Sei sulla pagina 1di 1

da Sotto il tiro di presagi di Paul Celan

di Angela Greco

Dialoghi con cortecce dalbero. Tu scorzati, vieni, scorzami dalla mia parola.

Tardi com, cos nudi e vicini alla lama vogliamo essere.

Anche noi vogliamo essere, dove il tempo dice la parola di soglia, che, mille anni giovane, si alza dalla neve, dove locchio errante si calma nella propria sorpresa e capanna e stella stanno nel blu da vicini di casa, come se la strada fosse gi percorsa. * [Paul Celan, Sotto il tiro di presagi - poesie inedite 1948-1969, Einaudi]