Sei sulla pagina 1di 14

MISSA VOTIVA DE IMMACULATO CORDE BEATAE MARIAE VIRGINIS

Il culto verso il Cuore Immacolato di Maria, il cui maggior codificatore e propagatore fu san Giovanni Eudes (1601-
1680), ha le sue basi nelle lodi che della sua perfezione fecero sant'Ambrogio (337-397), sant'Agostino (354-430), san
Giovanni Crisostomo (349-407), san Leone (390-461), santa Matilde (895-968), san Bernardo (1090-1153), santa
Gertrude (1256-1302), san Bonaventura (1221-1274), san Bernardino (1388-1444). La Sede Apostolica, accogliendo i
voti dell'Eudes, approvò fin dal 1668 una particolare memoria del Cuore Purissimo di Maria, ma solo dopo la
approvazione della festa del Sacro Cuore essa entrerà nel Messale Romano, fra le feste pro aliquibus locis: lo dispose
Pio VII nel 1814 e lo confermarono Pio IX e Benedetto XV. Pio XII, che nel 1942 aveva consacrato il genere umano al
Cuore Immacolato, ne estese la festa a tutta la Chiesa nel 1944, fissandola all'Ottava dell'Assunzione. La messa votiva
si può dire il primo Sabato d'ogni mese, secondo i desideri della Vergine a Fatima, a meno che il giorno non sia
impedito da un altro ufficio liturgico.

Storia della Grande Promessa del Cuore Immacolato di Maria. La


Madonna, apparendo a Fatima il 13 giugno 1917, tra l'altro, disse a Lucia:
«Gesù vuole servirsi di te per farmi conoscere e amare. Egli vuole stabilire
nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato». Poi, in quella
apparizione, fece vedere ai tre veggenti il suo Cuore coronato di spine: il
Cuore Immacolato della Mamma amareggiato per i peccati dei figli e per la
loro dannazione eterna!
Lucia racconta: «Il 10 dicembre 1925 mi apparve in camera la Vergine
Santissima e al suo fianco un Bambino, come sospeso su una nube. La
Madonna gli teneva la mano sulle spalle e, contemporaneamente, nell'altra
mano reggeva un Cuore circondato di spine. In quel momento il Bambino
disse: “Abbi compassione del Cuore della Tua Madre Santissima avvolto
nelle spine che gli uomini ingrati gli configgono continuamente, mentre
non v'è chi faccia atti di riparazione per strappargliele”.E subito la Vergine
Santissima aggiunse: “Guarda, figlia mia, il mio Cuore circondato di spine
che gli uomini ingrati infliggono continuamente con bestemmie e
ingratitudini. Consolami almeno tu e fa' sapere questo: “A tutti coloro che
per cinque mesi, al primo sabato, si confesseranno, riceveranno la
santa Comunione, reciteranno il Rosario, e mi faranno compagnia per quindici minuti meditando i Misteri, con
l'intenzione di offrirmi riparazioni, prometto di assisterli nell'ora della morte con tutte le grazie necessarie alla
salvezza”».
È questa la grande Promessa del Cuore di Maria che si affianca a quella del Cuore di Gesù.
Per ottenere la promessa del Cuore di Maria si richiedono le seguenti condizioni:
1. Confessione - fatta entro gli otto giorni precedenti, con l'intenzione di riparare le offese fatte al Cuore Immacolato di
Maria. Se uno nella confessione di dimentica di fare tale intenzione, può formularla nella confessione seguente.
2. Comunione - fatta in grazia di Dio con la stessa intenzione della confessione.
3. La Comunione deve essere fatta nel primo sabato del mese.
4. La Confessione e la Comunione devono ripetersi per cinque mesi consecutivi, senza interruzione, altrimenti si deve
ricominciare da capo.
5. Recitare la corona del Rosario, almeno la terza parte, con la stessa intenzione della confessione.
6. Meditazione - per un quarto d'ora fare compagnia alla Santissima Vergine meditando sui misteri del rosario.
Un confessore di Lucia le chiese il perché del numero cinque. Lei lo chiese a Gesù, il quale rispose: «Si tratta di riparare
le cinque offese dirette al Cuore Immacolato di Maria».
1 - Le bestemmie contro la sua Immacolata Concezione.
2 - Contro la sua Verginità.
3 - Contro la sua Maternità divina e il rifiuto di riconoscerla come Madre degli uomini.
4 - L'opera di coloro che pubblicamente infondono nel cuore dei piccoli l'indifferenza, il disprezzo e perfino l'odio
contro questa Madre Immacolata.
5 - L'opera di coloro che la offendono direttamente nelle sue immagini sacre.
(Fonte: Sardinia Tridentina)
Preghiere a piè dell’Altare
1
S. In nómine Patris, ✠ et Fílii, et Spíritus Sancti. S. Nel nome del Padre ✠ e del Figlio e dello Spirito
Amen. Santo. Amen.

Salmo 42

S. Introíbo ad altáre Dei. S. Mi accosterò all'altare di Dio.


M. Ad Deum, qui lætíficat juventútem meam. M. A Dio che dà letizia alla mia giovinezza.
S. Júdica me, Deus, et discérne causam meam de S. Fammi giustizia, o Dio, e separa la mia causa da
gente non sancta: ab hómine iníquo et dolóso érue quella di una nazione non santa, e liberami
me. dall'uomo iniquo e ingannatore.
M. Quia tu es, Deus, fortitúdo mea: quare me M. Perché tu, o Dio, sei la mia forza; perché mi hai
repulísti, et quare tristis incédo, dum afflígit me tu rigettato? e perché me ne vo contristato, mentre il
inimícus? nemico mi affligge?
S. Emítte lucem tuam et veritátem tuam: ipsa me S. Manda la tua luce e la tua verità: esse mi guidino
deduxérunt, et adduxérunt in montem sanctum tuum e mi conducano al tuo santo monte e ai tuoi
et in tabernácula tua. tabernacoli.
M. Et introíbo ad altáre Dei: ad Deum, qui lætíficat M. E mi accosterò all'altare di Dio; a Dio che dà
juventútem meam. letizia alla mia giovinezza.
S. Confitébor tibi in cíthara, Deus, Deus meus: quare S. Io ti loderò sulla cetra, o Dio, Dio mio. Perché, o
tristis es, ánima mea, et quare contúrbas me? anima mia, sei triste? e perché mi conturbi?
M. Spera in Deo, quóniam adhuc confitébor illi: M. Spera in Dio, perché io lo loderò ancora: egli
salutáre vultus mei, et Deus meus. salute della mia faccia, e mio Dio.
S. Glória Patri, et Fílio, et Spirítui Sancto. S. Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.
M. Sicut erat in princípio, et nunc, et semper: et in M. Come era in principio, e ora, e sempre, e nei
sǽcula sæculórum. Amen. secoli dei secoli. Amen.
S. Introíbo ad altáre Dei. S. Mi accosterò all'altare di Dio.
M. Ad Deum, qui lætíficat juventútem meam. M. A Dio che dà letizia alla mia giovinezza.

S. Adjutórium nostrum ✠ in nómine Dómini. S. Il nostro aiuto ✠ è nel nome del Signore
M. Qui fecit cælum et terram. M. Che ha fatto il cielo e la terra.

La Confessione pubblica e Assoluzione

S. Confíteor Deo omnipoténti, beátæ Maríæ semper S. Confesso a Dio onnipotente, alla beata sempre
Vírgini, beáto Michaéli Archángelo, beáto Joánni Vergine Maria, al beato Michele Arcangelo, al beato
Baptístæ, sanctis Apóstolis Petro et Paulo, ómnibus Giovanni Battista, ai Santi Apostoli Pietro e Paolo, a
Sanctis, et vobis, fratres: quia peccávi nimis tutti i Santi e a voi, o fratelli, di aver molto peccato,
cogitatióne, verbo et opere: mea culpa, mea culpa, in pensieri, parole ed opere: per mia colpa, per mia
mea máxima culpa. Ideo precor beátam Maríam colpa, per mia grandissima colpa. E perciò supplico
semper Vírginem, beátum Michaélem Archángelum, la beata sempre Vergine Maria, il beato Michele
beátum Joánnem Baptístam, sanctos Apóstolos Arcangelo, il beato Giovanni Battista, i Santi
Petrum et Paulum, omnes Sanctos, et vos, fratres, Apostoli Pietro e Paolo, tutti i Santi, e voi, o fratelli,
orare pro me ad Dóminum, Deum nostrum. di pregare per me il Signore Dio nostro.

