Sei sulla pagina 1di 15

LA TENDA

La casa di ogni scout


Ogni scout dovrebbe essere in grado di montare una tenda, come si custodisce, come si ripara. Vediamo perci alcuni piccoli trucchi e consigli.

SCELTA DEL TERRENO Gi alcune ore prima del tramonto, occorre cominciare a cercare uno spazio asciutto, compatto, leggermente soprelevato e inclinato, con caratteristiche valide per fermarsi sia un solo giorno sia una settimana (fig. 1).
Ad esempio: un terreno argilloso non riesce ad assorbire rapidamente l'acqua piovana, mentre un terreno composto di ghiaia o di sabbia risulta essere migliore. Erba alta e folta indice di umidit. Non bisogna campeggiare nei sottoboschi folti e bui. sui bordi immediati dei fiumi o dei laghi (umidit eccessiva), o sulla riva del mare (pericolo della marea), all'ombra degli olmi, dei noci, dei salici. Inoltre, non bisogna campeggiare sotto gli alberi, perch le foglie continuano a sgocciolare anche dopo che la pioggia cessata, ed anche perch, in caso di forte vento, i rami possono spezzarsi e cadere improvvisamente. Sotto gli olmi si ha un'ombra spessa e il pericolo della caduta di rami; sotto le querce il terreno umido, vi si trovano molti insetti ed facile l'improvvisa caduta di rami che si credevano ancora sani. Un terreno morbido, aerato, si trova sotto i pini (anche se occorre fare molta attenzione all'accensione di fuochi), oppure sotto le betulle. dove il terreno sabbioso. Riassumendo: il terreno dovr essere leggermente soprelevato e inclinato perch le acque di ruscellamento della pioggia non ristagnino o invadano la tenda (fig. 2); nelle immediate vicinanze vi sia disponibilit di legna per il fuoco e per le costruzioni da campo, e la possibilit di approvvigionamento di acqua potabile; l'orientamento solare sia determinato in modo da poter avere sole al mattino, proteggersene a mezzogiorno, contemplarlo al tramonto.

Istruzione per il montaggio Scegli il posto pi adatto. Togli le pietre, i rovi e tutto ci che pu tagliare, pungere, macchiare.

Apri la tenda sul terreno e srotola i tiranti.

Piazza la tenda e fissa al suolo il tappeto, ben teso. Metti prima i picchetti agli angoli.

Prepara la paleria e mettila al suo posto.

Metti il sopratelo.

Mentre due persone reggono i pali, fissa i tiranti, cominciando dai quattro angolari e passando subito dopo a quelli anteriori e posteriori.

Pianta i picchetti inclinati di 45, in modo che offrano una buona resistenza. Non mandarli a fondo nel terreno perch la corda dei tiranti marcirebbe a contatto con il suolo.

Regola la tensione dei tiranti in maniera che la tenda non faccia pieghe o grinze ed i fianchi verticali della tenda stiano bene in piedi.

Se ne hai il permesso scava i canaletti per lo scolo dell'acqua piovana.

MONTAGGIO TENDA
II montaggio della tenda richiede che sia osservata una perfetta geometria fra le corde di tensione e il fissaggio dei picchetti. necessario un picchetto per ogni corda di tensione, perch la giusta tensione viene mantenuta su tutta la superficie delle pareti solo se si esercita una trazione uniforme.

Le pieghe, le tensioni non uniformi causano rotture e strappi nella stoffa o nelle cuciture. Prima di montare la tenda, il terreno verr accuratamente ripulito dei sassi, dei cespugli, delle radici, perch rischierebbero di forare il tappeto impermeabile o potrebbero impedirci di dormire. Inoltre, occorre verificare accuratamente l'assenza di formicai o di nidi di insetti. La tenda. possibilmente, dovr essere protetta dai forti venti dominanti la zona mediante un rialzo del terreno, una siepe, un bosco. Occorre evitare l'impatto diretto del vento sui fianchi della tenda, perch in questa situazione le corde di tensione verrebbero facilmente spicchettate. In caso di forte vento, sui lati pi ampi della tenda, si scatena contemporaneamente una forza di schiacciamento e di gonfiaggio.

