Sei sulla pagina 1di 91

Mercurius Enterprise: Installazione e Configurazione PBX

In questa guida verra' illustrato passo passo l'installazione e la configurazione del software Mercurius Enterprise. Ogni parte e'stata trattata nello specifico ed e'stato usato un lessico facile e comprensibile. Tutte le sezioni sono state completate con immagini inerenti alla sezione stessa. Per qualsiasi problema, incomprensione, errori di digitazione e/o eventuali richieste di tipo manualistico, inviare una e-mail a: support@mctelefonia.com con oggetto Manualistica Mercurius Enterprise

Manuale ufficiale

Indice generale
Simbologia...............................................................................4 Accesso al centralino................................................................5
Impostazioni di rete............................................................................................................6 Aggiornamento del centralino............................................................................................8 Aggiornamento PBX ..........................................................................................................8 Licenze prodotto ................................................................................................................9 Server DHCP.......................................................................................................................9 Whitelist e blacklist globali numeri di emergenza.........................................................11 Impostazioni generali.......................................................................................................12 Configurazione telefoni Snom..........................................................................................13 Aggiunta di risorse...........................................................................................................13 Musiche di attesa..............................................................................................................13 Messaggi..........................................................................................................................14 IVR / OPA (Operatore Automatico ad Albero)...................................................................15

I Fasci.....................................................................................17
Fasci Fasci Fasci Fasci Analogici..................................................................................................................18 ISDN BRI e PRI.........................................................................................................20 VoIP SIP...................................................................................................................21 VoIP IAX2.................................................................................................................22

Classi di servizio.....................................................................23
Creazione di classi di servizio..........................................................................................23

I derivati.................................................................................28
Derivati Derivati Derivati Derivati Derivati Derivati Derivati Derivati Derivati di di di di di di di di di tipo tipo tipo tipo tipo tipo tipo tipo tipo telefono....................................................................................................29 gruppo di utenti / squillo multiplo............................................................32 inoltro a casella vocale............................................................................33 applicazione vocale.................................................................................34 sala conferenze.......................................................................................34 inoltro su altro numero............................................................................35 call center / coda di attesa......................................................................35 men IVR.................................................................................................37 tasto lampade speciale............................................................................37

I telefoni.................................................................................39
Aggiunta automatica di telefoni.......................................................................................39 Aggiunta manuale di telefoni...........................................................................................40 Modifica di telefoni...........................................................................................................41 Grandstream Budgetone 200...........................................................................................42 Duplicazione della configurazione dei telefoni..................................................................45 Ulteriori informazioni........................................................................................................45

Gestione oraria e calendari......................................................46


Gestione delle fasce orarie...............................................................................................46 Servizio Notte...................................................................................................................47

Linee in ingresso.....................................................................48
ACD/Linee in ingresso default .........................................................................................48 Creazione nuove ACD/Linee in ingresso...........................................................................48

Linee in uscita........................................................................51
ASR/LCR Linee in uscita default ......................................................................................51

Lavorare con i pattern.............................................................53 Gestione dei FAX.....................................................................54


FAX di sistema..................................................................................................................54 FAX tradizionale (legacy)..................................................................................................55 FAX tradizionale con selezione passante..........................................................................56 Gateway GSM analogico...................................................................................................58 Gateway ISDN BRI GSM (2N)............................................................................................59 Collegare due centralini Mercurius..................................................................................61 Centralino Master.............................................................................................................61 Centralino Slave...............................................................................................................63 Configurazione di telefoni remoti.....................................................................................64 Suonerie differenziate......................................................................................................66 Suonerie esterne telefoni Snom........................................................................................66 Suonerie interne telefoni Snom........................................................................................67 Suonerie differenziate per telefoni Grandstream..............................................................67 Backup e ripristino...........................................................................................................68 Reset delle impostazioni...................................................................................................70

Risoluzione di problemi...........................................................72
Cancellazione dell'echo....................................................................................................72 Riavvio del centralino.......................................................................................................74

Diagnostica.............................................................................76
Log di sistema..................................................................................................................77

Problematiche di rete..............................................................78
Firewall e Virtual Server...................................................................................................78 Analisi di traffico VoIP.......................................................................................................78 Larghezza di Banda..........................................................................................................84

Manuale ufficiale

Simbologia
L'interfaccia utente di Mercurius stata progettata con il preciso obiettivo di perseguire la semplicit di installazione. Per questo motivo le maschere di inserimento dati e modifica delle impostazioni hanno un aspetto omogeneo. Anche le icone dei pulsanti sono state ovviamente standardizzate:

Modifica le impostazioni dell'oggetto

Disabilita l'oggetto Abilita l'oggetto Elimina l'oggetto Applica la configurazione

Riavvia il centralino

Annulla le modifiche effettuate tornando indietro sull' Applica

Salve le impostazioni e le scrive sulla memoria allo stato solido. La compact flash viene aperta alla scrittura solo in questo momento, successivamente viene automaticamente reimpostato in Read-Only. Ritorna alla pagina principale del pannello di configurazione

Disconnessione dal centralino Mercurius

Il derivato ha attivato la Voice Mail Il derivato stato impostato come collegato ad un FAX

Il derivato utilizzabile per effettuare chiamate solo agli interni Istruisce il telefono sulla posizione del file di configurazione da caricare al successivo riavvio e riavvia il telefono

Mercurius Enterprise progettato per garantire livello di accesso diversi sulla base del nome utente inserito. Privilegi amministrativi sono riconosciuti all'utente installatore, in grado perci di controllare ogni aspetto della macchina. L'utenza base quella riservata agli account associati ai derivati del centralino: questi sono in grado di visualizzare l'elenco chiamate perse, le rubriche personali e condivise, attivare funzioni particolari e poco pi. L'interfaccia web del centralino presenta due tipi di menu': uno verticale molto veloce e comodo ed un menu ad icone, piu facile da visualizzare. I centralini Mercurius Enterprise vengono distribuiti con il software di gestione del PBX installato su una memoria allo stato solido Compact Flash. A differenza, tutto cio'che riguarda i dati del nostro centralino vengono memorizzati all'interno di un semplice hard disk. Questo garantisce un completo e continuo funzionamento del PBX anche con la remota possibilita' che l'hard disk dovesse rompersi; infatti il software continua a funzionare sulla Compact Flash e potremo co ntinuare a telefonare senza problemi.

Accesso al centralino
Mercurius un dispositivo di rete informatica, collocabile su di una normale rete Ethernet o Fast-Ethernet configurata con protocollo TCP/IP. In fabbrica viene assegnato l'indirizzo IP 192.168.1.122, idoneo alla collocazione immediata della macchina nella maggior parte delle reti private. Vale sempre la regola del buon senso: prima di installare il centralino sulla rete del cliente accertarsi che nessuna macchina della rete utilizzi uno dei tre indirizzi sopracitati. In questo modo si sicuri di evitare un conflitto di indirizzi, magari proprio con il server di rete del cliente! Non affidarsi ad un semplice PING per sapere se gli indirizzi sono liberi: firewall elementari, come quelli di Windows XP, potrebbero infatti filtrare i pacchetti ICMP, dando l'illusione che l'indirizzo sia libero. Se possibile consultare l'amministratore della rete e, in caso questi non esista, accertarsi personalmente degli indirizzi assegnati ad ogni nodo di rete. Nel caso gli indirizzi assegnati a Mercurius fossero gi in uso, collegare il centralino direttamente ad un computer mediante un cavo cross. Per accedere a Mercurius aprire un normale browser web (consigliato Mozilla Firefox) ed accedere via https all'indirizzo fra quelli sopra citati coerente con le impostazioni di rete del client in uso. Accettare il certificato che viene proposto. A questo dovrebbe essere visibile la schermata di accesso (Login). Inserire nome utente, password e cliccare su Login.

Finestra di accesso a Mercurius


Se l'autenticazione va a buon fine viene visualizzata la finestra principale del pannello di configurazione di Mercurius. Si noti che superati tre tentativi di login falliti l'indirizzo IP del computer utilizzato per connettersi viene messo in black list, precludendo la possibilit di effettuare il login per qualche minuto. Provare a disconnettersi cliccando sul pulsante Esci

Manuale ufficiale

Impostazioni di rete
Privilegio richiesto: installatore
Accedere a Mercurius come installatore. Aprire l'applet Impostazioni di rete posta in Installazione centralino. Configurare le consuete impostazioni del protocollo TCP/IP:

Impostazioni di rete del centralino


IP statico, Subnet Mask e Default Gateway sono specifici della rete locale del cliente. I Server DNS sono invece tipicamente forniti dal provider di accesso ad Internet, a meno di disporre di DNS di cache installati sulla rete locale.

Impostazioni di rete Avanzate - permettono l'uso di fonia VoIP


Impostazioni avanzate permettono l'inserimento di un secondo indirizzo ip, che potra'essere di classe pubblica o privata. Questo creera' un alias ip sull'interfaccia di rete principale. (Es. ETH0 + ETH0:1)

IP Pubblico NAT

l'indirizzo IP globale, raggiungibile cio da Internet, utilizzato dalla NAT della rete del Cliente. Questo parametro importante solo nel caso si stiano configurando fasci VoIP SIP ( del tutto indifferente invece al protocollo IAX2). Qualora tale IP non fosse noto, cliccare su Controlla Internet. la porta logica da utilizzare per il protocollo SIP lato Mercurius. La porta standard del protocollo la 5060. Pu essere utile cambiare l'impostazione predefinita in situazioni in cui per qualche motivo ci sia un filtraggio del protocollo da parte del provider o che non si sia comunque in grado di operare sulle porta standard. Un esempio di applicazione la rete FastWeb che, probabilmente utilizza per servizi proprio la porta 5060 (in ricezione sul Mercurius). Si noti che se si modifica la porta SIP in un installazione esistente occorrer riconfigurare tutti i telefoni SIP affinch usino la nuova porta.

Porta SIP server

Local Network

l'indirizzo in formato rete/subnet della rete locale su cui installato Mercurius. Questo parametro fondamentale in quanto permette al centralino di sapere se l'IP di un chiamante appartiene alla rete locale o ad Internet. Qualora il peer fosse infatti su Internet, Mercurius formerebbe un messaggio SIP includendo nell'indirizzo anche l'IP del centralino, ad esempio sip:106@ip_pubblico. In questo modo il nodo SIP destinatario in grado di localizzare correttamente il mittente SIP attraverso il centralino, permettendo la gestione ed il monitoraggio delle chiamate.

Server SMTP - permette l'invio di messaggi di posta elettronica (FAX, Voice mail, notifiche, ecc.)
Server SMTP possibile specificare fino a tre server SMTP per consentire al centralino di inviare email. Qualora il server di posta richieda autenticazione possibile specificare nome utente e password. Questa impostazione viene utilizzata per servizi quali il FAX interno,la VoiceMail e per avvisare l'installatore di eventuali problemi verificati durante l'attivit del centralino. indirizzo email dell'installatore a cui verranno inviate notifiche relative agli eventi verificatisi sul centralino. (solitamente usato dal Supporto Tecnico Mercurius, non e'quindi indispensabile inserirsi come utente, in quanto si riceverebbero messaggi di debugging con un livello molto alto)

Email Installatore

Manuale ufficiale

Aggiornamento del centralino Aggiornamento PBX


Immediatamente dopo la configurazione di rete di Mercurius di vitale importanza provvedere all'aggiornamento: pacchetti con migliorie sono rilasciati costantemente, migliorando affidabilit e caratteristiche della macchina. E' quindi assurdo completare la configurazione del centralino e poi accorgersi, dopo l'aggiornamento, che sono state introdotte caratteristiche che sarebbero state desiderabili in fase di installazione. Per effettuare gli aggiornamenti, utilizzare il gruppo Licenze e Aggiornamenti posto in Installazione Centralino.

Applet disponibili in Licenze e Aggiornamenti

Sono presenti quattro applet: Aggiornamenti online il metodo utilizzato per l'upgrade del PBX, utilizzabile ovviamente a patto di disporre di un collegamento ad Internet. ( Vedi Impostazioni di rete)

Questa applet scarichera'tutti gli aggiornamenti rilasciati automaticamente. Ricordarsi successivamente di applicare la configurazione e salvare, di modo che tutte le modifiche vengano scritte sulla memoria Compact Flash. Si noti che viene aggiornato un componente alla volta, portandolo direttamente all'ultima versione disponibile. Il colore grigio delle icone sta ad indicare il fatto che non e'presente alcun aggiornamento; se cosi non fosse, il colore delle icone cambierebbe da GRIGIO in GIALLO. Mediante il tasto Aggiornamenti manuali e'possibile caricare manualmente file che contengono delle specifiche modifiche rilasciate esclusivamente dal Supporto Tecnico Mercurius. L'icona successiva presenta la possibilta'di visualizzare il tipo di licenza acquistata e nello specifico i prodotti abilitati. Disponibile anche il seriale del prodotto. ( N.B. importante per il servizio di Assistenza)

Licenze prodotto

Nell'eventualita'ci fosse bisogno di una nuova licenza, sara'possibile attivarla solo ed esclusivamente tramite l'autorizzazione del Supporto Tecnico Mercurius, in quanto sara'necessario attivarla tramite il pulsante Gestione Licenze. Una volta cliccato vi troverte davanti ad una schermata dove dovra'essere inserito il codice rilasciato dal Supporto Tecnico.

Ulteriore implementazione del software Mercurius Enterprise e' l'introduzione del Codec audio G.729a. Questo codec permette di telefonare con una notevole qualita'pur sfruttando una quantita'di banda internet limitata, per l'esattezza 24 kbps. L'utilizzo di questo codec e'limitato per conversazione ovvero: si necessita di una licenza per ogni telefonata che si voglia fare sfruttando questo codec. L'unico handicap che presenta e' stato il rilascio sotto licenza a pagamento, ma probabilmente compensabile rispetto al costo di amplificazione di banda internet. Per utilizzare e introdurre la licenza bisogna recarsi alla sezione Visualizza licenze G729 e inserire nell'apposito spazio bianco il codice della licenza acquistato, successivamente premere Aggiungi e verificarne il funzionamento attraverso G729 test funzionamento.

Manuale ufficiale

Server DHCP
Privilegio richiesto: installatore
Mercurius equipaggiato con un suo server DHCP attivato in fabbrica. Per accedere alla maschera di impostazione selezionare l'applet Configurazione automatica telefoni contenuta in Installazione centralino.

Stato del servizio DHCP del centralino


La tabella indica se il server DHCP funzionante, abilitato, autoritativo e mostra i pool di indirizzi gestiti dal servizio1. Cliccare sul pulsante modifica nella tabella configurazione server DHCP:

Impostazione del servizio DHCP


Nell'esempio sono stati definiti due pool di indirizzi: da 192.168.1.20 a 192.168.1.121 e da 192.168.1.123 a 192.168.1.254. E' inoltre possibile impostare il server come autoritativo o meno: capita abbastanza spesso che un host con indirizzo dinamico ancora in corso di validit venga collocato sulla rete aziendale. Non appena accede alla rete il client invia una richiesta di rinnovo del suo lease2. Il server si rende conto che il lease non stato attribuito da lui, ed assume due diversi comportamenti: se impostato come autoritativo invia al client il segnale DHCPNAK, diversamente ignora silenziosamente la richiesta. Se il client non riceve alcuna risposta si possono avere effetti imprevedibili: infatti specifico dell'implementazione se rilasciare l'indirizzo attuale e richiederne un altro o mantenerlo fino all'effettiva scadenza. Se invece viene ricevuto un DHCPNAK il client rilascia immediatamente l'indirizzo e ne richiede uno nuovo. L'impostazione di autoritativo in sostanza tende a rendere pi affidabile il servizio DHCP.

1 2

E' possibile specificare fino a due pool diversi. L'indirizzo che ha avuto in affitto.

10

Whitelist e blacklist globali numeri di emergenza


Prima di effettuare ogni altra operazione opportuno impostare a livello globale un elenco di numerazioni di emergenza: queste saranno tali per ogni telefono, in modo che qualunque dispositivo, anche quello con classe di servizio di profilo pi basso, possa utilizzarli. Inoltre pu essere desiderabile impostare una blacklist ed una whitelist globale. Blacklist la lista nera, ovvero un elenco di numeri o pattern considerati pericolosi o comunque non in linea con gli obiettivi di lavoro aziendali. Whitelist invece un elenco di numeri o pattern considerati sicuri, e quindi accessibili. Utilizzare l'applet Servizi SOS contenuta nel gruppo Configurazione centralino

Impostazione di numeri di emergenza e liste globali


Nell'esempio sono stati indicati i numeri di emergenza 112,113,115 e 118. Il numero 028877432 in whitelist, e sar quindi utilizzabile da tutti i dispositivi, mentre le numerazioni 166 e 199 sono precluse a tutti. Per informazioni sulla sintassi dei pattern, fare riferimento alla sezione Lavorare con i pattern.

11

Manuale ufficiale

Impostazioni generali
Privilegio richiesto: installatore
Accedere all'applet Impostazioni Generali posta in Installazione centralino Impostazioni Generali. Questa maschera permette di memorizzare i valori predefiniti che verranno utilizzati in altre finestre di configurazione. I valori qui specificati non sono quindi da intendersi come opzioni globali del centralino, ma come un contenitore di opzioni predefinite, a cui attingono le altre maschere per ricavare le impostazioni predefinite.

