Sei sulla pagina 1di 18

anno diciassettesimo 2009 uno

Il pensiero economico italiano

Rivista semestrale

ESTRATTO

diciassettesimo 2009 uno Il pensiero economico italiano Rivista semestrale ESTRATTO Fabrizio Serra editore Pisa · Roma

Fabrizio Serra editore

Pisa · Roma

Direttore Massimo M. Augello (Università di Pisa)

Comitato scientifico Marco Bianchini (Università di Parma), Piero Bini (Università di Roma iii), Valerio Castronovo (Università di Torino), Duccio Cavalieri (Università di Firenze), Francesco Di Battista (Università di Bari), Riccardo Faucci (Università di Pisa), Antonio M. Fusco (Uni- versità di Napoli «Federico II»), Vitantonio Gioia (Università di Macerata), Augusto Graziani (Università di Roma i), Jean-Pierre Potier (Università di Lione ii), Riccardo Realfonzo (Università del Sannio), Eugenio Zagari (Università di Napoli «Federico II»)

Redazione Marco E. L. Guidi (Università di Pisa · redattore capo), Fabrizio Bientinesi (Università di Pisa), Terenzio Maccabelli (Università di Brescia), Luca Michelini (lum «Jean Monnet», Bari)

Sede della redazione Dipartimento di Scienze Economiche, Università di Pisa, Via C. Ridolfi 10, i 56124 Pisa. Telefono: +39 050 2216206 · Fax: +39 050 2216384

Corrispondenza e materiali vanno inviati a Massimo M. Augello, Dipartimento di Scienze Economiche, Università di Pisa, Via C. Ridolfi 10, i 56124 Pisa. Telefono: +39 050 2216296 · Fax: +39 050 2216384

«Il pensiero economico italiano» · xvii/2009/1

LA NOZIONE DI FORMAZIONE ECONOMICO-SOCIALE NEL MARXISMO DI EMILIO SERENI*

Tommaso Redolfi Riva

Dottore di ricerca in Storia delle dottrine economiche Università di Firenze

A l centro di questo saggio è la nozione di formazione economico-sociale, così come è concepita nella elaborazione teorica di Emilio Sereni. In un primo momento analizze-

remo il saggio del 1970 e rinverremo i contorni che definiscono la categoria e la sua distin-

zione da quella di modo di produzione. Ci soffermeremo inoltre sulla concettualizzazione del momento sovrastrutturale e di quello genetico e sulla polemica con il marxismo delle forme di Luporini. In seguito cercheremo di comprendere la funzione che la nozione di formazione economico-sociale svolge nell’opera politica e storiografica di Sereni. Infine si mostrerà come la nozione di formazione economico-sociale, così come è stata elaborata da Sereni, possa essere ricondotta nell’alveo del progetto teorico-politico dello storicismo marxista italiano.

1. Formazione economico-sociale e modo di produzione

Nel 1970 Sereni pubblica un saggio sui «Quaderni» della rivista «Critica Marxista», dal titolo Da Marx a Lenin: la categoria di “formazione economico-sociale”.1 Fin dall’inizio gli intenti teorici dell’autore sono espliciti: Sereni riconosce che alla passionalità del dibattito relativo all’esistenza di una nuova formazione economico-sociale, quella socialista, non si è accom- pagnato un approfondimento teorico della nozione di formazione economico-sociale «che non si esaurisca nella astratta staticità di modelli meccanici, ma si cali invece nella concreta e dinamica realtà del processo storico».2 Per quanto la storiografia del secondo dopoguerra – storiografia marxista – abbia rag- giunto risultati positivi nello studio di determinati periodi storici compresi nell’ambito di

* La presente ricerca è stata possibile grazie ai fondi messi a disposizione dall’unità locale bergamasca del prin

Gli esiti della filosofia classica tedesca: sviluppo della già iniziata edizione critica di testi e approntamento di ulteriori studi sull’argomento, coordinatore scientifico nazionale, Mario Cingoli. Un ringraziamento particolare va al prof. Ric-

cardo Bellofiore, per l’aiuto costante che mi ha offerto.

1 In seguito alla pubblicazione di questo articolo si sviluppò un interessante dibattito sia in Italia che in Fran-

cia. In Francia il Centre d’études et de recherches marxistes organizzò una discussione sui concetti di modo di produ- zione e di formazione economico-sociale prendendo spunto proprio dall’articolo di Sereni. Cfr. G. Dhouquois,

J. Textier, P. Herzog, R. Gallisot, G. Labica, C. Glucksmann, Modo di produzione e formazione economico

sociale, «Critica marxista», 4, 1971, pp. 84-138. In Italia il dibattito si sviluppò sulle pagine di «Critica marxista», cfr.

V. Gerratana, Formazione sociale e società di transizione, «Critica marxista», 1, 1972, pp. 40-80; C. Luporini, Marx

secondo Marx, «Critica marxista», 2-3, 1972, pp. 48-118, poi in Idem, Dialettica e materialismo, Roma, Editori Riuniti,

1974; G. Prestipino, Concetto logico e concetto storico di “formazione economico-sociale”, «Critica marxista», 4, 1972, pp. 54-83; G. La Grassa, Modo di produzione, rapporti di produzione e formazione economico-sociale, «Critica marxi- sta», 4, 1972, pp. 84-108. Per una precisa e puntuale ricostruzione del dibattito cfr. N. Simoni, Tra Marx e Lenin. La discussione sul concetto di formazione economico-sociale, Napoli, La Città del Sole, 2006.

Tommaso Redolfi Riva

una data formazione economico-sociale, laddove si tratta della fase di transizione, del pas- saggio da una formazione a un’altra, i risultati si mostrano a Sereni deludenti. La questio- ne è quella relativa alla mancata elaborazione, all’interno del marxismo teorico, di un con- cetto di formazione economico-sociale che sia in grado di rivolgersi alle fasi di transizione, che permetta cioè di comprendere non soltanto i momenti nei quali lo sviluppo economi-

co e sociale è compiuto, bensì le fasi nelle quali quello è in fieri. Una tale elaborazione teo- rica si mostra a Sereni lo strumento necessario affinché possa svilupparsi una storiografia in grado di volgere il proprio sguardo direttamente ai processi di transizione. L’implicito teori- co al quale Sereni sembra rimandare è quello del rapporto tra teoria e storia, tra modello sincronico di analisi e divenire storico. Il problema è infatti esplicitamente ricondotto a quello dell’adozione di concetti statici per lo studio di realtà che di per sé sono dinamiche. Per Sereni, se la nozione di formazione economico-sociale è intesa in modo statico si fa cattivo servizio a Marx che invece l’aveva concepita in termini dinamici, così come del resto Lenin nel suo approfondimento teorico della nozione. La prima operazione di Sereni è quella di evincere dai testi di Marx la dina- micità della nozione di formazione economico-sociale. Attraverso un’analisi linguistica, Se- reni riconosce una progressiva sostituzione, da parte di Marx, del termine formazione (For- mation) al termine forma (Form), cioè la sostituzione di un nome di moto ad un nome di stato. Per Sereni la nozione di formazione economico-sociale è quindi una nozione dina- mica, una nozione che deve essere differenziata da quella di modo di produzione, perché appunto più concreta e capace di mostrare il divenire storico, lontana dalla astratta staticità dei modelli.1 È una nozione che mantiene in sé tutta la ricchezza del processo di formazio- ne, quindi del processo di genesi e di transizione; non solo: la ricchezza di una tale nozione