Per evitare queste sollecitazioni negative si faccia riferimento a: rinforzi incrociati e tensione dei tiranti. RINFORZI INCROCIATI
(fig. 5) La linea continua indica le due corde ab-c e d-e-f sopra il telo esterno e la linea tratteggiata due corde sotto il telo (parallele alle corde esterne) che bloccheranno i movimenti dei teli. Se questa operazione viene eseguita nelle ore calde, non si dovr tendere al massimo le varie corde, perch l'umidit notturna (o la pioggia) provocherebbe un'ulteriore tensione con la fuoruscita dei picchetti o la rottura delle corde stesse.

TENSIONE DEI TIRANTI Una giusta tensione verificabile riuscendo a piegare a Z, senza sforzo eccessivo, la corda fra due dita. Sempre in caso di forte vento, si potr evitare il sollevamento della tenda con alcuni oggetti pesanti (o una persona) messi sul tappeto. Questo servir, anche, ad aiutare la struttura portante a resistere. L'impatto del vento risulter attenuato se avviene di spigolo, obliquamente alla tenda (circa 45).

ROTTURE ANGOLARI
In caso di rottura del fissaggio della corda di tensione di un angolo della tenda (fig. 6), si pu mettere un sasso nell'angolo ripiegato della stoffa perch blocchi il nodo per picchetti della corda.

Come fare per costruirli:


A)prendere rami di legno duro e in buono stato, dello spessore di circa 4 cm, come quercia, faggio, carpine, ecc. Non togliere la corteccia; B) lavorare sempre su uno zoccolo di legno, tenendo il picchetto obliquo perch l'accetta lavori sempre verticalmente, secondo il suo asse naturale. Tagliare la punta nel cuore del legno (parte pi dura), con lati disuguali per una migliore presa nel terreno; ottenuto il primo lato, ruotare il IL PICCHETTO picchetto di 90, affinch si ottengano quattro lati della punta e, alla fine, una punta ottagonale asimmetrica; II picchetto viene piantato, per una migliore tenuta nel terreno, obliquamente, a 45, e a una distanza dalla tenda tale che la direzione della corda di tensione sia sul C) l'incavo per la corda di tensione potr essere ottenuto artificialmente, prolungamento esatto dell'inclinazione del telo della tenda. Terreni di sabbia. di terra soffice, con erba folta, richiedono picchetti lunghi che possono venir costruiti oppure usando un ramo provvisto di biforcazione. Infine, tagliare obliquamente la punta perch non si sfibri o si rompa. Smussare la testa sul posto. del picchetto perch, colpendola con il mazzuolo, non si fessuri. Eventualmente, carbonizzare leggermente la punta, passandola su una fiamma, perch risulti pi dura e resistente. Si pu anche ottenere un picchetto di fortuna da un angolare metallico.

CORDE DI TENSIONE
Le corde di ancoraggio delle tende e di molte costruzioni per il campeggio necessitano, per la loro stabilit, di tensioni che possano essere mantenute costantemente, perch, se sottoposte al vento o alla pioggia o se sopportano carichi variabili, variano di lunghezza e la loro elasticit deforma la statica della costruzione. Ci richiede che le corde di tensione vengano rese ottime mediante: - Nodo di tensione : fissare la corda nell'anello del telo della tenda e formare un nodo galera, nell'anello del quale far passare la corda dopo averla fatta girare attorno al picchetto. Ottenuta la tensione desiderata, bloccare con un nodo.
- Oppure: la corda di tensione viene fatta passare fra due nodi semplici. La tensione rimane uguale al momento di stringere i due nodi. Risulta per difficile da sciogliere. Ti consiglio di usare un cordino sintetico come tirante, il quale non ha problemi di allungamento o accorciamento con l'umidit e la pioggia. Se la tenda stata montata correttamente il sovrattelo non dovr toccare sulla tenda, e non dovr formare delle pieghe o onde, la palleria dovr essere perpendicolare al terreno.

