Sei sulla pagina 1di 86

Dal Risorgimento alla Resistenza

Claudio Pavone

I QUADERNI

I LIBRI DE LO STRANIERO

Dal Risorgimento alla Resistenza


Claudio Pavone

Il presente testo interamente tratto da Le idee della Resistenza. Antifascisti e fascisti di fronte alla tradizione del Risorgimento da Passato e Presente, n. 7, gennaio-febbraio 1959, pp.850-918. Sucessivamente pubblicato in Alle origini della Repubblica. Scritti su fascismo, antifascismo e continuit dello Stato, Bollati Boringhieri, 1995, pp. 3-69. 1995 Bollati Boringhieri Editore 2010 Edizioni dellAsino Copia gratuita. Isbn 978-88-6357-057-1 Distribuzione PDE spa Progetto grafico Orecchio Acerbo Hanno collaborato: Bianca Dematteis, Marco De Vidi, Goffredo Fofi, Giulio Marcon, Francesca Nicora, Fausta Orecchio, Nicola Villa. Le Edizioni dellAsino sono un progetto frutto della collaborazione tra Lunaria e Lo Straniero con la partnership di Redattore Sociale www.gliasini.it

Nota introduttiva

A 150 anni dallUnit, lItalia un paese pieno di contraddizioni politiche e territoriali, dove il messaggio dei padri fondatori discusso e spesso aspramente respinto. In questo saggio, uno dei nostri maggiori storici analizza i modi in cui le forze politiche e intellettuali hanno letto la storia del Risorgimento e hanno cercato di appropriarsene, o alcuni, pochi, di metterla in discussione. C stato un Risorgimento dei fascisti e uno degli antifascisti, e tra questi uno dei comunisti e uno dei giellini (quelli di Giustizia e Libert e pi tardi del Partito dAzione), e c stato finanche un Risorgimento dei cattolici. E c stata una Resistenza che del Risorgimento in vario modo ha voluto considerarsi lerede, secondo posizioni spesso tra loro divergenti, quali pi opportunistiche, quali pi critiche. Le diverse (e diversamente appassionate) interpretazioni lasceranno il posto, scriveva lautore nel lontano 1959, a indifferenza o a ostilit, a un Risorgimento sempre pi lontano come mito capace di suscitare passioni politiche di vasta risonanza. E questo ci sembra esatto, nonostante si assista oggi non tanto a tentativi di appropriarsi di quella storia quanto di metterla in discussione, anche radicalmente.

1. Il Secondo Risorgimento

Lespressione Secondo Risorgimento per indicare la Resistenza divenuta largamente corrente nei discorsi, negli scritti, nelle testate di riviste e giornali usciti dopo il 1945. Tuttavia, quando si abbandonano i discorsi celebrativi e di prima approssimazione, quelle due parole appaiono avvolte in un alone di incertezza, e nascono dubbi suscitati innanzi tutto dai troppo diversi punti di vista da cui si pongono coloro che a esse fanno ricorso. Andiamo infatti dal neogaribaldinismo dei comunisti e dalle esplicite dichiarazioni neorisorgimentali di Parri1, alla rivista Risorgimento, periodico della Resistenza diretta dal pi noto capo di formazioni autonome, Mauri (Enrico Martini) e al titolo di Secondo Risorgimento dato al volume governativo di celebrazione del decimo anniversario del 25 aprile2; dalla esortazione di Pieri, in un convegno della Associazione per la difesa della scuola nazionale, a parlare nelle scuole della Resistenza ricollegandola al Risorgimento3, alla circolare con cui il ministro della Pubblica istruzione, Martino, non certo perch sensibile allappello di quella provenienza, presentava nel 1954 la Resistenza come ritorno al Risorgimento. La Storia della Resistenza italiana di Roberto Battaglia
Vedi, ad esempio, due sue brevi note in Il Movimento di liberazione in Italia: una introduttiva a Documenti relativi allattivit politica e militare del rappresentante del Partito dAzione nei suoi rapporti con gli alleati (n. 27, novembre 1953, p. 3), laltra commemorativa di U. Ceva (nn. 38-39, settembre-novembre 1955, pp. 90 sg.). 2 Il Secondo Risorgimento, scritti di A. Garosci, L. Salvatorelli, C. Primieri, R. Cadorna, M. Bendiscioli, C. Mortati, P. Gentile, M. Ferrara e F. Montanari, Nel decennale della resistenza e del ritorno alla democrazia 1945-1955, Roma 1955. Il Secondo Risorgimento dItalia, del resto, anche il titolo di una miscellanea di eclettica ispirazione, pubblicata a Roma nel 1955, e contenente scritti di F. Antonicelli, R. Cadorna, F. Parri, M. Socrate e molti altri di varia tendenza. 3 P. Pieri, La tradizione del Risorgimento e linsegnamento della storia, in Scuola democratica, VI, 1952, nn. 3-4.
1

piena di richiami risorgimentali; e perfino in qualche scritto di anarchici si possono trovare accenni al nuovo Risorgimento4. Da parte di uomini politici come di storici sono stati avanzati, in verit, molti dubbi sulla correttezza di quella espressione. A uno studio critico della questione invitava Antonicelli in un saggio che voleva essere di ampia impostazione problematica5; molto polemico e molto diffidente si mostrava Garosci nella sua comunicazione al primo convegno di studi di storia della Resistenza6; disposto a riconoscere che un certo parallelismo con il Risorgimento possa affermarsi anche in sede storiografica Valiani7, bench in seguito tornato con maggiori perplessit sullargomento.8 Un augurio a che qualcuno si decidesse a fare la storia della espressione era formulato qualche anno fa da Mario Delle Piane, che contestava laffermazione fatta, sia pure dubitativamente, da Gaston Manacorda di essere stati primi i comunisti a valersene.9 E, nel terzo convegno di studi sulla Resistenza tenutosi a Firenze nel marzo 1958, Bianca Ceva consigliava cautela nellavvicinamento fra Risorgimento e Resistenza.10 Anche da parte comunista non sono mancati recenti richiami a maggior scrupolo nelluso del paragone che sembra sminuire la novit, dal punto di vista dei rapporti di classe, della Resistenza rispetto al Risorgimento.11 E una voce di tuttaltra provenienza, quella di Aldo Capitini, ha sentito il

La guerre continue, in Quelque part en Suisse, febbraio 1941, p. 10, che si augura un nuovo, pi radicale Risorgimento. Cfr. anche Pendant le carnage, ivi, novembre 1941, p. 11. 5 F. Antonicelli, Il movimento di liberazione nella storia dItalia, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 21, novembre 1952, pp. 13 sgg. 6 A. Garosci, Appunti sui criteri generali per una storia della Resistenza, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 22, gennaio 1953, pp. 42-47. 7 L. Valiani, Il problema politico della nazione italiana, in AA.VV., Dieci anni dopo (19451955), Bari 1955, p. 38. 8 Recensione a Il Secondo Risorgimento cit., in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 42, maggio 1956, p. 48. 9 M. Delle Plane, Lauro De Bosis e respressione Secondo Risorgimento (Per la storia di una locuzione , in Il Ponte, XI, 1955, pp. 1952-54. Cfr. G. Manacorda, Dieci anni dopo o del modo di scrivere la storia recente, in Societ, XI, 1955, p. 555. 10 B. Ceva, LIstituto Nazionale e il suo terzo Convegno storico, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 50, gennaio-marzo 1958, p. 10. 11 Cos L. Longo alla Casa della cultura di Milano il 19 giugno 1954 (Il Movimento di liberazione in Italia, n. 31, luglio 1954, pp. 45-47); cos P. Secchia, il 23 luglio dello stesso anno, alla Fondazione Gramsci di Roma (Problemi e storia della Resistenza, testo ciclostilato a cura della Fondazione, pp. 33-36).

bisogno di ricordare che il Risorgimento, anche corretto dalle forzature convenzionali, non nella misura della Opposizione antifascista.12 Vi stato anche qualche tentativo di affrontare in modo diretto ed esplicito il problema, e ne sono scaturiti saggi di disuguale valore, ai quali non mancheremo in seguito di riferirci, man mano che se ne presenter loccasione.13 Quello che ci preme dire subito che crediamo sia da resistere alla tentazione di comporre scolastici elenchi di analogie e di differenze, che si ridurrebbero poi allovvia constatazione che lOttocento non il Novecento, che Garibaldi, Mazzini e Cavour non sono Longo, Parri e Croce, come Mussolini non il re Bomba; oppure sfocerebbero nella disputa accademica sulla continuit e la novit o la rottura nella storia. Pensiamo sia pi proficuo sforzarsi di ricostruire la storia di quellespressione, vedere come sia nata, chi, in quale senso e in quali momenti labbia usata, fino a che punto essa abbia costituito un ideale operante: servirsene, cio, per cercare di cogliere, sia pure in modo necessariamente frammentario, la posizione in cui le varie correnti antifasciste, e i fascisti stessi, vollero collocarsi di fronte alla storia dellItalia moderna. Alcuni dei temi pi vivi del Risorgimento, del postrisorgimento e della Resistenza potranno cos, rapidamente e di scorcio, essere tirati in campo, anche perch, se la tradizione, o meglio le tradizioni, del Risorgimento hanno influito sulle ideologie non solo della Resistenza post 1943 ma di tutto lantifascismo, la Resistenza ha poi a sua volta reagito su quelle tradizioni, rinnovando la tematica sul Risorgimento e sui suoi rapporti con lItalia doggi.

Risposta a una inchiesta su La Resistenza nella scuola, promossa da La Riforma della Scuola, IV, aprile 1958, n. 4. 13 M. Bendiscioli, Esiste un Secondo Risorgimento?, in Humanitas, IV, 1949, pp. 16269; T. Tessari, Rapporti tra alcuni aspetti della Resistenzae alcuni aspetti del Risorgimento, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 11, marzo 1951, pp. 8-27; E. Passerin DEntreves, Risorgimento e Resistenza, in Civitas, n.s., VI, aprile 1955, n. 4, pp. 8591;V. E. Giuntella Mito e realt del Risorgimento nei lager tedeschi, Roma 1956. Vedi anche L. Bulferetti, La Resistenza nei Musei del Risorgimento, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 22, gennaio 1953, pp. 22-26, e Risorgimento e Resistenza (Gli Artom), ivi, nn. 34-35, 1955, pp. 44-55.

12

2. Risorgimento e fascismo

Per gli italiani, latteggiamento da assumere nei riguardi del Risorgimento implica ancora, e forse continuer a implicare per parecchio tempo, una scelta inequivocabile che precede ogni valutazione storiografica. Queste parole di Leone Ginzburg14 possono considerarsi il sottofondo implicito a tutta la disputa non solo sui rapporti fra Risorgimento e Resistenza, ma anche fra Risorgimento e fascismo: e le due questioni sono intimamente legate, la prima nascendo anche come reazione a certe soluzioni date alla seconda. Pur nella sua rozzezza culturale, infatti, il fascismo non pot sottrarsi allobbligo di definirsi in rapporto alla pi recente storia dItalia; e se la retorica della romanit gli fece sempre pi preferire il gran volo di collegamento diretto con il lontano Impero, tuttavia il fatto stesso di considerarsi il provvidenziale termine ad quem dellintera storia dItalia, rese necessario al fascismo atteggiarsi, in qualche modo, anche a continuatore e sistematore del Risorgimento. I vincitori non si contentano di occupare il presente. Essi proiettano la loro vittoria nel passato per prolungarla nellavvenire, scriveva Salvemini spiegando il sorgere dellinteresse di Nello Rosselli per gli studi risorgimentali proprio con il desiderio di reagire alle falsificazioni fasciste.15 Il primo a mettersi sulla strada di una reinterpretazione fascistica del Risorgimento era stato Mussolini, con materiali culturali di scarsa originalit e grossolanamente manovrati sotto la spinta di scoperte esigenze tattiche. Ma leclettismo che ne derivava corrispondeva, sul piano effettuale, allassorbimento che il fascismo andava compiendo dei vari gruppi della vecchia classe politica e, sul piano storiografico, alleclettismo dellagiografia tradizionale, che vedeva i quattro grandi, Vittorio EmaIn La tradizione del Risorgimento, prime pagine di un saggio che Ginzburg preparava nella primavera del 1943. Pubblicato in Arethusa, II, aprile 1945, pp. 1-16. 15 Prefazione a C. Rosselli, Oggi in Spagna domani in Italia, Paris 1938, p. VII.
14

nuele, Cavour, Mazzini e Garibaldi, procedere a braccetto verso i pi alti destini della patria. Il fascismo accredit questa visione, che aveva il gran pregio di non sollevare problemi e di preparargli la strada come a quello che di tutti quei grandi poteva, senza contraddizioni, considerarsi il suggello. Caratteristico, da questo punto di vista, il discorso dellAugusteo del 9 novembre 1921, in cui Mussolini, con notevole abilit, trova una parola di comprensione per tutti i settori dello schieramento politico tradizionale: dai repubblicani (lItalia non ha bisogno di cercare in Russia i suoi profeti) ai liberali e ai nazionalisti (lodi alla Destra e a Crispi). Non manca nemmeno un po di civetteria verso gli anarchici (Malatesta santo e profeta); mentre lincertezza del giudizio sui popolari sottintende il proposito, chiaro fin da allora in Mussolini, di trattare, scavalcando il partito di Sturzo, direttamente col Vaticano, nella convinzione, che far fortuna nel fascismo, che il cattolicesimo pu essere utilizzato per lespansione nazionale.16 Allorch i Patti lateranensi porteranno a felice compimento tale indirizzo, Mussolini, parlando alla Camera, si mostrer di nuovo assai abile nel difendersi sia dalle critiche che potevano essergli mosse in nome della tradizione laica e risorgimentale, sia dalle accuse di debolezza dei fascisti intransigenti; e al Senato concluder con una perorazione sulla scomparsa di ogni ipoteca su Roma capitale: tema, questultimo, riproposto per difendere la sostituzione della festa del 20 settembre con quella dell11 febbraio, giorno da considerare ormai, esso, conclusivo del Risorgimento.17 Quando voleva giocare la carta del fascismo popolaresco Mussolini non esitava poi a tirare in scena Garibaldi: cos, parlando a Monterotondo il 23 dicembre 1923, men gran vanto della presenza di Ricciotti Garibaldi,18 e proclam che fra la tradizione garibaldina, vanto e gloria dItalia, e lazione delle Camicie nere, non solo non vi antitesi ma vi continuit storica e ideale.19 Vedremo in seguito come di un certo tipo di continuit fra garibaldinismo e fascismo si parlasse anche in ambienti
B. Mussolini, Scritti e discorsi, vol. 2, La Rivoluzione fascista, Milano 1934, pp. 199206. 17 I due discorsi sui Patti lateranensi in Mussolini, Scritti e discorsi cit., vol. 7, Dal 1929 al 1931, Milano 1934, pp. 31-122. Quello sul XX settembre, alla Camera, 12 dicembre 1930, ibid., pp. 241-50. 18 Sulla misera storia dei rapporti fra i Garibaldi e il fascismo, cfr. A. Garosci, Storia dei fuorusciti, Bari 1953, pp. 271-73. 19 Mussolini, Scritti e discorsi cit., vol. 3, Linizio della nuova politica, Milano 1934, pp. 295 sg.
16

antifascisti; e gi Gobetti, in una sua complessa definizione di Mussolini, aveva inserito lelemento del garibaldino in ritardo.20 Nel presentarsi come vendicatore della vittoria mutilata, Mussolini contribu a canonizzare il conflitto del 1915-18 come quarta guerra dindipendenza, facendolo divenire un anello della catena che partiva dal Risorgimento e finiva al fascismo (il decennio 1860-70, quando fu compiuta lunit della Patria che dovr essere perfezionata colla guerra mondiale e la nostra vittoria.);21 e di nuovo, nellappropriarsi di tutta leredit per lui politicamente utile del conflitto, dallinterventismo nazionalista a quello dintonazione democratico-risorgimentale, Mussolini faceva appello a Garibaldi, dichiarandosi sicuro che lEroe riconoscerebbe la discendenza delle sue Camicie rosse nei soldati di Vittorio Veneto e nelle Camicie nere che da un decennio continuano, sotto forma ancor pi popolare e pi feconda, il suo volontarismo.22 Perfino lAnschluss e lAsse servirono a ridestare in Mussolini spiriti risorgimentali, spingendolo pi volte a paralleli fra i modi con cui Italia e Germania avevano raggiunto lunit nazionale. Ed erano paragoni che, sovvertendo tutta quellala della tradizione liberale che aveva sempre amato accentuare le differenze fra Cavour e Bismarck, servivano poi dintroduzione allaccostamento fra fascismo e nazismo come momenti culminanti delle due rivoluzioni nazionali. Il dramma austriaco non cominciato ieri: cominci nel 1848, quando il piccolo animoso Piemonte os sfidare lallora colosso asburgico [...]. Noi non abbiamo fatto nulla di diverso tra il 1859 e il 1861. Io vi esorto alla storia, o signori [...]: cos parl Mussolini alla Camera il 16 marzo 1938, accennando anche al grande autoritario Cavour.23 Aiutavano Mussolini quei liberali che, man mano che si convertivano al fascismo, lo scoprivano campione delle tradizioni di cui avrebbero dovuRivoluzione liberale, 28 maggio 1922 (cilato da G. Solari, Aldo Mautino nella tradizione culturale torinese da Gobetti alla Resistenza, premesso ad A. Mautino, La formazione della filosofia politica di Benedetto Croce, Bari 1953, p. 85). Cfr. quanto diremo poi su Gobetti. 21 B. Mussolini, Prefazione alla Rivista marittima del gennaio 1937, in Scritti e discorsi cit., vol. II , Dal novembre 1936 al maggio 1938, Milano 1938, p. 39. Anche il germe del nuovo Impero risaliva allanno in cui il piccolo Piemonte os sfidare il potente impero degli Absburgo: discorso ai gerarchi torinesi del 30 maggio 1935 (Scritti e discorsi cit., vol. 10, Scritti e discorsi dellImpero, Milano 1936, p. 143). 22 Mussolini, Scritti e discorsi cit., vol. 8, Dal 1932 al 1933, Milano 1934, p. 63. 23 Mussolini, Scritti e discorsi cit., vol. II, pp. 221-29. Parlando poco dopo a Genova, il 14 maggio, ancora dellAnschluss, Mussolini tir in campo anche Mazzini (ibid., p. 285).
20

10

to, essi, costituire i portatori. Parl per tutti Salandra alla Scala il 19 marzo 1924, quando affid appunto a Mussolini la tradizione del liberalismo italiano e del Risorgimento; e gi Albertini aveva rivolto in Senato al governo fascista appena costituito un appello a raccogliere, rinnovandola, leredit del liberalismo.24
Se lidea scrive Salvatorelli di affidare a Mussolini leredit del liberalismo risorgimentale oggi appare assurda e grottesca e tale appariva gi allora ai pi perspicaci e spassionati (fra i quali va certo collocato lautore di Nazionalfascismo, e di Irrealt nazionalista) non per questo sarebbe ragionevole sentenziare che in quanti allora la professavano, da Salandra ad Albertini, essa fosse pura finzione, a scopo tattico. Illusione, certamente: ma non del tutto incomprensibile.25

Non incomprensibile, ove si tenga conto che essa era lespressione del passaggio al fascismo del vecchio ceto dirigente liberale, con le poche eccezioni di coloro che, come scrive ancora Salvatorelli, alla opposizione furono letteralmente trascinati per i capelli.26 Se il fascismo accentu con gli anni la sua polemica di principio contro il liberalismo, ci discese anche dal fatto che loperazione di assorbimento del vecchio personale politico aveva ormai dato tutti i frutti sperabili. Fu solo in conseguenza della Grande crisi, infatti, che il fascismo fece di tutto per esasperare il suo carattere di novit, di terza via corporativa, fra il mondo capitalistico in declino e il socialismo o comunismo. Cos operando, il fascismo da una parte tendeva a far dimenticare i patteggiamenti coi vecchi liberali e il liberismo del suo primo periodo; dallaltra parte, per, stimolava una pi energica reazione di tutti coloro che, sia pure da posizioni assai diverse, rivendicavano libert e democrazia come elementi intrinseci dellItalia nata dal Risorgimento. I due intellettuali che cercarono di dare una veste il pi possibile colta al fascismo, Giovanni Gentile e Gioacchino Volpe, dovettero entrambi fare i conti con il Risorgimento: abbandonandosi a uno sfrenato ideologismo pseudostoriografico, il filosofo Gentile; con maggior equilibrio lo storico Volpe, dalle modeste esigenze speculative, e propenso, in fondo, ad ammettere che tutte le strade conducono a Roma. Per Gentile, il Risorgimento una tappa necessaria per giungere alla pienezza dei tempi attualistico-fascisti. Mazzini diventa
Cfr. L. Salvatorelli, Lopposizione democratica durante il fascismo, in AA.VV., Il Secondo Risorgimento cit., p. 120. 25 Ibid., p.104. 26 Ibid., p. 112.
24

11

lEzechiello della nuova Italia [...], di questa Italia nuova che si compie a Vittorio Veneto, sfolgorando e annientando il suo antico avversario [...]. Ora il Vangelo mazziniano sopravvive alla meraviglia del Risorgimento, poich la fede dellItalia che ne sorta; di quella Giovane Italia che il Mazzini evoc. il Vangelo fascista, la fede della giovent del 1919, del 22, doggi.27

Nel Manifesto degli intellettuali fascisti agli intellettuali di tutte le nazioni, comparso sui giornali del 21 aprile 1925,28 Gentile insisteva nel paragone fra la Giovane Italia e lo squadrismo, nati da un analogo bisogno politico e morale; e introduceva un tema caratteristico della contraddizione fascista fra demagogia di massa e preteso aristocraticismo religioso. Gentile rivendicava infatti il carattere di lite del Risorgimento, quando lo Stato era sorto dallopera di ristrette minoranze, il cui seme si era poi purtroppo disperso. Fu proprio Croce a ribattere su questo punto,29 condannando gli intellettuali fascisti che ripetono la trita frase che il Risorgimento dItalia fu lopera di una minoranza; ma non avvertono che in ci appunto fu la debolezza della nostra costituzione politica e sociale. Nella Dottrina del fascismo Gentile torn alla carica in termini pi generali contro il liberalismo e la religione della libert, ricordando che la Germania aveva raggiunto la sua unit al di fuori, anzi contro il liberalismo e che, quanto allunit italiana, il liberalismo vi aveva avuto una parte assolutamente inferiore allapporto dato da Mazzini e Garibaldi che liberali non furono.30 Tocc al Gentile di dover anche difendere il Risorgimento dagli attacchi dei fascisti pi intransigenti, desiderosi di rivendicare lassoluta originalit del loro movimento: ma la difesa era di quelle che lasciano in imbarazzo chi vogliono proteggere, i cui tratti caratteristici, principio di nazionalit, liberalismo, Mazzini e Gioberti, erano tutti considerati antecedenti, perfettamente congrui, del fascismo.31 Soprattutto su Mazzini e Gioberti inG. Gentile, Che cosa il fascismo (conferenza tenuta a Firenze l8 marzo 1925), in Istituto nazionale fascista di cultura, Pagine fasciste, I, I fondamenti ideali, Roma 1926, pp. 28 sg. 28 Vedilo in N. Valeri, La lotta politica in Italia dallUnit al 1925. Idee e documenti, Firenze 1958 (2a ed.), pp. 583-89. 29 Vedi la sua risposta al Manifesto, nella Critica del 1925; ora in Valeri, La lotta politica cit., pp. 390-93. 30 Mussolini, Scritti e discorsi cit., vol. 8, pp. 81-83. 31 G. Gentile, Risorgimento e fascismo, in Politica sociale del 1931: ora in Id., Memorie italiane e problemi della filosofia e della vita, Firenze 1936, pp. 115-20.
27

12

sister, in pi occasioni, il Gentile, rendendo al primo il cattivo servizio di isolarne i tratti pi confusi e mistici; e il Mazzini fascista concluder la sua carriera sui francobolli della Repubblica sociale italiana. Gentile diveniva cos fra i principali responsabili della diffusione di un quadro del Risorgimento provinciale e autarchico, a caccia di spirituali primati, un Risorgimento che permetteva di considerare il buon filosofo cattolico della Scienza nuova [...] tra i maestri spirituali del fascismo.32 Disgustevoli miscugli storico-politici da offrire agli uomini del governo, che, del resto, non sappiamo qual uso possano mai fare di cos rea poltiglia: cos defin Croce la configurazione che al prof. Gentile piaciuto dare alla storia del Risorgimento e dellItalia una.33 Nel Discorso agli italiani, pronunciato in Campidoglio il 24 giugno 1943, Gentile, nel tentativo di creare nel paese una unit nazionale sotto le ali del fascismo, si sarebbe poi domandato per lennesima volta cosa quello fosse. Roma, avrebbe risposto, pi la Chiesa cattolica, pi il Rinascimento, pi il Risorgimento: cio lItalia. E i liberali? Fascisti ritardatari. I comunisti? Corporativisti impazienti.34 Attenzione pari a quella dedicata al rapporto Croce-Gentile merita il rapporto Croce-Volpe, dove la Storia dItalia dal 1871 al 1915 e lItalia in cammino si fronteggiano, rivelando tuttavia unaffinit dovuta al fondamentale ottimismo sullo sviluppo dellItalia moderna, nata dal Risorgimento: e, se il Croce poteva rimproverare al Volpe che la sua Italia non pensa, non sogna, non medita, non si critica, non soffre n gioisce: cammina,35 ben cogliendo il carattere meccanico dellevoluzione tratteggiata dal Volpe, al Croce poteva obiettarsi che anche la sua Italia, con maggiori sfumature e pi abile uso della dialettica, aveva tuttavia la caratteristica di andare sempre avanti trasformando il male in bene, fino al momento in cui incappava nel pi grosso e imprevisto male del fascismo. Il pessimismo finale del Croce, se ovviamente gli faceva onore sul piano morale e politico, poteva non senza ragione essergli rimproverato dal VolGentile, Che cosa il fascismo cit., p. 42. Parole comparse nel 1929 sulla Critica, in polemica diretta con quanto Gentile aveva scritto sul Leonardo nello stesso anno: ora in B. Croce, Storia della storiografia italiana nel secolo decimonono, vol. 2, Bari 1947 (3a ed.), pp. 260 sg. 34 Cfr., del Gentile, anche I profeti del Risorgimento; la prefazione alla terza edizione, datata 2 marzo 1944, conclude nel nome di Garibaldi perch esso ha virt oggi come sempre di riscuotere e riunire i cuori di tutti gli italiani (p. VIII). Sugli appelli allunit della patria del Gentile della Repubblica sociale, cfr. R. Battaglia, Storia della Resistenza Italiana , Torino 1953 (2a ed.), pp. 175 sg., 289-92. 35 Croce, Storia della storiografia cit., vol. 2, p. 240.
33 32

13

pe come unalmeno parziale incongruenza.36 Insomma, la contrapposizione Croce-Volpe lasciava in eredit al pensiero politico e storiografico antifascista lesigenza di una revisione della storia dItalia, risorgimentale e postrisorgimentale, che meglio comprendesse anche il fascismo. Il Volpe37 era storico troppo scaltro per indulgere alla ricerca dei precursori del fascismo in Giovanni dalle Bande Nere, Gian Galeazzo Visconti o Giulio Cesare, che anzi contro tali goffaggini egli apertamente ironizza in apertura alla sua Storia del movimento fascista. Ma il Risorgimento non pot esimersi dal tirarlo in campo:
Possiamo, senza tradire n Risorgimento n Fascismo, raffigurarci il Fascismo come un nuovo Risorgimento, o una ripresa spiegata e consapevole di Risorgimento, dopo un mezzo secolo dincubazione delle forze nuove che nel primo Risorgimento erano deboli e assenti.

