Sei sulla pagina 1di 11

SINISTRAINRETE

A R C H I V I O D I S I D N O I C U S T M E R A N T I E A R T I C O L I P E R L A D I S C U S S I O N E P O L I

home geopolitica

crisi mondiale

marxismo

Analisi di classe ecologia e ambiente teoria economica

politica

politica italiana

neoliberismo societ

teoria storia

cultura finanza

mondo/imperialismo filosofia

politica economica archivio documenti

lavoro e sindacato europa

sinistra radicale keynes

globalizzazione

spesa pubblica

articoli brevi

CLICCA SOTTO PER ISCRIVERTI AL FEED RSS


RSS

Augusto Graziani: Riabilitiamo la teoria del valore


Merco led 08 G en n aio 2014 21:51

CERCA NEL SITO


Cerca

Save page as PDF

VUOI ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER?


Nome Email

SEGUI SINISTRAINRETE ANCHE SU TWITTER!


Segui

Riabilitiamo la teoria del valore*


Testo
ISCRIVITI

Ricezione

HTML

di Augusto Graziani
AUGUSTO GRAZIANI, Riabilitiamo la teoria del valore (da I conti senza l'oste , Bollati Boringhieri, pp. 235-240)

L'IMPERIALISMO GLOBALE E LA GRANDE CRISI

QUATTRO ANNI FA

Duccio Cavalieri: Sulle cause reali e finanziarie nella crisi economica in corso
Written on 09 Gennaio 2010, 12.23 by admin Condividi Sulle cause reali e finanziarie nella crisi economica in corso di Duccio Cavalieri La crisi globale...
READ M ORE

Non poco dell'insegnamento economico di Marx stato assorbito silenziosamente da economisti di tradizione estranea al marxismo. Non difficile scoprire, all'interno della tradizione economica borghese, l'esistenza di una vasta corrente sotterranea di origine marxiana, a volte sepolta nel profondo, a volte affiorante in superficie, comunque sempre presente e vitale. L'analisi di Marx, per chi volesse utilizzare un termine moderno, pu dirsi impostata in termini macroscopici. La definizione marxiana del capitalismo come sistema basato sulla separazione fra lavoro e mezzi di produzione, e sulla conseguente contrapposizione tra una classe di capitalisti proprietari e una classe di lavoratori nullatenenti, espressa direttamente in termini di struttura sociale. Questa definizione del capitalismo, come sistema costituito da classi in conflitto, quasi superfluo ricordarlo, viene fermamente respinta dalla teoria economica borghese, la quale resta saldamente affezionata all'idea del mercato come libera palestra di contrattazione, nella quale i singoli affermano le proprie preferenze e difendono i propri interessi. L'imposizione individualistica, com' noto, prende come punto di partenza l'agire del singolo individuo e, dall'analisi del comportamento del singolo, desume l'assetto globale del sistema economico. A questa procedura, Marx, con la sua impostazione macroeconomica, contrappone una procedura inversa, di contenuto storico e concreto. Ridotta all'essenziale, la sua logica pu essere espressa cos: poich l'esperienza storica mostra che un sistema sociale quale il capitalismo, basato sulla separazione tra lavoro e mezzi di produzione, si affermato e perdura, ci significa che i soggetti che lo compongono si comportano in modo da garantire la sopravvivenza. Compito dell'analisi economica proprio quello di scoprire tali regole di sopravvivenza. Per spingersi nel profondo, occorre scoprire le vere condizioni di equilibrio del sistema economico, che sono le condizioni della sua riproduzione. Questo il compito che Marx assegna alla scienza economica. Per un economista, questa regola di metodo significa riconoscere priorit e autonomia all'analisi macroeconomica, lasciando all'analisi microeconomica (e cio allo studio del comportamento individuale) il carattere di residuo derivato. L'analisi di classe della societ capitalistica conduce immediatamente Marx a una descrizione del processo economico inteso come circuito monetario. I lavoratori, privi per definizione di mezzi di produzione, non possono avviare alcuna attivit produttiva. Le imprese, a loro volta, possono farlo soltanto dopo aver acquistato forza-lavoro. Il processo economico si mette dunque in moto soltanto nel momento in cui le imprese, ottenuto un finanziamento monetario dal settore delle banche, acquistano forza-lavoro e realizzano il processo produttivo. Lo stesso processo si conclude allorch le imprese, avendo vendute le merci prodotte, rientrano in possesso della moneta erogata e rimborsano alle banche il credito inizialmente ricevuto.

7730

Valerio Bertello: Divisione del lavoro e socializzazione


Written on 09 Gennaio 2010, 11.53 by admin DIVISIONE DEL LAVORO E SOCIALIZZAZIONEValerio BertelloIl lavoro annuale di ciascuna nazione il fondo donde originariamente si traggono tutte le cose...
READ M ORE

TEGHIL: COSCIENZA ILLUSORIA DI S

1860

Mutallab e la Palla di Fuoco (tratto da una storia vera)


Written on 09 Gennaio 2010, 10.58 by admin Mutallab e la Palla di Fuoco (tratto da una storia vera)Felice CaprettaAncora sotto le palle dellalbero di natale, poco dopo

E. EVERHARD: DIAZ, IL SENSO DI GIUSTIZIA DELLO STATO


converted by Web2PDFConvert.com

il giorno di santo stefano...


