Sei sulla pagina 1di 9

Mod.3 - U.D. 1 - Lez.

Lezione 3 Impronte digitali e sensori: caratteristiche


Sistemi biometrici Modulo 3 - Sistemi biometrici basati su impronte digitali Unit didattica 1 - Caratteristiche e rappresentazione delle impronte digitali
Fabio Scotti
Universit degli Studi di Milano - Ssri - CDL ONLINE

Quale il compito dei sensori?


I sensori devono cercare di catturare la distribuzione di creste e valli sulla pelle Maggiori dettagli catturiamo, migliore sar la capacit del sistema di identificare/verificare le identit delle persone Possiamo immaginare le impronte come immagini bidimensionali ma anche come superfici tridimensionali

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Modalit di acquisizione (1)


Due modalit fondamentali: off-line live-scan Lacquisizione off-line in due fasi: i polpastrelli vengono prima passati su un tampone inchiostrato e poi vengono rotolati su una scheda di carta la scheda viene acquisita con uno scanner ottico o telecamera ad alta risoluzione.

Modalit di acquisizione (2)


Le impronte digitali latenti (per esempio provenienti dalla scena del crimine) sono di tipo off-line sono prodotte dalle tracce lasciate del grasso secerno dalla pelle che lascia sulle superficie una traccia evidenziabile successivamente con speciali reagenti chimici.

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Tipi di sensori live-scan


Nella modalit live-scan, invece, limmagine digitale dellimpronta digitale acquisita in tempo reale direttamente tramite il contatto del polpastrello con un apposito sensore I sensori possono essere:
ottici, basati
sul fenomeno della frustrated total internal reflection (FTIR) su scanner tradizionali capacit pressione (Piezoelettrici) temperatura Ultrasuoni

stato solido, con pixel sensibili alle variazioni di

altro tipo

Panoramica delle immagini dei sensori


I vari sensori producono delle immagini con delle caratteristiche molto diverse fra loro

Thermal (Sweeping)

3dimensional

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Propriet del sensore (1)


Nello scegliere un sensore dobbiamo controllare:
risoluzione

area di acquisizione

numero di pixel e bit per pixel (8, 16, 24 bit)

contrasto

distorsione geometrica

Propriet del sensore (2)


In alcune applicazioni pu essere utile considerare anche le seguenti caratteristiche:
numero di frame per secondo (Fps) presenza meccanismi HW/SW sul sensore per il rilevamento automatico della presenza del dito e delle condizioni
il sensore effettua lacquisizione quando si verificano le condizioni ideali di posizione e pressione

supporto per comunicazioni crittate sistemi operativi supportati, disponibilit di driver completezza della documentazione (HW/SW) disponibilit di SDK (librerie software per lo sviluppo di applicazioni private del sensore)

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Sensori ottici (1)


Rifrazione Interna

Con fibre ottiche A foglio di prismi

Elettro-ottico

Sensori ottici (2)


Risposta alle diverse condizioni di acquisizione

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Sensori a stato solido


Il contatto fra il ridge e la superficie del sensore cambia la capacit del circuito del singolo pixel

Circuito di un singolo pixel

I sensori a stato solido che rilevano la temperatura o la pressione hanno forma simile ma circuiti dedicati diversi per il singolo pixel

Problemi di acquisizione: pressione


Come cambia una impronta con la pressione del dito? I ridge da discontinui tendono a diventare continui Inziano a vedersi meglio
i pori (sempre presenti) incipients ridge (presenti nel 45% della popolazione) (*)

Quando la pressione diventa troppa, iniziano ad unirsi i ridge fra loro o con gli incipients ridge
(*) (*) (*) (*)

Bassa pressione

Alta pressione

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Problemi di acquisizione: roto-traslazioni e deformazioni


Non tutti riescono a stare fermi

Rotazione

Le parti in contatto con il sensore tendono a non ruotare/spostarsi con il dito creando una deformazione non lineare come sarebbe invece una semplice roto-traslazione

Esistono dei sensori che riescono a rilevare la tridimensionalit della impronta digitale Nel futuro potranno giocare un ruolo importante se si dimostrer che laccuratezza del riconoscimento pu essere maggiore di quella ottenibile dai sensori attuali

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Traslazione
Queste sono le mappe delle deformazioni in 4 esempi tipici di deformazioni non lineari

Sensori 3D

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

Comparazione di sensori commerciali (1)

Comparazione di sensori commerciali (2)


Lo stesso dito acquisito in condizioni ideali con i seguenti sensori:
a) Biometrika FX2000, b) Digital Persona UareU2000, c) Identix DFR200, d) Ethentica TactilSense T-FPM, e) ST Microelectronics TouchChip, f) Veridicom FPS110, g) Atmel FingerChip AT77C101B, h) Authentec AES4000.

Fabio Scotti - Sistemi biometrici

Mod.3 - U.D. 1 - Lez. 3

In sintesi
Abbiamo visto: Le due modalit di acquisizione:
off-line live scan

Il tipo di sensori sul mercato:


ottici stato solido altri tipi

I parametri di confronto dei sensori I fattori che influenzano il risultato della acquisizione
FINE

Fabio Scotti - Sistemi biometrici