Sei sulla pagina 1di 5

Come Accordare un Violino

3 Metodi: Diagnosi Accordare con i tiracantini Accordare con i piroli

Il violino è un bellissimo strumento da suonare e produce musica meravigliosa


se suonato correttamente. Ma se non è ben accordato prima di essere
suonato, la musica prodotta non sarà altrettanto piacevole da ascoltare!
Accordare significa aggiustare l'intonazione delle note prodotte dalle corde a
vuoto, una a una. Il termine "intonazione" si riferisce alla frequenza (in Hertz)
delle onde sonore prodotte. Accordare un violino può sembrare difficile
all'inizio, ma con la pratica diventa un'operazione semplice e veloce.

Parte 1 di 3: Diagnosi

Tieni il violino fermo di fronte a te e pizzica la seconda corda in ordine di


altezza della nota prodotta o la terza in ordine di posizione contando dalla tua
sinistra. Si tratta della corda del "la".

1 Ci sono due modi per determinare se il tuo violino è scordato. Se sei un


musicista più esperto, puoi provare a suonare un "la" su un pianoforte o una
tastiera e confrontare il suono con quello prodotto dalla corda del violino. Se invece sei
un principiante, c'è un modo più semplice: usare un accordatore elettronico, ovvero uno
strumento che riconosce la frequenza prodotta dalle corde a vuoto (in realtà, sono in
grado di riconoscere qualsiasi frequenza a prescindere). Gli accordatori elettronici sono
strumenti molto utili e precisi, costano poco e sono reperibili nella maggior parte dei
negozi di musica. L'accordatore è in grado di captare la frequenza della nota prodotta in
tempo reale mentre pizzichi la corda e indica esattamente quanto è più alta o più bassa
rispetto alla frequenza corretta.
Pubblicità

Download DVD Creator Mac


Burn Your Videos to DVD with Menus, Free Download!

2 Qualsiasi metodo decidi di usare, l'intento è determinare quanto la nota


prodotta dalla corda è lontana dalla frequenza desiderata. Se, usando
l'accordatore o un pianoforte, noti solo una lieve differenza, allora conviene usare i
tiracantini. Se invece il violino è particolarmente scordato ti conviene usare i piroli
(anche detti "bischeri"), e poi fare gli aggiustamenti fini con i tiracantini.
Pubblicità

Parte 2 di 3: Accordare con i tiracantini

Quando usi i tiracantini per accordare il violino, puoi semplicemente appoggiarlo


1 sul grembo; l'importante è tenerlo fermo e fare attenzione che non cada.

2 I tiracantini sono simili a delle piccole viti a testa rotonda e si trovano sulla
cordiera, che si trova nella parte inferiore del violino e ha una forma simile a
un triangolo.
È possibile variare l'intonazione di ciascuna corda singolarmente agendo sul
tiracantino posto all'estremità inferiore della corda stessa. Non tutti i violini
hanno quattro tiracantini; alcuni non ne hanno per niente.
Se il tuo violino non ha tiracantini, accordare con i piroli è l'unica soluzione. I
tiracantini possono essere avvitati in senso orario o antiorario per alterare
l'intonazione della corda e sono utili quando è necessario effettuare dei piccoli
aggiustamenti.
Se la nota prodotta dalla corda da accordare è più bassa rispetto alla nota
desiderata, il tiracantino va ruotato in senso orario (nella direzione delle lancette
di un orologio) in modo da aumentare la tensione della corda e alzare così la
frequenza prodotta.
Se invece la nota prodotta dalla corda da accordare è più alta rispetto alla nota
desiderata, il tiracantino va ruotato in senso antiorario (nella direzione contraria
a quella delle lancette di un orologio) per allentare la tensione della corda e
abbassare così la frequenza prodotta. Pizzica di nuovo la corda, e fai
attenzione se la nota è ora più vicina alla frequenza desiderata. Ripeti
l'operazione tante volte quanto è necessario. Se ti sembra troppo bassa, segui
le istruzioni precedenti.

3 Segui questi passaggi per tutte e quattro le corde. La seconda corda da


accordare, dopo il "la", è il "re" (a sinistra del "la"), seguito dal "sol" (a sinistra del
"re"). Infine, quando tutte e tre le corde sono accordate, puoi passare al "mi".
Pubblicità

Parte 3 di 3: Accordare con i piroli

Questo metodo dovrebbe essere seguito per tutte le corde particolarmente


scordate, che producono cioè una nota molto lontana dalla nota desiderata. I
piroli non sono altrettanto semplici da usare rispetto ai tiracantini, ma sono
comunque necessari in questi casi. Agire sui piroli richiede molta attenzione:
potresti rompere una corda tendendola troppo!

1 Mentre agisci sui piroli, tieni il violino di fronte a te, con la parte inferiore
appoggiata alle gambe, in modo da vedere bene le corde. Tienilo ben fermo
con una mano mentre accordi con l'altra. Questa posizione permette di esercitare la
forza necessaria per ruotare i piroli mantenendo lo strumento ben fermo e saldo.

2 Individua il pirolo da usare per la specifica corda da accordare. I piroli, il più


delle volte in ebano, sono le manopole che si trovano sul riccio, in fondo al manico
nella parte superiore dello strumento. Ogni corda è agganciata a uno specifico pirolo.
Ruotare un pirolo produce l'effetto di tendere o allentare la corda agganciata ad esso,
cambiandone così l'intonazione. Per accordare il "mi", per esempio, è necessario agire
sul pirolo in basso a destra; per il "la" sul pirolo in alto a destra, per il "re" sul pirolo in
alto e sinistra e infine per il "sol" sul pirolo in basso a sinistra (per capire l'immagine
sotto, tieni presente che in inglese "mi", "la", "re" e "sol" si indicano rispettivamente con
le lettere "e", "a", "d" e "g").

