Sei sulla pagina 1di 633

Antonio Garrisi

DIZIONARIO LECCESE-ITALIANO

II
O-Z

2014
O

O o
o1 cong. O, oppure, ossia, ovvero: scòcchia tie o quista o quiδδa scegli tu o questa o quella;
tra lli aceδδi o tra lli animali cu ll'ale li castarieδδi me piàcenu te cchiùi tra gli uccelli
ovvero tra gli animali con le ali i falchi mi piacciono di più *prov. O te mangi sta
menèscia o te futti te sta fenèscia o ti mangi questa minestra o ti getti giù da questa
finestra.

o2 inter. del vocativo. O: o Matonna mia, Cesarinu, cce ssinti freculusu! o Madonna mia,
Cesare, quanto sei irrequieto!; o amicu, squari? o amico, ti attardi ancora?

obbedència sf. Obbedienza, ubbidienza. V. anche bbedènzia.

obbrecare, ubbricare tr.; pres. òbbrecu, òbbrechi, òbbreca, òbbrecamu (ubbricamu), ecc.; p.
rem. obbrecài (ubbricài), ecc.; pp. obbrecatu (ubbricatu) . Obbligare.

obbrecatòriu, ubbricatòriu agg. Obbligatorio. [lat. oblicatorius].

obbrecatu, ubbricatu agg. Obbligato; tenuto a fare: nu tte rengràziu moi, ma me sentu
obbrecatu non ti ringrazio subito, ma mi ritengo obbligato (a ricambiare un favore o un
dono). [lat. oblicatus].

obbrecazione, ubbricazione sf. Obbligazione; gratitudine: ni tegnu obbrecazione pe cquiδδu


ci m'à ffattu gli porto gratitudine (e mi sento obbligato) per ciò che ha fatto in mio favore.
[lat. obligatio -onis].
DE D. Doppu ca tantu bene se nde cunta, / l'obbrecazione soa cussì se scunta!

òbbrecu sm. Obbligo, dovere, impegno *provv. Ci rengràzia esse d'òbbrecu chi ringrazia si
libera di ogni obbligo § Mprumisa d'omu ete òbbrecu la promessa di un uomo serio è
come un impegno.

òbbue, ùbbue sm. Oboe, strumento musicale a fiato.

oca sf. Oca selvatica * modo di dire: ferrare nn'oca essere capace di inchiodare i ferri ai piedi
di un'oca, riuscire a fare l'impossibile. [lat. auca].

occasione, uccasione sf. Occasione * prov. L'occasione fa' ll'omu latru l'occasione
favorevole può spingere anche l'uomo onesto ad essere ladro. [lat. occasio -onis].

òccula sf. Chiòccia: l'aδδina se sta’ fface òccula la gallina si fa chiòccia; nna òccula cu
cquattòrdici purecini una chioccia con quattordici pulcini.

occulata sf. Covata, l'insieme delle uova da covare, sempre di numero dispari, con un
massimo di ventuno.

1
O

occuleδδa sf. fig. Donna piccolina ma rotondetta.

occulisçiare intr.; pres. occulìsçiu, ecc.; impf. occulisçiàa, ecc.; p. rem. occulisçiài, ecc.; pp.
occulisçiatu. Chiocciare, emettere la voce caratteristica della gallina che cova. [da òccula
+ suff. iter. -sçiare].

occurrenza, uccurrenza sf. Occorrenza.

òδδaru sm. 1- Grumo * 2- Nòdulo sottocutaneo: tene le cosse òδδari òδδari ha le cosce piene
di cellulite. V. pure uδδàru.

òdiu, òtiu sm. Odio, astio, rancore * detto: l'òdiu se rùseca lu fìcatu l'odio rosicchia il fegato.
[lat. odium].

oe sf.pl. Uova: oe te mita uova di gazza; oe te aδδu uova di gallina ingallate. V. uèu.

ògghia (neol.) sf. 1- Voglia, desiderio: sia ca sta’ ttegnu ògghia te nna cosa stuzzecante ho
una certa voglia di qualcosa appetitosa * 2- Voglia cutanea: tene nna ògghia te cafè
subbra alla nàteca ha una voglia color caffè sulla natica. [dal lecc. ògghiu voglio]. V. la
voce più usata ula.

ogliarinu sm. Barattolo lubrificatore. [da ògliu + suff. funz. -aru + desinenza del dim.].

ògliu (neol.) sm. Olio: ògliu te linu, te màchina, te lìcinu olio di semi di lino, per macchina,
di rìcino * modo di dire: campa ci nc'ete ògliu alla lampa vivrà finché avra energie. [lat.
oleum]. V. uègghiu.

ògliu santu sm. Olio consacrato per il battesimo e per la estrema unzione. [lat. oleum
sanctum].

ogne, gne agg. indecl. (richiede il rafforzamento della consonante semplice iniziale della
parola che segue). Ogni: ogne ppalora nna minchionarìa ogni parola, una stupidaggine;
gne ccarusu e gne ggioanetta cu sse prepara pe lla quatrìglia ogni giovanotto e ogni
signorina si prepari per il ballo della quadriglia; ogne annu ni facimu nnu iàggiu a
Caδδìpuli ogni anno facciamo un viaggetto a Gallipoli. [lat. omnis].
MAR. Uarda cce cuntentizza e cce llegria / intra ogn'anema ferve e 'ntra 'gne core…

ognetunu pron. ognuno, ciascuno: ognetuna ole bessa la cchiù' bbeδδa ognuna desidera
essere la più bella; ni nde tèsera doi ognetunu ce ne distribuirono due ciascuno *prov.
Ognetunu ete pòeru te l'arte soa ognuno è povero (delle cose) del proprio mestiere. [
comp. del lecc. ogne te unu].

oi (pl. oi e uei) sm. Bove, bue: ete nnu oi buenu pe ll'aratu è un bove idoneo per l'aratro; sta’
bara cu nnu parìcchiu te oi ara con una coppia di buoi; minti lu sçiùu alli oi poni il giogo
sul collo ai buoi * modo di dire: sçire comu lu oi sçiuntu alla carrozza tirare con grande

2
O

sforzo la carretta, cioè vivere con fatica, vivacchiare * prov. Lu oi chiama lu ciùcciu
curnutu il bue chiama cornuto l'asino (riferito a chi scorge i difetti altrui e non si accorge
dei propri, vede cioè il fuscello nell'occhio altrui e non vede la trave nel suo *
Indovinello: Do' lucenti, do' pungenti, quattru mazze e nnu scuparu. Cce bete? due occhi
lucidi, due corna appuntite, quattro zampe robuste e una coda che sembra uno spazzatoio.
Che cosa è? [lat. bos bovis, le consonanti cadono].
LEONE E nu oi ca uarda, re de la campagna, / nu sçencu 'lliecru, forte, sçiuculanu,

oimmèna, oimmè' inter. Ohimè: oimmèna, cce spentura! ohimè, che sventura!; oimmè', fuecu
à ccatutu a ccasa mia! ohimè, un incendio è scoppiato a casa mia!

òliu (neol.) sm. Olio. V. anche ògliu e uègghiu.

oltre, ottre avv. e prep. Oltre, al di là: basta, nu sçire oltre fèrmati, non andare oltre; ottre a
st'amicu, nde tegnu inti àutri oltre questo amico, ne ho venti altri. [lat. ultra].

sopra: ombre te aratu nustrale


sotto: ombre te aratinu o ersuru
ombre sm. Vomere * prov. Ombre lucente, ellanu fatiante; ombre rruggiatu, ellanu
spamecatu vomere lucido, contadino lavoratore; vomere arrugginito, villano morto di
fame. [dal lat. (v)omis -eris].

ominibbussu sm. Omnibus, carrozzone adibito a regolare servizio pubblico. V. pure


tuttubbùssulu.

òmmecu v. ùmmecu.

òmmene, òmmine (pl. uèmmeni, raro èmmeni) sm. Uomo: l'òmmene ete lu rre te lu mundu
l'uomo è il re dell'universo; li uèmmeni su' ddentati superbiusi nnanti a Diu gli uomini
sono diventati superbi al cospetto di Dio. [dal lat. hominem].
DE D. n'òmmene tantu, stursellatu tuttu, / nu facci d'animale, scuntrafattu
DE D. E bintimila uèmmeni sbarcara / subbra lli porti de Batiscu e de Orte;

omu (pl. uèmmeni) sm. Uomo: nn'omu te ciappa un uomo di rispetto * detto: l'omu prupone
mma Diu dispone l'uomo fa i suoi progetti ma solo con l'aiuto di Dio potrà attuarli *
provv. L'omu cu lla pala e lla fìmmena cu lla cucchiara (conviene che) l'uomo porti in
casa soldi a palate e la donna li spenda a cucchiaiate § Monte cu mmonte nu sse ncontra

3
O

mai, omu cu omu ci nu osçe crai i monti non si incontrano mai, uomo con uomo se non
oggi, domani § Cu ccanusci l'omu tocca mmangi sale te sette rrièi per giungere a
conoscere l'uomo, bisogna assaporare il sale (monopolio) di sette re. [lat. homo].
DE D. E l'omu foi de tuttu vincitore: / strinse la luce e navicàu lu mare / e lesse te lu sule
lu spiandore / e lli fùrmeni fice ncatenare. … / Ma lu sule rrumane e l'omu more / ca nu
pote la morte cunquistare.

omu miu sm. Mio marito: pe lla santa erdate, l'omu miu me tratta bona per dire la verità,
mio marito mi tratta bene. [dal lat. homo meus].

onniputente, unniputente (pl. onniputienti) agg. Onnipotente, che può fare ciò che vuole. [dal
lat. omnipotens -entis].

onore (neol.) sm. Onore, grande merito personale, dignità. [dal lat. honor -oris]. V. anche
unore.
BOZZI Nc'è l'onore! Sissignore, / ma nu serve comu prima: / la ricchezza, nu nc'è santi, /
quiδδa sula è ca se stima,

onda (neol.) sf. Onda del mare: e lle onde se gnuttèra la barca e le onde inghiottirono la
barca. [lat. unda]. V. iundu.

onza sf. Oncia, misura equivalente a circa 26 grammi, la dodicesima parte di una libbra: ni
calàu a ncanna ttre onze te uègghiu te lìcinu gli versò in gola tre once di olio di ricino *
fig. Una piccola quantità; un poco: nu mme piace cu ppanizzu: me basta nn'onza te pane
non mi piace mangiare pane in abbondanza: un tozzo mi è sufficiente. [lat. uncia].

onza onza avv. A goccia a goccia, a poco a poco; appena appena; assai lentamente.

opa sf. Boga, pesce molto comune lungo le coste salentine e diffusamente consumato per il
buon sapore e, specialmente, per il costo moderato. [gr. boka, lat. boca, lat. volg. * oba].

opa de mazza
opa de mazza sf. Boga che ha pascolato sul fondale roccioso ed è diventata alquanto più
grossa e più saporita al palato.

opareδδa sf. Boga di piccole dimensioni. [dim. di opa].

openione, upinione (neol.) sf. Opinione. V. anche punione.

4
O

òpera sf. 1- Opera, attività; azione: òpera te Diu, te lu tiàulu, te la natura opera di Dio, del
diavolo, della natura; le òpere te li uèmmeni le attività degli uomini; òpera te lu ientu à
stata azione del vento è stata * 2- Opera musicale: cce òpera sta’ ffàcenu allu Pulitiama?
che opera lirica rappresentano al Politeama?; l'opera te la Tosca l'opera melodrammatica
della 'Tosca'. [lat. opera].

operàgliu sm. Operaio, lavoratore dell'artigianato, dell'industria o del commercio. [lat.


operarius].

operàiu, uperàiu sm. Operaio, lavoratore non contadino.

ora sf. Voragine, inghiottitoio: tutta l'àcqua te la chiazza se nd'ae ntru lla ora tutta l'acqua
piovana della piazza va a finire nell'inghiottitoio. [dal lat. vorax e (v)ora(go) ].

orata v. urata.

orca, nanna orca sf. Orca, mostro marino della tradizione popolare. [lat. orca]. V. la voce più
comune nannorca.

òrciu sm. Orcio, vaso di terracotta adoperato per riporvi l'olio. [lat. orceus].

orcu sm. Orco, mostro spaventoso e crudele delle fiabe popolari. [lat. orcus]. V. i più usati
nannuercu, nannercu.

òrcuma sf. Sopraccarico; volume oltre il normale. V. ùrcuma.

ordenare, urdinare v. urdenare.

òrdene, òrdine sm. 1- Comando: ncignàu cu ddèsçia l'òrdeni d'assartu cominciò a impartire
gli ordini dell'assalto * 2- Ordine, assetto conveniente: prima biessi, lassa tuttu an òrdine
prima di uscire da casa, lascia tutto in ordine. [lat. ordo -inis].

òrdere, urdìre v. ùrdere.

ordeturu, urdeturu sm. Orditoio.

òrdula sf. Succhio, trivello. V. ùrdula.

orfanieδδu, urfanieδδu sm. (f. orfaneδδa). Orfanello; povero orfano: pori orfanieδδi menati
su nna strata poveri orfanelli, abbandonati in strada. [dim. di òrfanu].

òrfanu sm. Orfano: òrfanu te mamma, te sire orfano di madre, di padre * prov. Orfanu
orfanieδδu, mègghiu de sire cca de mamma orfano miserello, meglio di padre che di
madre. [lat. orphanus].

5
O

Orga pers. Olga.

organettu sm. Armonica a bocca * fig. Sfilatino di pane.


Strambotto: Ogghiu lu zitu, ògghiu lu liettu, / cu mme sona l'organettu!

organieδδu sm. Fisarmonica: purtammu nna serenata cu ll'organieδδu e llu mandurlinu


portammo una serenata accompagnandoci con la fisarmonica e con il mandolino. [dim. di
òrganu].

organìsemu (lett.) sm. Organismo.

òrganu sm. Organo, strumento musicale a mantice. [lat. organum].

orlu mso-ansi-language: (lett.) sm. Orlo, margine. [dal lat. volg. *orulus]. V. ntàgghiu.

ornetta, urnetta sf. Sponderuola del falegname e dell'intagliatore. [dal lat. ulna].

ortale v. urtale.

Orteδδe geogr. Ortelle.

ortulanu sm. Ortolano. V. urtulanu.

òrture sf. pl. Piante a dimora negli orti; ortaggi, verdure.

oru sm. Oro: oru massìcciu tutto oro; oru zecchinu oro creduto purìssimo * modi di dire:
èstere te oru te capu a ppieti coprire di ricchezze § èssere lu fessa d'oru essere uno di cui
cercano di approfittare § ale tantu oru quantu pisa è stimato moltissimo perché
moltissimo vale * prov. Nun ete tuttu oru ccenca lluce non è oro tutto ciò che lùccica. [lat.
aurum].
Da c. p. Beδδa, subbra te tie nu ttrou tifettu, / ca si' d' oru e dd'argentu macenatu.

oruluggiàru sm. Orologiaio. [da un incr. tra oru e rulòggiu + suff. di mest. -aru].

osce agg. possessivo f. pl. Vostre: le soru osce suntu mutu ngarbate le sorelle vostre sono
assai garbate; turnàtibunde alle case osce tornàtevene alle vostre case. V. il masch.
uèsciu.

osçe avv. Oggi: osçe ete nna bella sçiurnata oggi è una bella giornata ; quante nde ìmu
osçe?12.0pt; che giorno è oggi?; de osçe nnanti da oggi in poi; osçe uettu, osçe cquìndici,
osçe bintunu oggi a otto, oggi a quindici, oggi e ventuno * detto: Osçe a mmie, crai a ttie
oggi a me, domani a te, non si può sfuggire * prov. Mègghiu l'eu osçe cca ll' aδδina crai
meglio l'uovo oggi che la gallina domani (per paura di rinunziare all'uovo oggi e di non
ricevere la gallina poi). [dal lat. hodie].

6
O

osçe crai, ci nu osçe crai loc. avv. Se non oggi, domani; prima o poi: osçe crai à cchiòere
prima o poi pioverà.

oscu mso-ansi-language: sm. Bosco. [lat. med. buscus]. V. anche boscu.

osse sf. pl. Ossa: ni pàrenu l'osse pe cquantu ete mazzu gli si vedono le ossa per quanto è
magro; me tòlenu tutte l'osse te lu custatu mi fanno male tutte le ossa del torace. V. uessu.

òstia sf. Ostia consacrata * modo di dire: nun èssere farina pe òstie non essere farina idonea
per confezionare le ostie, non essere all'altezza di fare certe cose. [lat. hostia]. Da una
preghiera: Ntra ll'òstia sutta velu / crìsçiu ca Iδδu stìa, / Gesù dell'arma mia, / lu Diu ca
me ama.

òstreca sf. Ostrica, mollusco con conchiglia: se ttacca a mmie comu nn'òstreca alla pèntuma
te mare si attacca a me come un'ostrica allo scoglio marino. [dal gr. òstrakon incr. con lat.
ostrea].

ostrecaru sm. Venditore di ostriche e molluschi marini vari. [da òstreca + suff. di mest. -
aru].

ota sf. 1- Svolta; inversione di tendenza; girata: la ita mia à ddata ota la mia vita ha iniziato
il declino * 2- Licenziamento, con conseguente girata di spalle * modo di dire: dare ota
mandar via * prov. A ccosa ècchia danni ota cosa inservibile, càmbiala; è inutile
rigiràrsela tra le mani, giacché non la si può più rimediare.
Da c. p. Ddora la uccuzza toa te milu tuce / quandu à ddata la ota cu sse face.

ota e spota loc. avv. Gira e rigira; in breve, fintanto che…: ota e spota se nd'ìnnera le tèice te
sira gira e rigira si fecero le dieci di sera; na, a nnu ota e spota su' pprontu ecco, in breve
sarò pronto. [da uta(re) e sputa(re) ].

otaluru, otaturu sm. Nottolino, pezzetto di legno girevole intorno ad un chiodo per la
chiusura aleatoria di battenti rustici. [da utata + suff. funz. -uru].

otamanu sm. o sf. Manrovescio: ni tese nnu otamanu (nna otamanu) ntru lli musi te puercu
ci porta gli assestò un manrovescio sulle labbra che ha, simili al grugno del maiale.
[comp. di uta(re) manu].

otareδδa sf. Giravolta; piroetta; scarto brusco di direzione. [dim. da ota].

òttimu (lett.) agg. Ottimo * avv. Ottimamente: stu purecàsciu sape òttimu questa pagnottella
ha un sapore buonissimo. [dal lat. optimus]. V. buenu.

ottre avv. e prep. Oltre, al di là: ottre mare nc'ete l'Arbanìa aldilà del mare c'è l'Albania; nu
sçire ottre, basta! non andare oltre, fèrmati!. V. lecc. oltre.

7
O

ottu (neol.) agg. Otto: alle ottu ni truamu alla chiazza te lu pescupatu alle otto ci
incontreremo in piazza vescovado; sta’ ssònanu le ottu suonano le otto. [lat. octo]. V. il
più comune uettu.

ozziceδδa o uzzeδδa
ottucentu agg. num. Ottocento * sm. L'Ottocento: ui stati ncora allu Ottucentu voi siete
arretrati, siete rimasti alla mentalità dell'Ottocento. V. uettucentu.

otu v. votu.

ozza sf. Giara, grosso recipiente di terracotta, assai panciuto, destinato a contenere e a
conservare sino a 250 litri di vino: la ozza à ppersa nna àsula la giara ha perduto un'ansa;
la cantina stae china te ozze e de utti la cantina è piena di giare e di botti* modo di dire:
capu te ozza acante testone vuoto, testa grossa ma di scarsa intelligenza. [dal lat. boccia].

ozziceδδa sf. Recipiente di terracotta adoperato per il trasporto del vino; può contenere non
più di 50 litri. [dim. di ozza]. V. pure uzzeδδa.

8
P

Pp
pàa sf. Paga, mercede.

paàre tr.; pres. pàu, pài, pàa, paàmu, ecc.; impf. paàa,… paàamu, ecc.; p. rem. paài, ecc.;
pp. paàtu. Pagare: mpa' Roccu, quandu me pài δδa menzettatura? compare Rocco,
quando mi paghi quella risuolatura di scarpe? * prov. Diu nu pàa lu sàbbatu Dio non
paga il sabato. V. pacare.

paca (pl. pache) sf. Paga * detto: bàsciame lu tìtulu e aumèntame la paca non sprecare lodi e
omaggi per me e aumentami piuttosto la ricompensa.

pacamientu, pacamentu sm. Pagamento, paga, corresponsione del salario: osçe ete giurnu te
pacamientu oggi è giorno di paga.

pacanu agg. Incredulo; non assiduo alle messe nei giorni comandati: bruttu pacanu ci nu
ssinti àutru, nu tt'à' fatta la cumenione mancu a Pasca brutto irreligioso che non sei altro,
non hai fatto la comunione neppure a Pasqua.

pacare tr.; pres. pacu, pachi, paca, pacamu, ecc.; impf. pacàa,… pacaàmu, ecc.; p. rem.
pacài, ecc.; pp. pacatu. Pagare, retribuire: nui te pacammu e tte strapacammu noi ti
pagammo e ti demmo più di quanto meritavi * modo di dire: pacàa ci sape ccene cu nnu
llu ìsçiu e ccu nnu llu sentu pagherei chissà che cosa per non vederlo e per non udirlo *
prov. Ci nu paca a llinu, paca a llana chi non paga offrendo lino, paga dando in cambio
lana (chi non paga a contanti, dà il corrispettivo in altro modo). [lat. pacare].
Da c. p. Pòveru miu cumpà'/ ttaccatu alle catene, / à ppacare le pene / e carceratu và!

pacature, paatore sm. Pagatore * prov. Te nnu tristu pacature pìgghia pàgghia pe llaùre da
un cattivo pagatore accetta qualunque compenso, persino paglia al posto di cereali.

paccareδδa sf. Scappellotto, schiaffetto. [dim. di pàccaru].

pàccaru sm. Schiaffo, ceffone. [dall'it. pacca + suff. funz. -aru].

pacchettinu sm. Pacchettino, involucro piccolissimo.

pacchettu sm. Piccolo pacco: nnu pacchettu te sicarieδδi un pacchetto di sigari fini.

pàcchia sf. Pacchia; cuccagna; mangerìa; situazione comodissima: cquài ete nna pàcchia qui
è il paese di bengodi.

pacchianata (neol.) sf. Pacchianata, grossolanità.

pacchianu (neol.) agg. Pacchiano, di gusto mediocre. V. żallu.

9
P

pacchiceδδu sm. Pacchettino. [dim. di paccu].

pàccia (f. pacce) agg. f. di pàcciu. Pazza, matta, furiosa: ma sinti pàccia? ma sei matta? sta‟
rrita comu nna pàccia strilla come una pazza * sf. fig. Gazza: la (mita) pàccia me
rrubbàu lu nieδδu la gazza mi rubò l'anello.

paccìa (pl. paccèi) sf. Pazzìa; cose da pazzi: face paccèi cu ttroa nna stozza te maritu fa
pazzie pur di trovare un marito qualsiasi.

pacciarieδδu (f. pacciareδδa) agg. Pazzerello sventato, alquanto bizzarro. [dim. di pàcciu].
Stornello: Fiuru te ruta, / l'amore pacciarieδδu me fa' essìre, / stu core spenturatu te
saluta.

pacciceδδu agg. Stravagante simpatico. [altro dim. di pàcciu].

pàcciu agg. e sm. Pazzo furioso, demente, matto * 2- Lunatico, oltremodo bizzarro: li pacci
nu stanu sulu a Sampascali i matti non stanno soltanto nell'ospedale psichiatrico 'S.
Pasquale'; cose te pacci! cose straordinarie e strane!; era nnamurata pàccia era
innamoratissima * modo di dire: nci ole nnu pàcciu pe ccasa in ogni famiglia ci vuole
uno che si infuri e metta tutti al loro posto * provv. Ci rite senza raggiune o ete pàcciu o
ete minchiune chi ride senza una ragione o è pazzo oppure è minchione § Allu pàcciu nu
ddire cu mmina petre non dire ad un matto di gettare pietre (altrimenti le scaglia in testa
anche a te) § Ci la pàccia mina, lu saputu cu ccògghia se lei stravagante sperpera, lui
savio raccolga e metta da parte.
Da c. p. Mmara a cci stae suggettu alla furtuna, / pàcciu ci spera all'amecìzia umana;

paccu (pl. pacchi) sm. Pacco, involucro: fande nnu paccu e ttàccalu cu sta stozza de spacu di
esso confeziona un pacco e lègalo con questo spago.

pace sf. Pace; accordo; concordia; tranquillità: lliare, rumpere la pace togliere la pace;
mìntere pace mettere accordo; pèrdere la pace perdere la tranquillità; Te preu, Signore,
tuttu lu mundu cu stèsçia a ssanta pace Ti prego, o Sigore Dio, affinché tutto il mondo
viva nella concordia * modi di dire: aggi pace! abbi pazienza, non ho niente da darti in
elemosima § stare a ssanta pace vivere d'amore e d'accordo § stare alla pace te lu
Signore essere soddisfatto e tranquillo § èssere omu te pace essere amante del quieto
vivere e, all'occorrenza, fare da paciere § fare pace riappacificarsi. [lat. pax pacis].
Stornello: Fiuru te mmace, / quandu lu Tùrchiu abbraccerà la cruce, / allora, beδδa mia,
facimu pace.
Da c. p. Pace, pace, nno, nno! Sempre nemici! / Me essisti te lu core e cchiùi nu ttrasi. /
Sai quandu, ninnu miu, facimu pace? / Quandu l'àcqua te mare ddenta tuce!
DE D. Gente de Utràntu, / bu nducu uerra o pace, cce buliti. / Se la pace bu giòa, basta
surtantu / sutta Maumettu bu suttamettiti.

pacènzia sf. Pazienza, spirito di sopportazione; rassegnazione * provv. La pacènzia ete nna
bona erva, ma nu ccrisce intra a ttutte le sçiardine la pazienza è una buona pianta, ma
10
P

non cresce in tutti gli orti § Ci cu lle manu soi l'ecchi se càccia, besogna sse la pìgghia cu
ppacènzia chi da se stesso si infila le dita negli occhi, bisogna che se la prenda con
rassegnazione, chi è colpa del suo mal, pianga se stesso. [da un incr. tra lat. pax pacis e
patientia]. Stornello: Fiuru te pratu, / fìgghia te la sperànzia è lla pacènzia, / mma ci la
perde more tesperatu.
DE D. Aggi pacènzia, bbeδδu, se crianza tie nu nd'ài… / mo nu ll'ha' ista fìgghiama? e
pensa cu tte nd'iai!

paci avv. Alla pari; patta, pareggio nel giuoco: moi stanu paci ora sono pari e patta; ci inci
tie, stamu tutti paci se vincerai tu, staremo tutti alla pari.

pacìfecu, pacìficu (lett.) agg. Mansueto, placido; troppo tranquillo. [lat. pacificus]. V. il più
usato scusçetatu.

paciune sm. Pacioccone, persona bonaria amante del quieto vivere.

paδδa sf. Palla: me teràra tante paδδe te nie mi lanciarono tante palle di neve. [dall'it. palla,
ll>δδ].

paδδinu sm. Piccolo pezzo di piombo che si fissa alla lenza da pesca * sm.pl. Piombini per
cartucce di fucile.

paδδore sm. Pallore. [lat. pallor -oris, nota ll>δδ].

paδδòsçena sf. Muffa delle derrate alimentari: ci màngia pane cu lla paδδòsçena, ni esse nnu
tente d'oru chi mangia anche il pane stantìo, avrà un dente di oro (pur di non gettare il
pane ammuffito e indurito, così dicevano i genitori ai figlioli). [da un incr. tra lat. pallor -
oris e pilugo -inis]. V. anche purròsçena.

paδδotta sf. Palla di materia compatta; zolla di terra.

paδδòttula sf. Pallottola. [forma dim. di paδδotta].

paδδottulìcchia sf. Pallottolina. [dim. del dim. paδδòttula].

paδδuttina sf. Pallottolina; grumo di sostanza poltigliosa.

padiglione sm. Cortinaggio a baldacchino del letto.

padule sf. Palude. V. pure patula.


LEONE: canta lu riδδu; mmienzu la padule / càntanu li ranecchi; de nu ellanu / se sente
all'aria na canzune duce.

paffutieδδu (neol.) agg. Paffutello. V. il più usato rassiceδδu.

11
P

paffutu (neol.) agg. Paffuto grassoccio. V. anche rassu.

paggella sf. Pagella.

paggellina sf. Pagellina, attestato di frequenza scolastica del corso elementare. [dim. di
paggella].

pàggena, pàggina sf. Pagina di libro, di quaderno.

pàgghia sf. Paglia: pàgghia te ranu, te uèrgiu, te biàa paglia di grano, di orzo, di biada *
modo di dire: ulìre pàgghia pe ccentu cavalli adirato, non smettere di sbraitare nel
pretendere paglia per cento cavalli (una quantità eccessiva!) * provv. Lu fuecu cu lla
pàgghia nu ppote stare il fuoco accosto alla paglia non può stare § Lu ciùcciu, quandu
sente la pàgghia, àusa lu passu e sse la ràgghia il ciuco, allorché annusa la paglia,
affretta il passo e se la raglia § Mègghiu la pàgghia te lu ecinu cca llu ranu te lu luntanu è
da preferire la paglia del vicino piuttosto che il grano del lontano, è meglio accettare un
piccolo aiuto immediato che attendere un grosso favore tardivo. [lat. palea].
Da c. p. Sai cce mme disse nna ècchia nna sira? / – Lu fuecu te la pàgghia picca dura!

pagghiara sf. Capanna provvisoria stagionale, fatta di tronchetti d'albero, e coperta di frasche
e di paglia, dove il contadino, a guardia degli ortaggi, si rifugiava durante la notte;
successivamente il termine finì per indicare il truδδu: intru lla pagghiara nc'ete bellu
friscu nella capanna c'è una gradevole temperatura fresca. [dal lecc. pàgghia + suff. funz.
-ara].
DE D. Ogghiu ccurru cu bau ntru le pagghiare / perdute a nturnu allu paise miu, /
ddunca tanti ecchi nci àggiu isti curcare, / rremiti senza cerca e senza Diu!

pagghiarazza sf. Stelo sciupato di paglia; rametto secco di erba: le mite ccògghienu
pagghiarazze pe llu nitu le gazze raccolgono pagliuzze per il nido.

pagghiarizza sf. Piccola capanna coperta di frasche; casupola di campagna * prov. Ci la


sorte ole e lla furtuna ndrizza, me l'àggiu ccattare nna pagghiarizza se la sorte vuole e la
fortuna è propizia, anch'io finirò per comperarmi una casetta. [vezz. di pagghiara].

pagghiarieδδu sm. Piccola capanna di frasche. [dim. di pagghiara].


DE D. e tutti stracchi e muerti defrescàra / intru a nu pagghiarieδδu te lu ellanu.

pagghiarizzu sm. Pagliericcio; saccone pieno o di paglia o di foglie secche di pannocchie di


granturco.

pagghiaru sm. Capanna costruita in aperta campagna * detto: fazzaddìu, fazzaddìu, e llu
pagghiaru se ardìu andava ripetendo 'si compia la volontà di Dio', e il pagliaio bruciò. V.
pure pagghiara.

12
P

pagghiarune sm. Pagliaio, costruzione rustica adibita a deposito di paglia ed altro. [accr. di
pagghiaru].

pagghiera sf. Soppalco di assi di legno nella stalla, adibito a deposito di paglia e altre erbe
foraggere.

pagghione sm. Pagliericcio * fig. Pube.

pagghiòneca sf. Averla maggiore, uccello dei lanidi, con il petto bianchiccio, il dorso
grigiastro con mascherina sulle guance, coda e parte delle ali nere; è un piccolo predatore
e costruisce il nido tra le stoppie delle siepi.

pagghisçiare intr.; pres. pagghìsçiu,… pagghisçiamu, ecc.; impf. pagghisçiàa,…


pagghisçiàamu, ecc.; p. rem. pagghisçiài,… pagghisçiammu, ecc.; pp. pagghisçiatu.
Degli animali, mangiare molta paglia a preferenza di altro mangime. [da pàgghia + suff.
intens.-durat. -sçiare].

pagghiuca (lett.) sf. Pagliuzza. [dall'it. pagliuca]. V. zippu.

pagghiune sm. Paglione, saccone pieno di paglia.

pàggina sf. Pagina. V. pure pàggena.

paggiettu sm. Paggetto, ragazzino che regge lo strascico della sposa durante la cerimonia
nuziale.

pàggiu sm. Paggio. [fr. page].

pagliàcciu sm. Pagliaccio, saltimbanco * fig. Persona poco seria.

paglietta sf. Paglietta, cappello di paglia per uomo. Di un avvocatuccio si dice che è 'nna
menza paglietta'.

pagnotta sf. Pagnotta di pane bianco imbottita di companatico. [provenz. panhota].

pagnutteδδa sf. Panino ripieno anche di verdura cotta.

pagnuttista sm. e f. Mangia pagnotte a sbafo, profittatore.

paisanu, paesanu agg. Paesano, del luogo, locale: quiste suntu usanze paisane queste sono
usanze paesane; meluni, prummitori, leùmi paesani meloni, pomodori, legumi locali * sm.
Abitante di paese, contrapposto a 'citatinu': le lunetèi a Lecce se nde càlanu li paisani i
lunedì a Lecce vengono (per le compere) gli abitanti dei paesi. [dal lecc. paise].

13
P

paise sm. Paese, centro abitato non capoluogo: gente te paise gente di paese; li paisi te ntru
llu Capu i paesi del Capo di Leuca (a sud della linea Tricase-Ugento); la vita te paìse ete
cchiù' ccarma te quiδδa te cità la vita di paese è più calma di quella di città.

paisieδδu sm. Paesello.

paisottu sm. Piccolo paese.

pala sm. Pala: pala te furnaru pala di legno del fornaio; pala te fierru badile.

palàcciu sm. Cisterna in cui va a raccogliersi il mosto colato dal palmento.

palamita sf. Palamita, specie di piccolo tonno dalle carni gustose. [gr. palamida].

palanga (pl. palanghe) sf. Palanca, tavola lunga e robusta; grossa leva di ferro: la mmane cu
nde lu tiri te ntra llu liettu nci òlenu le palanghe la mattina per tirarlo giù dal letto
occorrono le leve. [gr. phàlanks, tronco].

palasçìa sf. Località marina presso Otranto con alta scogliera e mare profondo. [dal gr.
pelagìa, g>sç].

palasçiana sf. Donna grassa, con troppa ciccia cascante.

palatàru sm. Palato duro o volta palatina. [dal lat. palatum + suff. funz. -aru].

palatina sf. Donna altera, d'aspetto maestoso.


Da c. p. Foi ndilicata, foi beδδezza artera / e palatina de beδδezza rara; / foi te tutte le
beδδe la bandera / quista ci etiti moi subbra sta bara.

palatinu sm. Eroe; protagonista; il personaggio più importante: era lu palatinu te le feste era
l'eroe dei festini.

palatu (lett.) sm. Palato. [lat. palatum]. V. pure palataru e celu te la ucca.

palazzina sf. Elegante abitazione signorile, con prospetto ricco di ornati.

palazzottu sm. Palazzotto, casa signorile di modeste dimensioni ma di ambiziose pretese.

palazzu sm. (pl. m. palazzi, f. palazze). Palazzo, edificio di grande sviluppo architettonico, a
più piani, abitato da un signore. [lat. palatium].

palèa sf. Polemica rissosa. V. pelèa.

paleδδa sf. Pala di ferro per smuovere il pastone delle olive nella vasca del frantoio. [dim. di
pala].

14
P

palesandru sm. Palissandro, legno duro per mobili.

palestra sf. Balestra, ciascuno dei molloni dello 'sciarabbà' e del 'biròcciu'. [lat. ballista]. V.
anche molla2.

paletta sf. 1- Piccola pala per rimuovere la brace o le immondizie minute * 2- Palettata, la
quantità contenuta su una paletta * 3- Botta data con la paletta.

palettu sm. Paletto; spranghetta mobile di chiusura di porte e finestre. [dim. di palu].

palìcchiu sm. Fuscello; stecchino per i denti. [altro dim. di palu].

paliceδδu sm. Palo corto. [altro dim. di palu].

paligna sf., palignu sm. Paletto, troncone sufficientemente diritto che può essere utilizzato:
ppuntiδδa la rapa te lu gèusu cu doi paligne puntella il grosso ramo del gelso con due
paletti.

palla (neol.) sf. 1- Palla * 2- Boccia di legno * 3- Palla di bombarda * 4- fig. Testicolo. [lat.
palla]. V. anche paδδa.

pàlletu, pàlledu (lett.) agg. 1- Pallido: sta piccinna tene la facce pàlleta questa bimba ha il
viso pallido * 2- Fioco. [lat. pallidus]. V. pure iancu.
DE D. A mminimienzu pende nu lampiune / de ddu na luce pàlleda sta spia.

pallina sf. Sferetta di terracotta o di vetro colorato, con cui i bambini giocano o si
confezionano collanine.

pallinu sm. 1- Pallino * 2- Boccino.

pàlliu, pàliu sm. Baldacchino mobile di drappo damascato, retto da quattro lunghi bastoni.
[lat. pallium].

pallone sm. 1- Palloncino di carta, che vien fatto salire al cielo come aeròstato * 2- Pallone
per il gioco del calcio.

pallunaru sm. Pallonaio, fabbricante di palloncini * fig. Fanfarone, millantatore sfacciato,


che le lancia grosse quanto una mongolfiera.

palluncinu sm. Palloncino di gomma gonfiabile; lampioncino di carta colorata increspata,


con un lumino di cera all'interno.

pallunista sm. e f. Parolaio fanfarone.

15
P

palora sf. Parola: palora te Diu nu scarra mai parola di Dio non erra mai; tutte palore, fatti
nizzi tutte parole, fatti niente; m'à' lliata la palora te ucca mi hai tolta la parola di bocca;
cu nnu tte scappa nna menza palora che non ti sfugga nemmeno una mezza parola * modi
di dire: fare palore litigare § aìre palore scambiarsi parole dure, bisticciare § di uno
misurato nel parlare di dice che ete te picca palore * provv. Cùntanu cchiùi li ssempi te le
palore contano più gli esempi che le parole § Le palore suntu comu le fògghie: ci le mina
poi le ccògghie le parole sono come le foglie di verdura: uno prima le lascia cadere e poi
le riprende § Le palore te la sira nde le porta lu ientu te la matina il vento del mattino
disperde le parole dette la sera § Le palore nu bìnchenu la entre le parole non riempiono
la pancia § La palora ete d'argentu, lu sulènziu ete d'oru la parola è d'argento, il silenzio è
d'oro § Le palore òlanu, li scritti rèstanu le parole si disperdono, gli scritti rimangono.
[dal lat. par(ab)ola, r>l].
DE D. Frati è palora bella, ma è palora, / frati de fatti nu nci nde su' ncora!

palora fiacca sf. Parolaccia, parola oscena: mamma, lu Totò tice palore fiacche mamma,
Salvatore pronunzia parole sguaiate * provv. Le palore bone ùngenu, le palore fiacche
pùngenu le buone parole mùlcono, le parole aspre pùngono § Petra terata e palora fiacca,
nna fiata scappate, nu ttòrnanu a rretu sasso lanciato e parola offensiva, una volta
sfuggite, non tornano indietro.

palu sm. 1- Palo: lu palu te la cuccagna il palo della cuccagna; pali te la luce, te lu telefracu
pali dell'energia elettrica, del telegrafo * 2- Nelle carte da gioco, ciascuno dei quattro
diversi semi. [lat. palus].

palumbeδδa sf. 1- La femmina del colombo * 2- Grossa farfalla * fig. 1- La cresta bianca di
spuma del mare mosso * 2- Moneta d'argento di 5 lire, avente sul retro un'aquila * 3-
Ragazzina dal portamento aggraziato ed elegante.

palumbu
palumbu, palummu sm. 1- Colombo domestico: sta‟ ppreparu la caseδδa alli palumbi
preparo la cassetta ai colombi * prov. A ppalummu pasciutu la èccia sape mara a
colombo ben pasciuto i semi di veccia sanno di amaro * 2- Pesce palombo, squalo del
Mediterraneo. [lat. palumbus].
Da c. p. -Dimme, palummu, a ddu tieni lu nitu? / -Intra a lla caseδδa te lu trappitu.
Da c. p. Comu te sippe cèfalu e ppalumbu, / cussì tte sàccia l'àcqua te stu fundu.

16
P

palùmbula, palùmmula sf. Specie di grossa madrevite di legno, la quale è l'organo principale
del torchio; essa vien fatta girare mediante un palo ( màsculu) sospinto a spallate dalla
'ciurma' dei frantoiani.

palummaru, palumbaru sm. 1- Colombaio * 2- Palombaro, marangone subacqueo. [lat.


palumbarius].
Da c. p. Quanti palumbi nc'e' a stu palummaru, nu lli cuntrasta nnu farcone sulu;

palummu, palumbu sm. Pesce palombo.

palureδδa sf. Parolina: ulìa cu nni le dicu doi palureδδe ntru lla rìcchia vorrei dirle due
paroline all'orecchio. [dim. del lecc. palora].

palùsçime sf. pl. Zona paludosa e malarica; acquitrini diffusi: fatìanu alle palùsçime
lavorano nella zona paludosa; petate zuccarine te le palùsçime te Sant'Andrìa patate
zuccherine provenienti dalla zona acquitrinosa di S. Andrea.

pampaculi v. bampaculi.

pampàgghia sf. Mucchio disordinato di steli di paglia e foglie avariate. [da un incr. tra lecc.
pàmpana e pàgghia].

pàmpana sf. Pampino, la foglia della vite e del fico * prov. A ddu iti mute pàmpane porta
sazze piccicche dove ti pare di vedere molti pampini porta bisacce piccole. [f. del lat.
pampinus]. Da una filastrocca: Sutta alle pàmpane pende l'ua, / sçìa lu ientu e lle
cutulàa…

pampanaluru sm. Pollone molto robusto, che mette solo foglie e non dà frutti; esso, però,
non viene eliminato del tutto, ma lo si pota corto, per permettergli di ramificare l'anno
successivo. [da pàmpana + suff. funz. -uru].

pàmpane sf. pl. fig. Ciance; futilità: nna signura tutta cumparìa, tutta pàmpane una signora
tutta esteriorità, tutta fronzoli.

pampanisçiare intr. e tr.; pres. pampanìsçiu,… ecc.; impf. pampanisçiàa, ecc.; p. rem.
pampanisçiài, ecc.; pp. pampanisçiatu * intr. Stormire; tremolare a mo' di pàmpini: sentìa
l‟arveru de parma pampanisçiare udivo stormire l'albero della palma; stanotte li trainieri
pampanìsçianu, pericci questa notte i carrettieri tremeranno dal freddo, poveretti * tr. Far
tremare di freddo, scuotere con il vento: la serratina sta‟ pampanìsçia δδe pôre caruseδδe
il vento gelido di tramontana fa intirizzire quelle povere giovanette. [dal lecc. pàmpana +
suff. intens. -sçiare].

pampanizzu sm. Tremore causato o da forte spavento o da febbre alta o da freddo intenso *
fig. Trèmito patologico che scuote il corpo o parte di esso: ci te egna lu pampanizzu! che
ti colga il trèmito!

17
P

pampanusu agg. Pampinoso, folto di foglie * fig. Ciancione borioso: nu dare retta a stu
pampanusu non dare retta a questo superbaccio.

pampasçiulu v. pampasçiune.

pampasçiune
pampasçiune sm. Mùscari comosus, cipollaccio col fiocco dai bei fiori azzurrini raccolti a
ràcemo, foglie lineari lunghe, comune nei campi incolti; i bulbi di queste piante vengono
mangiati lessi e conditi con olio e aceto, oppure soffritti con fette di cipolle e di
pomodori, oppure fatti a polpettine * fig. 1- Voce con cui frequentemente si indicano i
testicoli * 2- Coglione, individuo balordo, termine adoperato come epiteto ingiurioso. [dal
lat. bambax -acis, bulbo, incr. con lampadio -onis, cipollina].

pampauδδi sm. pl. Ràffio, arnese di ferro a bracci adunchi; appeso ad una fune e calato nel
pozzo, aggancia e riporta su le sècchie e gli otri caduti: n'àggiu teratu lu „sì‟ cu lli
pampauδδi gli ho strappato il ìsiì con il raffio.

pampineδδa sf. Bromo dei prati o ventolana, graminacea spontanea annua con spighette
peduncolate e brevemente aristate raccolte in cima al culmo * fig. 1- Tremarella: se nde
inne currendu cu lla pampineδδa allu core arrivò correndo con la tremarella addosso * 2-
Brivido di freddo prolungato * 3- Ragazzina vestita alla leggera e perciò scossa da
brividi: ieni, pampineδδa mia, e scàrfate all'ampa te lu fuecu vieni, ragazzina
infreddolita, e riscàldati alla fiamma. [dim. del lecc. pàmpana].

pampineδδa
pampinieδδu ( a -) loc. avv. Alla leggera: “màsçiu atàsçiu” - se tice - e tie a brile già te iesti
a ppampinieδδu “maggio adagio” - si dice - e tu in aprile già ti vesti alla leggera.

18
P

pampùgghia sf. Foglia secca e lacerata; truciolo; stelo di paglia sciupato. [dal lecc.
pàmpa(na) + suff. pegg. -ùgghia].

pampùgghie sf. pl. Mucchietto di frammenti vari da spazzare e gettare tra i rifiuti.

panara sf. Paniere di forma slargata, fatto di strisce di canna senza prese e senza manico,
usato come portafrutta.

panararu sm. Panieraio. [da panaru + suff. di mest. -aru].

panareδδa sf. Cestino per la merenda. [dim. di panara].

panarieδδu sm. 1- Panierino, fornito di manico a semicerchio e, spesso, di coperchio * 2-


Museruola di vimini che viene applicata alle bestie da tiro per impedir loro di mangiare
durante il lavoro. [dim. dal lecc. panaru].

panarinu (lett.) sm. Panierino.

panarizzu v. panerizzu.

panaru
panaru sm. (pl. m. panari e f. panare). Paniere di strisce di canna, fornito di ampio manico
semicircolare fisso, usato per la raccolta dei frutti della terra e degli alberi: nnu panaru te
cucuzzieδδi, te ùnguli, te site un paniere di zucchini, di baccelli di fave, di melagrane; doi
panari te nuci due panieri colmi di noci; tante panare te ficalìndie tanti panieri di
fichidindia * modi di dire: culare comu nnu panaru fare acqua da tutte le parti § pèrdere
Filippu e panaru perdere quello ed altro * prov. Fare la suppa intra a llu panaru
preparare la zuppa nel paniere. [dal lat. panarium].

panatecale agg. Necessario al sostentamento; indispensabile come il pane; che serve come
provvista di cibo * sm. Contadino cui spetta, per contratto, una parte del prodotto (ben
poca cosa!), appena sufficiente per il sostentamento della famiglia (il resto abbondante
andava al proprietario della terra): do' tiersi sçìanu allu patrunu e nnu tiersu, e cci puru!,
allu panatecale due terzi del prodotto andava no al padrone, un terzo, e forse meno!, al
contadino. [da panàtecu].

19
P

panàtecu sm. Panatico, compenso in natura per domestici a tempo saltuario: alla serviceδδa
ni dàu lu panàtecu e gnettantu nna esticeδδa te fìgghiama alla servetta do il vitto
giornaliero e, di tanto in tanto, una vestina smessa di mia figlia. [dal lat. med. panàticum].

panàtiu sm. Il vitto giornaliero che il lavoratore porta con sé per merenda.

pàndeca sf. 1- Mira costante: tene te pàndeca δδ'àbbitu cu lli ntagghi tiene di mira
quell'abito con le balzane * 2- Primi timidi approcci amorosi; corteggiamento discreto:
face la pàndeca alla Marietta fa la ruota intorno a Marietta; dopu nna pàndeca te nn'annu
se cacciàu e ttrasìu a ccasa dopo un corteggiamento durato un anno si dichiarò e potè
frequentare la casa (della morosa). [dal gr. pandekés, che tutto abbraccia].

pandera sf. Insegna all'ingresso di una bettola, per lo più una frasca; la pelle di un agnello
appesa fuori dello spaccio per indicare che è disponibile la carne di tale animale
macellato.

pandu agg. 1- Ampio, largo e cascante: lu estire ni ae pandu supèrchiu il vestito le va troppo
ampio * 2- Smorto e rilassato, ammosciato: uecchi pandi occhi smorti con le palpebre
cascanti; lu mulu porta nna rìcchia tisa e una panda il mulo ha un orecchio dritto e l'altro
moscio e rilassato. [lat. pandus].

pane sm. Pane, l’antichissimo alimento dell’uomo: pane te ranu, te uèrgiu pane di farina di
grano, di orzo; pane bellu friscu, moδδe e ccàutu pane da poco sfornato, molle e ancora
caldo; pane testu, ncoccalutu, mpaδδusçenatu pane duro, indurito, ammuffito; pane iancu
e pane nìuru pane bianco di fior di farina e pane scuro di grosso di orzo; nnu muersu te
pane un boccone di pane; pane ssuttu pane senza companatico; pane mmuδδatu pane
bagnato; ni manca lu pane gli manca il pane per campare (alimento che non dovrebbe
mancare a nessuno); se scurpuna pe nna stozza te pane si rompe la schiena per un tozzo
di pane; fare lu pane compiere tutte le operazioni per confezionare pagnotte; mangiare
pane a ttratimientu mangiare pane senza meritarlo * Piezzu te pane pagnotta da 1
chilogrammo ; mienzu piezzu te pane pagnotta da 1/2 chilogrammo * modi di dire: stare
comu pane e casu andare d'amore e d'accordo § un infingardo ripete: ieni, pane, ca te
màngiu vieni, pane, che ti mangio (perché io non ho voglia di guadagnarti, e se non vieni,
preferisco rimanere digiuno) § nun ete pane pe lli tienti soi non è pane per i suoi denti *
provv. Ci dae pane campa, ci dae fuecu nu ntrìgnula chi dona pane non soffrirà mai i
morsi della fame, chi offre il fuoco non sentirà mai freddo § Lu pane te casa stuffa il pane
di casa finisce per venire a noia § Mègghiu nìuru pane cca ttrista fame è preferibile
mangiare pane scuro di orzo piuttosto che fare la fame § Nna bona cumpagnìa ete mienzu
pane una buona comitiva di bravi compagni vale mezza pagnotta. [lat. panis].
Da c. p. Si' ianca cchiùi de pane te Natale, / si' rrussa cchiùi de sule a ppunente.

paneδδa sf. Pezzetto residuo di pane * prov. Mazza e paneδδa fannu la fìgghia beδδa
bastone e pane razionato fanno bella la figliola. [dim. di pane].

20
P

pane de Sant'Antoni sm. Cinquanta pagnotte confezionate a scopo di devozione, da


distribuire ai poveri per beneficienza.

pane de scursuni o te secara


pane de scursuni, detto anche pane te secara sm. Aro o pan di serpe, pianta erbacea
velenosa dalle ampie foglie ovate, dei cui frutti a bacca rossa, secondo la credenza
popolare, le serpi si cibano.

pane de Spagna sm. Pan di Spagna, dolce molto soffice, fatto con fior di farina, uova
montate e zucchero.

paneggìrecu (lett.) sm. Panegirico, predica encomiastica in onore del santo protettore. V.
pure prèteca.

pane iancu sm. Pane confezionato con fior di farina di grano; un tempo le famiglie dei
contadini lo acquistavano dal fornaio soltanto in circostanze speciali: stae a ppane iancu
si ciba di pane bianco (perché è gravemente ammalato); lu pane iancu lu aìmu sulu te
Sant'Antoni riceviamo le pagnotte di fior di farina soltanto allorché vengono distribuite in
devozione di S. Antonio di Padova. V. anche ianculina.

pane nìuru sm. Pane confezionato con farina di orzo, compreso il grosso del macinato; era il
pane dei poveri * prov. Mègghiu pane nìuru cca stòmecu acante è preferibile mangiare
pane nero piuttosto che avere lo stomaco vuoto.

pane persu, panepersu sm. e f. Persona buona a nulla, per la quale il compenso dato è come
gettato al vento.

panerizzu, panarizzu sm. Panereccio, processo infiammatorio al dito, proprio vicino alla
base dell'unghia. [dal lat. paronychium > panaricium].

21
P

panesi sm. Chiavistello di ferro a nottolino. V. pure manese.

panettieri sm. Operaio panettiere. V. anche panifàculu.

paniceδδu sm. Pane tanto bene accetto perchè indispensabile, ma di frequente scarso. [vezz.
di pane].

panieri sm. 1- Festa religiosa rionale, la cui caratteristica principale è il mercato con
esposizione di merci minute di uso casalingo: lu panieri te Santa Rini il mercatino di S.
Irene, che a Lecce si teneva il 15 aprile * 2- Regalo che il fidanzato faceva alla morosa in
occasione della festa del santo patrono * prov. Cu lle nore e ccu lli fili te li chiangi li
panieri con numerosi figli e nuore uno si turba per i regali * Ttre ffìmmene fàcenu nnu
panieri, cìnque nna fera tre donne fanno un mercatino, cinque animano una fiera. [dal fr.
panier].
Da c. p. Nnu beδδu panieri nduttu t'aìa / intru allu fazzulettu nduccecatu;

(variante) intru allu muccaturu nduccecatu;

panifàculu sm. Panettiere, aiutante fornaio.

panifìgiu, panifìsçiu (neol.) sm. Panificio attrezzato industrialmente.

panina sf. Il numero prestabilito di capi per ciascun tipo di biancheria facente parte del
corredo della sposa: panina sei, cioè 6 lenzuola, 6 cuscini, 6 asciugamani, 6 tovaglie e 24
tovaglioli, 6 stracci da cucina e 6 per la polvere, 6 camicie da notte, 6 paia di mutandoni
da donna, 6 maglie di lana, 6 magliette di cotone, 6 ecc., era il corredo minimo di una
povera sposina; sòcrama ci m'à bèssere sta‟ spetta te mie panina sìtici, ma ièu portu sulu
panina tùtici la mia futura suocera si attende da me un corredo sedici, ma io porterò solo
corredo dodici; mugghièresa ni purtàu panina intiquattru sua moglie gli portò un corredo
di 24 capi per ogni tipo di biancheria.

panisçiare intr.; pres. panìsçiu, ecc.; impf. panisçiàa, ecc.; p. rem. panisçiài, ecc.; pp.
panisçiatu. Accompagnare con molto pane qualsiasi pietanza. [dal lecc. pane + suff. freq.
-sçiare].

panizzare intr.; pres. panizzu,… panizzamu, ecc.; p. rem. panizzài, ecc.; pp. panizzatu. Come
panisçiare.

panna sf. 1- Panna di latte; fioretta del vino andato a male * 2- Schiuma del bucato * 3-
Opercolo calcareo bianco e rigido secreto dalla chiocciola, quando essa chiude l'apertura
della conchiglia a spirale: moniceδδi cu lla panna e senza panna chiocciole con l'opercolo
e senza opercolo. [dal lat. patina incr. con it. panno].

panniceδδu sm. Pannicello, pannolino. [dim. di pannu].

22
P

pannòcchia (lett.) sf. Pannocchia, la spiga composta del mais. [lat. pannucula]. V. anche
pupulìndiu.

pannu sm. Panno, stoffa, tessuto di lana, cotone o lino * prov. Càutu te pannu nu fface mai
dannu caldo di panno non fa mai danno. [lat. pannus].
MAR. Comu lu pannu subbra de la bara, / intra a lu core miu scinde la notte.

panòcchia sf. Ponfo, sfogo cutaneo gonfio come chicco di pannòcchia di granoturco. [lat.
panucula>panucla, cl>cchi]. V. pure mpuδδa.

Pantalèu, Pantalùcciu, Leu, Leùcciu, Peu, Pei pers. Pantaleone.

pantanu (lett.) sm. Pantano, larga pozzanghera. V. laccu.

pantasca, pantesca sf. Carne macellata, tutta tèndini.

pàntecu (pl. pàntechi) sm. 1- Spavento; sussulto di paura 2- Malanno improvviso; dolore
acuto al petto accompagnato dalla paura d'infarto. [da un incr. lat. tra paventum e
panicus].

pantera sf. Pantera nera * fig. Donna procace, che incede con movenze accentuate: me face
scazzecare δδa pantera mi fa eccitare quella donna fascinosa.

pantòfula (lett.) sf. Pantofola, calzatura di stoffa di uso casalingo. [fr. pantoufle]. V. anche
scarpune.

pani sm. pl. Filettatura di una spirale.

panu sm. Filetto della vite. [lat. panus].

panuramu sm. Panorama, veduta generale bella e piacevole.

panza sf. Pancia * detto: panza puntuta porta màsculu, panza tunda porta fìmmena di donna
incinta, pancia appuntita contiene bimbo maschio, pancia rotondeggiante contiene bimba
femmina * modi di dire: panza mia, fatte capanda pancia mia, fatti ampia quanto una
capanna § rattare la panza, stare cu lle manu su lla panza starsene inoperosi § aìre dulori
te panza avere grossi dispiaceri.
BOZZI: ntra lu bene te Diu, ntra la bundanza, / ma pe ci campa ntra li patimienti / le
parole nu bìnchianu la panza.

panzanaru (neol.) sm. Chiacchierone, menzognero, spacciatore di frottole. V. anche


mbrugghiune.

panzaneδδa sf. Zuppa di pane bagnato e condito con pomodoro e cipolla tritata, sale, olio,
salsa di peperoncini e basilico.

23
P

panzarottu sm. Panzarotto, crocchè, bocconcino di patate, lesse e ridotte a purè, avvoltolato
nel pane grattugiato e poi fritto in olio bollente * fig. Persona panciuta.

panzata sf. Panciata, colpo battuto con la pancia.

panzera, panzè sf. Pansè o viola del pensiero. [fr. pansée].

panzetta (neol.) sf. Pancetta, ventresca. V. la voce più comune entrisca.

panzune sm. Pancione; uomo che ha una grossa pancia.

panzutu (neol.) agg. Panciuto, obeso. V. anche burżu.

paone sm. Pavone: se porta comu nnu paone, ma nu ssape fare la rota (è un presentuoso che)
si comporta come un pavone, ma non sa fare la ruota (non conclude alcunché). [lat. pavo -
onis].

papa (pl. papa) sm. 1- Papa, pontefice romano * detto: ddu stae lu papa, δδai ete Roma dov'è
il Papa, lì è Roma * modi di dire: sçire a Rroma e nu bìtere lu papa andare a Roma e non
vedere il Papa, lasciarsi sfuggire un'ottima occasione § stare te papa vivere negli agi § a
ogne mmorte te papa in tempi molto distanziati * 2- Titolo comunemente attribuito ai
sacerdoti, prete: papa Ginu ete arciprèite, papa Pippi canònecu don Gino è arciprete, don
Giuseppe canonico; campa subbra alle spaδδe te lu zu papa vive alle spalle di suo zio
prete. [gr. papas, padre]. Conta di sorteggio: E una e doi e ttre, / e llu papa nun e' rre / e
llu rre nun ete papa; / quanti pili tene la crapa? / e nde porta intittre: / e una e doi e ttre.

papacchione sm. Sciocco, stupido.

papagna sf. Sonnolenza: me sta‟ ccala nna papagna! mi viene una tale sonnolenza!

papagnu
papagnu sm. 1- Papavero, erba spontanea con fusti ricchi di latice bianco e con foglie
laciniate; i petali rosei avvolgono un frutto a capsula contenente numerosi semini;

24
P

possiede accentuate proprietà soporifere * 2- Decotto sedativo e calmante, ottenuto


facendo bollire in acqua le capsule ancora immature del papavero: tenìa tulori te panza,
ni tiesi lu papagnu e nni passàra aveva mal di pancia, gli somministrai la bevanda del
papavero e i dolori gli si calmarono * 3- fig. Persona noiosa, che fa venire gli sbadigli: stu
secru miu, quandu cunta, ete nnu papagnu questo mio suocero, quando si mette a
raccontare, è un infuso soporifero.

papale agg. 1- Papale, del papa: la mìtria papale la mitra papale * 2- Lapalissiano, semplice
e chiaro, ovvio: quisti suntu li fatti papali questi sono i fatti evidenti.

papale papale loc. avv. Apertamente e sinceramente; ovviamente; lapalissianamente: papale


papale nni le calàu comu nci ulìanu con tutta chiarezza e sincerità gli rispose con parole
adatte.

papalèu inter. di bonaria invettiva: Perdinci: mannàggia papalèu mannaggia 'Ercole'; pe


ppalèu! perbacco!

papalina (lett.) sf. Berretto tondo e senza tese, portato in casa dagli uomini assai inoltrati
negli anni e diventati calvi. V. il più comune coppulinu.

papàparu, papàuru, papàeru sm. Papavero, pianta spontanea dei nostri campi e orti, noto per
le sue proprietà sedative e soporifere. [lat. papaver -eris]. V. pure papagnu.
DE D. e cu ll'ecchi te fore stralunata, / russa comu papàparu, spumandu / pèsçiu te serpe

pàpara sf. Anitra, oca da allevamento: tene li pieti te pàpara ha i piedi piatti * modo di dire:
mìntere li fierri alla pàpara inchiodare i ferri ai piedi dell'anitra, compiere l'impossibile.

paparasçianni sm. Barbagianni ed anche gufo * fig. Pube.

papareδδa sf. Ochetta * fig. Donna con le cosiddette gambe a x; donna con la bazza.

paparìcchiu sm. Papero pulcino. [dim. di pàparu].

paparignu agg. Da papero: pieti paparigni piedi piatti; tene nnu camenatu paparignu ha
un'andatura dondolante.

25
P

paparina
paparina sf. Papavero rosso o rosolaccio, erba annuale con foglie basali a rosetta, lievemente
pelose, da cui sorgono gli steli setolosi che terminano ciascuno con un fiore vistoso di
colore rosso vivo; caduti i petali, rimane il frutto a capsula colmo di semini e chiuso da un
disco. Prima della fioritura le piante tenere vengono raccolte e consumate cotte in umido.
Gli antichi, inoltre, preparavano infusi per calmare la pertosse e l'asma bronchiale e per
favorire l'espettorazione.

paparisçiare tr.; pres. paparìsçiu, ecc.; impf. paparisçiàa, ecc.; p. rem. paparisçiài, ecc.; pp.
paparisçiatu. Sbattere ripetutamente in acqua; sciacquare abbondantemente * rifl.
Diguazzare; spruzzarsi l'acqua in faccia e sul petto a piene mani. [dal lecc. pàpara + suff.
iter . -sçiare].
DE D. comu na schera de fate bagnanti / ca a mmienzu all'acqua se sta paparìsçianu,

pàparu sm. Papero selvatico di palude: li pàpari te mare a nfila se nd'anu ntru lle nule i
paperi di palude ben allineati si diriggono tra le nuvole.

papessa sf. Donna dall'aspetto imponente piena di sussiego; donna di alta statura seduta
pomposamente; donna soddisfatta di tutto, invidiabile per l'agiatezza: ete nna papessa a
ccasa soa è servita e riverita come una papessa in casa sua.

papiceδδu sm. Seminarista; chierichetto. [dim. di papa].

papiellu sm. Batosta, danno positivo: ni chiasti nnu bellu papiellu gli appioppasti una seria
batosta.

papìru sm. Pianta delle ciperacee con fusto a sezione triangolare, terminante con un ciuffo di
foglie a raggera; viene tenuta nelle vicinanze di un pozzo, poiché abbisogna di continue
bagnate. [lat. papyrus].

papòcchia sf. Fandonia, frottola.

papore sm. Vaporiera; treno: e ttie ci sinti, lu cumandante te lu papore? e tu chi sei, il
comandante della vaporiera?; alla stanzione rriàu nnu papore càrrecu te surdati in
stazione arrivò un treno carico di soldati. [dal lat. vapor -oris].
26
P

LEONE Re de li campi lu papore passa / e fùsçenu annanzi a iδδu, spamentati, / àrveri,


truδδi, case, semmenati…

papore te mare sm. Vaporetto, piroscafo, traghetto a motore.

pappa sf. 1- Pappa, cibo dei bambini * 2- Minestra troppo cotta * modo di dire: fare pappa,
cacca e nnanna schivare il lavoro e soddisfare solo i bisogni essenziali. [lat. pappa].

pappacallu sm. Pappagallo * fig. Scimunito che dice e fa quello che altri gli suggeriscono.

pappacìceri sm. e f. Buono a nulla. [da pappa(re) cìceri].

pappacitu o rafuègghiu maru


pappacitu o rafuègghiu maru sm. Acetosella, erba selvatica perenne, le cui foglie, formate
da tre foglioline a forma di cuore, si inseriscono direttamente su un rizoma strisciante; i
fiori hanno cinque petali gialli. Una volta si aggiungeva alle insalate per goderne le
proprietà diuretiche. [dal lecc. pappa(re) citu].

pappacìtula sf. Romice acetosa, una specie di acetosella, erba infestante le cui foglie
contengono ossalato di potassio.

pappacoδδa sf. Pietanza di farinacei scotta e appiccicaticcia. [da pappa(re) coδδa].

pappacola sm. e f. Balordo, credulone. [da pappa(re) cola].

pappacota sf. Prugna gialla, grossa e bislunga.

pappafica sf. Cappello con tese e cupola piuttosto flosce.

pappalardu sm. e f. Persona ottusa, stupida; bamboccio. [da pappa(re) lardu].

pappamoδδe sm. e f. Persona debole di carattere e influenzabile; pappamolle.

27
P

pappamusçhe sm. e f. Stupido babbeo, che se ne sta a bocca aperta, sì che gli entrano le
mosche in bocca.

pappardeδδa sf. Pappardella, pietanza di sfarinato piuttosto poltigliosa.

pappare tr.; pres. pappu,… pappamu, ecc.; impf. pappàa,… pappaàmu, ecc.; p. rem. pappài,
ecc.; pp. pappatu. Voce infantile del mangiare: pappati, cori mei, mena me'! mangiate,
miei cari, su presto!; se sta‟ ppàppanu la suppa màngiano la zuppetta. [da pappa].

pappareδδa sf. 1- Zuppa di pane cotto in acqua e condito con sale, olio e pepe * 2- Materia
poltigliosa. [dim. di pappa].
DE D. … e peccussine / de tanta pappareδδa ìa rriatu a nfine.

pappataci sm. Altro nome del 'cìmece'.

pappatòia sf. Pappatorìa.

papurettu sm. Vaporetto, piroscafo. [dim. di papore].

papùscia o tuppitisa
papùscia sf. 1- Upupa, l'uccello dalla caratteristica cresta erettile * 2- Babbuccia imbottita di
stoffa soffice * fig. 1- Giovanetta esibizionista * 2- Pube di màschio. [arabo babush].
Da c. p. Quantu fumu sta mmina sta papùscia / mo' ci s'à ffatta la scarpetta àscia.

Paràbbeta geogr. Parabita.

paràbbula sf. Parabola, narrazione di un fatto inventato più o meno verisimile; racconto fatto
per ingannare l'ascoltatore. [lat. parabola].

paracatute sm. Paracadute.

paracatutista sm. Paracadutista.

parachiazza sf. Chiassata collettiva in pubblico * sm. e f. Persona che sbraita in pubblico e
fa radunare gente.

28
P

paracone sm. Paragone. V. anche il più comune cunfrontu.

paraculu sm. e f. Persona che 'prende per i fondelli' gli altri, perché è più esperta e scaltra.

paracunare tr.; pres. paraconu, paracueni, paracona, paracunamu, ecc.; p. rem. paracunài,
ecc.; pp. paracunatu. Paragonare. V. pure cunfruntare, mìntere.

parafangu sm. Parafango largo di compensato o stretto di lamiera, che copre la ruota di un
veicolo.

parafùrmeni sm. Parafulmine.

paràggiu sm. Paragone, confronto: tie, mercante riccu, nu tte pueti mìntere a paràggiu cu
nnu signuru tu, anche se sei ricco mercante, non puoi metterti a confronto con un signore
di alto lignaggio.

paraientu sm. Paravento.

paraìsu, paratisu sm. Paradiso: paraìsu a iδδi e salute a nnui loro si gòdano le gioie del
paradiso e noi la salute terrena. [dal gr. para(de)isos].
Da c. p. E Marìa m'à mprumisu / ca me dae lu paraìsu, / ma nu osçe e mancu crai: /
quandu rrìa l'ura mia…

paralinfa sf. Paraninfa, ognuna delle due amiche che accompagnano in chiesa la sposina. [gr.
paranymphe].

parallelu sm. Parallelo.

paralume sm. Paralume, paraluce.

paramàsçiu sm. Vegetazione eccessivamente rigogliosa; ramificazione invadente di una


pianta con fitto fogliame.

paramentu sm. 1- Ornamento, apparecchiatura: la primaèra dae lu paramentu alla


campagna la primavera dà l'ornamento alla campagna * 2- Comprensorio, casamento, il
complesso dei vani e delle dipendenze di un'abitazione: tuccàu cu sse inda nnu
paramentu te case dovette vendere un grande appartamento. [fr. parament].

paramienti sm. pl. Luminarie, apparato per una festa: sta‟ già ntìsanu li paramienti alla
strata te Santa Lucìa erigono già le luminarie sulla via di S. Lucia.

paranza sf. Paranza, gruppo di barche uscite per la pesca * fig. Schiera di contadini o di
operai al lavoro.

29
P

parapatta loc. avv. Pari e patta; in egual misura: la partita à spicciata parapatta la partita è
terminata alla pari. [dal lat. par partis + pacta].
DE D. cu mme mìntanu a ttie comu nnu iutu / e ccu 'ìmu le prechiere a parapatta?

parapiettu sm. 1- Ciascuno dei due risvolti sul petto della giubba * 2- Parapetto di difesa.

parare tr.; pres. paru,… paramu, ecc.; p. rem. parài, ecc.; pp. paratu * 1- Parare per
proteggere: aìi bìtere cu cce spertezza paràanu li cuerpi te umbrella avresti dovuto
vedere con che sveltezza paravano i colpi d'ombrello * 2- Addobbare, adornare
sfarzosamente: sta‟ ppàranu la chèsia te la Matonna te le Ràzzie stanno addobbando il
tempio della Madonna delle Grazie * 3- Preparare, apprestare: para le mànure porgi le
mani; te pressa paràu lu tamantile alla svelta protese il grembiule. [lat. parare].

parasàula sf. Trachino, pesce marino dalle carni saporite, ma pericoloso per le pinne
velenose.

paraspòriu sm. Lavoro che si fa oltre il tempo convenuto e remunerato come straordinario.
[dal gr. volg. parasporion]. V. anche malespòriu.

parata sf. Bella figura; sfilata di gala: se estìu te parata si mise in ghingheri.

paratiersu avv. Tre giorni fa: filu nustiersu, paratiersu sippe la nutìzia non l'altro ieri, tre
giorni fa venne a sapere la notizia.

paratifu sm. Paratifo.

paratore sm. Apparatore, addetto alla sistemazione degli addobbi.

paratu agg. 1- Adornato, adorno, vestito a festa: la zita parata la sposa con l'abito nuziale;
cussine paratu pare pròpiu beδδu così adornato, sembra proprio bello * 2- Di animale,
che ha completato la dentatura. [lat. paratus].

paratu (saccu -) sm. Contratto agrario particolare, per cui il contadino dà le sementi, le
arature e le altre prestazioni lavorative, mentre il proprietario mette a disposizione la nuda
terra; al momento della raccolta, questi presenta i sacchi pronti per essere riempiti della
metà dei prodotti.

paràtula sf. 1- Asse di legno che serve per rinforzo: nchiòanci nna paràtula a sta porta
llettecata inchioda un'asse di rinforzo a questa porta sgangherata * 2- Traversina della
spalliera e delle gambe delle sedie: lu mùsciu sçìu mbrigghiàu lu filu alle paràtule te la
sèggia il gatto attorcigliò il filo alle traversine della sedia * pl. f. 1- Telaio di legno
sistemato sulle due colonnine del pozzo, al quale viene fissata la carrucola * 2- Telaietto
di legno da poggiare sulle sponde della madia e sul quale viene mosso il vaglio della
farina. V. al lemma mattra.

30
P

paratura sf. Paramento, apparato delle feste, addobbo.

para uce loc. avv. In coro, all'unìsono: iδδa ntunàa e ll'àutri ttaccanu a para uce ella dava il
tono e gli altri attaccavano in coro.

parauecchi sm. pl. Paraocchi della testiera del cavallo.

parazione sf. Apparato delle feste, luminarie. [lat. paratio -onis].

parcu 1, barcu sm. Parco fitto di alberi ornamentali. [lat. med. pàr(ri)cum].

parcu2 sm. Palco di teatro. [long. balk].

parècchiu agg. Parecchio: e nni mandàu parecchi asi su ll'ale te lu ientu e le inviò perecchi
baci sulle ali del vento; à ffatta parècchia àcqua è caduta abbondante pioggia * avv.
Parecchio: à ccampatu parècchiu è vissuto parecchio a lungo; perècchiu bona ete sta soru
toa parecchio comprensiva è questa tua sorella.

pareggiare tr.; pres. parèggiu, ecc.; impf. pareggiàa, ecc.; p. rem. pareggiài, ecc.; pp.
pareggiatu. Pareggiare, impattare, conseguire un risultato di parità.

parèggiu sm. Pareggio.

parentatu sm. Parentato.

parente (pl. parienti) sm. e f. Parente, consanguineo o affine * provv. Ci uèi cu aggi giurni
cuntienti, statte alla larga te li parienti se desideri avere giorni felici, stai alla larga dai
parenti * Ete cchiùi ecinu lu tente cca llu parente è più vicino il dente che il parente *
Fencattantu se mmòenu li parienti, li amici ànu rriati fintanto che i parenti si muovono,
gli amici sono arrivati (in aiuto). [lat. parens -entis].
DE D. … Cumpagni, … / nu bu hanu seccati li riti, li chianti, / le làcreme finte de amici e
pparienti?
DE D. Quasi simu tutti na famìglia amica, / tutti parienti te na stessa razza;

parentera sf. Parentela. [lat. parentela, nota l>r].

parènzia, parenza sf. Apparenza * detto: bona parènzia e trista cuscènzia talvolta una bella
apparenza nasconde una cattiva coscienza (l'apparenza inganna).

paresparu, paru e sparu loc. avv. Pari e dispari. [lat. par et dispar].

pariànu sm. Cliente fisso, avventore affezionato. [dal lat. pareo, mi faccio vedere].

paricchianu sm. Parroco, curato: parla cchiù' cchianu senò te sente lu paricchianu parla più
a bassa voce altrimenti il parroco ti ascolta. [lat. med. parochianus].

31
P

parìcchiu sm. Pariglia; coppia di animali impiegati al lavoro: nnu parìcchiu de acche una
pariglia di vacche; sta‟ baràanu cu ddoi paricchi te oi aravano con due coppie di buoi.
[dal lat. par paris, il dim. pariculus>pariclus, cl>cchi].

pàricu sm. Parroco, curato. [dal lat. parochus].

parìgghia sf. Pariglia; coppia. [dal lat. parilis, attraverso il fr. pareille].

parìglia (neol.) sf. Pariglia di cavalli uguali di statura e di mantello.

parìre intr.; pres. paru (pargu), pari, pare, parimu, ecc.; impf. parìa,… parìamu, ecc.; p.
rem. parìi (parsi), paristi, parìu (parse), paremmu (pàrsemu), parestu, parèra (pàrsera) ;
cong. pres. parga, pàrganu; pp. parutu (parsu) * 1- Parere, sembrare: iδδi parìanu brutti,
ma ui parìu cchiù' brutti ncora loro sembravano brutti, ma voi sembravate più brutti
ancora; me parìa menu superbiusa mi pareva meno superba * modo di dire: me pare e
nnu mme pare sono dubbioso, sono incerto nell'esprimere un giudizio * 2- Apparire, farsi
vedere: te pare la petàccia ti si vede la brachetta; ni pàrenu le sçenucche spugghiecate le
si vedono i ginocchi scoperti * prov. Te ddu llièi e nnu mminti, pare prestu lu fundu (di un
recipiente) se togli e non metti, presto apparirà il fondo. [lar. parere].
DE D. – Ma comu pargu beδδu! / (mmerànduse decìa).

parità (lett.) sf. Parità, uguaglianza. [lat. paritas -atis]. V. paru e patta.

paritaru sm. Operaio esperto nel costruire muri a secco e a riparare muricce campestri. [da
parite + suff. di mest. -aru].

parite sm. Parete, muro sia di conci squadrati e sia di pietre sforme: li pariti òlenu ntonecati i
muri devono essere intonacati * modo di dire: camenare parite parite camminare
rasentando i muri § chiusu intra a cquattru pariti isolato da tutti, tappato in casa * prov.
Ogne petra àusa parite ogni pietra fa innalzare la parete. [lat. paries -etis].

paritieδδu sm. Muretto piuttosto basso, muricciolo, muriccia. [dim. di parite].

Parlamentu sm. Parlamento, Assemblea Nazionale.


DE D. Ci era deputatu nu mumentu, / pe rìcchia nu nci stìa allu Parlamentu (non me ne
starei come un minchione).

parlamientu, parlamentu sm. Parlamento, abboccamento, colloquio * in particolare. Incontro


e conversazione dei consuoceri, che si svolgeva di giovedì in casa della 'zita', per decidere
del fidanzamento ufficiale; alla fine del colloquio la madre dello 'zitu', se era rimasta
soddisfatta, regalava alla futura nuora una catenina d'oro.
DE D. Quandu idde la bandiera Pietru Lau, / segnu ca 'ìanu benire a parlamientu,…

parlante agg. Dotato di parola facile; loquace * prov. Ben pensante, ben parlante chi pensa
bene, parla anche bene.

32
P

parlantina sf. Parlantina, loquacità, scilinguàgnolo: stae sempre cittu, ma, quandu se cigna,
ni ene la parlantina è sempre taciturno, ma, quando… alza il gomito, gli viene lo
scilinguàgnolo.

parlare intr.; pres. parlu,… parlamu, ecc.; p. rem. parlài, ecc.; pp. parlatu. Parlare: parlare
chiaru, sprìcetu parlare chiaramente, esplicitamente; parlare a mmenze palore dire e non
dire, essere alquanto reticente; parlàa mbrafatu parlava rauco; parlati cittu cittu parlate a
bassa voce; quiδδu parla a nfacce quello parla senza peli sulla lingua; sta‟ pparli comu
nnu libbru stampatu parli con chiarezza e con proprietà di linguaggio; li fatti pàrlanu
chiaru i fatti sono evidenti; cu rrispettu parlandu parlando con rispetto dei presenti *
provv. Autru ete parlare te murire, àutru ete cu mmueri una cosa è parlare di morire, altra
cosa è morire veramente § Amici e cumpari, parlàmuni chiari amici e compari,
spieghiamoci con chiarezza. [dal lat. med. par(abo)lare].
D’AM. Se nu parlu lu tutiscu, / se nu parlu lu francese, / nu pe quistu me rrussiscu / ca te
parlu alla leccese.

parlata sf. Parlata; linguaggio; conversazione: nu bete parlata leccese non è idioma leccese;
se fìcera nna longa parlata fecero una lunga conversazione.

parlatòriu sm. Parlatoio.

parlatu sm. Modo di parlare personale: tene nnu parlatu sçhiδδante ha un modo squillante di
parlare.
Da c. p. Lu camenatu tou tantu veloce / e llu parlatu tou alli amanti piace.

parma sf. 1- Albero della palma da dattero * 2- Ramo d'olivo benedetto in chiesa la
Domenica delle Palme e piantato nei campi o appeso alla testiera del letto, quale mezzo
provvidenziale per tenere lontani i temporali, i malanni e le malattie * 3- fig. Simbolo di
purezza: fìgghiama ete nna parma mia figlia è purissima * 4- Ramoscello in genere * 5-
Palmo della mano. [lat. palma].
DE D. Lu core te asi toi stae ssaccarutu, / gìgliu ddacquatu miu! parma de ulia!

Parmariggi, Parmarisçi geogr. Palmariggi (prov. di Lecce).

parmàtecu (pl. parmàtechi) sm. Concio di pietra, avente altezza e larghezza di un palmo ( 25
cm .) e lunghezza non superiore a 3 palmi. [da parmu]. V. anche pezzottu, uccettu.

Parme ( le -) sf. pl. La Domenica delle Palme: osçe uettu suntu le Parme e osçe cquìndici
Pasca rande oggi a otto ricorrerà la Domenica delle Palme e oggi a quindici Pasqua di
Risurrezione.

parmentaru sm. Operaio addetto alla pigiatura dell'uva nel palmento. [da parmientu + suff.
di mest. -aru].

parmentata sf. La massa d'uva che riempie la vasca del palmento.

33
P

parmienti sm. pl. fig. Ottobre, il mese della vendemmia e della pigiatura dell'uva: alli noe te
parmienti il 9 ottobre.

parmientu sm. (pl. m. parmienti, f. parmente). Palmento, vasca di pietra dove avviene la
pigiatura dell'uva a piedi scalzi. [proviene dall'incr. tra lat. pavire, battere, e palma, nel
senso di zampa].

parmiggiana sf. Piatto squisito di melanzane fritte, disposte a strati con ripieni di polpettine
di carne e pezzi di uova sode; il tutto condito con ragù e abbondante formaggio
parmigiano e cotto al forno.

parmiggianu sm. Formaggio grana tipico del Parmense, leccornìa per i Salentini abituati a
mangiare cacio pecorino.

parmu1 sm. Unità di misura di lunghezza pari a circa 25 cm .: longa nnu parmu e ttre cquarti
lunga tre palmi e tre quarti (circa 32 cm .); parmu a pparmu cuntrastàra lu tarrienu alli
Turchi palmo a palmo contrastarono il terreno ai Turchi. [lat. palmus].
Da c. p. ca la bellezza soa la inde a pparmi / e ogne parmu stae ducati milli.

parmu2 sm. Gioco eseguito con monetine che si fanno battere contro un muro e ricadere sul
terreno; vince il giocatore che accosta la propria moneta a quella dell'avversario ad una
distanza non superiore ad un palmo di mano.

paròcchia sf. Parrocchia. [gr. paroichìa].

parola v. palora.

parpagghiola sf. 1- Moneta di rame fuori corso, equivalente a 1 cent.; era in uso nel sec.
XVII * 2- Piastra di rame, rotonda e bucata al centro, viene legata all'stremità della
cordella della trottola * 3- Ritaglio di cuoio, oblungo e bucato a due punti opposti del
bordo; legato alle estremità di due elastici, accoglie a coppetta un pizzico di proiettili
della fionda. [fr. parpaillole, it. parpagliola].

parpamientu (lett.) sm. Palpeggiamento; palpazione. V. freculata.

parpare (lett.) tr.; pres. parpu,… parpamu, ecc.; p. rem. parpài, ecc.; pp. parpatu. Palpare.
V. freculare, llusciare.

parpeggiare (lett.) tr.; pres. parpèggiu, ecc.; impf. parpeggiàa, ecc.; p. rem. parpeggiài, ecc.;
pp. parpeggiatu. Palpeggiare. V. il più usato trusciare.

parpèlla sf. Pàlpebra. [lat. palpebrae].

parpetare intr.; pres. pàrpetu,… parpetamu, ecc.; p. rem. parpetài, ecc.; pp. parpetatu * 1-
Palpitare: gneffiata ci la ìsçiu, lu core se minte cu ppàrpeta ogni qualvolta la vedo, il

34
P

cuore si mette a palpitare * 2- Essere oltremodo preoccupato: li siri chiàngenu e


pàrpetanu pe lla brutta sorte de δδa fìgghia loru i genitori piangono e soffrono
intensamente per la cattiva sorte capitata a quella loro figliola.

parpetazione sf. 1- Palpitazione: me inne parpetazione te core mi venne una palpitazione al


cuore * 2- Preoccupazione assidua, apprensione.

pàrpetu sm. Palpito; palpitazione concitata del cuore; sussulto. [lat. palpitus].
DE D. … -Cueti l'amore, / fenca pàrpeti dae l'acqua de mare, / fenca subbra alla terra
nc'è nnu core / cu sse senta pe nn'àutru parpetare;

parsemònia (lett.) sf. Parsimonia. V. il più comune sparagnu.

parsemuniusu (lett.) agg. Parsimonioso. [lat. parsimoniosus]. V. anche sparagninu,


mmesuratu, teratu.

partàccia sf. Rimprovero aspro alla presenza altrui.

parte sf. 1- Parte, porzione: nna parte a mmie e ddoi parti a ttie una porzione a me e due a te;
a cci sparte la pèsçiu parte,… ma ci e' mmìnchia chi fa le porzioni avrà la parte
peggiore,… se è uno scioccone * 2- Parte, luogo, posto: ièni a cqua' parte vieni da questa
parte; a δδe parti lu tata se chiama babbu e… fessa in quei posti lì il 'tata' si chiama
babbo… e fesso * 3- In una recita, la parte di un personaggio: alla 'Trasçètia' ièu fazzu la
parte te Pònziu Pilatu, ma sàcciu a mmente puru l'àure parti nella 'Tragedia di Gesù' io
ho la parte di Ponzio Pilato, ma conosco a memoria anche le parti degli altri personaggi *
4- Episodio del comportamento: sta parte te iδδa nu mme la spettàa questa parte, questo
atteggiamento, questo modo di comportarsi da parte di lei non me lo aspettavo. [lat. pars
partis].
Da c. p. -Ci ènenu nule, làssale enìre, / nui le mandamu a cquiδδa parte scura, / ddu nu
ccanta aδδu, a ddu nu lluce luna, / a ddu nu nc'e' nnuδδ'àutra criatura.

partenza sf. Partenza.

pàrtere, partìre intr.; pres. partu,… partimu, ecc.; p. rem. partìi,… partemmu, ecc.; pp.
partutu. Partire, andare via: le soru mei partèra ieri, mama e ssirma pàrtenu crai le mie
sorelle andarono via ieri, mia madre e mio padre partiranno domani * detto: ci uèi cu rrìi
mprima, parti prestu se intendi giungere prima, parti presto * prov. Partire pe ssempre
ete comu murìre partire per sempre è come morire. [lat. partiri].

partìcula sg. Particola, ostia non ancora consacrata.

particulare agg. 1- Particolare, speciale: fose nna taersìa particulare fu una tempesta tutta
particolare * 2- Personale: quisti suntu fatti particulari mei questi sono fatti miei
personali * 3- Padronale, familiare: mieru particulare vino riservato alla famiglia del

35
P

padrone * sm. Motivo, particolare minore: quista mmìrcia puru li particulari costei
adocchia e osserva pure i particolari. [dal lat. particularis].

particularità sf. 1- Particolarità * 2- Parzialità, favoritismo fazioso. [dal lat. particularitas -


atis].

particularmente avv. Particolarmente, in special modo.

partiempu avv. Per tempo, in tempo opportuno; tempestivamente.

partita sf. 1- Quantità piuttosto grande di un prodotto: le partite te tabbaccu ncatastàtile


intra a llu landrone accatastate le partite di tabacco nell'androne; pe sta partita te pàgghia
nci òlenu doi traìne per (trasportare) questa quantità di paglia, occorrono due carri * 2-
Partita, gara, gioco: partita a scupa, a mmurra, cu lli curri partita a scopa, a morra, con le
trottole; partita cu lli sacchi gara dentro i sacchi.

partitu sm. 1- Partito politico: lu partitu communista, pupulare, suggialista il partito


comunista, popolare, socialista; tie pe cci oti: pe llu partitu te Fazzi o pe llu partitu te
Pellecrinu? tu per chi voti: per il partito di Fazzi o per quello di Pellegrino?; quiδδi te lu
partitu prucressista ànu perdutu quelli del partito progressista hanno perduto * 2-
Occasione matrimoniale : la Cettina te mèsciu Iacu uarnamentaru ete nnu buenu partitu
pe llu Rusàriu Concettina, la figliola di mastro Giacomo fabbricante di finimenti, è un
buon partito per Rosario.

partu (neol.) sm. Parto: partu nurmale parto regolare, partu prematìu, tardìu parto
anticipato, posticipato; allu partu ssestìu la mammana al parto prestò le cure la comare
praticona. [lat. partus]. V. pàrturu.

parturire (neol.) tr.; pres. parturiscu,… parturimu, ecc.; p. rem. parturìi,… parturemmu,
ecc.; pp. parturutu. Partorire. V. il più comune ccattare (lu striu).

pàrturu sm. Parto: sta‟ ncìgnanu le tògghie te lu pàrturu cominciano le doglie del parto.

paru1 sm. (pl. f. pare). Paio: nnu paru te uanti un paio di guanti; na, ste ttre ppare te quasetti
lenghi toh, queste tre paia di calze lunghe; intra doi pare de ure tornu entro quattro ore
tornerò. [dal lat. par paris, il pl. paria].

paru2 agg. Pari, identico, simile, uguale: a mmie me sta‟ ppàrenu pari a me sembrano
precisamente uguali; la Mèlia toa ete para allu Cìcciu miu la tua Amelia è pari d'età al
mio Francesco * provv. Tutte le tìsçete nu ssuntu pare le dita non sono tutte pari § Paru
cerca paru simile cerca un suo simile § Fàttela sempre cu lli pari toi abbi dimestichezza
sempre con i tuoi pari * avv. Insieme, contemporaneamente; a due a due: de paru partèra
e de paru turnàra insieme partirono e insieme tornarono * prov. A frebbaru li aceδδi a
pparu a pparu a febbraio tutti gli uccelli a due a due.
DE D. ca simu tutti pari ni mparasti / e palora te Diu nu scarra mai.

36
P

paru (tuttu te -) loc. avv. D'un tratto, all'improvviso; contemporaneamente.

parucca (pl. parucche) sf. Parrucca. V. pure bellucca.

pàrucu (pl. pàruchi), pàricu sm. Parroco (meno comune di 'arciprèite'). [dal lat. parochus].

parulàiu (neol.) v. parularu.

parularu sm. Parolaio, chiaccherone. [da parola + suff. di mest. -aru].

parulina, palurina sf. Parolina.

paru paru1 avv. Giusto ciò; esattamente, precisamente: lu pìulu nci trasìa paru paru intra
allu cauertu il piolo entrava esattamente nel foro.

paru paru2 inter. Non proprio così! Non è così! Non è come tu pensi o dici! La cosa non sta
in questi termini!; senza alcun paragone!: Cce sta‟ deciti? Nna, sì, paru paru! Ma che
state dicendo? Non c'è paragone!; sta‟ schersi? na, paru paru alla mia! na! stai
scherzando? sembra uguale alla mia, ma non lo è affatto!

parura sf. Parure, completo di gioielli.

Pasca ( rande) sf. Pasqua di Risurrezione: quannu Pasca rande ene àscia, àuta quest'anno la
Pasqua càpita bassa, alta (a seconda che cada presto o tardi); ogne Pasca ni etimu, no?
ogni Pasqua ci rivediamo, nevvero? * prov. Pasca marzòteca, o morturità o famòteca
Pasca a marzo, o mortalità o carestia * saluto spiritoso, sguaiato, di scherno: Bona
Pasca… e cquiste su' ll'oe (e, pronunziando “queste sono le uova”, con entrambe le mani
si fa segno all'inguine) * Altre feste religiose importanti: Pasca befenìa Epifania, Pasca te
rose Pentecoste, Pasca te li Muerti ricorrenza dei Defunti; Pasca te li Santi Ognissanti *
detto: te Pasca befenìa ogne ffesta pìgghia ia dell'Epifania ogni festa si allontana.
[ebraico pe‟sah passaggio, gr. paskha, lat. pascha].

Pasca, Pascalina, Lina pers. Pasqua.

Pascali, Pascalinu, Pasca' pers. Pasquale.

pascali sm. e f. Pezzo, specie, tocco; accidenti (a proposito di cosa o persona fastidiosa e
molesta e a seconda delle circostanze): sçìu bessìu nna pascali te stria apparve un bel
pezzo di ragazza; facìtime nnu pascali te favore fatemi un accidenti di favore; sempre ste
pascali te menèscie dessapite! sempre queste solite minestre insipide! V. pure piezzu,
spaccime, suvicenzi.

pàscere, pascìre (lett.) tr. e intr.; pres. pascu,… pascimu, ecc.; p. rem. pascìi,… pascemmu,
ecc.; pp. pasciutu. Pascere, nutrire; pascolare.

37
P

pascimientu sm. Alimentazione.

pascitizzu agg. Di animale di allevamento, svezzato, che ha cominciato a pascere foraggio.

pasciutu agg. Nutrito, bene in carne, grasso * detto: te sàcciu criatu, cresciutu e pasciutu ti
conosco benissimo, so quando sei stato concepito, da chi sei stato allevato e come ti
hanno ingrassato.

pasculare (lett.) tr. e intr.; pres. pàsculu,… pasculamu, ecc.; p. rem. pasculài, ecc.; pp.
pasculatu * tr. Pascolare, condurre al pascolo: pàscula le crape alle strate ècchie pascola
le capre per i viottoli di campagna * intr. Mangiare al pascolo: le pècure pàsculanu intra
a lla remenìa le pecore pàscolano nel campo di orzo marzolino * prov. Mmara a cci se
pàscula de ientu e de ndore misero colui che si ciba di vento e di odore. [dal lecc.
pàsculu].

pasculla sf. Basculla: secundu mie la pasculla nu bae bona secondo me la basculla non è
precisa. [fr. bascule].

pàsculu sm. Pascolo. [lat. pascuum > dim. pasculum].

passabbrotu sm. Colino.

passacurrisçiulu sm. Ago ritorto speciale con la cruna alla punta, adatto per cucire all'interno
con strisce di pelle.

passàggiu sm. 1- Passaggio, tragitto chiesto e offerto su un veicolo * 2- Attraversamento,


accesso, varco: scusi sutta allu mbràcchiu, sta‟ spèttanu lu passàggiu te le tùrture
nascosti nella posta, attendono il passaggio delle tortore * 3- fig. Toccatina furtiva:
pigghiare nnu passàggiu (una donna) sentirsi una carezza di striscio su una rotondità del
corpo. [fr. passage]. Per il significato 2, v. atu.

passamanu sm. 1- Cima appoggio di una balaustrata * 2- Nastrino per orlatura * 3-


Passaggio di oggetti di mano in mano effettuato da diverse persone.

passante sm. e f. Ogni persona che passa per la pubblica via: ddummanda l'ura a cquarche
passante chiedi l'ora a qualche passante * sm. Striscia di stoffa dei pantaloni, entro cui si
fa passare la cintura.

passapassa sm. Gioco veloce con le carte, simile alla primiera, che i giocatori fanno stando
in piedi.

passaportu sm. Passaporto, autorizzazione per lasciare la propria patria * modo di dire: aìre
lu passaportu pe ll'àuru mundu morire.

passaprummitori, passapummitori sf. Spremipomodori a manovella.

38
P

passare intr. e tr.; pres. passu,… passamu, ecc.; p. rem. passài, ecc.; pp. passatu * intr. 1-
Passare, transitare: pàssanu te l'atu passano per il varco; passàra tanti surdati
transitarono tanti soldati; t'ànu passati li crapicci? i capricci ti sono passati? * 2-
Trascorrere: cìnque anni ànu passati sono trascorsi cinque anni; lu tiempu passa senza cu
nni nde ccurgimu il tempo passa senza che ce ne accorgiamo * 3- Essere promosso alla
classe successiva, al grado superiore: à ppassatu sargente te la ffantarìa è stato promosso
sergente di fanteria * modi di dire: passàrenci te subbra non dar peso, sorvolare § passare
le pene patire, soffrire * tr. 1- Sopportare, sentire sulla propria pelle, soffrire: cu lle rèume
sta‟ ppassu le pene te lu nfiernu a causa dei dolori reumatici sto soffrendo le pene
dell'inferno * 2- Porgere: pàssame furcina e ccucchiaru pòrgimi forchetta e cucchiaio.
DE D. Ma l'uèmmeni passara; passara comu stiδδe / ca a bàsciu allu punente pe ssempre
su' ccadute; / passara comu pàssanu pe ll'aria le fasçiδδe: / danu na botta d'ampa,
càdenu e ssu' pperdute!

passarìcchiu sm. 1- Passerotto * 2- Nome generico di ogni piccolo uccello * 3- Sprone di


cavaliere, pianta di giardino a stelo eretto, con foglioline pennatosette e con fiorellini
rosei o azzurri, i quali fanno pensare a una vaga forma di uccellini. [dim. di pàssaru].

pàssari
pàssaru sm., pàssara sf. Passero, l'uccello comune dei nostri abitati; la femmina è di colore
cenere uniforme, il maschio ha il ventre di colore grigio e il dorso e le ali variegati di
bruno e di grigio con disegno nitido e con mascherina scura al capo: li pàssari ènenu cu
mmàngianu subbra allu lemmetare te la fenèscia i passeri vengono a beccare sul
davanzale della finestra; le pàssare fàcenu niti scemi le passere costruiscono nidi senza
forma (ammucchiano fili di paglia alla rinfusa). [lat. passer -eris].
DE D. Lu cantànu le parme ca facìanu l'amore, / lu cantànu li pàssari mmienzu le fronde
ulandu,

passata sf. 1- Passata: nna passata te prummitori una passata di pomodori; doi passate te
quacina bàstanu due passate di calcina sono sufficienti * 2- Passata di mano nei giochi
con le carte.

passatieδδu (f. passateδδa) agg. Alquanto più, un poco di più: nnu quartu passatieδδu te sale
un tantino più di un quarto di sale; ae nn'annu passatieδδu, no? è poco più di un anno,
vero?

passatiempu sm. Passatempo * fig. I semi di zucca, i ceci e le fave abbrustoliti, i lupini
salati, che vengono mangiucchiati per ricreazione e passatempo.

39
P

passatu agg. e sm. Passato, trascorso; il tempo che fu: lu mese passatu il mese scorso;
rrecurdàmuni te lu passatu e chiamàmuni cuntienti rammentiamoci del passato e
dichiariamoci contenti.

passatura sf. La versata e quindi il passaggio di acqua bollente tra i tessuti curati con il
bucato: a stu còfanu nci à' ffare pe llu menu uettu passature per questo bucato devi
effettuare per lo meno otto versate successive di acqua; la lessìa ete l'àcqua te l'ùrtima
passatura la liscivia è l'acqua dell'ultima versata del bucato.

passeggiare intr. e tr.; pres. passèggiu,… passeggiamu, ecc.; impf. paseggiàa,…


passeggiaàmu, ecc.; p. rem. passeggiài,… passeggiammu, ecc.; pp. passeggiatu * intr.
Passeggiare, andare a passeggio * tr. Condurre a passeggio.

passeggiata (neol.) sf. Passeggiata, breve gita (comunemente si diceva 'quattru passi').

passeggieru sm. Passeggiero, viandante.

passegginu sm. Sediolino su rotelle per bambini.

passèggiu sm. Passeggio, passeggiata: bursetta te passèggiu borsetta da passeggio.

passettu sm. Vano di passaggio, piccolo disimpegno in una abitazione.

passiare intr.; pres. passìu, passìi, passìa, passiàmu, ecc.; impf. passiàa, ecc.; p. rem. passiài,
ecc.; pp. passiatu. Passeggiare spassandosela: passiàanu suttarazzu mmera a alle
Bumbarde si svagavano passeggiando sottobraccio dalle parti delle Bombarde; ete bellu
passiare te sira all'ària cita è piacevole bighellonare di sera all'aria quieta e serena *
prov. Ci tene fìgghie zite fatìa, ci tene figghi ziti passìa chi ha figlie nubili lavora per
fornir loro la dote, chi ha figli celibi se la spassa (bàdano loro a se stessi).

passiata sf. Passeggiata.

passiceδδu sm. Passo piuttosto corto, passettino. [dim. di passu].

passione sf. 1- Passione, afflizione; sequela di tormenti: la passione te Gèsu Cristu * 2-


Desiderio ardente, vivissimo attaccamento; vivace inclinazione: tene nna passione pe lla
mèscia te scola prova un vivo attaccamento verso l'insegnante; sentu nna passione pe lli
fiuri te campu ho uno spiccato piacere per i fiori di campo; alla cartapista riesci ci tieni
passione nell'arte della cartapesta avrai successo se hai passione per questo mestiere. [lat.
passio -onis].

pàssiu sm. Il racconto della Passione e Morte di Cristo, letto o cantato durante la messa nella
settimana santa. [lat. passio].

passìu sm. Passeggio: sta‟ pportu lu piccinnu a ppassìu accompagno il piccolo a passeggio.

40
P

passu sm. 1- Passo dell'andatura: ausamu lu passu, beδδi, me'! affrettiamo il passo, ragazzi,
su!; ni facimu quattru passi? facciamo una passeggiatina? * prov. Nu ffare lu passu cchiù'
llengu te l'anche toi non fare il passo più lungo delle tue gambe * 2- Unità di misura di
lunghezza equivalente a 80 cm . circa: nnu puzzu cupu trenta passi un pozzo profondo 24
metri * 3- Passaggio, varco: stritti suntu sti passi questi passaggi sono stretti * prov. Te
nnu tristu passu ièssinde prestu da un varco pericoloso esci al più presto * passu passu
avv. Piano piano, gradualmente * detto: passu passu se rria puru a ppolu nordu ogni cosa
richiede il suo tempo e, facendo un passo la volta, si può raggiungere la meta più alta.
[lat. passus].

passuδδu sm. Frutto appassito sull'albero * prov. Fica nu ccota ddenta passuδδu fico non
colto diventa appassito.

pàssula sf. Acino di uva passa; susina appassita; prugna conservata.

passuliata sf. Pagnottella ripiena di uva passa: «Ci ole uliate, ci ole passuliate!» «Chi vuol
comprare panini con le olive, panini con l'uva passa!».

passulìcchia sf. Piccolo acino avvizzito di uva rimasto attaccato al raspo.

passulune sm. Grossa susina o prugna appassita; sorba avvizzita * fig. Smidollato, persona
flaccida.

pasta sf. 1- Pasta, impasto di sostanze più o meno molli: pasta te mèndule pasta di mandorle
tritate e mescolate a zucchero * 2- Pasta di farina lievitata per fare il pane, non lievitata
per confezionare paste alimentari * Indovinello: Tegnu nnu beδδu pisce ca quantu cchiùi
lu otu e cquantu cchiùi lu spotu, cchiùi a mmanu me crisce. Cce bete? quanto più a lungo
manipolo la pasta del pane, più lievita e più cresce * 3- Qualsiasi tipo di maccheroni e di
lasagne: pasta a rracù, a brotu, cu lla recotta pasta al ragù, in brodo, con la ricotta; pasta
e petate, pasta e pasuli pasta e patate, pasta e fagioli * detto: iata δδa pasta ci te ernetìa
se mpasta perfetta quella pasta lavorata di venerdì, perché avrà il tempo di rassettarsi e
indurirsi per tutto il sabato e la domenica sarà pronta per essere cucinata a puntino. [lat.
pasta].

41
P

pastanaca
pasta ccattata sf. Maccheroni e lasagne lavorati industrialmente e venduti negli spacci di
generi alimentari, dopo essere stati pesati e arrotolati in carta di colore azzurro.

pasta fatta ccasa sf. Maccheroni e lasagne lavorati in casa dalle abili mani della massaia, i
più comunemente usati.

pastanaca sf. Carota, pianta erbacea annuale con foglie pennate e fiori riuniti a ombrelle; è
coltivata negli orti in semenzai per il suo fittone arancione carnoso, usato come
ingrediente nei sughi o sgranocchiato crudo come ortaggio * fig. Persona insignificante,
credulone. [lat. pastinaca].

pastanaca resta sf. Erbaccia ruderale, i cui steli sono rivestiti di peli rigidi; cresce alta sino a
80 cm . lungo i margini delle strade, le infiorescenze apicali sono a forna di nido, non
produce radici carnose e perciò e detta selvatica.

pasticcinu sm. Pasticcino di pasta dolce.

pasticciottu sm. Dolce di pasta frolla con ripieno di crema (se ripieno di marmellata, è detto
'fruttone').

42
P

pastanaca resta
pastìcciu sm. 1- Pasticcio, faccenda imbrogliata * 2- Pietanza elaborata, coperta di una foglia
di pasta e cotta al forno.

pastiδδa sf. Castagna sbucciata, essiccata e indurita: pastiδδe toste, delessate cu llu latte
castagne secche e bianche, lessate nel latte. [fem. del lat. pastillus].

pastìgghia sf. Stucco. [sp. pastilla].

pastiglia sf. Pasticca, compressa medicamentosa.

pastina sf. Pastina, pasta alimentare minuta per brodo.

pastisçiare tr.; pres. pastìsçiu, ecc.; impf. pastisçiàa, ecc.; p. rem. pastisçiài, ecc.; pp.
pastisçiatu. Pasticciare, mescolare intrugliando. [dal lecc. pastìsçiu].

pastìsçiu sm. 1- Pasticcio; intruglio * 2- Imbroglio * 3- Disordine inestricabile.

pastògghia sf. 1- Pastoia, funicella con cui vengono legate tra loro le zampe degli ovini da
portare con un veicolo alla fiera o al macello * 2- Grembiule di panno spesso o apposita
tavoletta da legare sotto la pancia del montone per impedirgli l'accoppiamento con le
pecore * 3- Impedimento, remora.

pastòsçena sf. Pappolata, cibo troppo cotto, molle e sgradevole.

pastranu sm. Pastrano, cappotto a foggia militare indossato dagli ufficiali e dai signori (i
popolani indossavano la 'mantellina' a ruota).

pastu (lett.) sm. Pasto, il cibo che si mangia. [lat. pastus]. V. ( lu) mangiare.

pastune sm. Massa di farina impastata e lasciata a lievitare. [accr. di pasta].

43
P

pastura1 sf. Pastura, pascolo * detto: la pastura e' mmangiatura il pascolo è come la
mangiatoia.

pastura2 sf. Pastoia: nun ete fàcile cu mminti la pastura allu puercu non è agevole legare la
pastoia al maiale. V. pure pastògghia.

pasturale sm. Pastorale, il bastone simbolico del vescovo, pastore di anime. [dal lat.
pastoralis].

pasture (lett.) sm. Pastore proprietario di gregge: allu mìntere te lu sule li pasturi tòrnanu
alli curti verso il tramonto i pastori tornano agli ovili * prov. Lu buenu pasture caroppa e
nnu scòrcia il bravo pastore tosa e non scòrtica. [lat. pastor -oris]. V. il più comunemente
usato pecuraru.

pastureδδa sf. Funicella con cui si stringe l'apertura della gabbia posta intorno alla colonna
del torchio. [dim. di pastura2].

pastusu agg. Pastoso, di consistenza pastosa e compatta. [da pasta].

pasulara sf. Pianta intera di fagioli ormai secca. [da pasulu].

pasularu sm. Fagiolaio, gran mangiatore di fagioli. [lat. phaseolarius].

pasuli cu ll'ecchiu
pasulu sm. Fagiolo, legume abbondantemente e frequentemente consumato come prima
pietanza (e spesso unica!) dai contadini ed anche dagli operai: pasuli ierdi fagiolini
freschi; pasuli ianchi fagioli bianchi, successivamente importati dall'America; pasuli cu
ll'ècchiu fagioli nostrani, bruno-rosei con macchiolina nera intorno all'ilo; pasuli
napuletani fagioli bianchi molto grossi, da noi non coltivati, ma fatti venire dalla
Campania; pasuli cucìuli, pasuli crutèi fagioli cottoi, fagioli non cottoi * prov. Ci se
uanta sulu nu mbale nnu pasulu chi si vanta da solo vale meno di un fagiolo. [lat.
phaseolus].

patàcchia sf. Patacca, moneta fuori corso; moneta falsa * fig. Donna sedotta e abbandonata.
[provenz. patac].

44
P

patacchiaru sm. Imbroglione, che cerca di spacciare gioielli di vile metallo per monili di oro.
[da patàcchia + suff. di mest. -aru].

pataccuna sf. Grossa moneta di basso valore; grossa medaglia.

patapumbi sm. Capitombolo, voce imitativa di una rovinosa caduta: à ffattu nnu patapumbi
e nn'à bessutu nnu uδδarune a ffrunte ha fatto un capitombolo e gli è venuto un
bernoccolo in fronte.

patarnosci sm. pl. La coroncina del rosario: patarnosci te matreperla, te nùzzuli te còrnula,
te nùzzuli de ulia rosario di grani di madreperla, di semi di carruba, di nòccioli di olive; li
patarnosci te lu zu mònecu ete te quìndici poste, li mei nde tènenu sulu cìnque il rosario
del frate è formato di quindici decine, il mio ne ha solo cinque * fig. Tipo di pasta di
farina a grani minuti e con buchetto.

patarnòsciu sm. La preghiera cattolica che inizia con le parole latine 'Pater noster' Padre
nostro: pe penetènzia dine nnu patarnòsciu e ttrete aimarèi per penitenza dirài un
paternostro e tre avemmaria * detto: nu basta lu sulu patarnòsciu, nci òlenu puru li
patarnosci non basta la sola preghiera, sono necessarie anche le opere di carità.
Da c. p. Bruttu tignusu, nemicu te Cristu, / nu mbulisti ddici lu patarnòsciu;

patatracca sm. Crollo rovinoso; caduta rumorosa.

pateδδa sf. Patella, mollusco marino che vive attaccato agli scogli. [lat. patera, piatto, dim.
patella, ll>δδ].

pàtena sf. Pàtina.

patenare tr.; pres. pàtenu,… patenamu, ecc.; p. rem. patenài, ecc.; pp. patenatu. Patinare,
rivestire di pàtina.

patenatura sf. Patinatura.

patente sf. Patente, licenza, autorizzazione all'esercizio di un'attività commerciale: patente te


sciufferre patente di autista; patente te mieru, te usterìa licenza di vendita di vino, di
gestire un'osteria * modo di dire: tenìre la patente te fessa (ironicamente) essere
autorizzato a comportarsi da stupido e a commettere corbellerie. [lat. patens -entis].

paternu (lett.) agg. Paterno, del padre, da parte del padre. [lat. paternus].

Pati pers. Ippazio.

pati agg. indecl. e sm. Molto anziano, vegliardo; bisnonno e trisnonno, avo: la figghia te la
Tora pati se nd'à ffusçiuta, ma filu cu llu zitu te prima la figlia della vecchia Salvatora è
scappata da casa, ma non insieme con il fidanzato; lu pati te canàtuma lu Peppantoni era

45
P

nachiru il bisnonno di mio cognato Giuseppe Antonio era capo frantoiano. [dal lat. pater,
it. ant. pate].

patìcchia sf. Riccio formatosi in una fune troppo ritorta. V. pure rìzzulu.

patimientu, patimentu sm. Patimento.

patìre tr. e intr.; pres. patiscu (patu), patisci (pati), patisce (pate), patimu, ecc.; p. rem.
patìi,… patemmu, ecc.; cong. pres. patisca, patìscanu; imper. patisci (pati), patiti; pp.
patutu * tr. Patire, soffrire: iδδa patisce lu càutu faugnusu ella soffre il caldo umido e
afoso * intr. Subire un dolore prolungato, soffrire * provv. Ci nu ppati nu ccueti se non
patisci prima, non puoi godere poi § Ci unu nu ppate, nn'àutru nu ccote se uno non soffre,
un altro non gode § Lu patire te mpara a ccumpiatìre il soffrire ti insegna a comprendere
e a compatire gli altri. [lat. pati, lat. volg. * patire].
Da c. p. Su' cquiδδu ci pe ttie pene patisce, / su' cquiδδu ci pe ttie patisce uài.

patissa, batissa, matre batessa sf. Badessa * fig. Donna prosperosa e… lo fa notare.

patitu agg. Sofferente; macilento; convalescente.

patre (lett.) sm. 1- Padre, termine di riguardo, analogo al popolare 'sire': Patre, Fìgghiu e
Spiretusantu Padre, Figlio e Spirito Santo; era patre te sei fili era padre di sei figli * Con i
possessivi in pos. encl.: pàtrima, pàtrita, pàtrisa mio padre, tuo padre, suo padre * 2-
Padre missionario, padre confessore: patre Ginu à statu missiunariu padre Gino è stato
missionario. [lat. pater patris].

Patreternu sm. Padre eterno, la prima persona della Trinità cristiana: lu Patreternu à ccriati
tutti li uèmmeni, ma nd'ìa pututu fare a mmenu cu ccria puru li malevita il Padre eterno
ha creato tutti gli uomini, ma avrebbe potuto fare a meno di creare pure i malavitosi. [lat.
pater aeternus].

patre uardianu o patre superiore sm. Padre guardiano, il superiore di un convento: a' ba'
basa lu curdune a llu patre uardianu vai a baciare il cordiglio al padre superiore.

pàtria sf. Patria * provv. La pàtria ete te cinca stae buenu a ccasa soa la patria è dei
benestanti § La pàtria mia ete ddùncata stau buenu la mia patria è laddove sto bene.

patrignu sm. Patrigno * Con i possessivi in pos. encl.: patrìgnuma il mio padrigno,
patrìgnuta il tuo patrigno, patrìgnusa il suo patrigno. V. pure patrìu.

patriottu sm. Patriota del Risorgimento.

patrisçiare intr.; pres. patrìsçiu, ecc.; impf. patrisçiàa, ecc.; p. rem. patrisçiài, ecc.; pp.
patrisçiatu. Padreggiare, somigliare al padre nelle fattezze e nelle inclinazioni: se tice ca

46
P

li màsculi matrìsçianu e lle fìmmene patrìsçianu si suol dire che i figli maschi
madreggiano e le figlie femmine padreggiano. [da patre + suff. iter. - sçiare].

patrìu sm. Patrigno * Con i possessivi in pos. encl.: patrìuma il mio patrigno, patrìuta il tuo
patrigno, patrìusa il suo patrigno. [dal lat. patri(n)us].

patriuttìsemu sm. Patriottismo.

patrucìniu sm. Patrocinio, protezione. [lat. patrocinium].

patruna sf. Padrona, proprietaria di suo, o moglie del padrone * prov. Rispetta lu cane pe lla
patruna risparmia il cane per rispetto alla padrona * Con i possessivi in pos. encl.:
patrùnama, patrùnata, patrùnasa la mia, la tua, la sua padrona.
Da c. p. Tie si' lla patruna e ièu lu cane, / tie me dai lu elenu e ièu lu mele,

patrunanza sf. 1- Padronanza, certezza, sicurezza * 2- Possesso.

patrunu sm. 1- Padrone, proprietario; dominatore assoluto: ci ete lu patrunu de sta igna? chi
è il proprietario di questo vigneto? * detti: lu patrunu ete cinca porta li càusi il padrone è
colui che ha i pantaloni § lu patrunu te lu ciùcciu ae alla mpete il padrone del somaro, per
vera dabbenaggine, va a piedi § amore te patruni, amore te scursuni l'affetto dei padroni è
identico a quello dei rettili, cioè tòssico * provv. Li pieti te lu patrunu rrepàranu lu
campu i piedi del proprietario sistemano il podere § L'ècchiu te lu patrunu ngrassa lu
caδδu l'occhio vigile del proprietario ingrassa il cavallo § Ttacca lu ciùcciu a ddu dice lu
patrunu senza trovare osservazioni, lega l'asino laddove il padrone indica * Con i
possessivi in pos. encl.: patrùnuma, patrùnuta, patrùnusa il mio padrone, il tuo padrone,
il suo padrone * 2- Passatella, gioco a morra o a carte, in cui si designa un primo padrone
e un secondo, i quali distribuiscono il vino avuto in posta, lasciando spesso qualcuno dei
compagni a bocca asciutta, 'all'urmu'. [lat. patronus].
DE D. Domeneddìu la lesse e disse: Suntu / lu patrunu de quài; se uliti, stati: / subbra
allu celu ieu surtantu cuntu, / e sse nu nci bu piace, bu nde sçiati!

patta1 sf. Pattina, risvolto esterno della tasca; risvolto di stoffa che copre la bottonatura
dall'alto in basso.

patta2, para e patta avv. Pari, in pareggio * alla fine delle preghiere della sera si aggiungeva:
Gèsu Cristu miu, peccati nd'àggiu fatti, le cose te Diu te l'àggiu titte: moi stamu para e
ppatta e ccussì ssia.

pattu sm. Patto, impegno reciproco; accordo. [lat. pactum].

patu sm. Strato; sfoglia: prima sìmmena la semente e poi nci mini nnu patu te rumatu e nnu
patu te terra prima semini la semenza e poi spargi uno strato di letame e uno strato di
terriccio; nnu patu te pezzetti te cepuδδa e pprummitori intra a ddoi pati te pasta te farina

47
P

uno strato di pezzetti di cipolla e pomodori interposto tra due sfoglie di pasta di farina.
[gr. patos].

Patù geogr. Patù * Agli abitanti di questo paese era affibbiato il nomignolo di 'catti'.

patula, padula sf. Palude: a llu Salentu prima le patule stìanu sparpagghiate a cquài e a δδai
un tempo nel Salento le paludi erano disseminate qua e là; aceδδi te patule uccelli di
palude. [lat. palus -udis]. V. anche padule.
Da c. p. Te sira nde passài te nna patùla / e ntisi le ranòcchiule cantare;

Patulìcchia sf. Località acquitrinosa, malsana e malarica sulla costa presso S. Cataldo di
Lecce.

patulignu agg. Palustre; acquitrinoso.

patulusu agg. Paludoso: terre patuluse terreni paludosi. [lat. paludosus].

patùrnia sf. Paturne, svogliatezza, malumore stizzoso; stato d'animo malinconico. [incr. tra
patìre e Saturnu (?), pianeta che provoca malinconia].
DE D. Ma però cu st'occasione / ca ni truamu tutti amici/ la patùrnia lassa stare…

patutu agg. Patito e intristito; deperito; sofferente cronico * prov. Lu mègghiu miètecu ete lu
patutu il miglior medico è lo stesso paziente.

Paulinu sm. Maschera locale di parecchi paesi salentini, rappresentata da un fantòccio


defunto, il quale viene messo al rogo in piazza l'ultimo giorno di Carnevale.

paulottu sm. Frate dell'Ordine religioso dei Paolotti, fondato da S. Francesco di Paola.

Pàulu, Paulìcchiu, Paulinu, Paulùcciu pers. Paolo.

paùra sf. Paura, timore * prov. Male nu ffare, paùra nun aìre non fare male e non avrai nulla
da temere § La paùra uarda la igna (l'uertu, le ulìe), nu llu uardianu il timore (di essere
impallinati) preserva la vigna (gli ortaggi, le olive in pieno campo), non il guardiano.

paurusu agg. 1- Pauroso, timoroso, che si prende facilmente paura: le mamme stìanu pauruse
cu lli piccinni mbrazze le madri stavano timorose con i piccoli in braccio * 2- Pauroso,
che incute paura: era nna cosa mmensa, paurusa era una cosa immensa, paurosa.

pàusa (lett.) sf. Pausa, intervallo. V. anche il più usato fallocu.

pàuta sf. Tasca: cittu, ca ncora nu ppuerti pàute zitto tu, che non hai ancora le tasche (sei
minorenne); tutti ni sçiàmu a mpàuta l'unu l'àutru tutti ci andiamo nella tasca
scambievolmente; a' ba' ppìgghiatela a mpàuta! vai al diavolo, vai a farti friggere!. [dal

48
P

long. palta, al>au].


