Sei sulla pagina 1di 3

Dopo un anno e mezzo Vaporteppa torna con il nuovo romanzo di Giuseppe Menconi, Sangue del Mio

Sangue. Dopo la fantascienza di Abaddon e Il Grande Strappo, questa volta un fantasy: un mondo
alternativo che ricorda i nostri anni 1870, ma in cui la necromanzia cos diffusa che il lavoro delle
mummie la principale fonte di energia meccanica al posto dei motori a vapore!

sigla

Sangue del Mio Sangue un fantasy in cui femminismo e umorismo nero si intrecciano.
Unavventura in cui la protagonista non deve lanciarsi per salvare il mondo, come invece avviene in
troppi brutti fantasy degli ultimi decenni, ma lo fa per sfuggire agli strozzini e ai problemi della propria
vita, come nei fantasy di un tempo!

Copertina

Senti la descrizione del romanzo!

In un mondo in cui le mummie forniscono la forza lavoro che muove le pale delle navi e i telai delle
fabbriche, la necromanzia la scienza pi importante. Le nazioni industrializzate si contendono le
rovine millenarie sepolte nelle Terre Morte per trovare conoscenze perdute ed espandere la propria
potenza militare.

Evangeline fuggita dalla comoda vita nella buona societ per inseguire il sogno di diventare una
grande archeologa, come suo zio, ma dopo quattro anni non ha ancora ottenuto nulla. In un mondo
dominato dagli uomini non basta essere unarcheologa e una necromante eccellente: bisogna
impegnarsi il doppio solo per non essere ignorate. Per sopravvivere Evangeline si occupa dei morti
viventi di un teatro, fabbricando scheletri e incollando teste sui corpi delle mummie decapitate durante
gli spettacoli. Un lavoro sporco, massacrante e mal pagato.

Per il tempo per Evangeline agli sgoccioli: inseguita dai creditori e terrorizzata dallidea che i suoi
genitori possano trovarla e riportarla a casa con la forza, Evangeline deve trovare il prima possibile un
grosso scavo archeologico che lanci la sua carriera e forse loccasione arrivata con un misterioso
sito protetto dallesercito. Ma il nemico vicino e per delle rovine importanti si sono gi combattute
guerre in passato.

Questo romanzo Fantasy lungo la bellezza di 114.000 parole. Secondo il mio conteggio se fosse un
cartaceo sarebbe lungo 369 pagine circa. un bel romanzo pieno, ma lontano dallessere un mattone!
In autunno uscir anche il cartaceo, come degli altri romanzi di Menconi. Vaporteppa non solo eBook.

Un enorme motivo di orgoglio per me aver portato un fantasy femminista per davvero. Non quel
genere di storie in cui alla fine la protagonista viene trattata da tutti come un uomo solo perch si
comporta come un uomo. E nemmeno quelle storie in cui alla fine la protagonista in carriera si salva
solo grazie a un uomo, o molto peggio, capisce che lamore tutto e abbandona lidea del successo.
Che schifo. Qui abbiamo una donna che vuole farsi rispettare in un mondo dominato dagli uomini, e
subisce tutti i tipici problemi di una donna in carriera: dovr capire come superare lo scoglio di una
societ maschilista, senza sbatterci solo contro fino ad affondare. Sia io che lautore abbiamo lavorato
molto su questo aspetto, con la consulenza di un paio di amiche appassionate dellargomento.

Cosa dire di questo romanzo? Prima di tutto che non vedevo lora di pubblicare un fantasy
ambientato in un mondo alternativo. un fantasy che pu piacere agli amanti dello Steampunk,
trattandosi di unambientazione pesantemente ispirata al vero Lungo XIX Secolo: non difficile
riconoscere nel continente di Westiria lEuropa, e nel Ciran qualcosa di simile a una Cina che si
industrializzata per tempo, come fece il Giappone Meiji, per competere contro le potenze occidentali. E
competere molto bene, come avete visto!

La cosa che mi piaciuta di pi nel lavorare con Giuseppe Menconi su questo nuovo romanzo, stata
la possibilit di spaziare maggiormente con limmaginazione. Pi che nei due romanzi precedenti,
senza i vincoli legati alla credibilit (fanta)scientifica. Qui bisognava solo essere coerenti e costruire
tutto rimanendo fedeli al principio base, al What If fantasy da cui tutto laspetto fantastico
dellambientazione nasce: cosa accadrebbe se il mondo fosse pervaso da spiriti, e questi riportassero in
vita dopo la morte gli umani. Se non ci fosse la necromanzia, probabilmente ci si limiterebbe a
seppellire i defunti dopo averli mutilati orrendamente, come si faceva nei Balcani per evitare che
risorgessero come vampiri o per vendicarsi. Ma nel momento in cui delle civilt con gli zombie gratis
dovessero imparare come prenderne il controllo

Da quel singolo principio nasce tutto quanto: le mummie come scelta ideale per conservare i morti
viventi (pi forti degli scheletri, pi igieniche degli zombie), usate per azionare dinamo oppure per
fornire direttamente energia meccanica ai macchinari, o anche solo al posto dei cavalli per tirare i carri;
le mummie per scopo ludico, usate dai necrofili e per gli effetti speciali a teatro; e se hai per le mani il
cadavere di un gigante, pensi che non ti verrebbe in mente di tramutarlo in una macchina da guerra?