Impostazioni generali

Lingua Trabocco di default chiamate in Ingresso Trabocco di default chiamate in Uscita Destinatari email

la lingua predefinita. intervallo di tempo trascorso il quale una chiamata in ingresso viene su considerata non risposta se non diversamente specificato. intervallo di tempo trascorso il quale una chiamata in uscita viene su considerata non risposta se non diversamente specificato. indirizzi di posta elettronica a cui verranno inviati i FAX sotto forma di allegati PDF. Per la configurazione di un Fax Server Integrato vedere Gestione Fax Fax di sistema

Le impostazioni SMS permettono di specificare un account per l'invio di SMS. I parametri di configurazione sono:

12

Provider Mittente

il fornitore di servizi SMS. Attualmente sono utilizzabili solo Provider e LeVoIP/IXnetworX.

Mercurius Tel SMS

il nome che si desidera che venga visualizzato come mittente (al costo di un credito). Se non si specifica nulla, a seconda del contratto in essere, viene visualizzato NEW SMS (0,5 crediti) o il numero del centro messaggi estero (0,4 crediti). L'utente assegnato dal provider SMS. La password assegnata dal provider SMS. La password da utilizzare per particolari operazioni, come ad esempio il riavvio del centralino da telefono.

Utente Password Master Password

Configurazione telefoni Snom


Privilegio richiesto: installatore
Questo passaggio di installazione ovviamente necessario solo se si devono installare telefoni Snom. Aprire l'applet Configurazione telefoni Snom contenuta nel gruppo Impostazioni Generali in Installazione centralino.

Impostazione suoneria esterna per i telefoni Snom


I telefoni della casa tedesca, differentemente dai GrandStream, non permettono l'impostazione di suoneria per le chiamate esterne personalizzata telefono per telefono: invece possibile impostare una suoneria personalizzata per le chiamate in ingresso dall'esterno, ma comune a tutti i telefoni. Nonostante questo limite, differentemente dai Grandstream, gli Snom permettono, oltre alle suonerie di sistema, l'uso di suonerie realmente personalizzate. Queste non sono altro che file in formato WAVE caricati sul Mercurius.

Aggiunta di risorse
Privilegio richiesto: installatore
Nel mondo dei centralini abbastanza comune l'esigenza di riprodurre musiche di attesa, o messaggi personalizzati. Questi file, detti di risorse, devono essere caricati sul centralino in modo da poter essere utilizzati.

Musiche di attesa
Privilegio richiesto: installatore Aprire l'applet Gestione musiche d'attesa collocata in Configurazione centralino. Appare immediatamente l'elenco delle playlist presenti sul centralino, ed il numero di brani in esse contenuti.

13

Manuale ufficiale

Playlist presenti sul centralino


Le impostazioni di fabbrica prevedono la sola playlist predefinita (default), tuttavia possibile crearne a piacimento mediante il pulsante aggiungi nuova categoria. Cliccando sulla playlist vengono mostrati i brani che la compongono e la relativa durata. In caso di playlist vuota viene ovviamente visualizzato un opportuno messaggio.

Brani presenti nella playlist selezionata


Cliccando sull'icona a forma di nota possibile scaricare o ascoltare il brano sul proprio computer. Volendo aggiungere ulteriori brani (in formato MP3) cliccare invece su aggiungi nuovo brano.

Upload di un brano
Prima di effettuare l'upload regolare opportunamente il volume: la musica deve essere di sottofondo e quindi scegliere una percentuale di volume sotto la meta' (vedi figura). Si noti che il brano deve essere convertito in formato RAW dal centralino prima di poterlo utilizzare. Questo processo pu richiedere pi o meno tempo, a seconda della durata del brano. Il raggruppamento in playlist permette di gestire liste di riproduzione diverse per ogni derivato nei derivati di tipo call-center / coda di attesa. Per ulteriori informazioni si faccia riferimento al capitolo I derivati.

Messaggi
Privilegio richiesto: installatore
Aprire l'applet Gestione messaggi collocata in Configurazione centralino: Appare immediatamente l'elenco dei messaggi presenti sul centralino

Messaggi presenti sul centralino


Anche qui, come per le musiche di attesa, cliccando sull'icona a forma di nota musicale possibile scaricare o riprodurre il messaggio. Cliccando invece sull'icona con il portapenne o sul nome del messaggio, possibile modificarne le propriet:

14

Propriet del messaggio


E' possibile dare un nome significativo al messaggio ed abilitarlo o disabilitarlo. Utilizzare file upload per inviare a Mercurius il file del messaggio. In caso di modifica di un messaggio esistente, il file presente su Mercurius verr sovrascritto. Volendo aggiungere ulteriori messaggi cliccare su aggiungi nuovo messaggio. Qualora lo si desiderasse, si pu registrare il messaggio direttamente utilizzando il telefono, utilizzando gli appositi codici. Per ulteriori informazioni si rimanda all' Appendice A. I messaggi qui registrati vengono utilizzati nei derivati di tipo call-center / coda di attesa e nei men IVR.

IVR / OPA (Operatore Automatico ad Albero)


Privilegio richiesto: installatore
Acronimo di Interactive Voice Responder, l'IVR il risponditore automatico vocale interattivo. Mediante men vocali IVR l'utilizzatore in grado di spostarsi lungo un albero di sottomen che permettono, mediante un processo di raffinazione delle scelte, di comprendere a quale derivato o applicazione vocale deve essere ridiretta la chiamata. Un IVR pu collegare automaticamente il chiamante ad un gruppo o ad un call-center appropriato, o permettere l'accesso ad una sala conferenza o ancora far richiamare il chiamante dal centralino. Per gestire i men IVR di Mercurius, aprire l'applet IVR/OPA Operatore Automatico ad Albero collocata in Configurazione centralino. Appare immediatamente l'elenco dei men IVR attualmente presenti sul centralino

Elenco degli IVR presenti sul centralino


Per creare un nuovo men IVR utilizzare il pulsante Aggiungi un nuovo IVR.

Impostazione di un IVR

15

Manuale ufficiale

Numero IVR Abilitato Descrizione

il numero progressivo assegnato al men IVR per poterlo distinguere dagli altri. indica se il men IVR abilitato o meno. una frase descrittiva che riassuma il senso del men IVR

Messaggio iniziale il messaggio che deve essere riprodotto nel momento in cui viene utilizzato questo men IVR. Il messaggio contiene tipicamente indicazioni sui tasti funzione utilizzabili in questo men. Nel caso di men annidati, buona norma prevedere un tasto per ritornare al men precedente. Trabocco intercifra il tempo consentito fra la digitazione di una cifra e l'altra per comporre il numero relativo ad un derivato. Non ha ovviamente senso nel caso di men IVR che precluda la possibilit di comporre direttamente il numero di un interno. Trabocco digitazione Includi interni codice. il tempo consentito per la digitazione di uno dei codici validi (0 - 9) del men IVR. permette o preclude la possibilit di accedere direttamente agli interni digitandone il

Impostazione tasti di un men IVR


E' quindi possibile definire una serie di azioni per ogni tasto da 0 a 9. Sono possibili inoltre azioni anche in caso di trabocco, ovvero di timeout del men IVR. Esegui messaggio Vai a derivato il messaggio che deve essere riprodotto quando viene effettuata la selezione. IVR, coda, inoltro

il derivato a cui viene inoltrata la chiamata. Questo pu essere di tipo collegato quindi ad un men, oppure di tipo applicazione vocale, gruppo, a casella vocale, sala conferenza, ... Vai a men il men IVR successivo, richiamato sulla base del tasto premuto.

Il men IVR fin qui creato non per operativo: deve ancora essere collocato in un derivato, in modo tale che possa essere eseguito quando questo venga richiamato. Per ulteriori informazioni si veda la sezione Derivati di tipo men IVR

16

I Fasci
Privilegio richiesto: installatore
La configurazione dei collegamenti fisici alla rete telefonica o logici a provider VoIP o altri centralini Mercurius attuabile mediante l'applet Gestione fasci posta in Installazione Centralino.

Fasci Installati: interfaccia analogica a 4 porte, collegamento VoIP con provider e collegamento VoIP ad altro centralino Mercurius
La presenza o meno di fasci fisici di un determinato tipo dovuta all'hardware installato: i fasci fisici vengono infatti automaticamente creati da Mercurius sulla base delle schede installate sulla macchina; i fasci logici sono invece creati sulla base dell'esistenza o meno di contratti per servizi VoIP fra il cliente ed uno o pi fornitori di connettivit VoIP. Per motivi di performance (IRQ generati) non vengono mai installate pi di due schede fisiche: in questo modo la macchina risulta progettata e testata per rispondere alle esigenze del cliente. Le configurazioni possibili sono: 1 BRI, 2 BRI, 4 BRI, 8 BRI, 1 PRI, 2 PRI, 1 PRI + 1 BRI, 1 PRI + 4 BRI. Un ulteriore caso in cui si rende necessaria la creazione di fasci logici la possibilit di mettere in comunicazione fra di loro due centralini Mercurius, in modo tale che il cliente sfrutti la propria infrastruttura VoIP evitando di pagare qualsiasi tipo di costo di conversazione. La maschera di configurazione dei fasci suddivisa in due aree: Fascio, relativa alle caratteristiche logiche; la seconda sezione Opzioni ZAP nel caso di fasci analogici o Opzioni Misdnnel caso di fasci ISDN BRI o PRI. Per quanto concerne i fasci logici pu essere Opzioni SIP o Opzioni IAX2 sulla base del protocollo VoIP in uso.

Numero fascio

un numero che identifica univocamente il fascio. Non da intendersi come un progressivo: la posizione di un fascio in posizione pi o meno elevata non influisce in alcun modo sul comportamento del centralino. il nome di comodo attribuito al fascio. Utilizzare un nome sufficientemente palese aiuta ad identificare a colpo d'occhio il fascio.

Nome fascio Riconoscimento automatico FAX in arrivo Durata riconoscimento

se abilitato Mercurius tenta di riconoscere nel tempo specificato se la chiamata in arrivo un FAX. il tempo specificato per riconoscere se la chiamata in arrivo e' di tipo FAX.1

Per i fasci di tipo analogico e'bene impostare i secondi di riconoscimento tra 5 e 6.

17

Manuale ufficiale

Fasci Analogici
Privilegio richiesto: installatore
Come precedentemente esposto, le opzioni del modulo di canale ZAP sono relative a fasci fisici analogici:

Identificativo chiamante Lingua Provider

Se abilitato tenta di identificare il numero chiamante, impiegando fino a due squilli prima di rispondere La lingua per i messaggi di sistema utilizzati per comunicare chiamante proveniente da questo fascio. con il

Attiva delle opzioni specifiche per il provider selezionato. Se il proprio fornitore di servizi in elenco opportuno specificarlo, altrimenti impostare questo parametro a generico. Un numero da comporre come preselezione. Mediante questo parametro possibile specificare ad esempio il numero da comporre per utilizzare i servizi di un fornitore diverso da quello che eroga effettivamente il servizio telefonico. In alternativa, nel caso di fasci VoIP, possibile specificare il prefisso internazionale del Paese in cui installato il centralino in modo che venga anteposto al numero composto: alcuni provider VoIP infatti richiedono che venga sempre specificato il prefisso internazionale, anche per le chiamate locali. In questo caso, nel caso di un installazione su suolo italiano, occorre perci specificare in questo campo il valore Talvolta la cancellazione delleco non in grado di attivarsi correttamente. Questo parametro ad ogni chiamata, ammutolisce per il tempo indicato il canale ed invia un impulso tramite cui calcolare leco. Solo a questo punto riattiva il canale. Imposta la sensibilit del sistema di cancellazione dell'eco. Il valore predefinito di 128 taps3 dovrebbe essere idoneo nella maggior parte

Preselezione

0039. Echo training

Echo 1

Il TAP corrisponde ad un campione di dati audio. Il dato cos da solo non ha senso senza conoscere la frequenza di

18

delle situazioni, tuttavia, qualora ci fosse esigenza di rivedere questi parametri consigliabile aggiustare i valori di echo 1 partendo dai valori pi bassi ed agire quindi sul parametro echo training aumentando di conseguenza. Per ulteriori informazioni sulla risoluzione di problemi relativi all'echo, si veda l'Appendice C Cancellazione dell'echo. Guadagno RX Guadagno TX Permette di regolare il guadagno del flusso in entrata. Tipicamente viene utilizzato per migliorare il volume della comunicazione. Permette di regolare il guadagno del flusso in uscita. Anche questo parametro di fatto influisce sul volume della comunicazione; ridurre questo valore a volte permette di migliorare i problemi di echo. Si tenga tuttavia presente che esagerare nell'abbassarlo potrebbe comportare l'impossibilit di rilevare i toni DTMF da parte degli apparati della societ telefonica.

campionamento. Mercurius

campiona a 8KHz, ovvero ogni 0,125 millisecondi.

19

Manuale ufficiale

Fasci ISDN BRI e PRI


Privilegio richiesto: installatore

segnale porta

imposta la segnalazione su punto-punto (tipico degli NT1) o punto-multipunto ( il caso degli NT1+). In pratica a determinare il punto-multipunto la presenza di pi di un numero ISDN. Se si certi che sia disponibile un solo numero, a occhi chiusi si pu dire che l'accesso punto a punto. TE (Terminal Equipment) la tipica situazione di un PBX collegato ad un NT1 o NT1+. L'opzione NT indica invece un collegamento diretto attraverso al Bus-S, attuabile in pratica solo se si collegano fra di loro due centralini ISDN. talvolta la cancellazione delleco non in grado di attivarsi correttamente. Questo parametro ad ogni chiamata, ammutolisce per il tempo indicato il canale ed invia un impulso tramite cui calcolare leco. Solo a questo punto riattiva il canale. Imposta la sensibilit del sistema di cancellazione dell'eco. Il valore predefinito di 128 taps4 dovrebbe essere idoneo nella maggior parte delle situazioni, tuttavia, qualora ci fosse esigenza di rivedere questi parametri consigliabile aggiustare i valori di echo1 partendo dai valori piu bassi ed agire aumentando di conseguenza.

modalit porta

Echo training

Echo 1

Per ulteriore informazioni relativi alla risoluzione di problemi di Echo recarsi all'Appendice C Cancellazione di Echo Guadagno RX Guadagno TX permette di regolare il guadagno del flusso in entrata. Viene utilizzato per migliore volume della comunicazione. Permette di regolare il guadagno del flusso in iuscita. Anche questo parametro influisce sul volume della comunicazione e viene utilizzato per migliorare il volume della comunicazione.

Il TAP corrisponde ad un campione di dati audio. Il dato cos da solo non ha senso senza conoscere la frequenza di campionamento. Mercurius campiona a 8KHz, ovvero ogni 0,125 millisecondi.

20

Fasci VoIP SIP


Privilegio richiesto: installatore

Il parametro provider particolarmente importante per la configurazione dei fasci logici, come SIP. Se il proprio provider in elenco, opportuno selezionarlo. Numero geografico provider Utente SIP Password SIP Server SIP Porta SIP Qualit GSM, Speex, G.729a anche Parametro opzionale che indica il numero di telefono ricevuto dal SIP5. Il nome utente SIP assegnato dal provider. Deve cominciare con una lettera, pu contenere numeri ma non spazi o punteggiatura La password dell'account SIP L'URL o l'indirizzo IP del server SIP La porta logica del protocollo SIP sul server remoto. La porta standard la 5060. La qualit dell'audio durante la chiamata. Sono possibili piu'valori: Ottimale, sfruttando il codec G.711; compressa, con codec ILBC o G.726; oppure per chi ha acquistato una licenza quest'ultimo codec. Porre attenzione alla scelta dei

5 L'unico caso in cui occorre specificarlo per forza e se si in presenza di pi account con il medesimo server remoto. Il sottosistema infatti lavorerebbe in un unico contesto e non sarebbe in grado di distinguere un flusso dall'altro. In questo caso omettendo l'impostazione del numero geografico si otterrebbero effetti imprevisti.

21

Manuale ufficiale

Codec in base al questo parametro data numero di interni che Ricezione chiamate per Limite chiamate

consumo di banda. La corretta impostazione di dal contratto VoIP, dalla banda disponibile e dal o poter telefonare simultaneamente. Indica se il fascio e'abilitato anche a rispondere alla telefonato o solo effettuarle Il numero massimo di chiamate simultanee. Valgono le medesime considerazioni enunciate per il parametro qualit. Si noti che il limite effettivo potrebbe essere imposto dal provider: c' chi come Ultracom non pone limiti di sorta, ed in questo caso il limite dato dal centralino. Ma c' anche chi, come LeVoip, pone un limite al numero conversazioni simultanee (dovrebbero essere due per ogni

di numerazione).