DE D. Ma se la pàuta chiange, dicu ièu, / pace nu nci po' èssere pe nnui!

pauticeδδa sf. Tasca piccolina. [dim. di pàuta].

pautinu sm. Taschino: tarloci te pautinu orologio da taschino. [altro dim. di pàuta].

pe prep. che richiede il rafforzamento della consonante semplice iniziale della parola
seguente. Per: la fucazza la fazzu pe ssirda preparo la focaccia per tuo padre; nu ppe nnui,
ca stamu bueni a ccasa nòscia, ma pe bui, ca nu tteniti nné arte nné parte non per noi,
che stiamo bene in casa nostra, ma per voi, che non concludete alcunché; pe lla matosca!
per dindirindina! * prov. Pe ddo' cose se fatica: pe lla panza e pe lla fica per due cose ci
si affatica: per la pancia e per il sesso * cong. limitativa e finale. Per, per quanto: pe mmie
nu nci crìsçiu per quanto riguarda me, non ci credo; pe bulìre ulìa, ma nu nci speràa mutu
per quanto era nei desideri, lo bramava, ma non ci sperava molto; le pire suntu bone pe
ccògghiere le pere sono mature per essere raccolte; te lu ticu pe llu bene tou te lo dico per
il tuo bene. [lat. per].

pecca sf. Pecca, menda, difettuccio: a lli custumi te mèsciu Ucciu sartore nu nci truèi mai
nna pecca nei vestiti confezionati dal sarto mastro Antonio non troverài mai un difetto.

peccare intr.; pres. peccu, piecchi, pecca, peccamu, ecc.; impf. peccàa,… peccaàmu, ecc.; p.
rem. peccài, ecc.; pp. peccatu. Peccare, commettere peccati o errori gravi * detto: ete lu
giustu e pecca ttre fiate lu giurnu è il giusto e tuttavia pecca tre volte al giorno.
Da c. p. Beδδa, tie puerti a mpiettu doi lumèi: / sulu lle uardu, peccare me faci.

peccatora sf. Peccatrice.

peccatore sm. Peccatore * detto: se tice lu peccatu e nnu llu peccatore si dice il peccato e
non il peccatore. [lat. peccator -oris].

peccatu sm. (pl. m. peccati, pl. f. peccate). 1- Peccato, colpa grave: peccatu ressu peccato
mortale; peccatu piccinnu peccato veniale; lu patre nu nni tese la suvversione te li peccati
soi il confessore non gli diede l'assoluzione dai suoi peccati; nu mme fare fare peccate
non mi far commettere peccati * provv. Uècchiu ca spia face peccatu occhio indiscreto
che spia commette peccato § Peccatu cunfessatu, pe mmiatà e' pperdunatu colpa
confessata viene condonata a metà * 2- Errore, sbaglio, grave mancanca: ete nnu peccatu
ci nu ccuegghi le ulìe intra crai buscrài è un grave sbaglio se non raccogli le olive entro
domani o al massimo entro dopodomani * prov. Ci à ffattu peccatu, cu sse spatta la capu
chi ha commesso un errore, si batta il capo contro il muro. [lat. peccatum].
DE D. Ulìa cu sàcciu cce ni fici a Cristu, / quali su' state le peccate mei!
BOZZI … scasa, / ca si' cchiù nìuru tie te lu peccatu.

49
P

pecciunara sf. 1- Locale posto all'ultimo piano; la parte più alta di un edificio (dove vanno a
posarsi i piccioni di città) * 2- Loggione, l'ultimo piano dei palchi dei teatri. [dal lecc.
pecciune + suff. funz. -ara].

pecciune sm. Piccione: suntu pecciuni te palummaru sono piccioni di colombaia * fig. Pube.
[lat. pipio -onis].

peccomu, pe ccomu avv. e cong. Per il modo che, dal modo in cui: peccomu stìa stizzatu, ni
ccappàa la lìngua per quanto era irritato, balbettava.

peccussì avv. Così, per così: e cci poi nun ete peccussì? e se poi non è così?; peccussì nu
ppote trasìre per così non può entrare. V. pure cussì.

peccussine avv., per lo più in frasi interrogative o in posizione isolata. Per così, così, in
questo modo: ulìti peccussìne? e peccussìne sìa così volete? e così sia; tie à' ffare pròpriu
peccussine tu devi fare proprio in questo modo; peccussìne none non così. V. pure
cussìne.

pecuezzu sm. Fraticello, frate convesso o laico, che non ha ricevuto l'ordine sacerdotale: alla
quèstula ànu sulu li pequezzi per la questua escono soltanto i fraticelli.

pècura sf. Pecora; pècura annina e pècura ècchia pecora che non ha compiuto il primo anno
d'età e pecora vecchia; pècure ianche e pècure nìure pecore bianche e pecore nere * detti:
ete te pècura e nnu sse coce è carne di pecora vecchia e non si cuoce bene (è un testardo e
non si lascia persuadere) § èssere lupu estutu te pècura essere ipocrita * provv. Ci pècura
se face, lu lupu se la màngia chi si fa pecora, viene divorato dal lupo § Nna pècura
màrcia nde uasta nna murra una sola pecora viziosa guasta tutto un gregge § Ete
mègghiu dare la lana cca lla pècura è preferibile cedere il vello piuttosto che la pecora *
fig. Donna sottomessa e alquanto sciocca: quandu esse te casa soa ete nna pècura quando
esce da casa diventa una pecora che non sa regolarsi. [lat. pecus -oris].

pecurarieδδu sm. Pastorello, giovane pecoraio: a uettu anni sçìu pe pecurarieδδu alla
mmassarìa a otto anni si recò come pastorello presso la masserìa. [dim. del lecc.
pecuraru].

pecuraru sm. Pecoraio, pastore.

pacuraru (Stiδδa te lu -) sf. Espero, nome del pianeta Venere, quando appare ad occidente
subito dopo il tramonto del Sole, allorquando, cioè, il pecoraio riporta il gregge all'ovile.

pecureδδa sf. Pecorella * (a) pecureδδa avv. Carponi; mani e piedi a terra: ni nde sçemmu
pecureδδa pecureδδa (a ppecureδδa) ce ne andammo camminando carponi. [dim. di
pècura].

50
P

pecureδδe sf. pl. Nuvole leggere e bianche a fiocchi * prov. Nule a ppecureδδe, àcqua a
llimmiteδδe nuvole a pecorelle portano pioggia a catinelle.

pecurieδδu sm. 1- Agnellone * 2- Pecora abituata ad andare dietro al padrone * fig.


Individuo che, privo di iniziative, va dietro gli altri pedissequamente.

pecurigna ( alla -) avv. Carponi, mani e piedi a terra.

pecurignu agg. Pecorile, caratteristico della pecora: sia ca sta‟ ssentu fiezzu pecurignu mi
pare di avvertire puzzo pecorile.

pecurinu agg. Pecorino, ricavato dalla pecora: casu pecurinu cacio pecorino. [dal lat.
pecorinus].

peδδame sf. Pellame. (nota ll>δδ].

peδδaru sm. Pellaio, negoziante di pelli di ovini e di bovini. [lat. pellarius].

peδδe (pl. pieδδi) sf. 1- Pelle, cute: tenìa la peδδe tutta rappulusa aveva la pelle tutta
grinzosa * fig. Simbolo della vita: nu rrìsecu la peδδe mia ièu non metto a repentaglio la
mia vita io * 2- Pelle d'animale da conciare o già conciata. [lat. pellis, ll>δδ].
Da c. p. M'e' stata mmenezzata a mmie la peδδe / te unu ci nu mbale quattru caδδi.

peδδìcchia sf. 1- Membrana, pellicina, pellicola * 2- Collòttola, specialmente dei conigli * 3-


Prepurzio. [lat. volg. * pellic(u)la, ll>δδ, cl>cchi].

peδδìcula sf. Pellicola epidermica. peδδizza sf. Pelliccia; pellicina. [fem. del lat. pellicius].

peggiurìa sf. Peggioramento, aggravamento di una condizione.

Pei, Peu pers. Pompeo ed anche Goffredo, Pantaleo, Oronzo, Raffaele, ecc.

pelastru sm. Pilastro.

pelèa, palèa sf. 1- Conversazione cavillosa; polemica: ànu pigghiata nna pelèa e nnu lla
spìccianu cchiùi hanno intrapreso una controversia e non la smettono più * 2- Cavillo,
arzigògolo: e poi tie, cu lle palèi toi! ti ci metti pure tu, con i tuoi cavilli! * 3- Sequela,
serie interminabile: ibbe nna pelèa te cazzinculu ebbe una serie di rovesci e danni.

pelieri, pilieri sm. Canaletta di pietra che congiunge il parapetto del pozzo con il bordo della
vasca ( pelune) di raccolta dell'acqua. [da un incr. lecc. tra pelune e pila].

pellaru (neol.) sm. Pellaio. V. peδδaru.

pelle (neol.) sf. Pelle, epidermide. V. anche peδδe.

51
P

pellècchie sf. pl. Mammelle vizze e cascanti di donna vecchia.

pellecrina sf. Bàvera, mantelletta da donna che scende dal collo fino a coprire gli òmeri;
mantelletta congiunta al pastrano per riparare ancor più le spalle del cocchiere dalla
pioggia.

pellecrinu agg. e sm. Pellegrino; viandante forestiero * prov. La Matonna pellecrina senza
sordi nu ccamina la Madonna pellegrina, se non vengono assicurate laute offerte, non
viene portata in giro per i paesi * fig. Meschino, miserello.
Da c. p. Ièu, ci nun àggiu a ttie, gioiuzza mia, / me estu te pellecrinu e bau a Rroma.

pellettieri sm. Pellecciaio; negoziante di pelletteria.

pellìccia sm. Pellìccia morbida e soffice.

pellina agg. f. Velina: carta pellina carta velina.

pe llu cchiùi avv. Perlopiù, nella maggior parte dei casi, generalmente.

pe llu menu avv. Perlomeno, almeno.

pelunceδδu sm. Acquaio fisso; piccolo serbatoio d'acqua scavato nella roccia. [dim. di
pelune].

pelune sm. Vasca di pietra di forma parallelepipeda, destinata a contenere l'acqua attinta dal
pozzo oppure ad accogliere le acque piovane dei dintorni; un 'pelune' di grandi
dimensioni prende il nome di 'lacquaru'. [accr. di pila].

pelusu agg. Peloso, villoso. [lat. pilosus].

pe mmoi, pe mmo' loc. avv. Per adesso, provvisoriamente.

pena sf. 1- Pena, castigo * 2- Compassione * 3- Sofferenza spirituale * 4- Preoccupazione


tormentosa * modi di dire: pigghiare pena affliggersi, preoccuparsi § dare pena
affliggere. [dal lat. pśna].
Da c. p. Chiàngenu l'uecchi mei pe lla dulore / ca nu tte pozzu le pene cuntare.

penare intr.; pres. penu, pieni, pena, penamu, ecc.; p. rem. penài, ecc.; pp. penatu. Penare *
prov. Ci pena prima, cote poi; ci cote prima, prima o poi pena chi pena prima, in seguito
godrà; chi prima gode, presto o tardi penerà.
Da c. p. cuntèntalu stu core nnamuratu, / nu lla fare penare st'arma mia.

pendàgghia sf. Brindello, cencio strappato; veste consunta e lacera che penzola: sempre
pendàgghie n'àggiu iste subbra te iδδa sempre cenci le ho visto addosso * fig. Donna
cenciosa, brindellona, sciattona: δδa pendàgghia nu sse nde scorna cu spacca la chèsia?

52
P

quella cenciosa non si vergogna di attraversare nel mezzo il tempio? [dal lecc. pende(re)
+ suff. spreg. -àgghia].

pendàgghie sf. pl. Rametti pendenti di un albero, da rimondare; le parti pendenti dell'omaso
o centopelle dei ruminanti.

pendàgghiu sm. Sbrendolo di stoffa.

pendagghiusu agg. Cencioso, sbrendolone, oltremodo trasandato.

pendandiffi sm. Ciondolo: recchini a ppendandiffi orecchini a ciondolo. [dal fr. pendentif].

pendenieδδu sm. 1- Cosa che pende; ciondolo * 2- Ugola * 3- Clitoride. [dim. da


penden(te)].

pèndere, pendìre intr.; pres. pendu, piendi, pende, pendimu, ecc.; p. rem. pendìi,…
pendemmu, ecc.; imper. piendi, penditi; pp. pendutu. Pendere; essere sospeso: te lu celu te
la casa pendìa nnu trònfiu dalla volta della stanza pendeva un lampadario sfarzoso *
prov. La ulia quantu cchiùi pende, cchiùi rende l'oliva quanto più a lungo resta attaccata
al ramo, tanto più rende in olio. [lat. pendere].

pendina sf., pendinu sm. Pendenza, pendio * modo di dire: à' rriatu allu pendinu, cumpare, e
tt'à' futtutu! hai superato la metà della vita, compare, ormai sei in discesa e sei fregato! *
prov. L'àcqua sècuta sempre la pendina soa l'acqua segue sempre la pendenza.

pendingulare intr.; pres. pendìngulu,… pendingulamu, ecc.; p. rem. pendingulài, ecc.; pp.
pendingulatu. Appendersi afferrandosi con le mani; mettersi sospeso per le braccia. [da
pendìngulu].

pendingulisçiare intr.; pres. pendingulìsçiu,… pendingulisçiamu, ecc.; p. rem.


pendingulisçiài, ecc.; pp. pendingulisçiatu * 1- Dondolare tenendosi sospeso per le
braccia * 2- Passare e ripassare da un luogo * 3- fig. Rimanere a lungo incerto e indeciso;
propendere ora di qua e ora di là. [da pendingulare + suff. iter.-durat. -sçiare].

pendìngulu sm. Pendaglio, ciondolo * 2- Bargiglio * 3- Lobo dell'orecchio * 4- Ugola * 5-


Clitoride * 6- Qualsiasi appendice penzolante. [da un incr. lat. tra pendere e pedunculus].

53
P

pendinieδδi
pendinieδδi sm. pl. Tremolina, detta anche pendenti o sonaglini, piantina graminacea
prataiola; ha steli filiformi con spighette pendule conformate a guisa di piccolo sonaglio.
[da un incr. tra pendìngulu e dindinieδδu].

pendurìcula sf. 1- Dondolio del corpo sospeso per le braccia; altalena: nferratu alla stanga,
fice la pendurìcula afferrato al grosso ramo d'albero, fece il dondolio * 2- L'andare avanti
e indietro per un fine: face la pendurìcula pe lla Ntunietta pilirussa va e viene, passa e
spassa, per Antonietta 'dai capelli rossicci' * 3- fig. Attesa titubante, lo stato d'animo di
chi attende: stae cu lla pendurìcula cisà ni tice sine è in ansiosa attesa se, per caso, gli
dirà sì. [da un incr. tra lat. pendulus e pedunculus].

pendurìculi avv. Ciondoloni, penzoloni.

penetènzia, penitenza sf. 1- Penitenza * 2- Pegno nel gioco. [lat. pśnitentia].


Da c. p. Sette anni stiesi a ppeccatu murtale, / sette anni a Rroma penetènzia fici,

pengìre tr.; pres. pingu,… pengimu, ecc.; p. rem. pengìi, ecc.; pp. pengiutu. Dipingere. V.
pìngere.

penìsula sf. Penisola: la penìsula de Terra d'Utràntu la penisola di Terra d'Otranto.

pennalure sf. pl. Cascami della lavorazione delle penne e delle piume, un tempo usate per
imbottiture.

pennaluru sm. Cuscino pieno di piume.

Pennardu, Pennardinu, Nardinu, Ndinu pers. Bernardo, Bernardino.

penneδδare tr.; pres. penneδδu, pennieδδi, penneδδa, penneδδamu, ecc.; p. rem. penneδδài,
ecc.; pp. penneδδatu. Pennellare. [da pennieδδu].

penneδδata sf. Pennellata, una passata di tinta col pennello.

pennieδδi sm. pl. Cuscinetti imbottiti di penne, applicati al basto.


54
P

pennieδδu sm. Pennello.

penninu sm. Pennino per scrivere con l'inchiostro.

penombra (lett.) sf. Penombra. [lat . paene umbra].

pèntere, pentìrese rifl.; pres. me pentu, te pienti, se pente, ni pentimu, ecc.; p. rem. me
pentìi,… ni pentemmu, ecc.; imper. pièntite, pentìtibu; pp. pentutu. Pentirsi * detto: cce tte
serve lu pentìre ci, quandu trasi, nu ppuèti essìre? che cosa vale il pentirsi se, una volta
entrato nel giro, non ne puoi più uscire? * prov. Perdunare nu sse pote ci nu sse pente non
si può perdonare colui che non si pente. [lat. pśn(i)tęre].

pentimientu, pentimentu sm. Pentimento * Massima (notare le p- iniziali): prima penza, poi
parla, percé palore picca penzate pòtenu purtare pentimientu prima pensa e poi parla,
perché le parole poco ponderate possono provocare motivi di pentimento.

pentita sf. Corrigenda, minorenne traviata chiusa in una casa di rieducazione: le mòneche
alle pentite mpàranu a ccucenare, a ccùsere, a ttèssere e ppuru a llèggere e a scrìere le
suore insegnano alle corrigende a cucinare, a cucire, a tessere e pure a leggere e a
scrivere. 'Le Pentite' era un antico edificio sito in Via dei Sotterranei ( rretu a llu
pescupatu) a Lecce, approntato per accogliere le ragazze corrigende.

pentulàccia (neol.) sf. Pentolaccia. V. la voce più comune pignata.

pèntuma sf. 1- Grosso scoglio marino: li iundi te lu mare se rumpìanu contru le pèntume le
ondate si frangevano contro gli alti scogli * 2- Roccia alta che spunta dal terreno: cu
ll'aratinu nu tte cucchiare alla pèntuma con l'aratro di ferro non ti accostare troppo allo
spuntone di roccia * 3- fig. Donnona grossa e sformata, gran pezzo di donna; [lat.
pentima, rupe].

penùrtimu agg. Penultimo. [dal lat. paenultimus].

penzàbbile, pensàbbile agg. Pensabile. [lat. pensabilis].

penzamientu, pensamientu sm. Pensamento: a ppensamientu miu secondo me, secondo la


mia opinione.

penzare, pensare tr. e intr.; pres. penzu, pienzi, penza, penzamu, ecc.; p. rem. penzài, ecc.;
pp. penzatu * tr. 1- Pensare, considerare: nu tte pensàa mancu non ti pensava nemmeno;
pensati la strata ci àggiu fatta considerate la strada che ho persorso * prov. Omu te male
cuscènzia, comu la face la penza uno che ha la coscienza cattiva, pensa male e male
agisce, i pensieri corrispondono alle azioni * 2- Immaginare, supporre: cce ppenzastu te
sorma, a? che cosa immaginaste di mia sorella?; me penzàa ca me uèi nnu picca te bene
supponevo che mi volessi un po' di bene * intr. 1- Pensare, riflettere: allu papa te Roma
sta‟ ppensati? state pensando al Sommo Pontefice?; pensamu a ccenca aìmu passatu

55
P

riflettiamo su ciò che abbiamo trascorso * prov. Pènzanci prima cu nnu tte pienti poi
rifletti bene prima, affinché non debba pentirti dopo * 2- Badare ad uno prendendosi cura:
ci penza a sti pori piccinni? chi baderà a questi poveri ragazzi?; nui penzamu a llu zu
Peppinu noi ci prendiamo cura di zio Giuseppe. [lat. pensare].
MAR. penza cce sienti moi, cu nu te scierri, / ca te dicu lu giustu e ritu forte.

penzata, pensata sf. Pensata; idea venuta in mente; concetto: brau, à' uta nna bona penzata
bravo, hai avuto una buona idea; nu ssuntu sempre scuncruse le pensate soi non sono
sempre sconclusionati i suoi concetti.

penzieri, pensieri sm. 1- Pensiero, idea: nnu penzieri me rùseca le metuδδe un pensiero mi
arrovella * detto: lu prima penzieri nu llu lassare mai non abbandonare mai la prima idea
* 2- Cervello, quale intelletto e mente pensante: se mangiàu lu penzieri, ma poi capìu ddu
stia lu uastu si rose il cervello, ma poi capì dov'era il guasto * 3- Cura, preoccupazione:
tene lu penzieri cu ffazza nna bella fecura ha cura di fare una bella figura; li penzieri nu
nni fàcenu chiùtere uècchiu le preoccupazioni non ci permettono di chiudere occhio; nu
bu pigghiati penzieri non vi preoccupate * prov. Centu penzieri nu pàcanu nnu dèbbetu
cento pensieri preoccupati non saldano un debito * 4- Cosa o situazione preoccupante:
fùttitende te li penzieri te l'àutri non ti curare delle cose altrui; nu tte pigghiare li pensieri
te l'àutri non ti accollare le preoccupazioni degli altri. [provenz. pensier, it. ant. pensiere].
DE D. ièu tra mille penzieri me nde sçia / gudèndume li iundi de lu mare.

penzierusu, pensierusu, penserusu agg. 1- Pensieroso, assorto; preoccupato * 2- Premuroso;


pieno di attenzioni * 3- Che si impiccia dei fatti altrui, ficcanaso.

penzione sf. Pensione; stato di pensionamento: fuecu miu! àggiu persa la libbretta te la
penzione, cce ffazzu moi? o me sventurato! ho smarrito il documento della pensione; che
farò ora?. [lat. pensio -onis].

penziunante sm. e f. Pensionante.

penziunare rifl.; pres. me penzionu, te penzioni, se penziona, ni penziunamu, ecc.; impf. me


penziunàa,… ni penziunaàmu, ecc.; p. rem. me penziunài,… ni penziunammu, ecc.; pp.
penziunatu. Pensionarsi.

penziunatu sm. 1- Pensionato messo a riposo * 2- Istituto di ricovero o di alloggio.

penzusu, pensusu agg. Pensoso, assorto; preoccupato.

pepaluru sm. Il frutto del peperone: nasu te pepaluru naso grosso e paonazzo a guisa di
peperone.

peperunata sf. Peperonata, forte pietanza di fette di peperoni soffritte o cotte in umido
insieme a fette di cipolla e di pomodoro, con l'aggiunta di prezzemolo.

56
P

peperussu sm. Peperone di forma allungata, di colore verde cupo e talvolta rosso (da ciò il
nome), di sapore dolciastro o piccante; durante la stagione se ne fa un uso frequente a
tavola preparati in vari modi, persino crudi aggiunti all'insalata: peperussu tuce e
peperussu maru peperone dolce e peperone piccante; peperussi fritti sçattarisçiati
peperoni fritti cotti in olio bollente; peperussi allu citu peperoni tenuti in vasetto immersi
nell'aceto. [lat. piper incr. con lecc. pipi e russu]. V. anche pipe e tiaulìcchiu.

peperussu giallu sm. Peperone grosso e globoso, di colore giallo (donde il nome) oppure
giallo striato di verde o di rosso; si prepara arrostito, spellato e condito con olio, aglio e
prezzemolo; oppure ripieno con pane grattugiato, càpperi, olive e messo al forno; inoltre,
con essi si prepara la 'peperunata'.

Pepi pers. Goffredo.

pepita sf. Pipita, la malattia dei polli: ci cu ccacci la pepita! che ti venga la pipita! [lat.
pituita, lat. volg. pipita].

peppe sm. Voce infantile che indica il verme, l'insetto.

Peppu, Peppinu, Ppinu, Peppiceδδu pers. Giuseppe.

percé cong. 1- causale. Perché, giacché, poiché: nu ppotte enìre, percé stìa picca buenu non
potè venire, perché stava poco bene * 2- interrogativa. Perché?: percé nu ttrasi? perché
non entri?
Da c. p. Beδδa, sai percé ppassu te cquannanti? / cu mme rrecrìu de li mei trumienti,

percéne cong., come 'percé', ma usata di preferenza nelle interrogazioni e in posizione


isolata: percéne m'à' fattu stu tuertu? perché mi hai fatto questo torto?; nu ssàcciu
percéne me mòscia li musi non riesco a capire perché mi mostra il broncio; percéne?
percé sinti mìnchia!, eccu percéne per quale ragione? perché sei un minchione!, ecco il
perché; sàcciu lu percéne e puru lu percomu conosco il perché ed anche il come.

pèrchia1 sf. Pesca marina, pesce persico. [lat. perca, dim. percula].

pèrchia2 sf. pl. Lentiggine, efelide. [dal gr. pérkos incr. con lat. percula].

perchiatu agg. Cosparso di lentiggini.

perchisçiare tr.; pres. perchìsçiu, ecc.; impf. perchisçiàa, ecc.; p. rem. perchisçiài, ecc.; pp.
perchisçiatu. Picchiettare, tingere a macchioline irregolari. [da pèrchia2 + suff. iter.-freq.
-sçiare].

perchisçiatu agg. Lentigginoso; cosparso di macchioline.

perchiusu agg. Lentigginoso.

57
P

perciatielli sm. pl. Maccheroni forati, un poco più grossi degli spaghetti, non fatti in casa ma
venduti allo spaccio.

percisà, pe ccisà cong. Se per caso, caso mai, nel caso che: percisà me ole, dinni ca stau alla
putèa se per caso ha bisogno di me, digli che sono nel laboratorio; sape cce à
rrespùndere, percisà l'ìanu ddummandare sa che cosa rispondere, nel caso lo
interrogassero. [dall'it. per chi sa].

percoca (pl. percoche) sf. Pesca duracina, frutto a drupa rotondeggiante, con buccia
pubescente che ad alcuni, se la toccano, provoca la pelle d'oca; la polpa è giallina e dura,
il nòcciolo legnoso contiene un seme amaro. V. pure mbrecoca.

percocata sf. Marmellata di pesche.

percocu (pl. percochi) sm. L'albero del pesco (talvolta indica anche il frutto): lu sta‟ nnestu a
percocu lo sto innestando a pesco. V. pure percuecu.

percomu, pe ccomu cong. Per il modo in cui; siccome: nu nni piazze percomu te cumpurtasti
non gli piacque la cosa, per il modo in cui ti comportasti; bu àggiu nvitati percomu ca
osçe ete lu nume miu vi ho invitati siccome oggi è il mio onomastico.

percuecu (pl. percuechi) sm. L'albero e, talvolta, il frutto del pesco. [lat. prćcoquus,
precoce). V. pure mbrecuecu.

perdènzia, perdenza sf. Perdita * prov. A ddu nc'e' gustu nu nc'e' perdènzia dove c'è gusto,
non c'è perdita.
MAR. Quandu se àcchia custu / nu nc'ete mai perdènzia;

pèrdere, perdìre tr.; pres. perdu, pierdi, perde, perdimu, ecc.; p. rem. perdìi (piersi), perdisti,
perdìu (perse), perdemmu (pèrsemu), perdestu, perdèra (pèrsera) ; imper. pierdi, perditi;
pp. perdutu ( piersu e persu). Perdere, smarrire: à' perdutu (à' persu) lu nieδδu? hai
smarrito l'anello?; pèrsera do' figghi a nguerra persero due figli in guerra; la capasa
perde la mezzina perde acqua (cola) * modo di dire: pèrdere te ntra lle manu lasciarsi
sfuggire, non cogliere al volo § pèrdere Filippu e panaru perdere una cosa e l'altra,
proprio tutto, e rimanere all'asciutto * detti: quiδδu ci lassi nci pierdi quel che non accetti
lo perdi, perciò accontentati anche del poco § cinca perde face mille suspetti, cinca troa
nde face doi suli chi perde qualcosa fa mille congetture, chi trova fa due soli pensieri:
restituire o non restituire? * prov. Ci uarda mutu a rretu, perde lu ciùcciu te nanti chi si
guarda lungamente alle spalle, perde l'asino che gli cammina davanti, chi si sofferma sulle
vicende del passato, si lascia sfuggire l'avvenire * rifl. Privarsi: te perdisti missa non
potesti andare alla messa; bu perdestu tante risate vi privaste (non poteste godere) di tante
risate * rifl. intr. 1- Perdersi, smarrirsi: se perdèra ntra lla folla si smarrirono tra la folla *
2- Non raccapezzarsi: tra ttante cose ca ni tecìu, se perdìa tra tante cose che gli dicevate,
lui si disorientava * 3- Consumarsi, svanire: se pèrdenu li turnisi e sse perde l'arbaggìa si
consumano i quattrini e svanisce la bòria * prov. Quandu se perde, lu bene se mprezza
58
P

quando il bene non c'è più, allora se ne comprende l'importanza. [lat. perdere].
Da c. p. L'amecìzia piersi e piersi l'amore / quandu l'ursieδδu miu perse lu suenu.

pèrdita sf. Perdita; decesso: ncora nde risente te la pèrdita te la mamma ancora risente della
perdita della madre.

pèrdite sf. pl. Leucorrèa: le pèrdite m'ànu spicciate le perdite bianche mi sono cessate.

perdunare tr.; pres. perdunu,… perdunamu, ecc.; impf. perdunàa, ecc.; p. rem. perdunài,
ecc.; pp. perdunatu. Perdonare; condonare * detto: papa Sistu nu lla perduna mancu a
Cristu papa Sisto non la perdona nemmanco a Cristo.

perdunu sm. Perdono: Signore, perdunu pe lle anime te li muerti nesci! Signore, perdono per
le anime dei nostri defunti!
DE D. … quandu nn'omu / stae buenu, nu hae besegnu te nisciunu, / ma quandu poi se ite
allu quantu e comu / lassa la curpa e cerca lu perdunu.

perdutu agg. Smarrito; sparito; del tutto rovinato * prov. Ci se ferma ete perdutu chi si ferma
è perduto.

perfettu agg. Perfetto; compiuto come si deve * detto: ceδδi nasce perfettu nessuno nasce
perfetto. [lat. perfectus].

pèrfetu agg. Perfido. [lat. perfidus]. V. anche pièrfetu.

ferfeziunare (lett.) tr.; pres. perfezionu,… perfeziunamu, ecc.; p. rem. perfeziunài, ecc.; pp.
perfeziunatu. Perfezionare.

perfezziune, perfezione sf. Perfezione. [lat. perfectio -onis].

perfìtia (lett.) sf. Perfidia; malafede. [lat. perfidia]. V. trestìzia.

perìcciu agg. Poverino; compassionevole; miserevole: perìccia sta ecchiareδδa, sempre la


nzùrtanu poverina questa vecchietta, la prendono continuamente in giro; te lassu sçire ca
sinti pròpiu perìcciu ti lascio andare, perché fai proprio pietà; sti perìcci, bu mmanisçiati?
questi incoscienti, vi volete sbrigare? [dim. da p(u)eru].

periculante agg. Pericolante.

periculare intr.; pres. perìculu,… periculamu, ecc.; p. rem. periculài, ecc.; pp. periculatu.
Pericolare, correre rischio: la chianetta pericula cu ccàsçia la trave pericola di cadere; ui
periculati cu nnu ppassati alla scola voi correte il rischio di non essere promossi a scuola.
[lat. periculari].

periculosu agg. Pericoloso; rischioso. [lat. periculosus].

59
P

perìculu sm. Pericolo; rischio: stae a pperìculu te morte è in pericolo di morte; nc'ete
perìculu cu sse pìgghia nna purmunite dùppia c'è il rischio che si prenda una polmonite
doppia; suntu troppi li perìculi sono troppi i rischi. [lat. periculum].

perieδδu (f. pereδδa) agg. e sm. Povero, misero; mendicante. V. puerieδδu, poru.

peritu sm. Perito agrimensore.[lat. peritus].

perìutu, periòtu sm. Periodo, tratto di tempo. [dal lat. periodus].

perìzia sf. Perizia e valutazione fatte da un perito; èstimo: la perizia te lu tabbaccu à sciuta
nu nc'e' mmale la valutazione della partita di tabacco è andata così e così. [lat. peritia].

periziare tr.; pres. perìziu, ecc.; impf . periziàa, ecc.; impf. periziàa, ecc.; p. rem. periziài,
ecc.; pp. periziatu. Periziare, valutare da perito. V. pure mprezzare.

perla sf. Perla; qualsiasi piccola sfera di vetro o di porcellana attraversata da un forellino per
farvi passare un filo: sta‟ nfelàa perle te tanti culuri stava infilando perle di vari colori.
Da c. p. Alla toa canna cummene catina, / doi pìcculi tiamanti e perla bruna.

perlangòi1 sm. Cinciallegra, uccellino di colore verde oliva sul dorso, grigio cenere sulla
pancia.

perlangòi2 agg. e sm. e f. Esageratamente alto, sperticato: lu sire perlangòi, la mamma


perlangòi, puru li fili ànu bèssere perlangòi, no? il padre sperticato, la madre assai alta,
pure i figli saranno di alta statura, nevvero? [dal lat. perlongus].

permessu sm. Permesso; autorizzazione; consenso, licenza: nc'ete permessu? c'è permesso?;
pe lli amici nc'e' ssempre permessu per gli amici c'è sempre permesso (di entrare); cerca
prima permessu a ssirda chiedi prima licenza a tuo padre. [lat. permissum].

permèttere, permettìre tr.; pres. permettu, permietti, permette, permettimu, ecc.; p. rem.
permettìi (permisi), permettisti, permettìu (permise), permettemmu (permìsemu),
permettestu, permettèra (permìsera) ; pp. permettutu (permessu) . Permettere, consentire,
autorizzare: alli figghi permettìanu tutti li crapicci ai figli consentivano tutti i capricci;
permietti nna palora? permetti che ti dica una parola? * rifl. Permettersi, osare: nu tte
permettìre cu ppachi ntorna tie non ti permettere di pagare ancora una volta tu; ci bu
permettiti cu mme nzurfisçiati, bu fazzu ìtere ièu… se oserete spruzzarmi, vi farò vedere
io…; permièttite cu mme spuègghechi l'anche e ffazzu le manu mei cu tte le sienti!
permèttiti di scoprirmi le gambe e ti faccio sentire come sono dure le mie mani! [lat.
permittere].

perna sf. Perla. [lat. perna]. V. perla.

60
P

pernàcchia sf. Pernacchia, versaccio sonoro fatto con la bocca per dileggio; sberleffo. [incr.
tra lat. pernix, rapido, verna > vernacula, mascalzone, e perna, coscia].

pernacchiare tr.; pres. pernàcchiu, ecc.; impf. pernacchiàa, ecc.; p. rem. pernacchiài, ecc.;
pp. pernacchiatu. Offendere indirizzando pernacchie.

pernacchisçiare tr.; pres. pernacchìsçiu,… pernacchisçiamu, ecc.; impf. pernacchisçiàa,


ecc.; p. rem. pernacchisçiài, ecc.; pp. pernacchisçiatu. Indirizzare a lungo pernacchie
ripetutamente. [ forma iter. di pernacchiare].

perniciosa sf. 1- Malaria: alle palùsçime nc'era la perniciosa nelle paludi c'era la malaria *
2- Anemia acuta e qualsiasi malattia cronica del sangue, di esito infausto.

perniciosu agg. 1- Gravemente nocivo alla salute; infausto * 2- Che fa correre dei gravi
rischi, assai pericoloso: δδu maulone, amicu de li carbunieri e de li finanzieri, ete nnu
spiune perniciosu quell'omaccio, amico dei carabinieri e dei finanzieri, è uno spione assai
pericoloso. [lat. perniciosus].

pernicona sf. Susina di colore violaceo scuro. [dal lat. pruniceus].

pernottu sm. Pernottamento; sosta di una notte.

pernuezzu sm. Bernoccolo; protuberanza. [da un incr. tra it. perno e lecc. cuezzu].

pernuttamientu sm. Pernottamento, sosta di più notti.

pernuttare intr.; pres. pernottu, pernuetti, pernotta, pernuttamu, ecc.; p. rem. pernuttài, ecc.;
pp. pernuttatu. Pernottare. [lat. pernoctare].

però cong. Però, ma; intanto. [lat. per hoc].

peròccula sf. 1- Bastone ricavato da un ramo di pero * 2- Fusto di legno duro, abbastanza
robusto e piuttosto nodoso; randello: se sçia cucchiandu mmenezzandu cu nna peròccula
si avvicinava minaccioso con un randello. [incr. tra lecc. piru e roccu + suff. del dim.
lat.].

perpendìcula sf. Perpendicolarità, linea perpendicolare, verticalità.

perpendìculu agg. Perpendicolare, verticale * sm. Filo a piombo.

perpetuu agg. Perpetuo; a vita: misse perpètue a ssuffraggiu te li muerti messe perpetue a
suffragio dei defunti; cundannatu a ccàrceru perpetuu condannato al carcere a vita. [lat.
perpetuus].

61
P

perràrcia, perràccia, pirràccia sf. 1- Cagna randagia, vecchia e lercia * 2- Versaccio


offensivo; epiteto sguaiato e triviale.

perruca sf. Parrucca * fig. Sbornia.

persa1 sf. Fretta. V. pressa.

persa2 pp. f. Persa, perduta, smarrita: fatìa persa lavoro assolutamente inutile; tiempu persu
tempo inutilmente sciupato; avvucatu te le càuse perse avvocato di cause perdute in
partenza * sf. Perdita di un punto nel gioco degli aliossi: fici ttre perse dùbbule e spallìi
subii tre perdite doppie e rimasi completamente al verde.

persecutare tr.; pres. persècutu, ecc. (segue la coniugazione del semplice secutare).
Perseguitare; opprimere.

persecutore sm. Persecutore; oppressore. [lat. persecutor -oris].

persecuzione sf. Persecuzione; oppressione. [lat. persecutio -onis].

perseverànzia sf. Perseveranza, costanza nei propositi. [lat. perseverantia].

perseverare intr.; pres. persèveru, persièveri, persèvera, perseveramu, ecc.; p. rem.


perseverài, ecc.; pp. perseveratu. Perseverare; durare.

persianu sm. Pelliccia di astrakan: nci sçia buenu nnu pelùsciu te persianu si adatterebbe
bene un bavero di astrakan.

pèrsica sf. Pesca piccola con buccia liscia e lucida e picchiettata di rosso. [lat. persica
(malus) ].

persinu (lett.) Persino, perfino. V. puru.

persìstere, persestìre (lett.) intr.; pres. persistu,… persestimu, ecc.; p. rem. persestìi,…
persestemmu, ecc.; pp. persestutu. Persistere. V. nsìstere.

persona sf. Persona, individuo umano, uomo: me pare nna braa persona mi sembra una
brava persona * seguito da un possessivo, prende il significato di un pron. personale:
quandu iti la persona mia, t'à' ggirare te l'àura parte quando vedi me, gìrati dall'altra
parte; a nnui nu nni nde preme nienti te la persona soa non ci preme niente di lei; la
persona toa ete de tutti rreverita tu sei da tutti riverito. [lat. persona]. V. pure persuna.

persuasione sf. Persuasione, convinzione. [lat. persuasio -onis].

parsuasu agg. Persuaso, convinto; deciso. [lat. persuasus].

62
P

persuàtere, persuatìre tr.; pres. persuatu,… persuatimu, ecc.; impf. persuatìa,…


persuatìamu, ecc.; p. rem. persuatìi (persuasi), persuatisti, persuatìu (persuase),
persuatemmu (persuàsemu), persuatestu, persuatèra (persuàsera) ; pp. persuatutu
(persuasu) . Persuadere, convìncere.

persuna, persona sf. (pl. persone; la forma persuni è pl. f. e m.) * 1- Persona, individuo
umano: poi rriàra tante persone strànie e lla festa se mputtanisçiàu poi vennero tanti
individui estranei e la festicciola si imputtanì; percéne tante persuni bu stanu a nturnu?
perché tante persone vi stanno intorno? * 2- Il corpo umano: statte rittu cu lla persuna
stai dritto con il corpo * prov. Le muntagne stanu ferme, le persone camìnanu le
montagne stanno immobili, le persone si muovono.
Da c. p. Amàa nna donna e me cretìa ca e' mmia: / iδδa era amata te miδδi persuni; … / e
ièu ni dissi: «Tutta òscia sia: / mmara alla rrobba te muti patruni!»

persunàggiu sm. Personaggio, persona ragguardevole. [dal fr. personage].

persunale agg. Personale, tutto proprio: quisti suntu fatti persunali questi sono fatti personali
* sm. 1- Fisico umano, aspetto esteriore della persona: te facce ete brutticeδδa, ma tene
nnu persunale bellu di viso è bruttina, ma possiede un fisico ben fatto * 2- L'insieme degli
impiegati di un ufficio e degli operai di un cantiere: tocca ttrou àutru persunale te la titta
mia sono costretto ad aumentare gli impiegati della mia azienda. [lat. personalis].

persunalità sf. Personalità, persona di grado elevato e autorevole: cu llu prufettu ìnnera tante
àure persunalità insieme con il prefetto vennero tante altre personalità. [lat. personalitas -
atis].

persuncina sf. Personcina, fisico di giovinetta snella.

persunificatu agg. Personificato, di grado proprio singolare: stu striu ete la trestìzia
persunificata questo ragazzo è la cattiveria personificata.

pèrteca sf. 1- Pertica, lungo bastone * 2- Unità di misura lineare equivalente a circa 3 metri .

pertechinu agg. Secco allampanato; dinoccolato * fig. Birichino: brutta pertechina! birichina
mia!.

pertusa sf. Asola, occhiello per bottone. V. pure pertusu.

pertusare tr.; pres. pertusu,… pertusamu, ecc.; p. rem. pertusài, ecc.; pp. pertusatu.
Pertugiare, fare buchi, bucherellare. [dal lecc. pertusu].

pertusatu agg. Bucato, forato, bucherellato. V. pure spertusatu.

pertusìcchiu sm. Buchetto, forellino.

63
P

pertusu sm. 1- Pertugio, buco, foro * 2- Luogo stretto, bugigattolo, in cui si entra per una
apertura piccola piccola. [dal lat. pertusus].

perucca sf. Parrucca; capigliatura vistosa * fig. Sbornia.

perucchieri sm. Parrucchiere.

perustizza sf. Una qualità di tabacco di origine balcanica, coltivata in provincia di Lecce: ièu
chiantu rzecuvina ca me cunviene, fràima face a ffiate perustizza e a ffiate santaiaca io
pianto erzegòvina, perché mi conviene, mio fratello a volte coltiva 'perustitza' e a volte
'xantjaca'.

pesante agg. 1- Pesante, di gran peso * 2- Che pesa sullo stomaco, indigesto.

pesantezza sf. Pesantezza, peso notevole * fig. Pesantezza agli occhi, sonnolenza; pesantezza
alla testa, stanchezza mentale; pesantezza di stomaco, indigestione.

pesara
pesara sf. Mola, grossa e pesante pietra piatta che, trascinata dal cavallo sull'aia, sbriciola le
spighe dei cereali o rompe i baccelli secchi delle leguminose * fig. Donna grassa e perciò
lenta nei movimenti. [da pisu + suff. funz. -ara].

pesare tr. e intr.; pres. pisu,… pesamu, ecc.; p. rem. pesài, ecc.; pp. pesatu * tr. 1- Pesare,
misurare il peso: sta‟ ppìsanu li sacchi te la biàa stanno pesando i sacchi pieni di biada *
2- Trebbiare usando la 'pesara': quandu pesati? quando trebbiate?; osçe nui pesamu
l'èrgiu e buscrài li Pezzanculu pìsanu le peseδδare oggi noi trebbiamo l'orzo e
dopodomani i soprannominati 'Pezze ai fondelli' trebbieranno le fascine dei piselli * intr.
Essere pesante, avere peso: pesàa sessantottu chili pesavo 68 chilogrammi .

pesarune sm. Uomo che si trascina pesantemente a causa della pinguedine. [accr. di pesara].

64
P

pesata sf. 1- Pesata, singola operazione di peso * 2- Aiata, quantità di messe lavorata ogni
singola volta sull'aia.

pesaturu sm. Pestello: cce mme nde fazzu te lu murtaru ci nu sse troa lu pesaturu? che cosa
me ne faccio del mortaio, se non si trova il pestello? * prov. Cinca spìccia sutta allu
pesaturu, osçe la pigghia a nculu e crai puru chi va a finire sotto il pestello, oggi la
prende 'in tasca' e domani pure. [dal lat. pistaturus].

pesca sf. Pésca, l'attività del pescare.

pescare tr.; pres. pescu, pieschi, pesca, pescamu, ecc.; p. rem. pescài, ecc.; pp. pescatu.
Pescare: pescare cu lla canna, cu lla togna, cu lla trasçina, cu lla nassa, cu lla fiòcina, cu
lla rete (v. le singole voci) * prov. Ci pesca cu lla canna nienti nci uatagna chi pesca con
la canna, niente ci guadagna (se si tien conto del tempo occorso). [lat. piscari].

pescatore sm. Pescatore. [dal lat. piscator -oris].

pascatrice sf. Lofio, pesce di piccole dimensioni, ma con testa grossa, che vive sui bassi
fondali.

pescatu sm. La quantità, la massa del pesce pescato.

pescettu sm. Pesciolino: mannàggia li pescetti! per dindirindina! [vezz. di pisce].

pesciacchiaru sm. Piscione, che orina spesso.

pescialetta sf. Focaccina schiacciata, fatta di pasta condita con olio e pepe; la pasta, molto
molle, sistemata su pampini di vite, si slarga appiattendosi e si spande come una 'piscia a
letto'.

pesciare intr. e tr.; pres. pèsciu, piesci, pèscia, pesciamu, ecc.; p. rem. pesciài, ecc.; pp.
pesciatu. Pisciare, orinare, bagnare con l'orina * prov. Ci pèscia contruientu li pieti soi se
mmoδδa chi orina controvento, i piedi suoi si bagna. [dal rumore onom. p…sc].
Strambotto recitato da coloro che sono esasperati per la prolungata siccità: Pèscia,
Signore, pèscia, / l'àcqua la ulimu tutti: / o bona o fiacca falla, / cce ccazzu te nde futti?

pesciata sf. Pisciata, l'atto dell'orinare; la quantità di orina emessa; il bagnato del piscio *
detto: ci le pesciate suntu chiare, lu miètecu nu cchiamare se le orine sono di colore
chiaro, non c'è bisogno di chiamare il medico * prov. Acqua te state, pesciata te lu tiàulu
pioggia d'estate procura danno quanto una pisciata del diavolo.

pesciatu sm. Bagnato di piscio.

pesciaturu sm. Pisciatoio.

65
P

pesciazza sf. Orina copiosa e torbida; orina di animali grossi.

pescina sf. Orina, il liquido del piscio * prov. Cinca nu aìa istu mai lu mare, quandu lu idde
ni parse pescina colui che non aveva idea del mare, quando lo vide gli sembrò fatto di
orina (avendolo immaginato di chissà che cosa!).

pescìndulu sm. Pescivendolo. [lat. med. pisci(ve)ndulus].

pèsçiu agg. indecl., di grado comparativo e superlativo. Peggiore, più cattivo: lu fìgghiu tou
ete pèsçiu te fìgghiuma tuo figlio è peggiore del mio; la pèsçiu te tutte era l'itèa soa la
peggiore di tutte era l'idea sua; li pèsçiu suntu li capicalati i più cattivi sono i santerellini
* avv. Peggio: pèsçiu pe cci scuària peggio per colui che farà tardi; pèsçiu te cussìne nu
pputìa enìre peggio di così non poteva essere; nònnama stae pèsçiu mia nonna sta più
male in salute * sm. Il male peggiore; la cosa peggiore; il peggio: lu pèsçiu à ncora benìre
il peggio deve ancora arrivare * prov. Ci uèi lu mègghiu, prièmitende te lu pèsçiu se
desideri il meglio, preòccupati del peggio. [lat. peior, peius].

pesciulinu sm. Pesciolino. [dim. del lecc. pisce].

pescuettu sm. Biscotto * prov. Domeneddìu tae li pescuetti a cci nu pporta tienti Dominedio
dà i biscotti a chi non ha più i denti. [dal lat. bis coctus].

pescupatu sm. Vescovado. [lat. episcopatus]. V. pure escuatu.

peseδδara sf. Un'intera pianta ramificata ed essiccata di piselli: nna lettèra te peseδδare una
lettiera di piante secche di piselli. [da pesieδδu + suff. funz. -ara]. Stornello: Te peseδδare
/ lu fuecu brùsçia e lla fasçiδδa more, / lu sule ceca e nnu llu puèi uardare.

peseδδuzzu sm. Pisello piccolino e raggrinzito * fig. Fanciullino vivace e tanto caro. [vezz.
di pesieδδu].

pesieδδu sm. Pisello, la nota e diffusa leguminosa che produce baccelli con semi lisci e
sferici, i quali vengono consumati freschi ed essiccati: pesieδδi ierdi piselli in baccello;
pesieδδi seccati piselli secchi; pesieδδi nfurnati o nzurfati piselli infornati o trattati con lo
zolfo (per preservarli dall'attacco dei tonchi); pesieδδi cucìuli o crutèi piselli cottoi o non
cottoi; mìntere a mmueδδu, còcere, culare, mmenesciare li pesieδδi mettere a mollo,
cucinare, cambiare l'acqua, scodellare i piselli; tanta nna pignata te pesieδδi una pignatta
grossa così piena di piselli. [da pisum, lat. volg. dim. pisellum].

pesieδδu capestrignu sm. Pisello estroso, pianta spontanea con steli contorti forniti di
viticchi con i quali si afferrano ai cespugli circostanti; i fiori sono rosei striati di viola, i
baccelli corti e i semi piccolini.

pesieδδi a mmuersi sm. pl. Un gustoso misto di piselli e bocconcini fritti di pane; se
disponibili, vi si mescolano anche le cime di rape rimaste del giorno prima.

66
P

pèssimu (lett.) agg. Pessimo, molto cattivo. [lat. pessimus].

pesulu m. 1- Sedile formato di un solo blocco di pietra; concio di pietra adoperato come base
d'appoggio: ssettatu subbra a nnu pesulu, se sta‟ ffacìa nna fumata alla pippa seduto su
un masso, si stava facendo una fumata con la pipa * 2- Paracarro, colonnino di pietra
posto in ciascun lato del portone e agli angoli dei caseggiati. [lat. pes(s)ulus, posto a
difesa].

pesune sf. Pigione, affitto mensile, locazione di un'abitazione: te pesune paca nna uttantina
te lire all'annu di pigione paga intorno alle ottanta lire all'anno. [lat. pe(n)sio -onis].

petàccia1 sf. Brachetta, apertura nella parte posteriore dei calzoni, per permettere ai bambini
di fare i loro bisognini senza abbassare le brache: la camiseδδa ni esse te la petàccia un
lembo della camicina gli fuoriesce dalla brachetta. [dal lat. pittacium, pl. pittacia, incr.
con peditum, peto].

petàccia
petàccia2 sf. Petacciola o piantàggine, erba ruderale perenne, con ampie foglie ellittiche
raggruppate a rosetta, dalle quali sorgono più scapi coperti da una lunga infiorescenza; gli
infusi di foglie hanno potere astringente intestinale nelle diarree, mentre i decotti
presentano proprietà antiinfiammatorie. [dal lat. pittacium, pezzo di carta].

petalare intr.; pres. petalu,… petalamu, ecc.; p. rem. petalài, ecc.; pp. petalatu. Pedalare. [da
petale1].

petalata sf. Pedalata.

petale1 sm. Pedale, leva sulla quale poggia il piede, il quale vi imprime una pressione: nd'à
ccatutu lu petale te la petalora il pedale si è staccato dal suo asse: petale te la bricichetta,
te lu turnu, te lu cestieδδu pedale della bicicletta, del tornio, del castelletto dell'arrotino.
[lat. pedalis].

67
P

petale2 sm. Grosso vaso di creta a forma ovoidale, adoperato per tenervi l'olio della provvista
annuale. [gr. pitàrion].

petali sm. pl. Calcole del telaio tessile, i regoli azionati con la pressione dei piedi della
tessitrice. V. anche putàreche.

petalora sf. 1- L'insieme del pedale e della barra della bicicletta * 2- Asse della carrozza, cu
cui poggia i piedi il cacciere seduto a cassetta. [da petale1].

petana (lett.) sf. Pedana. [dal lat. pedanea]. V. pure mpuggiaturu.

petata1 sf. 1- Pedata, impronta del piede. [da pete].

petata2 sf. Fungo microscopico sparso nel terreno, che attacca le piantine dei coltivi e ne
impedisce il normale sviluppo.

petata3 sf. Patata, sia la pianta che il tubero; le patate hanno sempre costituito un alimento
importante per le genti salentine. [sp. patata].

petata zuccarina sf. Batata, patata dolce americana o canadese, coltivata per i suoi grossi
tuberi farinosi e zuccherini.

pete (pl . pieti) sm. 1- Piede, ciascuno degli arti inferiori dell'uomo; ciascuno degli arti dei
quadrupedi e di tutti gli altri animali: lu pete rittu e llu pete mancinu il piede destro e il
piede sinistro; quantu puerti te pieti? quanto misuri di piedi?; lu mulu tene nnu pete zeppu
il mulo ha una zampa zoppa; e cci cunta li pieti de lu mandalune? e chi riesce a contare le
zampe del millepiedi? * prov. Ddu òlenu banu le manu anu li pieti dove vogliono andare
le mani vanno i piedi § Doi pieti ntra nna scarpa nu nci stanu due piedi in una scarpa non
ci stanno; la convivenza è difficile, anzi impossibile * alla mpete avv. a piedi * 2-
Ognuno dei sostegni del mobile: li pieti te lu liettu, te la sèggia i piedi del letto, della
sedia; ttaccàu lu fìgghiu allu pete te la banca legò il figlio alla gamba del tavolo * 3- Base
di sostegno alquanto rastremata: lu pete te lu càlice il piede del calice * 4- La base del
fusto di una pianta: se ssettàu allu pete te la ulia sedette ai piedi dell'ulivo * 5- Dentale
dell'aratro di legno * 6- Vinello * 7- Unità di misura lineare: serra nna stasçiδδa te ttre
pieti sega un'asta della lunghezza di tre piedi. [lat. pes pedis].

pete cata pete avv. Piede dopo piede, con passo cadenzato; passo passo: pete cata pete rriàu
fena a Porta Nàpuli passo passo giunse fino a Porta Napoli.

petecinu sm. Peduncolo; picciolo. [lat. pedicinus].

petecune sm. Piede di un grande albero; grosso ceppo * fig. Persona grossa pesante e goffa.

68
P

pete d'arcu sm. Ciascuno dei due conci di pietra, di lunghezza prestabilita, da usare in una
architrave di porta o finestra; i due blocchi, poi, vengono saldamente congiunti
inserendovi la 'ncanìcchia'.

pete pete avv. Passo passo; lentamente, lemme lemme.

petestaδδu sm. Piedistallo: lu petestaδδu te lu bìndulu il piedistallo dell'arcolaio.

petestìa (pl. petestèi) sf. 1- Nervatura principale della foglia * 2- Stegola, stiva dell'aratro di
legno.

pete te brasçera sm. Pedana rotonda di legno, alta una decina di centimetri e con al centro un
foro dove sistemare il braciere; d'inverno ai bordi di essa poggiano i piedi infreddoliti le
persone che vi seggono intorno per scaldarsi.

pete te crapa sm. Arca, conchiglia edule.

pete te limma sm. Alto treppiede fatto di tondini di ferro, il quale in ogni abitazione regge il
bacile.

pete te puercu sm. 1- Grosso grimaldello * 2- Attrezzo del calzolaio, adoperato per levigare i
margini della suola della scarpa * 3- Barra di ferro, attrezzo del carpentiere usato per
schiodare.

petetozze sf. pl. Scalpiccio, rumore di passi furtivi: sia ca sta‟ ssentu petetozze mi par di
udire uno scalpiccio.

petezzòppeca sm. e f. Sfaticato, lavativo, che finge di essere sfinito per non muoversi e non
lavorare.

petìcchia sf. Petecchia, esantema, macchia tipica della pelle. [dal lat. volg. *
(im)peticula>peticla, cl>cchi].

petina sf. Pedina, ciascun pezzo del gioco della dama.

petìsçena sf. 1- Impetigine, infezione superficiale della pelle; macchiolina bianca sulla punta
della lingua * 2- Pellicina bianca che si distacca dal margine interno dell'unghia. [lat.
(im)petigo -inis].

petìta sf. Pellicina che contorna il dito in corrispondenza della base semicircolare dell'unghia.

petone sm. Acridio, cavalletta assai infesta alle coltivazioni specialmente allo stato di larva.

petòtecu agg. 1- Volutamente lento nel lavoro, lavativo * Pedante, noiosamente metodico e
meticoloso.

69
P

petotu sm. Eccessivamente lento nell'agire e nell'operare.

petra sf. 1- Pietra, roccia compatta usata come materiale da costruzione: petra leccese pietra
calcarea caratteristica (v. leccisu); petra te Cursi, te Santa Cisària, te Scurranu, te Marcu
Itu pietra proveniente dalle cave di Cursi, di S. Cesaria Terme, di Scorrano, dalle cave di
Marco Vito presso Lecce: la petra te Survu ete supèrchiu ùmeta la roccia del territorio di
Surbo è troppo impregnata di umidità; pòrtame doi traìne te petra te lu 'Pignu' portami
due carichi di blocchi di pietra delle cave della località 'Pignu' * 2- Sasso, frammento di
roccia: petra màrmula sasso marmoreo; petre te frìcciu sassolini di brecciame; petra
spurma pietra sforma di campo; ste petre suntu bone pe parite questi sassi sono adatti per
muricce * 3- Calcolo vescicale o renale: à sçiuta nna petra ha espulso un calcolo * modi
di dire: terare petre a Cristu essere irriconoscente e rendersi immeritevole § terare petre
ntra llu palummaru sou stessu tirare pietre nella propria colombaia, fare danno a se stesso
§ mìntere nna petra susu lasciar perdere § fare chiàngere, rìtere puru le petre far
piangere, ridere persino le pietre; surchiare sangu te le petre spremere, ricavare guadagno
anche dai sassi § rrumanire te petra impietrire, allibire * prov. Terare la petra e scùndere
la manu scagliare un sasso e nascondere la mano, istigare tenendosi da parte, fare del
male senza farsene accorgere. [lat. petra].
Da c. p. ma poi a nna cosa sula, Diu, mancasti: / ca lu core te petra ni punisti!

petrame sm. Pietrame. [da petra].

petrammula sf. Cote; qualsiasi attrezzo di pietra arenaria idoneo ad affilare le lame. [comp.
di petra mmula(re) ].

petra nfernale sf. Nitrato di argento.

petra pùmeca sf. Pietra pomice.

petrata sf. Sassata * prov. Ngulare li palumbi a ppetrate attirare i colombi a sassate (come se
fosse possibile!), mancare assolutamente di affabilità.

petra te stulara sf. Sassolino di bauxite di colore bruno mattone lucido; le donne
superstiziose se la sistemavano tra i capelli allo scopo di prevenire il mal di testa, oppure
ne ponevano due sulle mammelle al fine di avere abbondanza di latte al seno. Stornello:
Frangisca (Marìa, Rusina) cara, / a lli capiδδi fàncite nna scrima, / nu nci besogna petra
te stulara.

petra te sule sf. Comedone, puntino cutaneo nero.

petriceδδa sf. Sassolino. [dim. di petra].

petrina sf. Frammento di pietra focaia per accendino.

Petrinu, Petruzzu, Ttinu pers. Pietro.

70
P

petrisçiare tr.; pres. petrìsçiu, pietrisçi, petrìsçia, petrisçiamu, ecc.; p. rem. petrisçiài, ecc.;
pp. petrisçiatu. Prendere a sassate * Di uno perseguitato dalla mala sorte si dice: sia ca à
ppetrisçiata la furtuna! come se avesse scagliato pietre contro la fortuna! [da petra + suff.
iter. -sçiare].

petrisçiata sf. Sassaiola.

petrògliu, petròliu (neol.) sm. Petrolio per illuminazione: lume a petrògliu lume a petrolio;
nu nc'era petròliu pe lli lampiuni te le strate non c'era petrolio per i lampioni pubblici. [da
un incr. tra fr. petrole, ingl. oil e lecc. ògliu].

petrucinu agg. Specie di pero che produce frutti piccoli ma saporiti e profumati, ottimi per
confezionare perate: quannu le pire petrucine suntu ermenuse quest'anno le pere
'petrocine' sono tutte bacate.

petruδδaru agg. Che porta continuamente sassolini in superficie; che provoca la formazione
di ciottoli: tarrienu petruδδaru terreno cosparo di sassi minuti ma abbondanti. [da
petruδδu + -aru].

petruδδu sm. Ciottolo, pietruzza, sassolino. [dim. di petra].

petruδδulame sm. Pietrame, grande quantità di sassolini sparsi o ammucchiati per terra. [da
petrùδδulu].

petrùδδulu sm. Pietruzza, ciottolo, sassolino. [dim. di petruδδu].

petruδδulusu agg. Ciottoloso, sassoso, cosparso di pietruzze.

petrune sm. Macigno. [accr. di petra].

petrusinu sm. Prezzemolo, erba ortiva le cui foglie triangolari sono comunemente usate in
cucina per aromatizzare sughi e cibi: petrusinu te ogne menèscia prezzemolo che va bene
in ogni minestra (persona che si ritrova sempre tra i piedi) * modo di dire: pe do'
centèsemi te petrusinu se uasta la menèscia per non metterci due cent. di prezzemolo, si
guasta la minestra (per un niente si rovina un'opera quasi ultimata * Pericolosamente il
succo del prezzemolo veniva usato per provocare l'aborto. [gr. petrosé(li)non, sedano
delle pietre].
Da c. p. e poi nci chiantài lu petrusinu / ci nn'àutru la menèscia se ccunzàu.

petrusu (f. petrosa) agg. Petroso: razza petrosa razza chiodata. [lat. petrosus].

petruzza sf. Pietruzza, sassolino, ciottolo. [dim. di petra].

Petruzzu, Petrinu pers. Pietro.

71
P

pettaci sm. 1- Rione, quartiere residenziale cittadino: la mammana te lu pettaci la levatrice


praticona del rione * 2- in particolare. Quartiere di Lecce, sino al secolo scorso abitato da
schietti Leccesi, considerati discendenti degli antichi profughi di Rudie. [gr. pittàkion].

pettale sm. 1- Pezzo del grembiule che copre all'altezza del petto * 2- Grembiale di pelle del
maniscalco. [da piettu].

pettècula agg. f. Pettegola * sf. Frittella di pasta con pezzetti di alici, di olive e di pomodori.

petteculamientu sm. Pettegolata, chiacchierata malevola.

petteculìcchia sf. Ragazzina pettegolina e intrigante.

petteculisçiare intr.; pres. petteculìsçiu, pettieculisçi, petteculìsçia, ecc.; impf. petteculisçiàa,


ecc.; p. rem. petteculisçiài, ecc.; pp. petteculisçiatu. Pettegolare, sparlare in
continuazione. [dal lecc. pettècula + suff. dur. -sçiare].

pettenessa, pettinessa sf. 1- Pettine lungo a denti larghi, adoperato per ravviare i capelli;
pettine a denti larghi, usato come ornamento della chioma femminile * 2- Una specie di
scacciapensieri, strumento formato di una lamella dentata.

pettenìcchiu sm. Pettinino.

pettieculizzu sm. Pettegolezzo.

pettièculu sm. (f. pettècula). Pettegolo, chiacchierone malevolo.

pettìgghia sf. Pettina ricamata per donna. [lat. volg. pectilia, lia>gghia].

pettinatu sm. Tessuto pettinato di lana.

pettinatura sf. Acconciatura dei capelli eseguita con arte, sulla quale viene sistemato il velo
o il cappellino vistoso.

pèttine [pl. pièttini) sm. 1- Pettine fittamente dentato in entrambi i lati lunghi, usato per
spidocchiare * 2- Pettine del telaio per tessere, formato di fitte lamelle di canna parallele,
che tengono divisi i fili dell'ordito * prov. Tutti li nnuti ènenu a ppèttine tutti i nodi
giungono al pettine, le cattive azioni prima o poi si pagano * 3- Pettine marino, mollusco
con conchiglia piatta percorsa da solchi disposti a raggiera: cruti me li màngiu li pièttini i
pettini marini li mangio crudi * 4- Favo delle api: pèttine te mele favo del miele; pèttine te
nanti, pèttine te retu del favo, parte anteriore, parte posteriore; pèttine friddu e pèttine
càutu parte ventilata del favo rivolta verso l'esterno e parte riparata rivolta verso l'interno
dell'àrnia. [dal lat. pecten -inis].

pettinieδδu sm. Pettinino.

72
P

pettìnu sf. Pettino, pezzo del grembiule che copre la veste sul petto. V. pettale.

pettore sm. Pittore: nnu pettore ca sia ci ete tescìpulu te Santu Luca un pittore, che sembra
essere discepolo di S. Luca. [lat. pictor -oris].

pettùla sf. Lembo di camicia che fuoriesce dalla brachetta. V. pure petàccia.

pettùra sf. 1- Pittura, affresco * 2- Descrizione meticolosa. [lat. pictura].

petturare tr.; pres. petturu,… petturamu, ecc.; p. rem. petturài, ecc.; pp. petturatu. Pitturare,
dipingere. [lat. picturare].

petturrale sm. Pettorale, larga striscia di cuoio che passa davanti al petto dell'animale da tiro:
lu petturrale sta‟ scòrcia lu piettu te lu mulu il pettorale sta scorticando il petto del mulo.
[lat. pectoralis].

petturrata sf. 1- Il torace nella sua ampiezza anteriore * 2- Sacca formata dal petto e dalla
camicia: se enchìu la petturrata te site riempì la sacca pettorale di melagrane * 3-
Parapetto, muretto divisorio tra terrazze.

petturrina sf. Pettorina, benda con cui le donne coprivano il seno prima di stringerlo nel
busto.

petturruta agg. f. Dotata di seno abbondante.

petucchieδδu sm. Uovo del pidocchio del capo * fig. ironico. Uno che si dà arie di riccone
ed è, invece, appena benestante.

petùcchiu
petùcchiu sm. 1- Pidocchio * 2- Gorgoglione, l'afido parassita delle piante di rosa. [lat.
peduculus>peduclus, cl>cchi].

petùcchiu mpennatu sm. fig. Neoarricchito che ostenta la propria ricchezza.

petucchiusu agg. Pidocchioso; miserabile e sudicio. [lat. pedic(u)losus].

petulinu sm. Pedalino, calzino. [dim. di petulu].

petulu sm. Pedule, la parte rinforzata della calza. [lat. pedulis].

73
P

petunu, pedunu avv. Per uno, per ciascuno: ni tuccàra sei nuci petunu ci toccarono sei noci
per ciascuno. [dall'it. per di uno].

petuzza sf. Filo di cotone per imbastitura.

petuzzu sm. 1- Pènero, frangia, lembo dell'ordito sfilacciato perché non tessuto * 2- Filo non
molto ritorto per imbastitura * 3- Piedino di infante.

pezza sf. 1- Pezza, balla di tessuto, quantità di stoffa appena tolta dal telaio e arrotolata * 2-
Brandello di tessuto, ritaglio di stoffa * 3- Straccio, strofinaccio * modo di dire: fare a
ppezza stracciare, umiliare, malmenare § zzeccare cu lla pezza te eδδutu essere schifiltoso
* prov. Buenu vinu fena a ffezza, buenu linu fena a ppezza il vino buono si mantiene tale
sino alla feccia, il lino di buona qualità rimane lino anche se ridotto a straccio * 4-
analogo a 'piezzu'. Pezzo intero, blocco, forma intera: nna pezza te casu una forma intera
di cacio.
BOZZI Pezza - Serve cu buδδi nu pertusu / ca nu sempre è de n'àbetu de rasu; / e spiccia
nfacce a nnu lanzulu spasu / o a lla giacchetta de nu pezzentusu.

pezza a culure sf. Rimedio tempestivo, provvedimento più o meno efficace ma provvisorio;
giustificazione verosimile.

pezza de pieti sf. Ritaglio di stoffa bianca usata un tempo dai soldati, al posto delle calze, per
fasciare i piedi.

pezzanculu sm. e f. Straccione, pezzente tanto misero che non può permettersi di cambiare i
calzoni logori e con le toppe al sedere.

pezzara sf. Coperta tessuta con strisce di stoffe di vario colore. [da pezza + suff. funz. -ara].

pezzaru sf. Robivecchi, raccoglitore e trafficante di stracci, cenciaio. [da pezza + suff. di
mest. -aru].

pezzatu agg. Pezzato, macchiettato: pilu nìuru pezzatu iancu pelame nero pezzato di bianco.

pezzecante agg. Che pizzica; pungente: tarante pezzecanti ragni che pungono.

pezzecare tr. e intr.; pres. pìzzecu, pìzzechi, pìzzeca, pezzecamu, ecc.; p. rem. pezzecài, ecc.;
pp. pezzecatu * tr. 1- Pizzicare con due dita: alla Nina ni pezzecàu lu razzu e nni lu
mmarangianìu pizzicò il braccio ad Anna e glielo illividì * 2- Pungere: nn'apiceδδa m'à
ppezzecatu a ncueδδu una vespa mi ha punto sul collo * 3- Provocare prurito e pizzicorio:
la màglia te lana te pècura me pezzecàa le spaδδe la maglia di lana di pecora mi
pizzicava la schiena * intr. 1- Provare prurito: me sta‟ ppìzzecanu le manu mi prudono le
mani * prov. Nu ssempre te pìzzeca a ddu te ratti non sempre ti prude là dove ti gratti; e il
contrario: nu ssempre te ratti a ddu te prute * 2- Usare tabacco da fiuto: màsculi e
ffìmmene tutti pezzecàanu uomini e donne tutti fiutavano polvere di tabacco.

74
P

Da c. p. Quandu l'aceδδu pìzzeca la fica, / lu pizzu se lu sente zuccaratu; / cussì se sente


la carusa zita, / quandu se asa cu llu nnamuratu.

pezzecata sf. 1- Pizzicotto * 2- Puntura * 3- Beccata * 4- Quanto può essere preso tra le
punte di due dita: nna pezzecata te terra, te farina, te sale un pizzico di terra, di farina, di
sale.

pezzecatura sf. Il segno lasciato dal pungiglione di un insetto: pezzecature te zenzali punture
di zanzare.

pezzeccapiδδi sm. Chi andava in giro raccogliendo, dietro baratto, cenci e ciocche di capelli;
cenciaio, robivecchi.

pezzendu ( sçire -) loc. Ridursi sempre più nell'indigenza, vivere nella miseria e andare
elemosinando.

pezzente (pl. pezzienti) agg. e sm. e f. Pezzente, accattone, straccione.

pezzenteturìa (pl. pezzenteturèi) sf. * 1- Pezzenteria * 2- Azione avvilente; cosa meschina.

pezzentusu agg. Cencioso; indigente, pezzente: te ricchi ci èranu, su' ddentati pezzentusi da
ricchi che erano, sono diventati poveri e cenciosi.

pezzettu sm. Pezzetto; frammento.

pezzillu sm. Pizzo di fine ricamo.

pezzottu sm. Blocco di pietra da costruzione di varia lunghezza, non superiore comunque a
60 cm ., con base di cm. 50 e altezza di cm. 32: moi pòrtame nnu càrecu te pezzotti, li
uccetti me li puerti crai adesso portami un carico di conci da 50x32, domani trasporterai
quelli da 26x21.

pezzuδδa sf. Presa di stoffa, che in cucina permette di afferrare recipienti caldi. [pegg. di
pezza].
Da c. p. Surgìcchiu, miu surgìcchiu, / fuesti cuettu a pignatìcchiu / e zzeccatu cu lla
pezzuδδa / e sçettatu su ll'imbrecìcchiu.

pezzulisçiare tr.; pres. pezzulìsçiu, ecc.; impf. pezzulisçiàa, ecc.; p. rem. pezzulisçiài, ecc.;
pp. pezzulisçiatu * 1- Beccare: enìa nnu piettirussu e pezzulisçiàa le muδδìcule te pane si
avvicinava un pettirosso e si metteva a beccare le briciole di pane * prov. Ci te aδδina
nasce, tocca ppezzulìsçia chi nasce da una gallina, è costretto a beccare, nessuno può
mutare la sua identità * 2- Mangiare lentamente piluccando, mangiucchiare: sçia
pezzulisçiandu e mangiàa menu te nnu aceδδu andava piluccando e mangiava meno di un
uccello * 3- Sottrarre poco alla volta furtivamente; guadagnare un tantino per volta:
pezzulìsçianu su lli ccatti e rràncianu fanno la cresta alle compere e qualcosa la

75
P

racimolano; pezzulisçiàa quantu ni bastàa e cussì teràa a nnanti guadagnava quanto gli
bastava e così campava. [dal lecc. pizzulare + suff. iter. -sçiare].

pezzutu agg. Appuntito * modo di dire: tenìre la lingua pezzuta essere mordace nel parlare *
detto: panza pezzuta màsculu porta ventre appuntita reca bambino maschio.

piàa sf. Piaga: le piàe sante te lu Signore le sante piaghe di Gesù Cristo; quantu ulìa cu
ssànanu le piàe te la ursa mia! quanto vorrei che sanassero le piagne del mio borsello! V.
pure piaca.
Da c. p. Tegnu nna piàa a mpiettu e nnu mme pare, / ci me l'à ffatta picca nd'àe dulore.

piaca sf. Piaga; ferita inguaribile. [dal lat. placa].


Da c. p. Mai po' passare sta pena allu core, / percé se tratta te piaca d'amore.

piacatu agg. Piagato, coperto di ferite.

piàcere, piacìre intr.; pres. piazzu, piaci, piace, piacimu, ecc.; p. rem. piacìi (piazzi), piacisti,
piacìu (piazze), piacemmu (piàzzemu), piacestu, piacèra (piàzzera) ; cong. pres. piazza,
piàzzanu; pp. piaciutu (piazzu) . Piacere, essere di gradimento: le feste piàcenu alli carusi
i divertimenti piacciono ai giovani; me piacìa cu bau a mmare mi piaceva recarmi al
mare; li gnemmarieδδi m'ànu piazzi (piaciuti) mutu mutu gli involtini mi son piaciuti assai
* modo di dire: a Diu piacendu Dio permettendo, se Dio vuole * prov. A cci nu ppiace, cu
lla sputa colui, al quale non è di godimento, la rigetti. [lat. placere].
Da c. p. ca l'ecchi toi me su' piaciuti tantu, / ca nu mme bìnchiu cu lli tegnumente.

piacère sm. Piacere, diletto, soddisfazione: ni face piacère cu ssentimu ca stai buenu ci fa
piacere udire che stai bene in salute; me tese tanti piacèri, ete la erdate mi dette tante
soddisfazioni, è la verità * Nelle formule di cortesia: pe piacère, me faci nnu picchi te
àsçiu? per cortesia, mi fai un po' di posto?; nu ll'ànu mparatu cu ddica “ pe piacère” non
gli hanno insegnato a dire “per favore”.
DE D. Amài li piacèri, ma sìmile a nn'apu / ca fiuru pe ffiuru lu mele nde ccugghìa.

piacèvule agg. Piacevole, dilettevole. [lat. placibilis].

piacìre (pl. piacìri, piacèri) sm. Favore, atto di cortesia: famme lu piacìre cu tte stai sotu
fammi il favore di star fermo; piacìri nd'àggiu fatti e nd'àggiu uti favori ne ho fatti e ne
ho ricevuti; tie cce piacèri à' cercati e nnun à' uti? tu quali favori hai chiesto e non hai
ricevuto?; famme stu cagnu te piacìre, a! fammi un grande favore: lasciami in pace!

pianeta sf. 1- Ogni corpo celeste con il suo influsso astrale; destino, sorte: cussì ose la
pianeta mia! così volle il mio destino! * 2- Pianeta, sopravveste liturgica sacerdotale. [lat.
planeta]. Preghiera: Stelle pianete, ci tantu àute stati, / salutàtime Marìa e Gesù te parte
mia.

pianista sm. e f. Pianista, sonatore di pianoforte.

76
P

pianta sf. Mappa, planimetria, pianta di progetto edilizio. [lat. planta].

piantone sm. Piantone, pizzardone; sentinella: e comu ni pozzu parlare ci màmmasa stae
sempre te piantone? e come posso parlarle se sua madre le fa continuamente da piantone?

pianu1 agg. Piano, spianato; piatto. [lat. planus].

pianu2 sl. 1- Luogo pianeggiante; superficie piana: nnu pianu te tàule un piano di assi di
legno * 2- Ciascuno degli ordini in cui si divide un edificio in altezza: primu, secundu,
tersu pianu primo, secondo, terzo piano; palazzu àutu cquattru piani palazzo di quattro
piani * 3- Distanza in prospettiva: li carusi se ssèttanu nanti nanti, nui ecchi ni mentimu a
rretu, a ssecundu pianu i giovani seggono in prima fila, noi vecchi ci sistemiamo dietro di
loro, in secondo piano * 4- Programma, progetto: cussì me scunzàu li piani mei così fece
fallire i miei programmi * 5- Tiro mancino: me chiàu nnu bruttu pianu mi fece un brutto
tiro.

pianuforte sm. Pianoforte.

pianura sf. Pianura.


DE D. Coce a mpiernu lu sule. La pianura / ete nnu mare sçiàlenu brusçiatu.

piastra sf. Piastra, lastra di metallo.

piatanza, pietanza sf. Pietanza.

piatate, piatà, pietà sf. Pietà: nde ibbe piatate ne ebbe pietà; nu ttieni ìsciure d'omu ci nu
ssienti piatà non hai viscere di uomo, se non provi pietà. [lat. pietas -atis].
Da c. p. Ci tie pietà nun ài de li mei chianti, / beδδa, nde mueru e lle campane sienti!

piatìre tr.; pres. piatiscu,… piatimu, ecc.; impf. piatìa,… piatiaàmu, ecc.; p. rem. piatìi,…
piatemmu, ecc.; pp. piatutu. Chiedere con insistenza lamentosa: te ffranchi cu piatisci li
asi mei! puoi fare a meno di chiedere i miei baci lamentandoti.

piatitu agg. Agognato e chiesto con pietosa tenerezza.

piatosu agg. Pietoso.

piattaru sm. Vasaio specializzato a fare piatti di terracotta. [da piattu + suff. di mest . -aru].

piattèra sf. Piattaia, scolapiatti.

piatticeδδu sm. Piatto da tavola, di piccole dimensioni per piccole pietanze. [dim. di piattu].

piattinu sm. 1- Sottotazza * 2- Ciascuno dei due piatti sonori usati come strumento musicale
* 3- Un gioco d'azzardo con le carte. [dim. di piattu].

77
P

piattu sm. Piatto, recipiente per pietanze: li sta‟ llaàa e rrumpìu do' piatti mentre li lavava,
ruppe due piatti; piattu rande, piattu menzanu, piattu piccinnu piatto grande, di media
grandezza, piccolo; piatti piani, piatti cupi piatti piani, piatti fondi; lu piattu spasu mìntilu
sutta allu piattu cupputu poni il piatto piano sotto il piatto fondo; ièu tegnu sulu piatti
subbrani io posseggo solo piatti poco fondi; piattu te crita piatto di terracotta; piattu
smartatu piatto di rame smaltata; piatti bueni piatti di porcellana.

piàttula sf. Piattola, piattone, insetto parassita dell'uomo * fig. Persona attaccaticcia e
molesta. [lat. blattula].

piatusu agg. Pietoso e misericordioso.


Da c. p. Egnu a ccantare piatusu piatusu / a ffare nnu lamientu mpassiunatu.

piazzetta (neol.) sf. Piazzetta, piazzuola, pianerottolo. V. chiazziceδδa.

pica sf. Gazza. [fem. del lat. picus, picchio). V. mita.

pica erde sf. Ghiandaia marina, con piumaggio dai riflessi azzurri.

picale sm. Cimolo vegetativo di una pianta: la sçelatura à bbrusçiati tutti li picali la gelata ha
bruciato tutti i teneri germogli. [dal lat. apex -icis].

picareδδa, picarella sf. Voce fanciullesca che indica il piccolo pene. [dim. dallo sp. pica,
asta].

picazza sf. Beccaccia, uccello che ha un piumaggio bruno-giallastro picchiettato di nero,


becco lungo e sottile, zampe corte. [accr. di pica].

picazzu sm. Beccaccino, uccello simile alla beccaccia, ma con corpo più snello e con becco
più lungo e sottile.

picca agg. indecl. Poco: picca pane nc'era ntra lla mattra poco pane c'era nella madia; tegnu
picca pacènzia ho poca pazienza; picca carusi sta‟ bìsçiu vedo pochi giovani; aìanu
rriare fra picca ure dovrebbero giungere fra poche ore * sm. Il poco, un po', una piccola
quantità, un poco di qualcosa: nnu picca d'ària un poco di aria; stu picca nu mme basta
questo poco non mi basta * provv. Ci tene lu mutu, pote fare lu picca; ci tene lu picca, po'
ffare picca e ffilu chi possiede il molto, può fare il poco; chi possiede il poco, può fare
quasi niente § Te lu mutu nde manca, te lu picca nde resta a volte accade che il molto non
basti perché viene sperperato, invece del poco ne rimane perché si cerca di risparmiare §
Cu llu picca campi, cu llu filu criepi, ma cu llu mutu te nfuechi con il poco vivacchi, con
il niente crepi, ma con il molto ti strozzi § Picca pane? picca patarnosci e ffilu quèstule
poco cibo? allora poche preghiere e niente opere di bene * avv. Poco, alquanto: iδδi
cùntanu picca, ma tie cunti cchiù ppicca ncora loro contano poco, ma tu conti ancor
meno * modi di dire: mègghiu picca cca nnienzi meglio poco che niente § cercare nna
carusa beδδa, ricca e ccu mmàngia picca andare in cerca di una giovane bella, ricca e che

78
P

si faccia mantenere con poco. [incr. tra pi(zzi)co e picco(lo) , con des. fem.].
DE D. se la prima fasçiδδa nci ha caduta / ete nu picca forte cu sse stuta.

picca e ffilu avv. Poco quasi niente: nui fìmmene simu nienti a nfacce a lli màsculi e picca e
filu simu carculate noi donne siamo niente a cofronto degli uomini e quasi niente siamo
considerate.

picca la fiata, a ppicca a ppicca avv. Poco per volta, a poco a poco.

piccante (neol.) agg. Piccante, di sapore acuto. V. sçante.

piccantinu agg. Piccante gradito.

piccarretu, picca a rretu avv. Poco fa: piccarretu l'àggiu ista e salutata poco fa l'ho vista e
salutata.

picchi avv. Poco, per poco: stàtiu nn'àuru picchi rimanete un altro poco; pe ppicchi nu sse
cecàu nn'ècchiu per poco non si accecò un occhio * agg. indecl. Poco, scarso: pe mmie
nn'ura ete picchi secondo me una sola ora è scarsa * prov. Màsçiu ortulanu, muta
pàgghia e picchi ranu se maggio è piovoso e favorevole agli ortaggi, avremo paglia
abbondante ma scarso grano * sm. Un poco di qualcosa: me sta‟ ppìgghiu picchi picchi te
pane prendo un pochino di pane. V. picca.

picchiceδδu sm. Pochettino, pochino: lassa mme fazzu nnu picchiceδδu te sennu permèttimi
che mi faccia un pochettino di sonno.

picciare(se) rifl.; pres. me pìcciu, ecc.; impf. me picciàa, ecc.; p. rem. me picciài, ecc.; pp.
picciatu. Preoccuparsi; mettersi in apprensione: se pìccianu pe δδu sire loru si
preoccupano per quel loro padre.

picciatu agg. Preoccupato; ansioso e apprensivo.

piccicchieδδu (f. picciccheδδa) agg. e sm. Piccolino, piccino; infante. [dim. del lecc.
picciccu].
Da c. p. Fenca te quandu ieri picciccheδδa / ièu gioanettu me nde nnamurài;

picciccu (pl. piccicchi) agg. Piccolo: nci òlenu chèi cchiù ppiccicchi occorrono chiodi più
piccoli. [da un incr. tra it. piccino e chicco].

piccinnezza sf. 1- Piccolezza * 2- Infanzia, adolescenza * detto: la ecchiezza dipende te la


piccinnezza la vecchiaia dipende dalla adolescenza.

piccinnieδδu (f. piccinneδδa) agg. e sm. Piccolino, piccino; infante, bimbo, bimbetto: lu
curreturu era piccinnieδδu il corridoio era piccolino; se strengìa a mpiettu la piccinneδδa

79
P

soa stringeva al seno la sua piccina. [dim. di piccinnu].


Da c. p. Lu piccinnieδδu miu quandu nascìu, / la papa te Roma la missa cantàu,

piccinnu agg. e sm. Piccino, piccolo; bimbo, infante, bambino: la soru piccinna la sorella
piccola; nu ccògghiere le mile piccinne non cògliere le mele piccole; à ccattatu nnu
piccinnu rassu rassu ha partorito un bambino paffuto paffuto; li sçechi te li piccinni i
giochi dei bimbi * detto: li piccinni suntu carta bianca i bambini hanno l'anima e la mente
sgombra e tutto vi si imprime. [da un incr. tra lat. pisinnus e lecc. picciccu].
Da c. p. Tie ièri piccinneδδa e ièu piccinnu, / manu pe mmanu ni sçìamu zzeccandu;

piccinnuzzu agg. Piccoletto. [vezz. di piccinnu].

picciottu sm. Giovane baldanzoso.

pìcciu sm. 1- Caprìccio: màmmasa a bia te sçaffe ni li face passare li picci sua madre con le
busse gli fa passare i capricci * 2- Piagnisteo: à ppigghiatu pìcciu fa il piagnisteo * 3-
Preoccupazione: stae cu llu pìcciu te fìgghiusa lu surdatieδδu ha la preoccupazione per il
figlio soldatino. [da picciare].

picciusu agg. 1- Che si preoccupa per un nonnulla * 2- Meticoloso, pignolo che cerca il pelo
nell'uovo.

pìcculu (lett.) agg. Piccolo. V. picciccu e piccinnu.


Da c. p. Alla toa canna cummene catina, / doi pìcculi diamanti e perla bruna.

pice sf. Pece: ete cchiù nnìuru te la pice è più nero della pece. [lat. pix picis].

pice reca sf. Pece greca, colofònia, residuo della distillazione della resina, usata nella
fabbricazione dei saponi da bucato.

pichessa sf., pichessu sm. 1- Giubba di parata, fatta di stoffa trapuntata: se mise pichessa e
baccalà all'ùrtima mota indossò giubba e solino all'ultimo grido della moda * 2- ironico.
Soprabito fuori moda, palandrana. [ dal fr. piquer, it. piqué].

pichettu sm. Abito maschile da cerimonia di qualsiasi foggia.

Pici, Piciceδδu, Piciulinu, Piciuzzu, Cici pers. Luigi.

pici pici sm. e f. Persona ciarliera propensa a pispigliare.

picolla sf. Superficie ondulata; estensione di terreno che presenta qua e là differenze di
livello per la presenza di un vasto banco di roccia affiorante. [dim. dal let. p(l)ica].

picu sm. Il maschio della 'pica', della gazza, uccello che si lascia addomesticare e rimane in
casa anche fuori dalla gabbia. [lat. picus].

80
P

piδδettu sm. Falco in generale; in particolare, falco vespertino. V. castarieδδu e anche


farcu.

pieca sf. Piega * fig. Tendenza, inclinazione. [lat. plica].

piecare tr.; pres. piecu, piechi, pieca, piecamu, ecc.; impf. piecàa,… piecaàmu, ecc.; p. rem.
piecài,… piecammu, ecc.; pp. piecatu. Piegare; inchinare; inclinare * detto: me spezzu
mma nu mme piecu mi spezzo ma non mi piego, perisco ma non mi assoggetto. [lat.
plicare]. V. chicare, nduccecare; ncrinare.

piecatura sf. Piegatura, il segno corrispondente ad una piega: la piecatura nu sse nde sta‟
bae mancu cu llu fierru te sterare la piegatura non va via nemmeno con il ferro da stiro.

piechettare tr.; pres. piechettu,… piechettamu, ecc.; p. rem. piechettài, ecc.; pp. piechettatu.
Pieghettare; arricciare.

piecu sm. Plico.

pierditiempu sm. indecl. Motivo di perdita di tempo; perditempo, fannullone.

pièrfetu (f. pèrfeta) agg. Perfido, crudele, assai cattivo: ni tuccàu nnu pièrfetu fatu ebbe in
sorte un destino crudele; quantu ete pèrfeta sta uagnona! quanto è cattiva questa ragazza!
[lat. perfidus].

pieri pieri avv. Lieve lieve; pian pianino; insensibilmente; lentamente; gradualmente; un
poco alla volta: la tulore me sta‟ ppassa pieri pieri il dolore piano piano mi sta passando
* modo di dire: sçire pieri pieri deperire via via; svanire.

piernu sm. 1- Perno, cardine: lu piernu te lu màntece s'à stuertu il perno del mantice si è
contorto * 2- Centro fondamentale: quistu ete lu piernu te la custione questo è il punto
essenziale della questione * 3- fig. Danno grave, batosta a cui è difficile sottrarsi: m'à
cchiatu nnu piernu mi ha procurato un grave danno; caputecazzu, cce ppiernu!
accidentaccio, che batosta!

piernu ( a mpiernu) avv. Proprio al centro, al punto esatto; perpendicolarmente: lu sule stae a
mpeirnu il sole è allo zenit.

pièrsecu, pèrsecu (pl. pièrsechi) sm. Albero di pesco persico, il cui frutto è la 'pèrsica' *
prov. Quandu lu pièrsecu fiurìa, quanta la notte tanta la dìa quando il persico era in
fiore, la notte durava quanto il dì (era l'equinozio di primavera); quandu lu pièrsecu fattu
s'aìa, la notte duràa quantu la dìa quando il persico aveva finito di maturare i suoi frutti,
la notte durava quanto il dì (era l'equinozio d'autunno). [lat. persicus (malus) ].

piertu (f. perta) agg. Aperto: pe lla pressa lassasti piertu per la fretta lasciasti aperto; nu
stare cu lla ucca perta non stare con la bocca aperta. [lat. apertus].

81
P

pietate v. piatate.

Pietru, Petrinu, Petruzzu, Pierinu pers. Pietro.

piettirussu
piettirussu sm. Pettirosso, il grazioso uccellino delle siepi, con piumaggio bruno di sopra,
petto rossastro e addome biancastro.
LEONE …mentre nu cane uarda de luntanu / nu piettirussu susu lu parite.

piettu sm. 1- Petto; la parte anteriore del torace: ni nfannìsçia lu piettu gli ànsima il petto;
tene lu piettu pelusu comu nn'ursu ha il petto peloso come un orso; cu lla petra lu cose a
mpiettu con il sasso lo colpì sul petto * 2- Seno: ete ncora stria e llu piettu ni spungulìsçia
è ancora ragazza e il seno le trabocca; nu ttene piettu, nu tte ccuergi ca ete chiatta te
nanti? non ha seno prominente, non ti accorgi che è piatta davanti? * modo di dire: ìtere
te piettu a piettu vedersela a tu per tu, faccia a faccia, a quattrocchi: nni la ìddemu te
piettu a piettu avemmo un battibecco [lat. pectus].
Da c. p. Facci d'àngelu mia te paraìsu, / mmienzu allu piettu puerti doi tiamanti!

piezziceδδu sm. Piccolo masso, blocco di piccole dimensioni.

piezzu sm. Pezzo intero: nnu piezzu te pane una pagnotta; cce piezzu te fìmmena! che pezzo
di donna! * modo di dire: èssere nnu piezzu te pane essere molto buono e comprensivo §
èssere nnu piezzu te fessa essere un balordo integrale * 2- Masso, blocco di pietra, concio:
piezzu te leccisu, te tufu, te màrmulu concio di pietra leccese, blocco di pietra tufacea, di
marmo; parite te piezzi, filu te petre muro di blocchi squadrati, non di pietre sforme (v.
parmàtecu, pezzottu, uccettu) * 3- Tratto di spazio o di tempo; segmento: nnu piezzu te
strata un tratto di strada; Lecce tremulàu nnu piezzu Lecce tremò un pezzo; nduci δδu
piezzu te chianetta porta quel pezzo di trave. [it. pezzo].

piezzuforte sm. Pezzo di pelle posto a rinforzo del calcagno della scarpa.

piezzu ressu sm. Personaggio importante e autorevole, persona altolocata: rriàra li piezzi
ressi te la pulezìa arrivarono i più alti funzionari della polizia.

82
P

pìffaru sm. Piffero, zufolo. V. fràulu.

pìgghia avv. Quand'ecco (nel presente); pigghiàu avv. Quand'ecco (nel passato); ad un tratto;
ecco che; all'improvviso; allora: pìgghia e lla ite essìre quand'ecco la vede uscire;
pigghiàu e lla idde essìre ad un tratto la vide uscire; pigghiàu e sse ffìcera le raggioni
loro allora cominciarono a dire le loro ragioni; (De Dominicis) quandu pìgghia don Diecu
a' bba' scenùcchia ad un tratto don Diego cadde sui ginocchi.

pigghiare tr. e intr.; pres. pìgghiu, ecc.; impf. pigghiàa, ecc.; p. rem. pigghiài, ecc.; pp.
pigghiatu * tr. 1- Pigliare, prendere: tie pigghi l'oe tu prendi le uova; pigghiàtiu li fatti
uesci pigliatevi i fatti vostri * prov. Se pìgghianu cchiù' mmusçhe cu llu mele cca ccu llu
fele si acchiappano più mosche con il miele che con il fiele * detto: me mparàra prima cu
ppìgghiu e ppoi cu ddau mi insegnarono a prendere prima e a dare poi * prov. Pìgghia
cce ppuèi, càrreca cce ttreuèi arraffa ciò che puoi, carica ciò che trovi, nel senso che è
bene approfittare di qualunque utile occasione * rifl. Unirsi in matrimonio: ci me pìgghiu?
me sta‟ ppìgghiu la fìgghia te la Telina chi prendo in moglie? mi unisco in matrimonio
con la figlia di Adele; era mègghiu ci se pigghiàa nnu paisanu sarebbe meglio se
sposasse uno del proprio paese * prov. Nu sse pìgghianu ci nu sse ssemìgghianu non si
sposano se non si somigliano come carattere, pari con pari facilmente si accoppiano * 2-
intr. Allignare, attecchire: à ppigghiatu te màmmasa ha preso da sua madre; li sçattuni te
carròfalu ànu pigghiatu i germogli di garofano sono attecchiti. [lat. pilare, rubare, lat.
volg. * piliare].
DE D. Nu bera nienti male! Lu uài è ca na fìgghia, / quandu nu tene nienti, nu nc'è ci se
la pìgghia!

pigghiàta sf. Presa: fose nna pigghiata pe ffessa fu una presa in giro.

pigghiatuttu agg. indecl. Pigliatutto.

Pìggia, Piggiceδδa pers. Luigia.

pignanu sm. Balconcino bombato, con balaustra in pietra, e coperto a semicupola. [da
pignu].

pignata e pignatieδδu

83
P

pignata sf. 1- Pignatta, il recipiente tipico di terracotta usato per cuocervi i legumi; la
quantità di legumi contenuta nel recipiente: nn'àsula te la pignata se nd'à benuta una
presa della pignatta si è staccata; nna pignata te pasuli una pentola di fagioli * modi di
dire: mìntere la pignata cucinare i legumi § canùscere li uài te la pignata sapere i guai
della propria famiglia * 2- Pentolaccia, gioco in cui i partecipanti, con gli occhi bendati,
tentano uno alla volta di rompere con un colpo di bastone la pignatta sospesa in alto e
piena di monetine, dolciumi, uova sode, e quant'altro costituisce l'eredità del Carnevale
defunto; il gioco si svolge tuttora la prima domenica di quaresima, ma si è trasferito dalla
festa in famiglia nelle sale da ballo.

pignateδδa sf. 1- Pignatta per non più di due porzioni di legumi * 2- Misura di capacità per
olio, equivalente a 1/2 litro: diciottu pigneteδδe fannu nna mina 18 'pignattine' fòrmano
una 'mina' ( 9 litri di olio); nnu staru ete te trentasei pignateδδe uno 'staro' equivale a 36
'pignattine' ( 18 litri di olio) * 3- in senso eufemistico scherzoso. Vulva. [dim. di pignata].

pignatieδδu sm. Vèggio portatile, scaldino di terracotta con corto manico: lu pignatieδδu s'à
stutatu la brace del vèggio si è spenta; la mamma Nana minte lu pignatieδδu sutta a llu
fustianu nonna Gaetana mette lo scaldino sotto l'ampia gonna. [dim. di pignata].

pignatu sm. 1- Il contenuto di una pignatta, i legumi cotti nella pignatta: la lunetìa fazzu
fògghie, la martetìa pignatu il lunedì cucino verdura, il martedì legumi * 2- Modo
particolare di cottura: cecore, rapacàule a pignatu cicorie, cime di rapa cotte in umido
nella pignatta.

pignatuzzu sm. Pignatta piccolina.

pigniceδδu sm. Pino silvestre, i cui frutti sono a pigna oblunga e contengono semi
piccolissimi, non commestibili.

pignòlu (lett.) agg. Pignolo, oltremodo meticoloso, che bada pure ai particolari più
insignificanti. V. meraculusu, piulusu.

pignu sm. 1- L'albero del pino, la pianta maestosa che produce le pigne e che fornisce un
legno compatto e resistente, dall'odore resinoso aromatico * 2- Pigna, il frutto del pino, un
cono formato di squame recanti all'interno di ciascuna due pinòli: li pigni alla ròsçia se
àprenu le pigne, poste nella brace, si aprono * 2- Pegno, oggetto lasciato come garanzia:
cinca ccappa, paca pignu e fface la penetènzia chiunque sbaglia, paga pegno e viene
obbligato a subire la pena. [lat. pignus]. Da una preghiera: Crìsçiu ca ggià mme chiama /
pe ffa' la cumenione, / cu ppìgghiu δδu buccone / te celu pignu.

pignulata sf. Torta di farina farcita di pinòli.

pignùlu sm. Pinòlo. [dim. di pignu].

pignulusu agg. Pignolo, meticoloso; avaro, spilorcio.

84
P

pignunata sf. La quantità di covoni ammonticchiati in una bica. [da pignune].

pignune sm. Pignone, grande bica di covoni innalzata a cupola presso l'aia in attesa della
trebbiatura. [accr. di pignu (per la forma)].

pignu te campusantu sm. L'albero e il frutto del cipresso. V. nucipressu.

pila sf. Pila, lavatoio di pietra; abbeveratoio; trogolo.

pila benetitta sf. Acquasantiera.

pilàcchiu sm. Pelo lungo e irsuto di una persona. [da pilu + suff. pegg. -àcchiu].

pilastru, pelastru sm. Pilastro.

pilazzu sm. Pelo più lungo e irsuto degli altri.

pileδδa sf. Vaschetta di pietra; trogolo di piccole dimensioni.

pilieδδu
pilieδδu sm. Una specie di gramigna rossa, erba infestante, la quale ha radice filiforme con
nòduli riproduttivi e foglie pur esse filiformi; i fiorellini sono disposti a spighetta e
queste, a loro volta, unite tra loro alla propria base, si aprono a raggiera in cima ad ogni
stelo. La radice capillare si sotterra tanto che il contadino non riesce a sradicarla
completamente con la zappa. [dim. di pilu].

piliiancu agg. e sm. Che presenta albinismo, albino.

pilirussu agg. e sm. Di colore tendente al rosso, fulvo; persona dai capelli rossicci: striu
pilirussu, certu malandrinu ragazzo dai capelli rossicci sarà certo impertinente.

pìllula (neol) sf. Pillola, pasticca medicamentosa. [lat. pilula]. V. pìnnulu.

pilu sm. 1- Pelo; nnu pilu te lu nasu un pelo del naso; li pili te li rechìδδechi i peli delle
ascelle; nnu pilu te cuta te acca un pelo di coda di vacca * detti: tenìre lu pilu a ncuerpu
essere maligno sornione § nu ttenìre pili sulla lìngua parlare con franchezza § nun alìre
nnu pilu non valere niente § sutare pilu a pilu grondare di sudore, con la cute imperlata di
goccioline * provv. Tira cchiùi lu pilu cca llu nzartu tira più il pelo che la fune § (varianti

85
P

sempre più puntualizzanti ) tira cchiùi nnu pilu te donna cca nnu oi; tira cchiùi nnu pilu
te fìmmena alla saluta cca nnu caδδu alla scisa l'attrattiva del sesso è più forte di
qualsiasi altra attrazione * 2- Mantello degli animali: acca te pilu nìuru mucca col
mantello nero * prov. Lu lupu càngia lu pilu mma nu llu ìzziu il lupo cambia il pelo ma
non il vizio. [lat. pilus].

pilu mmiersu sm. Pelo attorcigliato sotto pelle; pelo che cresce in direzione opposta agli altri
vicini.

pilùsciu, pelùsciu sm. 1- Stoffa a pelo raso * 2- Stola, bavero di pelliccia a pelo corto. [comp.
tra lecc. pilu e fr. peluche].

pimpinella sf. Stoffa molto leggera. V. pure pampineδδa.

pincu sm. Persona sconosciuta; un tale: ci ete δδu pincu? chi è quel tale. [it. pinco (pallino)].

pindièngulu v. pendìngulu.

pìngere, pengìre tr.; pres. pingu,… pengimu, ecc.; p. rem. pengìi (pinsi), pengisti, pengìu
(pinse), pengemmu (pìnsemu), pengestu, pengèra (pìnsera) ; imper. pingi, pengiti; pp.
pengiutu (pintu) . Dipingere; descrivere minutamente anche a parole: tie pingi l'àrveru e
iδδu li aceδδi tu dipingi l'albero e lui gli uccelli; la pengìu tantu bona ca ièu capìi ci era
la matama la descrisse così bene che io compresi chi era la nobildonna. [lat. pingere].

pìnguli pìnguli loc. avv. 1- Uno alla volta, ad uno ad uno: pìnguli pìnguli ni nde la felammu
ad uno ad uno ce la svignammo * 2- Pian pianino, senza dar nell'occhio. Da una
filastrocca: Pìnguli pìnguli, Giuacchinu, / sçiamu alla fera e ccattamu buttuni, …

pinna sf. 1- Penna di uccello, piuma: carne de pinna carne di uccello, pollame, uccellame *
2- Penna per scrivere * modi di dire: nunnu te pinna signore istruito § nun èssere pe lla
pinna non essere portato a scrivere. [lat. pinna].

pinnàcchiu sm. Pennacchio. [dal lat. pinnac(u)lum, cl>cchi].

pinnalura, pennalura sf. Federa speciale di stoffa spessa a trama fitta ma morbida, che
riveste un guanciale di piume.

pinnetta sf. 1- Peltro, penna per suonare il mandolino: la chitarra la sonu senza pinnetta
suono la chitarra senza fare uso del peltro * 2- Cosa assai leggera, lieve come una piuma:
lu curru miu ete nna pinnetta la mia trottola ha la punta così levigata, che, presa sul
palmo della mano, non l'avverti.

pìnnuli sm. pl. Peli delle ciglia e delle sopracciglia: se àusa cu lle sçame all'ecchi, ca ni
ncòδδanu li pìnnuli si leva dal letto con le cispe agli occhi, le quali gli incollano le ciglia.
[lat. pinnulus, aguzzo].

86
P

pìnnulu sm. 1- Pillola, compressa * 2- Del piccone, la punta stretta e slanciata (la parte
opposta, larga e tozza, è detta 'ucca' o 'tàgghiu').

pinta (neol.) sf. Pinta, misura di capacità per olio, equivalente a circa mezzo litro. [fr. pinte].
V. pure pignateδδa.

pintisçiare, pentisçiare tr.; pres. pintìsçiu, pintisçi, pintìsçia, pintisçiamu,… ecc.; impf.
pintisçiàa,… pintisçiàamu ecc.; p. rem. pintisçiài,… pintisçiammu, ecc.; pp. pintisçiatu *
1- Tinteggiare a macchioline * 2- Tessere a disegno a quadrettini di colore diverso. [da
pintu + suff. iter. -sçiare].

pintisçiatu agg. 1- Macchiettato: tene lu piettu pintisçiatu te lu sule ha il petto macchiettato


causa i raggi del sole * 2- Tinteggiato a puntini * 3- Stoffa tessuta a quadrettini.

pintore sm. Pittore. [it. (di)pintore].

pintu agg. 1- Dipinto, colorato; tinteggiato: quasettu pintu calza variamente colorata; parite
pintu te celeste parete tinteggiata di celeste * 2- Copia conforme, assolutamente tale e
quale; identico, assai somigliante: stu striu ete pintu sirsa questo ragazzo è tale e quale
suo padre; ila, na!, nònnasa pinta eccola, toh!, somigliantissima a sua nonna * 3- sm.
Disegno di un tessuto elaborato al telaio: pintu a pipiceδδu tessuto a mo' di grani di pepe;
pintu te nèmula lavorato ad anemoni (v. 'spica narda', 'spica sèmprice', 'spica spezzata').

pintu e scuδδatu agg. Straordinariamente somigliante, tanto da sembrare una copia


conforme, un ritratto staccato dal muro; sosia: nnu piccinnu pròpriu beδδu, pintu e
scuδδatu nn'angelieδδu te artare un bambino molto bello, proprio un angioletto staccato
dall'altare.

piòggie sf. pl. Residui non combusti delle polveri piriche, caduti a terra dopo lo sparo dei
fuochi artificiali: sçire ttruare piòggie andare a cercare polveri piriche; fare cannette cu
lle pioggie confezionare cannelli con le polveri piriche cadute a terra.

piòneca sf. 1- Fame arretrata; carestia; lungo digiuno forzato * 2- Sfortuna e miseria
persistente.

piò piò sm. Ciascun seme di lupino addolcito in acqua salata: “Su' bbelli li piò piò! su' dduci
e ssu' dduciò!” - gridava il venditore girovago, modulando la voce.

pipe1 sm. Pepe: nn'àcenu te pipe un grano di pepe; nnu pìzzecu te pipe un pizzico di pepe in
polvere; tegnu li capiδδi sale e pipe ho i capelli brizzolati; nna stria tutta pipe una
ragazza svelta e attiva; [lat. piper].

pipe2 sm. Peperone (più usato al plurale): suntu mari li pipi sono piccanti i peperoni.

87
P

pipecarròfalu sm. Chiodo di garofano; tali bottoni fiorali, frutti dell'eugenia, vengono usati
come spezia in cucina ed anche come anelgesico.

pipe fàusu
pipe fàusu sm. Lentisco, piccolo arbusto che produce frutti a drupa nera.

pipe riestu sm. Peperella, erba di sapore piccante, con foglie ovali e fiori piccoli in
pannocchie terminali. [lat. piper (ag)restis].

pìpetu sm. Voce che tenta di rendere più accetto il termine triviale 'pìtetu'. Peto. V. anche
pìtetu e pìretu.

pipì sf. Voce fanciullesca per indicare * 1- Orina: me scappa la pipì mi scappa l'orina; tocca
ffazzu pipì ho necessità di fare la pipì * 2- Pene di bambino: nu tte tuccare la pipì non ti
toccare la pipì.

pipiceδδu ( a -) avv. A mo' di grani di pepe: tila a pipiceδδu tela a disegno punteggiato, a
grani di pepe. [dim. di pipe1].

pipiera, pipera sf. Pepaiola. V. pepera.

pipiggiallu sm. Grosso peperone più o meno globoso, di colore giallo uniforme oppure
striato, il quale si prepara o ripieno o cotto al forno, oppure arrostito e messo a fette
sott'olio. [da pipe2 giallu].

pipi te Utràntu sm. pl. Peperoni grossi globosi di colore giallo screziati di verde o di rosso.

pipitiàulu sm. Peperoncino assai piccante e di colore generalmente rosso vivo; con la sua
polpa tagliuzzata e messa sott'olio si prepara una salsa per condimento, la quale brucia la
lingua. [comp. di pipe2 e tiàulu, perone del diavolo].

88
P

pippa sf. Pipa di terracotta con lunga cannuccia. [fr. pipe].


DE D. Quante cose me dici e te respundu! / quante cose me dici e nu te sentu! / ahi, tuttu
tuttu fumu ete lu mundu / ci desperde lu ientu!

pippareδδa sf. Pipa di radica con cannuccia corta. [dim. di pipa].

pippazza sf. Pipa annerita, incrostata di sostanze prodotte dal fumo e puzzolente. [pegg. di
pippa].

Pippi, Ciseppu, Peppu, Peppinu. Ppinu pers. Giuseppe.

pippisçiare intr.; pres. pippìsçiu, ecc.; impf. pippisçiàa, ecc.; p. rem. pippisçiài, ecc.; pp.
pippisçiatu. Nel sonno, respirare forte facendo sbuffi con le labbra. [dal suono onom.
p…pp + suff. iter. -sçiare].

pippiulinu sm. Occhiolino sporgente fatto a maglia con l'uncinetto. [dim. dall'it. pìppio]. V.
pure pirulinu.

pira sf. Pera: pira fatta e pira tìfera pera matura e pera acerba; pira a ccossa te fìmmena pera
a coscia di donna; pire petrucine cotte pere locali cotte * prov. Quandu la pira ete fatta,
cate quando la pera è matura, cade. [lat. pira].

pirata sf. Marmellata di pere.

pirazzu sm. Pero selvatico, sia l'albero e sia il frutto, il quale rimane piccolo e aspro al
palato. [pegg. di piru].

piretare intr.; pres. pìretu,… piretamu, ecc.; p. rem. piretài, ecc.; pp. piretatu. Scorreggiare.
[da pìretu].

piretaru sm. Uno che fa scoregge abitualmente. [da pìretu + suff. di mest. -aru].

pirettu
pirettu sm. Boccione di vetro con il collo bislungo e senza anse. [da pira, per la forma].

pìretu sm. [pl. m. pìreti, pl. f. pìrete). Peto, scoreggia. V. pìtetu ed anche pìpetu.
Indovinello: Bruttu fetusu, bruttu fetusu, / llarga, llarga lu pertusu / ca ole bessa nnu
fannusu. / lu canusci stu cussuprinu?

89
P

piricandieδδu, piricandillu sm. Cosino, oggetto piccolino; piccola appendice * fig. Pene dei
fanciulli.

pirichillu sm. Cosino; piccola sporgenza; occhiolino fatto all'uncinetto; nodino nel filato. V.
pippiulinu.

pirindiδδu, pirindillu sm. Fanciullino, frugoletto: tie sinti lu pirindiδδu te la mamma toa tu
sei l'amoruccio della mamma tua.

piripàcchiu sm. La matta, carta piglia tutto; yolly.

piripìcchiu sm. Pupattolo * fig. Ragazzino, frugolino.

piritosu agg. Colui che fa spesso scoregge sonore.

piru sm. Pero, l'albero che produce le 'pire'. [lat. pirus].

piruletta (neol.) sf. Piroetta. V. la voce più comune cuturùzzula.

pirulinu sm. 1- Piccolissima sporgenza; nodino; occhiolino a maglia fatto con l'uncinetto * 2-
Puntale metallico della trottola: lu curru tràgghia ca lu pirulinu ete tuertu la trottola gira
traballando perché il puntale è storto. [dim. di pìrulu].

pìrulu sm. Piròlo, bìschero del violino e di altri strumenti a corda. [dal lat. pirula].

pisa sf. Pesa, l'operazione della pesatura.

pisce sm. Pesce: pisce friscu pesce fresco; pisce nfetesciutu pesce andato a male; scarde,
pinne, arze, cuta, capu te lu pisce squame, pinne, branche, coda, testa del pesce; pisci
fritti, delessati, rrustuti pesci fritti, lessi, arrostiti; suppa te pisce zuppa di pesce * detto:
màngia pisce ca te bbellisce mangia pesce che ti fa diventare bello * provv. Lu pisce
ressu se futte lu pisce picciccu il pesce grosso mangia il pesce piccolo § Te la capu
ncigna a nfetìscere lu pisce il pesce comincia a puzzare dalla testa § Lu nvitatu ete comu
lu pisce: dopu ttre giurni puzza l'ospite è come il pesce: dopo tre giorni puzza. [lat.
piscis].

pisce cagnùlu sm. Pesce gattuccio.

piscecane sm. Pescecane, squalo in genere. V. anche erdesca.

pisce cantante sm. Rana, raganella scuoiata per essere mangiata soffritta o cotta in umido.

pisce palumbu sm. Palombo, specie di squalo, piuttosto piccolo di dimensioni, che spesso
troviamo esposto in vendita sul banco del pescivendolo.

90
P

pisce reggina sm. Labro macchiato, pesce marino dai colori smaglianti ma dalle carni poco
saporite.

piscespata sm. Pesce spada.

pisci sf. Pisciata, minzione. V. pipì.

pisciceδδu sm. Pesciolino, avannotto. [dim. di pisce].

piscìndulu sm. Pescivendolo. [lat. med. pisci(ve)ndulus].

pisçiòsçia agg. f. Oltremodo trasandata; lercia, sudicia. [rafforzativo di sçiòsçiu].

piscitieδδu sm. Mùscolo del soccoscio, taglio speciale di carne bovina.

pisiceδδu sm. Sassolino levigato, ciottolo. [dim. di pisu].

pisi sm. pl. Contrappesi (di che cosa?). V. anche dùndulu.

Pisignanu geogr. Pisignano. Alle donne di questo casale veniva appioppato il nomignolo di
'musce reste' gatte inselvatichite.

pisilengu agg. Bislungo, ellittico, ovale; spilungone.

pisirìcchiu sm. 1- Bimbetto molto vivace, frugoletto * 2- Cuccioletto. [doppio dim. di pisu,
sassolino].

pisotu sm. 1- Concio usato per sedile monoposto * 2- Sasso sagomato posto a base di un
grosso recipiente. [da pisu]. V. pure pesulu.

pissinchiatu agg. Congestionato e goffo e con la pelle stirata. [da un incr. tra pisu e nchiatu].

pissipissi sm. Bisbiglio, sussurro * modo di dire: fare pissipissi bisbigliare in un orecchio
mormorando e istigando.

pista sf. Pesta, orma, traccia * agg. f. in unione con 'carta'. Pestata e impastata: cartapista
cartapesta.

pistàcchia sf. Terebinto o pistacchio selvatico, arbusto della macchia costiera salentina. [gr.
pistàkion, lat. pistacia].

pistagna sf. Pistagna del colletto di una camicia. [sp. pestana].

pistigghiare tr. e intr.; pres. pistìgghiu, ecc.; impf. pistigghiàa, ecc.; p. rem. pistigghiài, ecc.;
pp. pistigghiatu * tr. Calpestare, schiacciare con ripetute pestate * intr. Scalpicciare,
battere i piedi a terra. [dal lat. pistare incr. con lat. volg. * pistiliare].

91
P

pistìgghiu sm. Calpestamento nella terra soffice; scalpiccio.

pistola sf. Pistola. [fr. pistole].

pistuletta sf. 1- La porzione di rametto risparmiata dalla potatura * 2- fig. Gli organi sessuali
dell'uomo.

pistulettata sf. Pistolettata.

pistulune sm. Pistolone, pistola a canna lunga.

pisu sm. 1- Peso; gravame: nu mme fitu cu zziccu stu pisu non sono capace di sollevare
questo peso; ccattare a ppisu te oru comprare a peso d'oro; sia ca sta‟ ssentu comu nnu
pisu allu stòmecu come se avvertissi un peso allo stomaco * 2- Sasso di pietra dura,
schiacciato e levigato; ciottolo reso liscio dalle acque: stu pisu ete buenu pe stàccia
questo ciottolo è adatto per muriella * 3- Sasso rotondeggiante, di peso convenzionale
determinato ( 1 kg ., 1/2, 1/4, 1/5 di Kg.), usato al posto del peso metallico regolamentare:
pisi te δδànzie pesi della bilancia * 4- Peso metallico regolamentare: lu pisu te 250
crammi (o te nnu quartu) il peso di 250 grammi * 5- Piramidetta di terracotta, di uso
sconosciuto (v. dùndulu). [dal lat. pe(n)sum].

pìsuli avv. Penzoloni; delicatamente, lievemente, quasi sospeso in aria: rrumàsera pìsuli
rimasero penzoloni; nde la purtàu pìsuli la portò via tenendola delicatamente * agg.
indecl. Leggero, pèndulo: fatte pìsuli ca te zziccu a scancapìrete fatti leggero che ti
prendo a cavalcioni; stanu ttaccate pìsuli pìsuli sono legate lì lievemente pèndule. [lat.
pisum>dim. pisulum, incr. con lat. pensilis e it. pèsolo].

pitetaru sm. Uno abituato a fare scoregge senza ritegno alcuno.

pitetìcchiu sm. Una brevissima scoreggia * fig. Ragazzo di statura molto bassa riguardo
all'età. [dim. di pìtetu].

pìtetu sm. (pl. m. pìteti, pl. f. pìtete). Peto, scoreggia. [lat. peditum]. V. pure pìretu e anche
pìpetu. Conta di sorteggio: Pu, pu, pu e pu, / ci l'à ffattu lu pitetù? / n'à scappatu a lla
Giuannina (Peppina, Rusina): / paca lu ciu la malandrina!
Scherzo: Nc'e' nnu mònecu carceratu, / stae allu puntu te murire, / nc'e' ppermessu llu
fazzu essìre? (se la risposta degli amici era affermativa, il bontempone faceva risonare il
peto a lungo trattenuto).

pitta sf. Focaccina; pizza di farina: pitta cu cchiàppari e ulie focaccina con capperi e olive.
[dal lat. pitta(cium) ].

pittare tr.; pres. pittu,… pittamu, ecc.; p. rem. pittài, ecc.; pp. pittatu. Pitturare, dipingere.

92
P

pittatu agg. fig. Di un importo, non pagato, rimasto scritto in bella ed evidente calligrafia sul
quaderno dei crediti.

Pittordu, Pitturdinu pers. Bertoldo.

pìttula sf. Frittella di forma tondeggiante, bocconcino di farina cotto nell'olio bollente. Le
pìttule, talvolta unte di miele, più spesso imbottite di cavolfiore (un tempo si usavano
pure le foglioline lesse dell'angelica arcangelica o 'nzìnia'), costituiscono un tipico piatto
natalizio leccese. La frittella farcita di capperi e pezzetti di sardina salata, di olive e di
pomodori, era detta anche 'pettècula' * modo di dire: cce bete pìttula? non è cosa da farsi
in quattro e quattrotto!.

pittulìcchia sf. Frittella piccolina. [dim. e vezz. di pìttula].

pittulisçiare intr.; pittulìsçiu,… pittulisçiamu, ecc.; impf. pittulisçiàa, ecc.; p. rem.


pittulisçiài, ecc.; pp. pittulisçiatu * 1- Procedere alle varie operazioni manuali necessarie
per fare le 'pìttule' * 2- Manipolare sostanze molli intrise d'acqua * 3- fig. Tenere le mani
in pasta, maneggiare a proprio tornaconto. [da pìttula + suff. durat. -sçiare].

Piu, Piuzzu pers. Pio.

piulare intr. e tr.; pres. pìulu,… piulamu, ecc.; impf. piulàa,… piulaàmu, ecc.; p. rem.
piulài,… piulammu, ecc.; pp. piulatu * intr. Pigolare * fig. Frignare, piagnucolare con una
vocina strascicata * tr. Chiedere piagnucolando. [lat. volg. * piulare incr. con lecc. pìuli].

piulinu sm. Violino con la sua flebile voce. V. priulinu e viulinu.

pìuli pìuli Pian pianino insistentemente; lievemente. V. pure piu piu.

piulisçiare intr.; pres. piulìsçiu,… piulisçiamu, ecc.; impf. piulisçiàa, ecc.; p. rem. piulisçiài,
ecc.; pp. piulisçiatu * 1- Pigolare: li purecini sta‟ piulìsçianu i pulcini pigolano * 2-
impers. Piovigginare a gocce rade ma con insistenza: ae do' giurni ci piulìsçia e nnu
scàrreca e nnu scampa son due giorni che pioviggina e non piove a dirotto e non spiove;
piulisçiandu à ttrapanatu nna ttreìna te tìsçete piovigginando così a lungo (la pioggia) è
penetrata un tre dita nel terreno. [da piulare + suff. durat. -sçiare].

piùlu sm. 1- Piolo: ficca sei piùli allu parite e prepàrame la iastra fissa sei pioli alla parete e
preparami il necessario per l'orditura * 2- Bietta quadrangolare di legno, la quale viene
conficcata in due pezzi contigui e connessi per impedirne lo scorrimento e il distacco * 3-
Legnetto appuntito per essere infisso nel terreno e, legato ad una fune, per trattenere la
pecorella pascolante in un prato senza sorveglianza.

piulunceδδu sm. Violoncello. [da piulinu]. V. viuluncellu.

piulune sm. Contrabbasso, strumento musicale ad arco.

