Sei sulla pagina 1di 1

Essere come la moglie di Cesare Essere al di sopra di ogni sospetto.

Plutarco, nel decimo capitolo della Vita di Giulio Cesare, ci dice che in occasione di una festa
dedicata alla dea Bona, cui potevano partecipare soltanto le donne, Pompea, moglie di Cesare,
accolse nella sua abitazione, un suo spasimante, Publio Clodio, travestito da suonatrice. Ma
linganno venne scoperto e Clodio scacciato via, poi trascinato in tribunale. Cesare, fu citato come
testimone. Alla domanda del pubblico ministero, rispose che non conosceva personalmente Clodio
e che non sapeva nulla delle sue malefatte. Il magistrato non sembr convinto di quella risposta e
preg il dittatore di essere pichiaro. Al che, lillustre testimone rispose che la moglie di Cesare
doveva essere al di sopra di ogni sospetto.