Sei sulla pagina 1di 108

19/25 gennaio 2018 n. 1239 • anno 25 internazionale.

it 4,00 €
Ogni settimana Slavoj Žižek Elif Şafak Venezuela
il meglio dei giornali Sesso, potere I passi indietro La rivoluzione
di tutto il mondo e contratti della Turchia secondo Maduro

La globalizzazione
da rifare

Finora ha favorito solo


le grandi imprese
SET TIMANALE • PI, SPED IN AP

CHF • CH CT

e la finanza. Alimentando per


•E
AU

reazione populismi e
• D

IL MONDO IN CIFRE

protezionismi. Ma
CHF • PTE CONT

realizzare un sistema globale


CH
• F

più equo è possibile


UK
BE
DL
19/25 gennaio 2018 • Numero 1239 • Anno 25
“Le persone hanno anche bisogno di favole”

Sommario Magda działoszyńska a pagina 54

in copertina
La settimana
19/25 gennaio 2018 n. 1239 • anno 25 internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Slavoj Žižek Elif Şafak Venezuela
il meglio dei giornali Sesso, potere I passi indietro La rivoluzione
di tutto il mondo e contratti della Turchia secondo Maduro

La globalizzazione sbagliata
conversazione La globalizzazione
da rifare È stata spacciata come un processo inevitabile e vantaggioso per tutti.
In realtà è stata realizzata in modo da favorire solo le grandi imprese
e la inanza. Alimentando per reazione populismi e protezionismi.
Finora ha favorito solo
le grandi imprese
e la inanza. Alimentando per
reazione populismi e
Ma realizzare un sistema globale più equo è possibile (p. 38). Immagine
protezionismi. Ma

di Hannah Whitaker
realizzare un sistema globale
più equo è possibile

Giovanni De Mauro
Sebastian Tomczak è un musicista che attuaLità visti dagLi aLtri scienza
vive in Australia. Ha registrato dieci ore di 14 La battaglia 28 La Sicilia si salva 94 I costi ecologici
rumore bianco, quel tipo di rumore di francese sulla con gli immigrati delle guerre
fondo prodotto dagli apparecchi libertà sessuale Libération The Atlantic
elettronici, e ha messo su YouTube l’audio The Atlantic 30 Chilometri
della registrazione. Qualche tempo dopo 16 Margaret Atwood d’asfalto sperando econoMia
e Lavoro
e la caccia in un lavoro
ha ricevuto cinque notiiche di violazione 98 La lotta alla
del copyright, alcune da autori di alle streghe De Standaard
povertà passa
programmi per la terapia del sonno che The Guardian 31 Un rapporto
per la blockchain
usano il rumore bianco. Della notizia ha complicato con
europa
Financial Times
parlato all’inizio dell’anno la Bbc. il femminismo
18 L’accordo The Conversation
Indagando, si è capito che le accuse di in Germania cultura
violazione del copyright sono state rilancia venezueLa
generate automaticamente da un 76 Cinema, libri,
l’Europa 44 La rivoluzione musica, video, arte
algoritmo di YouTube che analizza i Financial Times secondo Maduro
contenuti alla ricerca di possibili The New Yorker
somiglianze. È un caso estremo, e come tunisia Le opinioni
sembra giusto probabilmente si risolverà a 20 Una protesta Lituania 10 Domenico Starnone
favore di Tomczak, ma altre situazioni che nasce dalla 52 Piccola 23 Amira Hass
sono più complicate. Nell’industria primavera araba utopia lituana
33 Elif Şafak
musicale, per esempio, le accuse di plagio Nawaat Polityka
sono continue. L’ultima è quella dei 36 Rami Khouri
Radiohead, secondo cui la cantante Lana africa e Medio scienza 78 Gofredo Foi
Del Rey avrebbe copiato una loro canzone,
oriente 56 I pirati del cervello 80 Giuliano Milani
22 Israele Le Monde
Creep. Ma per questa stessa canzone i 82 Pier Andrea Canei
se la prende
Radiohead erano stati a loro volta accusati 84 Christian Caujolle
con i migranti portfoLio
di plagio dagli autori di un’altra canzone, 60 Nuovi arrivi
africani
The air that I breathe. E dopo l’intervento Patrick Willocq Le rubriche
+972 Magazine
di un giudice, gli autori di The air that I
breathe sono diventati anche coautori di 10 Posta
aMeriche viaggi
Creep insieme ai Radiohead. Una 68 La magia di Marfa 13 Editoriali
24 Donald Trump
situazione paradossale, ha notato Amanda punta tutto Texas Monthly 103 Strisce
Petrusich sul New Yorker: “Quante sono le sulla forza 105 L’oroscopo
permutazioni possibili all’interno di un militare graphic 106 L’ultima
journaLisM
numero inito di note musicali?”. È una Foreign Policy 72 Gerusalemme
domanda che vale per le parole, per le
Gianluca Costantini
immagini, per i colori, perino per gli asia e pacifico Articoli in formato
odori. La disponibilità di contenuti non è 26 L’India arte mp3 per gli abbonati
internazionale.it/sommario

mai stata così abbondante. E, come in una fa un passo 74 Un dipinto


grande conversazione collettiva, questo avanti sui diritti che fa paura
aumenta le opportunità di scambio, dei gay Vulture
collegamento, condivisione. Ma aumenta The Diplomat
anche il rischio che qualcuno inisca per pop
copiare. Secondo Petrusich, però, la 88 Buone notizie
questione a cui è diicile dare una risposta per gli uzbechi
è un’altra: è meglio far parte di una grande in Afghanistan Internazionale pubblica in
conversazione o cercare di creare qualcosa Diloram Ibrahimova esclusiva per l’Italia gli articoli
di completamente nuovo? u dell’Economist.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 3


Immagini
Via dal fango
Montecito, California
9 gennaio 2018

Una donna viene portata in salvo dalla


protezione civile a Montecito, nella con-
tea di Santa Barbara. Era rimasta bloc-
cata nella sua casa per via dei temporali
che hanno colpito il sud della California
nelle ultime settimane. La pioggia ha
causato alluvioni e frane. Secondo le au-
torità locali, sono morte almeno dicias-
sette persone e migliaia di californiani
hanno dovuto lasciare le loro case. A i-
ne dicembre la stessa regione era stata
colpita da incendi che avevano bruciato
circa 120mila ettari di vegetazione. Foto
di Erick Madrid (Zuma/Agf )
Immagini
Puriicazione
Kathmandu, Nepal
16 gennaio 2018

La preghiera prima del bagno sacro nel


iume Bagmati, davanti al tempio indù
di Pashupatinath. Il rito fa parte del Swa-
sthani Brata Katha. Ogni giorno, per un
mese, i fedeli recitano un capitolo del
libro sacro dedicato alla dea Swasthani e
al dio Shiva, fanno bagni puriicatori e
pregano per la prosperità e il benessere
della famiglia. Le celebrazioni comin-
ciano la notte di luna piena del mese di
poush, il nono del calendario nepalese,
e proseguono ino alla successiva notte
di luna piena. Foto di Navesh Chitrakar
(Reuters/Contrasto)
Immagini
Dedalo ghiacciato
Zakopane, Polonia
11 gennaio 2018

Il labirinto di ghiaccio di Zakopane visto


da un drone. Creato per la prima volta
nell’inverno di due anni fa con centinaia
di blocchi di ghiaccio, occupa 3.000 me-
tri quadrati ed è il più grande labirinto di
ghiaccio del mondo. La cittadina di Za-
kopane, sui monti Tatra, la propaggine
più settentrionale dei Carpazi, è il prin-
cipale centro di sport invernali e alpini-
smo in Polonia. Foto di Omar Marques
(Anadolu Agency/Getty Images).
Posta@internazionale.it
Le iglie delle madri allo stesso tempo hanno un
diploma postlaurea, sono sen-
le altre volte ho letto gli artico-
li, e come le altre volte non so-
Parole
mature
za marito e pure lesbiche, non no riuscito a capire cosa siano
Domenico Starnone
u L’articolo del New Scientist dovrebbero essere considera- i bitcoin. Ho solo capito che
sulla procreazione (Interna- te così rare come gli animali fanno molto comodo a chi La lezione
zionale 1235) fa riferimento a
uno studio americano da cui è
della fantasia.
Silvia Brandi
traica illegalmente. Mi
aspettavo delle spiegazioni
più terribile
emerso che “le donne con un più esaustive.
diploma postlaurea avevano Il dilemma Carlo Del Zanna
la maggiore probabilità di non del turista
concepire, seguite dalle don- Errata corrige
ne che non si sono mai sposa- u Nell’articolo di Stephan
te e dalle lesbiche”. La preoc- Sanders sul turismo (Interna- u Su internazionale 1238, a pa-
cupante divisione tra donne zionale 1235) il problema vero gina 25, Luigi Di Maio ha pro-
con diploma postlaurea, don- non è il viaggiare in sé, ma la messo di abbassare del 40 per u Giornali e telegiornali ci
ne celibi e donne lesbiche, do- quantità di persone che arri- cento il rapporto tra debito raccontano che i ragazzini gio-
ve un caso sembra escludere vano nei più remoti angoli del pubblico e pil in dieci anni; cano con la vita degli altri e
l’altro, mi ha fatto pensare alla pianeta. Il consumismo deva- nella storia vera a pagina 98 il con la propria. A Verona bru-
classiicazione di Borges degli sta ogni luogo e impone i suoi tesoro lasciato in eredità da un ciano un essere umano per
animali fantastici: “Gli anima- modelli anche ai più refrattari. camionista tedesco alla moglie scherzo, a Napoli e Torino
li si dividono in: (a) apparte- “Io consumo quindi esisto” si era in monete da uno e due massacrano altri ragazzini per
nenti all’Imperatore, (b) im- conferma l’aforisma più ido- centesimi in marchi tedeschi; levargli il cellulare, la milza,
balsamati, (c) ammaestrati, neo per comprendere il senso- a pagina 117 il creatore dei bit- quel che capita. Certo, detto
(d) lattonzoli, (e) sirene, (f ) fa- non senso delle nostre più coin è Satoshi Nakamoto. così pare che tutti i minori
volosi, (g) cani randagi, (h) in- stravaganti abitudini. d’Italia tendano all’assassinio.
clusi in questa classiicazione, Giovanni Di Leo Errori da segnalare? In realtà si tratta di un numero
(i) che s’agitano come pazzi, correzioni@internazionale.it ridotto di ragazzi, ma atten-
(j) innumerevoli, (k) disegnati Bitcoin zione, se anche fossero un pa-
con un pennello inissimo di PER CONTATTARE LA REDAZIONE io soltanto bisognerebbe allar-
pelo di cammello, (l) eccetera, u Da quando sono abbonato, Telefono 06 441 7301 marsi. Quegli atti sono possi-
(m) che hanno rotto il vaso, è la terza volta che esce una Fax 06 4425 2718 bili se dalla tua vittima hai
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
(n) che da lontano sembrano copertina dedicata ai bitcoin Email posta@internazionale.it cancellato qualsiasi elemento
mosche”. Forse le donne che (Internazionale 1236). Come Web internazionale.it che te la possa far sentire simi-
le a te. L’altro deve diventare
un pupazzo che non ha una vi-
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli ta vera ma la mima gofamen-
te, e perciò non si merita di
Una questione politica stazionare nel nostro territo-
rio, non si merita l’uso del cel-
lulare, va punito il più violen-
temente possibile per aver as-
Sposerò presto l’altra mam- pevano che era un uomo, la ceva sentire una sciura d’altri sunto connotati umani. In-
ma di mia iglia, ma chia- neutralità di “persona” mi fa- tempi. Mi sono comunque somma questi ragazzini hanno
marla moglie proprio non ceva sentire meno esposto. sforzato di farlo, perché gli uo- imparato precocemente la più
mi piace. È brutto se conti- Quando ci siamo messi insie- mini che dicevano “mio mari- terribile delle lezioni impartite
nuo a dire la mia compa- me ero al settimo cielo. Ma mi to” erano ancora troppo pochi dalle società adulte malate e
gna? –Giovanna ci è voluto un po’ a chiamarlo e sentivo che era giusto farlo. E dai poteri che le sgovernano a
“il mio idanzato” senza scru- così con il tempo mi sono abi- loro vantaggio: svuotare gli al-
Ho fatto coming out a sedici tare la reazione di chi avevo di tuato anche a quello. Gli esami tri di umanità svuotandoci a
anni, ma ne ho impiegato qual- fronte. Negli anni successivi è però non iniscono mai e oggi nostra volta di sensibilità. Ciò
cuno in più prima di riuscire a successo qualcosa di incredibi- devo imparare a dire “il mio ex che ci dicono quei ragazzi
dire “sono gay” senza avverti- le: siamo diventati padri di tre marito” senza sentire di nuovo spandendo orrore e terrore è
re un nodo allo stomaco ogni bambini. E io ho imparato a di- quel nodo allo stomaco che che bisogna smettere di la-
volta. Per fortuna il mondo an- re “siamo due papà” ogni volta avevo a sedici anni. Ovvia- sciar correre e fermarci. Mal-
dava nella direzione giusta e che qualcuno mi chiedeva no- mente tu e tua moglie potete grado i loro pochi anni, non
con il tempo l’imbarazzo è gra- tizie sulla loro mamma. Quan- chiamarvi come preferite. Ma sono un punto di partenza ma
dualmente svanito. Un bel do la legge del paese dove abi- non dimenticate che per una d’arrivo, il nostro. Essi sono
giorno ho incontrato un ragaz- tavamo ce l’ha inalmente per- coppia omosessuale il privato noi, gli adulti peggiori, adde-
zo. Anzi, all’inizio era “una messo, ci siamo sposati. Eppu- è ancora politico. strati a fare gang per sentirci i
persona”. Perché, anche se re dire “mio marito” non mi più furbi, i più spietatamente
quando parlavo di lui tutti sa- veniva proprio. Non so, mi fa- daddy@internazionale.it rapaci, i migliori.

10 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Editoriali

La farsa del voto in Egitto


“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
William Shakespeare, Amleto
Direttore Giovanni De Mauro
The Guardian, Regno Unito
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele L’8 gennaio le autorità egiziane hanno annun- I leader occidentali sbagliano a chiudere un
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla ciato che il 26 marzo si terranno le elezioni presi- occhio sugli eccessi di Al Sisi. La sua linea dura ha
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti (Medio Oriente), denziali. Ma non sembrano esserci dubbi sul alimentato la nascita di violenti gruppi armati. I
Alessandro Lubello (economia), Alessio
Marchionna (Stati Uniti), Andrea Pipino vincitore. L’attuale presidente Abdel Fattah al terroristi hanno colpito le forze dell’ordine e i ci-
(Europa), Francesca Sibani (Africa), Junko Terao
(Asia e Paciico), Piero Zardo (cultura, Sisi sarà quasi certamente rieletto. Molti poten- vili con attentati e omicidi. Nel Sinai una sangui-
caposervizio)
Copy editor Giovanna Chioini (web, ziali candidati si sono ritirati o sono stati inter- nosa guerra voluta da Al Sisi ha creato una rocca-
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
Romano (coordinamento, caporedattore), detti. Quello che aveva le maggiori possibilità di forte per il gruppo Stato islamico.
Giulia Zoli
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa vittoria era Ahmed Shaik, l’ex generale che ave- La rivoluzione egiziana del 2011 era stata il
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio), va perso di poco le uniche elezioni presidenziali punto più alto della primavera araba. Aveva dato
Marta Russo
Web Annalisa Camilli, Andrea Fiorito, Stefania libere del paese, nel 2012. Il suo avvocato ha di- agli egiziani la possibilità di essere inclusi nel pro-
Mascetti (caposervizio), Martina Recchiuti
(caposervizio), Giuseppe Rizzo, Giulia Testa chiarato che il governo lo ha obbligato a rinun- cesso decisionale, democratizzando la politica.
Internazionale a Ferrara Luisa Cifolilli,
Alberto Emiletti ciare. Al Sisi invece ha approvato rigide misure d’auste-
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci,
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara Ora lo sidante più credibile è un ex capo di rità e schiacciato la società civile. La democrazia
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori
sono indicati dalla sigla alla ine degli articoli. stato maggiore. Sembra che l’esercito stia segre- avrebbe garantito un minimo di assenso dei citta-
Francesco Caviglia, Stefania De Franco,
Francesco de Lellis, Andrea De Ritis, Federico tamente comprando i mezzi d’informazione pri- dini alle amare misure economiche che gli egizia-
Ferrone, Valentina Freschi, Giusy Muzzopappa,
Dario Prola, Fabrizio Saulini, Irene Sorrentino, vati perché sostengano Al Sisi. Tutto lascia pensa- ni hanno dovuto accettare negli ultimi mesi. La
Andrea Sparacino, Francesca Spinelli, Bruna
Tortorella, Nicola Vincenzoni Disegni Anna re che le elezioni saranno una replica di quelle del svalutazione della moneta ha portato a un vertigi-
Keen. I ritratti dei columnist sono di Scott
Menchin Progetto graico Mark Porter Hanno 2014, quando Al Sisi ha ottenuto il 96 per cento noso aumento dei prezzi dei beni essenziali e il
collaborato Gian Paolo Accardo, Gabriele
Battaglia, Cecilia Attanasio Ghezzi, Francesco dei voti. In quell’occasione i voti per il secondo paese ha contratto un debito spaventoso.
Boille, Sergio Fant, Anita Joshi, Fabio Pusterla,
Alberto Riva, Andreana Saint Amour, Francesca classiicato erano stati meno delle schede nulle. Al Sisi dovrebbe preoccuparsi di quello che sta
Spinelli, Laura Tonon, Guido Vitiello, Marco
Zappa Oggi l’Egitto è una democrazia di cartone. Il succedendo nel suo paese. Eppure sembra che
Editore Internazionale spa
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini potere è in mano all’esercito, che è rimasto pensi solo a costruire monumenti a se stesso: co-
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot
(vicepresidente), Alessandro Spaventa nell’ombra ma dal 2013 gestisce la violenta re- struire una nuova capitale amministrativa non
(amministratore delegato), Giancarlo Abete,
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro, pressione degli oppositori. I militari sono saliti al sembra la necessità più urgente dell’Egitto, dove
Giovanni Lo Storto
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma potere rovesciando il presidente Mohamed Mor- il tasso di povertà è aumentato del 25 per cento in
Produzione e difusione Francisco Vilalta
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Arianna Castelli, Alessia Salvitti
si, dei Fratelli musulmani, e uccidendo più di ot- due anni. Quando le persone vedono che le loro
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale
tocento persone. Nei giorni scorsi sono state ese- vite prendono una brutta china, vogliono avere la
Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it
guite le condanne a morte di quattro detenuti le- possibilità di cambiarle. Le presidenziali dovreb-
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15,
gati ai Fratelli musulmani. bero dare agli egiziani questa possibilità. u f
37131 Verona
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi)
Copyright Tutto il materiale scritto dalla
redazione è disponibile sotto la licenza Creative

Un interrail per salvare l’Europa


Commons Attribuzione - Non commerciale -
Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Signiica che può essere riprodotto a patto di
citare Internazionale, di non usarlo per ini
commerciali e di condividerlo con la stessa
licenza. Per questioni di diritti non possiamo
applicare questa licenza agli articoli che
compriamo dai giornali stranieri. Info: posta@
internazionale.it
Politiken, Danimarca
Registrazione tribunale di Roma Da decenni l’Unione europea cerca di migliorare sapevolezza che i singoli paesi sono più forti se
n. 433 del 4 ottobre 1993
Direttore responsabile Giovanni De Mauro la sua immagine di centro di potere burocratico stanno insieme. Questo vale per le side dell’eco-
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì
17 gennaio 2018 lontano dai cittadini. Finora nessuna campagna nomia globalizzata. E serve anche a evitare di ri-
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832
Pubblicazione online ISSN 2499-1600
d’immagine è riuscita a cambiare questa perce- petere gli errori di un passato costellato di guerre.
PER ABBONARSI E PER
INFORMAZIONI SUL PROPRIO
zione. E intanto i populisti nazionalisti sostengo- Dare ai giovani la possibilità di conoscere modi di
ABBONAMENTO no che le soluzioni vengono dall’interno, mentre pensare, lingue, cibi e realtà degli altri paesi euro-
Numero verde 800 111 103
(lun-ven 9.00-19.00), i problemi arrivano dagli altri paesi. pei è un modo di alimentare quella reciproca
dall’estero +39 02 8689 6172
Fax 030 777 23 87 Per smontare questi pregiudizi non c’è modo comprensione e curiosità su cui si fonda la pace in
Email abbonamenti@internazionale.it
Online internazionale.it/abbonati migliore che conoscere in prima persona la vera Europa. Inoltre questa iniziativa, avvicinando i
LO SHOP DI INTERNAZIONALE realtà europea. Per questo la notizia più bella ragazzi ai ritmi lenti del viaggio in treno, che invi-
Numero verde 800 321 717
(lun-ven 9.00-18.00)
dell’anno proveniente da Bruxelles è che nel tano alla rilessione, può essere utile in un’era di-
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
2018 l’Unione pagherà a ventimila giovani euro- gitale dominata dalla frenesia.
Imbustato in Mater-Bi
pei un biglietto interrail per viaggiare in treno Per questo non possiamo che augurare buon
attraverso trenta paesi del continente. Il proget- viaggio ai ventimila giovani europei che quest’an-
to, per cui sono stati stanziati 12 milioni di euro, no avranno la possibilità di partire con gli zaini
permetterà di provare un’esperienza già apprez- carichi e la mente aperta. Ci auguriamo che anco-
zata da generazioni di europei. ra più giovani possano seguirli nei prossimi anni.
La legittimità dell’Unione dipende dalla con- Sono soldi spesi bene. u fc

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 13


Attualità
Tolosa, Francia, ottobre 2017
ALAIn PItton (nurPhoto/Getty IMAGeS)

“sconcertanti e perino falsi”. “Abbiamo già


La battaglia francese enormi diicoltà a far capire alle ragazze
che se un uomo struscia il pene sul corpo di
sulla libertà sessuale una donna in metropolitana senza sentire
la sua opinione sta compiendo una molestia
punibile con una pena che può arrivare a tre
anni di detenzione e una multa di 75mila
euro”, ha detto. Le donne dovrebbero capi-
Rachel Donadio, The Atlantic, Stati Uniti
re che non hanno nulla di cui “vergognarsi”
La lettera di cento donne titolava l’11 gennaio Libération sotto la foto a denunciare questi episodi, ha concluso
francesi contro il presunto di tre delle irmatarie della lettera: Deneu- Schiappa.
ve, Catherine Millet, autrice del libro La vita Le Monde ha pubblicato un’intervista a
puritanesimo della campagna sessuale di Catherine M., e Brigitte Labaie, Christine Bard, una storica del femmini-
#metoo ha suscitato molte un’ex pornostar oggi conduttrice di talk smo, che ha dichiarato: “La logica della let-
critiche. Alimentando il dibattito show. Il titolo lasciava intendere: perché tera sembra meno reazionaria di quella dei
cominciato con il caso Weinstein dovremmo stare a sentire queste donne? soliti discorsi antifemministi, perché mette
“L’idea che una molestia sulla metropolita- al primo posto la libertà, ma manipola il
na sia solo ‘l’espressione di una grande mi- concetto ino a difendere ‘la libertà d’im-
opo la reazione, viene la reazio- seria sessuale, o un non-evento’, come so- portunare’ – vale a dire la libertà sessuale

D ne alla reazione. È stato afasci-


nante seguire il iume di repli-
che alla lettera pubblicata da Le
Monde il 9 gennaio in cui Catherine Deneu-
ve e altre 99 francesi accusano il movimen-
stiene la lettera delle francesi, parte dal
presupposto che si viva in un mondo senza
ore di punta e che si abbia abbastanza forza
e tempo da passare dallo psicanalista per
relativizzare con calma l’esperienza”, si leg-
degli uomini – e a minimizzare, o piuttosto
legittimare, il maschilismo e i comporta-
menti violenti”. Secondo Bard mascherate
da paladine del potere sessuale delle don-
ne, le autrici della lettera potrebbero in real-
to #metoo di essere andato troppo oltre e ge in un editoriale del quotidiano. tà essere un esempio di vittime che proteg-
afermano che le donne dovrebbero smet- Marlène Schiappa, sottosegretaria con gono i loro oppressori. “La cosa che mi pre-
tere di considerarsi oggetti sessuali passivi. delega alle pari opportunità, è andata anche occupa è che spesso il soggetto dominante
“La libertà sessuale è davvero in pericolo?”, oltre, deinendo alcuni punti della lettera comincia a comportarsi come se fosse una

14 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


vittima”, ha dichiarato océane rose Marie, ste del new york times e del new yorker. Il dibattito
attrice e conduttrice del programma La le- negli Stati uniti il movimento #metoo
sbienne invisible. “È come quando i bianchi sta forse cambiando le cose a hollywood e
parlano di razzismo contro i bianchi”, ha in molti posti di lavoro, ma in Francia è
Una lettera
aggiunto. La logica della lettera è piuttosto
fumosa perché confonde il corteggiamento
cambiato molto poco. La lettera delle cento
francesi è il prodotto di una cultura più fata-
esplosiva
con le molestie, come quando dice: “noi listica, apparentemente convinta che la na-
pensiamo che la libertà di dire ‘no’ a un ap- tura umana è quello che è, gli uomini sono a lettera delle cento francesi pubbli-
proccio sessuale non possa esistere senza la
libertà d’importunare. e che dobbiamo es-
sere capaci di rispondere a questa libertà
quello che sono, e che quindi le donne de-
vono trovare una strategia per sfruttare il
sistema a loro vantaggio – spesso usando il
L cata da Le Monde il 9 gennaio “ha
incendiato il mondo femminista”,
scrive Agnes Poirier sul Guardian.
d’importunare in modo diverso dal chiu- loro sex appeal – difendendo così il loro po- “nella lettera si legge: ‘Come donne non
derci nel ruolo di prede”. sto in quel sistema. e se il sistema dovesse ci riconosciamo in questo femminismo,
La lettera, però, dice anche cose ragio- cambiare? che oltre a denunciare l’abuso di potere
nevoli: invita a rilettere prima di esprimere assume il volto dell’odio per gli uomini e
un giudizio sommario; a comprendere la Linguaggio inclusivo per il sesso’”. ecco un esempio di quel che
diicoltà di controllare il desiderio (da non In un’altra lettera, apparsa sul sito di France ha sempre distinto il femminismo france-
confondere con il diritto a molestare); a cre- Info, decine di femministe che si deinisco- se da quello anglosassone, osserva Poirer:
dere nel potere sessuale delle donne; a ri- no “militanti” hanno criticato le aferma- “L’atteggiamento verso il sesso e gli uomi-
flettere sul fatto che togliere un’opera di zioni delle cento francesi: “Il fatto che la ni”. In Francia, spiega la scrittrice, ci sono
Balthus dal Metropolitan museum, per nostra società tolleri il sessismo, il razzismo diversi gruppi femministi: il principale se-
quanto ofensiva possa sembrare, ci mette e l’omofobia un po’ meno di prima sembra gue le orme di Simon De Beauvoir, in
sulla strada della censura. Alcuni dei punti essere un problema”, hanno scritto. “Acci- guerra non con gli uomini ma con la cultu-
più forti della lettera riguardano la difesa denti, era molto meglio quando potevamo ra maschilista, la disuguaglianza di genere
della libertà artistica. È come se le irmata- trattare le donne come puttane beneduca- e la misoginia delle religioni. Poi c’è una
rie volessero proteggere il loro corpo di arti- te”. “I maiali e i loro alleati, maschi e fem- versione importata di recente dagli Stati
ste da qualsiasi violazione, ma fossero un mine, sono preoccupati?”, hanno aggiunto, uniti, spesso percepita come ostile agli
po’ più disinvolte quando le mani degli uo- riferendosi all’hashtag #balancetonporc uomini, che chiude un occhio sulla miso-
mini toccano il loro corpo reale. (“denuncia il tuo maiale”, versione france- ginia religiosa, per esempio difendendo
una delle autrici della lettera, Sarah se del #metoo). “È normale. Il loro mondo l’uso dell’hijab. Si presenta come la nuova
Chiche, ha dichiarato al settimanale L’ex- sta cambiando. Molto, troppo lentamente. avanguardia del femminismo, ma è sba-
press di aver deciso di scriverla dopo che un Ma inesorabilmente. una manciata di ri- gliato pensare che sia in corso uno scontro
editore le aveva chiesto di aggiungere un cordi polverosi non lo fermerà”. Quando generazionale: molte millennial hanno ir-
po’ di tensione tra uomini e donne al suo parlano di “loro alleati, maschi e femmine” mato la lettera, e la promotrice, Abnousse
ultimo romanzo. Chiche deinisce le criti- usano la “scrittura inclusiva”, modiicando Shalman, è una scrittrice di 41 anni”. Shal-
che alla lettera “un’insidiosa censura mora- la graia francese delle parole per mettere in man ha spiegato di ritenere legittima la
le” e si dice preoccupata per gli efetti che evidenza la desinenza del femminile in so- campagna #metoo e di aver voluto ag-
potrebbero avere sull’arte. “Il regista della stantivi o verbi che si riferiscono a gruppi di giungere una voce diversa al dibattito. Per
Carmen ha trasformato l’eroina di Bizet persone. la scrittrice peruviana Gabriela Wiener,
nell’assassina del suo assassino. Altri vor- Per l’Académie française, la massima intervenuta sul New York Times, “que-
rebbero riscrivere La bella addormentata autorità in materia, il linguaggio inclusivo è ste cento francesi non hanno trovato di
per risparmiare alla principessa il bacio non un “grave pericolo” per il francese, e rischia meglio che sminuire le aggressioni senza
autorizzato. Da quando Catherine Deneuve di complicare la lingua scritta. Su questo dedicare una riga di riconoscimento alle
ha irmato la nostra lettera, Bella di giorno di concordo, anche se riconosco che la lingua vittime”. Ma le posizioni delle francesi tro-
Buñuel rischia di essere visto come un’orri- è cultura, e potere. vano un’eco anche negli Stati uniti. Prima
bile apologia della violenza sulle donne”, L’altro giorno un’amica, dirigente dell’uscita della lettera, aveva fatto discu-
ha scritto. “Alimentare il conlitto tra due d’azienda, mi ha detto che stavano cercan- tere la scrittrice Daphne Merkin, che sul
libertà è una vecchia passione dei francesi, do un nuovo amministratore delegato e che new york times denunciava l’ipocrisia
e ora il suo campo di battaglia è la sessuali- era rimasta colpita da una candidata. Ma un del dibattito in corso come risultato
tà. La nostra lettera l’ha solo riacceso”. altro consigliere ha subito detto: “non pos- dell’intimidazione sociale legata al politi-
Ma dal dibattito emerge anche un altro siamo prenderla, abbiamo già una donna in cally correct: “In pubblico diciamo
aspetto importante. nel mettere in guardia una posizione di responsabilità, e poi la #metoo, in privato abbiamo dei dubbi e ci
contro un nuovo “puritanesimo”, la lettera candidata non ha igli, e le donne senza igli chiediamo che ine abbia fatto il lirt”. Il 14
rivela anche la classica visione macchietti- tendono a essere acide, quindi rischia di li- gennaio, su Libération, Deneuve si è scu-
stica degli Stati uniti come terra di puritani tigare con l’altra dirigente”. È solo un aned- sata con le vittime di abusi che possono
e bigotti, anche se in Francia, o altrove, il doto, ma dimostra quanto sia radicato il essersi sentite colpite dalla lettera e ha
discorso sulle molestie non sarebbe mai sessismo in Francia. e non basterà la scrit- preso le distanze dalle dichiarazioni pub-
cominciato se non fosse stato per le inchie- tura inclusiva a cambiare le cose. u bt bliche di alcune delle altre irmatarie. u

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 15


Attualità
sistematico linciaggio culturale, in cui la
Margaret Atwood giustizia viene gettata dalla inestra e al
suo posto si insediano e si alimentano
e la caccia alle streghe strutture di potere extralegali”.
Molte in rete hanno criticato la sua opi-
nione. “Se Margaret Atwood volesse met-
tere ine alla guerra tra donne, dovrebbe
smetterla di dichiarare guerra alle più gio-
Ashifa Kassam, The Guardian, Regno Unito
vani e meno potenti e cominciare ad ascol-
La scrittrice canadese, che ha to, ma le prove uiciali non sono mai state tare”, ha scritto qualcuno su twitter. “Dal
messo in guardia contro il rese note. L’associazione di facoltà ha fatto notiziario distopico di oggi: una delle più
sapere in un comunicato che di tutte le ac- importanti voci femministe dei nostri tem-
rischio della giustizia sommaria, cuse, compresa la più grave, solo una era pi getta merda addosso alle donne meno
è stata duramente criticata stata confermata. nel suo articolo Atwood potenti per raforzare il potere del suo po-
sottolinea che l’università è stata poco tra- tente amico”, si legge in un altro tweet.
a scrittrice canadese Margaret At- sparente in merito alle accuse, ricordando Atwood è stata accusata di sfruttare la

L wood è stata presa di mira sui so-


cial network dopo aver espresso le
sue preoccupazioni sul movimen-
to #metoo e aver invocato il giusto processo
nel caso di un ex docente universitario ac-
che a Galloway è stato chiesto di irmare
un accordo di riservatezza. “nell’opinione
pubblica, me compresa, è rimasta l’idea
che quest’uomo sia un violento stupratore
seriale, e chiunque ha potuto aggredirlo
sua posizione di potere per mettere a tacere
le donne che si sono fatte avanti e hanno
accusato Galloway. “‘non dimostrato’ non
signiica innocente. Signiica che non sono
emerse prove suicienti per condannare
cusato di molestie sessuali. pubblicamente, poiché in base all’accordo qualcuno”, si legge in un tweet. Altri l’han-
In un articolo pubblicato sul quotidiano irmato lui non poteva dire nulla per difen- no difesa. “È davvero sconvolgente vedere
canadese the Globe and Mail, Atwood ha dersi”, scrive. “una persona imparziale che Margaret Atwood viene attaccata per
scritto che il movimento #metoo, nato sul- eviterebbe a questo punto di dare un giudi- aver sottolineato che il principio della pre-
la scia delle accuse di molestie sessuali zio di colpevolezza ino a che non siano sunzione d’innocenza è alla base di una so-
contro il produttore hollywoodiano har- resi pubblici il verbale e le prove”. cietà civile. È ancora così, giusto? e come
vey Weinstein, è il sintomo di un sistema mai all’improvviso è una cosa negativa?”.
giudiziario inadeguato ed è stato “visto co- Linciaggio culturale In una dichiarazione al Guardian, At-
me un campanello d’allarme di massa”. Si Atwood paragona il processo a Galloway ai wood ha ricordato la Dichiarazione univer-
chiede però quale direzione prenderà a processi alle streghe che si svolsero a Sa- sale dei diritti umani, che ha citato in un
questo punto la società nordamericana. lem, negli Stati uniti, alla ine del seicento, tweet in cui difende la sua opinione, sotto-
“Se il sistema giudiziario viene aggirato perché in entrambi i casi la colpa è attribu- lineando come essere a favore dei diritti
perché ritenuto ineicace, cosa prenderà il ita preventivamente a chi viene accusato. umani fondamentali per tutti non signii-
suo posto? Chi saranno i nuovi negoziatori Quest’idea di colpa conseguente all’accu- chi dichiarare guerra alle donne. Con il suo
del potere?”. sa, scrive, nel corso della storia è stata usa- articolo, ha spiegato, ha voluto evidenziare
La risposta, secondo Atwood, potrebbe ta per inaugurare un mondo migliore o per la scelta che abbiamo di fronte: aggiustare
provocare divisioni tra le donne. “In giustiicare nuove forme di oppressione. il sistema, aggirarlo o “raderlo al suolo e
un’epoca di estremi, vincono gli estremi- “Ma la giustizia sommaria comprensibile sostituirlo presumibilmente con un altro
sti. La loro ideologia diventa una religione, e limitata nel tempo può trasformarsi in un sistema”. u gim
chiunque non ripeta come una marionetta
le loro opinioni è considerato un apostata,
un eretico o un traditore, e i moderati in Il dibattito Metafore inopportune
mezzo vengono annientati”. u Margaret Atwood non è generica rivoluzione contro il comico Aziz Ansari, inito
L’autrice del Racconto dell’ancella, 78 l’unica ad aver messo in guar- patriarcato”. Per il giornalista sotto i rilettori dopo che una
anni, ha tracciato un parallelo tra queste dia dal rischio che la campa- David Perry, parlare di caccia ragazza di 23 anni ha racconta-
preoccupazioni e chi l’ha accusata di esse- gna #metoo sfoci in una caccia alle streghe, di maccartismo e to al sito Babe.net di aver tra-
re una “cattiva femminista” dopo che l’an- alle streghe. Il 12 gennaio sul usare altre metafore storiche è scorso con lui una delle peg-
no scorso ha irmato una lettera aperta in settimanale new york, An- sbagliato. “Gli uomini di pote- giori serate della sua vita. nel
cui chiedeva un processo equo per un do- drew Sullivan ha evocato il re non sono eretici e streghe racconto dettagliato della se-
cente dell’università della British Colum- maccartismo e ha scritto che davanti al tribunale di Salem o rata e dell’interazione sessua-
“le distinzioni tra i diversi tipi all’inquisizione, né afroameri- le tra i due non ci sono violen-
bia accusato di molestie sessuali. L’univer-
di ofesa si sono perse nel fer- cani nell’America senza i dirit- ze, abusi o prevaricazioni, ep-
sità ha reso noti solo pochi dettagli della
vore della campagna. La pre- ti civili o ebrei nella Germania pure lei dice che a un certo
causa contro Steven Galloway, ex direttore sunzione d’innocenza è consi- nazista. Perdere il potere o il punto si è sentita a disagio e
del dipartimento di scrittura creativa, limi- derata un espediente misogi- lavoro non è perdere la vita o ha avvertito il bisogno di dirlo
tandosi a dire che contro di lui ci sono delle no e in poco tempo la giusta la libertà”. Ad alimentare ulte- pubblicamente dopo aver vi-
“accuse molto gravi”. Dopo un’inchiesta denuncia di orrendi abusi di riormente il dibattito ha con- sto Ansari in tv ritirare un Gol-
durata un mese, il docente è stato licenzia- potere si è trasformata in una tribuito la vicenda dell’attore den Globe.

16 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Europa
Angela Merkel e Martin Schulz. Berlino, 12 gennaio 2018 Meccanismo non dovesse inire sotto il con-
trollo della Commissione. Ma anche questa
posizione di Berlino sembra cambiata.
L’accordo tra Cdu e Spd prevede inoltre
un raforzamento del parlamento europeo
per democratizzare il governo dell’eurozo-
na. Su questo i tedeschi sono in disaccordo
con Macron, che preferirebbe la nascita di
un parlamento dell’eurozona separato. La
Germania, invece, appoggia la Francia
HANNIBAL HANSCHkE (rEUtErS/CoNtrASto)

sull’impegno a raforzare le politiche contro


il dumping e a imporre un’aliquota iscale
minima per tutte le aziende dell’Unione,
misura che porterà a uno scontro con gli
stati che hanno tasse per le imprese partico-
larmente basse, come l’Irlanda.

La vera novità
Nella sezione dell’accordo dedicata all’Eu-
ropa si vede chiaramente lo zampino di
Martin Schulz, ex presidente del parlamen-
L’accordo in Germania to europeo. Ma come reagiranno gli iscritti
al suo partito? Il desiderio di un’Europa più
rilancia l’Europa unita avrà la meglio sull’ostilità verso Mer-
kel? La base dell’Spd non apprezza lo stile
di governo della cancelliera e mal sopporta
la sua tendenza a far proprie le politiche dei
socialdemocratici. Molti preferirebbero ri-
Wolfgang Münchau, Financial Times, Regno Unito
manere all’opposizione.
Nel documento per la nascita di Il testo non si limita a dichiarare una ge- Con il 56 per cento dei seggi al Bunde-
una nuova grande coalizione, nerica disponibilità a collaborare con il pre- stag rispetto all’80 del governo precedente,
sidente francese Emmanuel Macron per questa nuova coalizione, inoltre, non sareb-
l’integrazione europea occupa riformare l’eurozona, ma esprime l’inten- be poi così grande. E potrebbe essere l’ulti-
uno spazio privilegiato. Angela zione di aumentare il bilancio dell’Unione, ma. La Germania rischia infatti di diventare
Merkel sembra inalmente con un maggior contributo tedesco, e chia- come i Paesi Bassi, dove per formare un go-
volersi occupare dell’Unione risce che Berlino è favorevole a un budget verno ci vogliono quattro o cinque partiti. È
speciico per inanziare la stabilizzazione un prezzo che vale la pena di pagare per
macroeconomica, le riforme strutturali e la portare avanti un programma europeista
due principali partiti tedeschi hanno riduzione delle disuguaglianze tra i paesi. dai risultati incerti? Non è detto che una

I raggiunto un’intesa preliminare per


dar vita a un governo di grande coali-
zione. Ma tra l’accordo e la formazio-
ne del nuovo esecutivo ci sono ancora molti
ostacoli. Se però i partiti coinvolti – i cristia-
Questo signiica che il Meccanismo euro-
peo di stabilità (Mes) diventerà parte del
bilancio generale e non sarà più gestito, co-
me ora, dagli stati. È esattamente quello
che chiedeva il presidente della Commis-
proposta franco-tedesca per l’eurozona sia
accettata da tutti i suoi stati membri. Servi-
rebbe una revisione dei trattati, che dovreb-
be essere approvata dai singoli parlamenti.
E la nuova coalizione di governo formata
nodemocratici (Cdu) di Angela Merkel e i sione europea Jean-Claude Juncker, che nei Paesi Bassi va nella direzione opposta:
socialdemocratici (Spd) di Martin Schulz – sarà sicuramente soddisfatto della novità, nessun raforzamento dell’eurozona.
andranno ino in fondo, almeno sotto un perché segna il passaggio dall’approccio Parigi e Berlino andranno avanti anche
aspetto il cambiamento sarà radicale: la intergovernativo, inora sostenuto da Mer- senza l’Aja? I Paesi Bassi cambieranno posi-
parte dell’intesa che riguarda il futuro kel, a una posizione più favorevole all’inte- zione? Sicuramente sarà diicile andare i-
dell’Unione europea costituisce infatti la grazione. Mi chiedo solo cosa pensino i con- no in fondo. Non è detto che il congresso
più ambiziosa spinta verso l’integrazione servatori della Cdu e i loro alleati bavaresi dell’Spd del 21 gennaio appoggi le decisioni
dai tempi del trattato di Maastricht del della Csu di quest’ultimo cambio di rotta prese e che la base approvi l’accordo. Ed è
1992. Nell’accordo di governo siglato tra della cancelliera. ancora più diicile che i 19 paesi dell’euro-
Cdu e Spd nel 2013 non si faceva quasi cen- A proposito del Mes, si sapeva che la zona accettino le riforme. Ma l’aspetto più
no all’Europa, tranne che per le solite frasi Germania voleva espanderlo, ma non che importante del documento del 12 gennaio è
fatte. All’epoca il tema centrale era il salario voleva ancorarlo all’Unione. Il precedente un altro: l’inizio di un maggiore coinvolgi-
minimo tedesco. Nel documento del 12 ministro delle inanze tedesco, Wolfgang mento di Merkel nelle vicende dell’Unione.
gennaio, invece, l’Europa è al primo posto. Schäuble, era fermamente convinto che il Stiamo entrando in una nuova era. u bt

18 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


UNGHERIA
Francia
Gli avversari
HEINZ-PETER BADER (REUTERS/CONTRASTO)

Accoglienza di facciata di Orbán


L’opposizione ungherese si pre-
L’Obs, Francia para a sidare il premier Viktor
Dai tempi della Dichiarazione dei Orbán alle elezioni legislative-
dell’8 aprile. I socialisti
diritti dell’uomo e del cittadino,
dell’Mszp e gli ambientalisti di
adottata dai rivoluzionari nel 1789, la Dialogo (Párbeszéd) presente-
Francia ama presentarsi come “il ranno un candidato premier co-
AUSTRIA
paese dei diritti umani”. Eppure le mune, il verde Gergely Karácso-
L’opposizione recenti misure adottate dal governo ny, mentre l’Mszp e la Coalizio-
ne democratica (centrosinistra),
in piazza francese nei confronti dei migranti
pur schierati in liste diverse,
mettono seriamente in dubbio
avranno un candidato comune
Il 13 gennaio ventimila persone questa reputazione, sostiene L’Obs.
nei 106 collegi uninominali del
hanno manifestato a Vienna Tra le decisioni più discusse, quella di mandare dei paese. Fidesz, il partito di Or-
(nella foto) contro il governo di pubblici uiciali nei centri di accoglienza gestiti dalle ong bán, è in testa con il 51 per cento
coalizione formato dai popolari per identiicare i migranti ospiti. Le ong accusano il delle intenzioni di voto, seguito
dell’Övp e dal partito di estrema
governo di voler attuare un “controllo generalizzato degli da Jobbik (estrema destra, 17 per
destra Fpö. I manifestanti accu-
stranieri” senza possibilità di ricorsi. L’11 gennaio il cento) e dai socialisti (14 per
sano l’esecutivo, guidato dal
primo ministro Edouard Philippe ha presentato la cento). “Le forze di Orbán sono
premier Sebastian Kurz (Övp) e
ben organizzate, leali e discipli-
in carica da un mese, di avere proposta di legge detta “asilo-immigrazione”. Una serie
nate”, scrive il settimanale Hvg,
posizioni apertamente razziste e di provvedimenti che secondo L’Obs mirano alla “ma se i quattro milioni di un-
neofasciste. “Sull’immigrazione dissuasione sistematica dell’immigrazione, rendendo più gheresi delusi dal governo di Fi-
i due partiti la pensano allo stes- diicile la richiesta di asilo e allungando la durata desz si facessero sentire, il presi-
so modo, ma su altre questioni
massima della detenzione amministrativa. Il settimanale dente non avrebbe scampo”.
hanno posizioni diverse”, scrive
lo svizzero Tages-Anzeiger. pubblica gli interventi di diversi intellettuali francesi, tra
“Bisognerà vedere se Kurz terrà cui il premio Nobel per la letteratura Jean-Marie Gustave
ferma la barra o asseconderà i Le Clézio, che accusa il governo di “un’insopportabile
populisti. La cosa certa è che nel mancanza di umanità”. ◆
paese la preoccupazione sta cre-
scendo”.
REPUBBLICA CECA no sempre più insoddisfatti di
una politica conlittuale fatta di
Ballottaggio
REUTERS/CONTRASTO

ROMANIA continui scandali e alle presi-


Un altro cambio incerto denziali si orientano sempre più
spesso verso candidati sobri e
al vertice Il primo turno delle elezioni pre- super partes. Lo testimonia
sidenziali nella Repubblica Ceca l’inattesa vittoria ottenuta nel
Le divisioni interne al partito si è concluso con la vittoria del 2014 in Slovacchia dall’indipen- IN BREVE
socialdemocratico sono costati presidente uscente, l’euroscetti- dente Andrej Kiska contro il pre- Kosovo Il 16 gennaio un leader
la poltrona al secondo premier co Miloš Zeman, con il 38,5 per mier populista Robert Fico. Lo politico della minoranza serba,
nel giro di un anno. Il 16 gennaio cento dei voti. Al ballottaggio stesso anno, i romeni hanno Oliver Ivanović (nella foto), è
si è dimesso Mihai Tudose, che Zeman siderà Jiří Drahoš, can- scelto l’outsider e iloccidentale stato assassinato a Mitrovica.
il 29 giugno del 2017 aveva preso didato indipendente e iloeuro- Klaus Iohannis contro un altro Era considerato un moderato.
il posto di Sorin Grindeanu. Tu- peo, arrivato secondo con il 26,6 populista travolto dagli scanda- Grecia Il 15 gennaio il parla-
dose sarà sostituito da Viorica per cento. L’esito inale rimane li, Victor Ponta. E nel 2015 in Po- mento ha approvato un pacchet-
Dăncilă, nominata dal presiden- però molto incerto, poiché gli al- lonia il candidato dell’allora op- to di riforme, tra cui restrizioni
te Klaus Iohannis nonostante tri candidati principali hanno in- posizione, Andrzej Duda, ha al diritto di sciopero, nonostante
l’opposizione avesse chiesto vitato i propri elettori a votare avuto la meglio su quello del go- le manifestazioni di protesta.
nuove elezioni. Secondo il sito Drahoš al secondo turno. Se- verno, Bronislaw Komorowski”. Spagna Le due principali for-
Hotnews, dietro queste mano- condo Hospodářské noviny, Considerati i precedenti, con- mazioni indipendentiste catala-
vre c’è il leader socialdemocra- le elezioni ceche seguono una clude il quotidiano, “è possibile ne hanno raggiunto il 16 genna-
tico Liviu Dragnea, che non può tendenza generale che negli ul- che il moderato Drahoš batta io un accordo per la conferma di
diventare premier per una con- timi anni ha riguardato l’intera Zeman al secondo turno, con- Carles Puigdemont come presi-
danna passata in giudicato. Europa centrale: “Gli elettori so- fermando questa tendenza”. dente della Catalogna.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 19


Tunisia
Scontri tra manifestanti e forze di sicurezza a Tunisi, il 12 gennaio 2018
SoFIeNe HAMdAouI (AFp/GeTTY IMAGeS)

d’acquisto, il peggioramento del tenore di


Una protesta che nasce vita, il deterioramento dei servizi pubblici,
l’incertezza sul futuro sono problemi che
dalla primavera araba riguardano anche la classe media.
La lotta alla corruzione proclamata dal
primo ministro Youssef Chahed non in-
ganna più nessuno, tanto appare selettiva,
avventata e motivata da calcoli politici.
Sadri Khiari, Nawaat, Tunisia
Neanche gli industriali si sentono partico-
All’inizio di gennaio in Tunisia chi stradali, seguiti in alcuni casi da scontri larmente rassicurati, nonostante il gover-
ci sono state manifestazioni in con le forze di polizia quando calava la not- no li tenga in grande considerazione.
te. Il bersaglio di queste mobilitazioni, a A questi motivi di scontento si aggiun-
decine di città. Sono scesi in cui il governo ha reagito con il pugno di fer- ge la riprovazione suscitata dalla medio-
piazza soprattutto i giovani delle ro, è l’aumento del costo della vita dopo
classi più povere, esasperati l’entrata in vigore della legge inanziaria
dalla crisi permanente per il 2018. Ma da subito si sono aggiunte
altre rivendicazioni, che chiamano in cau-
sa la politica economica e sociale del go-
n morto. Quasi mille arresti. È il verno.

