Sei sulla pagina 1di 1

9/12/2020 Arte ebraica, il nodo delle immagini - Moked

Arte ebraica, il nodo delle immagini


Pubblicato in Attualità il 31/10/2016 - 5777 ‫ תשרי‬29

Una full immersion nel rapporto tra arte ed ebraismo, argomento


complesso, fatto di molte sfaccettature. E che sarà affrontato in un’ampia
e coinvolgente giornata di studi, dal titolo “Immagini vietate o permesse?
Arte ed ebraismo a Roma”, che avrà luogo presso il Centro bibliografico
Tullia Zevi dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane il prossimo
giovedì 3 novembre. 
Ideato e coordinato da Raffaella Di Castro e
organizzato in collaborazione con la Comunità ebraica di Roma, il
convegno si propone di illustrare e approfondire l’arte ebraica attraverso
numerosi focus, con particolare attenzione ai beni culturali ebraici nel
nostro Paese, che vista l’antica e ininterrotta presenza ebraica è un
patrimonio diffuso in tutto la penisola, spesso molto antico, e altrettanto
spesso di gran pregio. L’ideazione del programma è stata condivisa da
un comitato scientifico composto da Fiorella Bassan, Giorgia Calò,
Miriam Haiun e Claudio Procaccia.

Il convegno inizierà alle 9, con i saluti istituzionali e una prima sessione
moderata da Cinzia Vismara. Interverranno Elsa Laurenzi (“Immagini
degli Ebrei nell’impero romano: catacombe, sinagoghe, reperti”), Cesare
Terracina (“Il mondo ebraico nell’espressività artistica dal Rinascimento al
Barocco”) e Micaela Vitale (“Iconismo e decorativismo nelle ketubboth
dell’Ucei-Centro Bibliografico: il caso di Senigallia”). 
La sessione si
chiuderà con una visita della mostra di ketubbot artistiche (i contratti matrimoniali ebraici, spesso
preziosamente miniati) della Comunità di Senigallia, conservate presso il Centro Bibliografico. 
A seguire,
Olga Melasecchi modererà gli interventi di Sergio Amedeo Terracina (“Arte negli spazi liturgici dalla Sinagoga
di Ostia antica oggi”) e di rav Riccardo Di Segni (“Le immagini all’interno del Riquadro Israelitico del Cimitero
monumentale del Verano: integrazione o assimilazione?”). 
Si proseguirà nel pomeriggio, con due ulteriori
sessioni. La prima, moderata da Fiorella Bassan, vedrà intervenire Olga Melasecchi (“Il Museo Ebraico di
Roma”), Valentina Filice (“Il soffitto dipinto da Emanuele Luzzati per l’UCEI-Centro bibliografico tra tradizione
e innovazione”) e Giorgia Calò (“Roma-Tel Aviv. L’immagine nell’arte contemporanea da Georges de Canino
a Tsibi Geva”).
La seconda, coordinata da Pippo Ciorra, prevede gli interventi di Adachiara Zevi (“‘Arte in
memoria’ e ‘Memorie d’inciampo’: tra centralità e dispersione”) e Gianni Ascarelli (“Il contributo ebraico
all’architettura contemporanea”). 
La giornata si avvierà alla conclusione con una tavola rotonda dal titolo
“Esiste un’arte ebraica?”, moderata da Claudio Procaccia, durante la quale interverranno Fiorella Bassan,
Raffaella Di Castro, Amedeo Spagnoletto e Davide Spagnoletto.

Marco Di Porto

https://moked.it/blog/2016/10/31/roma-arte-ebraica-ruolo-delle-immagini/ 1/1