Sei sulla pagina 1di 1

Q ROMA

Alla fine la proroga della Tasi


arrivata. Il pagamentodella pri-
ma rata della Tassa sui servizi
indivisibili stata spostata da
giugnoasettembremasoloper
quei Comuni che il 23 maggio
non hanno ancora deciso qua-
le aliquota applicare, per tutti
gli altri si pagherallascadenza
attuale del 16 giugno. La deci-
sione stata presa in serata dal
Governodopounincontro tec-
nico con i Comuni. In aprile il
Governo ha varato le modalit
di applicazione della nuova im-
posta, maadoggi sonoinpochi
a sapere quanto dovranno pa-
gare e questo perch solo poco
pidel 10%dei Comuni hadeli-
berato su aliquote ed eventuali
detrazioni. La maggioranza dei
contribuenti, in particolare i
proprietari di seconde case, vi-
ve nell'incertezza, e nei giorni
scorsi si avanzata l'ipotesi di
prorogarela scadenza dei paga-
menti.
A giustificare le lentezze dei
Comuni sono le elezioni comu-
nali, che riguardano oltre 4.000
Municipi. Quei Consigli comu-
nali - ha ricordato il presidente
dell'Anci Piero Fassino - ad
aprile erano gi sciolti e quindi
impossibilitati a deliberare.
Anche per questo la legge ha
previsto che, in caso di manca-
ta delibera sulle aliquote, i pro-
prietari di primacasapotranno
pagare tutto entro il 31 dicem-
bre2014. Finoadoggi, secondo
uno studio della Uil, sono stati
solo 832 comuni (su un totale
di 8.092) ad aver deliberato le
aliquote Tasi e, di questi 832,
solo 513 le hanno pubblicate
sul sito del Ministero dell'eco-
nomia e delle Finanze. I Comu-
ni hanno tempo fino a venerd
23 maggioper le delibere: trop-
po poco. Inoltre ogni munici-
pio pu decidere le aliquote
chevuoleedeclinarelesvariate
detrazioni a seconda di come
intende calmierare l'imposizio-
ne tenendo conto dei diversi
profili dei contribuenti. Suque-
sto quadro intervenuta la de-
cisione del Governo che per
venire incontro da un lato alle
esigenze determinate dal rinno-
vodei consigli comunali, e dall'
altroall'esigenza di garantire ai
contribuenti certezza sugli
adempimenti fiscali ha proro-
gato da giugno a settembre il
pagamento della prima rata
dellaTasi per darepitempoai
Comuni che potranno decide-
re dopo le elezioni a consigli
rinnovati. Resta comunque im-
mutatalacomplessit di un'im-
posta che pucambiare da Co-
mune a Comune. Sempre se-
condo lo studio Uil, i Consigli
Comunali degli oltre 8.000 mu-
nicipi italiani potrebberoparto-
rire un monstrum nazionale
di 75.000 combinazioni diverse
di applicazione dell'imposta. A
Milano, adesempio, si pagher
pi della vecchia Imu mentre a
Roma si pagher di meno con
untrattamentoche di fattoren-
de i contribuenti italiani dise-
guali. Suquestocaos opposizio-
ni in azione: Silvio Berlusconi
bollail Governodi incapacit
mentre i Pentastellati parlano-
di dilettanti allosbaraglio.
fischi e uova controMontecitorio
La Camera vota la fiducia
sul decreto casa
Q ROMA
Il governo incassa la fiducia
della Camera al decreto casa,
che attende oggi l'approva-
zione definitiva da parte dell'
aula di Montecitorio. Dopo la
manifestazionedi sabatocon-
troil decretoda parte dei Mo-
vimenti per la casa, la polemi-
ca si riverberata ieri in Aula,
senza per che i toni trascen-
dessero, come pure ci si pote-
va attendere visto il clima ro-
vente della campagna eletto-
rale.
I s sulla questione di fidu-
cia sono stati 324, i no 110.
