Sei sulla pagina 1di 10

CARATTERISTICHE TECNICHE

Tensione nominale: 12 V nominali con protezione contro inversioni di polarità, interferenze e sovratensioni.
Tensione minima e massima di alimentazione: 10 ÷ 15 V
Livello di prestazione garantito: 2º.
Grado di protezione involucro: IP 3X.
Condizioni ambientali di corretto funzionamento:
- Temperatura: 5° ÷ 40° C.
- Umidità relativa: 95% MAX.
Capacità minima e massima della batteria: 12 V 1,9 Ah MIN - 2,1 Ah MAX.
Assorbimento:
- in STAND-BY: 20 mA. solo Reporter
- in funzione: 100 mA solo Reporter SISTEMA DI TELESOCCORSO CON
- in STAND-BY: 120 mA. con tutti i dispositivi acustici e luminosi collegati.
- in funzione 200 mA MAX con tutti i dispositivi acustici e luminosi collegati. COMUNICAZIONE VIVA VOCE
Segnalazioni:
- MANOMISSIONE : contatto N.C. (100 mA MAX); resistenza in serie 10 ohm.
Dimensioni: 20,5 x 20,5 x 5 cm.
Peso: 350 g. circa.
REPORTER 2000 LIFT CTR21 81-28 Cod. 601000

ISTRUZIONI PER LA
PROGRAMMAZIONE, L'USO E
LA MANUTENZIONE
FUNZIONE: PAGINA:

Descrizione generale 2
Installazione 2,3
Collegamenti alla morsettiera 4
Descrizione display 5
Utilizzo dei comandi READY e START, programmazione P1 5
Schemi di collegamento 6,7,8,9
Accesso e uscita funzioni 10
Come inserire i numeri 10
Come variare le opzioni 12
Come variare il codice di accesso 12
Come attivare il Filtro di allarme 12
Funzione riconoscimento (ACK) 12
La ditta costruttrice declina ogni responsabilità per eventuali Come programmare il TEST automatico di funzionamento 13
errori di stampa contenuti nel presente libretto. Si riserva inoltre Come registrare il messaggio 13
il diritto di apportare le modifiche che si riterranno utili ai propri Ciclo di chiamate 14
prodotti senza comprometterne le caratteristiche essenziali.
Comando di FINE ALLARME 15
Chiamate in ingresso 15
Codice smarrito 15
Prove e regolazioni 16
Prodotto da: Manutenzione periodica 17
ELSA S.p.A. - Direzione e stabilimento:
Zona Industriale - Terza Strada - 09032 Assemini (CA) Informazioni da fornire al proprietario dell'ascensore 18
ITALY P.O. BOX 67 - Tel. 070-247275 - Telefax 070-247002 Prova manuale di funzionamento 19
Internet: www.tervis.it - E-mail: info@tervis.it
DESCRIZIONE GENERALE INSTALLAZIONE

Il Reporter 2000 è conforme a quanto previsto dalla norma EN 81-28 se utilizzato rispettando le indicazioni
fornite nel presente libretto di uso e manutenzione. Il sistema di allarme permette una comunicazione
bidirezionale che consente un contatto tra le persone imprigionate e un Servizio di soccorso. Il dispositivo
deve essere sempre atto a fornire tale prestazione e il Servizio di soccorso deve essere in grado di
rispondere rapidamente a ogni allarme. Il Reporter fornisce le informazioni al servizio di soccorso basandosi
sull'invio del caller-id (identificativo del chiamante). E' necessario verificare per cui che la linea telefonica
alla quale viene collegato abbia attivata la trasmissione del CALLER-ID. Nel caso in cui non lo sia rivolgetevi
al gestore della linea per ottenere l'attivazione del servizio.

SERVIZIO DI SOCCORSO (COLLEGAMENTO CON IL CALL CENTER)


Il Reporter fornisce le informazioni al servizio di soccorso basandosi sull'invio del caller-id. Il caller-id viene
trasmesso tra il primo e il secondo squillo. Dopo il primo squillo per cui l'operatore sarà già in grado di
avere tutte le informazioni sull'impianto dal quale proviene la chiamata.
Il servizio di soccorso dovrà disporre di un numero adeguato di linee telefoniche. In particolare, saranno
necessarie almeno 4 linee separate se il numero di back-up è relativo a un call center diverso, saranno
necessarie almeno 5 linee separate se il numero di back-up è gestito dallo stesso call center. Sarà inoltre
necessario l'utilizzo di un software che permetta mediante il riconoscimento del numero chiamante (caller-
id) la gestione delle informazioni di ALLARME, FINE ALLARME, BATTERIA, TEST. Tale software non è
fornito con il prodotto, i servizi di soccorso centralizzati potrebbero avere già le risorse necessarie, in
opzione la Tervis può eventualmente fornire un software di tale tipo.
PROVE E REGOLAZIONI
Prima di effettuare la consegna dell'impianto l'installatore deve effettuare le PROVE DI MESSA IN SERVIZIO
in sicurezza come indicato nella presente documentazione.

RIFERIMENTI NORMATIVI

La direttiva europea 95/16/CE, recepita in Italia dal D.P.R. n. 162/99, ha reso obbligatoria l’installazione
di un apparecchio all’interno della cabina che consente il collegamento telefonico bidirezionale con un
servizio di soccorso, attivo 24 ore su 24, per 365 giorni l’anno.
In pratica il segnale di allarme attiva una linea telefonica dedicata che permette al passeggero di chiedere
soccorso e di avere un operatore in linea che attiverà tutte le necessarie procedure operative al fine di
far arrivare , nel minor tempo possibile (1 ora in condizioni normali), un tecnico che proceda alla manovra
di emergenza.
La Norma EN 81-28 ha la funzione di precisare in maniera dettagliata i criteri da seguire per ottemperare
a quanto ri chi est o al p unto 14.2. 3 del le norm e arm oni zzat e EN 81 -1 e EN 81-2;
La norma dà indicazioni sui seguenti punti:
- Come realizzare il sistema di allarme per la comunicazione bidirezionale tra l’impianto e un Servizio di
Soccorso.
- Quali prestazioni deve garantire il Servizio di Soccorso al Proprietario del fabbricato
- Come operare in alternativa nel caso in cui il Servizio di Soccorso non sia in grado di ricevere la
segnalazione di allarme
- Quali informazioni vanno date dal costruttore all’installatore, incluse quelle da trasferire al Proprietario
- Quali informazioni vanno date dall’installatore al Proprietario dell'impianto.

