Sei sulla pagina 1di 62

1

± 1 1 ) ¸ / I O + ) O ± 1 1 ) ¸ / I O + ) O ± 1 1 ) ¸ / I O + ) O ± 1 1 ) ¸ / I O + ) O

1£ I1¸I/^1)IO 1£ I1¸I/^1)IO 1£ I1¸I/^1)IO 1£ I1¸I/^1)IO

I11 )/¸¸1 I11 )/¸¸1 I11 )/¸¸1 I11 )/¸¸1

I1 £+(1 (O£O)/I1 I1 £+(1 (O£O)/I1 I1 £+(1 (O£O)/I1 I1 £+(1 (O£O)/I1






1 {·vììi 1 {·vììi 1 {·vììi 1 {·vììi vcììo ¸¡i·iìo . vcììo ¸¡i·iìo . vcììo ¸¡i·iìo . vcììo ¸¡i·iìo .ono ono ono ono vno·c, ¡ioiv, vno·c, ¡ioiv, vno·c, ¡ioiv, vno·c, ¡ioiv,
¡v.c, ¡v:icn:v, niìc::v ¡v.c, ¡v:icn:v, niìc::v ¡v.c, ¡v:icn:v, niìc::v ¡v.c, ¡v:icn:v, niìc::v, ìonìv, , ìonìv, , ìonìv, , ìonìv, {cvcììv {cvcììv {cvcììv {cvcììv, , , ,
voì.c::v, ìcn¡c·vn:v: .onì·o ìv voì.c::v, ìcn¡c·vn:v: .onì·o ìv voì.c::v, ìcn¡c·vn:v: .onì·o ìv voì.c::v, ìcn¡c·vn:v: .onì·o ìvìi .o.c non ìi .o.c non ìi .o.c non ìi .o.c non
.è ìc¡¡c. .è ìc¡¡c. .è ìc¡¡c. .è ìc¡¡c.
¸vì ¯:22 ¸vì ¯:22 ¸vì ¯:22 ¸vì ¯:22 2¯ 2¯ 2¯ 2¯
2







BmC
HPnIHXCB













£v ì·vvv:ionc vci .inìoìi .o¡·v ·i¡o·ìvìi è: 'io .v·ò .cn¡·c iì {cvcìc .c·.iìo·c £v ì·vvv:ionc vci .inìoìi .o¡·v ·i¡o·ìvìi è: 'io .v·ò .cn¡·c iì {cvcìc .c·.iìo·c £v ì·vvv:ionc vci .inìoìi .o¡·v ·i¡o·ìvìi è: 'io .v·ò .cn¡·c iì {cvcìc .c·.iìo·c £v ì·vvv:ionc vci .inìoìi .o¡·v ·i¡o·ìvìi è: 'io .v·ò .cn¡·c iì {cvcìc .c·.iìo·c
vcì no.ì·o ¸i¡no·c ¸c.v (·i.ìo, Ii¡ìio vi Iio". vcì no.ì·o ¸i¡no·c ¸c.v (·i.ìo, Ii¡ìio vi Iio". vcì no.ì·o ¸i¡no·c ¸c.v (·i.ìo, Ii¡ìio vi Iio". vcì no.ì·o ¸i¡no·c ¸c.v (·i.ìo, Ii¡ìio vi Iio".
1¯ /¡o.ìo 1^12 Iv·no.o (±vì¡v·iv) 1¯ /¡o.ìo 1^12 Iv·no.o (±vì¡v·iv) 1¯ /¡o.ìo 1^12 Iv·no.o (±vì¡v·iv) 1¯ /¡o.ìo 1^12 Iv·no.o (±vì¡v·iv)
3






(oi in.c.ìi¡vìc ìc ¸.·iììv·c (oi in.c.ìi¡vìc ìc ¸.·iììv·c (oi in.c.ìi¡vìc ìc ¸.·iììv·c (oi in.c.ìi¡vìc ìc ¸.·iììv·c
¸io. ¯:¯^ ¸io. ¯:¯^ ¸io. ¯:¯^ ¸io. ¯:¯^





Tc·.nc ìvììo qvcììo .nc è .ìvìo ..·iììo ¡c· Tc·.nc ìvììo qvcììo .nc è .ìvìo ..·iììo ¡c· Tc·.nc ìvììo qvcììo .nc è .ìvìo ..·iììo ¡c· Tc·.nc ìvììo qvcììo .nc è .ìvìo ..·iììo ¡c·
ìvvvicì·o, {v ..·iììo ¡c· no.ì·o ìvvvicì·o, {v ..·iììo ¡c· no.ì·o ìvvvicì·o, {v ..·iììo ¡c· no.ì·o ìvvvicì·o, {v ..·iììo ¡c· no.ì·o
vnnvc.ì·vncnìo, v{{in.nc ncvivnìc ìv vnnvc.ì·vncnìo, v{{in.nc ncvivnìc ìv vnnvc.ì·vncnìo, v{{in.nc ncvivnìc ìv vnnvc.ì·vncnìo, v{{in.nc ncvivnìc ìv
¡v:icn:v c ìv .on.oìv:ionc vcììc ¸.·iììv·c ¡v:icn:v c ìv .on.oìv:ionc vcììc ¸.·iììv·c ¡v:icn:v c ìv .on.oìv:ionc vcììc ¸.·iììv·c ¡v:icn:v c ìv .on.oìv:ionc vcììc ¸.·iììv·c
noi ·iìcnivno ìv .¡c·vn:v. noi ·iìcnivno ìv .¡c·vn:v. noi ·iìcnivno ìv .¡c·vn:v. noi ·iìcnivno ìv .¡c·vn:v.
)o 1¯:! )o 1¯:! )o 1¯:! )o 1¯:!
4





















Nota: tutti i versi e le abbreviazioni sono tratti dalla
SACRA BÌBBÌA
L'Antico e il Nuovo Testamento
Versione riveduta in testo originale dal Dott. Giovanni Luzzi
Stampato a cura della Società Biblica Britannica & Foresteria
5

LA PAROLA DI DIO Apoc. I9:I3
DIO É SPIRITO 0iov. 4:Z4
LO SPIRITO ETERNO Ebr. 9:I4
CoIui che ho i Seffe Spirifi di Dio
e Ie Seffe SfeIIe Apoc. 3:I

I Ruggi Lo Spirito deII'Amore
di Luce Lo Spirito deIIu Vitu
Lo Spirito deIIu Suntità
Lo Spirito deIIu Suggezzu
Lo Spirito deII'Animu
Lo Spirito deIIu Verità
Lo Spirito deI Potere
Lo Spirito deIIu Sruziu
Lo Spirito di Cristo I Pief. I:II
Lo Spirito Sunto Efes. I:I3
Che sono i Seffe Spirifi di Dio mondofi
per fuffo Io ferro Apoc. b:o
Voi dunque siofe perfeffi, com'è
perfeffo iI Podre vosfro ceIesfe Moff. b:48
Affinche I'uomo di Dio sio compiufo II Tim. 3:I7
Mon sopefe voi che siefe iI Tempio di
Dio e che Io Spirifo di Dio obifo in voi7 I Cor. 3:Io
6

Infoffi noi fuffi obbiomo ricevufo
iI boffesimo in un unico Spirifo per
formore un unico Corpo I Cor. IZ:I3
Or vi è diversifò di doni, mo vi è un
medesimo Spirifo I Cor. IZ:4
Mo fuffe quesfe cose Ie opero queII'unico e
medesimo Spirifo, disfribuendo i Suoi doni o
cioscuno in porficoIore come EgIi vuoIe I Cor. IZ:II
Mo desiderofe ordenfemenfe i doni moggiori I Cor. IZ:3I
Dovufo oIIe viscere di misericordio deI nosfro
Dio, per Ie quoIi I'Auroro doII'oIfo ci visiferò Luc. I:78
E Io Iuce deI SoIe sorò seffe voIfe piú vivo,
come Io Iuce di seffe giorni ossieme Iso. 30:Zo
Cercofe CoIui che ho foffo Ie PIeiodi e Orione Amos b:8
II Signore è iI Suo nome. II Podre deIIe
Luci. 0ioc. I:I7
Sorgi, rispIendi perche Io fuo Iuce è giunfo Iso. o0:I
Curo quesfe cose e doffi od esse inferomenfe,
offinche iI fuo progresso sio monifesfo o fuffi I Tim. 4:Ib
Apri gIi occhi miei onde io confempIi
Ie merovigIie deIIo Tuo Iegge SoIm. II9:I8
E I'ongeIo che porIovo meco forno e mi
svegIio come si svegIio un uomo doI
sonno. E mi disse: "Che vedi7" Io
risposi: "Ecco, vedo un condeIobro
fuffo d'oro, che ho in cimo un voso" Zocc. 4:I-Z
7

E Io Spirifo forni o Dio che I'ho dofo EccI. IZ:9
Ed è munifo deIIe Sue seffe Iompode Zocc. 4:Z
E offorno oI Trono c'ero un orcoboIeno
che o vederIo ossomigIiovo o uno smeroIdo Apoc. 4:3
II Trono di Dio Apoc. ZZ.3
E dovonfi oI Trono c'erono seffe Iompode
ordenfi, che sono i Seffe Spirifi di Dio Apoc. 4:b
E Dio disse: "Io pongo iI mio orco neIIo
nuvoIo e servirò di segno deI poffo fro me
e Io ferro". 0en. 9:I3















8

LO SPIRITO DELL'AMORE
L'insegno che spiego su di me è Amore C. dei C. Z:4
I Ruggi Dio è Amore I 0iov. 4:8
Rossi Io sono I'Eferno, I'Iddio fuo Deuf. b:o
Io sono Io roso di Shoron C. dei C. Z:I
Amore EIeviomo insieme con Ie moni i nosfri cuori
o Dio nei cieIi Lom. 3:4I
Amo dunque I'Eferno, iI fuo Dio Deuf. II:I
Perche I'Amore è forfe come Io morfe C. dei C. 8:o
Amofevi I'un I'oIfro di cuore, infensomenfe I Pief. I:ZZ
L'Amore non fo moIe oIcuno oI prossimo Pom. I3:I0
Lo corifò è po;ienfe, è benigno I Cor. I3:4
Poiche Dio ho fonfo omofo iI mondo, che ho
dofo iI Suo Unigenifo FigIioIo 0iov. 3:Io
Messuno ho Amore piú gronde che queIIo
di dor Io suo vifo per i suoi omici 0iov: Ib:I3
Lo corifò non invidio, Io corifò non si vonfo,
non si gonfio, non si comporfo in modo sconvenienfe,
non cerco iI proprio inferesse, non s'inosprisce,
non sospeffo iI moIe, non gode deII'ingiusfi;io,
mo gioisce con Io verifò, soffre ogni coso, crede
ogni coso, spero ogni coso, sopporfo ogni coso.
9

Lo corifò non verrò moi meno I Cor. I3:4-8
Quonfo oII'omor froferno, siofe pieni di
offe;ione gIi uni per gIi oIfri Pom. IZ:I0
Mo v'è foIe omico che è piú offe;ionofo
di un frofeIIo Prov. I8:Z4
Perdono E perdonondovi o vicendo CoI. 3:I3
Siofe invece gIi uni verso gIi oIfri benigni,
misericordiosi, perdonondovi o vicendo, come
onche Dio vi ho perdonofi in Crisfo Efes. 4:3Z
Le grondi ocque non pofrebbero spegnere
I'Amore C. dei C. 8:7
Deh, perdono oro iI misfoffo dei servi
deII'Iddio di fuo Podre 0en. b0:I7
Essendo rodicofi e fondofi neII'Amore Efes, 3:I8
ConsoIuzione Per quesfo io piongo, i miei occhi si
sfruggono in Iocrime, perche Iungi do me
è iI ConsoIofore Lom. I:Io
O Eferno, guordo, ch'io sono in ongoscio Lom. I:Z0
Le ongosce deI mio cuore si sono oumenfofe SoI. Zb:I7
Ove frovor conforfo neI mio doIore7 II cuore
mi Iongue in seno 0er. 8:I8
Se io commino in me;;o oIIo disfreffo,
10

