Sei sulla pagina 1di 51

Eurocodice 1

NORMA Azioni sulle strutture UNI EN 1991-1-2


EUROPEA Parte 1-2: Azioni in generale - Azioni sulle strutture esposte al
fuoco

OTTOBRE 2004

Versione italiana
Eurocode 1 dell’agosto 2005
Actions on structures
Part 1-2: General actions - Actions on structures exposed to fire

La norma concerne le azioni termiche e meccaniche sulle strutture


esposte al fuoco e considera gli effetti termici conseguenti ad
azioni termiche nominali o definiti mediante modelli fisici di azione.
I metodi di calcolo forniti sono applicabili agli edifici, con un carico
di incendio commisurato all’edificio e alla sua destinazione d’uso.

TESTO ITALIANO

La presente norma è la versione ufficiale in lingua italiana della


norma europea EN 1991-1-2 (edizione novembre 2002).

La presente norma sostituisce la UNI ENV 1991-2-2:1997.

ICS 13.220.50; 91.010.30; 91.080.01

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unificazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

UNI EN 1991-1-2:2004 Pagina I


PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, del-
la norma europea EN 1991-1-2 (edizione novembre 2002), che as-
sume così lo status di norma nazionale italiana.

La presente norma è stata elaborata sotto la competenza della


Commissione Tecnica UNI
Ingegneria strutturale

La presente norma è stata ratificata dal Presidente dell'UNI, con


delibera dell’8 aprile 2005

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conflittuale, per rappresentare il reale stato
dell’arte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dell’applicazione di questa norma, di poter fornire sug-
gerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dell’arte
in evoluzione è pregato di inviare i propri contributi all’UNI, Ente Nazionale Italiano di
Unificazione, che li terrà in considerazione per l’eventuale revisione della norma stessa.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o
di aggiornamenti.
È importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso
dell’ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a verificare l’esistenza di norme UNI corrispondenti alle
norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

UNI EN 1991-1-2:2004 © UNI Pagina II


EUROPEAN STANDARD
EN 1991-1-2
NORME EUROPÉENNE
EUROPÄISCHE NORM November 2002

ICS 13.220.50; 91.010.30 Supersedes


ENV 1991-2-2:1995

English version

Eurocode 1: Actions on structures - Part 1-2: General actions -


Actions on structures exposed to fire

Eurocode 1: Actions sur les structures au feu - Partie 1-2: Eurocode 1: Einwirkungen auf Tragwerke - Teil 1-2:
Actions générales - Actions sur les structures exposées Allgemeine Einwirkungen - Brandeinwirkungen auf
Tragwerke

This European Standard was approved by CEN on 1 September 2002.

CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the Management Centre or to any CEN member.

This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the Management Centre has the
same status as the official versions.

CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Czech Republic, Denmark, Finland, France, Germany,
Greece, Iceland, Ireland, Italy, Luxembourg, Malta, Netherlands, Norway, Portugal, Spain, Sweden, Switzerland and
United Kingdom.

EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION


COMITÉ EUROPÉEN DE NORMALISATION
EUROPÄISCHES KOMITEE FÜR NORMUNG

Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels

© 2002 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide Ref. No. EN 1991-1-2:2002 E
for CEN national Members.

UNI EN 1991-1-2:2004 © UNI Pagina III


INDICE

figura 1 Procedimenti alternativi di progettazione.............................................................................................. 4

1 SEZIONE 1 GENERALITÀ 6
1.1 Scopo e campo di applicazione ........................................................................................................ 6
1.2 Riferimenti normativi ............................................................................................................................... 6
1.3 Ipotesi .............................................................................................................................................................. 6
1.4 Distinzione tra Principi e Regole di applicazione..................................................................... 6
1.5 Termini e definizioni................................................................................................................................. 7
1.5.1 Termini comuni utilizzati nelle parti "fuoco" degli Eurocodici ......................................................... 7
1.5.2 Termini speciali collegati alla progettazione in generale ................................................................. 8
1.5.3 Termini collegati con l'analisi termica .................................................................................................... 8
1.5.4 Termini correlati all'analisi di trasferimento del calore ..................................................................... 9
1.6 Simboli ......................................................................................................................................................... 10

2 SEZIONE 2 PROCEDIMENTO PER LA PROGETTAZIONE


STRUTTURALE IN CASO DI INCENDIO 13
2.1 Generalità................................................................................................................................................... 13
2.2 Scenario d'incendio di progetto ...................................................................................................... 14
2.3 Incendio di progetto .............................................................................................................................. 14
2.4 Analisi della temperatura ................................................................................................................... 14
2.5 Analisi meccanica .................................................................................................................................. 14

3 SEZIONE 3 AZIONI TERMICHE PER L'ANALISI DELLA TEMPERATURA 15


3.1 Regole generali ....................................................................................................................................... 15
3.2 Curve temperatura - tempo nominali........................................................................................... 16
3.2.1 Curva temperatura - tempo normalizzata .......................................................................................... 16
3.2.2 Curva dell'incendio esterno .................................................................................................................... 16
3.2.3 Curva degli idrocarburi ............................................................................................................................. 16
3.3 Modelli di fuoco naturale .................................................................................................................... 17
3.3.1 Modelli di fuoco semplificati ................................................................................................................... 17
3.3.1.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 17
3.3.1.2 Incendi contenuti nel compartimento .................................................................................................. 17
3.3.1.3 Incendio localizzato................................................................................................................................... 17
3.3.2 Modelli di fuoco avanzati ......................................................................................................................... 17

4 SEZIONE 4 AZIONI MECCANICHE PER L'ANALISI STRUTTURALE 18


4.1 Generalità................................................................................................................................................... 18
4.2 Simultaneità delle azioni .................................................................................................................... 18
4.2.1 Azioni dal progetto a temperatura ordinaria ..................................................................................... 18
4.2.2 Azioni aggiuntive ........................................................................................................................................ 19
4.3 Regole di combinazione per le azioni ......................................................................................... 19
4.3.1 Regola generale ......................................................................................................................................... 19
4.3.2 Regole semplificate................................................................................................................................... 19
4.3.3 Livello di carico ........................................................................................................................................... 19

APPENDICE A CURVE TEMPERATURA-TEMPO PARAMETRICHE 20


(informativa)

APPENDICE B AZIONI TERMICHE SU ELEMENTI ESTERNI - METODO DI CALCOLO


(informativa) SEMPLIFICATO 22
B.1 Scopo e campo di applicazione ..................................................................................................... 22
B.2 Condizioni d'utilizzo .............................................................................................................................. 22
B.3 Effetto del vento ...................................................................................................................................... 23
B.3.1 Modo di ventilazione ................................................................................................................................. 23

UNI EN 1991-1-2:2004 © UNI Pagina IV


B.3.2 Deflessione delle fiamme causata dal vento .................................................................................... 23
figura B.1 Deflessione delle fiamme a causa del vento .................................................................................... 23
B.4 Caratteristiche di fiamme e fuoco ................................................................................................. 23
B.4.1 Condizioni di ventilazione naturale ...................................................................................................... 23
figura B.2 Dimensioni delle fiamme in condizioni di ventilazione naturale ................................................. 24
figura B.3 Deflessione della fiamma da un balcone ........................................................................................... 25
B.4.2 Ventilazione forzata .................................................................................................................................. 26
figura B.4 Dimensioni delle fiamme in condizioni di ventilazione forzata ................................................... 26
figura B.5 Deflessione di una fiamma da una tettoia ......................................................................................... 27
B.5 Fattori di configurazione generali .................................................................................................. 27

APPENDICE C INCENDI LOCALIZZATI 29


(informativa)
figura C.1 ......................................................................................................................................................................... 29
figura C.2 ........................................................................................................................................................................ 30

APPENDICE D MODELLI DI FUOCO AVANZATI 31


(informativa)
D.1 Modelli a una zona ................................................................................................................................ 31
D.2 Modelli a due zone ............................................................................................................................... 32
D.3 Modelli di fluidodinamica computazionale ................................................................................ 32

APPENDICE E CARICO D'INCENDIO SPECIFICO 33


(informativa)
E.1 Generalità................................................................................................................................................... 33
prospetto E.1 Fattori δ q1, δ q2 ......................................................................................................................................... 33
prospetto E.2 Fattori δ ni ..................................................................................................................................................... 34
E.2 Determinazione delle densità di carico d'incendio............................................................... 34
E.2.1 Generalità ..................................................................................................................................................... 34
E.2.2 Definizioni ..................................................................................................................................................... 34
E.2.3 Carico d’incendio protetto ....................................................................................................................... 35
E.2.4 Potere calorifico netto .............................................................................................................................. 35
prospetto E.3 Poteri calorifici netti H u [MJ/kg] di materiali combustibili per il calcolo dei carichi
d'incendio ..................................................................................................................................................... 36
E.2.5 Classificazione dei carichi d’incendio per destinazione d’uso .................................................... 37
prospetto E.4 Densità di carico d'incendio q f,k [MJ/m2] per differenti destinazioni d'uso ............................ 37
E.2.6 Valutazione individuale delle densità di carico d’incendio ........................................................... 37
E.3 Comportamento della combustione ............................................................................................ 37
E.4 Velocità di rilascio di calore Q ......................................................................................................... 37
prospetto E.5 Velocità di crescita dell'incendio e RHR f per differenti destinazioni d'uso ............................ 38

APPENDICE F TEMPO EQUIVALENTE DI ESPOSIZIONE AL FUOCO 39


(informativa)
prospetto F.1 Fattore di correzione k c al fine di considerare i vari materiali (O è il fattore di apertura
definito nell'appendice A) ........................................................................................................................ 39
prospetto F.2 Fattore di conversione k b dipendenti dalle proprietà termiche dell'involucro ...................... 39

APPENDICE G FATTORE DI CONFIGURAZIONE 41


(informativa)
G.1 Generalità.................................................................................................................................................. 41
figura G.1 Trasferimento di calore per irraggiamento tra due aree di superficie infinitesima ............... 41
prospetto G.1 Limiti del fattore di configurazione Φ .................................................................................................. 41
G.2 Effetto di schermatura ........................................................................................................................ 42
G.3 Elementi esterni ...................................................................................................................................... 42
figura G.2 Inviluppo delle superfici riceventi.......................................................................................................... 42

UNI EN 1991-1-2:2004 © UNI Pagina V


figura G.3 Superficie ricevente in un piano parallelo a quello della superficie radiante ........................ 43
figura G.4 Superficie ricevente perpendicolare al piano della superficie radiante ................................... 44
figura G.5 Superficie ricevente in un piano posto ad un angolo θ rispetto alla superficie radiante.. 44

BIBLIOGRAFIA 45

UNI EN 1991-1-2:2004 © UNI Pagina VI


PREMESSA
Il presente documento (EN 1991-1-2:2002) è stato elaborato dal Comitato Tecnico
CEN/TC 250 "Eurocodici Strutturali", la cui segreteria è affidata al BSI.
Il CEN/TC 250/SC 1 è responsabile per l'Eurocodice 1.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro
maggio 2003, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro dicembre 2009.
Il presente documento sostituisce la ENV 1991-2-2:1995.
Le appendici A, B, C, D, E, F sono informative.
In conformità alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca,
Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Norvegia,
Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