INSTALLAZIONE

Il Reporter può essere installato nel locale macchina o in cabina (ma non accessibile al passeggero).
L'accesso ai parametri e alle funzionalità del sistema è protetto da codice come previsto al punto 4.2.5
Tutti i dispositivi non forniti con il prodotto come pulsanti di chiamata, filtri, dispositivi ottici e acustici di
segnalazione, dispositivi di comunicazione, devono essere installati nel rispetto di quanto stabilito dalle
norme 81-1, 81-2, 81-28 e secondo le indicazioni fornite di seguito.
BATTERIA: nella pagina successiva è indicato come alloggiare la batteria (non fornita).
ATTENZIONE: Il combinatore effettua il controllo della presenza della rete di alimentazione misurando
la tensione fornita attraverso i morsetti 1 e 2.
Lo stato di carica della batteria viene controllato solo in caso di assenza rete attraverso i due morsetti
centrali (+/- BATT). La chiamata di batteria scarica è trasmessa quando il dispositivo non è in grado di
garantire più di un'ora di funzionamento (livello di tensione di 11 V +/- 5% ).
L'efficienza di tale indicazione non può essere garantita se il dispositivo viene utilizzato senza la propria
batteria o se questa deve alimentare carichi diversi dal solo dispositivo di comunicazione.
2 3
COLLEGAMENTI ALLA MORSETTIERA DESCRIZIONE DISPLAY

Legenda simboli:
Pt2
VOLUM E V OLU ME 1
P1 MIC R OFON O A LTOPAR LAN TE SEMPRE ACCESO
IN TER NO E STER NO
C ODIC E SMAR R ITO Pt1
MANCANZA RETE
Acceso: rete assente
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 1 2 3 4 5
ALTOPA RLAN TE Spento: rete presente.
IN TER NO

BATTERIA SCARICA
Acceso: Batteria scarica
12V 1,9 Ah ÷ 2,1 A Spento: Batteria ok
Morsetti di collegamento della batteria. Importante: verificare lo stato di carica della
MEMORIA SOCCORSO batteria in mancanza di alimentazione di
Collegate quì i cavetti forniti in dotazione. Acceso: durante il periodo di attesa del rete.
comando di FINE ALLARME. E' stato
avviato un ciclo di allarme e il sistema è in
attesa del comando di fine allarme o da FILTRO ALLARMI
locale o da remoto. 1 Acceso: filtro allarmi attivato
Spe nto: f un zi ona m en t o r eg ol a re . Spento: filtro allarmi disattivato.
Pt1: regolazione del volume del microfono interno del combinatore.
Pt2: regolazione del volume in uscita dal morsetto 9 del combinatore .
UTILIZZO DEI COMANDI READY E START
Importante:Il combinatore è protetto da sovratensioni provenienti dalla linea telefonica. Per ottenere una
protezione efficace è indispensabile collegare il morsetto "TERRA" ad un efficiente sistema di terra PROGRAMMAZIONE DEL PONTICELLO P1.
secondo le vigenti norme.
Si ricorda che le condizioni di garanzia decadono in caso di danneggiamenti provocati da fulmini, P1: Programm azione del la polarità dell’ ingresso START e READY
sovratensioni ecc...
P1= INSERITO: ingresso a negativo combinatore a riposo;
MORSETTO DESCRIZIONE i ngresso a positivo o aperto, combinatore in funzione

(1) + ALIM Alimentazione del combinatore. Il positivo di alimentazione deve essere collegato al P1= NON INSERITO: ingresso aperto com binatore a riposo;
(2, 7) GND morsetto + ALIM del quadro. ingresso a negativo, combinatore in funzione

(3) START Morsetto di comando per la partenza del messaggio del combinatore. La polarità Uso con il solo comando START (il quadro di manovra non prevede il "filtro di allarme"):
dell’ingresso è programmabile . P1 inserito
importante: START è condizionato dal comando READY (filtro di allarme) vedi a pag.5. Morsetto 4 (READY) da non collegare.
(4) READY Morsetto di collegamento del comando di FILTRO ALLARME. Da collegare al quadro di Morsetto 3 (START) collegare un pulsante normalmente chiuso a GND. Quando manca il GND il combinatore
manovra. Vedi utilizzo a pag. 5 e collegamenti a pag. 6/7. effettua le chiamate.
Attenzione: La protezione contro i guasti deve essere fornita dal quadro stesso. P1 non inserito
Morsetto 4 (READY) collegare al morsetto 7 (GND).
(5) SEND Uscita di ALLARME INVIATO di tipo normalmente aperto che chiude a negativo (100 mA Morsetto 3 (START) collegare un pulsante di tipo normalmente aperto che chiude a GND (morsetto 7).
MAX). L'uscita permette di visualizzare in cabina, tramite una segnalazione luminosa (LED) Quando arriva il GND il combinatore effettua le chiamate.
e acustica (BUZZER), l’aggancio della linea telefonica e relativa composizione dei numeri
programmati. l’uscita ritorna allo stato di riposo nel momento in cui viene fornito il segnale
di riconoscimento (ACK). Vedi schemi di collegamento a pag. 8. Uso con il comando START ed il comando READY (il quadro di manovra prevede il "filtro d'allarme"):

