Sei sulla pagina 1di 86

Osservatorio Fintech & Insurtech

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele

Dicembre 2018
Indice

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3
di Umberto Bertelè, Alessandro Perego, Marco Giorgino, Raffaello Balocco e Mariano Corso

LA RICERCA
Executive Summary . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
L’Esperienza Fintech & Insurtech in Germania . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Il Gruppo di Lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
I Rapporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
La Nota Metodologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

IL CONVEGNO
L’Agenda del Convegno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
I Relatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Il Premio Fintech & Insurtech . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43

GLI ATTORI
La School of Management . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
I Sostenitori della Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

|1|
di Umberto Bertelè, Alessandro Perego, Marco Giorgino, Raffaello Balocco e Mariano Corso

Introduzione

L’Osservatorio “Fintech & Insurtech”, nato tre anni fa, ha da subito cercato di mostrare
la via dell’innovazione digitale con ricadute sull’ecosistema italiano in ambito finanziario,
bancario e assicurativo, considerando sia gli attori consolidati sia i nuovi entranti, tra cui
le startup.

Il nostro Paese è storicamente caratterizzato da importanti pilastri: il risparmio delle


famiglie, il credito bancario o più in generale gli impeghi creditizi, e il tessuto industriale
caratterizzato prevalentemente da piccole e medie imprese (PMI). Pilastri su cui, come
discuteremo in questo Report, l’innovazione digitale sta agendo con forza, sia in termini
di offerta che di domanda.

La ricchezza disponibile delle famiglie italiane è cresciuta nel 2017 (+1,8%) e corrispon-
de a circa 9 volte il reddito, con la componente finanziaria che è arrivata a pesare il 41%.
Nell’ultimo anno le attività finanziarie sono cresciute del 4,1% sia per l’aumento del valore
degli investimenti sia per nuovi conferimenti. Vi è poi in atto una ricomposizione del por-
tafoglio con disinvestimenti in obbligazioni verso strumenti di risparmio gestito1. 1
Banca d’Italia, 2018 e
Banca d’Italia, 2017.

L’indebitamento è rimasto sostanzialmente costante, con margini sui prestiti sempre più
ridotti soprattutto sui nuovi mutui a tasso fisso e con prestiti mediamente pari al 65% del
valore delle abitazioni (inferiore rispetto ai dati internazionali) e con una visibile crescita
del prestito al consumo (+9,3%) trainata dall’acquisto di mezzi di trasporto1.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele |3|


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Introduzione

Il tessuto industriale italiano è stato caratterizzato negli ultimi anni da una progressiva de-
crescita del peso dell’indebitamento sulle fonti di finanziamento (19% dei prestiti bancari sul
totale delle passività), verso una struttura più capitalizzata (leva finanziaria 40%), seppur an-
cor meno della media europea (Germania 37 %, Spagna 34 %). Il divario tra credito concesso
alle aziende in bonis e in sofferenza si è però ulteriormente ampliato: +10,3% verso aziende
2
Variazione percentuale “Sicure” contro il -8,2% verso aziende “Rischiose”1,2.
sui 12 mesi, attribuzione
della classe di rischio
secondo Cerved. Gli investimenti fissi aumentano leggermente anche se rimangono ancora contenuti (17,5%
del PIL nel 2017, 17,1% nel 2016) sia in relazione a quanto ha caratterizzato questo Paese negli
ultimi anni, sia nel confronto internazionale1.

La redditività delle imprese è andata però migliorando: cresce il margine operativo lordo (nel
2017 93,9% del MOL al 2008 vs. il 93,2% del 2016) e il numero delle imprese in utile (75%)1.

Le 460 banche presenti nel Paese, oltre alle 78 filiali di banche estere, costituiscono un im-
portante pilastro dell’economia nazionale, con attività per circa 2,2 volte il PIL. È però ormai
in atto una razionalizzazione e ottimizzazione dei costi e dei canali distributivi: il numero
delle filiali è sempre più in contrazione (circa -20% negli ultimi 10 anni), l’accesso in modalità
digitale a servizi bancari è in aumento (66% delle famiglie), così come il numero di istituti che
implementa tali canali, con tuttavia un vincolo legato alle infrastrutture pre-esistenti e agli
investimenti necessari1.

Quello che tuttavia questi dati non riescono forse ad esprimere pienamente è la portata di
quanto sta avvenendo in termini di innovazione digitale in ambito finanziario, bancario e
assicurativo nel nostro Paese.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

|4| Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Introduzione

La maggior parte delle PMI, ad esempio, usa un’App per Smartphone (55%) per interagire
con la propria banca, ma persistono ancora alcune imprese che non utilizzano neanche il Pc
(8%).

Allo stesso tempo i clienti retail sono ben predisposti verso servizi innovativi in ambito fi-
nanziario: 11 milioni di italiani, il 25% della popolazione tra i 18 e i 74 anni, hanno utilizzato
almeno un servizio Fintech o Insurtech3 con una soddisfazione media elevata. 3
Per maggiori dettagli
si veda la sezione “Nota
Metodologica”.
Lato offerta, nonostante nel 2018 il numero di startup Fintech & Insurtech sia aumentato
del 66% e i finanziamenti ricevuti del 70% (rispetto a quanto rilevato due anni fa)3, ci sono
segmenti come quello della gestione dei risparmi in cui istituti bancari e operatori postali si
confermano come il referente primario (rispettivamente per il 65% e 56% della popolazione
internet tra i 18 e 74 anni).

Questi sono solo alcuni spunti tra le principali evidenze raccolte quest’anno dall’Osserva-
torio che stanno profondamente mutando l’ecosistema finanziario italiano sopra descritto.

È quindi quanto più che mai necessario per gli istituti finanziari predisporre un servizio
di offerta coerente con lo scenario che va a delinearsi nel nostro Paese in modo sempre più
inequivocabile. Per creare valore è sin da oggi importante considerare l’innovazione come
centrale.

Come possono quindi muoversi gli istituti bancari e assicurativi in questo contesto? L’Os-
servatorio propone l’Open Finance Journey, convinti che sarà solamente l’interazione conti-
nua e la collaborazione con altri attori ad aiutare a navigare in acque sicure.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele |5|


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Introduzione

Questi sono i presupposti su cui l’Osservatorio partirà con le nuove attività del 2019,
sempre più consapevoli e convinti che la partita in Italia si potrà veramente vincere solo at-
traverso il gioco di squadra, tra attori eterogenei ma interessati verso un obiettivo comune.

Il 2018 è stato un anno di razionalizzazione, di nuove sfide aperte e di consapevolezza di


un fronte comune almeno da parte di tutti i nostri Partner e Sponsor, che ringraziamo sen-
titamente per gli spunti, le provocazioni e l’attivissima interazione. L’invito a partecipare è
più aperto che mai: la community dell’Osservatorio è pronta a spiegare le vele!

Umberto Bertelè Alessandro Perego Marco Giorgino Raffaello Balocco Mariano Corso
Chairman degli Direttore Scientifico Responsabile Scientifico Comitato Scientifico Comitato Scientifico
Osservatori Osservatori Osservatorio Osservatori Osservatori
Digital Innovation Digital Innovation Fintech & Insurtech Digital Innovation Digital Innovation

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

|6| Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Osservatorio Fintech & Insurtech
Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele

La Ricerca

Dicembre 2018
Executive Summary

Milano, 11 dicembre 2018 – L’innovazione digitale sta rivoluzionando il sistema finanzia-


rio e assicurativo italiano. Continua a crescere l’utilizzo di servizi Fintech & Insurtech: in
Italia sono ormai 11 milioni gli utenti che ne hanno provato almeno uno, pari al 25% della
popolazione italiana fra i 18 e i 74 anni, in forte crescita rispetto a quanto registrato un anno
fa (+54%), quando la percentuale si attestava sul 16% (indagine condotta dall’Osservatorio
Fintech & Insurtech con Nielsen Italia). Gli utenti internet utilizzano principalmente Mo-
bile Payment (16%), servizi per gestire il proprio budget personale o familiare (15%) o per
trasferimenti istantanei di denaro tra privati (12%). Tutti i servizi Fintech & Insurtech sono
molto apprezzati, ad esempio: la possibilità di gestire i sinistri da smartphone (voto medio
9,6 su 10), l’attivazione di assicurazione istantanee (8,9) e l’accesso a un finanziamento da
smartphone o Pc (8,9).

Oltre metà delle PMI italiane (il 55%) interagisce già con gli istituti finanziari tramite
un’APP per Smartphone, il 92% lo fa tramite PC. Le Pmi acquistano però coperture assicu-
rative ancora prevalentemente con modalità tradizionali: solo il 15% delle PMI ha comprato
una copertura online in totale autonomia, ma l’80% potrebbe già gestire tutti i servizi assi-
curativi di base con sistemi digitali. In media solo il 5% delle PMI ha già utilizzato metodi di
finanziamento alternativi come Minibond, P2P lending, Crowdfunding, soluzioni di Supply
Chain Finance.

Nel 2018 si contano 1.210 startup Fintech & Insurtech a livello globale con almeno 1 milio-
ne di dollari di finanziamento, in forte aumento (+66%) rispetto a due anni fa, capaci di rac-

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele |9|


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

cogliere 43,7 miliardi di dollari, contro i 25,7 del 2017 (+70%), e con le startup cinesi, indiane
e australiane che crescono rispettivamente del 233%, del 184% e del 227% nella raccolta di
investimenti (contro un -11% delle statunitensi). Un numero importante e sempre maggiore
di startup (24%) ha come obiettivo la collaborazione con banche e assicurazioni.

Le banche hanno compreso l’importanza delle tecnologie Blockchain e Distributed Led-


ger: 275 servizi basati su queste tecnologie (di cui 40% annunci) sono stati promossi da isti-
tuti finanziari nel mondo negli ultimi 3 anni.

E se gli utenti italiani affiderebbero principalmente a banche e operatori postali i loro ri-
sparmi (65% e 56%), cresce chi si affiderebbe alle startup (12%), dove sono già oltre 140 i Robo
Advisor censiti a livello mondiale, piattaforme di investimento automatizzate che quest’ulti-
mo anno però danno maggiore rilevanza alla presenza umana.

Sono i risultati della ricerca dell’Osservatorio Fintech & Insurtech della School of Manage-
ment del Politecnico di Milano, presentata al convegno “Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le
vele”, che ha analizzato le principali spinte digitali che stanno modificando gli istituti finan-
ziari, bancari e assicurativi.

“Il digitale sta rivoluzionando l’ecosistema finanziario italiano, favorendo la nascita di at-
tori innovativi, facendo emergere nuove esigenze della clientela e nuove forme di relazione
tra utenti, imprese, istituti finanziari e assicurativi – afferma Marco Giorgino, Responsabile
scientifico dell’Osservatorio Fintech & Insurtech -. Resta la fiducia negli attori tradizionali:
la maggioranza degli italiani si rivolgerebbe a banche (65%) e operatori postali (56%) per
affidare i propri risparmi, con tuttavia una differenza generazionale: nel caso dei giovani di

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 10 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

età compresa tra 16 e 24 anni le preferenze sono il 53% e il 52% mentre il 67% e 59% nel caso
degli over 55. Ma cresce il numero di coloro che hanno provato almeno un servizio Fintech
o Insurtech e, soprattutto fra i più giovani, di coloro che si affidano anche ad altri attori oltre
a banche e assicurazioni. L’ecosistema finanziario deve accelerare il processo di trasforma-
zione digitale per non farsi trovare impreparato: è necessario approfittare delle opportunità
offerte da nuove tecnologie come la blockchain o le piattaforme di Robo Advisor, per propor-
re nuovi servizi di valore. Banche e assicurazioni possono rispondere alle sfide della trasfor-
mazione digitale mettendo l’innovazione al centro delle strategie e puntando sulla costante
collaborazione con altri attori”.

Nel settore Finance si amplia la competizione tra istituti finanziari, bancari e assicurativi
con startup, attori corporate, digital, tecnologici e di telecomunicazioni, autorità di regola-
mentazione e più in generale nuovi potenziali entranti: nel 2018 sono nate nuove collabo-
razioni mentre gli attori “non tradizionali” stanno iniziando a riscuotere consenso tra gli
italiani. Per questo l’Osservatorio Fintech & Insurtech ha proposto e avviato l’Open Finance
Journey: un percorso per stimolare, incoraggiare e supportare le pratiche con cui le aziende
del mondo finanziario, bancario e assicurativo possono abbracciare l’innovazione digitale.

LA RICERCA

Gli italiani e i servizi Fintech – Nel 2018 11 milioni di italiani hanno utilizzato almeno un
servizio Fintech o Insurtech, il 25% della popolazione fra i 18 e i 74 anni, con un balzo del
54% rispetto al 2017 (16%), con un elevato livello di gradimento. Lo rivela la ricerca dell’Os-
servatorio realizzata in collaborazione con Nielsen Italia su un panel di 1.515 persone rap-

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 11 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

presentativo della popolazione attiva su internet. I servizi più apprezzati sono la possibilità
di gestire i sinistri da smartphone (voto medio 9,6 su 10), l’attivazione di assicurazione istan-
tanee (8,9) e l’accesso a un finanziamento da smartphone o Pc (8,9); più tiepido l’entusiasmo
per social lending (7,6), crowdfunding e chatbot (entrambi a 7,7). I servizi più utilizzati sono
Mobile Payment (16%), servizi per gestire il proprio budget personale o familiare (15%, in
crescita di 10 punti percentuali rispetto al 2017) e i servizi per trasferimenti istantanei di
denaro tra privati (12%, in crescita di otto punti rispetto al 2017).

Gli italiani continuano a nutrire fiducia negli istituti finanziari, che raccolgono le prefe-
renze del 73% degli utenti per i finanziamenti e del 65% per la gestione del risparmio. Una
fiducia destinata a durare, come evidenzia il 73% che ha intenzione di affidarsi per un fi-
nanziamento agli istituti finanziari anche in futuro, in aumento rispetto alle altre categorie
(produttori di Smartphone e Tablet, siti di eCommerce, OTT, catene di supermercati, ope-
ratori di telefonia, associazioni di categoria, startup) che mostrano fiducia stabile o in calo. I
giovani sono meno affezionati della media agli istituti finanziari (il 65% si affiderebbe a loro
in futuro) e più interessati alle assicurazioni (25%, contro l’11% del campione complessivo).