Cronistoria del programma degli Eurocodici


Nel 1975, la Commissione delle Comunità Europee decise di attuare un programma di
azioni nel settore delle costruzioni, sulla base dell'articolo 95 del Trattato. L'obiettivo del
programma era l'eliminazione degli ostacoli tecnici al commercio e l'armonizzazione delle
specifiche tecniche.
Nell'ambito di tale programma di azioni, la Commissione prese l'iniziativa di stabilire un
insieme di regole tecniche armonizzate per la progettazione delle opere di costruzione
che, in una prima fase, sarebbe servito come alternativa rispetto ai regolamenti nazionali
in vigore negli Stati Membri ed, alla fine, li avrebbe sostituiti.
Per quindici anni, la Commissione, con l'aiuto di un Comitato Direttivo composto da
Rappresentanti degli Stati Membri, ha provveduto allo sviluppo del programma degli
Eurocodici, che ha portato alla stesura della prima generazione di codici Europei negli
anni '80.
Nel 1989, la Commissione e gli Stati Membri della UE e della EFTA decisero, in base ad
un accordo1) tra la Commissione ed il CEN, di trasferire il compito della preparazione e
della pubblicazione degli Eurocodici al CEN attraverso una serie di Mandati, con
l'obiettivo di attribuire ad essi nel futuro lo status di Norme Europee (EN). Questa
decisione lega de facto gli Eurocodici alle prescrizioni di tutte le Direttive del Consiglio e/o
le Decisioni della Commissione relative alle norme Europee (per esempio, la Direttiva del
Consiglio 89/106/EEC sui prodotti da costruzione - CPD - e le Direttive del Consiglio
93/37/EEC, 92/50/EEC e 89/440/EEC sui lavori e sui servizi pubblici e le analoghe
Direttive EFTA predisposte con l'obiettivo di stabilire il mercato interno).
Il programma degli Eurocodici Strutturali comprende le seguenti norme, generalmente
composte da un certo numero di Parti:
EN 1990 Eurocodice: Basis of Structural Design
EN 1991 Eurocodice 1: Actions on structures
prEN 1992 Eurocodice 2: Design of concrete structures
prEN 1993 Eurocodice 3: Design of steel structures
prEN 1994 Eurocodice 4: Design of composite steel and concrete structures
prEN 1995 Eurocodice 5: Design of timber structures
prEN 1996 Eurocodice 6: Design of masonry structures
prEN 1997 Eurocodice 7: Geotechnical design
prEN 1998 Eurocodice 8: Design of structures for earthquake resistance
prEN 1999 Eurocodice 9: Design of aluminium structures
Gli Eurocodici riconoscono la responsabilità delle autorità regolamentari in ogni Stato
Membro ed hanno salvaguardato il loro diritto a determinare a livello nazionale valori
correlati ad aspetti di sicurezza regolamentari, potendo essi variare da Stato a Stato.

1) Accordo tra la Commissione delle Comunità Europee ed il Comitato Europeo di Normazione (CEN) concernente il lavoro
sugli EUROCODICI relativi alla progettazione di edifici e di opere di ingegneria civile (BC/CEN/03/89).

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 1


Status e campo di applicazione degli Eurocodici
Gli Stati Membri della UE e della EFTA riconoscono che gli Eurocodici servono come
documenti di riferimento per i seguenti scopi:
- come un mezzo per verificare la rispondenza degli edifici e delle opere di ingegneria
civile ai requisiti essenziali della Direttiva del Consiglio 89/106/EEC, in particolare il
Requisito Essenziale N° 1 - Resistenza meccanica e stabilità - ed il Requisito
Essenziale N° 2 - Sicurezza in caso di incendio;
- come una base per la redazione dei contratti relativi ai lavori di costruzione ed ai
servizi di ingegneria correlati;
- come un quadro di riferimento per definire specifiche tecniche armonizzate per i
prodotti da costruzione (EN e ETA).
Gli Eurocodici, poiché riguardano le opere di costruzione stesse, sono in relazione diretta
con i Documenti Interpretativi2) a cui si fa riferimento nell'Articolo 12 della CPD, sebbene
siano di natura differente rispetto alle norme armonizzate di prodotto3). Pertanto, gli
aspetti tecnici che scaturiscono dal lavoro degli Eurocodici devono essere presi in
adeguata considerazione dai Comitati Tecnici CEN e/o dai Gruppi di Lavoro EOTA che
lavorano sulle norme di prodotto, nell'intento di ottenere una piena compatibilità di queste
specifiche tecniche con gli Eurocodici.
Gli Eurocodici forniscono regole comuni per la progettazione strutturale, di uso corrente,
nella progettazione di strutture, nel loro complesso, e di componenti strutturali, di tipologia
tradizionale o innovativa. Forme di costruzione o condizioni di progetto inusuali non sono
trattate in modo specifico; per tali casi è richiesto dal progettista il contributo aggiuntivo da
parte di esperti.

Norme Nazionali che implementano gli Eurocodici


Le Norme Nazionali che implementano gli Eurocodici contengono il testo completo
dell'Eurocodice (comprese tutte le appendici), così come pubblicato dal CEN, il quale può
essere preceduto da una copertina Nazionale e da una premessa Nazionale, e può
essere seguito da una appendice Nazionale.
L'appendice Nazionale può contenere solo informazioni su quei parametri, noti come
Parametri Determinati a livello Nazionale, che in ogni Eurocodice sono lasciati aperti ad
una scelta a livello Nazionale, da impiegarsi nella progettazione degli edifici e delle opere
di ingegneria civile da realizzarsi nella singola nazione, cioè:
- valori e/o classi per i quali nell'Eurocodice sono fornite alternative;
- valori da impiegare, per i quali nell'Eurocodice è fornito solo un simbolo;
- dati specifici della singola nazione (geografici, climatici, ecc.), per esempio, la
mappa della neve;
- la procedura da impiegare quando nell'Eurocodice ne sono proposte diverse in
alternativa.
Essa può anche contenere:
- decisioni riguardanti l'applicazione delle appendici informative;
- riferimenti ad informazioni complementari non contraddittorie che aiutino l'utente ad
applicare l'Eurocodice.

2) Secondo l'Art. 3.3 della CPD, i requisiti essenziali (ER) sono precisati in documenti interpretativi destinati a stabilire i
collegamenti necessari tra i requisiti essenziali ed i mandati per le norme armonizzate EN e ETAG/ETA.
3) Secondo l'Art. 12 della CPD, i documenti interpretativi devono:
a) precisare i requisiti essenziali armonizzando la terminologia e i concetti tecnici di base, ed indicando classi o livelli
per ciascun requisito ove necessario;
b) indicare metodi per correlare queste classi o livelli di requisiti alle specifiche tecniche, per esempio metodi di
calcolo e di verifica, regole tecniche per la progettazione, ecc.
c) servire come riferimento per stabilire norme armonizzate e orientamenti per i benestari tecnici europei.
Gli Eurocodici, de facto, giocano un ruolo simile nel campo dell'ER 1 e di una parte dell'ER 2.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 2


Collegamenti tra gli Eurocodici e le specifiche tecniche armonizzate (EN e ETA) relative
ai prodotti
Sussiste la necessità di coerenza tra le specifiche tecniche armonizzate per i prodotti da
costruzione e le regole tecniche per le opere4). Inoltre tutte le informazioni che
accompagnano la marcatura CE dei prodotti da costruzione che fanno riferimento agli
Eurocodici devono menzionare chiaramente quali Parametri Determinati a livello
Nazionale sono stati presi in conto.

Informazioni aggiuntive specifiche alla EN 1991-1-2


La EN 1991-1-2 descrive le azioni termiche e meccaniche per la progettazione strutturale
di edifici soggetti ad incendio, compresi i fattori elencati qui di seguito.

Requisiti di sicurezza
La EN 1991-1-2 è predisposta per committenti (per esempio per la formulazione di loro
specifici requisiti), progettisti, imprese e relative autorità.
Gli obiettivi generali della protezione dal fuoco tendono a limitare il rischio per l'individuo,
la società, le proprietà vicine e, ove richiesto, l'ambiente o la proprietà direttamente colpita
dall'incendio.
La direttiva 89/106/EEC relativa ai prodotti da costruzione fornisce i seguenti requisiti
essenziali per la limitazione del rischio d'incendio:
"La costruzione deve essere progettata e costruita in modo tale che, nel caso dello
scoppio di un incendio:
- la resistenza ai carichi della struttura possa essere assicurata per uno specifico
periodo di tempo,
- la generazione e la diffusione di fiamme e fumo nella costruzione siano limitati,
- la trasmissione dell'incendio a costruzioni vicine sia limitato,
- gli occupanti possano lasciare la costruzione o essere soccorsi con mezzi
appropriati,
- la sicurezza delle squadre di soccorso sia presa in adeguata considerazione."
Con riferimento al Documento Interpretativo n° 2 "Sicurezza in caso d'incendio"5), il
requisito essenziale può essere soddisfatto seguendo diverse possibili strategie per la
sicurezza in caso d'incendio prevalenti negli Stati membri, come gli scenari per l'incendio
convenzionale (incendi nominali) o per l'incendio naturale (incendi parametrici), definendo
misure per la protezione attiva o passiva dal fuoco.
Le parti degli eurocodici strutturali relative al fuoco prendono in esame aspetti specifici
della protezione passiva al fuoco in termini di progettazione di elementi strutturali o
strutture complete nei confronti di una adeguata resistenza ai carichi e della limitazione
della diffusione dell'incendio, ove rilevante.
Le funzioni richieste e i livelli di prestazione possono essere specificati in relazione a
classificazioni di resistenza al fuoco nominali (incendio normalizzato), in generale fornite
nei regolamenti antincendio nazionali, oppure qualora consentito da questi ultimi,
ricorrendo all'ingegneria della sicurezza contro l'incendio per valutare le misure di
protezione attive e passive.
Per esempio, prescrizioni complementari riguardanti:
- la possibile installazione e manutenzione di sistemi di sprinkler,
- le condizioni fissate per l'utilizzo di edifici e zone compartimentate al fuoco,
- l'uso di materiali isolanti e di rivestimento approvati, inclusa la loro manutenzione,
non sono fornite nel presente documento poiché esse sono soggette a specificazione da
parte dell'autorità nazionale competente.

4) Vedere l'Art. 3.3 e l'Art. 12 del CPD, così come 4.2, 4.3.1, 4.3.2 e 5.2 dell'ID 1.
5) Vedere i punti 2.2, 3.2(4) e 4.2.3.3 dell'ID n° 2.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 3


Valori numerici per coefficienti parziali e altri elementi di affidabilità sono forniti sotto forma
di valori raccomandati che garantiscono un livello di sicurezza ammissibile. Essi sono stati
scelti ipotizzando che sia stato realizzato un livello appropriato di qualità di esecuzione dei
lavori e di gestione della qualità.

Procedimenti di progettazione
Un procedimento analitico completo di progettazione di strutture resistenti al fuoco
considera il comportamento del sistema strutturale a temperatura elevata, il potenziale
flusso di calore a cui la struttura è esposta e il benefico effetto dei sistemi di protezione
attiva e passiva; sono inoltre considerate le incertezze associate a tali aspetti e
l'importanza della struttura (in termini di conseguenze del collasso).
Attualmente, è possibile eseguire un procedimento di calcolo per determinare una
prestazione adeguata, che comprende alcuni se non tutti, i parametri previsti, e per
dimostrare che la struttura o i suoi componenti forniscono una prestazione soddisfacente
in un incendio reale di un edificio.
Tuttavia, laddove la procedura è basata sull’incendio nominale (normalizzato), il sistema
di classificazione, che richiama particolari periodi di resistenza al fuoco, considera
(sebbene in modo non esplicito) le prestazioni e le incertezze sopra descritte.
L’applicazione della presente Parte 1-2 è di seguito illustrata. L’approccio prescrittivo e
l’approccio su base prestazionale sono identificati. L’approccio prescrittivo utilizza
l’incendio nominale per generare le azioni termiche. L’approccio su base prestazionale,
utilizzando l’ingegneria di sicurezza contro l’incendio, si riferisce alle azioni termiche
basate su parametri fisici e chimici.
figura 1 Procedimenti alternativi di progettazione

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 4


Supporti per la progettazione
È prevedibile che supporti per la progettazione basati sui modelli di calcolo forniti nella
EN 1991-1-2 siano predisposti da organizzazioni esterne interessate al tema.
Il testo base della EN 1991-1-2 contiene gran parte dei concetti principali e delle regole
necessarie per la descrizione delle azioni termiche e meccaniche sulle strutture.