P1 inserito
(6) Uscita di ALLARME RICEVUTO di tipo normalmente aperto che chiude a negativo (100 Morsetto 4 (READY) da collegare ad un'uscita del quadro di manovra che deve fornire un GND (morsetto
RECEIVED mA MAX). L'uscita permette di visualizzare in cabina, tramite una segnalazione luminosa 7) quando il combinatore è bloccato (es. cabina ferma al piano con le porte aperte).
(LED), l’allarme ricevuto. Si attiva al ricevimento del segnale di riconoscimento e rimane L'uscita deve togliere il GND o fornire un positivo quando il combinatore è abilitato a partire.
attiva fino a che non viene fornito il comando di FINE ALLARME (EOA). Vedi schemi di
collegamento a pag. 8. Morsetto 3 (START) collegare un pulsante normalmente chiuso a GND. Quando manca il GND il combinatore
effettua le chiamate.
(8) IN. Ingresso per microfono esterno per effettuare, in un posto diverso da dove è installato il
MICROFONO combinatore, la comunicazione Viva Voce con un'altra persona. Vedi schemi a pag. 9. P1 non inserito
Morsetto 4 (READY) da collegare al quadro che deve fornire un contatto aperto quando il combinatore è
(9) ALTOPAR- Uscita per al to par lan te ester n o per l' utili zzo dell a fun zio ne Vi va Voce . bloccato (es. cabina ferma al piano con le porte aperte).
LANTE Utilizzata per effettuare, in un posto diverso da dove è installato il combinatore, la
ESTERNO comunicazione Viva Voce con un'altra persona. Vedi schemi a pag. 9. L'uscita deve fornire un GND quando il combinatore è abilitato a partire.
Morsetto 3 (START) collegare un pulsante di tipo normalmente aperto che chiude a GND (morsetto 7).
(10,11) Linea antimanomissione del combinatore. Questi morsetti forniscono la protezione contro Quando arriva il GND il combinatore effettua le chiamate.
TAMPER l'apertura e lo strappo dal muro del contenitore. Contatti di tipo normalmente chiuso.
IMPORTANTE: vedere anche schemi di collegamento da pag. 6
4 5
COLLEGAMENTO DEI PULSANTI DI TIPO NORMALMENTE APERTO COLLEGAMENTO DEI PULSANTI DI TIPO NORMALMENTE CHIUSO

IL PONTICELLO P1 DEVE ESSERE DISINSERITO IL PONTICELLO P1 DEVE ESSERE INSERITO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 1 2 3 4 5
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 1 2 3 4 5

1N4148 / 1N4000
PULSANTI N.C.

TETTO
1N4148 / 1N4000

INTERRUTTORE MECCANICO
INTERRUTTORE MECCANICO PER ESCLUSIONE FILTRO IN
PER ESCLUSIONE FILTRO IN MANUTENZIONE
MANUTENZIONE Aperto filtro allarmi non attivo (READY). FOSSA
Chiuso filtro allarmi non attivo (READY).

TETTO
FILTRO ALLARME
CONTATTO PULITO FORNITO DAL
QUADRO DI MANOVRA
Aperto = filtro allarmi attivo;
Chiuso = filtro allarmi non attivo (READY).

FOSSA CABINA FILTRO ALLARME


CONTATTO PULITO FORNITO DAL
QUADRO DI MANOVRA
Aperto = filtro allarmi non attivo (READY). CABINA
PULSANTI N.O. PULSANTE N.O. Chiuso = filtro allarmi attivo;

PULSANTE N.C.

PULSANTI D'ALLARME (non forniti) PULSANTI D'ALLARME (non forniti)


I pulsanti d'allarme devono essere installati in tutti i punti dove esiste il rischio di intrappolamento e dovranno I pulsanti d'allarme devono essere installati in tutti i punti dove esiste il rischio di intrappolamento e dovranno
essere del tipo previsto al punto 4.2.3, 7 della norma 81-28 e collegati come indicato in figura. essere del tipo previsto al punto 4.2.3, 7 della norma 81-28 e collegati come indicato in figura.
I pulsanti di TETTO e FOSSA non sono mai soggetti a FILTRO. I pulsanti di TETTO e FOSSA non sono mai soggetti a FILTRO.
Il FILTRO, se utilizzato, potrà essere escluso in manutenzione mediante un'interruttore meccanico da Il FILTRO, se utilizzato, potrà essere escluso in manutenzione mediante un'interruttore meccanico da
collegare come indicato nello schema oppure direttamente dalla tastiera del Reporter. collegare come indicato nello schema oppure direttamente dalla tastiera del Reporter.
Per collegare l'uscita di filtro del quadro utilizzare un relè a scambio libero come indicato in figura. Per collegare l'uscita di filtro del quadro utilizzare un relè a scambio libero come indicato in figura.
Ogni interfaccia elettrica tra il Reporter e i circuiti di sicurezza dell'ascensore deve rispettare i requisiti dei Ogni interfaccia elettrica tra il Reporter e i circuiti di sicurezza dell'ascensore deve rispettare i requisiti
punti 13.2.2 e 14.1.2.1.3 delle norme EN 81-1 e EN 81-2. dei punti 13.2.2 e 14.1.2.1.3 delle norme EN 81-1 e EN 81-2.
Nel caso in cui il quadro non preveda l'utilizzo del filtro chiudere i morsetti 4 e 7 tra loro e collegare tutti i Nel caso in cui il quadro non preveda l'utilizzo del filtro lasciare aperto il morsetto 4 e collegare tutti i
pulsanti di chiamata in parallelo. pulsanti di chiamata in serie.
6 7
COME COLLEGARE LE USCITE SEND E RECEIVED SCHEMA DI COLLEGAMENTO DEL COMBINATORE TELEFONICO REPORTER
2000 CON UN POSTO ESTERNO AMPLIFICATO E DUE CORNETTE CITOFONICHE.
INDICAZIONI LUMINOSE (non fornite)
Devono essere presenti in cabina due indicazioni Luminose come previsto al punto 4.1.4 della EN 81-28
e 5.4.4.3 della EN 81-70. Un'indicazione luminosa GIALLA (vedi anche figura nello schema) per la
segnalazione di ALLARME INVIATO. Un'indicazione luminosa VERDE per la segnalazione di ALLARME
RICEVUTO. CABINA

BUZZER (non fornito)


