Sei sulla pagina 1di 29

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA

in collaborazione con

ASCOMAC / CANTIERMACCHINE FEDERUNACOMA / COMAMOTER Milano 10 Luglio 2012

Ing. Antonino Bonanno IMAMOTER-C.N.R.


Sede ANIMA via Scarsellini 13 - Milano

Comprende una pompa e un motore uniti in circuito chiuso: mandata della pompa collegata allalimentazione del motore, e scarico del motore collegato allaspirazione della pompa.

Trasmissione idrostatica

Se 1 P 1 e min M 1 la pompa pu invertire la mandata generando linversione del moto del motore. Le linee di alta e bassa pressione si scambiano ruolo!

Trasmissione idrostatica

Limiti dei rapporti di coppia e velocit in funzione del tipo di architettura

Trasmissione idrostatica

Due esempi di regolazione in un sistema con motore e pompa variabile

Trasmissione idrostatica

Trasmissione idrostatica

Aree di funzionamento in un sistema con motore e pompa variabile

Trasmissione idrostatica

Le valvole di massima servono a salvaguardare il circuito che, a seconda delle condizioni operative si trova alla pressione maggiore

Comando automotivo
Ha lo scopo di ottenere da una trasmissione idrostatica un comportamento analogo al cambio automatico per autovetture. Si ottiene mediante un controllo elettronico delle cilindrate.

1) il punto A, che fissa la velocit di variazione iniziale dellassetto. Per velocit del diesel inferiori lassetto nullo e il motore (o i motori) della trasmissione sono fermi senza richiedere alcun intervento specifico; 2) il punto B, che fissa la velocit di variazione finale dellassetto oppure lassetto massimo. Per velocit del diesel superiori lassetto rimane costante. Questa trasmissione pu creare potenziali pericoli se non ben utilizzata

Il progressivo distacco della curva p(e) dalla curva limite ricavata dalla potenza massima del diesel e la conseguente impossibilit di sfruttare larea tratteggiata nella figura sono fra le ragioni che motivano comandi automotivi pi complessi, basati per esempio sulla sensibilit addizionale dellassetto alla pressione differenziale e alla decelerazione del diesel rispetto al riferimento del regolatore.

Trasmissione Power-Shift

Trasmissione Power-Shift

Le ruote dentate, sempre in presa, sono rese solidali per mezzo di frizioni Consentono di cambiare marcia senza interrompere il flusso di coppia (importante durante le fasi di lavoro: aratura, ecc.) Importante il sincronismo con cui vengono comandate le frizioni

Trasmissione a variazione continua CVT

Output coupled

Input coupled

Trasmissione a variazione continua CVT

Input coupled NON rigenerativo: Il flusso passa parte dallalbero e parte dalla TI per poi ricongiungersi nellepicicloidale. Unit 1 = pompa Unit 2 = motore

Trasmissione a variazione continua CVT

Input coupled rigenerativo: Il flusso passa dallalbero e viene ricircolato dalla TI. Unit 1 = motore; Unit 2 = pompa;

Trasmissione a variazione continua CVT


Rapporto di trasmissione Rt<0 0<Rt<Rtl Rt>Rtl Tipo di Porzione di trasmissio potenza ne idraulica HR MR NR Ph>1 Ph<0 0<Ph<1

Rtl = rapporto di trasmissione loocked Rt = rapporto trasmissione nella parte meccanica planetario Ph = potenza idraulica

Trasmissione a variazione continua CVT

Output coupled NON rigenerativo: Il flusso passa parte dallalbero e parte dalla TI. Unit 1 = motore Unit 2 = pompa

Trasmissione a variazione continua CVT

Output coupled rigenerativo: Il flusso passa dallalbero e viene ricircolato dalla TI. Unit 1 = pompa; Unit 2 = motore;

Trasmissione a variazione continua CVT


Rapporto di trasmissione Rt<0 0<Rt<Rtl Rt>Rtl Tipo di Porzione di trasmissio potenza idraulica ne HR NR MR Ph>1 0<Ph<1 Ph<0

Rtl = rapporto di trasmissione loocked Rt = rapporto trasmissione nella parte meccanica planetario Ph = potenza idraulica

Frenatura idrostatica
Con lespressione frenatura idrostatica si intende la capacit di controllare la velocit di un veicolo sottraendogli energia cinetica per mezzo della sola trasmissione idraulica. Due sono i tipi di frenatura idrostatica: quella rigenerativa che implica un accumulo dellenergia cinetica del veicolo e quella dissipativa che implica la trasformazione dellenergia cinetica in calore ed a sua volta divisibile in due distinte classi:

Frenatura idrostatica
a) la frenatura naturale, che sfrutta la capacit della trasmissione idrostatica di gestire un flusso inverso di potenza trasferendo il compito della dissipazione al motore diesel. Il vincolo scomodo che si incontra che la capacit frenante del diesel limitata e dipendente dalla velocit e il rischio pericoloso che si corre che il motore stesso acceleri senza controllo. b) la frenatura forzata, che non sfrutta la specificit del circuito chiuso e si affida allazione di apposite valvole di strozzamento collocate sullo scarico del motore e dotate di una logica funzionale capace sia di riconoscere la necessit della frenatura che di realizzarla.

Frenatura idrostatica forzata con valvole overcenter


Si affida allazione di apposite valvole di strozzamento collocate sullo scarico del motore e dotate di una logica funzionale capace sia di riconoscere la necessit della frenatura che di realizzarla.

Frenatura idrostatica forzata con valvole overcenter


Come spesso accade, una classificazione non esaurisce tutte le alternative e lo dimostra il fatto che immaginabile una frenatura mista in cui il diesel azioni in parallelo alla trasmissione una o pi pompe (dedicate ad attrezzature di lavoro) che producano a richiesta una dissipazione di potenza che estende virtualmente la capacit di frenatura del diesel stesso.

La frenatura idraulica: un caso reale

Tipico controllo di una trasmissione idrostatica

La frenatura idraulica: un caso reale

Curva di coppia resistente del motore termico: la coppia frenante molto inferiore a quella che garantisce la trazione Superato il punto B la frenata diventa inefficace pur aumentando il regime di rotazione del motore

La frenatura idraulica: un caso reale

Tipico controllo in fase di frenata.

Regimi raggiunti dal motore durante una frenatura dolce o brusca

Controllo delle cilindrate ottimizzato

Regime di rotazione del motore durante la frenata brusca (curva tratteggiata: controllo originale; curva continua: controllo ottimizzato)

Tipologie di freno Freno multidisco a secco Freno multidisco a bagno dolio Freno monodisco a secco o in bagno dolio Freno di stazionamento ad azionamento positivo (automobile) Freno di stazionamento ad azionamento negativo (treno, MMT)

Diverse dimensioni, diverso materiale dattrito, diverso azionamento

Freno di stazionamento pneumatico negativo

Dente

Perch un freno negativo?