Appendice Nazionale per la norma EN 1991-1-2


La presente norma fornisce procedure alternative, valori e raccomandazioni per classi,
con note che indicano dove possono essere applicate scelte a livello nazionale. Di
conseguenza la Norma Nazionale che implementa la EN 1991-1-2 dovrebbe avere una
appendice nazionale contenente tutti i Parametri Determinati a livello Nazionale da
impiegare nel progetto degli edifici e delle opere di ingegneria civile da realizzarsi nella
nazione interessata.
Una scelta a livello nazionale è permessa nella EN 1991-1-2 attraverso:
- 2.4(4)
- 3.1(10)
- 3.3.1.1(1)
- 3.3.1.2(1)
- 3.3.1.2(2)
- 3.3.1.3(1)
- 3.3.2(1)
- 3.3.2(2)
- 4.2.2(2)
- 4.3.1(2)

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 5


1 SEZIONE 1: GENERALITÀ

1.1 Scopo e campo di applicazione


(1) I metodi di calcolo forniti nella presente parte 1-2 della EN 1991 sono applicabili agli
edifici, con un carico d'incendio commisurato all'edificio ed alla sua utilizzazione.
(2) La presente parte 1-2 della EN 1991 concerne le azioni termiche e meccaniche sulle
strutture esposte all'incendio. Il suo utilizzo è previsto in connessione con le parti
relative alla progettazione in caso d'incendio dal prEN 1992 al prEN 1996 e
prEN 1999, che forniscono le regole per progettare strutture resistenti al fuoco.
(3) La presente parte 1-2 della EN 1991 contiene le azioni termiche con riferimento alle
azioni termiche nominali o definite mediante modelli fisici d'azione. Dati ulteriori e
modelli fisici aggiuntivi per la definizione di azioni termiche sono forniti nelle
appendici.
(4) La presente parte 1-2 della EN 1991 fornisce i principi generali e le regole di
applicazione relative ad azioni termiche e meccaniche da impiegarsi in accordo con
la EN 1990, EN 1991-1-1, EN 1991-1-3 e EN 1991-1-4.
(5) La valutazione del danno di una struttura in conseguenza di un incendio non è
trattata dal presente documento.

1.2 Riferimenti normativi


(1)P La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a
disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei
punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti
datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono
unicamente se introdotte nella presente norma europea come aggiornamento o
revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla
quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti).
Nota Le seguenti norme europee che sono pubblicate o in preparazione sono citate nei punti normativi:
prEN 13501-2 Fire classification of construction products and building elements - Classification
using data from fire resistance tests, excluding ventilation services
EN 1990:2002 Eurocode: Basis of structural design
EN 1991 Eurocode 1: Actions on structures - General actions - Densities, self-weight and
imposed loads
prEN 1991 Eurocode 1: Actions on structures - General actions - Snow loads
prEN 1991 Eurocode 1: Actions on structures - General actions - Wind loads
prEN 1992 Eurocode 2: Design of concrete structures
prEN 1993 Eurocode 3: Design of steel structures
prEN 1994 Eurocode 4: Design of composite steel and concrete structures
prEN 1995 Eurocode 5: Design of timber structures
prEN 1996 Eurocode 6: Design of masonry structures
prEN 1999 Eurocode 9: Design of aluminium structures

1.3 Ipotesi
(1)P In aggiunta alle ipotesi generali di cui alla EN 1990, si applicano le seguenti ipotesi:
- qualsiasi sistema di protezione attiva o passiva considerato nella progettazione è
soggetto ad adeguata manutenzione,
- la scelta dei pertinenti scenari d'incendio di progetto è condotta da appropriato
personale qualificato e dotato di esperienza; in alternativa può essere definita nei
regolamenti nazionali pertinenti.

1.4 Distinzione tra Principi e Regole di applicazione


(1) Si applicano le regole fornite nella EN 1990:2002, punto 1.4.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 6


1.5 Termini e definizioni
(1)P Ai fini della presente norma europea si applicano i termini e le definizioni forniti nella
EN 1990:2002, punto 1.5, e i seguenti:

1.5.1 Termini comuni utilizzati nelle parti "fuoco" degli Eurocodici

1.5.1.1 tempo equivalente di esposizione al fuoco: Tempo di esposizione alla curva


temperatura-tempo dell'incendio normalizzata che si suppone produca lo stesso effetto di
riscaldamento di un incendio reale in un compartimento.

1.5.1.2 elemento esterno: Elemento strutturale posizionato al di fuori dell'edificio che è a rischio di
esposizione al fuoco dalle aperture presenti nell'involucro dell'edificio.

1.5.1.3 compartimento antincendio: Spazio all'interno di un edificio che si estende su uno o più piani
che è racchiuso da elementi di separazione tali che la diffusione del fuoco al di là del
compartimento è impedita per tutti il periodo di esposizione al fuoco considerato.

1.5.1.4 resistenza al fuoco: Capacità di una struttura, di una sua parte o di un elemento di
soddisfare le funzioni richieste (funzione portante e/o di separazione al fuoco) per uno
specificato livello e tempo di esposizione al fuoco.

1.5.1.5 incendio generalizzato: Stato di coinvolgimento completo di tutto il materiale combustibile


all'interno di uno specifico spazio.

1.5.1.6 analisi strutturale globale (in caso d'incendio): Analisi strutturale dell'intera struttura quando
l'intera struttura o parte di essa sono esposte all'incendio. Azioni indirette conseguenti al
fuoco sono considerate nell'intera struttura.

1.5.1.7 azioni indirette del fuoco: Azioni interne e momenti causati dall'espansione termica.

1.5.1.8 tenuta (E): Caratteristica degli elementi di separazione di parti di edificio esposti al fuoco
da un lato soltanto, che sono in grado d'impedire la propagazione di fiamme sulla faccia
non esposta e il passaggio di fiamme e gas di combustione al di là della separazione.

1.5.1.9 isolamento (I): Caratteristica degli elementi di separazione di parti di edificio esposti al
fuoco da un lato soltanto, che sono in grado limitare l'innalzamento della temperatura nella
faccia non esposta al di sotto di un prefissato livello.

1.5.1.10 funzione di stabilità (R): Capacità di un elemento strutturale di sopportare sollecitazioni per
la durata d'incendio considerata, in accordo a prestabiliti criteri di resistenza.

1.5.1.11 elemento: Parte unitaria di una struttura (semplice come trave, colonna; composta come
una parete nervata o una struttura reticolare) considerato isolato e con appropriate
condizioni al contorno.

1.5.1.12 analisi di un elemento (in caso d'incendio): Analisi termica e meccanica di un elemento
strutturale esposto al fuoco nella quale l'elemento è supposto isolato e con le appropriate
condizioni al contorno. Azioni indirette del fuoco non sono considerate, eccetto quelle
relative a gradienti termici.

1.5.1.13 progettazione alla temperatura ordinaria: Progettazione allo stato limite ultimo per la
temperatura ambiente in accordo alle parti 1-1 dei prEN da prEN 1992 a prEN 1996 o
prEN 1999.

1.5.1.14 funzione di separazione: Capacità di un elemento di separazione di prevenire la diffusione


del fuoco (per esempio, passaggio di fiamme o gas di combustione, vedere integrità) o
l'accensione al di là della superficie esposta (vedere isolamento), nel corso dell'incendio
di progetto.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 7


1.5.1.15 elemento di separazione: Elemento portante o non portante (per esempio parete) formante
parte della superficie di confine di un compartimento antincendio.

1.5.1.16 resistenza al fuoco normalizzata: Capacità di una struttura o di una sua parte (generalmente
solo elementi) di soddisfare alle funzioni richieste (funzione portante e/o di separazione)
per il riscaldamento conseguente all'esposizione alla curva temperatura-tempo
normalizzata per una prefissata combinazione di carico e per un prefissato periodo di
tempo.

1.5.1.17 elementi strutturali: Elementi portanti di una struttura, compresi i controventi.

1.5.1.18 analisi termica: Procedimento per la determinazione dell'evoluzione della temperatura negli
elementi sulla base delle azioni termiche (flusso termico netto) e delle proprietà termiche
dei materiali costituenti gli elementi e le protezioni superficiali, ove pertinente.

1.5.1.19 azioni termiche: Azioni sulle strutture descritte dal flusso termico netto negli elementi.

1.5.2 Termini speciali collegati alla progettazione in generale

1.5.2.1 modello avanzato di fuoco: Incendio di progetto basato sui principi di conservazione della
massa e dell'energia.

1.5.2.2 modello di analisi fluidodinamica computazionale: Modello di fuoco in grado di risolvere


numericamente il sistema di equazioni differenziali alle derivate parziali fornendo in tutti i
punti del compartimento i valori delle variabili termodinamiche e aerodinamiche.

1.5.2.3 parete taglia fuoco: Elemento di separazione a parete tra due spazi (per esempio due
edifici) che è progettato per la resistenza al fuoco e la stabilità strutturale, includendo
eventualmente la resistenza a pressioni orizzontali, di modo che in caso d'incendio con
collasso della struttura da un lato della parete, sia evitato l'innesco dell'incendio al di là
della parete.

1.5.2.4 modello a una zona: Modello di fuoco nel quale si assume una temperatura uniforme del gas
contenuto nel compartimento.

1.5.2.5 modello semplice di fuoco: Incendio di progetto basato su un limitato campo di applicazione
di specifici parametri fisici.

1.5.2.6 modello a due zone: Modello di fuoco in cui sono definite differenti zone nel compartimento:
lo strato superiore, lo stato inferiore, il fuoco e il suo pennacchio, il gas di contorno e le
pareti esterne. Nello strato superiore si assume una temperatura uniforme del gas.

1.5.3 Termini collegati con l'analisi termica

1.5.3.1 fattore di combustione: Il fattore di combustione rappresenta l'efficienza del processo di


combustione, e varia tra 1 per combustione completa, fino a 0 per combustione totalmente
inibita.

1.5.3.2 incendio di progetto: Sviluppo di incendio prefissato, assunto come dato di progetto.

1.5.3.3 carico d'incendio specifico di progetto: Carico d'incendio specifico considerato per la
determinazione delle azioni termiche nel progetto in caso d'incendio; il valore tiene conto
delle incertezze di definizione.

1.5.3.4 scenario d'incendio di progetto: Scenario d'incendio specifico, sul quale viene sviluppata
un'analisi.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 8


1.5.3.5 curva d'incendio esterno: Curva temperatura - tempo nominale caratteristica per la
superficie di pareti esterne di separazione che possono essere esposte al fuoco da
differenti parti della facciata, cioè direttamente dall'interno del compartimento considerato,
o da compartimenti situati sotto o lateralmente alla parete esterna considerata.

1.5.3.6 rischio d'attivazione dell'incendio: Parametro che tiene in conto la probabilità di accensione
in funzione dell'area del compartimento e del tipo di utilizzo.

1.5.3.7 carico d'incendio specifico: Carico d'incendio per unità d'area qf o qt rispettivamente riferito
all'area in pianta o definito in funzione della superficie complessiva del compartimento
incluse le aperture.

1.5.3.8 carico d'incendio: Somma di tutte le energie termiche che sono rilasciate dalla combustione
di tutti i materiali combustibili contenuti in un dato spazio (contenuto dell'edificio e suoi
elementi costruttivi).

1.5.3.9 scenario d'incendio: Descrizione qualitativa dell'evoluzione di un incendio nel tempo che
definisce i fenomeni chiave che caratterizzano l'incendio e lo differenziano da altri possibili
tipi d'incendio. Elementi descrittivi tipici sono i processi d'innesco e di crescita delle
fiamme, lo stadio di completo sviluppo, la fase di estinzione, l'ambiente costruito e i sistemi
che hanno effetto sul corso dell'incendio.