NODI PER LE CORDE DI TENSIONE

non avendo il tenditore metallico la corda verr: A) legata al telo della tenda con un nodo, come indicato nella sequenza in alto; B) fermata al picchetto, secondo la tensione che si desidera, con un nodo, come indicato nella sequenza in basso. con tenditore metallico A) ribaltare la funzione del tenditore metallico, perch la corda venga legata direttamente al picchetto con un nodo, come indicato nella sequenza in alto, oppure come indicato nella sequenza in basso (nodo per picchetti). altre soluzioni Perch i picchetti abbiano una tenuta sicura possono essere realizzate le seguenti tecniche:

A) al picchetto piantato normalmente viene contrapposto un altro picchetto; B) sopra la corda legata al picchetto si mette un grosso tronco o una pietra; C) si costruisce con fil di ferro, o una corda. un ancoraggio triangolare perch il terreno venga sollecitato, con minore sforzo, in punti differenziati; D) si pianta normalmente il picchetto che viene ancorato a una serie allineata di altri picchetti; E) due picchetti trattengono una traversa. attorno alla quale passare la corda; F) mediante la biforcazione basale di un albero; Per togliere i picchetti piantati nei terreni duri, far leva con un altro picchetto o un bastone, oppure tirando con una corda. Se il picchetto per grandi costruzioni, usare un sistema a leva. ASTUZIE PER LE CORDE DI TENSIONE
Figura 1: perch le corde di tensione della tenda non si aggroviglino opportuno piegarle secondo le quattro fasi indicate e stringerle con un nodo semplice.

MANUTENZIONE Prima di riporre la tenda dopo il suo utilizzo, ricordati di verificare che i teli della tenda siano asciutti e puliti, controlla di aver lasciato l'interno pulito da qualsiasi oggetto. Anche i picchetti vanno puliti, eventualmente raddrizzati o sostituiti se non sono aggiustabili. Controlla che non vi siano buchi sul catino o sul sovrattelo. Quando hai verificato che sia tutto in ordine riponi le varie parti della tenda in pi sacchi, in modo da rendere il trasporto pi agevole. Se esegui queste operazioni ogni volta, potrai essere sempre pronto a partire per una nuova avventura senza sorprese.

CUCINA ALLA TRAPPEUR


Inverno, bivacco di Reparto o di squadriglia: Il piacere di un buon fuoco e soprattutto il bisogno di mangiare cibi caldi e gradevoli. Un po' di immaginazione e di fantasia e... attenti a non ridurre tutto in cenere. Il cibo cucinato su un fuoco da campo acquista un sapore delizioso, ma prima di iniziare a cucinare dovete lasciare che il legno bruci completamente e si formi la brace: le fiamme vive non fanno altro che bruciare e annerire il cibo. Se volete cuocere qualcosa sulla brace, vi servono degli utensili di legna verde. Il cibo pu essere cotto sotto la cenere, ma in questo caso va avvolto in carta stagnola. Cuocete il pesce, le salsicce e il pane su legnetti verdi scorticati. Le forcelle sono pi adatte perch difficile che il cibo si stacchi e cada nella brace. Se non ne trovate, fatene una tagliando longitudinalmente un legno e divaricandolo con un legnetto, o legando due bastoncini a un'estremit.

Cuocete funghi, kebab e twist su bastoncini diritti. Il twist si fa impastando acqua e farina in consistenza tale da essere attorcigliato in blocchi intorno a un legnetto e tostata. Le molle (fatte con bastoncini verdi curvi) servono per spostare i tizzoni e ricuperare il cibo che cade nel fuoco.