Deve essere presente in cabina un dispositivo da utilizzare per fornire la segnalazione acustica che Posto Esterno Amplificato
l'allarme è stato convalidato come un allarme effettivo (come previsto al punto 4.1.4 della norma 81-28). ALT Cod. 804010
Il BUZZER o dispositivo equivalente deve essere collegato all'uscita SEND mediante l'utilizzo di un relè
come indicato nello schema seguente.
MIC
OFF 1A 2A 1 2 - +

Nel caso in cui i dispositivi di segnalazione luminosa di ALLARME INVIATO (SEND) e ALLARME 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 1 2 3 4 5
RICEVUTO (RECEIVED) abbiano un assorbimento superiore ai 100 mA sarà necessario collegarli
attraverso un relè a scambio libero come indicato di seguito.
*
LINEA TELEFONICA

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 1 2 1 2 3 4 5

+
+ 12V
-
N.O.
C OR N ETTA
N.C. LUCE 6 11 1 0 2 8 9 7 1

C
C OR NE TTA
6 11 1 0 2 8 9 7 1
Relè esterno con bobina 12V
-
BUZZER
+ * caso
Il collegamento del morsetto OFF è facoltativo. Risulta particolarmente utile su tutti quegli impianti in cui sono
presenti dei disturbi che si riflettono sull'altoparlante durante il normale funzionamento dell'ascensore. In ogni
la cornetta citofonica abilita autonomamente l'altoparlante. Nel caso non si desideri utilizzare questo
collegamento ponticellare il morsetto OFF con il morsetto - (GND). Chiudendo il morsetto OFF a negativo
Ripetere lo stesso collegamento (eliminando il BUZZER) per l' ALLARME RICEVUTO (RECEIVED). l'altoparlante sarà sempre abilitato.

Il Reporter è inoltre compatibile con il posto esterno amplificato Urmet 824/500. In questo caso non è presente il
morsetto 2A per cui il morsetto 9 andrà collegato al morsetto 2 in parallelo con le cornette. Non è presente inoltre
il morsetto OFF per cui non esiste la possibilià di comandare lo spegnimento del posto esterno di cabina.
8 9
Numero da programmare Digitare il numero
COME PROGRAMMARE IL REPORTER IN CONFORMITA' ALLE EN 81-28
OK OK OK
1) Programmare tutti i numeri di telefono NUMERI NUMERO 1 ---------- ?0P0703456--
2) Programmare il FILTRO ON
3) Programmare il riconoscimento ACK SI Il numero telefonico può avere una lunghezza di
NUM 1 OK 32 cifre max.
4) Programmare il tempo del test automatico di funzionamento in relazione all'analisi dei rischi effettuata
sull'impianto. Numero programmato premendo il tasto C una volta si cancella
5) Effettuare i collegamenti del Reporter come indicato alle pag. 6,7,8,9 l'ultima cifra.
6) Leggere con attenzione le prescrizioni da pag. 16 Premendo due volte, velocemente, il tasto C
si cancella l'intero numero.
NUMERO 2
ACCESSO AL MENU DI PROGRAMMAZIONE
Premendo il tasto TEST si può provare la chiamata per
TEST ogni singolo numero memorizzato. Le chiamate verso i
NUMERO 3 numeri 5, 6 e 7 sono di tipo CALLER-ID. Premendo il tasto
ACCESSO AL
9999 NUMERI MENU ESC si interromper il TEST.
Digitare 9999
(CODICE di fabbrica)
NUM 4 OK
ESC

Importante: Il codice di accesso al menù non può essere inferiore a 4 cifre.

Premendo il tasto ESC all'interno di una funzione viene visualizzata automaticamente la funzione
principale con il relativo salvataggio delle modifiche apportate. Premendo due volte il tasto si esce dal NUM 5
menù e si torna nella condizione di riposo.

È possibile ascoltare il messaggio registrato ma non


PROGRAMMAZIONE DEI NUMERI TELEFONICI MESSAGGIO OK TEST modificarlo.
La modifica del messaggio può essere effettuata nella
Primo numero chiamato in caso di allarme. Inserire in questa posizione il numero del programmazione "messaggio".
NUMERO 1 servizio di soccorso. Nel caso in cui il numero non sia raggiungibile il combinatore Nel caso in cui il messaggio non sia stato registrato
effettua la chiamata al numero 2. apparirà la voce REGISTRA.
Secondo numero del centro di soccorso (num. di BACK-UP). La normativa 81-28
NUMERO 2 impone che il centro di soccorso disponga di un numero alternativo al primo. CARATTERI SPECIALI
Memorizzare in questa posizione il numero di BACK-UP. Nel caso in cui il secondo
numero non sia raggiungibile viene chiamato il numero 3. Nel caso in cui si incontrino delle difficoltà di gestione della linea telefonica è possibile ovviare a tali
Terzo numero del centro di soccorso. Nel caso in cui il terzo numero non sia raggiungibile problemi mediante l'utilizzo di alcuni caratteri speciali.
NUMERO 3 viene chiamato il numero 4. Nel caso in cui il numero non venga programmato il ciclo
viene eseguito solo sui numeri precedenti. "P" pausa corta (2 secondi)

Quarto numero del centro di soccorso. Nel caso in cui il quarto numero non sia "R" pausa lunga (15 secondi)
NUMERO 4 raggiungibile viene chiamato nuovamente il numero 1. Nel caso in cui il numero non
venga program mato il ciclo viene eseguito solo sui num eri precedenti. ? Esclusione del riconoscimento dei toni di linea.
Numero dedicato alla ricezione della chiamata di fine allarme. Nel caso in cui il comando - Inserito all'inizio del numero non controlla la presenza della linea telefonica in partenza (tono
NUMERO 5 di FINE ALLARME (EOA) venga fornito in locale (MENU FINE ALLARME), il centro di di invito a selezionare).
soccorso viene informato di questo tramite una chiamata di tipo CALLER ID.
- Inserito alla fine del numero non controlla i toni di linea dopo la composizione del numero e
Numero dedicato alla ricezione della chiamata di BATTERIA SCARICA. Nel caso di invia in ogni caso il messaggio.
NUMERO 6 assenza rete e nel caso in cui il livello di carica della batteria scenda al di sotto della
soglia che garantisca almeno un'ora di funzionamento, il centro di soccorso viene
informato tramite una chiamata di tipo CALLER ID.
Numero dedicato alla ricezione della chiamata di TEST. Il Reporter effettua una chiamata
NUMERO 7 periodica di tipo CALLER ID. L'intervallo della chiamata di test è programmabile da 1
a 72 ore massimo.