93
P

piulusu agg. 1- Meticoloso, pignolo * 2- Schifiltoso, che cerca il fuscello nel piatto dove
mangia.

piumbare tr. e intr.; pres. piombu, piuembi, piomba, piumbamu, ecc.; impf. piumbàa,…
pimbaàmu, ecc.; p. rem. piumbài, ecc.; pp. piumbatu * tr. 1- Impiombare, otturare con il
piombo * 2- Controllare la perpendicolarità con l'archipèndolo * intr. Cadere di peso;
gettarsi addosso a qualcuno. [lat. plumbare].

piumbatura sf. Piombatura.

piumbu (neol.) sm. Piombo. V. il più comune chiummu.

piuminu sm. Piumino per dare la cipria; spazzola di piume per spolverare i mobili.

pìu pìu1 sm. Pigolio; voce per chiamare i pulcini.

pìu pìu2 avv. Pian pianino, lentamente e insistentemente * modi di dire: chiòere pìu pìu
piovere a bagnavillano § pìu pìu, se futtìu e ffazzaddìu! pian pianino e senza accorgersene
rimase fregato, pazienza! § àcqua pìu pìu futte l'omu e ffazzaddìu! pioggia a goccioline
rade inganna l'uomo, e che ci puoi fare?

pizza sf. Il più specifico e comune termine per indicare il pene. [da p…zz, che dà l'immagine
di punta, di picca].

pizza marina v. cazzu te rre.

pizzarieδδu v. pizzecarieδδu.

pìzzeca bàzzeca sf. Gioco della lippa, un tempo molto praticato dai ragazzi. V. anche
bàzzeca.

pìzzeca pìzzeca sf. Tarantella, ballo rusticano assai vivace, in cui la danzatrice, eseguendo
delle giravolte, finge di sottrarsi ai pizzicotti del danzatore, il quale le piroetta intorno;
ogni movimento, inoltre, è cadenzato con lo schiocco delle dita di entrambi i ballerini. Il
suono della fisarmonica si accompagna al ritmo dei dischi metallici dei tamburelli. [da
pezzecare].
MAR. mo' se utànu de coste, mo' de retu / pete a pete tuccandu e ùetu a ùetu.

pizzecarieδδu sm. Legnetto appuntito alle due estremità, con cui si gioca la lippa. [dim. di
pìzzecu].

pizzecaùnu sm. Gioco di ragazzi, analogo al gioco dei quattro cantoni.

pìzzecu (pl. pìzzechi) sm. 1- Pizzico: cumpare, me dai nnu pìzzecu te tabbaccu? compare, mi
offri un pizzico di tabacco in polvere? * prov. Pe nnu pìzzecu te sale se pote pèrdere nna

94
P

menèscia per un pizzico di sale si può rovinare una minestra * 2- Pizzicotto: cu lli
pìzzechi toi lu razzu m'à mmarangianutu con i tuoi pizzicotti il braccio mi si è illividito *
prov. Pìzzecu e asu nu fface pertusu pizzicotto e bacio non deflorano. [da pezzecare].

pizzichiδδi, pizzichilli sm. pl. Due contemporanei lievi pizzicotti sulle guance a mo' di
carezze: me dese nnu asu a ppizzichiδδi mi dette un bacetto unitamente a due pizzicotti
sulle guance. [dim. da pìzzecu]. Poesiola:
-Mùsciu cecatu, a ddu si' statu?
-Alla fera te Santu Tunatu.
-E ccene à' sçiutu ccattatu?
-Nna beδδa pezza te casu.
-E a ccine l'ài dunata?
-Menża a mmama e mmenża a ttata.
-E a mmie cce mme dai?
-Doi pizzichiδδi… a δδai!

pizzichillu sm. Pizzicotto; buffetto sulla guancia. [altro dim. di pìzzecu].

pizzifierri
pizzifierru sm. Tonchio, insetto che rode i chicchi dei cereali. [comp. di pizzu (de) fierru].

pizzillu sm. Pizzo, merletto lavorato all'uncinetto; chiacchierino.

pizzipìu sm. 1- Cavalletta piccolina che si ciba di ortaggi * 2- fig. Ragazzino assai vispo e
sbarazzino; frugoletto.

pizzu1 sm. [pl. m. pizzi, pl. f. pìzzure). 1- Pizzo, punta, estremità: Lèuca se tròa allu pizzu te
lu mundu Leuca si trova ai confini del mondo; fane le nnùture alle quattru pìzzure te lu
muccaturu fai i nodi ai quattro angoli del fazzoletto; se ssettàu allu pizzu pizzu te lu
scannu sedette proprio all'estremità dello scanno; l'àggiu tenementutu te pizzu a pizzu l'ho
esaminato da un capo all'altro * 2- Becco di volatile: lu castarieδδu porta lu pizzu a
rroccu il falco astore ha il becco adunco * prov. Te lu pizzu l'aδδina face l'eu dal becco
(secondo quanto mangia) la gallina fa l'uovo * 3- Barbetta a punta. [da p…zz, che
suggerisce l'immagine di punta].

pizzu2 sm. Pagnottella con fette di cipolla e di pomodoro più un pizzico di pepe o di
peperoncino piccante.

95
P

pizzu giallu sm. Merlo maschio, uccello che si lascia ammaestrare. V. mèrula.

pìzzula! inter. Esclamazione di stupore: corbèzzoli!, caspita!, perbacco!

pizzulare, pezzulare tr.; pres. pìzzulu,… pizzulamu, ecc.; p.rem. pezzulài, ecc.; pp. pezzulatu
* 1- Beccare: pìzzulanu le muδδìcule te pane beccano le briciole di pane * 2- Piluccare;
mangiucchiare: s'ànu pezzulati li àceni te sita hanno piluccato gli acini di melagrana *
prov. Ci te aδδina nasce, tocca cu ppìzzula chi nasce da gallina, è costretto a beccare * 3-
Guadagnare un pochino per volta: a ffine endèmia pezzulammu tùtici migghiare te lire
alla fine della campagna della vendemmia racimolammo dodici mila lire * prov. Ci esse
pìzzula, ci se nde stae a ccasa nfrìzzula chi va in giro guadagna qualcosa, chi se ne sta in
casa raggrinzisce. [da pizzu]. V. pezzulisçiare.
DE D. intantu tie te pìzzuli nu muersu cussì rressu / a a nui quantu ni dai? Ammenu
cinque lire, / cussine sulamente te puei mmaletenire!

pizzu ruessu sf. Frosone, uccello dal robusto becco.

planeta1 sf. Pianeta; ogni corpo celeste: me su' state sempre cuntrarie le stiδδe e lle planete
mi sono state sempre avverse le stelle e i pianeti con i loro influssi. [gr. planétęs]. V. pure
pianeta.
Da c. p. Nu lluce tantu nna stella planeta / quantu te lùcenu l'uecchi e lla frunte.

planeta2 sm. Destino determinato dagli astri: nisciunu pote scampare allu planeta sou
nessuno può sottrarsi al proprio destino.

poca avv. Dunque, pertanto; allora: poca, fermàmuni e utamu le carte dunque, smettiamo e
scopriamo le carte; poca ccumenzu ièu allora comincio io. V. capoca.

pòcina sf. Apocino, pianta annuale un tempo coltivata, ma non diffusamente, anche da noi,
dalla quale si ricavava una specie di canapa di mediocre qualità, ottima però per cordami.

pòeru, puèru (f. pòera e, se precede il sostantivo, pòra) agg. Li pòeri s'ànu iutare i poveri
devono essere aiutati; ete gente pòera è gente povera; la pòra gente la povera gente; puèri
nannàsçeni mei! poveri avi miei! [dal lat. pau(p)erum].

pòggiu sm Poggio, elevazione del terreno a dolce pendio. [dal lat. podium].

pògghia sf. Panetto di cioccolato, stecca di ciocciolata.

poi, po' avv. Poi, dopo, in seguito: dinni ca sçiamu poi digli che andremo poi; prima a nnui e
poi a bui prima a noi e poi a voi; poi, ci me stae a ncòccalu, te pozzu puru nvitare in
seguito, se ne avrò voglia, potrò anche invitarti; dopu ste feste, po', nni la etimu dopo
queste feste, poi, ce la vedremo * sm. Il dopo, il seguito: lu poi bu lu cuntu crai domani vi
racconterò il seguito * prov. Lu poi ete parente te lu mai il 'poi' è parente del 'mai'. [lat.
post]. V. pure dopu, doppu.

96
P

poi ( te -) cong. Dal momento che, giacché, poiché: te poi nun à benutu, vordire ca nu nni
ntaressa dal momento che non è venuto, significa che non gli interessa.

pompa1 sf. Pompa, attrezzo per pompare o per spruzzare o per nebulizzare. [fr. pompe].

pompa2 sf. Pompa, fastosità; sfarzo. [lat. pompa].

pompadur sf. Foggia caratteristica di pettinatura ispirata a quella di Madame Pompadour.

pònciu sm. Ponce, bibita alcolica calda di caffè e rum oppure di tè e rum: pònciu te rummu
ponce di rum. [dall'inglese punch].

pòndeca (pl. pòndeche) sf. 1- Pàtina di peluria o di polvere sui frutti e sulle foglie * 2-
Sottoveste di tessuto sericeo finissimo e trasparente * modo di dire: crìscere sutta a lle
pòndeche stare continuamente fra i piedi * 3- Lembo inferiore arricciato della veste;
balzana, falpala, sbuffo di organdi: cose cu tte zzìcchi le pòndeche e cu tte nde fusçi
avvenimenti tanto strambi da fuggire lontano sollevando i lembi delle lunghe vesti.

pònnula
pònere, punìre (lett.) tr.; pres. ponu, puni, pone, punìmu, ecc.; impf. punìa,… punìamu, ecc.;
p. rem. punìi (posi), punisti, punìu (pose), punemmu (pòsemu), punestu, punèra (pòsera) ;
imper. poni, puniti; pp. punutu (postu). Porre, collocare * prov. Quandu llièi e nnu ppuni,
li scumbri li cestuni togli oggi e togli domani senza mai rimettere, vuoti anche i grossi
cesti. [lat. ponere]. V. il più usato mìntere.

pònnula1 sf. Colla bianca di farina di cereali: sta menèscia s'à ffatta a pònnula questa
minestra è tanto scotta da sembrare colla.

pònnula2 sf. Farfalla bianca, in genere; in particolare, la farfalla cavolaia con ali bianche
macchiate di nero, le cui larve sono dannose alle piante dei cavoli.

ponnuleδδa sf. Farfallina bianchiccia dei cereali. [dim. di pònnula2].

ponnulìcchia sf. Insetto alato, di colore grigio, il quale si appiccica alla pelle e con la sua
puntura provoca un fastidioso prurito locale: quiste suntu panòcchie te ponnulìcchie
queste sono pàpule provocate dall'insetto grigio. [dim. di pònnula2].

97
P

ponte sm. 1- Ponte sopraelevato; sottopassaggio di qualsiasi natura * 2- Costruzione


provvisoria fatta di travi e assi di legno, che permette il passaggio da una parte all'altra di
una impalcatura. [dal lat. pons pontis].

ponnulìcchie
ponticeδδu sm. Ponticello; basso sottopassaggio.

popò sf. Voce onom. infantile che indica l'automobile, la quale con tromba acustica fa
po…po: la popò à ssulliata nna nula te pùrvere l'automobile ha sollevato una nuvola di
polvere.

poppa sf 1- Qualità di grosso fico precoce (v. coppa) * 2- Mammella turgida ben eretta. [dal
lat. pupa incr. con puppis].

popu sm. Orco, spauracchio dei bimbi: ci nu ddermi, chiamu lu popu se non dormi, faccio
venire l'orco.

pòpulu sm. Popolo, popolazione: te sta cosa se nd'ànu recurdare tutti li pòpuli abbenire di
ciò si ricorderanno tutti i popoli venturi. [lat. populus].
Da c. p. Lu pòpulu nu bete pecureδδa, / a ffiate à statu mulu caucinaru!

pòpulu bassu sm. Popolo minuto, la popolazione di basso ceto.

pòra gente sf. Il popolo dei lavoratori sfruttati e miseri: la pòra gente se ccuntenta te picca il
popolo lavoratore si accontenta di poco.

porbòsçite sf. Proboscide di elefante.

porca1 sf. Porca, scrofa, la femmina del maiale * fig. Donna sudiciona; donnaccia. V. anche
il sm. puercu.

porca2 sf. Striscia di terra coltivabile compresa tra due solchi tracciati più profondamente.
[lat. porca].

porcał sf. Polca, danza popolaresca. [dal ceco polka].

porcu ddinci, porcu ddinci inter. che attenua l'invettiva contro Dio. Perdinci, perdindirindina.

porru (lett.) sm. Verruca. V. puerru.

98
P

porta sf. Porta: porta a nna manu, a doi mànure porta a una, a due ante; porta a llibbru, a
bùssula porta a soffietto, a bussola * provv. Lu Signore chiute nna porta e brape nnu
purtune il Signore chiude una porta, una via di speranza, ed apre un portone, un ampio
varco, alla soluzione del problema § Lu lùrtima chiute la porta l'ultimo chiude la porta §
Mmara a δδa porta ci àe besegnu te ppuntiδδu guai a quella porta che ha bisogno di
puntello. [lat. porta].
Da c. p. Beδδa, allu tou sçiardinu nci su' statu, / te la porta secreta su' ttrasutu;

portabbacàgliu sm. Portabagagli montato su veicolo.

portacandile sm. Bugia.

portafiuri sm. Portafiori.

portafògghiu, portafògliu sm. Portafoglio dove riporre le banconote.


BOZZI … se dice ìparu cerca paruì. / Ma ci lu portafògliu se risente, / nasce lu tufu e
more l'amicìzia.

portafurtuna sm. Ninnolo portafortuna; amuleto: a ncapu alla porta te casa pe portafurtuna
nci à mmisu nnu fierru te cavallu, doi corne te sçencu, nnu pupu cu llu cuebbu, nnu
cuernu al di sopra dell'ingresso di casa ha sistemato come portafortuna un ferro di
cavallo, due corna di vitello, un pupazzo con la gobba, un corno; lu portafurtuna miu ete
lu 13 il mio amuleto è il 13.

portaletrattu sm. Portaritratti.

portanduci sm. e f. Messaggero intricante e pettegolo. [comp. di porta(re) nduce(re) ].

portanfante sm. Trapuntino bianco ricamato, sul quale la madrina tiene il figlioccio durante
tutta la cerimonia del battesimo. [fr. porte enfan].

portapacchi sm. Piccolo portabagagli per bicicletta.

portapinne sm. Pennaiolo, vasetto usato come portapenne.

portapuδδasci sm. e f. Ruffiano, che procura alle meretrici clienti da spennare come polli.

portasicarette sm. Astuccio metallico in cui porre le sigarette da fumare in giornata.

portatura sf. Portamento, contegno, condotta.

portazacchini sm. Portamonete. [comp. tra it. porta(re) zacchini].

porticale, pòrticu sm. Portico, porticato. [lat. porticus].

99
P

porticeδδa sf. Porticina. [dim. di porta].

portu v. puertu.

portucallu, bortucallu sm. L'arancio e il suo frutto, ritenuto originario del Portogallo: fiuri te
portucallu fiori d'arancio; scorsa, cùcari, nùzzuli, sucu te portucallu buccia, spicchi, semi,
succo d'arancia * prov. Lu portucallu la matina e' de oru, la menzatìa e' de argentu, la
sira e' de chiummu l'arancia (mangiata) il mattino è d'oro, a mezzogiorno è d'argento, la
sera è (pesante a digerire) come il piombo.

pòru agg. che precede sempre il sostantivo. Povero, con un senso di pietà e di compatimento;
sventurato, misero, infelice: pòru ziu miu! zio mio sventurato!; pòri nui! miseri noi!; pòre
le mamme ci nu ttènenu fìgghie fìmmene! infelici quelle madri che non hanno figlie! [dal
lecc. pò(ve)ru].

posa sf. 1- Sedimento, residuo di un liquido: posa te vinu sedimento di vino; pose te cafè i
fondi del caffè in polvere * 2- Atteggiamento affettato, posa ricercata. [dal lecc. pusare].
Da c. p. Beδδa, quandu camini fai la posa, / nu ll'àggiu ista a nn'àutra donna fare;

pòsema v. pòsuma.

pòsperu sm. Fiammifero * pòsperu te tàula sm. Zolfanello, fiammifero di legno impregnato
di zolfo al di sotto della capocchia: nnu mazzu te pòsperi de tàula un pacchetto di
zolfanelli (i fiammiferi impregnati di cera si chiamano 'cerini'). [dal gr. phosphòros].

posta sf. 1- Luogo di appostamento: facìmuni la posta, ca moi se troa a ppassare facciamogli
la posta, ché adesso passerà * 2- Ufficio e servizio postale: ete mpiecatu te la posta è
impiegato dell'Ufficio postale; la posta nun à ppassata ncora la posta non è stata ancora
distribuita * 3- Porzione: ni fìcemu nna posta te risi, te chiantu ci facemmo una porzione
di risate, di pianto * 4- Ciascuna delle parti del rosario: gnessira se tice cìnque poste te
rusario e ttutte le tanèi ogni sera recita cinque parti di rosario e tutte le litanìe. [dal lat.
pos(i)ta].

postu sm. 1- Posto, luogo, sito * 2- Impiego stabile. [dal lat. pos(i)tus].

pòveru (neol.) agg. e sm. Povero, indigente, misero: quisti suntu li priesçi te la gente pòvera
queste sono le gioie della gente povera; pòveri mìnchia, δδi frati toi! poveri minchioni,
quei tuoi fratelli! * provv. Lu riccu quandu ole, lu pòveru quandu pote il benestante
quando vuole, il povero quando può § Quandu lu pòveru dae allu riccu, lu tiàulu se nde
rite quando il povero dà al ricco, il diavolo se la ride. [dal lat. pauperum]. V. anche
puèru, puerieδδu, pòru.

ppa ppa sf. pl. Voce infantile onom. per indicare le busse: ci nu mmangi te dau le ppa ppa se
non mangi ti do le botte.

100
P

ppardare tr.; pres. ppardu,… ppardamu, ecc.; p. rem. ppardài, ecc.; pp. ppardatu. Appaltare;
ottenere in appalto.

ppardatore sm. Appaltatore, chi riceve in appalto.

ppardu sm. 1- Appalto * 2- Concessione esclusiva della rivendita di 'sali e tabacchi'.

pparentare, mparentare tr.; pres. pparentu (mparentu), pparienti, pparenta, pparentamu,


ecc.; p. rem. pparentài, ecc.; pp. pparentatu. Imparentare. [da parente].

ppassiunare, mpassiunare rifl.; pres. me ppassionu (mpassionu),… ni ppassiunamu, ecc.; p.


rem. me ppassiunài, ecc.; pp. ppassiunatu. Appassionarsi.

ppassiunatu agg. Appassionato; fortemente incline.

ppena, mpena cong. e avv. Appena, non appena: ppena me ite, se minte a rrìtere appena mi
vede, si mette a rìdere; mpena la ssapurài, me inne mmossa te stòmecu non appena la
assaggiai, mi venne nàusea di stomaco.

ppèndere, ppendìre tr.; pres. ppendu, ppiendi, ppende, ppendimu, ecc.; impf. ppendìa, ecc.;
p. rem. ppendìi (mpisi), ppendisti, ppendìu (mpise), ppendemmu (mpìsemu), ppendestu,
ppendèra (mpìsera) ; imper. ppiendi, ppenditi; pp. ppendutu (mpisu) . Appendere. [lat.
impendere].

ppèndere pe ccanna tr., in senso fig. Impiccare * rifl. Disperarsi, dannarsi al punto di volersi
impiccare: ccerte fiate me ene cu mme ppendu pe ccanna a volte mi viene voglia di
impiccarmi.

ppenduricare rifl.; pres. me ppendurìculu,… ni ppenduricamu, ecc.; p. rem. me ppenduricài,


ecc.; pp. ppenduricatu. Appendersi penzoloni, sospendersi. [da pendurìcula].

ppenduricatu agg. fig. Costretto a lunga attesa; a lungo indeciso, tentennante: ndùcimelu
stasira e nnu mme lassare ppenduricatu pòrtamelo questa sera e non mi tenere in sospeso.

ppesantìre tr.; pres. ppesantiscu,… ppesantimu, ecc.; p. rem. ppesantìi,… ppesantemmu, ecc.;
pp. ppesantutu. Appesantire.

ppetitu, appetitu sm. Appetito: buenu ppetitu e mmele e mmanna! buon appetito e buon pro
vi faccia!; sorta rande, bon'appetitu a ttie, ièu àggiu già mangiatu molte grazie, buon
appetito a te, io ho già mangiato.

ppianare tr.; pres. ppianu,… ppianamu, ecc.; p. rem. ppianài, ecc.; pp. ppianatu. Appianare,
livellare.

ppiendirrobbe sm. Gruccia di varie forme per tenervi appesi i vestiti.

101
P

ppiuppare (neol.) tr.; ppioppu,… ppiuppamu, ecc.; p. rem. ppiuppài, ecc.; pp. ppiuppatu.
Appioppare. V. ncuzzettare.

ppòppetu sm. Cafone, incivile, non evoluto socialmente, rustico, zotico: ppòppeti te paìse ni
chiàmanu li Leccesi màngia-cozze e sona-campane cafoni di paese ci chiamano i Leccesi
del capoluogo, detti, a loro volta, 'mangia-lumache' e 'sonatori di campane'; le caruse
ppòppete suntu cchiùi ngarbate te le citatine le ragazze non evolute di paese sono più
garbate delle signorine di citta. [dal lat. post oppidum, (abitante) fuori città].

ppostu agg. Opposto, dall'altra parte. [lat. oppos(i)tus].

pprautìre (lett.) tr.; pres. ppràutu,… pprautimu, ecc.; p. rem. pprautìi,… pprautemmu, ecc.;
pp. ppraututu (comunemente si dice 'bàttere le manu'. Applaudire.

pprettare tr.; pres. pprettu, pprietti, ppretta, pprettamu, ecc.; p. rem. pprettài, ecc.; pp.
pprettatu. Stringere, legare strettamente * rifl. Prepararsi in fretta, affrettarsi nel compiere
una azione e sbrigarsi.

pprettatu agg. Legato stretto; aderente: lu bustu me ae troppu pprettatu il busto mi va troppo
aderente.

ppruare tr.; pres. pprou, ppruèi, pproa, ppruamu, ecc.; p. rem. ppruài, ecc.; pp. ppruatu.
Approvare. [lat. adprobare].

pprufittare intr.; pres. pprufittu,… pprufittamu, ecc.; p. rem. pprufittài, ecc.; pp. pprufittatu.
Approfittare: li carusi ànu pprufittare te le sperènzie te li ecchi i giovani devono
approfittare delle esperienze dei vecchi; se nde pprufittàanu ca tenìa lu core buenu se ne
approfittavano perché era di buon cuore.

pprupiare rifl.; pres. me ppròpiu, te ppruèpi, se ppròpia, ni pprupiamu, ecc.; p. rem. me


pprupiài, ecc.; imper. ppròpiate, pprupiàtibu; pp. pprupiatu. Appropriarsi. [lat.
adpropriare].

pprussimatu agg. Approssimativo.

ppui, ppu ( ppu cacca! ) inter. di disgusto. Puah: cce ssape fiacca, ppui! che sapore schifoso,
puah!; ppu cacca, ninni, sputa! che schifo, nino, sputa! Indovinello: Ci lu iti, ppui, cc'e'
bbruttu, / ci lu ndueri, ppui, cce ffete, / ci lu pruèi, eccomu ete! / Nduina: cce bete? (la
forma di cacio).

ppùnfiti, ppùffiti, pùnfiti inter. Voce onom. che imita il tonfo di un corpo che cade nell'acqua.

ppuntamientu, ppuntamentu sm. Appuntamento. Un tale, troppo paziente e mansueto: alle


ottu sçìu allu ppuntamientu, se fìcera le noe e disse ntra te iδδu: “ci alle tèice nun à
benuta allu ppuntamientu, alle ùndici me nd'iàu” - e ddaveru alle tùtici te notte se nde

102
P

turnàu scurnatu e scurnusu a ccasa soa alle ore otto si recò all'appuntamento, si fecero le
nove e disse tra sé: “se alle dieci non sarà venuta all'appuntamento, alle undici me ne
vado” - e, difatti, a mezzanotte tornò a casa scornato e vergognoso.

ppuntare tr.; pres. ppuntu,… ppuntamu, ecc.; p. rem. ppuntài, ecc.; pp. ppuntatu * 1- Fissare,
rendere stabile: ppuntàra lu tamascu a llu parite fissarono il damasco alla parete * 2-
Abbottonare: ppùntate li càusi ca tieni la putèa perta abbottonati i calzoni, poiché hai la
brachetta aperta * 3- Stabilire; fissare un appuntamento: tici ca lu ppùntanu lu
matremòniu? dici che fisseranno il giorno del matrimonio?

ppuntatu agg. 1- Fermato, agganciato, abbottonato * sm. Appuntato dei carabinieri: nc'era lu
ppuntatu cu ddoi carbunieri c'era l'appuntato insieme con due carabinieri.

ppuntiδδare tr.; pres. ppuntiδδu,… ppuntiδδamu, ecc.; p. rem. ppuntiδδài, ecc.; pp.
ppuntiδδatu. Puntellare. [da puntieδδu].

ppuntiδδu, puntiδδu sm. Puntello. V. anche puntieδδu.

ppuntunare tr.; pres. ppuntunu,… ppuntunamu, ecc.; p. rem. ppuntunài, ecc.; pp.
ppuntunatu. Tendere un agguato e attendere uno; appartarsi in un canto. [da puntune].

ppurare tr.; pres. ppuru,… ppuramu, ecc.; p. rem. ppurài, ecc.; pp. ppuratu. Appurare. [sp.
apurar].
DE D. Ohimmè, quantu se nganna ci se crite / ca nu se ppura mai se faci male.

pracare (lett.) tr.; pres. pracu, prachi, praca, pracamu, ecc.; p. rem. pracài, ecc.; pp.
pracatu. Placare, calmare: e poi li iundi te lu mare se pracàra e infine i marosi si
calmarono. V. carmare.

pràcetu, pràcedu (lett.) agg. Placido, calmo, mite, tranquillo. [lat. placidus]. V. i più usati
carmu, cuietu, sotu.
DE D. De nanti mare e mare! fenca rria / la ista ete nnu spècchiu nnargentatu, / pràcetu,
sotu…

pranzu (neol.) sm. Pranzo, banchetto. [lat. prandium]. V. tàula, banchettu.

pràtanu sm. Platano, albero d'alto fusto e dall'ampia chioma, un tempo spontaneo nel
Salento. [lat. platanus].

pratèa sf. Platea di teatro. [lat. platea].

pràtinu sm. Platino. [dallo sp. plata, argento, > platina].

pràtteca sf. 1- Pratica, perizia: cu lla pràtteca soa a ppicca tiempu lu cconza con la sua
perizia in breve tempo lo ripara * detti: alla pràtteca se ite l'applicazione pratica dimostra

103
P

se la teoria è valida § la pràtteca ince la scènzia la pratica supera la teoria * 2- Esperienza


* detto: la pràtteca face l'omu nu lla scola l'esperienza di vita e non la scuola forma
l'uomo.
DE D. Ma intantu moi la pràtteca / de l'anni me cunsìglia / ca, se la uèi, cercàmula / sulu
ntru lla buttìglia;

prattecare tr. e intr.; pres. pràttecu, pràttechi, pràtteca, prattecamu, ecc.; p. rem. prattecài,
ecc.; pp. prattecatu * tr. Praticare, frequentare: ni cunviene cu ppràttecanu le ecine a loro
conviene praticare le vicine di casa; prima prattecàa le fere prima frequentava le fiere-
mercato * intr. Avere rapporti * prov. Dimme cu cci pràttechi ca te ticu te cce ppete
zzuèppechi dimmi con chi hai dimestichezza e ti dirò qual è il tuo lato debole.
Da c. p. Nu mbògghiu cchiùi cu ddonne prattecare / ca cu lle donne nu nci àggiu furtuna.

prattechezza sf. 1- Abilità manuale; competenza nel fare: cu lla prattechezza toa ete fàcile
con la tua abilità è facile * 2- Praticità: ièu suntu purtatu alla prattechezza te la vita io
sono portato alla praticità della vita.

pràttecu (pl. pràttechi) agg. 1- Pratico, abile, competente: nu ssuntu filu pràttechi non sono
competenti, non se ne intendono * modo di dire: tenìre pràttecu; nu ttenìre pràttecu
conoscere uno a fondo; conoscerlo poco * 2- Concreto, reale * sm. Esperto apicultore;
persona competente, che dà consigli sella cura degli apari. [lat. practicus].

pratu (neol.) sm. Prato di erbe foraggiere. [lat. pratum]. V. campu, fore.

preare , priare tr.; pres. prèu, prièi, prèa, preàmu (priamu), ecc.; impf. preàa (priàa), ecc.; p.
rem. preài (priài), ecc.; pp. preatu (priatu). Pregare, chiedere con cortesia e calore,
invocare * prov. Ci prea Diu e' besugnusu, ci prea lu tiàulu e' desperatu chi invoca Dio è
bisognevole d'aiuto, chi chiama il diavolo è disperato. [lat. precari].
DE D. La bellezza ca prea nu potte a nienti, / la bellezza ca prea ca pote a tuttu!

prebbe sf. Popolo basso, popolaccio. [lat. plebs plebis].

prebbèu sm. Tapino, uomo di umili condizioni sociali. [lat. plebeius].

precamuerti sm. Becchino.

precare1 tr.; pres. precu, priechi, preca, precamu, ecc.; impf. precàa, ecc.; p. rem. precài,
ecc.; pp. precatu. Pregare, chiedere favori e grazie: lu precàa cu lle làcrime all'ecchi lo
supplicava con le lacrime agli occhi; precati lu Signore cu bu llùmena pregate il Signore
che vi illumini. V. preare.

precare2 tr. Coprire di terra, seppellire, sotterrare: prima se lu spurpa l'essu e poi lu a' ppreca
prima spolpa l'osso e poi lo nasconde sotto terra; nna fiata precàanu li muerti ntru lle
chèsie anticamente seppellivano i defunti nelle chiese; moi li prècanu alli campusanti
adesso li sotterrano nei cimiteri; sçèra pprecàra le ruppinare andarono e coprirono di

104
P

terra le piante di lupini.


Da c. p. Ppuezzi murìre senza cunfessore, / fore alla chèsia cu biessi precatu!

precatu agg. Sepolto; coperto, nascosto di sotto: stìanu precati sutta alla pàgghia erano
nascosti sotto la paglia.

precauzione sf. Precauzione, cautela. [lat. praecautio -onis].

precepetare, precipitare (lett.) tr. e intr.; pres. precìpetu,… precepetamu (precipetamu), ecc.;
p. rem. precepetài (precipetài), ecc.; pp. precepetatu (precipetatu) * tr. Gettare giù;
scaraventare; mandare in rovina: ànu precipetati li siri loru intra alli uài hanno gettato i
loro genitori nei guai * rifl. Precipitarsi; intervenire prontamente: l'armata tùrchia se
precipetàu intra Utràntu l'armata turca si precipitò entro le mura di Otranto * intr. Cadere
e rovinarsi; cadere in rovina: statte ttentu ca ci precìpeti nu tte ccuegghi cchiùi stai attento
che se fallisci non ti rifarai più. [lat. praecipitare].

precepìziu sm. Precipizio, burrone; caduta rovinosa. [lat. praecipitium].


D’AM. e sutta a nu prefundu precepìziu / la braura se perde e lu giudiziu.

precettu sm. Precetto pasquale: me nd'àggiu scusçetata te lu precettu mi sono liberata


dell'obbligo del precetto pasquale. [lat. praeceptum].

prechiera, prechera sf. Preghiera: sçia' ddecimu le prechiere alla Matonna te la Luce
andiamo a recitare le preghiere di devozione alla Madonna della Luce; se spandìa nna
prechera comu nnu lamientu si diffondeva una preghiera come un lamento. [provenz.
preguiera].
DE D. De tutti essìu nu ritu de spamientu, / s'ausà de tutti na prechera a Diu!

precisare tr.; pres. precisu,… precisamu, ecc.; impf. precisàa, ecc.; p. rem. precisài, ecc.; pp.
precisatu. Precisare, mettere i puntini sugli i.

precisione sf. Precisione; precisazione: pe lla precisione te la cosa per la precisazione


dell'accaduto. [lat. praecisio -onis].

precisu agg. Preciso, esattamente corrispondente. [lat. praecisus].

precuecu (pl. precuechi) sm. Pesco. V. anche percuecu, mbrecuecu.

preferènzia, preferenza sf. Preferenza; predilezione.

preferìbbile agg. Preferibile.

preferire tr.; pres. preferiscu,… preferimu, ecc.; p. rem. preferìi,… preferemmu, ecc.; pp.
preferutu. Preferire, volere piuttosto. [lat. praeferre].

105
P

preferitu agg. Preferito, prediletto, il più caro, favorito.

prefettu, brefettu sm. Prefetto. [lat. praefectus].

prefettura, brefettura sf. Prefettura, la sede del governo provinciale del prefetto. [lat.
praefectura].

prèfica (pl. prèfiche) sf. Prefica, donna che, dietro compenso pattuito o con la speranza di un
favore, con pianti e lamenti e canti in onore del defunto, prendeva parte alla cerimonia
funebre, fingendo intima partecipazione al lutto familiare. [lat. praefica]. V. anche
rèputa.

prefundi sm. pl. Abissi del mare.

prefundu agg. Profondissimo: lu puzzu era prefundu e spamentusu il pozzo era assai
profondo e spaventoso * sm. Profondità, precipizio, burrone; fondo orrido: a llu prefundu
nu rria mancu la ista te l'ecchi al fondo del precipizio non arriva neppure lo sguardo; e
cci sape quantu ete cupu lu prefundu te la ora? e chi sa quanto è basso il fondo della
voragine? [lat. perfundus].
Da c. p. Nn'ura dici ca me ami e nn'ura none, / nn'ura me chiami alli celesti celi, / nn'ura
me mini alli prefundi scuri.

preggiare tr.; pres. prèggiu, ecc.; impf. preggiàa, ecc.; p. rem. preggiài ecc.; pp. preggiatu.
Decantare, vantare, pregiare, tenere in grande considerazione * rifl. Farsi garante. [dal
lecc. prèggiu].

preggiatu agg. Pregiato; preziosissimo; tenuto in gran conto.

preggiaturìa sf. Malleveria; impegno di garanzia.


Da c. p. Beδδa, ca ièu ulìa preggiaturìa / o veramente nna rande bbrecànzia;

prèggiu sm. Cosa preziosa garantita. V. pure prièggiu.

preggiune sf., preggiuni sf. pl. Prigione, carcere: la preggiune te San Frangiscu il carcere di
'San Francesco' * prov. Ci rrubba nn'aδδina ae a nguardina, ci rrubba migghiuni nu
ccanusce preggiuni chi ruba una gallina va in guardina, chi ruba milioni non conosce
prigioni. [dal lat. prehensio -onis].

preggiunìa, priggiunìa sf. Prigionia.

preggiunieru, priggiunieru sm. Prigioniero di guerra.


Da c. p. Ferma ca t'àggiu fatta preggiuniera / e nnu asu a mmie nu mme lu puèi nnecare.

prèite, prete (pl. prieti) sm. Prete, sacerdote: prèite spugghiatu spretato; missa a ttre prièti
messa celebrata da tre sacerdoti insieme * provv. Nun ete male ci càntanu li prieti non è

106
P

male se i preti cantano § Ttrete suntu li suttili: lu mònecu, lu prete e cci nu ttene fili tre
sono gli scaltri: il frate, il prete e colui che non ha figli. [lat. presbyter > prebyter,
napoletano pre(v)ite].

prelebbatu (lett.) agg. Prelibato. [lat. praelibatus]. V. sapuritu.

prematìu (pl. prematèi) agg. Primaticcio, precoce, che matura in anticipo; prematuro: erze
prematèi verze primaticce; la nnata sta‟ bene prematìa l'annata si presenta precoce *
detto: ci nasce prematìu quistu ccappa chi nasce prima va incontro a questo: che
invecchia prima e muore prima. [lat. primiti(v)us].

premèra sf. Primiera, passatella a carte da gioco. [dal fr. premier].

prèmere, premìre intr. impers.; pres. me nde preme; impf. me nde premìa; p. rem. me nde
premìu; pp. premutu * 1- Importare: a ttutti li cristiani ni nde preme cu nc'essa pace e
nnu uerra allu mundu a tutti gli uomini importa che ci sia pace e non guerra nel mondo *
2- in frasi negative. Non interessare, non importare; infischiarsene: nu tte nde premìu te la
strappina soa te ne infischiasti della sua brutta progenie; alli parienti mei nu nni nde
preme nienti te ccenca ffaciti ai miei parenti non interessa alcunché di ciò che voi fate; nu
mme nde preme nnu tursu non mi importa un fusto secco, un fico * intr. pers.; me nde
premu, te nde priemi, se nde preme, ni nde premimu, bu nde premiti, se nde prèmenu;
impf. me nde premìa,… ni nde premìamu, ecc.; p. rem. me nde premìi,… ni nde
prememmu, ecc.; imper. prèmitende, premìtibunde; pp. premutu. Dàrsene pensiero,
curàrsene; interessàrsene: ssì ca ui bu nde premìu te la gente sì che voi vi curavate del
giudizio della gente; se nde premera te la sorte mia? si diedero pensiero della mia sorte?;
nu tte nd'à' mmai prèmere (nu tte nde premìre) te le nzummeδδuse non curarti mai delle
seminatrici di discordia. [lat. premere]

premiare tr.; pres. prèmiu, ecc.; impf. premiàa, ecc.; p. rem. premiài, ecc.; pp. premiatu.
Premiare. [lat. praemiare].

premiazione sf. Premiazione.

prèmiu sm. Premio, ricompensa. [lat. praemium].

premura sf. 1- Premura, sollecitudine * 2- Fretta, urgenza.

premurare intr. rifl.; pres. me premuru,… ni premuramu, ecc.; p. rem. me premurài, ecc.; pp.
premuratu. Premurarsi.

premurosu agg. Premuroso, cordialmente sollecito.

prena agg. f. Gravida, incinta. [lat. plena, l>r; it. pre(g)na].

107
P

Filastrocca: Pa pa, pa pa, / te mare sçiamu, / te mare enimu, / te perle d'oru / binchiate
sçiamu. / La marchesa nòscia à rrumasta prena: / gne donna te lu fièu cu pporta strena.

prenàriu agg. Plenario, totale: cunsìgliu prenàriu consiglio generale; ndurgènzie prenàrie
indulgenze plenarie. [dal lat. plenarius].

prencepiante (lett.) sm. e f. Principiante, apprendista ai primi approcci con il mestiere. V.


tescìpulu.

prencipiare (lett.) tr.; pres. prencìpiu, ecc.; impf. prencipiàa, ecc.; p. rem. prencipiài, ecc.;
pp. prencipiatu. Principiare, incominciare. [da prencìpiu]. V. ncignare.

prencìpiu sm. Principio, inizio. [dal lat. principium].


Da c. p. Quandu sapìi ca màmmata nu mbole, / nu tt'issi fatta de prencìpiu amare!

prenulusu agg. Bramoso, voglioso; pieno di desideri come una donna incita.

preoccupante avv. Preoccupante.

preoccupare tr. e rifl.; pres. preòccupu,… preoccupamu, ecc.; p. rem. preoccupài, ecc.; pp.
preoccupatu. Provocare ansia; preoccuparsi.

preoccupazione sf. Preoccupazione, apprensione: δδ'omu miu me dae mute preoccupazioni


quel marito mio mi dà molte preoccupazioni. [lat. praeoccupatio -onis].

preparare tr.; pres. preparu,… preparamu, ecc.; p. rem. preparài, ecc.; pp. preparatu.
Preparare, approntare. [lat. praeparare].
Da c. p. dinni cu ccurra e cu sse rrància, / mo' a' sçi' ddire allu rre de Frància / cu
pprepara li soi surdati / ca li mei su' ppreparati.

preparativu sm. Preparativo.

preparatu agg. 1- Approntato e disponibile * 2- Pronto, deciso, disposto, propenso * 3-


Rassegnato.

preparazione sf. Preparazione, allestimento. [lat. praeparatio -onis].

prepòsitu sm. Preposto, direttore di collegio. [lat. praepos(i)tus].

preposta sf. Proposta. V. pruposta.

preputente (pl. preputienti) agg. Prepotente, soverchiatore. [lat. praepotens -entis].

presa sf. Presa, l'atto del prendere. V. anche pigghiata.

presçiantaru sm. Allegrone, buontempone, giovialone, mattacchione.


108
P

presçiare intr. rifl. e tr.; pres. me prèsçiu, te priesçi, se prèsçia, ecc.; impf. me presçiàa, ecc.;
p. rem. me presçiài, ecc.; pp. presçiatu * intr. rifl. Rallegrarsi, gioire: se presçiàra mutu
quandu sìppera la noa te la benefezziata si rallegrarono molto quando vennero a
conoscere la notizia della vincita; strei, presçiàtiu ca la mamma òscia à ssanata ragazzi,
gioite, vostra madre è guarita; nu tte presçiare, nu à‟ intu ncora! non ti rallegrare, non hai
ancora vinto!; sì, prèsçiate, fessa miu! non gioire invano, stupido, la cosa è andata male! *
tr. Gradire: e comu se la presçiàu la strina! e quanto gradì la strenna!; ièu me la presçiàa
nna fìgghia ngarbata comu la toa io la gradirei una figliola a modo come la tua. [lat.
pretiare, it. pregiare, g>sç].

presçiatu agg. Contento, allegro.

prèsçiu sm. Allegria, gioia. V. prièsçiu.

presedente, presitente sm. Presidente. [lat. praesidens -entis].

presentàbbile agg. Presentabile: nun ete presentàbbile cu sta esta zinzulusa non è
presentabile con indosso questa veste sbrindellata.

presentare tr.; pres. presentu, presienti, presenta, presentamu, ecc.; impf. presentàa, ecc.; p.
rem. presentài, ecc.; pp. presentatu. Presentare: me presentàu màmmasa e sirsa mi
presentò sua madre e suo padre * rifl. Mostrarsi in pubblico; comparire: se presentàra cu
lla facce tinta te niurufumu si mostrarono con il viso tinto di fuliggine; all'ecchi soi se
presenta nnu toru furiusu ai suoi occhi compare un toro infuriato. [lat. praesentare].

presentazione sf. Presentazione.

presente (pl. presienti) agg. Presente * sm. Regalo, dono, offerta in omaggio. [lat. praesens -
entis].

presentimientu, presentimentu sm. Presentimento.

presenza sf. Presenza: sentìa la presenza te quarchetunu rretu alle spaδδe avvertivo la
presenza di qualcuno dietro le spalle * fig. Aspetto fisico, prestanza: stu carusu ete
ntellisçente ma ni manca la presenza questo giovane è intelligente ma gli manca la
prestanza fisica. [lat. praesentia].

presèpiu sm. Presepio, apparato che rappresenta la nascita di Gesù Bambino. [lat.
praesepium, mangiatoia].
DE D. Passàu δδu tiempu quandu piccinnieδδu / ogne annu lu presèpiu me ccunzàa!

preservativu sm. Preservativo profilattico antivenereo.

Presicce geogr. Presicce. Agli abitanti di questo paese veniva rivolto l'epiteto di 'mascarari',
mascheratori].

109
P

prèsite sm. Preside, il capo di una scuola superiore.

pressa1 sf. Fretta: la pressa te la celona làssala a ccasa la fretta (ironico) della tartaruga
mettila da parte e sbrigati sul serio * prov. La pressa face nàscere li musciceδδi cecati la
fretta fa nascere i gattini cechi * te pressa mpressa loc. avv. In fretta in fretta. [dal lecc.
pressa(re)].

pressa2 sf. Pressa, torchio.

pressare tr.; pres. pressu, priessi, pressa, pressamu, ecc.; p. rem. pressài, ecc.; pp. pressatu *
1- Pressare, pigiare * 2- Pressare, sollecitare. [lat. pressare].

prestare v. mprestare.

prestezza sf. Celerità, prontezza; sveltezza: aìi bìtere cce prestezza te manu tenìa avresti
dovuto vedere che sveltezza di mani aveva.

prestisçiatore, prestiggiatore sm. Prestigiatore. [lat. praestigiator -oris].

prestìsçiu, prestìggiu (neol.) sm. Prestigio morale: ci ai cu cquiδδiδδai pierdi te prestìsçiu se


pratichi quelli lì, perdi di prestigio personale. [lat. praestigium, nota g>sç].

prèstitu sm. Prestito. [lat. praestitum].

prestu avv. Presto: prestu o tardu a cquài à benìre o presto o tardi qua dovrà venire; me
cretìa ca era cchiù' pprestu credevo fosse più presto * prov. Cuzzìulu ruessu cchiù'
pprestu se cazza conchiglia grossa più presto si rompe * (lett.) agg. Pronto.

presuntusu, presuntosu agg. Presuntuoso. [lat. praesumptuosus].

presuttu sm. Prosciutto * fig. Batosta, danno, contrarietà: màngiate stu presuttu pìgliati
questa tegola in testa.

pretàgghia sf. Pretaglia.

prete sm. Prete. V. prèite.

prèteca sf. 1- Predica, discorso tenuto in chiesa da un ecclesiastico * 2- Serie di rimproveri,


ramanzina * prov. Prèteche e meluni òlenu loru staggiuni prediche e meloni richiedono le
loro stagioni, devono essere tempestivi.

pretecare tr. e intr.; prètecu, priètechi, prèteca, pretecamu, ecc.; p. rem. pretecài, ecc.; pp.
pretecatu * tr. Predicare, spiegare in pubblico: pretecàa la carità te l'omu e lla pruetènzia
te Diu predicava la carità dell'uomo e la provvidenza di Dio * intr. Parlare con verbosità:
pretecati ui, ca nui ni uδδamu le rìcchie predicate voi, che noi ci otturiamo le orecchie *

110
P

detti: pretecare allu ientu, alle musçhe parlare invano, come rivolgersi al vendo, alle
mosche § prèteca tie, pretecatore, ca nci pierdi le palore è inutile che ti sgoli, nessuno ti
dà retta § decìa papa Caliazzu: facìti quiδδu ci prètecu, nu cquiδδu ci fazzu consigliava
don Galeazzo: fate ciò che vi dico e non seguite il mio esempio. [lat. praedicare].

pretecatore sm. Predicatore. [dal lat. praedicator -oris].

pretendente (pl. pretendienti) sm. e f. Pretendente, esigente, intransigente.

pretèndere, pretendìre tr.; pres. pretendu, pretiendi, pretende, pretendimu, ecc.; p. rem.
pretendìi (pretesi), pretendisti, pretendìu (pretese), pretendemmu (pretèsemu),
pretendestu, pretendèra (pretèsera) ; pp. pretendutu (pretesu) * 1- Pretendere, esigere:
troppu pretendìanu pretendevano troppo; te tie nun àggiu pretesu mai nienti da te non ho
preteso mai alcunché * 2- Desiderare ardentemente; aspirare alla mano di una donna;
volere caparbiamente come coniuge: lu miu fflittu core te pretende il mio cuore afflitto ti
brama; la Vveuzza se ffranca cu ppretende lu Cìcciu miu è del tutto inutile che Genoveffa
aspiri al mio Francesco. [lat. praetendere].
Da c. p. Bruttu sciancatu, cerca cu lla spicci: / nu tte uantare ca pretiendi a mmie.

pretesa sf. Pretesa.

pretestu sm. Pretesto; scusa. [dal lat. praetextus].

preticeδδu sm. Seminarista. [dim. del lecc. prete].

pretore sm. Pretore. [lat. praetor -oris].

pretura sf. La sede del pretore. [dal lat. praetura].

prèula sf. Pianta di vite che viene messa a dimora nell'ortale della casa di abitazione, si
arrampica sulla pergola e produce uva da tavola. [lat. per(g)ula, con metatesi di er].

preulitu, preulatu sm. Pergola, pergolato, ampia impalcatura a sostegno di piante rampicanti
di viti, le quali in estate spandono una gradevole ombra. [da prèula].

preulite sf. Pleurite. [lat. pleuritis].

preziosu agg. Prezioso. [lat. praetiosus].

prezzu, priezzu (pl. prezzi, priezzi) sm. Prezzo. [lat. pretium].

priare v. preare.

prièggiu, prèggiu sm. Pregio, oggetto di grande considerazione: tieni nna fìgghia ca ete nnu
prièggiu hai una figlia che è un tesoro, un vero pregio.

111
P

priemu, prèmiu sm. Premio. [dal lat. praemium].

prièsçiu, prèsçiu sm. Gioia, intima soddisfazione; allegria: me sentu nnu prièsçiu ntra llu
core provo una gioia nel cuore * prov. Pe lli prièsçi a ffiate se pèrdenu li riesçi per le
gioie frequenti a volte muta il buon andamento della famiglia. [dal lecc. presçiare].

prima avv. 1- Prima, un tempo, una volta, nel passato: prima li ntanati nesci campàanu
superchiu te menu nei tempi passati i nostri avi vivevano parecchio meno; prima Gèsu
Cristu camenàa pe tterra una volta, tanto tempo fa, Gesù Cristo camminava per terra *
prov. Nu bu scerrati mai cce ièru prima non dimenticate mai quel che eravate prima * 2-
Prima, più presto: ièu egnu prima te tie io vengo prima di te; aìssi rriatu prima! perché
non sei arrivato più presto? * provv. Ci ince prima, caca poi la farina colui che vince
all'inizio, successivamente perde tutto § Ci prima rria, prima llòggia chi più presto arriva,
più presto prende alloggio § Pènzanci prima, cu nnu tte pienti dopu pòndera bene prima
la cosa, affinché non debba pentirti dopo * cong. Prima che, prima di: prima cu scurisca
fatte bìtere prima che annotti, fatti vedere; prima tte ssietti a ntàula, llàate le manu prima
di sedere a tavola, lavati le mani * agg. indecl. Primo: lu prima ci parla nde lu càcciu il
primo che apre bocca lo mando via: quisti suntu li prima sordi uatagnati questi sono i
primi denari guadagnati; le prima cerase le purtài alla patruna le prime ciliege le recài
alla padrona * detto: lu prima amore ne sse scerra mai il primo amore non si scorda mai.
[lat. prima].

primalura sf. Primìpara, sia donna che bestia al primo parto.

primavera, primaèra sf. Primavera * prov. Primaèra tardiceδδa nu ffose mai puereδδa
primavera alquanto tardiva non fu mai poverella. [lat. primo vere].
Da c. p. A primaèra, alla bona staggione, / l'ecchi se ncòntranu, scarfa lu sangu, /
pèrdenu li cervieδδi la raggione…
DE D. O primavera, … / A mpiettu all'animali dai l'amore, / fenca lu erme se sente
sciuδδecare;

prìmesi agg. pl. indecl. Primi, primieri: le prìmesi caruse scòcchianu pe prìmesi le prime
signorine sceglieranno per prime; nui facìmu ccenca ffàcenu li prìmesi noi facciamo ciò
che fanno i primieri * in prìmesi avv. per prima cosa, dapprima; in primo luogo;
principalmente: in prìmesi essiti te casa mia per prima cosa uscite da casa mia. [dal lat.
primis].
DE D. mih, basta, basta! Biati li prìmesi!
BOZZI biati li prìmesi, è scrittu.

primu agg. Primo: quistu ete lu primu cristianu e cquista la prima cristiana ca sta‟ ppàssanu
costui è il primo uomo e costei è la prima donna che stanno passando; le prime fiate me
nde scurnàa le prime volte mi vergognavo; li primi giurni te lu primu mese i primi giorni
del primo mese; sta‟ rrìanu li primi friddi arrivano i primi freddi. [lat. primus].

112
P

principale agg. Principale, il più importante: la raggione principale era ca nu nni piacìa lu
stùtiu la ragione principale era che lo studio non gli piaceva * sm. e f. Il padrone o la
padrona di negozio; il responsabile commerciale: chiama lu principale ca nc'ete nnu
parianu chiama il principale, che c'è un cliente affezionato; moi ci ene la principale, te
face lu cuntu ora che viene la padrona, ti fa il conto. [lat. principalis].

prìncipe sm. Principe. [dal lat. princeps -icis].

principessa sf. Principessa, ognuna delle figlie del re.

principinu sm. Principino, il piccolo figlio del re.

princìpiu sm. Principio, inizio. [dal lat. principium]. V. prencìpiu.

prinzu
prinzu sm. Scrìcciolo, detto anche forasiepe, uccellino di colore bruno con strisce più scure,
becco molto appuntito e coda sempre eretta; è comune nelle siepi.

priore sm. Priore, il capo di una confraternita religiosa. [lat. prior -oris].

priulinu sm. Violino: unu sunàa lu priulinu e nn'àutru lu mandurlinu uno sonava il violino e
l'altro il mandolino. [dal suono onom. pr…pr dello strumento]. V. anche piulinu e
viulinu.

privare (lett.) tr.; pres. privu,… privamu, ecc.; p. rem. privài, ecc.; pp. privatu. Privare,
sottrarre; tenere privo, far mancare: privàu la fìgghia te lu piacere cu bàsçia allu tiatru
privò la figlia del piacere di andare a teatro; cràzzia a Diu, li fili nu mme prìvanu te nienti
grazie a Dio, i figli non mi fanno mancare niente. V. pure lliare.

privatu agg. Privato, strettamente personale: le facende private toi nu mme nteressnu le tue
faccende private non mi interessavano * Lu luecu privatu sm. Il cesso. [dal lat. privatus].

privazione sf. Privazione, mancanza del necessario: le privazioni l'ànu ndebbuluta δδa
pereδδa le privazioni hanno indebolito quella poveretta. [lat. privatio -onis].

113
P

privileggiare tr.; pres. privilèggiu, privilieggi, privilèggia, ecc.; p. rem. privileggiài, ecc.; pp.
privileggiatu. Privilegiare: a ffiate lu Signore privilèggia li cerniientu e lli trestìzia a volte
il Signore privilegia gli sconclusionati e i cattivi.

privileggiatu agg. Privilegiato; favoritissimo.

privilèggiu sm. Privilegio, onore speciale, favore particolare * detto: li dritti a ttutti, li
privileggi a nnisciunu i diritti a tutti, i privilegi e le particolarità a nessuno. [lat.
privilegium].

privu agg. Privo, esente. [lat. privus].

Prìziu pers. Brizio.

proa, prova sf. Prova; saggio: ògghiu la proa ca quiδδu ci à' tittu ete veru esigo la prova che
ciò che hai detto è la verità; lu sartore crai me face la proa te la giacchetta il sarto
domani mi farà la prova della giacca confezionata; te dau la prova te ccenca sàcciu fare ti
offro la prova di ciò che so fare * modo di dire: fare la proa permèttersi. [da prua(re)].
DE D. se sape certu ca nna cosa noa / nu rresce tantu bona misa a proa.

pròpriu, pròpiu, propu avv. Proprio, veramente: sta‟ ddice pròpriu nna fessarìa dice proprio
una sciocchezza; era pròpiu nna bella stria era una ragazza veramente bella; propu moi
aìa cchiòere! proprio adesso doveva piovere!; propu propu mutu nu mme sta‟ ccoδδa in
verità non ho troppa voglia. [dal lat. proprius].

proscioglimentu sm. Liberazione dall'obbligo scolastico dopo la frequenza della classe 3Ş


elementare: à ppassatu e à butu lu proscioglimentu è stato promosso agli esami di 3Ş ed
ha conseguito l'attestato di proscioglimento.

prosu sm. fig. Vulva. [dal gr. pròso, il davanti].

protunguànguaru, protunguàngaru sm. Soprintendente.

pròula sf. Provola, formaggio tipico fatto con latte di mucca in forme oblunghe: pròula tuce,
pròula piccante provola dolce, provola piccante.

pruare tr.; pres. prou, pruèi, proa, pruamu, ecc.; impf. pruàa,…pruaàmu, ecc.; p. rem. pruài,
ecc.; imper. proa, pruati; pp. pruatu * 1- Provare, dare prova, fare la prova, mettere alla
prova: pruàanu ci aprìanu senza chiài provavano ad aprire senza la chiave; se pruàu lu
cappieδδu te sirsa ma ni sçìa largu si provò il cappello di suo padre ma gli andò largo *
2- Assaggiare, assaporare: pròalu ci ete salatu o dessapìtu assaggialo e dimmi se è salato
oppure insipido. [lat. probare].

prubbàbbile agg. Probabile. [lat. probabilis] .

114
P

prubbabbilità sf. Probabilità. [lat. probabilitas -atis].

prubbabbirmente (neol.) avv. Probabilmente. V. forsi e pure matonna ca.

prùbbeca sf. Moneta borbonica del valore di tre centesimi * prov. A llu pezzente nna
prùbbeca ni pare nnu tucatu al misero una 'pubblica' sembra un ducato. [dall'iscrizione
PUBBLICA COMMODITAS incisa sulla moneta).

prubbecare tr.; pres. prùbbecu, prùbbechi, prùbbeca, prubbecamu, ecc. ; p. rem. prubbecài,
ecc.; pp. prubbecatu. Pubblicare; diffondere una notizia anche a voce. [dal lat. publicare].

prubbecazioni sf. pl. Pubblicazioni di matrimonio affisse all'albo del municipio e a quello
della parrocchia. [lat. publicatio -onis].

prùbbecu (pl. prùbbechi) agg. Pubblico, dei cittadini, della comunità: durmetòriu prùbbecu
dormitorio pubblico; suntu pruetà prùbbeche sono proprietà pubbliche * sm. Pubblico,
gente: lu sìndecu parlàu allu prùbbecu te Lecce il sindaco parlò al pubblico di Lecce. [lat.
publicus].

prubbrema sm. Problema. V. pubbrema.

prubbricista sm. Giornalista che periodicamente scrive sul giornale.

Prucènziu sm. Fulgenzio, convento dei Frati Minori e attigua chiesa di S. Antonio in Lecce;
rione della città di Lecce: mònecu te Prucènziu frate francescano del convento di
Fulgenzio; àbbeta a mmera Prucènziu abita dalle parti di Fungenzio.

prucessare tr.; pres. prucessu,… prucessamu, ecc.; p. rem. prucessài, ecc.; pp. prucessatu.
Processare.

prucessione, purgessione sf. Processione: squasata secutàa la prucessione scalza seguiva la


processione.

prucessu sm. Processo; procedimento giudiziario * modo di dire: spicciare sutta prucessu
essere citato in giudizio.

prucètere, prucetìre intr.; pres. prucetu,… prucetimu, ecc.; p. rem. prucetìi,… prucetemmu,
ecc.; pp. prucetutu. Procedere; avanzare * sm. Modo di vivere, comportamento: lu
prucètere tou nu mme piazze il tuo modo di comportarsi non mi piacque.

prucetimentu sm. Procedimento.

Prucinella, burginella sm. 1- Pulcinella, la nota maschera napoletana * 2- fig. sm. e f.


Persona poco seria, senza personalità; buffone; voltagabbana * 3 sf. Gruccia per
appendervi i vestiti.

115
P

prucressista sm. Progressista, fautore di riforme sociali ed economiche: a llu cunsìgliu


cumunale li prucressisti stanu a mmenuranza al consiglio comunale i progressisti sono in
minoranza.

prucressu sm. Progresso. [lat. progressus].

prucura sf. 1- Procura, delega di rappresetanza: prucura te nutaru delega notarile * 2-


L'Ufficio governativo della magistratura.

prucurare tr.; pres. prucuru,… prucuramu, ecc.; p. rem. prucurài, ecc.; pp. prucuratu.
Procurare; riuscire ad avere, riuscire a dare. V. pure precurare e truare.

prucuratore sm. Procuratore, funzionario pubblico di alto livello. [dal lat. procurator -oris].

prude tte fazza inter. di augurio. Buon pro ti faccia! [ prude dal lat. prodest, tte fazza dall'it .
ti faccia].

pruebbìre tr.; pres. pruebbiscu,… pruebbimu, ecc.; p. rem. pruebbìi,… pruebbemmu, ecc.;
pp. pruebbutu. Proibire, vietare: n'àggiu pruebbutu cu bessa sula la sira le ho proibito di
uscire sola di sera. [lat. prohibere].

pruebbitu agg. 1- Proibito, vietato * 2- Impedito, ostacolato: te st'amore ièu su' pruebbita
circa questa relazione amorosa io sono ostacolata. [lat. prohibitus].
DE D. -Uhèi, ni disse, se mangiamu / quistu fruttu pruebitu, / a Diu sìmili ddentamu-

pruèrbiu, pruverbiu sm. Proverbio: li pruerbi te li ntichi nu scàrranu i proverbi degli antichi
non sbagliano. [lat. proverbium].
DE D. è pruèrbiu saputu ca ale cchiùi / nnu tristu ncordu cca na bona lite.

pruesione sf. Provvigione, assegno periodico. [lat. provisio -onis].

pruetàru, prupetàriu sm. Proprietario. V. anche pruprietàriu.

pruetate, pruetà sf. Proprietà, l'insieme dei beni patrimoniali. [lat. proprietas -atis].

pruetènzia sf. 1- Provvidenza divina: ci sape a ddu mera cala la pruetènzia te lu Signore
chissà dove calerà la provvidenza di Dio * 2- Provviste alimentari per la casa: pe cquannu
la pruetènzia nu nni manca per quest'anno le provviste non ci mancano. Il marito
fannullone domanda e la moglie risponde: -Cce mmangiamu osçe, mugghiere mia? che
cosa mangiamo oggi, moglie mia? -La pruetènzia te Diu cotta all'ampa! la provvidenza di
Dio cucinata alla vampa!

pruètere, pruìtere, pruetìre tr. e intr.; pres. pruetu (pruetiscu),… pruetimu, ecc.; p. rem.
pruetìi,… pruetemmu, ecc.; cong. pres. pruìa, pruìanu (pruetisca, pruetìscanu) ; pp.
pruetutu. 1- Provvedere, procurare: le cose te mangiare le pruetiti ui voi procurerete le

116
P

cibarie; lu fìgghiu riccu pruetìa alli siri soi il figlio ricco provvedeva ai suoi genitori * 2-
Appagare per grazia; disporre mediante la provvidenza; intervenire a favore: Santu
Ronzu, Santu Giustu e Santu Furtunatu ànu sempre pruetuta la cità te Lecce S. Oronzo,
S. Giusto e S. Fortunato hanno sempre protetto e aiutato la città di Lecce; la Matonna me
pruetìu e moi stau cuntenta la Madonna mi sovvenne ed ora sono contenta * provv. Ci te
ite te pruetisce, ci te tene te mantene chi ti osserva ti aiuta provvisoriamente, chi ti tiene
presso di sé ti mantiene in vita § Quandu lu Patreternu ole cu tte pruìa, nu nni manca
motu e ìa quando il Padreterno desidera farti una grazia non gli manca né il modo né la
via e il mezzo. * detti: Diu ite e pruite Dio vede e provvede § lu Signore cu tte pruìa il
Signore provveda a te § lu Signore pruete e lli santi carrìscianu il Signore Iddio provvede
e i santi recano agli uomini le provvidenze § la Matonna te le Ràzzie pruìa alli spruetuti
la Madonna delle Grazie provveda agli sprovvisti bisognosi. [da un incr. tra lat. providere
e lecc. ìtere ed etìre].

pruetutu agg. Favorito dalla fortuna * sm. Benestante, che vive di rendita * detto: Signore,
prueti alli pruetuti, ca li spruetuti stanu mparati Signore, provvedi ai benestanti, in
quanto che gli sfavoriti dalla fortuna sono abituati (così si auguravano i ricchi!).

prufanare (lett.) tr.; pres. prufanu,… prufanamu, ecc.; p. rem. prufanài, ecc.; pp. prufanatu.
Profanare.

prufanu agg. Profano, inesperto. [dal lat. profanus] .

prufenda sf. 1- Pasto giornaliero; provvigione di cibo bastevole per breve tempo: allu
sulachianiellu à' ddare paca e pprufenda al ciabattino devi dare paga e pasto giornaliero
* 2- Razione di foraggio agli animali da stalla. [lat. praebenda, lat. med. provenda incr.
con lat. proferenda].
Da c. p. Chiange lu ciucciarieδδu quandu ràgghia, / rite quandu ni puerti la prufenda.

prufessione (neol.) sf. Professione, attività intellettuale. [lat. professio -onis]. V. i più usati
arte, mestieri.

prufessore sm. Professore, insegnante di scuola superiore. [lat. professor -oris].


DE D. se nu picca mancàa lu prufessore, / facìamu comu tanti scatenati;

prufeta (lett.) sm. Profeta; indovino. [lat. propheta]. V. masçiaru.

prufezìa sf. Predizione. [lat. prophetìa].

prufilu sm. Profilo del volto umano: gìrate cu tte ìsçiu lu prufilu vòltati affinché veda il tuo
profilo.

prufittare v. pprufittare.

117
P

prufittu sm. Profitto, guadagno; grado di apprendimento a scuola: 8 allu prufittu e 6 alla
cundotta 8 in profitto e 6 in condotta. [fr. profit].

prufumare (neol.) tr. e intr.; pres. prufumu,… prufumamu, ecc.; p. rem. prufumài, ecc.; pp.
prufumatu. Profumare; odorare. [da prufumu]. V. pure ndurare.

prufumarìa sf. Profumeria, negozio di profumi.

prufumatu agg. Profumato; odoroso, olezzante.

prufumu (neol.) sm. Profumo, odore gradevole; sostanza liquida profumata. V. anche ndore.

pruggettare (neol.) tr.; prers. pruggettu,… pruggettamu, ecc.; p. rem. pruggettài, ecc.; pp.
pruggettatu. Progettare; macchinare. [fr. projeter]. V. fare, cumbenare.

pruggettu (neol.) sm. Progetto; macchinazione. [fr. projet]. V. pianu.

prugramma, prucramma (lett.) sm. Programma. V. pianu.

prugrammare, prucrammare tr.; pres. prugrammu,… prugrammamu, ecc.; p. rem.


prugrammài, ecc.; pp. prugrammatu. Programmare. V. fare, cumbenare.

pruìna sf. Pruìna, velo ceroso o lieve peluria che ricopre alcuni frutti. [lat. pruina]. V. anche
pòndeca.

pruìncia, pruvìncia sf. Provincia.

pruinciale, pruvinciale agg. Provinciale. [lat. provincialis].

pruisòriu, pruvvisòriu agg. Provvisorio. [lat. med . provisorius].

pruista, pruvvista sf. Provvista.

pruiste sf. pl. Provviste di cibarie; vettovaglie.

pruletàriu (lett.) sm. Proletario, lavoratore privo di beni petrimoniali; persona del popolo
minuto. [lat. proletarius]. V. manìpulu, sçiurnatieri.

prulunga (neol.) sf. Prolunga. [fr. prolonge<i/>]. V. sçiunta.

pruma sf. 1- Piuma: prume te aceδδu piume di uccello; nna spilla d'argentu a ffurma te
pruma una spilla d'argento a forma di piuma * 2- Lolla, loppa: la pruma se ficca ntra llu
nasu la lolla si insinua nel naso. [lat. pluma, nota l>r].

prumeδδa sf. 1- Penna di uccello senza nervatura: cuscinu te prumeδδe cuscino di piume *
2- Pioggia di bràttee o di sèpali: la ronda ete ianca te prumeδδe l'aia ripulita sotto l'albero

118
P

è imbiancata di uno strato di bràttee * 3- Peluria che ricopre i frutti e le foglie di alcune
piante. [dim. di pruma].

prumessa sf. 1- Promessa, impegno: le prumesse tocca cu sse mantègnanu le promesse


devono essere mantenute * 2- Promessa di matrimonio: li ziti osçe danu la prumessa i
fidanzati oggi si scambiano promessa di matrimonio. [lat. promissa]. V. pure mprumisa
ed anche parlamientu.

prumesta, prunesta agg. f. Qualità di uva tardiva con buccia dura e di colore violaceo. [dal
lat. (vitis) bumasta, it. ant. brumesta].

prumettare intr.; pres. prumettu, prumietti, prumetta, prumettamu, ecc.; impf. prumettàa,
ecc.; p. rem. prumettài, ecc.; pp. prumettatu. Sbocciare, lo schiudersi delle gemme e il
conseguente cadere dei bocciolini o mìgnoli: le meδδe sta‟ prumèttanu le nespole
nostrane lasciano cadere le bràttee. [dal lecc. pruma].

prumèttere, prumettìre (neol.) tr.; pres. prumettu, prumietti, prumette, prumettimu, ecc.;
impf. prumettìa, ecc.; p. rem. prumettìi (prumisi), prumettisti, prumettìu (prumise),
prumettemmu (prumìsemu), prumettestu, prumettèra (prumìsera) ; pp. prumettutu
(prumisu) . Promettere: prumettìanu mari e monti promettevano mari e monti * modo di
dire: prumèttere certu e mancare securu non mantenere le promesse * prov. A Santi nu
pprumettìre curuna, a strei nu pprumettìre cuδδura ai santi non promettere mazzi di fiori,
a ragazzi non promettere focaccine. V. anche mprumìntere.

prumettu sm. Alberello di prugne, pruno.

prummitoru sm. Pomodoro, sia la pianta, diffusamente coltivata, e sia il frutto,


abbondantemente consumato: petecinu, scorsa, purpa, semente, sarsa te prummitoru
pedicillo, buccia, polpa, semini, salsa di pomodoro; prummitori a ssalata pomodori in
insalata; prummitori sçattarisçiati pomodori cotti nell'olio caldo ma non bollente;
prummitori sçiàleni o gialli te mpisa pomodori gialli da conservare appesi; li prummitori
purpusi suntu la carne te li puerieδδi i pomodori polposi costituiscono la carne per i
poverelli. [dal lat. pomum incr. con lecc. brumu>prumu te oru].

prumossu agg. Promosso, passato alla classe successiva.

prumu sm. 1- Pomo, qualsiasi frutto globoso e carnoso * 2- Mela. [da un incr. tra lat. pomum
e prunus].
Da c. p. Lùcenu l'uecchi toi, nnu veru lampu, / mmienzu a llu piettu do' prumi d'argentu.

prumuzione sf. Promozione: à buta la prumuzione a capetanu ha ottenuto la promozione al


grado di capitano.

pruntezza sf. Prontezza e destrezza. [da prontu].

119
P

pruntìssemu agg. superlativo. Prontissimo; assai lesto.

prunu sm. Prugno, susino. [lat. prunus]. V. anche brumu.

prupònere, prupunìre tr.; pres. pruponu, prupueni, prupone, prupunimu, ecc.; p. rem.
prupunìi (pruposi), prupunisti, prupunìu (prupose), prupunemmu (prupòsemu),
prupunestu, prupunèra (prupòsera) ; pp. prupunutu (prupostu) . Proporre; suggerire di
fare * prov. L'omu prupone e Diu tispone l'uomo propone e Dio decide. [lat. proponere].

prupòsetu, prupòsitu sm. Proposito; intenzione * te prupòsetu avv. Apposta, appositamente.


[lat. propositus].

pruposta sf. Proposta. [dal lat. propos(i)ta].

pruprietà sf. Proprietà. V. pure pruetate.

pruprietàriu sm. Proprietario. [lat. proprietarius]. V. bonatenente.

prupursione sf. Proporzione. [ dal lat. proportio -onis].

prusçinella sm. Pulcinella, ridicolo. [dal lecc. burginella].

pruspettare (lett.) tr.; pres. pruspettu, pruspietti, pruspetta, pruspettamu, ecc.; p. rem.
pruspettài, ecc.; pp. pruspettatu. Prospettare. [lat. prospectare].

pruspettiva (lett.) sf. Prospettiva, previsione di eventualità.

pruspettu sm. Prospetto, facciata di un edificio.

prusupupèa (lett.) sf. Prosopopea, boria, sussiego. V. anche abbraggìa.

prutèggere, pruteggìre tr.; pres. pruteggu,… pruteggimu, ecc.; p. rem. pruteggìi (prutessi),
pruteggisti, pruteggìu (prutesse), pruteggemmu (prutèssemu), pruteggestu, pruteggèra
(prutèssera) ; pp. pruteggiutu (prutettu) . Proteggere. [lat. protegere].

prutente agg. Prudente, saggio. [lat. prudens -entis].

prutèntia, prutenza sf. Prudenza, saggezza. [lat. prudentia].

prùtere, prutìre intr.; pres. prutu,… prutimu, ecc.; p. rem. prutìi,… prutemmu, ecc.; pp.
prututu. Prudere, dare prurito * provv. Nu ssempre unu se ratta a ddu ni prute non sempre
uno si gratta là dove sente prudere, ponendo rimedio dove è necessario § Quandu prùtenu
le manu o turnisi ànu ccuntare o mazzate ànu ddare quando prudono le mani o dovranno
contare soldi oppure dovranno dare botte. [lat. prurire].

prutesta sf. Protesta.


120
P

prutestante sm. e f. Cristiano appartenente ad una delle chiese protestanti; eretico (per i
cattolici).

prutestare intr.; pres. prutestu,… prutestamu, ecc.; p. rem. prutestài, ecc.; pp. prutestatu.
Protestare. [lat. protestari].

prutettore sm. Protettore; santo patrono. [dal lat. protector -oris].


DE D. Santu Realinu lu mentèra a iutu / te Santu Ronzu, pe ci sa ci sa / cu àggia do'
prutettori la cità.

prutettu sm. Protetto. [lat. protectus].

prutezione sf. Protezione. [dal lat. protectio -onis].


D’AM. Lu pruèrbiu è generale / lu canusce ogne nazione: / ola l'omu senza l'ale / basta
ci hae na prutezione.

pruticeδδu sm. Gelone. Una volta, durante l'inverno, tutti si soffriva per i geloni alle dita
delle mani e dei piedi ed anche alle orecchie, causati dai frequenti e frettolosi passaggi del
corpo dal colore diretto del fuoco al freddo dell'ambiente; i geloni provocavano un
prolungato e fastidioso prurito e, col tempo, si trasformavano in dolorose ferite
eritematose. [da pruti(re) + suff. lecc. del dim.].

pruticulu sm. e f. Ragazzo (o ragazza) fastidiosamente irrequieto, che non sta mai un po'
fermo e al suo posto; discolaccio.

prutiggiosu agg. Prodigioso, miracoloso. [lat. prodigiosus].

prutìggiu sm. Prodigio, portento, evento straordinario tanto da sembrare miracoloso. [lat.
prodigium].

prutimientu sm. Prurito insistente e prolungato * fig. Irrequietezza continua; vistosa


manifestazione d'impazienza.

prutitu sm. Prurito, prurigine * prov. Ci nu tte ratti cu lle ugne toi, nu tte passa lu prutitu se
non ti gratti con le tue unghie, il prurito non ti passa, perciò sbriga da te stesso i tuoi affari
* fig. 1- Impazienza incontenibile * 2- Voglia, acuto desiderio * 3- Fregola. [lat.
pruritus].

prutitu te culu sm. Emorroidi.

prutottu (lett.) sm. Prodotto. [lat. productus]. V. rrobba.

prutùcere, prutucìre, pruturre (lett.) tr.; pres. prutucu,… prutucimu, ecc.; impf. prutucìa,…
prutucìamu, ecc.; p. rem. prutucìi (prutussi), prutucisti, prutucìu (prutusse), prutucemmu
(prutùssemu), prutucestu, prutucèra (prutùssera) ; pp. prutuciutu (prutottu) . Produrre:

121
P

nna fiata se fetàanu cu prutùcenu fena a cquattru quintali te cuttone una volta riuscivano
a produrre fino a quattro quintali di cotone. [lat . producere]. V . anche fare, ccògghiere.

pruvìncia v. pruìncia.

pruvulone sm. Provolone di latte di mucca, prodotto in forme sferoidali più grosse delle
pròvole e di più lunga stagionatura. V. anche pròula.

pruvvètere, pruvvetìre v. pruètere.

pubbrema, prubbema sm. Problema.

pùccia sf. Pagnotta di pane bianco: pùccia cu lle pàssule pagnotta con l'uva passa. La
pagnotta di pane scuro integrale si chiama 'purecàsciu'. [toscano pòccia, mammella].

pucciceδδa, pucciteδδa sf. Pagnottella: pucciceδδa cu lle ulie pagnottella farcita di olive
nere; pucciteδδe te Sant'Antoni pagnottelle di S. Antonio di Padova, distribuite per voto ai
poverelli. [dim. di pùccia].

pucrisìa sf. Ipocrisia, simulazione.

pucundrìa (neol.) sf. Ipocondria; fiacchezza cronica. V. malesçiana.

pucundrìacu (neol.) agg. Ipocondriaco, malinconico. V. malancunusu.

puδδare sf. pl. Pleiadi, sette astri della costellazione del Toro, corrispondenti alle sette figlie
di Atlante e Pleione, le quali, inseguite da Orione, furono mutate prima in gallinelle (lat.
pullae) e poi in stelle.

puδδaru sm. Pollaio. [lat. pullus, ll>δδ + suff. funz. -aru].

puδδasceδδa sf. Pollastrella * fig. Giovanetta piacente che comincia a farsi notare. [dim. di
puδδàscia].

puδδàscia sf. Pollastra * prov. Mègghiu aδδina àscia, ca pare puδδàscia meglio rimanere
gallina bassa, che sembra sempre giovane. [lat. pullastra, nota ll>δδ e str>sc].

puδδàsciu sm. Pollastro, pollo giovane * fig. Giovanetto che tenta i primi approcci amorosi
con le ragazze.

puδδecaru sm. Pollice, alluce, che presenta un grosso polpastrello: sutta allu puδδecaru m'à
bessuta nna mpuδδa sotto l'alluce mi è venuta una vescichetta. [dal lecc. puδδica + suff.
funz. -aru].

122
P

puδδecàsciu sm. Pagnottella di pane di grano, confezionata in casa e cotta al forno insieme
alle 'freseδδe', ma non biscottata come queste. [da puδδica]. V. purecàsciu.

puδδica
puδδica sf. Focaccina, caratteristica forma di pane casalingo, in cui sono state inserite, prima
della cottura, due uova con il guscio; le puδδiche venivano preparate solo in ricorrenza
della Pasqua: porta a benetìre le puδδiche reca a far benedire le focaccine. [dal lat . pullus
incr. con lecc. muδδica].
Da c. p. Pporta ci ole lèune allu furnu: / cotta me l'àggiu la puδδica mia!

puδδina sf. Pollone tenerello di pianta. [dim. di puδδu].

puδδitru sm. Puledro. [lat. pullus, giovane animale, lat. volg. pulletrus].

puδδòi, puδδu sm. Salvadanaio di creta a forma di pollo; il salvadanaio a forma di pigna si
chiama 'cippu'.

puδδu, puδδinu sm. 1- Pollone di pianta * 2- Cacchione, larva di qualsìasi insetto.

puema sm. Poema * fig. Discorso, monologo interminabile. [lat. poema].

puerciceδδu sm. Porcellino, maialino. [dim. del lat. porcellus].

puercu sm. Porco, maiale: musi, rìcchie, sìtule te puercu grugno, orecchie, setole di maiale;
carne, purpa, lardu te puercu carne, polpa, lardo di maiale; li puerci, parlandu ccrianza,
se utulìsçianu intra a llu lutàcchiu i maiali, parlando con rispetto, si rivoltano nella mota
* modi di dire: ete comu llaàre lu musu allu puercu è del tutto inutile, lavare il grugno al
maiale è una perdita di tempo e di fatica § ci llai lu puercu nci pierdi la lessìa e llu
sapune se ti metti a lavare il porco, consumi la liscivia e il sapone e non ottieni niente *
provv. Lu puercu prima màngia e poi ota la pila subbrasutta il porco prima mangia e poi
capovolge il trògolo * fig. 1- Persona ingorda che mangia senza rispettare le norme del
galateo; persona adiposa, sgradevolmente grassa: màngia comu nnu puercu a tavola si
comporta come un porco; s'à ngrassatu comu nnu puercu è ingrassato come un maiale *
2- Persona sudicia, sporcaccione: lurdu comu nnu puercu sporco come un maiale; stu
puercu se stùsçia li mucci alla màneca te la giacchetta questo sporcaccione si pulisce il
mòccio alla mànica della giacca * 3- Persona lussuriosa, indecente: stu puercu stae cu
spia sempre le caruse questo lussurioso sta continuamente a spiare le fanciulle * 4-
puercu, porcu e f. porca concorrono a formare bestemmie e imprecazioni: δδu puercu

123
P

te… (segue l'indirizzo!); porcu…!; porca misèria!; mannàggia sta porca vita! [dal lat.
porcus, nota o>ue].

puercu servàggiu sm. Cinghiale.

puerìcciu agg. poverino. V. perìcciu.

puerieδδu, perieδδu sm. (f. puereδδa, pereδδa). Accattone, mendicante; misero, povero,
sventurato * prov. Li ricchi comu e cquandu òlenu, li puerieδδi come e cquandu pòtenu i
ricchi ottengono come e quando vogliono, i poveri come e quando possono. [dim. di
puèru].

puerru sm. 1- Verruca; bitorzolo permanente sulla cute * 2- Protuberanza sui fusti delle
piante. [lat. porrum, nota o>ue].

puertate, puertà, puvertà sf. Povertà, indigenza: pe lli lussi e pe lli izzi catèra a puertate a
causa dei lussi e dei vizi caddero in povertà * prov. Ci cate a puvertà perde parienti e
amici chi si riduce in povertà perde parenti e amici. [lat. paupertas -atis].
Da c. p. Màmmata rricca ssài, nna ricca ole, / pìgghiala ricca e nnu nde dubbetare; / pe
mmie la puertà nu llea unore / nné mm'àggiu cu nnu riccu mmaretare.

puertu, portu sm. Porto: lu puertu te Utràntu il porto di Otranto; la nae sta‟ ttrase a mpuertu
la nave entra nel porto; sta casa ete nnu portu: ci trase e ci esse questa casa è un porto:
chi entra e chi esce * detto: ci Lecce tenìa lu puertu, Bari era muertu se Lecce avesse il
porto, Bari sarebbe una citta morta. [lat. portus].

puèru (f. pora) agg. che precede sempre il suo sostantivo. Povero, misero, infelice: puèru
sire, pòra mamma e puèri figghi, cce nn'à ccapetatu! povero padre, misera madre, figli
infelici, che sventura è loro capitata!; ste pòre piccinneδδe me fàcenu pena queste povere
bambine mi fanno pena. [dal lat. pauperum>p(a)u(p)eru(m) ].

puesìa (pl. puesèi) sf. 1- Poesia, espressione spirituale letteraria * prov. La puesìa nu ddae
mangiare la poesia non dà da mangiare * 2- Componimento poetico. [dal lat. poësis].
DE D. e rrumànite a ddu stai / ca facimu le puesèi.

puèssere, putèssere forma infinitiva invariabile. Può essere; è possibile: a ffiate puèssere e a
ffiate nu ppuèssere a volte è possibile e a volte no; nu ssàcciu ci putèssere non so se è
possibile; ci putèssere, me faci nnu piacire? se si può, mi fai un piacere?; ci puèssere te lu
fazzu se posso, te lo farò * puèssere ca… inter. ottativa. Voglia il cielo; speriamo che:
puèssere ca sana prestu! voglia il cielo che guarisca presto; puèssere ca ttròanu li
carbunieri speriamo che incontrino i carabinieri. [lat. posse incr. con lat. esse e it. essere].

pueta sm. Poeta * fig. Persona dotata di notevole fantasia unita a furbizia alquanto ingenua;
uno che spesso ha la testa tra le nuvole: osçe nu llu ccògghiu, sta‟ stae te pueta non posso
incaricarlo di niente oggi: è assai distratto, è come un poeta entrato in fantasia. [lat.

124
P

poëta].
DE D. Privilèggiu è de tutti li pueti / cu spìanu li cantuni ccantunati / e ccu sàccianu tutti
li secreti.

puètecu agg. Poetico. [lat. poëticus].

pufecare intr.; pres. pùfecu, pùfechi, pùfeca, pufecamu, ecc.; p. rem. pufecài, ecc.; pp.
pufecatu. Fumigare, emettere fumo senza divampare: lu tezzune sutta a lla cìnnere
pufecàu e nnu bardìu il tizzone acceso, coperto di cenere, fumigò e non divampò * fig.
Covare nell'intimo, fremere, palpitare: la ràggia ni pufecàa a mpiettu l'ira gli covava nel
petto; tanti penzieri me pùfecanu a ncapu tanti pensieri mi frullano in testa. [dal lat.
fu(mi)ficare, prima f>p].

puffettinu, buffettinu sm. Piccolo buffè, piccola credenza.

pùffiti inter. che accompagna un tonfo in acqua. V. ppùnfiti.

Pùgghie sf. pl. Puglie, Puglia. [lat. (A)pulia, lia>gghia].

pùgghiu agg. Morbido, soffice * sm. Cuscino vaporoso; pouf; piumino per dare la cipria *
fig. Fantoccio paffuto; omino.

puggiare v. mpuggiare.

pugnalare tr.; pres. pugnalu,… pugnalamu, ecc.; p. rem. pugnalài, ecc.; pp. pugnalatu.
Pugnalare. [da pugnale].

pugnale sm. Pugnale. V. pure stellettu.

pugnetta sf. Piccolo pugno: àutu quantu nna pugnetta alto quanto un cazzotto; ei tie, menza
pugnetta, a mpàuta te mintu ci te zziccu! ehi tu, mezzo pugno, in tasca ti metto se ti
acchiappo! * fig. Masturbazione maschile. [dim. di pugnu].

pugnu (lett.) sm. Pugno. [lat. pugnus]. V. cazzottu.

pulàcchia sf. Schizzo o macchia di fango; sporco che si attacca all'orlo basso delle vesti
lunghe. [dall'it. pula + suff. pegg. -àcchia].

pulandra sf. 1- Cascame di fibre tessili * 2- Peluria che si attacca ai vestiti * 3- Sfilacciatura
all'orlo di indumenti. [da un incr. tra it. pula e pulandra].

pulare tr.; pres. pulu,… pulamu, ecc.; impf. pulàa, ecc.; p. rem. pulài, ecc.; pp. pulatu.
Liberare dalla loppa, dal tritume; ventilare i cereali o i legumi per liberarli dalle scorie.
[dall'it. pula].

125
P

pulecaru sm. Dito pollice. [lat. pollicaris]. V. pure puδδecaru.

pùlece
pùlece sm. Pulce, l'insetto parassita dell'uomo e degli animali domestici, un tempo assai
diffuso nelle case e nelle stalle * provv. Nnu pùlece nu tte ddìsceta una pulce non ti desta
§ Ci dorme cu llu cane (cu llu mùsciu), se àusa cu lli pùleci chi dorme insieme con il cane
(col gatto), si alza con le pulci addosso § Puru li pùleci tènenu la tosse persino i più
piccoli, i più umili, tossiscono, perché vogliono dire la loro * fig. Pensiero molesto;
preoccupazione mentale; sospetto: te puèi lliare δδu pùlece, nun ete comu suspietti puoi
scacciare quel pensiero molesto, non è come tu sospetti; n'ànu enuti li pùleci quasi ca la
fìgghia sta‟ squària le sono venute le preoccupazioni poiché la figlia tarda a rientrare a
casa. [lat. pulex -icis]. Indovinello: Li tegnu ma nu lli ògghiu, ma ogne ssira li au
cercandu li ho (sul mio corpo) ma non li desidero, tuttavia ogni sera (prima di coricarmi)
li cerco.
DE D. comu te la zzeccàu la malatìa / ni ncignara li pùleci a benire.

pulenta sf. Polenta, vivanda di farina di granoturco, da noi consumata raramente e per sfizio.
[lat. polenta, farina di orzo].

pulentone sm. Polentone, nomignolo dagli abitanti dell'Italia meridionale dato ai


settentrionali, ritenuti gran mangiatori di polenta; questi, per ritorsione, chiamano i
meridionali 'terruni'.

puletura sf. Pulitura: dare a puletura operazione di pulitura dei mobili, per ridare al legno il
primitivo aspetto.

pulezìa1 sf. Pulizia, nettezza: facimu nnu picca te pulezìa ntru lla putèa facciamo un po' di
pulizia nel laboratorio.

pulezìa2, pulizìa sf. Polizia, questura; tutti gli uomini del commissariato: lu delecatu te la
pulezìa il commissario di Pubblica Sicurezza. [lat. politia].

pulieri sm. Piviere, uccello con addome di colore bruno-chiaro, ali bruno-scure macchiettate,
coda corta e zampe abbastanza lunghe; giunge (o giungeva?) nel Salento con le piogge
d'autunno. [fr. pluvier].

pulièsçiu, purièsçiu sm. 1- Ordine e pulizia: cqua' ccasa manca lu pulièsçiu in questa casa
manca l'ordine e la pulizia * 2- Profitto netto, guadagno pulito: te sta rrobba nu sse pote
ire nuδδu pulièsçiu da questa merce non si ricaverà alcun guadagno netto; ci nu nc'ete

126
P

purièsçiu, nu mme mintu se non c'è profitto, non mi impegno. [dall'it. ant. pileggio,
pulegio].

pulimbu sm. Lustrascarpe.

pulitazzu agg. Meticolosamente pulito; amante della pulizia. [accr. di pulitu].

pulìteca, pulìtica sf. Politica; comportamento accorto e scaltro, adatto alle circostanze: ete
nna cristiana ca sape la pulìteca è una donna che sa quale comportamento tenere * modi
di dire: mìntere a mpulìteca comportarsi come si deve § omu te pulìtica uomo che sa ben
comportarsi con gli altri.

pulìtecu, pulìticu sm. Uomo dedito alla politica. [ politicus].

pulitezza sf. Nitidezza, pulizia assoluta.

puliticusu, puletecusu agg. 1- Polemico * 2- Pieno di astuta accortezza, abile nel


comportamento a seconda delle circostanze e delle situazioni. [da un incr. tra gr.
polemikòs e lat. politicus].

pulitieδδu agg. Alquanto pulito; non proprio pulito; pulitino.

pulitu agg. 1- Pulito, netto: suntu strei ngarbate e pulite sono signorine garbate e pulite;
mìntite li quasetti puliti metti le calze pulite * 2- Dabbene, onesto: ete nn'omu pulitu e de
palora è un uomo onesto e di parola * 3- fig. Del tutto privo: ae pulitu te risi e de turnisi è
schivo di sorrisi e privo di denari; nunna pulita de nanti e de retu donna senza attributi sia
davanti che di dietro * modi di dire: stare pulitu! essere nei guai § parlare a mpulitu
esprimersi in lingua nazionale § parlare pulitu non usare, parlando, termini sguaiati o
parole licenziose. [lat. politus].

puliżiottu sm. Poliziotto, agente di polizia.

puliżżare tr.; pres. puliżżu,… puliżżamu, ecc.; p. rem. puliżżài, ecc.; pp. puliżżatu. Pulire, far
pulizia, liberare dal disordine: pulìżżate li musi pulisciti le labbra; sta‟ ppulìżżanu lu
sampuertu stanno mettendo ordine nella rimessa; nde puliżżàra tutte le pire ne ripulirono
tutte le pere.

puliżżata sf. Pulita affrettata.

puliżżatu agg. Pulito; nettato; sbucciato.

Pulònia, Lunuzza pers. Polonia.


Da c. p. Beδδa, santa mia Pulònia, / ièu te dau la zappa (il dente) ècchia, / tie me dai la
zappa noa.

127
P

Pulòniu, Pulone pers. Polonio.

pulunordu sm. Polo Nord: lu generale Mbertu Nòbbile catìu susu alli iacci te pulunordu il
generale Umberto Nobile cadde sui sui ghiacciai del polo Nord; a pulunordu face mutu
friddu al polo Nord fa molto freddo.

pulusuddu sm. Polo Sud: a ddu à spundatu a pulusuddu? dov'è andato a finire, dov'è
sprofondato al polo Sud?

puma sf. 1- Pulviscolo * 2- Lanuggine, peluria. V. pruma.

pumata sf. Pomata, unguento.

pumeta sf. Cometa * fig. Cambiale. V. anche cumeta.

pùmice, pùmece, pùmeca sf. Pomice. [lat. pumex>pomex -icis].

pumpare tr.; pres. pompu, puempi, pompa, pumpamu, ecc.; p. rem. pumpài, ecc.; pp.
pumpatu. 1- Pompare, gonfiare usando la pompa * 2- Spruzzare anticrittogamici liquidi
usando la pompa * 3- fig.Possedere e mettere incinta una donna. [fr. pomper].

pumpatu agg. Vanitoso, tronfio, borioso; stimato oltre misura.

pumpetta sf. Pompetta di gomma per fare clisteri ai bambini.

Pumpeu, Mpeu, Peu pers. Pompeo.

pumpieri sm. Pompiere, vigile del fuoco: lu carru te li pumpieri il carro dei pompieri.

pumpusità (lett.) sf. Pomposità, sfarzo eccessivo e sgradevole. [lat. pompositas -atis].

pumpusu (lett.) agg. Pomposo, sgradevolmente sfarzoso * fig. Di pianta, assai rigogliosa:
(De Dominicis) pumpusa de oru giallu ete la spinaruta rigogliosa di fiori gialli è la
ginestra. [lat. pomposus].

pumu sm. Ciocca, mazzetto: nnu pumu te cerase un mazzetto di ciliege. [lat. pomum].

punderare tr.; pres. pònderu, puènderi, pòndera, punderamu, ecc.; p. rem. punderài, ecc.;
pp. punderatu. Ponderare, riflettere attentamente: quiδδu, prima cu ddica, punderàa bone
le palore quello, prima di pronunziare le parole, le ponderava attentamente. V. pure
punzare.

punderatu agg. Ponderato, saggio e nello stesso tempo acuto; moderato nel parlare, in
quanto che dice le parole essenziali. [lat. ponderatus].

punderazione sf. Ponderazione, saggia riflessione. [lat. ponderatio -onis].


128
P

punentale agg. Di ponente, relativo al ponente * sm. Vento di ponente che soffia a raffiche
successive * detti: lu punentale te nde sçetta lu angale il forte vento 'ponentale', se ti
investe in pieno, ti strappa un molare § lu punentale prepara lu tempurale il tipico vento
di ponente prepara e preannunzia il temporale.

punente sm. 1- Ponente, occidente, ovest: lu punente stae nìuru ad ovest il cielo è cupo * 2-
Libeccio, vento di sud-ovest rispetto a Lecce * detto: lu punente te nde sçetta lu tente il
vento di ponente, se ti investe in pieno, ti stacca il dente * provv. Punente, fìgghiu te
serpente, punentale dae cuerpi te mmargiale il libeccio è figlio di serpente e soffia e
sibila, il 'ponentale' dà raffiche come colpi di maglio § Cu llu punente la tramuntana già
se sente soffiando il libeccio, già si presagisce la tramontana. [lat. ponens -entis].
DE D. Scendìa lu sule a mmera allu punente, / tuttu d'oru lu celu se tengìa.

punentieδδu sm. Ponentino, il venticello che spira, specie all'alba, su Lecce da sud-ovest.

pùngere, pungìre tr. e intr.; pres. pungu,… pungimu, ecc.; p. rem. pungìi (punsi), pungisti,
pungìu (punse), pungemmu (pùnsemu), pungestu, pungèra (pùnsera) ; pp. pungiutu
(puntu) . Pungere.

pungetura sf. Puntura.

pungeturu sm. Pùngolo, lungo bastone munito di puntale per stimolare le bestie al lavoro: lu
pungeturu te li oi il pungolo dei buoi.

pungigghiune sm. Pungiglione.

punione sf. Opinione, parere. [lat. opinio -onis].

punìre1 tr. Porre. V. pònere.

punìre2 (lett.) tr.; pres. puniscu,… punimu, ecc.; p. rem. punìi,… punemmu, ecc.; pp. punutu.
Punire. V. anche castecare.

punta sf. Punta. [lat. puncta].

puntale sm. Puntale, punta di un oggetto opportunamente rinforzata.

puntaluru, puntarulu sm. Punteruolo.

puntare tr. e intr.; pres. puntu,… puntamu, ecc.; p. rem. puntài, ecc.; pp. puntatu * tr. 1-
Puntare, indizzare; prendere di mira: poi puntàra lu cannune poi puntarono il cannone; ni
puntàu la sçuppetta a mpiettu gli puntò il fucile al petto; lu cane puntàu lu lèpure il cane
puntò la lepre * 2- Scommettere puntando la posta: comu prima fiata puntasti nna
quattrusordi come prima volta scommettesti un ventino * intr. Dirigersi difilato verso una
meta: puntati moi a ccasa ora puntate difilati a casa. [da punta].

129
P

puntaturu sm. Punteruolo.

punteδδare v. ppuntiδδare.

puntèggiu sm. Punteggio.

puntèfice (lett.) sm. Il Sommo Pontefice. V. il più usato papa de Roma.

puntetta sf. L'estremità sfilacciata della frusta, quella che produce lo schiocco. [dim. di
punta].

puntìcchiu, puntìcciu sm. 1- Puntino, macchiolina * 2- Sfoghetto sulla pelle; comedone


cutaneo. [dim. di puntu].

puntieδδu sm. Puntello, sostegno * prov. Mara a δδa casa ci se mantene cu lli puntieδδi guai
a quella casa, che si regge con i puntelli; misera quella famiglia che si mantiene con gli
aiuti altrui.

puntificale sm. Pontificale, messa solenne celebrata dal vescovo. [lat. pontificalis].

puntificare intr.; pres. puntìficu, puntìfichi, puntìfica, puntificamu, ecc.; p. rem. puntificài,
ecc.; pp. puntificatu. Parlare in tono solenne e con atteggiamento di superiorità; emettere
sentenze da saccente.

puntificatu sm. Pontificato, papato. [lat. pontificatus].

puntìgghiu, puntìgliu sm. Puntiglio. [sp. puntillo].

puntigghiusu, puntigliosu agg. Puntiglioso, ostinato, caparbio.

puntina1 sf. Piccolo chiodo; punta metallica del grammofono. [dim. di punta].

puntina2 sf. Ricamo eseguito a punta d'ago, frangia ricamata.

puntinu sm. Puntino, macchiolina, segnetto. [dim. di puntu].

puntisçiare tr. e intr.; pres. puntìsçiu, ecc.; impf. puntisçiàa, ecc.; p. rem. puntisçiài, ecc.; pp.
puntisçiatu * tr. Punteggiare, cospargere di macchioline * intr. Comparire segnato di
punti: le ratatile puntìsçianu te sarienu le ragnatele si presentano cosparse di goccioline
di rugiada. [da puntu + suff. freq. -sçiare].
DE D. De stiδδe russe lu mùcchiu puntìsçia / e le murteδδe e la rosa marina.

puntisçiatu agg. Punteggiato; cosparso di macchioline: nna facciceδδa puntisçiata te pèrchie


un visino punteggiato di lentìggini.
DE D. Amàa li fiuri e mazzi nde facìa, / amàa lu celu puntisçiatu d'oru.

130
P

puntu sm. 1- Punto di cucito: puntu nanti puntu… e cquandu spìcciu? un punto dopo
l'altro… e quando finirò? * modo di dire: mìntere do' punti alla lìngua cucire la bocca,
zittire; non aprir bocca * 2- Macchiolina indicante qualsiasi segno; segno grafico * modo
di dire: mìntere li punti e lle vìrgule agire con la massima precisione * 3- Posto, luogo
determinato: fermàmuni a stu puntu e ddefrescamu fermiamoci in questo posto e
ristoriamoci * 4- Tempo ristretto, limite di tempo: a δδu puntu se stizzàu a quel punto si
irritò * 5- Indice di punteggio: tie à' fattu nnu puntu, ttre punti li fazzu ièu tu hai fatto un
punto, io ne faccio tre * 6- fig. Puntiglio: a ffìgghiasa ni face ìncere tutti li punti a sua
figlia fa vincere tutti i puntigli * modi di dire: fare pe ppuntu farlo per dispetto § fare nnu
puntu a rretu tornare indietro nel discorso § pigghiare puntu, mìntere te puntu impuntarsi
caparbiamente. [lat. punctum].

puntuale agg. Puntuale, tempestivo.

puntucruce, puntu a ccruce sm. Punto a croce, punto di cucito in cui i fili si incrociano a x.

puntu erva sm. Specie di ricamo eseguito a steli, con punti di ago riportati via via all'indietro

puntuggiornu, puntu giornu sm. Specie di ricamo a puntini traforati, il quale corre lungo
l'orlo della stoffa.

puntu risu sm. Specie di punto in cucito con il filo più volte soprapposto, tanto da formare
come un granello di riso.

puntune sm. Angolo di via o di stanza: te mmane a ssira lu etiti mpusematu a δδu puntune te
la chiazza dalla mattina alla sera lo vedrete attillatissimo in quell'angolo della piazza.

puntura sf. 1- Puntura; iniezione * 2- Colpo di freddo che ridesta le fitte ai bronchi,
bronchite; oppure ai polmoni, polmonite. [lat. punctura].
DE D. de tantu nde a pìgghiu na bella puntura / e dopu passara tre giurni, nde muersi.

puntusazzu agg. Puntiglioso assai ostinato. [accr. di puntusu].

puntusu agg. Puntiglioso, ostinato: puntusu comu nnu mulu puntiglioso come un mulo.

puntutu agg. Appuntito, aguzzo, acuminato; spinoso.

punżare intr.; pres. ponżu, puenżi, ponża, punżamu, ecc.; p. rem. punżài, ecc.; pp. punżatu. 1-
Sforzarsi per liberarsi delle feci * 2- fig. Pensare spremendosi le meningi. [incr. tra lecc.
mpużżare e it. ponderare].

pupa sf. Bambola * modo di dire: fare la pupa agghindarsi e stare senza far niente * fig.
Fanciulla graziosa e ammirata.

131
P

pupareδδa sf. 1- Bambolina: pupareδδa te pezza bambolina di stracci * 2- Succhiotto,


tettarella di stoffa imbevuta di zucchero o di miele. [dim. di pupa].

puparu sm. Artigiano che fa con la creta fantocci e personaggi del presepio.

pupazzu sm. 1- Bambolotto, fantoccio, burattino * 2- Spaventapasseri * 3- fig. Uomo senza


carattere.

pupetta sf. Ragazza esibizionista, imbellettata e in atteggiamenti leziosi. [vezz. di pupa].

pupi sm. pl. Pupazzetti di creta o statuine di cartapesta che rappresentano i personaggi del
presepio.
BOZZI le cose alla leccese ci tenimu / suntu li pupi… te nu sordu l'unu.

pupìcchia sf. Pupetta. [dim. del lecc. pupa].

pupiceδδa sf. 1- Bambolina * 2- Ninfa, pupa, involucro indurito di larva. [altro dim. di
pupa].

pupiδδi: masculari e fimmeneδδe


pupiδδu sm. Smàride, il piccolo dello zerro, pesciolino del genere menola; molto frequente
lungo le coste salentine, specialmente in primavera, viene venduto a buon prezzo,
voltolato nella farina e mangiato fritto in olio bollente * modo di dire: pupìδδu, scùntala a
cquiδδu 'pupetto', prènditela con quello, che non c'entra per niente. [lat. pupus > pupillus,
ll>δδ].

puppa sf. Poppa, la parte posteriore della barca. [lat. puppis].

pupu sm. 1- Pupo, pupattolo: ccumenzàu a mpastare pupi te luta cominciò a impastare e a
formare pupattoli di fango * 2- Pannocchia di granoturco. [lat. pupus].

pupù sf. Voce infantile per indicare il peto o l'atto della defecazione: a cci n'à scappata la
pupù? a chi è sfuggita la scoreggia?; cùate e ffane la pupù accovàcciati e fai la cacca. [it.
popò].

pupulanu sm. Popolano, uno del popolo. [da pòpulu].

132
P

pupulare agg. Popolare, relativo al popolo; di livello sociale inferiore. [dal lat. popularis].

pupulìndiu sm. Pannocchia del granoturco: nna caruseδδa murettina sprundàa pupulindi
una giovanetta bruna sfrondava pannocchie di mais. [da un incr. tra pupu2 e ranulìndiu].

pupulinu sm. Popolino, popolo minuto. [dim. di pòpulu].

pùpulu sm. 1- Pennecchio affusolato di lana o di cotone * 2- Gruppo di filze di tabacco


appese per completare l'essiccazione. [lat. populus incr. con lecc. pupu].

puragna sf. Pus, purulenza * 2- Feccia imputridita e fetida * 3- Suppurazione con processo
purulento. [lat. (materia) puranea, nota nea>gna].
BOZZI Ntesàtiu de sta luta, / de ntra stu scuru e de ntra sta puragna:

puramente ( o -) avv. Oppure, al contrario, invece, ossia, ovvero.

purbàsçena sf., purbàsçenu sm. Propaggine. [lat. propago -inis].

purbasçenare tr.; pres. purbàsçenu,… purbasçenamu, ecc.; p. rem. purbasçenài, ecc.; pp.
purbasçenatu. Propagginare, riprodurre mediante propaggine. [lat. propagginare, nota
gg>sç].

purcarìa (pl. purcarèi) sf. Porcheria; sporcizia; cosa sporca * fig. Atto osceno.

purcazza sf. Porcellana o portulana, pianta con fusti ramosi e carnosi, foglie cuneate
addensate all'estremità dei rametti, fiori gialli, i quali aprono a mezzogiorno e chiudono
dopo qualche ora.

purceδδu sm. Porcellino. [lat. porcellus].

purceδδuzzu sm. Ognuno dei tanti gnocchetti di pasta lievitata, fritti e croccanti, che, unti di
miele, aromatizzati con cannella e con pezzettini di bucce di agrumi, e adorni di anicini e
di pinòli, costituiscono un tipico piatto dolce natalizio leccese. [dim. di purceδδu, per la
forma rotondetta].

purcellana sf. Porcellana, ceramica, maiolica.

purcellanatu agg. Porcellanato, di recipienti metallici da cucina rivestiti di uno strato di


ceramica.

purchera, purchiera sf. Ampie stalle per l'allevamento dei suini.

purchetta sf. Porchetta, una specie di mortadella fatta di carne suina tritata.

purcìcchiu sm. Porcellino. [altro dim. di puercu].

133
P

purcile sm. Porcile. [da puercu].

purecàsciu sm. Pagnottella di farina di grano o di orzo, confezionata in casa e cotta (ma non
biscottata) al forno quando si fa il pane della provvista bimestrale: nna cureδδa te
purecasci càuti càuti una corbella di pagnottelle calde e fragranti. [dal gr. purikaustòs,
abbruciato, incr. con lecc. pu(δδ)ecàsciu].

purecinieδδu sm. Pulcino appena uscito dal guscio. [dim. di purecinu].

purecinu sm. Pulcino, il piccolo della chioccia: m' àggiu sunnata nna òccula cu intunu
purecini ho sognato una chioccia con ventuno pulcini * modo di dire: fare a ppurecinu
bagnarsi dalla testa ai piedi. [dal lat. pullicinus>pulicinus].

purfèteca sf. Discussione polemica e incresciosa: ànu pigghiata nna purfèteca ca ci sape
quantu dura e cquandu spìccia hanno cominciato una discussione puntigliosa che chissà
quanto durerà e quando finirà.

purfetecare intr.; pres. purfètecu, purfiètechi, purfèteca, purfetecamu, ecc.; p. rem.


purfetecài, ecc.; pp. purfetecatu. Discutere polemizzando.

purfetiusu agg. Polemico, litigioso; cavilloso.

purfine ( alla -) avv. Alla fine; finalmente.

purga sf. Purga, purgante.

purgare tr.; pres. purgu, purghi, purga, purgamu, ecc.; p. rem. purgài, ecc.; pp. purgatu.
Purgare, somministrare un purgante: l'àggiu purgare cu lla magnèsia, cu lla siena, cu llu
cremore e cetratu, cu ll'uègghiu te lìcinu intendo purgarlo con la magnesia, con la sèna,
con il cremore e citrato, con l'olio di ricino.

purgatoriu sm. Purgatorio; grande travaglio. [lat. purgatorium].

purièsçiu sm. Sistema ordinato, regola di condotta . V. anche pulièsçiu, rèsçiu.

purlinchi sm. Gioco con le carte napoletane ormai andato in disuso.

purmone, purmune sm. Polmone. [dal lat. pulmo -onis].

purmunite sf. Polmonite: purmunite dòppia polmonite acuta; cu lla purmunite alli sette
giurni o sani o mueri con la polmonite entro i primi sette giorni o superi la crisi o muori.
V. pure puntura.

purpa sf. Polpa: purpa te sçencu, te puercu polpa di vitello, di maiale; melune tuttu purpa
melone tutto polpa * provv. A mmie la purpa, a lli amici la purpa e ll'uessu, a lli nemici

134
P

l'essu senza purpa a me la polpa, agli amici la polpa e l'osso, ai nemici l'osso senza polpa
§ Ci s'à mmangiata la purpa cu sse rùseca l'essu colui che ha mangiato la polpa rosicchi
l'osso. [lat. pulpa].

purpàsçena sf. Polpo assai grosso.

purpetagnu sm. 1- Concio di pietra squadrato, lungo non meno di 50 cm . e alto e largo
generalmente 30x30 cm. * 2- fig. Gran pezzo d'uomo. [dal lat. volg. perpedaneum incr.
con sp. perpiańo].

purpetizzu sm. Grosso ceppo di albero, su cui il macellaio batte e taglia la carne con l'osso.
[dim. di pùrpetu].

purpetta sf. Polpetta di carne tritata * modo di dire: fare a purpetta ridurre in cattivo stato a
suon di busse § tenire nna purpetta a mmucca biascicare, parlare con difficoltà. [dim. di
purpa].
DE D. Na ndore te purpette se sentìa / ca veramente a nterra te menàa.

pùrpetu sm. Pulpito. [lat. pulpitum].

purpitieδδu sm. 1- Polpo di piccole dimensioni * 2- Papilloma, tumore benigno della pelle;
in generale, qualsiasi escrescenza vistosa e più o meno ramificata sulla pelle. [dim. di
purpu].

purpu sm. Polpo: li pieti, la capu te lu purpu i tentacoli, la testa del polpo; la morte te lu
purpu e' lla cepuδδa e lla pignata la fine più appropriata del polpo è la cottura in pignatta
con abbondante cipolla * provv. Lu purpu se coce cu ll'àcqua soa stessa il polpo si cuoce
con la sua stessa acqua, diventa tenero e buono a sue spese § Purpu male attutu ccenca ni
faci ae perdutu se hai battuto male il polpo, qualunque cosa gli faccia dopo per renderlo
mangiabile è inutile * fig. 1- Qualsiasi escrescenza patologica cutanea di notevoli
dimensioni * 2- Gli organi genitali maschili. [lat. polpus].

purpu de l'ècchiu sm. Escrescenza formatasi al bordo della palpebra.

pùrpura sf. Porpora, stoffa tinta di porpora; colore rosso intenso. [lat. purpura].

purpureδδe sf. pl. Gote rubiconde: porta le purpureδδe lisce comu do' mile ha le gote rosse e
lisce come due mele. [dim. del lecc. pùrpura].

purpurinu agg. Di colore rosso vivo, porporino appunto.

purpusu agg. Polposo. [lat. pulposus].

purputu agg. Polposo, polputo. [da purpu].

135
P

purràsçena sf. Eliotropio, erba prataiola annuale, comune nei campi coltivati ed anche lungo
i margini dei sentieri; ha foglie ovali con superficie scabra, i firellini alle ascelle foliari
sono di colore bianco-giallastro. La pianta una volta era usata per preparare infusi efficaci
contro il mal di testa e come sedativo dei pruriti diffusi.

pursianu sm. Scarpa con cavigliera, alla prussiana, confezionata con pelle spessa.

pursione sf. Porzione; tratto: nna pursione te frettata petunu una porzione di frittata per
ciascheduno; nna pursione te strata la facimu te unita facciamo insieme un tratto di
strada. [lat. portio -onis].

purtàggiu sm. Quartiere di città: miètecu, levatrice te purtàggiu medico, ostetrica di


quartiere. [da porta].

purtale sf. Portale, porta d'ingresso molto ampia, monumentale.

purtamientu, purtamentu sm. Portamento; atteggiamento.

purtararu sm. Portinaio: San Pietru ete lu portararu te lu paraìsu S. Pietro è il portinaio del
paradiso. [lat. med. portinàrius].

purtare tr.; pres. portu, puerti, porta, purtamu, ecc.; impf. purtàa,… purtaàmu, ecc.; p. rem.
purtài, ecc.; pp. purtatu * 1- Portare, recare: purtàa lu striu a mbrazze recava il bimbo in
braccio; pòrtame lu serràcchiu portami la sega a due impugnature * 2- Portare via,
allontanare: purtàtinde ste frampùgghie portate via questi trùcioli * 3- Avere: porta li
capiδδi a ffiette ha i capelli a trecce; la lettre nu pporta lu giurnu la lettera non ha la data;
tutti doi pòrtanu la free entrambi hanno la febbre * rifl. Comportarsi: m'àggiu purtatu
fiaccu? mi sono comportato male?
MAR. uarda la giòia retu a tie ci resta, / e le benetezziuni ca nde puerti!
Da c. p. -Comu te puerti buenu, sçiardenieri, / mmièreti cu tte fazzu cavalieri!

purtata sf. Parure, serie completa di biancheria: purtata te tàula tovaglia e tovaglioli; purtata
te liettu lenzuola e federe; purtata te notte camicia e cuffia.

purtellinu sm. Portello.

purtenaru sm. Portinaio. V. purtararu.

purtentu, purtientu (pl. purtienti) sm. Portento; apparizione prodigiosa; fatto eccezionale,
miracoloso. [lat. portentum].

purtentusu agg. Portentoso, prodigioso. [lat. portentosus].

purtieδδu sm. Portello.

136
P

purtiera sf. Portiera, sportello di carrozza.

purtieri sm. 1- Portinaio di un ufficio, di un albergo; nello sport, il giocatore posto a guardia
della porta di gioco 2- Tenda di stoffa spessa e pesante posta dietro una porta * le purtieri
sf. pl. Tendine delle porte a vetri e degli armadietti a vetri.

purtinaru, purtinàiu (neol.) sm. Portinaio, persona che presta la propria opera di vigilanza in
un grande edificio di abitazioni. V. anche purtararu e purtieri.

purtinerìa sf. Stambugio del portiere.

purtrona, puttrona sf. Poltrona imbottita.

purtuncinu sm. Portoncino, porta ad un solo battente ricavata in una delle due ampie ante di
un portone, la quale permette il passaggio soltanto alle persone allorquando il portone è
chiuso: cchiuttostu, chiuti lu purtune e llassa lu purtuncinu piertu piuttosto chiudi il
portone e lascia aperto il portoncino. [dim. di purtune].

purtune sm. Portone a due ante o imposte, attraverso il quale passano persone e veicoli;
quasi sempre costituisce l'ingresso ad un 'atriu', ad un 'sampuertu', a una 'remesa' * prov.
Quantu cchiù' rrande ete lu purtune, tantu cchiù' rressu ete lu tuzzaturu quanto più è
grande il portone, tanto più grosso è il battente. [accr. di porta].

puru1 agg. Puro, schietto, terso; autentico, genuino, lampante: ària pura aria pura; mieru
puru vino schietto; ete lana pura è lana genuina; quista ete la pura erdate questa è verità
lampante. [lat. purus].

puru2 avv. Pure, anche; persino: se òlenu puru bene si vogliono anche bene; sinti puru
busçiardu sei anche bugiardo; puru màmmasa n'à ddatu tuertu persino sua madre gli ha
dato torto.

puru ci cong. Anche se, pure se: puru ci parli, nu tte respundu anche se mi rivolgi la parola,
io non ti rispondo.

puru cu cong. Affinché, pur di, proprio per: puru cu llu àggia, ete capace cu sse inda l'ànima
pur di ottenerlo, è capace di vendersi l'anima; lu retài puru cu spìccia te rungulare lo
sgridai affinché smettesse di frignare.
Da c. p. Cumpari ni facimu te San Giuanne / puru la gente cu nnu ppensa male.

pùrvere sf. Polvere: nnu ranieδδu te pùrvere un granello di polvere; fiàtande la pùrvere
soffia via la polvere depositata; cafè a pùrvere caffè in polvere; la tomòbbile à ssulliata
tanta nna nula de pùrvere l'automobile ha sollevato una nuvola di polvere grande così.
[lat. pulvis -eris].

137
P

pusare intr.; pres. posu, puesi, posa, pusamu, ecc.; p. rem. pusài, ecc.; pp. pusatu * 1- Posare,
mettersi in posa, atteggiarsi: nu pusare e pòrtate comu t'à ffattu màmmata non posare e
compòrtati naturalmente e spontaneamente così comu tua madre ti ha fatto * 2-
Sedimentare: l'ègghiu neu sta‟ pposa l'olio nuovo d'annata si sta sedimentando. [lat.
pausare].

pusatezza sf. Ponderatezza, serietà.

pusatu agg. Ponderato, prudente, serio.

puscrittu sm. Coscritto, recluta, soldato di leva appena arruolato. [dal lat. conscriptus, scritto
in lista con altri].

pùsema, pòsema sf. Amido; appretto. [gr. apòsema]. V. anche pòsuma.

pusetivu, pusitivu agg. Positivo, concreto, effettivo, reale; serio, tutto d'un pezzo, che è di
parola. [lat. positivus].

pusizione sf. 1- Posto, luogo, sito: te sta pusizione ìsçiu buenu da questo posto vedo bene; li
surdati tifèseru la pusizione i soldati difesero la posizione * 2- Posa, atteggiamento: à
ppigghiata nna pusizione spagliata ha assunto un atteggiamento errato * 3- Positura,
posizione del corpo: stau a nna pusizione scòmmuta mi trovo in una posizione scomoda *
4- Posizione, livello sociale: à rriatu a nna bona pusizione ha raggiunto una buona
posizione sociale. [lat. positio -onis].

pussàntia, pussanza sf. Possanza; forza, potenza: mmensa, nfenita ete la pussànzia te Diu
immensa, infinita è la potenza di Dio. [fr. poissance].

pussessiùni, pussessiòni sf. pl. L'insieme delle ricchezze immobili e mobili; una proprietà
agraria notevolmente estesa comprendente campi con varie colture, case rurali, stalle,
ovili, ecc. [lat. possessio -onis].

pussessu sm. Possesso; proprietà.

pussetìre tr.; pres. pussetu, pussieti, pussete, pussetimu, ecc.; p. rem. pussetìi,… pussetemmu,
ecc.; pp. pussetutu. Possedere: pussetìa paramienti te case, nna mmassarìa, nna murra te
pècure e nna mandra te acche possedeva caseggiati, una masseria, un gregge di ovini e
una mandria di bovini. [lat. possidere].

pussìbbile agg. Possibile. [lat. possibilis].

pussibbilitàte, pussibbilità sf. Possibilità: nuδδa pussibbilità nc'era cu ssana non c'era alcuna
possibilità che guarisse. [lat. possibilitas -atis].

