Sei sulla pagina 1di 13

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U29000150

Luce e illuminazione
Illuminazione di interni
Valutazione dell'abbagliamento molesto con il metodo UGR

Light and lighting


Interior lighting
Evaluation of the discomfort glare using the glare rating method (UGR)

ORGANO Luce e illuminazione


COMPETENTE

CO-AUTORE

SOMMARIO La norma specifica i criteri per il calcolo dell'indice di abbagliamento UGR (Unified Glare Rating -
Indice unificato di abbagliamento) per interni considerando il solo contributo dell'illuminazione
artificiale.

Questo testo NON è una norma UNI, ma è un progetto di norma sottoposto alla fase di inchiesta pubblica, da utilizzare solo ed
esclusivamente per fini informativi e per la formulazione di commenti. Il processo di elaborazione delle norme UNI prevede che i
progetti vengano sottoposti all'inchiesta pubblica per raccogliere i commenti degli operatori: la norma UNI definitiva potrebbe
quindi presentare differenze -anche sostanziali- rispetto al documento messo in inchiesta.

Questo documento perde qualsiasi valore al termine dell'inchiesta pubblica, cioè il:11-04-05

UNI non è responsabile delle conseguenze che possono derivare dall'uso improprio del testo dei progetti in inchiesta pubblica.

© UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: U29000150


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo
qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.
DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U29000150

RELAZIONI
NAZIONALI

RELAZIONI
INTERN.LI

La presente norma è stata elaborata sotto la competenza della Commissione Tecnica UNI@ Luce e
PREMESSA illuminazione.@
@
La Commissione Centrale Tecnica dell'UNI ha dato la sua approvazione l'8 maggio 2003. @
@

VARIANTI
NAZIONALI

© UNI - Milano. Riproduzione vietata. codice progetto: U29000150


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo
qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto di UNI.
1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE
La presente norma specifica i criteri per il calcolo dell’indice di abbagliamento UGR (Uni-
fied Glare Rating - Indice unificato di abbagliamento) per interni considerando il solo con-
tributo dell’illuminazione artificiale.

2 RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni contenute in
altre pubblicazioni. Tale riferimento normativo è citato nel punto appropriato del testo ed è
di seguito elencato. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revi-
sioni apportate a detta pubblicazione valgono unicamente se introdotte nella presente
norma come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l’ultima edizione
della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti).

Pubblicazione CIE 117 Discomfort glare in interior lighting

3 TERMINI E DEFINIZIONI
Ai fini della presente norma si applicano i termini e le definizioni seguenti.

3.1 abbagliamento molesto (discomfort glare): Abbagliamento che provoca disturbo senza
pregiudicare la vista degli oggetti.

3.2 indice unificato di abbagliamento UGR: Valore che definisce la classe dell’abbagliamen-
to molesto determinato da impianti di illuminazione artificiale in interni.

3.3 luminanza di sfondo Lb: Luminanza del campo visivo, misurata in cd m-2 ; sono escluse
le sorgenti abbaglianti.

3.4 luminanza dell’apparecchio L: Luminanza delle parti luminose di ciascun apparecchio


nella direzione di osservazione, misurata in cd m-2 .

3.5 angolo solido ω: angolo solido, misurato in steradianti (sr), delle superfici luminose di cia-
scun apparecchio viste dalla direzione di osservazione.

3.6 indice di posizione di Guth p: Valore che definisce lo scostamento angolare di ciascun
apparecchio dall’asse della visione.

3.7 flusso luminoso φ: Valore che definisce il flusso luminoso totale delle lampade dell’appa-
recchio, misurato in lumen (lm).

4 FORMULA PER IL CALCOLO DI ABBAGLIAMENTO UGR


La formula per calcolare l’indice unificato di abbagliamento UGR è la seguente:

 0, 25 L ω
2
UGR = 8 log 10  -------------
 Lb
∑ 2 
---------
- [1]
p 

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 1


4.1 Calcolo della luminanza di sfondo Lb
La luminanza di sfondo Lb può essere calcolata in uno dei seguenti modi:
- calcolando le luminanze delle superfici dell’ambiente comprese nel campo visivo, as-
sumendo il valore medio o l’effettiva ripartizione della luminanza, con l’esclusione del-
le sorgenti abbaglianti;
- calcolando la componente dell’illuminamento indiretto Ei (in lux) sull’occhio dell’osser-
vatore usando la formula:
E
L b = -----i [2]
π
La luminanza di sfondo Lb influenza relativamente poco il risultato dell’UGR; per esempio
un errore di +33% di Lb porta ad un errore dell’UGR di 1 unità.

