Sei sulla pagina 1di 332

e

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

MINISTRE DE LA CULTURE

ISTITUTO DI STUDI SULLE CIVILT


ITALICHE E DEL MEDITERRANEO ANTICO

MUSE NATIONAL
DES ANTIQUITS

ROMA

ALGER

I FENICI IN ALGERIA

Le vie del commercio tra il Mediterraneo e lAfrica Nera


Mostra Internazionale Palais de la Culture Moufdi Zakaria Alger
20 gennaio 20 febbraio 2011
Direzione Scientifica
Lorenza-Ilia Manfredi e Amel Soltani

Bologna 2011
COMMUNICATING
C U L T U R A L
H E R I T A G E

bradypus.net

BraDypUS s.a.
Communicating Cultural Heritage

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Ministre de la Culture

Muse National
des Antiquits

Istituto di Studi sulle Civilt


Italiche e del Mediterraneo Antico

Alger

Roma

I Fenici in Algeria
Le vie del commercio tra il Mediterraneo e lAfrica Nera
Mostra Internazionale Palais de la Culture Moufdi Zakaria Alger
20 gennaio 20 febbraio 2011
Direzione Scientifica
Lorenza-Ilia Manfredi e Amel Soltani

Baanche nche dati

BraDypUS s.a.

Communicating Cultural Heritage

Bologna 2011

Sotto lAlto Patronato di

Abdelaziz Bouteflika
Prsident de la Rpublique Algrienne
Dmocratique et Populaire

Giorgio Napolitano
Presidente della
Repubblica Italiana

Khalida Toumi
Ministre de la Culture

Franco Frattini
Ministro degli Affari Esteri

Ministre de la Culture
Ministero degli Affari Esteri
Ministero per i Beni e le Attivit Culturali
International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property
(organismo dellUNESCO)
Comitato donore
Giampaolo Cantini
Ambasciatore dItalia ad Algeri
Zahia Yahi
Chef de Cabinet, Ministre de la Culture
Luciano Maiani
Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Gherardo Gnoli
Presidente dellIstituto Italiano per lAfrica e lOriente
Louis Godart
Consigliere per la Conservazione del Patrimonio Artistico
della Presidenza della Repubblica Italiana
Roberto Cecchi
Segretario Generale del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali
Rabah Hamdi
Secrtaire Gnral, Ministre de la Culture
Rachida Zadem
Conseillre de la Ministre de la Culture
Abdelghani Sidi Boumedienne
Conseilleur de la Ministre de la Culture
Roberto De Mattei
Vice Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Antonio Agostini
Direttore Generale per il Coordinamento e lo sviluppo della ricerca
Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca
Fabrizio Tuzi
Direttore Generale del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Mounir Bouchenaki
Direttore Generale dellInternational Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property
Mourad Betrouni
Directeur de la Protection lgale et de la prservation des biens culturels
Ministre de la Culture

Mourad Bouteflika
Directeur de la Conservation et de la Restauration des biens culturels
Ministre de la Culture
Maria Mautone
Direttore del Dipartimento Patrimonio Culturale
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Houria Cherid
Directeur du Muse National des Antiquits dAlger
Ministre de la Culture
Paola Santoro
Direttore dellIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico
Consiglio Nazionale delle Ricerche
Mehadjia Bouchentouf
Directeur du Palais de la Culture Moufdi Zakaria
Maria Battaglia
Direttore dellIstituto Italiano di Cultura di Algeri
Anna Maria Sgubini Moretti
Soprintendente per i Beni Archeologici dellEtruria meridionale
Antonino Di Vita
Direttore del Centro di documentazione e ricerche sullarcheologia dellAfrica settentrionale
Universit di Macerata
Mohamed Djahiche
Directeur du Muse dArt Moderne dAlger

Organizzazione scientifica

Progettazione allestimento espositivo

Comitato scientifico

ISCIMA
Lorenza-Ilia Manfredi
Marcello Bellisario
Laura Attisani
Roberto Bellisario

Nama Abdelouahab
Piero Bartoloni
Nacra Benseddik
Sandro Filippo Bond
Filippo Delpino
Federico Mazza
Luisa Musso
Mohamed Elkheir Orfali
Paola Santoro
Paolo Xella
Segreteria scientifica
Nama Abdelouahab
Uberto Malizia
Antonella Mezzolani
Organizzazione espositiva
Segreteria organizzativa

Allestimento espositivo e progetto grafico dei pannelli


Lorella Fulgenzi
Mourad Bernoussi
Achour Boumrar
Ahmed Bourezam
Houria Mellak
Lakhdar Rehane
Mohamed Amine Sahbi
Restauro
Paola Aureli
Abdelhak Chaibi
Zahra Cherdouh
Youcef Sidi Idriss

Boualem Belachehab
Nacra Benallel
Katia Djama
Giorgia Rubera

Fotografi

Uffici stampa e relazioni esterne

Traduzioni

Ufficio stampa del Ministre de la Culture


Ufficio stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Boualem Belachehab, Museo Nazionale delle Antichit
di Algeri

Sadjia Achouri
Nabila At Sad
Malika Benmesbah
Soraya Benseddik
Houria Cherid
Brigitte Pargny

Partners
Palais de la Culture Moufdi Zakaria, Algeri
Muse National des Antiquits, Algeri
Muse National Bardo, Algeri
Muse National Cirta, Costantina
Muse National Ahmed Zabana, Orano
Muse National dArchologie, Stif
Ufficio di gestione e valorizzazione dei beni culturali
Museo e sito di Annaba
Museo e sito di Cherchel
Museo e sito di Guelma
Museo e sito di Jijel
Museo e sito di Tipasa
Sito di Collo
Sito di Siga
Sito di Skikda
Sito di Tiddis

Idriss Benkouider
Luciano DAngelo

Realizzazione depliant di presentazione dellesposizione


Sandra Fiore
Sponsorizzazione di Air Algrie e Kel 12 Tour operator
Progetto e realizzazione documentario
Project for High Tecnology
Regia di Michele Savaiano
Riprese filmate di Michele Moscatelli
Riprese sponsorizzate da Saipem Algrie e Eni
Progetto e realizzazione percorso e quaderno didattico
Erika Vecchietti (BraDypUS Studio Associato)
Plastici
Jallal Bouakkaz

Organizzazione editoriale

Traduzioni

Direzione scientifica

Soraya Benseddik
Brigitte Pargny

Lorenza-Ilia Manfredi Amel Soltani


Coordinamento editoriale

Progetto grafico

Sandra Santoro

Marcello Bellisario
Laura Attisani

Redazione

Realizzazione editoriale

Nama Abdelouahab
Antonella Mezzolani
Brigitte Pargny
Fiammetta Susanna

Erika Vecchietti (BraDypUS studio associato)

Schede
Nama Abdelouahab
Antonella Mezzolani
Fiammetta Susanna

Stampa
Aslay (Bologna)

Ringraziamenti
Aziza Amamra, Directeur du Muse National des Arts et
Traditions Populaires;
Salah Amokrane, Directeur de lOffice du Parc National
du Tassili;
MBarek Assel, Chef de bureau, Ministre de la Culture;
Fatima Azzoug, Directeur du Muse National Bardo;
Abdelkrim Belarbi, Directeur de lInstitut National
Suprieur de Musique;
Fatma Zohra Benaklouche, Responsable du muse et du
site de Cherchel;
Zahia Benkredra, Responsable du muse et du site
dAnnaba;
Athmane Beredjdel, Sous-Directeur des moyens,
Ministre de la Culture;
Mohamed Boucherlata, Directeur de la Culture de la
wilya de An Tmouchent,
Driss Boudiba, Directeur de la Culture de la wilya de
Annaba;
Mahmoud Chaouche, Responsable du muse et du site de
Guelma;
Abdelmadjid Cherbel, Directeur Gnral du quotidien El
Moudjahid;
Naoual Dahmani, Sous-Directeur de la protection lgale
et de la prservation des biens culturels, Ministre de la
Culture;
Martine Denoyelle, Conseillre Scientifique,
axe Histoire de larchologie et de lart antique,
Dpartement des tudes et de la Recherche, Institut
National de lHistoire de lArt, Paris;
Francesca e Gaetano di Thiene, Castello di Thiene;
Nadhra Habbache, Sous-Directeur de la Conservation
et de la Restauration des biens culturels, Ministre de la
Culture;
Samia Hadfi, Chef de service de ladministration, Muse
National Cirta;

Chadia Khalfellah, Directeur du Muse National Cirta,


Constantine;
Ismail Laaboudi, Sous-Directeur de la coopration
bilatrale, Ministre de la Culture;
Sad Larbani, Sous-Directeur du budget, Ministre de la
Culture;
Antoinette Le Normand-Romain, Directeur Gnral de
lInstitut National de lHistoire de lArt, Paris;
Omar Mazari, Directeur de la Culture de la wilya de
Jijel;
Acha Merazka, Directeur du Muse National de
Cherchel;
El Hadj Meshoub, Ex-Directeur du Muse National
Ahmed Zabana, Oran;
Raba Moussaoui, Directeur de la Culture de la wilya
dOran;
Mourad Nacer, Directeur de la Culture de la wilya de
Bejaa;
Chrif Riache, Directeur du Muse National de Stif;
Sergio Ribichini, Dirigente di Ricerca, Istituto di Studi
sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico, Consiglio
Nazionale delle Ricerche;
Anissa Saadoune, Responsable du muse et du site de
Tipasa;
Nassim Sahli, Sous-Directeur de la promotion du
Patrimoine Culturel, lOffice de Gestion et dExploitation
des Biens Culturels;
Sophie Saint-Amans, Pensionnaire, axe Histoire de
larchologie et de lart antique, Dpartement des tudes
et de la Recherche, Institut National de lHistoire de lArt,
Paris;
Farid Tata, Sous-Directeur de la recherche, Ministre de
la Culture;
Abdelouahab Zekkar, Directeur Gnral de lOffice de
Gestion et dExploitation des Biens Culturels.

Ministre de la Culture
Rpublique Algrienne
Dmocratique et Populaire

Ministero per i Beni


e le Attivit Culturali
Repubblica Italiana

Muse National
des Antiquits
Alger

Istituto di Studi sulle Civilt Italiche


e del Mediterraneo Antico
CNR

International Centre for the Study


of the Preservation and Restoration
of Cultural Property

Ministero degli Affari Esteri


Repubblica Italiana

Istituto Italiano di Cultura


Alger

vocare il ricordo di un prestigioso passato antico che ha segnato il nostro


immaginario e modellato la nostra percezione del mondo e della civilt
costituisce un modo efficace per richiamare la memoria e ravvivare il sentimento
di appartenenza a valori essenziali che trascendono la territorialit geografica.
La mostra I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo e
lAfrica Nera, concepita da una quipe di ricercatori algerini e italiani, il
tipo di contenitore ideale per mostrare pi che per dimostrare i luoghi e
i momenti qualificanti che hanno portato alla nascita di una civilt fondata
sulleconomia del mare.
Questa mostra, in quanto mezzo di restituzione di valori sensibili condivisi,
costituisce un superamento della storiografia degli oracoli e delle profezie che
hanno prodotto pi allontanamenti che ravvicinamenti tra i popoli e le nazioni.
In effetti, lapproccio espositivo permette oggi sicuramente di operare per la
costruzione di nuovi legami, fondati su valori sicuri e durevoli. in questo
spirito che lAlgeria e lItalia del ventunesimo secolo celebrano insieme
lepopea dei popoli del mare.
LAlgeria contemporanea, che stata parte integrante di uneredit punica,
resa e restituita, il pi delle volte, in maniera enfatica attraverso un discorso
carico di miti, leggende e racconti aneddotici, ha deciso di rievocare la
memoria sedimentata e la prova archeologica per accedere ai valori persi,
assopiti oppure seppelliti sotto la polvere dei sedimenti.
In effetti, solo larcheologia ci autorizza oggi a superare i limiti cronologici
della Storia e ad andare ancora pi lontano, oltre il racconto, per vedere cosa
c dietro e cosa nascosto sotto, ad andare nel profondo della sedimentazione
per raccogliervi le chiavi di lettura e i codici di identificazione.
Si tratta di unarcheologia del senso che non vuole essere una perorazione
della Civilt, ma unesortazione alla conciliazione della Storia con la
geografia terrestre e marittima.
in questo che la mostra I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra
il Mediterraneo e lAfrica Nera vuole essere un saggio di un approccio
rinnovato della relazione storica con laltro, fondato sulla condivisione del
senso e, soprattutto, della verit.
In tutta onest, devo dire che il titolo non mi convince del tutto (rispetto per
la scelta degli scienziati), nel senso che introduce una nozione che non n
geografica, n scientifica: quella dellAfrica nera, come se ci fosse unaltra
Africa, che sarebbe, invece, bianca.
La mia convinzione che esiste una sola Africa, geograficamente delimitata,
concretamente palpabile, poich costituisce un continente fisico (a dispetto delle
divisioni di ogni genere). Il suo colore? Non monocromatica, ma costituisce
invece un mosaico iridescente e bello come un arcobaleno. Il continente
arcobaleno, per parafrasare un suo illustre figlio, Madiba, il Sudafricano.
Khalida Toumi
Ministre de la Culture

a mostra I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo e


lAfrica Nera si inserisce nel solco di una tradizione di collaborazione italoalgerina, in campo archeologico, di lunga data, che risale gi agli anni Settanta.

Nel periodo pi recente il Ministero degli Affari Esteri ha sostenuto due


progetti realizzati, in collaborazione con il Ministero algerino della Cultura,
dal Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto per le Civilt Italiche e
del Mediterraneo Antico (ISCIMA): Catalogazione ed esame del materiale
archeologico conservato nel Museo Nazionale di Algeri, per lo studio
delle monete di Iol-Cesarea nel contesto punico dellAlgeria antica e
Restituzione della facies punico-numidica dellAlgeria antica attraverso lo
studio del materiale archeologico e numismatico del centro di Iol-Cesarea.
La collaborazione in campo archeologico e, pi in generale, culturale
rappresenta a sua volta una pagina luminosa di una tradizione di relazioni
eccellenti, tra Italia e Algeria, in tutti i settori, che si sono andate sviluppando
costantemente dopo lindipendenza algerina nel 1962.
La mostra su I Fenici in Algeria testimonia, con il sostegno delle rispettive
autorit, la comune volont di divulgare e valorizzare un patrimonio
culturale condiviso ed eminente, di grande ricchezza e variet, che
contraddistingue una delle fasi pi significative della lunga e affascinante
storia delle civilt del Mediterraneo.
proprio questa condivisione e questa matrice comune che la Mostra riesce
ad evidenziare molto bene, con un approccio scientifico esaustivo e rigoroso,
ma anche con un forte impatto visivo e una particolare capacit divulgativa.
Il percorso espositivo, che accompagna idealmente il visitatore dal
Mediterraneo allAfrica nera, ha una forte carica simbolica e c veramente
da augurarsi che i visitatori siano numerosi su entrambe le sponde del
Mediterraneo, cos da diffondere il forte messaggio di comprensione, di
cultura, di civilt, che promana da questo viaggio ideale in una storia antica
ma allo stesso tempo viva e attuale.
Per lAlgeria si tratta di unoccasione importante per comunicare la
ricchezza della sua storia, della sua cultura, del suo determinante contributo
alle civilt del Mediterraneo.
Come Italiani non possiamo che essere fieri di contribuire al conseguimento
di questo obiettivo.

Giampaolo Cantini
Ambasciatore dItalia ad Algeri

a mostra I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo


e lAfrica Nera pensata in funzione di uno sguardo critico e di un
approccio storico rinnovato, allo scopo di garantire quella distanza e quel
distacco necessari riguardo a un argomento che, sin dai tempi pi antichi,
stato oggetto di controversie, dideologie e di scuole al servizio di dinastie,
dimperi e di teologie successive. Questa situazione ha, di fatto, reso illeggibile
e inaccessibile la storia di un popolo caratterizzato dalla stessa lingua, dagli
stessi usi e costumi e insediato sullo stesso territorio, posto a ovest del Nilo, in
una regione che usiamo chiamare oggigiorno Africa del Nord.
Per quanto seducenti possano apparire le cronache e i racconti di Ecateo
da Mileto, le verit di Erodoto dAlicarnasso e i racconti leggendari di
Sallustio, la storia dellAfrica del Nord tuttora da reinventare nella sua
sostanza ed essenza profonda. Una storia rinnovata e ripensata che si rifiuta
di sacrificare la verit sullaltare della seduzione e della fascinazione in
mancanza di testi letterari per giustificare o legittimare un certo modo di
approdare alla realt storica.
Ma dove inizia la storia? E chi ne ha definito i confini? Cronisti e agiografi
dellantichit e del medioevo si accordano in assenza di fonti scritte per
far coincidere lingresso nella storia di questestremit nord del continente
africano con linsediamento a Cartagine e con larrivo dei primi navigatori
fenici. Si tratta di una storia narrata, raccontata, seguendo un percorso, un
periplo, come fece Annone, per iniziare, che non avrebbe lasciato tracce
materiali ma i cui racconti, cos abilmente costruiti e ampliati, hanno saputo
radicare nelle nostre menti e, successivamente, nei nostri immaginari
quellideologia dellitinerario cos sapientemente illustrata da Pierre Cintas,
nella sua teoria degli scali punici secondo la quale di scalo in scalo, lungo
un asse est-ovest, alla distanza di 30-40 km, vengono fondati empori e
mercati punici (Contribution ltude de lexpansion carthaginoise au
Maroc, Paris 1954, pp. 94-95).
Una linearit di percorso, ordinata secondo linee-guida metodologiche,
lungo un tratto di costa quasi rettilineo sullasse est-ovest, senza insenature,
n estuari o foci, al fine di favorire la possibilit di raccordi trasversali. La
storia e larcheologia punica, romana, vandala, bizantina, musulmana e,
infine, coloniale francese sinscrivono in questa linearit metodologica.
La strategia delloccupazione punica lungo la costa, che segue su unideale
linea parallela landamento dei rilievi montuosi, determiner il modello degli
insediamenti umani successivi sullasse est-ovest. I Romani si insedieranno
secondo questa stessa linearit, per espandersi poi verso linterno; i Vandali si
opporranno allespansione romana in questa direzione; i Bizantini influiranno
poco sullordine stabilito prima dellarrivo degli Arabi (VII sec. d.C.). La
conquista araba si attuer secondo lo stesso procedimento, da est verso ovest,
da Kairouan fino ai confini marocchini, prima di rivolgersi verso sud. La
Francia coloniale, erede di Roma, incaricata di ristabilire la continuit latina
e cristiana nel Maghreb, si stabilir sulla stessa fascia litoranea.
La storia dellAfrica del Nord viene cos narrata secondo questo
succedersi di andirivieni continui. Limportanza del corpus prodotto
(racconti, leggende), in una costante relazione di dominatore-dominato,
ha infine modellato gli immaginari collettivi legittimando il postulato

delloccupazione, della conquista e della colonizzazione. Questo fenomeno


ricorrente di continui andirivieni ha alimentato tutta la letteratura alla stessa
stregua dei racconti leggendari e mitici: in seguito a ci, sin dallantichit,
stata attribuita allAfrica del Nord una definizione che ne ha fatto, per molto
tempo, non unentit geografica ma piuttosto unentit fluida, una specie
di tapis roulant che ha permesso, in modo permanente, il passaggio e le
traversate.
La struttura lineare delle terre nordafricane ben si accorda con questo
schema storicamente tramandatoci, che si basa sullesistenza di un nucleo
originario orientale, fonte di civilizzazione, e di un orientamento est-ovest
di diffusione delle manifestazioni civilizzate. Per questa teoria, Homo nord
africanus (Libico, Getulo, Berbero o Mazigh, non importa) costantemente
ricondotto solamente al suo significato biologico e sociale; le sue dimensioni
culturali e civilizzatrici si riducono a semplici espressioni e manifestazioni
aleatorie e incidentali, prive di qualsiasi influenza reale sul corso generale
della storia.
Gi nellantichit pi lontana, avvalendosi di una traduzione dei libri punici
del re Iempsale, Sallustio stigmatizza le caratteristiche primitive dei popoli
Getuli e Libici I primi abitanti dellAfrica furono i Getuli e i Libici,
gente rustica e barbara, che si nutriva della carne degli animali selvaggi o
dellerba dei prati come le greggi (Bellum Iugurthinum, XVII), segnando la
rottura epistemologica tra un mondo selvaggio escluso dalla storia e un
mondo civilizzato, attore e autore legittimo della storia degli uomini e della
produzione culturale.
Pi vicino a noi, nel 1960, nellarticolo Massinissa ou les dbuts de
lhistoire, pubblicato sulla rivista Libyca (t. VIII), Gabriel Camps,
studioso della preistoria e specializzato nella storia dei Berberi, confuta
le caratteristiche fantasiose ed eccessive dei racconti mitici e leggendari,
ma si lascia sedurre dalla teoria dellesistenza, nellAfrica del Nord, di
due elementi di popolazioni: i Getuli nomadi e i Libici sedentari. Questa
bipolarizzazione antropologica lo porta a un esercizio quanto meno
equivoco: Quei Libici e Getuli, cacciatori e raccoglitori, sono popoli della
preistoria. Se quei tempi primitivi non fossero lontani millenni dallepoca
cartaginese, sarebbe altres interessante stabilire un parallelismo tra quel
racconto e quello che ci insegna lantropologia preistorica riguardo alle
origini berbere, alludendo ai lavori di sintesi di L. Balout su La Prhistoire
de lAfrique du Nord (Paris 1955).
Nel precisare la sua tesi, Camps fa un raffronto che la scienza non pu
avallare tra un mondo della preistoria, che trae la propria sostanza dalla
memoria geologica, e un evento storico narrato: Negli ultimi tempi della
preistoria e ancora durante il Neolitico, in effetti, due razze condividevano il
Maghreb, gli uomini di Mechta el-Arbi, la cui estensione telliana e soprattutto
litoranea, mentre gli uomini delle civilt capsiane (elementi protomediterranei)
occupano le regioni meridionali che diventeranno successivamente territorio
dei Getuli. Lanalogia, per, si ferma a questa bipartizione, in quanto
questultima una costante della storia del Maghreb () (Camps 1960).
Con questa affermazione, lautore pone irrimediabilmente la tesi di una
preistoria maghrebina, consegnandola allalternarsi delle stravaganze e

delle incongruit storiche (racconti e leggende antiche). Come siamo giunti


a questo punto? Un preistoria costruita unicamente per fare da terreno
(geologicamente) di proiezione alla visione limitata di una storia narrata e
raccontata lungo lo stesso percorso e lo stesso periplo: quello di gruppi di
Homo sapiens sapiens venuti dallOriente, lungo un asse est-ovest, in ondate
successive, che soppianteranno le popolazioni autoctone assimilate e anche
sterminate.
Dapprima, Iberomaurusiani (XX-VIII millennio), presentati sullo sfondo
di uno scenario di brutale invasione, dal Golfo delle Sirti fino allOceano
Atlantico, di gruppi detti di Mechta-Afalou, della famiglia dei Cromagnon.
Gli uomini iberomaurusiani, in altri termini la razza di Mechta el-Arbi,
irruppero attraverso il Tell maghrebino come lo faranno, diversi millenni
dopo, Sidi Okba e i suoi successori nellarco di mezzo secolo. Ma si tratt
allora di un fatto infinitamente pi grave: lavvento brutale di Homo sapiens
nel Maghreb e la scomparsa del suo predecessore neanderthaliano. Gli
ultimissimi Iberomaurusiani avranno il coraggio di affrontare lOceano
e popoleranno le Canarie: sono i Guanci (L. Balout, La Prhistoire de
lAfrique du Nord, Paris 1955). Poi i Capsiani (VIII-III millennio), presentati
da Balout come autori di una colonizzazione progressiva, a partire dal Vicino
Oriente, operata da gruppi umani protomediterranei antenati dei Berberi
attuali, appartenenti al grande gruppo dei Mediterranei.
Sappiamo oggi che luomo di Neanderthal assente in Africa Settentrionale
le sue ultime tracce non superano Gibilterra e Homo sapiens sapiens
dellEpipaleolitico (uomo di Mechta Afalou, Algeria) non altro che la forma
evoluta di Homo sapiens sapiens del Paleolitico medio (Uomo di Dar esSoltane, Marocco). Questa continuit antropologica non potrebbe autorizzare
le ipotesi basate su un continuo succedersi di conquiste, colonizzazioni,
invasioni. Gli ultimi dati dellantropologia evidenziano dunque la necessit di
un diverso approccio, focalizzato finora esclusivamente su percorsi terrestri,
e lesigenza di ipotizzare delle relazioni trans-mediterranee anche al di l
del Neolitico. In effetti, ormai stabilito che, circa 40.000 anni fa, gruppi
di Homo sapiens sapiens arrivarono in Australia tramite la navigazione;
anche risaputo che loccupazione delle isole del Pacifico si svolse allo stesso
modo e secondo le modalit di una navigazione pi o meno padroneggiata.
Tutte le altre spiegazioni si dimostrano incompatibili, tra laltro, con i dati
dellarcheologia e della geografia.
Su che cosa si fondano, quindi, quellapprensione e quello scetticismo
europei riguardo allidea di una navigazione legata a relazioni transmediterranee prima del periodo Neolitico, mentre diverse prove di
migrazione marina attraverso lo stretto di Gibilterra e il canale siculotunisino sono attestate sin dai tempi del Paleolitico? Questallergia allidea
di navigazione, scriveva D. Anthony, fondata, in Europa Occidentale,
solo su abitudini mentali, potenti ed insidiose (Migration in Archeology: the
Baby and the Bathwater: American Anthropology, 4 [1992], pp. 895-914).
Ecco che cosa scriveva nel 1995 Marcel Otto, studioso di preistoria
allUniversit de Lige, nellintroduzione di un articolo intitolato Contacts
transmditerranens au Palolithique Stranamente, non ritenuto di buon
gusto ammettere senza ritegno gli scambi trans-mediterranei durante il
Paleolitico. Questa allergia intellettuale sembra condizionata da correnti

di pensiero imposte da certe scuole della tendenza dominante. Numerosi


elementi di riflessione si oppongono per a quel che tende a diventare dogma
negli ambienti scientifici. Questo scivolamento epistemologico costituisce,
gi di per s, unincitazione alla controversia, visto che nessun campo
pu essere escluso dalla riflessione. La nozione di navigazione paleolitica
solleva automaticamente uno scetticismo fondato su preconcetti inconsci,
e quindi difficilmente superabili. La scienza preistorica vi si inserita in
un funzionamento circolare che bisogna per lo meno dimostrare, se non
combattere. Il semplice ragionamento logico si oppone a questo modo di
vedere: le attitudini intellettuali attestate dalla tecnicit terrestre bastano
ampiamente a superare le difficolt rappresentate da un passaggio dacqua
(Actes du Colloque El Mon Mediterrani Despres Del Pleniglacial (18.000
12.000 BP), Banyoles 1995).
Crediamo di capire perch gli studiosi di preistoria e gli antropologi che
hanno lavorato soprattutto nellAfrica del Nord si ostinino a rigettare
qualsiasi ipotesi tendente a stabilire relazioni tra le due sponde del
Mediterraneo durante il Paleolitico. In effetti, riconoscere lesistenza di
contatti nel corso di quel periodo manderebbe in frantumi tutto ledificio
epistemologico costruitosi sin dalla pi lontana Antichit. Le teorie
diffusionistiche che hanno strutturato finora la storia delle culture e del
popolamento nordafricano si troverebbero in una posizione molto precaria.
Scrive J. Roche 25.000 anni fa, le rive europee e africane dello stretto
(Gibilterra) erano distanti mediamente 20 km su una lunghezza di un
centinaio di chilometri, e quindi perfettamente visibili da una parte e
dallaltra dello stretto. Nella parte centrale, la distanza di attraversamento
non eccedeva i 10 km, a causa della presenza di un isolotto (La
Chronologie du palolithique moyen, suprieur et de lEpipalolithique du
Maroc. Actes du Colloque International de Maghnia (Algrie), CNRPAH,
2001, pp. 113-121).
Fu quindi in quel lasso di tempo che gruppi di Homo sapiens sapiens
nordafricani traversarono lo Stretto di Gibilterra, approfittando di un
abbassamento importante del livello delle acque del Mediterraneo fino ad
unaltitudine di circa -120 m (D. Ferembach, Evolution du peuplement du
Maghreb des origines au nolithique. Actes du Colloque International de
Maghnia (Algrie), CNRPAH, 2001, pp. 123-130). Il periodo di 25.000 anni
corrisponde al passaggio da un clima relativamente fresco e umido a un
inaridimento costante (M. Couvert J. Roche, Lenvironnement de la grotte
de Taforalt durant la fin du Palolitique et lEpipalolitique. Le tapis vgtal
et son interprtation climatique: Bulletin dArchologie Marocaine, 11
[1977-78]; A. Debnath et alii, Stratigraphie, habitat, typologie et devenir
de lAtrien marocain: donnes rcentes: LAnthropologie, 90 [1986], pp.
233-246). Nellottica di questa nuova geografia della circolazione, la storia
fenicia e punica andrebbe rivisitata in una nuova prospettiva, al fine di
dare alla trasversalit tutto il suo significato (corsi di oued, foci, estuari) e
allapproccio paleogeografico e geomorfologico il posto che gli compete.

Mourad Betrouni
Directeur de recerche en prhistoire
Centre National de Recherches Prhistoriques,
Anthropologiques et Historiques (CNRPAH)

l Muse National des Antiquits e il Ministre de la Culture in


collaborazione con lIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del
Mediterraneo Antico (ISCIMA) del Consiglio Nazionale delle Ricerche
di Roma hanno organizzato lesposizione I Fenici in Algeria. Le vie del
commercio tra il Mediterraneo e lAfrica Nera. La proposta di questa mostra
stata fatta dal Ministre de la Culture alle due istituzioni, il Museo e
lISCIMA, che lavoravano gi ad un progetto comune intitolato Monnaies
dIol-Caesarea dans le contexte punique de lAlgrie antique; lesposizione
il coronamento degli sforzi nati da questo progetto.
La storia dei Fenici in Algeria ancora poco conosciuta, in quanto i
documenti scritti di questo periodo sono in generale assai scarsi; per questa
ragione che gli studiosi dedicano tutti i loro sforzi per proporre delle nuove
letture sulle testimonianze materiali del periodo punico in Algeria, cos che i
risultati delle loro ricerche andranno ad arricchire le nostre conoscenze sulla
storia di questa civilt.
Le due quipes scientifiche hanno avuto il merito di riunire un gran numero
di reperti archeologici punici, ma anche numidici, in quanto stretti rapporti
univano le due civilt. Questi oggetti, che sono testimonianze conservate nei
Musei algerini, offrono ai visitatori un panorama scientifico ed istruttivo sui
Fenici in Algeria, mettendoli in rapporto stretto con la civilt numidica, in
quanto, effettivamente, lo scambio culturale tra la popolazione numidica e
quella fenicia, fu ampio e significativo.
LAlgeria ha conosciuto in questi ultimi tempi numerose mostre,
lesposizione I Fenici in Algeria. Le vie del commercio tra il Mediterraneo
e lAfrica Nera avr la particolarit di qualificarsi essenzialmente per una
nuova lettura dei dati storici che i nostri studiosi propongono ai visitatori
e che sar presentata in articoli inediti. Questa lettura si concretizza in una
disposizione dei reperti distribuiti in un percorso immaginato nel tempo e
nello spazio dellAlgeria antica, messi in risalto da una bella scenografia
arricchita dalle nuove tecnologie dellinterattivit.
Le due quipes hanno lavorato moltissimo per arrivare a questo risultato e
dunque le ringraziamo per questo e auguriamo loro un grande successo.

Houria Cherid
Directeur du Muse National des Antiquits

el grande fenomeno dellespansione fenicia lungo le coste del


Mediterraneo, con la conseguente fondazione di insediamenti
commerciali e coloniali, siamo oggi in grado di riconoscere realt ben
definite, che si collocano con caratteristiche proprie e con particolare
risalto nel quadro delle vicende dei paesi che si trovano lungo la costa
nordafricana: realt sempre pi certe e ricche di fascino via via che le
scoperte archeologiche e il progresso delle indagini offrono nuovi elementi
di conoscenza e di giudizio.
In questa prospettiva, una particolare attenzione per la presenza dei Fenici
in Algeria, con lintento di definirne la strategia insediativa nel territorio, si
deve a Sabatino Moscati, il quale a partire dalla met degli anni Sessanta
del secolo scorso inizi una serie di contatti con la Direction Algrienne
des Affaires Culturelles per un progetto condiviso di ampio respiro. Nel 1967
veniva cos firmato a Roma un protocollo italo-algerino che sanciva lavvio
di un programma articolato e approvato dai due paesi e che prevedeva una
collaborazione tra studiosi italiani e algerini, finalizzata alla catalogazione
e allo studio di materiale inedito in Algeria e a una serie di campagne di
ricognizione topografica su centri fenici e punici. Seguiva, nel 1969, un
accordo triennale che dava lavvio a indagini archeologiche a Ippona.
in questo periodo che limpresa algerina diviene una delle ricerche
internazionali del nuovo organismo creato, per impulso di Sabatino Moscati,
nellambito del Consiglio Nazionale delle Ricerche: il Centro di Studio per
la Civilt fenicia e punica. Lquipe, formata da studiosi e tecnici italiani
e algerini, consegu risultati di notevole importanza per quanto riguarda la
storia e la topografia dellinsediamento, segnalato dalle fonti classiche come
uno dei principali stanziamenti costieri dellAfrica in cui la presenza punica
sia attestata in modo esplicito.
Nei due anni seguenti, 1970 e 1971, lo studio dalla citt si ampli a quello
del territorio, con una ricognizione topografica puntuale che ha permesso di
individuare una serie di centri fortificati punici lungo la riva destra del fiume
Seybouse, via di penetrazione verso linterno del paese, base fondamentale
di studio per sostanziare ipotesi su modi e tempi di una strategia insediativa,
in cui Cartagine svolse un ruolo importante.
Si deve agli interessi scientifici di Lorenza-Ilia Manfredi se lAlgeria stata
riproposta nel quadro delle linee strategiche di ricerca dellIstituto di Studi
sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico del CNR, che raccoglie
leredit di scuola e di studi dellIstituto per la Civilt fenicia e punica,
divenendo un progetto meritevole di uno specifico finanziamento del CNR.
Prende cos avvio, nel corso del 2006, il progetto di ricerca Algeria Punica,
che si articola come unimpresa scientifica condivisa tra lIstituto di Studi
sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico e il Muse National des
Antiquits di Algeri, nellambito di un accordo tra le due istituzioni, e ha
per oggetto lo studio sistematico della produzione monetale di Iol-Caesarea,
esaminata nel contesto archeologico e topografico dellinsediamento, inserito
in una visione storica finalizzata ad approfondire la facies punica in Algeria.
Nel corso dello studio e dellesame critico dei materiali archeologici nata
lidea di organizzare la mostra I Fenici in Algeria, che intende riproporre
in maniera attuale, attraverso lesposizione di materiali dei Musei algerini,

la questione della presenza fenicio-punica in Algeria, ma anche quella


dellinfluenza che la cultura di Cartagine esercit sulle popolazioni
indigene. Il progetto scientifico dellesposizione stato realizzato in stretta
collaborazione da Lorenza-Ilia Manfredi, Primo Ricercatore del CNR,
e Amel Soltani, Conservatore capo del Muse National des Antiquits
dAlgeri.
LIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico ha
approvato e sostenuto il progetto non solo perch costituisce una linea
strategica fondamentale per lambito disciplinare degli studi fenicio-punici,
ma anche per un collegamento ideale con un progetto che si venne delineando
quasi al momento della fondazione di questa area scientifica nel CNR.
Paola Santoro
Direttore dellIstituto di Studi sulle Civilt Italiche
e del Mediterraneo Antico del CNR

Sommario
Introduzione (L.-I. Manfredi, A. Soltani)

1. I Fenici verso lOccidente (S.F. Bond)

2. Fenici e Punici nellAlgeria antica.


Considerazioni di geografia storica (F. Mazza)

17

3. LAlgeria fenicio-punica (L.-I. Manfredi)

28

4. La punicizzazione dei territori numidi in Algeria (J.-P. Laporte)

41

5. Il mare e la navigazione
Cartagine e il controllo dei mari (P. Bartoloni)
I porti fenicio-punici in Algeria (M. Elkheir Orfali)
I commerci nel Mediterraneo centro-orientale (I. Oggiano)
I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo
e nellAtlantico (M. Botto)
I rapporti con il mondo etrusco-italico (E. Benelli)
6. Produzione e manifattura
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera (L.-I. Manfredi)
Le monete preromane dei musei nazionali algerini (A. Soltani)
Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National
des Antiquits (N. Abdelouahab)
Il sale, le saline e la salagione (G. Garbati)
La lavorazione della porpora e dei tessuti (T. Pedrazzi)
7. Aspetti della societ e della vita quotidiana
Lorganizzazione amministrativa nellAlgeria punica (L.-I. Manfredi)
La lingua, lonomastica e la toponimia (P. Xella)
Il contributo dei popoli dellAlgeria antica allesercito
di Cartagine (G. Brizzi)
8. Il tofet
Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno (P. Xella)
Una nuova stele a Saturno da Tiddis (A. Soltani, N. Abdelouahab)
Lazare Costa: litaliano che ha scoperto il tofet di Cirta
(N. Abdelouahab, A. Mezzolani)

49
64
69
78
90
93
99
105
109
115
123
127
132
139
145
149

9. Miti, di, sacerdoti e fedeli


La cultura magico-religiosa egizia in Algeria (G. Capriotti Vittozzi)
Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria (S. Ribichini)
Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani (N. Benseddik)

158
165
174

10. La citt dei morti (A. Mezzolani)

182

11. Alessandria e Cartagine: larchitettura principesca numidica


(N. Benseddik)

198

12. Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta


dei mausolei preromani dAlgeria (A. Mezzolani)

207

Conclusioni (A. Di Vita)

218

Catalogo

I-LXXXII

Introduzione

Lorenza-Ilia Manfredi, Amel Soltani

Lorenza-Ilia Manfredi, Amel Soltani

vvicinarsi alla mostra su I Fenici in Algeria e sulla loro straordinaria e


poco conosciuta civilt, nata dallincontro tra culture diverse, significa
cogliere limportanza che tale passato storico riveste per la comprensione
della realt del nostro tempo, sia essa culturale, umana o sociale.

Lesposizione, infatti, vuole essere una presentazione della cultura fenicia


in Algeria che evidenzi il particolare rapporto che si instaurato tra le
popolazioni autoctone e i navigatori fenici venuti dallOriente per reperire
materie prime. Essi, infatti, trovarono in queste terre non solo ricchezze di
straordinaria importanza, ma un ponte strategico, per la posizione geografica
in grado di favorire la loro proiezione verso il bacino occidentale del
Mediterraneo. Questa felice congiuntura rappresenta la chiave di lettura della
mostra, che si propone di illustrare la cultura fenicia in Algeria sviluppatasi
dalla fine del VII al I sec. a.C. intesa come trait dunion tra il mondo
nordafricano e quello europeo, anche in funzione della valorizzazione delle
civilt delle popolazioni numidiche locali. Una proiezione mediterranea che
ha permesso sia di far conoscere le potenzialit economiche della regione,
sia di celebrare le grandi capacit militari delle genti autoctone, in particolare
della famosa e temutissima cavalleria numidica.
La mostra ha, pertanto, anche una valenza evocativa nel trasmettere
non solo il piacere della scoperta e dellapprofondimento della civilt
comune al mare nostrum, ma soprattutto nello stimolare presso il pubblico
algerino lamore, la curiosit e lorgoglio per la riscoperta delle proprie
origini e identit nellampio contesto mediterraneo. Per tali ragioni, la
ricchezza e linterazione culturale tra le popolazioni numidiche e fenicie,
punto di forza della mostra, sono state evidenziate con criteri di rigore
scientifico, ma al tempo stesso di godibilit e di fruibilit, premesse
essenziali per il successo dellevento. Da ci il fondamentale ruolo
dellallestimento espositivo: una mostra, cio, pensata e realizzata grazie
a una proficua e armoniosa collaborazione algerino-italiana, con reperti
provenienti dai Musei algerini, adeguatamente allestita per essere portata
anche allestero.
Il percorso della mostra si sviluppa tra due mari, il Mare Mediterraneo e il
Sahara, il mare di sabbia, per sottolineare il ruolo dellAlgeria antica come
ponte, come terra di mezzo, tra il mondo mediterraneo e quello africano.
In questo modo, il visitatore pu progressivamente scoprire attraverso gli
occhi dei Fenici sbarcati sulle coste dellOranese, probabilmente provenienti
dalla Penisola Iberica e portatori di antiche conoscenze orientali, le immense
risorse umane ed economiche di una terra gi ricca di storia e di tradizioni
come lAlgeria.

Introduzione

Lesposizione si sviluppa su tre sezioni principali: la sezione del


Mediterraneo e dei rapporti tra Oriente e Occidente; la sezione dellAlgeria
fenicio-punica, con i suoi monumenti e reperti; infine la sezione del Sahara.
Il percorso espositivo tiene conto anche delle esigenze dei visitatori pi
giovani: per loro e per le scolaresche stato concepito e sviluppato un
percorso che li aiuti a comprendere gli aspetti fondamentali di questa civilt
attraverso un linguaggio chiaro, accessibile e attraente.
Il Catalogo, oltre a presentare i reperti esposti, si propone di evidenziare
alcuni temi degli studi fenicio-punici relativi allAlgeria, senza tralasciare
un inquadramento generale che possa offrire adeguati strumenti per
lapprofondimento di questa complessa e, per molti versi, ancora poco
conosciuta civilt. A questo sforzo hanno contribuito studiosi algerini
e italiani, dalla cui collaborazione emerso un quadro ricco di spunti
e di suggestioni, che certamente saranno stimoli fecondi per futuri
approfondimenti scientifici.
Nel concludere questa breve presentazione, un primo fondamentale ringraziamento
va alle Autorit istituzionali innanzi tutto ai Presidenti della Repubblica algerina
e italiana e agli Enti che hanno voluto onorare questa iniziativa culturale con il
loro alto patronato e con la partecipazione al Comitato donore.
Un particolare ringraziamento va poi alle direttrici, M.me Houria Cherid
e dr. Paola Santoro, e al personale del Muse National des Antiquits e
dellIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo Antico per aver
sostenuto il progetto scientifico e per la continua e fattiva disponibilit a
risolvere i problemi che di volta in volta si sono incontrati lungo il percorso
dellallestimento e della preparazione del catalogo. I nostri ringraziamenti
vanno anche a tutti i colleghi e amici del Ministero della Cultura che ci
hanno aiutato nella realizzazione di questo progetto.
Desideriamo rinnovare la pi viva riconoscenza alla direttrice del Palais de
la Culture, M.me Bouchentouf, che ha in ogni modo agevolato lallestimento
di questa importante esposizione, nonch ai direttori dei Musei che con
generosit hanno concesso di lavorare sul loro materiale e agli studiosi che
hanno collaborato a vario titolo alla preparazione del catalogo.
Desideriamo, inoltre, esprimere la pi sincera riconoscenza allAmbasciatore
italiano ad Algeri, dr. Giampaolo Cantini, che ha sempre assicurato il suo
prezioso sostegno allimpresa e vi ha creduto fin dalle prime fasi. Analogo
ringraziamento esprimiamo al Direttore dellIstituto Italiano di Cultura ad
Algeri, dr. Maria Battaglia, e allAddetto Culturale, dr. Uberto Malizia.

Lorenza-Ilia Manfredi, Amel Soltani

1
Le rotte di navigazione fenicie nel Mediterraneo antico.

Introduzione

I FENICI VERSO LOCCIDENTE



Sandro Filippo Bond

I Fenici verso lOccidente

l movimento di espansione dei Fenici nel Mediterraneo rappresenta


uno dei pi straordinari fenomeni dellevo antico. La capacit dei centri
fenici dOriente di promuovere lungo un arco di tempo di vari secoli
unirradiazione complessa nelle sue caratteristiche, diversificata nei suoi
obiettivi e impressionante nella sua dimensione geografica, risulta tanto pi
notevole se si pone mente alla relativa esiguit del territorio di origine, al
numero ridotto delle citt che diedero vita al movimento e, per converso,
alla quantit delle regioni che, a partire da una precisa fase storica, furono
interessate dalla fondazione delle colonie mediterranee.
Questo moto espansionistico, in ogni caso, va esaminato partitamente nel
tempo e nello spazio, dal momento che esso mostra fasi e modalit diverse,
a seconda che ci si volga a considerare i vari periodi in cui si svolse e le aree
mediterranee che ne furono implicate. Vi infatti una fase iniziale, lunga
circa quattro secoli, in cui i Fenici, appena caratterizzatisi in autonomia nel
quadro del panorama etnico dellAsia anteriore dopo i rivolgimenti connessi
con la cosiddetta invasione dei Popoli del Mare (XII sec. a.C.), danno vita a
frequentazioni dei bacini centro-occidentali del Mediterraneo certamente non
sistematiche e comunque condotte in collaborazione con altre componenti
levantine. stato da tempo accertato che, tra il XII e la fine del IX sec. a.C.,
le presenze orientali in tali bacini (dalla Sicilia alla Penisola Iberica) sono
costantemente di carattere misto: la documentazione di riferimento segnala
infatti presenze micenee, cipriote, filistee o di altre genti dellarea costiera
del Levante. Vi dunque una compartecipazione di componenti etniche
diverse, allinterno delle quali il contributo fenicio certamente minoritario.
Una caratterizzazione pi marcatamente fenicia si registra solo a partire dal
X-IX sec. a.C., ma anche in questa fase non emerge ancora un impegno
di tipo stanziale: si tratta infatti della presenza di materiali, per lo pi di
prodotti artigianali di pregio, che i Fenici trasferiscono in alcune (ma non
in tutte) le regioni di arrivo per proporli alle lites con cui si pongono in
contatto. Come stato efficacemente detto, si tratta di materiali propedeutici
allo scambio piuttosto che testimonianze delle prime transazioni commerciali
tra Fenici e indigeni. Ci pu dirsi soprattutto per alcuni oggetti bronzei
ritrovati in Sardegna (tripodi, torcieri, specchi, statuette) o in Spagna (di
nuovo bronzistica, figurata e non).
Questa pi recente fase di frequentazione dei bacini centro-occidentali
del Mediterraneo, collocabile tra il X e la prima met dellVIII sec. a.C.
e alla quale ora si pu senzaltro applicare la qualificazione di fenicia,
stata generalmente definita con il termine di precolonizzazione. Si
tratta per di una definizione inappropriata, sia perch non vi in essa

Sandro Filippo Bond

alcuna progettualit preparatoria rispetto al successivo fenomeno della


colonizzazione storica, sia perch le zone da cui provengono i documenti
cosiddetti precoloniali non coincidono, se non in pochissimi casi, con le
aree che saranno successivamente interessate dal fenomeno di fondazione di
insediamenti stabili.
Per riferirci alle testimonianze pi rappresentative di questa precoce
frequentazione fenicia, il bronzetto ritrovato nel mare di Selinunte, in Sicilia,
i tripodi, gli specchi, i torcieri e le statuine in bronzo provenienti da vari
insediamenti nuragici della Sardegna, i materiali pure bronzei riportati alla
luce nella Penisola Iberica, cos come le riproduzioni figurate di oggetti
verosimilmente conosciuti nel Meridione spagnolo per il tramite dei Fenici
(ad esempio sulle stele dellEstremadura) non provengono da siti poi toccati
dal movimento coloniale.
Soprattutto il IX sec. a.C. vede unaccentuazione dellimpegno dei Fenici,
e in specie di quelli di Tiro, in direzione dellOccidente: secondo lo storico
Flavio Giuseppe (Ant. Iud., VIII, 324) il re di Tiro Ittobaal, che regn
dall887 all856 a.C., fond in Libia una colonia peraltro non identificata
con certezza: si tratterebbe della prima attribuzione a una citt fenicia della
creazione di un insediamento in Occidente. La notizia certamente isolata
e assai sommaria, ma si pu ritenere che essa rifletta una pi incisiva attivit
dei Tirii in direzione dei bacini centro-occidentali del Mediterraneo.

In tale fase, tuttavia, non sarebbe corretto di parlare dellavvio di un processo


propriamente coloniale: come stato proposto anche per altre realt arcaiche
(per esempio da Ida Oggiano per il centro sardo di Nora), possibile che si
sia in presenza di un semplice luogo di aggregazione sulla rotta tra Oriente
e Occidente, magari organizzato intorno a un luogo di culto, come proprio
per Nora farebbe intendere la celebre stele con iscrizione fenicia, datata
allVIII sec. a.C., che menziona un santuario dedicato al dio cipriota Pumay
(di nuovo, come si vede, ritorna accanto a quella fenicia unaltra componente
proveniente dalle regioni orientali del Mediterraneo).
Si comunque alla vigilia dellavvio del movimento coloniale propriamente
detto: ormai abbandonata da tempo lipotesi di una remotissima antichit
delle prime fondazioni fenicie in Occidente, basata sulla testimonianza di
antichi scrittori quali Plinio e Velleio Patercolo che pongono la nascita di
Utica, Lixus e Cadice nel XII sec. a.C., larcheologia d ormai sostanziale
conferma alla data della fondazione di Cartagine tramandata da numerose
fonti letterarie classiche direttamente o indirettamente note (da Timeo a
Dionigi di Alicarnasso, da Menandro di Efeso a Flavio Giuseppe, a Giustino)

I Fenici verso lOccidente

che la situano all814/13 a.C.; e come Cartagine, altre colonie fenicie di


precoce fondazione, da San Giorgio di Portoscuso e Sulcis in Sardegna, a
Castillo de Doa Blanca, Cadice, Morro de Mezquitilla in Spagna, registrano
ormai presenze fenicie non posteriori al primo quarto dellVIII sec. a.C.
Va sottolineato, inoltre, che questo risultato si deve a indagini archeologiche
condotte negli ultimi due decenni, che hanno permesso di attribuire ai
primi insediamenti fenici unantichit maggiore di quanto non si potesse
documentare in precedenza: si deve ricordare infatti che fino a tutti gli anni
Ottanta del secolo scorso non si avevano indicazioni su una presenza di
insediamenti fenici nellOccidente mediterraneo anteriori alla fase finale
dellVIII sec. a.C.
questa, dunque, la prima ondata della colonizzazione fenicia in
Occidente; e a questo punto lecito chiedersi quale situazione politica ed
economica, quale struttura sociale, quale capacit diniziativa siano state
in grado di promuovere un movimento di cos vaste dimensioni, capace di
mobilitare nellarco di tempo di pochissime generazioni un numero certo
assai ampio di individui.
Anche su questa questione v stato un progressivo affinamento delle
conoscenze, grazie alle scoperte dellarcheologia e a un rinnovato esame
di alcune fonti letterarie. Una volta stabilita la fondatezza delle cronologie
basate sulle testimonianze archeologiche (le quali, come si detto, per
molto tempo non avevano superato verso lalto il limite della seconda met
dellVIII sec. a.C.), alcuni capisaldi delle pi antiche teorie hanno dovuto
di necessit fare i conti con la nuova realt storica testimoniata dalle pi
recenti scoperte.
In particolare, non pi sostenibile la coincidenza cronologica tra lavvio
della pi marcata pressione dellimpero assiro sulla madrepatria fenicia e
linizio della colonizzazione storica, dal momento che la seconda risulta
ormai di vari decenni precedente rispetto alla prima. Il moto coloniale
promosso da Tiro, che ne la principale protagonista, e dalle altre citt
della costa dellattuale Libano (Arado, Sidone e Biblo) non si presenta
dunque come unaffannosa ricerca di nuovi sbocchi in presenza di una
realt politica ed economica divenuta sfavorevole, ma come uniniziativa
presa da centri che si trovano in una fase particolarmente fiorente.
Occorre ricordare, infatti, che nel periodo coincidente con lavvio della
colonizzazione tali citt, libere da vincoli di sudditanza rispetto alle
maggiori potenze dellarea vicino-orientale, godono di una sostanziale
autonomia di movimento che ne esalta le capacit di presenza sui mercati
dellAsia anteriore e ora anche del Mediterraneo.

Sandro Filippo Bond

10

1
Isola di Rachghoun, Orano.

11

I Fenici verso lOccidente

Sandro Filippo Bond

Di tale situazione ci restituisce un vivido quadro un celebre passo biblico,


quello che nel libro del profeta Ezechiele dedicato ai commerci di Tiro
(XXVII, 12-24) e che lanalisi di Giovanni Garbini ha permesso di riferire
proprio alla prima met dellVIII sec. a.C. e dunque al periodo in cui i
Fenici sono impegnati nella costruzione della loro rete coloniale. Laffresco
contenuto nel passo citato registra la presenza commerciale fenicia
praticamente in tutte le regioni del Vicino Oriente, dallArmenia allArabia
meridionale, dalla Siria-Palestina allAssiria; e non mancano riferimenti
allarea del Mediterraneo, da Cipro alle isole dellEgeo.
questa Fenicia, autonoma dal punto di vista politico e ricca di capacit
diniziativa, che si fa protagonista del movimento coloniale; e allinterno
della societ fenicia non v dubbio che di esso sia promotrice una classe di
imprenditori, armatori e mercanti sostanzialmente indipendenti dal potere
politico (le maggiori citt fenicie costituiscono ciascuna un piccolo Stato
con a capo un sovrano dotato allora di poteri alquanto limitati), che dar
al tessuto coloniale il timbro della propria identit e unorganizzazione
istituzionale e amministrativa confacente ai propri obiettivi.

12

Il fenomeno dellirradiazione coloniale fenicia ha notevole ampiezza


cronologica: come si detto il suo avvio si pone ormai tra la fine del IX e
la prima met dellVIII sec. a.C., ma la maggioranza delle fondazioni viene
creata nel corso dellVIII secolo e nei primissimi decenni del VII. A questa
seconda ondata fa seguito unultima fase, alla quale appartengono i centri
coloniali fondati, nella seconda met del VII sec. a.C., in coincidenza con
la fase pi negativa delle relazioni tra le citt fenicie dOriente e lAssiria,
che spinse verosimilmente un certo numero di abitanti a cercare migliori
condizioni di vita nei quadranti occidentali del Mediterraneo. Con gli ultimi
decenni dello stesso secolo termina la lunga stagione coloniale: nuovi
insediamenti in Occidente, che pure non mancheranno, saranno dora in poi
determinati dalliniziativa di alcune delle fondazioni gi esistenti, le quali
daranno vita a quella pi tardiva fase dirradiazione che stata definita
sub-coloniale: in tal senso centri come Cartagine in Nord Africa, Sulcis in
Sardegna e Cadice in Spagna appaiono particolarmente attivi.
Il riferimento a centri, come quelli appena citati, posti in varie regioni
dellOccidente mediterraneo utile ad introdurre il tema dellorizzonte
geografico del moto despansione coloniale. Cipro fu la prima tappa
mediterranea: raggiunta dai Fenici fin da epoca remota, ebbe in Kition la
maggiore colonia tiria, almeno dal IX sec. a.C. Il balzo verso Occidente si
avvalse certo di punti fermi a Creta, dove larcheologia ha recuperato tracce
di una presenza fenicia a Kommos, ma il fenomeno della colonizzazione

I Fenici verso lOccidente

interess soprattutto le regioni centro-occidentali del Mediterraneo.


Allingresso del Canale di Sicilia i Fenici si assicurarono una testa di ponte
di straordinaria importanza strategica a Malta; in Sicilia occuparono, con le
colonie di Mozia, Palermo e Solunto, la cuspide occidentale dellisola.
Nel Nord Africa perno della presenza fenicia fu naturalmente Cartagine.
Ad oriente di essa una serie di stanziamenti (tra i quali spiccano Sousse,
Sabratha e Leptis Magna) punteggiarono gli attuali litorali tunisino e
libico, mentre muovendo da Cartagine verso occidente, lungo lamplissimo
tragitto fino allo Stretto di Gibilterra, si segnalano tra le altre le fondazioni
di Utica e, in territorio algerino, di Mersa Madakh e Rachgoun, mentre
sulla costa atlantica del Marocco furono fondate le remote colonie di Lixus,
Sala e Mogador.
La colonizzazione della Sardegna interess soprattutto il settore
meridionale dellisola, tra il Golfo di Cagliari e quello di Oristano, con una
serie di fondazioni assai ravvicinate tra le quali si citano Cuccureddus di
Villasimius, Cagliari, Nora, Bitia, Portoscuso, Sulcis e Tharros. Nel settore
nord-orientale, prospiciente la costa della Penisola Italiana, notevole fu
linsediamento di Olbia. Infine per larea iberica assai numerose furono
le colonie poste sulla costa meridionale della Penisola: tra queste vanno
menzionate Villaricos, Almucar, Chorreras, Morro de Mezquitilla,
Toscanos, Cerro del Villar e, oltre lo Stretto di Gibilterra, Cadice e Castillo
de Doa Blanca. Sulla costa atlantica del Portogallo recenti ricerche hanno
documentato la presenza coloniale fenicia in centri quali Abul e Santa Olaia,
mentre sul versante opposto della Penisola Iberica fu impiantata, presso
lattuale citt di Alicante, la colonia di La Fonteta. Non va dimenticata infine
la presenza fenicia nelle isole Baleari, con glinsediamenti di Sa Caleta e di
Ibiza nellomonima isola.
Il tessuto di insediamenti ora ricordato per sommi capi consente la
ricostruzione dei principali itinerari marittimi attraverso cui i Fenici
si mossero in direzione dellOccidente. In proposito stata da tempo
evidenziata lesistenza di due rotte principali, una settentrionale denominata
rotta delle isole e una pi meridionale. La prima puntava dalla Fenicia
su Cipro, successivamente su Rodi ed eventualmente sulle isole egee per
doppiare poi il Peloponneso e raggiungere la costa italiana dello Ionio e la
Sicilia. Di qui si poteva proseguire per la Sardegna per giungere poi, tramite
il ponte naturale costituito dalle Baleari, alla Penisola Iberica.
La seconda rotta muoveva verso il Delta del Nilo e proseguiva poi per Creta
e per Malta. Di qui ci si poteva ricongiungere allitinerario sopra descritto
ovvero puntare su Cartagine e proseguire lungo il litorale nordafricano

13

Sandro Filippo Bond

14

fino alle Colonne dErcole e oltre. Spicca in questo quadro la funzione


straordinariamente importante di Cartagine, posta allo snodo delle principali
rotte mediterranee: un elemento che sar fondamentale per consentire alla
metropoli punica di esercitare, dalla seconda met del VI sec. a.C. un ruolo
egemone allinterno del mondo fenicio dOccidente.
Passando dalle regioni (e dalle rotte utilizzate per raggiungerle) ai singoli
centri coloniali, si da tempo cercato di enucleare talune costanti di tipo
geomorfologico presenti in tali fondazioni. Alcuni decenni fa larcheologo
francese Pierre Cintas defin linsieme di queste caratteristiche come
paesaggio fenicio, ma attualmente, con il forte incremento delle
conoscenze archeologiche, possibile piuttosto parlare di una serie di
paesaggi o di tipologie ricorrenti, comunque ben distinte fra loro. La
prima di esse, direttamente mutuata dalla madrepatria, quella dellabitato
posto su un promontorio allungato sul mare sui cui opposti versanti si possa
disporre di due distinte possibilit di attracco, da utilizzare alternativamente
con il mutare delle correnti o delle stagioni: il modello che, ad esempio,
troviamo in Occidente a Solunto, Nora o Tharros.
Unaltra tipologia ricorrente quella dellinsediamento posto su unisoletta
a poca distanza dalla terraferma, attestata in ambito coloniale a Mozia
(Sicilia), a Rachgoun (Algeria), a Mogador (Marocco), a Sulcis (Sardegna)
e al Cerro del Villar (Spagna). V poi il caso delle colonie collocate entro
un ampio golfo, come Palermo, Bitia o Cartagine, e ancora di quelle che si
trovano presso la foce di un fiume, utile sia come via di penetrazione verso
linterno, sia come sede di un ben riparato porto fluviale: di questultimo
modello esempi numerosissimi provengono dal Nord Africa (Lixus, Utica),
dalla Sardegna (Cuccureddus, Bitia, Bosa) e soprattutto dalla Penisola
Iberica (Villaricos, Almucar, Toscanos, Morro de Mezquitilla, Montilla,
Castillo de Doa Blanca). Va da ultimo ricordato che con lavanzare delle
conoscenze si potuta evidenziare negli ultimi decenni lesistenza di
numerosi insediamenti collocati non sulla costa ma in aree interne delle
regioni raggiunte dal movimento coloniale fenicio. Ricorderemo tra questi
gli abitati di Monte Sirai e di Pani Loriga, in Sardegna, oggetto di accurate
indagini archeologiche, peraltro ancora in corso.
La presenza di questultima tipologia di insediamenti si collega
inevitabilmente al tema degli obiettivi dellespansione coloniale e della
strategia che i Fenici misero in atto per realizzarli. A lungo la colonizzazione
fenicia stata ritenuta fondamentalmente legata allattivit commerciale,
quasi che tutto il movimento fosse finalizzato esclusivamente al reperimento
di materie prime e alla conquista di mercati. Certamente questo aspetto vi

I Fenici verso lOccidente

fu ed ebbe grande importanza, ma lirradiazione coloniale fu un processo


pi complesso e articolato: in esso dovettero tenersi presenti i problemi
dellapprovvigionamento delle risorse primarie, delle relazioni con le
popolazioni gi impiantate in prossimit delle colonie, delle attivit in grado
di sfruttare le ricchezze naturali e ambientali presenti nelle varie regioni
implicate nel fenomeno (dalla pesca allagricoltura, dallallevamento del
bestiame allo sfruttamento delle risorse boschive e minerarie).
Ci spiega linteresse dei Fenici per la diffusione nei comprensori
attorno a talune colonie e per la tessitura di relazioni stabili e di reciproca
convenienza con le popolazioni che vi abitavano: non un caso che in
nessuna circostanza il radicamento dei Fenici nelle regioni dellOccidente
sia accompagnato da fenomeni di aperta ostilit con le fasce etniche locali,
mentre si assiste sovente a fenomeni di inurbamento di elementi indigeni nei
nuovi insediamenti fenici ovvero alla convivenza degli uni e degli altri in
abitati preesistenti alla fondazione delle colonie, come accade ad esempio a
Malta o in alcuni siti dellentroterra sulcitano.
Ci naturalmente non pu applicarsi allinsieme delle fondazioni, perch
alcune di esse mantengono nel tempo una sostanziale funzione strategica,
di vigilanza sulle rotte piuttosto che di controllo e diffusione nel territorio.
La stessa diversa densit delle colonie nelle varie regioni della diaspora
(fittissime e fortemente ravvicinate in Sardegna e in Spagna, ma invece poco
numerose e notevolmente distanziate tra loro in Sicilia e su parte del litorale
maghrebino), indica questa diversit di intenti, che comporta evidentemente
un difforme tipo di presenza sulle coste e nel territorio.
Il quadro fin qui tracciato circa le presenze fenicie in Occidente deve essere
necessariamente integrato da un riferimento a un altro tipo di frequentazione,
quella esclusivamente commerciale, che port i Fenici in bacini diversi da
quelli su cui ci siamo finora soffermati; a Rodi, nel resto dellarea egea,
nellItalia peninsulare, nella Sicilia orientale e nellEtruria. Da un lato le
fonti letterarie antiche e dallaltro le scoperte archeologiche indicano una
presenza attiva dei commercianti fenici, documentata, per ci che concerne
larcheologia, soprattutto dai materiali pregiati di produzione fenicia
tesaurizzati in queste regioni. La bronzistica figurata, le coppe metalliche
istoriate, gli avori, i gioielli ritrovati in vari contesti archeologici ne sono
glindicatori pi rappresentativi, mentre anche a livello di alcune costumanze
introdotte dai Fenici (per esempio luso di bere vino con lutilizzo di
specifici corredi potori) mostra che linfluenza da loro esercitata non si limit
allintroduzione di taluni materiali, ma port in vari casi allaffermazione di
particolari ideologie e di status symbols di derivazione orientale.

15

Sandro Filippo Bond

16

Bibliografia
G. Bunnens, Lexpansion phnicienne en Mditerrane. Essai dinterprtation fond
sur une analyse des traditions littraires, Bruxelles-Rome 1979.
G. Garbini, I Fenici. Storia e religione, Napoli 1980.
E. Acquaro L. Godart F. Mazza D. Musti (a cura di), Momenti precoloniali
nel Mediterraneo antico, Roma 1988.
P. Bernardini, Micenei e Fenici. Considerazioni sullet precoloniale in Sardegna,
Roma 1991.
C. Bonnet, I Fenici, Roma 2004.
S. Celestino N. Rafel X. L. Armada (eds.), Contacto cultural entre el
Mediterrneo y el Atlntico (siglos XII-VIII a.n.e.). La precolonizacin a debate,
Madrid 2008.
M.E. Aubet, Tiro y las colonias fenicias de Occidente, Barcelona 20093.
S. F. Bond M. Botto G. Garbati I. Oggiano, Fenici e Cartaginesi. Una civilt
mediterranea, Roma 2009.
S. Helas D. Marzoli (hrsg.), Phnizisches und punische Stdtewesen. Akten der
internationalen Tagung in Rom vom 21. bis 23. Februar 2007, Mainz am Rhein 2009.

FENICI E PUNICI NELLALGERIA ANTICA.


considerazioni di geografia
storica
Federico Mazza

Federico Mazza

l geografo greco Strabone ha scritto: soprattutto il mare che disegna i


contorni della terra e le d la sua forma, modellando i golfi, gli oceani, gli
stretti e cos anche gli istmi, le penisole e i promontori (); attraverso queste
caratteristiche naturali noi possiamo formarci una chiara percezione di
continenti, nazioni, favorevoli posizioni di citt e di tutti gli altri particolari
che compongono la carta geografica (Strabone, II, 5,17).
Questa osservazione, a prima vista semplicistica e forsanche ingenua,
in realt da un lato un suggestivo retaggio di quegli antichi percorsi
mentali che, sulla base di quelli reali, hanno posto le fondamenta per
la conoscenza di uno spazio geografico che andava al di l di quello
percepibile fisicamente, dallaltro aiuta a comprendere meglio il fatto
che la prospettiva marittima stata assolutamente fondamentale nella
percezione e nella rappresentazione delle regioni del mondo antico
distribuite lungo le rive del Mediterraneo.
In effetti, sin dai tempi pi antichi per i Greci il mare non era soltanto una
distesa salata (thalassa, als), ma anche un percorso/passaggio (pontos)
che, nei mari chiusi allora frequentati (si pensi in particolare allantico Mar
Nero, significativamente denominato Ponto Eusino), consentiva innanzi
tutto agli uomini di incontrarsi e di commerciare, servendosi delle navi che
ne percorrevano le rotte congiungendo tra loro i vari insediamenti dislocati
lungo i litorali (Od., IX, 127-129).

18

Questa concezione del mare come via privilegiata di comunicazione e


di commercio valeva ancor pi per quelle lontane destinazioni verso
lestremo Occidente e i confini del mondo che navigatori e mercanti
egei e levantini avevano cominciato a frequentare gi dalla met del II
millennio a.C. e per le quali ancora non esistevano, o erano comunque
impensabili, percorsi via terra.
I Fenici furono ben presto, sin dagli inizi del I millennio, tra i principali
protagonisti delle esplorazioni e delle frequentazioni di entrambe le sponde
dellestremo Occidente mediterraneo e, al di l di esso, di quelle atlantiche,
esplorazioni nel corso delle quali costeggiarono anche le rive dellantica
Algeria, istituendo dapprima approdi per la sosta e il rifornimento e
fondando in seguito stabili insediamenti.
Le ragioni che attiravano i Fenici nei quadranti del Mediterraneo occidentale
erano in primo luogo eminentemente mercantili e legate in particolare
allacquisizione di materie prime metalliche (soprattutto argento e stagno),
che provenivano in grande quantit dalle miniere della Penisola Iberica,

dunque a seguito e in funzione di questi traffici e della scoperta di nuovi


mercati che si andarono via via consolidando anche le nozioni riguardanti le
caratteristiche geografiche delle coste occidentali del Mediterraneo, sia sul
versante europeo sia su quello africano.
Per quanto concerne la frequentazione e la conseguente conoscenza
dellantica Algeria mediterranea, v da osservare che la navigazione
lungo le sue coste costituiva parte integrante del tragitto che i naviganti
fenici dovevano percorrere durante i viaggi per i loro commerci di lunga
distanza. Un tipo di navigazione non facile, soprattutto nellantichit,
mano a mano che ci si avvicina allo Stretto di Gibilterra, spesso battuto,
anche per lunghi periodi, da forti venti che si alternano tra Ponente e
Levante, tanto da caratterizzare con il loro nome le annate in cui risultano
prevalenti. Inoltre, in questo quadrante del Mediterraneo fondamentale
tener conto delle direzioni delle correnti, anche se esse risultano meno
forti e costanti rispetto a quelle oceaniche, influenzate come sono
dallandamento delle coste e dallorografia delle regioni limitrofe, che in
un mare chiuso come il Mediterraneo sono elementi alquanto condizionanti
insieme ai fattori stagionali.
Gli studi paleoclimatici e paleoambientali hanno dimostrato che non
vi sono stati sostanziali mutamenti nei regimi dei venti e delle correnti
nel corso degli ultimi due o tremila anni e, di conseguenza, si possono
ragionevolmente utilizzare i parametri delle condizioni attuali per
comprendere quali fossero i problemi concreti della navigazione antica lungo
le coste del Nord Africa in generale e dellAlgeria in particolare.
In primo luogo, occorre considerare che la corrente principale nel quadrante
pi occidentale del Mediterraneo, entrando dallo Stretto di Gibilterra, scorre
secondo una direttrice est-ovest e prosegue lungo tutta la costa nordafricana
in direzione della Fenicia e del Levante; quindi, unendosi nellEgeo con
quella proveniente dal Mar Nero, ritorna con un percorso antiorario fino

Fenici e Punici nellAlgeria antica. Considerazioni di geografia storica

come testimonia Diodoro Siculo in un famoso passo: Il paese (degli


Iberi) ha le miniere dargento pi ricche e numerose (). Gli indigeni
ne ignoravano luso, mentre i Fenici, che erano esperti nel commercio
e avevano capito di cosa si trattava, acquistavano largento con qualche
piccolo scambio di altre mercanzie. Pertanto i Fenici, trasportando largento
in Grecia e in Asia e presso tutte le altre popolazioni, acquisivano grande
ricchezza (). Cos, svolgendo questo tipo di traffico per molto tempo,
prosperarono grandemente e fondarono numerose colonie, alcune in Sicilia e
nelle isole vicine, altre in Libia, in Sardegna e in Iberia (V, 35, 1-5).

19

Federico Mazza

20

1
La costa algerina da Tipasa in direzione di Cherchel, lantica Iol-Caesarea.

21

Fenici e Punici nellAlgeria antica. Considerazioni di geografia storica

Federico Mazza

alle coste della Penisola Iberica. Si tratta dunque di un fattore che, in linea
di principio, poteva facilitare la navigazione delle imbarcazioni da carico
fenicie sia nel percorso di andata verso lo Stretto di Gibilterra, sia nel
percorso di ritorno verso Oriente, quando erano gravate dai loro carichi di
materiali metallici.
Tuttavia, la situazione non cos semplice come pu apparire, in quanto
occorre considerare anche il ruolo dei venti, che hanno un andamento molto
variabile a seconda delle stagioni e perfino dei mesi e che pertanto possono
indurre a scegliere rotte alternative nelle traversate dei bracci di mare
maggiormente esposti alle loro influenze.
In questo quadro, la situazione della costa algerina presenta alcune
condizioni particolari: infatti, se da un lato le correnti costiere hanno come
gi detto un andamento prevalente da ovest verso est, dallaltro i venti
lungo il litorale spirano spesso da est verso ovest durante la buona stagione,
ossia la stagione nel corso della quale si svolgevano prevalentemente i
traffici marittimi dellantichit.