READ M ORE

1360

Marketing virale
Written on 09 Gennaio 2010, 10.24 by admin Marketing virale 184 milioni di euro buttati nel cesso e gli italiani che non fanno una piegadi LameduckSi erano fatti scudo persino di un innocente...
READ M ORE

L'idea del processo economico come circuito monetario, pi volte scoperta e pi volte dimenticata, alla base di numerose acquisizioni teoriche. Ne citeremo soltanto tre. Nell'analisi del processo economico come circuito monetario, la moneta compare come credito iniziale concesso alle imprese per l'erogazione dei salari e l'acquisto di forza-lavoro. Allorch la moneta entra nel circuito, essa rappresenta quindi il capitale investito dall'imprenditore e impegnato nel processo produttivo a scopo di profitto. La moneta non quindi, cos come vorrebbe la teoria individualistica, un semplice intermediario dello scambio, introdotto a guisa di perfezionamento tecnico allo scopo di superare gli inconvenienti del baratto. Nell'assetto capitalistico, la moneta il capitale iniziale di cui si avvale l'imprenditore per l'acquisto di forza lavoro. La circolazione monetaria, quindi, non svolge unicamente la funzione di consentire pi agili rapporti commerciali, ma anche quella assai pi rilevante di mettere in rapporto la classe dei capitalisti con quella dei lavoratori. sempre la definizione del processo economico come circuito monetario che consente di analizzare il fenomeno della crisi. Tale fenomeno si presenta come un arresto del circuito. Nulla garantisce infatti che, nel corso del processo economico, i redditi monetari percepiti vengano spesi per intero. Fintantoch ci avviene, la continuit del processo economico assicurata. Ma se, per ragioni connesse alle prospettive pi o meno pessimistiche degli imprenditori o degli speculatori, risulta conveniente trattenere ricchezza in forma liquida, il circuito si arresta e subentra la fase di crisi. A sua volta, il problema della crisi strettamente legato a quello della disoccupazione e del funzionamento del mercato del lavoro. Nell'immediato, la crisi si manifesta attraverso la presenza di merci prodotte e non vendute; ma, se la crisi si protrae, il volume di produzione finisce con l'adattarsi al livello della domanda e il fenomeno delle merci non vendute scompare. A questo punto, la crisi si manifesta soltanto nel mercato del lavoro, sotto la forma di disoccupazione. Secondo la teoria tradizionale, anche in questo mercato, grazie al gioco della domanda e dell'offerta, si dovrebbe giungere prima o poi a un assetto di equilibrio. La teoria del processo economico come circuito monetario aiuta a comprendere perch invece ci non accada, e come la disoccupazione scompaia soltanto quando gli imprenditori, in base alle loro previsioni e secondo strategie proprie, decidono di porvi fine, rimettendo in moto il processo produttivo. Da questa analisi della disoccupazione discende infine un ultimo insegnamento, anche questo pi o meno tacitamente assorbito da vasti settori dell'economia non marxiana. noto che, secondo la teoria tradizionale della domanda e dell'offerta, il lavoratore per il fatto stesso di possedere una capacit lavorativa e di poter offrire il proprio lavoro, sarebbe titolare di una ricchezza immediatamente convertibile in altri beni. La teoria del processo economico come circuito insegna invece che l'offerta di lavoro in s non conferisce al lavoratore alcun comando diretto sui beni, se non dopo che il lavoro sia stato convertito in moneta, il che avviene soltanto nei limiti in cui gli imprenditori-capitalisti in base a propri calcoli personali, decidono che ci debba avvenire. Il lavoro in s non quindi ricchezza; lo diventa subordinatamente a una decisione dell'imprenditore. Il capitalista, nel mettere in moto il circuito monetario, spinto dall'intento di conseguire un profitto o, nella terminologia marxiana, di accrescere il valore del capitale investito. Sul problema del valore e della sua misurazione, lo scontro fra teoria marxiana e teoria borghese stato il pi lungo e accanito. opinione comune, condivisa al giorno d'oggi sia a destra sia a sinistra, che su questo terreno Marx sia rimasto soccombente. Senza pronunciarsi su questo verdetto, cerchiamo di individuare gli insegnamenti che anche per questo aspetto la teoria marxiana in grado di dare. Nell'affrontare il tema del valore, il primo punto da stabilire che l'intero problema va studiato nell'ottica che abbiamo detto macroeconomica: non gi quindi dal punto di vista del capitalista singolo, in lotta con i suoi concorrenti, bens nella prospettiva generale che contrappone l'intera classe dei capitalisti a quella dei lavoratori. In questa ottica, di classe, valorizzazione significa non gi produzione di profitto individuale per il singolo capitalista, e tanto meno creazione di valore per la collettivit, bens accrescimento di ricchezza per la classe dei capitalisti. Se ci poniamo in questa prospettiva, emerge un primo risultato significativo: nessuno scambio che rimanga puramente all'interno del sistema delle imprese pu contribuire alla valorizzazione del capitale investito; infatti, ogni vantaggio che un singolo capitalista dovesse eventualmente trarre dallo scambio con altri capitalisti sarebbe compensato da una perdita identica a carico della sua controparte, e le sue partite si annullerebbero a vicenda. La trasmissione di materie prime, di macchinari, o di beni intermedi da un capitalista all'altro, non pu quindi produrre alcun valore aggiuntivo per la classe dei capitalisti nel suo insieme. I beni strumentali possono tutt'al pi trasmettere immutato il proprio valore, passando da un capitalista all'altro (di qui la denominazione di capitale costante che Marx assegna ai mezzi di produzione materiali). La valorizzazione del capitale, per i capitalisti come classe, pu derivare unicamente da scambi che i capitalisti effettuino al di fuori della propria classe, e quindi nell'unico scambio esterno possibile, che consiste nell'acquisto di forza-lavoro. Soltanto nella misura in cui i capitalisti utilizzano lavoro e si appropriano di una parte del prodotto ottenuto, essi possono realizzare un sovrappi e convertirlo in profitto ( di qui l'insistenza di Marx sul fatto che sovrappi e profitto nascono esclusivamente nella fase della produzione). Giungiamo cos ad una ulteriore conclusione, frutto anch'essa dell'impostazione stessa del ragionamento: che il profitto dei capitalisti come classe nasce unicamente dal rapporto che si instaura fra capitalisti e lavoratori e che di conseguenza esso pu nascere soltanto dalla differenza fra quantit di lavoro totale impiegato e quantit di lavoro che torna al lavoratore sotto forma di salario reale. Resta un punto da esaminare. Se, come abbiamo visto, soltanto l'impiego di lavoro produce una valorizzazione del capitale investito, sembrerebbe potersene dedurre che soltanto il lavoro attribuisca valore alle merci e che di conseguenza le merci debbano anche scambiarsi sul mercato secondo prezzi