Tu mi ridoi Io vifo SoI. I38:7
E nondimeno erono Ie nosfre moIoffie
che EgIi porfovo, erono i nosfri doIori
queIIi di cui s'ero coricofo Iso: b3:4
O offIiffo, sboffufo doIIo fempesfo,
sconsoIofo, ecco io incossero Ie fue
piefre neI diospro e fi fondero sopro
;offiri Iso. b4:II
Fermofevi e riconoscefe che Io sono Dio SoI. 4o:I0
L'Iddio di ogni consoIo;ione II Cor. I:3
Io soro feco per soIvorfi e Iiberorfi 0er. Ib:Z0
Io sono CoIui che vi consoIo Iso. bI:IZ
Per consoIore fuffi queIIi che fon cordogIio,
per dore Ioro un diodemo in Iuogo di cenere,
I'oIio deIIo gioio in Iuogo deI doIore, iI monfo
deIIo Iode in Iuogo di uno spirifo obboffufo Iso. oI:Z,3
II vosfro cuore non sio furbofo 0iov. I4:I
Io sono con voi fuffi i giorni Moff. Z8:Z0
E i giorni deI fuo Iuffo soronno finifi Iso. o0:Z0
E Dio osciugherò ogni Iocrimo doi Ioro occhi Apoc. ZI:4
Se fi obbossono, fu diroi: "In oIfo" 0iob. ZZ:Z9
Lo vosfro frisfe;;o sorò mufofo in Iefi;io 0iov. Io:Z0
11

ConsoIofe, consoIofe iI mio popoIo Iso. 40:I
Affinche fuffi imporino e fuffi siono consoIofi I Cor. I4:3I
Lo guidero, e ridoro Ie mie consoIo;ioni
o Iui e o queIIi dei suoi che sono offIiffi Iso. b7:I8
Ed EgIi vi dorò un oIfro ConsoIofore,
perche sfio con voi in perpefuo 0iov. I4:Io
Ci consoIo in ogni nosfro offIi;ione, offinche
medionfe Io consoIo;ione onde noi sfessi siom
do Dio consoIofi, possiomo consoIore queIIi che
si frovono in quoIunque offIi;ione II Cor. I:4












12

LO SPIRITO DELLA VITA
I Ruggi Io sono Io Vifo 0iov. I4:o
Rosu Io sono venufo perche obbiono Io Vifo
e I'obbiono in esuberon;o 0iov. I0:I0
Lu Vitu E quesfo è Io Vifo Eferno: che conoscono
Eternu Te, iI soIo vero Dio 0iov. I7:3
EgIi ho conservofo in vifo I'onimo nosfro SoI. oo:9
Lo Spirifo di Dio mi ho creofo e iI soffio
deII'Onnipofenfe mi dò Io vifo 0iob. 33:4
Tu mi hoi rivesfifo di peIIe e di corne, e
mi hoi infessufo di osso e di nervi. Mi sei
sfofo Iorgo di Vifo e di 0ro;io 0iob. I0:II,IZ
Potenzu Siofe forfi Deuf. 3I:o
Io posso ogni coso in CoIui che mi forfifico

FiIip. 4:I3
Corriomo con perseveron;o I'orringo che ci
sfo dinon;i Ebr. IZ:I
Perche EgIi vi dio, secondo Ie ricche;;e
deIIo suo gIorio, d'esser pofenfemenfe
forfificofi medionfe Io Spirifo Suo,
neII'uomo inferiore Efes. 3:Io
Mo queIIi che sperono neII'Eferno ocquisfono
nuove for;e, s'oI;ono in voIo come oquiIe, corrono
13

e non si sfoncono, comminono e non s'offoficono Iso. 40:3I
Poiche I'Eferno, si I'Eferno, è Io roccio de' secoIi Iso. Zo:4
II fuo Dio ho ordinofo Io fuo for;o SoI. o8:Z8
Perche EgIi ho rinfor;ofo Ie sborre deIIe
fue porfe SoI. I47:I3
Lo mio mono sorò soIdo neI sosfenerLo SoI. 89:ZI
Forfificofe Ie moni infiocchife,
roffermofe Ie ginocchio vociIIonfi Iso. 3b:3
Essi vonno di for;o in for;o SoI. 84:7
Mi hoi riempifo di coroggio, dondo for;o
oII'onimo mio SoI. I38:3

Mon femefe Iso. 3b:4
Siofe forfi e fofevi onimo Deuf. 3I:o
Mon scoroggiofevi, siofe forfi ed obbiofe
coroggio, perche voi prospererefe 0ios. I0:Zb
Perche io soro feco Eso. 3:IZ
Io non fi Ioscero e non fi obbondonero 0ios. I:b
Mon femere e non fi perdere d'onimo Deuf. 3I:8
Miuno fenfo;ione vi ho coIfi, che non
sio sfofo umono, or Iddio è fedeIe e non
permefferò che siofe fenfofi oI di Iò deIIe
vosfre for;e, mo con Io fenfo;ione vi dorò onche
14

Io vio d'uscirne, onde Io possiofe sopporfore I Cor. I0:I3
Soroi incroIIobiIe e non ovroi pouro di nuIIo 0iob. II:Ib
8eofo I'uomo che sosfiene Io provo, perche
essendosi reso opprovofo riceverò Io corono
deIIo Vifo, che iI Signore ho promesso o queIIi
che Lo omono 0ioc. I:IZ
Sfofe dunque soIdi e non vi Iosciofe di nuovo
porre soffo iI giogo deIIo schiovifú 0oI. b:I
Siofe forfi e comporfofevi do uomini I Som. 4:9
Con Dio noi foremo prode;;e SoI. o0:IZ
Vittoriu
Superumento
Lo Suo desfro e iI broccio Suo Sonfo
I'honno reso vifforioso SoI. 98:I
Con Te io ossoIgo fuffo uno schiero e
coI mio Dio soIgo suIIe muro SoI. I8:Z9
Chi vince erediferò quesfe cose Apoc. ZI:7
Quondo I'ovversorio verrò come uno fiumono,
Io Spirifo deII'Eferno Io mefferò in fugo Iso. b9:I9
Mon Ii femere, perche io sono feco per
Iiberorfi, dice I'Eferno 0er. I:8
E iI servifore deI Signore non deve confendere,
15

mo deve essere mife inverso fuffi II Tim. Z:Z4
Mon si udrò piú porIore di vioIen;o neI
fuo poese Iso. o0:I8
Mo ringro;iofo sio Dio che ci dò Io vifforio
per me;;o deI Signor nosfro 0esú Crisfo I Cor. Ib:b7
O morfe dov'è Io fuo vifforio7 Lo morfe
è sfofo sommerso neIIo vifforio I Cor. Ib:b4















16

LO SPIRITO DELLA PROMESSA
Lo Spirito Sunto Moff. 3:II
I Ruggi
Aruncioni Se dunque uno è in Crisfo, egIi è uno
nuovo creofuro II Cor. b:I7
Rinnovumento
E fuffe quesfe benedi;ioni verronno su
di fe e si compironno per fe Deuf. Z8:Z
SuIute Io fi guorisco II Pe Z0:b
Affinche non ci sio divisione neI corpo I Cor. IZ:Zb
Unità V'è un unico corpo ed un unico Spirifo Efes. 4:4
AI fine di creore in se sfesso dei due
un soIo uomo nuovo Efes. Z:Ib
E Io fuo guorigione germogIierò pronfomenfe Iso. b8:8
Io sono con fe per soIvorfi, io medichero
Ie fue ferife, fi guoriro deIIe fue pioghe 0er. 30:II,I7
Io non fi mondero oddosso oIcuno deIIe
moIoffie, che ho mondofo ogIi Egi;ioni,
perche io sono I'Eferno che fi guorisce Eso. Ib:Zo
Sii mondofo Moff. 8:3
O Dio sii pIocofo verso di me, peccofore Luc. I8:I3
O Eferno, obbi piefò di me, sono I'onimo mio SoI. 4I:4
17

Per Io gronde pigri;io sprofondo iI soffiffo EccI. I0:I8
Quonfo oIIo ;eIo non siofe pigri, siofe fervenfi
neIIo Spirifo Pom. IZ:II
Mon sopefe voi che siefe iI fempio di Dio
e che Io Spirifo di Dio obifo in voi7 I Cor. 3:Io
Io medichero Ie fue ferife 0er. 30:I7
Le mie poroIe sono Vifo per queIIi che Ii
frovono e soIufe per fuffo iI Ioro corpo Prov. 4:Z0,ZZ
L'Eferno, I'Iddio degIi spirifi di ogni corne Mum. Z7:Io
Vi è quoIcoso di froppo difficiIe per me7 0er. 3Z:Z7
Pregofe gIi uni per gIi oIfri onde siofe guorifi 0ioc. b:Io
E Io preghiero recifofo con fede soIverò
iI moIofo 0ioc. b:Ib
Mon femere, perche io sono feco Iso. 4I:I0
Presenfofe i vosfri corpi in socrificio
vivenfe, sonfo, grodifo o Dio Pom. IZ:I
Un SoIo Corpo Efes. 4:4
E quondo sorò disfruffo quesfo corpo,
sen;o Io mio corne, vedro Dio 0iob. I9:Zo
Unu soIu Mente II Cor. I3:II
EgIi mi risforo I'onimo SoI. Z3:3

18

Uno soIo Spirito Efes. 4:4
Io rimeffo iI mio spirifo neIIe Tue moni SoI. 3I:b
Consucruzione
Sonfo, Sonfo, Sonfo è I'Eferno degIi esercifi Iso. o:3
Quesfo è opero deII'Eferno, è coso
merovigIioso ogIi occhi nosfri SoI. II8:Z3
Mo quonfo o me, iI mio bene è di occosformi
o Dio SoI. 73:Z8
E sfofo un bene per me I'essere offIiffo SoI. II9:7I
8enedici, onimo mio, iI Signore e non
dimenficore oIcuno dei Suoi benefici,
EgIi è queI che fi perdono fuffe Ie fue
iniquifò, che sono fuffe Ie fue infermifò,
che redime Io fuo vifo doIIo fosso SoI. I03:Z,4