M. Misereátur tui omnípotens Deus, et, dimíssis M. Dio onnipotente, abbia pietà di te, e, perdonati i
peccátis tuis, perdúcat te ad vitam ætérnam. tuoi peccati, ti conduca alla vita eterna.
S. Amen. S. Amen.

M. Confíteor Deo omnipoténti, beátæ Maríæ semper M. Confesso a Dio onnipotente, alla beata sempre
Vírgini, beáto Michaéli Archángelo, beáto Joánni Vergine Maria, al beato Michele Arcangelo, al beato
Baptístæ, sanctis Apóstolis Petro et Paulo, ómnibus Giovanni Battista, ai Santi Apostoli Pietro e Paolo, a
Sanctis, et tibi, pater: quia peccávi nimis cogitatióne, tutti i Santi e a te, o padre, di aver molto peccato, in
verbo et opere: mea culpa, mea culpa, mea máxima pensieri, parole ed opere: per mia colpa, per mia
culpa. Ideo precor beátam Maríam semper colpa, per mia grandissima colpa. E perciò supplico
Vírginem, beátum Michaélem Archángelum, beátum la beata sempre Vergine Maria, il beato Michele
2
Joánnem Baptístam, sanctos Apóstolos Petrum et Arcangelo, il beato Giovanni Battista, i Santi
Paulum, omnes Sanctos, et te, pater, orare pro me ad Apostoli Pietro e Paolo, tutti i Santi, e te, o padre, di
Dóminum, Deum nostrum. pregare per me il Signore Dio nostro.

S. Misereátur vestri omnípotens Deus, et, dimíssis S. Dio onnipotente abbia pietà di voi e, rimessi i
peccátis vestris, perdúcat vos ad vitam ætérnam. vostri peccati, vi conduca alla vita eterna.
M. Amen. M. Amen.

S. Indulgéntiam, ✠ absolutionem et remissiónem S. Il Signore onnipotente e misericordioso ✠ ci


peccatórum nostrórum tríbuat nobis omnípotens et accordi il perdono, l'assoluzione e la remissione dei
miséricors Dóminus. nostri peccati.
M. Amen. M. Amen.

S. Deus, tu convérsus vivificábis nos. S. Volgendoti a noi, o Dio, ci farai vivere.


M. Et plebs tua lætábitur in te. M. E il tuo popolo si rallegrerà in Te.
S. Osténde nobis, Dómine, misericórdiam tuam. S. Mostraci, o Signore, la tua misericordia.
M. Et salutáre tuum da nobis. M. E da' a noi la tua salvezza.
S. Dómine, exáudi oratiónem meam. S. O Signore, esaudisci la mia preghiera.
M. Et clamor meus ad te véniat. M. E il mio grido giunga fino a Te.
S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.
M. Et cum spíritu tuo. M. E con lo spirito tuo.

S. Orémus. S. Preghiamo.

Il sacerdote sale all’altare

Aufer a nobis, quǽsumus, Dómine, iniquitátes Togli da noi, o Signore, le nostre iniquità: affinché
nostras: ut ad Sancta sanctórum puris mereámur con animo puro possiamo entrare nel Santo dei
méntibus introíre. Per Christum, Dóminum nostrum. Santi. Per Cristo nostro Signore. Amen.
Amen.

Orámus te, Dómine, per mérita Sanctórum tuórum, Ti preghiamo, o Signore, per i mériti dei tuoi Santi
quorum relíquiæ hic sunt, et ómnium Sanctórum: ut dei quali son qui le reliquie, e di tutti i tuoi Santi:
indulgére dignéris ómnia peccáta mea. Amen. affinché ti degni di perdonare tutti i miei peccati.
Amen.

Introitus. Hebr. 4, 16. Adeámus cum fidúcia ad Introito. Accostiamoci con fiducia al trono di
thronum grátiæ, ut misericórdiam consequámur, et grazia, affine di ottenere misericordia e trovar grazia
grátiam inveniámus auxílio opportúno. (T.P. ed aiuto al momento opportuno. (T.P. Alleluia,
Allelúja, allelúja) Ps. 44, 2. Eructávit cor meum alleluia) - Vibra nel mio cuore un ispirato pensiero,
verbum bonum: dico ego ópera mea regi. Glória mentre al Sovrano canto il mio poema. Gloria al
Patri. Adeámus. (T.P. Allelúja, allelúja) Padre. Accostiamoci. (T.P. Alleluia, alleluia)

S. Kýrie, eléison. S. Signore, abbi pietà.


M. Kýrie, eléison. M. Signore, abbi pietà.
S. Kýrie, eléison. S. Signore, abbi pietà.
M. Christe, eléison. M. Cristo, abbi pietà.
S. Christe, eléison. S. Cristo, abbi pietà.
M. Christe, eléison. M. Cristo, abbi pietà.
S. Kýrie, eléison. S. Signore, abbi pietà.
M. Kýrie, eléison. M. Signore, abbi pietà.
S. Kýrie, eléison. S. Signore, abbi pietà.

Glória in excélsis Deo. Et in terra pax homínibus Gloria a Dio nell'alto dei cieli. E pace in terra agli
bonæ voluntátis. Laudámus te. Benedícimus te. uomini di buona volontà. Noi Ti lodiamo. Ti
Adorámus te. Glorificámus te. Grátias ágimus tibi benediciamo. Ti adoriamo. Ti glorifichiamo. Ti
3
propter magnam glóriam tuam. Dómine Deus, Rex rendiamo grazie per la tua gloria immensa. Signore
cæléstis, Deus Pater omnípotens. Dómine Fili Iddio, Re del cielo, Dio Padre onnipotente. Signore,
unigénite, Jesu Christe. Dómine Deus, Agnus Dei, Figlio unigenito, Gesù Cristo. Signore Iddio,
Fílius Patris. Qui tollis peccáta mundi, miserére Agnello di Dio, Figlio del Padre. Tu che togli i
nobis. Qui tollis peccáta mundi, súscipe peccati del mondo, abbi pietà di noi. Tu che togli i
deprecatiónem nostram. Qui sedes ad déxteram peccati del mondo, accogli la nostra supplica. Tu che
Patris, miserére nobis. Quóniam tu solus Sanctus. Tu siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Poiché
solus Dóminus. Tu solus Altíssimus, Jesu Christe. Tu solo il Santo. Tu solo il Signore. Tu solo
Cum Sancto Spíritu ✠ in glória Dei Patris. Amen. l'Altissimo, Gesù Cristo. Con lo Spirito Santo ✠
nella gloria di Dio Padre. Amen.

Oratio Colletta
S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.
M. Et cum spiritu tuo. M. E con il tuo spirito.
S. Orémus. S. Preghiamo.
Omnípotens sempitérne Deus, qui in Corde beátæ O Dio onnipotente ed eterno, che nel cuore della
Maríæ Vírginis dignum Spíritus Sancti habitáculum beata Vergine Maria hai preparato una degna dimora
præparásti: concéde propítius; ut ejúsdem allo Spirito Santo: concedi a noi di celebrare con
immaculáti Cordis festivitátem devóta mente spirito devoto la festa del suo Cuore immacolato e di
recoléntes, secúndum cor tuum vívere valeámus. Per vivere come piace al tuo cuore. Per il nostro Signore
Dominum nostrum Jesum Christum, Filium tuum: Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con
qui tecum vivit et regnat in unitate ejusdem Spiritus te, in unità con lo Spirito Santo, per tutti i secoli dei
Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. Amen. secoli. Amen.

