l'astronomo
lessero sugli orli graduati il valore degli angoli che avevano ottenuto,
e si accinsero immediatamente a tradurre in calcoli le loro
osservazioni.
Alcuni minuti dopo, il tenente Hobson si rizz in piedi e
rivolgendosi ai compagni, disse:
Amici miei, da oggi, 6 luglio, la Compagnia della baia di
Hudson, impegnandosi con la mia parola, raddoppia il salario che vi
spetta.
Evviva! evviva! evviva la Compagnia! esclamarono a una
voce i compagni del tenente Hobson.
Infatti il capo Bathurst e il territorio che vi confina si trovano
senza dubbio oltre il 70 parallelo.
Ecco del resto le coordinate che dovevano avere pi tardi una
importanza cos grande nell'avvenire del nuovo forte.
Longitudine: 127 36' 12" ovest dal meridiano di Greenwich.
Latitudine: 70 44' 37" nord.
E quella sera stessa gli arditi viaggiatori, accampati cos lontano
dal mondo abitato, a pi di ottocento miglia dal forte Reliance,
videro l'astro radioso rasentare perfettamente gli orli dell'orizzonte
occidentale senza nemmeno intaccare il suo disco fiammeggiante.
Il sole di mezzanotte splendeva per la prima volta davanti ai loro
occhi.
CAPITOLO XIII
IL FORTE ESPRANCE
LA POSIZIONE del forte era irrevocabilmente determinata. Nessun
altro luogo poteva essere pi favorevole di quel terreno, naturalmente
piano, situato dietro il capo Bathurst, sulla riva orientale dello stagno.
J asper Hobson decise dunque di cominciare immediatamente la
costruzione della casa principale. Del resto ciascuno dovette
accomodarsi alla meglio, e le slitte furono ingegnosamente adattate
per formare un accampamento temporaneo.
Grazie all'abilit dei suoi uomini, il tenente contava di terminare la
costruzione della casa principale, al pi tardi, entro un mese. Essa
doveva essere tanto vasta da contenere per il momento le diciannove
persone che componevano il drappello; pi tardi, prima dei grandi
freddi, se avessero avuto ancora tempo, sarebbero stati costruiti i
quartieri destinati ai soldati e i magazzini in cui dovevano essere
collocate le pelli e le pellicce. Ma J asper Hobson pensava che quei
lavori non sarebbero stati terminati prima della fine di settembre; poi,
dopo settembre, le notti si sarebbero allungate, sarebbe giunto il
cattivo tempo e ogni lavoro avrebbe dovuto essere interrotto.
Dei dieci soldati scelti dal capitano Craventy, due erano in modo
particolare cacciatori, Sabine e Marbr; gli altri uomini
maneggiavano l'accetta con la stessa abilit con cui trattavano il
fucile; erano come marinai, pronti a tutto e sapevano far di tutto; ma
in quel momento servivano meglio come operai che come soldati,
poich si trattava di costruire un forte che nessun nemico pensava
ancora di assalire. Petersen, Belcher, Ra, Garry, Pond, Hope, Kellet,
formavano un gruppo di falegnami abili e zelanti, cui Mac Nap,
scozzese di Stirling, abilissimo nel costruire case e anche navi, era
capace di comandare. Non mancavano gli utensili: accette, bicciacuti,
seghe, pialle, piallette, seghe a braccio, mazzuole, martelli, cesoie.
Uno di quegli uomini, Ra, che era un fabbro, poteva anche
fabbricare, per mezzo di una piccola fucina portatile, tutti i cavicchi,
tenoni, chiavarde, chiodi, viti e galletti necessari alla costruzione. Fra
quegli operai non vi era nessun muratore; infatti non era necessario,
poich tutte le case dei centri commerciali del Nord sono costruite in
legno. Per fortuna non mancavano gli alberi nei dintorni del capo
Bathurst. J asper Hobson, poi, aveva gi notato che non si incontrava
in quel territorio n un ciottolo, n un sassolino: ma solo terra e
sabbia; la spiaggia era sparsa di numerosissime conchiglie bivalvi,
rotte dalla risacca, e di piante marine o di zoofiti, consistenti
principalmente in asterie e ricci. Ma, come il tenente fece osservare a
Paolina Barnett, non vi era nei dintorni n una sola pietra, n un
pezzo di silice, n un frammento di granito, e lo stesso capo non era
formato che da un cumulo di terre mobili, le cui molecole erano
trattenute da pochi vegetali.
Nel pomeriggio di quel giorno, J asper Hobson e mastro Mac Nap,
il carpentiere, andarono a scegliere l'area sulla quale costruire la casa
principale sul piano che si stendeva ai piedi del capo Bathurst. Di l
lo sguardo poteva abbracciare lo stagno e il territorio posto a ovest
fino ad una distanza di dieci o dodici miglia. A destra, a quattro
miglia almeno, si stendeva una catena di colline abbastanza alte, che
per la lontananza apparivano in parte avvolte nella foschia. A sinistra
invece vi erano immense pianure, vaste steppe che durante l'inverno
non si dovevano distinguere dalle superfici gelate dello stagno e del
mare.
Scelto il luogo, J asper Hobson e mastro Mac Nap tracciarono con
la corda il perimetro della casa in forma di rettangolo, il cui lato pi
lungo misurava venti metri e il pi corto dieci. La facciata della casa
doveva dunque misurare circa venti metri e doveva avere quattro
aperture; una porta e tre finestre dal lato del promontorio sulla parte
che doveva servire da cortile interno e quattro finestre dalla parte
dello stagno. La porta, invece di aprirsi al centro della parte
posteriore, fu fatta nell'angolo sinistro, in modo da rendere la casa
pi abitabile, e infatti questa disposizione faceva in modo che la
temperatura esterna non penetrasse tanto facilmente fino alle ultime
camere relegate all'estremit opposta dell'abitazione. L'interno
doveva essere cos disposto: un primo scompartimento, in forma di
anticamera, riparato con gran cura dalle raffiche per mezzo di una
doppia porta; un secondo scompartimento, che doveva unicamente
servire ai lavori della cucina, affinch il vapore delle cotture dei cibi
non mandasse umidit nelle camere pi abitate; il terzo
scompartimento era formato da un'ampia sala in cui si doveva
desinare ogni giorno in comune; il quarto scompartimento era diviso
in molte cabine come una nave; tale fu il piano semplicissimo
immaginato dal tenente e dal suo mastro carpentiere.
I soldati dovevano temporaneamente occupare il salone, in fondo
al quale sarebbero stati collocati alcuni lettini da campo. Il tenente,
Paolina Barnett, Tommaso Black, Madge, la signora J oliffe, la
signora Mac Nap e la signora Ra dovevano alloggiare nelle cabine
del quarto scompartimento. Per servirci di una frase abbastanza
giusta si doveva essere un po' l'uno addosso all'altro; ma tale stato
di cose non doveva durare, e non appena l'alloggio dei soldati fosse
stato costruito, la casa principale sarebbe stata riservata solo al capo
della spedizione, al sergente, a Paolina Barnett, alla fedele Madge
che non doveva lasciare certo la sua padrona, all'astronomo
Tommaso Black; forse allora si sarebbe potuto dividere il quarto
scompartimento in tre camere solamente, ed eliminare le cabine
provvisorie; poich una regola che gli. svernatori non devono
dimenticare quella di far la guerra agli angoli!.
Infatti gli angoli e i cantucci sono ricettacoli di ghiaccio, i
tramezzi impediscono che la ventilazione si compia
convenientemente, e l'umidit trasformata in neve rende le camere
inabitabili, malsane, ed la causa delle pi gravi malattie. Certi
naviganti, infatti, quando si preparano a svernare in mezzo ai ghiacci,
dispongono all'interno della nave una sala unica in cui tutto
l'equipaggio, ufficiali e marinai, abitano in comune. Ma J asper
Hobson non poteva agire cos, per molte ragioni facili da
comprendere.
Si veda da questa descrizione anticipata di una casa che ancora
non esisteva, che la principale abitazione del forte si componeva solo
di un piano terreno, sopra il quale doveva essere costruito un vasto
tetto, le cui falde ripidissime dovevano rendere facile lo scorrere
delle acque.
Quanto alla neve avrebbe potuto fissarvisi, e una volta
ammucchiata avrebbe offerto il doppio vantaggio di chiudere
ermeticamente l'abitazione e di mantenere ad una temperatura
costante l'interno della casa. La neve infatti per sua natura cattiva
conduttrice del calore e non permette a questo di entrare, vero, ma,
cosa che pi importa durante gli inverni artici, impedisce di uscire.
Sopra il tetto il carpentiere doveva rizzare due fumaioli, l'uno
corrispondente alla cucina, l'altro alla stufa del salone, che doveva
riscaldare anche le cabine del quarto scompartimento. Non doveva
certo risultare un'opera architettonica, ma almeno la casa era
abitabile nelle migliori condizioni possibili. Ora, che cosa si poteva
domandare di pi? D'altra parte in quel tenebroso crepuscolo, in
mezzo alle raffiche di neve, quasi sepolta sotto i ghiacci, bianca dalle
fondamenta al tetto, con il fumo grigiastro contorto dal vento, quella
casa di svernatori avrebbe assunto un aspetto singolare, cupo e
lamentevole, che un artista non avrebbe potuto dimenticare.
Il progetto della nuova casa era fatto; bastava solo eseguirlo. E
quel compito spettava a mastro Mac Nap e ai suoi uomini. Mentre i
carpentieri lavoravano, i cacciatori della comitiva, incaricati
dell'approvvigionamento, non rimanevano oziosi; il lavoro non
mancava a nessuno.
Mastro Mac Nap and dapprima a scegliere gli alberi necessari
alla costruzione. Egli trov sulle colline un gran numero di quei pini
che somigliano molto al pino scozzese; quegli alberi erano di
un'altezza media e molto adatti per la costruzione della casa
progettata. Infatti in quella rozza abitazione, muraglie, soffitti,
tavolati, muri di tramezzo, assiti, travi, travicelli, pontoni, assicelle,
tutto doveva essere fatto con tavole, con travi e con travetti.
Naturalmente queste costruzioni richiedono solo una mano d'opera
elementarissima; per cui Mac Nap pot lavorare velocemente senza
tuttavia compromettere in alcun modo la solidit dell'abitazione.
Mastro Mac Nap scelse alberi diritti che furono tagliati a trenta
centimetri dal suolo. Questi pini, senza essere scorticati n squadrati,
formarono un centinaio di travicelli lunghi sei metri. L'accetta e il
bicciacuto non li intaccarono che alle estremit per farvi le
commessure che servivano per fissarli gli uni agli altri. A tale
operazione occorsero solo pochi giorni, e, dopo poco tempo, tutto
quel legname fu trascinato dai cani al pianoro su cui doveva sorgere
la casa principale. Quel pianoro era stato dapprima livellato con gran
cura, e il suolo misto di terra e di sabbia fine fu battuto e indurito con
grandi colpi di mazza. Le piccole erbe e i magri arbusti che lo
tappezzavano erano stati bruciati, e le ceneri avevano formato alla
superficie un fitto strato assolutamente impermeabile all'umidit; cos
Mac Nap ottenne un'area netta e asciutta sulla quale pot porre con
una certa sicurezza i primi tronchi incrociati.
Compiuta quella prima fatica, a ogni angolo della casa e lungo i
muri di tramezzo si drizzarono verticalmente le travi maestre che
dovevano reggere lo scheletro della casa. Queste travi furono
affondate per alcuni metri nel terreno dopo essere state indurite alle
estremit con il fuoco. Sopra di esse e negli incastri fatti sulle loro
facce laterali, si fissarono i travetti trasversali del muro propriamente
detto, dopo avere predisposto il vano delle porte e delle finestre.
Nella parte superiore queste travi furono unite da traverse che, ben
incastrate nei cavi, consolidarono l'insieme della costruzione. Queste
traverse rappresentavano il cornicione delle due facciate, e alla loro
estremit furono posti i cavalletti del tetto, la cui parte inferiore era a
piombo del muro come il tetto di uno chalet. Sul quadrato del
cornicione furono posti i travicelli del soffitto e sullo strato di cenere
quelli del pavimento.
Questi travicelli, quelli dei muri esterni come quelli dei muri di
tramezzo, furono solo fatti combaciare. In certi luoghi, per fissare la
loro congiunzione, il fabbro Ra li aveva assicurati con viti e legati
con lunghi cavicchi di ferro ribattuti a gran colpi di mazzuola. Ma la
commessura non poteva essere perfetta, perci gli interstizi dovettero
essere otturati ermeticamente. Mac Nap us con profitto l'arte del
calafatare che rende i fianchi delle navi impenetrabili all'acqua, l
dove una semplice saldatura non li difende abbastanza. Per
quest'opera venne adoperato, al posto della stoppa, una specie di
musco secco di cui tutta la sponda orientale del capo era
abbondantemente tappezzata. Quel musco fu cacciato negli interstizi
per mezzo dei ferri di calafato battuti a colpi di maglio, e in tutte le
scanalature il mastro carpentiere fece stendere a caldo molti strati di
resina che i pini fornirono largamente. I muri e i tavolati cos
costruiti erano assolutamente impermeabili e la loro grossezza era
una garanzia contro le raffiche e i grandi freddi dell'inverno.
Le porte e le finestre furono fatte in modo grossolano, ma salde;
alle finestre con piccole imposte furono collocati vetri fatti con la
sostanza cornea, giallastra, a mala pena diafana che fornita dalla
colla di pesce disseccata. Durante la bella stagione si sarebbero
tenute le finestre aperte per dar aria alla casa; e nella cattiva, siccome
non si doveva aspettare nessuna luce da quel cielo oscurato dalla
notte artica, le finestre sarebbero rimaste chiuse ermeticamente da
grosse imposte rinforzate in ferro e capaci di resistere a tutte le
violenze di un uragano.
All'interno i lavori furono compiuti rapidamente. Una doppia
porta, posta dopo la prima nello scompartimento che serviva da
anticamera, permetteva a chi entrava e usciva di passare attraverso un
luogo con una temperatura che era una via di mezzo fra l'interno e
l'esterno; in questo modo il vento, nonostante fosse molto freddo e
carico di umidit, non sarebbe potuto giungere direttamente fino alle
camere. D'altra parte le pompe ad aria, che erano state portate dal
forte Reliance, vennero collocate in modo da poter modificare in
giuste proporzioni l'atmosfera della casa, l dove freddi intensi
avrebbero impedito di aprire porte e finestre. Una di queste pompe
doveva buttare fuori l'aria interna quando fosse stata satura di
elementi tossici, e l'altra doveva senza danno introdurre l'aria pura
dall'esterno in una specie di serbatoio da cui sarebbe uscita secondo
la necessit. Il tenente si apprest molto accuratamente a mettere in
opera questo impianto che avrebbe dovuto rendere grandi servigi. Il
principale utensile della cucina fu un vasto fornello di ghisa che era
stato portato a pezzi dal forte Reliance. Il fabbro dovette solo
metterlo insieme, e non fu un'opera n lunga n difficile. Ma i tubi
destinati a condurre il fumo, quello della cucina e quello della stufa
della grande sala, richiesero maggior tempo e ingegnosit. Non ci si
poteva servire di tubi di latta che non avrebbero resistito a lungo ai
colpi di vento dell'equinozio, e bisognava necessariamente adoperare
materiali pi solidi. Dopo molti tentativi infruttuosi, J asper Hobson
decise di servirsi di un'altra materia; se avesse avuto un po' di pietre a
sua disposizione la difficolt sarebbe stata vinta presto; ma, come fu
detto, per una inesplicabile ragione, nei dintorni del capo Bathurst
mancavano assolutamente pietre.
In compenso, e anche questo fu detto, fra la sabbia della spiaggia
si ammucchiavano a milioni le conchiglie.
Ebbene, disse il tenente a mastro Mac Nap, faremo i
nostri tubi con conchiglie!
Con conchiglie? esclam il carpentiere.
S, ma con conchiglie schiacciate, bruciate e ridotte in calce,
con la quale fabbricheremo poi certi mattoni che disporremo l'uno
sull'altro come quelli normali.
Vada per le conchiglie, rispose il carpentiere.
L'idea del tenente Hobson era buona e fu subito messa in atto. La
riva era coperta da una quantit enorme di quelle conchiglie calcaree
che formano in parte le pietre da calce di cui si compone lo strato
inferiore dei terreni terziari. Il carpentiere Mac Nap ne fece
raccogliere molte tonnellate e fece costruire una specie di forno per
estrarre con la cottura il carbonato che vi nella composizione delle
conchiglie. Si ottenne cos una calce adatta ai lavori di muratura.
Questa operazione dur ben dodici ore. Dire che J asper Hobson e
Mac Nap produssero con questi processi elementari una bella calce
grassa, priva di scorie, solubilissima al contatto dell'acqua, crescente
di volume come i prodotti di buona qualit, e che fosse atta a formare
una pasta di buona presa, sarebbe forse alquanto esagerato. Ma
questa calce, quando fu ridotta in mattoni, pot servire per la
costruzione dei fumaioli della casa. In pochi giorni due tubi conici si
elevavano al disopra del tetto, e il loro spessore ne garantiva la
solidit contro i colpi di vento.
Paolina Barnett si compliment con il tenente e con il carpentiere
Mac Nap per aver condotto a buon fine, e in cos poco tempo,
un'opera tanto difficile.
Ammesso che i vostri camini tirino! aggiunse ridendo.
Tireranno, signora, rispose filosoficamente J asper Hobson,
tireranno; non ne dubitate. Tutti i camini tirano!
La grande opera fu interamente terminata in un mese. Il 6 agosto
si doveva inaugurare la casa. Mentre Mac Nap e i suoi uomini
lavoravano senza posa, e la signora J oliffe si occupava della cucina,
il caporale J oliffe, il sergente Long, e i due cacciatori Marbr e
Sabine, diretti da J asper Hobson, percorsero i dintorni del capo
Bathurst.
Essi avevano notato, con loro grande soddisfazione, che gli
animali da pelliccia e gli uccelli vi abbondavano. I cacciatori erano
occupati ad esplorare il paese mentre aspettavano che venisse aperta
la caccia. Tuttavia riuscirono ad impadronirsi di alcune coppie di
renne vive, che decisero di addomesticare.
Quegli animali dovevano fornire piccoli e latte. Perci si
affrettarono a rinchiuderle in un recinto a palizzata che fu eretto a
una cinquantina di metri dall'abitazione. La moglie del carpentiere
Mac Nap, l'indiana, fu incaricata dell'allevamento delle renne.
Quanto alla signora Barnett, assecondata da Madge, volle occuparsi
dell'organizzazione interna; e non si tard a sentire l'influenza di
quella donna buona e intelligente in moltissimi dettagli, di cui J asper
Hobson e i suoi compagni non si sarebbero certamente mai
preoccupati.
Dopo aver esplorato il territorio per un raggio di molte miglia, il
tenente riconobbe che formava una larga penisola con una superficie
di 150 miglia quadrate all'incirca. Un istmo, largo al massimo quattro
miglia, la congiungeva al continente americano, e si stendeva dal
fondo della baia Whasburn a est, fino a una baia corrispondente nella
parte opposta. I confini di quella penisola, alla quale il tenente diede
il nome di penisola Vittoria, erano nettamente stabiliti.
J asper Hobson volle poi sapere quali prodotti potevano offrire lo
stagno e il mare, e ne rimase indubbiamente soddisfatto. Le acque
dello stagno, poco profonde, ma ricche di pesci, promettevano
un'abbondante pesca di trote, di lucci e di altri pesci di acqua dolce di
cui si doveva tener conto. Il ruscello ospitava salmoni, che
rimontavano facilmente il corso, e vispe famiglie di eperlani.
Il mare su questo litorale sembrava meno popolato dello stagno.
Ma di tanto in tanto si vedevano passare al largo enormi delfini,
balene e capidogli che sfuggivano senza dubbio ai ramponi dei
pescatori di Bering, ed era possibile che qualcuno di quei grossi
mammiferi venisse ad arenarsi sulla costa. Era infatti, per i coloni del
capo, il solo mezzo per potersene impadronire. Quanto alla parte
della spiaggia posta a ovest era allora frequentata da numerose
famiglie di foche; ma J asper Hobson raccomand ai suoi compagni
di non dare inutilmente la caccia a quegli animali di cui si sarebbe
visto pi avanti se conveniva cacciarli. Fu il 6 agosto che i coloni del
capo Bathurst presero possesso della nuova dimora, e dopo una
pubblica discussione le diedero un nome di buon augurio ad
unanimit di voti.
Quell'abitazione, o meglio quel forte, il posto pi avanzato della
Compagnia sul litorale americano, fu chiamato forte Esprance.
E se oggi non si trova sulle carte pi recenti delle regioni artiche,
che una sorte terribile l'aspettava in un futuro molto prossimo a
danno della cartografia moderna.
CAPITOLO XIV
ALCUNE ESCURSIONI
L'AMMOBILIAMENTO della nuova dimora venne fatto rapidamente.
I letti da campo, messi nel salone, non aspettavano altro che gli
ospiti. Il carpentiere Mac Nap aveva fabbricato una vasta tavola,
dalle grosse gambe, massiccia e pesante, che non avrebbe
scricchiolato sotto il peso delle vivande per quanto considerevoli
fossero state. Intorno ad essa erano state disposte panche non meno
solide, ma fisse, perci poco adatte a giustificare l'appellativo di
mobile che appartiene solo agli oggetti che si possono trasportare
da un luogo all'altro senza cambiar natura, come direbbe la
definizione. Finalmente qualche sedia e due vaste credenze
completavano il mobilio di quella sala.
Anche la camera pi interna era stata allestita. Grosse tramezze la
dividevano in sei cabine, di cui due sole erano rischiarate dalle ultime
finestre aperte nelle facciate anteriore e posteriore. Paolina Barnett e
Madge occupavano insieme quella che guardava direttamente sul
lago. J asper Hobson aveva offerto a Tommaso Black l'altra cabina
che dava sulla facciata verso il cortile, e l'astronomo ne aveva
immediatamente preso possesso. Quanto a lui, in attesa che i suoi
uomini venissero alloggiati in edifici nuovi, si accontent di una
specie di cella semioscura, attigua alla sala da pranzo, e che prendeva
luce bene o male da una mezzaluna fatta nel muro di tramezzo.
La signora J oliffe, la signora Mac Nap e la signora Ra
occupavano con i loro mariti le altre cabine. Erano tre buone coppie e
sarebbe stato inopportuno separarle. D'altra parte la piccola colonia
doveva presto contare un nuovo membro, e un bel giorno mastro
Mac Nap non aveva esitato a domandare a Paolina Barnett se voleva
fargli l'onore di essere madrina verso la fine dell'anno; ci che la
signora Barnett accett con gran piacere.
Le slitte erano state scaricate e i letti trasportati nelle camere.
Nel granaio, al quale si saliva per mezzo di una scala posta in
fondo al corridoio di entrata, si misero gli utensili, le provvigioni, le
munizioni, di cui si doveva fare uso immediato.
Anche gli abiti invernali, stivali o casacche, pelli e pellicce
trovarono posto in ampi armadi, protetti dall'umidit.
Terminati quei primi lavori, il tenente si occup del futuro
riscaldamento della casa.
Egli fece fare, sulle colline boschive, una grande provvista di
combustibile, prevedendo che per qualche settimana dell'inverno non
sarebbe stato possibile uscire di casa.
Pens anche di sfruttare la presenza delle foche sul litorale,
procurandosi un'abbondante provvista d'olio, in modo da poter
combattere il freddo polare con i mezzi pi energici.
Secondo i suoi ordini e sotto la sua direzione, si predisposero nella
casa condensatori destinati a raccogliere l'umidit interna: apparecchi
che si potevano facilmente liberare dal ghiaccio che vi si sarebbe
condensato durante l'inverno.
La questione del riscaldamento, certamente assai grave,
preoccupava molto il tenente Hobson.
Signora, diceva egli qualche volta alla viaggiatrice, io
sono un figlio delle regioni polari, ho qualche esperienza per queste
cose, e soprattutto ho letto e riletto molti racconti sull'inverno. Le
precauzioni non sono mai troppe quando si tratta di passare la
stagione del freddo nelle contrade artiche. Bisogna prevedere tutto,
poich una dimenticanza, una sola, pu cagionare danni irreparabili
per tutta la stagione.
Io vi credo, signor Hobson, rispondeva Paolina Barnett,
e vedo bene che il freddo trover in voi un terribile avversario. Ma,
non vi pare ugualmente importante la questione degli alimenti?
Tanto quanto l'altra, signora Barnett, e per questo faccio conto
di vivere con i prodotti del luogo e di far economia sulle provviste.
Perci, fra qualche giorno, quando saremo quasi a posto con il
problema dell'alloggio, andremo a caccia per gli approvvigionamenti.
Quanto poi alla questione degli animali da pelliccia, penseremo pi
tardi a risolverla e a riempire i magazzini della Compagnia. Del
resto, non il momento di cacciare la martora, l'ermellino, la volpe e
altri animali simili. Essi non hanno ancora la pelliccia invernale, e le
pelli perderebbero il venticinque per cento del loro valore se si
ponessero ora nei magazzini. No, limitiamoci ad approvvigionare il
forte Esprance. Solo le renne, gli alci, i wapiti, se pure alcuni di
questi si sono spinti fino in questi luoghi, devono attirare i nostri
cacciatori. Infatti, per venti persone da nutrire e per una sessantina di
cani, vale bene la pena di preoccuparsi!
Si vedeva che il tenente era un uomo ordinato. Egli voleva seguire
un metodo, e, se i suoi compagni l'assecondavano, non dubitava di
poter condurre a buon fine la difficile impresa.
Il tempo, in quel periodo dell'anno, era costantemente bello. Il
periodo delle nevi sarebbe incominciato non prima di cinque
settimane.
Quando la casa principale fu finita, J asper Hobson fece dunque
continuare i lavori da falegname, costruendo un vasto canile per
ospitare le mute dei cani.
Questa dog-house venne fabbricata ai piedi del promontorio, e si
appoggi sulla scarpata stessa a una quarantina di passi dal fianco
destro della casa. Le camere comuni, destinate ad abitazione degli
uomini, dovevano far riscontro al canile sulla sinistra, mentre i
magazzini e la polveriera avrebbero occupato la parte anteriore della
cinta.
Per una prudenza forse esagerata, J asper Hobson decise di
costruire prima dell'inverno questa cinta. Una buona palizzata,
piantata solidamente, fatta di pali aguzzi, doveva difendere il forte
non solo dall'assalto dei grossi animali, ma anche dall'aggressione
degli uomini, nel caso che una banda nemica, indiani o altri, si fosse
presentata.
Il tenente non aveva scordato le orme di un drappello che avevano
trovato sul litorale, a meno di duecento miglia dal forte Esprance.
Egli conosceva le violenze dei cacciatori nomadi, e pensava che in
ogni caso valeva la pena di mettersi al sicuro da un colpo di mano.
La linea di circonvallazione fu dunque tracciata in modo da
circondare il forte; e ai due angoli anteriori che coprivano il lato dello
stagno mastro Mac Nap si incaric di costruire due piccole garitte di
legno, molto adatte per ospitare gli uomini di guardia.
Con un po' di diligenza e quei bravi operai lavoravano senza
posa le nuove costruzioni avrebbero potuto essere terminate prima
che giungesse l'inverno.
Durante questo periodo J asper Hobson organizz diverse cacce.
Protrasse di qualche giorno la spedizione contro le foche del litorale,
per occuparsi in modo particolare dei ruminanti, la cui carne, secca e
conservata, doveva assicurare l'approvvigionamento del forte durante
la cattiva stagione.
Dunque, a partire dall'8 agosto, Sabine e Marbr, qualche volta
soli, qualche volta seguiti dal tenente e dal sergente Long, che se ne
intendevano, batterono ogni giorno il territorio circostante per un
raggio di pi miglia.
Diverse volte anche l'instancabile Paolina Barnett li
accompagnava con un fucile che essa maneggiava destramente, e non
era certo da meno dei suoi compagni di caccia.
Durante tutto il mese di agosto, quelle spedizioni furono molto
fruttuose, e il granaio degli approvvigionamenti si riempiva a vista
d'occhio. Bisognava confessare che Marbr e Sabine non ignoravano
nessuna delle astuzie che si devono impiegare in quei territori
particolarmente con le renne, la cui diffidenza estrema. Quanta
pazienza usavano nell'appostarsi in modo da sfuggire all'acuto
odorato di quegli animali!
Qualche volta essi le attiravano agitando sopra ai cespugli di
betulle nane qualche magnifico corno di cervo, trofeo di cacce
precedenti; e quelle renne - o per dir meglio quei carib, come sono
chiamati dagli indiani - ingannate dall'apparenza, si avvicinavano a
portata dei cacciatori, che non li mancavano mai.
Talvolta anche un uccello delatore, ben conosciuto da Sabine e
Marbr, un piccolo gufo diurno, grosso come un piccione, tradiva il
covo dei carib. Esso chiamava i viaggiatori, mandando un grido
acuto rassomigliante a quello di un fanciullo, giustificando cos il
nome di monitore datogli dagli indiani.
Una cinquantina di ruminanti furono uccisi. La loro carne, tagliata
a lunghe fette, form un approvvigionamento considerevole, e le
pelli, una volta conciate, sarebbero servite per far scarpe.
Ma non solo i carib contribuirono ad accrescere le provviste. Le
lepri polari, che si erano prodigiosamente moltiplicate in quel
territorio, vi concorsero in gran quantit. Esse si mostravano meno
timorose delle loro consimili europee e si lasciavano uccidere
abbastanza stupidamente.
Erano grossi roditori dalle lunghe orecchie, dagli occhi bruni, con
una pelliccia bianca come le piume del cigno, e pesavano dai quattro
ai sette chili. I cacciatori uccisero una notevole quantit di quegli
animali la cui carne veramente gustosa. Vennero preparate a
centinaia, affumicate, senza contare quelle che, sotto la mano
dell'abile signora J oliffe, si trasformarono in delicati pasticci.
Ma, mentre si accumulavano cos le provviste per il futuro, non si
trascuravano le necessit quotidiane. Molte di quelle lepri polari
servirono ai pasti giornalieri, e i cacciatori, come pure gli operai di
mastro Mac Nap, non erano persone da disdegnare un pezzo di
selvaggina fresca e saporita.
Nel regno della signora J oliffe, quei roditori subivano le pi
svariate manipolazioni culinarie, e l'ingegnosa donna superava se
stessa, con gran meraviglia del caporale, il quale tesseva
incessantemente elogi condivisi del resto da tutti.
Alcuni uccelli acquatici di tanto in tanto servivano a variare i pasti
di ogni giorno. Senza parlare delle anitre che popolavano le rive dello
stagno, occorre citare alcuni uccelli che venivano a stormi numerosi
nei luoghi in cui spuntava qualche magro salice.
Erano volatili appartenenti alla specie delle pernici, ai quali non
mancavano le denominazioni zoologiche. In modo che, quando
Paolina Barnett domand per la prima volta a Sabine il nome di
quegli uccelli:
Signora, gli rispose il cacciatore, gli indiani li chiamano
tetraoni dei salici, ma per noi cacciatori europei sono veri galli di
brughiera.
Sembravano pernici bianche, con lunghe piume chiazzate di nero
all'estremit della coda. Erano una eccellente selvaggina, che
richiedeva solo una rapida cottura a fuoco vivo e scoppiettante.
A queste diverse specie di selvaggina, le acque del lago e del
ruscello aggiungevano i loro pesci.
Nessuno sapeva pescar meglio del tranquillo e pacifico sergente
Long. Sia che egli lasciasse mordere al pesce il suo amo con esca, sia
che sferzasse le acque con la sua lenza armata di ami nudi, nessuno
poteva gareggiare con lui in pazienza e abilit, eccetto la fedele
Madge, la compagna di Paolina Barnett.
Per ore intere quei due discepoli del celebre Isaac Walton,
9
se ne
stavano seduti l'uno vicino all'altro, con la lenza in mano, spiando la
loro preda, e non pronunciando parola; ma, grazie ad essi, il pesce
non manc mai: il lago e il ruscello davano loro ogni giorno
esemplari della famiglia dei salmoni.
Durante queste escursioni, quasi quotidiane fino agli ultimi giorni
del mese di agosto, i cacciatori ebbero spesso a che fare con animali
molto pericolosi. J asper Hobson pot accertare non senza una certa
apprensione che gli orsi erano numerosi in quella parte di territorio.
Raramente, infatti, passava giorno senza che una coppia di quei
formidabili carnivori non fosse segnalata; e molti colpi di fucile
furono tirati ai terribili visitatori. Alle volte era un branco di quegli
orsi bruni tanto comuni in tutta la regione della Terra Maledetta; alle
volte, invece, era una di quelle famiglie di orsi polari dalla gigantesca
statura, che i primi freddi avrebbero condotto senza dubbio in
maggior numero nei dintorni del capo Bathurst.
Infatti, nei racconti degli svernamenti, si pu osservare che gli
esploratori e i balenieri sono esposti pi volte al giorno all'incontro
con quei carnivori.
Marbr e Sabine scorsero anche, in pi riprese, branchi di lupi,
che, all'avvicinarsi dei cacciatori, si ritiravano come un'onda di mare.
Si sentivano abbaiare in particolar modo quando erano lanciati sulle
tracce di una renna o di un wapiti. Erano grossi lupi grigi, alti un
metro, dalla coda lunga, la cui pelliccia si imbiancava al principio
dell'inverno. Quel territorio molto popolato offriva loro un facile

9
Autore di un trattato di pesca con la lenza molto stimato in Inghilterra. (N.d.A.)
nutrimento, perci vi abbondavano. Spesse volte si incontravano, in
certi luoghi boschivi, alcune tane a varie entrate, in cui quegli
animali si nascondevano come volpi.
A quel tempo, essendo ben pasciuti, essi fuggivano appena
scorgevano i cacciatori, con quella codardia che distingue la loro
razza. Ma quando avevano fame, questi animali potevano divenire
terribili per numero, e poich quello era il loro regno, non l'avrebbero
lasciato nemmeno nella stagione invernale.
Un giorno i cacciatori portarono al forte Esprance un animale
molto brutto che non era conosciuto n da Paolina Barnett n
dall'astronomo Tommaso Black. Questo animale era un plantigrado
somigliante molto al ghiottone dell'America, spaventoso carnivoro,
dal corpo tozzo, corto di gambe, armato di artigli ricurvi e di
formidabili mascelle, con gli occhi duri e feroci, la groppa flessibile
come quella di tutti i felini.
Che cos' questo orribile animale? domand Paolina
Barnett.
Signora, disse Sabine, che era sempre un po' dogmatico
nelle sue risposte, uno scozzese vi direbbe che un quickhatch,
un indiano un okelcoo-haw-gew, un canadese un carcajou.
Voi come lo chiamate? domand Paolina Barnett.
Un ghiottone, signora, rispose Sabine, evidentemente
felicissimo del panegirico che aveva fatto.
Infatti ghiottone era la denominazione zoologica di quel singolare
quadrupede, formidabile roditore notturno che trova rifugio nel cavo
degli alberi e delle rocce, gran distruttore di castori e altri roditori,
nemico dichiarato della volpe e del lupo ai quali non teme di
contendere la preda; astutissimo animale dai poderosi muscoli,
dall'odorato finissimo, che si incontra perfino nelle latitudini pi
elevate e la cui pelliccia dal corto pelame, quasi nero durante
l'inverno, rappresenta un importante capo di esportazione della
Compagnia.
Durante queste escursioni la flora del paese era stata studiata
attentamente quanto la fauna; ma la vegetazione era logicamente pi
abbondante di quanto non fossero gli animali, non avendo come
questi la possibilit di spostarsi per cercare nella cattiva stagione
climi pi dolci. Sulle colline che coronavano lo stagno a oriente
crescevano in abbondanza il pino e l'abete. J asper Hobson not anche
alcuni tacamahacs, specie di pioppi di grande altezza le cui foglie,
gialle quando spuntano, diventano poi verdi; ma quegli alberi erano
rari come alcuni larici striminziti che non potevano certo svilupparsi
con quegli obliqui raggi del sole. Alcuni abeti neri riuscivano meglio,
soprattutto nelle gole riparate dai venti del Nord. La presenza di
questi alberi fu accolta con soddisfazione, poich con le loro gemme
si fabbrica una birra apprezzata e conosciuta nell'America
settentrionale con il nome di birra di abete. Si fece un buon
raccolto di queste gemme che furono trasportate nei magazzini del
forte Esprance. Il resto della vegetazione era formato da betulle
nane, arbusti alti sessanta centimetri, propri dei climi freddissimi, e
cedri che forniscono eccellente legna da ardere.
Gli alberi selvatici che crescevano spontaneamente in quella terra
avara, e che potevano servire per l'alimentazione, erano
estremamente rari. La signora J oliffe, che si interessava molto della
botanica positiva, aveva solo incontrato due piante degne di trovar
posto nelle sue ricette; l'una, radice bulbosa, difficile d riconoscere
perch le sue foglie cadono appunto al momento della fioritura, altro
non era che il porro selvatico, che forniva un ampio raccolto di
cipolline grosse come un uovo, le quali furono saggiamente
adoperate come legumi.
L'altra pianta, conosciuta in tutta l'America settentrionale sotto il
nome di t del Labrador, cresceva in abbondanza sulle rive dello
stagno fra i gruppi di salici e di corbezzoli e formava il nutrimento
favorito delle lepri polari. Quel t infuso nell'acqua bollente, con
l'aggiunta di alcune gocce di brandy o di gin, formava un'eccellente
bevanda che permise di fare economia sulle provviste di t cinese
portate dal forte Reliance. Ma per ovviare alla penuria di piante
alimentari, J asper Hobson aveva portato una certa quantit di sementi
che pensava di seminare quando fosse il momento. Erano
principalmente grani di acetosa e di coclearia, le cui propriet
antiscorbutiche sono ben conosciute in quella regione.
Si poteva sperare che, scegliendo un terreno riparato dai forti venti
che bruciano ogni vegetazione quasi come la brina, quelle sementi
avrebbero dato frutto nell'anno successivo. Del resto la farmacia del
nuovo forte aveva gi una certa quantit di antiscorbutici. La
Compagnia aveva fornito alcune casse di cedri e di succhi di limone,
preziose sostanze di cui una spedizione polare non pu fare a meno.
Ma occorreva fare economia di quella provvista, come di ogni altra,
poich il cattivo tempo poteva interrompere le comunicazioni tra il
forte Esprance e i forti del Sud.
CAPITOLO XV
A QUINDICI MIGLIA DAL CAPO BATHURST
I PRIMI giorni di settembre erano ormai giunti. In tre settimane,
anche ammettendo che il tempo potesse continuare a essere
favorevole, la brutta stagione doveva necessariamente interrompere i
lavori. Bisognava dunque affrettarsi. Per fortuna le nuove costruzioni
erano state terminate rapidamente. Mastro Mac Nap e i suoi uomini
facevano prodigi d'operosit.
La dog-house ebbe finalmente il suo ultimo colpo di martello, e la
palizzata venne eretta quasi interamente sul perimetro assegnato al
forte. Ci si accinse allora a costruire la postierla che avrebbe dovuto
portare nel cortile interno. Questo recinto, fatto di grossi pali aguzzi,
alto quasi cinque metri, formava una specie di mezza luna o di ferro
di cavallo all'interno. Ma al fine di completare Il sistema di
fortificazione bisognava sistemare anche la sommit del capo
Bathurst che dominava il luogo. Come si vede, il tenente J asper
Hobson ammetteva il sistema del recinto continuo e dei forti staccati,
gran progresso nell'arte dei Vauban e dei Cormontaigne.
In attesa che venisse completato il sistema di fortificazione del
capo bastava la palizzata a difendere le nuove costruzioni da un
colpo di zampa, se non da un colpo di mano.
Il 4 settembre, J asper Hobson decise che quel giorno doveva
essere impiegato a dare la caccia agli anfibi del litorale. Si trattava
infatti di approvvigionarsi di combustibile e di olio da ardere prima
che giungesse la brutta stagione.
La colonia delle foche era lontana circa quindici miglia. J asper
Hobson propose a Paolina Barnett di seguire la spedizione e la
viaggiatrice accett, e non perch la strage progettata fosse per se
stessa una novit attraente, ma perch vedere il paese, osservare i
dintorni del capo Bathurst e precisamente quella parte del litorale
costeggiato da alte rive, eccitava la sua curiosit.
Il tenente scelse come accompagnatori il sergente Long e i soldati
Petersen, Hope e Kellet.
Partirono alle otto del mattino. Due slitte, tirate ciascuna da sei
cani, seguivano il piccolo drappello per portare al forte il corpo degli
anfibi. Il tenente, Paolina Barnett, e i loro compagni presero posto in
quelle slitte vuote; il tempo era bello, ma le basse nebbie
dell'orizzonte offuscavano i raggi del sole, il cui disco giallastro
spariva gi in quella stagione dell'anno per alcune ore della notte.
Quella parte del litorale, a ovest del capo Bathurst, presentava una
superficie assolutamente piana che si elevava solo di alcuni metri sul
livello dell'Oceano Polare. Ora, questa disposizione del suolo ferm
l'attenzione del tenente Hobson, ed ecco perch: le maree sono forti
nei mari artici o almeno sono credute tali. Molti navigatori che le
hanno osservate, Parry, Franklin, i due Ross, Mac Clure, Mac
Clintock, videro il mare, al tempo delle congiunzioni, salire di sei o
sette metri sul livello medio. Se questa osservazione era giusta, e non
vi era ragione di porre in dubbio la veridicit degli osservatori, il
tenente Hobson doveva necessariamente domandarsi perch il mare,
rigonfiato sotto l'azione della luna, non invadesse quel litorale poco
elevato sopra il livello del mare, dato che nessun ostacolo, n duna,
n rigonfiamento del suolo si opponeva alla propagazione delle
acque; e come mai quel fenomeno delle maree non causava la
sommersione totale del territorio fino ai pi lontani confini
dell'orizzonte e non produceva la fusione delle acque del lago e del
Mar Glaciale Artico.
Ora era evidente che questa immersione non era avvenuta mai.
J asper Hobson non poteva dunque trattenersi dal fare questa
osservazione; ci indusse la sua compagna a rispondergli che senza
dubbio, qualsiasi cosa fosse stata detta, le maree erano irrilevabili nel
Mar Glaciale Artico.
Eppure, signora, rispose J asper Hobson, tutti i rapporti
dei navigatori sono concordi sul fatto che il flusso e riflusso sono
molto forti nei mari polari, e le loro osservazioni non possono certo
essere ritenute false.
Allora, signor Hobson, soggiunse Paolina Barnett,
spiegatemi perch le onde del mare non coprono mai questo paese
che non neppure a tre metri sul livello della bassa marea.
Ecco appunto il mio imbarazzo, rispose J asper Hobson.
Non so come spiegare il fatto; da oltre un mese che siamo su questo
litorale, ho osservato pi volte che il livello del mare si eleva di
solito appena di trenta centimetri circa, e potrei dire che fra quindici
giorni, il 22 settembre, in pieno equinozio, vale a dire nel momento
in cui il fenomeno toccher il suo maximum, le acque non
supereranno il mezzo metro di differenza sulle spiagge del capo
Bathurst. Del resto, lo vedremo.
Ma infine, signor Hobson, come si spiega ci, poich a questo
mondo si spiega ogni cosa?
Ebbene, signora, delle due cose l'una: o i naviganti hanno
osservato male, cosa che io non posso ammettere, poich si tratta di
personaggi come Franklin, Parry, Ross e altri, oppure le maree sono
nulle specialmente su questo punto del litorale americano e forse per
le stesse ragioni che le rendono insensibili in certi mari chiusi, fra
questi il Mediterraneo, in cui il riavvicinamento dei continenti
rivieraschi e la strettezza dei passaggi non danno sufficiente accesso
alle acque dell'Atlantico.
Ammettiamo quest'ultima ipotesi, signor J asper.
Bisogna ammetterla, ribatt il tenente crollando il capo;
eppure non mi soddisfa, e vedo in ci un fenomeno naturale alquanto
strano di cui non posso rendermi conto.
Alle nove, le due slitte, dopo aver costantemente seguito una
spiaggia piana e sabbiosa, erano giunte alla baia frequentata di solito
dalle foche. Lasciarono le mute indietro per non spaventare quegli
animali, che occorreva cogliere di sorpresa sulla spiaggia.
Quanto quella parte del territorio differiva dall'altra confinante
con il capo Bathurst!
Nel luogo in cui i viaggiatori si erano arrestati, il litorale
capricciosamente intaccato e corroso nell'estremo lembo,
bizzarramente frastagliato in tutta la sua distesa, rivelava in maniera
evidentissima una origine vulcanica molto diversa da quella
sedimentaria che caratterizzava invece i dintorni del capo.
Il fuoco delle epoche geologiche, e non l'acqua, aveva
evidentemente dato origine a quei terreni.
Le pietre, che mancavano al capo Bathurst, fatto abbastanza
inspiegabile quanto l'assenza delle maree, qui riapparivano in forma
di massi erratici, di rocce profondamente incastrate nel suolo. Da
ogni parte, sopra una sabbia nerastra, in mezzo a lave vescicolari,
erano sparpagliati ciottoli appartenenti a quei silicati alluminosi
riuniti sotto il nome collettivo di felspati, e la cui presenza
annunciava inevitabilmente che quel terreno non era altro che terreno
di cristallizzazione.
Alla sua superficie scintillavano innumerevoli labradoriti,
sassolini vari dai riflessi vivi e cangianti, azzurri, rossi, verdi, inoltre
qua e l pietre pomici e ossidiane. Pi oltre si schieravano alte rive
che sorgevano per ben sessanta metri sopra il livello del mare.
J asper Hobson decise di arrampicarsi fin sulla cima di quelle rive
per esaminare tutta la parte orientale del luogo. Aveva tutto il tempo,
poich l'ora della caccia alle foche non era ancora venuta.
Si vedevano solo alcune coppie di questi anfibi che scherzavano
sulla sabbia, e conveniva aspettare che fossero raccolte in maggior
numero per sorprenderle durante la loro siesta o meglio durante il
sonno che il sole di mezzogiorno procura ai mammiferi marini.
Il tenente si rese conto d'altra parte che quegli anfibi non erano
foche propriamente dette, come avevano riferito i suoi uomini, anche
se appartenevano al gruppo dei pinnipedi; erano cavalli marini e
vacche marine che nella nomenclatura zoologica si riferiscono al
genere dei trichechi, e si riconoscono dai loro canini superiori,
lunghe zanne dirette dall'alto in basso.
I cacciatori, girando allora intorno alla piccola baia che quegli
animali sembravano prediligere, e a cui diedero il nome di baia dei
Trichechi, salirono sulla riva del litorale.
Petersen, Hope e Kellet rimasero sopra un piccolo promontorio
per sorvegliare gli anfibi, mentre Paolina Barnett, J asper Hobson e il
sergente salivano in cima a una collina alta cinquanta o cento metri
per osservare meglio la zona circostante. Essi non dovevano perdere
di vista i loro tre compagni incaricati di avvertirli con un segnale non
appena i trichechi si fossero riuniti in un buon numero.
In un quarto d'ora il tenente, la sua compagna e il sergente
giunsero sulla cima pi alta da cui potevano agevolmente osservare
tutto il territorio che si stendeva sotto i loro occhi.
Avevano ai piedi l'immenso mare che chiudeva a nord l'orizzonte
del cielo: nessuna terra in vista, nessun banco di ghiaccio, nessun
iceberg; il mare era libero sino oltre i confini dello sguardo, e
probabilmente sotto quel parallelo quella parte del Mare Artico era
navigabile sino allo stretto di Bering. Nella stagione estiva le navi
della Compagnia avrebbero potuto dunque approdare facilmente al
capo Bathurst per la via di nord-ovest.
Volgendosi a ponente, J asper Hobson scopr una regione del tutto
nuova, ed ebbe allora la spiegazione di quelle scorie vulcaniche di
cui il litorale era veramente ingombro.
Distanti una decina di miglia si schieravano colli ignivomi a
forma di cono tronco, che non si potevano scorgere dal capo Bathurst
perch nascosti dal colle. Si stagliavano confusamente nel cielo come
se una mano tremante ne avesse tracciato il contorno; J asper Hobson,
dopo averli osservati attentamente, li addit al sergente e alla signora
Barnett. Poi, senza dire una parola, rivolse lo sguardo alla riva
opposta.
A est vi era un lungo lembo di spiagge senza alcuna irregolarit n
alcun movimento del terreno, che si prolungava fino al capo
Bathurst. Per mezzo di un buon cannocchiale si sarebbe potuto
riconoscere il forte Esprance e perfino il fumo che a quell'ora
doveva salire dai fornelli della signora J oliffe.
Alle loro spalle il territorio aveva due aspetti molto diversi; a est e
a sud una vasta pianura confinava con il capo per una distesa di
molte centinaia di miglia quadrate; e dietro la collina, dalla baia dei
Trichechi fino alle montagne vulcaniche, la regione,
spaventosamente sconvolta, indicava chiaramente che la sua origine
era dovuta a un sollevamento eruttivo.
Il tenente osservava il contrasto cos marcato fra quelle due parti
del territorio; e, bisogna dirlo, la cosa gli sembrava un po' strana.
Pensate, chiese Long, che queste montagne che chiudono
a ovest l'orizzonte siano vulcani?
Senza alcun dubbio, sergente; sono essi che lanciarono qui le
pietre pomici, le ossidiane e le labradoriti, e non dovremo percorrere
neppure tre miglia per aver sotto i piedi lava e ceneri.
E credete, tenente, che questi vulcani siano ancora in azione?
A questo non posso rispondere, sergente.
Eppure non vediamo in questo momento alcun fumo sulla loro
vetta.
Non una buona ragione, sergente Long; voi, per esempio,
avete sempre la pipa in bocca?
No, signor Hobson.
Ebbene, Long, precisamente la stessa cosa per i vulcani; essi
non fumano sempre.
Capisco, signor Hobson, ma non comprendo veramente come
mai vi siano vulcani nei continenti polari.
Per non sono numerosi, disse Paolina Barnett.
No, signora, rispose il tenente, eppure se ne contano
parecchi: all'isola di J ean-Mayen, alle isole Aleutine, nel Kamciatka,
nell'America russa e in Islanda; e poi nel Sud, alla Terra del Fuoco,
nelle regioni australi. Questi vulcani sono i camini di quella vasta
officina centrale in cui si elaborano i prodotti chimici del globo, e
credo che il Creatore di tutte le cose abbia aperto questi camini
dappertutto dove riteneva che fossero necessari.
Senza dubbio, signor Hobson, rispose il sergente, ma al
polo, in questi gelidi climi!
E che importa, sergente, che importa che sia al polo o
all'equatore? Dir di pi, che anzi gli sfiatatoi debbono essere pi
numerosi nei dintorni dei poli che non in qualunque altro punto del
globo.
E perch, signor Hobson? domand il sergente, che pareva
molto meravigliato di questa affermazione.
Perch se queste valvole si sono aperte sotto la spinta dei gas
interni, ci avvenne precisamente nei luoghi in cui la crosta terrestre
era meno spessa. Ora, a causa dello schiacciamento della terra ai poli,
sembra naturale che ma vedo un segnale di Kellet, disse il
tenente interrompendo la sua dissertazione, volete accompagnarci,
signora?
Vi aspetter qui, rispose la viaggiatrice; questa
carneficina di trichechi non mi attrae per niente.
Siamo intesi, signora, rispose J asper Hobson, e se volete
raggiungerci fra un'ora, riprenderemo insieme la via del forte.
Paolina Barnett rimase dunque in cima alla collina contemplando
il panorama che si presentava ai suoi occhi.
Un quarto d'ora dopo J asper Hobson e il sergente Long erano sulla
spiaggia.
I trichechi erano numerosi; se ne poteva contare un centinaio;
alcuni strisciavano sulla sabbia per mezzo dei loro piedi corti e
palmati; ma la maggior parte, riuniti a gruppi, dormivano. Uno o due
fra i pi grossi maschi, lunghi ben tre metri, dal pelo raro di color
rossiccio, sembravano vigilare come sentinelle sul resto del branco.
I cacciatori dovettero avanzare con estrema prudenza,
nascondendosi dietro le rocce e i rilievi del terreno in modo da
accerchiare alcuni gruppi di trichechi e tagliar loro la ritirata verso il
mare. A terra, infatti, quegli animali sono massicci e goffi, non
camminano che a piccoli salti, facendo con la loro schiena un certo
movimento di rotazione, ma nell'acqua, che il loro vero elemento,
ridiventano agili pesci, nuotatori formidabili che molto spesso
pongono in pericolo le imbarcazioni che li inseguono. Eppure i grossi
maschi parevano diffidenti, drizzavano il capo e giravano gli occhi
tutt'intorno come se sentissero un pericolo vicino. Ma prima che
avessero avuto il tempo di dare il segnale d'allarme, J asper Hobson e
Kellet da una. parte, il sergente, Petersen e Hope dall'altra, colpirono
cinque trichechi, poi li finirono a colpi di scure, mentre il resto del
branco si precipitava in mare.
La vittoria era stata facile. I cinque anfibi erano di grossa taglia;
l'avorio delle loro zanne, bench alquanto granuloso, sembrava di
prima qualit; ma, cosa che il tenente apprezzava di pi, il loro corpo
grosso e grasso prometteva di fornire olio in grande quantit. Furono
immediatamente collocati sulle slitte e le mute di cani ebbero il loro
carico sufficiente.
Era l'una. In quel momento Paolina Barnett raggiunse i suoi
compagni, e tutti ripresero, costeggiando il litorale, la via per il forte
Esprance.
Il ritorno venne fatto a piedi, poich le slitte erano sovraccariche.
Vi erano solo una decina di miglia da percorrere, ma in linea retta;
ma come dice assai giustamente un proverbio inglese: Non vi via
pi lunga di quella che non scantona mai.
Cos, per ingannare la noia del viaggio, i cacciatori parlarono di
mille cose. Paolina Barnett partecipava di frequente alla
conversazione e si istruiva approfittando delle cognizioni speciali di
quella brava gente. Del resto non si avanzava velocemente, perch i
trichechi uccisi costituivano un pesante carico per la muta e le slitte
scivolavano a stento.
Sopra uno strato di neve indurita i cani avrebbero percorso in
meno di due ore la distanza che separava la baia dei Trichechi dal
forte Esprance.
Pi volte il tenente Hobson dovette arrestarsi per fare riposare per
alcuni istanti i cani sfiniti.
Il che indusse il sergente Long a dire:
Questi trichechi, per fare i nostri comodi, avrebbero dovuto
fissare la loro dimora pi vicino al forte.
Non vi avrebbero trovato un posto adatto a loro, rispose il
tenente.
E perch no? domand Paolina Barnett meravigliata da tale
risposta.
Perch questi anfibi non frequentano che le spiagge a facile
declivio sulle quali possono arrampicarsi nell'uscire dal mare.
Ma il litorale del capo?
Il litorale del capo scosceso come il muro di un forte. La sua
spiaggia non ha declivio di sorta e pare che sia stata tagliata a picco.
Ecco, signora, un'altra inesplicabile singolarit di questo territorio, e
quando i nostri pescatori vorranno pescare sulle rive, le loro lenze
non dovranno aver meno di trecento braccia di fondo! Da che cosa
provenga questa disposizione non so, ma sono indotto a credere che
molti secoli or sono una frattura violenta, dovuta a qualche azione
vulcanica, abbia separato dal litorale una porzione del continente ora
sprofondata nel Mar Glaciale Artico.
CAPITOLO XVI
DUE COLPI DI FUCILE
LA PRIMA quindicina del mese di settembre era passata; se il forte
Esprance fosse stato situato proprio al Polo, vale a dire 20 di
latitudine pi sopra, il giorno 21 la notte polare l'avrebbe avvolto
nelle tenebre. Ma in quel 70 parallelo il sole doveva trascinarsi
circolarmente sopra l'orizzonte per pi di un mese ancora. Eppure la
temperatura si andava gi raffreddando, e durante la notte il
termometro scendeva a 31 F (-1C). Nuovi ghiacci si formavano qua
e l e venivano sciolti durante il giorno dagli ultimi raggi solari.
Alcuni turbini di neve passavano in mezzo a raffiche di pioggia e di
vento.
Evidentemente la cattiva stagione si avvicinava. Ma gli abitanti di
quel centro commerciale potevano aspettarla senza timore, perch le
provviste raccolte nei magazzini dovevano bastare e ce n'era
d'avanzo.
La riserva di cacciagione secca era aumentata; furono uccisi
ancora una trentina di trichechi.
Mac Nap aveva avuto il tempo per costruire una capanna ben
chiusa che doveva servire come ricovero alle renne domestiche; e
dietro di essa un'ampia legnaia che conteneva il combustibile. Poteva
ora venire l'inverno, vale a dire la notte, la neve, il ghiaccio e il
freddo. Erano pronti a riceverli.
Ma dopo aver provveduto alle future necessit degli abitanti del
forte, J asper Hobson pens agli interessi della Compagnia. Stava per
giungere il momento in cui gli animali, rivestendo le pellicce
invernali, divenivano una preda preziosa. Il tempo era propizio per
ucciderli a fucilate, mentre si aspettava che la terra, uniformemente
coperta di neve, permettesse di tendere loro le trappole. J asper
Hobson ordin dunque le battute di caccia. In quell'alta latitudine non
si poteva contare sul concorso degli indiani, i quali sono di solito i
fornitori dei centri commerciali, poich quegli indigeni frequentano i
territori pi a sud. Il tenente, Sabine, Marbr e due o tre dei loro
compagni dovettero dunque andare a caccia per conto della
Compagnia, e come si pu immaginare, non mancarono loro le
prede. Una trib di castori era stata segnalata in un affluente del
piccolo fiume a sei miglia circa a sud del forte. E fu verso quel luogo
che J asper Hobson diresse la prima spedizione. Un tempo il pelo di
castoro valeva anche 400 franchi al chilogrammo e serviva
comunemente alla fabbricazione dei cappelli. Ma se l'utilit del pelo
scemata nei mercati di pellicce, le pelli conservano tuttavia un
prezzo relativamente alto, perch questa specie di roditori,
spietatamente inseguita, va scomparendo.
I cacciatori si recarono al fiume nel luogo indicato. L il tenente
fece ammirare alla signora Barnett le ingegnose disposizioni prese da
quegli animali per sistemare convenientemente sott'acqua il loro
villaggio. Vi era un centinaio di castori che occupavano a coppie tane
scavate in vicinanza dell'affluente. Ma gi avevano incominciato la
costruzione del loro villaggio invernale e vi lavoravano
assiduamente, con straordinaria alacrit.
Attraverso quel ruscello, dalle acque rapide e profonde tanto da
non gelare negli strati inferiori nemmeno negli inverni pi rigidi, i
castori avevano costruito una diga leggermente ad arco, la quale era
una solida costruzione di pioli piantati verticalmente, allacciati da
rami flessibili e da alberi che vi si appoggiavano di traverso; il tutto
era legato, murato e cementato con terra argillosa che dapprima i
roditori avevano impastato con i piedi e poi con l'aiuto della coda
larga e quasi ovale, schiacciata orizzontalmente e coperta - di peli, e
che avevano quindi ammucchiato prima di rivestire uniformemente
tutta l'apertura della diga.
Questa diga, signora, disse J asper Hobson, ha lo scopo di
dare al fiume un costante livello e ha permesso agli ingegneri della
trib di costruire pi sopra quelle capanne di forma rotonda di cui
vedete le cime. Sono solide costruzioni, le cui pareti di legno e
argilla hanno sessanta centimetri di spessore e non offrono accesso
all'interno se non per una stretta porta posta sott'acqua, cosa che
obbliga ogni inquilino a tuffarsi sott'acqua tutte le volte che vuole
uscir di casa o rientrarvi; ma questo costituisce appunto la sicurezza
della famiglia.
Se demoliste una di queste capanne la trovereste composta di due
piani; un piano inferiore che serve di magazzino in cui sono
ammassate le provviste per l'inverno, cio rami, scorze, radici, e un
piano superiore in cui l'acqua non giunge e dove il proprietario vive
con la famigliola.
Ma non vedo nessuno di questi industriosi animali, disse
Paolina Barnett; hanno forse abbandonato la costruzione del
villaggio?
No, signora, soggiunse il tenente, ma in questo momento
gli operai si riposano e dormono, perch questi animali non lavorano
se non di notte; perci li sorprenderemo nelle loro tane!
Infatti la cattura di quei roditori non fu assolutamente difficile, e
nello spazio di un'ora ne presero un centinaio, fra i quali una ventina
di gran valore commerciale, essendo la loro pelliccia assolutamente
nera; gli altri avevano un pelo morbido, lungo, lucente, tra il rosso e
il marrone, e sotto quel pelo una peluria fitta e fine, di color grigio
argenteo.
I cacciatori se ne tornarono al forte soddisfattissimi del risultato
della loro caccia. Le pelli di castoro furono poste nei magazzini e
registrate sotto il nome di carta-pecora o di giovani castori
secondo il loro prezzo.
Durante tutto il mese di settembre e fino alla met di ottobre circa,
quelle spedizioni furono proseguite con risultati favorevoli.
Vennero presi anche tassi, ma in piccole quantit; erano ricercati
per la loro pelle che serve a guarnire i collari dei cavalli da posta, e
per i loro peli con cui si fanno spazzole e pennelli. Questi carnivori
non sono altro che piccoli orsi, appartenenti alla specie dei tassi-
carcajous, propri dell'America settentrionale.
Altri esemplari della trib dei roditori, industriosi quasi quanto il
castoro, furono ammucchiati nei magazzini del forte. Erano ondatre
lunghe pi di trenta centimetri, senza contare la coda, la cui pelliccia
molto apprezzata: venivano prese nelle loro tane senza alcuna fatica
poich pullulavano con quell'abbondanza propria della loro razza.
Alcune specie della famiglia dei felini, le linci, resero necessario
l'uso delle armi da fuoco. Questi animali flessuosi, agili, dal pelo
rosso-chiaro macchiettato di nero, temuti anche dalle renne, sono una
specie di lupi cervieri che si difendono coraggiosamente. Ma Marbr
e Sabine avevano gi avuto a che fare con le linci e ne uccisero una
cinquantina.
Alcuni ghiottoni, dal bellissimo pelo, furono uccisi nelle stesse
condizioni. Si videro pochi ermellini. Questi animali, che fanno parte
della famiglia delle martore, come la puzzola, non portavano il loro
bel mantello invernale che interamente bianco, salvo un punto nero
all'estremit della coda; erano invece rossi sulla schiena e di un
grigio giallastro sotto il ventre. J asper Hobson aveva dunque
raccomandato ai suoi compagni di risparmiarli per il momento;
bisognava lasciarli maturare, usando l'espressione del cacciatore
Sabine, e cio imbiancare in seguito al sopraggiungere dei freddi
invernali.
Quanto alle puzzole, la cui caccia disgustosa per il fetido odore
che questi animali spandono e che valse loro il nome che portano, se
ne presero un gran numero, sia pigliandole in trappola nei cavi degli
alberi che servono loro di tana, sia atterrandole a fucilate quando
passavano tra i rami. Le martore propriamente dette furono oggetto
di una caccia speciale. Si sa quanto la pelle di questi carnivori sia
stimata, bench inferiore allo zibellino, la cui pelliccia in inverno
quasi nera. Ma lo zibellino frequenta soltanto le regioni settentrionali
dell'Europa e dell'Asia sino al Kamciatka e sono i siberiani che gli
danno la caccia pi attiva. Del resto sul litorale americano del Mare
Artico si incontravano altre martore, le cui pelli hanno pure un
grandissimo valore, come il visone e il pekan, altrimenti detti
martore del Canada.
Queste martore e questi visoni, nel mese di settembre, non
fornivano al centro commerciale se non un piccolo quantitativo di
pellicce; sono animali vivacissimi e molto agili, dal capo lungo e
pieghevole che valse loro la denominazione di vermiformi.
Infatti possono allungarsi come un verme e cacciarsi nelle pi
strette aperture. Perci sfuggono molto agevolmente quando sono
inseguiti dai cacciatori, e durante l'inverno si pigliano pi facilmente
per mezzo di trappole.
Marbr e Sabine non vedevano l'ora che giungesse il momento
favorevole per tendere le trappole e si rendevano conto che al ritorno
della primavera non sarebbero mancati nei magazzini della
Compagnia n le martore n i visoni.
Per finire l'elenco delle pellicce che andavano ad arricchire il forte
Esprance in queste successive spedizioni, occorre parlare delle volpi
azzurre e delle volpi argentate, che nei mercati russi ed inglesi sono
considerati i pi preziosi animali da pelliccia.
Soprattutto la volpe azzurra, conosciuta zoologicamente con il
nome di isatis. Questo delizioso animale ha il muso nero, il pelo
cinereo o biondo carico e niente affatto azzurro, come si potrebbe
credere. Il suo pelo lungo, fitto e morbido, meraviglioso e possiede
tutte le qualit che formano la bellezza di una pelliccia: morbidezza,
solidit, lunghezza, foltezza e colore di pelo. La volpe azzurra
incontrastabilmente il re degli animali da pelliccia, per cui la sua
pelle vale sei volte il prezzo di ogni altra; e un tabarro dell'imperatore
di Russia, fatto tutto con pelli del dorso di volpi azzurre, che sono le
pi belle, all'esposizione di Londra del 1851 fu stimato 3400 sterline.
Talune di queste volpi erano apparse nei dintorni del capo
Bathurst, ma i cacciatori non avevano potuto impadronirsene perch
questi carnivori sono astuti, agili e non si lasciano sorprendere. Si
riusc invece ad uccidere una dozzina di volpi argentate con un
magnifico pelo nero punteggiato di bianco. Sebbene la pelle di
quest'ultime non valga quanto quella della volpe azzurra, tuttavia
una pelliccia pregevole che viene pagata assai cara nei mercati
dell'Inghilterra e della Russia.
Una di quelle volpi argentate era un superbo animale la cui taglia
superava alquanto quella della volpe comune. Aveva le orecchie, le
spalle e la coda nerissime. Ma la sottile estremit della sua appendice
caudale e le sopracciglia erano bianche. Le condizioni particolari in
cui fu uccisa questa volpe meritano di essere riferite minutamente,
poich esse diedero ragione a certe apprensioni del tenente Hobson e
alle precauzioni difensive che egli aveva creduto di dover prendere.
Il 24 settembre, di buon mattino, due slitte avevano condotto
Paolina Barnett, il tenente, il sergente Long, Marbr e Sabine alla
baia dei Trichechi. Alcune tracce di volpi erano state notate, alla
vigilia, da alcuni uomini del distaccamento, in mezzo a rocce fra cui
crescevano magri alberelli, e certi indizi indiscutibili avevano tradito
il loro passaggio.
I cacciatori, stimolati, si diedero a cercare quelle orme che
promettevano loro una pelle di gran pregio; le ricerche, infatti, non
furono vane, e due ore dopo il loro arrivo, una bella volpe giaceva a
terra senza vita.
Vennero scorti altri due esemplari di questi carnivori, perci i
cacciatori si divisero; mentre Marbr e Sabine seguivano le tracce di
una volpe, il tenente, il sergente Long e la signora Barnett cercavano
di tagliare la ritirata a un altro bell'animale che cercava di
nascondersi dietro le rocce.
Bisogn naturalmente giocare d'astuzia con quella volpe, la quale
si accovacciava prudentemente e badava a non esporre nessuna parte
del suo corpo ai colpi di fucile.
Per una mezz'ora dur quell'inseguimento senza alcun frutto; pure
l'animale era chiuso da tre lati e il mare gli sbarrava il quarto.
Comprese lo svantaggio della sua situazione e risolvette di uscire con
un prodigioso balzo che non lasciava al cacciatore altra risoluzione
che tirare al volo.
Si slanci dunque valicando una roccia; ma J asper Hobson lo
teneva d'occhio, e nel momento in cui l'animale passava, come
un'ombra, lo salut con una fucilata.
Nel medesimo istante si ud un'altra fucilata e la volpe cadde
mortalmente ferita.
Evviva! Evviva! esclam J asper Hobson. mia!
mia, rispose uno straniero, ponendo un piede sulla volpe
nello stesso istante in cui il tenente la toccava con la mano.
J asper Hobson, stupefatto, indietreggi; aveva creduto che la
seconda palla fosse partita dal fucile del sergente e si trovava dinanzi
un cacciatore sconosciuto il cui fucile fumava ancora.
I due rivali si guardarono in volto.
Paolina Barnett e il suo compagno giungevano allora, seguiti da
Marbr e Sabine, mentre una dozzina d'uomini, girando intorno alla
ripa, si accostavano allo straniero, il quale s'inchin con molto garbo
davanti alla viaggiatrice.
Era un uomo di alta statura, il tipo perfetto di quei viaggiatori
canadesi di cui J asper Hobson temeva in special modo la
concorrenza. Quel cacciatore vestiva ancora il costume tradizionale
descritto esattamente dal romanziere americano Washington Irving;
una coperta disposta a foggia di tabarro, una camicia di cotone rigata,
lunghi calzoni di panno, uose di cuoio, scarpe di pelle di daino,
cintura di lana a strisce a cui era appeso il coltello, il sacchetto del
tabacco, la pipa e alcuni utensili per accampamento; in una parola, un
abito met civile e met selvaggio.
Quattro dei suoi compagni erano vestiti come lui, ma con minore
eleganza; gli altri otto che gli servivano di scorta erano indiani
Chipeways.
J asper Hobson non si ingann; aveva innanzi a s un francese o
almeno un discendente dei francesi del Canada, e forse anche un
agente delle Compagnie americane incaricato di sorvegliare la
situazione del nuovo centro commerciale.
Questa volpe mi appartiene, signore, disse il tenente dopo
alcuni momenti di silenzio, durante i quali i due avversari si erano
guardati fissi negli occhi.
Vi appartiene se l'avete uccisa, rispose lo sconosciuto in
buon inglese, ma con accento lievemente straniero.
V'ingannate, signore, rispose vivamente J asper Hobson;
questo animale mi appartiene anche se fosse stato ucciso da una
vostra palla e non da una mia.
Un sorriso sdegnoso accolse tale risposta che sottolineava tutte le
pretese della Compagnia sui territori della baia di Hudson
dall'Atlantico al Pacifico.
Dunque, signore, rispose lo sconosciuto appoggiandosi con
mossa elegante al fucile, voi considerate la Compagnia della baia
di Hudson come assoluta padrona di tutto questo territorio
dell'America settentrionale?
Senza alcun dubbio, rispose il tenente Hobson, e se voi,
signore, come immagino, appartenete ad una associazione
americana
Alla Compagnia dei Pellicciai di Saint-Louis, disse il
cacciatore inchinandosi.
Credo che avrete qualche difficolt a mostrare l'atto che vi
accorda un privilegio sopra una parte qualsiasi di questo territorio.
Atti! privilegi! disse sdegnosamente il canadese; queste
sono parole della vecchia Europa che suonano male in America.
Voi non siete in America, ma sul suolo dell'Inghilterra,
rispose J asper Hobson con fierezza.
Signor tenente, rispose il cacciatore animandosi un poco,
questo non il momento di discutere intorno a ci. Conosciamo da
gran tempo le pretese dell'Inghilterra in generale e della Compagnia
della baia di Hudson in particolare circa i territori di caccia; ma io
credo che presto o tardi gli avvenimenti muteranno un tale stato di
cose e che l'America sar americana dallo stretto di Magellano fino al
Polo Nord.
Non lo credo, rispose asciutto J asper Hobson.
Comunque, signore, io propongo di lasciare da parte la
questione internazionale; qualunque siano le pretese della
Compagnia evidente che nelle parti pi a nord del continente, e
principalmente sul litorale, il territorio di chi l'occupa. Voi ora
avete fondato un forte al capo Bathurst; noi rispetteremo le vostre
terre, e voi rispetterete le nostre quando i Pellicciai di Saint-Louis
avranno fondato qualche forte in un altro punto sui limiti
settentrionali dell'America.
Il tenente corrug la fronte: sapeva che in un avvenire non lontano
la Compagnia della baia di Hudson avrebbe incontrato formidabili
rivali fino al litorale, e che le sue pretese di possedere tutti i territori
dell'America settentrionale non sarebbero state rispettate, e che
sarebbe stato necessario fare a fucilate tra i concorrenti. Ma
comprese anch'egli che quello non era il momento di discutere una
questione di privilegi, e not senza dispiacere che il cacciatore,
garbatissimo del resto, portasse la questione su un altro terreno.
Quanto all'affare che ci divide, disse il viaggiatore
canadese, di poca importanza, e io credo che dobbiamo
risolverlo da cacciatori. Il vostro fucile e il mio hanno uh calibro
differente, e le palle saranno facilmente riconoscibili. La volpe
appartenga, dunque, a quello di noi due che l'ha veramente uccisa.
La proposta era giusta, e la questione della propriet dell'animale
atterrato poteva cos risolversi con certezza.
Fu esaminato il cadavere della volpe. Aveva ricevuto le due palle,
una al fianco e l'altra al cuore; quest'ultima era del canadese.
L'animale vostro, signore, disse J asper Hobson
dissimulando a stento il proprio dispetto nel vedere quella magnifica
pelliccia passare in mani straniere.
Il viaggiatore prese la volpe, e mentre si poteva credere che la
buttasse sulle spalle per portarla via, muovendo verso Paolina
Barnett, disse:
Alle signore piacciono le belle pellicce; se sapessero a prezzo
di quali penose fatiche, e sovente di quali pericoli, le ottengono, forse
le amerebbero meno. Ma, insomma, le amano: permettetemi dunque,
signora, di offrirvi questa in memoria del nostro incontro.
Paolina Barnett esitava, ma il cacciatore canadese aveva offerto
quella magnifica pelliccia con tanto garbo e cos di buon umore che
rifiutare avrebbe voluto dire offenderlo.
Perci la viaggiatrice accett, ringraziando lo straniero. Subito
costui si inchin dinanzi alla signora Barnett, salut gli inglesi e,
seguito dai suoi compagni, scomparve dietro le rocce del litorale.
Il tenente e i suoi ripresero la via del forte Esprance, ma J asper
Hobson rimase assorto. L'ubicazione del nuovo centro, fondato sotto
la sua responsabilit, era ormai nota a una Compagnia rivale, e
l'incontro del viaggiatore canadese gli faceva prevedere grandi
difficolt per l'avvenire.
CAPITOLO XVII
L'INVERNO SI AVVICINA
ERA IL 21 SETTEMBRE. Il sole passava allora nell'equinozio
d'autunno, e cio il giorno e la notte avevano la stessa durata nel
mondo intiero. Quei ritorni successivi dell'ombra e della luce
avevano rallegrato gli abitanti del forte. Essi dormivano molto
meglio nelle ore oscure, poich infatti l'occhio riprende forza nelle
tenebre, soprattutto quando alcuni mesi di continuo sole l'hanno
ostinatamente affaticato.
Durante l'equinozio tutte le maree sono normalmente forti, poich
quando il sole e la luna si trovano in congiunzione la loro doppia
influenza accresce l'intensit del fenomeno.
Era dunque quella l'occasione per osservare attentamente come la
marea si sarebbe comportata sul litorale del capo Bathurst. Qualche
giorno prima J asper Hobson aveva posto alcuni idrometri per poter
esattamente valutare lo spostamento delle acque tra l'alta e bassa
marea. Ora, anche questa volta, bench egli fosse abbastanza
perplesso e nonostante le osservazioni dei viaggiatori, accert che
l'influenza del sole e della luna si faceva appena sentire in quella
porzione del Mare Artico. La marea, contrariamente ai rapporti dei
navigatori, era quasi di nessuna importanza.
C' qualche cosa di straordinario! disse fra s il tenente Hobson.
E veramente non sapeva che pensare. Ma altri problemi lo
occuparono, e non perdette tempo a spiegare questo fatto cos strano.
Il 29 settembre le condizioni dell'atmosfera si modificarono
sensibilmente.
Il termometro discese a 41 F (5 C sopra zero). Il cielo era
coperto di nuvole che non tardarono a risolversi in pioggia; la cattiva
stagione avanzava.
La signora J oliffe, prima che la neve coprisse il suolo, si occup
delle sue seminagioni. Sperava che i semi di acetosa e di coclearia,
protetti dagli strati nevosi, avrebbero resistito ai rigori del clima e
sarebbero spuntati in primavera.
Un terreno di molti acri, riparato dietro la ripa, era gi stato
preparato, e fu seminato negli ultimi giorni di settembre.
J asper Hobson non volle aspettare i grandi freddi per far indossare
ai suoi compagni gli abiti invernali. Perci ben presto tutti furono
convenientemente vestiti, portando indumenti di lana su tutto il
corpo, cappotti di pelle di daino, pantaloni di cuoio di foca, berretti di
pelliccia e stivali impermeabili. Venne fatto anche l'allestimento
invernale delle camere. Le pareti di legno furono tappezzate di pelli
per impedire che durante gli abbassamenti di temperatura si
formassero strati di ghiaccio alla loro superficie.
Mastro Ra install allora i condensatori destinati a raccogliere il
vapore acqueo sospeso nell'aria e che dovevano essere vuotati due
volte la settimana. Quanto al fuoco della stufa, fu regolato secondo le
variazioni della temperatura esterna, in modo da mantenere sempre il
termometro della camera a 50 F (10 C sopra zero).
D'altra parte, la casa si sarebbe presto coperta di un alto strato di
neve che avrebbe impedito la minima dispersione del calore interno.
Con tutti questi provvedimenti si sperava di combattere
vittoriosamente quei due formidabili nemici degli svernatori, quali il
freddo e l'umidit.
Il 2 ottobre, il termometro si era ancora abbassato e le prime nevi
coprirono tutti i dintorni del capo Bathurst. Siccome la brezza non
soffiava forte, non form uno di quei turbini tanto comuni nelle
regioni polari ai quali gli inglesi diedero il nome di drifts.
Un ampio tappeto bianco e uguale confuse in breve in uno stesso
candore il capo, la cinta del forte e il lungo lembo del litorale; solo le
acque del lago e del mare non ancora gelate facevano contrasto con
la loro tinta grigiastra e appannata. Frattanto all'orizzonte a nord si
vedevano i primi icebergs i cui contorni si disegnavano nel cielo
nebbioso; non erano ancora banchi di ghiaccio, ma gi la natura
accumulava i materiali che presto dovevano cementarsi per formare
quell'impenetrabile barriera. D'altra parte, il nuovo ghiaccio non
tard a solidificare la superficie liquida del lago e del mare. Lo
stagno si congel per primo.
Apparvero qua e l larghe macchie di bianco cinereo, indice del
prossimo congelamento che veniva favorito dalla calma
dell'atmosfera. E infatti, essendosi il termometro mantenuto tutta una
notte a 15 F (9C sotto zero), il lago present l'indomani una
superficie unita che avrebbe soddisfatto i pi pretenziosi pattinatori
del Serpentine.
10
Poi all'orizzonte il cielo si tinse di un colore
speciale che i balenieri designano con il nome di blink, prodotto dal
riflesso dei campi di ghiaccio. N pass molto tempo che il mare
gel per alcune miglia. Un ampio ice-field si form a poco a poco per
l'aggregarsi dei ghiacci sparsi e si sald al litorale. Ma quellice-field
oceanico non era pi lo specchio unito del lago; l'agitazione dei flutti
ne aveva alterato la purezza. Qua e l ondulavano lunghi pezzi
solidificati, imperfettamente congiunti alle loro estremit.
Alcuni di quei ghiacci galleggianti sono conosciuti con il nome di
drift-ice e molto spesso sono protuberanze e gobbe, sovente molto
rilevate, prodotte dalla pressione, e che i balenieri chiamano
hummocks.
In pochi giorni l'aspetto del capo Bathurst e dei dintorni fu del
tutto mutato. Paolina Barnett, passando di stupore in stupore,
assisteva a quello spettacolo nuovo per lei. Con quali sofferenze e
con quali fatiche quell'ardimentosa viaggiatrice avrebbe pagato la
contemplazione di tali meraviglie! Niente di pi sublime di
quell'invasione dell'inverno, quella specie di presa di possesso delle
regioni iperboree da parte del freddo!
Nessuno dei paesaggi osservati prima da Paolina Barnett era
simile a questo. La regione si trasformava; un paese nuovo appariva
ai suoi occhi improntato ad una grandiosa malinconia. Sparivano i
particolari e la neve non lasciava al paesaggio altro che le sue
massime linee appena disegnate nella nebbia; e una scena succedeva
ad un'altra con fantastica rapidit.
Non pi acqua l dove prima si stendeva l'immenso mare; non pi
terreno dai colori pi svariati; ma un abbagliante tappeto; non pi
foreste con piante diverse, ma un viluppo di contorni grotteschi,

