Sei sulla pagina 1di 63
Rassegna stampa INDICE 4 novembre Ansa — Da Centri Aiuto Vita sostegno a 17,000 mamme 70% straniere S novembre Agenparl - Roma: Al via oggi il 35mo convegno nazionale movimento per la vita “Agensir.it - Mpv: al via oggi pomeriggio il 35° convegno nazionale dei Cav Agi - Aborto: al via convegno nazionale Movimento per la Vita Avvenire — Cav, nuove strategie per difendere la vita Dire — Aborto, Movimento per la Vita Italiano: al via 35mo Convegno nazionale La Presse - Salute, al via oggi 35esimo convegno Movimento per la vita Zenit.org - Al via il convegno nazionale dei Centri d'Aiuto alla Vita 6 novembre Adnkronos ~ Papa: al fianco famiglie vulnerabili per poverta, maneanza lavoro e casa (1) (2) (3) Agenparl - Papa Francesco, Tarzia (Mpv): difendere vita e contrastare deriva etica Agensir.it - Papa Francesco: a Mpy, attenti ad “accoglienza di una nuova vita” e a “situazioni poverti e sfruttamento’ Agensir.it - Papa Francesco: a Mpv, siete “occasione di speranza e di rinasci Agi - Papa: difendere vita da inizio a fine e aiutare i poveri (1) (2) Agi ~ Migranti: Papa, giusto aiutare donne straniere a essere mamme Askanews - Papa a Movimento Vita: proteggere embrioni, anziani, indifesi ‘Askanews - Papa: se sostenute concretamente donne immigrate non aborti Awvenire - Mpv, No delle regioni ai volontari, chiudono 7 Case per la vita ‘Awvenire - Papa Francesco apre il convegno dei volontari Cav (Vita, pagina curata dal MpV1) Awenire.it - Il Papa: difendere concepiti, anziani e poveri Diariodelweb — Papa: anche oggi briganti tolgono averi e dignita a persone Iigiomnale it - Papa Francesco: "Difendere la vita dal concepimento al naturale tramonto” La prealpina it - Papa a Movimento Vita: proteggere embrioni, anziani, indifesi. Lastampa.it - «Difendiamo la vita, dal concepimento al suo naturale tramonto» Quotidiano di Sicilia - Quei volontari innamorati della vita Radio Vaticana - Papa: buoni samaritani difendono vita coneepiti, anziani, poveri ‘Toscana oggi - Papa Francesco a MpV: siete «occasione di speranza e rinascita per tante persone». Uceronline.it - Papa Francesco: «si contraddice chi difende il debole e non protegge l'embrione» Zenit.org - Papa ai Cav: "In 40 anni di attivita, avete imitato il buon samaritano!" per tante persone”, cono 7 novembre Agensir.it - Movimento per la vita: Gigli (Presidente), “maggiore consapevolezza dell’imponente attivita dei Cav” Agensir.it - Movimento per la vita: Mons, Pompili (Rieti), “la comunicazione autentica & vita” Awenire - Udienza al Mpv. «Tutelare sempre gli indifesi» (richiamo in | pagina) Awenire - «Andiamo incontro alla vita umana ferita». Papa Francesco al Movimento per la vita: «Non stancatevi di tutelare gli indifesi» Awenire — Mpv. «Senza di noi pit culle vuote» Corriere della Sera - Lincontro. Bergoglio riceve il Movimento per la Vita: «Va difesa sempre» Formiche.net - Famiglia e vita umana. Parla Papa Francesco Korazym.org - Movimento per la Vita, Governatore di Grenada, nuovi vescovi e un’intervista, La giornata di Papa Francesco L’ Osservatore Romano — Ospedale da campo L’Osservatore Romano - Speranza per chi é scartato L’Osservatore Romano - Una speranza per chi é escluso e scartato Zenit.org - Gigli: “Raccogliere l'appello del Papa sulla famiglia” 8 novembre Askanews - Gigli: contro sfruttamento vita ¢ matemita troveremo alleati Awvenire - Movimento per la vita cambia volto, Presentato il nuovo logo. Anche un’app per mame in difficolta Zenit.org - Gigli: “Contro lo sfruttamento della maternita, troveremo alleati insospettabili”. I presidente del Movimento per la Vita interviene a chiusura del convegno dei CAV e delle case di accoglienza 9 novembre Agensir.it - Movimento per Ia vita: Gig troveremo alleati insospettabili Bergamonews.it - Papa Francesco all’Angelus di domenica 8 novembre commenta i fatti della settimana Usinetoday it - La pasticceria Flli Gangi prepara una tort a sorpresa peril Papa (Presidente), “contro sfruttamento vita ¢ matemniti 10 novembre Notizieprovita.it - Aborto (prevenzione e consulenza): il Movimento Per la Vita si rinnova 11 novembre Fiame.org - 35° Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita Il Messaygero Veneto - Torta di pastiecieri udinesi per il Papa e i senzatetto La Croce - Sono “buoni Samaritani” anche i #prolife 12 novembre Valtellinanews.it - | primi quarant'anni del Movimento per la vita 17 novembre La Croce - In difesa dei nati e dei concepiti. ANSA 04-11-2015 Pag.tdit Da Centri Aiuto Vita sostegno a 17.000 mamme 70% straniere 15,000 volontari e 40 Case di accoglienza contro 'esclusione (ANSA) - ROMA, 4 NOV - Hanno contribuito alla nascita diottre 120.000 bambini, quasi quanti gli abitanti di un‘intera citta’ delle dimensioni di Siracusa o Monza, e hanno dato sostegno a oltre 17.000 future mamme, nel 70% dei casi di origine straniora @ provenienti da oltre 90 Paesi diversi. E' il risultato di dieci anni di attivita’ dei Gentri di Aiuto alla vita, realta’ di volontariato che, sul terrtorio italiano, sono alimentate dal lavoro di circa 15.000 volontari, che verranno ricevutiil 6 novembre in udienza da Papa Francesco. Da nord a sud Italia, sono circa 40 le Case daccoglienza dislocate sul terstorio in mado capillare e che, in questi mesi, sulla base dell'emergenza, sono state messe anche a disposizione di profughe e rifugiate. L'aiuto fornito e! umano ma anche materiale ed economico. Oltre 21.000, in dieci anni, le gestantiin dificolta! economica ‘adottate' attraverso un sistema di adozione temporanea ¢ anonima a distanza, che prevede un contributo di 160 euro al mese a figli per 18 mesi "Si tratta di un modo per promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica’, sottolinea il presidente del Movimento per la Vita, Gian Luigi Gigli organizzatore del 35/0 Convegno nazionale che si terra’ dal 5 all novembre. Punto di partenza, prosegue, ‘ei riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condiziane si trovi a Vivere. Siamo convinti di promuovere cosi' anche pace e domocrazia - conclude - facendo avanzare progetti di inclusione in una societa' che tende ad escludere e discriminare gli esseri ‘umani piu tragil, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani ‘© malati alla fine della vita" (ANSA). YOX 04-NOV-15 19:43 NNNN Agenpar 5 novembre 2015 Roma: Al via oggi il 35mo convegno nazionale movimento per la vita (AGENPARL)- Roma 05 nov 2015 -Si intitola “Storie d’amore immenso” il 35mo Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla vita organizzato dal Movimento per la Vita Italiano dal 5 all’8 novembre alla Fraterna Domus di Sacrofano (Via Sacrofanese 25). ‘Voremmo che questo convegno — sottolinea !'On, Gian Luigi Gigli, presidente del MpV1 — suscitasse una consapevolezza maggiore dell’imponente attivita dei nostri Cav a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacei Sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del MpVI hanno consentito di venie al mondo. Sono decine di migliaia le donne in gravidanza aiutate e ancor piti le mamme in condizione di bisogno, grazie anche alle adozioni per la nascita del Progetto Gemma (circa 3 milioni di euro all’anno). Per Gigli,"si tratta di un modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquietanti in una societa sempre pid anestetizzata e utilitarista, Siamo particolarmente felici — sottolinea — che i 550 volontari partecipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella mattinata di domani, venerdi 6. In fondo, la nostra opera é una risposta al suo invito a lavorare nell’ ospedale da campo delle umane miserie e difficolta Il convegno si aprira con la formazione degli operatori delle Case di accoglienza operanti in tutta Italia e messe oggi anche a disposizione di profughe e rifugiate. Numerosi i temi che verranno affrontati: dal funzionamento dei Centri di Aiuto alla Vita (quasi 400) al ruolo dell’economia e alla proposta di imprese sociali a favore delle mamme che hanno detto ‘si’ alla vita. Per potenziare il lavoro a favore della vita si parlera anche di come sviluppare nuovi modelli di comunieazione ¢ un fund-raising pid efficiente. “La nostra antropologia — conclude Gigli — si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condizione si trovi a vivere. Siamo convinti di promuovere cosi anche pace e democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inelusione in una societd che tende ad escludere e discriminare gli esseri umani pit fragili, siano essi nascitur, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita”. S novembre 2015 Mpv: al via oggi pomeriggio i 35° eonvegno nazionale dei Cav Si intitola “Storie d'amore immenso” il 35° convegno nazionale dei Centri di aiuto alla vita organizzato dal Movimento per la vita italiano da oggi pomeriggio all"8 novembre alla Fraterna Domus di Sacrofano (vi nese 25), “Vorremmo che questo convegno ~ sottolinea il presidente del Mpv, Gian Luigi Gigli ~ suscitasse una consapevolezza maggiore dell"imponente attivita dei nostri Cav a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata”, Sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del Mpv hanno consemtito di venire al mondo. Per Gigli, “si ratta di un modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquietanti in una societ 50 volontari partecipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella Sacro sempre pitt anestetizzata e utilitarista, Siamo particolarmente felici che i ‘mattinata di venerdi 6. In fondo, la nostra opera é una risposta al suo invito a lavorare nell" ospedale da campo delle umane miserie e difficolta”. 1 convegno si apriri con la formazione degli operatori delle case di accoglienza operanti in tutta Italia e messe oggi anche a disposizione di profughe e rifugiate. Numerosi i temi che verranno affrontati: dal funzionamento dei Centri di aiuto alla vita (quasi 400) al ruolo dell’economia e alla proposta di imprese sociali a favore delle mamme che hanno detto si alla vita AGI I via convegno nazionale Movimento per la Vita (AGI) - Roma, 5 nov. - Si inttola “Storie amore immenso' i ‘35mo Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla vita organizzato dal Movimento per la Vita Italiano da oggl all novembre alla Fraterna Domus di Sacrofano. “Vorremmo che questo convegno - sotfolinea Gian Luigi Gigli, presidente del MpVI - suscitasse una consapevolezza maggiore dellimponente attivita’ dei nostri Cav a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata’. Sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del MpVI hanno consentito di venire al mondo. Sono decine ai migliia le donne in gravidanza aiutate e ancor piu’ le mamme in condizione di bisogno, grazie anche alle adozioni per la nascita del Progetto Gemma (circa $ milioni di euro all'anno). Per Gigli,'sitratta di un modo i promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la ccontrapposizione ideologica, alutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquietanti in una societa’ sempre piu’ anestetizzata ¢ utlitarista. Siamo Particolarmente felic - sottolinea - che i 550 volontari Partecipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella mattinata di domani, venerdi’ 6. In fondo, la nostra opera e! una risposta al suo invito a lavorare nelospedale da campo delle umane miserie ¢ difficota’. (aa, RediPgi 051617 NOV 15 NNNN 05-11-2015, Pag. tit Cay, nuove strategie per difendere la vita ‘ortna sore «ln utero», i film.verita sulla vita prima della nascita Sew