138
P

pussitente sm. e f. Possidente, proprietario fondiario, che vive della rendita dei poderi. [lat.
possidens -entis].

pustale agg. Postale: cartullina pustale, paccu pustale cartolina postale, pacco postale. [dal
lecc. posta].

pusteggiare tr. e intr.; pres. pustèggiu, pustieggi, pustèggia, ecc.; impf. pusteggiàa, ecc.; p.
rem. pusteggiài, ecc.; pp. pusteggiatu. Posteggiare. [da postu].

pusteggiatore sm. Posteggiatore, custode di posteggio.

pustèggiu sm. Posteggio: pustèggiu te bricichette, te carrozze, te carrettoni, te birocci e de


traìne posteggio di bicilette, di carrozze, di carri snodati, di birocci e di carri agricoli.

pustema sf. Ascesso; otite purulenta. [lat. (a)postema].

pustieri sm., pustiera sf. Postino, postiglione, postina.

pustinu (neol.) sm. Postino, portalettere. [da posta].

pustizzi sm. pl. Elementi aggiuntivi, applicati per camuffare parti del corpo femminile
insufficienti. [fr. postiches].

pustizzu agg. Posticcio, finto, artificiale: minne pustizze tette posticce; tente pustizzu dente
finto. [dal lat. (ad)positicius].

pusture sf. pl. In un locale-deposito, piedistalli su cui sistemare grossi contenitori.

pusunaru, pusunàriu sm. Pelandrone scansafatiche, persistentemente ozioso.

pusura, pustura sf. Positura, posizione del corpo. [lat. positura].

puta sf. L'insieme dei rami potati: la puta tocca alli putaturi stessi i rami potati spettano ai
potatori stessi.

putacasu avv. Puta caso, per caso, eventualmente: la tenìa pe rrazzu, putacasu ba' scrùfulàa
la reggeva per un braccio, nel caso scivolasse.

putare tr.; pres. putu,… putamu, ecc.; p. rem. putài, ecc.; pp. putatu. Potare: putàtinde
sulamente le calature e lle ramàgghie potate soltanto i rami pendenti e i rami secondari
infruttuosi. [lat. potare].

putàreca, putacra sf. Podagra, gotta ai piedi. [lat. podagra].

putàreche sf. pl. Calcole, pedali del telaio, i quali vengono azionati con i piedi delle
tessitrici. [gr. podarika].
139
P

putarecusu agg. Podagroso. [dal lat. podagrosus].

putassa sf. Potassa.

putatura sf. L'operazione della potatura dei rami degli alberi.

putature sm. Potatore * detto: li prima putaturi fòra la crapa e llu ciùcciu i primi potatori
furono la capra e il somaro. [lat. putator -oris].

putèa sf. 1- Bottega; piccolo laboratorio di artigiano: la putèa te lu ferraru, te lu puparu, te lu


ramaru la bottega del fabbro ferraio, del fabbricante di pupi, del ramaio; uagnone te putèa
garzone di bottega * 2- Negozio: putèa te sçiocarieδδi negozio di giocattoli * prov. Nu
sse ccàttanu le cose sempre te nna putèa non si compera sempre dal medesimo negozio *
3- Bettola, spaccio di vino, di generi alimenari, ecc. * 4- fig. L'apertura sbottonata dei
calzoni: ppùntate la putèa, senone trase ientu abbottònati davanti, se no entra il vento.
[lat. apotheca].

putechinu sm. Rivendita di sale, tabacchi e chinino, generi di monopolio statale; botteghino
del gioco del lotto. [da un incrocio tra lecc. putèa e tabbacchinu].

putente (pl. putienti e putenti) agg. e sm. Potente * provv. Putente lu papa, putente lu rre,
mma quandu ba' ccàcanu su' ssìmili a mme potente è il Papa, potente è il Re, ma quando
defecano sono simili a me § Ttrete suntu li putienti: lu rre, lu papa e cci nu ttene nienti tre
sono i potenti: il re, il papa e chi non possiede niente. [lat. potens -entis].
DE D. malati ca se crìtenu guerrieri, / sciancati ca se sèntenu putienti;

putènzia, putenza sf. Potenza, forza * fig. Persona potentissima per autorità o per ricchezza.
[lat. potentia].

putere sm. Potere, autorità; autorevole facoltà di fare.

putèssere, put'èssere v. puèssere.

putestà sm. Podestà, il capo della Amministrazione comunale durante il fascismo.

puteuzza sf. Negozietto; sgabuzzino di lavoro. [dim. di putèa].

putiaru, putearu sm. Bottegaio, gestore di un piccolo negozio. [lat. apothecarius].

putìre (pòtere) intr. e tr.; pres. pozzu, pueti (puèi), pote (po'), putimu, putiti, pòtenu (ponnu) ;
impf. putìa, ecc.; p. rem. putìi (potti, puetti), putisti, putìu (potte), putemmu (pòttemu,
puèttimu), putestu, putèra (pòttera) ; cong. pres. pozzu, puezzi, pozza, pòzzanu; cong.
impf. putissi, putissi, putisse, putìssemu, putìssiu, putìssera; cond. pres. (puterìa,
puterìanu) ; gerundio putendu; pp. pututu * intr. Potere, avere la possibilità di agire e di
fare: nu llu putìa mmaggenare non potevo immaginarlo; nu nde putìamu cchiùi pe lli risi

140
P

non ne potevamo più per le risate; sçèra quandu pòttera vi si recarono quando ebbero la
possibilità * provv. Ci nu ppote, sempre ole colui che non può, continuamente vuole § Ci
ole ffazza ccenca nu ppote, ni cummene ffazza ccenca nu mbole chi vuol fare ciò che non
può, gli conviene che faccia ciò che non vuole * tr. Reggere, sostenere; sopportare: lu
pueti stu saccu te ranu? lo reggi questo sacco colmo di grano?; ci nu llu pueti, mpòggialu
nterra se non lo reggi, pòggialo a terra; figghi mei benetitti, ci bu pote? figli miei
benedetti, chi vi sopporta?
Da c. p. Puezzi aìre sette anni te duluri / cu rriti comu nn'ànima dannata!
DE D. Se δδi tiempi putìssera turnare, / dia dèice anni de la vita mia.

pùtretu (lett.) agg. Putrido. [lat. putridus]. V. il più comune nfetesciutu.

putretùmene (lett.) sm. Putridume, marciume. V. anche lurdarìa, schifezza.

puttana sf. Puttana, donnaccia da marciapiede, meretrice * provv. Cinca tene figghi màsculi
nu ddica «latru», cinca tene fìgghie fìmmene nu ddica «puttana» chi ha figli maschi non
dia del «ladro» a un altro, chi ha femmine non chiami «puttana» un'altra § A ddu nc'ete
campane, nc'ete biatille e puttane la dove ci sono campane, ci sono pinzòchere e puttane.
[fr. putain].

puttanata sf. Azione schifosa, propria di una puttana.

puttanazza sf. Brutta donnaccia lurida.

puttanieri sm. Colui che frequenta le meretrici; dongiovanni da strapazzo; insidiatore di


donne.

puttroppu, purtroppu avv. Purtroppo, sfortunatamente. [comp. di puru troppu].

puvertà sf. Povertà, indigenza, miseria. V. anche puertate.

pużinu sm. Polsino della camicia. [dim. di pużu].

pużu sm. 1- Polso: me sta ddòlenu li pużi mi fanno male i polsi; lu pużu batte forte il sangue
nel polso batte forte * modo di dire: omu te pużu uomo energico che vale, che sa imporsi
e sa farsi rispettare § tuccare lu pużu sondare con discrezione per scoprire le intenzioni di
qualcuno * 2- Polsino della camicia: nd'à ccatuta la furmeδδuzza te lu pużu si è staccato il
bottoncino del polsino. [lat. pulsus, battito].
Da c. p. e cquandu la iddi, la persona mia / sçia perdendu li puzi a ppocu a ppocu.

puzza sf. Puzzo, cattivo odore, fetore. V. pure fiezzu.

puzzare intr.; pres. puzzu,… puzzamu, ecc.; p. rem. puzzài, ecc.; pp. puzzatu. Puzzare,
mandare cattivo odore: te puzza lu fiatu ti puzza l'alito; sta‟ ppuzzati te cepuδδa puzzate
di cipolla * fig. Riuscire fastidioso e poco gradito: la fatìa ni puzzàa il lavoro gli era

141
P

sgradito * prov. Li turnisi pùzzanu a cci nu nde pote aire i danari puzzano a colui che non
ne può avere.

puzzaru sm. Scavatore di pozzi. [da puzzu + suff. di mest. -aru].

puzzàsçena sf. Psillio o pulicaria, erba prataiola annuale le cui foglie, se stropicciate,
emanano un odore come di baccalà, perciò le si attribuiscono popolarmente proprietà
insettifughe, in particolare contro le pulci.

puzzettu sm. Pozzetto, vaschetta di pietra. [dim. di puzzu].

pùzzica sf. Cisterna per olio o vino.

puzziceδδu sm. Pozzo poco profondo, tombino. [dim. di puzzu].

puzzu
puzzu sm. (pl. m. puzzi, f. pùzzure). Pozzo, scavo generalmente a sezione rettangolare,
praticato sino al raggiungimento della falda acquifera, per lo sfruttamento dell'acqua sia a
scopo potabile che irriguo: lu ccale, lu pilieri, le mprese te lu puzzu il parapetto, la
canaletta, gli intacchi del pozzo; nnu puzzu cupu trenta passi un pozzo profondo circa 24
metri ccerte pùzzure tènenu l'àcqua rossa alcuni pozzi hanno l'acqua alcalina * modo di
dire: èssere nnu puzzu celare i pensieri nell'intimo, mantenere totalmente un segreto * fig.
Simbolo di inesauribilità; quantità incalcolabile: sape nnu puzzu te cose conosce un pozzo
di nozioni. [lat. puteus].
DE D. Cu tuttu ca era scuru, a gn'àsçiu etìa / zuccate tante pùzzure te fuecu / ddunca
ttaccata ogne anima patìa.

puzzulente agg. Puzzolente. [dal lat. * putulentus incr. con lecc. puzza].

142
P

puzzunettu sm. 1- Recipiente cilindrico di alluminio, bislungo, con coperchio e senza prese,
nel quale venivano lavorati manualmente gli ingredienti per la fabbricazione del gelato *
2- Calderotto, recipiente di rame a fondo concavo, di forma piuttosto stretta e lunga, con
due prese oppure con manico mobile a semicerchio. [dall'it. polsonetto incr. con lecc.
puzzu].

143
Q

Qq
quacina sf. Calcina, latte di calce usato per imbianchire le pareti: nna manu te quacina
culure de celu una passata di calcina color celeste. [lat. calx calcis > dim. calcina].

quacquarisçiare intr.; pres. quacquarìsçiu, ecc.; impf. quacquarisçiàa, ecc.; p. rem.


quacquarisçiài, ecc.; pp. quacquarisçiatu. Bollire dell'acqua gorgogliando; gorgogliare di
un liquido: làssala quacquarisçiare a ffuecu lientu lasciala bollire a mezza fiamma. [dal
rumore onom. del liquido in bollore + suff. durat.-intens. -sçiare].

quàgghia
quàgghia sf. Quaglia * detto: de sçeroccu e de leante quàgghie tante, de tramuntana e de
punente quàgghie niente con venti di scirocco e di levante giungono tante quaglie, con
venti di tramontana e di ponente quaglie niente. [lat. coacula].

quagghialuru, quagghiarulu sm. Cagliere, piccolo recipiente di creta, riservato alla


manipolazione e, quindi, alla conservazione del caglio degli ovini, necessario questo per
fabbricare il cacio e la ricotta. [da quàgghiu + suff. funz. -uru].

quagghiare intr. e tr.; pres. quàgghiu, ecc.; impf. quagghiàa, ecc.; p. rem. quagghiài, ecc.;
pp. quagghiatu * 1- Cagliare, coagulare, condensare, fare rapprendere: lu latte te pècura
quàgghia puru cu llu latte te fica o te tutumàgghiu il latte di pecora caglia anche con il
làtice del fico o della euforbia titimaglio * prov. (dice febbraio) Ci li giurni li aìa tutti,
facìa quagghiare lu mieru ntru lle utti se avessi tutti quanti i giorni, farei coagulare il vino
nelle botti * 2- Stagnare; di massa d'acqua o di atmosfera, mantenersi in uno stato di
greve immobilità: la patula ìa quagghiata l'acqua della palude era stagnante; l'ària sta’
cquàgghia l'aria stagna, non c'è un alito di vento * fig. 1- Impegnarsi e riuscir bene;
ragionare saggiamente, connettere nell'esprimersi: ci se minte, quàgghia se si impegna,
riesce a concludere ottimamente; lassa tie ca nu cquagghi nienti lascia tu, che non riesci a
concludere alcunché * 2- rifl. Avvilirsi, perdersi d'animo; stancarsi tanto da interrompere
un'azione; esaurirsi e rimanere immobile: lu curridore alla saluta te Sternatìa se
144
Q

quagghiàu e, rifardatu, se ritiràu il corridore sulla salita di Sternatia si avvilì e, sfinito, si


ritirò dalla gara. [da un incr. tra sp. callar e lecc. quàgghiu].

quagghiàsçena
quagghiàsçena sfa. Caglio o presuola, pianta della famiglia delle Rubiacee, con fusto a
sezione quadrata, foglioline lineari raggruppate intorno ai nodi, i fiori gialli raggruppati in
cima; il nome deriva dalla proprietà di far raggrumare il latte.

quagghiatu agg. Coagulato, raggrumato; addensato * sm. Bocconcino di latte coagulato;


sangue rappreso di maiale e di agnello.

quàgghiu sm. 1- Abomaso, l'ultima cavità dello stomaco degli ovini lattanti. I contadini,
vendendo gli agnelli al macellaio, si fanno dare indietro 'lu quàgghiu', che contiene la
sostanza acida coagulante necessaria per far cagliare il latte * 2- Caglio, presame * fig. 1-
Materia grigia del cervello * modi di dire: tenìre quàgghiu a ncapu essere intelligente §
mangiare lu quàgghiu consumare le meningi; rodersi il fegato § rusecare lu quàgghiu
arrovellarsi, scervellarsi * 2- Sperma. [lat. coagulum].
D’AM. E senza cu te mangi cchiui lu quàgghiu / facimu pace cu li bueni aùri.

quale agg. e pron. interrogativo. Quale?: quale libbru sta’ llieggi? quale libro leggi?; quali
giurni pe ttie suntu cchiù' ccòmmuti? quali giorni sono per te più comodi?; quali suntu le
toi? quali sono le tue? * agg. e pron. relativo: Quale: era tale e quale sirsa era tale e quale
suo padre; stìrame quale camisa uèi stìrami quale camicia vuoi * …pe lla quale loc. pron.
…per cui, a cui: nu bete persona pe lla quale non è persona a cui badare, non è individuo
da prendere in considerazione; nu be' ccosa pe lla quale non è cosa importante. [lat.
qualis].

qualera sfa. Querela, denunzia all'autorità giudiziaria. [lat. querela].

qualerare, quarelare tr.; pres. qualeru (quarelu),… qualeramu, ecc.; p. rem . qualerài
(quarelài), ecc.; pp. qualeratu (quarelatu) . Querelare. [lat. querelari].

qualìfica sf. Qualifica, titolo; epiteto: me tese la qualìfica te mèsciu sconza mi diede la
qualifica di maestrùcolo.

145
Q

qualificare tr.; pres. qualìficu, qualìfichi, qualìfica, qualificamu, ecc.; p. rem. qualifìcài, ecc.;
pp. qualificatu. Qualificare, definire una persona con senso di riprovazione: pe ccuntu
nèsciu l'ìmu già qualificatu pagnuttista per nostro conto lo abbiamo già qualificato un
pagnottista.

qualitate, qualità sfa. Qualità, dote, pregio. [lat. med. qualitas -atis].

quandu cong. Quando, allorché, nel tempo che: quandu egnu, nde parlamu quando verrò, ne
riparleremo; quandu aìmu nnu picca te pace? quando avremo un po' di tranquillità? *
modi di dire: quandu chiòe fiche e pàssule quando verranno giù dal cielo fichi e acini di
uva passa, cioè mai § quandu pèscia l'aδδina molto raramente, quasi mai * prov. Quandu
canta la cecala, se mete e sse tàgghia: allu patrunu la spica, allu ellanu la pàgghia
quando frinisce la cicala, si miete e si taglia: al padrone il frutto, al villano la paglia. [lat.
quando].

quannu sm. Quest'anno: quannu lu state à statu supèrchiu friscu quest'anno l'estate è stata
discretamente fresca; alli primi te quannu s'à nzuratu si è ammogliato all'inizio di
quest'anno. [comp. del lecc. qu(istu) annu].

quantera sfa. Vassoio. V. uantiera.

quantitate, quantità sfa. Quantità, quantitativo: cce cquantitate tieni te ulie te macenare?
quale quantitativo hai di olive da macinare?; la qualità à' bìtere, filu la quantità devi
osservare la qualità, non la quantità. [lat. quantitas -atis].

quantitativu sm. Quantitativo, quantità.

quantu1 agg. e pron. Quanto: quanta pruetènzia! Quanta provvidenza!; nu mme rrecordu cu
cquante strei àggiu fattu l'amore non ricordo con quante ragazze ho amoreggiato; an fine
rriàra allu quantu e ccomu infine arrivarono al quanto e al come. [lat. quantus].

quantu2 avv. 1- Quanto: faciti quantu putiti fate quanto potete; quantu cchiùi te faci pècura,
pèsçiu sinti trattatu quanto più ti fai pecora e ti sottometti mansueto, tanto meno sei
stimato e trattato * 2- Come, allorquando: quantu la fissi ntra ll'ecchi e iδδa rrussisce
come la fissi negli occhi, ella si fa rossa in volto; sta ccantàanu tutte cuntrite quantu
spurràra a rrìtere cantavano tutte serie e assorte, allorquando scoppiarono a ridere.

quantu3 cong. 1- temporale. Finché: spetta quantu ppìgghiu lu panaru attendi finché prendo
il paniere; ssèttate quantu spìcciu te cùsere accòmodati finché finisco di cucire * 2-
finale. Affinché, allo scopo di: àggiu sçire quantu mme rendu cuntu cu ll'ecchi mei devo
andare affinché mi renda conto con i miei stessi occhi; te la dicu quantu tte puezzi
rreculare te lo dico affinchè tu ti possa regolare; rrumagnu ccasa quantu scriu nna
cartullina pustale rimango in casa per scrìvere una cartolina postale.

146
Q

quant'ura avv. In quanto breve tempo: moi te fazzu bìtere quant'ura au e begnu ora ti
dimostro in quanto breve tempo vado e torno; però cquant'ura scucca! però come si
svoglia prestìssimo!
DE D. Ohimmè, quant'ura se furnìu lu bene, / ohimmè, l'amore comu se spicciàu!

quà quà sm. Verso onom. delle anitre e delle oche.

qua' qua' inter. Voce per chiamare il cane.

quaranta agg. Quaranta.

quarantale sm. Quarantennio; peso complessivo di quaranta chilogrammi * detto: quandu


rria lu quarantale, nna dògghia scinde e nn'àutra sale verso i quaranta un acciacco si
calma ed un altro compare.

quarantina sf. Più o meno quaranta.

quarantore sf. pl. Quarantore, rito religioso con esposizione solenne del Sacramento per
quaranta ore consecutive.

quarantottu agg. Quarantotto * sm. fig. Baraonda, ribellione, sconvolgimento: se ncazzàra e


ccumbenàra nnu quarantottu si infuriarono e combinarono una baraonda (reminiscenza
del 1848, l'anno delle rivolte in Europa).

quarche, quacche, squarche agg., che fa raddoppiare in suono della consonante semplice
iniziale della parola seguente. Qualche: quarche ssordu lu tegnu e puru quarche cchesura
ho qualche somma di denari ed anche qualche podere; te serve quacche ttàula? hai
bisogno di qualche asse di legno?

quarcheccosa, quaccheccosa, quarche ccosa sf. 1- Qualcosa: quarcheccosa te mangiare


sempre la trou troverò sempre qualcosa da mangiare; dammi quaccheccosa cu mmùcciu
la stria dammi qualcosa per coprire la bimba; à' persu quarche ccosa? hai perduto
qualcosa? * 2- sm. Qualcosa di eccezionale: lu fìcatu à statu nnu quarchessosa i pezzetti
di fegato sono stati una squisitezza unica.

quarchedunu, quarchetunu pron. Qualcheduno, qualcuno.


DE D. e pensu ca a ste cose puru nci ole / quarchedunu ca ha natu te ernedìa.

147
Q

la Quaremma
quaremma sf. 1- Quaresima: ete quaremma e nnu sse ncàmmera è periodo di quaresima e
non si mangia di grasso * 2- Pupattola vestita di nero, che ha tra le mani la rocca con il
fuso e un'arancia con sette penne di gallina infilzate a raggera, una per ogni settimana,
significante il periodo di penitenza: la quaremma nda ppersa la cunùcchia la pupàttola
'quaresima' ha perso da sotto il braccio la conocchia. [dal lat. quadragesima attraverso il
fr. carème].
BOZZI ma ci lu paratisu uliti piertu / la Quaremma besogna rrispettati.

quaresemale sm. 1- Quaresimale, serie di prediche che si tengono durante la quaresima * 2-


Dolce casalingo di pasta biscottata farcita di mandorle spezzettate.

quarieδδu sm. Blocco tozzo di pietra da costruzione di circa 25 cm. di lato base e di lato
altezza, quadrello.

quarmente avv. Egualmente.

quarnamienti v. uarnamienti.

quarsìasi agg. e pron. Qualsiasi, chiunque, qualunque: te pote fare quarsìasi faòre ti può fare
qualsìasi favore; quarsìasi se nde pote mpussessare chiunque se ne può appropriare.

quartara sf. Recipiente o di terracotta oppure di rame, adoperato per misurare liquidi, avente
la capacità più o meno di un quarto di ettolitro.

quartareδδa sf. 1- Quartara, recipiente di terracotta per trasportare a mano acqua * 2-


Barilotto equivalente a un quarto di barile.

quartiata sf. Un quarto di ettaro: osçe àggiu aratu cchiù' ppicca te nna quartiata oggi ho
arato una superficie minore di un quarto di ettaro.

quarticeδδu sm. Quartino di litro; caro e gustoso quarto (di vino). [vezz. di quartu].
148
Q

quartieri1 sm. 1- Quartiere cittadino: àbbetu allu quartieri te lu spetale abito nel quartiere
dell'ospedale * 2- Caserma di soldati. [fr. quartier].

quartieri2 sm. Quarta parte di una bestia macellata: quartieri te nanti quarto anteriore;
quartieri te retu quarto posteriore.

quartinu sm. Piccola casa di abitazione in città; appartamentino di città: ccattàu nnu
quartinu a ssecundu pianu acquistò un appartamentino al secondo piano. [dim. di quartu].

quartu agg. Quarto, che nell'ordine viene dopo il terzo: alla cursa ntru lli sacchi rriài quartu
alla corsa dentro i sacchi arrivai quarto; alla quarta nuttata nfiacchìu e murìu alla quarta
nottata si aggravò e morì * sm. Il quarto elemento, che può essere: 1- Un quarto
individuo: cu ffacimu la scupa manca lu quartu per giocare a scopa manca il quarto * 2-
Un quarto di ora: suntu le quattru e cquartu sono le quattro e un quarto * 3- Un quarto di
litro: cu ddoi quarti te mieru se mbriaca con due quarti di vino si ubbriaca * 4- Due delle
quattro fasi lunari: lu primu quartu il primo quarto; l'ùrtimu quartu l'ultimo quarto * prov.
Le fìmmene suntu comu la luna: puru iδδe tènenu li quarti le donne sono come la luna:
anch'esse hanno i loro quarti. [lat. quartus].

quartuδδu e ràsula
quartuδδu sm. 1- Quartarolo, misura per aridi equivalente a quattro 'stuppieδδi', cioè a
mezzo tòmolo, cioè 20 litri circa: nnu quartuδδu te biàa, te cìceri un quartarolo di biada,
di ceci (il peso sensibilmente varia) * 2- Superficie di terra di 33,33 are, sufficiente per
accogliere la semina di circa 20 litri di granaglie: nnu quartuδδu te terra semmenatu a
rranu e doi quartuδδi a erva mèteca 33,33 are seminate a grano e 66,66 a erba medica.
[dim. di quartu].

quasare intr.; pres. quasu,… quasamu, ecc.; p. rem. quasài, ecc.; pp. quasatu. Calzare,
aderire comodamente: proa ci ste scarpe quàsanu allu piccinnu prova se queste scarpe
calzano bene ai piedi del piccolo; lu cappieδδu nu mme quasàa il cappello non mi andava
bene sulla testa.

quasatura sf. Calzatura.

149
Q

quasettara sf. Calzettaia, donna che per mestiere fa con i ferri calze a mano. [da quasettu +
suff. di mest. -ara].

quasettu sm. Calza: quasetti curti e quasetti luenghi calze corte e calze lunghe; quasetti fatti
a mmanu calze confezionate a mano con gli appositi quattro ferri; quasetti ccattati calze
di fabbrica; quasetti te fìmmena, te màsculu, te piccinnu, te rande calze da donna, da
uomo, da bambino, da adulto * detto: Cosa bona ete lu cchiù' ssàpiu cu ncigna lu
quasettu è bene che sia il più saggio a cominciare la calza.

quasi avv. Quasi, circa: ete quasi scuru è quasi buio; suntu quasi se' mìgghie sono circa sei
miglia; quasi quasi me stendu nnu picca quasi quasi mi stendo un poco sul letto.

quasi ca cong. Sol perché: mèsciuma m'à tterata nna manimmersa quasi ca n'àggiu risu a
nfacce il mio maestro mi ha dato un ceffone sol perché gli ho riso in faccia; se nde bùsanu
quasi ca suntu cchiù' ffuerti se ne abusano sol perché sono più forti.

quasimente cong. Quasi che, come se: cumanda quasimente ete iδδa la patruna dà ordini
come se fosse lei la padrona.

quasisia, quasi sia cong. Come se, per modo di dire: tuttu te paru spicciàu, quasi sia ìa perse
le forse d'un tratto smise, come se avesse perduto le energie; ete ntellisçente quasisìa è
intelligente per modo di dire.

quatara
quatara sf. Caldaia, pentola di rame munita di due prese, usata per cuocervi maccheroni o
verdure che abbisognano di abbondante acqua * prov. Alla quatara ca ferve nu sse
cùcchia lu mùsciu scautatu alla caldaia che bolle non si accosta il gatto già una volta
scottato. [lat. calidaria].
DE D. e tuttu l'angalieδδu n''ìa rricatu / comu de niurufumu de quatare.

quatararieδδu sm. Apprendista calderaio. [dim. di quatararu].

quatararu sm. Calderaio, artigiano che vende, ripara, ristagna le pentole da cucina. [da
quatara + suff. di mest. -aru].

quatareδδa sf. Caldaietta, pentolone di alluminio. [dim. di quatara].

quatarieδδu sm. Pentola di alluminio.

150
Q

quatarone sm. Marmitta, pentola portatile. [accr. di quatara].

quatarottu sm. Calderone, grosso recipiente di rame munito di un manico arcuato mobile,
adoperato per far bollire grande quantità di acqua: la quatara mpòggiala subbra a llu
trapieti, lu quatarottu ppièndilu allu camastrale poggia la pentola sul treppiede, appendi
il calderone alla catenella del camino.

quataruttieδδu sm. Calderotto, paiolo. [dim. di quatarottu].

quatarottu
quatela sf. Cautela, salvaguardia. [dal lat. càutus>cautela].

quatelare tr.; pres. quatelu,… quatelamu, ecc.; p. rem. quatelài, ecc.; pp. cuatelatu.
Cautelare, garantire * rifl. Premunirsi; mettersi in guardia. [dal lecc. quatela].
DE D. se te quateli e mangi cose bone, / i' ca nu curri rìschiu de murire!

quàtenu sm. 1- Il quanto; il quanto e il come; conclusione: l’ài saputu lu quàtenu? sei venuto
a conoscenza del quanto e del come?; etimu ci li facimu rriare a llu quàtenu cerchiamo di
farli giungere alla conclusione.

quaterna sf. 1- Estrazione di quattro numeri * 2- Grosso e importante risultato;


conseguimento di un'ottima sistemazione.

quaternu sm. Quaderno: quaternu a rrichi, a cquatretti quaderno a righi, a quadretti;


quaternu te la brutta, te la bella screttura quaderno per la brutta copia, per la bella
scrittura. [lat. quaterni, legati a quattro a quattro].

quatizzu, cuatizzu agg. Di uovo, non gallato, non reso fecondo; pur sottoposto a cova, andato
a male e non nato: te intunu oe uettu s'ànu truate quatizze di ventuno uova messe sotto
cova, otto sono risultate non gallate e non si sono schiuse. [dal lat. cubatus, lat. volg.
cubaticius].

quatore sm. Calore; sensazione di caldo; calura: la campagna ardìa pe lli quatori e lli peluni
se ssuttàanu per i calori la campagna ardeva e gli invasi di acqua si asciuttavano. [dal lat.
calor -oris incr. con calidus].

quatrante sm. Quadrante graduato dell'orologio. [lat. quadrans -antis].

151
Q

quatrare tr.; pres. quatru,… quatramu, ecc.; impf. quatrettàa,… quatrettaàmu, ecc.; p. rem.
quatrài, ecc.; pp. quatratu * 1- Rendere quadro: à ddittu ci quatri nna chianca te intittrete
ha chiesto se vuoi quadrare una lastra da 23x23 * 2- Riquadrare, squadrare: quatra sti
fogli bianchi riquadra questi fogli bianchi * rifl. fig. Rimpinzarsi raddrizzando i fianchi:
ni quatrammu de mangiare e de bìere ci rimpinzammo di cibi e di bevande * intr. Avere
un esito esatto; raggiungere una soluzione: li cunti ànu cquatrare a nforsa i conti devono
necessariamente quadrare; lu tescìpulu nci minte lu penzieri, ma nu… cquatra
l'apprendista ci mette tutta l'attenzione, ma non… quadra, non riesce a concludere.

quatratinu sm. Quadratino. [dim. del lecc. quatratu].

quatratu agg. 1- Quadrato, di forma quadrata * 2- fig. Tutto d'un pezzo * sm. Quadrato, la
figura geometrica piana.

quatrella sf. Quadrello, nome di diversi strumenti di forma quadrangolare.

quatrettare tr.; pres. quatrettu,… quatrettamu, ecc.; p. rem. quatrettài, ecc.; pp. quatrettatu.
Suddividere una superficie in quadrati.

quatrettatu agg. Quadrettato, suddiviso in tanti quadratini: nna bella tuàgghia quatrettata
una bella tovaglia tessuta a quadretti.

quatrettu sm. Piccolo riquadro; quadratino.

quatriceδδu sm. Quadretto, dipinto di piccole dimensioni.

quatrieδδu sm. Quadrello * agg. fig. Tarchiato di costituzione. V. pure quarieδδu.

quatrìglia sf. Quadriglia, ballo figurato eseguito in frotta sotto la guida di un caposala. [sp.
cuadrilla].

quatru agg. Quadro, quadrato, quadrangolare * prov. Ci nasce tundu nu ppote murìre quatru
chi nasce tondo non può finire quadrato * sm. 1- Quadrato, riquadro; porzione quadrata di
una superficie: a stu quatru te terra nci fazzu statòteche in questo riquadro di terra
coltiverò ortaggi estivi * 2- Quadro, dipinto in un riquadro: lu quatru te la Matonna il
quadro della Madonna. [lat. quadrus].
Da c. p. Ui siti ttrete e lla parma purtati, / lu fiuru fiuru te le beδδe siti; / ma la piccinna
e' nnu quatru stampatu / e a ccasa pe bellezza la teniti.

quattòrdici agg. Quattordici: tenìa quattòrdici anni quandu se nde fusçìu cu nnu cattìu aveva
quattordici anni quando scappò da casa insieme a un vedovo. [lat. quattuordecim].

quattrecchi sm. e f. fig. Persona occhialuta.

quattrina sf. Circa quattro; quattro più o meno.

152
Q

quattru agg. 1- Quattro: quattru carusi e cquattru caruse quattro giovanotti e quattro
signorine * detto: quattru suntu le cose fridde: lu nasu te lu cane, le manu te lu barbieri,
le sçenùcchie te lu màsculu e lle capicche te la fìmmena quattro sono le cose fredde al
tatto: il naso del cane, le mani del barbiere, le ginocchia dell'uomo e le natiche della
donna *prov. Quattru uecchi ìtenu mègghiu cca doi quattro occhi, due persone, vedono
meglio che due * 2- Una quantità indeterminata ma non eccessiva: ni fìcemu quattru passi
facemmo una passeggiatina; moi te fazzu fare quattru risate adesso ti faccio fare quattro
risate * a cquattru zumpi loc. avv. In volata, in breve tempo: a' rrìanci a cquattru zumpi
arrìvaci subito subito. [lat. quattuor].
Conta di sorteggio: Sutta calesse de miu cumpare / nc'e' nna ècchia ca sape cuntare, / e
sape sunare le intiquattru: / una, doi, ttrete e cquattru.
Filastrocca: Sapissi cu cquattru sordi / quanta rrobba ci se pìgghia, / e sse pìgghia
mamma e ffìgghia / e lla serva ci nci stae.

quattru passi sm. pl. Passeggiata.

quattrusordi sf. Ventino, monetina di nichelio equivalente a 20 cent. o 4 soldi: àggiu truata
nna quattrusordi caurtata ho rinvenuto un ventino bucato.
Da c. p. te ncruci tuttu l'annu, / nna cquattrusordi buschi.

quattu agg. Accosciato. V. cuatu.

quazzu sm. Ventriglio, il gozzo dei pennuti, polli e uccelli * fig. Lo stomaco degli uomini.

quècciulu sm. Murice e la sua conchiglia; qualsiasi guscio elicoidale di mollusco. V. anche
cuècciulu.

Querinu pers. Quirino, Guerino.

quernare tr.; pres. quernu,… quernamu, ecc.; p. rem. quernài, ecc.; pp. quernatu * 1-
Governare * 3- rifl. Avere cura di sé. [lat. gubernare]. V. pure cuernare.

quèstula sf. Questua, raccolta di soldi effettuata tra i presenti durante la celebrazione della
messa; sottoscrizione e raccolta di soldi tra i cittadini in preparazione di solenni
festeggiamenti civili e religiosi. [dim. del lat. quaesta].

quiδδu pron. dimostrativo. Quello; ciò: ci lu canusce quiδδu? chi conosce quello?; quiδδa a
mmie me piace quella a me piace; quiδδi li lassi, nvece te nde puerti quiδδe lasci quelli e,
invece, porti via quelle; quiδδu ci te serve lu truèi cquài trovi qua ciò che ti occorre *
provv. Quiδδu ci lassi nci pierdi ciò che rifiuti perdi § Quiδδu ci sìmmeni ccuegghi ciò
che semini raccoglierai. [dal lat. (ec)cum illum]. V. l'agg. δδu.
Da c. p. Sta’ pparlu cu nna mamma spenturata / ca e' cquiδδa ci pe mmie tantu patìu.

quiδδuδδài, quiδδu δδai pron. indicativo. Quello lì: cce mme stizza quiδδaδδài quanto mi fa
arrabbiare quella lì.

153
Q

quietu agg. Quieto. V. cuietu.

quilibbrista sm. e f. Equilibrista, funambulo.

quilibbrismu sm. Equilibrismo.

quilibbru sm. Equilibrio. [dal lat. aequilibrium].

quìndici agg. Quindici. [lat. quindecim].

quindicina sfa. 1- Quindicina, serie di quindici cose o persone: nu nc'era cchiùi de nna
quindicina te uèmmeni non c'erano più di quindici uomini * 2- Ferie della durata di
quindici giorni da trascorrere al mare in appartamento preso appositamente in affitto: te
muti anni passu le quindicine o a Caδδìpuli o a Santa Cisària da molti anni trascorro le
ferie di quindici giorni o a Gallipoli oppure a S. Cesaria Terme.

quinta sf. 1- Quinta classe della scuola elementare: sta’ ffacenu la quinta stanno
frequentando la quinta classe; tene la paggella te la quinta ha l'attestato della quinta
classe elementare * 2- Ciascuna delle scene laterali del palcoscenico: tiènite prontu a
rretu alla quinta tièniti pronto dietro la quinta di scena.

quintalàggiu sm. Il totale dei quintali; il peso totale di una merce abbondante.

quintale sm. Quintale. [arabo qintar, sp. quintal].

quintatècima, quintadècima sf. La fase della luna piena, plenilunio, che si ha il quindicesimo
giorno dopo la luna nuova. [lat. quintadecima (dies) ].

quinterna sf. Combinazione vincente di cinque numeri.

Quintinu, Ntinu pers. Quintino.

quintu agg. Quinto nell'ordine di posto o di tempo * sm. Un quinto, la quinta parte di un tutto
* in particolare. Un quinto di litro, 200 grammi: nnu quintu te mieru un quinto di vino;
doi quinti te uègghiu due etti di olio. [lat. quintus].

quistu pron. dimostrativo. Questo, costui: quistu ete frate miu costui è mio fratello; quista ete
soru te canàtama costei è sorella di mia cognata; a mmie nu mme sta’ ppiàcenu quisti e
mmancu quiste non mi piacciono questi e neppure queste; pe cquistu nu binne per questo
non venne; quistu o quiδδu ete listessu questo o quello è uguale. [dal lat. (ec)cum istum].
V. l'agg. stu.

quistu (cu ttuttu -) loc. cong. Nonostante ciò; tuttavia: lu faòre nni lu fici e ccu ppiacère
puru, ma cu ttuttu quistu se gira te l'àutra parte e nnu mmancu saluta gli feci volentieri il
favore, ma con tutto ciò si gira dall'altra parte e non saluta neppure.

154
Q

quistucquài, quistu cquài pron. indicativo. Questo qui.

quiucare (lett.) intr. quìucu, quìuchi, quìuca, quiucamu, ecc.; impf. quiucàa, ecc.; p. rem.
quiucài, ecc.; pp. quiucatu. Equivocare: fuesti tie ca quiucasti fosti tu che equivocasti.
[lat. aequivocare]. V. anche marcapire, mbrugghiare.

quìucu, quìvucu (lett.) sm. Equivoco: pe nnu quìucu li ziti se ncagnàra pe ssempre per un
equivoco i fidanzati si lasciarono per sempre * agg. Equivoco, non proprio chiaro: a mmie
me pare nnu giòane quìucu a me sembra un giovanotto equivoco. V. mbrìgghiu,
mbrùgghiu, mbrugghiune.

155
R

Rr
Rabbieli, Crabbieli, Bbeli pers. Gabriele.

racàle sm. Raganella mangereccia.

Ràcale geogr. Ràcale. Agli abitanti di questo paesetto veniva affibbiato il nomignolo di
'pacci'.

racanare tr.; pres. racanu,… racanamu, ecc.; p. rem. racanài, ecc.; pp. racanatu. Marinare,
preparare alimenti prima infarinandoli e friggendoli e poi inzuppandoli di aceto:
cozzenìure racanate mìtili marinati.

racaneδδa sf. 1- Stoffa verdolina da risvolto o per guarnizioni * 2- Pannolino di neonato che
viene soprapposto al 'ssuppaturu'. [dim. dall'it. ragano].

racànu sm. Uragano. [sp. huracàn].


DE D. comu racanu ca a ddu passa schianta / l'armata tùrchia se precepetàa.

racchiceδδu agg. Alquanto brutto e sgraziato; piuttosto fiacco. [dim. di ràcchiu].

ràcchiu agg. Mal fatto, brutto e sgraziato, privo di ogni attrattiva fisica. [dal lat. volg.
*raculum].

raccumandare tr.; pres. raccumandu,… raccumandamu, ecc.; p. rem. raccumandài, ecc.; pp.
raccumandatu * 1- Raccomandare alla benevolenza e all'intercessione di qualcuno
autorevole: raccumandàu lu fìgghiu allu patrunu, ci lu face pigghiare alle uardie
carceràrie raccomandò il figlio al padrone, se potesse farlo arruolare tra gli agenti di
custodia; raccumandàtibu l'ànima a Diu, brutti sçiutèi raccomandàtevi l'anima a Dio,
brutti miscredenti * 2- Consigliare: ni raccumandàa cu nnu sse nfàccianu intra allu puzzu
consigliava loro di non sporgersi nel pozzo * 3- Affidare: li ziti raccumandara all'ària
nna canzune tramenzana te amore i fidanzati affidarono all'aria una canzone mediatrice
d'amore.
Da c. p. Me raccumandu a ttie, fenièsciu chiusu, / dinni alla beδδa mia ca nci su' statu.

raccumandata sf. Raccomandata postale.

raccumandatu agg. Raccomandato, favorito, protetto.

raccumandazione sf. 1- Raccomandazione, consiglio affettuoso o interessato * 2-


Agevolazione, appoggio.

raceppu sm. Raspolo, grappolino di uva. V. pure racioppa.

Rachela, Chela pers. Rachele.

156
R

rachìtecu agg. Rachitico.

racioppa sf. Grappolo d'uva con chicchi diradati sì da lasciar vedere il raspo: subbra a llu
ceppune su' rrumaste le racioppe sulla pianta di vite sono rimasti i raspolli. [da un incr.
tra lat. racemus e gotico krappa].

raciuppare tr.; pres. racioppu, raciueppi, racioppa, raciuppamu, ecc.; p. rem. raciuppài,
ecc.; pp. raciuppatu. Raccogliere i racimoli trascurati durante la vendemmia e rimasti ad
appassire sul tralcio. [dal lecc. racioppa].

Racli, Racri, Raci pers. Eraclito.

racosta sf. Aragosta. [lat. locusta].

racù sm. Ragù: maccarruni cu llu racù, maccarruni a rracù maccheroni conditi con il ragù.
[dal fr. ragout]. V. sucu.

racusèu agg. Avaraccio.

raddòppiu sm. Raddoppio, raddoppiamento.

radduppiare (lett.) tr.; pres. raddòppiu, ecc.; impf. radduppiàa, ecc.; p. rem. radduppiài,
ecc.; pp. radduppiatu. Raddoppiare.

rafanieδδu, rafaniellu sm. Ravanello. [dim. dal lat. raphanus].

Rafeli, Rafelùcciu, Felùcciu, Feli, Fefè, Fei, Pei pers. Raffaele.

raffermare rifl.; pres. me raffermu, te raffiermi, se rafferma, ni raffermamu, ecc.; p. rem. me


raffermài, ecc.; pp. raffermatu. Raffermarsi prolungando la ferma militare.

raffermatu sm. Militare che ha rinnovato la ferma. V. pure firmaiolu.

ràfia sf. Rafia, fibra vegetale impiegata per legature nel frutteto.

rafuègghiu

157
R

rafuègghiu sm. Trifoglio, pianta erbacea coltivata per foraggio; ha foglie composte da tre
foglioline, fiori rossi raccolti a spiga in cima allo stelo. [da un incr. tra lat. ravus e folium].

rafuègghiu maru sm. Acetosella. V. anche pappacitu.

rafuègghiu mbastardutu sm. Vulneraria, erba i cui steli, striscianti alla base e poi eretti,
terminano con fiorellini riuniti in capolini di colore giallo o rossastro; le foglie oblunghe
imparipennate, unitamente ai fiori, venivano usate in decotti, grazie alle loro proprietà
astringenti e cicatrizzanti.

ragghiare intr.; pres. ràgghiu, ecc.; impf. ragghiàa, ecc.; p. rem. ragghiài, ecc.; pp.
ragghiatu. Ragliare * provv. Lu ciùcciu ràgghia quandu sente la pàgghia il somaro raglia
non appena sente l'odore della paglia § Diu nu ssente l'àngeli cantare e uèi cu ssenta lu
sumarru ragghiare? Dio non ode cantare gli angeli in cielo e pretendi che ascolti l'asino
ragliare? [dal lat. volg. rag(u)lare].

ragghiata sf. Ragliata.

ràgghiu sm. Raglio * prov. Lu ràgghiu te lu ciùcciu nu rria a ncelu il raglio dell'asino non
giunge in cielo.

raggi (neol.) sm. pl. Radiografia a raggi x: m'àggiu fatti li raggi ho fatto la radiografia.

ràggia sf. Rabbia: la ràggia me sta’ brùsçia a mpiettu la rabbia mi brucia nel petto; pe lla
ràggia sta’ stròzzula li tienti per la rabbia digrigna i denti * prov. Ci troppu ole, te ràggia
more chi troppo brama, di ràbbia morirà. [dal lat. rabies>rabia incr. con fr. rage].

raggione sf. 1- Ragione, intelligenza, criterio: sta’ pperde la raggione sta perdendo la
ragione * 2- Causa giusta, motivo valido: àggiu raggione cu tte qualeru ho ragione a
querelarti; nu nc'era nuδδa raggione cu cchiangi non c'era alcun motivo per piangere.
[lat. ratio -onis].
Da c. p. Raggione àe màmmata tte uanta, / tie te le beδδe sinti la maggiore.

ràggiu (neol.) sm. Raggio. V. ràsçiu.


BOZZI ma ci nnu ràggiu tou me trase mpiettu, / passa lu chiantu e passa lu ssegnuttu.

raggiunamientu, raggiunamentu sm. Ragionamento, conversazione pacata.

raggiunare intr.; pres. raggionu, raggiueni, raggiona, raggiunamu, ecc.; impf. raggiunàa,
ecc.; p. rem. raggiunài, ecc.; pp. raggiunatu. Ragionare; discorrere ponderando le parole;
discutere pacatamente, conversare.

raggiunèule, raggiunèvule agg. Ragionevole; accettabile, conveniente.

raggiunieri sm. Ragioniere, contabile * fig. Persona precisa e pignola.

158
R

ragnisçiare intr.; pres. ragnìsçiu, ecc.; impf. ragnisçiàa, ecc.; p. rem. ragnisçiài, ecc.; pp.
ragnisçiatu. Ragnare, di stoffa che mostra i fili radi come ragnatela: alli scansafatèi ni
ragnìsçianu le chiappe agli oziosi ragnano i fondelli dei calzoni. [dal lat. aranea, ragna, +
suff. intens. -sçiare].

ragnisçiatu agg. Ragnato, consunto.

ragnu sm. Robusta fune di canapa. [dal lat. (a)raneus].

ralità sf. Rarità; cosa eccezionale. [dal lat. raritas -atis, r>l].

ramàgghia sf. Ramaglia, rama da recidere; potature leggere; rimonda. [lat. ramalia,
lia>gghia].

ramare tr.; e intr.; pres. ramu,… ramamu, ecc.; p. rem. ramài, ecc.; pp. ramatu * 1- Irrorare
le piante con solfato di rame * intr. Ricoprirsi di una patina color rame

ramarru sm. Ramarro, lucertolone verde.

ramaru sm. Ramaio, calderaio, stagnaio, artigiano che fabbrica, vende, ripara recipienti di
rame e riveste di stagno le pentole internamente scrostate. [da rame + suff. di mest. -aru].

ramatu agg. Abbronzato, dalla pelle cotta dal sole, perciò abbronzata e rugosa: purtàa la
pelle te cira e moi la tene ramata aveva la pelle color della cera e adesso ce l'ha color del
rame, cotta dal sole.

ramazza sf. Scopa di ramaccio.

ramazzare, rramazzare tr.; pres. ramazzu,… ramazzamu, ecc.; p. rem. ramazzài, ecc.; pp.
ramazzatu. Ramazzare, scopare cortili.

rame sf. Rame; lamiera di rame. [lat. (ae)ramen].

ramera sf. Laminato di rame. [da rame + suff. funz. -era]. V. pure lamera.

ramettu (lett.) sm. Ramo di erba, fusto ramoso. [dim. di ramu]. V. fuste, zippu.

ramiceδδu sm. Piccolo ramo di pianta, ramoscello. [altro dim. di ramu].

ramiera sf. in generale. Recipiente di lamiera * 2- in particolare. Fiasca di lamiera dove i


frati cercatori ripongono l'olio ricevuto durante la questua.

ramigna sf. Gramigna. V. remigna.

ramingu agg. Ramingo; nomade.

159
R

rammeδδa sf. Lama cattiva; lama arrugginita di coltello vecchio; lama che ha perduto il
manico. [dim. di un incr. tra lecc. rame e lama].

rammenare tr.; pres. ràmmenu,… rammenamu, ecc.; p. rem. rammenài, ecc.; pp. rammenatu
* 1- Sfioccare la lana o il cotone a batuffolo * 2- Pettinare, ravviare una chioma arruffata
con i capelli intricati. [da un incr. tra lat. lamina e carminare, scardassare].

rammenatu agg. Ridotto a fiocco soffice e vaporoso.

rammullitu (neol.) agg. Rammollito, indolente; imbecille.

rampecante agg. Rampicante: rosa rampecante rosa rampicante * sm. Qualsìasi pianta che si
allunga con i suoi rami, arrampicandosi sui muri e sui sostegni.

ramu (lett.) Ramo di albero. [lat. ramus]. V. i più comuni rapa, stanga, tàccaru.

ramugliettu sm. Rametto. V. lèuna.

Ramunda, Ramundina, Ndina, Unda pers. Raimonda.

ramusceδδu sm. Ramoscello. [ll>δδ].

ranaluru, ranarulu agg. Granaiolo, che si ciba di cereali: aceδδu ranaluru uccello granaiolo
* sm. 1- Grosso recipiente per conservarci granaglie * 2- Mercante girovago di granaglie,
venditore e compratore di cereali e legumi di produzione locale.

ranaru sm. 1- Granaio in muratura o scavato nella roccia; grande contenitore di granaglie *
prov. Acqua te frebbaru ìnchie lu ranaru pioggia di febbraio riempie il granaio * 2-
Vaglio esclusivo per grano e orzo. [lat. (g)ranarium]. V. anche cestune.
Da c. p. Quantu llaùre nc'ete a stu ranaru, / nu llu mmàcena nnu mulinu sulu;

ràncetu (lett.) agg. Rancido, inacidito. [lat. rancidus]. V. nnacetutu.

ranche sf. pl. Unghioni, artigli; zampa unghiata di rapace.

rànciu sm. Rancio, pasto dei soldati. [dallo sp. rancho].

rancu1 (pl. ranchi) sm. Crampo: m'à ppigghiatu nnu rancu alla manu mi ha preso un crampo
alla mano; cu tte zzicca rancu all'ànema! che ti prenda un crampo al cuore!

rancu2 sm. Cancro.

rancu3 sm. Misura li lunghezza tra l'estremità del pollice e quella dell'indice: luengu doi
ranchi lungo due tratti tra pollice e indice.

randanata, randaniata sf. Grandinata.


160
R

ràndani, làndani sm. pl. Grandine: nci su' stati li ràndani c'è stata la grandine.

randanisçiare intr. impers.; pres. randanìsçia; impf. randanisçiàa; p. rem. randanisçiàu; pp.
randanisçiatu. Grandinare. [da ràndanu + suff. intens. -sçiare].

ràndanu sm. Chicco di grandine: nnu ràndanu ressu a nforma te nuce un chicco di grandine
grosso quanto una noce. [dal lat. (g)rando -inis]. V. pure rànulu.

rande agg. 1- Grande per importanza: nn'òmmene rande un grand'uomo; la Pìggia fose
rande, sai? Luigia fu grande, sai? * 2- Grande, alto e grosso; ampio, vasto * saluto
confidenziale: sorta rande! buona sorte, grande destino § sorta rande e furtuna ricca: cu
mmangi mutu e ccu ffatìi picca una buona sorte e una ricca fortuna: che tu possa avere da
mangiare in abbondanza e possa lavorare poco * provv. A llucerna rande, stuppinu ruessu
a lucerna grande (occorre) stoppino grosso § Nu sse sèntenu le campane piccicche
quandu sònanu le randi non si odono le campane piccole quando suonano le grandi * 3-
Cresciuto, adulto: li piccinni ànu ssèntere li randi i piccini devono dare ascolto ai grandi;
la chianta te rosa s'à ffatta rande la pianta di rosa è cresciuta. [lat. grandis].
Da c. p. Moi ci s'à ffatta rande e beδδa fata / pe nn'àutru amante à bbandunatu a mmie.
Da c. p. E llu rande me tenìa, / lu menzanu me le tìa, / lu piccinnu ni cutìa, / la soru se
nde futtìa!

randiceδδu agg. Grandicello, abbastanza cresciuto. [dim. di rande].

ràndine (neol.) sf. Grandine * detti: la ràndine nu fface carestìa (…mma sulu ci cate su lle
àiere!) la grandine non procura carestia (… ma solo se cade sulle aie, sul già raccolto!) §
priare l'àcqua e buscare ràndine invocare la pioggia e buscarsi la grandine. [lat. (g)rando
-inis]. V. ràndani.

ranècchiu sm. Ranocchio * prov. Lu ranècchiu nu mmòzzeca il ranocchio non morde. [lat.
volg. *ranuculus].

ranecchiulìcchiu sm. Girino di rana. [dim. del dim. ranècchiulu].

ranècchiulu sm. Ranocchio, ranocchietto. [dim. di ranècchiu].

ranfa sf. Zampa con artigli, grinfia; artiglio, uncino a più punte: le ranfe te lu mùsciu le
zampe del gatto: ppièndilu a sta ranfa appèndilo a questo uncino. [dall'it. (g)ranfia].
DE D. e comu na nnucente turtureδδa / de li farconi ntru le ranfe stìa.

ranfune sm. Grosso uncino; arpione.

ranfuni sm. pl. Le estremità ripiegate del ferro di cavallo.

rangu sm. Rango, ceto, grado sociale. [dal fr. rang].

161
R

rangutagna, rangutanga sm. e f. Orang-utan * fig. Persona dal corpo sgraziato, dai riflessi
lenti e di scarso comprendonio.

raniceδδu sm. Grano bello e amabile; grano tanto caro. [vezz. di ranu].

ranieδδu sm. Pustoletta sulla pelle, piccola quanto un granello; sfoghetto cutaneo: ci màngiu
fiche, me èssenu ranieδδi subbra a lla panza se mangio fichi, mi spuntano pustolette sulla
pancia. [dim. di ranu].

ranieδδuzzu sm. Pustola piccolissima; pàpula puntiforme. [dim. del dim. ranieδδu].

ranieru sm. Granaio sotterraneo; cassone per riporvi il grano.

ranisçiare intr. impers.; pres. ranìsçia; impf. ranisçiàa; p. rem. ranisçiàu; pp. ranisçiatu.
Piovigginare a goccioloni radi. [da ranu + suff. iter.-durat. -sçiare].

rannu sm. Ranno, acqua bollente e cenere, dove tenere a mollo panni molto sporchi * prov.
Ci llaa la capu allu puercu, nci perde rannu e ffatìa chi lava la testa al maiale, ci perde il
ranno e la fatica. [long. rann(j)a].

ranòcchiule
ranòcchiula sf. Ranocchia, rana * fig. Donna bassa, grassa e goffa. [dal lat. volg. *ranucula].
Da c. p. fatte capace ca nu tte pretendu, / e' mmègghiu nna ranòcchiula cca ttie!

ranocchiuleδδa sf. Ila, raganella; rana appena lasciato lo stadio di girino. [dim. di
ranòcchiula].

ranu sm. La pianta e il frutto del grano, frumento: stelu, spica, ristu, restùcciu te ranu stelo,
spiga, arista, stoppie di grano; ranu tiènneru, cappellu, marsaluru, prematìu, tardìu grano
tenero, duro, marzolino, primatìccio, tardivo * provv. Fenca lu ranu stae alli campi, ete
de Diu e de li Santi fintanto che il grano è nei campi, appartiene a Dio e ai Santi § Ogne
rranu dae la sìmula soa ogni specie di grano dà la propria semola. [lat. (g)ranum].
Cantilena: Nanu, nanu, nanu e nanu, / ci lu sìmmena stu ranu? / la fìgghia mia e'
piccinna, / nu lla pote la sporta a mmanu; / e llu sìmmena lu miu beδδu / cu lla chianta te
la manu.
Indovinello: Portu curuna e rre nu ssu' cchiamatu, / te fili d'oru suntu curunatu, / cu
mmia ricchezza lu mundu mantegnu / e nnu ssu' ffìgghiu te lu Patreternu.
D’AM. Spica te ranu, / quistu è lu pane ci se nd'iàe luntanu / senza nde resta a nui na
muzzecata.
162
R

ranulìndiu
ranulìndiu sm. Granoturco, mais, ritenuto oroginario dell'India (donde il nome); provenne in
realtà dall'America centrale (le Indie): tursu, fronde, pupu, àcenu, capiδδi te ranulìndiu
fusto, foglie, pannocchia, chicco, capelli di mais.

rànulu sm. 1- Granello: nnu rànulu te pùrvere m'à sçiutu ntra st'ècchiu un granello di
polvere mi è penetrato in questo occhio * 2- Piccolo chicco di grandine. [lat . (g)ranulus].

rànure sf. pl. Granaglie; cereali.

ranurisu sm. Riso, le cariossidi della pianta poste già in commercio. Da noi la pianta non
viene coltivata, e i chicchi bianchi raramente vengono consumati, perché ritenuto pasto
troppo leggero, presto digeribile, dunque poco nutritivo, sicché vige il detto: lu ranurisu
menz'ura te tene tisu il riso mezz'ora soltanto ti tiene sazio.

ranzulu sm. Lenzuolo. V. lanzulu.

rapa sf. Tronco d'albero; ciascuno dei due o tre rami principali di un grosso albero. [gotico
kra(p)pa, elemento di sostegno].

rapacàula sf. Cima di rapa, pianta ortiva assai diffusa e largamente coltivata a scopo
alimentare; ha foglie verdi e grosse infiorescenze che si aprono in piccoli fiori gialli;
secondo i diversi periodi della raccolta le 'rapacàule' sono dette: nataline, sçennarine,
frebbarine o frebbarule, marzuline o marzalure. [comp. del lat. rapa + caulus].

rapesta sf. Rapa campestre, barbabietola da foraggio, pianta con grossa radice usata come
mangime per il bestiame * fig. 1- Persona sciocca, di scarso comprendonio * 2- Batosta,

163
R

grave danno inaspettato. [da un incr. tra lat. rapa agrestis e rapistrum].
DE D. e nni cuntamu a tutti la rapesta / c'imu ccappata cu quiδδ'assassinu;

rapesta
rapetale sm. Dorsale, rialto di terra lungo i muriccioli del campo; mancando la muriccia, il
rialto di confine sormontato di siepe, fatta di rami d'albero, cioè di 'rape'.

rappa sf. Grappolo: rappa te ua grappolo d'uva; cerase a rrappa ciliege a grappolo; l'aδδina
tenìa tanta nna rappa te oe la gallina aveva un'ovaia grossa così. [gotico (k)rappa incr.
con it. (g)rappa].
DE D. Ieni cu mmie addunca li ceppuni / suntu te rappe russe carrecati,

rappatu, rrappatu agg. Grinzoso, raggrinzito, rugoso.

rappigghiatu, rappigliatu agg. Arrochito, rauco.

rappìgghiu, rappìgliu sm. Raucedine, arrochimento di voce.

rapportu sm. 1- Rapporto, relazioni sociali: tra de nui nu nc'ete nuδδu rapportu tra noi due
non c'è alcun rapporto * 2- Denunzia di atti di indisciplina: lu sargente ni fice rapportu il
sergente inoltrò rapporto contro di noi * 3- Rapporto tra due ruote dentate: lu rapportu te
la bicicretta.

rappresentante sm. Rappresentante di commercio.

rappresentare tr.; pres. rappresentu, rappresienti, ecc. (segue la coniugazione del semplice
'presentare' * 1- Rappresentare uno spettacolo: stasira rappresèntanu 'Querinu Meschinu'
questa sera rappresenteranno in teatro 'Guerin Meschino' * 2- Agire per conto di altri;
presentarsi al posto e a nome di altri: stu mumentu la legge la rappresenta lu Ernestu
uàrdia in questo momento il vigile Ernesto rappresenta la legge.

164
R

rappresentazione sf. Rappresentazione, recita teatrale. [lat. rappresentatio -onis].

rappulara (fetente) sf. Ballotta o marrubio fetido, erba perenne pelosa e con radice a fittone;
ha foglie ovali assai rugose, fiori tubolari di colore roseo, che spuntano all'ascella delle
foglie; è un'importante pianta medicinale per le sue proprietà sedative, antispasmodiche e
astringenti, tuttavia il suo uso è stato sempre limitato a causa dell'odore molto sgradevole
dei suoi infusi e decotti.

rappulare intr.; pres. ràppulu,… rappulamu, ecc.; impf. rappulàa, ecc.; p. rem. rappulài,
ecc.; pp. rappulatu. Raggrinzire. [da ràppulu].

rappulisçiare intr.; pres. rappulìsçiu, ecc.; impf. rappulisçiàa, ecc.; p. rem. rappulisçiài,
ecc.; pp. rappulisçiatu. Diventare rugoso, raggricciare. [da rappulare + suff. durat.-intens.
-sçiare].

rappulisçiatu agg. Grinzoso, pieno di rughe profonde.

ràppulu sm. Ruga della pelle, grinza: tene la facce singata te li ràppuli ha il viso segnato
dalle rughe * detto: li capiδδi nu ssu' iδδi, li tienti nu ssu' nnienti, li ràppuli su' iδδi! i
capelli non sono loro (a rivelare l'età), i denti non sono niente (a tal proposito), le rughe
della pelle son elle! [dal lecc. rappa].

rappulusu agg. Grinzoso, rugoso.

ràppura, ttaccatammìe
ràppura, ràppula sf. Asperella, attaccavesti, graminacea spontanea annua, erba infestante
con le sue fitte radichette; in cima ad ogni stelo filiforme svetta una spiga ricca di peli
scabri, che si appiccica ai velli degli animali pascolanti e ai vestiti dei contadini. [dal lat.
lappa>lappula]. V. ttaccatammìe.

rappurtare tr.; pres. rapportu, rappuerti, rapporta, rappurtamu, ecc.; p. rem. rappurtài, ecc.;
pp. rappurtatu * 1- Rapportare, confrontare * 2- Riferire indiscretamente.

rapunara sf. Talpa; galleria della talpa. V. pure tapunara.

165
R

rarità, ralità sf. Rarità, singolarità; cosa eccezionale per la sua bellezza o per la sua
squisitezza. [lat. raritas -atis].

raru agg. 1- Raro, infrequente * 2- Prezioso perché difficilmente rinvenibile. [dal lat. rarus].

rasa sf. Rasatura: m'àggiu sci' ffare la rasa te li capiδδi devo assolutamente andare a farmi
radere a zero.

rasare tr.; pres. rasu,… rasamu, ecc.; p. rem. rasài, ecc.; pp. rasatu. Con la rasiera rasare il
colmo da una misura di capacità: li quartuδδi li rasàa, nu lli lassàa ncurmunati rasava i
quartaroli, non li lasciava colmi traboccanti. [da rasu].

rasçantinu agg. Lussurioso; peccatore carnale.

rasçare tr.; pres. rasçu, rasçhi, rasça, rasçamu, ecc.; impf. rasçàa,… rasçaàmu, ecc.; p. rem.
rasçài, ecc.; pp. rasçatu * 1- Raschiare, sgrattare con forza: ràsçande le pose ntustate
ràschiane i sedimenti induriti * 2- fig. rifl. Possedere una donna; avere un rapporto
sessuale intimo. [dal lat. volg. rasculum, raschietto].

rasçata sf. fig. Coito, l'atto sessuale.

rasçatura sf. Raschiatura; graffiatura, graffio lungo e profondo: cu nna scràsçia m'àggiu
fatte tante rasçature all'anche con le spine di un rovo mi sono procurati tranti graffi alle
gambe.

rasçaturu sm. Raschiatoio.

rasçeδδu sm. Piccolo raschiatoio dello zappatore.

ràsçia sf. Razza, pesce dal corpo discoidale. [lat. raja].

ràsçia petrosa sf. Razza chiodata, cosiddetta perché ha sulla pelle del dorso diversi scudetti
ossei.

ràsçiu sm. 1- Raggio di sole, di luce: li rasçi te lu sule ni mpeδδàanu subbra a lli còccali
spennati i raggi del sole battevano a perpendìcolo sulle sommità delle teste calve;
all'antresattu cumparìu tra lli rasçi te luce spiandente d'un tratto apparve tra i raggi di
luce splendente * 2- Ciascuno dei raggi di una ruota: nnu ràsçiu te la rota stae scentratu
un raggio della ruota è fuori centro. [dal lat. radius].

rasçu sm. 1- Somma di denaro avuta in prestito e da restituire; debito mai restituito.

Ràsemu, Aràsemu, Rasi pers. Erasmo.

rasizzu sm. Terreno spianato senza alberi né cespugli; spiazzo diserbato.

166
R

raspa1 sf. Raspo del grappolo d'uva senza acini.

raspa2 sf. Raspa, attrezzo finemente dentato atto a raspare oggetti di legno e di metallo.
Da c. p. Una ete lima, doi suntu raspe, / tutte ttrete càntanu raste!

raspare tr.; pres. raspu,… raspamu, ecc.; p. rem. raspài, ecc.; pp. raspatu. Raspare,
pareggiare con la raspa: ràspande li nnuti te stu seccatieδδu raspa i nodi di questo fusto
essiccato * intr. Raspare con le zampe.

raspisçiare tr.; pres. raspìsçiu, ecc.; impf. raspisçiàa, ecc.; p. rem. raspisçiài, ecc.; pp.
raspisçiatu. Raspare.

raspulisçiare tr.; pres. raspulìsçiu, ecc.; impf. raspulisçiàa, ecc.; p. rem. raspulisçiài, ecc.;
pp. raspulisçiatu. Allegare i denti; rendere scabra la bocca: lu cutugnu tìferu me
raspulisçiàu la lìngua e llu celu te la ucca la cotogna acerba mi rese scabri la lingua e il
palato.

raspusu agg. Rasposo, ruvido al tatto o al palato, scabro.

rassa sf. Annona; rifornimento di viveri. V. anche grassa.

rassegnare rifl.; pres. me rassegnu,… ni rassegnamu, ecc.; p. rem. me rassegnài, ecc.; pp.
rassegnatu. Rassegnarsi.

rassegnatu agg. Rassegnato; adattato a malincuore.

rassegnazione sf. Rassegnazione: δδa nunna supporta gnencosa cu ssanta rassegnazione


quella signora sopporta ogni cosa con ammirevole rassegnazione.

rassieri sm. Responsabile dell'annona, addetto all'approviggionamento; assessore di piazza.

rassiettu sm. Rassetto. V. pure siettu.

rassu agg. 1- Ricco di grasso; di consistenza untuosa: lu pisce palumbu ete rassu il pesce
palombo ha le carni grasse; la conza à benuta rassa la malta è risultata grassa; lu
ranècchiulu tene la peδδe rassa la rana ha la pelle untuosa e viscida * 2- Adiposo, pingue,
paffuto: benetica, ste piccinne comu crìscenu rasse! benedica, queste ragazzine come
crescono belle paffute; stae rassu comu nnu puercu è grasso come un maiale * sm. 1-
Grasso, tessuto adiposo: rassu te puercu grasso di maiale; lu rassu te le nàteche il tessuto
adiposo delle natiche * modi di dire: essere rassu comu nnu sturnu essere magrissimo
come uno storno affamato § cucina rassa, testamientu mazzu cucina grassa, testamento
magro * 2- Sostanza viscida e scivolosa, untuosa e denza: alla rota s'à ccuetu tantu rassu
alla ruota si è accumulato tanto grasso. [dal lat. crassus > (g)rassus].
DE D. mòneci rassi, chini d'allegrìa, / ca truastiu cu scanzati la fatìa!

167
R

rassusu agg. Propenso a ingrassare; adiposo; grassone.

rasta sf. Vaso da fiori, grasta: rasta te basìlecu, te cìceri e ttrie, te żànzecu vaso di basilico,
di narcisi, di maggiorana; àggiu rutte le raste te crita ho rotto i vasi di argilla * fig. Il
contenuto di una vita di uomo; tutte le notizie conosciute di una persona (che si
vorrebbero tenute chiuse in un vaso); ramanzina: a mmienzu alla strata ni cantàu la rasta
soa e puru la rasta te màmmasa in pubblico raccontò la 'storia' di lui e pure la 'storia' di
sua madre * modo di dire: cantare la rasta sfogarsi rivelando tutto ciò che di male si sa
dell'avversario. [lat. gastra, vaso panciuto].
Stornello: Fiuru te rasta, / lu sule te saluta a sta fenèscia, / ma l'àcqua ca te danu nu tte
basta.
Da c. p. Tie te li fiuri si' rrasta ddacquata, / si' rrasta de carròfalu e de rosa.

rasticeδδa sf. Piccolo vaso di terracotta per piantarvi fiori; ciotola di creta per l'acqua delle
galline. [dim. di rasta].

rastieδδu sm. Rastrello a manico lungo. [da un incr. lat. tra rastellum e rastrum].

rasu1 agg. 1- Raso, rasato; liscio e spianato: turnàu cu lla capu rasa tornò con la testa rasata
* 2- Colmo sino all'orlo: l'ursulu nu llu fare rasu, senò lu mieru spetterra non riempire
l'orciolo sino all'orlo, altrimenti il vino trabocca * avv. Rasente; radente: passàra rasu
alla culonna passarono rasente alla colonna: à' barare rasu rasu allu parite devi arare
radente alla murìccia; (De Dominicis) sçìa mmuδδatu de rasu all'angalieδδu era bagnato
sin sopra al mento. [lat. rasus].

rasu2 sm. Raso, tessuto di seta o di cotone.

rasùla sf. Rasiera, asticciola di legno adoperata per rasare il colmo di un recipiente
traboccante di aridi.

rasulata sf. Rasoiata, colpo di rasoio. [dal lecc. rasulu].

rasulu sm. Rasoio. [lat. rasorium].

rasuterra avv. Rasoterra, rasente alla terra, terra terra.

ratapiellu sm. Rastrelletto * fig. Persona che approfitta di ogni intoppo per attardarsi;
perditempo. [dim. derivato da un incr. tra lat. (c)ratis, graticcio, e rape(re) , strappa].

ratatila sf. Ragnatela: lu scarpione sta’ ttesse la ratatila il ragno tesse la ragnatela; suttile
comu nnu filu te ratatila sottile come un filo di ragnatela * prov. Sçoppa a nterra ci se
nferra alla ratatila sbatte in terra colui che si aggrappa ad una ragnatela. [dall'it. rada
tela]. Stornello: Fiuru te cira, / ete la legge sìmele a nna tila, / nu dde cuttone mma te
ratatila!

168
R

ratice sf. Radice di una pianta * prov. Quandu la ratice ete tagghiata, le stanghe sìccanu e lle
fronde càtenu quando la radice è troncata, i rami seccano e le foglie cadono * fig. 1- La
causa originaria: la ratice te lu latrunìggiu ete la misèria la causa prima delle ruberie è
l'indigenza * 2- La parte inferiore ben saldata: la ratice te lu tente, te li pili la radice del
dente, dei peli. [lat. radix -icis]. V. anche retecata.

ratìcula sf. Graticola: pezzetti te fìcatu alla ratìcula pezzetti di fegato cotti sulla graticola; la
ratìcula te Santu Larienzu la graticola di S. Lorenzo * detto: ete comu mpuggiare lu culu
su lla ratìcula è come poggiare il sedere sulla graticola, scottarsi, subire un grave danno.
[dal lat. radix>radicula incr. con (c)ratis].

ratìglia sf. Gratella a rete semplice o a doppia rete metallica.

ratizzu agg. Arato di fresco: ete bellu cu ccamini squasatu ntru llu ratizzu è piacevole
camminare scalzi nella terra arata di fresco e soffice. [dal lat. volg. *araticius].

rattacapu sm. Grattacapo, preoccupazione; assillo * detto: figghi piccinni rattacapi


piccicchi, figghi randi rattacapi ressi figli piccolini preoccupazioni lievi, figli grandi
grattacapi grossi.

rattacasu sf. Grattugia per il formaggio.

rattare tr.; pres. rattu,… rattamu, ecc.; p. rem. rattài, ecc.; pp. rattatu. Grattare * provv.
Mmara a cci nu sse ratta cu lle ugne soi guai a chi non si gratta con le sue stesse unghie §
La crapa se ratta lu culu cu llu cuernu sou stessu la capra si gratta il didietro col suo
stesso corno § Li ciucci se ràttanu te fra iδδi i ciuchi si strofinano fra di loro § Ci ni ratti
lu cutursu, se ngatta puru l'ursu se gli gratti la groppa, persino l'orso si acquatta.
[provenz. gratar].

rattarièpuli sf. Pungitopo, arbusto con foglie coriacee acuminate; cresce nella macchia ed
anche lungo le siepi, produce frutti a bacca rossa un po' più grossi di un pisello.

rattata sf. Grattata; raschiamento * fig. Pomiciata.

rattaturu sm. 1- Raschietto * 2- Lama di ferro infissa nel pavimento dell'ingresso, su cui
raschiare le scarpe infangate.

rattusu agg. fig. Lascivo; pomicione.

ratu, radu agg. Rado, scarso di consistenza * avv. Raramente.

ràulu1 sm. Lauro, alloro. V. làuru.

169
R

ràulu
ràulu2 sm. Corvo nero o gracchio, uccello avido di olive e di legumi: subbra alli campanari
se ìtenu muti ràuli sui campanili si vedono numerosi corvi neri. [lat. graculus].

rausèu sm. Strozzino. V. racusèu.

Ràziu pers. Orazio.

raziunatu agg. Razionato, di alimento sottoposto a razionamento.

razza sf. Razza, schiatta: li ciucci curfioti suntu de razza bona gli asini di Corfù sono di razza
buona; petate te razza napuletana patate di razza napoletana * fig. Ceto sociale,
condizione della stirpe familiare; specie: cce rrazza te cristiani siti? che specie di cristiani
siete?; ete fìgghiu te nna razza te latri è figlio di una stirpe di ladri; la razza te li pezzienti
à stata sempre spruttata il ceto dei pezzenti è stato sempre sfruttato * detti: la razza ete
nna màcchia: ogne llèuna nci truèi la schiatta è come una selva: ci rinvieni legna di ogni
genere § ci nu mbuèi sse sàccia la razza, cciti li ecchi e strazza le carte se intendi non far
conoscere le origini della famiglia, uccidi i vecchi, testimoni del passato, e strappa i
documenti.

razzale sm. Egli o suo padre, prima bracciante agricolo, ha riscattato poi la terra, è diventato
piccolo proprietario coltivatore diretto e continua a condurre la sua piccola azienda con il
lavoro delle proprie braccia. [dal lat. brachialis incr. con il lecc. razzu].

razze sf. pl. Braccia: m'ànu ncurdate le razze mi si sono incordate le braccia; pìgghiala a
mbrazze prèndila tra le braccia (in braccio). V. razzu.

ràzzia sf. 1- Grazia, beneficio, favore divino: cu lla ràzzia te Diu sanài con la grazia di Dio
guarii; Sant'Antoni face trìtici ràzzie lu giurnu S. Antonio di Padova compie tredici grazie
al giorno * detto: sçire pe rràzzia e ttruare giustìzia andare per ottenere comprensione e
trovare invece una condanna § spettare la ràzzia te Carlumagnu attendere un favore da…
gran tempo, da parte di un tale che si rèputa importante al pari di un imperatore * prov. A
ssanti senza ràzzie nu sse ddùmanu candile a santi che non posseggono benefici da

170
R

distribuire non si accendono candele * 2- Leggiadria: cce sserve ci una ete beδδa e nnu
tene ràzzia? ci la ràzzia e' cquiδδa ci cumpisce la bellezza? a che serve essere bella ma
priva di amabile cortesia, se è proprio la grazia che completa la bellezza? *
Ringraziamento riconoscente: sta’ sciamu cu rrendimu ràzzie a Santu Itu de Castrì
andiamo a rendere i dovuti ringraziamenti a S. Vito, patrono di Castrì di Lecce. [lat.
gratia].
Da c. p. Ui senza scale alli celi nchianati, / parlati alli Santi e poi scenditi; ci nna ràzzia
te core ni cercati, / la ràzzia e' ffatta percé beδδe siti.

ràzzia de rre sf. Amnistia, condono, perdono reale.

razziceδδu sm. (pl. f. razziceδδe). Braccino di bimbo. [dim. di razzu].

razzimuzzu sm. Persona monca di entrambe le braccia.

razzu sm. (pl. f. razze). 1- Braccio: se spennulàu lu razzu mancinu si slogò il braccio sinistro;
tiènilu pe rrazze reggilo per le braccia * modi di dire: purtare nnu razzu lengu e unu curtu
con una mano prendere in abbondanza, con l'altra dare con risparmio § ttaccare le razze
togliere le libertà § tenire mute razze avere molte aderenze, numerosi appoggi * 2- Misura
di lunghezza equivalente a circa 65 cm.: pe nna esticeδδa bàstanu ttre rrazze te eδδutu
per una vestina sono sufficienti tre braccia (2 metri) di stoffa di velluto; sèrrande quantu
nnu razzu te stasçiδδa sega una stecca lunga all'incirca un braccio. [dal lat. brachium].

razzularu sm. Asta lunga un braccio (65 cm.), adoperata per misurare i tessuti. V. anche
canna.

razzumuzzu sm. Persona priva di un braccio, mutilato.

rbitriare rifl.; pres. me rbìtiu, ecc.; impf. me rbitriàa, ecc.; p. rem. me rbitriài, ecc.; pp.
rbitriatu. Arbitrarsi, osare: nu bu rbitriati cu ttrasiti senza ssiti mmitati, a? non osate
entrare senza essere invitati, intesi?. [lat. arbitrari].

rbìtriu sm. Arbitrio; abuso: nu bete nnu iussu lu tou, ete nnu rbìtriu non è un diritto il tuo, è
un arbitrio. [lat. arbitrium].

reaggìre intr.; pres. reaggiscu,… reaggimu, ecc.; impf. reaggìa,… reaggìamu, ecc.; p. rem.
reaggìi,… reaggemmu, ecc.; pp. reaggiutu. Reagire.

reanimare tr.; pres. reànimu,… reanimamu, ecc.; p. rem. reanimài, ecc.; pp. reanimatu.
Rianimare; restituire fiducia.

reattu sm. Risega in ciascuno dei due stipiti della porta o della finestra.

rebbambìre intr. e tr.; pres. rebbambiscu,… rebbambimu, ecc.; p. rem. rebbambìi,…


rebbambemmu, ecc.; pp. rebbanbitu * intr. Rimbambire, rincretinire: ci ni tecìa nna cosa,

171
R

ci ni nde tecìa nn'àutra, e iδδu rebbambìu chi gli diceva una cosa, chi gliene diceva
un'altra, e lui rimbambì * tr. Rendere rimbambito, intontire: cu lli sçhiδδi sta’
rrebbambìscenu stu ecchiarieδδu con i loro schiamazzi intontìscono questo vecchietto.

rebbambitu agg. Rimbambito, cretino.

rebbàttere, rebbattìre tr. e intr.; pres. rebbattu,… rebbattimu, ecc.; p. rem. rebbattìi,…
rebbattemmu, ecc.; pp. rebbattutu * tr. Ribattere cucendo per rifinire; battere
ripetutamente in modo da schiacciare: rebbattìa le càpure te li centruni ribatteva le
capocchie dei chiodoni * intr. Traballare: turnàu rebbattendu subbra ll'anche tornò
traballando sulle gambe malferme.

rebbattutu agg. Accuratamente schiacciato e rifinito.

rebbecchinu sm. Beccamorti. V. pure il più usato becchinu.

rebbellare rifl.; pres. me rebbellu, te rebbielli, se rebbella, ni rebbellamu, ecc.; p. rem. me


rebbellài, ecc.; pp. rebbellatu. Ribellarsi. [lat. rebellare].

rebbelle, ribbelle agg. Ribelle; indocile. [lat. rebellis].

rebbellione, rebbeglione sm. Quantità innumerevole; moltitudine incalcolabile; folla


immensa: nc'era nnu rebbellione te gente c'era una immensa folla; nnu rebbeglione te
sturni calàu ntru llu fièu una moltitudine di storni calò nell'oliveto. [dall'it. ribellione cui
è associato il lecc. miglioni].

rèbbreca, rèbbrica sf. Replica, ripetizione: crai allu Pulitiama nc'ete la rèbbreca te la Ita
domani al teatro Politeama ci sarà la replica della 'Aida'; nci su' state do' rèbbriche te
terramotu ci sono state due scosse di terremoto.

rebbrecare v. reprecare.

rebbumbare v. rembumbare.

rebbumbu sm. Rimbombo; risonanza cupa: mmera a lle Cesine se ntìsera doi rebbumbi
verso le 'Cesine' si udirono due rimbombi. V. pure rembombu.

recamare, rricamare tr.; pres. recamu (rricamu),… recamamu, ecc.; p. rem. recamài
(rricamài), ecc.; pp. recamatu (rricamatu). Ricamare. [da recamu, rricamu].

recamatu, rricamatu agg. Ricamato.

recamu, rricamu sm. Ricamo: cuttone te rricamu cotone per ricamo; mèscia Nina me sta’
mpara lu recamu a ppuntu ngrese la maestra Anna mi sta insegnando il ricamo a punto
inglese.

172
R

recapetare intr. impers.; pres. recàpeta, ecc. (segue la coniugazione del semplice capetare).
Capitare, accadere, sopravvenire, succedere: ccene ni recapetàu? che cosa gli capitò?;
ttenta ci nu mbuèi cu tte recàpita nnu uài stai attenta se non vuoi che ti succeda qualche
guaio.

recatìre , rrecatìre intr.; pres. recatu,… recatimu, ecc.; p. rem. recatìi,… recatemmu, ecc. ;
pp. recatutu. Ricadere in malattia, riammalarsi. [da catìre].

recatuta sf. Ricaduta; ritorno di una malattia: cchiùi periculose suntu le recatute più
pericolose sono le ricadute.

recchinu sm. Orecchino: s'à mpise doi còcchie te cerase pe rrecchini si è appese due coppie
di ciliege al posto di orecchini. [da rìcchia].

rèccia sf. Galletta a ciambella (freseδδa), caratteristica forma di pane fatta con il grosso
dell'orzo, il tipo più povero di pane nero.

reccularu sm. 1- Pappagorgia * 2- Fornito di vistoso doppio mento.

recemientu sm. Reggimento cittadino, amministrazione comunale; consiglio comunale.

recetare, recitare, rrecetare tr.; pres. rècetu, rièceti, rèceta, recetamu, ecc.; p. rem. recetài,
ecc.; pp. recetatu. Recitare; declamare: alla 'Trasçètia' recetàa la parte te Nicutemu nella
'Tragedia della Passione e Morte di Gesù' recitava la parte di Nicodemo; lu sunettu allu
Mamminieδδu lu rrecetàu pròpiu buenu declamò benissimo la poesia a Gesù Bambino.

recetìu, recetivu agg. Recidivo. [dal lat. recidivus].

rechiamare tr.; pres. rechiamu, ecc. (segue la coniugazione del lecc. chiamare) * 1-
Richiamare in dietro, far tornare * 2- Rimproverare, rimbrottare.

rechiamu sm. 1- Richiamo, avvertimento: nna òccula mpaurata face rechiami alli purecini
la chiocciola spaventata lancia richiami ai pulcini * 2- Segnale, segno sonoro: quistu ete
nnu rechiamu te tromba questo è un segnale di tromba * 3- Segno visivo: mpìzzalu cquài
comu rechiamu piàntalo qui come segnale.

rechiδδecare tr.; pres. rechìδδecu, rechìδδechi, rechìδδeca, rechiδδecamu, ecc.; impf.


rechiδδecàa,… rechiδδecaàmu, ecc.; p. rem. rechiδδecài, ecc.; pp. rechiδδecatu.
Solleticare, titillare.

rechiδδecata sf. Solleticamento; l'azione del titillamento.

rechìδδecu sm. 1- Lo stimolo del solletico: me face lu rechìδδecu alle chiante te li pieti,
parlandu ccrianza mi fa il solletico sotto i piedi, parlando con rispetto dei presenti * 2-

173
R

Ascella, la zona più sensibile al solletico: lu sçiupparieδδu n'à bbampati li rechìδδechi


allu piccinnu la camicina ha arrossato le ascelle al neonato.

Recìa sf. Grecia. V. pure Crècia.

recimentu sm. Reggimento di soldati: nna carusa ca pote stare mmienzu alli surdati te nnu
recimentu una signorina che sa mantenersi onesta anche tra i soldati di un reggimento.

recina sf. Regina. v. rresçina.

recordu (neol.) sm. Ricordo. V. recuerdu.

recorsu, ricorsu sm. Ricorso.

recotta sf. Ricotta * modo di dire: tenìre lu core te recotta intenerirsi e commuoversi
facilmente, essere assai buono e comprensivo. [comp. di ri- e lat. cocta].

recotta sçante sf. Ricotta forte, fermentata e acida: bone le sagne cu lla recotta sçante buone,
gustose le lasagne condite con la ricotta piccante.

recramare tr. e intr.; pres. recramu,… recramamu, ecc.; p. rem. recramài, ecc.; pp.
recramatu * tr. Reclamare cosa cui si ha diritto * intr. Reclamare protestando.

recramu sm. Reclamo, protesta, lamentela vibrante.

recriare tr.; pres. recrìu, recrìi, recrìa, recriamu, ecc.; p. rem. recriài, ecc.; pp. recriatu.
Ricreare, ristorare lo spirito, ritemprare l'animo: ste palore toi me recrìanu lu core queste
tue parole mi ricreano il cuore. [dal lat. recreare].
Da c. p. La facce toa uardandu te Matonna, / suspiru e, suspirandu, me recrìu.

recuδδu sm. Porcellino lattonzolo.

recuerdu, ricordu sm. Ricordo; memoria: scerràmuni li recuerdi te lu passatu


dimentichiamo i ricordi del passato; lu tegnu pe ricordu te la uerra lo conservo come
ricordo della guerra.
BOZZI Primavera, pe mie nu rappresenti / àutru ca nu recuerdu te dulore,

recuettu sm. Decotto: recuettu te capumilla decotto di camomilla * agg. Riscaldato: suntu
maccarruni cuetti, ddefredduti e poi recuetti sono maccheroni cucinati, raffreddati e in
seguito riscaldati.

rècula sf. 1- Regola, norma * 2- Asta graduata con cui viene misurato il livello dei liquidi
posti in grandi contenitori. V. pure rèula.

reculamientu, reculamentu sm. Regolamento, un insieme di norme.

174
R

reculare1 agg. Regolare, normale: nu bete né bàutu né àsciu: ete reculare non è né alto né
basso: è regolare. [lat. regularis].

reculare2 tr.; pres. rèculu, rièculi, rècula, reculamu, ecc.; impf. reculàa, ecc.; p. rem. reculài,
ecc.; pp. reculatu. Regolare, mettere a punto: tocca cu rrièculi lu tarloci devi regolare
l'orologio * rifl. Decidere regolandosi, esaminare il pro e il contro: rèculate ci uèi nci ai
règolati se vuoi andarci; poi me rèculu ci me cunviene poi deciderò se mi convenga. [lat.
regulare].

recularmente avv. Regolarmente.

reculata sf. Gegolata, messa a punto.

recumeterna sf. 1- Riposo eterno; pace sempiterna: cràzzie, cummare, e recumeterna alli
muerti toi grazie, comare, e pace eterna ai tuoi cari defunti * 2- Preghiera liturgica
cattolica: pe penetènzia dine doi patarnòsci e cìnque recumeterna per penitenza recita due
paternostri e cinque requiem. [da 'requiem aeternam', inizio della preghiera in latino].

recuperare tr.; pres. recùperu,… recuperamu, ecc.; p. rem. recuperài, ecc.; pp. recuperatu.
Ricuperare.

recùperu sm. 1- Ricupero * 2- Surrogato * fig. Persona tenuta come riserva, da impiegare in
caso di bisogno.

recuttara sf. 1- Venditrice ambulante di ricotta in fiscelle * 2- fig. Donna di malaffare,


meretrice.

recuttaru sm. Venditore di ricotta, sia dolce che fermentata forte, e di giuncata. [da recotta +
suff. di mest. -aru].

reδδa sf. Asta con una estremità biforcuta, paletto biforcuto. [dall'it. (pa)rella, ll>δδ].

rèδδulu sm. Menatoio. V. ruèδδulu.

rèdere, redìre (lett.) intr.; pres. redu, riedi, rede, redimu, ecc.; p. rem. redìi,… redemmu, ecc.;
pp. redutu. Ritornare. [lat. redire]. V. il più comune turnare.
LEONE e lu sule spuntàa, ma nu redìa / la luce bella comu ogne matina.

redetate, redità, rredetà sf. Eredità. [dal lat. hereditas -atis].


DE D. … Adamu, … / cce rredetà de ùtule all'uèmmeni lassasti, / se cu fferma la morte lu
fruttu tou nu mbale?

refettòriu sm. Refettorio, sala da mangiare di collegi. [dal lat. refectorium].

rèffulu sm. Ronfamento. V. ruèffulu.

175
R

refiatare v. rrefiatare.

rèfice sm. 1- Orefice * 2- fig. Mercante al minuto che pesa, toglie, ripesa, aggiunge a pìzzichi
la sua merce badando al grammo, anzi dando al cliente un tantino in meno piuttosto che
in più. [lat. aurifex -icis].

rèfula sf. Avanzo di qualcosa, ritaglio.

refressione, rifressione sf. Riflessione della mente: sta’ ffazzu sta refressione: ièu nu ssuntu
te li pèsçiu ci nu ssuntu te li mègghiu sto facendo questa riflessione: non sono dei peggiori
io che non sono dei migliori. [lat. reflexio -onis].

refrèttere, refrettìre tr. e intr.; pres. refrettu, refrietti, refrette, refrettimu, ecc.; p. rem.
refrettìi,… refrettemmu, ecc.; pp. refrettutu. Riflettere, considerare, ponderare: ci ìa
refrettute bone le palore… se avesse ponderato bene le parole…; refrettiti prima cu
pparlati riflettete prima di intervenire nel discorso. [lat. reflectere].

refrettore, rifrettore sm. Riflettore di luce. [fr. reflecter].

refrisçèriu, refriggèriu (neol.) sm. Refrigerio. [lat. refrigerium]. V. ddefriscu.


Da c. p. Luce te l'ecchi mei, luce ndurata, / tie si' llu refrisçèriu de mia vita!

refùggiu sm. Rifugio: casa mia à ddentata lu refùggiu te li neputi casa mia è diventata il
rifugio dei nipoti. [lat. refugium].

rèfulu, rèfuru sm. Refolo, lieve e improvvisa folata di vento. [lat. volg. refulum].

refùndere, refundìre tr.; pres. refundu,… refundimu, ecc.; p. rem. refundìi (refusi), refundisti,
refundìu (refuse), refundemmu (refùsemu), refundestu, refundèra (refùsera); pp.
refundutu (refusu). Rifondere, risarcire; rifònderci, perderci qualcosa. [lat. refundere].

refurmare tr.; pres. reformu, refuermi, reforma, refurmamu, ecc.; p. rem. refurmài, ecc.; pp.
refurmatu. Riformare, dichiarare un iscritto alla leva inabile al servizio militare: nu
refùrmanu mancu li struppiati, ca l'ànu mmandare allu fronte non riformano neppure gli
storpi, perché devono inviarli al fronte di guerra. [dal lat. reformare].

refurmatu agg. Riformato alla visita di leva; inabile al servizio militare.

refusa, rifusa sf. Resto, differenza in sopravanzo.

refusu sm. Avanzo, resto, giunta, soprappiù, rimborso: nci à statu quantu nna francata te
refusu ci è stata una manciata di avanzo; mìntinci nna sèssula te biàa pe rrefusu aggiungi
una mèstola di avena come soprappiù; quandu rriài alla putèa, te lu mèsciu me ibbi nnu
refusu te sçaffe quando arrivai al laboratorio, ricevetti dal maestro il resto degli schiaffi *

176
R

fig. Persona di riserva, tappabuchi: stae comu refusu, percisà la Cetta manca sta di
riserva, nel caso Concetta si assenti. [lat. refusum].

règgere, reggìre intr.; pres. reggu, rieggi, regge, reggimu, ecc.; p. rem. reggìi (riessi, ressi),
reggisti, reggìu (resse), reggemmu (rèssemu), reggestu, reggèra (rèssera) ; pp. reggiutu
(rettu) . Resistere: a ttanta spentura lu core nu nni reggìu a tanta sventura il suo cuore
non resse; ci penzàa ca putìa reggìre a ttanti tulori? chi pensava che avrebbe potuto
resistere a tanti dolori? [lat. regere].

reggione sf. Regione, vasta estensione di terra. [lat. regio -onis].

reggiunale agg. Regionale: quisti suntu ntariessi reggiunali, filu cumunali questi sono
interessi regionali, nient'affatto comunali. [lat. regionalis].

regna sf. Aringa. V. renga.

regnare intr.; pres. regnu, riegni, regna, regnamu, ecc.; p. rem. regnài, ecc.; pp. regnatu * 1-
Regnare; imperare * modi di dire: ci nu ssape fìngere nu ssape regnare chi non sa fingere
non sa mantenere il suo dominio § (dei due coniugi) ci vive regna chi resta in vita eredita
per intero * 2- Durare: intra a sta casa le pruiste picca règnanu in questa casa le
provviste durano poco.

regnu (pl. riegni, regni) sm. Regno: lu regnu te lu Signore il paradiso; lu regnu te Berzebbù
l'inferno; lu regnu te Frangischiellu il regno di Francesco I di Napoli; sutta allu regnu te
li Spagnuli sotto la dominazione degli Spagnoli. [lat. regnum].

regore sm. Rigore, severità eccessiva. [lat. rigor -oris].

religgione (neol.) sf. Religione: la religgione te li cristiani, te li sçiudèi, te li dritti e de li


fessa la religione dei cristiani, dei giudei, dei privilegiati e dei minchioni; sçiati alle
lezioni te religgione andate alle lezioni di religione (al catechismo). [dal lat. religio -onis].
V. anche derliggione.

religgiosu agg. Pio, devoto: li mpiecati suntu religgiosi te santu Pacaninu gli impiegati sono
devoti di san 'Paganino'. [dal lat. religiosus].

reliqua sf. Reliquia. [lat. reliquiae]. V. anche derlìqua.

relùcere, relucìre intr.; si coniuga come lùcere. Rilucere, risplendere.

remandare tr.; pres. remandu,… remandamu, ecc.; p. rem. remandài, ecc.; pp. remandatu.
Rimandare, differire.

remandu (te -) loc. avv. Di rimando, come pronta risposta: e ui te remandu ni facestu la iosa
e voi in risposta gli faceste le boccacce (lo prendeste in giro).

177
R

remare, rremare intr.; pres. remu, riemi, rema, remamu, ecc.; p. rem. remài, ecc.; pp.
rematu. Remare, vogare.

rembambìre intr. e tr. Rimbambire; sbalordire. V. rebbambìre.

rembambitu agg. Rimbambito; scimunito, sciocco, svampito * detto: cu ll'ità se ddenta


rembambiti con l'età si diventa scimuniti (per l'arteriosclerosi?).

rembarzare (lett.) intr.; pres. rembarzu,… rembarzamu, ecc.; p. rem. rembarzài, ecc.; pp.
rembarzatu. Rimbalzare. V. pure sartare, zumpare.

rembarzu (lett.) sm. Rimbalzo. V. anche rrebbuttu e zumpu.

rembombu, rebbombu, rebbumbu sm. Rimbombo: un rimbombo si udì dalla parte della
torre; ci apri la fenèscia sienti li rebbumbi intra intra se apri la finestra udrai i rimbombi
cupi e lontani.

rembumbante, rebbumbante agg. Rimbombante.

rembumbare, rebbumbare intr.; pres. rembombu (rembumbu, rebbumbu),… rembumbamu,


ecc.; p. rem. rembumbài, ecc.; pp. rembumbatu * intr. Rimbombare: le trònate
rembumbàanu i tuoni rimbombavano; spara la bumbarda e rrebbomba la terra spara la
bombarda e la terra rimbomba; (De Dominicis) "O muerti, beriti" - rembomba,
rembomba! "O morti, risuscitate" - rimbomba ripetutamente!

remenìa sf. Grano marzuolo, adatto alla semina primaverile. [gr. (t)rimenìa].

remesa sf. Rimessa, locale deposito di attrezzi agricoli, principalmente il carro. [lat. remissa].

remigghiare intr.; pres. remìgghiu, ecc.; impf. remigghiàa, ecc.; p. rem. remigghiài, ecc.; pp.
remigghiatu. Vagare in solitudine, ramingare, vagabondare. [comp. dal lat. remigare incr.
con lecc. remingu].

remigna, ramigna sf. Gramigna, erbaccia infestante, difficile da estirpare, perché i suoi fusti
nodosi si interrano e si propagginano all'intorno intrecciandosi: la chesura se sta’
mprùfeca te remigna il podere viene invaso dalla gramigna; l'àcqua fervuta te la ramigna
ete bona pe lla perniciosa il decotto di gramigna è efficace contro la malaria cronica *
detto: l'amore veru ete comu la remigna: zzeccatu ci àe, nu sse nde po' scattiare il vero
amore è come la gramigna: una volta attecchito non si può più estirpare. [dal lat.
(g)raminea, nea>gna].
DE D. E comu se nu filu te remigna / se troa ntru na chesura scatenata, / nu filu sulu e cu
δδu filu ncigna / cu nd'egna la chesura mprufecata,

remignazzula sf. 1- Coda di volpe, pianta graminacea, buona foraggera * 2- Una specie di
allodola nostrana, che costruisce il nido a terra con fili di gramigna.

178
R

remignusu, ramignusu agg. Infestato di gramigna.

remingu, ramengu agg. Ramingo, pezzente vagabondo.

remòrchiu sm. Rimorchio di autocarro.

rempatriare rifl.; pres. me rempàtriu, ecc.; impf. me rempatriàa, ecc.; p. rem. me rempatriài,
ecc.; pp. rempatriatu. Tornare in patria, nella terra d'origine; far ritorno in paese dopo
lunga assenza.

rempatriata sf. Rimpatriata.

rempruerare, rempruverare tr.; pres. rempròeru,… remprueramu, ecc.; p. rem. rempruerài,


ecc.; pp. remprueratu. Rimproverare.

remprùeru, rimpròveru sf. Rimprovero: li rimpùeri nu bbàstanu, nci òlenu puru le mazzate i
rimproveri non bastano, sono necessarie anche le busse.

Remu , Remuzzu pers. Remo.

remu sm. Remo della barca. [lat. remus].

remuternare, rimuternare (lett.) tr.; pres. remuternu,… remuternamu, ecc.; p. rem.


remuternài, ecc.; pp. remuternatu. Rimodernare: cu sti doi ntagghi àggiu remuternata la
esta con queste due falpalà ho fatto tornare di moda la veste. V. fare neu.

rena sf. Rena, sabbia di spiaggia * modo di dire: semmenare ntra lla rena compiere
un'azione del tutto inutile. [lat. arena].
Da c. p. Lu core àggiu perdutu, / lu core àggiu perdutu ntra lla rena; / tie certu l'ài
truvatu, / tie certu l'ài truvatu, cara Nena.

renaluru, renarulu sm. Polverino e relativo vasetto, oggetto della scrivania, adoperato per
cospargere lo scritto ancor fresco d'inchiostro e asciugarlo.

renazza sf. Terreno sabbioso assai friabile. [dal lat. arenaceus].

rendenune sm. Rondone. V. rendune.

rèndere, rendìre tr.; pres. rendu, riendi, rende, rendimu, ecc.; p. rem. rendìi (riesi, resi),
rendisti, rendìu (rese), rendemmu (rèsemu), rendestu, rendèra (rèsera) ; pp. rendutu
(resu) . Rendere un vantaggio economico; produrre un profitto: li sordi alla posta
rèndenu lu ttrete i depositi postali rendono il 3%; lu sçiurnatieri rendìa cchiùi te lu
cumenanzieri l'operaio a giornata rendeva più del salariato fisso. [lat. reddere incr. con
prendere].

179
R

rendimientu sm. Rendimento.

rendina sf. Tavolone quadrangolare del torchio, il quale pressa la colonna dei fìscoli oleari.

rendineδδe
rendineδδa sf. Rondine, uccello di passo, che giunge da noi all'inizio dei tepori primaverili,
ma dopo alcuni giorni di ristoro prosegue il suo viaggio per il settentrione; ha le parti
superiori del corpo di colore nero con riflessi violetti, le parti ventrali biancastre, la coda
forcuta. [dim. di rendune].
Da c. p. Rendineδδa ci rièndini lu mare, / cùcchia quantu tte dicu doi palore,
DE D. Oh, quantu ulìa cu bessu rendineδδa / ca alla fenèscia toa sempre me stìa,

rendùcere, renducìre tr.; pres. renducu, renduci, ecc. (segue la coniugazione del semplice
ndùcere) * 1- Ridurre, costrìngere, trascinare: li izzi bu rendùcenu alla mesèria i vizi vi
ridurranno alla miseria; la mugghiere lu rendusse cu bàsçia alla lemòsena la moglie lo
costrinse ad andare a chiedere l'elemosina * 2- Trasformare, far diventare: s'à rrendutta a
nna pendagghiusa si è ridotta a una stracciona * prov. La pinna renduce la manu lìscia, lu
mmargiale la renduce caδδusa la penna rende la mano liscia, il manico (degli attrezzi) la
rende callosa. [dal lat. reducere incr. con conducere].

rendùne sm. Rondone, uccello gran volatore, che non si poggia mai sul terreno né sui rami
degli alberi, ma nidifica nei fori dei muri; rimane da noi da aprile ai primi di settembre; è
di colore nero fumo uniforme, ha ali lunghe e falcate e zampe cortissime; è utile
all'ambiente in quanto si ciba esclusivamente di insetti. [lat. (hi)rundo -inis].

rene, rine sf. pl. Terreno leggero, non compatto, quasi polveroso.

renga sf. Aringa affumicata, la quale compariva di frequente sulla mensa degli artigiani come
companatico. [lat. (ha)ringus].

reniceδδa sf. Sabbia finissima come polvere. [dim. di rena].

rennecare tr.; pres. rennècu, renniechi, renneca, rennecamu, ecc.; p. rem. rennecài, ecc.; pp.
rennecatu. Rinnegare: puru Sam Pietru rennecàu Cristu persino S. Pietro rinnegò Cristo.

180
R

rennecatu agg. e sm. Rinnegato, spergiuro; traditore della fede o della patria; miscredente,
eretico.

rennu(v)are tr.; pres. rennò(v)u, rennuèi, rennòa, rennuamu, ecc.; p. rem. rennuài, ecc.; pp.
rennuatu. Rinnovare: gneffiata se rennuàa lu straziu ogni volta si rinnovava lo strazio.
[lat. renovare].

renu sm. Rene. [lat. ren renis].

renùnzia sf. Rinunzia.

renunziare intr.; pres. renùnziu, ecc.; p. rem. renunziài, ecc.; pp. renunziatu. Rinunziare. [lat.
renuntiare].

reote sf. pl. Giravolte. V. rreote.

reparare, rreparare tr.; pres. reparu,… reparamu, ecc.; p. rem. reparài, ecc.; pp. reparatu *
1- Riparare, mettere al riparo: le pagghiare repàranu te lu sullione i trulli riparano dal
solleone; se reparàra allu mantagnu cercarono riparo in un posto ben protetto * 2-
Preparare, approntare: se mise cu rrepara ccerte bombe peccussine si mise a preparare
certe bombe grosse così; à rreparata la terra pe lla sìmmena ha approntato il terreno per
la semina. [lat. reparare].

reparatu, rreparatu agg. 1- Riparato, posto al riparo * 2- Preparato, pronto a disposizione;


ben disposto ed anche rassegnato.

repartu sm. Reparto.

reparu, rreparu sm. Riparo, difesa: nu nci foi reparu alla fiumara non ci fu difesa all'acqua
torrenziale * 2- Rimedio efficace: sulu alla morte nu nc'ete reparu solo alla morte non c'è
rimedio * modo di dire: mìntere rreparu rimediare affrettatamente ad uno sbaglio.

repentàgghiu sm. Repentaglio. [dal lat. repentalium, fr . repentaille].

repertòru sm. Repertorio. [dal lat. repertorium].

repìngere, rrepìngere, repengìre tr.; pres. repingu, ecc. (si coniuga come il semplice
pìngere). Dipingere: la repengìu (la rrepinse) pinta e scuδδata la dipinse così somigliante
che sembra una copia conforme.
DE D. ca Santu Luca comu la rrepinse, / quiδδi culuri ci ni li mpastàu?

reprùbbeca, repùbbreca sf. Repubblia * fig. Stato di disordine e di confusione: e cce bete
cquài, nna reprùbbeca? e che cos'è qui, una baraonda? [lat. res publica].

repubbrecanu, repubbricanu agg. Repubblicano * fig. Rivoluzionario.

181
R

repuèsu, reposu sm. Riposo, pace, tranquillità: lu benettànima cu ttroa repuesu a ncelu,
giacca a nterra reposu nu nd'à butu la buonanima possa trovare pace in cielo, giacché in
terra riposo non ne ha goduto * prov. Panza china reposu cerca pancia piena cerca
riposo.

rèpule (pl. rièpuli, rèpuli) sm. Lepre: fusçìanu cchiùi te li rièpuli correvano più delle lepri *
prov. Quandu lu cane pèscia, lu lepre se nde fusçe quando il cane da caccia piscia, la
lepre riprende a scappare * fig. Caduta a faccia in giù con battuta delle mani a terra: à
ppigghiatu nnu rèpule ha fatto una brutta caduta faccia in giù come se volesse
acchiappare una lepre * modo di dire: cchiappare nnu rèpule stramazzare bocconi. [lat.
lepus -oris].

repulisti sm. indecl. Piazza pulita, nella tipica espressione fare repulisti: li latri fìcera
repulisti i ladri fecero piazza pulita.

repusare (lett.) intr. e tr.; pres. reposu, repuesi, reposa, repusamu, ecc.; p. rem. repusài, ecc.;
pp. repusatu * intr. Riposare: li meteturi repusàanu allu friscu i mietitori riposavano
all'ombra; cittu ca lu tata reposa zitto che il babbo riposa * tr. Dare sollievo: se repusàu
le osse e poi pigghiàu ia diede sollievo alle ossa e poi riprese il viaggio; làssame repusare
nnu picca lu cervieδδu lasciami rinfrancare un poco il cervello. [lat. repausare]. V.
ddefrescare.

rèputa sf. Lamento funebre con enumerazione delle virtù del defunto.

reputare tr.; pres. rèputu,… reputamu, ecc.; p. rem. reputài, ecc.; pp. reputatu. Celebrare tra
i pianti le virtù del defunto.
MAR. Lassàtime chiangire e reputare, / lassàtime cqua nterra genucchiata;

reputatrice sf. Prefica, donna prezzolata, che tra simulati pianti e lamenti e finti gesti di
disperazione recitava la 'rèputa' accanto al morto. V. pure prèfica.

reputazione sf. Reputazione pubblica, buona considerazione, fama.

rèqua sf. Requie; quiete: moi àggiu truata rèqua ora ho trovato requie; nu ttene rèqua non ha
quiete. [lat. requies].

requesçatta! inter. Riposi, scoppi e crepi! [derivazione scherzosa dal lat. requiescat].

requesìre tr.; pres. requesiscu,… requesimu, ecc.; p. rem. requesìi,… requesemmu, ecc.; pp.
requesutu. Requisire.

resa sf. Resa, rendimento, profitto; percentuale di produzione: lu ranu quannu m'à ddata nna
bona resa il grano quest'anno mi ha dato una buona resa; ci stae sempre cu nzurta e ccu
rrite cce rresa pote aìre? colui che sta continuamente a stuzzicare gli altri e a ridere che
profitto può avere?

182
R

resaputu agg. Risaputo, noto, notorio.

resçelare intr.; pres. resçelu,… resçelamu, ecc.; p. rem. resçelài, ecc.; pp. resçelatu.
Raggelare, intirizzire.

resçelatu agg. 1- Raggelato, sorpreso da una sensazione di gelo * 2- Freddoloso e perciò


raccolto in se stesso e poco attivo.
LEONE Tuttu brùsçia, ma quai, ma cquai lu core / ieu me lu sentu friddu, resçelatu.

resçelatura sf. Intirizzimento; diffusione lenta del gelo nell'aria e sulla terra, clima gelido: la
resçelatura sta’ fferma tutti li llavori l'atmosfera gelida interrompe tutte le attività. V.
pure sçelatura.

resçemientu sm. Governo, conduzione della casa * sm. pl. Capi di biancheria e indumenti
strettamente necessari ai membri della famiglia; utensili casalinghi indispensabili. V.
anche riesçi.

rèscere, rescìre intr.; pres. rescu (riescu), resci (riesci), resce, rescimu, ecc.; impf. rescìa,
ecc.; p. rem. rescìi,… rescemmu, ecc.; pp. resciutu * 1- Riuscire, venire a capo, venire a
fine: misi a pproa, nu ttutti rescèra cu sse rràmpecanu messi alla prova, non tutti
riuscirono ad arrampicarsi * 2- Risultare: a bui pote rèscere forte a ffare, a mmie none a
voi può risultare difficile a farsi, a me no * 3- Derivare: te nnu tale mèsciu cce descìpulu
nde putìa rescìre? da un tale maestro che discepolo poteva venir fuori? * 4 Essere
sufficiente, bastare: la farina à rresciuta pe ttre pursioni la farina è stata sufficiente per
tre porzioni; ci nu rrèscenu, sçiùnginde àutri se non bastano, aggiùngine altri. [da ri- e lat.
exire].

rèsçere tr.; pres. rèsçiu, resçi, resçe, resçimu, ecc.; impf. resçìa, ecc.; p. rem. resçìi,…
resçemmu, ecc.; pp. resçiutu. Reggere, dirigere, amministrare, avere cura: sulu doi
fìmmene rèsçenu la casa, la staδδa e llu sçiardinu due donne sole portano avanti la casa,
la stalla e l'orto. [dal lat. regere, g>sç].

resçigghiùlu sm. Orzaiolo, il nodulo duro e dolente che spunta all'orlo della palpebra: frìcula
lu resçigghiùlu cu llu nieδδu te oru e de botta te passa strofina l'orzaiolo con l'anello di
oro e istantaneamente guarisce, se nel frattempo, però, avrai recitato il * detto:
resçigghiùlu, resçigghiùlu, passa te l'ècchiu e bane a nculu orzaiolo, orzaiolo, passa
dall'occhio e vai nel sedere (dove non si vede). [da ri- e cilioum>ciliolum].

resçimentatu agg. Perfettamente e completamente attrezzato.

rèsçiu sm. Buona disposizione delle cose, cura delle cose stesse; conduzione razionale della
casa e della famiglia. V. rièsçiu.

resèca sf. Risega in una struttura muraria.

183
R

resèntere, resentìre intr.; pres. resentu, ecc. (segue la coniugazione del semplice sèntere).
Risentirsi, ridestarsi; avvertire una sensazione per lo più spiacevole: lu pete spennulatu
resente te lu friddu il piede slogato avverte dolore per il freddo; nde resentìa ncora te la
brunchite risentiva ancora le conseguenze della bronchite.

resentitu agg. 1- Risentito, imbronciato: stae resentita te ccenca n'aìti fattu è imbronciata per
ciò che le avete fatto * 2- Risentito per un colpo già ricevuto; menomato: tegnu stu
sçenùcchiu resentitu ho questo ginocchio menomato; sta ucala à bèssere resentita questa
brocca deve essere crepata.

resentore sm. 1- Sentore; sensazione; presentimento: nnu ccertu resentore l'ìa utu un certo
presentimento l'avevo avvertito * 2- Rumore attutito diffuso, rumore di sottofondo: tra lle
nule scure curuδδulisçiàa nnu resentore te trònate tra i nembi si propagava un brontolio
cupo di tuoni lontani.

reserbatu, riservatu agg. 1- Serbato, conservato, prenotato: ste rose suntu reserbate pe lla
Matonna, beδδa mia! queste rose sono riservate per la Madonna, bella mia! * 2- Discreto
e modesto: suntu giòani riservati sono giovani schivi.

resestente, resistente agg. Resistente.

resestènzia, resistenza sf. Resistenza; opposizione. [lat. resistentia].


DE D. Nu tte presçiare! Tie nu tt'ì cretutu / ca truài na resestènzia de gicanti;

resètere, resetìre intr.; pres. resetu, resieti, resete, resetimu, ecc.; impf. resetìa,… resetìamu,
ecc.; p. rem. resetìi,… resetemmu, ecc.; pp. resetutu. Rassettarsi. [da ri- e lat. sedere]. V.
pure rresettare.

resetutu agg. Rassettato; stagionato.

resìa sf. Sproposito, esagerazione inaudita. [lat. haeresis].

resìna sf. Afidi, acari delle piante; albugine: alle rose à ttrasuta la resìna sulle piante di rosa
si sono diffusi gli acari. [dal lat. (o)riza, it. dim. rizina, frammenti di riso].

resìpula sf. Erisìpela, malattia contagiosa che si spande in superficie sulla pelle. [gr.
erysìpelas, it. risìpola].

resìstere, resestìre intr.; pres. resistu,… resestimu, ecc.; p. rem. resestìi,… resestemmu, ecc.;
pp. resestutu. Resistere; durare.

respettare tr.; pres. respettu, respietti, respetta, respettamu, ecc.; p. rem. respettài, ecc.; pp.
respettatu. Rispettare, avere riguardo * provv. Respetta lu cane pe llu patrunu rispetta il
cane per il padrone § Respettati ci uliti ssiti respettati rispettate gli altri se desiderate
essere rispettati. [lat. respectare].

184
R

respettu, rispettu (pl. rispietti) sm. Rispetto; ossequio; considerazione: moi perdu lu respettu,
a! adesso perdo il rispetto, intesi?; li rispietti mei, patruna Rosa! i miei ossequi, padrona
Rosa!

respettusu, rispettusu agg. Rispettoso.

respicare tr.; pres. respicu, respichi, respica, respecamu, ecc.; p. rem. respecài, ecc.; pp.
respecatu * 1- Frugare, rovistare; guardare attentamente per trovare: respecàra ntru lla
remesa e ntra llu sampuertu frugarono nella rimessa e nell'androne * 2- Ribruscolare;
racimolare: ànu cu rrespìcanu le racioppe vanno a raccogliere i racimoli rimasti sui tralci;
à rrespecatu quantu ni servìa ha racimolato quanto gli occorreva * 3- Sottrarre un poco
alla volta; rubacchiare * 4- Tornare a guardare, guardare indietro con attenzione, voltarsi
frequentemente: ci respecàanu lu passatu, se chiamàanu cuntienti te lu osçe se
guardassero al passato, si dichiarerebbero contenti del presente. [dal lat. respicere, lat.
volg. *respicare].
Da c. p. Arba felice, core miu cuntente, / òtate e rrespìca cce ttiempu face.

respicatura sf. Ricerca di frutti ed altri prodotti della terra sfuggiti o trascurati nella
precedente raccolta.

respìcu e rèspicu sm. 1- La piccola parte di un prodotto sfuggita alla raccolta, la quale va
recuperata con una successiva ricerca * 2- Rimasuglio da riutilizzare * 3- fig. Cresta fatta
alla spesa volta per volta.

respigghiare, respigliare (lett.) tr.; pres. respìgghiu (respìgliu), ecc.; impf. respigghiàa
(respigliàa), ecc.; p. rem. respigghiài (respigliài), ecc.; pp. respigghiatu (respigliatu) .
Risvegliare, svegliare. V. il più comune ddescetare.
Da c. p. Respìgghia, te respìgghia, donna bella, / te respìgghia nnu picca a llau te Diu;

respìgghiu, respìgliu sm. Risveglio.

respirare (neol.) intr. e tr.; pres. respiru,… respiramu, ecc.; p. rem. respirài, ecc.; pp.
respiratu. Respirare: l'omu respira cu lli purmoni, li pisci respìranu cu lle arże l'uomo
respira con i polmoni, i pesci con le branche; puru le chiante ànu rrespirare anche le
piante devono respirare; respiràanu lu fumu te intra a lla cucina respiravano il fumo nella
cucina. V. rrefiatare.

respirazione (neol.) sf. Respirazione. [lat. respiratio -onis]. V. anche rrefiatu.

respiru sm. Respiro: tene nnu respiru nfannusu ha un respiro affannoso; moirretu à ddatu
l'ùrtimu respiru poco fa ha esalato l'ultimo respiro * fig. Sollievo: a, respiru te Diu! ah,
sollievo di Dio!; sta frusciateδδa à stata nnu respiru pe lla campagna questa pioggerella
è stata un sollievo per la campagna.

185
R

resposta, risposta sf. Risposta ad una domanda: te nde pueti sçire, nu nc'ete resposta te ne
puoi andare, non c'è risposta * fig. Mortaretto piritecnico sparato in risposta ad un altro
precedente: nna botta mèsciu Masi e nna risposta mèsciu Pici una botta (l'ha sparata)
maestro Tommaso e una risposta (l'ha lanciata) maestro Luigi.

respu sm. Rospo: porta la panza te nnu respu ha la pancia gonfia e stirata come quella di un
rospo. V. ruespu.

respùndere, respundìre tr. e intr.; pres. respundu,… respundimu, ecc.; p. rem. respundìi
(respusi), respundisti, respundìu (respuse), respundemmu (respùsemu), respundestu,
respundèra (respùsera) ; pp. respundutu (respustu) * tr. Rispondere: respundi sulu ci te
ddummanda rispondi solo se ti farà domande; respundèra te unita ca nu ìanu state iδδe
risposero contemporaneamente che non erano state loro * intr. Corrispondere, avere
l'affaccio: lu fenescieδδu miu respunde ntra ll'urtale sou il mio finestrino ha l'affaccio nel
suo ortale. [dal lat. respondere].

respunsàbbile (lett.) agg. Responsabile. V. pure curpèule.

respunsabbilità (lett.) sf. Responsabilità. V. curpa.

respunsòriu sm. Responsorio, canto liturgico alternato tra solista e coro. [dal lat.
responsorium].

respustieri sm. (f. -a). Uno che ha le risposte pronte ed è risoluto e franco.

ressiceδδu (f. rossiceδδa) agg. Alquanto grosso. [dim. di ressu].

ressu (f. rossa) agg. Grosso * sm. La parte più grossa, la meno tritata della farina: cu llu
ressu nde fazzu minchiarieδδi con il grosso della farina faccio maccheroncini. V. anche
ruessu.

restaòi sf. Restabue, bonaga, pianta infestante dei campi, dalle radici cordate tanto lunghe
che, impigliate nel puntale dell'aratro, arrestano i buoi aggiogati.

restare intr.; pres. restu, riesti, resta, restamu, ecc.; p. rem. restài, ecc.; pp. restatu. Restare,
rimanere: ci restati, me faciti nnu piacìre se restate, mi farete piacere * modi di dire:
restare te fessa, te mìnchia rimanere interdetto; restare cu ttantu te nasu restare deluso;
restare te petra restare immobile per lo stupore; restare all'urmu rimanere a bocca
asciutta, senza godere di un profitto.

restincu sm. Lentisco, arbusto resinoso con frutti a drupa nera raccolti a grappolo. [lat.
lentiscus, l>r e metatesi tra n ed s].

restu sm. 1- Resto, parte residua; rimanenza: lu restu te la cumbrìccula ibbe paùra il resto
della comitiva ebbe paura; lu restu te la strata mme lu fici alla mpete il resto della via lo

186
R

feci a piedi: turmìu pe ttuttu lu restu te la sçiurnata dormì per tutto il resto della giornata
* 2- La parte mancante per un completamento: lu restu te lu cuntu crai il finale te lo
racconterò domani; à scarratu cu mme dèsçia lu restu ha sbagliato nel darmi il resto; moi
doi sçaffuni, lu restu a ccasa adesso due schiaffoni, a casa ti darò il resto.

restùccia sf., restùcciu sm. (pl. f. restucce). Stoppia, quello che resta delle messi dopo il
taglio degli steli: ntra lla restùccia m'àggiu scrasçiate l'anche (camminando) dentro la
stoppia mi sono graffiate le gambe; sta’ mmìntenu fuecu alle restucce appiccano il fuoco
alle stoppie secche. [dal lat. arista>* aristuculum].
DE D. Iti istu mai ntru miessi quarche fiata / quandu spicciata s'hae la metetura, / comu
tutta la terra stae brusçiata / e restùcciu seccatu è ogne chesura?

resurrezione sf. Risurrezione, ritorno a nuova vita: nna fiata la resurrezione te Cristu la
facìanu lu sàbbatu a mmenzatìa una volta il rito della risurrezione di Cristo lo
celebravano il sabato santo a mezzogiorno; li iuti te li parienti fora pe mmie nna
resurrezione gli aiuti da parte dei parenti furono per me come un ritorno a nuova vita. [dal
lat. resurrectio -onis].

resurtare (lett.) intr.; pres. resurtu,… resurtamu, ecc.; p. rem. resurtài, ecc.; pp. resurtatu.
Risultare: resurtàu ddaveru nnu buenu ccattu risultò veramente un buono acquisto. V.
lecc. èssere.

resurtatu sm. Risultato finale, esito.

resuscetare intr. e tr.; pres. resùscetu,… resuscetamu, ecc.; impf. resuscetàa, ecc.; p. rem.
resuscetài, ecc.; pp. resuscetatu * intr. Risuscitare, risorgere: tutti resuscetamu lu giurnu
te lu giutìziu niversale tutti risorgeremo il giorno del giudizio universale * tr. Restituire
alla vita, far tornare in vita: sulu lu Signore pote resuscetare nnu muertu solo il Signore
Iddio può risuscitare un morto * fig. Ristorare, rinvigorire: stu bicchierinu te rusòliu m'à
rresuscetatu questo bicchierino di rosolio mi ha ristorato; l'àcqua resùsceta le chiante
l'acqua rinvigorisce le piante. V. pure berìre.
DE D. Nu crìtere ca si' rresuscetatu: / si' muertu e buenu muertu e, mmarabbùi, / muerti
ci siti, nu bberìti cchiùi!

retare intr. e tr.; pres. ritu,… retamu, ecc.; p. rem. retài, ecc.; pp. retatu * intr. Gridare,
urlare, parlare ad alta voce: se mise a rretare comu nnu ssessu si mise a gridare come un
ossesso; retàanu: "Iutu!,… Iutu!" urlavano: "Aiuto!,… Aiuto!"; rita ca sentu picca alza la
voce, perché non sento bene * tr. Sgridare, rimproverare: retati stu pruticulu, ca me sta’
nzurta sgridate questo discolaccio, che mi sta infastidendo. [dal lat. (qui)ritare incr. con
it. (g)ridare].
Da c. p. ca ci pe ssorte màmmata te rita, / nna notte te nde fùu, amore mia.

retata sf. Sgridata, rimprovero: se buscàu nna retata senza sse la mmèreta si buscò una
sgridata senza che se la meritasse.