10
Fiumiciattolo dell'Hyde-Park a Londra.
come spolverati dalla brina; non pi sole radioso, ma un pallido disco
che si trascinava attraverso la nebbia e tracciava un arco ristretto per
poche ore appena; e infine non pi orizzonte di mare nettamente
disegnato nel cielo, ma una interminabile catena di icebergs
capricciosamente scontornati, formanti quei banchi insuperabili che
la natura ha innalzato fra il polo e i suoi audaci esploratori.
A quante conversazioni e a quante osservazioni diedero luogo i
mutamenti di quel paese! Tommaso Black fu il solo che rimanesse
insensibile alle sublimi bellezze di tale spettacolo.
Che cosa si poteva aspettare da un astronomo cos assorto e che
sinora non faceva veramente parte del personale della piccola
colonia? Quello scienziato viveva solo nella contemplazione dei
fenomeni celesti, andava a spasso solo sulle azzurre vie del
firmamento e non si staccava da una stella se non per andare su
un'altra! Ed ecco appunto che il suo cielo si chiudeva, che le
costellazioni si sottraevano alla sua vista e che un velo brumoso e
impenetrabile si stendeva fra lui e lo zenit!
Era furioso! Ma J asper Hobson lo consol promettendogli fra
breve belle notti fredde, assai propizie alle osservazioni
astronomiche, aurore boreali, aloni, paraseleni e altri fenomeni della
regione polare degni della sua ammirazione.
La temperatura in quel periodo era sopportabile; non soffiava
vento, che appunto ci che rende il morso del freddo pi acuto. La
caccia dunque pot essere proseguita per alcuni giorni. Altre pellicce
si ammucchiarono nei magazzini del centro commerciale, nuove
provviste alimentari riempirono le dispense; le pernici, emigrando a
stormi verso regioni pi temperate, passavano in gran numero e
tornirono una carne fresca e sana. Pullulavano le lepri polari gi
vestite da inverno. Un centinaio di questi roditori, la cui orma era
facilmente riconoscibile sulla neve, ingrossarono ancora le provviste
del forte.
Vi furono anche grandi voli di cigni fischiatori, una delle pi belle
specie dell'America settentrionale. I cacciatori ne uccisero alcune
coppie. Erano magnifici uccelli lunghi circa un metro e mezzo, dalle
penne bianche, ma ramate sulla testa e nella parte superiore del collo.
Andavano a cercare in zone pi ospitali le piante acquatiche e gli
insetti necessari alla loro alimentazione, volando con estrema rapidit
poich l'aria e l'acqua sono i loro veri elementi. Passarono inoltre
altri cigni detti trombetta, il cui grido assomiglia al suono di un
clarino: erano bianchi come i fischiatori e all'incirca della stessa
grossezza, ma avevano il becco e le zampe nere. N Marbr n
Sabine ebbero la fortuna di atterrarne qualcuno, ma li salutarono con
un arrivederci molto espressivo. Infatti quegli uccelli sarebbero
ritornati con le prime brezze primaverili, ed appunto in quel tempo
che si pigliano con maggior facilit. La loro lanugine e le loro piume
sono assai ricercate dai cacciatori e dagli indiani, e in certe annate
favorevoli i vari forti mandano a decine di migliaia questi cigni nei
mercati dove si vendono nell'antico continente a mezza ghinea l'uno.
Durante queste escursioni, che duravano poche ore e che venivano
spesso interrotte dal cattivo tempo, si incontrarono di frequente
branchi di lupi. Quindi non conveniva allontanarsi troppo, perch
quegli animali, dal fine odorato, fatti audaci dalla fame, si aggiravano
perfino intorno al forte, attratti dagli odori emanati dalla cucina;
durante la notte poi si udivano ululare sinistramente. Poco pericolosi
individualmente, questi carnivori lo possono divenire se sono
numerosi; perci i cacciatori si avventuravano anche intorno alla
cinta del forte solo se ben armati.
Inoltre gli orsi si mostravano pi aggressivi, e non passava giorno
senza che ne venisse segnalato qualcuno. Venuta la notte si
avventavano persino ai piedi della cinta. Taluni furono feriti a
fucilate, e si allontanarono arrossando la neve di sangue; ma, a tutto
il 10 ottobre, nessuno di essi aveva ancora lasciato la calda e preziosa
pelliccia nelle mani dei cacciatori. Del resto, J asper Hobson non
permetteva ai suoi uomini di assalire quei formidabili animali, con i
quali era meglio tenersi sulle difese; ma non era lontano il momento
in cui, spinti dalla fame, quegli orsi avrebbero tentato forse qualche
assalto contro il forte Esprance, e si sarebbe provveduto allora sia
alla difesa sia all'approvvigionamento.
Per alcuni giorni il tempo rimase asciutto e freddo. La neve
presentava una superficie dura, molto adatta per camminare a piedi,
perci si fecero alcune escursioni sul litorale a sud del forte. Il
tenente desiderava sapere se gli agenti dei Pellicciai di Saint-Louis
avevano lasciato il territorio, e se si sarebbero trovate nei dintorni le
tracce del loro passaggio; ma ogni ricerca fu vana. Era da supporre
che gli americani fossero discesi verso qualche forte meridionale per
passarvi i mesi d'inverno.
Quei pochi bei giorni non durarono, e nella prima settimana di
novembre, avendo il vento piegato a sud, bench la temperatura si
fosse raddolcita, cadde la neve in abbondanza e copr in breve il
terreno di uno strato di molti centimetri. Bisogn ogni giorno
spazzare le vicinanze della casa e aprire un sentiero che conducesse
alla porta di soccorso, alla capanna, alla scuderia delle renne e al
canile. Le escursioni divennero pi rare, e bisogn adoperare le
racchette o calzature da neve.
Infatti, quando lo strato nevoso si indurisce per il freddo, sopporta
senza cedere il peso di un uomo e lascia al piede un solido appoggio.
La marcia perci non viene intralciata; ma quando questa neve si fa
molle, impossibile muovere un passo senza sprofondarvi fino al
ginocchio; in queste occasioni gli indiani usano le racchette.
Il tenente Hobson e i suoi compagni erano abituati a servirsi di
questi snow-shoes, e correvano sulla neve friabile con la rapidit
di uno sciatore sul ghiaccio. Paolina Barnett si era assuefatta ben
presto a quel genere di calzature, e presto pot gareggiare in velocit
con i suoi compagni. Vennero fatte rapide passeggiate tanto sul lago
gelato che sul litorale, e si poterono persino inoltrare per qualche
miglio sulla superficie solida del mare, perch il ghiaccio aveva
raggiunto uno spessore di quasi due metri. Ma fu un'escursione
faticosa perch lice-field era accidentato e dappertutto bisognava
girare intorno agli hummocks e ai massi di ghiaccio sovrapposti.
Pi lontano, la catena degli icebergs, o per dir meglio i banchi di
ghiaccio, presentava un insormontabile ostacolo; infatti le sue cime
erano alte circa centocinquanta metri. Quegli icebergs,
pittorescamente ammassati, erano magnifici. Qui pareva di vedere le
imbiancate rovine di una citt, con i suoi monumenti, le sue colonne,
le sue mura diroccate; l un paese vulcanico, dal suolo agitato e
sconvolto, un ammasso di ghiacci formanti vere catene di montagne,
con la loro linea di gioghi, i loro contrafforti, le loro valli, tutta una
Svizzera di ghiaccio! Alcuni uccelli ritardatari, come procellarie e
berte animavano ancora la solitudine e mandavano acute strida;
grossi orsi bianchi apparivano tra gli hummocks confondendovisi
nella loro bianchezza abbagliante; insomma le impressioni e le
meraviglie non mancarono alla viaggiatrice, accompagnata dalla
fedele Madge entusiasta! Quanto erano lontano dalle zone tropicali
dell'India o dell'Australia!
Molte escursioni furono fatte su quel mare di ghiaccio, la cui
grossa crosta avrebbe sopportato senza spezzarsi interi reparti di
artiglieria o anche monumenti; ma presto quelle passeggiate
divennero cos penose, che dovettero essere sospese.
La temperatura si abbassava sensibilmente, e il minimo sforzo, il
minimo lavoro che si faceva produceva un mancamento di fiato che
paralizzava. Gli occhi erano feriti dall'intensa bianchezza delle nevi,
ed era impossibile reggere a quell'abbagliante riflesso che acceca
molti eschimesi; inoltre, per un singolare fenomeno dovuto alla
rifrazione dei raggi luminosi, le distanze, le profondit, i rilievi non
apparivano pi quali erano, sicch mentre si credeva che tra un
masso e l'altro non vi fossero che sessanta centimetri di distanza, ce
n'erano invece un metro e mezzo o due; e questa illusione ottica
provocava dolorose cadute a ogni passo.
Il 14 ottobre il termometro segn 3F (16 C sotto zero);
temperatura molto rigida e tanto pi insopportabile in quanto il vento
soffiava con violenza. L'aria sembrava fatta di aghi, e vi era serio
pericolo, per chi usciva all'aperto, di essere frost bitten, vale a dire
gelato istantaneamente, se non ristabiliva in tempo la circolazione del
sangue nella parte offesa, con frizioni di neve. Alcuni ospiti del forte,
tra cui Garry, Belcher, Hope, soffrirono di congelamento improvviso;
ma curati in tempo poterono sfuggire al pericolo.
In queste condizioni il lavoro manuale divenne impossibile. In
quei mesi, del resto, le giornate erano estremamente corte, e il sole
restava sull'orizzonte poche ore, seguito per da un lungo crepuscolo.
Era allora che il vero inverno, vale a dire la prigionia, incominciava.
Gi gli ultimi uccelli polari avevano abbandonato il tenebroso
litorale; non restava pi che qualche coppia di falchi-pernici
chiazzati, che gli indiani chiamano precisamente uccelli svernatori
perch rimangono nelle regioni ghiacciate fino al principio della
notte polare; ma presto sarebbero anch'essi scomparsi.
Il tenente Hobson affrett dunque il compimento dei lavori: vale a
dire il collocamento delle trappole e delle insidie che durante
l'inverno dovevano essere tese nei dintorni del capo Bathurst. Quelle
trappole consistevano semplicemente in pesanti panconi sorretti da
tre pezzi di legno, disposti in modo che la minima scossa li facesse
cadere; erano, del resto, le stesse trappole, ma molto pi grandi, che
gli uccellatori mettono nei campi. All'estremit del pancone
orizzontale veniva posto un pezzo di selvaggina, e qualsiasi animale
di media statura, volpe o martora, che allungasse la zampa per
afferrarlo, vi restava certamente schiacciato sotto. Queste sono le
trappole che i famosi cacciatori, di cui Cooper raccont cos
poeticamente la vita fortunosa, tendono durante l'inverno per uno
spazio anche di qualche miglio. Una trentina di esse furono poste
intorno al forte Esprance, e dovettero essere controllate ad intervalli
molto brevi.
Il 12 novembre la piccola colonia si accrebbe di un nuovo
individuo. La signora Mac Nap mise alla luce un grosso marmocchio
di cui il mastro carpentiere si mostr estremamente orgoglioso. La
signora Barnett, secondo la promessa fatta, fu la madrina, e gli mise
nome Michele Speranza. La cerimonia del battesimo si comp con
una certa solennit, e quel giorno al forte furono fatti festeggiamenti
in onore del piccolo essere che nasceva di l dal 70 di latitudine
nord.
Qualche giorno dopo, il 20 novembre, il sole si nascondeva sotto
l'orizzonte, e per due mesi non sarebbe pi ricomparso. La notte
polare era incominciata!
CAPITOLO XVIII
LA NOTTE POLARE
LA LUNGA notte fu inaugurata con una violenta tempesta. Il freddo
si mitig un poco, ma l'umidit dell'atmosfera fu intensa. Nonostante
tutte le precauzioni prese, quell'umidit penetrava nella casa, e tutte
le mattine dai condensatori si vuotavano alcuni chili di ghiaccio.
Al di fuori i drifts passavano roteando come trombe d'aria; la neve
non cadeva pi verticalmente, ma quasi orizzontalmente; per cui
J asper Hobson dovette proibire di aprir la porta, per evitare che il
corridoio ne fosse interamente invaso. Gli svernatori erano
prigionieri.
Le imposte erano state ermeticamente chiuse, e le lampade
stavano sempre accese durante le ore di quella notte che non si
consacravano al sonno.
Ma se l'oscurit regnava di fuori, il rumore delle tempeste aveva
riempito il profondo silenzio di quelle regioni. Il vento che fischiava
fra la casa e la collina dava la sensazione di un lungo muggito e
faceva tremare l'abitazione sulle sue fondamenta; se non fosse stata
solidamente costruita, essa non avrebbe certamente resistito.
Fortunatamente la neve, ammucchiandosi intorno ai muri, attutiva i
colpi delle raffiche; solo i fumaioli, fatti di mattoni e di calce,
avrebbero potuto cedere alla pressione del vento, e causavano
qualche preoccupazione a Mac Nap; tuttavia resistettero, ma si
dovette frequentemente liberarne l'apertura ostruita dalla neve.
In mezzo ai fischi della tormenta, si sentivano qualche volta dei
rumori straordinari, di cui Paolina Barnett non sapeva rendersi conto;
erano le cadute degli icebergs, al largo. Gli echi ripercuotevano
questi boati, quasi come il rombo del tuono.
Incessanti crepitii accompagnavano il distaccarsi di qualche parte
dell'ice-field, schiacciato dalla caduta di quelle montagne. Bisognava
avere uno spirito ben agguerrito contro le violenze di quegli aspri
climi per non provare sinistre impressioni; il tenente Hobson e i suoi
compagni si erano assuefatti; Paolina Barnett e Madge vi si
abituarono a poco a poco.
D'altra parte, esse avevano gi provato durante i loro viaggi gli
assalti di quei venti terribili che fanno persino quaranta leghe
11

all'ora e che spostano cannoni calibro ventiquattro. Ma qui, al capo
Bathurst, il fenomeno avveniva con le circostanze aggravanti della
notte e della neve.
Se quel vento non demoliva, interrava e seppelliva; ed era molto
probabile che, dodici ore dopo la tempesta, la casa, il canile, la
rimessa e la cinta sarebbero scomparse sotto uno strato uguale di
neve.
Durante questa prigionia si cerc di organizzare la vita all'interno.
Tutte quelle brave persone andavano benissimo d'accordo, e
l'esistenza comune, in uno spazio tanto ristretto, non caus n
impicci, n recriminazioni.
E del resto, non erano forse gi abituati a vivere in quelle
condizioni al forte Entreprise e al forte Reliance? Paolina Barnett non
si meravigli dunque di un accordo raggiunto cos facilmente.
Il lavoro, la lettura e il gioco occupavano le giornate. Il lavoro
consisteva nel confezionare e raccomodare gli abiti, nel riparare le
armi, fabbricare le calzature, aggiornare il diario tenuto da J asper
Hobson, sul quale veniva annotato ogni minimo avvenimento del
periodo invernale, come il tempo, la temperatura, la direzione dei
venti, l'apparizione delle meteore, tanto frequenti nelle regioni polari
ecc.; cos pure il mantenimento della casa in buono stato, la pulizia
delle camere, le visite giornaliere ai magazzini delle pellicce, che
l'umidit avrebbe potuto danneggiare, la cura dei fuochi e del tiraggio
delle stufe, e quella caccia incessante fatta all'umidit che
sgocciolava incessantemente negli angoli. Tutti avevano la loro parte
in quei lavori, ordinati da un regolamento affisso nel salone; e, pur
senza essere straoccupati, gli ospiti del forte non stavano mai senza
far nulla.

11
1 lega =m 4452.
Durante questo periodo, Tommaso Black avvitava e svitava i suoi
strumenti, o rivedeva i suoi calcoli astronomici; quasi sempre chiuso
nella sua cabina, malediceva il mal tempo che gli impediva di
eseguire qualsiasi osservazione notturna.
Quanto alle tre donne sposate, la signora Mac Nap si occupava del
suo bimbo che cresceva a meraviglia, mentre la signora J oliffe,
aiutata dalla signora Ra e incalzata da quel faccendone di
caporale, presiedeva le operazioni culinarie.
I divertimenti si godevano in comune, a ore fissate, e alla
domenica, durante tutta la giornata, il passatempo preferito era la
lettura. La Bibbia e alcuni libri di viaggi componevano tutta la
biblioteca del forte, ma quella buona gente si accontentava.
Di solito era Paolina Barnett che leggeva, e gli altri provavano
veramente un gran piacere a sentirla, perch le storie bibliche, come
pure i racconti di viaggi, divenivano singolarmente attraenti, letti da
quella voce cos simpatica e convinta.
Gli immaginari personaggi, gli eroi leggendari si animavano e
vivevano allora una vita meravigliosa; era dunque una gioia generale,
quando la graziosa signora, all'ora solita, si accingeva a leggere.
Del resto, era l'anima di quel piccolo mondo, istruendo se stessa e
istruendo gli altri, dando consigli e domandandone, pronta
dappertutto e sempre a rendere servigi. Riuniva in s tutte le grazie,
tutte le virt della donna, unite all'energia morale dell'uomo; doppia
qualit, doppio valore agli occhi di quei ruvidi soldati che
l'adoravano e avrebbero dato la vita per lei.
Bisogna per dire che Paolina Barnett divideva la vita comune,
che non si confinava nella sua cabina, che lavorava in mezzo ai suoi
compagni, e che con le sue domande, con i suoi progetti, faceva in
modo che tutti prendessero parte alla conversazione. Nessuno dunque
stava in ozio al forte Esprance, n con le mani, n con la lingua; si
lavorava, si chiacchierava, e, bisogna aggiungerlo, si stava bene;
perci il buon umore, causa di salute, trionfava sulla noia di quella
lunga prigionia.
Intanto la tempesta non diminuiva.
Gli svernatori erano chiusi da tre giorni nella casa, e il vento si
scatenava sempre con maggior violenza, facendo impazientire J asper
Hobson. Diveniva necessario rinnovare l'atmosfera delle camere,
ormai satura di anidride carbonica, e gi le lampade impallidivano in
quel lezzo malsano. Si tent di adoperare le pompe dell'aria, ma i
tubi, essendo naturalmente ingombri di ghiaccio, non funzionarono e
d'altra parte erano destinati a funzionare solo nel caso in cui la casa
non fosse stata tanto sovraccarica di neve. Bisognava perci trovare
una soluzione; il tenente si consigli con il sergente Long, e il 23
novembre fu deciso di aprire una delle finestre della facciata
anteriore, all'estremit del corridoio, perch il vento soffiava da
quella parte con minor violenza.
Ma fu un'impresa difficile; i battenti interni si poterono aprire con
facilit, ma le imposte esterne, bloccate dal ghiaccio, resistettero a
tutti gli sforzi, e si dovette smontarle dai cardini. Poi si intacc la
neve, dello spessore di tre metri, a colpi di picconi e di pale, e
immediatamente fu aperta una specie di feritoia, che diede accesso
all'aria esterna.
J asper Hobson, il sergente, alcuni soldati e la stessa Paolina
Barnett vi si affacciarono, non senza fatica, perch il vento vi
penetrava con violenza.
Quale aspetto presentavano allora il capo Bathurst e la pianura!
Era mezzogiorno, e appena appena un po' di luce crepuscolare
rischiarava l'orizzonte del sud. Il freddo non era tanto vivo come si
sarebbe potuto credere, e il termometro non indicava che 15 F sopra
zero (9 C sotto zero). Ma il chasse-neige si scatenava con sempre
maggior violenza, e il tenente, i suoi compagni e la viaggiatrice
sarebbero stati certamente rovesciati a terra se gli strati nevosi, nei
quali erano affondati fino alla cintola, non li avessero sostenuti
contro le spinte del vento; essi non potevano parlare e nemmeno
guardare attraverso i fiocchi di neve che li accecavano. In poco meno
di mezz'ora sarebbero stati sepolti.
Tutto era bianco intorno ad essi; il recinto era colmo, il tetto della
casa e i suoi muri si confondevano, e se non vi fossero stati i due
pennacchi di fumo biancastro che si svolgevano. nell'aria, non si
sarebbe mai potuto supporre in quel luogo l'esistenza di una casa
abitata. Anche se in queste condizioni la passeggiata era stata
brevissima, tuttavia la viaggiatrice ebbe il tempo di gettare una
rapida occhiata su quella scena desolante.
Aveva intravisto l'orizzonte polare battuto dalla furia delle nevi e
il sublime orrore di quell'artica tempesta, e rientr in casa
riportandone un imperituro ricordo.
In pochi momenti l'aria della casa era stata rinnovata, e i cattivi
odori si erano dissipati sotto l'azione di una corrente d'aria pura e
vivificante; il tenente e i suoi compagni si affrettarono a loro volta a
cercarvi un rifugio. La finestra fu richiusa, ma tutti i giorni si ebbe
cura di sbarazzarne l'apertura, nell'interesse stesso della ventilazione.
Cos pass un'intera settimana; fortunatamente le renne e i cani
erano provvisti di cibo abbondante e non fu necessario andarli a
visitare.
A quegli uomini avvezzi all'aria libera, soldati, cacciatori, sembr
duro rimanere cos rintanati per otto giorni; e si pu credere che a
poco a poco la lettura perdette qualsiasi attrattiva, e il cribbage
12

fin per diventare monotono. Si andava a dormire con la speranza di
levarsi agli ultimi muggiti della raffica, ma invano.
La neve si ammucchiava sempre sui vetri della finestra, il vento
turbinava, gli icebergs si fracassavano con rombo di tuono, il fumo
veniva respinto nelle camere, causando tossi incessanti; e non solo la
tempesta non si calmava, ma sembrava davvero che non volesse pi
finire.
Finalmente il 28 novembre il barometro aneroide del salone
annunci una prossima variazione nello stato dell'atmosfera,
ascendendo in modo sensibile. Nel medesimo tempo il termometro
posto di fuori cadeva quasi istantaneamente a 4 F sotto zero (-20
C).
Quei sintomi non potevano ingannare; infatti il 29 novembre, gli
abitanti del forte Esprance poterono riconoscere dalla calma esterna
che la tempesta era cessata.
Tutti allora cercarono di uscire al pi presto, perch la prigionia
era durata abbastanza. Si dovette passare dalla finestra e sbarazzarla
dagli ultimi ammassi di neve, perch la porta non era praticabile.

12
Gioco di carte usato in America.
Ma questa volta non si trattava di forare uno strato soffice; il
freddo intenso l'aveva solidificato, e si dovette intaccarlo a colpi di
piccone. Fu un lavoro di mezz'ora; e subito tutti gli svernatori,
eccetto la signora Mac Nap, che non si alzava ancora, uscirono nel
cortile interno.
Il freddo era estremamente vivo, ma sopportabile, poich non
tirava pi vento. Tuttavia, uscendo da una camera calda, ciascuno
dovette prendere le sue precauzioni per affrontare una differenza di
circa 54 F ( +30 C).
Erano le otto del mattino. Costellazioni di una meravigliosa
purezza risplendevano dallo zenit, ove splendeva la stella polare, fino
agli estremi limiti dell'orizzonte. L'occhio avrebbe potuto contarne a
milioni, quantunque il numero delle stelle visibili a occhio nudo non
superi le cinquemila in tutta la sfera celeste.
Tommaso Black lasciava sfuggire esclamazioni di meraviglia
verso quel firmamento tutto costellato, non velato n da foschie, n
da vapori. Mai un cielo cos bello si era offerto agli occhi di un
astronomo.
Mentre Tommaso Black si estasiava, restando indifferente alle
cose di questa terra, i suoi compagni si diressero verso il limite della
cinta fortificata.
La neve aveva la durezza di una roccia, ed essendo molto
sdrucciolevole caus diverse cadute, fortunatamente senza danno.
inutile dire che il cortile del forte era interamente ricolmo. Solo
il tetto della casa dominava la massa bianca, che presentava una
superficie perfetta, poich il vento vi era passato sopra livellandola
ruvidamente. Della palizzata, non restava che la punta dei pali, e in
quello stato non avrebbe arrestato il meno agile dei roditori!
Ma che fare? non si poteva certo pensare di sbarazzare tre metri di
neve indurita, per uno spazio cos ampio. Tuta al pi si poteva
cercare di liberare la parte anteriore del recinto, in modo da formare
un fossato la cui controscarpata avrebbe protetto la palizzata. Ma
l'inverno era appena incominciato e si poteva temere che quel fossato
venisse poi colmato da una nuova tempesta.
Mentre il tenente esaminava le opere che non potevano pi
difendere la casa principale, perch qualche raggio di sole non
avrebbe certo potuto sciogliere quella crosta di ghiaccio, la signora
J oliffe esclam:
E i nostri cani? E le nostre renne?
Infatti bisognava ben pensare a quegli animali. La dog-house e la
stalla, meno elevate della casa, dovevano essere interamente
seppellite, ed era possibile che l'aria vi venisse a mancare.
Corsero dunque, chi verso il canile, chi alla stalla delle renne e
immediatamente ogni timore fu dissipato. La muraglia di ghiaccio
che univa l'angolo nord della casa alla riva aveva in parte protetto le
due costruzioni, intorno alle quali lo strato di neve non superava il
metro e mezzo.
I fori fatti nelle pareti non erano dunque otturati. Si trovarono gli
animali in buono stato di salute, e appena aperto l'uscio i cani si
precipitarono fuori, mandando lunghi latrati di gioia. Il freddo intanto
cominciava a farsi sentire, e dopo una passeggiata di un'ora, ciascuno
pens alla benefica stufa che bofonchiava nel salone.
Fuori non vi era nulla da fare in quel momento, poich non si
potevano certo controllare le trappole, nascoste come erano sotto tre
metri di neve. Per cui si rientr in casa, la finestra fu chiusa e
ciascuno prese posto a tavola, perch ormai l'ora del pranzo era
giunta.
Si pu facilmente immaginare che il tema della conversazione fu
quel freddo repentino che aveva cos rapidamente solidificato l'alto
strato di neve; ed era certo un avvenimento spiacevole, che
comprometteva in parte la sicurezza del forte.
Ma, signor Hobson, disse Paolina Bamett, non possiamo
contare su qualche giorno di disgelo che muti in acqua tutto questo
ghiaccio?
No, signora, rispose il tenente. Un disgelo in questa
stagione non probabile. Credo anzi che l'intensit del freddo
aumenter ancora; un peccato che non si sia potuto levare quella
neve quand'era ancora fresca, Che! credete che la temperatura si
abbasser ancora?
Senza dubbio, signora. Che cosa sono del resto 4 F sotto
zero
13
(-20 C) per una latitudine cos elevata?
Ma che ne sarebbe dunque di noi, se fossimo al Polo?
domand Paolina Bamett.
Il Polo, signora, non probabilmente il punto pi freddo del
globo, perch la maggior parte dei viaggiatori asseriscono che l vi
il mare libero. A causa di certe disposizioni geografiche e
idrografiche, sembra anche che il punto in cui la media della
temperatura pi bassa sia situato sul 95 meridiano e sul 78 di
latitudine, vale a dire sulle coste della Georgia settentrionale. Qui la
media sarebbe sui 2F sotto zero (-19 C) per l'intera annata. Perci
questo punto conosciuto sotto il nome di polo freddo.
Ma, signor Hobson, rispose Paolina Barnett, noi siamo
ancora a pi di otto gradi di latitudine da quel punto terribile.
Perci, rispose J asper Hobson, spero bene che al capo
Bathurst non saremo posti a una cos dura prova come saremmo nella
Georgia settentrionale. Ma se io vi parlo del polo freddo, perch
non lo confondiate con il Polo propriamente detto, quando si tratta di
abbassamento di temperatura. Notiamo del resto che si verificano
grandi freddi anche in altri punti del globo; solo che non durano.
E in quali punti, signor Hobson? domand Paolina Barnett.
Vi assicuro che in questo momento la questione del freddo mi
interessa moltissimo.
Se la memoria non mi tradisce, rispose il tenente, i
viaggiatori artici hanno accertato che all'isola Melville la temperatura
si abbass fino a 61 sotto zero e fino a 65 a porto Felix.
L'isola Melville e porto Felix non sono pi elevati del capo
Bathurst in latitudine?
Certamente, signora, ma in certi casi la latitudine non prova
nulla. Pu bastare il concorso di diverse condizioni atmosferiche per
causare freddi considerevoli; e, se non erro, nel 1845 Sergente
Long, a quel tempo non eravate voi al forte Reliance?
S, tenente, rispose Long.

13
Non bisogna dimenticare che il punto di congelamento secondo il termometro
Fahrenheit 32.
Ebbene, non abbiamo segnalato nel gennaio di quell'anno un
freddo straordinario?
Infatti, rispose il sergente, mi ricordo benissimo che il
termometro segn 70 F sotto zero (-50 7' C).
Che! esclam Paolina Barnett, 70 gradi, al forte Reliance
sul Gran Lago degli Schiavi!
S, signora, rispose il tenente, e a soli 65 di latitudine,
un parallelo che corrisponde a quello di Cristiania e Pietroburgo.
Allora, signor Hobson, bisogna prepararsi a tutto!
S, davvero, a tutto, quando si sverna nei paesi artici!
Durante il 29 e 30 novembre il freddo non diminu e si dovette
caricare molto le stufe, perch l'umidit si sarebbe certamente
cambiata in ghiaccio in tutti gli angoli della casa. Ma il combustibile
abbondava e non se ne fece risparmio, e all'interno si mantenne la
media di 52 F (+10 C) a dispetto del freddo esterno.
Nonostante l'abbassamento della temperatura, Tommaso Black,
tentato da un cielo cos puro, volle fare delle osservazioni sulle stelle.
Egli sperava di scrutare qualcuno di quegli astri magnifici che
splendevano allo zenit. Ma dovette rinunciare a qualsiasi
osservazione. I suoi strumenti gli bruciavano nelle mani.
Bruciare la sola parola che possa esprimere l'impressione
prodotta da un corpo metallico esposto ad un freddo cos forte.
D'altra parte il fenomeno era fisicamente identico.
Che il calore sia violentemente introdotto nella carne da un corpo
ardente, o che ne sia violentemente sottratto da un corpo gelido,
l'impressione identica. E il degno scienziato lo seppe molto bene,
quando le sue dita restarono come incollate al cannocchiale: perci
sospese ogni sua osservazione. Ma il cielo lo ricompens
regalandogli lo spettacolo indescrivibile delle sue pi belle meteore:'
un paraselene dapprima, un'aurora boreale poi.
Il paraselene, o alone lunare, formava un bianco cerchio orlato di
una pallida tinta rossa intorno alla luna. Questo luminoso cerchio,
dovuto alla rifrazione dei raggi lunari attraverso i piccoli cristalli di
ghiaccio sospesi nell'atmosfera, aveva un diametro ben visibile e
l'astro della notte splendeva vivissimo al centro di quella corona
simile a quegli archi lattei e diafani degli arcobaleni lunari.
Quindici ore dopo si manifest all'orizzonte verso nord una
magnifica aurora boreale, descrivente un arco di oltre cento gradi
geografici, il cui apice si trovava sul meridiano magnetico e, per una
stranezza osservata qualche volta, era di tutti i colori dell'iride, fra i
quali tuttavia spiccava in modo particolare il rosso. In certe parti del
cielo le costellazioni parevano tuffate nel sangue. Da quel velo
brumoso all'orizzonte che formava il nucleo della meteora,
emanavano raggi ardenti, taluni dei quali passando lo zenit facevano
impallidire la luce della luna immersa in quelle onde elettriche.
Quei raggi tremolavano come se qualche corrente d'aria ne
agitasse le molecole. Non vi sono parole che possano descrivere la
sublime magnificenza di quella gloria che brillava in tutto il suo
splendore al polo boreale. Dopo una mezz'ora d'incomparabile
fulgore, senza che si fosse ristretta e senza la minima diminuzione di
luce, la stupenda meteora si spense d'improvviso come se una mano
invisibile avesse d'un tratto interrotto le sorgenti elettriche che la
vivificavano.
E fu un bene per Tommaso Black; cinque minuti ancora e il buon
astronomo sarebbe gelato in contemplazione.

CAPITOLO XIX
UNA VISITA DI VICINATO
IL 2 DICEMBRE l'intensit del freddo era diminuita. Quei fenomeni
di paraseleni erano un sintomo sul quale un meteorologo non avrebbe
potuto sbagliare.
Essi accertavano la presenza di una certa quantit di vapore
acqueo nell'atmosfera; infatti il barometro scese un poco, e nello
stesso tempo la colonna termometrica si alz fino a 15 F (-9 C).
Quel freddo sarebbe tuttavia sembrato rigoroso in ogni regione
della zona temperata; ma gli svernatori di professione lo sopportano
facilmente; d'altra parte l'atmosfera era tranquilla. Il tenente Hobson
osserv che gli strati superiori di neve ghiacciata si erano ammolliti e
ordin di sgomberare il perimetro esterno del recinto.
Mac Nap e i suoi uomini si accinsero coraggiosamente a fare
questo lavoro che in pochi giorni fu condotto a buon fine.
Contemporaneamente, furono estratte dalla neve le trappole che vi
erano rimaste sepolte e vennero tese nuovamente. Molte impronte
testimoniavano che la selvaggina da pelliccia si radunava nei dintorni
del capo, e siccome la terra le negava il cibo, doveva lasciarsi
cogliere facilmente dall'esca dei tranelli.
Stando ai consigli del cacciatore Marbr, si costru anche una
trappola per renne secondo il metodo degli eschimesi. Era una fossa
con i lati di circa tre metri e profonda quattro, ricoperta da una tavola
formante un'altalena, e che poteva sollevarsi per il suo peso.
L'animale, attirato dalle erbe poste sull'estremit della tavola, sarebbe
inevitabilmente precipitato nel fossato, dal quale non avrebbe pi
potuto uscire. Con questo sistema ad altalena la trappola si
richiudeva da sola, e presa una renna, se ne potevano prendere altre
in seguito.
Marbr non trov nessuna difficolt nel disporre la trappola
fuorch quella di scavare un terreno durissimo; ma fu molto
meravigliato, e J asper Hobson con lui, quando la zappa, tolti un
metro o un metro e mezzo di terra e di sabbia, incontr sotto uno
strato di neve dura come un sasso e che pareva molto spesso.
Non appena ebbe osservato tale disposizione geologica, il tenente
disse:
Senz'altro questa parte del litorale stata soggetta, molti anni
or sono, a un freddo eccessivo e per lungo tempo; poi la sabbia e la
terra avranno ricoperto poco alla volta la massa gelata, la quale,
probabilmente, riposa sopra un letto di granito.
Pu essere, rispose il cacciatore, ma ci non impedir
alla nostra trappola di funzionare. Anzi, una volta cadute nella
trappola, le renne si troveranno attorno pareti ghiacciate e
sdrucciolevoli sulle quali le loro zampe non potranno fare presa.
Marbr aveva ragione, e gli avvenimenti giustificarono le sue
previsioni.
Il 5 dicembre, egli e Sabine andarono a visitare la fossa, e
sentirono sordi grugniti; si arrestarono.
Questo non il grido di una renna, disse Marbr, e mi
sembra di conoscere l'animale che si lasciato prendere nella nostra
trappola!
Un orso? rispose Sabine.
S, disse Marbr, i cui occhi brillarono di soddisfazione.
Ebbene, replic Sabine, non perderemo nulla nel
cambio; le bistecche d'orso valgono quanto quelle della renna, e
avremo anche la pelliccia per giunta; andiamo.
I due cacciatori erano armati; misero una palla nel loro fucile, gi
carico a pallini, e avanzarono verso la trappola. La tavola ad altalena
era ritornata al suo posto, ma l'esca era sparita, trascinata
probabilmente in fondo alla fossa.
Marbr e Sabine, giunti vicino all'apertura, guardarono in fondo al
buco. I grugniti raddoppiarono: erano infatti quelli di un orso. In un
angolo della fossa era accovacciata una gigantesca massa, una vera
palla di pelliccia bianca appena visibile nell'ombra, in cui
splendevano due occhi scintillanti.
Le pareti della fossa erano tormentate a colpi di zampa, e certo se
le mura fossero state di terra l'orso avrebbe potuto aprirsi un passo e
uscir fuori.
Ma su quel ghiaccio sdrucciolevole le sue zampe non avevano
avuto presa; perci la prigione si era allargata cedendo ai colpi, ma
l'animale non aveva potuto uscire.
In queste condizioni la cattura non offriva difficolt di sorta: due
colpi di fucile sparati con precisione in fondo alla fossa, e non rimase
altro da fare che tirar fuori la preda. I due cacciatori si recarono al
forte per chiedere aiuti, e tornarono alla trappola seguiti da una
dozzina di compagni e muniti di corde. Tuttavia fu veramente
faticoso levare l'orso dalla fossa. Era un gigantesco animale, la cui
forza doveva essere stata prodigiosa. Apparteneva alla sottospecie
degli orsi bianchi per il cranio schiacciato e il corpo lungo, le unghie
corte e poco curve, il muso sottile e il pelo del tutto bianco. Quanto
alle parti commestibili dell'animale furono con gran cura portate alla
signora J oliffe, e comparvero come piatto principale nel pranzo di
quel giorno.
Nella settimana successiva le trappole funzionarono con molto
successo; furono prese una ventina di martore, allora in tutta la
bellezza della loro pregevole pelliccia, ma solo due o tre volpi,
poich questi animali indovinarono il tranello, e il pi delle volte,
scavando il terreno vicino alla trappola, riuscirono a impadronirsi
dell'esca e a sbarazzarsi poi della trappola caduta sopra di loro;
questa cosa fece arrabbiare moltissimo Sabine, e gli fece dichiarare
che questo sotterfugio era indegno di una volpe onesta!.
Intorno al 10 dicembre, soffiando il vento da sud-ovest, torn a
cadere la neve, ma non a grossi fiocchi: era un nevischio veramente
poco abbondante ma che si congelava subito, poich il freddo era
vivissimo e difficile da sopportare per il vento che soffiava forte.
Bisogn dunque rintanarsi un'altra volta e riprendere i lavori
dell'interno.
Per precauzione J asper Hobson distribu a tutti pastiglie di calcio e
di sugo di cedro, poich si era reso necessario l'uso di questi
antiscorbutici data la persistenza di quel freddo umido.
Del resto, nessun sintomo di scorbuto si era ancora manifestato fra
gli abitanti del forte Esprance, e, grazie alle precauzioni igieniche,
la salute generale era eccellente.
La notte polare era profonda. Si stava avvicinando il solstizio,
epoca in cui il sole si trovava nel punto pi basso sotto l'orizzonte per
l'emisfero boreale. Al crepuscolo di mezzanotte, l'orlo meridionale
delle lunghe e candide pianure a mala pena si tingeva di colori meno
tenebrosi. Una vera impressione di tristezza emanava da quello
strano paese che le tenebre avvolgevano da ogni parte.
Trascorsero alcuni giorni nella casa comune; J asper Hobson era
pi tranquillo contro l'assalto delle belve dacch le vicinanze della
cinta erano state sbarazzate dalla neve. E fu una fortuna, perch si
sentivano sinistri grugniti, sulla natura dei quali non ci si poteva
ingannare. Quanto alla visita dei cacciatori indiani o canadesi non
c'era nulla da temere in quel periodo.
Eppure avvenne un incidente, che si potr chiamare un episodio di
quel lungo inverno, a provare che, anche nel cuore della stagione
rigida, quelle solitudini non erano interamente spopolate. Esseri
umani percorrevano ancora quelle terre dando la caccia ai trichechi e
accampandosi sotto la neve.
Appartenevano alla razza dei mangiatori di pesci crudi ,
14
che sono
sparsi disordinatamente nell'America settentrionale, dal mare di
Baffin fino allo stretto di Bering, e il cui limite meridionale sembra
essere il Gran Lago degli Schiavi.
Il mattino del 14 dicembre, o meglio alle nove prima di mezzogiorno,
il sergente Long, reduce da una escursione sul litorale, termin il suo
rapporto dicendo che, se gli occhi non l'avevano ingannato, una trib
di nomadi doveva essere accampata a quattro miglia dal forte, presso
un piccolo capo che la costa formava in quel luogo.
E che nomadi sono? domand J asper Hobson.
Uomini o trichechi, rispose il sergente, non c' via di
mezzo. Avrebbe fatto inarcare le ciglia al bravo sergente chi gli
avesse detto che appunto alcuni naturalisti hanno ammesso quella via
di mezzo che egli non riconosceva; e in verit alcuni scienziati, pi o

14
Traduzione letterale della parola eschimese. (N.d.A.)
meno scherzosamente, hanno considerato gli eschimesi come una
specie intermedia tra l'uomo e il vitello marino.
Subito il tenente Hobson, Paolina Barnett, Madge e alcuni altri
vollero accertarsi della presenza di quei visitatori. Bene imbacuccati
e difesi contro i geli improvvisi, calzati di stivali imbottiti ai quali la
neve ghiacciata dava un solido punto di appoggio, uscirono dalla
porta di soccorso e seguirono il litorale ingombro di massi di
ghiaccio.
La luna, allora al suo ultimo quarto, gettava incerti bagliori sull'ice-
field attraverso la foschia del cielo.
Dopo aver camminato per circa un'ora, il tenente cominci a pensare
che il sergente si fosse ingannato o almeno che non avesse visto altro
che trichechi, i quali si erano certo rituffati nel loro elemento
attraverso quei buchi che essi tengono di continuo aperti in mezzo ai
campi di ghiaccio.
Ma il sergente Long, mostrando un turbine grigiastro che usciva da
un rilievo conico che sorgeva ad alcune centinaia di passi sull'ice-
field, si accontent di soggiungere tranquillamente:
Ecco dunque un focolare di trichechi!
In quel momento alcuni esseri viventi uscirono dalla capanna
strisciando sulla neve. Erano eschimesi: ma solo un indigeno avrebbe
potuto dire se erano uomini o donne, perch indossavano indumenti
perfettamente identici.
In verit, e senza provare in qualsiasi cosa l'opinione dei naturalisti
citati pi sopra, si sarebbero presi per foche, per veri anfibi, villosi e
pelosi. Erano sei, quattro grandi e due piccini, dalle larghe spalle
bench di media statura, dal naso schiacciato e gli occhi riparati da
enormi palpebre, bocca larga, labbra grosse, capelli neri, lunghi e
ruvidi, faccia imberbe.
Vestivano una tunica fatta di pelli di tricheco, con cappuccio,
stivali e guanti della stessa natura.
Quegli esseri mezzo selvaggi si accostarono agli europei e li
guardarono in silenzio.
Nessuno sa l'eschimese? domand J asper Hobson ai suoi
compagni. Nessuno conosceva quell'idioma, ma subito si ud una
voce che diede il benvenuto in inglese.
Welcome! welcome!
Era un eschimese, o meglio una eschimese che, andando incontro
a Paolina Barnett, la salut con un cenno della mano.
La viaggiatrice, meravigliata, rispose con alcune parole che
l'indigena parve capire facilmente, perci fu fatto l'invito alla
famiglia di seguire gli europei fino al forte.
Gli eschimesi parvero interrogarsi con lo sguardo e, dopo alcuni
istanti di esitazione, accompagnarono il tenente Hobson,
camminando in gruppo serrato.
Giunti al recinto la donna indigena, vedendo quella casa di cui
non sospettava l'esistenza, esclam:
House, house; snow-house?
Domandava se quell'abitazione fosse fatta di neve, e poteva ben
crederlo perch si confondeva allora con tutta quella bianca massa
che copriva il suolo. Le si spieg che si trattava di una casa di legno.
Allora l'eschimese disse alcune parole ai suoi compagni, i quali
fecero segno di si; poi tutti passarono per la porta di soccorso e un
istante dopo venivano introdotti nella sala principale, dove si
levarono i cappucci e fu possibile osservarli meglio.
Vi erano due uomini tra i quaranta e i cinquanta anni, dal colorito
giallo rossiccio, dai denti aguzzi, dai pomelli delle gote sporgenti; il
che li faceva assomigliare ai carnivori; due donne, molto giovani, i
cui capelli intrecciati erano adorni di denti e di artigli di orsi polari;
infine due fanciulli tra i cinque e i sei anni, povere creaturine dal
faccino sveglio, che guardavano sbarrando tanto d'occhi.
C' da supporre che gli eschimesi abbiano sempre fame,
disse J asper Hobson; penso dunque che un pezzo di selvaggina
non spiacer ai nostri ospiti.
Per ordine del tenente il caporale J oliffe rec alcuni pezzi di renna
sui quali quei disgraziati si gettarono con bestiale avidit; solo la
giovane che si era espressa in inglese mostr una certa riservatezza
guardando, senza staccare mai gli occhi, Paolina Barnett e le altre
donne del forte; poi, vedendo il bambino che la signora Mac Nap
teneva fra le braccia, si alz e si diresse verso di lui e parlandogli con
voce dolce si mise ad accarezzarlo.
Quella giovane indigena pareva essere, se non superiore, almeno
pi civile dei suoi compagni, e ci apparve specialmente quando,
colta da un lieve impeto di tosse, pose la mano dinanzi alla bocca
secondo le regole pi elementari del galateo.
Questo particolare non sfugg a nessuno. Paolina Barnett,
chiacchierando con la eschimese e servendosi delle parole inglesi pi
comuni, apprese in poche frasi che quella giovane indigena aveva
servito per un anno in casa del governatore danese d'Uppernawik, la
cui moglie era inglese. Poi aveva lasciato la Groenlandia per seguire
la sua famiglia nei territori di caccia; i due uomini erano i suoi due
fratelli; l'altra donna, maritata a uno di essi e madre dei due fanciulli,
era sua cognata. Ritornavano tutti dall'isola Melbourne, posta a est
sul litorale dell'America inglese, ed erano diretti a ovest verso la
punta Barrow nella Georgia occidentale dell'America russa, dove
viveva la loro trib; ed era per essi argomento di stupore trovare un
centro commerciale a capo Bathurst; anzi i due eschimesi crollarono
il capo nel vedere quel forte.
Disapprovavano la costruzione di un forte in quel punto del
litorale o trovavano il luogo inadatto? Con tutta la sua pazienza il
tenente Hobson non riusc a fare in modo che spiegassero ci o
almeno non comprese le loro risposte.
Quanto alla giovane eschimese si chiamava Kalumah e parve
affezionarsi molto a Paolina Barnett. La povera creatura, per quanto
fosse socievole, non rimpiangeva certo la sua posizione di un tempo
presso il governatore d'Uppernawik e si mostrava affezionatissima ai
suoi parenti.
Dopo essersi ristorati e dopo aver servito una mezza pinta
d'acquavite, di cui i piccini ebbero la loro parte, gli eschimesi presero
commiato dai loro ospiti; ma prima di partire la giovane indigena
invit la viaggiatrice a visitare la loro capanna di neve.
La signora Barnett promise di recarvisi l'indomani se il tempo lo
avesse permesso. E l'indomani, infatti, accompagnata da Madge, dal
tenente Hobson e da alcuni soldati armati - non contro quelle povere
persone, ma contro gli orsi vaganti sul litorale che si potevano
incontrare Paolina Barnett si rec verso il capo Eschimese, nome
che fu dato alla punta presso la quale sorgeva l'accampamento
indigeno.
Kalumah venne incontro alla sua amica del giorno prima e le
mostr la capanna con aria soddisfatta. Era un grosso cono di neve
sulla cima del quale si apriva uno stretto foro dal quale sfuggiva il
fumo di un focolare interno; in quel cono gli eschimesi avevano
scavato la loro dimora.
Quelle snow-houses, che essi fabbricano con estrema rapidit,
vengono chiamate igloo nel linguaggio del paese e sono
meravigliosamente adatte al clima, e i loro abitanti vi sopportano,
senza fuoco e senza soffrire, anche freddi che raggiungono i 40
sotto zero. Durante l'estate, invece, gli eschimesi si accampano sotto
tende di pelli di foca dette tupic.
Penetrare in quella capanna non era una cosa facile, poich aveva
solo un ingresso rasente a terra e bisognava strisciare in una specie di
corridoio lungo circa un metro poich le pareti di neve hanno almeno
questa grossezza. Ma una viaggiatrice di professione, premiata dalla
Societ reale di geografia, non poteva esitare; ed infatti Paolina
Barnett non esit ad entrare, seguita da Madge, nello stretto
passaggio dietro alla giovane indigena.
Quanto al tenente Hobson e ai suoi uomini, essi fecero a meno di
quella visita, e Paolina Barnett comprese in brevissimo tempo che il
pi difficile non era gi penetrare in quella capanna di neve, ma
rimanervi. L'atmosfera riscaldata dal focolare, su cui bruciavano ossa
di trichechi, era nauseante, infetta dall'olio puzzolente di una
lampada, impregnata dalle emanazioni degli abiti grassi e delle carni
di anfibio che formano il principale nutrimento degli eschimesi.
Madge non pot reggere e usc quasi subito. Paolina Barnett diede
prova di un coraggio sovrumano per non addolorare la giovane
indigena e prolung la sua visita per cinque buoni minuti, cinque
secoli. I due fanciulli e la loro madre erano nella capanna; ma i due
uomini si erano allontanati per quattro o cinque miglia dalla loro
abitazione per la caccia ai trichechi.
Quando Paolina Barnett usc dalla capanna, aspir con ebbrezza
l'aria esterna, gelida e salubre, che le ridiede il colore sul volto
impallidito.
Ebbene, signora, le disse il tenente, che ne dite delle case
eschimesi?
Sono poco ventilate, rispose semplicemente Paolina
Barnett.
Per otto giorni quell'interessante famiglia indigena rimase
accampata in quel luogo. I due eschimesi passavano dodici ore su
ventiquattro a caccia di trichechi. Andavano con una pazienza che
solo i cacciatori possono comprendere ad aspettare gli anfibi sull'orlo
di quei buchi, dai quali venivano a respirare sulla superficie dell'ice-
field. Non appena il tricheco si mostrava, gli veniva gettata intorno
alle pinne pettorali una corda a nodo scorsoio, e i due indigeni lo
issavano con grande fatica e lo uccidevano a colpi d'accetta;
veramente era pi una pesca che una caccia. Ed era poi una gran festa
poter bere il sangue ancora caldo di quegli anfibi, di cui gli eschimesi
s'inebriano voluttuosamente.
Ogni giorno Kalumah, nonostante la fredda temperatura, si recava
al forte Esprance. Ella si divertiva molto a percorrere le diverse
camere dell'abitazione, a guardare il cucito e a seguire tutti i
particolari dei lavori culinari della signora J oliffe. Di ogni cosa
chiedeva il nome inglese e discorreva per ore intere con Paolina
Barnett, se pure la parola discorrere pu essere adoperata per quello
scambio di parole lungamente ricercate da una parte e dall'altra.
Quando la viaggiatrice leggeva ad alta voce, Kalumah l'ascoltava
con estrema attenzione, bench non comprendesse quasi nulla.
Kalumah cantava anche con voce abbastanza dolce canzoni d'un
ritmo singolare, fredde, glaciali, malinconiche e con suoni bizzarri.
Paolina Barnett ebbe la pazienza di tradurre uno di questi saggi
groenlandesi, curioso campione di poesia iperborea, con un motivo
triste, rotto da pause e intervalli bizzarri.
Ecco, del resto, un saggio di questa poesia, copiato dallo stesso
diario della viaggiatrice.
CANZONE GROENLANDESE
Il cielo nero, il sole si leva appena
E d'una profonda malinconia la mia anima piena.
Ride la bionda fanciulla delle mie tenere canzoni.
L'inverno ha messo ghiaccio nel suo cuore.

Angelo sognato, il tuo amor che d vita m'inebria, e per
vederti, per seguirti, anche il gelo ho sfidato.
Ahim, con i miei baci e il loro dolce calore non ho sciolto
la neve nel tuo cuore.