4.2 Luminanza dell’apparecchio L


La luminanza dell’apparecchio L viene calcolata generalmente con il rapporto tra l’inten-
sità luminosa I , in candele, nella direzione dell’osservatore e l’area apparente Ap.
I
L = ------ [3]
Ap
L’area apparente è la proiezione delle aree luminose dell’apparecchio su di un piano per-
pendicolare alla direzione di osservazione. Una variazione di +33% o -25% del valore di
L causa un errore di 1 unità nel calcolo dell’UGR.

4.3 Angolo solido ω


L’angolo solido è determinato con la formula:
A
ω = ------2p [4]
r
dove:
Ap è l’area apparente;
r è la distanza, dall’osservatore al centro delle parti luminose dell’apparecchio con-
siderate, in metri.

4.4 Indice di posizione di Guth p


L’indice di posizione p può essere calcolato usando la seguente formula:
–1 – 2τ ⁄ 9 –3 2 –5 2
p = ln [ ( 35, 2 – 0,31889τ – 1, 22e )10 σ + ( 21 + 0, 26667τ – 0,002963τ )10 σ ]
dove τ e σ sono gli angoli illustrati nella figura 1, in radianti.
Un metodo alternativo è quello riportato nella pubblicazione CIE 117. In questo caso l’in-
dice di posizione di Guth p viene ricavato interpolando i valori del prospetto 1. Le 3 coor-
dinate T, R e H necessarie, sono illustrate nella figura 1.

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 2


figura 1 Posizione dell’apparecchio rispetto all’osservatore
Legenda
1 Osservatore
2 Asse della visione
3 Centro apparecchio

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 3


prospetto 1 Indici di posizione di Guth per rapporti H/R e T/R

H/R

T/R 0,00 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80 0,90 1,00 1,10 1,20 1,30 1,40 1,50 1,60 1,70 1,80 1,90

0,00 1,00 1,26 1,53 1,90 2,35 2,86 3,50 4,20 5,00 6,00 7,00 8,10 9,25 10,35 11,70 13,15 14,70 16,20 - -
0,10 1,05 1,22 1,46 1,80 2,20 2,75 3,40 4,10 4,80 5,80 6,80 8,00 9,10 10,30 11,60 13,00 14,60 16,10 - -
0,20 1,12 1,30 1,50 1,80 2,20 2,66 3,18 3,88 4,60 5,50 6,50 7,60 8,75 9,85 11,20 12,70 14,00 15,70 - -
0,30 1,22 1,38 1,60 1,87 2,25 2,70 3,25 3,90 4,60 5,45 6,45 7,40 8,40 9,50 10,85 12,10 13,70 15,00 - -
0,40 1,32 1,47 1,70 1,96 2,35 2,80 3,30 3,90 4,60 5,40 6,40 7,30 8,30 9,40 10,60 11,90 13,20 14,60 16,00 -

0,50 1,43 1,60 1,82 2,10 2,48 2,91 3,40 3,98 4,70 5,50 6,40 7,30 8,30 9,40 10,50 11,75 13,00 14,40 15,70 -
0,60 1,55 1,72 1,98 2,30 2,65 3,10 3,60 4,10 4,80 5,50 6,40 7,35 8,40 9,40 10,50 11,70 13,00 14,10 15,40 -
0,70 1,70 1,88 2,12 2,48 2,87 3,30 3,78 4,30 4,88 5,60 6,50 7,40 8,50 9,50 10,50 11,70 12,85 14,00 15,20 -
0,80 1,82 2,00 2,32 2,70 3,08 3,50 3,92 4,50 5,10 5,75 6,60 7,50 8,60 9,50 10,60 11,75 12,80 14,00 15,10 -
0,90 1,95 2,20 2,54 2,90 3,30 3,70 4,20 4,75 5,30 6,00 6,65 7,70 8,70 9,65 10,75 11,80 12,90 14,00 15,00 16,00