è anche quella capacità di raccogliere in sé non solo gli aspetti strutturali, ma anche quelli

sovrastrutturali, giuridici, politici e più in generale ideologici. Tale dinamicità, che Sereni riconosce nella elaborazione marxiana di tale categoria, la ritroviamo nell’utilizzo che sia Labriola, sia Lenin e Gramsci ne fanno, e che un certo marxismo antistoricista e antiuma-

nista, quello di Althusser e della sua scuola, vuole negare. Sereni entra nel vivo del dibatti- to teorico. Viene intrapresa una sorta di Wirkungsgeschichte della nozione di formazione economico- sociale. Tutto il marxismo secondointernazionalista – con le rilevanti eccezioni di Labriola

e di Mehring – ha sistematicamente evitato la nozione di formazione economico-sociale,

facendo di essa un sinonimo di modo di produzione o di struttura economica, eludendo cioè «l’unità […] delle diverse sfere economica, sociale politica, culturale della vita di una

112

1 Questa definizione di struttura economico-sociale viene profondamente criticata da Luporini, sia per quan-

to riguarda la distinzione lessicale tra ‘form’ e ‘formation’, i quali «per sé presi, sono tali per cui nulla può decidere del loro valore statico o dinamico, se non il contesto in cui essi vengono adoperati», C. Luporini, Marx secondo

Marx, in Dialetica e materialismo, cit., p. 214, sia per quanto riguarda il significato complessivo che Sereni conferisce a tale nozione. Per Luporini, il significato del concetto di formazione economico-sociale è da Sereni concepito se- condo un’ottica precostituita che trova la propria origine nel saggio leniniano Che cosa sono gli amici del popolo. Una tale nozione di formazione economico-sociale, non la si trova nell’opera marxiana. Luporini rileva, in prima bat- tuta, che nella Prefazione del 1859 a Per la critica dell’economia politica l’espressione ‘formazione economica della so- cietà’ è utilizzata al singolare e contrapposta alle ‘formazioni sociali’. Afferma infatti Luporini che «a un ‘modo di produzione’ corrisponde una ‘formazione sociale’» come ulteriore concretizzazione del concetto di modo di pro- duzione, e non la ‘formazione economica della società’ che è una categoria che individua in Marx il momento del- la continuità dello sviluppo delle forze produttive nella discontinuità dei modi di produzione: «questo luogo è ciò che Marx chiama ‘formazione economica della società’. Esso appare […] come unicum continuum […] che attra- versa la discontinuità delle epoche, dei modi di produzione e delle formazioni sociali» (ivi, p. 219).

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni 113

società»1 espresse da tale categoria. Il concetto di formazione economico-sociale rimanda quindi al problema struttura-sovrastruttura, all’unità di questi due momenti, e non solo alla determinante economica. Qui Sereni critica l’economicismo e il meccanicismo della

Seconda Internazionale dallo stesso punto di vista dal quale Gramsci critica il Saggio popolare

di Plechanov, al cui meccanicismo appunto oppone la concretezza storica e una lettura non

deterministica del rapporto struttura-sovrastruttura.

La nozione di formazione economico-sociale deve quindi essere tenuta distinta da quel-

la di modo di produzione e da quella di base economica, poiché essa si colloca «sul piano

della storia, appunto: che è quello della totalità e dell’unità di tutte le sfere (strutturali, so- vrastrutturali od altre) della vita sociale, nella continuità e, al tempo stesso, nella disconti- nuità del suo sviluppo storico».2 Lenin, nel saggio Che cosa sono gli amici del popolo (1894) af- ferma che Marx riesce a superare il soggettivismo in sociologia separando i rapporti di produzione come struttura della società, poiché ad essi è possibile applicare il criterio della reiterabilità. I rapporti di produzione sono reiterabili perché non passano attraverso la co- scienza degli uomini. Sereni rileva che «Lenin sottolinea e rende esplicita una caratteristica fondamentale dei rapporti di produzione quella dello loro reiterabilità e regolarità, rispetto ad altri rapporti, quali sono quelli del tipo ideologico».3 Ma Sereni mette subito dopo in chiaro, con il prosieguo della citazione di Lenin, che quello caratterizzato dai rapporti di produzione e dalla loro costruzione in sistema scientifico è solo lo scheletro, e che Marx a questo scheletro aggiunge carne e sangue attraverso un esame delle sovrastrutture corri- spondenti a questi rapporti di produzione: «la sottolineatura della parte privilegiata, che nel-

la caratterizzazione di una formazione economico-sociale spetta ai rapporti di produzione,

è immediatamente associata, in Lenin, a quella del piano storico, sul quale la nozione di for-

mazione economico-sociale stessa si colloca: quello della totalità e dell’unità, cioè, di tutte

le sfere – strutturali, sovrastrutturali od altre».4

Sereni procede nella propria argomentazione rivolgendosi alla Recensione di Engels a Per la critica dell’economia politica, e concentra la propria attenzione sulla considerazione en-

gelsiana relativa ai metodi logico e storico attraverso i quali Marx espone la propria teo-

ria. Secondo Engels l’esposizione del materiale contenuto nel Capitale poteva darsi sia sto- ricamente che logicamente. Marx sceglie il modo logico, che non è altro che il modo storico «unicamente spogliato della forma storica e degli elementi occasionali perturbato- ri»5 soltanto per motivi occasionali e non per profonde ragioni metodologiche: un’esposi- zione storica avrebbe continuamente interrotto il corso delle idee e inoltre sarebbero sta-

ti necessari lavori preparatori relativi alla storia della società borghese, non essendo

possibile scrivere, senza quest’ultima, una storia dell’economia. Inoltre, essendo il corso dell’esposizione logica nient’altro «che il riflesso, in forma astratta e teoricamente conse- guente, del corso della storia»,6 sulla scorta di Engels si può affermare, come fa Sereni, che «la trattazione scientifica di una qualsiasi realtà storica non potrà mai essere esclusivamen- te logica (sistematica, strutturale), ma dovrà pur sempre comportare un elemento geneti- co, storico, appunto: non foss’altro perché nella disamina di quella struttura, di quel siste- ma di rapporti necessari che la trattazione logica comporta, dovranno pur essere presi in considerazione quei rapporti, che della data struttura ne condizionano la genesi, lo svi-

1

E. Sereni, Da Marx a Lenin, cit., p. 49.

2

Ivi, p. 51.

3

Ivi, p. 53.

4

Ivi,

p. 54.

5

F. Engels, Recensione a Per la critica dell’economia politica, in K. Marx, Per la critica dell’economia politica, Roma,

Editori Riuniti, 1979, p. 208.

6 Ibidem.

Tommaso Redolfi Riva

luppo il disfacimento».1 Tra il metodo logico e il metodo storico non esiste, per Sereni, una alternativa schematica, esiste piuttosto una «preminenza» di un momento sull’altro. Sereni parla infatti di leggi «strutturali-genetiche» (momento logico) e leggi «genetico- strutturali» (momento storico) che vanno a comporre la nozione di formazione economi- co-sociale. Per sottolineare ancora il fatto che la nozione di formazione economico-sociale riman- da all’unità e alla totalità del processo storico, Sereni afferma che alle scienze sociali che studiano aspetti e livelli particolari sarà necessario un metodo logico o «strutturale-gene- tico», mentre quando si avrà a che fare con la «società nel suo complesso», quando ogget- to della analisi è la formazione economico-sociale, sarà necessaria la presenza congiunta del metodo «strutturale-genetico», che ci esibirà il momento economico, e del metodo sto- rico o «genetico-strutturale» che si impone per cogliere il momento più propriamente sto- rico delle formazioni stesse. Il risultato di questa composizione sarà quello di una «più astratta e sistematica generalità» per il primo e una «generalità empiricamente, storicamente più concreta» per il secondo. Sembra quindi che il concetto di formazione economico-sociale, che Sereni viene elaborando, sia costituito da una dimensione logico-sistematica, che può essere ricondotta al modo di produzione, e da una dimensione storica e genetica, che de- ve prendere in considerazione la genesi, il costituirsi, il processo di transizione, e le sfere sovrastrutturali. Il concetto di modo di produzione è quindi per Sereni un concetto più astratto che può essere studiato ed elaborato attraverso il modo logico; di esso si occupa la «scienza dell’economia», «una scienza cioè che studia un aspetto ed un livello particolare, seppur decisivo, della formazione economico-sociale borghese».2 Il concetto di formazio- ne economico-sociale è invece un concetto più concreto che al modo di produzione af- fianca l’analisi storico-concreta della genesi e della sfere sovrastrutturali, e che quindi al modo logico deve affiancare il modo storico, che, per Sereni, è il solo in grado di tenere conto di questi fenomeni più concreti. Sono quindi due gli elementi che distinguono la formazione economico-sociale dal mo- do di produzione: l’attenzione al momento sovrastrutturale e la centralità che assume il mo- mento genetico che caratterizza il processo di transizione. Approfondiamo adesso questi elementi peculiari della nozione di formazione economi- co-sociale elaborata da Sereni.