DIAZ, IL SENSO DI GIUSTIZIA DELLO STATO


di E. Everhard

2330

TRE ANNI FA

Domenico Moro: Irlanda ed Eurolandia, a saltare il mercato


Written on 09 Gennaio 2011, 13.43 by admin Irlanda ed Eurolandia, a saltare il mercato Domenico Moro* La difficile situazione delleuro, con lestensione della crisi del...
LEGGI TUTTO

La violenza di Stato durante il g8 del 2001 impressa nella coscienza di milioni di uomini e donne, al di l delle sentenze dei tribunali: "Il punto che Genova non finita perch per Jimmy, Marina, Fagiolino e Luca non ancora finita". Gi sono stati scritti fiumi d'inchiostro in questi giorni sulle condanne ai domiciliari, tredici anni dopo, dei super poliziotti Spartaco Mortola, Giovanni Luperi e Francesco Gratteri per la mattanza alla scuola Diaz nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001 a Genova. Vale la pena ribadire alcune cose sottolineate in ordine sparso in questi giorni. Prima di tutto la mitezza della pena (non che siano le condanne in tribunale a scrivere la "sentenza" della storia e la coscienza diffusa sulle vicende del g8 genovese): otto mesi di domiciliari per Spartaco Mortola, da dirigente della Digos di Genova a questore dal pugno di ferro a Torino, un anno per Giovanni Luperi, ex dirigente Ucigos nel 2001 ora pensionato, nonch per Francesco Gratteri, terza carica della polizia italiana. Non pu poi che balzare l'ennesima volta agli occhi la folgorante carriera di tutti gli uomini coinvolti nella gestione dell'ordine pubblico genovese, nonostante le inchieste e i giudizi di ogni tipo di organismo internazionale in difesa dei diritti umani. In ultimo le motivazioni della sentenza: i giudici hanno rifiutato le misure alternative a questi fedeli servitori dello Stato perch questi non si sono mai pentiti, non hanno mai risarcito, neanche parzialmente, le vittime massacrate di botte e torturate. Leggi tutto

1990

Angie Gago: I disaccordi tra le classi dirigenti delleurozona sono unopportunit per la lotta di classe
Written on 09 Gennaio 2011, 13.29 by admin I disaccordi tra le classi dirigenti delleurozona sono unopportunit per la lotta di classe Angie Gago Laggravamento della...
LEGGI TUTTO

13770

Joseph Halevi: La bufala della sfida dei paesi emergenti


Written on 08 Gennaio 2011, 20.48 by admin La bufala della sfida dei paesi emergenti di Joseph Halevi Nei primi anni Cinquanta del secolo scorso la Fiat effettu massicci licenziamenti...
LEGGI TUTTO

FRANCESCO SANTOIANNI: LOBBY VERSUS A FRA, CHE TE SERVE?