Contrapposizione pi puntuale allimpegno che la Resistenza pose a presentarsi, essa, come nuovo Risorgimento sarebbe difficile trovare. Proseguiva Volpe in quel passo38 che il Risorgimento,
se ebbe il suo punto di partenza nelle aspirazioni liberali e di indipendenza, sent poi come valori fondamentali, se pur non esclusivi, lunit, la potenza, la grandezza [...]. Ma lItalia del Risorgimento era unItalia senza popolo. Lepoca che va dalla nascita del Regno ad oggi caratterizzata, appunto, dalla formazione del popolo [...] compiutasi, prima, ai margini dello Stato e della nazione, anzi contro lo Stato e la nazione e i valori della cosiddetta classe borghese; poi, entro lo Stato e la nazione. Questa ultima fase, la fase della pi attiva e consapevole partecipazione del popolo alla vita della nazione e dello Stato, quella che noi viviamo, del Fascismo.

In questo brano il Volpe ha concentrato lessenza del suo giudizio sui rapporti fra Risorgimento, postrisorgimento e fascismo. Converr sofferG. Volpe, Prefazione (A proposito di storia dItalia) alla terza edizione di LItalia in cammino, Milano 1928. In essa, fra laltro, il Volpe rinfaccia al Croce la critica alla democrazia per anni da lui insegnata agli italiani. 37 Prendiamo qui in considerazione la gi ricordata Italia in cammino e la Storia del movimento fascista, scritta per lEnciclopedia italiana, Milano 1943 (2a ed.), che ne come la continuazione. Tralasciamo la rielaborazione pubblicata dal Volpe dopo la guerra (Italia moderna, Firenze 1945-49, 3 voll.; il primo volume era gi uscito nel 1943) che del resto, per quanto riguarda le grandi linee della prospettiva storico-politica, non presenta innovazioni di rilievo. 38 Volpe, Storia del movimento fascista cit., pp. 217 sg.
36

14

marcisi un momento, accennando appena ad altri spunti e richiami in cui la finalit immediatamente politica e adulatoria prevalente (anche se capita al Volpe, partito per coprire di allori il fascismo, di finire invece con lo sfrondare quelli del prefascismo): ricorderemo, ad esempio, i numerosi voli, mazziniani e giobertiani a un tempo, sulla rinascita della missione, della iniziativa e del primato italiani; il presentare la legge sulle associazioni e contro le societ segrete, che colpiva la massoneria, come antico voto di frazioni di liberali, socialisti, nazionalisti, cattolici; o ancora linterpretare la legge del 24 dicembre 1925 sui poteri del capo del Governo come il ritorno allo Statuto [...] che da un pezzo uomini della Destra avevano auspicato.39 La tesi fondamentale del Volpe e, come accennavamo, quella della progressiva inserzione delle masse popolari nello Stato, lungo processo che attraverso lemigrazione (nuovo e pi sostanzioso Risorgimento, anche per le masse, anche per il Mezzogiorno),40 il socialismo (al cui riguardo non si manca di fare appello al socialismo nazionale di Pisacane),41 il movimento cattolico (che pu essere considerato il riformismo del vecchio clericalismo),42 la guerra (come guerra di popolo e ultima guerra dellindipendenza, risorgimentale e nazionalistica insieme, con la contaminazione che abbiamo notato anche in Mussolini), trova il suo punto di arrivo nel fascismo, che rifonde in un nuovo quadro organico gli elementi per linnanzi disparati o contrastanti.43 Era implicita a tale costruzione lidea di un Risorgimento cui fossero essenziali indipendenza e unit pi assai che libert; un Risorgimento frutto dello sforzo di pochi, senza popolo. Ma mentre gli eroici furori del Gentile, come abbiamo visto, traevano da ci motivo di compiacimento, il Volpe, pur con qualche oscillazione, mostrava invece di comprendere che in quel carattere stava il problema pi grave dellItalia unita. Su questo punto era pi vicino al Volpe il Croce della risposta al Manifesto degli intellettuali fascisti, quando, proseguendo nel brano sopra ricordato, ma con troppo scoperta apologia della classe dirigente liberale, attribuiva a quella il costante proposito di chiamare sempre maggior numero ditaliani alla vita pubblica, e affermava che
39 40

Ibid., pp. 70, 147 sg., 137. Volpe, LItalia in cammino cit., pp. 66-72. 41 Volpe, Storia del movimento fascista cit., p. 197. 42 Volpe, LItalia in cammino cit., p. 221. 43 La nazione italiana si metteva in moto a scaglioni e reparti; o meglio, elementi che erano fuori di essa erano tratti un po per volta nella sua orbita, si legavano, pur lottando, con gli altri elementi (ibid., p. 266).

15

perfino il favore, col quale venne accolto da molti liberali nei primi tempi il movimento fascistico, ebbe tra i suoi sottintesi la speranza che, merc di esso, nuove e fresche forze sarebbero entrate nella vita politica, forze di rinnovamento e (perch no?) anche forze conservatrici.

Salvemini osserver molti anni dopo, intervenendo nella polemica suscitata dallaffermazione di Parri che in Italia non cera mai stata democrazia, che
nessuno ha il diritto di attribuire (alla oligarchia parlamentare) il merito di progressi che essa tent, finch le fu possibile, di impedire, ed accett solamente quando non le fu pi possibile opporsi. A tirare le conseguenze logiche delle opinioni di Croce, dovremmo pensare che le leghe di resistenza e le Camere del lavoro le fondavano gli agenti della polizia [...]44

Anche il Volpe, pi sensibile del Croce al conflitto delle forze reali nella societ, offriva una visione meno paternalistica del processo di allargamento delle basi sociali dello Stato, perch sapeva cogliere lelemento di urto contro la classe al potere che quella inserzione comportava. Tutto si riduceva tuttavia, per il Volpe, nel vedere lo Stato come qualcosa esistente di per s e costruita una volta per tutte, una botte bella e pronta entro la quale versare il vino popolare. Questa entificazione dello Stato, ultima deiezione della tradizionale dottrina dello Stato etico e dello Stato di diritto, e punto, pertanto, sul quale il Volpe si ritrovava accanto il Gentile, faceva dimenticare al Volpe che le masse, nello Stato, ci sono sempre state come oggetto, non fosse altro, degli obblighi fiscali e mililari, e che pertanto il problema dello Stato non pu correttamente porsi, per il popolo, che come problema di partecipazione al potere; e parlare di masse nello Stato senza aver fede nella democrazia significa fare soltanto del paternalismo o della demagogia. Ma per il Volpe lo Stato , nazionalisticamente, soprattutto una macchina da politica estera,45 e partecipazione del popolo allo Stato significa solo possibilit di meglio utilizzare le masse popolari a fini di potenza. Resta tuttavia a questa tesi del Volpe il merito di aver richiamato lattenzione sul carattere di massa assunto dal fascismo, il quale, primo esempio nella storia del regno dItalia, aveva mostrato un gruppo dirigente incapace
G. Salvemini, Fu lItalia prefascista una democrazia?, in Il Ponte, VII, 1952, pp. 29597. 45 Caratteristiche le parole con cui commenta il piatto realismo di tanta parte dei ceti dirigenti che non volevano Trento e Trieste, non volevano colonie, insomma non si sa bene che cosa volessero... (Volpe, Storia del movimento fascista cit., p. 44).
44

16

di reggersi senza fare, sia pur demagogicamente, appello alle masse. Era un carattere che avrebbe richiamato lattenzione anche dei pi acuti antifascisti; e Carlo Rosselli, sensibilissimo comera al nuovo del fascismo, avrebbe visto un elemento essenziale di tale novit proprio nel regime di massa da cui, con dialettica alquanto moralistica, si riprometteva sarebbe scaturita finalmente una grande lezione di libert per tutti gli italiani. Unaltra grossa difficolt, anchessa tuttavia adombrante un problema reale, era insita nella posizione del Volpe: il suo ottimismo sullo sviluppo dellItalia in cammino come si conciliava con la irrisione fascista allItalietta, come salvava quel carattere di rottura con un indegno passato cui il fascismo, per le sue velleit rivoluzionarie, non poteva rinunciare e che, in alcuni suoi pi intransigenti apologeti, tendeva, come abbiamo visto accennando alla reazione del Gentile, a travolgere il Risorgimento stesso? Il Volpe cerc di trarsi dimpaccio un po usando e abusando del suo metodo a partita doppia (bene, s certo... ma non solo bene...; male, indubbiamente, ma anche bene...), e poi distinguendo adialetticamente il piano delle forze economiche e sociali in sviluppo (un capilolo, il pi celebrato, dellItalia in cammino si intilola Gli italiani al lavoro) e il piano della classe politica dopo lascesa della sinistra al potere, che viene fustigata come rinunciataria, senza ideali eccetera, con lunica eccezione di Crispi. Alla elevazione economica e sociale del paese non era corrisposta una elevazione politica [...]; lItalia dava limmagine di un paese migliore del suo governo e meritevole di miglior governo: cos scrive Volpe a proposito dellet giolittiana, sulla quale il suo giudizio , e ci pare sintomatico, sostanzialmente oscillante. Incerto , del resto, anche il suo concetto di borghesia, la quale deve essere insieme e la classe economica in sviluppo e quella politica in declino e, infine, la creatrice, cos nel Risorgimento come nel fascismo, di valori spirituali e nazionali che la trascendono.46 Che il deus ex machina risolutore di tutte le contraddizioni sia il nazionalismo e poi il fascismo, appare cos una conseguenza indispensabile della falsa dialettica del Volpe, per la quale un movimento che si poneva proprio come elemento di rottura del processo, democratico e socialista, di immissione dei ceti popolari nella vita politica del paese, assumeva la pretesa di esserne invece il sanzionatore.47 Ma, ancora una volta, la pertinace volont del Volpe di trovare le basi del fascismo nella recente storia della societ italiana lo spingeva a vedere con penetrazione maggiore di certo antifascismo moralistico i legami di quello sia con alcune remote eredit risorgimentali, sia con il nazionalismo e limperiali46 47

Cfr. Volpe, LItalia in cammino cit., p. 18; Id., Storia del movimento fascista cit., p. 46. Cfr., su questo punto, la recensione di R. Romeo a Italia moderna (in Rivista storica italiana, LXIII, 1951, pp. 120-28).

17

smo caratteristici, in tutto il mondo, del nuovo secolo, sia infine con lo sviluppo delle forze industriali italiane, che proprio nellet giolittiana avevano avuto un notevole slancio. Il taglio netto che si era rifiutato di compiere fra Risorgimento e fascismo, il Volpe lo vorrebbe oggi fare fra Risorgimento e Resistenza. In un recente opuscolo,48 nel quale mostra di aver saputo essere pi libero di fronte al fascismo trionfante che dinanzi al proprio risentimento di fascista (e di monarchico) sconfitto, egli scrive che la mania epuratrice post 45 non risparmi neanche il Risorgimento. Qualche fascista pi fascista di Mussolini, o qualche nazionalista dottrinario come Rocco, aveva, vero, gi manifestato qualche cenno di fastidio verso quella et, considerata troppo liberale: Ma ora si and pi in l, perch
quella et non era nelle grazie dei due pi forti partiti formatisi o ricostituitisi dopo il 1943 o il 1945: il comunista, che la vedeva troppo borghese, poco sociale; e il democristiano che la vedeva massonica, irrispettosa dei diritti della Chiesa, usurpatrice di Roma al legittimo sovrano.49 un giudizio, questo sulla fine del Risorgimento (o meglio, dello spirito risorgimentale), che vedremo nella sostanza condiviso da altri epigoni della vecchia classe dirigente postrisorgimentale, pur lontani dal Volpe, come, ad esempio, il Croce e lo Jemolo.

Riteniamo inutile offrire altre testimonianze di parte fascista ch, oltre tutto, troppo ingombrante la schiera dei minori apologeti, anche se rivestiti di nomi non privi di notoriet: come Francesco Ercole, autore di un centone in cui disquisisce a lungo sui rapporti fra i plebisciti risorgimentali e quello fascista del 1929, con una goffa polemica antigiusnaturalistica;50 come Arrigo Solmi, per il quale grandezza romana, Rinascimento, Risorgimento, guerra mondiale, fascismo costituiscono un ovvio continuum;51 come Amintore Fanfani, il quale scriveva: stato detto molto bene, che con la proclamazione dellimpero fascista si conclude il Risorgimento. Nulla di pi esatto.52

Volpe, Dieci anni, Edizioni Monarchia, Roma 1956. Ibid., pp. 5 sg. 50 F. Ercole, La Rivoluzione fascista, Palermo 1936. 51 A. Solmi, Il fascismo e la sua genesi nazionale, in Id., Discorsi sulla Storia dItalia, Firenze 1935, pp. XIII-XIV. 52 A. Fanfani, Cinquantanni di preparazione allImpero, in Colonialismo europeo ed Impero fascista, a cura di L. Silva, Milano 1936, p. 27. Cfr., dello stesso autore, Da soli!, in Rivista internazionale di scienze sociali, XLIV, 1936, pp. 229-31, dove, commen49

48

18

Ricorderemo piuttosto che al Risorgimento ricorsero ancora i fascisti della Repubblica sociale sia in appoggio ai loro sforzi di creare una unit patriottica a proprio vantaggio (abbiamo gi accennato a Gentile) e di risuscitare un socialismo nazionale di origine mazziniana,53 sia per i tentativi, compiuti in extremis da alcuni, di trovare una via di uscita al di sopra, come scrisse uno di loro, delle baionette straniere: si pensi al Raggruppamento repubblicano nazionale socialista di Edmondo Clone, che fece uscire un quotidiano dal titolo mazziniano di Italia del Popolo, e al gruppetto detto appunto del Nuovo Risorgimento, composto da fascisti dissidenti desiderosi di creare alternative il pi possibile conservatrici al regime mussoliniano.54

tando il fatto che mezzo milione di legionari hanno sbaragliato le orde scioane, svolge il concetto che, per la prima volta dal Risorgimento, nessuno potr insinuare che gli italiani non hanno fatto da soli. 53 Le testimonianze in tal senso sono numerose. Ricordiamo larticolo di C. Pettinato su La Stampa del 5 marzo 1944, a commento degli scioperi di quel mese (citato da G. Vaccarino, Il movimento operaio a Torino nei primi mesi della crisi italiana, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 20, settembre 1952, p. 42). 54 Su questo gruppo cfr. Vaccarino, Il movimento operaio cit., p. 34, e la nota introduttiva ad Alcuni documenti delle gerarchie di Sal sulla industria italiana e sulla classe industriale del Nord, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 11, marzo 1951, p. 41.

19

3. La difesa del Risorgimento

Stabilire un rapporto diretto fra ci che abbiamo sommariamente ricordato della interpretazione fascista del Risorgimento e latteggiamento degli antifascisti che rivendicarono per s leredit di quella primavera della nuova Italia non sempre possibile: abbiamo ricordato ci che scrisse Salvemini di Nello Rosselli, abbiamo citato alcuni passi di Croce, e qualche altro collegamento diretto lo faremo man mano notare. Quel che conta che linterpretazione fascista era nellaria, e ai contemporanei arrivava per mille strade, non tutte filologicamente controllabili. Di pi: era il fascismo in quanto tale, con il solo fatto della sua presenza, che spingeva a porre il problema di donde esso venisse, di quali addentellati avesse nella recente storia dItalia. E il dubbio che qualcosa di vero potesse pur esserci nella sua pretesa di rappresentare la conclusione di un processo iniziatosi per lo meno col Risorgimento, non poteva non affacciarsi nelle menti pi critiche, e spingerle al riesame della storia di quel periodo e dei decenni successivi. Era, comunque, un ripensamento mosso direttamente da uno stimolo politico, e non destinato, almeno per il momento, a dare molti frutti tecnicamente elaborati come storiografia. Si pensi, ad esempio, alla discussione se nel Risorgimento la priorit spettasse al motivo della unit-indipendenza o a quello della libert (discussione che si riproporr in termini molto simili per la Resistenza): storiograficamente lalternativa era troppo cruda; politicamente, fin troppo evidente appariva il significato dellinsistenza sul momento della libert. Le opinioni antifasciste sul Risorgimento, che passeremo in rapida rassegna, hanno la loro origine in questo bisogno di polemica contro lavversario e di miglior definizione di se stessi: ed questo il punto di vista da cui vogliamo porci. Nelle grandi linee di tale quadro ci sembra si collochi anche la Storia dItalia dal 1871 al 1915 del Croce, con i lavori minori che le fanno corona:55 ma non staremo a riesporre la fin troppo nota polemica che la riguarVedi, in particolare, per la nota tesi del fascismo-malattia, la postilla Verit storica e ideale politico, in Croce, Storia della storiografia cit., vol. 2, p. 273.
55

20

da. Si tratta, nel complesso, di scritti tutti volti a tener fermo, di fronte al fascismo, lideale del liberalismo scaturito dal Risorgimento: quasi un manifesto della restaurazione prefascista, e perci, come suole accadere, poco adatto a comprendere ci contro cui la restaurazione doveva essere effettuata. Quanto fosse radicato nel Croce questo senso del ristabilimento, come unica via di salvezza, di valori per il momento perduti, confermato dal fatto che egli riconobbe s nel 1943 alla sorgente Resistenza il carattere di guerra che proseguiva tenace lo spirito del Risorgimento e che, gi viva nel cuore degli italiani accanto a quella in apparenza legale ma odiosa condotta dal fascismo, si era infine fatta essa legale;56 ma, proprio in quel giro di giorni, egli poneva gli ideali nostalgicamente accarezzati per tanti anni molto al di sopra di quelli democratici della guerra antifascista, la cui imminente conclusione vittoriosa lungi dal presentarglisi (come si present alla massima parte dei resistenti) quale inizio di nuova vita, accentuava invece in lui il senso tragico di un mondo che irrimediabilmente si dissolveva. del 1 marzo 1944 un commosso sfogo confidato alle pagine del suo diario:
[...] noi, nel tenace fondo del nostro animo, siamo ancora nellattesa che risorga un mondo simile a quello, continuazione di quello in cui gi vivemmo per pi decenni, prima della guerra del 1914, di pace, di lavoro, di collaborazione nazionale e internazionale. E in ci la sorgente della nostra implacabile angoscia, perch quella speranza sempre pi si allontana e, peggio ancora, sintorbida e si oscura.57

E gi il 16 dicembre 1943 aveva scritto di essersi convinto che questa non la guerra per la libert, ma come tutte le altre, per lindipendenza, per il dominio e per il vantaggio economico e politico, e che la guerra per la libert si dovr combattere poi, e con mezzi pi veri e pi adatti che non siano le armi.58 Uno stato danimo simile a questo del Croce dato cogliere in unaltra personalit risorgimentale (nel senso di tenace attaccamento alle tradizioni della classe colta moderata nata dal Risorgimento): lo Jemolo. Nostalgia
56 Vedi il Manifesto redatto da Croce per la chiamata dei volontari dei Gruppi Combattenti Italia, e affisso in Napoli il 10 ottobre 1943 (in appendice al diario Quando lItalia era tagliata in due, Bari 1948, pp. 154-56). Un certo impaccio nel trattare la questione della legalit indicativo delle preoccupazioni, di Croce e di tanta parte del ceto dirigente prefascista, di salvare, al di sopra del fascismo e anche attraverso a esso, la continuit dello Stato. 57 Croce, Quando lItalia... cit., pp. 87 sg. 58 Ibid., p. 44. Cfr. pure le note del giorno precedente, 15 novembre.

21

del Risorgimento come primavera di uno spirito proteso verso lavvenire; e quindi nostalgia meno restauratrice di quella del Croce, come del resto la diversa posizione politica dei due uomini sta chiaramente a indicare: ma pur sempre rimpianto di un mondo che svanisce, e che nello Jemolo si fonde con quella delusione della Resistenza, di cui avremo ancora occasione di parlare. Il 1848 scrive lo Jemolo lanno dei portenti, lesplosione dello spirito risorgimentale: il 1948 vede unItalia nettamente anti-risorgimentale. E ancora:
Per chi abbia questo senso della fine dei movimenti storici, chiaro che il moto risorgimentale ben chiuso [...]. Potr sostenersi che abbia dato lultimo guizzo a Vittorio Veneto; o che lo abbia dato invece nel movimento partigiano del 1944-45. Ma il rapido crollare di ogni aspirazione risorgimentale, ossia di rinnovamenti radicali in qualche modo ricollegabili a quellantica tavola di valori, degli uomini della Resistenza, subito dopo la cessazione delle ostilil, mostrerebbe che era proprio stato un ultimo guizzo.

Nellesaurirsi del cattolicesimo liberale, e nella scarsa sensibilit al problema dei rapporti fra Stato e Chiesa, vede lo Jemolo una controprova della sua tesi; e il fallimento della classe dirigente della Resistenza, che ha portato lItalia a divenire simile al pi tipico degli Stati antirisorgimentali, quello pontificio, d un ulteriore suggello al suo pessimismo.59 Su questultimo punto, in particolare, la posizione del Croce era diversa e meno generosa: la restaurazione di un mondo di valori coincideva infatti per lui col ritorno della vecchia classe dirigente al governo dello Stato. Per questo motivo, e non soltanto perch Guido Calogero non aveva bene inteso il rapporto fra libert e giustizia, egli fu ostilissimo al Partito dAzione, frenando con la sua autorit gli unici spunti di liberalismo moderno che si erano manifestati in Italia. Croce sper che dietro al partito liberale, il partito dei padri del Risorgimento, si sarebbe ricostituita lantica unione dei ceti dirigenti, e nelle elezioni del 1946 la sua partecipazione al blocco nazionale di Orlando, Nilti e Bonomi ebbe chiaramente il significato di favorire tale ripresa. La sotituzione della Democrazia cristiana a quello che era stato il partito liberale prefascista dovette certo apparire a Croce, nei suoi ultimi anni, unulteriore conferma della decadenza del mondo che gli era caro. Difesa del Risorgimento: questo titolo dato alla nota raccolta di scritti di Adolfo Omodeo ben esprime latteggiamento di tutela del significato pia59

A. C. Jemolo, Chiesa e Stato in Italia negli ultimi cento anni, Torino 1948, pp. 715, 728, 730, 716.

22

no e onesto del Risorgimento che, accanto al Croce, vide appunto nellOmodeo un tenace rappresentante. Si deve anzi allOmodeo quello che potrebbe definirsi il manifesto dellantirevisionismo risorgimentale: la recensione a Risorgimento senza eroi di Piero Gobetti.60 Cosa intende difendere, dalla revisione, lOmodeo? Pi che un insieme di risultati storiografici in quanto tali, egli vuol salvare un ideale politico e di vita, il senso del Risorgimento come era stato costruito, tramandato e idealizzato dalla classe colta liberale, e che non ci si riusciva a persuadere dovesse venire, rebus ipsis dictantibus, messo in forse dalle nuove generazioni.61 Soltanto in tale quadro ci sembra possa essere intesa la polemica, che tuttora si trascina, fra revisionisti e antirevisionisti, anche se non del tutto assolto pu andare lOmodeo per la durezza cattiva (ho cercato invano una scintilla dintelligenza in quelle pagine) del suo giudizio su Gobetti, da poco morto in esilio, e che nello stimolare la resistenza al fascismo avrebbe avuto un peso certo maggiore di quello del suo acre recensore. Colpisce, nellatteggiamento dellOmodeo di fronte al Gobetti, la mescolanza, tipica dellintellettualit idealistica, della boria del dotto contro lirregolare tecnicamente sprovveduto (che spinge lOmodeo a configurare il contrasto non come quello di due posizioni politiche e morali, ma come lotta della Scienza contro il giornalismo), con lincomprensione del conservatore, resa pi aspra e aggressiva dalla delusione che il fascismo dava a tutti i conservatori illuminati. LOmodeo, e con lui molti dei pi accaniti antirevisionisti, coinvolgeva nellodio contro chi aveva, nel fatto, manomesso il suo ideale, coloro che quellideale avevano criticato proprio perch troppo fiacco e minato da intime contraddizioni. Si spiega in tal modo labitudine presa dallantirevisionismo, anche in alcuni suoi tardi epigoni radicali,62 di porre in un unico sacco Oriani, Gobetti, Dorso, Gramsci, Missiroli, Mussolini, tutti rei di aver profanato la tradizione liberale del Risorgimento. Omodeo stesso ha raccontato il suo volgersi agli studi del Risorgimento per una ispirazione polemica a dimostrare le forze costruttive della libert nella storia recente dItalia; e ha inquadrato tale ispirazione nel senso che ebbe dopo la prima guerra mondiale, dalla quale pure aveva cercato di enucleare, in implicita polemica antifascista, un significato non retorico ma
Apparsa nel 1926 sul Leonardo; ora in A. Omodeo, Difesa del Risorgimento, Torino 1955; pp. 439-46. 61 Scrive lOmodeo nella recensione citata: I danni successivi dipesero dallaver smarrito progressivamente il senso del Risorgimento, non dal Risorgimento stesso. 62 Vedi, ad esempio, F. Compagna, Benedetto Croce e la questione meridionale, in Archivio storico per le provincie napoletane, n. s., XXXIV (LXXIII), 1955, pp. 465-82.
60

23

risorgimentale,63 di essere figlio di una et di decadenza, di appartenere a un mondo in reinvoluzione: cos da esserne spinto, quasi per contrasto, a immergersi nello studio delle primavere storiche come il Risorgimento e, pi su, la Restaurazione che, con scambio rivelatore di tutto lindirizzo moderato, egli pone, al posto della Rivoluzione, come vera matrice di quello.64 Questo gusto della ricerca dei momenti aurorali spingeva lOmodeo ad aver maggiore simpatia e interesse per il Risorgimento che per il postrisorgimento, reintroducendo, sia pur indirettamente, quella distinzione di valori fra prima e dopo il 1870 o il 1876 che il Croce, aveva con nettezza, e quasi con disprezzo, tolta di mezzo. Il fatto che la Destra storica e i padri del Risorgimento (che lOmodeo, nonostante i suoi studi critici su figure come Carlo Alberto, doveva necessariamente tendere a ricomporre in un quadro armonico senza vincitori n vinti, trasposizione dotta della vecchia agiografia) esercitavano indubbiamente un fascino pi immediatamente percepibile da parte di chi cercava conforto contro gli hyksos piombatigli in casa. LOmodeo, noto, negli ultimi suoi anni, sotto la spinta degli eventi, si radicalizz molto, come mostra la sua adesione al Partito dAzione, che gli frutt qualche amichevole rimbrotto del Croce: ma non risulta che questa sua evoluzione politica abbia inciso sulla sua ideologia e sulla sua visione storiografica,65 che era ci che qui ci premeva ricordare come esempio di un atteggiamento proprio di quella parte della vecchia classe dirigente pi affezionata ai valori tradizionali manomessi dal fascismo. Un tentativo di utilizzare lideologia risorgimentale, oscillante fra impennate romantiche e desiderio fin troppo scoperto di portare su posizioni di antifascismo restauratore le pi solide forze conservatrici non immediaIn sede storica certamente erroneo considerare la recente guerra italiana come lultima del Risorgimento. Tuttavia essa fu la guerra combattuta dai figli del Risorgimento. Tremenda e sanguinosa, non fu, per chi la visse, esclusivamente un museo degli orrori, proprio per questa luce ideale, per questa fede nativa, sincera, cos diversa dalla maledetta retorica giornalistica che la fals e la contamin (A. Omodeo, Momenti della vita di guerra, Bari 1934, p. 389). 64 A. Omodeo, Trentacinque anni di lavoro storico, in Id., Il senso della storia, Torino 1955, pp. 13 sg. Cfr., nello stesso volume, Il distacco dal Risorgimento (del 1933), pp. 444-48, e La nostalgia del passato (del 1946, uno dei suoi ultimi scritti), pp. 617-20; e, in Difesa del Risorgimento cit., pp. 537-39, Storia ipotetica (del 1937), aspra polemica contro la scuola dellIstituto storico per let moderna e contemporanea, diretta dal Volpe. 65 Vedi, ad esempio, la sua recensione a Pensiero e azione del Risorgimento di Salvatorelli, dove la simpatia espressa chiaramente pi politica che culturale (Omodeo, Difesa del Risorgimento cit., pp. 531-33).
63

24

tamente fasciste (monarchia ed esercito, Vaticano e Azione cattolica), fu quello compiuto da Lauro De Bosis e Mario Vinciguerra con lAlleanza Nazionale.66 Il Risorgimento, proprio quello classico, canonizzato da una destra conciliazionista in pectore, e quindi irrimediabilmente eclettico, fu parte integrante delle parole dordine dellAlleanza. LItalia di Cavour e di Mazzini nuovamente in marcia contro lItalia dei Radetzky e dei Borboni, scriveva, ad esempio, il De Bosis.67 Nei manifestini da lui lanciati su Roma durante il volo senza ritorno del 5 ottobre 1931 tutto un tambureggiare di ricordi risorgimentali: Siamo in pieno Risorgimento; non fumare; il secondo Risorgimento trionfer come il primo; lAsburgo in camicia nera, rientrato di soppiatto nel suo palazzo, un oltraggio per tutti i nostri morti; e, rivolgendosi direttamente al re: Accettate Voi veramente dinfrangere dopo Vittorio Veneto quel giuramento cui il Vostro avo rest fedele dopo Novara? Sono sette anni che Vi vediamo firmare i decreti di Radetzky con la penna di Carlo Alberto.68 Lefficacia pratica dellAlleanza, scompaginata dallarresto di Vinciguerra e dalla morte di De Bosis, fu scarsa: ma il suo atteggiamento, volto a ricostruire una unit dItalia che mettesse a frutto tutto ci che di sedimentato era nella societ e nella cultura media italiane, non sarebbe rimasto senza eco e senza conseguenze.