SALSICCE E PATATE Per una persona: 3 salsicce piccole - 1 cipolla - 2 patate - olio, mostarda. Tagliare le patate in quattro, la cipolla in fette circolari. Infilare sullo spiedino alternando: cipolla, salsiccia, patata, cipolla ecc. Ungere d'olio. Fare arrostire molto rapidamente. HAMBURGER AL POMODORO Per 2 persone: 250 gr. di carne tritata - un uovo - una cipolla piccola - un pomodoro - prezzemolo, pepe. Impastare la carne tritata con l'uovo, il pomodoro schiacciato, la cipolla ed il prezzemolo tritati; salare e pepare; formare due polpette piatte; avvolgere separatamente in un foglio di carta d'alluminio, accuratamente imburrato e lasciar cuocere per 6 minuti circa nella cenere. MELE RIPIENE Per una persona: una bella mela - 1 o 2 quadratini di zucchero - un po' d'uva secca e, se possibile, una noce di burro. Scavare al centro della mela e riempirla con lo zucchero, l'uva secca e il burro. Avvolgerla in un foglio di carta d'alluminio, unto di burro, chiudendo bene e tenere sotto le ceneri calde per una trentina di minuti. SPIEDINI ALLA PROVENZALE Per una persona: 8-10 cubetti di carne (filetto di manzo o spalla d'agnello) - 10 pezzetti di lardo - 1 peperone - 3 piccole cipolle - 3 spicchi d'aglio - 2 pomodori - olio, sale, pepe. Preparare i cubetti di carne, tagliare i pomodori, il peperone, ecc. Infilare sullo spiedino i vari pezzi alternando: carne, peperone, lardo, cipolla, pomodoro, ecc. Spennellare d'olio il tutto, salare e pepare. Fare arrostire rapidamente, girando lo spiedino.

MACEDONIA IN... CALDO 1 banana - 1 o 2 arance - 1 mela - qualche prugna secca - eventualmente uva secca . zucchero - un po' di cannella ( logico che si pu usare il tipo di frutta che di proprio gradimento). Sbucciare la frutta e tagliarla in pezzi non molto sottili, cospargerla di zucchero, aggiungere un pizzico di cannella e qualche noce di burro, una spruzzatina di brandy o di rum non guasta. Chiudere il tutto accuratamente in foglio di carta d'alluminio e mettere nella cenere calda per 10 minuti circa.

Per cuocere un uovo. Usare sempre un fuoco di brace (legna di carpino, quercia, faggio, frassino).
UOVO ALLO SPIEDO Alle due estremit del fuoco piantare due forcelle di legno verde a circa 30 cm d'altezza. Tagliare quindi un ramoscello sottile di nocciolo o di tiglio, levarne la scorza e appuntirlo. Con la punta di un coltello fare un piccolo foro alle estremit dell'uovo tenuto in posizione orizzontale. Posare infine lo spiedo sulle forcelle e far cuocere per circa 3 minuti.

UOVO SOTTO LA CENERE Perforare la sacca d'aria dell'uovo. Porre quindi l'uovo sotto le ceneri tiepide. Cottura: 1 minuto. UOVO AL PIATTO Scegliete una pietra la pi adatta possibile e infuocarla sotto la brace ardente, Al momento opportuno toglierla dal fuoco, spolverarla (attenzione a non scottarsi) e rompervi sopra l'uovo. Cottura istantanea. UOVO E PATATA Procurarsi una grossa patata. Tagliare la parte superiore. Vuotare la patata grattando con un cucchiaio lasciando una crosta di circa 1 cm di spessore. Rimettere a posto la parte superiore e avvolgere il tutto in un foglio di carta d'alluminio. Cuocere sulla brace per 85 minuti all'incirca. Togliere quindi la patata dal fuoco, aprirla, rompervi nella cavit un uovo, salare e pepare. Ricoprire e richiudere nel foglio d'alluminio. Fare pietra piatta cuocere per altri 3 minuti.

TRAPPEUR D'AMIANTO ovvero la cucina all'alluminio

Con un rotolo di alluminio si possono cucinare diversi piatti sulla brace, l'importante : 1. Mettere i cibi da cuocere al centro del foglio di alluminio (due fogli sovrapposti se si usa il tipo pi sottile). 2. Dopo aver piegato il foglio a met ripiegare su se stesso ogni lato del pacchetto. 3. Accartocciare bene ogni lato accertandosi che sia perfettamente sigillato per mantenere l'umidit all'interno del cartoccio.

4. 5. 6. 7.

Per i biscotti tieni presente che devi avvolgere senza stringere per permettere la lievitazione della pasta. Sistemare i pacchetti sulle braci voltandoli ogni tanto con un bacchetto evitando di bucare l'alluminio. Terminata la cottura toglierlo dal fuoco, aprire il pacchetto e usarlo come piatto. Consumato il pasto non lasciare tracce di alluminio sul posto!