Lectio Lezione
S. Léctio libri Sapiéntiæ. S. Lettura del libro della Sapienza.
Eccli 24, 23-31. Eccli 24, 23-31.
Ego quasi vitis fructificávi suavitátem odóris: et Come una vite, io produssi pampini di odore soave,
flores mei, fructus honóris et honestátis. Ego mater e i miei fiori diedero frutti di gloria e di ricchezza. Io
pulchræ dilectiónis, et timóris, et agnitiónis, et sono la madre del bell'amore, del timore, della
sanctæ spei. In me grátia omnis viæ et veritátis: in conoscenza e della santa speranza. In me si trova
me omnis spes vitæ, et virtútis. Transíte ad me ogni grazia di dottrina e di verità, in me ogni
omnes qui concupíscitis me, et a generatiónibus speranza di vita e di virtù. Venite a me, voi tutti che
meis implémini. Spíritus enim meus super mel mi desiderate, e dei miei frutti saziatevi. Perocché il
dulcis, et heréditas mea super mel et favum. mio spirito è più dolce del miele, e la mia eredità più
Memória mea in generatiónes sæculórum. Qui edunt dolce di un favo di miele. Il mio ricordo rimarrà per
me, adhuc esúrient: et qui bibunt me, adhuc sítient. volger di secoli. Chi mangia di me, avrà ancor fame;
Qui audit me, non confundétur: et qui operántur in chi beve di me, avrà ancor sete. Chi mi ascolta, non
me, non peccábunt. Qui elúcidant me, vitam patirà vergogna; chi agisce con me, non peccherà;
ætérnam habébunt. chi mi fa conoscere, avrà la vita eterna.
M. Deo grátias. M. Grazie a Dio.

S. Graduale. Ps. 12, 6. Exsultábit cor meum in S. Graduale. Il mio cuore esulta nella tua salvezza:
salutári tuo: cantábo Dómino, qui bona tríbuit mihi: canterò al Signore perché mi ha beneficato,
et psallam nómini Dómini altíssimi. Ps. 44, 18. inneggerò al nome del Signore, l'Altissimo. -
Mémores erunt nóminis tui in omni generatióne et Ricorderanno il tuo nome di generazione in
generatiónem: proptérea pópuli confitebúntur tibi in generazione, e i popoli ti loderanno nei secoli per
ætérnum. sempre.
Allelúja, allelúja. Luc. 1, 46; 1, 47. Magníficat Alleluia, alleluia. L'anima mia magnifica il Signore,
ánima mea Dóminum: et exsultávit spíritus meus in e si allieta il mio spirito in Dio, mio Salvatore.
Deo salutári meo. Allelúja. Alleluia.

Post Septuagesimam, omissis Allelúja, et Versu Dopo la Settuagesima, omessi l’Alleluia e il Verso
sequenti, dicitur: seguente, si dice:
Tractus. Prov. 8, 32, 35. Nunc ergo, fílii, audíte me: Tratto. Laonde, figliuoli, ascoltatemi: Beati, quelli
Beáti qui custódiunt vias meas. Audíte disciplínam che custodiscono le mie vie. Ascoltate l'esortazione
4
et estóte sapiéntes, et nolíte abjícere eam. - Beátus e siate saggi, non trascuratela! - Beato l'uomo che mi
homo qui audit me, et qui vígilat ad fores meas ascolta, veglia ogni giorno alle mie porte, e
quotídie, et obsérvat ad postes óstii mei. - Qui me custodisce attentamente la soglia del mio uscio. -
invénerit, invéniet vitam, et háuriet salútem a Infatti, chi trova me trova la vita, e ottiene la
Dómino. salvezza dal Signore

Tempore autem Paschali omittitur Graduale, et ejus Nel Tempo Pasquale, invece, si omette il Graduale,
loco dicitur : e al suo posto si dice:
Allelúja, allelúja. Luc. 1, 46-47. Magníficat ánima Alleluia, alleluia. L'anima mia magnifica il Signore,
mea Dóminum : et exsultávit spíritus meus in Deo e si allieta il mio spirito in Dio, mio Salvatore.
salutári meo. Allelúja. Beátam me dicent omnes Alleluia. Tutte le generazioni mi diranno beata,
generatiónes, quia ancíllam húmilem respéxit Deus. poiché Dio ha guardato alla sua umile schiava.
Allelúja. Alleluia.

Evangelium Vangelo
S. Munda cor meum, ac labia mea, omnípotens S. Mondami il cuore e le labbra, o Dio onnipotente,
Deus, qui labia Isaíæ Prophétæ cálculo mundásti che mondasti con acceso carbone le labbra del
igníto: ita me tua grata miseratióne dignáre mundáre, profeta Isaia; con la tua benigna misericordia degnati
ut sanctum Evangélium tuum digne váleam nuntiáre. di mondarmi in modo che io possa annunziare
Per Christum, Dóminum nostrum. Amen. degnamente il tuo santo Vangelo. Per il Cristo nostro
Signore. Amen.

Jube, Dómine, benedícere. Dóminus sit in corde meo Degnati, o Signore, di benedirmi. Il Signore mi sia
et in lábiis meis: ut digne et competénter annúntiem nel cuore e sulle labbra: affinché in un modo degno e
Evangélium suum. Amen. conveniente io annunzi il suo Vangelo. Amen.

S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.


M. Et cum spíritu tuo. M. E con il tuo spirito.

S. Sequéntia ✠ sancti Evangélii secúndum Joánnem. S. Seguito ✠ del Santo Vangelo secondo Giovanni.
M. Glória tibi, Dómine. M. Gloria a Te, o Signore!
Joann 19, 25-27. Joann 19, 25-27.
In illo témpore: Stabant juxta crucem Jesu mater In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua
ejus, et soror matris ejus María Cléophæ, et María madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa, e
Magdaléne. Cum vidísset ergo Jesus matrem, et Maria Maddalena. Gesù, dunque, vedendo la madre
discípulum stantem, quem diligébat, dicit matri suæ: e accanto a lei il discepolo che amava, disse a sua
Múlier, ecce fílius tuus. Deinde dicit discípulo: Ecce madre: «Donna, ecco tuo figlio». Poi disse al
mater tua. Et ex illa hora accépit eam discípulus in discepolo: «Ecco tua madre». E da quell'ora il
sua. discepolo la prese con sé.
M. Laus tibi, Christe. M. Lode a Te, o Cristo.
S. Per Evangélica dicta, deleántur nostra delícta. S. Per questi evangelici detti siano perdonati i nostri
peccati.

Credo in unum Deum, Patrem omnipoténtem, Credo in un solo Dio Padre onnipotente, creatore
factórem cæli et terræ, visibílium ómnium et del cielo e della terra, di tutte le cose visibili ed
invisibílium. Et in unum Dóminum Jesum Christum, invisibili. E in un solo Signore, Gesù Cristo,
Fílium Dei unigénitum. Et ex Patre natum ante unigenito Figlio di Dio. Nato dal Padre prima di tutti
ómnia sǽcula. Deum de Deo, lumen de lúmine, i secoli. Dio da Dio, luce da luce, Dio vero da Dio
Deum verum de Deo vero. Génitum, non factum, vero. Generato, non creato, della stessa sostanza del
consubstantiálem Patri: per quem ómnia facta sunt. Padre: per mezzo di Lui tutte le cose sono state
Qui propter nos hómines et propter nostram salútem create. Per noi uomini e per la nostra salvezza
descéndit de cælis. (Hic genuflectitur) Et incarnátus discese dal cielo. (Qui si genuflette) E per opera
est de Spíritu Sancto ex María Vírgine: Et homo dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della
factus est. Crucifíxus étiam pro nobis: sub Póntio Vergine Maria: e si è fatto uomo. Fu crocifisso per
Piláto passus, et sepúltus est. Et resurréxit tértia die, noi: sotto Ponzio Pilato morì e fu sepolto. Il terzo
secúndum Scriptúras. Et ascéndit in cælum: sedet ad giorno è risuscitato, secondo le Scritture. È salito al
5
déxteram Patris. Et íterum ventúrus est cum glória cielo: siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà
judicáre vivos et mórtuos: cujus regni non erit finis. nella gloria a giudicare i vivi e i morti: e il suo regno
Et in Spíritum Sanctum, Dóminum et vivificántem: non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, che è
qui ex Patre Filióque procédit. Qui cum Patre et Signore e dà la vita: e procede dal Padre e dal Figlio.
Fílio simul adorátur et conglorificátur: qui locútus E con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato e ha
est per Prophétas. Et unam sanctam cathólicam et parlato per mezzo dei Profeti. Credo la Chiesa: una,
apostólicam Ecclésiam. Confíteor unum baptísma in santa, cattolica e apostolica. Confesso un solo
remissiónem peccatórum. Et exspécto battesimo per il perdono dei peccati. Aspetto la
resurrectiónem mortuórum. Et vitam ✠ ventúri risurrezione dei morti. E la vita ✠ del mondo che
sæculi. Amen. verrà. Amen.