U bilancio non definitivo delle


forti proteste che sono scoppia-
te il 3 gennaio e poi si sono este-
se a varie città tunisine, spesso in risposta
all’appello del movimento Fesh nestannew
Senza direttive
I giovani, e meno giovani, che scendono in
piazza appartengono alle classi più povere,
in particolare quelle delle regioni che da
(Cosa aspettiamo?). A Kasserine, Thala, decenni sono tenute ai margini. L’esaspe-
Sidi Bouzid, Gafsa, Tebourba, Sousse, razione espressa da questi movimenti tut-
Sfax, Tunisi, Biserta e in altre città del pae- tavia è condivisa da una fetta più ampia
se ci sono state manifestazioni, sit-in, bloc- della popolazione: la perdita del potere

20 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


crità dei leader tunisini, delle loro dispute, Da Tunisi
della loro incostanza, volubilità e corruzio-
ne. per tutte queste ragioni il malcontento
non è solo sociale, ma anche politico.
Intanto chi sta al governo in Tunisia
La siducia verso i potenti
non amministra, non fa progetti a lungo
termine, ma si limita ad aggrapparsi al po-
Mathieu Galtier, Libération, Francia
tere, vivendo nel presente più immediato,
in un intrigo di corte dopo l’altro. L’ultimo Nell’anniversario della caduta “gran parte dei cittadini ha perso iducia
episodio in ordine di tempo è la presunta di Ben Ali gli oppositori del nel governo”. Tuttavia Taboubi ha ribadi-
rottura dell’alleanza politica tra i conserva- to che bisogna “continuare i negoziati nel
tori del partito Nidaa Tounes e gli islamisti
governo sono scesi in piazza. quadro del patto sociale sulle grandi ri-
di ennahda (che hanno governato insieme Ma non sono apparsi uniti forme”. L’ugtt è uno dei irmatari dell’ac-
inora in base al cosiddetto accordo di Car- cordo di Cartagine del 2016, che ha por-
tagine, un patto tra partiti, sindacati e im- uanti senza dita per tenere stret- tato alla creazione dell’attuale governo di
prenditori stretto nel luglio del 2016). pri-
ma c’erano state le lunghe peripezie per
riuscire a rimandare le elezioni ammini-
strative, che inizialmente erano previste
per dicembre del 2017. Ma la lista di questi
G ta la bandiera, berretto contro il
freddo, pugno alzato: Lassaad,
54 anni, di cui trenta di militan-
za nella sinistra tunisina, è pronto a per-
correre viale Habib Bourguiba, nel centro
unità nazionale guidato da Youssef
Chahed. Le parole del dirigente sindacale
hanno deluso la base. Ali Harbi è rappre-
sentante dell’ugtt degli insegnanti delle
scuole superiori di Monastir. Su viale
falsi drammi è lunghissima. Le sole forze di Tunisi. Sa bene come aprire un corteo, Bourguiba, lui e i suoi compagni fanno
che danno l’impressione di essere stabili e anche quando, come succede questa do- silare una bara vuota, simbolo della per-
coerenti sono l’esercito, il ministero menica 14 gennaio, la manifestazione ha dita del potere d’acquisto: “Bisogna usci-
dell’interno, il partito ennahda e il sinda- una doppia anima: da una parte si celebra- re dall’accordo di Cartagine. dobbiamo
cato unione generale tunisina del lavoro no i sette anni dalla caduta del dittatore lottare tutti insieme, partiti di sinistra e
(ugtt). Troppo poco. Zine el Abidine Ben Ali, dall’altra si chiede sindacati. La situazione non è mai stata
il ritiro della legge inanziaria appena en- così grave, peggio che ai tempi delle rivol-
Le radici nel 2011 trata in vigore, che ha catalizzato la rabbia te del pane del 1984”.
Le contestazioni scoppiate in questo inizio dei tunisini per l’aumento del costo della “Il governo dice che non toccherà i
di gennaio non sono un caso. Non sono un vita. Lassaad, che milita nel Fronte popo- prezzi sovvenzionati. Ma non possiamo
semplice movimento di rivendicazione lare, una coalizione di partiti d’opposizio- andare avanti a olio e zucchero. Tutto il re-
contro il carovita. Non sono neanche para- ne di sinistra, sa anche riconoscere le trap- sto è sempre più caro: telefonate e internet
gonabili alle grandi mobilitazioni di cate- pole dei potenti. Il 13 gennaio, dopo una ri- non devono essere un lusso per pochi”,
goria della primavera del 2017 e agli scio- unione al palazzo presidenziale, alcuni re- protesta Harbi. pochi giorni fa un ministro
peri proclamati dai sindacati. Nelle piazze sponsabili della coalizione di governo ha detto che “i tunisini non hanno bisogno
tunisine si esprime la rabbia accumulata hanno chiesto al Fronte popolare di entra- del telefono”. Nel 1984 il governo aveva
dalla rivoluzione del 2011 in poi. La collera re nell’esecutivo. “È solo un tentativo di dovuto cedere alle richieste dei cittadini.
e la potenza. La delusione che non è rasse- dividere la sinistra. Ma non funzionerà. Il Ma oggi, con un’opposizione così divisa, il
gnazione. Forse non la speranza, ma la vo- presidente Béji Caïd essebsi è un pagliac- primo ministro è relativamente tranquillo.
lontà. cio!”, denuncia Lassaad. Il 13 gennaio il governo ha annunciato va-
più che in una condizione sociale, rie misure per calmare gli animi: un reddi-
l’energia e lo spirito di questi movimenti di Appelli inascoltati to garantito per le famiglie più povere, una
protesta discendono dalla storia recente Tuttavia l’opposizione fatica a mostrare copertura sanitaria universale e contributi
del paese, dalla rivoluzione, dalla caduta la sua compattezza su questo viale nel per l’acquisto della casa. Il governo stan-
del regime di Zine el Abidine ben Ali e dei centro di Tunisi, dove sono radunate un zierà 100 milioni di dinari (33 milioni di
governi che sono venuti dopo. Contraria- migliaio di persone. ogni organizzazione euro) per le famiglie in diicoltà.
mente a quanto ha dichiarato nel settem- manifesta dietro le proprie bandiere. do- Ma queste misure non convincono del
bre del 2017 il presidente tunisino Béji po le proteste popolari dell’inizio dell’an- tutto i manifestanti. Anis ben Fraj è un
Caïd essebsi, la rivoluzione dei gelsomini no, scoppiate in una trentina di città, si rappresentante del collettivo Fesh nestan-
non è stata un incidente della storia. Afon- sono moltiplicati gli appelli a unire le for- new (Cosa aspettiamo?, all’origine delle
dava le sue radici nella crisi profonda dello ze. Ma invano. proteste contro la legge inanziaria) a Te-
stato, che non è ancora stata risolta. I lea- La mattina presto del 14 gennaio Nou- bourba, 40 chilometri a est di Tunisi. Là,
der tunisini farebbero bene a ricordarsene reddine Taboubi, segretario generale l’8 gennaio, è morto un manifestan-
invece di ricorrere alla forza. u gim dell’unione generale tunisina del lavoro te. “Non faranno niente. Le autorità dico-
(ugtt), in un discorso pubblico aveva con- no di rispettare i diritti, ma il 12 gennaio
Sadri Khiari è uno scrittore e artista tuni- statato che “l’anniversario della rivolu- hanno arrestato undici ragazzi a Tebour-
sino. È stato uno dei fondatori del Consiglio zione coincide con un periodo di forti ba. Non li hanno ancora rilasciati. La rab-
nazionale per le libertà in Tunisia. proteste sociali”, a riprova del fatto che bia non si placherà”. u

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 21


Africa e Medio Oriente
Una protesta dei richiedenti asilo africani a Gerusalemme, il 26 gennaio 2017 civile e dal genocidio del 1990-1994, e ospi-
ta più persone da altri paesi africani di quan-
te ne possa gestire. Anche l’Uganda è in una
situazione simile, e non riesce neanche a far
fronte ai bisogni dei suoi cittadini.
Quando sono arrivata in Israele mi han-
no avvertito del razzismo verso gli africani.
L’intolleranza va dall’alto verso il basso. Il
primo ministro Benjamin Netanyahu e altri
politici spesso li deiniscono “iniltrati” che
mettono a rischio l’esistenza di Israele. Il
messaggio del movimento contro i migran-
GALI TIBBoN (Afp/GETTy IMAGES)

ti, composto in maggioranza da cittadini


delle classi popolari nati e cresciuti nella
zona sud di Tel Aviv, è chiaro: i richiedenti
asilo sono responsabili dei problemi dei lo-
ro quartieri e devono essere deportati.
È vero, i sobborghi di questa zona sono
poveri e abbandonati, hanno infrastrutture
degradate, sono colpiti dalla piccola crimi-
nalità, e negli ultimi anni gli aitti sono au-
Israele se la prende mentati. Ma invece di prendersela con gli
africani, i cittadini dovrebbero rivolgersi al
con i migranti africani comune o al governo, manifestare il loro
legittimo malessere, chiedere una soluzio-
ne alla crisi abitativa e considerare i richie-
denti asilo loro alleati in questa battaglia.
Le famiglie con cui lavoro hanno paura.
Leah Platkin, +972 Magazine, Israele
E io ho paura per loro. La mia famiglia è
Il parlamento israeliano ha tunati, quelli che sono riusciti a superare il sfuggita ai pogrom in Russia e a un genoci-
deciso di espellere 40mila confine tra Egitto e Israele, sono rimasti dio in Lituania, e non posso sopportare che
traumatizzati e molti sofrono di disturbo altre famiglie vivano esperienze simili in un
richiedenti asilo. Cavalcando post-traumatico da stress. paese nato per ofrire rifugio a persone che
un’intolleranza difusa nel In Israele i richiedenti asilo non hanno scappavano dalla persecuzione, dalla guer-
paese, denuncia un’assistente uno status giuridico, non possono accedere ra e dal genocidio. u fdl
sociale di Tel Aviv ai servizi di base e non gli sono riconosciuti
i diritti fondamentali. Non possono usufru- Leah Platkin è un’assistente sociale israelo-
ire dell’assistenza sanitaria; secondo una statunitense che lavora a Tel Aviv.
ome assistente sociale che lavora legge (che però di fatto non viene applicata)

C con i richiedenti asilo africani


nella zona sud di Tel Aviv, ho vi-
sto spesso politici e cittadini
prendersela con queste persone per i tanti
problemi dei loro quartieri. La zona sud di
non possono avere un lavoro regolare; non
hanno libertà di movimento e non possono
accedere a un’istruzione superiore. La mag-
gior parte lavora in nero, con impieghi sot-
topagati e spesso pericolosi, soprattutto
Da sapere
Lista nera
u Il 7 gennaio 2018 il ministero degli afari
strategici israeliano ha pubblicato un elenco di
Tel Aviv è sempre stata diicile, a lungo tra- nell’edilizia o nel settore delle pulizie. venti organizzazioni non governative straniere
scurata dalle autorità locali. Camminando accusate di sostenere il movimento
per i suoi quartieri è facile imbattersi in Dall’alto verso il basso Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (Bds).
mucchi di immondizia, tossicodipendenti e La già diicile situazione economica dei ri- Ai loro rappresentanti sarà impedito l’ingresso
senzatetto. La diferenza principale rispetto chiedenti asilo è peggiorata da maggio del in Israele e quindi anche in palestina. Secondo
a una decina di anni fa è che oggi le strade e 2017, quando il parlamento israeliano ha l’attivista Jamal Juma, coordinatore della rete di
i parchi sono pieni di africani. approvato una legge che taglia del 20 per movimenti palestinese Land defence coalition,
Mi sono trasferita in Israele tre anni fa cento i loro stipendi mensili, stabilendo che questa misura si rivelerà un “boomerang” che
“isolerà sempre di più il regime di apartheid di
per ofrire assistenza ai richiedenti asilo. la quota gli sarà restituita solo quando la-
Israele, non i palestinesi”. Su Middle East Eye
Molti eritrei e sudanesi, scappati dalla dit- sceranno il paese. L’11 dicembre Israele ha Juma scrive che “la cortina di ferro che Israele
tatura, dalla leva obbligatoria, da guerre inoltre annunciato di aver raggiunto un ac- ha imposto intorno al paese per difendere il suo
civili e persecuzioni, sono stati rapiti e han- cordo con il Ruanda e l’Uganda per trasferi- regime di apartheid è proprio quello che
no subìto violenze nei centri di tortura ge- re 40mila richiedenti asilo da Israele. Il alimenta il movimento Bds”, che infatti
stiti dalle tribù beduine nel Sinai. I più for- Ruanda non si è ancora ripreso dalla guerra “continuerà a crescere”.

22 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


GOLFO PERSICO
Libia GIBUTI

Accuse Largo
reciproche Scontri all’aeroporto alle donne
Gli emirati Arabi Uniti e il Qatar In vista delle elezioni legislative
si sono accusati a vicenda di vio- Dopo la battaglia all’aeroporto. Tripoli, 16 gennaio 2018 del 18 febbraio il parlamento di
lazione dello spazio aereo nazio- Gibuti, dominato dal partito
nale. Il 12 gennaio doha ha pre- Unione per la maggioranza pre-
sentato una denuncia alle Na- sidenziale, ha approvato l’11
zioni Unite per due casi, avve- gennaio una legge che prevede
nuti il 21 dicembre e il 3 gennaio. una quota del 25 per cento di
da parte sua Abu dhabi il 16 candidate nelle liste elettorali.
gennaio ha annunciato che de- In questo modo, scrive Jeune
MAHMUd TUrkIA (AFP/GeTTy IMAGeS)

nuncerà il Qatar, la cui aviazio- Afrique, nella prossima legisla-


ne militare avrebbe intercettato tura le parlamentari dovrebbero
due aerei di linea emiratini in diventare sedici, rispetto alle ot-
volo verso il Bahrein. Il 14 gen- to attuali, su 65 deputati.
naio Al Jazeera ha pubblicato
un video in cui accusa gli emira-
ti Arabi Uniti di aver trattenuto IN BREVE
nel paese Abdullah bin Ali al Iraq Il 15 gennaio 31 persone so-
Thani, esponente della famiglia no morte e 94 sono rimaste feri-
reale qatariota.
Il 15 gennaio all’aeroporto Mitiga di Tripoli ci sono stati te in un duplice attentato suicida
violenti scontri tra la milizia che controlla lo scalo, la Forza a Baghdad.
speciale di deterrenza, e la Brigata 33, originaria della Palestina-Stati Uniti Il 16 gen-
SIRIA vicina città di Tajura. I morti sono stati almeno venti e i naio il governo statunitense ha
Minacce feriti 63, secondo il bilancio del ministero della sanità bloccato il versamento di 65 mi-
lioni di dollari di contributi
libico. Molti voli sono stati cancellati e alcuni aerei
ai curdi danneggiati. Secondo Libya Observer, gli scontri sono all’Agenzia delle Nazioni Unite
per i rifugiati palestinesi (Unr-
Il presidente turco recep Tayyip cominciati quando i miliziani di Tajura hanno attaccato wa) in risposta alle critiche del
erdoğan ha annunciato il 16 l’aeroporto per liberare alcuni prigionieri. Il presidente del presidente palestinese Abu Ma-
gennaio un attacco contro Afrin consiglio presidenziale libico, Fayez al Serraj, ha ordinato zen sul riconoscimento di Geru-
e Manbij, le zone nel nordovest lo scioglimento della Brigata 33. u salemme capitale di Israele.
della Siria controllate dai curdi.
La Turchia ha risposto così agli
Stati Uniti, che due giorni prima Da Ramallah Amira Hass
avevano dichiarato di voler cre-
are una forza di frontiera per
evitare il ritorno dei jihadisti in
Uno scrittore nel limbo
Siria, composta in parte dai
combattenti curdi dell’Unità di
protezione popolare (ypg), scri- Mi hanno detto che i suoi libri giato del 1967, originario di insostenibili. Per questo gli
ve Rudaw. Intanto l’Onu ha fat- non si trovano nelle librerie uno dei villaggi dell’enclave di hanno vietato di lasciare il pa-
to sapere che da metà dicembre della Cisgiordania. Bisogna Latrun, che Israele distrusse ese. Una procedura legale per
più di 200mila persone sono andare direttamente alla casa dopo aver costretto gli abitan- cancellare il debito è impossi-
fuggite dagli scontri tra esercito editrice ad Haifa, in Israele. ti ad andarsene. All’epoca bile: dovrebbe prima rinnova-
e ribelli nella regione di Idlib.
Lo conoscevo in modo super- aveva sette anni. Il padre lavo- re il suo permesso di residenza
iciale, sapevo poco di lui a rava a Gerusalemme e i fami- fornendo un indirizzo e dimo-
parte che indossava una sciar- liari lo raggiunsero, ottenendo strando di aver pagato le tasse
pa a scacchi rossi e aveva una lo status di residenti. negli ultimi sette anni. Sta
sigaretta sempre accesa, ere- Venticinque anni fa aveva quindi rischiando la revoca
dità della sua vita bohemien- una piccola attività in un quar- dello status di residente.
ne. Alcune cose le ho scoperte tiere un po’ isolato, oggi sepa- Ha raccontato tutto questo
questa settimana, quando in- rato da Gerusalemme da un con il sorriso. Il limbo in cui si
sieme al mio amico M hanno muro. Non pagava le tasse – trova è il suo manifesto politi-
ricordato i tempi dell’universi- non è chiaro se per ragioni po- co, in un’epoca in cui l’attivi-
tà, quando era ricercato per la litiche o per negligenza – e pre- smo sembra essersi trasferito
sua attività politica. È un rifu- sto la cifra ha raggiunto livelli su Facebook. u as

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 23


Americhe
Donald Trump punta tutto per cercare di ridurre le guerre in cui sono
coinvolti gli Stati Uniti, e non sta neanche
facendo inta di voler partecipare ai nego-
sulla forza militare ziati per risolvere i conflitti. Nell’ambito
della guerra aerea in Yemen, per esempio, il
segretario alla difesa James Mattis ha di-
chiarato che “il nostro obiettivo è che la cri-
si sia aidata a una squadra di negoziatori
Micah Zenk0, Foreign Policy, Stati Uniti
sotto l’egida delle Nazioni Unite”. Tra tutte
Durante il primo anno da damenti a un ritmo senza precedenti. Nei le parti coinvolte nel conlitto, gli Stati Uniti
presidente degli Stati Uniti primi otto mesi alla guida del paese Trump hanno più strumenti di chiunque altro per
ha attaccato tutti i paesi che erano stati col- trovare una soluzione alla guerra civile ye-
Trump ha intensiicato tutte piti durante gli otto anni di presidenza del menita, in corso da quasi tre anni, eppure i
le guerre ereditate da Barack suo predecessore. Da gennaio a settembre diplomatici americani sono stati completa-
Obama, e ha ridotto gli sforzi per del 2017 gli Stati Uniti hanno sganciato più mente assenti dalle trattative.
trovare soluzioni diplomatiche bombe che in tutto il 2016, quando si era
arrivati a quota 26.172. In Somalia, un paese Nessun successo
in cui gli Stati Uniti intervengono militar- A questo si aggiunge il fatto che Trump ha
el marzo del 2017 il segretario di mente dall’inizio del 2007, Trump ha auto- minacciato più volte di autorizzare bom-

N stato americano Rex Tillerson


aveva difeso la proposta di ta-
gliare del 31 per cento i fondi per
le operazioni all’estero sostenendo che
“con il passare del tempo ci saranno sempre
rizzato più attacchi aerei (33) di quanti ne
avessero chiesti complessivamente George
W. Bush e Barack Obama (30).
L’aumento dei bombardamenti ha fatto
crescere il numero di vittime sia civili sia
bardamenti preventivi contro la Corea del
Nord e di cancellare l’accordo sul nucleare
con l’Iran. Nei prossimi mesi il presidente
americano potrebbe passare dalle parole ai
fatti riiutando di certiicare l’adempimento
meno conlitti militari in cui gli Stati Uniti militari. A luglio il generale Raymond Tho- degli obblighi da parte dell’Iran, anche se
saranno impegnati direttamente”. Poche mas, capo del comando statunitense per le secondo l’Agenzia internazionale per
settimane fa Tillerson ha ribadito il concet- operazioni speciali, ha detto che il numero l’energia atomica (Aiea) inora Teheran ha
to dicendo che “la riduzione dei fondi di- di combattenti del gruppo Stato islamico sempre rispettato gli impegni. Se Trump
pende dal fatto che prevediamo di avere (Is) uccisi in Iraq e Siria era compreso tra “i uscirà dall’accordo, l’Iran espellerà gli
successo in alcune aree di conlitto”. 60mila e i 70mila”. Nel 2014, appena dopo ispettori dell’Aiea. In questo modo diminu-
L’idea che gli Stati Uniti saranno coin- l’inizio della guerra, la Cia aveva dichiarato iranno drasticamente le informazioni a di-
volti in meno guerre e riusciranno comun- che l’Is poteva contare “tra i 20mila e i sposizione degli Stati Uniti e aumenterà la
que a difondere la pace è smentita dalla 31.500 combattenti”. Il fatto che i nemici probabilità di attacchi contro qualsiasi pre-
realtà: i dati del 2017 dicono che la tendenza degli Stati Uniti siano più che raddoppiati sunto sito nucleare, oltre che contro il siste-
va nella direzione opposta. prima che Washington riuscisse a sconig- ma di difesa aerea iraniano e altre strutture
Il presidente Donald Trump ha mante- gerli (per il momento) dovrebbe portarci a militari. Gli Stati Uniti hanno speso più di
nuto o esteso gli impegni militari ereditati cambiare la strategia contro il terrorismo. mille miliardi di dollari per togliere all’Iraq
da Barack Obama, e sta ordinando bombar- Al contrario, Trump non ha fatto niente le sue (inesistenti) armi di distruzione di
massa. L’Aiea monitora e veriica il rispetto
I funerali di una vittima di un attacco statunitense a Baghdad, dicembre 2015 dell’accordo sul nucleare da parte dell’Iran
per 11 milioni di dollari all’anno.
Nel maggio del 2017 Trump dichiarava:
“Merito voti altissimi in politica estera. E
nessuno ci ha pensato”. In realtà nessun
commentatore imparziale premierebbe il
suo operato. Il motivo è semplice: il presi-
dente americano non ha portato a termine
nessuna grande iniziativa in politica estera,
e invece ha destabilizzato ulteriormente
zone di conlitto già instabili, aumentando
HAIDAR HAMDANI (AfP/GETTY IMAGES)

la presenza militare statunitense e in gene-


rale abbandonando qualsiasi attività di pre-
venzione. Come ha ammesso Tillerson di
recente, “ancora non possiamo vantare
nessuna vittoria”. Per come stanno le cose,
non ci saranno vittorie nemmeno nel 2018,
ed è anche possibile che ci saranno una o
due guerre in più. u f

24 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


stati uniti
Messico brasile

Giro di vite una sentenza


sugli immigrati le prossime side per lula
“aiancato da due agenti della Il prossimo 24 gennaio il tribu-
polizia di frontiera, Jorge García Letras Libres, Messico nale regionale di porto alegre
abbraccia per l’ultima volta la dovrà pronunciarsi sul ricorso
“a luglio del 2018 in Messico si
moglie e i suoi due igli all’aero- presentato dall’ex presidente
porto di Detroit. sta per salire terranno delle elezioni fondamentali brasiliano Inácio Lula da silva
su un aereo per il Messico, dopo per il futuro della democrazia”, (partito dei lavoratori, sinistra),
aver vissuto per trent’anni negli scrive Letras Libres riferendosi al scrive Carta Capital. Lula è ac-
stati Uniti”, scrive Detroit voto per eleggere il nuovo cusato di corruzione nell’inchie-
Free Press. García è una delle presidente. nei sei anni in cui ha sta lava jato (autolavaggio) con-
persone con una famiglia e un dotta dal giudice sérgio Moro.
governato enrique peña nieto, del
lavoro regolare che negli ultimi La sentenza sarà fondamentale
mesi sono state espulse. “La
partito rivoluzionario istituzionale per decidere il futuro politico di
storia di García è vista da molti (pri, conservatore), la situazione nel Lula, in testa ai sondaggi per le
come l’ultima dimostrazione paese ha raggiunto livelli così preoccupanti che “oggi non elezioni presidenziali previste a
delle politiche crudeli dell’am- si parla di nodi politici da sciogliere ma di urgenze da ottobre di quest’anno. secondo
ministrazione trump sull’im- afrontare”. La rivista ha chiesto ad alcuni esperti quali la maggior parte degli analisti
migrazione”, scrive il Wa- sono le side più importanti per il Messico, una sorta di politici, scrive El País, la giusti-
shington Post. Qualche giorno zia impedirà all’ex presidente di
canovaccio per capire quali temi stanno a cuore ai
prima il presidente statuniten- candidarsi, ma lui è convinto del
se, parlando dell’immigrazione cittadini e avviare una discussione onesta e trasparente contrario: “Dubito che in questo
dai paesi africani con alcuni de- sul futuro. tra le questioni elencate, ci sono la sicurezza paese ci sia qualcuno con la co-
putati, avrebbe detto: “perché (i sei anni di peña nieto sono stati tra i più violenti della scienza più tranquilla della
facciamo arrivare qui tutta que- storia recente del paese), la lotta alla corruzione e gli mia”, ha detto a ine dicembre.
sta gente che viene da paesi di investimenti nella cultura, che sono completamente
merda?”. The Atlantic spiega mancati. Ma anche la necessità di politiche che riducano
che le sue parole hanno fatto
aumentare i contrasti tra i de-
le disuguaglianze e le discriminazioni, in particolare
mocratici e i repubblicani, al- quelle di genere. ◆
lontanando la possibilità di un
accordo per regolarizzare la po-
sizione dei cosiddetti dreamers, venezuela
le persone arrivate negli stati
Uniti da bambini e che oggi nel- Caracas, 15 gennaio 2018
la maggior parte dei casi studia-
no, lavorano e hanno messo su
famiglia. I dreamers erano stati
protetti dall’espulsione grazie al
programma Daca, introdotto in breve
con un decreto da Barack oba- Messico Il 13 gennaio il giorna-
ma. Qualche mese fa trump ha lista carlos Domínguez rodrí-
JUan Barreto (afp/Getty IMaGes)

cancellato il provvedimento e guez è stato ucciso a nuevo La-


ha dato sei mesi di tempo al redo, nello stato di tamaulipas,
congresso per regolarizzare la nel nordest del paese.
posizione di queste persone. Cile papa francesco ha comin-
Percentuale di immigrati irregolari ciato il 15 gennaio una visita di
negli Stati Uniti per anni di sei giorni in cile e in perù. a
permanenza santiago il papa ha espresso do-
60
lore per i casi di pedoilia nella
Dieci anni o più
attacco al pilota Óscar Pérez chiesa cilena e ha chiesto di ri-
fonte: pew research center

40 spettare i diritti e la cultura dei


Il 15 gennaio a el Junquito le forze di sicurezza venezuelane hanno popoli indigeni.
circondato l’abitazione dell’ex pilota Óscar pérez, l’agente speciale Stati Uniti Il 13 gennaio un’al-
20 che il 27 giugno 2017 aveva rubato un elicottero e aveva lanciato gra- lerta sull’arrivo imminente di
Meno di 5 anni
nate contro la sede del tribunale supremo di giustizia a caracas. Il un missile balistico è stata in-
ministro della giustizia ha detto in conferenza stampa che pérez e viata per errore agli abitanti
0
1995 2000 2005 2014 altri sette “terroristi” sono stati uccisi nell’azione militare. ◆ delle isole hawaii.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 25


Asia e Paciico
L’India fa un passo avanti
sui diritti dei gay
Vikram Zutshi, The Diplomat, Giappone
La corte suprema indiana
potrebbe rivedere il codice
penale e non considerare più
l’omosessualità un reato.
Ma l’omofobia è ancora molto
radicata nella società

l 10 gennaio la corte suprema indiana

I ha detto di voler riesaminare la sezio-


ne 377 del codice penale, che vieta i

SAjjAD HUSSAIN (AFP/GeTTY IMAGeS)


“rapporti carnali contro natura con
qualsiasi uomo, donna o animale”, oggi pu-
nibili con il carcere a vita. L’idea che i rap-
porti omosessuali fossero “contro natura”
era stata ereditata da una legge inglese del
cinquecento, all’epoca in cui l’India era una
colonia dell’impero britannico. Il gay pride a New Delhi, 12 novembre 2017
I tanti attivisti gay perseguitati, che da
tempo conducono una dura battaglia per i proposto di togliere il diritto di voto ai gay, situazione già esplosiva ed emarginare an-
diritti della comunità lgbt, hanno tirato un dichiarando che le relazioni omosessuali cora di più la comunità lgbt indiana, che
sospiro di sollievo. Ma alcuni rappresentan- sono innaturali e contro la cultura indiana. già vive nel timore costante di detenzioni
ti del governo di destra hanno subito spento L’odio contro i gay in società postcolo- illegali, molestie, ricatti ed estorsioni, so-
le loro speranze. “Se non celebrano la loro niali come quella indiana può essere attri- prusi spesso compiuti da poliziotti locali.
omosessualità, non ne fanno sfoggio e non buito in qualche misura all’inluenza del Grazie a persone come Swamy e Baba
aprono locali gay, non ci sono problemi”, ha puritanesimo vittoriano e all’attività dei Ramdev e all’inluenza di alcuni testi reli-
dichiarato Subramanian Swamy, deputato missionari cristiani. Questa però è solo una giosi, gran parte degli indiani continua a
del partito Bharatiya janata party (Bjp). risposta parziale. considerare l’omosessualità un disturbo
“Nessuno può intromettersi in quello che Il Manusmriti, considerato il più autore- mentale o una malattia da curare con tera-
fanno privatamente, ma se lo ostentano de- vole tra i libri del codice indù, è molto in- pie che includono l’elettroshock e farmaci
vono essere puniti, perciò è bene che la se- transigente sui rapporti omosessuali e rac- psicotropi.
zione 377 resti in vigore”, ha aggiunto. comanda punizioni per diverse categorie di
L’idea che una società tollerante possa peccatori. Il testo è attribuito al leggendario La luce in fondo al tunnel
in qualche modo incoraggiare l’omosessua- primo uomo e legislatore, Manu, e risale più Ora però la comunità lgbt indiana potreb-
lità è stata alla base di leggi repressive in o meno al primo secolo dC. “Se un uomo ha be cominciare a vedere la luce in fondo al
Uganda, Russia e altrove. In passato Swamy disperso il suo seme in femmine non uma- tunnel. Piattaforme come il Godrej India
aveva deinito l’omosessualità un “difetto ne, in un altro uomo, in una donna mestrua- culture lab di Parmesh Shahani, famose
genetico”, facendo eco a un sentimento ta, in qualcosa che non sia una vagina o riviste gay come Pink Pages e organizza-
ampiamente condiviso all’interno della nell’acqua dovrebbe fare il voto del ‘riscal- zioni come Humsfar trust di Ashok Row
classe media indiana. Naturalmente damento doloroso’”. Questo voto consiste Kavi e Trikone hanno giocato un ruolo im-
Swamy non è l’unico fanatico nelle ile della nel bere una bevanda fatta di urina e sterco portante nella normalizzazione della cul-
destra indù. di vacca, latte, yogurt, burro fuso e acqua in tura lgbt. Film come Aligarh di Hansal
Baba Ramdev, guru dello yoga e im- cui è stata lasciata in infusione dell’erba sa- Mehta e Fire di Deepa Mehta hanno porta-
prenditore, ha più volte sostenuto che il tipo criicale, e in una notte di digiuno. to nelle sale dolorose storie d’amore omo-
di yoga da lui praticato fosse in grado di “cu- Frammenti di legislazione superati co- sessuale.
rare” l’omosessualità, e Yogi Adityanath, me la sezione 377 combinati con l’assenza La sentenza potrebbe spingere la comu-
altro guru e oggi governatore dell’Uttar di tutele legali e con un’omofobia profon- nità a uscire dall’ombra e permettere alle
Pradesh, lo stato più popoloso dell’India, ha damente radicata possono aggravare una persone di condurre vite dignitose. u gim

26 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Cox’s Bazar, dicembre 2017 Filippine SRI LANKA

La botte
Contro l’informazione piena
MARKO DJuRICA (ReuTeRS/CONTRASTO)

Il governo dello Sri Lanka ha


Nikkei Asian Review, Giappone reintrodotto la legge che vieta la
La commissione ilippina per la vendita di alcol alle donne e che
impedisce di lavorare nei negozi
concorrenza e il mercato ha
di liquori. Solo pochi giorni pri-
revocato i permessi che consentono ma il divieto era stato rimosso
al sito d’informazione indipendente su pressioni dell’industria del
BIRMANIA Rappler di operare nel paese. Il sito, turismo, che vorrebbe prolunga-
Molti dubbi una testata autorevole con cento re gli orari di apertura dei locali
dipendenti, è accusato di violare la e permettere alle donne di ven-
sul rimpatrio legge che impone ai mezzi dere alcolici. La scelta di toglie-
re il divieto era stata criticata
d’informazione di essere al cento
Il 15 e 16 gennaio si è svolto a dall’opposizione in nome dei va-
Naypyidaw il primo incontro del per cento di proprietà ilippina. Sulla Nikkei Asian Review, lori buddisti. Sulla Colombo
gruppo di lavoro congiunto per Marites Dañguilan Vitug, irma storica di Rappler, spiega Gazette, il governo ha spiegato
il rimpatrio dei rohingya fuggiti che, nonostante la presenza di un paio d’investitori il voltafaccia dicendo che le
in Bangladesh dalla Birmania. I stranieri, la società che controlla il sito è in mano ad donne srilanchesi vivono in
due paesi hanno annunciato che azionisti ilippini. L’editore il 17 gennaio ha sidato le maggioranza nei villaggi e non
le operazioni cominceranno il 23 autorità e fatto sapere che non chiuderà il sito. Secondo la bevono alcol, perciò il divieto ri-
gennaio. Il gruppo ha concorda- spetta le loro usanze. Il rapido
giornalista, la vicenda è l’ennesimo esempio della
to di usare i nuclei familiari co- dietrofront si inserisce nella
me unità di base per il rimpatrio, persecuzione portata avanti dal presidente Rodrigo campagna elettorale in vista
che sarà volontario. Ma le condi- Duterte nei confronti di chi lo critica. Vitug sostiene che la delle elezioni amministrative
zioni che, insieme alle operazio- revoca dei permessi a Rappler s’inserisce in una precisa del 10 febbraio.
ni militari, hanno determinato strategia per cui tutte le istituzioni del paese vengono via
la fuga di quasi 700mila rohin- via messe sotto il controllo del presidente. Alla corte
gya dallo stato birmano del Ra- suprema, per esempio, gli alleati di Duterte stanno
khine, al conine con il Bangla-
cercando di rimuovere la giudice Maria Lourdes Sereno,
desh, non sono cambiate. Sor-
contraria alla campagna antidroga del presidente. Anche i
BOBBy yIP (ReuTeRS/CONTRASTO)

gono molti dubbi, quindi, sul fu-


turo dei profughi. Il 16 gennaio principali mezzi d’informazione ilippini sono controllati
l’Alto commissariato dell’Onu dall’élite economica e politica del paese. ◆
per i rifugiati ha raccomandato
che i rohingya siano informati
della situazione nel Rakhine pri- COREE femminile comune di hockey
sul ghiaccio, scrive NKNews.
ma di accettare il rimpatrio. Le Sotto un’unica L’allenatore sudcoreano di ho-
autorità bangladesi hanno alle-
stito cinque campi di transito da bandiera ckey teme che in questo modo le IN BREVE
dove avranno accesso a due possibilità di vincere una meda- Hong Kong Il 17 gennaio Jo-
centri di accoglienza in Birma- Il 17 gennaio, in un incontro nel glia si riducano. Decine di mi- shua Wong (nella foto), 21 anni,
nia. I profughi, hanno fatto sa- villaggio di Panmunjom, sul gliaia di sudcoreani hanno ir- leader del movimento di prote-
pere le autorità, saranno poi si- conine tra Corea del Nord e Co- mato una petizione per chiedere sta dell’autunno del 2014 nell’ex
stemati in una struttura tempo- rea del Sud, i delegati dei due al presidente Moon Jae-in di colonia britannica, è stato con-
ranea in attesa che siano rico- paesi hanno deciso che le rispet- cancellare l’accordo, che co- dannato a tre mesi di prigione. È
struite le case distrutte dagli in- tive squadre di atleti sileranno munque dovrà essere autorizza- accusato di oltraggio alla corte
cendi appiccati dai militari. Il sotto un’unica bandiera alla ce- to dal comitato olimpico inter- per non aver rispettato un ordi-
fatto che l’Onu non sia coinvolto rimonia di apertura delle Olim- nazionale il 20 gennaio. Il mini- ne di sgombro di un accampa-
nel processo di rimpatrio non dà piadi invernali di Pyeongchang, stro degli esteri giapponese Taro mento di manifestanti.
alcuna garanzia che questo sia in Corea del Sud. Ai giochi, che Kono ha invitato a non idarsi Cina una petroliera iraniana è
volontario e sicuro, scrive The si terranno dal 9 al 25 febbraio, troppo del tentativo nordcorea- afondata il 14 gennaio trecento
Daily Star. I governi di Bangla- Pyongyang potrebbe mandare no di accattivarsi simpatie e a chilometri a est di Shanghai, do-
desh e Birmania contano di con- una delegazione con 230 cheer- non allentare le pressioni su Py- po una collisione con un cargo.
cludere le operazioni in due an- leader, 140 musicisti d’orche- ongyang. Il 15 e 16 gennaio a Le 32 persone a bordo sono mor-
ni, ma sulla questione dei rohin- stra e trenta atleti di taekwondo. Vancouver si sono riuniti i paesi te. Si rischia una catastrofe eco-
gya dovrebbe essere coinvolta la Al vertice i delegati hanno con- che durante la guerra di Corea logica: la nave trasportava 136
comunità internazionale. cordato di formare una squadra combatterono con Seoul. tonnellate di idrocarburi leggeri.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 27


Visti dagli altri
“Dal 10 agosto 2013, data del primo
La Sicilia si salva sbarco a Catania, la nostra vita è cambia-
ta”, sottolinea Rosaria, una volontaria del-
con gli immigrati la comunità cattolica di Sant’Egidio. “Quel
giorno un’imbarcazione è arrivata vicinis-
sima alla spiaggia. A bordo c’erano alcuni
ragazzi. A pochi metri dalla costa si sono
tufati e alcuni sono annegati. Quella vi-
cenda ha colpito la città”. Angela Pascarel-
Eric Jozsef, Libération, Francia
la, anche lei di Sant’Egidio, descrive la
A Palermo, Catania e nei paesi orientale della Sicilia il porto di Catania fa mobilitazione della popolazione: “Quel 10
dell’entroterra l’arrivo di fronte da anni agli sbarchi dei migranti. agosto abbiamo cominciato a mandare
“Soprattutto dalla seconda metà del 2013”, messaggi. Chiedevamo coperte, asciuga-
cittadini stranieri è considerato precisa il viceprefetto Tommaso Mondel- mani e cibo. Qui era tutto pieno”, ricorda
un’opportunità. E la loro lo. Con la chiusura della rotta balcanica, indicando la grande sala dell’associazione
presenza fa rivivere quartieri ormai la maggior parte delle persone che al centro di Catania, a due passi dalla cat-
e paesi da tempo abbandonati lasciano il sud del Mediterraneo passa per tedrale di Sant’Agata. “Tutti ci hanno por-
il canale di Sicilia. Gli occupanti delle im- tato qualcosa”.
barcazioni quasi sempre sono soccorsi al Gaetano è un funzionario sessantenne
e mi chiedete quanti immigra- largo e condotti direttamente nei porti di che viene spesso a dare una mano alla men-