Ah, che domanipossa il tuo cuore palpitar col mioe la mia
mano, trepida, possa stringere la tua.
Briller il solealto sul nostro cieloe l'amor tuo far pi
rapido il disgelo.
Il 20 dicembre la famiglia di eschimesi venne al forte Esprance a
prendere commiato dai suoi abitanti. Kalumah si era affezionata alla
viaggiatrice che l'avrebbe volentieri tenuta con s; ma la giovane
indigena non volle lasciare i suoi, e promise di ritornare l'estate
prossima al forte Esprance.
I suoi addii furono commoventi; ella consegn a Paolina Barnett
un anellino di rame e ricevette in cambio una collana di perline, di
cui si abbigli subito. J asper Hobson non lasci partire quei poveretti
senza una buona provvista di viveri, che fu caricata sulla loro slitta, e
dopo alcune parole di riconoscenza proferite da Kalumah,
l'interessante famigliola si diresse verso ovest e scomparve nelle fitte
nebbie del litorale.
CAPITOLO XX
IL MERCURIO GELA
IL TEMPO asciutto e la calma dell'atmosfera favorirono i cacciatori
per qualche giorno ancora; eppure essi non si allontanarono:
l'abbondanza della selvaggina permetteva loro di andare a caccia in
luoghi vicini. Il tenente Hobson aveva dunque di che rallegrarsi per
aver costruito il suo forte su quel punto del continente. Le trappole
presero un gran numero di animali di ogni specie, e Sabine e Marbr
uccisero molte lepri polari. Inoltre furono atterrati a colpi di fucile
una ventina di lupi affamati.
Questi carnivori si mostravano molto aggressivi e, raccogliendosi
a gruppi intorno al forte, riempivano l'aria di rauchi latrati. Dalla
parte dellice-field e fra gli hummocks passavano di frequente grossi
orsi, che venivano tenuti d'occhio con particolare attenzione.
Il 25 dicembre fu nuovamente necessario abbandonare ogni
progetto di escursione, poich il vento soffi dal Nord e il freddo
ridivenne rigidissimo. Non si poteva rimanere all'aperto senza correre
rischio di essere istantaneamente frost bitten. Il termometro
Fahrenheit scese a 18 sotto zero (-28 C). Il vento fischiava come la
raffica di una mitraglia. Prima di rinchiudersi, J asper Hobson pens
di fornire agli animali molto cibo, tanto da nutrirli per alcune
settimane.
Il 25 dicembre, giorno di Natale, la festa del domestico focolare
tanto cara agli inglesi, fu celebrata con uno zelo tutto religioso. Gli
svernatori ringraziarono la Provvidenza che li aveva protetti sino
allora; poi i lavoratori riposarono nel giorno sacro del Christmas, e
si trovarono tutti raccolti dinanzi ad uno splendido banchetto, del
quale facevano parte due giganteschi pudding.
Alla sera sull'ampia mensa fiammeggiava un punch; furono spente
le lampade, e la sala, illuminata dalla livida luce dell'acquavite, cui
era stato appiccato il fuoco, prese un fantastico aspetto. Tutte quelle
buone facce dei soldati si accesero, ai riflessi tremolanti di quel
fuoco, di una animazione che l'ardente liquido doveva accrescere. Poi
la fiamma si moder, si sparpagli intorno alla focaccia nazionale in
linguette azzurrognole, e svan.
Inaspettato fenomeno! Bench le lampade non fossero ancora
state riaccese, la sala tuttavia non ridivenne oscura; una viva luce vi
penetrava dalla finestra: luce rossiccia, che il bagliore delle lampade
aveva impedito di vedere prima.
Tutti i convitati balzarono in piedi e si interrogarono con gli
sguardi.
Un incendio! esclam qualcuno.
Anche se la casa stessa non era in fiamme, nessun incendio poteva
scoppiare nelle vicinanze del capo Bathurst.
Il tenente si affacci alla finestra, e riconobbe subito la causa di
quel riflesso. Era un'eruzione.
Infatti, oltre le rive a ovest, di l dalla baia dei Trichechi,
l'orizzonte era in fiamme. Non si poteva vedere la cima delle colline
ignivome poste a 30 miglia dal capo Bathurst. Ma il pennacchio di
fiamme, spingendosi a una altezza prodigiosa, copriva tutto il
territorio con fulvi riflessi.
uno spettacolo ancora pi bello di un'aurora boreale!
esclam Paolina Barnett.
Tommaso Black si inalber a quella affermazione; un fenomeno
terrestre pi bello di una meteora! Ma invece di discutere queste tesi,
nonostante il freddo intenso e l'acuto vento, ciascuno lasci la sala e
and a contemplare il meraviglioso spettacolo di quella vampata
scintillante sul nero fondo del cielo.
Se J asper Hobson e i compagni non avessero avuto le orecchie e
la bocca avvolti in fitte pellicce, avrebbero potuto sentire i sordi
rumori dell'eruzione che si propagavano attraverso l'atmosfera e
comunicarsi le impressioni provate a quel sublime spettacolo. Ma
cos incappucciati, non era loro concesso n di parlare, n di udire, e
dovettero accontentarsi di vedere.
Ma che maestosa scena per i loro occhi e quale ricordo per le loro
menti! Fra la profonda oscurit del firmamento e la bianchezza
dell'immenso tappeto di neve, lo svolgersi delle fiamme vulcaniche
produceva effetti di luce che nessuna penna e nessun pennello
avrebbero potuto riprodurre. L'intenso riflesso si spingeva oltre lo
zenit, spegnendo a poco a poco tutte le stelle. Il candido terreno si
tingeva d'oro, gli hummocks dell'ice-field e pi indietro gli enormi
icebergs riflettevano i diversi bagliori come specchi ardenti. Quei
fasci luminosi venivano ad infrangersi contro tutti gli angoli, e i piani
variamente inclinati li riflettevano con pi vivo bagliore e con nuovi
colori. Urto di raggi magico davvero! Pareva l'immensa decorazione
dei ghiacciai di una ferie preparata apposta per quella festa della
luce. Ma l'eccessivo freddo costrinse in breve gli spettatori a rientrare
nella loro calda abitazione, e pi di un naso corse rischio di pagar
caro quel piacere che gli occhi prendevano con suo danno in simile
temperatura.
Nei giorni che seguirono crebbe l'intensit del freddo; a un certo
punto si pens che il termometro a mercurio non bastasse a segnare i
gradi e che si sarebbe dovuto usare un termometro ad alcool. Infatti,
nella notte dal 28 al 29 dicembre, la colonna scese a 32 F sotto zero
(-37 C).
Le stufe furono riempite di combustibile, ma la temperatura
interna non super i 20 F (-7 C). Si aveva freddo persino nelle
camere, e solo a tre metri dalla stufa il calore non si faceva pi
sentire; il miglior posto dunque era riservato al piccino, la cui culla
veniva mossa da tutti quelli che si avvicinavano al fuoco.
Fu assolutamente proibito aprire qualsiasi porta o finestra, perch
il vapore concentrato nelle camere si sarebbe immediatamente
cambiato in neve. Nei corridoi la respirazione produceva gi un
fenomeno identico. Si sentivano da ogni parte certe secche
detonazioni che meravigliarono le persone non abituate ai fenomeni
di quel clima.
Erano i tronchi d'alberi delle pareti della casa che scricchiolavano
per l'azione del freddo. La provvista dei liquori, acquavite e gin,
dovette dal granaio essere calata nella sala comune: gi l'alcool era
coagulato e tutto lo spirito si concentrava in fondo alla bottiglia in
forma di un nocciolo.
La birra, fabbricata con le gemme d'abete, congelandosi faceva
scoppiare i barili. Tutti i corpi solidi resistevano, come pietrificati,
alla forza del calore. La legna ardeva con difficolt, e J asper Hobson
dovette sacrificare una certa quantit d'olio di tricheco per attivarne
la combustione. Per buona sorte i camini tiravano bene e impedivano
ogni emanazione disgustosa all'interno; esternamente il forte
Esprance doveva rivelarsi da lontano con l'odore acre e fetido del
fumo e certo meritava di essere posto fra i centri meno salubri.
Sintomo notevole era l'estrema sete da cui ciascuno era divorato in
quell'intenso freddo; ora, per rinfrescarsi, bisognava costantemente
sgelare i liquidi accanto al fuoco, perch in forma di ghiaccio non
sarebbero stati adatti a togliere la sete.
Altro sintomo, contro il quale il tenente Hobson incoraggiava i
compagni a reagire, era un'ostinata sonnolenza che alcuni non
riuscivano a vincere. Paolina Barnett, sempre valorosa, con i
consigli, con la conversazione e con il suo andare e venire reagiva
per proprio conto e incoraggiava gli altri. Spesso leggeva qualche
libro di viaggio o cantava qualche vecchio ritornello inglese che tutti
ripetevano in coro, svegliando per amore o per forza gli
addormentati, i quali facevano coro a loro volta.
Passavano cos le lunghe giornate assolutamente prigionieri, e
J asper Hobson, consultando attraverso i vetri il termometro collocato
esteriormente, notava che il freddo cresceva di continuo. Il 31
dicembre il mercurio era interamente congelato nella vaschetta dello
strumento; si avevano dunque pi di 44 F sotto zero (-42 C). Il
giorno dopo, 1 gennaio 1860, il tenente J asper Hobson fece gli
auguri per il nuovo anno a Paolina Barnett, rallegrandosi del viaggio
e del buon umore con cui sopportava i rigori dell'inverno. E gli stessi
auguri vennero fatti all'astronomo, il quale non vedeva se non una
cosa, nel mutamento che portava dall'anno 1859 all'anno 1860, e cio
che egli entrava nell'anno della famosa eclissi solare. Furono
scambiati gli auguri fra tutti i membri di quella piccola colonia, cos
uniti fra di loro, e la cui salute, grazie al cielo, continuava a essere
eccellente. Si erano avuti anche alcuni sintomi di scorbuto, ma si era
immediatamente fatto uso opportuno di succo di cedro e di pastiglie
di calcio. Ma non bisognava rallegrarsi troppo presto.
L'inverno doveva ancora durare tre mesi. Senza dubbio il sole non
doveva tardare a riapparire sopra l'orizzonte, ma nulla provava che il
freddo avesse raggiunto la massima intensit, e in generale sotto tutte
le zone boreali nel mese di febbraio che si hanno i pi forti
abbassamenti di temperatura.
Del resto il rigore dell'atmosfera non scem nei primi giorni
dell'anno nuovo e il 6 gennaio il termometro ad alcool posto
all'esterno della finestra del corridoio segn 66 F sotto zero (-52
C). Alcuni gradi ancora e si sarebbero raggiunti e forse anche
superati i minimi di temperatura rilevati al forte Reliance nel 1835.
Quella persistenza di un freddo tanto rigoroso inquietava sempre
pi J asper Hobson, il quale temeva che gli animali da pelliccia
fossero obbligati a cercare al sud un clima meno rigido, la qual cosa
avrebbe contrariato i suoi disegni di caccia per la prossima
primavera. Inoltre egli sentiva spesso attraverso gli strati sotterranei
alcuni sordi brontolii che si riferivano evidentemente all'eruzione
vulcanica.
L'orizzonte occidentale era sempre infiammato dai fuochi della
terra, e certo un formidabile lavorio plutonico si compiva nelle
viscere del globo.
La vicinanza di un vulcano in azione non poteva forse
rappresentare un pericolo per il nuovo centro commerciale? A questo
pensava il tenente come udiva qualche brontolio interno; ma queste
apprensioni, d'altra parte molto vaghe, egli le tenne per s.
facile immaginare che con questo freddo nessuno pensasse a
lasciare la casa.
I cani e le renne avevano provviste in quantit, e questi animali,
avvezzi d'altra parte a lunghi digiuni nell'inverno, non avevano
bisogno dell'assistenza dei loro padroni. Non vi era dunque alcun
motivo per esporsi ai rigori dell'atmosfera. Era gi molto poter
sopportare una temperatura che la combustione del legno e dell'olio
riusciva appena a rendere tollerabile.
Nonostante tutte le precauzioni prese, l'umidit si cacciava nelle
sale non ventilate e deponeva sui banconi brillanti strati di ghiaccio
che si ingrossavano ogni giorno. I condensatori si erano ingorgati, e
uno di essi scoppi sotto la pressione dell'acqua solidificata.
In queste condizioni il tenente non pensava a risparmiare il
combustibile, anzi lo prodigava per far crescere la temperatura, che,
non appena i fuochi della stufa e del fornello rallentavano alquanto,
scendeva talvolta fino a 15 F (-9 C). Per gli uomini di sentinella,
rinnovandosi a ogni ora, avevano ordine di sorvegliare i fuochi.
La legna mancher presto, disse un giorno il sergente Long
al tenente.
Mancarci! esclam J asper Hobson.
Voglio dire, riprese il sergente, che la provvista della
casa si consuma e che bisogner fra poco approvvigionarsi al
magazzino. Ora io so per esperienza che esporci all'aria con questo
freddo vuol dire arrischiare la vita.
S, rispose il tenente, e fu un errore costruire la legnaia
fuori della casa principale e non in comunicazione diretta con essa.
Me ne avvidi un po' tardi; non avrei dovuto dimenticare che
dovevamo svernare oltre il 70 parallelo; ma infine, cosa fatta capo
ha. Ditemi, Long, quanta legna rimane in casa?
Tanto da alimentare la stufa e il fornello per due o tre giorni al
massimo.
Speriamo che prima d'allora il rigore della temperatura sia
diminuito in modo da potere senza pericolo attraversare il cortile del
forte.
Ne dubito, replic il sergente Long crollando il capo.
L'atmosfera pura, il vento si mantiene da nord e non sarei
meravigliato se questo freddo continuasse quindici giorni ancora,
vale a dire fino alla luna nuova.
Ebbene, mio bravo Long, non ci lasceremo certo morir di
freddo, e il giorno in cui bisogner esporci
Ci esporremo, tenente, rispose il sergente Long.
J asper Hobson strinse la mano del sergente il cui affetto gli era
noto.
Si potrebbe credere che J asper Hobson e il sergente Long
esagerassero quando consideravano mortale l'effetto di un freddo
cos intenso sull'organismo; ma, avvezzi alle violenze dei climi
polari, essi avevano una lunga esperienza, e avevano visto in
condizioni identiche cadere fulminati sul ghiaccio uomini robusti non
appena si erano arrischiati ad uscire: era mancata loro la respirazione
e rimasero asfissiati.
Questi fatti, per quanto appaiano incredibili, avvennero pi volte
durante certi inverni.
Nei loro viaggi sulle rive della baia di Hudson nel 1746, William
Moore e Smith hanno narrato di molti incidenti di questa natura, e
hanno anche perduto alcuni dei loro compagni fulminati dal freddo.
Ora incontrastabile che affrontare una temperatura di cui la
colonna di mercurio non pu nemmeno misurare l'intensit, esporsi
a una morte repentina.
Tale era la condizione inquietante degli abitanti del forte
Esprance quando un incidente venne ad aggravarla maggiormente.
CAPITOLO XXI
I GRANDI ORSI POLARI
LA SOLA delle quattro finestre che permettesse di vedere il cortile
del forte era quella che si apriva in fondo al corridoio d'ingresso, le
cui imposte esterne non erano state chiuse; ma perch lo sguardo
potesse attraversare i vetri, ricoperti di un fitto strato di ghiaccio,
bisognava dapprima lavarli con l'acqua bollente, fatica che per ordine
del tenente si faceva pi volte al giorno. Cos, insieme con i dintorni
del capo Bathurst, si osservava con cura lo stato del cielo e il
termometro ad alcool collocato esternamente.
Ora, il 6 gennaio, verso le undici del mattino, il soldato Kellet,
incaricato dell'osservazione, chiam d'improvviso il sergente e gli
mostr certe masse che si muovevano confusamente nell'ombra. Il
sergente Long disse semplicemente: Sono orsi.
Infatti una mezza dozzina di questi animali era riuscita a valicare
la cinta della palizzata, e attirata dalle emanazioni del fumo avanzava
verso la casa.
Non appena J asper Hobson fu avvertito della presenza di quei
formidabili carnivori, diede ordine di sbarrare dall'interno la finestra
del corridoio.
Era il solo passo praticabile, e una volta turata quell'apertura era
impossibile che gli orsi potessero penetrare nella casa.
La finestra fu dunque chiusa per mezzo di forti sbarre che il
carpentiere Mac Nap assicur saldamente, dopo aver fatto per una
stretta apertura che permetteva di osservare l'armeggio di quegli
incomodi visitatori.
E ora, disse il carpentiere, quei signori non entreranno
senza il nostro permesso. Abbiamo dunque tempo di tenere un
consiglio di guerra.
Ebbene, signor Hobson, disse Paolina Barnett, non sar
mancato nulla al nostro svernamento. Dopo il freddo, gli orsi!
Non dopo, rispose il tenente, ma, cosa ben pi grave,
insieme con il freddo, e con un freddo che ci impedisce di
arrischiarci fuori; e io non so come sbarazzarci di questi maledetti
animali.
Perderanno la pazienza, immagino, rispose la viaggiatrice,
e se ne andranno come sono venuti.
J asper Hobson croll il capo poco convinto.
Voi non li conoscete, signora, le disse; il rigido inverno
li rende affamati e non se ne andranno se non li costringeremo.
E questo vi inquieta, signor Hobson?
S e no; io so bene che questi orsi non entreranno in casa, ma
non so come potremo uscirne noi, se sar necessario!
Ci detto J asper Hobson torn vicino alla finestra. Intanto Paolina
Barnett e le altre donne, raccogliendosi intorno al sergente,
ascoltavano il bravo soldato, il quale trattava la questione degli
orsi da uomo sperimentato. Gi molte volte egli aveva avuto a che
fare con questi carnivori che si incontrano di frequente anche nei
territori del Sud, ma in condizioni tali che si poteva assalirli con
fortuna; qui, invece, a causa del freddo, gli assediati non potevano
tentare qualsiasi uscita.
Per tutto il giorno sorvegliarono attentamente gli andirivieni degli
orsi. Ogni tanto uno di questi animali veniva a porre la grossa testa
vicino al vetro e allora si udiva un sordo grugnito di collera. Il
tenente Hobson e il sergente tennero consiglio, e decisero che, se gli
orsi non avessero abbandonato il luogo, avrebbero praticato alcune
feritoie nel muro della casa per cacciarli a fucilate.
Ma fu pure deciso di aspettare un giorno o due prima di ricorrere a
questo mezzo, poich J asper Hobson non era per niente desideroso di
stabilire una comunicazione qualsiasi fra la temperatura esterna e
quella interna della casa, gi cos bassa. L'olio di trichechi, che si
metteva nelle stufe, veniva ridotto in ghiaccioli cos duri che
bisognava spezzarli a colpi di accetta.
La giornata si concluse senza altri incidenti. Gli orsi andavano e
venivano, facevano il giro della casa, ma senza tentare alcun diretto
assalto. Si vegli tutta quanta la notte, e verso le quattro del mattino
si pens che gli assalitori avessero lasciato il cortile, dato che non si
mostravano pi. Ma verso le sette, Marbr, essendo salito in granaio
per prendere alcune provviste, scese subito dicendo che gli orsi
camminavano sul tetto della casa.
J asper Hobson, il sergente, Mac Nap e altri due o tre soldati,
brandendo le armi, si slanciarono sulla scala del corridoio che
metteva nel granaio per mezzo di una botola.
In quel granaio tanto era il freddo che dopo alcuni minuti il
tenente Hobson e i suoi compagni non potevano pi tenere in mano i
fucili, e l'aria umida emessa respirando ricadeva in neve intorno a
essi.
Marbr non si ingannava; gli orsi erano sul tetto della casa e si
udivano correre e grugnire; talvolta le loro unghie, attraversando lo
strato di ghiaccio, si incastravano nelle travi del tetto e si poteva
temere che fossero tanto vigorose da strapparle.
Il tenente e i suoi uomini, vinti presto dallo stordimento causato
da quel freddo insopportabile, ridiscesero, e J asper spieg la
situazione.
Gli orsi, disse, sono ora sul tetto; una cosa veramente
spiacevole; eppure non abbiamo ancora nulla da temere per noi,
poich questi animali non potranno penetrare nelle camere. Ma vi
pericolo che essi forzino l'ingresso del granaio e divorino le pellicce
che vi si trovano. Ora queste pellicce appartengono alla Compagnia
ed nostro dovere difenderle.
Io vi domando dunque, amici miei, di aiutarmi a riporle in luogo
sicuro.
Subito tutti i compagni si schierarono nella sala, nella cucina, nel
corridoio e sulla scalinata. Due o tre, dandosi il cambio - poich non
avrebbero potuto fare un lungo lavoro sfidarono la temperatura
del granaio, e in un'ora le pellicce erano raccolte nella grande sala.
Durante quell'operazione gli orsi cercavano sempre di sollevare le
travi del tetto e gi in alcuni punti si potevano vedere i panconcelli
piegarsi sotto il loro peso. Mastro Mac Nap era inquieto; costruendo
quel tetto non aveva potuto prevedere un peso del genere e temeva
che potesse cedere.
Eppure quella giornata pass senza che gli assalitori facessero
irruzione nel granaio; ma un nemico non meno formidabile, il freddo,
si introduceva a poco a poco nella casa. Il fuoco scemava nelle stufe,
la provvista del combustibile era quasi consumata e fra dodici ore
l'ultimo pezzo di legna sarebbe arso e la stufa si sarebbe spenta.
E allora sarebbe giunta la morte, la morte per il freddo, la pi
terribile di tutte le morti. Ma gi quei disgraziati, stringendosi gli uni
agli altri, circondando la stufa che si raffreddava, sentivano che il
loro calore li abbandonava; ma persino le donne sopportavano
eroicamente quel tormento.
La signora Mac Nap stringeva convulsamente al petto gelato il
suo bambino. Alcuni soldati dormivano o meglio languivano in un
cupo torpore che non poteva esser sonno.
Alle tre del mattino J asper Hobson consult il termometro appeso
nella grande sala a meno di tre metri dalla stufa; segnava 4 F sotto
zero (-20 C).
Il tenente pass la mano sulla fronte, guard i suoi compagni che
formavano un gruppo compatto e silenzioso, e rimase per alcuni
istanti immobile. Il vapore, quasi condensato, della sua respirazione,
lo avvolgeva in un nugolo bianchiccio.
In quel momento sent una mano appoggiargli sulla spalla;
sussult, si rivolse, e si trov davanti Paolina Barnett.
Bisogna fare qualche cosa, tenente Hobson, gli disse
l'energica donna. Noi non possiamo morire cos senza difenderci.
S, rispose il tenente sentendo rinascere il coraggio,
bisogna fare qualche cosa.
Chiam il sergente Long, Mac Nap e Ra, il fabbro, vale a dire gli
uomini pi coraggiosi del suo drappello, e tutti, insieme con Paolina
Barnett, si recarono alla finestra dove, attraverso il vetro lavato con
acqua bollente, consultarono il termometro esterno.
72 F sotto zero (-40 C), esclam J asper Hobson. Amici
miei, non ci rimangono pi che due soluzioni: o rischiare la vita per
rinnovare la provvista di combustibile, o bruciare a poco a poco le
panche, i letti, i tramezzi, tutto ci che pu alimentare le nostre stufe;
ma questo solo un espediente, poich il freddo pu durare e nulla fa
presagire un mutamento di tempo.
Arrischiamo la vita! disse Long. Questa fu pure l'opinione
dei suoi due compagni. Non fu detto altro e ciascuno si prepar ad
agire.
Ora ecco ci che fu deciso e quali precauzioni furono prese per
difendere la vita di coloro che stavano per consacrarsi alla comune
salvezza.
Il capannone che conteneva la legna era a cinquanta metri circa
sulla sinistra e dietro la casa principale.
Fu deciso che uno degli uomini avrebbe cercato, correndo, di
raggiungere la costruzione; egli doveva portare con s una lunga
corda rotolata intorno alla vita e trascinarne un'altra la cui estremit
sarebbe rimasta nelle mani dei suoi compagni. Quando fosse giunto
al capannone, avrebbe posto sopra una delle slitte che si trovavano
sul luogo un carico di legna, poi avrebbe fissato una delle corde alla
parte anteriore della slitta, in modo che potesse essere tirata da quelli
che stavano nella casa mentre avrebbe attaccato l'altra corda alla
parte posteriore per poterla cos ritirare verso il capannone. Si
sarebbe cos stabilito un va e vieni fra il capannone e la casa, tanto da
poter rinnovare senza troppo pericolo la provvista di legna.
Una scossa impressa all'una o all'altra corda doveva indicare che
la slitta era carica nel capannone e scarica nella casa. Quel piano era
stato intelligentemente studiato, ma due cose potevano farlo fallire.
Era innanzi tutto possibile che la porta del capannone ostruita dal
ghiaccio fosse difficile da aprire; inoltre si temeva che gli orsi,
abbandonando il tetto, venissero a ronzare nel cortile. Erano due
rischi da correre. Il sergente Long, Mac Nap e Ra si offrirono tutti e
tre per uscire, ma il sergente fece osservare che i suoi due compagni
erano ammogliati e insistette per compiere egli stesso quell'impresa.
Quanto al tenente, che voleva anch'egli avventurarsi, fu dissuaso
da Paolina Barnett con queste parole:
Signor J asper, voi siete il nostro capo, la vostra vita utile a
tutti e non avete il diritto di esporla: signor J asper, lasciate fare al
sergente Long.
J asper Hobson comprese i doveri impostigli dalla situazione, e
chiamato a decidere tra i suoi compagni scelse il sergente. Paolina
Barnett strinse la mano del bravo Long. Gli altri abitanti del forte,
addormentati o assopiti, ignoravano che si stesse organizzando un
simile tentativo.
Due lunghe corde furono preparate, e una venne avvolta dal
sergente intorno al suo corpo sopra le calde pellicce che aveva
indosso e il cui valore era di oltre mille sterline; attacc l'altra alla
cintola, e vi sospese un acciarino e un revolver carico. Poi, al
momento di partire, ingoi un mezzo bicchiere d'acquavite che per
lui voleva dire bere un sorso di combustibile. J asper, Long, Ra e
Mac Nap uscirono allora dalla sala comune, passarono dalla cucina,
il cui fornello si era spento, e giunsero nel corridoio. Ra, intanto,
sali fino alla botola del granaio e, socchiudendola, si assicur che gli
orsi occupavano sempre il tetto della casa; quello era dunque il
momento di agire. La prima porta del corridoio fu aperta; J asper
Hobson e i suoi compagni, nonostante le fitte pellicce, si sentirono
gelare fino alle midolla; spinsero allora la seconda porta che metteva
direttamente nel cortile; ma furono costretti a indietreggiare per un
istante come soffocati, e immediatamente, l'umido vapore sospeso
nel corridoio si condens e una specie di nevischio copr le pareti e il
pavimento.
Il tempo, fuori, era straordinariamente asciutto e le stelle
rilucevano di uno straordinario splendore.
Il sergente Long, senza tardare un istante, si slanci nell'oscurit,
lasciando dietro l'estremit della corda di cui i compagni tenevano
l'altro capo. La porta esterna fu allora spinta contro la bussola e
J asper Hobson, Mac Nap e Ra rientrarono nel corridoio di cui
chiusero la seconda porta; poi aspettarono. Se Long non ritornava
dopo pochi minuti si doveva supporre che l'impresa gli fosse riuscita
e che giunto al capannone stesse facendo il primo carico di legna. Ma
dieci minuti al massimo dovevano bastare per questa operazione, a
meno che la porta del magazzino avesse fatto resistenza.
Partito il sergente, J asper Hobson e Mac Nap tornarono in fondo
al corridoio. Frattanto Ra sorvegliava il granaio e gli orsi. In quella
nera notte si poteva sperare che il rapido passaggio del sergente fosse
loro sfuggito.
Dieci minuti dopo la partenza di Long, Ra e Mac Nap rientrarono
nello stretto spazio compreso fra le due porte e il corridoio e
aspettarono il segnale per tirare la slitta. Passarono altri cinque
minuti, ma la corda di cui avevano in mano il capo non si mosse.
Potete immaginare la loro ansia! Il sergente era partito da un quarto
d'ora, tempo pi che sufficiente per un carico della slitta, e non aveva
dato ancora alcun segnale. J asper Hobson aspett ancora alcuni
istanti, poi, tirando l'estremit della corda, fece segno ai compagni di
tirare insieme con lui. Qualora il carico non fosse stato pronto, il
sergente avrebbe resistito.
La corda fu tirata vigorosamente; un oggetto pesante venne
scivolando sul suolo e in pochi istanti tocc la porta esterna
Era il corpo del sergente, legato per la cintola. Lo sfortunato Long
non era nemmeno giunto al capannone, ed era caduto lungo il
tragitto, assiderato. Il suo corpo, esposto per circa venti minuti a
quell'insopportabile temperatura, non poteva essere ormai che un
cadavere. Mac Nap e Ra, mandando un grido disperato,
trasportarono il corpo nel corridoio, ma quando il tenente volle
chiudere la porta esterna sent che veniva respinta con violenza e
nello stesso tempo ud un orribile grugnito.
Aiuto! grid J asper Hobson.
Mac Nap e Ra mossero in suo soccorso; ma un'altra persona li
precedette, e fu Paolina Barnett che venne ad aggiungere i suoi sforzi
a quelli del tenente Hobson per chiudere la porta. Ma il mostruoso
animale, appoggiandosi con tutte le forze, la spingeva a poco a poco
e gi stava per forzare l'ingresso del corridoio.
Allora la signora Barnett, afferrando una delle pistole che J asper
Hobson aveva alla cintola, aspett freddamente il momento in cui la
testa dell'orso si sarebbe trovata fra la bussola e la porta e scaric
l'arma nella gola aperta dell'animale.
L'orso cadde all'indietro, ferito senz'altro mortalmente, e la porta
richiusa pot essere barricata saldamente. Immediatamente il corpo
del sergente fu portato nel salone e disteso accanto alla stufa; ma gli
ultimi tizzoni si stavano spegnendo. Come rianimare quel disgraziato
e come richiamare in lui quella vita di cui ogni sintomo pareva
scomparso?
Andr io! esclam a quel punto il fabbro Ra, andr io a
cercare la legna, a costo di
S, Ra, disse una voce accanto a lui, andremo insieme.
Cos parlava la sua coraggiosa moglie.
No, amici, no, disse J asper Hobson, non scampereste n
al freddo, n agli orsi; bruciamo tutto quanto pu essere bruciato, e
poi ci salvi Iddio!
Allora tutti quei disgraziati, gi semicongelati, si levarono con
l'accetta in mano come pazzi.
Panche, tavole, tramezzi, ogni cosa fu demolita, spezzata,
frantumata, e la stufa del salone e il fornello della cucina tornarono a
crepitare presto sotto l'azione di una fiamma che alcune gocce d'olio
di tricheco avevano riattivata.
La temperatura interna risal di ben 12 gradi. Cure premurose
furono prodigate al sergente, lo si massaggi con acquavite calda e a
poco a poco la circolazione del sangue fu riattivata; le macchie
biancastre che gli si vedevano in alcune parti del corpo cominciarono
a scomparire; ma il disgraziato Long aveva crudelmente sofferto, e
passarono molte ore ancora prima che egli potesse proferir parola. Fu
coricato in un letto caldissimo, e Paolina Barnett e Madge lo
vegliarono fino al giorno seguente.
Intanto J asper Hobson, Mac Nap e Ra cercavano un mezzo per
salvare la situazione ormai cos compromessa. Era evidente che, fra
due giorni al massimo, quel nuovo combustibile sarebbe venuto a
mancare. Ora che cosa sarebbe accaduto a tutti se il freddo fosse
continuato? La luna era nuova da quarantotto ore, e la sua
riapparizione non era stata causa di alcun mutamento di tempo. Il
vento del Nord copriva la regione con il suo gelido soffio. Il
barometro indicava di continuo bel tempo asciutto, e da quel suolo,
che non era altro se non un immenso ice-field, non si levava nessun
vapore.
Si poteva dunque temere che il freddo dovesse ancora durare
molto. Quale decisione prendere, allora? Si doveva tentare di nuovo
di raggiungere la legnaia, tentativo che l'avviso dato agli orsi rendeva
anche pi pericoloso? Era possibile combattere quegli animali all'aria
aperta? No; sarebbe stata follia che avrebbe nociuto a tutti.
Peraltro la temperatura delle camere era diventata pi
sopportabile. Quel mattino la signora J oliffe serv una colazione
composta di carni calde e di t; i grogs bollenti non furono
risparmiati, e il bravo sergente Long pot bercia sua buona porzione.
Quel benefico fuoco delle stufe, riscaldando la temperatura,
rianimava anche lo spirito di quei disgraziati, che non aspettavano
altro che gli ordini di J asper Hobson per assalire gli orsi. Ma
considerato che l'impresa era molto difficile, il tenente non volle
rischiare la vita dei suoi. La giornata pareva dunque che dovesse
passare senz'altri incidenti, quando, intorno alle tre pomeridiane, si
ud un gran rumore provenire dal soffitto della casa.
Eccoli! gridarono due o tre soldati, armandosi in fretta di
accette e di pistole.
Era evidente che gli orsi, dopo aver strappato uno dei panconi del
tetto, avevano forzato l'ingresso del granaio.
Nessuno abbandoni il suo posto! disse il tenente con voce
ferma; Ra, la botola.
Il fabbro si slanci verso il corridoio, sali le scale, chiuse e
rinforz la botola.
Un rumore spaventoso si udiva sopra il soffitto, che pareva si
piegasse addirittura sotto il peso degli orsi; erano grugniti, zampate e
formidabili colpi di artigli.
Forse che quell'invasione avrebbe mutato lo stato delle cose? La
situazione si era o no aggravata? J asper Hobson e alcuni dei suoi
compagni si riunirono per discutere questo problema. Quasi tutti
pensavano che la situazione fosse migliorata, poich se gli orsi erano
tutti riuniti nel granaio, il che pareva probabile, era forse possibile
affrontarli nello stretto spazio, senza paura che il freddo congelasse i
combattenti o facesse cadere loro le armi di pugno.
Certo una lotta a corpo a corpo con quei carnivori era
estremamente pericolosa, ma almeno era possibile.
Rimaneva da decidere se conveniva andare a combattere gli
assalitori nel posto che occupavano, operazione molto pi pericolosa
in quanto i soldati potevano penetrare nel granaio solo attraverso la
stretta botola e passando a uno a uno.
Perci J asper Hobson esitava; dopo molte riflessioni, e stando al
parere del sergente e di altri il cui coraggio era indiscutibile, egli
decise di aspettare. Forse sarebbe accaduto qualche incidente che
avrebbe potuto accrescere le probabilit di uscirne nel migliore dei
modi. Era quasi impossibile che gli orsi potessero togliere le travi del
soffitto, assai pi solide dei travicelli del tetto; perci essi non
avevano alcuna possibilit di scendere nelle camere del pian terreno.
Pass quel giorno. Durante la notte nessuno pot dormire, per il
chiasso che facevano quegli animali furiosi.
Il giorno seguente, intorno alle nove, un nuovo incidente venne a
peggiorare le cose e costrinse il tenente ad agire.
I tubi dei camini della stufa e del fornello della cucina
attraversavano il granaio in tutta la sua altezza. Questi tubi, costruiti
di mattoni e di calce e mal cementati, potevano difficilmente resistere
a una pressione laterale. Ora avvenne che gli orsi, sia perch
andavano a sbattere direttamente contro quei camini, sia perch vi si
appoggiavano per approfittare del calore delle stufe, li demolirono a
poco a poco. Si sentirono pezzi di mattone cadere all'interno, e in
breve le stufe e i fornelli non tirarono pi.
Era un irreparabile disastro che certo avrebbe fatto disperare
persone meno energiche. Le cose peggiorarono ancora. Infatti,
mentre i fuochi si spegnevano, un fumo nero, acre, nauseante,
prodotto dalla combustione della legna e dell'olio, si sparse in tutta la
casa. I tubi erano crepati sotto il soffitto, e in pochi minuti il fumo fu
cos denso che oscur la luce delle lampade.
J asper Hobson e i suoi compagni erano costretti a lasciare la casa
se non volevano morire asfissiati in quell'aria irrespirabile! E lasciare
la casa significava morire di freddo!
Si udirono alcune grida femminili.
Amici, grid il tenente brandendo un'ascia, agli orsi! agli
orsi!
Era la soia soluzione che rimanesse: sterminare quegli animali;
per cui tutti, nessuno eccettuato, si precipitarono nel corridoio e si
slanciarono su per le scale, primo fra tutti J asper Hobson. Fu
sollevata la botola, e vennero sparati alcuni colpi in mezzo ai neri
turbini di fumo. Vi furono grida e urla insieme, e sangue versato. Si
lottava nelle pi fitte tenebre
A un tratto si udirono grugniti terribili, e violente scosse agitarono
il suolo. La casa si pieg come se fosse strappata dalle sue
fondamenta; le travi delle pareti furono scardinate, e da quelle
aperture J asper Hobson e i suoi compagni stupefatti poterono vedere
gli orsi i quali, spaventati, fuggivano urlando nelle tenebre.
CAPITOLO XXII
DURANTE CINQUE MESI
UN VIOLENTO terremoto aveva scosso quella parte del continente
americano, e ci doveva certo accadere di frequente su quel suolo
vulcanico!
L'affinit che esiste tra questo fenomeno e i fenomeni eruttivi era
ancora una volta dimostrata.
J asper Hobson comprese quello che era avvenuto, e aspettava
molto inquieto. Una frattura del suolo poteva inghiottire lui e i suoi
compagni. Ma vi fu una sola scossa, e fu piuttosto un contraccolpo
che un colpo diretto. La casa si pieg dalla parte del lago e le pareti si
fendettero; poi il suolo ridivenne solido e immobile come prima.
Bisognava pensare a ci che era pi urgente. La casa, quantunque
sconquassata, era ancora abitabile. Vennero otturate rapidamente
tutte le aperture prodotte dallo spostamento delle travi, e i fumaioli
furono riparati alla meglio.
Le ferite, subite da alcuni soldati nella lotta con gli orsi, erano per
fortuna leggere, bast perci medicarle.
Quella povera gente pass in queste condizioni due penose
giornate, bruciando il legno dei letti e le assi dei tramezzi. Durante
questo periodo Mac Nap e i suoi uomini fecero all'interno le
riparazioni pi urgenti. Le palafitte, solidamente impiantate nel
suolo, non avevano ceduto, e tutto l'insieme era ancora in buono
stato. Ma era evidente che le scosse avevano causato uno strano
cambiamento di livello nella superficie del litorale e molte altre
variazioni. J asper Hobson aveva fretta di conoscere questi risultati,
che fino a un certo punto potevano porre in pericolo la sicurezza
della casa.
Ma l'implacabile freddo non permetteva a nessuno di arrischiarsi
ad uscire all'aperto.
Tuttavia furono notati alcuni sintomi, che indicavano un prossimo
cambiamento di tempo. Attraverso i vetri si poteva osservare che le
costellazioni diminuivano di splendore. L'11 gennaio il barometro si
abbass di qualche linea; alcuni vapori si formavano nell'aria, e il
loro condensarsi doveva far risalire la temperatura.
Infatti, il 12 gennaio, il vento cambi a nord-ovest e scese la neve
a intermittenza. Il termometro esterno sali quasi subito a 15 F sopra
zero (-9 C). Per quegli svernatori cos crudelmente provati, era una
temperatura primaverile.
Alle undici del mattino di quel giorno, tutti uscirono di casa.
Sembravano un drappello di prigionieri rimessi inopinatamente in
libert. Ma fu assolutamente proibito lasciare la cinta del forte, per il
timore di fare cattivi incontri. In quel periodo dell'anno il sole non
era ancora apparso, ma si avvicinava talmente all'orizzonte da dare
un lungo crepuscolo. Gli oggetti si scorgevano distintamente in un
raggio di due miglia.
Il primo sguardo di J asper Hobson fu dunque per quel territorio,
che le scosse interne avevano senza dubbio modificato. Infatti si
erano prodotti diversi cambiamenti. Il promontorio che terminava
con il capo Bathurst era in parte crollato, e larghi massi della ripa
erano precipitati sulla spiaggia. Pareva anche che tutto l'insieme del
capo si fosse inclinato verso il lago, spostando cos la piattaforma su
cui era costruita l'abitazione. In generale, tutto il suolo si era
abbassato verso ovest e rialzato a est. Un tale cambiamento di livello
doveva avere la grave conseguenza che le acque del lago e del
Paolina-river, appena lo sgelo le avesse rese libere, si sarebbero
spostate orizzontalmente seguendo il nuovo piano; era quindi
probabile che una porzione del territorio ovest sarebbe stato
inondato.
Il corso d'acqua si sarebbe scavato senza dubbio un nuovo letto, e
questo avrebbe compromesso il porto naturale posto alla sua foce.
Per quanto riguarda le colline a ovest, non si poteva ancora giudicare
a causa della loro lontananza. Insomma, l'importante modifica
portata dalle scosse interne consisteva in questo: che, per lo spazio di
quattro o cinque miglia almeno, il piano orizzontale del suolo era
stato distrutto e che il declivio scendeva da est a ovest.
Ebbene, signor Hobson, disse ridendo la viaggiatrice, voi
avete avuto la gentilezza di dare il mio nome al porto e al fiume, ed
ecco che non c' pi n Paolina-river, n porto Barnett! Bisogna
confessare che sono disgraziata!
Infatti, signora, rispose il tenente, ma se il fiume se n'
andato, ci resta il lago, e se lo permettete, lo chiameremo d'ora
innanzi lago Barnett. Spero bene che vi sar fedele!
Il signore e la signora J oliffe, appena usciti di casa, erano andati,
l'uno al canile, l'altra alla stalla delle renne. I cani non avevano
troppo sofferto per la lunga prigionia, e si slanciarono saltando nella
corte interna. Una renna era morta da qualche giorno; quanto alle
altre, sebbene un po' dimagrite, sembravano essere in buona salute.
Ebbene, signora, disse il tenente alla signora Barnett,
eccoci fuori d'impaccio, e meglio di quanto si pensasse!
Io non ho mai disperato, signor Hobson, rispose la
viaggiatrice. Uomini simili a voi e ai vostri compagni non si
lascerebbero vincere dalle difficolt di un inverno.
Signora, da quando io vivo nelle contrade polari, non ho mai
provato un simile freddo, e, per dire la verit, se avesse continuato
qualche giorno ancora, credo che saremmo stati inevitabilmente
perduti.
Allora queste scosse sono venute a buon punto per scacciare
quei maledetti orsi. Forse che non abbiano contribuito anche a
modificare l'eccessivo rigore della temperatura?
possibile, signora, possibilissimo davvero. Tutti questi
fenomeni naturali si accordano e hanno influenza gli uni sugli altri.
Ma, lo confesso, la struttura vulcanica di questo suolo mi preoccupa
molto e mi dispiace la vicinanza di quel vulcano in attivit. Anche se
le sue lave non possono arrivare sino a noi, esso causa tuttavia scosse
pericolose! Vedete come stata ridotta la nostra casa!
La farete riparare, signor Hobson, appena giunta la bella
stagione, rispose Paolina Barnett, e approfitterete
dell'esperienza per puntellarla pi solidamente.
Senza dubbio, signora, ma cos come ora, e come sar ancora
per qualche mese, temo che non vi sembrer pi attraente!
A me, signor Hobson, a me, a una viaggiatrice! Immaginer di
abitare una cabina di bastimento che sband e, poich la vostra casa
non barcolla, n beccheggia, non ho da temere il mal di mare!
Bene, signora, non so come lodare abbastanza la vostra
fermezza! Tutti la conoscono. La vostra energia morale, il vostro
buon umore hanno contribuito a sorreggere, durante queste dure
prove, me e i miei compagni, e io vi ringrazio a nome mio e loro.
Vi assicuro, signor Hobson, che voi esagerate
No, no, tutti sono pronti a ripetervelo. Ma permettetemi di farvi
una domanda. Voi sapete che nel giugno prossimo il capitano
Craventy deve spedirci un convoglio di provvigioni e che al ritorno
porter le nostre pellicce al forte Reliance. probabile che il nostro
amico Tommaso Black, dopo aver osservato la sua eclissi, se ne vada
a luglio con il distaccamento. Permettete che vi chieda, signora, se
sia vostra intenzione accompagnarlo
Volete forse mandarmi via? domand sorridendo la
viaggiatrice.
Oh! signora!
Ebbene, tenente, rispose la signora Barnett tendendo la
mano a J asper Hobson, vi domando il permesso di passare ancora
un inverno al forte Esprance. L'anno venturo facile che qualche
bastimento della Compagnia approdi al capo Bathurst; allora ne
approfitter, poich non mi spiacerebbe andarmene attraverso lo
stretto di Bering, dopo essere venuta per via di terra.
Il tenente fu felice della decisione presa dalla sua compagna.
Egli l'aveva giudicata e la stimava molto. Una viva simpatia lo
univa a quella valorosa donna, che dal canto suo lo considerava
uomo buono e coraggioso. Veramente, tanto l'uno che l'altra
avrebbero sofferto assai al momento della separazione.
Chiss, del resto, se il cielo non serbava loro prove terribili,
durante le quali la loro reciproca influenza avrebbe potuto unirsi per
la salvezza comune?
Il 29 gennaio il sole riapparve per la prima volta, e la notte polare
termin. L'astro rimase sull'orizzonte pochi istanti, e fu salutato dagli
allegri evviva degli svernatori. Da quel momento la durata del giorno
and sempre crescendo.
Durante il mese di febbraio e fino al 15 marzo, il bello e il brutto
tempo si succedettero ancora bruscamente. I bei giorni furono
freddissimi; i cattivi molto nevosi.
Durante i primi il freddo impediva ai cacciatori di uscire, e
durante i secondi le tempeste di neve li obbligavano a restare in casa.
I lavori all'esterno, perci, furono eseguiti molto lentamente e non
furono neppure tentate lunghe escursioni. D'altra parte, era inutile
allontanarsi dal forte, poich le trappole funzionavano bene. Alla fine
di quell'inverno martore, volpi, ermellini, ghiottoni e altri preziosi
animali si lasciarono prendere in gran numero, e i cacciatori,
quantunque costretti a rimanere nei dintorni del capo Bathurst, non
stettero in ozio. Una sola escursione fatta in mare, nella baia dei
Trichechi, dimostr che le scosse del terremoto avevano molto
modificato la forma delle rive che si erano singolarmente abbassate.
Le montagne ignivome, coronate da un leggero vapore, sembravano
momentaneamente calme.
Verso il 20 marzo, i cacciatori segnalarono i primi cigni, che
emigravano dai territori meridionali e volavano verso nord,
mandando acute strida.
Alcuni falchi svernatori fecero anch'essi all'improvviso la loro
apparizione. Ma un immenso e bianco strato copriva ancora il terreno
e il sole non poteva intaccare la superficie solida del mare e del lago.
Lo sgelo avvenne solo nei primi giorni d'aprile. La rottura dei
ghiacci si operava con rumori straordinari, che assomigliavano
qualche volta a scariche di artiglieria. Alcuni bruschi cambiamenti
avvennero nei banchi di ghiaccio; pi di un iceberg, corroso alla
base, sprofond con terribile rumore, a causa dello spostamento del
suo centro di gravit, causando frane che acceleravano lo spaccarsi
dell'ice-field.
A quel tempo la media della temperatura era di 32 F (0C). I
primi ghiacci della riva a poco a poco si sciolsero, e quelli del mare,
trascinati dalle correnti polari, sparirono a poco a poco nelle nebbie
dell'orizzonte.
Il 15 aprile il mare era libero, e certamente un naviglio
proveniente dall'Oceano Pacifico, attraverso lo stretto di Bering,
dopo aver costeggiato la spiaggia americana, avrebbe potuto
ancorarsi al capo Bathurst.
Contemporaneamente al Mare Artico, anche il lago Barnett si
liber dalla sua corazza di ghiaccio, con grande soddisfazione delle
migliaia di anitre e di altri uccelli acquatici che pullulavano sulle
rive. Ma, come aveva previsto il tenente Hobson, il perimetro del
lago era stato modificato dalla nuova pendenza del suolo.
La porzione della riva che si stendeva davanti alla cinta del forte,
e che era chiusa a est dalle colline boschive, si allarg
considerevolmente. J asper Hobson calcol che le acque del lago sulla
riva orientale si erano ritirate di circa centocinquanta metri. Dalla
parte opposta quelle acque dovettero spostarsi altrettanto verso ovest,
e inondare la zona se qualche diga naturale non le aveva contenute.
Insomma, fu una fortuna che il livello del suolo fosse mutato da
est verso ovest, poich se fosse avvenuto in senso contrario, il forte
sarebbe stato inevitabilmente sommerso.
Il fiume cominci a scorrere appena lo sgelo favor il formarsi
della sua corrente. Possiamo dire che le sue acque risalirono alla
sorgente, poich il declivio era mutato in quel luogo, da nord a sud.
Ecco, disse J asper Hobson al sergente; questo un fiume
da cancellare dalla carta dei continenti polari! Se avessimo avuto solo
questo fiume per provvederci di acqua potabile, ci saremmo trovati
veramente nei guai! Fortunatamente, ci resta il lago Barnett, e spero
che non lo vuoteremo del tutto.
Infatti, rispose il sergente Long, il lago Ma le sue
acque saranno poi rimaste dolci?
J asper Hobson guard attentamente il sergente, aggrottando le
sopracciglia.
Quell'idea che una frattura del suolo avesse potuto stabilire una
comunicazione tra il mare e il lago non gli era ancor venuta!
Disgrazia irreparabile che avrebbe necessariamente condotto alla
rovina e all'abbandono del nuovo centro commerciale.
Il tenente e il sergente Long corsero a tutta velocit verso il
lago! Le acque erano dolci!
Dai primi giorni di maggio, il suolo ripulito dalla neve in certi
luoghi, cominci a rinverdire sotto il tepore dei raggi solari. Alcuni
muschi e gramigne mostrarono timidamente il capo fuor della terra, e
i grani di acetosa e di coclearia, seminati dalla signora J oliffe,
spuntarono; ma si dovette difenderli dal becco degli uccelli e dai
denti dei roditori.
Di questo importante compito venne incaricato il degno caporale,
che lo sbrig con la coscienza e con la seriet di uno spaventapasseri
posto in un orto.
Le lunghe giornate ritornarono, e si ripresero le cacce. Il tenente
Hobson voleva compiere l'approvvigionamento delle pellicce che gli
agenti del forte Reliance dovevano esportare fra poche settimane;
Marbr, Sabine e altri cacciatori si misero in campagna, e le loro
escursioni non furono n lunghe n faticose, poich non si
allontanarono mai pi di due miglia dal capo Bathurst.
Essi erano nello stesso tempo meravigliati e soddisfatti di aver
ritrovato un territorio cos ricco di selvaggina. Le martore, le renne,
le lepri, i carib, le volpi, gli ermellini venivano a porsi sotto il tiro
del fucile.
Una sola osservazione gli svernatori facevano con molto
dispiacere, ed era che non si vedeva pi un orso, n le sue tracce. Si
sarebbe detto che, fuggendo, gli assalitori avevano trascinato con s
tutti i loro consimili. Forse le scosse di terremoto avevano spaventato
moltissimo quegli animali, il cui organismo assai fine e persino
molto sensibile, ammesso che tale qualifica possa applicarsi a un
semplice quadrupede!
Il mese di maggio fu abbastanza piovoso, la neve si alternava alla
pioggia. La media della temperatura non super i 41 F (+5C). Le
nebbie erano frequenti, e alle volte cos fitte che sarebbe stato
imprudente allontanarsi dal forte; Petersen e Kellet, che si smarrirono
per quarantotto ore, causarono le pi vive inquietudini ai loro
compagni.
Un errore di direzione, che essi non sapevano spiegare, li aveva
condotti a sud, quando si credevano nei dintorni della baia dei
Trichechi. Ritornarono dunque estenuati e mezzo morti di fame.
Giugno arriv, e con esso il bel tempo, unito qualche volta a un
vero tepore. Gli svernatori avevano smesso i loro abiti invernali e
lavoravano attivamente pei riparare la casa che si trattava ora di
puntellare.
Contemporaneamente J asper Hobson faceva costruire un vasto
magazzino all'angolo del cortile. Il territorio era provvisto di
selvaggina al punto tale da giustificare l'opportunit di questa
costruzione. La raccolta di pellicce era considerevole, perci era
necessario avere un locale positivamente destinato al deposito.
Intanto J asper Hobson aspettava di giorno in giorno l'arrivo del
distaccamento che il capitano Craventy gli doveva spedire. Molti
oggetti mancavano ancora al nuovo centro commerciale, e le
munizioni incominciavano a scarseggiare.
Se quel distaccamento aveva lasciato il forte Reliance ai primi
giorni di maggio, doveva arrivare verso la met di giugno al capo
Bathurst che, come era stato deciso, era il punto di ritrovo convenuto
tra il capitano e il suo tenente. Ora, siccome J asper Hobson aveva
costruito il forte sul capo stesso, gli agenti inviatigli lo avrebbero
senz'altro trovato.
Perci, a partire dal 15 giugno, il tenente fece sorvegliate i
dintorni del capo. La bandiera britannica era stata issata sulla vetta
del colle in modo da essere scorta a molta distanza. Si poteva
presumere del resto che il convoglio di approvvigionamento avrebbe
seguito press'a poco l'itinerario del tenente, e avrebbe costeggiato il
litorale dal golfo Coronation fino a capo Bathurst.
Era la via pi sicura, se non la pi corta, in una stagione dell'anno
in cui il mare, libero di ghiacci, disegnava nettamente il litorale e
permetteva di seguirne il contorno.
Tuttavia il mese di giugno fin, senza che il convoglio fosse
comparso. J asper Hobson prov qualche inquietudine principalmente
quando le nebbie vennero di nuovo ad avvolgere il territorio. Egli
temeva per gli agenti avventuratisi in quel deserto ai quali le nebbie
persistenti potevano porre seri ostacoli.
J asper Hobson si intrattenne molte volte con Paolina Barnett, con
il sergente, con Mac Nap e Ra a discutere la situazione. L'astronomo
Tommaso Black non nascondeva le sue apprensioni, poich, una
volta studiata l'eclissi, egli faceva conto di ritornare con il
distaccamento. Ora se questo drappello non veniva, egli si vedeva
costretto a trascorrere al forte un secondo inverno, prospettiva che gli
sorrideva assai poco. Quel bravo scienziato, appena assolto il suo
compito, non chiedeva che di andarsene, perci manifestava i suoi
timori al tenente Hobson, il quale davvero non sapeva che cosa
rispondere.
Il 4 luglio, ancora nulla di nuovo. Alcuni uomini, mandati in
ricognizione a tre miglia dalla costa, verso sud-est, non avevano
trovato nessuna traccia.
Allora si incominci a pensare che gli agenti del forte Reliance
non fossero partiti, oppure che si fossero smarriti in viaggio.
Disgraziatamente quest'ultima ipotesi diveniva la pi probabile.
J asper Hobson conosceva il capitano Craventy, perci non dubit
neppure per un attimo che il convoglio non avesse lasciato il forte
Reliance il giorno stabilito.
Potete immaginare, dunque, quanto vive diventassero le sue
inquietudini! Passava la bella stagione: due mesi ancora e l'inverno
artico, vale a dire i gelidi venti, i turbini di neve, le lunghe notti
sarebbero scese su quella parte del continente.
Hobson non era uomo da rimanere in questa incertezza, bisognava
prendere una decisione; ed ecco che cosa egli decise, dopo aver
consultato i suoi compagni. inutile dire che l'astronomo approv in
pieno il progetto.
Si era al 5 luglio. Fra quattordici giorni, il 18 luglio, doveva
avvenire l'eclissi solare; Tommaso Black avrebbe potuto lasciare il
forte Esprance anche il giorno dopo. Fu dunque deciso che se gli
agenti non fossero giunti prima di quel tempo, un convoglio
composto di alcuni uomini e di quattro o cinque slitte avrebbe
lasciato il centro commerciale per recarsi al Gran Lago degli Schiavi.
Questo convoglio doveva trasportare una parte delle pellicce pi
preziose, e in sei settimane al massimo, vale a dire verso la fine del
mese di agosto, avrebbe potuto arrivare al forte Reliance.
Ormai la decisione era presa e Tommaso Black, tranquillizzato,
ridivenne l'uomo assorto di prima, non aspettando altro se non il
momento in cui la luna, esattamente posta fra l'astro radioso e lui,
avrebbe eclissato totalmente il disco del sole.
CAPITOLO XXIII
L'ECLISSI DEL 18 LUGLIO 1860
TUTTAVIA le nebbie non si dissipavano, e il sole apparve solo
dietro un'opaca cortina, causando gravi inquietudini all'astronomo
circa la futura eclissi. Anzi, la nebbia era talvolta cos fitta, che dal
cortile del forte non si poteva scorgere la vetta del capo.
Il tenente Hobson, ormai quasi certo che il convoglio spedito dal
forte Reliance si fosse smarrito in quel deserto, si sentiva ogni giorno
pi inquieto, agitato da vaghe apprensioni e da tristi presentimenti.
Come mai quell'uomo cos energico pensava al futuro con una
certa ansiet? Egli non avrebbe potuto dirlo, tanto pi che tutto
pareva andare secondo i suoi progetti. Nonostante i rigori invernali,
la piccola colonia godeva di salute eccellente. Nessun disaccordo vi
era fra i suoi compagni, e quella brava gente compiva con zelo i suoi
doveri.
Il territorio era ricco di cacciagione. La raccolta delle pellicce era
stata buona, e la Compagnia poteva essere pi che soddisfatta dei
risultati ottenuti dal suo agente. Anche se le provvigioni non fossero
giunte al forte Esprance, il paese offriva risorse sufficienti, da non
creare gravi timori per la prospettiva di un secondo svernamento.
Perch dunque il tenente Hobson era cos sfiduciato?
Pi di una volta egli discusse con Paolina Barnett questo suo stato
d'animo. La viaggiatrice cercava di rassicurarlo facendogli notare ci
che stato detto pi sopra. Un giorno, passeggiando con lui sulla
spiaggia, Paolina patrocin con maggior insistenza la causa del capo
Bathurst e del forte, fondato a prezzo di tanti sacrifici.
S, signora, s, avete ragione; ma ai presentimenti non si pu
comandare! Tuttavia non crediate che io sia un visionario. Nella mia
vita di soldato mi sono trovato ben venti volte in brutte occasioni, e
non ho mai tremato. Ebbene, per la prima volta, l'avvenire mi
preoccupa! Se io mi trovassi ad affrontare un pericolo certo, non lo
temerei davvero; ma un pericolo vago, indeterminato, del quale io ho
solo un presentimento!
Ma che pericolo temete? domand Paolina Barnett; gli
uomini, gli animali o gli elementi?
Gli animali? no certo, signora; sono essi che devono temere i
cacciatori del capo Bathurst. Gli uomini? no; questi territori non sono
frequentati che da eschimesi, e gli indiani vi si arrischiano
difficilmente.
E io vi far notare, signor Hobson, che quei canadesi, di cui
potevate forse temere la visita nella bella stagione, non sono
nemmeno venuti
E mi dispiace, signora!
Come! Vi dispiace che questi concorrenti, le cui intenzioni
verso la Compagnia sono evidentemente ostili, non siano venuti?
Signora, me ne dispiace si e no; una cosa difficile da
spiegare; intanto il convoglio del forte Reliance doveva arrivare e
non arrivato. Cos pure gli agenti della Compagnia dei Pellicciai di
Saint-Louis dovevano venire e non sono venuti. Nemmeno un
eschimese ha visitato questa parte del litorale in tutta l'estate
E la conclusione, signor Hobson?
Al capo Bathurst e al forte Esprance non ci si viene tanto
facilmente quanto si vorrebbe, signora!
La viaggiatrice guard il tenente Hobson, la cui fronte era
evidentemente pensosa e che aveva sottolineato con singolare
accento la parola facilmente!
Tenente Hobson, gli rispose, poich non temete nulla n
dagli animali, n dagli uomini, debbo credere che gli elementi
Signora, io non so se abbia lo spirito turbato, o se i miei
presentimenti mi accechino, ma questo paese mi sembra strano. Se io
l'avessi conosciuto meglio, credo che non mi ci sarei fermato. Vi
avevo gi fatto osservare alcuni particolari che mi parvero
inesplicabili, vale a dire l'assenza completa di pietre in tutto il
territorio, e il taglio cos netto del litorale! La formazione primitiva
di questo pezzo del continente non mi mai sembrata chiara! Io so
bene che la vicinanza di un vulcano pu produrre certi fenomeni
Vi ricordate quanto vi dissi intorno alle maree?
Perfettamente, signor Hobson.
- Dove il mare, stando alle osservazioni fatte dagli esploratori in
questi luoghi, dovrebbe salire di sei o sette metri, si sollevava invece
di circa trenta centimetri appena.
Senza dubbio, rispose Paolina Barnett, ma voi mi avete
spiegato questi effetti con la configurazione bizzarra di certe terre,
l'angustia degli stretti
Io tentai di spiegare, ecco tutto; ma l'altro ieri ho osservato un
fenomeno ancora pi inverosimile, fenomeno che io non vi
spiegher, e che sfido qualunque scienziato a poter spiegare.
Paolina Barnett guard il tenente.
Che cosa dunque accaduto? gli chiese.
L'altro ieri, signora, era un giorno di luna piena e la marea, se
si sta all'annuario, doveva essere molto forte. Ebbene, il mare non
solo non si alzato di trenta centimetri come le altre volte, ma non si
alz per niente!
Vi sarete forse ingannato, fece notare la signora Barnett a
J asper Hobson.
Non mi sono ingannato; io stesso ho osservato. L'altro ieri, 4
luglio, la marea fu nulla, assolutamente nulla, sul litorale del capo
Bathurst!
E che cosa ne deducete, signor Hobson?
Ne deduco, signora, rispose il tenente, che o le leggi di
natura sono mutate, o questo paese in condizioni particolari o
meglio io non deduco non spiego non capisco e sono
inquieto!
Paolina Barnett non continu. Quella mancanza totale di marea
era evidentemente inesplicabile, come sarebbe l'assenza del sole sul
meridiano a mezzogiorno. A meno che i sussulti del terreno non
avessero talmente modificato la conformazione del litorale e delle
terre artiche Ma questa ipotesi non poteva soddisfare un attento
osservatore dei fenomeni terrestri.
Pensare poi che il tenente si fosse sbagliato nella sua
osservazione, non era nemmeno cosa ammissibile, e quel giorno
stesso, 6 luglio, Paolina Barnett accert con lui, per mezzo di
idrometri posti sul litorale, che la marea, la quale un anno prima si
spostava almeno di circa trenta centimetri in altezza, era allora nulla,
assolutamente nulla!
Mantennero il segreto di quell'osservazione.
A ragione il tenente Hobson non voleva turbare i suoi compagni.
Ma spesse volte questi lo potevano vedere solo, silenzioso,
immobile, in cima al capo, intento ad osservare il mare, allora libero,
che si stendeva sotto i suoi sguardi.
Durante quel mese di luglio la caccia degli animali da pelliccia fu
sospesa, perch le martore, le volpi e altri animali, avevano gi
perduto il loro manto invernale. La caccia fu limitata alla selvaggina
commestibile, ai carib, alle lepri polari e altri animali, che per un
caso bizzarro, notato anche da Paolina Barnett, pullulavano
letteralmente nei dintorni del capo Bathurst, quantunque le fucilate
avrebbero dovuto farli fuggire a poco a poco.
Il 15 luglio la situazione non era cambiata e ancora non si avevano
notizie dal forte Reliance; J asper Hobson decise di affrontare il suo
progetto, che era quello di andare dal capitano Craventy, poich il
capitano Craventy non veniva a lui.
Naturalmente il capo di quel piccolo distaccamento non poteva
essere che il sergente Long. Costui avrebbe desiderato non separarsi
dal tenente, poich infatti si trattava di un'assenza assai prolungata, e
avrebbe dovuto passare l'inverno al forte Reliance. Era dunque
un'assenza di otto mesi almeno. Mac Nap e Ra avrebbero
certamente potuto sostituire il sergente Long; ma quei due uomini
erano ammogliati; e d'altra parte Mac Nap carpentiere e Ra fabbro
ferraio erano necessari al forte e non si poteva far senza di loro.
Queste furono le ragioni che J asper Hobson fece valere, e alle
quali il sergente si arrese militarmente. I quattro soldati che
dovevano accompagnarlo erano Belcher, Pond, Petersen e Kellet, che
si dichiararono pronti.
Quattro slitte con le loro mute di cani furono allestite per quel
viaggio. Dovevano portare viveri e pellicce, che vennero scelte fra le
pi preziose: volpi, ermellini, martore, cigni, linci, ondatre, ghiottoni.
In quanto alla partenza, fu fissata per il mattino del 19 luglio, il
giorno dopo l'eclissi.
inutile dire che Tommaso Black avrebbe accompagnato il
sergente Long e che una delle slitte sarebbe servita al trasporto dei
suoi strumenti.
Bisogna pur confessare che quello scienziato fu molto sfortunato
durante i giorni che precedettero il fenomeno atteso con tanta
impazienza. Le intermittenze di bello e di cattivo tempo, le frequenti
nebbie, l'atmosfera, ora carica di pioggia, ora umida per le nebbie, il
vento incostante che spirava a intervalli irregolari da tutti i punti
dell'orizzonte, lo innervosivano e a ragione. Egli non mangiava, non
dormiva, non viveva pi.
Se in quei pochi minuti che durava l'eclissi il cielo si fosse
coperto, se l'astro della notte e l'astro del giorno si fossero nascosti
dietro un velo opaco, se egli, Tommaso Black, venuto appositamente
per questo, non avesse potuto osservare n l'aureola luminosa, n le
protuberanze rossastre, quale dolore, pensate! Tante fatiche
inutilmente sopportate, tanti pericoli corsi per niente!
Venire da tanto lontano per vedere la luna! esclamava egli
in tono pietosamente comico, e poi non vederla affatto!
No, egli non poteva neppure pensare a un'idea simile! Appena
l'oscurit sopraggiungeva, lo scienziato saliva sulla vetta del capo e
di lass scrutava il cielo. Non aveva nemmeno, in quel momento, la
consolazione di poter vedere la bionda Febe! La luna fra tre giorni
sarebbe stata nuova; essa accompagnava dunque il sole nella sua
rivoluzione intorno al globo e spariva nella sua irradiazione!
Tommaso Black cercava molte volte conforto alle sue apprensioni
da Paolina Barnett. La pietosa donna non poteva tralasciare di
compiangerlo e, un giorno, ella cerc di rassicurarlo dicendogli che il
barometro aveva una certa tendenza a salire e che si era del resto
nella bella stagione!
La bella stagione! esclam Tommaso Black alzando le
spalle. Esiste forse la bella stagione in questi paesi?
Ma infine, signor Black, rispose Paolina Barnett, pur
ammettendo che per disgrazia questa eclissi vi sfugga, credo bene
che ne verranno altre! Quella del 18 luglio non certamente l'ultima
del secolo!
No, signora, no. Dopo questa avremo ancora cinque eclissi
totali di sole fino al 1900; la prima, il 31 dicembre 1861, sar totale
per il Mediterraneo, l'Oceano Atlantico e il deserto del Sahara; la
seconda il 22 dicembre 1870, totale per le Azzorre, la Spagna
meridionale, l'Algeria, la Sicilia e la Turchia; la terza, il 19 agosto
1887, totale per il nord-est della Germania, la Russia meridionale e
l'Asia centrale; la quarta, il 9 agosto 1896, visibile per la
Groenlandia, la Lapponia e la Siberia, e infine, nel 1900, il 28
maggio, la quinta, totale per gli Stati Uniti, la Spagna, l'Algeria e
l'Egitto.
Ebbene, signor Black, se perdete l'eclissi del 18 luglio 1860, vi
potrete consolare con quella del 31 dicembre 1861! Che cosa sono
mai diciassette mesi?
Per potermi consolare, signora, rispose gravemente
l'astronomo, bisogner che io aspetti non diciassette mesi, ma
ventisei anni!
E perch?
Perch di tutte queste eclissi, una sola, quella del 9 agosto
1896, sar totale per i luoghi situati a una latitudine elevata come la
Lapponia, la Siberia, la Groenlandia!
Ma quale interesse avete a fare un'osservazione a un parallelo
cos alto?
Quale interesse, signora! Un interesse scientifico della pi
grande importanza! Raramente le eclissi sono state osservate nelle
regioni vicine al polo, dove il sole, poco elevato sull'orizzonte,
presenta apparentemente un disco considerevole. Lo stesso della
luna che lo occulta e in questa condizione possibile che lo studio
dell'aureola luminosa e delle protuberanze possa essere pi
completo! Ecco perch, signora, venni ad operare al disopra del 70
parallelo! Ora queste condizioni si riproporranno solo nel 1896! Mi
assicurate voi che io vivr fino a quel giorno?
A queste argomentazioni non c'era nulla da rispondere. Tommaso
Black continu dunque ad essere disgraziatissimo, poich
l'incostanza del tempo minacciava di fargli un cattivo tiro.
Il 16 luglio, il tempo fu bellissimo. Ma l'indomani, per una vera
disdetta, tempo coperto, fitte nebbie; c'era di che disperare. Tommaso
Black quel giorno fu realmente ammalato, e lo stato febbricitante, nel
quale viveva da qualche tempo, minacciava di degenerare in vera
malattia. Paolina Barnett e J asper Hobson provavano invano a
calmarlo. Quanto al sergente Long e agli altri, non capivano come
mai si potesse essere tanto infelici per amor della luna!
Il 18 luglio era finalmente il gran giorno. L'eclissi totale, secondo
i calcoli delle effemeridi, doveva durare quattro minuti e trentasette
secondi, cio a dire dalle ore undici e quarantatr minuti e quindici
secondi, alle ore undici, quarantasette minuti e cinquantadue secondi
del mattino.
Che cosa domando io, alla fine? esclamava piagnucolando
l'astronomo strappandosi i capelli, domando unicamente che un
pezzettino di cielo, nulla pi di un pezzettino, quello in cui si operer
l'occultazione, sia libero da qualunque nuvola, e per quanto tempo?
Per soli quattro minuti! E poi dopo, nevichi, tuoni, gli elementi si
scatenino e io me ne infischier come un barometro rotto!
Tommaso Black aveva buone ragioni per disperarsi. Sembrava
infatti che l'operazione stesse per fallire. Al sorger del sole l'orizzonte
era coperto di nebbie; grosse nuvole si elevavano da sud,
precisamente in quella parte del cielo in cui l'eclissi doveva avvenire.
Ma, senza dubbio, il Dio degli astronomi ebbe compassione del
povero Black, perch verso le otto una brezza abbastanza forte
incominci a spirare a nord e spazz tutto il firmamento!
Ah! quale grido di riconoscenza, quali esclamazioni di gratitudine
uscirono dalla bocca di quello scienziato! Il cielo era puro, splendeva
il sole aspettando che la luna, ancora perduta nella sua irradiazione,
lo spegnesse a poco a poco!
Subito gli strumenti di Tommaso Black furono portati e sistemati
sulla vetta del promontorio. Poi l'astronomo li punt sull'orizzonte
meridionale e aspett.
Egli aveva ritrovato tutta la sua pazienza ordinaria, tutto il sangue
freddo necessario alla sua osservazione. Che cosa poteva temere,
allora? Niente, eccetto che il cielo non gli cadesse sulla testa! Alle
nove non v'era pi una nuvola, un vapore, n all'orizzonte n allo
zenit! Mai un'osservazione astronomica si era presentata in
condizioni cos favorevoli.
J asper Hobson e tutti i suoi compagni, Paolina Barnett e tutte le
sue compagne avevano voluto assistere all'operazione. L'intera
colonia si trovava riunita in cima al capo Bathurst e circondava
l'astronomo. Il sole saliva a poco a poco, descrivendo un arco molto
allungato al di sopra dell'immensa pianura che si stendeva a sud.
Nessuno parlava, e si aspettava con una specie di solenne ansiet.
L'occultazione incominci verso le nove e mezzo. Il disco della
luna tocc quello del sole; ma doveva coprirlo interamente solo fra le
ore undici, quarantatr minuti, quindici secondi, e le undici,
quarantasette minuti e cinquantadue secondi. Era il tempo assegnato
dalle effemeridi all'eclissi totale, e tutti sanno che quei calcoli, fatti,
verificati, controllati dagli scienziati di tutti gli osservatori che
esistono sulla faccia della terra sono pi che esatti.
Tommaso Black aveva portato nel suo bagaglio di astronomo una
certa quantit di vetri anneriti; egli li distribu ai suoi compagni, e
ognuno pot seguire i progressi del fenomeno senza bruciarsi gli
occhi.
L'oscuro disco della luna avanzava a poco a poco. Gi gli oggetti
terrestri prendevano una tinta particolare, giallo arancio, e l'atmosfera
allo zenit aveva cambiato colore. Alle dieci e un quarto met del
disco solare si era oscurato.
Alcuni cani, che erravano liberamente, andavano e venivano
mostrando una certa inquietudine e ululando. Le anitre, immobili
sulle sponde del lago, mandavano il loro grido della sera e cercavano
un posto favorevole per dormire. Le madri chiamavano i piccini, che
si rifugiavano sotto le loro ali. Per tutti questi animali stava per
venire la notte, ed era quindi l'ora del sonno.
Alle undici erano coperti i due terzi del sole. Gli oggetti avevano
preso una tinta color rosso vivo. Una mezza oscurit regnava allora e
doveva essere quasi completa durante i quattro minuti in cui si
sarebbe verificata l'eclisse totale. Ma gi apparivano alcuni pianeti,
Mercurio e Venere, come pure certe costellazioni, la Capra, e quella
del Centauro e d'Oriente. Le tenebre aumentavano di minuto in
minuto.
Tommaso Black, con l'occhio all'oculare del suo cannocchiale,
immobile, silenzioso, seguiva i progressi del fenomeno. Alle undici e
quarantatr minuti i due dischi dovevano essere esattamente messi
l'uno contro l'altro.
Undici e quarantatr! disse J asper Hobson, che consultava
attentamente l'indice dei secondi del suo cronometro.
Tommaso Black, curvato sullo strumento, non si muoveva. Pass
mezzo minuto
Tommaso Black si rialz con gli occhi spalancati. Poi si rimise
all'oculare per un mezzo minuto ancora, e raddrizzandosi una
seconda volta:'
Ma essa se ne va! Se ne va! esclam con voce rauca. La
luna, la luna fugge! Sparisce!
Infatti il disco lunare scivolava su quello del sole senza averlo
oscurato interamente. Solo due terzi della sfera solare erano stati
coperti!
L'astronomo era esterrefatto! Quattro minuti erano passati. La luce
ritornava a poco a poco, e l'aureola luminosa non si era prodotta!
Ma che cosa c'? domand J asper Hobson.
Che cosa c'? esclam l'astronomo, c' che l'eclissi non
stata completa, che non stata totale per questo punto del globo! Non
stata to-ta-le! Avete capito?
Allora le vostre effemeridi sono errate!
Errate! Andate a dirlo ad altri, signor tenente!
Ma allora esclam J asper Hobson, la cui fisionomia
cambi immediatamente.
Allora, rispose Tommaso Black, non siamo al 70
parallelo!
Questo poi! esclam Paolina Barnett.
Lo vedremo! disse l'astronomo, i cui occhi mandavano
lampi di collera. Fra qualche minuto il sole passer sul
meridiano Presto, il mio sestante, presto!
Uno dei soldati corse al forte e ne riport lo strumento richiesto.
Tommaso Black guard l'astro del giorno, lo lasci passare sul
meridiano, poi abbassando il sestante e scrivendo rapidamente alcuni
calcoli sul taccuino:
Come era situato il capo Bathurst, domand, quando un
anno fa, al nostro arrivo, ne abbiamo rilevato la latitudine?
A 70 44' 37" nord, rispose il tenente.
Ebbene, signore, ora a 73 7'20"! Vedete bene che non siamo
al 70 parallelo!
O per dir meglio non ci siamo pi! mormor J asper Hobson.
Quella, per lui, era una rivelazione! Tutti gli oscuri fenomeni
avvenuti si spiegavano chiaramente!
Il territorio del capo Bathurst, dopo l'arrivo del tenente Hobson,
era andato alla deriva per tre gradi a nord!
PARTE SECONDA