1980

Cristina Morini:Vogliamo

Lobby versus A Fra,


converted by Web2PDFConvert.com

Morini:Vogliamo altro. Appunti per una critica al concetto di produttivit, di lavoro e di cittadinanza
Written on 07 Gennaio 2011, 19.08 by admin Vogliamo altro. Appunti per una critica al concetto di produttivit, di lavoro e di cittadinanza di Cristina Morini Se il lavoro va perdendo le...
LEGGI TUTTO

relativi proporzionali al lavoro contenuto in ciascuna di esse. Questa la versione volgare della teoria del valore-lavoro, versione che peraltro lo stesso Marx non ha mai sostenuto, e che si pu dire sia servita principalmente agli avversari della dottrina marxiana come pretesto per confutarne la fondatezza. Marx non sostenne mai che le merci si dovessero scambiare secondo il valore contenuto in ciascuna di esse, per il semplice fatto che questa proposizione non discende in alcun modo dalle premesse del suo ragionamento. Abbiamo detto che il problema della valorizzazione investe la classe dei capitalisti nei suoi rapporti con i lavoratori; lo scambio di merci, in quanto fenomeno interno alla classe dei capitalisti, costituisce invece un problema del tutto diverso. Plusvalore e profitto possono trarre origine soltanto da un rapporto fra le due classi; ma lo scambio di merci e tutt'altra cosa, in quanto fenomeno interno alla classe dei capitalisti. I prezzi relativi delle merci si formano infatti negli scambi fra capitalisti, sotto il dominio della regola della concorrenza, fenomeno questo che riguarda esclusivamente i capitalisti nei loro rapporti reciproci. In questo campo, valgono le regole dell'equilibrio concorrenziale (mille volte esposto in forma analitica', dall'equilibrio generale di Walras alla teoria dei prezzi di Sraffa), regole che spiegano appunto la determinazione dei prezzi relativi nello scambio fra merci. Tale scambio non d luogo a rapporti fra classi e non configura alcun fenomeno di valorizzazione. quindi erroneo affermare, come peraltro sovente viene fatto, che nella spiegazione dei prezzi, la teoria marxiana del valore fallisca. Si tratta infatti di un fenomeno nel quale, non essendovi un problema di valorizzazione da analizzare, la teoria marxiana del valore non entra in modo diretto. La teoria del valore spiega che il plusvalore ottenuto dall'utilizzazione della forza- lavoro l'unica ricchezza che i capitalisti nel loro complesso possano spartirsi e convertire in profitto; per cui, nel suo complesso, l'elemento di profitto contenuto nei prezzi di mercato discende dal modo in cui si realizzato il rapporto tra classi. Ma, al di l di questo collegamento, resta il fatto che analisi dei rapporti tra classi, o analisi sociale macroeconomica da un lato, e analisi dei rapporti interni a una singola classe, o analisi microeconomica concorrenziale dall'altro, sono fenomeni diversi, che rispondono necessariamente a logiche distinte. * l'Unit, 10 giugno 1983 AGGIUNGI COMMENTO Saranno eliminati tutti i commenti contenenti insulti o accuse non motivate verso chiunque.
Nome (richiesto) E-Mail Sito w eb

Lobby versus A Fra, che te serve?


Francesco Santoianni Questa storia di Luigi Tivelli ormai sulla bocca di tutti; ma, state pur certi che, tra non pi di una settimana, soppiantata da qualche altro scandalo, finir nel dimenticatoio. Meglio quindi affrettarsi a riepilogarla e tirarci su un paio di considerazioni. La storia nasce da un emendamento alla Legge di stabilit del capogruppo PD Roberto Speranza che proponeva un tetto al cumulo tra pensioni doro e stipendi sopra i 150.000 euro annui; un provvedimento visti i tempi che, certamente, sarebbe stato fatto proprio da tutta la base del PD, se qualcuno si fosse preso la briga di consultarla. Ma quel provvedimento non passa. Il perch ci viene spiegato da una telefonata (registrata con uno smartphone dagli questa volta, ottimi- parlamentari Cinque Stelle) di un lobbista, tale Luigi Tivelli , il quale si vantava di essere riuscito, dopo aver lavorato giorno e notte, a bloccare il provvedimento su incarico di coloro una marea di gente che, evidentemente, sono i suoi clienti. Il potentissimo Tivelli (che pure in pubblico discetta di moralit), comunque, non lunico lobbista additato dai Cinque Stelle; cera gi stata ad esempio tale Roberta Romiti (un centinaio di milioni di euro fatti risparmiare alla Sorgenia di De Benedetti) o altri che erano riusciti ad annullare la rescissione dei fitti per i palazzi del Parlamento. Leggi tutto

5680

DUE ANNI FA

Aldo Giannuli: Devo congratularmi con Mario Il Grigio


Written on 09 Gennaio 2012, 20.13 by admin Devo congratularmi con Mario Il Grigio Aldo Giannuli Non stupitevi: devo proprio congratularmi con il senatore Monti. Non per la manovra...
READ M ORE

2370

Leonardo Mazzei: Le interessanti giravolte degli antiberlusconiani di tipo A


Written on 09 Gennaio 2012, 19.49 by admin Le interessanti giravolte degli antiberlusconiani di tipo A Leonardo Mazzei Se anche per Repubblica l'Europa non pi...
READ M ORE