19

LO SPIRITO DELLA SASSEZZA
I Ruggi Spirifo di Sopien;o e di InfeIIigen;o Iso. II:Z
SiuIIi II principio deIIo Sopien;o è iI fimore deII'Eferno Prov. 9:I0
Ruzumnost* Poiche I'Eferno dò Io Sopien;o, doIIo Suo
bocco procedono Io scien;o e I'infeIIigen;o Prov. Z:o
Esso è piú pregevoIe deIIe perIe, e quonfo
hoi di piú pre;ioso non I'equivoIe Prov. 3:Ib
Esso fi coprirò di 0Iorio quondo I'ovroi
obbrocciofo, fi mefferò suI copo uno corono di
0ro;io, fi forò dono di un mognifico diodemo Prov. 4:8,9
II fimor di Dio occresce i giorni Prov. I0:Z7
Conoscenzu Lo Iinguo dei sovi è ricco di scien;o Prov. Ib:Z
L'ocquisfo deIIo Sopien;o oh quonfo è migIiore
di queIIo deII'oro Prov. Io:Io
L'oro e iI crisfoIIo non reggono oI suo confronfo 0iob. Z8:I7
Ti doro i fesori occuIfi neIIe fenebre Iso. 4b:3
Così conosci Io Sopien;o per iI bene deII'onimo fuo Prov. Z4:I4
^ Abbiomo Iosciofo Io poroIo buIgoro "Po;umnosf" perche non esisfe uno poroIo in ifoIiono
che corrispondo esoffomenfe oII'ideo di quesfo poroIo. Po;umnosf è uno combino;ione di ,
ro;ionoIe, rogionevoIe, soggio e spirifuoImenfe infeIIigenfe. Lo poroIo Po;umnosf indico
onche iI profondo significofo inferiore e Io reIo;ione che esisfe denfro e fro Ie cose,
che deve essere compreso non soIo o IiveIIo conceffuoIe, mo provofo onche come Luce
di Dio denfro cioscuno di noi.
20

Poiche Io Sopien;o offre un riporo EccI. 7:IZ
InduIgenzu Mon giudicofe occiocche non siofe giudicofi Moff. 7:I
Mon giudicofe secondo I'opporen;o, mo
giudicofe con giusfo giudi;io 0iov. 7:Z4
Lo giusfi;io ero iI mio vesfimenfo ed io
iI suo, Io probifò ero come iI mio monfeIIo
e iI mio furbonfe 0iob. Z9:I4
Lo Spirifo deII'Eferno riposerò su di Iui:
Spirifo di Sopien;o e d'InfeIIigen;o,
Spirifo di consigIio e di for;o, Spirifo di
conoscen;o e di fimor deII'Eferno Iso. II:Z
Compussione
L'uomo benigno fo deI bene o se sfesso Prov. II:I7
Fofe giusfi;io fedeImenfe e mosfrofe
I'uno per I'oIfro bonfò e compossione Zocc. 7:9
RifIessione
Lo rifIessione vegIierò su di fe e I'infeIIigen;o
fi profeggerò Prov. Z:II
EgIi guodognerò Io suo couso in giudi;io SoI. IIZ:b
Monfieni Io Sopien;o e Io rifIessione Prov. 3:ZI
Perche ricevo isfru;ione circo Io Sopien;o,
Io 0iusfi;io, I'Equifò, Io Diriffuro: per dore
21

occorgimenfo oi sempIici, e conoscen;o e
rifIessione oI giovone Prov. I:3,4
IIIuminuzione
Io sono venufo come Iuce neI mondo 0iov. IZ:4o
Mondo Io fuo Iuce SoI. 43:3
Tu sei queI che fo rispIendere Io mio Iompodo SoI. I8:Z8
Vedo un condeIobro fuffo d'oro Zocc. 4:Z
Quondo Io Suo Iompodo mi rispIendevo suI
copo e oIIo Suo Iuce io comminovo neIIe
fenebre 0iob. Z9:3
Così rispIendo Io vosfro Iuce neI cospeffo
degIi uomini Moff. b:Io
L'Eferno, iI mio Dio, è queI che iIIumino Ie
mie fenebre SoI. I8:Z8
Direzione Io sono venufo oro per dorfi infendimenfo Don. 9:ZZ
Io fi consigIiero e ovro gIi occhi su di fe SoI. 3Z:8
Li condusse per Io diriffo vio SoI. I07:7
AIIoro Io fuo Iuce spunferò come I'ouroro Iso. b8:8
Lo Iuce dei giusfi è goio Prov. I3:9
RivituIizzuzione
Siofe sempre oIIegri I Tess. b:Io
Tu m'hoi messo piú gioio neI mio cuore SoI. 4:7
22

Offerronno gioio e Iefi;io Iso. 3b:I0
0iubiIofe o cieIi e fu ferro fesfeggio Iso. 49:I3
AIIoro I'onimo mio fesfeggerò neII'Eferno SoI. 3b:9
Presenfiomoci o Lui con Iodi SoI. 9b:Z
Che Io vosfro oIIegrio sio compIefo 0iov. Io:Z4
Un'oIIegrio eferno coronerò iI Ioro copo Iso. 3b:I0
8eofo iI popoIo che conosce iI grido di giubiIo,
esso commino, o Eferno, oIIo Iuce deI Tuo voIfo SoI. 89:Ib
Don voci di oIIegrio e confono SoI. ob:I3
Moi siomo i servi deII'Iddio deI CieIo e deIIo ferro Esdr. b:II
DiIeffi, or siom figIioIi di Dio I 0iov. 3:Z
Confofe o Dio, soImeggiofe oI Suo nome SoI. o8:4
8eofi coIoro che ne honno iI furcosso pieno SoI. IZ7:b
Animo mio, benedici I'Eferno SoI. I04:I
E ogni corne benedirò iI nome deIIo Suo
sonfifò, oro e per sempre SoI. I4b:ZI
SIorificuzione
8enedici, onimo mio, I'Eferno e non
dimenficore oIcuno de' Suoi benefici SoI. I03:Z
Ogni coso che respiro Iodi I'Eferno SoI. Ib0:o



23

LO SPIRITO ETERNO
I Ruggi Ti ho chiomofo per nome Iso. 43:I
Verdi II Signore conosce queIIi che son Suoi II Tim. Z:I9
L'Unico E 0Ii porroi nome 0esú Luco I:3I
Crescitu QueIIo che I'uomo ovrò seminofo, queIIo
queIIo pure mieferò 0oI. o:7
Fruttuosità E I'Eferno Iddio pionfo un giordino in Eden,
o Orienfe 0en. Z:8
Cuusu L'Eferno Iddio prese dunque I'uomo e Io
pose neI giordino d'Eden perche Io
Iovorosse e Io cusfodisse 0en. Z:Ib
Effetto E I'oIbero deIIo Vifo in me;;o oI giordino
e I'oIbero deIIo Conoscen;o deI bene e deI
moIe 0en. Z:9
Ecco I'ogricoIfore ospeffo iI pre;ioso fruffo
deIIo ferro po;ienfondo 0ioc. b:7
EgIi verdeggio oI soIe e i suoi romi si
profendono suI suo giordino 0iob. 8:Io
Vi seminono compi e vi pionfono vigne, e
ne roccoIgono fruffi obbondonfi SoI. I07:37
Or iI fruffo deIIo giusfi;io si semino neIIo poce
per queIIi che s'odoprono oIIo poce 0ioc. 3:I8
Onde possono essere chiomofi ferebinfi di
giusfi;io Iso. oI:3
E come un giordino fo germogIiore Ie sue
semen;e, così iI Signore, I'Eferno, forò
24

germogIiore Io giusfi;io e Io Iode oI
cospeffo di fuffe Ie no;ioni Iso. oI:II
Lo gIorio deI Libono verrò o fe, iI cipresso
iI pIofono, iI Iorice verronno ossieme per
ornore iI Iuogo deI mio sonfuorio Iso. o0:I3
Tu hoi frosporfofo doII'Egiffo uno vife SoI. 80:8
Crescitu I monfi furono coperfi deIIo Suo ombro SoI. 80:I0
Frutti Io sono Io vife, voi i froIci. CoIui che dimoro in
me e neI quoIe io dimoro, porfo moIfo fruffo 0iov. Ib:b
Se non ci sfonchiomo mieferemo o suo fempo 0oI. o:9
L'ALßERO DELLA VITA
Mo io sono come un oIivo verdeggionfe
neIIo coso di Dio SoI. bZ:8
UIivo verdeggionfe, odorno di bei fruffi 0er. II:Io
II giusfo fiorirò come Io poImo SoI. 9Z:IZ
Anche I'Eferno Iorgirò ogni bene e Io
nosfro ferro produrrò iI suo fruffo SoI. 8b:IZ
E noi Tuo popoIo e gregge deI Tuo poscoIo,
Ti ceIebreremo in perpefuo SoI. 79:I3
Enfrofe neIIe Sue porfe con ringro;iomenfo
e nei Suoi corfiIi con Iode SoI. I00:4
Mosfromi un segno deI Tuo fovore SoI. 8o:I7
Arricchimento
L'Eferno fo impoverire ed orricchisce I Som. Z:7
Mo cercofe primo iI Pegno e Io 0iusfi;io di Dio
25

e fuffe quesfe cose vi soronno dofe in oggiunfo Moff. o:33
Mon femere piccoIo gregge, poiche oI Podre
vosfro è piociufo di dorvi iI Pegno Luc. IZ:3Z
Temefe I'Eferno, voi Suoi sonfi, poiche
nuIIo monco o queIIi che Io femono SoI. 34:9
L'Eferno è iI mio posfore, nuIIo mi moncherò SoI. Z3:I
Le imperscrufobiIi ricche;;e di Crisfo Efes. 3:8
Tu sei mio figIioIo, oggi fi ho generofo7 Ebr. I:b
Chiedimi e Io fi doro SoI. Z:8
Chiedefe e vi sorò dofo Moff. 7:7
L'Eferno fi rispondo neI giorno deIIo disfreffo,
fi dio queI che iI fuo cuore desidero e odempio
ogni fuo disegno SoI. Z0:I,4
Mio è I'orgenfo e mio è I'oro Agge. Z:8
E I'Onnipofenfe sorò iI fuo oro, EgIi fi
sorò come I'orgenfo 0iob. ZZ:Zb
Prendi iI fuo diIeffo neII'Eferno ed EgIi
fi dorò queIIo che iI fuo cuore domondo SoI. 37:4
8osfo o cioscun giorno iI suo offonno Moff. o:34
Dofe e vi sorò dofo: vi sorò versofo in
seno uno buono misuro, pigiofo, scosso
frobocconfe Luc. o:38
Prosperità FofeIi sedere 0iov. o:I0
Vi sorò obbondon;o di grono neI poese,
suIIo sommifò dei monfi SoI. 7Z:Io
26

Le vosfre osso, come I'erbo, riprenderonno
vigore Iso oo:I4
Tu opri Io mono ed essi sono so;iofi di beni SoI. I04:Z8
Li fece uscire con orgenfo ed oro SoI. I0b:37
EgIi scenderò come pioggio suI profo segofo SoI. 7Z:o
AI dì d'esso iI giusfo fiorirò SoI. 7Z:7
Chiedefe oII'Eferno Io pioggio in primovero
L'Eferno che produce i Iompi, dorò Ioro
obbondon;o di pioggio, od ognuno erbo
neI proprio compo Zoc. I0:I
L'Eferno, iI fuo Dio, fi coImerò di beni Deuf. Z8:II
A coIui che è fermo nei suoi senfimenfi,
Tu conservi Io poce perfeffo Iso. Zo:3
I disegni deII'uomo diIigenfe conducono
sicuromenfe oII'obbondon;o Prov. ZI:b
FigIioIo fu sei sempre meco, e ogni coso
mio è fuo Luc. Ib:3I
O profondifò deIIo ricche;;o, deIIo
Sopien;o e deIIo Conoscen;o di Diol Pom. II:33
II Libono sorò mufofo in un fruffefo Iso. Z9:I7
Rimembrunzu
L'Eferno si è ricordofo di noi SoI. IIb:IZ
E udirono Io voce deII'Eferno Iddio, che
comminovo neI giordino suI for deIIo sero 0en. 3:8
II vosfro fruffo sio permonenfe 0iov. Ib:Io
27