Cfr. Delle Plane, Lauro De Bosis cit. Guai lasciare ai sovversivi il monopolio della lotta contro il fascismo!, scrisse De Bosis nella prima circolare della Alleanza, del giugno 1930 (citato da M. Salvadori, Il sacrificio di Lauro De Bosis, in a Rossi (a cura di), No al fascismo, Torino 1957, p. 224). Dobbiamo aggiungere che il Salvadori cita una lettera (febbraio 1931) del De Bosis (la cui personalit non pu essere valutata solo nellambito dellAlleanza) a Salvemini, in cui monarchia, Vaticano e fascismo vengono accomunati nella condanna, e latteggiamento dellAlleanza presentato come mero espediente tattico. 67 Citato da Delle Piane, Lauro De Bosis cit. 68 Citato da A. Gavagnin, Vent anni di resistenza al fascismo, Torino 1957, pp. 320-22.

66

25

4. Il Risorgimento da completare

La famosa frase di Fortunato, non essere il fascismo una rivoluzione ma una rivelazione, offre una appropriata epigrafe agli atteggiamenti, pur differenziati, di un antifascismo che, non ponendosi come restaurazione ma desiderando invece che lItalia compisse un passo innanzi decisivo anche nei confronti del regime politico e sociale prefascista, era indotto a cercare nella recente storia dItalia dal Risorgimento in poi (ma per alcuni, di pi fervida fantasia, anche da prima o da sempre),69 non solo le origini del fascismo, ma i motivi che avevano resa debole e stentata la vita democratica e lo sviluppo sociale del paese, provocando poi lingloriosa resa della sua classe dirigente. Era questo un atteggiamento carico di ben maggiore aggressivit nei confronti del fascismo e che, se dette origine ai molti processi al Risorgimento e al postrisorgimento tanto fastidiosi per gli storici togati, si rivel poi fecondatore delle correnti principali della Resistenza, dal Partito dAzione ai comunisti. Non infatti concepibile una Resistenza svuotata di questa volont eversiva contro qualcosa di pi profondo del fascismo inteso nei suoi ristretti termini di regime fondato da Mussolini il 28 ottobre del 1922 e fatto rinascere, dopo l8 settembre del 1943, dalle baionette tedesche. Lutilizzazione di un concetto storiografico come il Risorgimento nella polemica antifascista era talvolta soltanto implicita nella scelta di nomi e di parole dordine che facevano appello alla tradizione patriottica e democratica, senza particolari prese di posizione storico-politiche: come fu, ad
69

Ricordiamo quattro opere che potrebbero raggrupparsi sotto il titolo di De antiquissima italorum insipienti: G.Fenoaltea, Storia degli italieschi dalle origini ai giorni nostri, Firenze 1945; G. Colamarino, Il fantasma liberale, Milano s. d.; F. Cusin, Antistoria dItalia, Torino 1948; G.A. Borgese, Golia. Marcia del fascismo, trad. it., Milano 1946 (ed. orig. am. 1937). Su questi autori, eredi della parte peggiore di Gobetti, e che spesso capovolgono soltanto il segno morale di quei romanzi fascisti che partivano da Augusto e finivano a Mussolini, vedi N. Valeri, Premesse ad una storia dItalia nel postrisorgimento, in AA.VV., Orientamenti per la storia dItalia nel Risorgimento, Bari 1952, pp. 65-71.

26

esempio, per il gruppo della Giovane Italia, sorto nel 1927, il cui nome mazziniano e la cui organizzazione di arcaico tipo settario coprivano un raggruppamento assai largo di antifascisti di varie tendenze, per nulla radicale.70 Un contributo originale non fu dato nemmeno dal movimento politico che direttamente si richiamava al grande sconfitto del Risorgimento: il Partito repubblicano italiano, che pure, quando la Concentrazione antifascista adott nel maggio 1928 la pregiudiziale repubblicana, parve aver raggiunto un suo obiettivo essenziale. Il fatto che lortodossia mazziniana mostr proprio di fronte al fascismo la sua inadeguatezza, che il coraggio civile di alcuni suoi fedeli non riusc a far dimenticare. Non erano, a tale scopo, sufficienti richiami come quello formulato dalla minoranza del congresso di St. Louis, nel marzo 1932, alla scuola socialista italiana rappresentata dal Pri.71 Anche nella lotta armata dopo l8 settembre del 43 i repubblicani, rimasti fuori dei Cln, e le loro brigate Mazzini non troveranno un posto di grande rilievo. Liniziativa della riflessione critica sul fascismo e sullItalia contemporanea era passata in altre mani con Gobetti, Rosselli e, accanto a essi, ancora Salvemini (non parliamo per ora dei comunisti). Erano uomini, soprattutto i due ultimi, che avevano sentito il fascino della personalit di Mazzini: e il fatto che la loro posizione non si risolvesse nel mazzinianesismo politico (sia pur contaminato di cattaneanesimo) del partito repubblicano, contro il quale il giudizio di Gobetti particolarmente duro,72 mostra come il loro desiderio di fare finalmente ci che nel Risorgimento (e nel postrisorgimento) non era stato fatto non avesse nulla in comune con un tardivo spirito di rivincita degli sconfitti del Risorgimento.

Vedi, sulla Giovane Italia, R. Luraghi, Momenti della lotta antifascista in Piemonte negli anni 1926-1943, in Il Movimento di liberazione in Italia, nn. 28-29, gennaiomarzo 1954, pp. 15 sg.; e Gavagnin, Ventanni di resistenza cit., pp. 257 sgg. Il Luraghi (pp. 31-33) ricorda anche il MURI (Movimento Unitario di Ricostruzione Italiana), sorto dopo gli arresti che scompaginarono nel 1937 Giustizia e Libert, ma dal carattere affine alla Giovane Italia. 71 Traggo la notizia da G. Bonfante, Che cosa il partito repubblicano, in Lo Stato Operaio, VI, 1932, pp. 242-50: articolo di aspra critica al Pri, nel solco della violenta polemica comunista di quegli anni contro i partiti della Concentrazione antifascista (luscita del Pri dalla Concentrazione, deliberata proprio a St. Louis, considerata dal Bonfante un tentativo di riprender quota sotto la spinta della concorrenza di Gl). Per i rapporti fra Pri e Gl, e per la reciproca irriducibilit dei due gruppi, cfr. Garosci, Storia dei fuorusciti cit., pp. 57 sg. e 69 sg. 72 Dottrina democratica conservatrice definito da Gobetti il mazzinianesimo; La Rivoluzione liberale, Torino 1948, p. 249.
70

27

Di Salvemini baster qui ricordare come negli ultimi anni, pur dopo i riconoscimenti concessi al suo antico avversario,73 egli finisse col ribadire il giudizio negativo su Giolitti:
La differenza fra Mussolini e Giolitti era in quantit e non in qualit. Giolitti fu per Mussolini quel che Giovanni il battezzatore fu per Cristo: gli prepar la strada. Gobetti giustamente disse che Mussolini non fece altro che estendere a tutta lItalia i mazzieri di Giolitti.74

Giudizio questo che, espresso in termini cos drastici, oggi pochi sarebbero disposti a sottoscrivere: e che pure, in quel fustigatore dipocrisie, serviva a denunciare i rinnovati tentativi di bolsa apologia della classe dirigente tradizionale. Ai partiti antifascisti non comunisti Salvemini attribuiva il compito di perpetuare e rinnovare la tradizione del Risorgimento (per i comunisti parlava di fonti postrisorgimentali); e nella Resistenza egli vide attuarsi il sogno che Mazzini aveva invano coltivato dal 1833, quando tratteggiava il quadro Della guerra dinsurrezione conveniente allItalia: la guerra per bande. Proprio facendo riferimento agli esempi classici dei moti sanfedisti di fine Settecento e della Spagna contro Napoleone, Salvemini scriveva che ci che aveva resa finalmente possibile nel 1943-45, in Italia, una guerra per bande non al servizio della reazione, era stato lappoggio dei contadini. La partecipazione dei contadini italiani alla lotta partigiana il fatto pi importante nella storia italiana del secolo in cui viviamo; cosicch, aggiungeva, possiamo dire ormai che una nazione italiana esiste non solo nelle aspirazioni di una minoranza intellettuale: che era il riconoscimento, fin troppo generoso, di una inserzione delle masse nello Stato ben diversa da quella del Volpe. Salvemini giungeva fino a rovesciare la frase di Fortunato sopra ricordata, asserendo che non il fascismo, ma il movimento partigiano [...] ha rivelato il popolo italiano a se stesso e agli altri popoli. Di fronte alla nostalgia verso un mondo che muore che, come abbiamo visto, si impadroniva di Croce allo sbocciare, della Resistenza, Salvemini ricordava la seconda met del 1944 e i primi mesi del 1945 come un tempo di esaltazione crescente, come un rinnovarsi, per diciotto mesi e non in una sola citt, delle Cinque giornate di Milano.75 Dellatteggiamento di Piero Gobetti di fronte al rapporto Risorgimento-fascismo vogliamo qui mettere in rilievo due aspetti. Il primo che il riVedi G. Salvemini, Introduzione a W. Salomone, Let giolittiana, Torino 1949. Salvemini, Fu lItalia cit., p. 285. 75 G. Salvemini, Partigiani e fuorusciti, in Il Mondo, 6 dicembre 1952, pp. 3-4; e La guerra per bande, in Aspetti della Resistenza in Piemonte, a cura dellIstituto storico per la Resistenza in Piemonte, Torino 1950, pp. XIII-XVI.
73 74

28

salire indietro nei decenni era per Gobetti uno strumento della critica che egli intendeva fare a quella classe dirigente che vedeva spappolarsi sotto i propri occhi. Offrire la teoria di una classe dirigente, sbarazzando il terreno dalla incancrenita tradizione politica italiana, il compito che apertamente egli confessa nella Nota conclusiva della Rivoluzione liberale. E altrove, per spiegare il significato che attribuisce al fallimento della nostra rivoluzione, ricorda lincapacit del popolo a esprimere dal suo seno una classe di governo.76 Linterpretazione ideologica che Gobetti d del Risorgimento trova la sua origine in questo accanito desiderio di non vedere nella crisi della classe politica qualcosa di occasionale, e nel rifiuto di cambiare in positivi i segni negativi di cui vedeva costellata la storia dItalia contemporanea.
Accettando la realt fatta, quale data dal Risorgimento scrive noi dobbiamo soddisfare unesigenza che il Risorgimento non ha appagata e perci non possiamo esaltare e porre come aspirazione del nostro avvenire quella debolezza che aspramente pesa su di noi e che nostro compito sforzarci di superare prendendone coscienza.77

La dialettica cui Gobetti ricorre per realizzare il suo assunto una dialettica di puri concetti politici che, messi in moto dal suo moralismo, tentano di sfociare nella realt con abuso di artifici e di astuzie della provvidenza; e in questo sta la sua debolezza, che lo rende in qualche modo compartecipe dellattivismo irrazionalistico che voleva combattere, e che lo porta a dare un giudizio incerto proprio sul fascismo. In fondo, il fascismo rimane anche per Gobetti unaberrazione rispetto a un ideale: aberrazione dalle salde radici storiche, ma individuate unilateralmente nelle pecche tradizionali (e ideologiche) del popolo italiano, e non messe sufficientemente in rapporto con lo sviluppo complessivo della societ borghese italiana e mondiale. In tal modo, e passiamo cos al secondo rilievo sopra preannunciato, Gobetti tende a far convivere in maniera singolare la teoria del fascismo-incidente con quella del fascismo autobiografia della nazione78: parentesi
P. Gobetti, Risorgimento senza eroi, Torino 1926, p. 130. Ibid. Altrove scrive che constatando limmaturit ideale dellItalia del Risorgimento, o la mancata partecipazione popolare, non si vuol fare un processo alla cultura e agli uomini, ma un semplice calcolo di forze (Gobetti, La Rivoluzione liberale cit., p. 34). 78 Lespressione in un suo articolo sulla Rivoluzione liberale del 23 novembre 1922, riportato poi largamente nel libro omonimo, p. 185. larticolo in cui si dice che in Italia non ci sono proletari e borghesi: ci sono soltanto classi medie, come aveva insegnato Giolitti e come confermava Mussolini.
76 77

29

storica, egli definisce il fascismo, fenomeno di disoccupazione nella economia e nelle idee, connesso con tutti gli errori della nostra formazione nazionale. Di fronte a esso occorreva aver fiducia che lItalia trovasse in s la forza di riprendere quella volont di vita europea che parve annunciarsi, almeno in certi episodi, col Risorgimento.79 Nel Risorgimento Gobetti distingueva pertanto una parte da rilanciare e una da espungere: ed caratteristico del suo interesse prevalentemente accentrato sul problema della classe dirigente che alla critica a essa rivolta dallinterno egli unisca una chiara insofferenza, di tipo aristocratico, contro quella che pur era stata lunica manifestazione concreta di una possibile alternativa risorgimentale allegemonia piemontese: il garibaldinismo. Anzi, Gobetti giunge a stabilire quasi una filiazione del fascismo dal garibaldinismo, tramite il partito repubblicano.
Il fascismo scrive infatti ricollegandosi alla parte caduca e donchisciottesca del nostro Risorgimento, si assume quel compito di rivendicazioni romantiche, di predicazione di esaltato patriottismo, di sentimentalismo sociale collaborazionista, che dopo la fine del Partito dAzione era stato il solo patrimonio continuato dal mazzinianesimo.

E ancora:
lattualismo, il garibaldinismo, il fascismo sono esperienze attraverso cui linguaribile fiducia ottimistica dellinfanzia ama contemplare il mondo semplificato secondo le proprie misure.80

La Resistenza, e non i soli comunisti, preferir rifarsi a un Garibaldi e a un garibaldinismo positivi: ma vedremo come in Giustizia e Libert ricomparissero le preoccupazioni, proprie dellantifascismo di lite, nei confronti di un garibaldinismo ritenuto (cogliendone, certo, un aspetto reale) simbolo di piccola borghesia disoccupata, incolta, sbracata e retorica. Lespressione secondo Risorgimento fu usata per la prima volta esplicitamente nellambiente da cui doveva uscire Giustizia e Libert; e, fra tutte le formazioni politiche che presero poi parte alla Resistenza, il Partito dAzione o, almeno, la sua ala che discendeva direttamente da Gl, fu senza dubbio quella che pi pot considerarla congeniale. Gi Rosselli e Parri al processo di Savona per la fuga di Turati avevano affermato la necessit di riprendere, integrandola, la tradizione di un Risorgimento rimasto patrimonio di pochi, fenomeno di avanguardie e non di popolo, Rosselli accentuando il significato socialista di questa ripresa e in79 80

Gobetti, La Rivoluzione liberale cit., p. 188. Ibid., pp. 183 sg. Cfr. supra, nota 20.

30

sieme il senso di una continuit familiare che portava, a distanza di mezzo secolo, due Rosselli a ospitare luno Mazzini esule in patria, laltro Turati fuggiasco; Parri, ex combattente, rivendicando il significato risorgimentale della guerra 1915-18 contro laccaparramento fattone dal fascismo.81 Di secondo Risorgimento Rosselli parler poi spesso, sia nei suoi scritti ideologici che in quelli politici. Nel primo appello di Gl agli italiani82 egli dichiara che la lotta durissima e impone i massimi sacrifici. Questo il prezzo del secondo Risorgimento italiano e propone il motto insorgere per risorgere che poi, con il saluto alla citt delle Cinque giornate, sar stampato sui manifesti lanciati da Bassanesi su Milano l11 luglio 1930, nonch sui buoni-moneta distribuiti da Gl con evidente richiamo al prestito nazionale mazziniano. evidente la derivazione di molti motivi della eclettica ideologia rosselliana da Gobetti, genio precoce, che aveva indicato la via del riscatto con gli ideali dellautonomia e della rivoluzione liberale operaia.83 Ma Rosselli pot conoscere non soltanto il fascismo delle origini, quello di cui Gobetti aveva colto con finezza gli aspetti di gratuit dannunziana, estetizzante e tardoromantica, ma anche il fascismo nel pieno del suo potere, quello che si atteggiava a signum contradictionis del secolo. Rosselli tent perci di fondere la tesi del fascismo male tipicamente italico con laltra, di cui si fece tenace propugnatore, del fascismo come novit di portata mondiale, cui pertanto andava opposta, da parte dellantifascismo, altrettanta novit. Egli stesso, in un importante scritto del 1937,84 in cui traccia come un bilancio della sua creatura politica, pone al 1932 lanno in cui Gl passa dalle posizioni di concentrazione democratica socialista, sostenute per fin da allora dallimpegno di rivolta contro gli uomini, la mentalit, i metodi del mondo politico prefascista, responsabile della fine miserabile dellAventino, alla prospettiva delloltrefascismo, per usare unespressione ricorrente sulla stampa giellista. Il 1932, scrive Rosselli, per il fascismo il decennale, lingresso nel Pnf di sei milioni di nuovi iscritti,
Cfr. E. Tagliacozzo, Levasione di Turati, in Rossi (a cura di), No al fascismo cit., pp. 58-61. 82 Vedi la Prefazione (p. 15) a C. Rosselli, Socialismo liberale, Edizioni di Gl, Milano 1944-1945. 83 C. Rosselli, Risposta a Mussolini, in Giustizia e Libert del 21 maggio 1936, dove si legge anche questa apostrofe: A voi, fascisti, limpero; a noi, la nazione. A voi, la Roma della decadenza; a noi lItalia repubblicana, comunale, risorgimentale, protesa verso il nuovo umanesimo proletario (ora in Id., Scritti politici e autobiografici, Napoli 1944, pp. 96-106). 84 C. Rosselli, Per lunificazione politica del proletariato italiano, in Giustizia e Libert del 24 maggio 1937 (ora in Id., Scritti cit., pp. 189-200).
81

31

la nuova demagogia corporativa: insomma, lapparenza della stabilit. Per gli antifascisti, la fine del periodo postaventiniano. Una nuova generazione ditaliani si affaccia: quella per cui il fascismo non pi la parentesi irrazionale; la norma, il punto di partenza per ogni azione. A questi fenomeni italiani sempre pi avrebbero fatto riscontro, amplificandone il significato, quelli europei: Hitler,85 Dollfuss, le Asturie, la giornata del 6 febbraio 1934 a Parigi, la Sarre,86 e infine, esperienza culminante, la Spagna. Di fronte alla guerra dEtiopia, Rosselli aveva dichiarato con vigore che si deve essere disfattisti integrali e pratici e accettare la guerra civile, ricordando che durante la prima guerra mondiale cerano stati dieci milioni di caduti invano, e quasi tutti coatti.87 Di fronte alla Spagna, come ha messo in evidenza il Garosci,88 egli manifest la sua fiducia in un antifascismo mondiale come forza autonoma, con fini non necessariamente coincidenti con quelli politici e diplomatici delle varie potenze: con il che veniva posto con chiarezza, anche se in termini alquanto astratti e moralistici, un problema delicatissimo per la Resistenza, che pure dovr distinguere fra i suoi interessi specifici e quelli militari e diplomatici delle potenze della coalizione antihitleriana. La parola dordine del secondo Risorgimento costituiva un antidoto specifico solo per il primo aspetto del fascismo, quello italico, perch la dilatazione del Risorgimento a et di significato europeo non era persuasiva, ch anzi il Risorgimento appariva, agli storici meno conformisti e meno nazionalisti, il tentativo di un popolo arretrato di portarsi al livello di altri dEuropa pi evoluti; e proprio linsoddisfacente esito di quel tentativo, che si scontava col fascismo, poteva giustificare lesigenza che esso venisse con pi energia ripreso. Rosselli rielaborava le tesi del fascismo riVedi il lucido articolo di C. Rosselli, La guerra che torna, pubblicato sui` Quaderni di Giustizia e Libert poco dopo lascesa di Hitler al potere (ora di Id., Scritti cit., pp. 116-28), e che provoc una polemica con lAvanti, poco propenso ad ammettere, nel solco del tradizionale pacifismo socialista, la liceit di una guerra rivoluzionaria (cfr. G. Arfe, Storia dellAvanti! 1916-1940, Milano-Roma 1958, pp. 96 sg.). 86 Quel che avvenuto il 13 gennaio in Sarre la prova ultima, in vitro, della cadaverica impotenza di tutte le forze, partiti, uomini del passato prefascista: C. Rosselli, La lezione della Sarre, in Giustizia e Libert del 18 gennaio 1935 (ora in Id., Scritti cit., p. 81). 87 C. Rosselli, Perch siamo contro la guerra dAfrica, in Giustizia e Libert dell8 marzo 1935 (ora in Id., Scritti cit., pp. 84-90). 88 Garosci, Storia dei fuorusciti cit., pp. 150-63. Su questo punto, dellautonomia dellantifascismo di fronte agli interessi diplomatici delle potenze, cfr. E. Lussu, Diplomazia clandestina, Firenze 1956.
85

32

velazione degli italiani agli italiani e autobiografia della nazione, della mancanza in Italia di rivoluzioni popolari e di lotte religiose, dei Savoia che furono tosto lequivalente dei Lorena e dei Borboni, della burocrazia piemontese che serr nelle sue spire tutta lItalia, di Mazzini e Cattaneo grandi vinti del Risorgimento, della prassi corruttrice del giolittismo che invischi anche i socialisti, rei fra laltro (va segnalata tale indulgenza di Rosselli) di avere interrotto la tradizione socialista locale che aveva avuto in Mazzini, Ferrari e Pisacane i suoi principali rappresentanti.89 Ne derivava che il fascismo il risultato pi passivo della storia dItalia, un gigantesco ritorno ai secoli passati, un fenomeno abietto di adattamento e di rinuncia; e che esso
nato come per esplosione di fermentazioni nascoste della razza, dellesperienza delle generazioni [...]. Il fascismo si radica nel sottosuolo italiano, esprime i vizi profondi, le debolezze esistenti, le miserie del nostro popolo, del nostro intero popolo.90

Queste ultime citazioni le abbiamo tratte da Socialismo liberale, scritto nel 1929, prima cio della svolta del 1932, cui sopra accennavamo; e pertanto sarebbe inesatto contrapporle con puntualit formalistica alle tesi sul fascismo fenomeno mondiale. Tuttavia, non possibile risolvere integralmente con la cronologia la difformit delle due interpretazioni offerte da Rosselli, perch entrambe, sia pur con diversa accentuazione, si trovano nelle due fasi del suo pensiero politico. Durante la guerra di Spagna, ad esempio, che segna il culmine della seconda fase, i richiami rosselliani al Risorgimento, ai suoi esuli, ai suoi volontari, ai suoi legami con la libert del popolo spagnolo, non sono dovuti soltanto a nobile enfasi.91 Il fatto che pu cogliersi in Rosselli uno sforzo di sintesi analogo a quello che contemporaneamente, e sia pur da altro punto di vista e con altri risultati, venivano compiendo i comunisti: fondere la considerazione sul fascismo primogenito con quella sui fascismi, fino a cercare di attingere una definizione del fascismo come sistema politico proprio di una certa fase dello sviluppo della societ borghese. Crediamo non vada sottovalutata, negli antifascisti non comunisti, la spinta che a tale slargamento del quadro deriv dallumiliazione di sentirsi rinfacciare che chez nous o mit uns (proprio
Rosselli, Socialismo liberale cit., pp. 187, 174, 168, 70. Ibid., pp. 167, 173. 91 Vedi, per tutti, il discorso da radio Barcellona del 13 novembre 1936, che lanci la formula oggi in Spagna, domani in Italia: Un secolo fa lItalia schiava taceva e fremeva sotto il tallone dellAustria, del Borbone, dei Savoia, dei preti (Rosselli, Scritti cit., pp. 166-72).
89 90