1,00 2,11 2,40 2,75 3,10 3,50 3,91 4,40 5,00 5,60 6,20 7,00 7,90 8,80 9,75 10,80 11,90 12,95 14,00 15,00 16,00
1,10 2,30 2,55 2,92 3,30 3,72 4,20 4,70 5,25 5,80 6,55 7,20 8,15 9,00 9,90 10,95 12,00 13,00 14,00 15,00 16,00
1,20 2,40 2,75 3,12 3,50 3,90 4,35 4,85 5,50 6,05 6,70 7,50 8,30 9,20 10,00 11,02 12,10 13,10 14,00 15,00 16,00
1,30 2,55 2,90 3,30 3,70 4,20 4,65 5,20 5,70 6,30 7,00 7,70 8,55 9,35 10,20 11,20 12,25 13,20 14,00 15,00 16,00
1,40 2,70 3,10 3,50 3,90 4,35 4,85 5,35 5,85 6,50 7,25 8,00 8,70 9,50 10,40 11,40 12,40 13,25 14,05 15,00 16,00

1,50 2,85 3,15 3,65 4,10 4,55 5,00 5,50 6,20 6,80 7,50 8,20 8,85 9,70 10,55 11,50 12,50 13,30 14,05 15,02 16,00
1,60 2,95 3,40 3,80 4,25 4,75 5,20 5,75 6,30 7,00 7,65 8,40 9,00 9,80 10,80 11,75 12,60 13,40 14,20 15,10 16,00
1,70 3,10 3,55 4,00 4,50 4,90 5,40 5,95 6,50 7,20 7,80 8,50 9,20 10,00 10,85 11,85 12,75 13,45 14,20 15,10 16,00
1,80 3,25 3,70 4,20 4,65 5,10 5,60 6,10 6,75 7,40 8,00 8,65 9,35 10,10 11,00 11,90 12,80 13,50 14,20 15,10 16,00
1,90 3,43 3,86 4,30 4,75 5,20 5,70 6,30 6,90 7,50 8,17 8,80 9,50 10,20 11,00 12,00 12,82 13,55 14,20 15,10 16,00

2,00 3,50 4,00 4,50 4,90 5,35 5,80 6,40 7,10 7,70 8,30 8,90 9,60 10,40 11,10 12,00 12,85 13,60 14,30 15,10 16,00
2,10 3,60 4,17 4,65 5,05 5,50 6,00 6,60 7,20 7,82 8,45 9,00 9,75 10,50 11,20 12,10 12,90 13,70 14,35 15,10 16,00
2,20 3,75 4,25 4,72 5,20 5,60 6,10 6,70 7,35 8,00 8,55 9,15 9,85 10,60 11,30 12,10 12,90 13,70 14,40 15,15 16,00
2,30 3,85 4,35 4,80 5,25 5,70 6,22 6,80 7,40 8,10 8,65 9,30 9,90 10,70 11,40 12,20 12,95 13,70 14,40 15,20 16,00
2,40 3,95 4,40 4,90 5,35 5,80 6,30 6,90 7,50 8,20 8,80 9,40 10,00 10,80 11,50 12,25 13,00 13,75 14,45 15,20 16,00

2,50 4,00 4,50 4,95 5,40 5,85 6,40 6,95 7,55 8,25 8,85 9,50 10,05 10,85 11,55 12,30 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00
2,60 4,07 4,55 5,05 5,47 5,95 6,45 7,00 7,65 8,35 8,95 9,55 10,10 10,90 11,60 12,32 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00
2,70 4,10 4,60 5,10 5,53 6,00 6,50 7,05 7,70 8,40 9,00 9,60 10,16 10,92 11,63 12,35 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00
2,80 4,15 4,62 5,15 5,56 6,05 6,55 7,08 7,73 8,45 9,05 9,65 10,20 10,95 11,65 12,35 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00
2,90 4,20 4,65 5,17 5,60 6,07 6,57 7,12 7,75 8,50 9,10 9,70 10,23 10,95 11,65 12,35 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00