CAPITOLO I
UN FORTE GALLEGGIANTE
IL FORTE Esprance, fondato dal tenente J asper Hobson ai
confini del Mare Artico, era andato alla deriva! Meritava forse
qualche rimprovero il coraggioso agente della Compagnia? No, tutti
si sarebbero ingannati come lui. Nessuna umana previsione poteva
renderlo diffidente a tal punto; egli aveva creduto di costruire sulla
roccia e invece non aveva neppure costruito sulla sabbia! Quella
parte del territorio che forma la penisola Vittoria, e che le carte pi
esatte dell'America inglese congiungono con il continente americano,
si era bruscamente separata da esso!
Quella penisola non era infatti che un immenso banco di ghiaccio
della superficie di 150 miglia quadrate, che le successive alluvioni
avevano reso, in apparenza, un solido terreno con vegetazione e
terriccio.
Congiunta al litorale da migliaia di secoli, senza dubbio il
terremoto dell'8 gennaio aveva rotto i suoi legami, e la penisola si era
fatta isola, ma un'isola errante, vagabonda, che da tre mesi le correnti
trascinavano sul Mare Artico!
S, altro non era che un banco di ghiaccio quello che reggeva il
forte . Esprance e i suoi abitanti. J asper Hobson aveva capito
immediatamente che non vi poteva essere nessun'altra spiegazione
allo spostamento della latitudine osservata.
L'istmo che riuniva la penisola Vittoria al continente si era
evidentemente rotto sotto lo sforzo di un movimento sotterraneo,
causato dall'eruzione vulcanica alcuni mesi prima. Fin che dur
l'inverno boreale e fintanto che il mare rimase solido per il freddo
interno, quella rottura non produsse alcun mutamento nella posizione
geografica della penisola. Ma, con lo scioglimento, quando i ghiacci
si fusero ai raggi solari, e i banchi, spinti al largo, indietreggiarono
oltre i confini dell'orizzonte; quando, infine, il mare fu libero, quel
territorio, sicuro sulla sua base gelata, se ne and alla deriva con i
boschi, con le colline, con il promontorio, con il lago interno, con il
litorale, sotto la spinta di qualche corrente sconosciuta. Da molti
mesi veniva cos trascinato, e gli svernatori che, durante le loro
cacce, non si erano mai allontanati dal forte Esprance, non avevano
potuto accorgersene. La mancanza di punti di riferimento, le fitte
nebbie che non permettevano di spingere lo sguardo oltre qualche
miglio, l'apparente immobilit del suolo, nulla poteva far pensare al
tenente Hobson e ai suoi compagni che da continentali erano divenuti
isolani. Era inoltre interessante il fatto che l'orientamento della
penisola non fosse mutato, nonostante il suo spostamento; il che era
dipeso senza dubbio dalla sua estensione e dalla direzione rettilinea
della corrente che seguiva. Infatti, se i punti cardinali si fossero
modificati rispetto al capo Bathurst, se l'isola avesse girato intorno a
se stessa, se il sole e la luna fossero tramontati in un diverso
orizzonte, J asper Hobson, Tommaso Black, Paolina Barnett o
qualunque altro avrebbe capito ci che era avvenuto. Invece,
qualunque fosse la ragione, lo spostamento si era compiuto fino
allora seguendo uno dei paralleli del globo, e, per quanto fosse
rapido, non si percepiva. J asper Hobson, pur non ponendo in dubbio
la freddezza e l'energia morale dei suoi compagni, non volle far loro
conoscere la verit. Avrebbe avuto sempre tempo di avvisarli della
loro nuova situazione dopo averla studiata con attenzione. Per
fortuna quella brava gente, soldati o operai, non si intendevano gran
che di osservazioni astronomiche, n di longitudini o di latitudini,
perci dal mutamento verificatosi in alcuni mesi nelle coordinate
della penisola non potevano trarre le conseguenze che preoccupavano
cos giustamente J asper Hobson. Deciso a tacere il pi possibile e a
nascondere lo stato di cose al quale non vi era allora alcun rimedio, il
tenente richiam tutta la sua energia, e con un supremo sforzo di
volont che non sfugg alla signora Barnett divenne padrone di s,
cerc di consolare il disgraziato Black, il quale, dal canto suo, si
lamentava e si strappava i capelli. Poich l'astronomo non
immaginava certo il fenomeno di cui era vittima, dato che non aveva,
come il tenente, notato le caratteristiche di quel territorio, non poteva
capire niente n immaginare se non questo fatto sciagurato e cio che
in quel giorno, all'ora indicata, la luna non aveva interamente
oscurato il sole. Ora non doveva naturalmente pensare, che, ad onta
degli osservatori, le effemeridi erano false e che quella eclissi tanto
desiderata, la sua eclissi, che egli era venuto a cercare tanto lontano e
a prezzo di tante fatiche, non avrebbe dovuto essere totale per la zona
della sfera terrestre compresa nel 70 parallelo? No, egli non avrebbe
mai ammesso questo, perci il suo sbigottimento era grande quanto
appunto doveva essere.
Ma Tommaso Black doveva ben presto conoscere la verit.
Intanto J asper Hobson, lasciando credere ai suoi compagni che
l'incidente dell'eclissi non potesse interessare se non l'astronomo, e
che non li toccasse in nulla, li aveva incitati a riprendere i loro lavori;
ed essi lo ubbidirono.
Ma nel momento in cui si preparavano a lasciare la vetta del capo
Bathurst per rientrare nel forte, il caporale J oliffe, arrestandosi di
botto e portando la mano al berretto, disse:
Tenente, potrei farvi una semplice domanda?
Senza dubbio, rispose J asper Hobson che non sapeva dove
il suo subordinato volesse arrivare, vediamo, parlate.
Ma il caporale non parlava, esitava, e la sua piccola moglie lo
spingeva con il gomito.
Ebbene, tenente, soggiunse il caporale, per questo 70
di latitudine; se ho ben capito, noi non siamo dove credevate d
essere.
Il tenente corrug le sopracciglia.
Infatti, rispose evasivamente; noi ci eravamo ingannati
nei calcoli... La nostra prima osservazione fu falsa... Ma perch?...
Che cosa mai vi preoccupa?
La paga, tenente, rispose il caporale, dandosi un'aria da
furbo. Sapete bene... la doppia paga promessa dalla Compagnia...
J asper Hobson respir. Infatti i suoi uomini, come abbiamo detto,
avevano diritto a un salario maggiore, se riuscivano a fissare la loro
dimora sul 70 parallelo o pi su. Il caporale J oliffe, sempre
interessato, non aveva visto in tutto questo che una questione di
denaro, e temeva che il premio non fosse ancora guadagnato.
Rassicuratevi, caporale, rispose J asper sorridendo, e
rassicurate i vostri compagni; il nostro errore, che veramente
inesplicabile, non recher per fortuna nessun danno; non siamo sotto,
ma sopra il 70 parallelo, perci avrete paga doppia.
Grazie, tenente, disse il caporale raggiante; grazie. Non
che noi si tenga troppo al denaro, ma questo maledetto denaro che
invece ci tiene.
E, dopo questa riflessione, il caporale J oliffe e i suoi compagni si
ritrassero, senza sospettare che si era compiuta nella natura e nella
posizione del territorio un terribile mutamento.
Il sergente Long stava anch'egli per ridiscendere verso il forte,
quando J asper Hobson lo blocc e gli disse:
Restate, sergente Long.
Il sottufficiale fece un mezzo giro sui tacchi, e aspett che il
tenente gli rivolgesse la parola.
Le sole persone che occupavano allora la vetta del promontorio
erano Paolina Barnett, Madge, Tommaso Black, il tenente e il
sergente. Dopo l'incidente dell'eclissi la viaggiatrice non aveva
proferito parola e interrogava con lo sguardo J asper Hobson che
sembrava evitarlo. Il volto della coraggiosa donna mostrava pi
meraviglia che inquietudine. Aveva forse capito? La verit era ormai
chiara ai suoi occhi come a quelli del tenente? E, conoscendo la
situazione, il suo spirito pratico aveva gi dedotto le conseguenze?
Qualsiasi cosa fosse, ella taceva, rimanendo appoggiata a Madge che
le circondava il corpo con il braccio.
Quanto all'astronomo andava e veniva non potendo stare fermo.
Aveva i capelli irti, gesticolava, batteva le mani e le lasciava
ricadere lungo i fianchi. Dalle sue labbra sfuggivano interrogazioni
disperate, minacciava il sole con il pugno e lo guardava in faccia a
rischio di bruciarsi gli occhi.
Finalmente, dopo alcuni minuti, la sua agitazione interna si calm,
sent di poter parlare, e con le braccia incrociate, l'occhio acceso, la
faccia collerica e la fronte minacciosa, venne a farsi davanti al
tenente Hobson.
A noi due, esclam, a noi due, signor agente della
Compagnia della baia di Hudson!
Quel titolo, quell'accento e quei modi avevano tutta l'aria di una
provocazione. Ma J asper Hobson non vi diede importanza e si
accontent di guardare il pover'uomo, di cui poteva ben capire
l'immenso dolore.
Signor Hobson, disse Tommaso Black con irritazione mal
repressa, mi direte voi, di grazia, che cosa significa? un
imbroglio il vostro? In tal caso, signore, esso colpirebbe chi sta pi in
alto di me, capite, e potreste pentirvi.
Che volete dire, signor Black? domand tranquillamente
J asper Hobson.
Voglio dire, signore, che voi avete preso l'impegno di condurre
il vostro drappello al 70 di latitudine.
O anche di l, rispose Tasper.
Di l, signore? E che cosa dovevo fare io di l? Per osservare
questa eclissi totale del sole non dovevo allontanarmi dalla linea
d'ombra circolare che limitava in questa parte dell'America inglese il
70 parallelo; eccomi invece tre gradi pi a nord!
Ebbene, signor Black, rispose J asper Hobson con accento
assolutamente pacato, ci siamo ingannati, ecco tutto.
Ecco tutto? rispose l'astronomo sempre pi incollerito dalla
calma del tenente.
Vi far osservare, d'altra parte, soggiunse J asper Hobson,
che se io mi sono ingannato, vi siete ingannato voi pure, signor
Black, perch al nostro arrivo al capo Bathurst abbiamo rilevato la
sua latitudine insieme, voi con i vostri strumenti e io con i miei; non
potete dunque rendermi responsabile di un errore di osservazione che
anche voi avete commesso.
A questa risposta Tommaso Black rimase sbigottito, e nonostante
la sua profonda collera non seppe ribattere. Non vi era pi scusa
ammissibile; se vi era stata colpa, anch'egli era colpevole! E che cosa
avrebbero pensato nell'Europa scientifica e all'Osservatorio di
Greenwich di un astronomo tanto malaccorto da ingannarsi in
un'osservazione di latitudine?
Un Tommaso Black commettere un errore di tre gradi misurando
l'altezza del sole? E in quale occasione? Quando la determinazione
esatta di un parallelo doveva porlo in grado di osservare un'eclissi
totale in condizioni che non dovevano pi riprodursi per lungo
tempo? Tommaso Black era uno scienziato disonorato!
Ma come mai, esclam egli strappandosi ancora una manata
di capelli, come mai ho potuto ingannarmi cos? Non sono pi
capace di maneggiare un sestante! Non sono pi capace di calcolare
un angolo! Sono cieco! Se cos , non mi rimane altro che di gettarmi
dall'alto di questo promontorio a capo fitto.
Signor Black, disse allora J asper Hobson con voce grave,
non vi accusate; voi non avete commesso alcun errore di
osservazione e non avete alcun rimprovero da farvi!
Dunque, voi solo!
Io non sono colpevole pi di voi, signor Black; vogliate darmi
ascolto, vi prego, e voi pure, signora, soggiunse volgendosi a
Paolina Barnett, e voi Madge, e voi pure sergente Long. Una cosa
vi domando: l'assoluto segreto su ci che sto per dirvi; inutile
turbare e spaventare anche i nostri compagni.
Paolina Barnett, la sua compagna, il sergente e Tommaso Black si
erano fatti pi vicini al tenente. Non risposero, ma vi fu come una
tacita promessa di serbare il segreto sulla rivelazione che egli stava
per fare.
Amici miei, disse J asper Hobson, quando, un anno fa,
giunti a questo punto dell'America inglese, abbiamo rilevato la
situazione del capo Bathurst, questo capo si trovava esattamente
situato nel 70 parallelo; e se ora si trova pi in l del 73 di
latitudine, vale a dire tre gradi pi a nord, lo si deve al fatto che
andato alla deriva!
Andato alla deriva! esclam Tommaso Black. Contatelo
ad altri, signore! Da quando in qua un capo va alla deriva?
Eppure cos, signor Black, rispose gravemente Hobson.
Tutta la penisola Vittoria non pi che un'isola di ghiaccio; il
terremoto l'ha staccata dal litorale, e ora una delle grandi correnti
artiche la trascina con s.
Dove? domand il sergente Long.
Dove piacer a Dio, rispose J asper Hobson.
I compagni del tenente rimasero silenziosi. I loro sguardi si
volgevano involontariamente a sud, oltre le vaste pianure dalla parte
dell'istmo rotto, ma dal luogo che occupavano, salvo verso nord, non
potevano scorgere l'orizzonte di mare che ormai li circondava da
ogni parte. Se il capo Bathurst fosse stato a qualche centinaio di
metri di pi sul livello del mare, il perimetro del loro dominio
sarebbe apparso nettamente ai loro occhi e avrebbero visto che si era
mutato in isola.
Un vivo turbamento strinse loro il cuore alla vista del forte
Esprance e dei suoi abitanti trascinati lontano da ogni terra e
divenuti un giocattolo in balia dei venti e delle onde.
Cos, signor Hobson, disse Paolina Barnett, cos si
spiegano tutte le stranezze inesplicabili che avevate osservato in
questo territorio?
S signora, tutto si spiega; questa penisola Vittoria, isola ormai,
che credevamo e dovevamo credere saldamente fissa alla base, era
solo un vasto banco di ghiaccio, da secoli saldato al continente
americano. A poco a poco il vento vi gett terra e sabbia, semin
germi che produssero i boschi e i muschi. Le nuvole vi versarono
l'acqua dolce dello stagno e del fiumiciattolo: la vegetazione la
trasform! Ma sotto il lago, sotto la terra, sotto la sabbia, sotto i
nostri piedi vi un suolo di ghiaccio che galleggia sul mare perch il
suo peso specifico minore di quello dell'acqua! S un banco di
ghiaccio che ci regge, ed ecco perch in tutto il periodo che
l'abitiamo non vi abbiamo trovato n un ciottolo, n un sasso alla
superficie! Ed ecco perch le rive erano tagliate a picco! E perch,
quando abbiamo scavato la trappola alle renne, apparve il ghiaccio a
tre metri sottoterra, e perch infine la marea era insensibile su questo
litorale, che il flusso e il riflusso si sollevavano e si abbassavano
insieme con le onde.
Tutto si spiega infatti, signor Hobson, disse Paolina Barnett,
e i vostri presentimenti non vi hanno ingannato; vi domander
tuttavia, circa queste maree, perch mai, anche se ora sono nulle,
erano per lievemente sensibili al nostro arrivo al capo Bathurst?
Precisamente, signora, rispose il tenente, perch al nostro
arrivo la penisola era ancora legata al continente americano per
l'istmo flessibile. Essa opponeva cos una certa resistenza al flusso, e
sul suo litorale a nord la superficie delle acque si sollevava di trenta
centimetri circa invece di 6 metri come avrebbe dovuto. Per da
quando avvenne la rottura a causa del terremoto, dal momento che la
penisola, libera del tutto, pot salire e discendere con il flusso e il
riflusso, la marea divenne assolutamente nulla, ed ci che abbiamo
accertato pochi giorni or sono al momento della luna nuova.
Tommaso Black, nonostante la sua disperazione pi che naturale,
aveva ascoltato con estremo interesse le spiegazioni di J asper
Hobson. Le conseguenze dedotte dal tenente dovettero sembrargli
assolutamente giuste, ma incollerito perch tale fenomeno tanto raro,
tanto inaspettato e tanto assurdo, come egli diceva, fosse
precisamente accaduto per fargli perdere l'osservazione dell'eclissi,
non disse parola e rimase cupo, e per cos dire vergognoso.
Povero signor Black, disse allora la signora Barnett,
bisogna convenire che mai un astronomo, da quando esiste il mondo,
fu esposto a una simile disgrazia.
In ogni caso, signora, rispose J asper Hobson, non
abbiamo nessuna colpa! Non si potr rimproverare nulla, n a voi, n
a me. La natura ha fatto ogni cosa; essa la sola colpevole. Il
terremoto ha spezzato il legame che congiungeva la penisola al
continente e noi siamo ora davvero trasportati sopra un'isola
galleggiante. Ci spiega anche perch gli animali da pelliccia e
d'altra natura, imprigionati come noi su questo territorio, siano tanto
numerosi nei dintorni del forte.
E spiega ancora perch, disse Madge, non abbiamo avuto
durante la bella stagione la visita di quei concorrenti di cui temevate
la presenza, signor Hobson.
E perch, aggiunse il sergente, il distaccamento inviato
dal capitano Craventy non pot giungere al capo Bathurst.
E perch infine, disse Paolina Barnett, guardando il tenente,
io debba rinunciare a ogni speranza, per quest'anno almeno, di
ritornarmene in Europa.
La viaggiatrice aveva fatto quest'ultima riflessione con un accento
che provava come ella si rassegnasse alla sua sorte assai pi
filosoficamente di quanto non si sarebbe immaginato. Sembrava aver
preso improvvisamente una sua decisione circa la singolare
situazione che senza dubbio le riserbava una serie di avventure
interessanti. E poi, anche se si fosse disperata, e tutti i suoi compagni
si fossero lamentati e perduti in recriminazioni, potevano rimediare a
ci che era accaduto, o arrestare il corso dell'isola errante, o con una
qualunque manovra saldarla a un continente? No, Dio solo disponeva
dell'avvenire del forte Esprance; bisognava dunque sottomettersi al
suo volere.

CAPITOLO II
DOVE SI TROVA LISOLA
LA NUOVA imprevista condizione che si era venuta a creare,
doveva essere studiata con gran cura, ed ci che J asper Hobson era
impaziente di fare con la carta sott'occhio. Ma bisognava
necessariamente aspettare l'indomani per rilevare la posizione
longitudinale dell'isola Vittoria (questo il nome che le fu serbato)
come si era gi fatto per la latitudine. Per questo calcolo conveniva
prendere due altezze del sole, prima e dopo mezzogiorno, e misurare
due angoli orari.
Alle due pomeridiane il tenente Hobson e Tommaso Black
rilevarono con il sestante l'elevazione del sole sopra l'orizzonte. Il
giorno dopo facevano conto, intorno alle dieci del mattino, di
ricominciare la stessa operazione per dedurre dalle due altezze la
longitudine del punto allora occupato dall'isola sul Mare Artico.
Ma non ridiscesero subito al forte, e la conversazione continu per
lungo tempo fra Tasper Hobson, l'astronomo, il sergente, Paolina
Barnett e Madge. Quest'ultima non pensava certo a se stessa,
rassegnata interamente ai voleri della Provvidenza; solo non poteva
guardare senza commozione la sua figlia Paolina, pensando alle
prove e ai sacrifici che forse le riserbava l'avvenire. Madge era
pronta a dare la propria vita per Paolina; ma sarebbe valso questo
sacrificio a salvare colei che amava pi di ogni altra cosa al mondo?
In ogni caso, ella lo sapeva, Paolina Barnett non era donna da
lasciarsi sbigottire. Quell'anima coraggiosa guardava gi all'avvenire
senza terrore, e, bisogna dirlo, non aveva ancora avuto motivo per
disperare.
Infatti non vi era alcuna imminenza di pericolo per gli abitanti del
forte Esprance; anzi ogni cosa faceva pensare che la catastrofe
poteva essere scongiurata. J asper Hobson spieg chiaramente questo
ai suoi compagni.
Due pericoli minacciavano l'isola galleggiante al largo del
continente americano, due soli: o sarebbe stata trascinata dalle
correnti del mare libero fino alle alte latitudini polari da cui non si
ritorna pi, oppure le correnti l'avrebbero portata a sud, forse in
faccia allo stretto di Bering, e fino nell'Oceano Pacifico.
Nel primo caso gli svernatori, presi dai ghiacci, prigionieri dai
banchi insuperabili, non avendo pi nessuna comunicazione con i
loro simili, sarebbero periti di freddo o di fame nelle solitudini
iperboree.
Nel secondo caso, l'isola Vittoria respinta dalle correnti fino nelle
pi calde acque del Pacifico, si sarebbe squagliata a poco a poco alla
base inabissandosi sotto i piedi dei suoi abitanti.
Queste due ipotesi comportavano entrambe la morte inevitabile
del tenente J asper Hobson e di tutti i suoi compagni e la distruzione
del forte eretto a prezzo di tante fatiche.
Ma erano forse queste le uniche ipotesi? No, vi erano anche altre
probabilit.
Infatti la stagione estiva era molto inoltrata; fra tre mesi il mare si
sarebbe solidificato ai primi freddi polari. Il campo di ghiaccio si
sarebbe esteso dappertutto, e per mezzo di slitte si sarebbe potuto
giungere alla terra pi vicina, all'America russa, se l'isola continuava
a dirigersi verso est, alla costa asiatica se veniva respinta a ovest.
Perch, aggiungeva J asper Hobson, noi non possiamo
assolutamente governare questa isola galleggiante. Non possiamo
usare nessuna vela come sopra una nave, non possiamo darle una
direzione; dove ci condurr, andremo.
Il programma del tenente Hobson, chiarissimo e limpidissimo, fu
approvato senza contrasti. Certamente i grandi freddi dell'inverno
avrebbero saldato al vasto ice-field l'isola Vittoria, ed era presumibile
perfino che non si sarebbe spinta n troppo a nord, n troppo a sud.
Ora qualche centinaio di miglia da percorrere sui campi di ghiaccio
non era cosa che poteva preoccupare quegli uomini coraggiosi,
avvezzi ai climi polari e alle lunghe escursioni nelle regioni artiche.
Sarebbe stato doloroso, vero, abbandonare il forte Esprance,
oggetto di tutte le loro preoccupazioni e perdere il beneficio di tante
fatiche. Ma che farci? Un simile centro commerciale, fondato su
un'isola vagante, non poteva pi rendere alcun servizio alla
Compagnia della baia di Hudson. D'altra parte un giorno o l'altro,
presto o tardi, lo sfacelo dell'isola lo avrebbe trascinato in fondo al
mare. Bisognava dunque abbandonarlo, non appena gli avvenimenti
lo avrebbero permesso.
Unico timore, e il tenente insistette in modo particolare su ci, era
che per otto o nove settimane ancora, prima che il Mare Artico
gelasse, l'isola Vittoria venisse trasportata troppo a nord o troppo a
sud. Nei racconti degli svernatori si hanno infatti esempi di derive
lunghissime e che non fu possibile arrestare.
Tutto dipendeva dunque dalle correnti sconosciute che si
sarebbero incontrate davanti allo stretto di Bering, e importava di
rilevare attentamente la loro direzione sulla carta del Mare Artico.
J asper Hobson possedeva una di queste carte e preg Paolina Barnett,
Madge, l'astronomo e il sergente di seguirlo nella sua camera; ma
prima di lasciare la cima del capo Bathurst, egli raccomand loro di
nuovo che serbassero il pi assoluto segreto circa il presente stato di
cose.
La situazione non disperata, aggiunse, perci trovo
inutile gettare il turbamento nello spirito dei nostri compagni, i quali
forse non saprebbero discernere, come noi, le situazioni favorevoli
dalle sfavorevoli.
Eppure, fece osservare Paolina Barnett, non sarebbe
prudente costruire fin d'ora un'imbarcazione tanto grande da
contenerci tutti, e che possa reggere in mare per una traversata di
qualche centinaio di miglia?
senz'altro un'ottima idea, rispose Hobson; costruiremo,
perci, l'imbarcazione. Inventer qualche pretesto per incominciare
senza indugio questo lavoro, e dar ordine al nostro carpentiere,
perch costruisca una solida barca. Per me questo modo di tornare in
patria dovr essere l'estrema decisione. Ci che pi importa di
evitare di trovarci nell'isola al momento del distacco dei ghiacci, e
dovremo far di tutto per giungere a piedi sul continente, non appena
il mare sar diventato solido.
Era infatti la migliore maniera di procedere. Occorrevano tre mesi
almeno per costruire un battello di 30 o 35 tonnellate, e allora non
sarebbe pi stato utilizzabile, perch il mare non sarebbe stato pi
libero. Ma se il tenente poteva far rimpatriare la piccola colonia
guidandola attraverso il campo di ghiaccio fino al continente, la
situazione avrebbe avuto un lieto fine, poich imbarcare l'equipaggio
al momento dello scioglimento delle nevi sarebbe risultato
pericolosissimo. Con ragione dunque J asper Hobson riteneva il
progettato battello come l'ultima salvezza, e questa fu anche
l'opinione degli altri.
Tutti promisero al tenente, che era il miglior giudice della
questione, di mantenere il segreto e alcuni minuti dopo, lasciato il
capo Bathurst, le due donne e i tre uomini sedevano intorno a una
tavola nel salone del forte Esprance, in quel momento vuoto poich
ognuno stava sbrigando i lavori all'esterno.
Il tenente port un'ottima carta delle correnti atmosferiche e
oceaniche; e si incominci un attento esame di quella parte del Mar
Glaciale Artico che si stende dal capo Bathurst fino allo stretto di
Bering.
Due correnti principali dividono i pericolosi luoghi compresi fra il
circolo polare e quella zona poco nota chiamata Passaggio di nord-
ovest, dopo l'ardimentosa scoperta di Mac Clure: almeno le
osservazioni idrografiche non ne indicano altre.
L'una porta il nome di corrente del Kamciatka. Nasce al largo
della penisola che porta questo nome, segue la costa asiatica e
attraversa lo stretto di Bering toccando il capo orientale, punta
avanzata del paese dei Tchouktchis. La sua direzione da sud a nord,
si piega bruscamente a seicento miglia circa di l dallo stretto e si
volge direttamente a est, seguendo all'incirca il parallelo del
Passaggio di Mac Clure, e tende senza dubbio a renderlo praticabile
nei pochi mesi della calda stagione.
L'altra corrente, detta corrente di Bering, si dirige in senso
contrario; dopo aver rasentato la costa americana da est a ovest, e a
cento miglia al massimo dal litorale, va, per cos dire, a urtare nella
corrente del Kamciatka, in faccia allo stretto, poi discendendo a sud e
riaccostandosi alle rive dell'America russa, finisce con il frangersi nel
mare di Bering su quella specie di diga circolare delle isole Aleutine.
Questa carta dava esattamente i dati delle osservazioni nautiche
pi recenti. Era dunque degna della massima fiducia.
J asper Hobson la esamin attentamente prima di parlare; poi,
passando la mano sulla fronte, come a cacciare qualche funesto
presentimento, disse:
Speriamo, amici, che la fatalit non ci porti fino a quei lontani
paraggi; la nostra isola errante correrebbe il rischio di non uscirne
pi.
E perch, signor Hobson? domand vivamente Paolina
Barnett.
Perch, signora? Osservate bene questa parte del Mare Artico e
lo comprenderete facilmente. Due correnti, per noi pericolose, vi
scorrono in senso contrario. L dove si incontrano, l'isola sarebbe a
forza ridotta all'immobilit e molto distante da qualsiasi terra; quivi
essa si fermerebbe durante la cattiva stagione, e al momento dello
scioglimento dei ghiacci, o seguirebbe la corrente del Kamciatka fino
in mezzo alle regioni perdute di nord-ovest, oppure subirebbe
l'influenza della corrente di Bering e andrebbe a inabissarsi nelle
profondit del Pacifico.
Ci non accadr, signor tenente, disse Madge con una fede
incrollabile, Dio non lo permetter.
Ma, riprese a dire Paolina Barnett, io non riesco a
immaginare su quale parte del mare polare noi galleggiamo ora,
poich non vedo altro, dal capo Bathurst, se non la pericolosa
corrente del Kamciatka che porta diritto a nord-ovest. Non dobbiamo
piuttosto temere di essere stati presi nel suo corso e che stiamo perci
dirigendoci verso le terre della Georgia settentrionale?
Non lo credo, rispose J asper Hobson, dopo un momento di
riflessione.
E perch no?
Perch questa corrente rapida, signora, e da tre mesi, se
l'avessimo seguita, saremmo in vista di qualche costa; invece non ne
vediamo.
Dove supponete che ci troviamo?
Senza dubbio, rispose J asper, fra la corrente del
Kamciatka e il litorale, probabilmente in una specie di ampio gorgo
che deve esistere vicino alla costa.
Ci non pu essere, signor Hobson, rispose vivacemente
Paolina Barnett.
Non pu essere? E perch mai, signora?
Perch l'isola Vittoria, presa in un gorgo, e perci senza
costante direzione, avrebbe certamente obbedito a un movimento di
rotazione qualsiasi. Ora, visto che il suo orientamento non ha mutato
da tre mesi, ci segno che le cose stanno diversamente.
Avete ragione, signora, rispose J asper Hobson, voi
comprendete a meraviglia queste cose e non ho nulla da rispondere
alla vostra osservazione, a meno che non esista qualche corrente
sconosciuta non ancora segnata su questa carta. Davvero tale
incertezza spaventosa; e vorrei essere gi a domani per accertare
definitivamente la posizione dell'isola.
Verr il domani, rispose Madge.
Non rimaneva altro da fare che aspettare. Si separarono, e
ciascuno riprese le proprie faccende consuete. Il sergente Long
inform i compagni che la partenza per il forte Reliance, fissata per
l'indomani, non avrebbe avuto luogo, aggiungendo inoltre che,
pensandoci bene, la stagione era troppo inoltrata e non era possibile
giungere al forte prima dei grandi freddi, e che l'astronomo si era
deciso ad affrontare un altro svernamento in modo da compiere le
sue osservazioni meteorologiche, e che l'approvvigionamento del
forte Esprance non era indispensabile: tutte cose di cui quella brava
gente non si preoccupava per nulla.
Una raccomandazione speciale fu fatta ai cacciatori dal tenente
Hobson, di risparmiare d'ora innanzi gli animali da pelliccia che, per
il momento, non servivano pi, e di dare la caccia alla selvaggina
commestibile, per rinnovare le provviste del centro commerciale.
Proib loro, inoltre, di allontanarsi dal forte per pi di due miglia, non
volendo che Marbr, Sabine o altri cacciatori si trovassero
all'improvviso in faccia a un orizzonte di mare, l dove vi era, alcuni
mesi prima, l'istmo che univa la penisola Vittoria al continente
americano. Questa scomparsa della stretta lingua di terra avrebbe
infatti svelato tutto.
La giornata parve interminabile al tenente.
Egli torn pi volte in cima al capo Bathurst, solo o
accompagnato dalla signora Barnett. La viaggiatrice, di tempra
vigorosa, non si stupiva affatto; scherz perfino dicendo a J asper
Hobson che l'isola errante, che allora li portava, era forse il vero
veicolo per andare al Polo Nord! E perch con una corrente
favorevole non si poteva giungere a quell'inaccessibile punto del
globo?
Il tenente Hobson crollava il capo ascoltando la sua compagna che
faceva progetti, ma non lasciava con gli occhi l'orizzonte, cercando
se qualche terra nota o sconosciuta apparisse in lontananza. Ma il
cielo e l'acqua si confondevano in una linea circolare la cui
trasparenza non era turbata da nulla, e questo dava la conferma a
J asper Hobson che l'isola Vittoria andava alla deriva dirigendosi
verso ovest piuttosto che in qualsiasi altra direzione.
Signor Hobson, gli chiese Paolina Barnett, non avete
intenzione di fare il giro della nostra isola, e il pi presto possibile?
S, certo, signora, rispose il tenente, non appena avr
rilevato la sua posizione, conto di studiarne la forma e l'estensione.
indispensabile per notare in avvenire le modifiche che avverranno.
Ma molto probabile che si sia rotta all'istmo stesso e che perci la
penisola intera si sia trasformata in isola.
Singolare destino il nostro, signor Hobson! Altri tornano dai
loro viaggi dopo aver aggiunto qualche nuova terra al continente
geografico! Noi invece l'avremo impoverito cancellando dalla carta
questa supposta penisola Vittoria!
Il giorno seguente, alle dieci precise del mattino, il cielo era
purissimo e J asper Hobson misur l'altezza del sole. Poi, calcolando
questo risultato e quello dell'osservazione del giorno prima,
determin matematicamente la longitudine del luogo.
Durante l'operazione, l'astronomo non si era fatto vedere. Egli
teneva il broncio nella sua camera, da quel gran fanciullone che era
fuori della vita scientifica.
L'isola si trovava allora a 157 37' di longitudine ovest dal
meridiano di Greenwich.
La latitudine ottenuta il giorno prima, a mezzogiorno, subito dopo
l'eclissi, era, come fu detto, di 73 7' 20". Il punto fu riportato sulla
carta in presenza di Paolina Barnett e del sergente Long.
Vi fu un momento di estrema ansiet, ed ecco quale fu il risultato
dell'operazione.
In quel momento l'isola errante si trovava diretta a ovest, cos
come aveva previsto il tenente Hobson, ma una corrente non segnata
nella carta, una corrente ignota agli idrografi di quelle coste, la
trascinava evidentemente verso lo stretto di Bering. Tutti i pericoli
previsti da J asper Hobson erano dunque da temere se, prima
dell'inverno, l'isola Vittoria non fosse stata riportata verso il litorale.
Ma a quale distanza esatta ci troviamo dal continente
americano? domand la viaggiatrice. - Questa una questione
interessante.
J asper Hobson prese il compasso e misur con cura la pi stretta
porzione di mare lasciata nella carta fra il litorale e il 73 parallelo.
Siamo ora a pi di 250 miglia dall'estremit nord dell'America
russa, formata dalla punta Barrow.
Bisognerebbe sapere allora di quante miglia l'isola andata alla
deriva dalla posizione occupata gi dal capo Bathurst, disse il
sergente Long.
Di 700 miglia almeno, rispose J asper Hobson, dopo aver di
nuovo consultato la carta.
E da quando, all'incirca, si pu pensare che la deriva sia
incominciata?
Senza dubbio verso la fine di aprile, rispose il tenente
Hobson; a quel tempo, infatti, lice-field si distaccato, e i
ghiacci, che il sole non scioglieva, furono trascinati verso nord. Si
pu dunque ammettere che l'isola Vittoria, spinta da quella corrente
parallela al litorale, vada alla deriva verso ovest da tre mesi circa, il
che darebbe una media di nove o dieci miglia al giorno.
Ma non una forte velocit? domand Paolina Barnett.
Grande davvero, rispose J asper Hobson, e pensate fin
dove potremo essere trascinati nei due mesi d'estate che lasceranno
libera questa parte del Mare Artico.
Il tenente, la signora Barnett e il sergente Long rimasero silenziosi
per alcuni momenti.
I loro occhi non lasciavano la carta di quelle regioni polari che si
difendono con tanta ostinazione dalle investigazioni dell'uomo e
verso le quali si sentivano irresistibilmente trascinati.
Dunque, stando cos le cose, non abbiamo nulla da fare, nulla
da tentare? domand la viaggiatrice.
Nulla, signora, rispose il tenente Hobson, nulla! Ci
conviene aspettare, invocare con tutti i nostri voti quest'inverno
artico generalmente e giustamente temuto dai naviganti, ma che solo
pu salvarci. L'inverno il ghiaccio, la nostra salvezza, l'ancora di
misericordia, la sola che possa arrestare l'isola errante.
CAPITOLO III
IL GIRO DELL'ISOLA
DA QUEL giorno in poi fu deciso che si sarebbe fatto il punto,
come si fa a bordo di una nave, ogni volta che lo stato dell'atmosfera
rendesse possibile questa operazione. Non era forse, quest'isola
Vittoria, un vascello disalberato, errante alla ventura, senza vele e
senza timone?
Il giorno dopo il rilievo, J asper Hobson not che l'isola, pur non
avendo mutato direzione in latitudine, si era ancora spinta alcune
miglia pi a ovest. E fu dato ordine al carpentiere Mac Nap di
accingersi alla costruzione di una ampia barca. J asper Hobson, come
pretesto, disse che voleva, l'estate prossima, fare una ricognizione del
litorale fino all'America russa. Il carpentiere, senza domandare altro,
si mise all'opera per trovare il legname, e scelse per cantiere la
spiaggia posta ai piedi del capo Bathurst, in modo da poter
facilmente spingere in mare il suo battello.
Quello stesso giorno, J asper Hobson avrebbe voluto porre in
esecuzione il progetto deciso per studiare il territorio sul quale egli e
i suoi compagni erano ormai imprigionati. Gravi mutamenti potevano
avvenire nella configurazione di quell'isola di ghiaccio esposta
all'influenza della temperatura variabile delle acque, e importava
determinarne la forma, la superficie e anche lo spessore in certi
luoghi. E si doveva esaminare con cura la linea di rottura, molto
probabilmente sull'istmo, potendo forse su quella rottura ancora
fresca discernere i vari strati di ghiaccio e di terra che formavano il
suolo dell'isola.
Ma in quel giorno l'atmosfera si annebbi improvvisamente e nel
pomeriggio scoppi una violenta burrasca, accompagnata da un forte
nebbione; il cielo si oscur e la pioggia cadde a torrenti. Una grossa
grandine crepit sul tetto della casa, e si udirono pure tuoni lontani,
fenomeno raramente osservato a latitudini cos settentrionali.
Il tenente Hobson dovette ritardare il suo viaggio e aspettare che si
calmassero gli elementi; ma nelle giornate del 20, 21 e 22 luglio, lo
stato del cielo non cambi, la tempesta dur impetuosa, il cielo
rimase nuvoloso e le onde si avventarono sul litorale con un
frastuono assordante.
Liquide valanghe battevano il capo Bathurst, e con tale violenza
da far temere per la sua solidit, ormai molto incerta, poich non si
componeva pi che di un aggregato di terra e di sabbia senza una
base sicura. Erano anche da compiangere le navi esposte in mare a
quei terribili colpi di vento! Ma l'isola errante era insensibile a quelle
agitazioni delle acque, e la sua enorme massa non si lasciava
sopraffare dalle collere del mare.
Nella notte dal 22 al 23 luglio, la tempesta si calm a un tratto.
Una Viva brezza di nord-ovest spazz le ultime nuvole accumulate
all'orizzonte; il barometro era risalito di alcune linee, e le condizioni
atmosferiche parvero al tenente Hobson favorevoli per intraprendere
il viaggio progettato.
Paolina Barnett e il sergente Long dovevano accompagnarlo in
questa ricognizione. Si trattava di un'assenza di uno o due giorni, che
non poteva meravigliare gli abitanti del forte. Vennero prese come
provviste una certa quantit di carne secca e di biscotto, alcune
boccette d'acquavite, che non avrebbero aggravato troppo la bisaccia
degli esploratori. Allora i giorni erano lunghissimi, e il sole non
abbandonava l'orizzonte che per poche ore.
Non vi era da temere probabilmente nessun incontro di animali
pericolosi. Gli orsi, guidati dal loro istinto, sembrava che avessero
abbandonato l'isola Vittoria, quando era ancora penisola. Ma per
precauzione, J asper Hobson, il sergente, e la stessa Paolina Barnett,
si armarono di fucili. Inoltre il tenente e il sottufficiale portavano
l'accetta e il coltello da neve, che un viaggiatore delle regioni polari
non abbandona mai.
Durante l'assenza del tenente e del sergente, il comando del forte
spettava gerarchicamente al caporale J oliffe, vale a dire alla sua
piccola moglie, e J asper Hobson sapeva di potersi fidare di costei.
Quanto a Tommaso Black non si poteva pi contare su di lui,
nemmeno per unirsi agli esploratori. Eppure l'astronomo promise di
sorvegliare con cura gli orizzonti a nord, durante l'assenza del
tenente, e di notare i mutamenti che sarebbero potuti accadere, sia in
mare, sia nell'orientamento dell'isola.
Paolina Barnett aveva anche provato a fare intendere la ragione al
povero scienziato, ma egli non volle neppure ascoltarla; si
considerava, non senza ragione, imbrogliato dalla natura, a cui non
avrebbe mai perdonato un tiro del genere.
Dopo alcune strette di mano in forma di addio, Paolina Barnett e i
suoi due compagni lasciarono la casa del forte, oltrepassarono la
porta di soccorso, e dirigendosi a ovest seguirono la curva allungata
formata dal litorale, incominciando dal capo Bathurst fino al capo
Eschimese.
Erano le otto del mattino. I raggi obliqui del sole animavano la
costa dardeggiandola con fulvi bagliori. Le ultime ondate del mare si
placavano a poco a poco; gli uccelli dispersi dalla tempesta, gabbiani,
berte, procellarie, erano tornati a migliaia. Stormi di anitre si
affrettavano a raggiungere le sponde del lago Barnett, correndo,
senza saperlo, incontr alla cucina della signora J oliffe. Alcune lepri
polari, martore, ondatre ed ermellini si alzavano davanti ai
viaggiatori e fuggivano senza fretta. Gli animali si sentivano
evidentemente come spinti a ricercare la compagnia dell'uomo come
se presentissero un pericolo comune.
Essi sanno bene che il mare li circonda, disse J asper
Hobson, e che non possono lasciare quest'isola.
Questi roditori, lepri o altro, domand Paolina Barnett,
non hanno forse l'abitudine, prima dell'inverno, di andar a cercare al
Sud climi pi dolci?
S, signora, rispose J asper Hobson, ma questa volta, se
non potranno fuggire attraverso i campi di ghiaccio, dovranno restare
prigionieri come noi e, durante il prossimo inverno, la maggior parte
morir di freddo o di fame.
bello pensare, disse il sergente Long, che questi
animali ci renderanno il servizio di alimentarci, ed una fortuna per
la colonia che essi non abbiano avuto l'istinto di fuggire prima della
rottura dell'istmo.
Ma gli uccelli, domand la signora Barnett, ci
abbandoneranno anch'essi sicuramente?
S, signora, rispose J asper Hobson. Tutti questi campioni
della specie volatile fuggiranno con i primi freddi. Essi possono
percorrere molte miglia senza fatica, e, pi fortunati di noi, potranno
tornare sulla terraferma.
E non potrebbero servirci come messaggeri? chiese la
viaggiatrice.
una buona idea, signora, un'eccellente idea, disse il
tenente. Nulla ci impedir di prendere alcune centinaia di questi
uccelli e di mettere loro al collo una carta sulla quale indicheremo il
segreto della nostra condizione. J ohn Ross, nel 1848, tent con un
mezzo analogo di fare conoscere la presenza delle sue navi,
lEntreprise e lInvestigator, nei mari polari, ai superstiti della
spedizione Franklin. Prese nelle reti alcune centinaia di volpi
bianche, leg loro al collo una collana di cuoio su cui erano incise le
indicazioni necessarie, poi le lasci libere in tutte le direzioni.
Qualcuno di quei messaggeri giunse forse nelle mani dei
naufraghi? chiese Paolina Barnett.
Forse, rispose J asper Hobson; in ogni caso io mi ricordo
che una di queste volpi, molto vecchia, fu catturata dal capitano
Hatteras
15
nel suo viaggio di scoperta, e quella volpe portava ancora
al collo una collana mezzo consumata nascosta nel bianco mantello.
Quanto a noi, quel che non possiamo fare con i quadrupedi, lo
faremo con gli uccelli.
Cos discorrendo e facendo progetti per l'avvenire, i due
esploratori e la loro compagna seguivano il litorale dell'isola, e non
vi notarono alcun mutamento. Erano sempre quelle stesse spiagge a
picco, coperte di terra e di sabbia, ma non mostravano alcuna recente
rottura che potesse far immaginare che il perimetro dell'isola si fosse
modificato di recente. Talvolta c'era da temere che l'enorme masso di
ghiaccio, attraversando correnti pi calde, si consumasse alla base e

15
Il capitano Hatteras il protagonista d'un altro romanzo dello stesso Autore dal
titolo Le avventure del capitano Hatteras, pubblicato dalla nostra Casa Editrice.
perdesse spessore, e questa ipotesi inquietava a ragione J asper
Hobson.
Alle undici del mattino gli esploratori avevano percorso le otto
miglia che separavano il capo Bathurst dal capo Eschimese. Essi
ritrovarono su quel punto le tracce dell'accampamento gi occupato
dalla famiglia di Kalumah. Della casa di neve non restava pi nulla,
naturalmente; ma le ceneri raffreddate e le ossa di foca attestavano
ancora il passaggio degli eschimesi.
Paolina Barnett, J asper Hobson e il sergente Long, si arrestarono
in quel luogo, con l'intenzione di passare le poche ore della notte
nella baia dei Trichechi, dove facevano conto di giungere alcune ore
pi tardi. Fecero colazione, seduti sopra una lieve protuberanza del
suolo, coperta di erba rara e magra. Innanzi ai loro occhi si svolgeva
un bell'orizzonte di mare, nettamente disegnato; n una vela, n un
iceberg animavano quel deserto d'acqua.
Forse vi meravigliereste, signor Hobson, domand Paolina
Barnett, se qualche nave ci apparisse in questo momento?
Non molto, signora, rispose il tenente, ma mi farebbe
piacere, lo confesso. Durante la bella stagione non raro che i
balenieri di Bering si spingano fino a questa latitudine, soprattutto da
quando il Mare Artico divenuto il vivaio dei capidogli e delle
balene; ma siamo al 23 luglio, e l'estate gi molto inoltrata. Tutta la
flotta da pesca si trova senza dubbio, in questo momento, nel golfo
Kotzebue, all'ingresso dello stretto. I balenieri diffidano, per non
avere sorprese, del Mare Artico. Temono i ghiacci e hanno cura di
non lasciarsi chiudere da essi; ora appunto questi icebergs, ice-
streams, e borgognoni, che essi temono tanto, questi ghiacci,
insomma, sono quelli appunto che noi desideriamo con tutta l'anima!
Verranno, tenente, rispose il sergente Long, abbiamo
pazienza e fra due mesi le onde d'alto mare non batteranno pi il
capo Eschimese.
Il capo Eschimese! disse sorridendo la signora Barnett,
ma questa denominazione e tutte quelle che abbiamo dato ai seni e
alle punte della penisola sono forse alquanto arrischiate. Abbiamo
gi perduto il porto Barnett, il Paolina-river; chiss se il capo
Eschimese e la baia dei Trichechi non scompariranno a loro volta?
Scompariranno certo, signora, rispose J asper Hobson, e
dopo di essi, tutta l'isola Vittoria, poich pi nulla la collega al
continente, ed fatalmente condannata a perire! Questo risultato
inevitabile, e avremo inutilmente fatto le spese della nomenclatura
geografica! Ma in ogni caso, le nostre denominazioni non erano state
ancora adottate dalla Societ reale, e l'onorevole Roderick
Murchison,
16
non dovr cancellare nessun nome dalle sue carte.
Uno! disse il sergente.
Quale?
Il capo Bathurst.
Avete ragione, sergente, il capo Bathurst ormai da cancellare
dalla cartografia polare!
Due ore di riposo erano bastate agli esploratori, e all'una del
pomeriggio essi si disposero a continuare il viaggio.
Prima di partire J asper Hobson, dall'alto del capo Eschimese,
rivolse un ultimo sguardo al mare circostante, poi non avendo veduto
nulla che potesse fermare la sua attenzione, ridiscese e raggiunse la
signora Barnett, che l'attendeva presso il sergente.
Signora, le domand, voi non avete certo dimenticato la
famiglia di indigeni che incontrammo in questo stesso luogo, qualche
tempo prima della fine dell'inverno
No, signor Hobson, e ho serbato di quella buona Kalumah un
ottimo ricordo. Ha perfino promesso di venirci a trovare al forte
Esprance, promessa che le sar ormai impossibile mantenere. Ma
perch mi fate questa domanda?
Perch mi ricordo un particolare, signora, un particolare al
quale non diedi importanza allora e che mi torna in mente proprio
ora.
Quale?
Vi ricordate di quella specie di inquieto stupore manifestato
dagli eschimesi nel vedere che avevamo fondato un centro
commerciale ai piedi del capo Bathurst?
Me ne ricordo.
E ricordate anche che insistetti per capire, per indovinare il
pensiero di questi indigeni, e che non vi riuscii?

16
Allora presidente della Societ reale di geografia. (N.d.A.)
vero.
Ebbene, ora mi spiego perch abbiano crollato il capo. Quegli
eschimesi, per tradizione o per esperienza, insomma per una ragione
qualsiasi, conoscevano la natura e l'origine della penisola Vittoria, e
sapevano che noi non avevamo costruito sopra un solido terreno. Ma
certo, stando cos le cose da secoli, non credettero imminente il
pericolo perci non spiegarono pi chiaramente il loro pensiero.
Cos deve essere, signor Hobson, rispose Paolina Barnett,
ma certo Kalumah ignorava ci che i suoi compagni sospettavano,
poich se l'avesse saputo, la povera fanciulla non avrebbe esitato a
dircelo. Su questo il tenente fu dell'avviso di Paolina Barnett.
Bisogna dire che una fatalit, disse allora il sergente,
che noi siamo venuti a costruire un forte in questa penisola, proprio
quando stava per distaccarsi dal continente per restare in balia del
mare! E certo era gran tempo, assai gran tempo che le cose stavano
cos! Secoli interi, forse!
Potete dire migliaia e migliaia d'anni, sergente Long,
rispose J asper Hobson. Pensate dunque che la terra vegetale che
calpestiamo ora fu portata dai venti briciola per briciola, e questa
sabbia grano per grano! Pensate al tempo che occorse alle sementi
degli abeti, delle betulle e dei corbezzoli, per moltiplicarsi e divenire
arboscelli e alberi! Forse il banco di ghiaccio che li porta era formato
e saldato al continente prima ancora della comparsa dell'uomo sulla
terra!
Ebbene, esclam il sergente Long, avrebbe ben dovuto
aspettare alcuni secoli ancora prima di andarsene alla deriva, questo
masso di ghiaccio capriccioso! Ci avrebbe risparmiato molte
inquietudini e forse anche molti pericoli!
La giustissima riflessione del sergente Long chiuse la
conversazione, e si riprese il viaggio.
Dal capo Eschimese fino alla baia dei Trichechi, la costa si
estendeva press'a poco da nord a sud, secondo la proiezione del 27
meridiano. Alle spalle si vedeva, alla distanza di quattro o cinque
miglia, la punta acuminata dello stagno, che rifletteva i raggi del
sole, e molto pi oltre gli ultimi gradini boschivi i cui alberi
incorniciavano le sue acque. Fendevano l'aria battendo le larghe ali
alcune aquile fischiatrici. Molti animali da pelliccia, martore, visoni,
ermellini, accoccolati dietro qualche sabbioso rilievo, o nascosti fra i
magri cespugli di corbezzoli e di salici, guardavano i viaggiatori, e
sembrava che comprendessero che non avevano da temere nessuna
fucilata. J asper Hobson intravide anche alcuni castori, erranti a caso e
come smarriti certo per la scomparsa del rigagnolo. Senza capanne
per ricoverarsi, senza corsi d'acqua per costruirvi il loro villaggio,
erano destinati a morir di freddo al sopraggiungere del gelo. Il
sergente Long riconobbe pure una frotta di lupi che correvano
attraverso la pianura.
Si poteva dunque credere che tutti gli animali della famiglia
polare fossero rimasti imprigionati sull'isola galleggiante, e i
carnivori, quando l'inverno fosse giunto e con esso la fame, non
potendo andarsene a cercare in un clima pi dolce il cibo, sarebbero
diventati certo pericolosi per gli ospiti del forte Esprance.
Soltanto gli orsi bianchi, e non bisognava certo dolersene,
parevano mancare alla fauna dell'isola. Talvolta il sergente credette
di scorgere confusamente, attraverso un gruppo di betulle, una massa
bianca, enorme, che si muoveva lentamente; ma dopo un esame pi
attento si accorgeva di essersi ingannato.
Quella parte del litorale che confinava con la baia dei Trichechi
era generalmente poco alta sul livello del mare; alcune parti lo
sfioravano addirittura, e le onde scorrevano schiumose sulla sua
superficie come se si abbattessero sopra una spiaggia. C'era da
temere che in quella parte dell'isola il suolo si fosse abbassato
soltanto da poco tempo, ma mancava modo di accertarsene e di
riconoscere tali modifiche e di determinarne l'importanza. J asper
Hobson si dolse di non avere, prima della partenza, collocato dei
segnali nei dintorni del capo Bathurst, con i quali avrebbe potuto
notare i diversi abbassamenti e avvallamenti del litorale; e si propose
di prendere questa precauzione al ritorno.
Codesta esplorazione, si pu ben capire, non permetteva n al
tenente, n al sergente, n alla viaggiatrice, di camminare spediti;
spesso bisognava arrestarsi per esaminare il suolo e notare se non si
stesse per formare qualche frattura sul litorale, e talvolta gli
esploratori dovettero spingersi per circa mezzo miglio all'interno
dell'isola. In certi luoghi, il sergente prese la precauzione di piantare
rami di salice o di betulla, che dovevano servire come segnali per
l'avvenire, soprattutto in quelle parti pi basse, la cui solidit pareva
incerta. Cos sarebbe stato pi facile riconoscere i mutamenti che
potevano accadere.
Intanto proseguivano, e verso le tre del pomeriggio avevano ormai
lasciato la baia dei Trichechi a tre miglia a sud. J asper Hobson pot
gi fare osservare a Paolina Barnett le modifiche causate dalla rottura
dell'istmo, modifiche veramente molto importanti.
Una volta l'orizzonte a sud-ovest era limitato da una lunghissima
linea di coste lievemente incurvate, e formante il litorale della vasta
baia Liverpool. E ora solo una linea d'acqua chiudeva quell'orizzonte.
Il continente era scomparso. L'isola Vittoria terminava con un angolo
brusco, nel luogo stesso in cui doveva essere avvenuta la rottura. Si
sentiva che, voltato quell'angolo, sarebbe apparso l'immenso mare
che bagnava la parte meridionale dell'isola lungo tutto quel litorale
che un tempo era solido e che si stendeva dalla baia dei Trichechi
alla baia Washbum.
La signora Barnett not quel nuovo aspetto con una certa
commozione: se lo aspettava, eppure le batteva forte il cuore.
Cercava con gli occhi il continente che mancava all'orizzonte, quel
continente che ormai era distante pi di duecento miglia, e si
accorgeva di non calpestare pi la terra americana. Per tutti coloro
che hanno un'anima sensibile inutile insistere su questo punto;
diremo solo che J asper Hobson e lo stesso sergente furono commossi
come la loro compagna.
Affrettarono il passo per giungere all'angolo che chiudeva ancora
il sud. Il suolo risaliva alquanto in quella parte del litorale. Lo strato
di terra e di sabbia era pi spesso, il che si spiegava con la vicinanza
di quella parte al vero continente, che un tempo combaciava con
l'isola e formava un solo territorio con essa.
Lo spessore della crosta gelata e dello strato di terra in quel punto,
probabilmente aumentato secolo dopo secolo, dimostrava perch
l'istmo avesse potuto resistere fino al momento in cui un fenomeno
geologico ne aveva causato la rottura. Il terremoto dell'8 gennaio
aveva scosso soltanto il continente americano, ma l'urto era stato
sufficiente per staccare la penisola ormai abbandonata a tutti i
capricci del mare.
Infine, alle quattro, giunsero all'angolo. La baia dei Trichechi,
formata da un seno nella terraferma, non esisteva pi: era rimasta
attaccata al continente.
In fede mia, signora, disse gravemente il sergente Long alla
viaggiatrice, - una fortuna per voi che non le abbiamo dato il nome
di baia Paolina Barnett.
Infatti, rispose la signora Barnett, incomincio a credere
che io sia una ben triste madrina in fatto di nomenclatura geografica.
CAPITOLO IV
UN ACCAMPAMENTO NOTTURNO
J ASPER HOBSON non si era ingannato circa il punto di rottura. Era
l'istmo che aveva ceduto alle scosse del terremoto. Non vi era pi
traccia del continente americano, non pi colline n vulcani a ovest
dell'isola ma il mare da ogni parte.
L'angolo formato a sud-ovest dell'isola dal distaccarsi del banco di
ghiaccio, disegnava ormai un capo aguzzo che, roso dalle acque pi
calde, esposto a tutti gli urti, non poteva evidentemente sottrarsi a
una prossima distruzione.
Gli esploratori si misero immediatamente in cammino
costeggiando la riva che correva in linea quasi retta press'a poco da
ovest a est. La rottura era netta come se fosse stata prodotta da uno
strumento tagliente. Si poteva in certi luoghi vedere la disposizione
del suolo. Quell'argine, met ghiaccio, met terra e sabbia, emergeva
per circa tre metri, era assolutamente a picco, senza scarpata, e alcuni
punti, alcuni tagli, rivelavano frane recenti. Il sergente Long segnal
anche due o tre piccoli massi di ghiaccio staccati dalla riva che
finivano di sciogliersi in alto mare. Si capiva che, nei suoi movimenti
di risacca, l'acqua calda rodeva pi facilmente quel nuovo lembo che
il tempo non aveva ancora rivestito, come il resto del litorale, di una
specie di malta di neve e di sabbia. La situazione non era certo
rassicurante.
Paolina Barnett, il tenente J asper Hobson e il sergente Long,
prima di riposarsi, vollero esaminare quella cresta meridionale
dell'isola.
Il sole, seguendo un arco molto allungato, non doveva tramontare
prima delle undici pomeridiane; perci la luce non mancava. Lo
splendido disco si trascinava lentamente sull'orizzonte a ovest, e i
suoi raggi obliqui gettavano le loro ombre, sterminatamente lunghe,
davanti ai passi degli esploratori. A tratti la conversazione si
animava, poi gli esploratori rimanevano lungamente in silenzio
interrogando il mare e pensando all'avvenire.
Era intenzione di J asper Hobson di accamparsi, durante la notte,
nella baia Washburn. A quel punto essi avrebbero percorso circa
diciannove miglia, vale a dire, se le ipotesi di J asper Hobson erano
giuste, met del viaggio. Poi, dopo alcune ore di riposo, quando la
sua compagna si fosse ripresa dalle fatiche, faceva conto di
riprendere la via del forte Esprance per il litorale occidentale.
Nessun incidente turb questa esplorazione del nuovo litorale,
compreso fra la baia dei Trichechi e la baia Washburn. Alle ore sette
pomeridiane J asper Hobson era giunto al luogo scelto per
l'accampamento. Da quel lato si notava lo stesso cambiamento. Della
baia Washburn non rimaneva altro che la curva allungata formata
dalla costa dell'isola, e che un tempo la limitava a nord. Essa si
stendeva inalterata fino a quel capo, che era stato battezzato capo
Michel, per una lunghezza di sette miglia. I boschi di pini e di
betulle, che apparivano molto indietro, erano frondosi e verdeggianti
in quella stagione dell'anno. Vi erano ancora parecchi animali da
pelliccia che saltellavano nella pianura.
Paolina Barnett e i suoi due compagni di viaggio si fermarono in
quel luogo. Se i loro sguardi erano limitati a nord, a sud, almeno,
potevano abbracciare una met dell'orizzonte. Il sole tracciava un
arco tanto aperto, che i suoi raggi, arrestati dal rilievo del terreno pi
accidentato verso ovest, non giungevano fino alle rive della baia
Washburn. Ma non era ancora notte, e nemmeno il crepuscolo,
poich l'astro radioso non era ancora scomparso.
Tenente, disse allora il sergente Long con un tono di voce
insolitamente serio, se per miracolo una campana suonasse in
questo momento, cosa pensate che suonerebbe?
L'ora della cena, sergente, rispose J asper Hobson. Io
credo, signora Barnett, che anche voi siate del mio stesso parere.
Senz'altro, rispose la viaggiatrice, e poich non abbiamo
altro da fare che sederci per essere a mensa, sediamo. Ecco un
tappeto di musco, un po' logoro, veramente, ma che la Provvidenza
pare abbia steso per noi.
Fu aperto il sacco delle provviste. Carne secca, un pasticcio di
lepre uscito dalla dispensa della signora J oliffe, e un po' di biscotto
formavano la lista della cena. Un quarto d'ora dopo, il pasto fu
terminato; J asper Hobson torn verso l'angolo sud-est, mentre
Paolina Barnett rimaneva seduta ai piedi di un abete stecchito e
spoglio, e il sergente Long preparava l'accampamento per la notte. Il
tenente Hobson voleva esaminare la struttura del masso di ghiaccio
che formava l'isola, e riconoscere, se era possibile, come si era
formato. Un piccolo argine, prodotto da una frana, gli permise di
scendere fino al livello del mare, e di osservare di l la muraglia a
picco che formava il litorale.
In quel luogo il suolo si elevava circa un metro sopra l'acqua. Si
componeva nella parte superiore di un sottile strato di terra e di
sabbia mista a polvere di conchiglie.
La parte inferiore era di ghiaccio compatto, durissimo, quasi
metallizzato, che sopportava cos il terriccio dell'isola.
Quello strato di ghiaccio era a circa trenta centimetri sul livello
del mare. Si vedevano nettamente in quel taglio, fatto di fresco, le
stratificazioni che componevano uniformemente lice-field. Quegli
strati orizzontali parevano indicare che i congelamenti successivi che
li avevano prodotti erano avvenuti in acque relativamente tranquille.
Si sa che il congelamento si opera sulla parte superiore dei liquidi,
e che se il freddo persiste lo spessore della crosta solida si forma
dall'alto in basso. Almeno cos accade nelle acque tranquille. Al
contrario, nelle acque correnti, fu notato che il ghiaccio si forma
prima in fondo, e che risale poi alla superficie.
Ma per quel masso di ghiaccio, base dell'isola Vittoria, non vi era
dubbio che sulla spiaggia del continente americano si fosse formato
in acque tranquille. Evidentemente la sua congelazione era avvenuta
nella parte superiore, e si doveva necessariamente ammettere che lo
scioglimento sarebbe incominciato dalla parte inferiore.
Il masso di ghiaccio avrebbe perso il suo spessore quando si fosse
sciolto in acque pi calde; allora il livello generale dell'isola si
sarebbe abbassato rispetto alla superficie del mare.
Qui stava il grande pericolo.
J asper Hobson, come si detto, aveva osservato che lo strato
solidificato dell'isola, il ghiaccio propriamente detto, era solo di circa
trenta centimetri sul livello del mare.
Ora si sa che i quattro quinti al massimo di un masso di ghiaccio
galleggiante sono immersi, e che un ice-field, per ogni trenta
centimetri che emerge dall'acqua, ne ha circa un metro e venti sotto.
Per bisogna dire che secondo il loro modo di formazione o la loro
origine, la densit o meglio il peso specifico dei ghiacci galleggianti
variabile. Quelli che provengono dall'acqua marina, porosi, opachi,
tinti di azzurro o verde, secondo i raggi luminosi che li attraversano,
sono pi leggeri dei ghiacci formati da acqua dolce.
La loro superficie emergente si eleva dunque molto di pi sul
livello del mare. Ora era certo che la base dell'isola Vittoria era un
banco di ghiaccio d'acqua marina.
Tutto considerato, dunque, J asper Hobson concluse che, tenendo
conto del peso dello strato minerale e vegetale che copriva il
ghiaccio, il suo spessore doveva essere all'incirca di un metro e venti
o un metro e mezzo.
Quanto ai diversi rilievi dell'isola, alle prominenze e alle
rigonfiature del suolo, esse riguardavano solo la superficie terrosa e
sabbiosa; si doveva perci considerare che tutta l'isola errante non
era immersa pi di un metro e mezzo. Questa osservazione
preoccup molto J asper Hobson.
Un metro e mezzo soltanto! Anche senza contare le cause di
disgregazione alle quali Vice-field poteva essere soggetto, il pi
piccolo urto non avrebbe forse potuto essere la causa di una rottura
alla superficie? E una violenta agitazione di acque, provocata da una
tempesta o da un colpo di vento, non avrebbe potuto provocare uno
sfaldamento del campo di ghiaccio, la sua rottura, e in breve la sua
completa rovina? Ah! l'inverno, il freddo, la colonna di mercurio
congelata nella vaschetta, ecco ci che il tenente Hobson desiderava
con tutta l'anima!
Solo il terribile freddo delle regioni polari, il freddo dell'inverno
artico, poteva consolidare, ingrossare la base dell'isola e allo stesso
tempo stabilire una via di comunicazione fra essa e il continente.
Il tenente Hobson raggiunse i due compagni; il sergente Long
stava preparando i giacigli. Non avendo intenzione di passare la notte
all'aperto, cosa a cui la viaggiatrice si sarebbe anche adattata, egli
manifest a J asper Hobson l'intenzione di scavare nel terreno una
casa di ghiaccio larga tanto da contenere tre persone, una specie di
snow-house che li avrebbe protetti benissimo dal freddo della notte.
Nel paese degli eschimesi, nulla di pi saggio che comportarsi
come gli eschimesi.
J asper Hobson approv, ma raccomand al sergente d non
scavare troppo il suolo di ghiaccio, che non doveva avere pi di un
metro e mezzo di spessore.
Il sergente Long si mise all'opera, e con l'aiuto dell'accetta e del
coltello da neve, spazz in breve la terra e scav una specie di
corridoio a pendio, che portava direttamente alla crosta gelata. Poi
intacc la massa friabile da secoli coperta di sabbia e di terra.
Non ci volle pi di un'ora per scavare quel ricovero sotterraneo, o
meglio quella tana dalle pareti di ghiaccio adatta a conservare il
calore, e sufficientemente abitabile per alcune ore della notte.
Mentre il sergente Long lavorava come una termite, il tenente
Hobson, raggiunta la compagna, le manifest il risultato delle
osservazioni sulla costituzione fisica dell'isola Vittoria. Non le
nascose i vivi timori che questo esame aveva fatto sorgere nel suo
animo.
L'insufficiente spessore del ghiaccio, secondo lui, doveva in breve
causare fessure alla superficie, poi rotture che non si potevano
assolutamente prevedere e tanto meno impedire.
L'isola errante poteva in qualsiasi momento immergersi a poco a
poco, per mutamento del peso specifico, oppure spaccarsi in isolotti
pi o meno numerosi, la cui vita sarebbe stata brevissima. E concluse
che, per quanto era possibile, gli ospiti del forte Esprance non
dovevano allontanarsi dal forte, ma dovevano stare in uno stesso
luogo, per affrontare la stessa sorte. J asper Hobson era a questo
punto della sua conversazione, quando si udirono alcune grida.
Paolina Barnett e il tenente balzarono in piedi, e si guardarono
intorno, verso il bosco, nella pianura, in mare.
Nessuno.
Eppure le grida raddoppiavano.
Il sergente! Il sergente! disse Hobson.
E seguito dalla signora Barnett si precipit verso l'accampamento.
Non appena giunse all'ingresso della casa di neve, vide il sergente
Long aggrappato con le mani al coltello che aveva cacciato nella
parete di ghiaccio e invocava aiuto con voce forte, ma con la
massima freddezza.
Del sergente non si vedeva altro che la testa e le braccia. Mentre
scavava, il suolo gelato era mancato a un tratto sotto i suoi piedi, ed
egli si era trovato immerso nell'acqua fino alla cintola.
J asper Hobson si limit a dire:
Tenete duro! E coricandosi giunse all'orlo del buco. Poi
porse la mano al sergente, che, sicuro di quell'appoggio, riusc a
togliersi dal buco.
Mio Dio, sergente Long! esclam Paolina Barnett, che
cosa vi accaduto?
Mi accaduto, signora, rispose Long scuotendosi come un
barbone bagnato, che questo terreno di ghiaccio si sprofondato
sotto di me, e che ho fatto un bagno involontario.
Ma, domand Hobson, non avete tenuto conto della mia
raccomandazione di non scavare troppo profondamente sotto lo
strato di terra?
Scusate, tenente; potete vedere voi stesso che a mala pena ho
scavato per circa trenta centimetri il banco di ghiaccio; c' da credere
che vi fosse al disotto una bolla, una specie di caverna. Il ghiaccio
non posava sull'acqua, e io sono passato come attraverso un soffitto
che si fende. Se non avessi potuto aggrapparmi al coltello me ne sarei
andato stupidamente sotto l'isola e sarebbe stato doloroso, non cos,
signora?
Dolorosissimo, rispose la viaggiatrice porgendogli la mano.
La spiegazione data dal sergente Long era esatta. Il ghiaccio in
quel luogo, per una qualsiasi ragione, senza dubbio per una bolla
d'aria, aveva formato come una volta sopra l'acqua, per cui la sua
parete abbastanza sottile, assottigliata ancora dal coltello del
sergente, non aveva tardato a rompersi sotto il peso.
Questa situazione, che senza dubbio si riproduceva in molte parti
del campo di ghiaccio, non era cosa rassicurante. E dove mai si
sarebbe stati certi di posare il piede al sicuro? Non poteva il suolo
sprofondarsi a ogni passo? E quando si pensava che sotto a quel
sottile strato di terra e di ghiaccio si trovavano gli abissi del mare,
quale uomo, per quanto fosse coraggioso, non avrebbe sentito
serrarsi il cuore?
Eppure il sergente Long, curandosi poco del bagno che aveva
fatto, voleva riprendere altrove il suo lavoro di minatore. Ma questa
volta Paolina Barnett non volle; disse che una notte all'aria aperta
non le avrebbe affatto dato noia, che il riparo del vicino bosco
sarebbe bastato a lei e ai suoi compagni, e si oppose al fatto che il
sergente Long ricominciasse la sua operazione.
Costui dovette rassegnarsi e obbedire.
L'accampamento dunque fu fatto a circa trecento metri dietro al
litorale, sopra un breve rilievo, in cui crescevano alcuni gruppi isolati
di pini e di betulle, il cui agglomerato certo non meritava il nome di
bosco.
Intorno alle dieci di sera, al momento in cui il sole rasentava gli
orli di quell'orizzonte, sotto il quale non doveva sparire che per
alcune ore, fu acceso un allegro fuoco di rami secchi.
Il sergente Long ebbe cos una buona occasione di asciugarsi le
gambe, e non se la lasci sfuggire.
J asper Hobson ed egli discuterono fino al momento in cui il
crepuscolo sostitu la luce del giorno. Paolina Barnett prendeva ogni
tanto parte alla conversazione, e cercava di distrarre il tenente dalle
sue idee alquanto tenebrose.
Quella bella notte molto stellata allo zenit, come tutte le notti
polari, era propizia a rasserenare lo spirito. Il vento mormorava
attraverso gli abeti e il mare sembrava addormentato sul litorale.
Le onde lunghe lunghe ne gonfiavano appena la superficie, e
morivano senza rumore sulle rive dell'isola.
Non si udiva un grido d'uccello nell'aria, n un fruscio nella
pianura; solo il crepitio dei tizzoni di abete resinoso che sprizzavano
fiamme e, a certi intervalli, il mormorio delle voci che si elevava
nello spazio, facendo sembrare sublime il silenzio della notte.
Chi potrebbe credere, disse Paolina Barnett, che noi
siamo trasportati alla deriva sulla superficie del mare? In verit,
signor Hobson, mi occorre un certo sforzo perch io mi arrenda;
questo mare ci sembra immobile, e pure ci trascina con irresistibile
potenza.
S, signora, rispose J asper Hobson, e confesser che, se
la strana imbarcazione su cui ci muoviamo fosse solida, se la carena
non dovesse presto o tardi staccarsi dal bastimento, e se il suo scafo
non dovesse spaccarsi un giorno o l'altro, e infine se sapessi dove mi
conduce, mi piacerebbe galleggiare su questo mare.
Infatti, signor Hobson, rispose la viaggiatrice, vi forse
un modo di locomozione pi piacevole del nostro? Non ci
accorgiamo di camminare. La nostra isola ha precisamente velocit
uguale a quella della corrente che la porta. Non forse lo stesso
fenomeno di quello che accompagna un pallone nell'aria? E poi,
quale piacere sarebbe quello di viaggiare cos con la propria casa,
con il proprio giardino, con il proprio parco, e perfino con il proprio
paese! Un'isola errante, ma intendo una vera isola, con base solida,
che non sprofondi, sarebbe la pi comoda e bella imbarcazione che si
possa immaginare. Furono fatti giardini pensili, si dice, e perch mai
non si potrebbero fare, un giorno, parchi galleggianti capaci di
trasportarci in tutti i punti del mondo? La loro grandezza li
renderebbe del tutto insensibili alle onde, e non avrebbero nulla da
temere dalle tempeste. Forse, con il vento propizio, si potrebbe
persino dirigerli con vele spiegate alla brezza; e poi, quali miracoli di
vegetazione, davanti agli occhi meravigliati dei passeggeri, quando
dalle zone temperate passassero alle zone tropicali! Immagino anche
che con abili piloti, pratici delle correnti, sarebbe facile mantenersi in
latitudini scelte e godere a piacimento di un'eterna primavera.
J asper Hobson non poteva che sorridere dell'entusiastica Paolina
Barnett. L'audace donna si lasciava andare con tanta grazia, e
assomigliava tanto a quell'isola Vittoria, che camminava senza
averne l'aria! Certo, data la situazione, era piacevole questo
particolare modo di scorrere i mari, ma a condizione tuttavia che
l'isola non minacciasse a ogni istante di sciogliersi e sprofondare
nell'abisso.
Pass la notte. I tre viaggiatori dormirono alcune ore, e al
ridestarsi fecero una colazione, che ciascuno trov eccellente.
Tizzoni ardenti rinvigorirono le gambe dei dormienti alquanto
intirizzite dal freddo della notte.
Alle sei del mattino Paolina Barnett, J asper Hobson e il sergente
Long si rimettevano in cammino.
La costa del capo Michel fino all'antico porto Barnett seguiva
quasi una linea retta da sud a nord, per undici miglia circa, e non
offriva alcuna particolarit, tanto che non pareva nemmeno aver
sofferto per la rottura dell'istmo. Era una costa generalmente bassa e
poco frastagliata. Il sergente Long, per ordine del tenente, colloc
alcuni punti di riferimento lungo il litorale, che permettessero pi
tardi di riconoscere le modifiche.
Il tenente Hobson desiderava, a ragione, giungere al forte
Esprance quella sera stessa.
Dal canto suo Paolina Barnett aveva fretta di rivedere i compagni
e i suoi amici, e nelle condizioni in cui si trovavano non bisognava
prolungare l'assenza del capo del forte.
Si cammin dunque alla svelta, seguendo una linea obliqua, e a
mezzogiorno s girava intorno al piccolo promontorio che un tempo
difendeva il porto Barnett dai venti dell'est. Da quel luogo al forte
Esprance rimanevano solo otto miglia circa, le quali furono percorse
prima delle quattro pomeridiane, e il ritorno degli esploratori fu
salutato dagli evviva del caporale J oliffe.
CAPITOLO V
DAL 25 LUGLIO AL 20 AGOSTO
LA PRIMA preoccupazione di J asper Hobson, rientrando nel forte,
fu quella di interrogare Tommaso Black sulla situazione della piccola
colonia. Nessun mutamento era accaduto da ventiquattro ore; ma
l'isola, come dimostr un'osservazione successiva, si era abbassata di
un grado in latitudine, vale a dire era andata alla deriva verso sud pur
proseguendo verso ovest.
Si trovava allora all'altezza del capo dei Ghiacci, piccola punta
della Georgia occidentale e a 200 miglia dalla costa americana. La
velocit della corrente in quei luoghi sembrava molto meno forte che
non nella parte occidentale del Mare Artico; ma l'isola si spostava
sempre e, con grande preoccupazione da parte di J asper Hobson,
andava verso lo stretto di Bering. Si era appena al 24 luglio, e
bastava una corrente abbastanza rapida per trascinarla in meno di un
mese attraverso lo stretto e fino nelle calde acque del Pacifico dove si
sarebbe sciolta come un pezzo di zucchero in un bicchiere d'acqua.
Paolina Barnett fece conoscere a Madge il risultato della sua
esplorazione intorno all'isola; le indic la disposizione degli strati
sulla parte alta dell'istmo, lo spessore dell'ice-field considerato di un
metro e mezzo sotto il livello del mare, l'incidente del sergente Long
e il suo involontario bagno, e infine tutte quelle cause che potevano a
ogni istante provocare la rottura o l'inabissamento del banco di
ghiaccio.
Eppure l'idea di una completa sicurezza regnava nel forte, n mai
sarebbe venuto in mente a quelle brave persone che il forte
Esprance galleggiasse sopra un abisso e che la vita dei suoi abitanti
fosse in pericolo. Stavano tutti benissimo; il tempo era bello, il clima
salubre e stimolante. Uomini e donne gareggiavano in buon umore e
il marmocchio Michele cresceva che era un incanto; cominciava a
fare piccoli passi nel recinto del forte, e il caporale J oliffe, che ne
andava matto, voleva gi insegnargli l'uso del fucile e i primi
rudimenti della vita militare. Ah! se la signora J oliffe gli avesse dato
un figlio simile, che pezzo di soldato ne avrebbe fatto! Ma la
famiglia J oliffe non aumentava di numero e il cielo, almeno fino
allora, le negava una benedizione che implorava ogni giorno.
Quanto ai soldati, essi avevano molto da fare. Mac Nap, il
carpentiere, e i suoi operai, Petersen, Belcher, Garry, Pond e Hope
lavoravano con ardore per costruire il battello, operazione lunga e
difficile che doveva durare molti mesi, ma siccome questa
imbarcazione non poteva servire che nella prossima estate, dopo lo
scioglimento dei ghiacci, si dedicarono in modo particolare, per il
momento, ai lavori relativi al forte. J asper Hobson lasciava fare come
se questo forte fosse stato assicurato per un tempo illimitato,
persistendo d'altra parte a nascondere ai suoi uomini la loro
situazione. Pi volte questa grave questione era stata trattata da quel
che si poteva chiamare lo stato maggiore del forte Esprance. La
signora Barnett e Madge non condividevano assolutamente le idee
del tenente su questo argomento. Pareva loro che i compagni,
energici e decisi, non fossero tipi da abbandonarsi alla disperazione e
che in ogni caso il colpo sarebbe stato certo pi forte quando i
pericoli della situazione fossero talmente aumentati da non poterli
pi nascondere. Ma nonostante la validit di questo argomento,
J asper Hobson non si arrese, e occorre dire che in questo egli fu
appoggiato dal sergente Long. Forse, dopo tutto, essi avevano
ragione e l'esperienza delle cose e degli uomini era dalla loro parte.
Perci i lavori di assestamento e di difesa del forte furono
continuati. La palizzata di cinta, rinforzata da piccoli muri e rialzata
in alcuni tratti, form una vera circonvallazione difensiva. Mastro
Mac Nap esegu anzi uno dei progetti che gli stavano pi a cuore e
che fu approvato dal suo capo. Agli angoli che davano sul lago,
eresse due piccole garitte a sesto acuto che avrebbero compiuto
l'opera, e il caporale J oliffe non vedeva l'ora di collocarvi le
sentinelle. Ci dava all'insieme delle costruzioni un aspetto militare
che rafforzava gli animi.
Come la palizzata fu del tutto finita, Mac Nap, ricordando i rigori
dell'ultimo inverno, costru una nuova tettoia di legno sul fianco
stesso della casa principale, a destra, in maniera da potervi entrare
per una porta interna senza essere costretti ad avventurarsi
dall'esterno. In questo modo il combustibile sarebbe sempre stato a
portata di mano dei consumatori. Sul fianco sinistro il carpentiere
fabbric una vasta sala destinata all'alloggio dei soldati in modo da
togliere i letti da campo dalla sala comune. Questa sala fu
unicamente consacrata al pranzo, ai giochi, al lavoro. Il nuovo
alloggio serv esclusivamente come abitazione alle tre famiglie, che
furono sistemate in camere particolari, e agli altri soldati della
colonia. Un magazzino speciale, destinato alle pellicce, fu costruito
dietro la casa, vicino alla polveriera, perci tutto il granaio fu lasciato
libero e i suoi travicelli e i cavalletti furono rafforzati per mezzo di
ramponi di ferro in modo da sfidare ogni aggressione. Mac Nap
aveva anche l'intenzione di costruire una piccola cappella di legno,
edificio compreso nei primitivi progetti di J asper Hobson e che
doveva completare l'insieme del forte, ma la sua costruzione fu
rimandata alla prossima estate.
Con quale cura, con quanto zelo e attivit il tenente J asper Hobson
avrebbe un tempo seguito tutti quei particolari! Se egli avesse
fabbricato il forte sopra un terreno davvero solido, con quanto
piacere avrebbe visto quelle case, quelle tettoie, quei magazzini
sorgere davanti a s! E quel progetto, ormai inutile, che egli aveva
fatto di coronare il capo Bathurst con opere che avrebbero dato la
massima sicurezza al forte Esprance! Il forte Esprance! Questo
nome ormai gli stringeva il cuore. Il capo Bathurst aveva per sempre
lasciato il continente americano, e il forte Esprance avrebbe potuto
essere chiamato pi giustamente il forte Senza Speranza.
Tutti quei lavori tennero occupati per tutta la stagione e le braccia
non rimasero inoperose. La costruzione del battello continuava
regolarmente. Stando ai calcoli di Mac Nap doveva stazzare una
trentina di tonnellate, capacit sufficiente perch potesse nella bella
stagione trasportare una ventina di passeggeri per qualche centinaio
di miglia. Per fortuna il carpentiere aveva trovato qualche legno
curvo che gli aveva permesso di costruire le prime fiancate
dell'imbarcazione e poco dopo le due aste di prua e di poppa, fisse
alla chiglia, si drizzarono sul cantiere preparato ai piedi del capo
Bathurst.
Mentre i carpentieri maneggiavano l'accetta, la sega e la pialla, i
cacciatori davano la caccia alla selvaggina domestica, renne e lepri
polari che abbondavano nei dintorni del forte. Il tenente aveva del
resto comandato a Sabine e a Marbr di non allontanarsi, spiegando
loro che fino a che il forte non fosse stato terminato non voleva
lasciare nei dintorni tracce che potessero attirare qualche drappello
nemico. La verit che J asper Hobson non voleva che essi potessero
sospettare i mutamenti avvenuti nella penisola.
Accadde anzi un giorno che Marbr, avendo chiesto se non fosse
venuto il momento di andare alla baia dei Trichechi e di ricominciare
la caccia degli anfibi il cui grasso fornisce un eccellente
combustibile, J asper Hobson rispose asciutto:
No, inutile, Marbr.
Il tenente sapeva benissimo che la baia dei Trichechi era rimasta a
pi di duecento miglia a sud e che gli anfibi non frequentavano pi le
sponde dell'isola! Non bisogna credere, lo ripetiamo, che J asper
Hobson considerasse la situazione disperata: tutt'altro; e pi di una
volta aveva espresso il suo pensiero sia con Paolina Barnett, sia con
il sergente Long, e affermato risolutamente che l'isola avrebbe
resistito fino al momento in cui i freddi dell'inverno sarebbero venuti
a ingrossare il suo strato di ghiaccio e ad arrestarne la corsa.
Infatti dopo il suo viaggio di esplorazione aveva esattamente
rilevato il perimetro del nuovo dominio; l'isola misurava pi di
quaranta miglia di perimetro,
17
il che dava una superficie di circa 140
miglia quadrate. Per dare un termine di confronto, l'isola Vittoria era
un po' pi grande dell'isola Sant'Elena; il suo perimetro uguagliava
all'inarca quello di Parigi alla linea delle fortificazioni, e quand'anche
si fosse spezzata, i frammenti potevano conservare ancora
un'estensione tale da poter essere resi abitabili per qualche tempo.
A Paolina Barnett, stupita che un campo di ghiaccio avesse una
tale superficie, il tenente Hobson rispondeva con le stesse
osservazioni dei navigatori artici e diceva che non era raro che Parry,