22

Per tali ragioni, dunque, la navigazione lungo le coste dellAlgeria certamente


faceva parte del tratto iniziale del percorso di ritorno dei mercanti fenici
verso la madrepatria secondo la cosiddetta rotta meridionale, avendo a
favore la corrente di Gibilterra e in assenza di forti venti contrari da est, ma
eventualmente poteva anche rientrare nel percorso di andata in avvicinamento
alla parte pi meridionale della Penisola Iberica, nel caso in cui le condizioni
dei venti consigliassero di lasciare la consueta rotta settentrionale o rotta
delle isole, tra la Sardegna meridionale e le Baleari, per proseguire per un
tratto lungo la costa algerina. Quando poi le opposte sponde del Mediterraneo
si avvicinavano, in prossimit della parte pi occidentale del litorale algerino,
allaltezza di Orano, si poteva riattraversare in corrispondenza dellantistante
costa dellAndalusia meridionale, per raggiungere con un percorso pi breve
la destinazione finale.
Peraltro, vi poteva essere anche il caso che durante il viaggio di ritorno
lungo la cosiddetta rotta meridionale la costa algerina dovesse essere
evitata in presenza di venti non favorevoli, deviando verso litinerario
settentrionale in direzione delle Baleari, della Sardegna meridionale e del
Canale di Sicilia, e riprendendo poi da qui, allaltezza di Cartagine, la rotta
meridionale verso lOriente.
Una tale situazione potrebbe, secondo alcuni, spiegare le scarse attestazioni
archeologiche della presenza fenicia lungo la costa algerina, soprattutto

Da un punto di vista generale, la regione costiera dellAlgeria presenta alcuni


caratteri morfologici che agli antichi naviganti fenici potevano richiamare
aspetti peculiari della struttura geografica della loro stessa madrepatria. In
Algeria, infatti, lungo tutta la fascia mediterranea si dispiega una catena
di rilievi di media altitudine (solo in casi eccezionali supera i 2.000 m),
che corre parallelamente alla costa e di fatto costituisce una barriera quasi
ininterrotta, con una notevole influenza sia sulla conformazione fisica dei
luoghi, sia sulle condizioni della presenza umana.
Questa regione cosiddetta dei Tell, avamposto del vero e proprio Atlante
sahariano pi a sud, determina una costa prevalentemente rocciosa, in cui
sono scarsi i porti naturali o le insenature riparate e nella quale non si aprono
vaste distese pianeggianti, ma piuttosto piccole pianure sul fondo di valli
alluvionali. Tale conformazione non consentiva pertanto, specialmente
nellantichit, agevoli comunicazioni tra la costa e lentroterra, come pure tra
le diverse aree dei Tell, anche a causa di una rete idrografica molto frazionata
e con corsi dacqua di limitate dimensioni, a eccezione del pi lungo e
articolato Chliff.
Per quanto riguarda la frequentazione o la stabile presenza di genti feniciopuniche nelle regioni dellAlgeria abbiamo purtroppo informazioni assai
limitate e spesso confuse da parte degli storici e dei geografi antichi,
soprattutto per quanto concerne let pi antica. A questo proposito, un
dato particolarmente significativo sembrerebbe essere quello riportato
da Giuseppe Flavio (Ant. Iud., VIII, 324), il quale riferisce una notizia
ripresa dallo storico ellenistico Menandro di Efeso, secondo il quale negli
Annali della citt di Tiro si menzionava la fondazione in Libya di una citt
denominata Auza, ad opera del re Ittobaal nel corso del IX sec. a.C. La
notizia purtroppo isolata e il tentativo di identificare la citt con il sito di
Auzia o Auzea, noto in epoca romana (Ptol., IV, 2, 7; Tac., Ann., IV, 24; Itin.
Anton., 30, 6) e coincidente con la moderna Aumale (Sour el-Ghozlane),
sullaltopiano a oltre 120 km nellentroterra sud-orientale di Algeri, appare
del tutto inadeguato per il fatto di trovarsi a notevole distanza dalla costa,
in una zona di non facile accesso e priva di testimonianze archeologiche
precedenti let romana.

Fenici e Punici nellAlgeria antica. Considerazioni di geografia storica

nellet pi antica e particolarmente rispetto al numero e alla consistenza


degli insediamenti fenici nella Spagna meridionale; il confronto
tuttavia opinabile, almeno in linea di principio, in quanto oggettivamente
condizionato dallo sviluppo ancora oggi alquanto limitato delle ricerche
archeologiche nellarea, che in futuro potrebbero modificare anche
sostanzialmente il giudizio al riguardo.

23

Federico Mazza

Altrettanto problematico il riferimento proposto da Sallustio (Bell. Iug.,


19, 1), sulla base di non specificate fonti fenicie, riguardo allantichit della
fondazione della citt di Hippo. Infatti, non possibile stabilire se lo storico
romano si riferisca a Hippo Regius (lattuale Annaba, appunto in Algeria),
oppure a Hippo Dyarrhitus (lattuale Biserta in Tunisia): il toponimo lo
stesso e comunque fino a oggi i ritrovamenti archeologici in entrambi i siti
hanno evidenziato soltanto resti di epoca punica non anteriori al V sec. a.C.
In effetti, soltanto per una fase cronologica pi avanzata che le fonti
tramandano qualche notizia pi precisa relativamente alla geografia storica
dellAlgeria. Alcuni dati puntuali sono, in particolare, contenuti nel Periplo
dello Pseudo-Scilace, composto probabilmente intorno al IV sec. a.C. e che
peraltro riflette verosimilmente la situazione corrispondente allespandersi
della presenza cartaginese e del suo progressivo controllo del litorale
nordafricano. Si tratta tuttavia, ancora una volta, di indicazioni molto limitate
e schematiche, che denunciano la loro discendenza da fonti che avevano
come obiettivo primario la funzione pratica di ausilio agli itinerari marittimi
e che quindi si risolvono in una serie di nomi di localit citate in sequenza
e corredate a volte da scarne indicazioni funzionali al riconoscimento dei
luoghi e alla misurazione delle rispettive distanze.
Il Periplo menziona diverse citt della costa algerina, ma tra queste pi
duna rimane per noi ancora difficilmente identificabile, come nel caso di siti
quali Hebdomos, Mes, Akion, Chalca o Arylon, che il trattato colloca tra le
ben note Iol e Siga.

24

La scarsezza delle informazioni provenienti dalle fonti storiche o geografiche


riguardo ai siti di possibile fondazione o colonizzazione fenicio-punica in
alcuni casi integrata dallo studio della toponomastica antica, che a volte rivela
tracce di una componente semitica e quindi, con ogni verosimiglianza, in origine
fenicia. innanzi tutto il caso dei toponimi connessi a evidenti elementi di
riferimento geografico, come in primo luogo quelli formati con la componente
r() (dal significato testa o, meglio, capo nelle lingue semitiche).
Si tratta, andando da Oriente a Occidente, dellantica Rusicada o Rusicade
(attuale Skikda), il cui possibile nome in fenicio potrebbe essere reso
*R()-(h)kd, dal significato di Capo della brocca (con probabile allusione
a una sorgente dacqua, come nel caso dei noti toponimi libanesi Rashkida e
Rashkiddi); del sito di Rusazus (denominazione riferita al Capo Corbelin e
al sito a sud di esso, attuale Port Gueydon), dal possibile etimo fenicio
*R()-(h)z(z), dal significato Capo del Forte; del sito di Rusuccuru
(attuale Dellys), da un possibile originario fenicio *R()-hqr, ovvero

Analogo discorso si pu fare per i toponimi che iniziano con la I, lettera


che per i filologi semitici sta a indicare il termine fenicio y, significante
isola, e che compare come preformativo in alcuni nomi di ben note
localit dellAlgeria, come la stessa Algeri (in fenicio yksm, dal probabile
significato di Isola dei gufi, da cui il calco greco Ikosion e latino Icosium),
la localit di Jijel (in latino Igilgili, da un possibile etimo fenicio *y-glgl
Isola del teschio), o ancora Iol-Caesarea, lattuale Cherchel, che nel primo
nome rivelerebbe anche in questo caso una possibile etimologia fenicia
ricostruibile come y-hl, dal significato Isola di sabbia, con riferimento
allantico isolotto antistante il porto.
Naturalmente, si possono individuare ancora altri toponimi dellAlgeria antica
che lasciano intravedere etimologie spiegabili con una derivazione dalla

Fenici e Punici nellAlgeria antica. Considerazioni di geografia storica

Capo della pernice; e ancora dellinsediamento di Rusguniae (attuale Capo


Matifou, a nord-est di Algeri), da una possibile etimologia fenicia
*R()-gny, cio Capo del francolino. A questi si potrebbero inoltre
aggiungere gli antichi toponimi Rusubbicari, forse *R()-hbqr Capo del
bestiame?, presso Mers el-Hageg, e Rusubisir/Rusippisir, *R()-? Capo
, in corrispondenza dellattuale Capo Tedless, o anche il moderno
Rachgoun, lisolotto davanti alla foce del fiume Tafna, lantico Siga, il cui
toponimo probabilmente ricalca la denominazione antica del capo antistante,
Ru-igan, con struttura simile ai precedenti.

25

2
Veduta del fiume
Tafna nei pressi di
Takembrit, lantica
Siga.

Federico Mazza

lingua fenicia, come, per es., Cartili, Cartenna o anche la stessa Cirta, nelle
quali si potrebbe riconoscere pur con qualche difficolt la componente
che significa citt (qrt in fenicio); infine, appare particolarmente interessante
evidenziare un ultimo spunto sul piano della toponomastica che consente di
ipotizzare possibili insediamenti di genti fenicio-puniche non solo lungo la
costa mediterranea, ma anche pi nellinterno.
il caso del sito denominato Macomades (Macoma sulle leggende
monetali), lungo la direttrice da Theveste a Cirta e a sud-est di questultima,
individuato con lattuale Henchir el-Mergueb. Il toponimo antico denuncia
un chiaro etimo fenicio, derivante dal termine mqm luogo, sito e hd
nuovo ed sintomo evidente di quella proiezione verso lentroterra che si
svilupp dapprima per le esigenze di controllo del territorio, in conseguenza
dellespansionismo cartaginese nella sua fase di massima potenza, poi per le
analoghe esigenze dei regni numidici che di quella potenza furono gli eredi.
Qual dunque, in sintesi, il quadro generale che si pu delineare riguardo
ai caratteri fondamentali della presenza fenicia e punica in Algeria, sulla
base dei dati di geografia storica che sono stati fin qui evidenziati? Innanzi
tutto, occorre sottolineare che non sono emerse significative evidenze in
relazione alle pi antiche frequentazioni commerciali e coloniali dei Fenici
nei primissimi secoli del I millennio a.C., che con riferimento a entrambi gli
aspetti si sono orientate piuttosto verso la Penisola Iberica da un lato (Cadice e
insediamenti della costa Andalusa), e verso il Marocco atlantico dallaltro lato
(Lixus e Mogador). In questa prima fase, dunque, la costa algerina stata pi
che altro una regione di transito e di eventuale sosta temporanea lungo le rotte
commerciali di lungo corso effettuate dai naviganti fenici, secondo la direttrice
est-ovest e viceversa.

26

In seguito il quadro muta e si assiste, a partire dalla fine del VII-prima


met del VI sec. a.C., a un progressivo moltiplicarsi di insediamenti,
scaglionati a distanze abbastanza regolari (mediamente 30-40 km tra luno
e laltro), che sono chiaro indizio di una navigazione costiera soprattutto
di cabotaggio diurno, per collegamenti e commerci a raggio pi limitato e
quindi sostanzialmente diversa da quella che pi anticamente caratterizzava
i viaggi delle navi fenicie cariche di materie prime metalliche destinate
ai porti dellOriente. Al riguardo, infatti, il riscontro dei dati archeologici
finora disponibili e delle influenze culturali che ne emergono induce a
ritenere che lo sviluppo dei siti costieri lungo il litorale algerino sia dovuto
principalmente a tre fattori: in primo luogo, allintensificarsi progressivo
dei contatti con gli insediamenti fenici e iberici dellantistante e abbastanza
vicina costa spagnola, come testimoniano per esempio i ritrovamenti

A conclusione di questa trattazione, unultima considerazione


riguardo al retaggio della presenza fenicio-punica nellAlgeria
antica appare interessante sottolineare. infatti significativo
e quasi emblematico che, ancora allinizio dellet imperiale
romana, il grande sovrano numida Giuba II, erede di una antica
e prestigiosa dinastia africana, desse un notevole contributo alla
conoscenza storica e geografica dellAfrica settentrionale,
componendo una monumentale opera in pi libri, che fu fonte
di riferimento autorevole per molti autori classici e nella
quale fece confluire tutte le notizie che su quelle regioni
e su quelle acque aveva accumulato una lunga tradizione
di esploratori, mercanti e condottieri fenici che tra i primi le
avevano scoperte e frequentate.
3
Busto di Giuba II
(25 a.C. - 23 d.C.).
Cherchel, Museo.

Fenici e Punici nellAlgeria antica. Considerazioni di geografia storica

nellisola di Rachgoun o nel sito di Mersa Madakh; in secondo luogo, alla


espansione verso ovest del controllo del territorio e dei relativi fenomeni di
colonizzazione da parte di Cartagine; in terzo luogo, infine, allo sviluppo dei
regni numidi dei Massili e dei Massesili, che hanno ereditato e incrementato
il tessuto di insediamenti fioriti in quel contesto punico che li ha a sua
volta profondamente e a lungo permeati dal punto di vista sociale
e culturale.

Bibliografia
J. Desanges, Recherches sur lactivit des Mditerranens aux confins de lAfrique,
Rome 1978.
A. Peretti, Il Periplo di Scilace, Pisa 1979.
F. Prontera (a cura di), Geografia e geografi nel mondo antico, Roma-Bari 1983.
S. Moscati (dir.), I Fenici, Milano 1988.
S. Gsell, Atlas archologique de lAlgrie, Alger 1997.
M. Tahar Mansouri (d.), Le Maghreb et la mer travers lhistoire, Paris 2000.
C. Sintes Y. Rebahi, Algrie antique (Catatalogue de lexposition, Arles 26 avril
17 aot 2003), Arles 2003.
S. Lancel, LAlgrie antique. De Massinissa Saint Augustin, Paris 2003.
J.M. Candau Moron F.J. Gonzalez Ponce A.L. Chavez Reino (coords.),
Libyae lustrare estrema. Realidad y literatura en la vision grecoromana de Africa.
Homenaje al Prof. Jehan Desanges, Sevilla 2008.
M.E. Aubet, Tiro y las colonias fenicias de Occidente, Barcelona 20093.

27

Lalgeria fenicio-punica
Lorenza-Ilia Manfredi

LAlgeria fenicio-punica

a storia della presenza fenicia nellAlgeria antica comincia con gli


insediamenti costieri alla fine del VII sec. a.C. e non risulta direttamente
legata alle grandi citt dellOriente, ma ai centri fenici della Penisola Iberica.
I porti della costa algerina erano, infatti, le principali tappe della rotta
verso Cartagine e lOriente delle materie prime e dei prodotti provenienti
dallestremo Occidente.
Tra gli insediamenti legati alla Penisola Iberica e, in particolare, alle
comunit dellAndalusia, il sito che ha restituito il materiale archeologico
pi antico lisola di Rachgoun, nellOranese. Dalla necropoli e dallabitato
proviene ceramica fenicia della fine del VII sec. a.C. associata a materiale di
fattura locale che non va oltre la met del V sec. a.C., quando lisola sembra
essere stata abbandonata con un trasferimento di popolazione sulla costa
lungo il fiume Tafna, a Siga (lattuale Takembrit). La scelta di Siga come
nuovo centro potrebbe essere stata determinata dalla necessit di stabilire un
rapporto pi funzionale con leconomia locale e le sue vie di penetrazione
verso linterno. Nel II sec. a.C. Siga diventa una delle capitali di Siface, al
quale attribuito il mausoleo di Beni Rhenane posto a sud-ovest della citt.
A un orizzonte cronologico pi recente rispetto a Rachgoun, sono riferibili
i siti di Mersa Madakh e Les Andalouses, dove stato rinvenuto materiale
dimportazione greca del VI sec. a.C., che si ritrova anche nella necropoli
ovest di Tipasa.
Questi centri e, in generale, tutti i siti ritenuti di fondazione fenicia sulla
costa algerina, inseriti in quella che viene definita la rotta di ritorno,
dovevano secondo P. Cintas essere localizzati a non pi di 30-40 km di
distanza luno dallaltro, in quanto scali obbligati di una navigazione solo
diurna. Recentemente, J.-P. Laporte ha evidenziato come le grandi navi
commerciali fenicie potessero, in realt, affrontare anche la navigazione
notturna. In questo modo, a fronte di numerosi scali posti a una distanza
regolare, si pu ipotizzare la presenza di alcuni porti principali tra i quali
si ponevano punti dapprodo secondari per il piccolo cabotaggio, in una
visione dinamica che sembra meglio adattarsi anche agli eventi storici legati
allevoluzione dei rapporti tra Cartagine e Roma. In particolare, il trattato del
509 a.C., che ridisegna le aree di influenza del Mediterraneo, potrebbe aver
determinato una diversificazione del ruolo per le fondazioni fenicie costiere
di tipo emporico, in funzione delle nuove aree di influenza e del diverso
rapporto che gli stessi centri sembrano aver instaurato con la metropoli tiria.
A partire dal IV sec. a.C., infatti, Cartagine, ormai divenuta a tutti gli effetti
una potenza radicata sul territorio africano, si impegna nel consolidamento
e nella riorganizzazione delle regioni sotto il suo controllo e non tutte le

29

Lorenza-Ilia Manfredi

antiche fondazioni fenicie sono integrate e mantengono il proprio ruolo


nel nuovo sistema punico. Alcuni insediamenti perdono di importanza,
altri, insieme a fondazioni ex novo, assumono ruoli di primo piano; e anche
quando limpronta sociale, religiosa, politica, istituzionale cartaginese
diventa dominante, non cancella le connotazioni locali dovute alle esperienze
indigene. La dinamica dellinterazione tra tali diverse componenti culturali
complessa ed necessario distinguere i differenti piani sui quali si
svilupparono i rapporti tra Libici, Fenici delle citt costiere e Cartaginesi,
tenendo conto che non sempre e non ovunque i livelli etnico-culturale e
politico-istituzionale coincisero.
Nel territorio dellattuale Algeria, si individuano tre regioni con
caratteristiche diverse: le citt metagonite, tra il fiume Molucca e lAmpsaga
(corrispondente alla Mauretania Cesariense); la regione di Cirta, tra il fiume
Ampsaga e la citt di Tabraca (corrispondente alla Numidia della divisione
amministrativa romana); le terre delle popolazioni nomadi e seminomadi del
sud sahariano.

30

Polibio (III, 33, 5-16) e Plinio (V, 22) ricordano che i Greci definivano
metagonite le citt costiere numide che si estendevano tra i fiumi Ampsaga
(Oued Rhummel) e Molucca (Oued Kelif) e che rappresentarono per
Cartagine il vero ponte tra lEstremo Occidente, lAfrica e il lontano Oriente.
Tali centri, in particolare, dovettero svolgere durante la seconda guerra
punica un ruolo particolarmente attivo nellambito della politica di Cartagine.
La perdita della Sicilia nel 241 a.C., della Sardegna nel 238 a.C. e delle
Baleari nel 217 a.C., rese la costa algerina di vitale importanza nella politica
internazionale della metropoli. in relazione a questo periodo, infatti, che le
fonti classiche parlano di spostamenti e stanziamenti di truppe e di ostaggi
(Polibio, III, 33, 5-16; Tito Livio, XXI, 21, 11-13; XXI, 22) nelle citt
metagonite. Nellinverno 219-218 a.C. Annibale raduna in questa area e a
Cartagine stessa 15.850 soldati iberici, ne invia 4.000 dalle citt metagonite a
Cartagine (Polibio, III, 33, 12) e 15.150 tra fanti, cavalieri e frombolieri dalle
coste africane, insieme a cinquanta pentere, due tetrere e cinque triere, in
Spagna sotto il comando di Asdrubale.
La massiccia presenza di truppe nordafricane nella Penisola Iberica stata
interpretata anche come parte di un progetto di colonizzazione agricola e
militare della regione, al pari peraltro di quello precedentemente attuato in
Sardegna. Tuttavia, la presenza di soldati libici nel sud della Penisola Iberica
e di Iberici nellarea metagonita non sembra aver avuto lo stesso impatto e
la presenza di ceramica iberica, in particolare le anfore betiche, rinvenuta
sul litorale algerino messa in relazione con i pi tardi scambi commerciali

LAlgeria fenicio-punica

tra le due sponde del Mediterraneo. Ci non toglie che a partire dal IV sec.
a.C. si possa ricostruire tra la costa nordafricana e quella spagnola una rete
economica di notevole spessore come documentato dalla distribuzione
delle anfore (di grande interesse il ritrovamento a Hippo Regius, Annaba,
di unanfora iberico-punica del V sec. a.C.) e delle monete puniche di
epoca annibalica. Particolare rilevanza fu raggiunta durante la seconda
guerra punica dai porti posti tra Gunugu (Sidi Brahim, Gouraya) e Saldae
(Bejaia). Qui gli scali regolari, che distano luno dallaltro circa 30-40 km,
presentano una documentazione archeologica che non pi antica del IV
sec. a.C. e si concentra soprattutto nel III sec. a.C. Cartagine, pur avendo
importanti interessi economici in queste citt metagonite, non sembra aver
esercitato su di esse un dominio sistematico di tipo territoriale. La presenza
cartaginese nella zona pare, infatti, esprimersi essenzialmente attraverso il
potenziamento di alcuni capisaldi.
Un centro strategico dei traffici marittimi tra il Nord Africa, la Penisola
Iberica e quella Italica, nonch centro di produzione artigianale (in
particolare le uova di struzzo decorate), sembra essere stato Gunugu (Sidi
Brahim, Gouraya). Nella citt stata rinvenuta, oltre ai vasi attici a figure
rosse e a vernice nera del V sec. a.C., uniscrizione etrusca del III sec. a.C.
che documenta i rapporti commerciali con le coste tirreniche dellEtruria;
un frammento di vaso etrusco del IV sec. a.C. stato rinvenuto anche in una
tomba punica di Rusguniae (Tementfoust) con monete civiche autonome a
leggenda punica.
Scarse sono le testimonianze puniche di Icosium (Algeri), rappresentate da
una stele neopunica e dal ritrovamento di un tesoretto formato da monete
della zecca locale della met del II - met I sec. a.C. con al dritto il busto
di Iside incoronata da Nike e al rovescio una figura maschile intera con
copricapo piumato e il toponimo della citt in punico, e di Iol-Caesarea
(Cherchel), capitale regionale durante il regno di Micipsa (148-118 a.C.),
zecca reale con Bocco II, Giuba II e Tolomeo II (1 a.C.- 40 d.C.). In
particolare, le emergenze archeologiche di questa citt sono oggi poco
visibili, ma le fasi fenicie e puniche del sito databili dalla fine del VII al V
sec. a.C. sono documentate dai rinvenimenti nel foro severiano del 200 d.C.
e sotto i livelli abitativi ellenistici sulllot Joinville. Al centro, probabile
fondazione fenicia, attribuita la pi antica monetazione cittadina autonoma
registrata nel Nord Africa, con al dritto la testa di Iside e al rovescio tre
spighe di orzo. La datazione alla fine del III sec. a.C. sembra legare le
monete al regno di Siface (220-203 a.C.) e la loro incisiva presenza nei
rinvenimenti del sud della Penisola Iberica allattivit dei contingenti di
cavalieri numidi nella regione durante la seconda guerra punica.

31

Lorenza-Ilia Manfredi

32

1
Veduta di Capo Bourgourun.

33

LAlgeria fenicio-punica

Lorenza-Ilia Manfredi

34

Ladozione della iconografia Iside/tre spighe evidenzia, da un lato, laspetto


militare della monetazione (lIside sembra essere connessa ai culti dei
soldati), dallaltro, limportanza economica di Iol-Caesarea, porto agricolo
libico sotto il controllo punico, dove erano stoccati i prodotti cerealicoli
provenienti dalle pianure dellentroterra.
Anche verso lentroterra libico, Cartagine non sembra modificare la strategia
di penetrazione per capisaldi gi adottata dalle citt fenicie delle aree costiere
per il controllo delle fonti primarie di approvvigionamento. Tale strategia
particolarmente evidente nellest algerino. In queste terre fortemente
punicizzate (il punico era ancora la lingua parlata al tempo di SantAgostino)
i Cartaginesi si muovevano seguendo le naturali vie di penetrazione che dai
porti di Hippo Regius (Annaba) e Rusicade (Skikda) proseguivano verso
il sud-est libico. Le poche vestigia punico-numidiche oggi visibili a Hippo
Regius non rendono giustizia della grandezza del centro. Soltanto i resti
della cinta muraria in blocchi bugnati sono ancora rintracciabili per circa 300
m e sulla collina di SantAgostino, che domina la citt romana, sono state
rinvenute stele neopuniche e vasi con ossa calcinate attribuibili con ogni
probabilit a un tofet dedicato a Baal Hammon. Lasciandosi alle spalle la
citt e seguendo la riva destra del fiume Seybouse, possibile avere unidea
del sistema di controllo territoriale esercitato da Cartagine in queste aree
nel III sec. a.C., quando si intensifica lattenzione ai giacimenti di piombo,
zinco, ferro e rame di cui sono ricche le miniere di Thagaste (Souk Ahras, la
patria di SantAgostino) e Calama (Guelma), dove la popolazione libica era
amministrativamente strutturata secondo il diritto punico.
Il dato principale e comune a tutta la fascia territoriale, che dal tratto di
costa tra Rusicade (Skikda) e Tabraca (Tabarka, in Tunisia) si sviluppa fino
ai Monti di Tebessa, sembra essere luniformit del livello di interazione tra
mondo punico e libico. In tal senso, di notevole importanza sono le vicende
della regione di Cirta. La citt si impone nel 205 a.C., durante la seconda
guerra punica, come centro strategico limitrofo allo stato cartaginese ed
fortemente segnata da una punicizzazione che rimane predominante anche
dopo la caduta di Cartagine.
Per quanto riguarda il toponimo, attestato anche nella sua forma numidica
kirtat,
. gli studiosi si dividono su una sua origine libica o fenicia. Il centro,
povero di resti archeologici inglobati e trasformati in un abitato rimasto
fulcro della regione nel corso dei secoli, deve la sua fortuna economica
alla posizione strategica. Il particolare status di Cirta si rispecchia in modo
evidente nella monetazione neopunica del II sec. a.C., le cui leggende
riportano il nome della citt e la formula di datazione dove compaiono i

La ricchezza e la prosperit della regione in gran parte dovuta alla sua


proiezione verso lAfrica interna e i centri posti a sud-ovest di Cirta, come
Macomades/Macoma (Henchir el-Mergueb) nellarea di Setif, Zarai (Zaraa),
nella regione di Batna, e pi a sud, verso Biskra e le gole di El-Kantara che
sono la via daccesso alle oasi e alle piste della transumanza e del commercio
transahariano. Macomades/Macoma, il cui nome in punico significa luogo
nuovo, nel senso di mercato nuovo, posto anche in luoghi lontani rispetto
al centro principale con la funzione di punto di contatto con lelemento
indigeno, fu probabilmente un centro per il commercio dei metalli.
Diversamente Zarai fu punto di raccolta dei prodotti delle regioni agricole
e pastorali del Chott el-Hodna e presidio militare a controllo dei corridoi
di transumanza lungo la linea di confine con il territorio statale cartaginese
(corrispondente per lo pi allodierno confine tunisino). Fulcro di questo
sistema economico il mausoleo del Medracen situato nella piana di ElMadher, sui primi contrafforti del sistema dellAurs, punto di intersezione
tra lAtlante sahariano e la regione dei Tell. Il mausoleo dellinizio del III
sec. a.C. uno dei capolavori dellarchitettura punico-numida: il monumento
ancora oggi il crocevia presso il quale si incontrano le carovane provenienti
da sud e che da qui proseguono verso Cirta e il Mediterraneo.
Cartagine, nonostante fosse la padrona del Mediterraneo Occidentale,
non era in grado di imporsi con la forza sui molti re e capi trib indigeni
che controllavano le terre algerine. Per questo, scelse fin dal V sec. a.C.
una linea politica discreta ma incisiva e atta a favorire la formazione di
stati nazionali con un unico sovrano riconosciuto. Le vicende relative, in
particolare, alla fine del III sec. a.C, momento decisivo nella formazione dei
regni autonomi, sono in sostanza sconosciute. La circostanza non permette
di stabilire se e come Cartagine sia intervenuta in questo processo formativo;
tuttavia, i successivi avvenimenti storici e militari punici nei quali i Numidi

LAlgeria fenicio-punica

nomi dei due magistrati municipali che hanno ordinato lemissione, i sufeti.
Lindicazione risulta di grande interesse dal punto di vista amministrativo,
in quanto colloca Cirta tra le citt sufetali a prevalente popolazione libica,
governata almeno alla fine del III sec. a.C. da personaggi con nomi e cariche
cartaginesi. Lipotesi trova conferma nel rinvenimento nel tofet neopunico
di 850 stele, che rendono la citt il secondo centro religioso di tradizione
punica del Nord Africa. Questo non implica necessariamente una fondazione
o una forte concentrazione etnica punica e probabilmente Cirta sempre
rimasta una citt numida retta da una comunit di cittadini cartaginesi con a
capo i sufeti. Tale impianto istituzionale trova continuit nel ruolo di capitale
svolto successivamente da Cirta nel regno numida e nellassetto mantenuto
dalla confederazione di Cirta in epoca romana.

35

Lorenza-Ilia Manfredi

36

2
Veduta del sito di Guelma, lantica Calama, dal teatro romano.

37

LAlgeria fenicio-punica

Lorenza-Ilia Manfredi

e i Mauri stanziati, secondo Strabone (XVII, 3, 2), nella regione nordoccidentale dellAfrica rivestono una funzione di primo piano, fanno
ipotizzare un ruolo attivo di Cartagine nelle fasi formative dei regni libici. Le
fonti classiche testimoniano rapporti tra Cartagine e le popolazioni numide
e maure gi per il V sec. a.C. Giustino (XIX, 2, 4; XXI, 4, 7) menziona una
guerra contro i Mauri verso la met del secolo e un loro regno autonomo
nella met del IV sec. a.C., mentre Diodoro (XIII, 80, 3), in relazione alla
spedizione cartaginese in Sicilia del 406 a. C., menziona tra le truppe alleate
cartaginesi contingenti numidi e mauri.
Daltro canto, notevole fu anche lingerenza numida negli affari dello stato
di Cartagine. Sono le lites numide, durante la rivolta dei mercenari del
241 a.C., a organizzare le popolazioni libiche presenti allinterno dello stato
punico, sostenendo le loro rivendicazioni sociali e facendo dellafricanit
(termine da intendersi non in senso etnico ma come altro rispetto al punico),
un valore politico in opposizione a Cartagine. La definitiva sconfitta della
metropoli nel 146 a.C., trova proprio in Massinissa, re dei Numidi, uno
dei principali fautori, ma, al contempo, il sovrano sar anche lerede e il
continuatore della tradizione istituzionale e amministrativa di Cartagine, colui
che riuscir a portare a termine il processo di africanizzazione delle strutture
statali fenicie al quale si era strenuamente opposta loligarchia cartaginese.

38

Tra il IV e il III sec. a.C. si possono individuare tre entit politiche, tre
confederazioni di comunit tribali pi che regni: a ovest il regno dei Mauri
(dallAtlantico al fiume Molucca); il regno dei Massesili (dal Molucca
allAmpsaga, oggi Oued el-Kebir), il regno dei Massili fino al confine con
Cartagine. Tuttavia, ancora durante la prima guerra punica i capi numidi
che approfittano dellarrivo dei Romani per appropriarsi delle terre puniche
sono Numidi senza re, vale a dire popolazioni organizzate in comunit
controllate da principi o capi trib (il dato potrebbe trovare conferma nelle
iscrizioni del tofet di Cirta, nelle quali sembrano essere stati individuati
personaggi appartenenti a clan o a trib, nonch capi di trib non ancora
unificate in regni).
Soltanto con la seconda guerra punica (219-201 a.C.) si hanno notizie certe
del regno dei Massesili e del suo re Siface, che nel 205 a.C. sconfigge il
giovane principe massilio Massinissa annettendone il territorio. Fino al
203 a.C. il regno ha due capitali, a ovest Siga e a est Cirta. Con la sconfitta
di Siface alleato del generale Asdrubale nei pressi di Cirta, Massinissa
riconquista la citt e nel 202 a.C., dopo la battaglia di Zama e la
distruzione dellesercito cartaginese, Siface viene portato in esilio in Italia
dove morir esule. Il regno dei Massesili non scomparir completamente,

Nel 206 a.C. lincontro a Siga, alla corte di Siface, tra il generale
Asdrubale proveniente da Cadice e Scipione proveniente da Cartagena,
sancisce lapertura del regno numida alla politica internazionale. La
conclusione della seconda guerra punica segna anche la fine dellinfluenza
cartaginese sulle citt metagonite e limpedimento imposto da Roma a
Cartagine, dopo la sconfitta di Zama del 201 a.C., di stringere alleanze
senza il consenso romano, libera i Numidi dal rapporto privilegiato con
i Punici e li proietta in uno scenario politico mediterraneo rivolto anche
alle citt greche. In tale mutato contesto, diventa strategico il controllo
della costa che permette prima a Massinissa e successivamente a suo figlio
Micipsa di diventare i maggiori fornitori di prodotti cerealicoli a Roma.
Tuttavia, i regni numidi e mauri, che si aprono alla romanizzazione dopo
la distruzione di Cartagine del 146 a.C., sono fortemente punicizzati e
rimarranno tali fino allepoca imperiale.

LAlgeria fenicio-punica

ma non potr pi competere con quello di Massinissa che si estender fino


alla Tripolitania.

Una cos documentata e antica consuetudine tra Fenici e Libici potrebbe


essere la chiave di lettura della presenza di istituzioni cartaginesi negli
ordinamenti statali numidi e mauri dopo la caduta della metropoli. Il
fenomeno stato spiegato con la presenza dei mercenari nellesercito
cartaginese: i soldati avrebbero favorito lingresso di queste regioni nel
circuito monetale della metropoli, con la conseguente punicizzazione delle
strutture economiche e delle istituzioni locali. Resta il fatto che, alla caduta
di Cartagine, nei territori libici la civilt punico-numida ampiamente
diffusa nella societ, soprattutto nella classe dirigente.
Un interessante esempio in tal senso rappresentato dalle monetazioni dei
regni neopunici di Numidia prima e Numidia e Mauretania poi. Le serie
regali sono contraddistinte dallutilizzo del punico nella registrazione
dei nomi dei sovrani e dal riferimento a concetti politici cartaginesi per
evidenziare la legittimit del regno stesso. Fino a Bocco II (38-33 a.C.),
rimane costante, infatti, luso del sostantivo astratto punico mmlkt regalit,
regno per ratificare sovrani spesso usurpatori, come nellemissione della
met del I sec. a.C. pertinente, forse, a Masternissa I (65-40 a.C.), dove al
nome del re e al riferimento alla sua maest sul dritto Masternissa il re
(la regalit), corrisponde probabilmente sul rovescio la genealogia e il
riferimento alletnico il Massilio (del popolo dei Massili). La lettura trova
confronto nelliscrizione funeraria di Iol-Caesarea, sulla quale si registra
lespressione Micipsa re dei Massili che riporta lindicazione delletnico
nellambito delle formule regali della Numidia.

39

Lorenza-Ilia Manfredi

In conclusione, dunque, la forza del regno numida deve essere ricercata


nella capacit di coagulare due realt differenti: quella delle trib e delle
comunit rurali delle pianure interne e quella delle citt e delle aree
suburbane. I re numidi riuscirono a unificare i due aspetti sviluppando
unideologia regale basata sulla natura divina del sovrano e mantenendo
le strutture amministrative di tradizione cartaginese ampiamente radicate,
soprattutto nei centri urbani dove la punicizzazione era pi profonda. Il
regno numida, infatti, sviluppa un duplice sistema fiscale che rispecchia
la dualit del regno stesso: da un lato, le trib libiche che conservano una
loro autonomia dal potere centrale e che pagano un tributo di cui non si
pu definire n la natura n la regolarit, ma che sicuramente comprendeva
quote dei prodotti agricoli, pastorali e contingenti di mercenari; dallaltro,
le citt, nelle quali il sistema di prelievo fiscale prevede lorganizzazione
del territorio in circoscrizioni amministrative sottoposte al controllo
di funzionari regi, scelti tra i notabili delle citt e che, come si gi
evidenziato, sono fortemente punicizzati.
Bibliografia

40

A. Berthier - A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine, I-II,


Paris 1952-1955.
N. Konici, Los contactos entre la Pennsula Ibrica y el Norte de Africa segn los datos
historics-arqueolgicos de poca pnico-romana: Spal, 11 (2002), pp. 278-279.
A. Krandel-Ben Younes, La prsence punique en pays numide, Tunis2002.
S. Lancel, LAlgrie antique, Paris 2003.
L.-I. Manfredi, La politica amministrativa di Cartagine in Africa, Roma 2003.
G. Meynier, LAlgrie des origines. De la prhistoire lavnement de lIslam,
Alger 2008.
L.-I. Manfredi, Cartagine e lassetto territoriale del Nord-Africa: A. Ferjaoui
(d.), Carthage et les autochtones de son empire du temps de Zama (Colloque
International, Siliana - Tunis du 10 au 13 mars 2004) = Hommage Mhamed
Hassine Fantar, Tunis 2010, pp. 329-336.

LA PUNICIZZAZIONE DEI TERRITORI


NUMIDI IN ALGERIA
Jean-Pierre Laporte

Jean-Pierre Laporte

el corso degli anni 50, sulla base della presunta incapacit della
marina fenicia prima, punica in seguito, di praticare la navigazione
notturna, Pierre Cintas proponeva lipotesi di una punicizzazione della costa
algerina a partire da Cartagine tramite una successione di scali a distanza
di 30-40 km luno dallaltro. Questa supposizione comportava, da un lato,

1
Rappresentazione
schematica della
dislocazione dei
porti fenicio-punici
lungo la costa
algerina.

42

la necessit di un controllo militare da parte di Cartagine in ognuno degli


scali per garantire la sicurezza di questa complessa navigazione da diporto,
dallaltro la provenienza obbligatoriamente cartaginese del materiale
ceramico imbarcato, il quale, in questo senso, avrebbe dovuto seguire
da vicino le mode in vigore nella metropoli punica. Questa seducente e
semplice teoria riscosse un successo immediato, e fu ben presto adottata in
modo generalizzato.
A sessantanni di distanza, numerosi fatti hanno dimostrato la scarsa
fondatezza di questa teoria. Prima di tutto, sono state rivalutate le capacit
nautiche delle navi da carico fenicie e puniche e quindi anche quella di
poter navigare di notte, compiendo lunghe traversate senza fermarsi, a
distanza dalla costa. Inoltre, alcune scoperte archeologiche a terra hanno
invalidato questa supposizione. Il materiale scoperto da Gustave Vuillemot
sulla costa oranese ha rivelato (oltre ad una produzione di ceramica locale
maggioritaria), da una parte un materiale ceramico senza rapporto con quello
in uso a Cartagine, dallaltra una notevole quantit di ceramica iberica.
Cos stato a Rachgoun, di fronte a Siga, come a Les Andalouses. Quanto
a Mersa Madakh, questo villaggio non mai stato uno scalo punico, ma
un minuscolo paesino di pescatori e raccoglitori di conchiglie che usavano
pochissima ceramica a vernice nera. Daltronde, molti degli scali previsti da
Cintas mancano, tra laltro molti di quelli ad ovest di Orano. Infine, a Tipasa,
gli scavi di S. Lancel hanno rivelato una popolazione essenzialmente libica,
parzialmente attaccata alle proprie tradizioni funerarie, tra laltro malgrado

Queste constatazioni hanno recentemente determinato un altro quadro:


quello di un circuito punico nel Mediterraneo occidentale, nel quale le navi
provenienti da Cartagine avrebbero fatto scalo in Sicilia, in Sardegna e nelle
Baleari, prima di raggiungere il Sud della Spagna e poi il Nord del Marocco.
Avrebbero approfittato al ritorno di una forte corrente superficiale (40 km
al giorno) proveniente da Gibilterra, seguendo poi le coste algerine fino a
Cartagine, giungendo persino in Sicilia (Fig. 1B). Quasi insensibile per le
navi da guerra affusolate, questa corrente era sfruttata dalle pesanti navi
mercantili puniche, definite gauloi dai Greci, e cio panciute o rotonde,
il che spiega la loro dipendenza dalle correnti superficiali. chiaro che una
nave partita da Cartagine, ad esempio, con un materiale interamente punico,
ne scaricava una parte a ognuna delle sue fermate, subito sostituita da
acquisti locali che avrebbe venduto cammin facendo. Allarrivo in Spagna,
non era probabilmente rimasto molto del carico iniziale, e praticamente
niente allinizio del viaggio di ritorno lungo la costa algerina, mentre
abbondava il materiale iberico e/o punico-iberico.
In questa logica, non vi pi la necessit di uno scalo ogni notte, ma di
soste nei siti pi importanti della costa, e gli scali intermedi potevano essere
effettuati tramite una semplice navigazione di diporto a breve distanza.
Potendo scegliere dove fare scalo, non era pi necessario garantire la
sicurezza di tutti tramite uno stretto controllo politico e militare. Bastava
stipulare accordi con le autorit che controllavano la costa e lentroterra,
soluzione sicuramente pi consona alle intenzioni di Cartagine e ai mezzi
di cui disponeva, in quanto regina dei mari, e non delle terre (oltre il
proprio territorio). Sembra che questa situazione abbia conosciuto solo un
breve periodo dinterruzione, mentre i Barcidi acquisivano per Cartagine
nuovi territori in Spagna (dopo il 237 a.C.) e Roma si era appropriata
successivamente della Sicilia (241 a.C.), della Sardegna (227 a.C.) e infine
delle Baleari, tagliando cos il circuito punico tradizionale. Cartagine
dovette sicuramente rinforzare il controllo negli scali che la collegavano
ai suoi territori occidentali, come potrebbe indicare un tesoro di Saldae
(Bejaia), e questo fino allabbandono della Spagna dopo gli eventi di Cadice
nel 206 a.C.
La lettura proposta non pretende di essere n definitiva n limitativa. La
regione di Orano faceva probabilmente parte di un sottoinsieme economico

La punicizzazione dei territori numidi in Algeria

(o meglio insieme a) aspetti punici, a volte profondi, a volte superficiali.


Anche in questo caso, il divario cronologico con il materiale cartaginese
era sensibile e si avvicinava di pi al materiale punicizzante del Sud della
Spagna allepoca.

43

Jean-Pierre Laporte

44

2
Veduta aerea degli scavi nellisola di Rachgoun.

45

La punicizzazione dei territori numidi in Algeria

Jean-Pierre Laporte

e culturale nel mare di Alboran, la cultura dello Stretto. LAlgeria centrale


era a sua volta ben situata per commerciare direttamente con Cartagena e
le isole del Mediterraneo occidentale. In entrambi i casi, la punicizzazione
sembra essersi limitata ad alcuni scali lungo la costa, senza nessuna
apparente conseguenza per lentroterra. La costa manifest cos unimpronta
punica nei suoi toponimi principalmente libici, con i prefissi punici Rus(capo) e I- (isola).

46

3
Il sito di Mersa
Madakh.

LEst algerino evidenzia una facies sensibilmente diversa, derivante dalla sua
grande prossimit al territorio cartaginese, sia via mare sia via terra. Questa
regione ha conosciuto una punicizzazione molto pi profonda, sia sulla
costa che allinterno, per intensit e durata. In un territorio indiscutibilmente
numidico, per esempio, si nota una localit chiamata Macomades (in punico
mercato nuovo), vicino allattuale Oum el-Bouaghi. La ripartizione delle
iscrizioni evidenzia concentrazioni discrizioni puniche in mezzo a zone dove
le iscrizioni libiche sono numerose. Inoltrandosi sempre pi verso est, si nota
a NGaous, durante il III sec. d.C., e cio ben quattro secoli dopo la caduta
di Cartagine, lespressione molchomor ad indicare il sacrificio di una pecora
a Saturno su diverse stele con dediche latine. La sopravvivenza della lingua
punica ormai ben attestata in diversi luoghi (Ippona, Fussala, Madaure,
Macomades, Calama ecc.) fino allepoca di SantAgostino (inizio V sec. d.C.)
e probabilmente oltre.

Tuttavia, superando la forma punica, si arriva ben


presto al fondo libico, come dimostra, per esempio,
lonomastica libica delle stele puniche di Ksiba Mraou
scoperte recentemente. il caso, ancora pi sottile,
delle stele latine al molchomor di NGaous. Come
ha messo in luce M.H. Fantar, la formula introduttiva
Quod bonum et faustum feliciter sit factum una
traduzione diretta della formula punica bym nmw
brk.Ma questa, assente a Cartagine e nel suo territorio,
visibile solo su stele di Cirta, Dougga, Tboursouk,
Ksiba Mraou, Ksar Lemsa, che appartenevano tutte al regno numida. Si tratta
evidentemente della traduzione in lingua e scrittura puniche di una formula
religiosa prettamente numida.
dunque importante stabilire una distinzione tra la sostanza e la forma,
nello stesso modo in cui non si pu considerare punico un sito solo
perch sono stati ritrovati alcuni cocci di ceramica a vernice nera, spesso
sparpagliati in mezzo a un numero ben pi importante di frammenti di
ceramica modellata (e a volte anche tornita) di produzione locale (o anche
regionale). necessario riconsiderare la popolazione libica (qui, numida) in
tutte le sue dimensioni. Se essa ha adottato, in modo peraltro estremamente
vario secondo i tempi e i luoghi, una lingua di cultura straniera, non ha mai
rinunciato ad essere se stessa.
Bibliografia
G. Vuillemot, Reconnaissance aux chelles puniques dOranie, Autun 1965.
P. Cintas , Manuel darchologie punique, I, Paris 1970; II, Paris 1976.
S. Lancel, Tipasa de Maurtanie, histoire et archologie. I. tat des questions des
origines pr-romaines la fin du IIIe sicle: ANRW, II, t. 10, 2, Berlin-New York,
1982, pp.739-786.

La punicizzazione dei territori numidi in Algeria

Lorigine, le modalit e la natura esatta di questa


punicizzazione, reale e profonda in certi punti (debole
in altri), tuttora da determinare. Probabilmente
remota, si forse rafforzata allepoca dei re numidi,
i quali erano loro stessi impregnati di cultura punica,
legati come erano da matrimoni con famiglie nobili
di Cartagine, coniando monete a leggenda punica,
recuperando le biblioteche dopo la caduta della citt,
favorendo apparentemente lacculturazione, o per lo
meno gli apporti di popolazione punica accanto al loro
gusto personale per la cultura greca.

4
Dedica votiva
a Saturno di
un sacrificio
molchomor.
Stele di NGaous.
III sec. d.C.

47

Jean-Pierre Laporte

48

M.H. Fantar, Formules propitiatoires sur des stles puniques et no-puniques:


Ritual and Sacrifice in the Ancient Near East. Colloque de Louvain (= Orientalia
Lovanensia Analecta, 55), Leuven 1991, pp. 125-133.
S. Lancel, Algrie: V. Krings (d.), Civilisation phnicienne et punique, LeidenNew York-Kln 1995 (spec. cap. 14: S. Lancel, Algrie, pp. 786-795).
A. Krandel-Ben Younes, La prsence punique en pays numide, Tunis 2002.
G. Sennequier C. Colonna, LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue
de lexposition, Rouen 16 mai - 17 oct.), Rouen 2003.
C. Lepelley,Tmoignages de Saint Augustin sur lampleur et les limites de lusage
de la langue punique dans lAfrique de son temps: C. Briand-Ponsart (d.),
Identits et culture dans lAlgrie antique, Rouen-Havre 2005, pp. 127-153.
A. Soltani, Redcouverte dun lot de monnaies appartenant au trsor de Bougie
(Algrie): C. Briand-Ponsart (d.), Identits et culture dans lAlgrie antique,
Rouen-Havre 2005, pp. 35-43.
J.-P. Laporte, Numides et Puniques en Algrie. Notes de lecture: A. Ferjaoui
(d.), Carthage et les autochtones de son empire du temps de Zama (Colloque
International, Siliana -Tunis du 10 au 13 mars 2004) = Hommage Mhamed
Hassine Fantar, Tunis 2010, pp. 379-393.

IL MARE E LA NAVIGAZIONE
Cartagine e il controllo dei mari
Piero Bartoloni

I porti fenicio-punici in Algeria


Mohamed Elkheir Orfali

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale


Ida Oggiano

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo


e nellAtlantico
Massimo Botto

I rapporti con il mondo etrusco-italico


Enrico Benelli

Piero Bartoloni

n ben noto brano della Bibbia, la profezia di Ezechiele, che prevede


la distruzione di Tiro, descrive con una allegoria la citt in veste di
nave ed elenca una serie di tipi di legname utilizzati per la sua costruzione
(27, 1-36). chiaro che dietro la convenzione poetica vi un solido nucleo
di verit, poich questi erano gli alberi che crescevano nellarea libanese
e le navi fenicie, almeno in parte, erano costruite con i legni descritti:
cipresso, cedro e quercia. Questi sono i tipi di legname pi duri, resistenti
e inattaccabili da insetti e parassiti, disponibili su larga scala nel bacino
orientale del Mediterraneo e costituivano le parti nobili dello scafo: la
chiglia e le ordinate. Nellelenco non sono compresi il pino e labete che
erano pi facilmente reperibili e venivano utilizzati per le parti periferiche
della nave: il fasciame.
I sistemi di navigazione erano differenti a seconda della distanza e del luogo
di destinazione: per le brevi distanze era utilizzata la navigazione di piccolo
cabotaggio, abbastanza pericolosa con la costa sottovento, che avveniva
tenendo costantemente in vista il litorale. Ma ci era teoricamente possibile
in condizioni di visibilit eccellente entro un arco inferiore alle 50 miglia,
quindi per raggiungere alcune isole o per tagliare il Mediterraneo da nord
a sud era necessario praticare la navigazione daltura. La paura dellalto
mare o del mare aperto rappresenta un timore maturato da gente di terra; al
contrario, infatti, per i marinai, soprattutto con la navigazione a vela, il mare
aperto era sinonimo di sicurezza e il vero pericolo mortale era costituito
dalla costa sottovento. Di norma, dunque, si preferiva la navigazione daltura
perch era pi distante dalla costa e pi sicura e aveva luogo orientandosi
con il sole e con le stelle o, in loro mancanza, per mezzo di altri indizi quali,
per es., lumidit e la temperatura del vento o la direzione delle correnti.

50

Contrariamente a quanto comunemente ritenuto, la stella-guida non era


lattuale Stella Polare, che forma lestremit della coda della costellazione
dellUrsa Minor e che alla fine del secondo millennio era ben distante dal
polo celeste a causa del movimento di rotazione dellasse terrestre, noto con
la denominazione di precessione degli equinozi. Lastro pi vicino al nord
astronomico era invece la stella Kochab, che rappresenta la zampa anteriore
sinistra della stessa costellazione dellUrsa e che era comunemente nota nel
mondo antico con il nome significativo di Stella Phoenicia.
Un aiuto fondamentale per lorientamento era offerto senza dubbio dalla
navigazione astronomica, anticamente assai meno empirica di quanto
si possa ritenere. Mentre di notte ci si orientava con le stelle, di giorno
laltezza del sole sullorizzonte forniva senza dubbio unidea della posizione.
Significativo al riguardo il racconto di Erodoto che ci descrive con evidente

Cartagine e il controllo dei mari

scetticismo la circumnavigazione che verso la fine del VII sec. a.C. i Fenici,
al soldo del faraone Necao, fecero attorno al continente africano.
Dice Erodoto: Neco re dEgitto (...) mand dei Fenici su navi ordinando
loro che al ritorno, passando attraverso le colonne dErcole, navigassero
fino al Mare Boreale e per questa via ritornassero in Egitto. I Fenici (...)
partiti dal Mar Rosso navigavano sul Mare Australe (...) ogni volta che
sopraggiungeva lautunno approdavano e seminavano la terra e aspettavano
l la mietitura (...) in modo che, trascorsi due anni, al terzo, doppiate le
Colonne dErcole, giunsero in Egitto. E raccontavano per me cose non
credibili, ma per qualche altro s, cio che circumnavigando la Libia avevano
il sole a destra (IV, 42, 2-4).
Un ulteriore sistema utilizzato durante la
navigazione daltura per reperire la direzione
della terra pi vicina e la sua distanza era quello
di imbarcare alcuni volatili, soprattutto della
specie dei passeracei, e di liberarli quando si
volevano avere informazioni utili sulla posizione
della nave e sulla sua distanza dalla costa.
Infatti, una peculiare caratteristica degli uccelli
di questa specie il volo corto, quindi, se la terra
era per loro troppo distante, dopo aver volato
sopra la nave, rientravano a bordo. Eco di questo
espediente anche nella narrazione biblica del
Diluvio Universale, mentre la testimonianza archeologica pi significativa
fornita dalle lucerne nuragiche a barchetta, che talvolta recano sulle loro
battagliole numerose figurazioni di volatili.
Ci si spesso chiesti quali rotte seguissero i Fenici nel loro percorso verso
Occidente e il perch di tali scelte. Potr sembrare strano, ma probabile che
i Fenici seguissero soprattutto le vie naturali del tonno. Certo, la ricerca dei
metalli preziosi costituiva il primo motore delle loro straordinarie imprese,
ma la imprescindibile necessit di cibo, sia nelle citt della madrepatria sia
durante la navigazione e in zone ostili o comunque deserte, deve averli spinti
a cercare anche nel mare il loro sostentamento. A questo proposito si ricordi
il gi citato periplo del continente africano, con le soste stagionali effettuate
per la mietitura.
Tornando alle vie del tonno, non esistono al momento prove dirette di questo
assunto, ma un insieme di indizi porta a credere nella sua ragionevolezza.
Dapprima gioca a favore la grande tradizione dellindustria conserviera del

51

1
Ricostruzione
di una
imbarcazione
cartaginese
di piccolo
cabotaggio.
III sec. a.C.

Piero Bartoloni

pescato che avevano i Fenici. Si pensi per es. al famoso garum gaditanum,
salsa nota nel mondo antico prodotta soprattutto a Cadice con pesce azzurro,
quindi anche con il tonno, e tanto importante nelleconomia della citt che
questo pesce era addirittura effigiato sulle sue monete. Inoltre, si pensi a citt
di fondazione fenicia, scomparse fin dallet romana, quali per es. Tunisa,
presso Ras Zebib, e Missua, presso Ras el-Ahmar, localit in cui fino agli
anni Sessanta del secolo scorso erano ancora attive le tonnare, ormai assai
distanti dagli abitati contemporanei di riferimento.
Come accennato, un altro non trascurabile indizio di una precoce presenza
di popolazioni orientali nelle terre dellOccidente mediterraneo costituito
dagli stabilimenti per la cattura del tonno: le tonnare. Infatti, stato gi
notato come questi impianti, ufficialmente in attivit tra il XVII e il XIX
sec. della nostra era, ma ormai quasi tutti abbandonati, in realt siano stati
realizzati nella prima et fenicia e nascondano sempre antichi insediamenti
appartenenti a questa civilt.
Non necessario insistere anche in questa sede sullimportanza economica
del tonno in ambiente fenicio e punico, ma possibile che gli impianti per la
pesca del tonno, al pari dei porti naturali, abbiano concorso a condizionare
la scelta dei luoghi per le fondazioni delle nuove citt fenicie. pi che
probabile che le tonnare siano entrate in esercizio in et precoloniale,
quindi agli inizi del primo millennio, e che abbiano rappresentato una base
alimentare di primaria importanza per lespansione commerciale verso
lOccidente. Non si dimentichi, inoltre, che il periodo di pesca del tonno
costituisce il cuore della stagione della navigazione commerciale, che
anticamente aveva luogo da marzo a ottobre.

52

Tutti gli antichi impianti di pesca del tonno sorgono in prossimit di


insediamenti precoloniali o nellarea urbana di quelle che successivamente
saranno le stesse citt fenicie, alle quali per lappunto hanno dato probabile
origine, oppure nelle immediate vicinanze di agglomerati urbani, al cui
sviluppo economico hanno fortemente contribuito, quali quelli di Sulky.
Su ventiquattro stabilimenti presenti in Sardegna, cinque sono nellarea
fenicia dellOristanese e ben undici gravitano nellarea fenicia sulcitana.
Non un caso, infatti, che, negli strati di et fenicia dellarea archeologica
di SantAntioco, sede dellantico abitato di Sulky, siano state rinvenute
quantit considerevoli di lische di esemplari immaturi di Thunnus thynnus (il
cosiddetto tonno rosso o tonno di corsa).
Tornando alla navigazione, occorre considerare che nel periodo primaverile
e ancor pi in quello estivo sono presenti foschie diffuse che limitano la

Le tecniche cantieristiche erano quelle ancora oggi in uso


nel Mediterraneo per la costruzione delle imbarcazioni
da pesca tradizionali in legno. La costruzione del natante
aveva luogo impiantando la chiglia e quindi le ordinate e
i bagli, che ne costituivano lossatura. Su questi veniva
appoggiato il ponte di coperta, mentre su quelle veniva
impostato il fasciame esterno. Allinterno, veniva
disposto un ulteriore fasciame. Tutte le parti lignee
erano strettamente legate tra di loro con mortase e
tenoni e con lunghi chiodi con sezione quadrangolare
soprattutto di bronzo e talvolta di ferro, che venivano
ribattuti. Allesterno, lo scafo era calafatato con stoppa,
ricoperto interamente con pece, creando in tal modo
la famosa immagine delle navi nere, citata anche
da Omero (Il., II, 524), e quindi rifasciato per tutta la
parte immersa con lastre di piombo. Dunque, lintera
struttura della nave poggiava tutta su tre componenti
longitudinali, ossia la chiglia e i trincarini, sulle quali
si imperniavano tutte le altre parti, quali le ordinate, il
fasciame e il ponte di coperta. Queste tre robuste travi,
che correvano rispettivamente alla radice della carena
e lungo i fianchi, si congiungevano allestrema prua e
confluivano nel rostro. Questo strumento di offesa era il
naturale prolungamento della chiglia, dunque di legno
duro, ed era assolutamente solidale e un tuttuno con
questa trave portante.

Cartagine e il controllo dei mari

visibilit. Pertanto, tutte le traversate che superavano le 30 miglia dalla


costa erano da considerare tragitti di alto mare. Nella rotta che dalle
coste siro-palestinesi giungeva fino al Mare di Alboran e oltre le Colonne
dErcole, tragitto principale percorso dalle popolazioni vicino-orientali
fin dallo scorcio del secondo millennio a.C., noto anche come Via delle
Isole, contrariamente a quanto si crede, numerose erano le tratte che
implicavano una navigazione daltura e del resto, come accennato, una rotta
cabotiera era da escludere perch troppo rischiosa. I segmenti del tragitto
che implicavano una navigazione astronomica erano quello dalla costa
siro-palestinese a Cipro, quello da Corf al Salento, quello dalla Sicilia
alla Sardegna e da questisola a Minorca, che era il tratto pi pericoloso,
e, infine, quello da Ibiza alla costa valenciana. Anche nel tragitto da sud a
nord vi furono itinerari che prevedevano la navigazione daltura quali per
es. quelli apparentemente brevi che collegavano la costa del Nord Africa
con la Sicilia e la Sardegna.

2
Ricostruzione
di nodo a
occhiello,
segmenti e
sezioni di
cime di varie
dimensioni in
uso sulle navi
fenicie.

53

Piero Bartoloni

Il pi antico tipo di rostro, originario del Vicino Oriente ed entrato in uso


anche nella marineria greca, era di forma conica allungata e, per aumentarne
la consistenza e la capacit di penetrazione, era appuntito e fasciato con
lamine di bronzo. Un altro tipo, entrato poi largamente in uso nella marineria
cartaginese e romana, secondo lantica tradizione letteraria era nato nei
cantieri etruschi. Questo rostro si presentava con una massa bronzea fornita
di tre cuspidi allineate verticalmente. Il rostro di tipo orientale, adottato in
genere fino al IV sec. a.C., penetrava facilmente nella carena avversaria,
ma era maggiormente soggetto a danneggiamenti, come vedremo in seguito
anche dalla sorte delle navi focee di Alalia; quello di origine etrusca invece,
utilizzato soprattutto nel Mediterraneo occidentale e, dallet ellenistica, in
tutto il bacino, doveva sfondare la carena senza penetrare allinterno, ma
poich una delle cuspidi era situata sotto la linea di galleggiamento, per lurto
apriva una falla difficilmente riparabile nel fasciame della nave avversaria.
Oltre al rostro, chiamato embolon in lingua greca, la prua era costituita da un
trave ligneo curvilineo, detto akrostolion, il quale sinnalzava dalla chiglia e
terminava con una decorazione, che nel caso delle navi fenicie era costituita
da una figura di divinit o da una testa di cavallo oppure da una semplice
girale. Parallelo al rostro e sotto lacrostolio aggettava a proravia un trave,
denominato proembolon, poich impediva al rostro, cio allembolon, di
penetrare troppo allinterno del fasciame della nave speronata, evitando
cos il rischio di danneggiamento e di compromettere anche lintegrit della
propria nave. La poppa invece era fortemente arcuata e convessa e terminava
anchessa con una voluta o con una struttura a ventaglio, detta aphlaston, che
ricordava una coda di pesce o di uccello. La forma alta e curvilinea serviva
per assorbire e distribuire nel modo pi empiricamente omogeneo le forze
contrarie derivanti dallurto del rostro.

54

Le navi erano considerate quasi alla stregua di esseri comunque dotati di


vita propria ed erano oggetto di attenzioni particolari. Ai lati della prua erano
disegnati o scolpiti in rilievo due grandi occhi apotropaici, che nellintenzione
avrebbero dovuto permettere alla nave di vedere la rotta e di accorgersi degli
eventuali pericoli. Alcune fonti antiche, tra le quali Valerio Massimo (IX,
2, 1), narrano come a Cartagine lo stesso varo di una nave da guerra fosse
accompagnato da particolari riti propiziatori che, almeno in qualche caso,
consistevano nel far scivolare a mare lo scafo sui corpi di alcuni prigionieri di
guerra in sostituzione delle falanghe, in modo che il sacrificio cruento lavasse
ed esonerasse preventivamente la nave da futuri contributi di sangue.
Per conoscere le navi e la navigazione che i Fenici e i Cartaginesi
intrapresero fin dalla fine del II millennio a.C., sar utile senza dubbio

Cartagine e il controllo dei mari

una breve rassegna dei diversi tipi di navi, sia onerarie sia da guerra, che
operarono nel Mediterraneo nella prima met del I millennio e che furono
in uso da parte delle diverse marinerie in tempi talvolta non coincidenti.
Occorre ricordare che, soprattutto per quel che riguarda i tipi pi antichi, le
fonti sono particolarmente avare e spesso controverse, n sono di maggiore
aiuto le poche raffigurazioni tramandateci per quanto concerne questo
specifico periodo, soprattutto a causa della loro genericit e imprecisione.
Dando inizio alla breve rassegna, si tratter delle navi da guerra. Visto che
lo scopo primario animatore dei fatti darme era quello di neutralizzare la
nave nemica mettendola in condizione di
non nuocere e, quindi, preferibilmente
di affondarla, il tipo pi elementare di
nave da battaglia era certamente quello
rappresentato da una imbarcazione
aperta, cio senza ponte di coperta, mossa
esclusivamente dalla forza dei rematori
e dunque senza lausilio della vela. Se
per le navi da carico era fondamentale
unampia carena, atta a contenere un
carico quanto pi cospicuo possibile, a
discapito della velocit e dellagilit, per
le navi da guerra era invece indispensabile
la rapidit di manovra, alla quale era
affidata sostanzialmente la loro salvezza. Quindi, limbarcazione destinata
al combattimento doveva essere non solo pi lunga che larga, come si
conveniva e ovviamente si conviene a ogni tipo di natante, ma la lunghezza
era esasperata appunto per ospitare il maggior numero possibile di rematori
e fendere lacqua come una freccia.
Dunque, se le navi onerarie in genere avevano un rapporto in cui la
lunghezza era di tre volte maggiore della larghezza, per quel che riguarda
invece le navi da guerra il rapporto si spostava sensibilmente e la lunghezza
diveniva maggiore di sei o sette volte rispetto alla larghezza. Quindi, ci
che caratterizzava i natanti destinati alla battaglia erano la lunghezza e
la relativa esilit, che, se le rendevano mal governabili con mare agitato,
le trasformavano in un dardo nella corsa e nello slancio e in un ariete
nellimpatto contro lavversario.
Infatti, come si vedr in seguito, sia per struttura che per forma il naviglio
da guerra era del tutto inadeguato ad affrontare le grandi traversate o il mare
agitato e infatti, come detto, la maggior parte dei fatti darme aveva luogo in
prossimit della costa.

55

3
Sezione
assonometrica
della parte
anteriore di una
nave da carico
cartaginese.
III sec. a.C.

Piero Bartoloni

56

Come accennato, fin dai primi secoli del I millennio le raffigurazioni di


navi, soprattutto da guerra, compaiono delineate principalmente su recipienti
fittili, ma in modo talmente sobrio ed essenziale tale da non permettere
di classificarle compiutamente. Tuttavia come appare logico, le navi in
questo particolare periodo sembrano essere tutte prive di ponte di coperta e,
comunque, dotate di una sola fila di rematori per ogni banda.
Le navi da guerra fenicie e puniche furono assai varie per tipo e per
dimensioni a seconda dellepoca del loro impiego e della loro funzione.
Innanzi tutto, occorre considerare che la finalit e lo scopo di una nave
da guerra erano quelli di mettere fuori combattimento limbarcazione
avversaria e per fare ci era necessario colpirla duramente e affondarla.
Dunque, come gi detto, sia la struttura sia la forma di una nave da guerra
erano completamente diverse da quelle delle navi da carico, i ben noti
gauloi. Il termine greco gaulos una evidente deformazione di quello che
probabilmente era lautentico nome che i Fenici attribuirono a questo tipo di
nave, poich deriva palesemente dalla radice semitica *GAL. Questa parola
era generalmente utilizzata in lingua fenicia per esprimere il concetto di
rotondit e, quindi, era applicata alle navi da carico che, per lappunto, erano
tonde. Queste navi, grazie alla loro forma, erano in grado di contenere
diverse centinaia di anfore, come suggerito dai relitti rinvenuti lungo la rotta
che dalla Fenicia giungeva allEgitto.
Naturalmente, la prosopopea degli antichi Greci, che era solita attribuire
al proprio ingegno quel che di buono era stato inventato da altri popoli
nel mondo antico, si aggiudic ben volentieri linvenzione di navi da
battaglia quali la pentecontera, la diera e la trireme, che, in realt, prima
di raggiungere i porti della Grecia nello scorcio dellVIII sec. a.C., erano
nate in precedenza nei cantieri vicino-orientali e avevano solcato in lungo e
in largo le acque siro-palestinesi. Quindi, numerosi furono i tipi di navi da
guerra utilizzati dalle citt fenicie nel corso della loro storia ed interessante
notare come le partigiane fonti greche e latine attribuiscano pur di mala
voglia alla marineria fenicia linvenzione di alcuni tipi di questi natanti.
Ovviamente, resta da stabilire a quale dei popoli rivieraschi del Mediterraneo
orientale siano da attribuire, visto che costoro erano sempre accomunati dal
nome di Phoinikes.
Come ricordato in precedenza, il tipo pi semplice e decisamente
cosmopolita di nave da guerra fu la pentecontera, utilizzata nella forma
canonica almeno fin dallVIII sec. a.C., ma di certo derivante da prototipi
pi antichi, di diversa lunghezza e con un numero di rematori variabile. La
pentecontera, nella sua forma e dimensione consolidate, era lunga circa 30
m e larga meno di 5, era fornita di un albero con pennone trasversale e vela

Cartagine e il controllo dei mari

ed era spinta, come suggerisce il suo nome, da 24 rematori per ogni lato.
Per giungere fino a 50, occorre aggiungere i due timonieri, che dirigevano
i remi di governo fissati alle guance della poppa. Un comandante situato a
poppa e un ufficiale inferiore, che trovava posto a prora, oltre ai rematori
dirigevano lequipaggio, composto da circa 30 uomini, addetto alla manovra
della vela e alla difesa della nave. Il proreuta, oltre al compito di vedetta,
assolveva anche alla funzione di suonatore di flauto, fondamentale per dare
la cadenza durante il remeggio. Una passerella con parapetti di vimini,
protetti talvolta da scudi, correva al centro della nave, appena soprelevata
rispetto ai due banchi dei rematori e permetteva le comunicazioni tra prora e
poppa. Lo spazio a bordo era veramente limitato poich ogni rematore aveva
a disposizione meno di un metro quadrato. In particolare, al raggio di azione
del remeggio era dedicato uno spazio che non superava gli 80/90 centimetri.
Il problema dello spazio a bordo delle pentecontere aumentava in relazione
alla durata del viaggio, in quanto, se si trattava di una lunga traversata, ci
implicava necessariamente luso della vela. Infatti, durante le battaglie,
lalbero, il pennone e la vela, con le relative manovre, non erano utilizzati
e, normalmente, prima dei fatti darme, venivano smontati e collocati
sulla passerella, se non addirittura, laddove era possibile, persino sbarcati.
Quindi, nei tragitti di lunga durata, sul ponte occorreva trovare posto anche
per lalberatura.
Lazione in battaglia era effettuata esclusivamente a remi e dunque le
navi prendevano posto nello schieramento generalmente con andatura
di conserva, lenta e cadenzata, probabilmente con un colpo di remo tra i
cinque e i dieci secondi. Invece, landatura di caccia, eseguita con strappi
abbastanza repentini e necessariamente rari, aveva luogo esclusivamente
durante la battaglia effettiva e soprattutto nei tentativi di speronamento.
Pertanto, in questo caso, la cadenza del remeggio aumentava sensibilmente.
Invece, nel corso della navigazione che implicava spostamenti di lunga
durata venivano issati lalbero con il pennone e veniva dispiegata la vela,
mentre, per non affaticare inutilmente lequipaggio, i remi, lunghi circa 4 m,
erano issati a bordo e sistemati sui banchi tra i rematori.
Lo scopo pi immediato della battaglia era quello di provocare
laffondamento dellavversario e di conseguenza esistevano diverse
tattiche atte a conseguire il risultato, nel mondo antico comunemente
attribuite alla marineria fenicia e punica. Tenendo conto che, in genere,
prima del combattimento le flotte avversarie si schieravano su due linee
contrapposte, una delle tattiche il cosiddetto periplus era quella di
penetrare nel varco tra due navi avversarie e, se lo spazio lo consentiva, di

57

Piero Bartoloni

virare fulmineamente a dritta o a sinistra e di colpire con il rostro il fianco


dellavversario. Invece, se lo schieramento avversario implicava le navi a
distanza pi ravvicinata tra di loro, appunto per impedire la manovra del
periplus, unaltra tattica il diecplus era quella di infilarsi nel varco tra i
natanti e, sfilando oltre la nave nemica, di virare di bordo e di colpirla nella
parte poppiera.
Come detto, sia le navi da guerra sia quelle mercantili erano fornite di
albero e di pennone orientabile, che sosteneva lunica vela, generalmente
pi larga che alta. Contrariamente alle comuni convinzioni, che
attribuiscono a queste navi unicamente la possibilit di essere spinte da
venti provenienti dai quadranti di poppa, la vela, opportunamente orientata
e parzialmente raccolta con laiuto delle manovre volanti, poteva consentire
landatura della nave non solo con il vento in poppa, ma anche con quello
proveniente dal traverso.
Il tragitto ordinario delle navi avveniva solo con lausilio della velatura,
mentre, durante i fatti darme, lalbero, il pennone e la vela venivano
ammainati e, come gi ricordato, in molti casi addirittura sbarcati, affinch
non costituissero un ostacolo nel combattimento. Cos, durante la battaglia il
moto della nave era garantito esclusivamente dai rematori, mentre la scelta
della direzione era assicurata dai due timoni, o meglio, dai due remi di
governo che erano assicurati ai giardinetti di dritta e di sinistra. La velocit
di queste navi durante landatura a vela era di circa 3 nodi, pari a circa 5
km allora, mentre, con lausilio aggiuntivo dei remi, poteva agevolmente
raggiungere i 6 nodi, pari a poco pi di 10 km allora.