Fasci VoIP IAX2


Privilegio richiesto: installatore

Creando un fascio IAX2 si addirittura in grado di collegare fra loro due centralini Mercurius, permettendo cos telefonate completamente gratuite. Il parametro provider gioca qui un ruolo fondamentale: selezionare Mercurius specificando il collegamento da remoto a centrale o viceversa si tenga presente che il centralino considerato Master (centrale) deve inderogabilmente avere un IP globale statico 6. I parametri sono esattamente gli stessi del protocollo SIP, escluso quello inerente al numero di porta in quanto non rilevante per fasci di questo tipo.
6 Per ulteriori informazioni su come collegare due centralini Mercurius, fare riferimento Collegare due centralini Mercurius.

22

Classi di servizio
In gergo informatico, si dice profilo di autorizzazione un insieme di impostazioni che delineano i permessi di utilizzo delle risorse da parte dell'utente. Scopo del profilo di autorizzazione quindi permettere di delimitare l'ambito di operativit di un utente. Le classi di servizio sono il profilo di autorizzazione associato ai singoli account e telefoni: in questo modo possibile raggruppare gli utenti sulla base di quelli che sono i loro permessi di accesso, velocizzando il processo di configurazione mantenendo comunque un controllo granulare delle impostazioni di protezione.

Creazione di classi di servizio


Utilizzare l'applet Classi di servizio contenuta nel gruppo Installazione Centralino. Viene visualizzata una tabella che riassume le classi di servizio definite:

Tabella descrittiva delle classi di servizio definite

E' possibile aggiungere nuove classi1 mediante il pulsante Aggiungi nuova classe, o modificarne una esistente come consueto cliccando sull'icona con il portapenne. Nel caso si stia creando una nuova classe, possibile utilizzare una classe esistente come modello: ogni classe composta da molte impostazioni; la funzione di copia stata studiata appositamente per velocizzare questo tipo di operazioni.

Creazione di una nuova classe utilizzando come modello una classe gi esistente

Seguono i parametri configurabili classe per classe. I campi numero di classe e nome sono ovviamente un progressivo ed il nome descrittivo della classe. Il numero di classe non indica una priorit, ma semplicemente un identificativo numerico. I permessi sono raccolti in gruppi

Per una questione di licenza di acquisto, solitamente si ha a disposizione solo 2 CDS. Su richiesta al Supporto Tecnico/Amministrazione Mercurius, la possibilita' di incrementare le Classi di Servizio.

23

Manuale ufficiale

Il gruppo chiamate in uscita

Fasci permessi servizio Modalit chiamata contenuti campo whitelist. DISA Whitelist quindi Blacklist non ad esempio Fasce Orarie

Permette di selezionare i fasci utilizzabili da questa classe di Consente tutte le chiamate, solo gli interni, solo numeri la rubrica di sistema o solo i numeri indicati nel Solo interni inculude anche le deviazioni e i Un elenco di numeri o pattern che sono considerati sicuri e utilizzabili Un elenco di numeri o pattern che sono considerati malevoli o conformi agli obiettivi di lavoro. Malevoli possono essere numerazioni a pagamento (199, 166 etc etc) Permette l'utilizzo delle risorse solo nelle fasce indicate

La sezione relativa ai codici di servizio visualizzabile utilizzando l'omonima casella a discesa. Mediante questa possibile determinare se la classe di servizio pu utilizzare le opzioni solitamente riservate agli installatori, o se possibile modificare alcune impostazioni elementari del centralino. Permette inoltre di delineare con precisione i servizi e le funzioni che devono essere rese accessibili all'utilizzatore (ad esempio trasferimento di chiamata, parcheggio di chiamata, ecc).

24

La sezione codici di servizio DTMF

Si compone di pi gruppi: Opzioni di chiamata avanzate Interfono con il utilizzando questa funzione si pu chiamare un telefono facendo in modo che numero specificato questo risponda automaticamente (*630nnn). Interfono con tutti attivando questa funzione verranno chiamati simultaneamente in modalit gli utenti interfono tutti i telefoni (*639). Debug chiamate installatori. Per all'indirizzo web: consente l'utilizzo dei codici DTMF per il debugging, riservati agli informazioni sui codici vedere il manuale separato disponibile

http://manuali.mercuriuspbx.it:8080/Mercurius%20Enterprise/Mercurius%20Enterprise %20Codici%20Centrale%202.0.pdf Servizio notte informazioni Permette di attivare o disattivare il servizio notte. Per ulteriori consultare la sezione Servizio Notte
25

Manuale ufficiale

Modifica data e ora Concede o nega il permesso di modifica della data ed ora di sistema del centralino del centralino. Funzioni di centralino manutenzione Registrazione messaggi Permette l'utilizzo dei codici DTMF per la manutenzione del (vedi indirizzo web sopra)

Permesso di usufruire della registrazione dei messaggi di sistema (*611nnn): mediante questa, digitando un codice sul telefono,e'possibile sostituire un messaggio precedentemente registrato. E' addirittura possibile aggiungerne uno nuovo, a patto che il numero corrispondente sia gi stato creato mediante l'applet Gestione Messaggi del gruppo Configurazione centralino. Opzioni di risposta Intercettazione rispondere a chiamata effettua effettua il nnn. permette l'uso della funzione call-pickup mediante cui possibile qualsiasi chiamata, anche a quelle non dirette al proprio interno: *8 il pickup della prima chiamata in attesa dirisposta, **nnn o *8nnn pickup della prima chiamata in attesa disponibile diretta all'interno

Attesa su occupato consente l'impostazione della funzione attesa su occupato (*943, #943 ) : se unutente chiama e trova occupato viene riprodotta la musica di attesa mantenendolo in linea. E' poi compito del centralino tentare di collegarlo non appena il destinatario si libera, intervallando i tentativi ogni 30 secondi. Ritorno di chiamata consente l'impostazione della funzione ritorno di chiamata (*944, #944 ): se durante un trasferimento di chiamata il destinatario occupato, ma abilitata la funzione di ritorno di chiamata, la chiamata viene riproposta al trasferente. Disabilitazione #945 ). Si casella vocale infatti non pu in Non disturbare (attiva), (attiva), #941 ( o delll'esterno; ingresso Inoltro chiamate
26

consente di disabilitare autonomamente la casella vocale. (*945, tratta di una sospensione, non di una disattivazione. L'utente alcun modo creare o rimuovere caselle vocali, neppure la propria. permette o nega l'uso della funzione non disturbare (DnD): *940 #940 (o disattiva DND) per tutte le chiamate in ingresso; *941 disattiva DND) per tutte le chiamate in ingresso effettuate *942 (attiva), #942 (o disattiva DND) per tutte le chiamate in effettuate dall'interno; permette o nega l'uso della funzione di inoltro delle chiamate.

Opzioni di chiamata Trasferimento Parcheggio chiamata questa attribuisce un vuole abilita o disabilita la funzione di trasferimento di chiamata. consente o nega la funzione parcheggio di chiamata: mediante possibile parcheggiare in attesa una chiamata, a cui il centralino numero identificativo. Questa funzione utile ad esempio se si vuole trasferire una chiamata ad un interno che per qualche motivo non ricevere immediatamente la chiamata

Chiamata anonima consente o nega la possibilit di effettuare chiamate evitando che venga visualizzato il numero del chiamante. Il codice *623nnnn. Chiamata privata *624nnnn. Opzioni Call-Center Monitoraggio chiamate. chiamate consente o nega la possibilit di effettuare monitoraggio delle consente o nega la possibilit di effettuare chiamate private, ossia non memorizza il numero chiamato nell'elenco chiamate. Il codice

Le opzioni di interfaccia utente determinano cosa viene visualizzato sull'interfaccia utente: ci che viene spuntato sar visualizzato nell'interfaccia utente, ci che non viene spuntato invece risulter nascosto, e di conseguenza non utilizzabile. Si noti che possibile controllare l'accesso sia in lettura che in scrittura: il lettura la caratteristica verr visualizzata, ma non sar modificabile. In scrittura sar invece possibile modificare l'opzione in oggetto.

N.B. Le opzioni qui menzionate valgono per il login sul centralino come utente stesso del telefono. Le opzioni qui abilitate/disabilitate, saranno visibili o meno, nella pagine di gestione dell'utente. Per raggiunge la propria pagina collegarsi al PBX mediante l'indirizzo IP, es.:
27

Manuale ufficiale

============================================================= https://192.168.1.122 Username: Vostro numero interno

Password: Uguale al numero di interno ( se non e'stata cambiata nella pagina Derivati) ============================================================== Invio SMS Lista chiamate Chiamate perse se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina di invio di SMS. se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina con l'elenco delle chiamate sia effettuate che ricevute. se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina con l'elenco delle chiamate perse.

Ritorno di chiamata se spuntato permette di modificare le impostazioni del ritorno di chiamata nella pagina Deviazione di chiamata. Abilitando questa caratteristica le chiamate arrivate al derivato in oggetto a fronte di un trasferimento da parte di un altro interno se non risposte verranno ridirette al trasferente. Fax memorizzati sul centralino Registrazioni di la lista delle chiamata Messaggi della casella vocale se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina contenente l'elenco dei fax stoccati nella memoria interna del centralino. se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina contenente chiamate di cui si effettuata la registrazione. se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina contenente l'elenco dei messaggi vocali ricevuti.

Rubrica di sistema se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina della rubrica di sistema. Stato degli interni se spuntato visualizza il pulsante di accesso alla pagina di monitoraggio dello stato di attivit degli interni.

28

I derivati
Privilegio richiesto: installatore

Derivato del centralino un entit fisica (interno, gruppo d'interni) o funzionale (casella vocale, messaggio, IVR,ecc. ) verso cui instradare le chiamate entranti o mediante la quale svolgere determinati servizi. Per impostare i derivati, accedere all'applet Derivati del centralino posta in Configurazione centralino.

Elenco dei derivati installati

I derivati sono elencati in una tabella che riassume le caratteristiche peculiari: gli interni con la voice mail attiva sono contraddistinti con il simbolo di una nota musicale, quelli designati a FAX con l'icona di FAX. E' possibile aggiungere singoli derivati, mediante il pulsante aggiungi nuovo derivato, quanto creare una serie multipla di derivati tramite aggiunta multipla di interni. Cliccando su aggiungi nuovo derivato si apre la finestra seguente:

Aggiunta di un singolo derivato

Il comportamento del derivato determinato dal tipo selezionato: Telefono SIP Si intende collegare un telefono SIP.
29

Manuale ufficiale

Telefono IAX Gruppo di utenti / Squillo Multiplo risponde il Inoltro diretto a casella vocale Applicazione vocale Sala conferenza e Inoltro su altro numero Call center / coda di di attesa tipo

Si desidera collegare un telefono IAX. Il derivato costituito da un gruppo di derivati. Il gruppo deve essere costituito da soli telefoni (SIP o IAX). Fino a che qualcuno non chiamante sente il segnale di libero. ridirige la chiamata alla casella vocale di un certo derivato, ignorando il tempo di trabocco specificato nel derivato stesso. Permette la selezione di una applicazione, quale per esempio Squillano tutti i telefoni. Crea un derivato con funzione di sala conferenza: chiamando tale interno, una volta digitato il PIN di utente o quello di amministratore, possibile dialogare con tutti le persone che hanno chiamato l'interno sono in linea (i partecipanti alla conferenza) si noti che sono possibili accessi multipli come amministratore. Permette di inoltrare la chiamata su di un altro numero di telefono, anche esterno. Il derivato costituito da un gruppo di derivati. Come per il gruppo utenti / squillo multiplo, possono essere specificati solo derivati di telefono (SIP o IAX). Differentemente dal gruppo, dove la comunicazione non viene presa fino a che qualcuno non risponde effettivamente, nella coda la chiamata viene automaticamente risposta messa in attesa, fino a che qualche operatore non in grado rispondere. Nel frattempo il chiamante ascolta la musica di attesa. Il derivato un operatore automatico in grado di riprodurre messaggi spieghino quali pulsanti premere per ottenere determinati comportamenti. Mediante una serie di IVR possibile creare un albero di men in grado di automatizzare gran parte del processo di gestione della chiamata. Vedere sezione IVR/OPA Operatore Il derivato utilizzato per effettuare personalizzazioni sulle lampade telefoni in uso. Ad esempio possibile creare un intercettazione dei ingresso / uscita ed associarlo al derivato corrente. A questo possibile associare il derivato ad una lampada dei telefoni, cos di visualizzare l'evento FAX mediante la lampada telefoni. Riservato (testing version) al Supporto Tecnico Mercurius.

di Men IVR che

Automatica ad Albero. Tasto lampade dei speciale fax in punto consentendo presente sui Gruppo Telecamere Mobotix M10
30

Utente dinamico di Call Center

Riservato (testing version) al Supporto Tecnico Mercurius.

Derivati di tipo telefono


Privilegio richiesto: installatore

La configurazione di un derivato di tipo telefono identica sia per apparecchi SIP che IAX2. In pratica viene creato un account SIP (o IAX2) e specificate le opzioni ad esso associate, quali ad esempio la lingua per i messaggi di sistema, la possibilit o meno di effettuare chiamate in uscita ed altro ancora. Identificativo chiamante Il testo che viene visualizzato sul telefono del destinatario per identificare il chiamante (insieme al numero di interno). Il centralino propone di default il nome utente SIP, ma e'possibile specificare un qualsiasi testo.

Se stato acquistato il pacchetto con la licenza per l'uso di caselle vocali, possibile aggiungere al derivato il supporto voicemail:

Impostazione derivato di tipo telefono opzioni casella vocale

se viene abilitata la casella vocale, divengono disponibili le seguenti opzioni: Consultazione casella PIN casella vocale Email indica se la casella consultabile esclusivamente via telefono, solo via email o in entrambi i modi. il PIN da digitare per accedere via telefono alla casella vocale e gestire i messaggi in essa contenuti. Questo parametro ovviamente inutile nel caso di accesso esclusivamente via email. indirizzo di posta elettronica a cui inviare email con allegati messaggi vocali.

31

Manuale ufficiale

Utente SIP/IAX2 destinazione Password SIP/IAX2 Lingua questo viene generali. Trabocco Operatore

il nome utente utilizzato per creare l'account. E' possibile utilizzare solo caratteri numerici. Corrisponde al numero dell'interno dell'utente e viene visualizzato sul telefono di delle chiamate allo scopo di identificare il chiamante. la password di accesso dell'account. E' possibile utilizzare solamente caratteri numerici. La lingua utilizzata per i messaggi di sistema utilizzati dall'utente di interno. E' possibile indicare default: in questo caso l'impostazione ricavata da quanto precedentemente indicato nelle impostazioni intervallo di tempo trascorso il quale la chiamata destinata a questo derivato viene considerata persa. Anche qui possibile indicare default attingendo cos a quanto specificato nelle impostazioni generali. la classe di servizio a cui associato il derivato in condizioni di normale utilizzo. Mediante questa associazione il derivato eredita tutti i permessi attribuiti alla classe di servizio selezionata. la classe di servizio da utilizzare quando il telefono viene bloccato. In caso di assenza del titolare del telefono, qualcuno potrebbe utilizzare suo apparecchio, magari approfittando di una classe di servizio pi elevata della propria. Tuttavia il titolare ha facolt di bloccare il telefono, associandolo cos ad un altra classe di servizio. Questa ovviamente per ragioni di sicurezza dovrebbe essere del pi basso profilo possibile.

CDS normale

CDS in stato di blocco il

32

PIN del telefono uso CLIP fasci volta numero per Connesso a FAX disabilita i ISDN). campo fasci.

PIN da utilizzare per mettere in stato di blocco o riportare al normale il proprio telefono. il numero da utilizzare per le chiamate in uscita. Utile in caso di telefonici multi-numero, quale ad esempio un flusso primario. Una impostato questo campo il derivato utilizzer sempre questo le chiamate in uscita. indica che il derivato connesso ad un FAX. Quando impostata a FAX, se il centralino riceve un flusso dal derivato in oggetto, cancellatori di echo lungo il fascio di uscita (se analogico o Inoltre visualizza il derivato in oggetto nella casella a discesa del riconoscimento automatico fax in arrivo nell'applet Gestione

Impostazioni derivato di tipo telefono - parametri per connettivit

Qualit audio

caso

Internet a la ILBC, utilizzare i viene sconsigliabile nei Correzione NAT remoti IP utile

permette di impostare la qualit della conversazione. Questo parametro diventa particolarmente utile nel caso di telefoni remoti: un organizzazione potrebbe infatti utilizzare il centralino nella sede principale, ed installare uno o pi telefoni in una sede distaccata. Nel di un collegamento Internet non particolarmente brillante non si disporrebbe di sufficiente larghezza di banda per poter telefonare: regolando questo parametro possibile utilizzare CODEC con un livello di compressione maggiore, in grado di operare su linee bassa capacit. Tuttavia, maggiore la compressione, peggiore qualit audio. I codec attualmente supportati sono G711 (alaw/ulaw) 80Kbps, G726 (ADPCM), 48Kbps (solo ed esclusivamente in locale), GSM e infine G.729a 24Kbps (previa licenza acquistata). Ovviamente condizione necessaria che i telefoni in uso siano in grado di formati precedentemente citati. Lasciando selezionato default invece negoziato il Codec di migliore qualit, cosa collegamenti remoti. se abilitato impone a Mercurius nelle comunicazioni con dispositivi di specificare come indirizzo IP mittente l'IP pubblico e non l'effettivo privato del centralino nel messaggio SIP. Questa opzione torna perci nel caso si vogliano installare telefoni remoti, ovvero esterni alla rete/i
33

Manuale ufficiale

locali a cui appartiene il centralino. Controllo accesso IP permette di specificare una lista di indirizzi di reti locali su cui pu trovarsi il telefono associato al derivato. Questo parametro risulta utile in caso di telefoni remoti collegati attraverso una VPN, realizzando un controllo ACL in grado di migliorare la sicurezza complessiva dell'infrastruttura. E' possibile specificare un elenco di subnet, o addirittura una supernet in grado di comprendere tutte le subnet.