33

cos: anche mit uns!) un fenomeno dincivilt come il fascismo non sarebbe stato possibile:92 rinfaccio democratico che si mescolava (il danno e la beffa) alle lodi conservatrici per Mussolini baluardo dellOccidente contro il bolscevismo e, nella fervida fantasia di qualche baronetto inglese, novella incarnazione di Garibaldi.93 In che cosa consistesse, per Rosselli, la modernit mondiale del fascismo non compito di questo scritto riesporre. Possiamo solo ricordare quanto egli, senza tuttavia mostrare una reale conoscenza delle tesi sullimperialismo di Lenin, cui preferisce il De Man, insista sulla novit del capitalismo contemporaneo che rimprover (nel 1929)94 al marxismo di non pi comprendere, dato che lelemento essenziale non starebbe pi nella produzione, ma nella distribuzione e nella morale. Leclettismo culturale, favorito dalle ambizioni superatrici, e laffrettato desiderio di porsi in una posizione di punta sulla scena politica italiana o addirittura europea, offuscano in realt in Rosselli lintuizione storico-politica fondamentale, che finisce col venire argomentata in termini poco coerenti e persuasivi. In contraddittorio con Salvemini, egli afferma potersi parlare di sistema economico fascista, di tipo nuovo di struttura sociale, di nuova barbarie alleata con un tecnicismo forsennato.95 Ed nota la sua definizione dei fascismi come i pi perfetti regimi di massa della storia: con il che, come gi abbiamo fatto notare a proposito del Volpe, si coglieva del fascismo un aspetto reale, ma nello stesso tempo si distorceva in una interpretazione sostanzialmente moralistica e aristocratica che rischiava, fra laltro, di dimenticare proprio le critiche al Risorgimento come movimento di pochi. Secondo Rosselli la massa, in quanto massa, brutale, ignorante, impotente, femminile, preda di chi fa pi chiasso, di chi ha pi quattrini, di chi ha la forza e il successo [...]. Combattere i regimi di massa fascisti a forza di massa, tempo perso.96 Il senso della classe operaia come lite della rivoluzione liberale, mutuato da
Vedi, su questo punto, le testimonianze di Salvemini, Partigiani e fuorusciti cit.; L. Sturzo, LItalia e lordine internazionale, Torino 1946, pp. 67 sg.; M. Salvadori, Resistenza e azione, Bari 1951, pp. 26-28. 93 Ceva, LIstiluto Nazionale cit., p. 11, ricorda il generale Sir George White, amico di Churchill, che entusiasta di Garibaldi, percorreva la Sicilia segnando le tappe della campagna dei Mille; per lui Mussolini e Garibaldi erano una stessa cosa, e, purtroppo, non solo per lui. 94 Rosselli, Socialismo liberale cit., p. 110. 95 Cfr. Garosci, Appunti cit., p. 44. 96 Rosselli, La lezione della Sarre cit. Corollario di tale atteggiamento che il fascismo non si batte con il classismo (vedi, ad esempio, Classismo e antifascismo, articolo di fondo di Giustizia e Libert del 25 gennaio 1935).
92

34

Gobetti,97 non era sufficiente a riempire il vuoto cos prodotto e a far fronte ai compiti sempre pi pressanti posti dallespansione fascista nel mondo. Non era sufficiente sul piano della teoria e dellazione politica a lunga scadenza, perche la nobilt del comportamento di Rosselli, fino a che Mussolini e Ciano non lo fecero assassinare, non ha certo bisogno di essere difesa. Il secondo Risorgimento non rimase senza opposizione nellambito di Gl, e nel 1935 si svolse in proposito sul settimanale del movimento una discussione di notevole vivacit e interesse.98 Apr il fuoco Andrea Caffi il quale, portando alle estreme conseguenze la critica al Risorgimento, fallito fin dal nascere, che ha avuto per sbocco (tuttaltro che inaspettato) il fascismo, e attaccando con particolare veemenza il gretto e culturalmente improduttivo Mazzini, negava la convenienza dellantifascismo a rifarsi al Risorgimento, nel quale prevalgono elementi, ai quali i nostri avversari hanno pi ragione di attingere che non noialtri, sovversivi senza riguardi. In un successivo, pi elaborato, intervento Caffi chiariva che la questione si pone non sul piano della cultura storica, ma su quello della pratica: sullutilit, cio, per i rivoluzionari di oggi, di prendere come modello gli impacciati rivoluzionari di ieri. Con il che il carattere pragmatico del secondo Risorgimento era forzato fino a considerare la comprensione della verit storica totalmente irrilevante per lefficacia dellazione politica; ma, nello stesso tempo, veniva individuato un punto che, vedremo fra poco, avrebbe messo in sospetto, anche se con altra motivazione, anche i comunisti: parlare di secondo Risorgimento non significava distorcere lo sguardo dallavvenire al passato, non significava porre una (fosse pure parziale) restaurazione fra le finalit dellantifascismo italiano?. Il Risorgimento, insomma, non lo si poteva raddrizzare: era stato quello che era stato, una volta per tutte, moto per nulla popolare e guidato, a loro esclusivo vantaggio, da retrive oligarchie; e come si sarebbe potuto in buona fede negare che lItalia di Giolitti, che aveva partorito quella di Mussolini, era creatura del Risorgimento?
La classe operaia nella societ capitalistica la sola classe veramente rivoluzionaria: Rosselli, Socialismo liberale cit., p. 145. Ma, ibid., p. 203, ammoniva i socialisti italiani a decidersi: o attendere fatalisticamente che lItalia si trasformi in Inghilterra, o farsi rappresentanti di tutti gli italiani, e non dei soli, pochi, operai. 98 Andrea (Andrea Caffi), Appunti su Mazzini (29 marzo); Gianfranchi (Franco Venturi), Sul Risorgimento italiano (5 aprile); G. O. Griffith, Attorno a Mazzini (12 aprile); Luciano (Nicola Chiaromonte), Sul Risorgimento (19 aprile); Curzio (Carlo Rosselli), Discussione sul Risorgimento (26 aprile); Replica di Gianfranchi e Lettera di un uomo della strada (3 maggio); Andrea, Discussione sul Risorgimento, con Postilla di Luciano (10 maggio); U. Calosso, Palinodia mazziniana (24 maggio).
97

35

Il supporto ideologico dellatteggiamento di questa frazione di Gl fu esposto dallintervento di Nicola Chiaromonte, e consisteva in una violenta dissociazione del motivo della libert, trattato con sensibilit quasi anarchica, da quello della nazionalit, dando a questultimo un significato, ab antiquo, totalmente negativo, quello che, appunto, aveva irrimediabilmente compromesso il valore di civilt del Risorgimento. Chiaromonte sbeffeggiava, conseguentemente, sia Croce e la storiografia liberale, di cui vedeva, non a torto, una difesa nelle tesi raccomandate da Venturi, sia Marx per il suo principio della rivoluzione nazionale tappa della rivoluzione sociale. La posizione rosselliana, fu sostenuta dalluomo della strada, e poi da Rosselli stesso. Griffith, lautore di Mazzini profeta di una nuova Europa, si limit a difendere la nobilt del credo spirituale di Mazzini; e Calosso si prese il gusto di ritorcere laccusa di reazionarismo in pectore allantirisorgimentismo di Caffi e di Chiaromonte. Rosselli riconobbe anchegli che, pi che di un problema storiografico, si trattava di un problema del movimento rivoluzionario italiano; ma, appunto per questo, conveniente, si chiedeva, lasciare il monopolio del Risorgimento al fascismo? Egli rispondeva distinguendo due Risorgimenti: quello ufficiale, prima neoguelfo, poi sabaudo e sempre moderato, e quello popolare, in cui nazionalit e libert erano stati momenti inscindibili; di questultimo, sconfitto fra il 1859 e il 1860, lantifascismo aveva tutto il diritto e linteresse a presentarsi come vendicatore e continuatore. Ne era riprova la permanenza nel popolo italiano della tradizione risorgimentale democratica, come dimostrava, fra laltro, il grande successo ediloriale delle dispense della Storia del Risorgimento e dellUnit dItalia dello Spellanzon. La discussione su Gl mise in luce il facile scambio di posizioni (ad esempio, rispetto al popolo nel Risorgimento: era pi rivoluzionario rivendicarne la presenza, o darne per scontata lassenza?) e il rischio di astratti giochi dialettici nel maneggio di termini storiografici disancorati dalla loro base effettuale. Risultava comunque evidente che lantifascismo non poteva non fare i conti col Risorgimento, e che la difficolt consisteva nella elaborazione di una nuova sintesi, dopo quella liberale, fra dati (per la maggior parte dei quali non cera tuttavia, almeno per il momento, che da rifarsi alle ricerche degli storici tradizionali), nuove spinte politiche e nuove esigenze metodologiche.

36

5. I socialisti. I comunisti fra Gramsci e il cosiddetto Risorgimento

Anche il socialismo scese in campo su questo terreno. Le fortune del Risorgimento nel socialismo italiano erano state varie, e una indagine accurata su di esse servirebbe anche a chiarire quanto di veramente popolare cera nel mito del Risorgimento, e quanto invece di piccolo-borghese colto o semicolto. Schematizzando, pu dirsi che, alle origini, il movimento operaio italiano, proprio perch nasceva dalla delusa democrazia risorgimentale, dovette, per prendere coscienza della propria originalit, accentuare la polemica politica e ideologica contro di quella e contro i due Giuseppi che ne erano i pontefici massimi. Il maggior attaccamento alle tradizioni della sinistra risorgimentale rimase perci una caratteristica delle ali destre del movimento, quelle che meno riuscivano a sottrarsi a una posizione subalterna nei confronti della piccola borghesia democratica, e che erano conseguentemente inclini alla politica dei blocchi con massoni, liberi pensatori, mazziniani e garibaldini. Il Partito socialista italiano eredit da questa situazione una relativa indifferenza nei confronti del Risorgimento. Se si scorre, ad esempio, la Critica Sociale degli anni 1909, 1910, 1911 non si trova alcuno scritto che prenda posizione nei confronti del cinquantenario dei fatti conclusivi dellunificazione, se non due insignificanti articoletti, pur scritti da un membro della direzione del partito, e che, del resto, rientrano nella campagna per il suffragio universale.99 I giudizi che Marx ed Engels avevano dato sul processo di unificazione italiana100 non stimolarono la elaborazione della problematica che poteva scaturirne per il movimento operaio,

S. Cammareri Scurti, La mancata conquista inglese della Sicilia e lUnit dItalia, e La Sicilia e il suffragio universale (Dal cinquantenario dei Mille al suffragio universale), in Critica sociale, XX, 1910, pp. 117-19, 228 sg. 100 Su di essi, vedi E. Ragionieri, Il Risorgimento italiano nellopera di Marx ed Engels, in Societ, VII, 1951, pp. 54-94.
99

37

per quanto, nella nota lettera a Turati del 26 gennaio 1894,101 Engels enunciasse un giudizio destinato a divenir classico, e cio che la borghesia italiana non seppe n volle completare la sua vittoria, cosicch anche allItalia poteva applicarsi la tesi di Marx sui paesi che soffrono insieme dello sviluppo della produzione capitalistica e della mancanza di esso. La sostanziale accettazione dellalveo del regime parlamentare borghese per svolgere la propria specifica azione di classe, implicava naturalmente, per il partito socialista, il riconoscimento di certe strutture fondamentali dello Stato scaturito dal Risorgimento. Era un riconoscimento che sarebbe stato aspramente rinfacciato dai comunisti delle origini, pronti a vedere, come fece Rakovsky nella discussione sulla questione italiana al III congresso dellInternazionale comunista (giugno-luglio 1921), nei richiami che alle tradizioni del Risorgimento vi sarebbero stati nella Critica Sociale (cosa, abbiamo visto, da non prendere alla lettera), una manifestazione del socialpatriottismo e del riformismo di Turati.102 Ma era anche un riconoscimento che avrebbe fornito in seguito, unitamente a pi remote ispirazioni che potrebbero farsi risalire alle lodi del Manifesto verso lopera rivoluzionaria saputa svolgere dalla classe borghese, armi polemiche contro la borghesia italiana traditrice dei suoi stessi ideali, secondo uno schema che proprio Lenin enunciava fin dal 1915, in occasione dellentrata in guerra dellItalia:
LItalia democratica e rivoluzionaria, cio lItalia della rivoluzione borghese che si liberava dal giogo austriaco, lItalia del tempo di Garibaldi, si trasforma definitivamente davanti ai nostri occhi nellItalia che opprime altri popoli, che depreda la Turchia e lAustria, nellItalia di una borghesia brutale, sudicia, reazionaria in modo rivoltante, che allidea di essere ammessa alla spartizione del bottino, si sente venire lacquolina in bocca.103

Tocc a Gramsci compiere lo sforzo pi complesso di ripensare, in una nuova sintesi socialista, la pi recente storia dItalia. Questo sforzo si basava, obiettivamente, sulla maturit raggiunta dal movimento operaio italiano, che poteva infine riproporsi, senza complessi, il problema del suo rapporto col Risorgimento, sottraendosi alla posizione subalterna che era stata della sua ala destra, come pure al rifiuto polemico che aveva caratterizzato le sue
Vedila in appendice a Lenin, Sul movimento operaio italiano, Roma 1949, pp. 19597. 102 Cfr. La questione italiana al 3 congresso dellInternazionale comunista, Edizioni del Partito comunista dItalia, Roma 1921. Rakovsky era stato delegato del Comitato esecutivo dellInternazionale al congresso di Livorno. 103 Lenin, Imperialismo e socialismo in Italia, pubblicato sul Kommunist nellagosto 1915 (ora in Id., Sul movimento operaio italiano cit., p. 10).
101

38

correnti pi vivaci della sinistra. In Gramsci questa maturit si esprime col porre il problema dello Stato in generale, e di quello italiano, della sua origine e delle sue caratterizzazioni storiche, in particolare. Gramsci volle slargare la sua attenzione dagli sconfitti del Risorgimento a tutto lo Stato e alla sua classe dirigente, nelle cui caratteristiche soltanto, del resto, potevano esser pienamente colti i motivi di quella sconfitta. Proprio per questo, le fonti immediate di Gramsci, nelle sue considerazioni sulla storia dItalia, vanno ricercate non tanto nella tradizione socialista italiana (che, abbiamo ricordato, era stata poco sensibile allargomento), e tanto meno nelle querimonie degli epigoni del mazzinianesimo, ma nelle lite critiche che si erano formate nellinterno stesso della classe dirigente: Salvemini, i liberisti di sinistra e, in un rapporto di dare e avere, Gobetti.104 Gramsci innest alcuni risultati di quella critica nel suo marxismo riattivizzato dalle esperienze leniniste e della rivoluzione dOttobre: e ne deriv quel nuovo quadro dello Stato italiano su cui ancora impegnata la discussione di storici e di politici. Le prese di posizione del Partito comunista dItalia, che ricorderemo tra poco, fanno sorgere linterrogativo sulla circolazione e linfluenza che le idee elaborate in forma definitiva nei Quaderni del carcere ebbero nel partito della clandestinit e dellesilio. Si tratta di un problema dalle ampie implicazioni, e che il limitato angolo visuale di questo scritto pu solo sfiorare. Pubblicamente Gramsci aveva gi manifestato alcune sue tesi risorgimentali ai tempi dellOrdine Nuovo, riconoscendo, ad esempio, che la borghesia italiana stata lo strumento storico di un progresso generale della societ umana, ma che ormai, perso tale ruolo, sta affossando e disgregando la stessa nazione da lei creata, cosicch solo lo Stato proletario, la dittatura proletaria, pu oggi arrestare il processo di dissoluzione dellunit nazionale: tema, questo, che avr ampi e caratteristici sviluppi, innestandosi in quello della vera unit (non quella del regno sorto con un vizio di origine che lo rende incapace, nonch di risolvere, di sentire il problema del popolo), da realizzare finalmente con lalleanza degli operai del Nord e dei contadini del Sud.105 I socialisti delle varie correnti non sembra che approfondissero, nellesilio, questi suggerimenti, n che ne venissero stimolati a proprie originali riflessioni, il loro impegno politico-culturale essendo rivolto in altre direzioni. I socialisti non potendo, specie nei primi anni di esilio, non rimanere in
Su questo punto, vedi unosservazione proprio di Gobetti, in La Rivoluzione liberale cit., p. 129. 105 A. Gramsci, LOrdine nuovo, Torino 1954, pp. 276-78 (LUnit nazionale); pp. 32730 (Tradizione monarchica). Vedi anche, oltre vari spunti disseminati nel volume, il paragone fra Cavour e Giolitti, ritenuto irriverente per il primo (pp. 300 sg.).
104

39

qualche modo fedeli al proprio passato, furono frenati sulla via di quellintegrale riesame dei rapporti politici e di classe sviluppatisi in Italia dal Risorgimento in poi, sulla quale si erano messi sia i comunisti che Gl. I socialisti perci, proprio perch parte integrante del sistema politico prefascista e giolittiano, indugiarono a riconoscere nel fascismo un fenomeno che non fosse solo una parentesi nella normalit. Glielo rimproverava Rosselli;106 e, nellalternativa di polemiche e di collaborazione che caratterizz i rapporti fra socialisti (prima e dopo la riunificazione del 1930) e Gl,107 da parte socialista si univa alla critica del carattere generico e aclassista del socialismo di Gl anti-capitalismo da ceti medi, come lo defin Nenni 108 un certo fastidio per un atteggiamento che voleva sbarazzarsi con tanta irruenza di tutta una tradizione ancora cara, pur nello sforzo di rinnovamento, al socialismo italiano. Per quanto riguarda i comunisti, la grande svolta compiuta dopo lascesa di Hitler al potere, divide in due fasi, i cui rapporti di continuit e di rottura non sono di facile definizione, il loro atteggiamento anche di fronte al problema che stiamo esaminando: riprova, questa, di quanto esso sia legato alla evoluzione generale delle correnti antifasciste, per lesame delle quali costituisce un limilato, ma non impreciso, reattivo. Nelle Tesi del congresso di Lione (gennaio 1926)109 ricompare con grande evidenza largomento, cui gi abbiamo fatto cenno, del proletariato come unica forza unitaria dItalia, dato che la classe industriale non riesce a organizzare da sola la societ intiera e lo Stato. La costruzione di uno Stato nazionale si aggiunge , non le resa possibile che dallo sfruttamento di fattori di politica internazionale (cosiddetto Risorgimento). E Gramsci stesso, autore con Togliatti delle Tesi, che spinge qui a tal punto la critica dello Stato italiano da coinvolgervi, tout court, il Risorgimento: posizione di cui, nel contesto del pensiero di Gramsci, possibile precisare e chiarire il significato; ma che, nella polemica politica del partito fino agli anni della svolta, far del cosiddetto Risorgimento una espressione largamente e sprezzantemente usata. Partendo dalla premessa, gi implicita nelle Tesi di Lione (richiamantesi a quelle del V congresso mondiale sulla divisione di funzioni fra fascismo e democrazia), che la sola politica antifascista la politica comunista e che la lotta per abbattere il fascismo ed eliminarlo completa-

Vedi, ad esempio, Rosselli, Socialismo liberale cit., p. 186. Cfr., su questo punto, Arfe, Storia dellAvanti! cit., passim. 108 Cit. da Garosci, Storia dei fuorusciti cit., pp. 78 sg. 109 Vedile in Trentanni di vita e di lotte del Partito comunista italiano, Quaderno di Rinascita, n. 2, Roma (1952), pp. 93-103.
106 107

40

mente dalla vita politica italiana coincide con la lotta per la instaurazione dello Stato operaio in Italia,110 i comunisti conducono unaspra battaglia contro tutte le posizioni che sembrano prospettare lipotesi che il fascismo possa essere invece rovesciato da forze democratiche borghesi, con la conseguente restaurazione dello Stato parlamentare e democratico borghese. Cos, ad esempio, pi volte Lo Stato Operaio sente il bisogno di chiarire che la espressione rivoluzione popolare, contenuta nella risoluzione sulla situazione italiana approvata dal Praesidium dellInternazionale nel gennaio 1927, non pu venire intesa come parola dordine mirante ad accodare il Partito comunista a una rivoluzione antifascista democratico-borghese, ma solo come individuazione di una prima tappa, di un periodo di lotte aperte antifasciste e per la egemonia del proletariato.111 Tale atteggiamento fu rafforzato dalla convinzione, espressa dal decimo Plenum dellesecutivo dellInternazionale (nel 1929, quando ci fu la svolta in senso intransigente il socialfascismo che port allespulsione dal partito italiano di Tresso, Leonetti e Ravazzoli) che il lineamento fondamentale della situazione linizio di una nuova ondata di movimento rivoluzionario ascendente.112 Gli atteggiamenti neorisorgimentali dovevano necessariamente fare le spese di una tale politica, secondo la quale, va ancora ricordato tenendo presente che il bordighismo non fu eliminato dun colpo (Bordiga fu espulso solo nel 1930), il proletariato non deve rivendicare la conquista democratico-parlamentare.113 Fin dal primo numero di Lo Stato Operaio, nellEdiloriale gi citato, si polemizza infatti contro coloro che parlano della battaglia contro il fascismo nei termini di Mazzini e del liberalismo di tre quarti di secolo fa; e in un articolo dellanno successivo,114 sbozzate rapidamente le stentate vicende del cosiddetto Risorgimento, e ricordato che i tratti caratteristici del regime fascista non sono altro che lo sviluppo, logico e conseguente sino alle conseguenze estreme, di principi, di consuetudini e di stati di fatto i quali erano insiti nello stesso regime statutario, si concludeva affermando che lantifascismo liberale democratico e socialdemocratico non spezza il cerchio di questa politica. un momento di essa. una posizione di attesa e di riserva.

Editoriale del primo numero di Lo Stato Operaio, I, 1927. Vedi, ad esempio, lEditoriale, in Lo Stato Operaio, I, 1927, n. 4, e le Osservazioni sulla politica del nostro partito, ivi, II, 1928, p. 332. 112 Cfr. leditoriale La conquista della maggioranza, in Lo Stato Operaio, III, 1929, p. 465. 113 La riforma costituzionale, in Lo Stato Operaio, I, 1927, p. 1077. 114 Lo Statuto e la lotta per la libert, in Lo Stato Operaio, II, 1928, pp. 225-29.
110 111

41

Lattacco frontale contro il Risorgimento, vecchio e nuovo, doveva venir sferrato da Togliatti nel corso di un violento articolo contro Rosselli e Giustizia e Libert.115 Una prima presa di posizione nei confronti di Gl si era avuta nel numero precedente della rivista, con un articolo di Giorgio Amendola, riesponendo le tappe del cammino da lui e da altri compiuto dal gobettismo (si cita Risorgimento senza eroi) al Partito comunista dItalia, riconosceva che altri gobettiani erano invece passati a Gl, verso la quale egli usa un linguaggio un po meno aggressivo di quello di cui poco dopo si sarebbe servito Togliatti.116 Il quale, forsanche perch preoccupato di una certa forza di attrazione che Gl mostrava di esercitare sui comunisti che uscivano dal partito,117 tiene a considerare assurdo ogni parallelo fra Gobetti e Rosselli: luno povero, pensatore originale, rivoluzionario; laltro ricco, dilettante dappoco, revisionista ignorante del marxismo fino alla malafede. Lobiettivo politico principale dellarticolo espresso con chiarezza:
Giustizia e Libert scrive Togliatti rappresenta, in questa crisi, il tentativo pi vasto che sino ad oggi sia stato fatto dalla intellettualit piccolo-borghese e dalla piccola borghesia radicale per darsi una posizione politica autonoma, assumendo essa la direzione di tutto il movimento antifascista.

Contro tentativi di tal genere la replica dei comunisti non poteva mai essere troppo dura. Lideologia del nuovo Risorgimento vista da Togliatti come strumentale rispetto allambizione politica di Gl. Gi nellarticolo di commento ai Patti lateranensi Togliatti aveva parlato del Risorgimento e della Terza Italia come ideologia autonoma che la borghesia italiana aveva tentato di darsi, peraltro con meschini risultati.118 Ora scrive che
la dissoluzione del mito del Risorgimento nazionale uno dei risultati cui era gi arrivata la critica storica pi spregiudicata. Nella propaganda di Giustizia e Libert il mito viene restaurato in pieno, e nella sua forma pi pacchiana, nella stessa forma, del resto, in cui lo si trova, col
Ercoli, Sul movimento di Giustizia e Libert, in Lo Stato Operaio, V, 1931, pp. 463-73. 116 G. Amendola, Con il proletariato o contro il proletariato? (Discorrendo con gli intellettuali della mia generazione), in Lo Stato Operaio, V, 1931, pp. 309-18. 117 Cfr., su questo punto, Garosci, Storia dei fuorusciti cit., pp. 77-99. 118 Ercoli, Fine della questione romana, in Lo Stato Operaio, III, 1929, p. 128.
115

42

marchio di dottrina ufficiale, nei libri di Stato del fascismo per le scuole elementari. Il Risorgimento , per il piccolo-borghese italiano, come la fanfara militare per gli sfaccendati. Fascista o democratico, egli ha bisogno di sentirsela squillare agli orecchi, per credersi un eroe. Il Risorgimento italiano stato siamo tutti daccordo un movimento stentato, limitato, rachitico. Le masse popolari non vi partecipano. I suoi eroi sono figure mediocri di uomini politici di provincia, di intriganti di corte, di intellettuali in ritardo sui loro tempi, di uomini darme da oleografia. Ma tutto questo non stato un caso, tutto questo ha avuto una ragione.

E la ragione sta nel fatto che la borghesia italiana, non avendo voluto risolvere il problema della terra e della distruzione totale della feudalit, non pot essere conseguentemente rivoluzionaria per la paura che il suo potere venisse travolto prima ancora di essere saldamente instaurato. Ma appunto perci, prosegue Togliatti, assurdo pensare che vi sia un Risorgimento da riprendere, da finire, da fare di nuovo, e che questa sia il compito dellantifascismo democratico. Infatti, il capitalismo italiano ormai divenuto imperialismo, nata la moderna lotta di classe e i contadini si trovano di fronte proprio la borghesia risorgimentale, reazionaria oggi come ieri.
La tradizione del Risorgimento vive quindi nel fascismo, ed stata da esso sviluppata fino allestremo. Mazzini, se fosse vivo, plaudirebbe alle dottrine corporative, n ripudierebbe i discorsi di Mussolini su la funzione dellItalia nel mondo. La rivoluzione antifascista non potr essere che una rivoluzione contro il Risorgimento, contro la sua ideologia, contro la sua politica, contro la soluzione che esso ha dato al problema dellunit dello Stato e a tutti i problemi della vita nazionale. Le questioni che il Risorgimento, come rivoluzione borghese, non ha risolto, dovranno essere risolte contro la classe che fu protagonista del Risorgimento, dalla classe che oggi rivoluzionaria, dal proletariato [...]. I borghesi tengono curvi i contadini sotto il giogo del capitale. Le fantasie sul secondo Risorgimento sono fatte solo per nascondere questa realt.