114

1 E. Sereni, Da Marx a Lenin, cit., p. 69. La recensione engelsiana a Per la critica dell’economia politica è il luogo

privilegiato nel quale vedere in atto l’opera di ‘storicizzazione’ che Engels stesso ha compiuto della dialettica marxiana. In opposizione a una tale interpretazione, del tutto condivisa da Sereni, verso la fine degli anni sessan- ta comincia a svilupparsi una lettura logicista dell’opera di Marx. Per il dibattito nella Germania Occidentale si vedano H. G. Backhaus, Dialektik der Wertform, Freiburg, Ça ira, 1997; H. Reichelt, Sulla struttura logica del concetto di capitale, Bari, De Donato, 1973. In Italia, attraverso un produttivo dialogo critico con Luis Althusser e la sua scuola, Luporini sviluppa, a partire dal 1966, una lettura incentrata sulla comprensione logico-sistematica della critica dell’economia politica. Cfr. C. Luporini, Realtà e storicità: economia e dialettica nel marxismo e Marx secondo Marx, in Dialettica e materialismo, cit. Per una specifica messa a tema della lettura engelsiana cfr. L. Calabi, In mar- gine al “problema della trasformazione”. Il metodo logico-storico in Smith e Marx, «Critica marxista», 4, 1972, pp. 109-179. Un importante contributo alla critica dell’approccio storicista, mutuato sulla interpretazione engelsiana del me- todo marxiano, proviene dal mondo anglosassone attraverso l’opera di Chris Arthur. Cfr. C. Arthur, Engels as Interpreter of Marx’s Economics, in Idem (ed.), Engels Today, Basingstoke, Macmillan, 1996; Idem, Against the Logi- cal-Historical Method: Dialectical Derivation versus Linear Logic, in F. Moseley, M. Campbell (eds.), New Investigations of Marx’s Method, Atlantic Highlands, Humanities Press, 1997; C. Arthur, Marx, Orthodoxy, Labour Value, «Beiträge zur Marx-Engels-Forschung», N. F., 1999, pp. 5-11; C. Arthur, Value Labour Negativity, «Capital & Class», 73, Spring 2001, pp. 15-40. 2 E. Sereni, Da Marx a Lenin, cit., p. 68.

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni

115

2. La formazione economico-sociale e il momento sovrastrutturale

Abbiamo visto che, mentre il modo di produzione, per Sereni, può essere studiato attraverso una modalità logica, sistematica, strutturale, la formazione economico-sociale, che al mo- mento per così dire economico, affianca il momento sovrastrutturale, sembra dover per for-

za di cose rimandare al modo storico della esposizione. Sembra che finché si ha a che fare

con quei rapporti che Lenin definisce reiterabili, quelli cioè che non «passano attraverso la coscienza» degli agenti, sia possibile la costruzione di un modello logico, mentre nel mo- mento in cui quei rapporti si riflettono nella coscienza degli individui attraverso le sovra- strutture politiche, giuridiche e ideologiche, sia necessario ricorrere al modo storico, al- l’esposizione più vicina alla ricchezza del momento empirico. Sebbene Sereni affermi che

Lenin, ed egli stesso, non escludono la possibilità della reiterabilità e quindi di una possibi-

le «previsione scientifica di rapporti non materiali»,1 non sembra che questa precisazione lo

conduca a prendere in considerazione la possibilità di una modellistica che si faccia carico

di questo momento non materiale; infatti, nell’analisi di Sereni sembra che il momento sto-

rico, nella costruzione di una formazione economico-sociale specifica, non sia altro che la constatazione empirica della corrispondenza del momento sovrastrutturale al modo di pro- duzione. Sereni esprime una esigenza fondamentale quando afferma la necessità di una no-

zione di formazione economico-sociale che sia in grado di affiancare a un’analisi struttura-

le una corrispondente analisi del momento sovrastrutturale. Tuttavia, nel momento in cui

rimanda al momento storico, attraverso il quale si acquisiscono i fenomeni sovrastruttura-

li, Sereni evita di mettere al centro della propria analisi la possibilità o meno di una costru-

zione modellistica, di una costruzione cioè che permetta di comprendere la modalità attra- verso la quale lo storico e il logico sono tra loro in rapporto. Sereni non sembra fornire una risposta all’altezza delle questioni che egli stesso ha posto. Rimane del tutto priva di analisi la questione di come il modello strutturale debba riferirsi allo ‘storico’, di come sia possibile un’indagine storica del momento sovrastrutturale che preceda una sviluppata e modellizzata teoria della ideologia, di come sia possibile ‘far sto- ria’ prima che sia concettualmente esposto l’oggetto, prima cioè che si siano concettual- mente determinati i principi di distinzione attraverso i quali, solo, è possibile una appren- sione non caotica della realtà.2

3. La formazione economico-sociale e il processo di transizione

Per comprendere appieno come Sereni concepisca la relazione tra la nozione di formazio- ne economico-sociale e il momento del suo costituirsi nel tempo è necessario concentrarsi

1 Ivi, p. 66, nota 74.

2 Possiamo affermare che all’interno della produzione teorica marxiana, una sistematica delle sfere sovra-

strutturali sia soltanto accennata e presupposta, quale canone del materialismo storico. Non è presente una com- pleta ed effettiva teoria dell’ideologia in una forma espositiva definitiva (Dastellungsweise). Possiamo trovare in tut- ta la produzione matura molti passi che indirizzano verso una tale teoria, ma sono soltanto accenni, appunto non sistematicamente svolti. Inoltre, le affermazioni contenute nella Prefazione del 1859 a Per la Critica dell’economia po- litica, croce e delizia di seguaci ed avversari dell’opera di Marx, una volta studiate al di là dei semplici slogan teo- rici, mostrano la loro natura metaforica, e quindi problematica in quanto – come afferma Simoni – «richiama[no] alla necessità della [loro] traduzione in termini di concetto; e soltanto la riuscita di tale traduzione giustificherà in ultima analisi il [loro] impiego» (N. Simoni, Tra Marx e Lenin, cit., p. 119, nota 43). Un serio tentativo di sviluppo di una teoria dell’ideologia lo si deve ai fondamentali lavori di Alessandro Mazzone, cfr. A. Mazzone, Il feticismo del capitale: una struttura storico-formale, in Problemi teorici del marxismo, Roma, Editori Riuniti, 1976; Idem, Questioni di teoria dell’ideologia, Messina, Editrice La Libra, 1981.