187
R

rete sf. Rete di fili intrecciati a maglie più o meno larghe: la rete pe lli aceδδi la rete per
catturare gli uccelli; le reti te li pisci le reti per la pesca; [lat. rete]. V. pure ritu2.
Da c.p. Nu mbògghiu la rete cu minu a mare, / ca me ae contru lu ientu e lla furtuna.

retecata
retecata sf. Complesso delle radici ancora attaccate al ceppo: schiantài l'arverieδδu cu ttutta
la retecata sradicai l'alberello insieme con tutte le radici. [dall'agg. it. radicata].

rètecu agg. e sm. Miscredente; chi va raramente in chiesa. [lat. (hae)reticus].


DE D. Cittu, rètecu, cittu! Li sentera / δδi riti li pasturi quiδδa notte;

Retentore sm. Redentore, Gesù Cristo. [lat. redemptor -oris]. Preghiera: O cce bene nfenitu,
/ turcìssemu Signore, / Tie si' llu Retentore / te la mia vita.

retepuntu sm. Impuntura eseguito con filo doppio e ben visibile. [da (puntu) retu puntu
(punto) dopo punto].

reterare, rritirare tr.; pres. retiru (rritiru),… reteramu, ecc.; p. rem. reterài (rritirài), ecc.;
pp. reteratu (rritiratu). Ritirare; prendere e portare via * rifl. Ritirarsi sconfitto; rientrare a
casa: se reteràra cu lla cuta a mmienzu all'anche si fecero da parte con la coda tra le
gambe; nu tte rritirare tardu ca mangiamu cchiù' pprestu non rientrare tardi che
mangiamo più presto.

reterata, ritirata sf. 1- Ritirata, cesso dove appartarsi, gabinetto di decenza * 2- Ritirata,
allontanamento dalla faccia del nemico: la ritirata te Capurettu la ritirata di Caporetto.

reticulatu, raticulatu sm. Reticolato di filo spinato. [lat. reticulatum].

retìna sf. Retìna per tenere raccolti i capelli. [dim. di rete].

rètina (pl. rètini) sf. redina, briglia: la rètina s'à mbrigghiata all'anca te lu caδδu la briglia si
è impigliata alla zampa del cavallo; famme zzeccare le rètini fammi reggere le briglie.

retineδδe, retinelle sf. pl. Bretelle: retineδδe te làstica bretelle elastiche.

188
R

retta1 sf. Retta, attenzione: dare, mìntere retta porgere attenzione * prov. L'aceδδu
spramentatu nu ddae retta allu fisçhettu l'uccello intimorito non dà retta al fischietto che
fa il richiamo. [dal lat. recta (auris) , (orecchia) drizzata].

retta2 sf. Retta mensile di un convittore.

rettangulare agg. Rettangolare.

rettàngulu sm. Rettangolo.

rettifilu sm. Lunghissima via rettilinea.

rettu agg. Retto; onesto: ete nn'omu rettu è un uomo retto; sècuta la via retta ca te truèi bona
continua sulla retta via, che ti troverai bene. [lat. rectus].

retture, rettore sm. Rettore, direttore di un convitto. [lat. rector -oris].

retu, rretu avv. Dietro, indietro: retu retu assai indietro; tiempu rretu tempo fa; picca rretu
poco fa; nui sçiamu te retu noi procediamo di dietro; mìntite rretu mettiti dietro; se lu
strasçina retu se lo trascina dietro * modi di dire: sçire te retu a rretu, dare a rretu
indietreggiare; immiserire * prov. Comu tìcenu li te nanti, tìcenu li te retu come dicono
coloro che sono davanti, ripetono come pappagalli quelli che sono dietro * cong. Dietro,
dopo: retu a llu traìnu currìa lu caniceδδu dietro il carro agricolo correva il cagnolino;
stìa scusu rretu all'àngulu era nascosto dietro l'angolo; tie ieni retu te nui tu vieni dopo di
noi * sm. La parte posteriore, il di dietro, didietro: lu retu e llu nanti il di dietro e il
davanti; lu retu te la casa ole nquacenatu la parte posteriore della casa dev'essere
imbianchita con la calce. [lat. retro].
Stornello: O rosa morta, / gnetunu mmàngia e bbia a ssanta pace, / ca ci e' dde retu poi
chiute la porta!

retucàreca sf. Retrocarica.

retumàrcia sf. Retromarcia di un veicolo.

retupete sm. e f. Uno che intenzionalmente viene dietro gli altri, per evitare un eventuale
incomodo; uno che vuole stare sempre in secondo piano: càrrecate tie lu saccu e nnu
ffare lu retupete non nasconderti dietro e càricati tu il sacco. [dall'it. retro piede].

retuscena sf. Retroscena; antefatto.

retuuàrdia sf. Retroguardia.

retuvìe sf. pl. Retrovie.

reuètu sm. Rivolgimento; gran disordine. V.pure rreuetu.

189
R

reuffare intr.; pres. reuffu,… reuffamu, ecc.; impf. reuffàa,… reuffaàmu, ecc.; p. rem. reuffài,
ecc.; pp. reuffatu. Ronfare del cavallo bolso e anche del gatto quando fa le fusa.

rèula, rècula sf. 1- Regola, norma: quiste suntu le rèule te lu sçecu queste sono le regole del
gioco * 2- Regolo del muratore consistente in una striscia precisamente diritta di legno:
quandu te mpari a ttenìre la rèula, sinti mienzu mèsciu quando avrai imparato a usare il
regolo, diventerai 'semi-maestro' * 3- Asta graduata per misurare il livello dei liquidi
contenuti in grandi recipienti. [dal lat. regula].

rèuma sf. Reuma, reumatismo come dolore agli arti. [lat. rheuma].

reumàtecu agg. Reumatico: à bèssere nna tulore reumàteca dev'essere un dolore reumatico.

reumatìsemu sm. Reumatismo come manifestazione infiammatoria.

reummare tr. e intr.; pres. reummu,… reummamu, ecc.; p. rem. reummài, ecc.; pp.
reummatu. Ruminare * fig. per analogia. Digerire.

reummu sm. Ruminazione * fig. Rigurgito di cibo.

reunione sf. Riunione; assemblea.

reunìre (riunìre) tr.; pres. reuniscu (riuniscu),… reunimu, ecc.; p. rem. reunìi (riunìi),…
reunemmu, ecc.; pp. reunutu (riunutu). Riunire, radunare: reunèra li cumpagni e fìcera
nnu quarantottu riunirono i compagni e combinarono uno sconvolgimento * rifl. Riunirsi
insieme: lu cunsìgliu quandu se reunisce? quando si riunisce il consiglio?

revista sf. 1- Rivista, parata militare * 2- Spettacolo di varietà con sfilata finale.

revorverata sf. Revolverata, colpo di revolver.

revòrvere sm. Revolver inglese, rivoltella, pistola.

rezza sf. Rete di fili di ferro, a maglie più o meno larghe: la rezza te lu farnaru la rete dello
staccio; sta rezza ete bona pe lu puδδaru questa rete metallica è adatta per la stia. [lat.
retia].

rezzecante agg. Che fa accapponare la pelle: te notte se etìanu malùmbrie rezzecanti di notte
si scorgevano malombre che davano i brividi. [dal lecc. rrezzecare].

rèzzulu sm. Frammento croccante. V. anche ruèzzulu.

riale1 agg. Reale, relativo al re, da re: la casa riale la casa reale * sm. Persona regale: li riali
te Frància i reali di Francia. [dal lat. regalis].

190
R

riale2 agg. Reale, effettivamente esistente; vero: li danni su' stati riali i danni sono stati reali
e concreti. [lat. med. realis].

rialtà, reartà sf. Realtà: lu suennu ete nna cosa, la rialtà nn'àutra cosa il sogno è una cosa, la
realtà è un'altra cosa; la reartà era ca alli soi ièu nu nni piacìa la realtà era che ai suoi io
non piacevo. [lat. realitas].

riante sm. Contadino. V. liante.

riattare, reattare tr.; pres. riattu (reattu),… riattamu, ecc.; p. rem. riattài (reattài), ecc.; pp.
riattatu (reattatu). Riattare, sistemare; riadattare. [da ri- e lat. aptare].

ribbeglione sf. Ribellione, rivolta. [dal lat. rebellio -onis].

ribbelle agg. Ribelle, indocile. [dal lat. ribellis].

ribbussu sm. Nel gioco del tressette, la combinazione di un 2 più altre due carte del
medesimo seme. V. pure bussu.

rica (neol.) sf. 1- Riga, asticella precisamente diritta * 2- Fila, allineamento: fare le riche
tracciare righe; rùmpere le riche sciogliere le fila. V. rìsçia.

ricambiare tr.; pres. ricàmbiu, ecc.; impf. ricambiàa, ecc.; p. rem. ricambiài, ecc.; pp.
ricambiatu. Contraccambiare.

ricàmbiu sm. Sostituzione.

ricanuscenza sf. Presentazione e conoscenza tra persone: fare ricanuscenza fare conoscenza.

ricare (lett.) tr.; pres. ricu, richi, rica, ricamu, ecc.; p. rem. ricài, ecc.; pp. ricatu * 1- Rigare,
segnare con una linea * Fendere senza spaccare * intr. fig. Filare diritto, procedere per la
retta via. [da rica]. V. pure felare, risçiare.

ricattare tr.; pres. ricattu,… ricattamu, ecc.; p. rem. ricattài, ecc.; pp. ricattatu. Ricattare,
estorcere.

ricattieri sm. Rigattiere, venditore di roba usata. [fr. regattier].

ricattu sm. Ricatto, estorsione.

ricchezza sf. Ricchezza * provv. Ricchezza mègghiu a becchiezza quandu nc'ete la


debbulezza la ricchezza è augurabile in vecchiezza, quando sopravviene la debolezza §
Ricchezza face ricchezza, misèria face petucchi ricchezza crea ricchezza, miseria produce
pidocchi.

191
R

BOZZI ma nu sai ca la bellezza / nu nvachisce cchiùi la gente? / e se mprezza / la


ricchezza sulamente.

rìcchia1 sf. Orecchia, orecchio: me sta’ ddole sta rìcchia mi duole questo orecchio; ntisa le
rìcchie e sièntime sanu tendi le orecchie e ascoltami attentamente * modi di dire:
ccunzare le rìcchie curare la sordità § terare le rìcchie: rimproverare oppure (allungando i
lobi) augurare lunga vita § stare cu lla rìcchia tisa origliare § tenìre la rìcchia pezzuta
avere udito fine § te nna rìcchia trase e de l'àutra esse da un orecchio entra e dall'altro
esce § rùsçiu te rìcchia ritta, quarche llìngua mmaletitta; fisçu te rìcchia manca, ci te
sçiùteca e cci te uanta il ronzio di orecchio destro significa che qualcuno sparla di te; il
fischio di orecchio sinistro avverte che uno maligna sul tuo conto e un altro ti esalta *
provv. Nu pporta ricchie, ma sente ogne parite non possiede orecchie, ma ogni muro
ascolta § Ci tene le rìcchie longhe campa ècchiu chi possiede le orecchie lunghe vive a
lungo § Ci te fisça la rìcchia mancina te malanga la ecina quando ti fischia l'orecchio
sinistro significa che la tua vicina sta dicendo male di te. [lat. auricula>oricla, cl>cchi].
Da c. p. Però la Giunta te nna rìcchia e' ssurda, / te la secunda nu nci sente pròpriu.

rìcchia2 sm. e f. Minchione; persona stolta, balorda; impertinente: rìcchia miu, lu tata te ole!
stupidone mio, il babbo ti cerca!; ete rìcchia iδδu, mma a mmie nu mme mbrògghia è un
bel tipo quello, ma non mi imbroglierà.
DE D. Face l'omu de tuttu rre assolutu / e ni pruibisce n'àrveru, nu fruttu… / Quiδδ'àutru
rìcchia, mienzu cannarutu, / se lu ba màngia… Beh, se rreota tuttu!

ricchiàsçeni sm. pl. Orecchioni, parotite epidemica, malattia ritenuta pericolosa, specie dopo
l'adolescenza, perché provocherebbe impotenza sessuale: tene le arze nchiate pe lli
ricchiàsçeni ha le gote gonfie per gli orecchioni. [da rìcchia1].

rìcchie v. ricchiteδδe.

ricchieδδa sf. Pezzo di pelle cucito nel bordo della tomaia per agevolare l'infilaggio della
calzatura a gambaletto. [da rìcchia1].

rìcchie de mònecu sf. pl. Favagello, pianta erbacea perenne che cresce lungo le siepi e nei
luoghi erbosi; ha foglie cuoriformi lucide e di consistenza carnosa, fiorellini isolati e di
colore giallo; una volta le foglie del favagello, che posseggono proprietà vescicanti,
venivano usate per curare le ràgadi all'ano e ai capezzoli, applicandovi direttamente la
foglia fresca.

rìcchie de prete sf. pl. Ombelico di Venere, erba perenne con foglie carnose coniformi e
fiorellini bianco-verdognoli in infiorescenze cimali; una volta le foglie venivano applicate
per la cura della sciatica e della gotta.

rìcchie de surge sf. pl. Centòcchio, erba infestante con fusti sraiati e rametti ascendenti; le
foglioline ellittiche e i firellini solitari o riuniti all'apice venivano usati in infusi sulle
ferite e sulle piaghe, grazie alle proprietà cicatrizzanti.
192
R

ricchiteδδa, rìcchia sf. Orecchietta, gnocco di pasta strisciato su una superficie scabra e fatto
a forma di piccola orecchia: nu scappa nnu mese senza nnu beδδu piattu te ricchiteδδe
non passa un mese senza preparare un bel piatto di orecchiette. A volte le ricchiteδδe si
mischiano ai minchiarieδδi (maccheroncini) e allora prendono il nome di 'ricchiteδδe
mmaretate'.

ricchiune, ricchione sm. Impotente sessualmente; pederasta. [accr. di rìcchia1].

ricciòla sf. Leccia, lica comune, pesce marino ricercato per le sue carni particolarmente
apprezzate.

rìcciu agg. Riccio, crespo * sm. Rìcciolo; ciocca piccolina di capelli o di fili: la Gina s'à ffatti
li ricci Luigina s'è fatti i rìccioli. V. anche rizzu.

ricciuline sf. pl. Tagliatelle ricce.

ricciulinu agg. Di bambino, dai capelli ricciuti * sm. Piccolo ricciolo.

riccu agg. 1- Ricco di possibilità economiche: se mmaretàu cu nnu riccu marcante si maritò
con un ricco mercante; ete signura, ma nu ttantu ricca è nobile, ma non tanto ricca *
detto: lu fatiante mantene lu riccu il lavoratore mantiene il ricco * provv. Ci tene la
sanetà e' rriccu e nnu lla sa colui che è di sana e robusta costituzione è ricco e non lo sa §
Nduina l'acchiatura e fatte riccu, ca pe lli ricchi nc'ete lu paraisu a cquài e a δδai trova
un tesoro nascosto e fatti ricco, in quanto che per i ricchi c'è il paradiso qui e lì * 2- Che
abbonda: mare riccu te pisce mare ricco di pesce; Lecce ricca te scanzafatèi Lecce ricca
di fannulloni.

riccu spundatu agg. e sm. Ricco sfondato, ricchissimo, riccone.

richellu sm. Righello. [dim. di rica].

richettatu agg. Righettato, disegnato a righe fitte e sottili.

richinu sm. Righino, asticella per tracciare linee rette.

rìcinu, rìcenu sm. Olio di rìcino. V. anche lìcenu.

ricìvu, ricìu sm. Ricevuta di pagamento; quietanza: cquegghi lu ricivu te lu sattore, ca quiδδu
cunta e canta conserva la ricevuta dell'esattore, infatti esso conta e fa fede. [dall'it.
ricevo].

ricore sm. 1- Rigore, severità eccessiva * 2- Nel gioco del calcio, fallo commesso nell'area
appositamente indicata e il calcio di punizione tirato dal dischetto di rigore. [lat. rigor -
oris].

193
R

ricorsu, recorsu sm. Ricorso. [dal lat. recursus].

ricu, rigu sm. Rigo, linea: quaternu a rrichi quaderno a righi.

Ricu, Richettu, Ricuzzu pers. Arrigo, Enrico, Federico.

ricunuscenza sf. Riconoscenza. [lat. med. recognoscentia].

ricurrenza sf. Ricorrenza; solennità periodica.

riδδu
riδδu1 sm. Grillo canterino * modi di dire: stare a ssentìre lu riδδu stare ad ascoltare il grillo
e perdere tempo; sçire a ccàccia te riδδi andare a caccia di grilli e trascorrere il tempo
inutilmente. [lat. (g)rillus, ll>δδ]. Strambotto: -Iutu, iutu! - retàanu li riδδi / quandu
mìsera fuecu alli scrasçiali, / sçìanu tecendu nu ssu' stati iδδi / ca nd'ìanu uta parte li
zenzali.

riδδu2 sm. 1- Semino di frutto, granellino: riδδi te fica, te prummitoru, te rùsciulu semini di
fico, di pomodoro, di giùggiola * 2- Trìtolo di pasta di farina: ieri cucenài riδδi cu brotu
te pecciune ieri cucinài trìtoli in brodo di colombo.

riδδulusu agg. Granelloso, granuloso.

riecu (f. reca) agg. Greco: la canusci la Sara reca? conosci Sara di origine greca? abbetàa a
Lecce, mmera alla chèsia reca abitava a Lecce, nel rione della chiesa di rito greco * sm.
Abitante della Grecia: alla fera su' benuti li rieci alla fiera sono venuti i Greci.

194
R

rienu
rienu sm. Origano, erba aromatica spontanea, diffusa lungo le coste del Salento; le sue fitte
foglioline essiccate sono usate come spezie per aromatizzare i cibi freddi - "Rienu, ci ole
rienu?" gridavano con voce modulata le venditrici di mazzettini di origano per le vie della
città. [lat. origanum].

rièscere, riuscìre intr.; pres. riescu, riesci, riesce, riuscimu (reuscimu), riusciti (reusciti),
rièscenu; impf. reuscìa (riuscìa), ecc.; p. rem. reuscìi (riuscìi),… reuscemmu
(riuscemmu), ecc.; pp. reusciutu (riusciutu). Riuscire, essere capace, essere in grado: poi
reuscìu cu ffazza lu prubbrema poi riuscì a risolvere il problema; nu rrièscenu cu llu
tènenu a ccasa non sono in grado di trattenerlo in casa. [da ri- e lat. exire]. Confronta
rèscere.

rièsçiu, rèsçiu sm. Andamento ordinato della casa, della bottega, dei lavori campestri; senso
metodico; tendenza ad operare bene: ete nna nunna ca tene rièsçiu è una donna che
possiede il senso dell'ordine; nci ole rèsçiu a gnàsçiu ci vuole metodo coerente ovunque *
sm. pl. Cose necessarie, oggetti indispensabili; utensili: cce ppote fare ci ni màncanu li
riesçi? che cosa può fare se gli mancano gli attrezzi?; sòcrama me rrecalàu li riesçi te la
cucina mia suocera mi regalò le stoviglie. [dal lat. regius].

riestu (f. resta) agg. 1- Agreste, selvatico; non coltivato, non addomesticato: fienu riestu
pianta spontanea di fieno; cecore reste cicorie agresti, non di quelle coltivate; mùsciu
riestu gatto inselvatichito * 2- Acre, che rimane acerbo: le meδδe suntu reste le nespole
nostrane sono alberelli selvatici e i frutti sono di sapore acre * 3- fig. Scorbutico, di
carattere aspro e difficile: cce ssuntu reste ste canate mei! come sono scorbutiche queste
mie cognate! [dal lat. agrestus].

rifardare rifl.; pres. me rifardu,… ni rifardamu, ecc.; p. rem. me rifardài, ecc.; pp. rifardatu.
Sfinirsi, sfiancarsi e interrompere sfiduciato una azione: se rifardàra e sse ssettàra
consumarono le energie fisiche e, delusi, si sedettero.

rifardatu agg. Sfinito, sfiduciato e rinunziatario.

riforma sf. Riforma, rinnovamento profondo: se parla te riforma fundiara e mai se face si
parla di riforma fondiaria e mai viene attuata; quiδδi suntu tarrieni te la riforma quelle
sono terre della riforma agraria.

rifurnìre tr.; pres. rifurniscu, ecc. (segue la coniugazione di furnìre). Rifornire.

rìgghia sf. Mucchio allungato di cereali e di paglia tritata, lavorati sull'aia e non ancora
ventilati. [dal fr. grille].

195
R

rigghiare tr.; pres. rìgghiu, ecc.; impf. rigghiàa, ecc.; p. rem. rigghiài, ecc.; pp. rigghiatu.
Ammonticchiare nel senso della lunghezza cereali e paglia trebbiati sull'aia, pronti per
essere ventilati con le forche; accumulare materie friabili a forma di cresta. [da rìgghia].

rilàsciu, rilassu sm. Ribasso di prezzo, diminuzione del costo di un prodotto. [dal lat.
relaxus].

rimanìre, rrimanìre intr. Rimanere; restare. V. pure rumanire.

rimèttere, remettìre tr.; pres. rimettu, rimietti, rimette, rimettimu, ecc.; p. rem. remettìi
(remìsi), remettisti, remettìu (remise), remettemmu (remìsemu), remettestu, remettèra
(remìsera) ; pp. remettutu (remisu) . Rimetterci, perderci del proprio: su δδu affare nc'era
cu nci remettiti Filippu e panaru in quel vostro affare c'era da rimetterci guadagno e
capitale. [lat. remìttere].

rimorsu sm. Rimorso, cruccio per una cattiva azione commessa o per una azione utile e
necessaria non compiuta; rimpianto. V. pure chèu fig..

rimpallu sm. Rimpallo.

rimpàtriu (neol.) sm. Rimpatrio, ritorno in patria. V. anche rempatriata.

rimpettu avv. Dirimpetto, di fronte.

rimùsçena sf. Agrimonia, erba perenne con fusto eretto quasi spoglio; le foglie basali
pennatosette sono verdi nella pagina superiore e cineree in quella inferiore, i fiori gialli si
raccolgono in racemo terminale, i frutti ad achenio sono muniti di uncini.

rimusciare tr.; pres. rimòsciu, rimuèsci, rimòscia, rimusciamu, ecc.; p. rem. rimusciài, ecc.;
pp. rimusciatu. Dimostrare; dare prova: iδδu rimusciàu lu curàggiu sou e ui cce iti
rimusciatu? egli diede prova del suo coraggio e voi che cosa avete dimostrato? * rifl.
Rivelarsi: te sta’ rrimuesci nnu fiaccu maritu e nnu tristu sire ti stai rivelando un marito
inefficiente e un cattivo padre.
Da c. p. Lu celu contru a mmie s'à rrimusciatu / le stiδδe, le planete e lla furtuna

rina sf. Mammella di animale: a' mmùngila, senone la rina ni scòppia vai e mùngila,
altrimenti le scoppia la mammella.

rinacciare tr.; pres. rinàcciu, ecc.; impf. rinacciàa, ecc.; p. rem. rinacciài, ecc.; pp.
rinacciatu. Riparare con ago e filo un piccolo strappo nel tessuto, rammendare. [da un
comp. di ri- e lat. acia, gugliata, e it. àccia].

rinàcciu sm. Rammendo, cucitura meticolosa di uno strappo di un indumento.

rinforsu sm. Rinforzo.

196
R

rinfursare tr.; pres. rinforsu, rinfuersi, rinforsa, rinfursamu, ecc.; p. rem. rinfursài, ecc.; pp.
rinfursatu. Rinforzare, rinsaldare.

ringhera sf. Ringhiera, parapetto leggero di metallo.

rìngulu sm. Nei quaderni delle prime classi elementari, lo spazio compreso tra i due righi più
ravvicinati; lo scritto di ciascun rigo, rigo di scrittura.

Rini pers. Irene * Lu panieri te Santa Rini il mercato rionale di S. Irene.

rinu sm. Strettoia attraverso cui venivano fatte passare le pecore di un gregge all'addiaccio, le
quali, avanzando una alla volta, alla fine venivano fermate per essere munte: sti paligni
suntu bueni pe llu rinu questi tronchetti sono adatti per (montare) la strettoia per la
mungitura.

ripa sf. 1- Riva del mare, costa marina: camina camina, rriammu alla ripa cammina,
cammina, giungemmo alla costa * 2- Bordo; cantuccio, il punto estremo: cu llu aratu nu
tte cucchiare alle ripe te li cuti con l'aratro non ti avvicinare ai bordi delle rocce
affioranti; mìntite a δδa ripa e spetta mèttiti in quel canto e attendi. [lat. ripa].

ripa ripa loc. avv. 1- Rasente: sècuta ripa ripa allu sepale continua rasente alla siepe * 2-
Appena appena, quasi quasi: ripa ripa cu tte frantieδδi quasi quasi (per poco) ti
ammacchi.

riparu sm. Riparo. V. rreparu.

ripassare tr.; pres. ripassu,… ripassamu, ecc.; p. rem. ripassài, ecc.; pp. ripassatu. Ripassare
con la memoria ciò che si è imparato: fradditantu ripassàa la puesìa nel frattempo
ripeteva la poesia.

ripassata sf. Rapida scorsa a ciò che si è imparato: datte nna ripassata alla giucrafìa dai una
ripassata alla lezione di geografia.

ripassu sm. Ripetizione di una lezione.

riportu sm. Riporto di un numero nella esecuzione di una operazione aritmetica: ca se me lu


scerru sempre lu riportu! che se dimentico sempre il numero di riporto!

ripresa sf. Ripresa, collegamento di due parti di stoffa, eseguito mediante la cucitura: ci nci
faci nna ripresa, l'ùrcuma sparisce se ci fai una ripresa, il rigonfiamento va via.

riquardare tr.; pres. riquardu,… riquardamu, ecc.; p. rem. riquardài, ecc.; pp. riquardatu.
Riguardare, interessare: li fatti mei riquàrdanu sulu a mmie, a mmama e a ssirma le
faccende mie riguardano solo me, mia madre e mio padre; la custione riquardàa a ttutti la
questione interessava a tutti.

197
R

riquardu sm. 1- Riguardo, considerazione particolare, rispetto; premura: aggi riquardu pe lla
salute toa stessa abbi riguardo per la salute tua stessa; ete china te riquardi pe nònnama è
piena di premure verso mia nonna; riquardu allu parentatu cce nde piensi? circa il
parentato che cosa pensi?

riquardusu agg. Riguardoso; rispettoso e cortese.

risata sf. Risata: li chianti sçèra spicciàra a rrisate i pianti finirono in risate. V. risu.

riscare tr.; pres. riscu, rischi, risca, riscamu, ecc.; p. rem. riscài, ecc.; pp. riscatu. Rischiare:
ogne giurnu riscàa la ita ogni giorno rischiava la vita. [da riscu].

rìsçia sf. Riga, linea, segno lineare, traccia. [dall'it. riga, g>sçi].

risçiare tr.; pres. rìsçiu, ecc.; impf. risçiàa, ecc.; p. rem. risciài, ecc.; pp. risçiatu. Rigare,
imprimere una lieve traccia: li chei te li scarpuni sta’ rrìsçianu le chianche i chiodi degli
scarponi stanno rigando le lastre dell'impiantito. [da rìsçia].

risçiatu ag. Rigato; segnato da una linea, da una finissima fenditura.

rìsçiu sm. Rigo, segno tracciato su una superficie, linea.

riscu, rìschiu sm. Rischio: curse lu riscu cu ccappa sutta alle rote te nna tumòbbile corse il
rischio di finire sotto le ruote di una automobile. [it. ant. risco].
DE D. Allu prencìpiu se mmenezza e rita, / se curre riscu de nna curteδδata;

risecare tr.; pres. rìsecu, rìsechi, rìseca, risecamu, ecc.; p. rem. risecài, ecc.; pp. risecatu.
Rischiare. V. pure rresecare.

rìsecu sm. Rischio.

riserva sf. Riserva, accantonamento.

risòrvere, resurvìre tr.; pres. risorvu,… risurvimu, ecc.; impf. risurvìa,… risurvìamu, ecc.; p.
rem. resurvìi,… resurvemmu, ecc.; imper. risòrvi, resurviti; pp. resurvutu (risortu).
Risolvere, dare una soluzione. [lat. resolvere].

rispàrmiu (neol.) sm. Risparmio: a cqua' ccasa nu ffacimu rispàrmiu te nienti qui, in questa
casa non facciamo risparmio di niente. V. pure sparagnu.

rìspecu v. respicu.

rispegliare (lett.) tr.; rispègliu, ecc.; impf. rispegliàa, ecc.; p. rem. rispegliài, ecc.; pp.
rispegliatu. Risvegliare, destare. V. anche respigghiare, ddescetare.

198
R

rispègliu (lett.) sm. Risveglio dal sonno. V. il più comune ddescetata.

risprèndere (neol.) intr.; pres. risprendu, rispriendi, risprende, risprendimu, ecc.; p. rem.
risprendìi,… risprendemmu, ecc.; pp. risprendutu. Risplendere. [lat. resplendere]. V.
anche lùcere.

rispu sm. Crespo, crespa, piega, riccio fatto in un tessuto: nna pettìgghia tutta fatta a rrispi
una pettina tutta ricci. [dal lat. (c)rispus].

rispulare tr.; pres. rìspulu,… rispulamu, ecc.; p. rem. rispulài, ecc.; pp. rispulatu * 1-
Arricciare, pieghettare * 2- Raggrinzare, increspare corrugando tra le mani * 3-
Abbrancare, arraffare * detto: ci sìmmena fae, rìspula mutu ranu chi semina favette (per
sovescio), raccoglie grano in abbondanza * 4- Attirare, attrarre per impossessàrsene: cu
llu fisçu rìspulàa tante mèrule con il fischio attirava tanti merli per poi catturarli.

rista sf. Resta, ciascuno dei filamenti della spiga dei cereali: me sçìu nna rista ntru lli
cannaliri e rriscài cu mme nfocu mi andò una resta nella gola e rischiài di soffocare. [lat.
(a)rista].

ristoru (neol.) sm. Ristoro, sollievo. V. i più usati ddefriscu, reggettu, sullièu.

ristu sm. L'insieme delle reste e delle glumette delle spighe: lu ristu nde lu ulàu lu ientu il
ventò portò via reste e pula.

Ristutemu pers. Aristodemo.

risu sm. Riso, sorriso, espressione di ilarità: crepare te risi ridere a crepapelle; porta la ucca
sempre a rrisu ha la bocca atteggiata continuamente a sorriso. [lat. risus]. Scherzo: Lu
lepre, quandu idde li turnisi, / cacciàu li sanni e sse crepàu te risi!

risulinu sm. Risolino, sorrisetto.

rita sf. Rete da pesca. V. rete.

ritardu sm. Ritardo. V. pure tardanza.

ritazzaru sm. Incline all'allegria scomposta, chiassone ridanciano. [da ritazzu + suff. di mest.
-aru].

ritazzi sm. pl. Grida scomposte; schiamazzi, urli. [accr. e pegg. di ritu].

ritegnu (neol.) sm. Ritegno, riserbo. V. anche cuntenènzia, squernu.

ritenuta sf. Ritenuta, trattenuta.

199
R

rìtere, retìre intr.; pres. riu, riti, rite, retìmu, ecc.; p. rem. retìi (risi), retisti, retìu (rise),
retemmu (rìsemu), retestu, retèra (rìsera); imper. riti, retiti; pp. retutu (sisu) * 1- Ridere:
sulu sulu se nde la retìa solo solo se la rideva; se presçiàanu e rretìanu, beδδe mei si
rallegravano e ridevano, belle mie * 2- Deridere, farsi le beffe: sta’ rrìtenu susu te nui si
fanno beffe di noi; t'ànu sempre risu te retu ti hanno sempre deriso di nascosto; (Bozzi)
fingu ca riu, ma sempre elenu gnuttu fingo di ridere, ma inghiotto continuamente veleno e
amarezza.

ritìculu agg. 1- Ridicolo, degno di scherno * 2- Faceto, scherzoso, che sa suscitare il riso.

ritirata sf. 1- Arretramento; rinuncia: fane nna ritirata a ngrazie te Diu! fai una ritirata in
buon ordine! * 2- Cesso, latrina. V. pure rreterata.

ritoccu sm. Rotocco di rifinitura.

ritornu (neol.) sm. Ritorno. V. turnata.

ritortu agg. Ritorto * detto: rrobba ritorta iata a cci la porta fortunato colui che indossa
panni di filo ritorto.

ritta sf. 1- Dritta, parte destra, lato destro, la parte davanti (opposta a 'la mmersa' ):
mantiènite su lla ritta mantieniti sulla destra; la ritta ete sculurita la dritta è stinta; sulla
ritta nc'ete la capu te lu rre sul davanti c'è la testa del re * 2- Mano destra: cu lla ritta
stringu cchiù' fforte con la mano destra stringo più fortemente. [lat. recta].

rittimmètica sf. Aritmetica.

rittu agg. 1- Ritto, eretto, in piedi; verticale: lu palu tiènilu rittu reggi ritto il palo; statte ritta
cu lla spaδδa stai eretta con la schiena; stanu ritti pe mmeràculu stanno in piedi per
miracolo * prov. Saccu acante nu stae rittu un sacco vuoto non sta ritto * 2- Steso, teso:
lu filu nu stae rittu il filo non è teso * 3- Diritto, in linea retta: lu surcu à benutu rittu rittu
il solco è stato tracciato proprio diritto * 4- Corretto, giusto, onesto: stu nunnu ae rittu
alle cose soi costui è corretto, è nel giusto, circa le sue cose * prov. Ci ete rittu, campa
strittu, ma campa francu colui che è giusto, vive in ristrettezze, ma vive libero e franco *
5- Destro: lu pete, lu razzu, l'ècchiu rittu il piede, il braccio, l'occhio destro; l'anca, la
manu, la rìcchia ritta la gamba, la mano, l'orecchia destra. [lat. rectus].

ritu1 (pl. riti, pl.f. retate) sm. Grido, suono alto di voce; urlo: te piettu ni essìu nnu ritu te
tulore dal petto gli uscì un grido di dolore; nu bu rrepetu li riti e lle astime! non vi sto a
ripetere le grida e le bestemmie; te cquài se sentìanu le retate da qui si udivano gli urli. V.
anche sçhiδδu.
DE D. Pe mmare pe tterra lu ritu rembomba / e ll'ària, la terra se sente traugghiata.

ritu2 sm. Ampia rete di cordella per il trasporto della paglia; rete da pesca a maglie assai
larghe e a filo doppio. [lat. retis].

200
R

rituccare tr.; pres. ritoccu, ecc. (segue la coniugazione del semplice tuccare). Ritoccare per
rifinire e perfezionare.

rituccata sf. Ritoccata, rifinitura.

riturnellu sm. Ritornello, intercalare di una canzone * fig. Ripetizione noiosa delle
medesime parole o della medesima richiesta.

riu1 (pl. rei) sm. Ciascuna delle due fossettine sulle guance, che, ridendo, si accentuano.

riu2 sm. Tradizionale scampagnata con merenda sul prato, fatta il martedì dopo Pasqua. Il
termine probabilmente deriva da 'Luriu', località presso il comune di Surbo, dove i
Leccesi si recavano per il loro pic nic. [Lurìu, Lu- si stacca e diventa art.: lu rìu].

riupranu, lleupranu sm. Aeroplano.

riuscìre v. rèscere.

rivale sm. e f. Rivale, avversario. [dal lat. rivalis].

rivoluzione sf. Rivoluzione di popolo. [lat. rivolutio -onis].

rivoluziunaru sm. Rivoluzionario; sobillatore, uno che provoca grande scompiglio.

rivurtella sf. Revolver, rivoltella.

rizza sf. Intonacatura lasciata appositamente grezza e rasposa; il primo strato scabro di
intonaco, detto anche 'strazzatura'.

rizzecare v. rrezzecare.

rìzzecu sm. Brivido di freddo; pelle d'oca: àggiu ntisu comu nnu rìzzecu ntru lli carni ho
avvertito come un brivido per la pelle; tegnu rìzzechi te free ho brividi di febbre; quandu
ìsçiu sangu, me ene lu rìzzecu quando vedo del sangue, mi viene la pelle d'oca.

rizzetta sf. Ricetta. V. pure lizzetta.

rizzi sm. pl. Chioma ricciuta, capigliatura crespa.


Da c. p. Capiδδirizza, quantu me feristi / δδa fiata ca te iδδi spetecare; / te preu, nu tte li
fare cchiùi δδi rizzi: / de forsa me nd'à' fattu nnamurare.

201
R

rizzieδδu
rizzieδδu sm. 1- Specie di trìbolo con frutti rotondeggianti a struttura di spirale, con bordi
seghettati: nna carrareδδa china te rizzieδδi un viottolo disseminato di trìboli * 2-
Bardana o lappa, pianta spontanea che cresce ai bordi dei fossati e lungo le strade
campestri, ha foglie ovate, fiori a capolini globosi fittamente uncinati * 3- Viticchio di
vite * 4- fig. Piccolo ascesso assai doloroso, che spunta sotto le ascelle. [dim. di rizzu2].

rizziteδδa, rizzeδδa sf. Calcatreppolo, pianta spinosa alta sino a 60 cm., la quale ha foglie
coriacee con lobi spinescenti, fiori riuniti in capolini anch'essi muniti di quattro spine alla
base; il frutto è un achenio ovoidale coperto da numerosi aculei.

rizzu1 agg. Riccio, ricciuto, increspato: capiδδi rizzi capelli ricci; scalora rizza scarola riccia;
mèndule rizze confetti con superficie corrugata * sm. Piccola ciocca arricciata, ricciolo:
ncora ni sta’ spetta cu ttutti li rizzi fatti con i riccioli in testa ancora attende noi.

rizzu2 sm. 1- Riccio, l'animale terrestre con il dorso e con i fianchi ricoperto di aculei; era
ricercato e cacciato per le carni saporite; sorprenderlo ora nei campi è alquanto raro * 2-
Riccio di mare * 3- Involucro della castagna coperto di aculei. [dal lat. (a)ricius].

rìzzulu sm. Nodino che si attorciglia nel filo troppo ritorto.

Rmìniu, Mmìniu pers. Erminio.

Roca geogr. Roca, scalo marittimo ora ridotto in ruderi, in territorio di Melendugno.

rocca sf. Scarocchio, sputo catarroso, sornacchio.

rocchisçiare intr.; pres. rocchìsçiu, ecc.; impf. rocchisçiàa, ecc.; p. rem. rocchisçiài, ecc.; pp.
rocchisçiatu. Espettorare, scatarrare scaracchiando. [dal lecc. rocca + suff. iter.-intens. -
sçiare].

202
R

ròcciu sm. 1- Ruota dentata fissata al subbio del telaio casalingo in cui si avvolge il tessuto *
2- Ronciglio, grosso uncino.

Roccu pers. Rocco.

roccu
roccu sm. Asta con una estremità ricurva, atta per afferrare e piegare all'ingiù gli alti rami
degli alberi.

roffulare intr.; pres. ròffulu, ruèffuli, ròffula, roffulamu (ruffulamu), ecc.; impf. roffulàa
(ruffulàa) ; p. rem. roffulài (ruffulài), ecc.; pp. roffulatu (ruffulatu) . Russare. [da un incr.
tra it. ronfare e sbuffare].

roffulieδδu sm. Un lieve russare. [dim. di ruèffulu].

roinetta sf. Ferro uncinato adatto ad estrarre le parti cariate (sèrchia) dall'unghia dello
zoccolo. V. pure ròsena.

Roma geogr. Roma, conosciuta come città capitale dello Stato italiano, sede del Re e del
Papa, immaginata posta in capo al mondo, comunque molto più lontana di Napoli.

ròncula sf. Ronca, lama ricurva tagliente, fornita di corto manico e adoperata dai potatori per
recidere. V. ruencu e runceδδa.

ronda1 sf. 1- Chioma dell'albero frondoso nella sua ampiezza rotondeggiante * 2- Superficie
di terra diserbata, sottostante e corrispondente alla chioma di un albero * Ampia conca
tonda, sterrata intorno ad un tronco d'albero, preparata per versarvi l'acqua
dell'irrigazione. [dal lat. (g)runda].

ronda2 sf. Pattuglia di militari che vanno in giro per sorvegliare * fig. 1- Corteggiamento * 2-
Rovistìo intorno: fare la ronda alle pàute rovistare nelle tasche. [dallo sp. ronda].

Ròneca, Rònica pers. Veronica.

rònice sm. Agròtide, larva terricola che rode le radici tenere delle piante coltivate,
provocandone spesso la morte. [forse dal gr. agriònikon].

203
R

Ronzu, Ronziceδδu, Runzinu pers. Oronzo.

roppa sf. Groppa, la parte posteriore del dorso delle bestie da tiro.

rosa sf. Rosa, sia la pianta che il fiore: scunatura te rosa talea di rosa; rosa, rresçìna te li
fiuri rosa, regina dei fiori * prov. Nu nc'ete rosa senza spine, nu ncete omu senza uài non
c'è rosa senza spine, non c'è uomo senza guai * Nel linguaggio dei fiori: dedizione
assoluta * fig. Fiocchetto, nodo di nastro. [lat. rosa].
Da c. p. L'àcqua cu cci te llai la matina, / te preu, Rosa mia, nu lla menare; / ca ddu la
mini tie nasce nna spina, / nna rosa e nnu rusieδδu pe ndurare.

rosacandora sf. Rosa tea.

rosa d'Alesandra sf. Fiore di oleandro.

rosa damaschina sf. Rosa bianca molto bella ma poco profumata, proveniente da Damasco.
Da c. p. O rosa bianca damaschina e bella, / sia benetitta l'ura ci te amài.
DE D. Ulìa bessu na rosa damaschina / e de le manu toi begnu ddacquata.
DE D. … rosa damaschina: / era cchiù bella sì, ma senza ndore.

rosamarina
rosamarina, rosa marina sf. Rosmarino, pianta aromatica perenne, che cresce rigogliosa e
spontanea in vicinanza del mare ed anche in vaso negli ortali delle abitazioni. [lat. ros,
rugiada, marisus].
Da c. p. Quandu nascisti tie, rosamarina, / fice gran festa lu sule e lla luna;

rosa pantòfula sf. Peonia officinale, pianta a fiori grandi simili a rose, coltivata in vaso per
ornare i davanzali.

rosa te campusantu sf. Crisantemo, che da noi è considerato il fiore dei morti.

204
R

rosa te màcchia sf. Rosa canina, frutice selvatico con rami aculeati, foglie composite e fiori
rosei semplici riuniti in corimbi.

ròsçia sf. Brace di carboni interi (la brace di carbonella in lecc. è detta 'cenisa'): nna brasçera
china te ròsçia un braciere pieno di brace; minti sta ròsçia ntra llu fierru te sterare metti
questa brace nel ferro da stiro. [da un incr. tra lat. rogus e rubeus].

rosçiazzi sm. pl. 1- Macchie sanguigne antiestetiche che compaiono sulle gambe quando
d'inverno esponiamo a lungo queste al calore della brace. [ pegg. da ròsçia].

ròsena sf. 1- Rosetta, ferro uncinato dei maniscalchi, usato per pareggiare le unghie degli
zoccoli * 2- Incastro a più inserimenti ravvicinati. [lat. runcina > rucina, fr. roisne].

rota sf. Ruota, qualsiasi oggetto a forma circolare * modi di dire: mmentare la rota quatrata
inventare la ruota quadrata, avanzare una proposta stramba § fare la rota pavoneggiarsi;
gironzolare al fine di corteggiamento * provv. Lu traìnu nu bae a nna rota il carretto non
va ad una sola ruota § Ungi l'assu ca la rota gira fai regali, dai mance, se vuoi che la tua
pratica compia il suo iter e giunga a buon fine * fig. 1- Bussola dei befotrofi, dove si
abbandonavano i bimbi esposti * 2- Urna girevole del lotto. [lat. rota].

rota de trappitu sf. Macina da mulino.

rotapàccia, rota pàccia sf. Girandola di fuoco d'artificio.

roticeδδa sf. Rotellina. [dim. di rota].

ròtulu sm. 1- Fagotto arrotolato, involto di forma più o meno cilindrica * 2- Rotolo, unità di
misura di peso equivalente a circa 890 grammi: nnu ròtulu te pisce, te ranulìndiu un
rotolo di pesce, di chicchi di mais. [lat. rotulus].

rozzulamientu sm. L'atto dello sgranocchiare a piccoli morsi.

rozzulare tr. e intr.; pres. ròzzulu, ruèzzuli, ròzzula, rozzulamu, ecc.; p. rem. rozzulài, ecc.;
pp. rozzulatu * tr. Sgranocchiare * intr. Croccare tra i denti.

rrabbattare rifl.; pres. me rrabbattu,… ni rrabbattamu, ecc.; p. rem. me rrabbattài, ecc.; pp.
rrabbattatu. Arrabattarsi dandosi da fare. [sp. arrebatarse].

rraggiare intr.; prers. rràggiu, ecc.; impf. rraggiàa, ecc.; p. rem. rraggiài, ecc.; pp. rraggiatu
* 1- Arrabbiarre, diventare idrofobo: lu Roccu foi muzzecatu te nnu cane, rraggiàu e
mmorse Rocco fu morso da un cane, prese la rabbia e morì * 2- Soffrire in modo
intollerabile: rraggiare te friddu, te site, te fame, te dulore soffrire per il freddo, per la
sete, per la fame, per il dolore * 3- Bramare in modo incontenibile, desiderare oltre ogni
limite: sta’ rràggiu cu lle ìsçiu prestu muoio dal desiderio di vederle subito * intr. rifl.

205
R

Incollerirsi fieramente, irritarsi furiosamente: se rraggiàra e ncignàra cu ttìranu petre si


infuriarono e presero a scagliare sassi. [dal lecc. ràggia].

rraggiatieδδu agg. Che si arrabbia facilmente e frequentemente * sm. Diavoletto;


sbarazzino.

rraggiatu agg. 1- Idrofobo * 2- Incollerito, infuriato * fig. 1- Di suono, aspro e stridulo * 2-


Di freddo, gelidamente intenso.
LEONE …mentre a li campi ferve la fatìa / e le cecale càntanu rraggiate / a lu sule
cucente de lu state.

rraggiatura sf. Arrabbiatura * fig. Ondata di freddo che fa raggelare e intirizzire.

rraggiusu agg. Rabbioso, collerico. [lat. rabiosus incr. con lecc. ràggia].

rrampecare rifl.; pres. me rràmpecu, te rràmpechi, se rràmpeca, ni rrampecamu, ecc.; p.


rem. me rrampecài, ecc.; pp. rrampecatu. Arrampicarsi, inerpicarsi.

rrampecata sf. Arrampicata; salita ripida.

rrancamientu sm. 1- Graffiamento * 2- L'atto dell'afferrare con rapidità.

rrancare tr.; pres. rrancu, rranchi, rranca, rrancamu, ecc.; p. rem. rrancài, ecc.; pp.
rrancatu * 1- Graffiare con gli artigli o con le unghie * 2- Ghermire; agguantare * rifl.
Aggrapparsi, afferrarsi. [dal lecc. ranche].

rrancatura sf. Graffiatura fatta con l'unghia * 2- L'azione dell'agguantare.

rrancetìre (lett.) intr.; pres. rrancetiscu,… rrancetimu, ecc.; p. rem. rrancetìi,…


rrancetemmu, ecc.; pp. rrancetutu. Irrancidire. [dal lecc. ràncetu]. V. pure nnacetìre.

rrancetutu agg. Irrancidito, ràncido.

rranciamientu sm. Arranciamento; adattamento; raffazzonamento.

rranciare tr.; pres. rrànciu, ecc.; impf. rranciàa, ecc.; p. rem. rranciài, ecc.; pp. rranciatu. 1-
Arranciare, raffazzonare, riparare più o meno bene provvisoriamente * 2- Rimediare;
racimolare: rranciàu quattru palore nnanti a llu presèpiu rimediò poche parole davanti al
presepio; aìmu rranciatu cu mmangiamu pe osçe abbiamo racimolato quanto occorre per
mangiare oggi * rifl. Arrangiarsi; adattarsi limitandosi: moi rranciàtiu te suli ora
arranciatevi da soli; t'à' rranciare cu sta còtuma devi adattarti con questa teglia. [fr.
arranger].

rranciatizzu agg. Rimediato alla bell'e meglio; racimolato.

206
R

rranciatu agg. 1- Rimediato; rabberciato, eseguito in maniera grossolana * 2- Procurato


racimolando questo e quello: cce mmàngiu? cosiceδδe rranciate cosa mangio? cosette
racimolate qua e là.

rrandìre (lett.) tr. e intr.; pres. rrandiscu,… rrandimu, ecc.; p. rem. rrandìi,… rrandemmu,
ecc.; pp. rrandutu * tr. Ingrandire, ampliare * intr. Crescere, diventare grande, aumentare
di volume. V. anche ngrandìre, crìscere, llargare.

rranfare tr.; pres. rranfu,… rranfamu, ecc.; p. rem. rranfài, ecc.; pp. rranfatu * 1- Graffiare:
la mùscia resta ni rranfàu la facce la gatta selvatica gli graffiò il viso * 2- Sgraffignare:
nde rranfàra le stozze te candilesgraffignarono i mozziconi di candele * 3- Zappettare
sveltamente e superficialmente: rranfàa la terra te sutta alli àrveri graffiava la terra sotto
gli alberi. [dal lecc. ranfa].

rranfata sf. Graffiata, graffio; unghiata.

rranfatura sf. Il segno della graffiatura; graffio.

rranfune sm. fig. Profittatore.

rrapare rifl.; pres. me rrapu,… ni rrapamu, ecc.; p. rem. me rrapài, ecc.; pp. rrapatu.
Eccitarsi sessualmente, andare in fregola.

rrapatu agg. Eccitato, accalorato sessualmente, infoiato.

rrappare intr. e tr.; pres. rrappu,… rrappamu, ecc.; p. rem. rrappài, ecc.; pp. rrappatu * intr.
Aggrinzire; restringersi increspandosi, raggricciarsi * tr. Allappare la bocca, allegare i
denti: li cutugni tìferi rràppanu la ucca le cotogne acerbe allappano la bocca; lu sucu te
limone m'à rrappati li tienti il succo del limone mi ha allegato i denti. [dal lecc. llappare,
con ll>rr].

rrappatu agg. Raggrinzito; rugoso; tutto bitorzoli.

rrappulare, rappulare tr.; pres. rràppulu,… rrappulamu, ecc.; p. rem. rrappulài, ecc.; pp.
rrappulatu. Raggricciare. V. rappulisçiare.

rrappulatu, rappulatu agg. Coperto di fitte grinze, raggricciato.


DE D. Trasu ddu mai se mpezzecàu lu fuecu, / ddu la carne a bint'anni è rrappulata!

rrappulusu agg. Che procura grinze.

rraugghiare tr.; pres. rraùgghiu, ecc.; impf. rraugghiàa, ecc.; p. rem. rraugghiài, ecc.; pp.
rraugghiatu * 1- Immergere ripetutamente provocando spruzzi * 2- Travolgere;
sconvolgere. V. pure traugghiare.

207
R

rre (pl. rrièi) sm. Re: lu rre Mbertu e llu fìgghiu rre Ittòriu re Umberto e suo figlio re
Vittorio * detto: l'omu giustu nu ttime tutti li rrièi te lu mundu l'uomo giusto non teme
tutti i re della terra * prov. Gnetunu ete rre a ccasa soa ognuno è re in casa propria * fig.
Simbolo di personaggio incommensurabile: sirma ete forte quantu allu rre mio padre è
forte al pari del re; fràima ete àutu e beδδu comu lu rre mio fratello è alto e bello come il
re. [lat. rex].
Da c. p. Mancu nnu Rre ci me dunàa nnu Statu, / ièu mancu cu nnu Rre te cangerìa;

rrebbuttare intr.; pres. rrebbuttu,… rrebbuttamu, ecc.; p. rem. rrebbuttài, ecc.; pp.
rrebbuttatu. Sobbalzare di un veicolo e dei suoi passeggeri su una strada sconnessa. [da
un incr. tra it. ributtare e ribaltare].

rrebbuttu sm. Scossone, sobbalzo improvviso di un veicolo: li rrebbutti me sta’ ffàcenu


enìre mmossa te stòmecu i sobbalzi mi pròvocano nausea (mal di viaggio).

rrecalare tr.; pres. rrecalu,… rrecalamu, ecc.; p. rem. rrecalài, ecc.; pp. rrecalatu. Regalare,
donare. [sp. regalar].

rrecalìa sf. Regalìa. [lat. med. regàlia].

rrecalu sm. Regalo, dono. [sp. regalo].

rrecausare tr.; pres. rrecàusu,… rrecausamu, ecc.; p. rem. rrecausài, ecc.; pp. rrecausatu *
1- Rincalzare le piante ammontando la terra intorno al fusto * 2- Bloccare un veicolo
ponendo dei rincalzi alle ruote.

rrecàusu sm. 1- Rincalzo; sostegno; rinforzo fornito al fusto di una pianta * 2- Cuneo di
legno o di pietra, posto davanti o dietro le ruote del veicolo fermo, affinché questo non si
muova.

rrecchìre intr. e tr.; pres. rrecchiscu,… rrecchimu, ecc.; p. rem. rrecchìi,… rrecchemmu,
ecc.; pp. rreccutu * intr. Divenir ricco: tanti rrecchìscenu cu llu cuntrabbandu tanti
diventano ricchi con il contrabbando * tr. 1- Arricchire, far diventare ricco: cu lli suturi
uesci rrecchiti li patruni con i vostri sudori arricchite i padroni * 2- fig. Adornare
sfarzosamente: l'artarinu l'à rreccutu cu angelieδδi te carta d'argentu e ccu stelle filanti
ha finito di adornare l'altarino con angioletti di stagnola e con stelle filanti. [da riccu].

rreccutu agg. Arricchito, divenuto ricco: suntu lardi te gente rreccuta sono smancerìe di
gente arricchita.

rrecina, rresçina sf. Regina: la rrecina Margarita la regina Margherita; ci uèi, pueti ddentare
la rresçina te stu core se lo desideri, puoi diventare la regina di questo cuore * prov. Puru
la rrecina àe besegnu te la ecìna persino la regina ha bisogno della vicina, a questo
mondo tutti abbiamo bisogno l'uno dell'altro. [lat. regina].

208
R

rreculare rifl.; pres. me rrèculu, te rrièculi, se rrècula, ni rreculamu, ecc.; p. rem. me


rreculài, ecc.; pp. rreculatu. Regolarsi.

rreculatu, reculatu agg. Misurato, morigerato, alieno da eccessi: à statu sempre rreculatu
allu bìere è stato sempre morigerato nel bere alcolici.

rrecurdare tr.; pres. rrecordu, rrecuerdi, rrecorda, rrecurdamu, ecc.; p. rem. rrecurdài, ecc.;
pp. rrecurdatu. Ricordare, rammentare: rrecorda màmmata ca à ffare la fucazza
rammenta a tua madre che deve preparare la focaccia; lu castarieδδu ni rrecurdàa a nnui
lu giurnu maru te la morte il gufo ricordava a noi il triste giorno della morte * rifl.
Ricordarsi, rammentarsi: bu rrecurdati te quandu sçìamu alla scola? vi ricordate del
tempo in cui andavamo a scuola?; fazzu ièu tte rrecuerdi te l'ura ci si' nnatu ti farò
ricordare io dell'ora in cui nascesti; nu sse rrecurdàa lu nume te la strata non ricordava il
nome della via * modi di dire: nu rrecurdare te la ucca allu nasu non ricordarsi dalla
bocca al naso, di un avvenimento recentissimo § rrecurdare Santu Ronzu cu lli càusi curti
ricordarsi di una cosa molto antica, del tempo in cui S. Oronzo era ragazzo e aveva i
calzoncini § nu rrecurdare lu giurnu ci à natu essere proprio smemorato. [lat. recordari].

rrecurdata sf. L'atto del ricordare: alla scerrata toa tocca cu ttimi la rrecurdata mia al
momento della tua dimenticanza devi temere l'atto del mio ricordare.

rrefelare tr.; pres. rrefilu,… rrefelamu, ecc.; p. rem. rrefelài, ecc.; pp. rrefelatu. Rifilare,
tagliare a filo; assottigliare * fig. Appioppare.

rrefiatare intr. e tr.; pres. rrefiatu,… rrefiatamu, ecc.; p. rem. rrefiatài, ecc.; pp. rrefiatatu *
intr. 1- Respirare: sta’ rrefiata ncora respira ancora; poi nu rrefiatàu cchiùi poi non
respirò più * 2- Riprendere fiato per riposare un poco: làssali rrefiatare nnu picchi lascia
che rifiatino, che riprendano fiato * tr. Respirare, immettere nei polmoni: te face male ci
rrefiati stu fumu nìuru ti fa male respirare questo fumo nero. [comp. dal lat. flatare e l'it.
ri-fiatare].
DE D. e de δδa nìgghia cennerina e forte / la vita se rrefiàtanu le chiante.

rrefiatu sm. Respiro, respirazione: ni sta’ ssentu nnu rrefiatu fannusu gli avverto un respiro
affannoso.
Da c. p. La nave nu ppo' sçire senza tende, / mancu lu piettu miu senza rrefiatu;

rrefiutare tr.; pres. rrefiutu,… rrefiutamu, ecc.; p. rem. rrefiutài, ecc.; pp. rrefiutatu.
Rifiutare, non accettare. [dal lat. refutare incr. con it. fiutare].
Da c. p. Ci me mpruminti, sia mprumisa vera, / ci e' rrefiutu, sacci rrefiutare.

rrefucare tr.; pres. rrefocu, rrefuechi, rrefoca, rrefucamu, ecc.; p. rem. rrefucài, ecc.; pp.
rrefucatu. Rinfocare; appiccare il fuoco qua e là; infocare; incendiare: lu sule sta’ rrefoca
l'ària il sole infoca l'aria; prima cu bari, rrefoca le restucce prima di arare, incendia tu le
stoppie. [dal lat. foculare].

209
R

rrefuecu (pl. rrefuechi) sm. 1- Incendio diffuso, fuoco e fiamme: cu llu rrefuecu le secare se
nde scappàra con l'incendio verificatosi, le serpi fuggirono * 2- Caldo improvviso alla
testa, caldana: gnettantu me sale nnu rrefuecu a ncanna ogni tanto mi sale una caldana
alla gola * fig. Evento calamitoso; sventura: por'a mmie, cce rrefuecu a ccasa mia!
povera me, che sventura in casa mia! [da fuecu].

rreggettare tr. e intr.; pres. rreggettu, rreggietti, rreggetta, rreggettamu, ecc.; p. rem.
rreggettài, ecc.; pp. rreggettatu * tr. Acquietare; soddisfare; sistemare comodamente: moi
ci rreggèttanu li piccinni, ni rrìanu ora che acquietano i bambini, ci raggiungono; cu sti
panzarotti m'àggiu rreggettatu lu stòmecu con queste crocchette di patate ho sistemato il
mio stomaco * intr. Acquietarsi, calmarsi; trovare riposo: se stise susu a llu liettu e
rreggettàu si sdraiò sul letto e si acquietò; quantu rreggettàa cu llu papagnu e
ddurmescìa il tempo di calmarsi con il decotto di papavero e si addormentava. [dal lat.
reiectare].
Da c. p. Suntu li sierpi e puru ànu rreggettu, / ièu nu rreggettu e nnu rreposu mai.

rreggettu, reggettu sm. Refrigerio, ristoro, sollievo; quiete, riposo: subbra alla sèggia nun
aìa reggettu seduto alla sedia non trovava sollievo.

rremetiare, rremediare tr. e intr.; pres. rremètiu, rremieti, rremètia, rremetiamu, ecc.; p.
rem. rremetiài, ecc.; pp. rremetiatu * tr. Rimediare, procurare a stento, conseguire
all'ultimo momento: rremetiàu nna stozza te bricichetta si procurò una bicicletta scassata;
ammenu nna menèscia te fògghie la rremetiasti rimediasti per te almeno una minestra di
verdura * intr. Rimediare, porre riparo, porre rimedio ad un guasto o ad una situazione
difficile: sta’ ccèrcanu cu rremètianu cèrcano di rimediare nella miglior maniera. [lat.
remediare].
DE D. ma rrefrettendu doppu se capisce / ca se cerca lu mègghiu sse rremèdia;

rremètiu, rremèdiu sm. Rimedio * detti: a ttuttu nc'ete rremètiu fonde alla morte a tutto c'è
rimedio fuorché alla morte § a ffiate lu rremèdiu ete pèsçiu te lu male a volte il rimedio è
peggiore del male. [lat. remedium].

rremitu , remitu sm. 1- Uomo che abita appartato e vive solitario * 2- Custode del cimitero *
3- Ortolano che vive solo e isolato in campagna e che raramente si fa vedere in paese. [gr.
eremìtes].

rremmasçi sm. pl. Re magi, i sapienti sacerdoti che si recarono a Betlemme per rendere
visita al neonato Gesù Cristo: àggiu ccattati li rremmasçi pe llu presèpiu ho acquistato le
statuine dei Magi per il presepio * fig. rremmàsçiu sm. Uomo generoso senza misura nel
donare, mecenate.

rremuδδare tr. e intr.; pres. rremoδδu, rremueδδi, rremoδδa, rremuδδamu, ecc.; p. rem.
rremuδδài, ecc.; pp. rremuδδatu. * tr. Ammorbidire, rendere molle: rremuδδare la pasta,
lu murtieri, la pice ammorbidire la pasta, la malta, la pece; li sçerocchi rremòδδanu le

210
R

fiche seccate i venti umidi di scirocco rendono molli i fichi secchi * intr. Diventare molle
per l'azione dell'acqua o dell'umidità eccessiva: li taraδδi aìanu rremuδδati i taralli erano
diventati meno croccanti per l'umidità. [dall'it. rammollire e ammollare incr. con lecc.
mueδδu].

rremuδδatu agg. Ammorbidito, molliccio * fig. Rammollito.

rremundare tr.; pres. rremondu, rremuendi, rremonda, rremundamu, ecc.; p. rem.


rremundài, ecc.; pp. rremundatu. Rimondare, tornare a mondare con maggiore attenzione.
V. anche mmundare.

rremurchiare (neol.) tr.; pres. rremòrchiu, rremuerchi, rremorca, rremurchiamu, ecc.; p.


rem. rremurchiài, ecc.; pp. rremurchiatu. Rimorchiare un veicolo * fig. Trascinarsi dietro
una persona. [da remòrchiu].

rrenare rifl.; pres. me rrenu, te rrieni, se rrena, ni rrenamu, ecc.; p. rem. me rrenài, ecc.; pp.
rrenatu. Arenarsi nella sabbia * fig. Arrestarsi, fermarsi sul più bello. [da rena].

rrèndere, rrendìre rifl.; pres. me rrendu, te rriendi, se rrende, ni rrendimu, ecc.; p. rem. me
rrendìi,… ni rrendemmu, ecc.; pp. rrendutu * 1- Arrendersi, darsi per vinto: li Utrantini
nu ppensàanu cu sse rrendìanu gli Otrantini non pensavano di arrendersi * 2- Allentarsi,
cedere in consistenza: stu pannu se rrende questo tipo di stoffa si allenta; li cucuzzieδδi
dopu ttre giurni se rrèndenu le zucchine dopo tre giorni dalla raccolta cedono in
consistenza. [dall'it. arrendersi].

rrendetura sf. Resa, fuoriuscita spontanea di latte dalla mammella turgida dopo che il bimbo
ha succhiato i primi sorsi.

rrendutu agg. 1- Allentato, cedevole * 2- Rammollito, svigorito * 3- Di frutto polposo,


avvizzito e con la polpa cedevole.

rrenecatu agg. Rinnecato, spergiuro; traditore della fede, della patria e della stirpe; cattivo
soggetto. V. anche rennecatu.

rreote, reote sf. pl. Giravolte.

rrepètere, ripètere, rrepetìre tr.; pres. rrepetu, rrepieti, rrepete, rrepetìmu, ecc.; p. rem.
rrepetìi,… rrepetemmu, ecc.; pp. rrepetutu. Ripetere, rifare: l'ària nde rrepetìa lu
rembombu l'aria ne ripeteva il rimbombo. [lat. repetere].

rrepezzare tr.; pres. rrepezzu, rrepiezzi, rrepezza, rrepezzamu, ecc.; p. rem. rrepezzài, ecc.;
pp. rrepezzatu. Rappezzare, rattoppare, attaccare una pezza ad un tessuto. [lat. med.
repettiare incr. con it. appezzare].

211
R

rrepezzatieδδu agg. Un tantino rappezzato: don Ronzu l'àggiu istu rrepezzatieδδu ho visto
don Oronzo con un vestito rammendato. [dim. di rrepezzatu].

rrepezzatu agg. Rappezzato, rattoppato * sm. Pezzente * prov. Allu rrepezzatu nu ccercare
prèstitu ad un pezzente non chiedere danari in prestito: o non ha oppure ti strozza.

rrepezzatura sf. Rappezzatura di stoffa; raccomodatura sommaria.

rrequasare tr.; pres. rrequasu,… rrequasamu, ecc.; p. rem. rrequasài, ecc.; pp. rrequasatu.
Sostituire una piantina non attecchita con un'altra vegeta. [dall'it. surrogare incr. con
rincalzare]. V. recausare.

rrequasatura sf. L'operazione della sostituzione di piantine.

rrequasu sm. Sostituzione di piantine esili con altre rigogliose.

rresçina sf. Regina. V. rrecina.

rresçiuncare intr.; pres. rresçiuncu, rresçiunchi, rresçiunca, rresçiuncamu, ecc.; p. rem.


rresçiuncài, ecc.; pp. rresçiuncatu * 1- Avvizzire, perdere freschezza e vigore; diventare
cedevole 'come un giunco': le fronde te le rapacàule ànu rresçiuncate le fronde delle
cime di rapa sono avvizzite * 2- Incordarsi; diventare raffermo: li mustazzelli sta’
rresçiuncàanu i mostaccioli diventavano raffermi. [dal lecc. giuncare incr. con sçiuncu].

rresecanza sf. Alea di rischio.

rresecare, risecare tr. e intr.; pres. rrìsecu (rìsecu), rrìsechi, rrìseca, rresecamu, ecc.; p. rem.
rresecài, ecc.; pp. rresecatu * tr. Arrischiare, rischiare: nna centu lire a zzacchinetta la
pozzu puru rresecare posso anche rischiare un centinaio di lire al gioco della zecchinetta
* intr. Correre rischio: però rresecàanu supèrchiu però correvano troppo rischio.

rresecatu agg. Alacre, svelto tanto da non tener conto di un eventuale rischio: suntu caruse
rresecate sono giovanette svelte nei lavori, che si prestano volentieri.

rresenare intr.; pres. rresinu,… rresenamu, ecc.; p. rem. rresenài, ecc.; pp. rresenatu.
Coprirsi di acari; essere invaso dai pidocchi delle piante: tuttu lu petrusinu rresenàu tutto
il prezzemolo fu invaso dagli àcari * fig. Deperire, intristire; crescere stentatamente. [dal
lecc. resìna].

rresenatu agg. fig. Deperito, intristito, striminzito, allampanato.

rresettare tr.; pres. rresettu, rresietti, rresetta, rresettamu, ecc.; p. rem. rresettài, ecc.; pp.
rresettatu. Riassettare comprimendo; sistemare calcando; riordinare battendo con le
palme delle mani: sta’ rresettàa le rrobbe ntru lla càscia riassettava i capi di biancheria

212
R

nella cassa; àggiu ntise l'osse ca s'ànu rresettate ho sentito le mie ossa riassettarsi. [da ri-
e lat. asseditare].

rresiettu sm. Assetto; posizione comoda; buona sistemazione.

rresulire rifl.; pres. me rresuliscu,… ni rresulimu, ecc.; p. rem. me rresulìi,… ni rresulemmu,


ecc.; pp. rresulutu. Decidersi rompendo gli indugi.

rresulutu agg. Risoluto, deciso, pronto a tutto: respuse cu uce rresuluta rispose con voce
decisa; rresuluti ni sçèra a nnanti risoluti gli si piantarono di fronte. [lat. resolutus].

rretratu (lett.) sm. Arretrato accumulatosi per trascuratezza. V. ntrassatu e ntrassu.

rretu avv. Dietro, addietro, indietro: scùndite cquà' rretu nascònditi qui dietro; muti anni
rretu molti anni addietro; facìtiu cchiùi rretu andate più indietro * prep. rretu le mure
dietro le mura; unu rretu all'àutru uno dietro l'altro. V. retu.
Da c. p. Moi ci rretu ste porte ièu su' rriatu, / mille e cent'anni sta notte cu ddura;

rreturnare intr.; pres. rretornu, rretuerni, ecc. (si coniuga come il semplice turnare).
Tornare umido; cedere di consistenza, ammorbidirsi: le nzerte te tabbaccu, quandu
rretòrnanu, le ncasciamu quando le filze secche del tabacco si ammorbidiranno, le
sistemeremo nelle casse; la freseδδa à rreturnata il pane biscottato si è ammorbidito per
l'ambiente umido.

rreturnatu agg. Diventato meno friabile, meno croccante; umidiccio.

rreuètu sm. 1- Tramestio; rivolgimento; capovolgimento * 2- Rivolta, sommossa: etendu stu


rreuètu, le picca uàrdie se nd'ànu scappate vedendo questa sommossa, le poche guardie
sono fuggite.
DE D. -Cussine è mègghiu… lassa tutti ccrèpanu: / cce ni nde preme a nui de sti rreueti?

rreutamientu sm. Sconvolgimento; grande disordine, baraonda.

rreutare tr.; pres. rreòtu, rreuèti, rreòta, rreutamu, ecc.; p. rem. rreutài, ecc.; imper. rreòta,
rreutati; pp. rreutatu. Rivoltare, capovolgere; sconvolgere: sçèra e rreutàra li mannucchi
mmuδδati andarono e rivoltarono i covoni bagnati; se pensàanu ca rreutàanu lu mundu
ntieru credevano di sconvolgere il mondo intero. [da rreuètu].

rreutatu agg. Rivoltato, indumento piegato all'esterno: li càusi rreutati pàrenu nei i pantaloni
rivoltati sembrano nuovi * fig. Agitato, sconvolto, sossopra, preso dai guai.

rrezzare tr.; pres. rrizzu,… rrezzamu, ecc.; p. rem. rrezzài, ecc.; pp. rrezzatu. Arricciare: se
sta’ rrizza la bellucca si sta arricciando la parrucca; ntise fiezzu te sçatu e rrezzàu lu nasu
avvertì puzza di bruciato e erricciò il naso. [da rizzu1].

213
R

rrezzecare intr.; pres. rrìzzecu, rrìzzechi, rrìzzeca, rrezzecamu, ecc.; p. rem. rrezzecài, ecc.;
pp. rrezzecatu. Accapponarsi, incresparsi della pelle: me sta’ rrìzzecanu li carni mi si
accappona la pelle.

rriare tr. e intr.; pres. rriu, rrii, rria, rriamu, rriati, rrìanu; impf. rriàa, ecc.; p. rem. rriài,
ecc.; pp. rriatu * tr. 1- Raggiungere: rriàu la Sina e lla zzeccàu pe ccapiδδi raggiunse
Tommasina e l'afferrò per capelli * 2- Allevare, tirare su al punto desiderato: àggiu rriate
doi acche te latte ho allevato due vacche da latte; comu Diu ose, rriammu ttre ffìgghie a
mmaretare come Dio volle, tirammo su tre figlie da marito * intr. 1- Arrivare, giungere:
sta’ rrìanu le sçiurnate bone arrivano le belle giornate; rriastu a cce ieri tie e a cce bera
iδδu giungeste al chi eri tu e al chi era lui * modo di dire: a ddu rrii, minti lu zippu dove
arrivi, metti il segno, smetti e, se non hai terminato, non ti preoccupare * 2- Giungere a
maturazione: quandu rrìanu li rùsciuli te nde portu nnu panarieδδu quando le giùggiole
saranno mature, te ne porterò un cestino * 3- Riuscire, raggiungere lo scopo: an fine
rriàra cu llu mbrògghianu alla fine riuscìrono a imbrogliarlo.

rriatu agg. 1- Giunto a maturazione, maturo: tene nn'àrveru te pire rriate ha un albero di
pere mature * 2- Giunto alla giovinezza, adulto: tene nnu fìgghiu rriatu ha un figlio
adulto.
DE D. Lu diàulu intantu aìa na fìgghia rriata, / simpatica te facce, murettina.

rricchimientu sm. Arricchimento.

rricciare (neol.) tr.; pres. rrìcciu, ecc.; impf. rricciàa, ecc.; p. rem. rricciài, ecc.; pp.
rricciatu. Arricciare. V. rrezzare.

rrièi sm. (pl. i re): li rrièi te Spagna i re di Spagna. V. rre.

rriffa sf. Riffa, lotteria con sorteggio fra privati. [sp. rifa].

rriffare tr.; pres. rriffu,… rriffamu, ecc.; p. rem. rriffài, ecc.; pp. rriffatu * 1- Mettere un
oggetto a sorteggio tra gli acquirenti dei biglietti * 2- Vincere alla riffa.

rrignare intr. e tr.; pres. rrignu,… rrignamu, ecc.; p. rem. rrignài, ecc.; pp. rrignatu *
Sogghignare; insultare digrignando i denti, schernire facendo boccacce, offendere
contraendo la bocca e arricciando il naso: parlàa e rrignàa parlava e sogghignava;
gneffiata ca me ite, me rrigna lu nasu ogni qualvolta mi vede, arriccia il naso
schernendomi; le buscàra ca rrignàanu le caruseδδe presero le botte perché insultavano
le ragazze facendo le boccacce * fig. Restringersi, rimpicciolirsi raggrinzendo: li meluni
me sta’ rrìgnanu i miei meloni stanno diventando stenti. [dal lat. ringi, il lat. volg.
*ringulare incr. con fr. guigner].
DE D. poi ni rrignàu li musi, fice na cera storta / e lu purtune a nfacce de pressa ni
nzerràu.

214
R

rrignatu agg. 1- Raggricciato, raggrinzito * 2- Deperito, stento; tanto striminzito e debole da


essere schernito.

rrignatieδδu agg. Deboluccio, stentatino. [dim. di rrignatu].

rrignu sm. Ringhio, boccaccia.

rringa (a -) loc. avv. Su e giù, palmo a palmo; a stretto zig-zag: sçendu a rringa, ulie nu bu
nde scàppanu alla ccota andando a zig-zag e guardando a palmo a palmo, neppure
un'oliva sfuggirà alla raccolta.

rripare tr.; pres. rripu,… rripamu, ecc.; p. rem. rripài, ecc.; pp. rripatu. Accostare;
avvicinare ad un limite: sti talorni rripàtili allu parite cu pputimu passare accostate
questi oggetti ingombranti lungo il muro, affinché possiamo passare; li trainieri se
rripàra allu castieδδu i carrettieri si disposero lungo un lato del castello. [da ripa].

rrobba sf. 1- Roba, una qualsiasi cosa, un qualsiasi oggetto: cce rrobba ete? che roba è?;
rrobba rrubata oggetti rubati; ete rrobba te l'àuru mundu è cosa dell'altro mondo; rrobba
te mangiare cibo; robba te menare roba da gettare * 2- Beni di proprietà, patrimonio;
proprietà terriera: la rrobba soa la lassàu a llu cumentu lasciò la sua proprietà al
convento; a ssulu nu ppote rèsçere tutta la rrobba da solo non può amministrare tutta la
proprietà * provv. Omu face rrobba e nnu rrobba face omu l'uomo fa la proprietà e non la
proprietà fa l'uomo § L'ànima a Diu e lla rrobba a cci tocca l'anima a Dio e il patrimonio
agli eredi legittimi * 3- Stoffa, pezza di tessuto, panno: rrobba te cuttone, te linu, te sita
stoffa di cotone, di lino, di seta; rrobba pe ccamisola, pe ffòtera tessuto per camiciola, per
federa * in particolare: 1- rrobbe sf. pl. Indumenti; capi di biancheria; panni casalinghi:
mìntite le rrobbe noe indossa il vestito nuovo; sta’ ba' spandu le rrobbe vado a sciorinare
i panni al sole; rrobbe te state indumenti leggeri; rrobbe te iernu vestiti pesanti * 2-
rrobbe te casa sf.pl. Masserizie, mobilia, stiglio * 3- rrobbe te retu sf. pl. Panni sporchi,
per lo più colorati, da lavare dopo i panni più delicati. [dal fr. ant. rauba].

rrobbiceδδa sf. Piccola proprietà, piccolo patrimonio. [dim. di rrobba].

rrore, errore (lett.) sm. Errore, sbaglio. [lat. error -oris]. V. spàgliu.
Da c. p. Sette anni sta figghiòla uesi amare, / dopu la lassài. O rrore ci fici!

rrubbacore sm. e f. Rubacuori, persona seducente che subito innamora * agg. indecl.
Affascinante e caro: tene doi uècchi rrubbacore ha due occhioni affascinanti.
Da c. p. Tie si' nnatu pe ffare l'amore, / Mamminieδδu rrubbacore.

rrubbare tr.; pres. rrubbu,… rrubbamu, ecc.; impf. ruubbàa,… rrubbaàmu, ecc.; p. rem.
rrubbài,… rrubbammu, ecc.; pp. rrubbatu. Rubare, sottrarre nascostamente, portar via:
mundu, carne e demòniu, quante ànime aìti rrubbate a Cristu! mondanità, carnalità,
demonio, quante anime avete rubato a Cristo!; lu penzieri te tie me rrubba lu sennu la
preoccupazione di te mi porta via il sonno; ci m'à rrubbata la scassamàcchie? chi mi ha

215
R

sottratto la gomma da cancellare? * provv. Ci rrubba nnu fièu ete barone, ci rrubba nna
rappa ete facce te mpisu chi si impossessa fraudolentemente di un feudo è barone, chi
ruba un grappolo d'uva è meritevole di essere impiccato § Ci rrubba pe lla panza nu fface
peccatu a ccuspettu te Diu chi ruba per mangiare, non commette peccato nei riguardi di
Dio § Rrobba rrubbata, te picca durata cosa rubata avrà breve durata.

rrubbarìa sf. Ruberia.

rruccare tr.; pres. rroccu, rruecchi, rrocca, rruccamu, ecc.; p. rem. rruccài, ecc.; pp.
rruccatu. Scostare: rruccàtinde sti talorni scostate questi oggetti ingombranti; le nule se
rruccàra e llu sule essìu le nuvole si fecero da parte e il sole apparve. [dall'it. arroccare,
spostare la torre degli scacchi].

rruenare tr.; pres. rruìnu,… rruenamu, ecc.; p. rem. rruenài, ecc.; pp. rruenatu. Rovinare,
mandare in malora; guastare * prov. L'àcqua cheta rruìna li ponti l'acqua cheta rovina i
ponti. [da un incr. lat. tra ruina ed eruere].

rruenatu agg. Rovinato; andato fuori uso, guastato; mal ridotto in salute * prov. Pane moδδe
e lèuna seccata, casa mia rruenata (con il consumo ininterroto di) pane sempre bianco e
soffice e legna soltanto secca, casa mia andrà in rovina.

rrufianare rifl.; pres. me rrufianu,… ni rrufianamu, ecc.; p. rem. me rrufianài, ecc.; pp.
rrufianatu. Arrufianarsi. [da rufianu].

rruggiare intr.; pres. rrùggiu, ecc.; impf. rruggiàa, ecc.; p. rem. rruggiài, ecc.; pp. rruggiatu.
Arrugginire * fig. 1- Delle foglie, coprirsi di macchioline rossastre: le pàmpane sta’
rruggiàanu i pampini si coprivano di ruggine * 2- Intorpidire: le osse me sta’ rrùggianu
le ossa mi si intorpidiscono. [dall'it. ruggia].

rrugginire (neol.) intr.; pres. rrugginiscu,… rrugginimu, ecc.; impf. rrugginìa, ecc.; p. rem.
rrugginìi,… rrugginemmu, ecc.; pp. rrugginutu. Arrugginire: la nzerràgghia sta’
rrugginisce la serratura arrugginisce. [dall'it. ruggine].

rruìna, ruìna sf. Rovina; frana * modo di dire: dopu rruìna a cce sserve sparagnu? dopo lo
sperpero a che serve l'economia?, una volta caduti in rovina, non c'è più rimedio * rruìne
sf. pl. Ruderi. [lat. ruina].

rruncare tr.; pres. rroncu, rruenchi, rronca, rruncamu, ecc.; p. rem. rruncài, ecc.; pp.
rruncatu. Sarchiando, riportare nella massa il terriccio sparso all'intorno: sta’ rròncanu li
cuti stanno ripulendo le rocce dal terriccio. [dal lat. runcare].

rruncata sf. Leggera sarchiatura ai margini dei banchi di roccia.

rruncatu agg. Del terriccio, ammonticchiato; del banco roccioso, ripulito del terriccio.

216
R

rrunchiare tr.; pres. rrùnchiu, ecc.; impf. rrunchiàa, ecc.; p. rem. rrunchiài, ecc.; pp.
rrunchiatu. Ritrarre gli arti: rrùnchia l'anche, le razze ritrai le gambe, le braccia; me
rrunchiàa le spaδδe e nnu rrespundìa si stringeva nelle spalle, mi feceva le spallucce e
non rispondeva * rifl. Rannicchiarsi: se rrunchiàu rretu a llu parite e ccussìne rumanìu si
rannicchiò dietro il muretto e in tale posizione rimase. [da ròncula + suff. - are, piegare a
ronca].

rrunchiata sf. Spallucciata.

rrunchiatu agg. Rannicchiato; contratto, raccolto in se stesso.


BOZZI e mentre face nie stanu rrunchiati, / muerti te friddu subbra lla cacchiame.

rrunzare tr.; pres. rrunzu,… rrunzamu, ecc.; p. rem. rrunzài, ecc.; pp. rrunzatu * 1- Urtare;
spintonare: rròccate senò te rrùnzanu scòstati altrimenti ti ùrtano; e nnu rrunzati! e non
spintonate! * 2- Abborracciare, eseguire in fretta e male: rrunzàu la copiatura e sçìu
sçiucàu abborracciò la copiatura e corse a giocare. [it. arronzare].

rrunzata sf. Spintonata; urto violento; scontro.

rrunzatu agg. 1- Investito, urtato * 2- Abborracciato, fatto male in fretta.

rrunzune, rrunzone sm. Sgarbato e brusco, incapace di autocontrollo; arruffone.

rrussacchiatu agg. Congestionato in volto, con le guance sudate e arrossate.

rrussecare tr.; pres. rrùssecu, rrùssechi, rrùsseca, rrussecamu, ecc.; p. rem. rrussecài, ecc.;
pp. rrussecatu * 1- Arrossare, far diventare rosso: me rrussecàu le anche cu nnu ìnchiu de
sita mi arrossò le gambe con un vinco di melograno * rifl. Arrossire, arrossarsi: se
rrussecàra alle ampe te la fòcara si arrossarono alle vampe del falò.

rrussecatu agg. Arrossato: spaδδe rrussecate te lu sule spalle arrossate dai raggi del sole. [da
russu].

rrussìre intr.; pres. rrussìscu,… rrussimu, ecc.; p. rem. rrussìi,… rrussemmu, ecc.; pp.
rrussutu. Arrossire, infiammarsi in volto per un'emozione: tie rrussisti pe lla ergogna tu
arrossisti per la vergogna; iδδu la uardàa e iδδa rrussìa egli la fissava e lei arrossiva. [da
russu].

rrùstere, rrustìre tr.; pres. rrustu,… rrustimu, ecc.; p. rem. rrustìi,… rrustemmu, ecc.; pp.
rrustutu. Arrostire a fuoco vivo * fig. rifl. Esporsi ai raggi cocenti del sole. [fr. ant.
hraustjan].

rrusticastagne sf. Caldano di lamiera del caldarrostaio.

217
R

rrustutu agg. Arrostito, cotto a fuoco diretto; tostato: pezzettu te fìcatu rrustutu pezzetto di
fegato arrostito; fae e cìceri rrustuti fave e ceci tostati.

rsulu sm. Orciolo di creta smaltato, con beccuccio e ansa: nnu rsulu te mieru un orciolo di
vino. [lat. urceolus, la u- si stacca e va a fondersi con l'art. lu o nnu: lu (u)rsulu, lu rsulu,
nnu rsulu]. V. ursulu.

rtèteca sf. Irrequietezza incontrollata: tene la rtèteca ntra lle manu ha nelle mani la bramosia
di toccare tutto. [lat. arthitica, la a- si stacca e va a fondersi con l'art. la: la (a)rteteca, la
rtèteca].

ruagne sf. pl. Le funi che costituiscono le redini dei buoi aggiogati.

rubbinettu sm. Rubinetto. [fr. rubinet].

rubbinu sm. Rubino, la pregiata pietra rossa. [lat. med. rubinus].


Da c. p. Su' rrussi l'ecchi mei comu rubbinu / de lu supèrchiu chiàngere e uardare.

rubbrica (lett.) sf. Norma rituale, regola.

rubbustezza sf. Robustezza.

rubbustu (neol.) agg. Robusto. [dal lat. robustus]. V. tarchiatu.

ruca sf. Amorino o reseda, pianta erbacea coltivata nei giardini o in vaso; nel primo anno
forma una rosetta di foglie lanceolate, nel secondo anno fiorisce; i fiori giallo-verdognoli
hanno un odore assai delicato; gli infusi di questi venivano usati per favorire la diuresi e
la sudorazione.

ruccettu sm. Gancio. [fr. (c)richet].

rucchettu sm. Lucchetto. [fr. loquet].

ruccu1 sm. Ràntolo catarroso (simile al verso del colombo che tuba): me sentu nnu ruccu alli
cannaliri sento un rumore rauco in gola. [gr. rhonkhos incr. con lat. raucus].

ruccu2 sm. Colombo, piccione. [dal suono onom. della voce del pennuto].

rucculare intr.; pres. rùcculu,… rucculamu, ecc.; p. rem. rucculài, ecc.; pp. rucculatu.
Tubare dei colombi. [da ruccu, rùcculu incr. con fr. roucouler].

rucculari sm. pl. Bargigli, le appendici carnose rosse dei galli e dei tacchini.

rucculisçiare intr.; pres. rucculìsçiu,… ecc.; impf. rucculisçiàa, ecc.; p. rem. rucculisçiài,
ecc.; pp. rucculisçiatu * 1- Tubare dei colombi; crocchiare a lungo proprio delle galline,

218
R

chiocciare ripetutamente * 2- Respirare raucamente; russare di gola * 3- fig. Bestemmiare


bofonchiando. [da rucculare + suff. iter.-durat. -sçiare].

rùcculu sm. 1- Respiro rauco e catarroso * 2- Parolaccia bofonchiata, bestemmia borbottata:


menàu quattru rùcculi te satanassu lanciò quattro parolacce di satanasso.

ruccu ruccu sm. Voce onom. per chiamare i colombi.

rùcula sf. Rùcola o ruchetta, erba spontanea prataiola, con fiorellini gialli e foglie
amarognole, che spesso si prestano per l'insalata e quanche volta vengono cucinate lesse.
[lat. eruca, dim. erucola].

rùcula sanina o, semplicemente, sanina sf. Rùcola, erba spontanea simile alla ruchetta, con
fiori di colore bianco venato di violetto, foglie picciolate larghe, che si prestano alla
cottura, lessate a sole o insieme a zucchine.

ruculìcchiu sm. Piccola cavalletta verde, che si nutre di foglie tenerelle, tra le quali si
mimetizza. [dim. di rùculu].

rùculu
rùculu sm. Locusta di colore bruno-grigio * fig. Persona lesta, svelta, rapida nei movimenti.
[lat. bruchus, dim. bruchulus].

ruδδa sf. Semenzaio, aiola preparata come vivaio: chiantime te ruδδa piantime di semenzaio.

ruδδàcchiu sm. Vivaio con terriccio, cenere e letame, approntato per interrarvi
provvisoriamente i ceppi di piante da sistemare poi definitivamente in altro luogo.

ruδδare intr. e tr.; pres. roδδu, rueδδi, roδδa, ruδδamu, ecc.; p. rem. ruδδài, ecc.; pp.
ruδδatu. Frugare, cercare accuratamente, rovistare, perquisire: ruδδàu ntra ttutte le pàute
frugò in tutte le tasche; li finanzièri ruδδàra sirma te li pieti fena alli capiδδi le guardie di
finanza perquisirono mio padre rovistando dappertutto. [dal lat. rotare incr. con fr. rouler
e it. rullare].

ruδδiceδδa sf. Semenzaio per piantine da fiore; aioletta: ruδδiceδδa te astri, te passaricchi,
te petrusinu aioletta di aster, di sproni di cavaliere, di prezzemolo. [dim. di ruδδa].

219
R

ruδδi ruδδi avv. In maniera radente; terra terra: menàanu pisi ruδδi ruδδi a mmare
lanciavano ciottoli radenti alla superficie del mare; cùcchia la palla ruδδi ruδδi a ppallinu
avvicina la boccia terra terra al boccino.

ruδδulare intr. e tr.; pres. rùδδulu, ruδδulamu, ecc.; p. rem. ruδδulài, ecc.; pp. ruδδulatu.
Cadere rotolando; rotolare. V. anche curuδδulare.

ruècculu, rècculu sm. Broccolo, torso di ortaggio o di frutto: ruècculi te rapacàule broccoli
di cime di rapa; rècculi te pire torsi di pere * provv. Nc'ete ci màngia la purpa e ci lu
ruècculu c'è chi mangia la polpa e chi il torso § Lu spuriatu ete fìgghiu te lu rècculu il
cavolfiore è figlio del tòrsolo. [lat. brocchus, dim. (b)rocchulus, o>ue/e].

ruèδδulu, rèδδulu sm. 1- Menatoio di legno con l'estremità rigonfia, adoperato per smuovere
il latte e uniformarne il coàgulo: lu ruèδδulu ole giratu sempre a nna manu o a rritta o a
mmancina il menatoio deve essere ruotato sempre nella stessa direzione, o a destra o a
sinistra * 2- Marra, lungo manico di legno con ferro ovale, con cui i manovali
rimescolano la calcina: lu manuale pigghiàu lu ruèδδulu e preparàu lu murtieri il
manovale afferrò il menatoio e si mise a preparare la malta. [dim. masch. tratto dal lecc.
reδδa incr. con it. rullo].

ruèffulu, rèffulu sm. Ronfamento; rantolo: lu ruèffulu te cinca sta’ ddorme il ronfamento di
colui che dorme; lu rèffulu te cinca sta’ mmore il rantolo del moribondo. [dall'incr. tra lat.
volg. refulum, lieve folata di vento, e it. ronfo e sbuffo].

ruencu
ruencu, rencu sm. Lunga asta di legno munita ad una estremità di una robusta lama piegata
ad uncino; se ne servono i potatori per troncare i rametti più alti di un albero. [lat. runco].

ruespu, respu sm. Rospo: s'à nchiatu comu nnu ruespu s'è gonfiato come un rospo * fig.
Persona permalosa e scontrosa. [dal lat. volg. * (b)roscus].

ruessu, ressu (f. rossa) agg. Grosso, ampio, grande di volume: zìuma ete ruessu, ma zìama
ete cchiù' rrossa ncora mio zio è grosso, ma mia zia è ancora più grossa; me sta’ ddole lu
tìsçetu ressu te lu pete mi fa male l'alluce * prov. Lu pisce ressu se futte lu pisce picciccu
il pesce grosso ingoia il pesce piccolo * sm. Cruschello, la parte grossa dello sfarinato:
maccarruni te ruessu maccheroni di cruschello; le freseδδe fatte cu llu ressu de l'èrgiu se
chiàmanu rèccie le 'friselle' fatte con il grosso della farina di orzo sono dette 'rèccie'. [dal
lat. (g)rossus, o>ue/e].

ruezzulare v. rozzulare.

220
R

ruèzzulu, rèzzulu sm. Tozzo da sgranocchiare, frammento croccante di pane biscottato: lu


taraδδu s'à ffattu a ruèzzuli il tarallo s'è ridotto a frantumi. [da rozzulare].

Rufanu geogr. Ruffano.

rufare tr.; pres. rufu,… rufamu, ecc.; impf. rufàa,… rufaàmu, ecc.; p. rem. rufài, ecc.; pp.
rufatu * 1- Bere succhiando; sorbire aspirando: se rufàu nnu uèu friscu bevve un uovo di
giornata suggendolo dal guscio * 2- Tirare dentro il muco del naso. [dall'it. (g)rufare].

rufatu agg. Succhiato: l'èu lu uèi nciratu o rufatu? desideri l'uovo sodo o da suggere?

rufianarìa sf. Ruffianeria, cortigianeria.

rufianazzu sm. con implicito un tocco affettuoso. Ruffiano, che con moine vere o finte cerca
di ingraziarsi: cce ssinti fina, rufianazza mia! quanto sei fina, mia cara ruffiana!

rufianèsemu sm. Deferenza cerimoniosa e adulatoria.

rufianu sm. 1- Ruffiano, mezzano; paraninfo * prov. Lu rufianu porta a mmucca mele e ntra
llu core fele il ruffiano ha sulle labbra miele e nel cuore fiele * 2- Chi eccede in
affettuosità con l'intento di ingraziarsi; adulatore. [lat. rufius incr. con lecc. (putt)anu].

rùggia sf. Ruggine dei metalli * prov. La rùggia se màngia lu fierru, lu seccatu se rùseca lu
erde la ruggine corrode il ferro, la siccità rosìcchia il verde della vedetazione * fig.
Sdegno di lunga data, odio covato, rancore, astio antico. [it. ruggia].

rugna sf. Rogna, scabia; [lat. (ś)rugo incr. con lecc. (er)gogna].

rugneδδa sf. Euforbia, principalmente l'erba mora, con foglie piccole di colore verde pallido
e fiori giallognoli in ombrelle; i suoi rametti contengono un succo biancastro di aspetto
lattiginoso e di sapore acre, con proprietà vescicante e addirittura corrosiva.

rugnu sm. Grugnito, il verso cupo e nasale del maiale; invece il suo verso acuto e stridulo è
detto 'sçamu'.

rugnulare intr.; pres. rùgnulu,… rugnulamu, ecc.; p. rem. rugnulài, ecc.; pp. rugnulatu * 1-
Piagnucolare e brontolare nel contempo: se nde sçìu rugnulandu se ne andò lamentandosi
e brontolando * 2- Guaire del cane, guaiolare. V. pure rungulare.

rugnulisçiare intr.; pres. rugnulìsçiu, ecc.; impf. rugnulisçiàa, ecc.; p. rem. rugnulisçiài,
ecc.; pp. rugnulisçiatu. Piagnucolare insistentemente lagnandosi; guaire: sta notte cce
aìanu li cani, ca rugnulisçiânu? che cosa avevano i cani questa notte, che guaivano?. [da
rugnulare + suff. durat. -sçiare].

221
R

rùgnulu sm. Voce querula e insistente, piagnucolio; guaito lamentoso. V. il più usato
rùngulu.

rugnulusu agg. Lagnoso. [incr. tra rùngulu e lagnusu].

rugnunata sf. Rognonata, pietanza di rognone.

rugnuni sm. pl. Rognoni, reni delle bestie macellate.

rugnusu agg. Rognoso, affetto di scabia * fig. Assai fastidioso e, quindi, da evitare. [da
rugna].

Rulandu, Landu, Landuzzu pers. Rolando.

rullu sm. Rullo, qualsiasi arnese cilindrico girevole; in particolare il rullo compressore usato
per rassodare terreni o comprimere massicciate.

rulòggiu (neol.) sm. Orologio. [lat. (ho)rologium]. V. tarloci.

ruluggiaru sm. Orologiaio. [da rulòggiu + suff. di mest. -aru].

rumaneδδa sf. Indivia riccia, coltivata come ortaggio per insalata verde.

rumanenza sf. Rimanenza, avanzo.

rumanìre, rimanìre, rrumanìre intr.; pres. rumagnu (rimagnu, rrumagnu), rumani, rumane,
rumanimu, ecc.; p. rem. rumanìi (rumasi), rumanisti, rumanìu (rumase), rumanemmu
(rumàsemu), rumanestu, rumanèra (rumàsera) ; cong. pres. rumagna, rumàgnanu; pp.
rumanutu (rumastu, rimastu, rrumastu) * 1- Rimanere, restare, trattenersi in un luogo:
rumane a ccasa rimane a casa; rrumaniti a ntàula cu mmie? restate a mensa con me?;
nisciunu ole rrumagna all'urmu nessuno intende rimanere a gola asciutta; rrumàsera fena
a ttardu si intrattennero sino a tardi * 2- Assumere e conservare una certa condizione:
rimase fiacca restò interdetta; rrumanìu sulu comu nnu cane alla catina rimase solo come
un cane legato alla catena; rrumanisti babbata rimanesti sbalordita * 3- Risultare,
sopravanzare: nd'à rrimastu quantu nnu quartu ne è rimasto circa un quarto di litro; te
maccarruni nd'ànu rrumasti puru pe stasira di maccheroni ne sono avanzati anche per
questa sera. [lat. remanere].

rumanìre te fessa intr. Rimanere interdetto e sconcertato; restare con le pive nel sacco.

rumanu1 agg. Romano, di Roma * alla rumana loc. avv. Secondo l'usanza tra amici, pagarsi
ognuno per sé la consumazione in un locale pubblico. [lat. romanus].

rumanu2 sm. Il peso della stadera. [arabo rummân].

222
R

rumanza sf. Romanza, composizione musicale-vocale, caratterizzata da una melodiosa


cantabilità. [fr. romance].

rumanzu sm. Romanzo. [fr. ant. romanz].

rumasùgghia sf. Rimasuglio, avanzo da buttare. [da rumas(t)u + suff. pegg. -ùgghia].

rumatieri sm. Raccoglitore di letame: a rrumatieri à' sci' spicciare! ti auguro che tu ti riduca
a raccogliere letame per le strade!.

rumatisçiare tr.; pres. rumatìsçiu, ecc.; impf. rumatisçiàa, ecc.; p. rem. rumatisçiài, ecc.; pp.
rumatisçiatu. Concimare con letame, spandere stallatico in un campo. [da rumatu + suff.
iter. -sçiare].

rumatizza sf. Campo concimato con frequente e abbondante letame, sicché ha avuto
migliorata la sua feracità * prov. Ntru lle rumatizze, marangiane e pipi e lattuche a ssazze
nei campi ben concimati con letame, melanzane e peperoni e lattughe a bisacce. [dal lat.
rumaticia].

rumatu sm. [pl. f. rumate). Letame, sterco, stallatico, immondizie; raccolto con cura (ed
anche commercializzato), veniva usato dai contadini come fertilizzante agrario: intra a
ogne uertu te casa nc'ete la fòggia te le rumate in ogni ortale di abitazione c'è la fossa del
letame e delle immondizie. [lat. rumatus incr. con it. grumato].
DE D. Alla matina fridda de sçennaru / ae de retu nnu striu tuttu strazzatu / e senza
scarpe, ca ntru lu panaru / ccògghie de terra càutu lu rumatu.

rumenare tr.; pres. rùmenu,… rumenamu, ecc.; p. rem. rumenài, ecc.; pp. rumenatu.
Ruminare nella mente, rimuginare. [dal lat. ruminare]. V. pure rreummare.
D’AM. A ncapu rumenàa miδδi pensieri / mo' parìa resulutu e mo' cunfusu / mo' cutulàa
la capu e lu cemieri.

Rumeu, Meùcciu, Meuzzu pers. Romeo.

rummu sm. Rhum, liquore forte.

223
R

rùmmula de scrasçia
rùmmula sf. Mora, il frutto del rovo: rùmmule te scrasçiale more di roveto; tene l'ecchi te
rùmmula ha gli occhi neri come una mora di rovo.

rumore sm. Rumore; scalpiccio; scricchiolio; strepito * prov. Nnu nuce ntra llu saccu nu
fface rumore una sola noce nel sacco non fa rumore. [lat. rumor -oris].

rùmpere, rumpìre tr.; pres. rumpu,… rumpimu, ecc.; p. rem. rumpìi,… rumpemmu, ecc.; pp.
ruttu * 1- Rompere, infrangere, spezzare: cu nna botta te ùetu àggiu rutta la lastra te la
porta con una gomitata ho rotto il vetro della porta * modi di dire: rùmpere l'oe ntra llu
panaru rompere le uova nel paniere, scombinare i programmi § rutta àsçia e sana egna
l'affare si è avviato male, speriamo che poi abbia un buon esito * 2- Danneggiare: rumpìu
la bricichetta e turnàu alla mpete danneggiò la bicicletta e tornò a piedi. [lat. rumpere].
V. pure scasciare.

rumpicapu (lett.) sm. Rompicapo. V. anche mangiamientu (te capu) .

rumpiiàcciu (lett.) sm. Rompighiaccio.

rumpimientu sm. 1- Rompimento, rottura di scatole; seccatura: ste quèstule suntu nnu veru
rumpimientu queste continue richieste di offerte sono un vero rompimento… * 2-
Preoccupazione, grattacapo, rompicapo.

rumpiscàtule sm. e f. Rompiscàtole, persona petulante e insistente nelle richieste.

runceδδa

224
R

runceδδa sf. Roncola, attrezzo dei potatori. [lat. runcina, lat. volg. dim. *runcilla, ll>δδ]. V.
anche ronca, ròncula.

runceδδare, rrunceδδare intr.; pres. runceδδu, runcieδδi, runceδδa, runceδδamu, ecc.; p.


rem. runceδδài, ecc.; pp. runceδδatu. Rattrappirsi, contrarsi con tutta la persona o con una
parte, raggomitolarsi: le manu runceδδàanu pe llu sçelu le mani si rattrappivano per il
gelo. [dal lat. runcinare, attraverso il lat. volg. *runcillare].

runceδδatu agg. Rattrappito; contratto e irrigidito; anchilosato.

runcigghiare tr.; pres. runcìgghiu, ecc.; impf. runcigghiàa, ecc.; p. rem. runcigghiài, ecc.;
pp. runcigghiatu. Arroncigliare, avvolgere torcendo ripetutamente. [da un comp. tra lat.
runcilium e runcinare].

runcigghiatu agg. Inchinato verso terra; piegato in due su se stesso: stìa runcigghiata e se
tenìa la entre stava piegata su se stessa e si comprimeva il ventre; tanti ellani a
becchiezza ddèntanu runcigghiati tanti contadini verso la vecchiaia si riducono col corpo
piegato in due.

rundeδδa sf. Rondella. [fr. rondelle].

rundinella sf. Una specie di chelidonia, un'erba ruderale perenne, con fusto ramificato che
contiene un latice giallo-aranciato ad azione càustica (veniva usato per bruciare verruche
e porri, calli e duroni); ha foglie di colore verde cinereo, fiori riuniti in piccole ombrelle,
frutti a siliqua contenente semi neri screziati di bianco.

rungulare intr.; pres. rùngulu,. rungulamu, ecc.; p. rem. rungulài, ecc.; pp. rungulatu.
Piagnucolare, piangere sommessamente a lungo, spesso per capriccio. [da rùngulu]. V.
pure rugnulare.

rùngulu sm. 1- Piagnisteo, pianto infantile insistente e noioso * 2- Miagolio dei gatti in
calore, mugolio del cane. [dal lat. rhoncus, dim. rhonculus].

runżinu (lett.) sm. Ronzino, cavallo allampanato. [fr. roncin].

Runzinu, Ronzu, Ronziceδδu, Peu, Pei pers. Oronzo.

ruoncu sm. Grongo, pesce marino che raggiunge generalmente la lunghezza di due metri e il
peso di tre chilogrammi e mezzo; non è raro nel golfo di Taranto ed è ricercato per le
ottime carni. [lat. congrus, it. (g)rongo].

ruppinara sf. 1- Lupinella, pianta foraggiera e da sovescio * 2- Pianta secca di lupino. [da
ruppinu + suff. funz. -ara].

225
R

ruppinazzu sm. Lupinaccio, detto pure sulla, pianta spontanea di lupino selvatico, con foglie
composite e fiori violacei o bianchi in racemi pelosi, molto scabri. [pegg. di ruppinu].

ruppinu sm. Lupino, erba da sovescio e importante erba foraggiera, che si dà fresca agli
animali da stalla; essa produce frutti a legume, i cui semi, amarissimi, vengono resi dolci
e, quindi, eduli, tenendoli lungamente immersi in acqua salata. [lat. lupinus]. V. pure il
lecc. piò-piò.

ruppune sm. Groppone, dorso tarchiato.

Rusària, Rusarina, Rusalina, Sara, Sasa pers. Rosaria.

Rusarba pers. Rosalba.

Rusariu pers. Rosario.

rusàriu sm. 1- La preghiera cattolica in onore di Maria, Madonna del Rosario * 2- La


coroncina di grani, che si fanno scorrere tra le dita recitando il rosario: rusàriu te curaδδi,
te nùzzuli coroncina di coralli, di nòccioli. [lat. rosarius].

Rusçe geogr. Rudie, antica città sita nei pressi di Lecce; restano dei miseri ruderi sparsi. Una
delle porte dell'attuale Lecce è detta 'Porta Rusçe', Porta Rudie.

rùsçere, rusçìre intr.; pres. rùsçiu,… rusçimu, ecc.; impf. rusçìa, ecc.; p. rem. rusçìi,…
rusçemmu, ecc.; pp. rusçiutu * 1- Borbottare tra i denti, mormorare brontolando,
bofonchiare * 2- Soffiare intenso del vento * 3- Cigolare stiracchiato; mugghiare di un
liquido prima di entrare in ebollizione; fischiare delle orecchie; brontolare degli intestini:
me sta’ ssentu rùsçere le rìcchie mi sento fischiare le orecchie; me sta’ rrùsçenu le
ntrame le mie viscere brontolano. [dal lat. rugire, g>sç].
LEONE Rusçe lu ientu. Ntrammienzu le nule / de quarche stiδδa trèmula la luce…

rùsçetu sm. Mormorio, gorgoglio, cigolio prulungato, fruscio intenso, soffio continuato del
vento.

rusçiana agg. f. riferito solo a pioggia. Piovana; scrosciante, che gorgoglia scendendo dalle
grondaie * sf. Acqua piovana raccolta in capaci recipienti e via via consumata o per
cuocervi i legumi o per lavarvi i panni infittiti: la rusçiana nde scòzzula la lurdarìa te le
rrobbe l'acqua piovana stacca lo sporco dei panni. [dall'incr. tra lecc. rùsçiu e it. piovana].
V. pure fuggiana.

Rusçianu geogr. Ruggiano.

rusçiaru agg. Di Rudie * sm. Abitante del rione Rudie in Lecce. [da Rusçe].

226
R

rusçi rusçi sm. e f. 1- Brontolone: sempre nna rusçi rusçi l'àggiu saputa l'ho considerata
sempre una brontolona sobillatrice * 2- Brontolio: cu stu rusçi rusçi tou me nde sta’
ppuerti la capu con questo tuo brontolio mi fai intontire.

rùsçiu sm. 1- Sussurro; rumore frusciante; mugghio; mormorio d'aria tra gli interstizi;
sciacquio dei flutti: lu rùsçiu te lu ientu il sussurro del vento; te lu fumaru enìa nnu rùsçiu
comu te lamientu dalla cappa del camino veniva un sìbilo simile ad una voce lamentevole
* 2- Ronzio: se sente lu rùsçiu te apiceδδa ccappata alla ratatila si ode un ronzio di
vespa impigliata nella ragnatela; sta’ ttegnu nnu rùsçiu alla rìcchia avverto un ronzio
all'orecchio. [lat. rugi(t)us].
DE D. e llu mare lu rùsçiu cunfundìa / cu lla ndore de fiuri barzamati.

rùsciulu
rùsciulu sm. Corbezzolo, sia l'alberello che il frutto a drupa rossa, verrucosa, edule: "Rùsciuli
russi! ci ole rùsciuli?" "Corbezzoli rossi! chi desidera corbezzoli?" gridava il macchiaiolo
per le vie della città; "Ci ole rùsciuli? Carusi, chiangiti, ca quisti suntu li lurtima rùsciuli
te l'annata" "Chi compra corbezzoli? Giovani, piangete, perché questi sono gli ultimi
corbezzoli dell'anno", e difatti i corbezzoli maturano nel mese di novembre con l'estate di
San Martino * fig. Quattrini, danari: a rrùsciuli osçe stau buenu a quattrini oggi sto a
posto. [dal lat. rubeus incr. con rugius e con (corn)eolus].

rusçiune sm. Brontolone: e nnu mme fare lu rusçiune! e non mi fare il brontolone!.

rusecamientu sm. Rodimento.

rùseca puerri sm. Locustone brizzolato, dannoso a molte specie di piante e in particolar
modo ai porri.

rusecare tr.; pres. rùsecu, rùsechi, rùseca, rusecamu, ecc.; p. rem. rusecài, ecc.; pp. rusecatu
* 1- Rosicare, rosicchiare, rodere: pe llu nervosu se rusecàa le ugne per il nervosismo si
rosicchiava le unghie; me sentu rusecare lu cervieδδu sento rosicarmi il cervello * 2- fig.

227
R

Sottrarre e racimolare di qua e di là: nnu picca rùsecanu a ddu la mamma e nnu picca a
ddu le zei loru un po' rosìcchiano in casa della madre e un po' in casa delle zie * rifl.
Rodersi: se rusecàanu l'ànima pe lla sçelusìa si rodevano l'anima per la gelosia. [lat.
rodere, lat. volg. * rosicare].
DE D. me sentu te lu friddu rrusecare; / su' tutta quanta nu friddu de morte!

rusecature sf. pl. I resti del pasto degli animali.

rusecaturu sm. Grisatoio, arnese di ferro usato per rodere i margini di un vetro, già rigato
con il diamante. [dal lecc. rusecatu + suff. funz. -uru].

rusetta sf. Nodo a occhielli, fiocchetto. [dim. di rosa].

rusieδδu sm. Bocciolo di rosa: nna rosa e nnu rusieδδu pe ndurare una rosa e un bocciolo da
odorare; tene la ucca nforma te rusieδδu carmusinu ha una bocca come un bocciolo
chermisino di rosa * prov. Puru li rusieδδi tènenu le spine persino i boccioli hanno le
spine. [dim. di rosa].

Rusina, Sina, Rusinella, Nella pers. Rosa.

rusòliu sm. Rosolio, liquore generalmente preparato in casa, di colore giallo e di sapore
aromatizzato dolciastro. [dal lat. ros solis, rugiada di sole].

russa sf. 1- Scarlattina, morbillo, l'una e l'altro malattie infettive che nei bambini si
manifestano con eruzione di macchioline rosse * 2- Vampata al volto provocata da
ansietà preoccupata.

russastru agg. Rossastro.

russettu sm. Rossetto, cosmetico per tingere le labbra, usato dalle donne di elevato ceto
sociale. V. pure cinabbru.

russiceδδa sf. Rosolia, malattia contagiosa dei bambini, più benigna della 'russa'.

russiceδδu agg. Rossellino, non proprio rosso. [dim. di russu].

russìcciu agg. Rossiccio, di colore rosso sgradevole.

russignu agg. Rossigno, rossiccio tendente sgradevolmente al rosso.

russisçiare intr.; pres. russìsçiu, ecc.; impf. russisçiàa, ecc.; p; rem. russisçiài, ecc.; pp.
russisçiatu. Rosseggiare, fiammeggiare di rosso vivo: li tàmari te lu largu russìsçianu le
viti canadesi rosseggiano da lontano. [dal lecc. russu + suff. intens.-durat. -sçiare].
DE D. …ccògghenu le caruse l'ua. De canti / se inche l'aria ca a bèspera russìsçia.

228
R

russisçiatu agg. Divenuto rosso.

russore (lett.) sm. Rossore diffuso sul viso. V. anche ampa.

russu agg. e sm. Colore rosso, carminio: esta russa sçattusa veste rossa vivace; lu russu te
stae buenu il rosso ti si addice. [lat. russus].

rùstecu (lett.) agg. Rustico e grezzo; rozzo; ruvido alla vista; scontroso, rude. [lat. rusticus].
V. ppòppetu, żallu.

rusticanu agg. Rusticano, relativo al carattere campagnolo. [lat. rusticanus].

rustichezza sf. Rusticità; rudezza.

rusulare, rrusulare tr.; pres. ròsulu, ruèsuli, ròsula, rusulamu, ecc.; p. rem. rusulài, ecc.; pp.
rusulatu. Rosolare cuocendo a fuoco lento fino ad ottenere sui cibi una patina più o meno
rosata.

rusulatu agg. Rosolato, che presenta un colore ambrato.

Rusulìa, Rusulina, Lina pers. Rosalia.

ruta sf. Ruta graveolens, pianta perenne medicinale, molto diffusa nei luoghi piuttosto aridi e
sassosi; ha fusto quasi legnoso e molto ramificato, foglie glauche e fiori gialli in corimbi;
ha odore sgradevole ma, fiorita, è assai bella alla vista. Era usata in decotti e in infusi per
le sue proprietà digestive, sedative, protettrici vasali e per l'efficacia di espellere i vermi
intestinali dei bambini; i suoi ramoscelli venivano impiegati nei magazzini e nelle rimesse
per tenere lontani i topi, che non ne sopportano l'odore * prov. La ruta gne mmale te stuta
la ruta spegne e guarisce ogni male. [lat. ruta]. Stornello: Fiuru te ruta, / ci ete nervosu e
ccarmu ole cu stèsçia, / besogna cu sse ttroa mugghiere mmuta.

ruta canina sf. Scrofularia canina, pianta erbacea medicinale, che ama i luoghi aridi e
sassosi; ha foglie opposte e dentate, fiori bruno-rossastri o bruno-violacei in cime
terminali, frutti a capsula.

ruta tesçetale sf. Verbasco, pianta scrofularia con foglie rugose a rosetta e fiori a grappolo,
che hanno la forma di un ditale e un colore violaceo macchiettato di bianco internamente;
i frutti sono a capsula divisa in due sezioni contenenti numerosi semini; cresce ai bordi
delle vie campestri e veniva usata in tisane pettoprali ed emollienti.

ruteδδa sf. Rotellina; rotula del ginocchio. [dim. di rota].

rutella sf. 1- Rotella - 2- Rotula, l'osso mobile del ginocchio * 3- fig. Un pezzo essenziale del
cervello: filu una, ma doi rutelle te màncanu a ncapu non una, ma due rotelle ti mancano
nella testa. [dim. di rota].

229
R

Rutorfu, Foffu, Fofò pers. Rodolfo.

rutta sf. Grotta, caverna, spelonca: intra alla rutta nc'era nn'ària iazzata nella grotta c'era
un'arietta gelida. [dal lat. crypta > *crupta incr. con it. (g)rotta].

ruttu agg. Rotto, infranto, spezzato, fratturatu. [lat. ruptus].

ruttura sf. Rottura, spaccatura * fig. Seccatura, disturbo irritante: stu patrunu miu ete nna
ruttura te pampasçiuli questo mio padrone è una rottura di scatole. [dal lat. ruptura].

rutulare intr.; pres. ròtulu, ruètuli, ròtula, rutulamu, ecc.; p. rem. rutulài, ecc.; pp. rutulatu.
Rotolare, precipitare girando più volte su se stesso: la capu zumpata sçìa rutulandu a
nterra la testa staccata rotolava per terra. [da ròtulu]. V. pure utulare.

rutulisçiare tr.; pres. rutulìsçiu, ecc.; impf. rutulisçiàa, ecc.; p. rem. rurulisçiài, ecc.; pp.
rutulisçiatu. Rotare, fare ruzzolare; rivoltolare. [da rutulare + suff. iter. -sçiare]. V. pure
utulisçiare.

rùvitu (lett.) agg. Ruvido, scabro al tatto. [lat. ruvidus]. V. raspusu.

ruzzulare v. rozzulare.

rżecuďna, rżecuvina, rżeguvina sf. Erzegòvina, una qualità di tabacco introdotta


dall'omonima regione balcanica, e sperimentata in provincia di Lecce: quannu lassu la
perustizza e chiantu la rżecuìna questa annata lascio la coltivazione della 'perustizza' e
coltivo 'tabacco tipo erzegòvina'.

230
S

Ss
sa agg. possessivo indecl., usato sempre in pos. encl. Suo, sua: sirsa e màmmasa, sècrusa e
sòcrasa se ntrumìsera suo padre e sua madre, suo suocero e sua suocera si misero in
mezzo.

sabbatisçiare tr.; pres. sabbatìsçiu, ecc.; impf. sabbatisçiàa, ecc.; p. rem. sabbatisçiài, ecc.;
pp. sabbatisçiatu. Rimandare al sabato; ripromettersi di compiere un qualcosa nel
prossimo futuro. [da sàbbatu].

sàbbatu sm. Sabato: lu sàbbatu ete lu giurnu cchiù' bbellu te la semana il sabato è il giorno
più bello della settimana * prov. Nu nc'ete sàbbatu senza sule, nu nc'ete donna senza
amore non c'è sabato senza sole, non c'è donna senza amore. [lat. sabbatum].

sabbiatura sf. Sabbiatura, arenazione, una volta praticata sugli arenili salentini, per lenire i
dolori reumatici e gli acciacchi senili.

sabbione sf. Rena grossolana usata per fare impasti di malta. [lat. sabulo -onis].

sacara sf. Grossa biscia. V. secara.

sacàstecu (pl. sacàstechi) agg. Sarcastico.

saccarizza sf. Arsura della gola; grande sete. [da incr. tra it. seccare e secchezza].

saccarutu, ssaccarutu agg. Assetato.

sacchetta sf. Carniere di tela, borsa da tenere a tracolla.

sacchettu sm. Sacchetto di tela fine.

saccòccia sf. Saccoccia, ampia tasca.

saccu sm. (pl. m. sacchi, pl. f. sàccure). Sacco di tela ruvida e grossolana: nnu saccu te
scafògghie un sacco di foglie di verdure; sàccure te uèrgiu, te ranu, te farina sacchi di
orzo, di grano, di farina; li sacchi mpuggiàtili δδai poggiate i sacchi lì * prov. Lu saccu
acante nu sse mantene tisu il sacco vuoto non si regge dritto * fig. 1- Quantità grande:
nnu saccu te uài un sacco di guai; te mmeretài nnu saccu te mazzate meriteresti un sacco
di botte * 2- Bigliettone da cento lire; successivamente, biglietto da mille lire: me custàu
la bellezza te sei sacchi unu subbra l'àutru mi costò la bellezza di sei bigliettoni pagati a
vista uno sull'altro. [lat. saccus].

saccu acante sm. e f. fig. Persona fatua e balorda.