Offertorium Offertorio
S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.
M. Et cum spíritu tuo. M. E con il tuo spirito.
S. Orémus. S. Preghiamo.
Luc. 1, 46; 1, 49. Exsultávit spíritus meus in Deo L'anima mia esulta in Dio mio Salvatore, perché il
salutári meo: quia fecit mihi magna qui potens est, et Potente ha operato per me grandi cose e il Nome di
sanctum nomen ejus. (T.P. Allelúja) Lui è Santo. (T.P. Alleluia)

Suscipe, sancte Pater, omnipotens ætérne Deus, hanc Accetta, Padre santo, onnipotente eterno Iddio,
immaculátam hóstiam, quam ego indígnus fámulus questa ostia immacolata, che io, indegno servo tuo,
tuus óffero tibi Deo meo vivo et vero, pro offro a Te Dio mio vivo e vero, per gli innumerevoli
innumerabílibus peccátis, et offensiónibus, et peccati, offese e negligenze mie, e per tutti i
neglegéntiis meis, et pro ómnibus circumstántibus, circostanti, come pure per tutti i fedeli cristiani vivi e
sed et pro ómnibus fidélibus christiánis vivis atque defunti, affinché a me ed a loro torni di salvezza per
defúnctis: ut mihi, et illis profíciat ad salútem in la vita eterna. Amen.
vitam ætérnam. Amen.

Deus, qui humánæ substántiæ dignitátem mirabíliter O Dio, che in modo meraviglioso creasti la nobile
condidísti, et mirabílius reformásti: da nobis per natura dell'uomo, e più meravigliosamente ancora
hujus aquæ et vini mystérium, ejus divinitátis esse l'hai riformata, concedici di diventare, mediante il
consórtes, qui humanitátis nostræ fíeri dignátus est mistero di quest'acqua e di questo vino, consorti
párticeps, Jesus Christus, Fílius tuus, Dóminus della divinità di Colui che si degnò farsi partecipe
noster: Qui tecum vivit et regnat in unitáte Spíritus della nostra umanità, Gesù Cristo tuo Figlio, Nostro
Sancti Deus: per ómnia sǽcula sæculórum. Amen. Signore, che è Dio e vive e regna con Te nell'unità
dello Spirito Santo per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Ti offriamo, o Signore, questo calice di salvezza, e


Offérimus tibi, Dómine, cálicem salutáris, tuam scongiuriamo la tua clemenza, affinché esso salga
deprecántes cleméntiam: ut in conspéctu divínæ come odore soave al cospetto della tua divina
majestátis tuæ, pro nostra et totíus mundi salute, maestà, per la salvezza nostra e del mondo intero.
cum odóre suavitátis ascéndat. Amen. Amen.

Con spirito di umiltà e con animo contrito, possiamo


In spíritu humilitátis et in ánimo contríto noi, o Signore, esserti accetti, e il nostro sacrificio si
suscipiámur a te, Dómine: et sic fiat sacrifícium compia oggi alla tua presenza in modo da piacere a
nostrum in conspéctu tuo hódie, ut pláceat tibi, Te, o Signore Dio.
Dómine Deus.
Vieni, Dio eterno, onnipotente, santificatore, e
Veni, sanctificátor omnípotens ætérne Deus: et bene✠dici questo sacrificio preparato nel tuo santo
bene✠dic hoc sacrifícium, tuo sancto nómini nome.
præparátum.
Ps. 25, 6-12. Laverò fra gli innocenti le mie mani: ed
Ps. 25, 6-12. Lavábo inter innocéntes manus meas: andrò attorno al tuo altare, o Signore: Per udire voci
et circúmdabo altáre tuum. Dómine: Ut áudiam di lode, e per narrare tutte quante le tue meraviglie.
vocem laudis, et enárrem univérsa mirabília tua. O Signore, ho amato lo splendore della tua casa, e il
6
Dómine, diléxi decórem domus tuæ et locum luogo ove abita la tua gloria. Non perdere insieme
habitatiónis glóriæ tuæ. Ne perdas cum ímpiis, Deus, con gli empi, o Dio, l'anima mia, né la mia vita con
ánimam meam, et cum viris sánguinum vitam gli uomini sanguinari: Nelle cui mani stanno le
meam: In quorum mánibus iniquitátes sunt: déxtera iniquità: e la cui destra è piena di regali. Io invece ho
eórum repléta est munéribus. Ego autem in camminato nella mia innocenza: riscàttami e abbi
innocéntia mea ingréssus sum: rédime me et pietà di me. Il mio piede è rimasto sul retto sentiero:
miserére mei. Pes meus stetit in dirécto: in ecclésiis ti benedirò nelle adunanze, o Signore. Gloria al
benedícam te, Dómine. Glória Patri. Padre.

Accetta, o Santissima Trinità, questa offerta che ti


Súscipe, sancta Trinitas, hanc oblatiónem, quam tibi facciamo in memoria della passione, risurrezione e
offérimus ob memóriam passiónis, resurrectiónis, et ascensione di nostro Signore Gesù Cristo, e in onore
ascensiónis Jesu Christi, Dómini nostri: et in della beata sempre Vergine Maria, di san Giovanni
honórem beátæ Maríæ semper Vírginis, et beáti Battista, dei santi Apostoli Pietro e Paolo, di questi
Joannis Baptistæ, et sanctórum Apostolórum Petri et [martiri le cui reliquie sono nell'Altare], e di tutti i
Pauli, et istórum et ómnium Sanctórum: ut illis Santi, affinché ad essi sia d'onore e a noi di salvezza,
profíciat ad honórem, nobis autem ad salútem: et illi e si degnino d'intercedere per noi in Cielo, mentre
pro nobis intercédere dignéntur in cælis, quorum noi facciamo memoria di loro in terra. Per il
memóriam ágimus in terris. Per eúndem Christum, medesimo Cristo nostro Signore. Amen.
Dóminum nostrum. Amen.
S. Pregate, fratelli, affinché il mio e vostro sacrificio
S. Oráte, fratres: ut meum ac vestrum sacrifícium sia gradito a Dio Padre onnipotente.
acceptábile fiat apud Deum Patrem omnipoténtem. M. Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio,
M. Suscípiat Dóminus sacrifícium de mánibus tuis a lode e gloria del suo nome, per il bene nostro e di
ad laudem et glóriam nominis sui, ad utilitátem tutta la sua Santa Chiesa.
quoque nostram, totiúsque Ecclésiæ suæ sanctæ. S. Amen.
S. Amen.
Secreta
Secreta Offrendo alla tua maestà l'Agnello immacolato, noi
Majestáti tuæ, Dómine, Agnum immaculátum ti preghiamo, o Signore: accenda i nostri cuori quel
offeréntes, quaésumus: ut corda nostra ignis ille fuoco divino che ha infiammato misteriosamente il
divínus accéndat, qui Cor beátæ Maríæ Vírginis cuore della beata Vergine Maria. Per il medesimo
ineffabíliter inflammávit. Per eundem Dominum nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e
nostrum Jesum Christum, Filium tuum: qui tecum vive e regna con te, in unità con lo Spirito Santo, per
vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti, Deus, per tutti i secoli dei secoli. Amen.
omnia saecula saeculorum. Amen.
Prefazio
Præfatio S. Il Signore sia con voi.
S. Dóminus vobíscum. M. E con il tuo spirito.
M. Et cum spíritu tuo. S. In alto i cuori.
S. Sursum corda. M. Sono rivolti al Signore.
M. Habémus ad Dóminum. S. Rendiamo grazie al Signore nostro Dio.
S. Grátias agámus Dómino, Deo nostro. M. È cosa degna e giusta.
M. Dignum et justum est.
della Beata Vergine Maria
de Beata Maria Virgine S. È veramente degno e giusto, conveniente e
S. Vere dignum et justum est, æquum et salutáre, salutare, che noi, sempre e in ogni luogo, Ti
nos tibi semper et ubique grátias ágere: Dómine rendiamo grazie, o Signore Santo, Padre
sancte, Pater omnípotens, ætérne Deus: Et te in Onnipotente, Eterno Iddio: Te, nella Festività della
Festivitáte beátæ Maríæ semper Vírginis collaudáre, Beata sempre Vergine Maria, lodiamo, benediciamo
benedícere et prædicáre. Quæ et Unigénitum tuum ed esaltiamo. La quale concepì il tuo Unigenito per
Sancti Spíritus obumbratióne concépit: et, opera dello Spirito Santo e, conservando la gloria
virginitátis glória permanénte, lumen ætérnum della verginità, generò al mondo la luce eterna, Gesù
mundo effúdit, Jesum Christum, Dóminum nostrum. Cristo nostro Signore. Per mezzo di Lui, la tua
Per quem majestátem tuam laudant Angeli, adórant maestà lodano gli Angeli, adorano le Dominazioni e
Dominatiónes, tremunt Potestátes. Coeli tremebonde le Potestà. I Cieli, le Virtù celesti e i

