Sei sulla pagina 1di 13

America Meridionale

L'America meridionale presenta una situazione territoriale simile


a quella settentrionale:
- a ovest si trova la Cordigliera delle Ande, una catena formata da
montagne recenti;
- a est si innalzano rilievi più antichi, come il Massiccio della
Guyana e l'Altopiano del Brasile, che proseguendo più ad est
termina con alte cascate, mentre più ad ovest con la foresta
amazzonica;
- al centro si trovano le grandi pianure alluvionali, attraversate da
grandi fiumi da cui spesso prendono il nome, come nel caso del
Rio delle Amazzoni.
Il clima
A causa della sua estensione da nord a sud, l'America del Sud
vanta una grande varietà climatica; si estende infatti in due fasce
climatiche: la zona tropicale e la zona temperata.
La storia
La storia delle Americhe, ed in particolare dell'America
meridionale, si differenzia da quelle europea ed asiatica, almeno
fino all'epoca della sua scoperta, dopo la quale ha subito una
considerevole influenza da parte di Spagna e Portogallo, di cui
hanno adottato le lingue.
La cancellazione delle civiltà precolombiane presenti in
quest'area è considerata come una brusca interruzione della
continuità storica. Questo fenomeno è dovuto a diversi fattori,
quali la violenza ei conquistadores, le nuove malattie arrivate
dall'Europa e lo sfruttamento.
Durante il XIX secolo, seguendo l'esempio dell'America del nord,
le colonie iniziarono una lotta per l'indipendenza che portò a
frequenti colpi di stato e dittature militari.

Africa Mediterranea
L'Africa mediterranea, definita "Maghreb" (insieme dei territori a
ovest del Nilo) in lingua araba , è composta da 5 grandi stati:
Marocco, Algeria, Tunisia, Libia ed Egitto.
La regione è divisa in due parti: la fascia costiera, affacciata sul
mediterraneo e densamente popolata, e la regione occupata dal
Deserto del Sahara.
Il clima
Lungo le coste mediterranea e atlantica il clima è mediterraneo,
simile a quello di Grecia e Sicilia; questa zona è parte della
cosiddetta macchia mediterranea.
Dirigendosi a sud, il territorio diventa progressivamente
desertico, passando prima dalla steppa, poi al deserto vero e
proprio.
Il sottosuolo del Sahara è ricco di acqua, ed in alcuni punti
sorgono delle oasi ricche di vegetazione.
Il Nilo è uno dei fiumi più lunghi del mondo, e attraversa il
deserto rendendo fertile l’area lungo le sue sponde. Qui, intorno
al IV millennio a.C., nacque una delle più grandi civiltà: gli Egizi.
Le zone costiere vennero invece colonizzate da diverse civiltà, tra
cui i fenici, i greci e, successivamente, anche i romani, che
lasciarono numerose testimonianze.
Nella seconda metà del VII secolo, la zona fu conquistata dagli
arabi, che influenzarono profondamente la cultura e
l’organizzazione del territorio.
Dal XVI secolo, la zona venne colonizzata diverse volte: prima dai
Turchi (XVI), poi dai paesi europei (XIX e XX)
Nella seconda metà del XX secolo, questi paesi riuscirono ad
ottenere l’indipendenza in modo pacifico, tranne nel caso
dell’Algeria, che la ottenne con una lunga guerra (1954-1962).

Perù
Territorio
Il territorio del Perù è suddiviso in tre zone naturali:
- La costa
- Sierra, la sezione centrale, caratterizzata da numerose cime
che superano i 6000 metri (divisa in cordigliera occidentale
centrale e orientale);
- Selva, la zona più estesa, costituita da una pianura e dalla
regione ai piedi della catena montuosa.
Clima
Trovandosi nella zona tropicale, il clima è prevalentemente arido,
con temperature miti lungo la costa e montano ad altitudini
elevate.

Turismo
Negli ultimi anni, i flussi turistici in Perù sono in crescita.
Principalmente, i turisti arrivano da Cile, Stati Uniti e altri paesi
sudamericani.
Parchi
Il Perù possiede ben 11 parchi nazionali.
Il Parco Nazionale Huascarán è situato al centro-nord del paese,
all’interno della Cordigliera Bianca. È patrimonio dell’Umanità.
Il Parco Nazionale di Manu si trova nella parte orientale, e
comprende l’intero bacino del fiume Manu. È patrimonio
dell’umanità.
La riserva naturale Pacaya Samiria, situata nella zona di
confluenza di due fiumi, Maranon e Ucayali.
Il lago Titicaca
Il Titicaca è il lago navigabile ad altitudine più elevata del mondo,
ed è situato ai piedi della Cordigliera Orientale, al confine con la
Bolivia. Qui sono presenti comunità indigene.
I siti archeologici
In Perù si svilupparono alcune civiltà precolombiane; la più
conosciuta è quella degli Inca.
Nei pressi della città di Cuzco si trovano 4 diversi siti archeologici
ricchi di testimonianze. Da qui sono visibili alte mura di pietra
risalenti al periodo della civiltà incaica.
Ma il sito archeologico più spettacolare e più famoso del Perù è
sicuramente Machu Picchu, situato al centro-sud del paese.
Le città
La maggior parte delle città peruviane furono fondate o
ricostruite dai colonizzatori spagnolo.
Lima, la capitale, fu la più ricca capitale delle colonie spagnole.
Conosciuta come “Ciudad de los Reyes”, è un centro che unisce la
bellezza del passato allo sviluppo moderno.
Tra i monumenti troviamo la cattedrale dell’Assunzione (tomba di
Pizarro), il palazzo dell’università, il santuario di santa rosa e il
convento di san Domenico.
Arequipa è circondata da spettacolari montagne, tra cui il vulcano
Misti. È soprannominata “città Bianca” per via del sillar, una
pietra vulcanica di colore bianco usata per costruire molti dei suoi
edifici.
Iquitos, centro portuale situato sul Rio delle Amazzoni,
raggiungibile soltanto per via aerea o fluviale.