Notificami i commenti successivi

DANTE BARONTINI: FINE CORSA

FINE CORSA
Aggiorna

Dante Barontini
Invia
JComments Il 27 novembre Berlusconi ci ha lasciato. Momento atteso, mitizzato, invocato, liberatorio. Nel pomeriggio il Senato ha votato per la sua decadenza da parlamentare, una (piccola) manifestazione del suo popolo sotto palazzo Grazioli ha cercato di dargli conforto nel momento triste, alla procura di Milano e in altre - forse si preparano nuovi mandati di cattura. Questa volta non si risollever dal baratro. Lo vuole l'Europa, pi che la politica italiana. Lo vuole fuori dai piedi cos come l'aveva accettato benvolentieri quando si trattava di demolire la credibilit internazionale di questo paese e del suo establishment, in modo da aprir meglio la strada allo svuotamento della Costituzione repubblicana, alla distruzione della sinistra radicale (sempre disponibile a farsi asservire dal centrosinistra in nome del converted by Web2PDFConvert.com

1040

Augusto Illuminati: Fase due


Written on 08 Gennaio 2012, 18.46 by admin Fase due di Augusto Illuminati Il 2012 entrante calendarizzando al modo di DFW potremmo chiamarlo lanno di S. Egidio e S. Paolo ...
READ M ORE

1080

Luca Baiada: Governo carnevale, governo quaresima


Written on 08 Gennaio 2012, 18.33 by admin Governo carnevale, governo quaresima di Luca Baiada* presto per dire se il modello berlusconiano sia davvero tramontato, se si tratti di una...
READ M ORE

pericolo Caimano), al prepotere della finanza continentale, e infine al governo della Troika. Spremuto il limone di quanto poteva utilmente dare, restava solo l'impresentabile macchietta pornomafiosa, l'impresario che evade il fisco e tocca il sedere alle ballerine, che si fa scrivere le leggi dai suoi avvocati portati appositamente in Parlamento.

Leggi tutto

I PI LETTI
Rete dei comunisti: Partito e organizzazione: una base di discussione per i comunisti in Italia (23441) E.Quadrelli e G. Bausano: Per una discussione su Siria, guerra e internazionalismo (5070) Antonio Pagliarone: La crisi di Keynes (4413) Joseph Halevi: L'impossibile keynesismo (4043) Giancarlo De Vivo: Keynesiani tradizionali e keynesiani avventizi (3971) Maurizio Benetti: Spesa per pensioni, cos se vi pare (3900) Dario Di Nepi: Note sul debito pubblico italiano (3870) Lorenzo Rampa: L'economia keynestana oggi (1977) (3750) James K. Galbraith: La morte definitiva (e la prossima vita) di Keynes (3736) Giorgio Lunghini: La crisi, Keynes, la decrescita (3614) N.Dirindin e G.Maciocco: Assalto alluniversalismo (3609) Vladimiro Giacch: 2012: attacco al Welfare (3549) Elena Granaglia: Quattro meriti dell'universalismo (3546) Luca Michelini: Perch il liberismo (di destra e di sinistra) non tramonta (3475) Luciano Vasapollo:

1710

UN ANNO FA

Giacomo Gabbuti: Volere economia


Written on 08 Gennaio 2013, 19.28 by admin Volere economia Suggestioni, rigorosamente qualitative, sulla crisi degli economisti di Giacomo Gabbuti [...] il problema ,...
READ M ORE

1770

Marco Assennato: Foucault per tutti. Lezioni di critica al neoliberismo


Written on 08 Gennaio 2013, 19.19 by admin Foucault per tutti. Lezioni di critica al neoliberismo di Marco Assennato A met degli anni 70 Franco Fortini dedic qualche...
READ M ORE

3560

Sandro Moiso: Bussole impazzite


Written on 08 Gennaio 2013, 18.50 by admin Bussole impazzite di Sandro Moiso When you live out here in the middle of nowhere, its easy to get lost (John Mellencamp) ...
READ M ORE

2540

Fabio Milazzo: Giovanni Arrighi e leterno ritorno del

converted by Web2PDFConvert.com

ritorno del Capitale


Written on 07 Gennaio 2013, 16.52 by admin Giovanni Arrighi e leterno ritorno del Capitale di Fabio Milazzo I Cicli di accumulazione del Capitale Crisi uno di...
READ M ORE

Debito pubblico. Perch e come si pu non pagarlo (3471) Francesco Ciafaloni: Dove va il welfare italiano (3450) Felice Roberto Pizzuti: Pensioni. Perch giusto indignarsi (3426) A.Carabelli e M.Cedrini: Nel lungo periodo vince ancora Keynes (3359) Luigi Cavallaro: Una repubblica fondata sull'ozio (3240) Domenico Moro: Meno occupazione e stato in ginocchio con i tagli lineari (3232) Giorgio Gattei: Prospettive economiche per i nostri (pro)nipoti? (2934) Eserciti nelle strade (2514) Alberto Burgio: Vizi e virt dei ceti medi (2502) Karlo Raveli: Con il laburismo italiano vince Marchionne... Ma forse non in Egitto (2029) Sergio Bruno: I nani dEuropa e la societ dimenticata (2008) Carlo Formenti: Lavorare senza saperlo: il capolavoro del capitale (1905) Luigi Cavallaro: Dodici anni fa, Marco Revelli pubblic un libro intitolato "Le due destre" (1832) Sergio Cesaratto: Quel pasticciaccio brutto delleuro (1818) Mario Tronti: Per una critica dell'immaterialismo storico (1793) Vittorio Rieser: Sulla coscienza di classe nell'attuale fase del capitalismo (1772) Giovanni Mazzetti: Marx e Keynes, per non banalizzare le forme dei conflitti di classe (1762) Vladimiro Giacch: Fisco, populismo e lotta di classe in Italia (1714) R.Bellofiore e J.Halevi: La Grande Recessione e la Terza Crisi della Teoria Economica (1693)