1.5.3.10 accensione (flash-over): Sviluppo di fiamma simultaneo da tutti i carichi d'incendio presenti
in un compartimento.

1.5.3.11 curva d'incendio degli idrocarburi: Curva temperatura - tempo nominale che rappresenta
l'effetto della combustione di idrocarburi.

1.5.3.12 fuoco localizzato: Fuoco che coinvolge solo una limitata zona del carico d'incendio del
compartimento.

1.5.3.13 fattore d'apertura: Fattore che rappresenta l'ammontare della ventilazione in funzione
dell'area delle aperture presenti nelle pareti del compartimento, dell'altezza di queste
aperture, e della superficie totale del compartimento.

1.5.3.14 velocità di rilascio di calore: Calore (energia) rilasciato da un materiale combustibile in


funzione del tempo.

1.5.3.15 curva temperatura - tempo normalizzata: Curva nominale definita nel prEN 13501-2 che
rappresenta il modello di un incendio generalizzato all'interno di un compartimento.

1.5.3.16 curve temperatura - tempo: Temperatura del gas nell'intorno della superficie degli elementi
in funzione del tempo. Le curve possono essere:
- nominali: curve convenzionali adottate per la classificazione o la verifica della
resistenza al fuoco, per esempio la curva temperatura - tempo normalizzata, la curva
per incendio esterno, la curva relativa agli idrocarburi;
- parametriche: curve determinate in base a modelli di fuoco e agli specifici parametri
fisici che definiscono le variabili di stato all'interno del compartimento.

1.5.4 Termini correlati all'analisi di trasferimento del calore

1.5.4.1 fattore di configurazione: Il fattore di configurazione del trasferimento di calore per


irraggiamento dalla superficie A alla superficie B è definito come la frazione dell'energia
irradiata diffusamente che lascia la superficie A e incide sulla superficie B.

1.5.4.2 coefficiente di trasferimento di calore per convezione: Il flusso termico per convezione attorno
all'elemento è legato alla differenza tra la temperatura superficiale dell'elemento e quella
del gas a contatto con esso.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 9


1.5.4.3 emissività: È uguale al fattore di assorbimento di una superficie, cioè al rapporto tra il calore
assorbito per irraggiamento da una data superficie e quello assorbito dalla superficie di
corpo nero.

1.5.4.4 flusso termico netto: Energia per unità di tempo e di area assorbita completamente dagli
elementi.

1.6 Simboli
(1)P Ai fini della presente parte 1-2 si applicano i seguenti simboli:

Lettere latine maiuscole


A area del compartimento antincendio
A ind,d valore di progetto delle azioni indirette causate dal fuoco
Af area in pianta del compartimento antincendio
Afi area dell'incendio
Ah area delle aperture orizzontali nelle coperture del compartimento antincendio
A h,v area totale delle aperture nel compartimento (Ah,v = Ah + Av)
Aj area della superficie j-esima del compartimento, escluse le aperture
At area totale del compartimento (pareti, pavimento e soffitto, incluse le aperture)
Av area totale delle aperture verticali su tutte le pareti (Av = ∑ Av,i )
i
A v,i area della finestra i-esima
Ci coefficiente di protezione della faccia i-esima dell'elemento
D lunghezza del compartimento antincendio, diametro della fiamma
Ed valore di progetto degli effetti di riferimento delle azioni comprese nella
combinazione fondamentale di carico secondo la EN 1990
Efi,d valore costante di progetto degli effetti delle azioni in situazione d'incendio
Efi,d,t valore di progetto degli effetti di riferimento delle azioni in situazione d'incendio al
tempo t
Eg energia interna del gas
H distanza tra la sorgente della fiamma e il soffitto
Hu potere calorifico netto tenuto conto dell'umidità
Hu0 potere calorifico netto del materiale secco
Hui potere calorifico netto del materiale i-esimo
Lc lunghezza del nocciolo
Lf altezza della fiamma lungo l'asse
LH proiezione orizzontale della fiamma (dalla facciata)
Lh dimensione orizzontale della fiamma
LL altezza della fiamma (a partire dal bordo superiore della finestra)
Lx lunghezza del segmento che collega la finestra con il punto attuale di calcolo
Mk,i quantità del materiale combustibile i-esimo
O fattore d'apertura del compartimento (O = A v h eq ⁄ A t )
O lim fattore di apertura ridotto per il caso di incendio controllato dal combustibile
Pint pressione interna
Q velocità di rilascio di calore del fuoco
Qc parte convettiva della velocità di rilascio di calore Q
Q fi,k carico d'incendio caratteristico
Q fi,k,i carico d'incendio caratteristico del materiale i-esimo
*
Q D coefficiente di rilascio di calore legato al diametro D dell'incendio locale

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 10


*
Q H coefficiente di rilascio di calore legato all'altezza H del compartimento antincendio
Q k,1 azione caratteristica variabile primaria
Qmax massima velocità di rilascio di calore
Q in velocità di rilascio di calore entrante attraverso le aperture per mezzo del flusso di
gas
Qout velocità di rilascio di calore persa attraverso le aperture a causa del flusso di gas
Qrad velocità di rilascio di calore persa attraverso le aperture a causa dell'irraggiamento
Qwall velocità di rilascio di calore persa per irraggiamento e convezione dalle superfici
del compartimento antincendio
R costante dei gas ideali (= 287 [J/kgK])
Rd valore di progetto della resistenza dell'elemento a temperatura ordinaria
Rfi,d,t valore di progetto della resistenza dell'elemento in situazione d'incendio al tempo t
RHR f massima velocità di rilascio di calore per metro quadrato
T temperatura [K]
Tamb temperatura ambiente [K]
T0 temperatura iniziale (= 293 [K])
Tf temperatura del compartimento antincendio [K]
Tg temperatura dei gas [K]
Tw temperatura della fiamma in prossimità della finestra [K]
Tz temperatura della fiamma lungo l'asse [K]
W larghezza della parete contenente finestre (W1 e W2)
W1 larghezza della parete 1 contenente la finestra di area massima
W2 larghezza della parete del compartimento antincendio ortogonale alla parete W1
Wa proiezione orizzontale di un balcone o di una tettoia
Wc larghezza del nocciolo

Lettere latine minuscole


b capacità di assorbimento termico per l'intero compartimento (b = ( ρc λ ) )
bi capacità di assorbimento termico dello strato i-esimo di una superficie del
compartimento
bj capacità di assorbimento termico di una superficie j-esima del compartimento
c calore specifico
deq caratteristica geometrica di un elemento strutturale esterno (diametro o lato)
df spessore della fiamma
di dimensione della sezione trasversale della faccia i-esima dell'elemento
g accelerazione di gravità
heq media pesata delle altezze delle finestre su tutte le pareti ⎛ h eq = ⎛ ∑ ( A v,i h i )⎞ ⁄ A v⎞
⎝ ⎝ ⎠ ⎠
i
hi altezza della finestra i-esima
ḣ flusso termico dell'area di superficie unitaria
ḣ net flusso termico netto dell'area di superficie unitaria
ḣ net,c flusso termico netto dell'area di superficie unitaria per convezione
ḣ net,r flusso termico netto dell'area di superficie unitaria per irraggiamento
ḣ tot flusso termico totale dell'area di superficie unitaria
ḣ i flusso termico dell'area di superficie unitaria dovuto al fuoco i-esimo
k fattore di correzione
kb fattore di conversione
kc fattore di correzione

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 11


m massa, fattore di combustione
ṁ velocità di massa
ṁ in velocità di massa del gas entrante attraverso le aperture
ṁ out velocità di massa del gas uscente attraverso le aperture
ṁ fi velocità di generazione dei prodotti di pirolisi
qf carico d'incendio unitario relativo all'area in pianta Af
q f,d carico d'incendio specifico di progetto relativo all'area in pianta Af
q f,k carico d'incendio specifico caratteristico relativo all'area Af
qt carico d'incendio unitario relativo all'area At
q t,d carico d'incendio specifico di progetto relativo all'area At
q t,k carico d'incendio specifico caratteristico relativo all'area At
r distanza orizzontale tra l'asse verticale della fiamma e il punto del soffitto dove
viene calcolato il flusso termico
si spessore dello strato i-esimo
s lim spessore limite
t tempo
t e,d tempo equivalente di esposizione al fuoco
t fi,d resistenza al fuoco di progetto (proprietà di elemento o di struttura)
t fi,requ tempo richiesto di resistenza al fuoco
t lim tempo di raggiungimento della massima temperatura nel gas in caso di incendio
controllato dal combustibile
tmax tempo di raggiungimento della massima temperatura nel gas
tα coefficiente di velocità di crescita del fuoco
u velocità del vento, contenuto d'umidità
wi larghezza della finestra i-esima
wt somma delle larghezze delle finestre su tutte le pareti (wt = Σwi); fattore di
ventilazione riferito a At
wf larghezza della fiamma; fattore di ventilazione
y parametro, coefficiente
z altezza
z0 origine virtuale per l'altezza z
z' posizione verticale della sorgente di calore virtuale

Lettere greche maiuscole


Φ fattore di configurazione
Φf fattore di configurazione generale per un elemento nel caso di trasferimento di
calore per irraggiamento da un'apertura
Φf,i fattore di configurazione della faccia i-esima di un elemento per una data apertura
Φz fattore di configurazione generale di un elemento per trasferimento di calore per
irraggiamento da una fiamma
Φz,i fattore di configurazione della faccia i-esima di un elemento per una data fiamma
Γ funzione del fattore di tempo del fattore di apertura O e dell'assorbimento termico b
Γlim funzione del fattore di tempo del fattore di apertura Olim e dell'assorbimento termico b
Θ temperatura [°C]; Θ [°C] = T [K] − 273
Θcr,d valore di progetto della temperatura critica del materiale [°C]
Θd valore di progetto della temperatura del materiale [°C]

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 12


Θg temperatura del gas nel compartimento antincendio o in prossimità dell'elemento
[°C]
Θm temperatura della superficie dell'elemento [°C]
Θmax temperatura massima [°C]
Θr temperatura effettiva di irraggiamento della zona incendiata [°C]
Ω (Af ⋅ qf,d) / (Av ⋅ At)1/2
Ψi fattore di carico d'incendio protetto

Lettere greche minuscole


αc coefficiente di trasferimento di calore per convezione
αh area delle aperture orizzontali in relazione all'area in pianta
αv area delle aperture verticali in relazione all'area in pianta
δni fattore che tiene conto dell'esistenza di una misura i-esima specifica di estinzione
del fuoco
δq1 fattore che tiene conto del rischio di attivazione del fuoco in relazione alla
dimensione del compartimento antincendio
δq2 fattore che tiene conto del rischio di attivazione del fuoco in relazione al tipo di
utilizzo
εm emissività superficiale di un elemento
εf emissività delle fiamme, del fuoco
ηfi fattore di riduzione
ηfi,t livello di carico per il progetto in caso d'incendio
λ conduttività termica
ρ densità
ρg densità interna del gas
σ costante di Stephan Boltzmann (= 5,67 · 10-8 [W/m2K4])
τF tempo durante il quale il fuoco brucia liberamente (assunto pari a 1 200 [s])
ψ0 fattore di combinazione per il valore caratteristico di un'azione variabile
ψ1 fattore di combinazione per il valore frequente di un'azione variabile
ψ2 fattore di combinazione per il valore quasi permanente di un'azione variabile

2 SEZIONE 2: PROCEDIMENTO PER LA PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN CASO DI


INCENDIO

2.1 Generalità
(1) Si raccomanda che un'analisi strutturale di progetto per il fuoco tenga conto dei
seguenti passi, ove necessario:
- selezione dello scenario d'incendio di progetto appropriato;
- determinazione dei corrispondenti incendi di progetto;
- calcolo dell'evoluzione della temperatura negli elementi strutturali;
- calcolo del comportamento meccanico della struttura esposta al fuoco.
Nota Il comportamento meccanico di una struttura dipende dalle azioni termiche e dai loro effetti termici sulle
proprietà dei materiali e dalle azioni meccaniche indirette, nonché degli effetti diretti delle azioni meccaniche.
(2) La progettazione strutturale implica l'applicazione delle azioni per l'analisi termica e
di quelle relative all'analisi meccanica in accordo alla presente parte e alle altre parti
della EN 1991.
(3)P Le azioni sulle strutture derivanti dall'esposizione al fuoco sono classificate come
azioni eccezionali, vedere EN 1990:2002, punto 6.4.3.3(4).