10 11
L'operatore, identificato l'impianto, fornisce il comando di ACK tramite il tasto premuto sul proprio
COME MODIFICARE LE OPZIONI telefono. In quei casi in cui si sia impossibilitati a fornire la segnalazione di ACK è possibile, selezionando
la voce ACK NO, entrare automaticamente in vivavoce dopo la ripetizione del messaggio. Il comunicatore
Modifica dei parametri di funzionamento del combinatore. chiama il numero, ripete due volte il messaggio registrato ed entra in vivavoce. In ogni caso bisognerà
OPZIONI fornire il comando di fine allarme.

OK
Tipo di selezione dei numeri su linea telefonica. TEST AUTOMATICO DI FUNZIONAMENTO
Normalmente in DTMF (MULTIFREQUENZA). Tramite il tasto viene
DTMF selezionato in sequenza il funzionamento ad IMPULSI e in DTMF.

OK OK Programmare l'intervallo tra una chiamata di test


premere il tasto OK e selezionare con i tasti freccia il numero di squilli (da 1 a 9) TEST 72 HH e la successiva tramite i tasti
dopo i quali si desidera che il Reporter risponda in caso di chiamata in ingresso.
SQUILLI N.B. nello stato di attesa di FINE ALLARME il Reporter risponde sempre al primo La chiamata di TEST è una chiamata di tipo CALLER-ID. Il Reporter compone il numero, attende due
squillo. squilli e riaggancia la linea. L'intervallo è regolabile da 1 a 72 ore massimo.
Ogni volta che il Reporter riceve il comando di FINE ALLARME da remoto azzera il conteggio per la
ESC Per uscire. trasmissione del successivo evento di test.
IMPORTANTE:
Premendo il tasto ESC all'interno di una funzione viene visualizzata automaticamente la funzione
principale con il relativo salvataggio delle modifiche apportate. Premendo due volte il tasto si esce dal ATTENZIONE: affinchè il combinatore effettui la chiamata di test è necessario memorizzare il numero 7.
menù.

COME VARIARE IL CODICE COME REGISTRARE IL MESSAGGIO

Il codice personale può avere una lunghezza


OK OK di 4 cifre MIN. e 8 MAX.
CODICE 9999 digitando il nuovo codice, questo viene
automaticamente memorizzato. OK OK MESS OK
MESSAGGIO REGISTRA PARLA 20

FILTRO D'ALLARME

1
OK OK Con filtro attivato le chiamate d'allarme vengono OK
FILTRO FILTR ON
effettuate solo con il morsetto READY attivato.
TENERE PREMUTO il tasto OK per registrare il messaggio.
Al rilascio del tasto o alla scadenza dei 20 sec. il combinatore fa
riascoltare automaticamente il messaggio registrato.
Con filtro disattivato le chiamate d'allarme
FILTR OFF OK Durante la registrazione del messaggio sul display viene visualizzato
vengono sempre effettuate.
un conto alla rovescia riportante i secondi rimanenti al termine della
Il filtro d'allarme può essere inserito e disinserito attraverso questo menù. l'icona 1 accesa sul display registrazione messaggio.
indica lo stato di attivazione del filtro. Il filtro può essere inserito o disinserito anche tramite una chiamata
telefonica. Il combinatore telefonico quando chiamato aggancia la linea e emette tre beep. Attraverso i Il messaggio vocale è considerato valido solo quando la sua lunghezza
è superiore a 3 secondi.
tasti 1 (attivazione) 0 (disattivazione) sul proprio telefono si cambia lo stato del filtro d'allarme.
Se si desidera riascoltarlo ancora, basta premere il pulsante TEST
per quante volte si desidera.
RICONOSCIMENTO (ACK) Col tasto C è possibile registrare nuovamente il messaggio,

OK OK Con riconoscimento disattivato su chiamata di TEST Ascolto messaggio registrato.


RICONOSCI ACK NO allarme si entra automaticamente in vivavoce. MESS OK
Da utilizzare per i test di chiamata. MESSAGGIO
REGISTRATO
Con riconoscimento attivato (81-28) è necessario Modifica
ACK SI OK fornire il comando di ACK tramite il tasto per
MESS OK C messaggio OK MESS OK
entrare in conversazione vivavoce. registrato REGISTRA PARLA 20
La norma 81-28 prescrive che il segnale di ACK venga sempre fornito dal centro di soccorso prima di
effettuare la comunicazione vivavoce.
12 13
CHIAMATA DI ALLARME COMANDO DI FINE ALLARME

AVVIO DEL CICLO


Il comando può essere fornito da remoto attraverso la linea telefonica come descritto in precedenza o da
Il ciclo viene avviato alla pressione del pulsante collegato all'ingresso START. Il ciclo di allarme viene
tastiera locale. Questo menù è presente solo se il Reporter si trova nello stato di attesa di FINE ALLARME
avviato solo se il filtro è disattivato. Nel caso in cui il Reporter sia nello stato di attesa del comando di
(icona campanella accesa e uscita ALLARME RICEVUTO attivata).
FINE ALLARME (EOA) il filtro è automaticamente disattivato.
E' possibile avviare un ciclo di test premendo il tasto OK sulla tastiera del Reporter. Il ciclo si avvia
Per fornire il comando in locale: digitare il codice di accesso, 9999 (se non cambiato)
seguendo le stesse modalità relative al filtro descritte in precedenza.
Le chiamate di allarme sono prioritarie. Nel caso in cui una chiamata di tipo CALLER-ID sia già in corso
questa verrà interrotta e ripetuta dopo la chiamata di allarme. Nel caso in cui una chiamata di tipo
CALLER-ID debba essere trasmessa nell'istante in cui è già in corso un ciclo di allarme questa verra FINE ALL OK CONFERMA OK FINE ALL
posticipata alla conclusione della chiamata di allarme. L'ordine di partenza delle chiamate (in caso di
contemporaneità o attesa per linea impegnata da ciclo di allarme) va dal NUMERO 5 al NUMERO 7 in Il Reporter effettua una chiamata di tipo CALLER-ID al numero 5. La voce FINE ALLARME scompare dal
ordine crescente. display non appena la chiamata è andata a buon fine.
CICLO DI CHIAMATE