7
coelorúmque Virtútes ac beáta Séraphim sócia beati Serafini la célebrano con unanime esultanza. Ti
exsultatióne concélebrant. Cum quibus et nostras preghiamo di ammettere con le loro voci anche le
voces ut admitti jubeas, deprecámur, súpplici nostre, mentre supplici confessiamo dicendo:
confessióne dicéntes:
Santo, Santo, Santo il Signore Dio degli esérciti I
Sanctus, Sanctus, Sanctus Dóminus, Deus Sábaoth. cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna
Pleni sunt cæli et terra glória tua. Hosánna in nell'alto dei cieli. Bene✠detto colui che viene nel
excélsis. Bene✠díctus, qui venit in nómine Dómini. nome del Signore. Osanna nell'alto dei cieli.
Hosánna in excélsis.
Canone
Canon
Te dunque, o clementissimo Padre, per Gesù Cristo
Te igitur, clementíssime Pater, per Jesum Christum, tuo Figlio nostro Signore, noi supplichiamo e
Fílium tuum, Dóminum nostrum, súpplices rogámus, preghiamo di aver grati e di benedire questi ✠ doni,
ac pétimus, uti accepta habeas et benedícas, hæc ✠ questi ✠ regali, questi ✠ santi ed illibati sacrifici
dona, hæc ✠ múnera, hæc ✠ sancta sacrifícia che noi ti offriamo, anzitutto per la tua santa Chiesa
illibáta, in primis, quæ tibi offérimus pro Ecclésia Cattolica, affinché ti degni pacificarla, custodirla,
tua sancta cathólica: quam pacificáre, custodíre, riunirla e governarla in tutto il mondo, insieme con il
adunáre et régere dignéris toto orbe terrárum: una tuo servo e Papa nostro N., e col nostro Vescovo N.,
cum fámulo tuo Papa nostro N. et Antístite nostro N. e con tutti i veri credenti e seguaci della cattolica ed
et ómnibus orthodóxis, atque cathólicæ et apostólicæ apostolica fede.
fídei cultóribus.
Ricordati, o Signore, dei tuoi servi e delle tue serve
Meménto, Dómine, famulórum famularúmque N. e N. e di tutti i circostanti, di cui conosci la fede e
tuarum N. et N. et ómnium circumstántium, quorum la devozione, pei quali ti offriamo questo sacrificio
tibi fides cógnita est et nota devótio, pro quibus tibi di lode, per sé e per tutti i loro cari, a redenzione
offérimus: vel qui tibi ófferunt hoc sacrifícium delle loro anime, per la sperata salute e incolumità; e
laudis, pro se suísque ómnibus: pro redemptióne rendono i loro voti a Te, o eterno Iddio vivo e vero.
animárum suárum, pro spe salútis et incolumitátis
suæ: tibíque reddunt vota sua ætérno Deo, vivo et
vero.
Uniti in una stessa comunione veneriamo anzitutto la
Communicántes, et memóriam venerántes, in primis memoria della gloriosa sempre Vergine Maria,
gloriósæ semper Vírginis Maríæ, Genetrícis Dei et Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo: e di
Dómini nostri Jesu Christi: sed et beatórum quella dei tuoi beati Apostoli e Martiri: Pietro e
Apostolórum ac Mártyrum tuórum, Petri et Pauli, Paolo, Andrea, Giacomo, Giovanni, Tommaso,
Andréæ, Jacóbi, Joánnis, Thomæ, Jacóbi, Philíppi, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e
Bartholomǽi, Matthǽi, Simónis et Thaddǽi: Lini, Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio,
Cleti, Cleméntis, Xysti, Cornélii, Cypriáni, Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo,
Lauréntii, Chrysógoni, Joánnis et Pauli, Cosmæ et Cosma e Damiano, e di tutti i tuoi Santi; per i meriti
Damiáni: et ómnium Sanctórum tuórum; quorum e per le preghiere dei quali concedi che in ogni cosa
méritis precibúsque concédas, ut in ómnibus siamo assistiti dall'aiuto della tua protezione. Per il
protectiónis tuæ muniámur auxílio. Per eúndem medesimo Cristo nostro Signore. Amen.
Christum, Dóminum nostrum. Amen.
Ti preghiamo, dunque, o Signore, di accettare
Hanc igitur oblatiónem servitutis nostræ, sed et placato questa offerta di noi tuoi servi e di tutta la
cunctæ famíliæ tuæ, quǽsumus, Dómine, ut placátus tua famiglia; fa che i nostri giorni scorrano nella tua
accípias: diésque nostros in tua pace dispónas, atque pace e che noi veniamo liberati dall’eterna
ab ætérna damnatióne nos éripi, et in electórum dannazione e annoverati nel gregge dei tuoi eletti.
tuórum júbeas grege numerári. Per Christum, Per Cristo nostro Signore. Amen.
Dóminum nostrum. Amen.
La quale offerta Tu, o Dio, dégnati, te ne
Quam oblatiónem tu, Deus, in ómnibus, quǽsumus, supplichiamo, di rendere in tutto e per tutto
bene✠díctam, adscríp✠tam, ra✠tam, rationábilem, bene✠detta, ascrit✠ta, ratifi✠cata, ragionevole e
acceptabilémque fácere dignéris: ut nobis Cor✠pus, accettabile affinché diventi per noi il Cor✠po e il
et San✠guis fiat dilectíssimi Fílii tui, Dómini nostri San✠gue del tuo dilettissimo Figlio nostro Signore
8
Jesu Christi. Gesù Cristo.

Il Quale nella vigilia della Passione preso del pane


Qui prídie quam paterétur, accépit panem in sanctas nelle sue sante e venerabili mani, alzati gli occhi al
ac venerábiles manus suas, elevátis óculis in cælum cielo, a Te Dio Padre suo onnipotente rendendoti
ad te Deum, Patrem suum omnipoténtem, tibi grátias grazie, lo bene✠disse, lo spezzò e lo diede ai suoi
agens, bene✠dixit, fregit, dedítque discípulis suis, discepoli, dicendo: Prendete e mangiatene tutti:
dicens: Accípite, et manducáte ex hoc omnes:
POICHÉ QUESTO È IL MIO CORPO.
HOC EST ENIM CORPUS MEUM.
Nello stesso modo, dopo aver cenato, preso nelle sue
Símili modo postquam cenátum est, accípiens et sante e venerabili mani anche questo glorioso calice:
hunc præclárum Cálicem in sanctas ac venerábiles di nuovo rendendoti grazie, lo bene✠disse, e lo
manus suas: item tibi grátias agens, bene✠dixit, diede ai suoi discepoli, dicendo: Prendete e bevetene
dedítque discípulis suis, dicens: Accípite, et bíbite tutti:
ex eo omnes:
POICHÉ QUESTO È IL CALICE DEL
HIC EST ENIM CALIX SANGUINIS MIO SANGUE, DELLA NUOVA ED
MEI, NOVI ET ÆTERNI ETERNA ALLEANZA: MISTERO DI
TESTAMENTI: MYSTERIUM FIDEI: FEDE: IL QUALE PER VOI E PER
QUI PRO VOBIS ET PRO MULTIS MOLTI SARÀ SPARSO IN
EFFUNDETUR IN REMISSIONEM REMISSIONE DEI PECCATI.
PECCATORUM.
Ogni qual volta farete questo, lo farete in memoria di
Hæc quotiescúmque fecéritis, in mei memóriam me.
faciétis.
Onde anche noi tuoi servi, o Signore, come pure il
Unde et mémores, Dómine, nos servi tui, sed et tuo santo popolo, ricordando la beata Passione del
plebs tua sancta, ejusdem Christi Fílii tui, Dómini medesimo Cristo tuo Figlio, nostro Signore, e certo
nostri, tam beátæ passiónis, nec non et ab ínferis anche la sua Risurrezione dagli inferi e la sua
resurrectiónis, sed et in cælos gloriósæ ascensiónis: gloriosa Ascensione in cielo: offriamo all'eccelsa tua
offérimus præcláræ majestáti tuæ de tuis donis ac maestà, delle cose che ci hai donate e date l'Ostia ✠
datis, hóstiam ✠ puram, hóstiam ✠ sanctam, pura, l'Ostia ✠ santa, l'Ostia ✠ immacolata, il Pane
hóstiam ✠ immaculátam, Panem ✠ sanctum vitæ ✠ santo della vita eterna e il Calice ✠ della perpetua
ætérnæ, et Calicem ✠ salútis perpétuæ. salvezza.