Mo iI ConsoIofore, Io Spirifo Sonfo, che
iI Podre monderò neI mio nome, EgIi vi
insegnerò ogni coso e vi rommenferò fuffo
queIIo che vi ho deffo 0iov. I4:Zo
Mo ricordofi deI fuo Creofore EccI. IZ:3
Siofe rinnovofi neIIo spirifo deIIo vosfro
menfe Efes. 4:Z3
L'onimo mio è ossefofo di Te, Io mio corne
Ti bromo in uno ferro orido, che Iongue,
sen;o ocquo SoI. o3:I
RivituIizzuzione
Poiche io spondero deIIe ocque suI suoIo
ossefofo Iso. 44:3
L'ocquo che io gIi doro divenferò in Iui uno
fonfe d'ocquo che scofurisce in Vifo eferno 0iov. 4:I4
AIIevure Cibomi con iI pone che mi è necessorio Prov: 30:8
Io sono iI Pone di Vifol 0iov. o:48
Se uno mongio di quesfo Pone vivrò in eferno 0iov. o:bI
Se oIcuno ho sefe vengo o me e bevol Chi crede
in me, come ho deffo Io Scriffuro, fiumi di
ocquo vivo sgorgheronno doI suo seno 0iov. 7:37,38
Crescere Come bombini pur oro nofi, gusfofe iI puro
Ioffe spirifuoIe I Pief. Z:Z
II coIice che iI Podre mi ho dofo 0iov. I8:II
E Io poroIo ero Dio 0iov. I:I
28

II cibo soIido è per gIi uomini foffi Ebr. b:I4
Lo fuo vifo sorgerò piú fuIgido deI meriggio 0iob. II:I7
Rinnovumento
Per I'oIbero oImeno c'è speron;o, se è fogIiofo
rigermogIio e confinuo o meffere nuovi geffi 0iob. I4:7
Rigeneruzione
Ti fo ringiovonire come I'oquiIo SoI. I03:b
Porferonno oncoro deI fruffo neIIo vecchioio SoI. 9Z:I4
Tu rinnovi Io foccio deIIo ferro SoI. I04:30
E vi compensero deIIe onnofe che hon
mongiofo Io Iocusfo 0ioe. Z:Zb
II deserfo e Io ferro orido si roIIegreronno,
Io soIifudine gioirò e fiorirò come Io roso,
si coprirò di fiori Iso. 3b:I,Z
Fo deI bene oI fuo servifore SoI. II9:I7
E dissefo Ie soIifudini desoIofe, si che vi
germogIi e cresco I'erbo 0iob. 38:Z7
Foro deI deserfo uno sfogno d'ocquo, e
deIIo ferro orido uno ferro di sorgenfi Iso. 4I:I8
Lo fuo vifo sorgerò piú fuIgido deI meriggio,
I'oscurifò sorò come Io Iuce deI moffino 0iob. II:I7
Sperunzu Spero in Dio SoI. 43:b
Lo speron;o che noi feniomo quoI oncoro
deII'onimo, sicuro e fermo Ebr. o:I9
Soroi fiducioso perche ovroi speron;o 0iob. II:I8
29

E Io speron;o non rende confusi Pom. b:b
Spero ogni coso. Or dunque quesfe fre
cose durono: fede, speron;o e corifò I Cor.I3:7,I3
Sfo in siIen;io dinon;i oII'Eferno e ospeffoIo SoI. 37:7
Riposo Venife o me, voi fuffi che siefe frovogIiofi
ed oggrovofi e io vi doro riposo Moff. II:Z8
Anche Io mio corne dimorerò oI sicuro SoI. Io:9
AII'ombro deII'Onnipofenfe non femeroi Io
spovenfo noffurno, ne Io soeffo che voIo
di giorno SoI. 9I:I,b
L'Eferno è Io fuo ombro, EgIi sfo oIIo fuo desfro
L'Eferno fi profeggerò do ogni moIe SoI. IZI:b,7
EgIi mufo Io fempesfo in quiefe e Ie onde
si coImono SoI. I07:Z9
I monfi produrronno poce oI popoIo SoI. 7Z:3
I Iofi Lo coprono deII'ombro Ioro 0iob. 40:ZZ
Io sono monsuefo ed umiIe di cuore e voi
froverefe riposo oIIe vosfre onime Moff. II:Z9
Puce Sii in poce, sfo fronquiIIo Morc. 4:39
Vi do Io mio poce 0iov. I4:Z7
Lo poce sio enfro i fuoi bosfioni SoI. IZZ:7
II fuo cuore osservi i miei comondomenfi,
perche fi procureronno Iunghi giorni, onni
di vifo e di prosperifò Prov. 3:I,Z
Ecco iI riposo: Iosciore riposore Io sfonco Iso. Z8:IZ
30

In poce io mi corichero e in poce dormiro,
perche Tu soIo, o Eferno, mi foi obifore
in sicurfò SoI. 4:8
DeI resfo frofeIIi roIIegrofevi, prococciofe Io
perfe;ione, siofe consoIofi, obbiofe un
medesimo senfimenfo, vivefe in poce II Cor. I3:II
Quesfo è iI refrigerio Iso. Z8:IZ
EgIi mi fo giocere in verdeggionfi poscoIi
EgIi mi risforo I'onimo SoI. Z3:Z,3
Io sono Io Pesurre;ione e Io Vifo 0iov. II:Zb
Lo Pesurre;ione doi morfi Pom. I:4
II corpo è seminofo corruffibiIe e resuscifo
incorruffibiIe I Cor. Ib:4Z
E Io Spirifo forni o Dio che I'ho dofo EccI. IZ:9
Mei secoIi dei secoIi. Amen Apoc. ZZ:b













31

LO SPIRITO DELLA VERITÀ
I Ruggi ßIu
Verità Io sono Io Verifò 0iov. I4:o
Lo sommo deIIo Tuo poroIo è Verifò SoI. II9:Io0
L'Eferno ho fondofo Io Suo ciffò sui monfi sonfi SoI. 87:I
L'Eferno ho sfobiIifo iI Suo Trono nei cieIi SoI. I03:I9
EgIi disfende i cieIi come uno corfino Iso. 40:ZZ
Venife, soIiomo oI monfe deII'Eferno Iso. Z:3
EgIi ci ommoesfrerò inforno oIIe Sue vie e noi
commineremo per i Suoi senfieri Iso. Z:3
Armoniu Le Sue vie son vie diIeffevoIi e fuffi i
Suoi senfieri sono poce Prov. 3:I7
ßeIIezzu Poiche quoI prosperifò sorò Io Ioro e
quonfo sorò Io Ioro beIIe;;o Zocc. 9:I7
FrofeIIi fuffe Ie cose vere, fuffe Ie cose
onorevoIi, fuffe Ie cose giusfe, fuffe Ie
cose pure, fuffe Ie cose omobiIi, fuffe Ie
cose di buono fomo, queIIe in cui è quoIche
virfú e quoIche Iode, siono oggeffo dei
vosfri pensieri FiI. 4:8
Quonfo son beIIi, sui monfi, i piedi deI
messoggero di buone noveIIe, che
onnun;io Io poce Iso. bZ:7
PisvegIiofi, risvegIiofil Meffifi Ie fue piú
32

spIendide vesfi Iso. bZ:I
0Ii occhi fuoi mireronno iI Pe neIIo Suo
beIIe;;o Iso. 33:I7
Unità Ecco, quonf'è buono e quonf'è piocevoIe che
frofeIIi dimorino ossieme SoI. I33:I
Sfudiondovi di conservore I'unifò deIIo
Spirifo coI vincoIo deIIo poce Efes. 4:3
8eofi queIIi che s'odoperono oIIo poce Moff. b:9
Virtù Essendo rodicofi ed edificofi in Lui e confermofi
neIIo fede CoI. Z:7
Ti fondero sopro ;offiri. Foro i fuoi merIi
di rubini, fuffo iI fuo recinfo di piefre pre;iose Iso. b4:II,IZ
8eIIo si erge, gioio di fuffo Io ferro, iI monfe Sion SoI. 48:Z
Io oI;o gIi occhi oi monfi. Donde mi verrò
I'oiufo7 II mio oiufo viene doII'Eferno, che ho
foffo iI cieIo e Io ferro SoI. IZI:I,Z
Io comminero neIIo Tuo Verifò SoI. 8o:II
Comminiomo onesfomenfe Pom. I3:I3
O Eferno insegnomi Io Tuo vio SoI. Z7:II
Mondo Io Tuo Luce e Io Tuo Verifò, mi guidino
esse SoI. 43:3
O Eferno, chi dimorerò neIIo Tuo fendo7
Chi obiferò suI monfe deIIo Tuo Sonfifò7
CoIui che commino in infegrifò ed opero
giusfi;io e dice iI vero come I'ho neI cuore SoI. Ib:I,Z
33

(Io Verifò duro per sempre). I fuoi disegni
concepifi do fempo sono fedeIi e sfobiIi Iso. Zb:I
Sfofe dunque soIdi, ovendo preso Io Verifò
o cinfuro dei fionchi Efes. o:I4
Fede Prendefe onche I'eImo deIIo soIve;;o e Io
spodo deIIo Spirifo, che è Io poroIo di Dio Efes. o:I7
E fuffi i giudi;i deIIo Tuo 0iusfi;io durono
in eferno SoI. II9:Io0
In principio ero Io PoroIo e Io PoroIo ero con Dio 0iov. I:I
Mo Tu hoi dofo o queIIi che Ti femono uno
bondiero, perche si Ievino in fovore deIIo Verifò SoI. o0:4
Io ho sceIfo Io vio deIIo fedeIfò SoI. II9:30
Aumenfoci Io Fede Luc. I7:b
Signore , io credo Mor. 9:Z4
Lo mio fedeIfò e Io mio benignifò soronno con Lui SoI. 89:Z4
FedeItà Sii fedeIe sino oIIo morfe e io fi doro Io
Corono deIIo Vifo Apoc. Z:I0
II FedeIe e iI Veroce Apoc. I9:II
Vo bene, buono e fedeIe servifore, enfro
neIIo gioio deI Tuo Signore Moff. Zb:Z3
Quesfe poroIe sono fedeIi e veroci Apoc. ZZ:o
Lo Verifò germogIio doIIo ferro e Io 0iusfi;io
riguordo doI cieIo SoI. 8b:II
Dio fedeIe e sen;o iniquifò, EgIi è giusfo
e reffo Deuf. 3Z:4
34