Nonsi sonoregistrate sorpre-
se nelle posizioni dei gruppi:
tutti i partiti chesostengonoil
governo hanno votato senza
defezioni a sostegno del de-
creto mentre le opposizioni
(Lega, Fi, Sel e M5s)si sono
espresse contro. Mentre i de-
putati erano impegnati nella
discussione e nella votazione
, davanti alla Camera un pre-
sidio di circa 100 esponenti
dei Movimenti per la casa ha
fattosentirelapropriavocedi
protesta con cori, slogan, fi-
schi, uova contro Montecito-
rio.
Nelle dichiarazioni di voto,
svoltesi in un aula semi-vuo-
ta, nonsi sonoregistrati scon-
tri verbali, anche se i toni di
M5s sonostati comunque du-
ri. Al centrodel dibattito sta-
ta la norma contestata sabato
dai manifestanti, quella che
vieta di richiedere la residen-
za e gli allacci di gas e luce a
chi occupa abusivamente
una casa. Ileana Piazzoni di
Sel ha parlato di una norma
da cui traspare una demago-
giainaccettabile: senza que-
sta norma il nostro voto sa-
rebbe potuto essere diverso,
haaggiunto, vistoche il decre-
tocontiene diversenorme po-
sitive sulle politiche per la ca-
sa. Ancora pi tranchant il
giudiziodi Samuele Segoni di
M5s: siamo davanti alla ma-
celleriasociale, aduna violen-
za inaudita. E per descrivere
questo decreto horror ha
fattounparagone conla cele-
bre trilogia La Casa di Sam
Raimi, un cult per gli amanti
del genere.
Anche Gian Luigi Gigli, dei
Popolari per l'Italia, pur espri-
mendosi a favore della fidu-
cia, ha invitato il governo a
tornare sulla norma ta-
glia-utenze, per evitare il ri-
schio che gli inquilini abusivi
non possano iscrivere i figli a
scuola.
A difesa del decreto e della
norma anti-occupazione si
sono espressi Pier Paolo Var-
giu di Scelta civica, Vincenzo
Piso di Ncd ed Enrico Borghi
del Pd. Secondo Piso giusto
intervenire contro il racket
dell'alloggio abusivo, men-
tre Borghi ha difeso il princi-
pio di legalit: non vero
che ha piu diritti - ha affer-
mato - chi lancia molotov o
sprangala polizia. Occorre di-
re basta alle ambiguit, per-
ch noi siamo in Parlamento
per difendere i deboli e non i
prepotenti.
Archiviata la fiducia, oggi
in programma l'approvazio-
ne definitiva con il voto con-
clusivosul decreto.
di GILBERTOMURARO
S
arebbeastrattamentene-
cessariorafforzarelama-
novra sui consumi; ma i
10 miliardi di euro distribuiti
tra 10 milioni di lavoratori so-
no al momento il massimo
che il Paese pu concedersi; e
nonsoloper lacontroversaco-
pertura della spesa che allar-
ma la Commissione europea,
maancheper noncreareallar-
mi di solvibilit sul fronte fi-
nanziario internazionale, do-
ve dobbiamo collocare una
quota significativa del debito
pubblico.
Semmai vannoacceleratele
riforme e attuate le privatizza-
zioni di Poste e Enav appena
decisedal governo.
Circalastrategiaesterna, bi-
sogna premere per unazione
europeadi rilancio. Ci si atten-
deagiugnounamanovramo-
netaria espansiva della Banca
Centrale Europea, che aiuter
a portare pi credito alle im-
prese. Malapoliticadi bilan-
cio che deve aprire spazi ulte-
riori dintervento.
Larichiestadi Renzi ePado-
an allEuropa per un allenta-
mentotransitoriodei vincoli e
un differimento dellobbligo
del pareggio di bilancio va fat-
ta diventare richiesta allargata
e vincente di tutti i Paesi che
nonriesconoacrescere.
Il sensodel pattodapropor-
re gi stato chiarito: lealt al
Fiscal Compacteuropeocome
regola a regime, che lItalia ha
addirittura recepito in termini
piseveri nel rinnovatoartico-
lo 81 della propria Costituzio-
ne; maderoghetransitorieper
poterarrivarearegime.