mt ae ema cede Lumanesimo, risposta a chi stravolge la natura ‘Leste orn ri iain ao ean | a DIRES 05-11-2015 Pag. 1.3 ABORTO. MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO: AL VIA 35MO CONVEGNO NAZIONALE (DIRE) Roma, 5 nov. - Si intitola “Storie d'amore immenso' il '385mo Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla vita organizzato dal Movimento per la Vita Italiano dal all’ novembre alla Fraterna Domus di Sacrotano (Via Sacrofanese 25). “Vorremmo che questo convegno suscitasse una consapevolezza maggiore dellmponente attivta’ dei nostri Cav a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata’. Cosi’ in un ‘comunicato Gian Luigi Gigli, presidente de! MpVI. Sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del MpVI hanno consentito di venire al mondo. Sono decine di migliaia le donno in gravidanza aiutate © ancor piu’ le mamme in condizione di bisogno, grazie anche alle adozioni per la nascita del Progetto Gemma (circa 3 milioni ai euro all'anno). Per Gigli,'sitratta di lun modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquietanti in una societa’ sempre piu! anestetizzata e utlitarista, Siamo particolarmente felici che i $80 volontari partecipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella mattinata di domani, venerdi'6. In fondo, la nostra opera e' una risposta al suo invito a lavorare nel'ospedale da campo delle umane miserie e diffcolta’. II convegno si aprira’ con la formazione degli ‘operatori delle Case di accoglienza operant in tutta italia € masse oggi anche a disposizione di protughe e rifugiate. Numerosi i temi che verranno affrontati: dal funzionamento dei Centr di Aiuto alla Vita (quasi 400) al ruolo delf'economia e alla proposta di imprese sociali a favore delle mamme che hanno detto ‘si alla vita. Per potenziare il lavoro a favore della vita si paarlera’ anche di come sviluppare nuovi modell di comunicazione ‘a nostra antropologia si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condizione si un fund-raising piu'efficiente trovi a vivere. Siamo convinti di promuovere cos! anche pace e democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inclusione in una sociata’ che tende ad escludere discriminare ali esseri umani piu fragili, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita’, conclude Gigli. (Comunicati/Dire) 13:26 05-11-15 NNNN LaPresse. = 5 novembre 2015 Salute, al via oggi 3Sesimo convegno Movimento per la vita Roma, 5 nov. (LaPresse) - Si intitola ‘Storie d'amore immenso’ il 3Sesimo convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla vita organizzato dal Movimento per la Vita Italiano da oggi fino all'8 novembre alla Fratemna Domus di Sacrofano. "Vorremmo che questo convegno - sottolinea Gian Luigi Gigli, presidente del MpVI - suscitasse una consapevolezza maggiore dell'imponente attivita dei nostri Cav a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata". Al centro del dibattito ci sara naturalmente, l'interruzione della gravidanza, prevista in Italia dalla legge 194. Il Movimento per la vita che "sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del MpV1 hanno consentito di venire al mondo. Sono decine di migliaia le donne in gravidanza aiutate e ancor pitt le mamme in condizione di bisogno, grazie anche alle adozioni per la nascita del Progetto Gemma (circa 3 milioni di euro all'anno)". Per Gigli,"si tratta di un modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquictanti in una societa sempre pitt anestetizzata e utilitarista, Siamo particolarmente felici - sottolinea - che i $50 volontari partecipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella mattinata di domani, venerdi 6. In fondo, la nostra opera é una risposta al suo invito a lavorare nellospedale da campo delle umane miserie e difficolta". Il convegno si aprira con la formazione degli operatori delle Case di accoglienza operanti in tutta Italia e messe oggi anche a disposizione di profughe e rifugiate. Numerosi i temi che verranno affrontati: dal funzionamento dei Centri di Aiuto alla Vita (quasi 400) al ruolo dell'economia e alla proposta di imprese sociali "a favore delle mamme - si legge in una nota - che hanno detto ‘si’ alla vita", Per potenziare il lavoro a favore della vita si parlera anche di come sviluppare nuovi modelli di comunicazione e un fund-raising pit efficiente. "La nostra antropologia - conclude Gigli - si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condizione si trovi a vivere. Siamo convinti di promuovere cosi anche pace ¢ democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inclusione in una societa che tende ad escludere e discriminare gli esseri umani pit fragili, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita”, S novembre 2015 Al via il convegno nazionale dei Centri d'Aiuto alla Vita Dal 5 all’8 novembre, a Sacrofano (Rm), l'annuale incontro per comut Cav a favore della vita nascente e delle madri sare imponente lavoro dei Si intitola "Storie d'amore immenso"il 35mo Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla-vita organizzato dal Movimento per la Vita Italiano dal 5 all'8 novembre alla Fraterna Domus di Sacrofano (Via Sacrofanese 25). "Vorremmo che questo convegno - sottotinea il presidente del MpV. Gian Luigi Gigli - suscitasse una consapevolezza maggiore dell’imponente attivita del nostti CAV a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata" Sono oltre 10mila i bambini a cui nel solo 2014 i volontari del MpV hanno consentito di venire al mondo, Sono decine di migliaia le donne in gravidanza aiutate ¢ ancot pitt le mamme in condizione di bisogno, grazie anche alle adozioni per la nascita del Progetto Gemma (citea 3 milion! di euro all'anno). Per i tratta di un modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste aleune domande inquietanti in una societi sempre pitt anestetizzata e utilitarista. Siamo particolarmente felici- sottolinea- che i 550 volontari parteeipanti saranno ricevuti in udienza speciale da Papa Francesco nella mattinata di venerdi 6 novembre. In fondo, la nostra ‘opera é una risposta al suo invito a lavorare nell ospedale da campo delle umane miserie e difficolta’. {convegno si aprira con la formazione degli operatori delle Case di accoglienza operant in tutta Italia € messe oggi anche a disposizione di profughe e rifugiate. Numerosi i temi che verranno affrontati: dal funzionamento dei Centri di Aiuto alla Vita (quasi 400) al ruolo dell'economia ¢ alla Proposta di imprese sociali a favore delle mamme che hanno detto 'si' alla vita, Per potenziare il lavoro a favore della vita si parlera anche di come sviluppare nuovi modelli di comunicazione ¢ un fund-raising pil efficiente."La nostra antropologia - conclude Gigli - si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualungue condizione si tovi a vivere, Siamo convinti di promuovere cosi anche pace e democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inclusione in una societa che tende ad escludere e discriminare gli esseri umani pit fragili, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita" ADNKRONOS 06-11-2015 Pag.t it PAPA: AL FIANCO FAMIGLIE VULNERABILI PER POVERTA’, MANCANZA LAVORO E CASA = Ucienza ai Cent di auto alla vita, anche nel nostro tempo tant feria causa dei briganti di ogg Cit? dl Vaticano, 6 nov. (AdnKronos) - Mettesi al fanco delle famiglie"vulnerabii a motivo della povert?, dela malatia, dela mancan7e a lavoro e di una casa!". Lo sollocita papa Francesco, ricevendo in udienza in Vaticano i partecipanti el 3Sesimo Convegno Nazionale Italiano dei Centr di Aiuto alla Vita. “Per i discepeli di Cristo, alutare [a vita uménd ferita ~ osserva Bergoglo- significa andare incontro alle persone che sono nel bisogne, meters al (010 flanco, farsi carico della loro fragilit? @ del loro dolore, perch? possano risollevarsi. Quante famiglie sono vulnerablli a motivo della pover?, dea malatia, della mancanza di lavoro e di una casal", II Papa ricorda che ‘eccorre nutite sensibilit? personale e sociale sia verso Faccoglienza di una nuova vita sia verso quale situazion! dl povert? © sfruttamento che colpiscano le persone pi? debolie svantaggiate’. Francesco cita "Encicica Laudato si" Se da una parte non appare prati-cabile un cammino educativo per 'accoglienza degli esseri deboli che c! crcondano quando non si d? protezione a un embrione umano’, dalaltra parte ‘la vita umana stessa? un dono che deve essere protetto da diverse forme i degrado’,Infati, dobbiamo constatare con dolore che sono tante le persone provate da concizion! dl via disagiate, che richiedono la nostra attenzione e il nostro impegno solidale’. (segue) (Dav/AdnKronos) (06-NOV-15 13:42 NNNN Full nows header MK... 2620 Aonosz2 7 CRO 0 AON oRO WAZ Source: ADNKRONOS Printed: 17:11 07 Nov 2018 PAPA; AL FIANCO FAMIGLIE VULNERABIL! PER POVERTA’, MANCANZA LAVORO E CASA (2) = Lrappello, seguire l'esempio del buon samaritan e accostarsi alle fragilita’ del prossimo (AdnKronos) - I1 Papa si addolora per la condizione di anziani e giovani: * Quanti patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze eda altre schiavit, © attendono di ritrovare fiducia nella vita! Queste persone, ferite nel corpo e nello spirito, sono icone ¢: quell'uomo del Vangelo che, percorrendo la strada da Gerusalemne a Gerico, incappnei briganti che lo derubarono € lo percossero. Egli sperimentprima 1'indifferenza di alcuni e poi la prossimitdel buon samaritan’. Tl Papa punta il dito contro quelli che definisce i ‘briganti di oggi': "Su quella strada, che attraversa il deserto della vita, anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di cggi, che 1i spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignit E di fronte al dolore © alle necessitdi questi nostri fratelli indifesi, alcuni si veltano dall'altra parte o vanno oltre, mentre altri si fermano e rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto. Voi, aderenti al Movimento per la Vita, in guarant'anni di attivitavete cercato di imitare il buon samaritano. Dinanzi a varie forme di minacce alla vita umana, vi siete accostatl alle fragilitdel prossimo, vi siete dati da fare affinchnella societnon siano esclusi ¢ scartati quanti vivono in condizioni ai precariet. (segue) (Dav/Adnkronos) 15 13242 06-Nov I 2(0nr- nae convaors Received by way of Telpress NewsReader at: A. Full ews header en ‘ZCZG ADNOS25 7 CRO ADN CRO NAZ ‘Source: ADNKRONOS Pnted: 17:10 07 Nov 2015, PAPA: AL FIANCO FAMIGLIE VULNERABILI PER POVERTA’, MANCANZA LAVORO E CASA (3) = il monite, affermare la dignita’ della donna 1 “e'bisogno di lavorare, a (Adnkronos) - Ricorda papa Francesco diversi livelli e con perseveranza, nella pronozione ¢ nella di della famiglia, prima risorsa della societ soprattutto in riferimento al dono dei figli e all'affermazione della dignitdella donna. A questo proposito, mi piace sottolineare che nella vostra attivit voi avete sempre accolte tutti a prescindere dalla religione e dalla nazionalit. "x1 numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgone ai vostri centri dimostra - dice il Papa - che quando viene offerte un sostegno concrete, 1a donna, nonostante problemi e condizionamenti, in grado di far trionfare dentro di sil senso dell'amore, della vita e della maternit (Dav/Adnkronos) 06-Nov-15 13:42 Nw heconed byway of TopeneNovatontr 1342 (curs incow-convans DP Agenpar 6 novembre 2015 Agenparl - Papa Francesco, Tarzia (Mpv): difendere vita e contrastare deriva etica (AGENPARL) ~ Roma, 06 nov 2015 ~ “I continu attacchi alla vita fragile, che non pud difendersi da sé, rendono sempre pit necessariinterventi decisi e prese di posizione anche pubbliche volti ad invertire questa malsana rotta, come bene ha fatto oggi Papa Francesco nel corso del 3Sesimo convegno nazionale dei centri di aiuto alla vita”. Lo afferma in una nota Olimpia Tarzia, trai fondatori del Movimento per la Vita italiano e presidente del Movimento PER Politica Etica Responsabilita. “Fecondazione artificiale, aborto, RU 486, utero in afitto, sperimentazione congelamento degli embrioni, diagnosi pre-impianto, fecondazione eterologa, genitore 1 ¢ genitore 2 invece di mamma e papa sista aprendo uno scenario raccapriceiante, una deriva etica spaventosa che non pud non interpellarci tut, laici e cattolici. Come rappresentante delle istituzioni e cofondatrice del Mpv, 'appello di oggi del Papa é per me un ulteriore impulso per continuare con ancora maggior determinazione a difendere e sostenere il primo dei principi non negoziabili: il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale” 6 novembre 2015 Papa Francesco: a Mpv. attenti ad “accoglienza di una nuova vita” e a “situazioni di poverta e sfruttamento’ Peri discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilité e del loro dolore, perché possano tisollevarsi". Lo ha detto papa Francesco, ricevendo oggi in udienza i partecipanti al 35° Convegno nazionale dei Centri di aiuto alla vita, organizzato dal Movimento per la vita (Mpv). “Nelle dinamiche esistenziali ~ ha ricordato il Papa tutto ¢ in relazione, e occorre nutrire sensibilita personale e sociale sia verso l'accoglienza di una nuova vita sia verso quelle situazior Poverti e di sfruttamento che colpiscono le persone pit deboli e svantaggiate™ “Quante famiglie — ha aggiunto Bergoglio ~ sono vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della mancanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze e da altre schiaviti, e attendono di ritrovare fiducia nella vita! Queste persone, ferite nel corpo e nello spirito, sono icone ci quell’uomo del Vangelo che, percorrendo la strada da Gerusalemme a Gerico, ineappo nei briganti che lo derubarono e lo percossero”. “su quella strada, che attraversa il deserto della vita, ‘amehe nel nostro tempo ei sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che solo degli averi, ma anche della loro dignita”, 6 novembre 2015 Papa Francesco: a Mpy, siete “occasione di speranza e di rinascita per tante persone” “Voi, aderenti al Movimento per la vita, in quarant‘anni di attivita avete cereato di imitare il buon samaritano. Dinanzi a varie forme di minacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita del prossimo, vi siete dati da fare affinché nella societa non siano eselusi ¢ scartati quanti vivono in condizioni di precaricta. Mediante l'opera capillare dei “Centri di aiuto alla vita’, diffusi in tutta Ktalia, siete stati occasione di speranza e di rinascita per tante persone”. Queste le parole di papa Francesco al Movimento per la vita (Mpv), ricevendo oggi in udienza i partecipanti al 35° Convegno nazionale dei Centro di aiuto alla vita, in corso a Roma. “Vi ringrazio — ha aggiunto ~ per il bene che avete fatto ¢ che fate con tanto amore, € v'incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando a essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pitt indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un’esistenza piti sana ¢ dignitosa. In particolare, c°é bisogno di lavorare, a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli ¢ all’aflermazione della dignita della donna, A questo proposito, mi piace sottolineare che nella vostra attiviti, voi avete sempre accolto tutti a prescindere dalla religione e dalla nazionalitd. II numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno conereto, la donna, nonostante problemi e condizionamenti, ¢ in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell"amore, della vita e della Full news header: 2C2C AGIONGS 3 CRO ROT, Prinioa: 16:85 07 Nov 2015 ifendere vita da inizio a fine e aiutare i poveri = (GI) - Cav, 6 nov. - Papa Francesco incoraggia il Movimento per la Vita ‘a proseguire 1' importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto - ha pero’ esortato - anche delle sofferte condizioni che tanti fratelli e sorelle devono affrontare e a volte subire*. Per il Papa sono espressioni della stessa "sensibilita’ personale ¢ sociale’ sia 1'impegno "verso l'accoglienza di una nuova vita sia verso quelle situagioni i poverta’ © di sfruttamento che eolpiscono le persone piu’ deboli e svantaggiate". "La vita umana stessa - ha ricordato - e’ un dono che deve essere protetto da diverse forme @i degrada" © oggi "dobbiano constatare con dolore che sono tante le persone provate da condizioni di vita disagiate, che richiedono 1a nostra attenzione © il nostro impegno sclidale". (AGr) Siz 061215 Nov 15 nw ecived by wy Tess NewsReader 1218 (G4T+) nant: ost:zons Full nows header: 2026 AGIO148 3 CRO ROI / Sten Source: AG! Printed: 17:05 07 Nov 2015, Papa: difendere vita da inizio a fine e aiutare i poveri (2)= (ASI) ~ Cav, 6 nov. - "Voi, aderenti al Movimento per 1a vita, in quarant'anni di attivita’ - ha riconosciuto Francesco _ avete cercato di imitare il buon samaritano. Dinanzi a varie forme di minacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita’ del prossino, vi siete dati da fare affinche’ nella societa’ non siano esclusi e scartati quanti vivone in condizioni di precarieta', mediante l'opera capillare dei ‘Centri di Aiuto alla Vita‘, diffusi in tutta Italia, siece stati occasione di spevanza © di rinascita per tante persone*. "vi ringrazio - ha continuato - per il bene che avete fatto ¢ che fate con tanto amore, e vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuande ad essere buon! Samaritanit*. ‘Non stancatevi - ha chiesto Francesco ai 7 mila militanti di Mpv che gremivano 1'Aula Nervi - di operare per 1a tutela delle persone piu' indifese, che hanno diritto di Rascere alla vita, come anche di quante chiedono un'esistenza piu’ sana e dignitosa". In particolare, secondo Francesco, eagi, "c'e! bisogno di lavorare, a diversi livelli ¢ con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa’, soprattutto in riferimento al dono dei figli e all‘aftermazione della dignita’ della donna" (acz) siz 061221 Nov 15 Nw our) inca oncors ES Recelved by way of Telpross NewsReader at 12: Full news header 2026 AGIONSS 3 CRO Rot / seen Source: AG! Prints 17:00 07 Nov 2015 Migranti: Papa, giusto aiutare donne straniere a essere mamm (Gr) = Cav, 6 nov. - Papa Francesco ha lodato oggi il Movimento per la Vita che compie 40 anni perche: nei suoi Cav ha VSempre accolto tutti a prescindere dalla religione © daiva wazionalita'". "11 numero rilevante di donne, speciaimente aumigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra - ha geservato ~ che quando viene offerto un sostegno concrete, 1a gonna, Monostante problemi e condizionamenti, e' in grade di for trionfare dentro di se’ il senso dell ‘amore, della vite ¢ Selle maternita'*. "Il vostro - ha aggiunte - non @* aolo en Servizio sociale, pur doveroso e nobile. per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al lore fiance farsi carico della loro fragilita’ © del loro dolore, rerche’ Bossano risollevarsi". (Agr) siz 061229 Nov 15 NNN Recta by mayo Toss NewsRenderat 1227 (cet) ncn: on 2018 ER Full rows header ask: news: [MAVI9728 & cro,gn00,in02-XFLA.XFLT 187 ITAO72E ‘Source: askanews Prin: 17:99 07 Now 2015 * Papa a movimento vita: proteggere embrioni, anziani, indifesi “chi ha diritto a nascere e chi chiede vita pi sana e dignitosa Cittdel Vaticano, 6 nov. (askanews} - "Vi incoraggio a proseguire la vostra importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle sofferte condizioni che tanti fratelli e sorelle devono affrontare © a volte subire". CosPapa Francesco nell'udienza al Movimento per 1a vita “Se da una parte ‘non appare prati-cabile un cammino educativo per l*accoglienza degli esseri deboli che ci circondano [) quando non si dprotezione a un embrione umano’', ha detto Francesco citando la sua enciclica Laudato si’, dall’altra parte ‘1a vita umana stessa un dono che deve essere protette da diverse forme di decrado'. Infatti, dobbiamo constatare con dolore che sono tante le persone provate da condizioni di vita disagiate, che richiedono 1a nostra attenzione e il nostro impegno solidale* "Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, @ vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pi indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche éi quante chiedono un'esistenza pi sana e dignitosa* ska 061238 Nov 15 Reotvoby way of Tress Newsoode a 1238 (Gustin ae: oss B® Full news header ook news [MAWS736 4 ero,9n00,XFLA 755 ITAOT96; Source: askanows Printed 17:12 07 Nov 2015 Papa: se sostenute concretamente donne immigrate non abortiscono te problemi Gentro di si @ Screens ATTUALITA(11 Mpv. No delle regioni ai volontari, chiudono 7 Case per la vita sate Tope 6 sorta eto pt sree ¢ one ese Ps «Costretto a gettare mio figlio in mare» Naufragio a Kos, morti due bimbi. Il padre: «Dovevo cercare di salvare i vivi» ort Suor Bonetti «Cosi stiamo, dlstruggendo ‘una generazione di donne» Da estetista a schiava sulle strade Sgominata la gang dei nigeriani Le ragazze dovevano pagare alla "madame" 70 mila euro Cambio sesso, la Corte mette ordine Pegs aries tea naa en Tapa ma san json 22) VITA racina « cums ver wovime ER LA VITA snonmenaiis @Y Papa Francesco apre il convegno dei volontari Cav |e ee See Uno di noi, viaalla fase 2 della petizione alla Ue é procreazione o produzione? At 6 novembre 2015 Il Papa: difendere concepiti, anziani e poveri Difendere la vita umana "dal concepimento al suo naturale tramonto" promuovere la famiglia sono delle priorita per i cristiani, strettamente collegate con il sostegno solidale verso qualsiasi forma di disagio sociale, laddove ci sono persone "derubate della digniti”. Lo ha detto Papa Francesco, che ricevuto stamattina in udienza una delegazione dei Centri di Aiuto alla Vita. "L"uomo del Vangelo che scendeva da Gerusalemme a Gerico finendo preda di ladri, derubato e malmenato continua a percorrere le strade delle eittd di ogsi — magari con le tasche vuote 0 con una malattia addosso o il viso pieno di rughe o con tratti somatici diversi alla ricerca del suo buon Samaritano” ha detto il Pontefice invitando fedeli a mettersi al fianco dei piit poveri. Samaritani dal cuore aperto sono le donne e gli uomini che prestano servizio nei Centri di Ajuto alla Vita, strutture del Movimento per la Vita italiano che, ricorda Papa Francesco, si spendono anzitutto per consentire alle mamme in difficolta di non spezzare il dono della vita che cresce dentro di loro. Ma, afferma il Papa. «pet i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita ¢ del loro dolore, perché possano risollevarsi Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverti, della malattia, della maneanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani — quanti anziani! — patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze ¢ da altre schiavitd, ¢ attendono di ritrovare fiducia nella vital”. Francesco chiede ai Centri di avere dunque un cuore pit dilatato, oltre i pur “doveroso € nobile” servizio alla vita. Di essere samaritani che abbracciano con “sensibilita personale e sociale” ogni forma di disagio, “di poverta e di sfruttamento”, che spesso trova occhi ciechi in quello che definisce “il deserto della vita “Anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a eausa dei briganti di ogei, che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro digniti. E di fronte al dolore e alle necessita di questi nostri fratelliindifes alcuni si voltano dallaltra parte 0 vanno oltre, mentre altri si fermano ¢ rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto”. In 40 anni di attivita, ricorda invece il Papa, gli aderenti al Movimento per la Vita, davanti alle “varie forme di minacce alla vita umana”, si sono “dati da fare affinché nella societa non siano esclusi e scartati quanti vivono in condizioni di precarieta”: “Mediante opera capillare dei *Centri di Aiuto alla Vita’, diffusi in tutta Italia, siete stati occasione di speranza ¢ di rinascita per tante persone. Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, € vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pit indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un"esistenza pit sana ¢ dignitosa”, E concludendo con uno sprone a “lavorare, a diversi livelli econ perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societd, soprattuto in riferimento al dono dei figli ¢ all'affermazione della digniti della donna”, Francesco evidenzia un aspetto strettamente legato all’attualita ‘Mi piace sottolineare che nella vostra attiviti, voi avete sempre accolto titi a prescindere dalla religione e dalla nazionalita. II numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno conereto, la donna, nonostante problemi ¢ condizionamenti, & in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell’amore, della vita e della maternita” DIARI.) DELWEB 6 novembre 2015 Papa: anche oggi briganti tolgono averi e dignita a persone Citta del Vaticano, 6 nov. - "II vostro non & solo un servizio sociale, pur doveroso e nobile. Per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi", Cosi il Papa al movimento per la vita ricevuto oggi in Vaticano. "Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della mancanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarrit minacciati dalle dipendenze ¢ da altre schiaviti, ¢ attendono di ritrovare fiducia nella vita! Queste persone, ferite nel corpo e nello spirito, sono icone di quell’ uomo del Vangelo che, percorrendo la strada da Gerusalemme a Gerico, incappd nei briganti che lo derubarono ¢ lo percossero. Egli sperimenti prima l'indifferenza di alcuni e poi la prossimita del buon samaritano”. II Papa ha anche evocato il tema della "mostruosita delle dittature" del secolo scorso. "Su quella strada, che attraversa il deserto della vita, anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a causa dei bri di oggi, che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita. E di fronte al dolore e alle necessita di questi nostri fratelli indifesi, alcuni si voltano dall’altra parte o vanno oltre, mentre altri si fermano ¢ rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto. Voi, aderenti al Movimento per la Vita, in quarant’anni di attivita avete cercato di imitare i] buon samaritano. Dinanzi a varie forme di minacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita del prossimo, vi siete dati da fare affinché nella societi non siano esclusi e scartati quanti vivono in condizioni di precarieta Mediante lopera capillare dei 'Centri di Aiuto alla Vita’, diffusi in tutta Italia, siete stati occasione di speranza e di rinascita per tante persone" a il Giornaleiit Papa Francesco: "Difendere la vita dal concepimento al naturale tramonto’ I Santo Padre, rivevendo in udienza i Centri di Aiuto alla Vita: " vostra importante opera in favore della vita i incoraggio a proseguire la Lo ha detto Papa Francesco ricevendo in udienza i Centti di Aiuto alla Vita. "Vi ineoraggio a proseguire la vostra importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle sofferte condizioni che tanti fratellie sorelle devono afirontare ea volte subire", ha detto il Papa. I! pontefice ha poi proseguito, dicendo che la mancanza di lavoro rende le famiglie "vulnerabili" e per questo"aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi". "Quante famiglie sono vulnerabili - ha ricordato Papa Francesco - a motivo della poverti, della malattia, della mancanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze e da altre schiaviti, ¢ attendono di ritrovare fidueia nella Vita”. ‘PREALPINA’ 6 novembre 2015, Papa a movimento vita: proteggere embrioni, anziani, indifesi. Chi ha diritto a nascere e chi chiede vita pit sana e dignitosa "Vi incorageio a proseguire la vostra importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle sofferte condizioni che tantifratelli e sorelle devono affrontare ea volte subire". Cosi Papa Francesco nell'udienza al Movimento per la vita. "Se da una parte 'non appare pra 3 protezione a un embrione umano", ha detto Francesco citando la sua enciclica Laudato si’, dallaltra cabile un cammino educativo per l'accoglienza degli esseri deboli che ci circondano [ ] quando non si parte ‘la vita umana stessa & un dono che deve essere protetto da diverse forme di degrado’. infatti, dobbiamo constatare con dolore che sone tante le persone provate da condizioni di vita disagiate, che richiedono la nostra attenzione e il nostro impegno solidale". "Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, e vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pill indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un'esistenza pit sana e dignitosa’ LASTAMPA i¢ 6 novembre 2015 «Difendiamo la vita, dal concepimento al suo naturale tramonto» Francesco ha ricevuto in udienza i rappresentanti dei Centri Aiuto alla Vita, «Troppe le famiglie vulnerabili per la mancanza di lavoro». « briganti di oggi spogliano la gente di averi e dignita» La vita umana deve essere sempre difesa, «dal concepimento al suo naturale tramonto». Allo stesso modo occorre battersi per difendere la famiglia, per affermare la dignita della donna e per mettersi sempre dalla parte dei pit indifesi. Lo ha ribadito Papa Francesco ricevendo in udienza i partecipanti al 3Sesimo Convegno Nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita. «Vi incoraggio —ha detto ~ a proseguire la vostra importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle softerte condizioni che tanti fratellie sorelle devono aflrontare ea volte subire», «Se da una parte —ha seandito il Papa citando la Laudato si” - non appare praticabile un cammino edueativo per l'accoglienza degli esseri deboli che ci cireondano quando non si da protezione a un embrione umano, dall‘altra la vita umana stessa é un dono che deve essere protetto da diverse forme di degrado». «Infatti, dobbiamo constatare con dolore che sono tante le persone provate da condizioni di vita disagiate, che richiedono la nostra attenzione e il nostro impegno solidaley, La maneanza di lavoro, ha osservato il Pontefice, rende le famiglie «vulnerabili» e per questo «aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi». «Quante famiglie sono vulnerabili - ha ricordato Francesco - a motivo della poverta, della malattia, della mancanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiseono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze e da altre schiavita, ¢ attendono di ritrovare fiducia nella vital». «Anche nel nostro tempo ~ ha proseguito Bergoglio richiamando la figura del Vangelo de! buon samaritano che soecorre 'uomo assalito dai malfattori - ¢i sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita. «E di fronte al dolore ¢ alle necessita di questi nostri fratelli indifesi —_ha aggiunto -, aleuni si voltano dall'altra parte 0 vanno oltre, mentre altri si fermano e rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto». Quindi, ecco l'esortazione: «Non staneatevi di operare per la tutela delle persone pit indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un’esistenza pitt sana e dignitosa. In particolare c’é bisogno di lavorare, a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli ¢ all'affermazione della dignita della donna. A questo proposito, mi piace sottolineare che nella vostra attivita, voi avete sempre accolto tutti a prescindere dalla religione e dalla nazionalita. [I numero rilevante di donne. specialmente immigrate, che si tivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno conereto, Ja donna, nonostante problemi e condizionamenti, ¢ in grado di far trionfare dentro di sé il senso delamore, della vita ¢ della maternita». Sorte noveme 2035, No profit ‘QdS.it 23 [ progetti dovranno riguardare tambito cuturale, sociale ed educatvo: domande entro (11 cicembre RECESSES Palermo, 50 beni confiscati andranno agli enti no profit Bando del Comune per la concessione gratuita di ville, appartamenti, uffici Quei volontari innamorati della vita In 10 anni i Centri di aiuto hanno sostenuto oltre 21.000 gestanti da Nord a Sud V3 DIGITALE TERRESTRE { LCN 95 Channel Telefax. 0922948788 . e-mail: telestudio98 @libero it F . an. d2channeLit Die Repocsie Fadeice Lone ST 6 novembre 2015 Papa: buoni samaritani difendono vita concepi . anziani, poveri La difesa della vita umana e la promozione della famiglia devono intreeciarsi sempre, nell"impegno sociale di un cristiano, con il sostegno solidale verso qualsiasi forma di disagio sociale, laddove ci sono persone derubate della digniti, Lo ha riaffermato Papa Francesco, che ricevuto in udienza una delegazione dei Centri di Aiuto alla Vita. II servizio di Alessandro De Carolis: L*uomo del Vangelo che scendeva da Gerusalemme a Gerico finendo preda di ladri, derubato e malmenato continua a percorrere le strade delle citta di oggi ~magari con le tasche vuote o con una malattia addosso o il viso pieno di rughe o con tratti somatici diversi —alla ricerea del suo buon Samaritano. Mettersi al fianco dei pit poveri Samaritani dal cuore aperto sono le donne ¢ gli uomini che prestano servizio nei Centri di Aiuto alla Vita, strutture del Movimento per la Vita italiano che, ricorda Papa Francesco, si spendono anzitutto per consentire alle mamme in difficolta a non spezzare il dono della vita che eresce dentro di loro. Ma, afferma il Papa... .per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilité e del loro dolore, perché possano risollevarsi. Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della ‘mancanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani ~ quanti anziani! — patiscono il peso della sofferenza ¢ della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze e da altre schiaviti, e attendono di ritrovare fiducia nella vita! Spalle voltate Francesco chiede ai Centri di avere dunque un cuore pid dilatato, oltre il pur “doveroso e nobil servizio alla vita. Di essere samaritani che abbracciano con “sensibilita personale ¢ sociale” ogni forma di disagio, “di poverta e di sfruttamento”, che spesso trova acchi ciechi in quello che definisce “il deserto della vita": “Anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che Ii spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita. E di fronte al dolore ¢ alle necessita di questi nostri fratelli indifesi, alcuni si voltano dall’altra parte o vanno oltre, mentre altri si fermano e rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto” Siate buoni samaritani In 40 anni di attiviti, ricorda invece il Papa, gli aderenti al Movimento per la Vita, davanti alle “varie forme di minacce alla vita umana”, si sono “dati da fare affinché nella societa non siano esclusi e scartati quanti vivono in condizioni di precariet ‘Mediante l’opera capillare dei *Centri di Aiuto alla Vita’, diffusi in tutta Italia, siete stati occasione di speranza ¢ di rinascita per tante persone. Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, ¢ vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pit indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un*esistenza piit sana e dignitosa”. In difesa della maternita E concludendo con uno sprone a “lavorare, a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione & nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli e all‘affermazione della dignita della donna”, Francesco evidenzia un aspetto strettamente legato all'atwualita Mi piace sottolineare che nella vostra attivita, voi avete sempre accolto tutti a prescindere dalla religione ¢ dalla nazionalita. I! numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno concreto, la donna, nonostante problemi ¢ condizionamenti, é in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell”amore, della vita e della maternita”. TOSCANA OGGI.@ 6 novembre 2015 Papa Francesco a Mpy: siete «occasione di speranza e rinascita per tante persone». «Voi, aderenti al Movimento per la vita, in quarant'anni di attivita avete cereato di imitare il buon samaritano, Dinanzi a varie forme inacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita del prossimo, vi siete dati da fare affinché nella societa non siano esclusi ¢ scartati quanti vivono in condizioni di precarieta. Mediante l'opera capillare dei ‘Centri di aiuto alla vita’, diffusi in tutta Italia, siete stati occasione di speranza ¢ di rinascita per tante persone». Queste le parole di papa Francesco al Movimento per Ia vita (Mpv), ricevendo oggi in udienza i partecipanti al 35° Convegno nazionale dei Centro di aiuto alla vita, in corso a Roma, «V ringrazio ~ ha aggiunto — per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, € Vincoraggio a proseguire con fiducia s questa strada, continuando a essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone piit indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un’esisterza pitt sana e dignitosa. In particolare, ¢°@ bisogno di lavorare, a diversi livelli ¢ con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli ¢ all’affermazione della dign piace sottolineare che nella vostra attivita, voi avete sempre accolto tutti a preseindere dalla religione e dalla nazionalita ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno conereto, la donna, nonostante problemi ¢ condizionamenti, & in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell"amore, della vita ¢ della materniti». «Per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro fi della donna. A questo proposito, mi I numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi, ha detto ancora papa Francesco, «Nelle dinamiche esistenziali ~ha ricordato il Papa — tutto é in relazione, e occorre nutrire sensibilita personale ¢ sociale sia verso Vaccoglienza di una nuova vita sia verso quelle situazioni di poverta e di sfruttamento che colpiscono le persone pitt deboli e svantaggiate». «Quante fami vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della maneanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiscono il peso della sofferenza ¢ della solitudine! Quanti giovani sono smarrit, minacciati dalle persone, ferite nel corpo e nello spirito, sono icone di quell’uomo del Vangelo che, percorrendo la strada da Gerusalemme a Gerico, incappé nei briganti che lo derubarono lo percossero». quella strad: causa dei briganti di og; ie ~ ha aggiunto Bergoglio — sono ipendenze e da altre schiavita, ¢ attendono di ritrovare fiducia nella vita! Queste su +he attraversa il deserto della vita, anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita». Unione Cristian! Cattoticl Razionali igen 6 novembre 2015 Papa Francesco: «si contraddice chi difende il debole e non protegge l"embrione» Molto bello il discorso odiemno di Papa Francesco tenuto in occasione dell’incontro con il importante opera in favore della vita Movimento per la Vita. «Vi incoraggio a proseguire la vost dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle sofferte condizioni che tanti fratelli e sorelle devono affiontare e a volte subire», ha detto, Occorre una premessa: Papa Francesco non intende soprassedere alle inchieste giomalistiche sulla poco cristiana gestione finanziaria di una parte della burocrazia vaticana, questa mattina ha ricordato che, oltre ai tanti sacerdoti e missionari che fanno il bene, ci sono anche «gli arrampicatori, gli attaccati ai soldi. E quanti sacerdoti, vescovi abbiamo visto cosi. E’ triste dirlo, no?». Tuttavia, ha spiegato in una intervista ad un quotidiano olandese: «i beni immobili della Chiesa sono molti, ma li usiamo per ‘mantenere le strutture della Chiesa e per mantenere tante opere che si fanno nei paesi bisognosi ospedali, scuole. Ieri, per esempio, ho chiesto di inviare in Congo 50.000 euro per costruire tre scuole in paesi poveri, l'educazione é una cosa importante per bambini. Sono andato all'amministrazione competente, ho fatto questa richiesta ¢ i soldi sono stati inviati». Tornando all’ineontro con i movimenti pro-life, ancora una volta (come ha fatto innumerevoli volte) non ha avuto paura di toccare ¢ difendere tematiche scomode, in controtendenza. Alla faccia di chi lo accusa di ricercare il comodo applauso del mondo. Per lui la difesa della vita non si riduce a contrastare l'aborto e I’eutanasia -come invece fanno, un po” ossessivamente, aleuni militanti “pro life”, che sembrano vivano soltanto di questo- no, «per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi. Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della maneanza di lavoro e di una casa! Quanti anziani patiscono i peso della sofferenza e della solitudine! Quanti minacciati dalle dipendenze ¢ da altre schiaviti, e attendono di ritrovare fiducia nella vital». Anche questo ¢ il compito di tutti noi difensori della vita, 11 Movimento per la vita agisce proprio cosi: «in -ato di imitare i! buon samaritano. Dinanzi a varie forme di jovani sono smarriti, quarant’ anni di attivita avete c minacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita del prossimo, vi siete dati da fare alfinché nella societa non siano esclusi e scartati quanti viveno in condizioni di precarieté. Mediante I'opera capillare dei “Centri di Aiuto alla Vita”, diffusi in tutta Italia, siete stati occasione di speranza e di rinascita per tante persone. Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, e vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pid indifese, che hanno diritto di nascere alla vit come anche di quante chiedono un’esistenza pit sana ¢ dignitosay. Nel discorso del Pontefice ia e sopratutto in riferimento ai figli e alla dignita della donna: compare anche la difesa della famij «cin particolare, ¢°@ bis: no di lavorare, a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli ¢ all'affermazione della dignitd della donna, 11 numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno concreto, la donna, nonostante problemi ¢ condizionamenti, ¢ in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell’amore, della vita e della maternitay. Ci ha colpito molto infine un passaggio della “Laudato sii” che avevamo trascurato, citato oggi da Papa Francesco: «Dal momento che tutto ¢ in relazione, non & neppure compatibile la difesa della natura con la giustificazione dell’aborto. Non appare praticabile un cammino educativo per 'accoglienza degli esseri deboli che ci cireondano, che a volte sono molesti o importuni, quando non si da protezione a un embrione umano benehé il suo arrivo sia causa di disagi e difficolta: “Se si perde la sensibiliti personale e sociale verso I’accoglienza di una nuova vita, anche altre forme di accoglienza utili alla vita sociale si inaridiscono”», Quest’ultima & una frase di Benedetto XVI. Un messaggio davvero provocatorio, nel senso buono della parola, a tutti coloro che parlano e scrivono di poverta ed emarginazione, di mancanza di diritti e discriminazione, e poi sono i primi ad approvare l’uccisione dei bambini non ancora nati. Tolgono @ loro il diritto alla vita in nome della liberta di scelta, No, non & compa XVI, é proprio vero il contrario: «i! necessario che ei sia qualeosa come un’ ecologia dell’uomo, intesa in senso giusto, I! degrado della natura é infatti strettamente connesso alla cultura che modella la convivenza umana: quando I’ecologia umana é rispettata dentro Ia societa, anche lecologia ambientale ne trae beneficion. ibile anzi, diceva Benedetto 6 novembre 2015 Papa ai Cav: "In 40 anni di attivita, avete imitato il buon samaritano!”. Ricevendo in Udienza i volontari dei Centri d'Aiuto alla Vita, Francesco ha lodato il loro impegno “in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto” Come la strada che conduceva da Gerusalemme a Gerieo, anche i nostri grigi mareiapiedi sono infestati di miserabili ridotti all’indifferenza dei pitt. Ma proprio come accade nel brano evangelico scritto da San Luca, ¢°é sempre qualcuno pronto a chinarsi sulla sofferenza e sulla solitudine altrui ‘Sono i “buoni samaritani di oggi”, che il Papa vede negli aderenti e nei volontari del Movimento per la Vita e dei Centri d’Aiuto alla Vita, ricevuti stamattina in Udienza nella Sala Regia del Palazzo Apostolico in occasione del 35esimo Convegno nazionale dei Cav. Accolto tra applausi scroscianti, Francesco ha incoraggiato questa struttura del Mpv (nata nel 1975) a proseguire 'impegno “in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto”. Il Pontefice ha quindi ribadito che la difesa della vita nascente e accoglienza “degli esseri deboli che ci cireondano” non possono prescindere I’una dall‘altra. Ricordando che “nelle dinamiche esistenziali tutto ¢ in relazione”, ha sottolineato infatti che “occorre nuttire sensibilita personale e sociale sia verso l'accoglienza di una nuova vita sia verso quelle situazioni di poverti e di sfruttamento che colpiscono le persone pitt deboli e svantaggiate”. Francesco ha posto laccento non solo sullaspetto sociale, ma anche su quello spirituale dell'impegno di Mpv e Cav. “Per i discepoli di Cristo - la sua osservazione ~ aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita ¢ del loro dolore, perché possano risollevarsi”. Poveri, malati, disoccupati, anziani soli, giovani “minacciati dalle dipendenze e da altre schiaviti”: ¢ lungo relenco sciorinato dal Vescovo di Roma, di persone “ferite nel corpo e nello spirito”, Costoro rappresentano, per il Santo Padre, le “icone di quell’ uomo del Vangelo che, percorrendo la strada da Gerusalemme a Gerico, ineappé nei briganti che lo derubarono e lo percossero. Egli sperimento prima I’indifferenza di alcuni e poi la prossimita del buon samaritano”. Il Papa ha ricordato che “su quella strada, che attraversa il deserto della vita, anche nel nostro tempo ci sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita”. Di fronte a cotanta sofferenza, “aleuni si voltano dallaltra parte 0 anno oltre - il suo commento = mentre altri si fermano e rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto”. Risposta che giunge forte e chiara dalle voci dei volontari dei Cav. “Voi - ha esclamato il Papa riferendosi presenti - in quarant’anni di attivita avete cereato di imitare il buon samaritano. Dinanzi a varie forme di minacce alla vita umana, vi siete accostati alle fragilita del prossimo, vi siete dati da fare affinché nella soviet non siano esclusi ¢ scartati quanti vivono in condizioni di precarieta”. II Papa hha quindi lodato “opera capillare dei Centri di Aiuto alla Vita”, i quali in tutta Italia costituiscono “occasione di speranza e di rinascita per tante persone”. Ringraziando i presenti per avete fatto e che fate con tanto amore”, li ha dunque incoraggiati “a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani”, Due sono gli aspetti che, soprattutto, ha voluto indicare il Papa in quanto meritevoli di perseverante lavoro, “Ce bisogno di lavorare, a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli, eall’affermazione della dignita della donna”, ha detto. A questo proposito, ha elogiato che un “numero rilevante di donne, specialmente immigrate”, trovano un sostegno conereto nei Cav, Del resto la donna - la considerazione del Pontefice - “@ in grado di far trionfare dentro di s¢ il senso dell’amore, della vita ¢ della maternita”. E questo - ha aggiunto - “nonostante problemi e condizionamenti”. Infine, nel salutare la gremita assemble, il Papa si é detto certo che l"attiviti di Mpv e Cav riceveri “uno speciale beneficio” dall’imminente ‘Anno Santo della Misericordia. “Esso sia per voi - ha coneluso - forte stimolo al rinnovamento interiore, per diventare 'misericordiosi come & misericordioso il Padre nostro! (eft Le 6.36). 