Tommaso Redolfi Riva

sulla critica che egli rivolge al saggio di Cesare Luporini Realtà e storicità: economia e dialetti- ca nel marxismo. Questo saggio rappresenta, nella biografia intellettuale di Luporini, il mo- mento in cui si concretizza in modo esplicito il passaggio dallo storicismo critico, che aveva caratterizzato il suo marxismo degli anni cinquanta e dei primi anni sessanta, a quel marxi- smo delle forme che egli viene elaborando in un dialogo produttivo con Althusser e la sua scuola. Luporini è inizialmente elogiato da Sereni in quanto «ha tra i primi proposto la ne- cessità di un modello teorico di formazione economico-sociale, ed ha recato un importan-

116

te contributo alla sua elaborazione».1 Sereni riconosce inoltre l’importanza di quella che per Luporini è la legge generale delle

formazioni economico-sociali, espressa da Marx nella Introduzione del 1857. Essa afferma che

in

tutte le forme di società esiste una produzione determinata che assegna rango e influen-

za

a tutte le altre, e Sereni stesso conclude che proprio per questo motivo il modello deve

per forza essere strutturale, un modello che comprenda tutte le categorie a partire da quel-

la che si dimostra dominante e capace di determinare tutte le altre. Il concetto di rendita

quindi non potrà, come Marx stesso esemplifica nella sua Introduzione del 1857, essere stu-

diato se non in relazione alla legge del valore e del plusvalore, e lo stesso concetto di lavo-

ro

non sarà compreso appieno se non si comprende la forma che esso assume in un modo

di

organizzazione della produzione sociale indirizzato alla produzione di plusvalore. Ciò

che invece Sereni rimprovera a Luporini è la disattenzione al momento genetico. Per Lu- porini l’indagine concreta, che è in grado di comprendere la categoria dominante e quindi

la caratterizzazione specifica della formazione economico-sociale, assumerà la formazione

sociale a un certo grado del suo costituirsi, quando essa avrà raggiunto la sua classicità, il momento nel quale essa mostrerà le specifiche relazioni strutturali e logiche che la caratte- rizzano quale sistema specifico della produzione e riproduzione dell’uomo nella natura. Questo significa, per Luporini, che ogni categoria del modello è sempre compresa nella fun- zione a essa assegnata dalla forma di produzione dominante. La teoria del capitale di Marx non prende in considerazione la merce come eccedenza, così come essa appare ai margini dei modi di produzione che precedono quello capitalistico, bensì come forma specifica che il prodotto assume nel modo di produzione capitalistico. Inoltre, ciò che permette la com- prensione e lo sviluppo della nozione di formazione economico-sociale è proprio quella op- posizione tra leggi generali della produzione, valide cioè per ogni epoca, e quelle leggi spe- ciali, che invece caratterizzano quella specifica forma. Per Luporini tale opposizione, che nell’esposizione della teoria del modo di produzione capitalistico Marx sostanzia nell’opposizione tra valore d’uso e valore nella merce, è ciò da cui è possibile far discendere tutto il sistema dell’economia borghese. È chiaro, come dirà nel saggio Marx secondo Marx rispondendo alle critiche di Sereni, che nella storia c’è tutto, ma questa affermazione non spiega niente e lascia l’analisi a un livello di genericità. Per Lu- porini esiste una storicità generica che sta a monte del modello, tuttavia una volta che il ma-

teriale è strutturato e, in seguito, concettualmente esposto, si ha a che fare con una storici-

tà specifica, una storicità che permette di individuare modalità specifiche di sviluppo,

tendenze, che senza il modello non si è in grado di concepire. Afferma infatti Luporini che

«il corso storico è senza dubbio empirico […], ma si produce sempre in determinate forme.

Ora, a prescindere dagli aspetti generali costanti di esse (quelli relativi al ‘modo di produ-

zione’ in generale, cioè al modo d’essere umano-sociale), tali forme in quanto via via speci- fiche di determinati modi di produzione non esistono asistematicamente, cioè come non

1 E. Sereni, Da Marx a Lenin, cit., p. 67.

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni 117

collegate fra loro, come semplicemente sorrette dall’empirico corso storico che le produce, quasi in una specie di rapsodia».1 La storia che si ha prima del modello è quindi una «rap- sodia», in cui il molteplice spazio-temporale è appreso al di fuori delle sue forme proprie, quelle che mostrano la propria funzione in un sistema strutturato, e che possono essere re- stituite soltanto attraverso una esposizione logica, cioè sistematica e strutturale. Il momen- to della genesi della formazione economico-sociale potrà essere concepito nella sua specifi- ca storicità, soltanto dopo che il modello si è costituito, la sua temporalità non sarà più esteriore al suo divenire, ma sarà la forma propria che il corso storico costituisce nel suo pro- cedere, nel suo progressivo divenire ciò che il modello ha concepito quale divenuto. I mo- menti della transizione e della genesi, che per Sereni sono determinanti per la nozione stes- sa di formazione economico-sociale, per Luporini possono essere concepiti soltanto quando il modello è già dato. Questa differenza di impostazione diviene chiara nel momento in cui Sereni afferma che «l’opposizione fra leggi generali e leggi speciali di ogni particolare for- mazione economico-sociale può invero essere spiegata, ma non può in alcun modo spiegare quel dinamismo che Luporini stesso riconosce come caratteristico per la concezione mar- xiana di formazione economico-sociale».2 Mentre per Luporini, è solo il modello – che si co- stituisce nel procedere della opposizione tra leggi generali e leggi speciali (nel procedere cioè della opposizione tra valore d’uso e valore dalla categoria iniziale dell’esposizione) – che può rendere atto della dinamicità della formazione economico-sociale, del suo mo- mento genetico di costituzione, per Sereni la dinamicità si dà ex ante il modello, ed è pro- prio essa che va a costituire l’opposizione tra leggi generali e leggi speciali della produzio- ne. Sereni sottolinea esplicitamente che «è necessario studiare, ed assumere in esso [modello teorico] non solo il ‘funzionamento’ o ‘l’esistenza’ della data formazione (che rappresenta- no qui il suo momento strutturale), bensì anche la sua ‘nascita sviluppo e morte’, ed il suo ‘trapasso da una forma all’altra’, cioè il suo momento genetico, storico, appunto».3 Mentre l’attenzione di Luporini è rivolta al costituirsi delle forme nel modello teorico e alla capaci- tà di esse di concepire il movimento storico specifico della data formazione economico-so- ciale, Sereni afferma che il momento strutturale deve per così dire essere subordinato a quel- lo genetico e compreso attraverso di esso. Nella critica a Luporini, Sereni mette a fuoco una esigenza fondamentale, quella di per- venire a una nozione di formazione economico-sociale che dia atto delle dinamiche con- crete della propria genesi, che sia in grado di mostrare il momento della transizione, e ri- spondere quindi alla esigenza espressa all’inizio del proprio articolo, quella di dare vita a una storiografia specificamente marxista che, oltre alla capacità di studiare determinati periodi storici «più indiscutibilmente compresi nell’ambito di una data formazione economico-so- ciale», sia in grado di confrontarsi con «le fasi di transizione, del passaggio da una formazione economico-sociale all’altra, delle grandi crisi rivoluzionarie che segnano tale passaggio».4

1

C. Luporini, Marx secondo Marx, in Idem, Dialettica e materialismo, cit., p. 226.

2

E. Sereni, Da Marx a Lenin, cit., p. 72.

3

Ivi, p. 74.

4

Ivi, p. 31. Sembra strano che Sereni, nel suo continuo richiamo alla concretezza, non rimandi mai a quei

passi marxiani della Introduzione del 1857 a Per la critica dell’economia politica in cui la nozione di concreto è spe- cificamente messa a tema. Il concreto al quale sembra rivolgersi Sereni, è quello che, in quanto privo di un mo- dello che gli dia ‘rango e influenza’ esibisce una rappresentazione caotica dell’insieme, e non quel concreto al quale si risale dopo aver compiuto quella fondamentale opera di astrazione, e che permette di giungere al con- creto quale «sintesi di molte determinazioni, quindi unità del molteplice. Per questo nel pensiero esso si pre- senta come processo di sintesi, come risultato e non come punto di partenza, sebbene esso sia il punto di par- tenza effettivo e perciò anche il punto di partenza dell’intuizione e della rappresentazione» (K. Marx, Lineamenti fondamentali della critica dell’economia politica, Firenze, La Nuova Italia, 1997, vol. 1, p. 27). Come afferma defini-

118

Ancora una volta ci preme sottolineare che, a questa esigenza fondamentale, non fa se- guito una esposizione chiara della modalità attraverso la quale tale esigenza debba essere

soddisfatta. Sereni rimanda semplicemente alla storia e alla necessità di tenere conto nel mo- dello di una componente genetica e di transizione, ma come questa componente si rapporti

al modello, è un elemento che sembra interessare Sereni soltanto marginalmente.