Derivati di tipo gruppo di utenti / squillo multiplo


Privilegio richiesto: installatore

E' un derivato utilizzabile per identificare un gruppo di derivati di tipo telefono. Lo scopo palesemente poter creare gruppi di interni. E' possibile impostare varie opzioni quali la modalit di squillo dei telefoni membri, cosa fare se nessuno risponde, ecc. N.B. I telefoni all'interno del gruppo non possono utilizzare al funzione del Do Not Disturb

Impostazione di derivato di tipo gruppo di utenti / squillo multiplo

Nome gruppo Tipo di gruppo circolare secondo, Elenco interni Trabocco operatore in tempo
34

un semplice nome per identificare il gruppo. modalit di squillo dei telefoni membri: ring squillano tutti, in ordine uno alla volta, triangolare squillano in progressione. Quest'ultimo fa squillare il primo telefono, quindi il primo ed il successivamente il primo, il secondo ed il terzo, e cos via. l'elenco di derivati di tipo telefono membri del gruppo. intervallo di tempo trascorso il quale, se nessuno dei membri ha risposto, la chiamata in ingresso viene considerata non risposta. Si noti che questo parametro influisce sulla durata dell'intero gruppo, maniera dipendente dal tipo di gruppo. Ad esempio, dato un trabocco di 1 minuto, se il tipo di derivato ring squillano

tutti, la per caso,

durata del gruppo un minuto in quanto i telefoni squillano simultaneamente. Nel caso di tipo circolare in ordine uno alla volta la durata pari al tempo di trabocco di un telefono moltiplicata il numero di telefoni che compongono il gruppo. Quindi, nel nostro ipotizzando tre telefoni la durata complessiva del gruppo sarebbe tre minuti.

Messaggi associati al derivato di tipo gruppo di interni

Messaggio di uscita Derivato di trabocco

messaggio da riprodurre nel caso nessun interno risponda alla telefonata il derivato su cui viene dirottata la chiamata in caso di mancata risposta. Selezionare (nessuna redirezione, usa default) significa desiderare che in caso di trabocco la chiamata venga terminata.

Derivati di tipo inoltro a casella vocale


Privilegio richiesto: installatore

E' un derivato utilizzabile per ridirigere le chiamate alla casella vocale di un altro derivato. Gli unici due parametri sono il numero del derivato a cui appartiene la casella vocale di destinazione ed il tipo di messaggio. Le opzioni possibili sono generico7, silenzioso /nessun avvertimento8, occupato9, Non disponibile / siamo assenti10, solo messaggio di non disponibile11, solo messaggio di occupato12. Si noti che queste opzioni sono effettivamente applicate solo alle chiamate in arrivo dall'esterno: se un interno chiama un altro interno e trabocca sulla casella vocale sentir sempre e solo il messaggio di 13 sistema predefinito . Accedendo dal telefono alla propria casella vocale addirittura possibile registrare un messaggio personalizzato. (vedi Mercurius Enterprise Voicemail)

7 Prego lasciare un messaggio dopo il segnale acustico, al termine abbassare il ricevitore o premere # 8 Non viene riprodotto nessun messaggio di sistema, si sentira'solo un BIP per lasciare il messaggio 9 La persona all'interno X e'al telefono, prego lasciare un messaggio dopo il segnale acustino, al termine abbassare il ricevitore o premere # 10 La persona all'interno X non disponibile, prego lasciare un messaggio dopo il segnale acustico. 11 La persona all'interno X non e'disponibile BIP 12 La persona all'interno X e'al telefono - BIP 13 Qualora si volesse provare queste impostazioni evitando di effettuare chiamate dall'esterno, possibile creare un derivato ed impostarne la casella vocale. Creare quindi un ulteriore derivato, questa volta di tipo inoltro a casella vocale, che punti alla casella vocale del primo. Impostare su quest'ultimo il tipo di messaggio: chiamandolo si sar in grado di sentire gli effetti delle varie impostazioni di questo parametro.

35

Manuale ufficiale

Impostazione di derivato di tipo inoltro a casella vocale

Ovviamente questo tipo di derivato presente solo se stata acquistata la licenza per il supporto delle caselle vocali.

Derivati di tipo applicazione vocale


Privilegio richiesto: installatore

Impostazione di derivato di tipo applicazione vocale

Come suggerito dal nome, questo tipo di derivato richiama un applicazione vocale. E' anche possibile specificare ulteriori comandi utilizzati dall'applicazione selezionata mediante la casella di testo opzioni avanzate. Le applicazioni vocali disponibili sono: Aggancia senza rispondere Squillano tutti i telefoni Richiama Centralinista digitale Custom Application Debug chiamata DISA Riaggancia la chiamata. Un'applicazione vocale che fa squillare tutti i telefoni. Riaggancia e richiama il numero chiamante. Permette la selezione dell'interno anche senza disporre di un operatore. E' un semplice IVR gi pronto che richiede di comporre l'interno a cui si desidera essere collegati. Riservata ad uso interno dal Supporto Tecnico Mercurius. Impostazione per il debug delle chiamate utilizzato dal supporto Tecnico Mercurius. A fronte della digitazione di un PIN, chiama un numero esterno all'organizzazione. Scopo di questa applicazione proprio permettere di effettuare chiamate addebitando i costi all'azienda. Per questo motivo l'accesso all'applicazione utile che sia vincolato da un

36

PIN. FAX Server integrato Musica di attesa in eterno Non rispondere chiamata. Identifica il derivato come FAX server integrato. Le comunicazioni FAX qui inviate verranno perci gestite dal FAX server interno a Mercurius. Riproduce in un ciclo infinito la musica di attesa. Da il segnale di libero per 30 secondi, dopodich riaggancia la Consente in pratica di simulare un interno a cui l'operatore non ha risposto.

Occupato senza rispondere Restituisce un tono di occupato senza rispondere alla telefonata. Simula chiamata Ridirige la chiamata in cima alla pila delle linee in ingresso da esterno imponendo di conseguenza il percorso effettivamente seguito da una chiamata in ingresso. Utile per un test di funzionamento in mancanza di un collegamento telefonico.

Derivati di tipo sala conferenze


Privilegio richiesto: installatore

Ogni conferenza supporta tranquillamente 20 partecipanti. L'unica funzione a disposizione dell'utente il codice *1 per abilitare e disabilitare la propria voce. L'accesso come amministratore consente alcuni privilegi, come quello di chiudere la conferenza, ovvero impedire che altre persone, oltre a quelle gi attive, si inseriscano nel derivato. Il codice per questa azione *2. L'accesso ad una conferenza dall'interno banale ( sufficiente chiamare il derivato); per l'accesso dall'esterno si configura un IVR o, in alternativa, la segretaria provvede a chiamare uno ad uno i partecipanti remoti e li trasferisce sul derivato della conferenza.

Impostazione di derivato di tipo sala conferenze

nome conferenza PIN utente PIN amministratore

Il numero del derivato da chiamare per accedere alla sala conferenza. Il PIN per l'accesso come utente. Il PIN per l'accesso amministrativo

37

Manuale ufficiale

Derivati di tipo inoltro su altro numero


Privilegio richiesto: installatore

Impostazione di derivato di tipo inoltro su altro numero

nome deviazione numero di deviazione

Il numero del derivato da chiamare per deviare la chiamata. Il numero di telefono a cui deve essere inoltrata la chiamata giunta a questo derivato

Derivati di tipo call center / coda di attesa


Privilegio richiesto: installatore

E' un derivato utilizzabile per identificare un gruppo di derivati di tipo telefono. Lo scopo palesemente poter creare gruppi di interni. E' possibile impostare varie opzioni quali la modalit di squillo dei telefoni membri, cosa fare se nessuno risponde, ecc. La differenza fondamentale con il tipo gruppo di utenti / squillo multiplo che in questo caso la chiamata viene subito risposta, mettendo il chiamante in attesa riproducendo la relativa musica. N.B. I telefoni all'interno del gruppo non possono utilizzare al funzione del Do Not Disturb

Impostazione di derivato di tipo call center / coda di attesa

nome coda tipo di gruppo compongono la


38

Nome sufficientemente esplicativo da assegnare alla coda. l tipo di squillo utilizzato per il gruppo di telefoni che coda. Valori possibili sono ring squillano tutti (tutti i telefoni

squillano

priorit ai se fatti chiamate), Operatori statici

emporaneamente), circolare in ordine uno alla volta (i telefoni llano ordinatamente uno alla volta), circolare con memoria (tutti i telefoni squillano ordinatamente uno alla volta, squillano quelli che hanno ricevuto meno chiamate (viene data telefoni che hanno ricevuto il minor numero di chiamate, non importa risposte o meno), squillano quelli da pi tempo inattivi (vengono squilllare i telefoni che da pi tempo non hanno risposto alle squilla casualmente (i telefoni squillano casualmente)9. I derivati appartenenti al gruppo E' possibile specificare il livello di priorit separandolo dal numero di derivato con una virgola, ad es. 108,1 104,2 ecc. In questo caso si certi, a prescindere dal tipo selezionato, che l'interno 108 squiller prima del 104. Il tempo massimo di attesa dopodiche'il cliente uscira'dalla coda Selezionando Nessuno, il cliente attender in eterno non avverr alcun trabocco e la chiamata viene che qualcuno risponde o il chiamante riappende. il tempo di trabocco a disposizione dei uno qualsiasi degli gruppo per rispondere alla chiamata, prima che questa venga all'operatore successivo. Questo valore non va confuso con il trabocco indicato nel derivato dell'operatore riproduce il messaggio indicato non appena la chiamata ha traboccato, prima di terminarla o ridirigerla ad un altro derivato.

Trabocco gruppo mantenuta fino a Trabocco operatore operatori del ridiretta tempo di Messaggio di uscita

Modalit musica

Determina se il chiamante sentir il suono di libero o la musica di attesa durante la permanenza in coda prima che un operatore risponda. Il numero massimo di utenti che possono simultaneamente accedere coda. Superato tale limite il chiamante ottiene il segnale di linea occupata. E' molto importante specificare qui un valore minore numero di linee telefoniche effettivamente utilizzabile, al fine di evitare di ritrovarsi con una coda piena e tutte le linee occupate, precludendo la possibilit di effettuare o ricevere ulteriori chiamate.

Utenti massimi alla del

I tipi di gruppo corrispondono alle strategie di coda ringall, roundrobin, rrmemory, fewestcalls, leastrecent, random.

39

Manuale ufficiale

Annuncia posizione

Informa il chiamante relativamente alla sua posizione in coda ed i tempi previsti di attesa. Utile in call center con volumi di traffico notevoli. Riproduce il messaggio indicato non appena la chiamata entra in coda. Per tutta la durata del messaggio i telefoni del gruppo non squillano.

Messaggio di benvenuto

Derivati di tipo men IVR


Privilegio richiesto: installatore

Selezionare il men IVR che si desidera collegare al derivato. La chiamata verr processata dal suddetto men IVR, illustrando le opzioni possibili mediante un messaggio precedentemente registrato.

Derivati di tipo tasto lampade speciale


Privilegio richiesto: installatore

Permette di associare il derivato appena creato ad un particolare flusso (analogico, ISDN o FAX di sistema). L'idea quella che, una volta intercettato il flusso, il derivato possa essere associato al tasto lampade di un telefono per poterne monitorare l'attivit. Si supponga ad esempio di voler creare un derivato che segnali lo stato di attivit del FAX di sistema: basta introdurre nel campo personalizzato la stringa IAX2/faxserver. A questo punto sufficiente assegnare il controllo di stato di questo derivato ai tasti lampada di un telefono. E' possibile includere pi flussi per il monitoraggio, specificandoli uno ad uno separati dal carattere e commerciale '&': ad esempio, se si hanno due fax analogici, sugli interni 102 e 103, ed il FAX di sistema, possibile monitorare l'arrivo di un FAX, a prescindere dalla destinazione, utilizzando la stringa SIP/102&SIP/103&IAX2/faxserver. L'identificatore per le linee analogiche ZAP (ZAP/1 ZAP/n), quello delle ISDN BRI e PRI (mISDN/1 -mISDN/n). Si noti che nel caso di ISDN non possibile monitorare il singolo canale B, ma solo lo stato della porta. Quindi una stringa del tipo mISDN/1 su una porta BRI verr segnalata solo se entrambi i canali vengono impegnati. Nel caso di una scheda PRI, la segnalazione avviene solo se tutti e 15 o i 30 canali a disposizione sono impegnati. Per quanto riguarda la segnalazione VoIP e'possibile monitorare il canale esclusivamente in uscita, con la seguente sintassi SIP/trunkn_fascio dove n_fascio e' la numerazione del fascio VoIP installato. (vedi Gestione Fasci ISDN e VoIP)

40

I telefoni
Privilegio richiesto: installatore

A questo punto finalmente possibile configurare i telefoni. Questa operazione attuabile tanto in modo manuale quanto automatico. Si noti tuttavia che la configurazione automatica dei telefoni effettuabile solo per i modelli consigliati da MC S.r.l: l'impostazione automatica infatti consiste nella creazione di un file di configurazione specifico per il telefono. Il centralino ovviamente in grado di creare questi file solo per i telefoni per cui stato progettato. Tutti gli altri telefoni saranno s in grado di funzionare, ma richiedono lunghi tempi di impostazione manuale, e la configurazione viene effettivamente salvata sul telefono stesso. E' per questo motivo che assolutamente raccomandabile utilizzare esclusivamente telefoni consigliati da MC. I telefoni che ad oggi possono avvalersi di configurazione automatica sono Grandstream BT-200, GXP2000, GXP2020, GXW4004/4008, Snom 300, 320 e 360 (anche con DSS a 54 tasti), ATA LinkSys PAP2T, LinkSys SPA2102, LinkSys SPA8000, LinkSys Sipura SPA 941. I file di configurazione automaticamente generati sono salvati direttamente sul centralino ed accessibili via THTTP: compito dei telefoni, all'avvio, procurarsi il file di configurazione. Ovviamente dovranno essere configurati in modo tale da scaricare il file di configurazione dal server THTTP all'indirizzo IP del centralino. Si noti che sempre possibile effettuare un override della configurazione: una volta che il telefono si avviato ed ha scaricato la configurazione, apportare le modifiche desiderate. Ovviamente queste saranno operative sino al successivo riavvio del telefono. Volendo invece effettuare un override definitivo, una volta che il telefono ha scaricato il file di configurazione, effettuare le modifiche desiderate e disattivare la funzione di scaricamento automatico del file di configurazione da server THTTP.

Aggiunta automatica di telefoni


Privilegio richiesto: installatore

La procedura di installazione di un telefono consigliata senza dubbio quella automatica: mediante essa possibile individuare con certezza i telefoni presenti in rete non ancora installati. Per effettuare questa operazione selezionare l'applet configurazione automatica telefoni presente in installazione centralino:

Tabella riassuntiva dei telefoni installati

Viene visualizzata una tabella riassuntiva dei telefoni attualmente installati: modello, MACAddress, Indirizzo IP al momento dell'installazione ed attuale10, stato del telefono, numero
10 Nel caso di indirizzamento dinamico (attraverso un server DHCP) l'indirzzo IP attuale pu essere diverso da quello che era stato assegnato al telefono al momento dell'installazione.

41

Manuale ufficiale

del derivato o dei derivati associati al telefono11. I singoli telefoni sono modificabili, eliminabili, abilitabili e disabilitabili utilizzando i pulsanti a fine riga come di consueto. Il pulsante azzurro con una freccia verso il basso serve invece fare ricaricare il file di configurazione al telefono e riavviarlo. Funziona solo con i telefoni consigliati da MC S.r.l. Cliccando sull'indirizzo IP del telefono si viene ridiretti all'interfaccia web del telefono stesso. Nel caso si utilizzi l'IP della colonna IP reale la pagina viene aperta nella finestra corrente, altrimenti in una nuova finestra. Cliccando sul MAC-Address si apre invece la maschera di modifica della configurazione del telefono. Per aggiungere un telefono consigliato da MC S.r.l., selezionare cerca ed aggiungi in automatico: in seguito al messaggio ricerca in corso viene dapprima visualizzato un elenco simile al seguente:

Elenco di tutti i telefoni rilevati dalla procedura automatica. Questa tabella viene visualizzata solo per pochi secondi e subito sostituita da quella che permette l'effettiva installazione dei nuovi telefoni.

ed immediatamente dopo la lista dei telefoni rilevati

Elenco dei telefoni rilevati non ancora installati.