3 Una volta individuati i piroli, sei pronto ad accordare il violino! Ricordati della
posizione da tenere mentre lo fai.

4 Afferra il pirolo con una mano e ruotalo verso di te o verso l'esterno, a


seconda di come intendi variare l'intonazione della corda.
Se la nota prodotta dalla corda a vuoto è più alta della nota desiderata, ruota il
pirolo verso di te.
Se la nota prodotta dalla corda a vuoto è più bassa della nota desiderata, ruota
il pirolo verso l'esterno.

5 Mentre ruoti il pirolo, pizzica la corda che stai accordando tenendo sempre
ben fermo il violino. È importante pizzicare di continuo la corda e ascoltare come
cambia la nota prodotta.

6 Quando desideri smettere di ruotare il pirolo, spingi delicatamente


quest'ultimo all'interno del riccio per fare in modo che stia poi ben fermo e la
tensione della corda non lo faccia scivolare all'indietro producendo di nuovo la
scordatura. Non è facile, quindi armati di pazienza...! Un'alternativa è spingere i piroli
delicatamente verso l'interno mentre li ruoti.

7 Quando il pirolo è ben saldo nella sua posizione, pizzica la corda e ascolta
attentamente la nota prodotta. È troppo alta? Troppo bassa? Può essere
aggiustata con il tiracantino, oppure la differenza con la nota desiderata è troppa e serve
agire di nuovo sul pirolo?

8 Se pizzichi la corda e la nota prodotta ti sembra solo leggermente scordata,


conviene usare il tiracantino per affinarne l'intonazione. Quando l'intonazione
è perfetta, la corda è accordata. Congratulazioni! È il momento di passare alle corde
successive: prima il "re" (a sinistra del "la"), poi il "sol" (a sinistra del "re") e infine il "mi".
Pubblicità

Consigli

Le corde non durano all'infinito: prima o poi si rompono. Se guardando


le corde noti che anche solo una di esse sta cominciando a sfilacciarsi,
è ora di cambiarle!
I violini di bassa qualità sono più difficili da accordare dei violini di
buona qualità. Spesso i piroli aderiscono troppo nei violini più
economici, a volte talmente tanto che servirebbe un campione di
sollevamento pesi per aiutarti ad accordare! Questo è uno dei motivi
per cui vale la pena spendere un po' di più per acquistare o affittare un
violino di maggiore qualità.
Se un pirolo è troppo duro da ruotare, tiralo leggermente fuori e applica
un po' di grafite con la punta di una matita: aiuterà a ridurre l'attrito.
Per evitare di rompere una corda mentre agisci sul pirolo, ruota il pirolo
verso di te per allentare la tensione prima di ruotalo verso l'esterno per
tendere la corda.
Se una corda si rompe, non è la fine del mondo...! Puoi ricomprarla in
un negozio di musica, e magari chiedere al negoziante se può
cambiarla per te.
Non ruotare i piroli troppo in fretta: il farlo aumenta il rischio di rompere
le corde.
L'acquisto di un accordatore elettronico è caldamente consigliato!
Un'inconveniente piuttosto frequente è che i piroli non rimangano ben
fermi e scivolino all'indietro compromettendo seriamente l'intonazione.
A volte succede perché non sono perfettamente adattati al violino. Puoi
provare a spingerli in dentro con forza (ma non troppa!). Se il problema
diventa persistente, l'unica soluzione per risolverlo definitivamente è
recarsi da un liutaio per installare dei nuovi piroli o aggiustare quelli
esistenti. Una soluzione provvisoria può essere tirare fuori i piroli e
applicare su di essi del gesso prima di spingerli nuovamente nel loro
alloggiamento.
Se una corda è molto scordata, dovrai probabilmente anche
riaggiustare le altre dopo averla accordata.
È anche possibile accordare suonando due corde per volta.

Pubblicità

redvertisment performance

Günstige Kontaktlinsen Online


bestellen bei Kontaktlinsen24.
www.kontaktlinsen24.ch

Avvertenze

Non tenere mai il violino troppo vicino al viso mentre accordi: se una
corda si rompe, potrebbe colpire gli occhi.
Se sei un principiante, non provare ad accordare con i piroli. Se il
violino è molto scordato, chiedi a un negoziante, o al tuo insegnante, di
accordarlo per te.
Fai molta attenzione a non lasciar cadere il violino.
Non usare il pirolo per il "mi" a meno che la corda non sia appena stata
cambiata. Se è molto scordata, chiedi aiuto a un negoziante o a un
violinista esperto.
Se non fai attenzione, potresti rompere una corda.
Fai attenzione a non avvitare troppo i tiracantini: se li avviti troppo, la
parte inferiore potrebbe andare a colpire la tavola armonica sul corpo
del violino. Con il tempo, questo può danneggiare lo strumento e il
legno sulla tavola. Dai uno sguardo sotto la cordiera per controllare
quanto spazio rimane prima che il tiracantino tocchi la tavola. Se
necessario, allenta la vite del tiracantino e aggiusta l'intonazione
usando il pirolo corrispondente.

Cose che ti Serviranno

Violino
Pianoforte o accordatore

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Strumenti Musicali

In altre lingue:

English: Tune a Violin, Español: afinar un violín, Português: Afinar um


Violino, Deutsch: Eine Geige stimmen, Français: accorder un
violon, Русский: настроить скрипку

Questa pagina è stata letta 4 131 volte.