Perché all’esigenza di introdurre la componente storica non faccia seguito una riflessio- ne puntuale su come questa si rapporti al modello, sia per quanto riguarda l’elemento so- vrastrutturale, sia per ciò che concerne il momento della genesi, non può essere a nostro avviso ricondotto a un semplice problema di esegesi dei testi marxiani, ma deve invece es- sere spiegato attraverso l’analisi di come Sereni giunga al concetto di formazione economi- co-sociale, e quale funzione tale nozione svolga nella sua vicenda intellettuale.

Tommaso Redolfi Riva

4. La formazione economico sociale e la strategia rivoluzionaria

Nel 1966, nel ventennale della Repubblica, Sereni pubblica un saggio su «Critica marxista», dal titolo significativo di Analisi strutturale e metodologia storica. Il saggio inizia con la citazione di un passo da un intervento di Giorgio Amendola, nel quale si richiama a un giudizio storico e politico sul primo ventennio repubblicano. Sereni

mette fin dall’inizio in campo dei criteri metodologici intesi quali condizioni di possibilità

di un giudizio storico e politico. Se il criterio del processo rivoluzionario italiano, così co-

me era stato concepito fin dal vii Congresso dell’Internazionale Comunista (1935), è quel-

lo di una rivoluzione democratica e nello stesso tempo socialista, è necessario elaborare un

modello di interpretazione della realtà in atto che sia in grado di dar ragione della dinami-

ca del processo sociale italiano, onde comprendere lo stato di salute e la reale portata poli-

tica, nonché i risultati, di quella rivoluzione democratica e socialista. Perché sia possibile ri- spondere alla domanda di Amendola, perché cioè sia possibile dare un giudizio storico e

politico sul primo ventennio repubblicano, è necessario, per Sereni, rivolgerci alla catego- ria di formazione economico-sociale. Sereni comincia a caratterizzare la nozione di for- mazione economico-sociale attraverso la necessità di un approfondimento del momento strutturale, l’analisi del quale, solo, permette di comprendere la necessità di quei rapporti sovrastrutturali ad essa base corrispondenti. Tuttavia questa analisi strutturale non com- porta semplicemente «un determinato procedimento di astrazione scientifica» in grado di distinguere nella intricata rete dei fatti quelli essenziali, né soltanto l’integrazione di tale procedimento con l’analisi della opposizione tra leggi generali, appartenenti a ogni forma- zione economico-sociale, e leggi speciali, appartenenti solo alla formazione economico- sociale che si sta analizzando. A questo processo di astrazione deve, in ogni modo, essere affiancata una analisi genetica in grado di mostrare la formazione economico-sociale non soltanto nella sua classicità, nella sua maturità di sviluppo, ma anche in quel processo genetico attraverso il quale essa è così: «quel che ai fini della nostra ricerca […] ci importa- va particolarmente di sottolineare […] era proprio […] questo criterio della storicità del

tivamente Alfred Schmidt, «la genesi del modo di produzione capitalistico viene descritta da Marx solo nel fa- moso capitolo xxiv del Capitale (che va sotto il titolo di ‘accumulazione originaria’) come ‘processo storico di separazione del produttore dai mezzi di produzione’, che ‘da una parte trasforma in capitale i mezzi sociali di sussistenza e di produzione, dall’altra trasforma i produttori diretti in operai salariati’. Senza prima aver com- preso teoreticamente l’essenza del capitale, non sarebbe riuscito a Marx di sviluppare sul piano del contenuto i presupposti storici della sua nascita; egli non avrebbe neppure saputo dove e come essi fossero da cercare […]. Solo a partire dal sistema riccamente articolato diviene accessibile la storia che lo condiziona, non viceversa» (A. Schmidt, Storia e struttura. Problemi di una teoria marxista della storia, Bari, De Donato, 1972, pp. 48-49, 75).

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni 119

reale».1 Proprio soltanto questa attenzione allo sviluppo storico concreto della formazione economico-sociale, in questo caso della particolare formazione economico-sociale che ca-

ratterizza la situazione italiana, che per Sereni deve essere fatto risalire al processo di uni- ficazione nazionale, è in grado di fornirci uno strumento teorico capace di rendere conto della situazione italiana, della sua dinamica strutturale e dei suoi possibili sviluppi. Significativa appare poi una citazione da un articolo di Togliatti del 1928 in cui si afferma che «è impossibile fare della politica seria o anche semplicemente della ‘politica’ […] consi- derando solo i risultati finali, senza tener conto del corso degli avvenimenti e delle diverse fasi attraversate».2 Una certa interpretazione della nozione di formazione economico-so- ciale avanzata, come abbiamo visto, all’interno del marxismo italiano da Cesare Luporini, si mostrava agli occhi di Sereni incapace di comprendere la dinamica concreta di una realtà storica, quindi incapace di essere euristica nei confronti di una qualsiasi realtà sociale. Af- fermava infatti Sereni subito dopo che «non possiamo limitarci ad una analisi, per quanto attenta ed approfondita, della realtà italiana attuale; ma dobbiamo bensì, obbligatoriamen-

te, allargare la nostra indagine a certi momenti nodali ed a certe precedenti tappe della no-

stra storia contemporanea […] senza di che ci verrebbe a mancare, proprio, quella nozione del ‘corso degli avvenimenti e delle diverse fasi attraversate’, della quale giustamente To- gliatti ci parlava come di un presupposto necessario del ‘fare della politica seria’».3 A questo punto è necessario approfondire ulteriormente quel rimando a Togliatti e al- l’idea della necessità di considerare il momento genetico specifico di una realtà storica per

fondare una «politica seria». Sereni ci parla del vii Congresso dell’Internazionale Comuni- sta come momento in cui il pci «comincia ad assimilare creativamente la preziosa indica- zione di Lenin, relativa alla obbligatoria ricerca, in ogni determinata situazione, delle forme di avvicinamento al potere della classe operaia: cominciando così a svincolarsi dalle pastoie

di certi schemi, che avevano rischiato di ridurre ad un rigido modello meccanico la viva

esperienza e la decisiva lezione storica della Rivoluzione d’ottobre».4 Sereni si richiama alla analisi di Lenin della rivoluzione russa e alla critica compiuta dallo stesso ad ogni forma di

schematismo dottrinario. Questa critica può essere ricondotta ai fondamenti teorici espres- si da Lenin stesso negli anni novanta dell’Ottocento relativi alla nozione di formazione eco- nomico-sociale e alla necessità di elaborazione di una tale categoria onde sviluppare un pro- gramma politico conforme alla realtà storica. L’assimilazione della lezione leniniana è l’assimilazione della necessità di fondare il progetto rivoluzionario sulla dinamica storica concreta e non su di uno schema precostituito, e quindi prescrittivo, di azione. Tale lezione sembrava non recepita da certi settori del pci, che, anche in seguito al vii Congresso, rima- nevano, per Sereni, imbrigliati in una concezione istantanea del processo rivoluzionario

«che finiva col risultar puntualizzato (e con ciò stesso negato, in quanto processo) nell’‘ora

x’ dell’insurrezione o, comunque, della conquista del potere da parte della classe operaia».5

La caratterizzazione del processo rivoluzionario italiano, basata su di una analisi specifica della realtà storica italiana e della sua dinamica, fondata cioè sulla elaborazione di una for- mazione economico-sociale specifica, risulta agli occhi di Sereni ancora valida di contro a quelle forme di politica che sembrano voler rispettivamente isolare uno dei due aggettivi – democratico e socialista – caratterizzanti il processo rivoluzionario italiano. La categoria di formazione economico-sociale ha quindi una funzione duplice: è quella

che permette l’elaborazione di un giudizio storico e politico relativo alla situazione italiana

1 E. Sereni, Analisi strutturale e metodologia storica, «Critica marxista», 5-6, 1966, p. 17.

2

5 Ibidem.

Ibidem.