3,00 4,22 4,67 5,20 5,65 6,12 6,60 7,15 7,80 8,55 9,12 9,70 10,23 10,95 11,65 12,35 13,00 13,80 14,50 15,25 16,00

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 4


Il sistema di coordinate T, R, H può essere utilizzato anche per definire il valore degli an-
goli C e γ necessari al calcolo della luminanza L dell’apparecchio. I valori di C e γ sono in
gradi.
C = arctan (T/R) per apparecchio disposto trasversalmente [6]
C = 90 – arctan (T/R) per apparecchio disposto longitudinalmente [7]

 R 2 + T 2
γ = arctan  ------------------------ [8]
 H 

4.5 Caratteristiche della formula UGR


I valori dell’indice unificato di abbagliamento UGR considerati per la valutazione dell’ab-
bagliamento sono compresi tra 10 e 30. Quest’ultimo valore rappresenta la massima pro-
babilità di disagio. Per i valori inferiori a 10 si assume l’indicazione UGR <10.

4.6 Limiti della formula UGR


L’applicazione dell’indice unificato di abbigliamento UGR è limitata a sorgenti di luce che
determinano, nelle condizioni supposte, un angolo solido compreso tra 0,1 e 0,0003 sr.
Un angolo solido di 0,1 sr è determinato da un apparecchio di forma quadrata con lato di
1 m visto da una distanza di circa 3 m. L’abbagliamento molesto, per sorgenti molto pic-
cole, è determinato dall’intensità luminosa più che dalla luminanza, perciò l’UGR non è
applicabile per sorgenti con angolo solido minore di 0,0003 sr.

5 METODI DERIVATI
L’uso della formula [1] consente la compilazione di prospetti che permettono una determi-
nazione rapida dell’indice di abbagliamento.
Questi prospetti danno risultati che nella maggior parte dei casi sono in ragionevole ac-
cordo con le previsioni date dalla formula, che deve essere utilizzata ogni qualvolta pos-
sibile.
I prospetti per la determinazione del valore di UGR sono di due tipi:
- il prospetto completo: comporta un numero di correzioni ridotto;
- il prospetto ridotto (illustrato nell’appendice A): impone un numero più elevato di cor-
rezioni.
Nota Nell’appendice B sono riportati esempi che illustrano l’uso dei prospetti completo e ridotto.

5.1 Prospetto completo


Questo prospetto riporta i valori dell’indice unificato di abbagliamento UGR calcolati per
apparecchi con flusso totale delle lampade di 1 000 lm. H è l’altezza utile dall’occhio
dell’osservatore, posto ad un’altezza di 1,2 m da terra, al centro dell’apparecchio conside-
rato.
Le dimensioni del locale hanno, nella direzione di un’asse, valori di 2H, 4H, 8H, 12H e nel-
la direzione dell’altro asse, i valori di 2H, 3H, 4H, 6H, 8H e 12H. I valori dei fattori di rifles-
sione del locale sono:
- 0,7, 0,5 e 0,3 per il vano soffitto;
- 0,5 e 0,3 per le pareti;
- 0,2 per il piano di lavoro.
Gli apparecchi sono orientati trasversalmente e longitudinalmente rispetto alla direzione
della visione.

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 5


Nota Il vano soffitto è quella parte del locale dall’asse degli apparecchi al soffitto (vedere figura 2).
figura 2 Identificazione del vano soffitto
Legenda
1 Vano soffitto
2 Asse apparecchi

Il prospetto è completato da fattori correttivi per interdistanze fra gli apparecchi di 1,0H,
1,5H, 2,0H e, quando necessario, per potenze diverse.
Nota Il prospetto 2 riporta un esempio di prospetto completo dei valori dell’indice unificato di abbigliamento di UGR.
Il valore di UGR ricavato dal prospetto 2 è riferito a 1 000 lm, perciò è necessario calcolare
il fattore correttivo Cφ relativo al flusso nominale delle lampade contenute nel singolo ap-
parecchio. Tale valore deve essere sommato algebricamente al valore di UGR ricavato dai
prospetti.
Cφ= +8 log10 Φ/1 000 [9]

