Sei sulla pagina 1di 7

Potenziometri

Tecnologie dei sistemi di controllo AA. 2017/18

Trasduttori resistivi:
potenziometri
• Il principio di funzionamento si basa sulla variazione di resistenza in uscita dal sensore determinata dallo
spostamento dell’oggetto di cui si vuole misurare la posizione.

• È un sensore passivo.

• Sono costituiti da un elemento resistivo e da un contatto mobile solidale con lo spostamento o la posizione
da misurare.

• I potenziometri trasformano una variazione di posizione in una variazione di resistenza.

• Fornisce una misura assoluta e può essere sia rotativo che lineare.

• È costituito da un resistore fisso e da un cursore mobile che può scorrere su quest’ultimo.

• La resistenza misurata fra il cursore ed un capo della resistenza fissa dipende dalla posizione del primo.

• Sia 0x1
<latexit sha1_base64="IjcIVKIaGcHhmn+PjAT7XrPOztc=">AAAB/3icbVC7TsNAEFzzDOEVoKQ5ESFRRTZCAroIGsogYRIpCdH5sgmnnB/crRGRlYavoIWKCtHyKRT8C7ZxAQnT7GhmV7s7XqSkIdv+tObmFxaXlksr5dW19Y3Nytb2tQljLdAVoQp1y+MGlQzQJUkKW5FG7nsKm97oPPOb96iNDIMrGkfY9fkwkAMpOKXSjd1ReMceWF6cXqVq1+wcbJY4BalCgUav8tXphyL2MSChuDFtx46om3BNUiiclDuxwYiLER9iO6UB99F0k/zqCduPDaeQRaiZVCwX8fdEwn1jxr6Xdvqcbs20l4n/ee2YBifdRAZRTBiIbBFJhfkiI7RM40DWlxqJeHY5MhkwwTUnQi0ZFyIV4zSfcpqHM/39LHEPa6c15/KoWj8rginBLuzBAThwDHW4gAa4IEDDEzzDi/VovVpv1vtP65xVzOzAH1gf3yMlldQ=</latexit>

(1 x)R
Vin RT
xR V
out

Relazioni fondamentali del


potenziometro


RT = (1 x)R
AL Vin RT
⇢ xR V
Rx = xRT = A Lx out
l
x= L
Rx
Vout = Vin R T
= Vin x
<latexit sha1_base64="ml8bjuG0XqP+SsdH8/WhR+DkuCw=">AAACg3icbZHNbhMxEMe9S2lL+ErhCAerUSuEULQbIUEPkQpcOPTQVklbKRutZp1JatXr3dqzKNHK78DrceA1OONNF6m0nYM9+v1nPJ6ZrFTSUhT9CsJHG483t7afdJ4+e/7iZXfn1ZktKiNwLApVmIsMLCqpcUySFF6UBiHPFJ5nV98a/fwHGisLPaJVidMcFlrOpQDyKO3+TDJcSF3jtQZjYPXedfZP09EwmRsQdWIuC1d/cUdJ0uDlcPmAxpeNumyxcvWRa8BZWhcVuaG/pXY3on/C+WP0jzaZCerZrfJptxf1o7Xx+07cOj3W2nHa/Z3MClHlqEkosHYSRyVNazAkhULXSSqLJYgrWODEuxpytNN6PTnH9yoLVPASDZeKryHezqght3aVZz4yB7q0d7UGPqRNKpp/nvoWy4pQi6YQSYXrQlYY6VeCfCYNEkHzc+RScwEGiNBIDkJ4WPkddfw84rvd33fGg/5BPz4Z9A6/toPZZm/YLnvHYvaJHbLv7JiNmWB/grfBXrAfboYfwkH48SY0DNqc1+w/C4d/AepcxOo=</latexit>

La relazione è lineare nell’ipotesi che la sezione A del conduttore e la sua


resistività ρ siano costanti in tutta la lunghezza.
Potenziometri in alternata
• E’ possibile adottare tensioni
di alimentazione alternate
considerando il modello
completo dell’impedenza

• Bisogna assicurarsi che il


bipolo abbia sempre un
comportamento
“prevalentemente”resistivo

• Non superare il valore


massimo di potenza
dissipabile dalla resistenza

Caratteristiche generali dei


potenziometri
• La variazione di resistenza può anche essere misurata con un ponte o può
venire direttamente trasdotta in una variazione di corrente (metodo di
misura assoluto).

• Ne esistono di lineari ed angolari.

• La banda di funzionamento è molto elevata ed è limitata dalle induttanze e


dalle capacità parassite.