Su questi doni, con propizio e sereno volto, dégnati


Supra quæ propítio ac seréno vultu respícere di guardare e di gradirli, come ti degnasti gradire i
dignéris: et accépta habére, sicúti accépta habére doni del tuo giusto servo Abele e il sacrificio del
dignátus es múnera púeri tui justi Abel, et nostro Patriarca Abramo e quello che ti offrì il tuo
sacrifícium Patriárchæ nostri Abrahæ: et quod tibi sommo sacerdote Melchisedech, santo sacrificio,
óbtulit summus sacérdos tuus Melchísedech, immacolata ostia.
sanctum sacrifícium, immaculátam hóstiam.
Supplici ti preghiamo, o Dio onnipotente: comanda
Súpplices te rogámus, omnípotens Deus: jube hæc che questi doni, per le mani dell'Angelo tuo santo,
perférri per manus sancti Angeli tui in sublíme altáre vengano portati sul tuo sublime altare, al cospetto
tuum, in conspéctu divínæ majestátis tuæ: ut, della tua divina maestà, affinché quanti,
quotquot ex hac altáris participatióne sacrosánctum partecipando a questo altare, riceveremo il
Fílii tui Cor✠pus, et Sán✠guinem sumpsérimus, sacrosanto Cor✠po e San✠gue del Figlio tuo,
omni benedictióne cælésti et grátia repleámur. Per veniamo ricolmi d'ogni celeste benedizione e grazia.
eúndem Christum, Dóminum nostrum. Amen. Per lo stesso Cristo nostro Signore. Amen.

Ricordati anche, o Signore, dei tuoi servi e delle tue


Meménto étiam, Dómine, famulórum famularúmque serve N. e N. che ci hanno preceduto col segno della

9
tuárum N. et N., qui nos præcessérunt cum signo fede e dormono il sonno di pace. Ad essi, o Signore,
fídei, et dórmiunt in somno pacis. Ipsis, Dómine, et e a tutti quelli che riposano in Cristo, noi ti
ómnibus in Christo quiescéntibus locum refrigérii, supplichiamo di concedere, benigno, il luogo del
lucis, et pacis, ut indúlgeas, deprecámur. Per refrigerio, della luce e della pace. Per il medesimo
eúndem Christum, Dóminum nostrum. Amen. Cristo nostro Signore. Amen.

E anche a noi peccatori servi tuoi, che speriamo


Nobis quoque peccatóribus fámulis tuis, de nella moltitudine delle tue misericordie, dégnati di
multitúdine miseratiónum tuárum sperántibus, dare qualche parte e società coi tuoi santi Apostoli e
partem áliquam et societátem donáre dignéris, cum Martiri: con Giovanni, Stefano, Mattia, Bárnaba,
tuis sanctis Apóstolis et Martýribus: cum Joánne, Ignazio, Alessandro, Marcellino, Pietro, Felicita,
Stéphano, Matthía, Bárnaba, Ignátio, Alexándro, Perpetua, Agata, Lucia, Agnese, Cecilia, Anastasia,
Marcellíno, Petro, Felicitáte, Perpétua, Agatha, e con tutti i tuoi Santi; nel cui consorzio ti
Lúcia, Agnéte, Cæcília, Anastásia, et ómnibus preghiamo di accoglierci, non guardando al merito,
Sanctis tuis: intra quorum nos consórtium, non ma elargendoci la tua grazia. Per Cristo nostro
æstimátor mériti, sed véniæ, quǽsumus, largítor Signore.
admítte. Per Christum, Dóminum nostrum.
Per mezzo del quale, o Signore, Tu crei sempre tutti
Per quem hæc ómnia, Dómine, semper bona creas, questi beni li santi✠fichi, vivi✠fichi, bene✠dici e li
sancti✠ficas, viví✠ficas, bene✠dícis et præstas procuri a noi.
nobis.
Per mezzo di ✠ Lui e con ✠ Lui e in ✠ Lui, viene a
Per ip✠sum, et cum ip✠so, et in ip✠so, est tibi Deo Te, Dio Padre ✠ onnipotente, nell'unità dello Spirito
Patri ✠ omnipotenti, in unitáte Spíritus ✠ Sancti, ✠ Santo ogni onore e gloria.
omnis honor, et glória. Per tutti i secoli dei secoli.
Per ómnia sǽcula sæculórum. M. Amen.
M. Amen.
Preparazione alla Comunione
Preparatio Communionis
S. Preghiamo: Esortati da salutari precetti e
S. Orémus: Præcéptis salutáribus móniti, et divína ammaestrati da un'istruzione divina, osiamo dire:
institutione formati audemus dicere:
Padre nostro, che sei nei cieli: Sia santificato il tuo
Pater noster, qui es in cælis: Sanctificetur nomen nome. Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà,
tuum. Adveniat regnum tuum. Fiat voluntas tua, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane
sicut in cælo et in terra. Panem nostrum quotidianum quotidiano. E rimetti a noi i nostri debiti, come noi li
da nobis hodie. Et dimitte nobis debita nostra, sicut rimettiamo ai nostri debitori. E non c'indurre in
et nos dimittimus debitoribus nostris. Et ne nos tentazione.
inducas in tentationem. M. Ma liberaci dal male.
M. Sed libera nos a malo. S. Amen.
S. Amen.
Liberaci, te ne preghiamo, o Signore, da tutti i mali
Líbera nos, quǽsumus, Dómine, ab ómnibus malis, passati, presenti e futuri: e per intercessione della
prætéritis, præséntibus et futúris: et intercedénte beata e gloriosa sempre Vergine Maria, Madre di
beáta et gloriósa semper Vírgine Dei Genitríce Dio, e dei tuoi beati Apostoli Pietro e Paolo, e
María, cum beátis Apóstolis tuis Petro et Paulo, Andrea, e di tutti i Santi concedi benigno la pace nei
atque Andréa, et ómnibus Sanctis, da propítius nostri giorni: affinché, sostenuti dalla tua
pacem in diébus nostris: ut, ope misericórdiæ tuæ misericordia, noi siamo sempre liberi dal peccato e
adjúti, et a peccáto simus semper líberi et ab omni sicuri da ogni turbamento. Per il medesimo Gesù
perturbatióne secúri. Per eúndem Dóminum nostrum Cristo nostro Signore, tuo Figlio. Che è Dio e vive e
Jesum Christum, Fílium tuum. Qui tecum vivit et regna con Te, nell'unità dello Spirito Santo
regnat in unitáte Spíritus Sancti Deus. S. Per tutti i secoli dei secoli.
S. Per ómnia sǽcula sæculórum. M. Amen.
M. Amen. S. La pace ✠ del Signore sia ✠ sempre con ✠ voi.
S. Pax ✠ Domini sit ✠ semper vobis✠cum. M. E con il tuo spirito.
M. Et cum spiritu tuo.
10
S. Questa mescolanza e consacrazione del Corpo e
S. Hæc commíxtio, et consecrátio Córporis et del Sangue di nostro Signore Gesù Cristo giovi per
Sánguinis Dómini nostri Jesu Christi, fiat la vita eterna a noi che la riceviamo. Amen.
accipiéntibus nobis in vitam ætérnam. Amen.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: miserére nobis. pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: miserére nobis. pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, dona
Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi: dona nobis noi la pace.
pacem.
Signore Gesù Cristo, che dicesti ai tuoi Apostoli: Vi
Dómine Jesu Christe, qui dixísti Apóstolis tuis: lascio la pace, vi do la mia pace, non guardare ai
Pacem relínquo vobis, pacem meam do vobis: ne miei peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e degnati
respícias peccáta mea, sed fidem Ecclésiæ tuæ; di pacificarla e di riunirla secondo la tua volontà. Tu
eámque secúndum voluntátem tuam pacificáre et che sei Dio e vivi e regni per tutti i secoli dei secoli.
coadunáre dignéris: Qui vivis et regnas Deus per Amen.
ómnia sǽcula sæculórum. Amen.
Signore Gesù Cristo, Figlio del Dio vivente, Tu che
Dómine Jesu Christe, Fili Dei vivi, qui ex voluntáte per volontà del Padre, con la cooperazione dello
Patris, cooperánte Spíritu Sancto, per mortem tuam Spirito Santo, con la tua morte hai restituito al
mundum vivificásti: líbera me per hoc sacrosánctum mondo la vita, liberami, mediante questo sacrosanto
Corpus et Sánguinem tuum ab ómnibus iniquitátibus Corpo e Sangue tuo, da tutte le mie iniquità, e da
meis, et univérsis malis: et fac me tuis semper tutti i mali: e rendimi sempre fedele ai tuoi
inhærére mandátis, et a te numquam separári comandamenti, e non permettere che io mai mi
permíttas: Qui cum eódem Deo Patre et Spíritu separi da Te, che sei Dio e vivi e regni con lo stesso
Sancto vivis et regnas Deus in sǽcula sæculórum. Dio Padre e lo Spirito Santo nei secoli dei secoli.
Amen. Amen.