Egitto
Territorio
Il territorio dell’Egitto è occupato in buona parte dal deserto; è
attraversato da sud a nord dal Nilo, fiume quasi totalmente
navigabile che divide il deserto in due parti: il deserto Libico e il
deserto orientale. Le coste mediterranee sono alte, e i materiali
trasportati dal fiume hanno creato spiagge sabbiose e lagune.
Clima
Il clima è caldo e secco. Nel deserto l’escursione termica è molto
significativa.

Turismo
Le località balneari più gettonate sono Sharm el-Sheikh, Dahab,
Hurghada e Marsa Alam.
Il flusso di visitatori più consistente arriva dalla Germania, oltre
che dall’Africa settentrionale e dal Medio Oriente.
L’offerta alberghiera è in espansione, e gli alberghi di lusso
appartengono a grandi multinazionali, mentre gli imprenditori
locali gestiscono altre categorie, come le pensioni.
La civiltà egizia
La piana di Giza è il luogo in cui si trovano le grandi piramidi:
Cheope, Chefren e Micerino. Cheope, la più antica, è una delle
sette meraviglie del mondo antico.
Le città
Il Cairo
Il Cairo è la capitale dell’Egitto. Contrariamente a quanto si può
pensare, la città non è conosciuta per le testimonianze della
civiltà egizia, piuttosto per il quartiere medievale e islamico. Tra i
monumenti più importanti troviamo la moschea Ibn Tulun e il
Museo Egizio più grande del mondo.
Assuan
Assuan è stata per molti secoli la “porta” dell’Egitto. La cittadina
si sviluppa a fianco del Nilo, e al centro si trova l’isola Elefantina,
l’antico nucleo della città. Qui è possibile visitare i templi di Abu
Simbel.

Alessandria
La città Egizia per eccellenza se si vogliono vedere testimonianze
dei romani. Fu fondata da Alessandro Magno, e si possono
trovare le catacombe di Kom el Shoqafa, una delle sette
meraviglie del mondo medievale.
La storia
In Egitto è nata una delle più grandi civiltà antiche, quella dei
faraoni; in seguito però l’Egitto venne conquistato molte volte: da
Alessandro Magno, dai romani, dagli arabi, dai turchi, e dalla
Gran Bretagna, che edificò il canale di Suez, che permise di
evitare la circumnavigazione dell’Africa per raggiungere l’india.
Lo stato è una repubblica presidenziale dal 1953. Nel 2011 ci
furono numerose proteste che portarono alle dimissioni del
presidente Mubarak.
La costa
La costa mediterranea dell’Egitto è composta di innumerevoli
spiagge con sabbia bianca, soprattutto nei pressi di Alessandria.
Ma il turismo balneare è maggiormente concentrato sulle coste
del Mar Rosso. La temperatura dell’acqua ha favorito la
formazione di barriere coralline e, in generale, di una ricca varietà
di flora e fauna.
Qui sono presenti le città di Hurghada ed il quartiere di El Gouna,
oltre a Sharm El-Sheikh, la città più moderna d’Egitto.