58

attorno al 701 a.C. che comparve in Fenicia, raffigurata sui rilievi assiri
del palazzo di Sennacherib, la famosissima diera di Luli. Luli, re di Tiro
noto anche con il nome greco di Elulaios, assediato dal sovrano assiro, fugg
verso Kition, nellisola di Cipro, a bordo di un vascello da guerra. Si tratta
di un tipo di nave la cui concezione, rivoluzionaria per lepoca, permise
di aumentare il numero dei rematori, e quindi la velocit, senza ampliare
le dimensioni e soprattutto la lunghezza dello scafo. Il principio si basava
sulla disposizione alternata dei rematori su due differenti livelli, per cui un
rematore del livello superiore si veniva a trovare nellinterspazio tra i due
rematori della fila inferiore.
con gli inizi del VII sec. a.C. che apparentemente inizi a navigare quella
che, almeno fino allet ellenistica, fu la regina incontrastata del mare,
ancorch la critica storica abbia ampiamente dimostrato che lutilizzo diffuso
in linea della trireme probabilmente non sia anteriore alla seconda met del
VI sec. a.C. Era una nave la trireme o triera che, nelle sue dimensioni

Lequipaggio era composto da 170 rematori divisi su tre file per ogni lato,
ma, mentre le due file inferiori erano composte da 27 rematori ciascuna,
quella superiore, sfruttando la maggiore lunghezza dello scafo a quel livello,
ne allineava 31. Sulla sommit del fasciame era collocato il cosiddetto
posticcio; si trattava di una struttura pensile e aggettante esternamente dove
remavano i thranitai, cio i rematori della fila superiore; nelle altre due file,
intermedia e inferiore, remavano, rispettivamente gli zygitai (54 in totale) e i
thalamitai (54 in totale). Le cubie di remeggio di queste due file di rematori
si aprivano lungo la carena ed erano protette dalle onde con delle guaine di
cuoio. I remi superiori erano di lunghezza non inferiore ai 4,5 m, per
superare la distanza tra il posticcio e il pelo dellacqua, mentre
quelli inferiori erano appena pi corti. Oltre ai 170 uomini
ai remi, la trireme aveva un equipaggio di 30
uomini, con funzione di graduati, di fanti di
marina e di marinai addetti alla manovra. I
62 thranitai della fila superiore erano uomini
particolarmente robusti che ricevevano una
paga leggermente superiore in ragione della
maggior fatica che sopportavano. Come si sar
notato dal percepimento della paga, i rematori erano
sempre reclutati tra i liberi cittadini.
Lequipaggio al remo garantiva alla nave una velocit massima stimata
attorno ai 5 nodi (circa 9 km allora), che con laiuto della vela potevano
giungere fino a 6/7 (circa 11/13 km allora). La sola propulsione a vela non
permetteva di superare i 3 nodi (5,5 km allora), velocit di crociera di una
normale nave da carico.
Con questo tipo di nave furono combattute la battaglia di Salamina cos come
tutte le guerre sui mari condotte durante la Guerra del Peloponneso e nei
fatti darme connessi in cui furono coinvolte le satrapie persiane, sotto le cui
insegne militavano le marinerie delle citt fenicie. Del resto, occorre tenere
presente che, quando si menzionano le flotte persiane, in realt sarebbe pi

Cartagine e il controllo dei mari

canoniche, raggiungeva la lunghezza di circa 35 m e la larghezza di poco


superiore ai 5. Come suggerito dal nome, il natante era dotato di tre file
di rematori per banda, disposti in alternanza, con la prima e la terza fila
sovrapposte e con la fila intermedia sfalsata. Ci permise non solo di limitare
la lunghezza complessiva della nave, ma anche di contenerne sensibilmente
laltezza dello scafo fuori dallacqua, espediente assai importante al fine
di offrire minore impatto allazione del vento ed evitare almeno in parte lo
scarroccio, che, nelle lunghe percorrenze, poteva portare la nave fuori rotta.

4
Sezione
assonometrica
della parte
anteriore di
una pentera
cartaginese.
III sec. a.C.

59

Piero Bartoloni

corretto parlare di flotte fenicie, poich erano le citt della costa libanese a
fornire i contingenti navali agli eserciti del Re dei Re.
Passando ai tipi di nave in uso nella prima et ellenistica, lo stesso Aristotele
e Plinio il Vecchio (Nat. Hist., VII, 207) attribuiscono ai Cartaginesi
linvenzione della tetrera nel IV sec. a.C. Linvenzione era costituita dal
ritorno allutilizzo di una sola fila di remi per ogni lato, ma allapplicazione
di ben 4 rematori in linea, cio uno accanto allaltro, per ciascun remo. Ci
rendeva il remeggio abbastanza lento ma certamente pi costante e duraturo.
Ogni tetrera aveva 25 remi per lato e quindi un equipaggio di 200 rematori,
ai quali andavano aggiunti circa 30/40 marinai di coperta e fanti di marina.

5
Ricostruzione
di una pentera
cartaginese.
III sec. a.C.

60

Immediatamente prima delle Guerre Puniche vide la luce quella che era
considerata la regina dei mari dellet ellenistica: la pentera. Era una nave
da battaglia lunga circa 40 m e larga circa 6, armata con i consueti 25 remi,
ai quali venivano applicati 5 rematori per ciascuno. Gli scafi erano dotati di
un ponte di coperta praticabile per tutta la larghezza e avevano due castelli,
eretti rispettivamente a prua e a poppa. Su quello di prua trovavano posto
le catapulte o i mangani che lanciavano pietre o frecce infuocate sulle navi
avversarie. Davanti al castello di prua veniva eretta linsegna simbolica o
una statua della divinit sotto la cui specifica protezione era posta la nave. In
altri casi si trattava di riproduzioni di animali marini, quali per es. i delfini,
che potevano alludere probabilmente alla velocit stessa della nave, oppure
di una immagine apotropaica, quale una protome mostruosa di demone o di
animale feroce, destinata in questo caso a incutere timore nel nemico.
Come detto, gli equipaggi erano sempre e soltanto composti da cittadini al
soldo dellarmatore e non da schiavi, la cui eventuale ribellione avrebbe
gravemente compromesso la sicurezza e la vita stessa della nave. Anche
per questo motivo e per tacito accordo tra i contendenti, le battaglie navali
avevano luogo in prossimit delle coste e ci allo scopo di permettere agli
equipaggi delle navi affondate di raggiungere a nuoto la riva e, dunque, di
limitare le perdite umane.
Un egregio esempio sia della veridicit dei fatti riportata dalle antiche fonti
greche e romane, sia delle modalit delle antiche battaglie navali, costituito

Cartagine e il controllo dei mari

dal fatto darme tramandatoci da Erodoto (I, 166, 1-3), che ebbe luogo
attorno al 535 a.C. Si tratta di una battaglia combattuta da Cartaginesi ed
Etruschi contro gli abitanti della citt greca fondata in Corsica attorno al 565
a.C. La pirateria praticata da questi ultimi molestava i traffici commerciali
nel Tirreno di Cartagine e delle citt etrusche e quindi fu decisa di comune
accordo unazione contro la citt greca. Lannoso problema destato dalla
battaglia di Alalia, con numerosissimi corollari tra cui in quali acque ebbe
luogo o con quali modalit si svolse il fatto darme, ha provocato linteresse
di studiosi dei pi differenti campi disciplinari, appunto in relazione alle
diverse componenti che parteciparono alla battaglia stessa. Tra i non piccoli
problemi in campo, non ultimo quello riguardante la tipologia delle navi
che presero parte al combattimento.
In ogni caso, ritengo sia opportuno premettere che, sia per la cronologia
dello scontro sia per il naviglio da guerra in circolazione in quel periodo,
praticamente certo che le navi di tutti i contendenti appartenessero alla classe
delle pentecontere. Per quanto riguarda la flotta focea, infatti, non sembrano
sorgere problemi, poich lo stesso Erodoto ci informa della tipologia del
naviglio che la componeva. Per le flotte alleate etrusco-cartaginesi, invece,
lo storico non fornisce notizie pi ampie, ma praticamente certo che il
loro nerbo fosse costituito anchesso da pentecontere, anche se non si pu
escludere a priori che alla battaglia abbiano partecipato anche alcune triere.
Infatti, nel periodo del conflitto (come gi detto probabilmente il 535 a.C.),
le navi di questo tipo si avviavano a essere abbastanza diffuse ed entro i
decenni successivi sarebbero divenute la classe navale dominante di tutte le
flotte del Mediterraneo.
Per quel che concerne la collocazione geografica della battaglia, come
suggerito in precedenza, questa deve aver avuto luogo presso la costa per
vari motivi, tra i quali quello di consentire una via di salvezza agli equipaggi
delle navi colate a picco, composti esclusivamente da cittadini. Si aggiunga
inoltre che laffidabilit e la stabilit in mare aperto delle antiche navi da
guerra erano notoriamente assai limitate. Pertanto, visto che i promotori del
fatto darme furono senza dubbio gli alleati etrusco-cartaginesi, possibile
che questa si sia svolta nelle acque della Corsica, probabilmente non molto
lontano dalla stessa Alalia.
Si ricorder infatti che, secondo quanto racconta Erodoto, le navi focee
superstiti avevano subto gravi danni ai rostri e ci nonostante ebbero
la possibilit di raggiungere Alalia in breve tempo. Se si prescinde dal
messaggio contenuto nella notizia erodotea, che suggerisce implicitamente
come la principale arma delle navi fosse stata sottoposta a un eroico

61

Piero Bartoloni

superlavoro, in effetti questo tipo di avaria era assai grave, stante il fatto
che tutte le strutture portanti delle navi convergevano appunto nel rostro,
il quale, a sua volta, nullaltro era se non lestremit prodiera della chiglia,
asse portante dellintera imbarcazione. La composizione e il numero degli
equipaggi delle pentecontere focee partecipanti alla battaglia di Alalia hanno
costituito lo spunto per tentare una ricostruzione del numero degli abitanti
dellantica citt. Il presupposto di questo computo stato che ai remi fossero
applicati tutti uomini liberi e che tutti fossero dei capi-famiglia. Tuttavia, se
il primo assunto certamente corretto, per quanto riguarda il secondo, ci
avrebbe implicato un numero esorbitante di cittadini. Infatti, se ci si limita
al conteggio del personale imbarcato, 80 capi-famiglia (50 rematori pi 30
marinai combattenti) per 60 pentecontere avrebbe implicato la presenza
ad Alalia di 4.800 famiglie e quindi, considerando un numero minimo di
4 persone per ogni nucleo familiare, di circa 20.000 abitanti, cio di una
cifra improponibile per lepoca e per una citt fondata non pi di trentanni
prima del fatto darme. Oltre al resto, il trasporto via mare di una tale
quantit di persone, tra cui donne e bambini, utilizzando le pentecontere, che
notoriamente avevano poco spazio a bordo, avrebbe implicato luso di una
flotta di enormi proporzioni.
Dunque, possibile che i Focei di Alalia, quali rematori per le loro navi,
non abbiano impiegato esclusivamente dei capi-famiglia, come suggerito
da M. Gras (1985), ma pi membri per ciascun nucleo familiare, cos come
per il trasporto degli abitanti dopo la battaglia siano state utilizzate non le
pentecontere bens alcune olkades, navi onerarie simili al gauloi fenici,
certamente pi capienti e senza dubbio pi confortevoli per il trasporto delle
donne e dei bambini.

62

Queste alcune tra le vicende di Cartagine sul mare. La citt fenicia


sottomise e govern per almeno 300 anni il bacino centro-occidentale del
Mediterraneo, estese il suo dominio fino alle terre dellestremo Occidente,
affacciandosi anche sullOceano Atlantico, e si arrese soltanto a Roma,
quando ormai la sua civilt era matura e il suo arco storico vitale era
prossimo a compiersi.
Bibliografia
L. Basch, Phoenician Oared Ships: Mariners Mirror, 55, 2-3 (1969), pp. 139-162,
227-245.
G. F. Bass (a cura di), Navi e civilt. Archeologia marina, Milano 1974.
P. Xella, Unuccisione rituale punica: Saggi Fenici-I (= Collezione di Studi Fenici,
6), Roma 1975, pp. 23-27.
L. Casson, Navi e marinai dellantichit, Milano 1976.

Cartagine e il controllo dei mari

P. Bartoloni, Le figurazioni di carattere marino rappresentate sulle pi tarde stele


di Cartagine. I - Le navi: Rivista di Studi Fenici, 5 (1977), pp. 147-163.
P. Bartoloni, Le figurazioni di carattere marino rappresentate sulle pi tarde stele
di Cartagine. II - Le imbarcazioni minori: Rivista di Studi Fenici, 7 (1979), pp. 181191.
M. Gras, Trafics tyrrhniens archaques, Roma 1985.
L. Basch, Le muse imaginaire de la marine antique, Athnes 1987.
S. Moscati, Lancora dargento. Colonie e commerci fenici tra Oriente e Occidente,
Milano 1989.
L. Casson, Ancient Mariners: Seafarers & Sea Fighters of the Mediterranean,
Baltimore 1991.
F. Cordano, Antichi viaggi per mare. Peripli greci e fenici, Pordenone 1992.
L. Casson, Ships and Seamanship in the Ancient World, Baltimore 1995.
P. Bernardini P.G. Spanu R. Zucca (a cura di), MAXH. La battaglia del Mare
Sardonio. Studi e ricerche, Cagliari-Oristano 2000.
S. Medas, La marineria cartaginese. Le navi, gli uomini, la navigazione
(= Sardegna Archeologica. Scavi e Ricerche, 2), Sassari 2000.
R.D. Ballard L.E. Stager, Iron Age Shipwrecks in Deep Water off Ashkelon,
Israel: American Journal of Archaeology, 106 (2002), pp. 151-68.
P. Bartoloni, Archeologia fenicio-punica in Sardegna, Introduzione allo studio,
Cagliari 2009.
P. Bartoloni, I Fenici e i Cartaginesi in Sardegna, Sassari 2009.

63

IL MARE E LA NAVIGAZIONE
Cartagine e il controllo dei mari
Piero Bartoloni

I porti fenicio-punici in Algeria


Mohamed Elkheir Orfali

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale


Ida Oggiano

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo


e nellAtlantico
Massimo Botto

I rapporti con il mondo etrusco-italico


Enrico Benelli

I porti fenicio-punici in Algeria

ino alla fine del II millennio a.C., le popolazioni dellAfrica


settentrionale vissero probabilmente in societ sedentarie in talune
regioni e in societ nomadi in altre, secondo i sistemi di organizzazione
sociale ereditati dalle culture dellet della pietra nel corso delle lunghe
fasi della preistoria; sistemi che erano stati comunque arricchiti, nel tempo,
grazie ai molteplici contatti con la Penisola Iberica, lItalia, lEgitto e il Sud
sahariano. Tali popolazioni erano rimaste emarginate, rispetto al bacino
orientale del Mediterraneo, fino allarrivo in Occidente dei naviganti fenici,
decisi a stabilire rotte al fine di avviare relazioni commerciali con i popoli
della regione, in particolare con quello di Tarshish nel Sud della Spagna,
paese celebre per la ricchezza di rame, argento e stagno, metalli molto
ricercati nei paesi del Vicino Oriente.
Gli autori antichi segnalano la fondazione di un certo numero di empori, il
pi antico dei quali fu quello di Lixus, sulla costa dellAtlantico, chiamato
nelle leggende monetali Shemesh, insieme alla citt di Cadice, in Spagna,
fondata intorno al 1110 a.C., al di l delle Colonne di Ercole (Stretto di
Gibilterra). Stando alla testimonianza di Plinio il Vecchio, questo luogo fu
per gli antichi Greci oggetto di racconti tra i pi fantastici: L (a Lixus) si
trovava il palazzo di Anteo, dove ebbe luogo il suo scontro con Ercole; l si
trovava il giardino delle Esperidi () e il celebre bosco che produceva mele
doro (Nat. Hist., V, 3-4). Dieci anni pi tardi, fu fondata la citt di Utica,
nellodierna Tunisia.
La natura stessa di una navigazione basata su limitati percorsi diurni favor
la creazione di una serie di empori sul litorale nordafricano, a una distanza
luno dallaltro imposta dalla velocit di cabotaggio delle imbarcazioni, che
non superava i 45 km al giorno. La regione algerina, in virt del suo lungo
tratto costiero, costituiva una buona parte del tragitto da percorrere; la parte
pi importante passava dalle citt di Ippona (Annaba), Rusicade (Skikda),
Igilgili (Jijel), Saldae (Bejaa), Rusazus (Azeffoun), Rusuccuru (Dellys),
Rusguniae (Tamenfoust), Ikosim (Algeri), Tipasa, Iol (Cherchel), Portus
Magnus, Bettioua, e lisola di Rachgoun, ma la perla di questi empori, in
realt, rimase la citt di Cartagine, in Tunisia, la cui fondazione, nell814
a.C., ispir magnifici racconti.
La longevit e la prosperit di questi insediamenti furono largamente dovute
alle attivit commerciali impiantatevi: si scambiavano prodotti locali con
quelli trasportati dai commercianti fenici e poi cartaginesi, che esportavano
mercanzie dai diversi paesi del bacino orientale del Mediterraneo. Del resto,
sia i testi classici (Polibio, Strabone, il Periplo dello pseudo-Scilace, per
es.) sia lAntico Testamento menzionano e testimoniano queste relazioni

65

Mohamed Elkheir Orfali

66

commerciali. Il periodo anteriore allVIII sec. a.C. resta tuttavia abbastanza


oscuro, giacch le notizie ad esso relative sono scarse se non addirittura
assenti. In effetti, le vestigia archeologiche non hanno restituito alcuna
testimonianza oltre il limite dellVIII sec. a.C.
La scelta del sito
La valutazione era basata essenzialmente sulla necessit di trovare un riparo
per proteggere le navi dai mutamenti meteorologici e dalle burrasche;
inoltre i navigatori fenici cercarono di sfruttare al meglio i diversi contesti
geografici e naturali. Per queste ragioni si trovano diverse tipologie di porti,
che variano in rapporto alle caratteristiche fisiche del luogo: alcuni sono
su un capo, altri presso isolette o sulle rive dun fiume, altri ancora vicino
alla foce di un oued; certi siti, per contro, furono protetti in bacini artificiali
scavati nella pietra.
Porti sui capi
Questo tipo di porti pu essere identificato grazie alla toponimia punica, per
i nomi che cominciano con la sillaba rus che in punico significa capo o
punta: in Algeria si trovano molti siti identificati da nomi come Rusicade,
Rusazus, Rusuccuru, Rusguniae. Il porto si trova su un lato del capo, in
modo da essere protetto dal vento che soffia generalmente da ovest o da
nord-est: lesempio pi pertinente di questa categoria sembra essere il porto
di Rusuccuru, situato sul lato est del capo, pienamente riparato dal vento
dellovest. La scelta di un sito cos disposto ricorda il porto di Tiro, sulla
costa fenicia, citt allorigine della fondazione di parecchi empori africani e
daltri ancora. Non lontano da Algeri, il porto di Rusguniae (Tamenfoust) si
trova sul lato ovest di un capo, ed protetto da un molo: utilizzato ancora
oggi come porto peschereccio.
Porti protetti da isolette
Se la collocazione dello scalo si trova di fronte ad ammassi rocciosi
oppure a isolette costiere, queste ultime sono utilizzate per completare
la costruzione del porto; vengono infatti sfruttate per moli, frangiflutti
e banchine. Il nome punico di questa categoria di porti connesso
allesistenza di tali isolotti, e la prima sillaba dei nomi di molti empori
comincia con una i, che in punico significa isoletta costiera, come Iol
(Cherchel), Ikosim (Algeri) e Igilgili (Jijel).
Il porto di Iol fu costruito in questo modo tra la costa e unisoletta costiera
chiamata Joinville, e le vestigia del suo molo si trovano ancora oggi nel
mare. Per quanto riguarda invece Ikosim (Algeri), sappiamo che il suo

Il porto di Tipasa situato sul lato est della necropoli punica orientale, non
lontano dai resti della basilica di Sainte-Salsa. Lentrata del porto antico
era protetta da due isolotti, che si trovavano di fronte; la costruzione dei
moli, dei frangiflutti e delle banchine tra le due isolette e le rive permette di
supporre che il porto avesse due entrate, una a est, laltra a ovest. Le tracce
del sistema costruttivo sono ancora visibili sotto la superficie del mare.

I porti fenicio-punici in Algeria

porto era protetto da una linea di quattro isolette, che oggi costituisce
lAmmiragliato di Algeri, mentre il sito del porto ancora utilizzato come
porto per la pesca. Anche Igilgili (Jijel) sembra avere avuto in origine il suo
porto, protetto da una serie di isolotti che formavano un arco di cerchio.

Porti fluviali
Il sito di uno scalo era considerato ideale quando era situato sulle sponde
di un fiume e vicino a una foce abbastanza profonda per permettere la
navigazione delle imbarcazioni. Questo tipo di porto non richiedeva una
grande protezione e aveva bisogno solo di banchine sulla riva: se ne trovano
esempi a Lixus, il kouass sulla costa dellAtlantico in Marocco, e a Leptis
Magna in Libia.
Il migliore esempio in Algeria rimane quello che permette laccesso a Siga,
la capitale del regno numidico dellovest (dei Massesili) allepoca di Siface.
La citt fu costruita sulla riva occidentale delloued Tafna, a 2 km dalla
costa. Le tracce e i resti delle banchine sono stati rinvenuti sulla riva nel
corso di una recente risistemazione del territorio della zona; la delimitazione
del porto antico prova con chiarezza che le navi potevano entrare nellalveo
del fiume fino a raggiungere la base del bastione della citt, a una distanza
di 4 km dal mare. Sembra inoltre che il livello del fiume, che allo stesso
livello del mare per parecchi chilometri, abbia facilitato la navigazione
fluviale delle imbarcazioni. Questo porto, del resto, rimase attivo anche
durante i periodi di dominazione musulmana, conosciuto con il nome di
Archgoul. El-Bekri, vissuto nellXI sec., racconta che Il fiume Tafna, sul
quale situato Archgoul, viene da mezzogiorno e aggira la parte orientale
della citt; accoglie piccole imbarcazioni che lo risalgono dal mare fino
alla citt, per lo spazio di due miglia (El-Bekri 1918, p. 157). Lo storico
menziona poi la citt di Siga, che fungeva come porto di Tlemcen.
Porti artificiali
La categoria dei porti scavati direttamente nella roccia fu una delle grandi
peculiarit dei naviganti fenici e numerose installazioni portuali puniche
furono conosciute sotto il nome di cothon. In realt, non si trovano esempi di
questo tipo in Algeria, ma se ne trovano altrove, in altre grandi citt: i porti

67

Mohamed Elkheir Orfali

di Cartagine ne rappresentano la migliore esemplificazione, con le due parti,


commerciale e militare. Si trovano esempi anche a Hadrumetum e a Mahdia,
in Tunisia, e nellisola di Mozia, nella Sicilia occidentale, in Italia.
Come si vede, anche grazie ai loro porti che gli insediamenti fenici e
poi quelli punici riuscirono a prosperare durante tutto il I millennio a.C.,
lungo litinerario marittimo destinato al commercio tra le due sponde del
Mediterraneo. La maggior parte di queste installazioni, dapprima puramente
navali, si svilupp poi in citt come Cherchel, Skikda, Bejaa, Annaba,
Jijel e Algeri: molte di esse, infine, non hanno smesso di svilupparsi e
dingrandirsi fino ad oggi. La citt di Algeri rappresenta, a questo riguardo,
il migliore esempio.
Bibliografia
El-Bekri, Bakr, Ab Ubayd Abd Allh ibn Abd al-Aziz. Description de
lAfrique septentrionale (tr. M.G. De Slane), Alger 1918.
J.I.S. Whitaker, Motya, Phoenician Colony in Sicily, London 1921.
P. Cintas, Fouilles puniques Tipasa: Revue Africaine, 92 (1949), pp. 261-330.
T.H. Carter, Western Phoenicians at Lepcis Magna: American Journal of
Archaeology, 69 (1965), pp. 123-132.
M. Ponsich, Kouass, port antique et carrefour des voies de la Tingitane: Bulletin
dArchologie Marocaine, 7 (1967), pp. 369-406.
M. Bouchenaki, propos du port antique de Tipasa: Revue dhistoire et civilisation
du Maghreb, 8 (1968), pp. 34-35.
G. Vuillemot, Siga et son port fluvial: Antiquits Africaines, 5 (1971), pp. 39-86.

68

IL MARE E LA NAVIGAZIONE
Cartagine e il controllo dei mari
Piero Bartoloni

I porti fenicio-punici in Algeria


Mohamed Elkheir Orfali

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale


Ida Oggiano

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo


e nellAtlantico
Massimo Botto

I rapporti con il mondo etrusco-italico


Enrico Benelli

Ida Oggiano

abitudine a connotare in modo definitivo e rigido un ethnos con


caratteri tipici ha fatto s che i Fenici siano stati a lungo considerati
come un popolo dalla spiccata e quasi esclusiva vocazione commerciale.
Le attivit svolte dalle popolazioni costiere del I millennio a.C. furono in
realt molte e differenziate: dallo sfruttamento del retroterra montano e
delle sue risorse boschive, alle attivit artigianali legate alla produzione di
beni di lusso, alla lavorazione del legno (cantieristica navale in funzione
commerciale e bellica). Fondamentale fu, inoltre, il ruolo strategico che, a
livello politico, i centri urbani costieri svolsero come interfaccia tra larea
mediterranea e larea interna vicino-orientale nella quale si trovavano le
grandi potenze mesopotamiche. Tutti questi aspetti, tuttavia, rimasero sullo
sfondo, adombrati dallimmagine vivace e tipizzata (peraltro fondata su reali
elementi) dei Fenici quali impareggiabili marinai e scaltri commercianti.
Per ricostruire le origini delle strutture commerciali fenicie, si deve risalire
a quel momento cruciale della storia del Mediterraneo orientale che fu il
passaggio tra il II e il I millennio a.C. Una profonda crisi interess allora
le strutture politiche, economiche e sociali del mondo levantino e miceneo,
che ruotavano intorno ai grandi palazzi. Una delle conseguenze tangibili di
tale crisi la distruzione di molti centri urbani, tra i quali Micene e Ugarit.
I vivaci cambiamenti che seguirono, che la visione semplificata delle fonti
bibliche ed egiziane riunisce in un unico e pregnante episodio costituito dalla
cosiddetta invasione dei Popoli del Mare, furono notevoli. Le popolazioni
costiere sopravvissute alle distruzioni vissero un momento di crescita
economica dovuto allallargamento dei propri orizzonti commerciali, grazie
anche alla fine del dominio egiziano sulla regione. Motore della ripresa
economica fu lemergere di ceti mercantili autonomi che operavano nei
centri urbani costieri nuovi e rinnovati (le citt filistee e fenicie) e a Cipro.

70

Lisola, lontana dai teatri di rovina e devastazione egei e orientali e centro


di importanti attivit economiche, fu uno dei motori della ripresa grazie
alla sua economia agile e poco centralizzata che condusse i suoi mercanti a
ripercorrere le antiche rotte verso il Mediterraneo occidentale, in particolare
la Sardegna.
Uno spaccato delleconomia di queste fasi viene fornito dal racconto di
Unamon, risalente alla prima met dellXI sec. a.C. Il funzionario egiziano,
in viaggio daffari lungo la costa levantina, tocca quelli che sono i centri
nevralgici delle attivit economiche del periodo: le citt costiere palestinesi
e fenicie e Cipro, in questo periodo elemento cardine del milieu economico
e culturale compreso tra lisola e la costa siro-palestinese. Un momento
importante del racconto egiziano il passo che parla della visita di Unamon

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale

71

a Biblo, dal quale emerge che le attivit economiche della citt erano
amministrate da almeno due settori imprenditoriali: uno palatino, allinterno
del quale il re di Biblo aveva il ruolo di capo di una azienda palatina che
controllava il territorio e le sue risorse; un altro privato, rappresentato da
ditteche svolgevano attivit regolari lungo la rotta che legava la costa
orientale del Mediterraneo allEgitto. Levidente vivacit dei traffici nel

1
Carta della
antica Fenicia.

Ida Oggiano

tratto di mare compreso tra Cipro, la costa siro-palestinese e lEgitto


trova conferma archeologica nella presenza, allinterno dei corredi della
necropoli del centro cipriota di Palaepaphos, di abbondante ceramica fenicia
dellXI-X sec. a.C.
Cipro ancora una volta pu considerarsi protagonista di incontri e
scambi tanto di prodotti come di informazioni. Infatti, proprio durante
la frequentazione dellisola del rame, i Fenici dovettero sentir parlare
dellesistenza in Occidente di terre ricche di metalli, tra le quali la terra dei
Sardi e quella, pi lontana, dei Tartessii, i cui prodotti erano giunti fino a
Cipro (bronzi atlantici datati al X sec. a.C. sono stati ritrovati ad Amatunte,
giunti per il tramite dei commerci con la Sardegna).
Nellarticolato mondo di contatti e scambi dellarea levantina, il momento
del passaggio al X sec. a.C. caratterizzato dal formarsi di un proficuo
rapporto economico e culturale con il mondo greco. Ne prova evidente il
ritrovamento di bronzi ciprioti e gioielli fenici allinterno del corredo della
tomba reale di Lefkandi, in Eubea, e di ceramica euboica a Tiro, mentre nel
centro eteo-cipriota di Amatunte lelemento greco e quello fenicio paiono
convivere fianco a fianco. Si pongono in questo momento le basi per quei
contatti che, secoli dopo, portarono Eubei e Phoinikes a frequentare insieme
la regione centro-mediterranea.
Il IX sec. a.C. rappresenta per larea compresa tra Siria, Fenicia e Palestina
il momento di affermazione e consolidamento di un sistema politico ed
economico nuovo e del passaggio a una nuova fase culturale. La citt di
Tiro svolse un ruolo di primo piano, divenendo la pi importante potenza
economica e politica della costa.

72

Fu proprio il ruolo prestigioso svolto dalla capitale fenicia nei settori


artigianale e commerciale che rese la citt e il suo re Hiram partner ideali
del re Salomone, al momento in cui furono redatti quei passi della Bibbia
che volevano esaltare le virt del sovrano gerosolimitano (I Re, 5, 11; 9,
26-28; ma anche Giuseppe Flavio, Ant. Iud., VIII, 141). Il re fenicio avrebbe
fornito, secondo tali notizie la cui portata storica oggi ridimensionata
maestranze specializzate per la costruzione del grande tempio e del palazzo
reale di Gerusalemme; insieme a Salomone avrebbe inoltre organizzato
importanti spedizioni commerciali nel Mar Rosso, da dove venivano
riportati, al termine di una navigazione della durata di due anni, materie
esotiche e pregiate quali oro, argento, legno di sandalo, pietre preziose,
nonch scimmie e pavoni.

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale

Se la notizia biblica va valutata con cautela, elementi


di cultura materiale indicano che Tiro in questo
periodo aveva allargato i propri interessi commerciali
verso la Cilicia e verso larea settentrionale siriana,
dove sarebbe stata fondata la colonia di Botrys, nel
Libano settentrionale. Rafforzata politicamente ed
economicamente, Tiro fu certo partecipe, nel IX sec. a.C.,
di un sistema di intense relazioni che misero in stretto
contatto le capitali dei regni levantini, da Damasco a
Hama a Samaria, che, consolidate da matrimoni dinastici
(come quello di Gezabele, figlia del tirio Ittobaal con
Acab, figlio del re di Samaria Omri), portarono alla
creazione di un panorama politico e culturale condiviso.
Uno degli aspetti di tale condivisione fu lomologazione
delle forme esteriori della celebrazione del potere regale
e, quindi, di un cerimoniale palatino, allinterno del quale
erano utilizzati un insieme di oggetti e un sistema di
simboli ampiamente codificato.
I prodotti di lusso usati in tali contesti furono allora realizzati in botteghe
altamente specializzate nella lavorazione dellavorio e di recipienti di oro,
argento e bronzo, e nella produzione di gioielli e vesti di lino e lana, e
vennero commercializzati allinterno di un circuito che vide, a partire dalla
fine del IX sec. a.C., nellAssiria il principale acquirente.
Il confronto politico ed economico con lAssiria condizion peraltro lintero
sistema delle attivit commerciali delle citt fenicie. Il ruolo dei mercanti
divenne allora importantissimo, sia allinterno sia allesterno dei palazzi, ed
essi divennero il motore delle imprese commerciali che si rivolsero tanto
verso i mercati orientali (dallEgeo a Cipro, dallEgitto alla Siria e alla
Palestina) quanto verso il Mediterraneo occidentale.
Per quanto riguarda la rete commerciale orientale, noto il celebre passo
di Ezechiele (XXVII, 3-25) che, relativamente alla prima parte dellVIII
sec. a.C., illustra lorizzonte dei commerci di Tiro, vera e propria regina
di un potente impero economico. Il panorama delle regioni interessate
imponente: si va dallArmenia allArabia meridionale, dallEgeo alla
Mesopotamia, dalle aree pi vicine (Siria, Palestina, Egitto) al Caucaso.
Anche i prodotti sono i pi vari: da quelli agricoli a quelli dellallevamento,
da quelli artigianali agli schiavi, dalle merci esotiche ai metalli. Oro, argento
e ferro dovettero essere le merci maggiormente richieste dallimpero

73

2
Palmetta
davorio
ricoperta in
lamina doro
da Malta.
VII sec. a.C.

Ida Oggiano

assiro per soddisfare le esigenze dellesercito, dellapparato burocratico


statale, ma anche per gli sfarzosi cerimoniali di corte. Proprio la ricerca dei
pregiati metalli port i Fenici a riprendere e/o consolidare antichi contatti
con popolazioni che abitavano in aree ricche di risorse minerarie, per es.
la Sardegna, e a spingersi verso nuove regioni, come quella tartessica nel
sud-ovest della Penisola Iberica. Si andavano cos ponendo le basi di quella
diaspora mediterranea che port alla fondazione di centri lungo le coste
dellintero bacino mediterraneo.

Una prima fase esplorativa port le navi fenicie gi nella parte finale del IX
sec. a.C. nellarea egea, a Cipro, a Rodi, a Creta (a Kommos si trova forse
una sorta di emporio legato a un luogo di culto con elementi di chiara origine
fenicia), in Sardegna (dove residenti fenici sono attestati a SantImbenia,
un villaggio nuragico nei pressi di ricche aree metallifere), nella Penisola
Iberica (dove mercanti tirii entrarono in contatto con le locali aristocrazie
dellarea mineraria di Huelva) e in Nord Africa, dove fondarono Cartagine.

74

3
Anfore
commerciali
fenicie da
Beirut.
VII sec. a.C.

La frequentazione commerciale fenicia nel Mediterraneo occidentale,


iniziata nel IX sec. a.C., raggiunse la maggiore intensit nel corso dellVIIIVII sec. a.C., quando una serie di mutamenti politici nellarea vicinoorientale spinse le potenti citt fenicie a rinnovare la propria organizzazione
commerciale in funzione di nuovi obiettivi. La perdita definitiva di alcuni
dei settori fondamentali dellattivit mercantile, ad esempio larea anatolica
ed egea, le forti limitazioni della mobilit in molti settori del Vicino Oriente,
laumento della pressione demografica che non si seppe confrontare con un
adeguamento della produzione di risorse primarie di sostentamento, sono
tra le possibili motivazioni del sempre maggiore interesse che i mercanti
fenici mostrarono per lOccidente mediterraneo. La ricerca di materie prime,

Lacquisizione di materie prime in terre lontane dal luogo di smercio delle


stesse fu infatti una delle ragioni che portarono alla creazione di insediamenti
stabili lontano dalla madrepatria. I ricchi mercanti orientali, dei veri e propri
principi, attuarono allora autentiche strategie di controllo sui mercati e sui
circuiti di scambio, in stretta relazione con le popolazioni locali coinvolte
direttamente nei processi di produzione.
La ricostruzione dei meccanismi alla base del commercio fenicio possibile
grazie allesame delle fonti archeologiche e di quelle letterarie. Labilit dei
mercanti levantini si lega alla loro innovativa capacit di porre in relazione
circuiti commerciali diversificati, lontani e altrimenti privi di collegamenti
diretti tra loro. In tale rete di contatti un ruolo particolare ebbe la capacit
che essi dimostrarono nel commerciare prodotti finiti di grande pregio
(oggetti in oro, argento e avorio realizzati con limpiego di sofisticate
tecnologie), di importare mercanzie esotiche e rare molto richieste nei
mercati normalmente sprovvisti e scambiate lucrando sul differente valore
che nei diversi contesti era ad esse attribuito (si ricorda come, secondo
Diodoro Siculo, V, 35, 1-5, i Fenici pagassero per largento spagnolo solo
qualche piccolo cambio di altre mercanzie) e infine di trafficare schiavi,
armi, stoffe e derrate alimentari.
Parte integrante della strategia di gestione delle dinamiche commerciali fu
ledificazione di templi nei luoghi nevralgici toccati durante la navigazione.
Essi furono al contempo luoghi di culto, di rifugio, di mercato, posti sotto la
protezione degli di fenici grazie alloperato di agenti religiosi che fungevano
da garanti delle transazioni in terre spesso molto lontane dai porti di partenza.
Quanto ampio fosse daltra parte il circuito entro cui si mossero le navi
fenicie lo dimostra la ricostruzione delle rotte navali. Una prima, detta
settentrionale o delle isole, partiva da Tiro per poi dirigersi verso Cipro e
quindi, attraverso la costa anatolica, verso Rodi, le Cicladi e lEubea, fino a
raggiungere Creta. Dallisola si raggiungevano larea tirrenica attraverso un
itinerario che toccava Peloponneso, Italia meridionale e Stretto di Messina
oppure puntando direttamente verso la Sicilia attraverso larcipelago maltese.
Litinerario meridionale, invece, conduceva direttamente allarcipelago
maltese e da qui alla Sicilia (Mozia) per poi raggiungere Gadir, la

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale

in specie metalli, che aveva gi portato i Fenici in Anatolia, nella Penisola


Arabica, ai limiti settentrionali dellEgeo, ora li spingeva verso le lontane
contrade occidentali e costitu il motore principale, anche se certo non
esclusivo, del movimento coloniale fenicio.

75

Ida Oggiano

principale colonia fenicia di Spagna, seguendo due possibili rotte: una


passava per Cartagine e le coste dellAfrica settentrionale, laltra toccava
la parte meridionale della Sardegna e quindi, risalendo la costa occidentale
dellisola, si staccava allaltezza di SantImbenia per raggiungere le Baleari
e quindi la Spagna.
Oltre alle rotte che collegavano le sponde orientali con quelle occidentali
del Mediterraneo, esisteva una serie di circuiti commerciali regionali
di raggio pi limitato. Uno per es., allinterno del Mediterraneo centrooccidentale, collegava Cartagine, Mozia e Pithekoussai (da cui i prodotti
raggiungevano i centri indigeni, tra i quali si ricorda Pontecagnano), il
Latium Vetus e lEtruria. Un altro circuito aveva nella Sardegna il punto
di snodo di contatti tra Cartagine, Mozia e le popolazioni medio-tirreniche
della Penisola Italiana. Allinterno di questo circuito, un ruolo importante
ebbe la commercializzazione del vino sardo, che raggiunse le aristocrazie
dei villaggi agricoli della bassa valle tiberina insieme a preziosi servizi da
banchetto e ad altri beni di lusso importati dallOriente. Le colonie sarde
furono anche particolarmente attive nei rapporti con lEtruria meridionale,
dove a Cerveteri attestata la presenza di una ristretta comunit di mercanti
e artigiani che, al loro seguito, si trasferirono nel centro etrusco per lavorare
avori, gioielli e metalli.
Larticolato sistema commerciale che metteva in contatto, in modo diretto
o indiretto, lOriente e lOccidente si interruppe intorno al VII sec. a.C.,
quando la politica assira pose fine allautonomia economica dei centri
costieri e si esaur la spinta alla creazione di nuovi insediamenti coloniali e
con essa limportazione di oggetti e suggestioni orientali nel Mediterraneo
centro-occidentale.

76

Il distacco dal mondo orientale e laffermarsi di Cartagine come potenza


egemone del mondo coloniale dOccidente, con lestensione del proprio
controllo politico e amministrativo in Nord Africa, in Sicilia e in Sardegna,
portarono a significativi cambiamenti delle forme del commercio. Si and
formando per es. un tessuto di brevi itinerari, gestiti per lo pi dalle forze
imprenditoriali delle singole regioni e citt interessate: Mozia trov nel
mondo greco di Sicilia i principali interlocutori, Malta commerci col mondo
siceliota e con lEgeo, Cartagine con lEgitto e con Atene, la Sardegna con
Cartagine e la Sicilia, dove venivano esportati cereali prodotti nellisola.
La storia dei rapporti tra Oriente e Occidente non era tuttavia finita.
Laffermarsi del dominio persiano sulla Fenicia determin una ripresa
economica sorprendente, di cui sono testimonianaza i resti archeologici dei

La presenza di mercanti fenici in diverse aree della satrapia ben


testimoniata dalle fonti letterarie (nella Bibbia, Neh., 13:16, si parla dei
mercanti che dovevano risiedere a Gerusalemme, mentre il commercio di
vino fenicio in Egitto noto sia dalle iscrizioni su giara di Elefantina sia
dalla notizia di Erodoto III, 6). Si colloca in queste fasi anche la grande
vera innovazione nelleconomia della regione costiera: lintroduzione del
sistema monetale, anche se limitatamente al commercio col mondo greco e al
pagamento delle truppe ellenistiche arruolate nellesercito persiano.
Le antiche fondazioni fenicie, ormai parte integrante di un mondo dagli
sviluppi culturali autonomi rispetto alla madrepatria orientale, si trovano
di nuovo a far parte di meccanismi di scambio economico e culturale che
comprendono un Oriente mutato e rinnovato. Leffetto della ripresa dei
contatti dellOriente con larea mediterranea occidentale ebbe notevoli
conseguenze, i cui riflessi saranno poi avvertibili nei successivi sviluppi del
Mediterraneo di et ellenistica.

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale

maggiori centri urbani, in particolare Sidone, che parlano della vivacit dei
commerci a breve e lungo raggio con Cipro e con lEgeo e con i siti costieri
e interni della regione siro-palestinese.

Bibliografia
M.E. Aubet, El commercio fenicio en Occidente: balance y perpectivas: I Fenici.
Ieri Oggi Domani, Roma 1995, pp. 227-243.
S.F. Bond, Le commerce, les changes, lconomie: V. Krings (d.), La civilisation
phnicienne et punique, Leiden New York Kln 1995, pp. 268-278.
S.F. Bond, Aspetti delle relazioni tra la Fenicia e le colonie dOccidente in et
persiana: Transeuphratne, 12 (1996), pp. 73-83.
M. Botto, La rete dei contatti e degli scambi (mondo fenicio): Treccani 2000. Il
mondo dellarcheologia, II, Roma 2002, pp. 598-603.
M.E. Aubet, El mercader: J.A. Zamora (ed.), El hombre fenicio. Estudios y
materiales, Roma 2003, pp. 173-183.
M.E. Aubet, Les Phniciens dans le bassin mditerranen: La Mditerrane des
Phniciens, de Tyr Carthage, Paris 2007, pp. 39-47.
M.E. Aubet, Tiro y las colonias fenicias de Occidente, Barcelona 20093.
S.F. Bond, I commerci: S.F. Bond M. Botto G. Garbati I. Oggiano, Fenici e
Cartaginesi. Una civilt mediterranea, Roma 2009, pp. 429-438.

77

IL MARE E LA NAVIGAZIONE
Cartagine e il controllo dei mari
Piero Bartoloni

I porti fenicio-punici in Algeria


Mohamed Elkheir Orfali

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale


Ida Oggiano

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo


e nellAtlantico
Massimo Botto

I rapporti con il mondo etrusco-italico


Enrico Benelli

In progresso di tempo, in tale flusso di relazioni un ruolo sempre pi decisivo


venne svolto dalle citt-stato fenicie e in particolare da Tiro. Motore di
queste iniziative ad ampio respiro fu la monarchia cittadina, che nel volgere
di pochi decenni realizz una complessa rete di scali in grado di gestire un
commercio a lunga distanza fra le coste levantine e i pi appetibili distretti
minerari dellantichit, fra cui spiccano per importanza quelli collocati
nellAndalusia atlantica (Riotinto, Aznalcllar), lungo le coste mediotirreniche della Penisola Italiana (Tolfa, Colline Metallifere) e in Sardegna.
Proprio questisola, per la sua posizione strategica al centro del
Mediterraneo occidentale, rivest un ruolo fondamentale per i commerci
fenici. Dal Golfo di Cagliari, infatti, hanno origine due itinerari rivolti verso
occidente solcati dalle imbarcazioni orientali, i cui equipaggi, di natura
mista, dovevano con tutta probabilit avvalersi delle competenze acquisite
nel tempo da marinai locali.
Il primo itinerario si sviluppa lungo il settore costiero orientale dellisola
per poi piegare verso est in direzione del Lazio settentrionale, oppure
risalire lungo le coste orientali della Corsica, per andare a saldarsi con il
secondo itinerario. Questultimo era utilizzato dalle marinerie sarde e fenicie
per raggiungere, da un lato, la Spagna direttamente dalle Baleari, dallaltro,
la Penisola Italiana. Il primo tratto del percorso risulta comune e riguarda le
coste sud-occidentali e occidentali della Sardegna. Le indagini archeologiche
hanno evidenziato limportanza degli scali nel Golfo di Oristano, attivi sin
dalle fasi iniziali del Bronzo Finale, mentre con gli inizi I millennio a.C.,
nel settore nord-occidentale della Sardegna, la Nurra assume unimportanza
sempre pi rilevante, grazie alla sua posizione strategica di collegamento dei

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

ulla base delle pi recenti ricerche possibile affermare che i


contatti fra Mediterraneo orientale e occidentale non si interruppero
allindomani del crollo della potenza micenea, ma continuarono grazie
alliniziativa di imprenditori indipendenti, non direttamente inglobati
nel rigido sistema palatino, che avevano in Cipro il loro principale
centro di aggregazione. Rispetto al passato per i nuovi protagonisti
risultano pi difficilmente etichettabili da un punto di vista sia sociale
sia etnico. Si tratta, molto verosimilmente, di un movimento composito
e multietnico, la cui complessa e sfaccettata natura si riflette anche nel
tipo di prodotti che raggiungono lOccidente e che sfuggono spesso a un
preciso inquadramento. Tuttavia, proprio per lintraprendenza di questi
mercanti i contatti fra Oriente e Occidente mediterraneo non si allentarono
e fra gli studiosi moderni vi chi sostiene che ad essi si deve larrivo nel
Mediterraneo centro-occidentale dei numerosi manufatti di provenienza
orientale, definiti precoloniali.

79

Massimo Botto

flussi commerciali fra la Spagna e le coste medio-tirreniche della Penisola


Italiana. Gli scavi condotti nel villaggio nuragico di SantImbenia, nella
baia di Porto Conte, hanno evidenziato la precoce presenza di elementi
fenici attratti dalle risorse del ricco entroterra e dal dinamismo economicocommerciale delle genti locali, in grado di stringere intensi e proficui
contatti sia con le comunit del distretto tolfetano sia con quelle dellEtruria
settentrionale. La rotta in direzione dellItalia doveva necessariamente
affrontare il difficile attraversamento delle Bocche di Bonifacio, oltre le
quali si poteva ridiscendere lungo le coste nord-orientali dellisola e puntare
verso est in direzione del litorale laziale, oppure risalire lungo le coste
orientali della Corsica e, quindi, sfruttare gli approdi dellarcipelago toscano
per raggiungere i centri di Populonia e Vetulonia, posti a controllo dei ricchi
giacimenti minerari delle colline metallifere.
Fra il X e il IX sec. a.C. si intensificano le relazioni fra la Sardegna e
lestremo Occidente mediterraneo. I contatti, avviati inizialmente dalle
popolazioni locali, dovettero ben presto passare sotto il controllo della
marineria tiria con il potenziamento della rotta di altura che, dalle coste
occidentali della Sardegna tramite le Baleari, raggiungeva la Penisola Iberica
e quindi le coste nordafricane del Marocco e dellAlgeria. Recenti scavi
condotti nel centro storico di Huelva (calle Mndez Nez) hanno portato al
recupero di un lotto consistente di vasi fenici in associazione con percentuali
altamente minoritarie di ceramiche greche, cipriote, sarde e di provenienza
tirrenica. Il contesto si colloca fra il 900 e il 770 a.C. e attesta il ruolo chiave
svolto dallinsediamento tartessico agli inizi dellet del Ferro, che in virt
delle ingenti risorse metallifere del proprio entroterra divenne in breve tempo
un grande emporio internazionale, punto dincontro fra i circuiti commerciali
atlantici e quelli mediterranei.

80

La necessit di gestire il consistente flusso di metalli dalla Spagna verso Tiro


port la componente fenicia a organizzarsi autonomamente e a fondare nella
baia di Cadice, nel corso della prima met dellVIII sec. a.C., la colonia di
Gadir-Castillo de Doa Blanca. Nello stesso periodo, sullopposta sponda
nordafricana venne fondata Lixus, che sin dalle fasi pi antiche presenta
unestensione molto ampia (ca. 12 ha) spiegabile non solo con la funzione
emporica dellinsediamento, ma anche con le potenzialit del suo vasto
entroterra adatto allagricoltura e allallevamento. Si tratta di un progetto
di ampio respiro organizzato da Tiro, come indirettamente confermato
dalla nascita sullisola di Kotinussa e sul corso del Loukkos di due santuari
dedicati a Melqart, la divinit protettrice dellistituzione regia della
metropoli fenicia.

Linterazione con le popolazioni locali alla base della penetrazione fenicia


lungo il corso del Loukkos, come sottolineato dalle recenti prospezioni
che hanno messo in evidenza il ruolo chiave svolto dallinsediamento di
Azib Slaoui, situato 24 km a sud-est di Lixus, almeno dal VI sec. a.C.
probabile, comunque, che linteresse fenicio per queste regioni sia pi
antico, dal momento che nel corso del VII sec. a.C. si assiste a un proliferare
di scali lungo le coste del Marocco atlantico e del Portogallo. Il centro
propulsore di tali iniziative stato identificato in Cadice: sul versante iberico
fondazioni gaditane sono molto verosimilmente Abul e Santa Olaia, mentre
su quello nordafricano Mogador. Una testimonianza di questa articolata
impresa commerciale proviene dallo scavo del relitto del Bajo de la
Campana (fine VII sec. a.C.), nelle acque del Mar Menor in Murcia, che ha
restituito un carico da vendere sui mercati mediterranei composto da lingotti
di stagno e piombo, probabilmente provenienti dal Portogallo, e di zanne di
elefante caricate in qualche scalo del Marocco.
Proprio lapprovvigionamento di avorio e oro deve essere stato alla
base della fondazione intorno alla met del VII sec. a.C. di Mogador,
sullisola di Essaouira. Distante oltre 900 km dallo Stretto di Gibilterra,
Mogador si caratterizza per essere il terminale dei commerci fenici nel
Marocco atlantico. La collocazione insulare e lassenza di strutture in

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

Gli scavi condotti a Gadir-Castillo de Doa Blanca e a Lixus hanno portato


allindividuazione negli strati pi antichi di una notevole percentuale di
ceramica fatta a mano di produzione locale, che sottintende la presenza di
elementi indigeni. Sin dallinizio, quindi, in questi insediamenti si realizz
una profonda osmosi fra la componente orientale e quella locale, che si
dimostrer vincente per lo sviluppo dei traffici commerciali tirii nellarea.
Le indagini degli ultimi decenni hanno permesso di chiarire nelle sue linee
generali lo strutturarsi della presenza fenicia nella Penisola Iberica e le
modalit di rapporto con le popolazioni locali. Non altrettanto possibile
dire per il Nord Africa occidentale, anche se le ricerche hanno avuto di
recente un notevole incremento. Al riguardo significativi risultano gli scavi
alla necropoli di Rakkada, localit a nord-ovest di Lixus, dove fra la fine del
VII e gli inizi del VI sec. a.C. eminenti personaggi di estrazione indigena
venivano sepolti in tombe e con rituali locali, ma con preziosi monili in oro
opera di artigiani fenici e con manufatti dimportazione cipriota legati al
consumo di vino. La situazione si presenta simile a quella descritta circa
mezzo secolo fa da M. Ponsich per le necropoli rurali situate a sud-ovest di
Tangeri, in cui si evidenziava un commercio fenicio di beni di lusso diretto
verso le lites locali, che doveva avere quale controparte limportazione di
prodotti alimentari e di materie prime preziose.

81

Massimo Botto

82

1
Veduta aerea della penisola di Cadice.

83

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

Massimo Botto

84

2
Pianta degli
scavi di Lixus.

muratura evidenziano il carattere stagionale dellinsediamento, la cui


popolazione aveva nello sfruttamento delle risorse marine la principale
fonte di sostentamento. Il rinvenimento di attivit metallurgiche legate alla
lavorazione del ferro una spia importante per comprendere le motivazioni
economiche che spinsero i Fenici in regioni cos remote: probabile infatti
che utensili e armi in ferro venissero commercializzati presso le popolazioni
locali in cambio di materie prime.

Riguardo allAtlantico e allestremo Occidente mediterraneo sembrano


dunque delinearsi nel corso del VII sec. a.C. due circuiti commerciali
incentrati rispettivamente su Cadice e sulle colonie fenicie dellAndalusia
orientale. A queste ultime si deve non solo la fondazione di importanti
insediamenti come La Fonteta, sul litorale alicantino, e Sa Caleta, a Ibiza,
ma anche lintensificarsi dei commerci fenici verso il Levante iberico e, in
particolare, verso la foce dellEbro, che rappresentava unarea di mercato
estremamente appetibile per lapprovvigionamento di unampia gamma di
prodotti, dai cereali alla carne sotto sale, dal pellame ai metalli.
Nel VI sec. a.C. si attua un riorientamento delle strutture economiche e
produttive delle principali colonie della Spagna meridionale, a partire
da Gadir, che a causa della crisi del commercio dellargento indirizza la
propria economia soprattutto sullo sfruttamento delle risorse marine della
sua baia. Lungo le coste dellAndalusia mediterranea, insediamenti come
Sexi, Abdera e Baria, agendo come centri catalizzatori delle risorse umane
e ambientali dei territori circostanti, assumono fra il VI e il V sec. a.C. la
struttura e le dimensioni di vere e proprie citt. Lo stesso si pu dire per
Iboshim, che diverr il collettore di tutte le risorse dellisola di Ibiza e centro
di redistribuzione di prodotti provenienti da diverse aree del Mediterraneo.
In questo fervore di iniziative un ruolo da protagonista spetta a Malaka, il

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

Un altro centro che attesta il precoce interesse delle colonie andaluse


per le ricchezze del Nord Africa quello di Rachgoun, nellodierna
Algeria. Linsediamento, che si colloca su unisola prospiciente la costa
e in corrispondenza della foce del fiume Tafna, stato indagato alla met
circa del secolo scorso da G. Vuillemot, che ha individuato labitato
dellestensione di ca. 3 ha e scavato 117 tombe con materiali della fase
fenicia arcaica. Il recente riesame dei dati provenienti dalla necropoli ha
permesso di precisare la data di fondazione del centro, che si colloca nella
prima met del VII sec. a.C., e la natura composita della popolazione
stabilitasi a Rachgoun. La nascita dellinsediamento si deve molto
verosimilmente a un gruppo consistente di elementi provenienti dalle colonie
fenicie del Mediterraneo centrale, a cui si unirono sia indigeni sia genti
della regione di Malaga. La coesistenza di gruppi di individui di diversa
estrazione si spiegherebbe con la funzione strategica del sito posto sulla
rotta di ritorno da Cadice a Tiro, che aveva in Cartagine il principale scalo,
ma che necessitava di approdi intermedi nei quali rifornire gli equipaggi di
viveri e acqua. Rachgoun si poneva quindi in una posizione ottimale vista la
prossimit al corso del Tafna, che rappresentava la naturale via di commercio
con le popolazioni dellinterno in grado di rifornire il centro di tutto quanto
necessitava.

85

Massimo Botto

cui sensazionale sviluppo si deve alla capacit di immettere allinterno di


circuiti internazionali le risorse del suo ricco territorio. In virt di un ampio
e sicuro porto e di una efficiente flotta, Malaka in breve tempo divenne uno
dei principali mercati del Mediterraneo. I rinvenimenti di anfore contenenti
vino e olio fabbricate a Lesbo, Samo, Clazomene, Corinto, Atene e nelle
citt dellEtruria meridionale, nonch di ceramiche della Grecia dellest e
di bucchero, sono lindizio dellalto tenore di vita raggiunto dalla nuova
oligarchia cittadina.
Come accennato, a partire dal VI-V sec. a.C. la ricchezza economica di
centri come Gadir e Malaka in gran parte basata sullo sfruttamento delle
risorse marine. Tali iniziative tendono ben presto a estendersi lungo le coste
del Marocco e dellAlgeria, con la gestione di centri specializzati nella pesca
e nella salagione del pesce, che in tal modo poteva essere commercializzato
su un ampio areale. Sul versante atlantico Kouass, in prossimit del
fiume Garifa, evidenzia attraverso unintensa produzione di anfore un
sorprendente sviluppo, mentre nel Mediterraneo la crescita economica di
piccoli insediamenti come Mersa Madakh e Les Andalouses stata messa
in relazione con gli interessi sempre pi marcati dei centri del Circolo
dello Stretto verso una regione, quella di Orano, il cui mare era considerato
particolarmente pescoso.

86

La fitta rete di contatti che caratterizza in questo periodo le relazioni fra


i centri fenici della Spagna e quelli del Nord Africa emerge anche dallo
studio delle uova di struzzo lavorate. Linsediamento che ha restituito
il maggior numero di esemplari senzaltro Baria, lattuale Villaricos,
dal momento che nella sua vasta necropoli sono stati messi in luce oltre
800 reperti, che vanno dal VI al II-I sec. a.C. Sul versante nordafricano
le attestazioni si concentrano soprattutto a Gouraya e sono databili fra
il IV e il III sec. a.C. Sulla base di studi iconografici e stilistici sono
stati chiariti i rapporti che legavano la citt di Baria a Gouraya. Molto
verosimilmente nellinsediamento andaluso si importava dal Sahara la
materia prima, che veniva per lavorata da artigiani locali. Le uova di
struzzo decorate erano indirizzate prevalentemente a un mercato interno,
ma venivano anche esportate influenzando le produzioni di centri
minori, come appunto Gouraya.
Il VI sec. a.C. rappresenta un periodo di forti cambiamenti nel Mediterraneo
occidentale, anche per la rapida ascesa di Cartagine. Nella seconda met di
questo secolo gli eserciti cartaginesi sono presenti in Sicilia e in Sardegna,
mentre Ibiza, a giudicare dai dati della cultura materiale, viene inglobata
nella sfera politico-commerciale della metropoli nordafricana. Molto pi

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

87
3
Elaborazione grafica di un
uovo di struzzo da Gouraya.
VIII-VII sec. a.C.
4
Due uova di struzzo tagliate
a maschera da Cartagine.
V sec. a.C.
5
Uovo di struzzo tagliato a
coppa da Ibiza.
V-IV sec. a.C.
6
Uovo di struzzo tagliato a tre
quarti da Villaricos.
VI sec. a.C.

Massimo Botto

complesse risultano le relazioni fra Cartagine e le colonie fenicie della


Penisola Iberica. Per il V e per buona parte del IV sec. a.C. infatti i rapporti
dovettero essere essenzialmente commerciali, cio legati alla conoscenza e
allapertura di nuovi mercati, come sottolineato da Erodoto e dalle imprese
di Annone e Imilcone. Un impegno militare cartaginese in Spagna
verosimile solo con la seconda met del IV e soprattutto con il III sec. a.C.,
in relazione ai preparativi per la seconda guerra punica. In questa fase si
intensificano anche le rotte di collegamento lungo le coste del Nord Africa,
con la creazione e il potenziamento di alcuni scali strategici fra cui Rusaddir,
la moderna Melilla, come sottolineato dalle pi recenti ricerche.
Di estremo interesse anche la situazione che va emergendo dal riesame
dei materiali della necropoli di Les Andalouses. Per le fasi di III-II sec.
a.C., infatti, stata messa in luce una diffusa presenza di ceramica punicoebusitana, il cui fulcro di irradiazione si trova a Ibiza. Per questo periodo
probabile ipotizzare che mercanti con sede nelle Baleari abbiano svolto
una funzione di redistribuzione di prodotti provenienti dalla Spagna e dalla
Penisola Italiana verso le coste delloranese, favoriti anche dallandamento
delle correnti marine. Con la fine del II sec. a.C. si assiste a un cambiamento
nellorizzonte ceramico attestato nella necropoli, con le produzioni
italiche che si sostituiscono progressivamente a quelle ebusitane, segno
dellemergere della potenza di Roma nella regione.
Bibliografia

88

M.E. Aubet, El comercio fenicio en Occidente: balance y perspectivas: I Fenici.


Ieri Oggi Domani. Ricerche, scoperte, progetti, Roma 1995, pp. 227-243.
J. Ramon Torres, Las nforas fenicio-pnicas del Mediterrneo central y
occidental, Barcelona 1995.
F. Lpez Pardo, Los enclaves fenicios en el frica noroccidental: del modelo de las
escalas nuticas al de colonizacin con implicacaciones productivas: Gerin, 14
(1996), pp. 251-288.
M.P. Fernndez Uriel C. Gonzlez Wagner F. Lpez Pardo (eds.), Intercambio
y comercio preclsico en el Mediterrneo, Madrid 2000.
F. Gonzlez de Canales Cerisola et alii, El emporio fenicio precolonial de Huelva
(ca. 900-770 a.C.), Madrid 2004.
V. Pea C.G. Wagner A. Mederos (eds.), La navegacin fenicia. Tecnologa
naval y derroteros, Madrid 2004.
J. Ramon Torres, La proyeccin comercial mediterrnea y atlntica de los centros
fenicios malagueos en poca arcaica: Mainake, 27 (2006), pp. 189-212.
M.E. Aubet, El comercio martimo en el mundo fenicio-pnico: Actas de las
Jornadas sobre la zona arqueolgica de Villaricos, Sevilla 2007, pp. 9-17.
S. Celestino N. Rafael X.-L. Armada (eds.), Contacto cultural entre el Mediterrneo
y el Atlntico (siglos XII-VIII a.n.e.). La precolonizacin a debate, Madrid 2008.

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo e nellAtlantico

R. Gonzlez Antn F. Lpez Pardo V. Pea Romo (eds.), Los Fenicios y el


Atlntico, Madrid 2008.
D. Marzoli A. El Khayari, Mogador (Essaouira, Marokko) Vorbericht ber die
Kampagnen 2006 und 2007: Madrider Mitteilungen, 50 (2009), pp. 80-117.
M. Torres Ortiz A. Mederos Martn,Un nuevo anlisis de la necrpolis
fenicia de Rachgoun (Argelia): A. Ferjaoui (d.), Carthage et les autochtones de
son empire du temps de Zama (Colloque International, Siliana - Tunis du 10 au 13
mars 2004) = Hommage Mhamed Hassine Fantar, Tunis 2010, pp. 359-378.

89

IL MARE E LA NAVIGAZIONE
Cartagine e il controllo dei mari
Piero Bartoloni

I porti fenicio-punici in Algeria


Mohamed Elkheir Orfali

I commerci nel Mediterraneo centro-orientale


Ida Oggiano

I commerci nellestremo occidente del Mediterraneo


e nellAtlantico
Massimo Botto

I rapporti con il mondo etrusco-italico


Enrico Benelli

I rapporti con il mondo etrusco-italico

a nostra conoscenza del fatto che gli Etruschi, nei loro rapporti
commerciali, si siano spinti lungo la costa africana cos a occidente
di Cartagine riposa allo stato attuale su un unico elemento, lormai celebre
disco di Gouraya che, rimasto a lungo a margine della ricerca, stato
riportato alla ribalta solo di recente, grazie alla nuova lettura delliscrizione
da parte di Dominique Briquel.
Loggetto (un disco di bronzo del diametro di 77 mm che reca, su un lato,
due teste dariete a rilievo e, sullaltro, uniscrizione etrusca, sempre a
rilievo) pervenne al Museo di Algeri nel 1906 tramite una donazione,
insieme a un gruppo di reperti, per i quali fu dichiarata la provenienza dalla
necropoli di Gouraya. Briquel ha identificato con grande verosimiglianza
in questo disco una sorta di tessera hospitalis, segno di riconoscimento di
un legame di amicizia formale fra persone trasferibile a terzi. Liscrizione
ha ductus destrorso, il che fa pensare che il testo fosse stato inciso con il
normale ductus sinistrorso nella matrice (che deve essere
servita per produrre una certa serie di tesserae
analoghe). Le due righe sono leggibili
agevolmente: pumpun 2 laral.
I tipi di caratteri sono quelli dellalfabeto
regolarizzato di tipo recente che,
noto a Cerveteri e a Volsinii gi nel
corso del III sec. a.C., divenne poi
un vero e proprio alfabeto nazionale
etrusco sul finire dello stesso secolo. Il
testo presenta una formula onomastica
composta da un gentilizio abbreviato
seguito dal comunissimo prenome Lar
declinato al genitivo. Labbreviazione pu essere
sciolta alternativamente come Pumpuni, Pumpuna,
oppure Pumpune (la prima forma diffusa in tutte le citt etrusche,
soprattutto nellEtruria settentrionale interna, la seconda volterrana, la
terza tarquiniese: cfr. Thesaurus Linguae Etruscae, I2, s. vv.): come si vede,
quindi, non esiste alcun elemento, n di carattere grafico n di carattere
onomastico, che permetta unattribuzione a una precisa citt etrusca.
Poich nellepoca a cui si data questa iscrizione era ormai cessato luso
di posporre il prenome al gentilizio, possibile, secondo il suggerimento
di Briquel, che il testo si riferisca non a una singola persona, ma a un
intero gruppo familiare. In tal caso, lenunciato sarebbe da intendere come
pumpun(auras) [vel similia] laral, ossia (contrassegno) dei Pumpuni [o
Pumpuna, o Pumpune] (figli) di Lar.

91
1-2
Disco in bronzo
con iscrizione
etrusca dalla
necropoli di
Gouraya.
III sec. a.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Enrico Benelli

Il problema se il disco di Gouraya sia una


testimonianza isolata oppure rientri in un
flusso commerciale regolare resta al
momento insolubile. Infatti, nellepoca
alla quale appartiene, le merci che
partivano dalle coste dellEtruria
rientrano in quella serie di prodotti
che definiamo convenzionalmente
romani (ceramica a vernice nera,
anfore greco-italiche ecc.), e soltanto
uno studio dettagliato potr aiutare a
capire se fra i materiali genericamente
romani o italici presenti nelle tombe
di Gouraya ve ne siano alcuni attribuibili a
provenienza etrusca (alcune ipotesi in questo senso
sono state avanzate da Morel 1999, p. 3250). Va segnalata, in ogni caso,
la presenza di ceramica a vernice nera di produzione aretina in contesti
del Marocco (Morel 1992, pp. 228-229), che rende probabile il futuro
rinvenimento o riconoscimento di materiale analogo anche in Algeria.
La sporadica presenza di iscrizioni semitiche di epoca recente nei centri
tirrenici, come Populonia, Ardea e Calatia in s poco significativa, in
quanto resta impossibile stabilire la provenienza esatta degli autori di
tali documenti.
Bibliografia

92

J.-P. Morel, La cramique vernis noir du Maroc: une rvision: Lixus. Actes du
colloque (Larache 1989), Rome 1992, pp. 217-233.
J.-P. Morel, Gunugu: Encyclopdie Berbre, XXI, Aix-en-Provence 1999, pp. 3245-250.
E. Laforgia (a cura di), Il Museo Archeologico di Calatia, Napoli 2003.
D. Briquel, Linscription trusque de Gouraya (Algrie): Annales du Muse
National des Antiquits, 14 (2004), pp. 22-60.
F. Di Mario (a cura di), Ardea: il deposito votivo di Casarinaccio, Roma 2005.
D. Briquel, Rapporti tra Etruschi e Africa del nord: uno sconosciuto documento
epigrafico: AnnFaina, 13 (2006), pp. 59-92.
A. Romualdi M. G. Amadasi, Cartaginesi a Populonia: liscrizione neopunica
dalla necropoli delle Grotte: AnnFaina, 14 (2007), pp. 161-175.
Thesaurus Linguae Etruscae, I. Indice lessicale, Pisa-Roma 20092.

PRODUZIONE E MANIFATTURA
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera
Lorenza-Ilia Manfredi

Le monete preromane dei musei nazionali algerini


Amel Soltani

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National


des Antiquits
Nama Abdelouahab

Il sale, le saline e la salagione


Giuseppe Garbati

La lavorazione della porpora e dei tessuti


Tatiana Pedrazzi

Lorenza-Ilia Manfredi

a produzione, luso e la commercializzazione dei metalli furono


tra le attivit essenziali della societ fenicia e punica. Le citt della
Fenicia fin dagli inizi del I millennio a.C. si caratterizzarono come centri
di trasformazione e produzione dei metalli, raggiungendo unelevata
specializzazione nella produzione dei beni di lusso in metalli preziosi e
bronzo destinati ai potenti regni vicino-orientali e ciprioti.
La ricerca e il commercio dei metalli fu, quindi, tra le esigenze economiche
primarie che determinarono dalla prima met del VII sec. a.C. la frequentazione
fenicia prima, la colonizzazione poi, della Penisola Iberica, della Sardegna, del
Nord Africa e la diffusione in Occidente delle tecnologie avanzate legate alla
trasformazione dei minerali, dalla coppellazione per lestrazione dellargento
dai minerali piombo-argentiferi alla produzione del ferro.
Il processo produttivo, che dal reperimento del materiale grezzo porta al
manufatto finito, presuppone una profonda conoscenza del territorio che,
soprattutto nelle prime fasi dellespansione fenicia, non pu prescindere da
uno stretto rapporto con le popolazioni locali che concorrevano in modo
determinante allindividuazione e allo sfruttamento dei bacini minerari
di provenienza del metallo e alla scelta delle vie di trasporto dello stesso
verso i centri di lavorazione. In antico lindividuazione dei filoni da
coltivare era legata non tanto alla qualit del materiale quanto alla facilit
di estrazione e di accesso alle aree che si caratterizzavano per la presenza
di fosse di coltivazione a cielo aperto, brevi gallerie o pozzi poco profondi.
Determinante era anche la vicinanza a zone boschive idonee al reperimento
del legname e a corsi dacqua necessari alla prima frantumazione della
roccia e, in alcuni casi, allarrostimento del minerale su fuochi liberi.