La comunione del tuo Corpo, Signore Gesù Cristo,


Percéptio Córporis tui, Dómine Jesu Christe, quod ch'io indegno ardisco ricevere, non mi torni a delitto
ego indígnus súmere præsúmo, non mihi provéniat e condanna; ma per la tua bontà mi giovi a difesa
in judícium et condemnatiónem: sed pro tua pietáte dell'anima e del corpo e come spirituale medicina,
prosit mihi ad tutaméntum mentis et córporis, et ad Tu che sei Dio e vivi e regni con Dio Padre nell'unità
medélam percipiéndam: Qui vivis et regnas cum dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
Deo Patre in unitáte Spíritus Sancti Deus, per ómnia Amen.
sǽcula sæculórum. Amen.
Riceverò il pane del cielo e invocherò il nome del
Panem cæléstem accipiam, et nomen Dómini Signore.
invocábo.
Signore, non son degno che Tu entri sotto il mio
Dómine, non sum dignus, ut intres sub tectum tetto, ma di' soltanto una parola e l'anima mia sarà
meum: sed tantum dic verbo, et sanábitur ánima mea guarita (tre volte).
(ter).
Il Corpo di nostro Signore Gesù Cristo custodisca
Corpus Dómini nostri Jesu Christi custódiat ánimam l'anima mia per la vita eterna. Amen.
meam in vitam ætérnam. Amen.
Che renderò io al Signore per tutte le cose che ha
Quid retríbuam Dómino pro ómnibus, quæ retríbuit dato a me? Prenderò il Calice della salute e
mihi? Cálicem salutáris accípiam, et nomen Dómini invocherò il nome del Signore. Lodandolo invocherò
invocábo. Laudans invocábo Dóminum, et ab il Signore e sarò salvo dai miei nemici.
inimícis meis salvus ero.
Il Sangue di nostro Signore Gesù Cristo custodisca
Sanguis Dómini nostri Jesu Christi custódiat l'anima mia per la vita eterna. Amen.
ánimam meam in vitam ætérnam. Amen.

11
Comunione dei fedeli
Nel caso che venga amministrata la Santa Comunione, si dice:

M. Confíteor Deo omnipoténti, beátæ Maríæ semper M. Confesso a Dio onnipotente, alla beata sempre
Vírgini, beáto Michaéli Archángelo, beáto Joánni Vergine Maria, al beato Michele Arcangelo, al beato
Baptístæ, sanctis Apóstolis Petro et Paulo, ómnibus Giovanni Battista, ai Santi Apostoli Pietro e Paolo, a
Sanctis, et tibi, pater: quia peccávi nimis cogitatióne, tutti i Santi e a te, o padre, di aver molto peccato, in
verbo et opere: (percutitur ter pectus) mea culpa, pensieri, parole ed opere: (ci si batte il petto per tre
mea culpa, mea máxima culpa. Ideo precor beátam volte) per mia colpa, per mia colpa, per mia
Maríam semper Vírginem, beátum Michaélem grandissima colpa. E perciò supplico la beata sempre
Archángelum, beátum Joánnem Baptístam, sanctos Vergine Maria, il beato Michele Arcangelo, il beato
Apóstolos Petrum et Paulum, omnes Sanctos, et te, Giovanni Battista, i Santi Apostoli Pietro e Paolo,
pater, orare pro me ad Dóminum, Deum nostrum. tutti i Santi, e te, o padre, di pregare per me il
Signore Dio nostro.

S. Misereátur vestri omnípotens Deus, et, dimíssis S. Dio onnipotente abbia pietà di voi e, rimessi i
peccátis vestris, perdúcat vos ad vitam ætérnam. vostri peccati, vi conduca alla vita eterna.
M. Amen. M. Amen.

S. Indulgéntiam, ✠ absolutionem et remissiónem S. Il Signore onnipotente e misericordioso ✠ ci


peccatórum vestrórum tríbuat vobis omnípotens et accordi il perdono, l'assoluzione e la remissione dei
miséricors Dóminus. nostri peccati.
M. Amen. M. Amen.

S. Ecce Agnus Dei, ecce, qui tollit peccáta mundi. S. Ecco l'Agnello di Dio: ecco Colui che toglie i
peccati del mondo.

Percutiens pectus, cum sacerdote dicitur: Percuotendosi il petto, con il sacerdote si dice:

S. Dómine, non sum dignus, ut intres sub tectum S. Signore, non son degno che tu entri sotto il mio
meum, sed tantum dic verbo, et sanábitur ánima mea tetto, ma di' soltanto una parola, e l'anima mia sarà
(ter). guarita (tre volte).

Postea, communio distribuitur. Dopo si distribuisce la Comunione:

S. Corpus Dómini nostri Jesu Christi custódiat S. Il Corpo di nostro Signore Gesù Cristo custodisca
ánimam tuam in vitam ætérnam. Amen. l'anima tua per la vita eterna. Amen.

S. Quod ore súmpsimus, Dómine, pura mente S. Ciò che con la bocca abbiamo ricevuto, fa, o
capiámus: et de munere temporáli fiat nobis Signore, che l'accogliamo con anima pura, e da dono
remédium sempitérnum. temporaneo ci diventi rimedio sempiterno.

Corpus tuum, Dómine, quod sumpsi, et Sanguis, O Signore, il tuo Corpo che ho ricevuto e il tuo
quem potávi, adhǽreat viscéribus meis: et præsta; ut Sangue che ho bevuto, aderiscano all'intimo
in me non remáneat scélerum mácula, quem pura et dell'anima mia; e fa che non rimanga macchia alcuna
sancta refecérunt sacraménta: Qui vivis et regnas in di peccato in me, che questi puri e santi sacramenti
sǽcula sæculórum. Amen. hanno rinnovato, o Tu che vivi e regni nei secoli dei
secoli. Amen.