17
Cinquanta chilometri circa.
Penny, Franklin, nelle traversate dei mari polari, avessero incontrato
ice-fields lunghi cento miglia e larghi cinquanta. Il capitano Kellet
abbandon anzi la sua nave sopra un campo di ghiaccio che non
misurava meno di trecento miglia quadrate. Che cos'era in confronto
l'isola Vittoria?
Eppure la sua estensione doveva bastare perch resistesse fino ai
freddi dell'inverno prima che le correnti d'acqua pi calde potessero
corroderne la base. J asper Hobson non aveva alcun dubbio intorno a
ci e, conviene dirlo, d'altro non si disperava se non di vedere tante
fatiche inutili, tanti sforzi perduti, tanti progetti distrutti e il suo
sogno cos vicino ad avverarsi, tutto in rovina.
Si capisce che egli non potesse prendere alcun interesse ai lavori
presenti; lasciava fare, ecco tutto. Quanto a Paolina Barnett, ella
faceva, secondo l'espressione usata, buon viso a cattiva sorte;
incoraggiava i lavori delle sue compagne e vi pigliava anche parte
come se l'avvenire le appartenesse. Cos, vedendo l'interessamento
che la signora J oliffe poneva nelle sue coltivazioni, ella l'aiutava
giornalmente con i consigli. L'acetosella e la coclearia avevano
fornito un buon raccolto, e ci grazie al caporale, che con la gravit e
la ostinazione di uno spauracchio, difendeva i terreni seminati da
migliaia di uccelli di ogni genere.
L'addomesticamento delle renne era ben riuscito; molte femmine
si erano sgravate, e il piccolo Michele fu anzi nutrito in parte con
latte di renne. Il gregge contava allora una trentina di capi che
venivano condotti a pascolare sulle parti erbose del capo Bathurst; si
faceva provvista dell'erba corta e secca che tappezzava le rive per le
necessit dell'inverno. Quelle renne cos ben familiarizzate con gli
abitanti del forte, del resto addomesticabili molto facilmente, non si
allontanavano dal recinto e alcune erano state adoperate per tirare le
slitte per il trasporto del legname. Inoltre un certo numero di renne
che erravano nei dintorni del forte, si lasciarono a loro volta prendere
nella trappola scavata a met strada dal forte al porto Barnett. Si
ricorda che l'anno prima quella trappola era servita per la cattura di
un orso gigantesco. In questa stagione furono le renne che caddero di
frequente nel tranello. La loro carne venne salata, seccata e
conservata per la futura alimentazione. Vennero presi almeno una
ventina di questi ruminanti che l'inverno doveva presto ricondurre
verso regioni meno elevate. Ma un giorno, a causa della
conformazione del terreno, la trappola venne posta fuori uso, e il 5
agosto il cacciatore Marbr, tornando dopo averla visitata, si
precipit da J asper Hobson e gli disse con un tono particolare:
Ho appena fatto la mia visita quotidiana alla trappola.
Ebbene, Marbr? rispose J asper; spero che sarete stato
fortunato oggi, come ieri, e che avrete preso una coppia di renne.
No, tenente, no, rispose Marbr con un certo imbarazzo.
Come? La vostra trappola non ha fornito il suo solito
contingente?
No, e se qualche animale caduto nella fossa, vi sar certo
annegato.
Annegato? rispose il tenente, guardando il cacciatore con
occhio inquieto.
S, tenente, rispose Marbr che osservava attento il suo
capo; la fossa piena d'acqua!
Bene, rispose J asper Hobson, con il tono dell'uomo che non
d alcuna importanza a questo fatto. Voi sapete che questa fossa
era, in parte, scavata nel ghiaccio; le pareti si saranno sciolte ai raggi
del sole, e allora
Vi domando scusa se vi interrompo, tenente, rispose
Marbr, ma quest'acqua non pu certo provenire dalla fusione del
ghiaccio.
Perch, Marbr?
Perch se l'avesse prodotta il ghiaccio, l'acqua sarebbe dolce,
come mi avete spiegato una volta; e invece quella della fossa salata.
Per quanto fosse padrone di s, J asper Hobson impallid
lievemente e non rispose nulla.
D'altra parte, aggiunse il cacciatore, ho voluto
scandagliare l'altezza dell'acqua e con mia gran meraviglia non ho
trovato fondo.
Ebbene, Marbr, che volete? rispose J asper Hobson, non
c' da meravigliarsi. Qualche frattura del terreno avr formato una
comunicazione fra la trappola e il mare. Ci accade qualche volta
anche nei terreni pi solidi. Dunque non vi inquietate, mio bravo
cacciatore; rinunciate per ora alla trappola e accontentatevi di tendere
tranelli nei dintorni del forte.
Marbr port la mano alla fronte a guisa di saluto, e girando sui
talloni lasci il tenente non senza avergli rivolto uno sguardo
particolare.
J asper Hobson se ne stette alcuni istanti pensoso; era una grave
notizia quella che gli aveva dato il cacciatore Marbr; evidentemente,
il fondo della fossa, successivamente assottigliato dalle acque pi
calde si era spezzato e la superficie del mare formava ormai il fondo
della trappola.
J asper Hobson and a trovare il sergente Long e lo mise a
conoscenza dell'incidente. Entrambi, non visti dai loro compagni, si
recarono sulla spiaggia ai piedi del capo Bathurst, da quella parte del
litorale dove avevano posto segnali e punti di riferimento.
Dopo la loro ultima osservazione il livello dell'isola galleggiante
si era abbassato di quindici centimetri.
Si sprofonda a poco a poco! mormor il sergente Long.
Il campo di ghiaccio si corrode dal di sotto!
Oh! l'inverno! l'inverno! esclam J asper Hobson, battendo
con il piede quel suolo maledetto.
Ma nessun sintomo annunciava ancora l'avvicinarsi della fredda
stagione. Il termometro si manteneva in media a 59 F (15 C sopra
zero) e nelle poche ore che durava la notte, la colonna di mercurio si
abbassava appena di tre o quattro gradi.
I preparativi per la prossima invernata furono continuati con molto
pi zelo. Non mancava nulla, e bench il forte Esprance non fosse
stato approvvigionato dal distaccamento del capitano Craventy, si
potevano attendere con tutta sicurezza le lunghe ore della notte
artica. Si dovette solo far economia di munizioni.
Quanto alle bevande alcooliche, di cui del resto si faceva poco
consumo, e al biscotto che non poteva essere sostituito da altro, ne
restava ancora una riserva considerevole. Ma la cacciagione fresca e
la carne conservata si rinnovavano senza posa, e questo alimento
abbondante e sano, a cui si univano alcune verdure antiscorbutiche,
manteneva in eccellente salute tutti i membri della piccola colonia.
Un'importante raccolta di legna fu fatta nel bosco che costeggiava
la riva orientale del lago Barnett. Un gran numero di betulle, di pini e
di abeti caddero sotto la scure di Mac Nap; e furono le renne
domestiche che trascinarono tutto quel combustibile al magazzino. Il
carpentiere non risparmiava la piccola foresta, pur regolando
convenientemente il taglio. Del resto egli era in diritto di credere che
la legna non sarebbe mai mancata in quell'isola, che egli considerava
ancora come una penisola. Infatti tutte le zone di territorio vicino al
capo Michel, erano ricche di legnami diversi.
Mastro Mac Nap si entusiasmava molto spesso e si congratulava
con il tenente di aver scoperto quel territorio benedetto dal cielo, sul
quale il nuovo centro non poteva che prosperare. Legna, selvaggina e
animali da pelliccia che si ammucchiavano da se stessi nei magazzini
della Compagnia. Uno stagno per pescarvi, e i cui prodotti variavano
piacevolmente il cibo di tutti i giorni. Erbe per gli animali, e doppia
paga agli uomini, avrebbe certamente aggiunto il caporale J oliffe.
Non era forse questo capo Bathurst un pezzo di terra privilegiato, di
cui non si sarebbe trovato l'eguale su tutto il territorio del continente
artico? Oh, certo, il tenente Hobson era stato fortunato, e bisognava
ringraziare la Provvidenza perch quel lembo di terra era unico al
mondo.
Unico al mondo! Il bravo Mac Nap non sapeva di dire una verit
indiscutibile, n quali angosce svegliava, con tali parole, nel cuore
del tenente! Nella piccola colonia, poi, la confezione degli abiti
invernali non fu certo dimenticata. Paolina Barnett e Madge, la
signora Ra, la signora Mac Nap e la signora J oliffe, quando i suoi
fornelli le davano un momento di tregua, lavoravano assiduamente.
La viaggiatrice sapeva che si sarebbe dovuto lasciare il forte; e
prevedendo un lungo tragitto sui ghiacci, quando, in pieno inverno, si
sarebbe dovuto riguadagnare il continente americano, volle che
ciascuno potesse essere ben coperto e con buoni abiti. Avrebbero
dovuto sfidare un gran freddo per molti giorni della notte polare se
l'isola Vittoria si fosse arrestata a gran distanza dal litorale! Per
correre centinaia di miglia in quelle condizioni non bisognava
trascurare n le vesti, n le calzature. Perci Paolina Barnett e Madge
consacrarono tutte le loro cure alla confezione degli abiti; come
facile immaginare, le pellicce che sarebbe stato impossibile salvare
furono adoperate in tutti i modi possibili; se ne facevano di doppie, in
modo che vi fosse il pelo tanto all'esterno che all'interno. Del resto,
venuto il momento, quelle brave donne, gli stessi soldati e gli
ufficiali si sarebbero vestiti di pellicce di gran prezzo, che le pi
ricche signore o le pi opulenti principesse russe avrebbero loro
invidiato. Senza dubbio la signora Ra, la signora Mac Nap e la
signora J oliffe si spaventarono un poco dell'abuso che si faceva delle
ricchezze della Compagnia. Ma l'ordine del tenente Hobson era
chiaro. Del resto le martore, i visoni, le ondatre, i castori, persino le
volpi pullulavano nel territorio, in modo che le pellicce cos
adoperate sarebbero state facilmente sostituite da altre, quando si
fosse voluto, e con pochi colpi di fucile. E poi, quando la signora
Mac Nap vide il grazioso abituccio di ermellino che Madge aveva
fatto per il suo marmocchio, non trov pi la cosa tanto straordinaria!
Le giornate passarono in questo modo fino alla met di agosto. Il
tempo era sempre stato bello; il cielo, qualche volta nebbioso, fu
sempre reso terso dal calore del sole.
Ogni giorno il tenente J asper Hobson faceva il punto, avendo cura
di allontanarsi dal forte, per non risvegliare i sospetti dei suoi
compagni con quelle quotidiane osservazioni; visitava anche le
diverse parti dell'isola e fortunatamente non vi scorse alcun
importante cambiamento.
Il 16 agosto l'isola Vittoria si trovava a 167 27' di longitudine e
70 49' di latitudine. Essa si era dunque a un certo momento portata
verso sud, ma senza avvicinarsi alla costa, la quale, incurvandosi
proprio in quella direzione, distava pi di duecento miglia a sud-est.
Inoltre l'isola, dopo la rottura dell'istmo o meglio dopo l'ultimo
sciogliersi dei ghiacci, doveva gi aver percorso 1100 o 1200 miglia
verso ovest.
Ma che cosa era questo tragitto paragonato all'estensione
dell'immenso mare? Non si erano forse gi visti bastimenti andare
alla deriva sotto l'azione delle correnti, per migliaia di miglia? Per
esempio la nave inglese Re solute, il brigantino americano Advance,
e infine il Fox, i quali per uno spazio di molti gradi furono trascinati
con i loro campi di ghiaccio, fino al momento in cui l'inverno li
arrest nel loro cammino



CAPITOLO VI
DIECI GIORNI DI TEMPESTA
NEI QUATTRO giorni intercorsi dal 17 al 21 agosto, il tempo fu
sempre bello e la temperatura abbastanza elevata. Le nebbie
all'orizzonte non si cambiarono in nuvole; era del resto raro che
l'atmosfera si mantenesse in questo stato di purezza in una zona tanto
elevata in latitudine. Si pu ben capire per che queste condizioni
climatiche non potevano soddisfare il tenente Kobson.
Ma il 21 agosto il barometro annunci prossimo un cambiamento
delle condizioni atmosferiche; la colonna di mercurio si abbass di
qualche millesimo; tuttavia risal l'indomani, poi ridiscese, e soltanto
il 23 si abbass e se ne stette fissa.
Il 24 agosto, infatti, i vapori accumulati a poco a poco, invece di
dissiparsi, si alzarono nell'atmosfera. Il sole, al momento in cui fu
allo zenit, fu interamente velato, e il tenente Hobson non pot fare le
sue osservazioni. Il giorno dopo il vento soffi a nord-ovest, e in
certi momenti di calma la pioggia cadde in abbondanza. Tuttavia la
temperatura non si modific di molto, e il termometro si tenne a 54
F ( +12 C).
Fortunatamente tutti i lavori progettati erano gi stati eseguiti, e
Mac Nap aveva terminato lo scheletro dell'imbarcazione e la
fasciatura. Si poteva anche sospendere, senza inconvenienti, la caccia
agli animali commestibili, poich le provvigioni erano sufficienti.
D'altra parte il tempo divenne presto cos brutto, il vento cos
impetuoso, la pioggia cos penetrante, e le nebbie spesse volte
talmente fitte, che si dovette rinunciare a lasciare la cinta del forte.
Che pensate del cambiamento di tempo, signor Hobson?
domand Paolina Barnett, il mattino del 27 agosto, vedendo che il
furore della tempesta aumentava sempre di pi. Non potrebbe
esserci favorevole?
Non saprei dirlo, signora; ma vi far osservare che per noi
questo pi vantaggioso di quel tempo magnifico, durante il quale il
sole riscaldava continuamente le acque del mare. Inoltre io vedo che
il vento si stabilito a nord-ovest, e siccome molto forte, la nostra
isola, per lo stesso suo volume, non pu sottrarsi alla sua influenza.
Non mi meraviglierei dunque di vederla avvicinarsi al continente
americano.
Disgraziatamente, disse il sergente Long, non potremo
rilevare tutti i giorni la nostra posizione. In mezzo a questa atmosfera
nebbiosa non v' pi n sole, n luna, n stelle!
Non importa, sergente Long, rispose Paolina Barnett; se
la terra ci apparisse sapremmo ben riconoscerla, ve lo garantisco.
Qualunque essa sia, del resto, sar sempre la benvenuta. Notate che
sar necessariamente una parte dell'America russa e probabilmente
della Georgia occidentale.
Di fatto lo si pu presumere, aggiunse J asper Hobson,
poich per nostra sfortuna, in tutta questa parte del mare artico, non
vi n un isolotto, n un'isola, e nemmeno uno scoglio al quale
potersi aggrappare.
E perch, disse la signora Barnett, il nostro isolotto non
ci potrebbe trasportare direttamente sulla costa dell'Asia? Non pu
forse, sotto l'influenza delle correnti, passare lo stretto di Bering e
andare a saldarsi con il paese dei Tchouktchis?
No, signora, no, rispose il tenente, il nostro banco di
ghiaccio incontrerebbe presto la corrente del Kamtchatka e verrebbe
rapidamente trasportato a nord-est, il che sarebbe molto spiacevole.
No. pi probabile che, sotto la spinta del vento di nord-ovest, ci
avviciniamo alle coste dell'America russa!
Bisogner stare attenti, signor Hobson, disse la viaggiatrice,
e riconoscere la nostra direzione il pi presto possibile.
Staremo attenti, signora, quantunque queste fitte nebbie
limitino molto la visuale. E poi, se saremo gettati sulla costa, la
scossa sar violenta e la sentiremo. Speriamo che in quel momento
l'isola non si frantumi! Qui sta il pericolo! Ma infine, se avverr,
provvederemo: per ora non si pu far niente.
inutile dire che questa conversazione non si teneva nella sala
comune, dove la maggior parte dei soldati e le donne stavano
lavorando. Paolina Barnett parlava di queste cose nella sua camera, la
cui finestra guardava nella parte anteriore del recinto. Era gi molto
se la scarsa luce penetrava attraverso i vetri. Si sentiva fuori la
burrasca passare come una valanga. Per fortuna il capo Bathurst
difendeva la casa dalle raffiche di nord-est. Intanto la sabbia e la
terra, tolte alla vetta del promontorio, cadevano sul tetto crepitando
come grandine. Mac Nap fu di nuovo molto inquieto per i suoi
fumaioli e soprattutto per quello della cucina che doveva funzionare
sempre. Ai muggiti del vento si univa il frastuono terribile del mare
in burrasca, che si rompeva contro il litorale. La tempesta si
cambiava in uragano.
Nonostante la violenza delle raffiche, J asper Hobson, nella
giornata del 28 agosto, volle assolutamente salire al capo Bathurst
per osservare, oltre all'orizzonte, lo stato del mare e del cielo. Si
avvolse dunque in modo che il vento non si infiltrasse fra i suoi abiti,
poi si avventur fuori.
Egli giunse senza gran fatica, dopo aver attraversato il cortile
interno, ai piedi del capo. La sabbia e la terra l'accecavano, ma
almeno, riparato dietro il grosso argine, non doveva lottare
direttamente contro il vento.
Il pi difficile per J asper Hobson fu il momento di salire sui
fianchi del masso, che da quella parte erano tagliati a picco. Tuttavia
vi riusc aggrappandosi ai ciuffi d'erba, e arriv in cima al capo. Qui
la forza dell'uragano era tale che egli non poteva stare n in piedi n
seduto. Dovette dunque mettersi bocconi lungo la riva, e aggrapparsi
agli arboscelli, evitando di lasciare la parte superiore della testa
esposta alle raffiche. J asper Hobson guard attraverso le nuvole che
gli passavano sopra come liquide ondate. L'aspetto del mare e del
cielo, che si confondevano nelle nebbie a un mezzo miglio dal capo,
era veramente terribile. Sopra la sua testa J asper Hobson vedeva
nuvole basse e scapigliate correre con una velocit spaventosa,
mentre lunghe strisce di vapori si arrestavano allo zenit. Per alcuni
istanti vi era una gran calma nell'aria, in cui si udivano solo i rumori
laceranti della risacca e i colpi delle onde corrucciate. Poi la tempesta
ricominciava a soffiare con inesprimibile furore, e il tenente Hobson
sentiva tremare il promontorio alla base. Alcune volte la pioggia
veniva con tanto impeto che le sue raffiche quasi orizzontali
formavano migliaia di zampilli sferzati dal vento.
Era davvero un uragano, il cui centro era situato nelle regioni pi
ostili del cielo. Quel vento di nord-est poteva durare a lungo e
scompigliare a lungo l'atmosfera, ma J asper Hobson non se ne
lamentava. Egli che, in tutt'altra occasione, avrebbe deplorato i
disastrosi effetti di questa tempesta, allora l'applaudiva. Se l'isola
resisteva, e si poteva sperare, sarebbe stata inevitabilmente
trasportata verso sud-ovest sotto la spinta di quel vento pi forte delle
correnti del mare, e a sud-ovest vi era il continente, la salvezza! S,
per lui, per i suoi compagni, per tutti bisognava che la tempesta
durasse fino al momento in cui li avesse gettati sulla costa,
qualunque essa fosse. Quella che sarebbe stata la perdita di una nave
era la salvezza dell'isola errante.
Per un quarto d'ora J asper Hobson stette cos curvato sotto la
sferza dell'uragano, inzuppato dall'acqua del mare e dalla pioggia,
aggrappandosi al suolo con l'energia di un uomo che annega,
cercando infine di capire quali speranze di salvezza la tempesta
potesse dargli. Poi ridiscese, si lasci scivolare lungo i fianchi del
capo, attravers il cortile in mezzo ai turbini di sabbia e rientr in
casa.
La sua prima preoccupazione fu quella di annunciare che
l'uragano non sembrava al massimo dell'intensit e che bisognava
aspettarsi che si prolungasse per pi giorni. Ma il tenente lo disse in
modo strano, come se avesse portato una buona notizia, e gli abitanti
del forte non poterono trattenersi dal guardarlo con un certo moto di
meraviglia. Il loro capo aveva veramente l'aria di fare buona
accoglienza a quella lotta degli elementi.
Durante la giornata del 30 J asper Hobson, sfidando ancora una
volta le raffiche, ritorn se non proprio in cima al capo Bathurst,
almeno al limite del litorale. E su quelle spiagge scoscese, dove i
lunghi cavalloni le percotevano di traverso, scorse lunghe erbe
sconosciute alla flora dell'isola.
Quelle erbe erano ancora fresche! Erano lunghi filamenti di
varechs che, non c'era dubbio, erano stati di recente strappati al
continente americano! Questo continente non era pi lontano! Il
vento di nord-est aveva dunque spinto l'isola fuori della corrente che
l'aveva trascinata fino allora? Ah! Cristoforo Colombo non prov
gioia maggiore quando scopr quelle erbe erranti che gli
annunciavano la vicinanza della terra!
J asper Hobson ritorn al forte e fece conoscere la sua scoperta a
Paolina Barnett e al sergente Long. In quel momento ebbe quasi
voglia di confessare tutto ai suoi compagni, tanto si credeva certo
della loro salvezza. Ma un ultimo presentimento lo trattenne, e
tacque.
Tuttavia, durante quelle interminabili giornate di clausura, gli
abitanti del forte non se ne stavano inoperosi. Occupavano il loro
tempo nei lavori dell'interno. Qualche volta praticavano canaletti nel
cortile per far scorrere l'acqua che penetrava tra la casa e i magazzini.
Mac Nap, un chiodo nella mano e un martello nell'altra, aveva
sempre qualche rabberciamento da fare in un angolo qualunque. Si
lavorava cos tutta la giornata, senza preoccuparsi molto della
violenza della tempesta. Ma venuta la notte sembrava che l'uragano
aumentasse di potenza, ed era impossibile dormire. Le raffiche si
scatenavano sulla casa come colpi di mazzuola.. Qualche volta si
formava persino una specie di vortice atmosferico tra il promontorio
e il forte; era una specie di tromba, un tornado parziale che
avviluppava la casa. Le acque rumoreggiavano, le travi minacciavano
di schiantarsi, e si poteva temere che tutto l'edificio andasse in pezzi.
Il carpentiere era dunque in continua apprensione, e i suoi uomini
dovevano stare sempre all'erta.
Quanto a J asper Hobson non lo preoccupava certo la solidit della
casa, bens quella del suolo sul quale l'aveva costruita.
La tempesta diveniva cos violenta, il mare si faceva cos pauroso,
che si poteva giustamente temere una rottura dell'ice-field. Sembrava
impossibile che l'enorme banco di ghiaccio, diminuito di spessore,
corroso alla base, soggetto alle incessanti scosse del mare, potesse
resistere a lungo. Certamente i suoi abitanti non s'accorgevano del
moto continuo delle ondate, tanto la sua massa era considerevole; ma
esso comunque le subiva. La questione si riduceva dunque a questo:
l'isola sarebbe durata sino al momento in cui sarebbe stata gettata
sulla costa? Non si sarebbe spezzata in mille frantumi prima di aver
urtato contro la terraferma?
Eppure non si poteva mettere in dubbio che esso avesse resistito
fin'allora, e J asper Hobson lo spieg categoricamente a Paolina
Barnett. Infatti se la rottura si fosse gi prodotta, se l'ice-field fosse
stato diviso in massi pi piccoli, se l'isola si fosse infranta in
numerosi isolotti, gli abitanti del forte Esprance se ne sarebbero
subito accorti, poich, il pezzo dell'isola che li sorreggeva non
sarebbe rimasto indifferente al movimento del mare; avrebbe subito
l'azione delle ondate, sarebbe stato scosso dai movimenti di
beccheggio e di rullio, e con esso quelli che lo abitavano come
passeggeri a bordo di un bastimento sbattuto dal mare. Ora tutto
questo non avveniva. Nelle sue osservazioni quotidiane il tenente
non si era mai accorto n di un movimento, n di un tremito
qualunque dell'isola, che sembrava ferma, immobile, come se l'istmo
la tenesse ancora congiunta al continente americano. Ma la rottura
che non era avvenuta poteva evidentemente prodursi da un momento
all'altro!
La maggiore inquietudine di J asper Hobson era di sapere se l'isola
Vittoria, respinta fuori della corrente dal vento di nord-est, si fosse
avvicinata alla costa; infatti, tutte le speranze si fondavano solo su
questo. Ma si capisce che senza sole, senza luce, senza stelle, gli
strumenti erano inutili, e la posizione dell'isola non poteva essere
rilevata. Perci non si sarebbe potuto conoscere se si avvicinava alla
terra se non quando la terra fosse apparsa; inoltre il tenente Hobson
non avrebbe potuto accorgersi se non sentendo la scossa o portandosi
nella parte sud di quel pericoloso territorio.
Infatti l'orientazione dell'isola Vittoria non era cambiata in modo
notevole. Il capo Bathurst era ancora volto a nord, come quando
formava una punta avanzata del continente americano.
Era dunque chiaro che se l'isola si accostava, avrebbe toccato terra
con la sua parte meridionale, compresa tra il capo Michel e l'angolo
che si appoggiava una volta alla baia dei Trichechi. In una parola, il
congiungimento si sarebbe operato per mezzo dell'antico istmo;
diveniva dunque indispensabile conoscere ci che avveniva da quella
parte.
Il tenente Hobson decise perci di portarsi al capo Michel, per
quanto la tempesta fosse spaventosa, sempre del parere di nascondere
ai suoi compagni il vero motivo della sua esplorazione. Solo il
sergente Long avrebbe dovuto accompagnarlo mentre l'uragano
infuriava.
Quel giorno, 31 agosto, verso le quattro pomeridiane, per trovarsi
pronto a qualunque evento, J asper Hobson fece chiamare il sergente
Long il quale venne a trovarlo nella sua camera.
Sergente Long, gli disse, necessario che noi ci
assicuriamo senza indugio della posizione dell'isola, o almeno che
sappiamo se questo colpo di vento l'abbia avvicinata, come spero, al
continente americano.
D'accordo, mi sembra necessario, rispose il sergente, e
pi presto lo sapremo meglio sar.
Per, soggiunse J asper Hobson, siamo costretti ad andare
verso il sud dell'isola.
Io sono pronto, tenente.
Lo so, sergente, che siete sempre pronto a compiere il vostro
dovere; ma non andrete solo; bene essere in due nel caso in cui, se
si vedesse qualche terra, fosse necessario avvertire i nostri compagni.
E poi bisogna che veda io stesso Andremo insieme.
Quando vorrete, tenente; anche subito, se vi pare.
Partiremo questa sera, alle nove, quando tutti i nostri uomini
saranno addormentati
Sicuro; perch la maggior parte di essi vorrebbe
accompagnarci, rispose il sergente, e non bisogna che
conoscano il motivo che ci porta lontano dal forte.
No, non lo devono sapere; se mi riesce, voglio risparmiare loro
fino alla fine le preoccupazioni di questa terribile situazione.
Siamo intesi, tenente.
Prenderete un acciarino e un po' di esca, per poter fare un
segnale se fosse necessario, nel caso in cui una terra si scorgesse al
sud.
S.
La nostra esplorazione sar dura, sergente.
Sar dura, infatti, ma non importa. A proposito, tenente e la
nostra viaggiatrice?
Penso di non informarla, rispose J asper Hobson, perch
vorrebbe accompagnarci.
Ed impossibile! disse il sergente. Una donna non
potrebbe lottare contro queste raffiche! Sentite come raddoppia la
tempesta.
Infatti la casa tremava allora sotto l'uragano, tanto da far temere
che venisse strappata dalle fondamenta.
No! disse J asper Hobson, quella coraggiosa donna non
pu, non deve accompagnarci. Ma, riflettendo bene, forse meglio
informarla del nostro progetto. Bisogna che ne sia al corrente, perch
se ci capitasse qualche disgrazia per via
S, tenente, si! rispose il sergente Long. Non bisogna
tenerle nascosto nulla, e se mai non ritornassimo
Dunque, alle nove, sergente.
Alle nove!
Il sergente Long, fatto il saluto militare, si ritir.
Qualche istante dopo, il tenente si intratteneva con Paolina Barnett
e le esponeva il suo disegno d'esplorazione. E proprio come si
aspettava, la coraggiosa donna insistette per accompagnarlo, volendo
sfidare con lui il furore della tempesta. Il tenente non cerc certo di
dissuaderla parlandole dei pericoli di una spedizione intrapresa in
simili condizioni, ma si accontent di dire che durante la propria
lontananza, la presenza della signora Barnett era indispensabile al
forte e che egli poteva essere tranquillo solo sapendola al forte. Se
fosse accaduta una disgrazia, almeno sarebbe stato sicuro che la sua
coraggiosa compagna era l a sostituirlo presso la piccola colonia.
Paolina Barnett comprese e non insistette oltre. Tuttavia preg J asper
Hobson di non avventurarsi pi del necessario, ricordandogli che egli
era il capo del forte, che la sua vita non gli apparteneva, ma era
necessaria alla salvezza di tutti. Il tenente promise di essere prudente
per quanto gli era possibile in quella situazione, ma bisognava che
l'osservazione della parte meridionale dell'isola fosse fatta senza
indugio e l'avrebbe fatta. Il giorno dopo Paolina Barnett si sarebbe
limitata a dire ai suoi compagni che il tenente e il sergente erano
partiti allo scopo di fare un'ultima ricognizione prima dell'inverno.
CAPITOLO VII
UN FUOCO E UN GRIDO
IL TENENTE e il sergente Long passarono la sera nella sala del forte
Esprance fino all'ora di andare a letto. Erano tutti raccolti, tranne
l'astronomo, il quale rimaneva, per cos dire, continuamente ed
ermeticamente sigillato nel suo camerino. Gli uomini si occupavano
in diversi modi: alcuni pulivano le loro armi, altri riparavano o
arrotavano i loro utensili. Le signore Mac Nap, Ra e J oliffe
agucchiavano con la buona Madge, mentre Paolina Barnett faceva la
lettura ad alta voce. Questa lettura era di frequente interrotta non solo
dagli urti delle raffiche che percotevano come un ariete i muri della
casa, ma anche dalle grida del bambino. Il caporale J oliffe, che aveva
l'incarico di svagarlo, aveva molto da fare. Le sue ginocchia,
tramutate in cavalli focosi, non bastavano a distrarlo ed erano gi
stanche. Il caporale dovette decidersi a deporre l'infaticabile cavaliere
sulla grande tavola, dove il fanciullo si rotol a piacer suo fino a
tanto che il sonno non venne a calmarlo.
Alle otto, secondo il consueto, fu detta la preghiera in comune,
furono spente le lampade, e presto ciascuno si coric sul proprio
giaciglio.
Non appena tutti furono addormentati, il tenente Hobson e il
sergente Long attraversarono senza rumore la grande sala deserta e
giunsero al corridoio, dove trovarono Paolina Barnett che voleva
stringere loro la mano una volta ancora.
A domani, disse al tenente.
A domani, signora, rispose J asper Hobson s a
domani, senza dubbio
E se ritardate?
Converr aspettarci pazientemente, rispose il tenente,
perch dopo aver esaminato l'orizzonte a sud in questa nera notte, in
mezzo alla quale potrebbe apparire qualche fuoco, - nel caso ad
esempio che fossimo vicini alle coste della nuova Georgia, - mi
preme anche di conoscere la nostra posizione durante il giorno. Forse
questa esplorazione durer ventiquattro ore; ma se possiamo arrivare
al capo Michel prima della mezzanotte, saremo di ritorno al forte
domani sera. Per abbiate pazienza, signora, e non preoccupatevi
perch non ci esporremo senza ragione.
Ma, domand la viaggiatrice, se non ritornerete domani,
domani l'altro, fra due giorni?
Vorr dire che non dovremo ritornare! rispose
semplicemente J asper Hobson.
Allora la porta si apr; Paolina Barnett la chiuse dietro il tenente e
il compagno, poi, inquieta e pensosa, se ne torn nella propria
camera dove Madge l'aspettava.
J asper Hobson e il sergente Long attraversarono il cortile interno
in mezzo a un turbine che per poco non li travolse, ma si sorressero
l'un l'altro, e, appoggiandosi ai loro bastoni ferrati, passarono la porta
di soccorso e si diressero fra le colline e la riva orientale del laghetto.
Una incerta luce crepuscolare illuminava il territorio. La luna,
nuova dalla sera precedente, non doveva mostrarsi sopra l'orizzonte e
lasciava alla notte tutto il suo tenebroso orrore; ma in quel momento
ci si vedeva ancora tanto da poter trovare la direzione.
Che vento e che pioggia! Il tenente Hobson e il suo compagno
calzavano stivali impermeabili ed erano coperti da tabarri incerati,
ben stretti al corpo, il cui cappuccio avvolgeva interamente il loro
capo. Cos protetti, camminarono spediti, poich il vento, soffiando
alle loro spalle, li spingeva con estrema violenza, e si pu ben dire
che la furia delle raffiche li faceva andare pi velocemente di quello
che volessero. Quanto a parlare non cercarono neppure di farlo,
poich, assordati dal frastuono della tempesta, con l'uragano che
toglieva loro il respiro, non avrebbero potuto capirsi.
Non era intenzione di J asper Hobson di seguire il litorale, le cui
irregolarit avrebbero inutilmente allungata la via, esponendoli anche
ai colpi diretti dell'uragano, che sulla costa non aveva ostacoli alla
sua furia. Faceva conto, per quanto era possibile, di camminare in
linea retta dal capo Bathurst fino al capo Michel, e, in previsione di
questo, si era munito di una bussola da tasca che doveva permettergli
di accertare la propria direzione. In questo modo non avrebbe dovuto
percorrere pi di dieci o undici miglia per giungere alla meta, e
immaginava di arrivare al termine del viaggio circa all'ora in cui il
crepuscolo si sarebbe spento, sia pure per due sole ore, lasciando alla
notte tutta la sua oscurit.
J asper Hobson e il sergente, curvati dalla spinta del vento, con la
testa incassata nelle spalle, appoggiandosi ai loro bastoni,
proseguivano spediti. Fintanto che costeggiarono la sponda est del
lago, ricevettero le raffiche di sbieco e non soffrirono molto di
questo, perch le colline e gli alberi che le ricoprivano li difendevano
in parte. Il vento soffiava con un impeto fortissimo attraverso quei
rami, minacciando di sradicare o di spezzare qualche tronco meno
resistente; ma la sua violenza si attutiva. La pioggia stessa giungeva
come un impalpabile pulviscolo. Perci, per lo spazio di quattro
miglia circa, i due esploratori furono meno maltrattati di quanto
temessero.
Giunti all'estremit meridionale del boschetto, l dove cessava il
pendio delle colline e il terreno piano, senza ondulazioni di sorta, non
riparato dagli alberi, veniva spazzato dal vento di mare, si fermarono
un istante. Avevano ancora sei miglia da percorrere prima di
giungere al capo Michel.
Si fa dura! grid il tenente Hobson all'orecchio del sergente.
S, rispose il sergente, il vento e la pioggia ci sferzeranno
insieme.
Temo anche che, di tanto in tanto, si aggiunger un po' di
grandine, aggiunse J asper Hobson.
Sar sempre meno micidiale della mitraglia! replic
filosoficamente il sergente Long. Ebbene, tenente, gi toccato a
voi come a me di passare attraverso la mitraglia. Proseguiamo,
dunque!
Avanti, mio bravo soldato!
Erano le dieci. Le ultime luci del crepuscolo cominciavano a
svanire; si cancellavano come se si tuffassero nella nebbia, spente dal
vento e dalla pioggia. Eppure si scorgeva ancora un certo tenuissimo
bagliore. Il tenente batt l'acciarino, consult la bussola passando un
pezzo di esca accesa sul quadrante, poi, chiudendosi ermeticamente
nel tabarro, con il cappuccio che lasciava solo la possibilit di
vedere, si slanci, seguito dal sergente, in quel largo spiazzo scoperto
ed esposto da ogni parte.
Sulle prime entrambi furono buttati a terra, ma, risollevandosi
subito, aggrappandosi l'uno all'altro e incurvandosi come vecchietti,
si misero a camminare molto velocemente.
Quella tempesta era magnifica nel suo orrore! Larghe folate di
nubi a brandelli, veri cenci intessuti di aria e di acqua, spazzavano il
suolo. La sabbia e la terra volavano come raffiche di mitraglia, e dal
sale che si attaccava alle loro labbra, il tenente e il suo compagno
riconobbero che l'acqua marina, distante due o tre miglia almeno,
giungeva fino l in nubi polverizzate.
Durante alcuni momenti di tregua, molto brevi e rarissimi, si
arrestavano e respiravano. Il tenente accertava allora la direzione
come meglio poteva, considerando la via percorsa, poi si rimettevano
in cammino.
Ma la tempesta cresceva insieme con la notte. Questi due
elementi, l'aria e l'acqua, pareva che si fossero confusi e mescolati e
che formassero nelle basse regioni del cielo una di quelle formidabili
trombe che rovesciano gli edifici, sradicano le foreste, e che le navi,
per difendersi, assalgono a cannonate. Si sarebbe potuto credere
infatti che il mare, strappato dal suo letto, dovesse passare tutto sopra
l'isola errante.
E J asper Hobson si domandava con ragione come mai l'ice-field
che lo sorreggeva, soggetto a questo cataclisma, potesse resistere, e
come mai non si era ancora spezzato in cento punti sotto le percosse
dei cavalloni, che dovevano essere formidabili, poich il tenente li
udiva ruggire da lontano. In quel momento, il sergente Long, che era
avanti alcuni passi, si arrest di colpo; poi, tornando dal tenente e
facendogli udire alcune rotte parole, disse:
Non da quella parte!
Perch?
Il mare!
Come! Il mare? Non siamo giunti alla riva di sud-ovest?
Guardate, tenente.
Infatti una larga distesa d'acqua appariva nell'ombra, e le onde si
frangevano con violenza ai piedi del tenente.
J asper Hobson batt ancora l'acciarino e, con un altro pezzo d'esca
accesa, consult attentamente l'ago della bussola.
No, disse, il mare pi a sinistra; non abbiamo ancora
passato il bosco che ci separa dal capo Michel.
Ma allora
una frattura dell'isola, rispose J asper Hobson, il quale,
come il compagno, aveva dovuto buttarsi a terra per resistere alla
burrasca; oppure un enorme pezzo dell'isola, staccatosi, andato
alla deriva; oppure un parziale cedimento del suolo cui potremo
girare intorno. Andiamo avanti.
J asper Hobson e il sergente Long si rialzarono e si buttarono alla
loro destra nell'interno dell'isola, seguendo la linea dell'acqua che
spumeggiava ai loro piedi. Camminarono cos per dieci minuti circa,
temendo, non senza ragione, di restare tagliati fuori in modo da non
poter comunicare con la parte meridionale; poi il rumore della
risacca, che si mescolava con gli altri rumori della tempesta, cess.
Non che un cedimento parziale, disse il tenente Hobson
all'orecchio del sergente, facciamo il giro!
E ripigliarono la loro prima direzione verso il sud; cos facendo,
quegli uomini coraggiosi si esponevano a un terribile pericolo, e lo
sapevano entrambi, bench non avessero manifestato il loro pensiero.
Infatti quella parte dell'isola Vittoria sulla quale si avventuravano,
gi rotta per un lungo tratto, poteva spezzarsi da un momento
all'altro. Se la spaccatura si fosse allargata di pi sotto il dente della
risacca, li avrebbe senza fallo trascinati alla deriva! Non esitarono
perci a lanciarsi nell'ombra senza nemmeno domandarsi se
avrebbero ritrovata la strada del ritorno!
Quante inquietudini assalivano allora il tenente Hobson! Come
poteva ormai sperare che l'isola resistesse fino all'inverno? Non era
quello il principio dell'inevitabile catastrofe? Se il vento non la
gettava sulla costa, non era forse condannata a perire fra breve, a
frantumarsi, a dissolversi? Oh, che spaventosa prospettiva! e che
prospettive avevano dinanzi a loro i disgraziati abitanti di quellice-
field!
Frattanto, battuti, squassati dalle raffiche, i due uomini energici,
sorretti solo dal sentimento di un dovere da compiere, camminavano
sempre. Giunsero cos all'inizio di quell'ampio bosco che confinava
con il capo Michel. Si trattava ora di attraversarlo, per giungere al pi
presto al litorale. J asper Hobson e il sergente Long si gettarono a
capofitto, dunque, in quel bosco, in mezzo alla pi fitta tenebra e al
tuonare del vento attraverso gli abeti e le betulle. Tutto scricchiolava
intorno a essi. I rami rotti li flagellavano passando. A ogni istante
correvano il rischio di essere schiacciati dalla caduta di un albero
oppure urtavano in ceppi spezzati che non potevano vedere
nell'ombra. Ma ormai non andavano pi a casaccio: lo strepito del
mare guidava i loro passi attraverso il bosco. Udivano ricadere le
enormi ondate che si rompevano con spaventoso rumore, e pi di una
volta sentirono anche il suolo, evidentemente assottigliato, tremare a
quell'urto. Finalmente, tenendosi per mano per non smarrirsi,
sorreggendosi, risollevandosi quando uno di essi cadeva per aver
inciampato, giunsero alla parte opposta del bosco.
Ma l un turbine li strapp l'uno dall'altro, e li butt a terra
entrambi.
Sergente! sergente! dove siete? grid Hobson con tutta la
forza dei suoi polmoni.
Presente! url il sergente Long.
Poi, strisciando entrambi sul suolo, cercarono di ricongiungersi;
ma pareva che una poderosa mano li inchiodasse; finalmente, dopo
sforzi inauditi, riuscirono a riaccostarsi, e per prevenire altri incidenti
di quel genere si legarono insieme alla cintola; poi strisciarono sulla
sabbia in modo da giungere sopra un lieve cumulo su cui si ergeva un
magro gruppo di abeti. Vi giunsero infine, e l, alquanto riparati,
scavarono un buco nel quale si accoccolarono, estenuati, rotti, vinti
dalla fatica!
Erano le undici e mezzo pomeridiane.
J asper Hobson e il suo compagno rimasero alcuni minuti, senza
proferir parola, con gli occhi semichiusi, non potendo pi muoversi,
e invasi da una specie di torpore e di irresistibile sonnolenza, mentre
la burrasca scuoteva sul loro capo gli abeti che scricchiolavano come
le ossa di uno scheletro. Tuttavia resistettero al sonno, e alcune gocce
d'acquavite prese dalla fiaschetta del sergente li rianimarono
opportunamente.
Purch questi alberi resistano, disse il tenente Hobson.
E purch la nostra tana non se ne vada con essi! aggiunse il
sergente puntellandosi in quella sabbia mobile.
Infine, poich siamo qui, disse J asper Hobson, a pochi
passi dal capo Michel, e poich siamo venuti per guardare,
guardiamo. Ecco, sergente Long, ho il presentimento che non siamo
lontani dalla terraferma non che un presentimento.
Nella posizione in cui si trovavano, essi avrebbero potuto
abbracciare con lo sguardo i due terzi dell'orizzonte a sud, se
quell'orizzonte fosse stato visibile. Ma in quel momento l'oscurit era
profonda e se non fosse apparso qualche fuoco, sarebbero stati
costretti ad aspettare il giorno per scorgere una costa, sempre
ammesso che l'uragano li avesse spinti abbastanza a sud.
Ora, come il tenente aveva detto a Paolina Barnett, non sono rare
le stazioni di pesca in quella parte dell'America settentrionale che si
chiama la Nuova Georgia. Questa costa conta pure un gran numero di
piccoli centri, nei quali gli indigeni raccolgono denti di mammuth,
perch in quelle zone si trovano molti scheletri di quei grandi animali
antidiluviani, ridotti allo stato fossile. Pochi gradi pi sotto vi New
Arkangel, centro dell'amministrazione che si stende su tutto
l'arcipelago delle isole Aleutine, e capoluogo dell'America russa. Ma
i cacciatori frequentano assiduamente le rive del Mare Artico,
specialmente da quando la Compagnia della baia di Hudson ha preso
in affitto i territori di caccia sfruttati un tempo dalla Russia. J asper
Hobson, senza conoscere quel paese, conosceva le abitudini degli
agenti che lo visitavano in quel periodo dell'anno e aveva ragione di
credere che vi avrebbe incontrato compaesani, e anche colleghi, o se
non altro, qualche drappello di quegli indiani nomadi che scorrono il
litorale.
Ma aveva ragione di sperare che l'isola Vittoria fosse stata
respinta verso la costa?
S, cento volte s! ripet al sergente. Sono sette giorni
che questo vento di nord-est soffia con l'impeto di un uragano. So
bene che l'isola, assolutamente piana, gli d poca presa, ma le sue
colline, i suoi boschi, tesi qua e l come vele, devono ben subire
l'azione del vento. Inoltre, il mare che la porta subisce questa
influenza, ed certo che le grandi onde corrono verso la costa. Mi
sembra dunque impossibile che si sia rimasti nella corrente che ci
trasportava all'ovest; impossibile dunque che non si sia stati spinti a
sud. Eravamo, all'ultimo rilievo, a sole duecento miglia dalla terra, e
in sette giorni
Tutti i vostri ragionamenti sono giusti, tenente, rispose il
sergente Long. D'altra parte oltre l'aiuto del vento abbiamo pure
l'aiuto di Dio, il quale non vorr che tanti infelici periscano; in lui io
ripongo tutte le mie speranze.
J asper Hobson e il sergente parlavano a frasi rotte dal rumore
della tempesta. I loro sguardi cercavano di vincere quell'ombra fitta,
fatta ancora pi cupa da folate di nebbia rotta dall'uragano. Ma non si
scorgeva neppure un punto luminoso in quelle tenebre.
Verso l'una e mezzo del mattino l'uragano si calm per alcuni
minuti. Solo il mare, spaventosamente agitato, non aveva smesso di
ululare e le onde si avventavano le une sulle altre con estrema
violenza.
Ad un tratto J asper Hobson, afferrando il braccio del compagno,
esclam:
Sergente, avete udito?
Che cosa?
Il rumore del mare.
S, tenente, rispose Long porgendo pi attenzione; e da
alcuni istanti mi sembra che questo rumore delle onde
Non sia pi lo stesso non vero, sergente? Ascoltate
ascoltate come il rumore di una risacca si direbbe che le onde
si infrangano contro le rocce!
J asper Hobson e il sergente Long ascoltarono con estrema
attenzione. Non era pi evidentemente quel monotono e sordo
rumore delle onde che si urtano in alto mare, ma il sonoro rotolare
delle onde avventate contro un corpo duro e ripercorso dall'eco delle
rocce. Eppure non vi era una sola roccia su tutto il litorale dell'isola,
che offriva una spiaggia poco sonora perch fatta di terra e di sabbia.
J asper Hobson e il suo compagno non si erano forse ingannati?
Il sergente tent di alzarsi per sentire meglio, ma fu subito travolto
dalla burrasca che ripigliava allora con nuova violenza. La tregua era
cessata e i fischi delle raffiche spegnevano allora i muggiti del mare e
con essi quella speciale sonorit che aveva richiamato l'attenzione del
tenente.
Si pu ben immaginare l'ansiet dei due esploratori. Essi si erano
accoccolati di nuovo nel loro buco, incerti se era prudente lasciar
quel riparo, poich sentivano la sabbia franare sotto di loro e il
gruppo di abeti scricchiolare dalle radici; pure non cessavano di
guardare verso sud. Tutta la loro vita si concentrava in quello
sguardo, e i loro occhi frugavano di continuo quell'ombra fitta che i
primi bagliori dell'alba presto avrebbero dissipato.
Ad un tratto, un po' prima delle due e mezzo del mattino, il
sergente Long grid:
Ho visto!
Che cosa?
Un fuoco!
Un fuoco?
S l in quella direzione!
E con il dito il sergente accennava verso sud-ovest. Si era forse
ingannato? No, poich J asper Hobson, guardando anch'egli, sorprese
una incerta luce nella direzione indicata.
S! esclam, s, sergente! Un fuoco! La terra l!
Salvo che non sia il fuoco di una nave! rispose il sergente
Long.
Una nave in mare con un tempo simile! esclam J asper
Hobson, impossibile! No! no! La terra l, vi dico, a poche
miglia da noi!
Ebbene, facciamo un segnale!
S, sergente, rispondiamo al fuoco del continente con un fuoco
della nostra isola!
Nessuno dei due aveva una torcia da poter accendere; ma sopra di
essi si ergevano abeti resinosi contorti dall'uragano.
Il vostro acciarino, sergente, disse J asper Hobson.
Il sergente Long batt l'acciarino e diede fuoco all'esca; poi,
strisciando sulla sabbia, si inerpic fino ai piedi del gruppo di alberi.
Il tenente lo raggiunse. La legna secca non mancava; ne fecero un
mucchio intorno alle radici dei pini, l'accesero e con l'aiuto del vento
la fiamma si comunic al gruppo intero.
Ah! esclam J asper Hobson, poich noi abbiamo visto,
qualcuno ci deve pure vedere.
Gli abeti ardevano con vivido bagliore e gettavano una fiamma
fuligginosa, come un'enorme torcia. La resina crepitava nei vecchi
tronchi, che furono presto consumati. Dopo non molto si ud l'ultimo
scoppiettare, poi tutto si spense.
J asper Hobson e il sergente Long guardavano se qualche nuovo
fuoco rispondesse al loro
Ma nulla. Per dieci minuti circa osservarono, sperando di ritrovare
quel punto luminoso che aveva brillato un istante, e gi disperavano
di rivedere un segnale qualsiasi, quando ad un tratto si ud un grido,
un grido distinto, un disperato grido che veniva dal mare.
J asper Hobson e il sergente, spaventosamente ansiosi, si
lasciarono scivolare fino alla riva.
Il grido non si ripet pi.
Intanto da alcuni minuti stava sorgendo l'alba; sembrava che la
violenza della tempesta scemasse con il riapparire del sole, e presto
la luce fu tanto intensa che fu possibile esplorare intorno l'orizzonte.
Non si vedeva nessuna terra; il cielo e il mare si confondevano
sempre in una medesima linea che chiudeva l'orizzonte.