94

La complessit e limportanza delle ricchezze minerarie nellambito


delleconomia fenicia e punica hanno determinato unevoluzione nelle
modalit di approvvigionamento e di controllo dei metalli. Da uno
sfruttamento indiretto delle materie prime, che si sviluppa con la fondazione
di una colonia in posizione strategica e una presenza fenicia ad essa legata
in contesti indigeni tra lVIII e il VI sec. a.C., si passa dalla fine del V - inizi
IV sec. a.C. a un sistema economico strutturato, che prevede la presenza di
centri punici di sfruttamento diretto, anche se non esclusivo, del minerale e
lo sviluppo di vie di penetrazione e porti per lesportazione sotto controllo
cartaginese. In entrambe le fasi, un ruolo fondamentale sembrano aver svolto
i santuari, che rimangono un durevole riferimento, sia pure con modalit
e funzioni evolutesi nel tempo, di tutto il processo di trasformazione dal
minerale al metallo lavorato. Probabilmente diversi fattori contribuirono
a instaurare tale legame: la natura magico-religiosa attribuita da sempre

Tuttavia, dopo il IV sec. a.C. e soprattutto nel III sec. a.C. il controllo delle
miniere e della produzione del metallo sembra sganciarsi da questo sistema
per essere inserito in un pi vasto e globale piano di ristrutturazione delle
risorse economiche, che probabilmente prevedeva la gestione monopolistica
di alcune di esse, quali i metalli, il sale e la produzione della porpora, il
garum, in alcuni casi in concessione anche a imprese di carattere privato.
Dalla fine del III-inizi II sec. a.C., si registra una struttura economica
articolata, che vede il potenziamento o la creazione di centri punici o
punicizzati nei distretti minerari, in particolare nella Penisola Iberica, molti
dei quali coniarono monete autonome a leggenda neopunica.
Il dato trova confronto anche nella documentazione neopunica africana,
in particolare nella moneta in bronzo del II sec. a.C. a leggenda punica
attribuita a Thagaste (Souk Ahras) o a Tigisi (An el-Bordj). La leggenda,
facendo riferimento ai cittadini di qrtg, suggerisce la presenza nel centro
minerario a prevalente popolazione libica di una comunit strutturata
secondo il diritto punico. Nei pressi di An Beda sugli altopiani della
Sebkhas, caratterizzati dai laghi salati e dalle miniere di piombo e rame
sfruttate in epoca romana, si localizza anche lantica Macomades/Macoma,
il cui toponimo mqm attestato sulle monete neopuniche datate al II-I sec.
a.C. con al dritto una testa maschile e astro, al rovescio un cinghiale.
Il personaggio divino delle monete stato interpretato come Chusor-Ptah,
ma il dio sembra avere connotazioni fortemente libiche che confermano il

I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera

allattivit metallurgica, il significativo valore economico del materiale


che necessita di costante verifica e garanzia anche nelle fasi finali della
produzione, il ruolo dei santuari come luoghi privilegiati di interscambio
culturale ed economico con le popolazioni locali.

1
Fasi di
coniazione
delle monete
antiche.

95

Lorenza-Ilia Manfredi

riferimento a una tradizione locale. Il toponimo punico mqm, che potrebbe


essere labbreviazione di maqm hada luogo nuovo , rientra tra quelli
formati da maqm ampiamente attestati in tutto il Mediterraneo punico e in
particolare in Nord Africa e in Sardegna per indicare una citt, un mercato
in cui avvenivano gli scambi con i prodotti indigeni, in questo caso, con ogni
probabilit prevalentemente minerali, sale e prodotti agricoli.
Tracce di sfruttamento di una delle pi ricche miniere di rame dellAlgeria
antica, sicuramente conosciute in epoca punica, sono state individuate a Bou
Khandek, nella regione di Cartenna (lattuale Tns), che secondo S. Gsell
(1981, p. 212) corrispondono alla Kalkorukeia che Strabone pone nel paese
dei Massesili (Posidonio fonte di Stradone, XVII, 3, 11). Il toponimo Cartenna
potrebbe essere di origine libico-berbera e la citt, probabilmente la Kalca
del Periplo di Scilace (110-111) e la Kalkeia di Polibio (XII, 5), posta su un
altopiano roccioso che domina a ovest limboccatura dellOued Allah, doveva
essere il mercato e il porto di stoccaggio del minerale che arrivava dal bacino
minerario posto a nord-est, sud e sud-est del centro. Non si hanno testimonianze
archeologiche dellinsediamento punico, a eccezione di tombe a camera e
a fossa scavate nella roccia, che tuttavia sembrano aver restituito materiale
tardo. Ancora Posidonio (XVII, 3,11), ricorda che nel paese dei Massesili,
probabilmente ancora nellarea di Tns, si localizzava una fonte di asfalto.
Giacimenti di piombo, zinco, ferro e rame coltivati in epoca antica sono stati
individuati nella regione di Hippo Regius (Annaba), a Kef Oum Tboul;
miniere di piombo e rame nella Bassa Kabilia tra lantica Igilgili (Jijel) e
Saldae (Bjaa), nella regione di Setif e nei monti dellHoudna; di ferro
(magnetite ed ematite) nel massiccio dellEdough (Mokta el-Hadid) e nella
zona di Chullu (Collo).

96

Largento e loro venivano recuperati principalmente come sottoprodotti


del piombo e del rame soprattutto nei giacimenti dellarea di Cavallo, dove
sono stati individuati pozzi di sfruttamento per il rame, e a Kef Oum Tboul.
Nellarea di Azzaba a Skikda e a Mra Sma stata rilevata la presenza di
mercurio, mentre antimonio stato trovato a Tiddis, Ain Kerma (El-Teref)
e nel Djebel Taya a Bouhamdane (Guelma). Questi due minerali, ai quali
era riconosciuto un valore magico, oltre ad avere un utilizzo cosmetico
e antibatterico, erano molto importanti nella preparazione delle leghe,
in quanto, al pari dellarsenico, abbassano il punto di fusione del rame
facilitandone la lavorazione.
Il vero e proprio processo di trasformazione in metallo, con forni fusori che
producevano una grande quantit di scorie, poteva essere dislocato anche

In Algeria non si hanno testimonianze archeologiche riferibili a botteghe di


epoca punica, ma in una stele del tofet di El-Hofra a Costantina attestato
un fabbro, in punico nsk, dalla radice nsk fondere. Nella documentazione
epigrafica cartaginese si registra anche la specifica di fonditori doro (nsk
hrs /nsk hrs), di ferro (nsk hbrzl), di bronzo (nsk hnht), di metallo fuso
(nsk hnskt). Scarse e databili, come le iscrizioni, in un arco temporale tra
il III e il II sec. a.C., sono anche le attestazioni iconografiche: strumenti
come tenaglie, martelli, mantici sono raffigurati solo su due stele del tofet di
Cartagine.

I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera

in aree diverse da quelle di estrazione, ma comunque marginali rispetto


ai centri urbani e poco caratterizzate dal punto di vista archeologico e
urbanistico. Le botteghe, infine, erano poste negli abitati e documentano in
genere una modesta e polifunzionale attivit fusoria, entro la quale risulta
difficile distinguere le diverse produzioni metalliche.

difficile dire, infine, se gli oggetti in metallo rinvenuti nei contesti punici
algerini siano di produzione locale. Con ogni probabilit lo sono le armi in
ferro provenienti da Rachgoun e Bethioua e quelle conservate nei Musei di
Annaba e Costantina. Gli amuleti in bronzo conservati a Orano di tradizione
egittizzante sono probabilmente di importazione (Cat. nn. 177-182),
mentre di possibile fattura locale lamuleto femminile del
Museo di Costantina (Cat. n. 176).

2
Colino da
metallurgista.
I sec. a.C.
Annaba,
Museo.

La produzione certamente attribuibile a maestranze


locali quella monetale, che a partire dalla fine
del III sec. a.C. si sviluppa in molte citt
della costa, dellentroterra algerino e nei
regni di Numidia e Mauretania.
Di notevole interesse la
convergente ipotesi
sulla provenienza
nordafricana del
metallo utilizzato,
che trova riscontro
nei frequenti ritrovamenti nellarea tra Tabraca (oggi Tabarka, in Tunisia)
e Rusaddir (lattuale Melilla, enclave spagnola in territorio marocchino)
di monete in piombo o piombo ricoperto di bronzo, risalenti al regno di
Massinissa o Micipsa (fine III-seconda met II sec. a.C.) e circolanti in
concomitanza con le serie in bronzo numidiche e cartaginesi. Da Icosium
(Algeri) provengono ben centocinquantaquattro monete in piombo risalenti
al II sec. a.C. di zecca locale associate a monete numidiche.

97

Lorenza-Ilia Manfredi

Lesiguo numero di esemplari sottoposti ad analisi microchimiche ha


indicato quantit variabili di rame e piombo e, in generale, un piombo meno
puro nelle emissioni numidiche rispetto a quelle di Icosium. Il fenomeno
stato interpretato come dovuto allincapacit dei sovrani numidi di far
fronte allimprovvisa necessit monetaria allindomani della caduta di
Cartagine. Tuttavia, le analisi eseguite sulle monete annibaliche di zecca
africana sembrano evidenziare che laggiunta progressiva di piombo andava
consolidandosi gi in epoca punica, in accordo con il graduale passaggio
dalla lega binaria rame e stagno a quella ternaria rame, piombo e stagno, che
si registra in tutto il Mediterraneo occidentale in epoca ellenistica e durante
il periodo romano repubblicano.
Bibliografia
M.F. Doumergue, Catalogue raisonn des objets archologiques du Muse de la
ville dOran, II, Oran 1938.
S. Gsell, Vieilles exploitations minires dans lAfrique du Nord: tude sur lAfrique
antique: Scripta Varia, Lille 1981, p. 212.
P. Bartoloni, Techniques et sciences: V. Krings (d.), La civilisation phnicienne et
punique. Manuel de recherche, Leiden-New York-Kln 1995, pp. 354-361.
A. Tubal, Les mines et les carrires en Numidie. Exploitations antiques: P.
Trousset (d.), LAfrique du Nord antique et mdival. Productions et exportations
africaines. Actualits archologiques. Actes du VIe Colloque International (Pau,
octobre 1993), Paris 1995, pp. 57-63.
M. Botto I. Oggiano, Lartigiano: J.A. Zamora (ed.), El hombre fenicio.Estudios
y materiales, Roma 2003, pp. 129-146.
L.-I. Manfredi, Le monete puniche nel Mediterraneo antico: produzione, coniazione
e circolazione: Mediterranea, 3 (2006), pp. 257-298.

98

PRODUZIONE E MANIFATTURA
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera
Lorenza-Ilia Manfredi

Le monete preromane dei musei nazionali algerini


Amel Soltani

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National


des Antiquits
Nama Abdelouahab

Il sale, le saline e la salagione


Giuseppe Garbati

La lavorazione della porpora e dei tessuti


Tatiana Pedrazzi

Amel Soltani

n occasione di numerose visite di lavoro presso i principali musei algerini,


abbiamo avuto lopportunit di vedere tutte le collezioni monetali esposte
nelle sale o custodite nei medaglieri collocati nei magazzini. Il Muse Cirta
Costantina e il Muse Ahmed Zabana Orano rappresentano potenziali
concorrenti per la collezione del Muse National des Antiquits di Algeri.
Questo saggio presenta dunque una breve introduzione alla conoscenza del
materiale numismatico conservato nei pi importanti musei algerini.
Muse National des Antiquits Algeri (ex Muse S. Gsell)

Nel corso di pi dun secolo, otto conservatori si sono avvicendati alla guida
del Muse National des Antiquits, arricchendolo con importanti collezioni
archeologiche. Per quanto riguarda la numismatica, si tratta, da un lato, di
monete provenienti da diverse citt dellAlgeria rinvenute in occasione di
scavi, a partire dalla seconda met del XIX sec. fino all inizio del XXI;
dallaltro lato, di collezioni provenienti da donazioni ed eredit offerte al
Museo, oppure da acquisti (come la Collezione Beugnot de Saint Seine),
o ancora da sequestri effettuati nellambito della tutela del patrimonio
archeologico contro il traffico illecito.

100

1
Moneta dal
tesoro di
Bougie.
Fine III-II sec.
a.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

La politica di acquisizione, successiva alla creazione del Museo, ha offerto


un reale apporto alla composizione generale del fondo; in questo modo,
importanti tesoretti scoperti in varie citt algerine hanno via via arricchito
il medagliere di Algeri. Per la mancanza di cataloghi o per registrazioni
imprecise, oggi per molto difficile valutare con esattezza la provenienza
di certe collezioni o di taluni lotti monetali.
Tra le collezioni preromane importanti, opportuno citare anzitutto quelle
di Beugnot de Saint Seine, di Charrier, di Fayolle, la collezione St. Gsell, di
Joly ecc.: tutte raccolte private entrate a far parte del Museo generalmente in
seguito ad acquisti.

Le monete preromane dei musei nazionali algerini

Le collezioni monetali hanno cominciato a costituirsi fin dai primi anni


della creazione della Biblioteca-Museo di Algeri, nucleo originario del
Muse National des Antiquits. Le prime citazioni dei con di questo
Museo si trovano nel catalogo originario delle collezioni elaborato da A.
Berbrugger nel 1860; altre scoperte e altri lavori importanti hanno poi
fatto conoscere il Museo su scala internazionale, da un lato per le sue
collezioni preromane, dallaltro per quelle romana, vandalica, bizantina
e musulmana.
Le fonti primarie per la composizione del medagliere di Algeri, come
del resto per quelli degli altri musei, nazionali o locali, sono stati i siti
archeologici disseminati in tante parti dellAlgeria. Ci che costituisce la
caratteristica del Museo di Algeri la sua antichit: infatti, il primo museo
algerino, il museo della capitale e anche il museo centrale, quello verso
il quale sono state convogliate tutte le scoperte pi importanti, dal luogo
del loro ritrovamento a quello della loro conservazione, cio il medagliere
di Algeri, che dunque conserva parecchie decine di migliaia di monete di
zecche preromane, di cui i tesoretti costituiscono una parte importante.
Gli esempi migliori in tal senso sono, da un lato, il tesoretto di Bougie,
rinvenuto nel 1926 e composto di 3.101 monete, che offre importanti
informazioni sulle emissioni monetali cartaginesi della seconda guerra
punica; dallaltro, il tesoretto di Ikosim, rinvenuto nel 1940, che
attualmente composto da 119 pezzi e documenta per la prima volta il nome
punico della citt nel II sec. a.C.

101

Muse National Cirta Costantina (ex Muse G. Mercier)


Le condizioni geografiche, le vicende storiche e politiche di Cirta
Costantina hanno fatto s che il museo di questa citt raccolga la pi
importante collezione monetale della Numidia, in generale, e delle

2
Moneta dal
tesoro di
Ikosim.
II-I sec. a.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Amel Soltani

emissioni di Massinissa e dei suoi successori in particolare; era pertanto


logico che la celebre moneta di Massinissa con iscrizione punica msnsn
hmmlkt fosse ritrovata in questa citt e qui, nel suo museo, venisse
conservata accuratamente.
Linventario del museo stato fatto in collaborazione con i colleghi del
Museo di Cirta Costantina e concerne una monetazione diversificata,
rinvenuta per la gran parte a Costantina stessa e nei suoi dintorni; Sidi
MCid, Tiddis, Sigus, Sila, Oum el-Bouaghi, Qalaa dei Ben Hammad:
questo il nucleo principale dei siti che hanno concorso alla composizione
del medagliere.
La ricchezza di Cirta per quanto riguarda la sua produzione monetale,
soprattutto quella di Massinissa e dei suoi successori, si spiega
con limportanza della citt durante il periodo numidico,
quando una grande officina monetale produceva, fin
dallinizio del II sec. a.C., la coniazione di Massinissa,
che si protratta fino a quella di Giuba I. Non
dunque sorprendente trovare una monetazione dei re e
una delle citt, come quella di Cirta (Costantina), Iol
(Cherchel) e Ippona (Annaba). Soltanto un atelier ha
fatto concorrenza a quello di Cirta: la zecca di Siga, che
peraltro sospese la produzione alla fine del regno di Micipsa,
intorno al 118 a.C., per affidare a Cirta il ruolo di unico atelier
emettitore di moneta per tutta la regione.

102

3
Moneta da
Cirta.
II-I sec. a.C.
Costantina,
Muse National
Cirta.

Linventario, redatto nel 1876, molto lontano dalla attuale composizione


del medagliere; le coniazioni puniche sono rappresentate da 139 esemplari,
ripartiti tra le differenti fasi di produzione delle emissioni, e sono serie datate
alla prima guerra punica che si distribuiscono fino alla seconda met del II
sec. a.C. Una parte molto importante di questo medagliere rappresentata
dalla monetazione della Numidia e della Mauretania: si tratta di 1.388
esemplari che comprendono alcuni pezzi di Siface, di Giuba I e di suo figlio
Giuba II, e poi centinaia di monete di Massinissa e dei suoi successori,
tutte provenienti da Costantina e dintorni. La monetazione delle citt, per
altro verso, costituita da 104 esemplari, rispetto ai quali Cirta si classifica
evidentemente al primo posto, seguita da Iol, Ippona e Utica.
Al confronto con il medagliere di Algeri, la collezione di Cirta composta
da monete provenienti da siti conosciuti, mentre quella di Algeri, allinfuori
dei tesoretti sopra citati, soprattutto da monete che provengono da collezioni
private e delle quali, in grande maggioranza, signora la precisa provenienza.

Il Museo Ahmed Zabana di Orano custodisce nei suoi magazzini un


ricco medagliere, per lo pi depoca moderna; nessun pezzo esposto.
importante segnalare che, diversamente dai due musei precedentemente
ricordati, questo Museo non possiede una ricca collezione depoca
preromana.
Prima di vedere tutta la raccolta, era per noi quasi ovvio che il Museo fosse
in possesso di una grande quantit, altamente rappresentativa, di coniazioni
di Siface, tenuto conto anche dellesistenza di una zecca molto importante
non lontano dallattuale Orano, nonch di coniazioni mauritane di Giuba II
e di Tolomeo. Quella di Siga fu per molto tempo la seconda zecca in Africa
settentrionale a battere valuta locale; interruppe bruscamente la produzione
alla fine del regno di Micipsa, nel 118 a.C.

Le monete preromane dei musei nazionali algerini

Muse National Ahmed Zabana Orano (ex Muse L. Demaeght)

Dopo il primo catalogo ragionato di L. Demaeght (1895), la collezione del


Museo di Orano non si molto arricchita di pezzi preromani nordafricani;
da un rapido riscontro con linventario della raccolta attuale, risulta inoltre
che il Museo Ahmed Zabana di Orano, le cui monete provengono sia da
Costantina sia da Siga, ma anche da Cherchel, Aflou e Arzew (St. Leu),
conserva una sola moneta in bronzo di Siface, mentre nel vecchio catalogo di
L. Demaeght si parlava di quattro esemplari.
sorprendente constatare la scarsezza di queste monete presso il museo,
vista, come gi accennato, la vicinanza di Siga alla citt di Orano, il cui
museo ha ricevuto tutto il materiale degli scavi, cos come gli oggetti
recuperati nei ritrovamenti fortuiti che questo importante sito continuava
man mano a restituire.
Delle coniazioni puniche, soltanto sei monete, tutte provenienti da
Costantina, si sono aggiunte alla vecchia collezione, portando cos il
totale a dodici esemplari, tra le monete della prima guerra punica e quelle
della seconda. Della monetazione numidica, lattuale collezione giunta
a raccogliere quattordici pezzi, di Massinissa e dei suoi successori, di
provenienza sconosciuta. Per contro, la raccolta di monete mauritane ha
conosciuto un leggero decremento rispetto alla sua composizione iniziale:
sono menzionati sei esemplari di Giuba II, un denario e cinque bronzi,
mentre la collezione pi antica comprendeva undici esemplari, distribuiti
tra Bogud III, Giuba II e Tolomeo. Delle coniazioni delle citt dotate di
zecche, Iol e Cirta sono le uniche ad avere fornito un esemplare unico. Oltre
alla quantit, bisogna sottolineare anche la qualit e la rarit delle monete

103

Amel Soltani

conservate: alcuni pezzi fondamentali evidenziano la dimensione nazionale


ed internazionale di questi medaglieri, frutto dellattivit e del dinamismo di
molte persone.
Bibliografia
A. Berbrugger, Bibliothque-muse dAlger. Livret explicatif des collections de ces
deux tablissements, Alger 1860.
L. Demaeght, Catalogue raisonn des objets contenus dans le Muse municipal
dOran: Bulletin dOran, 15 (1895).
L. Leschi M. Cantineau, Monnaies puniques dAlger: Comptes-rendus de
lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 85 (1941), pp. 263-272 (Procsverbaux des sances de la Socit Franaise de Numismatique, 1941, pp. XIV-XV).
M. Leglay, la recherche dIcosium: Antiquits Africaines, 2 (1968), pp. 7-54.
P. Vison, Punic Bronze Coinage, Circulation, Mint and Chronology (PhD Diss.),
University of Michigan 1985.
J.-P. Laporte, Saldae (Bougie): un trsor de monnaies puniques enfoui vers la fin
de la seconde guerre punique: Bulletin de la Socit Nationale des Antiquaires de
France, 1998, pp. 211-225.
J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072.

104

PRODUZIONE E MANIFATTURA
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera
Lorenza-Ilia Manfredi

Le monete preromane dei musei nazionali algerini


Amel Soltani

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National


des Antiquits
Nama Abdelouahab

Il sale, le saline e la salagione


Giuseppe Garbati

La lavorazione della porpora e dei tessuti


Tatiana Pedrazzi

Nama Abdelouahab

ellambito della categoria dei metalli si comprendono in genere i


gioielli in oro, in argento o bronzo, armi, amuleti e porta-amuleti,
e anche accessori da toilette, come specchi, unguentari, pinze, spille,
rasoi e cos via. Numerosi oggetti di questo tipo sono stati rinvenuti nelle
tombe puniche dItalia, Spagna e Tunisia; in modo particolare in quelle di
Cartagine, dove sono attualmente esposti in differenti musei. LAlgeria,
per parte sua, ne ha fornito un piccolo numero, proveniente ugualmente
da tombe puniche del litorale algerino. Questo saggio riguarda due piccoli
bronzi, conservati al Muse National des Antiquits di Algeri: un frammento
di rasoio e una campanella.

Mentre la provenienza e le circostanze esatte della scoperta della campanella


sono note, cos non per il frammento di rasoio: questultimo, infatti,
conservato al Museo da pi di un secolo, non corredato da alcuna
indicazione e nessun numero di inventario permette di rintracciare il suo
luogo di provenienza. Solo grazie allo studio stilistico e comparativo si
potuto stabilirne lappartenenza alla produzione punica.
Frammento di rasoio

106

1
Frammento di
rasoio punico
in bronzo.
IV sec. a.C. ca.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Un gran numero di rasoi stato rinvenuto nelle tombe puniche di Cartagine,


della Sardegna e della Penisola Iberica: ritrovati generalmente in contesti
funerari, questi oggetti simboleggiano di solito la rasatura purificatoria del
defunto. Allo stato attuale delle conoscenze, non risulta finora rinvenuto
in Algeria alcun rasoio risalente al periodo punico: infatti linventario, che
in vista della selezione di oggetti preromani stato realizzato nei diversi
musei algerini, non ha rivelato lesistenza di alcun rasoio o frammento di
rasoio attribuibile al periodo punico. Pertanto, il frammento di rasoio che
presentiamo un caso isolato: stato trovato in una tomba oppure stato
importato? molto difficile, se non impossibile, rispondere al quesito.

Nel suo studio sui rasoi punici, E. Acquaro (1971) ha ben evidenziato
che Cartagine non era n la sola necropoli n la sola regione dellAfrica
settentrionale ad avere restituito dei rasoi. Scrive a questo proposito che
lesistenza di rasoi punici stata segnalata in un gran numero di necropoli
della Tunisia, particolarmente in quelle di Thapsus, di Hadrumetum di
Bou Hadjar, di Djebel Mlezza e di Utica. Per quel che riguarda lAlgeria,
lo studioso menziona soltanto una necropoli: quella punica di Gouraya,

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National des Antiquits

dove F. Missonnier aveva avviato degli scavi nel 1932. Tra il materiale
recuperato, lo scopritore cita una piccola ascia in ferro, a suo avviso molto
pi spessa di quelle di Cartagine; egli attribuisce dunque a questo strumento
la funzione di arma e non quella di un oggetto rituale. Allo stato attuale
delle ricerche, questo utensile in ferro non figura in alcun inventario:
probabilmente andato perduto.
Il frammento di rasoio registrato al Muse National des Antiquits di
Algeri con il n I.MI.328 in bronzo e misura 13 cm di lunghezza, 2 cm
di larghezza, con un spessore di 0,2 cm. La sua parte inferiore, o meglio,
la lama, verosimilmente di forma semi-arrotondata, purtroppo rotta; la
parte superiore, anchessa spezzata, molto sottile e suggerisce con il suo
profilo il lungo collo di un cigno. Come tutti i rasoi, ha la forma di una
piccola ascia. Si pu tuttavia osservare che il frammento, con le due facce
prive di decorazione, pu essere collegato alla serie di rasoi scoperti a Ibiza,
databili al IV sec. a.C.: peduncolo sullasse della lama, facce spesso prive di
decorazione ecc. Questa particolarit permette agevolmente di attribuire il
frammento di rasoio ad una produzione tardiva.
Campanella
Le campanelle sono state rinvenute
in varie tombe puniche, come oggetto di
corredo per il defunto, ed certamente Cartagine che
ne ha fornito il numero maggiore; anche in Algeria
ne sono state ritrovate molte in contesti funerari e
attualmente sono conservate nei vari musei della
nazione. Sembra verosimile attribuire un valore
di amuleti a tutte le campanelle rinvenute in
contesti funerari: si tratterebbe di talismani, il cui
suono emesso dal battaglio allontana gli spiriti cattivi
dalla tomba.
La campanella registrata al Muse National des Antiquits con il n
I.MI.058 in bronzo e misura 6,8 cm di altezza e 5 cm di diametro: di
forma tronco-conica, era munita di un anello di sospensione, oggi purtroppo
quasi interamente scomparso. andato perduto anche il batacchio fissato
a una bacchetta, che attraversava la campanella a circa 2 cm dellanello di
sospensione. molto probabile che questa campanella provenga da una
tomba punica di Gouraya scavata da F. Missonnier nel 1932: la fig. 6 della
tavola I del suo rapporto di scavo mostra una campanella di forma troncoconica, ma con un anello di sospensione completo.

107

2
Campanella
apotropaica
in bronzo,
probabilmente
dalla necropoli
punica di
Gouraya.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Nama Abdelouahab

Presso il Museo di Algeri esiste una sola campanella di questa forma. Di


pi, Missonnier precisa che () risulta da quanto precede che gli oggetti
provenienti dai miei scavi, che ho depositato al Museo di Algeri, sono stati
trovati solamente in sette tombe (1933, p. 87 ss.). La campanella in nostro
possesso, come gi detto, non ha pi il suo anello di sospensione, che stato
rotto. Missonnier segnala pure che nella stessa Gouraya era stata scoperta
una seconda campanella; in mancanza dimmagini, impossibile, allo stato
attuale della ricerca, tentare una qualsiasi identificazione relativa a questa
seconda campanella.
Bibliografia
A.L. Delattre, Fouilles excutes dans la ncropole voisine de Sainte Monique
Carthage: Comptes-rendus de lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 45
(1901), pp. 583-602.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, spultures puniques de la cte algrienne, excutes sous
les auspices de lassociation historique pour ltude de lAfrique du Nord, Paris 1903.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie): Mlanges
dArchologie et dHistoire, 50 (1933), pp. 87-119.
E. Acquaro, I rasoi punici, Roma 1971.
S.M. Cecchini, Rasoirs: E. Lipiski (d.), Dictionnaire de la Civilisation Phnicienne
et Punique, Turnhout 1992, coll. 371-372.

108

PRODUZIONE E MANIFATTURA
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera
Lorenza-Ilia Manfredi

Le monete preromane dei musei nazionali algerini


Amel Soltani

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National


des Antiquits
Nama Abdelouahab

Il sale, le saline e la salagione


Giuseppe Garbati

La lavorazione della porpora e dei tessuti


Tatiana Pedrazzi

Giuseppe Garbati

ihil est utilius sale et sole (nulla pi utile del sale e del sole: Plinio,
Nat. Hist., XXXI, 102, 9). Il sale costituiva senza dubbio uno degli
elementi fondamentali dellalimentazione e delleconomia delle antiche
popolazioni mediterranee. Basilare per la dieta individuale, necessario alla
produzione e alla conservazione degli alimenti, utile alla lavorazione delle
pelli e dei tessuti, e anche efficace nelle pratiche mediche, loro bianco era
un prodotto assai richiesto, ai fini del suo stesso consumo o come preziosa
merce di scambio. La sua importanza, del resto, pi volte ricordata
dalle fonti classiche; basti pensare che Omero ne fa uno dei prodotti che
distinguono le popolazioni civili (Od., XI, 122-125).

110

1
Saline di Melah
presso Orano.

Grazie in parte alle informazioni letterarie, sappiamo che nellantichit


il cloruro di sodio poteva essere ottenuto attraverso diversi metodi di
estrazione, tanto di tipo naturale (diretti) quanto artificiali (indiretti); lo
stesso Plinio, del resto, che sottolinea la distinzione tra sal nativus e sal
facticius (Nat. Hist., XXXI, 73-83). Tra le tecniche dirette, erano diffusi
lo sfruttamento delle miniere di salgemma, dalle quali la materia veniva
prelevata in grandi blocchi, e la raccolta da giacimenti geologici di origine
marina, fluviale, lacustre o termale. Lesistenza di importanti miniere tra
il Marocco e il deserto del Sahara, per es., esplicitamente indicata da
Erodoto; descrivendo la grande distesa di sabbia estesa fino alle Colonne
dErcole, egli ricorda la distribuzione nella regione di numerose miniere,
distanziate ogni dieci giorni di viaggio (IV, 185, 1-3).

Tra i metodi artificiali, quello pi impiegato si concretizzava


nelledificazione di stabilimenti di lavorazione costieri. Nonostante la
loro importanza e le condizioni geomorfologiche e climatiche ottimali,
le installazioni antiche nel Mediterraneo, soprattutto quelle preromane,
non sono oggi ben documentate (anche a causa della loro scarsa visibilit
archeologica). Esse, tuttavia, erano probabilmente costruite secondo modalit
non troppo differenti da quelle attuali (i confronti sono assai numerosi, come
nel caso delle saline Infersa, antistanti lisola fenicia di Mozia): sistemati
lungo le pianure litoranee, gli impianti dovevano articolarsi in una serie di
canali che conducevano lacqua marina in bacini, in genere di dimensioni
ridotte e poco profondi; durante il passaggio, il sole e la brezza facilitavano
il processo di evaporazione, che, a sua volta, determinava laumento
progressivo del grado di salinit, consentendo, al termine del percorso, la
formazione di croste nelle vasche di raccolta. Il sistema, sfruttando la forte
esposizione al sole e ai venti, doveva essere praticato soprattutto tra i mesi di
aprile/maggio e di settembre/ottobre.
Altra tecnica indiretta, di nuovo segnalata dalle fonti, quella della
lisciviazione; il sale, cio, veniva ottenuto grazie al lavaggio della sabbia
depositata sui litorali, in grandi estensioni, a seguito dellazione delle maree.
Una volta prelevata e trattata la rena con acqua dolce, la soluzione ottenuta
veniva riscaldata, in modo da portare allevaporazione e alla conseguente
precipitazione del sale. Tale metodo, quindi, necessitava non solo di condizioni
ambientali favorevoli (con maree forti e regolari), ma anche, e soprattutto, di
impianti specifici allottenimento di calore in loco, quali caldaie e forni.
Tra le popolazioni antiche pi coinvolte nella produzione e nel commercio
del sale, i Fenici dovettero certamente ricoprire un ruolo di primo piano,

Il sale, le saline e la salagione

Un paesaggio, questo, che trova alcune suggestioni nellodierna Algeria,


presso la piana dellAmadror e, soprattutto, nella zona a sud di Costantina
(Cirta): qui, verso il Medracen e Batna, si apre la regione dei Chott (i
laghi salati: Chott Melrhir, Sebkha Mekerrhane, Sebkha Azzel-Matti, Chott
Merouane, Chott ech-Chergui) con, in particolare, ilnoto Chott el-Hodna.
Si tratta di un bacino di circa 1.100 km, collocato a 400 m di altitudine e
formatosi nella regione in cui convergono le acque dellAtlante Sahariano a
sud e quelle dellAtlante Telliano a nord. In estate, quando larea secca, si
formano croste di sale a causa del forte e veloce processo di evaporazione;
nelle sue vicinanze, non a caso, stata riconosciuta la presenza di
insediamenti antichi. Peraltro, vicino alle gole dellEl-Kantara, a sud-ovest
di Costantina e a occidente della catena dellAures (le porte del Sahara), si
trova il Djebel Melah, significativamente la montagna di sale.

111

Giuseppe Garbati

considerate, del resto, la dislocazione e la conformazione di molti


insediamenti, nonch la loro forte proiezione verso il mare; Luciano, per es.,
ricorda che i mercanti fenici raggiungevano il Mar Morto per il commercio
del pesce salato (Tox., 4), mentre Strabone (III, 5, 11), in relazione ai traffici
organizzati nelle estreme regioni occidentali del Mediterraneo, ci informa
che navi fenicie, forse da Cadice, scambiavano il sale con le pelli, lo stagno
e il piombo prodotti dagli indigeni delle Cassiteridi (da identificare con le
isole britanniche).
2
Base di una colonna
in bronzo con
iscrizione in latino,
greco e punico, da
San Nicol Gerrei,
loc. Santu Iacci.
Met del II sec. a.C.
Cagliari, Museo
Archeologico
Nazionale.

112

In Oriente (Cipro) come in Occidente (Sardegna, Cartagine), lepigrafia, a


sua volta, documenta lesistenza in et recente (IV-II sec. a.C.) di funzionari
specializzati nel controllo delle saline, rendendo esplicita la necessit della
messa a punto di un sistema di gestione alluopo. Anche la monetazione
coloniale sottolinea limportanza delle attivit connesse alla produzione
del sale e al suo utilizzo: alcune serie di Cadice, Sexi, Abdera in Spagna, di
Tingis e Lixus in Nord Africa e di Solunto in Sicilia, datate nel complesso
tra la fine del III e il I sec. a.C., presentano sul rovescio la figura del tonno
e sul dritto quella di una divinit maschile da identificare, almeno in alcuni
casi (specificamente negli esemplari iberici), con Eracle/Melqart; le monete
sembrano cos proiettare la pesca e di fatto limpiego del sale ad essa
correlato (per la salagione e per lottenimento di salse) sotto la tutela del
dio pi rappresentativo dellespansione fenicia e del relativo dinamismo
commerciale.
Linsieme dei dati ricordati, tuttavia, si colloca in et avanzata ed per
lo pi da riferire al mondo delle colonie; rimane molto difficile, pertanto,
ricostruire la storia e le componenti della struttura amministrativa posta a
monte delle attivit inerenti alluso e alla vendita del sale; e se possibile
ipotizzare un primo ruolo di controllo da parte dei templi (di cui rimane
uneco nelle serie monetali), plausibile che in Occidente la gestione del
monopolio, con limposizione di Cartagine, abbia assunto gradualmente

Sulla base dei dati archeologici, la regione del Mediterraneo fenicio che
costitu uno dei punti pi importanti per lapprovvigionamento, luso
e il commercio delloro bianco quella dello Stretto di Gibilterra;
nellarea il reperimento della materia era profondamente legato alla
ricordata, fiorente, industria della trasformazione e del traffico del
pescato, fondamentale anche per lintrattenimento delle relazioni
culturali e mercantili con le popolazioni locali. Peraltro, la zona, e in
particolare larcipelago delle Canarie, doveva mostrarsi particolarmente
favorevole allo scopo, grazie alle migrazioni stagionali di alcune specie
marine, il tonno in primis, necessarie alla realizzazione di prodotti molto
richiesti, quali il garum. Non a caso, le ricerche pi recenti hanno messo
in evidenza lesistenza di importanti stabilimenti punici di salagione
sia sulle coste meridionali della Spagna, in particolare nel territorio
gaditano (per es., presso il Teatro Andaluca nellisola di Erytheia), sia,
pur con minore rilevanza archeologica, in quelle del Marocco atlantico
(Kouass, Lixus).
Una delle fabbriche meglio conosciute quella iberica di Las Redes (Puerto
de Santa Mara, Cadice), utilizzata tra lultimo trentennio del V e la fine
del III sec. a.C. Limpianto era costituito da un ampio edificio pressoch
quadrangolare, suddiviso internamente in cinque ambienti, ognuno
adibito a una funzione specifica nel processo del trattamento del pescato.
Particolarmente interessante la pertinenza al complesso di un magazzino,
nel quale erano conservati gli strumenti e le attrezzature per la salagione e
per la pesca.
Pi a oriente, infine, le attivit dello Stretto dovevano probabilmente
integrarsi con quelle degli stabilimenti della costa algerina; oltre al caso di
Mersa Madakh, alcune testimonianze provengono dal territorio di Arzew:
se a Portus Magnus sono attestate vasche di salagione o di lavorazione
della porpora, a circa 20 km da Bethioua (Orano) sono note alcune saline
ancora oggi chiamate El-Malah e collocate in prossimit dellattuale strada
nazionale che conduce ad An Tmouchent; significativo che dalla citt
provengano materiali di tradizione punica, tra cui alcune stele.

Il sale, le saline e la salagione

una veste statale (forse ancor pi centralizzata con lavvento dei Barcidi,
in particolare in Spagna), senza escludere, naturalmente, la contemporanea
partecipazione di societ private. Daltra parte, la progressiva emergenza
di una supervisione cartaginese e lo sviluppo di un servizio professionale
specifico vanno forse rinviati al carattere industriale che la produzione di
sale e lindustria del pescato dovettero assumere a partire almeno dalla fine
del VI-V sec. a.C.

113

Giuseppe Garbati

114

Bibliografia
M. Ponsich M. Tarradell, Garum et industries antiques de salaison dans la
Mditerrane occidentale, Paris 1965.
R. tienne, propos du garum sociorum: Latomus, 29 (1970), pp. 295-313.
L.-I. Manfredi, Melqart e il tonno: Studi di Egittologia e di Antichit Puniche, 1
(1987), pp. 67-80.
L.-I. Manfredi, Le saline e il sale nel mondo punico: Rivista di Studi Fenici, 20
(1992), pp. 3-14.
G. De Frutos Reyes . Muoz Vicente, La industria pesquera y conservera
pnico-gaditana: balance de la investigacin. Nuevas perspectivas: Spal, 5 (1996),
pp. 133-165.
P. Bartoloni, I Fenici e il sale: R. Vento (a cura di), Lindustria del sale marino in
Sicilia. Antiche strutture e futuri sviluppi, Alcamo 1997, pp. 11-16.
J.C. Carrera Ruiz J.L. de Malaria Escudero J. Vives-Ferrndiz Snchez, La
pesca, la sal y el commercio en el Crcuito del Estrecho. Estado de la cuestin:
Gerin, 18 (2000), pp. 43-76.
P. Laureano, Sahara. Oasi e deserto, Firenze 2001, pp. 95-100.
AA.VV., I Conferencia Internacional sobre la Historia de la pesca en el mbito del
Estrecho (El Puerto de Santa Mara, 1-5 junio 2004), Sevilla 2006.
A.C., Fariselli, Saline e salagione nellOccidente fenicio-punico e romano:
C. Del Vais (a cura di), In piscosissimo mari. Il mare e le sue risorse tra antichit e
tradizione (Cabras, 11 febbraio-30 giugno 2006), Iglesias 2006, pp. 30-32.
E. Acquaro B. Farfaneti, Lindustria e lartigianato. La porpora e la salagione
(= Quaderni di archeologia e antropologia. Temi di archeologia punica-IV),
Lugano 2007.
L. Campanella, Il cibo nel mondo fenicio e punico dOccidente, Pisa-Roma 2008 (in
partic. pp. 22-31; 82-84).

PRODUZIONE E MANIFATTURA
I metalli: dalla miniera alla produzione manifatturiera
Lorenza-Ilia Manfredi

Le monete preromane dei musei nazionali algerini


Amel Soltani

Due oggetti punici in bronzo conservati al Muse National


des Antiquits
Nama Abdelouahab

Il sale, le saline e la salagione


Giuseppe Garbati

La lavorazione della porpora e dei tessuti


Tatiana Pedrazzi

Tatiana Pedrazzi

ellimmagine dei Fenici trasmessaci dallantichit ampio risalto ha


la fama raggiunta da questo popolo nel campo della tessitura e della
colorazione delle stoffe con la porpora. Il colore rosso-porpora, impiegato
largamente nellindustria tessile fenicia del I millennio a.C., assunse ben
presto in tutto il mondo mediterraneo una valenza peculiare, quale simbolo
della regalit e insegna della dignit sacerdotale, un carattere distintivo che
ha poi mantenuto nel corso dei secoli.
Nel mondo antico, i Fenici erano a tal punto rinomati per la lavorazione
della porpora da derivare il proprio nome collettivo nella forma ad esso
attribuita dai Greci dal vocabolo indicante il rosso (phoinix, in greco).
Del resto, anche letnonimo Cananei, che a partire almeno dallet del
Bronzo Medio designava la popolazione residente nellarea siro-palestinese,
traeva probabilmente origine, a sua volta, da una radice avente un analogo
significato, se corretta la derivazione del nome Canaan da un termine
accadico indicante il rosso-porpora (kinakhkhu).

Le fonti testuali recano alcuni accenni sullimportanza della produzione nel


mondo fenicio di vesti pregiate e tessuti (in lana, lino e bisso) variopinti, la
cui colorazione derivava principalmente dalla porpora marina, ma in una
certa misura anche da pigmenti di altro tipo, di origine vegetale o estratti
da insetti parassiti delle piante, come nel caso dei pigmento rosso del
kermes (tratto dal Kermes vermilio), analogo alla cocciniglia (derivata dal
Dactylopius coccus) utilizzata da Maya e Aztechi.

116

Si deve purtroppo segnalare la mancanza di fonti fenicie dirette


sullargomento, ma tale lacuna parzialmente colmata dalle attestazioni
relative allindustria tessile e alla porpora nelle fonti epigrafiche vicinoorientali della tarda et del Bronzo. I testi alfabetici di Ugarit (Siria)
riportano termini relativi ai materiali impiegati nella tessitura (lana, lino)
e al personale addetto (tosatori, filatori, tessitori, follatori). Inoltre sono
presenti termini riferibili alle tinture (porpora di due gradazioni di colore
azzurro-violetto, iqnu, e rosso intenso, phm) e ai materiali da cui i pigmenti
sono estratti (conchiglie di vario tipo e una pianta identificata con la Rubia
Tinctorum). Gli annali assiri ricordano, fra i tributi provenienti dalla Siria e
dalla Fenicia, vesti e tessuti variopinti.
NellAntico Testamento si menziona un artigiano specializzato nella
lavorazione delloro, dellargento, del bronzo, del legno e della pietra,
ma anche dei filati di bisso, della porpora violetta e di quella scarlatta (2
Cronache, 2, 13-14), inviato dal re Hiram di Tiro al re Salomone. Il tessuto,
tinto di porpora, era utilizzato per la cortina di stoffa collocata allinterno del

Il valore delle vesti tinte di porpora sottolineato


a pi riprese anche nei testi omerici, in cui i
mantelli purpurei sono associati a re ed eroi.
NellIliade, Agamennone porta in mano un ampio
manto purpureo (porphyreon mega pharos, Il., VIII,
221), mentre Nestore indossa un mantello di porpora, di
lana (chlainan phoinikoessan, Il., X, 133-134); i pepli
variopinti (pampoikila) della regina Ecuba sono stati portati
direttamente da Sidone (Il., VI, 289-291). NellOdissea,
Ulisse nasconde le lacrime dietro al suo grande mantello
purpureo (porphyreon mega pharos, Od., VIII, 84) e
indossa un manto purpureo (chlainan porphyreen, Od.,
XIX, 225-226). Come si vede, i termini greci sono
ricollegabili a due diverse radici, phoinik- e porphyr(da cui il latino purpura).
I testi greci tardi riferiscono versioni diverse del
mito della scoperta della porpora, attribuendo il primato
inventivo agli abitanti di Tiro. Il racconto di Achille Tazio
(Leucippe e Clitofonte, II, 11) narra che il cane di un
pastore di Tiro, stringendo fra i denti alcune conchiglie
trovate sulla riva, si macchi il muso di un colore rosso
intenso; credendolo ferito, il pastore cerc di lavare il
sangue con acqua di mare, con leffetto di rendere il
rosso ancor pi brillante. Luomo allora intinse un
batuffolo di lana in una delle conchiglie e scopr
cos i segreti della porpora derivata dai molluschi.
Lorigine fenicia della leggenda confermata

1
Elaborazione
grafica di
vari tipi di
conchiglie di
molluschi del
genere Murex.

La lavorazione della porpora e dei tessuti

tempio di Gerusalemme (2 Cronache, 3, 14). Lesistenza


di almeno due distinte gradazioni del color porpora
evidente anche dalluso, nel testo biblico, di un vocabolo
ebraico (tekhelet) indicante la porpora azzurro-violetta
(hyakinthinos, nella traduzione dei Settanta)
e di un altro termine (argaman) che designa
la porpora tiria, di colore rosso-scarlatto.
Lassociazione specifica della porpora
con la citt di Tiro confermata da un passo
di Ezechiele (XXVII, 7), in cui si menzionano
entrambe le gradazioni della tintura (giacinto e
scarlatto) e si fa riferimento anche al lino proveniente
dallEgitto.

117

Tatiana Pedrazzi

118

dallattestazione sulle monete di Tiro, a partire dal V sec. a.C., delleffigie


del cane e del murex, la conchiglia della porpora.
Le fonti latine, e in particolare la Naturalis Historia di Plinio il Vecchio,
forniscono informazioni sulle modalit antiche di tintura con la porpora.
Secondo Plinio (Nat. Hist., IX), la porpora pi apprezzata nel Mediterraneo
era proprio quella tiria; era prodotta in vasi di piombo, con laggiunta di
acqua e sale. I gasteropodi del genere Murex, a conchiglia monovalve, erano
pescati con reti e nasse, allinizio della primavera. Le conchiglie venivano
poi frantumate, perch dalla ghiandola ipobranchiale dei molluschi
fuoriuscisse un liquido; infine la poltiglia era lasciata a macerare, secondo
Plinio, con il sale. Dopo tre giorni, il liquido secreto dal mollusco veniva
riscaldato in bacini di piombo. Secondo gli studi attuali, si ipotizza che
il materiale usato per i contenitori fosse piuttosto lo stagno, dal momento
che Plinio fa riferimento a un piombo bianco; inoltre, quello che lautore
latino definisce sale deve essere inteso come nitro, in alternativa al quale
si poteva usare anche la cenere di legno: questi ingredienti esercitavano,
insieme allo stagno del contenitore, unazione riducente, necessaria per
rendere attiva la tintura. In seguito alla bollitura, la poltiglia era poi filtrata
e infine si poteva dare avvio allimmersione della fibra tessile nel liquido
ottenuto, forse incolore.
La colorazione rosso-violetta compariva sui tessuti al momento del
contatto con laria, per lossidazione. Fin dagli inizi del Novecento stata
individuata la struttura chimica del principio colorante della porpora tiria;
si tratta del 6:6 dibromoindigotina. Le analisi sulla resistenza di questo
pigmento agli effetti della luce hanno mostrato che esso pi resistente (e
il colore dunque pi duraturo) impiegandolo sulla lana. Molti esperimenti
sono stati compiuti anche sui vari molluschi utilizzati (Murex brandaris,
Murex trunculus e Thais haemastoma), per cercare di collegare le diverse
gradazioni della tinta ai vari molluschi.
Le limitate testimonianze archeologiche relative alla produzione della
porpora sono costituite essenzialmente da cumuli di conchiglie, nei settori
periferici degli insediamenti, come nel caso della collina dei murici di
Sidone. La dislocazione periferica era una scelta obbligata, a causa dei
miasmi provocati dalla macerazione. Murici sono stati individuati a Sarepta,
nel settore industriale, in un contesto databile al Bronzo Tardo, vicino a
una giara con una patina rossastra allinterno; le analisi spettrometriche
hanno confermato che la giara conteneva porpora. In alcuni siti sono state
individuate installazioni (bacini e vasche in pietra) forse connesse con la
lavorazione della porpora e la tintura dei tessuti.

La lavorazione della porpora e dei tessuti

Spesso le tracce dellindustria della porpora compaiono insieme agli


indicatori archeologici della tessitura. La produzione dei tessili avveniva
utilizzando telai che potevano essere di tipo orizzontale, fissato al terreno,
oppure di tipo verticale, con pesi a sostenere lordito (o, in alternativa,
con doppia travatura). Il telaio verticale a pesi era quello usato anche dai
Fenici. Lindustria tessile, che si basava essenzialmente sulla lana e in
parte sul lino egiziano e sul bisso, non prevedeva solo le fasi della filatura
e della tessitura, ma anche le operazioni di finissaggio, che precedevano
leventuale colorazione delle stoffe. Erano gli specialisti a svolgere le
operazioni di pulitura, follatura, lavaggio, spazzolatura e pressatura dei
tessuti. Mentre in ambito domestico la filatura e la tessitura erano affidate
alle donne, la produzione tessile industriale, invece, doveva essere unattivit
prevalentemente maschile.
La compresenza, negli stessi settori, delle attivit di tessitura e di lavorazione
della porpora attestata in alcuni siti siro-palestinesi dellet del Ferro. A
Beirut, nel quartiere portuale di et persiana, i murici erano non distanti
dagli strumenti per la tessitura. A Tell Keisan, in Galilea, accanto a resti di
murici e vasche per la tintura sono stati rinvenuti pesi da telaio e fusaiole.
Le scoperte di Tell Beit Mirsim e di Tell Miqne/Ekron, in area palestinese,
hanno permesso di individuare, inoltre, una possibile connessione fra le
attivit tessili e la produzione dellolio doliva. Secondo alcuni studiosi, i
vasconi in pietra che fungevano da frantoi per le olive potevano essere usati
in altri periodi dellanno per la porpora.
In Occidente, depositi di murici sono stati individuati a Cartagine (dove
probabilmente la colorazione con la porpora non riguardava solo i tessili
ma anche il cuoio) e a Toscanos, in associazione con lindustria tessile.
A Cartagine erano in uso pesi da telaio in argilla e in pietra, che attestano
limpiego del telaio verticale. La produzione tessile della metropoli punica
era assai rinomata, tanto che gli autori classici menzionano vesti e mantelli,
ma anche tappeti e coperte di grande pregio. Le iscrizioni cartaginesi
ricordano il mestiere del follatore, uno specialista che si occupava di
sgrassare e di compattare i tessuti, bagnandoli con acqua calda, sfregandoli
e pressandoli.
In Algeria, nella zona dei golfi di Orano e di Arzew, sono attestate attivit
connesse alla lavorazione della porpora. In particolare, nel sito romano
di Portus Magnus, sono state ritrovate vasche che potrebbero essere
state utilizzate per la macerazione dei murici o la tintura dei tessuti, o in
alternativa per la salagione del pescato. A Les Andalouses, oltre a resti di
installazioni per la produzione dellolio di oliva, sono attestati anche cumuli

119

Tatiana Pedrazzi

120
di murici, che testimoniano il coinvolgimento degli abitanti nellindustria
della porpora.

2
Vasca per la
preparazione
della porpora.
Arzew, lantica
Portus Magnus.

Anche in prossimit dello Stretto di Gibilterra erano pescati i murici e


prodotta la porpora, fino a et romana, come attestato per es. da unanfora da
Cartagena, contenente ben 3 kg di murici frantumati. Inoltre, la produzione
del pigmento rosso africano era nota agli autori latini, che menzionano
la tintura tratta dal murice getulo, celebrandola come una fra le quattro
migliori porpore al mondo (Plinio, Nat. Hist., IX, 61).

La lavorazione della porpora e dei tessuti

Fra le produzioni tessili, una delle pi ricercate quella del bisso, derivato
da un mollusco marino bivalve, la Pinna nobilis, che produce filamenti
adatti a essere lavorati tramite cardatura e filatura, fino a ottenere un filato
assai sottile e resistente. La pesca dei molluschi del bisso era analoga a
quella dei murici. Una volta estratto il filamento, il processo di lavorazione
comprendeva varie fasi, fino alla tessitura e poi alla colorazione, spesso con
la porpora. La Pinna nobilis si trova in tutto il Mediterraneo ed ben nota
lungo il litorale algerino. Nella Sardegna sud-occidentale, proprio nellarea
in cui erano sorte le colonie fenicie, la pesca della Pinna nobilis port allo
sviluppo di un fiorente artigianato del bisso. La produzione del bisso, in
area mediterranea, declin quando il prezioso filato venne sostituito dalla
seta, derivata dai bachi, introdotta a Costantinopoli dallEstremo Oriente
intorno al 500 d.C.
Il primato inventivo dei Fenici nella lavorazione della porpora messo oggi
in discussione dalle scoperte archeologiche in area cretese, poich proprio
nel mondo minoico sembra essersi sviluppata la pi antica produzione
della porpora, a partire dalla met del II millennio a.C. Tuttavia, i Fenici
contribuirono pi di tutti gli altri a rendere la porpora nota e richiesta in
tutto il Mediterraneo, fino al IV sec. d.C., momento a partire dal quale
inizi il declino irreversibile del pigmento di origine marina. Bench
ancora allepoca di Carlo Magno vi siano notizie dellimportazione della
porpora dal Libano, in et medievale questo pregiato colorante smette
ormai definitivamente di essere prodotto, lasciando il posto ad altri tipi di
pigmento. Il colore rosso-porpora, tuttavia, rester segno di distinzione e di
rango, in ambito religioso e regale, fino alle soglie dellet contemporanea.
Bibliografia
M.C. Astour, The Origin of the Term Canaan, Phoenician, and Purple:
Journal of Near Eastern Studies, 24 (1965), pp. 346-350.
J.E. Doumet, tudes sur la pourpre ancienne, Beyrouth 1980.
S. Ribichini P. Xella, La terminologia dei tessili nei testi di Ugarit, Roma 1985.
P. McGovern R.H. Michel, Royal Purple Dye. Its Identification by
Complementary Physicochemical Techniques: MASCA Papers, 7 (1990), pp. 69-76.
S.M. Cecchini, Tessitura: M.G. Amadasi Guzzo et alii (a cura di), Dizionario della
Civilt Fenicia, Roma 1992, pp. 208-209.
P. Xella, Porpora: M.G. Amadasi Guzzo et alii (a cura di), Dizionario della Civilt
Fenicia, Roma 1992, pp. 167-170.
R.R. Stieglitz, The Minoan Origin of Tyrian Purple: Biblical Archaeologist, 57
(1994), pp. 46-54.
J.E. Doumet, De la teinture en pourpre des Anciens par lextraction du produit
colorant des Murex Tronculus, Brandaris et des Purpura Haemastoma: National
Museum News, 9 (1999), pp. 10-18.

121

Tatiana Pedrazzi

122

A. Mederos Martn G. Escribano Cobo, Mare purpureum. Produccin y


comercio de la prpura en el litoral atlntico norteafricano: Rivista di Studi Fenici,
34 (2006), pp. 71-96.
L. Peyronel, Il ruolo della porpora nellindustria tessile siro-palestinese del Bronzo
Tardo e dellet del Ferro. Le evidenze storico-archeologiche dei centri costieri:
Rivista di Studi Fenici, 34 (2006), pp. 49-70.
E. Acquaro B. Farfaneti, Lindustria e lartigianato. La porpora e la salagione
(= Quaderni di archeologia e antropologia. Temi di archeologia punica IV),
Lugano 2007.
J.E. Doumet, La pourpre: AA.VV., La Mditerrane des Phniciens de Tyr
Carthage, Paris 2007.
I.I. Ziderman, The Biblical Dye Tekhelet and its Use in Jewish Textiles: Dyes in
History and Archaeology, 21 (2008), pp. 36-44.

ASPETTI DELLA SOCIET


E DELLA VITA QUOTIDIANA
Lorganizzazione amministrativa nellAlgeria punica
Lorenza-Ilia Manfredi

La lingua, lonomastica e la toponimia


Paolo Xella

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica


allesercito di Cartagine
Giovanni Brizzi

Lorenza-Ilia Manfredi

a societ punica era prevalentemente guidata da unaristocrazia


costituita da armatori, commercianti e proprietari terrieri che
detenevano il potere politico e la potest giudiziale. Laccesso alle cariche
pubbliche era determinato dal censo e dalla nascita, come indica ancora nel
148-118 a.C. lepigrafe rinvenuta a Djebel Massoudj (Tunisia), dove un
nobile personaggio numida del regno di Micipsa porta il titolo di colui che
sta sopra i territori di Tusca. Il titolo, che trova riscontro in uniscrizione
fenicia di Cipro del 345-315 a.C., evidenzia la natura amministrativa della
carica riservata ai membri della nobilt ed lattestazione pi esplicita, in
Africa, della suddivisione in unit territoriali con a capo un governatore.
Dal V sec. a.C. la massima magistratura di Cartagine rappresentata dal
sufetato, appannaggio delloligarchia, che vi accedeva per elezione da
parte dellassemblea del popolo (m) formata da cittadini cartaginesi di pieno
diritto. Tra le prerogative dellufficio: la possibilit di diventare presidenti
del senato (Diodoro, 25, 16); il potere di convocare la stessa assemblea di
cui erano membri (Livio, 30, 7, 5); di presentare allassemblea gli affari da
discutere (Festo Pompeo, s.v. sufes); di giudicare (Livio, 34, 61, 15) e, forse
sino alla fine del IV sec. a.C., di nominare i comandanti militari.
Dal IV sec. a.C. le fonti documentano a Cartagine la presenza di due sufeti
eponimi, eletti annualmente tra i membri dellassemblea del popolo che, dal
IV-III sec. a.C., diventano unistituzione attestata in tutto il Mediterraneo
punico in modo anche pi rilevante dellassemblea alla quale appartenevano.
La diffusione della carica, a partire dal III sec. a.C., sembra evidenziare il
ruolo determinante dei sufeti come organo di controllo delle citt nei territori
provinciali sottoposti al dominio di Cartagine.

124

I sufeti sono attestati nellAlgeria antica esclusivamente nella regione


di Costantina, in una stele del tofet di Cirta (Costantina) del II sec. a.C.
e in una pi tarda iscrizione di Gadiaufala (Ksar Sbehi), un importante
centro nellarea della produzione cerealicola in connessione con Thibilis
e Cirta stessa. Se si ritiene plausibile che la carica dei magistrati sia la
romanizzazione del sufetato, la magistratura anche documentata a Calama
(Guelma) e Cirta fino al III sec. d.C.
A partire dal II sec. a.C. e fino al II sec. d.C. i sufeti, come supremi
magistrati civili, sono attestati in quarantuno centri distribuiti in tutto
il territorio nordafricano, dalla Tripolitania alla regione dello stretto di
Gibilterra. La persistenza della carica fino in epoca imperiale, attribuita a
personaggi che portano ancora nomi punici e libici, solleva linterrogativo
sulla natura giuridica della magistratura in epoca romana. Tali notabili

Lorganizzazione amministrativa nellAlgeria punica

locali sono probabilmente da intendersi come gli ultimi depositari della


cittadinanza punica concessa anche alle popolazioni indigene; o per meglio
dire, per i Romani non esisteva alcuna differenza giuridica tra i due gruppi
etnici. Uno dei principali problemi metodologici , quindi,
quello di comprendere quanto di punico sia rimasto in questo
fenomeno di attardamento provinciale e fino a che punto le
magistrature municipali romane rispecchino la precedente
organizzazione cartaginese.
Il sufetato del II sec. d.C. ha certamente caratteristiche e
finalit diverse e, per un certo verso, non paragonabili a quello
del V sec. a.C., ma la sua presenza in aree che in epoca
punica hanno svolto un ruolo importante nellorganizzazione
di Cartagine non pu essere liquidato come un mero
provincialismo. Inoltre, emerge con evidenza che la
persistenza distituzioni puniche, trasformate e probabilmente
svuotate dei contenuti ritenuti maggiormente eversivi, fu uno
strumento di romanizzazione molto efficace. Il processo che vede anche dal
punto di vista lessicale la possibile trasformazione dei sufeti in magistrati e
dei blm in principes uno degli esempi pi significativi.
Come gi evidenziato, i sufeti erano membri dellassemblea del popolo
(m) che a partire dal V sec. a.C. aveva il valore di istituto statale, come
collegio di magistrati con poteri civili e/o militari, nellassemblea deliberante
di Cartagine, nei centri punici e nelle strutture templari provinciali,
nellesercito. Profondamente diversa per natura, funzione ed evoluzione
rispetto allassemblea del popolo lassemblea dei blm i signori, un
istituto con un pi spiccato carattere civico, che assume un ruolo di rilievo
a partire dal V sec. a.C. in tutto lOccidente. La valenza strettamente legata
allautonomia cittadina trova riscontro nelle scelte iconografiche adottate
nelle monete autonome delle singole citt che documentano la carica, nelle
quali dominanti sono i richiami alla tradizione civica e religiosa dei singoli
centri. In tale ottica, si pone lipotesi di equivalenza tra i blm e i principes
delle iscrizioni latine imperiali nordafricane, anche se non si pu escludere
che la carica dei principes, derivante dalla tradizione punica, abbia avuto
unaccezione generica di notabile meglio identificabile nei rbm i capi,
attestati ancora una volta nelle iscrizioni del tofet di Cirta.
Lassemblea del popolo non attestata nei testi punici dAlgeria, mentre i
blm e i principes, allo stesso modo dei sufeti, sono presenti a Cirta, Tigisi
(An el-Bordj) e Calama (Guelma) fino al II sec. d.C. Dalle dediche riportate
sulle stele dei tofet nordafricani risulta una interessante mobilit dei blm.

125

1
Elaborazione grafica
di una moneta della
zecca di Cirta,
II-I sec. a.C.
Costantina,
Muse National
Cirta.

Lorenza-Ilia Manfredi

Nel caso dellAlgeria antica, notabili di citt lontane come Siga (Takembrit),
la capitale del regno di Siface, e di centri probabilmente minori non
identificati, quali blt, bnkny gylzdr, hanno deposto i propri ex voto nel tofet di
Cirta, ma anche di Cartagine stessa.
Ancora pi interessante liscrizione nella quale il dedicante Abdeshmun,
figlio di Madir, il Cananeo del Carmelo si definisce cittadino di yrm. Il dato
riporta alla testimonianza di Procopio che parla di Cananei installati a Tigisi
(dove peraltro sono attestati i blm) e di SantAgostino il quale ricorda che
gli abitanti della regione di Hippo Regius si definivano, ancora nel V sec.
d.C., Cananei.
La documentazione epigrafica di Cirta ci fornisce interessanti dati anche
su altri funzionari dellamministrazione cartaginese, in particolare sono
attestati scribi (spr) e interpreti (mls). Gi nel primo trattato tra Roma e
Cartagine del 508 a.C. si specifica che nel Nord Africa e in Sardegna non
possibile concludere una transazione commerciale se non in presenza di
un araldo o di uno scriba. I testi di Cirta evidenziano anche la presenza di
scribi e di un capo degli scribi, a indicare lesistenza di un collegio di
scribi diretto da un capo che ricopriva sicuramente un ruolo importante
nella societ punica. Nelle iscrizioni del tofet di Cirta attestato un
personaggio che si definisce colui che sta sopra le fonti, che sembra
potersi interpretare come un funzionario preposto al controllo delle risorse
idriche, paragonabile forse al curator aquae romano, anche se non si pu
escludere una sua valenza religiosa.
Bibliografia

126

A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine, I-II,


Paris 1952-1955.
S.F. Bond, Il magistrato: J.A. Zamora (ed.), El hombre fenicio. Estudios y
materiales, Roma 2003, pp. 33-44.
C. Bonnet, Le scribe: J.A. Zamora (ed.), El hombre fenicio. Estudios y materiales,
Roma 2003, pp. 57-65.
M. Sznycer, propos des structures sociales et politiques de la cit punique
le rab et le sufte, le citoyen et l esclave: Actes du VIIe Colloque
International sur lHistoire et lArchologie de lAfrique du Nord, Tunis 2003, pp.
115-123.
S.F. Bond, La socit phnicienne lepoque perse: un modle pour le monde
punique?: Transeuphratne, 28 (2004), pp. 67-75.
R.M. Kerr, Mibil. A Latin Rreference to Punic Curie?: Die Welt des Orients, 36
(2006), pp. 83-93.

ASPETTI DELLA SOCIET


E DELLA VITA QUOTIDIANA
Lorganizzazione amministrativa nellAlgeria punica
Lorenza-Ilia Manfredi

La lingua, lonomastica e la toponimia


Paolo Xella

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica


allesercito di Cartagine
Giovanni Brizzi

Paolo Xella

e testimonianze dellantica cultura fenicio-punica


nellattuale territorio algerino sono soprattutto di
natura epigrafica. Si tratta di testi redatti in quella forma
del fenicio che si definisce usualmente neopunico
(ovvero tardo-punico, o anche punico corsivo).
Questo termine non fa riferimento a una classificazione
linguistica, ma a unevoluzione di tipo grafico: si tratta
in sostanza di una progressiva evoluzione di una scrittura
gi in origine corsiva, usata anche su supporti di tipo
monumentale, di cui abbiamo attestazioni nella metropoli
punica e tracce anche in Fenicia.
Dopo la conquista e la distruzione di Cartagine a opera
di Roma (146 a.C.), si registra il persistere della lingua,
oltre che della cultura punica in Nord Africa, anche
come idioma ufficiale impiegato accanto al libico, come

1
Stele con iscrizione
libica.
II sec. a.C.
Annaba, Museo.

128

dimostrano le non rare bilingui (per es. Cirta, ma cf.


anche altrove a Dougga, Maktar e altri siti). Unulteriore
forma di sopravvivenza del punico attestata anche dalle
iscrizioni cosiddette latino-puniche, nelle quali lalfabeto latino viene
adattato alla lingua parlata contemporanea. Lultima iscrizione neopunica
che si possa datare unepigrafe da Leptis Magna del 92 d.C., ma fino al
IV sec. si scrivono le latino-puniche e fino almeno al V sec. si continua a
parlare il punico.
Non poche sono le testimonianze di autori latini che confermano questo
fenomeno. Tra gli altri, Apuleio di Madaura (Apol., 98) racconta di un tale
che parlava solo punico e conosceva qualche parola di greco che gli aveva
insegnato sua madre, ma non sapeva n voleva parlare latino. Arnobio (Patr.
Lat., 53, 481) afferma che ancora al suo tempo presso i Garamanti (cio,
in Tripolitania) era in uso la lingua punica e un altro padre della chiesa,
SantAgostino, fornisce a pi riprese materiali linguistici e testimonianze che
attestano questo perdurare dellidioma cartaginese tra le genti nordafricane.
Emblematica in questo senso la coscienza di unidentit specifica da
parte di umili agricoltori attestata dal padre della chiesa in un brano famoso
tratto da una delle sue epistole (Epistolae ad Romanos inchoata expositio,
in Patr. Lat., 35, 2096). Qui si racconta che, a cavallo tra IV e V sec. d.C.,
Valerio, vescovo di Ippona e predecessore di Agostino, sentisse alcuni
contadini africani parlare tra loro e pronunciare tra le altre la parola salus.
Allora Valerio chiese loro cosa significasse e gli fu risposto che significava
tre. Valerio, da buon cristiano, si rallegr intravedendo con un po di

La lingua, lonomastca e la toponimia

fantasia un rapporto tra salus 3, cio la Trinit, e la salvezza (lat. salus). In


realt, si trattava semplicemente del numerale 3 in punico. A questo punto
i contadini, interrogati sulla loro origine, avrebbero risposto, in punico, che
erano cananei.
Venendo alle caratteristiche principali del neopunico, un corsivo
originariamente usato per scrivere su supporti come papiri e ostraca e
che tende alla semplificazione (per es., la het diminuisce i tratti da 5 a 3),
assai tipico il progressivo indebolimento delle laringali (o gutturali) e
delle faringali, che cessano di essere pronunciate. I grafemi che rendono
tali consonanti, insieme a waw e yod, sono usati con funzione vocalica: si
tratta di un fenomeno che comincia a manifestarsi gi nel punico, ma che in
neopunico diventa praticamente la norma.
In particolare, si danno qui di seguito le corrispondenze tra le lettere e le
vocali che esse rendono:

Alef > e, o/u


He > a
Waw > u
Het > a
Yod > i
Ayin > a.

Dal punto di vista grafico, il neopunico pone


difficolt rilevanti di lettura agli epigrafisti
soprattutto per la somiglianza e a volta coincidenza
tra alcune lettere (per es., la serie beth daleth
resh, spesso indistinguibili tra loro); ma anche alef e
mem a volte si assomigliano, cos come zain e shin
e anche nun e taw. Oltre a ci, le caratteristiche del
neopunico impediscono di usare questa scrittura a
fini paleografici: i testi possono essere datati con
precisione solo quando riportano essi stessi formule
di datazione o forniscono elementi di identificazione
storica (come nomi di sovrani numidi).
Il corpus delle iscrizioni algerine presenta una tipologia abbastanza limitata
e testi in prevalenza stereotipi: votivi, funerari, di fondazione. Laddove
le epigrafi contengano formulari conosciuti, esse possono essere tradotte
abbastanza agevolmente, ma in altri casi, specie quando si tratti di testi pi
lunghi e articolati, le difficolt di lettura e di comprensione sono molto pi
ardue e talvolta insormontabili.

129

2
Stele con iscrizione
punica,
dal tofet di El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina, Muse
National Cirta.

Paolo Xella

Materiali epigrafici in lingua punica provengono da circa venticinque localit


algerine: Cirta/Costantina, An el-Kebch, An Youssef, Les Andalouses, Iol/
Caesarea-Cherchel, Arzew, Dellys, Gunugu-Gouraya, Calama-Guelma,
Henchir Bou Atfan, Hippo Regius-Annaba, Icosium-Algeri, Kef Bezioun,
Kef Smaar, Khallik, Kheneg, Ksiba Mraou, Macoma-Henchir el-Mergueb,
Mersa Madakh, Oudjel, Qalaat Abi s-Siba, Thagaste-Souk Ahras, SigaTakembrit, Cartennae-Tens, Rachgoun, Rusadir-Melilla, Rusicade-Skikda,
Tiffech, Tipaza-Tipasa, Tirekbine e Zarai-Zraa.
Da questa documentazione si possono dedurre alcuni dati (soprattutto dalle
iscrizioni del tofet di Cirta) di particolare importanza storico-linguistica
e religiosa: le formule di datazione in base agli anni di regno dei sovrani
numidi; le formule sacrificali che chiariscono in parte la terminologia
tecnica, nonch la tipologia e il sesso delle vittime; la vocalizzazione di
teonimi come quello della dea Tanit, o forse meglio Tinnit, reso appunto tynt
in punico e thinith o thenneith in greco; un vasto repertorio onomastico che

include, accanto a nomi punici e libici, anche antroponimi latini e greci.

Lonomastica personale semitica di tipo fenicio-punico classico, con


forme diffuse quali Mutunbaal, Abdeshmun, Bodmilqart, Gerashtart,
Adonibaal, e altri ancora. Numerosi sono i nomi latini resi in punico,
come Beatus (bt) Gaius (gy), Iulius (yl), Marcus (mrqh), Lucius (lqy)
o Numerius (nmry). Dal punto di vista storico-sociale, si nota talvolta la
frammistione, nelle genealogie, di nomi punici e libici e anche latini, che
testimonia la stratificazione di tradizioni nellambito di uno stesso ambiente
familiare.

130

Anche la toponomastica dAlgeria, infine, testimonia abbondantemente


linflusso della lingua e della cultura punica, specie, ma non esclusivamente,
per i centri costieri (Macomades, Rusicade, Cirta, Chullu, Rusazu,
Rusuccuru, Rusguniae, Icosium, Cartili, Cartenna ecc.), mentre toponimi
punici gi identificati o ancora ignoti sono attestati da autori greci, latini e
arabi anche in tarda epoca.
Bibliografia
F. Vattioni, SantAgostino e la civilt punica: Augustinianum, 8 (1968), pp. 433-467.
K. Jongeling, Names in Neo-punic Inscriptions, Groningen 1984.
J. Friedrich W. Rllig, Phnizisch-punische Grammatik. 3. Auflage, neu
bearbeitet von Maria Giulia Amadasi Guzzo unter Mitarbeit von Werner R. Mayer,
Roma 1999.
M. Sznycer, Le Punique en Afrique du Nord lpoque romaine daprs les

K. Jongeling R.M. Kerr, Late Punic Epigraphy, Tbingen 2005.


K. Jongeling, Handbook of Neo-punic Inscriptions, Tbingen 2008.

La lingua, lonomastca e la toponimia

tmoignages pigraphiques: S. Lancel (d.), Numismatique, langues, critures


et arts du livre, spcificit des arts figurs. Actes du VIIe Colloque international
runis dans le cadre du 121e Congrs des Socits historiques et scientifiques
(Nice, 21 au 31 octobre 1996), Paris 1999, pp. 171-180.