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 13


2.2 Scenario d'incendio di progetto
(1) Si raccomanda che per identificare la situazione di progetto eccezionale, gli
appropriati scenari d'incendio di progetto e gli associati incendi di progetto siano
determinati in relazione ad una valutazione di rischio d'incendio.
(2) Per le strutture per le quali in conseguenza di altre azioni eccezionali si manifesta un
particolare rischio d'incendio, si raccomanda che tale rischio sia considerato nella
valutazione del concetto generale di sicurezza.
(3) Non occorre considerare comportamenti strutturali dipendenti dal tempo o dai carichi
precedenti alla situazione eccezionale, a meno che non si applichi il comma (2).

2.3 Incendio di progetto


(1) Per ogni scenario d'incendio di progetto, si raccomanda che sia definito un incendio
di progetto in ogni compartimento in accordo alla sezione 3 della presente parte.
(2) Si raccomanda che l'incendio di progetto sia applicato soltanto ad un compartimento
dell'edificio alla volta, a meno che non diversamente specificato nello scenario
d'incendio di progetto.
(3) Per strutture per le quali le autorità nazionali definiscono requisiti di resistenza
strutturale all'incendio, si può assumere che l'appropriato incendio di progetto è
fornito dall'incendio normalizzato, se non diversamente specificato.

2.4 Analisi della temperatura


(1)P Nell'effettuazione dell'analisi termica di un elemento la posizione dell'elemento
all'interno dell'incendio di progetto deve essere tenuta in conto.
(2) Per elementi esterni, si raccomanda che sia considerata l'esposizione al fuoco
attraverso le aperture della facciata e della copertura.
(3) Per pareti esterne di separazione, si raccomanda che l'esposizione al fuoco sia
considerata, quando richiesto, dall'interno (dall'adiacente compartimento antincendio),
alternativamente dall'esterno (da altri compartimenti antincendio vicini).
(4) Con riferimento all'incendio di progetto scelto nella sezione 3, si raccomanda che
siano impiegati i procedimenti seguenti:
- nel caso di curva temperatura-tempo nominale, l'analisi termica dell'elemento
strutturale è condotta per un prefissato periodo di tempo senza considerare una
fase di raffreddamento.
Nota 1 Il periodo di tempo specificato può essere fornito nei regolamenti nazionali o ottenuto dall'appendice F
seguendo le specifiche dell'appendice nazionale.
- con un modello di fuoco, l'analisi termica dell'elemento strutturale è condotta per
tutta la durata dell'incendio, includendo la fase di raffreddamento.
Nota 2 Nell'appendice nazionale possono essere definiti periodi limitati di resistenza al fuoco.

2.5 Analisi meccanica


(1)P L'analisi meccanica deve essere estesa allo stesso periodo di tempo usato per
l'analisi termica.
(2) Si raccomanda che la verifica di resistenza sia condotta nel dominio del tempo:
t fi,d ≥ t fi,requ (2.1)
o nel dominio delle resistenze:
R fi,d,t ≥ E fi,d,t (2.2)
o nel dominio delle temperature:
Θd ≤ Θcr,d (2.3)
dove:
t fi,d è il valore di progetto della resistenza al fuoco;
t fi,requ è il tempo di resistenza al fuoco richiesto;

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 14


Rfi,d,t è il valore di progetto della resistenza dell'elemento in caso d'incendio al tempo
t;
Efi,d,t è il valore di progetto degli effetti pertinenti delle azioni in caso d'incendio al
tempo t ;
Θd è il valore di progetto della temperatura del materiale;
Θcr,d è il valore di progetto della temperatura critica del materiale.

3 SEZIONE 3: AZIONI TERMICHE PER L'ANALISI DELLA TEMPERATURA

3.1 Regole generali


(1)P Le azioni termiche sono date dal flusso termico netto ḣ net [W/m2] sulla superficie
dell'elemento.
(2) Si raccomanda che sulle superfici esposte al fuoco il flusso termico netto ḣ net sia
determinato considerando il trasferimento di calore per convezione e irraggiamento
nella forma:

ḣ net = ḣ net,c + ḣ net,r [W/m2] (3.1)


dove:
ḣ net,c è fornito dall'equazione (3.2);
ḣ net,r è fornito dall'equazione (3.3).
(3) Si raccomanda che il valore netto della componente di convezione del flusso termico
sia valutato nella forma:

ḣ net,c = αc ⋅ (Θg − Θm) [W/m2] (3.2)


dove:
αc è il coefficiente di trasferimento di calore per convezione [W/m2K];
Θg è la temperatura del gas in vicinanza dell'elemento esposto al fuoco [°C];
Θm è la temperatura superficiale dell'elemento [°C].
(4) Per il coefficiente di trasferimento di calore per convezione ac pertinente alle curve
nominali temperatura-tempo vedere 3.2.
(5) Si raccomanda che sulla faccia non esposta di elementi di separazione il flusso
termico netto sia determinato utilizzando l'equazione (3.1) con αc = 4 [W/m2K]. Si
raccomanda che il coefficiente di trasferimento di calore per convezione sia assunto
come αc = 9 [W/m2K], quando si considerano compresi in esso gli effetti del
trasferimento di calore per irraggiamento.
(6) La componente netta del flusso termico per irraggiamento per unità di superficie è
determinata nella forma:

ḣ net,r = Φ ⋅ εm ⋅ εf ⋅ σ ⋅ [(Θr + 273)4 − (Θm + 273)4] [W/m2] (3.3)


dove:
Φ è il fattore di configurazione;
εm è l'emissività superficiale dell'elemento;
εf è l'emissività del fuoco;
σ è la costante di Stephan Boltzmann (5,67 · 10-8 W/m2K4);
Θr è la temperatura effettiva di irraggiamento della zona incendiata [°C];
Θm è la temperatura superficiale dell'elemento [°C].
Nota 1 Se non fornito nelle parti da prEN 1992 a prEN 1966 o prEN 1999 nelle sezioni dedicate alle proprietà
di progettazione anticendio dei materiali, può essere assunto un valore εm = 0,8.
Nota 2 L'emissività del fuoco è assunta in generale pari a εf = 1,0.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 15


(7) Se nel presente documento o nelle parti da prEN 1992 a prEN 1966 o prEN 1999 di
progettazione antincendio non viene fornito nessun dato, si raccomanda che il
fattore di configurazione sia assunto pari a Φ = 1,0. Un valore inferiore è consentito
per includere nell'analisi effetti dovuti a schermatura o posizione.
Nota Per il calcolo del fattore di configurazione Φ un metodo è fornito nell'appendice G.
(8) Nel caso di elementi completamente avvolti dalle fiamme la temperatura
d'irraggiamento Θr può essere definita pari alla temperatura del gas Θg presente in
prossimità dell'elemento.
(9) La temperatura superficiale Θm deriva dall'analisi termica dell'elemento in accordo ai
procedimenti di progettazione antincendio contenuti nelle parti 1-2 dal prEN 1992 al
prEN 1996 e del prEN 1999.
(10) La temperatura del gas Θg può essere determinata in accordo al punto 3.2 con
riferimento alla curva nominale temperatura-tempo o determinata utilizzando un
modello di fuoco in accordo al punto 3.3.
Nota L'uso della curva nominale temperatura-tempo in accordo al punto 3.2 o alternativamente l'impiego di
un modello di fuoco naturale in accordo al punto 3.3 può essere specificato nell'appendice nazionale.

3.2 Curve temperatura - tempo nominali

3.2.1 Curva temperatura - tempo normalizzata


(1) La curva temperatura - tempo normalizzata è fornita dall'espressione:
Θg = 20 + 345 log10 (8 t + 1) [°C] (3.4)
dove:
Θg è la temperatura del gas all'interno del compartimento antincendio [°C];
t è il tempo [min].
(2) Il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è:
αc = 25 W/m2K

3.2.2 Curva dell'incendio esterno


(1) La curva di riscaldamento dell'incendio esterno è fornita dall'espressione:
Θg = 660 (1 − 0,687 e-0,32 t − 0,313 e-3,8 t) + 20 [°C] (3.5)
dove:
Θg è la temperatura del gas in vicinanza dell'elemento [°C];
t è il tempo [min].
(2) Il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è:
αc = 25 W/m2K

3.2.3 Curva degli idrocarburi


(1) La curva temperatura - tempo relativa all'incendio di idrocarburi è fornita
dall'espressione:
Θg = 1 080 (1 − 0,325 e-0,167 t − 0,675 e-2,5 t) + 20 [°C] (3.6)
dove:
Θg è la temperatura del gas all'interno del compartimento antincendio [°C];
t è il tempo [min].
(2) Il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è: (3.7)
αc = 50 W/m2K

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 16


3.3 Modelli di fuoco naturale

3.3.1 Modelli di fuoco semplificati

3.3.1.1 Generalità
(1) I modelli di fuoco semplici sono basati su specifici parametri fisici con un limitato
campo di applicazione.
Nota Per il calcolo del carico d'incendio specifico di progetto qf,d, un metodo è fornito nell'appendice E.
(2) Nel caso di incendi limitati al compartimento si assume in quest'ultimo una
temperatura uniforme, quale funzione del tempo. Nel caso di incendi localizzati si
assume una temperatura non uniforme quale funzione del tempo.
(3) Si raccomanda che quando s'impiegano modelli di fuoco semplificati il coefficiente di
trasferimento termica per convezione sia assunto pari a αc = 35 [W/m2K].

3.3.1.2 Incendi contenuti nel compartimento


(1) Si raccomanda che, le temperature del gas siano valutate sulla base dei parametri
fisici considerando almeno il carico d'incendio specifico e le condizioni di
ventilazione.
Nota 1 L'appendice nazionale può specificare il procedimento per calcolare le condizioni di riscaldamento.
Nota 2 Per gli elementi interni al compartimento antincendio, un metodo di calcolo per la temperatura del gas
nel compartimento è fornito nell'appendice A.
(2) Per elementi esterni al compartimento, si raccomanda che la componente di flusso
termico per irraggiamento sia calcolata come somma dei contributi del fuoco del
compartimento e delle fiamme che fuoriescono dalle aperture.
Nota Un metodo di calcolo delle condizioni di riscaldamento per elementi esterni esposti al fuoco attraverso
le aperture della facciata è fornito nell'appendice B.

3.3.1.3 Incendio localizzato


(1) Quando è improbabile che accada lo sviluppo completo dell'incendio, si raccomanda
che siano considerate le azioni termiche di un incendio localizzato.
Nota 1 L'appendice nazionale può indicare il procedimento per calcolare le condizioni di riscaldamento.
Nell'appendice C è fornito un metodo per il calcolo delle azioni termiche conseguenti a incendi localizzati.