“Nonostante chi ha utilizzato i servizi Fintech e Insurtech li promuova a pieni voti, dagli
utenti arrivano anche chiare richieste di miglioramento dell’offerta di servizi finanziari –
rileva Marco Giorgino -: per il 67% sono fondamentali servizi di base gratuiti, circa metà
chiedono trasparenza negli investimenti, velocità nelle operazioni o la possibilità di incontri
di persona nei casi più complessi.”.

Per l’offerta assicurativa via internet, le funzioni più importanti indicate dagli utenti sono
la segnalazione della scadenza della polizza (51%), la possibilità di controllare le informa-

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 12 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

zioni relative alle coperture (44%) e la gestione degli eventuali sinistri (39%). Per i prodotti
assicurativi la preferenza degli italiani è netta: ben il 78% si affiderebbe e società assicurative
per il ramo salute. Ma tra i giovani, il 14% sceglierebbe le banche, il 13% le associazioni di
categoria, il 9% i servizi postali o le Big Tech o le startup, il 5% gli operatori di telefonia, il 4%
i siti di eCommerce e l’1% i produttori di smartphone o le catene di supermercati.

Le Pmi – Nelle interazioni con gli istituti finanziari, oltre la metà delle PMI (il 55%) sfrutta
uno Smartphone e quasi tutte ritengono di poter usare facilmente il canale Mobile (96%).
L’utilizzo del Pc è più diffuso (92%) anche se ancora l’8% delle PMI non lo usa. Complessi-
vamente però, il canale preferito dalle PMI rimane la relazione personale (filiale o consu-
lente) per la richiesta di tutti i prodotti finanziari, dall’anticipo fatture (54% di chi utilizza)
agli strumenti di previsione dei flussi di cassa (78% di chi utilizza). I prodotti finanziari più
utilizzati dalle PMI sono l’anticipo fatture (71%) e le soluzioni di leasing (66%), mentre sono
poco sfruttati gli strumenti di previsione dei flussi di cassa (18%) e i prestiti con durata infe-
riore a un anno (32%). I metodi di finanziamento alternativi sono ancora poco conosciuti: i
Minibond sono noti solamente al 33% del campione, il P2P lending al 24%, il Crowdfunding
al 20% e le soluzioni di Supply Chain Finance al 12%. Molto limitato anche il loro impiego,
con solo il 5% del campione che ha impiegato almeno uno di questi servizi. La principale
difficoltà registrata dalle piccole e medie imprese è l’accesso alle informazioni e alla consu-
lenza, indicata dal 36% delle aziende intervistate, mentre la maggioranza non riscontra pro-
blematiche nell’accesso ai finanziamenti (non critico per il 92% delle imprese), nei ritardi nei
pagamenti (90%), nell’accesso ai mercati internazionali (89%) e nelle previsioni finanziarie
ed economiche (86%).

L’acquisto delle coperture assicurative avviene spesso con modalità tradizionali (nel 50%

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 13 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

dei casi non vi è ricorso a dispositivi connessi) e gli strumenti digitali sono impiegati princi-
palmente come supporto alla forza vendita (solo il 15% delle PMI ha comprato una copertura
online in totale autonomia), mentre il restante 35% acquista con una modalità solo parzial-
mente digitale, rivolgendosi a un agente ma con un incontro da remoto o utilizzando docu-
menti digitali. Tuttavia, la maggioranza delle PMI (80%) dichiara che la propria compagnia
assicurativa garantisce la possibilità di gestire digitalmente la verifica della polizza (91%),
l’aggiunta di coperture (91%) e la gestione dei sinistri tramite sistemi digitali (81%).

Quasi tre PMI su quattro gestiscono i rapporti con gli istituti finanziari e assicurativi at-
traverso la segreteria o l’amministrazione (74%) e in un caso su cinque (20%) è direttamente
l’amministratore delegato a occuparsene, mentre è marginale il ricorso a un direttore finan-
ziario (3%) o a un professionista di fiducia (3%). Nella scelta della banca o della compagnia
assicurativa, le caratteristiche più importanti sono la convenienza dell’offerta e la capacità di
adattarsi alle esigenze aziendali.

Le startup – Sono 1.210 le startup Fintech & Insurtech censite dall’Osservatorio nate dopo
il 2013 e che hanno ricevuto almeno un milione di dollari di finanziamenti nel periodo 2016-
2018, per un totale di 43,7 miliardi di dollari raccolti. Rispetto alla rilevazione del 2016, la
crescita è notevole sia numericamente (+66%) che per investimenti generati (+70%). Gli Stati
Uniti sono a l’area che raccoglie più investimenti (13,9 miliardi di dollari), seguiti dalla Cina
con 13,4 miliardi di finanziamenti, sede di quattro delle prime cinque startup al mondo per
finanziamenti ricevuti e con il tasso di crescita più elevato (+233%). Gli altri Paesi le cui star-
tup hanno superato il miliardo di dollari di finanziamento sono Regno Unito, con 5,1 mi-
liardi (+163% rispetto a quanto registrato due anni fa), Australia e India, con 1,2 miliardi cia-
scuna (rispettivamente +227% e +184%). L’Italia è lontana da queste realtà, ma in crescita: 8

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 14 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

startup hanno superato la soglia del milione di dollari di finanziamenti ricevuti, per 44 mi-
lioni di dollari complessivi (contro i 20 del censimento precedente). “Non ci aspettavamo una
crescita ancora così importante – spiega Filippo Renga, Direttore dell’Osservatorio Fintech
& Insurtech -. Inoltre, non solo stiamo assistendo a una sempre maggiore collaborazione tra
attori consolidati e Startup, ma anche a un sempre più rilevante desiderio di trovare nuovi
modelli di business innovativi e integrati”.

Oltre metà delle startup (51%) offre servizi di banking, una su quattro (23%) di investment
service, il 17% si divide fra soluzioni di marketing, big data, security e altri, il 9% propone
servizi assicurativi. Quest’ultima categoria, denominata solitamente Insurtech, comprende
107 startup e mostra il tasso di crescita più elevato (+174%). Il 72% dei finanziamenti rice-
vuti va ai servizi bancari, in particolare startup di lending & financing, di payment e bank
account. Il 24% delle nuove imprese adotta un modello di business collaborativo che mira ad
aiutare le banche nella trasformazione digitale o vede gli attori tradizionali come interme-
diari attraverso cui offrire i propri servizi (8%). La maggior parte delle startup, però, punta a
sostituirsi a banche e assicurazioni, ponendosi come concorrente su un numero ristretto di
servizi (70%) o addirittura offrendo un pacchetto completo di servizi bancari e assicurativi
(6%).

Robo Advisor e Digital Asset Management – Gli utenti internet italiani affiderebbero i loro
risparmi principalmente a operatori tradizionali come banche (65%) e operatori postali
(56%). Lo rivela l’indagine condotta dall’Osservatorio in collaborazione con Nielsen Italia,
da cui emerge una preferenza molto diffusa soprattutto fra gli over 55 (67% e 59%) e decisa-
mente meno marcata nella fascia 16-24 anni (53% e 52%). Cresce però il numero di utenti che,
oltre a rivolgersi a banche e operatori postali, si affiderebbe oggi ad associazioni di categoria

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 15 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

(14%), startup (12%), siti di eCommerce, catene di supermercati e aziende internet (10%),
produttori di smartphone e operatori di telefonia (8%).

Sono 147 le piattaforme di Robo Advisor censite dall’Osservatorio a livello mondiale, sia
di startup che dei principali operatori di asset e wealth management, attori che offrono una
soluzione digitale per servire un nuovo segmento di clientela, offrire nuovi prodotti, diver-
sificare il canale commerciale oppure per recuperare marginalità, potendo efficientare pro-
cessi a minor valore aggiunto.

“Nell’ultimo anno nei Robo Advisor si sta invertendo il trend che prevedeva piattaforme
completamente automatizzate, mentre aumenta la presenza di un referente umano a guida o
controllo dell’automazione – rileva Laura Grassi, Vice Direttore dell’Osservatorio Fintech &
Insurtech -. Per il cliente è importante sapere che i sistemi non siano semplici black box, ma
supervisionati da un gestore esperto, in un patto di fiducia che passa dalla chiara identifica-
zione di una controparte umana. Inoltre, una volta compreso che il sistema viene sorvegliato
accuratamente, poi la richiesta di contatto con il gestore non avviene in maniera frequente”.

La Blockchain – Le banche e gli attori finanziari hanno ormai compreso l’importanza delle
tecnologie Blockchain e Distributed Ledger: sono 275 i servizi basati su queste tecnologie
censiti dall’Osservatorio (di cui 167 progetti e 108 annunci) promossi da istituti finanziari
nel mondo negli ultimi 3 anni. Le principali applicazioni delle tecnologie Blockchain e Di-
stributed Ledger riguardano la gestione dei pagamenti (41%), del mercato dei capitali (27%)
e dei dati e dei documenti finanziari (10%). Seguono soluzioni di supporto al Supply Chain
Finance (8%), per la gestione dell’identificazione dei clienti (7%), della tracciabilità degli as-
segni (5%) e delle votazioni da remoto nelle assemblee degli azionisti (2%).

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 16 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Executive Summary

“Il mercato è più maturo e consapevole, con un maggior numero e qualità dei progetti
– analizza Valeria Portale, Direttore dell’Osservatorio Blockchain & Distribuited Ledger -.
Anche gli istituti finanziari e le compagnie assicurative italiane stanno iniziando a investire
nelle tecnologie Blockchain e Distributed Ledger, sia partecipando a soluzioni di sistema, che
con progettualità individuali. Esistono ancora attori ‘scettici’ sui vantaggi, ma sono meno
numerosi dei ‘pragmatici’ che investono nelle aree già riconosciute a maggiore opportunità
e dei ‘leader’ che aumentano costantemente gli sforzi e gli investimenti per approfittare dei
benefici della Blockchain”.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 17 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
L’esperienza Fintech e Insurtech a Francoforte e Colonia
La Community dell’Osservatorio Fintech & Insurtech ha incontrato
- per raccogliere stimoli e rinsaldare le azioni comuni -
alcune delle startup più interessanti del panorama Fintech &
Insurtech tedesco con una visita a luglio presso il TechQuartier di
Francoforte e l’InsurLab di Colonia, rispettivamente i maggiori
centri Fintech e Insurtech della Germania.

Alla visita hanno partecipato e contribuito oltre 40 manager di 21


aziende di tutto l’ecosistema: Istituti Finanziari e Assicurativi, Società
di Consulenza, Technology Provider, Fondi di Investimento e Startup.

Le startup incontrate:

L’Esperien
I commenti dei partecipanti

«Un’esperienza molto
interessante che se ben
«Un esempio di utilizzata mi fa ben
come loro sperare sulle prospettive
riescano a "fare dell’attuale ecosistema
sistema" più e fintech italiano!»
meglio di noi
italiani»
«Ottimo clima all'interno del
gruppo e preziosissima
occasione di networking con
i partecipanti»
«Ho trovato forte
innovazione,
soluzioni digitali,
«Un’opportunità di
competenze
confronto che
e voglia di fare e di
difficilmente si riesce
mettersi in gioco»
ad organizzare in altre
occasioni»
«Sono stata molto
«È stato un «L’incontro con le startup colpita da come lo stato
ottimo modo per ha permesso di cogliere ha pensato di
conoscere e per importanti spunti di differenziare e
fare ecosistema» potenziale sviluppo e concentrare le
collaborazione» competenze in aree ben
specifiche»
Il Gruppo di Lavoro

Marco Giorgino Alessandro Perego


Responsabile Responsabile
Scientifico Scientifico

Filippo Renga Laura Grassi Valeria Portale


Direttore Vice Direttore Direttore dell’Osservatorio
Blockchain & Distributed Ledger

Nadir Snouno Luca Battanta Davide Lanfranchi


Ricercatore Ricercatore Ricercatore

Andrea Nassano Giacomo Vella


Ricercatore Ricercatore

Si ringrazia: Roberto Garavaglia


Si ringraziano inoltre: Giada Amoroso, Raffaele Attanasio, Pietro Basilico, Alessandro Cappello, Marco Casiraghi, Luigi Conversa,
Luca Gasperini, Andrea Paccagnini, Edoardo Reggiori, Davide Ruffoni, Riccardo Sala
Per qualsiasi commento e richiesta di informazioni: laura.grassi@polimi.it | nadir.snouno@polimi.it
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 21 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Rapporti
I Rapporti con i risultati completi della Ricerca scaricabili da www.osservatori.net

Startup Fintech & Insurtech


Il Rapporto delinea nel dettaglio lo stato dell’arte e i principali trend italiani e internazionali dei modelli
di business e dei finanziamenti delle startup Fintech & Insurtech internazionali.
Temi correlati: Finance, Insurance, Digital Finance, Digital Insurance, Startup Fintech, Startup Insurtech,
Competizione Allargata, Technologies, Servizi Fintech, Servizi Insurtech

Utenti Fintech & Insurtech


Il Rapporto analizza il punto di vista degli utenti italiani in merito all’utilizzo e alla conoscenza dei servizi
Fintech & Insurtech. La Ricerca, svolta in collaborazione con Nielsen Italia, è stata condotta somministrando
un questionario online (survey CAWI) ad un panel di 1.515 persone rappresentativo della popolazione
internet italiana. Per completare la visione del fenomeno, sono stati integrati nell’indagine i principali
risultati emersi dall’analisi dell’audience e dei consumi da Pc e da Mobile (Smartphone e Tablet).
Temi correlati: Finance, Insurance, Digital Finance, Digital Insurance, Utenti, Servizi Fintech, Servizi
Insurtech

Digital Wealth Management


Il Rapporto è volto a illustrare il processo di profilazione attualmente adottato da diverse startup di
asset e wealth management a livello internazionale, spesso identificate con il nome di Robo Advisor,
con l’obiettivo di identificare le variabili ricorrenti o peculiari e l’approccio adottato ma anche quelle
che potrebbero avere un alto potenziale, qualora considerate. Vengono anche presentate le principali
caratteristiche degli utenti nonché i loro desiderata.
Temi correlati: Asset Management, Wealth Management, Robo-advisor, Finance, Digital Finance, Startup,
Incumbent, Profilazione, Utenti, Investimenti

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 23 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La Nota Metodologica

L’ambito di analisi

La Ricerca in questo terzo anno dell’Osservatorio, attraverso il confronto con esperti e con
i Sostenitori del progetto, si è focalizzata sui seguenti temi:
• Digital nelle Banche e nelle Assicurazioni;
• Open Finance Journey;
• Design Thinking nelle Banche e nelle Assicurazioni;
• Utenti Fintech & Insurtech;
• Digital Finance & Insurance nelle PMI;
• Modelli di business delle startup Fintech & Insurtech;
• Blockchain nelle Banche e nelle Assicurazioni;
• Digital Wealth Management.