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 6


prospetto 2 Esempio di prospetto completo dei valori dell’indice di abbagliamento UGR

Valori di UGR (riferiti a 1 000 lm)


Fattori di riflessione:
Vano soffitto 0,7 07 0,5 0,5 0,3 0,7 0,7 0,5 0,5 0,3
Pareti 0,5 0,3 0,5 0,3 0,3 0,5 0,3 0,5 0,3 0,3
Piano di lavoro 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2
Dimensioni del locale Apparecchio visto trasversalmente Apparecchio visto longitudinalmente
x y
2H 2H 14,4 15,4 14,6 15,6 16,0 13,5 14,5 13,7 14,7 15,1
3H 14,3 15,3 14,6 15,5 15,8 13,3 14,3 13,6 14,5 14,8
4H 14,2 15,1 14,5 15,3 15,6 13,2 14,1 13,5 14,3 14,6
6H 14,0 14,8 14,4 15,1 15,45 13,0 13,8 13,4 14,1 14,4
8H 14,0 14,8 14,4 15,1 15,4 13,0 13,8 13,4 14,1 14,4
12H 14,0 14,8 14,3 15,0 15,4 13,0 13,8 13,3 14,0 14,4

4H 2H 14,4 15,3 14,7 15,5 15,8 13,6 14,5 13,9 14,7 15,0
3H 14,3 15,1 14,6 15,3 15,8 13,4 14,2 13,7 14,4 14,8
4H 14,1 15,0 14,5 15,2 15,7 13,2 14,1 13,6 14,3 14,8
6H 14,1 14,7 14,6 15,1 15,6 13,2 13,8 13,7 14,2 14,7
8H 14,0 14,6 14,6 15,0 15,5 13,1 13,7 13,7 14,1 14,6
12H 14,0 14,6 14,6 15,0 15,5 13,1 13,7 13,7 14,1 14,6

8H 4H 14,0 14,6 14,6 15,0 15,5 13,1 13,7 13,7 14,1 14,6
6H 14,0 14,5 14,5 14,9 15,3 13,1 13,6 13,6 14,0 14,4
8H 13,9 14,3 14,4 14,7 15,3 13,0 13,4 13,5 13,8 14,4
12H 13,9 14,3 14,4 14,6 15,3 13,0 13,4 13,5 13,7 14,4

12H 4H 14,0 14,6 14,6 15,0 15,5 13,1 13,7 13,7 14,1 14,6
6H 13,9 14,3 14,4 14,6 15,3 13,0 13,4 13,5 13,1 14,4
8H 13,9 14,3 14,4 14,6 15,3 13,0 13,4 13,5 13,7 14,4
Campo di variazione di UGR per interdistanze S degli apparecchi
S= 1,0H +0,9/ -2,1 +0,8/ -1,5
1,5H +2,2/ -7,9 +2,6/ -12,1
2,0H +4,0/ -16,0 +4,0/ -22,9
Correzioni per apparecchi dello stesso tipo con potenze diverse:
1 × 18 W: +24 1 × 36 W: 0 1 × 58 W: -0,8

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 7


APPENDICE A PROSPETTO RIDOTTO
(informativa)
Il prospetto ridotto (prospetto A.1) riporta, per apparecchi visti trasversalmente e longitu-
dinalmente, la classe (vedere prospetto A.3) che permette di scegliere il prospetto dei va-
lori di UGR. Esso indica inoltre i fattori correttivi per le potenze diverse di apparecchi dello
stesso tipo ed i fattori correttivi per interdistanze fra gli apparecchi di 1,0H, 1,5H e 2,0H.
prospetto A.1 Esempio di prospetto ridotto dei valori dell’indice di abbagliamento UGR

Apparecchio visto: Trasversalmente Longitudinalmente


Prospetto tipico (vedere prospetto A.3): Classe 0 Classe 0
Correzioni per altri apparecchi dello 1 × 18 W -3,1 -4,0
stesso tipo: 1 × 36 W -5,5 -6,4
1 × 58 W -6,3 -7,2
Campo di variazione di UGR per S= 1,0 H +0,9 / -2,1 +0,8 / -1,5
interdistanza apparecchi 1,5 H +2,2 / -7,9 +2,6 / -12,1
2,0 H +4,0 / -16,0 +4,0 / -22,9