• Caratteristiche generali

• Natura dell’elemento resistivo (a strato, a filo, a plastica conduttiva)

• Eccitazione continua o alternata

• Uscita proporzionale (a circuito aperto)

Esempi di potenziometri
lineari
Esempi di potenziometri
rotativi

Vita meccanica limitata (usura dovuta ad attrito).


Rumore elettrico in uscita dovuto allo sfregamento.

Potenziometri a filo avvolto


• Elemento resistivo realizzato con un sottile filo di materiale metallico avvolto su di un
supporto isolante e rigido. Il supporto può essere indifferentemente un cilindro retto
oppure un toroide.

• Risoluzione: ogni incremento elementare è pari alla resistenza che corrisponde ad una
spira del filo avvolto sul supporto (risoluzione fino allo 0,03% del fondo scala).

• La vita del potenziometro è espressa in termini di "corse" del cursore. Usura localizzata
= degrado della linearità.

• Lo scorrimento del cursore procede a scatti


• L’usura del conduttore causa perdite di linearità con il tempo

Ris. = (1/N) 100 [%]

Potenziometri a film
metallico
• Elemento resistivo realizzato mediante deposito di un
sottile strato ceramico-metallico (CERMET) su di un
supporto isolante piano (sinterizzazione).

• La pista resistiva può essere sagomata a piacere per


realizzare legami non lineari fra posizione del cursore e
tensione di uscita oppure, al contrario, può essere rifinita
con la tecnologia laser per migliorare ulteriormente la
linearità.

• La risoluzione ottenibile è teoricamente infinita.


Potenziometri a plastica
conduttiva
• Elemento resistivo di plastica mescolando nei suoi
componenti degli elementi conduttivi a base di carbonio.

• La plastica conduttiva permette di realizzare delle superfici


estremamente lisce e resistenti alla abrasione meccanica.

• La caratteristica metrologica più interessante è la vita che


rende questo trasduttore assai adatto ad impieghi gravosi in
cui si prevedano molte corse del contatto sulla pista resistiva.

Problemi di interfacciamento
del potenziometro
• La tensione di alimentazione deve essere stabile

• Un valore elevato di tensione di alimentazione produce:

• Un buon rapporto segnale rumore :)

• Maggiore autoriscaldamento del componente :(

• Se il circuito di misura ha una impedenza di ingresso RL infinita si ha:

(1 x)R

(1 x)R
Vin RT Vin xR Vout
xR V
out

Interfacciamento con carico


finito
(1 x)RT

Vin xRT Vout RL

RT = Rp + Rx
l Rx RL
x= L Vout Rx +RL
= Rx RL
Rp = (1 x)RT Vin Rx +RL + Rp
<latexit sha1_base64="Mj1csjnEY3TDdJKANP93eFBon88=">AAACQ3icdVBNSyNBEO1x16/4FXePXpoNgiCEGVlYPQiilz14iMFEIQlDTacSG3s+6K4RZei/5U/wPyzsHt3Tnhavgj1JDproO1Q/3quiul6UKWnI9395c58+zy8sLi1XVlbX1jeqm1/aJs21wJZIVaovIzCoZIItkqTwMtMIcaTwIro+Kf2LG9RGpsk53WXYi2GYyIEUQE4Kq43uQIMo2mGR5mRtSWRi7eFYHtdmeNsMT2357pbEfqC7ktmwWvPr/gh8lgQTUmMTNMLqn24/FXmMCQkFxnQCP6NeAZqkUGgr3dxgBuIahthxNIEYTa8YXW75dm6AUp6h5lLxkYivJwqIjbmLI9cZA12Zaa8U3/M6OQ32ey6KLCdMRLmIpMLRIiO0dJEi70uNRFD+HLlMuAANRKglByGcmLuMKy6PYPr6WdLaqx/Ug7PvtaPjSTBLbIt9YzssYD/YEfvJGqzFBLtnv9kj++s9eP+8/97TuHXOm8x8ZW/gPb8AZNizxA==</latexit>