Marocco
Territorio
La parte a sud è costituita dalla Repubblica Saharawi. È un
territorio prevalentemente desertico di proprietà del Marocco,
ma che rivendica l’indipendenza.
La gran parte delle coste marocchine si affacciano sull’Atlantico,
dove sono caratterizzate da innumerevoli golfi e vaste spiagge
sabbiose. Le coste mediterranee sono invece alte e frastagliate.
Buona parte del territorio è occupato da rilievi; la catena
montuosa dell’Atlante è diviso in 3 catene: l’Anti Atlante, L’Alto
Atlante e il Medio Atlante. Verso lo Stretto di Gibilterra si estende
il Rif, una regione montuosa.
Anche qui è presente il deserto: ha un grande potenziale
turistico, grazie in particolare a Guelmim, l’antica porta del
deserto.
Clima
Il clima è mediterraneo lungo le coste, e si inaridisce all’interno.
Sui rilievi il clima è più alpino, con estati fresche e inverni rigidi.
Turismo
Al giorno d’oggi il Marocco è la principale meta turistica
dell’Africa settentrionale. Ciò è dovuto ai progetti del governo per
la costruzione di grandi resort e hotel di lusso lungo la costa, oltre
all’imposizione di regole e controlli più rigidi.
Queste politiche hanno dato un risvolto positivo, aumentando il
turismo incoming.
I principali flussi turistici arrivano dai paesi dell’UE, in particolare
Francia, Spagna, Regno Unito e Germania. È in crescita anche il
turismo d’affari: una buona percentuale di congressi e convegni
ha sede nelle grandi strutture ricettive di Marrakech.
I Riad
Il termine “riad” significa giardino, ed è una abitazione
tradizionale caratterizzata dalla presenza di un cortile al centro
della casa.
Le città
Rabat
Rabat è la capitale e la quarta città più grande del Marocco. È
capitale dal 1912, durante la colonizzazione francese. La medina è
la zona antica della città, ed è patrimonio Unesco. Nella città sono
presenti molti musei, come quello delle arti tradizionali e
dell’archeologia.
Fès
Fès è stata capitale del Marocco prima di Rabat, ed era anche il
centro politico, culturale e religioso del Maghreb.
La città è ricca di monumenti, palazzi e moschee, e l’area è stata
dichiarata patrimonio dell’umanità.
I Berberi e la dominazione araba
Abitato dall’antichità dalle popolazioni berbere, il Marocco ha
conosciuto diverse colonizzazioni, tra cui i fenici, i cartaginesi, i
romani, i vandali e i bizantini. Nel 788 d.C. salì al potere una
dinastia araba, che diffuse l’islam.
Il Marocco suscitava interesse nelle potenze coloniali, in
particolare di Francia e Spagna. Divenne protettorato di entrambi
i paesi nel 1912, e ottenne l’indipendenza nel 1956.

Marrakech
Anche in questa città è presente la medina, il cuore antico della
città in cui sono presenti testimonianze delle origini della città;
anche questa medina è patrimonio dell’umanità. Tra gli edifici più
importanti della città ci sono la moschea della Koutoubia e il
palazzo Dar el-Badi, che ospita il museo delle Arti marocchine.
In questa città è presente un grande mercato, nella piazza Jemaa
el-Fna.
Casablanca
Casablanca è una città portuale, ed è il centro economico del
Marocco. In questa città è presente una delle moschee più grandi
del mondo, la moschea di Hassan II.
Chefchaouen
Questa particolare cittadina è conosciuta per essere
caratterizzata da una forte presenza del colore azzurro. Si trova in
varie gradazioni nelle strade, nelle scale e negli edifici. Ciò è
oggetto di grande attrattiva turistica.

Tunisia
Territorio
A nord si trova una catena montuosa parallela alla costa. A sud si
trova un altopiano che comprende anche una parte del deserto.
Nel golfo di Tunisi si trovano coste frastagliate, mentre quelle
orientali sono basse e sabbiose, con ampi golfi, come quelli di
Hammamet e Gabès.
Ci sono numerose isole, e la più grande e Djerba.
Il fiume più lungo è la Medjerda.
Il clima
Nelle zone costiere il clima è mediterraneo, e addentrandosi si
inaridisce.
Turismo
Il maggior flusso turistico è composto da visitatori libici e algerini,
ma è relativamente importante anche il turismo europeo: i
principali paesi sono Russia, Francia e Germania.
Le strutture ricettive sono molto varie: si trovano alberghi,
seconde case, abitazioni in affitto e villaggi vacanze (anche di
grandi compagnie come il Club Méd); ovviamente nelle regioni
interne non sono numerosi.
Coste e isole
In Tunisia ci sono spiagge molto pulite; la regione che attira più
turisti è la costa orientale, tra Cap Bon e Sfax. Qui si trova il
centro turistico di Hammamet. L’isola più grande è Djerba: qui si
trovano la sinagoga più antica al mondo e una laguna o lago
salato circondato da dune
Il deserto
Il deserto tunisino è oggetto di grande attrazione turistica. Qui si
effettuano prevalentemente escursioni di una o più giornate.
Parchi nazionali
Tra i parchi nazionali, il più importante è quello di Ichkuel,
caratterizzato da un ambiente umido. È patrimonio dell’umanità.
Le città
Tunisi
Tunisi è la capitale della Tunisi. È una metropoli ricca di storia,
che si può osservare nei monumenti della città. La medina è
dominata da una grande Moschea, una delle meglio conservate al
mondo. A pochi chilometri dalla città si trovano i resti della antica
città di Cartagine.
L’eredità romana
Numerosi sono i siti in cui si possono osservare le rovine romane.
Uno dei più conosciuti è El Djem, un anfiteatro di dimensioni
poco inferiori al Colosseo di Roma.
Cartagine offre anch’essa delle rovine: enormi cisterne per
l’acqua e il santuario di Trophet.
Ben conservate sono le rovine romane di Dougga, dichiarate
patrimonio dell’umanità. Qui possiamo visitare il tempio di
Saturno e la Piazza dei Venti.