Non c alcuna contraddi-
zione logica tra impegno e ri-
chiesta. Bisogna per essere
consapevoli che la Germania
non ci considera molto credi-
bili etemecheil transitoriodi-
venti permanente.
E quando si ricorda la sua
violazione del vincolo di Maa-
stricht attorno al 2003, insie-
me alla Francia, ribatte che si
trattavadellosforzoecceziona-
le di sollevare le regioni
dellEst da poco riunificate e
che comunque essa seppe
mantenere la promessa di un
rientrorapido.
Renzi tuttavia in grado di
replicare che lItalia ha effetti-
vamente avviato una politica
di riformecheci rendepicre-
dibili. Inoltre, esoprattutto, ha
lapossibilitdi realizzareil po-
codi beneestraibiledal cattivo
scenario attuale aggregando
suquestalinea i vari Paesi, an-
chedel CentroeNordEuropa,
che sonoindifficolt: se non
solo il Mediterraneo a soffrire,
diventapifacilefarsi ascolta-
re.
RIPRODUZIONERISERVATA
Ancoraunbottaerispostatra esponenti
del governoitalianoe il vicepresidente
dellaCommissione Europea
responsabileall'industriaAntonio
Tajani. Al centro, loscottantetemadel
pagamentodei debiti chelaPubblica
amministrazioneha nei confronti delle
aziendefornitrici di beni eservizi,
decinedi miliardi di eurodi arretrati da
liquidareper evitare chele aziende
falliscano. Il timoreche nei confronti dell'Italiavengaapertauna
nuovaprocedura d'infrazione, come minacciatodaTajani. Gli ha
rispostoil sottosegretario allapresidenzadel ConsiglioGraziano
Delrio(foto): Sonosemprestatomoltochiaro: i pagamenti dei debiti
dellapubblicaamministrazione sarannonel 2014. Il governoha
garantitoapivoci cheil pagamentoavverrentroquest'annoechei
nuovi meccanismi permetterannodi evitare nuovi accumuli di debiti.
Tasi a settembre per i Comuni in ritardo
Il Tesoroprorogail versamentodellaprima ratadopounincontroconlAnci. Inregolasoloil 10%delle amministrazioni
PieroFassino, sindaco di Torino e presidente dellAnci
Sul problema della casamanifestazione davanti a Montecitorio
Nonsoffresololitalia
Renzi ha la possibilit
di aggregare tutti i Paesi Ue
che stanno chiedendo
unallentamentodei vincoli
CALODELPIL
DOCCIAGELIDA
SENZADRAMMI
dalla prima
Q ROMA
Il governo va avanti con il pro-
gramma sull'edilizia scolasti-
ca. Il premier Matteo Renzi, in
untweet, ha spiegato che que-
sta una settimana chiave
per la scuola. Abbiamo sbloc-
cato il patto di stabilit, come
promesso. Venerd le risposte
dei sindaci, poi i cantieri.
Si trattadi almeno244milio-
ni di euroche dovrebberointe-
ressare i progetti segnalati da-
gli oltre quattromila sindaci
(circa 4.400) che hanno aderi-
to alla chiamata del Governo e
che entro il 23 maggio dovran-
no completare la documenta-
zione necessaria per poi far
partire i cantieri. L'Italia ripar-
te, ha sottolineatoil presiden-
tedel Consiglio.
Negli scorsi mesi il premier
aveva scritto ai sindaci perch
segnalassero le priorit di in-
tervento. I sindaci poi sonosta-
ti invitati a compilare alcuni
moduli relativi ai progetti pre-
sentati e a inviarli entro vener-
d a scuole governo.it. Per
quanto riguarda le cifre in bal-
lo, a fine aprile si era definito
unosblocco di fondi pari a 244
milioni di eurodal pattodi sta-
bilit.
edilizia
Alle scuole 244 milioni
Sbloccato il patto di stabilit
Debiti della Pubblica amministrazione
Tajani e Delrio litigano sui pagamenti
LO SCONTRO POLITICO LE MISURE
6 Attualit ILPICCOLO MARTED 20 MAGGIO 2014