- CHIAMATA AL NUMERO 1
Il Reporter aggancia la linea, verifica la presenza del tono di invito a selezionare, compone il numero, CHIMATE IN INGRESSO
attende la risposta del chiamato e si comporta come descritto alla voce CICLO ALLARME. Nel caso in
cui il numero 1 non sia raggiungibile o sia libero e non risponda (8 squilli) o non fornisca il comando di il Reporter se chiamato aggancia la linea al primo squillo e fornisce il tono di avvenuta risposta (3 beep).
ACK allora viene chiamato il numero 2. Sono possibili due condizioni:
- CHIAMATA AL NUMERO 2 1) Il Reporter è nello stato di attesa del comando di FINE ALLARME
Il Reporter aggancia la linea, verifica la presenza del tono di invito a selezionare, compone il numero,
attende la risposta del chiamato e si comporta come descritto alla voce CICLO ALLARME. Nel caso in - aggancia la linea
cui il numero 2 non sia raggiungibile o sia libero e non risponda (8 squilli) o non fornisca il comando di - entra in conversazione vivavoce per 70 sec.
ACK allora viene richiamato il numero 3. (è possibile prolungare tale tempo mediante la pressione del tasto )
- se riceve il tono DTMF 9 esce dallo stato di attesa FINE ALLARME e sgancia la linea
- IDEM PER I NUMERI 3 E 4. - se riceve il tono DTMF sgancia la linea e rimane nello stato di attesa FINE ALLARME
Ogni numero viene chiamato per un massimo di 3 tentativi. - se dopo i 70 sec. non riceve nessun tono ( entro 8 secondi ) sgancia la linea e rimane nello stato di
attesa FINE ALLARME
CICLO DI ALLARME
2) Il Reporter NON è nello stato di attesa del comando di FINE ALLARME
Il numero chiamato ha risposto:
1) Il Reporter si porta in attesa del comando di ACK. - aggancia la linea
- se riceve il tono DTMF 0 disattiva il filtro di allarme e sgancia la linea
- viene riprodotto due volte il messaggio registrato (se presente). Se non riceve nessun tono per 8 sec. - se riceve il tono DTMF 1 attiva il filtro di allarme e sgancia la linea
sgancia la linea e prosegue il ciclo di chiamata. - se non riceve nessun tono entro 8 secondi sgancia la linea

- Premere il tasto . L'operatore del centro di soccorso, una volta identificato l'impianto dal quale proviene VARIAZIONE DELLE PROGRAMMAZIONI IN
la chiamata, fornisce il comando di ACK tramite la pressione del tasto sul proprio telefono. CASO DI PERDITA DEL CODICE DI ACCESSO
2) il Reporter si porta nello stato di ATTESA comando di FINE ALLARME (EOA), attiva la funzione
vivavoce è mette in connessione la cabina con l'operatore del centro di soccorso:
- Aprire il contenitore- Premere il pulsante CODICE SMARRITO
- PREMERE per chiudere la comunicazione senza fornire la segnalazione di FINE ALLARME . Il - Verificare che sul display appaia:
Rep ort er r ia ggan ci a l a li ne a ri m an endo nel l o s tat o di a tt esa di FIN E A LLA RM E .
- PREMERE 9 per chiudere la comunicazione fornendo la segnalazione di FINE ALLARME. Il reporter
sgancia la linea e si riporta in condizione di stand-by. CODICE
- Al termine dei 70 sec. il combinatore emette un beep. PREMERE per prolungare la comunicazione
vivavoce di altri 70 sec. - Premere il tasto "OK" per visualizzare il Codice.
- Se non viene fornito nessun comando il Reporter riaggancia la linea solo al termine dei 70 sec. di - Premere il tasto "ESC" per uscire dalla visualizzazione.
conversazione vivavoce e prosegue nel ciclo di chiamate rimanendo nello stato di attesa di FINE
ALLARME. Importante: questa procedura serve unicamente per visualizzare il codice di accesso eventualmente
Lo stato di attesa di FINE ALLARME è evidenziato dall'icona campanella accesa sul display e dall'uscita "perduto". Non è possibile modificarlo.
Allarme Ricevuto (RECEIVED) attivata. Una volta usciti dalla visualizzazione, e con il display che visualizza le icone di funzionamento, è possibile
Durante questo stato l'operatore del centro di soccorso può chiamare il Reporter e entrare automaticamente accedere al menù tramite il codice di accesso precedentemente visualizzato.
in conversazione vivavoce. Fornire i comandi descritti in precedenza tramite i tasti 9 , , .
In ogni caso la segnalazione di FINE ALLARME potrà essere fornita in locale attraverso la tastiera del
Reporter come descritto in seguito.
14 15
- VERIFICA ESCLUSIONE DEL FILTRO IN MANUTENZIONE
TEST MANUALE DI FUNZIONAMENTO Azionate l'interruttore meccanico di esclusione del filtro e ripetete la prova come al punto precedente.