“S ti ci sono a Palermo non vi ri-


spondo 60, 70 o 80mila.
Chiunque arrivi a Palermo è
palermitano”. Nel suo uicio a Palazzo del-
Pozzallo, Augusta o Catania senza passare
per Lampedusa, come invece succedeva in
passato. “Catania è ormai la principale
porta d’ingresso in Europa. Il porto è più
sa dei poveri nei pressi della stazione di Ca-
tania. “In passato siamo stati emigrati e
sappiamo cosa vuol dire essere accolti in un
paese straniero. Perciò sentiamo il bisogno
le aquile, che occupa quasi senza interru- grande, perciò più pratico per gli sbarchi”, di aiutare. Per noi è normale. Non siamo
zione da più di un quarto di secolo, il sinda- sottolinea Mondello. come alcuni paesi dell’Europa del nord, che
co del capoluogo siciliano Leoluca Orlan- contano con una calcolatrice quante perso-
do ostenta la sua determinazione. Il demo- Amministratori coraggiosi ne devono o non devono far entrare”.
cristiano di sinistra che ha trasformato in In tre anni quasi 500mila persone sono ar- Dal 2013 questa mobilitazione non co-
profondità Palermo opponendosi alla ma- rivate in Italia via mare. Circa 120mila solo nosce soste. Un po’ ovunque in Sicilia si è
ia e scommettendo sul turismo – lo strabi- nel 2017. La maggior parte tenta di prose- messa in campo una solidarietà ecceziona-
liante centro storico arabo-normanno è guire il viaggio verso l’Europa del nord o le che si è andata via via strutturando, ga-
stato dichiarato “patrimonio mondiale viene trasferita in altre regioni italiane, ma rantita in larga misura dalle associazioni di
dell’umanità” nel 2015 – rivendica la sua decine di migliaia di persone restano ogni volontari, ma anche da coraggiosi ammini-
politica di accoglienza. Orlando dichiara anno in Sicilia, in attesa di un permesso di stratori locali. Come Giuseppe Grizzanti,
di perseguire “un futuro dai due nomi: soggiorno o del riconoscimento dello sta- medico e sindaco del paese di Sutera, che
Google e Ali l’immigrato. Google esprime tus di rifugiato. “Il sistema d’accoglienza nell’ottobre del 2013 ricevette una chiamata
la connessione virtuale, e Palermo è oggi la dei migranti nel porto è ben rodato”, ga- dalla prefettura di Agrigento. Un’imbarca-
città più cablata e informatizzata del Medi- rantisce il viceprefetto. “Ci mettiamo in zione era naufragata vicino a Lampedusa. I
terraneo. Ali l’immigrato rappresenta la contatto con la guardia costiera per cono- morti erano più di trecento. Le autorità vo-
connessione umana. Noi vogliamo una cit- scere l’orario d’arrivo. La prefettura avver- levano sapere se il cimitero comunale pote-
tà accogliente e moderna”. te tutti i soggetti che partecipano allo sbar- va accogliere alcune delle vittime. “Non
Nonostante la crisi e la disoccupazione, co: polizia, autorità comunale, protezione avevamo tombe disponibili”, ricorda il sin-
la Sicilia e Palermo sfatano il pregiudizio in civile, servizi sociali, Croce rossa e orga- daco. “Allora abbiamo pensato che invece
base al quale l’arrivo di tanti stranieri, com- nizzazioni umanitarie”. di accogliere i morti, potevamo accogliere i
binato con le diicoltà economiche, rappre- vivi, nelle tante case vuote di Sutera”.
senterebbe una bomba politica e sociale. Nel dopoguerra Sutera aveva cinque-
“Per un politico il consenso si misura al mo- mila abitanti. Ma a partire dagli anni ses-
mento del voto. A giugno sono stato eletto santa il piccolo comune cominciò a svuo-
al primo turno”, sottolinea Orlando. “Ho tarsi: gli abitanti emigravano al nord per
ottenuto più voti di cinque anni fa. Credo partecipare allo sforzo di industrializzazio-
che i migranti ci facciano rilettere su ciò ne che l’Italia stava compiendo in quel pe-
che siamo in quanto esseri umani”. Corsi di riodo. “Il quartiere di Rabato, un’antica
italiano per stranieri, accoglienza di minori casba che ricorda la presenza araba del
non accompagnati, centri per richiedenti 1100 dC, un tempo era uno dei più popolo-
asilo. Il comune di Palermo moltiplica le si. Ci abitavano almeno cinquecento per-
iniziative per facilitare l’integrazione. sone. Oggi ci vivono solo una trentina di
Dall’altra parte dell’isola, sulla costa famiglie”, spiega Grizzanti. Hussein, un

28 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Sutera, Caltanissetta, 8 gennaio 2018. Margareth, 30 anni, richiedente asilo, prepara il pranzo per il iglio
GIANNI CIPRIANO

giovane pachistano arrivato a Sutera a no- cuna forma di ostilità, se si esclude la guar- gue con entusiasmo: “Da quando sono
vembre, è stato accolto in una casa in mez- dia campestre Sandro, che sottolinea: “Per sindaco e la maia non governa più la città,
zo alle stradine scoscese che rendono Ra- il paese è un bene, ma occorrerà che queste è capitata una cosa bellissima: siamo stati
bato “uno dei borghi più belli d’Italia”. persone lavorino, e qui non c’è lavoro, né invasi dagli immigrati”.
La presenza degli immigrati ha favorito per noi né per loro”. Margareth fa le puli- Un sentimento condiviso dal giornali-
il rilancio demograico del paese e le sov- zie. Ma senza un lavoro, nel giro di poco sta e scrittore Gaetano Basile, secondo cui
venzioni statali per l’accoglienza hanno tempo i nuovi arrivati saranno condannati la presenza degli stranieri consente alla
permesso al comune di aittare le abita- quasi tutti a partire verso il nord, seguendo Sicilia di ritrovare in parte la sua vocazione
zioni e di inanziare l’associazione Giraso- le stesse rotte usate un tempo dagli emi- di crocevia del Mediterraneo: “L’uniica-
li, che gestisce il programma d’integrazio- grati di Sutera. “Di solito restano qui qual- zione italiana è stata un disastro. Ci ha mu-
ne. “All’inizio abbiamo ospitato quindici che mese, il tempo di ottenere i documenti tilati del sud: bisognava parlare, vestirsi e
persone, poi poco per volta siamo arrivati a o di seguire un percorso di formazione, poi rivolgersi solo verso il nord. Siamo diven-
cinquanta”, spiega il responsabile dell’or- partono e vengono sostituiti da altri”, spie- tati simili ai savoiardi. Da questo punto di
ganizzazione Nunzio Vitellaro. “Vengono ga Vitellaro. vista, l’arrivo degli immigrati ci ha fatto be-
da Tunisia, Sri Lanka, Nigeria, Gambia, ne. Fanno rivivere quartieri che erano stati
Pakistan e Afghanistan. Grazie ai loro Come al tempo dei normanni abbandonati. La mia città è rinata grazie a
bambini la scuola può restare aperta. Nel “I siciliani sofrono come noi, non c’è lavo- loro”. Lo dimostrano, aggiunge Basile,
2016 a Sutera sono nati sei bambini. Cin- ro”, sbufa Youssef, 39 anni, algerino, se- mercati come quello di Ballarò, nel cuore
que erano igli di stranieri. Oggi sono parte duto alla mensa dei poveri di Catania. Al- di Palermo, dove si mescolano sapori, spe-
integrante della città”. cuni migranti sono sfruttati nei campi, altri zie, musiche e dialetti come al tempo dei
Lo conferma Margareth, una nigeriana taglieggiati dalla maia, ma “non ci sono normanni, degli arabi, degli ebrei e poi de-
che vive con i suoi tre igli in una casa di molti razzisti in Sicilia”, insiste Youssef. gli spagnoli: “Così è possibile immaginare
due piani nel centro del paese: “Qui a Sute- Secondo il sindaco di Palermo, la pre- com’era Palermo nell’anno mille. Verso
ra si sta bene. Sono tutti simpatici. Si pren- senza degli stranieri è un antidoto contro mezzogiorno si sentono i profumi delle cu-
dono davvero cura di noi, al cento per cen- la criminalità organizzata: “Prima dei miei cine orientali, lo zaferano, tutto un insie-
to. I vicini sono fantastici. Voglio restare trent’anni non avevo visto un solo immi- me di odori che non sono i nostri, mescola-
qui perché le persone sono calorose e gen- grato a Palermo, perché la maia li respin- ti al pomodoro e al basilico. Allora mi dico:
tili”. Tra la popolazione non si registra al- geva. Aveva paura della diversità”. E prose- Palermo è ancora viva”. u gim

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 29


Visti dagli altri
Cremona, 9 giugno 2015. Concorso per infermieri per assumere. Le opportunità sono tutte al
nord”, racconta. “Per noi giovani meridio-
nali non c’è scelta: dobbiamo trasferirci. È
ingiusto, ma è così”. Se dovesse ottenere
un lavoro a Novara, sa già che andrebbe a
viverci volentieri, anche se non c’è mai sta-
ta. “Voglio lavorare e non farmi mantenere
dai miei genitori”.
I pullman con gli infermieri in cerca di
lavoro viaggiano la notte e sono gestiti dal-
la Bus to Go, una piccola azienda con sede
a Salerno fondata da Rafaele Di Sieno, 26
anni. Di Sieno noleggia circa quindici pull-
MICHELE BORzONI (TERRAPROjECT)

man al mese che, carichi di persone in cer-


ca di lavoro, viaggiano su e giù per l’Italia.
Non partono solo da Salerno, ma anche da
altre città dove la disoccupazione arriva al
20 per cento: Napoli, Frosinone, Bari e
Brindisi.

Prezzi ragionevoli
Anche Di Sieno è un infermiere abilitato.
Chilometri d’asfalto Ha cominciato a cercare lavoro nel 2015,
rendendosi subito conto di quanto fossero
sperando in un lavoro complicati i viaggi al nord in treno o in ae-
reo, con molti cambi e le sedi degli esami
in quartieri periferici diicili da raggiunge-
re. Inoltre le prove si svolgono spesso di
mattina, e questo signiicava dover pagare
anche una notte in albergo. I viaggi costa-
Pauline Valkenet, De Standaard, Belgio
vano ogni volta centinaia di euro e lui era
Un’azienda di Salerno aitta un lavoro a Novara. Un secondo pullman disoccupato.
dei pullman per portare di notte trasporta altri cinquanta candidati. Viag- “Ho cominciato a organizzare viaggi in
geranno tutta la notte, al mattino afronte- pullman per me e per i miei amici. Li face-
i candidati ai concorsi pubblici ranno una prova scritta in un palazzetto vo arrivare direttamente al palazzetto del-
dal sud al nord dell’Italia. dello sport e poi saliranno di nuovo sul lo sport e poi di nuovo a casa. Il prezzo era
Una giornalista olandese pullman per tornare indietro. “È molto fa- ragionevole”. Di Sieno ha sfruttato un’op-
ha viaggiato con loro ticoso”, racconta Elefante. “Si dorme male portunità nel mercato e l’anno scorso ha
sul sedile e ci si sveglia a tutte le soste. Si fondato la Bus to Go. La sua azienda ofre
afronta un lungo viaggio, ma la speranza viaggi andata e ritorno a un prezzo di circa
elle prime ile del pullman Elisa di trovare un lavoro è minima”. È il suo de- 60 euro. Ha un collaboratore e una segre-

N Elefante, 24 anni, un viso ami-


chevole incorniciato da lunghi
capelli biondi, gonia il suo cu-
scino da viaggio. L’infermiera disoccupata
vuole provare a dormire un po’. Il pullman
cimo viaggio in pullman per il nord da
quando un anno fa ha terminato gli studi.
“Ho partecipato a dei concorsi anche a Ve-
nezia, Milano, Genova e Padova”.
L’Italia ha un tasso di disoccupazione
taria. “Per sicurezza ho preso l’abilitazione
da infermiere, ma mi sento un imprendito-
re”, dice. Per ora la Bus to Go trasporta per-
sonale infermieristico, ostetrico e isiote-
rapisti, ma Di Sieno vuole crescere: sta la-
procede a cento chilometri all’ora nel buio dell’11 per cento. Perciò i concorsi per un vorando all’organizzazione di viaggi in
della A1, direzione nord. È partito alle sei posto nel settore pubblico molto spesso si pullman per militari, poliziotti e insegnan-
del pomeriggio da Salerno e adesso, verso trasformano in eventi di massa, riducendo ti in cerca di lavoro.
mezzanotte, è all’altezza di Roma. di molto la possibilità di ottenere il lavoro. Roberto Faracchino, 27 anni, barba cu-
Bisogna percorrere ancora 625 chilo- A Novara ci sono venti posti liberi ed Ele- rata e orecchino luccicante, è seduto in
metri per arrivare a Novara, tra Torino e fante è una dei 4.700 candidati. I migliori fondo al pullman. Ha un lavoro a Salerno
Milano. È lì che la ragazza arriverà all’alba: mille dovranno tornare tra un paio di setti- come volontario in ambulanza, ma per un
in tempo per partecipare al concorso pub- mane per una seconda prova scritta. Chi la posto fisso si trasferirebbe immediata-
blico per un posto da infermiera in un passerà dovrà sostenere anche una prova mente a Novara. “Quando sarò assunto,
ospedale. orale. spero di riuscire a tornare nei dintorni di
Non è l’unica candidata. Tutto il pul- Ormai Elefante è sempre in viaggio. Salerno nel giro di cinque anni. Perché è
lman è pieno di infermieri che sperano in “Nel sud non c’è lavoro. Non ci sono soldi meglio lavorare a casa”. u vf

30 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


sinistra Ida Dominijanni o la ilosofa e do-
Un rapporto complicato cente universitaria Michela Marzano.
A novembre il movimento Non una di
con il femminismo meno, che si batte contro la violenza sulle
donne, ha organizzato una manifestazione
a Roma a cui hanno partecipato decine di
migliaia di persone. Nel frattempo anche i
collettivi italiani più radicali, come Cagne
sciolte (che si batte per i diritti dei migranti
C. O’Rawe e D. Hipkins, The Conversation, Stati Uniti
e delle persone lgbt, spesso in contrasto con
L’Italia è spesso considerata un L’immagine dell’Italia come paese privo le “colleghe” più moderate), hanno fatto
paese sessista e arretrato, in cui di una cultura femminista nasce in buona sentire la loro voce. Le Cagne sciolte hanno
parte dalle cronache dell’era Berlusconi, un scritto un tweet per sostenere Asia Argento:
le donne non hanno voce. In periodo segnato da un’ininità di scandali “Ecco come ve lo spieghiamo. No è no. Se
realtà ci sono da anni movimenti sessuali. In quel contesto, però, è emerso toccano una toccano tutte”.
che si battono con forza per anche il movimento chiamato Se non ora Queste voci troppo spesso sono trascu-
la parità di genere quando? Nel 2011 quasi un milione di italia- rate nella fretta di descrivere l’Italia come
ni sono scesi in piazza per protestare contro un paese arretrato quando si tratta della pa-
la riduzione della donna a oggetto. rità di genere. Cambiare le cose può sem-
uando si parla di diritti di genere e brare impossibile, in un paese in cui il 69

Q abusi sessuali, l’Italia è considera-


ta un paese arretrato. Per questo la
reazione degli italiani alla recente
ondata di rivelazioni sulle molestie sessuali
da parte di uomini di potere in tutto il mon-
In piazza contro le violenze
Insieme ai movimenti di piazza c’è stata an-
che una grande campagna di comunicazio-
ne. Le donne italiane hanno condiviso 142
video con il titolo “Un paese per le donne: le
per cento delle studenti universitarie dice
di aver subìto abusi sessuali, ma ci sono dei
miglioramenti. Il contesto internazionale
di #metoo ha dato un impulso all’hashtag
italiano #quellavoltache, ofrendo alle don-
do è stata tanto deprimente quanto preve- parole per dirlo”. In ogni video una donna ne italiane l’occasione di raccontare le loro
dibile, ma la vicenda ha evidenziato la forza riletteva sulla vita delle donne in Italia e sul esperienze. Dieci donne hanno accusato il
e la diversità del femminismo italiano. sessismo subìto. Una racconta di aver perso regista Fausto Brizzi di molestie. Potrebbe
Simona Siri, giornalista italiana che la- il lavoro perché incinta. Un’altra, arrivata in non sembrare molto, ma il fatto che, in un
vora negli Stati Uniti, ha afermato di recen- Italia senza documenti in regola, aiuta le settore sessista come quello del cinema, le
te sul Washington Post che “la cultura ses- migranti. Oggi molte femministe afermate accuse abbiano danneggiato l’immagine di
sista italiana, da sempre forte e radicata, alzano la voce per sostenere Asia Argento, Brizzi è un passo avanti.
ora sembra quasi impossibile da sovverti- come la giornalista, ilosofa e femminista di Le donne italiane devono fare ancora
re”. Le parole di Siri arrivano sulla scia delle molta strada nella lotta contro le violenze
critiche feroci piovute sull’attrice Asia Ar- Roma, 25 novembre 2017. Il collettivo sessuali, le molestie e la disuguaglianza di
gento, colpevole di aver concesso un’inter- Cagne sciolte alla manifestazione genere a livello istituzionale. Ma il movi-
vista a Ronan Farrow, del New Yorker, in cui Non una di meno mento sta crescendo. u as
ha accusato il produttore cinematograico
statunitense Harvey Weinstein di pesanti
molestie sessuali. Secondo Siri, la misogi-
nia italiana, incarnata dall’ex presidente
del consiglio Silvio Berlusconi, ha reso vana
la reazione delle donne.
La storia di Asia Argento è una di quelle
che hanno alimentato la campagna inter-
nazionale #metoo, ma in Italia l’attrice è
stata aggredita sui social network e ha deci-
so di lasciare il paese. Molti le hanno chiesto
perché ha continuato ad avere un rapporto
STEFANO MONTESI (CORBIS/GETTY IMAGES)

con il produttore dopo le presunte molestie.


Il quotidiano Libero ha pubblicato un arti-
colo dal titolo particolarmente duro: “Pri-
ma la danno poi frignano e ingono di pen-
tirsi”, accompagnato da una foto provocan-
te di Asia Argento. L’autore dell’articolo si
chiedeva perché l’attrice non avesse chiesto
a suo padre, l’inluente regista Dario Argen-
to, di aiutarla a denunciare Weinstein.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 31


Le opinioni

La Turchia è diventata
un paese infelice

Elif Şafak
uando Bbc Radio 4 mi ha chiesto d’in- etnie, culture e classi sociali molto diverse. In Turchia,

Q cludere La bastarda di Istanbul tra i ro-


manzi che saranno letti durante la tra-
smissione Reading Europe, ho comin-
ciato a rilettere sul percorso politico e
culturale che il mio paese d’origine, la
Turchia, ha fatto negli anni successivi all’uscita del li-
bro. Il romanzo è uscito nel 2006. Racconta la storia di
una famiglia turca e di una famiglia armeno-statuni-
tense attraverso gli occhi di quattro generazioni di
se a una donna piace un libro, lo passa a un’altra don-
na. Un libro non è un oggetto personale. Una stessa
copia viene letta in media da cinque o sei persone, che
sottolineano passaggi diversi con penne di vari colori.
Anche se la cultura scritta, i mezzi d’informazione e le
case editrici sono dominati dagli uomini, sono le don-
ne a custodire la memoria e a mantenere vive le tradi-
zioni della narrativa turca.
Anche se le parole erano già considerate pericolose
donne. È una storia di segreti di famiglia, tabù politici nella Turchia degli anni duemila, la situazione degli
e sessuali, e del bisogno di parlarne, oltre che dello scrittori e degli editori non è mai stata tragica come
scontro in corso tra memoria e oblio. La Turchia, in oggi. Negli ultimi dieci anni la Turchia ha fatto molti
generale, è la società dell’oblio collettivo. passi indietro, all’inizio in modo graduale e poi sempre
Poco dopo l’uscita del romanzo, mi fecero causa più velocemente. L’autoritarismo, l’islamismo, il na-
per “insulto all’identità turca” in base all’articolo 301 zionalismo, l’isolazionismo e il sessismo sono cresciu-
del codice penale, anche se nessuno sa cosa signiica- ti, alimentandosi e raforzandosi a vicenda. E il fatto
no in questo contesto né “insulto” né “identità turca”. che la prospettiva dell’adesione all’Unione europea sia
L’ambiguità di questa formulazione permette di usare andata in frantumi non ha aiutato.
la norma per sofocare la libertà d’espressione e di Man mano che il paese si è allontanato dall’Europa,
stampa. Per la prima volta un romanzo, un’opera di il divario è stato sfruttato dai nazionalisti e dagli isla-
misti. Il governo ha cominciato a parlare di adesione
all’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai
È un esempio sconvolgente invece che di ingresso nell’Unione europea. Oggi i
di come il ricorso alle urne non rapporti con l’Unione sono al minimo storico.
basti. Se non esistono lo stato Il governo guidato dal Partito per la giustizia e lo
di diritto, la separazione sviluppo (Akp) è diventato sempre più antidemocrati-
co, autoreferenziale, illiberale e intollerante. Nell’apri-
dei poteri, la libertà di stampa le del 2017 un referendum approvato con un margine
e i diritti delle donne, ridotto (51,4 per cento di voti a favore contro il 48,5 per
la democrazia non può cento di contrari) ha stabilito che la Turchia, che era
sopravvivere una democrazia parlamentare, diventerà uno stato in
cui il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha il monopo-
lio assoluto del potere.
fantasia, veniva processato ai sensi di quell’articolo. La Turchia è diventata un esempio sconvolgente di
Le parole dei personaggi armeni della Bastarda di come il ricorso alle urne non basti per sostenere la de-
Istanbul furono usate come “prova” dalla procura. mocrazia. Se in un paese non esistono lo stato di dirit-
Quindi il mio avvocato turco dovette difendere i miei to, la separazione dei poteri, la libertà di stampa, la li-
personaggi armeni in un’aula di tribunale. Tutta la vi- bertà accademica e i diritti delle donne, la democrazia
cenda era surreale e fui assolta. non può sopravvivere.
Quello che ricordo oggi di quei giorni angosciosi, Oggi il mio paese è spaccato e migliaia di intellet-
tuttavia, non sono né il processo né i gruppi ultrana- tuali hanno perso il lavoro. Il numero dei processi con-
zionalisti che organizzavano manifestazioni in piazza, tro professori, giornalisti, scrittori e opinionisti è in
in cui sputavano sulla mia foto e sulla bandiera aumento.
dell’Unione europea. Invece mi tornano in mente so- Uno dei più famosi fumettisti del paese, Musa Kart,
prattutto i calorosi e confortanti messaggi che riceve- ha passato cinque mesi in prigione e, anche se è stato
vo dai miei lettori. rimesso in libertà vigilata, rischia 29 anni di carcere.
A leggere in Turchia sono soprattutto le donne: tur- La Cartoonists rights network international (Rete in-
che, curde, alevite, ebree, armene, greche. Persone di ternazionale per i diritti dei disegnatori) ha difuso un

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 33


Le opinioni
comunicato in cui deinisce il processo “un imbaraz- monio su tre coinvolge una sposa bambina, è una svol-
zante tentativo del governo turco di deludere ancora il ta molto pericolosa. Aumenteranno il numero di spose
suo popolo”. Il lavoro più diicile nella Turchia di oggi bambine e i casi di poligamia, e le famiglie conserva-
è quello di giornalista. Dopo il tentato di colpo di stato trici e religiose potranno far sposare le iglie giovani
del 2016, più di 160 giornali sono stati chiusi e ci sono senza alcun controllo. Quando molte organizzazioni
state epurazioni in molti settori. Con più di 150 giorna- per i diritti femminili hanno criticato la proposta di
listi in prigione, la Turchia ha superato il triste record legge, e alcune donne sono scese in piazza per prote-
della Cina, diventando il paese con più reporter in car- stare, il presidente Erdoğan ha ribadito che la legge
cere nel mondo. Molti altri giornalisti sono stati messi sarebbe stata approvata, “che vi piaccia o no”.
nelle liste di proscrizione, licenziati, difamati, oppure La violenza domestica contro le donne sta crescen-
privati del passaporto. do a un ritmo spaventoso e i centri che le accolgono
Anche i processi contro i professori universitari so- non ricevono inanziamenti. La retorica del governo è
no preoccupanti. La libertà accademica viene distrut- basata sulla sacralità della maternità e del matrimo-
ta piano piano. Più di quattromila docenti sono stati nio. Con l’Akp al governo, i diritti delle donne si sono
espulsi dalle università del paese. Quelli che hanno volatilizzati. Nel frattempo i giornali islamisti pubbli-
irmato una petizione per la pace con i curdi nel 2016 cano articoli contro i centri antiviolenza e alcune orga-
hanno perso il lavoro, senza alcuna speranza di trovar- nizzazioni stanno lanciando delle petizioni per obbli-
ne uno nuovo in un’altra università. Molti sono discri- gare le donne a viaggiare in vagoni riservati sui treni.
minati o gli viene impedito di viaggiare all’estero. Uno In varie città sono già attivi degli autobus rosa riserva-
degli arresti più inquietanti è stato quello di Osman ti alle donne.
La segregazione di genere non farà diminuire le
molestie sessuali né interromperà la spirale della vio-
La violenza domestica lenza. “Quando le donne si rivolgono alla polizia o a un
contro le donne sta crescendo magistrato per essere protette, o vengono rispedite a
a un ritmo spaventoso e i centri casa, o cercano la riconciliazione con il proprio com-
che le accolgono non ricevono pagno, oppure ricevono un ordine di protezione che è
valido solo sulla carta”, sostiene Gülsüm Kav dell’or-
inanziamenti. La retorica ganizzazione We will stop femicide.
del governo è basata sulla Altrettanto preoccupanti sono le modiiche al si-
sacralità della maternità stema dell’istruzione: nei nuovi programmi scolastici
non è previsto lo studio del darwinismo. All’inizio de-
e del matrimonio
gli anni duemila circa sessantamila studenti frequen-
tavano le scuole imam hatip, create per formare i pre-
Kavala, un importante attivista per la pace e i diritti dicatori musulmani. Oggi il loro numero è salito a 1,2
umani, uomo d’afari e ilantropo molto rispettato dai milioni. Per evitare l’islamizzazione del sistema
democratici, dai liberali e dalle minoranze. Con la dif- dell’istruzione, chi può permetterselo manda i igli al-
fusione dell’autocensura, è diminuito il dibattito pub- le scuole private. La percentuale dei bambini che fre-
blico nella società civile. Sui social network e sui mez- quentano questi istituti è salita dal 7 al 20 per cento.
zi d’informazione non passa settimana senza che un È cominciato anche un triste esodo, e il paese sta
nuovo bersaglio sia preso di mira, attaccato e linciato. vivendo una fuga di cervelli mai vista. Molti professori
L’International press institute (Ipi) sta esaminando universitari, intellettuali, attivisti, giornalisti, liberali
più di duemila casi di abusi online in Turchia contro i e laici stanno lasciando il paese. Ma molti altri riman-
giornalisti. gono. E cercano di tenere alto il morale. La società ci-
Le conseguenze di tutta questa situazione sui dirit- vile turca è molto più avanti rispetto al suo governo e le
ti delle donne sono molto pesanti. Quando i paesi sci- donne turche non stanno rinunciando alla lotta per i
volano nel populismo, nell’autoritarismo e nel nazio- diritti.
nalismo, le donne hanno più da perdere rispetto agli La Turchia è ancora un paese di contrasti sconvol-
uomini. Oggi infatti alcune delle principali lotte per la genti, dove vivono persone coraggiose e meravigliose.
democrazia in Turchia sono condotte dalle donne. Ma oggi, più di un decennio dopo la prima pubblica-
Nel 2016 il governo turco ha proposto una legge che zione della Bastarda d’Istanbul, spezza il cuore vedere
graziava i violentatori di bambini se accettavano di che i paesi non sempre imparano dai loro errori. La
sposare le loro vittime minorenni. I parlamentari che storia non si muove per forza in avanti. A volte torna
hanno concepito quest’idea abominevole erano più indietro. La Turchia, un tempo considerata uno scin-
interessati a preservare il concetto di “onore familia- tillante ponte tra l’Europa e il Medio Oriente e un
re” che a proteggere le vite di milioni di donne e bam- esempio da seguire per tutto il mondo musulmano, è
bini. diventata un paese autoritario e infelice. u f
Di fronte alla reazione della popolazione, la propo-
sta di legge è stata accantonata. Ma gli stessi parla- ELif Şafak
mentari sono riusciti in seguito ad approvare un’altra è una scrittrice turca nata in Francia nel 1971. Il suo
legge che permette ai mufti, i funzionari religiosi, di ultimo libro pubblicato in Italia è Tre iglie di Eva
celebrare matrimoni civili. In un paese dove un matri- (Rizzoli 2016).

34 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Le opinioni

I palestinesi meritano
dei leader migliori
Rami Khouri
ggi i palestinesi vivono un paradosso nella regione o nel resto il mondo: devono trovare una

O terribile: la loro causa è sostenuta da leadership legittima, in grado di rappresentarli tutti, di


più di 120 governi e da miliardi di per- prendere decisioni politiche basandosi su consultazio-
sone in tutto il mondo, ma la loro lea- ni adeguate e su un consenso difuso, permettendo ai
dership è un esempio lampante d’in- palestinesi di parlare con una voce sola e impegnando-
competenza. Il 15 gennaio ne abbia- si diplomaticamente in tutto il mondo. Oggi questa
mo avuto l’ennesima conferma: il consiglio centrale leadership non c’è, ed è per questo che l’Olp sotto la
dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina guida di Abu Mazen non viene presa sul serio dalla
(Olp), dopo giorni di discussioni, ha difuso un docu- maggioranza dei palestinesi, che si sono rivolti altrove
mento, o per meglio dire una triste accozzaglia di luo- dopo il fallimento degli accordi di Oslo e la perdita di
ghi comuni partorita da uomini anziani con una storia credibilità di Yasser Arafat.
politica fallimentare. Si capisce che il popolo palestinese è senza guida
Il consiglio centrale dovrebbe fare da tramite tra il anche dal fatto che l’Olp e l’Autorità Nazionale Palesti-
consiglio nazionale (il parlamento in esilio che rappre- nese, che gestisce alcuni servizi e alcune zone della
senta tutti i palestinesi del mondo) e il comitato esecu- Cisgiordania e di Gaza con il permesso di Israele, non
tivo (che mette insieme i principali par- hanno avuto alcun ruolo nelle tre azioni
titi politici e funziona come un governo, È diicile trovare politiche più importanti degli ultimi
guidato dal presidente). In realtà tutte le altri termini per anni.
istituzioni palestinesi sono moribonde e elogiare il popolo I tre esempi di cui parlo sono: l’attua-
non hanno alcuna legittimità, perché i palestinese che, le campagna mondiale per sostenere
leader politici hanno perso ogni contatto nonostante Ahed Tamimi, la ragazza di 16 anni di un
con il popolo. una leadership villaggio della Cisgiordania arrestata
Per questo non c’è da sorprendersi se incapace, continua dai soldati israeliani che rischia un pro-
dopo l’ennesimo discorso tanto impe- cesso militare solo perché ha resistito
a lottare, spesso
tuoso quanto vuoto del presidente Abu all’occupazione e ha schiafeggiato un
in modo paciico,
Mazen, il consiglio centrale ha “sospe- soldato; le tre settimane di protesta po-
so” il riconoscimento dello stato israe- per avere uno stato polare spontanea dell’estate del 2017 a
liano, ha messo ine alla cooperazione Gerusalemme Est, in cui decine di mi-
per la sicurezza con Israele, ha annullato gli accordi di gliaia di palestinesi hanno difeso i loro luoghi sacri
Oslo del 2003 e invitato il mondo a lavorare per la cre- nella Spianata delle moschee (che gli israeliani chia-
azione di uno stato palestinese. Queste parole senza mano il Monte del Tempio); e il movimento Boicottag-
signiicato, pronunciate da un organismo senza pote- gio, disinvestimento e sanzioni (Bds) sostenuto dalla
re, non avranno alcun efetto. società civile.
È diicile trovare altri termini per elogiare il popolo La sida di Hamas all’Organizzazione per la libera-
palestinese, che nonostante guide politiche incapaci zione della Palestina a Gaza è un altro segno dell’inca-
continua a lottare, spesso in modo paciico, per avere pacità dell’Olp di guidare i palestinesi. A questo punto
uno stato, per interrompere l’esilio dei suoi connazio- è diicile creare dal nulla una nuova leadership nazio-
nali, e che spera di farlo al ianco di uno stato israeliano nale, considerando la frammentazione della comunità
che riconosca i diritti dei palestinesi. Ma dobbiamo palestinese. Eppure il senso di coesione dei palestine-
fare qualcosa, perché se andremo avanti con gli stessi si, ovunque si trovino, rende possibile almeno l’avvio
politici incapaci le condizioni di vita e le prospettive di di un dialogo. Non c’è motivo di subire il triste destino
milioni di palestinesi non faranno che peggiorare, an- di essere tormentati dal colonialismo sionista e da uno
che se è diicile immaginare in che modo la vita nei stato che divora la nostra terra, di essere ignorati dal
campi profughi o in una Gaza sotto assedio potrebbe resto del mondo e di essere abbandonati da vecchi po- RAMI KHOURI
mai peggiorare. litici ormai impotenti. è columnist del
quotidiano libanese
I palestinesi non possono cambiare la condotta del Situazioni di questo tipo potrebbero spingere qual-
Daily Star. È direttore
governo israeliano, che porta avanti le stesse politiche che osservatore a considerare conclusa la questione
dell’Issam Fares
coloniali da apartheid tipiche del sionismo in dalla palestinese, ma forse questo è solo il punto più basso institute of public
creazione di Israele nel 1947-1948. Ma gli 1,5 milioni di da cui far partire la rinascita di nove milioni di palesti- policy and
palestinesi del 1948 oggi sono diventati nove milioni. nesi che non hanno mai smesso di rivendicare i loro international afairs
E hanno il potere di fare una cosa, sia che vivano in diritti. Non smetteranno mai di farlo, a prescindere all’American
Cisgiordania, a Gerusalemme Est, a Gaza, in Israele, dalla qualità dei loro leader. u as university di Beirut.

36 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


In copertina

La globalizzaz
Dani Rodrik, Prospect, Regno Unito
Foto di Richard Seymour

È stata spacciata come un processo inevitabile e


vantaggioso per tutti. In realtà è stata realizzata in
modo da favorire solo le grandi imprese e la inanza.
Alimentando per reazione populismi e protezionismi.
Ma realizzare un sistema globale più equo è possibile
ino a poco tempo fa il dibatti- cosa stava succedendo. Nel discorso di

F to sulla globalizzazione era


considerato un argomento
chiuso, sia dai partiti di sini-
stra sia da quelli di destra. Il
discorso del leader politico
britannico Tony Blair al congresso del Par-
tito laburista del 2005, nel Regno Unito, dà
un’idea del clima che si respirava. “Qualcu-
no dice che dobbiamo mettere in discussio-
Blair del 2005 non c’era spazio per i dubbi:
“Quello che funziona è chiaro: un’econo-
mia aperta e liberale, sempre pronta a cam-
biare per restare competitiva”. E la solida-
rietà sociale? La globalizzazione l’avrebbe
spazzata via? Poteva sopravvivere, assicu-
rava Blair, a condizione che si adattasse ai
tempi. Le comunità non potevano più per-
mettersi di “resistere alle forze della globa-
ne la globalizzazione”, dichiarò Blair, che lizzazione”, e quindi il ruolo della politica
all’epoca era premier. “Se è così, tanto vale progressista era semplicemente quello di
mettere in discussione il fatto che dopo “prepararle al suo arrivo”. La globalizzazio-
l’estate c’è l’autunno”. La globalizzazione ne era un dato di fatto. L’unico dubbio era se
poteva provocare traumi e disagi e lasciare la società si sarebbe adattata alla concor-
qualcuno indietro, ma non importava: biso- renza globale.
gnava semplicemente prenderne atto. Il Blair e soci erano così sicuri delle loro
nostro “è un mondo che sta cambiando”, idee non solo perché il mondo stava andan-
continuò Blair, “pieno di opportunità, ma do come volevano, ma anche perché aveva-
solo per chi è veloce ad adattarsi” e “lento a no un’argomentazione forte: il vantaggio
lamentarsi”. comparato. Non era una tesi nuova, era vec-
Nessun politico capace, oggi, si azzarde- chia di duecento anni. Però era di moda ed
rebbe a dire agli elettori di non lamentarsi. efettivamente aveva una sua logica: il com-
I vari Blair e Clinton si stanno chiedendo mercio favorisce la specializzazione, e un
com’è possibile che un processo ino a poco paese che si specializza nelle cose che van-
tempo fa considerato inesorabile abbia in- no bene sarebbe stato complessivamente
nestato la retromarcia. Il commercio ha meglio. Gli evangelisti della globalizzazio-
smesso di crescere come prima e i lussi i- ne, però, hanno trascurato quel “comples-
nanziari internazionali non si sono ancora sivamente” e, soprattutto, hanno allargato
INSTITUTE

ripresi dalla crisi scoppiata dieci anni fa. il discorso dallo scambio di beni alla libera-
Inoltre, dopo anni di stallo dei negoziati sul lizzazione della inanza. Sono passati senza
commercio internazionale, un candidato battere ciglio dall’abbassamento delle bar-
nazionalista ha cavalcato l’onda populista riere al conine, come i dazi o le quote sulle esi dovrebbe essere vantaggiosa per tutti.
ed è arrivato alla Casa Bianca, da dove sta importazioni, a una serie di iniziative più Non a caso i maggiori beneiciari della glo-
rinnegando tutti gli sforzi multilateralisti invadenti per armonizzare le normative da balizzazione sono stati paesi che hanno ag-
dei suoi predecessori. Chi vent’anni fa fe- entrambi i lati del conine – norme in mate- girato le normative uiciali e hanno deciso
steggiava l’avvento dell’iperglobalizzazio- ria di investimenti, standard di prodotto, di fare a modo loro. La Cina e altri paesi
ne non capirà mai cos’è andato storto se brevetti e diritti d’autore – in cui è meno asiatici hanno partecipato all’economia
prima non ammetterà di non aver capito chiaro perché l’integrazione tra diversi pa- mondiale, ma alle loro condizioni: hanno

38 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


zione sbagliata
A Yiwu, in Cina, c’è un enorme mercato all’ingrosso che vende oggetti di tutti i tipi. Qui un negozio di iori inti

seguito politiche commerciali e industriali alla povertà centinaia di milioni di persone. la loro tesi all’estremo e l’hanno distorta.
proibite dall’Organizzazione mondiale del Nelle economie industriali avanzate, inve- L’inevitabile reazione dei loro concittadini
commercio (Wto), hanno gestito in autono- ce, le regole della globalizzazione hanno – che non sono stati afatto “lenti a lamen-
mia le loro monete e hanno mantenuto il favorito soprattutto le multinazionali e le tarsi” – li ha colti alla sprovvista. Con buona
controllo sui lussi internazionali dei capi- élite professionali. Non è in discussione la pace di Blair, la globalizzazione è un pro-
tali. In questo modo hanno registrato una buona fede dei sostenitori dell’ipergloba- cesso reversibile. All’inizio del novecento
fortissima crescita economica, strappando lizzazione. Il problema è che hanno portato furono raggiunti picchi di integrazione che

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 39


In copertina
sotto molti aspetti rispecchiano la situazio- giacimenti aurei dopo il 1890 invertì la lizzazione del commercio provoca un calo
ne attuale. Con il sistema aureo le monete spinta delazionista. Ma il braccio di ferro dei salari dei lavoratori non qualificati.
potevano essere liberamente convertite in tra gli interessi inanziari e cosmopoliti che L’apertura al commercio penalizza sempre
quantità prestabilite d’oro, e i capitali scor- sostenevano il sistema aureo e i gruppi eco- qualcuno nella società, tranne nel caso li-
revano senza ostacoli da un paese all’altro. nomici nazionalisti che ne pagavano il prez- mite (non rilevante per le grandi economie)
Questo regime favoriva non solo i lussi di zo continuò. Lo scontro inale si consumò in cui gli unici beni importati sono quelli
capitali, ma anche gli scambi commerciali, in Europa tra le due guerre mondiali. che non sono mai prodotti all’interno. In
perché eliminava il rischio monetario: i Il vecchio sistema crollò nel 1914 e i ten- teoria, i governi potrebbero sempre com-
commercianti potevano tranquillamente tativi di rimetterlo in piedi negli anni venti pensare gli sconitti attraverso una redistri-
accettare pagamenti all’interno del sistema si rivelarono insostenibili a causa della crisi buzione dall’alto verso il basso, e a volte lo
senza preoccuparsi delle oscillazioni dei economica e dell’instabilità politica. Come fanno. Con le sue ampie reti di protezione,
tassi di cambio. Nel 1880 il sistema aureo e ha scritto il mio collega di Harvard Jefry l’Europa nella seconda metà del novecento
la mobilità dei capitali erano la norma. An- Frieden, la politica del tempo imboccò due era relativamente preparata ad afrontare
che le persone erano libere di spostarsi, e strade. I comunisti scelsero la ricostruzione le conseguenze sociali dei nuovi lussi com-
questo favorì le migrazioni di massa sociale a spese dell’economia internazio- merciali. E comunque, durante i negoziati
dall’Europa all’America. Proprio come og- nale, mentre i fascisti e i nazisti scelsero la le economie avanzate erano inizialmente
gi, i progressi dei trasporti e delle tecnolo- riaffermazione nazionale. Entrambe le riuscite a ottenere un regime speciale per
gie di comunicazione – la nave a vapore, la strade rappresentavano una netta presa di settori particolarmente esposti, come il tes-
ferrovia, il telegrafo – facilitarono il movi- distanza dalla globalizzazione. sile e quello dell’abbigliamento.
mento di beni, capitali e manodopera. Anche nelle circostanze più favorevoli,
Il contraccolpo, però, era dietro l’angolo. Gioie e dolori tuttavia, la liberalizzazione del commercio
Già dagli anni settanta dell’ottocento, il de- Perché quindi la globalizzazione, nel suo porta gioie e dolori. Dopo gli anni ottanta il
clino dei prezzi dei prodotti agricoli a livello stadio più avanzato – nella prima metà del bilancio è diventato sempre più negativo.
mondiale aveva fatto aumentare la richie- novecento e oggi all’inizio del nuovo mil- Quando le tarife sulle importazioni (al pari
sta di misure protezioniste. Con l’eccezione lennio – subisce simili contraccolpi? Per ri- delle tasse) sono troppo alte, creano distor-
del Regno Unito, verso la ine dell’ottocento spondere a questa domanda cominciamo sioni nell’economia e pregiudicano il be-
tutti i paesi europei alzarono le tarife sui da quella che dovrebbe essere la prima ar- nessere. Negli anni cinquanta e sessanta i
prodotti agricoli. In molti casi il protezioni- gomentazione a favore della globalizzazio- dazi erano spesso alti e la loro riduzione
smo agricolo si estese ai beni manifatturie- ne: eliminare le barriere alle frontiere per diede un grande contributo alla crescita
ri, e cominciarono a comparire anche i pri- facilitare il commercio. I negoziati per gli della ricchezza complessiva. Cinquant’anni
mi tetti all’immigrazione. Nel 1882 il con- accordi commerciali multilaterali avviati dopo, però, in un mondo in cui i dazi sono
gresso degli Stati Uniti approvò il Chinese dopo la ine della seconda guerra mondiale ormai sotto il 10 per cento, il quadro è cam-
exclusion act, che vietava l’immigrazione sono stati sicuramente un fatto positivo. La biato. Considerando il livello dei dazi
dalla Cina, e nel 1907 impose una serie di liberalizzazione ha portato enormi beneici nell’epoca postbellica, i modelli economici
restrizioni all’immigrazione giapponese. all’economia mondiale. All’inizio, inoltre, standard dicono che a fronte di un dollaro
Negli anni venti gli Stati Uniti introdussero la liberalizzazione ha coinvolto soprattutto in più di reddito nazionale ottenuto grazie
un sistema di quote per l’immigrazione. le economie relativamente avanzate, dove alla liberalizzazione del commercio c’è una
Il primo movimento consapevolmente i salari e le condizioni di lavoro erano più o redistribuzione di 4 o 5 dollari tra diversi
populista nacque negli Stati Uniti negli anni meno simili. I primi problemi sono sorti gruppi all’interno di ogni paese. Se però
ottanta dell’ottocento, in opposizione al si- quando anche i paesi in via di sviluppo han- consideriamo i dazi applicati dalla ine del
stema aureo. Perché? Perché quel sistema no cominciato a partecipare all’economia novecento, a fronte di un dollaro aggiuntivo
favoriva la globalizzazione, ma creava mol- mondiale, perché i loro salari troppo bassi c’era una ridistribuzione di venti dollari,
ti sconitti. Poiché l’oferta interna di mo- creavano tensioni nei paesi più sviluppati. fatto che implica una perdita per molte più
neta era legata alla quantità di oro, i periodi Tutto questo è scritto nei manuali di persone. Inoltre, con gli anni novanta sia-
in cui l’oferta di metallo prezioso scarseg- economia. Secondo il famoso teorema di mo entrati in un’epoca di ridimensiona-
giava erano caratterizzati da condizioni di Stolper-Samuelson, nei paesi in cui c’è ab- mento generale dello stato sociale.
credito restrittive e tassi d’interesse alti. bondanza di lavoratori qualiicati – come gli Prendiamo il caso del North american
Nell’ultima parte dell’ottocento il sistema Stati Uniti e l’Europa occidentale – la libera- free trade agreement (Nafta), il trattato di
aureo cominciò a essere associato alla de-
lazione, un po’ come succede oggi con le
misure d’austerità. Gli agricoltori si lamen-
Da sapere I grandi crolli
tavano perché erano costretti a vendere il Variazione del pil mondiale, %. Fonte: Financial Times

grano a prezzi stracciati in un momento in 8 1 Prima guerra mondiale


cui i trasporti e il credito erano costosi. Alle- 6 2 Grande depressione
andosi con le organizzazioni dei lavoratori 4 3 Seconda guerra mondiale
e con i minatori si scagliarono contro i i- 2
4 5
7 4 Primo shock petrolifero
6
nanzieri, che consideravano gli unici bene- 0 8 5 Secondo shock petrolifero
-2
iciari del sistema aureo (oltre che i respon- 6 Prima guerra del Golfo
-4
sabili delle loro diicoltà). 1 2
7 Crisi del sudest asiatico
-6
I populisti statunitensi alla ine furono -8
3
8 Crisi inanziaria globale
sconitti, anche perché la scoperta di nuovi 1910 1930 1950 1970 1990 2010