Le mummie mech sono un aspetto di cui sono particolarmente soddisfatto, avendo lanciato io lidea
allautore. In realt diverse varianti dellidea, inclusa quella di assemblare i giganti da guerra usando
parti di corpi diversi, come dei mostri di Frankenstein. Menconi ha preferito lopzione dei corpi giganti
in cui innestare un cadavere umano per ingannare gli spiriti e far loro credere che il resto del corpo, il
gigante, fosse parte del cadavere originale umano. I giganti da guerra sono lunico aspetto Steampunk a
tutti gli effetti, lunico che combina idee della fantascienza moderna e le rilegge con la tecnologia
dellepoca (e un tocco fantasy).

Tolti i giganti da guerra, il resto uno pseudo-ottocento con laggiunta di necromanzia. Molti
direbbero che Steampunk lo stesso, ma dato che lambientazione inventata, non il nostro vero
mondo con precisi riferimenti storici o di fantascienza depoca, io preferisco vederlo come un Fantasy
con contaminazioni Steampunk che pu piacere a chi, come me, ama lo Steampunk.

Riguardo gli aspetti storici, Menconi ha preferito attenersi con una certa rigidit agli anni 1870:
abbiamo la transizione avvenuta da pochi anni dai vecchi revolver cap-and-ball ai nuovi revolver con i
bossoli; abbiamo i fucili a retrocarica ma senza serbatoio dei colpi, che convivono assieme ai fucili con
serbatoio di solito affidati alla cavalleria; abbiamo il telegrafo e fanno capolino le prime lampadine
elettriche. Avremo modo in futuro di parlare ancora di come nata questambientazione.

Sono davvero contento di aver portato un nuovo Fantasy su Vaporteppa e non mi dispiacerebbe in
futuro pubblicare qualcosa di ancora pi classico, con pi magia e creature fatate: magari
unambientazione ispirata al Quattrocento o alla Prima Et Moderna, ma realizzata con la stessa seriet
e lo stesso impegno con cui abbiamo immaginato questo mondo ottocentesco. Fare Fantasy seriamente,
senza scadere nei clich pi beceri privi di reinvenzione, si pu. Basta volerlo. E tu, potenziale autore
che mi leggi: lo vuoi?

Vi metto nella descrizione del video i link per lacquisto del romanzo e anche il link verso facebook per
partecipare, solo oggi 10 agosto, al Darlo Via del romanzo! Avete tempo fino a mezzanotte! Con una
semplice condivisione possibile ricevere fino a tre romanzi in regalo e fino a due ore di incontro su
Skype con me o con Giuseppe Menconi per parlare di scrittura, di storie, di quel che vi pare. Datelo via
come se non ci fosse un domani!

Bene, cambiando argomento, i video settimanali e gli articoli di approfondimento su storie e teoria
narrativa si interromperanno per la pausa estiva fino alla seconda met di settembre. Sicuramente
far dei post di qualche genere, ma non detto che faccia i video o che siano idonei a fare poi i video in
autunno. Dipende, se mi verr voglia magari far qualcosa comunque, ma voglio dedicare il resto di
agosto e la prima met di settembre esclusivamente alle opere dei miei autori italiani, che sono parecchi
e io sono in mostruoso ritardo (in buona parte per colpa dellarticolo con video settimanale, che mi ruba
un terzo della settimana abbondante), e in pi voglio completare il mio corso online per autori per
poterlo finalmente aprire ufficialmente in autunno (e anche qui sono in mostruoso ritardo, e ho una
bella lista di iscritti da servire).

Per chi vuole vestirsi come il Duca per questestate, vi lascio il link al negozio eBay in cui ho comprato
le mie nuove camicie hawaiane che avete visto nei video. Perfette per sorseggiare birra o un bel
cocktail Tiki! Sto indossando solo queste ormai, nei quattro colori che ho comprato: blu, rosso,
arancione e verde. Vestite come il Duca, diventate come il Duca: come sostengono i giapponesi,
bisogna cominciare dallaspetto esteriore se si vuole facilitare la trasformazione interiore. Forse labito
non fa il monaco, ma fa un coniglietto come duchino! ^-^

Buone vacanze e correte a comprare Sangue del mio Sangue, non ve ne pentirete! E lasciatemi un bel
mi piace sul video se pensate che il Fantasy meriti di venire trattato con seriet! Ciao!