LO SPIRITO DEL POTERE
I Ruggi Con pofen;o deIIo Spirifo Sonfo Pom. Ib:I9
VioIu L'Eferno ho sfobiIifo iI Suo Trono nei cieIi,
e iI Suo Pegno signoreggio su fuffo SoI. I03:I9
Potenzu Perche iI Pegno di Dio non consisfe in porIore,
mo in Pofen;o I Cor. 4:Z0
II Pegno di Dio è denfro di voi Luc. I7:ZI
SentiIezzu Lo Tuo benignifò mi ho foffo gronde II Som. ZZ:3o
Lo cosfon;o compio oppieno I'opero suo in voi 0ioc. I:4
Lo Spirifo degIi umiIi Iso. b7:Ib
Poiche chi pofrebbe dispre;;ore iI giorno
deIIe piccoIe cose7 Zoc. 4:I0
Mon per pofen;o, ne per for;o, mo per Io
Spirifo mio, dice I'Eferno degIi esercifi Zoc. 4:o
Mo iI moggiore fro voi sio vosfro servifore Moff. Z3:II
Andofe od onnun;iore oi miei frofeIIi che
vodono in 0oIiIeo, Iò mi vedronno Moff. Z8:I0
Tu mi condurroi con iI fuo consigIio e poi
mi riceveroi in gIorio SoI. 73:Z4
Rispetto Pendefe o fuffi queI che dovefe Ioro:
I'onore o chi I'onore Pom. I3:7
Io medifero suI gIorioso spIendore deIIo
Tuo Moesfò e suIIe fue opere merovigIiose SoI. I4b:b
QueI ch'EgIi fo è spIendore e mognificen;o SoI. III:3
Dofe oII'Eferno, o figIioIi dei pofenfi, dofe
35

oII'Eferno gIorio e for;o SoI. Z9:I
Amore per Sonfo e fremendo è iI Suo nome SoI. III:9
Dio Temefe Iddio, rendefe onore oI Pe I Pie. Z:I7
In queI giorno I'uomo voIgerò Io sguordo
verso iI Suo Creofore e i suoi occhi
guorderonno oI Sonfo d'IsroeIe Iso. I7:7
Mugnunimità
Senerosità
Compussione
8eofo coIui che si dò pensiero deI poverol
MeI giorno deIIo svenfuro I'Eferno Io Iibererò SoI. 4I:I
EgIi ho conservofo in vifo I'onimo nosfro,
e non ho permesso che iI nosfro pie vociIIosse SoI. oo:9
Potere Pofenfe o soIvore Iso. o3:I
Pofenfe neI cospeffo di Dio II Cor. I0:4
Perch'EgIi vi dio , secondo Ie ricche;;e
deIIo Suo gIorio, d'esser pofenfemenfe forfificofi
medionfe Io Spirifo Suo, neII'uomo inferiore Efes. 3:Io
Infine forfificofevi neI Signore e neIIo for;o
deIIo Suo posson;o Efes. o:I0







36

LO SPIRITO DELLA SRAZIA
I Ruggi Ametistu
Lo 0ro;io deI Signore 0esú Crisfo sio con fuffi Apoc. ZZ:ZI
voi
SuIvezzu Dio vuoIe che fuffi gIi uomini siono soIvofi I Tim. Z:4
E se quoIcuno non fu frovofo scriffo neI Iibro
deIIo vifo, fu geffofo neIIo sfogno di fuoco Apoc. Z0:Ib
Percio ricevendo un Pegno che non puo essere
scosso, siomo riconoscenfi e offriomo così o Dio
un cuIfo occeffevoIe, con riveren;o e fimorel
Perche iI nosfro Dio è onche un fuoco che
consumo Ebr. IZ:Z8,Z9
E meffero queI fer;o neI fuoco e Io offinero
come si offino I'orgenfo, Io provero come si
provo I'oro Zoc. I3:9
Purificofo seffe voIfe SoI. IZ:o
Io non fi prego che fu Ii foIgo doI mondo,
mo che Tu Ii preservi doI moIigno 0iov. I7:Ib
Essi soronno neI giorno ch'io preporo Io mio
propriefò porficoIore MoI. 3:I7
Poiche soronno come piefre di un diodemo,
che rifuIgeronno suIIo Suo ferro Zoc. 9:Io
L'Eferno opporirò sopro di Ioro Zoc. 9:I4
E io quondo soro innoI;ofo doIIo ferro,
frorro fuffi o me 0iov. IZ:3Z

37

Munsuetudine
Ecco iI fuo Pe viene o fe, monsuefo Moff. ZI:b
Prendefe su di voi iI mio giogo ed imporofe
do me, perche io sono monsuefo ed umiIe di
cuore, e voi froverefe riposo oIIe onime vosfre Moff. II:Z9
Mon o noi, o Eferno, non o noi, mo oI Tuo
nome dò 0Iorio SoI. IIb:I
8eofi i monsuefi Moff. b:b
Perfezione Voi dunque siofe perfeffi, com'è perfeffo
iI Podre vosfro ceIesfe Moff. b:48
Perche ecco, iI Pegno di Dio è denfro di voi Luc. I7:ZI
Suntità Perche sono Dio e non un uomo, sono iI Sonfo
in me;;o o voi Oseo II:9
L'Eferno ho iI Suo Trono nei cieIi SoI. II:4
Adoruzione E vedufoLo, Lo odororono Moff. Z8:I7
I Cinque In queI giorno vi soronno neI poese di Egiffo
Sensi cinque ciffò che porIeronno Io Iinguo di Conoon
e che giureronno per I'Eferno degIi esercifi Iso. I9:I8
Mo nei giorni deIIo voce deI seffimo ongeIo,
quond'egIi sonerebbe, si compirebbe iI misfero
di Dio Apoc. I0:7
Preghieru
IsoIumento Mo fu, quondo preghi, enfro neIIo fuo comereffo,
e serrofone I'uscio fo oro;ione oI Podre fuo che è
neI segrefo, e iI Podre fuo che vede neI segrefo,
fe ne dorò Io ricompenso Moff. o:o
38

II Podre vosfro so Ie cose di cui ovefe bisogno Moff. o:8
Mo cercofe primo iI Pegno e Io 0iusfi;io di Dio,
e fuffe quesfe cose vi soronno dofe in oggiunfo Moff. o:33
E Dio Io chiomo di me;;o oI rovo e disse: "Mosèl
Mosel" Ed egIi rispose: "Eccomi". E Dio disse:
"non fi ovvicinore quo, fogIifi i coI;ori doi piedi,
perche iI Iuogo suI quoIe sfoi, è suoIo socro" Eso. 3:4,b
1. L'uomo
Fisico In queI giorno vi sorò uno sfrodo doII'Egiffo
1
Z, L'uomo in Assirio
Z
, gIi Assiri ondronno in Egiffo e gIi
MentuIe Egi;ioni in Assirio e gIi Egi;ioni servironno
I'Eferno con gIi Assiri.
3, L'uomo In queI giorno, IsroeIe
3
sorò fer;o con I'Egiffo
SpirituuIe e con I'Assirio e fuffi e fre soronno uno
benedi;ione in me;;o oIIo ferro. L'Eferno
degIi esercifi Ii benedirò dicendo: "benedeffi
siono I'Egiffo, mio popoIo, I'Assirio, opero deIIe
mie moni, e IsroeIe, mio eredifò" Iso. I9:Z3-Zb
Io vi soIvero e sorefe uno benedi;ione. Mon
femefe, Ie vosfre moni siono forfi Zoc. 8:I3
Uno no;ione sonfo Eso. I9:o
Sonfifò oII'Eferno Zoc. I4:Z0
Io ho dofo Ioro Io gIorio che Tu hoi dofo o me,
offinche siono uno, come noi siomo uno, io in Ioro
e Tu in me: occiocche siono perfeffi neII'unifò 0iov. I7:ZZ,Z3
39

Compimento
Così furono compifi i cieIi e Io ferro e fuffo
I'esercifo Ioro. II seffimo giorno Iddio
compì I'opero che ovevo foffo e si riposo iI
seffimo giorno do fuffo I'opero che ovevo foffo.
E Dio benedisse iI seffimo giorno e Io sonfifico 0en. Z:I-3
E Dio vide che quesfo ero buono 0en. I:I0
Accosfiomoci dunque con pieno fiducio oI
Trono deIIo 0ro;io, offinche offeniomo
misericordio e froviomo 0ro;io per essere
soccorsi oI momenfo opporfuno Ebr. 4:Io
Io Ti ho gIorificofo suIIo ferro, ovendo
compiufo I'opero che Tu m'hoi dofo o fore 0iov. I7:4
Oro è venufo Io soIve;;o e Io Pofen;o ed iI
Pegno deII'Iddio nosfro, e Io Pofesfò deI
Suo Crisfo Apoc. IZ:I0
Se osservofe i miei comondomenfi, dimorerefe
neI mio Amore, com'io ho osservofo i comondomenfi
deI Podre mio e dimoro neI Suo Amore 0iov. Ib:I0






40

LO SPIRITO DI CRISTO
I Ruggi
ßiunchi CoIui che sveIo i seffe sigiIIi
Diumunte Apre i seffe occhi
Pienezzu Couso Io crescifo dei seffe corni
Sosfiene Ie seffe chiese
Formo Ie seffe sfeIIe
Accende Ie seffe Iompode
Sonfifico i seffe giorni
Invio i seffe Spirifi, unisce fuffo in uno,
creo I'Armonio Divino dei piccoIi e grondi
mondi, disfribuisce Ie 8enedi;ioni inviofe,
guido fuffo iI Divino cuore deII'Amore,
rionimo e creo, produce e dò Io noscifo,
orricchisce e obbeIIisce, occore;;o e
consoIo, benedice e iIIumino, rende gioiosi
fuffi gIi esseri vivenfi, iIIumino e coImo di
Sogge;;o, riunisce Io conoscen;o, monifesfo
fuffo I'Amore, Io Sogge;;o e Io Verifò di Dio
Mo piocque oI Signore di fioccorIo coi pofimenfi.
Dopo over dofo Io Suo vifo in socrificio per Io
coIpo, EgIi vedrò uno progenie, proIungherò i
Suoi giorni e I'opero deII'Eferno prospererò
neIIe Sue moni: EgIi vedrò iI fruffo deI
formenfo deII'onimo Suo, e ne sorò so;iofo,
41

per Io Suo conoscen;o, iI mio servo, iI giusfo,
renderò giusfi i moIfi e si coricherò
EgIi sfesso deIIe Ioro iniquifò. Percio 0Ii doro
Io Suo porfe fro i grondi ed EgIi dividerò iI
boffino con i pofenfi, perche ho dofo se sfesso
oIIo morfe ed è sfofo onnoverofo fro i
frosgressori, perch'EgIi ho porfofo i peccofi
di moIfi e ho infercedufo per i frosgressori Iso. b3:I0-IZ
Io son Io Luce deI mondo 0iov. 8:IZ
Così rispIendo Io vosfro Iuce neI cospeffo degIi
uomini e gIorifichino iI Podre vosfro che è nei
cieIi Moff. b:Io
Ed ecco uno gron foIIo che nessun uomo pofevo
noverore, di fuffe Ie no;ioni e fribú, popoIi e
Iingue, che sfovo in piedi dovonfi oI Trono e
dovonfi oII'AgneIIo, vesfifi di vesfi bionche e
con deIIe poIme in mono Apoc. 7:9
Ed ecco un Trono ero posfo neI cieIo e suI
Trono v'ero Uno o sedere Apoc. 4:Z
Poi mi mosfro iI fiume deII'Acquo deIIo Vifo,
Iimpido come crisfoIIo, che procedevo doI Trono
di Dio e deII'AgneIIo Apoc. ZZ:I
E in me;;o oI Trono e offorno od esso quoffro
creofure vivenfi e in me;;o ogIi An;ioni sfovo
I'AgneIIo Apoc. b:o
42