222
S

saccufàe
saccufàe sm. 1- Beccafico, uccello goloso di fichi, di colore grigio-olivastro di sopra e
biancastro sotto * 2- Rigògolo, uccello di passo, con piumaggio giallastro, tranne ali e
coda che sono nere. [dal gr. sicòfagos].

saccunceδδu sm. Pagliericcio da sistemare per terra all'occorrenza. [dim. di saccune].

saccune sm. Saccone riempito di foglie di granoturco o di paglia, usato come giaciglio;
grande paglieccio. [accr. di saccu].
Da c. p. Lu saccune l'à' chinu te remigna, / lu capetale te fronde te canna.

saccuràfia sf. Lunga stecca di metallo, appuntita ad una estremità e forata nell'altra,
adoperata come ago per cucire spesse tele di sacco, materassi, imbottite, o per infilzare le
foglie di tabacco. [gr. saccoràfo].

saccutieδδu sm. Sacco di piccole dimensioni, sacchetto di tela.

sacramentu (pl. sacramienti) sm. 1- Sacramento, ciascuno dei sette segni della grazia divina
(più qualche altro a piacere!): lu sacramentu te lu battèsemu il sacramento del battesimo;
nu sse nganna lu sacramentu te lu cumparàsçiu non si tradisce il legame del comparatico;
a ttie, striu, te màncanu li sette sacramienti a te, ragazzo, mancano i sette sacramenti,
essendo un discolaccio insopportabile * 2- Ostia consacrata: gneffiata ci passi nnanti allu
Sacramentu, t’à ggenucchiare ogni qualvolta passi davanti al Sacramento, devi
genufletterti * 3- Oggetto imponente, che domina e dà nell'occhio. [dal lat. sacramentum].

sacrefìggiu, sacrifìciu sm. Sacrificio, grave perdita, privazione volontaria: pe lli fili loru le
mamme fàcenu tanti sacrefiggi per i propri figli le madri compiono tanti sacrifici; lu miu
à statu nnu sacrifìciu de tiempu e de turnisi la mia è stata una grave perdita di tempo e di
denari. [lat. sacrificium].

sacrestanu sm. Sagrestano * provv. A ddu nc'ete muti sacrestani la chèsia rrumane a llu
scuru se ci sono molti sagrestani, proprio allora la chiesa rimane al buio § Vvucati e
ssacrestani suntu li pèsçiu cristiani avvocati e sagrestani sono i peggiori cristiani. [lat.
med. sacristanus].

sacrestìa sf. Sagrestia.

223
S

sacrificare tr.; pres. sacrìficu, sacrìfichi, sacrìfica, sacrificamu, ecc.; p. rem. sacrificài, ecc.;
pp. sacrificatu. Sacrificare, offrire con abnegazione; soffrire volontariamente: ni
sacrificàu li mègghiu anni te gioentute gli sacrificò i migliori anni della giovinezza;
vordire ca pe sta fiata te sacrìfichi tie vuol dire che per questa volta ti sacrìfichi tu.

sacrìlecu agg. Sacrìlego, scellerato, empio * sm. Bestemmiatore incallito, che si inventa le
imprecazioni. [lat. sacrilegus].

sacrilèggiu sm. Sacrilegio, profanazione. [lat. sacrilegium].

sacru agg. Sacro. [lat. sacrum].

sacrusantu agg. Sacrosanto, intangibile, inviolabile; spettante di diritto: lu miu ete nnu iussu
sacrusantu il mio è un diritto intangibile; rrecòrdate ca sta’ ddicu la erdate sacrusanta
ricordati che dico la sacrosanta verità. [lat. sacrosanctus].

sàcuma (neol.) sf. Sagoma, figura schematica. [lat. sacoma].

saggerazione v. esaggerazione.

saggerdotu sm. Sacerdote. [dal lat. sacerdos -otis]. V. papa, prèite.

sàggiu (neol.) sm. Saggio, dimostrazione. V. il più comune proa.

sagna sf. Lasagna, sfoglia sottilissima di pasta di farina preparata in casa dalla massaia e
tagliata a fettuccine; ciascuna delle fettuccine di pasta: sta’ fface la sagna sta preparando
la sfoglia (v. pure làina); sagne ncannulate lasagne attorcigliate a riccioloni. [lat.
lasanum, lat. volg. lasania; la-, scambiata per articolo, si stacca: la sania; nia>gna].

sagna fridda sf. Lasagna raffreddata, svigorita, non appetitosa e non più saporita * fig.
Persona smidollata e melensa, individuo rammollito.

sagnare tr.; pres. sagnu,… sagnamu, ecc.; impf. sagnàa,… sagnaàmu, ecc.; p. rem. sagnài,
ecc.; pp. sagnatu. Salassare, cavare sangue da un malato a scopo terapeutico * fig.
Spillare, cavare moltro denaro. [dall'it. (dis)sanguare].

sagnatore sm. Salassatore, praticone che, dietro compenso anche in natura, eseguiva salassi
(generalmente era un barbiere).

sagnìa sf. Salasso, flebotomia frequentemente applicata per far diminuire la pressione
sanguigna o per fare uscire il sangue 'cattivo', causa di tanti malori. [da sagnare].
Da c. p. A mmie tantu giòa stu cunsìgliu / quantu giòa a nnu muertu la sagnìa!

saièmmara inter. di stizza, voce attenuata dell'imprecazione 'saietta!'. Acciderba,


accipicchia.

224
S

saietta sf. Saetta, fulmine: curre comu nna saietta corre come una saetta; Santu Subistianu
tenìa a mmanu tante saiette S. Sebastiano reggeva in mano tante saette * fig. Accidente,
colpo apoplettico; attacco di angina pectoris: a ttrentase' anni morse te saietta a trentasei
anni morì di ictus * 2- Improvviso comportamento cattivo; scatto brusco e irriguardoso;
ardire, impudenza: à buta la saietta cu mminte rrefuecu alla scola ha avuto tale
comportamento che ha messo subbuglio alla classe; cu lla ugghina ni fice passare le
saiette con lo scudiscio gli fece passare gli scatti insolenti. [lat. sa(g)itta, i>ie].
Da c. p. Minu saiette cu ngegni e ccu ll'arti / ci àutru amante ìsçiu alle toi porte.

saìme sf. Saime, grasso, lardo, strutto di maiale, sugna. [lat. sagina, lat. volg. sa(g)imen].

salacciune sm. Crescione, erba prataiola con fiori bianchi in racemi e foglie pennatosette di
sapore piccante, che si aggiungono all'insalata se sono tenere e immuni dalle larve di
dìstoma.

salamastru sm. Salmastro, umidità salina che fuoriesce dalla pietra calcarea 'leccese' di
origine marina, macchia i muri e ne stacca gli intonaci. [lat. salmacidus incr. con suff.
pegg. -astrum].

salame sf. Salame, carne di porco tritata salata e insaccata: la salame a stienti sàcciu comu
sape a stento so com'è di sapore il salame * fig. Persona alquanto tonta, goffa e
impacciata.

salamellicchi sm. Salamelecco, riverenza eccessivamente ossequiosa, quasi servile. [arabo


salam aleih, salute a te].

salaminu sm. 1- Salamino, insaccato di forma bislunga, adatto per spuntini * 2- Rotolo
bislungo di stoffa ripieno di crusca, sistamato alla base di una porta o di una finestra per
non far passare polvere o aria fredda.

salamone sm. Ombrina, pesce dalle carni eccellenti.

salamura sf. 1- Salamoia * 2- Salsedine. [lat. salamoria].

salanitu sm. Nitrato di potassio, sale che si forma sulle rocce silicee impregnate di umidità.
[lat. sal nitrum].

salare tr.; pres. salu,… salamu, ecc.; p. rem. salài, ecc.; pp. salatu. Salare.

salassu (neol.) sm. Salasso. V. sagnìa.

salata sf. Insalata, in altri tempi pietanza quasi giornaliera dei contadini, costituita, secondo
le stagioni, di erbette o di pomodori con fette di cipolla, spruzzata di origano e condita
con sale, olio e aceto (il pasto caldo era consumato la sera, al rientro dai campi).

225
S

salateδδa sf. Acetosa, erba delle poligonacee, perenne, con radice ingrossata da cui si
sviluppa un fusto semplice in cima al quale spuntano i fiori rossicci riuniti a pannocchia;
le foglie hanno proprietà diuretiche e antiinfiammatorie.

salatieδδu agg. Alquanto salato * sm. Lupino immerso nell'acqua salata per renderlo
commestibile. [dim. di salatu].

salatu agg. Amaro per troppo sale * prov. Ci cchiù' ssalatu màngia, cchiù' àcqua bie colui
che più salato mangia, più acqua beve.

sale sm. 1- Sale marino, monopolio dello Stato * provv. Mìntere nnu pìzzecu te sale su lla
cuta te l'aceδδu mettere un pizzico di sale sulla coda dell'uccello, compiere un'impresa
assai difficile § Cu ccanusci nn'omu, tocca ssapuri sale te sette munarchi per giungere a
conoscere un uomo, devi assaporare il sale di sette monarchi * 2- Fertilizzante in
generale: mina lu sale allu ranu spargi il fertilizzante nel campo del grano * 3- fig. Senno,
giudizio: nde porta sale ntru δδa gnigna, a? ne ha sale in quella 'zucca', non sei
d'accordo? [lat. sal salis].

salentinu agg. Salentino.

Salentu sm. Salento, penisola salentina.

salera sf. Saliera da tavola.

salessìa sf. Salicornia, pianta erbacea con fiorellini verdi in lunghe spighe cilindriche prive di
reste e con frutti ad acheni; comunissima sulla fascia costiera salentina, veniva usata in
decotti per le sue proprietà depurative e diuretiche: fiervi la salessìa, te bii l'àcqua menza
càuta e menza fridda e poi iti quantu piesci fai bollire la salicornia, ne bevi il decotto
tiepido e poi vedrai quanto orinerai.

sali sm. pl. Nome generico dato al 'sale inglese' o solfato di magnesio, purgante dal forte
sapore amaro, e da altri ancora adoperati in vari usi: ni misi li sali sutta le tarici e sse
ddescetàu le accostai i sali al naso e rinvenne.

Sàlice geogr. Salice Salentina.

salìre intr. e tr.; pres. sàgghiu, sali, sale, salimu, ecc.; impf. salìa, ecc.; p. rem. salìi,…
salemmu, ecc.; cong. pres. sàgghia, sàgghianu; pp. salutu * intr. Salire, montare sopra,
andare in alto: ui salestu subbra alla lòggia voi saliste sulla terrazza; la cumèta salìu
cchiùi te lu campanaru l'aquilone si sollevò più alto del campanile * fig. Aumentare di
livello; crescere di numero o di intensità: l'àcqua salìa e ttrasìa ntru lle putèi l'acqua
saliva di livello ed entrava nelle botteghe; li priezzi sta’ ssàlenu i prezzi aumentano * tr.
Sollevare, recare più in alto: salèra li piezzi a ncueδδu portarono su i conci a spalla;
sàlime lu martieδδu rècami su il martello. [lat. salire].

226
S

saliscindi sm. Saliscendi, sistema di chiusura delle porte, che viene azionato in su e in giù.
[comp. di sali(re) + scinde(re) ].

salone sm. Grande sala di un palazzo * fig. Bottega di barbiere, anche se sistemata in un
piccolo vano.

salottu sm. Sala elegante per i ricevimenti degli ospiti e relativi mobili di arredamento.

sàlsola, sàrsula sf. Centaurea diffusa, pianta erbacea comune nelle colture di grano; ha fusto
ramoso, foglie ovate, fiori piccoli porporini in infiorescenze. La pianta veniva usata in
infusi per le proprietà toniche e corroboranti per lo stomaco. V. pure il più comune
cacciafree.

saluta sf. Salita, percorso ascendente; ascesa, erta.

salutare tr.; pres. salutu,… salutamu, ecc.; p. rem. salutài, ecc.; pp. salutatu. Salutare,
riverire: salutàra la signura rivolsero un saluto alla nobildonna; salutàanu cu lla uce e cu
lli segni salutavano con la voce e con i gesti * detto: salutare e' ccurtesìa, respùndere e'
dduère salutare è un atto di cortesia, rispondere al saluto è un dovere.

salute sf. Salute, condizione fisica: comu stati a ssalute? come state in salute?; la salute ete
bona, fiacca, cussì e ccussì, nu nc'e' mmale le condizioni di salute sono buone, cattive,
così e così, non possiamo lamentarci; penza alla salute e nnu tte cusçetare pensa alla
salute e non ti preoccupare d'altro * inter. di saluto cortese. Salve! : Salute!, cumpare,
salute! salve, compare; salute a sta cumpagnìa! salute a questa comitiva! * "Salute!" - si
augurava doverosamente a colui che starnutiva. [lat. salus -utis].

salutu sm. Saluto, espressione e forma di cortesia: mandu nnu salutu alla mamma mia mando
un saluto a mia madre * modo di dire: lliare lu salutu troncare qualsiasi rapporto sociale.
Da c. p. Tutti sti mei saluti, amore mia, / a ttie ci tieni lu miu core mandu; / sai quante
bbonasere e bbonasorte / cchiù' cca a Nnàpuli nc'e' ppurtuni e pporte!

salzu sm. Eczema del cane e del gatto. [dal lat. salsus].

samboca sf. Bronzina, cuscinetto antifrizione della ruota. [dal lat. sambuca].

sambu! inter. Silenzio assoluto!; acqua in bocca!

sammarita sf. Piccolo pesce di scarso pregio. [gr. smarìda].

Sampascali sm. Manicomio: l'ànu chiusu a Sampascali l'hanno ricoverato in manicomio;


quiδδa ete gente te Sampascali quella è gente di manicomio. [da 'San Pasquale',
l'intitolazione dell'ospedale psichiatrico di Lecce].

227
S

sampetraru sm. Abitante del comune di San Pietro in Lama; ad essi veniva dato il
nomignolo di 'stompa-crita', pestatori e manipolatori di argilla.

Sampietru te la màcchia geogr. San Pietro Vernotico.

Sampietru te l'ìmbreci geogr. San Pietro in Lama, paesetto noto per la manifattura di oggetti
fittili.

sam pistone sm. Santo inesistente; epiteto che accompagna l'interiezione 'mannàggia'
(mannàggia sam pistone!) , usato dalle persone costumate al posto del nome del vero
Santo per schivare la bestemmia.

sampuertu sm. Ambiente rustico antistante o contiguo all'abitazione del contadino, dove
trovano riparo gli attrezzi da lavoro e il carro agricolo. [composto di sanu, sicuro, e
puertu, porto].

san troncamento di santu.

sanapu sm. Brassica nera, varietà di rapa commestibile, dalle foglie ruvide e dal sapore
alquanto amarognolo ma non sgradevole: sanapi ddelessati, friddi, cu llu limone
bràssiche lesse, fredde, condite con succo di limone * fig. Grattacapi che danno
preoccupazioni; ghiribizzi: osçe t'à' ddescetatu cu lli sanapi? oggi ti sei svegliato con i
nervi a fior di pelle? [lat. sinapis].

sanapuδδu sm. Senape selvatica, pianta erbacea annuale, con fusto peloso in basso,
ramificato liscio in alto; le foglie sono pennatosette e soffuse di peluria; i fiori, riuniti in
racemi, hanno corolla gialla e i frutti a siliqua scabra contengono dei semi rotondi; le
foglie venivano usate per impiastro.

sanare tr. e intr.; pres. sanu,… sanamu, ecc.; impf. sanàa,… sanaàmu, ecc.; p. rem. sanài,
ecc.; pp. sanatu * tr. Sanare, guarire un male o un guasto: lu miètecu sana li malati e llu
cunfessore sana le ànime il medico sana gli ammalati e il confessore guarisce le anime; lu
tiempu sanàu li tulori il tempo sanò i dispiceri; iti ci sani sta custione vedi di sanare
questa questione incresciosa * intr. Guarire, riprendere la buona salute: quandu sanati,
turnati alla scola quando sarete guariti, tornerete a scuola. [lat. sanare].

Sanàreca geogr. Sanarica.

sanatòriu sm. Ospedale specializzato per la cura delle forme tubercolari un tempo assai
diffuse. [lat. sanatorius].

San Catàutu geogr. San Cataldo, la spiaggia dei Leccesi: te Lecce a San Catàutu se ae cu llu
tramma da Lecce a S. Cataldo si va con il tram.

Sancazzianu geogr. San Cassiano.

228
S

sancesarese agg. Di S. Cesario * sm. e f. Abitante di S. Cesario di Lecce; essi venìvano


indicati con il nomignolo di 'màngia-pasuli', gran mangiatori di fagioli.

San Cisàriu, Sancisàriu geogr. S. Cesario di Lecce.

sandalìcchiu sm. Sandaletto per bambino. [dim. di sàndalu].

sàndalu, sàndaru sm. Sandalo con piantare di legno. [dal gr. sàndalon].

sanese agg. Di Arnesano * sm. e f. Abitante di Arnesano; gli abitanti di questo paesetto
venivano soprannominati 'mòzzeca-santi', che sfruttano i santi biascicando finte
preghiere.

sanetate sf. Salute: sanetate e figghi màsculi salute e figli maschi; ssàggiali e ccu tte sìanu
sanetate assàggiali e che ti siano di salute * prov. Ci tene sanetate ete riccu e nnu lla sape
chi ha la salute, è ricco e non se ne rende conto * Colui che fa il nome del defunto, dice:
"Paraìsu a iδδu e sanetate a nnui" (Signore, concedi) "il paradiso a lui e la salute a noi".
[lat. sanitas -atis].

San Foca, Sanfoca geogr. San Foca, una volta grazioso villaggio di pescatori, nel territorio di
Melendugno.

sanfuchese agg. Originario di S. Foca: li iatecari sanfuchesi i vetturali-pescivendoli di S.


Foca.

sangassuca sf. Sanguisuca * sm. e f. fig. Scroccone, sfruttatore. V. pure sanguetta.

sangìa (pl. sangèi) sf. Gengiva. [incrocio tra lat. sanguen e it. gingiva]. V. pure il meno usato
sçiangìa.

San Giuanne, Sangiuanne sm. San Giovanni Battista, eletto a patrono dei compari d'anello, i
quali saranno poi anche padrini nel battesimo del primo figlioccio.
Da c. p. Se mai San Giuanne nèsciu sçià' ffenditi, / nn'àutru giurnu lu nfiernu sçià' ttruati.

sangu sm. Sangue: nna còccia te sangu una stilla di sangue; me ntisi rresçelare lu sangu mi
sentii raggelare il sangue; nu mme faciti fare sangu àcetu non mi fate agitare; ni salìu lu
sangu a ncapu e sse ncazzàu gli salì il sangue alla testa e si infuriò * prov. Lu sangu nu
sse face mai àcqua il sangue non può diventare acqua e i parenti rimangono sempre
consanguinei * Il termine precede il nome proprio, oggetto di bestemmia: sangu te
Berzebbù! sangue di Belzebù; sangu te Giuta! sangue di Giuda Iscariota! [lat. sanguen].
Da c. p. Tantu me l'àggiu strìngere e basare / te lu labbruzzu sou sangu à bessìre.
DE D. Era la èspera tardu e ntru lu mare / lu sule malencònecu catìa/ e, canuscendu le
spenture mare,/ a culure te sangu se tengìa.

229
S

sangu de Cristu sm. Fumaria, erba annuale che predilige i luoghi coltivati ed anche i prati;
ha foglie assai frastagliate e cerose; i fiori terminali di colore rossiccio sono raccolti in
racemi; ha proprietà depurative e stimolanti.

sanguenante agg. Sanguinante; dolorante per ferita, tormentato da acuto dolore: a iδδa nu
nni nde preme nienti te lu core miu sanguenante a lei niente importa del mio cuore
sanguinante.

sanguetta sf. Sanguisuga, mignatta * fig. 1- Usuraio, sfruttatore; scroccone * 2- Persona


attaccaticcia e fastidiosa. [da sangu].

sanguiceδδu, sangunazzieδδu sm. Sangue di agnello sgozzato; cotto a fuoco lento,


raggrumato e spruzzato di pepe, costituiva un piatto serale saporito (è diverso dal
'sangunazzu').

sanguigna
sanguigna sf. Sanguinaria, pianta erbacea comune nei luoghi incolti e lungo le siepi, la quale
ha radi fusti pelosi; spezzandone uno fuoriesce un umore striato di rosso sangue; le foglie
sono palmatosette scabre e pelose; fiorisce dall'estate all'autunno ed è caratteristica per i
fiori piuttosto grandi di colore porporino venato di violetto.

sanguignu agg. 1- Sanguigno, abbondante di sangue; affetto di ipertensione arteriosa, con i


vasi capillari visibili sugli zicomi: ni gira la capu ca ete mutu sanguignu gli gira la testa
perché è iperteso * 2- Del colore del sangue. [lat. sanguineus].

sangulentu agg. Sanguinolento: carne sangulenta carne sanguinolenta. [dal lat.


sangu(ino)lentus].

sangunazzu sm. Sanguinaccio, insaccato di sangue e di midollo di maiale.

sanità sf. Buona salute * detto: trumbetta te culu, sanità te cuerpu trombetta di culo (è indice
di) buona salute fisica. [lat. sanitas]. V. pure sanetate.
Da c. p. La morte te lu purpu e' lla cepuδδa, / la sanità de l'omu e' lla uzzeδδa.

230
S

sanna sf. 1- Zanna di animale * 2- Ognuno dei due denti canini superiori dell'uomo, se è
troppo pronunziato ed anche un tantino sporgente. [long. zann].

sannà sm. Basamento sormontato da una croce, oppure nicchia con il dipinto della
crocifissione di Gesù Cristo, eretti alla periferia del paese in ricordo dell'ingresso del
Redentore in Gerusalemme.

sanni sm. pl. Segni sull'epidermite lasciati da un morso.

Sannicola geogr. San Nicola.

sannilengu (f. sannilonga) agg. Fornito di denti lunghi e un tantino prominenti.

sannu sm. Dente canino; dente lungo in genere. [long. zann].

sannutu agg. Fornito di denti lunghi e sporgenti.

Santa Cisària geogr. Santa Cesaria Terme.

santaiaca sf. Pianta annuale, varietà di tabacco di origine greca, coltivata nel Salento. [gr.
xanthyaka].

Santa Lucìa sf. Santa Lucia, invocata come protettrice della vista.
Da c. p. li culuri squagghiàu cu ll'àcqua santa, / l'uecchi te li dunàu Santa Lucìa.

Sant'Antoni de lu fuecu o de le fòcare o de lu puercu sm. Sant'Antonio abate.

Sant'Antoni de Pàtua sm. Sant'Antonio di Padova.

santa pacènzia sf. Rassegnazione: ete mègghiu tte la pigghi cu lla santa pacènzia è
preferibile prèndersela con rassegnazione.

santareδδa sf. Santolina, suffrutice folto di steli che terminano con una infiorescenza a
capolini gialli; le foglie carnosette hanno un forte odore non gradevole. Le infiorescenze
venivano poste nelle casse della biancheria e nei canterani per tenere lontane le tarme;
fiori e foglie erano usati anche in applicazioni antipruriginose.

santarieδδu sm. Santerello, santerellino, giovanetto tutto devoto. [dim. di santu].

Santi Mièteci sm. pl. Santi Cosma e Damiano, medici, invocati come guaritori di malattie e
protettori della buona salute; in pellegrinaggio li si andava a venerare nel santuario di
Oria.

Santìssemu, Santìssimu sm. Santissima Eucarestia.

231
S

santòcchia sf. con senso spregiativo. La chiesa dei bacchettoni; la comunità religiosa dei
bigotti.

santu agg. Santo, consacrato: santu Diu, Matonna santa, santu Aràsemu e santa Metirde
santo Dio, Madonna santa, sant'Erasmo e santa Matilde; li àngeli santi gli angeli santi; le
ànime sante te lu purgatòriu le anime benedette del purgatorio; làssame a ssanta pace!
lasciami in santa pace!; cu ffazza nna santa morte che faccia una morte santa; spettài tuttu
lu santu giurnu attesi tutto il santo giorno * sm. Santo, beato; protettore e benefattore dei
devoti: li santi te lu paraìsu i santi del paradiso; la Maria Mazzotta nu ll'ànu fatta ncora
santa Maria Mazzotta (di Lecce) non l'anno proclamata ancora santa; me chiamu Tore,
ma lu santu miu ete Santu Larienzu mi chiamo Salvatore, ma il mio santo protettore è S.
Lorenzo. [lat. sanctus].
Da c. p. O malateδδa … / quandu te ìsçiu te lu liettu ausata, / me scerru te li santi e pensu
a ttie.

Santu, Santinu, Santuzzu pers. Santo.

Santu Itu sm. San Vito, protettore dei fedeli contro i cani idrofobi * prov. Te Santu Itu ogne
ffica ole maritu verso la metà di giugno (I5 giugno, festa di S. Vito) ogni albero di fico
richiede il suo caprifico.

Santu Luca sm. San Luca evangelista, ritenuto un valentissimo pittore: ci te pengìu cussì
beδδa, Santu Luca? chi ti dipinse così bella, S. Luca?

santu nuδδu, santu nienti inter. vibrante di chi non intende bestemmiare sul serio:
mannàggia santu… nuδδu! mannaggia santo… nessuno.

Santu Pàulu te Galatina sm. San Paolo, protettore di Galatina, la intercessione del quale
viene invocata contro il pericolo dei ragni e delle serpi, ritenuti velenosi * modo di dire:
chiama Santu Pàulu prima bìsçia la secàra invoca S. Paolo prima ancora di scorgere la
vipera.
Da c. p. O Santu Pàulu miu te Galatina, / te priamu ca la ràzzia nni l'à' ffare!

Santu Roccu sm. S. Rocco, invocato nei casi disperati di grave morbo * Formula di
guaritore: Cu lle mànure mei a cquài te toccu / comu sia ci suntu te Santu Roccu.

Santu Ronzu sm. Santo Oronzo, protettore della città di Lecce e di tutto il Salento. Una
iscrizione nella basilica di Santa Croce in Lecce dice:
FOI SANTU RONZU CI NI LEBERAU
DE LU GRA' TERRAMOTU CI FACIU
A BINTI DE FEBBRARU: TREMULAU
LA CETATE NU PIEZZU E NU CADIU.
IDDU, IDDU DE CELU LA UARDAU
E NUDDU DE LA GENTE NDE PATIU.
E' RANDE SANTU! MA DE LI SANTUNI!
232
S

FACE RAZIE E MERACULI A MEGLIUNI.


DE D. ca Santu Ronzu cu nu Santu neu / su' rriati a cce ssi' tie e cce ssuntu ièu.

Santu Ronzu miu! inter. di invocazione, pronunziata dai Leccesi ogni qualvolta scoppia un
fulmine.

Santu Toma sm. San Tommaso, discepolo di Gesù * fig. Persona difficile a prestar fede alle
parole altrui: ièu suntu Santu Toma: ci nu ttoccu nu ccrìsçiu io sono come S. Tommaso:
se non tocco con mano, non ci credo.

Santu Tunatu geogr. San Donato di Lecce.

Santu Tunatu (male de - -) sm. Epilessia; attacco epilettico: te egna lu male te Santu Tunatu!
che ti colga un attacco epilettico!

sanu agg. 1- Sano, vegeto, di buona salute, di sana costituzione: ete nna stria sana è una
ragazza in buona salute * prov. Cinca ole cu ccampa sanu, te le bonecristiane stèsçia
luntanu chi desidera vivere sano, stia lontano dalle donnacce * 2- Integro, intero: le ozze
rriàra sane le giare giunsero integre; sièntime sanu ascoltami in tutto. [lat. sanus].

sanumetoccu inter. Salmisìa, resti sana la parte del corpo che ora mi palpo; mi tocco (i
testicoli) e mi trovo intero, sano e vegeto!: màngiu fungi e sanumetoccu! mangio funghi e
mi àuguro di star bene in salute! (ma nel frattempo faccio gli scongiuri di rito!).

sanu sanu agg. Oltremodo buono, ingenuo, bonaccione.

sanza sf. Sansa, residuo della spremitura delle olive. [lat. sampsa].

sanzaru sm. Ambiente-deposito della sansa. [da sanza + suff. funz. -aru].

saòia, Savòia agg. e s. indecl. Savoia: li rrièi saòia i re savoia; la casa saòia la Casa Savoia;
li surdati retàanu "Savòia!" e scìanu cu mmòrenu i soldati gridavano "Savoia!" e
andavano a morire.

saoiarda, savuiarda sf. Savoiardo, biscotto di consistenza lieve e friabile.

sapale sm. Siepe, ciglione di strada. V. anche sepale.

sàpetu agg. Sàpido, di sapore piuttosto forte. [lat. sapidus].

sapiente agg. e sm. e f. Sapiente. [lat. sapiens -entis].

sapiènzia sf. Sapienza. [lat. sapientia].


DE D. Ohimmè, cummare mia, ca quiδδu Diu / tanta sapiènzia addu ni l'ha sçaffata?!

233
S

sapìre1 tr.; pres. sàcciu, sai, sape, sapimu, sapiti, sàpenu; impf. sapìa, ecc.; p. rem. sapìi
(sippi), sapisti, sapìu (sippe), sapemmu (sìppemu), sapestu, sapèra (sìppera) ; cong. pres.
sàccia, sàccianu; cong. impf. sapissi, sapissi, sapisse, sapìssemu, sapìssiu, sapìssera;
imper. sacci, sapiti; pp. saputu. Sapere, avere conoscenza: ui nu ssapìu cce ssapìamu nui
e nnu ssapestu mancu ccenca aìu ssapìre voi non sapevate che cosa noi sapevamo e non
veniste a conoscenza nemmeno di ciò che avreste dovuto sapere; cu ssàccia ca ni ògghiu
mutu bene che sappia che le voglio molto bene * prov. Ci se sapìsse lu nantienìre, cieδδi
murìa te fame se si sapesse il futuro, nessuno morirebbe di fame. [lat. sapere].
Da c. p. e cci sapissi lu friddu ci face, / decìi:-Poru amante, comu duri?

sapire2 intr.; Avere sapore: me sape te pisce sa di pesce * modo di dire: nu ssapìre né de mie
né de tie essere insipido, essere illogico e sconclusionato; essere né carne né pesce *
prov. Le fae sàpenu brae, ma mìntinci uègghiu ca sàpenu mègghiu le fave cotte hanno un
buon sapore, ma versaci olio abbondante e saranno più buone al palato.
Da c. p. Quantu e' bbeδδu lu fiuru te lu linu, / quiδδu te lu tabbaccu sape maru;

sàpiu agg. Savio, saggio: nu ssàcciu ci ièu suntu lu cchiù' ssàpiu o lu cchiù' ppàcciu non so
se sono il più savio o il più pazzo * prov. Ci unu nun ete sàpiu e forte, cu sse llamenta te
la soa sorte chi non è saggio e forte, che si lamenti della sua sorte.

sapore sf. Sapore: la sapore te la salame ete bona il sapore del salame è buono; sta sapore a
mmie nu mme sta’ ppiace questo sapore non mi piace. [lat. sapor -oris].

sapori sf. pl. Spezie, erbette aromatiche: suntu le sapori ca fàcenu sapuritu lu stufatu sono le
erbette aromatiche che insaporano lo stufato.

sapunace agg. 1- Saponaceo, di consistenza viscida * 2- Di frutto la cui buccia, se


stripicciata, perde la pellicola: nna percoca sapunace una pesca che si spella; cachi
sapunaci cachi che si spellano.

sapunaru agg. Saponaceo, scivoloso, viscido * sm. Venditore ambulante di sapone molle e
sciolto. [da sapune + suff. -aru].

sapunata sf. Acqua schiumosa, preparata per lavarvi i panni.

sapune sm. Sapone molle o duro confezionato in grosse forme.

sapune russu sm. Sapone molle da bucato, di colore bruno lucido, preparato artigianalmente
e venduto a peso; l'odore di questo tipo di sapone era piuttosto sgradevole.

sapunettu sm. Saponetta per toeletta, venduta a pezzo confezionato, di odore profumato e
gradevole.

sapunisçiare tr.; pres. sapunìsçiu, ecc.; impf. sapunisçiàa, ecc.; p. rem. sapunisçiài, ecc.; pp.
sapunisçiatu. Lavare strofinando a lungo con il sapone: sapunìsçiani la facce e lle rìcchie

234
S

lavagli con il sapone la faccia e le orecchie. [dal lecc. sapune + suff. iter.-durat. -sçiare].
V. anche nsapunare.

sapuritu agg. Saporito.

sapurusu agg. Appetitoso.

saputieδδu agg. Saputello. [dim. del lecc. saputu].

saputu agg. 1- Saggio, pieno di esperienza * prov. A ffiate puru a lli saputi ni càtenu li càusi
alla chiazza a volte persino ai saggi cadono le brache in pubblico * 2- Conosciuto, noto:
ete saputa a ttuttu Lecce è nota a tutta Lecce * 3- Saccente * detto: lu Signore cu nni
scampa te nna fìmmena saputa che il Signore ci liberi da una donna saccente.

Sara pers. Sara.

saràca sf. Salacca, specie di sardina o di aringa bianca oppure di altro pesce di scarso pregio,
che viene posto in vendita in salamoia a secco.

saraceδδa sf. , fig. Donna assai magra.

saracheδδi o sarachielli
saracheδδu, sarachiellu sm. Salacchino, altra specie di salacca, pesciolino salato o
affumicato, che una volta veniva mangiato come companatico dai poveri * fig. Ragazzino
smilzo e deperito.

saracoδδa sf. Una specie di grano di qualità scadente; semolata di grano non ben riuscita. [da
un comp. tra sarac(in)u e coδδa].

sàracu
sàracu sm. Sàrago o sargo, pesce molto apprezzato per le carni ed è comune presso le coste
salentine. [lat. sargus].

235
S

saracune sm. fig. Tirchione, avaraccio che si priva del necessario pur di risparmiare. [accr. di
saràca].

sarasçeδδa
sarasçeδδa sf. Selvastrella, pianta erbacea prataiola, con foglie ovali seghettate,
delicatamente aromatiche.

sàrcena sf. 1- Fascina di rami potati o di fusti divelti: sàrcena ttaccata fascina stretta e
legata; sàrcena stota fascina slegata e sciolta * 2- fig. Un mùcchio di…: la tomòbbile
rrunzàu le pècure e nde fice nna sàrcena l'automobile investì le pecore e ne fece un
mucchio; tegnu te fare nna sàrcena te lezioni ho da svolgere un mucchio di compiti. [lat.
sarcina].

sarcenale sm. Architrave del tetto ad un solo spiovente * fig. Il capofamiglia, sostegno della
casa. [dal lat. sarcina].

sarcentale sm. Trave maestra del tetto a cannicci a due spioventi.

sarchiare tr.; pres. sàrchiu,… ecc.; impf. sarchiàa, ecc.; p. rem. sarchiài, ecc.; pp. sarchiatu.
Sarchiare il terreno in superficie o per rompere lo strato indurito o per sradicare le erbe
nocive. [lat. sarculare].

sarchiata sf. Sarchiatura, zappatura molto superficiale del terreno.

sarchiuδδa
sarchiuδδa sf. Zappetta per praticare la sarchiatura.

236
S

sarchiuδδeδδa sf. Sarchiello di piccole dimensioni, quasi un giocattolo. [dim. di sarchiuδδa].

sarcìnule sf. pl. Masserizie minute, oggetti accumulati alla rinfusa. [da sàrcena].

sarda sf. Sardina * prov. A cci fatìa nna sarda, a cci nu ffatìa nna sarda e menza a chi lavora
una sardina, a chi non lavora una sardina e mezza (sempre così è andata!). [lat. sarda,
della Sardegna].

sardagnolu agg. Sardo, della Sardegna * sm. Abitante dell'isola di Sardegna.

sardare tr.; pres. sardu,… sardamu, ecc.; p. rem. sardài, ecc.; pp. sardatu. Saldare con lo
stagno * rifl. Ricongiungersi: chianu chianu la còstula se sta’ ssarda lentamente la
costola si sta saldando.

sardatura sf. Saldatura di due pezzi rigidi fra loro.

sardaturu
sardaturu sm. Saldatore a martello, attrezzo dello stagnaio. [dal lecc. sardatu + suff. funz. -
uru].

sargeniscu sf. Anguria, melone d'acqua o cocomero, pianta erbacea con due o tre fusti
striscianti e foglie lobate; il frutto è un pepònide, globoso, a scorza dura, liscia, verde
uniforme o marmorizzata, e a polpa rossa con numerosi semi sparsi; dei frutti acquosi e
dissetanti si fa un gran consumo nei mesi estivi. "Sargenischi, sargenischi a pproa! Su'
rrussi comu l'ampa te lu fuecu e lli tagghiamu!" "Angurie, vendiamo angurie a prova!
Sono rossi di fiamma e li tagliamo per farveli osservare!". Venivano venduti sempre a
buon prezzo, e perciò l'ortolano gridava: "Cu nna lira mangiati, beiti e bu llaàti puru la
facce!" "con la modica spesa di una lira mangiate, bevete e vi lavate pure la faccia".
[dall'it. saracinesco, nel senso 'dalla buccia scura, mora', come la faccia di un saracino
africano].

237
S

sargeniscu
sargente sm. 1- Sergente, grado militare dell'arma di fanteria * fig. Persona severa,
intransigente * 2- Morsetto del falegname. [fr. sergent].

sarienu sm. Rugiada; nebiolina mattutina, foriera di bel tempo; infatti, dispersa la quale,
torna il sereno * detto: dopu lu sariènu ene lu celu serenu dopo la nebbiolina appare il
cielo sereno. [lat. serenus].

sarma sf. 1- Salma, misura di capacità equivalente a circa 180 litri: 1 sarma te uègghiu = 10
stare; 1 sarma te mieru = 15 menze (1 menza = 12 litri) * 2- Grossa soma, carico molto
pesante: sia ca puerti nna sarma a ncueδδu come se tu recassi una salma sulle spalle. [lat.
sauma].
Filastrocca: …e llu ciùcciu te lu Cremente / porta nna sarma e nnu lla sente;
DE D. e nnui intantu n'ha sciu' ccumandati / all'aratu, alla sarma, allu traìnu!

sarmenta sf., sarmientu sm. Sarmento, tralcio della vite * prov. Sarmenta curta endèmia
longa (da un) tralcio corto (si otterrà) una abbondante raccolta. [lat. sarmentum].
Filastrocca: E sta’ ppassa lu Frangiscu / cu nnu beδδu sargeniscu, / e sta’ ppassa lu
Cremente / carrecatu te sarmente…

sarmone sm. Salmone, venduto in scatola. [lat. salmo -onis].

sarmu sm. Salmo liturgico * prov. Tutti li sarmi spìccianu a ggròlia tutti i salmi finiscono in
gloria. [lat. psalmus].

sarmune sm. Sermone; discorso prolisso; ramanzina. [lat. sermo -onis].

saròtinu agg. 1- Serotino, serale * 2- Di frutto, tardivo, che matura a stagione piuttosto
inoltrata.

sarpa sf. Salpa o boga salpa, pesce marino di medie dimensioni, con corpo solcato da fasce
longitudinali dorate; è comune lungo le coste salentine ma non è molto ricercato a causa
del sapore delle sue carni, che hanno un lieve sentore di fenolo.

sarpente v. serpente.

238
S

sarsa sf. Salsa di pomodoro, conservata in bottiglie come provvista annuale da usare sui
maccheroni: li còmmuti pe lla sarsa i recipienti per la salsa. [lat. salsa, l>r].

sarsamentarìa sf. Salsamenteria.

sarsamentaru sm. Gestore di salsamenteria, pizzicagnolo.

sarsaparìgghia (neol.),

sarsapaisana (neol.) sf. Salsapariglia o smìlace. V. anche mpicaòi.

sarsenale sm. 1- Chiave di volta, blocco di pietra che chiude la volta a crociera * 2-
Sostegno, puntello principale di una impalcatuta * 3- fig. Sostegno della famiglia. [dal lat.
sarcina]. V. pure i più comunemente usati sarcenale, sarcentale.

sarta sf. Donna artigiana che attende in proprio a lavori di taglio e di cucito per la confezione
di abiti esclusivamente femminili, cioè sarta; se ha apprendiste alle sue dipendenze, viene
chiamata 'mèscia' semplicemente. V. sartore.

sartamartinu sm. Il pezzo mobile del nottolino.

sartare (neol.) tr. e intr.; pres. sartu,… sartamu, ecc.; p. rem. sartài, ecc.; pp. sartatu * tr.
Saltare, superare con un balzo: sartàu lu paritieδδu comu nnu rùculu saltò il muretto
come una cavalletta * fig. Omettere, tralasciare: sartamu la marenda e scapulamu cchiù'
mprima tralasciamo lo spuntino a metà mattinata e smettiamo più presto * intr. Balzare,
saltellare; saltare giù: sartàa pe llu prièsçiu saltava per la gioia * fig. Passare da una cosa
a un'altra: tie sarti te nn'itèa all'àutra tu salti da un'idea all'altra. [lat. saltare]. V. anche
zumpare.

sartarieδδu sm. Pezzo mobile del congegno di chiusura a sbarra, il quale, piegato a uncino,
scattando va ad inserirsi in un anello di ferro fissato nel battente attiguo.

sartore sm. Sarto, artigiano che lavora in proprio tagliando e confezionando vestiti da uomo
* prov. Filu lengu, sartore pàcciu filo per ago spezzato lungo, sarto bizzarro. [lat. sartor -
oris].

sartu (neol.) sm. Salto, balzo. V. zumpu.

sarturìa sf. Sartoria, laboratorio artigianale del sarto.

sarvaggente sm. Salvagente, ciambella di salvataggio.

sarvàggiu, servàggiu agg. Selvaggio, di animali poco conosciuti che vivono nel folto della
macchia; feroce: li animali sarvaggi gli animali feroci; puercu sarvàggiu cinghiale * fig.

239
S

Ribelle, insofferente di ogni costrizione: Gesummarìa, cce uagnone servàggiu! Gesù e


Maria, che ragazzo ribelle! [provenz. salvatge].

sarvamientu sm. Salvamento; salvataggio.

sarvare tr.; pres. sarvu,… sarvamu, ecc.; p. rem. sarvài, ecc.; pp. sarvatu. Salvare: cinca
pote, sse sarva! si salvi chi può!; Santu Ronzu sarvàu Lecce te lu terramotu S. Oronzo
salvò Lecce dal terremoto.

sarvatàggiu sm. Salvataggio.

sarvàtecu, servàtecu (pl. sarvàtechi) agg. Selvatico. [lat. silvaticus].

Sarvatore, Tore, Toriceδδu, Totu, Totò, Totìcchiu pers. Salvatore.

sarvazione sf. Salvazione, salvezza dell'anima. [salvatio -onis].

Sarve geogr. Salve. Agli abitanti di questo paesetto veniva affibbiato il nomignolo di 'ientri
nchiati', cioè idropici.

sarveresçina, sarvereggina sf. Salveregina, la preghiera cattolica rivolta alla Vergine Maria:
tecimu nna sarveresçina alla Matonna te Pumpèi recitiamo una salveregina in onore della
Madonna di Pompei. [lat. salve regina].

sarvezza sf. Salvezza: signurìa si' statu la sarvezza nòscia tu sei stato la nostra salvezza. Alle
persone importanti, quando starnutivano, non si doveva dire "Salute!" , come ai comuni
mortali, ma "Sarvezza!"

sàrvia
sàrvia sf. Salvia, arbusto cespuglioso sempreverde con foglie lanceolate e opposte;
l'infiorescenza presenta numerosi verticilli con corolla tubolare violacea; foglie e fiori
hanno numerose proprietà medicinali: espettoranti, eupeptiche, antisettiche e
antiinfiammatorie; le foglie aromatiche trovano uso in varie pietanze. [lat. salvia].

240
S

sàrvia fracetana sf. Salvia sclarea, erba perenne con ampie foglie basali cuoriformi
oblunghe, assai rugose e pubescenti (che fanno pensare a grosse 'lucerte fracetane'); da
esse si ergono fusti pelosi, i quali terminano con fiori di colore rosa uniti in verticilli. Ha
notevoli proprietà antispasmodiche, balsamiche, digestive.

sarvietta sf. Salvietta, tovagliolo di tela. [dal fr. serviette].

sarviettieδδu sm. Tovagliolino. [dim. di sarviettu].

sarviettu sm. Tovagliolo.

sarvu agg. Salvo, incolume: ci face peccatu e poi se mmende, sarvu(s) ete chi commette
peccato e poi si emenda, è salvo; turnàra sane e sarve tornarono sane e salve, incolumi.
[lat. salvus].

sarvusìa inter. di scongiuro. Salmisìa, sia salvo! V. pure sanumetoccu.

Sasa, Sasìcchia, Sasuzza pers. Rosaria.

Satanassu sm. Satana, principe dei diavoli * prov. Ci time Satanassu nu sse face mai rassu
colui che ha paura di Satana non si farà mai grosso, non si arricchirà mai. [dal gr.
Satanas].

satispare tr.; pres. satispu,… satispamu, ecc.; p. rem. satispài, ecc.; pp. satispattu.
Soddisfare, appagare, fare contento. [dal lat. satisfa(ce)re].

satispattu agg. Soddisfatto, appagato e contento. [lat. satisfactus].

satispazione sf. Soddisfazione: àggiu dare satispazione alla gente? devo dare soddisfazione
alla gente?

satizza sf. Salsiccia: sei fungiùcculi te satizza sei rocchi di salsiccia. [da un incr. lat. tra
insicia e salsa].

satizze sf. pl. Vescicole sanguigne alle gambe, provocate da una esposizione troppo vicina e
prolungata di esse al calore del fuoco, specialmente quando erano in uso i bracieri per
riscaldamento domestico.

sattore sm. Esattore delle tasse. [lat. exactor -oris].

satturìa sf. Esattoria, l'ufficio della riscossione delle imposte e dei tributi, sede dell'esattore.
[dall'it. la esattoria: e- si stacca e si fonde con l'art. la: la (e)sattoria].

sàula sf. Grossa fune di canapa, canapo. [dall'it. sàgola].

241
S

saularu sm. Artigiano specializzato nella fabbricazione di canapi. [da sàula + suff. di mest. -
aru].

saùrra sf. Zavorra; quantità ormai obsoleta; cosa fuori moda. [lat. suburra].
Da c. p. mancu si' bona cu ffaci saùrra, / mancu tte inchi pe saccu te pàgghia.

saurra (alla -) loc. avv. Alla carlona, alla rinfusa; senza alcun ritegno.

saùrre (petre -) sf. pl. Ciotoli che servivano da riempimento nei muri a secco; brecciame da
riempimento in una intercapedine.

sàusu agg. Salso, di sapore amaro, però per salinità naturale: allu puzzu neu s'à ttruata àcqua
sàusa nel pozzo di recente scavato è stata rinvenuta acqua salsa. [lat. salsus, nota al>au].

sautìre tr.; pres. sautiscu,… sautimu, ecc.; p. rem. sautìi,… sautemmu, ecc.; pp. saututu.
Esaudire: lu Signore tte sautìsca che il Signore ti esaudisca. [lat. exaudire].

sautitu agg. Esaudito, accontentato in un desiderio.

Savèriu pers. Saverio.

savuiarda sf. Biscotto friabilissimo. V. anche saoiarda.

sazze sf. pl. Bisaccia di tela da portare a tracolla o da poggiare sul basto * prov. Quandu troa
lu ranu nu pporta le sazze, quandu porta le sazze nu ttroa ranu quando trova del grano
non ha la bisaccia, quando ha la bisaccia non trova grano. [fem. dal lat. (bi)saccium].

sażżiare (neol.) tr.; pres. sàżżiu, ecc.; impf. sażżiàa, ecc.; p. rem. sażżiài, ecc.; pp. sażżiatu.
Saziare * prov. Ale cchiùi ci te nnura cca cci te sàżżia vale più colui che ti onora di colui
che ti fa abbuffare. [lat. satiare]. V. il più comune binchiare.

sàżżiu agg. Sazio, satollo.

sażżìule agg. Sazievole, che sazia fino a provocare disgusto.

sbacchettatu agg. Senza un soldo in tasca, squattrinato.

sbafatòria (lett.) sf. Sbafata, mangiatorìa. V. anche nquazzata.

sbafu v. spafu.

sbandare intr.; pres. sbandu,… sbandamu, ecc.; p. rem. sbandài, ecc.; pp. sbandatu.
Sbandare; piegarsi da un lato; deviare.

sbandata sf. Brusco sbandamento.

242
S

sbandatu agg. Sbandato; disorientato; disperso.

sbandu sm. Sbandamento, dispersione; situazione confusa.

sbarbare (neol.) tr.; pres. sbarbu,… sbarbamu, ecc.; p. rem. sbarbài, ecc.; pp. sbarbatu.
Radere la barba, rasare.

sbarbatieδδu sm. Sbarbatello, imberbe; giovincello al primo pelo. [dim. del lecc. sbarbatu].

sbarbatu (neol.) agg. Sbarbato, con le guance ben rasate.

sbarcare (neol.) tr.; e intr.; pres. sbarcu, sbarchi, sbarca, sbarcamu, ecc.; impf. sbarcàa,
ecc.; p. rem. sbarcài, ecc.; pp. sbarcatu. Sbarcare, fare scendere o scendere dalla barca.

sbarcu sm. Sbarco.

sbarru1, sparru sm. Autopsìa; intervento chirurgico con taglio e apertura della pancia. [it. ant.
sbarro].

sbarru2 sm. Pesce sparo o sarago.

sberbòsetu sm. Sproposito, sbaglio grossolano.

sbillanciare tr.; pres. sbillànciu, ecc.; impf. sbillanciàa, ecc.; p. rem. sbillanciài, ecc.; pp.
sbillanciatu. Sbilanciare * rifl. Perdere l'equilibrio * fig. Lasciarsi andare a confidenze;
compromettersi rivelando ad altri un segreto.

sbillanciu sm. Sbilanciamento, perdita dell'equilibrio.

sbirriare tr.; pres. sbìrriu, ecc.; impf. sbirriàa, ecc.; p. rem. sbirriài, ecc.; pp. sbirriatu.
Frantumare in mille pezzettini; sbriciolare.

sbirru sm. Sbirro, poliziotto, questurino.

sbranare (lett.) tr.; pres. sbranu,… sbranamu, ecc.; p. rem. sbranài, ecc.; pp. sbranatu.
Sbranare, divorare in modo violento. V. anche il generico mangiare.

sbronza (lett.) sf. Sbornia, ubriacatura. V. i più comuni bellucca, scùfia.

sbronzu agg. Sbronzo, ubriaco. V. chiarenzatu, llecrettu, mbriacu.

sbruècculu sm. Piantastecchi, lesina speciale del calzolaio.

sbrugghiare v. sprugghiare.

243
S

sbrutulare tr.; pres. sbròtulu, sbruètuli, sbròtula, sbrutulamu, ecc.; p. rem. sbrutulài, ecc.;
pp. sbrutulatu. Sbrodolare, insudiciare di sughi. [da brotu].

sbuccateδδa, sbuccatella sf. Sponderuola, pialla alta e stretta. [da uccateδδa, piccola
apertura].

sbuccatu agg. Che usa un linguaggio indecente.

sburdacchiare v. spurdacchiare.

sburdellare rifl.; pres. me sburdellu, te sburdielli, se sburdella, ni sburdellamu, ecc.; p. rem.


me sburdellài, ecc.; pp. sburdellatu. Ridere a crepapelle.

sburrare intr.; pres. sburru,… sburramu, ecc.; p. rem. sburrài, ecc.; pp. sburratu. Eiaculare.
[da sburru].

sburru sm. Sperma eiaculato.

sbutare v. sputare2.

sbutellare (lett.) tr.; pres. sbutellu, sbutielli, sbutella, sbutellamu, ecc.; p. rem. sbutellài, ecc.;
pp. sbutellatu. Sbudellare. V. il più usato spentrare.

scàbbia (neol.) sf. Scabbia. [dal lat. scabies>scabia]. V. rugna.

scacare rifl.; pres. me scacu, te scachi, se scaca, ni scacamu, ecc.; p. rem. me scacài, ecc.;
pp. scacatu * 1- Liberarsi di una imbracatura; sciogliersi dai lacci: lu curru se scacàa ca
era troppu lìsciu la trottola si liberava dalla cordella perché era troppo levigata * 2- fig.
Lasciarsi andare; perdere la volontà di resistere: an fine se scacàra e sprubbecàra tuttu
infine si arresero e rivelarono ogni cosa. [da cacare].

scacatu agg. 1- Sciolto, disfatto: gnèmmaru scacatu gomitolo disfatto * 2- fig. Che non
resiste a conservare un segreto; propenso sempre a rivelare una confidenza: sinti nna
scacata e nnu tte tieni nnu cìceru a mmucca sei una ciarlona e non riesci a tenere un cece
in bocca.

sçaccare intr.; pres. sçaccu, sçacchi, sçacca, sçaccamu, ecc.; p. rem. sçaccài, ecc.; pp.
sçaccatu * 1- Del sole, sovrastare, battere dall'alto; avvampare, dardeggiare con i raggi
cocenti: moi sta’ sçacca, a! adesso il sole sta dardeggiando, eh! * 2- Dare un secco e
sonoro schiaffo che lascia il rossore: sçàccani, Nenzu Lorenzo, dagli un ceffone. [da
sçaccu].

scacciòffula sf. Carciofo, precisamente il capolino con le brattee carnose; la pianta, invece, è
detta 'cardu'. V. pure il più comunemente usato scarciòppula.

244
S

scaccu1 sm. Dardeggiamento, vampata di calore, calore solare: a scaccu te marìsçiu sotto il
sole dardeggiante del meriggio.

sçaccu2 (pl. sçacchi) sm. Scacco, ciascuno dei pezzi del gioco degli scacchi; ciascuno dei
quadretti della scacchiera * fig. Grave sconfitta, smacco: ulìa sse càccia alla Sisina e nd'à
butu nnu sçaccu voleva dichiarsi a Tommasina ed ha avuto uno smacco.

sçattu te carta sm. Un quarto di foglio.

scaδδare tr.; pres. scaδδu,… scaδδamu, ecc.; p. rem. scaδδài, ecc.; pp. scaδδatu. Svellere
sistematicamente i succhioni delle piante. V. caδδu3.

scafarèa sf. Cappellino eccentrico, sciupato, con le falde fosce e cascanti.

scafazza sf. Sterco molliccio di bestie vaccine. [lat. scapha incr. con lecc. cacazza].

sçaffa sf. Schiaffo: ni pengìu nna sçaffa a nfacce e nci lassàu le cìnque tìsçete gli dipinse uno
schiaffo in faccia e vi lasciò l'impronta delle cinque dita. [dal rumore onom. sç…ff].

sçaffare tr.; pres. sçaffu,… sçaffamu, ecc.; p. rem. sçaffài, ecc.; pp. sçaffatu. Immettere a viva
forza; ficcare in malo modo: pe picca nu mme sçaffasti lu tìsçetu ntra nn'ècchiu per poco
non mi ficcasti il dito in un occhio; e cci ni sçaffa la erdate intra a δδu còccalu? e chi gli
farà entrare la verità in quel testone?

scaffetta sf. Berretto di stoffa con il bordo arricciato e fornito di sottogola, usato dai bambini.

sçaffisçiare tr.; pres. sçaffìsçiu, ecc.; impf. sçaffisçiàa, ecc.; p. rem. sçaffisçiài, ecc.; pp.
sçaffisçiatu. Schiaffeggiare. [da sçaffa + suff. iter. -sçiare].

sçaffisçiata sf. Scarica di schiaffi.

sçaffune sm. Schiaffone, violento colpo dato con la palma della mano aperta. [accr. di
sçaffa].

sçaffunisçiare tr.; pres. sçaffunìsçiu, ecc.; impf. sçaffunisçiàa, ecc.; p. rem. sçaffunisçiài,
ecc.; pp. sçaffunisçiatu. Schiaffeggiare, prendere a schiaffoni. [da sçaffune + suff. iter. -
sçiare].

sçaffunisçiata sf. Scarica di schiaffoni.

scafògghia sf. Larga foglia di scarto della verdura: le scafògghie dalle alli cunigghi le foglie
(non da cucinare) dalle ai conigli. [da un incr. tra lat. eschara e lecc. scartu e fògghia].

scafuδδare rifl.; pres. me scafoδδu, te scafueδδi, se scafoδδa, ni scafuδδamu, ecc.; p. rem. me


scafuδδài, ecc.; pp. scafuδδatu. Mangiare ingordamente e abbondantemente: a doi se

245
S

scafuδδàra tantu nnu stanatu te petate allu furnu in due divorarono un tegame grosso così
di patate al forno.

scafuèzzulu sm. 1- Brandello, segmento * 2- Unghia staccata della fava * 3- Picciolo di fico,
però staccato dal frutto (il picciolo ancora attaccato è detto 'petecinu'). V. pure il più usato
scrafuèzzulu.

scàgghia sf. Scaglia; pula di cariosside. [gotico skalji].

scagghiola sf. 1- Pianta graminacea, la scagliola appunto, che da noi cresce spontanea e
produce spighe i cui semi sono ricercati dagli uccellini * 2- L'insieme dei semi della
scagliola, posto in commercio come becchime per gli uccelli in gabbia * 3- Scagliola,
cioè minutissime scagliette di gesso che, mescolate con colla speciale, formano un
impasto per svariati usi.

scagghione sm. Dente del giudizio, il residuo del 3° molare. [accr. di scàgghia].

scagnozzu sm. Traccagnotto, giovane basso e tarchiato, goffo e zotico.

scagnunare tr.; pres. scagnunu,… scagnunamu, ecc.; p. rem. scagnunài, ecc.; pp.
scagnunatu. Togliere il marcio dai tronchi degli alberi asportando le parti secche;
scorticare i tronchi d'albero. [dall'it. scaglionare incr. con lecc. scàgghia].

scaientare tr.; pres. scaientu,… scaientamu, ecc.; p. rem. scaientài, ecc.; pp. scaientatu.
Intiepidire una vivanda; scaldare non del tutto per la fretta. [da un incr. tra lat. calidare,
sp. calientare, lecc. scarfare].

scaientatu agg. Intiepidito, reso meno caldo; diventato tiepido.

scala sf. Scala di qualsiasi tipo e forma * prov. Lu mundu ete fattu a scale: nc'ete ci scinde e
nc'ete ci sale il mondo è fatto a scale: c'è chi scende e c'è chi sale. [lat. scala].

scala a chiricò sf. Scala a chiocciola.

scala lleatizza sf. Scala a pioli, di legno, portatile.

scalandrune sm. Scala a libro apribile a A * fig. Persona di statura molto alta e di
corporatura dinoccolata. [gr. skàlanthron].

scalare tr.; pres. scalu,… scalamu, ecc.; p. rem. scalài, ecc.; pp. scalatu. Calare, diminuire
gradualmente: ogne semana lu prezzu te lu ranu scala te tèice sordi ogni settimana il
prezzo del grano diminuisce di mezza lira * modo di dire: scalare li càusi (da parte di un
uomo) li estiri (da parte di una donna) piegarsi, sottomettersi alla volontà altrui.

scalaru sm. Costruttore di scale a pioli, di legno. [da scala + suff. di mest. -aru].

246
S

scalecaliδδi (a -) loc. avv. Modo di giocare di due ragazzi, i quali, ponendosi schiena contro
schiena e intrecciando le braccia, si sollevano e si abbassano alternativamente in tal modo
divertendosi.

scaliceδδa sf. Scaletta. [dim. di scala].

scalisçiare intr. e tr.; pres. scalìsçiu, ecc.; impf. scalisçiàa, ecc.; p. rem. scalisçiài, ecc.; pp.
scalisçiatu * intr. Raspare per terra; razzolare: le aδδine scalìsçianu ntra llu petruδδulame
le galline raspano tra il pietrame * fig. Rimestare nel piatto * tr. Smuovere; cercare
annaspando: fermu, nu scalisçiare la ròsçia fermo, non smuovere la brace.

scalisçiusu agg. Di persona schifiltosa, schizzinosa a mensa.

scalone sm. Scalone, scala monumentale.

scalora sf. Scariola, varietà di lattuga; indivia. [lat. scariola>scarola].

scalune sm. Gradino, scalino di qualsiasi tipo di scala, compreso il limitare, la soglia di un
ingresso.

scaluppina sf. Scaloppa, fetta di carne magra cotta in padella insieme con pomodoro affettato
e con tanti càpperi, il tutto spruzzato con vino bianco, meglio se moscato. [fr. ascalope].

sçama sf. Cispa lacrimale: se àusa te lu liettu cu lle sçame all'ecchi si leva dal letto con le
cispe agli occhi. [lat. squama].

sçamare intr.; pres. sçamu,… sçamamu, ecc.; p. rem. sçamài, ecc.; pp. sçamatu. Muggire;
belare; miagolare; grugnire: le acche e lle pècure sta’ sçàmanu ca òlenu munte le mucche
muggiscono e le pecore belano perché hanno bisogno di essere munte; lu muscieδδu
sçamàa ca ulìa cu bessa il gattino miagolava perché voleva uscire; lu puercu ncignàu a
sçamare il maiale si mise a grugnire. [lat. exclamare]. Da una ninna nanna: O pecureδδa
mia, comu sçamasti / quandu a mmucca allu lupu te sçì' ttruasti?

scamarru sm. Piccone tozzo, a punta da una parte, a taglio dall'altra, con manico corto. V.
anche zappune.

scambettu (neol.) sm. Sgambetto. V. il più comune ancareδδa.

scammerare intr.; pres. scàmmeru,… scammeramu, ecc.; impf. scammeràa,…


scammeraàmu, ecc.; p. rem. scammerài, scammerammu, ecc.; pp. scammeratu. Mangiare
cibi di magro per non rompere l'astinenza o il digiuno, una volta precetto severo della
chiesa cattolica. Per il contrario v. ncammerare.

scàmmeru sm. Consumazione di cibi di magro; tempo di mangiar magro; bando delle carni
dalla mensa in certi periodi. [da càmmera].

247
S

scamorsa sf. Scamorza, ricottina di latte di mucca * fig. Persona mingherlina, deboluccia,
priva di capacità e di efficienza.

scampanisçiare intr. e tr.; pres. scampanìsçiu, ecc.; impf. scampanisçiàa, ecc.; p. rem.
scampanisçiài, ecc.; pp. scampanisçiatu. Scampanare, suonare a distesa. [da campana +
suff. durat. -sçiare].

scampare tr. e intr.; pres. scampu,… scampamu, ecc.; p. rem. scampài, ecc.; pp. scampatu *
tr. Liberare salvando; salvaguardare, sottrarre ad un pericolo: la Matonna te la Ssunta cu
scampa sta fìgghia la Madonna Assunta in Cielo salvaguardi questa figliola; scampàtime
te δδa nzìcchia liberatemi da quel seccatore attaccabottoni * 2- Evitare, schivare: lu
surdatu me lu scampài evitai il servizio militare * detto: quandu la scampi, la cunti
quando riesci a schivare il pericolo, la puoi raccontare * intr. impers. Spiovere: à
scampatu è spiovuto; quandu scampa partimu quando spioverà, partiremo * detto: ci
prima nu cchiòe, comu pote scampare? se prima non piove, come può smettere di
spiovere?
BOZZI Eccu, ha scampatu e de mienzu alle nule, / ci se anu lluntanandu, esse lu sule,

scampulare intr.; pres. scàmpulu,… scampulamu, ecc.; p. rem. scampulài, ecc.; pp.
scampulatu. Amoreggiare in incontri brevi clandestini; pomiciare: alla strata te
Sampascali, sutta a ogne àrveru te chiuppu nc'ete nna còppia ca scàmpula in Via S.
Pasquale, sotto ognuno degli alberi di pioppo c'è una coppietta che amoreggia. [da
scàmpulu].

scampulisçiare intr.; pres. scampulìsçiu, ecc.; impf. scampulisçiàa, ecc.; p. rem.


scampulisçiài, ecc.; pp. scampulisçiatu * 1- Pomiciare ora con un partner ora con un
altro; avere frequenti e fuggevoli incontri galanti * 2- Vivere da gaudente; vivacchiare;
campicchiare.

scàmpulu sm. Scampolo, avanzo di una scorta di stoffa, che si vende a minor prezzo: se
ìndenu scàmpuli a metà prezzu si vendono scampoli a metà prezzo * fig. Giochetti
d'amore; scappatella.

sçamu sm. Voce dei bovini, dei felini, degli ovini e dei suini. [da sçamare].

sçamusieδδu agg. Si dice a un bimbo, cui non piace lavarsi la faccia e gli occhi.

sçamusu agg. Cisposo: uecchi sçamusi occhi cisposi.

sçanare tr.; pres. sçanu,… sçanamu, ecc.; p. rem. sçanài, ecc.; pp. sçanatu. Impastare la
farina e manipolare la pasta; impastare servendosi delle mani: sçanare la pasta pe lli
maccarruni lavorare la pasta per i maccheroni; sçanare la crita pe lli pupi te lu presèpiu
impastare la creta per i personaggi del presepio. [lat. explanare].

248
S

sçanata sf. Impastatura, il complesso delle operazioni dirette a preparare un impasto; una
certa quantità di pasta lavorata: nu nci ole nienti cu ffaci nna sçanata pe nna làina ci vuol
poco per fare la pasta per una sfoglia.

scancapìrete, scancapìtete avv. A cavalcioni, a cavalluccio. [comp. di scanca(re)


pìretu/pìtetu, (non si sapeva come pronunziare la voce che indica il peto)].

scancare intr. e tr.; pres. scancu, scanchi, scanca, scancamu, ecc.; p. rem. scancài, ecc.; pp.
scancatu * intr. Divaricare le gambe; mettersi a gambe aperte * tr. Scavalcare un ostacolo
non saltando, ma divaricando le gambe. [da un incr. tra it. scansare e sgambare e lecc.
anca].

scancarisçiatu agg. 1- Messo a gambe divaricate * 2- Seduto scompostamente.

scanceδδa sf. Fossa, comunque meno profonda della 'fòggia', buca per piantarvi un alberello.

scancellare tr.; pres. scancellu,… scancellamu, ecc.; p. rem. scancellài, ecc.; pp. scancellatu.
Cancellare, cassare.

scancellatura sf. Frego sullo scritto cancellato.

scancu sm. Scosciata, divaricamento delle gambe; passo di scavalcamento: nu ffare lu scancu
cchiù' llengu te lu passu, senone te puèi spalare non fare il divaricamento più lungo del
passo, altrimenti ti puoi scosciare.

scandagghiare tr.; pres. scandàgghiu, ecc.; impf. scandagghiàa, ecc.; p. rem. scandagghiài,
ecc.; pp. scandagghiatu. Scandagliare a occhio e croce, calcolare ad occhio nudo;
esaminare le possibilità: se fetàu cu scandàgghia li penzieri mei riuscì a scandagliare i
miei pensieri. [da scandàgghiu].
BOZZI comu lu mare de secreti è chinu / e scandagghiare nu lu po' nisciunu.

scandàgghiu sm. Scandaglio; calcolo approssimativo: cussì, a scandàgghiu, dicu ca suntu


nnu centenaru così, ad occhio e croce, credo che siano un centinaio.

scandalizzare tr.; pres. scandalizzu,… scandalizzamu, ecc.; p. rem. scandalizzài, ecc.; pp.
scandalizzatu. Scandalizzare.

scàndalu sm. Scandalo, cattivo esempio. [lat. scandalum].

scandalusu agg. Scandaloso, moralmente riprovevole.

sçandìa (pl. sçandèi) sf. Rossore improvviso, vampata di calore al viso, caldana. [dal lat.
excandere].

249
S

scangare intr. e tr.; pres. scangu, scanghi, scanga, scangamu, ecc.; p. rem. scangài, ecc.; pp.
scangatu * intr. Sdentare, perdere i denti * tr. Rompere una punta: tie à' scangatu lu
penninu tu hai rotto la punta del pennino. [da un incr. tra lecc. angale e it. cascare e
sgangherare].

scangarisçiare tr.; pres. scangarìsçiu, ecc.; impf. scangarisçiàa, ecc.; p. rem. scangarisçiài,
ecc.; pp. scangarisçiatu. Scheggiare in più punti il filo del taglio di una lama. [da
scangare + suff. ripet. -sçiare].

scangatu agg. 1- Sdentato: δδu striiceδδu scangatu ete nepute tou? quel ragazzino, cui manca
qualche dente, è tuo nipote? * 2- Spuntato: nnu lapisi scangatu una matita priva di punta.

scangiare tr.; pres. scàngiu, ecc.; impf. scangiàa, ecc.; p. rem. scangiài, ecc.; pp. scangiatu *
1- Scambiare una persona o una cosa per un'altra: t'ìa scangiatu pe fràita ti avevo
scambiato per tuo fratello * prov. Scangiare lentìcchia pe tòleca confondere la lentìcchia
con la cicèrchia * 2- Permutare: uèi scangi lu curru tou cu llu temperinu miu? vuoi
permutare la tua trottola con il mio temperino? * 3- rifl. Cambiarsi d'abito e,
precisamente, deporre il vestito nuovo e rimettere i panni vecchi: prima se scangiàu e poi
se mise a ccèrnere prima indossò il vestito da lavoro e poi si mise a cèrnere (invece,
indossare il vestito nuovo al posto del vecchio si dice 'cangiare').

scàngiu sm. Scambio, cambio precedente annullato: prima ànu fattu càngiu e moi ntorna
scàngiu prima avevano fatto un cambio ed ora lo annullano.

scanigghiare intr.; pres. scanìgghiu, ecc.; impf. scanigghiàa, ecc.; p. rem. scanigghiài, ecc.;
pp. scanigghiatu. Sbriciolarsi per troppa crusca * fig. Disgregarsi, scindersi
minutissimamente. [da canìgghia].

scanigghiatu agg. Ridotto in minutissime scagliette.

scannacaδδu sm. Forasacco, graminacea dallo stelo lungo sino ad un metro ed oltre; alla
estremità filiforme si può formare un cappio per catturare lucertole; inoltre, le glume della
spiga sono fornite di ariste lunghe e rigide, le quali possono infilarsi e conficcarsi nella
gola degli animali che se ne cibano, provocando seri disturbi. [comp. di scanna(re)
caδδu].

scannare tr.; pres. scannu,… scannamu, ecc.; p. rem. scannài, ecc.; pp. scannatu. Scannare,
sgozzare. [da canna, gola].

scannatu agg. Sgozzato, con la gola squarciata.

scannatura sf. Punto del collo dove è entrata la punta del coltello del macellaio.

scannaturu sm. Coltello speciale usato per scannare le bestie da macello. [da scannatu +
suff. funz. -uru].

250
S

scannazzare tr.; pres. scannazzu,… scannazzamu, ecc.; impf. scannazzàa, ecc.; p. rem.
scannazzài, ecc.; pp. scannazzatu. Sdradicare la cannareccia, un tempo assai diffusa nei
campi coltivabili; estirpare le erbacce infestanti. [da cannazza].

scanneδδare tr.; pres. scanneδδu, scannieδδi, scanneδδa, scanneδδamu, ecc.; p. rem.


scanneδδài, ecc.; pp. scanneδδatu. Liberare i bioccoli di cotone dai semi, adoperando lo
'scannieδδu'; ripulire il vello dalle impurità grossolane.

scannettu (neol.) sm. Scannetto, piccolo sedile di legno. V. il più comunemente usato
ancutieδδu.

scannieδδu sm. Sgranatoio per nettare il cotone grezzo.

scannu sm. Lungo sedile di legno, capace di accogliere fino a cinque persone sedute. [lat.
scannum].

sçante agg. Di sapore acuto e acre, piccante. [da usçare].

scantunamientu sm. Scantonamento, deviazione laterale; asportazione di cose dai cantoni.

scantunare intr.; pres. scantunu,… scantunamu, ecc.; p. rem. scantunài, ecc.; pp. scantunatu
* 1- Svoltare rapidamente a una cantonata; deviare d'improvviso da una direzione * fig.
Divagare sviando l'argomento del discorso * 2- Pulire gli angoli più riposti di un
ambiente; fare le grandi pulizie: a ccasa nòscia scantunamu a Pasca, te Santu Ronzu e a
Natale in casa nostra facciamo le grandi pulizie a Pasqua, di S. Oronzo e a Natale. [da
cantune].

scanuscente agg. Sconoscente, irriconoscente, ingrato * detto: parienti scanuscenti parenti


irriconoscenti. [da scanùscere].
DE D. Mamma, tegnu lu core cunsumatu / beendu tanti sursi de dulore; / ma nu crìtere
poi ca su' restatu / scanuscente, pe tie, ca nu àggiu amore.

scanuscènzia sf. Irriconoscenza, ingratitudine.

scanùscere, scanuscìre tr.; pres. scanuscu,… scanuscimu, ecc.; p. rem. scanuscìi,…


scanuscemmu, ecc.; pp. scanusciutu. Disconoscere; rinnegare; diseredare: nu ppueti
scanuscìre ca à ttenutu fìcatu non puoi disconoscere che ha avuto fegato ed è stato
coraggioso; San Pietru scanuscìu Gèsu Cristu S. Pietro rinnegò Gesù Cristo. [da s-
privativo e canùscere].
DE D. Cchiù mègghiu mille fiate cu nni cciti / cca nui cu scanuscimu lu Signore!

scanusciutu agg. Sconosciuto, ignoto: strìttule sulagne e scanusciute viottoli solitari e ignoti.

scanzafatìa (pl. scanzafatèi) sm. e f. Scansafatiche, fannullone, ozioso.

251
S

scanzare tr.; pres. scanzu,… scanzamu, ecc.; p. rem. scanzài, ecc.; pp. scanzatu. Scanzare *
detti: lu Signore cu nni scanza te le asce catute il Signore ci faccia evitare le cadute da un
luogo basso § la fatìa ete strica, ci la pote scanzare cu lla scanza la fatica è strega, chi
può la scansi. [dal lat. campsare].

scanzìa (pl. scanzèi) sf. Scansia, scaffale.

scanzu sm. Scanso, esclusione: a scansu te mbruegghi a scanso di imbrogli.

scapece sf. Pesce fritto e marinato con tanto pane grattugiato, inzuppato di aceto bianco e
spruzzato di zafferano; per lo più vengono usati pesciolini della famiglia dei volpini e
degli smàridi o zeri, detti 'pupiδδi'. [sp. escabeche].

scapeciaru sm. Venditore ambulante di scapece. [da scapece + suff. di mest. -aru].

scapeδδisçiare tr.; pres. scapeδδìsçiu, ecc.; impf. scapeδδisciàa, ecc.; p. rem. scapeδδisçiài,
ecc.; pp. scapeδδisçiatu. Scompigliare, arruffare i capelli, spettinare: nnu rèfuru
scapeδδisçiàu la zita parata una folata improvvisa di vento scompigliò la chioma della
sposina agghindata. [da s- e capiδδi + suff. intens. -sçiare].

scapeδδisçiatu agg. Scarmigliato, spettinato.

scapestratu agg. Scapestrato, dissoluto, stravagante. [da s- privativo e it. capestro].

scapetare tr.; pres. scàpetu,… scapetamu, ecc.; p. rem. scapetài, ecc.; pp. scapetatu.
Scapitare, defalcare, detrarre.

scàpetu sm. Scàpito, danno, svantaggio.

scapezzare tr.; pres. scapezzu, scapiezzi, scapezza, scapezzamu, ecc.; p. rem. scapezzài, ecc.;
pp. scapezzatu. Scavezzare, togliere i finimenti dalla testa del cavallo. [dal lecc. capezza].

scapiδδare intr. fig.; scapiδδu,… scapiδδamu, ecc.; p. rem. scapiδδài, ecc.; pp. scapiδδatu.
Sbagliare di un capello, commettere un errore trascurabile. [da capiδδu].

scappa e fusçi (a - -) loc. avv. In fretta e furia.

scappare intr. e tr.; pres. scappu,… scappamu, ecc.; p. rem. scappài, ecc.; pp. scappatu *
intr. Scappare, correre precipitosamente; evitare, sfuggire: li latri scappàra secutati te li
cani i ladri fuggirono inseguiti dai cani; scappa a ddu la mamma corri dalla mamma; lu
piattu me scappàu te manu il piatto mi sfuggì di mano; me sta’ scappa la pipì mi scappa
la pipì * tr. Sganciare, staccare: scappa la corda stacca la fune.

scappata sf. Capatina, visita brevissima.

252
S

scappateδδa sf. Scappatella; marachella.

scappatizzu agg. Che facilmente può essere staccato e rimosso da dove è congiunto: cute
scappatizzu macigno naturalmente staccato dal banco di roccia e può essere rimosso
agevolmente.

scappatura sf. 1- Sganciamento di una legatura, sfilacciatura * 2- Breve ritaglio di tempo


libero, da impiegare in faccende diverse: pinge quatri a scappature dipinge quadri nei
ritagli di tempo libero.

scappeδδare rifl.; pres. me scappeδδu, te scappieδδi, se scappeδδa, ni scappeδδamu, ecc.; p.


rem. me scappeδδài, ecc.; pp. scappeδδatu. Scappellarsi. [da s- sottrattivo e cappieδδu].

scappeδδata sf. Ampia scappellata in segno di ossequio.

scapputtare intr.; pres. scappottu, scappuetti, scappotta, scapputtamu, ecc.; p. rem.


scapputtài, ecc.; pp. scapputtatu. In alcuni giochi, oltrepassare il punteggio prefissato e
sballare; evitare un cappotto, cioè impedire all'avversario di conseguire l'intero punteggio
ed evitare a se stesso di rimanere a zero punti. [da cappottu].

scapucchiare tr.; pres. scapòcchiu, ecc.; impf. scapucchiàa, ecc.; p. rem. scapucchiài, ecc.;
pp. scapucchiatu. Scoprire il glande tirando in dietro il prepuzio. [dal lecc. capòcchia].

scapuèzzulu sm. Unghia della buccia secca della fava, staccata per facilitare la cottura del
legume.

scapulare tr. e intr.; pres. scàpulu,… scapulamu, ecc.; p. rem. scapulài, ecc.; pp. scapulatu *
tr. Staccare le bestie dal carro o dall'aratro e togliere i finimenti: scapulare lu
ciucciarieδδu, la sçiumenta, le acche staccare dal mezzo l'asinello, la giumenta, le vacche
da lavoro * intr. Smettere di lavorare a fine orario (e togliersi il grembiule): osçe
scàpulanu cchiù' pprestu, ca ete Santu Martinu, patrunu te li mbriachi oggi smettono di
lavorare più presto, perché ricorre S. Martino, patrono degli ubriachi. [lat. excapulare,
liberare dal cappio].

scapularu sm. 1- Grembiule alto, che copre anche il petto * 2- Scapolare, segno distintivo di
alcune confraternite, che viene portato ciondoloni sulla scapola e sullo sterno; abitino.
[lat. med. scapulare].

scapulatu agg. Lasciato sciolto dalle briglie * prov. Ci lassa la èstia scapulata, se troa cu lla
capu frasturnata colui che lascia la bestia sciolta, andrà incontro a grattacapo.

scàpulu agg. 1- Libero, senza vincoli * 2- Di terreno, privo di alberi * sm. (voce lett.)
Scapolo, celibe; con questo significato il lecc. dice 'zitu'. [dal lat. ex capulo].

253
S

scapuzzare tr.; pres. scapuzzu,… scapuzzamu, ecc.; p. rem. scapuzzài, ecc.; pp. scapuzzatu.
Decapitare; staccare la sommità; spezzare la cima.

scapuzzatu agg. Decapitato; privo della parte più alta: pe prima se idde la turre scapuzzata si
scorse per prima la torre con la cima diroccata.

scarabbucchiare (lett.) tr.; pres. scarabbòcchiu, scarabbuecchi, scarabbòcchia,


scarabbucchiamu, ecc.; p. rem. scarabbucchiài, ecc.; pp. scarabbucchiatu.
Scarabocchiare. V. il più comune nquacchiare.

scarabbuècchiulu sm. Scarabocchio. V. il più usato nquàcchiu.

scarafàsçiu, scarafàu sm. Scarafaggio. [lat. volg. scarafajus]. V. i più comuni fusçetìa, fusçi
fusçi.

scarafune sm. Scarabeo stercorario * fig. Individuo ripugnante, persona d'aspetto scadente.
V. pure scràsçiu.

scarambòcciu, scarambòcciulu sm. Scarabocchio. [fr. escarbot].

scarammuèmmulu sm. Scarabocchio * fig. Imprecazione smozzicata tra i denti.

scarassare tr.; pres. scarassu,… scarassamu, ecc.; impf. scarassàa, ecc.; p. rem. scarassài,
ecc.; pp. scarassatu. Socchiudere aprendo parzialmente e lasciando uno spiraglio
(l’operazione inversa si dice 'mmasare'). [da carassa].

scarassatu agg. Socchiuso, di battente accostato appena.

scaràttulu sm. Scarabattolo; stipetto a vetri; nicchia a muro protetta da vetrata.

scarbatu agg. Sgarbato, rozzo e villano; scontroso, scortese.

scarcagnare tr. e intr.; pres. scarcagnu,… scarcagnamu, ecc.; p. rem. scarcagnài, ecc.; pp.
scarcagnatu * tr. Scalcagnare, urtare il proprio piede contro il calcagno di uno che ci
precede * intr. Camminare battendo o strascicando i tacchi in terra. [da carcagnu].

scarcagnatu agg. Di calzatura, con la parte posteriore della tomaia ripiegata e schiacciata; di
calza, con il calcagno rotto e sfilacciato.

scarcagnulu sm. Ciabattone, che strascica fastidiosamente i tacchi nel camminare * fig. 1-
Uomo striminzito e basso quanto un tacco di scarpa * 2- Folletto benevolo che si
accompagna ai viandanti, nascondendosi nei risvolti dei vestiti quando è stanco di
camminare.

254
S

scarcerare tr;; pres. scàrceru,… scarceramu, ecc.; p. rem. scarcerài, ecc.; pp. scarceratu.
Scarcerare.

scarcezza sf. Scarsezza, scarsità.

scarche agg. poco comune. Qualche. V. il più frequente quarche.

scarcìnnule sf. pl. Insieme di piccole cose malridotte, cianfrusaglie.

scarciòppula
scarciòppula, scarciòffula sf. Il capolino terminale del carciofo, formato di brattee carnose
eduli (l'intera pianta si chiama 'cardu'; ciascun suo virgulto bianco è detto 'cardunceδδu')
* fig. triv. Gli organi genitali sia maschili che femminili. [arabo kharshűf].

scarcioppularu sm. Venditore ambulante di carciofi. [dal lecc. scarciòppula + suff. di mest. -
aru].

scarcisçiare intr.; pres. scarcìsçiu, ecc.; impf. scarcisçiàa, ecc.; p. rem. scarcisçiài, ecc.; pp.
scarcisçiatu. Scarseggiare; dare, mettere con parsimonia: le pruiste scarcìsçianu le
provviste scarseggiano; scarcisçiare a ssale, a uègghiu scarseggiare nel mettere il sale,
nel versare l'olio; scarcìsçia alle pursioni scarseggia nel fare le porzioni. [da scàrciu +
suff. -sçiare].

scarcisçieδδu agg. Piuttosto scarso; leggermente mancante. [dim. di scàrciu].

scàrciu agg. Scarso; insufficiente: nnu litru scarciu un litro scarso; l'annata te le statòteche à
stata scàrcia la produzione dei frutti estivi è stata insufficiente * Quando il signore
confidenzialmente chiedeva a uno: "Comu stai? " "come stai?", l'interpellato rispondeva:
"Scarciu te li cumandi te signurìa" "in attesa dei desiderati comandi di sua signoria".

scarciuliδδu agg. Alquanto scarso; mancante di un poco; un po' ridotto. [altro dim. di
scàrciu].
DE D. Lu piettu è scarciuliδδu… / La sarta nci curpàu / ca dissi mminta uatta, / δδa
rìcchia, e se scerràu.

255
S

scarda sf. 1- Piccola scheggia: scarda te tàula scheggia di legno * 2- Squama di pesce: li
pupiδδi se frìsçenu cu ttutte le scarde gli smàridi vengono fritti con le squame * 3- Bietta
* 4- fig. Persona restia e puntigliosa. [dall'it. carda, punta ricurva].

scardare tr.; pres. scardu,… scardamu, ecc.; p. rem. scardài, ecc.; pp. scardatu * 1-
Scardassare * 2- Desquamare. [da scarda].

scardàrela rifl.; pres. me la scardu,… ni la scardamu, ecc.; p. rem. me la scardài, ecc.; pp.
scardatu. Sbrigarsela da sé.

scardinu (neol.) sm. Scaldino. [dall'it. scaldare]. V. pignatieδδu, rasta.

scàreca, scàrreca sf. Scarica: nna scàreca te treniceδδi una scarica di bombette; nna
scàrreca te cazzotti una scarica di pugni. [dal lecc. scareca(re) ].

scarecabbalìri (neol.) sm. Scaricabarili, gioco di ragazzi.

scarecaliδδi, scarecaliri sl. Gioco di ragazzi. V. mantanefi.

scarecare, scarrecare tr. e intr.; pres. scàrecu (scàrrecu), scàrechi, scàreca, scarecamu, ecc.;
p. rem. scarecài (scarrecài), ecc.; pp. scarecatu (scarrecatu) * tr. Scaricare, rimuovere un
carico, liberare di un carico: nc'ete te scarecare tèice sacchi ci sono da scaricare dieci
sacchi; scarrecammu lu traìnu intru lla tagghiata vuotammo il carro ribaltando il carico
nella cava * intr. Piovere a dirotto d'improvviso * prov. Quantu cchiù' fforte scàreca,
cchiù' mprima scampa quanto più a dirotto piove, più presto spiove. [s- privativo e lat.
carricare].

scarecata, scarrecata sf. Scroscio di pioggia, acquazzone improvviso * fig. Serie simultanea
di colpi.

scàrecu, scàrrecu agg. Scarico, senza carico, libero da pesi: turnàra scàrrechi e llieggi
tornarono scarichi e leggeri.

scarfaliettu sf. Scaldaletto, piccolo recipiente di rame munito di lungo manico di legno,
adoperato per scaldare le lenzuola del letto poco prima di coricarsi; talvolta veniva usato
anche per dare una leggera e frettolosa stirata a panni di stoffa fina.

scarfare tr.; e intr.; pres. scarfu,… scarfamu, ecc.; impf. scarfàa, ecc.; p. rem. scarfài, ecc.;
pp. scarfatu * tr. Scaldare, riscaldare: l'amore scarfa lu core e llu sangu la passione
scalda il cuore e il sangue * provv. Lu sule ci te ite, te scarfa il sole che ti illumina, ti
riscalda § Lu fuecu ci me scarfa nu mbògghiu cu mme brùsçia il fuoco che mi scalda non
vorrei che mi scottasse * intr. Aumentare di temperatura, divenire caldo: zumpa, ca scarfi
saltella che ti scaldi; l'àcqua scarfàu allu sule l'acqua al sole aumentò di temperatura. [da
un incr. tra lat. calefa(ce)re ed excaldare].

256
S

scarfasegge sm. e f. Scaldasedie, chi fa visite lunghe e si rende indiscreto.

scarfatura sf. Riscaldamento alle vie urinarie; blenorragia * fig. 1- Fastidio, impiccio,
seccatura * 2- Persona seccante e quasi molesta.

scarfìa (pl. scarfèi) sf. Pula; polviscolo; filaccicca. [dal gr. karphę, pagliuzza].

scarfisçiare tr. e intr.; pres. scarfìsçiu, ecc.; impf. scarfisçiàa, ecc.; p. rem. scarfisçiài, ecc.;
pp. scarfisçiatu * tr. Scaldare in modo fastidioso o nocivo: scòstate ca me sta’ scarfisçi lu
custatu scòstati che mi stai scaldando fastidiosamente il fianco * intr. Surriscaldarsi;
fermentare e deteriorarsi per riscaldamento: la biàa intru a llu cestune aìa scarfisçiata la
biada pressata dentro il grosso cesto-silos si era surriscaldata. [da scarfare + suff. -sçiare].

scarfisçiatu agg. Deteriorato per autoriscaldamento: lu fienu scarfisçiatu fete il fieno


surriscaldato emana un cattivo odore.

scarlatina (lett.) sf. Scarlattina, una volta assai diffusa tra i fanciulli ed era spesso mortale.
[da scarlatu]. V. russa.

scarlatu agg. Scarlatto, rosso acceso. [lat. med. scarlatus].

scarnare (neol.) tr.; pres. scarnu,… scarnamu, ecc.; p. rem. scarnài, ecc.; pp. scarnatu.
Scarnire, scarnificare le pelli fresche; staccare la carne dagli ossi. [da carne]. V. anche
scarnipulare.

scarnatura sf. Scarnatura, raschiatura delle parti adipose delle pelli fresche.

scarnipulare, scarniculare tr.; pres. scarnìpulu (scarnìculu),… scarnipulamu


(scarniculamu), ecc.; p. rem. scarnipulài (scarniculài), ecc.; pp. scarnipulatu
(scarniculatu) . Scarnificare * rifl. fig. Impermalirsi per un nonnulla, irritarsi per
sciocchezze.

scarnìpulu, scarnìculu sm. Brandello di carne staccato dalla pelle fresca e da scartare * fig.
1- Piccolezza; inezia, quisquilia; pelo nell'uovo * 2- Persona dappoco, da non tenere in
alcuna considerazione.

scarnipulusu, scarniculusu agg. Eccessivamente meticoloso, schifiltoso, che su tutto trova da


ridire.

scarogna sf. Scalogna. [l>r]. V. pure il meno comune calugna.

scarpa sf. Scarpa, calzatura: scarpa àscia, àuta, chiusa, perta, spinestrata, scullata calzatura
bassa, alta, chiusa, aperta, con aperture laterali, scollata; scarpe nìure, bùrgare, ianche e
nìure scarpe nere, marroni, bianche con mascherine nere; scarpe te ernice, cu lli lazzi, cu
llu buttune, cu lli cchetti calzature lucide di vernice, con i laccetti, con il bottone, con i

257
S

gancetti * parti principali della scarpa: tumàgghia, chianteδδa, masçaretta, sola, taccu e
subbrataccu, punta e carcagnu (v. le singole voci) tomaglio, soletta, mascherina, suola,
tacco e sopratacco, punta e calcagno * nnu paru te scarpe un paio di scarpe; scarpe noe e
scarpe ècchie scarpe nuove e scarpe vecchie * modi di dire: a unu, sçire stritte le scarpe
andare strette le scarpe ad uno, avere serie difficoltà § nu ttenire scarpe essere molto
poveri e andare scalzi § tenìre doi pieti ntru nna scarpa avere due piedi in una scarpa e
convivere con difficoltà; purtare scarpe ca rìtenu calzare scarpe rotte..

scarpareδδa sf. Nomignolo scherzoso e ben accetto per indicare la moglie del calzolaio.
[dim. di scarparu].

scarparìa sf. Calzoleria.

scarparieδδu sm. 1- Apprendista ciabattino * 2- Calzolaio poco esperto. [dim. di scarparu].

scarparu sm. Calzolaio, ciabattino, artigiano che manualmente fa calzature su misura e


ripara quelle scucite. [da scarpa + suff. di mest. -aru].

scarpellinu sm. Scalpellino, artigiano specializzato nella lavorazione a intaglio e a


bassorilievo della tenera pietra calcarea leccese oppure del marmo.

scarpetta sf. Seppiolina. [da scarpa, per la forma].

scarpieδδu sm. Scalpello in genere. [lat. scalpellus].

scarpieδδu a marru sm. Scalpello con punta priva di taglio.

scarpieδδu a pete te puercu sm. Pedano, scalpello per fare tagli trasversali rispetto alle fibre
del legno.

scarpieδδu a ugna sm. Ugnetto, scalpello per intagliare stretti e profondi canali in un asse di
legno.

scarpieδδu ngurdu sm. Scalpello ingordo, utensile a lama più sporgente, che fa trùcioli
grossi.

scarpieδδuzzu sm. Scalpello sottile per lavorare nei punti più riposti e per eseguire ritocchi e
rifiniture.

scarpinu sm. Scarpa bassa, appuntita, verniciata, di linea elegante.

258
S

1 - scarpione
2 - scarpione cu lla cuta
scarpione sm. Ragno in genere * fig. Sgorbio, scarabocchio. [lat. scorpio -onis].

scarpione cu lla cuta sm. Scorpione, munito di due chele e di una coda con pungiglione,
attraverso il quale inietta un leggero veleno.

scarpisçiare intr.; pres. scarpìsçiu, ecc.; impf. scarpisçiàa, ecc.; p. rem. scarpisçiài, ecc.; pp.
scarpisçiatu. Scarpinare. [da scarpa + suff. durat. -sçiare].

scarpisçiata sf. Camminata faticosa.

scarpugnare intr.; pres. scarpugnu,… scarpugnamu, ecc.; p. rem. scarpugnài, ecc.; pp.
scarpugnatu. Muoversi faticosamente strascicando i piedi.

scarpugnata sf. Camminata strascicata e stancante.

scarpunaru sm. Uno che calza scarponi logori e sfondati.

scarpunceδδu sm. Scarpina alta da ragazzo, confezionato però con suola e pelle spesse e
robuste. [dim. di scarpune].

scarpune sm. Ciabatta, qualunque calzatura logora, con il calcagno schiacciato * prov. Prima
o poi ogne scarpinu ddenta scarpune prima o poi ogni scarpa elegante diventa ciabatta.
[accr. di scarpa].

scarpunisçiare intr.; pres. scarpunìsçiu, ecc.; impf. scarpunisçiàa, ecc.; p. rem.


scarpunisçiài, ecc.; pp. scarpunisçiatu. Camminare strascicando i piedi. [da scarpune +
suff. intens.-durat. -sçiare].

scarrare intr. e tr.; pres. scarru,… scarramu, ecc.; p. rem. scarrài, ecc.; pp. scarratu * intr.
Sgretolarsi, crollare su se stesso * tr. Sgarrare, sbagliare * provv. Ci ferra nchiòa, ci face
scarra chi fissa i ferri agli zoccoli inchioda, ci opera è soggetto a sbagliare § Ci scarra te
pressa, chiange a llengu chi commette un errore alla prime battute, piange più a lungo.

259
S

[dal provenz. esgarar].


Da c. p. O, Diu mme tèsçia (e lla buntà deìna) / forsa la mente mia cu nnu mme scarra,

scarratieδδu agg. Un po' mal riuscito, alquanto inesatto.

scarru sm. Sgarro, errore; sproposito.

scarruzzare intr. e tr.; pres. scarrozzu, scarruezzi, scarrozza, scarruzzamu, ecc.; impf.
scarruzzàa, ecc.; p. rem. scarruzzài, ecc.; pp. scarruzzatu * intr. Scarrozzare, andare in
giro in carrozza * fig. Crollare della base di un appoggio * tr. Portare in giro con la
carrozza * fig. Fare franare la base d'appoggio. [da carrozza].

scarruzzata sf. Scarrozzata, passeggiata in carrozza.

scarruzzatura sf. Frana, cedimento improvviso di una base d'appoggio.

scarseδδa sf. Scarsella, borsetta per tenervi i denari di metallo * prov. Ci nu ttene turnisi, nu
ttene scarseδδa colui che non possiede denari, non ha scarsella. [dim. f. di scarsu].

scarsiceδδu agg. Alquanto scarso. V. pure scarciceδδu.

scarsu (neol.) agg. Scarso * prov. Lu casu ete sanu ci ete fattu te scarsa manu il cacio è
buono, se è fatto da mano avara. V. il più usato scàrciu.

scarsuliδδu v. scarciuliδδu.

scarsura sf. Scarsezza, scarsità, insufficienza.

scartapiellu sm., scartapella sf. Persona meschina da disprezzare e da scostare; oggetto da


scartare. [it. ant. scartabello].

scartare tr.; pres. scartu,… scartamu, ecc.; p. rem. scartài, ecc.; pp. scartatu. 1- Svolgere da
un involucro di carta * 2- Scartare, eliminare.

scartellatu agg. Di persona dinoccolata, disordinata nei movimenti e goffa; persona


stravagante da evitare.

scartina, scartella sf. Carta da gioco di poco valore.

scartu sm. 1- Scarto, quantità di scarso valore scartata; separazione di elementi inutilizzabili:
rrobba te scartu robba di scarto * 2- Sfrido: cchiùi tiempu passa e cchiùi ete lu scartu più
tempu passa e maggiore è lo sfrido * 3- Nel gioco, le carte eliminate: lu brau sçiocatore
se rrecorda puru lu scartu il bravo giocatore ricorda anche le carte di scarto.

260
S

scartucciare (lett.) tr.; pres. scartòcciu, ecc.; impf. scartucciàa, ecc.; p. rem. scartucciài,
ecc.; pp. scartucciatu. Scartocciare. V. il più comune scartare.

scarufare intr.; e tr.; pres. scarufu,… scarufamu, ecc.; p. rem. scarufài, ecc.; pp. scarufatu *
intr. Tirare su col naso; grufolare * tr. Mangiare con la bocca nel piatto * fig.
Sgraffignare. [intens. di rufare].

scarufaterra sm. e f. Contadinaccio esageratamente attaccato alla propria terra.

scarugnare tr.; pres. scarognu, scaruegni, scarogna, scarugnamu, ecc.; p. rem. scarugnài,
ecc.; pp. scarugnatu. Prucurare scalogna, iellare * fig. Tagliare assai male i capelli ad un
malcapitato. [da scarogna].

scarugnatu agg. Scalognato, iellato; capitato male.

scarusare tr.; pres. scarusu,… scarusamu, ecc.; p. rem. scarusài, ecc.; pp. scarusatu.
Tagliare i capelli a scalette per imperizia; tosare malamente le pecore.

scarżùne sm. Ceffone dato tra guancia e collo; pugno alla mascella. [da arża, gota].

scasamientu sm. Cambiamento di abitazione; trasloco; sfratto.

scasare intr. e tr.; pres. scasu,… scasamu, ecc.; p. rem. scasài, ecc.; pp. scasatu * intr. 1-
Cambiare casa; lasciare l'abitazione per sfratto: crai aìmu scasare e nnu ssapimu a ddu
sçiamu domani dovremo scasare e non sappiamo dove andare * 2- Lasciare il posto;
mettersi da parte, sgomberare: scasati e ffaciti ssettare a nnui toglietevi e fate sedere noi *
tr. Sfrattare, rimuovere dal posto abituale. [da casa]. Sornello: Fiuru mmaccatu, / pe
mmoi e ppe ssempre de sta casa scasa, / ca si' cchiù' nnìuru tie te lu peccatu.

scasciare tr.; pres. scàsciu, ecc.; impf. scasciàa, ecc.; p. rem. scasciài, ecc.; pp. scasciatu.
Scassare, frantumare, rompere, sfasciare: i' ca te scàscia la capu e… cquarche cosa àutra
attento che ti rompe la testa e… qualche cosa altra. [da un incr. tra lat. quassare, it.
sfasciare e lecc. càscia].

scasciatu agg. Frantumato, infranto, rotto, sfasciato: truài lu mbile scasciatu trovai l'orciolo
rotto.
DE D. subbra a lla ripa na barca scasciata, / fràceta, na nisciunu mai curàu.

scàsciu sm. Sfascio, sfacelo.

scasciune sm. Meccanismo sgangherato, oggetto conciato male, che funziona per miracolo.

scascizzu sm. Oggetto scassato; arnese deteriorato, prossimo a rompersi del tutto * sm. pl.
Ciarpame, vecchiume.

261
S

scaseδδare tr.; pres. scaseδδu, scasieδδi, scaseδδa, scaseδδamu, ecc.; impf. scaseδδàa, ecc.;
p. rem. scaseδδài, ecc.; pp. scaseδδatu. Cavare dal posto abituale; sollevare dal sito: nu
sse fetàa cu scaseδδàa le fiche seccate non era capace di smuovere e staccare i fichi
secchi dalla massa. [s- estrattivo e caseδδa, casetta].

scassamàcchie sf. Gomma per cancellare.

scassare (neol.) tr.; pres. scassu,… scassamu, ecc.; p. rem. scassài, ecc.; pp. scassatu.
Cancellare. V. scancellare.

scassatura (neol.) sf. Cancellatura, l'abrasione fatta cancellando con la gomma sulla carta. V.
scancellatura.

scassu (neol.) sm. Scasso, dissodamento del terreno in profondità. V. scatina.

scasuarmente avv. Casualmente.

scasulità sf. Casualità; fatto casuale, caso fortuito: nci ni trammu pe scasulità ci trovammo lì
per caso.
DE D. Insomma, nu pot'essere cu ttiri cu sta pàa! / cu buschi trenta sordi è nna scasulità,

scatafàsciu (a) sm. Catafascio, sfascio, sotto sopra.

scatapinta, catapinta sf. Spintone, urto violento.

scataràttulu sm. 1- Bugigattolo * 2- Scarabàttolo, piccolo stipo a vetri; bacheca. [da un incr.
tra lecc. scàtulu e it. bugigattolo].

scatarsu sm. Tessuto di seta di infima qualità, impiegata per fodere interne e per imbottiture;
scatarzo.

scatasciare tr.; pres. scatàsciu, ecc.; impf. scatasciàa, ecc.; p. rem. scatasciài, ecc.; pp.
scatasciatu * 1- Scompigliare, sconvolgere * 2- Vuotare il sacco, rivelare un segreto;
spiattellare ogni cosa. [intens. del lecc. scasciare].

scatàsciu sm. 1- Disastro; sconvolgimento; sconcerto * 2- Spiattellamento, rivelazione


completa di fatti segreti.

scatenare tr.; pres. scatinu,… scatenamu, ecc.; p. rem. scatenài, ecc.; pp. scatenatu. 1-
Sconnettere, scardinare * 2- Scassare, dissodare in profondità * rifl. Sfrenarsi, scatenarsi.
[da s- privat. e catina].

scatente (pl. scatienti) agg. Scadente. [lat. scadens -entis].

scatenza sf. Scadenza, termine prefissato di tempo.

262
S

scatina sf. Scasso; dissodamento profondo; aratura, zappatura eseguita in profondità.

scatimientu sm. Scadimento, decadimento, deperimento.

scatìre intr.; pres. scatu,… scatimu, ecc.; p. rem. scatìi,… scatemmu, ecc.; pp. scatutu.
Scadere, decadere; deperire, dereriorarsi.

sçattacore sm. e f. Impertinente e cattivo, che procura ambascia. V. pure crepacore.

sçattagnola
sçattagnola sf. Congegno triangolare di cartone e carta pergamena, il quale, mosso con un
colpo violento e brusco del braccio, aprendosi di scatto produce un rumore secco come
quello di una castagna che scoppia * sçattagnole sf. pl. Castagnette, nàcchere. [dal lecc.
sçattare incr. con it. castagnola].

sçattalora sf. Erba prataiola e ruderale delle euforbie, i cui steli sono ricchi di latice bianco,
le foglie sono lineari, i fiori giallognoli e i frutti a capsula deiscente; è una pianta
velenosa.

sçatta a mpace! inter. di invettiva. Crepa! [dal lat. (requie)scat in pace].

sçattapignate
sçattapignate sf. Erba delle euforbie, velenosa, frequente nei prati e nei coltivi; ha fusti
ramificati e laticiferi, foglie piccole lanceolate e infiorescenze di fiori giallognoli; ha frutti
263
S

a capsula (pignate), i quali, giunti a maturazione, scoppiano (sçattanu) spargendo i semi


intorno; con i rami coriacei secchi si confezionano le scope e le granate dei fornai.

scattare intr.; pres. scattu,… scattamu, ecc.; p. rem. scattài, ecc.; pp. scattatu. Scattare; di
congegni, liberarsi con uno scatto: la tagghiola nun à scattata la tagliola non è scattata.
[lat. volg. *excaptare].

sçattare intr. e tr.; pres. sçattu,… sçattamu, ecc.; p. rem. sçattài, ecc.; pp. sçattatu * intr. 1-
Schiattare, scoppiare, esplodere, crepare nel senso di fendersi: la lessica sçattàu la
vescica scoppiò; la tamiggiana à sçattata la damigiana si è crepata * prov. La cecala
canta, canta e poi sçatta la cicala frinisce, frinisce e poi scoppia * fig. Scoppiare
d'invidia, crepare dalla rabbia, dalla gelosia, dal dolore: ci nu lla dicu, sçattu se non la
dico, scoppio * provv. Ci mòscia cote e ci ite sçatta chi fa vedere si compiace e gode, chi
guarda crepa § Uècchiu nu bite, core nu sçatta occhio non vede, cuore non si duole e non
scoppia di… * tr. Fare disperare, fare uscire dai gangheri, fare esplodere: sti uastasigni
me sta’ sçàttanu questi ragazzacci mi fanno disperare.

sçattarisçiante agg. Scoppiettante; sprizzante scintille: nnu tezzune russu sçattarisçiante un


tizzone ardente scoppiettante.

sçattarisçiare intr. e tr.; pres. sçattarìsçiu, ecc.; impf. sçattarisçiàa, ecc.; p. rem.
sçattarisçiài, ecc.; pp. sçattarisçiatu * intr. 1- Scoppiettare: li craùni te lizza
sçattarìsçianu i carboni di legno di leccio scoppiettano * 2- Scricchiolare: me
sçattarisçiàanu le spaδδe mi scricchiolavano le spalle * tr. 1- Affrittellare, friggere:
sçattarìsçia le oe, li pipi, li prummitori frigge le uova, i peperoni, i pomodori * 2-
Scaraventare a terra: nni lu sçattarisçiasti nnanti li pieti glielo scaraventasti davanti ai
piedi * 3- fig. Spiattellare una notizia. [dal lecc. sçattare + suff. intens.-iter. -sçiare].

sçattarisçiatu agg. Cotto in olio bollente, soffritto.

sçattarizzu sm. Crepolio, suono che dà un corpo che si fende; crepitìo, scoppiettio; schiocco
della frusta.

scattiare tr.; pres. scattìu, ecc.; impf. scattiàa, ecc.; p. rem. scattiài, ecc.; pp. scattiatu * 1-
Espellere, eliminare definitivamente: nde scattiàu li surgi te lu scantinatu eliminò
definitivamente i topi dalla cantina * 2- Diserbare radicalmente: e lla remigna ci nde la
scattìa? chi riuscirà ad estirpare la gramigna?

scattiδδu e sçattiδδu sm. Schiocco delle dita; lieve buffetto dato sulla guancia.
[rispettivamente da scattu perché scatta, e da sçattu perché scoppia].

sçattola sf. Papavero àpulo con fiori a petali purpurei con una macchia nera alla base; simile
alla 'paparina'.

264
S

scattu sm. 1- Scatto di un congegno: lu scattu te la molla lo scatto della molla * 2- Moto
subitaneo di un corpo, sobbalzo improvviso: ibbi nnu scattu te ràggia ebbi uno scatto di
stizza. [da scattare].

sçattu sm. 1- Scoppio: nnu sçattu te risu uno scoppio di riso * 2- Dispetto; provocazione
maliziosa a suscitare invidia e stizza: ni nde fazzu sçattu gli faccio dispetto e lo faccio
scoppiare di rabbia; pe sçattu mme lu sta’ mmuesci? me lo stai mostrando per farmi
invidia?

scàttula e sçàttula sf. Frutto secco contenente semi, il quale si apre scoppiando; frutto a
capsula deiscente: scàttule o sçàttule te paparina capsule di rosolaccio. [da un incr. tra
scàtula, scattare e sçattare].

sçattunare intr.; pres. sçattunu,… sçattunamu, ecc.; p. rem. sçattunài, ecc.; pp. sçattunatu. Di
piante, germogliare, rampollare, accestire. [da sçattune]. V. sçattunisçiare.

sçattune sm. Rampollo, pollone che spunta dal vecchio stelo di una pianta o dal fusto di un
alberello: sçattuni te carròfalu, te cecora, te sita polloni di garofano, di cicoria, di
melograno.

sçattunisçiare intr.; pres. sçattunìsçiu, ecc.; impf. sçattunisçiàa, ecc.; p. rem. sçattunisçiài,
ecc.; pp. sçattunisçiatu. Accestire, gettare polloni: li portucalli sçattunisçiàra, ma te sutta
alli nniesti gli agrumi gettarono polloni, ma al di sotto degli innesti * fig. Scaturire
dall'intimo: te intru ll'ànima sçattunisçiàu nna ampa te amore dall'intimo dell'anima
scaturì una vampa d'amore. [da sçattunare + suff. ripet. -sçiare].
DE D. nu pàrpetu ca gn'erva sçattunìscia, / e gne ccore de piettu spinchiulìsçia;

sçattusu agg. Florido; vivido, sgargiante, di colore acceso; pomposo, spocchioso: russu
sçattusu colore rosso sgargiante; sçattuse spàccanu la chèsia spocchiose attravèrsano per
lungo il tempio. [da sçattu].

sçatu sm. Bruciaticcio; puzzo di bruciato.

scàtula sf. Scatola in generale: scàtula te cunfetti, te pòsperi, te scarpe, te la bùssula scàtola
di confetti, dei fiammiferi, delle scarpe, della bussola * sf. pl. fig. Testicoli: nu mme
rùmpere le scàtule non mi rompere i coglioni. [lat. med. càstula, con metatesi anticipata
della s-].

scatulame sf. Assortimento di cibi conservati in scatola.

scatuleδδa sf. Scatola piccolina di latta o di cartoncino: la scatuleδδa te magnèsia la usu cu


nci mintu li pòsperi a ccira uso lo scatolino della magnesia per metterci i cerini. [dim. di
scàtula].

265
S

scatuletta sf. Generalmente scatola di latta per la conservazione di alimenti: scatuletta te


carne, te sarde, te tonnu scatola di carne, di sardine, di tonno. [dim. di scàtula].

scatulinu sm. Astuccio elegante rivestito di stoffa vellutata, dove vengono tenuti in serbo gli
orecchini, gli anelli, e gli altri monili. [dim. di scàtulu].

scàtulu sm. Scatola di cartone: li libbri mìntili intra a sti scàtuli metti i libri in queste scatole.

scatulune sm. Contenitore voluminoso di cartone.

scatùtu agg. 1- Scaduto, decaduto * 2- Deperito fisicamente, malandato in salute.

scaunisçiare intr. e tr.; pres. scaunìsçiu, ecc.; impf. scaunisçiàa, ecc.; p. rem. scaunisçiài,
ecc.; pp. scaunisçiatu. Raspare con le zampe; razzolare dei polli; smuovere raspando. V.
pure scalisçiare.

scauniscu (pl. scaunischi) sm. Pandolce leccese, fatto di semola intrisa e impastata con vino
cotto, farcito di uva passa o di giùggiole o altri candìti; il tutto sottoposto a lenta cottura:
(D'Amelio) ncora fieti te sùrvia e scauniscu sei giovanetto, ancora puzzi di sorba e di
pappa con vin cotto.

scaurtamientu sm. Traforo, operazione di praticare una cavità.

scaurtare intr.; e tr.; pres. scaòrtu, scauerti, scaorta, scaurtamu, ecc.; impf. scaurtàa, ecc.; p.
rem. scaurtài, ecc.; pp. scaurtatu. Praticare una cavità o un incavo oppure una piccola
apertura; incavare asportando parte del materiale di cui è composto l'oggetto; incidere;
forare * fig. Frugare nei punti più reconditi; rovistare in tutti i buchi. [intens. di caurtare].

scàusa sf. Zona di terreno dissodata e soffice, dove si può camminare scalzi.

scausare tr.; pres. scàusu,… scausamu, ecc.; impf. scausàa, ecc.; p. rem. scausài, ecc.; pp.
scausatu. Scalzare, rimuovere la terra attorno al pedale di una pianta, alla base di un
muro, ai margini di un macigno. [dal lat. excalceare].

scausatu agg. Scalzato e reso malfermo sul punto d'appoggio: sta tàgghia te piezzi stae
scausata questa linea picconata di roccia sta scalzata.

Scàuse sf. pl. Rione della Lecce antica: àggiu abbetatu mmera alle Scàuse ho abitato nel
quartiere delle 'Scàuse'. [da scàusa].

scàusu agg. 1- Scalzo: puru te tumìneca ae cu lli pieti scàusi anche di domenica va a piedi
scalzi * 2- Di terreno, dissodato, liberato dagli sterpi e da ogni impurità, dove si può
camminare anche scalzi: nnu tarrienu tuttu scàusu un terreno completamente soffice e
pulito. Per il primo significato v. squasatu.

266
S

scautante agg. Scottante; bollente.

scautare tr.; pres. scàutu,… scautamu, ecc.; p. rem. scautài, ecc.; pp. scautatu. Scaldare una
prima volta in acqua bollente e poi di nuovo cuocere normalmente: ste pezze te casufriscu
le scautamu e nde facimu casurrecota riscaldiamo in acqua bollente queste forme di cacio
fresco e ne facciamo forme di caciotte * fig. Subire gli affetti della calura: se scàutanu cu
δδe este pesanti si accàldano con quelle vesti pesanti. [dal lat. excaldare].

scautatu agg. 1- Cotto già una prima volta e immerso nuovamente in acqua in ebollizione *
2- Scottato * prov. Cane scautatu time puru l'àcqua fridda cane scottato teme pure
l'acqua fresca.

scautaturu sm. Contenitore di terracotta che, riempito di brace, viene sistemato tra gli assi
della 'mòneca' come scaldaletto. [da scautatu + suff. funz. -uru].

sçavu sm. Schiavo come epiteto offensivo, persona di condizione umiliante e soggetta
all'arbitrio altrui. [dal lat. med. slavus]. V. pure schiàu.

scavu (neol.) sm. Scavo. V. i più comunemente usati fòggia, fuessu, canale.

scazzafitta sf. Stacco, separazione dell'in-tonaco dal muro.

scazzafittare tr.; pres. scazzafittu,… scazzafittamu, ecc.; p. rem. scazzafittài, ecc.; pp.
scazzafittatu. Stonacare, scrostare un muro staccandone l'intonaco: nde scazzafittàra puru
le petture ne staccarono anche le pitture. [dall'incr. tra it. scalzare, cazza e soffitto].

scazzamurieδδu sm. 1- Folletto casalingo giocherellone, che se ne sta nascosto negli stipi,
negli armadi, nei cassetti della biancheria e spesso, per dispetto, cambia di posto a
qualche oggetto * 2- fig. Uomo basso e mingherlino. [dim. tratto dal lecc. cazzare comp.
con il germanico mara, fantasma]. V. laurieδδu, uriceδδu.

scazzecare1 tr.; pres. scàzzecu, scàzzechi, scàzzeca, scazzecamu, ecc.; p. rem. scazzecài, ecc.;
pp. scazzecatu * 1- Smuovere, sollevare un tantino; sprimacciare: basta cu llu scazzecati
stu cute è sufficiente che stacchiate questo macigno dal banco * fig. Stuzzicare, stimolare:
nna camenata ni scazzecàu la fame una camminata ci stimolò l'appetito. [da un incr. tra it.
scalzare e cacciare].
DE D. ncignàu: "Ohimmè! lu primu male è quistu, / tte scàzzeca la ndore e cu nu pruei!

scazzecare2 rifl.; pres. me scàzzecu, ecc.; impf. me scazzecàa, ecc.; p. rem. me scazzecài,
ecc.; pp. scazzecatu. Animarsi; rizzarsi con fatica, sollevarsi appena: se scazzecàu te la
sèggia e se ssettàu all'ancutieδδu si sollevò a fatica dalla sedia e sedette sullo sgabello *
fig. Eccitarsi sessualmente: appena ite nn'anca, se scàzzeca appena intravede una gamba,
si eccita. [è anche implicito il significato di cazzu].

267
S

scazzecatu agg. Eccitato * freddura triv.: nnu culignu, appena idde lu mare scazzecatu,
disse: "Moi me minu!" un pederasta, appena vide il mare 'eccitato' esclamò: "Adesso mi
butto!".

scazzuttare tr.; pres. scazzottu, scazzuetti, scazzotta, scazzuttamu, ecc.; p. rem. scazzuttài,
ecc.; pp. scazzuttatu. Scazzottare. [da cazzottu].

scazzuttatura sf. Scazzottatura.

scazzùzzeru sm. Omino; nanetto; persona bassa e gracile, ma tutto pepe.

sçecu, sçiuecu sm. Gioco; svago, passatempo; divertimento: sta’ ffacimu lu sçecu te lu nieδδu
d'oru stiamo facendo il gioco dell'anello d'oro; a cce sçecu sçiucamu? a che gioco
giochiamo?; tie faci sempre sçiuechi te babbu tu fai sempre scherzi di babbeo * provv.
Sçiuecu te manu, sçiuecu te ellanu gioco di mano, gioco di villano § A cci ae fiaccu lu
sçecu, cu batta le carte colui, a cui va male il gioco, mischi le carte § Ci sape le malìzie te
lu sçecu, ete fessa ci le dice all'àutri chi conosce i trucchi del gioco, è stupido se li svela
agli altri. [lat. jocus].

sçègghiu
sçègghiu, sçiuègghiu sm. 1- Semenza del loglio o zizzania: quannu lu sçègghiu ete cchiùi te
lu ranu quest'anno i chicchi del loglio sono più numerosi dei chicchi del grano; sta
cristiana sìmmena sçiuègghiu puru a mparaìsu costei semina zizzania persino in
paradiso. [da un incr. tra lat. exeligo e lolium].
DE D. "… nu bè ccosa forte / cu ssìmmena lu scègghiu intru lli Santi".

sçelappa sf. Gialappa, specie di convolvolo dai lunghi steli avvolgenti; ha càule rossastro,
foglie cordiformi e fiori campanulati; dai suoi rizomi si estrae una sostanza che è un
drastico purgante. [dalla città messicana Jalapa].

sçelare intr. difettivo; pres; sçela, sçèlanu; impf. sçelàa, sçelânu; p. rem. sçelàu, sçelàra; pp.
sçelatu. Gelare, intirizzirsi; sentire molto freddo: a mmie me sçela la punta te lu nasu mi

268
S

si gela la punta del naso; allu piccinnu ni sçelàanu le tìsçete al bambino intirizzivano le
dita; mama dice ca m'à scelare mia madre afferma che sentirò freddo. [lat. gelare, g>sç].

sçelata sf. Gelata, brinata.

sçelatina sf. Gelatina di frutta zuccherata.

sçelatura sf. Gelata con formazione di ghiaccioli; vasta brinata sul terreno e sulle piante: ae
nna semana ca sçiamu te sçelatura a sçelatura da una settimana passiamo da una gelata
ad un'altra successiva.

sçeleccu (pl. sçelecchi) sm. Gilè, panciotto, farsetto di panno. [sp. chaleco, it. ant. giulecco].

sçeleppu sm., sçeleppa sf. Succo zuccherato denso di frutta sciroppata.

scelleratu agg. Scellerato; malvagio. [lat. sceleratus].

sçelu sm. Gelo; freddo gelido: nna rutta lu rreparàa de l'acquanìe e de lu sçelu una grotta lo
riparava dal nevischio e dal gelo * prov. Sçelu marzulinu face mmulenìre lu cuntatinu il
gelo a marzo fa illividire il contadino. [lat. gelus, g>sç].

sçeluppare tr.; pres. sçeluppu,… sçeluppamu, ecc.; p. rem. sçeluppài, ecc.; pp. sçeluppatu *
Sciroppare le frutta * fig. Sorbire di buon grato; bere avidamente. [dal lecc. sçeleppu incr.
con sçeluppu].

sçeluppu sm. Sciroppo. V. sçeruppu.

sçelusìa sf. 1- Gelosia, sentimento di rivalità; cura affettuosa, sentimento possessivo * 2-


Affisso esterno di legno per finestra; persiana.

sçelusu agg. Geloso; di individuo possessivo. [dall’it. geloso; nota la g- > sç- e le -o-, -o > -
u-, -u]
Da c. p. Su' sçelusu te tie tantu tantu, / sçelusu de lu sule e de lu ientu;

scemàggine, scemagginità sf. Scemenza, scempiaggine, stupidità * fig. Cosa molto facile a
farsi.

scemare intr.; pres. scemu,… scemamu, ecc.; p. rem. scemài, ecc.; pp. scematu. Esitare,
tentennare; venir meno a una promessa. [dall'it. scemare].
da c. p. Ci e' de sì, dimme sì senza quatela, / ci e' de no, dimme no senza scemare.

scemiceδδu agg. Alquanto scemo, un po' tocco. [dim. di scemu].

sceminu agg. Sciocchino; inesperto e ingenuo. [vezz. di scemu].

