Sei sulla pagina 1di 3

Storia Contemporanea

Lezione 1 (20/10/10)

L'argomento della prima lezione del corso è il periodo della cosiddetta «Belle
Epoque», un periodo storico, artistico e culturale, di rilevante importanza
soprattutto in Francia, che va dalla fine dell'800 allo scoppio della Prima Guerra
Mondiale.

Il centro di tutto ciò è ovviamente Parigi, la città dove si trova la maggior parte delle
personalità artistiche e letterarie del periodo. E' un epoca, inoltre, in cui troviamo una
serie progressiva e, soprattutto, molto rapida di innovazioni tecnologiche.

Possiamo analizzare quindi 3 aspetti:

– Aspetto economico
– Aspetto politico
– Aspetto sociale

Aspetto Economico

Avviene innanzitutto la Seconda Rivoluzione Industriale, già iniziato intorno al


1850 e proseguito fino ai primi anni del '900. Troviamo soprattutto innovazioni
significative in 3 settori: elettrico, siderurgico, chimico. Con i contributi
importantissimi di Henry Ford e Frederick Wynslow Taylor (tra gli altri), si ha inoltre
una meccanizzazione della produzione industriale, ossia l'introduzione della
catena di montaggio.
La conseguenza è che scienza e tecnologia diventano parte attiva e integrante della
vita di tutti i giorni.

Aspetto Politico

In America del Nord si ha la Conquista del West, aumenta quindi lo spazio a


disposizione e c'è la possibilità di creare società a partire da 0. Avviene inoltre la
Guerra di Secessione Americana (1861 – 1865)

L'Inghilterra entra in una fase di forte imperialismo, insediando colonie in Egitto, a


Cipro, in India e in parte del Canale di Suez.

In Francia aumentano i sentimenti di nazionalismo, portando quindi a un successo


maggiore della Destra, in particolare per la questione di Alsazia e Lorena. La Destra
criticava l'operato della Repubblica e del Parlamento.
Nazionalismi avvengono anche in Austria e Ungheria, dove troviamo inoltre anche
un'espansione verso i Balcani.

La Germania attua un riarmo navale, e avviene una prima alleanza tra Francia e
Russia (e, successivamente, Inghilterra).

Aspetto Sociale

Prende piede il pensiero del Positivismo, una vera e propria esaltazione del
progresso scientifico applicata alla vita umana di tutti i giorni; naturalmente, questa
corrente di pensiero va di pari passo col rapidissimo progresso tecnologico dell'epoca.
La borghesia accoglie questo pensiero.
Di contro, troviamo il pensiero di Nietzsche, che si scaglia contro l'ambiente
cattolico, borghese e scientifico del passato.
Spencer elabora inoltre il concetto di evoluzione sociale, secondo cui, col passare del
tempo, l'uomo e la collettività andranno sempre più d'accordo.

I borghesi del tempo si ritrovano nei salotti, autodettandosi delle regole che poi
divenivano regole universali.

Analisi di un'opera artistica

Ci sono 2 tipi di analisi:

– Analisi stilistica: tecnica e stile dell'opera; uso delle linee e del colore,
materiali e dimensioni (se rilevabili e/o significativi), prospettive,
caratteristiche particolari a livello tecnico/pratico.

– Analisi iconografica

All'interno dell'analisi iconografica, ritroviamo, con più precisione:

– Analisi preiconografica: elenco dei singoli elementi che compongono l'opera,


senza ancora rilevare il soggetto principale.

– Analisi iconografica: rilevazione del soggetto del quadro, ossia la risposta alla
domanda: «Cosa rappresenta?»

– Analisi iconologica: indicazione del significato reale e simbolico di un'opera,


lo scopo della stessa, i motivi e le caratteristiche che l'autore vuole (o si pensa
che voglia far notare.
«L'Assenzio» di Edgar Degas
1875/1876

Finora abbiamo parlato della Belle Epoque come di un periodo meraviglioso e di


prosperità, ma era veramente così?
Quest'opera è un dipinto impressionista, ma applicato, invece che ai soliti paesaggi
dipinti dagli autori appartenenti a questo stile, alla realtà umana.
Degas, in questo quadro, mostra la realtà umana, nella sua miseria e alienazione.

I due personaggi sono palesemente appartenenti alla borghesia, infatti vestono in


maniera elegante. Sono sotto effetto di assenzio, una potente bevanda alcolica che,
come effetti, non è troppo diversa dall'assunzione di uno stupefacente.
Chiaramente, se si arriva a creare il bisogno del consumo di sostanze come questa,
qualcosa non funziona.
Infatti, i due individui, pur sedendo vicini, non si parlano: c'è mancanza di
comunicazione.