Abbiamo riportato ampiamente larticolo di Togliatti non solo perch i suoi argomenti verranno ripresi in numerosi scritti di Lo Stato Operaio,119
Vedi, ad esempio, E.R., Il programma di Giustizia e Libert, in Lo Stato Operaio, VI, 1932, pp. 87-96; e, soprattutto, due articoli di R. Grieco, Il programma agrario di Giustizia e Libert, ivi, pp. 157-65, e Ancora sul programma agrario di Giustizia e Libert, dove, a p. 671, scrive: Ah, no, bastardi di Giuseppe Mazzini (definiti poco prima imbroglioni quanto il loro antenato)! Non lavete voluta e non lavete fatta nel 1848 una rivoluzione contadina, e oggi ve ne venite fuori con la riformetta.
119

43

ma perch, connesso al significato politico immediato cui sopra abbiamo fatto cenno, larticolo ne ha un altro che si presta a considerazioni pi generali. I comunisti si trovarono infatti di fronte a un problema analogo a quello che richiamava lattenzione di Rosselli: fondere la considerazione sul fascismo come fenomeno mondiale caratterizzato dalla dittatura terroristica aperta degli elementi pi reazionari, pi sciovinisti, pi imperialistici del capitale finanziario (secondo la nota definizione datane poi da Stalin nel 1933), con laltra sul fascismo legato a tutte le tare storiche di un paese ben individualizzato come lItalia. Era un problema di largo respiro legato alla struttura composita dellItalia (anello forte o anello debole?) e, in definitiva, a quella che sarebbe stata poi la controversia sulla via italiana al socialismo. I comunisti, in effetti, proprio mentre sembravano spingere alle pi drastiche conseguenze la tesi del Risorgimento fallito potevano (e possono) soltanto fino a un certo punto farla integralmente propria. Per quanto meschino e stentato, il Risorgimento non pu tuttavia non rimanere, marxisticamente, il processo storico che ha portato in Italia al potere la borghesia: borghesia asfittica, poco coerente, che non ha saputo legarsi i contadini eccetera, ma pur sempre borghesia.120 Non solo. Ma tale borghesia, sia pure alla retroguardia e col fiato grosso, ha seguito poi una linea di sviluppo sostanzialmente simile a quella delle altre borghesie, ed divenuta imperialistica come tutte le altre. Si tratta, anche qui, di un imperialismo sui generis, da straccioni, ma, contro tutte le altre proposte dinterpretazione del fascismo, sul carattere imperialistico del capitalismo italiano non vi possono essere dubbi, come scriveva Longo.121 E Togliatti, polemizzando con Salvemini, affermava che non la mania di grandezza o la buffoneria di Mussolini

Rivelatrice del complesso di borghesismo che affliggeva Gl di fronte ai comunisti e la risposta, Sulla questione agraria, comparsa nel n. 6, marzo 1933, dei Quaderni di Giustizia e Libert (pp. 75-78), in cui si offre il seguente sillogismo: chiunque si batte oggi per la rivoluzione contadina, a parte le differenze di dettaglio non pu, per definizione, essere borghese; Gl si batte per la rivoluzione contadina; dunque Gl non borghese. 120 Di qualche interesse, in questa direzione, la comunicazione presentata al X congresso internazionale di scienze storiche dalla sovietica Lina Misiano, Alcuni problemi di storia del Risorgimento italiano, Mosca 1955. 121 L. Gallo (Luigi Longo), Aspetti dellimperialismo italiano, in Lo Stato Operaio, VI, 1932, p. 147.

44

stavano alla radice della politica estera fascista, ma le basi obiettive dellimperialismo italiano, debole, ma non per questo non aggressivo. Togliatti ne prendeva spunto per unaltra spallata al Risorgimento:
Fa ridere scriveva sentir accennare qua e l a una politica estera del Risorgimento italiano che sarebbe stata qualcosa di grande, di generoso, idealistico, rettilineo. Per dirla con Marx, non vi stato nulla di pi sordido e pidocchioso della manovra diplomatica, durata pi di venti anni, attraverso la quale la dinastia dei Savoia riusc a trasformare il suo regno di Sardegna in regno dItalia.122

In un discorso di tal tipo, volto a mostrare di quali meschine lacrime grondasse il capitalismo italiano, il settarismo politico e lo schematismo ideologico erano mescolati a un forte senso della irripetibilit degli eventi storici (le occasioni, la storia, le presenta agli uomini e alle classi una volta sola) e a una intransigente affermazione della novit dei tempi imperialistici, destinati a sfociare nella instaurazione della dittatura del proletariato nella Repubblica mondiale dei Soviet, con totale eversione non solo delle strutture economiche capitalistiche, ma anche delle forme politiche della democrazia borghese-parlamentare: nella totale sotituzione, insomma, di una civilt a unaltra. Pi pensoso della complessit del nodo storico dellItalia moderna, il Gramsci dei Quaderni del carcere tratto a non scavare abissi tra lieri e loggi. Gramsci volle far quadrare lesperienza del Nord, dove gli operai si trovano di fronte una borghesia con caratteri ormai abbastanza analoghi a quelli della borghesia occidentale, con lesperienza meridionale dei contadini rimasti vittime anche della insufficiente rivoluzione borghese. Gramsci, insomma, tent di cogliere lindividualit italiana in questa coesistenza, nellambito di uno stesso Stato, di un anello forte e di un anello debole. Va addebitato alluso superficiale delle tesi gramsciane, nonch a certe caratteristiche, che non possiamo qui esaminare, dellazione del Pci nel dopoguerra, la conseguenza, assai semplicistica da un punto di vista marxista, che alcuni sembra abbiano voluto trarne: e cio che il rimprovero principale da muovere alla borghesia italiana sarebbe stato di essere borghesemente poco coerente. No, avrebbe risposto Lo Stato Operaio: ci che si deve, senza rimpianti, rimproverare alla borghesia italiana (se avessero un senso rimproveri di tal fatta) di essere, puramente e semplicemente, borghesia. nella rigidezza di questa posizione che va intesa la denuncia del cosiddetto Risorgimento come tentativo
122

Ercoli, Per comprendere la politica estera del fascismo italiano, in Lo Stato Operaio, VII, 1933, pp. 270-76.

45

dindividualizzare il giudizio sul fascismo italiano, senza per cedere alle lusinghe della democrazia borghese. La tesi generale sulla stabilizzazione relativa del capitalismo era stata applicata allItalia affermando che il fascismo era il tentativo di stabilizzazione di un paese a economia prevalentemente agricola, sprovvisto di materie prime e di mercati esterni e di un largo mercato di consumo interno.123 E, nelle Osservazioni al Progetto di programma della Internazionale Comunista presentate alla Commissione del programma del VI congresso mondiale dalla delegazione del Partito Comunista dItalia (1928), si criticava luso troppo generico del termine fascismo, sostenendo che vi sono forme di reazione aperta che non possono a quello assimilarsi. Il fascismo sarebbe infatti caratterizzato dalla debolezza capitalistica del paese e dalla possibilit di approfittare di uno spostamento e di un movimento di masse della piccola borghesia rurale e urbana.124 Sono le tesi che Togliatti riprender e svilupper, ricollegandole a vari motivi gramsciani sul Risorgimento e sullo Stato da esso scaturito, nel saggio A proposito del fascismo, scritto anchesso in occasione del VI congresso dellInternazionale.125 Alle soglie poi della svolta del 1933-35, Grieco scriver un interessante articolo126 di contrappunto al dibattito che si sviluppava fra i fautori, soprattutto giellisti, del secondo Risorgimento, ricordando che non poteva avere senso sperare in una rivincita dei principi giusti che nel Risorgimento avevano avuto la peggio di fronte a quelli falsi. Grieco riprendeva alcune delle critiche rivolte da Gramsci al Partito dAzione, rimproverava a Garibaldi, che nel 1860 avrebbe potuto diventare il Washington italiano, di essersi invece impigliato in una diplomazia di bassa lega e, ribadendo che i problemi non risolti dal Risorgimento potevano ormai esserlo solo nel nuoCos nelle Tesi presentate dal Comitato centrale alla II conferenza del Partito Comunista dItalia (La situazione italiana e i compiti del partito), in Lo Stato Operaio, II, 1928, p. 127. 124 Ibid., pp. 478-80. 125 Ripubblicato in Societ, VIII, 1952, pp. 591-613, accompagnato da una breve nota in cui Togliatti, ricordando che larticolo era nato per combattere sia la negazione socialdemocratica dellidentit fascismo-capitalismo, sia le tendenze comuniste a chiamare fascismo ogni forma di reazione dimenticando le caratteristiche del fascismo tipo, quello italiano, concludeva che il dibattito sulla natura del fascismo era poi stato risolto da Stalin con la definizione gi da noi ricordata (la quale sembra, invece, ricadere proprio nellappiattimento che Togliatti volle criticare nel 1928). 126 R. Grieco, Centralismo e federalismo nella rivoluzione italiana, in Lo Stato Operaio, VII, 1933, pp. 424-22. Cfr. anche un successivo articolo di Longo: L. Gallo, Centralismo, federalismo e autonomia, in Lo Stato Operaio, pp. 647-61.
123

46

vo quadro di classe, affermava con orgoglio che lintroduzione al programma dei comunisti italiani la storia dItalia. Subito dopo chiariva molto bene la differenza fra la continuit rivendicata dai comunisti e quella di cui si faceva invece banditore lantifascismo borghese: Il partito del proletariato rivoluzionario italiano non il continuatore di nessun partito storico, ma solo del movimento politico del proletariato, dal momento in cui questo sorto dalla nuova classe rivoluzionaria. Con il che, tuttavia, insieme alla tradizione dei partiti politici italiani si rischiava anche di espungere dal socialismo ogni tradizione di pensiero democratico, pur nei limiti, certo modesti, in cui esso si era manifestato in Italia. La svolta operata dopo il 1933, e sanzionata dal VII congresso della Internazionale (1935), evento di troppo vasta portata nellintero comunismo mondiale per poter essere valutato adeguatamente in questa sede. La necessit di far fronte a Hitler e alla minaccia di guerra che scaturiva dalla sua ascesa al potere spinge lUrss e i comunisti a uscire dallo splendido isolamento fino ad allora mantenuto. Essi, si convincono che, nella lotta contro il fascismo mondiale (la Francia, nel febbraio 1934, era apparsa anchessa sullorlo dellabisso), il proletariato (e lUrss sul piano diplomatico) non pu fare da s, ma ha bisogno di alleanze che, ormai, in grado di sollecitare senza tema di restarne inquinato, poich ha alla sua testa un partito e uno Stato per definizione incorruttibili, quali appunto sono il Partito comunista e lUnione Sovietica. vero, le tesi sul fronte unico erano state approvate fin dal 1921 dal Comitato esecutivo dellInternazionale, e nel congresso di Lione del PCdI il tema era stato ampiamente sviluppato. Ma proprio a Lione si era chiarito che la tattica del fronte unico mirava a unificare il proletariato sulle posizioni comuniste; tanto che essa, come azione politica, veniva definita manovra volta a smascherare i dirigenti di partiti e gruppi sedicenti rivoluzionari, per strappare loro la base, alla quale, quindi, direttamente ci si rivolgeva. Con la tattica dei fronti popolari, inaugurati concretamente in Francia, ci si sposta invece su un altro piano: si cerca laccordo di vertice con partiti e movimenti non comunisti, in quanto tali. caratteristica, al riguardo, la polemica sulla unit organica, svoltasi coi socialisti: nel 1932 Grieco spiegava che la tattica del fronte unico consisteva nello stabilire lunit di lotta con qualsivoglia organizzazione o gruppo di proletari disposto a battersi per una rivendicazione di classe, quale che sia.127 Nei programmi di unit antifascista seguiti alla svolta, i comunisti, invece, tennero proprio a escludere le precise rivendicazioni di classe, e perci contrastarono la tendenza sociaR. Grieco, Per il fronte unico proletario di lotta, in Lo Stato Operaio, VI, 1932, p. 749.
127

47

lista a vedere nel riaccostamento dei due partiti lavvio alla unit organica della classe operaia.128 Cera, in questo atteggiamento comunista, il desiderio di sfruttare fino in fondo la nuova tattica (che si rivolger infatti sempre pi anche a gruppi e partiti per nulla proletari e a tutti gli uomini semplici e di buona volont), senza tuttavia rinunciare completamente allantica, conservando intatto il nucleo comunista come unica lite dirigente dellintero gruppo di alleati.129 Insomma: verso lesterno apertura, larghezza e duttilit, fino al pi spicciolo realismo; allinterno, ferma preservazione del carattere accentrato e burocratico del partito, che sembrava condizione indispensabile per affrontare senza rischi questa ed eventualmente altre svolte, a prescindere dal loro contenuto. Altro, naturalmente, dovrebbe essere il discorso sui risultati che, al di l delle iniziali intenzioni dei gruppi dirigenti, furono provocati dalla svolta nella composizione e nella natura dei partiti comunisti, quello italiano in particolare. La svolta, infatti, secondo il costume comunista, fu subito ideologizzata, e da espediente tattico e diplomatico, sia pur di vasta portata, suggerito da una situazione di emergenza, tese sempre pi a trasformarsi in piattaforma programmatica di quello che fu poi detto il partito nuovo, ritenuto senzaltro tale da molti arrivati al comunismo durante e subito dopo la Resistenza. La doppia anima del Partito comunista italiano, e la equivoca formulazione della via italiana al socialismo hanno la loro origine in questo carattere ambiguo della svolta, che, non va dimenticato, si comp in concomitanza con i definitivi giri di vite della dittatura personale di Stalin. Latteggiamento comunista verso il Risorgimento (e chiudiamo cos la digressione, necessaria tuttavia per dare un senso a quanto ora diremo) risent subito del mutamento avvenuto nella direzione politica e di quella che sopra abbiamo chiamato la sua ideologizzazione. Innanzi tutto, non poteva venir mantenuto, nemmeno sul piano ideologico, il totale e sprezzante ostra128 Vedi al riguardo (Lo Stato Operaio, VIII, 1934, pp. 570-80) le due Dichiarazioni, del Psi e del Pci, allegate al patto daccordo (il primo) del 17 agosto 1934, e larticolo di commento di Grieco che, pur nel titolo, Per lorganizzazione del fronte unico, tende a rivendicare la continuit della politica comunista (pari tentativi facevano i socialisti: ma evidente che sia luno che laltro partito, nel realizzare lunit di azione, operarono una svolta). Cfr., su tutta la discussione, Arf, Storia dellAvanti! cit., pp. 10920. 129 Scriveva Togliatti, in piena svolta, che la sola garanzia reale della vittoria della classe operaia sulla borghesia, in tutti i momenti della lotta e particolarmente nei momenti supremi, il fatto che esista un partito bolscevico e che questo partito non rinunci mai alla sua funzione di direzione e alla sua iniziativa rivoluzionaria (Ercoli, Problemi del fronte unico, in Lo Stato Operaio, IX, 1935, p. 510).

48

cismo contro quei gruppi antifascisti non comunisti di cui ormai si sollecitava la collaborazione: non si poteva pi parlare, rivolgendosi al Psi, di socialfascismo;130 non si poteva continuare a insultare i democratici borghesi sensibili a certi movimenti risorgimentali, ma bisognava scendere a pi sottili distinzioni. Lobiettivo politico immediato della lotta contro il cosiddetto Risorgimento veniva in tal modo a cadere. Si doveva inoltre necessariamente ridar fiducia a motivi popolari e popolareschi ritenuti idonei a commuovere le masse; e Garibaldi si sarebbe trovato, fra questi, in prima fila. Ma, accanto a queste manifestazioni tattiche per le quali la intransigenza settaria sembrava cedesse il posto solo a improvvisazioni e confusionarismo, quasi che lapertura politica dovesse essere scontata con una perdita di chiarezza intellettuale, il nuovo atteggiamento, almeno in chi veramente lo sent come tale, si sarebbe dimostrato capace di meglio riprendere certi temi cari al pensiero di Gramsci. Il lunghissimo appello lanciato nel 1935 dal Comitato centrale del partito contro la guerra di Etiopia, Salviamo il nostro paese dalla catastrofe!,131 che pur finiva ancora con le parole Viva lItalia proletaria! LItalia Sovietica!, fu una delle prime ufficiali manifestazioni del nuovo corso.
Tutto ci che vi fu di progressivo, di rivoluzionario affermava lappello nelle lotte del secolo scorso e di questo secolo, appartiene al proletariato, nostro! Noi continuiamo le lotte dei nostri nonni, proseguite dai nostri padri, contro gli oppressori dItalia, per le libert popolari, per il benessere delle masse lavoratrici.

Seguiva la consueta diagnosi sulla borghesia italiana mai stata rivoluzionaria e sulla classe operaia unica capace di fare ci che quella non aveva fatto; ma, contro il fascismo nato dalle forze che avevano soffocato la rivoluzione popolare del Risorgimento, si rivendicava per s leredit di quella rivoluzione, operando cos una distinzione che apriva la porta al reingresso del Risorgimento (o meglio, di una delle facce di esso) fra i beni del patrimonio socialista: La bandiera che passa dalle mani di Pisacane e di Garibaldi a quelle di Andrea Costa e dei pionieri del movimento socialista, e, oggi, nelle mani del partito comunista. Il manifesto, che si rivolgeva a comunisti, socialisti, massimalisti, repubblicani, anarchici, cattolici e fascisti, trovava il suo suggello nel lancio di quella politica di riconciliazione del popolo italiano, di fascisti e non fascisti, che doveva spingersi, senza che fosse pi
130 Nella ricordata Dichiarazione del Psi annessa al patto del 1934, si diceva appunto che, con il patto, il Pci mostrava di aver ripudiato la teoria del socialfascismo. 131 In Lo Stato Operaio, IX, 1935, pp. 241-60.

49

possibile distinguere la spregiudicatezza dalla ingenuit o dallopportunismo, fino a rivendicare il programma fascista del 1919 come programma di libert.132 Che la nuova posizione riportasse alla ribalta il problema del Carattere internazionale della rivoluzione proletaria e le particolarit nazionali, mostrato dallarticolo che con questo titolo, e a commento dellappello del 1935, fu scritto da Ruggero Grieco,133 che appare fra i dirigenti comunisti pi impegnati a dare una base culturale alle posizioni del partito. Grieco che, nel gi ricordato scritto attorno al Patto daccordo coi socialisti del 1934, aveva con sincera enfasi scritto: Diffondiamo fra le masse lavoratrici il pathos della patria socialista [...] Oggi la Unione dei Soviet e la Repubblica Sovietica cinese sono la nostra patria. Grande fatto per il proletariato del mondo intero, quello di avere finalmente una patria, si sforza di far quadrare questo atteggiamento con la rivendicazione del carattere nazionale del Partito comunista italiano. Egli concede ai polemisti di Gl che nellAppello c del nuovo: ma non, come essi credono, un nuovo meramente tattico, bens lorganico sviluppo di quellinsegnamento di Gramsci che il partito non aveva ancora saputo mettere bene a frutto. Del resto, non aveva gi Engels, nella sua lettera a Giovanni Bovio del 14 aprile 1872, osservato che nel movimento della classe operaia [...] le vere idee nazionali, cio corrispondenti ai fatti economici, industriali e agricoli che reggono la rispettiva nazione, sono sempre nello stesso tempo le vere idee internazionali? Noi possiamo dunque concludeva Grieco giustamente richiamarci alla tradizione rivoluzionaria del Risorgimento nazionale, cio alla tradizione delle lotte popolari per la libert: e questa continuit in Italia pi intima che nei paesi capitalisticamente pi avanzati, proprio per il rachitismo delle soluzioni risorgimentali; n possibile confondere questa posizione comunista con il filisteismo dei socialisti nazionali piccoli borghesi. A questo motivo di rivalutazione della pur sconfitta democrazia risorgimentale si aggiunge, da parte, ad esempio, di Emilio Sereni,134 laltro di difesa addirittura dello Stato liberale e borghese in quanto tale: con il che da una parte si estendeva la tattica delle alleanze fino alle ali destre della borghesia, dallaltra si poteva riprendere il motivo del riconoscimento, marxisticamente indispensabile, di un qualche sviluppo borghese italiano. Ed
132 Vedi lappello Per la salvezza dellItalia, riconciliazione del popolo italiano!, pubblicato come editoriale del numero di agosto 1936 di Lo Stato Operaio. Contro questo diciannovismo ritardatario, vedi le reazioni dei socialisti in Arf, Storia dellAvanti! cit., pp. 244 sgg. 133 In Lo Stato Operaio, IX, 1935, pp. 404-16. 134 E. Sereni, XX Settembre, in Lo Stato Operaio, X, 1936, pp. 588-92.

50

sintomatico che a questo tema si dimostrasse sensibile proprio chi, come Sereni, si dedicava allo studio del capitalismo nelle campagne italiane, cio dei reali, se pur particolarmente contraddittori, effetti borghesi del Risorgimento, e non di quelli mancati. Perci Sereni, rivendicando il valore del XX settembre come momento in cui la classe dirigente italiana compie finalmente un atto di significato europeo e mondiale, pu affermare che, nonostante tutta la sua incompletezza e incoerenza, il Risorgimento rimane un fatto obiettivamente rivoluzionario, avendo creato in Italia lo Stato moderno, borghese, sintende, ma unitario, indipendente, laico, costituzionale, autonomo (nel senso dello Spaventa): quello Stato che il fascismo aveva dovuto, per disfrenare tutta la sua carica reazionaria, distruggere, e che compito di tutti gli italiani che non rinnegano e non arrossiscono delle lotte dei loro padri, rivendicare. La guerra di Spagna doveva essere loccasione della glorieuse rentre di Garibaldi nel mondo del comunismo italiano e internazionale. Il nome di Brigate Garibaldi nacque in Spagna; e durante quel periodo la stampa comunista (e non solo comunista) piena di richiami alleroe dei due mondi. La politica del fascismo in Spagna, scriveva Dimitrov, in stridente contrasto con le tradizioni democratiche e rivoluzionarie che si incarnano nella immortale figura di Garibaldi, eroe del popolo italiano, e sono patrimonio inalienabile del popolo italiano.135 Dovunque si rammenta la libert, il nome di Garibaldi le tien dietro quasi eco di quella: queste parole del Guerrazzi furono da Giuseppe Berti poste come epigrafe in testa al primo di due suoi articoli dedicati a Garibaldi.136 Berti ripeteva ancora una volta che se i comunisti parlano di Risorgimento ci non significa che essi pensino ci sia in Italia una rivoluzione democratico-borghese da compiere. Questo pu crederlo Gl quando pretende di porsi alla testa di tutto lantifascismo, mentre invece, come ammoniva in quel torno di tempo Montagnana, meglio farebbe a dedicarsi, pi modestamente, ma pi utilmente, a organizzare le frazioni antifasciste della media e piccola borghesia.137 Berti rivendica la continuit del primo socialismo italiano con il garibaldinismo, che, proprio per questo, solo in parte pu considerarsi sconfitto; e rivaluta il significato rivoluzionario di Garibaldi, in virt certo dellistinto e non della teoria rivoluzionaria: ma fra il buon
135 Vedi il saluto inviato alla rivista per il suo decimo anniversario, in Lo Stato Operaio, XI, 1937, p. 188. 136 Jacopo, Garibaldi nella rivoluzione nazionale italiana, in Lo Stato Operaio, X, 1936, pp. 599-609; G. Berti, Lattualit di Garibaldi, ivi, XI, 1937, pp. 386-99. 137 M. Montagnana, Franche parole a Giustizia e Libert, in Lo Stato Operaio, XI, 1937, pp. 379-85.