3

Ivi, p. 18.

4

Ivi, p. 4.

120

e alla sua progressività nella direzione della rivoluzione democratica e socialista, e nello stes-

so tempo è quella nozione, costituita attraverso l’assimilazione della lezione leniniana, che

ha permesso l’elaborazione di quella specifica via italiana al socialismo. È categoria, quella

Tommaso Redolfi Riva

di formazione economico-sociale, con una duplice capacità euristica: rivolta indietro, onde

sviluppare un giudizio politico sul processo storico italiano; rivolta in avanti, onde deter-

minare teoricamente un processo politico da calare in una situazione concreta.

5. La nozione di formazione economico-sociale e la sua funzione storiografica

L’attenzione di Sereni nei confronti di questa categoria risale senz’altro agli anni trenta, anni nei quali vengono redatti i saggi che nel 1947 l’editore Einaudi pubblica con il titolo Il capi- talismo nelle campagne (1860-1900). L’importanza dello studio delle campagne italiane e dei loro problemi economico-sociali ha, per Sereni, una centralità che non è riconducibile agli anni di cui il volume tratta, bensì ha una sua portata fondamentale anche rispetto agli anni successivi, quelli dell’emigrazione di massa del primo Novecento, della Prima Guerra Mondiale e del fascismo, della Liberazione e della restaurazione capitalistica del secondo dopoguerra, fino al miracolo economico e all’Italia degli anni sessanta. I problemi delle con- dizioni economiche e sociali delle campagne italiane nel quarantennio postunitario conti- nuano, per Sereni, a essere determinanti per gli sviluppi successivi dell’economia italiana.

In questo modo tali questioni dimostrano la loro centralità e la necessità di essere assunte

quali oggetti di ricerca storiografica in modo da far luce sul nostro presente nell’ottica di una azione politica consapevole. È ancora il criterio togliattiano della necessità di cono- scenza e di analisi del processo di genesi per la costruzione di una «politica seria». Nella pre- fazione alla ristampa del volume nel 1968, citando la famosa affermazione di Gramsci se-

condo la quale «il processo di sviluppo storico è una unità nel tempo, per cui il presente contiene tutto il passato, e del passato si realizza nel presente ciò che è ‘essenziale’»,1 Sere-

ni mette in chiaro la centralità dei fenomeni economico-sociali che hanno caratterizzato il

quarantennio postunitario, e di essi fa risaltare il carattere di precedente sostanziale, attra- verso l’analisi del quale è possibile la comprensione della società italiana contemporanea. Questa riflessione tematica è affiancata da una attenzione metodologica molto forte e da un continuo rimando alla tradizione teorica del marxismo. L’analisi dei fenomeni agrari, nella loro componente economica e sociale, risulta essere la «struttura», intesa da Sereni

quale «passato reale»; egli riconosce la novità del proprio studio in quella che definisce «ana- lisi di tipo strutturale». C’è da parte di Sereni la consapevolezza della originalità della pro- pria metodologia storica rispetto alla storiografia che cercherà di far luce sugli stessi temi negli anni successivi alla pubblicazione del Capitalismo nelle campagne. Sereni è attento nel distinguere la propria metodologia di indagine da quella di altri storici, dei quali riconosce

i contributi allo sviluppo del problema, ma dei quali non condivide affatto la metodologia.

Essi hanno la tendenza «a riferire sistematicamente ogni dato processo o evento storico (e

le strutture stesse di una determinata età) a null’altro che ad altri processi, ad altri eventi»,2

a differenza del proprio modo di procedere, che è fondato su di una analisi strutturale ca-

pace di gettare luce sui fenomeni e di comprenderli all’interno di rapporti necessari. Pro-

prio la mancanza di una analisi strutturale e la negazione della nozione stessa di formazio-

ne economico-sociale, portano lo storico ad avere un rapporto supino con il fatto, lo portano

1 E. Sereni, Il capitalismo nelle campagne (1860-1900), Torino, Einaudi, 1968, p. xxiv.

2

Ivi, p. xix.

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni 121

all’idolatria del fatto storico e quindi a concepire il processo storico nell’ottica di un «mec- canico fatalismo». È invece nel rapporto che si determina tra struttura e processo storico che

«l’analisi strutturale dello storiografo individua quella unità dialettica di necessità e libertà, che nella storia si dispiega come rigorosa validità di leggi obbiettive e, nello stesso tempo, come inesauribile produttività della volontà e dell’attività soggettiva».1 Proprio la mancan- za della struttura, e la negazione quindi della nozione di formazione economico-sociale, conduce alla negazione di ogni legge storica e quindi alla riduzione del processo storico a semplice successione casuale. La mancanza di comprensione delle leggi e dei rapporti ne- cessari che costituiscono la formazione economico-sociale porta lo storico a considerare la catena degli eventi in termini di necessità: proprio perché si è incapaci di dare ragione del processo storico – se non attraverso un continuo regresso nel tempo – e quindi delle ragio-

ni del divenire, si è impossibilitati a concepire e a porre la possibilità di una reale alternativa

alla catena degli eventi, e quindi incapaci di pensare il dispiegarsi della storia in quella unità

di libertà e di necessità a cui Sereni più volte si richiama.

L’analisi strutturale e la più ricca nozione di formazione economico-sociale divengono quindi per Sereni i fondamenti metodologici che costituiscono il suo procedere nella ricer-

ca storiografica. Ci interessa, comunque, approfondire ulteriormente la relazione tra l’oggetto storico che caratterizza i saggi contenuti nel libro del 1947, e la categoria di formazione economico-so- ciale che egli viene elaborando. Gli anni che sono oggetto della riflessione storiografica di Sereni, sono caratterizzati da quella che è stata definita da Gramsci una «rivoluzione agraria mancata». Sebbene questa definizione non convinca pienamente Sereni, che invece afferma l’esistenza di un lungo e durevole processo rivoluzionario, che impegnò grandi masse contadine, ma che fu con- dannato alla disfatta in quanto sottoposto alla direzione di forze politiche regressive, il qua- rantennio post-unitario si dimostra segnato dal passaggio «da una determinata formazione economico-sociale, quella feudale, ad un’altra e diversa formazione economico-sociale, quella capitalistica».2 Attraverso la nozione di formazione economico-sociale, per Sereni, lo storico è in grado di individuare questo processo, e di caratterizzarlo sia da un punto di vi- sta strutturale, relativo al cambiamento della organizzazione sociale della produzione, sia da un punto di vista sovrastrutturale, cioè riguardante l’organizzazione politica e l’auto- rappresentazione, da parte degli agenti, del processo storico stesso (ideologia). Ciò che caratterizza la nozione di formazione economico-sociale è sia la capacità di re- stituire la ricchezza del processo storico nei suoi momenti strutturali e sovrastrutturali (nonché nelle loro mutue relazioni), sia quella di mostrare la genesi e il costituirsi di una for- ma diversa (progressiva) della organizzazione sociale della produzione. Afferma infatti, con chiarezza, Sereni che «se, nell’ambito di una data formazione economico-sociale, il processo storico ci appare condizionato, in primo luogo, dalla struttura di tale formazione, e cioè da un sistema di rapporti necessari sostanzialmente sincronici; ogni processo di passaggio da una formazione economico-sociale ad un’altra, ogni processo genetico di una nuova strut- tura ci si presenta, esso stesso, come un processo strutturato».3 Quindi la nozione di formazione economico-sociale è in grado di individuare nello stesso tempo sia il carattere sincronico relativo al funzionamento, sia quello per così dire diacronico relativo al costituirsi,

al passaggio, alla transizione. E allora diviene chiaro l’intimo rapporto che si costituisce tra

tale nozione e l’oggetto storico sul quale l’attenzione di Sereni si sofferma: la nozione di

1

Ivi, p. xx.