2860

ULTIMI ARTICOLI
Damiano Palano: Che cosa il Quinto Stato Augusto Graziani: Riabilitiamo la teoria del valore Emiliano Brancaccio: Il rigore della critica contro il pensiero dominante Alberto Bagnai: Il discorso di fine anno di Goofynomics Alberto Burgio: La solitudine del lavoro Alfonso Gianni: Da un paese sfiduciato un messaggio per l'Europa T.Montanari, A.Scurati: Eataly e il Rinascimento Andre Vltchek: Sudan del Sud Claudio Gnesutta: Prendiamocela con l'Europa Militant: Amazon, un nuovo modello produttivo? E. Everhard: Diaz, il senso di giustizia dello Stato Dieci tesi contro la richiesta di un reddito minimo Mario Agostinelli: La soggettivit critica alla prova di un nuovo ciclo storico Marino Badiale: Screpanti su imperialismo e crisi Alberto Bagnai: Lezioni dalla crisi Sandro Moiso: Nel baratro Gianluca Passarelli: Memento italiano Carlo Formenti: Derive postoperaiste e cattura cognitiva Federico Stoppa: Lutilit del sapere inutile, la necessit economica del dono Adelino Zanini: Il riproporsi dellUrsprung Sebastiano Isaia: I Khmer rossi di Serge Latouche Enrico Grazzini: Da moneta unica a valuta comune: una terza via per superare lEuro Marino Badiale: Gli avversari sono lucidi, gli alleati un po' meno Paul De Grauwe: "In Europa

converted by Web2PDFConvert.com

Paul De Grauwe: "In Europa commessi gli stessi errori degli anni '30" Slavoj iek: Lideologia continua Leonardo Mazzei: L'Opa di Natale della signora Spinelli Paolo Vineis: Perch bisogna difendere il Servizio pubblico Francesco Santoianni: Lobby versus A Fra, che te serve? Lea Melandri: Lattualit inattuale di Elvio Fachinelli Quarantotto: Riflessioni sulla "Unione Bancaria" Giorgio Salerno: Identit e affabulazione. Vendola a fine corsa Antonio Di Meo: Storia e storie Alfio Neri: Breve elogio del complottismo Digressioni Alberto Burgio: Egemonia del capitale e unit della sinistra G.Giannelli e A.Fumagalli: Il fenomeno Bitcoin Riccardo Bellofiore: Un economista controcorrente Silvia Federici: Tra crisi della riproduzione sociale e welfare comune D.Palma e F.Sylos Labini: Neoliberismo e egemonia culturale Girolamo De Michele: Banche, crisi, porti. La vecchia talpa scava ancora Guglielmo Forges Davanzati: Lingiustizia fiscale e la recessione Federico Stoppa: Renzinomics: The Times They Are Not A-changin Luciano Gallino: Il colpo di Stato di banche e governi Guido Viale: Il Quinto Stato Collettivo City Strike Noi saremo tutto - Genova: Populismo e imperialismo Sandro Mezzadra: Nei cantieri marxiani. Il soggetto e la sua produzione Jacques Bidet: Il capitale: uneconomia del capitalismo in una teoria della societ moderna Federico Chicchi: Il governo delluomo indebitato Elisabetta Teghil: "Limpossibile il nostro possibile" Andrea Sartori: La societ del debito

Benedetto Vecchi: Manuel Castells (1646) Slavoj Zizek: L'effetto Berlusconi (1589) Toni Negri: Il potere alienato dalla folla (1566) LE FALSE PENSIONI (1557) Carlo Formenti: I guru pentiti rileggono McLuhan (1521) G.De Bellis e M.Fragnito: Produttivit alle stelle, salari e occupazione alle stalle; si va verso la catastrofe (1520) Carlo Vercellone: La legge del valore nel passaggio dal capitalismo industriale al nuovo capitalismo (1516) E.Brancaccio e L.Cavallaro: Leggere "Il Capitale Finanziario" (1512) Andrea Fumagalli: La nuova generazione (1502) Enzo Modugno: I conflitti svelati nella societ della conoscenza (1478) Count Down: La societ della miseria (1476) Ernesto Screpanti: L'imperialismo globale del nuovo secolo (1473) Karlo Raveli: Precariet operaia: leva decisiva per l'affossamento del capitalismo? (1468) S.Bologna e D.Banfi: Mettersi di traverso. Per una critica del biocapitalismo contemporaneo (1454) Christian Raimo: La nuova scuola premia i signors senza spirito critico (1454) Sergio Bologna: Lavoro autonomo in crescita anche se colpito dalla crisi (1446) Jacques Sapir: Lo scioglimento dell'euro, un'idea che si imporr nei fatti (1446) Sergio Bologna: Operai della conoscenza (1445) Luciano Vasapollo: Una campagna del mondo del lavoro contro il massacro imposto dalleuro (1439)
converted by Web2PDFConvert.com