131

ASPETTI DELLA SOCIET


E DELLA VITA QUOTIDIANA
Lorganizzazione amministrativa nellAlgeria punica
Lorenza-Ilia Manfredi

La lingua, lonomastica e la toponimia


Paolo Xella

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica


allesercito di Cartagine
Giovanni Brizzi

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica allesercito di Cartagine

empre problematica a causa del carattere lacunoso e parziale delle fonti,


la ricostruzione dellapparato militare punico pare quasi impossibile ove
si cerchi di coglierne la presenza nelle regioni nordafricane di ponente o di
definire lapporto offerto da queste agli eserciti di Cartagine. Ci sia perch
come stato sottolineato spesso fluide e mutevoli appaiono le definizioni
offerte dagli autori antichi per le popolazioni ivi stanziate, sia perch
variabili nel tempo e difficili da definire si rivelano i limiti dellinfluenza di
Cartagine su questi territori, tanto quelli geografici relativi alla sua chora,
quanto e forse soprattutto quelli relativi allinfluenza politica della citt,
perch legati ai singoli periodi, e quindi alle particolari situazioni,
della storia punica.
Quasi inesistenti appaiono dunque i dati circa la presenza
militare fenicia e poi punica nella regione coincidente con
lAlgeria attuale. Solo Cartagine e solo in una fase
avanzata della sua storia sembra essere riuscita in parte
a controllarla; e ci attraverso rapide campagne deterrenti
che inducevano gli indigeni alla stipula di trattati, non
certo attraverso una presenza militare stabile. I rari
insediamenti fenici sul territorio hanno dunque il carattere
di punti di frequentazione e di scambio, non di colonie
militari.
Ben altro il discorso circa lapporto che questa terra
ha offerto alle armate puniche. Intendendo per Fenici i
nuclei () non cartaginesi () di diversa estrazione ()
[rispetto ai] ()rappresentanti di Cartagine (Bond 1990,
p. 278), per le forze di terra almeno il loro contributo,
ancora rilevante secondo Erodoto sul campo di Imera (VII,
65), dovette in seguito affievolirsi fino a cessare con il venir meno di una
coscienza politica interna che secondo un processo comune a tutte le poleis
del Mediterraneo coincise forse, peraltro, con linstaurarsi definitivo di
unegemonia esterna, quella di Cartagine. Lapporto dalla nostra regione
dovette, comunque, essere quasi inesistente fino dallinizio. Quanto ai
cosiddetti Libifenici, elemento non identificabile se non al prezzo di una
discussione impossibile qui, essi erano una componente di lite degli eserciti
di Cartagine o ricoprivano funzioni di comando; e ogni traccia di questo
elemento sembra a sua volta assente dal contesto che ci interessa.
Restano gli indigeni, allora. Se con il termine Libyes, privato del suo
valore puntuale di etnico, si definiscono gli autoctoni punicizzati residenti
sul territorio direttamente controllato da Cartagine, si pu escludere che

133

1
Stele con trofeo
militare,
dal tofet di El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina, Muse
National Cirta.

Giovanni Brizzi

esso comprendesse gli abitanti dellAlgeria attuale, i quali erano piuttosto


Numidi e Getuli.
Forse inevitabile, comunque, riferirsi ad un momento preciso: la fine
del III secolo a.C. Le fonti antiche identificano come Numidae un insieme
etnico composito, stanziato in una vasta regione a occidente di Cartagine,
estesa fino alla Mauretania; insieme per il quale
si sovrappose ad un nome forse di origine locale
la definizione generica di nomdes attribuita
ad alcuni popoli della Libia interna a causa del
loro stile di vita. In realt i Numidi presentavano
unarticolazione complessa, distinta in pi
nuclei minori; e, legati ad insediameni stabili,
con veri e propri centri urbani e una fitta rete
di villaggi (castella e pagi), disponevano
di uneconomia prevalentemente agricola.
Allepoca della seconda guerra punica essi
erano raggruppati in due entit tribali distinte,
i Massesili, che vivevano nella Numidia di
ponente, popolando il vasto territorio sulla
sinistra dellAmpsaga, dal Capo Treton, sulla
costa, fino alle terre dei Mauri, e i Massili,
ad oriente di questi. Le due trib erano allora
governate rispettivamente da Siface e prima
dai congiunti di Massinissa il padre Gaia e il
fratello Capussa poi, dopo un interregno, da
Massinissa medesimo, insediato da Scipione alla
testa del popolo intero.

134

2
Stele con iscrizione
punica raffigurante
armature, dal tofet di
El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina, Muse
National Cirta.

Con il termine Gaetuli le fonti antiche identificano invece, in apparenza, un


insieme etnico non molto coerente costituito da numerose trib stanziate in un
ampio territorio esteso dalla Grande Sirte libica allAtlantico, lungo le frange
meridionali dei territori dei Mauri e dei Numidi, tra le pendici dellAtlante
e dei monti dellAurs e le oasi del Sahara. Bench non mancassero
insediamenti stabili, lo stile di vita di queste popolazioni, organizzate in trib,
era nomadico o seminomadico; ed era legato prevalentemente ad attivit
pastorali, tra cui spiccava lallevamento dei cavalli.
Pur potendo fornire anche buone milizie leggere, vale a dire nuclei di
akontista, lanciatori di giavellotto utili ad es., come sul campo di Zama,
nella lotta contro gli elefanti, entrambe queste genti si distinguevano
soprattutto nella funzione di truppe montate. Abili e scaltri cavalieri, noti

Malgrado il loro armamento (ma anche quello getulico non doveva differire
di molto) si componesse esclusivamente di un piccolo scudo rotondo, di
alcuni giavellotti e probabilmente non di una spada, bens del temibile
coltello berbero, malgrado montassero cavalli senza morso n briglie,
i Numidi erano in grado il pi delle volte di avere la meglio anche su
cavallerie pesanti assai meglio armate. La loro particolare tattica ha colpito
gli autori latini al punto da alimentare uno dei falsi stereotipi sulla crudelt di
Annibale e da far nascere un hapax proverbiale in seno alla letteratura latina.

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica allesercito di Cartagine

per la loro bellicosit (Strab., XVII, 3, 2; 3, 9 e 3, 23; Plin., Nat. Hist., V,


5; 9 e 30) bench forse ancor meno disciplinati dei Numidi, erano i Getuli.
Ma formidabili erano soprattutto i Numidi: ricorda Livio (XXIV, 48, 5-8)
la gente dei Numidi assai poco esperta nel combattimento a piedi, abile
invece a cavallo soltanto. In questo modo, fino dalle origini del popolo, i
suoi antenati hanno fatto la guerra; in questo modo, fino dalla fanciullezza,
i Numidi sono abituati a combattere. Con i vicini (e militarmente simili)
Mauri, essi costituirono forse la miglior cavalleria leggera del mondo antico.

Secondo Valerio Massimo (IX, 2, ext. 2), il Cartaginese avrebbe avuto


labitudine di abbandonare ad una morte lenta i suoi prigionieri stanchi
di portar pesi e sfiniti per il lungo cammino, dopo aver tagliato loro la
parte anteriore dei piedi. Impossibile da accettare in questi termini,
laneddoto obbliga a qualche ulteriore considerazione; e soprattutto impone
il confronto con un particolare passo liviano. Durante la raccolta delle
spoglie, allindomani della vittoria di Canne, i vincitori scoprono sul campo
di battaglia (Liv., XXII, 51, 7) alcuni anche i quali giacevano a terra ancor
vivi, con i femori ed i garretti tagliati. Costoro scoprivano la nuca e la gola,
invitando i nemici a versare quanto del loro sangue restava.
Se, da un lato, lindiscutibile analogia tra le due circostanze (e, soprattutto,
fra le due forme di trauma) chiarisce lorigine dellaneddoto di Valerio
Massimo, dallaltro il riscontro di un tipo di ferita tanto particolare
riconducibile con certezza ad un preciso episodio della battaglia stessa.
Secondo il racconto di Livio (XXII, 48,1-4. Versioni alquanto diverse in
Zon., IX, 1; e App., Hann., 22) lo scontro sulla destra punica, l dove
i cavalieri alleati erano stati posti di fronte ai Numidi, si apr quasi
svogliatamente, dapprima, intrapreso nel segno di un punico inganno.
Poco prima dellinizio un contingente di Numidi finse infatti di disertare.
Cinquecento cavalieri circa galopparono verso le linee romane, avendo gli
scudi appesi dietro la schiena, in apparenza per proteggersi dai dardi dei
loro stessi compagni; in realt essi avevano oltre alle solite armi da difesa
e da getto delle spade celate sotto le corazze, con cui si proponevano, una

135

Giovanni Brizzi

volta iniziata la lotta, di assalire i nemici da tergo. Accolti nei ranghi


dei socii, vennero disarmati e, dopo esser stati superficialmente
perquisiti, furono schierati dietro la sinistra romana. Cominciata
la lotta, favoriti dalla confusione dello scontro, raccolsero
da terra degli scudi e presero alle spalle i cavalieri italici.
In tal modo, colpendoli alla schiena e tagliando loro
i garretti, causarono grande strage e paura e tumulto
persino alquanto maggiori. Erano evidentemente
vittime dei Numidi quei feriti che, sopravvissuti
durante la notte, pregavano lindomani i Punici
venuti a raccoglier le spoglie di dar loro il colpo
di grazia.
Les cavaliers numides taient cos sulla loro
tattica si esprime lo studioso moderno Ardant du
Picq une cavalerie lgre irregulire, excellente
pour escarmoucher, inquiter, effrayer mme
par ses cris dsordonns, son galop effrn. Ne
pouvant tenir contre une cavalerie rgulire,
discipline, pourvue de mors et darmes solides;
mais essaim de mouches qui toujours harcle et
la moindre faute tue; mais insaisissable, parfaite pour une poursuite lingue et
le massacre des vaincus auxquels elle ne laissait ni repos ni trve; cavalerie
() mal arme pour le combat, mais assez bien pour lgorgement (). Le
couteaukabyle () devait jouer son rle (Ardant du Picq 19147).

136

3
Stele con iscrizione
greca raffigurante un
guerriero, dal tofet
di El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina, Muse
National Cirta.

In realt, il modo di combattere della cavalleria berbera proprio questo:


ossessivo nella prima fase, fatta di caroselli continui e punteggiata da un
fitto lancio di giavellotti, esso diventa mortale quando, stancati i cavalli,
lavversario comincia a cedere. Si tratta di una tattica la quale come
avverr pi tardi per le cavallerie leggere arabe contro i possenti cavalieri
corazzati europei permette di ottenere spesso la vittoria anche su corpi
pi pesantemente armati. Se nella forma proposta da Livio laneddoto
poco credibile i Numidi non portavano corazze , ne vanno sottolineati
per almeno due aspetti. Forse i Romani rimasero, davvero e una volta
di pi, vittime della perfidia di Annibale e della sua intelligenza bellica
unita allastuzia, schierando senza disarmarli i falsi transfughi negli ultimi
ranghi; o forse fu la tattica stessa dei Numidi a disorientarli, inducendoli
con lalternarsi rapidissimo di attacchi e ritirate a credere di avere nemici
anche alle spalle. Certo inequivocabile appare la natura delle ferite: e
induce a prendere in considerazione proprio limpiego del coltello berbero.
Ricordato da Strabone (XVII, 3, 7), esso era evidentemente impiegato non

Laneddoto di Livio trova echi contemporanei alla guerra annibalica stessa:


nellEpitome di Pompeo Festo, Paolo Diacono fornisce unaccezione del
termine suppernati che dice tratta dal testo di Ennio (Enn., frg. 282 = E.H.
Warmington [ed.], Remains of Old Latins, I, Cambridge 19674, p. 36, nota1):
Si dicono suppernati coloro ai quali stata recisa la parte superiore
delle cosce, al modo dei quarti di maiale (da appendere). Ennio: A costoro
recise i femori liniqua arroganza del Cartaginese. il solo caso noto in
cui questo termine sia riferito ad un uomo; e allude evidentemente ad un
costume bellico ben preciso. Inutile contro la spada romana nella prima fase
della lotta, il coltello berbero diveniva micidiale in un secondo momento.
Lanciati ad inseguire, i Numidi potevano finalmente servirsi della loro arma.
Cavalieri impareggiabili, colpivano nel momento stesso in cui affiancavano
il nemico in fuga; ma evitavano di spuntare il coltello contro le sue
protezioni. Curvandosi sulla groppa del cavallo in corsa, vibravano un colpo
di lato, tranciando allavversario i tendini delle cosce o dei polpacci; e, dopo
averlo disarcionato, continuavano la loro corsa in cerca di altre vittime.

Il contributo dei popoli dellAlgeria antica allesercito di Cartagine

solo per mutilare i caduti o per torturare i nemici, ma come arma offensiva
vera e propria.

Se, secondo Erodoto (VII, 165), i Lib erano presenti nellesercito di


Cartagine gi sul campo di Imera (480 a.C.), alquanto pi tardo pare essere
larruolamento dei Numidi. Fu probabilmente con il diffondersi del controllo
cartaginese sul suolo africano, verso la met del V sec., che fecero la loro
comparsa i primi contingenti. Attestati gi per lanno 406, essi furono da
allora in poi quasi costantemente presenti nelle armate puniche.
Ma fu nella campagna italica di Annibale che i Numidi furono utilizzati pi
largamente e meglio. Essi divennero leggendar al punto che non solo il loro
comandante, ma le stesse fonti antiche poterono immaginarli capaci di una
missione in realt al di sopra delle loro forze: prendere Roma dassalto (il
progetto di Maharbal, lattacco a sorpresa dopo Canne, riportato, oltre che
da Liv., XXII, 51, 2, anche da Cato, frg. 80 Peter, ap. Gell., Noct. Att., X, 24,
7; Flor., I, 22, 19; Val. Max., IX, 5, ext. 3; Amm. Marc., XVIII, 5, 6; Zon.,
IX, 1. Cfr. Plut., Fab., 17; Sil. It., Pun., X, 375 ss.). Ma fu in altre circostanze
che essi si rivelarono decisivi: sia sconfiggendo quasi sempre le cavallerie
romane, sia facendo vittime eccellenti tra i comandanti della Repubblica
come nel 210, quando determinarono il collasso dellesercito degli Scipioni
sul fronte iberico; o nel 208, quando uccisero in unimboscata entrambi i
consoli dellanno, M. Claudio Marcello e T. Quinzio Crispino . Passati infine
al fianco di Roma, svolsero un ruolo fondamentale a Zama, proprio contro
Annibale; e furono da allora su posizioni opposte a quelle di Cartagine.

137

Giovanni Brizzi

138

Bibliografia
C. Ardant du Picq, tudes sur le combat. Combat antique et combat moderne, Paris
19147.
E.H. Warmington (ed.), Remains of Old Latins, I, Cambridge 19674.
E.W.B. Fentress, Numidia and the Roman Army. Social, Military and Economic
Aspects of the Frontier Zone (= BAR, 53), Oxford 1979.
H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider. Reiter und Knige nrdlich der
Sahara, Kln-Bonn 1979.
E.W.B. Fentress, Tribe and Faction: the Case of the Gaetuli: MEFRA, 94 (1982),
pp. 325-334.
S.F. Bond, I Fenici in Erodoto: AA.VV., Hrodote et les peuples non Grecs, Genve
1990, pp. 255-286.
A. Luisi, Getuli, dei popoli libici il pi grande (Strab. 17, 826): M. Sordi (a cura di),
Autocoscienza e rappresentazione dei popoli nellantichit (= CISA, 18), Milano
1992, pp. 145-151.
G. Brizzi, Larme et la guerre: V. Krings (d.), La civilisation phnicienne et
punique. Manuel de rcherche, Leiden-New York-Kln 1995, pp. 303-315.
G. Brizzi, Une coutume de guerre des Numides: rflexions daprs quelques
pisodes des campagnes dHannibal: Bulltin archologique du C.T.H.S., nouv.sr.,
Afrique du Nord, 24 (1997), pp. 53-58.
A.C. Fariselli, I mercenari di Cartagine, La Spezia 2002.

IL TOFET
Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno
Paolo Xella

Una nuova stele a Saturno da Tiddis


Amel Soltani, Nama Abdelouahab

Lazare Costa: litaliano che ha scoperto il tofet di Cirta


Lazare Costa e il Muse Cirta di Costantina

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit


Orientali del Museo del Louvre:
nota sui documenti di archivio

Nama Abdelouahab

Antonella Mezzolani

Paolo Xella

el territorio algerino si trova una documentazione ricca e varia


che testimonia la presenza e linflusso della cultura punica. Tra gli
indicatori pi significativi, dal punto di vista dellideologia religiosa, vi
sono molti santuari dedicati in origine a di fenicio-punici, che in seguito
continuano a vivere con trasformazioni e rifunzionalizzazioni nel culto
di divinit dal nome latino, in realt forma africana romanizzata dei
precedenti titolari.

Tra questi luoghi di culto di origine punica, rientrano i tipici santuari a


incinerazione definiti convenzionalmente tofet. Si tratta di aree sacre a cielo
aperto, ma contenenti installazioni cultuali quali sacelli e altari, caratterizzate
dalla deposizione di urne contenenti resti combusti di bambini e/o animali e
dallerezione di monumenti votivi (stele), una percentuale dei quali recano
iscrizioni di carattere votivo. Tali santuari erano sede di unattivit cultuale
molto articolata, che includeva sacrifici cruenti di giovani vittime umane
e animali consacrate, in voto o ex voto, al dio Baal Hammon e, almeno a
Cartagine e a Cirta, alla dea Tanit/Tinnit, che anzi era al primo posto nelle
dediche della metropoli punica.
A tuttoggi, tofet sono stati individuati solo nellOccidente mediterraneo
e precisamente in Sardegna (Sulcis, Tharros, Monte Sirai, Nora, Bitia),
Sicilia (Mozia), Tunisia (Cartagine, il pi vasto di tutti, ma anche in
altre localit, da Sousse a Maktar, da Dougga ad Althiburos ecc.), Libia
(Sabratha, Labdah) e naturalmente nella stessa Algeria. Occorre per
distinguere tra i tofet pi arcaici di fondazione fenicia (in primis, Sulcis,
Mozia e Cartagine), da quelli pi tardi, dovuti allazione di Cartagine ( il
caso di tutto il Nord Africa).

140

Per quanto riguarda lAlgeria, la documentazione attuale permette di


identificare lesistenza di alcuni di tali santuari pi recenti di fondazione
punica, ma non senza consistenti apporti della cultura di sostrato. A parte
i casi testimoniati dai ritrovamenti archeologici ed epigrafici, in genere
tutti quei centri che attestano un culto al dio Saturno in epoca romana sono
fortemente indiziati di avere ospitato installazioni puniche in onore di Baal
Hammon e, quindi, anche dei tofet.
Il sito algerino che fornisce la documentazione pi chiara e abbondante
Cirta, attuale Costantina, il centro religioso pi cospicuo dopo
Cartagine. Qui, in localit El-Hofra, senza che si possa precisare la
dislocazione del santuario punico (forse sul fianco della collina che
domina lAmpsaga), circa un migliaio di stele votive con dediche in
punico e neopunico (altre ve ne sono in greco e in latino con dediche

Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno

a Kronos e Saturno) testimoniano limportanza del locale


tofet, attivo sin dalla met del III sec. a.C., dedicato agli
di Baal Hammon e Tanit/Tinnit. Questi sono menzionati
nelle dediche in tale ordine, ma il primo talvolta anche
invocato come Baal Addir, non gi un dio autonomo, ma
una sua epiclesi di carattere ctonio (sar identificato
con Plutone). Il successivo culto di Saturno conferma
le profonde radici puniche della religiosit locale.
Le Kheneg (Tiddis, Castellum Tidditanorum), borgo
fortificato nella cintura intorno a Cirta, sembra aver
avuto anchesso un ruolo cospicuo come centro religioso.
Ospitava un santuario di Saturno, posto sulla sommit del
monte Ras ed-Dar, verosimilmente preceduto da un luogo
sacro in onore di Baal-Hammon: che si trattasse forse di
un tofet indicato da uniscrizione dedicatoria neopunica. Sempre dalla zona
di Costantina, da Oudjel (Uzelis, 37 km a ovest), proviene uniscrizione con
tipico formulario votivo.
Tra gli altri centri algerini, sicuri o probabili sedi di luoghi di culto punici,
va menzionata Iol/Caesarea, attuale Cherchel. Allorigine semplice scalo
commerciale, Iol divenne poi capitale prima del regno di Mauretania
successivamente della provincia di Mauretania Cesariense. Seconda citt
africana dopo Cartagine, non ha potuto essere oggetto di unindagine
archeologica sistematica, ma i ritrovamenti effettuati testimoniano, pur dopo
la romanizzazione, una forte persistenza del culto di Saturno con un tempio
a lui dedicato (di dislocazione ignota), sicuro indizio di un precedente
culto a Baal Hammon, confermato anche da una stele rinvenuta nella parte
occidentale della citt, proprio l da dove provengono le stele votive depoca
romana. Quanto al restante materiale epigrafico, da Cherchel provengono
alcune epigrafi funerarie, la celebre iscrizione per il re Micipsa e un cimbalo
votivo iscritto.
Lesistenza di tofet da ritenere probabile anche in altri siti algerini. Va
menzionata, per la ricchezza di materiali epigrafici, Guelma (Calama), a
75 km a est di Cirta. Si tratta di un centro fortemente connotato in senso
punico, al punto che in piena epoca tardo-imperiale si trovano ancora
iscrizioni redatte in neopunico. Il locale tempio eretto in onore di Saturno in
et romana fu certamente preceduto da un santuario punico dedicato a Baal
Hammon, situato probabilmente a An-Nechma (Thabarbusis), a 5 km a
sud-ovest di Guelma, come indica una serie di iscrizioni, funerarie ma anche
votive, dedicate appunto al grande dio punico.

141

1
Stele con iscrizione
punica, dal tofet di
El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina,
Muse National
Cirta.

Paolo Xella

Si ricorder poi che anche a Rusuccuru (Dellys), da cui proviene


uniscrizione funeraria neopunica, attestato un culto a Saturno: lesistenza
di un tofet potrebbe essere qui suggerita da due stele votive anepigrafi di cui
una reca il cosiddetto segno di Tanit.
A Tipasa di Mauretania, citt portuale a 70 km a ovest di Algeri, si suppone
lesistenza di un tofet databile al I-II sec. d.C. in base allidentificazione
di unarea con stele votive anepigrafi, tavole di offerta e vasi con
resti incinerati di vittime sacrificali. Sempre qui venuto alla
luce il sepolcro di un ministro del culto di Baal e di Tanit/
Tinnit in epoca flavia.
Gouraya (Gunugu), a 30 km a ovest di Cherchel, ha
restituito vari indizi di un culto tributato a Saturno, con una
ventina di brevi iscrizioni, ma forse a Tens (Cartenna) che
deve presupporsi un tofet, almeno sulla base di uniscrizione
votiva in rendimento di grazie a Baal (Hammon).
Ricordiamo ancora Arzew (Portus Magnus, sulla costa
oranese), da cui provengono due iscrizioni neopuniche
di tipologia compatibile con quelle votive dei tofet; Les
Andalouses (Castra Puerorum?), per la presenza di una
stele a frontone triangolare con scena di offerta; Tirekbine,
nella regione di Sigus, con una stele iscritta dedicata a
Baal (Hammon) e a Tanit/Tinnit detta pene Baal, cio volto di Baal; Ksiba
Mraou (Civitas Pophtensis), con tempio e stele votive dedicate a Saturno.

142

2
Stele anepigrafe dal
tofet di El-Hofra.
II sec. a.C.
Costantina, Muse
National Cirta.

Una speciale menzione merita Ngaous (Nicivibus), a 80 km a sud di


Stif, celebre perch vi sono state ritrovate stele votive in latino dedicate a
Saturno, la cui terminologia ha contribuito a chiarire il lessico sacrificale
fenicio-punico relativo ai sacrifici e i meccanismi di dedica e di sostituzione
di vittime umane con vittime animali in tarda epoca.
Come si vede, non pochi erano i santuari punici dAlgeria in attivit nel
periodo compreso tra il III sec. a.C. e il II d.C. Il loro numero suscettibile
di crescita se si pensa che altre localit, oltre a quelle qui menzionate, hanno
lasciato testimonianze epigrafiche puniche, anche se non esplicitamente di
carattere sacrificale, come nei casi di Guelat bou Sba; An el-Kebch, nella
regione di Ippona; An Joussef; Henchir Bou Atfan; Kef Bezioun (Zattara,
a 20 km a sud est di Guelma); Kef Smaar (Columnata, a 25 km a nordest di Tiaret); Khallik; Qalaat Abi s-Siba; Souk Ahras, Thagaste (patria di
SantAgostino); Takembrit (Siga) e Tipasa di Numidia (Tiffech).

In quanto dio ancestrale e custode delle tradizioni pi sacre, Baal Hammon,


dio della cappella (domestica), segue i Fenici nella loro colonizzazione
ed titolare del culto celebrato nei vari santuari-tofet, incentrato su temi
fondamentali quali il benessere individuale e sociale, la famiglia, la fecondit
e la fertilit.

Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno

Ma chi era Baal Hammon, titolare dei santuari e predecessore di Saturno


Africano? Si tratta di un antico dio della tradizione fenicia, attestato gi nel
mondo aramaico verso la fine del IX sec. a.C. (a Zincirli/Samal) come dio
dinastico, ma originario verosimilmente di Tiro, massimo centro propulsore
dellespansione fenicia. Il suo nome lo identifica come Signore (baal) del
ham(m)on, termine che compare gi nei testi di Ugarit (XIV sec. a. C.) e che
designa un piccolo edificio cultuale, una cappella o tempietto, simbolo del
culto domestico.

Quanto ai caratteri del dio, in larga misura trasmessi a Saturno Africano (che
prende il suo posto dopo la scomparsa di Cartagine), deduciamo qualche
aspetto attingendo ai testi, alliconografia e alle notizie degli scrittori in
lingua greca e latina: dio anziano e regale, paterno, benevolo, progenitore di
di e uomini, protettore della tradizione, della famiglia, della discendenza.
Se Melqart il dio dellespansione, che fonda colonie e apre nuovi orizzonti,
Baal Hammon invece colui che, solo o insieme a Tanit/Tinnit, tutela le
origini, la tradizione, i valori fondamentali alla base della cultura fenicia e
punica. Significativa a vari livelli la sua identificazione con il greco Kronos
e il latino Saturno, che non a caso diventa il dio panafricano per eccellenza,
simbolo della cultura indigena, punto di riferimento ineludibile per le
comunit africane, popolare presso tutti i ceti sociali ma particolarmente
amato dai pi poveri.
Il Saturno Africano di fatto una sorta di travestimento di Baal Hammon,
ben diverso dal Saturno della tradizione latina e italica. Persistono i caratteri
originari del dio fenicio, che includono i tratti regali del dio cosmico, signore
del cielo (come mostrano i simboli astrali che lo accompagnano e la presenza
dei Dioscuri), garante della fecondit umana e della terra ( detto Frugifer,
deus frugum), ma anche re delloltretomba (Baal Addir). Continua altres la
tradizione sacrificale dei tofet, ma in molti casi alla vittima umana subentra
come sostituto la vittima animale. Il suo culto conosce la massima fioritura
tra il I e il III sec. d.C., ma si mantiene vivo ancora nel IV sec. nel cuore
delle genti africane, presso cui persiste forte la cultura punica sia a livello
ideologico sia a livello linguistico.

143

Paolo Xella

144

Bibliografia
A. Berthier R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine, I-II,
Paris 1955.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I-II, Paris 1961-1966.
M. Leglay, Saturne Africain. Histoire, Paris 1966.
F. Bertrandy M. Sznycer, Les stles puniques de Constantine, Paris 1987.
M. Leglay,Nouveaux documents, nouveaux points de vue sur Saturne Africain:
E. Lipiski, Carthago (= Studia Phoenicia, 6), Leuven 1988, pp. 187-237.
P. Xella, Baal Hammon. Recherches sur lidentit et lhistoire dun dieu phnicopunique, Roma 1991.
A. Cadotte, La romanisation des dieux. Linterpretatio romana en Afrique du Nord
sous le Haut-Empire, Leiden-Boston 2007.

IL TOFET
Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno
Paolo Xella

Una nuova stele a Saturno da Tiddis


Amel Soltani, Nama Abdelouahab

Lazare Costa: litaliano che ha scoperto il tofet di Cirta


Lazare Costa e il Muse Cirta di Costantina

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit


Orientali del Museo del Louvre:
nota sui documenti di archivio

Nama Abdelouahab

Antonella Mezzolani

Amel Soltani, Nama Abdelouahab

seguito di un dono, nel mese di settembre del 2007, una stele dedicata
a Saturno entrata a far parte della collezione del Muse National
des Antiquits di Algeri: registrata con il numero dinventario I.S.603.
Secondo quanto indicato dal donatore, la stele, in suo possesso da molti anni,
proveniva da Mila.
La stele in pessimo stato di conservazione e fin dalla sua acquisizione da
parte del Museo stato necessario procedere a unoperazione di pulizia,
grazie alla quale stato rimosso il muschio che la ricopriva e sono apparse
le figurazioni che la decorano; cos ha avuto inizio anche la nostra inchiesta
sul campo. Unescursione a Mila ci ha portate a visitare il locale museo
lapidario, nel quale conservato un gran numero di stele.
La prima constatazione che abbiamo fatto stata significativa: malgrado
una forte e certa presenza del culto di Saturno in questa regione, nessuna
delle stele custodite a Mila somiglia alla nostra; il che ci ha fatto dubitare
sulla provenienza indicata dal donatore, inducendoci a indirizzare le nostre
ricerche per stabilire leffettiva provenienza del reperto. Dopo una indagine
abbastanza approfondita, abbiamo constatato che lo stile e le immagini
raffigurate sulla stele erano caratteristici delle stele scoperte a Tiddis (ElKheneg/Castellum Tidditanorum); tuttavia, la natura della pietra della stele
in questione differisce da quella delle stele di Tiddis, che sono scolpite in una
pietra rossastra. Questa nuova stele a Saturno potrebbe dunque appartenere
al gruppo delle stele votive romane di Tiddis.

146

Le nostre conoscenze sulle stele a Saturno di Tiddis sono dovute alla


pubblicazione di M. Leglay e A. Berthier, apparsa nel 1958. Si tratta di
un inventario ragionato di cinquanta stele, delle quali quarantatre votive,
dedicate al dio Saturno, e nelle quali tutto il simbolismo relativo al dio
stato messo sul coronamento. Queste stele, scoperte sul pianoro e sul fianco
est dellaltura, sono state rimosse dalla loro collocazione originaria per
essere reimpiegate in costruzioni di epoca tarda.
La stele misura 47 cm di altezza, 44 cm di larghezza e 16 cm di spessore.
Stele anepigrafe, a sommit piatta leggermente spezzata, di forma
rettangolare e divisa in due registri disuguali: in quello in alto, allinterno di
una banda piuttosto ristretta, raffigurato al centro il busto di Saturno, che
accompagnato a sinistra dal segno detto di Tanit, il culmine del quale
parimenti scomparso, e a destra dal crescente lunare. Nel secondo registro
scolpito in bassorilievo un personaggio maschile, in piedi e di prospetto,
allinterno di una nicchia che riproduce lentrata di un tempio espressa da due
pilastri. La testa purtroppo indescrivibile, a causa della martellatura; indossa

Senza intraprendere lo studio iconologico, abbiamo fatto


un censimento di tali immagini, al
fine di collocare cronologicamente
la nostra stele nellinsieme
della documentazione (i numeri
tra parentesi nel testo seguente
corrispondono alla numerazione
delle stele di Tiddis nellarticolo
di Berthier - Leglay 1958).
Questa rilevazione ha mostrato
la predominanza di certi simboli,
particolarmente del segno detto
di Tanit che appare praticamente
sulla met delle stele, dove occupa
un posto centrale, e da solo, nel
campo iconografico (3), un posto
centrale nel timpano (17, 31, 32,
36, 40), oppure a destra nel timpano (11, 30) o a sinistra nel timpano (44),
e infine un posto centrale accanto al busto del sole (18). In epoca fenicia e
punica la posizione centrale era ripartita a turno tra Baal e Tanit; al contrario,
in epoca romana Saturno e Caelestis sembrano paritetici: i testi nominano
insieme le due divinit e i monumenti figurati li rappresentano fianco a
fianco, mentre i templi vicini sono dedicati o alluno o allaltra.
Il busto del sole (Sol), allo stesso titolo di quello della luna (Luna), uno
degli accoliti del dio Saturno o il suo sostituto, come appare sulle stele 33
e 44, dove raffigurato in posizione centrale: si trova rappresentato anche
a destra (nelle stele 22, 25 e 41) o a sinistra (stele 24, 32, 40). Quanto alla
luna, il suo busto non appare sulle stele di Tiddis, ma piuttosto il suo
simbolo il crescente ad essere raffigurato su un gran numero di stele:
appare in posizione centrale sulle stele 6, 7 e 29, a destra sulle stele 31, 36,
40 e 44, a sinistra sulle stele 4, 17, 18, 19, 20, 22, 25, 30 e 41.
Sulle stele di Tiddis, il segno detto di Tanit e il busto del sole costituiscono
le figure messe pi frequentemente in posizione centrale, dove si

Una nuova stele a Saturno da Tiddis

una corta tunica che gli arriva fin sotto i ginocchi, coperta da un mantello che
avvolge la spalla sinistra; il braccio sinistro ripiegato al livello del petto
e nella mano tiene un pane votivo. Il braccio destro teso e con la mano
sembra toccare la testa di un montone posta su un altare. Da un lato e dallaltro
delle due colonne sono rappresentati, a sinistra, un caduceo sormontato da un
pane votivo e da una palma, a destra, una scala a otto pioli.

147

1
Stele con
raffigurazione di
Saturno da Tiddis.
II-III sec. d.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Amel Soltani, Nama Abdelouahab

sostituiscono in alternanza al dio Saturno. Questultimo, allo stato attuale


delle ricerche, appare una sola volta a Tiddis, raffigurato sulla stele 30.
Al pari del toro e del leone, anche il montone uno degli animali dedicati al
dio Saturno; da qui la sua significativa presenza su quasi la met delle stele
di Tiddis. Cos, su un certo numero di stele (8, 11, 18, 19, 24, 25, 27, 29, 30,
31 e 41), il dedicante pone la mano oppure versa incenso sulla testa di un
montone posto su un altare; tale cerimonia rappresenta il momento finale del
sacrificio. Tra gli altri simboli presenti sulle stele di Tiddis, si possono notare
anche la palma e la scala.
Tutta la simbologia rinvenuta sulle stele romane di Tiddis stata individuata
anche sulle stele puniche e neopuniche della stessa regione: ci dimostra che
anche dopo la caduta di Cartagine, nel 146 a. C., non ci fu uninterruzione
nelle pratiche e nelle credenze degli Africani. Anche A. Berthier e M.
Leglay (1958, pp. 23 ss.) sottolineano questo dato con molta precisione:
() tutti questi emblemi, comuni alle stele puniche e neopuniche della
regione, hanno conservato il loro significato religioso durante tutta la storia
di Tiddis. Le generazioni che si sono succedute in questa cittadina, malgrado
gli sconvolgimenti politici, sociali e daltro tipo, sono rimaste duna fedelt
assoluta alle loro credenze, alle loro pratiche e finanche ai loro simboli.
Le stele di Tiddis sono databili a vari periodi: alcune sono del I sec. a.C.
I d.C.; altre del I sec. d.C.; le ultime, infine, del II-III sec.: la nuova stele,
dunque, presentando le stesse caratteristiche di quelle del II-III sec., pu
essere agevolmente collocata in questo stesso arco temporale.
Bibliografia

148

A. Berthier M. Leglay, Le sanctuaire du sommet et les stles Baal-Saturne de


Tiddis: Libyca, 6 (1958), pp. 23-58, pls. I-XV.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1961; II, Paris 1966.
M. Leglay, Saturne Africain. Histoire, I, Paris 1966.
M. Benabou, La rsistance africaine la romanisation, Paris 20052.

IL TOFET
Il tofet. Da Baal Hammon a Saturno
Paolo Xella

Una nuova stele a Saturno da Tiddis


Amel Soltani, Nama Abdelouahab

Lazare Costa: litaliano che ha scoperto il tofet di Cirta


Lazare Costa e il Muse Cirta di Costantina

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit


Orientali del Museo del Louvre:
nota sui documenti di archivio

Nama Abdelouahab

Antonella Mezzolani

Nama Abdelouahab

Lazare Costa e il Muse Cirta di Costantina

l Muse National Cirta (un tempo Muse Gustave Mercier, poi Muse
Cirta), uno dei pi importanti musei algerini in materia di archeologia
preromana. Lidea della creazione di un museo a Costantina si deve
essenzialmente alla Socit Archologique, fondata nel 1852 da L. Renier,
dal Colonnello del Genio Creully e da A. Cherbonneau. Un anno dopo la
sua creazione, nel 1853, la Socit Archologique, allo scopo di riunire la
piccola collezione gi raccolta, riusc ad avere un piccolo locale, al centro
della citt, nella Place des Chameaux (in fondo alla Place du Caravansrail).
Ben presto, per, in seguito allimportanza assunta dalla collezione
archeologica, si rese necessario trovarle assolutamente un locale molto
pi grande. questo il momento in cui intervenne Lazare Costa, il quale
permise lincremento delle collezioni determinando lurgenza di trasferire
il museo in un edificio pi grande, che fu denominato da Costa Cabinet
dantiquits africanes. Invero il cabinet si pot costituire solo dopo una
dozzina danni di incessante e tenace lavoro di questo amante delle antichit:
Costa infatti percorse tutta la regione e perlustr tutti i cantieri di costruzione
o di sterro al solo scopo di acquistare oggetti archeologici risalenti ai periodi
punico, numidico e romano.
La Collezione Costa

150

Chi Lazare Costa e qual il suo legame col Museo di Costantina?


Sappiamo in realt veramente poco su questo antiquario dorigine italiana
stabilitosi a Costantina che tanto ha fatto per larcheologia della regione.
Lazare Costa, piccolo, magro e asciutto, ma pieno di ardore nonostante
let, visitava fin dallalba quei punti della citt e dei dintorni in cui sapeva
che si stava per dare un colpo di piccone. Sulla traccia duna scoperta, la
sua passione per le antichit gli faceva sfidare, sotto il suo piccolo berretto
piatto, tanto i rigori dellinverno quanto il calore dellestate (Reboud
1878, p. 446).
Gli oggetti archeologici del Museo di Costantina, e particolarmente le stele,
si debbono essenzialmente alla tenacia e allo zelo di Lazare Costa; a lui si
deve riconoscere anche il merito, come in parte accennato, di avere riunito
gran parte della collezione archeologica del museo. Di fatto, il 28 novembre
1855 su proposta del sindaco S. Villevaleix, il Consiglio comunale di
Costantina stabiliva di destinare una somma di 10.000 franchi allacquisto
di unimportante collezione di oggetti antichi appartenenti a Lazare Costa:
questo enorme finanziamento permise al Museo di Costantina di costituirsi
definitivamente. Cos esso si arricchito, tra laltro, di 500 medaglie romane

opportuno anche sottolineare che Lazare Costa copi di propria mano


tutte le iscrizioni da lui stesso raccolte, con una precisione cos grande e
una fedelt cos assoluta che gli valsero vari elogi: Dotato di unattivit
straordinaria, questo infaticabile esploratore, al quale si potrebbe applicare
a buon diritto linedito epiteto di necroscopo per la facilit con la quale
riconosce la dislocazione delle antiche sepolture, perlustra regolarmente ogni
giorno i cantieri di costruzione e di sterro per raccogliere quelle epigrafi e
quegli oggetti darte antica che sono sfuggiti al vandalismo degli uomini
(Marchand 1866, p. 38).
La collezione pi importante senzaltro quella scoperta nel 1875, nel
settore di El-Hofra, e pi precisamente a monte del giardino di M. Rousselot,
nel luogo che corrisponde per lappunto allarea del santuario punico che
quasi un secolo dopo ha permesso ad A. Berthier e A.R. Charlier di riportare
alla luce una serie di stele ancora pi importanti. Impegnati nella messa a
dimora di una vite, alcuni operai italiani trovarono qui alcuni lastroni di
forma irregolare e li mostrarono al loro compatriota Lazare Costa: si trattava
in realt di stele puniche, a cuspide triangolare, ornate di figure e di simboli
simili a quelli che erano stati scoperti a Cartagine. Linfaticabile Lazare
Costa si recava due volte al giorno nei luoghi in cui era segnalata la presenza
di queste stele, che poi mostrava agli specialisti del mondo punico.
Per di pi, le stampe che Costa realizz e che invi al Ministero della
Pubblica Istruzione servirono come documentazione di base per la
Commission des Inscriptions Smitiques. Tutte le stele puniche scoperte da
Costa, in calcare blu di Costantina, sono per lo pi frammentarie e misurano,
in media, da 40 a 75 cm di altezza e da 16 a 29 cm di larghezza e sono
effettivamente importanti, sia per il loro numero, sia per liconografia che le
caratterizza: infatti sono stati inventariati non meno di 30 simboli, astrali o
daltro tipo.
dello stesso Lazare Costa la considerazione che gli oggetti raccolti sul
suolo di Costantina rappresentino un indubbio patrimonio locale. Scrive

Lazare Costa e il Muse Cirta di Costantina

in argento, di circa 1.000 medaglie romane o africane in bronzo, e di 1.300


pezzi diversi, in metallo, in vetro, in pietra o in terracotta, mosaici, e cos via.
Anche le iscrizioni neopuniche raccolte da Costa sono abbastanza numerose
e superano il centinaio; sarebbero state anzi molte di pi se una gran parte
di esse non fosse stata inviata a Parigi, al Museo del Louvre. Gli oggetti
acquistati da Costa, in particolare vasi, lampade, brocche e diversi altri
oggetti in terracotta, cos come bottiglie, coppe, fiale in vetro e sculture, sono
stati esposti in una vetrina che porta il suo nome.

151

Nama Abdelouahab

in proposito: un tesoro vero e proprio e del pi alto valore, soprattutto


per lAlgeria, poich questi antichi oggetti appartengono al suolo africano.
Sistemato in luogo diverso da questo paese () esso perderebbe la sua
importanza ambientale, originaria e patronimica, se lecito esprimersi cos
(Oulebsir 2004, p.113). Lammonizione di Lazare Costa, purtroppo, non
stata tenuta nel giusto conto, poich la bella collezione che era riuscito a
costituire, comprendente circa 120 stele, fu acquistata dal Museo del Louvre
alla sua morte, il 30 aprile 1877. Due mesi pi tardi, un vibrante omaggio gli
fu reso da E. Renan, in occasione della seduta annuale di lavori del Consiglio
della Socit Asiatique. Oggi la collezione Lazare Costa conservata al Museo
Cirta si trova mescolata ad altre raccolte ed assai difficile identificarla.
1
Rielaborazione
grafica di uno stralcio
della lettera con firma
autografa di Lazare
Costa, indirizzata
a Ph. Berger il 27
settembre 1876.
Parigi, Acadmie des
Inscriptions et BellesLettres, Archives du
Cabinet du Corpus
Inscriptionum
Semiticarum.

152

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit Orientali


del Museo del Louvre: nota sui documenti di archivio

a singolare figura di Lazare Costa, italiano residente a Costantina e


di professione antiquario, come pi volte riportato negli elenchi dei
membri titolari della Socit Archologique de Constantine (uneccezione
a questa informazione sulla professione del nostro connazionale quella di
Chabot 1916, p. 242, che definisce Costa pharmacien italien), acquista in
questa sede una maggiore rilevanza, vista limportanza della sua collezione
di stele puniche, che ancor oggi ospitata presso il Dipartimento delle
Anticht Orientali del Museo del Louvre.
Lazare Costa, dopo aver contribuito grandemente allespansione del museo
di Costantina con la cessione al Consiglio comunale della citt degli oggetti
antichi da lui raccolti nel corso dei suoi anni di permanenza in terra algerina,

Lattenzione per le iscrizioni antiche, in particolare di epoca romana, di cui


spesso Costa forniva delle copie alla Socit Archologique de Constantine,
si era gi in precedenza confrontata anche con manufatti diversi, come
nel caso delle tre stele neopuniche da lui ritrovate negli scavi condotti alla
Pyramide Damrmont. Senza dubbio, un momento di grande emozione
per questo infaticabile esploratore, per il quale nel 1866 J. Marchand coni
lepiteto di ncroscope per la facilit con cui sapeva riconoscere impianti
sepolcrali antichi, fu la scoperta delle stele puniche nel settore di El-Hofra.
Lasciamo a V. Reboud, membro corrispondente della Socit Archologique
de Constantine, il compito di fornire una rapida descrizione del rinvenimento
e del ruolo in esso svolto da Lazare Costa: En 1875, le propritaire du
champ, situ en amont du jardin de M. Rousselot, fit planter une vigne. Les
manoeuvres italiens, chargs de ce travail, mirent au jour quelques dalles
plus longues que larges, termines en pointe et ornes de figure bizarre, quil
montrrent leur compatriote Lazare Costa. (...) Aussi ne manqua-t-il jamais
de se rendre, deux fois par jour, sur le terrain o lon trouvait ces pierres
singulires, qui sont vritables stles carthaginoises. On lui apportait, le soir,
les dcouvertes de la journe (Reboud 1878, pp. 445-446).
Lo stesso Costa si affrett a mostrare ai suoi consoci della Socit
Archologique de Constantine le stele votive e a inviare al Ministro della
Pubblica Istruzione la comunicazione del rinvenimento e le stampe delle
stele di cui a mano a mano veniva in possesso: uno schizzo del luogo di
rinvenimento, con lannotazione siglata da Lazare Costa Croquis visuel
du mamelon o se trouve la ncropole punique, e le stampe di tutte le
stele rinvenute sono conservati presso gli archivi del Cabinet du Corpus
Inscriptionum Semiticarum, allInstitut de France di Parigi.
Le note dellepoca non forniscono numeri precisi per lammontare delle stele
puniche raccolte da Costa in tale frangente, variando da 120 a 130, fino a
150 esemplari; la bibliografia pi recente ha attribuito alla collezione Costa,
conservata ora presso il Museo del Louvre, un numero di 135 esemplari,
presumibilmente non tutti provenienti dal fortunato rinvenimento di El-Hofra.
La morte di Lazare Costa, sopravvenuta nellaprile del 1877, priv
larcheologia algerina di un profondo conoscitore della citt di Costantina e
della sua provincia, di un instancabile cercatore di antichit, di un convinto
sostenitore dellappartenenza degli oggetti antichi da lui rinvenuti al suolo

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit Orientali del Museo del Louvre

non smise di interessarsi alle antichit locali, sviluppando anche una


particolare cura per le testimonianze della cultura punica.

153

Antonella Mezzolani

africano, in pieno accordo, quindi, con le idee che ispiravano le attivit della
Socit Archologique e di molte Socits des Savants locali.
La sua collezione di stele puniche prese, per, altre vie. Infatti, nonostante
da pi parti ci si augurasse che le stele puniche della nuova collezione
Costa restassero in Algeria, incrementando magari il numero delle antichit
raccolte nel Museo di Costantina, la raccolta fu acquisita dal Museo del
Louvre. Ancora nel 1877 le stele erano in Algeria, a disposizione degli
studiosi locali, come V. Reboud, che ad esse dedic una nota preliminare, e
J. Carbonnel, che forn i disegni al tratto di almeno 35 esemplari.
Negli anni a seguire, per, trattative per lacquisto dellintera collezione
furono intraprese tra lAgenzia Consolare del Regno dItalia a Costantina
e lAmministratore dei Musei Nazionali di Parigi: il 16 dicembre 1880, E.
Renan e Ph. Berger proposero al Comitato Consultivo dei Musei Nazionali
lacquisto della collezione di 127 stele puniche del defunto Lazare Costa, per
la somma di 600 Fr. (Archives des Muses Nationaux, A6 1881, 8 janvier
Lettera dellAmministratore dei Musei Nazionali al Console dItalia a
Costantina).

154

La proposta dacquisto, gi concordata con lAgente Consolare del Regno


dItalia a Costantina, risulta naturale considerando lattenzione che le
stampe inviate dallo stesso Costa al Cabinet du Corpus Inscriptionum
Semiticarum avevano sollecitato (e ottenuto). Nelle risposte di F. Mauri,
Agente Consolare del Regno dItalia a Costantina, si trovano precisazioni sul
numero delle stele in vendita (123 e non 127) e sulle modalit di pagamento
(Archives des Muses Nationaux, A6 1881, 21 janvier Lettera di F. Mauri,
Agente Consolare di S.M. il Re dItalia a Costantina, allAmministratore
dei Musei Nazionali). Lacquisto confermato con decreto del Ministero
della Pubblica Istruzione e delle Belle Arti il 16 febbraio 1881 (Archives des
Muses Nationaux, A6 1881 Ordinanza del 16 febbraio 1881), cui segue
una serie di comunicazioni pratiche sulla consegna della collezione a Frin,
Ispettore dellAccademia a Costantina, perch provvedesse allimballaggio e
alla spedizione dei manufatti antichi.
Le stele arrivano a Parigi, ma la transazione non conclusa, perch il
ritardo nel pagamento provoca una lettera di sollecito da parte di F. Mauri,
dove si menziona anche linteresse della legittima proprietaria, non meglio
specificata, delle stele collazionate dal defunto Costa (Archives des Muses
Nationaux, A6 1881, 26 juin Lettera di F. Mauri allAmministratore dei
Musei Nazionali); a ci si aggiunge una complicazione dovuta alla notifica
da parte di V. Reboud a Frin, Ispettore dellAccademia a Costantina,

LAmministratore dei Musei Nazionali stabil che tali esemplari non


rientravano legalmente nel lotto acquisito per decreto per il Louvre e che
quindi non cera motivo di richiederne la cessione (Archives des Muses
Nationaux, A6 1881, 4 juin Lettera dellAmministratore dei Musei
Nazionali al Sottosegretario di Stato al Ministero delle Belle Arti), ma
le stele puniche vennero successivamente donate al Dipartimento delle
Antichit da V. Reboud, che ne aveva appunto data notizia (Archives des
Muses Nationaux, A8 1882, 17 mars Lettera dellAmministratore dei
Musei Nazionali al dott. Reboud).
Si conclude cos la vicenda della collezione Costa, che, acquisita per il
Dipartimento delle Antichit, gioc un importante ruolo dimmagine nella
Galleria delle Antichit Puniche inaugurata nel 1892 e ancora oggi figura, a
fianco delle antichit di Cartagine, in una posizione privilegiata allinterno
del Dipartimento delle Antichit Orientali del Museo del Louvre.

La collezione Costa al Dipartimento delle Antichit Orientali del Museo del Louvre

dellesistenza di altre 36 iscrizioni puniche e greche, conservate al mulino


Carbonnel, nei pressi di Costantina, e provenienti dalla successione
Costa (Archives des Muses Nationaux, A6 1881, 3 juin Lettera del
Sottosegretario di Stato al Ministero delle Belle Arti allAmministratore
dei Musei Nazionali, con allegata copia della lettera inviata da Frin il 29
maggio 1881).

Nota biografica
Lazare (Lazzaro) Costa dovrebbe essere nato nel 1814 nellodierna Santa
Margherita Ligure, secondo quanto si apprende dal suo atto di morte,
che ne certifica la dipartita al 30 aprile 1877 allet di 63 anni (Archives
Nationales dOutre-mer, Base IREL, Costantina 1877, n. 224); nello stesso
atto viene riportata la menzione della professione di antiquaire. Nel registro
parrocchiale di San Giacomo della Corte, in Santa Margherita Ligure, per,
menzionato un Lazarus Bernardus Costa, figlio di Francesco Costa e
Maddalena Verdura, battezzato il 21 agosto 1811.
Non siamo in grado di sapere quando Lazare Costa si sia trasferito in
Algeria, cosa che potrebbe essere avvenuta anche in seguito ad uno
spostamento dellintero nucleo familiare di origine, ma di certo, allepoca
della vendita degli oggetti del suo Cabinet des antiquits africaines,
nel 1856, probabile che risiedesse a Costantina da vari anni, cosa che
verosimilmente gli consent di creare la sua raccolta. Di certo, rispetto ai suoi
connazionali che nellarea di Costantina erano dediti per lo pi a lavori di
manovalanza nellambito delle costruzioni o dellagricoltura, Lazare Costa

155

Antonella Mezzolani

sembra aver goduto di una posizione sociale migliore, tanto che per la sua
professione e per il suo zelo nel controllo delle attivit di costruzione dalle
quali avrebbero potuto emergere strutture e manufatti antichi fu accolto nella
Socit Archologique de Constantine, dove il suo nome come membro
titolare compare dal 1868.
Da quanto traspare dalle note dellepoca, Lazare Costa non solo era ben
conosciuto dagli archeologi per la sua azione di ricerca delle antichit.
ma sembrava anche avere un ruolo di riferimento per i componenti della
comunit italiana residenti a Costantina, tanto che, proprio in occasione dei
rinvenimenti del tofet di El-Hofra a lui si rivolsero i braccianti italiani che
scoprirono le prime stele.
Se da queste scarne informazioni lecito supporre che la presenza di Lazare
Costa in Algeria sia da riportare alla prima met del XIX sec., anche
opportuno ricordare come studi recenti di storia dellemigrazione italiana
abbiano sottolineato una differenza fra gli Italiani emigrati in Algeria nella
prima met di tale secolo, rispetto a quanti arriveranno in Algeria dopo la
seconda met dello stesso.

156

Infatti, mentre gli Italiani che si spostarono in Algeria nella prima met
del XIX secolo appartenevano per lo pi a classi di lite, tra le quali si
annoveravano esuli politici e, spesso, anche disertori (da ricordare che nel
1833 la Legione straniera in Algeria contava un battaglione di Italiani),
con una emigrazione tutto sommato ridotta nei numeri e non unitaria (nel
1852, il numero degli Italiani presenti in Algeria di 7.607), nella seconda
parte dello stesso secolo lemigrazione italiana in Algeria si configura
numericamente in maniera pi incisiva (nel primo censimento ufficiale del
1866, gli italiani sono 16.665), ma con una estrazione di tipo proletario, tanto
che si stabiliscono in territorio algerino comunit di pescatori, di muratori, di
manovali e di braccianti agricoli.
Pur non avendo molte informazioni al riguardo, possiamo dedurre, dunque,
da questi pochi dati che il nostro Lazare Costa, infaticabile ricercatore di
antichit, doveva appartenere a una classe sociale non disagiata, cosa che
gli permise di crearsi una professione e un ruolo che lo resero ben accetto e
considerato anche dalle fasce intellettuali della societ di Costantina.

J. Marchand, Inscriptions indites recueillies Constantine et dans la province


pendant les annes 1865-1866: Recueil des Notices et Mmoires de la Socit
Archologique de la Province de Constantine, 10 (1866), pp. 17-96.
E. Renan, Rapport sur les travaux du conseil de la Socit Asiatique pendant
lanne 1876-1877, fait la sance annuelle de la Socit le 30 juin 1877: Journal
Asiatique, 7me sr., 10 (1877), pp. 12-65.
Catalogue du Muse Archologique de Constantine. Notice sur lorigine du Muse:
Recueil des Notices et Mmoires de la Socit Archologique de la Province de
Constantine, 18 (1876-1877) [1878], pp. 1-307.
V. Reboud, Quelques mots sur les stles no-puniques dcouvertes par Lazare
Costa: Recueil des Notices et Mmoires de la Socit Archologique de la Province
de Constantine, 18 (1876-1877) [1878], pp. 434-460.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine. Muses et collections
archologiques de la Tunisie et de lAlgrie, Paris 1892.
J.B. Chabot, Sur deux inscriptions puniques et une inscription latine dAlgrie:
Comptes-rendus de lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 60 (1916), pp.
242-250.
E. Michel, Esuli italiani in Algeria, Bologna 1935.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine, I-II,
Paris 1952-1955.
Ch.-A. Julien, Histoire de lAlgrie contemporaine, I, Paris 1979.
R.H. Rainero, Aspetti e vicende dellemigrazione italiana in Algeria dalle origini
allavvento del Fascismo: R.H. Rainero, Italia e Algeria. Aspetti storici di
unamicizia mediterranea, Milano 1982, pp. 223-248.
F. Bertrandy M. Sznycer, Les stles puniques de Constantine, Paris 1987.
E. Fontan C. Metzger, History of North African Collection of the Muse du
Louvre: M. Seefried Brouillet (ed.), From Hannibal to Saint Augustin. Ancient Art
of North Africa from the Muse du Louvre, Atlanta 1994, pp. 13-15.
A. Guillou, Histoire du Louvre, la Galrie dAlgrie, Mmoire, cole du Louvre,
Paris 2002.
N. Oulebsir, Les usages du patrimoine: Monuments, muses et politique coloniale
en Algrie (1830-1930), Paris 2004.
E. Cresti, Comunit proletarie italiane nellAfrica mediterranea tra XIX secolo e
periodo fascista: Mediterranea. Ricerche storiche, 12 (2008), pp. 189-214.

Lazare Costa: litaliano che scopr il tofet di Cirta

Bibliografia

157

MITI, DI, SACERDOTI E FEDELI


La cultura magico-religiosa egizia in Algeria
Giuseppina Capriotti Vittozzi

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria


Sergio Ribichini

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani


Nacra Benseddik

Durante la prima met del I millennio a.C., ben riconoscibile la presenza


in Egitto dei Fenici, che frequentavano la terra del Nilo come audaci
mercanti, abili artigiani, ma anche mercenari, analogamente ai Greci. I
Fenici residenti a Menfi ebbero caro Ptah, dio cittadino, protettore degli
artigiani, specificamente di coloro che esercitavano le arti della metallurgia;
Astarte fu parte della sua cerchia divina. soprattutto nel secondo
quarto del I millennio a.C. (VIII-VI sec. a.C.) che, grazie a questi gruppi
sociali caratterizzati da estrema mobilit territoriale e spiccate attitudini
marinaresche, gli aegyptiaca si diffusero nel Mediterraneo: si tratta di
amuleti, figurine di divinit, scarabei, piccoli contenitori per unguenti,
oggetti di dimensioni ridotte, in qualche caso anche di notevole pregio, pi
spesso di manifattura corrente e produzione seriale, portatori di un variegato
immaginario nilotico. Gli aegyptiaca erano accompagnati da una qualche
conoscenza della tradizione nilotica e da una fiducia nelle sue antiche
pratiche magico-religiose: la tradizione egizia, infatti, era parte integrante
della cultura del Levante.
Gli aegyptiaca dAlgeria testimoniano come lassimilata tradizione
della terra del Nilo avesse accompagnato i Fenici nella colonizzazione
dellestremo Occidente mediterraneo. A Orano, si conserva una figurina
di Pateco (Cat. n. 182): tale figura divina, connessa con il grande dio
Ptah di Menfi, in relazione con la fanciullezza divina e la rigenerazione,
immagine della rinascita solare. Secondo Erodoto (III, 37), il dio Ptah,
identificato con il greco Efesto, era venerato anche in forma di nano, simile
a quei Patechi che i Fenici ponevano sulla prua delle loro navi. Ampiamente
diffuso tra gli amuleti del Mediterraneo, come nel caso dellesemplare
algerino, Pateco porta talvolta sul capo due alte piume mutuate dal
coronamento del dio Tatenen, associato spesso con Ptah; lattributo non
comunque molto diffuso.
Sempre a Orano, si trova anche una figurina di Ptah (Cat. n. 181), raffigurato
nella maniera tradizionale, mummiforme, mentre stringe lo scettro uas;
persa la sommit del capo con la calotta che doveva caratterizzarlo. Infine,

La cultura magico-religiosa egizia in Algeria

ellambito delle culture mediterranee, lEgitto antico fu un polo di


attrazione e un centro di diffusione da epoche remote, grazie alle sue
risorse naturali, alle ricchezze minerarie e alla ricca produzione agricola
dovuta al grande fiume. Dal III millennio a.C. conosciamo i rapporti tra
lEgitto e la costa del Levante, segnatamente Biblo dove i faraoni reperivano
il legname di pregio: tali relazioni furono feconde e assidue, al punto che la
Baalat di Biblo, dea della citt costiera, fu identificata con legiziana Hathor,
signora di Biblo.

159

Giuseppina Capriotti Vittozzi

160

nello stesso sito, abbiamo anche un torello, immagine di Api (Cat. n. 179).
Le tre figurine di Orano, e segnatamente Ptah con Api, fanno chiaramente
riferimento allambiente mitologico di Menfi, lantica capitale egizia
allapice meridionale del Delta, dove ben conosciuta la presenza fenicia,
testimoniata anche da Erodoto (II, 112).
Le figurine di Pateco e Ptah sono abbastanza fedeli alla tradizione egizia e le
piccole anomalie e asimmetrie potrebbero essere attribuite alla produzione
seriale. Orano ci ha conservato anche tre figurine di ushabti, immaginette
mummiformi che in Egitto venivano collocate nelle tombe affinch, secondo
la tradizione, potessero sostituire il defunto nei lavori di corve previsti
nellaldil. Due delle tre figurine (Cat. nn. 144-145), piuttosto consunte e
di manifattura corrente, sembrano rispondere al genere diffuso in Egitto nel
Periodo Tardo (VII-IV sec. a.C.); laltra (Cat. n. 146), piuttosto semplificata
nei particolari, presenta caratteristiche che la identificano come un oggetto
egittizzante, ispirato cio alla tradizione egizia, prodotto probabilmente in
ambiente fenicio. Una placchetta fittile (Cat. n. 183), infine, che sembra
copiare una stele egizia pur fraintendendone i personaggi e la scrittura,
lascia immaginare che a Orano esistesse un ambiente fenicio interessato alle
tradizioni nilotiche e impegnato a riprodurre oggetti egizi.
Nel rilievo sommario si riconosce un cartiglio, dove lemergere di uno
scarabeo suggerisce che lartigiano avesse adocchiato la combinazione
men-kheper-ra, tanto diffusa negli scarabei, mentre nella scena centrale,
a destra, un personaggio inginocchiato ricalca la figura del dio fanciullo
accovacciato sul loto, ben conosciuto in ambiente fenicio, a giocare qui un
improbabile ruolo di fronte a un personaggio seduto. Questi oggetti vanno
dunque messi in relazione a quei fenomeni di assimilazione della cultura
egizia in ambiente fenicio: le immagini di divinit egizie circolavano e
venivano riprodotte, inserite allinterno della cultura fenicia. Non si pu
certo supporre che esistesse qui un culto specificamente egizio, ma le stesse
divinit egizie venivano riconosciute e identificate come proprie; cos come
fu adottato luso funerario dei sarcofagi antropoidi, che in Algeria pu essere
testimoniato da un frammento lapideo (Cat. n. 42) a Tiddis.
Un caso particolarmente interessante, per la comprensione della tradizione
egizia in Algeria, indubbiamente quello di Iol/Caesarea, attuale Cherchel.
Monete attribuite a questa citt, datate alla fine del III sec. a.C., riportano
limmagine di una dea identificata con Iside, per la spoglia davvoltoio e un
piccolo coronamento hathorico; limmagine si pu anche arricchire di lunghi
orecchini pendenti di gusto nordafricano. Sul rovescio, si vedono tre spighe.
La divulgazione dei culti isiaci nel Mediterraneo, dal periodo ellenistico a

Per comprendere la dea delle monete di Iol, bisogna sottolineare il nesso tra
Iside e Hathor, che progressivamente si sovrapposero, e quello tra Hathor
e Astarte. Hathor era dea dalle complesse connotazioni, legata alla piena
e dunque alla fertilit; fin dai tempi pi antichi, fu considerata dagli Egizi
come preposta ai beni preziosi reperibili fuori dalla valle del Nilo: Signora
di Biblo, ma anche Signora della turchese nellarea mineraria del Sinai e
Signora della galena nelle miniere prossime al Mar Rosso; la dea vigilava,
nelle sue forme feline, sulle piste che si addentravano nel deserto verso
le miniere e le cave. Signora della gioia, fu riconosciuta dai Greci come
Afrodite e fu presente, non a caso, a Cipro, isola del rame.
I Fenici assimilarono questa divinit legata ai beni preziosi e la riconobbero
come Astarte, portandola con s nelle ardite rotte verso il reperimento di
materie prime e materiali esotici: la figura di Hathor riconoscibile nei siti
iberici e caratteristiche hathoriche sono ravvisabili nella figurina bronzea
da Costantina, segnatamente nellacconciatura (Cat. n. 176). Pi che dalla
ellenistica diffusione isiaca di derivazione alessandrina, la dea delle monete
di Iol sembra emergere da una cultura di origine fenicia sviluppatasi sulla
costa algerina, dove la tradizione egizia aveva accompagnato naviganti alla
ricerca di bacini minerari. Le tre spighe, che fanno riferimento alle ampie
pianure coltivabili del territorio, sono ben comprensibili in relazione alla dea
preposta alla fertilit: Iside fu identificata dai Greci con Demetra.
A confermare questo ambiente cultuale, va considerata una scultura al
Museo di Cherchel raffigurante un nano (Cat. n. 3): si tratta di una figura
dalle forme piuttosto semplificate, dal grande capo calvo e dagli arti brevi.
Le caratteristiche fisiche fanno pensare a Pateco, tuttavia rimanderebbe a Bes
la struttura trapezoidale posta sul capo che sembra ricalcare, sinteticamente,
il coronamento tipico del dio. Bes una figura enigmatica, un nano dalle
caratteristiche teriomorfe come le orecchie di leone e la coda, una folta
barba a ventaglio e una capigliatura-criniera; spesso coronato di piume,
esibisce un ghigno spaventoso mostrando la lingua: strettamente connesso

La cultura magico-religiosa egizia in Algeria

quello romano, fenomeno ben conosciuto, e tuttavia la presenza di questa


dea a Iol mostra caratteristiche diverse, che non sembrano in relazione con il
fenomeno tipicamente ellenistico. Confermerebbe questa ipotesi lesistenza
di altre monete, battute intorno alla met del III sec. a.C. dai mercenari della
rivolta libica contro Cartagine: esse mostrano una dea dal coronamento
hathorico ma dalle caratteristiche assolutamente poco egizie e al contempo
non ellenistiche insieme alle tre spighe sul rovescio; in questo caso, si
intuisce come mercenari nordafricani in contrasto con Cartagine trovassero
in una divinit dalle caratteristiche hathoriche un segno di identit.

161

Giuseppina Capriotti Vittozzi

allinfanzia, proteggeva i fanciulli e la maternit. La figura di Cherchel non


presenta dunque queste caratteristiche salienti, ma piuttosto rimanderebbe al
piccolo nano calvo che Pateco: le sue forme, scevre da influssi ellenistici,
rinvierebbero allambiente fenicio.
Tra gli aegyptiaca dAlgeria, va ricordato un pilastro djed in pietra, usato
a Tipasa come segnacolo su una tomba, intorno al II sec. a.C.: il djed
connesso in Egitto con il dio Osiride ed ebbe una certa diffusione nel
Mediterraneo come amuleto con il probabile significato di stabilit e
durata. Esemplari usati come altare o cippo tombale si trovano a
Tharros e a Cagliari. Tipasa ha restituito anche degli scarabei:
notevole uno che porta, sulla parte piatta, limmagine rara
di un cavaliere che affronta un animale mitico (Cat. n. 175),
rampante e alato, probabilmente un leone. Il disegno ha la
fluidit dovuta a una buona tecnica e lanimale rampante
trova confronti sia nello stile sia nel genere mitico tra gli
scarabei di Naucrati, sito del Delta egiziano dove esisteva una
fabbrica di scarabei diffusi nel Mediterraneo tra VII e VI sec.
a.C.; il sito era un emporio greco, ma vi erano certamente presenti
dei Ciprioti e probabilmente dei Fenici.

162

1
Personificazione della
citt di Iol-Caesarea.
I sec. d.C.
Cherchel, Museo.

Un enigmatico quanto importante frammento lapideo da Souk Ahras (Cat.


n. 1) ci presenta una figurina maschile seduta in trono, che indossa il tipico
gonnellino egizio pieghettato; ai lati di questo, due sfingi passanti coronate
di due alte piume. Se in ambiente fenicio-punico la sfinge un elemento
ricorrente, soprattutto ai lati di un trono, essa generalmente alata; in questo
caso, invece, siamo di fronte a una rappresentazione abbastanza fedele del
dio Tutu: divinit protettrice affermatasi nel Periodo Tardo, e soprattutto
dallepoca tolemaica (IV-I sec. a.C.), essa si ritrova su monete battute in
Alessandria al tempo di Traiano e di Adriano; creatura composita, la sua coda
serpentiforme si leva desinente in una testa di cobra, mentre una protome di
coccodrillo pu spuntare dal petto. Il personaggio seduto non facilmente
identificabile, possiamo solo ricordare che Tutu legato a varie divinit, tra
le quali Horo, ed connesso con la regalit. Sul retro resta un foro, forse
funzionale a unapplicazione. La presenza di una simile figura sembra
alludere alla comprensione abbastanza precisa dellimmaginario egizio.
Un peculiare legame con lEgitto venne espresso da Cherchel al tempo
di Giuba II: egli era erede della tradizione culturale nordafricana della
Mauretania e, al contempo, abbracciava la cultura ellenistica e romana;
sposo di Cleopatra Selene, figlia dellultima regina dEgitto Cleopatra
VII, fu fedele ad Augusto che lo aveva posto sul trono; in suo onore, la

La presenza del rettile e quella di autentiche statue egizie dovevano creare a


Cherchel un ambiente alessandrino. Ci resta una statuetta di Petobasti (Cat.
n. 4), grande sacerdote di Ptah a Menfi (III-II sec. a.C.), uno dei maggiori
rappresentanti del clero egizio, strettamente legato alla corte tolemaica.
Laltro frammento appartiene a una statua di Thutmosi I (met II millennio
a.C.), in origine collocata in Abido (Cat. n. 5): Gauckler riferisce che fu
trovata vicino alla rampa che conduceva al porto, presso la grande piscina in
granito nero di Siene: queste strutture sarebbero oggi sommerse.