2 Ivi, p. xxiii.

3 Ibidem.

122

formazione economico-sociale, nella quale sono intimamente legati il momento sincroni-

co e quello diacronico, permette, attraverso il riferimento alla struttura, di comprendere i processi non rimandando all’infinito la regressione storica; il momento diacronico permet-

te di concepire la ricchezza storica del divenire specifico della struttura economica e delle

sfere politiche, giuridiche ed ideologiche, così da avere di fronte in tutta la sua ricchezza il

processo, e da esso, poter avviare una riflessione politico-strategica adeguata. Entrambi i momenti sono fondamentali alla comprensione del processo storico. Senza il momento sincronico non si è in grado di concepire il passaggio da una forma all’altra del-

l’organizzazione sociale: il passaggio presuppone un cambiamento qualitativo che necessa- riamente deve essere concettualizzato, altrimenti si rimane invischiati in quella regressione quantitativa indifferenziata che Sereni critica a una certa storiografia priva di struttura. Sen-

za il momento diacronico non si ha storiografia, si ha soltanto un modello di interpretazio-

ne ma non si è in grado di applicarlo ad alcun contenuto storico concreto. Per Sereni solo il ricorso alla nozione di formazione economico-sociale permette di con- cepire, in rapporto alla questione agraria del nostro Risorgimento «la realtà di quella alter-

nativa, la possibilità di una scelta storica diversa, per le classi dirigenti», di spiegare «perché quella pur reale alternativa storica, di una rivoluzione agraria che confluisse nel grande mo- to storico della rivoluzione democratico-borghese e nazionale in Italia, non si sia poi tra- dotta in effettualità storica».1 La nozione di formazione economico-sociale permette a Sere-

ni di pensare il passato e le sue alternative possibili, di concepire il presente non in modo

fatalistico, di sganciarsi cioè da «quell’orientamento idealistico, e più propriamente crocia- no, che induce a concepire la storia (ed in particolare, già in Croce, la storia del nostro Ri- sorgimento) come giustificazione dell’evento storico: che, in quanto evento effettuale, e per- tanto necessario, viene anche presentato come il migliore tra gli eventi di un processo storico che è, esso stesso, il migliore possibile».2

Tommaso Redolfi Riva

6. Conclusioni

A questo punto ci pare possibile rispondere alla domanda che ci siamo posti prima, e la ri-

sposta al perché l’attenzione di Sereni non sia volta alle modalità attraverso le quali sono modellisticamente concettuabili il momento genetico e quello sovrastrutturale deve essere ricondotta proprio alla prospettiva dalla quale Sereni guarda al marxismo. Per Sereni il marxismo è in prima battuta una prospettiva politica, attraverso la quale è

possibile concepire il processo rivoluzionario. Tale prospettiva politica è però caratterizzata

in modo deciso da quello storicismo marxista che si sviluppa in Italia attraverso l’azione po-

litica e teorica di Togliatti. Lo storicismo marxista nasce parallelamente alle esigenze politi- che del ‘partito nuovo’, a quella necessità che Togliatti impone fin dalla svolta di Salerno nel- l’orizzonte di una via italiana al socialismo, una via che in modo progressivo permetta un accesso al socialismo che passi attraverso le istituzioni democratiche e non imponga alla di- namica storica un arresto repentino per mezzo di una azione rivoluzionaria. Le ragioni per cui Togliatti sceglie tra il 1943 e 1944 di impostare una tale politica non sono oggetto di que- sto intervento. Qui a noi preme esplicitare le istanze teoriche che sottendono al progetto po- litico togliattiano. Il lato teorico dello storicismo insiste sulla concretezza storica, sulla spe- cificità delle fasi di transizione, sulla negazione di ogni forma di schematismo dottrinario nella interpretazione del processo storico, sulla necessità di far valere le istanze concrete ri- spetto a quelle astratte e rispetto a qualsiasi modello interpretativo. Si pensi a come Togliat-

1

Ivi, p. xxiv.

2 Ivi, p. xxvi.

La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni 123

ti, nel Memoriale di Yalta, tratta la questione cinese, accusando di astrattismo le iniziative po- litiche cinesi e richiamando alla concretezza storica, nella quale soltanto si danno gli stru- menti che permettono la costruzione di una prospettiva politica. È quel marxismo, quello di matrice storicista, che fa della coppia concretezza/gradualità, la chiave per la comprensione del processo storico e quindi per l’impostazione del proprio progetto rivoluzionario. Badaloni – in una prima e molto importante autoriflessione del marxismo italiano – af- ferma che nel pensiero di Togliatti è presente «una venatura di empirismo».1 Il marxista li- vornese restituisce una immagine di Togliatti quale teorico di un marxismo gradualistico, che si oppone decisamente a quelle posizioni teorico-politiche che fanno «irrompere nel con- creto una dimensione generale ed astratta di esso e che è relativamente indifferente alle con- seguenze che si scatenano entro il contesto stesso», e che predilige una metodologia politi- ca che, «partendo dal concreto, tende ad indirizzarlo secondo una linea più generale, ma mantenendo una estrema attenzione alle reazioni che si scatenano nel concreto stesso».2 L’empirismo togliattiano, che Badaloni mette in risalto, è, in termini teorici, nient’altro che la necessità di contestualizzare storicamente e geograficamente il processo rivoluzionario.3 Tale progetto teorico si era espresso politicamente nella famosa ‘via italiana al socialismo’, a sua volta declinata, nel secondo dopoguerra italiano, nello scioglimento della ‘contraddizio- ne oggettiva’ vista agire nell’ineguaglianza dello sviluppo economico tra nord e sud del Paese. Una tale concezione della contraddizione era «interamente ricalcat[a] sul carattere ineguale e anarchico dello sviluppo capitalistico, esaustivamente definito dall’impossibilità del capita- lismo di estinguere le arretratezze e di estendere uniformemente lo sviluppo».4 È chiaro che se la portata della ‘contraddizione oggettiva’ risiedeva nel disarmonico sviluppo del capitali- smo italiano, la strategia politica non doveva guardare al versante degli obiettivi avanzati, concepiti dalla sistematica del Capitale, bensì a quelli che Franco Cassano definisce i «margi- ni» del modello, laddove il modo di produzione non aveva raggiunto ancora la propria classi- cità, dove cioè la realtà storica sembrava mostrare un’eccedenza specifica rispetto alla astrat- ta generalità del modello. Ciò che lo storicismo togliattiano, e il marxismo che ad esso si richiama, sembra lasciare da parte «è la ricostruzione di come la contraddizione tra sviluppo delle forze produttive e i rapporti di produzione agisca anche all’interno del modello, di co- me cioè essa operi anche ai livelli alti dello sviluppo e non esclusivamente ai suoi margini».5 L’orizzonte nel quale si inserisce il marxismo di Sereni è proprio questo. In questa ottica deve essere intesa la sua polemica con Luporini e il suo rifiuto delle indicazioni teoriche di Al- thusser. L’interesse di Sereni è rivolto, in prima battuta, alla storiografia, che alla modellisti- ca e alla struttura deve per forza richiamarsi, come Sereni esplicitamente afferma di contro allo storicismo invertebrato dell’idealismo italiano, ma che dalla struttura deve poi, per così dire, separarsi per poter esplicitare sia la componente genetica che quella sovrastrutturale del- la teoria. È quindi evidente che Sereni rimandi alla categoria di formazione economico-so- ciale, categoria che, rispetto a quella di modo di produzione, rimane più indeterminata negli

1 N. Badaloni, Il marxismo italiano degli anni sessanta, Roma, Editori Riuniti, 1971, p. 15.

2 Ivi, pp. 15-16.

3 Come afferma lucidamente Paolo Spriano «Il suo [di Togliatti] rapporto con la ‘dottrina’ non è superficiale.

Tutta la sua formazione culturale lo ha condotto a uno storicismo che si traduce in una discussione sulla validità dei ‘principi’ messi alla prova dei fatti. Certo è presente in Togliatti una polemica – del resto tipicamente marxista – contro lo storicismo idealistico, contro una concezione dello storicismo che lo appiattisca a giustificazionismo storico. Ma il procedimento abituale che egli impiega, a volte più felicemente a volte meno, è quello, appunto, del- la continua commisurazione di fatti e idee attraverso la verifica storica» (P. Spriano, Marxismo e storicismo in To-

gliatti, in Storia del marxismo, vol. 3, Il marxismo nell’età della Terza Internazionale, Torino, Einaudi, 1981, pp. 784-785.