Tempi di cottura: Cibo pollo carne agnello maiale pesce Tempo (min) 20-30 8-12 20-30 30-40 15-20 Ed ecco alcuni piatti da preparare: Piatto unico - per 1 persona 150 g. di bistecca di manzo salata e cosparsa di tuorlo d'uovo, una patata tagliata a cubetti, una carota tagliata a fettine molto sottili, un pizzico di sale. Mettere tutti gli ingredienti nello stesso pacchetto. Cuocere sulla brace per 20 minuti. Spezzatino in umido - per 1 persona 150 g. di spalla di vitello tagliata a cubetti di 1 cm, una patata tagliata a cubetti, una cipolla sbucciata e tagliata a spicchi sottili, una carota tagliata a fettine sottili, un pizzico di sale. Chiudere gli ingredienti in un unico pacchetto e cuocere sulla brace per 20 minuti. Pesce al Prosciutto Per preparare semplicemente il pesce, avvolgi attorno una o due fette di prosciutto. Sigillare molto strettamente e cuocere sulla brace per 18 minuti. Patate Pelate e avvolgete nella stagnola. Poi cuocetele nelle braci per mezz'ora o pi. Mangiatele con burro o formaggio. Granturco arrosto Togliere la seta che avvolge la pannocchia, strofinare quest'ultima di burro e avvolgerla nell'alluminio, cuocere sulla brace per 8 minuti. Mela allo zucchero Pulire con uno strofinaccio la mela, toglierle il torsolo e mettervi al suo posto qualche zolletta di zucchero. Avvolgere nell'alluminio e cuocere per 20 minuti. LA PIONIERISTICA E' la tecnica che aiuta a realizzare le costruzioni per il campeggio col materiale fornito dal bosco e dall'ambiente naturale. Una squadriglia che vuol vivere e godere in mezzo alla natura deve avere una preparazione tecnica di pionieristica e una attrezzatura sufficiente. Tre cose sono necessarie: 1. attrezzi 2. corde 3. pali Cibo biscotti granturco patate mele Tempo (min) 6-10 6-10 40-60 20-30

Una cosa indispensabile: LA COMPETENZA GLI ATTREZZIDI SQUADRIGLIA I tecnici del Ceppo Rosso, famosi in tutti i campi di specializzazione, consigliano dieci attrezzi: 1. Accetta 2. Sega 3. Ranzinella o saracco 4. Badile 5. Piccone 6. Seconda sega 7. Seconda accetta 8. Rastrello 9. Mazzetta 10. Metro e matita 1. L'ACCETTA - La migliore quella di modello canadese; - Il peso ideale gr. 600; L'affilatura va fatta spesso e dall'arrotino (con superficie arrotondata); - La lama va tenuta sempre oliata; - Il manico va umettato con olio di lino crudo; - MAI picchiare sull'accetta col martello: usare sempre il mazzuolo di legno; - Custodire sempre l'accetta nel suo fodero; - Va usata SOLO da chi pratico. 2. SEGA AD ARCO - La lunghezza ideale della lama cm. 45; - La lama va tenuta sempre oliata; - La lama va protetta col suo fodero; - E bene che il telaio sia verniciato di rosso (pi rintracciabile).

3. RANZINELLA O SARACCO - Serve per lavori minuti e di rifinitura; - Molto utile per andare a legna; - Scegliere una dentatura per legna secca. 4. BADILE - Un badile robusto e ben proporzionato evita molta fatica nello scavo; - Il manico va tenuto ben pulito e oliato; - Possibilmente scegliere un badile con impugnatura trasversa terminale sul manico; - Possibilmente evitare i badilini pieghevoli. 5. PICCONE - Il ferro deve esser corto e pesare Kg. 1,5; - Il manico non deve superare la misura ideale di cm.80; - Ogni tanto ribattere il ferro. 6. SECONDA SEGA 7. SECONDA ACCETTA 8. RASTRELLO - 12 denti sono pi che sufficienti; - Il manico pu esser fatto sul posto; - Si pu anche preparare un manico smontabile. 9. MAZZETTA - l'ultimo degli attrezzi poco usato ma utile; - Il peso ideale gr. 1.200. 10. METRO E MATITA - Il Metro indispensabile per chi vuol costruire;

- La Matita serve a fare i conti e a segnare le misure; Possibilmente usate una matita da falegname.