7 novembre 2015 Movimento per Ia vita: Gigli (presidente), “maggiore consapevolezza dell'imponente attivita dei Cay" se una consapevolezza maggiore dell"imponente attivita dei nostri Cav (Centri di aiuto alla vita) a favore delle madri, dei naseituri e di ogni vita “Vorremmo che questo convegno suscits minacciata”. Lo ha dichiarato Gianluigi Gigli, presidente del Movimento per la vita (Mpv), introducendo il 35° Convegno nazionale dei Cav imtitolato “Storie d'amore immenso”. L’evento, organizzato dal Mpy, si sta svolgendo dal 6 all’8 novembre presso la Fraterna Domus di Sacrofano (Roma). “Si tratta — spiega Gigli ita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste di un modo di promuovere la cultura della alcune domande inquietanti in una societa sempre pit anestetizzata e utilitarista”, “La nostra antropologia — conclude Gigli — si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condizione si trovi a vivere. Siamo convinti di promuovere cosi anche pace e democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inclusione cti che tende ad escludere e discriminare gli esseri umani pit fragili, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita”. in una soei C 4 7 novembre 2015 la comunicazione autentica é vita” Movimento per la vita: mons. Pompili (Rieti), “Comunicare non é trasmettere messaggi, ma incontrare, accogliere, condividere, & fondamentalmente creare relazione”. Lo ha affermato monsignor Domenico Pompili, vescovo di Rieti, intervenendo questa mattina al 35° Convegno nazionale dei Centri di aiuto alla vita (Cav), con una relazione sul tema “La comunieazione per una cultura dell’accoglienza della vita”, “La comunicazione ~ ha spiegato mons. Pompili ~ @ un evento antropologicamente costitutivo, dove incontriamo altro; ma insieme all’altro, incontriamo anche la verita di noi stessi il fatto cio’ di —ha quindi coneluso il presule ~& vita; e la vita essere in relazione™, “La comunicazione autenti si trasmette, é dura in quanto si comunica”, “L’aceoglienza sociale della gravidanza~ ha poi affermato la giomalista Emanuela Vinai ~ viene certamente influenzata dal modo in cui i media, il cial network la propongono, spesso guidati da interessi estranei alla gioia della i per evidenziare gli aspetti pid ricorrenti nei media circa la riproposizione del fenomeno gravidanza, evidenziandone alcuni punti ci web ei maternita”, Vinai ha proposto una rassegna di immagi CO EISUOTFRATELLI — 11 fatto. Nellomeliaa Santa Marta e nell'intervista a un giornale per senzateto, un invito alla coerenza € un monito conto la comruzione 7 © Bundestag Vite da veri credenti "=" IL richiamo del Papa: no a esistenze faraoniche i «E triste vedere consacrati attaccati al denaro» aienza al Mp “sTutelare sempre sil indifest- Messitia-a-secco pau lerer (et See beffacontinua iia aims See, ai a ot. uerpitontn bans Sem Aereo esploso: anche Mosca sospende i voli eto atonmar 1S ida dS Ma non sari leader 4 provecarone Phir ai tat Piketty: i riechi "sora uel dondllo ora paghino po Pee oe : 12; ATTUALITA riseresas a Docenti, 500 euro solo a statali: «Grave discriminazione» «Andiamo incontro “a inn alla vita umana ferita» a piu culle wuoter Papa Francesco al Movimento per la vita: «Non stancatevi di tutelare gli indifesi» Banco farmaceutico e Telecom Italia Nasce l'app per donare un medicinale con un clic ‘Primo plano. || Vaticano «Guai ai vescovi attaccali ai soldi» Vatlacco di Francesco: tn eredente non pud parlare di povert e condurre una vita da faraone IL RETROS: Quell'indagine preventiva ignorata sul «signorotto» e la «signorina» Dai primi sospetti sul monsignore e la pierre fino alfaltaceo Ml formiche {ANALIS, COMMENTLE SCENAR! Tnovembre 2015 Famiglia e vita umana. Parla Papa Francesco Ecco cosa ha detto Papa Francesco ricevendo ieri in udienza una delegazione del Movimento per la vita italiano e dei “Centri” (CAV) ¢ “Servizi di Aiuto alla Vita” (SAV) ad esso federati, impegnati dai ieri nel 35 Convegno Nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita La difesa della vita umana ¢ la promozione della famiglia devono intrecciarsi sempre. nell'impegno sociale di io sociale. Lo ha affermato Papa Francesco, ricevendo ieri in udienza una delegazione del Movimento per la italiano e dei “Centr” (CAV) e “Servizi di Aiuto alla Vita” (SAV) ad esso federati, impegnati dai ieri nel 35° Convegno Nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita, che si protrarra fino a domani vicino Roma, alla “Fraterna Domus” in via Sacrofanese 25. in cristiano, con il sostegno solidale verso qualsiasi forma di disas 35° Convegno Nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita “Siete venuti a Roma da ogni parte dell’Italia per partecipare al vostro convegno nazionale — ha esordito il Pontefice rivolgendosi ai rappresentati del Movimento ed ai volontari dei CAV/SAV rinnovare ancora una volta impegno di difendere e promuovere la vita umana. Vi saluto tutti 1 introdotto questo incontro” (Francesco. Una speranza per chi é escluso e scartato, in 1.’ Osservatore Romano, 7 novembre 2015, p. 8). cordialmente, ad iniziare dal vostro Presidente, che ringrazio per le parole con le quali L’incontro in Vaticano é stato il primo del nuovo presidente del Movimento per Ia vita, Gian Luigi Gigli, docente, parlamentare e neurologo all’ Universita di Udine, che € stato eletto il 22 marzo scorso dopo quasi quarant’anni di guida dei “pro life” italiani del magistrato Carlo Casini, che & ora presidente onorario, Mettersi al fianco dei pitt poveri Samaritani dal cuore aperto sono le donne ¢ gli uomini che prestano servizio nei Centri di Aiuto alla Vita, strutture del Movimento per la Vita italiano che, ricorda Papa Francesco, si spendono anzitutto per consentire alle mamme in difficolta a non spezzare il dono della vita che cresce dentro di loro Ma, afferma il Papa, “per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilité e del loro dolore, perché possano risollevarsi. Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverta, della imalaitia, della maneanza di lavoro ¢ di una casa! Quanti anziani ~ quanti anziani! — patiscono il peso della sofferenza e della solitudine! Quanti giovani sono smarriti, minaceiati dalle dipendenze e da altre schiavita, ¢ attendono di ritrovare fiducia nella vita!” (ibidem._) Doveroso e nobile il servizio alla vita Francesco chiede ai Centri di avere dunque un cuore pid dilatato, oltre il pur “doveroso ¢ nobile” servizio alla vita, Di essere samaritani che abbracciano con “sensibilita personale e sociale” ogni forma di disagio, “di poverta e di sfruttamento”, che spesso trova occhi ciechi in quello che definisce “il deserto della vita”. “Anche nel nostro tempo — ha aggiunto il Papa nel suo discorso ~ ei sono ancora tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che li spogliano non solo degli averi, ma anche della loro dignita. E di fronte al dolore e alle necessita di questi nostri fratelli indifesi, aleuni si voltano dall‘altra parte o vanno oltre, mentre altri si fermano ¢ rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto” Sono buoni samaritani anche quelli che combattono l'aborto In quarant’anni di attivita, ha ricordato il Papa, i volontari dei CAV/SAV, davanti alle “varie forme di minacce alla vita umana”, si sono “dati da fare affinché nella societi non siano esclusi e scartati quanti vivono in condizioni di precarieta”. Grazie all’attivita di oltre quindicimila volontari, in effetti, ha riferito il presidente del Movimento per la vita, solo negli ultimi dieci anni sono state aiutate almeno 170,000 gestanti e oltre 250.000 donne in difficolta: “Come frutto di tale impegno, in questo periodo sono nati 120,000 bambini che altrimenti non avrebbero mai visto la luce. Citte che riflettono un’idea: essere un ospedale da campo contro la cultura dello scarto” (efi. Ospedale da campo, in L’Osservatore Romano, 7 novembre 2015, p. 8). “Mediante opera capillare dei ‘Centri di Aiuto alla Vita’, diffusi in tutta Italia - ha ineoraggiato i Pontefice-, siete stati occasione di speranza e di rinascita per tante persone. Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate con tanto amore, e vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada, continuando ad essere buoni samaritani! Non stancatevi di operare per la tutela delle persone piit indifese, che hanno diritto di nascere alla vita, come anche di quante chiedono un‘esistenza pitt sana e dignitosa”. “La donna fa trionfare in sé il senso della vita” Concludendo, Bergoglio ha spronato a continuare un lavoro “a diversi livelli e con perseveranza, nella promozione e nella difesa della famiglia, prima risorsa della societa, soprattutto in riferimento al dono dei figli ¢ all’affermazione della dignita della donna”, Papa Francesco ha messo in rilievo un aspetto strettamente legato all’ attualita: “Mi piace sottolineare che nella vostra attivita, voi avete sempre accolto tutti a prescindere dalla religione ¢ dalla nazionalita. 