40 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Yiwu, Cina. In un negozio di peluche
INSTITUTE

libero scambio tra Stati Uniti, Canada e lavoro sono generalmente la riduzione del- lamentari transnazionali per limitare le
Messico entrato in vigore nel 1994. Secon- la domanda, i cambiamenti tecnologici e le sovvenzioni all’agricoltura e armonizzare le
do uno studio che analizza le conseguenze normali dinamiche della concorrenza tra le norme sugli investimenti, gli standard di
del Nafta sul mercato del lavoro, una mino- imprese. Il commercio, però, è molto più prodotto, i diritti di proprietà intellettuale e
ranza non trascurabile dei lavoratori statu- rilevante dal punto di vista politico. Innan- la inanza. Tutti questi aspetti, solitamente
nitensi ha subìto perdite consistenti. I più zitutto è un facile capro espiatorio, perché frutto di accordi istituzionali o di dinamiche
colpiti sono stati gli operai: dal 1990 al permette ai politici di puntare il dito contro politiche interne, improvvisamente sono
2000 i lavoratori non diplomati delle zone gli stranieri: i cinesi, i messicani o i tedeschi. stati considerati ostacoli al commercio da
più interessate dal Nafta hanno visto cre- Ma c’è un’altra questione, più profonda, che rimuovere con accordi internazionali.
scere il proprio salario di otto punti percen- rende particolarmente diicile il rapporto Le diferenze tra i diversi regimi com-
tuali in meno rispetto ai colleghi di altre re- tra liberalizzazione del commercio e lavoro: merciali diventano rapidamente delle que-
gioni. La crescita dei salari nei settori più il commercio internazionale si basa su mec- stioni politiche. Prendiamo, per esempio, le
protetti che hanno perso le loro tutele con il canismi competitivi che all’interno dei sin- norme sul benessere degli animali nella
Nafta è diminuita di 17 punti percentuali goli paesi sono vietati perché violano alcune produzione delle uova. In alcuni paesi c’è
rispetto ai settori che non erano protetti. E norme condivise. Un conto è perdere il la- più attenzione al tema delle galline in gab-
quali sono stati i vantaggi complessivi? Se- voro a vantaggio di qualcuno che gioca se- bia rispetto ad altri, dove si dà la preceden-
condo le stime più aggiornate, il guadagno condo le stesse regole, un altro è ritrovarsi za al prezzo dei prodotti alimentari. Quan-
netto per l’economia statunitense è stato disoccupati perché un’azienda sfrutta nor- do il governo britannico ha vietato l’uso di
inferiore allo 0,1 per cento del pil. Se lo stes- me permissive in tema di lavoro, ambiente gabbie troppo strette nel Regno Unito,
so capitale politico speso per un’iniziativa o sicurezza in un altro paese. Questo tipo di l’Unione europea gli ha imposto di conti-
che ha portato disagi a tanti statunitensi, concorrenza è in grado di aggirare normati- nuare a importare uova dalla Polonia, dove
peraltro senza efetti apprezzabili sulla cre- ve importanti, anche in materia iscale. la legge era più permissiva. Gli agricoltori
scita, fosse stato investito in programmi britannici sono andati su tutte le furie.
industriali, di formazione o infrastrutturali Regolamenti transnazionali Qualche anno dopo, quando Londra è riu-
per aumentare l’occupazione, forse Donald Gli evangelisti dell’iperglobalizzazione scita a imporre standard più restrittivi in
Trump non sarebbe diventato presidente. hanno ignorato questi problemi e hanno tutta l’Unione europea, si sono arrabbiati i
Le importazioni non sono l’unica fonte raddoppiato la posta, promuovendo accor- polacchi.
di deterioramento del mercato del lavoro, e di commerciali che in realtà non avevano A diferenza del libero commercio tradi-
tipicamente non sono neanche la più im- più niente a che fare con il commercio. La zionale, l’armonizzazione delle normative
portante. I fattori che inluiscono di più sul loro attenzione si è spostata su aspetti rego- transnazionali non è garanzia di una mag-

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 41


In copertina
Yiwu, Cina. In un negozio di giocattoli goniabili
INSTITUTE

giore eicienza. Non esiste una teoria gene- le uova in un unico “paniere” nazionale. mettere i debitori nella condizione di au-
rale assimilabile a quella del vantaggio Tutti questi vantaggi, in linea di massi- mentare a dismisura il deicit commerciale,
comparato che spieghi perché l’uniicazio- ma, non si sono mai visti. Anzi, a volte è accumulando una quantità eccessiva di de-
ne delle normative alimentari o bancarie successo il contrario. La Cina ha comincia- bito estero. I capitali si sono incanalati verso
dovrebbe essere vantaggiosa per tutti. In to a esportare capitali invece di importarli, i settori delle economie indebitate che non
compenso, l’armonizzazione impone il sa- come in teoria avrebbe dovuto fare un pae- consentivano scambi commerciali tra i pa-
criicio dell’autonomia regolatoria naziona- se giovane e povero. L’abbattimento dei esi, soprattutto l’edilizia. Alla ine la bolla è
le e quindi della capacità di adattamento vincoli inanziari ha provocato una catena scoppiata, e la successiva stretta creditizia è
delle singole economie. Accordi sugli inve- di costose crisi, come quella del sudest asia- stata accompagnata da una serie di crisi in
stimenti e iniziative come l’Agreement on tico nel 1997. C’è una correlazione molto Grecia, Spagna, Portogallo e Irlanda.
trade related aspects of intellectual proper- labile, per usare un eufemismo, tra libera- Oggi il giudizio degli economisti sulla
ty rights (Trips), che dal 1995 disciplina la lizzazione della inanza internazionale e globalizzazione inanziaria è, nella migliore
proprietà intellettuale, rispondono invaria- crescita economica. C’è invece una corri- delle ipotesi, ambivalente. Si è capito che i
bilmente alle richieste delle multinazionali, spondenza empirica evidente tra globaliz- fallimenti del mercato e dello stato sono
della finanza e dei gruppi farmaceutici. zazione e crisi inanziarie, come si è già vi- connaturati ai mercati inanziari. Spesso la
Questi accordi sono contestati perché, oltre sto nell’ottocento, quando i capitali inter- globalizzazione accentua questi fallimenti.
a rappresentare un’aggressione diretta al nazionali fluivano liberamente verso le Non a caso durante la crisi asiatica del 1997
potere di controllo democratico dei singoli ferrovie argentine o in qualche remoto an- le economie meno danneggiate sono state
stati, si sospetta che antepongano gli inte- golo dell’Impero britannico salvo poi vola- quelle che hanno tenuto sotto controllo i
ressi delle aziende a quelli della società. tilizzarsi un minuto dopo. capitali esteri. Insomma, l’apertura incon-
Forse l’errore più grave degli ultraliberi- L’apice della globalizzazione inanziaria dizionata alla inanza internazionale non è
sti è stato favorire la globalizzazione inan- è stato raggiunto nell’eurozona, dove la mo- mai una buona idea.
ziaria. La liberalizzazione dei lussi inan- neta unica doveva servire a realizzare la Lo scetticismo riguarda in gran parte i
ziari in tutto il mondo, spiegavano iduciosi, completa integrazione inanziaria attraver- lussi inanziari a breve termine, particolar-
indirizzerà il denaro verso i paesi con i ren- so la rimozione dei costi legati ai conini mente soggetti a crisi ed eccessi, mentre i
dimenti più alti; grazie all’apertura dei mer- nazionali. L’introduzione dell’euro nel 1999 lussi a lungo termine e gli investimenti di-
cati internazionali, i governi e le aziende ha efettivamente abbassato i tassi d’inte- retti esteri in generale sono ancora visti di
potranno inanziarsi più facilmente; e an- resse in paesi come la Grecia, la Spagna e il buon occhio, perché tendenzialmente sono
che i piccoli risparmiatori ci guadagneran- Portogallo, facendo convergere il costo del più stabili e utili alla crescita. Ma anche qui
no, perché non dovranno più mettere tutte denaro. L’efetto, tuttavia, è stato quello di non mancano i problemi, perché ci sono

42 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


conseguenze sulla iscalità e sul potere di Esiste però un altro scenario allarmante, ritorno della sinistra populista stanno pre-
negoziazione che penalizzano i lavoratori. e purtroppo molto più probabile: le élite non sentando il conto di quest’indiferenza. Chi
Perché? Perché se i salari sono almeno riusciranno a rispondere adeguatamente ai spera ancora nella conservazione di un or-
in parte il frutto della contrattazione, le contraccolpi della globalizzazione, e questo dine aperto e liberale deve porsi una do-
aziende possono far valere una minaccia alimenterà sempre più il populismo e il pro- manda: attraverso quali processi politici è
credibile: o accettate salari più bassi o ce ne tezionismo. L’apertura delle economie ai possibile scrivere regole commerciali eque,
andiamo da un’altra parte. Ci sono diversi prodotti stranieri (e magari anche alle idee) in grado non solo di trovare applicazione,
elementi per afermare che il declino della sarebbe compromessa e, soprattutto, sareb- ma anche di essere rispettate fuori dai con-
quota di reddito nazionale prodotta dal la- be a rischio la democrazia liberale. È un ri- ini nazionali? A cominciare dagli accordi
voro è collegato alla minaccia di spostare la schio grave, visto il disprezzo dei populisti commerciali, bisogna dare maggiore legit-
produzione all’estero. Inoltre, quando il ca- per il giusto processo, la tutela del dissenso timazione all’economia mondiale agli oc-
pitale è molto più mobile del lavoro, il lavo- delle minoranze e i controlli e i contrappesi chi dell’opinione pubblica, invece di fare gli
ro diventa più esposto agli shock locali. I alla “volontà del popolo”, come la chiama- interessi delle multinazionali.
lavoratori meno istruiti e qualiicati, quelli no loro. In tutto questo potrebbe insinuarsi La cosa fondamentale da capire è che la
che hanno più diicoltà a spostarsi da un un elemento malsano di nazionalismo scio- globalizzazione è – ed è sempre stata – il
paese all’altro, sono in genere i più colpiti. vinista. La Brexit e Trump sono le avvisaglie frutto dell’iniziativa dell’essere umano: può
Quando il capitale diventa mobile, di- di questo scenario. essere plasmata e riplasmata, nel bene e nel
venta anche più diicile tassarlo. I governi Fortunatamente c’è un’altra via di usci- male. Il grande problema del discorso di
sono costretti sempre più spesso a inan- ta, molto più incoraggiante: quella di un ri- Blair nel 2005 è stato afermare che la glo-
ziarsi tassando i consumi e il lavoro. Non a equilibrio democratico. È possibile uscire balizzazione fosse sostanzialmente una
caso, le aliquote delle imposte sul reddito dall’iperglobalizzazione restituendo più sola cosa, immutabile, anche nel modo in
delle società sono scese bruscamente in autonomia ai singoli paesi, con l’obiettivo cui la società doveva recepirla, un vento del
quasi tutte le economie avanzate in dalla di creare un sistema interno più inclusivo. cambiamento con cui non si poteva trattare
o discutere. Le élite politiche, inanziarie e
Se il capitale è molto più mobile del tecnocratiche sono ancora vittime di que-
sto equivoco. Eppure non c’era niente di
lavoro, il lavoro diventa più esposto prestabilito nella corsa verso l’iperglobaliz-
agli shock locali. I lavoratori meno zazione. La verità è che la globalizzazione è
plasmata in modo consapevole dalle norme
istruiti sono in genere i più colpiti che le autorità decidono di mettere in atto:
i gruppi che privilegiano, i settori su cui
ine degli anni ottanta. Nel frattempo il ca- Cosa bisogna fare? Innanzitutto sviluppare scelgono di intervenire e quelli che invece
rico iscale sui salari (per esempio, gli oneri e applicare il concetto di “commercio scelgono di lasciare stare, i mercati che
previdenziali) è rimasto più o meno costan- equo”. È un concetto che scalda poco il cuo- aprono alla concorrenza internazionale. È
te, mentre le imposte sui consumi e l’iva il re agli economisti, che spesso lo vedono possibile ricostruire la globalizzazione
più delle volte sono aumentate. come una forma mascherata di protezioni- nell’interesse della società, a patto di fare le
smo. Ma il commercio equo è già codiicato scelte giuste. Per esempio, si può stabilire
Le altre strade dalle normative commerciali sotto forma che il coordinamento delle norme iscali ha
Cosa succederà ora? Non possiamo aspet- di dazi compensativi e contro il dumping. la precedenza sulla tutela dei brevetti, che
tarci un ritorno in tempi brevi agli anni no- Un governo può farli scattare per risponde- gli standard sul lavoro vengono prima dei
vanta, all’integrazione economica sfrenata. re ai paesi che abbassano i prezzi delle tribunali speciali per gli investitori.
L’ascesa dei movimenti populisti elimina esportazioni in modo aggressivo o le sov- Se le regole fossero queste, l’economia
ogni dubbio in proposito. Secondo le mie venzionano per conquistare quote di mer- mondiale sarebbe diversa. La distribuzione
stime, alla ine degli anni novanta i populi- cato. Certo, queste cosiddette “misure di dei guadagni e delle perdite tra un paese e
sti attiravano meno del 10 per cento dei vo- difesa commerciale” inibiscono alcuni l’altro e all’interno dei singoli paesi cambie-
ti nei paesi in cui si presentavano alle ele- scambi, ma costituiscono anche una sorta rebbe drasticamente. Non avremmo meno
zioni. Negli ultimi anni questa percentuale di “pedaggio” politico per la costruzione di globalizzazione: anzi, una maggiore legitti-
si è avvicinata al 25 per cento. un sistema commerciale aperto. mazione dei mercati internazionali proba-
Se la strada vecchia è chiusa, quali sono Se in sede di negoziati commerciali que- bilmente stimolerebbe il commercio e gli
le altre? L’incubo di una crisi simile a quella ste misure fossero state estese al cosiddetto investimenti a livello mondiale. Sarebbe
degli anni trenta fortunatamente sembra dumping sociale, cioè la concorrenza basata una globalizzazione più sostenibile, perché
improbabile. Il nazionalismo è ancora mol- sullo smantellamento delle tutele del lavo- godrebbe di un maggior consenso. Ma sa-
to forte, ma ha più ostacoli. Oggi ci sono ro, oggi forse il sistema mondiale degli rebbe una globalizzazione molto diversa da
organizzazioni internazionali più solide e le scambi commerciali avrebbe il sostegno quella che abbiamo ora. u fas
reti di protezione sociale, anche se si stanno popolare che tanto gli manca. Purtroppo
indebolendo, sono più eicaci rispetto agli quest’idea non è mai passata per la testa ai L’AUTORE
anni della grande depressione. Cosa forse fautori dell’iperglobalizzazione. Per loro il Dani Rodrik è un economista turco che
più importante, gli equilibri politici nelle vantaggio comparato era il vantaggio com- insegna all’università di Harvard, negli Stati
democrazie avanzate sono ancora favore- parato, a prescindere dal fatto che fosse il Uniti. Il suo ultimo libro uscito in Italia è
voli ai gruppi che sostengono il commercio frutto delle risorse di un paese o dei suoi ap- Ragioni e torti dell’economia (Università
e gli investimenti internazionali. parati repressivi. Oggi Trump, la Brexit e il Bocconi Editore 2016).

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 43


Venezuela
Il presidente venezuelano Nicolás Maduro. Caracas, 22 agosto 2017
WIl RIERa (BloomBERg/gEtty ImagEs)

La rivoluzione
secondo Maduro
Jon Lee Anderson, The New Yorker, Stati Uniti
Dopo mesi di proteste violente e di repressione, in Venezuela sembra tornata
la calma. E per la prima volta il presidente appare forte e sicuro di sé

44 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Da sapere detto che non avrebbe riconosciuto la nuo-
va assemblea; e il mercato comune del su-
Un anno di manifestazioni damerica, il mercosur, ha sospeso il Vene-
zuela a tempo indeterminato. Donald
trump si è spinto oltre e l’11 agosto ha detto
ai giornalisti: “Ho soldati in tutto il mondo,
anche in posti lontani. Il Venezuela non è
poi così lontano. E lì la gente sofre e muore.
abbiamo molte opzioni per il Venezuela,
compresa quella militare”.
gli stati Uniti hanno annunciato sanzio-
ni contro maduro, inserendolo in quello che
il consigliere per la sicurezza nazionale
H.R. mcmaster chiama “un circolo molto
esclusivo” di tiranni, insieme a Bashar al
Aprile-giugno 2017 almeno novanta persone assad, Kim Jong-un e Robert mugabe. ma-
muoiono nelle proteste per chiedere le elezioni duro ha into di non curarsene.
presidenziali anticipate.
16 luglio si svolge la consultazione popolare Il più fedele di tutti
organizzata dall’opposizione, riunita nella mesa Il discorso di maduro arriva un mese dopo
de la unidad democrática (mud), per le elezioni per l’assemblea costituente e ha
permettere ai venezuelani di pronunciarsi sul
ancora un tono trionfale. “l’assemblea
progetto di assemblea costituente voluto dal
dev’essere il centro di un processo costitu-
governo. sette milioni di cittadini bocciano il
progetto, ma il referendum non è vincolante. zionale popolare di rifondazione, rigenera-
30 luglio si svolgono le elezioni dell’assemblea zione, paciicazione e costruzione”, dice.
costituente, boicottate dall’opposizione. Il Poi ribadisce che il risultato del voto rilette
governo dichiara che hanno votato più di otto la volontà del popolo: “se l’elezione dell’as-
milioni di persone. Il mandato di Nicolás semblea fosse stata una farsa, come sosten-
maduro scade nel 2018. Bbc gono i mezzi d’informazione internaziona-
li, non avremmo ottenuto la pace”.
Hugo Chávez, maduro ha governato un Il presidente parla anche di un incidente
paese in rivolta. l’economia è al collasso e ripreso e difuso online: durante le manife-
molti cittadini sono alle prese con carenze stazioni del 2017 gli attivisti antigovernativi
gravi di viveri e medicinali. Da uno studio è hanno gettato benzina su un giovane mili-
emerso che nel 2017 tre quarti dei venezue- tante chavista e gli hanno dato fuoco. a ma-
lani hanno perso involontariamente più di racaibo è stata incendiata la casa di una fa-
nove chili. gli avversari di maduro lo de- miglia chavista. anche se le forze del gover-
scrivono come un uomo indeciso e debole, no sono state più violente dei dimostranti,
o malvagio e corrotto. l’assemblea nazio- secondo maduro “gli attacchi con il fuoco
nale, il parlamento controllato dall’opposi- contro i chavisti” ricordano i linciaggi degli
zione, lo accusa di aver “abbandonato la afroamericani compiuti dal Ku klux klan.
presidenza” e boicotta regolarmente le sue Il giorno dopo il discorso nel salón aya-
iniziative. Frustrato, maduro ha deciso di cucho, il presidente venezuelano mi riceve
creare un organismo sostitutivo, composto nel suo uicio. Non è un leader naturale, ma
n un pomeriggio di agosto del 2017 quasi esclusivamente da fedelissimi, che ha le idee della rivoluzione sono state il suo pa-

I la folla aspetta che Nicolás maduro


decida il futuro politico del paese.
Il presidente venezuelano parlerà
nel salón ayacucho, nel palazzo
presidenziale di miralores.
maduro è un uomo robusto, alto, con i
capelli neri, i bai e una cicatrice sulla guan-
cia sinistra, conseguenza di un incidente in
moto. I suoi discorsi sono bruschi e provo-
il potere di riscrivere la costituzione del pa-
ese. Da febbraio a maggio del 2017 il suo
braccio di ferro con l’opposizione ha provo-
cato scontri tra i sostenitori del governo e i
manifestanti. Nelle proteste sono morte
decine di persone e centinaia sono rimaste
ferite. alla ine, a luglio, maduro ha indetto
le elezioni per l’assemblea costituente. le
proteste si sono placate e, per la prima volta
ne quotidiano in dall’infanzia. È nato in un
quartiere proletario di Caracas nel 1962,
quando la sinistra venezuelana era legata
alla controcultura. maduro è stato “un po’
hippy”: guidava motociclette, suonava in
un gruppo ispirato ai led Zeppelin e a John
lennon e studiava gli insegnamenti del mi-
stico indiano sai Baba, che esortava i segua-
ci a “lasciar scorrere l’amore ainché puri-
catori, animati da un umorismo arrogante. da quando è diventato presidente, maduro ichi il mondo”. In politica era più realistico.
sotto l’occhio delle telecamere, pronuncia ha dato l’impressione di avere la situazione Il padre era un sindacalista di sinistra e, a
un monologo di un’ora pieno di slogan so- sotto controllo. dodici anni, maduro entrò nel sindacato
cialisti, battute e invettive. tutto il discorso a livello internazionale, però, la sua im- studentesco. Poco dopo lasciò la scuola e
è incentrato sulla vittoria contro gli avver- magine ne ha risentito. Il presidente france- s’iscrisse alla lega socialista, il cui slogan
sari politici. se Emmanuel macron lo ha accusato di es- era “il socialismo si realizza con la lotta”.
Dal 2013, quando ha preso il posto di sere un “dittatore”; l’Unione europea ha Negli anni settanta e ottanta il gruppo fu

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 45


Venezuela
coinvolto in azioni di guerriglia. a 23 anni governi della regione che simpatizzavano cratico ricco di petrolio, considerato un
maduro andò all’avana per frequentare la con lui: una “marea rosa” di paesi latinoa- modello di crescita economica e stabilità
scuola Julio antonio mella, un programma mericani di sinistra. politica da tutta la regione. Caracas, che si
di formazione politica gestito dall’Unione al suo funerale, nel 2013, il corpo del trova su un altopiano verdeggiante a meno
dei giovani comunisti cubani. tornato a presidente bolivariano fu esposto in una di venti chilometri dalla costa caraibica,
Caracas lavorò come autista di autobus per bara aperta e migliaia di venezuelani gli re- era un’enclave di modernità in stile statu-
l’azienda dei trasporti metropolitana e di- sero onore. Con lui moriva anche qual- nitense. la sua strada principale costeggia
ventò segretario dell’associazione di cate- cos’altro: la marea rosa cominciò a ritirarsi il rio guaire, una specie di cloaca che scor-
goria. Nel tempo libero collaborava con la e i leader di sinistra persero il potere in Bra- re attraverso la valle, collegando e allo
lega socialista ed era sempre più devoto a sile e in argentina. Un mese dopo, ad aprile, stesso tempo dividendo i tre milioni e mez-
Chávez, che considerava l’incarnazione maduro partecipò alle elezioni presidenzia- zo di abitanti della capitale, chiamati cara-
degli ideali rivoluzionari di simón Bolívar. li sidando Henrique Capriles, candidato queños. le colline a ovest sono coperte da
“la rivoluzione venezuelana non è stata della coalizione di opposizione mesa de la un mosaico di quartieri poveri che afac-
importata”, mi dice. “le sue radici sono unidad democrática (mud). le vinse con un ciano sul centro della città. I caraqueños più
nella nostra storia”. mi spiega che i governi vantaggio di appena un punto percentuale. ricchi vivono soprattutto nella zona est, in
del novecento hanno sfruttato i guadagni maduro era impacciato e insicuro, e cercava comprensori con mura sormontate da ilo
della vendita del petrolio senza investire di compensare la debolezza del suo manda- spinato elettriicato o in palazzi sorvegliati
nel popolo: “Chávez è stato senza dubbio il to invocando Chávez, che chiamava “pa- da uomini armati. gli scontri degli ultimi
leader più grande dai tempi dei liberatori, dre”. Non aveva il carisma del anni hanno inasprito le divisioni
ha riportato in vita i principi di libertà e di predecessore e, soprattutto, non di classe. In centro e nei quartieri
uguaglianza di Bolívar”, aferma. aveva gli stessi soldi. Nel 2013 il intorno al palazzo miralores ci
Nel febbraio del 1992 Chávez tentò un prezzo del petrolio – che garanti- sono cartelloni e murales con
colpo di stato, che fallì. Fu arrestato e ma- sce al Venezuela il 95 per cento slogan rivoluzionari su Chávez,
duro si dedicò anima e corpo al tentativo di delle entrate in valuta estera – ha Castro e Che guevara. Nella zo-
liberarlo. Cominciò anche la relazione con cominciato a scendere. l’economia è entra- na est, teatro degli scontri del 2017, si leg-
Cilia Flores, una degli avvocati di Chávez, ta in crisi, determinando un aumento gono scritte come “maduro assassino” e
che poi sposò. Quando nel 1994 Chávez fu dell’inflazione e la scarsità di generi ali- “abbasso la dittatura”.
rilasciato, maduro era diventato uno dei mentari. anche la violenza è peggiorata.
suoi aiutanti più fidati. I collaboratori di alle elezioni legislative del dicembre 2015 Tattica vincente
Chávez si distinguevano soprattutto per la l’opposizione ha vinto per la prima volta in gli scontri sono cominciati alla corte supre-
loro fedeltà, e maduro era forse il più fedele sedici anni. Come primo atto ha rimosso in ma e al consiglio nazionale elettorale (Cne),
di tutti. Nel 1998, quando Chávez fu eletto maniera ostentata i ritratti di Chávez e Bo- controllati dai fedelissimi di maduro. Nel
presidente per la prima volta, fu nominato lívar dalle pareti dell’assemblea nazionale. 2016 i parlamentari dell’opposizione hanno
ministro degli esteri e poi vicepresidente. maduro ha cominciato a imprigionare provato a organizzare un referendum per
Dal punto di vista ideologico Chávez nei gli oppositori, impegnandosi a sconiggere indire nuove elezioni e destituire maduro,
primi anni di governo era abbastanza lessi- i suoi nemici con tutti i mezzi possibili. la ma il Cne si è opposto. Nel marzo del 2017
bile: era interessato alle idee di sinistra, ma sua intransigenza è dipesa dalla necessità la corte suprema ha votato per assumere il
anche alla “terza via” proposta da Bill Clin- storica: “È una rivoluzione e siamo in una controllo dell’assemblea nazionale, riman-
ton e tony Blair. Con il tempo si avvicinò a fase di accelerazione del processo rivolu- giandosi la decisione tre giorni dopo tra
Fidel Castro, che considerava una igura zionario”, dice. l’indignazione generale.
paterna, e concepì “il socialismo per il ven- Due generazioni fa quella del Venezue- Da allora, per mesi, i manifestanti sono
tunesimo secolo”. Portò il Venezuela la era una delle storie di successo del mon- scesi in piazza tutti i giorni. la reazione del
nell’orbita di Cuba, offrendole finanzia- do in via di sviluppo. Era un paese demo- governo è stata feroce: ogni volta che parti-
menti e petrolio a prezzo agevolato in cam- vano, i cortei si trovavano di fronte gli uo-
bio di decine di migliaia di medici, inse- Da sapere mini della guardia nazionale, che lanciava-
gnanti e consulenti. no lacrimogeni e spesso caricavano i mani-
Nel 2002 un colpo di stato militare ap- Economia in crisi festanti, a piedi o in moto. se la guardia na-
poggiato dagli stati Uniti destituì Chávez Saldo di bilancio in alcuni paesi produttori di zionale fermava qualcuno, lo prendeva a
per un breve periodo. Pedro Cardona, un petrolio, percentuale del pil. Fonte: The Economist calci o a manganellate, e poi lo rinchiudeva
uomo d’afari, tenne una conferenza stam- in un centro di detenzione.
Arabia Saudita
pa nel salón ayacucho e si proclamò nuovo 30 Un noto leader giovanile, Roberto Pa-
leader del paese. tre giorni dopo Chávez tiño, che dirige un’organizzazione senza
20
assunse di nuovo il potere. Da allora, per Norvegia scopo di lucro favorevole alla ricerca di so-
più di dieci anni, il suo Partito socialista 10 luzioni politiche pacifiche, ammette che
unito del Venezuela (Psuv) ha dominato la alcuni manifestanti lanciavano molotov o
0
politica del paese. Il mercato del petrolio sassi contro la guardia nazionale. ma dei-
Russia
era iorente e le riserve del Venezuela – le -10 nisce la reazione del governo sproporziona-
più grandi del mondo – garantirono al go- ta, un’operazione per scoraggiare la resi-
verno socialista qualcosa come mille mi- -20 stenza “difondendo la paura”. Il 19 aprile,
liardi di valuta estera. Con quell’enorme Venezuela durante una delle prime manifestazioni, il
-30
ricchezza Chávez inanziò un’alleanza di 2000 2005 2010 2015 cugino di Patiño, andrés guinand, stava

46 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


mERIDItH KoHUt (tHE NEW yoRK tImEs/CoNtRasto)

Manifestanti antigovernativi a Caracas, 26 maggio 2017

camminando con la idanzata e i genitori di goniore è diminuito e i medici pensano di stati Uniti o per altri paesi più lontani. Il
lei quando sono stati caricati. “È scoppiato poter richiudere presto il buco che ha in te- proprietario di un famoso bar ha venduto
un pandemonio”, ha detto guinand al sito sta. Cammina di nuovo, ma ha perso sensi- tutto e si sta trasferendo a madrid con la
Prodavinci. “Io e la mia idanzata ci siamo bilità alla gamba sinistra. appena è venuto moglie e i igli. Il ritmo dell’inlazione non
gettati sull’argine del iume guaire da un’al- a sapere del cugino, Patiño si è precipitato gli permette di pagare i debiti, neanche
tezza di circa due metri e mezzo. Ci lancia- in clinica. È rimasto sconvolto vedendo la cambiando i prezzi ogni giorno. “E la sera
vano candelotti lacrimogeni. siamo rimasti ferita, ma ha capito che nella sfortuna gli quando chiudo ho paura di essere rapina-
intrappolati lì con altre persone, alcune non era andata bene. mi ha detto che, per inti- to”, dice.
riuscivano a respirare”. midire gli abitanti dei quartieri ostili al go- tuttavia molti pensano che anche l’op-
Volevano fuggire guadando il iume, an- verno, gli uomini della guardia nazionale posizione sia responsabile dei problemi del
che se l’acqua era piena di riiuti. “temevo entravano negli appartamenti di notte, sfa- paese. secondo Cheo, un simpatico signore
di calpestare un pezzo di metallo che mi sciavano porte e inestre, e tagliavano i cavi di mezza età di un quartiere popolare, era
avrebbe tagliato il piede”, ha raccontato degli ascensori per costringere gli anziani a inevitabile che il governo contrastasse l’as-
guinand. Dall’altra parte, l’argine era ripi- usare le scale. semblea nazionale: “Cosa farebbe lei se,
do. mentre cercava di arrampicarsi, la sua la cosa più frustrante, dice, è che la tat- dopo avergli regalato una macchina nuova,
idanzata è scivolata un paio di volte. “Ho tica del governo ha funzionato. a maggio il suo iglio si rivoltasse contro di lei? gliela
sentito qualcosa, un colpo, e un sibilo mi ha Cne ha accolto la richiesta di maduro d’in- toglierebbe per dargli una lezione, no?”. Nel
assordato per qualche secondo. Poi sono dire le elezioni per l’assemblea costituente. 2015 Cheo ha votato per l’opposizione, ma è
caduto dall’argine. ‘mi hanno preso’, ho gri- Dopo il voto del 30 luglio le proteste si sono rimasto deluso quando ha capito che usava
dato. mi avevano sparato un candelotto la- diradate. alla ine dell’estate era rimasto il parlamento per attaccare il governo inve-
crimogeno in testa che è rimbalzato sul ben poco dei mesi di rabbia e di spargimen- ce di migliorare la situazione.
ianco della mia idanzata ed è caduto in ac- to di sangue, a parte i graiti sui muri e qual- Un pomeriggio incontro Henrique Ca-
qua”. alcuni compagni lo hanno tirato su che solco sulle strade dove erano state eret- priles, politico dell’opposizione, nel quar-
implorandolo di andare avanti. “muovevo te le barricate. tiere esclusivo di altamira. È cordiale e ipe-
le gambe, ma non le sentivo, non riuscivo a arrivando a Caracas la città sembra ab- rattivo, e ha un tono di voce alto e deciso. si
coordinarle. Non mi reggevo in piedi”. È bandonata. la gente ha paura di uscire di è scontrato spesso con i chavisti. Nel 2004,
stato riportato in strada con una corda. In casa ed è preoccupata per il futuro. Decine quando era sindaco di uno dei distretti di
clinica gli hanno detto che aveva un buco di migliaia di venezuelani si afollano verso Caracas, scontò quattro mesi di carcere
nel cranio delle dimensioni di una palla da il conine con la Colombia, e chi può per- perché un procuratore dello stato lo aveva
golf e il cervello era gonio. sei mesi dopo, il metterselo compra un biglietto aereo per gli accusato di aver permesso ai manifestanti

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 47


Venezuela
mERIDItH KoHUt (tHE NEW yoRK tImEs/CoNtRasto)

Caracas, 20 aprile 2017. Una persona ferita durante una manifestazione contro il governo

antigovernativi di attaccare l’ambasciata tuttavia agli occhi di molti osservatori merosa popolazione di sangue misto. Nei
cubana. Nel 2012 si candidò alla presidenza maduro appare più forte che mai e i suoi av- primi anni della presidenza Chávez gli uo-
contro Chávez, ma fece fatica a convincere versari sempre più deboli. Questo, in parte, mini d’afari – tutti bianchi – lo chiamavano
gli elettori a modiicare lo status quo. “Il è dovuto alle intimidazioni. a febbraio del sfacciatamente “lo scimmione”. Il disprez-
2012 è stato l’ultimo anno della follia resa 2014 un leader dell’opposizione popolare, zo verso maduro è leggermente meno pale-
possibile dagli enormi guadagni del petro- leopoldo lópez, è stato arrestato per aver se: lo chiamano “l’autista”. l’opposizione si
lio”, dice. Quell’anno Chávez spese l’equi- indetto delle manifestazioni in cui sono è spostata sempre più a destra, tendendo la
valente di 50 miliardi di euro di fondi pub- morte diverse persone. secondo gli avver- mano a governi conservatori come quello
blici nella speranza di garantirsi la fedeltà sari di maduro, l’arresto è stato ordinato dal di mariano Rajoy in spagna. a febbraio del
degli elettori. “In campagna elettorale pro- presidente. ma come aferma José “Pepe” 2017 lilian tintori, moglie di leopoldo
ponevo un cambiamento di governo a per- mujica, l’ex presidente di sinistra dell’Uru- lópez, ha incontrato Donald e melania
sone che mi ricevevano con un bicchiere di guay: “Quello che aiuta di più il governo del trump per discutere dei diritti umani in Ve-
whisky in mano e mi chiedevano: ‘Perché Venezuela è l’opposizione”. gli avversari di nezuela.
dovrei cambiare?’”, racconta ridendo. maduro sono divisi in tre partiti principali e allo stesso tempo molti dei candidati
Nonostante questo, Capriles ottenne il altri più piccoli, che hanno poco in comune più popolari dell’opposizione non possono
44 per cento dei voti, “la prova che il Vene- a parte il desiderio di allontanarlo dal pote- presentarsi alle elezioni. lópez è agli arresti
zuela non è un paese chavista e che la rivo- re. Dopo le elezioni del 2015 l’opposizione si domiciliari. E ad aprile del 2017 il governo
luzione non è irreversibile”. sei mesi dopo, è unita per destituire maduro, ma poi per ha interdetto Capriles dalle cariche pubbli-
nell’aprile 2013, presentandosi contro ma- mesi ha litigato sul modo migliore per farlo. che per quindici anni coniscandogli il pas-
duro, Capriles ofrì un compromesso agli Durante le proteste, mentre morivano deci- saporto. È accusato di aver usato male i
elettori di sinistra: continuare a inanziare ne di giovani manifestanti, non ha trasfor- fondi pubblici durante un incarico prece-
i programmi sociali lasciando i medici cu- mato l’indignazione difusa in un program- dente. lui nega.
bani nel paese. Per i suoi avversari il pro- ma politico. “È una banda che non sa spara- “sono ottimista”, dice Capriles. Ha già
gramma era “chavismo leggero”, ma fun- re dritto”, aferma un ex funzionario statu- superato l’esperienza del carcere. “andare
zionò: Capriles arrivò a un passo dalla vit- nitense che lavora da decenni nella regione. in prigione è come perdere la verginità, suc-
toria. anzi, secondo lui i risultati furono “Ha avuto tutte le opportunità di cacciare cede solo una volta. Ci stiamo avvicinando
truccati e maduro non aveva il sostegno via Chávez e poi maduro, ma commette alla ine, per questo il governo è così aggres-
del popolo: “Ha l’appoggio dell’esercito e sempre qualche errore”. sivo”. le pressioni che esercitano altri pae-
della magistratura, ma il suo governo è in In Venezuela pochi credono che l’oppo- si, soprattutto gli stati Uniti con l’applica-
minoranza assoluta”, dice. sizione sia dalla parte dei poveri o della nu- zione delle sanzioni, costringeranno madu-

48 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


ro a dialogare con l’opposizione. “maduro fratello, Jorge Rodríguez, è un vecchio alle- militari. “secondo Chávez la rivoluzione
ha paura di trump”, sostiene Capriles. “Il ato di maduro: lo accompagnò in carcere bolivariana poteva trionfare solo se dopo di
suo non è il partito rivoluzionario cubano. per incontrare Chávez e in seguito celebrò il lui ci fosse stato un civile”, dice il consiglie-
Qui i soldi contano. I generali che lo appog- suo matrimonio con Cilia Flores. Jorge, uno re, e mi spiega che maduro ha già comincia-
giano non vogliono guidare auto cinesi: vo- psichiatra, è stato vicepresidente e ora è mi- to a raforzare la sua inluenza sull’esercito.
gliono le migliori toyota, e adorano miami. nistro dell’informazione. Rodríguez è molti governatori e ministri chiave del go-
Questa non è una rivoluzione ideologica”. un’avvocata e, prima di diventare presiden- verno sono militari.
anche se la situazione non è delle migliori, te della nuova assemblea, è stata ministra l’ex funzionario statunitense è d’accor-
lópez è sicuro che riuscirà a partecipare al- degli esteri. secondo un ex alto funzionario do con quest’analisi: “maduro è più furbo
le elezioni previste quest’anno. gli chiedo venezuelano vicino a maduro, i toni sempre dei suoi nemici. Essere riuscito a sofocare
se prometterà di mantenere alcune delle più ideologici del presidente sono dovuti l’opposizione è stato il suo 26 luglio”, afer-
misure adottate da Chávez, come ha fatto alla loro inluenza: “Con maduro, Delcy e ma riferendosi all’attacco di Fidel Castro
nell’altra campagna elettorale. “Non ce n’è Jorge c’è stato una specie di colpo di stato di alla guarnigione dell’esercito cubano nel
bisogno”, risponde,“ormai è inita”. estrema sinistra al governo”, dice. Negli an- 1953, che segnò l’inizio della sua ascesa al
potere. “È stata la sua prova del fuoco e ne è
Il nemico numero uno Non si è solo uscito più forte”.
Un pomeriggio un gruppo di funzionari go-
vernativi si riunisce nel cortile della Casa circondato di Coltiva il tuo riso
amarilla, un ediicio neoclassico che è la fedelissimi, ha anche maduro si diverte a stuzzicare i leader sta-
sede sia del ministero degli esteri sia dell’as- tunitensi. Quando Barack obama criticò la
semblea costituente, per una trasmissione eliminato molti rivali situazione dei diritti umani in Venezuela,
televisiva in simultanea con maduro in col- gli rispose che avrebbe dovuto preoccupar-
legamento da miraflores. la presidente ni di Chávez la rivoluzione bolivariana ac- si di “difendere quelli degli afroamericani
dell’assemblea, Delcy Rodríguez, guida il coglieva qualche diferenza ideologica al uccisi nel suo paese ogni giorno”. Provoca-
gruppo attraverso una mostra fotograica suo interno, ora le cose sono cambiate. se- re trump, che considera un imbroglione,
sulla vita del presidente. alcune foto lo mo- condo il funzionario, è facile spiegare il ra- un ladro e un malato di mente, gli piace par-
strano quand’era un leader sindacale, in dicalismo del presidente: “Vuole passare ticolarmente. lo prende in giro per i capelli,
altre è con Chávez e Fidel Castro. arrivata alla storia, diventare un mito della rivolu- chiamandolo “il re delle parrucche”.
davanti a un’immagine in bianco e nero del zione”. Nell’estate 2017, quando Washington ha
giovane maduro, Rodríguez si rivolge alla Non si è solo circondato di fedelissimi, imposto nuove sanzioni, maduro ha convo-
folla con un megafono: “sei un uomo dalle ha anche eliminato molti rivali. Una matti- cato i riservisti per due giorni di esercitazio-
molte sfaccettature, presidente, che ancora na incontro uno dei suoi consiglieri all’hotel ni militari in vista di una possibile “invasio-
nessuno conosce a causa del linciaggio me- gran meliá di Caracas e gli chiedo di spie- ne imperialista”.
diatico a cui sei stato sottoposto. Noi dell’as- garmi in che modo il presidente ha consoli- tuttavia, in privato, le sanzioni lo pre-
semblea costituente vogliamo mostrarti dato il suo potere. Nell’opposizio- occupano molto. Il paese non ri-
come sei veramente”, dice. ne, dice, Capriles è il “nemico esce più a pagare i debiti. a mag-
alla ine del giro il presidente sorride, numero uno” di maduro. Quando gio la goldman sachs ha tirato
ringrazia Rodríguez e scherza sul fatto che gli faccio notare che non è mai fuori dai guai il governo con l’ac-
di solito lo dipingono come un malvagio stato un antichavista accanito, lui quisto di buoni del tesoro per 2,8
“stalin tropicale”. Poi, rivolgendosi al pub- mi risponde che è proprio la sua miliardi di dollari. ma il 25 agosto
blico, dice: “Nessuno può togliermi il buo- moderazione a renderlo pericoloso. la so- trump ha irmato un ordine esecutivo che
no che c’è in me. In tutta umiltà, è questo luzione del presidente è stata arrestare il più vieta agli istituti inanziari statunitensi di
che sono”. In una delle foto esposte si vede aggressivo leopoldo lópez, trasformando- comprare azioni o obbligazioni venezuela-
maduro che abbraccia la moglie Cilia Flo- lo nel simbolo internazionale del “martire ne, e di concedere prestiti al governo e
res, definita “prima combattente”. In politico” e facendo apparire Capriles come all’azienda petrolifera di stato. Per il gover-
vent’anni sono diventati la coppia più po- un leader pronto ai compromessi. “Il presi- no, le sanzioni sollevano la temuta possibi-
tente del paese. Con la vittoria di Chávez dente è furbo”, dice. lità di cadere di nuovo in uno stato d’insol-
entrambi ottennero un seggio in parlamen- Un altro rivale di maduro era l’uiciale venza. “sono un serio pericolo”, dice il
to, poi maduro diventò presidente dell’as- dell’esercito Diosdado Cabello, che è vice- consigliere di maduro. Il governo deve mi-
semblea. Nel 2006 fu nominato ministro presidente del Psuv e ha legami stretti con liardi di dollari agli obbligazionisti e nelle
degli esteri e Flores lo sostituì alla presiden- le forze armate. alcuni analisti hanno ipo- casse dello stato non ci sono abbastanza
za del parlamento, che mantenne per quat- tizzato un golpe militare, ma il consigliere soldi per ripagarli. “I guai arriveranno
tro anni. È accusata di aver aidato incari- mi dice: “È una sciocchezza, perché in par- quando bisognerà decidere se pagare il de-
chi politici a una quarantina di parenti. I te è già un governo militare. È guidato da bito o le indispensabili importazioni di vi-
parlamentari dicono scherzando che, se in civili, perché rientra nella visione di madu- veri e medicinali”, aferma. se fallisce, il
una seduta si pronuncia il nome Flores, si ro, ma fondamentalmente è militare”. Venezuela potrebbe perdere le garanzie
girano tutti. oggi Flores fa parte dell’as- Chávez, che era stato paracadutista, aveva collaterali che ha oferto agli investitori,
semblea costituente, dove c’è anche il iglio deinito il suo governo “un’unione civile- compresa la quota della Citgo, la catena di
di maduro, Nicolás, 27 anni. militare”, un concetto con una lunga tradi- stazioni di servizio con sede negli stati
anche i rapporti del presidente con Del- zione in Venezuela. Nel 1958 Pérez Jiménez Uniti. se l’azienda Petróleos de Venezuela
cy Rodríguez sono stretti, quasi familiari. Il fu spodestato grazie a un patto tra civili e (Pdvsa) fallisce, i creditori potrebbero