CAPITOLO VIII
UN'ESCURSIONE DI PAOLINA BARNETT
TUTTO QUEL mattino J asper Hobson e il sergente Long errarono su
quella parte del litorale. Il tempo era molto cambiato; la pioggia era
cessata quasi del tutto, ma il vento improvvisamente si era diretto a
sud-est, senza perdere di violenza. Un contrattempo spiacevolissimo,
per cui crebbero le inquietudini del tenente Hobson, il quale dovette
perci rinunciare a ogni speranza di toccare la terraferma.
Infatti quel colpo di vento di sud-est non poteva fare altro che
allontanare sempre pi l'isola errante dal continente americano e
risospingerla nelle correnti tanto pericolose che andavano a nord del
Mare Artico.
Ma si poteva forse essere certi che l'isola si fosse avvicinata alla
costa in quella terribile notte? O non era solo un presentimento del
tenente Hobson, presentimento non avveratosi? L'atmosfera appariva
assai limpida, e lo sguardo poteva spingersi per un raggio di molte
miglia; eppure non si vedeva nessun segno di terra. Non si doveva
dunque tornare alla ipotesi del sergente, e pensare che un bastimento
fosse passato la notte vicino all'isola, che un fuoco di bordo fosse
apparso un istante, e un grido fosse partito dal petto di qualche
marinaio in pericolo? E non poteva darsi che questo bastimento fosse
poi colato a picco nell'infuriare della tempesta? In ogni modo,
qualunque fosse la causa, non si vedeva nessun rottame, n in mare
n sulla riva. Il mare, battuto ora dal vento di terra, si sollevava in
enormi cavalloni, ai quali difficilmente una nave avrebbe potuto
resistere.
Ebbene, tenente, disse il sergente Long, conviene
prendere una decisione!
S, sergente, necessario, rispose J asper Hobson passandosi
la mano sulla fronte; conviene rimanere in questa isola e aspettare
l'inverno, che solo ci pu salvare.
Era mezzogiorno. J asper Hobson, volendo arrivare prima di sera
al forte Esprance, riprese subito la via del capo Bathurst. Per
fortuna, i due esploratori furono aiutati nel ritorno dal vento che li
pigliava nuovamente alle spalle. Erano molto preoccupati, e si
domandavano, non senza ragione, se l'isola non si fosse del tutto
spezzata in due parti durante quella terribile notte di tempesta.
L'erosione osservata la sera prima si era forse prolungata per tutta la
larghezza dell'isola? E non era possibile che ormai fossero separati
dai loro amici? Si poteva temere qualsiasi cosa.
Giunsero presto al bosco che avevano attraversato il giorno prima.
Giacevano a terra alberi in gran numero, rotti gli uni al tronco, altri
sradicati, strappati da quella terra friabile il cui strato sottile non dava
loro un punto di appoggio sufficiente; spogliati delle foglie, i rami
apparivano come squallidi scheletri, scricchiolanti rumorosamente al
vento di sud-est.
Due miglia dopo aver superato quel bosco devastato, il tenente
Hobson e il sergente Long giunsero all'orlo di quella spaccatura di
cui non avevano potuto riconoscere le dimensioni nell'oscurit.
L'esaminarono attentamente. Era una frattura larga circa diciotto
metri; tagliava il litorale a met cammino circa dal capo Michel e
dall'antico porto Barnett, e formava una specie di estuario che si
stendeva per pi di un miglio e mezzo nell'interno. Se una nuova
tempesta avesse agitato il mare, quella spaccatura -i sarebbe allargata
sempre pi.
Il tenente Hobson, essendosi accostato al litorale, vide un enorme
masso di ghiaccio staccarsi dall'isola e andare alla deriva.
S, mormor il sergente Long, ecco il grosso pericolo.
Entrambi ritornarono a passo rapido verso ovest, in modo da girare
intorno al crepaccio e da quel punto si diressero verso il forte
Esprance.
Non videro altri mutamenti lungo il cammino; alle quattro
passavano la porta di soccorso e trovavano tutti i loro compagni
intenti alle occupazioni consuete.
J asper Hobson disse ai suoi uomini che aveva voluto, prima
dell'inverno, cercare per l'ultima volta qualche traccia del convoglio
promesso dal capitano Craventy, ma che le sue ricerche erano state
vane.
Via, tenente, disse Marbr, credo che ci converr
rinunciare assolutamente, almeno per quest'anno, a vedere i nostri
compagni del forte Reliance.
Lo credo anch'io, Marbr, rispose semplicemente J asper
Hobson, e rientr nella sala comune.
Paolina Barnett e Madge furono informate dei due fatti che erano
stati segnalati durante l'esplorazione: l'apparizione del fuoco e il
grido udito. J asper Hobson afferm che n il sergente, n lui
potevano essere stati ingannati da un miraggio. Il fuoco era stato
visto, il grido si era udito davvero. Poi, dopo molto riflettere, tutti
furono d'accordo sul fatto che una nave in pericolo era passata nella
notte in vista dell'isola, ma che l'isola non si era assolutamente
accostata al continente americano.
Intanto, con il vento di sud-est, il cielo si rasserenava rapidamente,
e l'atmosfera si liberava dei vapori che l'oscuravano. J asper Hobson
pot sperare, non senza ragione, che l'indomani sarebbe stato in
grado di rilevare la posizione.
Infatti la notte fu pi fredda e cadde una neve sottile che copr
tutto il territorio dell'isola. Il mattino, levandosi, J asper Hobson pot
salutare quel primo indizio dell'inverno.
Si era al 2 settembre. Il cielo si liber a poco a poco dei vapori che
l'annebbiavano. Apparve il sole. Il tenente lo aspettava; a
mezzogiorno fece un preciso rilievo della latitudine, e verso le due un
calcolo di angoli orari che gli diede la longitudine.
Ecco il risultato delle sue osservazioni:
Latitudine: 70 57'.
Longitudine: 170 30'.
Cos dunque, nonostante la violenza dell'uragano, l'isola errante si
era quasi mantenuta sul medesimo parallelo. La corrente l'aveva
tuttavia sospinta ancora verso ovest. In quel momento si trovava in
faccia allo stretto di Bering, ma a 400 miglia, almeno, a nord del
capo Orientale e del capo Principe di Galles, che limitano la parte pi
chiusa dello stretto.
Questa nuova situazione era pi grave. L'isola si accostava ogni
giorno a quella pericolosa corrente del Kamciatka che, se la prendeva
nelle sue rapide acque, poteva portarla lontano verso nord!
Evidentemente, fra breve, la sua sorte sarebbe stata decisa. O sarebbe
rimasta immobile fra le due correnti contrarie, aspettando che il mare
gelasse intorno ad essa, o sarebbe andata a perdersi nelle solitudini
delle regioni iperboree!
J asper Hobson, addoloratissimo, ma volendo nascondere le
proprie inquietudini, rientr solo nella sua camera e non si mostr
per tutto il giorno. Con le carte sott'occhio spese tutto il proprio
talento inventivo e tutta la sua pratica ingegnosit a immaginare
qualche soluzione.
La temperatura, quel giorno, si abbass di alcuni gradi ancora, e le
nuvole che si erano levate a sera sull'orizzonte di sud-est, ricaddero
in neve la notte successiva. L'indomani lo strato bianco era alto
cinque centimetri. Finalmente l'inverno si avvicinava.
Quel giorno, 3 settembre, Paolina Barnett decise di ispezionare su
una distanza di alcune miglia quella parte del litorale che si stendeva
fra il capo Bathurst e il capo Eschimese. Voleva studiare i mutamenti
prodotti dalla tempesta nei giorni precedenti. Certo, se avesse
proposto al tenente Hobson di accompagnarla in quell'esplorazione,
egli l'avrebbe fatto senza esitare. Ma non volendo toglierlo alle sue
preoccupazioni, decise di partire senza di lui, conducendo con s
Madge. Non vi era d'altra parte nessun pericolo da temere. I soli
animali davvero temibili, gli orsi, sembrava che avessero tutti
abbandonato l'isola al tempo del terremoto. Due donne potevano
dunque, senza commettere imprudenza, arrischiarsi nei dintorni del
capo per una escursione che doveva solo durare alcune ore.
Madge accett, senza riflettere, la proposta della sua amica;
entrambe, non prevedendo nessun pericolo, alle otto del mattino,
armate di un semplice coltello con la fiaschetta e la bisaccia a
tracolla, si diressero a ovest, dopo aver disceso le rive del capo
Bathurst.
Gi il sole si trascinava languido sull'orizzonte, poich nel suo
punto culminante si elevava appena di qualche grado. Ma i suoi raggi
obliqui erano chiari, penetranti, e scioglievano perfino il lieve strato
di neve in certi luoghi esposti alla loro azione.
Un gran numero di uccelli, gabbiani, urie, berte, oche selvatiche,
anitre di ogni specie svolazzavano a stormi e animavano il litorale.
L'aria era piena di gridi di volatili, i quali correvano di continuo dal
lago al mare, a seconda che fossero attirati dalle acque dolci o dalle
acque salate.
La signora Barnett pot osservare allora quanto fossero numerosi,
nei dintorni del forte Esprance, gli animali da pelliccia, martore,
ermellini, ondatre e volpi. Ma a quale scopo ormai! Quegli
inoffensivi animali, intuendo che non si sarebbe dato loro la caccia,
andavano e venivano senza timore fino ai piedi della palizzata, e
divenivano sempre pi familiari. Senza dubbio avevano compreso
istintivamente che erano prigionieri in quell'isola, prigionieri come i
suoi abitanti, e che una sorte comune li univa. Ma, cosa singolare che
Paolina Barnett aveva notato, Marbr e Sabine, i due arrabbiati
cacciatori, obbedivano, senza nessuna opposizione, agli ordini del
tenente, il quale aveva loro prescritto di risparmiare assolutamente gli
animali da pelliccia, e non sembravano provare il bench minimo
desiderio di salutare con una schioppettata quella preziosa
selvaggina. vero che le volpi e gli altri animali non avevano ancora
il loro manto invernale, che aveva un valore molto pi alto di quello
estivo, ma quel motivo non bastava a spiegare la straordinaria
indifferenza dei due cacciatori.
Intanto, mentre camminavano di buon passo parlando della loro
situazione, le due donne osservavano attentamente il lembo di sabbia
che formava la spiaggia. I danni causati di recente dal mare erano
visibili. Per frane recenti si vedevano qua e l, distintamente,
crepacci ben identificabili. La spiaggia, corrosa in certi luoghi, si era
inoltre abbassata in maniera inquietante, e ormai le lunghe ondate si
stendevano l dove la riva dirupata opponeva un tempo una barriera
insuperabile. Era evidente che alcune parti dell'isola erano
sprofondate e non facevano pi che sfiorare il livello medio del mare.
Mia buona Madge, disse Paolina Barnett mostrando alla
compagna vaste distese di terreno sulle quali le onde correvano
frangendosi, la nostra situazione peggiorata durante il funesto
uragano. Il livello generale dell'isola si abbassa poco alla volta; la
nostra salvezza non ormai che questione di tempo. E l'inverno
giunger abbastanza presto? Qui sta il punto.
Giunger l'inverno, figlia mia, rispose Madge con la sua
irremovibile fiducia; ecco gi che nevica da due notti; il freddo
comincia a farsi lass, nel cielo, e io immagino che Dio che lo
manda.
Hai ragione, Madge, riprese a dire la viaggiatrice,
bisogna aver fiducia; noi donne, che non conosciamo bene le leggi
naturali delle cose, non dobbiamo disperare l dove uomini istruiti
forse dispererebbero. una grazia del nostro stato. Sfortunatamente
il tenente non pu ragionare come noi; egli sa il perch dei fatti,
riflette, calcola, misura il tempo che ci rimane, e lo vedo ormai
vicino a perdere ogni speranza.
anche un uomo energico, un cuore coraggioso! rispose
Madge.
S, aggiunse la signora Barnett, egli ci salver, se la
nostra salvezza ancora in mano dell'uomo.
Alle nove le due donne avevano percorso una distanza di quattro
miglia. Molte volte furono costrette ad abbandonare la linea della
spiaggia e a risalire all'interno dell'isola, per girare intorno alle parti
basse del terreno invase dalle onde. In certi luoghi le ultime tracce
del mare si scorgevano a una distanza di mezzo miglio, e in quei
punti lice-field doveva essersi molto assottigliato. Si doveva dunque
temere che cedesse in molti luoghi e che, a causa di una frattura,
formasse seni o baie nuove nel litorale.
Man mano che si allontanava dal forte Esprance, Paolina Barnett
not che il numero degli animali da pelliccia diminuiva
sensibilmente. Quei poveri animali si sentivano evidentemente pi
rassicurati dalla presenza dell'uomo, che prima temevano, e si
radunavano pi volentieri nei dintorni del forte. Quanto alle belve
che l'istinto non aveva spinto per tempo fuori di quell'isola
pericolosa, esse dovevano essere rare. Eppure Paolina Barnett e
Madge videro alcuni lupi erranti in lontananza sul piano, selvatici
carnivori non ancora addomesticati dal comune pericolo. Questi lupi
del resto non si accostarono e scomparvero presto dietro le colline
meridionali del laghetto.
Che cosa accadr a questi animali, imprigionati come noi
nell'isola, domand Madge, e che faranno quando mancher
loro ogni nutrimento e l'inverno li avr affamati?
Affamati! Mia buona Madge, rispose l'amica, credimi,
non avremo nulla da temere da essi! Il nutrimento non mancher
loro, e tutte queste martore, questi ermellini, queste lepri polari che
noi risparmiamo, saranno per essi preda sicura. Non abbiamo dunque
da temere le loro aggressioni. Il pericolo non sta in questo! Sta nel
fragile terreno che si sprofonder e pu sprofondarsi in qualsiasi
momento sotto i nostri piedi. Vedi, Madge, come in questo punto il
mare si addentra nell'isola! Copre gi tutta una parte di questa
pianura che le sue acque relativamente calde roderanno sia sopra sia
sotto! Fra breve, se il freddo non lo ferma, questo mare raggiunger
il laghetto, che noi perderemo dopo aver perduto il porto e la
spiaggia!
Ma se ci accadesse, disse Madge, sarebbe proprio una
disgrazia irreparabile!
E perch Madge? domand la signora Barnett guardando la
compagna.
Perch saremmo assolutamente privi di acqua dolce! rispose
Madge.
Oh! l'acqua non ci mancher, mia buona Madge. La pioggia, la
neve, il ghiaccio, gli icebergs, il suolo medesimo dell'isola che ci
regge, tutto ci acqua dolce; no, te lo ripeto, no, non sta qui il
pericolo.
Verso le dieci Paolina Barnett e Madge si trovavano all'altezza del
capo Eschimese, ma a due miglia almeno all'interno dell'isola,
essendo stato impossibile seguire il litorale, profondamente corroso
dal mare. Le due donne, un po' stanche da una passeggiata cos
lunga, decisero di riposarsi alcuni istanti prima di riprendere la via
del forte Esprance. In quel luogo si elevava un boschetto di betulle e
di corbezzoli che incoronavano una collina poco alta. Un monticello
coperto di musco giallastro e la cui esposizione ai raggi del sole
aveva sgomberato dalla neve, offriva un luogo propizio per una
sosta.
Paolina Barnett e Madge sedettero l'una accanto all'altra, ai piedi
di un gruppo di alberi, aprirono la bisaccia e divisero da sorelle il
loro pranzo frugale.
Mezz'ora dopo Paolina Barnett, prima di riprendere verso est il
cammino del forte, propose alla compagna di risalire fino al litorale
per vedere lo stato presente del capo Eschimese, desiderando sapere
se quella punta avanzata avesse resistito o no agli assalti
dell'uragano. Madge si dichiar pronta ad accompagnare sua figlia
dappertutto dove le piacesse andare, rammentandole tuttavia che una
distanza di otto o nove miglia le separava allora dal capo Bathurst, e
che non bisognava inquietare il tenente Hobson con un'assenza
troppo lunga.
Pure la viaggiatrice, spinta certamente da un presentimento,
persistette nella propria idea, e fece bene, come si vedr in seguito.
Quel giro doveva, dopo tutto, allungare solo di mezz'ora la durata
totale dell'esplorazione.
Le due donne si levarono dunque e si diressero verso il capo
Eschimese.
Ma non avevano percorso un quarto di miglio che la viaggiatrice,
arrestandosi all'improvviso, mostr a Madge tracce regolari
direttamente impresse nella neve. Ora quelle impronte dovevano
essere state fatte di recente, al massimo nove o dieci ore prima,
perch altrimenti l'ultima neve caduta nella notte le avrebbe
evidentemente coperte.
Che animale passato per di qua? domand Madge.
Non un animale, rispose Paolina Barnett abbassandosi per
meglio osservare le impronte; qualsiasi animale, camminando a
quattro zampe, lascia tracce differenti da queste; osserva, Madge,
queste impronte sono identiche, ed facile vedere che furono fatte da
piede umano.
Ma chi potrebbe essere venuto qui? rispose Madge;
nessun soldato, nessuna donna ha lasciato il forte, e poich siamo in
un'isola... Devi ingannarti, figlia mia. Del resto, seguiamo queste
tracce, e vediamo dove ci conducono.
Paolina Barnett e Madge si rimisero in cammino, osservando
attentamente le impronte.
Cinquanta passi pi oltre si arrestarono ancora.
Ecco, vedi, Madge, disse la viaggiatrice trattenendo la
compagna, e dimmi se mi sono ingannata.
Accanto a tracce di passi e in un luogo in cui la neve era stata di
recente premuta da un corpo pesante, si vedeva nettamente l'impronta
di una mano.
Una mano di donna o di fanciullo! esclam Madge.
S rispose Paolina Barnett, una donna o un fanciullo,
sfinito, sofferente, esausto, caduto proprio qui. Poi la povera
creatura si rimessa in cammino... ecco... le tracce continuano... pi
oltre ci furono altre cadute...
Ma chi? chi? domand Madge.
Che ne so io? Forse qualche disgraziato, imprigionato, come
noi, da tre o quattro mesi in quest'isola! Forse anche qualche
naufrago gettato sulla spiaggia durante l'uragano... Ricordati di quel
fuoco, di quel grido, di cui hanno parlato il sergente Long e il tenente
Hobson!... Vieni, vieni, Madge, possibile che pi oltre ci sia forse
qualche disgraziato da salvare!
E la signora Barnett, con la compagna, segu, correndo, quella
dolorosa via tracciata sulla neve e sulla quale trov presto qualche
goccia di sangue.
Qualche disgraziato da salvare! aveva detto la compassionevole
e coraggiosa donna. Aveva dunque dimenticato che su quell'isola,
mezzo erosa dalle acque, destinata a inabissarsi presto o tardi nel
mare, non vi era salvezza n per lei n per altri?
Le orme lasciate sul suolo si dirigevano verso il capo Eschimese.
Paolina Barnett e Madge le seguivano attente, ma presto le macchie
di sangue si moltiplicarono e le orme sparvero. Tracciato nella neve
non vi era pi che un sentiero irregolare. Certo da quel punto la
disgraziata creatura non aveva pi avuto la forza di reggersi; perci
aveva continuato strisciando con le mani e con le gambe; lembi di
vesti stracciate si vedevano qua e l; erano frammenti di pelle di foca
e di pellicce.
Andiamo! andiamo! ripeteva Paolina Barnett, cui il cuore
batteva forte.
Madge la seguiva. Il capo Eschimese era solo a cinquecento passi;
lo si vedeva stagliarsi sopra il mare sul fondo del cielo. Era deserto.
Evidentemente le tracce seguite dalle due donne si dirigevano
direttamente al capo. La signora Barnett e Madge, correndo sempre,
le risalivano dove cessavano. Nulla ancora. Ma quelle orme, sulle
falde stesse del capo, alla base del monticello che lo formava,
giravano a destra e tracciavano un sentiero verso il mare.
Paolina Barnett si slanci sulla destra, ma al momento in cui si
affacci sulla riva, Madge, che veniva dietro e guardava inquieta
tutt'intorno, la trattenne con la mano.
Fermati, le disse.
No, Madge, no! esclam Paolina Barnett spinta suo
malgrado da una specie d'istinto.
Fermati, figlia mia, e guarda! rispose Madge trattenendo
con pi energia la compagna. A cinquanta passi dal capo Eschimese,
sull'orlo medesimo della spiaggia, una massa bianca, enorme, si
agitava mandando formidabili grugniti.
Era un orso polare di gigantesca statura. Le due donne, immobili,
lo guardavano atterrite. Il gigantesco animale girava intorno a una
specie di fardello di pellicce steso sulla neve; poi lo sollev, lo lasci
ricadere, lo annus; quel fardello pareva il corpo esanime di un
tricheco.
Le due donne non sapevano che pensare, n se dovessero
proseguire, quando a un movimento impresso a quel corpo, cadde
una specie di cappuccio e si liberarono lunghi capelli.
Una donna! grid Paolina Barnett; e fece atto di slanciarsi
verso la sventurata, volendo a ogni costo appurare se fosse viva o
morta.
Fermati! disse ancora Madge trattenendola; non le far
male! L'orso infatti guardava attentamente il corpo, accontentandosi
di voltarlo e non pensando a lacerarlo con i formidabili artigli. Poi se
ne allontanava e di nuovo gli si accostava, come dubbioso sul da
fare. Non aveva visto le due donne che l'osservavano con terribile
ansiet.
D'un tratto avvenne uno scricchiolio; il terreno prov una specie
di tremito, come se il capo Eschimese si inabissasse tutto nel mare.
Un enorme pezzo dell'isola si stacc dalla spiaggia, un masso di
ghiaccio, il cui centro di gravit si era rimosso per un cambiamento
del peso specifico, e che se ne andava alla deriva trascinando l'orso e
il corpo della donna.
Paolina Barnett mand un grido e volle lanciarsi verso quel masso
di ghiaccio, prima che fosse spinto in alto mare.
Fermati ancora, figlia mia! ripet freddamente Madge che la
stringeva con mano convulsa.
Al rumore prodotto dalla rottura del ghiaccio l'orso era balzato
indietro; mandando allora un formidabile grugnito, abbandon il
corpo e si precipit verso la parte della spiaggia da cui gi lo
separavano circa venti metri; spaventato fece correndo il giro
dell'isolotto, torment il suolo con gli artigli, fece volare intorno a s
la neve e la sabbia e torn presso il corpo inanimato.
Poi, con sommo stupore delle due donne, l'animale, afferrando
quel corpo per le vesti, lo sollev, giunse all'orlo del masso di
ghiaccio che era in faccia alla spiaggia dell'isola e si precipit in
mare.
In pochi colpi di zampe, l'orso, robusto nuotatore come tutti i suoi
simili delle regioni artiche, tocc la spiaggia. Uno sforzo vigoroso gli
permise di mettere piede a terra, e l depose il corpo che aveva
trascinato con s.
Allora Paolina Barnett non potendosi pi trattenere, e non
pensando al pericolo di trovarsi a faccia a faccia con il formidabile
carnivoro, sfugg di mano a Madge e si slanci verso la spiaggia.
L'orso, vedendola, si drizz sulle zampe posteriori e venne diritto
incontro a lei. Ma, a dieci passi, si arrest, scosse l'enorme testa poi,
come se avesse perduto la naturale ferocia sotto l'influenza di quel
terrore che sembrava aver trasformato la fauna dell'isola, si volt,
mand un sordo grugnito e se ne and tranquillamente verso
l'interno, senza nemmeno voltarsi a guardare indietro.
Paolina Barnett era subito corsa verso quel corpo disteso sulla
neve.
Un grido le balz dal petto.
Madge! Madge! esclam.
Madge accorse e guard quel corpo inanimato. Era il corpo della
giovane eschimese Kalumah!
CAPITOLO IX
LE AVVENTURE DI KALUMAH
KALUMAH sull'isola galleggiante, a 200 miglia dal continente
americano! Era veramente incredibile!
Ma, innanzi tutto, respirava ancora la poveretta? Si poteva
richiamarla in vita? Paolina Barnett aveva lacerato le vesti della
giovane eschimese, il cui corpo non le parve del tutto raffreddato; le
auscult il cuore; batteva debolmente, ma batteva. Il sangue perduto
dalla poveretta proveniva solo da una lieve ferita fattasi alla mano.
Madge fasci la ferita con il suo fazzoletto e arrest l'emorragia.
Contemporaneamente Paolina Barnett, inginocchiata presso
Kalumah, le aveva sollevato il capo appoggiandolo al proprio
grembo, e attraverso le labbra socchiuse riusc ad introdurre alcune
gocce d'acquavite; poi le bagn la fronte e le tempie con un po' di
acqua fredda.
Passarono alcuni minuti. N la signora Barnett, n Madge osavano
proferir parola. Aspettavano entrambe estremamente ansiose, poich
il soffio di vita che rimaneva nell'eschimese poteva ad ogni istante
venir meno.
Ma un lieve sospiro sfugg dal petto di Kalumah; le sue mani si
agitarono debolmente, e prima ancora di aprir gli occhi e di poter
riconoscere colei che cos la curava, mormor queste parole:
Signora Barnett, signora Barnett!
La viaggiatrice rimase stupefatta, nell'udire il suo nome
pronunciato in simili circostanze. Kalumah era forse venuta di
proposito sull'isola errante, e sapeva di incontrarvi l'europea di cui
non aveva dimenticato la bont? Ma in che modo aveva potuto
saperlo, e come, a quella distanza da ogni terra, aveva potuto
raggiungere l'isola Vittoria? E come infine aveva indovinato che quel
banco di ghiaccio portava lontano dal continente Paolina Barnett e
tutti i suoi compagni del forte Esprance?
Erano cose davvero inesplicabili.
Vive! Vive! disse Madge, la quale sentiva sotto la sua mano
tornare il calore e il movimento in quel misero corpo Povera
creatura! mormor la signora Barnett con il cuore commosso; e
il mio nome, il mio nome! al momento di morire lo aveva ancora
sulle labbra!
Proprio in quel momento, gli occhi di Kalumah si schiusero e il
suo sguardo ancora smarrito e incerto brill tra le palpebre e a un
tratto si anim tutto, essendosi posato sulla viaggiatrice: per un
istante, un solo istante, Kalumah aveva visto Paolina Barnett, ma
quell'istante era bastato. La giovane indigena aveva riconosciuto la
sua buona signora, e il nome di lei le venne ancora sulle labbra,
mentre la sua mano, sollevatasi a poco a poco, ricadeva in quella di
Paolina Barnett!
Le cure delle donne non tardarono a rianimare interamente la
giovane eschimese, il cui estremo sfinimento proveniva non solo
dalla fatica, ma anche dalla fame, non avendo mangiato nulla da
quarantotto ore. Alcuni pezzi di selvaggina fredda e un po'
d'acquavite le restituirono le forze; un'ora dopo Kalumah si sentiva
capace di mettersi in cammino per il forte, insieme con le sue due
amiche.
Ma in quest'ora, seduta sulla sabbia fra Madge e Paolina Barnett,
Kalumah aveva potuto prodigare i propri ringraziamenti e le
testimonianze del suo affetto. Poi aveva raccontato la propria storia.
No! la giovane eschimese non aveva dimenticato gli europei del forte
Esprance, e l'immagine di Paolina Barnett era sempre rimasta
presente nella sua memoria. No! non il caso, come si vedr, l'aveva
gettata quasi morente sulla spiaggia dell'isola Vittoria!
Ecco, in poche parole, quanto Kalumah raccont alla sua
salvatrice.
Si ricorda la promessa fatta dalla giovane eschimese, durante la
sua prima visita, di ritornare l'anno seguente, nella bella stagione, dai
suoi amici del forte Esprance. Pass la lunga notte polare, e giunto
il mese di maggio Kalumah volle mantenere la promessa. Lasci
dunque gli stabilimenti della Nuova Georgia, nei quali aveva
svernato, e in compagnia dei cognati si diresse verso la penisola
Vittoria.
Sei settimane pi tardi, verso la met di giugno, giungeva ai
territori della Nuova Bretagna, vicino al capo Bathurst. Riconobbe
benissimo le montagne vulcaniche, le cui vette coprivano la baia
Liverpool, e venti miglia pi oltre giunse a quella baia dei Trichechi,
nella quale insieme con i suoi aveva tante volte data la caccia a
quegli animali.
Ma oltre questa baia, al nord, nulla! La costa, in linea diritta,
scendeva verso sud-est. Non vi era pi n capo Eschimese, n capo
Bathurst!
Kalumah comprese quanto era avvenuto! O tutto quel territorio,
divenuto poi l'isola Vittoria, si era inabissato nelle onde, o se ne
andava vagando per i mari!
Kalumah pianse non potendo pi rivedere gli amici che era venuta
a cercare da tanto lontano.
Ma suo cognato non era parso molto meravigliato di questa
catastrofe. Una specie di leggenda, una tradizione delle trib nomadi
dell'America settentrionale, diceva che quel territorio del capo
Bathurst si era congiunto al continente da migliaia di secoli, ma che
non ne faceva parte, e che un giorno si sarebbe staccato per una
scossa della natura. Di qui la meraviglia manifestata dagli eschimesi
nel vedere il forte fondato dal tenente Hobson proprio ai piedi del
capo Bathurst. Ma per quella caratteristica riservatezza propria della
loro razza, o forse anche spinti da quel sentimento che prova ogni
indigeno verso lo straniero che si impadronisce del suo paese, gli
eschimesi non dissero nulla al tenente Hobson, il cui forte stava
allora per essere terminato. Kalumah ignorava la tradizione che, del
resto, non era basata su nulla di serio e poteva essere una di quelle
numerose leggende della cosmogonia iperborea; e cos gli ospiti del
forte Esprance non furono avvertiti del pericolo che correvano
fissando la propria dimora in quel territorio.
Certamente J asper Hobson, avvertito dagli eschimesi, e gi
sospettoso di quel terreno che offriva aspetti tanto bizzarri, avrebbe
cercato un altro terreno nuovo e saldo per porvi le fondamenta del
centro commerciale.
Quando Kalumah ebbe accertato la scomparsa di quel territorio
corrispondente al capo Bathurst, continu la sua esplorazione fino di
l dalla baia Washburn, ma senza incontrare nessuna traccia di coloro
che cercava, e allora, disperata, non le rest altro da fare che tornare
nell'Ovest, alle stazioni di pesca dell'America russa.
Suo cognato ed ella lasciarono dunque la baia dei Trichechi negli
ultimi giorni del mese di giugno; ripresero la via del litorale, e alla
fine di luglio, dopo quell'inutile viaggio, ritrovarono i piccoli centri
della Nuova Georgia.
Kalumah non sperava di rivedere mai pi n Paolina Barnett, n i
suoi compagni del forte Esprance, che credeva inghiottiti negli
abissi del mare polare!
A questo punto del racconto la giovane eschimese volse gli occhi
inumiditi di lacrime verso la signora Barnett e le strinse pi
affettuosamente la mano. Poi, mormorando una preghiera, ringrazi
Iddio di averla salvata per mano della sua amica.
Kalumah, tornata alla propria abitazione in seno alla propria
famiglia, aveva ripreso la solita esistenza. Lavorava con i suoi alla
pescheria del capo dei Ghiacci, posto all'incirca sul 70 parallelo, a
pi di 600 miglia dal capo Bathurst.
Per tutta la prima parte d'agosto non accadde nulla; verso la fine
del mese scoppi quell'impetuoso uragano che preoccup J asper
Hobson e che, pare, estese i suoi disastri a tutto il mare polare e
perfino oltre lo stretto di Bering. Al capo dei Ghiacci fu pure
spaventoso e si scaten con la stessa violenza che sull'isola Vittoria.
A quel tempo l'isola errante si trovava a sole duecento miglia dalla
costa, come il tenente aveva stabilito con i rilievi.
Ascoltando Kalumah, la signora Barnett, benissimo informata
della situazione, come si sa, accostava nella sua mente tutti i vari
incidenti che dovevano darle infine la chiave dei singolari
avvenimenti, e soprattutto spiegarle l'arrivo nell'isola della giovane
indigena.
Nei primi giorni dell'uragano gli eschimesi del capo dei Ghiacci
rimasero chiusi nelle loro capanne, non potendo uscire, e tanto meno
pescare. Ma nella notte dal 31 agosto al 1 settembre, spinta come da
un presentimento, Kalumah volle avventurarsi sulla spiaggia battuta
dalle onde, guardando con occhio inquieto quel mare infuriato che si
levava nell'ombra come una catena di montagne.
D'improvviso, qualche minuto dopo la mezzanotte, le parve di
vedere una massa enorme che andava alla deriva spinta dall'uragano
e parallelamente alla costa. I suoi occhi, dotati di una vista
fortissima, come tutti quelli degli indigeni nomadi, avvezzi alle
tenebre delle lunghe notti dell'inverno artico, non potevano
ingannarla. Una massa enorme passava a due miglia dal litorale, e
non poteva essere n un cetaceo, n una nave, e nemmeno un iceberg
in quel periodo dell'anno.
Del resto Kalumah non pens nemmeno; ebbe come una
rivelazione. Davanti alla sua accesa fantasia apparve l'immagine dei
suoi amici. Tutti li rivide: la signora Barnett, Madge, il tenente, il
bambino che aveva coperto di tanti baci al forte Esprance!
Si, erano essi che passavano portati dall'uragano sul banco di
ghiaccio galleggiante!
Kalumah non dubit un solo istante, non esit un attimo; disse a
se stessa che bisognava far sapere ai naufraghi, che senz'altro non lo
immaginavano, che la terra era vicina; corse alla capanna, prese una
di quelle torce fatte di stoppa e di resina di cui gli eschimesi si
servono per le loro pesche notturne, l'accese e venne ad agitarla sulla
spiaggia in cima al capo dei Ghiacci.
Era quello il fuoco visto nelle tenebre della notte del 31 agosto da
J asper Hobson e dal sergente, allora accoccolati al capo Michel.
Quale fu la gioia, la commozione della giovane eschimese,
quando vide un segnale rispondere al suo e scorse quel gruppo di
abeti incendiati dal tenente Hobson gettare fulvi bagliori fino al
litorale americano!
Ma presto la luce si spense. La calma dur solo pochi minuti, e la
spaventosa tempesta riprese con nuovo impeto dirigendosi verso sud-
est.
Kalumah comprese che la sua preda, cos si esprimeva, stava per
sfuggirle, e che l'isola galleggiante non sarebbe giunta a terra. Essa la
vedeva quest'isola, la sentiva allontanarsi nella notte e riprendere la
via dell'alto mare.
Fu un terribile momento per la giovane indigena. E disse a se
stessa che bisognava che i loro amici fossero avvertiti della loro
situazione e che forse sarebbero stati ancora in tempo per agire, e che
ogni ora perduta li allontanava dal continente.
Non esit. Il suo kayak, la fragile imbarcazione sulla quale aveva
pi di una volta sfidato le tempeste del Mare Artico, era l; lo spinse
in mare, si allacci intorno alla vita la veste di pelle di foca che era
attaccata al canotto e con la pagaia in mano si avventur nelle
tenebre.
A questo punto del racconto, Paolina Barnett strinse
affettuosamente al cuore la giovane Kalumah, la coraggiosa
fanciulla, e Madge pianse ascoltandola.
Kalumah, spinta su quelle onde infuriate, si trov allora meglio
aiutata che contrariata dal balzo del vento che spingeva al largo, e si
diresse verso la massa che vedeva ancora confusamente nell'ombra.
Le ondate coprivano il kayak, ma non potevano nulla contro quella
imbarcazione che galleggiava come un fuscello di paglia sulla loro
cresta. Pi volte si capovolse, ma un colpo di pagaia la raddrizz
sempre.
Finalmente, dopo un'ora di sforzi, Kalumah scorse pi
distintamente l'isola errante; ormai non dubitava pi di giungere alla
meta, perch era lontana solo un quarto di miglio!
Ed allora che mand nella notte quel grido udito sia da J asper
Hobson sia dal sergente Long.
Ma allora Kalumah si sent, suo malgrado, trascinata a ovest da
una irresistibile corrente alla quale offriva una presa maggiore
dell'isola Vittoria. Invano volle lottare con la pagaia; la leggera
imbarcazione filava come una freccia. Mand nuove grida che non
furono intese, essendo gi lontana, e quando l'alba venne a gettare
qualche barlume di luce nello spazio, le terre della Nuova Georgia,
che aveva lasciato, e l'isola errante che inseguiva, non formavano pi
che due masse confuse all'orizzonte.
Disper, allora, la giovane indigena? No. Tornare al continente
americano era ormai impossibile; aveva il vento in faccia, un terribile
vento, quello stesso che respingendo l'isola, doveva in trentasei ore
portarla a 200 miglia al largo, aiutato anche dalla corrente del
litorale.
Kalumah aveva un solo mezzo di salvezza: giungere all'isola
mantenendosi nella stessa corrente e nelle acque stesse che la
trascinavano irresistibilmente.
Ma ohim! le forze tradirono il coraggio della poveretta; presto fu
torturata dalla fame; lo sfinimento e la fatica la resero incapace di
guidare la pagaia. Per molte ore lott e le parve si accostasse all'isola
da cui non la si poteva vedere perch non era che un punto
sull'immenso mare. Lott anche quando le braccia stanche e le mani
insanguinate non obbedivano pi al suo volere. Lott fino alla fine e
smarr i sensi, mentre la fragile imbarcazione rimaneva abbandonata
in bala del vento e delle onde.
Che avvenne allora? Non pot dirlo, avendo smarrito i sensi.
Quanto tempo err cos alla ventura come un rottame? Non lo
sapeva; torn in s solo quando il kayak, urtato bruscamente, si
spacc sotto di lei. Kalumah cadde nell'acqua, il cui freddo la
rianim, e alcuni istanti dopo un'ondata la gett tramortita sopra una
spiaggia sabbiosa.
Questo era avvenuto nella notte precedente, quasi sul far dell'alba,
vale a dire alle due o alle tre del mattino. Dal momento in cui
Kalumah si era precipitata nell'imbarcazione fino a quando questa
and sommersa, erano dunque passate pi di settanta ore!
Eppure la giovane indigena, salvata dai flutti, non sapeva su quale
costa l'uragano l'avesse spinta. L'aveva ricondotta sul continente o su
quell'isola che inseguiva con tanta audacia? Questo era ci che ella
sperava. E poi il vento e la corrente avrebbero dovuto portarla al
largo e non ricondurla sulla costa.
Questo pensiero la rianim; si drizz, e rotta dalla fatica prese a
seguire la spiaggia. Provvidenzialmente la giovane indigena era stata
gettata in quella parte dell'isola Vittoria che formava un tempo
l'angolo superiore della baia dei Trichechi. Ma in quelle condizioni
ella non poteva riconoscere il litorale, corroso dalle acque, dopo i
mutamenti che vi erano stati per la rottura dell'istmo.
Kalumah cammin; poi, non potendone pi, si arrest e riprese il
cammino con nuovo coraggio. La via le si allungava davanti; a ogni
miglio bisognava girare intorno alle parti della spiaggia gi invase
dal mare. Cos, trascinandosi, cadendo, risollevandosi, giunse vicino
al boschetto che quel mattino stesso aveva servito come luogo di
riposo a Paolina Barnett e a Madge. Infatti le due donne dirigendosi
al capo Eschimese avevano incontrato, non lontano da quel
boschetto, le tracce dei passi sulla neve; poi a poca distanza la povera
Kalumah era caduta per l'ultima volta. Da questo punto, sfinita dalla
fatica e dalla fame, aveva continuato il cammino solo strisciando per
terra.
Ma un'immensa speranza le era entrata in cuore. A pochi passi dal
litorale aveva finalmente riconosciuto quel capo Eschimese ai piedi
del quale si erano accampati i suoi familiari l'anno precedente. Si
ricordava che era a solo otto miglia dal forte, e che doveva, perci,
seguire quella via tante volte percorsa quando andava a far visita agli
amici del forte Esprance.
Si, questo pensiero la sorresse; ma infine, giunta sulla spiaggia,
priva di ogni forza, cadde sulla neve e smarr ancora i sensi. Senza
Paolina Barnett, sarebbe stata perduta!
Ma, disse, mia cara signora, io sapevo bene che voi
sareste venuta in mio aiuto e che Dio mi avrebbe salvato per mezzo
vostro!
Il resto noto. noto quale istinto provvidenziale avesse portate
Paolina Barnett e Madge a esplorare, quello stesso giorno, quella
parte del litorale, e quale ultimo presentimento le avesse indotte a
visitare il capo Eschimese, dopo la loro sosta nel boschetto e prima
del loro ritorno al forte. noto anche cosa che la signora Barnett
raccont alla giovane indigena come si fosse verificata quella
rottura del masso di ghiaccio e ci che l'orso fece in quella occasione.
Anzi, Paolina Barnett aggiunse sorridendo:
Non io ti ho salvata, fanciulla mia, ma quel grosso animale;
senza di lui saresti stata perduta; se torner, sar rispettato come il
tuo salvatore.
Durante questo racconto, Kalumah, ristorata e assistita, aveva
ripreso le forze. Paolina Barnett le propose di tornare subito al forte,
per non prolungare la propria assenza, e la giovane eschimese si lev,
pronta a partire.
Paolina Barnett era infatti impaziente di informare J asper Hobson
di ci che era accaduto quel mattino e di raccontargli ci che era
avvenuto nella notte dell'uragano, quando l'isola errante si era
accostata al litorale americano.
Ma prima di tutto la viaggiatrice raccomand a Kalumah di
serbare il segreto sia su questi avvenimenti, sia sulla situazione
dell'isola.
Gli abitanti del forte avrebbero cos pensato che era arrivata
naturalmente dal litorale per adempiere alla promessa fatta di visitare
gli amici nella bella stagione. Anzi, il suo arrivo sarebbe stato una
conferma per gli abitanti del forte che nessun mutamento era
avvenuto nel territorio del capo Bathurst, se per caso qualcuno avesse
avuto sospetti in proposito.
Erano circa le tre, quando Paolina Barnett, la giovane indigena
appoggiata al braccio di lei, e la fedele Madge ripresero la via; e
prima delle cinque pomeridiane giunsero alla porta di soccorso del
forte Esprance.
CAPITOLO X
LA CORRENTE DEL KAMCIATKA
FACILE immaginare l'accoglienza fatta alla giovane Kalumah
dagli abitanti del forte, per i quali fu come se si riannodasse il legame
ormai rotto con il resto del mondo. La signora Mac Nap, la signora
Ra e la signora J oliffe le prodigarono le loro gentilezze. Kalumah,
avendo subito visto il bambino, corse verso di lui e lo copr di baci.
La giovane eschimese fu veramente commossa dall'accoglienza
dei suoi amici europei. Fu una gara nel farle festa. Erano tutti felici di
sapere che avrebbe trascorso tutto l'inverno al forte, perch la
stagione gi troppo inoltrata non le permetteva di far ritorno ai centri
della Nuova Georgia.
Ma se gli abitanti del forte Esprance si mostrarono
piacevolmente meravigliati dell'arrivo della giovane indigena, che
cosa dovette pensare J asper Hobson, quando vide apparire Kalumah
a braccetto di Paolina Barnett?
Non pot credere ai suoi occhi. Gli venne un pensiero improvviso
e fulmineo come il baleno, il pensiero che l'isola Vittoria, senza
essersene accorti e nonostante i quotidiani rilievi, avesse toccato terra
in un punto del continente.
Ma Paolina Barnett lesse negli occhi del tenente questa
inverosimile ipotesi e croll il capo.
J asper Hobson comprese che la situazione non era certo mutata e
aspett che gli venisse data la spiegazione della presenza di
Kalumah.
Alcuni istanti dopo, J asper Hobson e la viaggiatrice
passeggiavano ai piedi del capo Bathurst, e il tenente ascoltava
avidamente il racconto delle avventure di Kalumah.
Cos, dunque, tutte le supposizioni di J asper Hobson si erano
avverate! Durante la tempesta, quell'uragano che soffiava da nord-
est, aveva respinto l'isola errante fuori della corrente! In quell'orribile
notte, dal 30 al 31 agosto, lice-field si era accostato per meno di un
miglio al continente americano! E non era il fuoco di una nave, n il
grido di un naufrago che avevano visto e udito gli occhi e le orecchie
di J asper Hobson! La terra era l, a breve distanza, e se il vento
avesse soffiato per un'ora di pi in quella direzione, l'isola Vittoria
avrebbe urtato contro il litorale dell'America russa! Invece un cambio
di vento fatale, funesto, aveva respinto l'isola al largo! L'irresistibile
corrente l'aveva ripresa nelle sue acque e da allora in poi, con una
velocit straordinaria che trascinava tutto con s, spinta dagli
impetuosi venti del sud-est, era andata alla deriva fino a quel punto
pericoloso, posto fra due correnti contrarie, entrambe funeste per
l'isola e per i disgraziati che portava con s!
Per l'ennesima volta, il tenente e Paolina Barnett discutevano
queste cose. Poi J asper Hobson domand se fossero avvenute
importanti modifiche nel territorio tra il capo Bathurst e la baia dei
Trichechi.
Paolina Barnett rispose che in alcuni luoghi il livello del litorale
sembrava essersi abbassato e che le onde scorrevano l dove poco
prima il suolo si ergeva su di loro. Raccont anche l'incidente al capo
Eschimese, e descrisse la paurosa frattura che si era verificata in
quella parte della spiaggia.
Tutto questo non era certo rassicurante. Evidentemente lice-field,
base dell'isola, si scioglieva a poco a poco, e le acque relativamente
pi calde ne rodevano la superficie inferiore. Ci che era avvenuto al
capo Eschimese poteva avvenire in qualsiasi momento anche al capo
Bathurst. Le case del forte potevano in qualsiasi ora della notte o del
giorno inabissarsi; e il solo rimedio a questa catastrofe era l'inverno,
l'inverno con tutti i suoi rigori, l'inverno che tardava tanto a venire!
Il giorno dopo, 4 settembre, un'osservazione fatta dal tenente
Hobson dimostr che l'isola Vittoria non si era molto spostata dal
punto in cui era il giorno prima. Essa rimaneva immobile tra le due
correnti contrarie; e questa era la combinazione pi felice che potesse
presentarsi.
Che il freddo ci colga cos, che i ghiacci ci arrestino, disse
J asper Hobson, che il mare si solidifichi intorno a noi, e io sar
certo della nostra salvezza. Noi ora non siamo che a duecento miglia
dalla costa, e avventurandoci sugli ice-fields induriti, ci sar possibile
giungere o all'America russa, o sulle coste dell'Asia settentrionale.
Ma l'inverno a qualunque costo, e presto!
Intanto, stando agli ordini del tenente, si terminavano gli ultimi
preparativi per l'inverno. Si provvedeva al nutrimento degli animali
domestici per tutto il tempo che sarebbe durata la notte polare. I cani
stavano bene e ingrassavano nell'ozio; ma a questo non si doveva
molto badare, poich le povere bestie avrebbero dovuto lavorare
terribilmente, quando si fosse dovuto abbandonare il forte Esprance
per raggiungere il continente attraverso i campi di ghiaccio. Era
dunque importante mantenerli in uno stato perfetto di salute. Perci
non fu loro risparmiata la carne sanguinolenta, e principalmente
quella delle renne che si lasciavano uccidere nei dintorni del forte.
Per ci che riguardava le renne domestiche, esse prosperavano
nella loro stalla convenientemente costruita; una considerevole
raccolta di musco era stata fatta nei magazzini del forte. Le femmine
fornivano un latte abbondante alla signora J oliffe, che lo usava
giornalmente nella preparazione del cibo.
Il caporale e la sua piccola moglie avevano anche fatto le loro
seminagioni, che avevano dato frutti soddisfacenti durante la
stagione calda. Il terreno era stato preparato prima delle nevi per i
campi di acetosa, di coclearia e di t del Labrador. Questi preziosi
vegetali contro lo scorbuto non dovevano mancare alla colonia.
La legna riempiva il magazzino sino alla tettoia. L'inverno rigido e
glaciale poteva allora venire, e la colonna di mercurio poteva gelare
nella vaschetta del termometro, senza che si fosse ridotti, come
durante gli ultimi grandi freddi, a bruciare i mobili della casa. Il
carpentiere Mac Nap e i suoi uomini avevano preso le debite misure
in proposito, e il legname scartato per la costruzione del battello forn
una notevole quantit di combustibile.
Intanto si cacciavano animali che avevano rivestito la loro
pelliccia invernale, martore, visoni, volpi azzurre, ermellini. Marbr
e Sabine avevano ottenuto dal tenente il permesso di porre alcune
trappole nei dintorni della cinta.
J asper Hobson non aveva ritenuto opportuno rifiutare questo
permesso, temendo di suscitare la diffidenza di quegli uomini, tanto
pi che non vi era alcun pretesto buono da far valere per giustificare
la fine dell'approvvigionamento di pellicce. Egli sapeva naturalmente
che era inutile, e che quella distruzione di animali preziosi e
inoffensivi non sarebbe stata di alcun profitto. Tuttavia, la carne di
quei roditori fu impiegata a nutrire i cani, facendo cos grande
economia di carne di renne.
Si preparava dunque tutto per l'inverno, come se il forte Esprance
fosse costruito sopra un terreno solido; e i soldati lavoravano con uno
zelo che non avrebbero avuto se fossero stati messi a parte delle
difficolt della situazione.
Nei giorni seguenti, le osservazioni fatte con la massima cura non
indicarono nessun notevole mutamento nella posizione dell'isola
Vittoria. J asper Hobson, vedendola cos immobile, cominciava a
sperare. Se i sintomi dell'inverno non si erano ancora mostrati nella
natura inorganica e se la temperatura si manteneva sempre a 49 F in
media (9 C sopra zero), si erano per segnalati parecchi cigni, che,
fuggendo verso sud, andavano in cerca di climi pi dolci. Altri
uccelli, grandi volatori, che non si lasciavano spaventare dalle lunghe
traversate dei mari, abbandonavano a poco a poco le rive dell'isola.
Essi sapevano che il continente americano o asiatico, con una
temperatura meno rigida, territori pi ospitali e con prodotti di ogni
genere, non erano lontani, e che le loro ali erano tanto potenti da
reggere quel viaggio.
Molti di quegli uccelli furono presi e, seguendo il parere di
Paolina Barnett, il tenente attacc loro al collo un biglietto di tela
incerata, sul quale scrisse la posizione dell'isola errante e il nome dei
loro abitanti. Poi li liber, e non fu senza invidia che li vide dirigersi
verso sud.
Non occorre dire che questa operazione fu fatta in segreto, e non
ebbe altri testimoni che Paolina Barnett, Madge, Kalumah, J asper
Hobson e il sergente Long.
Quanto ai quadrupedi imprigionati nell'isola essi non potevano pi
andare a cercare nelle regioni meridionali i loro abituali ricoveri
invernali.
In quella stagione dell'anno dopo gli ultimi giorni di settembre, le
lepri polari, persino i lupi, avrebbero gi dovuto lasciare i dintorni
del capo Bathurst e rifugiarsi dalla parte del Gran Lago degli Orsi o
del Gran Lago degli Schiavi, molto al di sotto del circolo polare. Ma
questa volta il mare opponeva loro una barriera insormontabile, e
dovevano aspettare che si solidificasse, per andarsene in regioni pi
abitabili. Senza dubbio, questi animali, spinti dall'istinto, avevano
tentato di riprendere la via per il Sud: ma arrestati al litorale
dell'isola, erano ritornati, sempre per istinto, nelle vicinanze del forte
Esprance, vicino a quegli uomini anch'essi prigionieri, a quei
cacciatori che erano i loro pi pericolosi nemici di una volta.
Il 5, 6, 7, 8 e 9 settembre non si riscontr, dalle osservazioni fatte,
alcun notevole cambiamento nella posizione dell'isola Vittoria. Quel
vasto gorgo, formato dalle due correnti, la teneva stazionaria. Ancora
quindici giorni, tre settimane al massimo, e poi il tenente Hobson
poteva ritenersi salvo.
Ma i rischi non erano ancora passati del tutto, e molte altre
terribili prove, sovrumane per cos dire, attendevano gli abitanti del
forte Esprance.
Infatti, il 10 settembre, l'osservazione fece notare uno spostamento
dell'isola Vittoria. Quello spostamento, poco rapido fino a quel
momento, avveniva verso il Nord.
J asper Hobson rimase atterrito! L'isola era stata presa nella
corrente del Kamciatka! Essa andava alla deriva verso quei luoghi
sconosciuti dove si formano le banchise! Se ne andava verso quelle
solitudini del Mare Artico, assolutamente vietate all'accesso degli
uomini, verso quelle regioni da cui non si ritorna!
Il tenente non nascose il nuovo pericolo a coloro che conoscevano
il segreto della situazione. Paolina Barnett, Madge, Kalumah e il
sergente Long ricevettero questo nuovo colpo con coraggio e
rassegnazione.
Forse, disse la viaggiatrice, l'isola si fermer ancora!
Forse il suo movimento non sar veloce! Speriamo sempre e
aspettiamo! L'inverno non lontano, e d'altra parte noi gli andiamo
incontro. In ogni caso, sia fatta la volont di Dio.
Amici, domand il tenente Hobson, credete che io debba
informare i nostri compagni? Voi vedete in che situazione siamo e
quello che ci pu capitare! Non ci arroghiamo una responsabilit
troppo grande, nascondendo loro i pericoli che ci minacciano?
Io aspetterei ancora, rispose senza esitare Paolina Barnett.
Fino a che non avremo esaurito tutti i mezzi, non bisogna mettere
i compagni nella disperazione.
Anch'io la penso cos, aggiunse il sergente Long.
Anche J asper Hobson la pensava cos, e fu lieto di vedere
confermata la sua opinione. L'11 e il 12 settembre, lo spostamento
verso il nord acquist una certa velocit. L'isola Vittoria andava ad
una velocit di dodici o tredici miglia al giorno, e si allontanava
sempre pi da ogni terra, portandosi verso il Nord, seguendo la curva
sensibilmente pronunciata della corrente del Kamciatka a quella
latitudine cos elevata. Essa non avrebbe dunque tardato a superare
quel 70 parallelo che attraversava una volta la punta estrema del
capo Bathurst oltre il quale nessun territorio continentale si estendeva
in quelle regioni artiche.
Tutti i giorni J asper Hobson riportava le osservazioni sulla carta e
poteva vedere verso quali infiniti abissi correva l'isola errante.
L'unica buona probabilit, la meno pericolosa almeno, era che si
andava incontro all'inverno, come aveva detto Paolina Barnett.
Andando cos alla deriva verso il nord, si sarebbe incontrato pi
presto il freddo, con le sue acque ghiacciate che dovevano a poco a
poco accrescere e consolidare lice-field. Ma se in tal caso gli abitanti
del forte Esprance potevano sperare di non inabissarsi pi nel mare,
quale via interminabile, impraticabile forse, avrebbero poi dovuto
seguire per ritornare da quelle latitudini iperboree! Ah! se
l'imbarcazione, per quanto imperfetta, fosse stata pronta, il tenente
Hobson non avrebbe esitato a imbarcarvisi con tutto il personale
della colonia; ma, nonostante tutta la diligenza del carpentiere, non
era compiuta e non poteva esserlo per un pezzo, essendo Mac Nap
costretto a mettere ogni cura nella costruzione di quel battello a cui
doveva venire affidata la vita di venti persone in mari
pericolosissimi.
Il 16 settembre l'isola Vittoria si trovava da settantacinque a
ottanta miglia a nord dal punto in cui si era arrestata per alcuni giorni
fra le due correnti del Kamciatka e del mare di Bering; e qui si
ebbero chiari indizi dell'avvicinarsi dell'inverno. La neve cadde di
frequente e talvolta a grossi fiocchi; la colonna di mercurio si
abbass poco alla volta. La media della temperatura durante il giorno
era ancora di 44 F (6 - 7C sopra zero); ma nella notte scendeva a
32 F (0 C). Il sole tracciava una curva allungata sull'orizzonte; a
mezzogiorno non si elevava se non di alcuni gradi e spariva gi
undici ore su ventiquattro. Finalmente, nella notte dal 16 al 17
settembre, apparvero sul mare i primi indizi di ghiaccio. Erano
piccoli cristalli isolati, simili a falde di neve e che macchiavano la
superficie dell'acqua limpida. Si poteva notare, secondo
un'osservazione riprodotta dal celebre navigante Scoresby, che
l'effetto immediato di quella neve era quello di calmare le onde,
come fa l'olio che i marinai gettano talvolta per attutire
momentaneamente la furia del mare agitato.
Quei piccoli ghiacci tendevano a congiungersi e l'avrebbero fatto
certamente in acqua ferma; ma le onde li sferzavano e li separavano
non appena formavano una superficie di qualche estensione.
J asper Hobson osserv attentamente la prima apparizione di quei
nuovi ghiacci; sapeva che bastavano ventiquattr'ore perch la crosta
gelata, accresciuta dal di sotto, raggiungesse lo spessore di due o tre
centimetri, che basta gi a sopportare il peso di un uomo. Sperava
dunque che l'isola Vittoria si sarebbe in breve arrestata nel suo
movimento verso il Nord. Ma fino allora il giorno neutralizzava il
lavoro della notte, e se la corsa dell'isola era rallentata durante le
tenebre da alcuni pezzi di ghiaccio pi resistenti che le si
opponevano, durante il giorno quei ghiacci, fusi o rotti, non
l'arrestavano pi ed essa era resa rapidissima da una corrente di
particolare veemenza.
Perci lo spostamento verso le regioni settentrionali aumentava
senza che si potesse fare nulla per arrestarlo.
Il 21 settembre, al momento dell'equinozio, il giorno ebbe la
stessa durata della notte, e da quel momento le ore notturne
aumentarono successivamente a spese delle diurne. L'inverno si
avvicinava visibilmente, ma non era n precoce n rigido. In quel
momento l'isola Vittoria aveva gi passato quasi di un grado il 70
parallelo; e per la prima volta fu registrato un moto di rotazione
dell'isola su se stessa, che J asper Hobson calcol di un quarto circa
della circonferenza. Si possono dunque capire le preoccupazioni del
tenente Hobson. Quella situazione, che egli aveva cercato di
nascondere sino allora, minacciava di essere svelata dalla natura delle
cose anche ai meno accorti.
Infatti, per opera di quel movimento di rotazione, i punti cardinali
dell'isola mutarono. Il capo Bathurst non era pi rivolto verso nord
ma verso est; il sole, la luna, le stelle non si levavano pi n
tramontavano pi sullo stesso orizzonte, ed era impossibile che
osservatori come Mac Nap, Ra, Marbr e altri non si accorgessero
di quel mutamento che avrebbe dovuto chiarire loro ogni cosa. Ma,
con soddisfazione di J asper Hobson, i bravi soldati non parvero
avvedersi di nulla. Lo spostamento, rispetto ai punti cardinali, non
era stato considerevole, e l'atmosfera molto spesso annebbiata non
permetteva di rilevare esattamente il sorgere e il tramontare degli
astri.
Ma quel movimento di rotazione parve coincidere con un
movimento di traslazione anche pi rapido. Da quel giorno l'isola
Vittoria and alla deriva con la velocit di quasi un miglio all'ora.
Risaliva sempre verso le alte latitudini allontanandosi da tutti i
continenti. J asper Hobson non si lasciava andare alla disperazione,
perch non era nella sua indole disperarsi, ma si sentiva perduto, e
invocava l'inverno, vale a dire il freddo ad ogni costo!
Finalmente la temperatura si abbass ancora. Nelle giornate del 23
e 24 settembre cadde la neve in abbondanza che, aggiungendosi alla
superficie dei ghiacci gi consolidati dal freddo, aumentava lo
spessore. Si formava a poco a poco l'immensa pianura di ghiaccio;
l'isola, camminando, l'infrangeva ancora, ma di ora in ora diveniva
sempre pi resistente. Il mare si solidificava tutt'intorno fino oltre i
confini dello sguardo. Finalmente l'osservazione del 24 settembre
prov che l'isola Vittoria, imprigionata in un immenso ice-field, era
immobile fin dal giorno prima! Immobile a 177 22' di longitudine,
77 57' di latitudine, a pi di seicento miglia dalla terra pi vicina.
CAPITOLO XI
UNA COMUNICAZIONE DI JASPER HOBSON
QUESTA ERA la situazione. L'isola aveva gettato l'ancora,
secondo l'espressione del sergente Long; si era arrestata, rimaneva
ferma, come al tempo in cui l'istmo la saldava al continente
americano.
Ma 600 miglia la separavano allora dalle terre abitate, e queste
600 miglia bisognava percorrerle con le slitte, seguendo la superficie
solidificata del mare, in mezzo alle montagne di ghiaccio che il
freddo stava per accumulare, e durante i pi aspri mesi dell'inverno
artico.
Era una terribile impresa, eppure era l'unica soluzione.
Quell'inverno che il tenente Hobson aveva invocato con tutta l'anima
era giunto finalmente, aveva arrestato la funesta corsa dell'isola verso
il Nord, stava per gettare un ponte di 600 miglia fra essa e i vicini
continenti! Bisognava, dunque, approfittare di quelle nuove
condizioni e rimpatriare la colonia perduta nelle regioni iperboree.
Infatti, come spieg il tenente Hobson agli amici, non si poteva
aspettare che nella prossima primavera i ghiacci cominciassero a
sciogliersi; sarebbe stato tutt'uno come abbandonarsi ancora ai
capricci delle correnti del mare di Bering. Si trattava, dunque,
unicamente di aspettare che il mare fosse sufficientemente congelato,
cio un lasso di tempo che si poteva valutare di tre o quattro
settimane. Frattanto il tenente J asper Hobson contava di fare
frequenti ricognizioni sull'ice-field che racchiudeva l'isola, per
determinare il suo stato di solidificazione, l'attrito posto allo
scivolare delle slitte, e decidere la via pi agevole per dirigersi verso
le spiagge asiatiche o verso il continente americano.
Si intende, aggiunse J asper Hobson, il quale discorreva
allora di queste cose con Paolina Barnett e con il sergente Long, si
intende che cercheremo di raggiungere le terre della Nuova Georgia e
non le coste dell'Asia e che, davanti a una scelta, volgeremo
preferibilmente i nostri passi verso l'America russa.
Kalumah, in tal caso, ci sar utilissima, rispose Paolina
Barnett, poich, come indigena, conosce perfettamente questi
territori della Nuova Georgia.
Utilissima davvero, disse il tenente Hobson, e il suo
arrivo fino a noi fu veramente provvidenziale. Grazie a lei sar facile
giungere alle stazioni del forte Michel nel golfo di Norton, o anche,
assai pi a sud, alla citt di New Arkangel, dove finiremo di
trascorrere l'inverno.
Povero forte Esprance! disse Paolina Barnett. Costruito
a prezzo di tante fatiche e cos felicemente fondato da voi, signor
Hobson! Mi si spezzer il cuore doverlo abbandonare su questa isola,
in mezzo a questi campi di ghiaccio, e lasciarlo forse al di l della
insuperabile banchisa. S, quando partiremo, mi si spezzer il cuore,
dandogli l'ultimo addio.
Non soffrir meno di voi, signora, rispose il tenente
Hobson, e forse pi ancora! Era l'opera pi importante della mia
vita! Avevo posto tutta la mia intelligenza, tutta la mia energia nella
fondazione di questo forte, Esprance, cos disgraziatamente
nominato, e non mi consoler mai di essere stato costretto ad
abbandonarlo! E poi, che dir la Compagnia che mi aveva affidato
quest'impresa e di cui io non sono se non l'umile agente?
Dir, signor J asper, esclam Paolina Barnett con generoso
ardore, dir che avete fatto il vostro dovere, che non potete essere
responsabile dei capricci della natura che, sempre e in ogni luogo,
pi forte della mano e dello spirito dell'uomo. Comprender che non
potevate prevedere ci che accadde perch era fuori delle previsioni
umane. Sapr infine che, grazie alla vostra prudenza e alla vostra
energia morale, non dovr rimpiangere la perdita di un solo dei
compagni che vi aveva affidato.
Grazie, signora, rispose il tenente stringendo la mano di
Paolina Barnett, vi ringrazio di queste parole che vi detta il cuore,
ma io conosco un poco gli uomini, e, credetemi, vale di pi riuscire
che fallire. Del resto sia fatta la volont del cielo.
Il sergente Long, volendo interrompere le tristi idee del tenente,
condusse la conversazione sulle condizioni presenti; parl dei
preparativi da incominciare per una prossima partenza, e infine gli
domand se pensava di far partecipi i compagni della vera situazione
dell'isola Vittoria.
Aspettiamo ancora, rispose J asper Hobson, noi abbiamo
con il nostro silenzio risparmiato finora molte inquietudini a quella
povera gente. Aspettiamo che il giorno della nostra partenza sia
definitivamente fissato; allora faremo loro conoscere tutta la verit.
Deciso questo, i lavori consueti del forte continuarono nelle
settimane successive.
Qual era, un anno prima, la situazione degli abitanti, allora lieti e
contenti, del forte Esprance?
Un anno prima, gli indizi della fredda stagione apparvero come
ora; i nuovi ghiacci si formarono a poco a poco sul litorale; lo stagno,
le cui acque erano pi calme di quelle del mare, si gel prima; la
temperatura si mantenne durante il giorno di uno o due gradi sopra il
punto di congelamento e si abbass fino a tre o quattro gradi sotto
durante la notte. J asper Hobson cominci a far indossare ai suoi
uomini gli indumenti invernali, pellicce, abiti di lana. Si collocarono
i condensatori all'interno della casa, si pulirono i serbatoi d'aria e le
trombe d'aerazione. Si posero trappole intorno alle palizzate del
recinto, nei dintorni del capo Bathurst, e Sabine e Marbr si
rallegravano dei loro trionfi di cacciatori.
Finalmente furono terminati gli ultimi lavori di preparazione della
casa principale.
Quest'anno i bravi uomini si comportarono nello stesso modo.
Bench il forte Esprance fosse circa di due gradi pi su in latitudine
del punto in cui si trovava all'inizio dell'ultimo inverno, questa
differenza non doveva arrecare una modifica molto forte nello stato
medio della temperatura.
Infatti, fra il 70 e il 72 parallelo, la differenza non cos forte da
mutare di molto la media termometrica. Piuttosto era stato notato che
il freddo era ora meno intenso di quanto non lo fosse all'inizio del
passato svernamento. Ma, probabilmente pareva pi sopportabile
perch gli svernatori erano gi abituati a quel rigido clima.
Occorre notare peraltro che la brutta stagione non si annunci con
il consueto rigore. Il tempo era umido e l'atmosfera si faceva ogni
giorno pi greve di vapori che ricadevano ora in pioggia, ora in neve.
Non faceva certo tanto freddo, quanto desiderava il tenente Hobson.
Il mare si gelava intorno all'isola, ma in maniera irregolare e
discontinua. Larghe macchie nerastre disseminate sulla superficie
dell'ice-field indicavano che i ghiacci non erano ancora ben saldati
fra di loro. Si sentivano quasi incessantemente rumori rimbombanti,
dovuti alla rottura del banco, che si componeva di un numero infinito
di pezzi insufficientemente saldati, e di cui la pioggia scioglieva le
parti superiori.
Non si percepiva quella enorme pressione che si produce, di
solito, quando i ghiacci crescono rapidamente sotto un freddo vivo e
si accumulano gli uni sugli altri. Gli icebergs e perfino gli hummocks
erano rari, la banchisa non era ancora formata all'orizzonte.
Ecco una stagione, ripeteva sovente il sergente Long, che
non sarebbe dispiaciuta ai cercatori del Passaggio di nord-ovest o
agli scopritori del Polo Nord, e che invece particolarmente
sfavorevole ai nostri progetti.
Continu cos per tutto il mese di ottobre, e J asper Hobson accert
che la media della temperatura non super mai 0 C. Ora, noto che
ci vogliono sette o otto gradi sotto il punto di congelamento, e per
molti giorni, perch il mare si solidifichi.
D'altra parte un particolare che non sfugg n a Paolina Barnett, n
al tenente Hobson, dimostr che lice-field non era in alcun modo
praticabile.
Gli animali imprigionati nell'isola, animali da pelliccia, renne, lupi
ecc., sarebbero evidentemente fuggiti verso latitudini pi basse se la
fuga fosse stata possibile, vale a dire se il mare solidificato avesse
loro offerto un sicuro passaggio. Invece essi abbondavano sempre
intorno al forte, e ricercavano sempre di pi la vicinanza dell'uomo.
Gli stessi lupi venivano fino a tiro di fucile per divorare le martore o
le lepri polari che formavano il loro unico nutrimento.
Le renne affamate, non avendo pi n muschio n erbe da brucare,
gironzolavano a branchi nei dintorni del capo Bathurst. Un orso,
senza dubbio quello verso il quale Paolina Barnett e Kalumah
avevano contratto un debito di riconoscenza, si faceva notare
frequentemente tra gli alberi del forte, sulle rive dello stagno. Ora, se
quei diversi animali, e in modo particolare i ruminanti, ai quali era
necessario un nutrimento esclusivamente vegetale, erano ancora
sull'isola Vittoria in quel mese di ottobre, era un segno evidente che
non avevano potuto e non potevano fuggire.
Abbiamo detto che la media della temperatura si manteneva a 0
C. Ora, quando J asper Hobson consult il suo diario, vide che
l'inverno precedente, in quello stesso mese di ottobre, il termometro
segnava gi 20 F (-10 C). Quale differenza, e come la temperatura
si distribuisce in modo disuguale nelle regioni polari!
Gli svernatori non soffrivano dunque nulla per il freddo e non
furono obbligati a chiudersi in casa. Tuttavia l'umidit era grande,
perch le piogge continue miste a neve cadevano di frequente, e il
barometro indicava che l'atmosfera era satura di vapori.
Durante quel mese di ottobre J asper Hobson e il sergente Long
intrapresero parecchie escursioni per studiare lo stato dell'ice-field al
largo dell'isola.
Un giorno andarono al capo Michel, un altro all'angolo dell'antica
baia dei Trichechi, desiderosi di sapere se il passaggio era praticabile,
sia verso il continente americano, sia verso il continente asiatico, e se
la partenza poteva essere fissata.
Ora, la superficie del campo di ghiaccio era coperta di pozze
d'acqua, e in certi luoghi crivellata di crepacci che avrebbero
certamente creato ostacoli alle slitte. Sembrava persino che un
viaggiatore non potesse avventurarsi neppure a piedi in quel deserto,
pi liquido che solido. Una cosa provava davvero che un freddo
insufficiente e irregolare, una temperatura intermittente, avevano
prodotto quella incompleta solidificazione, ed era la moltitudine delle
punte cristalline, dei prismi, dei poliedri di ogni genere che
rendevano irta la superficie dellice-field come un ammasso di
stalattiti. Esso rassomigliava meglio a un ghiacciaio che a un campo;
questo avrebbe reso il cammino molto penoso anche se fosse stato
praticabile.
Il tenente Hobson e il sergente Long, avventurandosi sullice-
field, fecero i cos un miglio o due nella direzione a sud, ma con
fatiche infinite e impiegandovi un tempo considerevole.
Riconobbero dunque che bisognava ancora aspettare e tornarono
molto sconfortati al forte Esprance.
Giunsero i primi giorni di novembre; la temperatura si abbass un
poco ma solo di qualche grado. Non bastava. Grandi nebbie umide
avvolgevano l'isola Vittoria e bisognava tenere accese le lampade
nella sala tutta la giornata. Del resto la provvista d'olio doveva essere
ben distribuita, perch il forte non era stato approvvigionato dal
capitano Craventy, e, d'altra parte, la caccia alle foche era divenuta
impossibile, poich quegli anfibi non frequentavano pi l'isola
errante.
Perci se l'inverno continuava in queste condizioni, gli svernatori
sarebbero stati presto costretti a usare il grasso degli animali o anche
la resina degli abeti, per procurarsi un po' di luce. Gi i giorni erano
eccessivamente corti e il sole, che non presentava pi allo sguardo se
non un pallido disco senza calore e senza luce, rimaneva solo per
poche ore sopra l'orizzonte. S, era davvero inverno, con le sue
nebbie, le sue piogge, le sue nevi; l'inverno, ma non il freddo!
L'11 novembre vi fu festa al forte Esprance, tanto vero che la
signora J oliffe serv qualche extra al pranzo di mezzogiorno. Era
l'anniversario della nascita del piccolo Michele Mac Nap. Il bambino
compiva giusto un anno in quel giorno. Egli stava bene, ed era bello
con i suoi capelli biondi inanellati, con gli occhi azzurri.
Assomigliava a suo padre, il mastro carpentiere, somiglianza di cui il
brav'uomo andava molto fiero. Alla frutta il marmocchio venne
pesato solennemente. Bisognava vederlo come si agitava sulla
bilancia. E che strilli mandava! Pesava ben sedici chilogrammi. Che
trionfo, e quanti evviva accolsero la notizia di un cos notevole peso
e quanti complimenti fecero alla brava Mac Nap, come nutrice e
come madre!
Non si sa bene perch il caporale J oliffe prendesse per se stesso
una gran parte di queste congratulazioni. Come balio, senza dubbio e
come governante del bimbo. Il degno caporale l'aveva tanto portato,
dondolato e cullato, che credeva di essere responsabile per qualcosa
nel suo peso specifico!
Il giorno dopo, 12 novembre, il sole non apparve sull'orizzonte.
Cominciava la notte polare, nove giorni prima dell'inverno
precedente sul continente americano; la causa era la differenza di
latitudine tra questo continente e l'isola Vittoria.
Tuttavia questa scomparsa del sole non produsse nessun
cambiamento nello stato dell'atmosfera. La temperatura rest
capricciosa e indecisa. Il termometro un giorno si abbassava e un
altro saliva. La pioggia e la neve si alternavano. Il vento era umido e
non spirava da nessun punto ben preciso e qualche volta passava,
nella stessa giornata, per tutti i punti della bussola.
Questo clima era da temere perch poteva causare lo scorbuto agli
svernatori.
Fortunatamente, se per la mancanza dell'approvvigionamento
convenuto il succo di limone, di cedro e le pastiglie di calcio
cominciavano a mancare, almeno la raccolta di acetosa e di coclearia
era stata abbondante e seguendo le raccomandazioni del tenente
Hobson se ne faceva un uso quotidiano.
Tuttavia bisognava tentar di tutto per lasciare il forte Esprance;
nelle condizioni in cui si era, tre mesi sarebbero bastati forse per
giungere al continente pi vicino. Ora non si poteva esporre la
spedizione, una volta avventuratasi sui campi di ghiaccio, ad essere
sorpresa dallo squagliamento prima di aver toccato la terraferma. Era
dunque necessario partire alla fine di novembre, se si doveva partire.
Circa la partenza non vi erano dubbi, ma se in un inverno rigido,
che avrebbe ben saldato tutte le parti dell'ice-field, il viaggio era gi
difficile, in quella stagione indecisa diveniva ancora pi pesante.
Il 13 novembre J asper Hobson, Paolina Barnett e il sergente Long
si riunirono per fissare il giorno della partenza. Era opinione del
sergente che bisognasse lasciare l'isola al pi presto.
Poich, egli diceva, noi dobbiamo contare su tutti i
ritardi possibili in una traversata di 600 miglia. Ora bisogna che
prima del mese di marzo mettiamo piede sul continente, oppure, con
il disgelo, rischieremo di ritrovarci in una situazione ancora pi
brutta che sulla nostra isola.
Ma, rispose Paolina Barnett, il mare poi abbastanza
gelato per rischiare questa traversata?
S, replic il sergente Long; tutti gli anni il ghiaccio
tende a ingrossarsi. Inoltre il barometro risale a poco a poco, il che
indizio di abbassamento di temperatura. E prima che i nostri
preparativi siano terminati, e ci vorr una buona settimana, credo che
ci sar assolutamente il freddo necessario.
Non importa, disse il tenente Hobson, l'inverno
incomincia male, e tutto congiura contro di noi. Si sono viste qualche
volta bizzarre stagioni in questi mari, e i balenieri hanno potuto
navigare per luoghi dove, anche durante l'estate, non avrebbero
trovato negli altri anni un centimetro d'acqua sotto la chiglia;
qualunque cosa accada, penso che non ci sia un giorno da perdere.
Mi dispiace solamente che la temperatura normale di queste latitudini
non ci sia venuta in aiuto.
Verr, disse la signora Barnett; in ogni caso bisogna
essere pronti ad approfittare delle occasioni. Qual il termine ultimo
che volete fissare per la partenza, signor J asper?
Per la fine di novembre, come massimo; ma se fra otto giorni,
verso il 20 di questo mese, i nostri preparativi fossero terminati e
lice-field fosse praticabile, mi riterrei fortunato, e potremmo partire.
Bene, disse il sergente Long, dobbiamo dunque
prepararci senza perdere un istante.
Allora, signor Hobson, domand la signora Barnett,
farete conoscere ai nostri compagni la situazione in cui si trovano?
S, il momento di parlare venuto, poich venuto il momento
di agire.
E quando contate di dire loro ci che ignorano?
Ora, sergente Long, soggiunse J asper Hobson, volgendosi al
sottufficiale che si mise subito sull'attenti, fate riunire tutti i vostri
uomini nella grande sala per ricevere una comunicazione.
Il sergente Long gir automaticamente sui tacchi e usc a passo
cadenzato, dopo aver fatto il saluto militare.
Per alcuni minuti Paolina Barnett e il tenente restarono soli senza
proferire parola. Il sergente rientr subito e avvert J asper Hobson
che i suoi ordini erano stati eseguiti.
J asper Hobson e la viaggiatrice entrarono nel salone in cui si
trovavano riuniti tutti gli abitanti del forte, uomini e donne,
malamente rischiarati dalla luce delle lampade.
J asper Hobson si port in mezzo ai compagni, e con voce grave:
Amici, disse, fin qui ho ritenuto opportuno risparmiarvi
inutili inquietudini e vi ho nascosto la reale situazione in cui si trova
il forte Esprance Un terremoto ci ha separati dal continente
Questo capo Bathurst stato distaccato dalla costa americana La
nostra penisola non pi che un'isola di ghiaccio, un'isola errante
In quel momento Marbr avanz verso J asper Hobson, e disse con
voce ferma:
Lo sapevamo, tenente.
CAPITOLO XII
UN RISCHIO DA TENTARE
Lo SAPEVANO. Che brave persone! E, per non aumentare le pene
del loro capo, avevano finto di ignorare tutto e avevano continuato a
svolgere con entusiasmo i lavori per lo svernamento.
Lacrime di tenerezza vennero agli occhi di J asper Hobson, il quale
non cerc di nascondere la propria commozione, prese la mano che
gli tendeva il cacciatore Marbr e la serr forte.
Si, quei bravi soldati sapevano tutto, poich Marbr aveva
indovinato tutto e da molto tempo. Quella trappola da renne riempita
d'acqua salata, quella spedizione attesa dal forte Reliance e che non
era giunta, le operazioni di latitudini fatte ogni giorno e che
sarebbero state inutili in terraferma, e le precauzioni che il tenente
Hobson prendeva per non essere visto a farle, quegli animali che non
erano fuggiti nell'inverno, infine il cambiamento di orientazione
avvenuto negli ultimi giorni, cambiamento di cui essi si erano ben
accorti: tutti questi indizi riuniti avevano fatto capire la situazione
agli abitanti del forte Esprance. Solo l'arrivo di Kalumah era loro
sembrato inesplicabile e avevano dovuto supporre, e del resto era
vero, che un uragano avesse gettato la giovane eschimese sulle
spiagge dell'isola.
Marbr, che aveva scoperto queste cose prima degli altri, aveva
esposto le sue idee al carpentiere Mac Nap e al fabbro Ra. Tutti e tre
considerarono freddamente la situazione e furono d'accordo nel
decidere di dover prevenire non solo i compagni, ma anche le loro
donne; per tutti avevano promesso di non dare a vedere di nulla con
il loro capo e di ubbidirlo ciecamente come per il passato.
Siete brava gente, amici, disse allora Paolina Barnett
commossa profondamente da questa delicatezza, voi siete bravi e
coraggiosi soldati.
il nostro tenente, rispose Mac Nap, pu contare su di
noi; egli ha fatto il suo dovere, noi faremo il nostro.
S, cari compagni, disse J asper Hobson, il cielo non ci
abbandoner e noi l'aiuteremo a salvarci!
Poi J asper Hobson raccont tutto quanto era avvenuto dal tempo
in cui il terremoto aveva rotto l'istmo e fatto un'isola dei territori
continentali del capo Bathurst. Egli disse come, sul mare libero di
ghiacci, a primavera, la nuova isola fosse stata trascinata a pi di 200
miglia dalla costa da una corrente sconosciuta, come l'uragano
l'avesse ricondotta in vista della terra, poi allontanata di nuovo nella
notte del 31 agosto; come infine la coraggiosa Kalumah avesse
rischiato la vita per venire in soccorso dei suoi amici europei. Poi
fece conoscere i cambiamenti avvenuti nell'isola, che si fondeva a
poco a poco nelle acque pi calde, e il timore che avevano avuto di
essere trascinati fino nel Pacifico ed essere presi nella corrente del
Kamciatka.
Infine inform i compagni che l'isola errante si era
definitivamente arrestata il 27 settembre.
Poi, avendo portato la carta dei mari artici, J asper Hobson mostr
la posizione che l'isola occupava a pi di seicento miglia da qualsiasi
terra.
Termin dicendo che la situazione era estremamente pericolosa,
che l'isola sarebbe andata necessariamente in frantumi quando
sarebbe avvenuto il prossimo disgelo e che, prima di ricorrere
all'imbarcazione, la quale non poteva servire se non nella prossima
estate, bisognava approfittare dell'inverno per arrivare al continente
americano, camminando attraverso il campo di ghiaccio.
Avremo 600 miglia da percorrere, con il freddo e nella notte;
sar duro, amici, ma voi siete d'accordo con me che non si pu
indietreggiare.
Quando darete il segnale della partenza, tenente, rispose
Mac Nap, vi seguiremo!
Tutto fu cos deciso; da quel giorno in poi, i preparativi della
pericolosa spedizione furono fatti rapidamente; gli uomini avevano
coraggiosamente accettato l'idea di avere 600 miglia da percorrere in
quelle condizioni. Il sergente Long dirigeva i lavori, mentre J asper
Hobson, i due cacciatori e Paolina Barnett, andavano molto spesso a
controllare le condizioni dell'ice-field.
Kalumah li accompagnava molto spesso e i suoi consigli, fondati
sull'esperienza, erano molto utili al tenente. La partenza, salvo ritardi
imprevisti, fu stabilita per il 20 novembre; non c'era un istante da
perdere. Come aveva previsto J asper Hobson, il vento aument, la
temperatura si abbass alquanto, la colonna di mercurio segn perci
24 F (-4 44' C).
La neve successe alla pioggia dei giorni precedenti e si indur al
suolo. Pochi giorni di quel freddo e le slitte avrebbero potuto
scivolare. Il crepaccio formatosi vicino al capo Michel era in parte
ricolmo di ghiaccio e di neve, ma non bisognava dimenticare che le
sue acque, essendo pi calme, avevano dovuto gelare pi presto. E lo
provava molto bene il fatto che le acque del mare non presentavano
uno stato cos soddisfacente.
Infatti il vento soffiava incessantemente e con una certa violenza.
I cavalloni si opponevano alla formazione regolare del ghiaccio che
non si concentrava a sufficienza. Larghe pozze d'acqua separavano i
ghiacci in molti luoghi, ed era ancora impossibile tentare un
passaggio attraverso lice-field.
Il tempo si mette proprio al freddo, disse un giorno Paolina
Barnett al tenente J asper Hobson, durante una ricognizione che era
stata spinta fino a sud dell'isola; la temperatura si abbassa in modo
sensibile e queste zone liquide non tarderanno a gelare.
Io lo credo come voi, signora, rispose J asper Hobson, ma
sfortunatamente il modo con cui questo congelamento avviene
poco favorevole ai nostri progetti. I ghiacci sono ancora piccoli, i
loro margini formano altrettante escrescenze che rendono irta tutta la
superficie e su questo scabro ice-field le nostre slitte, qualora
potessero scivolare, scivolerebbero a gran stento.
Ma, riprese a dire la viaggiatrice, se non mi inganno,
sarebbe necessario solo qualche giorno o anche qualche ora di fitta
neve per livellare tutta questa superficie!
Senza dubbio, signora, rispose il tenente, ma se nevica,
segno che la temperatura risalita, e se la temperatura risale, il
campo di ghiaccio si spaccher ancora. un dilemma le cui due
conseguenze sono contro di noi!
Vediamo, signor Hobson, disse Paolina Barnett, bisogna
dire che saremmo veramente sfortunati, se subissimo, nel luogo in
cui siamo, in pieno Mare Artico, un inverno temperato invece di un
inverno artico.
avvenuto altre volte, signora. Vi ricorder del resto quanto
sia stata rigida la stagione fredda che abbiamo passata sul continente
americano. Ora, si osservato sovente che raro che due inverni
identici di rigore e di durata si succedano l'uno all'altro, e i balenieri
dei mari boreali lo sanno a meraviglia. Certamente, signora,
saremmo ben sfortunati! Un inverno freddo, mentre noi avremmo
preferito un inverno moderato, e un inverno moderato quando
avevamo bisogno di uno freddo! Occorre dire che finora fummo
assai poco fortunati! E quando penso che abbiamo una distanza di
seicento miglia da percorrere, con donne e un fanciullo!
E J asper Hobson, stendendo la mano verso il sud, mostr lo spazio
infinito che si parava dinanzi agli occhi, una vasta distesa bianca,
capricciosamente frastagliata come un ricamo. Un ben triste aspetto
offriva quel mare gelato in modo irregolare, la cui superficie
scricchiolava con sinistro rumore!
Una luna torbida, mezzo nascosta nelle umide nebbie, elevandosi
appena di alcuni gradi sopra quel tenebroso orizzonte, gettava una
luce sinistra su tutto quell'insieme. Fra la penombra e certi fenomeni
di rifrazione, la grandezza degli oggetti pareva raddoppiata. Alcuni
icebergs di mediocre altezza prendevano dimensioni colossali e
pigliavano talvolta la forma di mostri apocalittici. Parecchi uccelli
fendevano l'aria con gran rumore d'ali, e il pi piccolo di essi, per
quella stessa illusione ottica, pareva pi grande di un condor o di un
gipeto. In alcune direzioni, in mezzo a montagne di ghiaccio,
sembrava che si aprissero immense gallerie nere, nelle quali l'uomo
pi audace avrebbe esitato a inoltrarsi. Poi si producevano subitanei
movimenti, dovuti all'urto degli icebergs, corrosi alla base, che
cercavano un nuovo equilibrio, e il chiasso assordante era ripercosso
dagli echi sonori dei ghiacci. La scena cambiava cos a vista come su
un teatro! Con quale paura e preoccupazione dovevano considerare
quei terribili fenomeni, gli sfortunati svernatori che stavano per
avventurarsi sul campo di ghiaccio!
Nonostante il suo coraggio e la sua indomita energia, la
viaggiatrice si sentiva vinta da involontari timori, e la sua anima si
gelava come il suo corpo. Era tentata di tapparsi gli occhi e le
orecchie per non vedere e per non sentire. Quando la luna si velava
un istante di una nebbia pi fitta, l'aspetto di quel paesaggio polare si
faceva sempre pi sinistro, e Paolina Barnett immaginava allora la
comitiva di uomini e di donne, in cammino attraverso quelle
solitudini, in mezzo alle burrasche, alle nevi, sotto le valanghe e nella
profonda oscurit di una notte artica!
Tuttavia la signora Barnett si sforzava di guardare. Voleva
abituare lo sguardo a quegli aspetti e rinvigorire lo spirito contro il
terrore. Stava osservando quando a un tratto le sfugg un grido dal
petto e la sua mano strinse quella del tenente Hobson, a cui mostr
con il dito un ammasso enorme, dalle forme incerte, che si muoveva
nella penombra a cento passi appena.
Era un mostro di un candore abbagliante, di una statura
gigantesca, la cui altezza superava i quindici metri. Esso andava
lentamente sui ghiacci sparsi, saltando dall'uno all'altro con balzi
formidabili, agitando le smisurate zampe che avrebbero potuto
abbracciare in una volta dieci grosse querce. Sembrava che anch'esso
stesse cercando un passaggio attraverso lice-field per fuggire
dall'isola funesta. Si vedevano i ghiacci sprofondare sotto i suoi
piedi, ed esso non riusciva a rimettersi in equilibrio se non dopo
movimenti disordinati.
Il mostro avanz cos per un quarto di miglio sul campo di
ghiaccio. Poi, non trovando alcun passaggio, ritorn sui suoi passi e
si diresse verso quella parte del litorale dove erano il tenente Hobson
e Paolina Barnett.
In quel momento J asper Hobson impugn il fucile che teneva a
tracolla e si tenne pronto a far fuoco.
Ma subito dopo aver mirato all'animale, lasci ricadere l'arma e
disse a mezza voce:
Un orso, signora; non che un orso, le cui dimensioni sono
state smisuratamente ingrandite dalla rifrazione.
Era infatti un orso polare, e Paolina Barnett riconobbe subito di
essere stata colpita da un'illusione ottica. Essa respir, poi le venne
un'idea.
il mio orso! esclam; un orso di Terranova come
dimostra la sua dedizione! Molto probabilmente il solo che resti
nell'isola! Ma che fa laggi?
Tenta di fuggire, signora, rispose il tenente Hobson
crollando il capo. Cerca di fuggire da quest'isola maledetta! E non
lo pu ancora, e ci dimostra che se la via chiusa per lui chiusa
anche per noi.
J asper Hobson non si ingannava. L'animale prigioniero aveva
tentato di lasciare l'isola per arrivare in qualche punto del continente;
non essendoci riuscito, se ne tornava al litorale. L'orso, scuotendo la
testa e grugnendo sordamente, pass a circa venti metri appena dal
tenente e dalla sua compagna. O non li vide o sdegn di vederli,
poich continu per la sua via con passo pesante; si diresse verso il
capo Michel e disparve in breve dietro una collina.
Quel giorno il tenente Hobson e la signora Barnett ritornarono
tristi e silenziosi al forte.
Tuttavia, come se la traversata del campo di ghiaccio fosse
praticabile, i preparativi della partenza continuarono attivamente al
forte. Non si doveva tralasciare nulla per la sicurezza della
spedizione; bisognava prevedere ogni cosa e tener conto non delle
difficolt e delle fatiche soltanto, ma anche dei capricci di quella
notte polare che si difende cos energicamente dalle interferenze
umane. Le mute di cani erano state oggetto di cure particolari. Si
lasciarono correre nei dintorni del forte, affinch l'esercizio ridesse
loro le forze un po' intorpidite dal lungo riposo. Insomma, quegli
animali si trovavano tutti in uno stato soddisfacente e potevano, se si
aveva cura di non sfruttarli al massimo, affrontare un lungo viaggio.
Le slitte furono ispezionate con cure particolari; la superficie
scabrosa dell'ice-field doveva necessariamente esporle a violenti
sbalzi; perci dovettero essere rinforzate le loro parti principali, cio
i loro telai inferiori e i pattini incurvati nella parte anteriore.
Quell'operazione spettava di diritto al carpentiere Mac Nap e ai suoi
uomini, i quali resero i veicoli pi solidi che fosse possibile.
Inoltre si costruirono due slitte di grandi dimensioni, destinate
l'una al trasporto delle provviste, l'altra al trasporto delle pellicce;
dovevano essere trascinate da renne domestiche, che furono
perfettamente esercitate a questo uso. Le pellicce erano, come si
vede, un bagaglio di lusso, di cui non era forse giusto sbarazzarsi.
J asper Hobson voleva, per quanto gli era possibile, fare gli interessi
della Compagnia della baia di Hudson, ben deciso del resto ad
abbandonare quelle pellicce lungo il cammino, qualora
imbarazzassero e impedissero in qualche modo il viaggio della
carovana. D'altra parte non si rischiava nulla, poich quelle preziose
pellicce, quand'anche fossero state lasciate nei magazzini del forte,
sarebbero andate inevitabilmente perdute.
Quanto alle provviste, era ben altra cosa. I viveri dovevano essere
abbondanti e facilmente trasportabili. Non si poteva in nessun modo
contare sui prodotti della caccia. La selvaggina commestibile, appena
il passaggio fosse divenuto praticabile, li avrebbe preceduti
raggiungendo in breve le regioni del sud. Dunque, carni conservate,
corn-beef, pasticci di lepre, pesci secchi e biscotti, la cui quantit era
disgraziatamente molto diminuita, grandi provviste di acetosa e di
coclearia, acquavite e cognac per la preparazione di bevande calde
ecc., furono deposti in un carro speciale.
J asper Hobson avrebbe voluto portare con s qualcosa di
combustibile, poich per 600 miglia non avrebbero trovato n un
albero, n un arbusto, n un filo di musco, e non si poteva contare
sulle travi, n sui legni trasportati dal mare. Ma un tale sovraccarico
sarebbe stato controproducente e si dovette rinunciarvi.
Fortunatamente gli abiti caldi non mancavano; erano infatti
numerosi, confortevoli, e se era necessario si poteva ricorrere al carro
delle pellicce.
Quanto a Tommaso Black, che dopo la sua disavventura con la
luna si era ritirato dal mondo, sfuggendo i compagni e confinandosi
nella sua camera, egli non aveva mai preso parte alle riunioni del
tenente, del sergente e della viaggiatrice, e riapparve solamente
quando venne fissato il giorno dalla partenza. Ma allora egli si
occup esclusivamente della slitta che doveva trasportare lui, i suoi
strumenti e i suoi registri, sempre muto, e nessuno pot cavargli una
parola di bocca. Aveva tutto dimenticato, perfino di essere uno
scienziato; e poich aveva fallito nella osservazione dell'eclisse,
poich lo studio delle protuberanze lunari gli era sfuggito, egli non
aveva pi studiato i fenomeni particolari delle alte latitudini, come
aurore boreali, aloni e paraseleni. Infine, negli ultimi giorni, ciascuno
aveva lavorato con tanta diligenza e tanto zelo, che nella mattinata
del 18 novembre erano pronti per partire.
Sfortunatamente il campo non era ancora praticabile. Se la
temperatura si era alquanto abbassata, il freddo non era per stato
cos vivo da solidificare tutta la superficie del mare.
La neve, del resto a piccolissime falde, non cadeva in modo
uguale e continuo. J asper Hobson, Marbr e Sabine avevano tutti i
giorni percorso il litorale dell'isola, dal capo Michel all'angolo
dell'antica baia dei Trichechi. Si erano anche avventurati sull'ice-field
per un raggio di un miglio e mezzo circa, e avevano dovuto
riconoscere che i crepacci, i burroni, le spaccature lo attraversavano
per tutti i versi. Non solo le slitte, ma anche uomini a piedi, liberi nei
loro movimenti, non avrebbero potuto avventurarvisi. Le fatiche del
tenente Hobson e dei suoi uomini durante quelle brevi spedizioni
erano state estreme, e pi di una volta essi temettero di non poter
tornare all'isola Vittoria, per quella via cos instabile e in mezzo ai
ghiacci ancora mobili.
Sembrava davvero che la natura si accanisse contro quegli
sfortunati svernatori. Nelle giornate del 18 e 19 novembre il
termometro risal, mentre il barometro discese.
Questo cambiamento delle condizioni atmosferiche produsse un
risultato funesto. Nel tempo stesso in cui il freddo diminuiva, il cielo
si copriva di nuvole; con 34 F (+111'C) la poggia e non la neve
cadde in abbondanza.
Quegli acquazzoni, relativamente caldi, scioglievano il bianco
strato in molti luoghi. Si pu ben immaginare l'effetto di quell'acqua
che cadeva dal cielo sul ghiaccio che finiva con il dissolversi. Ci si
poteva aspettare che il ghiaccio si sciogliesse, e infatti vi erano
sull'ice-field tracce di disgelo come in primavera. Il tenente Hobson
che, nonostante il tempo orribile, andava quotidianamente fino a sud
dell'isola, ritorn un giorno disperato.
Il 20, una nuova tempesta, simile press'a poco per violenza a
quella che li aveva assaliti un mese prima, si scaten sulle zone
funeste del Mare Artico. Gli svernatori dovettero rinunciare a uscire
e per cinque giorni furono confinati nel forte Esprance.
CAPITOLO XIII
SULL' IMMENSO BANCO DI GHIACCIO
FINALMENTE il 22 novembre il tempo cominci a ristabilirsi. In
poche ore la tempesta si calm. Il vento si mise a fischiare dal nord e
il termometro si abbass di qualche grado. Alcuni uccelli dal lungo
volo scomparvero. Forse si poteva finalmente sperare che la
temperatura divenisse come doveva essere a quel tempo dell'anno e
in quella latitudine. Gli svernatori si lagnavano davvero che il freddo
non fosse forte quanto quello dell'ultimo inverno, quando la colonna
di mercurio scese a 72 F sotto zero (-55 C).
J asper Hobson decise di non aspettare oltre ad abbandonare l'isola
Vittoria, e il mattino del 22 tutta la piccola comitiva fu pronta a
lasciare il forte Esprance e l'isola, allora confusa con tutto l'ice-field,
saldata ad esso, e perci riunita al continente americano da un banco
di ghiaccio di 600 miglia.
Alle undici e mezzo del mattino, in un'atmosfera grigiastra ma
tranquilla, illuminata dall'orizzonte allo zenit da una magnifica
aurora boreale, il tenente Hobson diede l'ordine della partenza. I cani
furono attaccati alle slitte. Tre coppie di renne domestiche furono
aggiogate alle slitte e si parti silenziosamente nella direzione del capo
Michel, punto in cui l'isola propriamente detta doveva essere lasciata
per avventurarsi sull'ice-field.
La carovana segu i contorni della collina boschiva, a est del lago
Barnett, ma al momento di superare la punta, ciascuno si volse per
vedere un'ultima volta quel capo Bathurst che abbandonava per non
pi ritornarvi.
Alla luce dell'aurora boreale si disegnavano alcune vette coperte
di neve e due o tre linee bianche che limitavano la cinta del forte.
Una deformazione biancastra che dominava qua e l l'insieme, un po'
di fumo che sfuggiva ancora, ultimo alito di un fuoco che stava per
spegnersi per sempre, questo era il forte Esprance, questo era il
centro che era costato tanto lavoro e tante pene divenute inutili.
Addio! Addio, mia povera casa polare! disse Paolina
Barnett salutandola un'ultima volta con la mano.
E tutti, con quest'ultimo ricordo, ripresero tristemente la via del
ritorno.
Dopo un'ora la carovana era arrivata al capo Michel, dopo aver
girato intorno al crepaccio che il freddo insufficiente dell'inverno non
aveva potuto richiudere. Finora le difficolt del viaggio non erano
state grandi, poich il suolo dell'isola presentava una superficie
relativamente unita. Ma ben altra cosa doveva essere sul campo di
ghiaccio. Infatti l'ice-field, soggetto all'enorme pressione della
banchisa a nord, era senza dubbio irto di icebergs, di hummocks, di
montagne ghiacciate, fra le quali sarebbe stato necessario, e a prezzo
dei pi grandi sforzi, delle massime fatiche, cercare incessantemente
passi praticabili.
Verso sera erano state percorse alcune miglia sui campi di
ghiaccio. Si dovette provvedere al riposo della notte, per cui, alla
maniera degli eschimesi e degli indiani dell'America settentrionale,
vennero scavate snow-houses nei massi di ghiaccio. I coltelli da neve
funzionarono utilmente e abilmente; alle otto, dopo una cena
composta di carne secca, tutto il personale del forte si era cacciato in
quei buchi che sono incredibilmente caldi.
Ma, prima di addormentarsi, Paolina Barnett domand al tenente
se poteva calcolare quanto cammino era stato fatto dal forte
Esprance fino a quell'accampamento.
Credo che siano state percorse solo dieci miglia, rispose
J asper Hobson.
Dieci su seicento! esclam la viaggiatrice, ma allora
impiegheremo tre mesi a superare la distanza che ci separa dal
continente americano.
Tre mesi e forse pi, signora! rispose J asper Hobson, ma
non possiamo andare pi veloci. Noi non viaggiamo pi, come l'anno
scorso, sopra le pianure ghiacciate che separano il forte Reliance dal
capo Bathurst, bens sopra un ice-field, sformato, schiacciato dalla
pressione e che non pu offrirci un cammino agevole! Mi aspetto
grandi difficolt in questo tentativo; voglia Dio che possiamo
superarle! Del resto l'importante non arrivar presto ma di arrivare in
buona salute, e mi reputer felice se nessuno dei miei compagni
mancher all'appello quando giungeremo al forte Reliance. Voglia il
cielo che, fra tre mesi, si possa porre piede sopra un punto qualunque
della costa americana, signora, e non ci rester che ringraziarlo!
La notte pass senza incidenti, ma J asper Hobson, durante la sua
lunga insonnia, aveva creduto di sentire in quel suolo sul quale era
stato fatto l'accampamento, alcuni fremiti di cattivo augurio che
indicavano una mancanza di coesione di tutte le parti dell'ice-field.
Era evidente che l'immenso campo di ghiaccio non era unito in tutte
le sue parti; perci enormi spaccature dovevano tagliarlo in molti
punti; ed erano queste che potevano rendere incerte le comunicazioni
con la terraferma.
Prima della sua partenza, J asper Hobson aveva notato che n gli
animali da pelliccia, n i carnivori dell'isola Vittoria avevano
abbandonato i dintorni del forte; e se quegli animali non erano andati
a cercare per l'inverno climi meno rigidi nelle regioni pi
meridionali, era perch sapevano di incontrare sulla loro strada certi
ostacoli che il loro istinto percepiva. D'altra parte Hobson, tentando
di far rimpatriare la piccola colonia, lanciandosi attraverso il campo
di ghiaccio, aveva agito saggiamente. Era un tentativo da provare,
prima del prossimo disgelo; era sempre in tempo, non riuscendo, a
ritornare sui suoi passi; abbandonando il forte, J asper Hobson non
aveva fatto che il suo dovere.
Il giorno dopo, 23 novembre, il drappello non pot nemmeno
percorrere dieci miglia a est, poich le difficolt che incontrarono
divennero estreme. L'ice-field era orribilmente sconvolto e si poteva
anche osservare, da certi segni assai evidenti, che parecchi banchi di
ghiaccio si erano sovrapposti, spinti senza dubbio dalle irresistibili
banchise in quel vasto imbuto del Mare Artico. Di qui collisioni di
ghiacci, ammassi di icebergs, come se una mano potente avesse
lasciato cadere una quantit di montagne che si erano sparpagliate in
quello spazio.
Era chiaro che una carovana, composta di slitte e di mute, non
poteva passare al disopra di quei massi, e non poteva aprirsi una
strada con il coltello o con l'accetta attraverso quello scompiglio.
Parecchi di quegli icebergs presentavano forme svariatissime, e il
loro insieme dava l'impressione di una citt completamente crollata.
Molti si elevavano sul livello dell'ice-field di cento o centocinquanta
metri, e la loro vetta era formata da enormi massi male equilibrati
che aspettavano solo una scossa, un colpo, anche solo una vibrazione
dell'aria per precipitare come valanghe.
Perci, aggirando quelle montagne di ghiaccio, bisognava
prendere le pi grandi precauzioni. Fu dato ordine in quei punti
pericolosi di non alzar la voce, di non eccitare le mute con lo
schioccare delle fruste. Queste precauzioni non erano esagerate,
poich la minima imprudenza avrebbe potuto causare gravissime
catastrofi.
Ma nel girare intorno a quegli ostacoli, cercando un passo
praticabile, si perdeva moltissimo tempo, si sfiancava il corpo in
fatiche e in sforzi, non si avanzava assolutamente nella direzione
voluta, si facevano dieci miglia in giro per guadagnarne uno solo
verso est. Tuttavia il suolo stabile non mancava ancora sotto i piedi.
Ma il 24 furono ben altri gli ostacoli, e J asper Hobson dovette
giustamente temere di non poterli superare. Infatti dopo avere infine
passato una prima schiera di icebergs, a una ventina di miglia
dall'isola Vittoria, il drappello si trov sopra un campo di ghiaccio
molto meno accidentato e i cui diversi pezzi non erano stati
sottoposti a una forte pressione. Era evidente che, a causa della
direzione delle correnti, la pressione della banchisa non influenzava
quella parte dell'ice-field. Perci J asper Hobson e i suoi compagni
non tardarono a trovarsi bloccati da larghi e profondi crepacci non
ancora congelati. La temperatura era relativamente calda e il
termometro non indicava in media pi di 34 F (+1 11' C). Ora
l'acqua salata, meno facile a congelarsi dell'acqua dolce, non si
solidifica se non a qualche grado sotto il punto di congelamento,
perci il mare non pot gelarsi. Tutte le parti solide che formavano i
banchi e lice-field erano venute dalle latitudini pi alte e, nello
stesso tempo, si trattenevano a vicenda, si mantenevano per cos dire
nel loro freddo; ma quel tratto meridionale del Mare Artico non era
uniformemente congelato, e per di pi cadeva una pioggia calda che
portava con s nuovi elementi di distruzione.
Quel giorno la carovana dovette fermarsi dinanzi a un crepaccio
pieno d'acqua tumultuosa, sparsa di piccoli ghiacci; crepaccio che
non misurava pi di trentacinque metri di larghezza ma che doveva
essere lungo varie miglia.
Per due ore costeggiarono la riva occidentale con la speranza di
giungere all'estremit in modo da riprendere la direzione verso est,
ma invano; dovettero perci fermarsi e preparare l'accampamento.
J asper Hobson, seguito dal sergente Long, prosegu per un quarto
di miglio osservando l'interminabile crepaccio e maledicendo la
mitezza di quell'inverno che gli era tanto fatale.
Tuttavia bisogna passare, disse il sergente Long, noi non
possiamo stare sempre qui.
Bisogna passare, rispose il tenente, e passeremo, sia
risalendo a nord, sia discendendo a sud, poich finiremo
evidentemente di fare il giro di questo crepaccio. Ma dopo questo se
ne presenteranno altri, e sar sempre cos per centinaia di miglia
forse, fin che durer questa incerta e deplorevole temperatura!
Ebbene, tenente, occorre fare alcune ricognizioni prima di
continuare il viaggio.
S, certo, sergente, rispose risolutamente J asper Hobson,
altrimenti rischieremo, dopo aver fatto 500 o 600 miglia di qui e di
l, di non aver nemmeno superato la met della distanza che ci separa
dalla costa americana. S, prima di andare pi avanti necessario
riconoscere la superficie dell'ice-field, ed quello che sto per fare.
Poi, senza aggiunger parola, J asper Hobson si svesti, si gett
nell'acqua mezzo ghiacciata, e da vigoroso nuotatore, raggiunse in
pochi colpi di braccia l'altra riva del crepaccio, poi scomparve
nell'ombra in mezzo agli icebergs.
Alcune ore dopo J asper Hobson, estenuato, rientr
all'accampamento, dove il sergente l'aveva preceduto. Prese in
disparte costui, e fece conoscere a lui e a Paolina Barnett che il
campo di ghiaccio era impraticabile.
Forse, disse, un uomo solo, a piedi, senza slitta, senza
bagagli, riuscirebbe a passare, ma una carovana no! I crepacci si
moltiplicano a est, e veramente, pi che una slitta, sarebbe utile un
battello per trasportarci alla costa americana.
Ebbene, rispose il sergente Long, se solo un uomo pu
tentare questo passaggio, non giusto che qualcuno di noi cerchi di
farlo per andare in cerca di soccorsi?
Io ho pensato di partire rispose J asper Hobson.
Voi, signor J asper?
Voi, tenente?
Queste due domande, fatte simultaneamente alla proposta di
J asper Hobson, provarono come fosse inattesa e quanto sembrasse
inopportuna. Egli, capo della spedizione, partire! Abbandonare
coloro che gli erano affidati, anche se per affrontare i pi grandi
pericoli e nel loro interesse! No, non era possibile. Perci J asper
Hobson non insistette.
S, amici, disse allora, vi comprendo, ci ho pensato e non
vi abbandoner. Ma inutile che uno di voi voglia tentare questo
passaggio! Davvero non riuscirebbe, perirebbe, e pi tardi, quando il
campo di ghiaccio si dissolver, il suo corpo non avrebbe altra tomba
che l'abisso che si apre sotto i nostri piedi! D'altra parte che farebbe
una volta arrivato a New Arkangel? Come potrebbe venire in nostro
soccorso? Noleggerebbe forse un bastimento per venire a cercarci?
Sia! Ma questa nave potrebbe passare solo dopo lo scioglimento; e
chi pu sapere dove sar stata trascinata l'isola Vittoria, se nel Mare
Artico o nello stretto di Bering?
Avete ragione, tenente, rispose il sergente Long.
Restiamo tutti insieme, e se con una nave che dovremo salvarci,
ebbene, l'imbarcazione di Mac Nap sempre l al capo Bathurst;
almeno non avremo che da aspettare!
Paolina Barnett aveva ascoltato senza dir parola. Comprendeva
come, dal momento che l'ice-field non offriva un passaggio
praticabile, non bisognasse pi contare se non sul battello del
carpentiere e aspettare coraggiosamente il disgelo.
Allora, signor J asper, disse, la vostra decisione?
di ritornare all'isola Vittoria.
Ritorniamo dunque e il cielo ci protegga.
Tutto il personale della colonia fu riunito e gli si fece la proposta
di ritornare indietro.
La prima impressione prodotta dalla comunicazione del tenente fu
cattiva. Quella povera gente contava tanto di rimpatriare
attraversando lice-field, che la delusione fu quasi disperata. Ma
reagirono prontamente e tutti si dichiararano pronti a obbedire. J asper
Hobson fece loro conoscere il risultato dell'esplorazione che aveva
fatto, li inform che gli ostacoli si accumulavano a est, e che era
materialmente impossibile passare con tutto il bagaglio della
carovana, bagaglio assolutamente indispensabile per un viaggio che
doveva durare alcuni mesi.
In questo momento, egli aggiunse, non abbiamo nessuna
comunicazione con la costa americana, e continuando a inoltrarci a
est, a prezzo di eccessive fatiche, corriamo rischio di non poter
ritornare indietro verso l'isola che il nostro ultimo e solo rifugio.
Ora se il disgelo ci trova ancora su questo campo di ghiaccio, noi
siamo perduti. Io non vi ho dissimulato la verit, amici, ma non ve
l'ho neppure fatta pi grave. So di parlare a persone coraggiose che
sanno anche che io non sono abituato a indietreggiare. Vi ripeto,
dunque: siamo dinanzi all'impossibile.
Quei soldati avevano una fiducia assoluta nel loro capo, ne
conoscevano il coraggio, l'energia, e sapevano che, quando diceva
che non si poteva passare, il passaggio doveva essere veramente
impossibile.
Il ritorno al forte Esprance fu dunque deciso per l'indomani.
Questo ritorno si fece nelle pi tristi condizioni; il tempo era
spaventoso, e impetuose raffiche correvano alla superficie dell''ice-
field; la pioggia cadeva a torrenti.
Si giudichi della difficolt di dirigersi in mezzo a un'oscurit
profonda, in quel labirinto di icebergs!
La carovana non impieg meno di quattro giorni e quattro notti a
superare la distanza che la separava dall'isola. Parecchie slitte con le
loro mute furono inghiottite nei crepacci. Ma il tenente Hobson,
grazie alla sua prudenza, alle sue attenzioni, ebbe la fortuna di
ritornare con tutti i suoi compagni sani e salvi al forte. Ma quante
fatiche, quanti pericoli, e quale avvenire si offriva a quegli sventurati,
che un nuovo inverno attendeva sull'isola errante!