Mediante la pressione del tasto OK è possibile effettuare la chiamata di test manuale per il dispositivo di - VERIFICA PULSANTI DI CHIAMATA DI TETTO E FOSSA
Assicuratevi che sul display sia sempre presente l'icona con il numero 1 accesa. Premete i pulsanti di
soccorso. Il tasto OK è condizionato dalla presenza del FILTRO DI ALLARME esattamente come indicato chiamata di tetto e fossa e assicuratevi che parta la chiamata.
per il morsetto START.
- VERIFICA FUNZIONAMENTO DELLE INDICAZIONI ACUSTICHE E LUMINOSE
PROVE E REGOLAZIONI PRIMA DELLA MESSA IN SERVIZIO Effettuate una chiamata d'allarme in una qualsiasi delle modalità descritte in precedenza e verificate le
segnalazioni in cabina.
Una volta completata l'installazione il collegamento e la programmazione del Reporter è necessario - VERIFICA TRASMISSIONE TEST, BATTERIA, FINE ALLARME
effettuare le prove seguenti: Digitate il codice e raggiungete la voce NUMERO 5 OK all'interno del menu numeri premere il tasto test.
Tramite l'altoparlante potrete verificare la presenza del tono di invito a selezionare, la composizione del
- VERIFICA PRESENZA LINEA TELEFONICA numero e il seguente tono di linea. Il reporter effettua una chiamata di tipo caller-id.
Ripetere la stessa procedura per i numeri 6 e 7.
Digitare il codice e raggiungere la voce NUMERO 1 OK all'interno del menu numeri premere il tasto test.
Tramite l'altoparlante potrete verificare la presenza del tono di invito a selezionare, la composizione del - VERIFICA BATTERIA
numero e il seguente tono di linea. Premere il tasto ESC per concludere il test. Nel caso in cui non venga Effettuate una chiamata d'allarme in una qualsiasi delle modalità descritte in precedenza, staccate la
interrotto il Reporter effettua l'intera chiamata di allarme come descritto in precedenza. Ripetere il Test tensione di rete e verificate che la chiamata non venga interrotta e il dispositivo prosegua nel suo normale
per il numero 2. funzionamento e che sul display non compaia l'icona della batteria. Misurate la tensione ai morsetti +/-
BATT e assicuratevi che sia almeno superiore ai 12V.
- VERIFICA REGOLAZIONE DEI DISPOSITIVI ESTERNI DI COMUNICAZIONE VIVAVOCE Verificate che la batteria non necessiti di essere ricaricata. In questo caso attendete il tempo della ricarica
e ripetete la prova.
Selezionando la voce ACK NO all'interno del menu RICONOSCIMENTO alla risposta del chiamato sarete
subito in comunicazione vivavoce. Diversamente istruite il chiamato su come fornire l'ACK tramite il tasto - CONSEGNA IMPIANTO
# per entrare in comunicazione vivavoce. Fornite al proprietario la presente documentazione e tutte le indicazioni necessarie all'uso e manutenzione
dell'impianto come indicato ai punti 5.2 e 5.3 della norma 81-28..
1) Effettuare la chiamata di test come indicato in precedenza e portarsi all'interno della cabina per la
comunicazione. (in alternativa escludere il filtro ed effettuare la chiamata dal pulsante di cabina)
2) Regolate il volume del microfono interno del posto esterno amplificato di cabina a partire da un quarto
della sua corsa. Regolate il volume dell'altoparlante a metà della sua corsa.
3) Portatevi al centro della cabina e parlate per qualche secondo, chiedendo poi al chiamato se sente
chiaramente la vostra voce. Attendete le indicazioni del chiamato prima di modificare le regolazioni.
MANUTENZIONE PERIODICA
- Se non sentite la voce del chiamato e lui sente voi
Diminuite il volume del microfono interno (MIC) del posto esterno amplificato di cabina e riprovate
come descritto al punto 3. Il sistema di allarme dovrà essere sottoposto a manutenzione periodica con frequenza di almeno 6 mesi.
Chiedete al chiamato di parlare vicino alla cornetta del proprio telefono. In ogni caso ad ogni intervento sull'impianto sarà necessario effettuare le seguenti operazioni di controllo.
Ricontrollate la corrispondenza dei collegamenti con quanto indicato sugli schemi.
- VERIFICA STATO DI CARICA DELLA BATTERIA
- Se il chiamato non sente la vostra voce e voi sentite lui
Aumentate il volume del microfono interno (MIC) del posto esterno amplificato di cabina e La vita della batteria a tampone è legata al numero di cicli di carica e scarica ai quali è sottoposta. La
riprovate come descritto al punto 3. scarica completa della batteria può essere causa di irreparabile danneggiamento. La batteria a tampone
Ricontrollate la corrispondenza dei collegamenti con quanto indicato sugli schemi. andrà in ogni caso sostituita ogni 24 mesi.
Effettuate una chiamata d'allarme in una qualsiasi delle modalità descritte in precedenza, staccate la
- Se la voce del chiamato è spezzettata tensione di rete e verificate che la chiamata non venga interrotta e il dispositivo prosegua nel suo normale
Abbassate il volume dell'altoparlante (ALT) del posto esterno amplificato di cabina e riprovate funzionamento e che sul display non compaia l'icona della batteria. Misurate la tensione ai morsetti +/-
come descritto al punto 3. BATT e assicuratevi che sia almeno superiore ai 12V.
Diminuite al massimo il volume del microfono interno del Reporter.
Scollegate l'altoparlante interno del Reporter e riprovate come descritto al punto 3. Proseguite con le prove indicate di seguito con le modalità descritte nel capitolo prove e regolazioni.
- Se è presente una forte rumorosità di fondo - VERIFICA FILTRO DI ALLARME
Il reporter è installato in locali particolarmente rumorosi (ad es. in prossimità di un'inverter) ?
Diminuite al massimo il volume del microfono interno del Reporter. - VERIFICA ESCLUSIONE DEL FILTRO IN MANUTENZIONE
Staccate la tensione di rete e verificate se il problema è presente anche nel caso di sola
alimentazione a batteria. Se la rumorosità diminuisce verificate la possibilità di fornire al Reporter - VERIFICA DI TUTTI I PULSANTI DI CHIAMATA
un'alimentazione opportunamente filtrata.
Inserite in serie al morsetto 2 o 2A del posto esterno amplificato una resistenza da 1Kohm o - VERIFICA FUNZIONAMENTO DELLE INDICAZIONI ACUSTICHE E LUMINOSE
una di quelle fornite in dotazione.
Se il problema persiste contattate l'assistenza tecnica. - VERIFICA TRASMISSIONE TEST, BATTERIA, FINE ALLARME
- VERIFICA FILTRO DI ALLARME
Verificate che sul display sia presente l'icona con il numero 1 accesa. In caso contrario attivatela. Premete
il pulsante di chiamata con la cabina ferma al piano e con le porte aperte e assicuratevi che non venga
inviata nessuna chiamata. Ripetete la stessa prova in tutte le condizioni in cui le chiamate vengono filtrate
dal quadro.
16 17
INFORMAZIONI DA FORNIRE AL PROPRIETARIO DELL'ASCENSORE PROVA MANUALE DI FUNZIONAMENTO PER IL PROPRIETARIO