Anche in questo caso il valore di UGR è riferito a 1 000 lm, perciò è necessario calcolare
il fattore correttivo Cφ (vedere formula [9]) relativo al flusso nominale delle lampade. È an-
che necessario calcolare il fattore correttivo CLR che tenga conto dei fattori di riflessione
del locale. Questi due valori devono essere sommati algebricamente al valore dell’indice
unificato di abbagliamento UGR precedentemente calcolato.
CLR = -8 log10 LR [10]
Il valore di LR si ricava dai fattori di utilizzazione dell’apparecchio usato
L R = 6 F u ( totale ) – 5 F u ( diretto ) [11]
dove:
Fu(totale) è il fattore di utilizzazione totale per l’indice del locale e fattori di riflessione
della stanza;
Fu(diretto) è il fattore di utilizzazione diretto per l’indice del locale della stanza e fattori
di riflessione 0,0/0,0/0,0.
Un esempio di prospetto dei fattori di utilizzazione è illustrato nel prospetto A.2.

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 8


prospetto A.2 Esempio di prospetto dei fattori di utilizzazione

Fattori di riflessione
Vano soffitto 0,7 0,7 0,7 0,5 0,5 0,5 0,3 0,3 0,0
Pareti 0,5 0,3 0,1 0,5 0,3 0,1 0,3 0,1 0,0
Piano di lavoro 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,2 0,0
Indice del locale Fattori di utilizzazione
K= 0,60 0,34 0,29 0,26 0,33 0,29 0,25 0,28 0,25 0,24
0,80 0,42 0,37 0,34 0,41 0,37 0,34 0,36 0,33 0,32
1,00 0,48 0,44 0,40 0,47 0,43 0,40 0,42 0,39 0,38
1,25 0,53 0,49 0,46 0,52 0,48 0,45 0,47 0,44 0,43
1,50 0,57 0,53 0,50 0,55 0,52 0,49 0,51 0,48 0,46
2,00 0,62 0,58 0,55 0,59 0,57 0,54 0,55 0,53 0,51
2,50 0,65 0,62 0,59 0,62 0,60 0,58 0,58 0,56 0,54
3,00 0,67 0,64 0,62 0,64 0,62 0,60 0,60 0,59 0,56
4,00 0,69 0,67 0,65 0,67 0,65 0,63 0,63 0,61 0,58
5,00 0,71 0,69 0,67 0,68 0,67 0,65 0,64 0,63 0,60
Fu(totale) Fu(diretto)

prospetto A.3 Due esempi di tipici prospetti dei valori non corretti dell’indice UGR

Classe x 2 3 4 6 8 12
0
y 2 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0
3 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0
4 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0
6 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0
8 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0
12 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0 20,0

Classe x 2 3 4 6 8 12
1
y 2 19,0 19,4 19,5 19,5 19,5 19,5
3 19,3 19,7 19,9 19,9 19,9 19,9
4 19,4 19,8 19,9 20,0 20,0 20,0
6 19,4 19,8 19,9 20,0 20,0 20,0
8 19,4 19,8 19,9 20,0 20,0 20,0
12 19,4 19,8 19,9 20,0 20,0 20,0

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 9


APPENDICE B ESEMPI CHE ILLUSTRANO L’UTILIZZO DEI PROSPETTI COMPLETO E RIDOTTO
(informativa)

B.1 Esempio di utilizzo del prospetto completo


Il prospetto B.1 riporta un esempio di calcolo dell’indice unificato di abbagliamento UGR
utilizzando il prospetto completo.
Nella parte 1 sono riportati i dati relativi al locale e all’installazione degli apparecchi d’illu-
minazione, nella parte 2 è riportato il calcolo dell’indice UGR, nella parte 3 i fattori corret-
tivi da aggiungere per ottenere il valore di UGR massimo.
prospetto B.1 Esempio con prospetto completo