Ecco I'AgneIIo di Dio 0iov. I:3o
Ecco io foccio venire iI mio servo, iI 0ermogIio.
Poiche guordofe Io piefro che io ho posfo
dovonfi o 0iosuè, sopro un'unico piefro sfonno
seffe occhi, io v'incidero queIIo che deve
essere inciso, dice I'Eferno degIi esercifi Zocc. 3:8,9
Mon ovefe voi neppur Ieffo quesfo Scriffuro:
"Io piefro che edificofori honno riprovofo, è
queIIo che è divenufo piefro ongoIore, cio è
sfofo foffo doI Signore ed è coso merovigIioso
ogIi occhi nosfri7" Mor. IZ:I0
Percio così porIo iI Signore, I'Eferno: "ecco io
ho posfo come fondomenfo in Sion uno piefro,
uno piefro provofo, uno piefro ongoIore pre;ioso,
un fondomenfo soIido, chi confiderò in esso
non ovrò freffo di fuggire. Io prendero iI diriffo
per IiveIIo e Io giusfi;io per piombino Iso Z8:Io,I7
0effondo dunque Iungi do voi ogni moIi;io e
ogni frode, Ie ipocrisie e Ie invidie, ed ogni
sorfo di moIdicen;e, come bombini pur oro
nofi, oppefife iI puro Ioffe spirifuoIe, onde per
esso cresciofe per Io soIve;;o, se pure ovefe
gusfofo che iI Signore è buono. Accosfondovi
o Lui, piefro vivenfe, riprovofo bensì dogIi
uomini, mo innon;i o Dio eIeffo e pre;ioso,
43

onche voi, come piefre vivenfi, siefe edificofi
quoI coso spirifuoIe, per esser un socerdo;io
sonfo per offrire socrifici spirifuoIi, occeffe voIi
o Dio per me;;o di 0esú Crisfo I Pief. Z:I-b
E udii uno gron voce doI Trono che dicevo: "ecco
iI TobernocoIo di Dio con gIi uomini, ed EgIi
obiferò con Ioro, ed essi soronno suoi popoIi e
Dio sfesso sorò con Ioro e sorò Ioro Dio" Apoc. ZI:3
E Dio disse: "io pongo iI mio orco neIIo nuvoIo
e servirò do segno deI poffo fro me e Io ferro,
e mi ricordero deI mio poffo fro me e voi e ogni
essere vivenfe d'ogni corne" 0en. 9:IZ,Ib
Ecco io sono I'Eferno, I'Iddio di ogni corne 0er. 3Z:Z7
II Pegno dei cieIi è vicino Moff. 3:Z
E vidi, e udii Io voce di moIfi ongeIi offorno oI
Trono e oIIe creofure vivenfi e ogIi An;ioni, e
iI numero Ioro ero miriodi di miriodi, migIioio
di migIioio, che dicevono con gron voce: " degno è
I'AgneIIo che è sfofo immoIofo per ricevere Io
Pofen;o, Ie ricche;;e, Io Sogge;;o e Io For;o,
I'Onore, Io 0Iorio e Io 8enedi;ione
1, Supercoscienzu
Z, Coscienzu
3, Subcoscienzu
E fuffe Ie creofure che sono neI cieIo
I
e suIIo
ferro, e soffo Io ferro
Z
e suI more
3
e fuffe Ie
44

cose che sono in essi, Ie udii che dicevono:
"o CoIui che siede suI Trono e oII'AgneIIo siono
Io benedi;ione e I'onore, Io 0Iorio e I'imperio,
nei secoIi dei secoIi Apoc. b:II-I3
Sonfo, sonfo, sonfo è iI Signore Iddio,
I'Onnipofenfe, che ero, che è e che viene Apoc. 4:8
0esú Crisfo è Io sfesso ieri, oggi e in eferno Ebr. I3:8
Moi Ti ringro;iomo, o Signore Iddio Onnipofenfe
che sei, che eri e che viene, perche hoi preso in
mono iI Tuo gron Pofere e hoi ossunfo iI Pegno Apoc. II:I7
E dopo quesfe cose vidi, e iI Tempio deI
TobernocoIo deIIo fesfimonion;o fu operfo in
cieIo Apoc. Ib:b
E mi frosporfo in spirifo su di uno gronde ed oIfo
monfogno, e mi mosfro Io sonfo ciffò, 0erusoIemme
che scendevo doI cieIo, d'oppresso o Dio, ovendo
Io 0Iorio di Dio: iI suo Iuminore ero simiIe o uno
piefro pre;iosissimo, come diospro crisfoIIino Apoc. ZI:I0,II
E Io ciffò ero d'oro puro, simiIe o vefro puro. I
fondomenfi deI muro deIIo ciffò erono odorni di
ogni moniero di piefre pre;iose: iI primo fondomenfo
ero di diospro, iI secondo di ;offiro, iI fer;o di
coIcedonio, iI quorfo di smeroIdo, iI quinfo di sordonico,
iI sesfo di sordio, iI seffimo di crisoIifo, I'offovo di
beriIIo, iI nono di fopo;io, iI decimo di crisopo;io,
45

I'undicesimo di giocinfo, iI dodicesimo di omefisfo.
E Ie dodici porfe erono dodici perIe, e ognuno
deIIe porfe ero fofo d'uno perIo, e Io pio;;o deIIo
ciffò ero d'oro puro simiIe o vefro frosporenfe.
E non vidi in esso oIcun fempio, perche iI Signore
Iddio, I'Onnipofenfe e I'AgneIIo sono iI suo fempio.
E Io ciffò non ho bisogno di soIe, ne di Iuno che
rispIendono in Iei, perche Io iIIumino Io gIorio di
Dio e I'AgneIIo è iI suo Iuminore Apoc. ZI:I8-Z3
8eofi coIoro che Iovono Ie Ioro vesfi,
per over diriffo oII'AIbero deIIo Vifo e per
enfrore per Ie porfe neIIo ciffò Apoc. ZZ:I4
Uno coso ho chiesfo oII'Eferno e queIIo
ricerco: che io dimori neIIo coso deII'Eferno
fuffi i giorni deIIo mio vifo SoI. Z7:4
Purificomi con I'issopo e soro puro, Iovomi e
soro piú bionco che neve SoI. bI:7
Chi vince sorò così vesfifo di vesfi bionche Apoc. 3:b
A chi vince io doro deIIo monno noscosfo Apoc. Z:I7
Io ho un cibo do mongiore che voi non sopefe 0iov. 4:3Z
Se uno ode Io mio voce ed opre Io porfo, io
enfrero do Iui e cenero con Iui ed egIi meco Apoc. 3:Z0
E gIi doro uno piefru;;o bionco, e suIIo piefru;;o
sfo scriffo un nome nuovo che nessuno conosce,
se non coIui che Io riceve Apoc. Z:I7
46

Sorgi, rispIendi, poiche Io fuo Iuce è giunfo e
Io 0Iorio deII'Eferno s'è Ievofo su di fe Iso. o0:I
PisvegIiofi, risvegIiofil Meffifi Ie fue piú
spIendide vesfi Iso. bZ:I
Sonfifò oII'Efernol Zoc. I4:Z0
Poiche EgIi mi ho rivesfifo deIIe vesfi deIIo
SoIve;;o, mi ho ovvoIfo neI monfo deIIo 0iusfi;io Iso. oI:I0
E Io cosfon;o compio oppieno I'opero suo in
voi, onde siofe perfeffi e compIefi, di nuIIo
monconfi 0ioc. I:4
T'ho vesfifo di obifi mognifici Zocc. 3:4
Ei sorò soIvo per Io pure;;o deIIe fue moni 0iob. ZZ:30
Aprifemi Ie porfe deIIo 0iusfi;io, io enfrero
per esse e ceIebrero I'Eferno SoI. II8:I9
Aprife Ie porfe ed enfri Io no;ione giusfo,
che si monfiene fedeIe Iso. Zo:Z
I nosfri possi si son fermofi enfro Ie fue porfe SoI. IZZ:Z
O porfe, oI;ofe i vosfri copi, e voi porfe
eferne oI;ofevi e iI Pe di 0Iorio enfrerò.
Chi è quesfo Pe di 0Iorio7 E I'Eferno degIi
esercifi, EgIi è iI Pe di 0Iorio SoI. Z4:7-I0
L'Eferno è neI fempio deIIo Suo sonfifò SoI. II:4
Fofe siIen;io dinon;i o mel Iso. 4I:I
Mon sopefe voi che siefe iI fempio di Dio, e
che Io Spirifo di Dio obifo in voi7 I Cor. 3:Io
47

Io comminero con infegrifò di cuore
in seno oIIo mio coso SoI. I0I:Z
Spiego Ie merovigIie deIIo Tuo bonfò, o Tu
che con Io Tuo desfro soIvi queIIi che cercono
un rifugio in Te SoI. I7:7
Quonfo o me, per Io mio giusfi;io, confempIero
Io Tuo foccio, mi so;iero, oI mio risvegIio
deIIo Tuo sembion;o SoI. I7:Ib






















48

IL PADRE DELLE LUCI
I Ruggi Crisfo è Io spIendore deIIo Suo 0Iorio e
di Luce I'impronfo deIIo Suo essen;o, sosfiene fuffe
Ie cose con Io poroIo deIIo Suo pofen;o Ebr. I:3
Dei Suoi AngeIi Ei fo dei venfi e dei
Suoi minisfri fiomme di fuoco Ebr. I:7
Spirifi minisfrofori mondofi o servire o pro di
queIIi che honno do eredifore Io soIve;;o Ebr. I:I4
Or o cioscuno è dofo Io monifesfo;ione deIIo
Spirifo per I'ufiIe comune I Cor. IZ:7
I Ruggi Io sono venufo come Luce neI mondo 0iov. IZ:4o
Rossi Per rispIendere su queIIi che giocciono in
fenebre Luc. I:79
Vitu In Iei ero Io vifo, e Io vifo ero Io Iuce degIi uomini 0iov. I:4
Io sono venufo perche obbiono Io vifo e
I'obbiono in esuberon;o 0iov. I0:I0
E quesfo è Io Vifo Eferno: che conoscono
Te, iI soIo Vero Dio 0iov. I7:3
Io sono Io Pesurre;ione e Io Vifo, chi crede
in me, onche se muore, vivrò, chiunque vive
e crede in me, non morrò moi 0iov. II:Zb,Zo
Perche come iI Podre ho vifo in se sfesso,
così ho dofo onche oI FigIioIo d'over vifo in
se sfesso 0iov. b:Zo
EgIi ho operofo pofenfemenfe con iI Suo broccio Luc. I:bI
49

