Sei sulla pagina 1di 2

UCV Caracas Facultad de Humanidades y Educacin Escuela de Comunicacin Social

01.03 - Le vocali Le vocali in italiano sono cinque: a, e, i, o, u. La vocale a ha sempre suono aperto o largo (indicato con accento grave \) La i e la u hanno sempre suono chiuso o stretto (indicato con accento acuto /) La e e la o hanno il duplice suono: a volte aperto (\), a volte chiuso (/); hanno sempre suono chiuso quando su di esse non cade l'accento. La e ha suono aperto (): al termine di un nome di origine straniera. Esempi: caff, canap, Mos; - nei participi e negli aggettivi terminanti in ente. Esempi: presnte, valnte; - nel dittongo ie: barbire, chisa, pasticcire, pide, salumire; - nei diminutivi terminanti in ello e ella. Esempi: donzlla, monllo; - nei vocaboli che terminano in endo e enda. Esempi: faccnda, orrndo, vicnda; - nei vocaboli che terminano in ense. Esempio: fornse; - nei nomi che terminano in enza. Esempi: assnza, partnza, sapinza; - nei vocaboli terminanti in stra, estre. Esempi: campstre, finstra, terrstre; - nei numerali come si, stte, dici, trzo, ssto, ventsimo, bimstre, binnio.
-

La e ha suono chiuso (): - nelle voci composte con che. Esempi: perch, poich, sicch, affinch, giacch; - nei nomi comuni tronchi di una sola sillaba. Esempi: f, r, m, t, s; - nei verbi della seconda coniugazione, in re. Esempi: temre, tenre; - negli avverbi in mnte. Esempi: socialmnte, teneramnte; - negli aggettivi in vole. Esempi: caritatvole, piacvole, scorrvole; - nei diminutivi tto, tta. Esempi: castta, fanciulltto, fanciulltta, omtto; - nei nomi terminananti in fice. Esempi: carnfice, orfice, pontfice; - nei nomi e negli aggettivi terminanti in se. Esempi: cortse, marchse, pase; - nei nomi in to, ta, zza. Esempi: fruttto, monta, pinta, carzza, bellzza; - nei vocaboli terminanti in nto. Esemp: ornamnto, tormnto; - nei vocaboli terminanti in ssa. Esempio: mssa; - nei numerali come tr, trdici, sdici, vnti, trnta. La o ha suono aperto ():
-

nei nei nei nei

nomi tronchi d'origine italiana. Esempi: Angi, fal, rococ; vocaboli in ulo e nel dittongo u. Esempi: fagiulo, figliulo, nuvo, ruta; nomi terminanti in lo, la. Esempi: giaggilo, parla; nomi terminanti in rio. Esempi: dormitrio, oratrio, ostensrio;

Italiano Prof. Attilio Folliero www.folliero.eu

UCV Caracas Facultad de Humanidades y Educacin Escuela de Comunicacin Social -

nei vocaboli terminanti in tto, tta. Esempi: giovantto, grasstto, ragazztta; nei vocaboli terminanti in occio, occhio. Esempi: bambccio, malcchio; nei numerali come tto, nve, nno, trentanve, trenttto;

La o ha suono chiuso ():


-

nei pronomi come ni, vi, lro, colro, costro; nei nomi terminanti in io. Esempi: corridio, frantio; nei nomi in ne, sine, zine. Esempi: corne, visine, azine, commozine; nei vocaboli in re, ra, sre, tre. Esempi: confessre, osservatre, signre, signra, traditre, vigre; nei vocaboli in so. Esempi: animso, pensso; nei vocaboli terminanti in ce. Esempi: atrce, ferce.

Omonimi Nella lingua italiana alcuni vocaboli, composti dalle stesse lettere, cio omonimi, cambiano significato in base al suono aperto o chiuso della e o della o. Esempi di omonimi che hanno diverso significato a seconda della pronuncia della vocale aperta o chiusa. acctta (suono chiuso) significa scure; acctta (suono aperto) verbo accettare; afftto (suono chiuso) significa taglio; afftto (suono aperto) amore; btte (suono chiuso) recipiente per il vino; btte (suono aperto) percosse; clto (suono chiuso) istruito; clto (suono aperto) verbo cogliere; corrsse (suono chiuso) verbo correre; corrsse (suono aperto) verbo correggere; sca (suono chiuso) significanutrimento; sca (suono aperto) verbo uscire; fro (suono chiuso) buco; fro (suono aperto) piazza, tribunale; fsse (suono chiuso) dal verbo essere; fsse (suono aperto) scavi; lgge (suono chiuso) norma, prescrizione; lgge (suono aperto) verbo leggere; psca (suono chiuso) il pescare e verbo pescare; psca (suono aperto) frutto; psta (suono chiuso) dal verbo porre; psta (suono aperto) luogo; srta (suono chiuso) dal verbo sorgere; srta (suono aperto) una specie; tma (suono chiuso) la paura; tma (suono aperto) componimento; tcco (suono chiuso) dal verbo toccare; tcco (suono aperto) un pezzo; trta (suono chiuso) dolce; trta (suono aperto) dal verbo torcere; vnti (suono chiuso) numero; vnti (suono aperto) soffi d'aria; vlgo (suono chiuso) la plebe; vlgo (suono aperto) verbo volgere; vlto (suono chiuso) significa viso; vlto (suono aperto) dal verbo volgere.

Italiano Prof. Attilio Folliero www.folliero.eu