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 49


Venezuela
avanzare diritti sulle sue proprietà all’este- vano nuovi del mestiere, ma avevano detto schieramenti, tra cui spiccava il repubblica-
ro, inclusa la lotta di petroliere e di aerei. all’uomo di avere un incentivo importante: no marco Rubio, chiedeva un intervento più
Il potere dei chavisti si basava soprattut- “siamo in guerra con gli stati Uniti”. la co- duro. alla ine, l’amministrazione obama
to sull’economia. Con i guadagni del petro- caina doveva arrivare all’aeroporto interna- aveva deciso d’imporre sanzioni contro set-
lio distribuivano soldi e provviste agli abi- zionale simón Bolívar, in Venezuela, e poi te funzionari venezuelani per corruzione,
tanti delle baraccopoli, e pagavano i medici essere spedita negli stati Uniti attraverso violazione dei diritti umani e altri reati. E,
cubani. ma anche se spendeva per i pro- l’Honduras. Il ricavato sarebbe servito a i- su richiesta del dipartimento del tesoro,
grammi sociali, il governo Chávez faceva nanziare la campagna elettorale per le legi- aveva anche deinito il Venezuela una mi-
poco per costruire infrastrutture e incorag- slative. Il trafficante era un informatore naccia per la sicurezza degli stati Uniti.
giare i commerci. Chávez fece aumentare della Drug enforcement administration maduro ha visto in questo un’opportuni-
di sei volte il debito estero venezuelano, la- (Dea), l’agenzia antidroga statunitense. a tà politica. Durante un discorso trasmesso
sciando poche riserve per eventuali crisi novembre di quell’anno i due nipoti sono in tv, ha detto rivolgendosi al pubblico:
economiche. secondo un rapporto della stati arrestati ad Haiti, con l’accusa di aver “l’aggressione e le minacce del governo
Reuters basato su documenti governativi complottato per contrabbandare 1.700 chi- statunitense rappresentano l’offesa più
riservati, nel 2016 l’inlazione aveva rag- li di cocaina negli stati Uniti. Il pubblico grande che la repubblica bolivariana del Ve-
giunto l’800 per cento. ministero ha chiesto l’ergastolo, ma secon- nezuela abbia mai ricevuto”. E tra gli ap-
Nonostante le dichiarazioni del gover- do la difesa è una pena troppo severa, per- plausi dei presenti ha aggiunto: “Dobbiamo
no, la maggior parte dei progetti sociali non ché il loro arresto è stato una trappola e la essere uniti come un unico pugno di uomini
ha più fondi. le reti di distribuzione di prov- droga non è mai entrata negli stati Uniti. a e donne”.
viste alimentari e le mense gratuite sono dicembre del 2017 un giudice di New york li secondo il funzionario statunitense,
state chiuse o funzionano a malapena. gli ha condannati a scontare 18 anni di carcere. nelle settimane successive le dimostrazioni
ambulatori faticano a ofrire i servizi di ba- Il governo maduro ha insolitamente taciuto di simpatia verso il Venezuela da parte degli
se. Quello che rimane è il Clap, un program- sul caso. Due mesi dopo l’arresto dei nipoti, altri paesi della regione erano aumentate.
ma per la distribuzione di generi alimentari Cilia Flores ha detto che la Dea era “entrata alla ine i diplomatici “avevano dovuto or-
gratuiti alle famiglie povere, ma le conse- in territorio venezuelano, aveva violato la ganizzare un incontro tra obama e maduro,
gne avvengono sporadicamente, a volte sovranità del paese e commesso il reato di stabilendo i minimi dettagli, in cui il presi-
solo una settimana al mese. rapimento”. Poi non ha più parlato. secon- dente statunitense avrebbe dovuto dire:
secondo l’ex presidente uruguaiano do maduro, l’episodio è l’ultimo di una lun- ‘Naturalmente non siete un vero pericolo
mujica, maduro e i suoi alleati hanno dii- ga serie di violazioni della sovranità vene- per la nostra sicurezza nazionale’”.
coltà ad adattare il loro programma sociali- zuelana da parte degli stati Uniti. I funzionari dell’amministrazione
sta alle realtà del mercato. “Il problema più trump responsabili dei rapporti con il Ve-
grave della rivoluzione venezuelana è l’eco- Un’ofesa grave nezuela sono H.R. mcmaster, il consigliere
nomia”, dice. “Non è stata capace di diver- Vari funzionari dell’amministrazione oba- per la sicurezza nazionale, e Juan Cruz, un
sificare, ha fallito nell’agricoltura e nella ma mi hanno detto che, in dall’inizio della funzionario di lungo corso della Cia che a
produzione alimentare. Non è colpa della sua presidenza, la Casa Bianca ha conside- maggio del 2017 è stato nominato respon-
rivoluzione, è colpa del Venezuela, che è rato maduro incapace di tenere insieme il sabile per gli afari nell’emisfero occidenta-
una vecchia economia petrolifera basata paese. “Era chiaramente un leader debole”, le al Consiglio per la sicurezza nazionale.
sulla rendita. si è persa la cultura del lavoro dice un diplomatico che lavora nella regio- maduro si è lamentato del fatto che con
nei campi, e questo è un fatto molto grave. ne. “Chávez non ha mai sconinato nell’au- trump le tensioni sono aumentate. “ora
Ricordo sempre il consiglio che il leader toritarismo, maduro sì”. l’amministrazione negli stati Uniti gli estremisti e i lobbisti oc-
nordcoreano Kim Il-sung diede a Fidel: sperava di risolvere il problema attraverso cupano tutte le posizioni di potere”, dice.
‘Coltiva il tuo riso’. Quello che mangi deve la mediazione di altri paesi latinoamerica- senza darmene nessuna prova mi racconta
venire da un posto vicino alla tua cucina”. ni. ma un gruppo di politici di entrambi gli che, durante i disordini della scorsa prima-
Prosegue mujica: “C’è anche un altro pro- vera, alcuni politici dell’opposizione hanno
blema fondamentale. Il socialismo non si
realizza per decreto. Noi di sinistra abbia-
Da sapere tramato con l’amministrazione trump per
spodestarlo. maduro sostiene che il politico
mo la tendenza a innamorarci dei nostri
Il costo della vita Julio Borges, uno dei suoi principali rivali,
sogni e poi li confondiamo con la realtà. so- Inlazione in America Latina, 2017 ha invocato un’invasione da parte degli sta-
no giuste le parole di Nikolaj Ivanovič Bu- ti Uniti. “Non c’è un governo al mondo che
kharin: ‘Non si tratta di rinunciare alla rivo- % % troverebbe accettabile una cosa del genere,
luzione, si tratta di rispettare la realtà’. Devi Venezuela 2.616 Colombia 4,0 perché tutti gli stati hanno il diritto di difen-
risolvere il problema di come mangerà la argentina 24,8 Brasile 2,9 dersi”, aferma. “Negli stati Uniti sarebbe
gente e garantire che l’economia funzioni, inito sulla sedia elettrica (per alto tradi-
altrimenti sei nella merda”. messico 6,7 Bolivia 2,7 mento)”. se Washington attaccasse il Vene-
Nel 2015, secondo una denuncia presen- Uruguay 6,5 Costa Rica 2,5 zuela, Caracas “si ribellerebbe” e combat-
tata a un tribunale distrettuale di New york, terebbe. Nel suo discorso al salón ayacu-
Nicaragua 5,6 Cile 2,3
due nipoti della moglie di maduro, Cilia cho, maduro ha elogiato le recenti esercita-
Flores, hanno contattato un traicante di guatemala 5,6 El salvador 2,0 zioni militari dicendo: “Chávez non ha se-
droga dell’Honduras per discutere di Honduras 4,7 Perù 1,3 minato invano. Ci ha lasciato un esercito
un’eventuale collaborazione. I nipoti, forte, per la pace!”. ma negli stati Uniti po-
Paraguay 4,5 Fonte: Afp
Efraín Campos e Francisco Flores, sembra- chi prendono sul serio la minaccia di

50 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Nella casa di una famiglia a Cumaná, Venezuela, giugno 2016
mERIDItH KoHUt (tHE NEW yoRK tImEs/CoNtRasto)

un’azione militare lanciata dal presidente rano nella regione non vedono molte spe- zione. Il presidente ammette che anche la
trump. maduro sembra convinto che buo- ranze di cambiamento. “l’inettitudine “burocrazia di partito” è un problema e “la
na parte della legittimità del suo governo si dell’opposizione e la propensione dei russi, sida più grande” è smettere di contare sul
basi sull’opposizione agli stati Uniti. Du- e forse anche dei cinesi, a mantenere a gal- petrolio. “abbiamo bisogno di un nuovo
rante il nostro incontro, dice che la presi- la il governo signiicano che non abbiamo modello di produzione economica”, afer-
denza trump segnerà “la ine dell’egemo- molti strumenti a disposizione”, aferma il ma. “a proposito della classe operaia, marx
nia americana nel mondo” e che “di questi funzionario statunitense. È ancora possi- diceva che ci vuole tempo per cambiare la
tempi non si può gestire la politica interna- bile applicare le sanzioni sul petrolio, ma storia. E aveva ragione”. Per ora, dice, l’ele-
zionale con la forza, con un programma probabilmente provocherebbero il crollo zione dell’assemblea costituente ha ripor-
suprematista”. ma, come Chávez, maduro totale dell’economia venezuelana e avreb- tato la pace in Venezuela.
sa che non può provocare troppo Washing- bero efetti negativi anche sugli stati Uniti. Cosa succederà in futuro? Ci sarà una
ton. In pubblico e in privato ha più volte so- “Negli stati repubblicani dove ci sono le guerra civile, come prevedono alcuni ana-
stenuto che la situazione è diventata così rainerie si perderebbero molti posti di la- listi? maduro scuote la testa in modo deci-
tesa perché trump è stato ingannato dai voro”, mi spiega. “trump si diverte a pro- so. altri disordini? “sì, forse”, risponde.
suoi consiglieri. mi ripete che non ha “nien- vocare maduro, ma non vuole inimicarsi Vorrebbe uno stato guidato da un partito
te di personale” contro di lui e sarebbe feli- gli stati del sud”. unico come a Cuba? “No”, dice. Invece sa-
ce di parlargli. maduro non ha motivi per cambiare li- rebbe contento se ci fosse un’opposizione
nea. gli chiedo se pensa che la rivoluzione politica normale. “ma la nostra opposizio-
Cambiare la storia abbia commesso degli errori. “Errori?”, di- ne ha un grosso difetto, le sue decisioni
Chávez aveva controbilanciato l’inluenza ce. Ci pensa un attimo e poi ne cita uno, cioè vengono prese a Washington, inoltre non
degli stati Uniti unendo tutta la sinistra la- aver “sottovalutato” gli avversari politici. ha un leader”, aferma. “Vogliono mandar-
tinoamericana. ma da quando ha ridotto “E la corruzione?”, gli chiedo. “Questo pa- mi via, ma se io me ne andassi chi mette-
gli aiuti ai paesi amici, il Venezuela sta per- lazzo è stato liberato dai mercanti del pote- rebbero al mio posto? Chi sceglierebbero
dendo potere nella regione. Cuba, che un re”, dice, dai governi corrotti che hanno come presidente?”. u bt
tempo riceveva centomila barili di petrolio preceduto quello di Chávez, ma le abitudini
a prezzo agevolato al giorno, ora ne riceve dei vecchi regimi sono rimaste. “abbiamo il L’aUTore
meno della metà. la giamaica è passata compito di fare pulizia”, aferma. ai massi- Jon Lee Anderson è un giornalista
da 24mila a 1.300. I vicini del Venezuela mi livelli dell’amministrazione non c’è cor- statunitense. scrive per il New yorker. Il suo
tendono sempre di più a criticare maduro. ruzione, ma da lì in giù, e fa un gesto con la ultimo libro uscito in Italia è Che. Una vita
tuttavia i funzionari statunitensi che lavo- mano per indicare vari livelli di contamina- rivoluzionaria (Feltrinelli 2017).

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 51


Lituania
Il fotografo Samvel Gandzumian a Užupis, Vilnius, ottobre 2017 Ieva Matulionyte dell’Užupis art incubator
PoLITyKa (3)

Piccola utopia
lituana
Magda Działoszyńska, Polityka, Polonia. Foto di Leszek Zych
Vent’anni fa a Vilnius un gruppo qualche mese dopo. Perché uno stato dove- libertà. Gli articoli della costituzione sono
di artisti ha creato per gioco la va pur avere una costituzione. 38. Nel primo è scritto: “L’uomo ha il diritto
“Per buttarla giù ci vollero tre ore, ed è di abitare sulla Vilnia e la Vilnia di scorrere
repubblica indipendente di stata tradotta in settanta lingue”, dice con accanto all’uomo”. Il iume Vilnia occupa
Užupis. Dove tutti hanno il orgoglio Čepaitis, traduttore, sceneggiato- un posto importante nella storia di Užupis,
diritto alla gioia e all’infelicità re, autore di libretti d’opera e ministro degli come la vasca di Čepaitis: senza il iume la
esteri di Užupis. Čepaitis parla inglese con repubblica non sarebbe mai nata. Con il
un forte accento slavo, si rigira in continua- suo corso tranquillo ritaglia una piccola pe-
župis non sarebbe diven- zione la barba intorno al dito e, se si toglies- nisola nella capitale lituana, separando

U tato quello che è oggi se


non fosse stato per una
vasca da bagno. Era una
sera d’estate del 1997
quando a Romas Lileikis
venne voglia di farsi un bagno. Ma visto che
in casa sua, nell’allora desolato quartiere di
Užupis, la vasca non c’era, Lileikis andò dal
suo amico Tomas Čepaitis, che abitava
se gli occhiali, potrebbe sembrare un sosia
di Slavoj Žižek. È convinto che la costitu-
zione sia stata il più grande successo della
sua vita. E in efetti quegli articoli sono di-
ventati il prodotto più esportato della re-
pubblica di Užupis.
Il documento sancisce che l’uomo ha il
diritto di sbagliare, di aver paura e di non
capire; ha il diritto alla pigrizia e all’ozio,
Užupis dalla città vecchia. La terrazza di
legno dell’Užupis Kavine, il bar dove tutto
ebbe inizio, è il posto migliore per osserva-
re il placido scorrere delle acque.
Dopo l’indipendenza della Lituania, nel
1991, il quartiere era il luogo di ritrovo della
bohème di Vilnius, l’unico posto dove era
possibile procurarsi una birra. Qui è nato il
movimento indipendentista di Užupis e
qualche via più in là. Quella sera i due deci- alla gioia e all’infelicità. E di occuparsi di proprio qui – vent’anni dopo – Čepaitis ci
sero di fare il grande passo. Dopo che Lilei- un cane ino alla ine della vita, sua o del racconta come passò dalle parole all’azio-
kis si fu lavato via la fatica della vita, si se- cane. I gatti, in compenso, non hanno l’ob- ne. Tutto successe in fretta, da un giorno
dettero in cucina di fronte a una tazza di tè e bligo di amare i loro padroni, ma dovrebbe- all’altro. Gli attivisti piazzarono sulle fac-
scrissero la costituzione della Repubblica ro aiutarli quando sono in diicoltà. L’uo- ciate degli ediici in rovina le insegne di
indipendente di Užupis, che sarebbe nata mo, inoltre, è responsabile per la propria negozi celebri e di organizzazioni interna-

52 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Dominykas Ceckauskas, artista e cittadino di Užupis

zionali come la Nato e l’onu e all’improvvi- lituano: pane nero tostato con aglio e for- riuscirono a realizzare obiettivi più com-
so il quartiere cominciò a sembrare il cen- maggio. Si deve decidere su una nuova in- plessi: raccolsero i soldi per collocare nella
tro del mondo. “La notizia si difuse rapida- stallazione artistica. piazza centrale del quartiere un angelo di
mente, il giorno dopo arrivarono migliaia Tra i presenti c’è gente che era qui anche bronzo. La statua, alta più di dieci metri se
di persone”, ricorda Čepaitis. “C’era chi ci vent’anni fa. Per esempio algimantas Leke- si conta anche il piedistallo, diventò il sim-
chiedeva se volevamo davvero separarci, e vicius, alis per gli amici, un signore serio e bolo uiciale e il patrono della repubblica,
per quale ragione. Un giornalista straniero brizzolato in maglione blu scuro e camicia funzione ricoperta precedentemente da
chiese se non fosse piuttosto uno scherzo, bianca. Fa il mediatore inanziario, ma fuo- Frank Zappa, che però con Vilnius aveva
la provocazione di un gruppo d’intellettua- ri dell’orario di lavoro è direttore di Užupis poco a che fare.
li. al contrario: l’avevamo fatto per la gente. Tv e fumatore professionista di pipa. “Con Dopo il 1991, quando i monumenti agli
Dopo l’indipendenza dall’Unione Sovieti- Romas frequentavamo la stessa scuola, ma eroi sovietici furono smantellati e comin-
ca tutti si erano messi a costruire lo stato, il resto della combriccola l’ho conosciuto ciarono ad abbondare i piedistalli vuoti, i
anche se nessuno sapeva come accidenti si qui negli anni novanta”, racconta. “Mi han- membri del locale fan club di Frank Zappa
facesse. Così, invece di uno stato, ediica- no fermato per chiedermi una sigaretta. E decisero che il loro idolo meritava di occu-
rono un apparato burocratico. Di Užupis, in quegli anni Užupis era un posto in cui a parne almeno uno. “Cercavamo un simbolo
poi, l’amministrazione comunale non sa- una richiesta del genere non si diceva di no. della ine del comunismo, ma da cui si ca-
peva cosa farsene. In sostanza ci lasciarono L’idea è nata dalla necessità di prendersi pisse anche che nel precedente sistema non
mano libera”. cura di un luogo trascurato dalle autorità. tutto era deprimente”, dichiarava nel 2000
“L’indipendenza fu proclamata anche Prima delle feste natalizie, per esempio, il in un’intervista al quotidiano britannico
per valorizzare i cittadini di questa parte comune metteva un albero di Natale in ogni The Guardian il fotografo Saul Paukštys.
della città, che avevano totalmente perso la quartiere, tranne che a Užupis. Così ci ab- Saul era tra gli artisti che crearono Užupis e
loro individualità. Erano tutti entusiasti e biamo pensato noi”. fu l’ideatore del monumento all’angelo.
coinvolti in quello che stava succedendo”, Quell’iniziativa stimolò l’ambizione dei “Grazie allo spirito di Zappa ci siamo resi
aggiunge Ieva Matulionyte. Direttrice della fondatori di Užupis, che qualche anno dopo conto che l’indipendenza da Mosca non era
locale galleria d’arte, Matulionyte fa volen- suiciente. Dovevamo anche essere indi-
tieri da guida ai turisti che iniscono, attra- pendenti da Vilnius”.
verso airbnb, nella sua casa piena di ricordi Prima dell’indipendenza Užupis era un
e opere d’arte, spesso senza conoscere la posto dimenticato dalle istituzioni, ma non
storia del quartiere in cui si trovano. dalla gente. alla vigilia della seconda guer-
ra mondiale ci abitavano soprattutto arti-
Frank Zappa e l’angelo d’oro giani, in gran parte ebrei. La storia travolse
L’Užupis Kavine è rimasto il bar di riferi- il quartiere e le sue case di legno comincia-
mento, ma è anche la sede informale delle rono a cadere in rovina. Dopo la guerra arri-
istituzioni della repubblica. Proprio oggi si vò l’industrializzazione e le persone si tra-
riunisce il governo, composto da un gruppo sferirono dalle campagne, ma le condizioni
di persone dall’aspetto ordinario sedute da- abitative rimasero pessime. a Užupis co-
vanti a boccali di birra e al classico spuntino minciarono a difondersi alcolismo e prosti-

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 53


Lituania
tuzione. Dopo la caduta del comunismo, il potere. “Non sono in grado di capire cosa Čepaitis va a ordinare un’altra birra, Saka-
grazie al basso costo degli aitti e alla di- va preso sul serio e cosa no. Pensate che ci las ne approitta per dire la sua: “Tomas
sponibilità di spazi, arrivarono gli artisti e contattano attraverso il ministero degli esagera. In realtà è un grande comunicato-
tutti quelli che non si trovavano a loro agio esteri”, dice Gorodeckis con la sua caratte- re, parla di tutto con tutti. Per questo è di-
nel nuovo sistema. Un ediicio fu occupato ristica risata nervosa. ventato ministro degli esteri”.
da una ventina di persone. In breve tempo “Noi non siamo in conlitto con nessu- “Qualche settimana fa ho letto che
si ricoprì di graiti e diventò uno dei luoghi no, non diamo fastidio a nessuno. Solo una Užupis è uno dei posti più alternativi al
più riconoscibili del quartiere. volta, durante un ricevimento, ho avuto mondo. Non so bene cosa signiichi. oggi
oggi dei graffiti non c’è più traccia e dei problemi con l’ambasciatore russo. Mi è pieno di turisti, anche se non abbiamo
l’ediicio ha un aspetto più ordinario. al suo ha detto che Užupis è qualcosa di artiicia- mai cercato di attirarli. Noi facciamo una
interno c’è l’incubatore per l’arte guidato da le. Stavo per prenderlo a pugni, ma il nun- vita normale. Solo il 1 aprile festeggiamo il
Ieva Matulionyte. “Con i soldi dell’Unione zio apostolico mi ha preso per un braccio e giorno dell’indipendenza. Vent’anni fa al
europea siamo riusciti a portare a termine mi ha trascinato via”, racconta Čepaitis. corteo c’erano quattrocento persone: due
molte ristrutturazioni. Ma ai graiti abbia- facevano le foto, una i ilmati e gli altri si
mo dovuto rinunciare”, ammette Matulio- Dopo i graiti divertivano. ora cento partecipano al cor-
nyte con un accenno di nostalgia. Užupis ha una sua costituzione, un gover- teo e trecento stanno fermi a ilmare con il
altre cose, in compenso, sono rimaste no, una valuta (l’už, che non subisce inla- cellulare”, si lamenta Lekevicius.
al loro posto: per esempio l’altalena sospe- zione e corrisponde sempre al valore di una Il giorno delle tovaglie bianche è, dopo
sa sul iume, la sirena seduta all’imbocca- birra), quattro bandiere e qualche centinaia il 1 aprile, la seconda ricorrenza più impor-
tura dello scarico delle vecchie fogne, l’in- tante per i cittadini di Užupis. Il lunedì di
segna “stazione della metropolitana”, il In Lituania il concetto pasquetta da quindici anni gli abitanti di
Vilnius s’incontrano a Užupis e banchetta-
Gesù di legno con lo zaino nel cortile della
galleria d’arte. “Una volta abbiamo messo di attivismo è meno no sulla Vilnia con gli avanzi del pranzo di
un pianoforte in mezzo al iume”, ricorda radicato che in altri Pasqua. “Ci limitiamo a stendere delle to-
vaglie bianche sui tavoli. Non dobbiamo
Čepaitis con indiferenza. Poi racconta co-
me hanno tolto oggetti dal loro contesto paesi europei neppure annunciare l’evento, tanto la gen-
quotidiano per ricollocarli in situazioni in- te viene lo stesso”, dice orgoglioso Lekevi-
solite. Questi esperimenti sono legati a una di cittadini. “Puoi essere un abitante di cius. Poi racconta che in città negli ultimi
concezione antiutilitaristica della città. Užupis pur vivendo in un altro luogo del anni sono sorte iniziative simili, ma solo
“Uno spazio urbano non è solo un posto mondo. oppure puoi vivere a Užupis e non quella di Užupis si è radicata. “Perché?
dove vivere. Ha bisogno di luoghi afasci- esserne cittadino. Non abbiamo intenzione Non saprei. Non abbiamo un bilancio, non
nanti, luoghi da amare e a cui poter dire: di cambiare la costituzione, anche se per- abbiamo imposte. Se uno vuole fare una
‘Enchanté!’”. sonalmente aggiungerei un articolo: ‘ogni cosa, la fa e basta”.
Čepaitis conosce alla perfezione i mec- abitante di Užupis ha l’obbligo di visitare la Tra la gente di Užupis l’orgoglio per le
canismi della formazione del tessuto urba- repubblica almeno una volta nella vita’”, tradizioni del quartiere si mischia con la
no e sociale. Ma la fantasia folle e spregiu- dice Lekevicius. “La verità è che ognuno ha nostalgia per il passato. “Ultimamente è
dicata e la buona volontà degli artisti ba- il proprio Užupis: io ho il mio, lui il suo, il passata da me una fotografa italiana che
stano davvero per dar vita a uno stato? I premier ne ha un altro. Quando gira il mondo per documentare il
dubbi vengono dissipati da un tipo qualcuno ci chiede di rilasciargli tramonto delle utopie”, dice Ma-
dall’aspetto poco appariscente, con gli oc- il passaporto, io rispondo sem- tulionyte. “anche da noi sono
chiali, i capelli in disordine, i jeans e un pre: ‘Fattelo da solo, noi non rila- cambiate molte cose rispetto a
giubbotto di pile. È Sakalas Gorodeckis, il sciamo niente’”. vent’anni fa. adesso possiamo
primo ministro della repubblica. “a un cer- I caratteri delle persone che permetterci più cose, le case so-
to punto qualcuno doveva occuparsi decidono le sorti della repubblica e le loro no ristrutturate, le vie pulite. Ma la gente
dell’organizzazione, pensare a come rea- idee su Užupis sono così discordanti che continua a cercare il vecchio magazzino
lizzare le diverse idee”, spiega. In efetti viene spontaneo chiedersi come siano i ricoperto di graiti. E quello non c’è più”.
Gorodeckis non è un artista. Proviene da rapporti ai vertici del potere. “L’amicizia, anche se tende a farsi prendere dalla
una famiglia di attivisti. “Da noi, in Litua- mantenere rapporti stretti con le persone, nostalgia, Čepaitis trova invece conforto in
nia, il concetto di attivismo e impegno so- è molto diicile”, risponde Čepaitis. “Con una ilosoia, non proprio stoica, in cui si
ciale è meno radicato che negli altri paesi Romas è una vita che litighiamo. Lui è un mescolano elementi di Eraclito e di Tolkien:
europei. Qui il sistema amministrativo, cineasta, io uno sceneggiatore, per cui io “L’idea è forte ma scorre via, come il iume,
ereditato dai tempi sovietici, è molto cen- dovrei essere quello che gli dà le idee. Ep- senza il quale non potrebbe esistere. Užupis
tralizzato. altrove ci sono i municipi, i con- pure lui non ne ha mai approittato e non geograicamente è sempre qui, ma allo stes-
sigli locali e di quartiere, mentre a Vilnius, abbiamo mai fatto un ilm insieme. E per so tempo è da un’altra parte”. Certo, oggi
che ha mezzo milione di abitanti, c’è solo quanto riguarda Sakalas… Non mi vanno a viviamo in un mondo più grande, con la sua
l’amministrazione comunale. L’idea era di genio le persone senza creatività, gli am- politica, le sue guerre, le questioni econo-
occuparci dei nostri problemi e fare quello ministratori. Forse mi sbaglio, ma secondo miche. Ma le persone hanno anche bisogno
che il comune non faceva”. me rovinano l’essenza delle cose. Io non di favole – sostiene Čepaitis – di racconti che
oggi la repubblica di Užupis è una delle piaccio a lui, lui non piace a me. Tuttavia a parlino di un mondo migliore, che non sia
tante ong nate in Lituania. I politici, tutta- volte andiamo d’accordo. In in dei conti capace solo di chiudersi in se stesso, che ab-
via, rimangono molto restii a condividere lavoriamo per lo stesso obiettivo”. Quando bia altre ambizioni. u dp

54 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Scienza

I pirati
del cervello
Lorraine de Foucher, Le Monde, Francia
La nostra capacità di concentrazione è peggiorata
negli ultimi vent’anni per colpa di applicazioni
e siti internet pensati per catturare l’attenzione.
Qualcuno sta studiando dei modi per difendersi
stato complicato scrivere mentre la sto intervistando proprio su

È quest’articolo. Non solo perché


contiene rivelazioni incredibili,
ma perché sono stata continua-
mente distratta. Dalla chat su
Facebook che lampeggiava.
Dal telefono che annunciava un nuovo
messaggio. Su Twitter c’era un video che
dovevo assolutamente vedere. E nel frat-
tempo cosa stava succedendo su Insta-
quest’argomento. A immischiarsi nella no-
stra conversazione è soprattutto il piccolo
fantasma giallo e bianco di Snapchat.
“Vedi, questi sono gli streak”, mi spiega
Emma con l’aria imbarazzata. “Se perdi gli
streak, perdi gli amici”. Questi emoji per-
mettono delle relazioni con gli altri, una
cosa che gli adolescenti adorano: cuore do-
rato per migliori amici, cuore rosso per mi-
gram? Anche tu che hai appena cominciato gliori amici per due settimane di seguito,
KrITINA LEE KNIEF/GETTy IMAGES

a leggere questo paragrafo senti già vacilla- doppio cuore rosa dopo due mesi, e così via.
re la tua concentrazione: siamo tutti vittime Accanto ai cuori c’è il simbolo del fuoco,
dei pirati dell’attenzione. che appare quando Emma e la sua amica
La mia ricerca comincia con un appun- Anna si scambiano almeno uno snap quoti-
tamento con Emma, 15 anni, in un bar di diano. Di ianco c’è un contatore che indica
Parigi. Sul tavolo, vicino a una Coca-Cola il numero di giorni passati a scambiarsi
Light, il suo cellulare lampeggia come un messaggi. “Anna e io siamo molto amiche,
albero di Natale. Continua a interromperci quindi alimento il fuoco. Sono 150 giorni
che ci scriviamo quotidianamente!”, escla- scenti distratte e disorientate, incapaci di
Da sapere ma la ragazza. Di perdere l’icona e il pun- concentrare la loro attenzione su una con-
teggio non se ne parla: Anna si arrabbiereb- versazione, una lezione o un libro? Sono
Adolescenti sempre connessi be moltissimo, e non si scherza con l’amici- drogate di quegli schermi che controllano
Minuti passati ogni giorno Percentuale di ragazzi che
su internet dai quindicenni, passano dalle 2 alle 6 ore
zia. “Se non le scrivo per ventiquattr’ore ogni quarto d’ora per vedere se è arrivata
paesi selezionati online nei giorni feriali appare una clessidra vicino al suo nome per una notiica, fonte di un brivido di piacere
2012 2015
FONTE: OCSE (PISA 2015 STuDENTS’ wELL BEING 2017)

0 20 40 80 120 160
ricordarmi di farlo”, spiega Emma. sociale? “La cosa peggiore è che non fanno
Nel loro liceo gli streak sono diventati neanche delle conversazioni. A volte i ra-
Svezia 56
una specie di barometro dell’integrazione gazzi si mandano delle foto del muro o del
Spagna 44
sociale. “Conosco un ragazzo della secon- soitto solo per non perdere lo score”, si la-
Italia 40 da B che non ne ha neanche uno. Ma ti rendi menta Tristan Harris, capelli rossi e sorriso
Estonia 50 conto?”, commenta Emma. Seguirli tutti è accattivante. “Potremmo pensare: ‘Ah, gli
ungheria 43 un impegno notevole: “Ogni mattina, ap- adolescenti di oggi usano Snapchat come
pena sveglia, passo almeno dieci minuti ad noi chiacchieravamo al telefono per ore’.
russia 42
alimentare le iamme”, spiega la ragazza. Ma all’epoca non c’erano duecento inge-
Paesi Bassi 48
Emma e Anna fanno parte della cosid- gneri al lavoro dietro gli schermi, a studiare
Danimarca 55 detta generazione pesce rosso? Sono adole- la psicologia dei più giovani e fare di tutto

56 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


per renderli dipendenti dall’applicazione”. lasciare accese le luci il più possibile. Non si condi. Secondo un’altra ricerca, veniamo
Harris è un ex designer di Google. Laureato può chiedere a queste aziende di andare interrotti circa ogni 12 minuti perché rice-
all’università di Stanford e specializzato in contro i loro interessi, anche se guadagna- viamo in media quaranta messaggi al gior-
“interazione tra essere umano e compu- no soldi manipolando il cervello dei ragaz- no e siamo incapaci – come l’89 per cento
ter”, ha cominciato a denunciare nelle Ted zi”, sostiene l’ex designer. dei francesi – di rimandare la lettura. Dopo
conference e nelle trasmissioni televisive ogni invasione del nostro spazio mentale, ci
quelli che chiama i “pirati dell’attenzione”. Espedienti diabolici mettiamo 23 minuti a riconcentrarci su
Secondo Harris bisogna rovesciare l’onere Il risultato è che le statistiche sul livello quello che stavamo facendo, come dimo-
della prova: e se la colpa non fosse degli d’attenzione sono sempre più sconfortanti. strano le ricerche di Gloria Mark, ricercatri-
adolescenti distratti, ma delle aziende co- Negli ultimi 17 anni abbiamo perso quattro ce dell’università della California a Irvine.
me Apple, Facebook e Google, che fanno di secondi di capacità di concentrazione: nel Scrivere quest’articolo è impegnativo.
tutto per rubare il tempo libero del nostro 2000 eravamo in grado di prestare dodici Così mi concedo una piccola pausa per con-
cervello? “Per i più giovani è diicile fare le secondi di attenzione continuativa a un de- trollare Facebook: apro l’applicazione e con
logiche di Snapchat e contrastarle. Dal pun- terminato compito. Oggi, come rivela uno piacere vedo che ho due notiiche. Qualcu-
to di vista aziendale ha perfettamente sen- studio realizzato dalla Microsoft, la media no che pensa a me? In realtà, no: il primo
so: è come se una compagnia elettrica fa- è di otto secondi, peggio di un pesce rosso, messaggio è del social network, che mi rim-
cesse di tutto per spingere i suoi clienti a che è capace di concentrarsi per nove se- provera di non “postare nulla da sette setti-

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 57


Scienza
mane”. Il secondo arriva da un oscuro con- collate al telefono vengono colpevolizzate, L’inchiesta
tatto che, al contrario di me, ha obbedito a ma non si pone mai il problema a livello col-
Mark Zuckerberg e ha pubblicato qualcosa. lettivo. L’idea di ecologia serve proprio a
Mi limito a fare lo scroll, quel movimento ricordare che anche l’attenzione è prima di
I programmatori
del dito che mi permette di leggere i vecchi
post che appaiono sulla pagina. Mezz’ora
tutto una questione ambientale: Anna ed
Emma si trovano di fronte oggetti che atti-
disillusi
dopo non mi sono ancora staccata: sto guar- rano la loro attenzione per generare proitti,
dando un video ipnotico sulla preparazione e bisogna aiutarle a staccarsene invece di ella Silicon valley c’è un gruppo,
di dolci al cioccolato, che si è aperto da solo
grazie alla diabolica opzione “autoplay”.
“Lo scroll, l’autoplay e le inte notiiche
rimproverarle”.
In che modo? Molte persone hanno co-
minciato a chiederselo. “Gli stati dovrebbe-
N piccolo ma in crescita, di ex pro-
grammatori e ingegneri che ha
deciso di denunciare o di tutelarsi dalle
sono tutti espedienti creati da Facebook per ro costringere le aziende tecnologiche a app e dai social network che ostacolano la
trattenerti più a lungo e renderti dipenden- preoccuparsi dell’ecologia dell’attenzione capacità d’attenzione degli utenti o che li
te”, spiega ramsay Brown, aria da hipster approvando delle leggi, proprio come han- spingono all’uso compulsivo di smartpho-
californiano, barba folta ma curata e cap- no fatto con il protocollo di Kyoto o l’accor- ne e computer, scrive il Guardian. Justin
pellino colorato da skater. Brown è un inge- do di Parigi contro i cambiamenti climati- rosenstein, 34 anni, è l’ingegnere che una
gnere statunitense che studia la dipenden- ci”, aferma Harris. Secondo lui bisogne- decina d’anni fa ha inventato il pulsante
za dalle applicazioni. rebbe classiicare la richiesta d’attenzione “Like” di Facebook. Oggi ha bloccato
Ma torniamo al lavoro. Stéphane Xiber- di un sito o di un’applicazione, così come si reddit, è uscito da Snapchat e si è impo-
ras è il direttore creativo di Betc, un’agen- classiica l’impatto ambientale delle auto o sto delle restrizioni quando usa Facebook.
zia pubblicitaria che ha 900 dipendenti, dei frigoriferi. Harris si batte anche per la Sul suo iPhone ha impostato il controllo
clienti prestigiosi, e ha ricevuto molti pre- portabilità dei social network, cioè la possi- parentale, che gli impedisce di scaricare
mi per le sue campagne. Ma Xiberras non bilità di uscire da Facebook o da Instagram nuove app. Anche l’illustratrice Leah
ha molte speranze: “Tradizionalmente senza necessariamente perdere tutti i con- Pearlman, che faceva parte dello stesso
siamo sempre stati noi, quelli della pubbli- tatti e migrare verso un’interfaccia più ri- team di rosenstein, si è licenziata e cerca
cità, i campioni del mondo dell’attenzione. spettosa della concentrazione. di stare il più possibile lontana da Facebo-
Sappiamo calcolare le probabilità con cui Altri sviluppano degli strumenti utili ai ok, tanto che ha assunto un collaboratore
una casalinga comprerà un prodotto che singoli utenti. Nel 2016 ramsay Brown e i perché segua la sua pagina sul social net-
ha visto su una rivista solo dal livello di di- suoi colleghi hanno creato l’applicazione work. rosenstein, Pearlman e altri si pre-
latazione delle sue pupille. Ma oggi ci sen- Space, una piccola icona per proteggere occupano dell’“economia dell’attenzio-
tiamo completamente superati. Sullo l’attenzione, che ti obbliga a fare un bel re- ne”, del fatto che le nuove tecnologie so-
schermo di un telefono tutte le informa- spiro prima di connetterti ai social network. no pensate per creare dipendenza tra gli
zioni hanno la stessa importanza: la notizia un respiro profondo per whatsApp, due utenti e disturbare la loro capacità di pre-
di un attentato, i messaggi di un’amica, per Instagram, perché qui è in gioco la tua stare attenzione in maniera continuata, li-
una foto su Instagram. Ormai per attirare immagine. Nella primavera del 2017 Brown mitando la capacità di concentrarsi e,
l’attenzione delle persone servono strate- e la sua équipe sono andati a proporre la lo- probabilmente, abbassando anche il loro
gie più rainate”. ro creazione ad Apple, perché la mettesse quoziente intellettivo. Secondo uno stu-
in vendita nell’App store. La risposta è stata: dio recente la semplice presenza di uno
Il tempo è prezioso “Ogni applicazione progettata per aiutare a smartphone inluisce sulle capacità co-
Tutto sembra portare nella stessa direzio- le persone a usare meno il telefono non può gnitive di una persona, anche se il dispo-
ne: l’attenzione si è trasformata in una ri- essere venduta sull’App store”. sitivo è spento.
sorsa naturale preziosa, al pari dell’acqua o Dopo che la notizia ha cominciato a dif-
del petrolio. una risorsa inquinata, che di- fondersi sui mezzi d’informazione statuni- Sfruttare le debolezze
venta scarsa e quindi acquista valore. Il tensi, la Apple ha deciso di autorizzare il “Le tecnologie che usiamo ci hanno reso
tempo del cervello di Emma bisognerebbe download di Space. In Francia ho cercato di compulsivi, se non addirittura drogati”,
meritarselo. intervistare i rappresentanti di Google e scrive Nir Eyal, autore di Catturare i clien-
L’idea di “economia dell’attenzione” è Facebook su questi temi. La questione non ti (Lswr 2015). Sentiamo “l’impulso di
comparsa intorno al 1995 con lo sviluppo di ha attirato la loro attenzione. u adr aprire una notiica, di andare su youTube,
internet, ma è sempre stata al centro della Facebook e Twitter, anche solo per pochi
guerra del capitalismo. “Alla ine dell’otto- Da sapere minuti, per poi ritrovarci ancora lì dopo
cento bisognava controllare l’attenzione un’ora. Ma nulla è per caso”. È proprio
dell’operaio per fare in modo che fosse pro- Gli studenti e il multitasking l’efetto che volevano i programmatori di
duttivo, poi creare il desiderio per il suo Attività svolte dai ragazzi statunitensi quei siti: le aziende tecnologiche sfrutta-
mentre fanno i compiti, %
tempo libero, per spingerlo ad acquistare i no le debolezze degli utenti – insicurezza,
FONTE: COMMON SENSE MEDIA 2015

beni che aveva prodotto”, spiega yves Cit- noia, vulnerabilità – per tenerli aggancia-
ton, professore di letteratura francese Ascoltare musica 76 ti, senza alcuno scrupolo morale. “Il pro-
all’università di Grenoble e autore di Pour Mandare messaggi 60 blema è urgente”, sostiene Tristan Har-
une écologie de l’attention (Seuil 2014). “Per ris, che ha lavorato per Google. “Sta cam-
ora l’attenzione è una risorsa che viene pre- Guardare la tv 51 biando la nostra democrazia, e la nostra
sa in considerazione solo su scala indivi- capacità di avere le conversazioni e le re-
usare i social network 50
duale. Quando Emma e Anna restano in- lazioni che vorremmo”. u

58 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Portfolio

60 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Nuovi
arrivi
I tableaux vivants del
fotografo Patrick Willocq
raccontano la convivenza
forzata tra due comunità
molto diverse
el 2015 il governo france-

N se ha aperto un centro
d’accoglienza per richie-
denti asilo a Saint-Marto-
ry, un paese di 900 abi-
tanti nel sud della Fran-
cia, dove il 43 per cento della popolazione
ha votato il Front national alle ultime presi-
denziali. Nell’estate del 2016 l’arrivo di cin-
quanta migranti ha suscitato paura e dii-
denza in una parte dei residenti. Qualche
mese dopo, ognuno di loro ha trovato una
lettera nella cassetta della posta. L’aveva
spedita il fotografo francese Patrick Wil-
locq per invitare tutti a partecipare a un
progetto artistico fuori del comune: imper-
sonare se stessi in quattro tableux vivants.
“L’obiettivo del progetto era capire come
comunità così diverse possano imparare a
vivere insieme. Chi era contro la presenza
dei migranti non ha cambiato idea, ma sia-
mo riusciti a superare alcuni stereotipi e a
sensibilizzare chi era del tutto indiferen-
te”, ha spiegato Willocq. u

“Atterrano sul prato, entrano dalla


porta, arrivano da ogni parte. Così
alcuni abitanti di Saint-Martory
hanno vissuto l’arrivo dei migranti”,
spiega Patrick Willocq. “Il titolo di
questo tableau è Paracadutati un bel
giorno, perché il villaggio è stato
paracadutato in questa situazione da
un giorno all’altro e i richiedenti asilo
sono stati ‘paracadutati’ nella Francia
rurale. Molti di loro desideravano
andare in Francia, ma sono state le
autorità a scegliere la destinazione”.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 61


Portfolio

62 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


“Nella mitologia greca l’Europa è spesso rappresentata da una donna che
cavalca un toro bianco. Quel toro è Zeus che ha rapito una principessa fenicia
chiamata Europa. Con lei attraversa il mare per portarla sull’isola di Creta, e
dare il suo nome al continente”, racconta Willocq. “La terra della principessa
fenicia comprendeva anche una parte del Libano e della Siria di oggi. E anche
se poche persone considererebbero una principessa libanese una vera
europea, le migliaia di famiglie che attraversano il Mediterraneo ci ricordano
che l’Europa e l’Asia condividono questo mare antico da molto tempo”.
In questo tableau intitolato Il rapimento dell’Europa il fotografo ha voluto
ricostruire la stessa scena con le principesse europee di domani: Ruslana
dell’Ucraina, Adja della Costa d’Avorio e Latifa, una donna francese che
lavora in un centro d’accoglienza per richiedenti asilo a Saint-Gaudens. E il
toro bianco è stato trasformato in un gommone.
Qui accanto: il progetto di Willocq in mostra a Saint-Martory.
A pagina 62: alcuni ritratti degli abitanti di Saint-Martory e dei richiedenti
asilo che hanno partecipato al progetto.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 63


Portfolio

“Le migrazioni sono cicli che si ripetono”,


dice Willocq. “Alla ine degli anni trenta a
Saint-Martory ci fu un forte lusso di
immigrati spagnoli. Molti abitanti del
villaggio hanno infatti origini spagnole.
Oggi i migranti attraversano il
Mediterraneo e come al tempo della
retirada – l’esodo dei profughi spagnoli
durante la guerra civile – tutti cercano un
rifugio in Francia, sotto la protezione della
Marianne, che in questo tableau intitolato
Il ponte dei popoli sventola la bandiera
dell’Europa”. I migranti, sia di ieri sia di
oggi, cercano di aggrapparsi al ponte.
“Nella scena ognuno impersona se stesso:
chi è a favore dell’accoglienza e chi è
contrario. Chi tende la mano e chi volta le
spalle, i discendenti dei migranti spagnoli
e i richiedenti asilo, che hanno accettato di
rivivere un episodio drammatico della loro
vita. Non ho fatto questo lavoro per
giudicare, ma per raccontare una storia
universale: quella di popolazioni costrette
a vivere insieme senza averlo chiesto”,
spiega Willocq.
Sopra: il tableau Il ponte dei popoli esposto a
Saint-Martory e il set in costruzione.