CAPITOLO XIV
I MESI D'INVERNO
IL TENENTE HOBSON e i suoi compagni furono di ritorno al forte
Esprance il 28, e con enormi fatiche. Essi potevano contare ormai
solo sull'imbarcazione, di cui non ci si sarebbe potuto servire prima
di sei mesi, cio quando il mare fosse ritornato libero.
Cominci dunque lo svernamento. Le slitte furono scaricate, le
provviste rientrarono nella dispensa, le vesti, le armi, gli utensili, le
pellicce nei magazzini. I cani ritornarono nella loro dog-house e le
renne nelle stalle.
Tommaso Black dovette occuparsi del riordinamento del proprio
studio, pensate con quale disperazione! L'infelice astronomo riport
gli strumenti e i libri nella sua camera; e, irritato pi che mai per quel
destino che si accaniva contro di lui, rest, come prima,
assolutamente estraneo a tutto quello che succedeva.
Bast un giorno per riorganizzare la vita al forte, e allora
ricominci quella esistenza di svernatori cos poco variata e che
sembrerebbe spaventosamente monotona agli abitanti delle grandi
citt. I lavori di cucito, il rammendo degli abiti, e anche la cura delle
pellicce, di cui una parte poteva forse essere salvata, poi
l'osservazione del tempo, la sorveglianza del campo di ghiaccio,
infine la lettura, ecco quali erano le occupazioni e le distrazioni
quotidiane. Paolina Barnett organizzava tutto e la sua influenza si
faceva sentire ovunque. Se ogni tanto si verificava un leggero
disaccordo tra i soldati, resi qualche volta di cattivo umore dalle
difficolt del presente e dalle inquietudini per l'avvenire, tutto si
dissipava subito alle parole della signora Barnett. La viaggiatrice
aveva gran potere su quel piccolo mondo e l'impiegava solo per il
bene comune.
Kalumah le si era sempre pi affezionata. Tutti, poi, amavano la
giovane eschimese che si mostrava dolce e servizievole. Paolina
Barnett aveva incominciato a istruirla e a educarla, e ci riusciva,
poich la sua allieva era veramente intelligente e inoltre era molto
desiderosa di imparare.
L'aiut a parlare pi speditamente la lingua inglese e le insegn a
leggere e a scrivere. Del resto in queste materie Kalumah trovava
dieci maestri che si contendevano il piacere di istruirla, poich fra
quei soldati, educati nelle colonie inglesi o in Inghilterra, non ce n'era
neppure uno che non sapesse leggere, scrivere e fare di conto.
La costruzione del battello venne continuata alacremente; doveva
essere portata a termine per la fine del mese. In mezzo a quella
oscura atmosfera, Mac Nap e i suoi uomini lavoravano assiduamente
con l'aiuto di fiaccole di resina, mentre gli altri si occupavano dei
magazzini del forte. La stagione, per quanto molto inoltrata, era per
sempre indecisa. Il freddo qualche volta molto vivo non durava, e
bisognava evidentemente attribuire questo alla permanenza dei venti
che spiravano da ovest.
Tutto il mese di dicembre trascorse in queste condizioni: piogge e
nevi intermittenti, una temperatura che vari tra i 26F e i 35 F (-
3 33' C e +111'C). Venne moderato il consumo del combustibile,
bench non ci fosse ragione di risparmiare le riserve che erano
abbondanti. Ma sfortunatamente non era cos per quanto riguardava
l'illuminazione. L'olio minacciava di mancare, e J asper Hobson
dovette decidersi a non fare accendere la lampada se non durante
poche ore della giornata.
Si cerc di usare per la casa il grasso di renne, ma l'odore era
insopportabile; meglio era perci starsene nell'ombra. I lavori
venivano allora sospesi e le ore cos trascorse sembravano pi
lunghe.
Alcune aurore boreali e due o tre paraseleni al momento della luna
piena apparvero pi volte all'orizzonte. Tommaso Black aveva cos
occasione di osservare quelle meteore con minuziosa attenzione, di
ottenere calcoli precisi sulla intensa colorazione, sul rapporto con lo
stato elettrico dell'atmosfera, sulla loro influenza sull'ago calamitato
ecc. Ma l'astronomo non lasci neppure la sua camera! Era uno
spirito assolutamente estraneo a tutto il resto.
Il 30 dicembre, al chiarore della luna, si pot notare che in tutto il
nord e l'est dell'isola Vittoria una lunga linea circolare di icebergs
chiudeva l'orizzonte. Era la banchisa, i cui massi gelati si erano posti
gli uni sugli altri; erano alti fra i cento e i centocinquanta metri.
Quell'enorme barriera chiudeva l'isola per due terzi circa della sua
circonferenza e si temeva che si prolungasse ancora. Il cielo fu
purissimo nella prima settimana di gennaio. L'anno nuovo, era il
1861, aveva cominciato con un freddo intenso e la colonna di
mercurio scese fino a 8 F (-13 33' C). Era la pi bassa temperatura
notata in tutto quell'inverno particolare e non era del resto un
abbassamento molto importante per una latitudine cos elevata.
Il tenente Hobson credette opportuno fare ancora una volta, mediante
l'osservazione delle stelle, il rilievo dell'isola in latitudine e in
longitudine, e si assicur che l'isola non si era assolutamente
spostata.
Intanto, per quanto fosse stata fatta economia, l'olio stava per finire;
ora il sole sarebbe riapparso a quella latitudine nei primi giorni di
febbraio; era un intervallo di un mese che gli svernatomi avrebbero
dovuto trascorrere ancora nell'oscurit assoluta quando, grazie alla
giovane eschimese, l'olio necessario all'alimentazione delle lampade
pot essere trovato.
Si era al 3 gennaio, Kalumah era andata ai piedi del capo Bathurst
per osservare lo stato dei ghiacci. In quel punto, come in tutta la parte
settentrionale dell'isola, lice-field era pi compatto. I ghiacci di cui
si componeva, meglio aggregati, non lasciavano intervalli liquidi fra
di loro; la superficie del campo, bench molto scabrosa, era
dappertutto solida, il che dipendeva senza dubbio dal fatto che lice-
field, spinto a nord dalla banchisa, era stato compresso fra essa e
l'isola Vittoria.
La giovane eschimese pot osservare, in mancanza di crepacci,
molti buchi circolari limpidamente tracciati nel ghiaccio, di cui
riconobbe benissimo l'utilit. Erano buchi da foche, vale a dire
aperture a cui questi anfibi, imprigionati sotto la crosta solida,
impedivano di chiudersi e ai quali venivano a respirare alla superficie
e a cercare sotto la neve i muschi del litorale.
Kalumah sapeva che gli orsi, durante l'inverno, accoccolati
pazientemente vicino a questi buchi, spiano il momento in cui la foca
esce dall'acqua, la stringono fra le zampe, la soffocano e se la
portano via. Ella sapeva pure che gli eschimesi, non meno pazienti
degli orsi, aspettano anch'essi l'apparizione di questi animali,
lanciano loro un nodo scorsoio e se ne impadroniscono senza molta
fatica.
Ora ci che facevano gli orsi e gli eschimesi, potevano farlo anche
altri cacciatori; e poich esistevano i buchi, le foche senz'altro se ne
servivano; e queste foche significavano l'olio e la luce che mancava
al forte. Kalumah torn subito indietro e avvert J asper Hobson, il
quale mand i cacciatori Marbr e Sabine. La giovane indigena fece
loro conoscere il sistema con cui gli eschimesi catturano le foche
nell'inverno e propose loro di fare un tentativo. E non aveva ancor
finito di parlare che Sabine aveva gi preparato una robusta corda
con un nodo scorsoio.
Il tenente, la signora Barnett, i cacciatori, Kalumah e due o tre
soldati si recarono a capo Bathurst, e mentre le donne stavano sulla
spiaggia, gli uomini avanzavano strisciando verso i buchi designati.
Ciascuno di essi era munito di una corda e si colloc vicino a un
buco.
L'attesa fu abbastanza lunga; trascorse un'ora e nulla segnalava
l'accostarsi degli anfibi; ma finalmente uno dei buchi, quello curato
da Marbr, parve ribollire all'orifizio e una testa armata di lunghe
zanne apparve. Era la testa di un tricheco. Marbr lanci il suo nodo
scorsoio con destrezza e lo strinse con forza; i compagni gli vennero
in aiuto e, non senza fatica, il gigantesco anfibio fu, nonostante la sua
resistenza, estratto dall'acqua e trascinato sul ghiaccio, dove pochi
colpi d'accetta lo uccisero.
Fu un trionfo; gli ospiti del forte Esprance provarono piacere a
questa pesca di nuovo genere e altri trichechi furono catturati nello
stesso modo e fornirono un olio abbondante, olio animale, vero, ma
che bast ad. alimentare le lampade: per cui la luce non venne pi a
mancare ai lavoratori e alle lavoratrici della sala comune. Frattanto il
freddo non cresceva e la temperatura rimaneva sopportabile; se gli
svernatori fossero stati sul terreno solido del continente, sarebbero
stati oltremodo felici di passare l'inverno in quelle condizioni. Essi
erano del resto riparati dagli icebergs contro i venti del nord e
dell'ovest e non ne sentivano l'influenza. Il mese di gennaio volgeva
alla fine, e il termometro segnava solo alcuni gradi sotto il punto di
congelamento. Ma appunto la mitezza della temperatura doveva
avere ed ebbe per risultato di non solidificare interamente il mare
intorno all'isola Vittoria. Diveniva anzi evidente che Vice-field non
era gelato in tutta la sua estensione e che fenditure pi o meno
rilevanti lo rendevano impraticabile, poich n i ruminanti n gli
animali da pelliccia avevano abbandonato l'isola.
Questi animali si erano familiarizzati e addomesticati in modo
incredibile; sembrava che facessero parte degli abitanti del forte.
Stando alle prescrizioni del tenente Hobson, si rispettavano questi
animali che sarebbe stato perfettamente inutile uccidere; si
ammazzavano solo le renne per procurarsi carne fresca e rinnovare il
cibo quotidiano; ma gli ermellini, le martore, le linci, le ondatre, i
castori, le volpi, animali che frequentavano senza timore i dintorni
del forte, furono lasciati tranquilli.
Alcuni penetravano perfino nel recinto e li si lasciava fare. Le
martore e le volpi erano magnifiche con la loro pelliccia d'inverno e
alcune erano di gran valore. Questi roditori, grazie alla mitezza della
temperatura, trovavano facilmente nutrimento vegetale sotto la neve
molle e poco alta e non vivevano a scapito delle provviste del forte.
Si aspettava dunque la fine dell'inverno con una certa apprensione,
conducendo una vita estremamente monotona che Paolina Barnett
cercava di variare con tutti i mezzi possibili.
Un solo incidente contrassegn tristemente quel mese di gennaio;
il giorno 7, il bambino del carpentiere Mac Nap fu colpito da una
forte febbre. Un fortissimo mal di capo, una sete ardente, brividi che
si alternavano ad accessi febbrili ridussero la povera creaturina in
triste stato. La disperazione della madre, di mastro Mac Nap e dei
loro amici fu immensa! Non sapevano che fare, poich ignoravano la
natura della malattia, ma secondo il consiglio di Madge, la quale non
perdette la testa, il malore fu combattuto con tisane rinfrescanti e con
cataplasmi. Kalumah si dedic totalmente al bambino e pass i giorni
e le notti vicino al piccolo e nessuno riusc a farle prendere un istante
di riposo. Ma verso il terzo giorno non vi fu pi dubbio sulla natura
della malattia; un'eruzione caratteristica copr il corpo del bambino:
era una scarlattina di natura maligna che doveva necessariamente
produrre un'infiammazione interna.
raro che bambini di un anno siano colpiti da questo terribile
malore e con tanta violenza; eppure la cosa qualche volta accade; la
farmacia del forte era disgraziatamente incompleta, come si pu
immaginare. Ad ogni modo Madge, che per combinazione aveva
curato molti casi di scarlattina, si ricord a tempo dell'azione della
tintura di belladonna, e ne somministr ogni giorno una o due gocce
al piccolo malato; inoltre furono prese le maggiori precauzioni
perch non venisse a contatto dell'aria e del freddo.
Il bambino era stato trasportato nella camera che occupavano il
padre e la madre; presto l'eruzione si manifest in tutta la sua
virulenza e piccoli punti rossi apparvero sulla lingua, sulle labbra e
all'interno delle palpebre degli occhi; ma due giorni dopo le macchie
della pelle presero una tinta violacea, poi bianca, e si squamarono.
Allora bisogn raddoppiare le cure, combattere l'infiammazione
interna che comportava quella grave malattia; non fu dimenticato
nulla e si pu dire che la creaturina fu curata con molto amore. Verso
il 20 gennaio, dodici giorni dopo l'esplosione del male, si pot
legittimamente sperare di salvare il piccolo Michele.
Fu una gioia per tutti; quel bambino era il figlio del forte, per cos
dire il figlio del reggimento! Era nato in quel clima cos rigido, in
mezzo a quella brava gente che lo aveva battezzato Michele Speranza
e lo considerava, fra tante traversie, un talismano che il cielo non
doveva toglier loro. Quanto a Kalumah, si poteva temere che sarebbe
morta se fosse morto il bambino; ma il piccolo Michele si rimise a
poco a poco in salute e sembr riportare con s la speranza. Si era
cos giunti in mezzo a tante inquietudini al 23 gennaio.
La situazione dell'isola non era mutata; l'interminabile notte
copriva ancora il Mare Artico; per alcuni giorni cadde un'abbondante
neve e si ammucchi sul suolo e sul campo di ghiaccio fino a
sessanta centimetri di altezza. Il 27 il forte ricevette una visita
inaspettata. I soldati Belcher e Pond, che erano di guardia al recinto,
videro al mattino un orso gigantesco dirigersi verso il forte. Essi
rientrarono nella sala comune e segnalarono a Paolina Barnett la
presenza del terribile carnivoro.
Non pu essere che il nostro orso! disse la signora Barnett a
J asper Hobson, ed entrambi, seguiti dal sergente, da Sabine e da
alcuni soldati armati di fucile, si appostarono alla porta di soccorso.
L'orso era a duecento metri e camminava tranquillamente senza
esitazione come se avesse un progetto ben preciso.
Lo riconosco! esclam Paolina Barnett, il tuo orso,
Kalumah, il tuo salvatore!
Oh, non uccidete il mio orso! esclam la giovane indigena.
Non lo uccideremo, rispose il tenente. Amici, non fategli
male, probabile che egli se ne andr com' venuto.
Ma se vuole entrare nel recinto? disse il sergente Long, il
quale credeva poco ai buoni sentimenti degli orsi polari.
Lasciatelo entrare, sergente, rispose Paolina Barnett;
questo animale ha perduto ogni ferocia, prigioniero come noi; e voi
lo sapete, i prigionieri
Non si mangiano fra di loro, disse J asper Hobson; ed
vero, signora, a patto per che siano della stessa specie; ma dopotutto
l'orso verr risparmiato perch raccomandato da voi. Ci difenderemo
solo se egli ci assalir. Intanto io credo sia prudente rientrare in casa.
Non bisogna dare tentazioni troppo forti a questo carnivoro.
Il consiglio era buono; ognuno rientr, si chiusero le porte, ma
non furono serrate le imposte delle finestre. Si poterono dunque
seguire le manovre del visitatore attraverso i vetri. L'orso, giunto alla
porta di soccorso, che era stata lasciata aperta, spinse dolcemente
l'uscio, introdusse il capo, esamin l'interno del cortile ed entr.
Giunto in mezzo al recinto esamin le costruzioni circostanti, si
diresse verso la stalla e il canile, ascolt un istante i guaiti dei cani
che lo avevano sentito, il ruminare delle renne che non erano molto
sicure, continu la sua ispezione seguendo il perimetro della
palizzata, giunse vicino alla casa principale e venne finalmente ad
appoggiare la grossa testa a una finestra della grande sala. Tutti si
ritirarono: alcuni soldati presero i loro fucili, e il sergente Long
cominci a temere di aver lasciato andare troppo lontano lo scherzo.
Kalumah venne ad appoggiare il dolce viso sul fragile vetro; l'orso
parve riconoscerla, questo almeno fu il parere dell'eschimese; e,
senza dubbio soddisfatto, dopo aver mandato un buon grugnito,
indietreggi e riprese la via della porta di soccorso; poi, come aveva
detto J asper Hobson, se ne and com'era venuto.
Questo fu l'incidente in tutta la sua semplicit, incidente che non
si rinnov, e la vita riprese il suo corso normale. Intanto il bambino si
avviava alla guarigione; negli ultimi giorni del mese aveva gi
ripreso il suo colore e la sua vivacit.
Il 3 febbraio, verso mezzogiorno, una pallida tinta colori per
un'ora l'orizzonte a sud; un disco giallastro si mostr un istante. Era il
sole che riappariva per la prima volta dopo la lunga notte polare.
CAPITOLO XV
UN' ULTIMA ESPLORAZIONE
DA QUEL MOMENTO il sole si alz ogni giorno di pi sull'orizzonte;
la notte s'interrompeva solo per poche ore; aument il freddo, come
accade frequentemente nel mese di febbraio, e il termometro segn
1 F (-17 C). Era la pi bassa temperatura registrata in quell'inverno
cos particolare.
In che periodo avviene il disgelo in questi mari? domand
un giorno la viaggiatrice a J asper Hobson.
Di solito la rottura dei ghiacci non avviene prima dei primi
giorni di maggio, ma l'inverno fu cos mite che, se non avvengono
nuovi freddi intensi, il disgelo potrebbe avvenire anche all'inizio di
aprile, cos almeno immagino.
Dunque dovremo ancora aspettare due mesi? domand
Paolina Barnett.
S, due mesi, signora, rispose J asper Hobson, poich sar
prudente non avventurarsi troppo presto con la nostra imbarcazione
in mezzo ai ghiacci e credo che possiamo sperare di riuscire,
specialmente se possiamo giungere al momento in cui la nostra isola
si trover nella parte pi chiusa dello stretto di Bering, che non
largo pi di cento miglia.
Che dite, signor J asper? rispose la signora Barnett
meravigliata; dimenticate dunque che fu la corrente del
Kamciatka, la corrente del Nord che ci riport dove siamo, e che al
tempo dello scioglimento potrebbe riprenderci e riportarci ancora pi
lontano?
Non lo credo, signora, rispose il tenente Hobson, e oso
anche assicurare che il disgelo ci porter da nord a sud, sia che la
corrente del Kamciatka inverta la direzione, sia che i ghiacci siano
presi nella corrente di Bering, sia infine per altre ragioni che mi
sfuggono. Ma invariabilmente gli icebergs vanno alla deriva verso
l'Oceano Pacifico, e l si dissolvono nelle acque pi calde.
Interrogate Kalumah; ella conosce questi luoghi e vi dir come me
che lo scioglimento dei ghiacci si compir da nord a sud.
Kalumah, interrogata, conferm le parole del tenente; pareva
dunque probabile che l'isola, trascinata nei primi giorni d'aprile,
sarebbe stata spinta a sud come un immenso masso di ghiaccio, vale
a dire nella parte pi stretta del mare di Bering, frequentato
nell'estate dai pescatori di New Arkangel e dai piloti della costa. Ma
tenendo conto di tutti i possibili ritardi, perci del tempo che l'isola
avrebbe impiegato a ridiscendere verso sud, non si poteva sperare di
mettere piede sul continente prima del mese di maggio. Del resto,
bench il freddo non fosse intenso, l'isola Vittoria si era certo
consolidata, perch lo spessore della sua base di ghiaccio era
cresciuto. Si doveva dunque tener conto che avrebbe potuto resistere
molti mesi ancora.
Gli svernatori dovevano armarsi di pazienza e aspettare, aspettare
sempre.
Progrediva la convalescenza del bambino che il 20 febbraio usc
per la prima volta dopo quaranta giorni di malattia. Si comprende da
ci che egli dalla sua camera pass nella grande sala, dove non gli
furono risparmiate le carezze.
Sua madre, che aveva intenzione di svezzarlo a un anno, continu
a nutrirlo per consiglio di Madge, e il latte materno, misto talvolta al
latte di renna, gli restitu prontamente le forze; trov mille giocattoli
che i suoi amici, i soldati, avevano costruito per lui durante la sua
malattia. Si pu ben immaginare, dunque, che egli era il pi felice
marmocchio del mondo.
L'ultima settimana del mese di febbraio fu estremamente piovosa
e nevosa; soffiava un gran vento da nord-est; per alcuni giorni anzi la
temperatura scese tanto che la neve cadde in abbondanza, ma la
burrasca non fu meno violenta, e i rumori dell'uragano erano
assordanti. Gli icebergs, urtandosi, crollavano con rumore
paragonabile a quello del tuono. I ghiacci a nord, che si
accumulavano sul litorale dell'isola, erano sottoposti a una forte
pressione; c'era da temere che lo stesso capo, il quale non era, dopo
tutto, se non una specie di iceberg coperto di terra e di sabbia,
crollasse. Alcuni grossi massi di ghiaccio, nonostante il loro peso,
furono spinti fino ai piedi della palizzata del recinto. Fortunatamente
per il capo resistette e gli edifici non furono minacciati.
La posizione dell'isola Vittoria, situata davanti a uno stretto verso
il quale si accumulavano i ghiacci, era pericolosissima; poteva venir
spezzata da una specie di valanga orizzontale, se cos ci si pu
esprimere, o essere schiacciata dai massi di ghiaccio spinti al largo,
prima ancora di inabissarsi nei flutti. Era un nuovo pericolo aggiunto
a tanti altri. La signora Barnett, vedendo la forza prodigiosa della
spinta che veniva dal largo e la violenza con cui quei massi si
accumulavano, comprese quale nuovo pericolo minacciasse l'isola al
prossimo disgelo. Ne parl pi volte al tenente Hobson e costui
croll il capo come uomo che non sa che cosa rispondere.
L'uragano cess completamente ai primi di marzo, e si pot allora
vedere quanto l'aspetto del campo era modificato.
Pareva infatti che, per una specie di scivolamento alla superficie
dell'ice-field, la banchisa si fosse accostata all'isola Vittoria; in alcuni
luoghi non distava pi di due miglia e si comportava come i ghiacciai
che si muovono, con questa differenza: che la banchisa camminava
mentre invece essi discendono. Tra l'alta barriera e il litorale, il
terreno, o meglio il campo di ghiaccio, era terribilmente sconvolto,
irto di hummocks, di guglie rotte, di tronchi rovesciati, di piramidi
capovolte, ondeggiante come un mare che si fosse istantaneamente
congelato nel bel mezzo di un uragano. Era irriconoscibile. Sembrava
una immensa citt caduta in rovina, di cui non era rimasto in piedi un
solo monumento. Solo gli icebergs, con bizzarri profili, tracciavano
nel cielo i loro coni, le loro creste fantastiche, i loro picchi aguzzi e si
tenevano saldi incorniciando superbamente quel pittoresco disordine.
Ormai l'imbarcazione era stata interamente costruita. Era di forma
un po' rudimentale, come ci si doveva aspettare, ma faceva onore a
Mac Nap; con la sua prua a forma di galeone doveva meglio resistere
all'urto dei ghiacci; sembrava una di quelle barche olandesi che si
avventurano nei mari del Nord.
La sua attrezzatura, che era completa, si componeva come quella
di un cutter, di una vela di brigantino e di un fiocco, sorretti da un
solo albero. Le tende del forte erano servite per la velatura.
Quel battello poteva facilmente contenere il personale dell'isola
Vittoria, ed era evidente che se, come si poteva sperare, l'isola
entrava nello stretto di Bering, poteva facilmente superare la maggior
distanza che allora la separava dalla costa americana. Non rimaneva
dunque che aspettare il momento del disgelo.
Il tenente Hobson ebbe allora l'idea di intraprendere una lunga
escursione a sud-est allo scopo di studiare lo stato dell'ice-field, di
osservare se presentasse indizi di un prossimo disgelo, di esaminare
gli icebergs stessi, di vedere infine se, nel presente stato del mare,
fosse chiuso ogni passaggio verso il continente americano. Molti
incidenti, molte combinazioni potevano accadere prima che lo
scioglimento dei ghiacci rendesse il mare libero, per era prudente
fare una ricognizione sul campo di ghiaccio.
Fu dunque decisa la spedizione e la partenza venne fissata per il 7
marzo. Il piccolo drappello si compose del tenente Hobson, della
viaggiatrice, di Kalumah, di Marbr e di Sabine. Era stabilito che se
la via fosse stata praticabile, si sarebbe cercato un passaggio
attraverso gli icebergs, ma in ogni caso Paolina Barnett e i compagni
non sarebbero stati assent pi di quarantotto ore.
I viveri furono dunque preparati e il drappello, bene armato per
ogni occorrenza, lasci il forte Esprance il mattino del 7 marzo e si
diresse verso il capo Michel.
Il termometro segnava allora 32 F (0C). L'atmosfera era
lievemente nebbiosa ma placida. Gi il sole descriveva il suo arco
diurno per sette o otto ore sull'orizzonte, e i suoi raggi obliqui
mandavano una luce sufficiente su tutto il cumulo dei ghiacci.
Alle 9, dopo una breve sosta, il tenente Hobson e i suoi compagni
scendevano la china del capo Michel e avanzavano sul campo verso
sud-est. Da quella parte gli icebergs non si elevavano a tre miglia dal
capo.
Il cammino fu abbastanza lento come si pu immaginare; ad ogni
istante bisognava fare il giro, sia di un crepaccio profondo, sia di un
insuperabile hummock. Nessuna slitta avrebbe evidentemente potuto
avventurarsi per quella via scabra. Non era che un ammonticchiarsi
di massi di ogni dimensione e di ogni forma, alcuni dei quali si
reggevano solo per un miracolo di equilibrio. Altri erano caduti di
recente, come si poteva notare dalle spaccature nette, dagli angoli
affilati come lame. Ma in mezzo a quelle frane non vi era traccia che
annunciasse il passaggio di un uomo o di un animale. Nessun essere
vivente in quelle solitudini, che anche gli uccelli avevano
abbandonato!
Paolina Barnett si domandava, non senza stupore, in che modo, se
si fosse partiti in dicembre, si sarebbe potuto superare quell'ice-field
cos accidentato; ma il tenente Hobson le fece osservare che a quel
tempo il campo di ghiaccio non aveva quell'aspetto, perch l'enorme
pressione, causata dalla banchisa, allora non si era ancora prodotta,
perci avrebbero trovato il campo ancora relativamente unito. E ora
il passaggio era impraticabile, vero, a causa delle asperit dell'ice-
field, ma al principio dell'inverno queste asperit non esistevano.
Intanto si stava gi per arrivare all'alta barriera. Quasi sempre
Kalumah precedeva il piccolo drappello. La vivace e agile indigena
camminava con piede sicuro fra i ghiacci, come un camoscio fra le
rocce alpine. Era una meraviglia vederla correre cos senza esitazioni
di sorta, senza mai sbagliare, e seguire, come per istinto, il miglior
passaggio in quel labirinto di icebergs. Essa andava e veniva, e si
poteva seguirla con fiducia.
Verso mezzogiorno erano giunti all'ampia base degli icebergs ma
non avevano impiegato meno di tre ore per percorrere tre miglia.
Che grandioso spettacolo quello della barriera di ghiacci, alcune
cime dei quali si elevavano oltre centoventi metri sopra l'ice-field Gli
strati che la formavano si disegnavano nettamente. Diverse tinte,
sfumature delicatissime, coloravano le pareti gelate. Appariva a
lunghi strati, ora iridata, ora screziata e dappertutto ricamata di
arabeschi e chiazzata di punti luminosi. Nessuna costa, per quanto
bizzarramente frastagliata, potrebbe dare un'idea di quella banchisa,
qui opaca, altrove diafana e sulla quale la luce e l'ombra producevano
effetti meravigliosi.
Ma bisognava pure stare attenti a non avvicinarsi troppo a quelle
superbe masse la cui solidit era molto incerta. I crepacci e le frane
erano frequenti all'interno. Avveniva un formidabile lavorio di
disgregazione. Le bolle d'aria imprigionate nel ghiaccio forzavano
per infrangerlo ed era facile capire quanto questo edificio costruito
dal freddo fosse fragile e come non sarebbe sopravvissuto all'inverno
artico e si sarebbe dissolto in acqua ai raggi del sole. Era sufficiente
per alimentare fiumi veri.
Il tenente Hobson aveva dovuto avvertire i compagni contro il
pericolo delle valanghe che a ogni istante crollavano dalla cima degli
icebergs. Perci il piccolo drappello si teneva lontano dalla base. E si
ebbe ragione di comportarsi con prudenza, poich verso le due,
all'angolo di una vallata che la signora Barnett e i suoi compagni
stavano per attraversare, un enorme masso, del peso di parecchie
centinaia di tonnellate, si stacc dalla cima dell'ice-field con
spaventoso rumore. Il campo si fendette sotto l'urto e l'acqua schizz
a grande altezza. Per fortuna nessuno fu colpito dai frantumi del
masso che scoppi come una bomba.
Dalle due fino alle cinque si segu una stretta vallata sinuosa che
si svolgeva fra gli icebergs. Li attraversava in tutta la sua larghezza?
Questo non si poteva sapere.
La struttura interna dell'alta barriera pot essere cos esaminata. I
massi che la componevano erano schierati con maggior simmetria
che all'esterno.
In molti luoghi apparivano tronchi di alberi infissi nel ghiaccio;
alberi di natura non polare ma tropicale che, venuti evidentemente
lungo la corrente del Golfo fino alle regioni artiche, erano stati presi
dal ghiaccio e dovevano ritornare nell'oceano con essi. Si videro pure
alcuni rottami, reliquie di carene e di ossature di bastimenti. Verso le
cinque l'oscurit gi fitta arrest l'esplorazione; erano state percorse
due miglia circa nella vallata molto ingombra e poco praticabile; ma
le sue sinuosit impedivano di valutare la via percorsa in linea diritta.
J asper Hobson diede allora il segnale della fermata. In mezz'ora
Marbr e Sabine, armati di coltelli da neve, scavarono una grotta nel
masso. Gli esploratori vi si accoccolarono, cenarono e, siccome erano
stanchi, si addormentarono quasi subito.
Il giorno dopo tutti erano in piedi alle otto, e J asper Hobson
riprese il cammino nella valle ancora per un miglio, in modo da
scoprire se attraversasse la banchisa in tutta la sua larghezza. A
giudicare dalla posizione del sole, dopo che era diretta a nord-est,
pareva piegare a sud-est. Alle undici il tenente Hobson e i compagni
sboccarono sul versante opposto della banchisa; cos dunque non vi
era pi dubbio, il passaggio esisteva. Tutta quella parte orientale
dell'ice-field presentava lo stesso aspetto della parte occidentale; lo
stesso ammasso di ghiacci e lo stesso accatastarsi di massi aguzzi; gli
icebergs e gli hummocks si stendevano all'infinito, separati da
qualche stretta pianura solcata da numerosi crepacci i cui orli gi si
dissolvevano. Ed era anche la stessa solitudine, lo stesso deserto, lo
stesso abbandono: non un animale, non un uccello.
Paolina Barnett, salita sulla cima di un hummock, stette, un'ora a
osservare quel paesaggio polare dall'aspetto cos triste. Essa pensava,
suo malgrado, alla partenza che era stata tentata cinque mesi prima.
Si raffigurava tutti gli uomini del centro commerciale, tutta quella
triste carovana perduta nella notte, in mezzo a quelle gelide
solitudini, nello sforzo di giungere al continente americano fra tanti
ostacoli e tanti pericoli. Il tenente Hobson la tolse finalmente dalle
sue fantasticherie.
Signora, le disse, sono pi di ventiquattro ore che
abbiamo lasciato il forte. Noi conosciamo ora quale sia lo spessore
della banchisa, e poich abbiamo promesso di non prolungare la
nostra assenza oltre le quarantotto ore, credo sia tempo di ritornare
sui nostri passi.
La signora Barnett si arrese a tale osservazione: lo scopo
dell'esplorazione era raggiunto: lice-field offriva uno spessore
mediocre e si sarebbe dissolto senza dubbio molto presto, in modo da
lasciare il passaggio al battello di Mac Nap dopo lo scioglimento dei
ghiacci. Ora non rimaneva pi che ritornare, poich il tempo poteva
cambiare e i turbini di neve avrebbero reso poco praticabili le vallate
trasversali.
Fecero colazione e partirono all'una del pomeriggio; alle cinque si
accamparono, come il giorno prima, in una capanna di ghiaccio, dove
la notte trascorse senza incidenti. Il giorno dopo, 9 marzo, il tenente
Hobson diede, alle otto del mattino, il segnale della partenza. Il
tempo era bello, il sole nascente illuminava gi la banchisa, e gettava
qualche raggio attraverso la vallata. J asper Hobson e i. suoi
compagni gli volgevano le spalle poich camminavano verso ovest,
ma gli occhi vedevano il bagliore dei raggi riflessi dalle pareti di
ghiaccio che si incrociavano innanzi a loro.
Paolina Barnett e Kalumah camminavano molto indietro
chiacchierando, osservando e seguendo gli stretti passaggi indicati da
Sabine e da Marbr. Si sperava d'altra parte di attraversare gli
icebergs per mezzogiorno e di percorrere le sei miglia che li
separavano dall'isola Vittoria in un paio d'ore. In questo modo
sarebbero stati di ritorno al forte al tramonto, con poche ore di
ritardo, per cui i loro compagni non si sarebbero molto preoccupati.
Ma si facevano i conti senza un incidente che certo nessuna
umana perspicacia poteva prevedere. Erano le dieci circa quando
Marbr e Sabine, che camminavano venti metri innanzi, si
arrestarono e cominciarono a discutere; il tenente, la signora Barnett
e la giovane indigena li raggiunsero e videro che Sabine teneva in
mano la bussola e la mostrava al compagno sbigottito.
Bizzarra cosa davvero! esclam rivolgendosi a J asper
Hobson; potete dirmi, tenente, da che parte situata la nostra isola
rispetto alla banchisa? A est o a ovest?
A ovest, rispose J asper Hobson molto meravigliato di quella
domanda. Lo sapete bene, Marbr.
Lo so bene! lo so bene! rispose Marbr crollando il capo.
Ma se a ovest, noi siamo fuori strada e ci allontaniamo dall'isola.
Come! ce ne allontaniamo? disse il tenente
meravigliatissimo del tono affermativo del cacciatore.
Senza dubbio, tenente, rispose Marbr, voglio perdere il
mio nome se essa non dice che camminiamo verso est invece che
verso ovest.
Non possibile! disse la viaggiatrice.
Guardate, signora, rispose Sabine. Infatti l'ago calamitato
segnava il nord in una direzione assolutamente opposta a quella che
si immaginava; J asper Hobson pens e non rispose.
Bisogna dire che ci siamo sbagliati questa mattina lasciando la
nostra casa di ghiaccio, disse Sabine; ci saremo diretti a
sinistra invece di prendere a destra.
No, esclam Paolina Barnett, non possibile, non ci
siamo ingannati.
Ma disse Marbr.
Ma rispose la signora Barnett; guardate il sole; forse
non si vede pi a est? Ora siccome noi gli abbiamo sempre girato le
spalle da questa mattina e gliele voltiamo ancora chiaro che
camminiamo verso ovest; e siccome l'isola a ovest la ritroveremo
sboccando nella valle sulla parte occidentale degli icebergs.
Marbr, stupefatto da questo argomento, a cui non poteva
rispondere, incroci le braccia sul petto.
Sia pure, disse Sabine, ma allora la bussola e il sole sono
in assoluta contraddizione.
S, in questo momento almeno, rispose J asper Hobson, e
ci dipende unicamente dal fatto che sotto le alte latitudini boreali e
nei luoghi vicini al polo magnetico accade talvolta che le bussole
impazziscono e che i loro aghi diano indicazioni assolutamente false.
Bene, disse Marbr, dobbiamo dunque proseguire la via
continuando a volgere le spalle al sole?
Senza dubbio, rispose il tenente Hobson; mi pare che tra
la nostra bussola e il sole non vi sia da esitare. Il sole non si sposta.
Si rimisero in cammino avendo il sole alle spalle; certo che agli
argomenti di J asper Hobson, argomenti ricavati dalla posizione
dell'astro radioso, non vi era nulla da opporre. Il piccolo drappello
avanz dunque nella vallata ma per pi tempo di quanto non
immaginasse. J asper Hobson contava di aver attraversato la banchisa
prima di mezzogiorno, ma erano pi delle due quando si trov
finalmente fuori dello stretto passo.
Questo ritardo abbastanza strano lo aveva inquietato, ma quale fu
la sua meraviglia, nonch quella dei suoi compagni, quando,
ponendo piede sul campo di ghiaccio, alla base degli icebergs, essi
non scorsero pi l'isola Vittoria che avrebbero dovuto avere davanti.
No! L'isola, riconoscibile da quel lato per gli alberi che
coronavano il capo Michel, non c'era pi! Al suo posto si stendeva un
immenso campo, sul quale i raggi solari, passando al disopra dei
monti di ghiaccio, si allungavano a perdita d'occhio!
Il tenente Hobson, Paolina Barnett, Kalumah e i due cacciatori
osservavano e si guardavano in faccia.
L'isola dovrebbe essere l! esclam Sabine.
E non c' pi! soggiunse Marbr. Ma che ne dunque
avvenuto, signor tenente?
La signora Barnett non sapeva che rispondere, J asper Hobson non
pronunciava parola.
Allora Kalumah gli si avvicin, lo tocc sulla spalla e disse:
Ci siamo smarriti nella vallata, abbiamo risalito invece di
discendere, e ci troviamo al luogo in cui eravamo ieri, dopo aver
traversato per la prima volta la banchisa. Venite! venite!
Macchinalmente, per cos dire, il tenente Hobson, Paolina Barnett,
Marbr e Sabine, fidandosi dell'istinto della giovane indigena, si
lasciarono condurre e si inoltrarono di nuovo nello stretto passaggio,
ritornando sui loro passi. E tuttavia le apparenze stavano contro
Kalumah, se si giudicava dalla posizione del sole, verso il quale si
dirigevano, poich camminavano a est. Ma Kalumah non si spiegava
e si accontentava di mormorare camminando:
Andiamo! presto! presto!
Il tenente, la viaggiatrice e i loro compagni erano ormai estenuati
e si trascinavano penosamente quando, venuta la notte, dopo tre ore
di cammino, si ritrovarono all'altro lato del monte di ghiaccio.
L'oscurit impediva loro di vedere se ci fosse l'isola, ma tuttavia non
restarono a lungo nell'incertezza.
Infatti, a qualche centinaio di metri, sul campo di ghiaccio,
fiaccole accese si agitavano in tutti i sensi, e risuonavano per l'aria
colpi di fucile.
Era un richiamo. Il piccolo drappello allora rispose, e fu presto
raggiunto dal sergente Long, da Tommaso Black, che l'inquietudine
sulla sorte dei suoi amici aveva finalmente tolto dal suo torpore, e da
altri ancora che corsero loro innanzi. E in verit quella povera gente
era stata molto inquieta, perch avevano ragione di supporre ci
che del resto era vero che J asper Hobson e i suoi compagni si
fossero smarriti nel ritorno verso l'isola.
E perch avevano pensato questo proprio loro che erano rimasti al
forte Esprance? Perch dovevano credere che il tenente si fosse
smarrito ritornando con i compagni?
Il fatto che, da ventiquattro ore, l'immenso campo di ghiaccio e
l'isola si erano spostati e avevano fatto un mezzo giro su se stessi. In
seguito a questo spostamento, perci, non era pi a ovest ma a est dei
monti di ghiaccio che bisognava cercare l'isola errante.
CAPITOLO XVI
IL DISGELO
DUE ORE dopo tutti erano al forte Esprance; e il giorno seguente,
10 marzo, il sole illumin dapprima quella parte del litorale che
formava una volta la parte occidentale dell'isola.
Il capo Bathurst, invece di guardare a nord, guardava a sud. La
giovane Kalumah, alla quale queste terre erano note, aveva avuto
ragione, e se il sole non si era ingannato, anche la bussola non aveva
avuto torto!
Cos, dunque, l'orientamento dell'isola Vittoria era ancora una
volta cambiato, e pi completamente. Dal momento in cui si era
disgiunta dalla terra americana, l'isola aveva fatto un mezzo giro
intorno a s, e non solo l'isola ma anche l'immenso ice-field e gli
icebergs che l'imprigionavano. Questo spostamento del suo centro
confermava che il campo di ghiaccio non si congiungeva pi al
continente, che si era distaccato dal litorale e che per conseguenza lo
scioglimento dei ghiacci non poteva tardare a prodursi.
In ogni caso, disse il tenente Hobson a Paolina Barnett,
questo cambiamento di fronte non pu che esserci favorevole. Il capo
Bathurst e il forte Esprance si sono rivolti a sud-est, cio verso il
punto che si avvicina di pi al continente; e ora i monti di ghiaccio
che non avrebbero lasciato se non uno stretto e difficile passaggio
alla nostra imbarcazione non si stendono pi tra l'America e noi.
Dunque tutto per il meglio? domand Paolina Barnett
sorridendo.
Tutto per il meglio, signora, rispose J asper Hobson che
aveva giustamente valutato le conseguenze del cambiamento
d'orientamento dell'isola Vittoria.
Dal 10 al 21 marzo non avvenne alcun incidente, ma si poteva gi
presentire la nuova stagione. La temperatura si manteneva tra 43 e
50 F ( +6 e 10 C). Sotto l'influenza del disgelo, la rottura dei
ghiacci avveniva rapidamente. Si aprivano nuovi crepacci e l'acqua
libera saliva alla superficie del campo. Secondo la pittoresca
espressione dei balenieri, quei crepacci erano altrettante ferite
attraverso le quali l'ice-field sanguinava. Il frastuono dei ghiacci
che si rompevano era paragonabile allora alle detonazioni di
artiglieria. Una pioggia abbastanza calda, che cadde per molti giorni,
non poteva non attivare la dissoluzione della superficie solida del
mare.
Gli uccelli, che avevano abbandonato l'isola errante all'inizio
dell'inverno, ritornarono a stormi.
Marbr e Sabine ne uccisero un certo numero, di cui parecchi
portavano ancora al collo il biglietto che il tenente e la viaggiatrice
avevano loro affidato alcuni mesi prima. Riapparvero anche stormi di
candidi cigni e fecero risuonare l'aria con il suono della loro
squillante trombetta. Quanto ai quadrupedi, roditori e carnivori,
continuavano a stare, secondo la loro abitudine, nei dintorni del forte
come veri animali domestici.
Quasi ogni giorno, sempre che lo stato del cielo lo permettesse, il
tenente prendeva i rilievi, e in questo qualche volta lo aiutava Paolina
Barnett, la quale era diventata molto abile nell'uso del sestante. Era
infatti molto importante accertare anche i pi piccoli cambiamenti
che sarebbero avvenuti in longitudine e in latitudine nella posizione
dell'isola. La grave questione delle due correnti era sempre insoluta,
e quello che preoccupava soprattutto J asper Hobson e la signora
Barnett, era di sapere precisamente se dopo il disgelo sarebbero stati
spinti a sud o a nord.
Bisogna dire che la coraggiosa donna mostrava in tutto e sempre
una energia impensabile in una donna. I suoi compagni la vedevano
ogni giorno sfidare le fatiche, il cattivo tempo, sotto la pioggia e la
neve, operare una ricognizione in qualche parte dell'isola,
avventurandosi attraverso gli ice-fields sciolti per met; poi, al suo
ritorno, dirigere la vita interna del forte, prodigare cure e consigli,
sempre attivamente assecondata dalla fedele Madge.
Paolina Barnett aveva coraggiosamente preveduto l'avvenire, ma
non lasciava mai trasparire nulla dei timori da cui era assalita, e
tantomeno di certi presentimenti che il suo spirito non poteva
dissipare. Era sempre la donna fiduciosa e coraggiosa, e nessuno
avrebbe potuto indovinare sotto quel suo cuore sempre fermo le vive
inquietudini che dovevano travagliarla. J asper Hobson l'ammirava
profondamente.
Egli aveva anche piena fiducia in Kalumah e si rimetteva spesse
volte all'istinto della giovane eschimese, come un cacciatore si fida
dell'istinto del suo cane. Kalumah, molto intelligente del resto,
conosceva tutti gli incidenti e tutti i fenomeni delle regioni polari. A
bordo di una baleniera avrebbe potuto certamente costituire con buon
successo l'ice-master, il pilota al quale in particolar modo
affidata la direzione della nave in mezzo ai ghiacci. Ogni giorno
Kalumah andava a controllare lo stato dell'ice-field, e solamente al
rumore degli icebergs che si frangevano in lontananza, la giovane
indigena indovinava il progredire del grande disgelo. Mai piede pi
sicuro del suo si era avventurato sui ghiacci. Capiva istintivamente
quando il ghiaccio, corroso al di sotto, non offriva pi se non un
appoggio troppo fragile, e camminava senza esitazione attraverso
l'ice-field crivellato di crepacci.
Dal 20 al 30 marzo il disgelo fece rapidi progressi: le piogge
furono abbondanti e attivarono lo scioglimento dei ghiacci. Si poteva
sperare che l'ice-field si sarebbe frantumato fra poco, e forse non
sarebbero passati pi di quindici giorni e il tenente Hobson,
approfittando delle acque libere, avrebbe potuto lanciare la sua nave
attraverso i ghiacci. Non era uomo da esitare, quantunque potesse
temere di essere poi trascinato verso nord, per poco che la corrente
del Kamciatka trasportasse l'imbarcazione nella corrente di Bering.
Ma, ripeteva sovente Kalumah, non dobbiamo temere
questo. Il disgelo non inizia mai a nord, ma a sud e il pericolo l!
e mostrava a sud l'immenso Oceano Pacifico.
La giovane eschimese era assolutamente sicura.
Il tenente Hobson conosceva la sua ferma opinione su questo
punto e si rassicurava, poich non considerava un pericolo che l'isola
andasse a perdersi nelle acque dell'Oceano Pacifico. Infatti tutto il
personale del forte si sarebbe imbarcato a bordo del battello, e il
tragitto era necessariamente corto per giungere all'uno o all'altro
continente, poich lo stretto formava un vero imbuto tra il capo
orientale sulla costa asiatica e il capo del principe di Galles sulla
costa americana.
Era molto importante perci sorvegliare con la massima
attenzione ogni minimo spostamento dell'isola. Le osservazioni erano
fatte ogni volta che le condizioni dell'atmosfera lo permettevano, e da
quel momento il tenente Hobson e i suoi compagni presero tutte le
precauzioni necessarie per essere pronti a imbarcarsi in qualsiasi
momento.
Come si pu immaginare, i lavori speciali per la gestione del
centro commerciale, cio la caccia e la conservazione delle trappole,
furono abbandonati. I magazzini rigurgitavano di pellicce, che
sarebbero andate per la maggior parte perdute, perci i cacciatori si
riposavano. Quanto al mastro carpentiere e ai suoi uomini, avevano
terminato l'imbarcazione e, aspettando che il mare fosse libero, si
preoccuparono di consolidare la casa principale del forte che durante
il disgelo sarebbe stata sottoposta a una pressione considerevole da
parte dei ghiacci del litorale, qualora il capo Bathurst non avesse
opposto loro un sufficiente ostacolo: forti puntelli furono dunque
applicati alle pareti di legno. Si disposero nell'interno delle camere
telai posti verticalmente che moltiplicarono i punti di appoggio alle
travi del soffitto. Il tetto della casa, i cui cavalletti erano stati
rinforzati con sostegni, poteva sopportare pesi considerevoli perch
era costruito come una piccola fortificazione. Questi diversi lavori
furono terminati nei primi giorni di aprile, e si vedr presto quanto
sarebbero stati utili non solo, ma opportuni.
Intanto i sintomi della nuova stagione aumentavano ogni giorno.
Quella primavera era singolarmente precoce, poich succedeva a un
inverno che era stato singolarmente mite per le regioni polari. Alcune
timide gemme apparivano sugli alberi. La corteccia delle betulle, dei
salici, dei corbezzoli si gonfiava in molti punti sotto la linfa che
saliva. I muschi colorivano di un pallido verde le balze direttamente
esposte al sole, ma non potevano fornire una raccolta abbondante
poich i roditori, numerosi nei dintorni del forte e affamati,
lasciavano loro appena il tempo di spuntar da terra.
Se qualcuno fu infelice allora, fu senza dubbio il caporale Joliffe.
Lo sposo della signora J oliffe era, come si sa, posto di guardia ai
terreni seminati da sua moglie. In ogni altra occasione egli avrebbe
dovuto difendere le messi di acetosella e di coclearia solo dal becco
dei predatori alati, urie o berte. Uno spaventapasseri sarebbe bastato
a spaventare quei voraci uccelli e a maggior ragione il caporale in
persona.
Ma questa volta agli uccelli si aggiungevano tutti i roditori e
ruminanti della fauna artica. L'inverno non li aveva scacciati; l'istinto
del pericolo li tratteneva nei dintorni del forte, e renne, lepri polari,
ondatre, musiragni, martore ecc., sfidavano tutte le minacce del
caporale. Quando egli difendeva un pezzo del suo campo, essi
divoravano l'altro.
Certamente sarebbe stato pi saggio abbandonare a quei numerosi
nemici la raccolta dalla quale non si poteva pi trarre alcuna utilit,
poich il forte doveva essere fra poco abbandonato. Anche la signora
Barnett dava questo consiglio all'ostinato caporale, quando questi,
venti volte al giorno, veniva ad annoiarla con le sue lagnanze; ma il
caporale J oliffe non voleva assolutamente intender nulla.
Tanta fatica per niente! ripeteva. Abbandonare questo
forte quando in grado di prosperare! Lasciar divorare queste
pianticelle che la signora J oliffe e io abbiamo seminato con tanta
sollecitudine! Ah, signora! mi viene alle volte la voglia di lasciarvi
partire voi e tutti gli altri e di restar qui solo con la mia sposa! Io
sono sicuro che la Compagnia acconsentirebbe a lasciarci quest'isola
e tutte le sue ricchezze!
A questa riflessione Paolina Barnett non poteva fare a meno di
ridere e rimandava il caporale alla sua piccola moglie, la quale aveva
gi da molto tempo rinunciato all'acetosella, alla coclearia e agli altri
antiscorbutici, ormai senza utilit.
Conviene aggiungere qui che la salute degli svernatori, uomini e
donne, era eccellente. Le malattie almeno li avevano risparmiati.
Anche il bimbo si era ristabilito e cresceva a meraviglia sotto i primi
raggi della primavera.
Durante le giornate del 2, 3, 4 e 5 aprile il disgelo continu. Il
calore era sensibile ma il tempo era coperto. La pioggia cadeva di
frequente e a grosse gocce. Il vento soffiava da sud-ovest tutto carico
dei caldi vapori del continente. Ma in quella atmosfera annebbiata fu
impossibile continuare le osservazioni. N sole, n luna, n stelle
apparvero attraverso l'opaca cortina, e la cosa era molto
preoccupante, poich non si potevano osservare i movimenti
dell'isola Vittoria.
Fu nella notte dal 7 all'8 aprile che il disgelo incominci
veramente. Al mattino il tenente Hobson, Paolina Barnett, Kalumah e
il sergente Long andarono sulla punta del capo Bathurst e notarono
un certo spostamento nel campo di ghiaccio. L'enorme barriera,
divisa quasi nel suo mezzo, formava allora due parti distinte e
sembrava che la porzione superiore cercasse di portarsi a nord. Era
dunque l'influenza della corrente del Kamciatka che si faceva
sentire? L'isola errante avrebbe anch'essa preso la stessa direzione? Il
tenente e i suoi compagni erano veramente molto preoccupati. La
loro sorte poteva decidersi in poche ore, poich se la fatalit li
trascinava verso nord per qualche centinaio di miglia, essi avrebbero
fatto fatica a riguadagnare il continente sopra un'imbarcazione cos
piccola come la loro.
Sfortunatamente gli svernatori non avevano alcun mezzo per
considerare il valore e la natura dello spostamento che avveniva.
Tuttavia poterono assodare che l'isola non si muoveva almeno nel
verso dellice-field, poich il movimento di questo era sensibile.
Pareva dunque probabile che una porzione dell'ice-field si fosse
separata e risalisse a nord, mentre quella che tratteneva l'isola
rimaneva ancora immobile.
Del resto questo spostamento dell'alta barriera di ghiaccio non
aveva in alcun modo modificato le opinioni della giovane eschimese.
Kalumah sosteneva che il disgelo sarebbe avvenuto in direzione sud
e che lo stesso campo di ghiaccio avrebbe risentito pi tardi
dell'influenza della corrente di Bering. Kalumah, per mezzo di un
piccolo pezzo di legno, aveva disegnato sulla sabbia la disposizione
dello stretto per farsi meglio capire, e dopo aver tracciato la direzione
della corrente, mostrava che l'isola, seguendola, si sarebbe avvicinata
alla costa americana. Nessuna obiezione aveva potuto cambiare la
sua idea a questo riguardo, e veramente si restava quasi convinti
ascoltando le spiegazioni cos sicure della intelligente indigena.
Tuttavia le giornate dell'8, del 9 e del 10 aprile sembrarono dar torto
a Kalumah. La porzione settentrionale dei monti di ghiaccio si
allontan sempre pi verso nord. Il disgelo si operava con grande
fracasso e su vasta scala.
Il disgregamento si manifestava in tutti i punti del litorale con
assordante frastuono. Era impossibile parlare e sentirsi all'aria aperta;
si udivano continue detonazioni paragonabili a scariche di una
formidabile artiglieria. A mezzo miglio dalla spiaggia, in tutto il
settore dominato dal capo Bathurst, i ghiacci cominciavano gi ad
accavallarsi gli uni sugli altri. La banchisa si era allora spezzata in
numerosi frantumi che formavano altrettante montagne e se ne
andavano alla deriva verso nord. Almeno era questo il movimento
apparente di quegli icebergs. Il tenente Hobson, senza dirlo, era
sempre pi inquieto, e le informazioni di Kalumah non bastavano a
rassicurarlo. Egli faceva obiezioni alle quali la giovane eschimese
resisteva ostinatamente.
Finalmente un giorno, il mattino del 17 aprile, J asper Hobson
mostr a Kalumah gli ultimi icebergs che stavano per sparire a nord,
e la incalz ancora una volta con argomenti che i fatti sembravano
rendere incontrastabili.
Ebbene no, no, rispose Kalumah con una convinzione pi
che mai radicata nel suo spirito; non la banchisa che risale a
nord, la nostra isola che discende a sud.
Kalumah aveva forse ragione; e J asper Hobson fu molto
impressionato dalla sua risposta; era davvero possibile che lo
spostamento della banchisa fosse solo apparente e che al contrario
l'isola Vittoria, trascinata dal campo di ghiaccio, andasse alla deriva
verso lo stretto; ma se pure quello spostamento esisteva non si poteva
n accertarlo n valutarlo, e nemmeno rilevare la longitudine o la
latitudine dell'isola.
Infatti, non solo il cielo rimaneva rannuvolato, per cui non era
possibile rilevare la posizione, ma, per disgrazia, un fenomeno
particolare delle regioni polari lo rese ancor pi oscuro, e rimpicciol
estremamente il campo della visione.
Infatti, al momento del disgelo delle nevi, la temperatura si era
abbassata di molti gradi. Una nebbia densa avvolse in breve tutti quei
luoghi del Mare Artico, ma non era la solita nebbia. Il terreno si copr
alla superficie di una crosta bianca, assai diversa dalla brina, la quale
non se non un vapore acqueo che si congela dopo la sua
precipitazione.
Le particelle sottilissime che componevano quella nebbia si
attaccavano agli alberi, agli arbusti, alle muraglie del forte, a tutte le
sporgenze e vi formavano in breve un fitto strato irto di fibre
prismatiche o piramidali le cui punte si dirigevano dalla parte del
vento.
J asper Hobson riconobbe allora quello strano fenomeno di cui i
balenieri e gli svernatori hanno sovente notato l'apparizione in
primavera nelle regioni polari.
Non una nebbia, disse Hobson ai compagni, un frost-
rime, un fumo gelato, un vapore denso che si mantiene in completo
stato di congelazione.
Ma, fosse nebbia o fumo gelato, questo fenomeno non era certo
meno spiacevole, perch occupava un'altezza di trenta metri almeno
sopra il livello del mare, e la sua opacit era tale che, a tre metri l'una
dall'altra, due persone non potevano vedersi.
Lo sconforto di quegli sventurati fu immenso.
Pareva che la natura non volesse risparmiarli. Proprio allora che
avveniva il disgelo, proprio allora che l'isola errante stava per
rompere i legami che la incatenavano da tanti mesi, al momento
infine in cui i suoi movimenti dovevano essere sorvegliati pi
attentamente, ecco che la nebbia veniva a impedire ogni
osservazione.
E fu cos per quattro giorni: il frost-rime si dissip solo il 15
aprile. Al mattino una violenta brezza del sud lo lacer e lo dirad.
Il sole splendeva; il tenente Hobson prese i suoi strumenti, misur
l'altezza del sole, e fu questo il risultato dei suoi calcoli per le
coordinate presenti dell'isola:
Latitudine 69 57'.
Longitudine 179 33'
Kalumah aveva avuto ragione; l'isola Vittoria, presa dalla corrente
di Bering, andava alla deriva verso sud.