51

istinto e la cattiva teoria, caratteristica di Mazzini, la scelta deve essere tutta a favore del primo. Caratteristico il rimprovero che Berti muove a Garibaldi: non quello dellascetico e settario Mazzini, di essersi messo daccordo con la monarchia, bens laltro di non aver saputo, in quellincontro, essere il pi forte, mantenendo in mani democratiche la direzione del fronte unico delle forze nazionali. Insomma, Garibaldi aveva avuto il merito di essere unitario, ma il demerito di essersi fatto rimorchiare dagli alleati, anzich rimorchiarli. La riscoperta di un filone democratico del pensiero politico italiano diveniva una delle conseguenze del nuovo corso: e ancora Berti vi si sarebbe dedicato con impegno qualche anno dopo, in America, durante la guerra.138 Avrebbe allora espresso giudizi pi equanimi su Mazzini, facendo sue le belle parole di Cattaneo: Reputava vittorie anche i disastri, purch si combattesse; e avrebbe invitato a non limitarsi a ripetere allinfinito i giudizi di Marx ed Engels sui democratici italiani del Risorgimento, i quali, poi, non furono tutti trasformistizzati, che altrimenti fra Garibaldi e Mazzini da una parte e Crispi e Nicotera dallaltra non ci sarebbe differenza. Contemporaneamente, Berti avrebbe riaffermato con vigore lirriducibilit fra democrazia e liberalismo e, a maggior ragione, tra democrazia e liberalismo italiano, che era stato nulla pi di un moderatismo e di un cattolicesimo non sanfedista, nato e sviluppatosi come reazione allilluminismo, alla democrazia e al socialismo assai pi che come lotta contro lassolutismo e i residui feudali, e perci legittimo antecedente del fascismo. La parziale assoluzione che, sul terreno strutturale, il marxismo doveva concedere alla borghesia italiana non poteva infatti minimamente estendersi allazione e al pensiero politico dei moderati. La rivalutazione dellilluminismo fu in effetti, ed ben noto, comune a molti pensatori politici dellantifascismo; e vogliamo qui ricordare come, quasi contemporaneamente a Berti, e pur partendo da altre premesse, Leone Ginzburg, nel saggio citato allinizio di questo scritto, spezzasse una intelligente lancia a favore del Settecento, e non per ci che esso anticipa dellOttocento, ma proprio per ci che ebbe di peculiare: fu progressivo in Italia, scriveva Ginzburg, quel romanticismo che seppe continuare anche la tradizione dellilluminismo. Gioberti in particolare faceva, sia in Berti che in Ginzburg, le spese di una tale impostazione; ma Berti, preoccupato di
Materiali in preparazione del centenario di Antonio Labriola, saggio comparso anonimo, in pi puntate, sullo Stato Operaio del 1942. Va tenuto presente che la serie americana della rivista (primo numero: 15 marzo 1940, anno uno, senza aggiungere nuova serie) fu pubblicata da Berti per iniziativa personale, e quindi non ha pi carattere ufficiale.
138

52

salvaguardare da ogni infiltrazione liberale la via democratica al socialismo, si spingeva fino a travolgere anche Gobetti in un giudizio stroncatorio, che fa pendant con quello di Omodeo. Gobetti, simbolo del disorientamento della giovent intellettuale del dopoguerra, aveva avuto, secondo Berti, proprio lassurda pretesa di trovare gli antenati del movimento operaio e del comunismo non gi nella democrazia (di fronte alla quale egli aveva tutti i pregiudizi insegnatigli dalla reazione crociana), ma nel liberalismo: in concreto, nelle vecchie cariatidi (Cavour non escluso) che costituivano la classe dirigente piemontese. Vedete un po commentava Berti che antenati Gobetti regalava alla classe operaia!. Berti, diversamente dal Togliatti del 1931, riconosceva la filiazione di Gl da Gobetti, e ne traeva motivo di ulteriore condanna per lautore della Rivoluzione liberale. Errore dei comunisti era stato quello di non sottoporre a critica radicale le idee di Gobetti, limitandosi a cercare di attrarre alla classe operaia i giovani da quello influenzati: ma un militante della classe operaia pu imparare da Gobetti solo nella misura in cui riesce a capire la gravit degli errori in cui cadde. Fra il patto tedesco-sovietico del 1939 e lattacco di Hitler allUrss corre uno dei periodi pi travagliati e confusi della storia dei partiti comunisti occidentali. Lelaborazione ideologica, che aveva sempre voluto accompagnare con baldanza tutte le svolte, in quei due anni si fa incerta e segna il passo, racchiusa in un arco che ha al suo inizio la tesi (echeggiante le vecchie posizioni leniniste del 1914-18) che si tratta di guerra meramente interimperialistica, e al suo termine laltra, che laggressione allUrss ne ha modificato la natura, trasformandola nella pi giusta di tutte le guerre.139 Il Partito comunista italiano, nelle testimonianze che abbiamo potuto esaminare ai fini della nostra ricerca, partecipa di questa incertezza, pur non deflettendo dalla opposizione di principio al fascismo. Si ha limpressione che certi motivi vengano come tenuti in caldo, in attesa di tempi migliori: ad esempio, quello del vassallaggio di fronte allimperialismo tedesco, che d sempre motivo a citazioni di Garibaldi e degli altri padri del Risorgimento; o laltro dellindipendenza della Grecia, per cui morirono Santorre di Santarosa e i garibaldini italiani; o perfino quello, alla vigilia ormai del giugno 1941, della tradizionale amicizia con lInghilterra, che ci aveva aiutati nel Risorgimento e aveva data generosa ospitalit a Garibaldi e a Mazzini.140

Vedi, ad esempio, leditoriale La disfatta dellhitlerismo liberer lItalia e assicurer il suo avvenire, che commenta laggressione allUrss, in Lo Stato Operaio, I, 1941, pp. 89-96. 140 Vedi ad esempio, lAppello del Comitato centrale del Pci del 16 maggio 1941: Lo Stato Operaio, I, 1941, pp. 103 sg.
139

53

Erano discorsi doccasione. Ma fra il 1941 e il 1943 passarono due anni che permisero al Partito comunista italiano di presentarsi allinizio della Resistenza senza dover rimettere in discussione la parentesi 1939-41, e ricollegandosi direttamente a quanto in tutti gli anni antecedenti esso era venuto elaborando.

54

6. Il Risorgimento e i giovani del ventennio

Le opinioni che abbiamo finora esaminato sono opinioni di vertice, elaborate fra le ristrette lite antifasciste rimaste in patria e, soprattutto, fra i fuorusciti. Ma la Resistenza non scatur dal solo fuoruscitismo, bens dallincontro di esso con gli italiani che mai avevano varcato i confini e che, pure, non giunsero impreparati all8 settembre del 1943. Altro discorso sarebbe dunque da fare sulle reazioni e sui fermenti che laccaparramento fascista di tutta la storia dItalia suscit fra i giovani nati sotto il fascismo e privi, fino al 1943, di contatti con lantifascismo politicamente organizzato. Sarebbe un discorso da inquadrare in quello pi ampio su di una generazione che, quasi da sola, seppe costruirsi, usando i materiali pi disparati, una coscienza politica e culturale antifascista. Si possono, fra tali materiali, rinvenirne di risorgimentali? indubbio che il Risorgimento abbia agito in molti casi come mito conformista, provinciale e piccolo-borghese, elemento passivamente accolto nella formazione del cittadino disciplinato e rispettoso di una immagine oleografica della Patria. Ricordiamo che i programmi dinsegnamento della storia nelle scuole medie, elaborati nel 1936 da De Vecchi di Val Cismon,141 prescrivevano che
il massimo rilievo deve essere dato in ogni ordine di scuole al processo formativo dello Stato unitario italiano che confluisce nel Fascismo, alla funzione esercitata dalla dinastia Sabauda dal suo primo orientamento verso lItalia allazione decisiva che essa svolse durante il Risorgimento e nella pi recente vita italiana. E il Risorgimento venga presentato non quale materiale conseguenza di sia pur grandi eventi stranieri ma come fenomeno schiettamente italiano le cui origini risalgono ai primordi del secolo XVIII.

141

Avvertenze generali per linsegnamento, annesse al R.D. 7 maggio 1936, n. 762.

55

Un Risorgimento siffatto, cui poco interessavano le pi sottili distinzioni di un Volpe, entrava bene nel gran calderone monarconazionalfascista: e un uomo sensibile ai problemi educativi come Aldo Capitini ha ricordato di recente le gravi responsabilit del patriottismo scolastico, della esaltazione del Risorgimento italiano e degli stimoli della letteratura nazionale dal Foscolo al Carducci e al DAnnunzio.142 Tuttavia, per quanto il discorso su tale terreno sia difficile, per la quasi completa mancanza di testimonianze esplicite, una pi dignitosa tradizione nellinsegnamento della storia fu mantenuta da alcuni docenti; e limmagine di un Risorgimento un po allantica, ma nobilmente ravvolto nei suoi pur logori panni liberali, forn senza dubbio qualche germe di potenziale resistenza alla pressione fascista.143 La stessa presentazione della guerra 1915-18 come ultima del Risorgimento poteva offrire uno stimolo, per chi era in grado di ricordarne o di apprenderne la realt, a porsi, non fosse altro, la domanda se essa fosse stata veramente dichiarata, combattuta e vinta da Mussolini. I tentativi, anche se presto falliti, di organizzare associazioni di ex combattenti non fascisti (come, ad esempio LItalia Libera)144 avevano giovato in questa direzione; e anche giov il gi ricordato libro dellOmodeo, che raccoglieva le lettere degli ufficiali combattenti, cercando di ricostruirne unumanit pi ricca e contraddittoria di quella canonizzata e oleografica. Sia, dunque, per derivazione diretta dagli ultimi fili della tradizione prefascista, attraverso fortunati incontri nella scuola o, per alcune lite, attraverso pi diretti e precisi canali,145 sia per spontanea reazione alla grossolanit dellinsegnamento fascista, nacque in alcuni giovani la spinta a riscoprire un Risorgimento pi schietto, come uno dei punti sui quali far leva per trarsi dalle secche fasciste. Influ su questo atteggiamento il fastidio per il bolso romanesimo del regime: non di Cesare si desiderava infatti sentirsi figli, ma di quegli uomini che, cento anni prima, avevano tentato di fare dellItalia un paese moderno e civile.146
Cfr. supra, nota 12. In una delle Autobiografie di giovani del tempo fascista, pubblicate a Brescia nel 1947 a cura della rivista cattolica Humanitas, G.C. parla ad esempio (pp. 9 sg.) del carattere risorgimentale che ancora informava ai suoi tempi (17 anni nel 1935) la scuola elementare e media: idee di libert e di nazionalit, sensi romantici, filofrancesismo e antitedeschismo. 144 Cfr. Gavagnin, Ventanni di resistenza cit., pp. 157, 182-85; e Garosci, Storia dei fuorusciti cit., pp. 271 sg. 145 Vedi, ad esempio, il saggio di Solari, Aldo Mautino cit. 146 Ricordiamo un interessante articolo, con accenni autobiografici, di G. Levi, La scuola fascista e la giovent, in Lo Stato Operaio, II, 1942, pp. 207-11. Noi non ci van142 143

56

Di fronte al nazionalismo fascista, sorgeva la esigenza di riporsi il problema dei rapporti fra nazionalit e libert, andando a verificare cosa avevano davvero pensato al riguardo gli uomini del Risorgimento, soprattutto Mazzini, che i fascisti facevano di tutto per tirare dalla loro. Di tradimento di Mazzini avrebbe allora parlato chi, come ad esempio il Capitini cos poco tenero verso il Risorgimento patriottardo, vedeva nel genovese colui che invano aveva riproposto ai distratti italiani il problema della riforma religiosa, nella cui mancanza tutta una tradizione individuava una delle tare dellItalia moderna.147 Dal Risorgimento provinciale, cui era stata assegnata da De Vecchi come termine a quo limpresa di Pietro Micca, si veniva respinti, con laiuto dei migliori studiosi non clandestini come, oltre lOmodeo, il Maturi,148 al Risorgimento che aveva significato il reingresso dellItalia nel circolo della vita culturale, politica ed economica dEuropa. Un Risorgimento, insomma, che poco quadrava con il fascismo autarchico e corporativo. La pubblicazione da parte di Giaime Pintor del Saggio sulla rivoluzione di Pisacane venne poi a ricordare lesistenza di un Risorgimento dichiaratamente eretico: Pintor reintroduceva la tematica della rivoluzione italiana, del socialismo, della ribellione ai miti borghesi, del marxismo; e nel fallimento pratico di Pisacane e dei mazziniani denunciava pericoli che provavano la loro realt di fronte allItalia unita.149 Nellultima, ben nota, lettera al fratello la frase di Pintor oggi sono riaperte agli italiani tutte le possibilit del Risorgimento, avrebbe definito il senso del Risorgimento proprio di alcuni giovani di quella generazione. Che era un Risorgimento non agiografico, e implicitamente da revisionare, poich non potevano, quei giovani, presentarsi con lheri dicebamus dei superstiti della vecchia classe dirigente prefascista.150
tiamo scriveva nel 1934 la madre di un antifascista della generazione di mezzo di essere una fedele copia degli antichi romani Dio ci liberi! ma sappiamo essere degli autentici italiani, di quegli italiani che nel 48 seppero soffrire e morire per il bene della Patria (Elide Rossi, Lettere ad Ernesto, Firenze 1958, p. 101). 147 Cfr. A. Capitini, Unesperienza religiosa dellantifascismo, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 33, novembre 1954, pp. 60-64. 148 Si pu fare un confronto fra le voci Risorgimento dellEnciclopedia italiana e del Dizionario di politica (edito dallIstituto dellEnciclopedia in collaborazione col partito fascista): scritte entrambe dal Maturi, la prima, problematica, si colloca bene nella tradizione liberale; la seconda invece espositiva e anodina. 149 G. Pintor, Prefazione a C. Pisacane, Saggio sulla rivoluzione, Torino 1942. 150 Loro (la vecchia classe dirigente) credono [...] che il fascismo sia stato nientaltro che unoffesa alla cultura mossa da alcuni insipienti. Per loro, tolti di mezzo gli insi-

57

Il successo che ebbe al suo apparire (1943) il libro di Salvatorelli, Pensiero e azione del Risorgimento, si spiega proprio per la spavalderia con cui rompeva lo schema scolastico, attaccando apertamente la monarchia, mostrando che nel 1861 cerano stati dei vincitori e dei vinti, e personificando quasi nellAntirisorgimento il male dItalia, sempre vivo e operante, e che con un piccolo e sollecitatissimo trapasso si identificava senzaltro col fascismo. Se lAntirisorgimento di Salvatorelli divenuto poi una categoria di comodo, in quel momento, alla vigilia della resistenza armata, rappresent, per un certo tipo di cultura giovanile, un ben riconoscibile obiettivo da battere. La guerra fascista del 1940-43, crediamo, non fu mai presentata come quinta guerra dellindipendenza. La Corsica, Nizza, Malta non erano tanto sentite, dagli stessi fascisti, nel quadro della tradizione unitaria (niente di paragonabile a Trento e Trieste del 1915), quanto in quello nuovo della espansione imperialista, come mostrava il metterle sullo stesso piano della Savoia, di Tunisi e di Gibuti; e che anche quelle rivendicazioni imperiali fossero poi provinciali, altro discorso. Molti, la maggioranza forse, di coloro che parteciparono poi alla Resistenza avevano anche combattuto nella guerra 1940-43: il senso oscuro dellingiustizia di essa e la tensione richiesta dalladempimento di un astratto dovere trovarono dopo l8 settembre come un atteso compenso nel collaborare a una impresa collettiva che poteva, finalmente, essere compiuta senza ricorso a criteri di doppia verit. Spunti e parole dordine risorgimentali, reinterpretati spesso senza un preciso significato politico e culturale, entrarono allora a far parte dei materiali che la nuova esperienza tentava di rifondere in una sintesi originale, anche se non da tutti veniva acquistata piena coscienza di tale novit.151 Il Giuntella152 si sforzato di ricostuire il clima che, nei lager tedeschi, portava gli internati italiani a trasformare la leggenda del Risorgimento in una idea-forza; e ha individuato alcuni motivi eterogenei, dallequiparazione fra i tedeschi di oggi e gli austriaci di ieri come simbolo di barbarie, alla
pienti, la cultura rimane intatta e perfetta come prima; per noi invece rimane malata come prima, e sempre in grado di ripetere lascesso [...]. Il fascismo affonda le sue radici nel lontano risorgimento: cos U. Alfassio Grimaldi, in una delle Autobiografie citate supra, nota 143 (pp. 78, 73, 54). 151 Gli ufficiali di carriera che parteciparono alla Resistenza possono considerarsi il caso limite della continuit pre e post 8 settembre: vedi, ad esempio, la lettera del capitano Franco Balbis, tutta fondata sulla convinzione della perfetta identit fra il dare la vita per lItalia in Africa e il darla ora contro tedeschi e fascisti (Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana, Torino 1952, pp. 42 sg.). 152 Giuntella, Mito e realt cit.

58

fratellanza degli italiani coi polacchi e con tutti gli altri popoli oppressi dalla stirpe teutonica; dai ricordi scolastici, ai cori del Nabucco e dei Lombardi;153 dalla fierezza dellesiliato politico, alla sensazione che, pur nella disgrazia, lItalia ritrovava il suo posto accanto ai popoli dEuropa. In alcuni si manifestava il desiderio di un ritorno alle origini che raddrizzasse un cammino finito non casualmente nel baratro; e la nostalgia di unantica tavola di valori si confondeva con la spinta a trapassare oltre tutte le esperienze compiute. Un atteggiamento di questo tipo si poteva gi cogliere (facciamo un esempio fra i molti) in due documenti stilati da un gruppo di giovani, in maggioranza combattenti, che, tentato invano di prender contatto con lantifascismo organizzato, vollero ugualmente affermare la loro presenza pubblicamente (se cos pu dirsi di un documento clandestino).154 In essi la volont, risolutamente affermata, di una radicale rivoluzione sociale e non di una semplice rivolta antifascista, si appoggiava a un acceso idealismo politico, alla religione della libert (ma non quella illusoria prefascista), al senso della gloriosa fatica comune del Risorgimento; e cera linvito ad appendere ai muri i ritratti di Mazzini e di Cavour, e a insegnare ai figli linno di Garibaldi. Dopo l8 settembre la spontaneit di certi motti e parole dordine risorgimentali (bastone tedesco Italia non doma, inni di Garibaldi e di Mameli eccetera) si incontr con i risultati della elaborazione del pensiero politico antifascista; e il secondo o nuovo Risorgimento (la parola Resistenza, di origine francese, si afferm in Italia a cose fatte) divenne un termine di largo uso, ma, proprio per questo, atto a coprire atteggiamenti ancor pi svariati o contrastanti di quelli che erano stati propri delle preesistenti correnti antifasciste. Il generico, ma indubbiamente stimolante, richiamo alle precedenti lotte per la libert sostenute dal popolo italiano, appena arrivava al livello dei partiti e delle forze politiche organizzate si frantumava infatti in significati profondamente diversi.

G. Carocci racconta dei cori verdiani che si levavano dalla tradotta dei prigionieri al passaggio del Brennero (Il campo degli ufficiali, Torino 1954, p. 46). 154 Agli Italiani (novembre 1941) e Ai migliori degli Italiani (agosto 1942), ripubblicati poi sul Bollettino nn. 1-2, giugno-luglio 1943 del Movimento Popolo e Libert.
153

59

7. Secondo Risorgimento e unit della Resistenza

Pu dirsi che il secondo Risorgimento fu parte integrante della ideologia della unit della Resistenza, bandita soprattutto dai comunisti, ma non respinta, almeno esplicitamente, da nessuna delle altre correnti, anti talvolta da quelle ritorta, ancor oggi, contro i comunisti per sostenere il carattere aclassista della Resistenza.155 I contrasti e, talvolta, gli equivoci, che erano coperti dalle parole dordine unitarie, trovavano cos riscontro nei significati diversissimi con cui il Risorgimento veniva tirato in campo, pur sotto lapparenza di cosa su cui era facile intendersi e ritrovarsi, quasi si volesse ancora una volta ricorrere alla vecchia oleografia dei padri della patria che, per vie diverse, vengono dalla provvidenza condotti alla realizzazione del fine comune. E come lunit del Risorgimento era stata uno dei modi con cui la nuova classe dirigente aveva affermato la sua forza di assimilazione dei movimenti politici concorrenti, cos lunit della Resistenza, con i richiami risorgimentali che la puntellavano, voleva essere lespressione della fiducia della formazione politica che pi la sosteneva, ma non solo di quella, di costituire la forza egemone dellintero movimento. Perfino il Regno del Sud fu considerato dai suoi apologeti la riemersione dello Stato italiano risorgimentale, il disincrostamento della monarchia, unico istituto costituzionale che il fascismo non aveva abbattuto.156 Ritorno allo Statuto di nuovo genere, che pretendeva di coprire con una parvenza di dignit storica la preoccupazione fondamentale della monarchia e dei ceti che le si stringevano attorno di salvare la continuit dello Stato. Agli istituti tradizionali e ai valori ideali del Risorgimento si appellava, ad esempio, il primo giornale confessio-

Vedi, ad esempio, quanto scrive G. Rossini nel volumetto, celebrativo della Resistenza sub specie democristiana, Il fascismo e la Resistenza, Roma 1955, pp. 10, 97. 156 A. Degli Espinosa, Il Regno del Sud, Roma 1946, pp. 342-44.
155

60

nalmente monarchico uscito a Brindisi, il quale non esitava a rilanciare il grido di Viva V.E.R.D.I..157 La guerra del 1915-18, pi che mai ripresentata come quarta guerra dellindipendenza, fu ampiamente utilizzata a tal fine. Del secolare nemico parlava Vittorio Emanuele gi nel discorso da Radio Bari del 24 settembre 1943, e parler il nuovo governo dei sottosegretari nella sua prima dichiarazione del 28 novembre, stigmatizzando come antirisorgimento coloro che avevano ancora una volta chiamato quel nemico al di qua delle Alpi.158 La carta dei tradizionali alleati fu a sua volta scopertamente giocata nel tentativo di trovar grazia presso i vincitori: dalla risposta inviata da Badoglio al messaggio di Churchill e Roosevelt dell11 settembre 1943, ai proclami dello stesso maresciallo del 15 settembre 1943 (i nostri antichi compagni del Piave e di Vittorio Veneto) e dell11 febbraio 1944,159 alle dichiarazioni di uomini politici e della stampa.160 Che lalleanza coi tedeschi dovesse considerarsi innaturale era cosa ripetuta da molti e con sfumature diverse: si andava da affermazioni retoriche o addirittura da un razzismo rovesciato (nemici della nostra razza e della nostra civilt erano stati chiamati dal re i tedeschi nel ricordato discorso), al desiderio di riaffermare la vocazione liberal-occidentale dellItalia, contro il prussianesimo e il nazismo, contro la politica estera fascista. Nellordine del giorno redatto da Bonomi, e approvato il 2 settembre 1943 dal Comitato centrale delle forze antifasciste, si rivendicava, ad esempio, per lItalia il rinnovamento di quella scelta a favore della libert, delleguaglianza e della pacifica convivenza di tutte le nazioni, che essa aveva gi compiuto nel Risorgimento;161 e, in un telegramma inviato a Badoglio dal Comitato di liberazione nazionale di Napoli, il maresciallo veniva lodato per aver rotto liniqua alleanza e riportato lItalia alle antiche tradizionali amicizie.162 Privati del loro antico valore erano stati i soldati italiani solo perch costretti a combattere in una via opposta a quella della storia secolare del popolo

LUnione, organo del Partito dUnione, 25 dicembre 1943 (anno I, n. I), e 28 gennaio 1944. 158 Degli Espinosa, Il Regno del Sud cit., pp. 80 sg.; M. Bendiscioli, La Resistenza: aspetti politici, in AA.VV., Il Secondo Risorgimento cit., p. 314. 159 P. Badoglio, LItalia nella seconda guerra mondiale, Milano 1946, p. 126; Degli Espinosa, Il Regno del Sud cit., pp. 53-58, 273. 160 Vedi, ad esempio, lintervista, ancora di Badoglio, del 13 novembre 1943 (ibid., p. 191) e La Rassegna di Bari, 14 dicembre 1943. 161 I. Bonomi, Diario di un anno, Milano 1947, p. 87. 162 Si pu leggere in Il Risorgimento di Napoli, 19 ottobre 1943.
157

61

italiano: questa era la convinzione espressa dal nuovo governo di Salerno di concentrazione antifascista.163 Bonomi, capo del governo, in un suo discorso del 4 novembre 1944 riprender questi temi, sforzandoli a dismisura, fino a dichiarare che il fascismo, dilapidando leredit del Risorgimento, aveva fatto passare lItalia per tre anni al nemico, in quellunica grande guerra contro leterno barbaro che era cominciata nel 1914 e che finalmente si avviava alla vittoria totale. Da parte alleata, come noto, si dava moderato ascolto a tali affermazioni italiane; o meglio, si prendeva di esse quanto poteva servire a rafforzare la linea di condotta, dispirazione britannica, volta a sostenere il re e Badoglio e, pi in generale, a salvare, anchessa, la continuit dello Stato. Anche gli alleati amavano fare appello, contro quella fascista, a una Italia vera, i cui interessi e le cui tradizioni, come avevano detto, poco prima del 25 luglio, Churchill e Roosevelt in un loro messaggio, erano stati traditi dalla Germania e dai gerarchi falsi e corrotti.164 Ad armistizio concluso, linteresse alleato per un profondo rinnovamento italiano sarebbe ovviamente diminuito. Nel dibattito sullItalia svoltosi ai Comuni il 21 e 22 settembre 1943 i laburisti tentarono invano di portare a conseguenze pi radicali, in polemica con Churchill, il motivo dellItalia che ritrova se stessa: Se il legittimo appello dei capi democratici italiani al popolo italiano essi dissero fosse stato consentito, in modo che la fiamma della libert legittimamente percorresse lItalia, come fece durante il Risorgimento, ben altro aiuto avrebbero fornito alla causa alleata gli italiani, i quali si era invece preteso rischiassero la vita per sostenere, con armi insufficienti, dei voltagabbana; e il deputato Thomas ricord lesempio dei garibaldini di Spagna.165 Lappello al Risorgimento riproponeva ancora una volta il problema del rapporto fra nazionalit e libert: era prevalente, oggi come un secolo fa, laspetto di guerra al tedesco per lindipendenza della patria, o invece quello di guerra per la libert, di guerra civile non solo italiana, ma europea e mondiale? La tematica era resa ancora pi complessa dallintervento di un terzo termine, quello della lotta per il socialismo, come forma pi piena della libert dei tempi moderni. vero: nel corso della lotta il problema
Degli Espinosa, Il Regno del Sud cit., p. 340. Il testo del messaggio in W. Churchill, La seconda guerra mondiale, parte V, vol. I, La campagna dItalia, Milano 1951, pp. 60 sg. 165 Degli Espinosa, Il Regno del Sud cit., pp. 63-79; Churchill, La seconda guerra cit., pp. 168-74. Nel volume a cura di A. e V. Toynbee, Hitlers Europe, London-New York-Toronto 1954, il saggio The Italian Resistance Movement di E. Wiskemann accenna (p. 331) al Secondo Risorgimento e lo differenzia dal primo per la partecipazione di operai e contadini.
163 164

62

non si poneva in termini cos scolastici, e una concreta unit dei primi due motivi, e anche del terzo, si realizzava con relativa facilit nella coscienza dei singoli combattenti. Ma non per questo il problema non sussisteva; e il diverso modo di vederne la soluzione influ allora in re, e non pu non influire oggi sul nostro giudizio. stato da molti, e giustamente, osservato che la Resistenza italiana fu tra le pi politicizzate: i motivi di ci sono intuitivi, come facile comprendere che i pi ostili a tale politicizzazione furono i ceti monarchici e conservatori, nonch gli alleati. Per tutti costoro il nuovo Risorgimento era solo una formula di comodo per incanalare il rischioso ribollire della societ italiana nella patriottica guerra al tedesco; e abbiamo potuto vedere nel volume governativo che celebra il decimo anniversario della liberazione, Il Secondo Risorgimento, riservare venticinque pagine fredde, burocratiche e inspirate da una invincibile ripugnanza per la politica, al saggio di Cadorna sul Corpo Volontari della Libert, e ottanta pagine a quello del generale Primieri su Il contributo delle Forze armate alla guerra di liberazione. Non sarebbe tuttavia giustificato un atteggiamento di sufficienza verso il motivo nazionale della Resistenza, quale si riscontra soprattutto in una parte dellantifascismo di origine giellista (si ricordi la discussione del 1935):166 non si pu, cio, considerare un mero equivoco il fatto che la Resistenza si avvalse con larghezza di uomini mossi da spinte prevalentemente patriottiche; bens si deve riconoscere che le pi mature forze politiche antifasciste non seppero trasformare tali spinte, in quella situazione, in motivo di generale rinnovamento della societ italiana. Anche i fascisti della Repubblica sociale tentarono la corda del patriottismo contro linvasore angloamericano, ma con esito pressoch nullo. Paradossalmente, i fascisti post 8 settembre avrebbero potuto anchessi fare i nazionalisti antitedeschi, e cos tentare di rinfrescare il proprio volto: se non lo fecero, perch il legame che li univa alla Germania nazista non era per essi qualcosa di occasionale; e non occasionale fu dunque il carattere di lotta insieme antifascista e antitedesca che assunse la Resistenza: antitedesca perch antinazista. Viva lItalia e viva la Germania libera! esclam sul patibolo il chimico siciliano Pietro Mancuso, impiccato l11 settembre 1944 dai tedeschi a Carignano: e sembra che lufficiale nazista guardasse stupito e senza comprendere.167 Viene in mente, ma trasferito su un piano assai pi alto, il ripassin lAlpe, e tornerem fratelli del poeta risorgimentale.
Vedi, ad esempio, gli scritti di Salvadori, Resistenza e Azione cit., e, in misura attenuata, Id., Storia della Resistenza italiana, Venezia 1955. 167 G. Marabotto, Un prete in galera, Il Cuneo 1953, pp. 277 sg.
166