I FODERI - Sono indispensabili per gli attrezzi taglienti; - Fanno durare a lungo l'affilatura. - Si fanno su misura e costano poco o nulla. LE CORDE La dotazione sufficiente per una squadriglia la seguente: - 1 Corda - Lunghezza m. 10 diametro mm. 10 - 70 Cordini per legature lunghezza m. 2,65 l'uno (totale m. 200 circa) diametro mm. 5. LE CORDE E I CORDINI DEBBONO ESSER TUTTI IMPIOMBATI.

I PALI Le palerie e le filagne per uso scout possono avere diametri vari. Per l'uso normale occorrono pali che si possano tenere in mano. indispensabile eseguire la corona ai pali. Il vero incastro del pioniere questo. Le punte si fanno sempre a tre facce ASTUZIE Un attrezzo utilissimo che si pu fare sul posto il MAZZUOLO. I pali e i picchetti si piantano sempre col mazzuolo. Anche l'accetta si batte col mazzuolo di legno e non con la mazzetta di ferro. Per spaccare i tronchi utile il cuneo di legno. Anche questo si fa sul posto.

L'ACCETTA

Pu esserti molto utile, a condizione che tu impari a servirtene e che abbia cura di lei. Una buona accetta deve essere del tipo "canadese", con ferro curvo e manico curvo, equilibrati.

Per stabilire se un'accetta equilibrata si fa cos.

Lavora sempre tenendo l'accetta dall'estremit del manico.

Poggia sempre il legno da tagliare o da appuntire ad un tronco o su un altro pezzo di legno grosso. Non tagliare mai sul terreno.

Fai lavorare l'accetta da sola con il suo peso: lo sforzo del braccio serve solo a dare la giusta direzione al ferro. Non mettere mai una mano, un piede, o una gamba sulla traiettoria del ferro. Non adoperare mai l'accetta come un martello.

Per tagliare la legna: non dare mai colpi perpendicolari alla superficie del legno; dai colpi secchi inclinati di circa 60: un colpo o due per intaccare una scheggia ed altri due perpendicolari ai precedenti per farla staccare. E cos via.

L'accetta si arrota con la mola o con una piccola lima triangolare di acciaio a dentatura fine. L'arrotatura va rifinita con una pietra per affilare.

Il manico deve essere incastrato solidamente, per mezzo di un cuneo di legno. Non mettere mai chiodi o viti.

L'accetta si porta sempre per il ferro, mai per il manico.

Il ferro va protetto da una guaina in pelle.

L'accetta non serve: per aprire i barattoli di latta; per fare buche a terra; Per mettere o togliere chiodi; per pulire i pali dalla terra.

PISTE
Uno scout deve apprendere bene ogni segno di pista, saperlo disegnare nel luogo e al momento opportuno, in modo che sia ben scorto da chi segue e nello stesso tempo non attiri l'attenzione dei "visi pallidi" che battono il suo sentiero; deve inoltre saper seguire una pista in modo da non lasciare sfuggire segni; in tal modo egli avr gi compiuto un grande passo avanti nella conquista del "senso" del vero cercatore di tracce: l'istinto di osservazione. Vi sono dei segni di pista tradizionali tra gli scouts. Eccoli:

Aggiungerai i segni segreti della tua Sq. e del tuo reparto. Come tracciare una pista:
Conoscere bene il livello tecnico di chi segue. Non porre i segni troppo alti e troppo bassi. Mettere i segni in modo visibile per chi segue e che non attirino l'attenzione degli estranei. Non porre segni su oggetti mobili. Evitare il tracciamento sui muri. Segnare la giusta quantit di segni. Curare la forma e la posizione di ogni segno. Dovendo tracciare in citt porre i segni a sinistra, specialmente se trattasi di strade larghe. Dovendo servirsi di bastoncini assicurarli al terreno con una pietra in modo che non siano spostati dal vento.