La cultura magico-religiosa egizia in Algeria

citt fu chiamata Caesarea. Giuba fu attratto dalla civilt egizia: sappiamo


da Plinio (Nat. Hist., V, 51) che egli, seguendo antichi geografi, si era
dedicato alla ricerca delle fonti del Nilo nellinterno della Mauretania,
dove il fiume avrebbe formato il lago chiamato Nilide. Al tempo di Plinio,
nellIseo di Caesarea, viveva un coccodrillo, riportato da Giuba dalle sue
spedizioni geografiche.

molto interessante lesistenza di una vasca in pregiata pietra nera egiziana,


nei pressi della quale era stata collocata una statua, gi allora molto antica,
da Abido: si pu intuire la volont di ricreare una geografia del sacro fuori
dalla Valle del Nilo; inoltre i bacini idrici erano importanti nei templi di culto
isiaco. Le monete del tempo di Giuba riportano una profusione di soggetti
egittizzanti, mostrando la regina Cleopatra Selene connessa con forme
divine egizie (Cat. n. 215), mentre il crescente lunare legato al suo nome si
accompagna al disco solare, ricalcando forme di tradizione punica.
Il culto isiaco praticato in questepoca a Caesarea doveva avere propri
sacerdoti ispirandosi a quello in uso nellEgitto tolemaico. Conosciamo
questi culti anche altrove, nellAlgeria romana; un caso particolare quello
di Lambesi (Numidia), dove i resti archeologici permettono di ricostruire la
presenza di un tempio che aveva senza dubbio del personale addetto al culto.
Una figurina mummiforme in terracotta (Cat. n. 147) ad Annaba testimonia
daltra parte la persistenza di credenze in ambito privato: essa ricalca le
forme degli ushabti con attributi iconografici di Osiride e trova confronto
in oggetti diffusi nel mondo romano a testimoniare la reviviscenza tardiva
del culto dellantico dio dellaldil. Liscrizione sul petto sembra ricalcare il
cartiglio di Ramesse II e dunque non pertinente.
Siamo allultimo sviluppo locale della tradizione egizia, comprensibile
nellorizzonte della diffusione isiaca iniziata nellEllenismo, le cui
caratteristiche ben si distinguono dalle espressioni di una tradizione nilotica
integrata nella cultura levantina e passata poi nel mondo punico. Tra queste
due fasi, come una cerniera dai caratteri eccezionali, abbiamo la Caesarea di

163

Giuseppina Capriotti Vittozzi

164

Giuba, dove elementi della tradizione egizia gi presenti nel territorio furono
rivitalizzati dalla volont di rendere la citt una sorta di nuova Alessandria,
rintracciando alle sue spalle le origini misteriose del grande fiume sacro.
Bibliografia
P. Gauckler, Muse de Cherchel, Paris 1895.
G. Hlbl, gyptisches Kulturgut im phnikischen und punischen Sardinien
(= EPRO, 102), Leiden 1986.
G. Scandone Matthiae, Loro e la dorata. Unipotesi su un epiteto di Afrodite e di
Hathor: Hommages Jean Leclant, 3. tudes isiaques (= Bd, 106, 3), Le Caire
1994, pp. 435-440.
S. Aufrre, Un prolongement mditerranen du mythe de la Lointaine lpoque
tardive: N. Grimal B. Menu (d.), Le commerce en gypte ancienne (= Bd, 121),
Le Caire 1998, pp. 19-39.
G. Capriotti Vittozzi, Oggetti, idee, culti egizi nelle Marche. Dalle tombe picene al
tempio di Treia (= Picus Suppl., 6), Tivoli 1999.
L.-I. Manfredi, LOriente in Occidente. Iside nelle monete puniche: S. Russo (a
cura di), Atti del V Convegno nazionale di egittologia e papirologia (Firenze, 10-12
dicembre 1999), Firenze 2000, pp. 151-167.
O.E. Kaper, The Egyptian God Tutu. A Study of the Sphinx-God and Master of
Demons with a Corpus of Monuments (= OLA, 119), Leiden 2003.
C. Sintes Y. Rebahi, Algrie antique(Catalogue de lexposition, Arles 26 avril - 17
aot 2003), Arles 2003.
J.-P. Laporte, Isiaca dAlgrie (Maurtanie, Numidie et partie de la Proconsulaire): L.
Bricault (d.), Isis en Occident. Actes du IIme Colloque International sur les tudes
Isiaques (Lyon III, 16 17 mai 2002) (= RGRW, 151), Leiden 2004, pp. 249-320.
G. Capriotti Vittozzi, LEgitto a Caesarea di Mauretania: Rivista di Studi Fenici, c.s.

MITI, DI, SACERDOTI E FEDELI


La cultura magico-religiosa egizia in Algeria
Giuseppina Capriotti Vittozzi

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria


Sergio Ribichini

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani


Nacra Benseddik

Sergio Ribichini

d calceum Herculis, alla scarpa di Ercole: cos era chiamata una posta
stradale dellantica Numidia, riportata sulla Tabula Peutingeriana, una
carta itineraria risalente allet romana. Il nome simile a quello di altri
toponimi dello stesso documento e tutti rinviano, probabilmente, a qualche
scritta sullinsegna delle locande o delle osterie dove il viaggiatore poteva
trovare vitto e alloggio. Qualcuno ha proposto di vedere nel nome di questa
stazione lallusione a una delle tante imprese di Ercole e, parallelamente, allo
stretto passo di El-Kantara: di fronte allostacolo naturale che impediva il
transito, leroe non avrebbe esitato ad aprirsi un varco menando un poderoso
calcio alle alture.
Anche se questipotesi non fosse quella pi corretta, per spiegare lorigine
del toponimo, essa rende bene limportanza che avevano, tra gli abitanti
dellantica terra algerina, le tradizioni sulleroe viaggiatore e conquistatore
per eccellenza della mitologia classica, quellErcole che i Greci chiamavano
Eracle e che i Fenici identificavano con il grande dio di Tiro, Melqart. Le
notizie su di loro spesso si confondevano e sinfluenzavano lun laltra, al
punto che vari scrittori, come Erodoto nel V sec. a.C., Cicerone al tempo
di Cesare e Filone di Biblo allepoca di Adriano, ritennero importante
sottolineare tutte le differenze e le analogie tra lEracle fenicio venerato
a Tiro da tempi lontani, ritenuto figlio di Demarunte e di Astarte/Asteria,
considerato signore dellespansione colonizzatrice in Occidente, celebrato
con una grande festa in memoria della sua resurrezione dopo una morte
nel fuoco e lEracle/Ercole di Greci e Romani, creduto figlio di Zeus e di
Alcmena, eroe infaticabile, scomparso nel rogo di una pira e quindi accolto
fra gli di immortali.

166

Melqart senzaltro lEracle fenicio, un dio che talora detto anche


Eracle libico e che in molte testimonianze si confonde con leroe greco, il
protagonista di mille scoperte e il campione di grandiose avventure.
probabilmente Melqart, per es., il dio connesso allorigine della citt di
Icosium e celato dal nome di Ercole. Racconta Solino, nel III sec. d.C. (Coll.,
25, 17) che quando leroe si trov a passare da quelle parti, venti tra i suoi
seguaci lo abbandonarono e fondarono la citt; e fu per non competere su
chi dovesse dare il proprio nome al nuovo insediamento, che questo venne
chiamato semplicemente con il loro numero. La tradizione sarebbe antica e
greca: in greco, infatti, il toponimo scritto Ikosion e rinvia a eikosi, venti.
Sono senzaltro evidenti lintento eziologico e il valore di quanto riferisce
Solino: sebbene la spiegazione sia ritenuta poco attendibile, essa d la misura
della presenza di un personaggio identificato con Ercole nelle memorie
mitiche legate alla terra dellodierna Algeria.

Sallustio attribuisce il racconto della migrazione dei


compagni di Ercole dalla Spagna, e della sua morte
in quella regione, a unopinione diffusa tra gli stessi
Africani. Esso pu apparire singolare, giacch contrasta
con quanto noto dai miti classici sulla morte delleroe
greco sul monte Eta in Tessaglia; si spiega a sufficienza,
invece, se si fa riferimento a unoriginaria narrazione
fenicia, conservata in quei Libri punici che sono citati come fonte
dallo storico. Anche altri scrittori, del resto, riferiscono tradizioni sulla morte
dellEracle fenicio, Melqart, in terra iberica, e perfino sulla presenza di
reliquie (le sue ossa) nellantichissimo santuario di Cadice a lui intitolato.

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria

Un altro racconto sui compagni di un Ercole condottiero in Occidente di


genti orientali riferito da Sallustio, nel I sec. a.C., in unattenta digressione
sulla genesi dei popoli nordafricani. Lo storico romano afferma (Bell. Iug.,
17-19) di avere tratto le sue informazioni da una traduzione dei Libri punici
di Iempsale, nei quali avrebbe trovato il resoconto di tre diversi periodi e
di altrettanti strati etnici. Una prima fase sarebbe stata caratterizzata dalla
presenza dei soli autoctoni, Getuli e Libici, descritti come barbari, crudeli e
nomadi. Un secondo periodo avrebbe visto larrivo dal Nord dei resti della
composita armata che Ercole aveva condotto in Spagna, dove era morto;
Medi, Persiani e Armeni, scrive Sallustio: i primi si
sarebbero mescolati ai Libici per costituire il gruppo
dei Mauri, popolo sedentario, mentre i Persiani si
sarebbero uniti ai migratori Getuli e spostati verso
Oriente, mutando il nome in quello di Numidi.
Un terzo stadio, infine, assai posteriore ai primi
due periodi, sarebbe stato quello dellarrivo dei
Fenici dallOriente e dei loro insediamenti sul litorale
nordafricano, con le citt dIppona, Hadrumetum,
Leptis e Cartagine, in particolare.

167

Ancora nel VI sec. d.C., circolavano storie sulle avventure di Eracle in Nord
Africa: ne parla, per es., Procopio di Cesarea (Vand., II, 12-29), che per cita
pi propriamente leroe greco, da lui evocato come vittorioso avversario di
Anteo, cio del gigante che la tradizione presentava quale figlio della Terra e
che lo storico bizantino qualifica come antico re degli autoctoni libici.
Procopio presenta poi anche altre notizie, altri racconti sullarrivo in tempi
remoti di genti orientali in terra algerina. E afferma che ancora al suo tempo,
su due stele di marmo bianco poste presso la fontana principale di Tigisis,
si poteva leggere un testo fenicio che dichiarava i Mauri discendenti di

1
Stele libica da Abizar.
III-II sec. a.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquits.

Sergio Ribichini

gruppi fenici fuggiti dalla Palestina al momento della migrazione degli Ebrei
dallEgitto. Procopio intende chiaramente mostrare il suo grande sapere
e raccoglie allo scopo le diverse storie sulle origini dei popoli che ancora
custodivano in Nord Africa memorie e abitudini estranee alla civilt urbana
imposta dai Romani. Aggiunge pure che dopo quelle remote vicende altri
profughi, partiti da Tiro con la principessa Didone, avrebbero raggiunto i
discendenti dei primi esuli fenici in Africa, fondato Cartagine e sconfitto poi
i Mauri, loro vicini e consanguinei, costringendoli a emigrare lontano dalla
metropoli punica.
Allo stato attuale della documentazione, il nome di Melqart quale
destinatario di una dedica non documentato esplicitamente nelle
iscrizioni puniche o neopuniche dellAlgeria; ma non mancano indicazioni
sullargomento. C da ricordare, per es., la venerazione di Ercole attestata
da iscrizioni latine provenienti da varie localit, a cominciare proprio dal
calceus Herculis; e si pu senzaltro ipotizzare che tale culto abbia ereditato
quello del grande dio dellespansione fenicia in Occidente. Inoltre, almeno
un paio di iscrizioni pu testimoniare il suo culto in territorio algerino.
Si tratta, da un lato, duna dedica ritrovata nel santuario-tofet di Baal
Hammon a El-Hofra/Costantina, lantica Cirta, nella quale il dedicante
Abdeshmun si dichiara sacerdote di Melqart (EH 68). Si tratta, dallaltro,
duna celebre iscrizione neopunica da Cherchel (KAI 161), commemorante
la dedica di una statua del re Micipsa nel suo mausoleo da parte di un suo
discendente che si cita con il titolo di miqim elim, scritto myqm lm.

168

Questa formula attestata in molte iscrizioni fenicie, puniche e neopuniche


(per es., a Rodi, Cipro, Cartagine e Tripolitania) e indica una carica
sacerdotale, verosimilmente connessa alla cerimonia del risveglio o della
resurrezione del dio Melqart pi sopra ricordata: una liturgia che citata
anche da fonti letterarie con riferimento al re Hiram, primo celebrante
del rito a Tiro, nel IX sec. a.C. Nel caso algerino, certo problematico
affermare che il significato originario della carica sia rimasto inalterato;
sembra comunque possibile ipotizzare che il titolo abbia conservato, anche
in ambiente numidico, limportanza e il prestigio che secoli di cerimonie in
onore del dio avevano attribuito a tale funzione sacerdotale.
Oltre a Melqart/Eracle o Ercole di cui s detto, oltre a Baal Hammon/
Kronos o Saturno di cui si discute in altro capitolo di questo catalogo, anche
altre divinit della religione fenicia sono testimoniate nella documentazione
relativa allAlgeria. Nel santuario-tofet di Costantina, per es., una ventina di
dediche sono rivolte a Baal Addir, lett. il Signore Potente.

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria

Si pu pensare che questo nome divino fosse qui soltanto un appellativo,


cio un diverso modo per definire Baal Hammon, il dio titolare del culto
in questo luogo insieme alla dea Tanit e presumibilmente qui assimilato a
un originario nume locale. Baal Hammon, in effetti, il destinatario della
maggioranza assoluta delle offerte ricordate dalle epigrafi di Costantina,
nel periodo di attivit del santuario (III-II sec. a.C.). Ma altrove, in localit
della Tunisia, della Sardegna e del Libano, il nome di Baal Addir designa
comunque una divinit distinta. Nella stessa Algeria, sono testimoniate anche
dediche per Baliddir, forma latina dello stesso nome divino.
Si tratta, secondo le diverse ipotesi, dun dio dai caratteri agrari e ctonii,
identificabile con il Plutone africano (e forse per questo equiparabile al
dio Baal Hammon), o piuttosto duna divinit interpretata con
il nome e le caratteristiche del dio latino Mercurio.
Evoca la religione punica nellAlgeria depoca
romana anche un altro nome divino: quello latino di
Abaddir, ricordato da fonti epigrafiche e testi letterari.
Uniscrizione da Miliana (CIL VIII, 21481), anzitutto,
conserva la dedica dun altare per il santo dio Abaddir da
parte del collegio dei suoi cultores. Garantisce lorigine
cartaginese del nome un brano di SantAgostino, il quale,
indirizzando al grammatico Massimo di Madaura una
requisitoria contro i culti non cristiani della sua terra,
ricorda come punici i sacerdoti detti Eucaddiri e i numi
chiamati Abaddiri (Ep., XVII, 2).
Un altro grammatico della stessa terra, Prisciano, d poi testimonianza
di quanto si narrava a livello mitico ancora nel V-VI sec. d.C.; scrive lo
scrittore di Cesarea (Inst., V, 18 ecc.) che Abaddir era il nome di un betilo,
e precisamente di quel masso che il dio Saturno aveva divorato al posto di
un figlio. Fin dallepoca di Esiodo, in effetti, si raccontava in Grecia che nel
tempo prima del tempo, per salvare linfante Zeus dalla triste sorte cui suo
padre laveva destinato (al pari dei fratelli, nati precedentemente e subito
inghiottiti), la madre Rhea avesse dato allo sposo una grande pietra avvolta
in fasce; cos Zeus era scampato allorribile pasto, era cresciuto di nascosto e
poi aveva sconfitto ed esiliato suo padre, instaurando sotto il proprio potere
il giusto ordine cosmico.
Altri scrittori riferivano pure che tale pietra, rigurgitata come tutti gli di
divorati dal dio cannibale, aveva preso vita e forma umana, per essere
oggetto del culto betilico. Abaddir, dunque, sarebbe stato venerato come una

169

2
Stele punica con
raffigurazione di
Saturno e simboli
religiosi.
I sec. a.C.
Tipasa, Museo.

Sergio Ribichini

Pietra divina, un betilo; e il nome latino potrebbe corrispondere bene a un


termine punico del tipo *b(n)dr, da intendere verosimilmente come Pietra
del Potente.
Stando alle nostre fonti, insomma, Abaddir venne usato sia come nome
comune, per indicare al plurale i betili, cio le pietre sacre della religione
fenicia e punica, cui si chiedevano anche responsi oracolari, sia come nome
proprio, al singolare, per designare un dio particolare, venerato specialmente
nelle regioni magrebine e qui corredato di racconti mitici attinti anche alla
tradizione classica.
Su alcune monete numidiche si creduto poi di poter riconoscere uneffigie
della principale divinit femminile fenicia, Astarte, il cui culto influ in Nord
Africa anche su quello dellegiziana Isis. Questa interpretazione possibile,
ma non supera il livello ipotetico, giacch mancano conferme epigrafiche
sulla venerazione di questa dea nelle iscrizioni dellAlgeria.
Daltro canto, il nome di Astarte ben poco attestato in tutto il Nord Africa,
con leccezione di Cartagine e di qualche localit minore, sicch lassenza
di testimonianze dirette potrebbe non essere particolarmente significativa.
parimenti importante sottolineare la presenza, anche nella documentazione
algerina, del culto di Venere Ericina, nota da iscrizioni di Madaura, Thibilis e
Cirta, che richiama senzaltro la venerazione per la dea che in Sicilia i Fenici
identificarono appunto con Astarte.

170

Si deve infine rilevare limportanza del culto di Tanit, quale paredra di Baal
Hammon nel santuario-tofet di Costantina. Questa dea presenta caratteri in
comune con lAstarte della tradizione vicino-orientale, al punto che nelle
forme del culto per Venere e Giunone nellAfrica romanizzata difficile
distinguere lerede delluna o dellaltra divinit punica. probabile, in
ogni caso, che a Cirta, come altrove in Nord Africa, Tanit continu a essere
venerata con le caratteristiche che aveva nella religione di Cartagine anche
in epoca romana, quando i testi ricordano ladorazione di una dea chiamata
domina o dea Caelestis, particolarmente tra il II e III sec. d.C.; il suo culto,
in ogni caso, persisteva ancora al tempo di Sant Agostino.
Di quanti, nella religione punica, soccupavano del servizio divino in parte s gi
detto, con le menzioni del miqim elim, dellassociazione dei cultores di Abaddir
e del sacerdote di Melqart che lasci la sua dedica nel santuario di Cirta. Altre
iscrizioni votive da questo stesso luogo sacro confermano lesistenza di classi
sacerdotali specifiche, organizzate anche con una scala gerarchica.
Tra le molte dediche figurano infatti quelle dei Gran sacerdoti Hannibaal

Ai personaggi in questione e ai loro confratelli, accoliti o servitori, dobbiamo


pensare per tutte le liturgie caratterizzanti il culto politeistico delle divinit
antropomorfe, e specialmente per i sacrifici cruenti documentati dai testi
e dalle iconografie. Si tratta in particolare dellabbattimento, spartizione,
offerta e consumo delle vittime animali, ovini e bovini soprattutto, nelle
cerimonie ufficiali celebrate dal clero secondo il calendario liturgico, o pi
semplicemente nei riti sollecitati dai singoli fedeli, a titolo personale o per
conto di un gruppo, in rendimento di grazie o in adempimento di un voto:
perch la divinit ha ascoltato la sua voce, lo ha benedetto, secondo la
formula che si legge abitualmente in centinaia di iscrizioni.

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria

e Abdeshmun, dei sacerdoti Himilkat, Abdmelqart, Hanno, Azarbaal,


Bodashtart, Mattanelim, Yaton e dun altro Abdmelqart; della Gran
sacerdotessa Arishat e della sacerdotessa Himilce; di Himilkat, infine, che si
qualifica come incaricato di portare la statua (divina), un compito che forse
svolgeva in occasione di processioni o di cerimonie oracolari.

Talune epigrafi puniche e neopuniche conservano anche unaltra espressione,


che fa menzione di un giorno favorevole, o anche di un giorno propizio
e benedetto: se ne trovano sia a Costantina e a Ksiba Mraou, sia in altri siti
numidici, come Dougga, Ksar Lemsa e Teboursouk, cosicch si pu pensare
si trattasse di una formula dorigine libica usata anche in ambito punico.
A essere giudicato giorno felice e benedetto, apparentemente, quello in cui
lofferente adempie il suo voto e lascia la sua dedica; ma la frase compare
anche in qualche iscrizione funeraria, quasi che il giorno della morte fosse
parimenti considerato come fausto e santificato.
La formula, inoltre, ha un preciso parallelo in espressioni come giorno
buono e fausto, buono e felice, buono e solenne, che ricorrono in varie
iscrizioni latine nordafricane, quasi che essa si fosse conservata costante,
sia pure con qualche piccola variante, nellAfrica romanizzata. Si trova
per gi in testi letterari latini, anche pi antichi: la cita, per es., Cicerone,
scrivendo che gli antenati romani, ogni volta che dovevano compiere un
atto importante, cominciavano col dire: Sia questa cosa buona, fausta,
felice e fortunata (De div., I, 45); sicch si pu pensare a una sorta di
compenetrazione, fusione o di reciproca interpretazione tra luna e laltra
formulazione cultuale, punica e romana, in ambiente numidico.
interessante osservare che si aprono con tale formula le iscrizioni
latine incise su cinque stele votive, recuperate nel 1930 presso NGaous
(Nicivibus) e databili intorno al 200 d.C. Le epigrafi sono tutte dello stesso
tenore: quale cosa buona, fausta e felice sindica il compimento di un rito

171

Sergio Ribichini

notturno per il santo signore Saturno; il sacrificio di un agnello offerto


da una coppia di coniugi (o solo da una donna, in una stele) e celebrato, a
seguito di unapparizione del dio (forse in sogno), con valore sostitutivo,
anima per anima, vita per vita, sangue per sangue, per la salute (o la
salvezza) di un figlio. Questultimo, beneficiario del rito, ha un nome sempre
significativo, come Impetrato, Concessa e Donato, quasi a suggerire che
si trattasse di figli ottenuti per una grazia divina. Lanimale, infine, viene
offerto secondo un rito detto molchomor, che corrisponde senzaltro alla
formula mlkmr sacrificio molk di un agnello, quale compare in un certo
gruppo di iscrizioni votive puniche.
Secondo alcuni studiosi, il rituale dei testi di NGaous costituisce lultimo
sviluppo del sacrificio punico dei fanciulli in onore di una divinit assetata
di sangue e placata con lofferta sostitutiva di un agnello; ma la presenza
di un beneficiario umano, figlio dei devoti
offerenti, la tipologia del rito e la formula nel
suo complesso lasciano anche ipotizzare, con
maggiore plausibilit, che esso si celebrasse
in adempimento di un voto, fatto al principale
dio dellAfrica romana con uno scopo tanto
privato quanto pratico: la guarigione di un figlio
implorato, dalla salute compromessa.

172

3
Particolare di una
stele funeraria di
tradizione punica.
I sec. a.C.
Tipasa, Museo.

Tra le cerimonie cruente della religione punica,


in ogni caso, vera anche la messa a morte rituale
di vittime umane almeno in particolari occasioni,
secondo quanto scrivono vari autori greci e latini
e secondo quel che sembra di poter dedurre
da alcune epigrafi votive; ed possibile immaginare che anche i Numidi
dellantica Algeria avessero tradizioni e costumi di questo tipo. Un testo
greco attribuito a Plutarco (Par. min., 23, 311 b-c) conserva, per es., due
racconti sul tema, posti in parallelo e attinti a fonti diverse.
Nel primo si legge che un certo Lico, re della Libia e figlio di Ares, aveva
labitudine di sacrificare gli stranieri a suo padre. Accadde che Diomede, di
ritorno da Troia, fece naufragio sulla costa, fu preso e destinato al sacrificio.
Sinnamor per di lui Calliroe, figlia di Lico, che lo salv; ma Diomede,
ingrato, fugg, senza ricambiare quellamore. E la fanciulla abbandonata
simpicc. Il secondo episodio sarebbe accaduto invece al tempo della
spedizione di Attilio Regolo in Africa: il comandante romano Calpurnio
Crasso, inviato contro i Massili, fu fatto prigioniero e destinato al sacrificio
per Kronos; sfugg per alla morte grazie allamore di Bisaltia, figlia del re,

Il primo racconto chiaramente mitico, mentre il secondo apparentemente


storico; di fatto, le due vicende fanno riferimento a diffusi luoghi comuni
sulla triste sorte dei prigionieri tra i barbari e sulle infelici vicende damore
che avevano caratterizzato le origini stesse della citt di Cartagine; leitmotivs
ricorrenti nelle letterature antiche, insieme ad altri, che caratterizzarono
pesantemente limmagine dei Fenici nei testi classici e negli scritti cristiani
dei primi secoli.

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria

che trad la sua gente. Anche Calpurnio, come Diomede, sallontan dalla
fanciulla e questa si suicid sgozzandosi. Stando al testo che li raccoglie, il
primo racconto deriverebbe dalle Storie libiche di Giuba; il secondo sarebbe
tratto dallopera scritta, con lo stesso titolo, da un certo E(ge)sianatte.

Bibliografia
L. Bosio, La Tabula Peutingeriana. Una descrizione pittorica del mondo antico,
Rimini 1983.
C. Bonnet, Melqart. Cultes et mythes de lHrakls tyrien en Mditerrane, LeuvenNamur 1988.
M.H. Fantar, Formules propitiatoires sur des stles puniques et nopuniques: J.
Quageboeur (ed.), Ritual and Sacrifice in the Ancient Near East, Leuven 1993, pp.
125-133.
A. Ferjaoui, propos de la formule bym nm wbrk dans les inscriptions nopuniques:
Y. Le Bohec (d.), LAfrique, la Gaule, la Religion lpoque romaine. Mlanges
la mmoire de Marcel Le Glay, Bruxelles 1994, pp. 9-12.
R. Oniga, Sallustio e letnografia, Pisa 1995.
S. Ribichini, Poenus advena. Gli di fenici e linterpretazione classica, Roma 1995.
C. Bonnet, Astart. Dossier documentaire et perspectives historiques, Roma 1996.
S. Ribichini, Quelques remarques sur le temps phnicien: F. Briquel Chatonnet
H. Lozachmeur (ds.), Proche Orient ancien: temps vcu, temps pens (= Antiquits
Smitiques, III), Paris 1998, pp. 99-119.
S. Ribichini, Sacrum magnum nocturnum. Note comparative sul molchomor nelle
stele di NGaous: Aula Orientalis, 17-18 (1999-2000), pp. 353-362.
A. Cadotte, La romanisation des dieux: linterpretatio romana en Afrique du Nord
sous le Haut-Empire, Leiden Boston 2007.
S. Ribichini, Mythes et rites des Phniciens et des Carthaginois: G. del Olmo Lete
(d.), Mythologie et religion des Smites occidentaux (= Orientalia Lovaniensia
Analecta, 162), II, Leuven 2008, pp. 265-372.

173

MITI, DI, SACERDOTI E FEDELI


La cultura magico-religiosa egizia in Algeria
Giuseppina Capriotti Vittozzi

Miti e riti della tradizione fenicia in Algeria


Sergio Ribichini

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani


Nacra Benseddik

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani

paesi africani sono molto presto venuti a contatto con le altre culture
del Mediterraneo. Si svilupp allora, in modo naturale, un processo
sincretistico che port alla necessaria coesistenza degli di introdotti dai
navigatori fenici, dai militari, dai funzionari e dai mercanti
romani con le divinit autoctone. I musei e i siti dAlgeria ne
racchiudono molteplici testimonianze.

Di poliadi
LAfrica occupa nel ciclo di Eracle un posto privilegiato, che
si pu valutare dalla notevole densit delle tracce del suo culto
nellarea (Cat. n. 216). Erede del Melqart fenicio e dellEracle
greco, Ercole aveva probabilmente assorbito in precedenza
una divinit numidica. stato per gli Africani leroe-dio
fondatore di citt e il protettore dinastico; secondo Sallustio,
egli veniva considerato dallambiente di Giuba come una
divinit libica (Bell. Iug., LXXXIX, 4). legato alle origini
di Caesarea (Cherchel), Icosium (Algeri), Cirta (Costantina) e
Theveste (Tebessa); a Calceus Herculis (El-Kantara), a cui ha
dato il nome, avrebbe aperto le famose gole con un calcio.
Prima ancora della conquista romana, tanto nei fondaci fenici
quanto nei regni berberi indipendenti, si battevano monete
con la sua effigie. Un po dovunque, in Africa, con una
concentrazione in area numidica, gli sono stati eretti templi,
consacrate statue e dediche. molto probabile che vi siano
stati venerati due Ercole, luno erede del Melqart fenicio,
laltro identificabile con lEracle greco, ma da nessuna parte,
su nessun supporto, allo stato attuale delle nostre conoscenze,
si potuto attribuire una raffigurazione particolare di Ercole
allAfrica berbera e punica.

175

Di della fertilit
Gli di cton, frugiferi, conobbero in Africa un successo clamoroso, perch erano
particolarmente attenti alle popolazioni legate alla terra che aspettavano da loro
piogge benefiche, sinonimo di buoni pascoli e di ricche messi (Cat. n. 28).
In primo piano, troneggiava Saturno (Fig. 1), dio supremo, padrone del
mondo e del tempo, principe della terra feconda e dellaldil astrale
promesso agli iniziati, dio salvatore, figura autenticamente africana
che unisce lOriente e lOccidente. Sin dalla met del I secolo a.C.,

1
Stele votiva a
Saturno.
II sec. d.C.
Algeri, Muse
National des
Antiquites.

Nacra Benseddik

lassimilazione tra Saturnus, antica divinit agraria italica identificata col


Crono greco, e il Baal Hammon cartaginese (Cat. n. 18) si attu a favore di
un dio africano dal nome romano (Saturnus), ma la cui potente personalit,
universale e creatrice, non doveva niente a Roma. Saturno, dio del cielo,
delle messi, di tutta la fertilit e di tutta la fecondit anche dio dei morti.
Nelle citt come in campagna, numerosi santuari e migliaia di ex voto
e di dediche sono stati consacrati a un culto che ha preparato lavvento
del monoteismo. Perfino la romanissima Thamugadi ha dedicato nel suo
pantheon un posto di primo piano alle divinit africane dominate da Saturno.
Poco pi in l, una stele di Mascula riporta una scena di molchomor dalle
poco banali reminiscenze puniche in unarea fortemente segnata dalla
presenza della III Legione Augusta.
Identificata, sotto linfluenza del culto mediterraneo della dea-madre,
con Tanit punica quale Iuno Caelestis, Giunone Regina appare come
padrona del pantheon africano come lo era di quello romano. Regnando
al contempo sul cielo, sulla terra che feconda e sui morti, essa forma
con Saturno la coppia chiave della religione romano-africana. Su
numerosi ex voto e monumenti funerari il crescente lunare da solo o il
sole accompagnato dalla luna simboleggiano il carattere uranico della
Signora della luna. Sotto il regno di Settimio Severo, il suo culto conobbe
un fervore tale che le fu assimilata la stessa Giulia Domna. Gli scritti di
SantAgostino conservano il ricordo dei bagni rituali per mezzo dei quali
la divinit rigenerava i propri poteri fecondanti. Sembra che Caelestis,
simbolo per eccellenza dellAfrica, la Grande dea Vergine di Albulae (An
Temouchent), abbia avuto fedeli fino a quando il culto della Vergine venne,
a sua volta, a far sperare nella protezione materna sovrannaturale ricercata
dalluomo da millenni.

176

Uno dei numerosi geni venerati dagli Africani proteggeva particolarmente


la terra dAfrica: il Genius Terrae Africae (Cat. n. 39). Tale dea misteriosa
leontocefala si umanizz in epoca romana, poich fu allora raffigurata
con una testa umana, corredata da un leone e sormontata da una spoglia
di elefante: la Dea Africa. Onorata a Lambesi dalla III Augusta, godette
nel contempo di un culto ufficiale, il cui santuario dellAqua Septimiana
a Timgad lesempio pi spettacolare, e di un culto privato attestato dalle
numerose statuette rinvenute in diversi siti.
Divinit della fecondazione umana, animale e vegetale, infuenzata da
Afrodite e da Astarte, Venere rimane distinta da Tanit e da Caelestis. Essa
ha suscitato numerose manifestazioni di affezione, soprattutto in Mauretania
e particolarmente a Caesarea. Dotata di una potenza universale, Venere

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani

fu raffigurata un po ovunque nel Maghreb, corredata dalla colomba, che


luccello di Astarte-Afrodite, simbolo di fecondit, ma anche, in alcuni
casi, lanima-uccello che viene a beccare lalimento della vita, pegno
dimmortalit (Leglay 1966 b, p. 214, n. 3); in questa veste essa protegge
i morti, il che spiega la presenza, nelle tombe, di statuette di terracotta e di
filatteri di piombo usati come talismani. Felix, essa porta fortuna e perci
ispir spesso i mosaicisti che ornarono pavimenti con scene in cui la si pu
vedere trionfante e incoronata, spesso in barca in mezzo a divinit marine.
Il nome di Mercurio (Fig. 2) ricopre in Africa due divinit con origine e
funzioni diverse. Nelle citt, le rappresentazioni
di Mercurio, nudo o quasi, coperto dal petaso e
con i piedi forniti di piccole ali conformi al tipo
greco-romano, sono piuttosto dovute a militari
e a funzionari. il patrono del commercio e il
messaggero degli di. Nelle campagne, esso
appare sotto laspetto agrario di un protettore
della fecondit, sostituendo probabilmente un
dio indigeno dello scorpione. Simbolo della
terra dAfrica, questanimale accompagna,
come lariete, la capra, la tartaruga e a volte il
gallo, il Mercurio africano, divinit legatissima
alla vegetazione, in particolare allulivo (Cat.
n. 32). Fu spesso associato a Silvano che, in
Africa, aveva pochi legami con il dio romano
delle foreste, ma piuttosto fu accostato a Baal
Hammon col nome di Deus Barbarus Silvanus e
a unantica vecchia divinit indigena dei campi
seminati e delle foreste verdeggianti.
Dio del mare, Nettuno-Poseidone (Cat. n. 197) venerato in Africa meno
sul litorale che nellentroterra. Nelle nostre regioni agricole, molestate
dalla siccit, dove lacqua il bene pi prezioso, Nettuno fu naturalmente
venerato quale dio delle acque correnti e in particolare delle sorgenti.
Questultimo aspetto, di un culto che deve in gran parte il suo sviluppo
alle proprie origini libiche, appartiene esclusivamente allAfrica, dove
il dio del mare stato costretto a prendere in prestito dai numerosi geni
indigeni delle acque la loro funzione protettrice di qualunque fonte dacqua
e curativa: Nettuno non , il pi delle volte, n Poseidone dio del mare,
n il Nettuno italico di tutte le acque, bens una divinit berbera di tutte
le acque correnti e della salute (Fig. 3). Daltronde, gli capita spesso di
accompagnare Plutone.

177

2
Stele votiva a
Mercurio.
II-III sec. d.C.
Annaba, Museo.

Nacra Benseddik

Molto verosimilmente giunto in Africa insieme a Demetra e Core (le Cereri


del periodo romano) alle quali del resto spesso associato, cio ancor prima
della venerazione di Saturno-Crono, il culto di Plutone avrebbe assorbito gli
aspetti cton, e quindi fecondanti, di un Baal punico. Tale aspetto del padrone
del mondo sotterraneo, da cui vigilava sulla fecondit del
suolo, non stato di poco conto in Africa, dove le sue
tracce si concentrano nella Proconsolare e in Numidia,
in particolare nelle aree agricole dove i suoi fedeli,
i suoi sacerdoti, i magistrati municipali o le persone
semplici, portano nomi di assonanza punica. Si del
resto notato che Plutone un dio dal potere fecondante in
Africa, ma non lo in nessunaltra parte dellOccidente
latino. Se Saturno africano, dio cosmico, il padrone
del cielo e della terra, cos come dellaldil infernale e
spesso assimilato a Giove, Plutone, padrone del mondo
sotterraneo, potuto sembrare pi idoneo a far crescere il
grano e a raccoglierlo.
Numerose dediche gli sono state rivolte da parte di
magistrati incaricati dellapprovvigionamento del grano, da
sacerdoti e da cittadini, singoli o raggruppati in associazioni,
che gli offrirono templi, statue, altari, sacrifici. Il dio degli inferi appare
ad Aquae Flavianae in veste di guaritore potente, simile al dio ctonio della
tradizione fenicio-punica, Horon, protettore contro le forze del male, dio
della salvezza e della guarigione. Condividendo gi alcuni tratti fisici,
Plutone e Saturno provengono entrambi da Baal Hammon e sono tutti e due
cton, di della fertilit, come conferma laggettivo frugifero che qualifica
luno e laltro.

178

3
Stele votiva a
Nettuno guaritore.
II sec. d.C.
Tbessa, Museo.

Divinit agraria e divinit funeraria, Cerere fu particolarmente venerata in


Numidia. Le menzioni epigrafiche di Cereres punicae e di Cereres graecae
oppure di una Ceres maurusia evidenziano che tale culto non stato, in
Africa, semplicemente quello della dea di Eleusi. Essa fu naturalmente
associata a Plutone, in particolare a Timgad.
Il Dioniso greco-orientale fu anche, in Africa, lerede di Liber Pater-Shadrafa
cananeo. Daltronde, col nome di Liber Pater o di Liber che il dio fu
invocato nelle iscrizioni africane. A questo Bacco africano, dio della vite e
del vino, gli autoctoni hanno offerto templi, cappelle e dediche. Egli viene
raffigurato, in Numidia e in Mauritania, in forma di bellefebo, incoronato di
pampini o dedera e accompagnato da una pantera balzante verso un cantaro
o un grappolo duva, chegli tiene in mano. Vere associazioni dionisiache

Dio della guerra, dei soldati e genio di colonie di veterani quali Cuicul
(Djemila), Marte pu anche, grazie alle sue relazioni con Saturno, essere
paragonato al fenicio Baal Hadad. Questa probabile assimilazione,
insieme al suo duplice aspetto, guerriero e agrario nello stesso tempo
appare a volte corazzato ma col capo coperto
dal modius potrebbe spiegare il successo di
Marte in Africa.
Di guaritori
Numerosi di cton furono salutiferi, ma
gli di guaritori per eccellenza furono
Esculapio (Fig. 4), identificato con
il fenicio Eshmun, e sua figlia Igia.
LEsculapio che veniva invocato
ad Aquae Persianae, a Lambaesis
o a Caesarea fu in Africa una
divinit del pantheon ufficiale,
con un ricco sottofondo culturale
greco-romano, diffusa non solo
dai soldati, dai funzionari e dai
sacerdoti, ma anche dalllite
colta delle citt, quella classe
che nei grandi centri, nelle
assemblee provinciali e presso
il governatore, aveva il potere
e i mezzi per lasciare tracce
durature delle proprie credenze.
Ma tale Esculapio sembra
essere stato ignorato dagli antichi
abitanti del paese, e tra questi
dai pi modesti, la gente meno
importante senza titoli n funzioni,
i contadini. I monumenti di Bja,
An El-Hmadna, Theveste e Banasa
evidenziano bene il fenomeno di
innesto religioso di una divinit
greco-romana su una divinit libica.

4
Statua di Esculapio
seduto.
II-III sec. d.C.
Cherchel, Museo.

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani

sono state riconosciute a Madauros, Thamugadi e forse anche a Satafi. Ma il


patrono delle associazioni orgiastiche stato anche, in Africa, un dio civico e
politico particolarmente legato alla dinastia africana dei Severi.

179

Nacra Benseddik

Quando non greco, Esculapio pu essere in Africa sia il prodotto della


fusione tra il dio importato e il dio fenicio, sia quello della mescolanza tra
il primo e i geni berberi provvisti di poteri guaritori, sia ancora un misto
dei tre, l dove lEshmun punico assume direttamente leredit di credenze
anteriori al suo arrivo.
Il culto del sovrano
Un po dovunque, e numerose, fioriscono le testimonianze del culto ufficiale
reso allimperatore e in seguito a tutta la famiglia imperiale, persone
viventi o dopo la loro morte. Il fenomeno non aveva granch
di sorprendente in Africa, dove si era soliti venerare i
propri re. Manifestazioni di lealt obbligatoria o segni
di devozione effettiva nei riguardi dellimperatore,
gli omaggi al sovrano sono stati, nellAfrica sotto
i Severi, tanto entusiastici da assimilare Settimio
Severo a Giove e Giulia Domna a Giunone Regina.
[Sal]luis Augustis [Aqua Se]ptimiana felix, essendo
gli imperatori in buona forma, lAqua Septimiana
felice, si pu leggere su una dedica del santuario
delle acque a Timgad, dove lassociazione di due
di guaritori allAfrica divinizzata, oggetto di
culto pubblico nella citt, rappresenta un altro trait
dunion tra i culti salutiferi e il culto imperiale.

180
5
Stele con iscrizione
punica da Guelma.
III sec. a.C.
Guelma, Museo.

Gli studiosi delle religioni dellAfrica antica hanno


dimostrato che quasi tutte le divinit ufficiali
offrono, sia nelle loro funzioni, sia nel loro rituale,
sia nei loro attributi, una caratteristica provinciale presa a prestito dal fondo
religioso indigeno, berbero oppure berbero-punico.
Qualunque fosse il livello raggiunto, tale fenomeno mostra tuttavia i propri
limiti nellindiscutibile persistenza, qua e l, di elementi religiosi tradizionali
africani, del loro potenziamento in certi momenti e perfino del loro risorgere
dopo un periodo di sopore; forse perch il sincretismo non ha coinvolto in
blocco lintera popolazione, bens un insieme diversificato, se non addirittura
contrastato, di atteggiamenti religiosi tipici di ogni gruppo sociale.
(Tradotto dal francese da Soraya Benseddik)

G. Ch. Picard, Les religions de lAfrique antique, Paris 1954.


M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1961; II, Paris 1966 (a).
M. Leglay, Saturne Africain. Histoire, Paris 1966 (b).
N. Benseddik, Nouveau tmoignage du culte de Tanit-Caelestis Cherchel?:
Antiquits Africaines, 20 (1984), pp.175-181.
E. Lipiski, Pluton, hypostase chthonienne de Baal Hamon?: LAfrica romana. 7,
1989 [1990], pp. 245-250.
M. Leglay, Hracls. Hercule en Afrique du Nord: C. Bonnet C. JourdainAnnequin, Heracls, Bruxelles-Rome 1992, pp. 293-314.
A. Cadotte, Neptune africain: Phoenix, 56, 3-4 (2002), pp. 330-347.
N. Benseddik, Esculape et Hygie. Les cultes gurisseurs en Afrique: LAfrique
romaine. 1er sicle avant J.-C. dbut Ve sicle aprs J.-C.: Pallas, 68 (2005), pp.
271-288.
N. Benseddik, Le pimont nord de lAurs et les cultes chthoniens: Aouras, 3 (2006),
pp. 343-364.
N. Benseddik, Les dieux de la Numidie militaire: Urbanisme et urbanisation en
Numidie Militaire. Actes du Colloque de Lyon, 7-8 mars 2008 (= CEROR, 34), Lyon
2009, pp. 239-285.

Berberi, Fenici, Romani. Gli di romano-africani

Bibliografia

181

LA CITT DEI MORTI


Antonella Mezzolani

10

La citt dei morti

ttestazioni di rilievo della cultura fenicia e punica in Algeria ci sono


fornite dalle numerose necropoli individuate nel territorio, che, per
alcuni siti, forniscono lunica documentazione ascrivibile al periodo in
esame. Le citt dei morti punteggiano lintero territorio algerino, anche
se in alcuni casi la sommariet degli scavi o la non pubblicazione dei dati
da essi evidenziati rende pi complessa una visione di dettaglio. Cos se
per la necropoli di Cap Tizrine, sita a est delllot Joinville e del porto di
Cherchel, sappiamo, senza disporre tuttavia di dati pi precisi, che sono state
individuate 35 tombe a pozzo e camera, da riportare alla fine del III sec.
a.C.- inizi II sec. a.C., per Costantina alcune tavole del capitano Delamare
(1850, pl. 154) riproducono tombe a fossa disposte sulla riva destra delloued
Rummel, apparentate a quelle rinvenute a Jijel (Igilgili), e ancora, per Tns
(Cartenna), la individuazione di alcune tombe a pozzo e camera, reimpiegate
presumibilmente in et cristiana, potrebbe far presumere una precedente fase
punica di utilizzo.
Nelle aree sepolcrali varie sono le tipologie tombali, che evidenziano la
consuetudine con sepolture individuali (tombe a fossa, a cassone litico,
deposizione in anfora) o plurime (sepolture ipogeiche a camera e pozzo o
dromos, ma anche tombe a fossa con pi di una deposizione); inoltre, vi si
pu agevolmente notare limpiego sia del rito crematorio (deposizione delle
ceneri direttamente nella sepoltura, in urna o in piccoli sarcofagi litici), sia di
quello inumatorio (con o senza bare lignee).
Tra le pratiche da porre in rilievo quella delluso funerario del rosso, che
ricorre in tutte le necropoli puniche dAlgeria, fatta eccezione per Rachgoun,
sotto forma di offerta in piccoli contenitori di vario genere (Chullu, Tipasa,
Gunugu, Les Andalouses) o come pittura sulle ossa dei cadaveri (Igilgili);
tale pratica trova riscontro in molte necropoli del Sahel tunisino e del Capo
Bon, mentre solo casi sporadici sono attestati a Cartagine e Utica, cos da
giustificare lidea di una sua origine autoctona. Sempre in relazione ai rituali
di deposizione, si pu ricordare la presunta scarnificazione dei defunti,
attestata in misura non cospicua nelle necropoli di Chullu, Gunugu, Les
Andalouses e generalmente posta in connessione con il sostrato libico.
Un accenno merita, poi, la questione delle tombe infantili: accanto a casi
in cui i bambini sono deposti insieme agli adulti (Igilgili, Les Andalouses),
si sono individuate spesso deposizioni infantili a s stanti, talvolta con
rituali diversi da quelli impiegati per gli adulti: a Rachgoun, i bimbi sono
inumati in semplici fosse superficiali o piccoli anfratti naturali, coperti
dalla terra, mentre comune risulta linumazione in recipienti fittili (Tipasa,
Les Andalouses ) e rara quella in tombe a fossa scavate nella roccia (due

183

Antonella Mezzolani

inumazioni a Igilgili, due cremazioni parziali a Gunugu). Alcune necropoli,


maggiormente indagate, forniscono utili elementi di indagine su questo
aspetto della vita dei Fenici e Punici dAlgeria, offrendo agli studi anche
dettagli che talora caratterizzano un sito rispetto agli altri: a queste aree
sepolcrali sono dedicate le pagine che seguono.
La regione di Siga
Rachgoun
Sulla piccola isola di origine vulcanica di Rachgoun (lantica Akra in
Pseudo-Scilace, 111), situata a circa 2 km di distanza dalla costa, di fronte
allimboccatura delloued Tafna, dopo i preliminari sondaggi del 1953
sono state effettuate due campagne di scavo che hanno posto in luce
unarea abitativa e un settore funerario, riconducibili allorizzonte culturale
fenicio-punico.
Mentre labitato di et fenicia stato individuato nel settore sud dellisola,
nei pressi della Maison de lancienne douane, la necropoli si estende nella
parte nord dellisola, nel punto pi alto (64 m s.l.m.) del pianoro sommitale
e a ovest del faro moderno; le sepolture, tutte di tipo individuale, occupano
unarea allincirca quadrata di 40 m di lato e si presentano sotto forma di
depositi cinerari a poca profondit rispetto al livello di calpestio, spesso
conservati in urne, ma anche deposti in semplici cavit naturali della roccia.
Anche alcuni casi di inumazione sono stati individuati, ma in misura molto
ridotta (9 inumazioni a fronte di 101 incinerazioni): un elemento di interesse,
per, risiede nel fatto che tale pratica funeraria pare riservata ai bambini.

184

Per quanto concerne le sepolture a incinerazione, un terzo circa di resti di


cremati era raccolto in urne (33 attestazioni) di vario tipo (a collo cilindrico
con risalto, ovoidi, a spalla obliqua e, almeno in due casi, del tipo
chardons, ma modellate a mano); i vasi, generalmente disposti su un lato,
avevano limboccatura chiusa o da una coppetta o da una pietra e, in qualche
caso, risultavano protetti da una grossolana cista litica, quadrangolare o
circolare. Oltre ai resti dellindividuo incinerato, le urne hanno restituito, in
alcuni casi, oggetti di corredo personale, come gioielli in bronzo o argento,
amuleti, scarabei egittizzanti e anche armi, in particolare punte di lancia del
tipo foliato a nervatura centrale.
Pi numerosi sono i depositi a incinerazione non in urna (68), che consistono
nella maggior parte dei casi in un accumulo lenticolare di ceneri a diretto
contatto con la roccia, con possibile cremazione diretta del defunto nella
sepoltura, come sembrano indicare le tracce di fuoco rilevate; anche in

La citt dei morti

questi depositi compaiono oggetti del corredo personale, come per i casi di
deposizione in urna. Oltre a questi, nelle sepolture sono stati rinvenuti anche
altri manufatti ceramici di accompagnamento che comprendono coppette,
piatti, brocche, lucerne (tutte rinvenute in frammenti), askoi ornitomorfi,
unguentari e ceramica modellata a mano.
Le poche sepolture a inumazione contengono scheletri in connessione
anatomica, adagiati in anfratti naturali del terreno roccioso in decubito
laterale flesso, che appartengono a bambini di et non superiore agli 8 anni; i
piccoli defunti non erano generalmente accompagnati da oggetti, a eccezione
della Tomba 62, dove si recuperato un braccialetto di bronzo.
Grazie ai dati relativi alla necropoli, confermati anche dai rinvenimenti in
abitato, il quadro cronologico che si profila per Rachgoun sembra indicare
la met del VII sec. a.C. come momento di inizio delloccupazione fenicia
dellisola, in un primo tempo probabilmente di tipo stagionale, ma poi
definitiva, mentre la fase in cui lisola pare abbandonata pacificamente,
probabilmente per mutate esigenze di controllo territoriale, sembra da
riportare alla prima met del V sec. a.C.
Les Andalouses
Le rovine della citt punica di Les Andalouses occupano una fertile piana
costiera, a 30 km a ovest di Orano e a est delloued Sidi Hamadi. Mentre
per la fase romana la citt potrebbe corrispondere ai Castra Puerorum
dellItinerarium Antonini, i resti di epoca preromana potrebbero riportare
alla mente alcuni toponimi menzionati in Pseudo-Scilace 111: Arylon, Mes
o, in considerazione della presenza di unisola nella baia (le Plane), la citt
di Psamathos, descritta appunto come unisola nel golfo con un porto.
Sul sito vari sondaggi furono effettuati da P. Cintas, ma solo dal 1953
gli scavi furono condotti da G. Vuillemot in maniera pi estesa, e
portarono allidentificazione di un abitato e di una necropoli preromana e
allesplorazione dei tumuli funerari sul Djebel Lindls, che hanno restituito
materiale punico anche di fase arcaica, a testimonianza di un rapporto stretto
tra territori interni e aree costiere.
La necropoli preromana stata individuata ad oriente dellabitato, sul bordo
della falesia, e comprende tombe a incinerazione e sepolture a inumazione.
Mentre i depositi a incinerazione (78) si concentrano in alcuni settori
sullorlo della falesia, rivelando sia luso di urne funerarie, sia la
deposizione dei resti incinerati a diretto contatto con la roccia, sia, infine,
lutilizzo di contenitori non ceramici (cassette litiche, cofanetti in legno,
cesti in materiale vegetale intrecciato), le sepolture a inumazione sono di

185

Antonella Mezzolani

tipo individuale, ma anche collettivo; nel primo gruppo, ricorrono le tombe


a fossa (14), generalmente rettangolari, con pareti rivestite da lastre litiche
impiegate anche per la copertura, e le deposizioni in anfora (13), riservate
ai bambini.
Riguardo alle tombe collettive (solo 11 ne sono state esplorate, ma
possibile che fossero pi numerose), si tratta di tombe ipogeiche costruite
a camera e dromos, talvolta con scale: i muri sono eretti in pietre di grande
volume messe in opera con malta, mentre la copertura realizzata con
una solida carpenteria lignea, cui si sovrappongono lastre litiche coperte
di terra battuta mescolata a calce. In qualche caso si trovata traccia di un
rivestimento parietale in calce e frammenti laterizi, cos come sono stati
recuperati frammenti di stucco con decorazioni lineari dipinte.
Per il materiale rinvenuto, oltre alle urne cinerarie tra cui spiccano
recipienti dipinti di tipo iberico, si possono ricordare, come corredo di
accompagnamento, anfore, brocche, unguentari, fiasche del pellegrino e
vasi biberon, ma anche ceramica campana dimportazione e dimitazione e
vasellame modellato a mano. Non mancano, poi, amuleti, scarabei, gioielli e
frammenti di uova di struzzo.
Per quanto riguarda la cronologia, pare possibile considerare per questa
necropoli un primo impianto alla fine del IV sec. a.C., anche se la fase di
maggiore utilizzo della necropoli sembra da riportare a periodi pi recenti,
con un abbandono fissato alla met del I sec. a.C.

186

Portus Magnus (Saint-Leu, Vieil Arzew)


Sulla scorta di alcune indicazioni del comandante Demaght, Malva-Maurice
Vincent intraprese negli anni Trenta del secolo scorso lindagine di due aree
funerarie, denominate Cimetire de Sud-Est e Cimetire de Nord-Est.
Nel primo settore sono state individuate tombe a fossa, con copertura a lastre
litiche, con deposizione individuale di inumati, e piccoli loculi a profilo
rettangolare, poco profondi, con resti di incinerati, da riportare presumibilmente
alla prima fase di romanizzazione (presenza di ceramica sigillata); nel settore
nord-orientale, sono state indagate tombe sempre a fossa scavata, coperte da lastre
litiche e probabilmente segnalate da stele anepigrafi a cuspide. Se, da un lato, la
ceramica campana tarda e un vaso di ascendenza iberica sembrano indicare un
primo utilizzo delle aree funerarie nel I sec. a.C., con proseguimento nelle epoche
successive, la presenza delle stele che rinviano ai tipi punici, analoghe a quelle
rinvenute nello stesso sito in unarea consacrata a Saturno (iscrizioni in latino e in
neopunico), possono indicare una influenza o una persistenza culturale punica.

La citt dei morti

La regione di Iol/Caesarea
Gunugu (Gouraya)
Nei pressi del villaggio di Gouraya, circa a 30 km a ovest di Cherchel,
nel sito contraddistinto dalla presenza del marabout di Sidi Brahim sono
stati indagati dalla fine del XIX sec. settori funerari da connettere alla fase
preromana dellAlgeria.

Il sito, denominato come Gunugu nellItinerarium Antonini e in


una iscrizione latina, resta in attivit anche in epoca post-antica,
continuando la sua vita con il nome di Brechk, riportato dagli autori
arabi del X sec. d.C.; lattivit piratesca dei suoi abitanti ne decret la
definitiva distruzione nel 1610 a opera dei cavalieri di Santo Stefano.
I resti di et romana sembrano documentare un insediamento poco
esteso, mentre pi cospicue sono le attestazioni di epoca punica, tutte
relative a contesti funerari.
La necropoli di Gouraya divisa in sostanza in tre settori, posti tutti a
sud del promontorio di Sidi Brahim: il primo lotto di tombe, scoperto nel
1899, non mai stato indagato; il secondo, pi a est del primo (propriet
Frappa) stato scavato soprattutto dai proprietari del terreno, ma anche da
P. Gauckler e J. Wierzejski nel 1891-1892, con lapertura di circa 25 tombe,
i cui materiali sono stati depositati in parte nel museo di Cherchel e in parte
ad Algeri; infine, il terzo comparto, ancora pi a est del precedente (a circa

187

1
Il sito di Gouraya.

Antonella Mezzolani

600 m a est del promontorio di Sidi Brahim),


stato esplorato da P. Gauckler nel 1891 (7
tombe), da S. Gsell e J. Wierzejski nel 1900 (6
tombe) e da F. Missonnier nel 1932 (8 ipogei e
2 tombe infantili a fossa semplice).
Le sepolture sono per lo pi del tipo scavato
nella roccia con pozzo daccesso e camera
(in qualche caso le camere si duplicano
e sono poste una di fronte allaltra o
perpendicolarmente), anche se sono state
individuate alcune tombe a fossa; la profondit
dei pozzi variava da 1,80 a 2,50 m, cos come
diversificate erano le misure della camera
(larghezza da 2 a 2,50 m; lunghezza da 2,20 a
3 m; altezza da 1,60 a 2,20 m). In alcuni casi,
nicchie per lalloggiamento del materiale di
corredo sono scavate sulle pareti lunghe. I riti
attestati sono linumazione e lincinerazione:
mentre i resti di inumati sono stati rinvenuti
in connessione anatomica, distesi a terra o nei
banchetti con alloggiamento a incavo, ma anche
con le ossa ammucchiate direttamente sul suolo
oppure sui banchetti ricavati nella roccia, per
i resti di incinerati si potuto verificare luso
della deposizione a diretto contatto col suolo, in
urne o in cassette plumbee.

188

2
Sezioni di tombe
a camera della
necropoli di Gouraya.

Oltre alle camere ipogee, sono state rinvenute anche sepolture di diverso
tipo: in una fossetta rettangolare scavata si trovata una cassetta monolitica
con coperchio a doppio spiovente contenente i resti cremati di un adulto
e di un bambino; altre due tombe di bambino sono state esplorate da F.
Missonnier e consistevano in due fosse allincirca rettangolari scavate a
poca profondit rispetto al livello di calpestio, contenenti ossa infantili
parzialmente combuste.
Nelle tombe era depositato il materiale di corredo composto da recipienti
fittili (talvolta con resti di piccoli volatili o pesci), anche in numero cospicuo:
al materiale di produzione punica, come anfore, grandi urne, brocche mono e
biansate, unguentari, coppette, piatti, askoi, lucerne bilicni e bruciaprofumi si
affianca il vasellame dimportazione, che consiste in ceramica attica a figure
rosse e a vernice nera e ceramica campana.

La citt dei morti

Completano i corredi, gioielli, fibule, scarabei, amuleti, specchi in bronzo


e soprattutto uova di struzzo dipinte, che ricordano per i motivi decorativi
analoghi manufatti di Villaricos. Interessante anche una protome fittile,
caratterizzata da fattura poco accurata, capigliatura che riecheggia il klaft
egittizzante, ma con capelli apparentemente crespi trattenuti sulla fronte
da una fascia, numerosi orecchini e nezem in terracotta, singolare per la
cronologia attribuita alla sepoltura (II sec. a.C.), che attesta la continuit
di utilizzo di questa tipologia anche in epoche ben pi tarde di quelle
canonicamente attribuite.
Per quanto riguarda la cronologia delle sepolture indagate, sebbene alcuni
manufatti dimportazione, come i vasi attici a figure rosse e a vernice
nera, possano ricondurre al V sec. a.C., la maggior parte del materiale pare
consentire unattribuzione della fase di pi ampio utilizzo del settore funerario
al III-II sec. a.C.: daltronde, limpiego plurimo degli ipogei potrebbe
agevolmente spiegare laccumulo di corredi funerari pertinenti a fasi diverse.
Tipasa (Tipaza)
Vicino allodierna Tipaza, a circa 70 km a est di Algeri, sorgeva in antico il
centro di Tipasa, che probabilmente ebbe nelle sue prime fasi una funzione
di scalo per i viaggiatori che percorrendo il tratto di mare tra Icosium e Iol,
vi sostavano prima di doppiare il Djebel Chenoua. La posizione del sito non
era meno favorevole per quanto riguardava il possibile percorso costiero, che
consentiva ai viaggiatori di riposarsi dopo aver aggirato allinterno le pendici
scoscese del Djebel Chenoua e di riprendere da questo punto il percorso
costiero verso Icosium.
La fase punica di Tipasa documentata soprattutto dai rinvenimenti di
necropoli, mentre le indicazioni relative alle aree di abitato rimangono
ancora scarse: due settori funerari hanno evidenziato la presenza di tombe
ascrivibili allepoca punica, seppure in aree che hanno continuato la loro
funzione sepolcrale anche nelle fasi storiche successive.
Nel corso di due anni, 1944-1945, P. Cintas indag un settore funerario posto
a est del porto moderno, dove ancora oggi troneggia una sepoltura punica
che stata risparmiata dalle attivit di estrazione di blocchi litici: la tomba,
che presenta lapertura sul lato superiore coperta da lastre in pietra, era
scavata nella roccia, con una apertura di poca ampiezza sul lato sud.
La mancanza di oggetti rinvenuti in contesto non ha consentito un
inquadramento cronologico preciso, anche se lanalogia con monumenti
della necropoli preromana orientale pu indurre a pensare al periodo tra IV
e II sec. a.C.

189

Antonella Mezzolani

Procedendo da questo settore verso est, P. Cintas mise in luce, oltre ad alcune
tombe neopuniche (camere scavate nella roccia nella porzione inferiore,
costruite in pietra in quella superiore, coperte da lastre a doppio spiovente e
accessibili attraverso un ridotto andito a piano inclinato), una tomba del tipo
a pozzo e camera e un gruppo di sepolture di epoca punica: questultime, con
orientamento est-ovest e in numero di 6, rientrano nei tipi a fossa e a cassone
costruito, fatta eccezione per una sepoltura (n. 3) di bambino, deposto in
urna dentro a un pozzetto circolare e poco profondo, con un vaso biberon e
una coppetta come corredo, e sembrano databili a un periodo che va dal IV
al II sec. a.C.
Nel ventennio successivo, tra 1964 e 1965, con una successiva estensione
del settore indagato nel dicembre 1968 (tomba del II sec. a.C. pubblicata
da L. e M. Bouchenaki), fu esplorata unarea a ovest del promontorio di
Ras bel Ach, dove si suppone fosse lo stanziamento della citt punica, al
di fuori della cinta muraria del II sec. d.C.: in tale settore si individuarono
un primo complesso funerario (Y-Z) e un insieme pi numeroso di tombe.
In un primo livello si sono individuate sepolture superficiali di inumati
adulti (fosse terragne) e bambini (deposizioni in anfora), mentre rare
sono le attestazioni di incinerazioni. A un livello inferiore, poi, stato
individuato un notevole complesso di fosse di grandi dimensioni, scavate
nella roccia e coperte da lastre di arenaria, con orientamento nord-sud e
disposizione su tre allineamenti pressoch regolari. Tali sepolture sono
riconducibili in base ai materiali ceramici rinvenutivi a una fase che va
dalla fine del VI sec. a.C. (frammenti di coppa ionica a vasca profonda)
al I sec. a.C.

190

3
Tomba punica nel
porto moderno di
Tipasa.

La citt dei morti

191
Le fosse indagate hanno rivelato differenze nella loro morfologia, tant che
ritroviamo fosse a profilo rettangolare, ricoperte da lastre litiche e ad accesso
diretto, ma anche fosse con copertura a lastre che fungono da vestibolo a
un vano ipogeo e, ancora, fosse precedute da una sorta di pianerottolo di
accesso, con copertura in lastre litiche e sovrastruttura a profilo rettangolare
e alzato ad assise di pietra disposte a gradoni, secondo un modello che
trover attestazione pi tarda, con qualche cambiamento nella tecnica di
apparato, sempre a Tipasa, nelle sepolture di II sec. d.C. della necropoli della
Porta di Caesarea, e a Iol/Caesarea (Cherchel) nel gruppo di tombe site su un
pianoro a sud della citt, oltre la cinta muraria romana.

4
Necropoli orientale di
Tipasa.

Antonella Mezzolani

Gli esemplari di questo tipo con sovrastruttura a tronco di piramide sono


disposti in gruppo e proprio in prossimit di uno di essi si ritrovato un
cippo-altare a gole egizie che, reiterando un modello presente anche a
Cartagine, sembra riprendere, adattandolo alla forma quadrangolare, il tipo
del pilastro djed: S. Lancel ha supposto che tale manufatto coronasse la
sovrastruttura a tronco di piramide che riconosciuta per la tomba adiacente,
mentre per la cronologia dei monumenti funerari, vista la presenza in
contesto di ceramica campana A e B, propone la fine del II sec. a. C. o gli
inizi del I sec. a.C.
Le tombe a fossa hanno ospitato in genere deposizioni plurime, con
netta prevalenza del rito inumatorio rispetto a quello crematorio (solo sei
casi); in varie occasioni si sono ritrovati piccoli accumuli di cinabro, in
analogia con quanto rilevato in altre necropoli puniche in Algeria e nel
Sahel tunisino. Per quel che concerne il materiale, oltre a ceramica di
importazione attica, figurata e a vernice nera, numerosi sono i manufatti
da riportare ai tipi della ceramica campana A e B, con esemplari forse
attribuibili a produzioni di imitazione; da sottolineare anche la presenza di
recipienti a pareti fini.
Nel complesso delle ceramiche puniche, oltre a tipi usuali come le brocche
a orlo trilobato o a orlo circolare espanso, i piatti e le coppette, si possono
ricordare le anfore, rare ma verosimilmente riportabili a produzioni
spagnole (Ibiza e Villaricos), i vasi chardon, con esemplari che
morfologicamente riprendono modelli dal V sec. a.C. alla fine del II sec.
a.C., gli askoi zoomorfi (un esemplare a forma di montone e due a forma di
volatile).

192

Rare sono le attestazioni di ceramica modellata a mano, che sembrano


concentrate in solo 5 tombe, mentre pi frequenti sono i rinvenimenti di
frammenti di guscio di uova di struzzo, anche se solo tre esemplari sono
stati ricostruiti (di questi, solo uno presenta una decorazione incisa a bande
verticali). Da ricordare, infine, gioielli assai semplici in oro (rari), in argento
e in bronzo e alcuni scarabei, uno dei quali in diaspro verde.
La regione di Cirta
Igilgili (Jijel)
Menzionata da Polibio (III, 33, 12-13) tra le citt del Metagonium in cui nel
219/218 a.C. Annibale coscrisse un contingente di fanteria, la citt di Jijel
ha restituito gi dal XIX sec. indicazioni sulla sua fase punica attraverso i
rinvenimenti di aree sepolcrali. Sebbene unarea di necropoli sia sommariamente

La citt dei morti


descritta da H. Fournel, nel 1849, che la identifica come romana, e da C. Fraud,
nel 1870, sar il capitano Delamare a rappresentare due diversi nuclei sepolcrali
in una sua tavola (1850, pl. 13), come ci conferma S. Gsell nel suo Texte
explicatif des planches del 1912, che ascrive le tombe al tipo punico a pozzo e
camera e a quello a fossa tagliata nella roccia e ne indica il settore di pertinenza
(Pointe Noire per le prime, Rocher Picouleau per le seconde).
Le prime esplorazioni nella necropoli alla Pointe Noire, invece, furono
condotte verso il 1885 dal luogotenente Dufour, comandante del distretto
di Jijel, ma il resoconto degli scavi e degli oggetti rinvenuti nelle sepolture
indagate (circa 40) non fu mai pubblicato, tanto pi che i corredi funerari
furono donati dal loro scopritore a un imprecisato museo di Francia.
Nellarea del Rocher Picouleau e della Vigie, una prima esplorazione fu
effettuata da C. Duprat nel 1888: furono identificate una serie di tombe
monosome a fossa, alcune delle quali con un singolare profilo antropoide.

193

Tuttavia in seguito nella stessa zona, cos come nel settore della Pointe Noire
e in quello detto della Mundet Africa, scavi di maggiore impegno furono
intrapresi da J. Alquier e P. Alquier, per essere poi proseguiti, circa dieci anni
dopo, da M. Astruc. Il numero delle sepolture indagate notevole: circa 200
tombe nellarea del Rocher Picouleau, dalle 200 alle 300 alla Pointe Noire,
29 nellarea della Mundet Africa.
Le sepolture di tutti questi nuclei sepolcrali di Jijel reiterano tipi assai
impiegati in tutto il territorio algerino: le tombe a fossa, presenti in tutti e

5
Necropoli di Jijel,
lantica Igilgili.

Antonella Mezzolani

tre i settori funerari, possono assumere profilo rettangolare, trapezoidale,


rettangolare a estremit arrotondate, ma anche antropoide, analogamente
ad alcuni esempi da Costantina; le tombe ipogeiche presentano un pozzo
daccesso rettangolare o un dromos con scale, mentre le camere (per lo pi
una per ogni sepoltura) sono generalmente di forma rettangolare. I riti della
incinerazione e della inumazione sono stati individuati nelle stesse tombe, e
hanno fatto ipotizzare una loro possibile coesistenza; se per lincinerazione
si constatata la presenza di depositi di ceneri direttamente sul terreno della
sepoltura o, in alternativa, in urna, nellinumazione la consuetudine quella
dei corpi allungati, talvolta in sarcofagi lignei, ma anche distesi su un fianco
con gambe flesse e capo appoggiato su una pietra o su un piatto.
Tra le pratiche diffuse, la pittura rossa sulle ossa, letta o come procedura
successiva alla scarnificazione o alla riesumazione del defunto o, in
alternativa, come colorazione applicata al momento della deposizione su
alcune parti del corpo (in particolare sulla testa) e assorbita dalla pelle e dalle
ossa dopo la decomposizione.

194

Quanto al corredo deposto nelle sepolture, solo le tombe della Mundet Africa
hanno avuto la sorte di sfuggire alla depredazione, consentendo cos di
apprezzarne i contesti e di considerarne la pertinenza cronologica: a fianco
della ceramica ordinaria, che comprende anfore, urne, brocche, piatti e
coppette, sono presenti anche vasi di importazione, per lo pi in ceramica
a vernice nera, su cui talvolta compaiono graffiti, e ceramica modellata a
mano, un alabastron e perle in pasta vitrea, lucerne con relativi supporti e
gioielli modesti. Due sole le monete in bronzo rinvenute in questo lotto di
sepolture, entrambe forate e impiegate quindi in funzione amuletica: in una
delle due, con al D/testa barbata con copricapo conico e al R/Scilla, si
riconosciuta una coniazione dellItalia meridionale del III-I sec. a.C.
Le tombe ipogee di questo settore funerario sono chiaramente di tipo
plurimo, a carattere presumibilmente familiare, quindi anche la compresenza
dei due riti potrebbe risolversi con lipotesi di una successione delle
deposizioni; interessante il fatto che tutto il materiale deposto con i defunti
sembra aver giocato un ruolo nella vita quotidiana, prima di essere inserito
nel corredo funebre, tanto che spesso vi si colgono segni di riparazione. Altro
motivo di interesse dato dalla presenza allinterno delle sepolture
di alcuni bambini inumati insieme agli adulti. Quanto alla cronologia di
utilizzo dellarea, tutti gli elementi fanno propendere per un periodo che va
dallinizio del III alla fine del II sec. a.C.

La citt dei morti


Un ampliamento dellindagine nellarea a nord-est di quella denominata
Mundet Africa ha fornito, per, indizi per una fase anche pi antica di
impiego funerario: infatti, in tale settore, un gruppo di 12 tombe sono state
messe in luce, rivelando forme e corredi del tutto diversi da quanto gi visto
nellarea adiacente.
Si tratta di tombe a fossa tagliate nel terreno roccioso, per lo pi di profilo
rettangolare, salvo un caso di forma antropoide, tutte a inumazione, in
qualche caso con doppia deposizione; alcune caratteristiche sembrano
avvicinare un certo numero di queste sepolture ad analoghe realizzazioni
cartaginesi del V sec. a.C., cos come alcuni elementi del corredo (gioielli,
vasi del tipo chardon, ceramiche attiche) sembrano indicare per questo
lotto di tombe un periodo di impiego che potrebbe andare dalla fine del VI
sec. a.C. allinizio del IV a.C.
Chullu (Collo)
I primi rinvenimenti effettuati a Collo si datano al 1891, quando un certo
Grimaud, del Servizio dei ponti e viabilit, fece indagare due tombe poste sul
fianco meridionale del Koudiat es-Snad, rinvenendo una serie di ceramiche,
donate in seguito dallingegnere-capo Ribaucourt al museo di Costantina:
a questo lotto di materiali appartengono un guttus a sandalo, una serie
di vasi in vetro e monete cartaginesi, oltre alle tre oinochoai con testina
femminile sul collo e braccia sulla pancia, illustrate nel catalogo del Muse
de Constantine del 1892.

6
Il promontorio
di Collo, lantica
Chullu.

195

Antonella Mezzolani

Una campagna di scavo fu organizzata alla fine del 1894 dal capitano Hlo
il quale, dopo una perlustrazione preliminare nellarea gi precedentemente
indagata, ebbe occasione, nel corso dei primi tre mesi del 1895, di trovare
nuove tombe.
Ventidue furono le sepolture esplorate dal solerte militare, che pure nel
suo rapporto di scavo si dichiara convinto della presenza di un numero ben
pi cospicuo di camere funerarie: le tombe rinvenute sono nella maggior
parte dei casi del tipo a corridoio e camera ipogea, con deposizioni plurime,
mentre solo in due casi si sono individuate tombe a fossa scavata nel
terreno roccioso. La necropoli di Collo pare caratterizzarsi, rispetto alle
coeve aree sepolcrali puniche in Algeria, per la presenza di un corridoio
di accesso, in genere a piano inclinato, in luogo del pi usuale dromos
corredato da scale di discesa; unulteriore caratteristica risiede, poi, nella
disposizione di due camere ipogee in sequenza, riscontrata in quasi tutti i
depositi funerari indagati.
Altri apprestamenti interni sono i banchetti che si dispongono ai lati delle
camere funerarie e che, in qualche caso, risultano scavati per ottenere dei
cassoni allinterno dei quali erano deposti i resti dei defunti; piuttosto rare,
invece, risultano le nicchie.