269
S

sçemma sf. Gemma; abbozzo di germoglio. [lat. gemma, g>sç].

sçèmmulu
sçèmmulu, sçèmulu sm. Margheritona, pianta erbacea perenne, è comune nei luoghi erbosi,
nei prati, lungo le siepi; ha foglie verdi scure e dentate; il fusto, poco ramoso, porta dei
capolini gialli e corolle del medesimo colore. La varietà coltivata ha il capolino centrale
giallo e le corolle bianche.

sçemmurìculu, sçemmulìculu sm. Ciascun capolino della pianta di camomilla: a' ba'
ccuegghi li sçemmurìculi pe nnu recuettu vai e raccogli i fiori di camomilla per un
decotto. [dim. di sçèmmulu].

scèmpiu sm. Scempio, strage, violenza spietata.

scemu agg. 1- Scemo, balordo; ignorante; cretino, imbecille, stupido: sinti scemu e fessa sei
scemo e balordo; nu ddare retta a δδa scema non dar retta a quella ignorante; nu ffare lu
scemu d'India tie! non fare l'indiano tu! * detto: quanti scemi nùtrica la farina, quanti
sapi mòrenu te fame! quanti stupidi la farina nutre, quanti saggi soffrono la fame! * 2-
con tono affettivo. Inesperto, sciocchino: nu bu mpaurati, scemi mei non vi spaventate,
sciocchini miei. [lat. semus, mezzo].
DE D. llèanilu puru, llèanilu lu fruttu de la scènzia, / fanni turnare scemi, la mente cu sse
chiua!

scemu a nforsa sm. Finto tonto.

scemu babbu sm. Deficiente, veramente privo di intelligenza.

scemunìre tr. e intr.; pres. scemuniscu,… scemunimu, ecc.; p. rem. scemunìi,… scemunemmu,
ecc.; pp. scemunutu * tr. Intontire, stordire * intr. Diventare scemo, istupidire. [da scemu
enìre].

270
S

scemunitu agg. Scimunito, istupidito, stupido.

scena sf. 1- Scena di teatro, luogo della presentazione * 2- L'azione condotta dall'attore: tie
faci la scena matre tu fai la scena principale; ièu fici scena mmuta io feci scena muta * 3-
Scenata, sfogo collerico di una persona in pubblico; spettacolo sconveniente: me fice nna
scena subbra a lli scaluni te la chèsia mi fece una scenata sui gradoni della chiesa; l'ecchi
mei ìddera nna brutta scena i miei occhi osservarono un brutto spettacolo. [lat. scoena].

scenaru sm. Scenario, ambiente o paesaggio di un avvenimento. [lat. scenarium].

scenata sf. Litigio, diverbio rumoroso; alterco in pubblico.

sçenca (pl. sçenche) sf. Giovenca che ha superato i primi diciotto mesi d'età. [lat. j(uv)enca,
j>sç].

sçencareδδa sf. Giovenca giovane. [dim. di sçenca].

sçencarieδδu, sçenchiceδδu sm. Vitellino. [dim. di sçencu].

sçencu (pl. sçenchi) sm. Giovenco, vitello * prov. Ci tene a ntàula carne te sçencu, nu
mmàngia cepuδδa colui che ha a mensa carne di vitello, non mangia cipolla per
companatico. [lat. j(uv)encus, j>sç].

scendìre v. scìndere.

sçennarinu agg. Di gennaio; di frutto della terra che matura a gennaio: cucuzza sçennarina
zucca oblunga di gennaio.

sçennaru sm. Gennaio: matine fridde de sçennaru mattine fredde di gennaio * provv.
Sçennaru siccu, mmassaru riccu; ma ci ete mutu siccu, se inde l'aratu e llu parìcchiu
gennaio poco piovoso, massaro ricco; ma se è troppo secco, venderà l'aratro e la coppia di
buoi § Sçennaru zappature, frebbaru putature gennaio zappatore, febraio potatore §
Mèndula ci fiurisce te sçennaru nu nde minte ntra llu panaru mandorlo che fiorisce a
gennaio non metterà frutti nel paniere § Zappa e puta te sçennaru ci uèi binchi lu ceδδaru
zappa e pota in gennaio se desideri empire i contenitori della cantina. [lat.
januarius>jenuarius, mese sacro a Giano].

sçènneru sm. Genero. Con i possessivi in pos. encl.: sçènnuma, sçènnuta, sçènnusa mio, tuo,
suo genero. [lat. gener -eris].

scentrare tr.; pres. scentru,… scentramu, ecc.; impf. scentràa, ecc.; p. rem. scentrài, ecc.; pp.
scentratu. Far perdere il centro, squilibrare una massa rotante.

scenucchiare rifl.; pres. me scenùcchiu, ecc.; impf. me scenucchiàa, ecc.; p. rem. me


scenucchiài, ecc.; pp. scenucchiatu. Cadere ginocchioni: pe llu pisu te scenucchiasti per il

271
S

peso cadesti sulle ginocchia; s'à scenucchiatu è caduto battendo i ginocchi. [s- privativo e
incr. tra lat. volg. genuculare e lecc. sçenùcchiu].

scenucchiata sf. Ginocchiata, colpo di ginocchio: cu nna scenucchiata pìgghiàu e spalangàu


la porta con una ginocchiata ecco che spalancò la porta.

sçenùcchiu sm. [pl. m. sçenucchi, pl. f. sçenùcchie). Ginocchio: li sçenucchi li purtàa


scurciati aveva i ginocchi spellati; li màsculi tènenu le sçenùcchie sempre fridde gli
uomini maschi hanno le ginocchia sempre fredde. [lat. genuculum].

scènzia sf. La sapienza, la conoscenza; la scienza e la tecnica: nc'ete cu tte faci maraègghia
te la scènzia te li ntichi c'è da meravigliarsi della sapienza degli antichi * detto: la
pràtteca ince la scènzia la pratica supera la teoria. [lat. scientia].
DE D. Cce base, dunque, Adamu, lu fruttu ca mangiasti, / la scènzia de lu bene, la
scènzia de lu male?

scenziatu agg. e sm. Molto ingegnoso, inventore; sapiente, assai istruito: nna scenziata ete
sorma: a ddu se minte sona mia sorella è molto istruita: qualunque cosa intraprenda la
porta a buon fine; tuttu cu lle manu soi se face, ete nnu scenziatu fa tutto con le proprie
mani, è molto ingegnoso.
DE D. Dimme quale scenziatu l'ha capita / comu se forma a ncapu lu penzieri? / comu
ccumenza all'uèmmeni la vita?

scenzione sf. La festa religiosa cattolica dell'Ascenzione. [lat. ascentio -onis].

scerabbà v. sciarabbà

scèrcula sf. Susina di colore giallo-verdognolo.

scèrcule, scèrpule sf. pl. Masserizie minute di poco valore e scarso pregio; cianfrusaglie.

sçèrmete

272
S

sçèrmete sm. 1- Mannello, manata di steli di erbe, che il mietitore afferra e taglia con un sol
colpo di falce * 2- Legaccio ricavato con gli steli dello stesso mannello. [lat. merges -
itis>germete, g>sç].

sçernetura sf. 1- Selezione, suddivisione * 2- Sistema (terrapieno, muretto, staccionata) atto


a incanalare l'acqua in più rivi, oppure a dividere le pecore di un gregge.

sçeroccu sm. Scirocco, vento umido di sud-est; atmosfera dominata dallo scirocco umido; il
punto cardinale sud, il mezzogiorno: osçe ete sçeroccu oggi è scirocco; ane rittu a
sçeroccu vai dritto in direzione sud * provv. Sçeroccu chiaru e tramuntana scura, camina
certu ca la ia e' ssecura scirocco sereno e tramontana nuvolosa, vai tranquillo ché il
viaggio è sicuro, non c’è pericolo di pioggia § Quandu lu sçeroccu rite, ete fessa ci lu
crite è da sciocchi prestare fede allo scirocco quando ride ed è sereno § Sçeroccu
muttulusu li malati li face suffrire, li sani li face durmire scirocco umidiccio fa soffrire i
malati, fa poltrire i sani. [arabo shuluq, vento caratteristico del Sahara].

scerrare rifl.; pres. me scerru, te scierri (scerri), se scerra, ni scerramu, ecc.; p. rem. me
scerrài, ecc.; pp. scerratu. Dimenticare, scordare: a ffiate se scerràa puru comu se
chiamàa a volte dimenticava persino come si chiamava; m'àggiu scerratu lu cappieδδu ho
dimenticato il cappello; nu tte scerrare cu ddici le cose te Diu non dimenticare di recitare
le preghiere * prov. Fane male e pènsanci, fane bene e scèrratende fai del male e pènsaci,
fai del bene e scòrdatene.
Da c. p. Mo' ci me partu, arrivederci addìu, / nu tte scerrare te ci tantu te ama.
DE D. a mbrazze toa me scerru ogne turmientu, / nun àggiu friddu cchiùi, nun àggiu
fame.

scerratazzu agg. Dimenticone, di poca memoria.

scerratizzu agg. Che dimentica facilmente, smemorato.

scerratu agg. Dimentico; incurante.

scersa, scerza sf. Terreno incolto perché poco produttivo; pascolo permanente.

scersu, scerzu agg. Incolto, erboso.

sçeruccale agg. Sciroccale, di scirocco: ienti sçeruccali venti di scirocco; faugnu sçeruccale
afa sciroccale.

sçeruccare intr. impers.; pres. sçerocca; impf. sçeruccàa; p. rem. sçeruccàu; pp. sçeruccatu.
Ruotare del vento per soffiare da scirocco: era punente, poi sçeruccàu e chiobbe era
ponente, poi venne lo scirocco e piovve. [da sçeroccu].

sçeruccata sf. Maltempo sollevato dallo scirocco; scirocco che imperversa.

273
S

sçeruccazzu sm. Brutto vento di scirocco.

sçeruccusu agg. Sciroccale: ària sçeruccusa e ùmeta atmosfera sciroccale e umida; lu ientu
sçeruccusu porta nule e àcqua il vento sciroccale apporta nuvole e pioggia.

sçeruppare tr.; pres. sçeruppu,… sçeruppamu, ecc.; p. rem. sçeruppài, ecc.; pp. sçeruppatu.
Sciroppare, preparare una bevanda di sciroppo * fig. rifl. Ingerire malvolentieri, sorbirsi.
V. sçeluppare.

sçeruppatu agg. Sciroppato.

sçeruppu sm. Sciropp, decotto. [dal lat. med. sirupus].

sçeruppusu agg. Dolciastro e consistente come uno sciroppo.

scerveδδare rifl.; pres. me scerveδδu, te scervieδδi, se scerveδδa, ni scerveδδamu, ecc.; p.


rem. me scerveδδài, ecc.; pp. scerveδδatu. Scervellarsi, stillarsi il cervello. [da cervieδδu].

scerveδδatu agg. Scervellato, scriteriato; sbalestrato.

scerza v. scersa.

sçettafuecu sm. Acciarino. [comp. di sçetta(re) fuecu].

sçettalora, sçettarola sf. 1- Buco della fogna; smaltitore di acque piovane * 2- Botola del
soppalco, attraverso la quale viene gettato il foraggio ivi ammucchiato.

sçettare tr.; pres. sçettu, sçietti (sçetti), sçetta, sçettamu, ecc.; p. rem. sçettài, ecc.; pp.
sçettatu * 1- Gettare via, lanciare lontano, buttare; espellere, sprizzare: sçettati sti
sosarieδδi δδaffore gettare questi barattoli là fuori; prima sse sistema à sçettatu lu sangu
prima di sistemarsi ha sprizzato sangue * 2- Emettere gemme, germogliare: li nniesti
sçettàra muti uecchi gli innesti gettarono parecchie gemme * rifl. Lasciarsi andare per
fare i primi passi: a ddùtici misi ncignàu cu sse sçetta a dodici mesi cominciò a dare i
primi passi. [lat. eiectare].
D'AM. (L'ecchi toi) … quandu li apri e giri a nturnu / sia ca sçèttanu fasçiδδe.

sçettatieδδu sm. Bambino abbandonato, esposto; trovatello.

scettru sm. Scettro di comando. [dal lat. sceptrum].

sçettu sm. Getto, gemma.

schèletu, schèletru sm. Scheletro. [dal gr. skeletòs].

schenzanese agg. Di Squinzano * sm. e f. Abitante di Squinzano.

274
S

Schenzanu, Schinzanu geogr. Squinzano.

schera (lett.) sf. Schiera, gruppo; massa di gente schierata. V. murra.


DE D. e Idrusa pura, santa mmaculata, / la schera de le vergini sçiu ttruàu!

scherare (lett.) tr.; pres. scheru, schieri, schera, scheramu, ecc.; impf. scheràa, ecc.; p. rem.
scherài, ecc.; pp. scheratu. Schierare. [da schera]. V. i più comuni lliniare, nfelezzare.

scherma sf. Scherma; duello rusticano eseguito maneggiando i coltelli oppure i bastoni:
sçera a mmera a Santu Ronzu te fore cu sse tìranu a scherma si recarono dalle parti di S.
Oronzo fuori le mura per fare il duello.

schermitore sm. Schermidore, uno che sa maneggiare il coltello o il bastone nella lotta
rusticana.

schersare intr.; pres. schersu, schiersi, schersa, schersamu, ecc.; p. rem. schersài, ecc.; pp.
schersatu. Giocare vivacemente, trastullarsi; scherzare, sia nel senso di comportarsi in
maniera allegra per divertire e sia nel senso di parlare con leggerezza e con indelicatezza:
quandu schersàa, ni facìa crepare te risi quando scherzava ci faceva ridere a crepapelle;
nu tte fare currìu: nu biti ca sta’ schèrsanu? non mettere in broncio: non vedi che
scherzano?; la farfalla sta’ schersa cu lli fiuri la farfalla si trastulla con i fiori; schersandu
schersandu nci l'àggiu fatta scherzando scherzando ci sono riuscito.
DE D. la luce morta sècuta a schersare / nfacce alla pora barca scanusciuta.

schersèbbule agg. Scherzevole.

schersebbulisçiare intr.; pres. schersebbulìsçiu, ecc.; impf. schersebbulisçiàa, ecc.; p. rem.


schersebbulisçiài, ecc.; pp. schersebbulisçiatu. Scherzare fino a procurare fastidio agli
altri. [da schersèbbule + suff. durat.-intens. -sçiare].

schersiceδδu sm. Scherzetto. [dim. del lecc. schersu].

schersu (pl. schiersi) sm. Scherzo, beffa, burla, celia; divertimento: l'àggiu fattu a schersu
l'ho fatto per scherzo; ni fìcemu nnu bellu schersu gli facemmo una beffa piuttosto
pesante * detto: cu lli schiersi e ccu lli risi se furnìscunu li turnisi scherzando e ridendo i
denari si esauriscono; uè' biti ca a schersu a schersu te rumpu li musi? vuoi vedere che
scherzando e ridendo faccio sul serio e ti faccio uscire sangue dalla bocca?

schersusu agg. Scherzoso, faceto; burlone, giocherellone.

schettare tr.; pres. schettu, schietti, schetta, schettamu, ecc.; impf. schettàa, ecc.; p. rem.
schettài, ecc.; pp. schettatu. Pettinare capelli troppo arruffati e annodati; districare;
sciogliere trecce.

schettezza sf. Schiettezza; sincerità.

275
S

schettu (pl. schietti) agg. Schietto, semplice, puro genuino; sincero, leale: ete mieru schettu è
vino puro e genuino; me pare nna stria schetta mi sembra una ragazza sincera; picca
suntu li amici schietti pochi sono gli amici sinceri e leali.
Da c. p. Ete sine o none? Speru o nu speru? / Pàrlame schettu ci me ài te parlare.

schiantare tr.; pres. schiantu,… schiantamu, ecc.; p. rem. schiantài, ecc.; pp. schiantatu.
Schiantare, svellere piantine per trapiantarle; estirpare, sradicare; stroncare: lu fùrmene
schiantàu la cruce te lu campanaru il fulmine schiantò la croce del campanile.

schiantatu agg. Sradicato; stroncato.


DE D. Moi comu truncu de parma schiantata / te uarda e nnu te càrcula nisciunu.

schianteδδare tr.; pres. schianteδδu, schiantieδδi, schianteδδa, schianteδδamu, ecc.; p. rem.


schianteδδài, ecc.; pp. schianteδδatu. Schiantare, stroncare, svellere con violenza * 2-
Staccare la suola, la 'chianteδδa' dalla scarpa.

schiantu sm. Schianto, rumore fragoroso.

schiappa sm. e f. Persona buona a nulla, incapace.

schiappinu sm. Inesperto, poco abile; mestierante.

schiappune sm. Povero diavolo.

schiarire tr. e intr.; pres. schiariscu,… schiarimu, ecc.; p. rem. schiarìi,… schiaremmu, ecc.;
pp. schiarutu. Schiarire: cu ll'àcqua te capumilla schiarìu li capiδδi con l'infuso di
camomilla schiarì i capelli; lu celu à schiarutu il cielo si è schiarito.

schiaruta sf. Schiarita.

schiarutu agg. Sbiadito.

schiatteδδare tr.; pres. schiatteδδu, schiattieδδi, schiatteδδa, schiatteδδamu, ecc.; p. rem.


schiatteδδài, ecc.; pp. schiatteδδatu. Spiattellare, dichiarare sfrontatamente: sòpiu sòpiu
ni sçiu schiatteδδàu la erdate calmo calmo gli spiattellò la verità.

schiavitù sf. Soggezione umiliante; costrizione durevole.

schiavu, schiàu agg. e sm. Succubo, individuo soggiogato, plagiato e incapace di rendersi
libero.

schiδδante agg. Di voce acuta, squillante: te canna ni essìu nnu risu schiδδante dalla gola gli
uscì una risata stridula.

276
S

schiδδare intr.; pres. schiδδu,… schiδδamu, ecc.; p. rem. schiδδài, ecc.; pp. schiδδatu.
Strillare; squillare: tutte le nunne se mìsera a schiδδare tutte le donne si misero a strillare;
le trumbette me schiδδàanu ntru lle rìcchie le trombette mi squillavano nelle orecchie. [da
schiδδu].

schiδδu sm. 1- Strillo, grido acuto; urlo * 2- Squillo, suono acuto.


DE D. e de intru Utràntu se nde sente ausare / schiδδi e prechere de ci spera e more!
DE D. Sulu de la Minerva se nde sente / rùmpere l'ària nu schiδδu de tromba.

schifare tr.; pres. schifu,… schifamu, ecc.; impf. schifàa, ecc.; p. rem. schifài, ecc.; pp.
schifatu. Schifare.

schifenza sf. Cosa o azione che fa schifo; porcheria.

schifezza sf. Schifezza.

schifìu sm. 1- Fatto disgustoso; azione riprovevole; cosa nauseante: à ccumbenatu nnu
schifìu ha combinato una cosa schifosa * 2- Fiasco, insuccesso totale: la festa sçiu
spicciàu a schifìu la festa finì in un totale insuccesso.

schifu sm. Schifo, disgusto, cosa disgustosa: nnu schifu te fìmmena crìsçiu ca la ttroa, no?
uno straccio di donna, credo, lo troverà, no?; sta cuiarda ete nnu schifu questa minestra
appiccicatìccia è una cosa disgustosa. [fr. eschif].

schifusàggine sf. Schifosaggine, azione schifosa e biasimevole.

schifusu (f. schifosa) agg. Schifoso, disgustoso e nauseante.

sçhina (lett.) sf. Schiena: me giràu la sçhina e sse nde sçìu mi voltò la schiena e se ne andò.
V. spaδδe.

sçhinale sm. Schienale, la parte del sedile destinata all'appoggio della schiena.

schiòere (lett.) intr. impers.; pres. schiòe; impf. schiuìa; p. rem. schiuìu (sciobbe) ; pp.
schiuutu. Spiovere. V. scampare.

schioppu sm. Schioppo, fucile a una canna. [lat. med. scloppus].

schircu sm. Estro; bizza, idea bizzarra, schiribizzo, tìcchio: ni salèra ccerti schirchi! gli
salirono certe idee bizzarre!; ci me ene lu schircu, nna strina te la nducu se mi viene il
ghiribizzo, ti porterò una strenna. Stornello: O rose pacce, / ci a ncuerpu, beδδu miu,
puerti sti schirchi, / annanti a ssirma ièu te sputu a nfacce.
D'AM. (la Furtuna), … / salùtuni lu schircu a nu mumentu, / alla mmersa camina cu la
rota.

277
S

schircusu agg. Estroso; bizzarro, capriccioso; stravagante.

schirecare tr.; pres. schìrecu, schìrechi, schìreca, schirecamu, ecc.; p. rem. schirecài, ecc.;
pp. schirecatu. Sospendere a divinis un sacerdote: Bonsignore schirecàu papa Ruggeru
monsignor Vescovo sospese a divinis don Ruggero * rifl. Spretarsi, abbandonare lo stato
sacerdotale. [da chìreca].

schirecatu agg. Spretato * fig. Miscredente, infedele, scomunicato.

schiribbizzu (neol.) sm. Ghiribizzo; capriccio. V. schircu.

Schirichìa sm. e f. Personaggio strambo immaginario; un tizio quant'altri mai stravagante.

schiuàre tr.; pres. schiòu, schiuèi, schiòa, schiuàmu, ecc.; impf. schiuàa, ecc.; p. rem.
schiuài, ecc.; pp. schiuatu. Schiodare (il contrario è nchiuàre).

schiuatu agg. Schiodato e aperto.

schizzettu sm. 1- Pompetta per clisteri * 2- Berrettino tondo di feltro senza tese; zucchetto
emisferico dei prelati * 3- fig. Goccio di alcol schizzato in altra bevanda alcolica.

schizzu sm. Schizzo, abbozzo fatto con pochi tratti.

scìa (pl. scèi) sf. Ragazza. V. strìa. [nota str>sc].

sçia' voce verbale = sçiamu, sçiati del verbo sçire; quasi sempre esortativo, è unito ad altre
forme verbali al presente: sçia' (=sçiamu) mmangiamu andiamo a mangiare; sçia'
(=sçiati) stutiati andate a studiare; nui sta’ scia' ffatiamu e ui sta’ scia' ddurmiti noi
stiamo andando a lavorare e voi andate a coricarvi.

sciàbbeca sf. 1- Sorta di rete da pesca * 2- Palandrana, ampia e lunga vestaglia svolazzante *
fig. Persona sciatta e trasandata nel vestire. [arabo shabaka].

sciabbecatu agg. Trasandato nel vestire e nel comportarsi; disordinato nel lavoro.

sciabbecheδδa sm. e f. Persona male in arnese ma simpatica. [dim. di sciàbbeca].

sciàbbula sf. Sciabola.

sciabbulata sf. Sciabolata.

sciaccale sm. Larga cinghia dei finimenti, che si attacca al basto. [dall'it. straccale, str>sci].

sciaccare intr.; pres. sciaccu, sciacchi, sciacca, sciaccamu, ecc.; p. rem. sciaccài, ecc.; pp.
sciaccatu. Straccare, stancarsi: fatìanu comu muli e sciàccanu lavorano come muli e si

278
S

stancano. [da sciaccu]. V. anche il più usato straccare.


D'AM. Passa e spassa àggiu sciaccatu / cchiù de quiδδi ci anu a ncàccia.

sciaccata sf. Stracchezza, senso e stato di stanchezza.

sciaccatu agg. Stracco, sfinito dalla stanchezza.

sciaccu (pl. sciacchi) agg. Stracco, stanco oltre misura; sfinito: se nde stese stisa cu lli sensi
sciacchi se ne stette distesa con i sensi sfiniti; (D'Amelio) me nde tornu sciaccu e lassu
torno indietro stanco e sfinito. V. pure straccu. [nota str>sci].

sciacqualattuche sm. e f. Fannullone inetto, che non sa eseguire alcun lavoro a lui assegnato
(per cui ha il solo còmpito di sciacquare le lattughe! ).

sciacquare tr.; pres. sciaccu, sciàcqui, sciàcqua, sciacquamu, ecc.; p. rem. scicquài, ecc.; pp.
sciacquatu. Sciacquare * rifl. Lavarsi per rinfrescarsi.

sciacquarisçiare tr.; pres. sciacquarìsçiu,… sciacquarisçiamu, ecc.; impf. sciacquarisçiàa,


ecc.; p. rem. sciacquarisçiài, ecc.; pp. sciacquariosçiatu * 1- Sciacquare male per
trascuratezza o per fretta * 2- Diluire con troppa acqua. [da sciacquare + suff. intens. -
sçiare].

sciacquarisçiatu agg. Diluito assai; troppo brodoso.

sciacquata sf. Sciacquata, lavata frettolosa e superficiale.

sciacquatienti sm. Pugno assestato sulla bocca, con fuoriuscita di sangue. [comp. di
sciacqua(re) tienti].

sciacquatu agg. Lavato e pulito, ma non ancora asciugato.

sciacquature sf. pl. Acque sporche delle stoviglie o di altre lavature.

sciàcqui sm. pl. Gargarismi.

sciacquitti sm. e f. Persona melensa, insignificante e insulsa.

sciaddèu agg. Sciatto, trasandato, trascurato; disordinato per abitudine.

sçiàlenu agg. Di colore giallo o biondastro: capiδδi sçiàleni schiaruti cu lla capumilla capelli
biondi ottenuti con lavaggi alla camomilla. [dal fr. jalne].
DE D. Coce a mpiernu lu sule. La pianura / ete nnu mare sçiàlenu brusçiatu.

sçialenusu agg. Giallognolo, giallastro; biondastro.

scialla1 sf. Scialle, indumento femminile. [fr. châle].


279
S

scialla2 sm. e f. Scialacquatore, che spende e spande. [da scialla(re) ].

sciallare (lett.) intr.; pres. sciallu,… sciallamu, ecc.; p. rem. sciallài, ecc.; pp. sciallatu.
Scialare. [dal lat. exhalare]. V. anche menare.

sciallazzi e sciallizzi sm. pl. Scialacquamenti in gozzoviglie; bagordi. [entrambe le voci da


sciallare].

scialletta sf. Sciarpa che viene avvolta al collo o per difendere la gola dal freddo o, indossata
sotto la giacca, per non sporcare il bavero di unto delle pomate per capelli. [dim. di
scialla].

sciallone sm. Ampio scialle quadrato o a forma di ruota, da indossare sulle spalle sopra le
vesti. [accr. di scialla].

sciallu sm. Scialle. V. scialla1.

scialu (lett.) sm. Scialo, sperpero, spreco. V. pure menamientu.

sciamberga sf. Frac, marsina * fig. menza sciamberga sm. 1- Impiegatuccio che si dà molte
arie * 2- Traffichino * 3- Gagà, vecchio individuo rammollito. [da un incr. tra sp.
chamberga e it. sciamma, toga]. V. pure l'analogo sciammerga.

sciamberghinu sm. Impiegatuccio; portaborse di un noto professionista. [dim. di


sciamberga].

sciamblare tr.; pres. sciamblu,… sciamblamu, ecc.; p. rem. sciamblài, ecc.; pp. sciamblatu.
Confezionare un indumento volutamente ampio, con falde svolazzanti; allargare un abito
o parti di esso. [lat. exampliare, it. sciamprare].

sciamblatu agg. Slargato, ampio che cade in numerose pieghe * sm. Indumento di proposito
confezionato ampio, affinché scenda in foggia cascante e ricco di pieghe. [it. ant.
sciamprato].

sciamissi sm. Ampio soprabito abbottonato sul davanti per tutta la sua lunghezza.

sciamissinu sm. Prendisole da spiaggia, che mai arrivava al disopra del ginocchio di una
donna. [dim. di sciamissi].

sciammannatu agg. Sciamannato, sgualcito; trasandato, disordinato.

sciammarisçiamientu sm. Scuotimento prolungato.

sciammarisçiare, ssammarisçiare tr.; pres. sciammarìsçiu (ssammarìsçiu), ecc.; impf.


sciammarisçiàa, ecc.; p. rem. sciammarisçiài, ecc.; pp. sciammarisçiatu. Scuotere

280
S

ruvidamente; sbattere ripetutamente: lu sciammarisçiàa pe spaδδe lo scoteva


ripetutamente e bruscamente per le spalle; ntra llu mbile mise àcqua, cìnnere e petrùδδuli
e llu sciammarisçiàu buenu buenu nell'orciolo mise dell'acqua, cenere e sassolini e lo
sbattè reiteratamente ben bene. [dall'it. stramenare incr. con maneggiare + suff. iter. -
sçiare].

sciammerga sf. 1- Giamberga, abito da cerimonia, finanziera o redingote * fig. triv. Coito,
amplesso fuggevole.

sciammerghinu sm. Giustacuore, giubba maschile lunga sino al ginocchio.

sciampagna sf. Sciampagna e qualsiasi vino bianco spumante o effervescente. [fr.


champagne].

sciampagnata sf. Scampagnata con colazione e allegre bevute.

sciampagnone sm. Amicone gioviale e spumeggiante, che con i compagni spende e spande *
prov. Li turnisi te lu carrucchiaru se li sçiuscia lu sciampagnone i soldi dell'avaraccio li
spende l'erede gaudente. [da un incr. tra it. sciampagna e compagnone].

sçiana sf. Propensione, intenzione, voglia; umore, stato d'animo: sçiana bona buona
intenzione, sçiana fiacca malumore, brutta sçiana stato d'animo cattivo * modo di dire:
stare te sçiana essere disposto. [forse dallo sp. jena, jana].

sçianaru agg. Di carattere volubile, che muta frequentemente i propri desideri; banderuola: e
cci la capisce δδa sçianara? e chi la capisce quella donna volubile? [da sçiana + suff. -
aru].

sçianàtecu agg. Di umore mutevole, lunatico. [da un comp. lecc. tra sçiana(ru) e (lu)natecu].

sciancare rifl.; pres. me sciancu, te scianchi, se scianca, ni sciancamu, ecc.; p. rem. me


sciancài, ecc.; pp. sciancatu. Scosciarsi; dilombarsi. V. pure spalare.

sciancatu agg. Claudicante, il quale ha subito uno slogamento all'anca e cammina a gambe
divaricate; sciancato.

sciangitama inter. Invito a lasciare la propria dama e a continuare la danza accoppiato alla
ballerina altrui. [dal fr. changez dames].

sçiangìa (pl. sçiangèi) sf. Gengiva. [lat. gingiva]. V. sangìa.

Sçianni, Giuanne pers. Giovanni.

sciappigna v. strappigna, strappina.

281
S

sciarabbà, scerabbà sm. Carro agricolo a due ruote con molleggiamento a balestre: ane cu
llu sciarabbà ca lu traìnu serve a mmie vai col carro a molle, perché il carro pesante
occorre a me. [fr. char-à-banc].

sciarabballista, scerabballista sm. Guidatore di uno 'sciarabbà' per mestiere, carrettiere.

sçiardenera sf. La moglie dell'ortolano.

sçiardenieri sm. Contadino-ortolano, il quale in un podere ben recintato, fornito di pozzi e


frequentato dai signori padroni, pianta qualche fiore lungo lo stradone, coltiva soprattutto
verdure e cura la pergola e il frutteto. [fr. jardinier].
Da c. p. Quantu e' bellu cu biessi sçiardenieri! / Se pìgghia le sazze e sse nd'ae fore, / e
bae ccugghiendu rose damaschine, / fugghiazze de merànguli pe ndore.

sçiardinu sm. (pl. f. sçiardine). Campagna chiusa da alto muro di cinta, ben irrigata, ben
coltivata a verdure e a piante da frutta; sul fondo stesso c'è la casa rustica con stradone;
non mancano le piante da fiore per la padrona * prov. La pacènzia ete nna bona erva, ma
nu ccrisce ntra ttutte le sçiardine la pazienza è un'erba buona, ma non cresce in tutti gli
orti. [fr. jardin].
Da c. p. Te lu sçiardinu miu lu fiuru sièi, / fenca cquannanti tie ndore dai.

sciarpa (neol.) sf. Sciarpa, indumento maschile. [fr. acharpe]. V. scialletta.

sciarpisçiare intr.; pres. sciarpìsçiu, ecc.; impf. sciarpisçiàa, ecc.; p. rem. sciarpisçiài, ecc.;
pp. sciarpisçiatu. Balbettare; non pronunziare bene le consonanti s-, l-; biascicare. [dal
suono onom. sc…rp…sç].

sciarpu agg. Bleso, balbuziente: sciarpu lu nanni, sciarpa la mamma e sciarpi su' benuti
puru li fili balbuziente il nonno, balbuziente la madre ed anche i figli sono derivati blesi.

sciarretta sf. Biroccino, vettura leggera a due ruote e senza mantice, tirata da un cavallo
snello e veloce. [fr. charrette].

sciarriare rifl.; pres. me sciarrìu,… ni sciarriamu, ecc.; impf. me sciarriàa, ecc.; p. rem. me
sciarriài, ecc.; pp. sciarriatu. Imbronciarsi e dividersi; offendersi e rompere i rapporti di
amicizia: la Peppina e llu Masi s'ànu sciarriati Giuseppina e Tommaso si sono lasciati e
separati.

sciassa, sciarsa sf. La giacca di alta uniforme con falde a coda di rondine dei reali
carabinieri.
BOZZI pe δδu fisçhiettu ci etimu mpezzatu / rretu lla sciarsa te li carbunieri.

sciata sf. Strada, via; itinerario: sciata ècchia e sciata noa strada vecchia di campagna e
strada nuova comunale; sciate sulagne cu lle cazzature cupe te le traìne vie di campagna
solitarie con le tracce profonde delle ruote dei carri; (D'Amelio) comu ientu pe le sciate

282
S

sta caloppa veloce come il vento sta galoppando per le vie. [lat. (via) strata, str>sci].
Da c. p. – Oi, ferma, ferma, ca si' ccarcerata, / moi ci t'àggiu ncurtata sula sula.
– Sotu, nu mme tuccare pe lla sciata, / ca su' zziteδδa e pperdu la furtuna!

sciàteca sf. Sciatica.

sçiatecara sf. Contadina esperta vagliatrice di cereali e legumi. [da sçiàtecu + suff. di mest. -
ara].

sçiatecare tr.; pres. sçiàtecu, sçiàtechi, sçiàteca, sçiatecamu, ecc.; p. rem. sçiatecài, ecc.; pp.
sçiatecatu. Stacciare, vagliare: ieri sçiatecàra lu uèrgiu, osçe sçiàtecanu li ruppini ieri
vagliarono l'orzo, oggi stacceranno i lupini. [da sçiàtecu].

sçiàtecu, farnaru
sçiàtecu (pl. sçiàtechi) sm. Grosso crivello di forma rotonda, con il fondo di rete metallica o
di lamiera bucherellata per vagliare cereali e legumi; oppure staccio di forma quadrata col
fondo di rete metallica usato dai muratori per setacciare la 'tufina'. [dal rumore onom.
sç…t…c degli aridi sul fondo del vaglio].

sciàtecu agg. Sciatico, ciascuno dei nervi dell'isco. [lat. sciaticus].

sciauratu agg. 1- Sciagurato, disgraziato, miserabile perseguitato dalla sventura * 2- Iniquo,


malvagio * prov. Sciaurata e cannaruta Diu cu lla iuta! che Dio aiuti una donna
sciagurata e golosa! [dal lat. exauguratus].

sçiava, sçiàa, sçià' sf. Nel frantoio oleario, locale-deposito delle singole partite di olive in
attesa di molitura. [it. giava].

scìbbula sf. Stronzo duro. [dal lat. scipio, bastone, lat. volg. dim. scipulus].

scicchi sm. Abito molto elegante: rriàra li mmitati tutti cu llu scicchi arrivarono gli invitati
indossando vestiti attillati ed eleganti * agg. indecl. Elegante e raffinato: purtàa nna esta
scicchi indossava una veste assai elegante; sorda era ddaveru scicchi tua sorella era
proprio un figurino * avv. In maniera ricercata, con raffinatezza, elegantemente: sièntilu
comu parla scicchi ascoltalo come si esprime con proprietà. [it. scicche].

sciδδa sf. 1- Ascella: nu mme rrechiδδecare sutta alle sciδδe non mi solleticare sotto le
ascelle * 2- Ala: la mita tenìa nna sciδδa spezzata la gazza aveva un'ala rotta. [lat. axilla].

283
S

sçiettu, sçettu sm. Getto, gettata di nuovi germogli. [da sçettare].

scigghiare tr.; pres. scìgghiu, ecc.; impf. scigghiàa, ecc.; p. rem. scigghiài, ecc.; pp.

scigghiatu. Aggrovigliare, arruffare, disordinare; scompigliare, sparpagliare. [dal lat.


exiliare, disperdere].

scigghiatu agg. Arruffone, disordinato.

scìgghie sf. pl. Oggetti vari tenuti in disordine; cianfrusaglie sparse; oggettini di poco valore
* fig. Arnesi vari, attrezzi minuti, che durante l'uso vengono posati qua e là sul luogo di
lavoro: ccuegghi le scìgghie e sçiàmuninde raccogli gli attrezzi e andiàmocene. [dal lat.
(au)xilia, strumenti].
DE D. … e ni dissi: "Caru beδδu, / dammi le scìgghie mei e te dau le toi".

sçigghiola agg. f., che indica la qualità di una specie di uva. Lugliatica: ua sçigghiola uva
primaticcia che matura a fine luglio. [da un dim. lat. *juliola].

scìgghiu sm. Disordine; trambusto. [lat. exilium, liu>gghiu].

sçìgliu sm. Giglio. V. gigliu.

scilignàgnulu, scilinguàgnulu sm. Scilinguagnolo, parlantina facile e spigliata. [lat. volg.


*sublinguaneus].

scimare tr.; pres. scimu,… scimamu, ecc.; p. rem. scimài, ecc.; pp. scimatu. Cimare, staccare
la cima di una pianta; troncare uno stelo, cogliere un fiore. [da s- sottrattiva e cima].

scimatu agg. Senza più la cima; con la cima recisa.

scimatura sf. L'operazione del recidere le cime di tutte le piante di una piantagione *

scimature sf. pl. Le cime recise e raccolte.

sçimellu agg. e sm. Gemello. [lat. geminus, dim. gemellus, g>sç].

scìmia (neol.) sf. Scimmia. [lat. simia]. V. il più comune signa.

scimione sm. fig. Persona grande e grossa, che però è goffa nei movimenti. [accr. di scìmia].

scimiottu sm. Giovane brutto e dispettoso, che infastidisce i compagni.

scimitarra sf. Scimitarra, l'arma da taglio dei Turchi.

scimiuttare (lett.); pres. scimiottu,… scimiuttamu, ecc.; p. rem. scimiuttài, ecc.; pp.
scimiuttatu. Scimmiottare.

284
S

scina sf. Strenna; regalo di fidanzati. [lat. strena, str>sc]. V. pure strina.
D'AM. Nu dellùiu de pasturi / tutti pòrtanu la scina.

scìndere, scendìre intr. e tr.; pres. scindu,… scendimu, ecc.; p. rem. scendìi (scisi), scendisti,
scendìu (scise), scendemmu (scìsemu), scendestu, scendèra (scìsera) ; imper. scindi,
scenditi; pp. scendutu (scisu) * intr. Scendere, venire giù: aìa scìndere lu Patreternu cu
mminta le cose a ppostu dovrebbe scendere il Padreterno per sistemare le cose per bene *
prov. Ci nu ccatta e cci nu bbinde, nu nci sale e nnu nci scinde se uno non compra e non
vende e non rischia nel commercio, non sale e non scende e rimane sempre allo stesso
livello * rifl. Calare di peso e di volume, dimagrire: etimu ci me nde scindu te nna decina
te chili vediamo se dimagrisco di una decina di chilogrammi * tr. Recare giù: nde
scendìanu li sacchi a unu a unu recavano giù i sacchi uno alla volta; scìndime lu panaru
portami giù il paniere. [lat. (de)scendere].
Da c. p. nc'e' nna caruseδδa te sìtici anni, / ca Cristu te lu celu a nterra scinde,

scindiliettu sm. Scendiletto, tappetino di panno grosso o di strisce di stoffa tessute.

scìngere, scengìre tr.; pres. scingu,… scengìmu, ecc.; p. rem. scengìi (scinsi), scengisti,
scengìu (scinse), scengemmu (scìnsemu), scengestu, scengèra (scìnsera) ; imper. scingi,
scengiti; pp. scengiutu (scintu) . Stringere: cu scìnganu li lazzi che strìngano i lacci; se la
scengìa a mpiettu se la stringeva al seno. [lat. stringere, str>sc]. V. il più usato strìngere.

scinta sf. Stretta: nna scinta te mànure cchiù' fforte una stretta più forte di mani.

scintu agg. Stretto; legato fortemente: lu nnutu nu stae mutu scintu il nodo non sta molto
stretto. V. strintu.

sçiòcula sf. Vena di scherzare; voglia di fare scherzi: sempre cu lla sçiòcula stai? sempre in
vena di scherzare stai?.

sçioculanu v. sciuculanu.

sciò sciò sm. Voce caratteristica per scacciare i volatili: sciò sciò, musçhe via via, mosche.

sciòla sf. Nastro, fettuccia larga di seta * fig. Specie di cicoria agreste a foglie lineali
bislunghe.

scioperare (neol.) intr.; pres. sciòperu,… scioperamu, ecc.; p. rem. scioperài, ecc.; pp.
scioperatu. Scioperare astenendosi dal lavoro abituale e protestando.

scioperatu agg. Scioperato, perditempo, sfaccendato; sbandato. [lat. exoperatus].

sciòperu sm. Sciopero.

sciorte sf. pl. Scariche diarroiche. [dall'it. (feci) sciolte, l>r].

285
S

sçiòsçiu agg. Trasandato e lurido, che è disattento e, qualunque cosa faccia, si sporca;
sudicione: pe beδδa, ete beδδa, mma ete sçiòsçia è bella, senz'altro bella, purtroppo è
trasandata e sporca.

sçiotta sf. Brodo alquanto diluito e non molto appetitoso, non da buttare comunque. [dall'it.
sciolta, l>t per assimilazione].
Da c.p. Lu culure ci puerti e' comu sçiotta, / si' comu nna menèscia senza sale!

sçiottulusu, sciuttulusu agg. Brodoso.

scippare tr.; pres. scippu,… scippamu, ecc.; p. rem. scippài, ecc.; pp. scippatu. Scippare,
derubare con strappo. [da s- sottrattivo e cippu].
Da c. p. Cùcchia (rendineδδa) … / quantu tte scippu nna pinna te l'ale, / ca àggiu ffare
nna lettre a llu miu amore.

scippu sm. Furto con strappo.

scippulare tr.; pres. scìppulu,… scippulamu, ecc.; p. rem. scippulài, ecc.; pp. scippulatu.
Scippare di frequente per mestiere. [frequentativo di scippare].

sçire intr. e tr.; è verbo irregolare, associato a (v)a(d)o, ed è soggetto a diverse variazioni.
Andare, dirigersi, procedere, recarsi * 1- intr.; pres. au, ai, ae (in pos. euf. bau, bai, bae),
sçiamu, sçiati, anu (banu): ièu au, ièu sta’ bau io vado; anu o nu banu? vanno o non
vanno? § impf. sçìa (da gi(v)a, g>sç), sçìi, sçìa, sçìamu, sçìu, sçìanu: sçìanu te pressa,
sta’ sçìanu te pressa procedevano in fretta § p. rem. sçìi, sçisti, sçìu, sçemmu, sçestu,
sçera: ui sçestu allu triatu? nui nu sçemmu andaste voi a teatro? noi non andammo §
imper. ane (a' bane, a' ba'), sçiati (sçia'): ane moi, a' bane moi vai adesso; a' ba' stùtia
vai a studiare § cong. pres. àsçia (bàsçia), àsçianu (bàsçianu): àsçia (cu bàsçia) comu
Diu ole! vada come Dio vuole! § gerundio sçendu: sçendu cu bui, stau scusçetatu
andando insieme con voi, starò tranquillo; mute fiate sçìa sçendu spesse volte vi si recava
§ pp. sçiutu: urmai la barca à sçiuta ormai la barca è andata § infinito sçire: lu sçire ete
forte, ma àggiu sçire l'andare è duro e difficile, ma devo andare; nu sçire fusçendu non
andare di corsa * 2- rifl. accompagnato dall'avv. nde. Andarsene; pres. me nd'au, te nd'ai,
se nd'ae (oppure me nd'iàu, te nd'iài, se nd'iàe), ni nde sçiamu, u nde sçiati, se nd'anu (se
nd'iànu) ; impf. me nde sçìa, ecc.; p. rem. me nde sçìi, ecc.; imper. abbande, sçiàtibunde;
cong. pres. se nd'àsçia, se nd'àsçianu * 3- ausiliare ad un altro verbo, entrambi nel
medesimo modo e tempo, serve ad indicare lo scopo dell'azione: au mmàngiu e poi me a'
ccurcu vado a mangiare e poi mi vado a coricare; sçiamu lleggimu lu manifestu andiamo
a leggere il manifesto; sçera bìddera lu circulequestru andarono a vedere il circo equestre
* 4- assai frequentemente le forme sçiàmu, sçiàti, sçire, in funzione servile, si
contraggono in sçia' (andiamo), sçia' (andate), sçi' (andare): sçiamu ballamu, sçia'
ballamu andiamo a ballare; àggiu sçire ffatiare, àggiu sci' ffatiare devo andare a lavorare
* 5- impers. Costare; sçire caru, sçire marcatu costare molto, poco; a cquantu ae lu
tùmenu? quanto costa il tomolo? * 6- tr. Lasciare andare, emettere: sçìa sangu te ucca

286
S

emetteva sangue dalla bocca; nu sta’ bae li nùzzuli te ficalìndia non sta evaquando i semi
di fichidindia. [lat. ire, it. ant. gire, g>sç].
Da c. p. Passàu lu Tùrchiu e lla zzeccàu pe rrazzu: / -Sçiàmunde, Rosa mia, sçiamu a
Tturchìa!

scisa sf. 1- Discesa: forte ete la saluta e fàcile la scisa, mma a ffiate la scisa ete cchiù' fforte
te la saluta difficile è la salita e agevole la discesa, ma a volte la discesa è più difficoltosa
della salita * 2- Pendenza, inclinazione: allu canalieδδu danni cchiùi scisa alla canaletta
dai più pendenza * 3- Calata, arrivo degli uccelli di passo: fra doi, ttrete giurni aìmu la
scisa te le tùrture fra due, tre giorni avremo la calata delle tortore.

sçìsçeri sm. Ventriglio, stomaco muscolare dei polli e degli uccelli. [dal lat. gigerium, g>sç].

sçisci sm. pl. 1- Nastri, trine, fronzoli, ornamenti delle vesti * prov. Te fore sçisci e
zzacareδδe, te intra Diu lu sape di fuori tutto trine e nastri, di dentro solo Dio lo sa * 2-
Vestitino guarnito dei bambini: te Natale la mamma toa te face nnu sçisci neu per Natale
la mamma tua ti farà un bel vestitino nuovo.

sci-sci sm., voce onom. che indica scherzosamente una caratteristica del parlare dei
settentrionali: parlare cu llu sci-sci parlare alla settentrionale maniera.

scisçitta sf. Navetta, spola del telaio da tessere, che va e viene rapidamente. [dal lat. sagitta].
V. pure naetta.

Sçìsçiu, Sçisçi, Cici, Gigi, Gigginu pers. Luigi.

sçìsçiula
sçìsçiula sf. Sia la pianta che il frutto del giùggiolo, arbusto spontaneo della macchia
mediterranea, con rami contorti e flessibili, foglie oblunghe, frutti ovali a drupa di colore
bruno-nocciola, eduli * sçìsçiule sf. pl. fig. 1- Traveggole; grattacapi lievi ma numerosi *

287
S

2- Scherzetti; moine * modo di dire: stare cu lle sçìsçiule essere euforico * 3- inter.
Corbèzzoli!: sçìsçiule, cce carusazze! perbacco, che gran belle figliole!.

sçisçiulignu agg. Del colore della 'sçìsçiula', cioè bruno-nocciola di aspetto lucido.

sçisçiulusu agg. Tutto moine simpatiche, cerimonioso.

sciu (pl. scèi) sm. Ragazzo. V. il più comunemente usato striu. [str>sc].

Sçiuanne, Sçianni, Sçiuanninu pers. Giovanni. V. Giuanne.

sçiuànu agg. Giocherellone. V. il più frequente sçiuculanu.

sçiuàra sf. Grosso anello metallico fissato al centro del giogo, nel quale viene inserita e
legata la stanga dell'aratro. [da sçiùu + suff. funz. -ara].

sçiùbbecche, giùbbecche sf. Tipo di sigaretta confezionata con tabacco chiaro di discreta
qualità (il nome richiama il Giuba, fiume della Somalia, una volta italiana).

sciucante (carta -) sf. Carta asciugante.

sciucare (neol.) tr. Asciugare. V. anche ssucare.

sçiucare intr. e tr.; pres. sçiocu, sçiuechi (sçiechi), sçioca, sçiucamu, ecc.; p. rem. sçiucài,
ecc.; pp. sçiucatu * 1- Scherzare, trastullarsi: la mùscia prima sçiucàu cu llu surge e poi
se lu mangiàu la gatta prima si trastullò con il topo e poi se lo mangiò; nu sçiucare cu lli
Santi non scherzare con i Santi * 2- Giocare, partecipare a un gioco: sçiucàanu a ccarte
giocavano a carte; a cce sçecu sçiucamu? a che gioco giochiamo? * prov. Ci ete furtunatu
all'amore, nun à sçiucare a ccarte chi è fortunato in amore, non giochi a carte * 3- fig.
Frullare, agitarsi: tante itee me sçiòcanu ntru lla mente tante idee mi frullano nella mente;
(D'Amelio) la lìngua de lu tata / me sta scioca intru a lli tienti la lingua paterna si agita
tra i denti * tr. 1- Giocare, impegnare nel gioco; scommettere: tie à' sçiucatu l'asu te
tenari e ièu me sçiocu lu ttrete tu hai giocato l'asso di danari ed io mi gioco il tre; se
sçiucàu la mmassarìa e lla perse si giocò la masseria e la perdette; me sçiocu la capu ca
àggiu raggione ièu scommetto la testa che ho ragione io * 2- Trastullare, divertire con
passatempi puerili: la mamma Pìggia sçiucàa la Teresuzza nonna Luigia trastullava la
piccola Teresa * 3- fig. Muoversi un po' troppo agevolmente: intra alle rrobbe nci sçioca
nei vestiti larghi ci gioca. [lat. jocari].
LEONE du ntra le chiante ierdi de lu ranu / sçiòcanu paparine e margarite.

sçiucarieδδu, sçiocarieδδu sm. Giocattolo, balocco, gingillo.

sçiucarinu, sçiocarinu sm. Giocherellone, che per indole è portato a trastullarsi, gioviale;
mattacchione.

288
S

sçiucarizzi sm. pl. Giravolte improvvise, piroette, saltelli, una serie di rapidi movimenti fatti
per gioco: li sçiucarizzi te lu crapettu le piroette e i saltelli del capretto.

sçiucata sf. Giocata.

sçiucatore, sçiocatore sm. Giocatore: li sçiucatori suntu desperati de pàuta e de core i


giocatori sono disperati nella tasca e nel cuore.

sçiuculanu, sçioculanu agg. Scherzoso, incline all'allegria; pronto allo scherzo,


giocherellone: suntu strei sçiuculane sono ragazze allegre e scherzose. [lat. iocularis, lat.
volg. joculanus].
Da c. p. Tene nnu uècchiu rizzu sçiuculanu, / facci te prummitoru de sçiardinu.

Sçiuda pers. Giuda: Sçiuda Scariota se mpecàu a nnu àrveru te ulia Giuda Iscariota si
impiccò ad un albero di olivo * fig. Traditore degli amici; un 'Sçiuda' è il giovane che
tradisce la morosa.
Da c. p. Facisti comu Sçiuda tratimienti: / Sçiuta tratìu lu Diu e tie l'amante.

sciuδδecamientu sm. Solleticamento; lieve eccitamento.

sciuδδecare tr.; pres. sciùδδecu, sciùδδechi, sciùδδeca, sciuδδecamu, ecc.; p. rem. sciuδδecài,
ecc.; pp. sciuδδecatu. Eccitare, solleticare, stimolare, pungolare: le uardate toi me
sciùδδecanu lu core i tuoi sguardi mi fanno palpitare il cuore; lu sule apre li fiuri e
sciùδδeca li iermi il sole fa sbocciare i fiori e stimola gli insetti * rifl. 1- Uscire dal
torpore, scuotersi, destarsi: lu scursune se sciuδδecàa il colubro usciva dal torpore; mancu
cu nnu trenu se sciùδδecanu neppure con un tuono si scuotono * 2- Brulicare di vermi:
s'ànu sciuδδecate tante canneδδe si sono mosse e agitate tante larve di insetti. [lat. volg.
*exbullicare].

sciuδδecata sf. Sollecitazione; solletico; stimolazione; scrollatina.

sciuδδecatu agg. Eccitato, stimolato.

sciùδδecu (pl. sciùδδechi) sm. Brulichio; eccitazione, solletico, stimolo.

sçiùdece sm. Giudice. V. pure giùdece.

sçiudèu, sçiutìu (pl. sçiudèi, sçiutèi) sm. Giudeo: Cristu era sçiudèu e de li sçiudèi fose
ncruciatu Cristo era giudeo e dai giudei fu crocifisso * fig. 1- Miscredente; cattolico non
praticante: stu sçiutèu mancu a Natale ae a mmissa questo miscredente neppure a Natale
va a messa * 2- Malfattore: nu mbògghiu cu tte ìsçiu cu δδi sçiutèi non ti voglio vedere
insieme con quei malfattori. [dal lat. judaeus].

sçiuècu v. sçecu.

289
S

sçiuègghiu v. sçègghiu.

sçiuedìa, sçiuetìa sf. Giovedì: sçiuedìa intra e semana fore una volta trascorso il giovedì,
siamo quasi fuori della settimana; stae sempre a mmienzu comu la sçiuetìa sta sempre nel
mezzo come il giovedì entro la settimana. [lat. Iovis dies, giorno di Giove].

sçiuetìa rasseδδa sf. Giovedì grasso * detto: te sçiuetìa rasseδδa ci nu ttene carne se mpigna
la unneδδa di giovedì grasso chi non ha ancora carne per il pranzo si impegna la gonnella
per averla.

sciufferre (neol.) sm. Autista alle dipendenze di un signore proprietario di automobile. [fr.
chauffer].

Sçiugghianu geogr. Sogliano Cavour.

sçiugghiarina sf. Loglio o zizzania, pianta erbacea infestante nei campi di frumento; ha
culmi eretti, foglie glabre lineari, fiorellini alternati in spighe terminali. [da sçiuègghiu,
sçègghiu].

sçiugnu, giugnu sm. Giugno * prov. Acqua te sçiugnu rruina lu mundu pioggia di giugno
rovina il mondo. Questo mese è detto pure 'miessi'. [lat. iunius (mensis) ].

Sçiulianu, Sçiulianuzzu pers. Giuliano.

sçiumenta sf. Giumenta, cavalla: purtare la sçiumenta a llu naturale sou accompagnare la
giumenta al suo compagno naturale (al cavallo e non all'asino); mbastardìre la sçiumenta
dare la cavalla all'asino per generare un ibrido. [fem. del lat. jumentum].

sçiumentaru sm. Cavallaro addetto al governo delle giumente. [da sçiumenta + suff. di mest.
-aru].

sçiumenteδδa sf. Puledrina * prov. Uàrdate la sçiumenteδδa toa, ca lu fìgghiu miu ete
puδδitru sorveglia la tua figliola puledrina, in quanto che mio figlio è puledro. [dim. di
sçiumenta].

sçiumentona sf. Una grossa cavalla. [accr. di sçiumenta].

sçiummare intr. e tr.; pres. sçiummu,… sçiummamu, ecc.; impf. sçiummàa,… sçiummaàmu,
ecc.; p. rem. sçiummài, ecc.; pp. sçiummatu * intr. Ingobbire, diventare gibboso; essere
colpito da vistosa scoliosi * tr. Far diventare gibboso: la zappa à sciummatu zìuma l'uso
continuo della zappa ha fatto diventare gobbo mio zio: a bia de mazzate δδu striu lu sta’
sçiumma a furia di busse sta facendo diventare gibboso quel ragazzo. [da sçiummu].

sçiummatu agg. Gibboso, vistosamente curvo di spalle.

290
S

sçiummu sm. Gobba, gibbosità: porta sçiummu te nanti e sçiummu te retu ha la gobba
davanti e la gobba di dietro. [lat. gibbus, lat. volg. *gobbus incr. con lat. med. gnomus].

sçiummutu agg. Ingobbito, con le spalle permanentemente curve.

sçiuncata sf. Giuncata, latte rappreso posto a scolare tra fasci di giunchi. [dal lecc. sçiuncu].

sçiuncazze sf. pl. Giuncaia, luogo fitto di cespi di giunchi.

sçiunchìgghia sf. Pianta di giunchiglia, con foglie cilindriche, fiori a tromba di colore
giallino venato di verde; veniva coltivata in vaso e posta sui davanzali per il delicatissimo
profumo dei fiori. [dallo sp. junquillo].

sçiuncu
sçiuncu sm. 1- Giunco, erba perenne a fusto cilindrico flessibile e resistente agli strappi; fiori
in capolini riuniti in pannocchie; i fusti vengono utilizzati per fare panieri, nasse ed altri
svariati articoli * 2- Vimine in genere, stelo diritto, sottile, flessibile e senza nodi, il quale
viene impiegato in vari lavori artigianali d'intreccio. [lat. juncus, sp. junco].
DE D. La vita cu lu fiancu ni iundìsçia / comu sçiuncu allu ientu bbandunatu;

sçiùngere, sçiungìre tr.; pres. sçiungu,… sçiungimu, ecc.; p. rem. sçiungìi (sçiunsi),
sçiungisti, sçiungìu (sçiunse), sçiungemmu (sçiùnsemu), sçiungestu, sçiungèra (sçiùnsera)
; pp. sçiungiutu (sçiuntu) * 1- Aggiungere: alli sìtici sçiungìu àutri quattru sordi e ffice
nna lira ai sedici aggiunse altri quattro soldi (un ventino) e fece una lira * 2- Unire,
congiungere: sçiungemmu doi stasçiδδe congiungemmo due stecche * 3- Aggiogare,
legare una bestia al carro: sçiùnsera lu parìcchiu de oi e ncignàra a barare aggiogarono
una coppia di buoi e cominciarono ad arare; ppena sçiùngenu, partimu appena legano il
cavallo al carretto, partiamo. [dal lat. iungere].
DE D. ah, se putìa rrubbare dèice anni sulamente / cu mme li sçiungu a quanti me suntu
destenati,

sçiungibbrotu (a -) loc. avv. Con l'aggiunta frequente di acqua nella pentola per allungare il
brodo.

291
S

sçiunta sf. Aggiunta; un di più: intra a nnu chilu nci ae nnu piezzu te pane e nna sçiunta in
un chilogrammo vanno un pane intero più un pezzetto; a stu libbru s'ànu ffare àure
sçiunte a questo libro devono essere operate altre aggiunte. [lat. iuncta].

sçiuntura sf. Giuntura; segno della unione. [lat. iunctura].

sciupare (lett.) tr.; pres. sciupu,… sciupamu, ecc.; p. rem. sciupài, ecc.; pp. sciupatu.
Sciupare, deteriorare, consumare senza alcuna utilità, sprecare. V. i più comunemente
usati cunsumare, nfrezzulare.

sciupone sm. Sciupone, sprecone.

sçiupparieδδu sm. 1- Fascia di panno, spesso ma morbido e assorbente, con cui le puerpere
fasciavano il petto al posto del reggiseno attuale * 2- Camicina morbida interna per
neonato. [dim. del lecc. sçiuppu incr. con it. zipparello].

sçiuppu sm. Giubetto, golfino esterno per neonato.

sciupu sm. Sciupio, inutile consumo.

sçiuramientu, giuramentu sm. Giuramento. [lat. iuramentum]. V. giuru.

sçiurare, giurare intr. e tr.; pres. sçiuru (giuru),… sçiuramu (giuramu), ecc.; p. rem. sçiurài
(giurài), ecc.; pp. sçiuratu (giuratu) . Giurare; promettere solennemente; dichiarare:
sçiuràra subbra a lli muerti loru giurarono chiamando a testimoni i loro defunti; subbra a
Diu nu ss'à giurare non si deve giurare invocando Dio; se sçiuràa ca te ccetìa giurava che
ti avrebbe ucciso. [lat. iurare].
D'AM. ca ièu (lu sçiuru a ttie) de stu mumentu / ncignaràggiu cu stau cu ll'ecchi pierti.

Sçiurdignanu geogr. Giurdignano. Gli abitanti di questo paesetto erano soprannominati


'ccuegghi-mucci'].

sçiurnata sf. 1- Giornata, il tempo dall'alba al tramonto (dal tramonto all'alba si dice
'nuttata'): sçiurnata de àcqua giornata di pioggia; bona sçiurnata a ttutti! buona giornata
a tutti!; nna sçiunata sana te fatìa una giornata intera di lavoro faticoso * prov. Te la
mmane se ite la bona sçiurnata dal mattino si vede la buona giornata * 2- Paga
giornaliera, salario di ciascun giorno lavorativo: nna sçiurnata te cìnque lire ete picca una
paga giornaliera di 5 lire è scarsa; donna Rusina dae la sçiurnata e nnu fiascu te mieru
donna Rosina offre la paga giornaliera e un fiasco di vino. [da giurnu].
DE D. E li fiuri cantânu:"Ha rriata l'ura / l'ària nnulata toa cu denta chiara; / ca doppu
la sçiurnata la cchiù' scura / nna sçiurnata cchiù' bella se rrepara!

sçiurnatieri sm. Lavoratore occasionale retribuito a giornata: faci lu cumenanzieri o lu


sçiurnatieri? sei un salariato fisso o un lavoratore a giornata? [da sçiurnata + suff. di
mest. -eri].

292
S

sciurtare tr.; pres. sciurtu,… sciurtamu, ecc.; p. rem. sciurtài, ecc.; pp. sciurtatu. Dividere
una o più bestie dalla mandria, tenendole per vari motivi separate: sciurtàra l'auniceδδi
cu sse stàgghianu separarono gli agnelli affinché si svezzassero. [dal lecc. sciurti].

sciurtatu agg. Di animale da gregge, tenuto separato, chiuso in uno stazzo speciale.

sciurti sm. pl. Stazzo particolare, dove vengono trattenute le bestie che devono restare
separate dalle altre che pascolano: moi ntra lli sciurti nc'ete li crapetti e lli sçencarieδδi
per adesso nello stazzo stanno isolati i capretti e i vitellini. [dall'it. sciolti].

sciurtù sm. Sartù, sfornato di riso al sugo con polpettine di carne, pezzetti di uova sode e
funghetti. [dal fr. surtout].

sçiuru, giuru sm. Giuramento: fazzu giuru ca nu llu salutu cchiùi faccio giuramento che non
lo saluterò mai più. [da sçiurare].

sçiuscetta, suscetta sf. 1- Figlioccia * 2- Ragazzina affezionata. [lat. (filia) suscepta].

sçiuscettu, suscettu sm. 1- Figlioccio, ragazzo tenuto a battesimo o a cresima * prov. De cce
mmorse lu sçiuscettu, nu ffommu cchiùi cumpari da quando morì il figlioccio
interrompemmo i vincoli di compari * 2- Ragazzino simpatico, affettuoso, affezionato: ei,
suscettu, me ba' ccatti sta cutrubbiera te uègghiu? ehi, ragazzo carino, mi vai a comprare
questo orciolo di olio? [lat. (filius) susceptus].
Da c. p. -Ni tici a llu cumpare begna prestu, / ca ìmu ffare cristianu lu sçiuscettu.
(variante) ca tocca battisçiamu lu suscettu.

sçiusciamientu sm. Lisciamento, strofinamento * fig. Adulazione, complimento eccessivo e


smaccato. [da sçiusciare].

Sçiusçianieδδu geogr. Giuggianello. Agli abitanti di questo paesetto veniva attribuito il


nomignolo di 'rìcchie de cane'.

sçiusciare intr. e tr.; pres. sçiùsciu, ecc.; impf. sçiusciàa, ecc.; p. rem. sçiusciài, ecc.; pp.
sçiusciatu * intr. Soffiare, spirare del vento; farsi vento: sçiùscianu cu ddefridde lu latte
soffiano perché il latte si intiepidisca; se la sta’ sciùscia cu llu mantàgghiu con il
ventaglio si fa vento * tr. 1- Ravvivare la fiamma soffiando; raffreddare qualcosa facendo
vento: sçiusciàa lu fuecu senò se stutàa ventilava il fuoco altrimenti si spegneva;
ddefreddìanu le castagne rrustute sçiusciandu raffreddavano le castagnearrostite
soffiandovi * 2- Lenire strofinando la mano su una parte del corpo: ni sçiusciàu la cossa e
lla tulore ni passàu gli massaggiò la coscia e il dolore gli cessò * 3- Sottrarre con mano
furtiva: ni sçiusciasti lu fazzulettinu te sita te sutta all'ecchi le rubasti il fazzolettino di
seta da sotto gli occhi * 4- Consumare nascostamente in divertimenti: a ppicca tiempu ni
sçiusciammu tutti li turnisi ci tenìamu in poco tempo scialammo tutti i quattrini che
possedevamo. [dal lat. sugere incr. con lat. volg. *succulare].

293
S

sçiusciata sf. 1- Soffiata prolungata e ripetuta: fane nna sçiusciata alli craùni fai una soffiata
ai carboni * 2- Palpeggiamento quasi furtivo: m'àggiu fatta nna sçiusciata cu lla Mària
con Amalia ho fatto una pomiciata.

sçiù-sçiù sm. Pastiglia per la tosse a base di estratti balsamici; pasticca gommosa da sùggere.

sçiuta sf. Andata: cu tte sia bona la sçiuta e bona la enuta che ti sia giovevole l'andata e
fausto il ritorno. [dall'it. gita, g>sc, incr. con napoletano juta].

sçiute sf. pl. Feci liquide diarroiche. [dall'it. (feci) gite>ite andate (di corpo) incr. con avute].

sçiutecare tr.; pres. sçiùtecu, sçiùtechi, sçiùteca, sçiutecamu, ecc.; p. rem. sçiutecài, ecc.; pp.
sçiutecatu. Rimbrottare, rimproverare facendo una ramanzina. [dal lat. iudicare].

sçiutecata sf. Sgridata solenne; ramanzina, severo rimprovero.

sçiùtecu sm. Rimbrotto; rimprovero, critica personale.

sçiutìu (pl. sçiutèi) sm. Giudeo. V. anche sçiudèu.

sçiùu
sçiùu, sçiù sm. Giogo, trave di legno sagomato alle due estremità (che poggiano sul collo dei
buoi), con una campanella o anello (siuàra) al centro, in cui va ad infilarsi il timone
dell'aratro o del carro. [lat. iugum].

scòcere, scucìre tr.; pres. scocu, scueci, scoce, scucimu, ecc.; p. rem. scucìi,… scucemmu,
ecc.; imper. scuèci, scuciti; cong. pres. scoca, scòcanu; pp. scuciutu (scuettu, scottu) .
Scuocere, far passare di cottura. [lat. excoquere].

scoδδatura sf. Scollatura, distacco dalla colla (il contrario è ncoδδatura). [da scuδδare].

scofenare v. scufenare.

scògghiu sm. Scoglio marino. V. anche cute, pèntuma.

scola sf. Scuola: nun à mmai sçiutu alla scola non ha mai frequentato la scuola.

scole sf. pl. Edificio scolastico, che comprende e contiene numerose classi: sta’ ffàcenu le
scole noe stanno costruendo l'edificio scolastico nuovo.

294
S

scolla sf. Cravatta.

scollatu agg. Scollato, con apertura piuttosto ampia sul petto.

scollu sm. Scollatura di un indumento sul petto e anche in corrispondenza delle ascelle.

scolu sm. 1- Scolo, flusso delle acque sporche o piovane * 2- Blenorragìa.

scòmmutu, scòmutu agg. Scomodo, disagiato; molesto.

scònciu (lett.) agg. Sconcio, volgarmente scomposto * sm. Cosa sconcia; azione indecente.
V. scuncezza.

scònfiu, sgònfiu agg. Sgonfio, floscio. [da scunfiare].

scontru sm. Scontro; cozzo, urto violento. [da scuntrare].

scòppiu sm. Scoppio fragoroso; scatto improvviso: se ntise lu scòppiu te nna bomba si udì lo
scoppio di una bomba; ibbe nnu scòppiu te tosse ebbe uno scoppio di tosse. [da
scuppiare].

scòppula sf. Scòppola, scappellotto, scapaccione, botta leggera data sulla nuca, tale da far
volare la 'còppula' dal capo * fig. Spintarella, raccomandazione.

scoppulare tr.; pres. scòppulu, scuèppuli, scòppula, scoppulamu, ecc.; p. rem. scoppulài,
ecc.; pp. scoppulatu * 1- Staccare uno strato di rivestimento; scalzare: nde sta’ scoppulàa
la quacina ne staccava la calcina * 2- Sbaccellare: scoppulati quantu nna menèscia te fae
ierdi sbaccelate le fave sufficienti per una minestra. [da s- privativo e còppula].

scoppulisçiare intr.; pres. scoppulìsçiu, ecc.; impf. scoppulisçiàa, ecc.; p. rem. scoppulisçiài,
ecc.; pp. scoppulisçiatu. Scalzarsi progressivamente; scollarsi e staccarsi un poco alla
volta. [da scoppulare + suff. durat. -sçiare].

scòprere, scuprìre (lett.) tr. e intr.; pres. scopru, scuepri, scopre, scuprimu, ecc.; p. rem.
scuprìi,… scupremmu, ecc.; pp. scupertu * tr. Scoprire esponendo alla vista, rivelare: se
scuprìu la capu ca sta’ ppassàa lu Signore si scoprì il capo perché passava l'Ostia
consacrata; e scuprìa le minniceδδe e scopriva le tette * 2- Scovare, sorprendere: pigghiàu
e lli sçera scuprèra mbrazzati quand'ecco li sorpresero abbracciati * 3- Inventare,
scoprire: ànu scuperta la carrozza senza cavalli hanno inventato l'automobile * intr.
Comparire, rivelarsi; manifestarsi: poi la puragna scuprìu alla nfurchiatura poi il pus
venne fuori all'inguine; se scuprèra nvitiusi e mmiagnusi si rivelarono invidiosi e
avaracci. V. pure scuperìre.

scorciaciucci sm. Scoiatore che conosce poco il suo mestiere.

295
S

scorciacrape sm. Vento locale, che, rispetto a Lecce, soffia a raffiche gelide da nord-ovest; il
vento di maestro, freddo e impetuoso.

scòrfana sf. fig. Donna molto brutta, con i lineamenti del volto contratti e alterati: pe
mugghiere nna scòrfana s'à ppigghiata per moglie s'è preso una scorpèna. [gr. skòrpaina,
lat. scorpaena].

scòrfanu sm. Scòrfano o scorpèna, pesce di colore rossastro con piccole macchie scure; le
sue carni sono apprezzate e ricercate per la zuppa di pesce.

scorrottu agg. Scorretto, disonesto; guastato, guasto.

scorsa sf. 1- Scorza, corteccia; buccia spessa e coriacea; guscio: scorsa te àrveru te piru
corteccia di albero di pero; scorse te ficalìndia, te portucallu bucce di ficodindia, di
arancia; scorse te oe, te mèndule, te nuci gusci di uova, di mandorle, di noci; scorsa te
cozzapiccinna guscio di èlice. [dal lat. scortea].

scòscia sf. Cosa che si stacca, come crosticina di ferita, frammento di crosta di pane,
zacchera, ecc. * fig. Bagattella, bazzecola.

scossa sf. Scossa: scossa te terramutu scossa di terremoto; à ppigghiata la scossa lèttrica ha
preso la scossa elettrica.

scossu agg. 1- Scosso, turbato: rrumàsemu mutu scossi rimanemmo molto scossi * 2- Libero
da pesi e da legami: la ciùccia rriàu scossa, senza patrunu e puru senza mbastu l'asina
arrivò scossa, senza il padrone ed anche senza il basto.

scottu sm. Specie di cernia, con carni meno pregiate.

scrafagnare tr. e intr.; pres. scrafagnu,… scrafagnamu, ecc.; p. rem. scrafagnài, ecc.; pp.
scrafagnatu * tr. Schiacciare; comprimere fortemente: ci l'ìa zzeccatu, n'ìa scrafagnata la
capu se l'avessi afferrato, gli avrei schiacciato il capo * intr. Rincagnarsi; contrarsi del
volto in una smorfia: scrafagnandu mmenezzàa li ecini rincagnandosi, minacciava i
vicini. [comp. del lecc. scrafa(zzare) e del lat. volg. (in)caniare].

scrafagnatu agg. Spiaccicato; rincagnato, dal naso camuso: nn'òmmene bruttu tuttu e nnasi
scrafagnatu un uomo assolutamente brutto e con naso rincagnato.

scrafagnatura sf. Vistosa schiacciatura deformante.

scrafazzare tr.; pres. scrafazzu,… scrafazzamu, ecc.; p. rem. scrafazzài, ecc.; pp. scrafazzatu.
Schiacciare facendo scricchiolare: ci me mbrazza forte me scrafazza se mi stringe forte tra
le braccia, mi schiaccia facendomi scricchiolare le costole; scrafàzzanu le mèndule cu lli
tienti schiacciano le mandorle con i denti. [dal suono onom. scr…zz].

296
S

scrafazzata sf. Schiacciata.

scrafazzatu agg. Schiacciato, pestato e disfatto; frantumato.

scrafuèzzulu sm. Frammento di materia dura e arida, frantume minuto di oggetto rotto: nna
pàuta te scrafuèzzuli te freseδδa una tasca piena di frantumi di pane biscottato e
croccante.

scramignare tr.; pres. scramignu,… scramignamu, ecc.; impf. scramignàa, ecc.; p. rem.
scramignài, ecc.; pp. scramignatu. Scarmigliare, arruffare, scompigliare i capelli: nnu
rèfuru scramignàu δδe belle gnettature un rèfolo scarmigliò quelle belle pettinature. [lat.
excarminiare].

scramignatu agg. Arruffato, spettinato vistosamente; (De Dominicis) e bae utandu / a nturnu
a nturnu tutta scramignata e se ne va in giro tutta spettinata.

scranante, sgranante agg. Croccante; scricchiolante.

scranare, sgranare tr. e intr.; pres. scranu (sgranu),… scranamu, ecc.; p. rem. scranài, ecc.;
pp. scranatu * tr. Frantumare con i denti, mangiare cibi secchi che scrìcchiolano * intr.
Croccare, scricchiolare.

scranatu, sgranatu agg. Ridotto in minutissimi frantumi.

scranisçiare tr.; pres. scranìsçiu, ecc.; impf. scranisçiàa, ecc.; p. rem. scranisçiài, ecc.; pp.
scranisçiatu * 1- Ridurre in frammenti minuti; smuovere frantumi sparsi per terra * 2-
Scarbonare. V. pure rispettivamente scalisçiare e scraunisçiare.

scrannulare tr.; pres. scrànnulu,… scrannulamu, ecc.; p. rem. scrannulài, ecc.; pp.
scrannulatu. Sgranare, sgranellare: quandu scrànnuli le site, te tingi le tìsçete quando
sgranelli le melagrane, ti imbratti le dita. [dall'it. granulare].

scrannulisçiare tr.; pres. scrannulìsçiu, ecc.; impf. scrannulisçiàa, ecc.; p. rem.


scrannulisçiài, ecc.; pp. scrannulisçiatu. Sgranellare. [forma durat. di scrannulare].

scranu, sgranu sm. Il mangiare forte: ete sempre lu prima quandu nc'ete lu sgranu è sempre
il primo quando c'è da mettere qualcosa sotto i denti.

scrapicciare rifl.; pres. me scrapìcciu, ecc.; impf. me scrapicciàa, ecc.; p. rem. me


scrapicciài, ecc.; pp. scrapicciatu. Scapricciarsi; soddisfare alla fin fine un desiderio
frustato; realizzare qualcosa per divertimento: sirsa e màmmasa se scrapicciàra cu lla
fàcenu cussì beδδa suo padre e sua madre si scapricciarono a farla così bella. [da
crapìcciu, caprìcciu].
DE D. Ièu nci me scrapicciài cu quiδδa gente / cu nu sàccia cce bete la furtuna.

297
S

scrappulare, sgrappulare tr.; pres. scràppulu (sgràppulu),… scrappulamu, ecc.; p. rem.


scrappulài, ecc.; pp. scrappulatu. Staccare gli acini dell'uva dai raspi adoperando lo
sgrappolatoio; sgrappare, staccare l'occhio delle fave secche affinché cuòcciano meglio.
[da un incr. tra lecc. rappa, ràppulu e it. sgrappare].

scràsçia sf. Rovo di mora: s'à rranfatu alle scràsçe s'è graffiato al rovo spinoso; te scuru, ci
fissi nna scràsçia, te cumparisce nn'ùmbria al buio, se guardi fissamente un rovo, ti
appare un fantasma * prov. La scràsçia a ddu la mpizzi zzicca dovunque interri un rovo,
attecchisce * fig. Persona antipatica, fastidiosa, della quale non si riesce a liberarsi. [dal
suono onom. scr…sç dello sgraffio].

scrasçiale sm. Roveto, siepe di rovi lunga e continua, che talvolta copre l'intera muriccia di
campagna: intra a llu scrasçiale nc'era nna cafòrchia te urpe nel roveto c'era una tana di
volpe. [da scràsçia].
DE D. Porta le rìcchie e sente ogne parite, / porta la ucca e parla ogne scrasçiale.

scrasçiare tr.; pres. scràsçiu,… scrasçiamu, ecc.; impf. scrasçiàa,… scrasçiaàmu, ecc.; p.
rem. scrasçiài,… scrasçiammu, ecc.; pp. scrasçiatu. Graffiare la pelle, sgraffiare: stu
cazzu te scuerpu me sta’ scràsçia le anche quest'accidente di sterpo mi graffia le gambe.
[da scràsçia].

scrasçiatu agg. Graffiato, segnato da graffi; sbertucciato.

scrasçiatura sf. Graffiatura, il segno sulla pelle di una lacerazione più o meno superficiale.

scràsçiu, scarafune
scràsçiu sm. Scarabeo stercorario.

scrastare tr.; pres. scrastu,… scrastamu, ecc.; impf. scrastàa,… scrastaàmu, ecc.; p. rem.
scrastài,… scrastammu, ecc.; pp. scrastatu. Scrostare, sgrattare, raschiare con un coccio.
[da un incr. tra lecc. rasta, coccio, e it. sgrattare].
DE D. Scrastare nu tte pozzu te sti uài: / entu lu core miu ca se apre a doi.

scrastatu agg. Ripulito dei grumi superficiali; liberato dalle incrostazioni.

scraunisçiare tr.; e intr.; pres. scraunìsçiu, ecc.; impf. scraunisçiàa, ecc.; p. rem.
scraunisçiài, ecc.; pp. scraunisçiatu. Scarbonare, smuovere i carboni accesi per ravvivarli
ancora di più * fig. Rovistare tra minutaglie, frugare tra frantumi * prov. Ci supèrchiu

298
S

scraunisçi, cchiù' pprestu nfrezzulisçi se soverchio scarboni, più presto resterai al freddo.
[da craune + suff. iter. -sçiare].

screìre v. scrìere.

screttura, scrittura sf. 1- Scrittura, il modo di scrivere, grafia: bella, brutta screttura bella,
brutta scrittura; screttura comu ranfe te aδδina grafia simile a zampe di gallina; screttura
a mmanu, a mmàchina scrittura eseguita a mano, con la macchina * prov. Ci nu ccapisce
la soa screttura, ete nnu ciùcciu addirittura chi non capisce la sua scrittura, è un asino
addirittura * 2- Contratto scritto; atto notarile: aìmu stati allu nutaru pe lle scritture siamo
stati dal notaio per la stesura degli atti. [lat. scriptura].

scretturare, scritturare tr.; pres. scretturu,… scretturamu, ecc.; p. rem. scetturài, ecc.; pp.
scretturatu. Scritturare, registrare, da parte del notaio, e legalizzare un contratto di
compra-vendita * 2- Effettuare, alla presenza del notaio, la vendita da parte di uno, e
l'acquisto da parte di un altro contraente, di un bene patrimoniale: sta’ banu cu
screttùranu le case, la chiesura, ecc. vanno dal notaio per scritturare la casa di abitazione,
il podere, ecc.

scrianìa sf. Scrivania.

scriànu, scrivanu sm. Scrivano. [lat. med. scriba>anus].

scrianzatu agg. Screanzato; di modi sgarbati. [da s- privativo e crianza].

scriare tr.; pres. scriu, scrii, scria, scriamu, scriati, scrìanu; impf. scriàa, ecc.; p. rem. scriài,
ecc.; pp. scriatu. Attingere e recuperare l'olio galleggiante separandolo dalla sentina;
separare la parte grassa del latte, ossia scremare. [dall' it. scre(m)are].

scriature sf. pl. Le parti oleose o grasse galleggianti sul liquido che le contiene; frammenti
rappresi galleggianti (per es. di ricotta), che possono essere recuperati.

scriatu agg., nell'espressione "ci t'à scriatu!" chi ti ha scelto, chi ti ha selezionato tra tanti
migliori di te: mannàggia ci bu à scriati! maledetto colui che ha scelto proprio voi!

scriaturu o nappa
scriaturu sm. Ampia conchiglia fatta di rame, adoperata per recuperare le chiazze d'olio
galleggianti sulla feccia. [da scriàre]. V. pure nappa.

299
S

scrìere, screìre tr.; pres. scriu, scrii, scrie, screimu, screiti, scrìenu; impf. screìa, ecc.; p. rem.
screìi (scrissi), screisti, screìu (scrisse), screemmu (scrìssemu), screestu, screèra
(scrìssera) ; imper. scrii, screiti; pp. screùtu (scrittu) . 1- Scrivere: nfacce nna rapa
screestu li numi uesci su un tronco d'albero scriveste i vostri nomi; stracca cchiùi cu scrie
cca ccu zzappa si stanca più a scrivere che a zappare * modo di dire: quandu rrii, scrii
quando raggiungi la meta, fàmmelo sapere * 2- Descrivere scrivendo * modo di dire:
comu me iti me scrii come mi vedi, mi descrivi; sono così come sembro. [lat. scri(b)ere].
Da c. p. Nna lettre d'oru me scrisse e mmandàu, / cu lla soa manu ianca la screìu.
DE D. Ci me la dae la forsa e lle palore / cu bu pozzu scrìere tanta uerra,

scrima sf. Scriminatura dei capelli fatta col pettine sul capo.

scritta sf. Scritta, iscrizione; indicazione scritta: la scritta s'à scancellata l'iscrizione si è
cancellata. [lat. scripta].

scrittu sm. Scritto, testo scritto; foglio scritto. [lat. scriptum].

scritturale sm. Scrivano di uno studio professionale; copista.

scrizione sf. Iscrizione; insegna. [dal lat. inscriptio -onis].

scròscia sf. Sagomatrice, attrezzo dal calzolaio adoperato per eseguire la sagomatura della
suola.

scrosciare, scrusciare tr.; pres. scròsciu, scruesci, scròscia, scrusciamu, ecc.; impf.
scrusciàa, ecc.; p. rem. scrusciài, ecc.; pp. scrusciatu. Sagomare mediante un taglio;
tagliare con la 'scròscia'.

scruccare tr.; pres. scroccu, scruecchi, scrocca, scruccamu, ecc.; p. rem. scruccài, ecc.; pp.
scruccatu. Scroccare.

scruccune, scruccone sm. Scroccone.

scruciare rifl.; pres. me scrùciu, ecc.; impf. me scruciàa, ecc.; p. rem. me scruciài, ecc.; pp.
scruciatu. Liberarsi finalmente da impegni troppo gravosi e finire di patire: ànu
mmaretate le fìgghie, iati iδδi, e s'ànu scruciati hanno maritato le figlie e, beati loro,
hanno finito di patire. [per in significato contrario v. ncruciare].

scrufigna sf. Morsa a chiocciola, che, ruotando intorno alla spirale, avanzando stringe e
blocca; grosso dado di un bullone.

scrufina sf. Lima larga e piatta; spianatoio degli intagliatori.

scrufulare intr.; pres. scrùfulu,… scrufulamu, ecc.; p. rem. scrufulài, ecc.; pp. scrufulatu.
Scivolare, sdrucciolare. [dal lat. roteolare incr. con lat. volg. *sufolare].

300
S

scrufulata sf. Scivolata, scivolone.

scrufulizza, scufulizza sf. Grillotalpa.

scrufulizzi sm. pl. Sostanza melmosa o qualsiasi cosa che fa scivolare; fanghiglia
sdrucciolevole.

scrufulizzu, scufulizzu sm. 1- Scivolo, piano inclinato; superficie scivolosa * 2- Scivolone,


sdrucciolone.

scrumare tr.; scromu, scruemi, scroma, scrummmu, ecc.; p. rem. scrumài, ecc.; pp. scrumatu.
Sgrommare, liberare dalle incrostazioni.

scrumatura sf. Sgrommatura delle botti.

scrùpulu sm. Scrupolo; rimorso angoscioso. [lat. scrupulus].

scrupulusu agg. Angosciato da scrupoli. [lat. scrupulosus].

scrustare (lett.) tr.; prers. scrostu, scruesti, scrosta, scrustamu, ecc.; p. rem. scrustài, ecc.;
pp. scrustatu. Scrostare: se scrustàu lu malatu asportò la crosta dalla ferita. V. i più
comuni scurciare, rasçare.

scrusu (lett.) agg. Escluso, eccettuato: tutti mìnchia, scrusi ui doi tutti imbecilli, tranne voi
due; tuttu ibbe te la sorte, scrusa la salute tutto ebbe dalla sorte, eccetto la buona salute.
[lat. exclusus]. V. fonde, fore.

scubbare intr.; pres. scobbu, scuebbi, scobbu, scubbamu, ecc.; p. rem. scubbài, ecc.; pp.
scubbatu. Sgobbare, durare fatica: scubbàra tuttu l'annu e nnu ccòsera nienti sgobbarono
tutto l'anno e non raccolsero alcunché. [da scuebbu].

scubbatu agg. Ingobbito, gobbo: pe nna catuta à rrumastu scubbatu per una caduta è rimasto
ingobbito; trasìu nnu cecatu te unita a nna scubbata entrò un ceco insieme con una donna
gobba.

scuccare intr.; pres. scuccu, scucchi, scucca, scuccamu, ecc.; p. rem. scuccài, ecc.; pp.
scuccatu. Venir meno della volontà; perdere la pazienza e uscire dal consueto: quandu
scuccàu, lassàu lu stùtiu quando perse ogni interesse, smise di studiare; poi li pariani
scuccàra e sse nde sçera poi i clienti affezionati pèrsero la pazienza e andarono via.
[dall'it. scocciare incr. con scoccare].

scucchiare tr.; pres. scòcchiu, scuecchi, scòcchia, scucchiamu, ecc.; impf. scucchiàa, ecc.; p.
rem. scucchiài, ecc.; pp. scucchiatu * 1- Vagliare e scegliere: ci scucchiàa nna cosa e ci
nde scucchiàa nn'àutra chi sceglieva una cosa e chi ne sceglieva un'altra; scucchiati
ccèncata u piace scegliete qualsiasi cosa vi piaccia; ni scucchiammu le rose cchiù' belle

301
S

scegliemmo le rose più belle.


DE D. "Gente de Utrantu, facìtibu lu cuntu / e poi scucchiati doppu cce bu piace…".
* 2- Dividere una coppia, sdoppiare; separare cose unite: se sta’ sçaffunisçiàanu e lli
scucchiasti si stavano schiaffeggiando e li separasti * 3- rifl. Dividersi, troncare un
rapporto reciproco; cessare di convivere: doi mesci comu iδδi nu pputìanu stare te unita e
sse scucchiàra due capomastri come loro non potevano strare insieme e si divisero;
maritu e mugghiere s'ànu scucchiati marito e moglie si sono separati. [da s- estrattivo e
còcchia].
Da c. p. Quandu do' cori se òlenu bene, / furtuna nu lli pozza mai scucchiare; / ca ci li
scòcchia cu nnu àggia bene / e ccu bàsçia allu nfiernu quandu more!

scucchiatu agg. 1- Scelto tra due o tra tanti * 2- Separato dal coniuge: ete scucchiata e ccu
doi fili a mpiettu è separata e con due figli a carico.

scucciare tr.; pres. scòcciu, scuecci, scòccia, scucciamu, ecc.; impf. scucciàa, ecc.; p. rem.
scucciài, ecc.; pp. scucciatu. Scocciare, annoiare, infastidire.

scucciatu agg. Scocciato, contrariato, annoiato e seccato.

scucciatura sf. Scocciatura, contrarietà; fastidio.

scucciulare, scuecciulare tr.; pres. scòcciulu (scuècciulu), scuècciuli, scòcciula,


scucciulamu, ecc.; p. rem. scucciulài (scuecciulài), ecc.; pp. scucciulatu (scuecciulatu) .
Sbaccellare; sgusciare: sta scucciulàanu (sta’ scuecciulàanu) li chiuδδi stavano estraendo
dal guscio le lumache. [dal lecc. cuècciulu incr. con la forma intensiva lat. excorciulare].

scucuδδare tr.; pres. scucuδδu,… scucuδδamu, ecc.; p. rem. scucuδδài, ecc.; pp. scucuδδatu.
Colpire duramente sul capo; battere sul cranio: ci l'ìa pigghiatu, l'ìa scucuδδatu se lo
avesse colpito, gli avrebbe rotto la testa * fig. Cagionare una insolazione: li rasçi te lu
sule a mpiernu pòtenu scucuδδare li meteturi i raggi del sole a perpendìcolo potrebbero
provocare una insolazione ai mietitori * rifl. Rimanere con la testa incassata; prendersi un
colpo di sole. [dal lecc. cucuδδu].

scucuzzare tr.; pres. scucuzzu,… scucuzzamu, ecc.; impf. scucuzzàa, ecc.; p. rem. scucuzzài,
ecc.; pp. scucuzzatu. Mozzare, troncare; privare della cima * inoltre ha tutti i significati di
scucuδδare. [da un incr. tra it. cucuzzolo e lecc. cucuzza, testa].

scucuzzatu agg. Privato della sommità; privo della cima: truài le chiante te tubberose
scucuzzate trovai le piante delle tubirose con le cime recise.

scuδδare tr.; pres. scoδδu, scueδδi, scoδδa, scuδδamu, ecc.; p. rem. scuδδài, ecc.; pp.
scuδδatu. Scollare, staccare. [dal lecc. coδδa].

scuδδatu agg. Staccato perché privo di colla * fig. Somigliante come stampino: ete scuδδatu
nònnusa, ete nònnusa scuδδatu è somigliantissimo a suo nonno.

302
S

scuδδatura, scoδδatura sf. Staccatura, scollamento di parti incollate.

scuδδunfiare tr.; pres. scuδδùnfiu, ecc.; impf. scuδδunfiàa, ecc.; p. rem. scuδδunfiài, ecc.; pp.
scuδδunfiatu. Menare botte da orbi alla rinfusa * rifl. Dimenarsi dandosi botte in testa, sul
viso e sul petto. [incr. tra lecc. scucuδδare e scunfiare].

sçuebbu sm. Gobba; gibbosità. [dal lat. gibbus, il lat. volg. *gobbus, g>sç, o>ue].

scuecciulare v. scucciulare.

scueδδu sm. Appendice forata (occhio) della zappa, cui viene infilato e fissato il manico. [da
cueδδu].

scueffulare, scuffulare tr.; pres. scuèffulu (scùffulu),… scueffulamu, ecc.; p. rem. scueffulài
(scuffulài), ecc.; pp. scueffulatu (scuffulatu) . Scapocchiare il pene, scoprire il glande. [da
scuèffulu incr. con scuffa].

scuèffulu sm. 1- Glande; pene * 2- Colpo mancino, grave batosta. [dal lat. *cofeolus, dim. di
cofea].

scuernu sm. Scorno, vergogna; senso di umiliazione: nu sse pìgghia scuernu de nienti e de
nisciunu non prova vergogna di niente e di nessuno. [da cuernu].
DE D. percé lu zzitu a mmucca se la asàu / e ccu sse la cunfessa nd'ibbe scuernu.

scuerpu sm. Pruno, frutice spinoso in genere, che nasce spontaneo nelle siepi; sterpo secco.
[lat. med. excorpo(rus) ].
Da c. p. Moi nd'àggiu lliatu lu scuerpu te l'atu: / ttrasa ci ole, ca ièu nd'àggiu essutu.

scuersu sm. Crosta: scuersu te lu malatu crosticina della ferita; scuersi te pane e de casu
croste di pane e di cacio. [dal lat. scorteus, di pelle]. V. pure lecc. scorsa.

scuèscia, squèscia sf. Scucchia, bazza, mento molto prominente. [da un incr. tra lat. scutula e
it. scòscio].

scuesciusu agg. Bazzuto, dotato di mento pronunziato.

scuettu (f. scotta) agg. Scotto, troppo cotto. [lat. excoctus].

scufenare, scofenare tr.; pres. scòfenu, scuèfeni, scòfena, scufenamu (scofenamu), ecc.; p.
rem. scufenài (scofenài), ecc.; pp. scufenatu (scofenatu) * 1- Disfare i panni del bucato
togliendoli dal 'còfanu', dalla conca * 2- Vuotare i cofani colmi d'uva nel palmento: le
fìmmene endìmanu, li carusi cofanìsçianu e lli randi scòfenanu le donne vendemmiano, i
giovani trasportano a spalla le gerle e gli anziani vuotano i còfani nel palmento. [da s-
estrattivo e còfanu].

303
S

scuffa sf. Coffa, cesta a semicupola confezionata con steli di orzo. [arabo quffa].

scuffeδδa sf. Cestino da tavola confezionato con giunchi o con steli di cereali * fig. Prepuzio.
[dim. di scuffa].

scuffundare, scunfundare intr. e tr.; pres. scuffundu (scunfundu),… scuffundamu, ecc.; p.


rem. scuffundài (scunfundài), ecc.; pp. scuffundatu (scunfundatu) * intr. Sparire nel
profondo; essere introvabile: lu diàulu cu scuffunda che il diavolo sparisca nel fondo * tr.
1- Subissare, scaraventare in fondo: lu Patreternu, però, l'ìa scuffundare li latroni te lu
cuérnu il Padreterno, però, dovrebbe subissare i ladroni che sono al governo * 2-
Rovistare sino in fondo: scunfundàu la càscia e lla camisola nu lla truàu rovistò nella
cassa sin nel fondo e non trovò la camiciola * 3- rifl. Nascondersi nel luogo più riposto:
sta malandrina, gneffiata ca nc'èranu servìzie te fare, se scuffundàa questa furbacchiona,
ogni qualvolta c'erano da sbrigare le faccende domestiche, si rendeva irreperibile.
DE D. Etimu se se pote cuncertare / cu nni perduna e ccu nu nni scuffunda?

scuffundi sm. pl. Abissi; precipizi.

scùfia sf. Cuffia da notte; scùffia * fig. 1- Sbornia * 2- Cotta amorosa.

scuficeδδa sf. Cuffietta; berrettino di tela per bimbo. [dim. di scùfia].

scufieδδa sf. Scuffina, lima piatta dei falegnami. [dim. dal lat. scobis]. V. anche scrufina.

scufulare v.

scrufulare.

scugghiare tr.; pres. scùgghiu, ecc.; impf. scugghiàa, ecc.; p. rem. scugghiài, ecc.; pp.
scugghiatu. Colpire duramente qualcuno ai testicoli così da renderlo ipoteticamente
impotente; colpire qualcuno all'inguine col pericolo di rompergli la coglia: ci lu pìgghia,
lu scùgghia, comu ete veru lu sule! se lo colpisce all'inguine, gli rompe lo scroto, gli
schiaccia i testicoli, come è vero il sole! * rifl. Ammalarsi di ernia: cumpare, me sta’
scùgghiu compare, mi sta spuntando l'ernia * fig. Sforzarsi eccessivamente nel lavoro fino
a rischiare un'ernia: se sta’ scùgghianu cu lle palanghe, pericci, ma lu cute nu sse
scàzzeca si stanno sforzando in tutti i modi con le leve, ma il masso non si scalza. [da s-
sottrattivo e cùgghia].

scugghiatu agg. Ernioso; sofferente allo scroto * fig. Senza coglioni, debole, incapace di
qualsiasi sforzo.

scugghiatune, scugghiatone sm. Uomo che porta, visibile al di sotto dell'addome, un grosso
sacco erniario.

304
S

scugghiunare tr.; pres. scugghiunu,… scugghiunamu, ecc.; p. rem. scugghiunài, ecc.; pp.
scugghiunatu. Stufare, annoiare maledettamente; infastidire * rifl. Stuccarsi, averne
abbastanza. [da cugghiune].

scugghiunatu agg. Scoglionato; annoiatissimo; assai infastidito.

scugnare tr.; pres. scugnu,… scugnamu, ecc.; p. rem. scugnài, ecc.; pp. scugnatu. Sbrecciare,
scheggiare. [da un incrocio tra cugnu, ugna e scunare].

scugnatu agg. Sbrecciato, scheggiato: porta nnu tente scugnatu ha un dente scheggiato; piatti
e suppiere tutti scugnati piatti e scodelle tutti sbrecciati.

scugnatura sf. Scheggiatura.

scugnizzu sm. Ragazzo sbarazzino.

sculabbrotu sm. Colabrodo.

sculacchiare rifl.; pres. me sculàcchiu, ecc.; impf. me sculacchiàa, ecc.; p. rem. me


sculacchiài, ecc.; pp. sculacchiatu * 1- Cadere col sedere per terra; sedersi lasciandosi
cadere di schianto * 2- Franare sulla propria base d'appoggio * fig. Afflosciarsi; perdersi
di coraggio e desistere. [s- intensivo + culu con suff. peggiorativo -acchiare].

sculacchiatu agg. Seduto scompostamente rilassato sul sedere appiattito * fig. Fortunato al
gioco.

sculamaccarruni sf. Scolapasta.

sculapasta sf. Scolapasta, colatoio.

sculapiatti sf. Piattaia.

sculare tr. e intr.; pres. sculu,… sculamu, ecc.; p. rem. sculài, ecc.; pp. sculatu * tr. 1-
Vuotare un recipiente sino all'ultima goccia; bere sino al fondo * 2- Liberare le vivande o
le verdure dall'acqua in cui sono state cotte o lavate * intr. Scolare, colare, defluire;
trasudare e colare giù; perdere liquido lentamente a goccia a goccia. V. pure culare.

scularu (lett.) sm. Scolaro, chi frequenta le scuole elementari.

sculàsticu agg. Scolastico. [dal lat. scolasticus].

sculatura sf. Residuo di un liquido * detto: "Tutte le sculature fora mei" - disse Gesucristu
'Bevvi sino all'ultima goccia" - disse Gesù Cristo.

305
S

sculazzare intr.; pres. sculazzu,… sculazzamu, ecc.; p. rem. sculazzài, ecc.; pp. sculazzatu *
1- Di bestie, scalpitare agitando il posteriore: lu caδδu sculazza il cavallo sculetta
scalpitando; la crapa sculazza e nnu sse face mùngere la capra sculetta e non si fa
mùngere * 2- Di veicoli, sbandare bruscamente dalla parte posteriore. [dal lecc. culazza
incr. con it. sculettare].

scullare tr.; pres. scollu, scuelli, scolla, scullamu, ecc.; p. rem. scullài, ecc.; pp. scullatu.
Scollare un indumento per scoprire di più il collo.

scullatu agg. Scollato, scollacciato.

scullatura sf. Scollatura, apertura di un indumento in corrispondenza del collo, e di una


calzatura bassa in corrispondenza del collo del piede.

sculoppu sm. Scolopio, sia il religioso appartenente alla Congregazione di S. Giuseppe


Calasanzio, e sia l'alunno che ne frequenta le Scuole Pie.

sculuffiare tr.; pres. sculòffiu, sculoffi, sculòffia, sculuffiamu, ecc.; p. rem. sculuffiài, ecc.; pp.
sculuffiatu. Sfiancare, slombare * rifl. Rompersi la schiena per la stanchezza; sfessarsi.
[dal lecc. culòfia].

sculummare, sculumbare rifl.; pres. me sculummu (sculumbu),… ni sculummamu, ecc.; p.


rem. me sculummài (sculumbài), ecc.; pp. sculummatu (sculumbatu) * 1- Dilombare,
cadere sulle proprie gambe e battere il sedere in terra * 2- Piegare le gambe sotto un grave
peso; ammazzarsi di fatica e non mantenersi in piedi. [dall'incr. tra lecc. culu, culummu e
it. lombo].

sculummatu, sculumbatu agg. Sfiancato dagli sforzi, sfinito per la stanchezza; crollato come
un fiorone sfatto e molliccio.

sculurire tr. e intr.; pres. sculuriscu,… sculurimu, ecc.; p. rem. sculurìi,… sculuremmu, ecc.;
pp. sculurutu. Scolorire, togliere il colore o perdere il colore consueto; sbiadire. [da
culure].
DE D. Nu cchiùi li Turchi bàttenu alle porte / sculurendu gne ffacce pe tterrore,

sculuritu agg. Scolorito, sbiadito.

sçuma sf. Schiuma di minutissime bollicine: sçuma te sapune, te mare schiuma di sapone, di
mare; stu mieru, quandu lu ddiachi, face muta sçuma quando lo versi, questo vino fa
molta schiuma; la sçuma te lu latte nu mme piace la schiuma del latte non mi piace. [da
un incr. tra fr. ant. skùn e it. spuma].

sçumagnare tr.; pres. sçumagnu,… sçumagnamu, ecc.; p. rem. sçumagnài, ecc.; pp.
sçumagnatu. Sgominare, sbaragliare; scompagginare, scompigliare * rifl. Sgomentarsi e

306
S

darsi a fuga scomposta, lasciarsi prendere dal terrore, sbandarsi e fuggire. [da un incr. lat.
tra excombinare, excommentari ed exglomerare].

sçumagnatu agg. Sgomento, terrorizzato.

sçumare tr. e intr.; pres. sçumu,… sçumamu, ecc.; p. rem. sçumài, ecc.; pp. sçumatu * tr.
Schiumare, liberare dalla schiuma: sçumàtilu lu brotu schiumate il brodo * intr. Fare
schiuma: ci lu tuecchi, lu moniceδδu ncigna a sçumare se la tocchi, la chiocciola bruna fa
la schiuma.

sçumaturu sm. Schiumatoio, schiumaiola.

sçumazza sf. Schiuma sporca; bava.

scumbenare tr.; pres. scumbinu,… scumbenamu, ecc.; p. rem. scumbenài, ecc.; pp.
scumbenatu. Scombinare; spaiare * fig. Mandare a monte.

scumbenatu agg. Scombinato; spaiato * fig. Sconclusionato, stravagante.

scumbrare tr.; pres. scumbru,… scumbramu, ecc.; impf. scumbràa, ecc.; p. rem. scumbrài,
ecc.; pp. scumbratu. Sgomberare, sgombrare; svuotare.

scumbru agg. Sgombro, vuoto; libero da ingombri che ostacolano.

scumbussulamientu sm. Scombussolamento.

scumbussulare tr.; pres. scumbùssulu,… scumbussulamu, ecc.; p. rem. scumbussulài, ecc.;


pp. scumbussulatu. Scombussolare, scompigliare, mettere a soqquadro; frastornare. [da
bùssula].

scumbùssulu sm. Scombussolo, scompiglio; sconcerto.


DE D. e cu sse dica: Uei, ca a quattru ueli / ha' mìntere a scumbùssulu li Santi:

scumenecare v.

scumunecare.

scumenecatu agg. Perseguitato dalla cattiva sorte; maledetto.


DE D. Ddunca camini tie, scumenecata, / cu sse chiùanu li fiuri, / fiezzu de nfiernu cu
ddenta la ndore;

scummarieδδu sm. Scombro piccolino. [dim. di scùmmaru].

307
S

scùmmaru
scùmmaru sm. Scombro o maccarello, pesce assai comune nell'Adriatico e nello Ionio. [lat.
scomber -ri].

scummeniente agg. Sconveniente, disdicevole, indecoroso.

scummenìre intr.; pres. scummegnu, scummieni, scummene, scummenimu, scummeniti,


scummènenu; impf. scummenìa, ecc.; p. rem. scummenìi,… scummenemmu, ecc.; cong.
pres. scummegna, scummègnanu; pp. scummenutu. Sconvenire, risultare indecoroso; non
essere adatto e confacente.

scummessa sf. Scommessa.

scummèttere, scummettìre tr.; pres. scummettu, scummietti, scummette, scummettimu, ecc.;


p. rem. scummettìi (scummessi), scummettisti, scummettìu (scummesse), scummettemmu
(scummèssemu), scummettestu, scummettèra (scummèssera; pp. scummettutu
(scummessu) . Scommettere.

scummutare, scumutare tr.; pres. scòmmutu (scòmutu), scuèmmeti, scòmmuta, scummutamu,


ecc.; p. rem. scummutài (scumutài), ecc.; pp. scummutatu (scumutatu) . Scomodare
recando disturbo: scummutastu lu miètecu pe nnu scarnìpulu scomodaste il medico per
una sciocchezza; statte nu tte scumutare stai, non ti incomodare. [da còmmutu, còmutu].

sçumone sm. Specie di dolce di pasta frolla sormontata di chiara d'uovo sbattuta e zuccherata
(diverso, dunque, dallo spumone). [da sçuma].

scumpagnare tr.; pres. scumpagnu,… scumpagnamu, ecc.; p. rem. scumpagnài, ecc.; pp.
scumpagnatu. Disunire; scombinare * rifl. Scompagnarsi e rompere i rapporti di amicizia.
[da s- privativo e cumpagnu].

scumpagnatu agg. Separato dai compagni, perché imbronciato. V. currìu.

scumparire intr.; pres. scumparu, scumpari, scumpare (ed anche scumpariscu, scumparisci,
scumparisce), scumparimu, ecc.; p. rem. scumparìi,… scumparemmu, ecc.; pp.
scumparutu. Sfigurare nei confronti di altri; fare brutta figura.

scumpartu sm. Scomparto di un mobile, di uno scaffale.

scumpassare tr.; pres. scumpassu,… scumpassamu, ecc.; p. rem. scumpassài, ecc.; pp.
scumpassatu. Dimenare scompostamente gli arti: stisu a nterra, scumpassàa anche e

308
S

rrazze steso per terra, dimenava gambe e braccia * rifl. Torcersi per il mal di pancia o
anche per il ridere a crepapelle: se scumpassàa pe li risi si torceva dalle risate.

scumpassatu agg. Dinoccolato, dondolante dall'andatura slegata.

scumpassu sm. 1- Forte turbamento; sbalordimento * 2- Sconcerto viscerale.

scumpenzu sm. Scompenso, squilibrio.

scumpigghiare tr.; pres. scumpìgghiu, ecc.; impf. scumpigghiàa, ecc.; p. rem. scumpigghiài,
ecc.; pp. scumpigghiatu. Scompigliare, sconvolgere. [da scumpìgghiu].

scumpigghiatu agg. Eccentrico, strambo, stravagante.

scumpìgghiu sm. Scompiglio, disordine caotico; turbamento.

scumpònere, scumpunìre rifl.; pres. me scumponu, te scumpueni, se scumpone, ni


scumpunimu, ecc.; p. rem. me scumpunìi (scumposi), te scumpunisti, se scumpunìu
(scumpose), ni scumpunemmu (scumpòsemu), bu scumpunestu, se scumpunèra
(scumpòsera) ; pp. scumpunutu (scumpostu) . Scomporsi; in frasi negative, conservare
un'assoluta indifferenza.

scumpostu agg. Scomposto; in atteggiamento alquanto indecente.

scumputare tr.; pres. scòmputu, scuèmputi, scòmputa, scumputamu, ecc.; p. rem. scumputài,
ecc.; pp. scumputatu. Scomputare, defalcare, detrarre.

scumulare tr.; pres. scùmulu,… scumulamu, ecc.; p. rem. scumulài, ecc.; pp. scumulatu.
Appianare i cumuli, specialmente di terriccio. [da cùmulu]. V.pure scurmare.

scumùneca, scumòneca sf. 1- Scomunica ecclesiastica * 2- Sfortuna marcia; iella cronica:


fìgghia mia, la scumùneca tieni! figlia mia, la sfortuna hai addosso! * modi di dire:
purtare la scumùneca susu non avere fortuna § menare la scumòneca recare sfortuna.

scumunecare tr.; pres. scumùnecu, scumùnechi, scumùneca, scumunecamu, ecc.; p. rem.


scumunecài, ecc.; pp. scumunecatu. Scomunicare * fig. Iellare, colpire con un cattivo
influsso.

scumunecatu agg. Miscredente; non praticante, alieno da ogni pratica religiosa.

sçumusu agg. Schiumoso.

scunare tr.; pres. sconu, scueni, scona, scunamu, ecc.; p. rem. scunài, ecc.; pp. scunatu.
Staccare un pollone o un rametto da trapianatre. [s- sottrattivo e lat. conari].

309
S

scunatura sf. Talea, tenero rametto capace di attecchire e rigenerare una nuova pianta. [da
scunare].

scuncare tr.; pres. sconcu, scuenchi, sconca, scuncamu, ecc.; p. rem. scuncài, ecc.; pp.
scuncatu. Sconcare. [dal lecc. conca].

scuncertante agg. Sconcertante.

scuncertare tr.; pres. scuncertu,… scuncertamu, ecc.; p. rem. scuncertài, ecc.; pp.
scuncertatu. Sconcertare; creare disordine e guasti; frastornare, disorientare.

scuncertatu agg. Frastornato, interdetto; dissestato.

scuncertu sm. Sconcerto, sbandamento, disorientamento; dissesto, scompiglio.

scuncezza (lett.) sf. Sconcezza, indecenza; oscenità. V. purcarìa.

scuncignatu agg. Scalcinato, non abituato all'ordine, arruffone che si comporta in maniera
disordinata sul posto di lavoro * prov. Scuncignata e cannaruta, lu maritu cu nnu bata, lu
Signore cu lla iuta scalcinata e golosaccia, che il marito non ci faccia caso e il Signore la
protegga. [da s- privativo e lat. conciniatus, coerente, incr. con it. congegnato]. Simpatico
questo strambotto: La scuncignata perse la cunùcchia: / tutta la lunetìa la sçiu ttruandu, /
la martetìa la cchiàu scunzata tutta, / tutta la mercutìa la sçiu ccunzandu; / la sçiuetìa
rammenàu la stuppa, / la ernetìa la sçiu ncunucchiandu; / lu sàbbatu putìa dare sutta? /
la tumìneca… nienti, ca foi festa!

scuncigni sm. pl. 1- Oggetti lasciati alla rinfusa; attrezzi sparsi sul luogo del lavoro * 2- I
modi e gli atti sconnessi e sconclusionati di uno 'scuncignatu'.

scuncrusàggine sf. Sconclusionatezza.

scuncrusu agg. Sconclusionato; illogico.

scuncrùtere, scuncrutìre intr.; pres. scuncrutu,… scuncrutimu, ecc.; p. rem. scuncrutìi


(scuncrusi), scuncrutisti, scuncrutìu (scuncruse), scuncrutemmu (scuncrùsemu),
scuncrutestu, scuncrutèra (scuncrùsera) ; pp. scuncrututu (scuncrusu) . Parlare in modo
illogico e cervellotico; sragionare.

scuncrutimientu sm. Sragionamento.

scuncurdiatu agg. 1- Incoerente, sconcludente * Scoordinato nei movimenti; di persona


dall'andatura slegata.

scùndere, scundìre tr.; pres. scundu,… scundimu, ecc.; p. rem. scundìi (scusi), scundisti,
scundìu (scuse), scundemmu (scùsemu), scundestu, scundèra (scùsera) ; pp. scundutu

310
S

(scusu) . Nascondere, occultare * prov. Terare la petra e scùndere la manu tirare la pietra
e nascondere la mano. [lat. (ab)scondere].

scundìgghiu sm. Nascondiglio.


DE D. Nu nci su' porte chiuse e nnu rrepari, / nu nc'è scundigghi cu tte puei sarvare,

scundilucerte sm. Rimpiattino, nascondarella. [comp. di scunde(re) lucerta].

scundi scundi sm. Gioco di ragazzi, uno dei quali deve cercare e scoprire i compagni che
sono nascosti nelle parti più impensabili delle vicinanze.

scunfetare rifl.; pres. me scunfitu,… ni scunfetamu, ecc.; p. rem. me scunfetài, ecc.; pp.
scunfetatu. Sconfidarsi.
DE D. Moi te le forse mei me nde scunfitu / ieu ca nu m'àggiu scunfetatu mai!

scunfetatu agg. Sconfidato, sfiduciato: tegnu lu core scunfetatu ho il cuore scoraggiato; la


etìi cu δδi beδδi uecchi scunfetati la vedevi con quegli occhi belli sfiduciati.

scunfiare, sgunfiare tr.; pres. scònfiu (sgònfiu), scuenfi (sguenfi), scònfia (sgònfia) scunfiamu
(sgunfiamu), ecc.; p. rem. scunfiài (sgunfiài), ecc.; pp. scunfiatu (sgunfiatu) . Sgonfiare.
[significato inverso di cunfiare].

scunfìggere, scunfeggìre (lett.) tr.; pres. scunfiggu,… scunfeggimu, ecc.; p. rem. scunfeggìi
(scunfissi), scunfeggisti, scunfeggìu (scunfisse), scunfeggemmu (scunfìssemu),
scunfeggestu, scunfeggèra (scunfìssera) ; pp. scunfeggiutu (scunfittu) . Sconfiggere. V. il
più comune ìncere.

scunfinare intr.; pres. scunfinu,… scunfinamu, ecc.; p. rem. scunfinài, ecc.; pp. scunfinatu.
Sconfinare nella proprietà altrui; uscire dai limiti. [da cunfine].

scunfinferare intr.; pres. scunfìnferu,… scunfinferamu, ecc.; p. rem. scunfinferài, ecc.; pp.
scunfinferatu. Andare a genio, riuscire gradito, garbare: δδe caruseδδe me scunfìnferanu
quelle giovanette mi vanno a genio; allu patrunu nu nni scunfinferàanu li malespori al
padrone non garbavano quegli spropositi.

scunfitta sf. Sconfitta; insuccesso.

scunfittu agg. Sconfitto, battuto, vinto.

scunfortu sm. Sconforto.

scunfundare v. scuffundare.

scunfundu sm. Abisso; profondità incolmabile; strapiombo assai profondo e buio.

311
S

scunfurtante agg. Sconfortante.

scunfurtare rifl.; pres. me scunfortu, te scunfuerti, se scunforta, ni scunfurtamu, ecc.; p. rem.


me scunfurtài, ecc.; pp. scunfurtatu. Sconfortarsi; perdere la fiducia in se stessi.

scunfurtatu agg. Sconfortato, scoraggiato; depresso, deluso.


Da c. p. Mmaruti e scunfurtati versu sira / se nd'iànu passeggiandu tra lle nule

scungiuru sm. Scongiuro contro il malocchio, per allontanare il male * modi di fare
scongiuro: rattàrese (grattarsi all'inguine); fare le corne (fare le corna con l'indice e il
mignolo della mano distesi); tuccare fierru (toccare l'oggetto di ferro più vicino); fare la
fica e lla faa (v. fica).

scunnessione sf. Sconnessione dal punto di vista logico.

scunnessu agg. 1- Che dice cose sconvenienti, che non dovrebbe dire specialmente in
presenza di donne e bambini: cittu, scunnessu, nu biti ca nc'ete gente? zitto, indelicato,
non vedi che c'è gente? * 2- Sconnesso, sgangherato.

scunnèttere, scunnettìre intr. e tr.; pres. scunnettu, scunnietti, scunnette, scunnettimu, ecc.; p.
rem. scunnettìi (scunnessi), scuttisti, scunnettìu (scunnesse), scunnettemmu
(scunnèssemu), scunnettestu, scunnettèra (scunnèssera) ; pp. scunnettutu (scunnessu) *
intr. Non connettere nel ragionamento, sragionare * tr. Sconnettere, sgangherare.

scunquassare tr.; pres. scunquassu,… scunquassamu, ecc.; p. rem. scunquassài, ecc.; pp.
scunquassatu. Sconquassare, fracassare.

scunquassu sm. Sconquasso; violento disturbo viscerale.

scunsacrare tr.; pres. scunsacru,… scunsacramu, ecc.; p. rem. scunsacrài, ecc.; pp.
scunsacratu. Sconsacrare.

scunsigghiare, scunsigliare tr.; pres. scunsìgghiu (scunsìgliu),… scunsigghiamu, ecc.; impf.


scunsigghiàa (scunsigliàa), ecc.; p. rem. scunsigghiài (scunsigliài), ecc.; pp.
scunsigghiatu (scunsigliatu) . Sconsigliare: nde la scunsigghiàra, ma iδδa foi ncapunita
ne la sconsigliarono, ma lei si dimostrò ostinata.

scunsiteratu agg. Sconsiderato, imprudente; facilone.

scunsulante agg. Sconsolante, che provoca sconforto.

scunsulare tr.; pres. scunsolu, scunsueli, scunsola, scunsulamu, ecc.; p. rem. scunsulài, ecc;
pp. scunsulatu. Amareggiare grandemente, rattristare.
Da c. p. Quandu lu bene miu se nde partìu, / quanti cori te donne scunsulàu! / lu prima
prima scunsulàu lu miu.

312
S

scunsulatu agg. Sconsolato, affranto dal dolore.


DE D. Oh, quantu stae deserta e scunsulata / la cità comu giovine cattìa!

scuntare tr.; pres. scuntu,… scuntamu, ecc.; p. rem. scuntài, ecc.; pp. scuntatu * Scontare,
estinguere un debito o una pena: se mprestàu centu lire e ll'à scuntate a ppicca a ppicca
prese in prestito cento lire e le ha restituite a rate; à scuntare nn'àuru annu te calera dovrà
scontare un altro anno di galera; nun ete giustu ca li fili ànu scuntare le peccate te li siri
non è giusto che i figli debbano scontare i peccati dei genitori * rifl. Ripagarsi, vendicarsi
facendo pagare un'offesa: nun ìbbera pace fencattantu nu sse la scuntàra non ebbero pace
finché non si vendicarono * modo di dire: pupiδδu, scùntala a cquiδδu stupido che sei,
falla pagare a quello che non c'entra per niente.
Da c. p. Mai sia San Giuanne sse l'àggia a scuntare, / tecendu sempre none a ssou
despiettu!

scuntentare tr.; pres. scuntentu,… scuntentamu, ecc.; p. rem. scuntentài, ecc.; pp.
scuntentatu. Scontentare, non soddisfare pienamente.

scuntente, scuntentu (pl. m. scuntienti, f. scuntente) agg. Scontento, insoddisfatto: nu


mbògghiu cu bu nde sçiati scuntienti non vogliuo che ve ne andiate scontenti.

scuntentizza sf. Scontentezza, malcontento; insoddisfazione.

scuntòrcere, scunturcìre tr.; pres. scuntorcu, ecc. (segue la coniugazione di tòrcere, turcìre).
Contòrcere. [dal lat. contorquēre].
DE D. S'idde lu cuerpu tuttu scunturcìre, / strinse le manu, le razze ndrezzàu,

scuntrafare tr.; pres. scuntrafazzu, ecc. (segue la coniugazione del semplice lecc. fare).
Deformare; cambiare i connotati.

scuntrafattu agg. Deformato e molto imbruttito: mostriciattolo.

scuntrare rifl.; pres. me scontru, te scuentri, se scontra, ni scuntramu, ecc.; p. rem. me


scuntrài, ecc.; pp. scuntratu. Scontrarsi, urtarsi rovinosamente.

scuntrinu sm. Scontrino, biglietto, tagliando di riscontro.

scuntru sm. Ampiezza del petto, specialmente di un animale da tiro.

scunzare tr.; pres. sconzu, scuenzi, sconza, scunzamu, ecc.; p. rem. scunzài, ecc.; pp.
scunzatu. Guastare, disfare, rovinare * rifl. Cambiare in peggio; guastare la propria
natura: lu caδδu se sta’ sconza il cavallo sta mutando carattere peggiorando.

scunzatu agg. Guasto e inservibile, rotto.