I Ruggi Mo Dio che è ricco in misericordio, per iI
Rosu gronde omore deI quoIe ci ho omofi Efes. Z:4
Amore Anche quondo erovomo morfi nei foIIi, ci ho
vivificofi con Crisfo Efes. Z:b
Mo iI ConsoIofore, Io Spirifo Sonfo che iI
Podre monderò neI mio nome, EgIi v'insegnerò
ogni coso 0iov. I4:Zo
Che vi omiofe gIi uni gIi oIfri, come io vi ho omofo 0iov. Ib:IZ
Come iI Podre mi ho omofo, così onch'io vi ho
omofo, dimorofe neI mio omore 0iov. Ib:9
Io non fi dico fino o seffe voIfe, mo fino o
seffonfo voIfe seffe Moff. I8:ZZ
Seguimi 0iov. ZI:I9
I Ruggi Se dunque fuffo iI fuo corpo è iIIuminofo,
Aruncioni sen;'over porfe oIcuno fenebroso, sorò
fuffo iIIuminofo come quondo Io Iompodo
f'iIIumino coI suo spIendore Luc. II:3o
SuIute Disse Ioro: "i soni non honno bisogno deI
medico, bensì i moIofi" Luc. b:3I
E moIfe furbe si odunovono per udirIo e per
essere guorife doIIe Ioro infermifò Luc. b:Ib
Intesu Perche uscivo do Lui uno virfú che sonovo fuffi Luc. o:I9
Mo 0esú udifo cio, gIi rispose: "non femere,
soIo obbi fede, ed eIIo sorò soIvo" Luc. 8:b0
E Io Pofen;o deI Signore ero con Lui per
50

compiere deIIe guorigioni Luc. b:I7
Siustiziu E Ii mondo o predicore iI Pegno di Dio e o
guorire gI'infermi Luc. 9:Z
Or quesfi sono i segni che occompogneronno
coIoro che ovronno credufo: neI nome mio
cocceronno i demoni, porIeronno in Iingue
nuove, prenderonno in mono dei serpenfi,
e se pur bevessero oIcunche di morfifero,
non ne ovronno oIcun moIe, imporronno Ie
moni ogI'infermi ed essi guorironno Mor. Io:I7,I8
E in quoIunque ciffò sorefe enfrofi, se vi
ricevono, mongiofe cio che vi sorò messo
dinon;i, guorife gI'infermi che soronno in
esso e dife Ioro: "iI Pegno di Dio s'è
ovvicinofo o voi" Luc. I0:8,9
E fuffi queIIi che Io foccorono, furono
compIefomenfe guorifi Moff. I4:3o
E, soIifo suI monfe, si pose quivi o sedere.
E gIi si occosforono moIfe furbe che oveon
seco degIi ;oppi, dei ciechi, dei mufi, degIi
sforpi e moIfi oIfri moIofi, Ii deposero oi
Suoi piedi e 0esú Ii guorì, foIche Io foIIo
resfo ommirofo o veder che i mufi porIovono,
che gIi sforpi erono guorifi, che gIi ;oppi
comminovono, che i ciechi vedevono e ne
51

deffe gIorio oII'Iddio di IsroeIe Moff. Ib:Z9,3I
I Ruggi Mo Io Sopien;o che è do oIfo, primo è puro,
SiuIIi poi pocifico, mife, orrendevoIe, pieno di
misericordio e di buoni fruffi, sen;o por;ioIifò,
Suggezzu sen;o ipocrisio 0ioc. 3:I7
Chiurezzu AIIoro oprì Ioro Io menfe per infendere Ie
Scriffure Luc. Z4:4b
E iI vosfro premio sorò gronde e sorefe figIioIi
deII'AIfissimo Luc. 7:3b
Menfre ovefe Io Luce, credefe neIIo Luce,
offinche divenfiofe figIioIi di Luce 0iov. IZ:3o
Intesu Così rispIendo Io vosfro Iuce neI cospeffo degIi
uomini, offinche vedono Ie vosfre buone opere
e gIorifichino iI Podre vosfro che è nei cieIi Moff. b:Io
Compussione 8eofi i misericordiosi, perche o Ioro misericordio
sorò foffo Moff. b:7
Sioiu In queIIo sfesso oro, 0esú giubiIo per Io Spirifo
Sonfo, e disse: "io Ti rendo Iode, o Podre,
Signore deI cieIo e deIIo ferro, perche hoi
noscosfe quesfe cose oi sovi e ogI'infeIIigenfi e
Ie hoi riveIofe oi piccoIi fonciuIIil Si, o Podre,
perche così Ti è piociufo" Luc. I0:ZI
PoIIegrofevi e giubiIofe, perche iI vosfro
premio è gronde nei cieIi Moff. b:IZ
Quesfe cose vi ho deffo, offinche Io mio
52

oIIegre;;o dimori in voi e Io vosfro oIIegre;;o
sio reso compIefo 0iov. Ib:II
E di monifesfore o fuffi quoIe sio iI piono
seguifo do Dio riguordo oI misfero, che è sfofo
fin doIIe piú remofe efò noscosfo in Dio, iI
Creofore di fuffe Ie cose, offinche neI fempo
presenfe, oi principofi e oIIe pofesfò, nei Iuoghi
ceIesfi, sio dofo o conoscere per me;;o deIIo
Chieso, Io infinifomenfe vorio Sopien;o di Dio Efes. 3:9,I0
Percio onche noi, doI giorno che obbiomo
cio udifo, non cessiomo di pregore per voi e
di domondore che siofe ripieni deIIo profondo
conoscen;o deIIo voIonfò di Dio in ogni Sopien;o
e InfeIIigen;o spirifuoIe CoI. I:9
Conducefevi con Sopien;o verso queIIi di fuori,
opprofiffondo deIIe opporfunifò CoI. 4:b
II vosfro porIore sio sempre con gro;io, condifo
con soIe, per sopere come dovefe rispondere
o cioscuno CoI. 4:o
Che se oIcuno di voi monco di Sopien;o, Io
chiedo o Dio, che dono o fuffi Iiberomenfe
sen;o rinfocciore, e gIi sorò donofo 0ioc. I:b
Mo chiedo con fede, sen;o sfor punfo in dubbio,
perche chi dubifo è simiIe o un'ondo di more,
ogifofo doI venfo e spinfo quo e Iò. Mon pensi giò
53

queI foIe di ricevere nuIIo doI Signore 0ioc. I:o,7
Affinche I'Iddio deI Signor nosfro 0esú Crisfo,
iI Podre deIIo 0Iorio, vi dio uno spirifo di Sopien;o e
di riveIo;ione per Io pieno conoscen;o di Lui e iIIumini
gIi occhi deI vosfro cuore, offinche soppiofe o quoIe
speron;o v'obbio chiomofi, quoI sio Io ricche;;o
deIIo gIorio deIIo suo eredifò nei Sonfi Efes. I:I7,I8
Seguimi 0iov. ZI:I9
I Ruggi Chiedefe e vi sorò dofo, cercofe e froverefe,
Verdi picchiofe e vi sorò operfo
Fruttuosità perche chiunque chiede riceve, chi cerco frovo
e sorò operfo o chi picchio Moff. 7:7,8
Dofe e vi sorò dofo: vi sorò versofo in seno
uno buono misuro, pigiofo, scosso, frobocconfe,
perche con Io misuro onde misurofe, sorò
rimisurofo o voi Luc. o:38
Disse o Simone: "prendi iI Iorgo e coIofe Ie
refi per pescore". E Simone, rispondendo, disse:
"Moesfro, fuffo Io noffe ci siomo offoficofi e
non obbiomo preso nuIIo, pero oIIo Tuo poroIo
coIero Ie refi"
Abbondunzu E foffo così, presero uno foI quonfifò di pesci,
che Ie refi si rompevono Luc. b:4-o
Ho ricoImofo di beni gIi offomofi e ho rimondofo
o vuofo i ricchi Luc. I:b3
54

Mo cercofe primo iI Pegno e Io 0iusfi;io di Dio:
e fuffe quesfe cose vi soronno dofe in oggiunfo.
Mon siofe dunque con onsiefò soIIecifi deI domoni,
perche iI domoni sorò soIIecifo di se sfesso Moff. o:33,34
Mo iI Podre vosfro so che ne ovefe bisogno Luc. IZ:30
Mo 0esú, infeso queI che si dicevo, disse oI
copo deIIo sinogogo: "non femere, soIo obbi fede" Mor. b:3o
TrunquiIIità Venife o me, voi fuffi che siefe frovogIiofi ed
oggrovofi, e io vi doro riposo Moff. II:Z8
Or menfr'essi porIovono di quesfe cose, 0esú
sfesso comporve in me;;o o Ioro e disse: "poce
o voil" Luc. Z4:3o
0Iorio o Dio nei Iuoghi oIfissimi e poce in
ferro fro gIi uomini ch'EgIi grodisce Luc. Z:I4
Io vi Ioscio poce, vi do Io mio poce 0iov. I4:Z7
Riposo Venifevene oro in disporfe, in Iuogo soIiforio,
e riposofevi un po' Mor. o:3I
V'ho deffe quesfe cose offinche obbiofe
poce in me. MeI mondo ovrefe friboIo;ione,
mo fofevi onimo, io ho vinfo iI mondo 0iov. Io:33
Seguimi 0iov. ZI:I9
I Ruggi Io sono Io Verifò 0iov. I4:o
ßIu Poiche Io Legge è sfofo dofo per me;;o di Mosè,
Verità Io 0ro;io e Io Verifò sono venufe per me;;o di
0esú Crisfo 0iov. I:I7
55

Mo quondo sio venufo Lui, Io Spirifo di Verifò,
EgIi vi guiderò in fuffo Io Verifò 0iov. Io:I3
Lo Spirifo deIIo Verifò che procede doI Podre,
EgIi fesfimonierò di me 0iov. Ib:Zo
Onde Io vosfro fede e Io vosfro speron;o fossero
in Dio I Pief. I:ZI
Avendo purificofe Ie onime vosfre con I'obbedien;o
oIIo Verifò per orrivore o un omore froferno non
finfo, omofevi I'un I'oIfro di cuore, infensomenfe I Pief. I:ZZ
Affinche I'Iddio nosfro vi repufi degni di uno
foIe voco;ione e compio con pofen;o ogni
vosfro buon desiderio e I'opero deIIo vosfro Fede II Tess. I:II
Mo secondo Io Suo promesso, noi ospeffiomo
nuovi cieIi e nuovo ferro, nei quoIi obifi Io 0iusfi;io II Pief. 3:I3
DeI rimonenfe, frofeIIi, fuffe Ie cose vere, fuffe Ie
cose onorevoIi, fuffe Ie cose giusfe, fuffe Ie cose
pure, fuffe Ie cose omobiIi, fuffe Ie cose di buono
fomo, queIIe in cui è quoIche virfú e quoIche Iode,
siono oggeffo dei vosfri pensieri FiI. 4:8
Or vi è diversifò di doni, mo v'è un medesimo
Spirifo. E vi è diversifò di minisfri, mo non
v'è che un medesimo Signore I Cor. IZ:4,b
SonfificoIi neIIo Verifò: Io Tuo poroIo è Verifò 0iov. I7:I7
Io in Ioro e fu in me, occiocche siono perfeffi
neII'Unifò 0iov. I7:Z3
56

Seguimi 0iov. ZI:I9
I Ruggi Ecco, io v'ho dofo Io pofesfò di coIcor serpenfi
VioIu e scorpioni e fuffo Io pofen;o deI nemico, e
nuIIo pofrò forvi deI moIe Luc. I0:I9
Forzu In verifò vi dico che oIcuni di coIoro che son qui
presenfi non gusferonno Io morfe, finche non
obbiono visfo iI Pegno di Dio venufo con pofen;o Mor. 9:I
Ed essi si sfupivono deIIo Suo doffrino perche
porIovo con ouforifò Luc. 4:3Z
Autorità QuoI poroIo è quesfo7 EgIi comondo con ouforifò
e pofen;o ogIi spirifi immondi ed essi escono Luc. 4:3o
Pimonefe in quesfo ciffò, finche doII'AIfo siofe
rivesfifi di pofen;o Luc. Z4:49
Mo d'oro innon;i iI FigIioIo deII'uomo sorò
sedufo oIIo desfro deIIo pofen;o di Dio Luc. ZZ:o9
Potenzu Poiche iI Pofenfe mi ho foffo grondi cose.
Sonfo è iI Suo nome Luc. I:49
E 0esú occosfofosi porIo Ioro dicendo: "ogni
Pofesfò m'è sfofo dofo in cieIo e suIIo ferro.
Andofe, dunque, ommoesfrofe fuffi i popoIi,
boffe;;ondoIi neI nome deI Podre, deI FigIioIo
e deIIo Spirifo Sonfo" Moff. Z8:I8-Z0
I Ruggi Poiche chi è iI minimo fro fuffi voi, queIIo è
Ametistu gronde Luc. 9:48
SuIvezzu Mo iI moggiore fro voi sio vosfro servifore Moff. Z3:II
57

