Sei sulla pagina 1di 2

-

o
~

Na
•....
<:

o
r-+
••••••••
c:r
~
~
~ c::

L)
0J
fO

~)
~
r-
Il
~ ~~.
I L)Il
Q)~~
I z
~
I .~ .
e:..
Che cos'è una definizione? Quanti tipi di definizione ci sono? Quali
criteri adottare per definire in modo corretto? Come possiamo
precisare i legami fra definire e dimostrare? In che misura le
definizioni sono convenzionali? Esistono limiti alla definibilità?
Come cambiano le definizioni?
Capire in che modo certe 'convenzioni linguistiche finiscano per
svolgere un ruolo tutt'altro che arbitrario aiuta a chiarire questioni
relative ai fondamenti della scienza. Capire in che senso si possa
attribuire carattere oggettivo alla definibilità o meno di un concetto
in una teoria permette poi di dare un nuovo inquadramento teorico
al problema della traduzione fra due linguaggi e del confronto fra
due teorie.
Il libro ripercorre la storia dell'idea di definizione, da Aristotele alla
nascita della scienza moderna, fino al dibattito sui fondamenti della
matematica apertosi all'inizio del Novecento.

rJ fr J rfO[:~C8
Alberto Peruzzi (1950) svolge ricerche presso il Dipartimento di
Filosofia dell'Università di Firenze e tiene corsi di Filosofia teoretica
e Filosofia del linguaggio presso la Facoltà di Scienze della
Formazione della stessa università. Tra le sue pubblicazioni
segnaliamo: Noema: mente e logica attraverso Husserl (1988),
Categories and logic (1991), From Kant to entwined naturalism (1994)
e il recente An essay on the notion or schema (1996).

ISBN 88-221-1979-7

111111111111 11111111111 I
9 "788822 119797 685591 F
~ ~ NU1V9.00Ò)