Sono stati rilevati quattro telefoni. Verranno installati solo i telefoni a cui stata spuntata la casella di opzione di inizio riga. E' possibile modificare l'indirizzo IP e modello del telefono12. Selezionare nell'ultima colonna il numero di interno (derivato) associato ad ogni telefono. Si noti che il LinkSys Cisco ha due interfacce analogiche. Occorrer quindi modificare in un secondo momento la configurazione del telefono per impostare anche la seconda interfaccia. Salvare ed attendere che venga visualizzata la tabella di elenco telefoni installati.
11 Ad esempio l'ATA LinkSys PAP2T dispone di due porte analogiche, associate a due derivati differenti. 12 In realt molto difficile che si debba modificare manualmente il modello del telefono in quanto viene quasi sempre rilevato correttamente. Attualmente l'unica eccezione sono i telefoni Grandstream.

42

Si noti che fino a questo punto non sono stati creati i file di configurazione dei telefoni: si semplicemente istruito Mercurius circa la collocazione dei telefonie e le impostazioni che dovrebbero avere, ma di fatto non stato ancora prodotto alcun file di configurazione. Occorre quindi cliccare su applica configurazione

per effettuare una serie di operazioni fra cui la scrittura dei file di configurazione.

Aggiunta manuale di telefoni


Privilegio richiesto: installatore

Nei casi disperati in cui la procedura di individuazione automatica dei telefoni non sia in grado di rilevare l'apparecchio che si intende installare, possibile utilizzare la procedura manuale: per effettuarla selezionare l'applet configurazione automatica telefoni presente in installazione centralino, quini utilizzare il pulsante aggiungi una nuova configurazione. In questo caso ovviamente necessario impostare manualmente tutti i campi (IP, MAC address, marca e modello, ecc). Aggiungere manualmente un telefono non significa precluderne la configurazione automatica: una volta opportunamente impostato marca e modello si potr operare con le medesime modalit descritte nell'aggiunta automatica di telefoni.

Modifica di telefoni
Privilegio richiesto: installatore

Modificare la configurazione dei telefoni significa andare a variare i parametri necessari a Mercurius per creare un file di configurazione, diverso dall'attuale, adatto al telefono che si intende modificare. Per questo motivo le maschere sono diverse a seconda del modello di telefono: ad esempio il GXP-2000 ha 7 tasti lampada, mentre il BT-200 non ne ha. Il LinkSys PAP2T, come gi visto, ha invece due terminali analogici, a cui possibile associare due telefoni i fax. LinkSys PAP2T Nel paragrafo precedente si era detto che occorre modificare la configurazione del LinkSys per attivare la seconda porta: nell'elenco dei telefoni installati, cliccare sull'icona con il portapenne sulla riga del LinkSys.

43

Manuale ufficiale

Impostazioni per la generazione di un file di configurazione per un ATA LinkSys PAP2T

A parte le ovvie voci abilitato, telefono, MAC / seriale, Indirizzo IP, si trovano, una per ogni porta: interno associato Il derivato di tipo telefono associato alla porta analogica di riferimento

avviso di chiamata Abilita o disabilita l'avviso di chiamata per il dispositivo collegato alla porta analogica di riferimento. utilizzo FAX presente nella disattiva i cancellatori di echo sulla porta analogica di riferimento. Non si confonda questo parametro con il suo omologo configurazione dei derivati: questo disattiva i cancellatori del LinkSys, l'altro quelli del Mercurius sulla linea fisica e visualizza a fianco del derivato l'icona di FAX.

44

Grandstream Budgetone 200

Impostazioni per la generazione di un file di configurazione per un Grandstream BT-200

Il Grandstream BT-200 ha pochissimi parametri. A parte le impostazioni ovvie, cliccando su mostra possibile visualizzare le opzioni avanzate, che consentono di modificare le suonerie interna ed esterna. In tal modo possibile distinguere fra chiamate provenienti dall'interno e dall'esterno gi solo in base alla suoneria. Il BT-200 permette la selezione delle sole suonerie di sistema. Grandstream GXP-2000/GXP2020

Impostazioni generali per un GXP-2000/2020

45

Manuale ufficiale

Impostazioni per tasti lampada e suonerie differenziate di un GXP-2000

Il GXP 2000 equipaggiato con 7 tasti lampada. Sono perci presenti opportuni parametri per la generazione del file di configurazione. Selezionando stato interno la lampada assume il colore rosso ad indicare che l'interno impegnato. E' inoltre possibile chiamare l'interno, a patto che sia libero, premendo il tasto lampada. Chiama numero invece permette la sola chiamata del numero alla pressione del tasto. Stesso discorso e'valido per il GXP 2020. Questo utile ovviamente per chiamare numeri esterni all'organizzazione, impossibili da monitorare. Per quanto concerne le suonerie, valgono le medesime considerazioni del BT-200. Snom 300, 320 e 360 I telefoni Snom sono invece rivolti agli utenti pi esigenti e con competenze tecniche adeguate. Hanno infatti un software molto pi sofisticato di quello dei Grandstream. Tanto per fare un esempio tutti gli Snom supportano rubrica LDAP. Tutti i modelli Snom consentono la configurazione da Mercurius di entrambe le suonerie, tuttavia solo quella interna effettivamente modificabile in base al singolo telefono: la suoneria esterna resta invece identica per tutti gli Snom installati. Per impostare la suoneria esterna utilizzare l'applet Configurazione telefoni Snom contenuta in Impostazioni generali nel gruppo Installazione centralino. Quindi la maschera di configurazione permette di selezionare la sola suoneria interna, permettendo di scegliere fra suonerie di sistema e personalizzate. Queste ultime sono dei file audio in formato WAVE precedentemente caricati sul centralino Mercurius.

46

Impostazioni per la generazione di un file di configurazione per un Snom 300

Lo Snom 300 il modello entry-level della casa tedesca, per cui, analogamente al Grandstream BT200, ha pochissimi parametri.

Impostazioni dei tasti funzione per la generazione di un file di configurazione per un Snom 320 o 360

47

Manuale ufficiale

Snom 320 (il modello di fascia media) e Snom 360 (postazione operatore centralino): analogamente al Grandstream GXP 2000 presentano tasti lampade, tuttavia in numero maggiore. Inoltre non disponendo di tasti dedicati per la gestione delle linee, permettono l'assegnazione delle linee direttamente ai tasti lampada. Nell'esempio i primi 4 tasti sono riservati alle linee, per un totale di 4 chiamate simultanee, gli altri al monitoraggio degli interni ed alle chiamate rapide. Nel caso si utilizzi lo Snom 360 con il relativo keypad si possono configurare fino a 57 tasti funzione: il tipo di telefono in questo caso deve essere Snom 360 con DSS. Telefono Generico

Impostazione di un telefono generico

Le impostazioni di un telefono generico non generano alcun file di configurazione. Sono utilizzate pi che altro ai fini del monitoraggio dello stato dell'apparato.

Duplicazione della configurazione dei telefoni


Privilegio richiesto: installatore

Talvolta svariati telefoni possono utilizzare una configurazione dei tasti funzione identica. E' possibile duplicare le impostazioni di configurazione dei tasti mediante il pulsante Opzioni avanzate dell'applet Configurazione automatica telefoni contenuta in Installazione centralino.

Copia della configurazione dei tasti di un telefono

Una volta selezionato l'apparecchio di origine possibile copiarne l'impostazione delle lampada anche su pi apparati simultaneamente.

Ulteriori informazioni
48

E' possibile riavviare tutti i telefoni mediante il pulsante riavvia tutti i telefoni dell'applet Configurazione automatica telefoni contenuta in Installazione centralino.

49

Manuale ufficiale

Gestione oraria e calendari


Privilegio richiesto: installatore

Una delle esigenze pi comunemente sentite poter impostare il centralino in modo che effettui operazioni differenti sulla base dell'ora o del giorno dell'anno. Ad esempio evidente che una ditta sia chiusa il 25 dicembre o il primo maggio, quindi in queste circostanze per molti clienti interessante poter riprodurre determinati messaggi audio. O ancora gestire messaggi diversi per la pausa pranzo, o per la chiusura serale. Mercurius distingue fra impostazioni per periodi certi, quali appunto ferie ed orari di chiusura, e situazioni straordinarie: nel primo caso si utilizza la gestione oraria e calendari, nel secondo il servizio notte. Si noti che l'effettiva applicazione delle fasce orarie e servizio notte vincolata alle due relative opzioni relative alle linee. Per ulteriori informazioni si veda il capitolo Gestione dei flussi di chiamata.

Gestione delle fasce orarie


Privilegio richiesto: installatore

Selezionare l'applet Gestione fasce orarie presente in configurazione centralino:

Elenco delle fasce orarie impostate

Viene visualizzata una tabella riassuntiva delle fasce orarie impostate. Si presti attenzione al fatto che le fasce sono processate una ad una a partire dalla prima. Questo significa che in caso di sovrapposizione degli intervalli di tempo indicati, la precedenza spetta alle prime. Come consueto per modificare una fascia sufficiente cliccarci sopra o utilizzare l'icona con il portapenne. Scopo delle fasce , una volta individuata l'occorrenza del periodo specificato, riprodurre un dato messaggio e/o instradare la chiamata verso un certo derivato. Per creare una nuova fascia cliccare sul pulsante Aggiungi nuova fascia oraria, attribuire un nome e salvare la fascia. Entrare quindi nella modalit di modifica:

Parametri generali fascia oraria

50

Parametri specifici fascia oraria

Ogni riga della tabella precedente permette di specificare un periodo temporale. Al momento della creazione della fascia la tabella si compone di due righe, permettendo di indicare due intervalli, ad esempio gli orari di ufficio del mattino e del pomeriggio. Tuttavia possibile specificare anche pi di due intervalli di tempo per fascia in modo tale da poter gestire anche situazioni anomale. Nell'ipotesi della tabella, la fascia oraria denominata orario d'ufficio comprende tutti i giorni dalle 08:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 18:00, con l'eccezione del luned mattina, in cui l'orario dalle 10:00 alle 12:30. La possibilit di compilazione dei campi vincolata al porre un segno di spunta nella casella corrispondente. Per aggiungere ulteriori righe alla tabella, utilizzare il pulsante Aggiungi e salva, diversamente cliccare su Modifica

51

Manuale ufficiale

Servizio Notte
Privilegio richiesto: installatore

Il servizio notte permette di specificare fino a 9 diversi derivati da utilizzare come derivato di partenza nella gestione del flusso della chiamata. Digitando un codice dal telefono quindi possibile selezionare uno di questi derivati, dirottando il flusso dal suo normale percorso predefinito. Mediante il servizio notte cos possibile delineare percorsi differenti fra i derivati, preventivamente pianificati, attivabili in ogni momento, a prescindere da una logica temporale. Al verificarsi di un evento il cui momento impredicibile, sufficiente che un operatore con classe di servizio che gli consenta di effettuare questa operazione, digiti il codice del servizio notte idoneo alla circostanza. Per configurare il servizio notte utilizzare l'applet Servizio notte presente in configurazione centralino:

Impostazione del servizio notte

Nell'illustrazione sono configurati 3 derivati utilizzabili per il servizio notte. In questo momento attivato il servizio notte #2. Per attivare un altro servizio notte, cliccare sul segno di spunta corrispondente. Se invece si desidera disattivare il servizio notte, cliccare nuovamente sul pulsante del servizi attivo, che dovrebbe passare al colore grigio (inattivo). L'utente utilizzatore invece in grado di attivare e disattivare il servizio notte digitando gli opportuni codici di centrale. Per ulteriori informazioni, si faccia riferimento all' appendice A. Gestione dei flussi di chiamata Una delle caratteristiche fondamentali di un centralino ovviamente la gestione dei flussi delle chiamate. Mercurius non fa eccezione, consentendo una notevole flessibilit. Dal momento in cui la chiamata entra nel centralino, attraverso un fascio (analogico, ISDN, o VoIP) subisce varie verifiche. La prima quella sulla linea. Per linea si intende un canale di comunicazione interna del Mercurius. Due chiamate, pur provenendo dal medesimo fascio, potrebbero essere instradate a due linee differenti. A determinare la linea su cui viene instradata la chiamata sono una serie di regole organizzate in una pila ove le prime occorrenze hanno la precedenza sulle successive. Se la chiamata non soddisfa nessuna regola viene riprodotto un messaggio di sistema e la comunicazione viene terminata.
52

Linee in ingresso
ACD/Linee in ingresso default
Selezionare l'applet ACD / Linee in ingresso presente in configurazione centralino:

Elenco delle linee in ingresso installate

Viene visualizzato in una tabella l'elenco delle linee in ingresso definite.

Creazione nuove ACD/Linee in ingresso


Come consueto possibile modificare una linea cliccandoci sopra o cliccando sull'icona del portapenne. Cliccando su Aggiungi una nuova linea e configurare come segue, una nuova linea. Si tenga presente pero' che una volta creata la nuova ACD/Linea in ingresso, e'necessario portare a Disabilitato la linea di default, altrimenti non verrebbe presa in considerazione la modifica. Come si puo'notare l'ordine della linee in ingresso deve avere una numerazione coretta, ovvero: se si crea una linea con numerazione 90, le linee a seguire che devono essere intercettare del centralino come piu'importanti ( vedi per esempio un FAX, oppure un intercettazione di un numero specifico) dovranno avere una numerazione precedente alla 90, come per esempio 89 o 87 e cosi via. Questo per fare in modo che le chiamate piu'importanti non vengano processate come chiamate normali dalla successiva linea.

53

Manuale ufficiale

Nome linea Lingua Fascio di non provenienza numero MSN Questa dei numero del chiamante

Un nome quanto pi possibile esplicito. La lingua da utilizzare per i messaggi di sistema per le comunicazioni instradate su questa linea. Instrada su questa linea le comunicazioni provenienti dai fasci indicati. Se viene selezionato alcun fascio viene considerata la chiamata proveniente da qualsiasi fascio. Instrada su questa linea le chiamate dirette al numero MSN indicato. opzione utile solo in presenza di fasci ISDN multi-numero: impostando uno numeri nella casella di testo vengono intercettate ed inviate alla linea le chiamate dirette verso il numero indicato. Instrada su questa linea le chiamate provenienti dal numero indicato. Si noti che possibile specificare anche solo parte di un numero, adesempio un prefisso internazionale. In questo modo possi bile ad esempio intercettare le chiamate estere e fornire i messaggi di sistema in una lingua idealmente comprensibile al chiamante. Instrada su questa linea le chiamate provenienti dal nominativo indicato, che deve essere presente in rubrica. Indica a quali fasce orarie sono soggette le comunicazioni instradate su questa

nominativo chiamante Fasce orarie


54

linea. Qualora non venga selezionata alcuna fascia, la linea risulta valida in tutte le fasce.

Impostazioni di una linea

Servizio notte meno Esegui questo Inoltra a derivato inoltro,

Indica se le comunicazioni instradate su questa linea sono soggette o alle impostazioni del servizio notte. Specifica un messaggio da riprodurre non appena la chiamata viene instradata messaggio su questa linea.

instrada la chiamata al derivato indicato. Se si specifica Nessun continua con la regola successiva la chiamata viene processata dalla regola successiva della pila. Si noti che almeno una regola deve instradare la chiamata ad un derivato, pena la chiusura della comunicazione. Le impostazioni di fabbrica di Mercurius prevedono una sola linea di ingresso, la 99, che intercetta le chiamate provenienti da qualsiasi fascio e le instrada al derivato 99, di tipo applicazione vocale che fa squillare tutti i telefoni.

55

Manuale ufficiale

Linee in uscita
ASR/LCR Linee in uscita default
Selezionare l'applet ASR / LCR Linee in uscita presente in configurazione centralino:

Elenco delle linee in uscita installate

Viene visualizzato in una tabella l'elenco delle linee in uscita definite. Come consueto possibile modificare una linea cliccandoci sopra o cliccando sull'icona del portapenne. L'impostazione delle linee in uscita una delle cose pi importanti per il cliente: se ad esempio la vendita dell'apparato stata motivata dai risparmi telefonici attuabili, solo un impostazione adeguata delle linee manterr le promesse di vendita! Ad esempio si possono creare regole per dirigere tutto il traffico di rete verso rete mobile su un fascio collegato ad un gateway GSM, tutte le chiamate internazionali su un fascio VoIP, le nazionali su un altro, magari gestito da un operatore pi conveniente, e solo da ultimo prendere in considerazione un operatore di backup. Come ben noto, il VoIP ha attualmente dei limiti: non ad esempio possibile chiamare le numerazioni di emergenza (112, 133, 118, ecc). Il problema la localizzazione geografica del chiamante operata da questo tipo di numeri servizi: purtroppo si sa bene che la localizzazione geografica di un indirizzo IP globale tutt'altro che precisa e che l'unico dato certo la nazione di ubicazione, ricavabile direttamente dal RIR. Per questo motivo le impostazioni di fabbrica di Mercurius prevedono la redirezione di questo tipo di chiamate ai fasci fisici.

56

Impostazione della linea per la numerazione di emergenza

Tasti intercettati della interi ulteriori pattern. Ordine fasci tentati uno alla Fasce orarie instradate Stutter tone linea, occorrenza.