Stefano Perri: Ascesa e caduta del modello economico italiano Quarantotto: L'Italia ha sufficienti risorse culturali per uscire dalla crisi? Alberto Melotto: Geopolitica e disinformazione strategica Lelio Demichelis: Jaccuse! LEuropa morta il 22 settembre Davide Grasso: Anche Marx bloccherebbe le strade Marco Revelli: Linvisibile popolo dei nuovi poveri Guido Viale: Siamo un po pi uguali ai movimenti globali Sandro Moiso: Talking Dead Salvatore Cominu: I nodi vengono al pettine Ars Longa: Il forcone e il capitale Robert Kurz: Lo stato e il suo doppio Euro, mercati, democrazia 2013 Diritto alla Resistenza Antonio Negri: Fabbriche del soggetto Aldo Giannuli: Limbarazzante caso Napolitano Miguel Martinez: Tempi nuovi Guglielmo Forges Davanzati: Gli effetti perversi della privatizzazione del welfare Renziana, la squadraccia digitale che fa parlare di s Giorgio Salerno: Identit e cattiva coscienza Sergio Parrinello: Una politica per crescere Redazione Infoaut_Torino: Avviso ai naviganti: succeder qualcosa il 9 dicembre? Alfonso Gianni: Con Tsipras, per una lista di cittadinanza europea Collettivo Noi saremo tutto Genova: Genova per noi Yann Moulier-Boutang: Crisi finanziaria e capitalismo cognitivo Piero Valerio: Rivalutazione delle quote di Banca d'Italia Guido Viale: Il debito porta scompiglio nei fan di Monti e Letta Hagen Kopp: Freedom not Frontex Sebastiano Isaia: Sul concetto di miseria sociale e sui proudhoniani 2.0 Marco Gatto: Il ritorno della

Gigi Roggero: Insolvenza di classe (1434) Franco Berardi Bifo: La rottamazione dell'intelligenza (1395) Sergio Bologna: Conoscenza, cultura, competenza (1395) De Nicola e Raparelli: Il sapiente e il parassita (1379) Angie Gago: I disaccordi tra le classi dirigenti delleurozona sono unopportunit per la lotta di classe (1377) Emiliano Brancaccio: La rivoluzione da Mosca a Cambridge (1375) Emilio Quadrelli: Lo Stato in guerra (1374) Repressione in Bahrain (1342) Lipotesi della instabilit finanziaria e il nuovo capitalismo (1300) Elisabetta Teghil: Vite parallele (1300) Sebastiano Isaia: La "rimozione" di Massimo Recalcati (1296) Riccardo Realfonzo: Non una authority ma lacqua pubblica (1294) Alain Badiou: Il capitalismo oggi (1282) M.Badiale e M.Bontempelli: L'Italia nella crisi (1276) Massimo Recalcati: LItalia senza inconscio. E senza desideri (1267) Guglielmo Forges Davanzati: Le politiche di austerit: un'analisi critica (1267) Giulietto Chiesa: Siria: comincia lultimo atto (1251) Riccardo Bellofiore, Francesco Garibaldo: Euro al capolinea? (1222) Dino Greco: Del mito dell'Europa occorre liberarsi al pi presto (1215) Arrighi e Lu Zhang: Dopo il neoliberismo. Il nuovo ruolo del Sud del mondo (1196) Robert Skidelsky: Keynes, Hobson, Marx (1158) Frdric Lordon: Uscire
converted by Web2PDFConvert.com

dialettica Mauro Poggi: MES: il metodo e la follia Sandro Moiso: Andare oltre Andrea Fumagalli: Reddito di povert Alcuni/e compagni/e: Anzola il mondo? Diego Fusaro: Slavoj iek pensatore pericoloso? Francesco Maringi: Lunificazione della Germania ed il futuro dellEuropa Franco Senia: Il comune senso del pudore P.Dardot e C.Laval: La nuova ragione del mondo Marcello De Cecco: Ma che cos' questa crisi Per il buon uso dell'intelletto Jacopo Guerriero: Clic! Grillo, Casaleggio & co. Elido Fazi: Ma possibile uscire dall'euro e adottare in Italia le politiche della Modern Monetary Theory? Mario Pezzella: La Teologia del denaro di Walter Benjamin: il debito Mimmo Porcaro: E adesso, povero euro? Paolo Giussani: La Great Recession e il Saggio del Profitto Ernesto Screpanti: Moltitudine, classi e azione sociale Guglielmo Forges Davanzati: Il futuro pre-industriale delleconomia italiana Pasquale Cicalese: Smith, Schumpeter e Marx a Pechino Dante Barontini: Fine corsa Tomaso Montanari: Il garante dello stato delle cose: Matteo Renzi Thomas Fazi: Tutto quello che non vi hanno mai raccontato sul debito pubblico italiano