UmiItà Chiunque s'innoI;erò sorò obbossofo e chiunque
si obbosserò sorò innoI;ofo Moff. Z3:IZ
Ed EgIi, mosso doIIo Spirifo, venne neI fempio Luc. Z:Z7
Poiche gIi occhi miei hon vedufo Io Tuo soIve;;o Luc. Z:30
Mo di uno coso soIo fo bisogno e Morio ho
sceIfo Io buono porfe che non Ie sorò foIfo Luc. I0:4I,4Z
Pimoni con noi perche si fo sero e iI giorno è
giò decIinofo. Ed EgIi enfro per rimoner con Ioro.
E quondo si fu messo o fovoIo con Ioro, prese iI
pone, Io benedisse e spe;;ofoIo Io deffe Ioro.
E gIi occhi Ioro furono operfi e Lo riconobbero Luc. Z4:Z9-3I
II vincoIo deIIo perfe;ione CoI. 3:I4
Seguimi 0iov. ZI:I9
I Ruggi Lo reIigione puro e immocoIofo dinon;i o Dio
ßiunchi e Podre è quesfo: visifor gIi orfoni e Ie vedove
neIIe Ioro offIi;ioni e conservorsi puri doI mondo 0ioc. I:Z7
Purezzu Infoffi è deIIo Suo piene;;o che noi fuffi
obbiomo ricevufo, e gro;io sopro gro;io 0iov. I:Io
Percio, Iosciondo I'insegnomenfo eIemenfore
inforno o Crisfo, fendiomo o queIIo perfeffo Ebr. o:I
Mo voi siefe venufi oI monfe di Sion e oIIo
ciffò deII'Iddio vivenfe, che è Io 0erusoIemme
ceIesfe, e oIIo fesfonfe ossembIeo deIIe miriodi
di ongeIi e oIIo Chieso dei primogenifi, che sono
scriffi nei cieIi, e o Dio, iI 0iudice di fuffi, e ogIi
58

spirifi dei giusfi resi perfeffi Ebr. IZ:ZZ,Z3
Perfezione Poiche Io Iegge non ho condoffo nuIIo o compimenfo,
mo v'è oIfresì I'infrodu;ione d'uno migIiore
speron;o, medionfe Io quoIe ci occosfiomo o Dio Ebr. 7:I9
Mo Io poroIo deI giuromenfo foffo dopo Io Iegge
cosfifuisce iI FigIioIo, che è sfofo reso perfeffo
per sempre Ebr. 7:Z8
EgIi ci ho soIvofi non per opere giusfe che noi
ovessimo foffo, mo secondo Io Suo misericordio,
medionfe iI Iovocro deIIo Pigenero;ione e iI
Pinnovomenfo deIIo Spirifo Sonfo, ch'EgIi ho
copiosomenfe sporso su noi per me;;o di
0esú Crisfo, nosfro SoIvofore Tifo 3:b,o
Avendo fiducio in quesfo: che CoIui che ho
cominciofo in voi un'opero buono, Io condurrò
o compimenfo fino oI giorno di 0esú Crisfo FiI. I:o
Lo 0ro;io deI Signore 0esú Crisfo sio con
fuffi Apoc. ZZ:ZI
Amen






59

IL FRUTTO DELLO SPIRITO
II Ruggio Acciocche siono perfeffi neII'unifò 0iov. I7:Z3
ßiunco 0esú è Io Luce deI mondo 0iov. 8:IZ
Meffe un sigiIIo oIIe sfeIIe 0iob. 9:7
I sette Spiriti Le imperscrufobiIi ricche;;e di Crisfo Efes. 3:8
1, Rosso Io sono Io Vifo 0iov. I4:o
Rosu Io sono Io roso di Shoron C dei C Z:I
Perche I'Amore è do Dio I 0iov. 4:7
Z, Aruncione Sono iI Sonfo in me;;o o fe Ose. II:9
Uno nuovo creofuro II Cor. b:I7
3, SiuIIo Lo sopien;o ho fobbricofo Io suo coso Prov. 9:I
4, Verde Ecco un uomo che ho nome iI 0ermogIio Zocc. o:IZ
Io sono Io vife 0iov. Ib:b
õ, ßIu Io sono Io vio, Io Verifò e Io vifo 0iov. I4:o
Purificondo i cuori Ioro medionfe Io fede Affi Ib:9
Poiche iI Pofenfe mi ho foffo grondi cose Luc. I:49
ó, VioIu Poiche iI Pegno di Dio non consisfe in porIore,
mo in pofen;o I Cor. 4:Z0
7, Ametistu Io in Ioro e fu in me 0iov. I7:Z3
Io sono monsuefo ed umiIe di cuore Moff. II:Z9
ß, Diumunte Sopro un'unico piefro sfonno seffe Occhi Zoc. 3:9
In verifò vi dico: vedrefe iI CieIo operfo e
gIi AngeIi di Dio soIire e scendere sopro iI
FigIioIo deII'uomo 0iov. I:bI

60

Luce I Seffe Spirifi
I Seffe Poggi
Le Seffe Armonie
MeIIo piene;;o deII'Unione in Dio
Purificofo seffe voIfe SoI. IZ:o
DiIeffi, or siom figIioIi di Dio I 0iov. 3:Z
Porfecipi deIIo Mofuro Divino II Pief. I:4



IL SACRO COMANDO
DEL
MAESTRO

Amo iI senfiero perfeffo deIIo Verifò e deIIo Vifo.
Poni iI 8ene come fondomenfo deIIo fuo coso,
Io 0iusfi;io come misuro deIIo fuo vifo,
I'Amore come suo ornomenfo, Io Sogge;;o come muro
di difeso e Io Verifò come Luce deI fuo commino.
SoIfonfo oIIoro orriveroi o conoscerMi,
e io Mi riveIero o fe.




61

(O^1 +¸/)1 1£ £1±)O (O^1 +¸/)1 1£ £1±)O (O^1 +¸/)1 1£ £1±)O (O^1 +¸/)1 1£ £1±)O
'1£ I1¸I/^1)IO I11 )/¸¸1 (O£O)/I1 I1££/ £+(1" '1£ I1¸I/^1)IO I11 )/¸¸1 (O£O)/I1 I1££/ £+(1" '1£ I1¸I/^1)IO I11 )/¸¸1 (O£O)/I1 I1££/ £+(1" '1£ I1¸I/^1)IO I11 )/¸¸1 (O£O)/I1 I1££/ £+(1"
(o¡ìio .nc .·civno vnv ¡oìcnìc .o··cnìc vi .cììc .oìo·i ¡c·.nc (·i.ìo è .i.ino vì
¡ivno {i.i.o qvc.ìvnno. Ivììi qvc.ìi .c·.i c ìvììc ìc .¡ic¡v:ioni .ono .ìvìc ..·iììc .oììo ìv
¸vv vi·c:ionc, c..o ¡c·.nc o¡ni .oììv .nc ìi v.c·cìc iì ¸i¡no·c .i vivìc·v. Ivììi qvc.ìi .c·.i
.ono ìc ¸vc ¡v·oìc c qvvnvo ini:ic·cìc v ìv.o·v·c .on c..i, oììc··cìc ¡oìc·c, nv
innvn:iìvììo ìiìc·vìc.i vvì ¡c..vìo. ±11)¸/ IO+)O ±11)¸/ IO+)O ±11)¸/ IO+)O ±11)¸/ IO+)O
MeI I9IZ iI Moesfro Pefer Deunov (8einso Douno ero iI
Suo nome spirifuoIe) froscorse due mesi neI viIIoggio di
Arbonossi (8uIgorio) scrivendo quesfo Iibro.
Quesfi versi sono sfofi presi doI Vecchio e doI Muovo
Tesfomenfo. I versi roppresenfono i roggi coIorofi deIIo Iuce:
rosso, oroncione, gioIIo, verde, bIu, vioIo, omefisfo e
diomonfe. II pofere di quesfi versi risiede neI Ioro
coIIegomenfo con i coIori deI soIe. Quondo si desidero
Iovorore per roggiungere uno virfú, per guorire do uno
moIoffio o per superore un osfocoIo, procedefe neI seguenfe
modo:
I. Leggere Ie pogine I,Z,3,b,o,7.
Z. Ogni coIore viene descriffo in fre copifoIi deI Iibro. I)
Ieggere Io pogino deI coIore corrispondenfe oI copifoIo
Spirifo deI CoIore Z) Ieggere Ie pogine neI copifoIo iI
Podre deIIe Luci scegIiendo i versi reIofivi o queI
coIore, 3) Ieggere Io pogino neI copifoIo iI Fruffo deIIo
Spirifo reIofivo o queI coIore.
3. Terminore iI Iovoro Ieggendo I'uIfimo pogino o0 deI
Iibro dove si frovo iI Socro Comondo deI Moesfro.
Ad esempio se vogIiomo Iiberorci di uno moIoffio, iI
Moesfro roccomondo per quesfo scopo di Ieggere iI roggio
oroncione. Immoginofe che suIIo nosfro fesfo si riversi uno
pioggio di coIore oroncione e che penefri fuffo iI nosfro
corpo. Immersi menfoImenfe neI roggio oroncione dobbiomo
62

ini;iore o Ieggere i versi deI roggio oroncione o pogino
Io,I7,I8. Dopo di cio Ieggeremo i versi deI roggio oroncione o
pogino 49,b0,bI,b9. Infine Ieggeremo I'uIfimo pogino o0.
II Iunedì Ieggere iI roggio verde o pogino Z3-Z4-Zb-Zo-
Z7-Z8-Z9-30-b3-b4-o0, morfedì iI roggio rosso o pogino 8-
9-I0-II-48-o0, mercoIedì iI roggio gioIIo o pogino I9-Z0-ZI-
ZZ-bI-bZ-b3-o0, giovedì iI roggio bIu o pogino 3I-3Z-33-b4-
bb-bo-o0, venerdì iI roggio roso o pogino IZ-I3-I4-Ib-49 e
o0, sobofo iI roggio vioIo o pogino 34-3b-bo-o0, domenico iI
roggio omefisfo o pogino 3o-37-38-39-bo-b7-o0.
Di Iofo viene descriffo Io scopo dei diversi roggi in modo
do pofer Ieggere sui roggi corrispondenfi oI vosfro scopo. Se
ovefe un osfocoIo e voIefe superorIo, Ieggefe i versi dove si
Iegge "Vifforio". Se siefe di coffivo umore, usofe iI roggio
roso e Ieggefe i versi corrispondenfi. Se ovefe perso Io poce
e siefe preoccupofi, Ieggefe Ie pogine suIIo poce e Io
rifroverefe. Se voIefe ocquisire pofere, Ieggefe sui roggi
vioIo. In quesfo modo pofrefe sviIuppore fuffe Ie quoIifò.
L'orcoboIeno confiene i coIori migIiori e piú nofuroIi, ecco
perche dovresfe osservorIo in quonfo vedrefe i cinque coIori
di bose. Così foremo iI primo esperimenfo con iI mefodo piú
sicuro e o bosso cosfo. Poiche quesfo è iI mefodo di Crisfo,
sebbene sempIice i risuIfofi soronno dovvero grofificonfi.
E' megIio che ognuno si procuri un prismo Iungo circo
me;;o mefro e Iorgo Z0 cm. MeffefeIo neIIo Vs. sfon;o e
prendefe iI coIore puro che vi è necessorio in queI momenfo,
sio per curorvi che per meffere o posfo i moIinfesi o quoIsiosi
oIfro coso. In reoIfò i roggi sono moIfo piú beIIi, mo siccome
non Ii vedefe, ci serviomo di queIIi deI prismo.