4 F. Cassano, Marxismo e filosofia in Italia 1958-1971, Bari, De Donato, 1973, p. 16.

5

Ivi, p. 16.

Tommaso Redolfi Riva

scritti di Marx, ma che nello stesso tempo permette l’accesso a una ricchezza storica molto più ampia. La categoria di modo di produzione appare a Sereni eccessivamente statica, trop- po astratta, incapace quindi di cogliere quegli aspetti concreti, dalla analisi dai quali doveva emergere la specifica prospettiva politica italiana. La categoria di formazione economico- sociale invece, con il suo richiamo alla fase della transizione e la sua attenzione al momento sovrastrutturale, risulta perfettamente adeguata in vista di una storiografia rivolta alla speci- ficità concreta della genesi del capitalismo italiano, e alla conseguente messa a tema di un pro- getto politico che si articoli proprio su quella concretezza storica specifica. Inoltre, anche il fatto che Sereni non sviluppi quella sua attenzione alle componenti storiche e sovrastrutturali in indicazioni metodologiche volte alla sistematizzazione di tali componenti all’interno del sistema concettuale marxiano, non è assolutamente un caso. Ancora una volta, il suo interesse storiografico e politico, nei confronti del marxismo, gli fa apparire più che sufficiente il richiamo alla storia e agli aspetti più concreti, prescindendo dal modo in cui tali aspetti debbano essere inseriti all’interno del modello. L’importanza della riflessione di Sereni intorno alla nozione di formazione economico- sociale deve essere quindi guardata non da un punto di vista eminentemente teorico, volto alla costruzione di una teoria della formazione economico-sociale, bensì in una prospettiva in cui le componenti politica e storiografica sono intimamente connesse, in cui l’analisi del- le sfere sovrastrutturali e l’attenzione ai processi di genesi e di transizione sono concepiti nell’orizzonte di una azione politica storicamente e geograficamente situata e che abbiamo visto coincidere con quella elaborata dallo storicismo marxista italiano.

124

Sommario

Al centro di questo saggio è la nozione di formazione economico-sociale, così come è concepita nel- la elaborazione teorica di Emilio Sereni. Viene qui analizzato il saggio del 1970, nel quale si rinvengo- no i contorni che definiscono la categoria e la sua distinzione da quella di modo di produzione. Ci si sofferma inoltre sulla concettualizzazione del momento sovrastrutturale e di quello genetico e sulla polemica con il marxismo delle forme di Luporini. In seguito si cerca di comprendere la funzione che la nozione di formazione economico-sociale svolge nell’opera politica e storiografica di Sereni. Infi- ne si mostra come la nozione di formazione economico-sociale, così come è stata elaborata da Sere- ni, possa essere ricondotta nell’alveo del progetto teorico-politico dello storicismo marxista italiano.

Parole chiave: storicismo marxista; marxismo italiano; formazione economico-sociale.

THE NOTION OF ECONOMIC FORMATION OF SOCIETY IN EMILIO SERENI’S MARXISM

Abstract

The article focuses on the notion of economic formation of society, as it has been conceived in Emilio Sereni’s Marxism. We analyse Sereni’s essay written in 1970, in which we discern the outlines of its definition and its distinction from the category of mode of production. We linger over the conceptu- alization of superstructural and genetic moment and over the controversy with Luporini’s Marxism of the forms. Then we try to understand the function that the notion of economic formation of so- ciety plays in Sereni’s historiographic and political work. Finally, we show how the notion of eco- nomic formation of society, as it has been developed by Sereni, can be brought back to the theoretic and political project of the Italian Marxist historicism.

Keywords: Marxist historicism; Italian Marxism; economic formation of society.

jel Classification: B24

Fabrizio Serra editore ®

*

Abbonamento annuo (2009)

Italia: Euro 125,00 (privati) · Euro 425,00 (enti, con edizione Online). Abroad: Euro 265,00 (Individuals) · Euro 495,00 (Institutions, with Online Edition) I pagamenti possono essere effettuati tramite versamento sul c.c.p. n. 17154550 o tramite carta di credito (American Express, Eurocard, Mastercard, Visa).

Per gli abbonamenti rivolgersi direttamente a Fabrizio Serra editore ® Casella postale n. 1, Succursale n. 8, i 56123 Pisa. Tel.: +39 050 542332 · Fax: +39 050 574888 E-mail: fse @ libraweb.net · www.libraweb.net

Uffici di Pisa: Via Santa Bibbiana 28 · i 56127 Pisa E-mail: fse @ libraweb.net

Uffici di Roma: Via Carlo Emanuele I 48 · i 00185 Roma E-mail: fse.roma @ libraweb.net

*

Direttore responsabile: Lucia Corsi

Autorizzazione del Tribunale di Pisa: n. 11 del 2/5/1994

*

Proprietà riservata · All rights reserved Fabrizio Serra editore ® , Pisa · Roma © Copyright 2009

Stampato in Italia · Printed in Italy

issn 1122-8784 issn elettronico 1724-0581

SOMMARIO

saggi

Terenzio Cozzi, Economia politica: stato attuale e prospettive Daniele Corrado, Stefano Solari, Economic justice in social Catholicism: the diffi- cult application of natural law Fabio Lando, Tra statistica e geografia nell’Italia dell’Ottocento Mario Pomini, Equilibrio dinamico ed aspettative in Giulio La Volpe

11

25

47

73

emilio sereni tra marxismo ed economia agraria

Francesco Musotti, Emilio Sereni: il marxismo storicista nella scuola italiana di eco- nomia agraria Tommaso Redolfi Riva, La nozione di formazione economico-sociale nel marxismo di Emilio Sereni Gaetano Martino, Le dimensioni istituzionali nella trasformazione dell’agricoltura nello schema analitico di Emilio Sereni Fabrizio Pompei, Impresa coltivatrice e poteri monopolistici: categorie chiave del pen- siero economico-agrario di Emilio Sereni

95

111

125

139

manuali di scienze economiche nell età liberale:

un simposio sui risultati di una ricerca

Marco Bianchini, Economia incorporata ed economia autoregolata: i manuali di eco- nomia nell’Italia liberale (1840-1922) Italo Magnani, Insegnamento vs didattica Piero Barucci, Francesco Ferrara e la «Biblioteca dell’economista»

recensioni

Pier Francesco Asso, Sebastiano Nerozzi, Storia dell’abi . L’Associazione Ban- caria Italiana, 1944-1972 (Pasquale Cuomo) Piero Graglia, Altiero Spinelli (Fabio Masini) Karl Marx, Il Capitale. Libro primo, a cura di Roberto Fineschi, in Karl Marx, Friedrich Engels, Opere (Giorgio Gattei) Giorgio Monestarolo, Negozianti e imprenditori nel Piemonte d’antico Regime. La cultura economica di Ignazio Donaudi delle Mallere (1744-1795) (Marcella Spadoni) Nerio Naldi, Piero Sraffa. Sraffa visto da Nerio Naldi (David Loschiavo) Alberto Quadrio Curzio, Economisti ed economia. Per un’Italia europea: paradig- mi tra il xviii e il xx secolo (Pier Luigi Porta)

Libri ricevuti

Gli autori di questo numero

161

175

183

199

200

202

207

209

214

217

219