64 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 65
Portfolio

66 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Questo tableau intitolato E la vita continua
vuole mostrare come dopo un anno
dall’arrivo dei migranti tutto si svolge in
maniera tranquilla. “Le due comunità
pranzano insieme, a David che strimpella
la chitarra si è aggiunto Jewel, un
richiedente asilo. Kiki, il proprietario del
ristorante, gioca a bocce con Riaz, un
ragazzo afgano. In fondo a destra, alcuni
migranti ospitati nel centro d’accoglienza
aspettano i loro documenti. A sinistra, un
abitante del villaggio chiude la porta a
Mustafa, che ha voluto interpretare questa
scena dopo che è stata respinta la sua
richiesta d’asilo”, racconta Willocq.

IL PROGETTO
u Il lavoro di Patrick Willocq sull’arrivo dei
migranti a Saint-Martory, in Francia, è stato
realizzato durante una residenza del
fotografo nel 2017 oferta dall’associazione
Art500. Ne è nata la mostra Mon histoire, c’est
l’histoire d’un espoir, che è stata esposta al
castello di Saint-Martory ino a novembre del
2017. Al lavoro ha collaborato la curatrice
Maria Pia Bernardoni. Sul sito di
Internazionale pubblichiamo il video (intern.
az/1z8F) con le interviste ad alcune delle
persone, francesi e migranti, che hanno
partecipato al progetto. Patrick Willocq è nato
nel 1969 a Strasburgo. Vive e lavora tra Parigi,
Hong Kong e Kinshasa.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 67


Viaggi

La magia
di Marfa
Sterry Butcher, Texas Monthly, Stati Uniti
In un angolo remoto del Texas una di quelle persone che aprono il tostapa­
c’è una piccola città dove la ne per vedere come funziona, perciò le do­
mande su Marfa certe volte mi lasciano
cultura rurale convive con l’arte perplessa. Tuttavia, apprezzo il fatto che
contemporanea e i cowboy altri siano curiosi di scoprire cosa c’è sotto.
vanno d’accordo con i poeti, Per fortuna di recente sono stati pubblicati
creando un’atmosfera unica due libri sull’argomento: Marfa: the tran-
sformation of a West Texas town, di Kathleen
Shafer, e Marfa and the mystique of far West
na mia amica è in città e Texas, di John Slaughter.

U mi sta aspettando in un
bar. “Sbrigati”, mi scrive
via sms. “Gli hipster di
Marfa mi mettono a disa­
gio”. Non deve preoccu­
parsi. Gli hipster sono persone tranquille a
cui non piace litigare. E poi non sono per
niente convinta che gli hipster di cui parla
siano di Marfa. Probabilmente sono tu­
Per capire Marfa è utile lasciare da parte
il proprio scetticismo, o almeno essere
aperti a ciò che è invisibile o indeterminato.
Mi spiego: qualche anno fa è venuto qui uno
scrittore, incuriosito dal nome della città.
La versione uiciale, o almeno quella che
va per la maggiore, è che i periti della ferro­
via dell’epoca chiesero alla moglie del mac­
chinista di dare il nome a una cisterna per
PETEr TSAI PHOTOGrAPHY/GETTY IMAGES

risti. l’acqua; lei scelse “Marfa” dal libro che sta­


Se ancora non lo sapete, Marfa è diven­ va leggendo, i Fratelli Karamazov. Lo scrit­
tata piuttosto famosa. La città sta spuntan­ tore era convinto che questa storia fosse
do un po’ dappertutto: è tra i 52 posti da vi­ falsa. A quanto pare, la data di pubblicazio­
sitare nel 2017 secondo il New York Times, ne del romanzo negli Stati Uniti non torna­
Morley Safer ne aveva parlato afettuosa­ va con quella della fondazione della città,
mente in 60 minutes, ha fatto da sfondo a negli anni ottanta dell’ottocento. Secondo
un servizio fotograico con Beyoncé ed è il lo scrittore, in realtà il nome era legato alle
posto dove è ambientata la serie tv I love luci di Marfa e a un fenomeno di fosfore­
Dick. Il fascino di questo luogo è legato alla scenza marina chiamato marire, poi ab­ Ovviamente aveva ragione. Disposte all’in­
sua duplice natura: da un lato è ancora un breviato in marfa. Ha pubblicato la sua sco­ terno di due ediici di mattoni, le cento sca­
piccolo centro agricolo nel Texas occiden­ perta su un giornale, sperando che si accen­ tole di alluminio della Chinati foundation
tale, dall’altro è una città d’arte anticonfor­ desse un dibattito, ma nessuno gli ha rispo­ sono immobili ma cambiano continua­
mista legata alla Chinati foundation, un sto. A nessuno importava niente. A tutti mente, con le loro forme argentee che si
museo d’arte contemporanea fondato ne­ andava benissimo la vecchia storia. trasformano e scintillano al passare del so­
gli anni ottanta dall’artista Donald Judd le. Quanto c’entra l’iterazione in tutto que­
(1928­1994). Questa sovrapposizione favo­ Tutti importanti sto? Quanto c’entrano il sole, le nuvole e le
risce una serie d’impollinazioni culturali Da anni gli abitanti di Marfa sono abituati a praterie? Quale altra spiegazione può es­
incrociate: a Marfa l’arte è difusa e a porta­ credere a quello che vogliono, anche se fa a serci?
ta di mano, e cowboy e poeti convivono alla pugni con il buon senso o con la realtà. L’essenza di Marfa è proprio questa: in­
frontiera del Texas. Judd, per esempio, arrivò a Marfa negli an­ terrogarsi ino in fondo sul signiicato di ciò
Le persone che vengono a Marfa o quel­ ni settanta, prima della difusione di inter­ che è possibile. Sottolineare la mancanza di
li che ne hanno sentito parlare spesso fanno net, dei cellulari e di Instagram, trasformò limiti dell’universo è un atto di grande ge­
delle domande. Qui sono tutti artisti? No. un’ex base militare in una sintesi di archi­ nerosità. Judd fondò un museo d’arte per­
Perché negozi e ristoranti hanno orari im­ tettura, paesaggio e arte concepita per re­ manente in una cittadina isolata, poverissi­
prevedibili? È così e basta. Le luci di Marfa stare così per sempre. Sapeva che il risulta­ ma, diicile da raggiungere, nel mezzo di
sono vere? Sì. Che tipo era Don Judd? Com­ to sarebbe stato magniico, a prescindere un vasto paesaggio d’indomabile bellezza.
plicato, come tutti noi. Non sono mai stata da quello che ne avrebbero pensato gli altri. Se questa perversione e questa genialità vi

68 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Marfa, Texas, 2014

attirano, allora forse anche voi siete desti­


nati a darvi da fare. Magari potete organiz­ Informazioni pratiche
zare spettacoli teatrali, mettere su un’oici­
◆ Arrivare e muoversi Il Judd nel 1986. Ospita
na, aprire un ristorante, imparare il cinese,
prezzo di un volo dall’Italia installazioni permanenti
consegnare pranzi gratuiti a domicilio o tut­ per Austin (British Airways e sull’incontro tra arte e
te queste cose insieme. Qui c’è la libertà American Airlines) parte da paesaggio. A circa un’ora e
d’inseguire i propri sogni, con il sostegno 670 euro a/r. Da lì il modo mezza di macchina verso sud
degli altri. La scarsa densità della popola­ migliore per raggiungere c’è il parco nazionale del Big
zione impone partecipazione, e ci si ritrova Marfa è noleggiare una Bend, dove si possono fare
coinvolti in relazioni che non esisterebbero macchina (il viaggio dura escursioni a piedi o sul iume.
in una città più grande e rainata. Vivere in circa sette ore). ◆ Leggere Philipp Meyer, Il
una città piccola porta a enfatizzare e a ingi­ ◆ Clima Da luglio a costruito negli anni trenta, iglio, Einaudi 2014, 20 euro.
settembre le temperature conserva la sua architettura ◆ La prossima settimana
gantire quello che già pensiamo di sapere
raggiungono i 35 gradi, originaria e si trova nel centro Viaggio in Nicaragua, sulle
del mondo, e cioè che bisogna essere genti­
mentre tra novembre e della città. Il prezzo di una orme del poeta rubén Darío.
li e dare il proprio contributo. Judd insegui­ febbraio sono spesso sotto lo stanza parte da 99 dollari. Ci siete stati? Avete consigli
va un’esistenza in cui l’arte s’intrecciasse zero. Il periodo migliore per ◆ Da fare La principale da dare su posti dove
con la vita quotidiana, e in un certo senso a visitare la città è tra aprile e attrazione di Marfa è il museo dormire, mangiare, libri?
Marfa siamo così: impregnati di energia giugno. della Chinati foundation, Scrivete a viaggi@
creativa ma anche profondamente dediti ◆ Dormire L’hotel Paisano, fondato dall’artista Donald internazionale.it.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 69


Viaggi
gli uni agli altri. Quando conosci pratica­ Un giorno l’unità di cavalleria di Marfa A tavola
mente tutti, tutti sono importanti. decise di sostituire i cavalli con i carri ar­
Judd non inventò la generosità di spiri­ mati. Prima di liberarsene, le truppe resero
to, che era già radicata nella comunità da uicialmente omaggio ai loro animali con
L’orgoglio
generazioni. La mia teoria è che a Marfa una cerimonia di addio. Il cavallo più an­ del Texas
l’isolamento, la scarsità di risorse e le pic­ ziano, Louie, fu vestito di nero e messo alla
cole dimensioni abbiano costretto la gente testa del gruppo. Dopo il saluto a sciabola
ad aprirsi a tutte le eccentricità. Quando si alzata dei soldati, Louie fu abbattuto con ◆ “Il barbecue del Texas non ha pari. E
è così in pochi a mandare avanti la comuni­ un colpo d’arma da fuoco, a simboleggiare oggi possiamo dire che stiamo vivendo
tà, bisogna accettare la gente com’è: casa­ la morte della cavalleria. Afranto, il suo l’età dell’oro della carne afumicata”, scri­
linghe, cowboy o pittori newyorchesi in addestratore si prese una sbornia colossale ve sul Texas Monthly Daniel Vaughn, re­
kilt. Non si sa mai chi può essere utile. prima di togliersi la vita sulla tomba del suo sponsabile delle pagine del mensile dedi­
cavallo . Di notte si sente ancora il suo grido cate alla più celebre creazione gastrono­
Storie che ritornano straziante. Dal pulpito del portellone, que­ mica dello stato. “Prima di tutto per la
Ho deciso di trasferirmi a Marfa il giorno ste storie venivano dispensate con tristezza qualità. Il culto intorno al bbq texano ha
del ringraziamento del 1992, mentre visita­ e solennità. I narratori ci credevano pro­ cambiato per sempre le cose. La prima
vo la Chinati foundation insieme ai miei fondamente. Se per loro queste cose sono volta che il Texas Monthly pubblicò la sua
genitori. Faceva talmente freddo che mi si successe davvero, non sarò certo io a soste­ lista dei migliori locali dello stato, nel
ghiacciava la saliva. Ebbi una piccola rive­ nere il contrario. 1973, afumicare tagli diversi dall’econo­
lazione mentre camminavo tra gli scatoloni Marfa è sempre in bilico tra il perma­ mico brisket, la punta di petto del manzo,
di cemento di Judd. All’epoca a Marfa nente e il transitorio. È una caratteristica era impensabile. Oggi si usano anche le
c’erano solo un paio di stazioni di servizio, che vale per ogni luogo, ma qui questo eser­ parti più pregiate. E i ristoranti sono più
un uicio postale, una scuola, una droghe­ cizio di equilibrismo sembra ancora più facili da trovare, e quindi più frequentati,
ria, un tribunale, una biblioteca, una ma­ fragile e più ovvio per via del paesaggio: anche grazie a Twitter, Facebook e
celleria, qualche bar e alimentari, un em­ l’erba disabitata, le montagne calve, il ven­ Google maps. Inoltre, il barbecue sta di­
porio, il cielo, l’erba e un museo: lo stretto to parlante. Il cielo è ineluttabile, le pietre ventando sempre più spesso un fenome­
necessario. La mancanza di eccessi era ir­ non cambiano. Ti fa sentire piccola, perché no urbano: nella lista dei migliori cin­
resistibile, e così lasciai di punto in bianco sei piccola. quanta locali del 2017, ben quattro sono a
un ottimo impiego ad Austin per una vita Nonostante questa irrilevanza, a Marfa Houston e addirittura sette a Austin. Il la­
d’incertezze in questa piccola città di alle­ le persone si cercano tra loro. Insegnano a to oscuro di questo successo è il costo, in
vatori in declino, un posto talmente sper­ scuola, aprono negozi, afermano le loro termini di denaro e pazienza. Diicilmen­
duto e vuoto che sembrava di stare ai mar­ ragioni, crescono i nipoti, fanno volonta­ te si può pensare che si possa deinire ‘de­
gini dell’universo conosciuto. riato, provano sempre cose nuove. La lenta mocratico’ un ristorante dove si aspettano
A Marfa i nuovi arrivati si riconosceva­ evoluzione di Marfa non è dovuta alle con­ ore per mangiare una beef rib da 35 dolla­
no facilmente, e dopo un po’ le persone co­ quiste di un manipolo di forestieri sbucati ri”. In compenso, continua la rivista, “la
minciarono a chiedermi a bruciapelo: “Chi dal nulla ma all’impegno duraturo, attento varietà dell’oferta si è molto ampliata, e
sei?”. Il loro candore era talmente puro e e consapevole degli autoctoni e dei nuovi oggi c’è grande attenzione al tacchino e ai
genuino da far male. Io rispondevo che sta­ arrivati, che hanno scelto di stare qui e di diversi tagli del maiale, tra cui braciole,
vo scrivendo un libro, ma in realtà andavo costruire una comunità viva. Stare qui è un pancetta e prosciutto”.
più che altro a leggere vecchi libri in biblio­ atto di fede, fede nel fatto che tutto si siste­ Per assaggiare un buon barbecue non
teca. Non c’era molto da fare e nessuno merà, che le persone si prenderanno cura lontano da Marfa, nella sua ultima classi­
aveva un soldo. La sera calava il silenzio. Il di te, che non rimarrai senza soldi, che tro­ ica il Texas Monthly consiglia Pody’s Bbq
bubolare del gufo della Virginia aleggiava verai conforto in mezzo alla solitudine. a Pecos, nella contea di reeves, “un loca­
per le strade. Si sentiva il rumore delle stel­ Non ci sono garanzie. le a guida familiare messo in piedi in una
le che si accendevano e si spegnevano. A Ultimamente è successo qualcosa di vecchia lavanderia abbandonata. A occu­
volte ci radunavamo dietro i portelloni po­ inatteso. La gente ha cominciato a venire a parsi dei pits, gli afumicatoi, ci sono Vero­
steriori dei pick­up parcheggiati in centro. Marfa non per l’arte o per il paesaggio ma nica, la moglie di Pody Campo, il proprie­
Contavamo le macchine che passavano; perché ha sentito dire che ci sono tante co­ tario, e la madre, Margaret Franco. Anche
aspettavamo che succedesse qualcosa. se iche da fare e da vedere. È una visione la zia, Erma Soto, dà una mano. Più che
Soprattutto, la gente raccontava delle molto parziale della città, e credo che que­ necessaria, considerato che Pody oltre al­
storie. Per esempio si raccontava che un ste persone siano fuori strada. Di solito, la passione per la carne afumicata ha un
giorno, tanto tempo prima, la congregazio­ comunque, non si fermano a lungo. Noi lavoro a tempo pieno: è il vicescerifo del­
ne locale si era stancata del prete perché continueremo a fare quello che facciamo. I la contea. Alle undici di mattina i clienti
era pigro e insoferente, ma la diocesi non misteri di Marfa restano, e il suo futuro non fanno già la ila per un ottimo brisket ta­
voleva mandarlo via. Una domenica i fede­ sarà svelato inché non ci arriveremo. La gliato a fette spesse, delle enormi ribs di
li decisero che non ne potevano più. Dopo moglie del macchinista legge Dostoevskij. maiale e un classico stufato di hominy, a
aver impacchettato il prete, lo portarono L’addestratore di Louie singhiozza sulla base di chicchi di mais seccati e peperon­
alla ferrovia, fermarono un treno, lo spin­ tomba del suo cavallo. Gli scatoloni di ce­ cini verdi, tipico della casa. Altri condi­
sero a bordo e dissero al macchinista di mento di Judd si stagliano solidi e solenni menti non servono, ma se il bbq vi piace
farlo scendere a El Paso. Certamente Dio in mezzo ai pascoli. Certe cose non sono più aggressivo potete sempre chiedere la
non benedirà Marfa per questo. fatte per essere capite in pieno. ◆ fas salsa piccante West Texas fatta in casa”.

70 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Graphic journalism Cartoline da Gerusalemme

72 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Gianluca Costantini è un autore di fumetti. Ha 43 anni ed è nato a Ravenna, dove vive. Il suo ultimo libro è Fedele alla
linea, il mondo raccontato dal graphic journalism (BeccoGiallo 2017).

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 73


Cultura

Arte
Un dipinto
Balthus, Thérèse che sogna, 1938

che fa paura
Jerry Saltz, Vulture, Stati Uniti
Una petizione chiede Pierre di Parigi per quindici giorni. Poi è
di rimuovere un quadro apparso per un mese nella galleria di Pierre
Matisse sulla 57esima strada a New York, e
di Balthus da uno dei più grandi in seguito non è stato più esibito.
musei degli Stati Uniti Ovviamente Balthus è in buona compa-
gnia. Anche i nudi di Modigliani furono
attaccati in modo simile negli anni dieci
iù di undicimila persone hanno del novecento; la sua unica mostra perso-

P firmato una petizione per ri-


chiedere al Metropolitan mu-
seum of art (Met) di New York
di rimuovere dall’esposizione
permanente del museo un quadro dell’ar-
tista francese noto come Balthus. Il Met ha
preso le difese del quadro, e ha fatto bene.
nale fece scandalo per l’esibizione del pu-
be femminile. L’illustratore visionario e
fuori dagli schemi Henry Darger ci ha re-
galato il mondo delle Vivian girls, spesso
nude e ogni tanto con un pene. Per non
parlare della vivisezione fatta da Picasso
delle forme femminili, dove ano, seno, oc-
Realizzato nel 1938 e intitolato Thérèse chi, bocca e vagina sono visti tutti allo stes-
che sogna, è un quadro inquietante. Una ra- so tempo e sullo stesso piano.
gazza è seduta con la schiena adagiata su Ma Thérèse che sogna di Balthus è forse
un cuscino, ha un piede a terra e l’altro pog- ancora più complicato. Ci mette in una po-
giato su uno sgabello così che la gonna è sizione scomoda tra banalità, innocenza,
sollevata abbastanza da lasciare intrave- sessualità nascente, tabù, sorpresa e qual-
dere le mutande. Accanto a lei, un gatto cosa che va oltre la casualità.
lappa da una ciotola di latte. Alcuni sosten-
gono che le pieghe della stofa ricordino Artisti e modelle
ReUteRS/CONtRAStO

una vagina. Altri che un uomo non dovreb- Sì, viviamo in una cultura in cui le adole-
be mai realizzare un’opera del genere, così scenti sono sessualizzate, è un uomo ad
sessualmente disturbante. Secondo la pe- aver realizzato quest’opera e il qua-
tizione, “dato il clima che si è recentemen- dro può essere visto come un fastidioso
te creato attorno alle molestie sessuali in solleticamento. Lo stesso vale per moltis-
seguito alle sempre più frequenti denunce sime altre immagini di giovani, comprese delli. Il quadro più celebre del novecen-
pubbliche, esibendo quest’opera il Met alcune che ormai ci sembrano così canoni- to, Les demoiselles d’Avignon di Picasso,
mette in una luce romantica il voyeurismo che da annoiarci. Per secoli le nudità rai- mostra cinque prostitute nude che si stan-
e la riduzione degli adolescenti a oggetti”. gurate da Michelangelo nella Cappella Si- no palesemente ofrendo.
L’autrice della petizione, Mia Merrill, stina sono state coperte e diversi censori È vero che tutte queste opere sono state
prosegue chiedendo che l’opera sia sosti- hanno tentato di coprire completamente realizzate da uomini – che ino al secolo
tuita con il lavoro di una artista della stessa gli afreschi. Il giovane Cupido nudo di Ca- scorso erano praticamente gli unici auto-
epoca. ravaggio ci guarda dritti negli occhi, come rizzati a dedicarsi all’arte – e per questo
Balthus è stato spesso preso di mira. un invito al piacere. Bernini ritrasse lo stu- potrebbero essere deinite iglie del privi-
Nel 1934 Lezione di chitarra, il quadro in cui pro e la masturbazione femminile. Degas legio, maschiliste e anche unilaterali.
una donna vestita, ma con un seno scoper- rappresentò dal vero indifese ballerine Queste critiche non devono sorprende-
to, sembra strimpellare la vagina di una adolescenti, e spesso il punto in mezzo alle re: sono un segnale della complessità
ragazzina nuda a gambe divaricate, fu loro gambe è il fulcro dei dipinti; per non dell’arte, che genera diverse reazioni. In-
esposto, anche se coperto, alla Galerie parlare dei ritratti delle ragazzine nei bor- fatti da quando esiste l’arte, immagini, pa-

74 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Tiziano, Venere di Urbino, 1538

FINe ARt IMAGeS/HeRItAGe IMAGeS/GettY IMAGeS

Henry Miller, Andres Serrano o la Santa Balthus perché offende il clima del mo-
Vergine Maria di Chris Oili. Balthus è un mento, dovremo rimuovere intere sezioni
artista diicile, e nella nostra epoca ancora del Metropolitan. L’ar te dell’In-
più fastidioso. Ma non penso che questo dia, dell’Africa, della Grecia e della Roma
basti per censurarlo. antiche è piena di bestialismo, orge, nudità
Ho scritto che Balthus può essere “dete- e sesso. Gran parte dell’arte oceanica ritrae
stabile, di cattivo gusto e duro”. La sua arte falli e vagine di dimensioni esagerate.
è intrisa di sadomasochismo ed erotismo. L’arte giapponese infrange palesemen-
Personalmente, non la amo. Ma non posso te ogni tabù. Innumerevoli quadri rococò
non ammettere che la sua arte è moderna mostrano masturbazione, esibizionismo,
senza essere astratta e che è carica (al punto voyeurismo, fanciulle in singolari relazioni
di far rizzare i capelli) di un bisogno, di una con cani, appuntamenti segreti con perso-
rabbia, di una frustrazione e di un controllo ne di ogni età. Quello strabiliante capola-
che non sono del tutto umani. voro che è la Venere di Urbino (1538) di ti-
ziano, mostra una giovane nuda che ci
Il paradosso di Thérèse guarda senza pudori con una mano che si
Vale la pena di difendere un’opera co- avvicina al sesso.
me Thérèse che sogna perché ogni persona, Goya ha rappresentato nudità e pubi,
in ogni epoca ci vede qualcosa di diverso e esecuzioni, stupri di minorenni e canniba-
non esiste una sola lettura corretta del qua- lismo. Le adolescenti nude di Van Gogh e
role e idee suscitano anche avversione, dro, indipendentemente dal “clima del Gauguin, gran parte dell’impressionismo
siducia, paura, oltraggio e perino odio. momento”. Come ogni buona opera d’ar- e dell’espressionismo tedesco, molte tele
Alcuni sono initi sul rogo per questo. te, Thérèse che sogna presenta un parados- di Klimt, Munch, Schiele, Picasso e Matis-
Nel 1497 i quadri di Botticelli furono so, chiama in causa più cose allo stesso se potrebbero suscitare sospetti. tutte
considerati troppo voluttuosi e furono bru- tempo. Perino nel nostro afanno per pro- queste opere potrebbero essere considera-
ciati nel falò delle vanità di Savonarola. teggere l’innocenza, per isolare i mostri e te sessualmente trasgressive.
Innumerevoli statue che raiguravano nu- afermare una forma di superiorità morale, Una delle cose che rende l’arte così ric-
di sono andate in frantumi nel corso dei l’arte non può mai essere epurata dai para- ca, ininita e onnicomprensiva è che c’è
secoli. Specialmente in occidente, il sesso dossi. sempre qualcosa che potrebbe ofendere
è stato un tema al centro di aspre contro- A diferenza della pornograia, che sap- qualcuno. Se si mette ine a questo, inisce
versie già a partire dal quarto secolo dC. piamo riconoscere al primo sguardo, Bal- anche l’arte. u nv
Ci sono state proteste contro gli impres- thus ci scaraventa in una regione incerta in
sionisti e i postimpressionisti, il rap, il rock cui non sappiamo cosa stiamo vedendo. Jerry Saltz è il critico d’arte della rivista
and roll, James Joyce, D.H. Lawrence, Nel lungo periodo, inoltre, se rimuoviamo New York.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 75


Cultura

Cinema
Italieni Dalla Francia
I ilm italiani visti da
un corrispondente straniero.
Tre appuntamenti da non perdere
Questa settimana il britanni-
co Lee Marshall.
Tre ilm molto attesi che Hamzawi e Christa Theret).
Ella & John arriveranno nel 2018 Terzo appuntamento da non
Di Paolo Virzì. segnalati dal settimanale perdere il nuovo ilm (il setti-
Con Helen Mirren, Donald Les Inrockuptibles mo in nove anni) del talento
Sutherland. Italia/Francia, canadese Xavier Dolan,
2017, 112’ Abbiamo scoperto Pierre senz’altro quello con il budget
●●● ●● Schoeller nel 2008 con Ver- maggiore, un cast stellare e
La trasferta americana sta di- sailles, ilm su un senzatetto una storia di una certa attuali-
ventando un’abitudine tra i re- che vive in una baracca vicino tà. The death and life of John F.
DR
gisti italiani, per non dire un all’antica reggia. In Un peuple Un peuple et son roi Donovan racconta la discesa
vizio. Tratto dal romanzo In et son roi ricostruisce la caduta agli inferi di una star della tv
viaggio contromano di Michael di Versailles, ma ne approitta tà di uno scrittore e del suo (Kit Harington) dopo che una
Zadoorian, il nuovo ilm di Pa- per parlare di politica, di sto- editore ad accettare l’era digi- giornalista d’assalto (Jessica
olo Virzì è un caso da manua- ria e di quali problemi i fran- tale, continua a oscillare tra Chastain) rivela la sua corri-
le. In questo road movie geria- cesi del 2018 condividono con fascinazione e sospetto nei spondenza ambigua con un
trico, la nuova commedia quelli del 1789. Reale il cast: confronti delle nuove tecnolo- adolescente britannico (Jacob
all’italiana di Virzì, segnata Louis Garrel, Gaspard Ulliel, gie. Anche nel cast mescola Tremblay). Nel cast anche Na-
(quando funziona) da delicata Adèle Haenel, Noémie Lvov- classico (Guillaume Canet, Ju- talie Portman, Kathy Bates e
grazia e ironia, non riesce a in- sky. Nel suo E-book Olivier As- liette Binoche) e modernità Susan Sarandon.
granare la marcia giusta. Ep- sayas, raccontando le diicol- (Vincent Macaigne, Nora Les Inrockuptibles
pure sotto il ronzìo del motore
troppo su di giri, o troppo giù,
si avverte a momenti quello Massa critica
che il ilm voleva essere: il ri- Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo
tratto toccante di un lungo

ST
PH

rapporto d’amore messo alla

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM
EG

prova dalla disgregazione del

O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
N
IA

R
A

N
N

corpo e della mente. Helen


L E i ti L E
L E i to T

L I i to P E

T i t i YO
ni R D

ti I
E

IO
n Y

ni S H
E
n GE
a OB

n E
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA

o ND
o AI

o
ci A

Mirren e Donald Sutherland


iU A
ci N
iU N

iU E
t
ad L
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

Fr BÉ

a
U

Fr M
Re H E

Re H E
Fr F

St S
C HE

Re H E

St H E

St H E

sono Ella e John, una coppia


LO

Media
T

T
T

alle prese, lei, con un tumore


in stadio avanzato, lui con una The greaTesT… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
progressiva desertiicazione
della memoria causata dall’al- The bIg sIck 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
zheimer. Stressati da due igli
troppo responsabili, i due fug- coco - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111
gono in camper dal Massa-
chusetts alla Florida. Ricordi e
juManjI 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111
rancori sprigionati durante i
momenti di lucidità di John
L’ora pIù buIa 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111
delineano un matrimonio af- La ruoTa DeLLe… - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 11111 11111
fettuoso ma non sempre per-
fetto. Le rivelazioni sono trop- Tre ManIfesTI a… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
po spesso macchinose, men-
tre l’attaccamento del regista TuTTI I soLDI DeL… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
alla commedia sentimentale
smorza troppi momenti che
gLI uLTIMI jeDI 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
forse dovevano essere lasciati
crudi, diicili e anche stra-
WonDer 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111
zianti. Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo

76 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


I consigli Tre manifesti a Ebbing, Corpo e anima 50 primavere
della Missouri Ildikó Enyedi Blandine Lenoir
redazione Martin McDonagh (Ungheria/Germania, 115’) (Francia, 89’)
(Stati Uniti/Regno Unito, 115’)

L’ora più buia lità eccessivo-barocca o, direb- laborazionista e antisemita del


be lui, “psicomagica”. Si per- governo di Vichy, rivelata a
dono le tracce della famiglia, quell’epoca da due documenti
della comunità e della politica esplosivi: il documentario di
e, nonostante la stilizzazione Marcel Ophüls Le chagrin et la
renda tutto abbastanza atem- pitié, uscito nelle sale nel 1969,
porale, sembra prevalere un e il libro dello statunitense Ro-
sentimento di nostalgia. Inne- bert Paxton, arrivato in Fran-
gabilmente Jodorowsky è un cia nel 1973. I due adattamenti
saltimbanco con la passione sono totalmente diversi, sia
del grottesco, nel bene e nel per l’epoca in cui sono stati re-
male. Il male: una tendenza alizzati sia per il temperamen-
decorativa eccessiva, a tratti to dei suoi autori. Doillon, re-
invadente. Il meglio: la misce- gista appassionato dell’infan-
DR

la tra Fellini e la commedia zia, irmò un’opera di grande


In uscita tratti della camera dei comuni musicale classica hollywoo- moderazione, con attori non
o di un panorama devastato diana. Anche se è un ilm spes- professionisti, in cui il raccon-
L’ora più buia dai bombardamenti. Ma Old- so indigesto e ripetitivo, è to di formazione di un bambi-
Di Joe Wright. man può contare sul sostegno senz’altro il ilm punk dell’an- no di dieci anni prevale su tra-
Con Gary Oldman, Lily James, di ottimi comprimari. Kristin no. Vincent ostria, gici eventi di cui, pur essendo
Kristin Scott Thomas. Scott Thomas, nei panni di Les Inrockuptibles evidente la mostruosità, al
Regno Unito, 2017, 125’ Clementine Churchill, è tanto tempo non si aveva piena con-
● ● ● ●● spiritosa quanto devota. Ne- Un sacchetto di biglie sapevolezza. Duguay, autore
Quanto si sentisse il bisogno ville Chamberlain, come l’ha Di Christian Duguay. di ilm d’avventura, sfrutta in-
di un nuovo ilm su Winston interpretato Ronald Pickup, Con Dorian Le Clech, Batyste vece tutta la conoscenza stori-
Churchill è una questione che non è mai stato così grave e Fleurial. Francia/Canada/ ca odierna per sottolineare i
rimane aperta. Allo stesso paralizzato. Ma il migliore di Repubblica Ceca, 2017, 114’ pericoli che corrono i suoi pro-
tempo il contributo di Joe tutti è Stephen Dillane nel ●●●●● tagonisti. Per motivi diversi, i
Wright a questo particolare ruolo di lord Halifax, che Dopo quello di Jacques Doillon due ilm passano accanto ai
sottogenere è particolarmente Churchill chiamava la sacra del 1975, questo ilm è il secon- drammi che raccontano. Uno
benvenuto, in gran parte per- volpe, “holy fox”: spettrale, do adattamento del romanzo per eccesso di sensibilità. L’al-
ché nel ruolo principale è sta- fermo nei suoi princìpi, difen- autobiograico di Joseph Jofo tro, un po’ con il pilota auto-
to scritturato Gary Oldman. de strenuamente la pace. Sba- Un sacchetto di biglie, pubblica- matico inserito, per rimanere
Potrebbe sembrare una scelta gliando. anthony to nel 1973. Questo racconto di fedele al cinema d’avventura.
sbagliata, eppure la leggerez- Lane, The new Yorker come due ragazzi ebrei riesco- È impossibile però non inter-
za della sua interpretazione no a sopravvivere nella Francia rogarsi sulle motivazioni di
segna una decisa svolta rispet- Poesia senza ine occupata ha venduto venti mi- un’operazione del genere, con
to a tanti altri tentativi. Il suo Di Alejandro Jodorowsky. lioni di copie in tutto il mondo, tutti i rischi che comporta.
Churchill, rapido negli sposta- Con Adan Jodorowsky, Brontis ed è contemporaneo alla presa jacques Mandelbaum,
menti, con un tono di voce Jodorowsky. Francia/Cile/ di coscienza della politica col- Le Monde
sbufante e impaziente al po- Regno Unito, 2016, 128’
sto del classico ringhio lento e ●●●●●
grave, fa pensare a un uomo A 87 anni, Alejandro Jodorow-
che non vede l’ora di combat- sky irma il seguito della Dan-
tere. Appena in tempo – visto za della realtà (2013), in cui rac-
che ci troviamo nella tarda contava la sua infanzia in un
primavera del 1940, con la villaggio cileno. In Poesia senza
macchina da guerra tedesca ine si concentra sulla giovi-
già a pieno regime e l’impero nezza a Santiago del Cile
britannico alla deriva – Chur- (Alejandro è interpretato da
chill, destando le preoccupa- uno dei suoi igli, Adan), tra gli
zioni di molti suoi contempo- anni quaranta e gli anni cin-
ranei, assume la carica di pri- quanta, prima della sua par-
mo ministro. Wright sembra tenza per la Francia. Come nel
avere una specie di debolezza primo ilm, Jodorowsky ripren-
per le riprese dall’alto, che si de i suoi deliri ilmici in moda- Poesia senza ine
DR

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 77


Cultura

Libri
Italieni Dal Regno Unito
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
L’agonia del mestiere di scrittore
Questa settimana
Vanja Luksic, del settimana-
le L’Express.

PM IMAGES/GETTy
La percentuale degli autori
che si guadagnano da vive-
Pino Aprile, Maurizio De re solo scrivendo è crollata
Giovanni, Mimmo dal 40 per cento del 2005
Gangemi, Rafaele Nigro all’11,5 per cento del 2013
Attenti al sud
Piemme, 103 pagine, 15 euro Un rapporto pubblicato a di-
● ● ● ●● cembre dall’Arts council En-
“Mentre il nord sta dissan- gland (Ace) ha rivelato che il
guando il paese per tenere in romanziere è una specie in via
piedi le cattedrali di una reli- d’estinzione, e ha scatenato un
gione perduta, quella indu- acceso dibattito su come e se
striale, il sud con una scarpa e uno scrittore debba essere pa-
una ciabatta (come dicono a gato. Lo studio spiega che le
Roma) sta reinventando il cose sono sempre più diicili
mondo”, aferma lo scrittore per chi scrive romanzi a causa
pugliese Pino Aprile, uno degli del crollo dei prezzi dei libri e ro) e le librerie si prendono il per le piccole case editrici.
autori di questo lavoro che, già delle vendite e degli anticipi 50 per cento, per editore, Tim Lott sul Guardian ha però
dal titolo si capisce, non è l’en- sempre più esigui pagati dalle agente e autore rimangono so- respinto duramente l’idea: “I
nesimo libro sui mali del Mez- case editrici. Nel mercato an- lo 15mila sterline da spartirsi. romanzieri si dovrebbero pre-
zogiorno. I testi di quattro glofono vendere 30mila copie Non stupisce dunque che la occupare di scrivere libri mi-
scrittori “terroni” sono la tra- di un romanzo è un risultato percentuale di chi si guadagna gliori. La mia impressione è
scrizione dei loro interventi rispettabile, ma se un roman- da vivere scrivendo sia crolla- che la letteratura del nostro
durante un evento a Matera zo con copertina rigida costa ta. L’Ace propone borse per gli paese si sia persa per strada”.
(capitale europea della cultura in media 10,12 sterline (11 eu- autori ed erogazione di fondi Tom Gatti, New Statesman
nel 2019), tutti con una visione
positiva. Gli autori non sono
certo entusiasti della situazio-
ne attuale della Puglia, di Na-
Il libro Gofredo Foi
poli , della Calabria o della Ba-
silicata, ma lo sono delle loro
Storie di adolescenti diicili
potenzialità e delle loro im-
mense ricchezze culturali. E
proprio in questo sud, “inva- Uli Gottlieb interesse Un ragazzo d’oro, catturare il lettore e farlo
so” e “colonizzato” dall’unità Un ragazzo d’oro dove si raccontano in prima commuovere. Non aveva
d’Italia, potrebbe esserci, og- Minimum fax, 274 pagine, persona le disavventure di un afatto in mente l’inarrivabile
gi, la salvezza di un paese in 17,50 euro ragazzo autistico nella primo capitolo dell’Urlo e il
crisi. Pino Aprile lo spiega in È ben noto che una parte comunità in cui l’hanno furore di Faulkner, in cui era il
un modo poetico; De Giovanni consistente e “sana” della sistemato, alle prese con un personaggio di Benjy a
attraverso un’ode alla bellezza popolazione vive occupandosi educatore antipatico, una narrare, ma piuttosto un ilm
trasandata della sua città, Na- della parte “malata”. Anche giovane donna magniica, come Rain man, l’uomo della
poli; Gangemi con tanta rab- questo fa parte della nuova amici diicili quanto e più di pioggia, di compiacente
bia di fronte ai luoghi comuni economia. Anche tanti lui e con il grande sogno di divulgazione, con tutti i suoi
del nord; e Nigro con la ierez- scrittori sopravvivono in tornare a casa. Che sia per derivati. Quella di Gottlieb è
za di un lucano per la sua Ma- questo modo e Uli Gottlieb è astuzia o persuasione, Gottlieb un’operazione riuscita solo in
tera, che si è trasformata da uno di loro. E, proprio perché assume la voce di Todd, il parte. Sull’argomento è meglio
“vergogna nazionale” (lo dice- ci si sente complici, e perché ragazzo del romanzo, e cerca tornare al Deligny di Una
va Alcide De Gasperi) in “or- in molti ci si interessa davvero di rendere credibili i suoi zattera sui monti (L’erba voglio
goglio italiano”. Questo è un al dolore altrui sperando di pensieri e di drammatizzare la 1977), facilmente
libro prezioso. mitigarlo, si legge con sua storia in modo da recuperabile. u

78 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


I consigli Maurice Sendak David Hepworth Rossella Pastorino
della Nel paese dei mostri 1971 Le assaggiatrici
redazione selvaggi (Sur) (Feltrinelli)
(Adelphi)

Il romanzo Jim Shepard


Il mondo che verrà
Christopher Bollen
Orient
Le origini di Bolaño Bompiani, 320 pagine, 18 euro
●●●●●
Bollati Boringhieri, 720 pagine,
20 euro
Ci sono moltissimi romanzi ●●●●●
storici – volumi ponderosi, di Christopher Bollen è un capar-
Roberto Bolaño Roberto Bolaño solito con una miriade di per- bio esploratore di ciò che è na-
Lo spirito sonaggi – che esibiscono la pa- scosto, magnetizzato dalla for-
della fantascienza dronanza che gli autori hanno za delle storie impenetrabili. Il
Adelphi, 206 pagine, 18 euro dei diversi periodi. Ma raccon- protagonista di Orient, Mills
● ● ● ●● ti brevi a sfondo storico? Pochi Chevern, è un giovane in fuga:
La posterità di Roberto Bolaño scrittori ci si avventurano, per- dalla sua vita precedente in
MAThIEU BOURGOIS (WRITER PICTURES/ROSEBUD2)

sta vivendo un momento ché ci vuole troppo tempo per California, dove è cresciuto;
complicato. Da un lato, la sua ricostruire un mondo passato da New york, dove sperava di
consacrazione come classico è in tutti i dettagli. Un’eccezione uscire dall’ombra di un’infan-
accettata dal mercato e dagli notevole è Jim Shepard. Con la zia segnata dalle violenze; e,
studi accademici. Dall’altro, sua nuova raccolta Il mondo quando lo incontriamo nel
come conseguenza, sempre che verrà continua la sua esplo- prologo del romanzo, da
più scrittori e critici accusano razione originale di tempi e Orient, un villaggio isolato e
Bolaño di essere un bluf, di luoghi lontanissimi: solo due apparentemente insigniican-
aver eclissato con la sua dei dieci racconti riguardano te sulla costa di Long Island,
popolarità altri autori personaggi moderni con rico- dove sperava di fare una vita
veramente validi. Per tutti noscibili insoddisfazioni ame- normale. Quando il libro si
questi motivi, ci si potrebbe letterarie negli anni settanta), ricane. La morte è una minac- apre, capiamo subito che quel-
attendere da questa Jan (alias Roberto Bolaño), cia onnipresente. È uno tsuna- la speranza è svanita: “Sono
recensione un giudizio tagliato chiuso in soitta, invia lettere mi che ti arriva alle spalle, o un venuto a Orient e me ne sono
con l’accetta, che saluti un ai suoi scrittori di fantascienza sottomarino britannico duran- andato due mesi dopo, colpe-
capolavoro sconosciuto o, al preferiti in cui, ironicamente, te la seconda guerra mondiale vole solo di aver cercato di sal-
contrario, segnali un inganno. chiede aiuto per l’America circondato da navi tedesche, o varmi. Cos’altro posso dirti
Lo spirito della fantascienza Latina abbandonata, oppressa un treno pieno di petrolio che non crederai? Che ho visto
non è né l’uno né l’altro. È un dalla politica estera degli Stati greggio che sta per esplodere. la faccia dell’assassino la notte
romanzo degli esordi (scritto a Uniti. La debole trama Uno dei racconti parla della in cui sono partito? L’ho vista”.
Blanes nel 1984 e poi poliziesca del romanzo e il spedizione di Franklin del A questo punto la narrazione
abbandonato) che preigura sottotema della guerra non 1845, un viaggio al Polo Nord di Bollen torna al momento
temi, personaggi e stili di aiutano a sorreggere la storia leggendariamente macabro dell’arrivo di Mills a Orient e ci
opere più riuscite. Anticipiamo della formazione di Remo e durante il quale l’equipaggio porta in un viaggio in terza
alcuni dettagli della trama che Jan, i cui migliori momenti si rimase congelato e, malgrado persona attraverso il mondo
i lettori di Bolaño troveranno possono leggere come scene il ricorso al cannibalismo, mo- sempre più inquietante dei
familiari: Jan e Remo, due isolate. Queste scene rì di fame. Un altro riguarda i suoi abitanti. Molti di loro so-
giovanissimi poeti cileni basteranno per soddisfare i fratelli Montgolier e il loro no istintivamente sospettosi
emigrati durante la dittatura, cultori di Roberto Bolaño, ma tentativo, nel 1783, di brevetta- nei confronti di Mills, e men-
vivono in una soitta di Città il romanzo resta, re la loro invenzione, la mon- tre la storia si sviluppa – il cor-
del Messico negli anni essenzialmente, l’annuncio goliera. Un altro ancora chie- po di una strana creatura ap-
settanta. L’onere della dell’autore che verrà e dei suoi de ai lettori di immaginarsi a pare sulla riva, il cadavere di
narrazione ricade su Remo, tic che saranno più imitati dai Creta intorno al 1600 aC, pri- un uomo è trovato nelle acque
che descrive in prima persona suoi epigoni: la sublimazione ma di una gigantesca onda del porto – questo sospetto
il suo romantico amico e le sue di una vita miserabile in forma anomala. Il racconto che dà il cresce. Il modo in cui Bollen
avventure in ore incerte, tra di opera letteraria, le titolo al libro è la storia di due gestisce il suo racconto è ipno-
laboratori letterari, città sottotrame sui nazisti e sulle mogli di contadini nella New tico e avvincente, più ricco di
all’alba, feste a sorpresa con cospirazioni, le battute che york del 1856, stupite di sco- quanto ci si aspetta di solito da
molti altri giovani belli e ammiccano ai lettori più prirsi profondamente innamo- un thriller. L’autore ha imma-
sconitti. Mentre Remo è eruditi, la rivendicazione della rate l’una dell’altra. Sono rac- ginato strenuamente le paure
protagonista di un’indagine cultura popolare, un conti pieni di dolore, ma mai degli altri e ha evocato mondi
poliziesca fuori Città del romanticismo circondato da cupi. nascosti.
Messico (il misterioso caso violenza e insigniicanza. Lisa Zeidner, Matthew Adams,
della proliferazione di riviste Carlos Pardo, El País The Washington Post The Independent

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 79


Cultura

Libri
Michael Poore
Reincarnation blues
dall’antica valle dell’Indo alla
Vienna del cinquecento alla
umane. Malgrado alcuni pec-
cati veniali del suo stile, è uno
Africa
Edizioni e/o, 448 pagine, Florida moderna (dove inisce scrittore di grande potere evo-
18 euro mangiato da uno squalo). Visi- cativo, ed è la sua prosa a tene-

XAVIER POPy (REA/CONTRASTO)