dallEuro ma come? (1153) Domenico Losurdo: L'industria della menzogna, parte integrante della macchina di guerra dell'imperialismo (1135) Vladimiro Giacch: Teoria della crisi. 100 tesi (1128) Comidad: Eurobond? No, meglio una buona contraerea (1104) Marco Bertorello: Euro s o euro no? (1087) Pino Cabras: Syrialeaks: come dare la colpa ad Assad (1069) Alessandro Roncaglia: Le origini culturali della crisi (1068) Sebastiano Isaia: Impiccarsi al "comunismo" di Badiou o al "comune" di Negri? Meglio vivere! (1068) A.Fracasso e R.Tamborini: Che differenza c' tra la Grecia e la California (1067) Diego Fusaro: Cristianesimo, capitalismo e rivoluzione (1062) Samir Amin: Il capitalismo entra nella sua fase senile (1049) Elisabetta Teghil: Secondo alcune e alcuni.. (1041) Riccardo Bellofiore: Potrebbe andare peggio, potrebbe piovere (1038) Toni Negri: Per la costruzione di coalizioni moltitudinarie in Europa (1036) Elisabetta Teghil: Gioco di societ : il Tav, il femminicidio, lodio, le armi, lo Stato (1017) Diego Fusaro: Il liberalismo di Napolitano (1016)

SHINYSTAT

CONTATTI
Per co n tatti, p recisazio n i, p ro b lemi: to n in o @ sin istrain rete.in fo to n in o .g@ mclin k .it

Domenico Mario Nuti: Euro, una moneta prematura e divergente (1000) Giulietto Chiesa: La guerra dei bugiardi al cubo (998) Anselm Jappe: Scorciatoie pericolose (995)
converted by Web2PDFConvert.com

(995) R.Lampa e A.Fiorito: Un keynesismo forte fa respirare l'Argentina (986) L.F. Palazzini Finetti: Lincubo tedesco di Berlino (983) Bruno Amoroso: I falsi dilemmi (978) Alberto Bagnai: Per un'economia simmetrica (976) Mimmo Porcaro: L'Euro preso sul serio (973) Elisabetta Teghil: Aspettando Godot (968) Gaetano Colonna: L'accordo economico transatlantico (TTIP) e il potere dell'economia (967) Mario Pezzella: Gioco e teologia del denaro (966)

_________________________________ LINK
Aldo Giannuli Alfabeta2

SINISTRAINRETE ANCHE SU FACEBOOK!

http://www.facebook.com/sinistrainrete.info

ALLVIDEOS RELOADED

NETWORKED BLOGS

Follow this blog

STATISTICHE

Altreconomia altrenotizie altri aprile on line Arcoiris tv Articolo 21 Attac Bella Ciao beppe grillo Cambiailmondo Campo Antimperialista Carmillaonline Carta Cassandra Centro Riforma dello Stato Cercare ancora Clash City Workers Comedonchisciotte Comunismo e comunit Il Comunista Quotidiano Connessioni per la lotta di classe Contra-versus Countdown Crisi e Conflitti Crisis cristian Critica Marxista Dazebao DeriveApprodi DL online Domenico Losurdo Economia e Politica Eguaglianza e libert emiliano brancaccio Esc Essere comunisti Fabionews Faremondo

converted by Web2PDFConvert.com

STATISTICHE
OS : Linux c PHP : 5.3.3-7+squeeze18 MySQL : 5.1.72-2-log Ora : 23:32 Caching : Attivato GZIP : Disattivato Utenti : 1 Contenuti : 3246 Link web : 6 Tot. visite contenuti : 1079866 Giap Giornalismo Partecipativo Global Project Goodwin Box Guerre e Pace Homolaicus: Umanesimo laico e socialismo democratico iceberg finanza Il Cambiamento Il Manifesto Il Pane e le Rose infoaut Informazione scorretta Intermarx Karl Marx Platz L'Ernesto La Contraddizione la grande crisi La vecchia talpa Lettera Lettera 22 letteredaunfegatoinfuga Libera Tv Liberazione Loop L'orizzonte degli eventi Lo Straniero Luca Michelini storico dell'economia Lunaria Luogo Comune Manifesto Sardo martina Marx 2010 Marxiana Immateriali resistenti Mazzetta Megachip Mondocane Napoli Monitor Nazione Indiana Nigrizia Nonluoghi Odradek Ozio Produttivo Paolo Barnard peacereporter Politica & Classe Posse Progetto Alternativo Proteo Punto Informatico Punto Rosso Quote rosse Radio Sherwood Sbilanciamoci Scateniamo Tempeste Scenari globali Sentieri Erranti Senzasoste sinistra in rete Socialpress SollevAzione Svolte epocali unimondo uniriot Vis--vis voci dalla strada wildcat Wu Ming Foundation Zapruder Z-Net

converted by Web2PDFConvert.com

YOU ARE HERE:

TO P

converted by Web2PDFConvert.com