S. Communio. Joann 19, 27. Dixit Jesus matri suæ: S. Comunione. Gesù disse a sua Madre: «Donna,
Múlier, ecce fílius tuus: deinde dixit discípulo: Ecce ecco il figlio tuo». Poi al discepolo disse: «Ecco la
mater tua. Et ex illa hora accépit eam discípulus in Madre tua». E da quell'ora il discepolo la prese con
sua. (T.P. Allelúja) sé. (T.P. Alleluia)

Postcommunio Preghiera dopo la Comunione


12
S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.
M. Et cum spíritu tuo. M. E con il tuo spirito.
S. Orémus. S. Preghiamo.
Divínis refécti munéribus te, Dómine, supplíciter Nutriti dai doni divini, ti supplichiamo, o Signore, a
exorámus: ut beátæ Maríæ Vírginis intercessióne, noi che abbiamo celebrato devotamente la festa del
cujus immaculáti Cordis solémnia venerándo suo Cuore immacolato, concedi, per l'intercessione
égimus, a præséntibus perículis liberáti, ætérnæ vitæ della beata vergine Maria: di essere liberati dai
gáudia consequámur. Per Dominum nostrum Jesum pericoli di questa vita e di ottenere la gioia della vita
Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in eterna. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio,
unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula che è Dio, e vive e regna con te, in unità con lo
saeculorum. Amen. Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Conclusio Conclusione
S. Dóminus vobíscum. S. Il Signore sia con voi.
M. Et cum spíritu tuo. M. E con il tuo spirito.

S. Ite, Missa est. S. Andate, la Messa è finita.


M. Deo grátias. M. Rendiamo grazie a Dio.

S. Pláceat tibi, sancta Trínitas, obséquium servitútis O santa Trinità, Ti piaccia l'omaggio della mia
meæ: et præsta; ut sacrifícium, quod óculis tuæ servitù, e concedi che questo sacrificio, offerto da
majestátis indígnus óbtuli, tibi sit acceptábile, me, indegno, agli occhi della tua Maestà, a Te sia
mihíque et ómnibus, pro quibus illud óbtuli, sit, te accetto, ed a me e a quelli per i quali l'ho offerto,
miseránte, propitiábile. Per Christum, Dóminum torni giovevole, per tua misericordia. Per Cristo
nostrum. Amen. nostro Signore. Amen.

Benedícat vos omnípotens Deus, Pater, et Fílius, ✠ Vi benedica Dio onnipotente, Padre, Figlio ✠ e
et Spíritus Sanctus. Spirito Santo.
M. Amen. M. Amen.

S. Dominus vobiscum. S. Il Signore sia con voi.


M. Et cum spiritu tuo. M. E con il tuo spirito.
S. Initium ✠ sancti Evangélii secúndum Joánnem. S. Inizio ✠ del santo Vangelo secondo Giovanni.
M. Glória tibi, Dómine. M. Gloria a Te, o Signore!
Joann. 1, 1-14. Joann. 1, 1-14.
Junctis manibus prosequitur: E congiunte le mani, prosegue:
S. In princípio erat Verbum, et Verbum erat apud S. In principio era il Verbo, e il Verbo era presso
Deum, et Deus erat Verbum. Hoc erat in princípio Dio, e il Verbo era Dio. Egli era in principio presso
apud Deum. Omnia per ipsum facta sunt: et sine ipso Dio. Tutto è stato fatto per mezzo di Lui, e senza di
factum est nihil, quod factum est: in ipso vita erat, et Lui nulla è stato fatto di tutto ciò che è stato creato:
vita erat lux hóminum: et lux in ténebris lucet, et in Lui era la vita, e la vita era la luce degli uomini: e
ténebræ eam non comprehendérunt. Fuit homo la luce splende tra le tenebre, e le tenebre non la
missus a Deo, cui nomen erat Joánnes. Hic venit in compresero. Ci fu un uomo mandato da Dio, il cui
testimónium, ut testimónium perhibéret de lúmine, nome era Giovanni. Questi venne in testimonio, per
ut omnes créderent per illum. Non erat ille lux, sed rendere testimonianza alla luce, perché tutti
ut testimónium perhibéret de lúmine. Erat lux vera, credessero per mezzo di lui. Non era egli la luce, ma
quæ illúminat omnem hóminem veniéntem in hunc per rendere testimonianza alla luce. Era la luce vera,
mundum. In mundo erat, et mundus per ipsum factus che illumina tutti gli uomini che vengono in questo
est, et mundus eum non cognóvit. In própria venit, et mondo. Era nel mondo, e il mondo fu fatto per
sui eum non recepérunt. Quotquot autem recepérunt mezzo di Lui, ma il mondo non lo conobbe. Venne
eum, dedit eis potestátem fílios Dei fíeri, his, qui nella sua casa e i suoi non lo accolsero. Ma a quanti
credunt in nómine ejus: qui non ex sanguínibus, lo accolsero diede il potere di diventare figli di Dio,
neque ex voluntáte carnis, neque ex voluntáte viri, essi che credono nel suo nome: i quali non da
sed ex Deo nati sunt. Genuflectit dicens: Et Verbum sangue, né da voler di carne, né da voler di uomo,
caro factum est, Et surgens prosequitur: et habitávit ma da Dio sono nati. Si inginocchia dicendo: E il
in nobis: et vídimus glóriam ejus, glóriam quasi Verbo si fece carne, Si alza e prosegue: e abitò fra
13
Unigéniti a Patre, plenum grátiæ et veritatis. noi; e abbiamo contemplato la sua gloria: gloria
M. Deo grátias. come dal Padre al suo Unigenito, pieno di grazia e di
verità.
M. Grazie a Dio.

Orationes Leonis XIII Preghiere di Leone XIII

S. Ave Maria, gratia plena, Dominus tecum, S. Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te; tu
benedicta tu in mulieribus et benedictus fructus sei benedetta fra le donne, e benedetto è il frutto del
ventris tui, Jesus. ventre tuo, Gesù.
M. Sancta Maria, Mater Dei, ora pro nobis M. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi
peccatoribus, nunc et in hora mortis nostræ. Amen. peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte.
(Dicitur ter) Amen.
(Si dice tre volte)

S. Salve Regina, Mater misericordiæ, vita, dulcedo, S. Salve, Regina, Madre di misericordia, vita,
et spes nostra, salve. Ad te clamamus, exsules filii dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo,
Evæ. Ad te suspiramus gementes et flentes in hac esuli figli di Eva. A te sospiriamo gementi e
lacrymarum valle. Eja ergo, Advocata nostra, illos piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque,
tuos misericordes oculos ad nos converte. Et Jesum, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi
benedictum fructum ventris tui, nobis, post hoc misericordiosi. E mostraci, dopo questo esilio, il
exilium, ostende. O clemens, o pia, o dulcis Virgo frutto benedetto del ventre tuo, Gesù. O clemente, o
Maria. pia, o dolce Vergine Maria!

S. Ora pro nobis, sancta Dei Genitrix. S. Prega per noi, o santa Madre di Dio.
M. Ut digni efficiamur promissionibus Christi. M. Affinché diventiamo degni delle promesse del
Cristo.

S. Orémus. Deus, refúgium nostrum et virtus, S. Preghiamo. O Dio, nostro rifugio e nostra forza,
populum ad te clamantem propitius respice; et guarda propizio al popolo che Ti invoca: e,
intercedente gloriosa, et immaculata Virgine Dei intercedendo l’Immacolata Vergine Maria, Madre di
Genitrice Maria, cum beato Joseph, ejus Sponso, ac Dio, insieme col beato Giuseppe, suo Sposo, e i beati
beatis Apostolis tuis Petro et Paulo, et omnibus suoi Apostoli Pietro e Paolo e tutti i Santi, esaudisci,
Sanctis, quas pro conversione peccatorum, pro misericordioso e benigno, le preghiere che Ti
libertate et exaltatione sanctæ Matris Ecclesiæ, presentiamo per la conversione dei peccatori, per la
preces effundimus, misericors et benignus exaudi. libertà e l’esaltazione della santa Madre Chiesa. Per
Per eundem Christum Dominum nostrum. Amen. il medesimo Cristo nostro Signore. Amen.

Sancte Michaël Archangele, defende nos in prælio; O San Michele Arcangelo, difendici nella lotta, sii
contra nequitiam et insidias diaboli esto præsidium. nostro presidio contro la malizia e le insidie del
Imperet illi Deus, supplices deprecamur: tuque, diavolo. Che Dio lo sòggioghi: chiediamo
Princeps militiæ Cælestis, satanam aliosque spiritus supplicando; e tu, Principe della milizia celeste,
malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur caccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni
in mundo, divina virtute in infernum detrude. Amen. che a perdizione delle anime vanno errando per il
mondo. Amen.

S. Cor Jesu sacratissimum. S. Cuore sacratissimo di Gesù.


M. Miserere nobis. M. Abbi pietà di noi.
(Percutiens pectus, dicitur ter) (Percuotendosi il petto, si dice tre volte)

14