Le metodologie di Ricerca

I risultati presentati in questo report sono il frutto di diverse metodologie di Ricerca, in


linea con gli obiettivi e le caratteristiche dal singolo filone di Ricerca, di seguito presentate.

Analisi della letteratura


Ogni filone di ricerca è stato sviluppato analizzando dapprima centinaia di rilevanti fonti
indirette coerenti con il tema della relativa ricerca, quali articoli accademici, report profes-

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 25 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La Nota Metodologica

sionali, piani strategici e altri documenti emessi direttamente dagli istituti finanziari e dalle
compagnie assicurative. In aggiunta sono state analizzate tutte le principali notizie di stam-
pa economica, nazionali e internazionali.

Analisi sull’impiego del Design Thinking


L’indagine è stata realizzata, in collaborazione con l’Osservatorio Design Thinking for
Business, tramite un questionario online (survey CAWI) sottoposto a 26 operatori bancari e
assicurativi italiani, con l’obiettivo di indagare:
• il grado di adozione del Design Thinking nel settore finanziario e assicurativo;
• il valore dell’applicazione del Design Thinking in diversi progetti di innovazione;
• la capacità e le attitudini necessarie per un’efficace applicazione del Design Thinking.

Indagine utenti Fintech & Insurtech


La Ricerca, svolta in collaborazione con Nielsen Italia, è stata condotta somministrando
un questionario online (survey CAWI) ad un panel di 1.515 persone rappresentativo della
popolazione attiva in internet in Italia, con l’obiettivo di rispondere alle seguenti domande:
• Quali “servizi Fintech & Insurtech” utilizzano gli Italiani?
• Quanto gli Italiani conoscono i “servizi Fintech & Insurtech” e come li percepiscono?
• Quali attori possono proporre i “servizi Fintech & Insurtech”?
• Come investono gli utenti internet Italiani?
• Quali strumenti digitali utilizzati gli Italiani per supportare gli investimenti?
• Cosa cercano gli italiani in una App bancaria?
• Cosa cercano gli italiani nell’offerta assicurativa digitale?

Per completare la visione di tali fenomeni, sono stati integrati nell’indagine i principali

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 26 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La Nota Metodologica

risultati emersi dall’analisi dell’audience e dei consumi rilevati tramite i panel meterizzati
Nielsen.

In particolare, per la fruizione di Internet i dati sono stati raccolti su un campione di circa
40.000 individui che navigano da casa e da ufficio, rappresentativo della popolazione italiana
con accesso a Internet. Il panel costituisce la base dei dati Audiweb powered by Nielsen. La
rilevazione avviene mediante software meter residente sul PC (di casa e/o dell’ufficio) che
traccia l’intera attività sui siti web e sulle applicazioni internet (instant messenger, P2P, me-
dia player, etc.). Le analisi relative al Mobile sono state realizzate mediante il panel Nielsen
Mobile (EMM). Tale panel, che rappresenta la navigazione internet da smartphone e tablet
(iOS e Android), è composto da oltre 6.000 individui e costituisce la base dei dati Mobile
Audiweb powered by Nielsen in Italia.

I servizi Fintech & Insurtech indagati sono i seguenti 15: Mobile Payment, Trasferimenti
P2P, Personal Financial Management, Chatbot, Smartphone withdrawal, Trasferimento dati
del conto corrente ad aziende (PSD2), Behavioral Insurance, Trading di criptovalute, Micro-
risparmio, Instant Loan, Crowdfunding, P2P Lending, Smartphone Accident Management,
Robo Advisor, Instant insurance.

Analisi della domanda di servizi bancari e assicurazioni rivolti alle PMI


La Ricerca è stata focalizzata su un’indagine telefonica (survey CATI) somministrata ad
un campione di 200 PMI italiane (imprese con meno di 250 dipendenti) con l’obiettivo di
rispondere alle seguenti domande:
• Quali “servizi Fintech & Insurtech” utilizzano le PMI italiane?
• Quanto le PMI Italiane conoscono i “servizi Fintech & Insurtech” e come li percepiscono?

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 27 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La Nota Metodologica

• Come vengono gestiti dalle PMI i rapporti con banche e assicurazioni?


• Quali sono le principali problematiche finanziarie delle PMI?

Il campione impiegato non è statisticamente rappresentativo delle PMI italiane, in quan-


to ai fini di Ricerca si è deciso di sottodimensionare la quota di microimprese a vantaggio
delle imprese, più strutturate e quindi più interessanti per il primo anno di analisi sul
tema.

Censimento delle startup Fintech & Insurtech


Il censimento, concluso ad ottobre 2018, ha analizzato, tramite indagine online, tutte le
startup in ambito Finance e Insurance nate dopo il 2013 e che secondo dati pubblici hanno
ricevuto almeno un finanziamento dal 15/5/2016 al 15/5/2018, il quale contribuisse a una
raccolta complessiva di almeno 1 milione di dollari. Le startup censite sono risultate essere
1.210, per un totale di oltre 43 miliardi di dollari di finanziamenti.

Analisi soluzioni Blockchain


La Ricerca è stata condotta attraverso:
• analisi applicazioni. Sono state raccolte e analizzate 546 notizie su soluzioni
Blockchain e Distributed Ledger avviate nel mondo, di queste 275 specifiche del mon-
do finanziario;
• interviste. Sono state intervistati 21 CIO di diversi attori (9 istituti finanziari italiani e
12 fornitori di tecnologia);
• survey. Questionario somministrato alle grandi aziende italiane a cui hanno risposto 18
attori del settore bancario.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 28 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La Nota Metodologica

Gli obiettivo della ricerca sono stati:


• comprendere gli ambiti applicativi su cui si stanno concentrando le aziende del setto-
re finanziario internazionale che utilizzano e sperimentano le tecnologie Blockchain e
Distributed Ledger;
• mappare le sperimentazioni e i progetti promossi o a cui partecipano le aziende del set-
tore finanziario italiano;
• capire la strategia con cui le aziende del settore finanziario italiano stanno approcciando
le tecnologie Blockchain e Distributed Ledger.

Ricerca Digital Wealth Management


Il censimento, concluso a Luglio 2018, ha analizzato i modelli di business e l’offerta delle
startup di Asset e Wealth Management operanti a livello internazionale, tramite indagine
online, in coerenza con i censimenti realizzati nelle precedenti ricerche in ambito Digital
Wealth Management di questo Osservatorio, alla cui nota metodologica si rimanda per mag-
giori dettagli.

Oltre 40 attori hanno partecipato a un focus group sul tema a luglio 2018, contribuendo
attivamente all’analisi dei risultati del censimento e allo studio delle richieste da parte degli
utenti in termini di conoscenza da parte del loro gestore.

L’analisi sul numero di Italiani che si affiderebbero ai diversi attori per la gestione dei pro-
pri risparmi è tratta dall’ “Indagine utenti Fintech & Insurtech”, svolta in collaborazione con
Nielsen, alla cui Nota Metodologica si rimanda.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 29 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Osservatorio Fintech & Insurtech
Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele

Il Convegno

Dicembre 2018
L’Agenda del Convegno 11 Dicembre 2018

9.30 Registrazione Alessandro Piccioni


Strategy and Innovation Director, Nexi
10.00 Scenario Fintech & Insurtech
Fabrizio Vedana
Marco Giorgino Vice Direttore Generale, Unione Fiduciaria
Responsabile Scientifico, Osservatorio Fintech & Insurtech,
Politecnico di Milano Fintech & Insurtech Factory
Marco Giorgino
Open Finance Journey
Responsabile Scientifico, Osservatorio Fintech & Insurtech,
Filippo Renga Politecnico di Milano
Direttore, Osservatorio F
 intech & Insurtech,
Politecnico di Milano Stefano Mainetti
Chief Executive Officer, PoliHub
Blockchain nel Finance
Valeria Portale Ne discutiamo con
Direttore, Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger, Alessandra Ceriani
Politecnico di Milano Partner, Deloitte

Ne discutiamo con Marco Folcia


Partner, PwC
Alberto Adorini
Head of Strategy and Business Development, Fabrick Danilo Mazzara
Principal Director, Accenture Strategy
Savino Damico
Head of Fintech Ecosystem Management and Monitoring, Andrea Metelli
Intesa Sanpaolo Partner, e*Finance Consulting Reply
Alex Milani
Gianluca De Cobelli
General Manager Europe, Kaleyra
Co-founder e CEO, Yolo Group

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 33 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
L’Agenda del Convegno

Digital Wealth Management Matteo Anthony-Destantini


Co-Founder & CFO, Splitty Pay
Laura Grassi
Vice Direttore, Osservatorio Fintech & Insurtech,
Lorenzo Frollini
Politecnico di Milano
Founder CEO e CTO, Flywallet
Ne discutiamo con
Massimo Marcotti
Massimiliano Faraon
Founder, Weez
CEO, Artesys Orion
Luca Valaguzza Utenti Fintech & Insurtech
Fondatore e Chief Product Officer, Euclidea Lorenzo Facchinotti
Analytics Consultant Manager – Marketing Effectiveness, Nielsen

PMI Fintech & Insurtech


13.00 Light Lunch Laura Grassi
Vice Direttore, Osservatorio Fintech & Insurtech,
Politecnico di Milano
14.00 Scenario startup Fintech & Insurtech
Filippo Renga
Direttore, Osservatorio F
 intech & Insurtech, 16.00 Chiusura dei lavori
Politecnico di Milano
Ecosistema Fintech italiano
Alessandro Longoni
Head, Fintech District
Premio Fintech & Insurtech Sul sito www.osservatori.net è possibile rivedere le riprese integrali
del Convegno “Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele”
Stefano Mainetti
Chief Executive Officer, PoliHub

Pitch delle startup Fintech & Insurtech Visita www.osservatori.net e seguici sui nostri social network

Yassin Hankir
Founder & CEO, savedroid

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 34 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Alberto comincia il suo percorso in consulenza strategica, come analista e Junior manager in Alberto Adorini
McKinsey&Co. Durante il suo MBA a UCLA Anderson, entra in contatto con il mondo del Venture
Head of Strategy and
Capital e guida, a soli 29 anni, la prima venture in area Fintech lanciata da Rocket Internet (venduta
Business Development,
con successo nel 2016). Nel suo ruolo attuale di responsabile strategia e business development di
Fabrick, Alberto riesce a combinare la passione per le nuove sfide e l’innovazione, la vena imprendi- Fabrick
toriale ed la solida formazione di business.

27 years, 1 master degree, 2 startups, 1 exit. Entrepreneur from the beginning, always trying to figu- Matteo Anthony
re out business ideas as solutions to solve problems that I have personally experienced. The early
Destantini
approach I had with entrepreneurial life helped me to grow and test the skills I learnt during my
studies at Politecnico di Milano, where I obtained a Master Degree in Management Engineering Co-Founder e CFO,
with specialization in International Business. After my first successful experience in ZZZleepandGo Splitty Pay
I suddenly decided to launch this new exciting fintech project.

Alessandra is a Partner in Strategy and Operation practice, where she leads the Operation Alessandra Ceriani
Transformation for the FSI in Italy (over 300 resources) and the Robotics and Cognitive solutions for
Partner,
Financial services, with responsibilities also at EMEA level. She works on complex projects regar-
ding the inter-functional change management impacting organization, process and functions and Deloitte
connected with IT matters. Alessandra has a deep and wide knowledge of the operating models of
the Retail Bank developed in a multi-year experience for a principal Banking Group, through the
responsibility of several projects concerning strong change management. In the last years,
Alessandra has gained a relevant experience in the RCA projects. Furthermore, she is the leader of Investment mana-
gement and real estate sectors in Deloitte Consulting.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 35 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Savino Damico Ha ricoperto alcune prestigiose cariche, a livello nazionale e internazionale, nell’ambito dei
payments (es. Board di IBOS Association, rappresentante Italiano presso l’European Payments
Head of Fintech Ecosystem
Council – OITS WG). Attualmente, nell’ambito della Direzione Innovazione, è responsabile del
Management and
Presidio Ecosistema Fintech. Tra le cariche attualmente ricoperte: selezionato dalla Commissione
Monitoring,
Europea per il gruppo “Blockchain Policy and Framework Conditions”; rappresenta la comunità
Intesa Sanpaolo bancaria italiana presso l’EBF nel “Committee on EU Regulatory Framework of Experimentation”.

Gianluca De Cobelli Gianluca vanta una pluriennale esperienza nel mondo finanziario, iniziata in GE Medical System. Si
specializza poi nei servizi di pagamento, ricoprendo ruoli di sempre maggiore responsabilità
Co-founder e CEO,
nell’ambito del Gruppo CartaSi (oggi Nexi). Nel 2014 si sposta nel mondo della consulenza in EY
Yolo Group prima e poi in Reply come Senior Advisor, occupandosi dello sviluppo della digitalizzazione dei
mercati, in particolare quello dei pagamenti. A fine 2017 é co-fondatore della start-up insurtech
YOLO, di cui assume la carica di CEO, per concentrarsi sulla trasformazione del settore
assicurativo.

Lorenzo Facchinotti Dottore di ricerca in sociologia della comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di
Milano, ha maturato un’esperienza ventennale nell’ambito della consulenza e delle ricerche di mer-
Analytics Consultant
cato. Nel 2010 entra in Nielsen, dove attualmente è Analytic Consultant Manager Marketing
Manager – Marketing
Effectiveness. In questo ruolo gestisce le indagini sull’evoluzione dell’utilizzo dei canali digitali e
Effectiveness,
sulla misurazione dell’efficacia delle campagne pubblicitarie con l’obiettivo di fornire al mercato
Nielsen informazione ed insights a elevato valore aggiunto.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 36 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Degree in Electronic Engineering with specialization in Neural Networks. In 1997 as an indepen- Massimiliano Faraon
dent consultant he delivered IT Services especially for Finance and Banking sector and finally in
CEO,
1999 he established “Orion Servizi Informatici” – today “Artesys Orion” – which provides IT
Services and Enterprise Solutions specifically to the Asset Management sector, proposing solutions Artesys Orion
and services to primary national SIMs and SGRs. Over the years he so developed a strong passion for
Artificial Intelligence connected to the Financial and Banking world with the aim of developing and
promoting new disruptive solutions.