11 numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri centri dimostra che quando viene offerto un sostegno concreto, la donna, nonostante problemi ¢ condizionamenti, é in grado di far trionfare dentro di sé il senso dell"amore, della vita e della maternitd”, Quotidiano korazym.org 7 novembre 201 Movimento per la Vita, Governatore di Grenada, nuovi vescovi e un’ intervista. La giomata di Papa Francesco Incontra i partecipanti al convegno dei Centri Aiuto alla Vita il governatore di Grenada e nomina i nuovi vescovi di Bruxelles e Barcellona, Nella giomnata di Papa Francesco spazio anche ad un’ intervista, che il Pontefice ha rilasciato nei giomni scorsi al giomnale olandese Straatnicuws, ¢ che oggi é stata riportata integralmente dai media vaticani. Ai membri del Movimento per la vita ricevuti in Vaticano per il quarantennale di attivita, il Papa ha detto il suo incoraggiamento “a proseguire la vostra importante opera in favore della vita dal concepimento al suo naturale tramonto, tenendo conto anche delle sofferte condizioni cche tanti fratelli ¢ sorelle devono affrontare e a volte subire”, “II vostro —ha aggiunto ~ non é solo un servizio sociale, pur doveroso e nobile. Per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone che sono nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita e del loro dolore, perché possano risollevarsi”. Tra le Udienze di oggi anche quella al governatore generale di Grenada, Cécile Ellen Fleurette La Grenade, che successivamente ha incontrato il eardinale segretario di Stato Pietro Parolin, accompagnato da mons. Paul Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati. “Nel corso dei cordiali colloqui ~ rferisce la Sala Stampa vaticana ci si é soffermati sulle buone relazioni bilaterali tra la Santa Sede ¢ Grenada, nonché sull"importante apporto della Chiesa cattolica allo sviluppo del Paese, soprattutto in riferimento alle sfide sociali e all’educazione dei giovani. Non é mancata, infine, una panoramica sulla situazione della regione caraibica, con particolare riferimento ai problemi economici ¢ a quelli ambientali legati ai cambiamenti climatici”. NetI’intervista concessa al giomale olandese, invece, il Papa é tomato sul tema della sobrieta”’. “La Chiesa deve parlare con la verita e anche con la testimonianza: la testimonianza della poverti —ha detto al giornalista -. Se un eredente parla della poverta o dei senzatetto ¢ conduce una vita da faraone: questo non si pud fare. Questa é la prima tentazione, L’altra tentazione é di fare accordi con i governi. Si possono fare accordi, ma devono essere accordi chiari, accordi trasparenti. Perché 8 sempre la tentazione della corruzione nella vita pubblica. Sia politica, sia religiosa”. Nell intervista Papa Francesco affronta anche il tema dei beni materiali della Chiesa. “Se faceiamo un catalogo dei beni della ‘Chiesa, si pensa: la Chiesa é molto ricea, Ma quando @ stato fatto il Concordato con I'Italia 1929 sulla Questione Romana — ha precisato il Pontefice — il govern italiano di quel tempo ha offerto alla Chiesa un grande parco a Roma. I] papa di allora, Pio X1, ha detto: no, vorrei soltanto un mezzo chilometro quadrato per garantite la indipendenza della Chiesa. Questo principio vale ancora. Si, i beni immobili della Chiesa sono molti, ma li usiamo per mantenere le strutture della Chiesa per mantenere tante opere che si fanno nei paesi bisognosi: ospedali, scuole. leri, per esempio, ho chiesto di inviare in Congo 50.000 curo per costruir € tre scuole in paesi poveri, educazione & una cosa importante per bambini, Sono andato allammini competente, ho fatto questa richiesta e i soldi sono stati inviati.” Tra le nomine, Papa Francesco ha accettato stamane la rinuncia dell’ Arcivescovo di Barcellona, Cardinale Lluis Martinez Sistach, nominando al suo posto Monsignor Juan José Omella Omella, finora Vescovo di Calahorra y La Calzada-Logroio. Il Pontefice hha anche aecettato la rinuncia dell" Arcivescovo di Mechelen-Bruxelles Monsignor André Léonard, che lascia anche I"incarico di Ordinario Militare per il Belgio. Gli succede Monsignor Jozef De Kesel, finora Vescovo di Brugge. LOSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO ygjag POLITICO RELIGIOSO Ipotesi attentato sempre pitt accreditata Speranza per chi é scartato ella mea a Santa Mana deplora aampicatore alla che si sevono della Chis ansiché sev wh! NOSTRE INFORMAZIONI % Udienza al govematore di Grenada em LOSSERVATORE ROMANO: Servire, non servirsi M1 Manas praia Pp Una speranza per chi é escluso e scartato Ospedile a campo Ecologia umana 7 novembre 2015 Gigli: “Raccogliere l'appello de! Papa sulla famiglia”. Secondo il presidente del Movimento per la Vita, é tempo che il governo avvi “prowvedimenti organici ¢ non meramente assistenzial “Occorre raccogliere I’ appello lanciato stamane da Papa Francesco all'udienza generale, quando ha Jamentato che ‘non si da alla famiglia il dovuto peso - ¢ riconoscimento, ¢ sostegno — nell organizzazione politica ed economica della societ’ contemporanea’, malgrado le responsabilita educative e sociali di eui & questa fondamentale istituzione ¢ carieata”. Lo afferma Gian Luigi Gigli, deputato e presidente del Movimento per la Vita italiano, aggiungendo che “ora é tempo che Governo ¢ Parlamento pensino seriamente alle famiglie nella legge di Stabilita 2016". “Si tratta di avviare finalmente provvedimenti organici e non meramente assistenziali - sottolinea Gigli - per un fiseo non pit caleolato sul reddito individuale, ma a misura di famiglia, Non & un caso se in Francia il tasso di natalita si avvicina al 2.2, mentre in Italia arriv’ a fatica all’ .4 e solo grazie all’ apporto degli immigrati*. “I provvedimenti per le famiglie sono tanto pitt urgenti mentre ci si preoccupa di altre formazioni sociali, quali le unioni tra persone dello stesso sesso, che interessano un numero di persone decisamente inferiore e che non possono comunque contribuire a farci uscire dall’inverno demografico”, conclude poi Gigli ASKANEWS 08-11-2015 Pag. tit ontro sfruttamento vita e maternita troveremo alleati Gig! Roma, 8 nov. (askanews) - “Opporsi allo sfruttamento della vita e della maternit? a fini commercial, Lavorare per condizioni di accoglienza per la matemit?, per i disabil, per gli anziani. Su ‘questi impegni potremo trovare nuovi e insospettabil alleati.” Lo ha detto il presidente del Movimento per la Vita Italiano, On. Gian Luigi Gigli, a chiusura del Convegno dei Centri di Aiuto alla Vita delle Case di Accoglienza del MpVI, nel 40? anniversario della sua fondazione. “Dobbiamo a spingere la nostra societ? - ha sottolineato Gigli - a coniugare etica individuale ed etica sociale, affinch? tutti iriti del uomo, a cominciare dal primo e fondamentale diritto alla vita, possano essere tutelati. Dobbiamo evitare iscriminazioni tra essere umano ed essere umano che mettono in pericolo la democrazia. Dobbiamo ricordare che non? possibile Costruire la pace senza rispettare ogni vita, anche quelle degli esseri umani pi? fragil.” Oltre settecento i volontari da tutta Italia che hanno Partecipato al Convegno, aperto dall udienza di Papa Francesco € Conclusosi con la celebrazione del 20? anniversario della Evangelium Vitae. "Siamo impegnati a testimoniare misericordia © ‘compassione - ha concluso Gigli mentre lavoriamo per ditfondere la verit? troppo combatiuta per cui ogni essere umano? “uno di noi” @ a promuovere opere di giustizia perch? questa vert? si atfermi. E il nostro contributo -alla costruzione del nuovo ‘umanesimo su cui i cattolit italiani si interrogheranno da domani a Firenze e di cui una societ? autoreterenziale per chi? pi? forte ha tremendamente bisogno”. Red/Nav 081420 NOV 15, 12; ATTUALITA toss & Oggi la Marcia per la Terra al Colosseo in difesa dei piu fragii Cee selves ‘eset nasil ‘esi ari Movimento per la vita cambia volto Presentato il nuovo logo. Anche un'app per mamme in difficolta ‘Ancona ui 18 amie. Unaware Pa ‘Scuola. Its, I'80% lavora a un anno dal diploma ferris fermat due giovani sospettat Uno dei due confessa rapina e massacro 8 novembre 2015 Gigli: “Contro lo sfruttamento della maternita, troveremo alleati insospettabili”, II presidente del Movimento per la Vita interviene a chiusura del convegno dei CAV e delle case di accoglienza “Opporsi allo sfruttamento della vita e della maternita a fini commerciali, Lavorare per condizioni di accoglienza per la maternita, per i disabili, per gli anziani, Su questi impegni potremo trovare nuovi ¢ insospettabili alleati”. Lo ha detto il presidente del Movimento per la Vita Italiano, On. Gian Luigi Gigli, a chiusura del Convegno dei Centri di Aiuto alla Vita e delle Case di Accoglienza del MpVI, nel 40° anniversario della sua fondazione, “Dobbiamo spingere la nostra societi - ha sottolineato Gigli - a coniugare etica individuale ed etica sociale, affinché tutti i diritti dell’ uomo, a comineiare dal primo e fondamentale diritt alla vita, possano essere tutclati, Dobbiamo evitare discriminazioni tra essere umano ed essere umano che mettono in pericolo la democrazia. Dobbiamo ricordare che non & possibile costruire la pace senza rispettare ogni vita, anche quelle degli esseri umani pid fragili”. Oltre settecento i volontari da tutta Italia che hanno partecipato al Convegno, aperto dall’u Papa Francesco e conclusosi con la celebrazione del 20° anniversario della Evangelium Vitae. “Siamo impegnati a testimoniare misericordia e compassione - ha concluso Gigli - mentre lavoriamo per diffondere la verita troppo combattuta per cui ogni essere umano & ‘uno di noi” ea promuovere opere di giustizia perché questa verita si affermi. E il nostro contributo - alla costruzione del nuovo umanesimo su cui i cattolici italiani si interrogheranno da domani a Firenze & i cui una socicta autoreferenziale per chi @ pili forte ha tremendamente bisogno” 9 novembre 2015 Movimento per la vita: Gigli (presidente), “contro sfruttamento vita ¢ maternita troveremo alleati insospettabili” “Opporsi allo sfruttamento della vita e della maternita a fini commerciali, lavorare per condizioni di accoglienza per la maternita, per i disabili, per gli anziani, su questi impegni potremo trovare nuovi ¢ insospettabili alleati*. Lo ha detto Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita (Mpv) italiano, a chiusura del convegno dei Centri di aiuto alla vita e delle Case di accoglienza del Mpv, nel 40° anniversario della sua fondazione. Dobbiamo spingere la nostra societai— ha sottolineato Gigli —a coniugare etica individuale ed etica sociale, affinché tutti i diritti dell"uomo, a cominciare dal primo e fondamentale diritto alla vita, possano essere tutelati. Dobbiamo evitare discriminazioni tra essere umano ed essere umano, che mettono in pericolo la democrazia. Dobbiamo ricordare che non é possibile costruire la pace senza rispettare ogni vita, anche quelle degli esseri umani pit fragili”, “Siamo impegnati — ha concluso Gi re misericordia € compassione, mentre lavoriamo per diffondere la veriti troppo combattuta per cui ogni essere umano ¢ “uno di noi’ e a promuovere opere di giustizia perché questa veri I nostro contributo alla costruzione del nuovo umanesimo su cui i eattoliei italiani si interrogheranno a Firenze e di cui una societa autoreferenziale per chi & pitt forte ha tremendamente bisogno” ——— =e 9 novembre 2015 Papa Francesco all’ Angelus di domenica 8 novembre commenta i fatti della settimana: il furto dei document ¢ la pubblicazione in due libri. Rubarli «é un reato e un fatto deplorevole. Furto di documenti privati. Il Papa: € un reato. «WVoglio assicurarvi che questo triste fatto non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con i miei collaboratori ¢ con il sostegno di tutti voiv.Come un buon padre di famiglia, che comunica le cose lieti e le cose tristi, Papa Francesco all" Angelus di domenica 8 novembre commenta i fatti della settimana:il furto dei document e la pubblicazione in due libri Rubarli «é un reato ¢ un fatto deplorevoley.Ma niente paura, «io vado avanti con fiducia e speranza». In uno seroscio praticamente ininterrotto di applausi, afferma: «So che molti di voi sono stati turbati dalle notizie a proposito di documenti riservati della Santa Sede che sono stati sottratti e pubblicati,Per questo vorrei dirvi anzitutto che rubare quei document é un reato. E un atto deplorevole che non aiuta. Io stesso avevo chiesto di fare quello studio, e quei documenti