<latexit sha1_base64="om68Gs0ZRt6qan5DXa6Re7MV0EI=">AAACTnicbVBNb9NAFFyHAsF8NMCxl1UjqgIisnsBDpEquPTQQxs1baU4sp43L+kq67XZfUaOLP84fgJHDpy5wqmnql2nOfSDOc3OzNu3O0mupKUg+OW1Hqw9fPS4/cR/+uz5i/XOy1fHNiuMwKHIVGZOE7CopMYhSVJ4mhuENFF4ksy/Nv7JdzRWZvqIFjmOU5hpOZUCyElxZxQlOJO6wm8ajIHFu9rfGsRH/UGcvx/EZRT5W2U/mhoQlaqr/boRnNffDj+Ub13w+lz2S8f9CPXkxk1xpxv0giX4fRKuSJetcBB3fkeTTBQpahIKrB2FQU7jCgxJobD2o8JiDmIOMxw5qiFFO66WJdT8TWGBMp6j4VLxpYg3JypIrV2kiUumQGf2rteI//NGBU0/jSup84JQi2YRSYXLRVYY6dpFPpEGiaB5OXKpuQADRGgkByGcWLi6fddHePf398lwp/e5Fx7udHe/rIppsw22ybZZyD6yXbbHDtiQCfaD/WF/2T/vp3fuXXiX19GWt5p5zW6h1b4CObmy+g==</latexit>
Rx = xRT
Analisi dell’interfacciamento
con carico finito -1
Rx RL
Vout Rx +RL
= Rx RL
= ...
Vin Rx +RL + Rp
Rx R L
··· = = ...
R p Rx + Rp R L + R x R L
R x RL
··· = = ...
(RT Rx )Rx + (RT Rx )RL + Rx RL
Rx R L
··· = = ...
<latexit sha1_base64="TOF4qg4R5DI22clbcdycKUlpTzU=">AAADA3icjZK7btswFIYp9Za6lzjt2IWo0SCFEUMKCrQZDATt0sFDasRJAMsVKOY4IUJdQB4FCQSufYquydSp6NoHyZB3KSlpSO0G6BnI//znfKREMimk0BgE155/7/6Dh49WHneePH32fLW79mJf56XiMOG5zNVhwjRIkcEEBUo4LBSwNJFwkJx+cvWDM1Ba5NkeXhQwS9lxJuaCM7RWvOatRnPFeLUfV3mJxjghMmPWh43fjOP4fByPjJv7Tpg7fDsUZhgd5aijqLNei+Fia9F022nUb90GoXcxG+N4b9Mmbx15K/lf3hJWOujrVr9ORptNbXmBuNsLBkEddFmEreiRNnbj7o1leZlChlwyradhUOCsYgoFl2A6UamhYPyUHcPUyoyloGdVfXOGvik1w5wWoKiQtDbhNlGxVOuLNLGdKcMTvVhz5r9q0xLnH2b2JosSIeNuIxQS6o00V8I+CaBHQgEic18OVGSUM8UQQQnKOLdmad+IO49w8e+XxWRrsD0Iv7zr7XxsD2aFvCKvyQYJyXuyQz6TXTIh3DvzvnuX3pX/zf/h//R/Na2+1zIvyV/h//4DqFPzgA==</latexit>
RT Rx Rx2 + RT RL Rx RL + Rx RL

Analisi dell’interfacciamento
con carico finito -2
Vout xRT RL
= = ...
Vin xRT2 x2 RT2 + RT RL
RL
RT2 xR
··· = T
= ...1
RT2 x x2 + RL
RT
0.9
R /R =0.1
L T
R L/R T=1.0
0.8 R L/R T=10
RL
xR 0.7
··· = T
RL 0.6
x x2 + R
in
/V

T 0.5
out

<latexit sha1_base64="QDGEq4JNbKBGoFoHIpGiHULdQdQ=">AAACwXicjVFNT9tAEF275aPhK5RjL6tGoEqIyI6QCgckVHrogQNFBFDjYI03E9iy/tDuuAqy/Bd776H/peuNK7Whh87FT+/NvLeeSQolDQXBD89/8XJpeWX1VWdtfWNzq7v9+trkpRY4FLnK9W0CBpXMcEiSFN4WGiFNFN4kj2eNfvMNtZF5dkVPBY5TuM/kVAogS8Xd79FUg6iu4yovqa4bILO63juZ87PL+OoyPq8duBsczO4GDuy3/Ek0ycnwKOrsOdSOuZ66/bROv5Vzx9uoWeO2v0jPHRcN/3c67vaCfuCKPwdhC3qsrYu4+9PGiDLFjIQCY0ZhUNC4Ak1SKKw7UWmwAPEI9ziyMIMUzbhye6/5bmmAcl6g5lJxR+KfExWkxjylie1MgR7MotaQ/9JGJU2PxvYQRUmYiSaIpEIXZISW9qDIJ1IjETQvRy4zLkADEWrJQQhLlvbCHbuPcPHvn4PhoH/cDz8f9k4/tItZZW/YW/aOhew9O2Wf2AUbMuEdel884U38j/5Xv/D1vNX32pkd9lf51S9oCN25</latexit>
V