3.3.2 Modelli di fuoco avanzati


(1) Si raccomanda che i modelli di fuoco avanzati tengono in conto i seguenti fattori:
- le proprietà del gas;
- lo scambio di massa;
- lo scambio d'energia.
Nota 1 I metodi di calcolo disponibili generalmente includono anche procedimenti iterativi.
Nota 2 Nell'appendice E è fornito un metodo per il calcolo del carico d'incendio specifico di progetto qf,d.
Nota 3 Per il calcolo della velocità di rilascio di calore Q un metodo è fornito nell'appendice E.
(2) Si raccomanda che si utilizzi uno dei seguenti modelli:
- modelli a una zona, assumendo nel compartimento una temperatura uniforme
dipendente dal tempo;
- modelli a due zone, assumendo uno strato superiore di spessore dipendente dal
tempo e caratterizzato da una temperatura uniforme e dipendente dal tempo,
nonché uno strato inferiore caratterizzato da una temperatura uniforme e
dipendente dal tempo, di valore inferiore;
- modelli di fluidodinamica computazionale che forniscono l'evoluzione della
temperatura in un compartimento con una distribuzione dipendente
puntualmente dalla posizione e dal tempo.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 17


Nota L'appendice nazionale può definire il procedimento di calcolo delle condizioni di riscaldamento. Nel
caso di modelli a una zona, due zone o di fluidodinamica computazionale, un metodo per il calcolo delle
azioni termiche è fornito nell'appendice D.
(3) A meno che siano disponibili informazioni più dettagliate, si raccomanda che il
coefficiente di trasferimento di calore per convezione sia assunto pari a αc = 35 [W/m2K].
(4) Al fine di ottenere un calcolo più accurato della distribuzione di temperatura lungo un
elemento soggetto a un incendio localizzato, si può considerare una combinazione
dei risultati di un modello a due zone con quelli di un calcolo con incendio localizzato.
Nota Il campo di temperature nell'elemento può essere derivato considerando il massimo effetto tra i due
modelli di fuoco in ciascuna posizione.

4 SEZIONE 4: AZIONI MECCANICHE PER L'ANALISI STRUTTURALE

4.1 Generalità
(1)P Espansioni imposte e vincolate e deformazioni causate da variazioni di temperatura
conseguenti all'esposizione al fuoco producono effetti di azioni, per esempio forze o
momenti, che devono essere considerati con l'esclusione di quei casi dove le azioni:
- possono essere riconosciute trascurabili o a favore di sicurezza a priori;
- sono introdotte per mezzo di modelli e condizioni di vincolamento scelte a favore
di sicurezza, e/o sono implicitamente comprese nel calcolo per effetto di requisiti
di sicurezza al fuoco definiti in modo conservativo.
(2) Si raccomanda che per una stima delle azioni indirette siano considerate le seguenti
situazioni:
- espansione termica contrastata degli elementi stessi, per esempio colonne in un
edificio multi piano a struttura intelaiata con pareti molto rigide;
- distribuzione dell'espansione termica all'interno di elementi staticamente
indeterminati, per esempio solette continue;
- gradienti termici all'interno delle sezioni trasversali che danno luogo a tensioni di
coazione;
- espansione termica di elementi adiacenti, per esempio lo spostamento della
testa di una colonna a seguito dell'espansione della soletta di solaio, o
espansione dei cavi di sospensione;
- espansione termica di elementi che sollecitano altri elementi posizionati fuori del
compartimento antincendio.
(3) Si raccomanda che i valori di progetto delle azioni indirette dovute all'incendio Aind,d
siano determinati sulla base dei valori di progetto delle proprietà termiche e
meccaniche dei materiali forniti nelle parti dei prEN da prEN 1992 a prEN 1999
riguardanti la progettazione contro l'incendio e sulla base della relativa esposizione
al fuoco.
(4) Non occorre considerare le azioni indirette dagli elementi adiacenti quando i requisiti
di sicurezza in caso di incendio si riferiscono ad elementi in condizioni di incendio
normalizzato.

4.2 Simultaneità delle azioni

4.2.1 Azioni dal progetto a temperatura ordinaria


(1)P Le azioni devono essere considerate come per il progetto a temperatura ordinaria,
se esse facilmente agiscono anche in situazione d'incendio.
(2) Si raccomanda che valori rappresentativi delle azioni variabili, che considerano la
situazione di progetto eccezionale di esposizione al fuoco, siano definiti in accordo a
EN 1990.
(3) Si raccomanda che la diminuzione dei sovraccarichi conseguente alla combustione
non sia considerata.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 18


(4) Si raccomanda che i casi in cui non occorre considerare i carichi da neve, a causa
dello scioglimento della neve, siano verificati individualmente.
(5) Non occorre considerare le azioni conseguenti ad operazioni industriali.

4.2.2 Azioni aggiuntive


(1) Non occorre considerare il verificarsi in modo simultaneo di altre azioni eccezionali
indipendenti.
(2) In relazione alla situazione di progetto eccezionale da considerare, può essere
necessario applicare azioni aggiuntive causate dall'esposizione al fuoco, per
esempio l'impatto dovuto al collasso di un elemento strutturale a un macchinario
pesante.
Nota La scelta delle azioni aggiuntive può essere specificata nell'appendice nazionale.
(3) Le pareti da taglio possono essere previste con la richiesta di resistere ad un carico
d'impatto orizzontale in accordo alla EN 1363-2.

4.3 Regole di combinazione per le azioni

4.3.1 Regola generale


(1)P Per ottenere gli effetti delle azioni di riferimento Efi,d,t nel corso dell'esposizione al
fuoco, le azioni meccaniche devono essere combinate in accordo con EN 1990
"Basis of structural design" per situazioni di progetto eccezionali.
(2) Il valore rappresentativo della azione variabile Q1 può essere considerato come il
valore quasi permanente ψ2,1 Q1, o in alternativa come il valore frequente ψ1,1 Q1.
Nota L'utilizzo del valore quasi permanente ψ2,1 Q1 o del valore frequente ψ1,1 Q1 può essere specificato
nell'appendice nazionale. L'utilizzo di ψ2,1 Q1 è raccomandato.

4.3.2 Regole semplificate


(1) Quando non occorre valutare esplicitamente le azioni indirette dovute al fuoco, gli
effetti delle azioni possono essere determinati analizzando la struttura soggetta alle
azioni combinate in accordo al punto 4.3.1 per t = 0 soltanto. Questi effetti delle
azioni Efi,d possono essere considerati costanti per tutta la durata dell'esposizione al
fuoco.
Nota Il presente punto si applica per esempio agli effetti delle azioni agenti sul contorno o nei vincoli, dove
l'analisi delle parti della struttura è portata a termine in accordo con le parti di progettazione al fuoco
dei prEN da prEN 1992 a prEN 1996 e del prEN 1999.
(2) Come ulteriore semplificazione rispetto a (1), gli effetti delle azioni possono essere
dedotti da quelli determinati per progetto a temperatura normale:
Efi,d,t = Efi,d = ηfi ⋅ Ed (4.1)
dove:
Ed è il valore di progetto degli effetti pertinenti delle azioni della combinazione
fondamentale in accordo a EN 1990;
Efi,d è il corrispondente valore di progetto costante per la situazione d'incendio;
ηfi è il fattore di riduzione definito nelle parti di progettazione al fuoco dei prEN da
prEN1992 a prEN 1996 e del prEN 1999.

4.3.3 Livello di carico


(1) Quando i dati tabulati sono specificati per un livello di carico di riferimento, questo
livello di carico corrisponde a:
Efi,d,t = ηfi,t ⋅ Rd (4.2)
dove:
Rd è il valore di progetto della resistenza degli elementi determinata secondo i
prEN da prEN1992 a prEN 1996 e prEN 1999, a temperatura normale;
ηfi,t è il livello di carico per la progettazione in caso d'incendio.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 19


APPENDICE A CURVE TEMPERATURA-TEMPO PARAMETRICHE
(informativa)
(1) Le curve temperatura-tempo seguenti sono valide per compartimenti antincendio
fino a 500 m2 di area in pianta, senza aperture nelle coperture e per un'altezza
massima del compartimento pari a 4 m. Si assume inoltre che il carico d'incendio del
compartimento sia bruciato fino ad estinzione.
(2) Se le densità di carico d'incendio sono specificate senza considerare in dettaglio il
comportamento durante la combustione (vedere appendice E), allora si raccomanda
che questo approccio sia limitato a compartimenti con carichi d'incendio costituiti
principalmente da materiali combustibili di tipo cellulosico.
(3) Le curve temperatura-tempo nella fase di riscaldamento sono espresse come:
Θg = 20 + 1 325 (1 − 0,324 e-0,2 t* − 0,204 e-1,7 t* − 0,472 e-19 t*) (A.1)
dove:
Θg è la temperatura del gas nel compartimento antincendio [°C]
t* =t·Γ [h] (A.2a)
con:
t tempo [h]
Γ 2
= [O / b ] / [0,04 / 1 160] 2
[-]
b = ( ρcλ )
con i limiti: 100 ≤ b ≤ 2 200 [J/m2s1/2K]
ρ massa volumica della superficie esterna del compartimento [kg/m3]
c calore specifico della superficie del compartimento [J/kg K]
λ conducibilità termica della superficie del compartimento [W/mK]
O = fattore di apertura A v h eq ⁄ A t [m1/2]
con i limiti 0,02 ≤ O ≤ 0,20
Av area totale delle aperture verticali sulle pareti [m2]
heq media pesata delle altezze delle finestre sulle pareti [m]
At area totale del compartimento (pareti, soffitto e pavimento,
incluse le aperture) [m2]
Nota Nel caso Γ = 1 l'equazione (A.1) approssima la curva temperatura-tempo normalizzata.
(4) Per il calcolo del fattore b, la massa volumica ρ, il calore specifico c e la conduttività
termica λ della superficie del compartimento sono assunti a temperatura ambiente.
(5) Per tenere conto della superficie di un compartimento composta da differenti strati di
materiale, si raccomanda che il valore di b = ( ρcλ ) sia introdotto come segue:
- se b1 < b2, b = b1 (A.3)
- se b1 > b2, si calcola uno spessore limite slim per il materiale esposto con la relazione:
3 600 t max λ 1
s lim = ------------------------------- con tmax dato dall'equazione A.7 [m] (A.4)
c 1 ρ1
se s1 > slim allora b = b1 (A.4a)
s1 s1 ⎞
se s1 < slim allora: b = -------- b 1 + ⎛ 1 – -------
- b (A.4b)
s lim ⎝ s lim⎠ 2
dove:
l'indice 1 rappresenta lo strato direttamente a contatto con il fuoco, l'indice 2 lo strato
immediatamente prossimo, …
s i è lo spessore dello strato i-esimo;
bi = ( ρi c i λi ) ;
ρ i è la massa volumica dello strato i-esimo;
c i è il calore specifico dello strato i-esimo;
λ i e la conducibilità termica dello strato i-esimo.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 20


(6) Per prendere in conto differenti fattori b nelle pareti, soffitto e pavimento, si
raccomanda che il valore di b = ( ρcλ ) sia introdotto come segue:
b = [Σ(b j A j)] / (At − Av) (A.5)
dove:
A j è l'area della faccia j-esima della superficie del compartimento, aperture non
incluse;
b j è la proprietà termica della faccia j-esima della superficie del compartimento
calcolata con le equazioni (A.3) e (A.4).
(7) La massima temperatura Θmax nella fase di riscaldamento si verifica per il tempo
*
t * = t max
*
t max = tmax ⋅ Γ [h] (A.6)

con tmax = max [(0,2 · 10-3 q t,d / O ); t lim] [h] (A.7)


dove:
q t,d è il valore di progetto del carico d'incendio specifico relativo all'area totale A t
del compartimento di modo che q t,d = q f,d A f / A t [MJ/m2]. Si raccomanda che
siano rispettati i seguenti limiti: 50 ≤ q t,d ≤ 1 000 [MJ/m2].
q f,d è il valore di progetto del carico d'incendio specifico relativo all'area in pianta A f
del pavimento [MJ/m2], ricavabile dall'appendice E.
t lim è dato dall'equazione (10) in [h].
Nota Il tempo tmax corrispondente alla massima temperatura è fornito da t lim nel caso in cui l'incendio sia
controllato dal combustibile. Se t lim è dato da (0,2 · 10-3 q t,d) / O, l'incendio è controllato dalla ventilazione.
(8) Quando tmax = t lim, il valore di t * nell'equazione (A.1) è sostituito da:
t * = t · Γlim [h] (A.2b)
con:
Γlim = [O lim / b ]2 / [0,04 / 1 160]2 (A.8)
dove:
O lim = 0,1 · 10-3 · q t,d / t lim (A.9)
(9) Se (O > 0,04 e q t,d < 75 e b < 1 160), Γlim in (A.8) deve essere moltiplicato per il
fattore k fornito da:

O – 0,04 q t,d – 75⎞ ⎛ 1 160 – b ⎞


k = 1 + ⎛⎝ ----------------------⎞⎠ ⎛⎝ --------------------
- -------------------------- (A.10)
0,04 75 ⎠ ⎝ 1 160 ⎠
(10) Nel caso di velocità di crescita dell'incendio bassa, t lim = 25 min; nel caso di crescita
dell'incendio media t lim = 20 min, e nel caso di crescita dell'incendio rapida t lim = 15 min.
Nota Per informazioni sulla velocità di crescita dell'incendio vedere il prospetto E.5 nell'appendice E.
(11) Le curve temperatura-tempo nella fase di raffreddamento sono date da:
* *
Θg = Θmax − 625 (t * − t max ⋅ x) per t max ≤ 0,5 (A.11a)
* * *
Θg = Θmax − 250 (3 − t max ) (t * − t max ⋅ x) per 0,5 < t max < 2 (A.11b)
* *
Θg = Θmax − 250 (t * − t max ⋅ x) per t max ≥ 2 (A.11c)
dove:
t * è fornito dalla equazione (A.2a)
*
t max = (0,2 ⋅ 10-3 ⋅ q t,d / O ) ⋅ Γ (A.12)
*
x = 1,0 se tmax > t lim, oppure x = t lim ⋅ Γ / t max se tmax = t lim

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 21


APPENDICE B AZIONI TERMICHE SU ELEMENTI ESTERNI - METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO
(informativa)

B.1 Scopo e campo di applicazione


(1) Il presente metodo permette di determinare:
- la massima temperatura di un compartimento antincendio,
- la dimensione e le temperature delle fiamme fuoriuscenti dalle aperture,
- i parametri di irraggiamento e convezione.
(2) Il presente metodo assume condizioni stazionarie dei vari parametri, ed è applicabile
solo per carichi d'incendio q f,d maggiori di 200 MJ/m2.

B.2 Condizioni d'utilizzo


(1) Quando c'è più di una finestra nel compartimento antincendio considerato, nel
calcolo si impiegano la media pesata dell'altezza delle finestre heq, l'area totale delle
aperture verticali Av, e la somma delle larghezze delle finestre (w t = Σw i).
(2) Quando sono presenti finestre solo nella parete 1, il rapporto D / W è dato da:
W
D / W = --------2- (B.1)
wt
(3) Quando sono presenti finestre su più di una parete, il rapporto D / W è calcolato
come segue:
W A v1
D / W = --------2- -------
- (B.2)
W 1 Av
dove:
W1 è la larghezza della parete 1, che per ipotesi contiene l'apertura più grande;
Av1 è la somma delle aree delle finestre nella parete 1;
W2 è la lunghezza della parete perpendicolare alla parete 1 nel compartimento
antincendio.
(4) Quando è presente un nucleo nel compartimento antincendio il rapporto D / W deve
essere ottenuto come segue:
- valgono i limiti definiti in (7);
- Lc e Wc sono la lunghezza e la larghezza del nocciolo;
- W1 e W2 sono la lunghezza e la larghezza del compartimento antincendio;
( W 2 – L c ) A v1
D / W = ----------------------------------
- (B.3)
( W 1 – W c ) Av
(5) Si raccomanda che tutte le parti di una parete esterna che non hanno la resistenza
al fuoco (REI) richiesta per la stabilità dell'edificio siano classificate come aperture o
finestre.
(6) L'area totale delle finestre in una parete esterna vale:
- l'area totale definita dalla (5) se essa è meno del 50% dell'area della parete
esterna di riferimento del compartimento;
- primariamente l'area totale della parete e secondariamente il 50% dell'area della
parete esterna dal compartimento considerata se, in accordo all'equazione (5)
l'area è più del 50%. Si raccomanda che queste due situazioni siano considerate
nel calcolo. Qualora si limiti l'apertura al 50% dell'area della parete esterna, si
raccomanda che la localizzazione e la geometria delle parti aperte sia fissata in
modo tale da considerare la situazione più severa.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 22


(7) Si raccomanda che la dimensione del compartimento antincendio non sia maggiore
di 70 m in lunghezza, 18 m in larghezza e di 5 m in altezza.
(8) Si raccomanda che la temperatura delle fiamme sia assunta uniforme lungo la
larghezza e lo spessore della fiamma.

B.3 Effetto del vento

B.3.1 Modo di ventilazione


(1)P Se sono presenti finestre su facce opposte del compartimento antincendio o se aria
addizionale è in grado di alimentare il fuoco da un'altra sorgente (diversa dalle
finestre), il calcolo deve essere effettuato in condizione di ventilazione forzata.
Altrimenti, il calcolo è eseguito prescindendo dalla ventilazione forzata.

B.3.2 Deflessione delle fiamme causata dal vento


(1) Si raccomanda che le fiamme fuoriuscenti da un un'apertura di un compartimento
antincendio si stacchino dalla parete del compartimento (vedere figura B.1) con la
seguente geometria:
- asse d'uscita perpendicolare alla facciata,
- con rotazione di 45° nel piano orizzontale a causa della pressione del vento.
figura B.1 Deflessione delle fiamme a causa del vento
Legenda
1 Vento
2 Sezione trasversale orizzontale

B.4 Caratteristiche di fiamme e fuoco

B.4.1 Condizioni di ventilazione naturale


(1) La velocità di combustione o di rilascio di calore è fornita dall'espressione:
h eq 1 ⁄ 2
Q = min ⎛⎝( A f ⋅ q f,d ) ⁄ τ F ; 3,15( 1 – e ) A V ⎛ ---------------⎞ ⎞
-0,036 ⁄ O
[MW] (B.4)
⎝D ⁄ W ⎠ ⎠
(2) La temperatura del compartimento d'incendio è data da:
Tf = 6 000 (1 − e-0,1/O) O 1/2(1 − e-0,00286 Ω) + T0 (B.5)
(3) L'altezza delle fiamme (vedere figura B.2) è data da:
Q 2⁄3
L L = max ⎛⎝ 0; h eq ⎛⎝ 2,37 ⎛⎝ --------------------------------------
-⎞
1 ⁄ 2⎠
– 1⎞ ⎞
⎠⎠
(B.6)
A ρ (h g ) v g eq

Nota Assumendo ρg = 0,45 kg/m3 e g = 9,81 m/s2, l'equazione si semplifica nella seguente:
Q 2⁄3
L L = 1,9 ⎛⎝ -----⎞⎠ – h eq (B.7)
wt

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 23


figura B.2 Dimensioni delle fiamme in condizioni di ventilazione naturale
Legenda
1 Sezione trasversale orizzontale
2 Sezione trasversale verticale
3 Sezione trasversale verticale

h eq 2 h eq
L L = ------ ⇒ h eq h eq
2 L 1 ≅ ------
3 L1 = L + ------- ≅ ------
H
2
9 2
Lf = LL + L1
h eq 2
L L + ⎛ L H – ------⎞ + L 1
2
Lf =
⎝ 3⎠

heq < 1,25 wt parete al di sopra assenza di parete al di sopra oppure heq > 1,25 wt

(4) La larghezza della fiamma è pari alla larghezza della finestra (vedere figura B.2).
(5) La profondità della fiamma è pari a ²⁄₃ dell'altezza della finestra: ²⁄₃ heq (vedere figura
B.2).
(6) La proiezione orizzontale della fiamma:
- nel caso che sopra la finestra sia presente una parete è data da:
LH = heq / 3 se heq ≤ 1,25 wt (B.8)
LH = 0,3 heq (heq / wt)0,54 se heq > 1,25 wt e la distanza da qualsiasi
altra finestra è maggiore di 4 wt (B.9)
LH = 0,454 heq (heq / 2wt)0,54 negli altri casi (B.10)
- Nel caso la finestra non sia sovrastata da una parete, è data da:
LH = 0,6 heq (LL / heq)¹⁄₃ (B.11)
(7) La lunghezza della fiamma lungo l'asse, è data da:
quando LL > 0,
Lf = LL + heq / 2 se esiste una parete sopra la
finestra o se heq ≤ 1,25 wt (B.12)
Lf = (LL + (LH − heq / 3) )
2 2 1/2
+ heq / 2 se non esiste una parete sopra la
finestra o se heq > 1,25 wt (B.13)
quando LL = 0 allora anche Lf = 0.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 24


(8) La temperatura della fiamma nella finestra è data da:
Tw = 520 / [1 − 0,4725 (Lf ⋅ wt / Q )] + T0 [K] (B.14)
con Lf ⋅ wt / Q < 1
(9) L'emissività della fiamma nella finestra può essere assunta come εf = 1,0.
(10) La temperatura della fiamma lungo l'asse è data da:
Tz = (Tw − T0) [1 − 0,4725 (Lx ⋅ wt / Q )] + T0 [K] (B.15)
con Lx ⋅ wt / Q < 1
Lx è la distanza dalla finestra al punto dove viene eseguito il calcolo.
(11) L'emissività della fiamma può essere valutata come:
-0,3d f
εf = 1 − e (B.16)
dove:
df è lo spessore della fiamma [m].
(12) Il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è fornito dalla relazione:
αc = 4,67 (1 / deq)0,4 (Q / Av)0,6 (B.17)
(13) Se una tettoia o un balcone (con proiezione orizzontale: Wa) è posta in prossimità al
contorno superiore della finestra sulla sua intera larghezza (vedere figure B.3), per la
parete al di sopra della finestra e heq ≤ 1,25 wt, si raccomanda che l'altezza e la
proiezione orizzontale della fiamma sia modificata come segue:
- L'altezza della fiamma LL fornita dalla (3) è decrementata di Wa (1 + 2 );
- La proiezione orizzontale della fiamma LH in (6) ottenuta è incrementata di Wa.
figura B.3 Deflessione della fiamma da un balcone
Legenda
1 abc=Lf
sezione trasversale verticale
2 a b c d e = L f e wa = ab
Sezione trasversale verticale

(14) Per le stesse condizioni di tettoia o balcone richiamate in (13), nel caso di assenza
di parete sopra alla finestra o per heq > 1,25 wt, si raccomanda che l'altezza e la
proiezione in pianta della fiamma siano modificate come segue:
- L'altezza della fiamma LL fornita dalla (3) è decrementata di Wa;
- La proiezione orizzontale della fiamma LH ottenuta in (6) con il valore precedente
di LL è incrementata di Wa.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 25


B.4.2 Ventilazione forzata
(1) La velocità di combustione o di rilascio di calore è fornita dall'espressione:
Q = (A f · q f,d) / τF [MW] (B.18)
(2) La temperatura del compartimento d'incendio è data da:
Tf = 1 200 [(A f · q f,d) / 17,5 − e-0,00228 Ω] + T0 (B.19)
(3) L'altezza delle fiamme (vedere figura B.4) è data da:

⎛ 1 0,43 Q ⎞
L L = ⎜ 1,366 ⎛⎝ -----⎞⎠ 1 ⁄ 2⎟
- – h eq
------------ (B.20)
⎝ u Av ⎠
1⁄2
Nota Assumendo u = 6 m/s, LL ≈ 0,628 Q / A v − heq.
figura B.4 Dimensioni delle fiamme in condizioni di ventilazione forzata
Legenda
1) Sezione orizzontale trasversale
wf = wt + 0,4 LH
2) Sezione verticale trasversale
L f = (LL2 + LH2)1/2