io e i miei collaboratori gia li conoscevamo bene e sono state prese delle misure che hanno incomineiato a dare dei frutti, anche alcuni visibili»,«Corvi> e «Vatileaks», delatori e manovratori, rivelazioni e sotterfugi non gli tolgono il sonno e non lo distraggono — come noi avevamo gia scritto - dal programma di riforma ¢ rinnovamento: «Percid voglio assicurarvi che questo triste fatto non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con i miei collaboratori e con il sostegno di tutti voi. $i, con il sostegno di tutta la Chiesa, perché la Chiesa si rinnova con la preghiera e con la santita quotidiana di ogni battezzato. Vi ringrazio e vi chiedo di continuare a pregare per il Papa e per la Chiesa, senza lasciarvi turbare ma andando avanti con fiducia e speranza, Riflettendo sul contrasto tra autenticita cristiana e P «apparenza» Francesco commenta il Vangelo della vedova povera che lascia nel tesoro de! tempio tutto quanto ha per vivere a differenza dai maestri della legge che «si pavoneggiano in pubblico mentre in privato divorano le case delle vedoven. Come ama spesso fare condisce il suo discorso con un esempio conereto che ne dimostra la forza. L’esempio di una famiglia di Buenos Aires in Argentina: mentre é a tavola a mangiare le cotolette é interrotta da un mendicante che ha fame. La mamma chiede cosa intendano fare i tre figli, i quali di slancio la esortano a dare il cibo al povero. La mamma - spiega il Papa - aprende la forchetta ¢ il coltello e toglie meta a ognuna delle cotolette, “Ah no, mamma, no! Cosi no! Prendi dal frigo”. “No, facciamo tre panini cosi”. E i figli imparano che la vera carita si fa non da quello che avanza ma da quello & necessario». Ricorda che a Firenze parte il convegno nazionale della Chiesa italiana al quale partecipa martedi 10 novembre recandosi a Prato e Firenze. La difesa della vita umana e la promozione della fa rsi sempre nell”impegno sociale di un cristiano, con il sostegno solidale a qualsiasi forma di disagio sociale. Lo riafferma Francesco ricevendo in udienza venerdi 6 novembre 2015 una delegazione de di aiuto alla vita (Cav) impegnati nel 35° convegno nazionale. Illustra la parabola del buon samaritano: «Samaritani dal cuore aperto sono le donne ¢ gli uomini che prestano servizio nei Centri di aiuto alla vita, strutture che si spendono per consentire alle mamme in difficolté di non spezzare il dono della vita che cresce dentro di loro, Per i discepoli di Cristo, aiutare la vita umana ferita significa andare incontro alle persone nel bisogno, mettersi al loro fianco, farsi carico della loro fragilita perché possano risollevarsi. Quante famiglie sono vulnerabili a motivo della poverta, della malattia, della mancanza di lavoro e di una casa, Quanti anziani — quanti anziani! — patiscono il peso della sofferenza e della solitudine. Quanti giovani sono smarriti, minacciati dalle dipendenze e da altre schiavitu, € attendono di ritrovare fiducia nella vita». Chiede ai Cav di avere un cuore piil dilatato e di essere samaritani che abbracciano «con sensibilita personale e sociale ogni forma di disagio, di poverta ¢ di sfruttamento, che spesso trova occhi ciechi nel deserto della vita, Anche nel nostro tempo ci sono tanti feriti, a causa dei briganti di oggi, che li spogliano non solo degli averi ma anche della dignita. E di fronte al dolore e alle necessita di questi fratelli indifesi, alcuni si voltano dall'altra parte, altri si fermano ¢ rispondono con dedizione generosa al loro grido di aiuto». In 40 anni di attivita gli aderenti al Movimento per la vita «si sono dati da fare affinché nella societa non siano esclu: scartati quanti vivono in condizioni di precarieti, Mediante i Cav «siete stati occasione di speranza e rinaseita per tante persone. Vi ringrazio per il bene che avete fatto e che fate, e vi incoraggio a proseguire con fiducia su questa strada continuando a essere buoni samaritani. Non stancatevi di operare per la tutela delle persone pit indifese. Lavorate alla promozione e alla difesa della famiglia, prima risorsa della societd. Avete sempre accolto tutti a prescindere dalla religione e dalla nazionalit. II numero rilevante di donne, specialmente immigrate, che si rivolgono ai vostri Cav dimostra che quando viene offerto un sostegno conereto, la donna é in grado di far trionfare il senso dell’amore, della vita e della matemnita». Sabato 7 novembre 2015 in piazza San Pietro riceve dirigenti e dipendenti dell'Istituto italiano della previdenza sociale (Inps). Critica un modello economic chemacina risorse per ottenere profitti sempre maggiori», Incoraggia a tutelare i lavoratori ¢ il loro riposo, la materniti e il lavoro femminile, il diritto alla pensione. In particolare il riposo «non é una semplice astensione dalla fatica e dall’impegno ordinario ma un‘oceasione per vivere pienamente la propria umanita, aperta all’incontro con Dio e con gli altri». Parla a braccio ¢ definisce «vergognoso il lavoro nero, la precarieta e lingiustizia sociale. Non sono venute meno le esigenze assistenziali, tanto per chi ha perso 0 non ha mai avuto lavoro, quanto per chi é costretto a interromperlo per i motivi pit diversi, Nel suo saluto, il presidente dell'Inps Tito Boeri, ricorda che Ja crisi economica ha impoverito tantissimi italiani, 4 milioni, ¢ ringrazia il Papa per i continui richiami in favore dei diritti dei lavoratori e dei pitt bisognosi, Pier Giuseppe Accomero P UO NETODAY 9 novembre 2015 La pastioceria Flli Gangi prepara una tortaa sorpresa peril Papa Giuseppe Gangi, assieme alla moglie Tiziana, lo seorso fine settimana é andato a Roma, facendo assaggiare il suo celebre dolce al pistacchio al Papa Bergog ato - ¢ di certo apprezzato - il dolce al pistacchio dei Gangi, titolari in citta della pasticceria in via Grazzano e di Dusci, in via Sarpi. L’occasione é stata quella del 35° convegno del “Movimento per la vita”, dove i G: erano stati invitati per preparare dei dolei per loccasione. Giuseppe Gangi e la moglie Ti sono cosi partiti alla volta di Roma, in treno, ignari degli sviluppi che il destino gli avrebbe riservato, Sapevano che una fetta del dolee preparato sarebbe probabilmente arrivata davanti al Santo Padre, ma non immaginavano l"incontro che alla fine ¢°¢ stato, Lemozione @ stata forte, allo stesso livello della soddisfazione per aver potuto proporre la propria specialita in un contesto cosi prestigioso. Annuncio promozionale PROVITA 10 novembre 2015 Aborto (prevenzione e consulenza): il Movimento Per la Vita si rinnova Apprendiamo da Avvenire che il Movimento Per la Vita ha rinnovato il suo sito web e il logo. Non ¢ solo questione di veste gratica. I Movimento, impegnato da quarant’anni per prevenire Faborto, ha aggiunto una nuova app per le mamme incinta in difficolta e per gli operatori Cid rivela il maggior coordinamento e la migliore unificazione, anche dal punto di vista della comunicazione associativa, che si é creata tra Movimento per la Vita in senso stretto, Cav, e Case daccoglienza Il nuovo progetto editoriale, elaborato a cura di SpazioUau, & stato presentato al 35° convegno nazionale Cav, cui ha partecipato S.E. Domenico Pompili, vescovo di Rieti, ex direttore dell’ ufficio nazionale per le comunicazioni sociali Cei, che ha ricordato come I’ascolto dell"altro sia elemento prioritatio e fondamentale per la comunicazione. I sito rinnovato serve anche alle singole strutture locali: «Sono strumenti messi a disposizione gratuitamente per tutti, nella consapevolezza che da sole le nostre realta locali avrebbero fatto pitt fatica a costruirseli ~ ha spiegato Gian Luigi Gigli, presidente nazionale del MpV — ma servono anche a farei crescere nella consapevolezza che siamo una stessa famiglia». Infine, spiega Avvenire. “nasce DigitCav, progetto selezionato dalla Fondazione Vodafone nel bando innovazione per il sociale. DigitCav € un’app per smartphone ¢ tablet, disponibile dal prossimo anno, che in pochi gesti geolocalizza su una mappa il Cav pitt vieino, trova il modo pitt rapido per raggiungerlo e mette in contatto con un operatore attraverso 5 diverse opzioni:mail, chat, social network, telefono del Cav o numero verde nazionale e al SOS Vi C°6 sempre un’alternativa all’aborto: nessuna richiesta di soccorso andra persa: I'app ha anche un supporto multilingue pensato per le straniere. Infine, conclude Awvenire, “nella stessa applicazione, attraverso il “cloud” i responsabili di Cav, MpV. CA, potranno utilizzare sofiware ¢ aggiomare documenti, interagendo in tempo reale col centro nazionale e con le altre strutture, elaborando e condividendo informazioni. Per far si che Finformatizzazione integrata funzioni al meglio, & previsto l'avvio di percorsi formativi di comunicazione per aleuni delegati scelti dai vari Cav e MpV locali che, dopo le giomate di aggiornamento, torneranno presso le proprie sedi per formare a loro volta gli altri volontari” Il primo passo di questo grande rinnovamento, in un certo senso il banco di prova, si & avuto con Pinformatizzazione di SOS Vita, di cui abbiamo parlato a suo tempo: nato come numero verde, da quando é divenuto accessibile via web é stato subissato di richieste di aiuto e di informazione da parte di mamme italiane che, a differenza delle straniere, hanno pit) remore a presentarsi fisicamente a un Centro aiuto alla vita, 11 novembre 2015 al i ° Convegno nazionale dei Centri di Aiuto alla Vita Indirizzo di saluto del Presidente Gigli rivolto al Papa durante I’ Udienza Padre Santo, il popolo della vita € oggi accanto a lei per rinnovarle aftetto ¢ devozione. Grazie per averci ricevuti di nuovo. Grazie per la lettera sull’indulgenza del Giubileo con la quale ha dilatato la misericordia per le donne che hanno abortito ¢ stimolato la riflessione di tutta la Chiesa. Grazie per il Sinodo che ha trattato in modo efficace ¢ affascinante anche i temi della maternita ¢ della vita. Grazie per opera di pulizia che sta portando avanti: le siamo vicini in questo momento di sofferenza. L’aborto é la manifestazione pitt evidente della cultura dello scarto: il pitt piccolo tra gli uomini & ridotto a oggetto di consumo, da usare e gettar via se non serve o se é difettoso. Ma la cultura dello searto nega la cittadinanza anche ai gravi disabili e ai malati senza speranza o senza presunta dignita. Negli ultimi 40 anni, in Italia, il Movimento per la Vita @ stata, tra i laici, "unica voce a tenere aperto il dibattito su cid che da delitto é diventato diritto ¢ a ricordare che legalit non & sinonimo di giustizia ¢ che i diritti umani vengono prima dei presunti diritti civili Evitando contrapposizioni ideologiche, abbiamo cercato di tener deste, con la credibilita che deriva dalla testimonianza, domande inquietanti per una societi utilitarista con la coscienza anestetizzata. Con le donne che hanno abortito, abbiamo sofferto insieme. non dimenticando di coniugare misericordia e compassione con veriti ¢ giustizia. Verita sull”uomo, senza sconti, e giustizia per i diritti: di esseri umani cui viene impedito di nascere, di donne indotte ad abortire per ragioni di oppressione, di violenza, di bisogno 0 d’ignoranza, di veechi, di malati o di disabili tolti di mezzo dall'cutanasia © dall'abbandono terapeutico o indotti a togliersi di mezzo da una cutanasia silenziosa che li isola e toglie loro dignita. Per tutti costoro, con pochi mezzi a disposizione, abbiamo cercato di essere ospedale da campo, icona del volto misericordioso di Gest,