Le sequenze di tasti che determinano l'occorrenza per l'uso linea. E' possibile specificare fino a 256 valori, tanto numeri quanto codici parziali, utilizzando le regole dei pattern. Per informazioni in proposito, si veda il paragrafo Lavorare con i I fasci attraverso cui verr effettuata la chiamata. Vengono volta, sulla base dell'ordine indicato. Indica a quali fasce orarie sono soggette le comunicazioni attraverso questa linea. Qualora non venga selezionata alcuna fascia, la linea risulta valida in tutte le fasce. Se abilitato, quando la chiamata viene intercettata da questa viene riprodotto un tono per informare l'utente dell'avvenuta

Le impostazioni di fabbrica di Mercurius prevedono due ulteriori linee: una permette di forzare il fascio di uscita anteponendo 9 al numero da comporre. L'altra per effettuare le chiamate normali (nazionali, cellulari, numeri servizi).

57

Manuale ufficiale

Lavorare con i pattern


Come accennato, nelle linee in uscita possibile specificare un numero intero o parte di un numero quale occorrenza da verificare. La parte di un numero viene specificata mediante l'uso di pattern: sequenze di cifre che rispettano la sintassi seguente:

Simbolo X Z N [1234-9] . ! |

Significato
Qualsiasi cifra compresa fra 0 e 9 Qualsiasi cifra compresa fra 1 e 9 Qualsiasi cifra compresa fra 2 e 9 Qualsiasi cifra compresa nell'intervallo indicato nelle parentesi quadre Una o pi cifre seguenti Nessuna o pi cifre seguenti Rimuove la parte antecedente il carattere pipe dal numero. Tale parte viene comunque ovviamente valutata per determinare l'occorrenza

Si faccia molta attenzione nello scrivere i pattern: un pattern mal scritto rischia ad esempio di intercettare la chiamata ad un interno. Seguono alcuni esempi di pattern:
Un numero di emergenza (dal 112 al 119) Tutti i numeri che cominciano con le tre cifre comprese fra 112 e 119, compresi 11N! i numeri di emergenza dal 112 al 119. Tutti i numeri che cominciano con le tre cifre comprese fra 112 e 119, Sono 11N. invece esclusi i numeri di emergenza dal 112 al 119. Rimuove il carattere 9 dal numero 9| 02213432[01234] I numeri 022134320, 022134321, 022134322, 022134323, 022134324.

Pattern 11N

Significato

58

Gestione dei FAX


Collegamento di un fax tradizionale tramite adattatore ATA FXS1
Creazione Derivato Creare un Derivato di tipo Telefono SIP Inserire nel campo CLIP il numero pubblico assegnato al FAX (es. 02123456 ) Impostare a SI la voce Connesso a FAX Impostare il campo Qualita' voce su Migliore Abilitare il derivato se non e'gia'stato fatto. Una icona di FAX comparira' a fianco al derivato

Collegamento Adattatore ATA VoIP FXS Collegare fisicamente l'adattatore Linksys ATA PAP2T alla rete e verficiare che abbia ottenuto un indirizzo IP tramite il Linksys Configuration Menu. Recarsi in Installazione centralino ---> Configurazione automatica telefoni ---> Cerca e aggiungi in automatico Se tutto corretto comparira' un nuovo dispositivo Linksys (verificare MAC ADDRESS / IP ADDRESS) Associare l'interno precedentemente creato al dispostivo Linksys Tramite tasto Modifica impostare l'interno (FATE ATTENZIONE GLI INTERNI SONO DUE) e impostare Utilizza FAX a Si Applicare la configurazione e successivamente eseguire il download della cofigurazione sul telefono. Accertarsi che l'adattatore Linksys sia registrato correttamente sul PBX.

Configurazione fisica del FAX ( se possibile ) Per ovviare alla gran parte di FAX distribuiti recentemente in commercio, eseguire le seguenti istruzioni a seconda del dispositivo che state utilizzando. Impostare il FAX per ricevere alla velocita' piu bassa possibile (9600 / 4800 possibilmente). Disabilitare l'opzione di sistema ECM.

Collegamento del fax server integrato in modalit ricezione1


Creazione di un derivato Fax Server Integrato Creare un derivato di tipo Applicazione Vocale ---> Fax Server Integrato Abilitare il derivato se non e'gia' stato fatto

Ovviamente il collegamento termina qui, in quanto non esiste nessun tipo di collegamento fisico, essendo virtuale.

1 1

Se le vostre impostazioni rispecchiano le seguenti, passare alla configurazione per la recezione del FAX. Se le vostre impostazioni rispecchiano le seguenti, passare alla configurazione per la recezione del FAX.

59

Manuale ufficiale

Configurazione: Ricezione FAX da una linea ISDN multinumero


Creazione Linea In ingresso ACD Recarsi in Configurazione centralino ---> Linee in ingresso ACD Aggiungere una nuova linea: fate attenzione alla numerazione della linea che abbia priorita'su tutte le altre per non creare conflitto con le linee successive. Inserire nel campo MSN il numero della borchia dedicato al FAX con lo 0 e senza ( es. 0212345 212345); questo perche' la Telecom invia l'MSN in modalita'diverse. Inoltrare al derivato corrispondente al FAX le chiamate ( sia con un dispostivo ATA FSX che come servizio integrato).

Inoltro a FAX Server Integrato Dopo aver creato la Linea in ingresso dedicato al FAX e aver inserito il derivato corretto, procedere come segue: Recarsi in Installazione centralino ---> Impostazioni generali ---> Impostazioni generali Inserire nel campo Impostazioni Fax ---> destinarari email, tutti gli indirizzi che dovranno ricevere i FAX convertiti in formato PDF. Recarsi in Installazione centralino ---> Impostazioni di rete Controllare che il server SMTP sia corretto e funzionante, altrimenti le mail potrebbero non arrivarare. Testare il funzionamento del server SMTP inviando una mail tramite il tool situato in Manutenzione centralino ---> Strumenti di diagnostica ---> Test invio mail

Configurazione: Ricezione FAX da una linea dedicata


Creazione Linea In ingresso ACD Recarsi in Configurazione centralino ---> Linee in ingresso ACD Aggiungere una nuova linea: fate attenzione alla numerazione della linea che abbia priorita'su tutte le altre per non creare conflitto con le linee successive. Selezionare come fascio di provenienza la linea dedicata al FAX. Inoltrare al derivato corrispondente al FAX le chiamate ( sia con un dispostivo ATA FSX che come servizio integrato).

Se avete intenzione di utilizzare il servizio FAX Server integrato, procedere come sopra.

Configurazione: Ricezione FAX da una linea condivisa (Analogica singolo numero)


Creazione Linea In ingresso ACD Recarsi in Configurazione centralino ---> Linee in ingresso ACD Aggiungere una nuova linea: fate attenzione alla numerazione della linea che abbia priorita'su tutte le altre per non creare conflitto con le linee successive. Impostare l'opzione menu a tendina FAX come valore On Recarsi in Installazione centralino ---> Gestione fasci Selezionare il/i fascio interessato dalle linee in ingresso e abilitare l'opzione Riconoscimento automatico del FAX. Impostare la durata del riconoscimento: 4 secs per ISDN e 6 secs per analogica.

L'attivazione di questa funzione e' consigliata solo nel caso di utenti con 1 linea analogica. I fax spediti

60

manualmente dal chiamante non sono ovviamente riconosciuti. L'abilitazione di questa funzione inoltre introduce un ritardo nel tempo di risposta su tutte le comunicazioni.

Configurazione: discriminare la chiamate FAX dal PBX (collegamento diretto alla borchia ISDN)
Come gia'detto inzialmente, se possedere una borchia ISDN NT1+, avete la possibilita' di lasciare il FAX collegato direttamente alla linea PSTN preesistente. Di fatto e'la configurazione ottimale se non si vuole dipendere completamente dal centralino. Creazione di un derivato Applicazione vocale NON rispondere Creare un derivato di tipo Applicazione Vocale ---> NON rispondere Abilitare se non e'gia'stato fatto

Creazione Linea In ingresso ACD Recarsi in Configurazione centralino ---> Linee in ingresso ACD Aggiungere una nuova linea: fate attenzione alla numerazione della linea che abbia priorita'su tutte le altre per non creare conflitto con le linee successive. Solo se la linea e'ISDN: Inserire nel campo MSN il numero della borchia dedicato al FAX con lo 0 e senza ( es. 0212345 212345); questo perche' la Telecom invia l'MSN in modalita'diverse. Se si conosce il fascio interessato selezionarlo con il flag Inoltrare le chiamate al derivato di tipo NON rispondere, precedentemente creato. Testare il funzionamento della linea

Gateway GSM analogico


Privilegio richiesto: installatore

Collegare un normale telefono analogico al gateway e, dopo averci collocato la SIM, provare a fare una chiamata. Se tutto funziona vuol dire che la SIM impostata senza richiesta del codice PIN. Sebbene questa cosa semplifichi leggermente l'installazione, sconsigliabile utilizzare una SIM sbloccata: chiunque potrebbe rimuoverla facilmente dal gateway ed utilizzarla liberamente. Per questo motivo consigliabile riabilitare la richiesta del codice PIN, se questa caratteristica non ancora attiva. A questo punto quando si tenta di telefonare non si ottiene pi il tono di libero, ma una sequenza di quattro toni consecutivi ripetuta in continuo. Ci significa che occorre impostare il PIN della SIM, che verr memorizzato nel Gateway e riutilizzato automaticamente ad ogni eventuale caduta di tensione. Digitare perci il codice PIN. Cambier il tono, riagganciare. A questo punto provare a telefonare: si dovrebbe ottenere il tono di libero ed essere in grado di effettuare la telefonata. A questo punto si pronti per collegare il gateway al centralino: utilizzare a tal fine una porta analogica. A questo punto occorre solo istruire il centralino per l'LCR (least cost routing). Supponiamo che il gateway sia collegato all'interfaccia analogica del fascio 2, creare una linea di uscita simile alla seguente:

61

Manuale ufficiale

In questo modo tutti i prefissi cellulari vengono catturati dalla linea Gateway GSM creata, e vengono instradate utilizzando il gateway GSM se disponibile, altrimenti attraverso il fascio ISDN. Tuttavia l'utente si accorger della cosa per via dello stutter tone, impostato appunto per segnalare il cambio di fascio.

62

Gateway ISDN BRI GSM (2N)


Questo gateway equipaggiabile con due SIM GSM per consentire sino a due chiamate simultanee. Una volta configurato il PIN delle SIM mediante un normale telefono ISDN collegato alla porta NT1 del gateway13 (o impostate le SIM in modo che non lo richiedano pratica sconsigliabile), sono possibili due diverse configurazioni. La prima consiste nel collegare il centralino alla porta di tipo NT1 (il TE il centralino stesso). Questo il tipo di collegamento pi semplice, e consente di utilizzare i soli meccanismi LCR del centralino facendo pervenire al gateway solo le chiamate a numerazione mobile o comunque solo verso determinati numeri di destinazione. Non possibile ad esempio inserire due SIM di gestori differenti e selezionare l'una o l'altra in base al destinatario. Volendo fare una simile operazione dal centralino occorre acquistare pi gateway di questo tipo. La seconda SIM in questo caso viene utilizzata solo per poter fare due chiamate simultanee verso la rete mobile. Da ultimo si noti che questa configurazione richiede una porta ISDN dedicata al solo gateway GSM. Il vantaggio di questo tipo di configurazione sicuramente la semplicit, nel senso che evita di sporcarsi le mani configurando il gateway stesso. Il secondo approccio, decisamente pi elaborato, prevede che sia il gateway ad effettuare l'LCR fra le schede, e consente addirittura di evitare l'uso di una scheda ISDN dedicata, instradando le chiamate di rete fissa attraverso la normale linea ISDN. Collegare il centralino alla porta NT1 del gateway, e la porta TE all'NT1 attaccato al muro. Collegare il cavo seriale al gateway ed accenderlo, installare quindi il programma di configurazione fornito insieme al gateway. Una volta selezionata la lingua inglese, cliccare su gateway / connect gateway, e rispondere si alla richiesta di upload delle impostazioni dal gateway al PC. Nel caso il gateway non rispondesse, selezionare la porta COM corretta dalla finestra settings / communication. La prima operazione da effettuare, se non gi stato fatto, impostare i PIN delle SIM: accedere a Gateway Control / Diagnostics. Non appena disponibile cliccare su Enter PIN ed immettere il PIN di ogni SIM:

Cliccare quindi su OK. Una volta registrate le SIM, se sono di operatori diversi e si intende fare LCR fra le due registrare su un foglio di carta i parametri operator name di ciascuna SIM.
13 Per l'impostazione del PIN mediante codici DTMF si rimanda alla documentazione a corredo del prodotto

63

Manuale ufficiale

Nell'esempio la SIM 1 Wind (22288), la due Vodafone Italiana (22210). A questo punto, volendo effettuare LCR fra le due SIM, dal men ad albero a sinistra espandere il nodo routing e selezionare GSM destination. Cliccando su add possibile aggiungere regole per ogni operatore: nell'esempio seguente illustrata la regola per Wind:

Name il nome di comodo, code il codice operatore precedentemente registrato su foglio di carta, SMS center il numero del centro servizi SMS. A questo punto possibile aggiungere uno ad uno i prefissi del singolo operatore, immettendo il prefisso in number e la lunghezza totale del numero, prefisso escluso, in number of others. Cliccando su add possibile aggiungere pi prefissi. Utilizzare modify per modificare un prefisso, e remove per eliminarlo. Volendo possibile addirittura specificare l'intero numero, ad esempio per indicare un destinatario che pur avendo il prefisso di un operatore ne utilizza in realt un altro. In questo caso number of other vale 0. Una volta create le regole per la fonia GSM, si dovrebbe ottenere una situazione come la seguente:

64

In base al numero o prefisso digitato il gateway instrada la chiamata sulla SIM con il Code operatore corrispondente. Se il gateway collegato al solo centralino, le impostazioni terminano qui. Effettuare l'upload verso il gateway per renderle effettive. Se invece il gateway a sua volta collegato all'NT1 sul muro, occorre definire le regole per le destinazioni terrestri, da inviare attraverso l'interfaccia TE del gateway. Utilizzando il medesimo principio, configurare anche le destinazioni internazionali e nazionali:

quindi impostare luogo di installazione (installation site):

A questo punto, se la chiamata arrivata al gateway (dal centralino) non di rete mobile, esce normalmente dalla linea ISDN. Il vantaggio di questo approccio che permette di risparmiare il costo di una scheda ISDN aggiuntiva. Lo svantaggio che se la linea ISDN occupata (entrambi i canali) non possibile effettuare chiamate GSM.

Collegare due centralini Mercurius


Privilegio richiesto: installatore

E' possibile collegare fra loro due centralini Mercurius, in modo tale che effettuino chiamate VoIP fra di loro, azzerando i costi di collegamento Per effettuare questo tipo di configurazione sono necessari due centralini: uno Master ed uno Slave.

Centralino Master
Per effettuare la configurazione accedere all'applet Gestione fasci ISDN e VoIP posta in Installazione Centralino.

65

Manuale ufficiale

Fasci Installati: interfaccia analogica a 4 porte, collegamento VoIP con provider e collegamento VoIP ad altro centralino Mercurius

Selezionare aggiungi un nuovo fascio e creare un fascio di tipo VoIP IAX2 Impostare la sezione fascio:

Impostazioni base del collegamento

Numero fascio o del Nome fascio

Un numero che identifica univocamente il fascio. Non da intendersi come un progressivo: la posizione di un fascio in posizione pi meno elevata non influisce in alcun modo sul comportamento centralino. Il nome indicativo attribuito al fascio. Utilizzare un nome sufficientemente palese aiuta ad identificare a colpo d'occhio il fascio in questo caso indicare il nome del centralino remoto. Parametro opzionale. Se specificato il numero di telefono che viene associato alle chiamate in entrata su questo fascio ed attribuito alle chiamate in uscita. Omettendolo le chiamate in uscita invece il numero dell'interno associato. Corrisponde all'MSN. Il nome utente IAX2 utilizzato per l'autenticazione dal nodo remoto. essere utile indicare in qualche modo nel nome utente la provenienza. La password dell'account IAX2 L'URL o l'indirizzo IP del centralino remoto

Numero geografico mantengono grossolanamente Utente IAX2 Pu Password IAX2 Server IAX2
66

La sezione Opzioni Avanzate

Lingua Provider Preselezione

La lingua utilizzata per i messaggi di sistema utilizzati per comunicare con il chiamante proveniente da questo fascio. attiva delle opzioni specifiche per il provider selezionato. In questo caso selezionare Mercurius: da centrale a remoto. Parametro irrilevante ai fini di questa configurazione. Il numero massimo di chiamate simultanee. Valgono le medesime considerazioni enunciate di seguito per il parametro qualit. La qualit dell'audio durante la chiamata. Sono possibili diversi valori: Ottimale, sfruttando il codec G.711, compressa, con codec GSM, Speex, ILBC oppure G.729a (previa licenza acquistata). La prima richiede 80Kbps, la seconda 32kbps, metre solo 24Kbps per G.729a. La corretta impostazione di questo parametro data dal contratto VoIP, dalla banda disponibile e dal numero di interni che devono poter telefonare simultaneamente. Indica se il fascio utilizzabile per le sole chiamate in uscita, o se abilitato anche alla ricezione.