196

I riti funerari evidenziati in questa necropoli sono lincinerazione,


apparentemente maggioritaria, e linumazione, con ricorrenza nelle
stesse sepolture; quanto al corredo funerario, spiccano fra tutti i materiali
ceramici le oinochoai trilobate con testina femminile a rilievo sul collo
e braccia sulla pancia del recipiente, talvolta con mani ai seni. Questo
tipo di brocca, che figura in numero cospicuo nelle tombe di Collo trova
confronto in un esemplare rinvenuto in una tomba di et punica a Henchir
Beni-Nafa (Tunisia).
Tra i materiali sono anche da ricordare anche alcuni gutti a vernice nera, uno
dei quali configurato a piede che calza un sandalo, piatti e coppette a vernice
nera con graffiti (spesso singoli caratteri punici), ma anche amuleti egittizzanti,
talvolta in pi esemplari a costituire una collana. Le monete rinvenute, infine,
contribuiscono a chiarire la cronologia delle sepolture che vanno dallepoca
punica (monete di Cartagine con D/ testa di Core, R/ protome di cavallo) a
quella neopunica (monete di Massinissa, Micipsa, Giugurta).
Sempre a Collo, nel 1927 a Redjat el-Koudiat, S. Gsell e P. Alquier
identificarono una serie di sepolture datate al III sec. a.C., in un contesto in
cui comparivano anche tombe romane, ma la violazione gi perpetrata ai
danni di tutti i depositi funerari non permise di rinvenire molti materiali.

Ad. H. Al. Delamare, Exploration scientifique de lAlgrie. Archologie, pendant


les annes 1840, 1841, 1842, 1843, 1844 et 1845, Paris 1850.
C. Duprat, Spultures antiques de Djidjeli: Recueil de la Socit Archologique de
Constantine, 25 (1888), pp. 396-399.
Cap. Hlo, Notice sur la ncropole liby-phnicienne de Collo: Bulletin
Archologique du C.T.H.S., 1895, pp. 343-368.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya (spultures puniques de la cte algrienne), Paris
1903.
S. Gsell, Exploration scientifique de lAlgrie. Archologie, pendant les annes
1840-1845. Texte explicatif des planches de Ad. H. Al. Delamare, Paris 1912.
P. Gauckler, Appendice: Fouilles de P. Gauckler Gunugus (Algrie) 1891-1892:
Ncropoles puniques de Carthage, Deuxime partie: tudes divers, Paris 1915, pl.
CCLII-CCCXI.
J. Alquier P. Alquier, Tombes phniciennes a Djidjelli (Algrie): Revue Africaine,
31 (janvier-avril 1930), pp. 1-17.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie): MEFRA ,
50 (1933), pp. 87-119.
M.-M. Vincent, Portus Magnus (St. Leu): Spultures Punico-Romaines: Revue
Africaine, 77 (1935), pp. 35-71.
M. Astruc, Nouvelles fouilles Djidjelli (Algrie): Revue Africaine, 80 (1937), pp.
199-253.
P. Cintas, Fouilles puniques Tipasa: Revue Africaine, 92 (1948), pp. 263-322.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de Rachgoun (Oran):
Libyca, 3 (1955), pp. 8-62.
G. Vuillemot, Reconnaisances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965.
S. Lancel, Tipasitana III: La ncropole prromaine occidentale de Tipasa. Rapport
prliminaire (campagne de 1966 et 1967): Bulletin dArchologie Algrienne, 3
(1968), pp. 85-166.
L. Bouchenaki M. Bouchenaki, Note sur un type de tombe punique dans la
ncropole de Tipasa: Oriens Antiquus, 12 (1970), pp. 141-159.
A. Krandel-Ben Younes, La prsence punique en pays numide, Tunis 2002.

La citt dei morti

Bibliografia

197

ALESSANDRIA E CARTAGINE:
LARCHITETTURA PRINCIPESCA
NUMIDICA

Nacra Benseddik

11

I mausolei cilindro-troncoconici
Lorigine degli edifici circolari a base cilindrica e coronamento a gradoni,
dei quali il Medracen e il Tombeau de la Chrtienne (Tomba della Cristiana)
rappresentano gli unici due esemplari, sta nella modesta bazina protostorica.
Poco distante da Batna, il Medracen sorge su una vasta necropoli e raggiunge
unaltezza totale di 18,50 m su una base circolare di 59 m di diametro con
un coronamento di 23 gradoni terminanti con una piattaforma lastricata
sulla quale forse sinnalzavano un tempo alcune statue. Lingresso, nel
coronamento ad est, chiuso da una saracinesca di pietra, conduce alla
tomba centrale attraverso una galleria preceduta da un piccolo atrio. Sulla
facciata est del monumento, si pu individuare una piattaforma allungata in
funzione rituale. La datazione al Carbonio 14 ne fa risalire la costruzione al
320 a.C. circa, cio sotto il regno di uno degli antenati di Massinissa.
La dura e magnifica sobriet della sepoltura, secondo le parole di G. Camps
(1973), evidenziata da un ornamento testimone della presenza punica:
il paramento, la cornice a gola egizia, il cornicione egittizzante, le false
porte dai rilievi a stucco e perfino le colonne doriche sono prese in prestito
dallarte greca. G. Camps lo riteneva il pi grande monumento punico
ancora esistente nel Nord Africa.
Il secondo mausoleo, detto Tomba della Cristiana, ubicato a 261 m di
altitudine, visibile da ogni parte. Menzionato da Pomponio Mela (De
situ Orbis, I, 31), esso ha probabilmente ospitato i resti della famiglia reale
maura di Giuba II, Bogud o Bocco II.
Sistemato su una piattaforma quadrata di 63,40 m di lato, con 185,50 m di
circonferenza, 60,90 m di diametro, 32,40 m di altezza e oltre 80.000 m3 di
volume, il mausoleo uno zoccolo cilindrico sormontato da un tronco di
cono con 33 gradoni in cima al quale una piattaforma accoglieva forse un
gruppo scultoreo. Si accede al mausoleo attraverso una porta bassa e stretta,
scavata nella parte inferiore del basamento sotto la falsa porta est, chiusa

Alessandria e Cartagine: larchitettura principesca numidica

a grandiosa politica architettonica funeraria, esplicatasi nel Maghreb


dei grandi regni numidi e mauri, ci ha lasciato in eredit monumenti
ben rappresentati in Algeria nella loro variet tipologica. Direttamente
derivati da una remota tradizione paleoberbera, tali mausolei destinati
a sepolture principesche hanno subto i forti influssi culturali del
Mediterraneo del tempo, in particolare quelli dellarte edile greca ed egizia
tramandate da Cartagine.

199

Nacra Benseddik

200

1
Mausoleo reale
del Medracen
e particolari
architettonici.

La direzione del levante ha anche determinato lingresso delle diverse


tombe e della sistemazione, fuori, di un avancorpo probabilmente dedicato
al culto funerario. Di tradizione architettonica indigena, tale edificio
testimonia, come quello che lo precede, una forte impronta punica con le 60
semicolonne ioniche, a fusti lisci, sormontate da una cornice, e le quattro
false porte modanate a forma di croce ai quattro punti cardinali.

Alessandria e Cartagine: larchitettura principesca numidica

da due pietre da taglio, disposte luna sullaltra. Seguendo un corridoio


sotterraneo, nel quale occorre procedere inchinati, si giunge in una prima
tomba orientata est-ovest, con volta a botte, nella cui parete destra stata
scavata una porta prospiciente un altro corridoio e sormontata da un rilievo
raffigurante un leone e una leonessa affrontati.

201

Mausolei turriformi
Diffuse in Algeria e in Tunisia, tali sepolture sono di pianta quadrata ad uno
o pi piani disposti su un podio e terminanti con un pyramidion. Questo
modello architettonico stato portato nel Nord Africa dallEgitto dai
navigatori fenici.
A 14 km a sud-est di Costantina, la Souma du Khroub doveva essere
ben visibile, sulla sua collina, con i suoi 30 m di altezza. Su una base
quadrangolare di 10,50 m di lato per 2,80 m di altezza, terminante con tre

2
Mauseleo reale
di El-Khroub,
prima del
restauro.

Nacra Benseddik

202

5
Mauseleo reale detto Tomba della Cristiana e particolare architettonico della falsa porta.

203

Alessandria e Cartagine: larchitettura principesca numidica

Nacra Benseddik

204

gradoni, uno zoccolo modanato regge


quattro blocchi agli angoli, ornati
da uno scudo rotondo in rilievo. La
camera quadrata, cos costituita, era
provvista di quattro aperture o false
porte. Lispirazione palesemente
ellenistica della sepoltura frontone
triangolare e peristilio a colonne
doriche dei templi greci non consente
di ignorare il repertorio punico ben
presente nella gola egizia alla base del
pyramidion o della piattaforma recante
un gruppo statuario.
Gli scavi hanno consentito di accedere
ad una camera funeraria scavata nella
roccia sotto il mausoleo, in cui erano
state deposte le ossa calcinate di due
individui di 60 e 20 anni di et, nonch
un lussuoso mobilio: una grande
vasca argentea, un elmo a chiodo, una
spada, alcuni giavellotti, i frammenti
di una maglia di ferro, oggetti vari
di oreficeria ed alcune anfore rodie.
Lanalisi effettuata in occasione della
mostra Die Numider, nel 1979 a Bonn,
di questo ricco mobilio esposto oggi nel
museo di Cirta, ha consentito di datare
il cenotafio alla fine del II sec. a.C. e
di attribuirlo a Micipsa e Iempsale. In
quel periodo, la dinastia massilia aveva
gi costituito uno stato organizzato con
una capitale, Cirta. La costruzione di
questa sepoltura reale, vicina e visibile
da Cirta, rientra in questa logica.

3
Ipotesi di
ricostruzione
del Mauseleo
reale di ElKhroub (da
Rakob 1979, p.
160, Abb. 87).

Mausolei esagonali recto-curvilinei


Dei quattro esemplari africani
di questo tipo, uno solo si trova
in Algeria: la tomba di Beni
Rhenane, presso Siga. Poggiata

4
Ipotesi di
ricostruzione
del Mauseleo
reale di Beni
Rhenane (da
Rakob 1979, p.
150, Abb. 71).

Sopra una lastricatura a zig-zag, tre gradoni sorreggono uno zoccolo


sagomato sul quale sinnalzavano il primo piano, decorato su ogni facciata
con una falsa porta fiancheggiata da due colonne ioniche, poi un secondo
basamento sormontato da un pyramidion, da un poliedro o da una lanterna.
Lipogeo a 10 camere funerarie, di uguali dimensioni, che scorre su quasi
45 m di lunghezza sotto la piattaforma allesterno del mausoleo, sembra
consono a una dinastia potente e dal regno fiorente come quello di Siface
prima del 203 a.C., anche se costui non vi stato seppellito.
Qualunque sia il tipo sepolcrale preso in esame, non si pu prescindere dal
sottolineare lesistenza di uno stretto intrecciarsi tra il sostrato libico-berbero
e gli apporti fenici o ellenistico-punici. I monumenti funerari principeschi
vengono quindi considerati quali prodotti di una societ numida la cui lite
fu sensibile alle mode e alle correnti culturali del tempo. Se lellenismo alla
romana costitu il modello culturale allepoca dei re del II e I sec. a.C., fu la
cultura punica a prevalere al momento della costruzione dei grandi mausolei,
tenendo conto che laggettivo punico si applica al proficuo incontro tra i
dati fondamentali africani libici, numidi o berberi e gli apporti culturali
orientali propriamente fenici o veicolati dai navigatori del Levante (Camps
1995, p. 247).
(Tradotto dal francese da Soraya Benseddik)
Bibliografia
S. Gsell, Les monuments antiques de lAlgrie, I, Paris 1901, pp. 61-68.
g. Vuillemot, Fouilles du mausole de Beni Rhenane: Comptes-rendus de
lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 1964, pp. 71-95.
G. Camps, Nouvelles observations sur larchitecture et lge du Mdracen, mausole
royal de Numidie: Comptes-rendus de lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres,
1973, pp. 470-517.
C. Picard, La conception du mausole chez les Puniques et les Numides: Rivista di
Studi Fenici, 1 (1973), pp. 31-35.
G. Camps, Les Numides et la civilisation punique: Antiquits Africaines, 14 (1979), pp. 43-53.

Alessandria e Cartagine: larchitettura principesca numidica

su una collina a 221 m di altitudine, sulla sponda destra del Tafna, la


sepoltura principesca domina la foce delloued. Originariamente alto
30 m, ledificio presenta una pianta esagonale, dai lati alternativamente
rettilinei e concavi, e ricorda la forma dei tripodi bronzei alessandrini.
La sobria ricostruzione che ne stata fatta dovuta alla scomparsa di
tutti gli elementi architettonici (frammenti di cornici, semi-capitelli
ionici, pezzi di mezze colonne, sculture) nel corso della distruzione
sistematica di cui stato oggetto, forse per ragioni dinastiche.

205

Nacra Benseddik

206

f. Rakob, Numidische Knigsarchitektur in Nordafrika: H.G. Horn C.B. Rger


(hrsg.), Die Numider. Reiter und Knige nrdlich der Sahara, Kln-Bonn 1979, pp.
119-171.
F. Coarelli Y. Thbert, Architecture funraire et pouvoir: rflexions sur
lhellnisme numide: Mlanges de l cole Franaise de Rome (Archologie), 100
(1988), pp. 761-818.
G. Camps, Modle hellnistique ou modle punique? Les destines culturelles de la
Numidie. Actes du IIIe Congrs Intern. des tudes Phniciennes et Puniques (Tunis
1991), Paris 1995, pp. 235-248.
Y. Abeche, Le mausole royal de la Souma: LAlgrie au temps des royaumes
numide. Djazar, une anne de lAlgrie en France, Paris 2003, pp. 97-100.

VIAGGIATORI, ESPLORATORI, MILITARI


E ARCHEOLOGI ALLA SCOPERTA DEI
MAUSOLEI PREROMANI DALGERIA

Antonella Mezzolani

12

Antonella Mezzolani

grandi monumenti funerari antichi che punteggiano i territori del


Mediterraneo hanno sempre destato la curiosit di viaggiatori ed
esploratori, nonch lattenzione degli archeologi, e in tal senso non fanno
eccezione i mausolei di et numidica in Algeria, che, se si eccettua il
monumento di Beni Rhenane indagato in tempi recenti, sono stati oggetto di
raffigurazioni, resoconti e rapporti di scavo sin dai secoli scorsi.
Nel corso degli anni, per, diverso stato lapproccio adottato nei confronti
di questi monumenti: se, infatti, la documentazione dei secoli XVI-XVIII
non sembra andare al di l della descrizione dei complessi architettonici,
della menzione di qualche notazione toponomastica e della rappresentazione
paesaggistica delle antichit in voga allepoca, nella fase successiva, quella
cio che nel XIX secolo vede la Francia conquistare lAlgeria e creare
nel 1839 la Commission dexploration scientifique dAlgrie, progetto
enciclopedico di conoscenza del nuovo territorio ormai annesso, attribuir
particolare importanza allarcheologia e allarchitettura antica.

208

Cambieranno gli attori, cambier la motivazione: non pi viaggiatori che nel


corso delle loro esplorazioni territoriali si impegnano a descrivere le rovine,
sospinti al riconoscimento dei luoghi antichi dalla loro consuetudine con
le fonti classiche, ma architetti e militari, inseriti in una missione ufficiale,
voluta fortemente dalle Istituzioni. Non pi la volont di fare colta letteratura
di viaggio e rappresentazioni pittoresche, bens limpiego di professionisti
che, con la loro maestria nella proiezione spaziale e territoriale, la loro
descrizione metodica e lapplicazione di vari livelli di lettura ai monumenti
antichi, ne faranno elementi di riferimento per lo studio del territorio e della
sua gestione in antico, nellevidente prospettiva di costruire il presente
coloniale, come scritto in maniera inequivocabile da A. Ravoisi (1846, p.
IV): Lexploration architecturale de lAlgrie ne devait pas avoir pour unique
objet des antiquits, soit puniques, soit romaines. Se refermer exclusivement
dans le champ de lrudition, cet t natteindre quimparfaitement le but
qui lui tait assign; elle devait avoir aussi un caractre dactualit pratique,
en fournissant des indications et des matriaux aux sciences qui soccupent
du pass, elle devait sappliquer aux besoins prsents, et demander des
enseignements lexprience et au gnie des populations modernes.
Le tracce che si ricercano, i modelli da individuare con minuzia e rigore
sono quelli della romanit in Algeria, che come dice in una nota del 1847 il
Ministro della Guerra rendono larchologie de lAlgrie (...) sans contredit
lun des travaux les plus intressants, mme au point de vue politique, de
louvrage de la Commission scientifique. Non sempre i rapporti fra studiosi
dellantichit e militari furono distesi, e talvolta le attivit dellesercito

Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta dei mausolei preromani dAlgeria

contribuirono a distruggere monumenti antichi, ma lattenzione dei ranghi


maggiori dellesercito fu, comunque, spesso sollecitata a livello ufficiale.
Protagonisti importanti di questa attivit di indagine sulle antichit saranno
poi gli archeologi, attivi nelle Socits des savants locali o inseriti nelle
strutture amministrative e nei musei; ad essi va indubbiamente il merito di
aver non solo scavato complessi antichi, ma anche di aver dato vita allidea
della conservazione in situ e del legame imprescindibile delle antichit con il
loro territorio di rinvenimento.
Ritornando ora ai mausolei di epoca numidica in Algeria, come si diceva
sopra, ad esclusione del mausoleo di Beni Rhenane, solo in anni recenti
indagato da G. Vuillemot e, successivamente, da F. Rakob, per gli altri
esemplari troviamo menzioni ben pi antiche che ne colsero limponente
presenza architettonica.
Per il Kbour Roumia o Tomba della Cristiana o, pi correttamente,
Mausoleo reale di Mauretania, monumento funerario che riecheggia il tipo
a tumulo della bazina autoctona, con il suo profilo a tamburo circolare su
basamento e copertura troncoconica a gradoni, ma con apprestamenti, quali
colonne lisce addossate, su basi di tipo attico e con capitelli ionici di due tipi,
architravi e cornice modanati, riferibili alla cultura architettonica punica di
et ellenistica, la menzione indubbiamente pi antica risale a Pomponio Mela
che a tale manufatto architettonico pare riferirsi, citando un Monumentum
commune Regiae gentis, nei pressi di Iol/Caesarea (De situ Orbis, I, 6). Sar,
per, Luis del Mrmol Carvajal, fatto prigioniero dai Turchi e schiavo per
qualche anno ad Algeri, nella sua Descripcin general de Affrica, II, cap.
V (Granada 1573), a parlare del nome dato dai Mori al complesso, che los
cristianos mal arabigos la llaman Caba Rumia y dicen fabulosamente que
est all enterrada la Cava, hija del conde Julian.

209

1
Tomba a
bazina di
Tiddis.

Antonella Mezzolani

210

In seguito, a Th. Shaw, cappellano del Consolato dInghilterra ad Algeri,


si deve una lunga nota sul monumento nel suo Travels or Observations
Relating to Several Points of Barbary and the Levant (Oxford 1738): in tale
annotazione egli riporta il nome attribuito alla tomba dai Turchi (Maltapasy)
e la identifica con quella menzionata da Mrmol, fornendo anche un
disegno non proprio accurato. Per le inesattezze nella descrizione e nelle
citazioni, nonch per le omissioni relative ad alcune parti del monumento,
A. Berbrugger ha ipotizzato che in realt Shaw non labbia visto, almeno a
distanza ravvicinata. Nei confronti di un altro viaggiatore anglosassone si
rivolgono gli strali ironici di A. Berbrugger, anchesso colpevole secondo il
nostro di una eccessiva sicumera nelle sue affermazioni di tipo archeologico
e non; si tratta di James Bruce di Kinnaird, nobile inglese che dal 1763 al
1765 fu Console dInghilterra ad Algeri e che in seguito, nella migliore
tradizione dei viaggiatori-esploratori dellepoca, fece un lungo viaggio alla
ricerca delle sorgenti del Nilo, come chiaramente spiegato nel suo resoconto
Travels to Discover the Source of the Nile, in the years 1768, 1769, 1770,
1771, 1772 and 1773 (London 1790).
Sebbene A. Berbrugger dica di non aver trovato accenni nellopera di Bruce
sul mausoleo e Dureau de la Malle attribuisca erroneamente al console
inglese la notizia del rinvenimento di uniscrizione dedicatoria alla regina
Cleopatra, sappiamo da R. L. Playfair (Travels in the Footsteps of Bruce in
Algeria and Tunis, London 1877) che Bruce fece dei disegni del monumento,
utilizzando per la prima volta in tale occasione la camera oscura: i disegni,
in acquarello o inchiostro dIndia, pubblicati da Playfair e in parte conservati
nello Yale Center for British Art, Printings and Drawings di New Haven
(Connecticut), comprendono non solo viste prospettiche delledificio, ma
anche planimetrie, elevati e dettagli della decorazione architettonica, come i
capitelli e la cornice.
Il mistero della costruzione, con la tradizione di favolosi tesori in essa
conservati che indusse nel 1555 il pasci di Algeri, Salah Ras, a forzare
lingresso a cannonate, anim gli intelletti di intere generazioni, ma solo
nella fase di colonizzazione francese si oper con scavi veri e propri:
ad Adrien Berbrugger, inarrestabile direttore della Biblioteca-museo di
Algeri e ispettore generale dei monumenti storici, il mausoleo svel i suoi
segreti. Dopo alcune visite preliminari con ufficiali e colleghi, nel 18551856, A. Berbrugger avvi i primi scavi, ma solo dieci anni dopo, con un
impegno finanziario diretto di Napoleone III, il nostro archeologo, con
lassistenza di O. Mac Carthy, pot cimentarsi in una attivit pi estesa,
scoprendo lingresso, il corridoio e la serie di vani, tra cui la presunta
camera sepolcrale.

Diverso, invece, lapporto di un secondo fotografo, Flix-Jacques Moulin,


che, in Algeria per fare un reportage pittoresco e preparare clichs da
vendere in Francia, soggiorn alla Tomba della Cristiana per un solo giorno,
come racconta lui stesso su La Lumire. Revue de la photographie, e fece
una serie di fotografie al collodio umido che ritraggono Adrien Berbrugger e
gli zuavi al lavoro sul monumento.
Anche dopo le indagini archeologiche, il Kbour Roumia non cess di
essere un monumento assai indagato e documentato, grazie alla sua
imponenza architettonica e alla particolare curiosit che suscitava la sua
attribuzione storica: al 1878 risalgono una serie di tavole ad acquarello
presentate da P.-J. Bourmanc, ora conservate alla Mdiathque de
lArchitecture et du Patrimoine di Parigi, in cui planimetrie, restituzioni e
raffigurazioni di dettagli architettonici, siglate dalla didascalia Mausole
des rois de Maurtanie, sono riprodotte in stile levigato e alto livello
tecnico. Da ricordare, infine, i lavori di consolidamento, restauro e indagine
effettuati negli anni 40 del XX sec. da M. Christofle, culminati nella sua
pubblicazione Le Tombeau de la Chrtienne del 1951.
Un altro monumento ricorda per tipologia e imponenza architettonica il
mausoleo reale di Mauretania e anchesso fu oggetto di rappresentazioni
e note colte sin dai secoli scorsi: il Medracen, nei pressi di Batna.
Anche in questo caso siamo di fronte ad un monumento che rievoca
i modelli locali della tomba a tumulo, con tamburo cilindrico su
basamento a gradini e copertura troncoconica digradante, avancorpo
rettangolare sul lato est e finiture decorative (colonne doriche

Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta dei mausolei preromani dAlgeria

Se per i resoconti di scavo si rinvia direttamente ai numerosi articoli


che A. Berbrugger pubblic nella Revue Africaine tra 1866 e 1867, da
mettere in evidenza la documentazione che di questo complesso egli
pot fornire: oltre ai rilievi fatti da O. Mac Carthy, la fotografia venne in
aiuto dellinfaticabile indagatore, che grazie allopera di John Greene pot
documentare passo a passo i suoi interventi, dimostrandone la non invasivit.
John Beasley Greene, fotografo-archeologo americano appassionato di
egittologia, aveva gi avuto modo di lavorare su materiale di Cherchel e
segu come volontario Berbrugger perch interessato alle tracce di influenza
egizia sulla cultura numidica; il giovane americano esegu con la tecnica
della calotipia una serie di vedute, conservate in un album della Bibliothque
de lInstitut de France, che mostrano in maniera progressiva landamento dei
lavori e i dettagli della decorazione architettonica, senza alcun cedimento
ad effetti paesaggistici o folcloristici, resi impossibili dal tempo di posa assai
lungo che non consentiva la riproduzione di persone.

211

Antonella Mezzolani

addossate, cornice a gola egizia, architravi


egittizzanti), che indicano chiaramente linflusso
dellarchitettura ellenistica, mediata
con tutta probabilit dalla cultura
punica. Se si esclude la menzione del
monumento ad opera del geografo El-Bekri
(XI sec.), che parla di Kbour Madghaous
come di un monumento che spicca allorizzonte come una
grande collina, bisogna giungere a tempi pi vicini a noi per trovare le prime
rappresentazioni e i primi resoconti di indagine.
Nel corso del XVIII sec., oltre ad una rapida citazione di Th. Shaw che ricorda
il monumento comparandolo con la Tomba della Cristiana, il medico J.-A.
Peyssonel, recatosi per ordine reale nel 1724 e 1725 in Algeria per effettuare
osservazioni sulla storia naturale, la geografia, le antichit e i costumi degli
abitanti del luogo, forn una prima descrizione del mausoleo, attribuendogli
il nome di Metachasem, come si riscontra nelledizione curata nel 1838 da
Dureau de la Malle (Voyages dans les rgences de Tunis et Alger).

212

Al gi citato James Bruce dobbiamo, invece, un disegno in inchiostro dIndia


del monumento, denominato Medrashem, Tomb of Syphax, al quale collabor
anche un giovane artista italiano, Luigi Balugani, compagno di Bruce nel suo
lungo viaggio africano; nonostante le parche menzioni del console inglese a
suo riguardo, lartista bolognese dovette prestare spesso la sua accurata opera
di finitura alle tavole eseguite con la camera oscura. Un particolare interesse
il monumento sembra aver suscitato negli alti ranghi militari di stanza a
Batna: e cos, se il generale Carbuccia ne affid leplorazione nel 1849 o
1850 al capitano Collineau a capo di una compagnia della Legione Straniera,
come documenta anche una tavola con raffigurazione del Madrazen,
mausole dit tombeau de Syphax, conservata alla Bibliothque de lInstitut
de France, al capo di battaglione del Genio, Foy, si deve una descrizione
assai accurata, anche se non completamente esatta, del mausoleo stilata nel
1855, mentre ulteriori indagini furono effettuate da Bauchetet, guardia del
Genio, incaricato di prendere un rilievo preciso delledificio per farne poi
una maquette in gesso, destinata allEsposizione Universale del 1867.
Si arriva poi nel 1873 ad unesplorazione pi ampia del monumento e
della necropoli circostante, promossa e fortemente voluta dalla Socit
Archologique de Constantine, allinterno della quale un ruolo importante
continuer ad avere Bauchetet; il rendiconto del colonnello Brunon di
tale scavo, arricchito da disegni di dettaglio del monumento e dei suoi
apprestamenti architettonici, viene per considerato da G. Camps assai inesatto.

2
Oggetti del
corredo
funerario
rinvenuto nel
Mausoleo reale
di El-Khroub.

Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta dei mausolei preromani dAlgeria

Dopo il 1873 non ci furono pi esplorazioni del monumento e i vari autori


si limitarono a riprendere i dati pubblicati da Brunon, ripetendone, sovente,
gli errori; si dovr arrivare esattamente ad un secolo dopo, per disporre di
unanalisi pi dettagliata e corretta del mausoleo con G. Camps, che dopo una
serie di brevi sopralluoghi effettuati nel 1969 e nel 1970 ne riprese lo studio
che risulta ancor oggi fondamentale, proponendo unattribuzione cronologica
alla fine del IV - inizi del III sec. a.C. Negli stessi anni, precisamente tra 1973
e 1975, una missione di restauro italo-algerina, diretta da M. Bouchenaki e
A. Di Vita, vide allopera due architetti italiani, Paola Jervis e Paolo Donati,
che eseguirono rilievi accurati dellintero monumento, evidenziando anche i
dettagli relativi alla messa in opera.

Mentre le due sepolture di cui si trattato finora rientrano nel tipo


monumentale circolare, alla tipologia del mausoleo a torre dobbiamo
riportare altri due edifici, che pure differiscono tra loro per la resa degli
elevati: la Souma du Kroub e il mausoleo di Beni Rhenane.
Il primo edificio, nella regione di Cirta/Costantina, fu descritto per la
prima volta da A. Berbrugger nel suo LAlgrie historique, pictoresque et
monumentale. Province de Constantine (Paris 1843), ma dal punto di vista
figurativo ad A. Ravoisi e A. Delamare si devono le prime rappresentazioni
artistiche: linteresse nei confronti di tale monumento rientra in quellampia
conoscenza delle antichit e del territorio che ci si prefiggeva di ottenere
attraverso lexploration scientifique. Sia A. Ravoisi (1846, pls. 61-64)
che A. Delamare (1850, pl. 161), sulla base dei loro disegni ad acquarello,
presentarono in stampa tavole della Souma, che comprendevano una

213

3
Mausoleo
reale di ElKhroub, dopo
il restauro.

Antonella Mezzolani

214

4
Mausoleo reale di Beni Rhenane.

215

Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta dei mausolei preromani dAlgeria

Antonella Mezzolani

veduta generale, la planimetria del podio e dettagli della decorazione


architettonica (capitelli, basi, cornici); a questo A. Ravoisi aggiunse
anche una ipotetica restituzione del monumento, da lui presentato come un
edificio a torre su basamento a gradini e almeno due piani sovrapposti: il
primo, su una fascia a blocchi e cornici a delimitarne il profilo, con false
porte e scudi, il secondo configurato a tempietto dorico a tre colonne e
frontone triangolare su trabeazione a metope lisce e triglifi. Nella pi
recente proposta restitutiva di F. Rakob, sopra il frontone del secondo
piano si eleverebbe un podio parallelepipedo a sostegno di un pyramidion.
Linteresse per la Souma, come punto di riferimento antico utile
allo studio topografico e territoriale, testimoniato anche dalla breve
descrizione e dal bozzetto assai maldestro fornito dal capitano J. Gabriac in
un rapporto redatto nel 1887, dal titolo Carte dAlgrie. Notes explicatives
joindre au Croquis de la Feuille du Khroub au 100.000 au sujet des
ruines romaines, mgalithiques et autres contenues dans la Feuille
(Archives Nationales, Paris, F/17/2919/1). I primi scavi, per si fecero
attendere e solo nel 1915 M. Bonnel provvide ad eseguirli, col supporto
della sempre attiva Socit Archologique de Constantine, mettendo in
evidenza la piccola camera funeraria impiantata al di sotto del basamento e
riportando alla luce i resti di due deposizioni crematorie e il corredo assai
ricco della sepoltura, dati ripresi in esame con grande rigore e pi ampio
respiro in occasione della esposizione Die Numider, che ebbe luogo a
Bonn nel 1979.

216

Sul versante occidentale del territorio algerino, precisamente al Jebel


Skouna nei pressi della citt di Siga, si trova invece il mausoleo di
Beni Rhenane: la sua esplorazione tutto sommato recente, nonostante
una prima individuazione di P. Grimal, che ne interpret i resti, per,
come fortino di epoca romana, e risale allindefessa opera di indagine
di G. Vuillemot nel 1960-1961; successivamente ledificio fu ripreso in
esame da F. Rakob nel corso di una serie di campagne nel 1977 e 1978.
Lidentificazione di questo mausoleo a torre, definito altrimenti a tripode
per il suo profilo a lati concavi e rettilinei alternati, con camere ipogeiche
ai limiti della sua piattaforma esterna, ha gettato nuova luce sulla cultura
architettonica di et numidica, in cui agli elementi classici mutuati dal
mondo punico vengono ad aggiungersi caratteri alessandrini, che gi sono
stati evidenziati per gli analoghi mausolei di Sabratha e di Djerba.

A. Ravoisi, Exploration scientifique de lAlgrie. Beaux-Arts, architecture et


sculpture, I, Paris 1846.
H.G. Horn C.B. Krger (hrsg.), Die Numider. Reiter und Knige nrdlich der
Sahara, Kln-Bonn 1979.
S. Stucchi, Larchitettura funeraria suburbana cirenaica in rapporto a quella della
chora viciniore ed a quella libica ulteriore, con speciale riguardo allet ellenistica:
Cirene e i Libyi (= Quaderni di archeologia della Libya, 12), Roma 1987, pp. 249-377.
A. Arnaud-Portelli, Lexploration archologique de lAfrique du Nord des premiers
voyageurs au XVIIme sicle lIndpendance des Nations (Maroc, Algrie), daprs
les documents publis, II. LAlgrie (thse de doctorat), Lille 1992.
B. Lepetit, Missions scientifiques et expditions militaires: remarques sur les
modalits darticulation: M.-N. Bourguet B. Lepetit D. Nordmand M.
Sinarellis (ds.), Linvention scientifique de la Mditerrane: gypte, More,
Algrie, Paris 1998, pp. 97-116.
M. Dondin-Payre, Lentre de lAlgrie antique dans lespace mditerranen: M.-N.
Bourguet D. Nordmand V. Payotopoulos M. Sinarellis (ds.), Enqutes en
Mditerrane. Les expditions franaises dgypte, de More et dAlgrie. Actes de
colloque (Athnes-Nauplie, 8-10 juin 1995), Athnes 1999, pp. 179-191.
N. Oulebsir, La dfinition du paysage architectural dans les expditions
scientifiques de More et dAlger: M.-N. Bourguet D. Nordmand V.
Payotopoulos M. Sinarellis (ds.), Enqutes en Mditerrane. Les expditions
franaises dgypte, de More et dAlgrie. Actes de colloque (Athnes-Nauplie,
8-10 juin 1995), Athnes 1999, pp. 293-314.
M. Dondin-Payre, LAfrique face lAlgrie romaine: enjeux idologiques et
contraints pratiques dune uvre scientifique au XIXe sicle: M. Khanoussi P.
Ruggeri C. Vismara (a cura di), Geografi, viaggiatori, militari nel Maghreb: alle
origini dellarcheologia nel Nord Africa. Atti del XIII Convegno internazionale di
studi sullAfrica Romana (Djerba, 10-13 dicembre 1998), Roma 2000, pp. 725-745.
M. Dondin-Payre, Le premier reportage photographique archologique en Afrique
du Nord: les fouilles du Tombeau de la Chrtienne en 1855-56: M. Khanoussi P.
Ruggeri C. Vismara (a cura di), Lo spazio marittimo del Mediterraneo occidentale:
geografia storica ed economia. Atti del XIV Convegno internazionale di studi
sullAfrica Romana (Sassari, 7-10 dicembre 2000), Roma 2002, pp. 2119-2146.
M. Dondin-Payre, La dcouverte de lAfrique antique: linfluence des acteurs et de
lidologie sur llaboration de lhistoire: Pallas, 68 (2005), pp. 35-48.
F. Prados Martnez, Arquitectura pnica. Los monumentos funerarios (= Anejos de
AEspA, 44), Madrid 2008.

Viaggiatori, esploratori, militari e archeologi alla scoperta dei mausolei preromani dAlgeria

Bibliografia

217

CONCLUSIONI


Antonino Di Vita

Conclusioni

mel Soltani del Muse National des Antiquits di Algeri e Lorenza-Ilia


Manfredi dellIstituto di Studi sulle Civilt Italiche e del Mediterraneo
Antico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (le due istituzioni promotrici
dellimpresa), curatrici di questo volume completo e incisivo apparato
scientifico di una Mostra di grande significato per la conoscenza del passato
fenicio-punico dellAlgeria mi hanno chiesto una pagina di conclusioni e
io ho aderito tanto pi volentieri in quanto, stenderla, mi riporta a un mondo
che, con il lungo correre degli anni, nella mia memoria divenuto mitico.

Era il 1971 quando con Andrea Carandini, giovane incaricato dellUniversit


di Siena e a capo dellquipe del cantinone in cui brillava gi Tina Panella,
ci trovammo ad avere un problema comune. Nei suoi scavi di Ostia e nei
miei al Mausoleo B di Sabratha mancavano le stratigrafie pi tarde del
IV sec. d.C. e un controllo stratigrafico delle cronologie proposte proprio
allora dallo Hayes per la sigillata africana sarebbe potuto risultare di grande
interesse. Nel 1964, grazie alla mia posizione di adviser per le Antichit
della Tripolitania, ero riuscito a far venire in Libia John W. Hayes al quale
avevo affidato lo studio delle ceramiche recuperate negli scavi stratigrafici
del Serapeo di Leptis (Ayoub lo far poi venire a Sebha) e, data la nostra
buona amicizia, sapevo che il suo fondamentale Late Roman Pottery era
quasi pronto: uscir nel 1972.
In Algeria vera la fattoria fortificata del Nador fra Tipasa e Caesarea che,
credevamo, conservasse le stratigrafie pi tardo-antiche, dato che tarda era
liscrizione sul portale dingresso che ne proclamava proprietari il flamen
Augusti M. Cincius Hilarianus e la moglie Vetridia Impetrata. In Algeria poi,
presso Siga, si trovava il confronto pi vicino ai Mausolei A e B di Sabratha,
quello di Beni Rhenane, affermazione grandiosa della potenza dei re numidi,
studiato agli inizi degli anni Sessanta dal Vuillemot.
Questi interessi comuni mi spingevano, nel febbraio del 1972, ad Algeri,
che ricordo come un anello prezioso di case bianche affacciato su un
Mediterraneo di cobalto. Con lappoggio persuasivo di Mounir Bouchenaki,
Conservatore capo del Servizio delle Antichit e curatore di Tipasa e di
Pierre Salama, che negli anni Sessanta aveva lavorato con me in Tripolitania
e allora ancora professore allUniversit di Algeri, potei firmare un
protocollo dintesa con S.A. Baghli, Direttore delle Antichit e dei Musei
nazionali, con il quale ottenevo che una quipe italo-algerina scavasse
nellarea del Nador. E mi piace sottolineare che fu quello il primo permesso
di scavo archeologico ottenuto dallItalia in Algeria.

219

Antonino Di Vita

220

1
Mausoleo
reale del
Medracen
prima del
restauro.

Baghli per condizionava lo scavo del Nador allimpegno che avrei diretto
in prima persona una missione italiana che avesse posto mano al restauro
del Medracen restauro, diceva Baghli, che i Francesi non avevano voluto
affrontare , uno dei monumenti numidi pi grandiosi e simbolo dellantica
Algeria, posto nella lontana wilya di Batna. Era un impegno che essendo,
fra laltro, Preside della Facolt di Lettere di Macerata avrei potuto
assumere solo se dei tecnici di alto profilo, idonei al compito, fossero stati
disposti a trasferirsi per molti mesi in Algeria e, naturalmente, se avessi
trovato i fondi necessari allimpresa. Trovammo gli uni e gli altri. Il lavoro
fu affidato allarch. Paola Donato Jervis e al marito Paolo Donato, eccellente
capo cantiere e rilevatore-disegnatore, mentre per la consulenza strutturale
potei fruire, nel 1973, dellopera delling. Romanelli, figlio del grande
archeologo africanista Pietro.
I fondi furono messi a disposizione dal Ministero degli Affari Esteri,
Direzione Generale delle Relazioni Culturali, che faceva capo allamb.
Mario Mondello, cui mi legavano stima e amicizia da quando, nel 1962, da
Ambasciatore a Tripoli mi aveva persuaso ad accettare il posto gi di Ernesto

Conclusioni
Vergara Caffarelli; per lo scavo del Nador il finanziamento fu coperto con
fondi del Consiglio Nazionale delle Ricerche dal Gruppo di ricerca per le
Antichit dellAfrica Settentrionale creato a Firenze nel 1966 dai proff.
Caputo, Graziosi, Santoli e da chi scrive.
Limpegno era per tre anni e da parte algerina ci sarebbe stata collaborazione
di archeologi e messa a disposizione di operai mentre, per il Medracen,
venivano assicurati i mezzi per lo spostamento dei blocchi e soprattutto,
fornita dalla wilya di Batna, una gru con braccio tanto lungo da raggiungere
il cuoredel monumento. La pubblicazione sarebbe dovuta avvenire nel
Bulletin dArchologie Algrienne.
Mentre al Nador tutto si svolse secondo programma con risultati scientifici
ben pi cospicui di quanto inizialmente previsto allquipe del Medracen
dalla terza campagna, quella del 1974, venne a mancare la grande gru di
Batna e, nonostante unultima missione di Paolo Donato dellestate 1975, la
gru non torn mai pi al Medracen.
Ci ha comportato che il restauro del monumento, concluso nel
monumentale tamburo del lato meridionale, restasse incompleto per ci

221

2
Mausoleo
reale del
Medracen,
pianta eseguita
nel 1972 da P.
Donati Jervis.

Antonino Di Vita

che concerne il corpo a gradoni, anche se va detto che la documentazione


scientifica raccolta rilievi, planimetrie, sezioni, centinaia di blocchi
localizzati e numerati riguardava lintero Medracen, costituendo una
fondamentale base di partenza per ogni ulteriore intervento sul monumento e
per una sua edizione.

222

3
Mausoleo
reale del
Medracen,
sezione eseguita
nel 1972 da P.
Donati Jervis.

Purtroppo lavoro e documentazione sono rimasti inediti: nonostante limpegno


anche della nostra Ambasciata ad Algeri desidero ricordare almeno
S.E. Marieni non mi fu possibile ottenere fondi oltre i tre anni previsti
dallaccordo. I Donato scomparvero assorbiti dai loro impegni di sopravvivenza
in Francia, il Bulletin dArchologie Algrienne cess le sue pubblicazioni;
inoltre nel 1977 lasciavo il Rettorato dellUniversit di Macerata per la
Direzione della Scuola Archeologica Italiana in Atene. Comunque per lo scavo
del Nador riuscivo a ottenere uno dei volumi delle Monografie di Archeologia
Libyca e cos, nel 1989, vedeva la luce la documentazione riguardante il
Medracen, relazioni, disegni, foto che restavano ben custoditi presso di me, ma
con il cruccio di un inedito di pi nel mio fardello.
Rientrato a Roma nel 2000, vi venivo raggiunto qualche anno dopo da
Mounir Bouchenaki che, dopo una carriera di grande prestigio allUnesco,

Conclusioni

venuto a dirigere lICCROM nella sua sede romana. Con lui il problema del
Medracen tornato alla ribalta, proprio quando la collega Lorenza Manfredi
mi faceva parte della rinata collaborazione archeologica con lAlgeria,
nonostante la mancanza di risorse che affligge la ricerca di base nelle
Universit e nei Centri a ci deputati nellItalia di oggi. A lei avevo subito
dato la mia disponibilit a riaprire il dossier Medracen, quando le ampie
relazioni di Mounir Bouchenaki mi permettevano di tornare a incontrare
dopo quasi quattro decenni larch. Paola Jervis (il marito Paolo non pi),
con la quale abbiamo rivisto tutto il materiale disponibile e progettato,
viribus unitis, finalmente ledizione del Medracen.
Nel frattempo sono assai lieto che in occasione di questa importane Mostra
ad Algeri sul mondo fenicio-punico di Numidia e Mauretania i curatori
abbiano accettato di presentare alcune foto e due rilievi eseguiti al Medracen
fra il 1972 ed il 1974.
un modo di iniziare a pagare un vecchio debito scientifico, di gettare un
ponte ideale fra quelle prime missioni archeologiche italiane in Algeria
e queste nuove fruttuose attivit comuni che, come gli studi qui raccolti
mostrano, porteranno alla luce sempre pi stringenti consonanze nellantica
storia dei nostri due Paesi. Paesi che ebbero comuni le esperienze di due
civilt di altissimo livello, la fenicia e la punica, le quali hanno unito Oriente
e Occidente assorbendo, elaborando, imprestando a tutti gli occupanti
le sponde del Mediterraneo e spingendosi addirittura oltre, sulle coste
dellOceano infinito.

223

I Fenici in Algeria
Le vie del commercio tra il Mediterraneo e lAfrica Nera

catalogo

Statuaria
1. Statua
Souk Ahras.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 134).
h: 20 cm; l max.: 15 cm.
Statua in calcare raffigurante un personaggio maschile seduto in trono,
che indossa il tipico gonnellino egizio pieghettato.
Ai lati, due sfingi passanti, coronate da due alte piume che rappresentano
il dio Tutu. Nella parte posteriore della statuetta, forse un elemento
architettonico, ampia cavit per linserimento.
IV-I sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 32; S.
Sauneron, Le nouveau sphinx composite du Brooklyn Museum et le rle du dieu
Toutou Tothos: Journal of Near Eastern Studies, 19 (1960), pp. 269-287.

2. Statua
Arzew.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.S. 102).
h:120 cm; diam.: 30 cm.
Statua in calcare a tutto tondo raffigurante un personaggio interpretato
come Baal Hammon-Giove Ammone per le corna ritorte intorno alle
orecchie. Tra le mani, appena abbozzate con leggeri segni incisi, un
oggetto non identificato.
III-II sec. a.C.
G. Doublet, Muse dAlger, Paris 1890, p. 68, pl. III, 6.

3. Statua
Cherchel, area urbana.
Cherchel, Muse
(N. Inv. S 84).
h: 80 cm; diam.: 23 cm.
Statua in arenaria a tutto tondo raffigurante un personaggio deforme,
probabilmente Ptah Pateco, con copricapo a corona di piume; gambe
corte e ricurve; piedi piccoli e torti; braccia sottili, accennate e
appoggiate sul ventre prominente; il seno e gli attributi maschili appena
abbozzati.
III-II sec. a.C.
P. Gauckler, Muse de Cherchel, Paris 1895, pp. 87-88, pl. II; N. Ferhat E.
Delpont ( ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition,
IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 188.

-I-

Statuaria
4. Statua
Cherchel, area urbana.
Cherchel, Muse
(N. Inv. S 75).
h: 45 cm; l: 16 cm.
Statua acefala in basalto di Petobasti, gran sacerdote di Ptah a Menfi,
raffigurato con le braccia lungo il corpo, lunga veste e pelle di leopardo
sulle spalle.
III-II sec. a.C.
C. Sintes Y. Rebahi (ds.), Algrie antique (Catalogue de lexposition, Arles
26 avril -17 aot 2003), Arles 2003, p. 153.

5. Statua
Cherchel, area urbana.
Cherchel, Muse
(N. Inv. S 74).
h: 40 cm; l: 21 cm.
Statua frammentaria in basalto di Thutmosi I, in origine collocata in
Abido.
Met II millennio a.C., riutilizzo III-II sec. a.C.
P. Gauckler, Muse de Cherchel, Paris 1895, p. 89 e pl. II.

- II -

Stele
6. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 460).
h: 38 cm; l: 17 cm.
Stele in arenaria a sommit triangolare. In alto raffigurato un crescente
al di sotto del quale compare un simbolo di Tanit, affiancato a destra dal
caduceo.
Nella parte inferiore, allinterno di un campo rettangolare, incisa
uniscrizione punica.
III sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955.

7. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 468).
h: 34 cm; l: 23,5 cm; spess.: 13 cm.
Stele in arenaria a sommit triangolare. In alto raffigurato un disco
solare sotto il crescente lunare rivolto in basso. Al di sotto di questi
elementi, in un campo rettangolare, compare uniscrizione punica di tre
linee.
Sotto liscrizione sono rappresentati il simbolo di Tanit, il caduceo ed una
mano benedicente.
III sec. a.C
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955.

8. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 472).
h: 30 cm; l: 25 cm.
Stele in calcare frammentaria a sommit triangolare, anepigrafe. Sotto
il disco solare, con falce lunare volta in alto, doppia raffigurazione del
simbolo di Tanit in posizione simmetrica rispetto al caduceo centrale.
III sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, pl. XXIV, A.

- III -

Stele
9. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 521)
h: 30 cm; l: 20 cm.
Stele in calcare frammentaria a sommit triangolare, anepigrafe. Il
simbolo di Tanit con lunga e ampia veste al di sotto di un caduceo.
III sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955.

10. Stele votiva


Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 577).
h: 45 cm; l: 16,5 cm; spess.: 7 cm.
Stele in calcare frammentaria a sommit triangolare. Allinterno del
campo scolpito un albero di palma stilizzato. Al di sotto, in un campo
rettangolare, compare uniscrizione punica su due linee.
III sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, p. 157, n. 260, pl. XXII, C.

11. Stele votiva


Annaba, area del santuario.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 20 cm; l: 15 cm.
Stele in calcare frammentaria con simbolo di Tanit antropomorfizzato.
III sec. a.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-388.

- IV -

Stele
12. Stele votiva
Guelma.
Guelma, Muse
(N. Inv. s.n.)
h: 50 cm; l: 21 cm.
Stele in calcare a sommit arrotondata. Nella sommit raffigurato un
volatile con un frutto. Al centro, nel campo rettangolare, personaggio
maschile seduto su un agnello; nella mano sinistra un grappolo duva e
nella destra un pane votivo.
III sec. a.C.
M.F. De Pachtre, Muse de Guelma, Paris 1909, pp. 5-6; M. Leglay, Saturne
Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-388.

13. Stele votiva


Guelma.
Guelma, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 18 cm; l: 14 cm.
Stele in calcare frammentaria con simbolo di Tanit antropomorfizzato, a
sinistra raffigurata una palma.
III sec. a.C.
M.F. De Pachtre, Muse de Guelma, Paris 1909, pp. 5-6.

14. Stele votiva


Guelma.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 495).
h: 62 cm; l: 18 cm.
Stele in arenaria a sommit triangolare, anepigrafe, con disco solare e
falce lunare volta in basso; sotto sono rappresentati simbolo di Tanit,
caduceo, pane votivo e mano benedicente.
Fine III sec. a.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire
(Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003,
p. 185, n. 98.

-V-

Stele
15. Stele libica
Stif, Kherbet Zembia.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.S. 140).
h: 74 cm; l: 47 cm.
Stele in calcare di forma trapezoidale, non figurata,
sulla quale incisa uniscrizione libica di tre linee.
III-II sec. a.C.
P. Wuilleumier, Muse dAlger, supplment, Alger
1928, p. 12, n. 4 ; J.B. Chabot, Recueil des inscriptions
libyques, Paris 1940, p. 183, n. 841.

16. Stele votiva


Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 672).
h: 21,5 cm; l: 23 cm, spess.: 8 cm.
Stele in arenaria a sommit triangolare. Compare il simbolo di Tanit
tra due caducei sotto un crescente lunare. Al di sotto, in un campo
rettangolare inquadrato da modanatura a cornice multipla, vi
uniscrizione punica.
III-II sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, pp. 53-54, n. 58, pl. IX A.

17. Stele
Abizar.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.S. 136).
h: 125 cm; l: 110 cm; spess.: 11 cm.
Stele in arenaria rappresentante un guerriero barbato a cavallo, visto
frontalmente. Nella mano sinistra tiene uno scudo tondo e tre giavellotti,
la destra sollevata in segno di saluto e protezione. Nel campo a destra
sono raffigurati un cane e un volatile. A sinistra, sul dorso del cavallo un
personaggio di dimensioni minori e, nel campo, uniscrizione libica.
III-II sec. a.C.
C. Doublet, Muse dAlger, Paris 1890, pp. 72-73, pl. VI; J.-P. Laporte,
Datation des stles libyques figures de Grande Kabylie: LAfrica romana. 9,
1992, pp. 389-433; G. Camps, s.v. Abizar: Encyclopdie Berbre, I, Aix-enProvence 1984, pp. 84-86.

- VI -

Stele
18. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 675).
h: 87,5 cm; l: 19 cm; spess.: 11,5 cm.
Stele in calcare a sommit triangolare su tre registri. Nel registro
superiore, personaggio divino barbato, allinterno di un tempio il cui
ingresso affiancato da due colonne doriche. Il dio, con corona di piume
e tunica tenuta da una fibula sotto il collo, presenta il braccio sinistro
lungo il corpo e il destro alzato con un caduceo. Al centro compare
uniscrizione punica. Nel registro inferiore scolpito il simbolo di Tanit
tra mano benedicente e caduceo.
Fine III-II sec. a. C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, pp. 29-31, n. 28, pl. II-A-B.; H.G. Horn C.D. Rger
(hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, p. 560, taf. 97, n. 1; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.115, n. 97.

19. Stele votiva


Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 676).
h: 30 cm; l: 26 cm; spess.: 11,5 cm.
Stele in calcare anepigrafe con personaggio divino barbato,
probabilmente seduto allinterno di un tempio il cui ingresso affiancato
da due colonne doriche. Il dio, con astro radiato sul capo e tunica tenuta
da una fibula sotto il collo, presenta il braccio sinistro appoggiato sul
petto e il destro alzato con caduceo.
Fine III-II sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, pp. 203-205, pl. II C; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.116, n. 98.

20. Stele votiva


Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 604).
h: 53 cm; l: 13 cm.
Stele in calcare con frontone e acroteri decorati con palmette e volute,
al di sotto, fregio a zig-zag e due registri. Nel primo, simbolo di Tanit in
posizione centrale tra due rosette; nel secondo, mano benedicente con il
caduceo e la palmetta ai lati.
Fine III-II sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955.

- VII -

Stele
21. Stele votiva
Costantina, santuario di El-Hofra.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 816).
h: 35 cm; l: 18 cm.
Stele in calcare frammentaria a due registri. Nel superiore, simbolo di
Tanit e caduceo. Nel registro inferiore, un agnello passante a sinistra.
Sotto al riquadro centrale, iscrizione punica su due linee.
II sec. a.C.
A. Berthier A.R. Charlier, Le sanctuaire punique dEl-Hofra Constantine,
I-II, Paris 1952-1955, p. 133, n. 199, pl. XXVII C.

22. Stele votiva


Cherchel, strada per Tns.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 90 cm; l. base: 35 cm; l. sup. 30 cm; spess.: 10 cm.
Stele frammentaria in arenaria a quattro registri. In quello superiore,
iscrizione punica; in quello centrale, allinterno di unedicola a frontone
triangolare ed acroteri, personaggio con corta tunica drappeggiata, che
conduce allaltare un toro; nel registro inferiore, una cornice di ovoli e
astragali, un fregio di astri solari e falci lunari volte in basso, che poggia
su un altro fregio di ovoli e astragali. Nel registro pi basso, simbolo di
Tanit inquadrato da due caducei.
II sec. a.C.
P. Gauckler, Muse de Cherchel, Paris 1895, p. 88, pl. II, fig. 4.

23. Stele votiva


Guelma, santuario di An Nechma.
Guelma, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 40 cm; l: 20 cm.
Stele in calcare con personaggio femminile allinterno di una nicchia
dalla sommit centinata, con lunga tunica fermata dalla cinta in vita e
mantello posato sulla spalla sinistra. Nella mano sinistra unofferta (forse
del pane?); nella destra distesa, probabilmente una patera.
II-I sec. a.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-415.

- VIII -

Stele
24. Stele votiva
Annaba, area del santuario.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 30 cm; l: 19 cm.
Stele in calcare a sommit arrotondata. Allinterno di una nicchia
modanata che riprende la forma della stele compare un personaggio
maschile con tunica; nella mano sinistra, grappolo duva; nella destra,
pane votivo. A sinistra, compaiono un animale accovacciato e una palma.
II-I sec. a.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-388.

25. Stele votiva


Annaba, area del santuario.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 30 cm; l: 19 cm.
Stele in calcare a sommit arrotondata. Allinterno di una nicchia a bordo
modanato compare un personaggio maschile con corta tunica; nella mano
sinistra un grappolo duva; nella destra, un pane votivo.
A sinistra compare un agnello, a destra un ramo di palma.
II-I sec. a.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-388.

26. Stele votiva


Annaba, area del santuario.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 30 cm; l: 19 cm.
Stele in calcare a sommit arrotondata. Allinterno di una nicchia
modanata figura un personaggio maschile con tunica corta; nella
mano sinistra, un grappolo duva; nella destra pane votivo. A sinistra,
accovacciato, un agnello e sopra un ramo di palma. A destra compare un
ramo di palma.
II-I sec. a.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, pp. 386-388.

- IX -

Stele
27. Stele magica
Takembrit.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. I. 9).
h: 59 cm; l: 46 cm.
Stele magica in arenaria con iscrizione e segni ornamentali vegetali
molto stilizzati, contenuti allinterno di un campo rettangolare.
I sec. a.C.
G. Vuillemot, Siga et son port fluvial: Antiquits Africaines, 5 (1979), pl. 6, n.
46 f; H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, p. 586.

28. Stele votiva


Tiddis, santuario.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J P 282).
h: 70,5 cm; l: 35,5 cm; spess.: 11 cm.
Stele rettangolare in arenaria con personaggio allinterno di un luogo di
culto. Larchitrave delledificio decorato con crescente lunare e rosetta,
pane votivo, simbolo di Tanit, busto con corona radiata. Il personaggio
tra le colonne veste una toga e tiene nella mano sinistra un agnello e con
la destra versa incenso sulla testa di un montone. A destra e a sinistra,
rami di palma, scaletta a sei pioli e caduceo.
I sec. a.C. - I sec. d.C.
A. Berthier M. Leglay, Le sanctuaire du sommet et les stles Baal Saturne
de Tiddis: Libyca, 6 (1958), pl. XII, n. 41.

29. Stele votiva


Tiddis, santuario.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J P 277).
h: 58, 5 cm; l: 52 cm; spess. 21 cm.
Stele rettangolare in arenaria con personaggio femminile allinterno di un
luogo di culto. Larchitrave delledificio decorato con crescente lunare
e rosetta, losanga, astro, caduceo e busto radiato. Il personaggio tra le
colonne su piedistallo, veste una tunica con cintura sotto il petto, tiene
nella mano sinistra un oggetto indistinto e con la destra versa incenso
sulla testa di un montone. Scaletta a sei pioli.
A destra e a sinistra rami di palma.
I sec. a.C. - I sec. d.C.
A. Berthier M. Leglay, Le sanctuaire du sommet et les stles Baal Saturne
de Tiddis: Libyca, 6 (1958), pl. IX, n. 25.

-X-

Stele
30. Stele votiva
Tiddis, santuario.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J P 309).
h: 65 cm; l: 36 cm.
Stele in arenaria con frontone ad acroteri, decorato da cinque rosette
ad incisione, sotto il quale ricavato un inquadramento a sommit
triangolare. Allinterno raffigurato un personaggio su piedistallo; nella
mano sinistra un pane votivo, nella destra un grappolo duva. A sinistra
compare una losanga e a destra una scala a sei pioli.
I sec. a.C. - I sec. d.C.
A. Berthier M. Leglay, Le sanctuaire du sommet et les stles Baal Saturne
de Tiddis: Libyca, 6 (1958), pl. IV, n. 6.

31. Stele votiva


Guelma, santuario di An Nechma.
Guelma, Muse
(N. Inv. D. II. 521).
h: 40 cm; l: 27 cm; spess.: 0,6 cm.
Stele in calcare frammentaria a sommit arrotondata; vi raffigurato un
personaggio con tunica corta pieghettata; nella mano destra un grappolo
duva, nella sinistra, un pane romboidale. Sopra la testa raffigurato un
crescente lunare.
II sec. d.C.
M. Leglay, Saturne Africain. Monuments, I, Paris 1966, p. 410, n. 17.

32. Stele votiva


Stif.
Stif, Muse
(N. Inv. TH 36.10-AP 48-47).
h: 48 cm; l: 21 cm; spess.: 10 cm.
Stele rettangolare in calcare con personaggio divino identificato con
Mercurio. Nella mano sinistra tiene un caduceo, mentre la destra stringe
un oggetto forse interpretabile come piccola borsa. Al di sotto un capride,
un gallo e un terzo animale indistinto.
II sec. d.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire
(Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003,
p. 185, n. 98.

- XI -

Altari votivi
33. Altare votivo
Tiddis.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J Pt 205).
h: 13,3 cm; l: 8,5 cm.
Altare votivo in arenaria con facciate costituite da otto colonne e quattro
pilastri angolari.
La base costituita da una piattabanda modanata. La sommit formata
da unaltra piattabanda modanata con al centro una cavit con tracce di
bruciato, utilizzata probabilmente per la combustione di incenso.
II sec. a.C.

34. Altare votivo


Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C P 445).
h: 27 cm; diam.: 14,3 cm.
Altare votivo di piccole dimensioni in calcare, a cinque colonne, quattro
angolari e una centrale, di cui solo tre conservate. Il manufatto sembra
imitare la parte inferiore del mausoleo di Souma du Khroub.
II sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 39-40; N.
Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de
lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 202.

35. Altare votivo


Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 142).
h: 13 cm; l. base: 9 cm; L: 7,5 cm.
Altare votivo di piccole dimensioni in terracotta. La base formata da uno
zoccolo piatto con tripla modanatura. La sommit frammentaria, tuttavia
laltare doveva svilupparsi ancora in altezza e rastremare verso lalto.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 39.

- XII -

Terrecotte figurate
36. Statuetta votiva
Gouraya, necropoli punica.
Cherchel, Muse
(N. Inv. R.I. 122).
h: 13,2 cm; l: cm 3,4.
Figurina fittile femminile, con tratti sessuali evidenziati: i seni applicati,
il sesso marcato da linee incise. Le braccia non sono modellate e tronche.
III-II sec. a.C.
P. Gauckler, Muse de Cherchel, Paris 1895, p. 76.

37. Protome fittile


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 148).
h: 10 cm; l: 6,4 cm.
Protome in terracotta di tipo egittizzante con due fori passanti sulla
sommit del capo. Il personaggio ha una lunga capigliatura con ciocche
divise dietro le orecchie, trattenute sulla fronte da una fascia. La
rappresentazione in terracotta degli orecchini ad anello e del nezem al
naso costituisce una particolarit di questa protome.
Fine III-II sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), pp. 113-114; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 77, n. 85; N.
Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de
lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 162, n. 88.

38. Statuetta fittile


Provenienza sconosciuta.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3E Ce 201).
h: 27 cm; l. base: 12,1 cm.
Statuetta fittile di personaggio maschile barbato, seduto su un basso
sgabello con gambe leggermente divaricate che mettono in vista il
sesso. Probabilmente un ex voto. Il personaggio indossa una tunica
a pieghe fino alle ginocchia, con bretelle agganciate in vita da una
cintura. Sulla testa, un copricapo a punta con un foro al centro, forse
per lalloggiamento di elementi in altro materiale o per un utilizzo
funzionale.
I sec. a.C.- I sec. d.C.

- XIII -

Terrecotte figurate
39. Medaglione
Timgad.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 57).
diam.: 18 cm.
Disco in terracotta con bordo modanato a due cordoli. Al centro vi
raffigurata la dea Africa, vista frontalmente, vestita con lunga tunica
drappeggiata, sulla testa zanne di elefante. Nella mano destra, uninsegna
con iscritto AFR (Africa); nella sinistra, cornucopia; sotto, liscrizione
EX OF/ICINA/TAM/VGAD/ENS/IVM, che ne identifica la provenienza
di produzione dalla bottega di Timgad.
II sec. d.C.
J. Otrowski, Les personifications des provinces dans lart romain, Varsovie
1990, p. 91, n. 63; C. Sintes Y. Rebahi (ds.), Algrie antique (Catalogue de
lexposition, Arles 26 avril -17 aot 2003), Arles 2003, p. 74, n. 21.

- XIV -

Urna, enchytrismos e sarcofago


40. Urna, coperchio e resti umani
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.)
h: 40 cm.
Urna in argilla bianco rosata con orlo estroflesso a sezione triangolare.
conservata assieme al suo coperchio e a resti umani.
III sec. a.C.
N. Ferhat E. Delpont ( ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue
de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 179, n.
79; C. Sintes Y. Rebahi ( ds.), Algrie antique (Catalogue de lexposition,
Arles 26 avril -17 aot 2003), Arles 2003, p. 108, n. 42.

41. Enchytrismos con resti umani


Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 65 cm.
Anfora da trasporto in argilla rossa, rotta per facilitare
linserimento del corpo dellinfante. Allinterno, oltre
al defunto, deposto anche il corredo composto da una
perla, da una moneta forata e da alcuni amuleti.
Fine II-I sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie
Algrienne, 3 (1968), p. 98, fig. 17.

42. Sarcofago (?)


Tiddis.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J P 322).
h: 31,5 cm; l: 50 cm; spess.: 19 cm.
Frammento di sarcofago (?) in arenaria con rilievo
raffigurante volto umano con capelli a calotta.
Riutilizzato in epoca successiva.

- XV -

Ceramica punica
43. Coppetta
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. s.n.).
h: 6 cm; diam.: 9 cm.
Vaschetta superiore di un bruciaprofumi in argilla rosa-camoscio, con
parete carenata, orlo estroflesso e base svasata.
V sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, n. 43.

44. Vaso biberon


Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. RC 26).
h: 5 cm; diam.: 3 cm.
Vaso biberon modellato a mano in argilla rosa chiaro, corpo globulare,
ansa a nastro.
V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de Rachgoun (Oran):
Libyca, 3 (1955), p. 58, n. 91, pl. XI, 13.

45. Anfora-secchiello
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. C. B4. 44)
h: 25 cm; diam. base: 7 cm.
Anfora biansata e manico da attingitoio in argilla ocra scura, con
ingubbiatura bianca sulla parte superiore del vaso. Decorazione dipinta a
bande rosse e linee verticali brune.
Inizio IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), p. 126,
fig. 91; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes
numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen
2003, n. 34.

- XVI -

Ceramica punica
46. Vaso chardon
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. A2 10).
h: 27 cm; diam.: 18 cm.
Vaso chardon in argilla rosa con bordo a sezione triangolare.
Decorazione a bande rosse alternate a linee brune, distribuite
ordinatamente su tutto il corpo del vaso.
Inizio IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp.
124-125, fig. 89; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des
royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003),
Rouen 2003, n. 34.

47. Brocchetta trilobata


Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. F2).
h: 19,5 cm; diam.: 10, 5 cm.
Brocchetta trilobata in argilla rosa-ocra con spalla leggermente carenata.
Decorazione dipinta in colore rosso violaceo a motivi lineari circolari e
a zig-zag verticali; motivi stilizzati vegetali sono inseriti sopra la spalla,
alternati a quelli a zig-zag.
Inizio IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp. 128129, fig. 98.

48. Brocchetta
Tipasa (?).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 18 cm.
Brocchetta in argilla rosata ben depurata e lisciata con collo e orlo a
tromba, ansa a nastro sormontata e pancia ovoidale. Decorata da linee e
fasce a colori alternati bianco, rosso e bruno.
IV sec. a.C.

- XVII -

Ceramica punica
49. Olla
Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BC 45).
h: 13; diam.: 10 cm.
Olla in argilla rossa dallimpasto grossolano, a fondo concavo,
orlo estroflesso e piatto. Priva di segni di bruciature e di utilizzo,
probabilmente usata per il solo contesto funerario.
IV sec. a.C.
M. Vegas, Eine archaische Keramikfullung aus einem Haus am Kardo XIII in
Karthago: Rmische Mitteilungen, 106 (1999), p. 428, fig. 20, 187.

50. Fiasca del pellegrino


Tipasa, necropoli preromana.
Algeri, Muse National des Antiquits.
(N. Inv. I.C. 51).
h: 16 cm; l: 9 cm.
Fiasca a corpo lenticolare in argilla biancastra con due anse; orlo
a sezione triangolare leggermente svasato. Decorazione a cerchi
concentrici su tutto il corpo.
IV sec. a.C.
P. Cintas, Fouilles puniques Tipasa: Revue Africaine, 92 (1948),
Paris 1949, p. 306, fig. 14, pp. 307-308; Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen
16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, n. 37; N. Ferhat E. Delpont (ds.),
LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre
2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, n. 81.

51. Bacino
Guelma.
Guelma. Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 15 cm; diam.: 40 cm.
Bacino in argilla camoscio a decorazione impressa con beccuccio
versatoio. Tesa ripiegata esternamente con decorazione stampigliata a
palmette.
IV sec. a.C.

- XVIII -

Ceramica punica
52. Fiasca del pellegrino
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN C 92).
h: 17 cm; diam. orlo: 2 cm.
Fiasca a corpo lenticolare in argilla rosa chiara con ingubbiatura
biancastra e due anse; orlo a sezione triangolare leggermente svasato.
Decorazione a cerchi concentrici su tutto il corpo.
Fine IV sec. a.C.
G.Vuillemot, Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965, p.
194, fig. 74, n. 62; p. 348, T. XXI.

53. Vaso biberon


Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN C 32).
h: 7,6 cm.
Vaso biberon in argilla rosa-rosso con orlo a imbuto, corpo globulare,
ansa a nastro.
IV-III sec. a.C.
G. Vuillemot, Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965, p.
194, fig. 74, n. 64.

54. Attingitoio
Tipasa.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 15 cm.
Attingitoio piriforme in argilla rosa.
IV-III sec. a.C.

- XIX -

Ceramica punica
55. Olpe
Annaba.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 8 cm.
Piccola olpe in argilla scura poco depurata e non lisciata. Orlo a nastro e
corpo piriforme.
IV-III sec. a.C.

56. Brocchetta trilobata


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 862).
h: 17 cm.
Brocchetta trilobata in argilla grigio-rosa non molto depurata e lisciata.
Ansa a nastro sopraelevata, piede piatto. Sulla spalla, decorazione con
due linee rosse che evidenziano la carenatura, sopra palmette che si
alternano a segni cruciformi.
Fine IV-III sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 27, fig. 13.

57. Anforetta
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 366).
h: 20 cm.
Anforetta biansata in argilla rosata e ingubbiatura bianca. Corpo globulare,
collo cilindrico e piede circolare. Le anse sono differenti, una ritorta e laltra
a nastro. Decorazione pittorica di colore rosso-bruno, ad elementi lineari e
vegetali alternati. Una serie di pennellate trasversali sottolineano il cordolo
alla fine del collo sulla spalla.
III sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 30, fig. 16; P. Cintas, Cramique
punique, Paris 1950, pl. XXVIII, 328.

- XX -

Ceramica punica
58. Anfora
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 164).
h: 23 cm; diam. collo: 9,5 cm.
Anfora in argilla rosa con ingubbiatura bianca. Collo cilindrico e
costolatura sotto lorlo. Anse a bastoncello. Sulla spalla decorazione con
palmette alternate a simboli a forma di scala, sotto due linee color bruno.
III sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 29, fig. 15; A. Krandel-Ben
Youns, La prsence punique en pays numide, Tunis 2002, pp. 401-403.

59. Anfora
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 20 cm.
Anfora in argilla rosata con ingubbiatura bianca. Anse a nastro, orlo
rigonfio. Decorazione dipinta a linee e motivi vegetali stilizzati,
probabilmente palmette, di color bruno.
III sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 27, fig. 13; A. Krandel-Ben
Youns, La prsence punique en pays numide, Tunis 2002, pp. 401-403.

60. Vaso biberon


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits.
(N. Inv. I.C. 75).
h: 12,7 cm; diam. orlo: 3,3 cm.
Vaso biberon in argilla rosa con ingubbiatura bianca. Corpo ovoidale
leggermente carenato. Ansa sormontante lorlo leggermente svasato.
Linee verticali brune a raggiera sulla spalla.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5, n. 6.

- XXI -

Ceramica punica
61. Brocca trilobata
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 25 cm.
Brocca in argilla camoscio con superficie esterna rifinita e lisciata a
stecca. Orlo trilobato, collo cilindrico e pancia ovoide con spalla molto
espansa, ansa verticale a nastro.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5.