63

La presenza del fattore nazionale contribu, fra laltro, a far riflettere sul posto che a esso sarebbe spettato nella ricostruzione postbellica e sul valore che poteva ancora avere per luomo moderno. Il Risorgimento, da questo punto di vista, serv a rivalutare il civile patriottismo del secolo scorso contro la spuria filiazione del nazionalismo e dellimperialismo. Anzi, sulla scia di un secondo Risorgimento che doveva ricollocare, come gi il primo, lItalia nellEuropa,168 il carattere europeo del Risorgimento fu sforzato fino a vedere in esso il precedente di quello che, con pari, anzi maggiore sforzatura, sembrava ad alcuni il carattere essenziale, in tutti i paesi, della Resistenza: leuropeismo o federalismo europeo.169 Ne sarebbe nata quella confusione di atteggiamento realmente aperto e di sciovinismo occidentalistico caratteristica del federalismo europeo postbellico. Per lItalia cera, in particolare, da risolvere in termini democratici la questione delle minoranze nazionali oppresse durante il fascismo, soprattutto quelle slave. La slavofilia della democrazia risorgimentale torn allora di attualit, quella slavofilia che aveva sempre dato fastidio ai nazionalfascisti: il Volpe, ad esempio, aveva ritenuta superata certa tradizione del Risorgimento, che considerava croati e sloveni strumenti ciechi docchiuta rapina dellImpero asburgico dominato dai Tedeschi, cio vittime essi stessi, come noi, di un uguale regime di oppressione170. Soprattutto i comunisti si erano, durante il ventennio, interessati alla sorte delle minoranze etniche in Italia, nel quadro delle note tesi di Lenin e di Stalin sulla questione nazionale; anzi, era stato da parte loro sopravvalutato il ruolo che la ribellione di quelle minoranze avrebbe potuto giocare nella rivoluzione italiana. Articoli e dichiarazioni comunisti sugli sloveni e sui croati si erano susseguiti in abbondanza,171
Cfr., su questo punto, le osservazioni di G. Spini, Della Resistenza come di un aspetto della storia dEuropa, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 22, gennaio 1953, pp. 48 sg. 169 Esemplare, per lesposizione di questa tesi, il saggio del cattolico L. Benvenuti, Resistenza europea e federalismo europeo (sul quale avremo occasione di tornare), in Civitas, n. s., VII, aprile 1955, n. 4, pp. 60-81. 170 Volpe, LItalia in cammino cit., pp. 131 sg. 171 Vedi, ad esempio, in Lo Stato Operaio: V. Ukov, Sul problema delle minoranze slovene e croate in Italia, III, 1929, pp. 668-76; lo Schema di una piattaforma per lazione politica delle organizzazioni comuniste della Venezia Giulia, IV, 1930, pp. 514-31; la Risoluzione del IV congresso del Partito comunista dItalia, V, 1931, p. 223; la Dichiarazione comune dei partiti comunisti della Jugoslavia, dellItalia e dellAustria sul problema sloveno, VIII, 1934, pp. 349-51. Nel 1942-43 E. Curiel, triestino, scrisse a Ventotene alcuni Appunti per uno studio sul movimento nazionale slavo (ora in Id., Classi e generazioni del Secondo Risorgimento, Roma 1955, pp. 145-54).
168

64

e non ci si era dimenticati n dei greci del Dodecanneso,172 n dei tedeschi dellAlto Adige,173 anche se la posizione di questi ultimi aveva necessariamente risentito dellAsse, dellAnschluss, del plebiscito per il trasferimento in Germania e, dopo l8 settembre, della loro pratica annessione al Reich, che li colloc in una posizione totalmente diversa da quella delle altre popolazioni alpine e di confine. Anche Salvemini, in Mussolini diplomatico, aveva denunciato la politica fascista contro le minoranze slave e tedesche; Gl aveva a sua volta agitato questo motivo; e Sforza, in una intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno di Bari dellottobre 1943, appellandosi a Cavour, Mazzini e Garibaldi indicava nella politica balcanica del fascismo la riprova del suo carattere antitaliano.174 Fu prova di maturit della Resistenza aver saputo affrontare con spirito democratico le rivendicazioni autonomiste delle popolazioni alpine,175 e anche, almeno nelle linee di massima (che il resto non dipendeva dai soli italiani), i rapporti difficili coi francesi e difficilissimi con gli jugoslavi:176 il neorisorgimento democratico prevalse, in quelle occasioni, su quello nazionalisteggiante. Latteggiarsi delle due principali formazioni politiche della Resistenza, i Partiti comunista e dAzione, di fronte al Risorgimento era fissato, nelle sue grandi linee, dalla elaborazione precedente, di cui abbiamo gi parlato. Ma la concretezza della lotta e il fatto che essa coinvolgesse masse assai pi larghe di quelle cui erano abituati a rivolgersi i fuorusciti, non furono, anche in questo campo, senza conseguenze. Il carattere composito del Partito dAzione, di cui il vecchio tronco giellista costitu solo una delle parti, conteneva in s unimplicita diversit di
K. Grispos, La popolazione del Dodecanneso in rivolta contro limperialismo italiano, in Lo Stato Operaio, VIII, 1934, pp. 627 sg. 173 S. Gassmayer, Il problema del Tirolo meridionale, in Lo Stato Operaio, III, 1929, pp. 532-46. Cfr. pure la Risoluzione, citata a nota 171, dove si parla anche delle minoranze tedesche. 174 Degli Espinosa, Il Regno del Sud cit., pp. 161 sg. 175 Cfr. G. Peyronel, La dichiarazione dei rappresentanti delle popolazioni alpine al convegno di Chivasso il 19 dicembre 1943: contro il motto brutale e fanfarone di Roma doma si rivendic, nella fedelt allo spirito del Risorgimento, il diritto alle autonomie locali, schiacciate dallo Stato monarchico accentratore (Il Movimento di liberazione in Italia, n. 2, settembre 1949, pp. 16-26). 176 Parri, nel secondo convegno di studi sulla Resistenza, ha ricordato che il solo consiglio dato ai triestini fu quello di combattere da antifascisti il pi attivamente possibile: unico modo per pesare sulle sorti della citt (Il Movimento di liberazione in Italia, nn. 34-35, 1955, p. 15). Cfr. i paragrafi Gli accordi diplomatici della Resistenza e Linternazionalismo partigiano, in Battaglia, Storia della Resistenza cit., pp. 318-26.
172

65

valutazione della storia italiana risorgimentale e postrisorgimentale. Ci si rispecchia, curiosamente, nel modo stesso con cui fu scelto un nome tanto revisionista proposto da Mario Vinciguerra, cio da un rappresentante dellestrema destra del partito, perch, come racconta Ragghianti, meno impegnativo circa il carattere e il contenuto del nuovo partito: cio, potrebbe dirsi, per evitare il peggio, rappresentato da parole come lavoro e socialismo, che pure erano entrate in ballottaggio.177 La lotta, nel suo corso, fece comunque prevalere la interpretazione pi radicale, e il partito interpret il suo nome quale incitamento alla conquista della libert, motto che Oggi e domani, periodico azionista uscito clandestinamente a Firenze alla fine dellagosto 1943, contrapponeva a quello badogliano di ritorno alla libert178 e quale impegno a realizzare i fini supremi che allora (nel Risorgimento) furono solo additati e non conseguiti, come si esprimeva il primo numero dellItalia libera uscito a Bari nellottobre 1943; e riteniamo superfluo ricordare altri analoghi atteggiamenti azionisti. Per i comunisti, poich la base pi larga della unit da essi patrocinata era costituita dalla lotta contro il tedesco invasore, il largo uso di echi e di suggestioni risorgimentali diveniva ovvio; e senza, anche qui, dilungarci in soverchie esemplificazioni, citeremo le parole dellAppello dei comunisti allinsurrezione (12 marzo 1945): Linsurrezione [...] si svolge sotto la bandiera del tricolore, simbolo dellunit di tutto il popolo, nella tradizione degli eroi che combatterono e si sacrificarono nel corso del primo Risorgimento, per fare lItalia unita, libera e indipendente.179 Giova piuttosto ricordare che il secondo Risorgimento, se aveva dato in precedenza luogo, nel Partito comunista, alle contrastanti reazioni che abbiamo esaminato, ora contribu a coprire, senza tuttavia ben risolverlo, il problema del rapporto tra i fini di classe, socialisti, della Resistenza e quelli nazionali e genericamente democratici. Togliatti, nel dicembre 1943, sostenendo la necessit della partecipazione italiana alla guerra contro la Germania come solo mezzo per presentarsi con un nuovo volto dinanzi ai vincitori, dichiarava che gli italiani non avevano combattuto nella guerra fascista perch
lunica tradizione militare che vive nel popolo italiano la tradizione delle guerre di liberazione nazionale del secolo scorso, delle Camicie rosse di Garibaldi, la tradizione cio di un esercito popolare pronto a com-

Cfr. C. L. Ragghianti, La politica del Partito dAzione in un giornale clandestino di Firenze, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 14, settembre 1951, pp. 9 sg. 178 Ibid., p. 3. 179 Trentanni di vita e di lotte cit., p. 202.
177

66

battere, e che combatte realmente, sotto la bandiera dellindipendenza e della libert di tutte le nazioni.180

Motivo militare e garibaldino, cui si accoppiava quello del Risorgimento politicamente e socialmente incompiuto:
Reclamando la convocazione di unAssemblea Costituente, noi ci ricolleghiamo alle migliori tradizioni democratiche del Risorgimento italiano [...]. La lotta per lAssemblea Costituente in tutto il nostro Risorgimento come un filo rosso, il quale permette di scorgere quali fossero gli elementi e le forze che, mentre auspicavano la formazione di un fronte di lotta veramente nazionale, per creare unItalia libera, indipendente e unita, pure volevano fosse garantito al popolo il sacro diritto di darsi una Costituzione corrispondente ai suoi bisogni e alle sue aspirazioni. Se questo diritto fosse stato rispettato, non v dubbio che la marcia dellItalia sulla via della civilt e del progresso sarebbe stata molto pi rapida, dolorose parentesi di reazione sarebbero state evitate, e forse non ci troveremmo ora al punto in cui ci troviamo.181

Laccenno alla coesistenza, nel Risorgimento, di fini dindipendenza e unit nazionale con altri di miglioramento della condizione delle classi popolari quadrava bene con la pari coesistenza di obiettivi nella guerra partigiana, pi volte affermata da parte comunista, e argomentata con la separazione fra le trasformazioni strutturali e politiche in senso socialista, che venivano rinviate, e quelle riforme sociali che avrebbero dovuto invece far parte integrante della democrazia nuova o progressiva.182 Derivava, da questa posizione, un nodo di problemi che non qui il caso di dipanare e che potrebbe, ad esempio, essere riguardato sotto langolo visuale del dibattilo sui Cln, che raggiunse una delle sue formulazioni pi esplicite nella nota polemica delle cinque lettere.183
Ercoli, Per unItalia libera e democratica, in Lo Stato Operaio, III, 1943, pp. 102-104. Parole di Togliatti citate da Longo nel Rapporto politico presentato alla riunione allargata della Direzione per lItalia occupata del Pci, 11 e 12 marzo 1945 (ora in L. Longo, Sulla via dellinsurrezione nazionale, Roma 1945, pp. 440 sg.). 182 Cfr., fra i tanti documenti comunisti che si esprimono in tal senso, gli articoli Saluto al governo di unione nazionale, in Il Combattente, maggio 1944, e Tutta la nazione per la insurrezione, in La nostra lotta, settembre 1944, nonch lo Schema di rapporto politico presentato alla conferenza dei triumvirati insurrezionali del Pci (novembre 1944), in cui Longo si dilunga a spiegare la differenza fra democrazia progressiva e dittatura del proletariato (Longo, Sulla via dellinsurrezione cit., pp. 209-12, 288, 329 sgg.). 183 Cfr., su questa polemica, Battaglia, Storia della Resistenza cit., pp. 517-25; e R. Carli Ballola, Storia della Resistenza, Milano-Roma 1957, pp. 47-51.
181

180

67

Naturalmente ha poi scritto Longo noi rifuggivamo dallidea di sottoporre il movimento operaio per le rivendicazioni immediate al controllo e alla direzione operativa dei Cln. Sarebbe stato un non senso. Il Cln, proprio per la sua natura di organo di unit nazionale di tutte le forze patriottiche, non poteva assumere la direzione delle lotte operaie che erano classiste per la loro stessa natura e per gli obiettivi che si ponevano.184

Secchia, a sua volta, considerava un errore da evitare [...] quello di far tacere la voce del partito per parlare solo a nome del Cln185 e, nella riunione allargata alla direzione del Pci dell11 marzo 1945, dopo aver citato un lungo brano di Togliatti sul partito nuovo, commentava: Partito nuovo dunque per i suoi compiti, per la sua funzione, per le forme e i metodi nuovi della nostra organizzazione, partito nuovo la cui natura di classe e lideologia rivoluzionaria rimangono inalterate.186 Se si rammenta laccusa lanciata dal Cominform a Tito, di aver annegato il partito nel Fronte (la Resistenza jugoslava era stata fra quelle con pi spiccati caratteri nazionali e di massa), si pu meglio cogliere il senso di queste distinzioni fra partito e Cln. Daltra parte, citiamo ancora parole di Longo, noi eravamo per dei Cln che fossero non dei semplici strumenti di un organo centrale, burocratico e lontano, ma organi di mobilitazione e di autogoverno delle masse, strumenti di democrazia diretta e immediata.187 Discendeva, da tutto ci, che lunit, pei comunisti, oscillava fra il riconoscimento della spinta dal basso tendente a vedere nei Cln lembrione di nuovi strumenti di potere popolare, e lalleanza, al vertice, di partiti, patrocinata nella fiducia di saperne costituire la guida e i beneficiari; e il secondo Risorgimento poteva far gioco nelluno come nellaltro atteggiamento. Che sotto quella bandiera potessero nascondersi degli equivoci fu avvertito, ad esempio, da Eugenio Curiel che, nel dicembre 1943,188 criticando latteggiamento antipartitico di alcune formazioni di montagna, avanzava il dubbio che esso si rifacesse a certe situazioni risorgimentali, e in particolare alla formazione della Societ Nazionale del 1857. Sono richiami astratti
Longo, Sulla via dellinsurrezione cit., p. XXVI. Il partito e il Cln, in La nostra lotta, dicembre 1943 (ora in P. Secchia, I comunisti e linsurrezione, Roma 1954, pp. 49-55). 186 Ibid., p. 391. 187 Longo, Sulla via dellinsurrezione cit., p. XXXIV Cfr. lo Schema di rapporto, citato supra a nota 182, dove si dice che, a liberazione avvenuta, i Cln periferici dovranno trasformarsi in organi di potere popolare. 188 Fronte nazionale, societ nazionale, blocco nazionale (Curiel, Classi e generazioni cit., pp. 161-67).
184 185

68

dalla realt storica, commentava Curiel, non risparmiando le sue critiche alla indefinibilit politica e al candore di Garibaldi, che lo facevano facile strumento di avvedute diplomazie. Ormai lItalia non era pi nazione di popolo, nel senso indiscriminato e precapitalistico che poteva ancora valere nel Risorgimento, bens nazione di classi socialmente diverse e contrastanti, che di ci acquistano coscienza nei partiti: quindi, nazione di partiti. E lunit dazione non si raggiunge nella romantica ed enfatica confusione dellembrassons nous, ma nella coscienza della distinzione. Perci, concludeva Curiel,
ridurre, quasi per tema di complicazioni, le parole dordine al vecchio motto sabaudo e garibaldino di via i tedeschi, significa non aver inteso la profonda differenza tra la occupazione nazista di oggi e il dominio asburgico di ieri. Noi non possiamo scindere la parola dordine di via i tedeschi da quella di morte ai fascisti.

Parole chiare, in cui il desiderio di evitare lequivoco viene argomentato in termini quasi liberali, come invito a ciascuna delle forze in campo a giocare fino in fondo il ruolo che le proprio, nella fiducia che i fatti avrebbero poi dimostrato quale fosse la pi valida ed efficiente. In realt, come abbiamo visto allinizio ricordando Longo e Secchia,189 i comunisti ancor oggi, nonostante il largo uso fattone, considerano il Secondo Risorgimento come formula tuttaltro che ovvia, anzi bisognosa di molte precisazioni, di cui ormai siamo in grado di meglio cogliere il significato e la remota origine.190 C da aggiungere che man mano che passano gli anni, e i fatti dimostrano come la classe operaia sia lontana dallesercitare in Italia quella funzione dirigente che avrebbe dovuto costituire il presupposto della sua azione unitaria durante la Resistenza, agli stessi comunisti sar sempre pi difficile sottrarsi alla necessit di un riesame critico che non continui a dare per scontato ci che palesemente non sussiste. Di attaccamento eccessivo, in qualche caso, alla politica unitaria ha parlato anche Togliatti;191 e Longo riconosceva, nella conferenza gi ricordata, che se la catastrofe nazionale aveva fatto confluire nella Resistenza numerosi gruppi delle vecchie classi dirigenti, ci fu s indice della profondit e della ampiezza raggiunte dalla Resistenza, ma fu anche la causa dei suoi contrasti e delle sue remore interne.
Cfr. supra, nota 11. Aggiungiamo che le ultime propaggini del bordighismo stanno ferme al totale ripudio del secondo Risorgimento. Vedi: Alfa, Il ridicolo bis del risorgimento e Dopo le garibaldine, in Prometeo, 1946, n. 2, p. 70, e 1948, n. 10, p. 433. 191 Trentanni di vita e di lotte cit., p. 208 (Si tratta di una delle note redazionali, attribuite comunemente a Togliatti).
189 190

69

8. I cattolici

Non abbiamo finora parlato dei cattolici. I cattolici non hanno prodotto un pensiero politico antifascista che possa essere messo alla pari di quello giellista o comunista. A leggere, ad esempio, il volume che raccoglie i principali scritti di De Gasperi durante il fascismo, I cattolici dallopposizione al governo,192 difficile sfuggire allimpressione che, se il governo fosse premio alla originalit e al mordente del pensiero politico, i cattolici meritavano di rimanere ancora per lunghi anni allopposizione. Non bastano, a smentire questo giudizio, scrittori vivaci e coraggiosi, come Giuseppe Donati e Francesco Luigi Ferrari, il primo dei quali, quando Mussolini si present alla Camera dopo il 28 ottobre, voleva tornare a cospirare con passione garibaldina e mazziniana, con la passione della mia stirpe, cristiana e repubblicana;193 e il secondo denunciava con forza, nel solco di una sincera accettazione delle strutture fondamentali dello Stato liberale, la collusione fra la Chiesa e il fascismo.194 Sturzo fin dal congresso di Torino del 1923 del Partito popolare fece appello alla tradizione pi sana del nostro Risorgimento, e in uno dei primi discorsi fatti in esilio, nel 1925, parl della attuale battaglia per la libert come un secondo Risorgimento.195 Nel volume LItalia e lordine internazionale, pubblicato a New York nel 1944, in un excursus sulla storia dItalia egli fa largo uso di simili espressioni. Ma lequivoca rivendicazione di libert propria della tradizione democratico-cristiana (nello Stato risorgimentale, scriveva Sturzo, la libert era per la borghesia, ma non per il popolo n per la Chiesa),196
Bari 1955. Citato da Rossini, Il fascismo e la Resistenza cit., p. 43. 194 F. L. Ferrari, LAzione cattolica e il regime, Firenze 1957, in cui ripubblicato anche lAppello ai parroci dItalia, redatto nel 1931 e diffuso in Italia a cura di Gl. 195 Cfr. Salvatorelli, in Il Secondo Risorgimento cit., p. 108; A. Marazza, I cattolici e la Resistenza, in Il Movimento di liberazione in Italia, n. 43, luglio 1956, p. 4. 196 L. Sturzo, LItalia e lordine internazionale, New York 1944, p. 118.
192 193

70

rendeva arduo un originale ripensamento della storia dellItalia contemporanea, e portava a giudizi eclettici e poco mordenti sul fascismo. Va anche detto che un vero dibattito fra antifascisti cattolici e non cattolici non vi fu, sia per disabitudine degli uni come degli altri, sia perch gli antifascisti democratici, socialisti e comunisti, non mostrarono di prendere in seria considerazione lipotesi che sarebbe stato il partito cattolico la grande riserva della borghesia italiana. Ma va soprattutto ripetuto che il fatto massiccio che caratterizz il cattolicesimo italiano durante il ventennio fu la conciliazione, con tutto ci che essa implicava sul piano culturale non meno che su quello politico. Hic Rhodus, hic salta: e salt male Sturzo;197 e inciamp anche Jemolo.198 Per i giovani cattolici nati durante il ventennio il cammino verso lantifascismo, se da una parte trov qualche appoggio nella appartenenza allunica organizzazione non fascista esistente in Italia, dallaltra fu reso doppiamente difficile dalla necessit di superare il peso non di una, ma di due autorit costituite: la seconda, anzi, pi che di superarla si trattava, per chi voleva restare cattolico, di tentare di interpretarla in una chiave contrastante con gli atteggiamenti che essa ogni giorno palesemente assumeva. Un giovane studioso cattolico ha recentemente scritto che accanto allantifascismo politico degli ex popolari si form nel ventennio, fra i giovani, un nuovo antifascismo, originale, se cos pu dirsi, morale pi che politico, basato su due convinzioni, lentamente maturate: la prima, della irriducibilit dei principi cristiani a quelli fascisti (e in questo il fascismo fu seriamente compromesso dalla politica razzista); la seconda, che precarie e instabili sono le garanzie offerte alla Chiesa e alla religiona da una dittatura, anche se dichiari di voler difendere il patrimonio religioso della Nazione.199 Lingresso nella Resistenza di cattolici cos formatisi costitu indubbiamente uno di quegli eventi sui quali molte cose sono ancora da scrivere (insufficienti appaiono, ad esempio, alcune ricostruzioni biografiche di
In LItalia e lordine internazionale cit., p. 131, Sturzo, difendendo la Chiesa dallaccusa di avere approvato teoria e prassi del fascismo, considera i Patti del 1929 la conclusione del Risorgimento come processo di unificazione: e le sue riserve sono nel senso che non per questo deve intendersi che la Chiesa abbia voluto sanzionare implicazioni teoriche e leggi del Risorgimento a essa ostili. 198 Per risolvere la questione romana occorreva venisse lUomo capace di comprendere che il momento era giunto [...]. Nel 1929 questUomo dominava ormai da sette anni la vita italiana, e la sua figura gi si levava poderosa nel cielo dEuropa (A. C. Jemolo, La questione romana, Milano 1938, p. 16). 199 P. Scoppola, Dal neoguelfismo alla democrazia cristiana, Roma 1957, p. 270.
197

71

singole esperienze):200 il peso avuto da considerazioni sulla storia dItalia e sul Risorgimento potrebbe venire allora meglio chiarito. Possiamo tuttavia accennare al fatto che la partecipazione cattolica alla Resistenza non coinvolse solo pochi giovani intellettuali, ma strati molto pi ampi di popolazione, soprattutto nelle campagne, e che quindi si leg alla presenza di quei contadini che, come diceva appunto Salvemini, segnarono la sconfitta della tradizione sanfedista e antirisorgimentale delle campagne italiane. E possiamo appena ricordare il problema, troppo schematicamente impostato, e che pur si dibattuto, se i cattolici furono nella Resistenza come cattolici o come italiani, se spinti cio da moventi religiosi o politici (e poi, di nuovo, nella seconda ipotesi, se come semplici patrioti o come antifascisti, ripresentandosi anche per loro linterrogativo di cui gi abbiamo parlato). Occorre comunque distinguere fra la partecipazione dei democristiani, e quella dellalto clero, del basso clero, dei semplici credenti: gruppi non omogeni, e non mossi da uguali finalit.201 E bisogner saper leggere le frequentissime espressioni di fede cattolica ricorrenti nelle Lettere dei condannati a morte, di contro, per far un esempio connesso al nostro tema, agli accenni al Risorgimento contenuti in una sola lettera, quella di un ufficiale in servizio permanente effettivo, iscritto al Partito dAzione, Pedro Ferreira.202 Esiste una interpretazione cattolica della Resistenza? Ne esiste pi duna perch, anche in questo caso, la cultura cattolica non stata capace di elaborare una sua posizione originale, ma si dovuta accontentare di riprendere, variandole e adattandole alle proprie esigenze, quelle che venivano offerte dalla cultura laica. Ci sembra valere in modo particolare per il nesso Risorgimento-Resistenza, dato che i cattolici erano, su quel terreno, dopVedi, oltre le gi ricordate Autobiografie (fra le quali, quella di U. Alfassio Grimaldi appare la pi articolata): A. Caracciolo, Teresio Olivelli, Brescia 1947 (dove per proprio linsorgere del momento della libert rimane insufficientemente chiarito, nonostante il richiamo a Mazzini, ma forse anche per questo); Ignazio Vian, il difensore di Boves, testimonianze raccolte da V. E. Giuntella, Roma 1954. 201 Buone osservazioni in G. Rovero, Il clero piemontese nella Resistenza, in Aspetti della Resistenza in Piemonte cit., pp. 41-75. Si pu anche citare lultima lettera del sacerdote Aldo Mei, fucilato il 4 agosto 1944, il quale attribuisce la sua sorte allaver fatto il prete (Lettere dei condannati a morte cit., pp. 142-45). Ingiuriosa fu ritenuta dalla Civilta Cattolica (CV, 1954, n. 4, pp. 684 sg.) la distinzione, fatta dal Battaglia nella sua Storia, fra alto e basso clero. 202 Lettere dei condannati a morte cit., pp. 76-83. Per una interpretazione laica della religiosit dei combattenti che muoiono con i riti cattolici, cfr. Omodeo, Momenti della vita di guerra cit., pp. 376 sgg.
200