313
S

scupa1 sf. Saggina, pianta graminacea con fusto sottile midollato, foglie inguainanti per la
prima metà e libere e ligulate per il resto; il culmo, alto sino a due metri, termina con fitte
ramificazioni filiformi molto allungate; fusti e ramificazioni (liberate queste dai frutti a
cariosside) servono per fabbricare scope da granata. Da noi le piante di saggina non
vengono coltivate a pieno campo, ma poste ai margini degli appezzamenti di terreno. [lat.
scopa].

scupa e scuparieδδu
scupa2 sf. Scopa, l'arnese per pulire i pavimenti, fatto di fusti e filamenti di saggina * prov.
Entre pezzuta, prepara la scupa ventre della gestante appuntita, prepara la scopa (ché
nascerà una femminuccia). [dal lat. scopae].

scupa3 sf. Gioco di carte con due o quattro giocatori; è il più diffuso gioco con le carte
napoletane.

scupare tr.; pres. scupu,… scupamu, ecc.; p. rem. scupài, ecc.; pp. scupatu. Scopare, spazzare
con la scopa: scùpande ste frampùgghie scopa questi trùcioli e foglie secche; à' già
scupati li curti? hai già spazzato l'ovile? * fig. Unirsi carnalmente. [dal lat. scopare].

scupareδδa sf. Scopino fatto di fusti di saggina e adoperato per pulire piani di mobili e
tavolati, e per spolverare coperte. [dim. di scupa2].

scuparieδδu sm. Scopino fatto di sterpi e usato per spazzare frammenti grossolani e terriccio.
[dim. di scuparu1].

scuparu
scuparu1 sm. 1- Spazzatoio fatto di sterpi secchi legati ad un bastone e usato per spazzare le
strade, i cortili, le stalle * 2- Frusciàndolo per il forno, asta alla cui estremità viene legato
uno straccio bagnato * modo di dire scherzoso: fatte benetìre cu ll'àcqua te lu scuparu
fatti benedire con l'acqua sporca e non con l'acqua santa. [da scupa2 + suff. funz. -aru].

scuparu2 sm. 1- Fabbricante e venditore di scope * 2- Spazzino comunale. [lat. med.


scuparius].

314
S

scupata sf. 1- Scopata, spazzata * 2- Colpo dato con la scopa * fig. Coito, accoppiamento di
un maschio e di una femmina.

scupature sf. pl. Spazzatura; immondizie scopate.

scuperchiare tr.; pres. scupèrchiu, scupierchi, scupèrchia, ecc.; impf. scuperchiàa, ecc.; p.
rem. scuperchiài, ecc.; pp. scuperchiatu. Scoperchiare. [da cuperchiu].

scuperìre intr.; pres. scuperiscu,… scuperimu, ecc.; p. rem. scuperìi,… scuperemmu, ecc.; pp.
scuperutu. Uscir fuori, spuntare inaspettato, comparire in un modo poco normale;
rivelarsi, manifestarsi in un posto inatteso: poi scuperìu nnu bbruttu uài poi si manifestò
un brutto male; me sta’ scuperìscenu tanti freulìtuli mi stanno spuntando tanti sudamini.
[dal lat. cooperire].

scuperta sf. Scoperta; trovata, espediente: à' fatta la scuperta te la Mèreca! hai fatto la
scoperta dell'America! le scuperte toi fàcenu rìtere le tue trovate fanno ridere. [dal lecc.
scuprìre].

scupetta sf. Spazzola per spolverare indumenti; spazzola per dare il lucido alle calzature.
[dim. di scupa2].

scupettare tr.; pres. scupettu, scupietti, scupetta, scupettamu, ecc.; p. rem. scupettài, ecc.; pp.
scupettatu. Spazzolare * fig. Dopo aver consumata la pietanza, pulire il piatto senza
lasciare una briciola. [dal lecc. scupetta].

scupettinu sm. Scovolino; spazzolino.

scupettone sm. Spazzolone usato per pulire il mantello degli equini. [accr. del lecc. scupetta].

scupiertu sm. Ambiente privo di copertura e di riparo; a cielo aperto.

scupone sm. Scopone, variante del gioco della scopa. [accr. di scupa3].

sçuppare intr.; pres. sçuppu,… sçuppamu, ecc.; p. rem. sçuppài, ecc.; pp. sçuppatu. Cadere di
schianto; stramazzare a terra * prov. Sçuppa nterra ci se mpòggia a nnu parite dèbbule
stramazza a terra colui che si appoggia ad un muro debole e instabile. [dall'it. scoppiare].

sçuppetta sf. Schioppo. [fem. del lat. med. scloppus].

sçuppettata sf. Schioppettata * fig. Fatto che colpisce all'improvviso.


Da c. p. Beδδazza, luecchi toi su' ddo' sçuppette, / mìnanu sçuppettate e ssu' dde morte.

sçuppettola sf. Piccolo schioppo ad uso giocattolo.

sçuppettolu, schiuppettolu sm. Fucile da tiro a segno, che lancia piumini o turaccioli.

315
S

scuppiare intr. e tr.; pres. scòppiu, scueppi (scoppi), scòppia, scuppiamu, ecc.; p. rem.
scuppiài, ecc.; pp. scuppiatu * intr. 1- Scoppiare, rompersi di schianto * 2- Non trattenersi
ed esplodere, non riuscendo a frenare i propri impulsi: scuppiàra a cchiàngere, a rrìtere
scoppiarono a piangere, a ridere; sta’ scuppiàa pe lla mmìtia, pe lla ràggia scoppiava
dall'invidia, dall'ira * tr. Rompere con fragore, fare scoppiare: cu lla spìngula scuppiasti
lu palluncinu te lu Ninu con lo spillo facesti scoppiare il palloncino di Nino. [da scòppiu].
V. pure

sçattare.

scuprìre, scuprìscere tr.; pres. scupriscu, scuprisci, scuprisce, … scuprìscenu; cong. pres.
scuprisca, scuprìscanu; (per le altre forme v. scòprere). Scoprire, esplorare, inventare *
modo di dire: scuprìre l'àcqua salata inventare l'acqua salata, come fare un buco
nell'acqua.
DE D. e llu sta bite moi ntrèpetu, rresulutu, / salire cu scuprisca li campi de lu celu!

scuraggiante agg. Scoraggiante: le noe ci manu manu sta’ rrìanu suntu scuraggianti le
notizie, che man mano arrivano, sono scoraggianti.

scuraggiare tr.; pres. scuràggiu,… scuraggiamu, ecc.; impf. scuraggiàa, ecc.; p. rem.
scuraggiài, ecc.; pp. scuraggiatu. Scoraggioare * rifl. Perdersi d'animo, avvilirsi. [dal
lecc. curàggiu].

scuraggiatu agg. Scoraggiato, avvilito.

scuraggìre rifl.; pres. me scuraggiscu,… ni scuraggimu, ecc.; p. rem. me scuraggìi,… ni


scuraggemmu, ecc.; pp. scuraggiutu. Scoraggiarsi, perdersi d'animo; perdere ogni
speranza.

scuraggiutu agg. Avvilito, sfiduciato.

scuramientu sm. Oscuramento duraturo o temporaneo: ibbi nnu scuramientu d'ecchi ebbi un
oscuramento della vista.

scurare rifl.; pres. me scuru,… ni scuramu, ecc.; impf. scuràa, ecc.; p. rem. me scurài, ecc.;
pp. scuratu. Oscurarsi, annerirsi. [lat. obscurare].
DE D. e lla pittura se ncignàu a scurare / fenca a mmienzu nnu fumu scumparìu.

scurcialuru, scurciarulu sm. Clistere primitivo e rozzo; l'apparecchio contenitore del clisma,
il medicamento che scrosta le viscere: fanni nnu scurcialuru te àcqua, sapune e uègghiu
fagli un clistere di acqua, sapone e olio. [da scurciare + suff. funz. -uru, -ulu].

scurciare tr. e intr.; pres. scòrciu, scuerci, scòrcia, scurciamu, ecc.; p. rem. scurciài, ecc.; pp.
scurciatu * tr. Scorticare; scortecciare; scoiare * prov. La cuta ete cchiù' fforte a

316
S

scurciare la coda è più difficoltosa ad essere scoiata * intr. Sbucciarsi, spellarsi. [dal lat.
excoriare].

scurciatu agg. Escoriato, scorticato, spellato; scalfito, sbrecciato.

scurciatura sf. Escoriazione; scalfittura; graffiatura.

scurcugghiare tr.; pres. scurcùgghiu, ecc.; impf. scurcugghiàa, ecc.; p. rem. scurcugghiài,
ecc.; pp. scurcugghiatu. Indagare accanitamente ma per curiosità personale; inquisire per
il vivo desiderio di sapere i minimi particolari. [dal lat. curculio, verme che rode].

scurdare ; pres. scordu, scuerdi, scorda, scurdamu, ecc.; p. rem. scurdài, ecc.; pp. scurdatu *
1- tr. Alterare il giusto tono di uno strummento * rifl. Scordarsi, perdere l'accordatura. *
2- Dimenticare (con questo significato v. scerrare) [da s- sottrattivo e it. (ac)cordare].

scurdata sf. Dimenticanza * alla scurdata avv. Inaspettatamente, all'improvviso; quando


meno ci si pensa, quando non ce lo aspettiamo più.

scurdatizzu (più usato scerratizzu) agg. Che facilmente dimentica; smemorato.

scurdatu agg. Scordato, dissonante.

scuri sm. pl. Imposte delle finestre e delle porte a vetri.

scuriàta, scurisçiata sf. Frustata, colpo di frusta.

scuriàtu sm. Frusta. V. scurisçiatu.

scurìre tr. e intr.; pres. scuriscu,… scurimu, ecc.; p. rem. scurìi,… scuremmu, ecc.; pp.
scurutu. Scurire, rendere più scuro; diventare più scuro * intr. impers. Del tempo,
oscurarsi; farsi sera; cominciare ad annottare: lu celu sta’ scurìa il cielo si oscurava;
quandu scurisce lassamu te fatiare quando farà sera, smetteremo di lavorare; à già
scurutu è gia sera * fig. Incupire: quandu ntisi lu fattu, me scurìu lu core quando appresi
l'accaduto, il mio cuore incupì; leggèra la lettre e ll'uecchi loru scurèra lèssero la missiva
e i loro occhi si incupirono. [dal lecc. scuru].
DE D. … e gioeni e becchi / se dìanu de la fede lu salutu / mentre lu giurnu ni scurìa ntru
ll'ecchi.

scurìscere intr. impers.; pres. scurisce; impf. scurescìa; p. rem. scurescìu; pp. scuresciutu.
Imbrunire, far buio, rabbuiarsi dell'aria.

scurisçiata sf. Colpo di frusta; frustata schioccata all'aria: lu pôru sumarru se ibbe nna
scurisçiata mmienzu alle rìcchie il povero somarello ricevette una frustata tra le orecchie;
li trainieri sçiucàanu a scurisçiate i carrettieri si divertivano a dare schioccate di frusta.
[lat. excorrigiata].

317
S

scurisçiatu
scurisçiatu sm. Bacchetta di legno, lunga e flessibile, in cima alla quale è legato un cordino
di cuoio terminante con uno sverzino; frusta dei vetturali. [da currìsçia].

scurità (lett.) sf. Oscurità; buio; le tenebre della notte. [lat. obscuritas]. V. scuru1.

scurmare tr.; pres. scurmu,… scurmamu, ecc.; p. rem. scurmài, ecc.; pp. scurmatu. Scolmare
la parte traboccante degli aridi dai contenitori (spesso adoperando la 'rasula'). [da curmu].

scurmunare tr.; pres. scurmunu,… scurmunamu, ecc.; p. rem. scurmunài, ecc.; pp.
scurmunatu * 1- Arare partendo dai lati del campo e finendo al centro * 2- Tagliare la
chioma di un albero, recidendo prima i rami per farne fascine, poi i tronchi robusti e
lasciando solo il grosso fusto. [da curmune].

scurnacchiare tr.; pres. scurnàcchiu, ecc.; impf. scurnacchiàa, ecc.; p. rem. scurnacchiài,
ecc.; pp. scurnacchiatu. Dileggiare, schernire pubblicamente. [da curnàcchia].

scurnare rifl.; pres. me nde scornu, te nde scuerni, se nde scorna, ni nde scurnamu, ecc.; p.
rem. me nde scurnài, ecc.; pp. scurnatu. Vergognàrsene. [da scuernu].

scurnusu agg. Timido e vergognoso.

scurpare tr.; pres. scurpu,… scurpamu, ecc.; p. rem. scurpài, ecc.; pp. scurpatu. Scolpare,
difendere da una accusa.

scurpìre tr.; pres. scurpiscu,… scurpimu, ecc.; p. rem. scurpìi,… scurpemmu, ecc.; pp.
scurpitu. Scolpire. [dal lat. sculpere incr. con it. colpire].

scurpitu agg. Impresso, inciso.

scurpunare tr.; pres. scurpunu,… scurpunamu, ecc.; p. rem. scurpunài, ecc.; pp. scurpunatu.
Rompere la schiena a botte; sfessare, spossare * rifl. Rompersi la schiena per gli sforzi
fisici. [da curpune].

scurpunatu agg. Spossato; ridotto con la schiena indolenzita e piegata per la fatica.

318
S

scurpunisçiare intr. e tr.; pres. scurpunìsçiu, ecc.; impf. scurpunisçiàa, ecc.; p. rem.
scurpunisçiài, ecc.; pp. scurpunisçiatu * 1- Lavorare assiduamente ed eseguire continui
sforzi * 2- Bastonare reiteratamente; dare botte da orbi sulla schiena. [forma iter.-intens. -
sçiare].

scurpurare tr.; pres. scòrpuru, scuèrpuri, scòrpura, scurpuramu, ecc.; p. rem. scurpurài,
ecc.; pp. scurpuratu * Scorporare espropriando una parte * fig. Liberarsi di un assillo,
soffocare un'intima preoccupazione. [lat. med. excorporare].

Scurranu geogr. Scorrano.

scurràsçena sf. 1- Straccale, cinghia che fissa il basto passando sotto la pancia dell'asino * 2-
Ciascuna delle due spalline a fettuccia del reggiseno o della sottoveste.

scùrrere, scurrìre intr.; pres. scurru,… scurrimu, ecc.; p. rem. scurrìi (scursi), scurristi,
scurrìu (scurse), scurremmu (scùrsemu), scurrestu, scurrèra (scùrsera) ; pp. scurrutu
(scursu) * 1- Scorrere, scivolare di un liquido: te l'ecchi ni scurrìanu làcreme mare dagli
occhi gli scorrevano lacrime amare * 2- Di liquido o di cibo masticato, andare di traverso
in gola: me scurrìu n'àcenu d'ua, ca m'ìa nfucatu mi andò di traverso in gola un acino
d'uva, che per poco non mi soffocava. [dal lat. excurrere].

scurrettu (lett.) agg. Scorreto. V. fiaccu.

scurricciare tr. e intr.; pres. scurrìcciu, ecc.; impf. scurricciàa, ecc.; p. rem. scurricciài, ecc.;
pp. scurricciatu * tr. Lanciare la trottola e non riuscire a farla prillare o perché la
cordicella si è sciolta prima del tempo o perché la trottola ha battuto a terra di piatto:
all'ùrtimu tiru scurricciasti lu curru all'ultimo lancio mancasti di far girare la trottola *
intr. 1- Della trottola, sfuggire al lancio e rotolare lontano senza prillare * 2- Della
trottola, sbandare nel compiere gli ultimi giri e poi rotolare più discosto * 3- fig.
Barcollare, tentare di mantenersi in piedi e poi ruzzolare per terra.

scurrìcciu sm. 1- Lancio non riuscito della trottola * 2- Ultimo movimento incerto e
traballante della trottola * 3- fig. Barcollamento e conseguente caduta.

scurrucciare (lett.) rifl.; pres. me scurrùcciu, ecc.; impf. me scurrucciàa, ecc.; p. rem. me
scurrucciài, ecc.; pp. scurrucciatu. Corrucciarsi. [dal lat. corruptiare incr. con fr.
couroucer]. V. anche mmarìre, preoccupare.

scurrùcciu sm. Corruccio; risentimento, sdegno.

scurruttu (lett.) agg. Corrotto, andato a male, guasto. V. uastatu, fiaccu.

scursetta sf. Fettina di carne con l'osso.

319
S

scursune
scursune sm. Scorzone, saettone, colubro d'Esculapio, serpente di colore nero con riflessi
violacei, una volta assai comune nei nostri campi sassosi; tuttora della sua spina secca si
ha, erroneamente, gran paura perché ritenuta velenosa e la puntura con essa mortale. [lat.
curtio -onis incr. con lecc. scorsa].

scursune fùlenu v. uardapassi.

scursunera
scursunera sf. (detta anche 'pane de fae'). Scorzonera, pianta erbacea con foglie lineari e
intere in ciuffi, fiori gialli in capolini; la nostra specie cresce spontanea tra le siepi o ai
bordi delle strade. Fiori e foglie venivano cotti e applicati sulle ferite, per fiducia nelle
loro proprietà astringenti e cicatrizzanti. [dallo sp. escurconera].

scursune surdu sm., scursune surdu sf. Ipocrita, sornione, che fa l'indiano; furbacchione
taciturno.

scursusu agg. Che ha la buccia grossa e coriacea, scorzoso.

scurtechinu sm. Povero diavolo, travèt.

scurtecune sm. Lavoratore il quale, per sete di guadagno, non si risparmia nel lavoro, tuttavia
non migliora le sue condizioni economiche; uomo stanco, consumato dalle fatiche. [da un
incr. tra it. scorticare e lecc. scurciare + suff. dell'accr.].

scurtese agg. Scortese, sgarbato.

scurtesìa sf. Scortesia; atto sgarbato.

scurtore sm. Scultore. [lat. sculptor -oris].

320
S

scurtura sf. Scoltura; opera scolpita. [lat. sculptura].

scuru1 agg. Scuro, oscuro; tendente al nero: tene l'ecchi scuri ha gli occhi scuri; lu celu sta’
ddenta scuru il cielo si fa scuro * sm. Buio, oscurità: dduma ca nc'ete scuru fai luce,
perché c'è buio; lu scuru ete amicu de li latri e de li nnamurati l'oscurità è amica dei ladri
e degli innamorati. [dal lat. (ob)scurus].
LEONE Nturnu è scuru; a leante sulamente / ntra le nule a parire ha ccumenzata / comu
na luce de sule nascente.

scuru2 sm. Ciascuna delle due imposte di una porta a vetri o di una finestra, che può rendere
buia la stanza: mmasa δδu scuru, ca lu sule me dae ntra ll'ecchi socchiudi quell'imposta,
perché la luce del sole mi fa male agli occhi.

scurùδδula sf. Gioco di ragazzi, che consiste nel far rotolare a turno lungo uno scivolo dei
nòccioli grossi; vince chi riesce a urtare col proprio pezzo uno dei nòccioli giocati dai
compagni. V. pure ruδδi.

scurusu agg. Oscuro, rabbuiato.


DE D. Cadìa la sira. A mmeru allu punente / lu celu stìa scurusu, nnutecatu.

scurutu agg. Oscurato, rabbuiato; annerito, abbrunito.


D'AM. Ma lu celu è già scurutu / ca lu tiempu scurre e passa.

scusa sf. Scusa.

scusante sf. Giustificazione appena plausibile.

scusare tr.; pres. scusu,… scusamu, ecc.; impf. scusàa, ecc.; p. rem. scusài, ecc.; pp. scusatu.
Scusare; perdonare e assolvere * rifl. Chiedere scusa, domandare venia; discolparsi. [lat.
excusare].

scusçetare rifl.; pres. me nde scùsçetu,… ni nde scusçetamu, ecc.; p. rem. me nde scusçetài,
ecc.; pp. scusçetatu. Togliersi un pensiero e rimanere tranquillo; liberarsi da una
incombenza ed essere contento; portare a termine un lavoro e restare soddisfatto: quantu
cchiù' pprestu bu nde scusçetati, mègghiu pe bui ete quanto più presto vi renderete liberi
dagli impegni, meglio per voi sarà; se fice le lezioni e sse nde scusçetàu svolse i compiti
di scuola e si tolse il pensiero. [contrario di cusçetare].

scusçetatezza sf. Indifferenza abituale; mancanza di partecipazione e di interesse; tranquillità


incosciente e irresponsabile.

scusçetatu agg. Senzapensieri, indifferente e imperturbabile, quasi apatico; tranquillo, sereno


e pacifico * prov. Fìmmena mmaretata nu ppo' bèssere scusçetata donna maritata non
può essere noncurante e disinteressata. [dal lat. excogitatus].
Da c. p. Ièu nu tte càngiu, statte scusçetatu, / cu pprìncipe o barune o sia ci sia.

321
S

scusçetezza sf. Apatia, noncuranza totale.

scùsçetu sm. Spensieratezza, negligente indifferenza: imperturbabilità olimpica, serenità


irresponsabile.

scuscinare tr.; pres. scuscinu,… scuscinamu, ecc.; p. rem. scuscinài, ecc.; pp. scuscinatu.
Percuotere, picchiare, ridurre malconcio; bastonare di santa ragione, come battere un
cuscino con il battipanni.

scuscinata sf. Bastonatura.

scuscinatu agg. Ridotto malconcio a forza di busse.

scuscisu agg. Scosceso, molto inclinato.

scùsere, scusìre tr.; pres. scusu,… scusimu, ecc.; p. rem. scusìi,… scusemmu, ecc.; pp.
scusutu. Scucire, sdrucire. (contrario di cùsere, cusìre).

scusetura sf. Scucitura, sdrucitura.

scusi avv. Di nascosto, segretamente: fàcenu la more scusi amoreggiano di nascosto; à


benutu scusi te sirsa è venuto di nascosto da suo padre.

scusigghiare, scusigliare tr.; pres. scusìgghiu (scusìgliu), ecc.; impf. scusigghiàa


(scusigliàa), ecc.; p. rem. scusigghiài (scusigliài), ecc.; pp. scusigghiatu (scusigliatu) .
Sconsigliare. [è il contrario di cusigghiare, cusigliare).

scusi scusi avv. Di nascosto, senza farsene accorgere; alla chetichella.

scustare tr.; pres. scostu, scuesti, scosta, scustamu, ecc.; p. rem. scustài, ecc.; pp. scustatu.
Scostare, allontanare di poco * rifl. Farsi più in là; evitare il contatto di gomito con un
altro.
MAR. se nu tte piazzu scòstate, / scòstate, aggi pacènzia!

scustulare tr.; pres. scòstulu, scuèstuli, scòstula, scustulamu, ecc.; p. rem. scustulài, ecc.; pp.
scustulatu. Indolenzire il costato o tutte le ossa del corpo. [da còstula]. V. pure
scustulisçiare.

scustulatu agg. Indolenzito nel torace; indolito in tutto il corpo.

scustulisçiàre tr. e intr.; pres. scustulìsçiu, ecc.; impf. scustulisçiàa, ecc.; p. rem.
scustulisçiài, ecc.; pp. scustulisçiatu. Indolenzire, provocare una sensazione di dolore in
tutte le articolazioni del corpo; subire un doloroso intorpidimento alle ossa del costato.
[intens. di scustulare].

322
S

scustulisçiatu agg. Indolenzito; sofferente di una fastidiosa sensazione di dolore alle ossa del
torace.

scustumatezza sf. Scostumatezza; mancanza di rispetto.

scustumatu agg. Scostumato; maleducato.

scusu agg. Nascosto; celato: puntu scusu ale pe doi punto nascosto vale doppio; la parte
cchiù' scusa te la rutta la parte più riposta della grotta. [lat. (ab)sco(n)sus].
DE D. Scusu, rasente, puntune puntune / n'umbra cunfusa strisciandu camina,

scusutu agg. Scucito, sdrucito * sm. La parte scucita, il tratto di stoffa sdrucita * modo di
dire: essìre te lu scusutu uscire da un impiccio per il rotto della cuffia.

scuteδδa sf. Scodella * prov. Quandu nc'ete picca pane a ntàula, inchi te cafè la scuteδδa
quando a mensa c'è poco pane, riempi la scodella (della colazione) di caffè di orzo. [dal
lat. scutella, ll>δδ].

scuteδδuzza sf. Scodellina, zuppiera.

scuterìa sf. Stalla e dipendenze razionalmente costruite.

scutieri sm. Addetto alla cura della scuderia e capo degli stallieri.

scutisciare (lett.) tr.; pres. scutìsciu, ecc.; impf. scutusciàa, ecc.; p. rem. scutisciài, ecc.; pp.
scutisciatu. Scudisciare. [dal lecc. scutìsciu].

scutisciata (lett.) sf. Scarica di colpi di scudiscio. V. currisçiata.

scutìsciu (lett.) sm. Scudiscio; frustino. [dal lat. scutica incr. con it. striscio]. V. pure
currìsçia, niervu, scurisçiatu.

scutu o spasa
scutu sm. 1- Scudo, arma di difesa * 2- Tavoletta di legno drangolare e immanicata al centro,
sulla quale l'intonacatore sistema la calcina da spalmare * 3- Scudo, moneta d'oro o
d’argento. [lat. scutum].

scutuδδare tr.; pres. scutuδδu,… scutuδδamu, ecc.; p. rem. scutuδδài, ecc.; pp. scutuδδatu.
Far piegare la testa e la schiena; costringere uno a stare inchinato: chìcate cu lle bone,

323
S

senò te scutùδδanu piega le spalle con le buone, altrimenti te le fanno piegare col le
cattive; ni scise la cùtula e rrimase scutuδδatu si ebbe una lombaggine e restò piegato in
avanti. [da un incr. tra scutursare, scucuδδare e cueδδu].

scutugnare v. ncutugnare.

scutugnata sf. Scarica di cazzotti, fracco di botte.

scutugnatu agg. Con il volto gonfio per le botte ricevute. V. pure ncutugnatu.

scùtula sf. Scòtola, gramola, arnese per lavorare il lino.

scutulare tr.; pres. scòtulu, scuètuli, scòtula, scutulamu, ecc.; p. rem. scutulài, ecc.; pp.
scutulatu * 1- Scuotere ripetutamente, scrollare: sta’ scutulàanu le sàccure acanti stavano
scuotendo i sacchi vuoti; moi ci te ccuegghi, sirda te scòtula ora che ti ritiri a casa, tuo
padre ti scrollerà ben bene * 2- Bacchiare: sçia' scutulati li nuci, le ulie, le mèndule, le
còrnule andate e bacchiate le noci, le olive, le mandorle, le carrube * 3- rifl. Scrollarsi,
rimuovere di dosso: lu cane se scutulàu l'àcqua te subbra il cane si scrollo di dosso le
gocce d'acqua. [dal lat. excutere l'iterativo *excutulare].

scutulata sf. Scuotimento; battitura; scrollata: se fice nna scutulata te spaδδe si fece una
scrollatina di spalle.

scutursare tr.; pres. scutursu,… scutursamu, ecc.; p. rem. scutursài, ecc.; pp. scutursatu.
Rompere la schiena a botte; bastonare sul groppone * rifl. Rompersi il dorso per lavori
pesanti: ci te la face fare cu tte scutursi? chi te lo fa fare ad affaticarti tanto?; (De
Dominicis) … mòneci de lu stùtiu scutursati monaci ingobbiti dallo studio costante. [da
cutursu].

scutursatu agg. Con la schiena rotta dalla fatica; ingobbito: le specalure turnàanu scutursate
le spigolatrici tornavano dai campi con le spalle indolenzite e piegate in avanti.
DE D. Scinde rande lu sule: già lu ellanu / scutursatu ha lassata la fatìa.

scuzzecare tr.; pres. scòzzecu, scuèzzechi, scòzzeca, scuzzecamu, ecc.; p. rem. scuzzecài, ecc.;
pp. scuzzecatu. Scrostare il materiale di rivestimento * rifl. Staccarsi di una superficie
prima aderente. [dal lat. excalceare incr. con excorciare].

scuzzecatu agg. fig. Scalcinato, di persona mal vestita.

scuzzulare tr. e intr.; pres. scòzzulu, scuèzzuli, scòzzula, scuzzulamu, ecc.; p. rem. scuzzulài,
ecc.; pp. scuzzulatu * tr. Asportare il grosso dello sporco mediante la messa a mollo: la
lessìa scòzzula puru lu siu la liscivia asporta persino l'unto di sebo; l'àcqua te lu celu ete
bona pe scozzulare le rrobbe l'acqua piovana è efficace per togliere lo sporco dai panni *
intr. Liberarsi dello sporco mediante la messa a bagno: le spàrecane nn'ura dopu ìanu

324
S

scuzzulate i pannolini dopo un'ora erano diventati puliti. [dal lat. excorciare incr. con
l'intens. *excorciulare].

scuzzunare tr. e intr.; pres. scuzzunu,… scuzzunamu, ecc.; p. rem. scuzzunài, ecc.; pp.
scuzzunatu * 1- Dirozzare; sgrossare * 2- Mettere a bagno i legumi per fare ammorbidire
la loro pellicola e prepararli alla cottura.

scuzzunatore sm. Operaio sgrossatore; sbozzatore.

sdignare (lett.) intr. rifl.; pres. me sdignu,… ni sdignamu, ecc.; p. rem. me sdignài, ecc.; pp.
sdignatu. Sdegnarsi, adirarsi e offendersi. V. rraggiare, stizzare.

sdignatu (lett.) agg. Sdegnato, adirato, offeso e risentito. V. ncazzatu, stizzatu.

sdignu, sdegnu sm. Sdegno, irritazione, risentimento: lu sdignu nu nde cumbina cose bone lo
sdegno non fa compiere azioni buone; rrussìu te sdignu arrossì di sdegno.
Da c. p. Cantu te sdegnu ca sdignatu stau, / cantu pe lle vecine te cquannanti, / cantu pe
lla toa mamma ca nu mme ole, / pàtrita puru me nd'à dditte tante.

sdignusu, sdegnusu agg. Sdegnoso; altero e sprezzante.

se (lett.) cong. condizionale. Se: se m'ìa ntisu, nun ìa scarratu se mi avesse dato retta, non
avrebbe sbagliato. V. ci.
DE D. O Linda, Linda, nu tte llamentare / se nu biti le chiante cchiùi fiurire, / se
ncìgnanu le pàmpane a seccare, / se lu sule ccumenza a ddefreddire.

sé, se pron. rifl. Se, sé, si: se crite ca ncora ete caruseδδa si crede ancora giovanetta; se
àmanu cu ttuttu lu core si amano con tutto il cuore; stasira ae an sé questa sera sta in sé
(non è altìccio) * in pos. encl.: ìssase statu a ccasa che fosse rimasto in casa!; uardànduse
ntra ll'ecchi, se decìanu lu bene ci se ulìanu fissàndosi negli occhi, si dicevano il bene che
si volevano. [lat. se].

sebbellìre, sebelìre tr.; pres. sebbellìscu (sebeliscu),… sebbellimu, ecc.; p. rem. sebbellìi,…
sebbellemmu, ecc.; pp. sebbellutu. Seppellire: sta’ sebbellìscenu lu muertu seppelliscono
la salma. [lat. sepelire]. V. anche il più comune precare.

sebbellitu agg. Seppellito, sepolto. [lat. sepelitum].


Da c. p. Puru dopu muertu e sebbellitu / stu core, fattu terra, ncora te ama!

sebbetura sf. Sepoltura.


Da c. p. ca ci pe mmie nu nc'è nnu mègghiu fatu, / àprite, terra, e damme sebbetura!

sebburcu sm. Repositorio, l'apposita urna dove è riposta l'Eucaristia il giovedì e il venerdì
santo: facimu lu giru te li sebburchi ca uatagnamu le ndurgènzie facciamo le visite ai
sepolcri che guadagniamo le indulgenze. [lat. sepulchrum].

325
S

sebburtura sf. Sepoltura. [lat. sepultura].


DE D. Cinca nfacce lli Turchi se mpaura, / la ergogna cu nu llaa l'àcqua de mare, / a
nterra cu nu ttroa la sebburtura!

seca sf. fig. Masturbazione maschile. [dal lat. seca, it. sega].

secaiolu agg. Dedito alla pratica della masturbazione.

secalignu (lett.) agg. Magro secco, segaligno. V. mazzu, fierru felatu.

secara, sacara
secara sf. Colubro austriaco, serpe con il dorso bruno striato di giallo e picchettato di verde e
di nero, e con il ventre bianchiccio; indica confusamente la vìpera ed è assai temuta *
prov. Ci ccise nna secara, li Santi se lu asàra; ci ccise nnu scursune, ni dèsera nnu
sçaffune i Santi si sbaciucchiarono colui che uccise una vipera; colui che uccise un
saettone, si ebbe da loro uno schiaffone.

secàru, sicàru sm. Sìgaro confezionato con foglie intere di tabacco; una volta i
tabacchicultori si preparavano i sigari con le proprie mani; il sìgaro acquistato presso la
rivendita era chiamato 'secàru tuscanu'. [dallo sp. cigarro].
Da c. p. Mmacari ca passi e spassi, / lu sicàru nu llu mpicci; / la Ronza s'à ffatti li ricci /
e llu Ronzu la ole spusà.

secatura (neol.) sf. Segatura, materiale pulverulento mischiato con trucioli del legno. V.
frampùgghie.

seccare tr. e intr.; pres. siccu, sicchi, sicca, seccamu, ecc.; p. rem. seccài, ecc.; pp. seccatu.
Essiccare, seccare, inaridire: lu càutu supèrchiu sta’ sseccàa le chianticeδδe il caldo
eccessivo stava essiccando le piantine; le pàmpane sìccanu le foglie inaridiscono * fig.
Disturbare, infastidire; annoiarsi, seccarsi. [lat. siccare].
DE D. Ahi, quanti e quanti fiuri lu sule idde seccare, / ahi, quanti e quanti giurni lu sule
idde scurire.

seccatieδδu sm. Ramo reciso e secco, buono per il fuoco: nna mita te seccatieδδi una catasta
di rami secchi. [dim. di seccatu].

326
S

seccatu agg. Secco, inaridito * prov. La rùggia se màngia lu fierru e llu seccatu se rùseca lu
erde la ruggine corrode il ferro, la parte secca della foglia rosìcchia la parte verde. [lat.
siccatus].

seccatura sf. Disturbo, molestia: le seccature le rresèrvanu a mmie a me riserbano le


seccature.

secchezza sf. 1- Aridità, sensazione di sete, arsura * 2- Magrezza.

secchia
sècchia sf. Secchia, recipiente a doghe di forma tronco conica, munito di manico di fune per
il sollevamento: minti te parte doi sècchie te àcqua pe besegnu tieni da parte due secchie
colme d'acqua in caso di bisogno. [lat. situla, lat. volg. sitla, tl>cchi]. V. anche sìcchiu.

sèccia sf. Seppia: osse te sèccia ossa di sèppie. [lat. sepia].

secentu agg. Seicento.

secondu sm. Minuto secondo; attimo di tempo.

secretarìa sf. Segreterìa, l'ufficio del segretario.

secretaru sm. Segretario. [dal lat. med. segretarius].

secretezza sf. Segretezza.

secretu sm. Segreto * prov. Ci màngia pane e tarice, li secreti nu lli tice chi mangia pane e
ravanello, non rivela i segreti * agg. Segreto, che non deve essere rivelato. [lat. secretus].

secretu (an -) loc. avv. In segreto, nascostamente * a secretu motu loc. avv.
Confidenzialmente, in confidenza.
Da c. p. Parla an secretu puru quantu uèi, / ièu sàcciu quantu dici e cquantu fai.

secru sm. Suocero. Con i possessivi in pos. encl.: sècruma, sècruta, sècrusa mio, tuo, suo
suocero. [lat. socerus].

327
S

secunda sf. Placenta, che viene espulsa dopo il parto, in un secondo tempo, quasi un secondo
parto.

secundàriu agg. Secondario, non importante. [lat. secondarius].

secundu agg. Secondo, successivo al primo: tie sinti lu primu, ièu lu secundu e iδδu lu tersu
tu sei il primo, io il secondo e lui il terzo * avv.; cong.; prep. A seconda; dipende, per
quanto riguarda; conformemente, relativamente: secundu comu ànu le cose cu sse rrècula
che si regoli così come vanno gli affari; secundu sòcrama ièu nu ssàcciu ccattare secondo
mia suocera io non so fare la spesa; secundu natura secondo natura, secundu raggione
secondo ragione; secundu quantu à ddittu fràita, ui aìti tertu relativamente a quanto ha
riferito tuo fratello, voi avete torto. [lat. secundus].

securu agg. 1- Sicuro, garantito da ogni pericolo: sti fungi suntu securi questi funghi sono
senz'altro buoni; puèi sçire secura, ca nisciunu te nzurta puoi andare sicura e tranquilla,
poiché nessuno ti infastidirà * 2- Certo, convinto, persuaso: suntu securu te ccenca ddicu
sono certo di ciò che dico * 3- Capace, esperto: ete secura te lu fusu e puru te lu talaru è
esperta nel fuso e nel telaio (nella filatura e nella tessitura) * 4- Fidato, che offre
affidamento: amicu securu amico fidato, che mai tradirà. [lat. securus].

secutare tr. e intr.; sècutu, siècuti, sècuta, secutamu, ecc.; p. rem. secutài, ecc.; pp. secutatu *
tr. Seguire, inseguire, andare dietro, procedere in direzione: secutasti li amici e tte
cchiasti fiaccu seguisti gli amici e ti trovasti male; lu Mbertu sècuta la Sisina Umberto va
dietro a Tommasina; secutati la carrara ca faciti cchiù' mprima seguitate per il viottolo e
arriverete più presto * provv. Ci sècuta l'aceδδu, more puerieδδu chi insegue l'uccello,
muore poverello § Lu cane sècuta lu strazzatu il cane insegue lo sbrindellato, per cui il
danno cade su chi già è inguaiato * intr. Continuare, durare: secutàa a pparlare
continuava a parlare; ci aìi secutatu, t'ìi truatu buenu se tu avessi continuato, ti saresti
trovato bene; e ssècuta a cchiòere, a? e continua a piovere, sai? [lat. volg. secutare].
DE D. Sècuta lu cannune a rembumbare / e ll'ària nde rrepete lu rrumore.

secutata sf. Inseguimento, rincorsa.

secutera sf. Tiritera, discorso noioso; sequela.

secutieδδu sm. Uno che sta sempre alle calcagna di un altro; uno che si lascia portare per il
naso. [dim. di siècutu].

seδδa sf. Sella; predella dove siede il cocchiere; sediolo * prov. A buenu caδδu nna bona
seδδa a un buon cavallo non mancherà una buona sella. [lat. sella, ll>δδ].

seδδaru sm. Sellaio. [da seδδa + suff. di mest. -aru].

328
S

sèggia sf. Sedia: sèggia te pàgghia, te ràfia, te corda, te vienna sedia con piano di paglia, di
rafia, di cordella, di vinchi; li pieti, le paràtule, le cosche te la sèggia i piedi, le traversine,
i pomelli degli assi verticali lunghi della sedia. [dall'it. ant. sèggere].

seggiaru sm. Sediario, artigiano costruttore e venditore di sedie alle fiere e ai mercatini
paesani (il riparatore di sedie spagliate si chiama 'mpagghiasèggie'. [da sèggia + suff. di
mest. -aru].

seggiteδδa sf. Sedia bassa usata, perché più comoda, dalla casalinga, che è intenta a sbrigare
faccende domestiche stando a lungo seduta; sediolina delle fanciulle d'asilo. [dim. di
sèggia].
Da c. p. ìsçiu nna seggiteδδa ccantunata / e nnu nci ìsçiu la carusa mia.

sèggiu sm. 1- Seggio, sedile riservato ad un personaggio * 2- Seggio elettorale.

seggiullinu sm. Sedile fisso o mobile di un veicolo.

seggiulune, seggiulone sm. Seggiolone, sedile alto per bambini, munito di opportune
protezioni. V. anche testa.

segnacarte sm. Cartoncino usato come segno nelle pagine di un libro.

segnalibbru sm. Nastro di stoffa fissato al dorso superiore del libro e adoperato per segnare
l'interpagina voluta.

segnare tr.; pres. segnu,… segnamu, ecc.; p. rem. segnài, ecc.; pp. segnatu * 1- Segnare,
fissare un segno * 2- Annotare: quanti stanu segnati susu allu libbru te li muerti! quanti
sono scritti nel libro dei defunti! [lat. signare].

segnatu (te Diu), tesignatu agg. Handicappato, minorato fisico o mentale.

segnu sm. 1- Traccia, incisione: ogne mmese face nnu segnu a llu bastone ogni mese fa una
tacca sul bastone * 2- Segno, indizio: ete segnu ca nu nni ntona è indizio che non gli va a
genio * 3- Segnale, cenno: fanni segnu cu llu muccaturu fagli un segnale con il fazzoletto
* 4- Contrassegno: le pècure mei tènenu nnu segnu russu le mie pecore hanno un
contrassegno rosso. [lat. signum]. V. pure singu.

segnummeste loc. dichiarativa. E' segno, vuol dire, cioè: ci tene scarassatu lu scuru te la
fenèscia, segnummeste ca pozzu salìre se tiene socchiusa l'imposta della finestra, è segno
che posso salire; sta’ sçiati ui? segnummeste ca rrumagnu ièu state andando voi? vuol
dire che resto io. [lat. signum est].

segnummèstere sm. Individuazione di un segno, il trovare un indizio, l'indovinare, il cogliere


nel segno: cunsiste tuttu allu segnummèstere consiste tutto nel trovare un indizio; a Diu (a

329
S

diàulu) ssegnummèstere ete si tratta di saper indovinare con l'aiuto di Dio (del diavolo);
còccia allu segnummèstere! acciderba alla necessità di individuare la cosa esatta!

sei, se' agg. numerale. Sei: èranu sei carusi fatti pe bìtere erano sei giovani da ammirare; alle
sei te matina unu e alle sei te sira l'àutru alle sei di mattina l'uno e alle sei di sera l'altro;
se' lire puerti e se' mandarini te dau sei lire hai e sei mandarini ti do; mina lu sei te coppe
scopri la carta del sei di coppe. [dal lat. sex].

seìna sf. Circa sei; sei, uno più uno meno; un gruppo di sei.

sella (neol.) sf. Sella per cavalcatura; sellino di bicicletta. [dal lat. sella]. V. anche il meno
comune seδδa.

sellabbaru sm. Sillabario, abbecedario. [dal lat. syllabarii].

sellare tr.; pres. sellu, sielli, sella, sellamu, ecc.; p. rem. sellài, ecc.; pp. sellatu. Sellare un
cavallo.

sellaru (neol.) sm. Sellaio. V. seδδaru ed anche uarnamentaru.

sellinu sm. Cuscinetto di crine che si fissava in fondo alla schiena per rialzare la gonna di un
abito femminile.

selu sm. Suolo. V. solu.

semàfuru sm. Segnalatore luminoso a fiammella o a specchio * fig. Sedere che sculetta e
attira l'attenzione altrui.

semài, se mai cong. Se mai, semmai, caso mai.

semana sf. Settimana: nna semana rretu una settimana fa; la semana ci trase, ci ene la
settimana prossima ventura * detto: ci chiòe te Santa Bibbiana, chiòe nnu mese e nna
semana se piove il 2 dicembre, ricorrenza di S. Bibiana, cadrà la pioggia per un mese e
una settimana. [dal lat. se(pti)mana, sp. semana].

semenarista sm. Seminarista, alunno del seminario.

semenaru, semenàriu sm. Seminario, istituto ecclesiastico: trasìi allu semenaru, mma poi me
spugghiài te semenarista entrai in seminario, ma poi lasciai la tonaca di seminarista. [lat.
seminarium].

sementara sf. Pianta da seme: sta rapesta la lassu comu sementara lascio questa barbabietola
per pianta da seme. [da semente + suff. funz. -ara].

330
S

semente1 (pl. semienti) sm. Seme: nnu semente te cucuzza, te melune, te pira, te prummitoru
un seme di zucca, di melone, di pera, di pomodoro; semienti rrustuti semi di zucca tostati.
[lat. semen -entis].

semente2 sf. Semenza: semente te tabbaccu semenza di pianta di tabacco; stu saccu te ranu lu
ccògghiu pe semente il grano di questo sacco lo serbo come semenza per la semina; la
semente sta’ ccìgghia i semini stanno germogliando * detto: te San Giseppu la semente a
mpiettu, te la Nunziata la semente à ccigghiata; si richiama l'usanza per cui le mogli dei
bachicultori leccesi verso il I9 marzo mettevano, avvolti in pezzuole, i semi dei bòmbici
tra le mammelle, al caldo, per favorirne la schiusa che avveniva verso il 25 aprile.

sementeδδa sf. Semi di frutti di seconda e terza raccolta, ritenuti meno buoni per la
seminagione. [dim. di semente2].

semenzeδδa, semenzella, sementella sf. Chiodino corto con testa larga appiattita. [dim. del
lat. sementia].

semmenare tr.; pres. sìmmenu,… semmenamu, ecc.; p. rem. semmenài, ecc.; pp. semmenatu.
Seminare, spargere semi * provv. Ci nu ssìmmeni, nu ccuegghi se non sèmini, non
raccogli § Ci sìmmena ientu ccògghie tempesta chi sparge vento, raccoglie tempesta § Ci
sìmmeni rizzieδδi, nu sçire squasatu se spargi triboli, non andare a piedi scalzi § O moδδe
o ssuttu, te Santu Luca sìmmena tuttu o con terreno umido o con terreno arido di S. Luca
(23 novembre) devi ultimare le seminagioni § Cu ssìmmena quandu ole, te miessi à
ffauciare sèmini egli quando vuole, comunque al tempo della mietitura dovrà per forza
falciare.
DE D. La luna a ncelu semmenàa l'argentu / e fronda d'àrveru nu sse mmuìa.

semmenatu sm. Seminato, terreno in cui è stata sparsa la semenza: nu stumpisçiati ntru llu
semmenatu non calpestate nel seminato.

sempre avv. Sempre, continuamente. [lat. semper].

sèmprice agg. 1- Semplice, non complesso né complicato, senza frònzoli: l'àbbetu te la zita
era sèmprice ma bellu l'abito della sposina era semplice ma elegante; màngia cose
sèmprici mangia cibi integrali * 2- Soltanto, nient'altro che…: ca nnu sèmprice ppuntatu
ete! soltanto appuntato dei carabinieri è!; te dicu ste sèmprici palore ti dico niente altro
che queste parole. [dal lat. simplex -icis].

sempricemente avv. Semplicemente; solamente; esclusivamente.

sempricitàte, sempricità sf. Semplicità; modestia, sobrietà. [lat. simplicitas -atis].

semularu sm. Staccio speciale usato per ricavare dalla farina la semola; esso, di forma
rotonda, ha il fondo di tessuto di velo a fori piccolissimi. [da sìmula + suff. funz. -aru].

331
S

semulata sf. Semolata, polenta di semola. [da sìmula].

semulinu sm. Semolino, minestrina fatta con la semola.

sena prep. Sino: rriàra sena alle tagghiate giunsero sino alle cave * cong. Sinché: spetta
sena nu ttòrnanu attendi finché non saranno tornati. V. pure fena.

senale sm. Grembiule che copre il seno.

senammòi avv. Finora, sino ad adesso.

senatore sm. Senatore del regno: lu Rre à ffattu senatore lu Vincenzu Tamburrinu te
Màgghie il Re ha nominato senatore Vincenzo Tamborino di Maglie. [lat. senator -oris].

senatu sm. Senato, l'assemblea dei senatori. [lat. senatus].

sengale sm. Segnale, segno, cenno. [lat. signalis]. V. segnu.

sengare tr.; pres. singu, singhi, singa, sengamu, ecc.; p. rem. sengài, ecc.; pp. sengatu.
Segnare, rigare con un graffio; crepare un oggetto fragile. [dal lat. signare, gn>ng].

sengatu agg. Graffiato, rigato, crepato impercettibilmente.

sengaturu, singaturu sm. Graffietto del falegname adoperato per segnare tracce diritte sulla
superficie del legno. [da sengatu + suff. funz. -uru].

sennu1 sm. Sonno: sennu leggeru, pesante sonno leggero, pesante * modi di dire: murìre te
sennu avere un gran sonno § sennu tira sennu chi più dorme più vuol dormire § nu
bbastare a ppigghiare sennu non riuscire a prendere sonno § lu sennu ete frate te la morte
il sonno è fratello della morte § lu sennu ete morte il sonno è simile alla morte * provv. Ci
tene fame nu ppìgghia sennu chi ha fame non prende sonno § Lu pùlece nu llea sennu la
pulce non toglie sonno. V. pure suennu1.

sennu2 (pl. senni, sienni) sm. Sogno: li sienni nu mme li rrecordu non ricordo i sogni fatti; me
pare nnu bruttu sennu mi sembra un brutto sogno * fig. Speranza irraggiungibile; vano
desiderio: lu tou ete nnu sennu pruebbitu il tuo è un sogno proibito * detto: sennu sunnatu
ttre ffiate sçiucatu un sogno risognato dev'essere giocato tre volte al lotto. V. anche
suennu2.

sennu3, sinnu sm. Tempia, ritenuta sede del senno: ci lu cuegghi allu sennu, lu cciti se lo
colpisci alla tempia, lo uccidi. [dal fr. ant. sin].

senone, senò avv. Se no, altrimenti; in caso contrario: retati, senone nu ssente parlate ad alta
voce, altrimenti non ode; damme nnu asu, senò me fazzu currìu dammi un bacio, se no
metto il broncio; senone egnu ièu in caso contrario vengo io. [lat. si non].

332
S

sensìbbile agg. Sensibile, emotivo; molto delicato; assai comprensivo. [lat. sensibilis].

sensibbilitate, sensibbilità sf. Sensibilità. [lat. sensibilitas -atis].

sensu (pl. sensi, siensi) sm. Senso; intelletto. V. senzu.

sentenaru sm. Sentina, locale sotterraneo dove vanno a raccogliersi gli scoli del frantoio
oleario. [da sentina + suff. funz. -aru].

sentenella sm. Sentinella: la sentenella face la uàrdia alla caserma puru cu nnu ttrasa la
'gnigna' la sentinella sorveglia la caserma affinché non vi penetri la 'logica'; la zia stae
mpezzata e nni face la sentenella la zia è presente e le fa da sentinella.

sentènzia, settènzia sf. 1- Sentenza del giudice * 2- Opinione, parere * prov. Quante càpure,
tante sentènzie quante teste, tante opinioni. [lat. sententia].
Da c. p. Ulìi a nna corda mme iti mpisu, / ma la settènzia sçiu nfavore a mmie.

sentenziare, settenziare tr.; pres. sentènziu (settènziu), sentienzi, sentènzia, ecc.; impf.
sentenziàa, ecc.; p. rem. sentenziài, ecc.; pp. sentenziatu. Sentenziare: lu cchiù' ffessa te
nui à ssettenziatu cu nnu nci sçiamu il più balordo tra noi ha sentenziato che non
dobbiamo andarci.

sentenziusu, settenziusu agg. Portato a esprimere giudizi con tono sentenzioso.

sèntere, sentìre tr.; pres. sentu, sienti, sente, sentimu, ecc.; p. rem. sentìi (ntisi), sentisti,
sentìu (ntise), sentemmu (ntìsemu), sentestu, sentèra (ntìsera) ; imper. sienti, sentiti; pp.
sentutu (ntisu) * 1- Sentire, ascoltare, udire * modi di dire: nu ssèntere te nuδδa rìcchia
non ascoltare ragioni e non essere d'accordo § nu mme la sentu scìndere non posso
ingiottire il rospo § nu ssèntere de nna rìcchia fare l'indiano finto tonto * provv. Cinca nu
ssente, prestu se pente chi non dà ascolto, presto si pentirà § Ci unu nu pparla, Diu nu llu
sente Dio non ascolta colui che non parla § Cinca sente quiδδu ci nu aìa ssentìre, sente
quiδδu ca nu mbulìa cu ssenta colui che ode ciò che non dobrebbe ascoltare, ode ciò che
non vorrebbe udire * 2- Assaggiare, gustare: sta’ ssentìa ci èranu bueni te sale assaggiava
se erano buoni di sale; sienti cce bete sapurita assaggia quanto è saporita * 3- Avvertire,
provare mediante i sensi: sentìre càutu, friddu, dulore sentire caldo, freddo, dolore; ni
sentìamu nnu prièsçiu ntra llu core provavamo una gioia nel cuore * provv. Lu ciùcciu
porta lu mbastu e nnu llu sente il somaro ha sulla groppa il basto e non lo avverte §
(variante) li òi pòrtanu lu sçiùu e nnu llu sèntenu i buoi hanno il giogo e non lo sentono *
rifl. Sentirsi in stato di salute o di umore: me ntisi buenu, fiaccu, rresçelatu mi sentii bene,
male, intirizzito; ni sentemmu (ni ntìsemu) presçiati, mari, lliecri, scunfurtati ci sentimmo
ìlari, tristi, allegri, sconfortati. [lat. sentire; per le forme in parentesi, lat. intendere]. Da
uno strambotto: Quandu la donna nu ssente a prima uce, / segnu ca lu descorsu nu nni
piace.

333
S

sentimentu (pl. sentimienti) sm. Sentimento; intenzione: simu de nnu sentimentu siamo
assolutamente d'accordo.

sentina sf. Liquami del frantoio oleario. [lat. sentina].

senu (pl. seni, sieni) sm. Suono, vibrazione di un corpo: tanti seni scendìanu te celu tanti
suoni scendevano dal cielo; lu senu me sta’ ppare te scasciatu il suono mi sembra di
rotto. V. pure suenu.
DE D. E a quiδδu senu sou ni respundìa / lu cantu de l'aceδδi nnamurati,

senza prep. Senza: senza nnu santu a mparaìsu cce buèi cu aggi? senza un santo protettore in
paradiso che cosa vuoi ottenere?; se nde sçìu senza mancu mme saluta se ne andò senza
nemmeno salutarmi.

senza crianza sm. e f. Screanzato, indelicato, scortese: δδu senza crianza me lliàu lu postu
quell'indelicato mi tolse il posto; sta senza crianza me sta’ fface tannare questa
screanzata mi sta esasperando.

senza cu cong. Senza che: senza cu pparla lu capiscu senza che apra bocca io lo comprendo.

senzamenu, senza menu avv. Senza meno, certamente, necessariamente.

senzaquiδδa sm. fig. Uomo sessualmente impotente: δδe pertechine sta’ nzùrtanu lu
senzaquiδδa quelle sfacciatelle prendono in giro il 'senza quella'.

senzu, sensu (pl. senzi, sienzi) sm. 1- Senso, facoltà di sentire; sentimento; concetto; ragione
* modi di dire: stare a sienzi essere ancora vivo § pèrdere li senzi annebbiarsi della vista
e svenire; uscir fuori dai gangheri * lu Signore cu tte dèsçia sani sensi il Signore ti ispiri
sani sentimenti; nu ccapiscu lu senzu te lu tescorsu tou non afferro il senso del tuo
discorso; làssame ca stau fore te siensi lasciami stare che sto fuori di me; nni le sunàu cu
lli santi sienzi gliele sonò di santa ragione. [lat. sensus].
Da c. p. Su' statu fore senzi all'angunìa, / su' statu a lli cunfini te la morte,

sepale, sapale sm. Siepe di pruni: straccu me ssettài allu friscu te lu sepale stanco sedetti
all'ombra della siepe * provv. Ogne scuerpu face sepale qualsiasi sterpo forma siepe § Lu
sepale nu ttene uecchi ma porta rìcchie la siepe non ha occhi ma possiede orecchie. [da
sepe].

sepe sf. Siepe; bordura di erbe: nvece de paritieδδu nc'era nna sepe de tumu al posto di una
muriccia c'era una siepe di timo. [lat. saepe].

sepelìre (lett.) tr.; pres. sepeliscu,… sepelimu, ecc.; p. rem. sepelìi,… sepelemmu, ecc.; imper.
sepelisci, sepeliti; pp. sepelutu. Seppellire. [lat. sepelire]. V. precare.

sepelitu (lett.) agg. Sepolto, coperto di terra, nascosto sotto terra. V. precatu.

334
S

sèpia sf. Seppia. V. anche sèccia.

seppiteδδa sf. Seppiolina.

sequela (lett.) sf. Sequela; seguito. [lat. sequela]. V. i più comuni currisçiula, nfelezzata,
strasçina.

sequestrare tr.; pres. sequestru,… sequestramu, ecc.; p. rem. sequestrài, ecc.; pp.
sequestratu. Sequestrare.

sequestru, sequèsciu sm. Sequestro; pignoramento. [lat. sequestrum].

sera sf., voce usata solo nelle formule di saluto: "bona sera!" , "felice sera!" [lat. sera]. V. il
comunemente usato sira.

serài, serà' avv. Forse, probabilmente: serài ca fazzu a ttiempu forse farò in tempo; osçe serà'
ca se mmarita oggi forse si marita; era serài te noe anni era probabilmente di nove anni.
[da un incr. tra it. se e sarà].

serale agg. Serale, della sera: anu mise le scole serali pe ccinca fatìa hanno istituito le scuole
serali per coloro che lavorano.

serata sf. 1- Serata: sta’ fface nna serata càuta, fridda, carma, cita è una serata calda, fredda,
calma, tranquilla e serena * 2- Festicciola serale: la serata ete a ccasa a lla Targisa il
trattenimento serale è in casa di Adalgisa.

seratazza sf. Serataccia.

serce (lett.) sf. Selce. V. frìcciu.

sèrcetu sm. Esercito. V. sièrsetu.

sèrchia sf. 1- Ragadi, lesioni, screpolature sulla pelle * 2- Escrescenza pruriginosa che si
manifesta tra le dita delle mani e dei piedi. [forse da un incr. tra lat. saetula e siliqua].

serenata sf. Serenata eseguita sotto la finestra dell'abitazione di una donna. Da una serenata:
Egnu a ccantare ca suntu mandatu / te unu ci te ole mutu bene, / cu lle sçenucchie nterra
m'à ppriatu / cu tte egnu a ccantare le soi pene.
MAR. L'osçe e lu crai tutta nna cosa era: / amore, risi, balli, serenate.

sereneδδa sf. Lillà, arbusto a foglie caduche, con tronco molto ramificato e con corteccia
liscia di colore grigiastro; le foglie sono ovali, i fiori, riuniti in pannocchie poste all'apice
dei rametti, sono di un delicato colore viola chiaro. Veniva curato e portato a pergola
sulla porta di uscita nel cortile. [dall'it. serenella].

335
S

serenu, sarenu agg. Del cielo, sereno, azzurro e terso. [lat. serenus].

Sèrgiu pers. Sergio.

sèria (neol.) sf. Serie. [lat. series]. V. i più usati felera, currisçiula.

seriamente (neol.) avv. Seriamente. V. bbiru, ddaveru.

serietà sf. Serietà: quiδδu nu ttene serietà, ete nnu burginella quel tale non ha serietà, è un
pulcinella. [lat. serietas].

sèriu agg. Serio; preoccupato; grave. [lat. serius].

seriusu agg. Quasi imbronciato; grave, preoccupante.

seròtina sf. La funzione liturgica che ogni sera dopo il tramonto si svolge in chiesa con la
recita del rosario e con la benedizione del Santissimo.

seròtinu agg. 1- Che si verifica ripetutamente di sera: free seròtina febbre serale insistente *
2- Tardivo nella maturazione: erza seròtina verza tardiva; seròtini suntu li rùsciuli i
corbezzoli sono frutti tardivi dell'autunno inoltrato.

serpa, zerpa sf. Sedile anteriore coperto della carrozza; cassetta del cocchiere. [dal lat.
scirpea].

serpe (pl. sierpi) sm. e f. Serpe, serpentello in genere: sutta a nna brunitta nc'era nna serpe
mpuδδecasciata sotto una felce nana c'era una serpe avvoltolata su se stessa; intra a nna
carassa se scuse lu serpe mbelenatu in una fessura si nascose la serpe velenosa * prov. La
serpe tene la lingua longa, ma nu ppote parlare il serpente ha la lingua lunga ma non può
parlare * fig. Persona infida e malvagia: ttrete sururi, ttre sierpi, Diu le benetica! tre
sorelle, tre donne infide come serpi, Dio le benedica! * prov. Te la Nunziata ogne serpe
àusa la capu calata dell'Annunziata (25 marzo) ogni serpe solleva la testa assonnata ed
esce dal letargo. [lat. serpens]. V. le singole voci: acqualura, scursune, secara,
uardapassi.
Da c. p. Cu nnuδδu àutru ògghiu amureggiare; / me ncòcchiu cu lli sierpi e lli scursuni, /
cu lli sierpi amurèggiu e lle secare!

serpe d'àcqua sf. Biscia. V. acqualura.

serpente, sarpente (pl. serpienti) sm. Serpente lungo e grosso, sempre velenoso, che assale
anche l'uomo e lo stritola tra le sue spire, fantasiosamente localizzato nella macchia *
prov. Le cose mutu longhe ddentanu serpienti le cose che prendono per le lunghe
diventano pericolose come i serpenti. [lat. serpens -entis].

336
S

serpentina (lett.) sf. Onònide, pianta dai rami spinosi e ricoperti di rigidi peli; le foglioline
ovali, pelose, hanno il margine fortemente dentellato; vegeta nei prati e nei luoghi aridi e
sassosi.

serpiδδu
serpiδδu sm. Serpollino, pianta aromatica con rametti serpeggianti e con foglioline ovali,
fiori porporini o rosa riuniti in spighe terminali; il suo infuso, mescolato a miele, veniva
usato per lenire la tosse catarrale. [lat. serpillus, ll>δδ].

serra1 sf. 1- Luogo chiuso e munito, posto in altura poco accessibile, perché rocciosa e
scoscesa.

serra2 sf. Sega a mano, strumento dentato di varie forme, adoperato da artigiani e potatori.
[lat. serra].

serra calatizza o galatizza sf. Sega con la lama dentata tenuta tesa da un telaio di legno; è la
sega caratteristica di coloro che lavorano le assi di legno.

serràcchiu sm. Grossa e robusta sega a due impugnature, adoperata da due manovali per
segare blocchi di pietra. [dall'incr. tra it. serra e saracco].

serràcchiu a cuta te surge sm. Gattuccio, sega a mano dalla lama sottile, per fare tagli curvi.

serràgliu sm. Serraglio di animali feroci. [provenz. serralh].

Serranu geogr. Serrano. Agli abitanti di questo paese veniva attribuito il nomignolo di
'groppa-de-mulu'.

serrare tr.; pres. serru,… serramu, ecc.; p. rem. serrài, ecc.; pp. serratu * 1- Segare: serrare
la rapa, la tàula, lu piezzu segare il tronco d'albero, l'asse di legno, il blocco di pietra * 2-
Serrare, chiudere strettamente, bloccare: serra li musi e nnu pparla stringe le labbra e non
pronunzia parola (con questo significato è più comune 'nserrare').

serra serra sm. Ressa disordinata di gente; gran confusione di persone o di animali,
tramestio.

337
S

serratina sf. Vento gelido, teso e tagliente di nord-nord-ovest rispetto a Lecce (in gergo
'scorciacrape'); temperatura ridida con gelata persistente: la serratina trase sena all'osse
l'aria gelida penetra sin nelle ossa.

serratura (neol.) sf. Segatura di legno. V. frampùgghie.

serreδδa
serreδδa sf. Serradella, erba spontanea (forse inselvatichita) con foglie imparipennate
formate da numerose foglioline, fiori rosei in grappoli e frutti a legumi gracili, disposti a
zampa di uccello. [dal portoghese serr(ad)ella].

serretta sf. Piastra a bordi dentati, che serra il muso inferiore del cavallo. [dim. del lecc.
serra2].

serrettu sm. Seghetto, piccola sega per tagliare metalli, con lama sottile e dentatura
finissima.

serriceδδa sf. Piccola sega. [dim. di serra2].

serrime sf. Serrame, elemento di chiusura, serratura.

serriola sf. Seriola, pesce assai apprezzato per le sue carni. [lat. seriola, bottiglia per la
forma].

sèrsetu sm. Esercito. V. sièrsetu.

sertìziu, sartìziu sm. Esercizio: lu quilibbrista facìa sertizi susu allu filu l'equilibrista
eseguiva esercizi sul cavo; cu ffili nci ole sertìziu per filare ci vuole esercizio. [lat.
exercitium].

serva sf. Domestica, cameriera, donna di servizio: le serve fôra mmaletitte te San Pietru le
domestiche furono maledette da S. Pietro. [lat. serva].

338
S

BOZZI Serva cquài, serva δδai… cce bruttu ìzziu. / A llu cchiù ccùcchiu ni la dissi ieri: /
"Percé nu ddici: donna te servìziu?"

servàggia raspusa sf. Mentone o menta silvestre, pianta aromatica perenne con fusti alti e
con foglie rade, lanceolate, pelose, ruvide al tatto; i fiorellini rosei sono riuniti a spiga. Ha
le medesime proprietà salutari delle altre specie di menta.

servàggiu, sarvàggiu agg. Selvaggio.

servàtecu (pl. servatechi) agg. 1- Di pianta, che cresce spontanea e rigogliosa ed è infestante
* 2- Di animale, selvatico, randagio * 3- Di persona, indocile, scontrosa, scortese * 4- Di
terreno, infestato di piante nocive. [lat. selvaticus].

sèrvere e servìre tr. e intr.; pres. servu, siervi, serve, servimu, ecc.; impf. servìa, ecc.; p. rem.
servìi,… servemmu, ecc.; imper. siervi, serviti; pp. servutu * 1- tr. Servire, prestare i
propri servigi * modi di dire: servìre lu Signore e Berzebbù servire due padroni, il Signore
e Belzebù § servìre te la cossa trattare ottimamente, staccando dalla coscia, dalla parte
migliore * provv. Cinca nun à mmai servutu, nu ssape cumandare colui che non ha mai
servito, non sa comandare § Nu ppiatìre ci à ppiatutu, nu sservìre ci à sservutu non
compiangere chi ha compianto, non servire chi ha servito § Chèsia siervi? e cchèsia
mangi servi in chiesa? e la chiesa sfrutti * 2- intr. rifl. Servirsi da sé, prendersi la propria
parte; rifornirsi: pe ccasu e rrecotta ni servimu te la mmassarìa per formaggio e ricotta ci
serviamo dalla masseria; quiste se sèrvenu te la ciaòe costoro si rifornìscono dalla
venditrice di uova * 3- intr. impers., usato alla 3Ş pers. sing. e alla 3Ş pers. pl. Occorrere,
abbisognare: lassa la pinna, ca serve allu papà lascia la penna, che serve al babbo; centre
e martieδδu sèrvenu allu mèsciu al capomastro occorrono chiodi e martello; ni servèra
muti giurni te tiempu gli abbisognarono molti giorni di tempo. [lat. servire].

serveziale sm. Clistere, enteroclisi * provv. Desçiunu e serveziale sana ogne mmale digiuno
e clistere guariscono ogni male di stomaco e di pancia § Prutesta e serveziale nu ànu fattu
mai male protesta e enteroclisi non hanno fatto mai danno.

serviceδδa sf. Ragazzina a servizio di una famiglia, compensata con vitto e vesti smesse
delle padroncine.

serviettu sm. Salvietta, tovagliolo: nna tuàgghia e sei servietti rricamati una tovaglia e sei
salviette ricamate. [fr. serviette].

servitore sm. Servitore, domestico che ha gia trascorso lunghi anni al servizio di una famiglia
e che è considerato ormai uomo di fiducia. [lat. servitor -oris].
Da c. p. Ièu male servitore nu ssu' statu, / servita t'àggiu comu nna signura.

servitu agg. Accontentato nella richiesta; benservito: "Riesti servitu?" - "Cràzie, none. Mele
e mmanna!" "Vuoi sedere a mensa con noi?" - "Grazie, no. Vi sia di buon pro'!" * prov.
Ci paca a nnanti e mmale servitu chi paga anticipatamente è mal servito.

339
S

servitù sf. L'insieme dei domestici in una casa signorile. [lat. servitus -utis].

serviturieδδu sm. Giovane servo domestico. [dim. di servitore].

servìzie sf. pl. 1- Faccende domestiche * 2- Oggetti vari necessari per la casa o per la bottega
* fig. Atti corporali.

servìziu sm. 1- Servizio, prestazione di lavoro * 2- Servizio di stoviglie; completo per il letto
* fig. Grosso sedere. [lat. servitium].

servu (pl. servi, siervi) sm. Servitore, domestico, addetto al disbrigo di servizi vari presso una
famiglia privata. [lat. servus].

servu te Diu sm. Benedetto uomo!; persona pietosa; persona religiosissima, che volentieri si
dedica ai servigi dell'altare e della sacrestìa; in questa voce manca il senso acidamente
ironico che c'è in 'bizzocu' e 'biatillu': puru ui, siervi te Diu…? anche voi, che siete
ferventi religiosi…? * Servu te Diu! inter. di protesta, pronunziata da persona devota che
intende evitare la bestemmia.

sessanta agg. Sessanta.

sessantina sf. Sessantina, circa sessanta.

sèssula
sèssula sf. Votazza, mestola con corto manico, assai concava per prendere dal sacco riso,
farina, cereali, legumi, zucchero, ecc. [dim. dal lat. sexus].

sessulìcchia sf. Cucchiaia speciale del farmacista. [dim. di sèssula].

sessune sm., fica sessa sf. Varietà pregiata di fico con buccia di colore violaceo e con polpa
bianca, da consumare fresco in quanto non si presta all'essiccazione. [accr. dal lat. sexus].

sestu agg. Sesto. V. pure siestu.

setazzare tr.; pres. setazzu,… setazzamu, ecc.; p. rem. setazzài, ecc.; pp. setazzatu. Setacciare,
passare con lo staccio.

setazzu sm. Setaccio, staccio di forma rotonda con il fondo di cartapecora fittamente
bucherellato. [lat. saetacium].

setile, sedile sm. Sedile posto in una pubblica piazza o nei giardini pubblici. [dal lat. sedile].

340
S

Setile, Sedile sm. Sala pubblica dove un tempo si riuniva in seduta il Consiglio comunale e
dove i fidanzati si recavano per scambiarsi ufficialmente la promessa di matrimonio.

setina sf. Staccio, vaglio finissimo, il cui fondo è fatto di seta o di tessuto di velo, oppure, e
più spesso, di crini. [dim. dal lat. saeta, setola].

setta sf. Compagnia fissa di amiconi.

settanta agg. Settanta.

settantina sf. Settantina, più o meno settanta.

sette agg. Sette, numero che originariamente aveva un certo valore sacrale: bastàa cu nni
facìa la ucca a rrisu e nde lu purtàa alli sette celi bastava che lei accennasse a un sorriso
e lo portava ai sette cieli * modi di dire: tenìre sette cervieδδi essere oltremodo
intelligente § purtare sette spìriti a ncuerpu avere sette spìriti in corpo § la mùscia tene
sette ite la gatta ha sette vite § lu pane te l'àutri tene sette cueri il pane altrui ha sette
croste, perciò è più buono. [lat. septem].

settebbellu sm. Sette di denari, carta che da sola a scopa conta per un punto.

Settecàpure sm. Uno dei tanti demoni della fantasia popolare.

settecentu agg. Settecento.

settembre sm. Settembre * prov. Te settembre l'ua e lla fica pende di settembre il grappolo
d'uva e il frutto del fico appassiscono. [lat. september].

settembrinu agg. Settembrino: sçiurnate settembrine belle e fine giornate settembrine belle e
fine.

sette migghiare sf. pl. Sette migliaia, settemila.

settemila (neol.) agg. Settemila.

settemmienzu, sette e mmienzu sm. Sette e mezzo, gioco di carte in cui sette e mezzo è il
massimo dei punti vincenti.

settenanche (a -) avv. Eccessivamente; in modo spropositato; all'ultimo grado: fetìa a


ssettenanche puzzava terribilmente; trattinne lu fiatu a ssettenanche trattenne il respiro
fin quando non ne potè più.

settenaru sm. Ciclo di sette: àggiu ffare tìcere nnu settenaru te misse alli muerti nesci dovrò
fare celebrare una serie di sette messe in suffragio dei nostri defunti; allu settenaru lu tifu

341
S

decite: o intra o fore, o iu o muertu ai sette giorni il tifo ha il suo esito: o dentro o fuori, o
vivo o morto. [lat. septenarius].

settènzia v. sentènzia.

settiminu agg. e sm. Settimino, nato di sette mesi; il settimo dei figli * A volte il termine
viene dato come nome proprio di persona.

sèttimu agg. Settimo nell'ordine. [dal lat. septimus].

settìna sf. Più o meno sette.

sètula sf. Cipollina di semenzaio da trapiantare; più in generale, qualsiasi piantina svelta dal
semenzaio e destinata al trapianto. [lat. saetula].

sèuca sf. Bietola da costa, bieta cicla, ortaggio che viene coltivato per le foglie, le quali si
consumano cotte. [forse dal lat. siliqua>silqua].

Severinu, Serinu, Serinuzzu, Rinu, Rinuzzu pers. Severino.

severitate, severità (lett.) sf. Severità, rigore. [lat. severitas -atis].

severu (lett.) agg. Severo, austero, rigido. [lat. severus]. V. tristu.

sezione sf. Sede comunale di un partito politico. [lat. sectio -onis].

sezzu (pl. siezzi, f. sing. sozza) agg. Pari, uguale. V. anche suezzu.

sfacciatu, spacciatu (neol.) agg. Sfacciato, sfrontato. V. faccitestu.

sfàcere, sfacìre tr.; pres. sfazzu, sfaci, sface, sfacimu, ecc. (segue la coniugazione di 'fare').
Sfare, disfare * prov. Ci face e sface nu pperde mai tiempu chi fa e disfa è sempre
impegnato e non perde mai tempo.

sfardare rifl.; pres. me sfardu,… ni sfardamu, ecc.; p. rem. me sfardài, ecc.; pp. sfardatu.
Sfaldarsi. [da farda].

sfarfallare intr.; pres. sfarfallu,… sfarfallamu, ecc.; p. rem. sfarfallài, ecc.; pp. sfarfallatu.
Sfarfallare, svolazzare * fig. Gironzolare intorno a una ragazza per corteggiamento
assiduo e zelante.

sfasciatura sf. Sfasciatura, esportazione di una benda.

sfasçiδδare intr.; pres. sfasçiδδu,… sfasçiδδamu, ecc.; impf. sfasçiδδàa, ecc.; p. rem.
sfasçiδδài, ecc.; pp. sfasçiδδatu. Sfavillare. V. pure l'analogo spasçiδδare.

342
S

sfatiatu, sfaticatu agg. e sm. Pigro; fannullone, scansafatiche, lavativo.

sfattu agg. Sfatto. V. pure spattu.

sfaurèule, sfaurèvule, sfavurèule, sfavurèvule agg. Sfavorevole.

sfavore sm. Sfavore: tuttu sçiu a sfavore miu tutto finì in mio sfavore.

sfiamare V. spiamare.

sfiurire tr. e intr.; pres. sfiuriscu, sfiurisci, sfiurisce, sfiurimu, ecc.; p. rem. sfiurìi,…
sfiuremmu, ecc.; pp. sfiurutu. Sfiorire, appassire; togliere o perdere freschezza e colore
naturale. [da s- sottrattivo e fiuru].
Da c. p. Suntu nna rosa russa ndilicata, / lu friscu me piace e lla mantagnata, / ci me ite
lu sule me sfiurisce, / ci me ite lu ientu me spugghiazza.

sfiuritu agg. Sfiorito, appassito.

sfiziare intr. rifl.; me la sfìziu, ecc.; impf. me la sfiziàa, ecc.; p. rem. me la sfiziài, ecc.; pp.
sfiziatu. Levarsi uno sfizio; sfogare un capriccio.

sfiziu (neol.) sm. Sfizio; capriccio, ghiribizzo. V. schircu.

sfocu, spocu (pl. sfochi, spochi) sm. Pustola: suntu sfochi te gioentute sono pustole di
gioventù.

sfògghiu sm. Sfoglia di cipolla: mpezzàu mienzu sfògghiu alli tienti te la furcina e sse fice
nnu cucchiaru infilzò metà sfoglia di cipolla ai denti della forchetta e formò una specie di
cucchiaio.

sforsu (neol.) sm. Sforzo. V. spuersu.

sfriddare intr.; pres. sfriddu,… sfriddamu, ecc.; impf. sfriddàa, sfriddaàmu, ecc.; p. rem.
sfriddai, ecc.; pp. sfriddatu. Subire un calo di peso in una merce. [da sfriddu]. V. pure
spirdare.

sfriddu sm. Sfrido, calo di peso in una merce. V. spirdu.

sfrìsçere v. sprìsçere.

sfruculiare e sfruculisçiare tr.; pres. sfrucùliu (sfruculisçiu), ecc.; impf. sfruculiàa


(sfruculisçiàa), ecc.; p. rem. sfruculiài (sfruculisçiài), ecc.; pp. sfruculiatu (sfruculisçiatu)
. Stuzzicare, sfottere. [da un incr. tra it. sfregare e lecc. freculare].

343
S

sfrucuniare intr.; pres. sfrucùniu, ecc.; impf. sfrucuniàa, ecc.; p. rem. sfrucuniài, ecc.; pp.
sfrucuniatu. Sfruconare, passare ripetutamente avanti e indietro un quancosa dentro una
cavità.

sfucare tr.; pres. sfocu, sfuechi, sfoca, sfucamu, ecc.; p. rem. sfucài, ecc.; pp. sfucatu.
Sfogare: làssali cu sfòcanu la ràggia ci tènecu a ncuerpu lascia che sfoghino l'ira che
hanno in corpo: se sfucàa spernuzzulandu si sfogava bestemmiando tra i denti. [da foca
incr. con fuecu].

sfuèggiu v. <sfògghiu.

sfullare (lett.) intr.; pres. sfollu, sfuelli, sfolla, sfullamu, ecc.; p. rem. sfullài, ecc.; pp. sfullatu.
Sfollare. V. essire.

sfumare intr.; pres. sfumu,… sfumamu, ecc.; p. rem. sfumài, ecc.; pp. sfumatu. Sfumare,
andare in fumo, svanire: sfumàra puru le lurtima speranze svanirono anche le ultime
speranze.

sfurmare (neol.) v. spurmare.

sfurdecare tr.; Riallungare, srotolàndola, la mànica già prima rimboccata (il contrario è
nfurdecare). V. spurdecare.

sfurnare tr.; pres. sfurnu,… sfurnamu, ecc.; p. rem. sfurnài, ecc.; pp. sfurnatu. Sfornare: sta’
sfurna la secunda cotta te pane sta sfornando la seconda cotta di pane. [contrario di
nfurnare).

sfurnata sf. Sfornata.

sfusu agg. Sfuso, non compatto, sciolto; non confezionato.

sfuterare v. sputerare.

sgarbatezza sf. Sgarbatezza.

sgarbatu agg. Sgarbato, scortese.

sgarbu sm. Sgarbo; atto offensivo; azione lesiva.

sgarrare, scarrare tr.; pres. sgarru (scarru),… sgarramu, ecc.; p. rem. sgarrài, ecc.; pp.
sgarratu * 1- Sgarrare nella precisione, sbagliare nell'esecuzione * Diroccare, demolire.
[sp. (de)sgarrar].

sgarru, scarru sm. Sbaglio intenzionale, perciò assai grave, da pagare con pesante pena
corporale.

344
S

sgarżune sm. Sonoro ceffone tra guancia e collo, sganascione. [da arże].

sghei sm. pl. Quattrini, denari in genere: li sghei? e a ddu li cugnu? i soldi? e dove li conio?
[veneto schei].

sgranare tr. e intr.; pres. sgranu,… sgranamu, ecc.; p. rem. sgranài, ecc.; pp. sgranatu * tr.
Sgranare; sgranocchiare * intr. Croccare * fig. Ragnarsi di un tessuto logoro. [da s-
estrattivo e it. grano].

sgrappare tr.; pres. sgrappu , ecc.; p. rem. sgrappài, ecc.; pp. sgrappatu. Staccare gli acini
dal grappolo; staccare con una lama l'occhio delle fave secche, affinché cuòcciano
meglio. Il contrario è ngrappare.

sgrasciare tr.; pres. sgràsciu, ecc.; impf. sgrasciàa, ecc.; p. rem. sgrasciài, ecc.; pp.
sgrasciatu. Sbafare; appropriarsi indebitamente. [lat. volg. crassiare incr. con it. ant.
gràscia, annona].

sgrasciu (a -) loc. avv. A sbafo, senza spesa propria, a spese altrui; gratis; di straforo: l'àggiu
ute a sgràsciu le ho avute a sbafo. [dal lat. crassus, lat. volg. crassius].

sgravare (lett.) intr.; pres. sgravu,… sgravamu, ecc.; p. rem. sgravài, ecc.; pp. sgravatu.
Sgravare, partorire delle donne (delle bestie si dice 'figghiare'). V. ccattare.

sgravu (lett.) sm. Parto.

sgrignu (lett.) sm. Scrigno. [dal lat. scrinium].

sgrussare tr.; pres. sgrossu, sgruessi, sgrossa, sgrussamu, ecc.; p. rem. sgrussài, ecc.; pp.
sgrussatu. Sgrossare.

sgrussinu sm. Pialletta per sgrossare il legno.

sguìnciu sm. Sguincio, sguancio. V. anche scuìnciu.

sgùsciu sm. Pialla con il ferro a taglio concavo.

sì avv. Sì: uèi bieni, sì o no? vuoi venire, sì o no?; sì sì, egnu moi sì sì, vengo subito. V. anche
sine.

si' (verbo essere) forma tronca di sinti; essa richiede il raddoppio della consonante semplice
iniziale della parola seguente. Sei: si’ (sinti) nnu buenu striu sei un bravo ragazzo; ma si'
ngraziatu, sai? ma sei simpatico, sai?; tie si' ssoru te lu Ervinu? tu sei sorella di Elvio?

345
S

sia! avv. di rassegnazione. Sia, pazienza!; non fa niente: sia, pe sta fiata! e sia, per questa
volta!; sia ci nu pponnu enìre a δδa ddu nui pazienza, se non possono venire presso di
noi.

sia ca cong. Come se: sia ca ete lu Tamburrinu te Màgghie come se fosse lo straricco
Tamborino di Maglie; sia ca àggiu terate petre alli santi! come se avessi tirato pietre ai
santi!

sicaretta sf. 1- Sigaretta di tabacco: sicaretta fatta a mmanu sigaretta confezionata a mano;
sicarette ccattate sigarette acquistate presso la rivendita; cartine pe ssicarette cartine per
sigarette * 2- Cucirino, spagnoletta: sicaretta erde, russa cucirino di filo di colore verde,
rosso.

sicàru sm. Sigaro di tabacco. V. secàru.

sicarieδδu sm. Toscanello, tipo di sigaro corto e fino. [dim. di sicàru].

sicca sf. Siccità: dòrmenu li campi alla sicca te lu state riposano i campi durante la siccità
dell'estate; alla sicca nu sse pote semmenare nel terreno arido non si può seminare.

sìcceta, sìccita sf. Siccità. [lat. siccitas].

sicchinnonni agg. indecl. e sm. e f. Incerto, tentennante; persona indecisa sul da farsi: ci
spietti δδa sicchinnonni, te pìgghia tardu se attendi quell'indecisa, farai tardi; prima sine,
poi none, poi ntorna sine: si' pròpiu nnu sicchinnonni prima sì, poi no, poi di nuovo sì:
sei proprio incerto e non ti sai decidere. [dal lat. sic et non].

sìcchiu sm. Secchio, recipiente di lamiera di forma tronco-conica rovesciata, fornito di


manico centrale semicircolare, adoperato per attingere acqua * provv. A ddu ae l'àsula ae
lu sìcchiu dove va il manico va il secchio § Tantu ae lu sìcchiu allu puzzu fena nu nci
lassa lu mànecu tanto scense e sale il secchio nel pozzo finché non ci rimette il manico *
Indovinello: scinde retendu e sale chiangendu. Cce bete? scende ridendo e risale
versando lacrime. Che cosa è? (il secchio, evidentemente). [dal lat. situlus, lat. volg.
sitlus, tl>cchi].

siccomu cong. Siccome, giacché, poiché.

siccu agg. Secco, asciutto, arido: tegnu la ucca sicca ho la bocca secca; nna stisa te fondi
sicchi una distesa di poderi aridi * prov. Sçennaru siccu, mmassaru riccu gennaio
asciutto, massaro ricco. [lat. siccus].

Sichilì geogr. Seclì.

Sicìglia sf. L'isola di Sicilia.

346
S

siciglianu agg. Siciliano, della Sicilia: li trainieδδi sicigliani i carretti siciliani: nna
mariunetta sicigliana una marionetta siciliana * sm. 1- Abitante dell'isola di Sicilia: filu
tutti li sicigliani suntu mafiusi non tutti i siciliani sono mafiosi * 2- Il dialetto parlato dai
Siciliani: nui leccesi capimu lu siciglianu noi leccesi capiamo la parlata siciliana.

sicura sf. Sottopancia, larga cinghia dei finimenti del cavallo.

sicuramente avv. Sicuramente, di sicuro.

sicurezza sf. Sicurezza; salvaguardia.

sicuru agg. Sicuro; convinto. V. securu.

sieculare agg. Secolare, che dura secoli: nc'ete àrveri te ulia ca suntu sieculari ci sono alberi
di olivo i quali sono secolari. [lat. saecularis].

sièculi sseculora loc. avv. Per i secoli dei secoli, di secolo in secolo: ccerte cose sièculi
sseculora su' sciute sempre listesse certe cose per secoli e secoli sono andate sempre allo
stesso modo. [dal lat. saecula saeculorum].

sièculu sm. Secolo: nnu sièculu rretu un secolo fa; fra doi sièculi etimu fra due secoli
vedremo.

siecutera sf. Sequela * avv. Di seguito.

siècutu sm. 1- Seguito, continuazione; proseguimento; successione numerosa: lu siècutu bu


lu cuntu crassira il seguito ve lo racconterò domani sera; à statu nnu siècutu te fessarèi
una cchiù' rrossa te l'àutra è stata una successione di sciocchezze, una più grossa
dell'altra * 2- Corteo: te retu enìa lu siècutu te li parienti dietro seguiva il corteo dei
familiari * te siècutu loc. avv. Di seguito, ininterrottamente: niàu sei nuetti te siècutu
nevicò sei giorni di seguito.

sieδδu sm. Mucchio di 10 o 12 covoni sistemati in sito, diritti con le spighe esposte al sole;
due sieδδi poi saranno ammassati per formare una 'mannucchiara'. [dal lat. (a)sellus,
ll>δδ].

siena sf. Dose di foglioline di sena (da acquistare in farmacia), pianta medicinale, i cui infusi
hanno effetti purgativi. [arabo sanâ].

sièngulu, sìngulu agg. 1- Singolo, ad uno ad uno: l'ucceri se scucchiàu li siènguli auniceδδi il
macellaio si scelse i singoli agnelli; le sìngule caruse fôra pacate e llecenziate le giovani
furono pagate ad una ad una e licenziate * 2- Semplice e non complesso: le chiante reste
fàcenu fiuri siènguli le piante non coltivate producono fiori a corolla semplice. [lat.
sìngulus].

347
S

sièriu, sèriu agg. Serio, assorto; ponderato, pensieroso. [lat. serius].

sièrsetu, sèrsetu sm. Esercito: nu ssinti tie, Signore, lu cumandante te lu sièrsetu? non sei tu,
o Signore, il comandante dell'esercito? [lat. exercitus].
DE D. Li sièrseti parìanu do' zunfioni, / na tempestata ca ddu passa uasta.

sieru sm. Siero rimasto dopo la cagliatura del latte: nna suppa te sieru cu ttante muδδìcule te
recotta una zuppa di siero con tante briciole di ricotta. [lat. serum].

siestu1, sestu (f. sesta) agg. Sesto nell'ordine * sm. La sesta parte di un tutto: nnu siestu ete
reservatu allu cumentu un sesto è riservato al convento. [lat. sextus].

siestu2 sm. Assetto, disposizione regolare: a sta casa manca lu siestu in questa casa manca
l'ordine. V. siettu.

siettu sm. 1- Sistemazione, assetto, posto comodo: tutti truammu lu siettu nèsciu tutti
trovammo la nostra comoda posizione * 2- Modo di vita, consuetudine: àggiu persu lu
siettu te sempre ho perduto il consueto sistema di vita. [dall'it. (as)setto, e>ie].

siggente agg.Esigente. [lat. exigens -entis].

siggènzia sf. Esigenza, ciò che conviene; necessità, bisogno: a Lecce nc'era muta siggènzia te
àcqua te bìere a Lecce c'era molta necessità di acqua potabile * fig. Acuto desiderio, viva
voglia: sia ca tegnu siggènzia te sùrvie avrei vivo desiderio di sorbe. [lat. exigentia].

sìggere, seggìre intr.; pres. siggu,… seggimu, ecc.; p. rem. seggìi,… seggemmu, ecc.; pp.
seggiutu. Costituire un acuto desiderio, essere gradito il modo particolare: me seggìa nna
zèppula moi una zeppola alla crema sarebbe di mio gradimento adesso; subbra alli
gnemmarieδδi sigge lu mieru dopo gli involtini arrostiti ci va proprio il vino; sempre me
sìggenu li asi toi ho sempre desiderio dei tuoi baci. [lat. exigere].

siggillare tr.; pres. siggillu,… siggillamu, ecc.; p. rem. siggillài, ecc.; pp. siggillatu. Chiudere
ermeticamente, possibilmente con ceralacca.

siggillu sm. Sigillo; chiusura ermetica. [lat. sigillum].

signa sf. Scimmia * fig. Bimba che fa smorfie e boccacce per dispetto; ragazza impertinente
e dispettosa. [lat. simia]. V. pure scìmia.
Strambotto: La signa te la chiazza / ngiura cìncata passa, / ma iδδa nu sse dduna / ca ete
nnu tezzune!
BOZZI Me despiace sulamente / ca s'ha misu cu nna signa: / nìura, squèscia, cu la tigna,
/ na pettècula fetente!

significare intr. usato alle terze pers.; pres. signìfica, signìficanu; impf. significàa,
significàanu; p. rem. significàu, significàra; pp. significatu. Significare, voler dire: sai cce

348
S

ssignìfica sicchinnonni? sicchinnonni signìfica nu ssapìre cce decìtere sai il significato di


'sicchinnonni'? 'sicchinnonni' significa stare tra il si e tra il no senza decidersi; δδi ssempi
significàanu ca li uèmmeni aìanu bèssere cchiùi piatusi quegli esempi volevano dire che
gli uomini dovrebbero essere più misericordiosi.

significatu sm. Significato, senso di una parola; valore di un fatto.

Signore sm. Signore Iddio; appellativo di Dio e di Gesù Cristo: Diu, Signore de lu celu e de
la terra Dio, Signore del cielo e della terra; pruetìscime tie, Gèsu Signore! provvedi alle
mie necessità, Signore Gesù!; Signore miu beδδu, famme la ràzzia cu stau bona Signore
mio bello, fammi la grazia di star bene in salute [lat. senior -oris].
DE D. Ni disse ccrisca santa, / cu ppensa allu Signore! / ma fìgghiama me crìsçiu / ca
pensa cchiùi all'amore!

signura sf. Donna sposata di elevato ceto sociale (ancora adesso una donna del popolo
minuto, se chiamata 'signora', rimane sorpresa e alquanto imbarazzata): bongiornu,
signura! buon giorno, signora!; le signure se ssèttanu ntra llu cappellone le matrone
seggono nel cappellone riservato * detto: ogne donna ete signura a ccasa soa ogni donna
è signora in casa sua (fuori deve subire i diversi livelli sociali!).
Da un c. p. La mamma de miu bene e' nna signura, / ci ole la serva, nni la fazzu ièu; / ma
quandu lu sou fìgghiu iδδa m'à ddatu, / iδδa ddenta la serva e ièu signura!

signurìa sf. 1- Titolo di onore e di rispetto: bona èspera a Signurìa, barune! buon vespro alla
Signoria vostra, barone! * 2- fa le funzioni di un pron. pers. ed è riferito ad una persona di
rispetto; il termine è sempre accompagnato da forme verbali di 2Ş pers. sing. e fa, quindi,
le veci di tu, te: tata, signurìa nde sienti friddu? babbo, tu senti freddo?; mamma Ntònia,
a signurìa stu mutellu te sta’ ppiace? nonna Antonia, a te questo modello di vestito
piace?; nui stamu cu ssignurìa, zia Rusetta noi stiamo con te, zia Rosetta; signurìa,
nonna, statte e defriscate tu, nonna, stai quieta e ristorati; quista, patrunu, tocca a
signurìa (sarebbe irriguardoso dire "a ttie") questa, padrone, spetta a te.

signurieδδu sm. Un uomo che si è sollevato alquanto nel livello sociale ed è non più povero
ma nemmeno troppo ricco; una persona un tempo ricca, ora decaduta. [dim. di signuru].

signurile agg. Signorile, molto distinto; non nobile ma di ceto assai elevato.

signurina sf. Giovanetta di famiglia signorile; donna nubile di elevato ceto sociale (se
popolane, si interpellano rispettivamente con i termini 'carusa' e 'nunna').

signurinu sm. 1- Figlio del signor padrone; figlio giovinetto di nobile famiglia * 2- Padrone
di casa, ricco e civile, di cui non si conosce il titolo e la professione.

signuru sm. Nobile; uomo di elevato livello sociale; ricco proprietario ma sempre di famiglia
signorile: lu signuru alle tèice te matina scinde te lu palazzu il nobiluomo alle ore dieci
del mattino scende dal palazzo; pòrtani le fisçhe te recotte allu signuru porta le fiscelle di

349
S

ricotta al signor padrone. [lat. senior -oris].


DE D. stiu cchiù mègghiu de signuri: / mo' bu tocca cu fatiati/ e cu bu èssanu suduri!

silabbaru, sillabbaru sm. Sillabario. V. pure abbeccè.

silienzu sm. Silenzio. V. sulienzu.

siluetta sf. Siluetta, forma femminile sottile e aggraziata. [fr. silhouette].

siluru sm. Siluro. [lat. silurus].

sìmbulu (lett.) sm. Simbolo. [lat. symbulum]. V. segnu.

sìmele, sìmile agg. Simile, identico, uguale. [lat. similis].

sìmmena sf. Semina: sìmmena prematìa, tardìa semina precoce, tardiva, anticipata,
posticipata; sìmmena a scettu a getto, a trasçenieδδu a solco, a pìzzecu a pìzzichi.

simpatecazzu agg. Simpaticone, in senso ironico.

simpàtecu (pl. sempàtechi) agg. Simpatico, piacevolmente grazioso. V. ngraziatu.

simpatecune agg. e sm. Simpaticone.

simpatìa sf. Simpatia. [lat. sympathîa].

sìmula sf. Sèmola, prodotto del grano duro * prov. Ogne rranu dae la sìmula soa ogni tipo di
grano dà la sua sèmola. [lat. simila, lat. volg. simula].

Sina, Sisina pers.; da molti nomi propri femminili resi diminutivi con suff. -sina. Elsina,
Rosina, Teresina, Tommasina, ecc.

sinceramente avv. Sinceramente; con tutto il cuore.

sincerare rifl.; pres. me sinceru,… ni sinceramu, ecc.; p. rem. me sincerài, ecc.; pp.
sinceratu. Sincerarsi della verità.

sinceru agg. 1- Sincero, franco, leale: amicu sinceru amico sincero; ògghiu bessu sincera cu
ttie intendo essere franca e leale con te * 2- Genuino, schietto: vinu sinceru, fìgghiu te
mamma sincera vino schietto, figlio di uva madre genuina * 3- Retto, vero: l'amecìzia toa
era sincera? la tua amicizia era vera? [lat. sincerus].
Da c. p. Ola cu llu penzieri e ffa' cce buèi, / cchiù' sincera de mie nu ttruerài;

sìncupe sf. Sìncope, improvvisa perdita di conoscenza con quasi sempre conseguente morte.
[lat. syncope].

350
S

sindecare tr.; pres. sìndecu, sìndechi, sìndeca, sìndecamu, ecc.; p. rem. sindecài, ecc.; pp.
sindecatu. Sindacare. [da sìndecu].

sìndecu sm. Sindaco, il capo di una Amministrazione comunale elettiva: prima nc'èranu li
sìndeci, moi nci suntu li putestà una volta c'erano i sindaci, ora ci sono i podestà * modo
di dire: mmanu allu sìndecu… sotto l'amministrazione del sindaco… [dal lat. syndicus].

sine avv. Sì: sine, te ògghiu bene sì, ti volglio bene; mme l'àggiu fatte, sine, le lezioni te scola
li ho svolti, sì, i compiti di scuola; sine, sine, fazzu pròpiu cussìne sì, sì, faccio proprio
così. V. sì.

sine, no? avv. E' così, nevvero?; così stanno le cose, vero?; è proprio come dici tu, vero?

sinfasò (alla -) loc. avv. Alla carlona, alla leggera, alla rinfusa: tie le cose toi l'à' fatte sempre
alla sinfasò hai fatto le tue cose sempre alla carlona. [dal fr. sans-faços].

singa sf. Linea, riga, crepa appena visibile: singhe tutte storte righe completamente storte;
alla ucàla nc'ete nna singa alla brocca c'è una crepa. [fem. di singu].

singare v. sengare.

singu sm. Segno; linea, riga; traccia visibile; contrassegno. [lat. signum, gn>ng].

singulare agg. Singolare, unico. [dal lat. singularis].

sìngulu v. sièngulu.

sinnu sm. Senno, saggezza * a sinnu loc. avv. A parere, secondo: a mmiu sinnu quiδδi
spìccianu ca se pìgghianu secondo la mia opinione, quelli finiranno per sposarsi. [fr. sin).
V. pure sennu3.
Da c. p. Ci spieri basi a mmie, stai fore sinnu, / su' de l'amante miu li asi mei.

sìntumu (lett.) sm. Sintomo. [gr. symptôma]. V. segnu, sengale.

sinu (neol.) prep. Sino: spettu sinu a sta sira attenderò sino a questa sera; la cumeta ulàu sinu
alle nule l'aquilone si sollevò sino alle nuvole; sinu mmoi nu ll'àggiu ista sino adesso non
l'ho vista. V. fena e sena.

sinusite sf. Sinusite, infiammazione delle cavità nasali.

sinuvite sf. Sinovite, infiammazione della membrana del menisco.

siparu, sipàriu sm. Sipario del palcoscenico; ogni tenda o telone usati per separare. [lat.
siparium].

351
S

sira, sera sf. Sera, la parte del giorno fino all'ora usuale di andare a letto: ci te èspera nu
puèssere, ni etimu te sira se il vespro non sarà possibile, ci vedremo la sera; te sira tardu
di sera tardi; la sira te Natale la sera di Natale * saluto beneaugurante: bona sera a sti
amici! buona sera a questi amici! § bona sera a cquista casa: lu fiaccu cu bessa, lu buenu
cu ttrasa buona serata a questa famiglia: che esca il male, che entri il bene. [lat. sera].
Da c. p. Te sira nde passài te nna patula / e ntisi le ranòcchiule cantare;

sire sm. 1- Sovrano regnante; Maestà * 2- Padre, quale capo famiglia: spetta allu sire cu
ncigna a mmangiare spetta al padre cominciare a mangiare; la mamma n'à mmorta, lu
sire ete iu la madre le è morta, il padre è vivo; lu sire se facìa nna fumata il padre si
faceva una fumata. Con i possessivi in pos. encl.: sirma [da sìr(e)ma], sirda [da sir(e)ta,
t>d], sirsa[da sir(e)sa] mio padre, tuo padre, suo padre. [dall'it. si(gno)re > sire].
DE D. Cce cosa mai de buenu po' benire / de ntru nna casa ddu nu nc'è lu sire?

sirena (neol.) sf. Sirena, l'apparecchio che diffonde segnali acustici.

siri sm. pl. Entrambi i genitori: ci suntu li siri toi? chi sono i tuoi genitori? li siri mei suntu lu
Totu te la Crucefissa e lla Pippi te lu Luisçi 'pagghiara' mio padre è Salvatore, il figlio
della Crocifissa, e mia madre è Giuseppa, la figlia di Luigi ‘pagliara’. [da sire2].

siringa (lett.) sf. Siringa per fare le iniezioni. [lat. syringa]. V. acu.

Sìrviu pers. Silvio.

Sisinu, Sinu pers. Tommaso.

sistema sm. Sistema, modo; mezzo, procedimento. [gr. systema].

sistemare tr.; pres. sistemu, sistiemi, sistema, sistemamu, ecc.; p. rem. sistemài, ecc.; pp.
sistematu. Sistemare, disporre convenientemente * rifl. Raggiungere una sistemazione
definitiva: le fìmmene cu llu matremòniu se sistèmanu le donne con il matrimonio si
sistemano; fìgghiuma s'à sistematu alle ferruìe mio figlio ha trovato un'occupazione
stabile alle ferrovie * fig. Mettere uno al suo posto costringendolo, conciarlo ben bene *
modo di dire: sistemare pe lla festa e pe lla uttisçiana conciare per la festa e per i giorni
feriali.

sistemàtecu (pl. sistemàtechi) agg. Sistematico, assiduo e regolare.

sistematu agg. Di persona, che ha trovato una buona e stabile occupazione.

sistemazione sf. 1- Sistemazione; buona occupazione, impiego stabile * 2- Felice


sistemazione matrimoniale sia da parte di lei che di lui.

sita1 sf. Seta, il filo sottilissimo del bozzolo: bacu te sita bombice da seta; esta te sita veste di
seta. [lat. saeta].

352
S

sita
sita2 sf. 1- Melograno, alberello coltivato in ogni orto: li inchi te sita llìssecanu i vinchi di
melograno sfèrzano * 2- Melagrana: àceni te sita acini di melagrana; nnu panaru te site
un paniere di melagrane * detti: Te Santu Frangiscu le site ntru llu canìsciu di S.
Francesco (4 novembre) le melagrane nel canestro, perché non vadano a male § La
fìgghia ete comu la sita: quantu cchiù' ccara la tieni, cchiù' ccara la indi la figlia è come
la melagrana: quanto più cara la tieni, tanto meglio la dai in moglie. [gr. site].

site sf. Sete: sta’ ttegnu site ho sete; la site m'à ppassata mi è passata la sete * provv. Stare
mmienzu all'àcqua e mmurire te site il colmo è stare nell'acqua e morire dalla sete §
Mìnchia ci tene site e nu bìe percé nu ttene bicchieri minchione e stupido è colui che,
avendo sete, non beve perché non ha un bicchiere. [lat. sitis].

siteδδa sf. Staccio di piccola circonferenza, vaglio con il fondo di tessuto finissimo. [dim. di
sita1].

siticeδδa sf. Melagrana piccolina: cu nna siticeδδa me fazzu nna pippareδδa con una
melagrana piccolina mi confeziono una pipetta per gioco. [dim. di sita2].

sìtici agg. Sedici * sm. fig. Il sedere, le natiche, sul libro della smorfia indicato con il numero
16. [lat. sedecim].

siticina sf. Circa sedici.

siticinu sm. Il sedere di una femminuccia (il sedere di un maschietto si dice culìcchiu, senza
alcuna cautela). [dim. di sìtici].

situ sm. Sito, posto abituale. [lat. situs].


Da c. p. Nna còcchia te sururi ui ci siti, / iata δδa vecenanza a ddu abbetati; / ca se nde
prèsçia l'ària te sti siti / e llu tarrienu a ddunca camenati!

situare tr.; pres. sìtuu, sìtui, sìtua, situamu, ecc.; p. rem. situài, ecc.; pp. situatu. Situare,
collocare stabilmente.

situazione sf. Situazione, condizione di un fatto.


353
S

sìtula sf. Sètola di suino: nna scupetta te sìtule te puercu una spazzola di setole di porco. [lat.
saetula].

situlusu agg. Setoloso, ispido di setole; coperto di peli irsuti.

siu sm. 1- Sego, sevo, grasso animale * 2- Untume. [lat. sebum].

sluggiare (lett.) tr. e intr.; pres. slòggiu, slueggi, slòggia, sluggiamu, ecc.; impf. sluggiàa,
ecc.; p. rem. sluggiài, ecc.; pp. sluggiatu. Sloggiare. V. anche scasare.

smacchiare tr.; pres. smàcchiu, ecc.; impf. smacchiàa, ecc.; p. rem. smacchiài, ecc.; pp.
smacchiatu. Smacchiare, disboscare, tagliare le piante della macchia per ricavare legna da
vendere. [dal lecc. màcchia].

smaccu sm. Smacco, insuccesso umiliante.

smagghiare tr.; pres. smàgghiu, ecc.; impf. smagghiàa, ecc.; p. rem. smagghiài, ecc.; pp.
smagghiatu. Smagliare, scucire una maglia, sfilare le maglie. [da màgghia].

smagghiatura sf. 1- Smagliatura, rottura di una o più maglie di un filato * 2- Ragade, lesione
lineare della cute.

smammare1 intr.; pres. smammu,… smammamu, ecc.; p. rem. smammài, ecc.; pp. smammatu.
Togliersi di torno, sloggiare in malo modo, andar via di forza, allontanarsi quasi
staccandosi dalla mamma. [da s- sottrattivo e mamma].

smammare2 tr. e intr. Delirare; parlare a vanvera: pe lla free àuta smammàa a causa della
febbre alta smaniava e delirava; le sta’ smamma pròpiu rosse le sballa proprio grosse.
[dal lat. volg. exmaniare].

smandìre tr.; pres. smandu,… smandimu, ecc.; p. rem. smandìi,… smandemmu, ecc.; pp.
smandutu. Mandare al bando, relegare al confino.

smanditu agg. Cacciato, emarginato; sloggiato.

smangiare intr.; pres. smàngiu, ecc.; impf. smangiàa, ecc.; p. rem. smangiài, ecc.; pp.
smangiatu. Chiudersi delle forbici senza tagliare il panno.

smània sf. Agitazione d’animo; malessere inquieto; insofferente tensione nervosa;


impazienza incontenibile.

smaniare intr.; pres. smàniu, ecc.; impf. smaniàa, ecc.; p. rem. smaniài, ecc.; pp. smaniatu.
Smaniare * fig. Desiderare ardentemente; attendere bramando. [dal lat. volg. exmaniare].

354
S

smargiassu (lett.), mmargiassu sm. Smargiasso, millantatore borioso. V. i più comuni


spaccamuntagne, sparachiazze.

smartare tr.; pres. smartu,… smartamu, ecc.; p. rem. smartài, ecc.; pp. smartatu. Smaltare,
coprire di smalto. [da smartu].

smartu sm. Smalto. [fr. smalt].

smemuriare tr.; pres. smemòriu, smemuèri, smemòria, smemuriamu, ecc.; p. rem. smemuriài,
ecc.; pp. smemuriatu. Distogliere, svagare * rifl. Dimenticarsi.

smenuzzare (neol.) tr. Sminuzzare, sbriciolare. V. anche mmenuzzare.

smenżare tr.; pres. smenżu, smienżi, smenża, smenżamu, ecc.; p. rem. smenżài, ecc.; pp.
smenżatu. Vuotare a metà; svuotare in parte. [da mienżu].

smenżatu agg. Semi vuoto: ozze e utti smenżate giare e botti semi vuote.

smerciare (lett.) tr.; pres. smèrciu, ecc.; impf. smerciàa, ecc.; p. rem. smerciài, ecc.; pp.
smerciatu. Smerciare; spacciare. V. il più comune ìndere.

smèrciu sm. Smercio, vendita, spaccio.

smersare tr.; pres. smersu, smiersi, smersa, smersamu, ecc.; p. rem. smersài, ecc.; pp.
smersatu. Rimboccare, rivoltare, rovesciare dall'esterno all'interno: smersàa l'ecchi
storceva gli occhi; lu pete me smersàu presi una storta di piede. V. mmersare.

smessu agg. Messo da parte per non essere più usato, desueto.

smèstere, smestìre tr.; pres. smestu, smiesti, smeste, smestimu, ecc.; p. rem. smestìi,…
smestemmu, ecc.; pp. smestutu. Sbagliare; non indovinare; non riuscire a fare: la
sçiurnata la sta’ smèstenu non stanno indovinando la giornata. [contrario del lecc.
mmèstere].

smiersu sm. Risvolto: lu smiersu rittu te li càusi s'à scusutu il risvolto destro dei pantaloni si
è scucito.

smirciare tr.; pres. smìrciu, ecc.; impf. smirciàa, ecc.; p. rem. smirciài, ecc.; pp. smirciatu.
Sbirciare, guardare di traverso. V. anche mmirciare.

smìrciu agg. Storto di occhio; strabico. V. il più usato mmìrciu.

smòere tr. Smuovere, rimuovere. V. la forma più comune mmòere o mmuìre.

smòrfia1 sf. Smorfia, leziosaggine. V. anche mmòrfia.

355
S

smòrfia2 sf. Smorfia, libro da cui si ricavano i numeri del lotto; cabala del lotto. [dal lat.
Morpheus, dio dei sogni].

smortu agg. Smorto, di colorito privo di luminosità.

smubbigliare tr.; pres. smubbìgliu, ecc.; impf. smubbigliàa, ecc.; p. rem. smubbigliài, ecc.;
pp. smubbigliatu. Smobiliare.

smucculare intr. e tr.; pres. smùcculu,… smucculamu, ecc.; p. rem. smucculài, ecc.; pp.
smucculatu * intr. Smoccolare della candela; lo scolare della cera * fig. Bestemmiare
iteratamente, così da solo, senza una palese ragione * tr. Levare il mòccolo, sostituire il
lucìgnolo della lucerna. [da mùcculu].

smucculaturu sm. Smoccolatoio, pinzetta per smoccolare lumi e candele. [da smucculatu +
suff. funz. -uru].

smuδδiculare tr.; pres. smuδδìculu,… smuδδiculamu, ecc.; p. rem. smuδδiculài, ecc.; pp.
smuδδiculatu. Sbriciolare. V. i più comuni spuδδiculare, spurniculare.

smuntare tr. e intr.; pres. smuntu,… smuntamu, ecc.; p. rem. smuntài, ecc.; pp. smuntatu * tr.
Smontare uno o più pezzi di un congegno * fig. Scoraggiare; far cadere le braccia * intr.
Perdere l'appretto; sbiadire; diventare opaco. [contr. di mmuntare].

smurfiusu agg. Smorfioso, lezioso. V. pure mmurfiusu.

smusare tr.; pres. smusu,… smusamu, ecc.; p. rem. smusài, ecc.; pp. smusatu. Rompere gli
orli di un recipiente di terracotta o di porcellana; sbrecciare; scheggiare i bordi. [da s-
estrattivo e musu].

smuseδδare tr.; pres. smuseδδu, smusieδδi, smuseδδa, smuseδδamu, ecc.; p. rem. smuseδδài,
ecc.; pp. smuseδδatu. Staccare le piccole sporgenze; smussare.

smuseδδatu agg. Slabbrato, lacerato o rotto ai margini.

smuseδδatura sf. Slabbratura; rottura di un orlo: nnu tàgghiu tuttu smuseδδature, ca nu


ccecatrìsçia una ferita da taglio slabbrata, che non cicatrizza.

snellire (lett.) intr. e tr.; pres. snelliscu,… snellimu, ecc.; p. rem. snellìi,… snellemmu, ecc.;
pp. snellutu * intr. Snellire, diventare snello * tr. Fare sembrare slanciato e snello. V.
demmazzìre,

rrefelare.

snellitu (lett.) agg. Slanciato e snello.

356
S

snellu (neol.) agg. Snello, esile, agile. V. il più usato mazzu.

socetà sf. Società. [lat. societas]. V. anche la voce lecc. sucetate.

sòciu sm. Socio in affari. [lat. socius].

socra sf. Suocera * detto: La socra pote ìtere la nora comu lu demòniu l'àcquasanta la
suocera può vedere la nuora come il demonio l'acqua santa § La socra cu lla nora picca
se ndora la suocera e la nuora si sopportano poco. Con i possessivi in pos. encl.: sòcrama
(mia suocera), sòcrata (tua suocera), sòcrasa (sua suocera). [lat. socera].

sòffice (neol.) agg. Soffice, morbido. V. i più comuni àpulu, moδδe, mòrbetu.

sòffrere, suffrìre tr. e intr. soffru, sueffri, soffre, suffrimu, ecc.; p. rem. suffrìi,… suffremmu,
ecc.; pp. suffrutu (suffertu) * tr. Soffrire, patire: lu fuecu te Sant'Antoni ni facìa sòffrere le
pene te lu purgatòriu l'èrpete ci faceva soffrire le pene del purgatorio; sòffrenu mutu lu
càutu patiscono molto la calura * intr. Soffrire, andare soggetto a disturbi dolorosi: suffrìa
te tulori alle spaδδe soffriva di dolori alla schiena; suffrèra mutu pe lla ngratetùtine te la
fìgghia soffrirono parecchio per l'ingratitudine della figlia; "Tie nu ssai quantu suffrì don
Peppinu te Castrì…" (si cantava con l'aria della romanza "Tu non sai quanto soffrì il tuo
vecchio genitor" della 'Traviata' di G. Verdi).

sògghiula
sògghiula sf. Sogliola, pesce di forma schiacciata e di colore grigio, comune nei fondali
sabbiosi, in cui si mimetizza.

sola sf. Suola per calzature; la parte anteriore e sottostate della scarpa che poggia a terra. [lat.
solum, pl. sola].

sòletu agg. Solito, consueto * allu sòletu loc. avv. Al solitio, solitamente. [dal lat. solitus].

solu, suelu, selu sm. Suolo edificativo; zona di terreno recintata. [lat. solum].

somma (lett.) sf. Somma, quantità complessiva * 2- Addizione, conteggio. [lat. summa]. V.
cuntu1.

sommu (lett.) agg. Sommo, grandissimo. [lat. summus]. V. rande rande.

sonagghiera sf. Sonagliera applicata ai finimenti dei cavalli da tiro.


357
S

sòpiu agg. Compassato, ponderato: se nde stìa sopiu e pensusu se ne stava compassato e
pensoso.

sordellinu sm. Fischio lievemente sibilante rivolto alle ragazze simpatiche come segno di
richiamo.

sordi sm. pl. Soldi in genere, quattrini, denaro, moneta * modi di dire: li sordi suntu ncuδδusi
puru all'arma il denaro è attaccatìccio, si attacca persino all'anima § li sordi anu e
bènenu, ci sçiamu nui nu tturnamu cchiùi i quattrini vanno e vengono, se andiamo noi
all'altro mondo non torneremo più * provv. Ci tene cchiù' ssordi se pìgghia lu mazzu il
più ricco si prende il mazzo di carte, il più potente comanda § Li sordi stanu a mmucca a
ttutti ma a mpàuta a ppicchi i soldi sono sulla bocca di tutti ma in tasca a pochi § Li sordi
nu bàstanu… a ccinca li tene i quattrini non bastano a colui che li ha * Li sordi nu
bàstanu a ccinca nu sse ccuntenta i soldi non sono sufficienti a chi non si accontenta. [da
sordu].

sordiceδδu sm. Centesimo di lira, cioè un quinto di un soldo: cu lli sordiceδδi se face lu
sordu, cu lli sordi se face la lira con i centesimi si fa un soldo, con i soldi si forma la lira.
[dim. di sordu].

sordu sm. Soldo, moneta di rame di 5 cent., equivalente alla ventesima parte della lira: m'ànu
sempre mancati diciannòe sordi cu ffazzu nna lira! mi sono mancati sempre diciannove
soldi per formare una lira!; a' ba' ccatta tùtici sordi te recotta sçante vai a comprare 12
soldi di ricotta forte e piccante * modi di dire: nu mbalìre nnu sordu non valere un soldo §
gente de quattru nnu sordu persone tanto spregevoli che ne compri quattro con un soldo.
[lat. sol(i)dus].

sorma sf. Mia sorella. V. soru.

sorta, sorte sf. Sorte, destino * modi di dire: sorta rande, sçiuscettu! buona sorte a te,
figlioccio! § bona sorte a ttie! salve a te, caro! § ni aùru nna bona sorte gli àuguro un
buon destino § sorte (mara) mia! sfortuna mia!; sorte nòscia! poveri noi! § fena alla
morte nci ole la bona sorte ci vuole fortuna per tutta la vita § sorte ricca ete cu mmangi
mutu e cu ffatìi picca avere una sorte ricca consiste nel mangiare a sazietà e nel lavorare
poco * prov. Ci càngia celu, càngia sorta chi cambia cielo, muta destino. [lat. sors
sortis].
DE D. le ccise tutte doi la sorte mara / comu cade alla fàuce e chianta e fiuru.

sorte sf. e m. Sorta, specie, tipo: s'à ffatta nna sorte te carusa! è diventata un pezzo di
ragazza!; tene nnu sorte te nasu, benetica! ha una sorta di naso, Dio lo benedica!; cce
sorte te mìnchia, stu striu! che tipo straordinario, questo ragazzo! * pe sorte loc. avv. Per
caso, casualmente, eventualmente; fortuitamente.
Da c. p. ci pe sorte nde passi te la chiazza, / lu tiàulu se nde scappa pe ppaura!

358
S

soru (pl. soru, sururi [dal lat. sororum], suluri) sf. Sorella: la soru te lu prèite la sorella del
prete; le soru mei le mie sorelle; àggiu canusciute le sururi te cumpà' Ngiccu ho
conosciute le sorelle di compare Francesco; tutte doi suluri suntu ngraziatìcchie tutte due
sorelle sono graziosette. Con i possessivi in pos. encl.: sorma [da sor(u)ma], sorda [da
sor(u)ta, t>d], sorsa [da sor(u)sa] mia sorella, tua sorella, sua sorella. [lat. soror -oris].
Da c. p. nc'e' do' suluri e s'ànu mise a sçecu, / stanu sçiucandu la persuna mia;
DE D. E lla cchiù randiceδδa de le soru / l'ecchi comu lu celu li tenìa,

sosarieδδu sm. Barattolo vuoto; misurino di latta.

sotu agg. Quieto, immobile al suo posto, fermo, tranquillo: stàtiu sote state ferme; nu sse stae
sotu nnu picca non si sta quieto un momento. [dall'it. sodo].
DE D. Statte subbra la mamma sota sota / e nanna nanna, nannarella mia!

sou (f. soa, pl. m. e f. soi) agg. e pron. possessivo. Suo, sua, suoi, sue: lu sire sou e la mamma
soa suo padre e sua madre; nu ssulu li cumpagni soi mma puru le cusçine soi non solo i
suoi compagni ma anche le sue cugine; li soi su' stati fiacchi i suoi cari sono stati male. In
pos. encl. sou, soa diventano -sa indeclinabile: sècrusa suo suocero, sòcrasa sua suocera,
sçènnusa e nnòrasa suo genero e sua nuora. [lat. suus, sua].

spaccachianche sm. Gioco che si esegue con monetine che, lanciate perpendicolarmente in
aria, cadono sul pavimento di lastre quadrate; vince chi fa fermare la sua moneta il più
possibile al centro. [comp. di spacca(re) chianca].

spaccafrìcciu sm. Spaccapiettre.

spaccalèune sm. Operaio addetto alla spaccatura della legna da ardere.

spaccamuntagne sm. Fanfarone, smargiasso, spaccone.


Da c. p. Te mmaretasti, fiuru te le beδδe, / te lu pigghiasti lu spaccamuntagne; / te lu
piettu te indi le fibbieδδe, / te li quasetti le russe ttaccàgghie, / te le indi le pompe e lle
zacareδδe, / sulu te resta lu spaccamuntagne!

spaccaporca sf. Solco più largo e profondo, tracciato in pendenza in modo che facìliti lo
scolo delle acque piovane.