62. Brocchetta trilobata


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 136).
h: 24 cm; l: 12 cm.
Brocchetta trilobata in argilla rosa con ingubbiatura bianca. Spalla ampia
e pareti rastremate verso il basso. Decorazione a linee concentriche
dipinte di color bruno ed elementi vegetali, probabilmente palmette
disposte orizzontalmente sulla spalla e verticalmente sotto la bocca.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5; A. Krandel-Ben
Youns, La prsence punique en pays numide, Tunis 2002, pp. 402-405.

63. Brocchetta trilobata


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 20 cm; diam. base: 8 cm.
Brocchetta trilobata in argilla rosso scuro, ansa a nastro, corpo a pareti
dritte, fondo piatto. Superficie con tracce di combustione. Decorazione a
linee e fasce brune.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5; P. Cintas,
Cramique punique, Paris 1950, pl. 13, fig. 168.

- XXII -

Ceramica punica
64. Brocca trilobata
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 20 cm; diam.: 8 cm.
Brocca trilobata in argilla rossa con ingubbiatura bianca e ansa a nastro
sormontante. Sulla spalla motivi lineari verticali che terminano su linee
orizzontali sulla pancia.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5.

65. Brocchetta trilobata


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 10 cm; l. pancia: 7 cm.
Brocchetta in argilla rosa chiaro, porosa. La parte inferiore del vaso
interamente dipinta in color bruno; sulla pancia carenata, palmette o
motivi lanceolati verticali.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 102, fig. 5.

66. Fiasca del pellegrino


Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. R I 20).
h: 15 cm; diam.: 8 cm.
Fiasca in argilla rosa-beige a corpo lenticolare e collo cilindrico. Di
probabile fattura locale, presenta una decorazione a tratti semplici in
colore bruno.
III sec. a.C.
A. Djellid, Approche dune collection de poteries puniques (Muse de
Cherchel): LAfrica romana. 14, 2002, pp. 2117-2118, fig. 8 a.

- XXIII -

Ceramica punica
67. Coperchio
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 143).
diam.: 15 cm.
Coperchio in argilla rosata, lisciata in superficie, decorato a cerchi
concentrici dipinti in rosso a met della tesa e intorno alla presa.
III sec. a.C.

68. Bacino
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 15 cm; diam.: 35 cm.
Bacino in argilla rosa-marrone ad ampia tesa con versatoio.
III sec. a.C.

69. Piatto
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
diam.: 9 cm.
Piatto in argilla rosa ben lisciata con due fori passanti sulla tesa.
III sec. a.C.

- XXIV -

Ceramica punica
70. Coperchio
Tipasa.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
diam.: 7 cm.
Coperchio probabilmente pertinente ad una pentola.
III sec. a.C.

71. Olpe
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 10 cm.
Olpe monoansata in argilla rosata con ingubbiatura rossa lucidata. Orlo
trilobato e pancia a pareti diritte. Decorazione a fascia rosso-bruna e una
palmetta.
III-II sec. a.C.
A. Djellid, Approche dune collection de poteries puniques (Muse de
Cherchel): LAfrica romana. 14, 2002, p. 2112.

72. Boccale con parete rientrante allansa


Gouraya, necropoli punica (scavi Gsell 1900, tomba n. 2).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 378).
h: 18 cm; diam.: 11 cm.
Boccale monansato in argilla rosa-rossa con corpo ovoidale e parete
rientrante allansa, ampia imboccatura con orlo a collaretto, ansa a
bastoncello.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, foto fuori testo; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, n. 14.

- XXV -

Ceramica punica
73. Olpe
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h:10 cm.
Olpe in argilla rosso-rosata poco depurata e non lisciata, a pareti verticali
e con larga imboccatura.
II sec. a.C.
A. Djellid, Approche dune collection de poteries puniques (Muse de
Cherchel): LAfrica romana. 14, 2002, pp. 2115-2116, fig. 5.

74. Coppa
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. AN C 355).
diam.: 10 cm.
Coppa carenata in argilla rosa chiaro con orlo dritto e assottigliato, piede
distinto. Prodotto di imitazione di ceramica campana A.
II sec. a.C.

- XXVI -

Anfore puniche
75. Anfora
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN C 50).
h: 80 cm.
Anfora in argilla rosa-rossa a siluro di tipo africano con orlo
interno rientrante, senza spalla, corpo allungato e anse piccole ad
orecchio.
Fine III-II sec. a.C.
G. Vuillemot, Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965,
pp. 179-180, fig. 69; pp. 349-350, T. XXIV; J. Ramon Torres, Las nforas
fenicio-pnicas del Mediterraneo central y occidental, Barcelona 1995, tipo
T-5.2.3.1.

76. Anfore
Jijel, necropoli punica di Rabta.
Jijel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 90 cm; h: 60 cm.
Due anfore puniche in argilla rosata a siluro di produzione africana, con
orlo rientrante, senza spalla, corpo allungato.
Fine III-inizi II sec. a.C.
J. Ramon Torres, Las nforas fenicio-pnicas del Mediterraneo central y
occidental, Barcelona 1995, tipo T-5.2.3.1.

77. Anfora
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 1721).
h: 110 cm; l: 25 cm.
Anfora in argilla rosata di provenienza ibicenca, forma biconica con
carenatura accentuata nella parte mediana del corpo; spalla ribassata con
piccole anse ad orecchio.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 31, fig. 18; J. Ramon Torres,
Las nforas pnicas de Ibiza, Eivissa 1991, pp. 153-167, fig. 32 e 33, tipo
T-8.1.3.1.

- XXVII -

Anfore puniche
78. Anfora
An Tmouchent.
An Tmouchent, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 25 cm.
Frammento di anfora punica in argilla bianco-crema con orlo a tromba e
parte del collo.
II sec. a.C.
J. Ramon Torres, Las nforas fenicio-pnicas del Mediterraneo central y
occidental, Barcelona 1995, tipo T-7.4.3.1.

- XXVIII -

Askoi
79. Askos
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. A.3.19).
h: 4,5 cm; l: 18,5 cm; spess.: 0,4 cm.
Askos zoomorfo in argilla giallo-ocra a forma di ariete. Ansa
orizzontale e foro per riempimento sul dorso. Decorazione ad
applicazione e modellazione per le corna e gli occhi, mentre gli altri
particolari sono resi con la pittura; linee verticali sottolineano il vello
sulla pancia.
IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), p. 142,
fig. 138; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes
numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen
2003, p. 58, n. 39.

80. Askos
Tipasa (?).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 51).
h: 16 cm; l: 9 cm.
Askos ornitomorfo con foro per riempimento sul dorso vicino alla coda.
IV sec. a.C.

81. Askos
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 17 cm.
Askos ornitomorfo in argilla rosa-gialla, con possibile ingubbiatura
bianca. Foro versatoio sulla testa; sul dorso, imboccatura a tromba per il
foro di riempimento, unito alla testa da unansa a bastoncello.
IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), p. 143,
fig. 140.

- XXIX -

Askoi
82. Askos
Tipasa, necropoli.
Cherchel, Muse
(N. Inv. M 50).
h: 16 cm; l: 18 cm.
Askos in argilla beige con ingubbiatura rossa, a forma di gallo su
un piede distinto circolare. Becco che funge da versatoio e cresta
sommariamente abbozzata; sul dorso, foro per riempimento collegato alla
coda con piccola ansa a nastro.
IV-III sec. a.C.
A. Djellid, Approche dune collection de poteries puniques (Muse de
Cherchel): LAfrica romana. 14, 2002, pp. 2115-2116, fig. 5; N. Ferhat E.
Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition,
IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 203.

83. Askos
Cherchel, necropoli.
Cherchel, Muse
(N. Inv. RI 7).
h: 9 cm; l: 13,5 cm.
Askos ornitomorfo in argilla rosa-gialla con ingubbiatura
bruna, su piede distinto; foro versatoio sulla testa e foro per
riempimento sul dorso.
IV-III sec. a.C.

84. Askos
Gouraya, necropoli punica.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 9 cm; l: 10 cm.
Frammento di askos zoomorfo in argilla rosata, a forma di ariete, con
testa ben modellata e resa chiaramente nei particolari. Sul naso il foro per
far passare i liquidi.
III sec. a.C.

- XXX -

Askoi
85. Askos
Sigus.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3N Ce 54).
h: 17 cm; l: 10,3 cm.
Askos zoomorfo in argilla camoscio di forma equina, beccuccio versatoio
sul muso del cavallo e foro per riempimento sul dorso; ai lati, applicate e
modellate, due giare.
III sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
75, n. 80.

86. Askos
Tipasa, necropoli.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 16 cm.
Frammento di askos ornitomorfo in argilla rosa-bianca. Il becco
versatoio, i bargigli e la cresta consentono di interpretarlo come gallo.
Decorazioni applicate sul corpo.
III-II sec. a.C.
A. Djellid, Approche dune collection de poteries puniques (Muse de
Cherchel): LAfrica romana. 14, 2002, pp. 2117-2118.

- XXXI -

Ceramica configurata
87. Rhyton
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3N Ce 50).
L: 24 cm.
Rhyton in argilla rosa-camoscio, terminante con una testa di ariete a
corna ritorte. Un foro nella bocca serviva come versatoio.
IV sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
40, n. 19.

88. Brocca configurata


Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. s.n.).
h: 15 cm.
Brocca trilobata in argilla rosa-beige. Sul collo raffigurato un volto
femminile, con capigliatura realizzata con applicazioni in argilla; una
collana ad incisione. Sulla spalla, a rilievo, sono evidenziati i seni,
attorno ai quali sono applicate sottili braccia con mani aperte al di sotto a
sostenerli.
Fine IV-III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 107-108, pl.
XII, 3.

89. Brocca configurata


Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3N Ce 49).
h: 26,7 cm; diam. fondo: 8 cm.
Brocca in argilla rosa-beige con ingubbiatura di colore rosso bruno. Orlo
trilobato e piede a disco distinto. Sul collo raffigurato un volto femminile,
con capigliatura realizzata con applicazioni in argilla disposte su due file.
Sulla spalla, a rilievo, sono evidenziati i seni, attorno ai quali sono applicate
sottili braccia con le mani aperte al di sotto a sostenerli.
Fine IV-III sec. a.C.
Hlo, Notice sur la ncropole liby-phnicienne de Collo: Bulletin Archologique
du Comit des Travaux Historiques et Scientifiques, 1895, pl. XII-XIII, 2; S.
Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 45, fig. 27; P. Cintas, Cramique
punique, Paris 1950, pl. LVIII, n. 22; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, pp. 64-66, n. 54 a.

- XXXII -

Ceramica configurata
90. Brocca configurata
Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3N Ce 51).
h: 27,2 cm; diam.: 12,3 cm.
Brocca trilobata in argilla rosa-beige con ingubbiatura di colore rosso bruno
su piede distinto e modellato a tre listelli. Sul collo raffigurato un volto
femminile, con capigliatura realizzata con applicazioni in argilla disposte su
due file. Sulla spalla, a rilievo, sono evidenziati i seni, attorno ai quali sono
applicate sottili braccia con le mani aperte al di sotto a sostenerli.
Fine IV-III sec. a.C.
Hlo, Notice sur la ncropole liby-phnicienne de Collo: Bulletin Archologique
du Comit des Travaux Historiques et Scientifiques, 1895, pl. XII-XIII, 1;
P. Cintas, Cramique punique, Paris 1950, pl. LVIII, n. 21; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, pp. 64-66, n. 54 b.

91. Brocca configurata


Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3N Ce 58).
h: 14,3 cm; diam. max.: 14,3 cm.
Frammento superiore di brocca con orlo trilobato in argilla rosa-beige
con ingubbiatura di colore rosso bruno. Sul collo raffigurato un volto
femminile, con capigliatura realizzata con applicazioni in argilla disposte su
due file. Sulla spalla, a rilievo, sono evidenziati i seni, attorno ai quali sono
applicate sottili braccia. Nelle mani due oggetti: nella destra probabilmente
un fiore di loto, nella sinistra un volatile.
Fine IV-III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp.107-108, pl.
XII, 1.

92. Brocca configurata


Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. N Ce 57).
h: 27 cm; diam. orlo: 13 cm; diam. fondo: 11 cm.
Brocca in argilla rosa-beige con ingubbiatura di colore rosso bruno,
biansata con piede distinto. Su ogni lato, sotto al collo un viso a rilievo
che si distingue per la capigliatura pi o meno folta. Sotto, sono applicati a
bassorilievo in argilla cinque dischetti.
Fine IV-III sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, pp.
64-66, n. 54 c.

- XXXIII -

Ceramica configurata
94. Vaso tripode
Tiddis, necropoli.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J Ce 241).
h: 30 cm; diam.: 32 cm.
Vaso tripode in argilla rosa a calotta, con pareti ben tornite e lisciate. La
vasca ampia e profonda sorretta da tre piedi con volti maschili. Il naso
e le orecchie sono resi plasticamente, mentre occhi e bocca sono appena
delineati.
III-II sec. a.C.
P.A. Fvrier, Art de lAlgrie antique, Paris 1971, pl. VII; A. Berthier, Tiddis,
cit antique de Numidie, Paris 2000, p. 322; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 36, n. 1.

93. Sostegno
Tiddis.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3E Ce 373).
h: 15 cm; diam.: 14 cm.
Sostegno in argilla rossa ben depurata, con cinque volti a rilievo con
capigliatura a grappoli realizzata con lapplicazione di globetti di argilla. I
tratti somatici sono definiti con incisioni, il naso dritto, gli occhi tondi, le
sopracciglia a dischetti fittili applicati luno affianco allaltro su due archi
congiunti.
III sec. a.C.
A. Berthier, Tiddis, cit antique de Numidie, Paris 2000, p. 344; C. Sintes Y.
Rebhai ( ds.), Algrie antique (Catalogue de lexposition, Arles 26 avril -17
aot 2003), Arles 2003, p. 232, n. 110.

- XXXIV -

Ceramica iberica
95. Brocca trilobata
Arzew.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BC H 303 ).
h: 25 cm; diam.: 8 cm.
Brocca di tradizione iberica in argilla depurata di colore beige con
ingubbiatura rossa. Orlo trilobato con ansa a nastro verticale. Pancia decorata
con raffigurazione di uccello dal becco corto, inserito in una campitura di
linee parallele di colore rosso-bruno. Sotto lanimale, una fascia con motivo
geometrico.
IV-III sec. a.C.
M.-M. Vincent, Vase ibrique du cimetire est de Portus Magnus, St-Leu
(Dpartement dOran): Libyca, 1 (1953), pp. 13-23; G. Sennequier C. Colonna
(ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 72, n. 69.

96. Urna
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN 26).
h: 33 cm; diam.:17 cm.
Urna ad ampia bocca, in argilla rosso intenso. Orlo estroflesso, corpo
troncoconico con carena bassa, anse a nastro, fondo piatto. Lorlo decorato
da un motivo a falsa spirale. La decorazione occupa due registri: nel primo,
motivi a linee orizzontali a zig-zag alternati a linee ondulate orizzontali; nel
secondo, semicerchi concentrici divisi da linee ondulate verticali.
III sec. a.C.
G. Vuillemot, Cramique ibrique trouve aux Andalouses: Comptes-rendus de
lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 1956, pp. 163-168; G. Vuillemot,
Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965, pp. 362-363, T.
XLIV; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 70.

97. Urna
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN 13).
Urna globulare in argilla rosso intenso con orlo leggermente estroflesso,
fondo piatto e poco distinto. Decorazione a motivi geometrici rosso-bruni
che si sviluppa su tre registri. Sotto lorlo motivi a linee concentriche
disposte diagonalmente; nel secondo registro, linee semicircolari
concentriche su due ordini, divise da linee ondualte (a zig-zag) verticali. Nel
terzo, decorazione geometrica.
III sec. a.C.
G. Vuillemot, Cramique ibrique trouve aux Andalouses: Comptes-rendus de
lAcadmie des Inscriptions et Belles-Lettres, 1956, pp. 163-168; G. Vuillemot,
Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965, pp. 341-342, T.
IX; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 70.

- XXXV -

Ceramica iberica
98. Urna
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AN C 82).
h: 31 cm; diam. orlo: 27 cm.
Urna di forma globulare in argilla rosata ben depurata, ma mal cotta.
Collare che si imposta sopra la spalla e racchiude allinterno lorlo,
circondato da un cordolo rigonfio. Lorlo del collare a fascia con motivi
digitali. Nel collare vicino allorlo dellimboccatura, quattro fori. Sulla
spalla, due anse orizzontali ritorte. Fondo con piede distinto.
II sec. a.C.
G. Vuillemot, Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965, p.
181, fig. 70, n. 16; pp. 370-371, T. LVIII; A. Krandel-Ben Youns, La prsence
punique en pays numide, Tunis 2002, p. 387; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 70.

99. Anfora
Les Andalouses, necropoli punica.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BC 303).
h: 25 cm; diam.: 8 cm.
Anfora in argilla beige di produzione ibicenca, biansata, senza piede e
con coperchio. Sulla spalla incisioni a stecca.
II sec. a.C.
G.Vuillemot, Reconnaissances aux chelles puniques dOranie, Autun 1965,
pp. 181, fig. 70, n. 22; p. 183; p. 349, T. XXIII; V. Bridoux, Le liens entre
lOranie et les Balares daprs un rexamen rcent du matriel de la ncropole
des Andalouses (IIIe-Ier avant J.-C.): LAfrica romana. 16, 2006, p. 1650, p.
1652, fig. 1, n. 22.

- XXXVI -

Lucerne, bracieri e bruciaprofumi


100. Lucerna bilicne
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. C 250).
h: 4 cm; diam.: 10 cm.
Lucerna a conchiglia in argilla rossa con due beccucci con tracce di
bruciato.
VI-V sec. a.C.
P. Cintas, Cramique punique, Paris 1950, p. 521, pl. XL, n. 5; J. Bussire, Les
lampes phnico-puniques dAlgrie: Antiquits Africaines, 25 (1989), pp. 50-51;
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
79, n. 92.

101. Bruciaprofumi
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty
(trovato nel sarcofago in piombo n. 31).
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3 N CE 52).
h: 14 cm; diam. max.: 9,2 cm; diam. orlo: 4,5 cm.
Bruciaprofumi a coppetta in argilla rosa ben depurata con ingubbiatura
bianca. Orlo articolato in quattro elementi lanceolati come a riprodurre
delle foglie. Sulla pancia due registri decorativi con rosette e ovuli. Sul
coperchio decorato a foglie sono presenti i fori per far passare i fumi
odorosi.
IV-III sec. a.C.
M. Arguel, Catalogue du Muse archologique de Constantine: Recueil
des notices et mmoires de la Socit Archologique du Dpartement de
Constantine, 18 (1876-1877) [1878], p. 262, n. 27; G. Doublet P. Gauckler,
Muse de Constantine, Paris 1892, p. 110, pl. XII, 5; G. Sennequier C.
Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 42, n. 22.

102. Braciere
Annaba.
Annaba, Muse
(N. Inv. 0156).
h: 12 cm; l: 15 cm.
Frammento di braciere ad impasto. Sulla presa raffigurato un
sileno con orecchie appuntite e lunga barba crespa.
III-II sec. a.C.
E. Pompianu, Bracieri ellenistici dallarea della necropoli di Sulky
(SantAntioco di Sulcis): LAfrica romana. 17, 2008, p. 1608, fig. 2.

- XXXVII -

Lucerne, bracieri e bruciaprofumi


103. Braciere
Gouraya, necropoli punica
(scavi Gsell 1900, tomba n. 2).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 149).
h: 24 cm ; diam.: 20 cm.
Braciere in argilla rosa ben depurata su alta base cilindrica con due
aperture. Decorazione a rosette applicate.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, pp. 33-34, fig. 19; P. Cintas, Cramique
punique, Paris 1950, p. 187, pl. XLIX, n. 78; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 59, n. 42.

104. Lucerna
Tipasa, necropoli punica.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 12 cm ; diam.: 15 cm.
Lucerna ad impasto grigio, buccheroide, di forma circolare senza ansa. Il
becco corto, stretto e strozzato nella parte mediana, sul bacino compare
una decorazione a tratti angolari incisi.
II sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp. 139140, fig. 129.

105. Lucerna antropomorfa


Annaba.
Annaba, Muse
(N. Inv. 0011).
h: 4 cm; l: 7 cm; diam.: 5,25 cm.
Lucerna a volto umano barbuto, con espressione di stupore. La bocca
aperta utilizzata come foro per lolio e per lo stoppino. Unansa dietro
la testa a banda ne permette la presa. Tutto il volto decorato con linee e
tondini a rilievo. Tracce di bruciato.
II sec. a.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue
de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 179, n. 77.

- XXXVIII -

Lucerne, bracieri e bruciaprofumi


106. Lucerne monolicni
Annaba.
Annaba, Muse
(N. Inv. s.n.).
diam.: da 5 a 10 cm.
Lucerne monolicni. La lucerna con il becco pi pinzato di
epoca leggermente posteriore. Sono state tutte utilizzate in
quanto presentano tracce di bruciato sul becco.
II-I sec. a.C.
J. Bussire, Les lampes phnico-puniques dAlgrie: Antiquits
Africaines, 25 (1989), pp. 49-50.

- XXXIX -

Ceramica di produzione locale


107. Vaso cosiddetto Missonnier
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 132).
h: 14,3 cm; diam. orlo: 5,7 cm.
Vaso caliciforme in argilla rosa e ingubbiatura bianca, con orlo e pareti
dritte. La decorazione articolata con spirali, linee curve, bande e triangoli.
IV-III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie): Mlanges
dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 106, fig. 9; G. Camps, Aux origines de la
Berbrie. Monuments et rites funraires protohistoriques, Paris 1961, p. 339, fig. 111,
pl. XVI.

108. Vaso cosiddetto coquetier


Gastel.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. s.n.).
h: 15 cm; diam.: 10 cm.
Il vaso coquetier ha imboccatura stretta, larga pancia e piccolo piede
distinto. La decorazione monocroma con una banda di rosso intenso a
ridosso dellorlo, completata da un motivo ondulato.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pp. 350-356.

109. Vaso caliciforme


Tiddis.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. s.n.).
h: 16 cm; diam. orlo: 15 cm.
Vaso caliciforme in argilla rosa, ingubbiatura bianca distribuita lungo
ununica fascia mediana del vaso come base per la decorazione dipinta.
Ha un orlo leggermente estroflesso e fondo piatto.
La decorazione a motivi triangolari, campiti da quadrettatura e alternati a
motivi vegetali.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, p. 359, pl. XVII; G. Sennequier C. Colonna
(ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen
16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, n. 2.

- XL -

Ceramica di produzione locale


110. Vaso caliciforme
Tiddis.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. s.n.).
h: 16 cm; diam. orlo: 13 cm.
Vaso caliciforme in argilla rosa, con uningubbiatura bianca distribuita lungo
ununica fascia mediana del vaso come base per la decorazione dipinta. Ha
un orlo dritto, pancia espansa e fondo piatto.
Nel primo registro sono dipinti in rosso dei segni interpretati come uccelli
stilizzati, nel secondo registro un motivo a treccia.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pp. 366-369, pl. XVII.

111. Vaso caliciforme


Tiddis.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. Ph 30).
h: 11 cm; l: 10 cm.
Vaso caliciforme in argilla rosa, con ingubbiatura bianca distribuita lungo
ununica fascia mediana del vaso come base per la decorazione dipinta, con
rappresentazione figurativa stilizzata definita le grandi ballerine.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pp. 366-369, fig. 139.

112. Vaso caliciforme


Costantina, Kasbah.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3J Ce 242).
h: 15, 5 cm; diam. orlo: 15 cm.
Vaso caliciforme in argilla rosa-rossa, ingubbiatura bianco-giallastra con
decorazione dipinta su due registri. Sul primo, triangoli tidditani campiti,
alternati con palmette o motivi geometrici. Nel secondo, una linea di
losanghe con un motivo a croce al centro di ciascuna.
III sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
38, n. 10.

- XLI -

Ceramica di produzione locale


113. Attingitoio
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h: 11 cm; diam.: 13,5 cm.
Vaso attingitoio in argilla rosa-rossa, poco depurata, con beccuccio
versatoio, ansa orizzontale e colino con fori per filtrare il liquido
contenuto allinterno.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pl. XV; N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie
en hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25
janvier 2004), Paris 2003, p. 104, n. 53.

114. Ciotola
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
h:10 cm; diam.: 8 cm.
Ciotola in argilla grossolana ad impasto non depurata. Forma
approssimativamente modellata con beccuccio versatoio e colino.
III sec. a.C.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pl. XV.

115. Lucerne modellate


Gastel.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. s.n.).
h: 4,6 cm.
Lucerne modellate ad impasto, probabilmente posizionate su un
supporto.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pl. XV; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 63, n. 53.

- XLII -

Ceramica di produzione locale


116. Piatto
Costantina.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. PPH. X. 180).
h: 2,5 cm; diam.: 13 cm.
Piatto in argilla rosa, molto grossolana con orlo estroflesso, con
consistenti residui di ocra.
G. Camps, Aux origines de la Berbrie. Monuments et rites funraires
protohistoriques, Paris 1961, pp. 299-302.

- XLIII -

Ceramica dimportazione
117. Coppa a figure rosse
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. A. 3.17).
h: 3,5 cm; diam: 20 cm.
Coppa attica a figure rosse in argilla rosa intenso, con vernice nera
ben stesa, leggermente evanida in alcuni punti. Vasca circolare, orlo
leggermente rientrante, due anse quadrate orizzontali e basso piede.
Nel medaglione centrale un giovane atleta con il braccio destro
disteso e in mano una spugna allinterno di una rete di filo.
Primo quarto IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp.
93-94, fig. 12; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des
royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre
2003), Rouen 2003, p. 57, n. 38.

118. Hydria
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 894).
h: 30,5 cm; diam. pancia: 21,5 cm; diam. base: 10,9 cm;
diam. collo: 13,5 cm.
Hydria attica a figure rosse, con ansa verticale che collega il collo
alla pancia e due piccole anse orizzontali. Sulla pancia, in un riquadro
delimitato in alto e in basso da fregi a ovoli, raffigurazione di una
grande testa femminile di profilo a sinistra, con i capelli coperti da un
kekruphalos e ornamento a voluta sotto al mento. Davanti alla grande
testa, figura femminile stante, con peplo e capelli raccolti sulla nuca.
Primo quarto IV sec. a.C.
CVA Bonn, Akademisches Kunstmuseum 1, p. 17, taf. 15, 6; CVA Copenhagen,
National Museum 8, p. 273, pl. 358, 2; CVA Copenhagen, National Museum 4, p.
120, pl. 154, 5.

119. Hydria
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 891).
h:16,8 cm; diam. pancia: 12,8 cm; diam. base: 6,5 cm; diam. collo: 8,2
cm ; spess. collo: 2,5 cm.
Hydria a vernice nera, con imboccatura espansa a bordo modanato, collo
largo con incisioni circolari alla base, unansa verticale e due piccole
anse orizzontali, piede a disco. La pancia interamente decorata da
baccellature, mentre in corrispondenza delle prese orizzontali una larga
fascia verticale liscia decorata da linee incise.
Secondo quarto IV sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, n. 3521 a3; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
67, n. 55.

- XLIV -

Ceramica dimportazione
120. Lekythos
Jijel, necropoli.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 160).
h: 8,5 cm; diam. orlo: 3,5 cm.
Lekythos a vernice nera in argilla color rosa intenso, abbastanza depurata.
Orlo piatto estroflesso, pancia molto espansa e fondo piatto. Ansa
verticale ad anello. La vernice nera che ricopre la superficie lucida, ma
mancante in pi punti. Una linea scanalata traccia linizio dellespansione
della pancia sotto la spalla allaltezza dellattacco dansa.
Seconda met IV sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, n. 5451 b1; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
61, n. 49.

121. Kantharos
Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 155).
h: 9,8 cm; diam. orlo: 8,3 cm.
Kantharos a vernice nera in argilla rossa con orlo leggermente
estroflesso, anse modellate che uniscono lorlo direttamente con
la pancia espansa. Piede distinto.
IV sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, n.
3521 a3; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des
royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17
octobre 2003), Rouen 2003, p. 67, n. 55.

122. Coppe su alto piede


Provenienza sconosciuta.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 10-17 cm; diam.: 7-12 cm.
Tre coppe in argilla camoscio, con orlo pendente,
caratterizzate dallalto piede.
Fine IV-III sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma
1981, n. 1100.

- XLV -

Ceramica dimportazione
123. Coppetta
Costantina, Sidi MCid.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 289).
h: 6,9 cm; diam. orlo: 15 cm.
Coppetta a vernice nera di imitazione in argilla rosa chiaro con orlo
rientrante e piede circolare. Vernice nera molto evanida soprattutto verso
lorlo.
Fine III sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, nn. 2787, 2788
a1; P. Bernardini R. Doriano P. G. Spanu (a cura di), Phoinikes b Shrdn. I
Fenici in Sardegna: nuove acquisizioni, Oristano 1997, nn. 485-487.

124. Coppetta
Tipasa.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 7 cm; diam: 8 cm.
Coppetta a vernice nera in argilla rosa intenso a pareti concavo-convesse.
La vernice nera in pi punti evanida.
III-II sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, n. 2421.

125. Guttus
Provenienza sconosciuta.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. s.n.).
h: 12 cm; diam.: 8 cm.
Guttus a vernice nera, a corpo discoidale chiuso, con il becco molto
corto a forma di testa di leone e piccola ansa ad anello. Non presenta
particolari decorazioni e la superficie coperta completamente da vernice
nera, conservata in maniera piuttosto uniforme e lucida.
Fine III-inizi II sec. a.C.
J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma 1981, n. 8151;
P. Bernardini R. Doriano P.G. Spanu (a cura di), Phoinikes b Shrdn. I
Fenici in Sardegna: nuove acquisizioni, Oristano 1997, nn. 475-476.

- XLVI -

Ceramica dimportazione
126. Coppa
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
h: 10 cm; diam.: 12 cm.
Coppa apoda a vernice nera del tipo campana A in argilla rosso scuro.
Vasca profonda a pareti dritte. Il fondo interno decorato con linee
concentriche a risparmio.
II sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp.
112-113, fig. 44; J.-P. Morel, Cramique campanienne. Les formes, Roma
1981, n. 2151.

127. Tazza
Tipasa.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 78).
h: 6,2 cm; diam.: 7 cm.
Tazza monoansata carenata a pareti sottili in argilla fine rossa, con
ingubbiatura arancio decorata su tutta la superficie da linee verticali di
puntini a rilievo, alternate a linee verticali di elementi appuntiti.
II sec. a.C.
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
59, n. 41.

- XLVII -

Anfore da trasporto dimportazione


128. Anfora massaliota
Takembrit.
An Tmouchent
(N. Inv. s.n.).
h: 30 cm.
Parte superiore di anfora vinaria massaliota con orlo a mandorla e collo
breve.
Fine V-IV sec. a.C.
M. Bats (d.), Les amphores de Marseille grecque (= tudes massalites, 2),
Lattes - Aix-en-Provence 1990, pp. 230-231.

129. Anfora rodia


Costantina, tomba greca.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 435).
h: 78,8 cm; diam. pancia: 3 cm; l. collo: 23,3 cm.
Anfora vinaria in argilla beige depurata con ingubbiatura superficiale beigecamoscio, di tradizione rodia con orlo a ciambella, collo cilindrico allungato,
corpo di forma ovoidale affusolato, puntale a rocchetto e caratteristica ansa
dritta a sezione circolare che forma un angolo acuto.
Seconda met II sec. a.C.
A. Berthier, Decouverte Constantine de deux spoltures contenants des
amphores grecques: Revue Africaine, 87 (1943), pp. 23-32.

130. Anfora romana


Gouraya, necropoli.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.C. 1722).
h: 85 cm.
Anfora di tipo Dressel 1B. Orlo a nastro molto alto, collo
lungo, spalla carenata, fondo a puntale. Due lunghe anse che
partono dal collo, sotto lorlo, e arrivano fino alla spalla.
II-I sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 31, fig. 18.

- XLVIII -

Anfore da trasporto dimportazione


131. Anfore italiche e anfora rodia
Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 432; 3C Ce 433; 3C Ce 434).
h: 80 e 90 cm.
Anfore italiche del tipo Dressel 1A e Lamboglia 2: orlo breve e
triangolare, lungo collo cilindrico, spalla bassa e arrotondata, corpo
affusolato e lunghe anse dritte. Anfora rodia con orlo a breve fascia
arrotondata, collo cilindrico, corpo ovoidale affusolato e anse a gomito.
Su una delle anse presente il bollo Menothemis.
II sec. a.C.
C.B. Rger, Die Keramik des Grabes von Es Souma bei El Khroub: H.G.
Horn C.B. Rger, (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, pp. 339-344, abb.
204-206.

132. Anfora romana


Takembrit.
An Tmouchent, Muse
(N. Inv. s.n.)
h: 35 cm.
Parte superiore di anfora olearia di produzione africana del tipo Dressel
19-20 con collare a coppa, spalla stretta, anse lunghe e verticali, larghe
in alto e pi strette in basso con notevole insenatura allattacco.
I-II sec. d.C.

- XLIX -

Unguentaria
133. Unguentarium
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 213).
h: 8,3 cm; diam. orlo 3,2 cm; diam. base 2,5 cm; spess. 0,06 cm.
Unguentarium in pasta vitrea policroma, blu scuro, giallo e turchese.
Modellazione su nucleo. Bocca con orlo a disco orizzontale, alto collo cilindrico
e base a disco. Filamento bianco che corre tutto intorno al corpo formando un
motivo a piume sul corpo e a linee orizzontali sul collo e sulla base.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pl. XIII, n. 1; U.
Hinglais, Catalogue du Muse Archologique de Constantine. 2e supplment:
Recueil des notices et mmoires de la Socit Archologique du Dpartement de
Constantine, 38 (1904) [1905], p. 237, n. A 113; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai
- 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 42, n. 23.

134. Unguentarium
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3 C Ve 225).
h: 13 cm; diam.: 3,4 cm.
Unguentario a forma di alabastron in pasta vitrea policroma, blu chiaro e
bianco, modellato su nucleo con orlo a disco orizzontale, alto collo cilindrico,
corpo cilindrico, piccole anse forate. Filamento bianco che corre tutto intorno
al corpo formando su tutta la superficie un motivo a spina di pesce.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 112-113, pl.
XIII, n. 4; U. Hinglais, Catalogue du Muse Archologique de Constantine. 2e
supplment: Recueil des notices et mmoires de la Socit Archologique du
Dpartement de Constantine, 38 (1904) [1905], p. 237, n. A 114; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 43, n. 25.

135. Unguentarium
Tipasa.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.V. 049).
h: 9,2 cm; diam.: 2,8 cm.
Unguentario a forma di alabastron in pasta vitrea policroma, blu scuro e
bianco, modellato su nucleo con orlo a disco orizzontale, collo cilindrico,
corpo biconico, piccole anse. Filamento bianco che corre tutto intorno al
corpo formando un motivo a piume sul corpo e a linee diagonali sul collo.
III sec. a.C.
P. Cintas, Fouilles puniques Tipasa: Revue Africaine, 92 (1948), pp. 293-295, fig. 9.

-L-

Unguentaria
136. Unguentarium
Collo, necropoli.
Constantine, Muse National Cirta
(N. Inv.3C Ve 328).
h: 11,5 cm; diam.: 2,5 cm.
Unguentario a forma di alabastron in pasta vitrea policroma, blu scuro,
giallo e bianco, modellato su nucleo con orlo a disco orizzontale, alto collo e
corpo cilindrico, piccole anse. Filamenti bianchi e gialli corrono tutto intorno
al corpo formando nella zona centrale una fascia a zig-zag.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 112-113, pl.
XIII, n. 6; U. Hinglais, Catalogue du Muse Archologique de Constantine. 2e
supplment: Recueil des notices et mmoires de la Socit Archologique du
Dpartement de Constantine, 38 (1904) [1905], p. 241, n. A 168; G. Sennequier
C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de
lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 69, n. 60.

137. Unguentarium
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 327).
h: 8,5 cm; diam. max.: 2,4 cm; diam. orlo: 2,2 cm.
Unguentario a forma di alabastron in pasta vitrea policroma, blu scuro, giallo,
modellato su nucleo con orlo a disco orizzontale, alto collo cilindrico, corpo
cilindrico, piccole anse forate. Filamento giallo che corre tutto intorno al
corpo formando un motivo a piume sul corpo e a linee orizzontali sul collo.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 112-113; U.
Hinglais, Catalogue du Muse Archologique de Constantine. 2e supplment:
Recueil des notices et mmoires de la Socit Archologique du Dpartement de
Constantine, 38 (1904) [1905], p. 237, n. A 115; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai
- 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 42, n. 24.

138. Unguentarium
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 375).
h: 5,8 cm; diam: 3,9 cm.
Unguentarium in vetro bianco opaco con orlo estroflesso, corpo globulare e
alto collo cilindrico.
III-II sec. a.C.

- LI -

Unguentaria
139. Unguentarium
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 374).
h: 8,8 cm; diam.: 5,4 cm.
Unguentarium in vetro opaco simile per forma a quelli in ceramica:
corpo globulare con base piatta, collo cilindrico e orlo svasato.
III-II sec. a.C.

140. Unguentarium
Costantina, necropoli di Coudiat-Aty.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 339).
h residua: 8 cm.
Parte superiore di un amphoriskos in pasta vitrea blu scura e gialla. Orlo
leggermente svasato, collo lungo e stretto, anse in vetro giallo. Filamento
giallo che corre tutto intorno al corpo.
II-I sec. a.C.

- LII -

Vetri
141. Vasetto porta essenze
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 39).
h: 7,6 cm; diam.: 12,8 cm.
Vasetto porta essenze in vetro dal corpo globulare, collo corto e fondo
piatto. Unansa si attacca al collo del vasetto.
I sec. d.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire (Catalogue de
lexposition IMA, 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003, p. 233, n. 202.

142. Coppa
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 32).
h: 6,8 cm; diam: 12,8 cm.
Coppa in vetro carenata con decorazione delle pareti a scanalature.
I-II sec. d.C.

143. Bottiglia
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ve 24).
h: 17 cm; diam. pancia: 6 cm.
Bottiglia in vetro con lungo collo, pareti verticali e fondo piatto.
II-III sec. d.C.
U. Hinglais, Catalogue du Muse archologique de Constantine. 2e supplment:
Recueil des notices et mmoires de la Socit Archologique du Dpartement de
Constantine, 38 (1904) [1905], p. 232, n. A. 41.

- LIII -

Ushabti
144. Ushabti
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana.
(N. Inv. INC S 21.).
h: 9,5 cm; l: 4,5 cm; spess.: 2,4 cm.
Ushabti in argilla rossastra di produzione egiziana con braccia incrociate
sul petto.
VII-IV sec. a.C.

145. Ushabti
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana.
(N. Inv. INC S 20).
h: 9,5 cm; l: 4,5 cm; spess.: 2,4 cm.
Ushabti in faence di produzione egiziana con braccia incrociate sul
petto.
VII-IV sec. a.C.

146. Ushabti
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana.
(N. Inv. INC S 22).
h: 9,5 cm; l: 4,5 cm; spess.: 2,4 cm.
Ushabti egittizzante in argilla con mani al petto e simboli evanidi.
V-IV sec. a.C.

- LIV -

Ushabti
147. Ushabti
Annaba.
Annaba, Muse
(N. Inv. 0001).
h: 13,5 cm; l: 3,6 cm.
Ushabti in terracotta rappresentante Osiride mummiforme con corona
atef e scettri; sul corpo, cartiglio con il nome in geroglifico del faraone
Ramses II. La statuetta spezzata in due parti.
II-I sec. a.C.
X. Delestre (dir.), Hippone. Les cultes, Aix-en-Provence 2005, p. 223.

- LV -

Avori e ossi
148. Cucchiaini
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
diam.: 1,5 cm e 3 cm.
Due cucchiaini da trucco in osso, di cui uno decorato con incisioni a
cerchielli in corrispondenza del manico.
IV-III sec. a.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire
(Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris 2003,
n. 270.

149. Aghi crinali


Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
Quattro aghi crinali in osso per acconciature, utilizzati nelle deposizioni
funerarie. Gli aghi presentano estremit differenti: arrotondata, cilindrica
e a forma di pigna.
IV-III sec. a.C.
N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire
(Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris
2003, n. 271.

150. Zanne
Provenienza sconosciuta.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.)
Frammenti di zanne di cui una incisa su una parte per un utilizzo come
elemento profilattico.

- LVI -

Avori e ossi
151. Vertebre
Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. S.D. 49).
diam.: 1,5 cm.
Due vertebre (tonno?) lavorate e regolarizzate, per uso oracolare o
profilattico.

- LVII -

Uova di struzzo
152. Uovo di struzzo
Tebessa.
Algeri, Muse National Bardo
(N. Inv. s.n.).
Uovo di struzzo apparentemente non dipinto, frammentato in tre
parti, con foro di svuotamento superiore.
A. Caubet, s.v. ufs dautruche: E. Lipiski (d.), Dictionnaire de la
Civilisation Phnicienne et Punique, Turnhout 1992, pp. 253-259.

153. Uovo di struzzo


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.O. 348).
h: 15 cm.
Uovo di struzzo tagliato a calotta, non sembra portare tracce di
decorazione.
M. Astruc, Supplment aux fouilles de Gouraya: Libyca, 2 (1954), pp.
9-48; A. Caubet, s.v. ufs dautruche: E. Lipiski (d.), Dictionnaire
de la Civilisation Phnicienne et Punique, Turnhout 1992, pp. 253-259.

154. Uovo di struzzo


Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.O. 347).
h: 15 cm.
Uovo di struzzo con piccolo foro di svuotamento, non sembra
portare tracce di decorazione pittorica.
M. Astruc, Supplment aux fouilles de Gouraya: Libyca, 2 (1954), pp.
9-48; A. Caubet, s.v. ufs dautruche: E. Lipiski (d.), Dictionnaire de la
Civilisation Phnicienne et Punique, Turnhout 1992, pp. 253-259.

- LVIII -

Gioielli e paste vitree


155. Pendenti e medaglioni
Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. RB 01; RB 02; RB 03; RB 04; RB 05).
diam.: da 1 a 3 cm.
Pendenti e medaglioni in argento e bronzo. Due
medaglioni circolari umbonati, due piastrine
rettangolari, una con raffigurato un idolo a bottiglia
in filigrana.
V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de
Rachgoun (Oran): Libyca, 3 (1955), pp. 32-33, pl. XIV.

156. Elementi di porta amuleti


Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. RB 23; RB 11; RB 12; RB 72; RB 73; RB
10; RB 23:
L: 2,2 cm; l: 1 cm; diam.: 1 cm
RB 11; RB 12; RB 72; RB 73; RB 10:
L: da 3,4 a 3,9 cm; l: 2 cm).
Nove elementi di porta amuleti cilindrici singoli o
multipli in argento e bronzo.
V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de
Rachgoun (Oran): Libyca, 3 (1955), pp. 33-34, pl. XIV.

157. Orecchini
Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. RB 131; RB 133; RB 134).
Due paia di orecchini ad anello in oro, leggermente
ingrossati nella parte inferiore.
V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de
Rachgoun (Oran): Libyca, 3 (1955), pp. 34-35, pl. XIV;
B. Quillard, Bijoux carthaginois. II, Louvain-la-Neuve
1987, pl. X, nn. 101-102.

- LIX -

Gioielli e paste vitree


158. Orecchini
Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. RB 132; RB 08).
Due orecchini in elettro.
V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de
Rachgoun (Oran): Libyca, 3 (1955), pp. 34-35, pl. XIV; B.
Quillard, Bijoux carthaginois. II, Louvain-la-Neuve 1987, pl.
X, nn. 101-102.

159. Orecchini
Tipasa, necropoli preromana.
Tipasa, Muse
(N. Inv. s.n.).
l: 2 cm.
Coppia di orecchini in lamina doro semilunati con
decorazione a granulazione a disegno triangolare
(simbolo di Tanit?)
Inizio IV sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitania III: Bulletin dArchologie Algrienne,
3 (1968), p. 147, fig.154.

160. Orecchini
Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. s.n.).
Cinque orecchini a filo ingrossato di forma ellittica in
argento.
IV-III sec. a.C.
M.F. Doumergue, Catalogue raisonn des objets
archologiques du Muse de la ville dOran, II, Oran 1938, p.
125, n. F5; B. Quillard, Bijoux carthaginois. II, Louvain-laNeuve 1987, pl. X, nn. 101-102.

- LX -

Gioielli e paste vitree


161. Pendente
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.V. 042).
h: 3 cm.
Pendente in pasta vitrea marrone a forma di oinochoe, decorata da linee
bianche.
III sec. a.C.

162. Pendente
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.V. 043).
h: 1,2 cm.
Pendente in pasta vitrea ocra a forma di anforetta miniaturizzata ad
unansa e base appuntita.
III sec. a.C.

163. Elementi di collana


Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.V. 174; I.V. 175).
Quattro vaghi di collana, due in pasta vitrea e due in pietre dure a sezione
arrotondata e di forme e colori diversi.
III sec. a.C.

- LXI -

Gioielli e paste vitree


164. Elementi di collana
Cherchel.
Cherchel, Muse
(N. Inv. s.n.).
Dodici vaghi globulari in corniola, cristallo di
rocca e pasta vitrea policroma con motivo a
occhi; uno globulare baccellato, uno globulare
nerastro, uno a tubetto nero con filamenti bianchi.
III sec. a.C.

165. Elementi di collana


Bethioua.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. s.n.).
Sette vaghi di collana e due frammenti in pasta
vitrea color turchese baccellati. Al centro, un vago
lungo bianco variegato in verde e con motivo a
occhi.
III sec. a.C.

166. Elementi di collana


Bethioua.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. s.n.).
Quaranta vaghi di collana in pasta vitrea e cristallo
di rocca di dimensioni e colori diversi.
III sec. a.C.

- LXII -

Gioielli e paste vitree


167. Elementi di collana
Bethioua.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BD 04).
Ventinove vaghi di collana in pasta vitrea, cristallo di
rocca e corniola di dimensioni e colori diversi.
III sec. a.C.

168. Medaglione
Batna, Ain Ksar.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ag 147).
h: 9,5 cm; diam: 3,5 cm.
Medaglione circolare in argento con quattro catenelle
pendenti (ne rimangono solo tre), terminanti con un
elemento a lamina. Anello passante per la catena. Al
centro raffigurazione del volto di Baal Hammon o
Giove Ammone.
III-II sec. a.C.
Ph. Berger, La trinit carthaginoise. Mmoire sur un
bandeau trouv dans les environs de Batna: Gazette
Archologique, 1880; G. Doublet P. Gauckler, Muse de
Constantine, Paris 1892, pp. 52-53; C. Sintes Y. Rebahi (
ds.), Algrie antique (Catalogue de lexposition, Arles 26
avril -17 aot 2003), Arles 2003, p. 184, n. 97.

169. Anello crinale


Gouraya, necropoli
(scavi Gsell 1900, tomba n. 2).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I. MI. 581).
diam.: 3 cm.
Anello crinale in bronzo rivestito da lamina doro,
formato da tre anelli sovrapposti, di cui quello centrale
lavorato a striature.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 38, fig. 21; B.
Quillard, Bijoux carthaginois. II, Louvain-la-Neuve 1987,
p. 150, pl. XI, n. 238.

- LXIII -

Gioielli e paste vitree


170. Medaglione
Stif.
Stif, Muse National
(N. Inv. A.BJX. 60).
h: 10,5 cm; diam: 4,7 cm.
Medaglione circolare in argento con cornice a doppio nastro e
bordo in rilievo, con quattro catenelle pendenti terminanti con
un elemento a lamina. Anello passante per la catena. Al centro,
un personaggio con gli occhi esorbitanti e le orecchie a forma di
corna di ariete, probabilmente Baal Hammon o Giove Ammone.
III-II sec. a.C.

171. Anello crinale (?)


Gouraya, necropoli
(scavi Gsell 1900, tomba n. 2).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.MI. 971).
l: 4 cm; diam.: 1,7 cm; spess.: 0,2 cm.
Anello crinale a nove spirali in argento, lamina piatta con
terminale triangolare, probabilmente a imitazione della testa di
serpente.
La spirale era inserita in un braccialetto rinvenuto nella stessa
tomba.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, p. 38, fig. 21.

172. Collana
Tipasa, necropoli punica.
Tipasa. Muse
(N. Inv. A 4 24 b).
Collana composta da trentanove vaghi in pasta vitrea di forme,
dimensioni e colori diversi: blu, turchese, verde, bianco con e
senza decorazioni a occhi.
II sec. a.C.
C. Sintes Y. Rebahi ( ds.), Algrie antique (Catalogue de
lexposition, Arles 26 avril -17 aot 2003), Arles 2003, p. 60, n. 44.

- LXIV -

Scarabei e amuleti
173. Anelli con castone e scarabeo
Rachgoun, necropoli fenicia.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. anelli RB 105; RB 04; RB 104.
N. Inv. scarabei: RB 139; RB 30; RB 31).
L: 1,2-1,7 cm.
Due anelli in bronzo a castone mobile ed uno in argento a castone fisso
(RB 04). Due scaraboidi in steatite, uno scarabeo in diaspro verde. Sul
retro di quelli in steatite sono incisi motivi geroglifici semplificati; uno dei
due presenta, al centro, un probabile cartiglio reale stilizzato con tre dischi.
Sul retro dello scarabeo in diaspro (RB 139) inciso un animale acquatico.
VI-V sec. a.C.
G. Vuillemot, La ncropole punique du phare dans lle de Rachgoun (Oran):
Libyca, 3 (1955), pp. 35-36, pls. XIV-XV; G. Sennequier C. Colonna (ds.),
LAlgrie au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16
mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p. 174, n. 77.

174. Scarabeo
Tipasa, necropoli.
Tipasa, Muse
(N. Inv. A4 24 c).
L: 1,5 cm.
Scarabeo in cornalina appena delineato. Le ali sono indicate da
unincisone a T. Sul retro raffigurata una composizione orizzontale,
forse una iena accovacciata vicino ad un cestino. Lanimale attaccato da
un personaggio con la mano sinistra levata in aria.
V-III sec. a. C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp. 156159, figs. 161, 163.

175. Scarabeo
Tipasa, necropoli.
Tipasa, Muse
(N. Inv. A4 24 a).
L: 1,5 cm.
Scarabeo in pasta silicea biancastra con tracce di smalto verde. Lo
scarabeo appena delineato, attraverso la resa delle ali indicate
da unincisone a T molto profonda. Sul retro raffigurata una
composizione orizzontale, forse un cavaliere volto a destra che brandisce
un pugnale nella mano destra e nella sinistra tiene le redini. Il cavaliere
affronta un grifone.
IV-III sec. a.C.
S. Lancel, Tipasitana III: Bulletin dArchologie Algrienne, 3 (1968), pp. 156159, figs. 161, 164; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des
royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003),
Rouen 2003, p. 60, n. 45.

- LXV -

Scarabei e amuleti
176. Amuleto
Costantina, Sidi MCid.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Pb 143).
h: 7,5 cm; l. spalle: 4 cm.
Amuleto in piombo (?). La figura femminile sembra indossare un indumento
a pieghe allaltezza delle spalle e molti gioielli, tra cui si distinguono una
collana di perle e due grandi orecchini ad anello e, verosimilmente, sulla
testa un diadema. Le mani sono aperte sul ventre allaltezza dei fianchi. In
evidenza vengono messi i seni formati da due sfere.
IV-III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 48-49;
G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
44, n. 28.

177. Amuleto (?)


Provenienza sconosciuta.
Constantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C PI 145).
h: 4,4 cm.
Statuina miniaturistica femminile in lega metallica utilizzata
probabilmente come amuleto. La figurina molto slanciata, priva di testa
e braccia, ha la gamba destra leggermente flessa, a rendere il senso del
passo incedente. Al collo, collana con medaglione circolare in rilievo.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892.

178. Amuleto (?)


Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 144).
h: 2,5 cm.
Statuina o amuleto in ceramica rappresentante Horus infante
accovacciato con un dito in bocca.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 64; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
69, n. 61a.

- LXVI -

Scarabei e amuleti
179. Amuleto (?)
Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National
Ahmed Zabana
(N. Inv. INC. S 1).
h: 4,1 cm; l: 4,3 cm.
Amuleto in bronzo
rappresentante un bovide (Api?).

180. Amuleto
Collo.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ce 146).
h: 3,5 cm; l: 1,4 cm.
Amuleto in ceramica rappresentante Arpocrate (?), stante con dito sulla
bocca ammantato e con cornucopia al braccio sinistro.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 64; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
69, n. 61b.

181. Amuleto
Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. INC 181).
h: 11,7 cm.
Amuleto in bronzo raffigurante Ptah.
M.F. Doumergue, Catalogue raisonn des objets archologiques du Muse de la
ville dOran, II, Oran 1938, p. 129, n. F 27.

- LXVII -

Scarabei e amuleti
182. Amuleto
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. INC S 18).
h: 6 cm.
Amuleto raffigurante Pateco accovacciato, integralmente nudo. Le due mani
sono poste sul ventre. La testa con tiara egizia leggermente girata verso
sinistra.

183. Placchetta magica


Provenienza sconosciuta.
Orano, Muse National
Ahmed Zabana
(N. Inv. INC 117).
h: 9 cm; l: 6,7 cm; spess.: 1,3 cm.
Placchetta in argilla che riproduce temi di stele egizie, interpretate e
rappresentate in maniera erronea.
Lo scarabeo nel registro superiore doveva essere il cartiglio per menkheper-ra. Nella scena centrale il personaggio inginocchiato dovrebbe
essere il dio infante su fiore di loto di fronte ad un personaggio seduto.
M.F. Doumergue, Catalogue raisonn des objets archologiques du Muse de la
ville dOran, II, Oran 1938, p. 119, n. ET 13.

- LXVIII -

Metalli
184. Campanella votiva
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BD 135).
h: 10 cm.
Campanella votiva in bronzo, munita alla sommit di ampio anello per
sospensione.
V-IV sec. a.C.

185. Rasoio
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.MI. 328).
L: 13 cm ; l: 2 cm ; spess.: 0,2 cm.
Frammento di rasoio in bronzo. La parte superiore sottile e a forma di
collo di cigno.
IV sec. a.C.

186. Campanella
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. BD 135).
h: 15 cm; l: 8 cm.
Campanella in bronzo votiva a sommit arrotondata e pareti diritte. Un
anello largo e piatto fissato alla sommit.
IV sec. a.C.

- LXIX -

Metalli
187. Cimbali
Orano.
Orano, Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. SD 52, 53, 133, 134).
diam.: da 5 a 4,5 cm.
Cimbali in bronzo di forma circolare bombata e muniti di un foro centrale.
IV-III sec. a.C.

188. Testa maschile.


An Temouchent.
Orano. Muse National Ahmed Zabana
(N. Inv. AT M 93).
h: 3,8 cm; l: 3,2 cm.
Testa di un personaggio maschile in bronzo. I tratti del viso sono marcati, gli
occhi esorbitanti, il naso dritto, la bocca semiaperta.
IV-III sec. a.C.

189. Disco
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.MI. 001).
diam.: 8 cm.
Disco in bronzo realizzato per fusione a matrice. Da un lato vi sono
raffigurate due teste di ariete affrontate; dallaltro incisa uniscrizione in
etrusco retrograda su due linee.
III sec. a.C.
P. Wuilleumier, Muse dAlger, supplment, Paris 1928, p. 12, pp. 20-21,
pl. II, 3; N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art et histoire
(Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004), Paris
2003, p. 185, n. 99; C. Sintes Y. Rebahi (ds.), Algrie antique (Catalogue de
lexposition, Arles 26 avril -17 aot 2003), Arles 2003, n. 71.

- LXX -

Metalli
190. Campanella
Gouraya, necropoli punica.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.MI. 058).
h: 6,8 cm; diam.: 5 cm.
Campanella in bronzo di forma troncoconica munita di un anello di
sospensione frammentario.
III sec. a.C.
F. Missonnier, Fouilles dans la ncropole punique de Gouraya (Algrie):
Mlanges dArchologie et dHistoire, 50 (1933), p. 108, pl. I, fig. 6.

191. Specchio
Costantina, Sidi MCid.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Br 41).
h: 12,6 cm; diam.: 9,5 cm.
Specchio in bronzo e in argento di forma circolare e munito di manico.
Una delle facce liscia, laltra ornata da circoli concentrici.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 46; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003, p.
44, n. 29.

192. Specchio
Costantina, Sidi MCid.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Br 369).
h: 21,3 cm; diam.: 16,5 cm.
Specchio in bronzo di forma circolare munito di un manico, senza
decorazione.
III sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, p. 46.

- LXXI -

Metalli
193. Montatura di specchio (?)
Costantina, Sidi MCid.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Pl 149).
h: 9,7 cm; diam.: 9 cm.
Montatura di specchio in piombo (?) di forma circolare, vuoto al centro e
munito di un manico. La montatura presenta su tutta la circonferenza delle
protuberanze ed ornata da otto medaglioni con teste e simboli.
III-II sec. a.C.
G. Doublet P. Gauckler, Muse de Constantine, Paris 1892, pp. 47-48; G.
Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes numides
(Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen 2003,
p. 230, n. 195.

194. Coppetta
Gouraya, necropoli punica
(scavi Gsell 1900, tomba n. 2).
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. I.MI. 541).
h: 7 cm; diam. orlo: 5 cm.
Recipiente conico in piombo a spalla bassa per profumi o belletti.
Fine III-II sec. a.C.
S. Gsell, Fouilles de Gouraya, Paris 1903, pp. 37-38, fig. 21.

195. Corno
Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ag 462).
L: 9,5 cm; diam.: 3,5 cm.
Corno in argento con decorazioni a sbalzo.
II sec. a.C.
H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, p.
600, taf. 118; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des
royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre
2003), Rouen 2003, p. 127, n. 124; N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en
hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25
janvier 2004), Paris 2003, p. 205, n. 138.

- LXXII -

Metalli
196. Medaglione
Costantina, mausoleo di Souma
du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ag 476).
diam.: 6,6 cm.
Medaglione in argento che rappresenta una testa di cervo a rilievo.
II sec. a.C.
H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, p. 604, taf.
121; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes
numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen
2003, p. 128, n. 126; N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en hritage, art
et histoire (Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25 janvier 2004),
Paris 2003, p. 205, n. 137.

197. Medaglione
Costantina, mausoleo di Souma
du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Ag 477).
diam.: 9,7 cm.
Medaglione in argento che rappresenta il dio Nettuno seduto in trono. Il
dio tiene nella mano sinistra un tridente, nella destra una patera.
II sec. a.C.
E. Knzl, Zum hellenistischen Silber des Grabes von Es Souma bei El Khroub:
H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, pp. 288295; p. 596, taf. 116; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps
des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre
2003), Rouen 2003, p. 129, n. 127; N. Ferhat E. Delpont (ds.), LAlgrie en
hritage, art et histoire (Catalogue de lexposition, IMA 7 octobre 2003 - 25
janvier 2004), Paris 2003, p. 205, n. 136.

198. Pisside
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Pb 363).
h: 6,2 cm; diam.: 8 cm.
Pisside in piombo di forma cilindrica.
I sec. d.C.

- LXXIII -

Metalli
199. Portaprofumi
Costantina.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Br 364).
h: 12, 6 cm; diam.: 5,3 cm.
Piccolo vaso in bronzo a fondo piatto con due anse e coperchio decorato;
il collo corto si allarga in una imboccatura a orlo alto, delimitato da due
bastoncelli. Utilizzato come portaprofumi.
I-II sec. d.C.
A. Cherbonneau, Explication des objets antiques dessins par M. L. Fraud
(Planches XIII-XXX): Recueil des notices et mmoires de la Socit
Archologique du Dpartement de Constantine, 1 (1863), pp. 282-283, n. 3-4,
pl. XXVIII, n. 3-4.

- LXXIV -

Armi
200. Elmo
Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Fe 461).
h: 25 cm; diam.:19,3 cm.
Elmo in ferro a forma conica, riferibile a tipologie orientali, ben
modellato e con riproduzione particolareggiata dellorecchio.
II sec. a.C.
G. Waurik, Die Schutzwaffen in numidischen Grab von Es Souma: H.G. Horn
C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979, pp. 305-317; p. 608, taf.
123; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie au temps des royaumes
numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17 octobre 2003), Rouen
2003, pp. 126-127, n. 120.

201. Spada
Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Fe 459).
L: 72 cm; l: 5,4 cm.
Lunga spada in ferro.
II sec. a.C.
G. Ulbert, Das Schwert und die eisernen Wurfgeschospitzen aus dem Grab von
Es Souma: H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, Kln-Bonn 1979,
pp. 333-338; p. 608, taf. 125, n. 1; G. Sennequier C. Colonna (ds.), LAlgrie
au temps des royaumes numides (Catalogue de lexposition, Rouen 16 mai - 17
octobre 2003), Rouen 2003, p. 127, n. 123.

202. Punta di lancia


Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Fe 474).
L: 29,3 cm; l: 3,4 cm.
Punta di lancia in ferro.
II sec. a.C.
G. Ulbert, Das Schwert und die eisernen Wurfgeschospitzen aus
dem Grab von Es Souma: H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die
Numider, Kln-Bonn 1979, pp. 333-338; p. 612, taf. 125, n. 3.

- LXXV -

Armi
203. Giavellotto
Costantina, mausoleo di Souma du Khroub.
Costantina, Muse National Cirta
(N. Inv. 3C Fe 470).
L: 18,3 cm; l: 1 cm.
Giavellotto in ferro.
II sec. a.C.
G. Ulbert, Das Schwert und die eisernen Wurfgeschospitzen aus dem Grab
von Es Souma: H.G. Horn C.B. Rger (hrsg.), Die Numider, KlnBonn 1979, pp. 333-338; pp. 614-615, taf. 126, n. 5.

- LXXVI -

Monete puniche
204. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 3491)
Zecca di Cartagine.
Bronzo.
2,94 g; 15 mm; 1 mm; 12 h.
D/Testa di Core a sinistra.
R/Cavallo stante a destra;
dietro, albero di palma.
Contorno circolare netto.
400-350 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 109; L.-I. Manfredi (a cura di), Raccolte
italiane di monete puniche: Rivista di Studi Fenici, 33 (2005) suppl., p. 19, nn. 7-14; J.
Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. I, 18.

205. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 818).
Zecca di Cartagine.
Bronzo.
4,42 g; 19 mm; 1 mm; 9 h.
D/Albero di palma.
R/Protome equina a destra.
Contorno circolare netto.
350-250 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 103; L.-I. Manfredi (a cura di), Raccolte
italiane di monete puniche: Rivista di Studi Fenici, 33 (2005) suppl., pp. 56-57, nn. 41-45;
J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. I, 20.

206. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 804).
Zecca di Cartagine.
Bronzo.
5 g; 19 mm; 2 mm; 6 h.
D/Testa di Core a sinistra.
R/Protome equina a destra; nel campo a destra, albero di palma.
Contorno circolare netto.
300-264 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 173; L.-I. Manfredi (a cura di), Raccolte
italiane di monete puniche: Rivista di Studi Fenici, 33 (2005) suppl., p. 31, nn. 15-20; J.
Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. I, 57.

- LXXVII -

Monete puniche
207. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 779).
Zecca di Cartagine.
Elettro, statere.
2,96 g; 15 mm; 1 mm; 12 h.
D/Testa di Core a sinistra.
R/Cavallo stante a destra su linea desergo, dietro, albero di palma.
Contorno circolare netto.
290-270 a.C.
G.K. Jenkins R.B. Lewis, Carthaginian Gold and Electrum Coins, London 1963, group
VI, nn. 341-343; J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072,
pl. I, 14.

208. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 2050)
Zecca di Cartagine.
Bronzo, shekel.
6,64 g; 20 mm; 1 mm; 12 h.
D/Testa di Core a sinistra.
R/Cavallo passante retrospiciente a destra; nel campo a destra, lettera punica bet.
Contorno circolare netto.
221-210 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 305; L.-I. Manfredi, Monete puniche.
Repertorio epigrafico e numismatico delle leggende puniche (= BNum, Monografia 6),
Roma 1995, p. 251, n. 54.

209. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 2238).
Zecca di Cartagine.
Bronzo, shekel.
7,63 g; 22 mm; 2mm; 12 h.
D/Testa di Core a sinistra.
R/Cavallo stante retrospiciente a destra; sopra, astro a sette raggi; nel campo a destra
lettera punica alef.
Contorno circolare netto.
215-201 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 316; L.-I. Manfredi, Monete puniche.
Repertorio epigrafico e numismatico delle leggende puniche (= BNum, Monografia
6), Roma 1995, p. 250, n. 46; J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique,
Toulouse 20072, pl. I, 88 J.

- LXXVIII -

Monete numidiche
210. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 3584).
Zecca di Massinissa o Micipsa.
Bronzo.
7,69 g; 25 mm; 2 mm; 12 h.
D/Testa laureata a sinistra. Contorno perlinato.
R/Cavallo al galoppo a sinistra. Contromarca con testa di Ammone.
203-118 a.C.
J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. II,
contremarque a.

211. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 3600).
Zecca di Massinissa o Micipsa.
Bronzo.
13,83 g; 26 mm; 3 mm; 12 h.
D/ Testa laureata a sinistra. Contorno perlinato.
R/ Cavallo al galoppo a sinistra, sotto il ventre, un globetto.
203-118 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 505; J. Alexandropoulos, Les monnaies
de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. II, 18 a.

212. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 01).
Zecca di Giuba I.
Argento, denario.
3,80 g; 19 mm ; 1,5 mm; 12 h.
D/REX IVBA. Busto di Giuba a destra, sopra la spalla destra, un caduceo.
R/sywby hmmlkt. Tempio a otto colonne, al centro un globetto.
60-46 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 523; L.-I. Manfredi, Monete puniche.
Repertorio epigrafico e numismatico delle leggende puniche (= BNum, Monografia
6), Roma 1995, p. 313, n. 35; J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique,
Toulouse 20072, pl. II, 29.

- LXXIX -

Monete numidiche
213. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 02).
Zecca di Giuba I.
Bronzo.
12,50 g; 28 mm; 2 mm; 12 h.
D/Testa di Ammone rivolto a destra.
R/sywby hmmlkt. Elefante passante a destra, su linea desergo.
60-46 a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 529; L.-I. Manfredi, Monete puniche.
Repertorio epigrafico e numismatico delle leggende puniche (= BNum, Monografia
6), Roma 1995, p. 315, n. 41; J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique,
Tolouse 20072, pl. II, 35.

- LXXX -

Monete mauretane
214. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 14).
Zecca di Giuba II.
Argento, denario.
2,79 g; 18 mm; 1,5 mm; 6 h.
D/REX IVBA. Busto rivolto a destra con leont e mazza. Contorno perlinato.
R/RXXXXI. Capricorno a destra, con un globo tra le zampe. Timone e cornucopia.
Contorno perlinato.
25 a.C.- 24 d.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 587; J. Alexandropoulos, Les monnaies
de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. II, 164.

215. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 32).
Zecca di Giuba II.
Bronzo.
11,65 g; 28 mm; 3 mm; 12 h.
D/REX IVBA. Busto con diadema e drappeggio a destra; sulla spalla, mazza.
Contorno perlinato.
R/C . Copricapo isiaco, fiancheggiato da spighe e
sormontato da un crescente e globetto.
Contorno perlinato.
25 a.C.- 24 d.C.
J. Alexandropoulos, Les monnaies de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. II, 209 a.

- LXXXI -

Monete delle citt autonome


216. Moneta
Algeri.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. s.n.).
Zecca di Ikosim.
Piombo.
14,39 g; 23 mm; 2 mm; 6 h.
D/Testa di Iside velata e con corona di piume (?) a sinistra. Nel campo a sinistra,
Vittoria che tiene nella mano una ghirlanda a corona.
R/wyksm. Divinit maschile stante a sinistra, piede sinistro leggermente flesso;
indossa una corona a tre punte, con mano destra aperta e la sinistra che tiene una
pisside.
Fine III sec. a.C.
SNG. The Royal Collection of Coins and Medals, Danish National Museum, 42, North
Africa. Syrtica-Mauretania, Copenhagen 1969, n. 678; J. Alexandropoulos, Les monnaies
de lAfrique antique, Toulouse 20072, pl. III, 140.

217. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 48).
Zecca di Gunugu.
Bronzo.
4,90 g; 21 mm; 1,5 mm; 12 h.
D/gngn. Testa maschile con barba e corona radiata a destra; nel campo a destra
sopra la spalla, caduceo. Contorno perlinato.
R/Testa di Bacco a destra, nel campo a destra lettere neopuniche gn.
Contorno perlinato.
Seconda met I sec. a.C.
L.-I. Manfredi, Monete puniche. Repertorio epigrafico e numismatico delle leggende
puniche (= BNum, Monografia 6), Roma 1995, p. 287, n. 116.

218. Moneta
Provenienza sconosciuta.
Algeri, Muse National des Antiquits
(N. Inv. 3511).
Zecca di Hippo Regius.
Bronzo, asse.
7,60 g; 24 mm; 1 mm; 12 h.
D/TI. CAESAR DIVI AVGVSTI F. AVGVSTVS. Testa di Tiberio a destra; nel
campo, lituus e simpulum. Contorno perlinato.
R/L. APRONIVS HIPPONE LIBERA. Testa del proconsole Apronius a destra.
Contorno perlinato.
19-22 d.C.
M. Amandry A. Burnett P.P. Ripolls, Roman Provincial Coinage, I. From the Death
of Caesar to the Death of Vitellius (44 B.C.-A.D. 69), London-Paris 1992, n. 713.

- LXXXII -

Referenze fotografiche della parte trattatistica:


Le fotografie sono di Luciano DAngelo
ad eccezione di quelle alle pagine: 25, 32-33, 100, 101, 106,
107, 147, 187, 193, 195, 209, che sono di
Idriss Benkouider.
Le fotografie e le illustrazioni degli articoli di
J.-P. Laporte, I. Oggiano, M. Botto, N. Benseddik e
A. Di Vita, sono per gentile concessione degli autori.

Referenze fotografiche del catalogo:


Le fotografie sono di Luciano DAngelo
ad eccezione dei numeri: 42, 76, 78, 85, 118, 119, 121, 127,
128, 131, 132, 159, 161, 162, 174, 175, 177, 178, 180, 185,
190, 202, 203-218, che sono di Idriss Benkouider.

I contenuti del presente volume vengono diffusi secondo la licenza Creative


Commons, Attribuzione Non commerciale Non opere derivate 3.0 Italia, il
che significa che i lettori sono liberi di: riprodurre, distribuire, comunicare ed
esporre in pubblico questopera, a condizione che il suo contenuto non venga
alterato o trasformato, che venga attribuita la paternit dellopera al curatore/i
del volume e ai singoli autori degli interventi, e che infine lopera non venga
utilizzata per fini commerciali.
Gli autori e leditore difendono la gratuit del prestito bibliotecario e sono contrari
a norme o direttive che, monetizzando tale servizio, limitino laccesso alla cultura.
Per questo motivo rinunciano a riscuotere eventuali royalties derivanti dal prestito
bibliotecario di opere di questa collana.
Leditore garantir inoltre sempre il libero accesso ai contenuti dei volumi, senza
limitazioni alla loro distribuzione in alcun modo.
BraDypUS s.a.
via A. Fioravanti, 72, 40129 Bologna
www.bradypus.net; info@bradypus.net
C.F. e P.IVA 02864631201
ISBN: 978-88-904294-3-9

Il volume
I Fenici in Algeria.
Le vie del commercio tra il Mediterraneo e lAfrica Nera
stato stampato presso
Aslay (Pianoro, Bologna)
nel mese di
febbraio 2011

Muse National
des Antiquits
Alger

Ministre de la Culture
Rpublique Algrienne
Dmocratique et Populaire

Ministero per i Beni


e le Attivit Culturali
Repubblica Italiana

Ministero degli Affari Esteri


Repubblica Italiana

Istituto di Studi sulle Civilt Italiche


e del Mediterraneo Antico
CNR

International Centre for the Study


of the Preservation and Restoration
of Cultural Property

Istituto Italiano di Cultura


Alger

euro 90,00
ISBN 978-88-904294-3-9