Limite chiamate Qualit

Ricezione chiamate

Centralino Slave
Per effettuare la configurazione accedere all'applet Gestione fasci ISDN e VoIP posta in Installazione Centralino. Selezionare quindi aggiungi un nuovo fascio e creare un fascio di tipo VoIP IAX2 ed impostare la sezione fascio:

67

Manuale ufficiale

Impostazioni base del collegamento

Numero fascio

Un numero che identifica univocamente il fascio. Non da intendersi come un progressivo: la posizione di un fascio in posizione pi o meno elevata non influisce in alcun modo sul comportamento del centralino. Il nome di comodo attribuito al fascio. Utilizzare un nome sufficientemente palese aiuta ad identificare a colpo d'occhio il fascio in questo caso indicare il nome del centralino remoto. Parametro opzionale. Se specificato il numero di telefono che viene associatoalle chiamate in entrata su questo fascio ed attribuito alle chiamate in uscita. Omettendolo le chiamate in uscita mantengono il numero dell'interno associato. Corrisponde grossolanamente Il nome utente IAX2 utilizzato per l'autenticazione sul nodo remoto. essere utile indicare in qualche modo nel nome utente la provenienza. La password dell'account IAX2. L'URL o l'indirizzo IP del centralino remoto

Nome fascio

Numero geografico invece all'MSN. Utente IAX2 Pu Password IAX2 Server IAX2

68

La sezione Opzioni Avanzate

Lingua Provider caso Preselezione Limite chiamate Qualit Speex, 80Kbps, banda Ricezione chiamate

La lingua utilizzata per i messaggi di sistema utilizzati per comunicare con il chiamante proveniente da questo fascio. Attiva delle opzioni specifiche per il provider selezionato. In questo selezionare Mercurius: da remoto a centrale. Parametro irrilevante ai fini di questa configurazione Il numero massimo di chiamate simultanee. Valgono le medesime considerazioni enunciate di seguito per il parametro qualit. La qualit dell'audio durante la chiamata. Sono possibili diversi valori: Ottimale, sfruttando il codec G.711, compressa, con codec GSM, ILBC oppure G.729a (previa licenza acquistata). La prima richiede la seconda 32kbps, metre solo 24Kbps per G.729a. La corretta impostazione di questo parametro data dal contratto VoIP, dalla disponibile e dal numero di interni che devono poter telefonare simultaneamente. Indica se il fascio utilizzabile per le sole chiamate in uscita, o se abilitato anche alla ricezione.

Configurazione di telefoni remoti


Privilegio richiesto: installatore

E' possibile collegare telefoni SIP installati in sedi remote al centralino presente nella sede centrale, effettuando cos chiamate a costo 0 verso la sede ed utilizzando le linee urbane della sede per effettuare chiamate telefoniche, risparmiando cos i costi di canone telefonico nelle filiali. Per effettuare la configurazione accedere all'applet Derivati del Centralino posta in Configurazione Centralino. Impostare come consueto i parametri del derivato, magari indicando nel campo identificativo chiamante anche la sede remota, ad esempio Como Rossi Giorgio. Concentrarsi quindi sulla sezione Telefono remoto

69

Manuale ufficiale

Impostazioni del derivato per il telefono remoto

Qualit audio parametro

ILBC,GSM,Speex condizione Correzione NAT

Permette di impostare la qualit della conversazione. Questo diventa particolarmente utile nel caso di un collegamento Internet non particolarmente brillante non si disporrebbe di sufficiente larghezza di banda per poter telefonare: regolando questo parametro possibile utilizzare CODEC con un livello di compressione maggiore, in grado di operare su linee Internet a bassa capacit. Tuttavia, maggiore la compressione, peggiore la qualit audio. I codec attualmente supportati sono G711 (alaw/ulaw) 80Kbps (CONSIGLIATO), G726 (ADPCM), 48Kbps (solo ed esclusivamente in LAN), 32Kbps, G.729a (previa licenza acquistata), 8kbps. Ovviamente necessaria che i telefoni in uso siano in grado di utilizzare i formati precedentemente citati. Se abilitato impone a Mercurius nelle comunicazioni con dispositivi remoti di specificare come indirizzo IP mittente l'IP pubblico e non l'effettivo IP privato del centralino. Impostare a Si nel caso di telefoni remoti provenienti da Internet, ovvero in assenza di un collegamento dedicato con la sede remota, quale ad esempio una VPN. Nel caso di telefoni remoti installati su reti con indirizzamento privato, impostare questo parametro a No. Permette di specificare una lista di indirizzi di reti locali su cui pu trovarsi il telefono associato al derivato. Questo parametro risulta utile in caso di telefoni remoti collegati attraverso una VPN, realizzando un controllo ACL in grado di migliorare la sicurezza complessiva dell'infrastruttura .

Controllo accesso

Terminata la configurazione del derivato, passare direttamente a quella del telefono. Se il telefono remoto collegato attraverso una VPN, o comunque con un collegamento dedicato con indirizzamento privato, possibile effettuare la configurazione automatica come consueto. Diversamente occorre impostare manualmente il telefono. Nella trattazione viene preso ad esempio il Grandstream GXP2000. Nel caso di altri telefoni occorre configurare esattamente gli stessi parametri esposti di seguito. Accedere al men di configurazione del GXP mediante browser web specificando nella
70

casella indirizzo l'IP del telefono. La password predefinita admin. Portarsi quindi nella scheda Advanced Settings e configurare il telefono per l'uso di uno STUN server si faccia molta attenzione al tipo di NAT utilizzata dal router del cliente: STUN non in grado di operare correttamente in caso di NAT simmetriche. In tal caso l'unica soluzione possibile convincere il cliente a configurare il router con una policy di NAT un filino meno restrittiva, come una port restricted cone o restricted cone.

Cliccare sul pulsante Update in fondo al modulo per salvare la modifica appena apportata, o passando da una scheda all'altra non verr salvata. A questo punto passare alla configurazione di ogni account (solitamente ne basta uno, il primo). Selezionare perci la scheda Account 1 ed attivare la funzione NAT Traversal mediante STUN:

Da ultimo, solo in caso di configurazione di account multipli (pi di una linea con provider diversi), impostare una porta SIP locale diversa per ogni singolo account:

Salvare cliccando sul tasto Update in fondo al modulo, quindi riavviare il telefono per applicare le modifiche. A questo punto il telefono remoto dovrebbe essere in grado di registrarsi sul centralino: accedendo all'applet Stato dei telefoni del gruppo Strumenti di diagnostica in Manutenzione centralino dovrebbe venire visualizzata la riga relativa al telefono remoto, con un valore di stato OK ma con un ritardo in ms un po' pi elevato rispetto a quelli locali valori ottimali sono fra i 100 ed i 200 ms.

Suonerie differenziate
Privilegio richiesto: installatore

Alcuni telefoni VoIP, quali i Grandstream e Snom, sono in grado di gestire suonerie differenziate per distinguere fra chiamate interne ed esterne. I Garandstream supportano configurazioni diverse telefono per telefono, cos che ogni utente possa liberamente scegliere la suoneria per le chiamate dall'esterno e quella per le chiamate dall'interno. Gli Snom non presentano questa flessibilit: possibile configurare solo la suoneria per le chiamate dall'interno diversa telefono per telefono. Tuttavia, e questo depone a favore degli Snom, differentemente dai Grandstream, che supportano solo suonerie di sistema, gli Snom consento l'uso di suonerie personalizzate. Queste, utilizzabili anche come suonerie per le chiamate interne, non sono altro che file audio precaricati sul
71

Manuale ufficiale

Mercurius.

Suonerie esterne telefoni Snom


Questa impostazione permette di configurare la suoneria per le chiamate provenienti dall'esterno che verr adottata da tutti i telefoni Snom installati, indipendentemente dal modello. Aprire l'applet Configurazione telefoni Snom contenuta nel gruppo Impostazioni Generali in Installazione centralino.

Impostazione suoneria esterna per i telefoni Snom

Cliccare sul segno di spunta corrispondente alla suoneria che si intende utilizzare. La suoneria correntemente impostata spuntata con colore verde. Cliccando sull'icona dell'altoparlante possibile ascoltare un anteprima della soneria.

Suonerie interne telefoni Snom


Questa impostazione permette di configurare la suoneria per le chiamate provenienti dall'interno che verr adottata da ogni singolo telefono Snom: ogni utente disporr cos di una propria suoneria per identificare le chiamate provenienti dall'interno. Per impostarle occorre utilizzare l'applet configurazione automatica telefoni presente in installazione centralino. A questo punto selezionare il telefono che si intende modificare.

Impostazioni per la generazione di un file di configurazione per un Snom 300

Come si sar notato, sono disponibili tanto suonerie di sistema quanto quelle personalizzate.

72

Suonerie differenziate per telefoni Grandstream


Questa impostazione permette di configurare suonerie differenziate per le chiamate provenienti dall'esterno e dall'interno, con configurazioni diverse telefono per telefono. In questo modo ogni singolo utente pu disporre di suonerie differenziate a proprio gusto. Per impostarle occorre utilizzare l'applet configurazione automatica telefoni presente in installazione centralino. A questo punto selezionare il telefono che si intende modificare.

Impostazioni per la generazione di un file di configurazione per un Grandstream BT-200

Come si sar notato, sono disponibili solo suonerie di sistema

Backup e ripristino
Privilegio richiesto: installatore

Come ogni buon tecnico deve sapere, obbligatorio effettuare un backup della configurazione al termine dell'impostazione di qualsiasi apparato, ed uno prima di fare qualsiasi modifica alle impostazioni, a scopo cautelativo (il backup precedente potrebbe essere corrotto o andato perduto). Per salvare tutte le impostazioni del centralino sufficiente utilizzare l'applet Backup del gruppo Backup e ripristino configurazione contenuta in Installazione Centralino. Selezionare quindi cosa si desidera includere nel backup, considerando ovviamente che l'aggiunta di messaggi voicemail e musica di attesa creer un file di maggiori dimensioni:

73

Manuale ufficiale

Preparazione del backup del centralino

Una volta cliccato su prepare viene preparato un file contenente tutto quanto si deciso di salvare. Cliccare perci su Scarica per salvare tale file sul proprio computer

Salvataggio del backup preparato

Per ripristinare tutte le impostazioni del centralino sufficiente utilizzare l'applet Ripristino del gruppo Backup e ripristino configurazione contenuta in Installazione Centralino. Selezionare il file di backup precedentemente creato utilizzando il pulsante Sfoglia... ed inviarlo al centralino cliccando su Upload.

74

Reset delle impostazioni


Privilegio richiesto: installatore

E' possibile in ogni momento ripristinare le impostazioni di fabbrica, azzerando le impostazioni del centralino. Questa operazione rimuove anche le licenze installate, di conseguenza immediatamente dopo la reimpostazione occorre configurare i parametri di rete, che saranno ovviamente ritornati ai valori predefiniti (192.168.1.122). Ovviamente in questa operazione verra'perso il file di licenza, che dovra'essere richiesto al Supporto Tecnico Mercurius. Vedere successivamente Licenze ed Aggornamenti Gestione Licenze Per effettuare il reset della configurazione, utilizzare l'applet Reset della configurazione presente nel gruppo Riavvio centralino in Manutenzione Centralino. Apparir il messaggio di avviso che illustra la non reversibilit dell'operazione. Continuare premendo il pulsante Resetta alle impostazioni di fabbrica.

Ripristino delle impostazioni di fabbrica

Questa operazione rimuove tutti gli interni, linee in uscita ed in entrata, account VoIP, telefoni, impostazione caselle vocali e relativi contenuti, palylist delle musiche di attesa e tutti i file di log. Da ultimo riavvia il database MySQL e resetta i fasci. Terminata l'operazione di pulizia, vengono riapplicate le impostazioni originarie e la macchina riavviata. Questo significa che se l'indirizzo IP non corrisponde alle impostazioni di fabbrica, la pagina si bloccher al messaggio di riavvio in corso. Per poter continuare occorre evidentemente effettuare un nuovo login al centralino utilizzando uno degli indirizzi IP predefiniti precedentemente enunciati. Una volta effettuato nuovamente il login, per prima cosa ripristinare le impostazioni di rete ed effettuare l'aggiornamento. Se questa operazione non venisse fatta, non essendo pi presente il file di licenza, ogni volta che si preme il pulsante Applica configurazione verr visualizzato il messaggio seguente, a cui farebbe seguito un annullamento delle modifiche apportate e ripristino della configurazione originaria.

75

Manuale ufficiale

Tentativo di applicazione della configurazione su di un centralino appena resettato che non ha ancora effettuato aggiornamento

Terminata la procedura di aggiornamento, provare a cliccare su Applica Configurazione. Se non vengono riportati errori rilevanti, la reimpostazione andata a buon fine, ed possibile provvedere alla riconfigurazione della macchina

76

Risoluzione di problemi
Privilegio richiesto: installatore

Cancellazione dell'echo
Se durante la conversazione si sperimenta di sentire la propria voce ad un livello eccessivo, si incappati un un problema di echo. La soluzione al problema si compone di quattro fasi. Se si ottiene il risultato voluto prima di giungere all'ultima fase, possibile omettere le operazioni restanti.
Fase 1 Regolazione del volume dell'apparecchio

La causa pi probabile di echo solitamente il volume dell'apparecchio telefonico regolato ad un valore troppo elevato. La prima mossa da tentare perci abbassare un po' il volume ed effettuare una prova di comunicazione. Solitamente nel giro due o tre tentativi si raggiunge un risultato soddisfacente.
Fase 2 Tuning FXO (solo per schede analogiche)

Se la fase precedente non ha portato ai risultati sperati, procedere come segue: fermare il servizio di centralino ed eseguire l'applet Tuning FXO contenuta nel gruppo Strumenti di diagnostica. La durata dell'operazione varia da 30 secondi a 4 minuti per ogni singola porta FXO installata.

Fase 2 - Solo per le schede analogiche, tuning FXO Fase 3 Regolazione dei volumi sulla borchia

Se ancora non si raggiunto l'obiettivo, provare a regolare il segnale di uscita: l'echo potrebbe essere infatti determinato da un valore troppo elevato. In questo caso l'effetto si presenta soprattutto quando si chiamano numeri telefonici della propria rete urbana mentre assente per chiamate interurbane e sui cellulari. Per regolare il volume occorre andare su Installazione Centralino quindi su Gestione fasci ISDN e VOIP modificare il fascio relativo alla porta che da un problema di echo. Per attenuare l'amplificazione del segnale cliccare sulla voce Tx Gain modificando il valore da (Default) (che equivale a 0.0) ad uno negativo.

77

Manuale ufficiale

Regolazione dei volumi sulla borchia

Cliccare su Modifica, quindi Applica configurazione e infine Riavvia Centralino. Se il risultato non soddisfacente con -1.0 occorre attenuare maggiormente l'amplificazione: provare di nuovo pi volte con -2.0, -3.0, -4.0 non oltre -5.0, sempre applicando la configurazione e riavviando il servizio - utilizzare valori inferiori a -5.0 pu far si che la Telco non riconosca pi i vostri DTMF. Qualora neppure questo metodo desse i risultati desiderati, reimpostate i valori di default e provate con la fase successiva.
Fase 4 Impostazione dei cancellatori di echo

I sistemi sono dotati di cancellatore di echo regolato in fabbrica con impostazioni ottimali per le borchie BRI. Poich ogni linea urbana analogica diversa dalle altre potrebbe tuttavia essere necessario un minimo di taratura per le borchie analogiche. Purtroppo l'unico sistema quello empirico, operando una configurazione iterativa finch non si ottengono risultati ottimali. I due parametri su cui agire sono Echo 1 e Echo Training.

78

Come per l'operazione precedente occorre utilizzare l'applet Gestione fasci ISDN e VoIP. Una volta modificati i parametri necessario applicare la configurazione e riavviare il servizio.

Un buon approccio lavorare prima sul parametro Echo 1, quindi su Echo training: ad esempio, partendo da un Echo 1 di valore 128, provare tutte le combinazioni di Echo training (100,200,...). Una volta provata anche la combinazione con 800, impostare il successivo valore di Echo 1 (256 nel nostro caso), e ripartire con Echo training uguale a 100. Si rammenta ancora una volta che ad ogni modifica il sistema deve essere riavviato.