I segni di pista oltre

che disegnati si possono tracciare anche con mezzi naturali. Questo modo pi scout. Esempio:

IL FUOCO importante posizionare il fuoco sottovento rispetto alla tenda. Per evitare il rischio di incendi, pulisci il terreno da foglie secche, rami, rovi, ecc.. Non dimenticare di disporre delle pietre intorno al fuoco stesso.COME SI ACCENDE

TIPI DI FUOCO A PIRAMIDE Si accende facilmente; d calore e luce, ma consuma molta legna e riscalda in maniera irregolare. Buono per il Fuoco da Campo.

POLINESIANO Riscalda bene, conserva il calore, non risente del vento. In caso di pioggia pu essere coperto con uno strato di terra.

DEL BOSCAIOLO Si accende facilmente. Molto luminoso. Ottimo per il Fuoco da Campo, ma richiede molta sorveglianza.

A CROCE Non risente del vento, ma consuma molta legna e si regola male.

IN SCARPATA Per cucinare a fuoco vivo o su brace. Unisce i vantaggi del fuoco a riflettore e di quello sopraelevato.

A RIFLETTORE Per la cucina individuale e per scaldare. Ottimo per cucinare davanti alla tenda e riscaldarla contemporaneamente.

DEL PASTORE Rapido, consuma poca legna. Buono per scaldare. Equilibrio instabile del recipiente.

ALLA TRAPPER Per la cucina individuale. Di facile accensione, risente per dei cambi di direzione del vento.

A CAPANNA Permette si sfruttare il vento ed possibile accenderlo anche in condizioni avverse.

AL CALORE DI PIETRA Per cucinare con pi pentole. Adatto per cuocere pi cibi contemporaneamente o per cucinare per molte persone.

DEL PIONIERE Orientabile secondo il vento. Pulito e rapido, per produce fumo perch i due tronchetti laterali devono essere in legno verde.

COME SI SPEGNE Al termine importante spegnere il fuoco con acqua o ricoprirlo con terra.

FUOCO SENZA FIAMMIFERI Come prima cosa bisogna preparare unesca molto secca (trucioli, segatura, foglie secche triturate, corteccia secca sminuzzata, corda disfatta, spago, fili di abiti o di bende, garza, ecc.). CON IL SOLE Concentra i raggi del sole sullesca finch non inizia a fumigare. Soffiaci sopra con delicatezza per farla ardere completamente ed aggiungi piccoli rami secchi. CON LA PIETRA FOCAIA Tieni in mano la pietra focaia vicino allesca. Dai alla pietra un colpo obliquo con un pezzetto di acciaio oppure col dorso di una lama di un coltello dacciaio. SI produrranno delle scintille che cadranno sopra allesca e le daranno fuoco. Soffia moderatamente sul fuoco e alimentalo con altro combustibile ben secco. CON LO SPAGO Utilizza un ramo secco e perfettamente asciutto. Metti il bastone sollevato da terra, lasciando lo spazio per lo spago e metti sotto di esso lesca. Tieni fermo il bastone con un piede e tira su e gi fino a quando lesca non prender fuoco. CON LARCHETTO Occorre: 1. un archetto curvo sulle cui estremit fisserai una striscia di cuoio. 2. un bastone lungo circa 30 cm, del diametro di 2 o 3 cm. 3. una impugnatura di legno duro o di pietra, di circa 5 cm di diametro. 4. un focolare con alcuni fori, nel quale si metter lesca. I legni migliori sono il nocciolo, ledera, il tiglio ed il pioppo. Metti lesca nel focolare e fai ruotare il bastone con larchetto senza fermarti neppure per un istante e senza premere sullimpugnatura. Dopo un certo tempo dal focolare inizier a salire del fumo e a formarsi una polvere fine e scura. Continuando la rotazione sempre pi velocemente finir per formarsi della brace incandescente.

Tratto da "scoutismo per ragazzi" a cura del gruppo scout San Vito 1.....grazie