0.4

Per ottenere una buona linearità è 0.3

richiesto un basso valore di RT  che 0.2


causerebbe una riduzione del campo di 0.1
misura 0
0 20 40 60 80 100
Displacement %

Linearizzazione
Rlin
Rp
Vin RT
Rx
Vout RL

Rp Rlin (1 x)RT Rlin


Ra = Rp //Rlin = =
Rp + Rlin (1 x)RT + Rlin
Rx R L xRT RL
Rb = Rx //RL = =
Rx + R L xRT + RL
Vout Rb
=
Vin Ra + R b
<latexit sha1_base64="JMagfek/hB6dqyTkybokpwFse8E=">AAACu3icbZFNb9NAEIbXLtASvkI5crGIQEURqY0qAYdWFVw49FCipK0UG2u8mZSl6w/tzlaurPw//gIH/gu7jhuVljm9+87MM7uzWSWFpjD87fkb9+4/2Nx62Hv0+MnTZ/3n2ye6NIrjlJeyVGcZaJSiwCkJknhWKYQ8k3iaXXxx+dNLVFqUxYSuKkxyOC/EQnAga6X9X2/GKeyP02p3d5w2lrLcjxcKeGOtzlg6Pbw+dOmd6F39dpxO1jXXxrowjnuWnVl27dhHa25tD45ZD53o7LplWb9eMY7a/lXuJG1KQ3aGFTeuYOEOA0Mneml/EI7CNoK7IurEgHVxnPb/xPOSmxwL4hK0nkVhRUkDigSXuOzFRmMF/ALOcWZlATnqpGk3vgxeGw1UBhWqQMigNfFmRwO51ld5ZitzoB/6ds6Z/8vNDC0+JvaVlSEsuBtEQmI7SHMl7FdiMBcKicDdHANRBBwUEKESAXBuTWP/1u0juv36u2L6fvRpFH3bGxx+7hazxV6yV2yHRewDO2Rf2TGbMu6NvImXeN/9A3/u//TlqtT3up4X7J/wzV8f+9ku</latexit>
Effetto della linerizzazione
Rlin=RL
1

0.9 R L/R T=0.1


R /R =1.0
0.8 L T
R /R =10
L T
0.7

0.6
Senza linearizzazione
Vout /Vin

0.5

0.4
1
R /R =0.1
0.3 0.9 L T
R /R =1.0
L T
0.8 R /R =10
0.2 L T

0.7
0.1 0.6

Vout /Vin
0.5
0
0 20 40 60 80 100 0.4
Displacement % 0.3

0.2

0.1

0
0 20 40 60 80 100
Displacement %

Caratteristiche per la scelta


di un potenziometro

• Forma e dimensione

• Portata in ohm ed in
lunghezza

• Potenza massima

• Caratteristica lineare oppure


logaritmica

Specifiche per la scelta


• Elemento resistivo potenziometrico.

• Campo di misura fino a 1.200 mm.

• Elevata linearità indipendente (migliore di ± 0,1%).

• Alta risoluzione (fino a 0,01mm).

• Eccellente ripetibilita’ (migliore di ± 0,01%).

• Vita tipica 100 milioni di cicli.

• Resistenza nominale 5 – 10 kΩ.

• Costo contenuto.

• Velocità operativa fino a 10 m/s.

• Accelerazione fino a 200 m/s2.

• Connessioni elettriche mediante connettore a 4 poli DIN 43650 (tipo x elettrovalvole).

• Campo di temperatura -50 … +120 °C.

• Stelo in acciaio inox (M6), libero di ruotare


Campi di applicazione dei
potenziometri
• Le loro caratteristiche di precisione, linearità, compattezza e robustezza li rendono
particolarmente adatti ad impieghi in macchine industriali per termoplastici, legno, marmo,
lamiera ed in tutte le applicazioni di misure assolute di posizione o di spostamento.

• Il montaggio è molto semplice ed è naturale l’intercambiabilità  con modelli di produttori


diversi.

• Il valore resistivo, controllabile dall'utente che muove fisicamente la manopola o la slitta,


può essere utilizzato per modificare diverse funzioni dei circuiti elettrici: volume, tono,
velocità,  guadagno, frequenza …

• I potenziometri vengono solitamente montati sulle console o i pannelli frontali degli


apparecchi, per consentirne una facile regolazione, e sono collegati ai circuiti tramite
appositi gruppi di cavi.

• Taluni potenziometri sono montati direttamente sui circuiti, non sono accessibili dall'utente
e servono solo per regolazioni tecniche iniziali del circuito o per saltuaria messa a punto: in
tal caso si suole definirli trimmer.