72

piamente compromessi: essi avevano infatti alle spalle o la tradizione clericale-antirisorgimentale, o quella, latu sensu, neoguelfa, che cos bene si era portata su posizioni conciliazioniste e filofasciste. Quanto questa seconda tradizione fosse forte mostrato, fra laltro, dal fatto che perfino uno dei pochi movimenti clandestini cattolici del ventennio, quello facente capo a Piero Malvestiti, non trov nome migliore di Movimento Guelfo dAzione;203 mentre nel Regno del Sud la Democrazia cristiana, non stimolata dal movimento partigiano, fu subito proclive a riprendere logore parole dordine neoguelfe e italocattoliche, come quelle che abbondantemente apparivano sulla sua stampa.204 noto del resto come lo stesso De Gasperi avvertisse in qualche modo i rischi di tali atteggiamenti quando, nella sua ultima lettera a Fanfani, raccomandava di tenere fuori il partito dallo storico steccato politico dellalternativa guelfo-ghibellina. Due appaiono, a ogni modo, le tesi principali avanzate da parte cattolica sul nesso Risorgimento-Resistenza, cio sulla posizione della Resistenza nella storia dellItalia moderna. Luna si rif alla definizione del Risorgimento come fatto essenzialmente religioso per applicare pari modulo interpretativo alla Resistenza; laltra accetta molte delle tesi revisioniste sul Risorgimento, conducendole ovviamente a conclusioni assai diverse da quelle dei loro primi formulatori. Il Passerin dEntreves, nel saggio Risorgimento e Resistenza,205 offre la formulazione pi colta della prima posizione. Egli polemizza contro chi ha posto in primo piano i motivi sociali e politici della Resistenza, che non si voglion certo ignorare, ma si voglion vedere come una materia che non sarebbe stata sollevata e sublimata senza un lievito religioso: parole caratteristiche di tutti gli spiritualismi, cattolici e no, i quali sempre ritengono la vita politica e sociale bisognosa di sollevamenti e sublimazioni, senza i quali rimarrebbe affetta dalla sua originale limitazione o colpa (e di religiosit scaturente dalla insufficienza dei concetti morali parla infatti il Passerin). Storiograficamente, il Passerin porta in primo piano anaCfr. Rossini, Il fascismo e la Resistenza cit., pp. 55-58. Nel numero del 26 dicembre 1943 di Il Risveglio di Bari, settimanale della Democrazia cristiana, in un Saluto ai valorosi rivolto alle truppe italiane entrate in linea accanto agli alleati, si tiravano in campo la Roma onde Cristo romano, san Francesco dAssisi e santa Caterina da Siena, la Madonnina del Grappa e il Carroccio, san Nicola e le Alpi che Iddio pose a termine sacro dItalia. Della Chiesa, testimone di tutta la storia dItalia, dallImpero di Roma fino ai nostri giorni parlava il 12 dicembre dello stesso anno la Giustizia Sociale, organo della Democrazia cristiana, Sezione jonica. Cattivo gusto provinciale, certo: ma non per questo meno rivelatore. 205 Cfr. supra, nota 13.
203 204

73

loga essenza religiosa del Risorgimento, sforzandola fino a farla coincidere, al limite, proprio con il cattolicesimo (la religiosit di Mazzini diventa cos cattolicesimo deviato [...] e secolarizzato). Il cattolicesimo liberale appare cos il vero protagonista del Risorgimento; e il suo riemergere, sia pure in forme nuove, il protagonista della Resistenza. Con minor dottrina e sensibilit, il Marazza ha esposto tesi analoghe, accettando senzaltro il Secondo Risorgimento.
E di nuovo scrive come nel primo Risorgimento, essi (i cattolici) ebbero la fortuna di sentire accanto a s la presenza fortificante dei loro sacerdoti. La Resistenza fu nella storia dItalia, come era stato nel Risorgimento, ansia di rinnovamento etico prima che azione politica, e questo spiega perch, come nel primo Risorgimento, di nuovo si dispieg fervente il patriottismo del clero, e con noi tanti religiosi si fecero congiurati ed il Vaticano stesso, pur conscio delle sue enormi responsabilit, scese nella battaglia, mentre il Soriano Pontefice pronunciava contro i nuovi barbari la sua chiara e pesante condanna.206

Su questa strada, la totale annessione al cattolicesimo, liberale e no, del Risorgimento come della Resistenza non appare lontana. Limpegno europeistico di alcuni cattolici pu essere posto accanto a questa interpretazione religiosa della Resistenza. Un certo tipo di cattolico colto italiano venuto infatti alimentando una sempre maggiore ammirazione per i cattolici stranieri, specie francesi e belgi, considerati simbolo di una religiosit aperta alle esigenze del mondo moderno: essere antifascisti signific soprattutto, per i cattolici di tal fatta, uscire dal bigotto cattolicesimo italico su cui aveva fatto leva Mussolini. I cattolici italiani si fecero talvolta, e si fanno, dei cattolici stranieri un vero mito; e tutti i problemi aperti fra cattolicesimo e civilt moderna, che hanno sempre angustiato i cattolici pi sensibili, si postulavano, e si postulano, con semplicistico entusiasmo, risolti da quei vivaci cattolici doltralpe. Occorre comunque riconoscere che in tal modo i cattolici colti parteciparono positivamente al moto, caratteristico dellantifascismo, per ricondurre lItalia, come gi nel Risorgimento, nellambito della vita europea. In ci essi furono favoriti dalla coscienza di appartenere a un corpus, anche culturale, che scavalca i confini dei singoli Stati. Questa coscienza, dal Risorgimento in poi, era entrata in conflitto con la rivoluzione nazionale come fatto progressivo: e i cattolici si erano sentiti ricacciati ai margini della vita, anche morale, del nuovo Stato. Si aggiunga che con206

Marazza, I cattolici e la Resistenza cit., e La Democrazia cristiana come forza politica della Resistenza, in Civitas, n. cit., pp. 15-29.

74

tro la nazionalit dello Stato era sorta la internazionalit del socialismo: per i cattolici, da Scilla a Cariddi. Il federalismo europeo (quello dellEuropa carolingia) apparso come unoccasione di rivincita per i cattolici che si sentivano finiti in quel vicolo cieco. Essi hanno creduto di avere finalmente la possibilit di presentarsi in veste moderna, allavanguardia contro i nazionalismi e i socialismi degenerati nelle tirannidi totalitarie: e non casualmente uno dei rappresentanti pi espliciti di tale tendenza, il Benvenuti,207 pu presentare il federalismo europeo quale superamento (come gi si diceva del corporativismo) del liberalismo e del socialismo, tesi cui altrimenti sarebbe difficile attribuire un significato. Cos facendo, i cattolici hanno avvertito come la soddisfazione di ritrovare la loro strada e la loro tradizione, che finalmente si dimostravano le pi positive e feconde: Cristianit o Europa. chiaro allora come, sia nel Risorgimento che nella Resistenza, si voglia scoprire come essenziale il clima cattolico-europeo, rinvenendo in esso il vero legame fra i due eventi storici.208 I cattolici revisionisti sono stati soprattutto dei giovani influenzati da Gramsci e dallambiente della Resistenza e della immediata postresistenza. Il fascismo, reazione degli agrari e degli industriali, affonda le sue radici nelle carenze del vecchio Stato borghese, affermavano anni fa i giovani democristiani, e argomentavano ricordando che lItalia fu fatta senza gli italiani, a opera di una minoranza che nelle baionette piemontesi trov la sua forza di realizzazione e che sistematicamente soffocava quegli ideali di libert e di giustizia pi schiettamente rivoluzionari. Quei giovani, inoltre, non solo separavano nettamente la mistificazione corporativa fascista dal corporativismo cattolico (questa era una distinzione cui molto aveva mostrato di tenere, come ovvio, De Gasperi), ma anche verso il secondo non rivelavano un entusiasmo troppo vivace.209 Il revisionismo cattolico, se da una parte ha sbandato fino alle equivoche, anche se non prive dintelligenza, prese di posizione del Ciccardini,210 dallaltra ha espresso il sincero desiderio di riesaminare la storia dItalia dal Risorgimento in poi alla luce delle nuove esperienze che avevano portato al
Cfr. supra, nota 169. Cfr. ancora il citato saggio del Passerin. 209 Il fascismo in Italia, edito da Per lAzione, rivista dei gruppi giovanili della Democrazia cristiana, a cura di A. Paci, L. Elia, V. Bachelet, F. Grassini, prefazione di F. M. Malfatti, Roma s.d. 210 B Ciccardini, Il fascismo come esame di coscienza delle generazioni, in Terza generazione, I, 1953, pp. 39-44.
207 208

75

potere un gruppo dirigente cattolico la cui impreparazione culturale era avvertita dai pi sensibili giovani di quella fede; ed quanto si sono accinti a fare su un piano di sbrigliata e, spesso, sofisticata dialettica il De Rosa, con pi profondo senso della storia il Fonzi, lo Scoppola e altri, della cui opera non vogliamo qui tentare il bilancio. Un punto, fra tanta frammentariet di atteggiamenti cattolici, pu essere individuato come raccordo ricco dimplicazioni non solo culturali, ma direttamente politiche: quello secondo cui la Resistenza rappresenterebbe linserzione nello Stato delle masse cattoliche che ne erano state escluse durante il Risorgimento. Si vuole in tal modo non solo offrire una interpretazione della Resistenza, ma trovare una base storica e culturale al potere esercitato, dopo la liberazione, dai cattolici. Lassimilazione dei cattolici alle forze popolari escluse dallo Stato risorgimentale costituisce, sul piano della logica storica, un evidente equivoco, oggi peraltro molto fortunato. Il De Rosa ne fa il suo cavallo di battaglia, quando discorre del Partito popolare come della Resistenza e della Democrazia cristiana, e vi innesta laltra affermazione sui cattolici rivendicatori delle libert dei cosiddetti corpi intermedi fra lindividuo e lo Stato, conculcate dalla borghesia censitaria e dallassetto proprietario. Gli editori degli scritti di De Gasperi rivolgono al leader democristiano la lode di aver contribuito a dare al nuovo Stato una base popolare che non ebbe lo Stato risorgimentale;211 e altri scrittori cattolici identificano senzaltro il carattere popolare della Resistenza, che la contraddistingue dal Risorgimento, con la partecipazione dei cattolici.212 La conclusione politica aperta di tale atteggiamento si poteva leggere su Il Popolo del 26 aprile 1955 che, commentando le manifestazioni per il decimo anniversario della Resistenza, presentava quella come semplice prologo o premessa del secondo Risorgimento, il quale cos veniva senzaltro a coincidere con la Democrazia cristiana al potere. Del resto, anche un liberale, Mario Ferrara, nella stessa occasione celebrativa, scriveva che il 18 aprile del 1948 il popolo italiano riafferm la sua fede nella ispirazione morale e negli ideali del Risorgimento.213
De Gasperi, I cattolici cit., p. XIII. Vedi, ad esempio, F. Salvi, Valori morali della Resistenza, in Civitas, n. cit., pp. 9-14. Cfr. anche Rossini, Il fascismo e la Resistenza cit., p. 22 e passim. Un infortunio deve considerarsi quello del Ciasca che, negando con sdegno alla Resistenza la qualifica di primo moto armato popolare nella storia dItalia, le dona come precedenti i lazzaroni del cardinale Ruffo, gli insorgenti, aretini del Viva Maria, e tutti i moti antigiacobini della fine del Settecento (Moti di popolo nella storia dItalia, in Civitas, n. cit., pp. 92-102). 213 M. Ferrara, Il consolidamento della democrazia, in Il Secondo Risorgimento cit., p. 451.
211 212

76

Abbiamo allinizio di questo scritto ricordato la tesi del Volpe sul fascismo come immissione delle masse nello Stato: mutatis mutandis, molte delle obiezioni che abbiamo mosse al Volpe potremmo ora ripeterle a queste posizioni cattoliche. E potremmo anche mettere in rilievo che fra i due atteggiamenti non esiste solo unaffinit ideologica, ma anche una continuit in re, se vero che la pace fra Italia e Chiesa (cio, la immissione dei cattolici nello Stato) ebbe una sua manifestazione essenziale proprio nella Conciliazione fascista, e che la Democrazia cristiana, assumendo il carattere di partito di massa, ha fruito, non da sola del resto, anche di certe eredit fasciste. La dolorosa dilacerazione fra cattolici e Stato risorgimentale che sarebbe stata sanata dalla Resistenza, non pu essere considerata un fatto occasionale, un sovrapprezzo che sarebbe stato augurabile risparmiare. Il Risorgimento conteneva intrinsecamente, in quanto volto a fare dellItalia un paese di civilt moderna, una carica anticattolica che nessun apologeta del cattolicesimo liberale potr mai, contro lautorit di Pio IX, nascondere. Altro casomai il discorso da fare, e cio che la classe dirigente liberale non fu capace di foggiare una societ e uno Stato cos civili da non far pi sentire come dilacerazione la tendenziale, corretta, riduzione delle cose di religione nellambito del comune diritto di libert. Pertanto, se la partecipazione dei cattolici, o almeno di parte di essi, alla Resistenza fenomeno di grande interesse e di significato sicuramente positivo, occorre tenere ben distinta la deduzione politico-ideologica che si pretende trarne.214 In realt, la formula della inserzione delle masse cattoliche nello Stato da un lato esprime la prevalenza finale avuta, nella Resistenza, dalla continuit dello Stato, dallaltro sta a indicare le sempre maggiori pretese che di fronte a esso Stato hanno accampato i cattolici, fino a rovesciare liniziale significato della formula, immettendo, se cos pu dirsi, lo Stato nella Chiesa: tanto che oggi lItalia soffre insieme della sussistenza dello Stato liberale borghese e del suo sovvertimento a opera dei cattolici. I cattolici, fino ancora al 1945-46, si sentivano ed erano sentiti come forza subalterna nella societ e nello Stato, alla cui direzione, anche se non pi da soli, avevano riproposto la candidatura gruppi e uomini prefascisti. Fu errore della sinistra italiana essere rimasta troppo a lungo ancorata a un
Uno degli scrittori cattolici gi ricordati, lo Scoppola, sembra rendersi conto del semplicismo della formula che pure, almeno in parte, accetta, quando scrive che se il caso di coscienza del nostro Risorgimento appare oggi sanato, non ancora risolto il problema centrale di un giusto rapporto tra coscienza religiosa e azione politica (Dal neoguelfismo alla democrazia cristiana cit., p. 176).
214

77

quadro prefascista in cui il Partito popolare poteva essere considerato, entro limiti che oggi si tende per a dilatare, una forza di potenziale rinnovamento della societ italiana. Le sinistre, e in particolare i comunisti, ricercando lalleanza dei democristiani partivano evidentemente da un presupposto di tal fatta, pensando di potersi subordinare i cattolici sulla via di quelle riforme che, daltronde, non avevano fiducia di poter condurre in porto da soli.215 Ma De Gasperi concepiva le riforme come provvedimenti amministrativi da attuare dallalto, dopo aver restaurato lautorit dello Stato, salvaguardato lordine pubblico e ricostruita leconomia su basi privatistiche: cio, dopo aver ridato forza a tutto ci che si sarebbe poi opposto alle riforme.216 Cos la Democrazia cristiana, lungi dal costituire una forza almeno potenzialmente eversiva in senso progressivo, fin col funzionare, proprio per quel carattere di massa di cui la borghesia non pu pi fare a meno per i suoi partiti, da strumento principale della salvaguardia della continuit dello Stato tradizionale, borghese, censitario, proprietario, conservatore e, a suo modo, risorgimentale. Nel volume ufficiale sul Secondo Risorgimento lo riconosce anche il Bendiscioli, quando scrive che la Democrazia cristiana, col primo governo De Gasperi, si assumeva il compito di avviare la restaurazione del vecchio Stato burocratico, facendo leva sulle correnti politicamente conservatrici dello spirito pubblico; ma, crede di poter aggiungere il Bendiscioli quasi a contrappeso, rimanendo fedele al proprio programma sociale avanzato, condiviso dalle sinistre.217 Che poi la Democrazia cristiana, impadronitasi dello Stato cos restaurato, abbia voluto fare un passo pi in l, altro discorso, cui sopra accennavamo, ma che non rientra, almeno direttamente, nelloggetto di questo studio.

Cfr. P. Melograni, Comunisti e cattolici, in Passato e Presente, I, 1958, pp. 587-614. E vedi anche Valiani, Il problema politico cit., in AA.VV., Dieci anni dopo cit., pp. 72 sg. e passim. 216 Cfr. ancora ibid., e P. Togliatti, Lopera di De Gasperi. Rapporti fra Stato e Chiesa, Firenze 1958. 217 M. Bendiscioli, in Il Secondo Risorgimento cit., p. 359. Cfr. le conclusioni del saggio dello stesso autore citato supra, nota 13.
215

78

9. La delusione della Resistenza. Esaurimento della polemica sul revisionismo risorgimentale

Ai nostri fini immediati, interessa porre in luce come il punto della continuit dello Stato, le cui implicazioni vanno al di l del discorso sulla Democrazia cristiana, pu forse consentire anche a noi di prospettare uno di quei paragoni puntuali fra Risorgimento e Resistenza, cui allinizio abbiamo dichiarato di volerci sottrarre. E cio, che nel 1860 come nel 1945 ha prevalso nelle cose italiane, col favore della situazione internazionale, lo Stato come momento del gi istituzionalmente compiuto. Fra i Cln e gli altri organismi nati durante la lotta come embrioni di nuove forme di potere e lo Stato ricostituitosi al Sud, il secondo che ha finito, e abbastanza rapidamente, collavere la meglio, nonostante che nel 1946 si sia ottenuta la cacciata della monarchia e quella Costituente invano sognata nel 1860. Discende da questo, che ovviamente solo un accostamento volto a stimolare la riflessione sulla vocazione italiana allo Stato gi fatto come unico luogo, intrinsecamente trasformistico, della evoluzione sociale, discende forse da ci che da ritenere giustificata una delusione della Resistenza che faccia il paio con la delusione del Risorgimento patita dai democratici italiani dopo il 1860? La critica storica ha ormai sufficientemente messo in luce, al di l dei termini in cui il problema era posto dalla pubblicistica dellepoca, quale fosse la realt sottintesa da quella delusione; e vincitori e vinti della battaglia per legemonia risorgimentale sono sempre pi riconosciuti nelle loro caratteristiche storicamente concrete, nel quadro di un evento globalmente progressivo. Per la Resistenza un analogo processo critico non forse neppure iniziato. Ma non per questo dobbiamo astenerci dal respingere sia il volgare ottimismo ufficiale e governativo, sia il moralismo sterile, anche se nobile, dei nuovi delusi. Le forze politiche che hanno raggiunto il potere sogliono nutrire scarsa simpatia per coloro che, nel processo che le ha condotte a tanto, non rinun79

ciano a individuare voci ed esigenze reali, realmente sacrificate e non soltanto verbalmente mediate o conciliate dalla parte vincitrice; e ci avviene con tanto maggiore impegno, quanto pi una rivincita considerata nellordine del possibile. Nella classe dirigente postliberazione, come in quella postunitaria, la polemica contro i delusi ha appunto questo significato pragmatico: negare che vi siano problemi lasciati aperti dal periodo critico e rivoluzionario, e imbalsamare questo come eroica, oleografica e, al limite, apolitica parentesi, da considerarsi definitivamente chiusa con lavvento della normalit e col passaggio dalla poesia alla prosa. Da parte loro, i delusi del Partito dAzione (mai, forse, come in questo caso lidentit del nome rinvia a una reale affinit fra il partito del Risorgimento e quello della Resistenza) hanno il torto di non vedere tutta la originalit, gravida di progresso, delle situazioni scaturite pur dalla rivoluzione incompiuta: e finiscono o col far pesare nel giudizio la continuit giuridica pi che la novit dei fatti,218 o, come ad esempio fa il Bauer, col rifugiarsi in un ideale di libert proprio delleroismo di pochi, mentre pei pi non v che lentusiasmo facile di fronte alla conclusione fatale, ormai evidente.219 I comunisti oscillano, nella loro valutazione dei risultati della Resistenza, fra il pessimismo implicito nella denuncia di una Italia preda dei gruppi pi retrivi del capitale monopolistico e del clericofascismo,220 e lottimismo basato sulla convinzione della forza acquistata dal loro partito, che costituirebbe la irreversibile garanzia di una situazione ricca di potenzialit progressive, caratterizzata dai nuovi rapporti di forza gi espressi dalla Costituzione. Pietro Secchia ha espresso abbastanza chiaramente questo duplice atteggiamento in un discorso pronunciato a Napoli nel 1954,221 dove riconosce che sino a oggi gli ideali, gli obiettivi, il programma della Resistenza non sono stati realizzati, e che perci legittima una certa analogia collesito del Risorgimento (e cita il giudizio di Antonio Labriola su di quello come rivoluzione democratica non compiuta che lasci il paese nella
Questa ci sembra sia losservazione principale da fare al Valiani per il suo saggio, pi volte citato, in Dieci anni dopo. Rivelatori, nel Valiani, gli accostamenti comunisti-garibaldini (sotto linsegna del coraggio unito al possibilismo) e azionisti-mazziniani (sotto quella dellintransigenza). 219 R. Bauer, Non poteva essere altrimenti, vero manifesto della Resistenza tradita (Id., Alla ricerca della libert, Firenze 1957, pp. 411-20). 220 Anche nelle note redazionali di Trentanni di vita e di lotte del Partito comunista italiano cit., attribuite a Togliatti, si parla, a p. 209, di restaurazione reazionaria. 221 P. Secchia, Il significato e il valore delle quattro giornate, in Cronache meridionali, I, 1954, pp. 669-76. Cfr. anche la conferenza alla Fondazione Gramsci citata supra, nota 11.
218

80

corruttela e nel pericolo permanente); ma conclude che oggi le forze popolari e democratiche sono tali che indietro non possibile tornare. Togliatti, recensendo la Storia della Resistenza del Battaglia,222 tornava, dopo ventidue anni, a porsi la domanda della legittimit della formula nuovo o secondo Risorgimento. La molta strada percorsa dal Partito comunista italiano trova in quello scritto un riscontro quasi pari a quello che lo stesso Togliatti ha fornito col suo Discorso su Giolitti. Nel 1953 Togliatti si colloca con un certo distacco di fronte allargomento, ironizzando sui molti ricami e sulle cose belle e lodevoli che intorno a esso si dicono, e ponendosi alcune corrette domande metodologiche sul nesso tra novit e continuit nella storia. Il fatto che Togliatti non teme pi, come nel 1931, che il secondo Risorgimento possa servire da bandiera a un gruppo antifascista concorrente: egli parla ormai dal punto di vista di quella nuova classe dirigente di cui la Resistenza, scrive, ha segnato il primo apparire e affermarsi. E che Togliatti si serva della espressione di nuova classe dirigente piuttosto che di quella di classe operaia, indica la persistente convinzione che questultima, e per essa il Partito comunista, stia al centro, come guida, di un pi vasto raggruppamento di forze sociali e politiche.223 Torniamo cos al punto della valutazione globale dei risultati della Resistenza, perch una classe dirigente che non riesce a dirigere non un fenomeno che possa essere preso alla leggera. Ma il nostro scritto deve, a questo punto, fermarsi, perch la parabola delluso immediato del Risorgimento nella polemica politico-culturale antifascista pu considerarsi ormai compiuta; e le parole di Ginzburg, che abbiamo citato allinizio, sembrano pi che mai destinate a conservare valore come semplice richiamo a una scelta pregiudiziale fra libert e reazione. Gli che il mondo del Risorgimento e chi stato educato nel suo culto non pu scriverlo senza angoscia si andato decomponendo nei suoi elementi costitutivi e ciascun elemento se ne va tutto solo a cercarsi le sue origini storiche: cos uno dei migliori storici liberali italiani esprimeva pochi anni fa il sen-

In Rinascita, X, 1953, pp. 678-80. Soltanto come esempio di testardaggine ricordiamo Il Dibattito politico che, intervenendo nelle discussioni suscitate dal decimo anniversario della Liberazione, scrive che la Resistenza ha per novit irreversibile laver portato alla ribalta due vigorose forze antiborghesi: la cattolica e la comunista, il cui dialogo e incontro caratterizza anche gli anni susseguenti. (La Resistenza vince ancora, e Storiografia dei delusi, nei numeri del 23 aprile e del 6 giugno 1955).
222 223

81

so, gi da noi richiamato, della caduta dellambizione del Risorgimento a costituire il centro della coscienza di una classe dirigente.224 Di fatto, il Risorgimento si allontana sempre pi come mito capace di suscitare passioni politiche di vasta risonanza; e, quale che sia il futuro riservato allItalia, difficile immaginare che una ripresa di vita democratica possa, dopo il primo e il secondo, inalberare la bandiera di un terzo Risorgimento. I francesi, tutti i francesi, che dopo il 13 maggio 1958 intonavano la Marsigliese ci rendono daltronde accorti sulla ambigua polivalenza in cui pu scadere nella lotta politica luso di certi appelli a eventi sempre pi remoti. Agli studi sul Risorgimento il dibattito svoltosi in seno allantifascismo ha fornito un alimento ormai messo sufficientemente a frutto, tanto che, fermo rimanendo che a ogni solida concezione politica non pu non corrispondere una organica visione storiografica, possono considerarsi in via di superamento i vecchi termini della polemica fra revisionismo e antirevisionismo. Lo notava tempo fa, da parte marxista, il Cafagna;225 lo conferma oggi il pi spregiudicato storico liberale, il Romeo,226 che, passando oltre limpuntatura spiritualistica sul Risorgimento incontaminatamente eticopolitico, considera ormai indispensabile far largo allesame dei modi e dei risultati dellaccumulazione capitalistica in Italia, e sia pure per ribadire il giudizio positivo sulla Destra.

W. Maturi, Gli studi di storia moderna e contemporanea, in Cinquantanni di vita intellettuale italiana, a cura di C. Antoni e R. Mattioli, vol. I, Napoli 1950, p. 247. 225 L. Cafagna, Intorno al Revisionismo risorgimentale, in Societ, XII, 1956, pp. 1015-35. 226 R. Romeo, Problemi dello sviluppo capitalistico in Italia dal 1861 al 1887, in Nord e Sud, V, 1958, n. 44, pp. 7-60; n. 45, pp. 23-57.
224

82

Indice

3 Nota introduttiva 5 Il Secondo Risorgimento 8 Risorgimento e fascismo 20 La difesa del Risorgimento 26 Il Risorgimento da completare 37 I socialisti. I comunisti fra Gramsci e il cosiddetto Risorgimento 55 Il Risorgimento e i giovani del ventennio 60 Secondo Risorgimento e unit della Resistenza 70 I cattolici 79 La delusione della Resistenza. Esaurimento della polemica sul revisionismo risorgimentale

Finito di stampare nel mese di ottobre 2010

LUnit dItalia ha appena un secolo e mezzo di storia. Si trattato di una storia tormentata e difficile, e le idee dei profeti del Risorgimento un lungo processo non privo di contraddizioni sono state utilizzate da destra e da sinistra, dai fascisti cos come dagli antifascisti in modi opposti. E, nella storia della Resistenza, se ne sono serviti in modi diversi il Partito comunista rispetto a Giustizia e Libert e agli stessi cattolici, con maggiore o minore sincerit, e a volte in modi decisamente strumentali. Questo saggio magistrale del 1959 aiuta a far chiarezza, e ha avuto grande influenza su tutta la storiografia successiva. Ripubblichiamo fuori commercio questo saggio magistrale prendendolo da Alle origini della Repubblica (Bollati Boringhieri 1995), anche come omaggio degli Asini a Claudio Pavone, autore del fondamentale Una guerra civile, che festeggia questanno i suoi novantanni.

9 788863 570571

I QUADERNI