Sei sulla pagina 1di 3

LO STATO E IL COMPITO DEL FILOSOFO

Lo Stato ideale.
La Repubblica, massima opera di Platone, riassume tutti fondamentali temi speculatavi e i dialoghi
precedenti. In questaopera presenta il concetto di comunità perfetta.
La comunità politica governata da filosofi secondo Platone presenta due problemi: Chi sono in realtà i
filosofi? Qual è lo scopo e il fondamento di questa comunità?

La giustizia.
Lo scopo e il
fondamento di
questa comunità
è la giustizia. stato
Nessuna
comunità può
avere esistenza
senza la giustizia. governanti guerrieri cittadini
La nascita di uno
Stato dipenda
dalla sua
esistenza.
La giustizia
saggezza coraggio temperanza
dipende da tutte
e tre queste virtù:
ogni cittadino
deve svolgere il
proprio compito, poiché sono tutti necessari alla comunità e in assenza di uno solo crollerebbe tutto il
sistema.

Per anima Platone intende una sostanza semplice ed incorporea, la quale si muove da sé. Proprio per queste
sue virtù l'anima non solo vive e dona la vita, ma è anche immortale. Inoltre, rappresentando la parte
intermedia tra il sensibile e il percettibile, svolge il ruolo di mediazione e d’unificazione dei suddetti due
mondi. Platone dividendo l’anima in tre parti ne distingue anche tre funzioni: conoscenza, sentimento e
volontà. La prima parte è quella razionale che avendo come virtù la sapienza e la saggezza, svolge un ruolo
di supremazia sulle altre due parti. La seconda parte è quell’irascibile o volitiva, che perché cosi dire
neutrale tra le altre due parti e può allearsi o con l’una o con l’altra. La terza parte è l’anima concupiscibile o
desiderante, che ha come virtù la temperanza, ed è in continua lotta con la parte razionale che a sua volta
cerca di dominarla e portarla verso la via della saggezza e della sapienza.

Caratteri e motivazioni della classi sociali.


La repubblica è l’opera più vasta di Platone è divisa in dieci libri ed è interamente dedicata alla discussione
sulla giustizia e sull’organizzazione dello stato. Infatti, l’intera concezione politica di Platone si basa sull’idea
di giustizia intesa come la virtù per eccellenza. Platone, che era fedele agli ideali della polis, è convinto che
l’uomo si realizzi completamente, in quanto è cittadino e non come singolo individuo. Il compito principale
ed essenziale che Platone attribuisce allo stato consiste nell’educazione dell’uomo alle virtù; nessuno stato,
mai, nella realtà storico-politica ha presentato queste caratteristiche. Quindi, lo stato Platonico è un modello
idealizzato con l’idea di stato che può essere concepita solo dal filosofo. Platone in quest’opera mostra
quindi lo stato ideale; i cittadini sono divisi in tre classi, che corrispondono alle tre parti in cui si suddivide
l’anima (razionale, irascibile e concupiscibile). Per Platone il compito di governare la città, organizzando le
attività per il bene comune, deve essere affidato agli individui prevalentemente razionali, portati quindi alla
sapienza e al governo, che conoscono il bene e possiedono la giustizia. In pratica lo stato ideale di Platone
dovrebbe essere governato dall’individuo filosofo abituato dalla dialettica a conoscere “ciò che sempre
rimane costante e invariato” ossia le idee. La giustizia per Platone è la virtù che deve essere presente in tutte
e tre le classi. Anche la temperanza è una virtù che deve possedere gli individui delle tre classi, moderando
la parte concupiscibile dell’anima. Essa è in un certo senso la virtù caratteristica della classe dei produttori
nei quali l’anima concupiscibile predomina. Le altre due doti che completano l’elenco delle virtù politiche,
sono la sapienza e il coraggio, le quali sono possedute rispettivamente ed esclusivamente dai filosofi con
compiti di governo, la seconda appartiene ai guerrieri ossia coloro che hanno il compito della guerra e della
difesa. Cittadini, secondo Platone, erano spartiti in una delle tre classi sociali secondo le doti che
possedevano e che presentavano in età giovanile durante le loro educazioni, secondo le loro differenti
attitudini naturali.

La comunanza dei beni.


Nel comunismo platonico, Platone suggerisce l’abolizione della proprietà privata nelle classi superiori e
l’introduzione della comunione dei beni in modo che tutti siano tenuti a vivere condividendo beni e affetti
nell’interesse della comunità affinché le tre classi non si trasformino in caste chiuse. Inoltre, Platone, propone
che lo stato non dovrà essere troppo vasto, affinché non scoppino guerre d’aggressione e di conquista. Infine
pensa che non ci dovranno essere al suo interno differenze eccessive di ricchezza e povertà, in quanto nocive
e possibili fonti d’ingiustizia.
Riguardo alle donne, secondo Platone, esse avranno gli stessi diritti degli uomini e riceveranno l o stesso tipo
di educazione; inoltre i matrimoni e l’atto di procreare saranno controllati per un miglioramento della razza.
Per terminare Platone ritiene giusto che gli uomini possano avere una donna in comune e viceversa, poiché
secondo lo stato platonico le donne erano oggetto di procreazione.
Secondo il comunismo platonico, i bambini dovevano essere tolti alle famiglie in tenera età e allevati in
comune a cura dello stato, ignorando i loro genitori naturali, affinché considerassero ogni adulto come un
padre e ciascun coetaneo come un fratello. I più adatti, come avevo gia citato, erano scelti per diventare
governati indipendentemente dall’origine sociale. L’educazione consisteva nell’apprendere la musica e la
ginnastica, solo per i futuri governanti la matematica, l’astronomia e intorno ai venti anni d’età la filosofia.