All’interno della Firm è responsabile dei servizi offerti in ambito Operations e Payments a supporto Marco Folcia
dell’evoluzione del business degli intermediari finanziari. Vanta un’esperienza di oltre 15 anni nella
Partner,
consulenza, sia in Italia che all’estero, su temi di business transformation, ottimizzazione dei processi
operativi, CRM, carte e sistemi di pagamento. Di recente ha supportato i principali gruppi bancari ita- PwC
liani in progetti di innovazione e trasformazione delle macchina operativa, lavorando anche sui proces-
si di consolidamento della rete distributiva e facilitando le attività di migrazione ai canali digitali.
Marco, prima di unirsi a PwC, ha lavorato presso altre primarie società di consulenza direzionale in
Italia e all’estero. Ha conseguito un dottorato di ricerca in economia e management presso la City University di Londra.

Founder CEO e CTO di Flywallet, startup innovativa Fintech. Laureando in ingegneria aerospazia- Lorenzo Frollini
le, nel 2016 ha inventato e brevettato un innovativo sistema di pagamento e di identificazione digitale
Founder CEO e CTO,
della persona. Lavorando sul proprio progetto, ha acquisito esperienza nel Fintech, sui pagamenti
elettronici, passando dalla proprietà intellettuale, prototipazione rapida, cybersecurity, social media Flywallet
marketing, comunicazione e al mondo startup. Ha partecipato, riscuotendo successo, ad eventi e
competition come l’iBank Challenge di AbiLab, Heroes meet in Maratea 2018 e Maker Faire Rome
2018.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 37 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Yassin Hankir With savedroid (www.savedroid.com) Yassin wants to democratize cryptocurrencies by creating a
unique AI-fueled ecosystem of crypto saving and investing for the masses. User profit from easy
Founder & CEO,
access to smart saving and investment plans across Coins. Yassin is Crypto and FinTech entrepre-
savedroid neur and enthusiast by heart. He is Founder & CEO of savedroid, Co-Host of the Frankfurt FinTech
Meetup, and co-founded the robo-advisor vaamo. Before becoming an entrepreneur, Yassin worked
as strategy consultant at McKinsey & Co. His focus was on retail and private banking across Europe,
the Middle East, and Southeast Asia. Yassin holds a master in Economics and a Ph.D. in Finance
from Goethe-University Frankfurt.

Alessandro Longoni Alessandro si è occupato di innovazione digitale e business development a livello globale in aziende
come Samsung e Vodafone. Prima di prendere la responsabilità del Fintech District rientrando a
Head,
Milano, ha lavorato e vissuto per 5 anni a Londra. Il suo ultimo progetto è stato portare Samsung Pay in
Fintech District
Europa. Ha orgogliosamente deciso di dedicare un anno della sua vita a viaggiare in 8 paesi diversi.
Ama lo sport e giocare con tutto ciò che è digitale.

Stefano Mainetti Stefano Mainetti è CEO di PoliHub, dell’Innovation District & Startup Accelerator del Politecnico di
Milano. Membro della Faculty del MIP, la Business School del Politecnico di Milano e direttore scienti-
Chief Executive Officer,
fico dell’Osservatorio Startup Intelligence, dell’Osservatorio Enterprise Application Governance e
PoliHub dell’Osservatorio Cloud & ICT as a Service. Membro del Comitato Scientifico del Centro per la Cultura
d’Impresa della Camera di Commercio di Milano. I suoi principali campi di interesse sono l’imprendi-
torialità e l’innovazione d’impresa, cambiamenti economici, organizzativi e sociali in ambito ICT e
Internet. Ha sviluppato un’approfondita conoscenza di sistemi informativi aziendali e delle tecnologie
ICT temi di cui ha pubblicato numerosi articoli su riviste e libri nazionali e internazionali.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 38 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Massimo consegue un MSc in Finance presso l’Università Bocconi, specializzandosi in tematiche di Massimo Marcotti
Global Wealth Management in California ed Australia. Ha collaborato nel team investimenti in due
Founder,
primari gruppi bancari internazionali. In particolare, vive la fase di startup di una nuova realtà
lussemburghese in Italia, dove guida un progetto di sviluppo software per l’analisi finanziaria e risk Weez
management del portafoglio dei clienti. Prima di dedicarsi full-time al progetto di Weeez, approfon-
disce temi di innovazione e tecnologia con un Master in Digital Entrepreneurship presso H-FARM.

Nato a Palermo nel 1974 e Laureato in Economia Aziendale presso l’Università di Pisa, ha 20 anni di Danilo Mazzara
esperienza nel settore della Consulenza Direzionale dove ha maturato competenze nelle aree piani-
Principal Director,
ficazione strategica/commerciale e lancio di nuovi prodotti/servizi nei settori Banche, Healthcare,
Scienze della Vita e Digitale. È responsabile dei servizi di “Open Innovation” nell’ambito del quale Accenture Strategy
ingaggia e gestisce le relazioni con l’ecosistema innovazione ed esegue progetti di trasformazione
per grandi aziende facendo leva sull’open innovation. Partecipa attivamente al Programma Skills to
Succeed di Accenture e collabora con la Fondazione Italiana Accenture come Mentor per sostenere
la crescita di nuove iniziative sia profit che no profit. Appassionato per l’innovazione, gli piace portare energia alle
novità e connettere le cose giuste con le persone giuste.

Replyer from 2008, he is Partner of e*Finance Consulting Reply, the Reply management consulting Andrea Metelli
company focused on financial institutions. He leads Retail Banking Practice with focus on digital
Partner,
evolution of banking service model and offering. Before joining Reply, Andrea Metelli worked in the
Financial Institutions practices of Accenture Strategy and Bain & Company. Andrea Metelli has a e*Finance Consulting
degree in Business Administration at Bocconi University. Reply

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 39 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Alex Milani Alex Romano Milani guida Kaleyra in Europa ed è riconosciuto come uno dei principali esperti nei
servizi Mobile Finance. Arrivato in Ubiquity nell’ottobre 2007 come Business Development Manager
General Manager Europe,
con l’obiettivo di sviluppare il mercato Italiano, nel 2013 è diventato membro dell’Executive
Kaleyra Management team come VP Sales Italy per poi assumere la carica di General Manager a gennaio
2017. Ha lavorato in TIM, sia alle Vendite Large Business che nella Direzione Marketing allo svilup-
po dei servizi VAS Corporate. Alex, 51 anni, è laureato in Ingegneria Informatica al Politecnico di
Milano, è sposato ed ha due figli.

Alessandro Piccioni Alessandro is the Strategy & Innovation Director of NEXI, a BainCap and Advent portfolio com-
pany, leader in the Italian financial technology industry. As a thought leader in the undergoing digi-
Strategy and Innovation
tal transformation, he is responsible for strategic initiatives, focusing on open innovation and cor-
Director,
porate ventures. Former Bain&Co and Goldman Sachs professional with international experience
Nexi across 30+ strategic and corporate finance engagements with Fortune 500 companies, Alessandro
spent the last 5 years in professional services in New York and Miami. He is currently a Junior Fellow
at the Aspen Institute, an international network, set up with the aim of creating a better informed
and more responsible global leadership. He holds an MBA from MIT and an MSc in Accounting and Finance from the
London School of Economics.

Luca Valaguzza Laureato in Economia e Commercio, ha una ampia esperienza nella gestione di portafogli tradizio-
nali e alternative. In precedenza è stato dirigente nel Gruppo BPM (Banca Popolare di Milano) rico-
Fondatore e Chief Product
prendo la carica di Direttore Investimenti di Akros Alternative Investments SGR dal 2002 al 2012.
Officer,
In precedenza è stato Responsabile dei Mercati Azionari Europei di BNL Gestioni SGR. Oggi è Chief
Euclidea Product Officer di Euclidea SIM SpA, società FinTech specializzata nella gestione degli investimenti
con sede a Milano.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 40 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Relatori

Fabrizio Vedana si è laureato nel 1996 a pieni voti presso l’Università di Pavia con tesi di laurea in Fabrizio Vedana
diritto bancario e finanziario. Dopo aver prestato servizio in Guardia di Finanza come ufficiale di
Vice Direttore Generale,
complemento ha conseguito il titolo di avvocato. Dal 1998 lavora presso Unione Fiduciaria della
quale, sin dal 2012, è vice direttore generale. Pubblicista e autore di libri per Egea-Bocconi, Unione Fiduciaria
IlSole24Ore e gruppo Class, è componente del comitato direttivo del CBE Geie con sede in Bruxelles
e Presidente di vari Organismi di Vigilanza 231 presso banche ed intermediari.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 41 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Il Premio Fintech & Insurtech

Il Premio Fintech & Insurtech dell’Osservatorio nasce, in collaborazione con PoliHub,


allo scopo di raccogliere dagli studenti, di qualsiasi ambito e livello, progetti innovativi per
promuovere e stimolare l’innovazione nel settore finanziario e assicurativo.

I progetti sono stati valutati dalla community dell’Osservatorio rappresentata da un comi-


tato di 15 Esperti e premiato durante il Convegno di presentazione dei risultati della Ricerca
2018.

Fintech & Insurtech

2018

I 3 progetti finalisti dell’edizione 2018 sono:


• Flywallet
• SplittyPay
• Weez

Per ulteriori informazioni contattare: laura.grassi@polimi.it

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 43 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Il Premio Fintech & Insurtech

Flywallet

È una piattaforma per pagamenti digitali e servizi VAS, rivolta sia ad utenti che esercenti; include un dispositivo
wearable economico e innovativo, dotato di autenticazione biometrica, con funzioni di pagamento, OTP, identi-
ficazione digitale della persona, loyalty card e servizi NFC (ticket/abbonamenti, badge per accessi). Il dispositivo
è autonomo e permette di pagare in modo facile, veloce e sicuro: è sufficiente avvicinare il dispositivo al POS e
poggiare il dito sul sensore biometrico per autorizzare la transazione. L’app permette all’utente di monitorare i
propri conti e scambiare denaro e all’esercente di gestire i programmi loyalty ed avere statistiche sui dati aggre-
gati. Il nostro obiettivo è rendere i pagamenti facili, veloci e sicuri, per tutti.

SplittyPay

SplittyPay è una piattaforma di shared payment che permette di “splittare” una transazione online su diverse
carte di debito/credito. È possibile anche inviare richieste di pagamento, nel caso in cui uno o più partecipanti al
pagamento di gruppo non fossero presenti al momento dell‘acquisto e nessuno voglia anticipare la propria quo-
ta. Chi sta effettuando fisicamente l’acquisto può inserire la mail della persona che deve effettuare il pagamento
da remoto, e questa riceverà tramite posta elettronica un link per procedere al pagamento direttamente dal suo
device. L’obiettivo è quello di diventare un istituto di pagamento entro il 2020 e ampliare l’offerta di metodi di
pagamento.

Weez

Weeez offre una soluzione innovativa per le compagnie assicurative, basata sull’utilizzo di Artificial Intelligence
e device IoT. Tali dispositivi vengono utilizzati come black box per gli oggetti (ad esempio computer, reflex,
etc.) che i clienti vogliono avere sotto controllo. A integrazione dell’offerta assicurativa, si abilita un servizio
“beyond insurance”, permettendo il monitoraggio degli oggetti attraverso un’applicazione per smartphone di
facile utilizzo basata su un approccio preventivo alla cura dei beni. La fruizione del servizio e dell’app comporta
l’acquisizione di una serie di dati utili alla profilazione della clientela sulla base di cluster comportamentali.
I sistemi di AI permettono,infatti, di analizzare il comportamento dei clienti nel corso del tempo, anticipando
l’evoluzione dei loro bisogni e offrendo servizi altamente personalizzati. L’obiettivo è diventare un partner di
Artificial Intelligence e Internet of Things dei principali gruppi assicurativi nazionali e internazionali.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 44 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Osservatorio Fintech & Insurtech
Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele

Gli Attori

Dicembre 2018
La School of Management

La School of Management del Politecnico di Milano

La School of Management del Politecnico di Milano, costituita nel 2003, accoglie le


molteplici attività di ricerca, formazione e alta consulenza, nel campo dell’economia, del
management e dell’industrial engineering che il Politecnico porta avanti attraverso le sue
diverse strutture interne e consortili.

La Scuola ha ricevuto, nel 2007, il prestigioso accreditamento EQUIS. Nel 2009 è entrata
per la prima volta nel ranking del Financial Times delle migliori Business School europee,
e oggi è in classifica con Executive MBA, Full-Time MBA, Master of Science in Management
Engineering, Customised Executive programmes for business e Open Executive programmes
for managers and professionals. Nel Marzo 2013 ha ottenuto il prestigioso accreditamento
internazionale da AMBA (Association of MBAs) per i programmi MBA e Executive MBA.
La Scuola può contare su un corpo docente di più di duecento tra professori, ricercatori,
tutor e staff e ogni anno vede oltre seicento matricole entrare nel programma undergraduate.
La Scuola è membro PRME (Principles for Responsible Management Education), Cladea
(Consejo Latinoamericano de Escuela de Administración) e QTEM (Quantitative Techniques
for Economics & Management Masters Network).

Fanno parte della Scuola: il Dipartimento di Ingegneria Gestionale e il MIP Graduate


School of Business che, in particolare, si focalizza sulla formazione executive e sui program-
mi Master.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 47 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La School of Management

Le attività della School of Management legate all’Innovazione Digitale si articolano in:


• Osservatori Digital Innovation, che fanno capo per le attività di ricerca al Dipartimento
di Ingegneria Gestionale;
• Formazione executive e programmi Master, erogati dal MIP.

Gli Osservatori Digital Innovation

Gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano
nascono nel 1999 con l’obiettivo di fare cultura in tutti i principali ambiti di Innovazione
Digitale.

La Vision che guida gli Osservatori è che l’Innovazione Digitale sia un fattore essenziale
per lo sviluppo del Paese.

La Mission degli Osservatori è produrre e diffondere conoscenza sulle opportunità e gli


impatti che le tecnologie digitali hanno su imprese, pubbliche amministrazioni e cittadini,
tramite modelli interpretativi basati su solide evidenze empiriche e spazi di confronto in-
dipendenti, pre-competitivi e duraturi nel tempo, che aggregano la domanda e l’offerta di
Innovazione Digitale in Italia.