CAPITOLO XVII
LA VALANGA
GLI SVERNATORI si avvicinavano dunque finalmente ai luoghi pi
frequentati del mare di Bering. Non avevano pi da temere di essere
trascinati a nord; si trattava ormai solo di sorvegliare lo spostamento
dell'isola e di valutarne la velocit, che a causa degli ostacoli doveva
essere molto disuguale. A questo si dedic minuziosamente J asper
Hobson, il quale prese volta per volta l'altezza del sole e delle stelle;
il giorno dopo, 16 aprile, calcol che se la velocit continuava a
essere uniforme, l'isola Vittoria sarebbe giunta verso il principio di
maggio al circolo polare, da cui la separavano quattro gradi di
latitudine al massimo.
Era supponibile che allora l'isola, inoltrandosi nella parte pi
chiusa dello stretto, sarebbe rimasta stazionaria fino a tanto che il
disgelo le avesse fatto posto. Allora si sarebbe varata l'imbarcazione
e fatto vela verso il continente americano.
noto che, in virt delle precauzioni prese, tutto era pronto per
imbarcarsi immediatamente. Gli abitanti dell'isola aspettarono
dunque con pi fiducia ancora. Sentivano i poveretti, tanto
duramente provati, di stare per giungere alla conclusione, e che essi
sarebbero passati cos vicino all'una o all'altra costa, che nulla
avrebbe potuto loro impedire di approdarvi in pochi giorni.
Questa prospettiva rianim il cuore e lo spirito degli svernatori i
quali ritrovarono quell'allegria naturale che le traversie avevano
bandito da molto tempo. I pasti ridivennero lieti tanto pi che non
mancavano le provviste e il programma nuovo non ordinava
l'economia, al contrario; e poi l'influenza della primavera si faceva
sentire e ciascuno aspirava con vera ebbrezza i pi tiepidi venticelli
che essa recava.
Nei giorni seguenti furono fatte molte escursioni nell'interno
dell'isola e sul litorale. N gli animali da pelliccia, n i ruminanti, n
i carnivori potevano pensare ad abbandonarla, poich il campo di
ghiaccio che la imprigionava, staccato dalla costa americana (come
provava il suo movimento di deriva), non avrebbe loro permesso di
porre piede sul continente.
Nessun movimento era avvenuto nell'isola, n al capo Eschimese,
n al capo Michel, n in alcun'altra parte del litorale; nulla all'interno,
n sulle rive dello stagno; la grande fenditura, scavatasi durante
l'uragano presso il capo Michel, si era interamente richiusa
nell'inverno e alla superficie del suolo non appariva altra fessura.
In queste escursioni si videro branchi di lupi che scorrazzavano
nelle diverse parti dell'isola. Di tutta la fauna, questi feroci carnivori
erano i soli che il sentimento di un comune pericolo non avesse
addomesticato.
Fu rivisto un'altra volta il salvatore di Kalumah. Questo
rispettabile orso passeggiava melanconicamente sulle deserte pianure
e si arrestava quando gli esploratori passavano nei dintorni. Talvolta
li seguiva fino al forte, sapendo bene di non avere nulla da temere da
quelle brave persone che non gli potevano portare nessun rancore.
Il 20 aprile il tenente Hobson si accert che l'isola errante non
aveva assolutamente interrotto il movimento di deriva verso sud; ci
che rimaneva della banchisa, vale a dire la parte sud, la seguiva nel
suo spostamento, ma mancando i punti di riferimento non si poteva
riconoscere questo mutamento di posizione se non con le
osservazioni astronomiche.
J asper Hobson fece allora fare molti scandagli in parecchi punti
del suolo e specialmente ai piedi del capo Bathurst e sulle rive dello
stagno, volendo conoscere quale fosse lo spessore della crosta di
ghiaccio che sosteneva la terra e le piante; e fu accertato che questo
spessore non era cresciuto nell'inverno e che il livello generale
dell'isola non sembrava essersi sollevato sopra il mare. Si desunse
dunque che bisognava al pi presto abbandonare quel fragile isolotto
che si sarebbe dissolto non appena fosse stato bagnato dalle acque
pi calde del Pacifico.
Verso quel tempo, il 25 aprile, l'orientamento dell'isola sub un
nuovo mutamento. Il movimento di rotazione di tutto lice-field si
comp da est a ovest per un quarto e mezzo di circonferenza; il capo
Bathurst proiett da allora la punta verso nord-ovest. Gli ultimi resti
della banchisa chiusero allora l'orizzonte a nord. Era dunque assodato
che il campo di ghiaccio si muoveva liberamente nello stretto e non
confinava con nessuna terra.
Si avvicinava il momento fatale; le osservazioni diurne e notturne
davano con precisione la situazione dell'isola, e perci anche quella
dell'ice-field. Il 30 aprile, tutto l'insieme andava alla deriva in faccia
al golfo di Kotzebue, largo seno triangolare che si addentra
profondamente nella costa americana. Nella sua parte meridionale si
allungava il capo del Principe di Galles, che avrebbe arrestato forse
l'isola errante qualora non si fosse tenuta esattamente nel mezzo dello
stretto.
Il tempo era allora abbastanza bello e la colonna di mercurio
segnava di frequente 50F ( +10 C). Gli svernatori avevano lasciato
da qualche settimana i loro abiti invernali ed erano sempre pronti a
partire. L'astronomo Tommaso Black aveva gi trasportato
nell'imbarcazione il suo bagaglio da scienziato, i suoi strumenti, i
suoi libri. Si era anche imbarcata una certa quantit di provviste,
come pure qualcuna delle pi preziose pellicce.
Il 2 maggio, da una osservazione minuziosissima, risult che
l'isola Vittoria tendeva a portarsi verso est, perci a congiungersi al
continente americano. Era quella una fortunata combinazione perch
la corrente del Kamciatka rasenta, come noto, il litorale asiatico, e
non si poteva dunque temere di essere ripresi da essa. Finalmente la
sorte pareva arridere agli svernatori.
Io credo che abbiamo stancato la sfortuna, signora, disse
allora il sergente Long alla signora Barnett. Noi stiamo arrivando
alla fine delle nostre sciagure, e credo che non abbiamo pi nulla da
temere.
Infatti, rispose la signora Barnett; ne sono convinta
anch'io, sergente Long, ed senza dubbio una fortuna che si sia
dovuto rinunciare a quel viaggio attraverso il campo di ghiaccio; la
Provvidenza ci proteggeva rendendo insuperabile lice-field.
Paolina Barnett aveva certo ragione di parlare cos; infatti quanti
pericoli, quanti ostacoli sparsi su quella via durante l'inverno e
quante fatiche in mezzo a una lunga notte artica e a seicento miglia
dalla costa!
Il 5 maggio, J asper Hobson annunci ai compagni che l'isola
Vittoria aveva passato il circolo polare. Rientrava finalmente in
quella zona della terra che il sole non abbandona mai, nemmeno nella
sua maggior inclinazione australe. A tutta quella brava gente parve di
tornare nel mondo abitato.
Si bevette qualche buon bicchiere in quel giorno e si innaffi il
circolo polare come si sarebbe fatto all'Equatore a bordo di una nave
che per la prima volta tagliava la linea.
D'ora in avanti non si aveva da fare altro se non aspettare il
momento in cui i ghiacci, erranti e semisciolti, avrebbero dovuto
cedere il passo all'imbarcazione che avrebbe portato con s tutta la
colonia.
Nella giornata del 7 maggio, l'isola mut ancora orientamento per
un quarto di circonferenza. Il capo Bathurst era ormai volto a nord, e
aveva sopra di s quanto era rimasto della banchisa. Aveva dunque
ripreso all'inarca l'orientamento che gli davano le carte geografiche al
tempo in cui era saldato al continente americano. L'isola aveva fatto
un intero giro, e il sole nascente aveva successivamente salutato tutti
i punti del suo litorale.
L'osservazione dell'8 maggio stabil che l'isola si era fermata
proprio a met strada, a meno di quaranta miglia dal capo del
Principe di Galles. Cos dunque, la terra era l, a una distanza
relativamente breve, e la salvezza di tutti pareva certa.
Alla sera si fece una buona cena nella gran sala. Furono fatti
brindisi alla signora Barnett e al tenente Hobson.
In quella notte stessa il tenente decise di andare ad osservare i
mutamenti che potevano essere avvenuti a sud del campo di ghiaccio,
in cui forse si sarebbe scorto qualche passo praticabile.
Paolina Barnett voleva accompagnare J asper Hobson in questa
esplorazione, ma egli ottenne che si riposasse, e condusse con s solo
il sergente Long. La signora Barnett si arrese alle istanze del tenente
e rientr nella casa principale con Madge e con Kalumah. I soldati e
le donne invece erano andati a buttarsi sui lettucci nello
scompartimento loro riservato.
La notte era bella. In mancanza della luna, le costellazioni
splendevano di un freddo splendore. Una specie di luce
estremamente diffusa, riflessa dallice-field, rischiarava leggermente
l'atmosfera e sembrava allargare l'orizzonte tutt'intorno.
Il tenente Hobson e il sergente Long, lasciando il forte alle nove,
si diressero verso la parte del litorale compresa fra il porto Barnett e
il capo Michel.
I due esploratori seguirono la spiaggia per uno spazio di due
miglia. Ma quale aspetto aveva tuttora il campo di ghiaccio! Quale
scompiglio, quale caos! Si immagini un'immensa concrezione di
cristalli capricciosi, come se il mare si fosse solidificato al momento
in cui era agitato dall'uragano. Inoltre i ghiacci non lasciavano nessun
passo libero, e una imbarcazione non avrebbe potuto avventurarvisi.
J asper Hobson e il sergente Long, chiacchierando e osservando,
stettero sul litorale fino a mezzanotte. Vedendo che ogni cosa era
rimasta immutata, decisero di tornare al forte Esprance per riposare
alcune ore.
Entrambi avevano fatto un centinaio di passi e si trovavano gi
sull'antico greto disseccato del Paolina-river, quando li trattenne un
rumore inconsueto. Era come un brontolio lontano e pareva giungere
dalla parte settentrionale del campo di ghiaccio. L'intensit di questo
rumore crebbe in breve, tanto che prese formidabili proporzioni.
Qualche poderoso fenomeno si stava compiendo evidentemente in
quei dintorni, e, cosa poco rassicurante, il tenente Hobson credette di
sentire il terreno dell'isola tremargli sotto i piedi.
Questo rumore viene dalla parte della banchisa! esclam il
sergente Long. Che cosa sar?
J asper Hobson non rispose, e, molto preoccupato, trasse il
compagno verso il litorale.
Al forte! al forte! grid Hobson, forse avvenuta una
dislocazione dei ghiacci, e potremo varare la nostra imbarcazione!
Ed entrambi corsero a perdifiato per la via pi breve in direzione
del forte Esprance.
Mille pensieri venivano loro in mente. Da che nuovo fenomeno
era prodotto quell'inconsueto rumore? Gli abitanti del forte si erano
accorti di questo incidente? S, senza dubbio, perch le detonazioni,
la cui intensit raddoppiava a ogni istante, sarebbero bastate, secondo
la volgare espressione, a svegliare un morto.
In venti minuti J asper Hobson e il sergente Long fecero le due
miglia che li separavano dal forte Esprance. Ma prima di essere
arrivati al recinto, scorsero i loro compagni, uomini e donne, che
fuggivano in disordine, spaventati, mandando grida di disperazione.
Il carpentiere Mac Nap venne verso il tenente con il figlioletto fra
le braccia.
Guardate, signor Hobson, disse trascinando il tenente verso
un monticello che si elevava alcuni passi dietro il recinto.
J asper Hobson guard.
Gli icebergs, che prima della sua partenza si trovavano ancora a
due o tre miglia al largo, erano stati catapultati sul litorale. Il capo
Bathurst non esisteva pi e la sua massa di terra e di sabbia, spazzata
dagli icebergs, ricopriva il recinto del forte. La casa principale e le
costruzioni circostanti erano sparite sotto l'enorme valanga. In mezzo
a un rumore spaventoso si vedevano i ghiacci risalire gli uni sugli
altri e ricadere schiacciando tutto sul loro passaggio. Era come un
assalto di monti di ghiaccio contro l'isola.
Quanto al battello costruito ai piedi del capo era tutto a pezzi.
L'ultima speranza degli sfortunati svernatori era svanita!
In quel momento stesso la casa, occupata poco prima dai soldati e
dalle donne e da cui tutti avevano potuto uscire a tempo, sprofond
sotto la caduta di un enorme masso di ghiaccio. Quegli infelici
mandarono un grido di disperazione.
E gli altri! i nostri compagni! esclam il tenente
spaventatissimo.
L, rispose Mac Nap, mostrando la massa di sabbia, di terra
e di ghiacci sotto la quale era interamente scomparsa la casa
principale.
S! sotto quei cumuli era rimasta sepolta Paolina Barnett, e con lei
Madge, Kalumah e Tommaso Black, che la valanga aveva sorpreso
durante il sonno.
CAPITOLO XVIII
TUTTI AL LAVORO
ERA AVVENUTO un cataclisma spaventoso. Gli icebergs si erano
gettati sull'isola errante; sommersi a una grande profondit sotto il
livello del mare - a una profondit che corrispondeva a cinque volte
la parte che emergeva sopra il livello del mare - essi non avevano
potuto resistere all'azione della corrente sottomarina. Aprendosi una
strada attraverso i ghiacci circostanti, si erano precipitati interamente
sull'isola Vittoria, che, spinta da questo potente motore, andava
rapidamente alla deriva verso sud.
Al primo momento, avvertiti dal rumore della valanga che
schiacciava il canile, la stalla e la casa principale del forte, Mac Nap
e i suoi compagni avevano potuto lasciare il loro alloggio in pericolo.
Ma gi l'opera distruttrice si era compiuta. Di quelle abitazioni non
esisteva pi traccia! E l'isola trascinava con s i suoi abitanti verso
gli abissi dell'oceano! Tuttavia, sotto le rovine della valanga, la loro
coraggiosa compagna, Paolina Barnett, Madge, la giovane eschimese
e l'astronomo potevano essere ancora vivi. Bisognava cercare ad ogni
costo di raggiungerli, anche a rischio di non riuscire a salvarli.
Il tenente, dapprima atterrito, riprendendo la solita freddezza,
grid:
Alle zappe e ai picconi! La casa era solida, e ha potuto
resistere. All'opera!
Gli utensili e i picconi non mancavano. Ma in quel momento non
si poteva avvicinarsi al recinto, perch massi di ghiaccio vi cadevano
sopra dalla vetta mozzata degli icebergs, di cui alcuni si elevavano
ancora a circa ottanta metri sopra l'isola Vittoria. Si immagini da
questo la potenza di pressione di quelle masse vacillanti che
sembravano approdare da tutta la parte settentrionale dell'orizzonte.
Il litorale, nella porzione compresa tra l'antico capo Bathurst e il capo
Eschimese, era non solo dominato ma invaso da quelle montagne
mobili. Irresistibilmente esse avanzavano gi di un quarto di miglio
al di l della spiaggia. A ogni momento un fremito del suolo e una
detonazione fortissima annunciavano nuove valanghe. C'era motivo
di temere che l'isola potesse venire sommersa sotto quel peso. Un
cambiamento di livello sensibilissimo segnalava che tutta quella
parte della riva sprofondava a poco a poco; e gi il mare avanzava in
lunghe ondate fino allo stagno.
La condizione degli svernatori era terribile, e durante tutto il resto
della notte, senza poter tentare nulla per salvare i loro compagni,
respinti dal recinto dalle valanghe, incapaci di lottare contro
quell'invasione, incapaci di girare intorno, essi dovettero aspettare, in
preda alla pi grande disperazione.
Finalmente venne giorno. Che aspetto offrivano i dintorni di capo
Bathurst! L dove arrivava lo sguardo, l'orizzonte era allora chiuso
dalla barriera di ghiaccio. Ma l'invasione sembrava essersi arrestata
almeno per un momento. Gli enormi profili degli icebergs non si
agitavano pi. Tuttavia qua e l crollavano ancora parecchi massi
dall'alto delle vette pericolanti.
Ma la massa intera, profondamente immersa sotto le acque,
comunicava all'isola tutta la forza di deriva che essa prendeva nel
profondo della corrente, e l'isola se ne andava a sud, cio verso
l'abisso, con grande velocit.
Quelli che essa trascinava con s non se ne accorgevano neppure.
Essi avevano vittime da salvare e fra esse la coraggiosa Paolina
Barnett per la quale avrebbero dato la vita. Era giunto il momento di
agire, approfittando del fatto che ci si poteva avvicinare al recinto. E
non bisognava perdere un istante, perch gi da sei ore gli sfortunati
erano seppelliti sotto le rovine della valanga.
Come si detto, il capo Bathurst non esisteva pi; respinto da un
enorme iceberg, esso si era rovesciato sul forte, spezzando il battello,
coprendo il canile e la stalla che aveva schiacciato con tutti gli
animali rinchiusi dentro.
Poi la casa principale era sparita sotto gli strati di sabbia e di terra,
che i ghiacci ammassati per un'altezza di diciotto o venti metri
opprimevano con il loro peso.
Il cortile del forte era ingombro di ghiacci e della palizzata non si
vedeva pi un solo sostegno. Era sotto quel pauroso ammasso, e a
prezzo di un lavoro faticosissimo, che bisognava cercare le vittime.
Prima di rimettersi all'opera, il tenente Hobson chiam il mastro
carpentiere.
Mac Nap, gli disse, credete che la casa abbia potuto
sopportare tutto il peso della valanga?
Lo credo, tenente, rispose Mac Nap, e sarei quasi tentato
di affermarlo. Noi l'abbiamo fatta salda, come sapete, essa fu
puntellata, e le travi poste verticalmente tra il pavimento e il soffitto
avrebbero dovuto resistere. Notate anche che la casa fu prima coperta
da uno strato di sabbia e di terra, per cui fu forse diminuito l'urto dei
massi precipitati dall'alto degli icebergs.
Che Dio vi ascolti, Mac Nap, rispose J asper Hobson, e ci
risparmi un simile dolore!
Poi fece venire la signora J oliffe.
Signora, le domand, sono rimasti viveri nella casa?
S, signor J asper, rispose la signora J oliffe; la dispensa e
la cucina contenevano una certa quantit di alimenti.
acqua?
S, acqua e grappa.
Sta bene, disse il tenente; essi non moriranno n di fame
n di sete! Ma non mancher loro l'aria?
A questa domanda il mastro carpentiere non pot rispondere. Se la
casa aveva resistito, come egli credeva, la deficienza d'aria era allora
il pi gran pericolo che minacciasse le quattro vittime, ma infine
questo pericolo si poteva scongiurare liberandole rapidamente o
almeno stabilendo il pi presto possibile una comunicazione tra la
casa seppellita e l'aria esterna.
Tutti, uomini e donne, si erano messi al lavoro con i picconi e con
le zappe. Tutti si erano portati sulla massa di sabbia, di terra e di
ghiaccio a rischio di causare nuove frane. Mac Nap aveva preso la
direzione dei lavori e li diresse con ordine.
Gli parve conveniente cominciare dalla cima. Di l si poterono far
rotolare verso lo stagno i massi accumulati. Con i picconi e con le
leve si pot facilmente sbarazzarsi dei ghiacci di media grossezza,
ma i grossissimi dovettero essere spezzati a colpi di zappa. Alcuni
persino, la cui massa era considerevole, furono fusi con fuochi
alimentati da legna resinosa. Tutto concorreva nello stesso modo per
distruggere o rimuovere la massa di ghiaccio il pi presto possibile.
Ma quella montagna era enorme, e quantunque i coraggiosi
lavoratori lavorassero senza posa e smettessero solo per prendere un
po' di cibo, tuttavia fu gi molto se al tramonto la massa dei ghiacci
era un po' diminuita. La vetta era stata rimossa e livellata e venne
deciso di continuare quel lavoro di livellamento per tutta la notte;
poi, fatto questo, quando le frane non erano pi possibili, il mastro
carpentiere contava di scavare una fossa verticale attraverso la massa
compatta, e ci avrebbe permesso di giungere pi direttamente e pi
rapidamente allo scopo di dare accesso all'aria esterna.
Tutta notte Hobson e i suoi compagni si occuparono di
quell'indispensabile sgombero. Il ferro e il fuoco non cessarono un
istante di lottare contro la resistenza dei ghiacci. Gli uomini
maneggiavano il piccone e la zappa; le donne alimentavano i fuochi.
Tutti avevano un pensiero: salvare Paolina Barnett, Madge,
Kalumah e Tommaso Black!
Ma quando riapparve il mattino, gi da trenta ore gli sfortunati
erano sepolti, e in mezzo a un'aria necessariamente viziata.
Il carpentiere, dopo i lavori compiuti nella notte, pens di scavare
il pozzo verticale che doveva giungere direttamente al tetto della
casa. Questo pozzo, secondo i suoi calcoli, non doveva misurare
meno di diciotto metri. Il lavoro sarebbe stato facile senza dubbio nel
ghiaccio, per circa sette o otto metri; ma poi le difficolt sarebbero
aumentate per scavare lo strato di sabbia e di terra, necessariamente
molto friabile, che si sarebbe dovuto puntellare per uno spazio di
dieci metri almeno. Furono preparati, a questo scopo, lunghi pezzi di
legno, e la perforazione del pozzo incominci.
Tre uomini soli vi potevano lavorare insieme; per cui i soldati
ebbero la possibilit di darsi spesso il cambio, tanto da sperare che lo
scavo sarebbe presto terminato.
Come avviene in questi terribili frangenti, i poveretti passavano da
momenti di speranza a momenti di disperazione. Quando qualche
difficolt li faceva ritardare, quando le frane distruggevano una parte
del lavoro gi fatto, essi si sentivano vincere dallo scoramento e
bisognava che la voce ferma e riconfortante del mastro carpentiere li
rianimasse. Mentre gli uomini scavavano, le tre donne, le signore
Ra, J oliffe e Mac Nap, raggruppate ai piedi del monticello,
aspettavano pregando e piangendo. Esse non avevano altra
occupazione fuorch quella di preparare il cibo che i loro compagni
divoravano nei momenti di riposo.
Intanto il pozzo veniva scavato senza grandi difficolt, ma il
ghiaccio era estremamente duro e lo scavo procedeva alquanto
lentamente. Alla fine di quella giornata, Mac Nap aveva solamente
toccato la crosta di terra e di sabbia, e non poteva sperare di giungere
al tetto della casa prima della fine del giorno seguente.
Venne la notte; la perforazione non doveva essere interrotta, e fu
convenuto che si sarebbe lavorato alla luce delle fiaccole di resina. Si
scav in fretta una specie di casa in uno degli hummocks del litorale
perch servisse di ricovero alle donne e al fanciullo. Il vento ora
spirava da sud-ovest e cadeva una fredda pioggia, alla quale si
aggiungevano di quando in quando forti raffiche di vento. Ma n il
tenente, n i suoi compagni pensarono a interrompere il lavoro.
E qui cominciarono le maggiori difficolt. Infatti non si poteva
forare quella terra tanto friabile: divenne dunque indispensabile fare
una specie di armatura in legno che sostenesse la terra mobile
all'interno del pozzo. Poi, con un secchio sospeso a una corda, gli
uomini posti all'apertura del pozzo levavano la terra scavata. In
queste condizioni il lavoro non poteva essere condotto rapidamente.
Bisognava sempre temere le frane e bisognava prendere le pi
minuziose precauzioni affinch i lavoratori non fossero essi pure
seppelliti.
Di solito il mastro carpentiere stava di persona in fondo allo
stretto foro, dirigendo l'escavazione e scandagliando frequentemente
con una lunga pertica. Ma egli non sentiva alcuna resistenza che lo
avvisasse di esser giunto al tetto della casa.
Del resto, venuto il mattino, erano stati scavati solo tre metri nella
massa di terra e di sabbia, e ce ne volevano ancora sei per giungere
all'altezza in cui si trovava il tetto prima della valanga, ammettendo
che non avesse ceduto. E da cinquanta ore Paolina Barnett, le altre
due donne e l'astronomo erano sepolti vivi sotto la frana!
Pi volte il tenente e Mac Nap si domandarono se le vittime non
tentavano o non avessero tentato di aprire una comunicazione con
l'esterno. Con l'indole intrepida e la freddezza d'animo di Paolina
Barnett, non vi era dubbio che non avesse provato ad aprire un
passaggio verso l'esterno. Alcuni utensili erano restati nella casa, e
uno degli uomini del carpentiere, Kellet, si ricordava benissimo di
aver lasciato la sua zappa in cucina. Forse i prigionieri avevano gi
spezzato qualche porta e cominciato il traforo di una galleria
attraverso gli strati di terra. Ma questa galleria essi non la potevano
fare che in direzione orizzontale, ed era un lavoro molto pi lungo di
quello intrapreso da Mac Nap, poich la montagna prodotta dalla
valanga, che misurava solo una ventina di metri in altezza, copriva
uno spazio di pi di centocinquanta metri circa di diametro. I
prigionieri ignoravano necessariamente questo fatto, e ammettendo
che fossero riusciti a scavare la loro galleria orizzontale, essi non
avrebbero potuto spezzare l'ultima crosta di ghiaccio prima di otto
giorni almeno. Ed allora, l'aria, se non i viveri, sarebbe loro mancata.
Tuttavia J asper Hobson sorvegliava direttamente tutte le parti del
masso, ascoltando se qualche rumore avesse tradito un lavoro
sotterraneo. Ma non si intese nulla. I lavoratori avevano ripreso con
maggior alacrit il rude lavoro con il sopraggiungere del giorno. La
terra e la sabbia risalivano di continuo all'apertura del pozzo che
veniva scavato regolarmente. La grossolana armatura sosteneva
sufficientemente il terreno friabile. Avvennero s, parecchie frane,
ma furono rapidamente fermate, e durante quella giornata non si
ebbero altri incidenti da lamentare. Solo il soldato Garry fu ferito alla
testa dalla caduta di un masso; ma il male non fu grave ed egli non
volle nemmeno smettere il lavoro.
Alle quattro il pozzo era giunto a una profondit di diciotto metri
scavati nel ghiaccio, e dieci metri nella terra e nella sabbia.
Era a questa profondit che Mac Nap aveva sperato di toccare il
tetto della casa, ammesso che essa avesse resistito all'urto della
valanga.
Egli era in questo momento in fondo al pozzo. Si pensi quali
furono la sua delusione e la sua disperazione quando il piccone,
abbassato con forza, non incontr alcuna resistenza.
Rest un istante con le braccia incrociate guardando Sabine che
era con lui.
Niente? chiese il cacciatore.
Niente, rispose il carpentiere, niente: continuiamo. Il
tetto si sar piegato senza dubbio, ma impossibile che il pavimento
del granaio non abbia resistito. Fra tre metri al massimo noi
dobbiamo incontrarlo, se no
Mac Nap non fin il suo pensiero, e, aiutato da Sabine, riprese il
lavoro con l'ardore di un disperato.
Alle sei pomeridiane si era arrivati a una nuova profondit di tre o
quattro metri.
Mac Nap scandagli di nuovo. Niente ancora. Il suo piccone si
sprofondava sempre nella terra molle.
Il carpentiere, lasciando un momento gli utensili, si prese la testa
fra le mani.
Disgraziati! mormor.
Poi, inerpicandosi sui travicelli che formavano l'armatura di legno,
risal fino all'apertura del pozzo.
Qui trov il tenente Hobson e il sergente pi ansiosi che mai, e
prendendoli in disparte fece loro conoscere l'orribile delusione che
aveva provato.
Ma allora, domand J asper Hobson, allora la casa stata
schiacciata dalla valanga e gli infelici!
No, rispose il carpentiere con ferma convinzione. No, la
casa non fu schiacciata! Essa deve aver resistito, rinforzata com'era!
No, non fu schiacciata! non possibile!
Ma allora che avvenuto, Mac Nap? domand il tenente,
dagli occhi del quale sgorgavano grosse lacrime.
Evidentemente questo: la casa ha resistito, ma si sprofondato
il suolo sul quale era costruita: per cui affondata tutta di un pezzo!
passata attraverso la crosta di ghiaccio che forma la base dell'isola;
non fu schiacciata ma inghiottita e le sciagurate vittime
Annegate! esclam il sergente Long.
S, sergente! Annegate senza aver potuto fare un solo
movimento: come i passeggeri di una nave che cola a picco!
Per alcuni istanti i tre uomini stettero muti.
L'ipotesi di Mac Nap poteva avvicinarsi molto al vero. Nulla di
pi logico che supporre un cedimento del suolo di ghiaccio in quel
luogo, e sotto una pressione di quel genere. La casa, grazie ai pilastri
verticali che sostenevano le travi del soffitto appoggiandosi su quelle
del pavimento, doveva aver spezzato il suolo di ghiaccio
sprofondando nell'abisso.
Ebbene, Mac Nap, disse il tenente Hobson, se non
possiamo ritrovarli vivi
S, rispose il carpentiere, eppure bisogna almeno trovarli
morti! Ci detto, Mac Nap, senza parlare ai compagni della terribile
ipotesi, riprese in fondo al pozzo il lavoro interrotto. Il tenente
Hobson era disceso con lui.
Il traforo fu continuato per tutta la notte e gli uomini si davano il
cambio ogni ora; ma mentre gli altri lavoravano, Mac Nap e Hobson
si tenevano sopra di loro, sospesi a puntelli.
Alle tre del mattino il piccone di Kellet, arrestandosi
improvvisamente sopra un corpo duro, produsse un colpo secco. Il
mastro carpentiere l'aveva intuito pi che udito.
Ci siamo! aveva esclamato il soldato. Salvi!
Taci e continua! rispose Hobson con voce sorda.
In quel momento erano gi settantasei ore che la valanga era
caduta sulla casa.
Kellet e il suo compagno, il soldato Pond, avevano ripreso il
lavoro. La profondit del pozzo doveva quasi aver toccato il livello
del mare, per cui Mac Nap non poteva aver nessuna speranza.
In meno di venti minuti il corpo duro urtato dal piccone era stato
liberato. Era una delle grosse travi del tetto. Il carpentiere,
slanciandosi in fondo al pozzo, afferr una zappa e scoperchi il
tetto. In pochi istanti fu praticata una larga apertura.
Apparve un viso appena riconoscibile nell'ombra.
Era il viso di Kalumah!
Aiuto! aiuto! mormor debolmente la povera eschimese.
J asper Hobson si lasci scivolare nell'apertura. Sent un freddo
vivissimo, l'acqua gli saliva fino alla cintola. Contrariamente a quello
che si credeva il tetto non era stato schiacciato, ma, come aveva
supposto Mac Nap, era sprofondato il suolo su cui era costruita la
casa e l'acqua vi era penetrata. Per fortuna quest'acqua non riempiva
il granaio; sul suo pavimento ve n'erano appena trenta centimetri.
Rimaneva ancora una speranza!
Il tenente, inoltrandosi nell'oscurit, incontr un corpo inanimato!
Lo trascin fino all'apertura, attraverso la quale Pond e Kellet lo
presero e lo sollevarono. Era Tommaso Black.
Un altro corpo fu estratto, quello di Madge: alcune corde erano
state gettate dall'apertura del pozzo. Tommaso Black e Madge,
portati alla luce dai loro compagni, ripresero a poco a poco i sensi al
contatto con l'aria.
Rimaneva da salvare Paolina Barnett. J asper Hobson, guidato da
Kalumah, aveva dovuto giungere all'estremit del granaio, e l aveva
finalmente trovato colei che cercava, inanimata, con la testa appena
fuori dell'acqua. Paolina Barnett sembrava morta. Il tenente la prese
fra le braccia, la port all'apertura, e pochi istanti dopo veniva
trasportata all'esterno con Kalumah e Mac Nap.
Tutti i compagni della coraggiosa donna erano l, muti e disperati.
La giovane eschimese, debole com'era, si era subito gettata sul
corpo della sua amica.
Paolina Barnett respirava ancora; il cuore batteva L'aria pura
aspirata dai suoi polmoni essiccati la rimise in vita a poco a poco:
finalmente apr gli occhi.
Un grido di gioia sfugg da tutti i petti, un grido di riconoscenza
che sal fino al cielo, dove fu certamente udito e raccolto.
In quel momento sorgeva l'alba; il sole saliva all'orizzonte,
irraggiando nello spazio la sua luce.
Paolina Barnett, con un supremo sforzo, si rialz. Dall'alto di
quella montagna formata dalla valanga e che dominava tutta l'isola, si
guard intorno. Poi, con accento particolare:
Il mare! il mare! mormor.
Infatti tutt'intorno, a est e a ovest, il mare libero di ghiacci
circondava l'isola errante!

CAPITOLO XIX
IL MARE DI BERING
L'ISOLA, sospinta dagli icebergs, era discesa con straordinaria
velocit fino nelle acque del mare di Bering, dopo aver superato lo
stretto senza arrestarsi contro le sue coste. Essa andava alla deriva,
spinta da quella irresistibile barriera che prendeva la sua forza nelle
profondit della corrente sottomarina; ed era spinta sempre pi verso
le acque calde che dovevano mutarsi in abisso per essa! E la barca,
spezzata, era completamente inservibile!
Quando la signora Barnett riprese totalmente i sensi, pot in poche
parole raccontare la storia di quelle settantaquattro ore passate nelle
profondit della casa inghiottita. Tommaso Black, Madge e la
giovane eschimese erano stati sorpresi dalla valanga. Tutti si erano
precipitati alla porta, e alle finestre; ma non c'era pi un'uscita; la
terra e la sabbia, che si chiamavano una volta il capo Bathurst,
ricoprivano interamente la casa. Quasi subito i prigionieri sentirono
gli urti degli enormi massi che gli icebergs avventavano sull'isola.
Dopo un quarto d'ora Paolina Barnett e gli altri sentirono che la
casa resisteva a quella spaventosa pressione, ma sprofondava nel
suolo dell'isola. La base di ghiaccio si rompeva e gi appariva l'acqua
del mare.
Impadronirsi dei pochi viveri rimasti nella dispensa e rifugiarsi nel
granaio fu cosa di un attimo; e questo fu fatto per un vago istinto di
conservazione. Tuttavia, potevano i disgraziati avere il minimo
barlume di speranza? Del resto il granaio aveva resistito ed era
probabile che due massi di ghiaccio, essendosi posti ad arco sopra il
tetto, lo avessero salvato da un immediato schiacciamento.
Mentre erano cos imprigionati, essi sentivano al di sopra della
casa gli enormi massi della valanga che cadevano di continuo. Al di
sotto l'acqua saliva sempre. Schiacciati o annegati!
Ma per un miracolo, si pu dire cos, il tetto della casa, sostenuto
dalle solide travi e come corazzato, resistette, e la casa stessa, dopo
essersi per buona parte sprofondata, si ferm; ma l'acqua superava
gi di trenta centimetri il livello del granaio.
Paolina Barnett, Madge, Kalumah, Tommaso Black avevano
dovuto rifugiarsi nelle giunture delle travi. E l essi restarono per
tante ore. L'affezionata Kalumah portava aiuti instancabilmente a
tutti, e portava, attraverso l'acqua, il nutrimento all'uno e all'altro.
Non c'era nulla da tentare per la salvezza. Il soccorso poteva venire
solo dall'esterno!
Spaventoso! La respirazione diveniva faticosa in quell'aria
compressa, che, priva in breve di ossigeno e carica di anidride
carbonica, avvelenava tutto l'organismo. Alcune ore ancora di
prigionia in quello stretto spazio, e il tenente Hobson non avrebbe
pi trovato che cadaveri!
Inoltre, alle torture fisiche, si erano aggiunte le torture morali.
Paolina Barnett si era resa conto di quanto era avvenuto. Aveva
indovinato che i monti di ghiaccio si erano gettati sull'isola, e dal
gorgoglio delle acque che scrosciavano sotto la casa capi che l'isola
andava alla deriva verso sud.
Ed ecco perch, appena apr gli occhi, si guard intorno e
pronunci quelle parole, rese allora pi terribili dalla distruzione
dell'imbarcazione:
Il mare! Il mare!
Ma in quel momento tutti quelli che la circondavano non volevano
vedere, non volevano capire che una sola cosa; cio di aver salvato
colei per la quale avrebbero dato il loro sangue, e con lei Madge,
Tommaso Black e Kalumah. Dopo tutto, dopo tante prove, tanti
pericoli, non uno di quelli che il tenente Hobson aveva condotto con
s in quella disastrosa spedizione mancava ancora all'appello.
Ma gli avvenimenti stavano per divenire pi gravi che mai, e
senza dubbio la catastrofe finale non poteva essere lontana.
Prima preoccupazione del tenente Hobson, in quella giornata, fu
di rilevare la posizione dell'isola. Non bisognava pensare ad
abbandonarla, poich il mare, finalmente libero, non offriva intorno
alcun punto d'approdo. In fatto di icebergs restava solo quel masso la
cui vetta aveva schiacciato il capo Bathurst, e che, profondamente
sommerso alla base, spingeva l'isola verso sud.
Rovistando tra le rovine della casa principale si erano potuti
trovare gli strumenti che Tommaso Black aveva portato con s e che
fortunatamente non si erano rotti. Il cielo era coperto di nuvole;
tuttavia il sole appariva qualche volta, e il tenente Hobson pot
misurarne l'altezza in tempo utile e con sufficiente approssimazione.
Da questa osservazione risult che in quel giorno, 12 maggio a
mezzogiorno, l'isola Vittoria occupava in longitudine 168 12' a
ovest del meridiano di Greenwich e in latitudine 63 27'. Il punto,
riportato sulla carta, si trovava in faccia al golfo Norton, tra la punta
asiatica di Tchaplin e il capo americano Stephens, ma a pi di cento
miglia dall'una e dall'altra costa.
Bisogna dunque rinunciare a prender terra sul continente?
disse allora Paolina Barnett.
S, signora, rispose J asper Hobson, ogni speranza vana
a questo proposito. La corrente ci ha portati al largo con estrema
velocit e noi non possiamo contare che sull'incontro di qualche
baleniera che passi in vista dell'isola.
Ma, riprese a dire la viaggiatrice, se non possiamo
approdare al continente, perch la corrente non ci potrebbe portare su
qualcuna delle isole del mare di Bering?
Era una ben debole speranza; eppure quei disgraziati vi si
aggrapparono come l'uomo che annega si aggrappa alla tavola della
salvezza. Le isole non mancavano in quei paraggi del mare di Bering:
San Lorenzo, San Matteo, Nunivak, San Paolo, San Giorgio, ecc. E
precisamente l'isola errante non era molto lontana da San Lorenzo,
terra abbastanza vasta, circondata da isolette; e in ogni caso, se non
vi si poteva giungere, era permesso di sperare che una delle tante
isole Aleutine, che chiudono il mare di Bering a sud, avrebbe
sbarrato la corsa all'isola errante.
S, senza dubbio, l'isola San Lorenzo poteva essere un porto di
salvezza per gli svernatori. E se non ci arrivavano, l'isola San Matteo
e tutto quel gruppo d'isolotti che le sta intorno si sarebbero trovati
forse ancora sul loro passaggio. Era invece pi difficile sperare di
raggiungere le Aleutine, che distavano ben oltre 800 miglia.
Molto prima l'isola Vittoria, minata, sciolta dalle acque calde,
squagliata da quel sole che stava per entrare gi nel segno dei
Gemelli, sarebbe stata inghiottita dal mare!
C'era da supporlo. In realt, i ghia