I guardiani sono felici?


La felicità risiede nella giustizia, in vista dell’armonia e della felicità complessiva dello Stato. I filosofi hanno
più alta beatitudine che è la conoscenza quindi sono felici di per se poiché non necessitano dei beni materiali.

La degenerazione dello Stato.

Tipi di governo

Forma fisiologica patologiche

Aristocrazia dei filosofi timocrazia oligarchia democrazia tirannide

Timocrazia: fondato sull’onore, i governati si appropriano di terre e di case; uomo timocratico, amante del
comando e degli onori, diffidente verso i sapienti.
Oligarchia: comandano poche persone, le più ricche.
Tirannide: l’uomo tirannico è schiavo delle proprie passioni, alle quali si abbandona. Governo di una sola
persona che impone il proprio volere su tutto il popolo.
Democrazia: libertà d’espressione.

Platone e la democrazia.
Platone è contro la democrazia poiché il suo concetto nasce in antitesi alla sua degenerazione. Platone non
accusa solo i sofisti ma anche gli uomini politici che avevano attuato delle riforme nella città.
La proposta del cambiamento espresso da Platone va collogato nel suo periodo storico , segnato dallo
scontro tra gli àristoi (nobili) e il dèmos (il popolo), e dalla guerra nel Peloponneso. Lo scontro tra le classi
sociali indica la contrapposizione di interessi, e l’antitesi tra due opposte concezioni della vita associata e
della giustizia.

Concezione aristocratica Concezione democratica


Le sorti della repubblica devono essere guidate dai Il governo della pòlis deve essere affare del “popolo”.
nobili, non solo per denaro ma anche per virtù.

CONCEZIONE PLATONICA.

Lo stato si basa su un modello statico e gerarchico di coesistenza sociale, basato su ruoli fissi e differenziati.
Ogni individuo è destinato ad un ruolo secondo le sue caratteristiche sociali.
Secondo Platone, a differenza di Protagora, la politica non è un’arte destinata a tutti ma solo alla parte
“aurea” della città.
Platone, rifiutando la democrazia si avvicina al concetto di statalismo: esasperata regolamentazione della
società.
Platone vorrebbe avere il potere su tutto l’ambito politico, da quello religioso a quello sessuale.
STATO PERFETTO = RAGIONE AL POTERE E I FILOSOI AL GOVERNO.

Chi custodirà i custodi? L’importanza dell’educazione nella città platonica.


Come possiamo essere sicuri che i governanti realizzeranno davvero il bene comune della città e non il loro
personale tornaconto?
Platono afferma che i custodi, prima di costudire il prossimo sono custodirsi. Naturalmente questo è uno dei
concetti vase dell’educazione, vi è un chiaro esempio nella Repubblica, dove politica e educazione sono
strettamente collegati. Lo stato viene paragonato ad una Accademia, dove l’uomo sin dalla giovinezza è
istruito per il bene comune. Solo i superiori avranno la conoscenza del sapere.

I gradi della conoscenza e dell’amore.


La conoscenza è rappresentata da una linea suddivisa in segmenti che rappresentano i suoi diversi gradi. La
linea è inizialmente divisa in due parti che stanno ad indicare rispettivamente la conoscenza sensibile, e la
conoscenza intelligibile o scienza. A sua volta l’opinione è suddivisa in: immaginazione e credenza (o fede).
La scienza è divisa in: pensiero discorsivo e in intellezione. Questi segmenti sono in un rapporto di
proporzionalità espressa dalla formula:
immaginazione : credenza = pensiero discorsivo : intellezione.
Questi costituiscono i gradi della conoscenza. I primi due si fondano sulla sensazione e non danno un sapere
certo ma un’opinione relativa e variabile; i secondi gradi, derivano da un sapere intimo dell’anima, e
assicurano una conoscenza vera, universale e permanente. Questi gradi conoscitivi sono poi distinti in base
ai loro oggetti corrispondenti.
L’oggetto dell’immaginazione sono le immagini sensibili che Platone raggruppa in: immagini, ombre, riflessi
sull’acqua o sui solidi, sulle sostanze lisce o luminose. Chi fa uso del sapere di questo tipo, è il più lontano
dalla verità assoluta e vive in uno stato d’ignoranza paragonabile ad un sogno.
L’ oggetto della credenza è tutta la realtà che percepiamo con i sensi: gli animali, l’intero mondo della natura
e dell’arte. Chi è passato dell'immaginazione alla credenza, non scambia più le cose con le loro immagini
corrispondenti, ma le coglie concretamente nella loro realtà sensibile ovvero le vede e le tocca. Platone insiste
ancora nel chiamare questo grado fede o credenza anzi che conoscenza perché chi si trova in questo stadio
non può essere veramente certo, ma crede solo che la realtà sensibile sia la sola realtà esistente.
Oggetto del pensiero discorsivo sono i numeri, le figure geometriche, le dimostrazioni della matematica.
Oggetto dell'intellezione sono le idee, ossia le essenza universali. Platone indica l’aspetto puramente
percettibile dell’oggetto o l’idea di esso, come il suo essere in sé: il bello in se )in pratica l’idea di bellezza),
l’uguale in sé (l’idea d’uguaglianza) ecc. Si tratta d’enti universali che non hanno analogie con le realtà
corrispondenti. Se a qualcuno si pone la domanda: cos’è il coraggio? O cos’è la giustizia? Ed egli risponde
con un esempio di comportamento giusto, o coraggioso, non possiede la scienza ma solo l’opinione. Egli
scambia qualcosa di particolare per l’universale.

Fonti: libro, il nuovo protagonisti e i testi della filosofia/filosofi e le idee.