Gli Osservatori sono oggi un punto di riferimento qualificato sull’Innovazione Digi-


tale in Italia che integra attività di Ricerca, Comunicazione, Aggiornamento continuo e
Networking.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 48 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La School of Management

I fattori distintivi
Le attività degli Osservatori Digital Innovation sono caratterizzate da 4 fattori distintivi.
1. La Ricerca è focalizzata sui temi chiave dell’innovazione digitale, è indipendente e
orientata all’Open Innovation ed è basata su solide metodologie, pragmatismo, empiri-
smo e analisi dell’eccellenza.
2 Il Network è composto da decisori e C-Level della domanda, dell’offerta e delle Istitu-
zioni, ed è finalizzato a interagire, collaborare e sviluppare relazioni concrete.
3. La Comunicazione è finalizzata a raggiungere il più ampio numero di persone, ed è
orientata a fare chiarezza sulle opportunità e diffondere buone pratiche, esperienze e
cultura dell’innovazione digitale.
4. L’Aggiornamento continuo sui principali trend dell’innovazione digitale è possibile
attraverso la partecipazione attiva alle Ricerche degli Osservatori e il confronto con
analisti ed esperti con know how unico e distintivo.

Gli Osservatori Digital Innovation (2017-2018)


Gli Osservatori Digital Innovation sono classificabili in 3 macro categorie.
1. Digital Trasformation, che include gli Osservatori che analizzano in modo trasversale
i processi di innovazione digitale che stanno profondamente trasformando l’Italia.
2. Digital Solutions, che raggruppa gli Osservatori che studiano in modo approfondito
specifici ambiti applicativi e infrastrutturali relativi alle nuove tecnologie digitali.
3. Verticals, che comprende gli Osservatori che analizzano l’innovazione digitale in
specifici settori o processi.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 49 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La School of Management

Digital Transformation:
Agenda Digitale | Design Thinking for Business | Digital Transformation Academy | Startup
Hi-tech | Startup Intelligence

Digital Solutions:
Artificial Intelligence | Big Data Analytics & Business Intelligence | Blockchain & Distributed
Ledger | Cloud Transformation | eCommerce B2c | Fatturazione Elettronica & eCommerce B2b
| Information Security & Privacy | Internet of Things | Mobile B2c Strategy | Mobile Payment &
Commerce | Multicanalita | Omnichannel Customer Experience | Smart Working

Verticals:
Contract Logistics| Digital Sport | Export | Fintech & Insurtech | Food Sustainability | Gioco
Online | HR Innovation Practice | Industria 4.0 | Innovazione Digitale in Sanita | Innovazione
Digitale nei Beni e Attivita Culturali | Innovazione Digitale nel Retail | Innovazione Digitale nel
Turismo | Internet Media | Kids & Toys | Mobile Banking | Professionisti e Innovazione Digitale
| Smart AgriFood | Supply Chain Finance

Si segnalano di seguito gli Osservatori correlati a Fintech & Insurtech:


Artificial Intelligence | Big Data Analytics & Business Intelligence | Blockchain & Distributed
Ledger | Design Thinking for Business | Information Security & Privacy | Internet of Things
| Mobile Payment & Commerce | Supply Chain Finance

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 50 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La School of Management

I numeri chiave del 2017


• Formazione: 150 pubblicazioni con i risultati delle ricerche; 200 workshop e webinar;
archivio di 800 Pubblicazioni e 300 Eventi on demand.
• Ricerca: 39 Osservatori; 5.000 casi; 90 Professori/Ricercatori/Analisti.
• Network: 350 partner e sponsor; 150.000 contatti; 8.500 contatti C-Level; 18.000 parte-
cipanti agli Eventi.
• Comunicazione: 200 Eventi; 5.000 Uscite stampa; 20.000 Report cartacei distribuiti;
25 Pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

Per maggiori informazioni si veda il sito www.osservatori.net


Seguici anche su:

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 51 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
La School of Management

MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business

Gli Osservatori Digital Innovation sono fortemente integrati con le attività formative della
Scuola: nel senso che rappresentano un’importante sorgente per la produzione di materiale
di insegnamento e di discussione per i corsi e traggono anche spesso linfa vitale dalle espe-
rienze di coloro che partecipano ai corsi (in particolare a quelli post-universitari erogati dal
MIP) o vi hanno partecipato nel passato.

In sinergia con gli Osservatori, il MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business
ha lanciato diverse iniziative nell’ambito Digital Innovation:
• Master Executive MBA con possibilità di scegliere corsi elective focalizzati sui temi della
Digital Business Transformation;
• Percorso Executive in Gestione Strategica dell’Innovazione Digitale;
• Corsi brevi Digital Innovation.

Per maggiori informazioni si veda il sito www.mip.polimi.it

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 52 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Formazione - Corsi brevi sul Fintech & Insurtech

I corsi brevi sul Fintech & Insurtech:


MIP Graduate School of Business ha attivato la Fintech & Insurtech
Academy con l’obiettivo di delineare e discutere, anche con esperti
internazionali e professionisti operanti nel settore, quali siano le
sfide per il mondo finanziario e quali le possibili nuove soluzioni e
opportunità che nascono dall’integrazione tra finanza e tecnologia
digitale, anche grazie al know-how maturato nell’ambito
dell’Osservatorio Fintech & Insurtech della School of Management
del Politecnico di Milano

Struttura dei corsi (primavera - autunno 2019):


• Digital transformation nell’industria finanziaria e assicurativa
• Fintech e Insurtech
• Innovazione digitale nel Lending e nei servizi di
pagamento
• Blockchain
• Big Data, API e Machine Learning
Per informazioni scrivere a: Laura Grassi – laura.grassi@polimi.it
I percorsi
di aggiornamento
sul digitale
Gli Osservatori Digital Innovation
della School of Management
del Politecnico di Milano organizzano
diversi percorsi di Workshop e Webinar,
con l'obiettivo di aiutare a comprendere
quali effetti abbia l'evoluzione tecnologica
nelle nuove strategie digitali,
attraverso la discussione dei risultati
delle nostre Ricerche annuali.

Tutti gli eventi possono essere seguiti


in diretta web e on demand

Vieni sul sito WWW.OSSERVATORI.NET/it_it/percorsi


per conoscere l'offerta completa dei percorsi e le date aggiornate degli appuntamenti
PERCORSI 2019-2020 NOVITÀ

- AGENDA DIGITALE E INNOVAZIONE NELLA PA Scopri anche


le nuove pubblicazioni
- ARTIFICIAL INTELLIGENCE
"GRAFICI",
- BIG DATA & ANALYTICS STRATEGY la nuova sezione
- BLOCKCHAIN & DISTRIBUTED LEDGER "VIDEO" e il nuovo
abbonamento "VIP"
- CLOUD COMPUTING STRATEGY & IT GOVERNANCE
Per maggiori
- CONTRACT LOGISTICS informazioni e dettagli
- DIGITAL B2B: DALLA FATTURAZIONE ALLA COLLABORAZIONE DI FILIERA visita il portale
www.osservatori.net
- DIGITAL RETAIL INNOVATION: DATI, TECNOLOGIE ED ESPERIENZE
o guarda sul retro del
- DPO volantino
- EXPORT DIGITALE: STRATEGIE A CONFRONTO
- GOVERNANCE DEI CONTRATTI ICT
- HR INNOVATION & SMART WORKING PRACTICE
- IL GDPR È ORMAI EFFICACE. COME AFFRONTARE LE NUOVE SFIDE
- INDUSTRIA 4.0
- INFORMATION SECURITY & PRIVACY
- INTERNET MEDIA STRATEGY
- INTERNET OF THINGS APPLICATION
- L’ECOMMERCE B2C IN ITALIA: DATI, TREND E FATTORI CRITICI DI SUCCESSO
- L’EVOLUZIONE DIGITALE NELLA GESTIONE DEI VIAGGI D’AFFARI
- LE OPPORTUNITÀ DALLA RIVOLUZIONE FINTECH & INSURTECH
L’Innovazione Digitale
on Demand
I servizi di aggiornamento continuo
degli Osservatori Digital Innovation

Gli Osservatori Digital Innovation


rappresentano una fonte unica di conoscenza
sull’Innovazione Digitale sviluppata da un team
di oltre 80 Ricercatori e Professori del Politecnico
di Milano, che da anni puntano a fornire
a professionisti, manager e imprenditori
una visione strategica e manageriale dell’innovazione
digitale, consapevole che questa rappresenta una leva
indispensabile per la competitività delle imprese
e il rilancio economico e sociale
del nostro Paese.

Visita il sito WWW.OSSERVATORI.NET


per maggiori informazioni sugli abbonamenti e come accedere a tutti i prodotti e servizi
SERVIZI PREMIUM
Attraverso la nostra piattaforma multimediale e interattiva www.osservatori.net è possibile accedere a tutto il know-how delle ricerche realizzate
dagli Osservatori per essere costantemente aggiornati, in qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo, su tutti i temi chiave dell’Innovazione
Digitale. All'interno di Osservatori.net potrete trovare:
• RAPPORTI con i risultati integrali delle Ricerche e Business Case relativi all’innovazione digitale (oltre 200 all’anno)
• una NUOVA raccolta di GRAFICI per rappresentare puntualmente tutti i numeri e i trend dei mercati digitali
• Atti, Diretta Web e Video on demand dei CONVEGNI degli Osservatori (circa 30 all’anno)
• Partecipazione in aula, diretta Web e Video on demand dei WORKSHOP (della durata di 3/4 ore) con Analisti ed Esperti (oltre 20 all’anno)
• Diretta Web e Video on demand dei WEBINAR (della durata di 1 ora) con Analisti ed Esperti (oltre 150 all’anno)
• una NUOVA sezione VIDEO dedicata a interviste, opinioni dei ricercatori e presentazioni animate per conoscere lo stato dell’arte del digitale
• Call con ANALISTI per domande e approfondimenti sui risultati delle ricerche

COME ACCEDERE A CONTENUTI E SERVIZI


PREMIUM FULL PREMIUM FULL PREMIUM
Gli Abbonamenti consentono di accedere ABBONAMENTO SINGOLO: PASS PASS PASS VIP
a tutto il know-how, ai contenuti e agli eventi
Dati e Pubblicazioni
e sono disponibili in due tipologie: & Business Case accesso completo accesso completo accesso completo
• l’abbonamento singolo garantisce l’accesso Diretta Web e Video
“personale” ai contenuti e servizi premium accesso completo accesso completo accesso completo
On Demand dei Convegni
e non può essere condiviso con altre Workshop di Approfondimento
persone. Questo abbonamento consente la Premium (in aula, diretta web sconto del 70% accesso completo accesso completo
visualizzazione dei video on demand dei e video on demand per 30 giorni)
webinar e dei workshop per 30 giorni dal Call con Analisti x 5 slot da mezz’ora 5 slot da mezz’ora
primo accesso; Webinar
• l’abbonamento aziendale consente accessi (in aula, diretta web x accesso completo accesso completo
e video on demand per 30 giorni)
multipli in funzione del numero di Pass
acquistati. Per gli abbonamenti aziendali è Sezione “Grafici” x x accesso completo
possibile accedere ai video on demand dei Sezione “Video” x x accesso completo
workshop e dei webinar presenti per tutta 690 € + IVA 1.890 € + IVA 2.790 € + IVA
la durata dell’abbonamento.
I Sostenitori della Ricerca

Partner
• Accenture • Nielsen
• Artesys Orion • PoliHub Innovation District & Startup Accelerator
• Fabrick • PwC
• Intesa Sanpaolo • Reply
• Kaleyra • Unione Fiduciaria
• Mediobanca • Yolo
• Nexi

Sponsor
• Banca di Sassari (Gruppo BPER) • Gruppo Helvetia Italia
• Banca Popolare di Sondrio • ING
• CEGEKA • Microdata Group
• Deloitte • SIA
• Euclidea • Supernovae Labs
• everis Italia • UBI Banca
• Fintastico

In collaborazione con
• ASSIOM FOREX • Fintech District
• Assofintech • Istituto Affari Internazionali

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 59 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

50 e offrono servizi in 39 lingue diverse, con un impiego di oltre


273.000 risorse qualificate.

Accenture ACCENTURE IN ITALIA – Presente in Italia dal 1957, Accenture


www.accenture.it conta oggi oltre 13.000 dipendenti. L’azienda ha sedi principali a
Milano, Roma, Torino, Napoli e Cagliari oltre a diversi uffici sul
territorio nazionale. L’Italia è parte integrante del network inter-
nazionale di Accenture con:
• 6 centri di innovazione per lo sviluppo di soluzioni avanzate in
Accenture è un’azienda leader a livello globale nel settore dei ser- settori specializzati quali: banda larga, TLC, food, moda, auto-
vizi professionali. Fornisce una vasta gamma di servizi e soluzioni motive e impresa 4.0 a Torino, Milano e Roma.
nei settori strategy, consulting, digital, technology e operations. • 2 Delivery Center a Napoli e Cagliari.
Combinando un’esperienza unica e competenze specialistiche in
Negli ultimi anni Accenture ha continuato la propria strategia
più di 40 settori industriali e in tutte le funzioni aziendali, Accentu-
di rafforzamento in Italia mediante l’acquisizione di New Energy
re opera all’intersezione tra business e tecnologia per aiutare i clien-
Group (2016), azienda specializzata in soluzioni di Salesforce, e di
ti a migliorare le proprie performance e creare valore sostenibile
i4C Analytics (2014), con l’obiettivo di consolidare il proprio ruolo
per i loro stakeholder. Con circa 459.000 professionisti impegnati
nel campo digital e dei big data. Accenture in Italia è attiva nelle
a servire i suoi clienti in più di 120 paesi, favorisce l’innovazione
principali associazioni di settore nel Paese e collabora con think
per migliorare il modo in cui il mondo vive e lavora. Accenture
thank e organizzazioni non profit.
ha chiuso l’anno fiscale 2018 con un incremento del 14% rispet-
to all’anno precedente. Nell’ultimo anno Accenture annovera tra L’APPROCCIO AL MERCATO – Il fattore distintivo di Accenture è
i suoi clienti 95 delle aziende Fortune Global 100 e oltre tre quarti coniugare le competenze e l’esperienza dei suoi professionisti in ol-
delle Fortune Global 500. Al centro dell’azienda e del suo valore tre 40 diversi settori di mercato, con capacità funzionali specialisti-
ci sono le persone e la loro continua crescita: per questo l’azienda che di consulenza direzionale, servizi tecnologici e outsourcing. Le
sostiene la formazione e lo scorso anno fiscale a livello internazio- piattaforme di business – Accenture Strategy, Accenture Consulting,
nale, ha investito 935 milioni di dollari in formazione. Accenture Accenture Digital, Accenture Technology, Accenture Operations,
si impegna inoltre in programmi volti a garantire un ambiente di Accenture Security – sono i motori dell’innovazione dell’azienda.
lavoro libero e equilibrato, dove ciascuno possa sentirsi se stesso e Accenture fornisce i propri servizi e le proprie soluzioni nell’am-
valorizzare al meglio il proprio talento. bito di 19 industry, organizzate attraverso cinque gruppi operativi:
I GLOBAL DELIVERY CENTER – I Delivery Center sono più di CMT, FS, HPS, Products, Resources.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 60 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

processi, studi di fattibilità, PoC, implementazione di solu-


zioni/progetti turnkey)
• IT OnSite Support & IT Outsourcing
Artesys Orion
www.artesysorion.it
• IT Security & SOC
• AI & ML Advices & Solutions for Finance & Banking …

… nel 2018 Artesys Orion ha infatti deciso di ampliare il pro-


prio offering inaugurando un nuovo Dipartimento di AI & ML
Artesys Orion … established in 1999 dedicato all’ambito Finance & Banking.