Riavvio del centralino


Talvolta pu essere necessario spegnere o riavviare la macchina. Anche se in rarissime occasioni, capitato che il sistema operativo saturasse le risorse non riuscendo pi a rilasciarle. Questo da luogo a comportamenti imprevedibili ed alquanto bizzarri. In presenza di situazioni di questo tipo pu essere utile riavviare la macchina, costringendo cos il rilascio delle risorse bloccate. Sono disponibili varie modalit di riavvio, accessibili utilizzando il gruppo riavvio centralino collocato in Manutenzione centralino

79

Manuale ufficiale

Applica modifiche

Rende effettivi i cambiamenti apportati alla configurazione del centralino, provvedendo al ricaricamento di tutti i file di configurazione. Questa operazione, salvo errori di configurazione operati dall'installatore, non causa interruzioni di servizio. Riavvia il servizio centralino, causando l'interruzione di tutte le chiamate in corso. Da evitare in un ambiente di produzione Riavvia il servizio centralino, tenendo in considerazione le eventuali chiamate in corso: il riavvio viene effettuato nel momento opportuno, ovvero quando non ci sia attivit di chiamate. Riavvia il servizio centralino, tenendo in considerazione le in corso: il riavvio viene effettuato nel momento pi opportuno, ovvero quando non ci sia attivit di chiamate. Tuttavia questa volta il centralino smette anche di accettare nuove chiamate. Riavvia fisicamente il centralino utile per forzare il rilascio di Spegne fisicamente il centralino Ripristina le impostazioni di fabbrica, cancellando tutto quanto stato impostato. Si presti attenzione al fatto che annulla anche la licenza, rendendo necessaria la richiesta della licenza al Supporto Tecnico Mercurius.

Riavvio PBX immediatamente Riavvio PBX appena possibile pi Riavvio servizio chiamate PBX

Riavvio macchina risorse Spegnimento macchina Reset configurazione

80

Diagnostica
Il centralino dotato di numerosi strumenti diagnostici utilizzabili per individuare la maggior parte dei problemi che si potrebbero verificare. Le applet sono inserite nel gruppo Strumenti di diagnostica collocato in Manutenzione centralino.

Stato dei fasci

Visualizza lo stato operativo di tutti i fasci. Nel caso di interfacce ISDN, non appena collegate deve diventare UP lo stato del Link Layer 1, mentre il Link Layer 2 diventa UP solo durante le chiamate, e viene rilasciato trascorso qualche secondo dal riaggancio della linea. I fasci VoIP SIP ed IAX devono essere in stato registered. Visualizza lo stato operativo di tutti i telefoni connessi, a prescindere fatto che siano stati installati nel provisioning telefoni. In pratica vengono visualizzate le informazioni relative allo stato di ogni tipo telefono. Idealmente dovrebbero essere tutti in stato di OK, con un valore di refresh di pochi millisecondi (valori ottimali superano di poco i 100, ma possono aumentare nel caso di telefoni remoti). Viene effettuato un test di misurazione della banda passante. Utile per misurare l'efficenza del collegamento ad Internet e/o per capire se problemi legati alla qualita'delle telefonate possano dipendere da una banda internet scostante. Per ottenere risultati migliori il test andrebbe ripetuto pi volte a distanza di qualche tempo. Prova di ping di un host in rete. E' possibile specificare la durata del Nel caso di reti inefficienti consigliabile prolungare il tempo di test modo da poter rendere pi evidente le irregolarit del flusso dati. Effettua la risoluzione dell'FQDN indicato, cercando di risalire IP. La correttezza delle impostazioni DNS vitale per il buon
81

Stato dei telefoni dal derivato di

Test banda

Ping test test. in Controllo DNS all'indirizzo

Manuale ufficiale

funzionamento del servizio VoIP e se si sta utilizzando il FAX server integrato o la voice mail con recapito via posta elettronica. Stato dei servizi o il arrestati Caching, FAX Tuning FXO Visualizza lo stato operativo di tutti i servizi, e ne permette l'arresto riavvio. Si noti che al successivo avvio della macchina i servizi verranno comunque riavviati. I servizi gestibili sono Mercurius PBX, Database SQL, Coda SMTP in uscita, Musica di attesa MP3, DNS Schedulatore, Server TFTP e THTTP, Server NTP, Modem IAX2, Server Integrato, Interfaccia Remota, DHCP Server, Log di Sistema, Interfaccia WEB. Effettua un test per l'impostazione delle porte analogiche FXO. Questo testo, utilizzabile solo sulle porte analogiche, richiede circa 30 secondi per porta. Visualizza le chiamate attive, le code call-center e le chiamate parcheggiate. Da ultimo visualizza anche un rapporto sullo stato di occupazione delle caselle voice mail e lo stato di tutti gli interni. Permette di effettuare delle prove di chiamata a partire da un interno sorgente verso uno di destinazione. Una volta cliccato su chiama il telefono sorgente comincer a squillare: non appena viene sollevato il ricevitore il telefono di destinazione comincia a squillare. Tenta di inviare un messaggio di posta elettronica. L'invio di email diventa di vitale importanza se si sta utilizzando il FAX server la voice mail con recapito via posta elettronica.

Chiamate attive

Generatore di chiamate

Test invio email integrato o

Log di sistema
Talvolta la causa dell'errore molto subdola e occorre un attenta ispezione dell'attivit del centralino. Per questo possibile utilizzare i file di log, selezionando quello desiderato fra i presenti nella sezione Consultazione Log in Manutenzione Centralino:

82

Ad esempio, se un telefono non prende la configurazione automatica, possibile esaminare il log TFTP alla ricerca dell'evento relativo alla richiesta del file di configurazione da parte del telefono: in mancanza di tale registrazione, se il servizio TFTP attivo, le uniche cause possibili sono un problema di connettivit di rete, magari causato da un firewall, una configurazione precedente del telefono che impedisce lo scaricamento del file di configurazione, o una versione troppo datata del firmware del telefono. Attraverso Men debug VoIP e Men debug ISDN possibile aumentare il livello di verbosit dei log, includendo anche le informazioni di debug: si presti attenzione a non dimenticarsi di disattivare la modalit debug una volta raggiunti i propri obiettivi. Questa infatti produce molti dati, rallentando il centralino, e se trascurata rischia di saturare tutte le risorse compromettendo in modo serio la macchina.

Problematiche di rete
Scopo di questa sezione fornire indicazioni di massima utili all'individuazione di problematiche di rete che impediscano il funzionamento del centralino. Mercurius un prodotto informatico, quindi suscettibile di problemi dovuti a cattiva progettazione/uso delle reti informatiche, a configurazioni dell'infrastruttura di rete errate o con policy troppo restrittive. Ovviamente vale sempre la buona regola di procedere all'individuazione dei problemi applicando all'analisi il modello ISO/OSI o DoD, quindi porsi dal livello pi semplice (controllare che i patch di rete non siano stati staccati dalla donna delle pulizie, che chi venuto prima di noi non abbia collegato cavi cross in luogo di cavi patch, ecc) e risalire via via a livelli di complessit maggiori. Inutile dire che per poter operare correttamente occorrono solide nozioni sulle reti ed in particolare sul protocollo TCP/IP.

Firewall e Virtual Server


Un firewall ben configurato deve bloccare tutto il traffico e permettere solo quello lecito. In sede di una nuova installazione evidente che il firewall, se ben impostato, bloccher il traffico VoIP che dall'esterno tenti di raggiungere il centralino. Occorre quindi agire sulla configurazione in modo tale da consentire il traffico sulle porte interessate al VoIP. Si noti che alcuni firewall vengono impostati non solo per bloccare il traffico in ingresso, ma anche per filtrare quello in uscita un pirata informatico potrebbe fare installare inconsapevolmente a qualcuno una backdoor che gli permetta un agevole accesso alla rete. Per evitare questo gli amministratori pi paranoici filtrano anche il traffico in uscita, permettendo solo quello di uso comune (HTTP, FTP, POP3, SMTP, IMAP ed a volte DNS). In casi come questi le regole da aggiungere per il centralino dovranno consentire il traffico in entrambe le direzioni. Quanto verr esposto per il firewall vale anche in caso si debba impostare un virtual server, ovvero creare un inoltro del traffico da determinate porte dell'IP globale del router verso l'IP privato del centralino. Il centralino necessita di SIP per utilizzare i servizi VoIP dei provider o per connettere telefoni remoti, e IAX2 nel caso di interconnessione di centralini o per collegare telefoni remoti di questo tipo. Le porte da aprire per SIP sono la UDP 5060 e la TCP 5060. IAX2 richiede invece la porta UDP 4569. Per quanto concerne IAX2, sufficiente impostare la porta come appena illustrato: questo protocollo infatti si occupa sia della segnalazione che
83

Manuale ufficiale

del flusso audio, multiplexando i canali. Diverso invece il discorso per SIP: in quanto un protocollo di sola segnalazione, utilizza RTP per il trasporto del flusso dati. Questo un protocollo di livello applicazione utilizzato per estendere il sottostante livello di trasporto UDP aggiungendo alcune caratteristiche che ne migliorano l'affidabilit. La comunicazione resta sempre connectionless, ma offre migliori garanzie. RTP non ha porte standard registrate: pu utilizzare qualsiasi porta al di sopra della 1.024. Questo comporta che la regola del firewall dovrebbe consentire l'accesso a tutto il traffico UDP proveniente dal/diretto al server del provider (o telefono remoto). Una regola come questa sarebbe a dir poco ridicola, esponendo di fatto la rete ad attacchi da parte dei pirati forgiare pacchetti UDP malevoli operazione veramente di estrema semplicit. Mercurius tuttavia ha ristretto il numero di porte RTP, limitando l'ambito dalla 10.000 alla 20.000 questo migliora un po' le cose, ma non mette certo al riparo da problemi. L'unica vera soluzione dotarsi di un firewall di tipo statefull, ovvero di una macchina che non si limiti alla sola analisi dei protocolli di livello di rete, ma che sia in grado di ispezionare il payload leggendo le istruzioni contenute nei protocolli di livello superiore trasportati e creando regole dinamiche opportune. Il messaggio del protocollo SIP comunica al peer quali porte si intendono utilizzare per il flusso audio: un firewall siffatto, essendo in grado di comprendere le istruzioni SIP, aprir dinamicamente e solo per il tempo necessario alle comunicazioni le porte interessate solo fra i nodi coinvolti.

Analisi di traffico VoIP


Esattamente come un tecnico telefonico utilizza dispositivi per rilevare il passaggio della fonia sul doppino, l'installatore VoIP dispone di strumenti per rilevare il passaggio di flussi dati. Nonostante esistano appositi tester software, niente in grado di dare risultati paragonabili ad un analizzatore di protocollo. Nella trattazione verr perci illustrato l'uso del blasonato Ethereal. Prima di cimentarsi nell'analisi del traffico, ricordarsi che non possibile sniffare traffico dalle reti su cui siano presenti switch 14, a meno che questi non siano dotati di SPAM port. L'uso di strumenti come Ettercap sconsigliabile, in quanto manipolando le tabelle ARP potrebbe causare effetti imprevedibili sulla rete, portando nel peggiore dei casi a causare blackuot di rete. E' invece caldamente consigliato l'uso di Ethernet TAP, ovvero dispositivi in grado di ricevere segnale di rete, ma costruiti in modo tale che non possano trasmettere. E' possibile acquistare il TAP, o scaricare lo schema elettrico da Internet e produrne uno in proprio. Il TAP deve essere collegato nel punto della rete dove si intende analizzare il traffico. Ad esempio supponendo che il traffico attraversi un firewall, quindi uno switch e giunga la centralino, il TAP deve essere collocato fra lo switch ed il centralino. Verr ora illustrato l'uso di Ethereal: avviarlo e selezionare Capture / Interfaces

14 Per una spiegazione dettagliata delle motivazioni si rimanda ad apposita manualistica.

84

Verr visualizzato un elenco degli adattatori di rete disponibili:

Cliccare sul pulsante Prepare dell'interfaccia di rete collegata al TAP.

Selezionare l'opzione di cattura in modalit promisqua in questo modo verr analizzato tutto il traffico di rete, non solo quello diretto al PC utilizzato, e impostare il filtro UDP PORT 5060. Cliccare su Start e iniziare l'analisi del traffico SIP nell'esempio stato avviato il softphone X-Lite:

85

Manuale ufficiale

Il telefono invia il pacchetto 1 per registrarsi sul centralino ottenendo dapprima una risposta Trying (100) ed infine Unauthorized (401). Questo perch X-Lite inizialmente ha tentato di registrarsi in modo anonimo. Ritenta immediatamente la registrazione, questa volta con autenticazione (pacchetti dal 4 all' 8), a cui aggiunge una serie di opzioni precisate nel pacchetto 6. I pacchetti 7 e 8 sono le risposte date dal centralino alle richieste REGISTER e OPTIONS: in entrambi i casi la risposta OK (200) il primo per la richiesta REGISTER, il secondo per la OPTIONS. A questo punto il telefono gi registrato si noti che il secondo INVITE ha incrementato il valore di CSeq inizialmente attribuito dal centralino. I pacchetti da 9 a 12 indicano il tentativo da parte di X-Lite di sottoscriversi alla notifica di un evento:

Il pacchetto 9 contiene la richiesta di sottoscrizione alle notifica dell'evento messagesummary (RFC 3842), a cui il telefono non ottiene accesso (401 Unauthorized). Il pacchetto 11 ritenta la sottoscrizione, questa volta fornendo nome utente, realm e password di accesso:

86

Questa volta il centralino pi esplicito: il messaggio non supportato (489 Bad Event). Questa risposta non stata fornita da subito per evitare che chiunque possa raccogliere informazioni sulle caratteristiche senza disporre di un account valido, magari per poi utilizzare a scopi malevoli le informazioni raccolte. Verr ora analizzata un'intera chiamata, illustrando cos tanto SIP quanto RTP: l'ipotesi un telefono collegato al centralino che chiami il telefono a cui stato collegato il TAP. Impostare Ethereal per catturare tutto il traffico UDP.

Analizziamo il pacchetto INVITE:

87

Manuale ufficiale

Il messaggio invita il peer t:<sip:193@192.168.1.15> a dialogare con il chiamante f: Marco Carcano <sip:14@192.168.1.6>, precisando che la chiamata stata iniziata dal contatto m: <sip:14@192.168.1.6>. Si noti che il destinatario possiede il suo effettivo indirzzo IP (192.168.1.15), mentre il chiamante figura con l'indirizzo del centralino (192.168.1.6). Questo perch il centralino opera come gateway, facendosi carico della segnalazione. E' in questa fase che i peer si accordano circa i codec da utilizzare. Si apra il Message body e si osservi la parte SDP:

attraverso la rtpmap il chiamante ha proposto al chiamato una serie di Codec audio che in grado di comprendere, e ne indica la preferenza. Pi basso il valore di preferenza, pi probabile che venga scelto, se disponibile su entrambi i peer. Il chiamante ha indicato il codec G.711 PCMU come preferibile (preferenza=0). Se anche il chiamato dispone di
88

questo codec, verr utilizzato il G.711, altrimenti il codec che hanno in comune con il livello di preferenza pi basso. Espandendo Media Description possibile conoscere la porta RTP su cui il centralino rester in attesa del flusso audio: nel nostro caso la 16526

Al messaggio precedentemente analizzato fanno seguito due risposte da 192.168.1.15 al centralino, indicando 100 - Trying e 180 Ringing. Questo vuol dire che onere del centralino rigirare queste risposte all'effettivo mittente. La conversazione inizia con il pacchetto RTCP Receive Report: sino ad allora si lavora solo a livello di segnalazione. Questo pacchetto RTCP riferito all'INVITE precedente. A questo punto il telefono chiamato invia al centralino il messaggio OK 200, riferito all'INVITE precedente (hanno il medesimo valore Cseq=102). Il centralino risponde con un messaggio ACK, inviato con lo scopo di confermare l'avvenuta ricezione del precedente messaggio di risposta Cseq=102 (OK 200). D'ora in poi i messaggi RTCP faranno riferimento a questo ACK. Finalmente comincia la trasmissione di dati audio: protocollo RTP, codec audio G.711.

Il codec scelto effettivamente il G.711 PCMU. Cliccando su Setup frame: 4 Ethereal ci riporta automaticamente al pacchetto INVITE che ha generato la chiamata: i pacchetti RTP fanno riferimento a quanto indicato nel precedente RTCP. Poich il successivo RTCP far riferimento al pacchetto ACK (frame 8), i pacchetti RTP successivi a questo faranno pure riferimento al pacchetto ACK. Vediamo ora il rilascio della chiamata: il peer che intende terminare invia un messaggio di BYE.

89

Manuale ufficiale

In questo caso il chiamato a riagganciare, quindi il campo Cseq non contiene il valore 102, che l'identificativo del comando per il centralino, ma 2, che il numero identificativo del comando per il telefono.

Il centralino conferma il messaggio di BYE con un ACK per il CSeq indicato dal telefono:

90

Larghezza di Banda
La seguente tabelle illustra le caratteristiche di banda necessarie per ottenere un dato numero di conversazioni simultanee: MCR 256 Kbps G.711 -Law (80 Kbps) G.726 (48Kbps) G.729a (24Kbps) ILBC (32Kbps) GSM (32Kbps) 2 5 7 7 8 512 Kbps 6 10 16 15 17 1.024 Kbps 12 20 35 31 34 2.048 Kbps 24 40 70 63 68

Per quanto riguarda il Codec G.729a, assicurarsi di aver acquistato le licenze necessarie per poter usufruire del Codec. Acquistare quindi una licenza per ogni conversazione che si voglia fare. La licenza oltretutto nel momento in cui viene attivata, non sar pi possibile riutilizzarla su un altro apparato hardware

91