1 Dati del locale e dell’installazione degli apparecchi di illuminazione


Altezza di montaggio Fattori di riflessione
degli apparecchi da terra: 3,2 m Vano soffitto: 0,5
dell’occhio da terra: 1,2 m Pareti: 0,5
degli apparecchi dall’occhio (H): 2,0 m Piano di lavoro: 0,2
Apparecchio visto
Dimensioni locale trasversalmente longitudinalmente
larghezza : 8m= (8/2) = 4H x y
lunghezza: 16 m = (12/2) = 8H y x

2 Calcolo dell’indice unificato di abbagliamento UGR


Valore dell’indice UGR non corretto 14,6 13,7
Correzione per:
Apparecchio 36 W 0,0
Flusso luminoso φ = 3 250 lm: Cφ 4,1
Valore dell’indice unificato di abbagliamento UGR medio 18,7 17,8

3 Variazioni per:
Interdistanza fra gli apparecchi 2 m = 1,0H 2 m = 1,0H
Variazione di UGR (valore più alto) 0,9 0,8
Valore dell’indice unificato di abbagliamento UGR massimo 19,6 18,6

I valori riportati nella parte 2 sono stati ricavati dal prospetto 2. Infatti per apparecchio vi-
sto trasversalmente, per x = 4H e y = 8H e per fattori di riflessione del soffitto 0,5, delle pa-
reti 0,5 e del vano pavimento 0,2 si ottiene un valore di UGR = 14,6. Ugualmente, per ap-
parecchio visto longitudinalmente, per x = 8H e y = 4H e per gli stessi valori dei fattori di
riflessione si ottiene un valore di UGR di 13,7. Per apparecchio 36 W, sempre il prospetto
2 indica un valore di 0.
I valori riportati nella parte 3 sono sempre stati ricavati dal prospetto 2. Il valore del fattore
correttivo preso è sempre il più elevato.

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 10


B.2 Esempio di uso del prospetto ridotto
Il prospetto B.2 riporta un esempio di calcolo dell’indice di abbagliamento UGR utilizzan-
do il prospetto ridotto.
La parte 1 è quella del prospetto B.1 dove sono riportati i dati relativi al locale e all’instal-
lazione degli apparecchi di illuminazione.
Nella parte 4 è riportato il calcolo dell’indice del locale K e dei fattori di utilizzazione, nella
parte 5 è riportato il calcolo dell’indice unificato di abbagliamento UGR e nella parte 6 i fat-
tori correttivi da aggiungere per ottenere il valore di UGR massimo.

4 Calcolo di LR
Indice del locale K Fattori di utilizzazione
8 ⋅ 12 Fattore utilizzazione totale Fu(totale) = 0,59
K = ----------------------------- = 2, 0
2 ⋅ ( 12 + 8 ) Fattore utilizzazione diretto Fu(diretto) = 0,51
L R = 6 ⋅ 0, 59 – 5 ⋅ 0, 51 = 0, 99

Dal prospetto dei fattori di utilizzazione (prospetto A.2), si ricavano per K = 2 e fattori di ri-
flessione 0,5/0,5/0,2 il valore di Fu(totale) = 0,59 e sempre per K = 2 e fattori di riflessione
0,0/0,0/0,0 il valore di Fu(diretto) = 0,51.

5 Calcolo dell’indice di abbagliamento UGR


Prospetto dei valori di UGR non corretti (prospetto A.3) Classe 0 Classe 0
Correzioni per:
Apparecchio 36 W -5,5 -6,4
Flusso luminoso φ = 3 250 lm: Cφ 4,1
Con LR = 0,99: CLR 0,0
Valore dell’indice di abbagliamento UGR medio 18,6 17,7

6 Variazioni per:
Interdistanza fra gli apparecchi 2 m = 1,0H 2 m = 1,0H
Variazione di UGR (valore più alto) 0,9 0,8
Valore dell’indice unificato di abbagliamento UGR massimo 19,5 18,5

I valori riportati in 5 sono stati ricavati dal prospetto A.1. Infatti per apparecchio da 36 W vi-
sto trasversalmente si ricava un valore di -5,5. Ugualmente per apparecchio 36 W visto
longitudinalmente ricaviamo un valore di -6,4. I valori riportati in 6 sono sempre stati rica-
vati dal prospetto A.1. Il valore del fattore correttivo preso è sempre il più elevato.

U29000150 © UNI - MILANO © UNI Pagina 11