● ● ●●● tiamo anche un futuro in cui la re in piedi un romanzo che al-
Michael Poore non è conosciu- Terra viene distrutta da una trimenti rischierebbe di aggro-
to come scrittore di fanta- cometa, con sopravvissuti che vigliarsi nei rapporti confusi
scienza, ma gran parte di que- abitano in una stazione spazia- tra i personaggi. La storia si
sta commedia metaisica si le. Se alcuni episodi sembrano apre con due treni che lascia-
svolge in un futuro catastroi- facili o stravaganti, altri sono no la stazione nel momento
co o su pianeti lontani. Dopo la esilaranti o tragici, e molti so- sbagliato, si scontrano e cau- Marguerite Abouet
morte, apprendiamo, ognuno no toccanti. sano morti e detriti. Nel con- Commissaire Kouamé, 1:
attraversa ino a diecimila Gary K. Wolfe, voglio diretto a Parigi si trova Un si joli jardin
reincarnazioni per raggiunge- Chicago Tribune uno zaino, quello di Marta, Gallimard
re la perfezione o afrontare che non aveva motivo per es- Giallo a fumetti. Ad Abidjan
l’estinzione, e allo sfortunato João Ricardo Pedro sere lì. Sembra quindi che il un uomo viene ucciso in un
protagonista di Reincarnation Una cartolina da Detroit narratore voglia aprire un’in- hotel. L’indagine deve essere
blues, Milo, dopo diverse mi- Nutrimenti, 185 pagine, 16 euro dagine per scoprire cosa ci fa- condotta con discrezione per-
gliaia di anni, restano appena ●●●●● cesse quello zaino – e la donna ché la vittima è un noto magi-
cinque vite. Il suo ricorrente La più grande perversione scomparsa, sua sorella – sul strato. Abouet è nata ad Abi-
interesse romantico è Suzie, dell’arte moderna è probabil- treno. Ma è una preoccupazio- djan nel 1971 e vive a Parigi.
che incontra per la prima volta mente il cattivo uso della vol- ne minore, perché João Ricar-
nel 2600 aC come una bambi- garità. Per questo sono impor- do Pedro è più interessato a ri- Joël Alessandra
na, ma che è in realtà la morte. tanti quei pescatori nel fango costruire la vita di Marta attra- Abyssinie: une traversée
Se le relazioni di Milo, am- che sono capaci di trovare la verso i suoi diari, che svelano, dessinée
bientate in una sorta di limbo bellezza in luoghi imprevedi- dietro l’apparenza di una ra- Paulsen
dell’aldilà, forniscono l’ossatu- bili. João Ricardo Pedro non gazza candida, uno strano rap- Un album illustrato che segue
ra narrativa del romanzo, la usa le grandi questioni umane porto con il mondo sotterra- il viaggio di un uomo che at-
carne è fatta dai molti aneddo- per parlare di banalità, ma al neo del crimine. traversa il Corno d’Africa, fa-
ti e racconti della vita del pro- contrario ricorre alla banalità Carlos Maria Bobone, cendosi guidare dalle sue let-
tagonista attraverso le epoche, per parlare di grandi questioni Observador ture. Alessandra è nato a Mar-
siglia nel 1967 e risiede tra la
Francia e il Corno d’Africa.
Non iction Giuliano Milani Laurence Gavron
Pensiero anarchico Fouta street
Le Masque
Takko Deh è una ragazza se-
negalese che viene data in
Amedeo Bertolo militante antifranchista. impegnato a deinire, con sposa a un cugino sconosciuto
Anarchici e orgogliosi Costituitosi, fu assolto. Più chiarezza e senza scorciatoie, che vive a Brooklyn. yoro è un
di esserlo tardi, fondò con Giuseppe come pensare la buon marito, ma Takko non lo
Elèuthera, 325 pagine, 15 euro Pinelli la Crocenera anarchica, trasformazione, come ama e fugge. Gavron è nata a
Poco più di un anno fa moriva una rete che ebbe un ruolo contribuire alla difusione del Parigi nel 1955 e vive a Dakar.
Amedeo Bertolo, igura di importante nella reazione agli “potere di fare e di decidere” e
spicco del movimento arresti arbitrari degli anarchici come lottare contro il “potere Kossi Efoui
anarchico italiano, fondatore dopo la strage di piazza di far fare”. Alcuni articoli Cantique de l’acacia
della Rivista Anarchica e della Fontana. Questo volume rivolti soprattutto ai compagni Seuil
dinamica casa editrice raccoglie molti dei suoi scritti militanti permettono di Il bambino non era ancora na-
elèuthera. Nel 1962 partecipò e contiene la sua bibliograia apprezzare l’originalità di to, ma Io-Anna si era già fatta
al rapimento del viceconsole completa. Dalla sua lettura si questo intellettuale nel tatuare il suo nome: Joyce. E
spagnolo a Milano con il quale esce con l’impressione di un movimento di contestazione, Grace, la nonna, aveva avuto
aveva negoziato (e ottenuto) la pensatore convinto la sua lucidità su temi come il una visione. Kossi Efoui è nato
commutazione della dell’imprescindibile rapporto capitalismo di stato, la in Togo nel 1962.
condanna a morte in pena tra pensiero e azione, oltre che nozione di borghesia e l’uso Maria Sepa
detentiva per un giovane tra mezzi e ini, e dunque della violenza. u usalibri.blogspot.com

80 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Ragazzi Ricevuti
L’amore Nick Bostrom
Superintelligenza
libera i corpi Bollati Boringhieri, 522 pagine,
28 euro
I limiti e i pericoli dell’intelli-
Rania Ibrahim genza artiiciale, una grande
Islam in love promessa dell’umanità che
Jouvence, 406 pagine, potrebbe avere conseguenze
19,90 euro imprevedibili.
Islam in love è un libro che può
far discutere in dal titolo. Franco Panizon
Molti lo hanno guardato con Cari genitori
sospetto bollando Uppa, 229 pagine, 18 euro
l’operazione come Torna in una nuova edizione
irrispettosa. Ma non c’è il libro perfetto del pediatra
assolutamente nulla di che vorrebbero tutti i neoge-
irrispettoso, c’è solo un amore nitori: esperto, preciso e sem-
che muove il sole e le pre afettuoso. Un classico.
montagne. La storia infatti
parla più d’identità che di Alberto Casadei
religione, di quello che siamo Biologia della letteratura
o che ci fanno credere di
essere. Ci sono due ragazzi:
Fumetti Il Saggiatore, 245 pagine,
23 euro
Laila, anglo-araba (con il
velo) e Mark, un inglese iglio
Evanescenti visioni Una prospettiva inedita che
lega la letteratura e l’arte alle
di un deputato di estrema neuroscienze e alla biologia
destra. Due opposti che si attraverso lo studio dell’ela-
innamorano nella inzione Blexbolex questo rainato libro-ogget- borazione stilistica.
narrativa. Laila non si limita a Vacanze to, l’alta qualità di carta e
innamorarsi, ma mette il suo Orecchio acerbo, 138 pagine, stampa, quasi da serigraia e Danilo Soscia
intero corpo in campo, dalle 18 euro la costruzione delle immagi- Atlante delle meraviglie
mestruazioni ai momenti Tove Jansson ni, dove s’intersecano vari Minimum fax, 280 pagine, 18
intimi con Mark. Il sesso è Mumin e le follie invernali piani. Tutto concorre euro
esplicito, ma proprio per Iperborea, 96 pagine, 12 euro all’astrazione in questa para- Sessanta racconti che creano
questo può far capire ai Una bambina, ospite dal non- bola sull’utopia possibile, ba- un catalogo fantastico delle
ragazzi coetanei dei no in campagna durante le va- sta saper cogliere le visioni. passioni e delle avventure
protagonisti, tardo canze estive, vede arrivare un Visioni che l’autore rende umane nel solco della bizzar-
adolescenti, che la vita ci ospite inatteso. La bella iaba splendide, a tratti quasi delle ra tradizione barocca della
pone davanti a side che atemporale del francese Blex- illuminazioni. Un classico co- Wunderkammer. Personaggi
nessuno immaginerebbe. bolex (del quale Orecchio me i Mumin della inlandese non illustri si alternano a Ge-
Due corpi che si dovrebbero acerbo ha pubblicato diversi li- Tove Jansson, riproposto in sù, Mao, Antigone e Rim-
odiare, in realtà si amano con bri, tutti ottimi) è connotata splendidi libretti in formato baud.
una passione che brucia ogni dalla forte astrazione, sia del rettangolare come le strip,
xenofobia. L’autrice racconto sia della dimensione rappresenta un raro esempio, Lucie Green
idealmente ha dedicato formale. Come con la pittura grazie anche alla stessa reti- Viaggio al centro del Sole
questo romanzo a tutte le impressionista, e a diferenza natura rétro, di una colorazio- Il Saggiatore, 285 pagine,
Leila che nel mondo (non solo di ciò che accade con la pittura ne riuscita malgrado l’origi- 26 euro
arabo-islamico) stanno classica, più ci si avvicina con nale non lo fosse. Le micro- L’astroisica Lucie Green ha
cercando di liberare i loro gli occhi all’opera e più cresce parabole di Jansson sono del- studiato il Sole per vent’anni
corpi dalla catena del potere l’indeinitezza, l’astrazione e le variazioni poetiche e con questo libro vuole mo-
patriarcale. Una lettura quindi il mistero. Qui è un pro- sull’umana futilità. Dense e strare, con linguaggio chiaro
raccomandata a chi questi cesso di stampa dal sapore insieme evanescenti, come le e descrittivo, perché la nostra
turbamenti li vive a 18 come a rétro come il retino che genera nevi dell’inverno inlandese. stella madre è diversa dalle
99 anni. Igiaba Scego lo stesso efetto. Complice, in Francesco Boille altre.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 81


Cultura

Musica
Dal vivo Dall’Irlanda
Andrea Laszlo De Simone
Bologna, 20 gennaio
Dolores O’Riordan, 1971-2018
covoclub.it

PAUL NATkIN (GETTy IMAGES)


James Taylor Quartet La cantante dei fama. La stampa musicale la
Milano, 20 gennaio Cranberries è morta snobbava per le sue idee poli­
bluenotemilano.com a Londra. Aveva 46 anni tiche poco progressiste. Nel
1994 sposò il canadese Don
#IFeelRoma Da bambina Dolores O’Rior­ Burton, tour manager dei
Adiel, Andrea Esu, Nan Kolè, dan si metteva in piedi sul ta­ Duran Duran, dal quale ebbe
Sere Na, Nicola Casalino, Orree volo per cantare di fronte ai tre igli. Ma lo stress della vita
Roma, 20 gennaio parenti nella sua casa di da rockstar ebbe cattive con­
quirinetta.com Ballybricken, nella contea di seguenze sulla sua salute:
Limerick. Cominciò a scrive­ sofriva di depressione e di­
Tangerines re canzoni da adolescente, pena scritto, Linger. Entrò nel sturbi alimentari. Negli ulti­
Teramo, 21 gennaio ispirandosi ai Duran Duran e gruppo, che aveva appena de­ mi anni, dopo il divorzio, le
arcireal.it/circolo/loicina agli Smiths. Alla ine degli ciso di cambiare il nome in sue condizioni di salute era­
Ravenna, 24 gennaio anni ottanta una band di Li­ The Cranberries. Fu l’inizio no peggiorate e le era stata
facebook.com/moogslowbar merick, The Cranberry Saw del successo: la band nei dieci diagnosticata una sindrome
Us, stava cercando un can­ anni successivi vendette cin­ bipolare. Il suo corpo è stato
Mark Turner tante. O’Riordan, con una ta­ quanta milioni di dischi. Nata trovato il 15 gennaio in un al­
Roma, 22 gennaio stiera Casio un po’ rotta sotto nel 1971, O’Riordan era la più bergo di Londra, dove si tro­
auditorium.com il braccio, andò in città in bici giovane di sette fratelli. Era vava per delle registrazioni.
per fare un provino. Suonò e timida e ha ammesso di esse­ Hugh Linehan,
Accept cantò un pezzo che aveva ap­ re arrivata impreparata alla The Irish Times
Trezzo sull’Adda (Mi),
23 gennaio
liveclub.it Playlist Pier Andrea Canei
Colapesce
Catania, 24 gennaio
Cinematica
facebook.com
/musicadicolapesce
Conversano (Ba), 26 gennaio Grazia Di Michele I Giocattoli Calibro 35
casadellearti.com/site

Dente e Guido Catalano


1 Folli voli
E chi se lo ricordava, il
ilm Once, del 2006, con il duo
2 Bill Murray
Sushi bar e sigarette, no­
ia esistenziale e sesso: è una
3 SuperStudio
Ossia, “la colonna sonora
di un ilm che non è mai stato
Lamezia Terme (Cz), ceco/irlandese formato da versione giovane e fresca, con girato, in cui Clint Eastwood e
25 gennaio Markéta Irglová e Glen Han­ video carino, della solita solfa: Pam Grier salvano la Terra
olamezia.it sard, protagonisti e autori del­ la ballata indie generica che si dall’invasione di robot assassi­
Palermo, 26 gennaio la Miglior canzone agli Oscar pasce della propria giovinezza ni arrivati da un altro pianeta”.
candelai.org del 2008? Falling slowly diven­ e freschezza. La riconoscibilità La band di Enrico Gabrielli
ta Folli voli in questa nuova si delega: e un attore cult come rappresenta la fase terminale
IvANA NOTO

versione elegantemente petti­ Bill Murray, citato dal duo pa­ del contagio cinematograico:
nata come se dovesse andare a lermitano nel ruolo di ghost­ tutta la loro traiettoria è un
Sanremo. Grazia Di Michele, buster, funge furbescamente montaggio veloce di scene
cantautrice di lungo corso, ri­ da marcatore di stile indie, così d’azione in ilm di genere
torna e si diverte a ripescare e come Pippo segnala ai piccoli funky a zampa d’elefante. So­
adattare ballate e canzoni da visitatori che si trovano davve­ no imbattibili in questa disci­
repertori altri: Cesaria Evora e ro nel regno Disney. Comin­ plina molto nerd, e sembrano
Damien Rice, Cuba e Israele, ciarono le Bananarama con non stufarsi mai ad ainare
il Brasile e l’America. Un bel Robert de Niro’s waiting a reclu­ quelle ombelicali linee evoluti­
volo intorno a un mondo di tare star del cinema come pro­ ve che ora portano a matura­
Andrea Laszlo De Simone canzoni azzeccate. tagoniste delle canzonette. zione con l’album Decade.

82 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Jazz/
impro Roswell Rudd Ella Fitzgerald Fred Casadei Spiritual
Scelti da Antonia Embrace Ella at Zardi’s Unity
Tessitore RareNoiseRecords Verve Love
Setola di Maiale

Album Emel Mathlouthi il fatto che riescano ancora a


riempire posti come la Brixton
Emel Mathlouthi Academy è una conferma del
Ensen fatto che sono dei sopravvissu­
Partisan records ti del rock and roll. Ma il tem­
●●●●● po spegne il fuoco di qualsiasi
Il nuovo album della cantau­ gruppo, e il trio di San Franci­
trice tunisina Emel potrebbe sco non fa eccezione. Una
sorprendere qualcuno. Chi co­ buona parte di Wrong creatures
JULIEN BOURGEOIS

nosceva la versione orchestra­ è elettrizzante, ma in alcune


le di Kelmti horra, il suo brano parti le crepe si cominciano a
diventato un inno della Prima­ notare. Uno dei principali di­
vera tunisina, o i suoi pezzi fetti dei Brmc è la tendenza a
acustici nel ilm No land’s song, eccedere, e a un disco che du­
può rimanere colpito dal cam­ li regalò al museo. Dopo che Madeleine del 1981. Poi c’è l’al­ ra quasi un’ora qualche spun­
bio di direzione della cantan­ numerosi visitatori chiesero legra Via con me, bestseller in tatina non avrebbe fatto male.
te. Eppure la sua passione e la informazioni sulla musica, yo­ Francia, e l’incalzante Happy Questo album è un distillato
sua integrità sono ancora lì. shimura decise di pubblicare feet. Le canzoni di Conte bril­ delle qualità e dei difetti del
Loop elettronici, tamburi tra­ l’album. La bellezza statica di lano per melodia e sentimen­ gruppo. Per una band che sta
dizionali, organi e chitarre questi brani, costruiti su sem­ to, e le sorprese non mancano per entrare nei suoi trent’anni
acustiche si sposano con lo sti­ plici melodie di pianoforte mai. Nell’ultimo disco suoi i di vita la battaglia continua.
le limpido di Mathlouthi. Prin- elettrico, non ha precedenti. brani sono interpretati da pro­ Chris Watkeys,
cess melancholy combina per­ L’interazione tra sintetizzatori tagonisti della musica e dello Loud and Quiet
fettamente l’elettronica con la e piano ricorda quella di Brian spettacolo: il migliore è Don’t
sua vocalità. La voce di Emel, Eno in Thursday afternoon. break my heart, cantato da Mi­ Cupcakke
perfetta nell’intonazione ma Nella seconda parte del disco riam Makeba con un assolo di Ephorize
sempre naturale, sembra en­ emerge la malinconia di Erik tromba di Dizzy Gillespie. Autoproduzione
trare e uscire dalla musica co­ Satie e di Claude Debussy. Robin Denselow, ●●●●●
me uno strumento tra gli altri. Questo non è solo un disco per The Guardian Elizabeth Harris, meglio co­
Ensen è un mix molto potente collezionisti, ma una raccolta nosciuta come la rapper Cup­
di rainatezza e tradizione. di musica senza tempo che ar­ Black Rebel cakke, non era neanche nata
Richard Marcus, ricchisce lo spirito. Motorcycle Club quando Lil’ kim pubblicò nel
Qantara.de Matt McDermott, Wrong creatures 1996 il suo disco di debutto
Resident Advisor Vagrant Hard core, un album storico
Hiroshi Yoshimura ●●●●● per l’hip hop femminile, in
Music for nine post cards Paolo Conte Quando nel 2001 pubblicaro­ particolare per il modo in cui
Empire Of Signs Zazzarazáz. Uno spettacolo no il loro primo disco, i si parlava di temi espliciti. Nel
●●●●● d’arte varia Black Rebel Motorcycle Club suo nuovo disco Cupcakke
Pubblicato in Giappone nel Blue Wrasse erano una band iga: una gang non afronta solo il sesso, ma
1982 e ristampato oggi da ●●●●● vestita di nero che ringhiava anche altri argomenti come
un’etichetta di Portland, Music Con la sua voce aspra ma dol­ su un mare di ghiaccio secco. l’autostima e i diritti lgbt, ar­
for nine post cards è un antido­ ce e uno stile che va dalla Sono pochi i loro contempora­ ricchendo i brani con testi di­
to alla vibrazione dei nostri te­ chanson al blues, Paolo Conte nei che sono arrivati in qui, e vertenti e surreali, come quel­
lefoni e alle notizie 24 ore su è la risposta italiana a Jacques lo del singolo Cartoons. I beat,
24, un invito a rallentare. Il Brel, Tom Waits e Leonard prodotti da Def Starz, sono
compositore giapponese co­ Cohen. A 81 anni appena com­ vari e incisivi. Si sentono le in­
minciò a lavorare all’album piuti, Conte ha pubblicato un luenze dello stile bounce di
senza pretese. Guardava fuori cofanetto di quattro cd che ri­ New Orleans, come in Duck
dalla inestra e cercava di ri­ percorre la sua straordinaria duck goose, oppure della tropi­
produrre quello che vedeva. carriera ancora in corso. Si cal house (Total) e di rapper
Mentre lavorava al progetto, parte da una canzone inedita, maschili come Future (Navel).
vAGRANT RECORDS

visitò il museo di arte contem­ la soferente e sussurrata Per Cupcakke può sembrare solo
poranea Hara, a Tokyo. Ispira­ te, dominata da pianoforte e i­ una che le spara grosse, ma in
to dall’architettura minimali­ sarmonica, per poi passare al­ realtà ha molto talento.
sta dell’ediicio e dagli alberi lo swing di Sotto le stelle del jazz Claire Lobenfeld,
nel cortile, scrisse nove brani e e alla pensierosa ma spigliata Black Rebel Motorcycle Club Pitchfork

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 83


Cultura

Video
I am Heath Ledger
Martedì 23 gennaio, ore 21.15
In rete
Sky Arte Invisibles. The
A dieci anni dalla morte un ri-
cordo del talento e dello spiri- plastic inside us
to dell’attore, un ragazzo che
voleva esplorare la creatività orbmedia.org
attraverso le sue passioni, dal Dossier multimediale,
cinema alla musica. risultato di un’inchiesta
sull’inquinamento da plastica
The Rolling Stones. e in particolare sulla presenza
Olé olé olé! A trip across di ibre plastiche nell’acqua
Latin America che esce dai rubinetti delle
Martedì 23 gennaio, ore 22.55 case di tutto il mondo. La
Rai 5 plastica è ovunque, è il
Resoconto del tour degli Sto- prodotto più resistente,
nes nel 2016 che si è concluso Dvd invasivo e insidioso, ma ha
con lo storico concerto a Cuba. anche migliorato la nostra vita
Un road movie che celebra il Cinque anni con John Berger quotidiana. In seguito agli
potere rivoluzionario del rock. allarmi sulla quantità di riiuti
alla deriva in iumi e oceani, i
Tropicália Nel 1973 lo scrittore e critico ritratto composito del grande reporter di Orb Media si sono
Mercoledì 24 gennaio, ore 22.45 britannico John Berger si tra- intellettuale, narratore e arti- chiesti se le microibre
Rai 5 sferì a Quincy, remoto villag- sta morto nel gennaio del plastiche fossero inite
Storia del tropicalismo, uno gio alpino nell’Alta Savoia 2017, risultato di un progetto a nell’acqua potabile. I risultati
dei movimenti culturali brasi- francese. Aveva deciso che più mani durato cinque anni e di dieci mesi di lavoro sono
liani più signiicativi e di un avrebbe passato il resto della voluto da Tilda Swinton, ami- preoccupanti, non solo per i
gruppo di artisti e intellettuali sua vita testimoniando la spa- ca intima dello scrittore, qui diseredati che vivono ai
che usò la musica e le arti per rizione dell’agricoltura tradi- coprotagonista e regista di uno margini delle discariche, ma
afrontare le istituzioni e la zionale, che da millenni garan- dei quattro episodi. Il dvd è anche per chi apre un
politica. tiva la sussistenza dell’umani- uscito nel Regno Unito. rubinetto in una capitale
tà. The seasons in Quincy è un seasonsinquincy.com occidentale.
La segretaria di Goebbels
Venerdì 26 gennaio, ore 21.00
History
Nata e cresciuta a Berlino,
Fotograia Christian Caujolle
Brunhilde Pomsel diventò nel
1942 la segretaria del ministro
Niente gattini, per favore
della propaganda nazista Jo-
seph Goebbels. Intervistata
poco prima di morire, l’ultra- Seguendo la strada indicata a apprezzate e ha deciso di ricerca di corrispondenze
centenaria si racconta senza suo tempo dall’industria pubblicarle in un libro, atteso cromatiche, di atteggiamento
tentennamenti, dall’adesione discograica anche per chi si per la prossima primavera. o di forma tra le opere in
al partito alla ine del Reich. occupa di fotograie è arrivato Se la modalità di selezione esposizione e il pubblico che le
il momento di ricorrere alla da parte dell’editore è nuova ammira. Niente di
Auschwitz. Il museo rete per scoprire nuovi talenti (in un certo senso aidandosi sensazionalmente nuovo
della memoria e individuare nuove tendenze. a una nuova forma d’indice di insomma. Resta da vedere se
Sabato 27 gennaio, ore 21.15 Stefan Draschan ha gradimento), il contenuto il libro avrà successo e se
Sky Arte cominciato a difondere le sue dell’opera ci rimanda, in un aprirà la strada a un nuovo
La responsabilità della me- fotograie scattate all’interno modo molto piacevole, a segmento nel mondo
moria attraverso il racconto dei musei attraverso tumblr. vecchie seduzioni della dell’editoria fotograica.
della nascita del nuovo museo Dopo essere state viste, fotograia e a una tematica già Speriamo soprattutto che gli
di Auschwitz, intrecciato a condivise, commentate in largamente esplorata. In editori non comincino a
una visita all’ex campo di ster- tutto il mondo, sono arrivate quest’opera molto divertente rastrellare in rete foto di
minio nazista insieme ad al- sotto gli occhi di un editore, si ricorre all’aneddoto visivo, gattini. Di libri così ce ne sono
cuni sopravvissuti. che evidentemente le ha che dentro i musei signiica la già troppi in circolazione. u

84 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Cultura

Arte
Il ritratto di un paese Stephen Shore, 2nd Street, Ashland, Wisconsin, July 9, 1973
Mali twist, fondazione Cartier,
Parigi, ino all’8 febbraio
La fondazione Cartier ha scel-
to il blu pallido dell’alba per ri-
cordare la vita di Malick Sidi-
bé, il fotografo maliano morto
nel 2016 a 81 anni. La sua pas-
sione era il ritratto e riusciva a
catturare l’anima dei suoi sog-
getti attraverso pochi scatti,
che issavano le linee di un
volto o la postura di un corpo.
In Mali twist la gioventù di Ba-
mako balla tra due culture alla
vigilia dell’indipendenza, pro-
clamata uicialmente il 20
giugno 1960. Il lungo reporta-
ge notturno di Sidibé, tra bar e
locali da ballo, è pieno di alle-
gria. Sono scatti rubati che
hanno attraversato generazio-
2017 StEPHEN SHorE, CoUrtESY 303 GALLErY

ni e che, stampati anni dopo in


grande formato, hanno segna-
to il successo internazionale
del fotografo. L’energia di Si-
dibé rimane intatta in questa
prima retrospettiva postuma.
Le Figaro

Utopia italiana
Superstudio 50, Power station
of art, Shanghai, ino all’11
marzo
Stati Uniti
La prima retrospettiva com-
pleta di Superstudio 50, il col-
La strana trasparenza del quotidiano
lettivo italiano di architettura
molto apprezzato in Asia, è
concepita come un’autobio- Stephen Shore fascino che è diicile comin- lo di Shore, che ha capacità ar-
graia del gruppo fondato a Fi- Moma, New York, ciare a guardarla, iguriamoci tistiche straordinarie ma tanto
renze nel 1966. Compaiono ino al 28 maggio smettere. Nel lavoro di Shore nascoste da essere sublimina-
disegni, fotomontaggi, instal- Shore e i colleghi a lui aini colpisce l’accelerazione disin- li. Le serie più famose, Ameri-
lazioni, oggetti di design e il appartengono a una genera- volta di un mondo, quello at- can surface e Uncommon pla-
Monumento continuo, un pro- zione che negli anni settanta tuale, nel quale non ci si sente ces, hanno una qualità sor-
getto del 1969 di cui esisteva si è espressa con la pellicola a mai a proprio agio. Conforta prendente. Una cabina telefo-
solo lo storyboard. Per Super- colori a lungo disprezzata dai pensare che l’angoscia di fron- nica accanto a un cactus gi-
studio l’architettura era una i- fotograi d’arte, che con fred- te al reale sia un cinismo ame- gante sul quale è issato un
losoia, e questa mostra è una do distacco sdegnavano an- ricano, un vanto portato alle cartello con scritto “Garage”,
rilessione critica sul contribu- che i paesaggi suburbani, le estreme conseguenze da il neon acceso nella notte di
to del collettivo che, con il suo città desolate o le automobili. Edward Hopper nella pittura e una piccola città del Wiscon-
salto da utopia architettonica Lo scatto di un incrocio anoni- Diane Arbus nella fotograia. sin, un parcheggio anonimo.
a distopia, rappresentò il de- mo al centro di El Paso sem- Shore invoca un’altra tradizio- Le foto di Shore sottolineano
clino uiciale dell’architettura bra essere capitato per caso ne, quella di Walt Whitman, una verità: una cosa può esse-
utopistica che si era difusa in davanti all’obiettivo di Shore. che raccomandava uno stile re davvero nuova per te solo
Europa a partire dagli anni Una veduta sulla spiaggia del trasparente, piatto, vetroso e una volta.
cinquanta. e-lux iume Yosemite è così piena di senza arte. Esattamente quel- The New Yorker

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 87


Pop
Buone notizie per gli uzbechi
in Afghanistan

Diloram Ibrahimova
domenica e sono reduce da un’altra dura dubbio la sanità mentale dei miei genitori, che avevano

È settimana di lavoro a Uzbek Tv, la nuova mandato la iglia a studiare in un paese in guerra.
trasmissione della Bbc dedicata agli spet- Appena arrivati, a gennaio, ci iscrivemmo al gruppo
tatori di lingua uzbeca dell’Afghanistan. shorawi (sovietico) di consulenti, docenti e professori
Sono andata a fare la spesa nell’afollatis- delle diverse parti dell’Unione Sovietica che lavorava-
simo mercato di East street, nel sud di no all’università di Kabul. Dopo qualche tempo, un ve-
Londra, dove abbondano frutta e verdura fresche a nerdì – era un giorno libero – opportunamente scortati
prezzi stracciati. Tra i banchi del mercato, che è andammo a visitare Shahr-e Naw, la zona commerciale
un’area commerciale dal cinquecento, ci sono i volti della capitale. Scesa dall’autobus con inestrini oscura-
nuovi dei giovani venditori, intrapren- ti dalle tendine, camminavo per i vicoli
denti e servizievoli, immigrati dal Medio Mentre mi districo traboccanti di una varietà sconcertante
Oriente. Turchi, curdi, iracheni e afgani tra la folla con mio di abiti occidentali, profumi rainati e
lavorano gomito a gomito con i pochi marito iracheno, un registratori a cassette giapponesi. Per
britannici e caraibici rimasti. giovane sorridente una ragazza sovietica, abituata a una
Mentre mi districo tra la folla con mio attira la nostra scelta limitata, era il primo contatto con
marito iracheno, un ragazzo sorridente attenzione da un le ricchezze dell’occidente.
attira la nostra attenzione da un banco banco della frutta, Nel mezzo di questo incantesimo il
della frutta, prima in inglese, poi in arabo prima in inglese, poi mio collega tagico mi chiamò per dirmi
e inine in perfetto dari afgano. Dopo il che qualcuno voleva conoscermi. Ci in-
in arabo e inine in
rituale scambio di convenevoli, Habib trufolammo in un dukan (bottega), dove
parte con la domanda inevitabile: “Da
perfetto dari afgano mi presentarono un ragazzo di una quin-
dove vieni?”. Gli dico che vengo dall’Uz- dicina d’anni, un venditore di nome
bekistan, e non dal Tagikistan o dall’Iran come pensava Asadulla. Mi salutò con un sorriso dolce e mi lasciò
lui. “Man ham O’zbekman!”, esclama felice: “Anch’io sbigottita chiedendomi in perfetto uzbeco: “Yaxshimi-
sono uzbeco”, ma dell’Afghanistan. Da quel momento siz, opajon?”, “Come stai, sorella?”. Ero la prima uzbe-
in poi io e Habib continuiamo a chiacchierare in uzbe- ca dell’Uzbekistan che avesse mai visto. Quanto a me,
co. La sua gioia sembra incontenibile. Si rivolge ai suoi studente dell’Uzbekistan sovietico, ino a quel mo-
colleghi, impegnatissimi a caricare e scaricare la mer- mento non avevo mai saputo che in Afghanistan ci
ce, e gli dice in dari, pieno di orgoglio: “Questa khanum fossero degli uzbechi.
(signora) è uzbeca, proprio come me!”. Già: i sovietici avevano scelto di tenerci all’oscuro
All’inizio sentendolo parlare in dari avevo pensato dei nostri connazionali che abitavano oltreconine. Da
che fosse un tagico del nord dell’Afghanistan, oppure secoli in Afghanistan vivevano tribù uzbeche, ma gli
un hazara, del centro. Habib però ha le idee molto chia- uzbechi afgani non facevano parte della narrazione na-
re sulla sua identità: “Prima di tutto dico che sono afga- zionale sovietica. Nell’Uzbekistan sovietico la storia
no, poi che vengo da Takhar, una provincia del nordest. degli uzbechi afgani non si studiava e non era neanche
DILORAM Solo a persone come te posso dire che sono uzbeco”. citata nei testi scolastici. A scuola c’insegnavano la sto-
IBRAHIMOVA Questa breve e toccante scenetta con Habib è molto ria dell’Uzbekistan limitatamente al territorio della
lavora come in sintonia con l’argomento che domina gran parte del repubblica sovietica, e la storia del nostro popolo si fer-
redattrice dei mio tempo: come presentare al meglio le notizie della mava ai conini dell’Urss. I mezzi d’informazione non
programmi di Bbc al pubblico uzbeco dell’Afghanistan. E mi ha fatto parlavano mai degli uzbechi dell’Afghanistan.
informazione della tornare in mente il 1984. Successivamente avrei scoperto che neanche in
Bbc Uzbek Tv che
Dopo cinque anni di occupazione sovietica Afghanistan gli uzbechi facevano parte della narrazio-
vengono trasmessi in
dell’Afghanistan (e di strenua resistenza dei mujahidin) ne nazionale e dei programmi scolastici. In entrambi i
Afghanistan. Questo
articolo è uscito su
due ragazzi tagichi e io, unica studente uzbeca dell’isti- paesi, gli uzbechi dell’Afghanistan erano una specie di
Ferghana News con il tuto, partecipammo a un programma di scambio argomento tabù. Ma una storia ce l’avevano eccome.
titolo To people like dell’università americana di Kabul. Frequentavo due Uno dei regni più famosi della dinastia timuride, il
you I can say that I’m corsi: lingua dari e storia sociale dell’Afghanistan. Pri- regno Herat del sultano Hussein Baykara – un sovrano
Uzbek. ma che me lo chiediate: sì, molta gente aveva messo in turcico – fu fondato nel quindicesimo secolo. Il padre

88 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


EMILIANO PONzI

della letteratura classica uzbeca, Ali-Shir Nava’i, era dell’ottocento. Nel tentativo di mettere ine alla rivali-
un suo visir. Fin dal cinquecento è stata documentata tà anglorussa in Asia centrale, un traballante accordo
l’esistenza di regni uzbechi in Afghanistan, come i divise il territorio in due sfere d’inluenza. I conini
khanati di Maimana e Qunduz. Il sovrano di Maimana della Russia zarista si spingevano ino al iume Amu
– un importante snodo commerciale – era vassallo Darya, dividendo in due il territorio in cui vivevano gli
dell’emiro di Bukhara, il cui emirato diventò una colo- uzbechi. Fu probabilmente per efetto di questa spar-
nia della Russia in seguito all’espansione russa a metà tizione che i khanati uzbechi di Kunduz e poi di Mai-

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 89


Pop
mana, sull’altra sponda del iume, furono deinitiva- Avevano sentito parlare di me – come Asadulla, il
mente schiacciati dai dominatori afgani. ragazzo uzbeco nel dukan – così un giorno m’invitaro-
Successivamente, negli anni venti, dopo la sconitta no in facoltà per una tazza di tè verde. Mi ricordo anco-
dell’emiro di Bukhara da parte dell’armata rossa, ci fu ra lo spirito della conversazione: erano giovani, pieni
una migrazione in massa di uzbechi che fuggivano dai di gioia ed entusiasmo. Erano riusciti a fare quello che
bolscevichi verso l’Afghanistan settentrionale. Oltre a ino a quel momento era impensabile: insegnare nella
loro, altri gruppi etnici dell’emirato di Bukhara – tagi- loro lingua madre.
chi, turkmeni e kirghisi – trovarono rifugio nel nord Dopo il tè arrivarono altri inviti. Una volta, l’unica
dell’Afghanistan. Tra loro c’era anche l’ultimo sovrano insegnante donna del gruppo preparò a me e ai suoi
di Bukhara, Said Alim Khan, che morì in esilio e fu se- colleghi un piatto di ohsak (ravioli ripieni di erba cipol-
polto a Kabul. Su pressione dei sovietici, le autorità lina) fatti in casa.
afgane negarono il passaporto a lui e alla sua famiglia L’uzbeco che parlavano era diverso da quello che
per evitare che lasciassero il paese. parlavo io. Il mio era infarcito di parole ed espressioni
Anche la mia famiglia si è trovata in mezzo a queste idiomatiche russe che loro non capivano o che trova-
vicende turbolente. Più o meno in quegli anni mio non- vano strane (per esempio, per dire automobile io dice-
no Mullah Babakhan, un mercante di Kabul, si stabilì a vo mashina e loro mutar). Inoltre, c’erano alcune paro-
Bukhara dove conobbe e sposò mia nonna, Alima. le turciche che per me signiicavano una cosa e per loro
Quando negli anni trenta furono chiuse deinitivamen- un’altra: nel mio uzbeco kecha signiicava “ieri”, men-
te le frontiere non fece più ritorno in patria. Morì da tre per loro era “sera”. Per dire “ieri” usavano una pa-
straniero nel 1937, durante le purghe di Stalin, rimpian- rola che in Uzbekistan era considerata arcaica: tunov.
gendo la sua vecchia casa. Immaginate la confusione quando dovevamo darci un
Intanto, dall’altra parte del iume Amu Darya, gli in- appuntamento!
dustriosi e intraprendenti uzbechi contribuivano insie- Dopo l’arrivo al potere dei mujahidin, il diparti-
me ai turkmeni allo sviluppo dell’Afghanistan con la mento uzbeco dell’università è stato chiuso e non ha
Storie vere tessitura dei tappeti, la produzione di lana karakul, l’al- più riaperto. Mi chiedo dove siano oggi quei professo-
levamento di bestiame e la coltivazione di riso e grano. ri di uzbeco. Quanto ad Asadulla, tutto quello che so è
Per evitare che i
garage delle case
I loro famosi tappeti bukhara, con il motivo a “zampa che nel 1985 tutti i dukan uzbechi nello Shahr-e Naw
vengano usati dai d’elefante” su sfondo beige, diventarono il iore all’oc- sono stati chiusi.
proprietari per chiello delle esportazioni dell’Afghanistan. Secondo una rilevazione efettuata nel 2014 dalla
aittarli come In alcuni studi sulle relazioni britannico-afgane si Asia foundation, oggi gli uzbechi sono l’etnia turcica
alloggio, parla di una precisa volontà dei dominatori pashtun di più numerosa tra i principali gruppi etnici dell’Afgha-
l’associazione sminuire e screditare le varie etnie del nord. Nell’otto- nistan, pari a circa il 9 per cento della popolazione del
residenti di Aubrun cento i britannici che visitavano l’Afghanistan parten- paese. Ma le cifre relative al numero totale degli uzbe-
Greens in California do dall’India avevano rapporti soprattutto con i chi in Afghanistan variano da una fonte all’altra, con
ha adottato una
pashtun e i tagichi, che descrivevano gli uzbechi in ter- una forbice che va dagli 1,5 milioni a dieci. L’unico cen-
nuova regola per la
mini per lo più negativi e inirono per inluenzarne la simento della popolazione afgana è stato fatto nel
quale i proprietari di
un garage devono
percezione generale. 1979, e da allora i continui conlitti hanno impedito di
lasciarlo aperto dalle Le frequenti rivolte degli uzbechi di fronte ai tenta- raccogliere nuovi dati. Durante i loro viaggi in Afgha-
otto di mattina alle tivi degli emiri afgani di assoggettarli al potere centra- nistan dopo la caduta dei taliban, i miei colleghi della
quattro di le furono inevitabilmente schiacciate. Secondo alcuni Bbc scrivevano di zone densamente abitate da uzbechi
pomeriggio. “Io esperti, nella storia moderna dell’Afghanistan le ini- etnici nel nord del paese.
seguo le regole, da ziative dei dominatori pashtun sono state spesso pre- Anche se quasi tutti hanno studiato il dari, quando
me non dorme sentate come uniicanti, a diferenza di quelle “disgre- si presenta l’occasione gli uzbechi afgani riescono a
nessuno, ma non ganti” dei ribelli uzbechi. I testi scolastici descriveva- conversare facilmente nella loro lingua madre, mentre
voglio lasciare il mio
no le sconitte uzbeche in termini di “noi contro loro”. i loro connazionali in Uzbekistan (dove a scuola s’inse-
spazio aperto a
Fino agli anni settanta – quando le minoranze etniche gnava in russo) hanno più diicoltà. L’uzbeco che si
disposizione di tutti”,
ha dichiarato Sally Ia,
dell’Afghanistan sono state inalmente riconosciute – parla in Uzbekistan era – ed è ancora – carico di parole
che ha una casa con gli uzbechi, insieme ai turkmeni e agli hazara, furono ed espressioni prese in prestito dal russo e risente del-
autorimessa. “Quindi esclusi dagli incarichi di governo e dai ranghi più alti la “russiicazione”, un processo di assimilazione cul-
regalatemi un mese dell’esercito afgano. turale in cui la pronuncia russa delle parole uzbeche è
di tempo per A partire dagli anni ottanta, dopo l’introduzione di diventata la norma. L’uzbeco afgano, invece, è pesan-
sistemare la roba che una serie di misure sull’uguaglianza linguistica d’ispi- temente inluenzato dall’arabo e dal persiano, e se-
ho in garage da razione sovietica, i governi di Nur Mohammad Taraki condo me ha una delicatezza particolare, che si rilette
qualche altra parte”. e Babrak Karmal, appoggiati da Mosca, fecero passi anche nel linguaggio del corpo e nei manierismi.
Anche Jason, che ha
signiicativi per promuovere l’insegnamento delle lin- Gli uzbechi afgani hanno preservato la loro lingua
nove anni, ha
gue delle minoranze. L’uzbeco – che appartiene al soprattutto grazie alla tradizione orale. Un mio collega
protestato: “Ho una
bici, uno scooter
gruppo turcico, a diferenza del dari e del pashto – era di Takhor della Bbc Uzbek mi ha detto che non ha mai
elettrico, un mucchio una di queste. Proprio in quegli anni fu istituito il corso frequentato una scuola uzbeca o un corso di lingua.
di roba. Se il garage di lingua e letteratura uzbeca all’Università americana L’uzbeco è semplicemente la sua lingua madre, la lin-
resta aperto mi di Kabul. Ebbi la fortuna d’incontrare i primi docenti gua della sua famiglia e della cultura che condivide
ruberanno tutto”. uzbechi proprio mentre studiavo lì. con i suoi connazionali. Un altro collega mi ha raccon-

90 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


tato che durante le celebrazioni nelle moschee e nelle

FRANCESCA GHERMANDI
chaikhana (sale da tè) delle province di Takhar e Far-
yab si recitavano le poesie di Mashrab, grande poeta
uzbeco del seicento. Mashrab era nato a Namagan,
nell’attuale Uzbekistan, ed è sepolto a Balkh, che oggi
è in Afghanistan.
Negli ultimi trent’anni l’inluenza della lingua uz-
beca dell’Uzbekistan è cresciuta, mettendo a rischio il
patrimonio culturale degli uzbechi afgani.
Nel 2003, durante un viaggio a Mazar-i Sharif, ho
sentito raccontare spesso che sotto il dominio taliban,
quando la televisione e tutte le forme di intratteni-
mento erano proibite, la gente nascondeva i televisori
nelle nicchie delle pareti e le copriva con le tende.
Guardavano di nascosto i programmi uzbechi e
ammiravano le scene di pace e serenità abilmente or-
chestrate dalla tv di stato. Gli abitanti di Mazar-i Sharif
avevano imparato anche a nascondere i libri in uzbeco
che, se scoperti dai taliban, sarebbero stati dati alle
iamme.
Dal 2004, dopo il rovesciamento dei taliban, la lin-
gua uzbeca è stata uicialmente riconosciuta nei ter-
ritori dell’Afghanistan dove c’è un’alta concentrazione
di uzbechi. La nuova costituzione afgana sancisce la Sesso, potere
tutela delle minoranze etniche e lo sviluppo delle lin-
gue nazionali nelle regioni a più alta densità etnica. e contratti
Corsi di uzbeco sono stati introdotti nell’istituto di for-
mazione per i docenti di Faryab e nelle università di
Takhor e Balkh. I primi testi scolastici in uzbeco, però,
Slavoj Žižek
sono stati pubblicati soltanto nel 2009.
Questa rinnovata attenzione non è vista da tutti lmeno qui in occidente, molti di noi
come un fatto positivo. Pur apprezzando le nuove li-
bertà e i nuovi diritti sulla loro lingua, alcuni intellet-
tuali uzbechi mettono in guardia contro possibili trap-
pole. Secondo loro, concentrarsi esclusivamente
sull’insegnamento dell’uzbeco nelle scuole rischia di
tradursi in un nuovo svantaggio, perché gli uzbechi
che studiano nella loro lingua potrebbero trovare dif-
icoltà a competere con i loro connazionali di lingua
dari e pashto. In Afghanistan l’uso della lingua uzbeca
A stanno prendendo coscienza di quan-
ta soprafazione e quanto sfruttamen-
to ci sono nei rapporti sessuali. Ma
dovremmo anche considerare il fatto,
non meno importante, che ogni gior-
no milioni di persone praticano il gioco della seduzione
con il chiaro intento di trovare qualcuno con cui fare
l’amore.
Una delle conseguenze della cultura occidentale
non ha una tradizione né nella pubblica amministra- moderna è che ci si aspetta che in questo gioco entram-
zione né sui mezzi d’informazione. A diferenza di bi i sessi svolgano un ruolo attivo. Quando le donne si
quanto è successo nel vicino Uzbekistan, dove negli vestono in modo provocante per attirare gli sguardi de-
anni venti, su indicazione di Stalin, fu scelto un unico gli uomini, quando si trasformano volontariamente in
dialetto come base su cui costruire la lingua uiciale, oggetti per sedurli, non lo fanno ofrendosi in modo
l’uzbeco afgano non ha mai avuto questa opportunità. passivo: sono loro stesse le agenti della propria oggetti-
O invece sì? vazione, manipolano gli uomini, si comportano in mo-
La Bbc Uzbek ha lanciato la sua speciale program- do ambiguo, riservandosi il pieno diritto di uscire dal
mazione rivolta alla popolazione di lingua uzbeca gioco in qualsiasi momento, anche se, agli occhi degli SLAVOJ ŽIŽEK
dell’Afghanistan nel 2003. Con il passare degli anni, la uomini, questo sembra contraddire i segnali preceden- è un ilosofo e
redazione ha sviluppato una lingua che viene compre- ti. Questo ruolo attivo delle donne è la forma di libertà studioso di
sa nelle zone a maggioranza uzbeca del paese. Grazie che preoccupa di più i fondamentalisti, dai musulmani psicoanalisi sloveno.
all’enorme sforzo linguistico dei giornalisti, che con – che di recente hanno vietato alle donne di toccare e di Il suo ultimo libro
cura certosina ricercavano i riferimenti e le sfumature giocare con le banane o con qualsiasi altro frutto che pubblicato in Italia è
Meno di niente. Hegel e
che funzionavano meglio alla radio e online, la Bbc ha somigli a un pene – ai nostri maschilisti, che ricorrono
l’ombra del
issato gli standard per la lingua uzbeca che si parla alla violenza quando una donna prima li provoca e poi
materialismo
oggi in Afghanistan. Questo lavoro è proseguito con il respinge i loro tentativi di approccio. La liberazione dialettico (Ponte alle
passaggio alle piattaforme digitali e inine alla televi- sessuale delle donne non è solo un riiuto puritano di Grazie 2017). Il titolo
sione. Continueremo a portare il mondo nelle loro essere oggetti sessuali, ma la rivendicazione del diritto originale di questo
case e ad aiutarli a portare la loro storie al resto del di svolgere un ruolo attivo nella propria oggettivazione, articolo è Sex, power
mondo. C’è tanto da raccontare. u fs ofrendosi e negandosi a proprio piacimento. Sarà an- and contracts.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 91