Artesys Orion è una Società Privata Italiana operante nell'In-


formation & Communication Technology, specializzata in Ser-
vizi e Soluzioni Enterprise a supporto delle strategie di evolu-
zione e consolidamento dei dipartimenti tecnologici dei clienti,
con una forte specializzazione nell’ambito Finance & Banking;
Artesys Orion è quindi composta da architetti ed ingegneri
specializzati nell’analisi delle necessità dei clienti e nel disegno
di soluzioni ed architetture meglio rispondenti ai loro obiettivi
primari.

La nostra rete di aziende Partner garantisce alla nostra propo-


sizione maggior capillarità sul territorio nazionale, sia nelle fasi
di implementazione dei progetti sia nel mantenimento degli
ambienti rilasciati, avendo così infatti la disponibilità di risorse
adeguate alla dimensione dei progetti che ci vengono affidati.

Nel seguito si riepilogano alcuni tra i principali servizi offerti:


• IT Service Management & ITOM (assessment, analisi dei
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 61 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

tazione ed i costi di gestione rispetto allo sviluppo di software


interno.
Fabrick
www.fabrick.com
Coloro che si collegano alla nostra piattaforma sono Corpo-
rate, fintechs e banche che vogliano migliorare i loro processi
e creare nuovi modelli di business, anche in modalità Open
Innovation.

Fabrick è un ambizioso progetto per costruire un ecosistema


aperto e collaborativo incentrato su una piattaforma Open
Banking di rilevanza internazionale.

Ogni componente di offerta di Fabrick, dai pagamenti alle solu-


zioni di Supply Chain Finance, ha una sua strategia di sviluppo
indipendente ma condivide con le altre un tratto: espone i pro-
pri servizi sulla nostra piattaforma di Open Banking, Fabrick
Platform.

Essendo Platform una piattaforma aperta, i produttori delle so-


luzioni possono essere società di Fabrick o società terze, ban-
che, assicurazioni, società tecnologiche.

Spesso, le componenti di piattaforma vengono combinate in


modo da costruire soluzioni che rispondono a esigenze di bu-
siness specifiche (es. portali di equity crowdfunding, corpora-
tes, …).

L’opportunità è di ridurre drasticamente i tempi di implemen-


I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 62 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

che controllate operanti nel commercial banking in 12 Paesi


dell'Europa centro-orientale e nel Medio Oriente e Nord Afri-
ca, e una rete internazionale specializzata nel supporto alla
Intesa Sanpaolo
www.group.intesasanpaolo.com
clientela corporate in 25 Paesi, in particolare nel Medio Orien-
te e Nord Africa e in quelle aree in cui si registra il maggior
dinamismo delle imprese italiane, come Stati Uniti, Brasile,
Russia, India e Cina.

Intesa Sanpaolo è il gruppo bancario nato dalla fusione di Da sempre attento all’Innovazione, il Gruppo Intesa Sanpaolo
Banca Intesa e Sanpaolo IMI, due grandi realtà bancarie ita- offre servizi bancari alla clientela tramite Internet e Corporate
liane caratterizzate da valori comuni che si sono aggregate per Banking e sta ampliando l’offerta con nuovi strumenti quali il
crescere, per servire meglio le famiglie e per contribuire ulte- Mobile Banking per privati e imprese, Trade Finance online e
riormente allo sviluppo delle imprese e alla crescita del paese. Corporate Banking Internazionale.

Intesa Sanpaolo si colloca tra i primissimi gruppi bancari


dell'eurozona con una capitalizzazione di mercato di 34,2 mi- (1)
Al 31 Ottobre 2018
liardi di euro(1).

Intesa Sanpaolo è leader in Italia in tutti i settori di attività


(retail, corporate e wealth management).

Il Gruppo offre i propri servizi a 11,9 milioni di clienti avva-


lendosi di una rete di circa 4.400 sportelli presenti su tutto il
territorio nazionale con quote di mercato non inferiori al 12%
nella maggior parte delle regioni.

Intesa Sanpaolo ha una presenza internazionale strategica,


con circa 1.000 sportelli e 7,5 milioni di clienti, incluse le ban-
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 63 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

l’acquisizione negli Stati Uniti di Hook Mobile società specia-


lizzata nel settore dei servizi mobile per le aziende e proprie-
taria di una innovativa piattaforma di messaggistica basata sul
Kaleyra
www.kaleyra.com
modello cloud computing.
Grazie alla sinergia delle piattaforme tecnologiche delle socie-
tà acquisite, l’offerta di Kaleyra oggi è tra le più innovative del
mercato, includendo servizi a valore, come i cosiddetti “servizi
voce”, che sempre di più saranno centrali nello sviluppo di nuo-
Kaleyra è un gruppo internazionale specializzato nella forni- ve offerte.
tura di servizi di messaggistica mobile per le banche e per le Oggi Kaleyra vanta un fatturato complessivo di circa 107 mi-
aziende di tutte le dimensioni. lioni di dollari (dato riferito all’anno fiscale 2017) e conta circa
Attraverso una piattaforma globale proprietaria, Kaleyra gesti- 260 dipendenti, distribuiti nelle 12 sedi della società tra Italia,
sce servizi di comunicazione integrata multi-canale che preve- con Milano headquarter, India, USA, Svizzera, Gran Bretagna
dono l'uso di messaggi, notifiche push, e-mail, instant messa- e Emirati Arabi.
ging, servizi voce e chatbot. A livello globale, la piattaforma del gruppo raggiunge oltre 3
Kaleyra nasce dall’acquisizione da parte di Ubiquity – azienda miliardi di messaggi e notifiche mobile gestite ogni mese, su
italiana che nel nostro Paese detiene oltre due terzi del mercato scala globale. In Italia invece, nel 2017, il volume complessivo
dei servizi di messaggistica mobile per le banche – di Solutions delle notifiche gestite è stato pari a 1.049 milioni, con una cre-
Infini – operatore indiano specializzato nei servizi di messaggi- scita del 27,4% rispetto al dato dell’anno precedente.
stica mobile per le aziende, in particolare le PMI. All’interno delle strategie di comunicazione delle imprese, la
L’operazione, conclusasi nel 2017, ha dato vita ad uno dei prin- tecnologia mobile ricopre un ruolo sempre più da protagoni-
cipali player a livello globale nel settore della messaggistica mo- sta. Infatti, non è più solo un canale attraverso il quale fruire di
bile aziendale, in grado di soddisfare esigenze di comunicazio- servizi altrimenti disponibili tramite altri punti di contatto, o
ne integrata multi-canale per aziende di tutti i settori. un modo per valorizzare la cosiddetta customer experience, ma
L’azienda cambia nome nel febbraio 2018 comunicando Ka- è un modello di business che, grazie alla creazione di servizi
leyra come nuovo marchio unico per tutte le realtà del gruppo. innovativi, mette l’azienda nelle condizioni di gestire la comu-
Ma il percorso di crescita non si ferma e l’azienda questa volta nicazione con i propri clienti o partner in modo efficace, tem-
guarda ad ovest. È così che ad agosto 2018 Kaleyra comunica pestivo, sicuro e affidabile.
I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 64 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

Banca Esperia e all’estero con Cairn Capital e RAM Active In-


vestments.
Mediobanca
www.mediobanca.com
Oggi grazie a questa costante ricerca di eccellenza perseguita
coniugando tradizione e innovazione, i valori fondanti del suo
DNA, Mediobanca è un gruppo bancario quotato diversifica-
to.

Mediobanca nasce nel 1946 per sostenere la ripresa economi- Leader in Italia nell’investment banking, grazie alla sua espe-
ca delle imprese italiane nel dopoguerra. rienza nel lending, nell’advisory e nel capital market, e con un
presidio significativo nel Sud Europa, il Gruppo è oggi uno
Anticipando le esigenze di un Paese in crescita, il Gruppo Me- dei top player italiani nel credito al consumo e un operatore
diobanca nel 1960 ha lanciato la prima realtà di credito al con- qualificato nel wealth management a servizio sia della cliente-
sumo in Italia: Compass. la Affluent & Premier e Private & HNWI.

Nel 2003 il Gruppo ha avviato un profondo percorso evolutivo Una consolidata reputazione basata su professionalità e di-
focalizzato sulla propria attività di Investment Banking, per- screzione, coniugati a solidità e qualità patrimoniale, fanno di
seguendo due chiari obiettivi: offrire prodotti finanziari alta- Mediobanca oggi il partner di ideale per business con ambi-
mente specializzati e affacciarsi al panorama internazionale. zioni di crescita in Italia e in Europa.

Da sempre attiva interprete dei cambiamenti che la circonda-


no, Mediobanca nel 2008 ha dato vita a CheBanca!, la prima
banca multicanale dai prodotti bancari trasparenti e innova-
tivi.

Questo continuo processo di crescita e ricerca ha portato il


Gruppo Mediobanca nel mondo del Wealth Management, a
livello nazionale attraverso l’acquisizione di Barclays Italia e
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 65 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

Banche, Istituzioni Finanziarie ed Assicurative, Esercizi Com-


merciali, Aziende e Pubblica Amministrazione: dalle carte, alle
tecnologie di accettazione dei pagamenti, ai trasferimenti di
Nexi
nexi.it
denaro tra Aziende e Privati, fino alla gestione di servizi evoluti
ad alta complessità, come quelli di Corporate Banking.

Nexi, è la PayTech delle Banche, la società di riferimento sui


pagamenti digitali in Italia.

Nexi gestisce, in diverse modalità, 44 mln di carte di pagamen-


to e 2,3 mld di transazioni ogni anno e conta 860 mila punti
vendita convenzionati, 186 miliardi di euro transati, 21 mila
ATM su tutto il territorio nazionale e 519 mila imprese che uti-
lizzano i servizi di Digital Corporate Banking.

La sua mission è costruire, in partnership con le Banche, il fu-


turo dei pagamenti digitali nel nostro Paese, guidandone l’e-
voluzione, semplificandoli, migliorandone l’esperienza d’uso,
facilitando così il processo d’acquisto.

Nella convinzione che la diffusione di strumenti di pagamen-


to innovativi rappresenti una straordinaria opportunità per la
modernizzazione e la crescita di tutto il Paese, l’ambition di
Nexi è che ogni pagamento sia digitale.

Nexi offre soluzioni di pagamento best-in class a supporto di


I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 66 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

Grazie all’integrazione dei propri servizi di misurazione,


Nielsen è in grado di fornire una visione chiara ed esaustiva
del consumatore, consentendo così ai propri clienti di attuare
Nielsen
www.nielsen.com
le strategie di marketing corrette per raggiungerli in modo più
efficace.

Nielsen misura il comportamento dei consumatori in qualsiasi


continente, settore industriale e attività – dagli schermi televi-
Nielsen è un'azienda globale di performance management che sivi agli smartphone, dai video virali ai carrelli della spesa – e
fornisce una visione totale dell’esposizione ai media dei consu- stima il livello di attenzione che vi prestano.
matori e dei loro acquisti.
La molteplicità degli strumenti di raccolta dati a nostra disposi-
Il segmento Watch di Nielsen fornisce ai clienti media e adver- zione ci consente inoltre di incrociare i risultati provenienti da
tising i servizi di misurazione della Total Audience attraverso settori diversi e di ottenere informazioni più approfondite che
tutti i dispositivi in cui il contenuto – video, audio e testo – vie- danno vita ad opportunità di crescita considerevoli.
ne fruito.

Il segmento Buy offre ai produttori di beni di largo consumo e


ai distributori la visione globale delle misurazioni delle perfor-
mance di vendita al dettaglio.

Integrando le informazioni tra i segmenti Watch e Buy e altre


fonti di dati, Nielsen fornisce ai propri clienti misurazioni glo-
bali e analisi che aiutano a migliorare le performance.

Nielsen, una delle società dell’indice S&P 500, è presente in ol-


tre 100 Paesi che coprono più del 90 per cento della popolazio-
ne mondiale.
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 67 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

delle migliori startup e supportando lo sviluppo della nuova


imprenditoria innovativa grazie a servizi specialistici che par-
PoliHub Innovation District & tono dalla formazione imprenditoriale allo scouting di startup
Startup Accelerator
www.polihub.it
fino alla creazione di corporate spin-off.
info@polihub.it

PoliHub è l’Innovation District & Startup Accelerator del Po-


litecnico di Milano, gestito dalla Fondazione dell’Ateneo, che
oggi conta più di 100 realtà tra start up e aziende, che opera-
no in diversi ambiti di innovazione, dal Design all’ICT, dal
Biomed all’Industrial & Manufacturing, dal Cleantech alle
Micro & Nano Technologies e più in generale sviluppano pro-
dotti e servizi ad alto contenuto tecnologico e creativo.

PoliHub, premiato come terzo incubatore universitario al


mondo e secondo in Europa, dal ranking di UBI Global
Ranking 2017-2018, supporta le startup altamente innovative
con un modello di business scalabile attraverso programmi di
Accelerazione, Mentorship e Advisory.

PoliHub è anche un distretto di innovazione aperto ad aziende


consolidate che vogliono collaborare con il network esteso del
Politecnico di Milano.

In questo ambito PoliHub supporta le aziende nei processi di


innovazione “aperti” attraverso l’individuazione e la selezione
I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 68 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

• Service Robotics
• Robotic Process Automation
• Robo Advisory
PwC
www.pwc.com
• Drone Powered Solutions
• Robotic Supported Change

Inoltre, PwC ha presentato a Roma il suo Experience Centre,


con il preciso intento di fornire alle aziende che devono affron-
Lo scopo di PwC è contribuire alla crescita della fiducia nella tare un processo di adattamento tecnologico, gli strumenti ne-
società e risolvere i principali problemi dei propri clienti. cessari per trovare in tempi rapidi nuove soluzioni tramite:
PwC è un network presente in 157 paesi con oltre 223.000 pro- • La co-progettazione collaborativa
fessionisti, di cui oltre 4.400 in Italia in 23 città, impegnati a ga- • L’accesso alle tecnologie chiave nell’innovazione (intelligenza
rantire qualità nei servizi di revisione, di consulenza strategica, artificiale, robotica, internet delle cose, realtà virtuale, realtà
legale e fiscale alle imprese. aumentata e blockchain)
I servizi PwC sono condivisi a livello globale ed esprimono al • La possibilità di prototipare
meglio la qualità di principi basati su una profonda conoscenza • Il confronto continuo mediante tecniche di Design thinking.
dei diversi settori di mercato e sull’utilizzo delle tecnologie più
avanzate.