La norma prevede che l’installatore indichi esplicitamente e con chiarezza quali sono le responsabilità Il proprietario è tenuto a verificare periodicamente la risposta vocale del Servizio di Soccorso, attivando
che fanno capo al proprietario dell’ascensore (5.2 81-28). manualmente il dispositivo d’allarme. Il dispositivo effettua una chiamata automatica di test al più ogni 72
ore. La chiamata automatica non permette però di testare il funzionamento di alcuni accessori quali ad
In sintesi il proprietario deve: esempio i pulsanti di chiamata. Con una cadenza rapportata alla frequenza di utilizzo dell'impianto il
proprietario dovrà eseguire la prova come indicato in seguito.
- assicurare che l'ascensore sia collegato a un Servizio di Soccorso.Il Servizio di Soccorso, che può anche
fa r par te de ll ’ or gan iz z azi on e d i m anu ten zi on e, dev e sv ol ger e i seg uent i c om pi t i : - Mettersi in contatto con il centro di soccorso e richiedere la disattivazione del FILTRO DI ALLARME.

1) ricevere la richiesta di soccorso proveniente dall’ascensore, verificarla, registrarla per documentare - Premere il pulsante di allarme
orario e circostanze della richiesta, confermare al richiedente che la richiesta è stata ricevuta
- Verificare l'accensione della Luce Gialla di allarme inviato e l'emissione acustica del buzzer
2) organizzare la operazioni di soccorso e monitorarle fino all’avvenuto recupero degli utenti imprigionati.
- Verificare che all'ingresso in vivavoce si spenga la luce gialla e si accenda quella verde.
- Garantire che il dispositivo di allarme in cabina e il Servizio di Soccorso siano collegati tra di loro mediante
una rete di comunicazione sicura e funzionale, attiva 24 ore, compreso l’utilizzo per le operazioni di - Verificare la comunicazione vivavoce
manutenzione.
Dopo avere effettuato tutte le verifiche indicate chiedere al centro di soccorso di fornire il comando di FINE
- Garantire che le indicazioni in cabina riguardanti il sistema di allarme e le relative segnalazioni luminose ALLARME. Il Reporter aggancia la linea e la luce verde viene spenta.
e acustiche siano in perfetta efficienza, segnalando tempestivamente la questione alla ditta di manutenzione Nel caso in cui una qualsiasi di queste verifiche non andasse a buon fine l'impianto deve essere messo
nel caso di irregolarità. fuori servizio e contattato il servizio di manutenzione.

- Verificare periodicamente la risposta vocale del Servizio di Soccorso, attivando manualmente il dispositivo
d’allarme. La frequenza di tali verifiche è da stabilirsi in base all'analisi dei rischi effettuata. COME DISATTIVARE DA REMOTO IL FILTRO DI ALLARME
- Mettere fuori servizio l’ascensore quando i mezzi di comunicazione bidirezionale sono guasti;. Questa Il Reporter se chiamato aggancia la linea al primo squillo e fornisce il tono di avvenuta risposta (3 beep).
circostanza può essere segnalata dal Servizio di Soccorso, a seguito di un controllo automatico, o rilevata
da un test manuale in tal caso va immediatamente contattato il servizio di manutenzione. Il Reporter NON è nello stato di attesa del comando di FINE ALLARME per cui:

- Garantire che l’organizzazione del Servizio di Soccorso fornisca una risposta efficace entro un tempo - aggancia la linea
medio di un’ora in condizioni normali. Occorre a questo riguardo che venga assicurato agli addetti al - se riceve il tono DTMF 0 disattiva il filtro di allarme e sgancia la linea
Servizio di Soccorso l’accesso all’edificio in qualsiasi circostanza. - se riceve il tono DTMF 1 attiva il filtro di allarme e sgancia la linea
- se non riceve nessun tono entro 8 secondi sgancia la linea
La norma prevede che il proprietario dell'impianto indichi esplicitamente e con chiarezza al servizio
di soccorso quanto segue ( 5.3 norma 81-28):

- Fornire al Servizio di Soccorso tutte le informazioni ricevute dall’installatore relativamente al sistema


d’allarme.
- necessità di stabilire sempre una comunicazione bidirezionale che consenta il contatto con gli utenti
imprigionati inclusa la possibilità di parlare regolarmente con essi e di informarli in relazione allo stato
delle operazioni di soccorso;
NOTA: Il proprietario può richiedere una risposta umana in lingue più specifiche in aggiunta
a quelle ufficiali (si veda il punto 0.2.5 delle norm e EN 81-1:1998 e EN 81-2:1998);
- informazione relativa ai limiti di tempo dell'alimentazione di emergenza del sistema di allarme.

- Fornire al Servizio di Soccorso tutte le informazioni relative a come accedere all’ascensore e ai locali
riservati di pertinenza e inoltre, se necessario, al personale che ha compiti di guida o di accompagnamento.
- Assicurarsi che il sistema di allarme fornisca al Servizio di Soccorso tutti i dati occorrenti per la completa
identificazione dell’ascensore da cui proviene la richiesta di soccorso e indichi anche tutte le condizioni
particolari per assicurare un accesso all’ascensore rapido e senza rischi.
- Assicurarsi che il Servizio di Soccorso svolga tutte le funzioni indicate nella Norma e lo dichiari
esplicitamente.

18 19