Pop
cora possibile afermare questa semplice realtà o la barazzata per dichiararlo apertamente? E se per en-
pressione del politicamente corretto ci costringerà a far trambi i partner ingere la coercizione fa parte del gioco
precedere tutti questi giochi da una dichiarazione di erotico? E a quale tipo di attività sessuale si dice sì? Il
consenso formale? contratto dovrebbe forse essere più dettagliato e speci-
L’ultima trovata del politicamente corretto è il co- icare a cosa si acconsente: sì a un rapporto vaginale ma
siddetto “kit del consenso consapevole” in vendita ne- non a uno anale, sì alla fellatio ma senza inghiottire lo
gli Stati Uniti: un sacchetto che contiene un preservati- sperma, sì a una masturbazione delicata ma non a una
vo, una penna, qualche mentina per profumare l’alito e violenta, e così via. È facile immaginare una lunga con-
un semplice contratto in cui si aferma che entrambi i trattazione burocratica: può uccidere qualsiasi deside-
partecipanti acconsentono liberamente all’atto sessua- rio, ma può essere anche investita di una certa libidine.
le. L’idea è che una coppia che sta per fare sesso dovreb- Questi problemi non sono afatto secondari, riguarda-
be prima fotografarsi con in mano il contratto su cui ha no l’essenza stessa del gioco erotico, nel quale non si
apposto la data e la irma. Anche se questo kit è conce- può assumere una posizione neutra e limitarsi a dichia-
pito per risolvere un problema reale, lo fa in un modo rare la propria disponibilità (o indisponibilità) a fare
che non è solo stupido ma anche controproducente. qualcosa: tutto fa parte del gioco e toglie o aggiunge
Perché? erotismo alla situazione.
L’idea che c’è dietro è che per essere considerato li- La regola del “sì signiica sì” è un classico esempio
bero da qualsiasi sospetto di soprafazione, un atto ses- dell’idea narcisistica di soggettività della nostra epoca.
suale dev’essere deinito in anticipo come una decisio- Un soggetto viene visto come qualcosa di vulnerabile,
ne libera e consapevole da parte di entrambi i parteci- che dev’essere protetto da una complicata serie di rego-
panti. Per dirla in termini lacaniani, dev’essere registra- le e avvertito in anticipo di tutte le possibili intrusioni
to dal grande Altro, iscritto nell’ordine simbolico. In che potrebbero turbarlo. Quando uscì E.T. l’extra-terre-
quanto tale, il kit è solo l’espressione estrema di un at- stre, in Svezia, Norvegia e Danimarca la sua proiezione
teggiamento che si sta difondendo in tutti gli Stati Uni- fu vietata perché la rappresentazione negativa che dava
ti. Per esempio, lo stato della California ha approvato degli adulti era considerata pericolosa per i rapporti tra
una legge che impone ai college che accettano inanzia- i bambini e i loro genitori (un interessante dettaglio
menti statali di istruire gli studenti a ottenere un con- conferma questa accusa: per i primi dieci minuti del
senso “consapevole e volontario” prima dell’attività ilm, tutti gli adulti sono ripresi dalla vita in giù, come
sessuale , altrimenti rischiano di essere accusati di vio- quelli che minacciano Tom e Jerry nei cartoni animati).
lenza sessuale. Oggi è evidente che questo divieto era uno dei primi
Un consenso consapevole e volontario da parte di segnali della mania del politicamente corretto di pro-
chi? La prima cosa che mi viene in mente è la triade teggere gli individui da qualsiasi esperienza che possa
freudiana dell’Io, Super-io e Id (per sempliicare: il mio in qualche modo ferirli. E l’elenco potrebbe andare
io cosciente, il senso di responsabilità morale che m’im- avanti all’ininito: non dimentichiamoci la proposta di
pone delle regole, e le mie passioni più profonde e in cancellare digitalmente dai classici di Hollywood qual-
parte rimosse). E se i tre fossero in conlitto tra loro? Se siasi immagine di persone che fumano.
dietro pressione del Super-io il mio Io dice no, ma il mio Certo, il sesso è contaminato dai giochi di potere,
Id oppone resistenza e si aggrappa al suo desiderio ne- dalla violenza e dall’oscenità, ma la cosa diicile è am-
gato? Oppure (caso molto più interessante) se succede mettere che tutte queste cose ne fanno parte. Alcuni
il contrario, cioè se il mio Io dice sì all’invito sessuale, acuti osservatori hanno già notato che l’unica forma di
arrendendosi all’Id, ma nel bel mezzo dell’atto il mio rapporto sessuale che soddisferebbe pienamente i cri-
Super-io scatena un insopportabile senso di colpa? teri del politicamente corretto sarebbe un contratto tra
Quindi, per portare questa tesi all’assurdo, il contratto partner sadomasochisti. La nascita del politicamente
dovrebbe essere irmato dall’Io, dal Super-io e dall’Id di corretto e l’aumento della violenza sono due facce della
entrambe le parti, e sarebbe valido solo se tutti e tre di- stessa medaglia: se la premessa fondamentale è la ridu-
cono sì. E se il partner maschile usasse il suo diritto con- zione della sessualità a consenso contrattuale recipro-
trattuale per tirarsi indietro e annullare l’accordo in co, ha ragione il ilosofo Jean-Claude Milner quando
qualsiasi momento dell’attività sessuale? Immaginate dice che il movimento contro le molestie inevitabil-
che, dopo aver ottenuto il consenso della donna, quan- mente raggiunge il suo apice nei contratti che stipulano
do i due amanti sono già nudi sul letto, un piccolo detta- forme estreme di sesso sadomasochista (dal trattare
glio (come il suono sgradevole di un rutto) rompa l’in- una persona come un cane al guinzaglio, alla tortura,
cantesimo erotico e l’uomo si tiri indietro. Non è anche ino all’omicidio autorizzato). In queste forme di schia-
questa un’umiliazione estrema per la donna? vismo consensuale, la libertà del contratto si nega da
L’ideologia alla base di questo rispetto sessuale me- sola: il traico di schiavi diventa l’afermazione estre-
rita un’analisi più approfondita. La sua formula più ele- ma della libertà. È come se l’idea di Jacques Lacan della
mentare è “sì signiica sì”, ma dev’essere un sì esplicito. similitudine tra Kant e Sade (il brutale edonismo del
La semplice assenza di un no non signiica automatica- marchese de Sade equivarrebbe alla rigorosa etica di
mente sì: se una donna che viene sedotta non si oppone Kant) diventasse realtà in un modo inaspettato. Prima
attivamente, lascia comunque spazio a diverse forme di considerare questa idea solo un paradosso provoca-
di costrizione. A questo punto emergono altri problemi: torio, dovremmo rilettere sul ruolo che svolge nella
se la donna lo vuole con tutta se stessa ma è troppo im- nostra società. u bt

92 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Scienza
Parco nazionale dei Virunga, Repubblica Democratica del Congo sfruttamento delle risorse naturali e rapida
crescita delle popolazioni umane – aggra-
vano anche le tensioni tra gli individui.
Quando gli umani si dichiarano guerra,
quindi, di fatto la dichiarano anche al mon-
do naturale.
Tutto questo può sembrare scontato,
ma in realtà diversi casi hanno dimostrato
che la guerra può essere anche una manna
per la natura. La guerra civile della Rhode-
sia (oggi Zimbabwe) creò un ambiente tal-
JAMES AkENA (REuTERS/CoNTRASTo)

mente ostile da impedire il bracconaggio, e


le popolazioni di elefanti tornarono ai nu-
meri record di decenni prima. La zona de-
militarizzata coreana, tra Corea del Nord e
Corea del Sud, è diventata di fatto un parco
nazionale: l’assenza di persone ha creato un
rifugio per le gru della Manciuria, i leopardi
dell’Amur e altre specie in via d’estinzione.

Danni collaterali
I costi ecologici Più spesso, però, gli animali selvatici sono
vittime collaterali dei conlitti, diventano
delle guerre fonte di carne e proitti o strumenti di ricat-
to. In Vietnam le armi chimiche usate dagli
statunitensi per radere al suolo le foreste
hanno lasciato un’eredità tossica. In Etio-
pia le armi vendute al mercato nero duran-
Ed Yong, The Atlantic, Stati Uniti
te la guerra civile sono inite nelle mani dei
Spesso i conlitti armati sono Risposta: la seconda. Con Rob Pringle bracconieri. Di recente i ribelli della Re-
devastanti non solo per le di Princeton, Daskin ha infatti documenta- pubblica Democratica del Congo hanno
to l’abbondanza dei grandi mammiferi in minacciato di uccidere i gorilla se il gover-
persone, ma anche per gli tutta l’Africa nell’arco di 65 anni, scopren- no agirà contro di loro.
animali selvatici. Alimentano il do che i numeri erano costanti in tempo di Diicile calcolare il bilancio di questi
bracconaggio e compromettono pace, mentre crollavano quasi sempre in eventi positivi e negativi, perché “come ci
le politiche di salvaguardia tempo di guerra. Tra i vari fattori alla base si può aspettare, in genere gli ecologi ope-
della riduzione della fauna selvatica – den- rano nelle zone paciiche, quindi il censi-
sità della popolazione umana, presenza di mento della fauna selvatica nelle zone di
el 1977, due anni dopo la dichia- città, aree protette, siccità – nessuno pesa- guerra non è disponibile”, spiega Daskin.

N razione d’indipendenza dal


Portogallo, in Mozambico
scoppiò la guerra civile. Nei
quindici anni che seguirono, il conflitto
causò almeno un milione di morti. Ma le
va più della guerra.
“I dati dimostrano quanto sia pervasivo
il conlitto”, dice Daskin. “Incide sulla ca-
pacità, la responsabilità e la motivazione
dei governi ad attuare politiche di conser-
Lui e Pringle, però, hanno raccolto tutti i
dati possibili – 253 serie storiche che mo-
stravano i cambiamenti nelle popolazioni
di 36 specie in 126 aree protette – per poi
incrociarli con le informazioni sulle vitti-
truppe governative e i guerriglieri decima- vazione. Sconvolge il tessuto sociale ac- me umane dei conlitti.
rono anche la fauna selvatica del parco na- centuando la povertà e spingendo le perso- Anche se le aree protette variano molto
zionale di Gorongosa, un tempo un paradi- ne nelle aree protette, mettendo così a ri- tra loro, Daskin e Pringle hanno scoperto
so naturale. Migliaia di elefanti furono schio la fauna. Costringe le ong a ritirarsi. che in media quelle non colpite da guerre
braccati per l’avorio, poi venduto per com- Aggrava i problemi di ordine pubblico, che risultano stabili e gli animali che ospitano
prare armi e provviste. Zebre, gnu e bufali possono far aumentare il bracconaggio”. sono autosuicienti. A prescindere dal gra-
furono uccisi per la carne. Il 90 per cento A peggiorare le cose, come hanno di- do di violenza, le guerre invece cambiano
dei grandi mammiferi del parco fu stermi- mostrato altri ricercatori, la guerra scoppia tutto. L’intensità dei conlitti può essere un
nato o morì di fame. spesso dove la fauna selvatica abbonda. fattore trascurabile, mentre la loro fre-
“La fauna selvatica quasi si estinse”, Tra il 1950 e il 2000, l’80 per cento dei quenza è più importante. “Che si tratti di
spiega l’ecologo di Yale Joshua Daskin, che principali conlitti armati è avvenuto in re- piccole battaglie o di una guerra vera e pro-
lavora al Gorongosa dal 2013. “All’epoca gioni con grande biodiversità. Secondo pria”, spiega Daskin, “lo scoppio di un con-
mi chiesi se fosse un fatto episodico o il se- Daskin, i fattori che mettono in pericolo la litto compromette comunque l’attività di
gno di una tendenza più ampia”. fauna selvatica – cambiamento climatico, tutela della fauna selvatica”. u sdf

94 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


NASA/JPL-CALTECh/UA/USGS
BIOLOGIA
Informatica
La sinistra
protettiva Quanto è lontana la città
L’istinto delle madri di tenere
in braccio i bambini piccoli a si-
nistra è un comportamento
probabilmente di origine ance-
strale. Si credeva fosse IN BREVE
un’esclusiva umana e di altri Astronomia I depositi di ghiac-
primati, ma dei biologi russi cio su Marte potrebbero essere
scrivono su Biology Letters di spessi anche cento metri, scrive
averlo osservato in altri mam- Science. Si trovano sotto uno o
miferi. Per la precisione in 73 due metri di suolo, ma sono visi-
coppie madre-iglio di trichechi bili in alcuni punti, grazie
(Odobenus rosmarus divergens) e all’erosione. L’esplorazione dei
in 266 coppie di pipistrelli (Pte- ghiacci, composti di molti strati,
ThE MALArIA ATLAS PrOJECT, UNIvErSITY OF OxFOrD

ropus giganteus), studiate nel lo- potrebbe permettere di ricostru-


ro habitat naturale. Le posizioni ire il clima passato del pianeta.
più frequenti, e mantenute più Questi depositi potrebbero an-
a lungo, erano quelle frontali che essere utili per un’eventuale
con il piccolo sul lato sinistro esplorazione umana di Marte.
della madre. Mentre in quelle Salute Secondo Nature Ecology
ianco a ianco le madri si met- and Evolution, una delle prime
tevano alla sinistra del iglio. La epidemie a colpire il Messico
ragione di questa spiccata late- dopo l’arrivo degli europei è sta-
ralizzazione nell’interazione ta il paratifo. Tracce del dna del
spaziale va ricercata nel cervel- batterio Salmonella paratyphi C
lo: le informazioni raccolte sono state trovate nei denti di
dall’occhio sinistro arrivano Le città ofrono spesso più opportunità e servizi rispetto persone morte in seguito all’epi-
all’emisfero destro che è depu- alle aree rurali. Ma l’accesso alle risorse urbane, demia del 1545 a Teposcolula-
tato al riconoscimento e alla ovviamente, non è distribuito in modo uniforme nel Yucundaa, nel sud del paese.
memorizzazione dei volti, e alle
mondo. Usando strumenti come Open street map e
emozioni. Occupare il campo
visivo sinistro dell’altro sarebbe Google, l’équipe guidata da Daniel Weiss, dell’università AMBIENTE
di Oxford, ha creato una mappa dell’accessibilità ai centri
un vantaggio reciproco.
urbani prendendo in considerazione la rete dei trasporti
Clima
via terra e via acqua, riferita al 2015, e più di tredicimila da tartarughe
PALEONTOLOGIA
centri urbani. I ricercatori hanno visto che nel complesso
Le farfalle circa l’80 per cento della popolazione mondiale vive a non
Con il riscaldamento globale
nascono sempre più tartarughe
più antiche più di un’ora di viaggio da una città. Nei paesi a basso marine femmine. Le tempera-
reddito, concentrati nell’Africa subsahariana, questa ture d’incubazione, infatti, inci-
I lepidotteri, il gruppo di insetti percentuale scende al 51 per cento. Invece, nei paesi ad dono sulla determinazione del
che comprende le farfalle e le alto reddito, soprattutto in Europa e in Nordamerica, quasi sesso embrionale di questi ret-
falene, sono più antichi del pre- il 91 per cento degli abitanti vive a non più di un’ora di tili. Sulle spiagge australiane
visto. Sono state trovate in Ger- della grande barriera corallina
viaggio da un centro urbano. Tuttavia, precisa Nature, la
mania tracce fossili di questi il rapporto tra maschi e femmi-
animali risalenti a duecento relazione tra urbanizzazione e ricchezza non è sempre
ne è sempre più sbilanciato,
milioni di anni fa, scrive Scien- diretta, come dimostra il caso dell’India, un paese a medio spiega Current Biology. Nelle
ce Advances. Finora si era reddito, con un’intensa urbanizzazione nella parte zone settentrionali, più calde,
sempre pensato che i lepidotte- settentrionale del paese. La mappa potrebbe essere usata le femmine sono almeno il 90
ri si fossero evoluti insieme alle a scopi pratici, per esempio per determinare quali sono le per cento, mentre in quelle a
piante che ioriscono, compar- aree più remote o per tracciare le strade in modo da sud, più fresche, la percentuale
se circa cinquanta milioni di oscilla tra il 65 e il 69 per cento.
minimizzare l’impatto ambientale. La mappa potrebbe
anni dopo. È possibile che i pri- I dati sono il frutto dell’indagi-
mi lepidotteri si nutrissero di anche essere usata per studiare la deforestazione, per
ne più ampia e accurata inora
gocce zuccherine che potevano esempio in Brasile e Indonesia. Nella mappa, tempi di condotta sui cambiamenti de-
trovare su alcune strutture del- viaggio per raggiungere la città: da minuti, in giallo chiaro, mograici di due popolazioni di
le conifere. a quasi una settimana, in viola scuro. u tartarughe verdi.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 95


Il diario della Terra
ReBeccA cARey (UNIveRSItà dellA tASMANIA) e AdAM SoUle (WHoI)

Il nostro clima
Un rapporto
allarmante
u Un rapporto preliminare
delle Nazioni Unite sostiene
che la temperatura media del
pianeta potrebbe oltrepassare
i limiti stabiliti dall’accordo
sul clima di Parigi già alla me-
tà del secolo. Il rapporto sarà
pubblicato a ottobre dopo es-
sere stato sottoposto ai gover-
ni e ad altri esperti. Secondo il
documento del Gruppo inter-
governativo sul cambiamento
climatico (Ipcc), per contene-
re il riscaldamento globale en-
tro la soglia di 1,5 gradi centi-
Vulcani È stata descritta l’eruzione del vulcano sottomarino Havre, una delle più grandi degli
gradi i governi dovrebbero di-
ultimi cent’anni. Avvenuta nel 2012 nell’oceano Paciico, tra la Nuova Zelanda e le Samoa
Americane, l’eruzione è stata studiata con robot sottomarini. Si è scoperto che la lava è uscita da 14 minuire l’uso dei combustibili
bocche a una profondità tra 900 e 1.220 metri. l’eruzione ha prodotto grandi quantità di pomice, fossili e sviluppare progetti
ma anche cenere e lava, visibili per chilometri sul fondale marino. Più del 75 per cento del materiale per ridurre l’anidride carboni-
è stato però portato via dalle correnti. Secondo Science Advances, le eruzioni sottomarine sono ca nell’atmosfera. Gli attuali
molto diverse da quelle sulla terraferma, ma è diicile ricostruire quelle del passato perché il piani per limitare le emissioni
materiale si disperde rapidamente. Nella foto: la caldera del vulcano Havre (in rosso, la lava) di gas serra sono infatti insuf-
icienti. Già oggi la tempera-
tura media del pianeta supera
Radar Madagascar è salito a 51 vitti- Lupi Un lupo è stato avvistato di circa un grado i livelli prein-
me e 22 dispersi. all’inizio di gennaio nelle Fian- dustriali e nel 2040 si potreb-
dre, nel nord del Belgio, per la be raggiungere la soglia di 1,5
Terremoto Vulcani decine di migliaia di prima volta da più di un secolo. gradi, che farebbe aumentare
nel sud persone hanno lasciato le loro
case per il rischio di eruzione
lo ha annunciato l’associazio-
ne landschap. Il lupo, origina-
il caldo estremo, la siccità, le
alluvioni, le migrazioni e i ri-
del Perù del vulcano Mayon, nelle Filip- rio della Germania, era moni- schi di conlitto.
pine. u Il risveglio del vulcano torato con un collare gps. Ma anche rimanere sotto
dell’isola di Kadovar, in Papua questa soglia potrebbe non
Terremoti Un sisma di ma- Nuova Guinea, ha spinto le au- Aragoste Il governo svizzero bastare per proteggere le bar-
gnitudo 7,3 sulla scala Richter torità a trasferire 1.500 abitan- ha vietato la pratica di cucinare riere coralline e i ghiacci della
ha colpito il sud del Perù, cau- ti sulla vicina isola di Blup le aragoste immergendole vive Groenlandia e dell’Antartide
sando un morto e 55 feriti. Al- Blup. nell’acqua bollente. d’ora in occidentale. Per ridurre l’ani-
tre scosse sono state registrate poi i crostacei dovranno essere dride carbonica nell’atmosfe-
in Grecia (4,4), in Portogallo Incendi Un incendio che si è storditi manualmente o con di- ra si potrebbero piantare fore-
(4,9), in Iran (5,6) e in Birma- sviluppato vicino a Perth, spositivi elettrici. le aragoste ste, una misura che rischie-
nia (6). nell’ovest dell’Australia, ha di- hanno sistemi nervosi com- rebbe però di colpire la produ-
strutto 1.200 ettari di vegeta- plessi e sentono il dolore. zione alimentare. Secondo lo
Cicloni Il ciclone Joyce, con zione. centocinquanta pom- scienziato britannico Phillip
BRIAN SNydeR (ReUteRS/coNtRASto)

venti superiori ai cento chilo- pieri sono stati impiegati per Williamson, intervistato
metri all’ora, ha portato forti spegnere le iamme. dall’Independent, “la possi-
piogge sul nordovest dell’Au- bilità di raggiungere la soglia
stralia. u Il ciclone Irving ha Frane Il bilancio delle frane di 1,5 gradi già alla metà del
minacciato le rotte navali causate dalle forti piogge a secolo non è certo una sorpre-
nell’oceano Indiano centrale. Santa Barbara, nel sud della sa”. Non si può escludere però
u Il bilancio del passaggio del california (Stati Uniti), è salito che la versione inale del rap-
ciclone Ava sulla parte est del a 20 vittime. porto sarà diversa dalla bozza.

96 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Il pianeta visto dallo spazio 09.07.2017
La laguna dos Barros e le barcane, nel sud del Brasile

Nord
1 km

Barcane

Barcane

Laguna dos Barros


eARthoBSeRvAtoRy/NASA

u Questa immagine della lagu- questo modo, come anche La laguna dos Barros si grado però di agire come barrie-
na dos Barros e delle barcane l’enorme laguna Mirim, 340 chi- trova nello stato di Rio re per impedire al vento e alle
(dune di sabbia a forma di mez- lometri più a sud. Grande do Sul ed è lunga onde di penetrare nell’entroter-
zaluna) lungo la costa atlantica Forti venti provenienti circa 4,5 chilometri. Le ra. Contribuiscono quindi a li-
del Brasile meridionale è stata dall’oceano Atlantico hanno barcane sono dune di mitare gli efetti delle tempeste
scattata da un astronauta a bor- scolpito la sabbia lungo la costa sabbia a forma di e l’erosione costiera.
do della Stazione spaziale inter- creando le caratteristiche dune mezzaluna. La laguna dos Barros e le
nazionale. Questa e altre lagune a mezzaluna. In molti casi le du- barcane si trovano nello stato
si sono formate sulla costa circa ne si sono sovrapposte e saldate brasiliano di Rio Grande do Sul,
400mila anni fa, a causa degli formando dei campi di dune, nell’estremo sud del paese. Il ca-
aumenti e delle riduzioni del li- come si vede soprattutto a nor- poluogo dello stato è Porto Ale-
vello del mare (i geologi parlano dest e a sudovest della laguna. gre. La laguna è una località tu-
di cicli di trasgressione e regres- Le sommità delle dune puntano ristica dov’è possibile fare il ba-
sione marina). La laguna dos sottovento, adeguandosi ai mo- gno: le acque sono calme e puli-
u
Barros, che si estende per circa vimenti delle masse d’aria. Le te. La zona ospita una ricca va-
4,5 chilometri, si è formata in dune sono formazioni fragili, in rietà di lora e di fauna.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 97


Economia e lavoro
diritti di proprietà certi, ci sarebbe più be-
La lotta alla povertà nessere e sicurezza per tutti. Uno dei fatto-
ri cruciali nella sconitta di Sendero lumi-
passa per la blockchain noso, sostiene l’economista peruviano, è
stato il fatto che alla ine il governo ha con-
cesso ai contadini i diritti alla proprietà
della terra.
Ora De Soto vuole farlo in tutto il mon-
Gillian Tett, Financial Times, Regno Unito
do, usando registri digitali decentralizzati
L’economista Hernando de Soto ria mi è tornata in mente oggi grazie a che consentano alle comunità più povere di
vuole usare la tecnologia di un’improbabile iniziativa nel ciberspazio. A formalizzare i loro diritti di proprietà in mo-
dicembre Hernando de Soto, un famoso do permanente, senza l’interferenza del
bitcoin per registrare i diritti di economista dello sviluppo peruviano, ha governo. “Se hai i diritti di proprietà, puoi
proprietà. Sostiene che è il modo collaborato con Patrick Byrne, un discusso ottenere credito, puoi anticipare denaro”,
più opportuno per migliorare la investitore statunitense, per lanciare un in- aferma. “È importante per la crescita eco-
condizione dei più poveri solito progetto di lotta alla povertà. Voglio- nomica, molto più eicace degli aiuti”.
no usare i registri digitali – simili a quelli
usati per la criptomoneta bitcoin – per cata- Dispute future
ono passati quasi quarant’anni da logare le proprietà informali delle comunità All’inizio mi sembrava solo un sogno folle.

S quando il gruppo guerrigliero co-


munista Sendero luminoso lanciò
la sua campagna di attentati, omi-
cidi e altre azioni terroristiche in Perù. La
sua azione è continuata ino agli anni no-
diseredate, con l’idea di dargli maggiore
sicurezza. Quest’innovazione potrebbe
sembrare lontana anni luce da Sendero lu-
minoso e dal nostro normale concetto di i-
lantropia, legato per lo più alla donazione di
L’uso delle nuove tecnologie per registrare
i diritti fondiari sembra una sida enorme
agli occhi di una come me, che non è
un’esperta di tecnologia. E comunque non
è afatto chiaro perché i governi (o chiunque
vanta. Ne sentii parlare per la prima volta soldi o al inanziamento di scuole. altro) dovrebbero riconoscere i registri di-
da un caro amico che stava lavorando a un De Soto è convinto che per combattere gitali né è chiaro come si potrebbero risol-
progetto di sviluppo agricolo nelle Ande. la povertà estrema e la violenza disperata vere le dispute future.
Sendero luminoso aveva fatto irruzione che può accompagnarla sia cruciale con- De Soto, però, è già al lavoro su alcuni
nell’area uccidendo operatori umanitari e centrarsi sui diritti di proprietà. Quando progetti pilota, mentre Byrne sta racco-
funzionari governativi. Il mio amico era ri- nelle comunità povere esplode un conlit- gliendo fondi per inanziare il progetto e ha
uscito a scappare. to, spiega, di solito è perché le persone si già messo insieme un gruppo di ragazzi di
Negli anni successivi ci furono ininiti sentono insicure e defraudate. Le proprie- talento per cominciare a creare un tipo spe-
scontri sanguinosi tra il governo peruviano tà dei poveri spesso non sono inserite in un ciale di blockchain. “Sento un enorme ob-
e Sendero luminoso, un conlitto alimenta- registro governativo uiciale. È così che bligo morale di concentrarmi di nuovo su
to dal profondo senso di disuguaglianza e case e terreni possono essergli sottratti da questa sida”, ha dichiarato di recente Byr-
ingiustizia provato dai ribelli. Alla ine degli grandi aziende o funzionari governativi in ne al Financial Times. De Soto e Byrne sono
anni novanta il gruppo guerrigliero era sta- qualsiasi momento. inoltre profondamente convinti di poter
to sostanzialmente schiacciato. La sua sto- Secondo De Soto, se i poveri avessero usare gli strumenti messi a disposizione dai
social network, per esempio Facebook, per
Lima, Perù raggiungere le persone più povere e convin-
cerle a registrare i loro diritti di proprietà.
Mi auguro che De Soto e Byrne abbiano
successo. La loro idea di un registro digitale
delle proprietà può anche sembrare assur-
da, e gli storici del futuro potranno vedere
in questa vicenda una prova di quanto folle-
SEBASTIAN CASTAñEDA (ANADOLU AgENCy/gETTy IMAgES)

mente vivace sia diventata ormai la nostra


bolla cibertecnologica. Ma può anche darsi
che non sia così. In ogni caso su una cosa De
Soto e Byrne hanno assolutamente ragione:
se vogliamo combattere la povertà, dobbia-
mo rilettere con più attenzione sulla distri-
buzione globale dei diritti di proprietà nel
mondo reale. Perciò se questo progetto
contribuirà a mettere il tema all’ordine del
giorno, sarà davvero una buona cosa. Ben-
venuti in un nuovo mondo di ilantropia le-
gata alla blockchain. u gim

98 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


New York, Stati Uniti Cile teCnoloGia

le conseguenze
Contro la banca mondiale dei controlli
Il 16 gennaio bitcoin e le altre
WILLIAM VOLCOV (GETTy)

principali criptomonete, come


ripple ed ether, hanno perso dal
20 al 33 per cento del loro valore,
scrive Bloomberg. Il calo è le-
gato ai timori che le autorità di
diversi paesi possano limitare o
stati uniti vietare l’emissione e la circola-
Proitti ridotti zione delle criptomonete. In Co-
CLAUdIO REyES (AfP/GETTy IMAGES)

rea del Sud, per esempio, il go-


per Wall street verno ha annunciato l’intenzio-
ne di vietarle, anche se il mini-
Per anni le grandi banche di stro delle inanze Kim dong-
Wall street hanno realizzato utili yeon ha precisato che la misura
record comprando e investendo doveva ancora essere “discussa
obbligazioni, monete e altri tito- seriamente tra i ministri”. In Ci-
li. “Ora”, scrive il New York Ti- na, intanto, le autorità hanno
mes, “una combinazione di re- deciso di introdurre regole più
Il governo cileno sostiene che per anni la Banca mondiale
gole severe, nuove tecnologie, severe non solo per le borse che
cambiamenti delle abitudini dei ha dato un’immagine falsa del paese. La polemica, spiega
emettono criptomonete, ma an-
risparmiatori e mercati stagnan- la Bbc, è scoppiata dopo un’intervista in cui Paul Romer, il che per i siti e le app che permet-
ti ha ridotto i margini di guada- capo economista della banca, ha detto che i dati economici tono transazioni con bitcoin e
gno. Nel 2012 i titoli a rendita sul Cile erano stati manipolati per motivi politici. Lo scopo altre monete virtuali.
issa hanno assicurato 103 mi- era far credere che l’economia fosse meno competitiva per
liardi di dollari alle dodici prin- attaccare il governo uscente di Michelle Bachelet alla
cipali banche di Wall street. Nel
vigilia delle presidenziali del 19 novembre 2017. Le
2016 i guadagni sono scesi a me-
elezioni sono state vinte dall’uomo d’afari conservatore
dAdO RUVIC (REUTERS/CONTRASTO)

no di 76 miliardi”. Questa ten-


denza, conclude il quotidiano, Sebástian Piñera (nella foto), che ha sconitto Alejandro
cambierà profondamente Wall Guillier, il candidato appoggiato da Bachelet. u
street, dove già oggi gli operato-
ri prendono meno rischi.
albania nuova via della seta. Nel 2016 la
cinese Geo-Jade Petroleum ha
unione euroPea
Gli amici acquisito il controllo dei pozzi di
otto paradisi ritrovati petrolio albanesi per 384,6 mi-
lioni di dollari, con la promessa
in meno Quando era ancora in piedi la di migliorare la tecnologia e di in breve
cortina di ferro, l’Albania e la Ci- assumere più lavoratori locali. Germania La Bundesbank, la
Secondo l’Afp, Il 23 gennaio i na erano legate “dalla stessa vi- L’anno dopo la China Everbright banca centrale tedesca, ha an-
ministri delle inanze sione intransigente del marxi- ha ottenuto la gestione dell’uni- nunciato che includerà la mone-
dell’Unione europea, riuniti a smo-leninismo, ma soprattutto co aeroporto civile del paese ta cinese, lo yuan, nelle sue ri-
Bruxelles, cancelleranno otto da un’ostilità verso l’Unione So- balcanico, quello di Tirana. Og- serve monetarie. La decisione
paesi dalla lista dei paradisi i- vietica”, scrive Bilten. “All’epo- gi in Albania sono presenti 150 arriva dopo che nel 2016 lo yuan
scali. Si tratta di Panamá, Corea ca Pechino garantiva l’80 per aziende cinesi, che investono è entrato a far parte del paniere
del Sud, Emirati Arabi Uniti, cento del commercio estero al- soprattutto nel campo delle ri- di monete che compongono i di-
Tunisia, Mongolia, Macao e banese. Ma dopo la caduta del sorse minerarie, per esempio ritti speciali di prelievo, uno
isole di Barbados e Grenada. A regime di Tirana, nel 1991, gli nell’estrazione del cromo dalle strumento usato dal fondo mo-
quel punto sulla lista compilata scambi commerciali tra i due miniere di Bulqiza. L’Albania at- netario internazionale come al-
dalle autorità di Bruxelles il 5 paesi si sono praticamente ri- tira i cinesi anche dal punto di ternativa al dollaro. L’inclusione
dicembre 2017 resteranno nove dotti a zero”. Oggi le cose sem- vista turistico: in Cina “le perso- dello yuan nella riserve della
paesi: Bahrein, isola di Guam, brano essere cambiate ancora. ne che oggi hanno cinquant’an- Bundesbank è un’ulteriore con-
Namibia, isole Palau, Samoa, Negli ultimi anni la Cina ha co- ni negli anni settanta apprezza- ferma del crescente ruolo di Pe-
Samoa Americane, Isole Mar- minciato a investire in Albania, vano particolarmente i prodotti chino nella scena inanziaria
shall, Santa Lucia e Trinidad e considerata un paese chiave nel culturali albanesi, soprattutto le globale e dell’internazionalizza-
Tobago. suo progetto di realizzare una produzioni cinematograiche”. zione della sua moneta.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 99


Annunci

100 Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018


Annunci

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 101


Strisce
Wulf & Morgenthaler, Danimarca
Wumo

Gli archeologi fanno una sorprendente


scoperta a Stonehenge

Voleva essere sicuro che non e io me la sono legata


Ho incontrato scordassi di al dito
uno che lavora pagare
al recupero crediti la rata
Pertti Jarla, Finlandia
Fingerpori
Gojko Franulic, Cile
Sephko
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 103


L’oroscopo
COMPITI PER TUTTI

Rob Brezsny Qual è la scritta sul muro


di un bagno che ti ha divertito di più?

CAPRICORNO quattro versioni del suo quadro SAGITTARIO

Le bubble gum, le gomme da masticare che fanno le bol- L’urlo. In tutte c’è una persona Nel 1892 l’Atlantic Monthly
sconvolta che si tiene la testa tra le criticò la produzione poeti-
le, contengono una gomma particolarmente elastica e
mani e spalanca la bocca come se ca di Emily Dickinson dicendo che
poco appiccicosa. La inventò un contabile che lavorava “possedeva una fantasia anticon-
stesse urlando. Nel 2012 una di
per la Fleer Chewing Gum Company nel 1928. Mentre perfezio- queste immagini di disperazione è venzionale e grottesca”. Giudicava
nava la formula, l’unico colorante alimentare che aveva a portata stata venduta per 120 milioni di i suoi scritti incoerenti e dichiarava
di mano era rosa, quindi la prima serie uscì con quel colore e se- dollari. A incassarli è stato il iglio che una “reclusa eccentrica, so-
gnò l’inizio di una tradizione. Ecco perché ancora oggi quasi tutte di un amico e mecenate di Munch. gnatrice e poco istruita” come lei
le gomme di quel tipo sono rosa. Presto potrebbe succedere qual- Ti viene in mente un modo in cui “non può sidare impunemente le
cosa di simile nella tua vita. Le condizioni in atto all’inizio di un anche tu potresti guadagnare o leggi gravitazionali e grammatica-
nuovo progetto potrebbero inluire sulla sua evoluzione, perciò trarre vantaggio da un’emozione li”. Ma oggi Dickinson è considera-
negativa o da un’esperienza diici- ta una delle più originali scrittrici
assicurati che ti piacciano!
le? Le prossime settimane saranno americane. Ti racconto questa sto-
un buon momento per farlo. ria per incoraggiarti, Sagittario.
Sospetto che nei prossimi mesi ti
ARIETE prove. L’intraprendenza e l’inge- BILANCIA reinventerai e cercherai nuovi mo-
Fino al 18 agosto del 1920 gnosità che hai dimostrato hanno “Tifo per il mio cervello di di vivere. Durante questi esperi-
molte statunitensi non ave- sorpreso anche te. E perciò l’ener- quando è impegnato in una menti qualcuno potrebbe pensare
vano diritto al voto. Quel giorno, il gia che hai guadagnato grazie a rissa con il mio cuore”, dice la poe- che ti lasci andare a fantasie grot-
parlamento del Tennessee fu il 36° questi faticosi trioni vale bene il ta Clementine von Radics. Anche tesche e anticonvenzionali. Spero
stato ad approvare il 19° emenda- prezzo che hai dovuto pagare. se capisco il suo punto di vista, nel- che non gli permetterai di interfe-
mento alla costituzione america- le prossime settimane ti consiglio rire con il tuo lavoro giocoso ma
na, consentendo così di modiicare CANCRO di fare il contrario. Sarai in una fa- serissimo.
la costituzione e introdurre il suf- Ogni rapporto è unico. Il le- se del tuo ciclo astrale in cui dovre-
fragio femminile. Il risultato della game con una persona – di sti stare dalla parte del cuore in ACQUARIO
votazione rimase in bilico ino amicizia, amore, sangue o legato a qualsiasi rissa, incontro di lotta, al- “Quando si chiude una por-
all’ultimo, poi Harry T. Burns, 24 un progetto comune – dovrebbe lenamento di pugilato, tiro alla fu- ta, se ne apre un’altra” di-
anni, cambiò idea e votò sì grazie a essere libero di trovare l’identità ne, scambio di battute e discussio- ceva l’inventore Alexander Gra-
una lettera della madre che gli che più si adatta alla sua chimica. ne complicata con il cervello. Il tuo ham Bell. “Ma spesso continuia-
chiedeva di “fare il bravo” e di Perciò è un errore confrontare una cervello tenderebbe a portare mo a guardare così a lungo e con
esprimersi a favore. Ho il sospetto qualsiasi delle tue alleanze con un avanti il conlitto ino a quando tanto rimpianto la porta chiusa da
che nelle prossime settimane, presunto ideale di perfezione. Per una delle due parti non subisce non vedere quella che si è aperta”.
Ariete, sarai in una posizione chia- fortuna, in questa fase astrale sei una vergognosa sconitta, mentre Tienilo presente, Acquario. Pren-
ve simile a quella di Burns. La tua particolarmente capace di coltiva- è molto probabile che il cuore s’im- diti tutto il tempo necessario per
decisione potrebbe inluire su più re modelli di intimità unici, quindi pegni a trovare una conclusione piangere su un’opportunità perdu-
persone di quanto pensi. Cerca di ti consiglio di dedicarti ad appro- buona per entrambe. ta, ma non più del tempo necessa-
fare il bravo o la brava. fondire e perfezionare i tuoi lega- rio. L’alternativa a quello che non
mi più importanti. SCORPIONE c’è più si presenterà prima di
TORO A 24 anni, lo scorpione Zhu quanto credi.
Nelle prossime settimane, il LEONE Yuanzhang (1328-1398) era
Destino continuerà a chia- Nelle ultime settimane la un monaco squattrinato che aveva PESCI
marti invitandoti a rispondere. Se tua attività si è concentrata appena imparato a leggere e scri- Gilbert Stuart fu l’autore del
risponderai, ti darà istruzioni chia- soprattutto su temi legati alla ten- vere e girovagava chiedendo l’ele- più famoso ritratto del pri-
re su quello che devi fare per muo- sione e alla lotta: riparare, cambia- mosina. Ma a quarant’anni sareb- mo presidente degli Stati Uniti,
vere in fretta il sedere in direzione re direzione, correggere, arran- be diventato l’imperatore della Ci- George Washington. È quello che
del futuro. Se invece ti riiuterai di giarti, fare aggiustamenti e com- na e il fondatore della dinastia si vede sulle banconote da un dol-
ascoltare il suo appello o di rispon- promessi. Sorprendentemente, Ming, che governò il paese per 276 laro. In realtà il quadro rimase in-
dere, il Destino prenderà un’altra Leone, sei riuscito a mantenere la anni. Cos’era successo nel frattem- compiuto. Nel 1828, quando morì,
strada. Non ti darà istruzioni ma tua soferenza al minimo e a fare il po? È una lunga storia. Uno dei Stuart ci stava ancora lavorando.
semplicemente un calcio nel sede- tuo lavoro in modo intelligente. A maggiori pregi di Zhu era l’intra- Anche a Leonardo da Vinci succes-
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

re in direzione del futuro. volte hai ottenuto ottimi risultati. prendenza, a cui univa l’audacia e se una cosa simile. La vergine con il
internazionale.it/oroscopo

Complimenti per la tua industrio- l’abilità tattica. Anche la sua gran- bambino e sant’Anna, incompiuta,
GEMELLI sità e determinazione! Molto pre- de attenzione per i dettagli pratici oggi è esposta al Louvre di Parigi, e
Sembra che la Stagione del- sto entrerai in una fase meno bur- si rivelò indispensabile. Se mai la sua Adorazione dei magi, mai i-
le mille e una emozione non rascosa. Attento ai segnali d’avver- nella tua vita dovessi cominciare nita, è agli Uizi di Firenze dal
ti abbia troppo logorato. Forse c’è timento. Non dare per scontato di un’ascesa minimamente parago- 1670. Per le prossime settimane ti
una pozzanghera di lacrime accan- dover continuare a sgobbare tanto. nabile a quella di Zhu, Scorpione, propongo Stuart e da Vinci come
to al tuo letto. Forse il tuo altare è sarà nei prossimi dieci mesi. E non modelli, Pesci. Se un tuo progetto
pieno della cenere delle tue oferte VERGINE ti basterà essere coraggioso e in- rimarrà incompleto, non solo non
votive. Ma sei riuscito a imparare Il pittore norvegese Edvard traprendente, dovrai anche essere sarà un problema ma può darsi ad-
un mucchio di cose utili dalle tue Munch (1863-1944) dipinse disciplinato e deciso. dirittura che sia meglio così.

Internazionale 1239 | 19 gennaio 2018 105


L’ultima
EL roto, EL PaíS, SPagNa

babouSE, L’HuMaNité , FraNcia


“Fuggiamo dalle nostre guerre, che all’origine erano vostre”.

Donald trump diplomatico: “Non avevo nessuna intenzione


di ofendere i vostri paesi di merda”.
SMitH, LaS vEgaS SuN, Stati uNiti

Favole: “E le grandi multinazionali usarono i tagli delle tasse


per creare posti di lavoro”.
SoNDroN, bELgio

SiPrESS

il primo ministro belga dopo l’espulsione di richiedenti asilo


sudanesi dichiara: “il fatto che sia una dittatura non vuol dire
che tutti siano perseguitati”. “certo! ci sono anche i “il punto è che noi siamo totalmente contrari alla
persecutori”. globalizzazione”.

Le regole Pellicce
1 Non importa se l’hai ereditata dalla nonna: di’ a tutti che la tua pelliccia di volpe è inta. 2 Ecologica non
basta: dev’essere rosa. 3 Se non abiti a Mosca o non sei Daniela Santanchè, il tuo colbacco non ha nessuna
giustiicazione. 4 Sei vegetariana ma hai guanti di cincillà? Forse ti è sfuggito qualcosa. 5 Puoi tenere un
tappeto di pelliccia davanti al camino solo se sopra ci fai sesso sfrenato ogni notte. regole@internazionale.it

106 internazionale 1239 | 19 gennaio 2018