PwC è “industry focused” ed è pertanto in grado di fornire ser-


vizi multidisciplinari ai diversi settori di mercato, riuniti in sei
gruppi principali: Servizi Finanziari, Prodotti Industriali, Beni
di Consumo e Servizi, Tecnologia, Telecomunicazioni e Intrat-
tenimento, pubblicità e Amministrazione.

In ambito Digital, PwC anticipa i nuovi trend che rivoluzione-


ranno il mercato, come ad esempio il settore della robotica e
dell’intelligenza artificiale. Tra i servizi offerti:
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 69 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

• Digital payments P2P/P2B


• Data driven Marketing
• Innovazione dei modelli di servizio in ambito SME Banking
Reply • Digitalizzazione dei processi di erogazione del credito
www.reply.com
• Digitalizzazione dei processi di monitoraggio del rischio di mercato
• Automatizzazione delle strategie di hedging con tecniche di
Machine Learning
• Automatizzazione dei processi di pricing dei derivati
Reply è una società specializzata in Consulenza, System Integration • Digitalizzazione dei processi di gestione delle strategie finanziarie
e Digital Services, dedicata all’ideazione, progettazione e imple- complesse
mentazione di soluzioni basate sui nuovi canali di comunicazione • Applicazione delle tecniche di Machine Learning per la gestione
ed i media digitali. Costituita da un modello a rete, Reply affianca delle performnce dei gestori di fondi.
i principali gruppi industriali nella definizione e nello sviluppo di Reply integra l’esperienza maturata al fianco dei propri clienti con l’at-
modelli di business abilitati dai nuovi paradigmi tecnologici e di co- tività delle Practice e degli Osservatori. La Community of Practices
municazione, quali, ad esempio, Big Data, Cloud Computing, Digital di Reply, infatti, anticipa e sviluppa i principali temi di innovazione
Communication, Internet degli Oggetti, Artificial Intelligence e su ambiti quali Blockchain, Data Robotics e Data Driven Customer
Blockchain, per ottimizzare ed integrare processi, applicazioni e di- Engagement. L’attività continuativa di monitoraggio ed analisi di
spositivi. Nell’ambito dei servizi di Digital Finance, Reply ha matu- mercato consente di produrre documenti in grado di unire studio
rato competenze ed esperienze verticali sulle principali aree di evo- del presente e ricerca per il futuro, quali:
luzione digitale dei modelli di ingaggio, vendita e servizio al cliente • Osservatorio Reply sulla Multicanalità nel Retail Banking
in ambito retail banking, wealth management, insurance, rischio di • Osservatorio Reply sul Wealth Management
credito e di mercato e nell’area capital market. In particolare, Reply • Osservatorio Reply sull’Insurance
supporta Fintech e Financial Institutions in Europa sui temi: • Ricerca sul rapporto tra Millennials e sistemi di pagamento
• Evoluzione multicanale delle piattaforme di servizio • White Paper sulla PSD2
• Digitalizzazione dei processi di onboarding, selling ed operativi • CRO Insights Journal
• Nuovi modelli di servizio e distributivi • Market Survey sul mondo Fintech e Regtech applicato alle istitu-
• Modelli di consulenza evoluta in ambito WM zioni finanziarie (Buy Side and Sell Side)
• Digitalizzazione dell’offerta fuori sede • Osservatorio europeo sull’evoluzione regolamentare in ambito
• Iniziative di Automated Wealth Management risk, accounting, regulatory reporting and financial market.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 70 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net PARTNER
I Sostenitori della Ricerca

• Consolidato fiscale: compensazione di plus/minusvalenze


su portafogli finanziari detenuti presso intermediari diver-
si;
Unione Fiduciaria
www.unionefiduciaria.it
• Beni a garanzia;
• Mandati su gioielli, opere d’arte e beni d’antiquariato;
• Aggregazione di patrimoni complessi;
• Recupero imposte su dividendi di azioni estere;
• Monitoraggio e fiscalità su valute estere;
LA STORIA • Costituzione e gestione di Trust, sia come Trustee sia come
Protector;
Unione Fiduciaria S.p.a., società fiduciaria indipendente • Piani di incentivazione aziendali (es. Stock Option);
fondata nel 1958, annovera nella propria compagine sociale • Gestione patti parasociali;
più di venti importanti banche italiane. • Patti di garanzia (escrow agent);
• Contratti di affidamento fiduciario;
Leader in Italia con più di 18 miliardi di euro in amministra- • Servizi di Family Office.
zione ed oltre 100 professionisti a disposizione della propria
clientela. Unione Fiduciaria offre servizi organizzativi, am-
ministrativi e fiscale a supporto di società, intermediari e pa- ELEMENTI DISTINTIVI
trimoni personali, anche complessi.
• Riservatezza e professionalità;
• Relazioni internazionali consolidate con tutto il mono fi-
SERVIZI nanziario;
• Squadra professionale composta da personale specializzato
• Amministrazione fiduciaria con intestazione di titoli, parte- nelle aree giuridiche, finanziarie, fiscali;
cipazioni societarie di diritto italiano e polizze assicurative; • Attenzione alla formazione e all’aggiornamento delle pro-
• Amministrazione fiduciaria senza intestazione di parteci- prie risorse;
pazioni societarie di dirtto estero e beni immobili; • Prontezza e agilità operativa;
• Sostituzione di imposta; • Capacità di personalizzare il servizio.
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 71 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca PARTNER www.osservatori.net

YOLO è anche il partner ideale sia per le compagnie assicura-


tive che necessitano di distribuire i prodotti attraverso il canale
digitale o di soluzioni in ambito Martech, sia per i grandi Grup-
Yolo
yolo-insurance.com
pi industriali e finanziari, interessati a sviluppare la propria of-
ferta sul mercato in ambito assicurativo.

La struttura societaria è composta da azionisti qualificati, pro-


fessionisti e operatori del settore, tra cui, oltre ai Fondatori
YOLO Group, attraverso la controllata YOLO s.r.l., svolge l’at- (Gianluca De Cobelli e Simone Ranucci Brandimarte), figura-
tività di intermediazione assicurativa esclusivamente in moda- no Barcamper Ventures, Mansutti e Miro Ventures.
lità digitale.
STORIA:
YOLO è infatti il primo broker assicurativo totalmente digitale: • Settembre 2017: fondazione YOLO con Chubb quale partner
permette di accedere e sottoscrivere in tempo reale e pay per assicurativo di riferimento
use i prodotti dei maggiori Gruppi assicurativi italiani ed in- • Ottobre 2017: chiusura primo round di investimento da €1
ternazionali, attraverso una piattaforma semplice, veloce e fles- mln
sibile per creare e gestire un’offerta assicurativa on-demand, la • Novembre 2017: accordo con Reale Mutua
cui profilazione è garantita da una Data Management Platform • Febbraio 2018: accordo con AXA Partners
(DMP). • Maggio 2018: lancio APP Yolo
• Giugno 2018: accordo con Europ Assistance
L’offerta è basata sulle reali esigenze del cliente e del suo profilo, • Luglio 2018: accordo con Banca IFIS per lancio Rendimax
studiata per adattarsi alle sue abitudini, alla sua vita personale Assicurazioni
e professionale, grazie all’utilizzo di tecnologie abilitanti quali • Agosto 2018: accordo con Sara Assicurazioni
Internet of Things, Artificial Intelligence e ChatBot. Tale offer- • Settembre 2018: completamento primo round di investimen-
ta si sviluppa attraverso quattro aree prodotto (YOLO Viaggi, to da 800k
YOLO Beni, YOLO Persone e YOLO Salute) volte a soddisfare • Novembre 2018: accordo di digital bancassurance con Hel-
le esigenze di protezione e sicurezza dei nuovi consumatori di- vetia
gitali. • Q4 2018: fase di raccolta secondo round di investimenti
I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 72 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net SPONSOR
I Sostenitori della Ricerca

Banca di Sassari (Gruppo BPER) Banca Popolare di Sondrio


www.bancasassari.it www.popso.it

La Banca di Sassari è una società prodotto del Gruppo BPER che Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è stata una delle
presidia il comparto della monetica, dei prestiti personali, della prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare co-
cessione del quinto e del money transfer per le Banche del Grup- operativo del credito.
po: BPER Banca, Banco di Sardegna, Cassa di Risparmio di Bra e Essa presta alla propria clientela servizi in grado di soddisfare
Cassa di Risparmio di Saluzzo. qualsiasi esigenza bancaria, finanziaria e assicurativa.

Banca di Sassari possiede un portafoglio di carte di pagamento di Il capitale sociale della banca, pari a oltre 1.360 milioni di euro,
oltre 2,1 milioni di unità. è distribuito fra circa 172.000 Soci, che in larga parte sono pure
clienti.
Dal 2016 gestisce i prestiti personali collocati dalle Banche del Il patrimonio è pari a circa 2.580 milioni di euro.
Gruppo BPER e, nell’ambito delle cessioni del quinto, gestisce l’e- La banca, con un personale di circa 2.750 dipendenti, conta su una
rogazione sulla rete degli sportelli delle Banche del Gruppo avva- rete territoriale di oltre 340 filiali.
lendosi anche di una propria rete di Agenti.
Alla rete fisica si affiancano SCRIGNOInternet Banking, la banca
on line, accessibile da computer, tablet e – grazie ad app dedicate
Il Gruppo BPER è oggi il sesto gruppo bancario in Italia per nume-
– da smartphone e Apple Watch, oltre che SCRIGNOPago Facile,
ro di sportelli con circa 1.200 filiali a presidio della quasi totalità
per abilitare e facilitare i pagamenti on-line di bollettini e tributi in
delle regioni italiane.
genere, anche per i non clienti.
Ha avviato la realizzazione di un articolato “Programma di tra- A conferma dell’interesse per le innovazioni digitali, la banca,
sformazione digitale”, finalizzato a rafforzare la proposizione com- anche tramite accordi strategici, offre ai propri clienti innovativi
merciale e migliorare la customer experience sui canali diretti dei servizi di pagamento che spaziano dai bonifici istantanei ai paga-
clienti attuali e potenziali. menti tramite smartphone.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 73 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca SPONSOR www.osservatori.net

cegeka
CEGEKA Deloitte
www.cegeka.it www.deloitte.com

Cegeka è un full ICT service provider presente in 10 Paesi europei. Deloitte è una tra le più grandi realtà nei servizi professionali alle
Con un fatturato di 440 milioni di euro e oltre 4.200 dipendenti, imprese in Italia, dove è presente dal 1923.
il gruppo Cegeka rappresenta una realtà internazionale di primo
piano nella fornitura di soluzioni e servizi IT specializzati, coniu- Vanta radici antiche, coniugando tradizione di qualità con meto-
gando la dimensione internazionale e gli oltre 30 anni di esperien- dologie e tecnologie innovative.
za sul mercato italiano con specifiche competenze di settore.
I servizi di Audit & Assurance, Consulting, Financial Advisory,
L’obiettivo di Cegeka è quello di fornire competenze informatiche
Risk Advisory, Tax e Legal sono offerti da diverse società e studi
di eccellenza strettamente correlate ai processi organizzativi e di
specializzati in singole aree professionali e tra loro separati e indi-
business delle aziende. I servizi offerti aiutano i clienti a mantenere
pendenti, ma tutti facenti parte del network Deloitte.
la flessibilità, promuovere l’innovazione e il cambiamento, miglio-
rare la competitività sui mercati globali. Nel settore dei financial Questo oggi conta 6.000 professionisti, i quali assistono i clienti
services Cegeka offre servizi specializzati in: nel raggiungimento di livelli d’eccellenza grazie alla fiducia nell'al-
Capital Markets e Trading ta qualità del servizio, all’offerta multidisciplinare e alla presenza
• Compliance Normativa (MiFID, Market Abuse, EMIR) capillare sul territorio nazionale.
• Sviluppo e integrazione di piattaforme di trading, OMS e FIX®
engine Grazie ad un network di società presenti in oltre 150 Paesi e terri-
• Application Management delle principali piattaforme ditrading tori, Deloitte porta ai propri clienti capacità di livello mondiale e
• R&D su nuove tecnologie del Capital Markets (Big Data, Block servizi di alta qualità, fornendo le conoscenze necessarie ad affron-
Chain,…) tare le più complesse sfide di business.
Data Management e Analytics
• Big Data, ETL, MDM Obiettivo dei 286.200 professionisti di Deloitte è quello di mirare
• Data Warehouse, business intelligence e analytics, data mining all’eccellenza dei servizi professionali forniti.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 74 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net SPONSOR
I Sostenitori della Ricerca

Euclidea everis Italia


www.euclidea.com www.everis.com

Euclidea è una start-up attiva nel settore “FinTech-WealthTech” EVERIS è una multinazionale con headquarter in Spagna
che opera all’interno di un comparto ampio come quello dei Ro- attiva nel Business Consulting, nella System Integration e
bo-Advisory. nell’Outsourcing.

Lanciata nel 2017 da tre professionisti della gestione, Mario Bor- Si avvale di oltre 21.000 professionisti in 16 paesi e il fatturato
toli, Luca Valaguzza e Giovanni Folgori, Euclidea è una SIM di globale supera il miliardo di euro. Il modello everis è ben descrit-
gestione, autorizzata da Consob e vigilata da Bankitalia, che offre to dalla frase: “Siamo persone normali che fanno cose straordi-
soluzioni di investimento personalizzate e di qualità su tre canali: narie”. I “valori everis” sono l’innovazione, l’eccellenza, la forte
il canale digitale (la piattaforma Web) che permette di accedere capacità imprenditoriale e, soprattutto, l’attenzione per le perso-
a un servizio riservato storicamente alla cliente private – quel- ne e per la loro crescita professionale.
lo delle gestioni patrimoniali, partendo da un minimo di 5000
Euro; il canale umano (Wealth Management) per i patrimoni più Everis registra una crescita organica a due cifre dal 1996, anno
complessi e B2B (banche, family office e consulenti indipendenti) della fondazione. In Italia ha un organico di quasi 800 profes-
mettendo a disposizione di terzi tutta la tecnologia proprietaria: sionisti tra le sedi di Roma e Milano. Everis attribuisce grande
algoritmo di profilazione MiFID2 altamente scalabile per la pro- valore alla responsabilità sociale: la Fondazione everis finanzia
pagazione delle view di mercato, database con oltre 90.000 tra progetti di ricerca premiando ogni anno le migliori idee innova-
fondi e ETF, tecniche di intelligenza artificiale e machine learning tive con ricaduta sociale.
per la selezione dei migliori fondi e ETF, tool per l’analisi del por-
tafoglio. Everis fa parte della multinazionale giapponese NTTData, sesta
azienda di IT nel ranking mondiale. Tutti gli uffici everis nel mon-
In un’ottica di massima semplificazione per l’utente/cliente, do continuano ad operare secondo il modello everis mantenendo
Euclidea offre onboarding totalmente digitale e paperless. l’esistente organizzazione con headquarter Corporate a Madrid.
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 75 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca SPONSOR www.osservatori.net

Fintastico Gruppo Helvetia Italia


www.fintastico.com www.helvetia.it

Fintastico.com è la tua bussola nel complesso mondo del Fintech. Il Gruppo Helvetia, fondato nel 1858 in Svizzera e quotato alla
Borsa di Zurigo, è presente in Italia (dal 1948), Germania, Austria,
In un mondo in cui consumatori ed imprese si sentono sopraffatti Spagna e Francia. Caratterizzato da forte solidità patrimoniale
da una scelta sempre più ampia di prodotti e servizi tecnologica- (Rating A S&P – outlook stabile), è operativo in Italia con oltre 600
mente avanzati, Fintastico si pone l’obiettivo di risolvere questa agenti ed oltre 25 partnership con banche territoriali. Significativa
complessità offrendo un'informazione affidabile, accessibile e presenza anche nel wealth management, grazie a partnership con
tempestiva che aiuti ad umanizzare la tecnologia e ad accompa- players specializzati nel private banking.
gnare le persone nella scelta di soluzioni adatte ai loro bisogni Convinto che l'innovazione del modello bancassurance sia un fat-
finanziari. Questo avviene tramite un processo di selezione e ap- tore critico di successo, il Gruppo Helvetia sta evolvendo il proprio
profondimento gestito dai nostri esperti, da algoritmi di persona- modello secondo 4 principali drivers:
lizzazione e tramite input degli utenti stessi. • offerta: prodotti semplici e modulari con la definizione di un
ecosistema "prodotto-device-servizi" (soluzioni IoT con In casa
Il processo di selezione è accompagnato dal blog che identifica i con Chiara e A spasso Con Chiara, servizi con Al lavoro con
trend del momento, spiega le terminologie ed intervista gli attori Chiara);
coinvolti nel mercato italiano e straniero. • operation: integrazione del modello operativo tradizionale con
logiche digital (firma digitale, paperless …);
Il team è formato da persone con grande esperienza in finanza • relazione: evoluzione continua del supporto alla rete e ai clienti
tradizionale e da pionieri delle nuove tecnologie in ambito finan- (evoluzione modelli di contact center …)
ziario. Questa miscela di competenze permette di essere realisti • distribuzione: integrazione tra modello distributivo tradizionale
nel distinguere tra l’innovazione fine a se stessa e l’innovazione (filiale) e modelli innovativi quali "Digital bancassurance". Su
capace di portare miglioramenti in termini di efficienza e rendi- quest'ultimo punto è stata recentemente avviata la collaborazio-
mento. ne con YOLO Group
I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 76 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net SPONSOR
I Sostenitori della Ricerca

ING Microdata Group


www.ing.it www.microdatagroup.it

ING è una banca di origine olandese che offre prodotti e servizi Evoluzione come asset. Microdata nasce 30 anni fa da un pensie-
in più di 40 Paesi, con oltre 38 milioni di clienti e 51.000 dipen- ro innovativo: sfruttare le migliori opportunità offerte dalle tec-
denti. nologie digitali per migliorare i processi aziendali, nell’ottica di
un business fondato su una relazione forte di ascolto dei clienti,
Con oltre 1.300.000 clienti ING è presente in Italia dal 1979 con le che genera servizi personalizzati e fiducia nel tempo.
attività di corporate banking (Wholesale Banking), con cui offre
servizi finanziari a grandi imprese e a istituzioni finanziarie, e
dal 2001 con il Retail Banking grazie al lancio della prima banca Servizi taylor made per il Fintech. Oggi siamo leader nei servizi
on line pura in Italia, che offre oggi ai risparmiatori una gamma e soluzioni di Digital Document, Content Management e Back
di prodotti semplici e trasparenti (conti correnti e di deposito, Office, orientati all’efficienza operativa e integrati con le ope-
prestiti personali, mutui, prodotti d’investimento). rations dei nostri Clienti: grandi gruppi bancari, assicurativi e
finanziari.
È oggi la prima banca digitale in Italia per numero di clienti e
da ottobre 2017 si rivolge anche alle piccole e medie imprese con
prestiti rapidi e 100% digitali. Innovazione digitale per la creazione di valore. Abbiamo attivato
al nostro interno "Evolution: Pulsating Heart, Digital Head", un
La sostenibilità è al centro della mission di ING, che mette in Innovation LAB focalizzato su Big Data, applicazioni di Intelli-
campo azioni concrete per contrastare il cambiamento climatico genza Artificiale e automazione di processi. Siamo anche fonda-
e per favorire una società indipendente e inclusiva. tori e principali azionisti di CRIT, consorzio di aziende IT che ha
costruito a Cremona un Polo digitale, un vero e proprio ecosiste-
È inoltre la prima banca in Italia per reputazione secondo il ma con al suo interno più di 500 persone con elevate competenze
Reputation Institute. digital.
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 77 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca SPONSOR www.osservatori.net

SIA Supernovae Labs


www.sia.eu www.supernovaelabs.com

SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di Creata nel 2016, SupernovaeLabs è un business accelerator che
infrastrutture e servizi tecnologici dedicati alle Istituzioni Finanziarie, supporta le fintech tramite un team di professionisti con 30 anni di
Banche Centrali, Imprese e Pubbliche Amministrazioni, nelle aree dei esperienza sul campo.
pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati dei capitali.
Favorendo l’incontro tra domanda e offerta, la mission Superno-
Nell’ambito Fintech SIA ha recentemente lanciato la SIA Open vaeLabs è creare valore tramite l’Open Innovation, stendendo un
Banking Platform, nata per creare un ecosistema di collaborazione tra ponte tra il sistema finanziario e le soluzioni proposte da fintech
banche e nuovi operatori di mercato e incoraggiare la nascita di nuovi italiane o estere.
servizi per consumatori e imprese, minimizzando i costi di sviluppo e I vantaggi che le banche e le assicurazioni possono ottenere dalle
accelerando il time-to-market. soluzioni proposte vanno dall’accelerare la velocità di cambiamen-
to, contenimento dei costi per innovazione, processi più flessibili e
Jiffy è il servizio di m-payment di SIA che oggi, grazie a un accordo con rese migliorate, gestione dei rischi e scalabilità delle soluzioni.
con BANCOMAT SpA, diventa BANCOMAT Pay e consente a 37 Inoltre, possono arricchire la loro capacità di proporre ai propri
milioni di titolari di carte PagoBANCOMAT® di pagare e trasferire clienti soluzioni facilmente fruibili da canali e con strumenti di-
denaro in tempo reale dallo smartphone utilizzando il numero di cel- versi. Le banche e le assicurazioni possono anche investire nell’in-
lulare. novazione a costi contenuti, beneficiando per primi dei vantaggi
delle soluzioni sviluppate.
SIA è attiva in tutti gli scenari di innovazione tecnologica per l’indu-
stria dei pagamenti, con soluzioni evolute come quelle che semplifi- Le fintech possono, invece, beneficiare di un accesso facilitato al
cano l’accesso agli Instant Payments o che consentono il pagamento mercato finanziario e di aumentare le possibilità di successo nella
dei biglietti della metropolitana di Milano dai tornelli con la propria fase di ingresso sul mercato, interfacciandosi direttamente con i
carta di pagamento contactless. decision makers.

I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 78 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net SPONSOR
I Sostenitori della Ricerca

UBI Banca
www.ubibanca.com

UBI Banca è uno dei principali gruppi bancari italiani, con 4,2
milioni di Clienti e una quota di mercato del 7,2% che ci rende un
solido punto di riferimento nel sistema finanziario.
Lavoriamo ogni giorno per offrire servizi evoluti che semplifichino
la vita di persone e imprese, in un percorso omnicanale che integra
gli strumenti digitali e la professionalità dei nostri specialisti.
UBI Banca vanta una piattaforma completa di servizi online (app,
internet banking e corporate banking) che consente di accedere in
libertà a tante utili funzionalità. L’app UBI Banca, in particolare,
è stata rinnovata nei contenuti e nell’interfaccia per un’esperienza
d’uso ancora più intuitiva e piacevole.
Con i nostri strumenti è possibile chiedere un prestito online e ri-
cevere la somma in tempo reale, o sottoscrivere una polizza auto in
mobilità in pochi minuti. Con la carta di credito Hybrid e la nuova
funzione RicariConto, il Cliente può rateizzare singole spese sulla
propria carta o sul conto corrente: un comodo aiuto per il bilancio
familiare quando serve. Per la gestione del risparmio, inoltre, è di-
sponibile una consulenza da remoto che permette di monitorare il
portafoglio, ricevere raccomandazioni dal proprio gestore ed ese-
guire operazioni direttamente online.

Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 79 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
I Sostenitori della Ricerca IN COLLABORAZIONE CON www.osservatori.net

ASSIOM FOREX Assofintech


www.assiomforex.it www.assofintech.org

ASSIOM FOREX annovera quasi 1.400 Soci, in rappresentan- Assofintech è una libera associazione di categoria, apartitica e
za di circa 450 istituzioni finanziarie. senza scopo di lucro, aperta a tutte le persone e società interes-
sate ai settori Fintech e Insurtech.
Promuove e favorisce la crescita professionale degli operato-
ri finanziari, attraverso la formazione, la divulgazione degli
aspetti tecnici e delle pratiche di mercato. La missione di AssoFintech è favorire la crescita di un ecosi-
stema che permetta all’Italia di candidarsi tra i principali hub
internazionali per fintech e insurtech.
L'Associazione promuove l'analisi, lo studio e la ricerca di tec-
niche, strumenti e tematiche relative ai mercati finanziari; fa-
vorisce i rapporti con le Autorità Monetarie e di Vigilanza, Il nostro modello operativo nasce dal dialogo e dal confronto
nazionali ed internazionali, nonché con le Società di gestione con le principali associazioni internazionali, con l’obiettivo di
dei mercati e con altre Istituzioni operanti nel settore; rafforza replicare le esperienze di maggior successo, mettendo a fattor
i legami con organismi nazionali, comunitari ed internaziona- comune quanto fatto in altri Paesi.
li, al fine di migliorare l'attività dei propri soci.

L'Associazione svolge le proprie attività tramite la costituzio- AssoFintech è aperta a tutti gli attori di questo mondo, fatto da
ne di apposite Commissioni e Gruppi di lavoro, promuovendo startup, banche, intermediari finanziari, assicurazioni, fondi
attività ed idee, e sollecitando le istituzioni finanziare preposte di venture capital e private equity, business angel, produttori
con l’obiettivo di dare un contributo fondamentale alla cresci- di infrastrutture tecnologiche, di hardware e di software ed
ta economica del Paese. esperti e appassionati di tecnologia applicata alla finanza.
I risultati completi della Ricerca sono consultabili su www.osservatori.net

| 80 | Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
www.osservatori.net IN COLLABORAZIONE CON
I Sostenitori della Ricerca

Fintech District Istituto Affari Internazionali


www.fintechdistrict.com www.iai.it

Fintech District è una community di startup con sede a Mila- L’Istituto Affari Internazionali (IAI) è un think tank indipen-
no, presso Copernico Isola for S32. dente, privato e non-profit, fondato nel 1965 su iniziativa di
Il nostro obiettivo è diventare la porta d'accesso all’ecosistema Altiero Spinelli.
Fintech italiano attraendo gli stakeholder nazionali e interna-
Lo IAI promuove la conoscenza della politica internazionale
zionali più rilevanti.
attraverso studi, ricerche e conferenze su temi internazionali di
Copernico è il partner che abbiamo scelto per costruire e ani-
rilevanza strategica, tra i quali: integrazione europea, sicurez-
mare al meglio la nostra community.
za e difesa, economia internazionale, energia e clima, politica
Con un approccio collaborativo mirato a sostenere il dialogo
estera italiana e geopolitica.
e a favorire la co-creazione all’interno della community, ogni
giorno ci rapportiamo con startup, istituzioni pubbliche, inve- Lo IAI interagisce e collabora con governi, pubbliche ammini-
stitori, professionisti, istituzioni finanziarie e corporate tecno- strazioni, istituzioni europee e internazionali, università, altri
logiche. think tank e i maggiori attori economici.
Collaboriamo con fintech hub internazionali, università, com-
Il programma di economia politica internazionale dello IAI si
munity e organizzatori di eventi.
occupa principalmente di politiche economiche e governance
I nostri valori sono apertura al cambiamento, condivisione di
economica, a livello mondiale, europeo e italiano.
know how e crescita, attraverso la creazione di nuove opportu-
nità di business. Recentemente ha sviluppato uno ampio progetto di ricerca
Le nostre attività sono principalmente finalizzate all’attrazione sulla geo-finanza, all’interno del quale rientra uno studio ap-
di capitali e all’internazionalizzazione, organizziamo regolar- profondito delle conseguenze, di tipo politico, strategico ed
mente eventi e workshop e offriamo servizi sia per startup che economico, di una possibile espansione dei giganti del Web
per corporate. nell’industria bancaria.
Le riprese dell’evento sono disponibili in video on demand su www.osservatori.net

Fintech & Insurtech: l’Italia spiega le vele | 81 |


Copyright © Politecnico di Milano | Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Copyright 2018 © Politecnico di Milano – Dipartimento di Ingegneria Gestionale
Grafica: Osservatori Digital Innovation
Realizzazione: Danilo Galasso, Emanuela Micello e Stefano Erba
Stampa: Tipografia Galli e C. srl | www.tipografiagalli.it
www.osservatori.net

Seguici anche su:

PARTNER SPONSOR IN COLLABORAZIONE CON

cegeka