(4) La proiezione orizzontale della fiamma è data da:


LH = 0,605 (u 2 / heq)0,22 (LL + heq) (B.21)
0,22
Nota Assumendo u = 6 m/s, LH = 1,33 (LL + heq) / heq .
(5) La larghezza della fiamma è data da:
wf = wt + 0,4 LH (B.22)
(6) La lunghezza della fiamma lungo l'asse è data da:
L f = (LL2 + LH2)1/2 (B.23)
(7) La temperatura della fiamma nella finestra è data da:
Tw = 520 / (1 − 0,3325 L f (Av)1/2 / Q ) + T0 [K] (B.24)
1/2
con L f (Av) /Q<1
(8) L'emissività delle fiamme sul piano della finestra può essere assunta ε f = 1,0.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 26


(9) La temperatura della fiamma lungo l'asse è data da:
1⁄2
Lx ( Av ) ⎞
T z = ⎛⎝ 1 – 0,3325 ------------------------ (T – T 0) + T 0
⎠ w
[K] (B.25)
Q
dove:
Lx è la distanza dalla finestra al punto dove viene eseguito il calcolo.
(10) L'emissività della fiamma può essere valutata come:
-0,3d f
εf = 1 − e (B.26)
dove:
d f è lo spessore della fiamma [m].
(11) Il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è fornito dalla relazione:
αc = 9,8 (1 / deq)0,4 (Q / (17,5 Av) + u / 1,6)0,6 (B.27)
Nota Con u = 6 m/s, il coefficiente di trasferimento di calore per convezione è fornito dall'espressione:
αc = 9,8 (1 / deq)0,4 (Q / (17,5 Av) + 3,75)0,6
(12) Con riferimento all'effetto di tettoie e balconi (vedere figura 5), la traiettoria della
fiamma, dopo essere stata deflessa orizzontalmente dalla sporgenza, riprende la
forma originale, ma con una lunghezza di fiamma L f che complessivamente rimane
la stessa.
figura B.5 Deflessione di una fiamma da una tettoia
Legenda
1 Tettoia
1 ab=Lf
Sezione trasversale verticale
2 abc=Lf

B.5 Fattori di configurazione generali


(1) Si raccomanda che il fattore di configurazione Φf per un elemento soggetto a
trasferimento di calore per irraggiamento da un'apertura, sia calcolato come segue:
( C 1 Φ f,1 + C 2 Φ f,2 ) d 1 + ( C 3 Φ f,3 + C 4 Φ f,4 ) d 2
Φf = --------------------------------------------------------------------------------------------------------------
- (B.28)
(C 1 + C 2)d 1 + (C 3 + C 4)d 2
dove:
Φf,i è il fattore di configurazione per la faccia i di un elemento rispetto all'apertura,
vedere appendice G;
di è la dimensione trasversale della faccia i-esima dell'elemento;

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 27


Ci è il coefficiente di protezione della faccia i-esima dell'elemento, dato come
segue:
- per una faccia protetta: C i = 0
- per una faccia non protetta: C i = 1.
(2) Si raccomanda che il fattore di configurazione Φf,j per una faccia di elemento dalla
quale l'apertura non è visibile sia assunto pari a 0.
(3) Si raccomanda che il fattore di configurazione complessivo Φz per un elemento
soggetto a trasferimento di calore per irraggiamento da una fiamma sia calcolato
come segue:
( C 1 Φ z,1 + C 2 Φ z,2 ) d 1 + ( C 3 Φ z,3 + C 4 Φ z,4 ) d 2
Φz = -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
- (B.29)
(C 1 + C 2)d 1 + (C 3 + C 4)d 2
dove:
Φz,i è il fattore di configurazione per la faccia i-esima dell'elemento per effetto della
fiamma, vedere appendice G.
(4) Il fattore di configurazione Φz,i di facce isolate di elementi soggetti a trasferimento di
calore per irraggiamento da fiamme può essere basato su dimensioni di rettangoli
equivalenti alle fiamme. Si raccomanda che le posizioni e le dimensioni dei rettangoli
equivalenti che rappresentano a tal fine il fronte ed i lati della fiamma siano
determinate come indicato nell'appendice G. Per tutti gli altri fini, si dovrebbero
utilizzare le dimensioni delle fiamma fornite nel punto B.4 della presente appendice.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 28


APPENDICE C INCENDI LOCALIZZATI
(informativa)
(1) L'azione termica di un incendio localizzato può essere valutata utilizzando le
espressioni fornite nella presente appendice. Alcune differenze devono essere
considerate con riferimento all'altezza relativa della fiamma rispetto al soffitto.
(2) Si raccomanda che il flusso termico da una fiamma localizzata su di un elemento
strutturale sia calcolato con l'espressione (3.1) e basato su di un fattore di
configurazione stabilito in accordo all'appendice G.
(3) Lo sviluppo della fiamma L f di un incendio localizzato (vedere la figura C.1) è fornito
da:
L f = -1,02 D + 0,0148 Q 2/5 [m] (C.1)
(4) Quando la fiamma non impatta sul soffitto del compartimento (L f < H, vedere la
figura C.1), o nel caso di incendio all'aria aperta, la temperatura Θ (z) nel pennacchio
lungo l'asse verticale di simmetria è fornita dalla relazione:
2⁄3
Θ (z) = 20 + 0,25 Q c (z − z0)-5/3 ≤ 900 [°C] (C.2)
dove:
D è il diametro dell'incendio [m], vedere la figura C.1;
Q è la velocità di rilascio di calore [W] dell'incendio, in accordo a E.4;
Qc è la parte convettiva del rilascio di calore [W], con Qc = 0,8 Q per definizione;
z è l'altezza [m] lungo l'asse della fiamma, vedere la figura C.1;
H è la distanza [m] tra la sorgente della fiamma e il soffitto, vedere la figura C.1.
figura C.1
Legenda
1 Asse della fiamma

(5) L'origine virtuale z0 dell'asse della fiamma è dato da:


z0 = 1,02 D + 0,00524 Q 2/5 [m] (C.3)
(6) Quando la fiamma tocca il soffitto (L f ≤ H, vedere la figura C.2), il flusso termico ḣ
[W/m2] ricevuto dalla superficie unitaria del soffitto esposta alla fiamma, è dato da:
ḣ = 100 000 se y ≤ 0,30
ḣ = da 136 300 a 121 000 y se 0,30 < y < 1,0 (C.4)
ḣ = 15 000 y -3,7
se y ≥ 1,0
dove:
r + H +z '
y è un parametro [-] fornito dalla relazione: y = ---------------------------- ;
Lh + H + z '

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 29


r è la distanza orizzontale [m] tra l'asse verticale dell'incendio e il punto appartenente
al soffitto nel quale viene calcolato il flusso di calore, vedere figura C.2;
H è la distanza [m] tra la sorgente dell'incendio e il soffitto, vedere la figura C.2.
figura C.2
Legenda
1 Asse della fiamma

(7) L'ingombro orizzontale della fiamma L h (vedere la figura C.2) è fornito dalla
seguente relazione:
* 0,33
L h = ( 2,9 H ( Q H ) )–H [m] (C.5)
*
(8) Q H è la velocità adimensionale di rilascio di calore fornita dalla relazione:
*
Q H = Q / (1,11 · 106 · H 2,5) [-] (C.6)
(9) z' è la posizione della sorgente di calore virtuale [m] ed è data da:
* 2/5 * 2/3 *
z' = 2,4 D ( Q D −Q D ) quando Q D < 1,0 (C.7)
* 2/5 *
z' = 2,4 D (1,0 − Q D ) quando Q D ≥ 1,0
dove:
*
Q D = Q / (1,11 · 106 · D 2,5) [-] (C.8)
(10) Il flusso termico netto ḣ net ricevuto dall'area esposta di superficie unitaria posta a
livello del soffitto, è dato da:

ḣ net = ḣ − αc ⋅ (Θm − 20) − Φ ⋅ εm ⋅ εf ⋅ σ ⋅ [(Θm + 273)4 − (293)4] (C.9)


che dipende dai vari coefficienti dipendenti dalle espressioni (3.2), (3.3) e (C.4).
(11) Le regole fornite nei punti da (3) a (10) sono valide se le seguenti condizioni sono
soddisfatte:
- il diametro del fuoco è limitato a D ≤ 10 m;
- la velocità di rilascio di calore del fuoco è limitata a Q ≤ 50 MW.
(12) Nel caso di diversi incendi localizzati e separati, l'espressione (C.4) può essere
utilizzata per ottenere i differenti flussi termici individuali ḣ 1, ḣ 2, …ricevuti dalle
superfici di area unitaria esposte al fuoco a livello del soffitto. Il flusso termico
complessivo può essere preso come:

ḣ tot = ḣ 1 + ḣ 2 ... ≤ 100 000 [W/m2] (C.10)

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 30


APPENDICE D MODELLI DI FUOCO AVANZATI
(informativa)

D.1 Modelli a una zona


(1) Si raccomanda che un modello a una zona sia applicato per condizioni di ignizione
avvenuta. Nel compartimento si assumono valori omogenei di temperatura, massa
volumica, pressione e energia interna del gas.
(2) Si raccomanda che la temperatura sia calcolata considerando:
- la soluzione delle equazioni di conservazione della massa e dell'energia;
- lo scambio di massa tra il gas interno, il gas esterno (attraverso le aperture) ed il
fuoco (in conseguenza della pirolisi);
- lo scambio di energia tra il fuoco, il gas interno, le pareti e le aperture.
(3) La legge dei gas ideali è:
Pint = ρg R Tg [N/m2] (D.1)
(4) Il bilancio di massa dei gas del compartimento è scritto come segue:
dm
-------- = ṁ in – ṁ out + ṁ fi [kg/s] (D.2)
dt
dove:
dm
-------- è la velocità di cambiamento della massa di gas nel compartimento;
dt
ṁ out è la velocità della massa di gas uscente attraverso le aperture;
ṁ in è la velocità della massa di gas entrante attraverso le aperture;
ṁ fi è la velocità di generazione del gas per pirolisi.
(5) La velocità di variazione della massa del gas e la velocità di pirolisi possono essere
trascurate. Quindi:
ṁ in = ṁ out (D.3)
Questi flussi di massa possono essere calcolati in relazione alla pressione statica causata
dalla differenza di massa volumica tra l'aria a temperatura ambiente e quella a
temperatura elevata.
(6) Il bilancio di energia dei gas nel compartimento antincendio può essere preso come:
dE g
---------- = Q − Qout + Q in − Qwall − Qrad [W] (D.4)
dt
dove:
Eg è l'energia interna del gas [J]
Q è la velocità di rilascio di calore dell'incendio [W]
Qout = ṁ out c Tf
Q in = ṁ in c Tamb
Qwall = (A t − A h,v) ḣ net, è la perdita di energia dalle superfici perimetrali del
compartimento
4
Qrad = A h,v σ T f , è la perdita di energia per irraggiamento attraverso le aperture
Con:
c è il calore specifico [J/kgK]
ḣ net è calcolato in base all'espressione (3.1)
ṁ è la variazione di massa del gas [kg/s]
T è la temperatura [K]

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 31


D.2 Modelli a due zone
(1) Un modello a due zone è basato sull'assunzione dell'accumulo dei prodotti di
combustione in uno strato al di sotto del soffitto, con un interfaccia piana orizzontale.
Sono definite differenti zone: lo strato superiore, lo strato inferiore, il fuoco e il suo
pennacchio, il gas esterno e le pareti.
(2) Nello strato superiore, si possono assumere proprietà uniformi del gas.
(3) Lo scambio di massa, energia e sostanze chimiche tra queste zone può essere
calcolato.
(4) In un compartimento antincendio assegnato, con un carico d'incendio
uniformemente distribuito, un modello di fuoco a due zone può evolvere in un
incendio a una zona in una delle seguenti situazioni:
- la temperatura del gas dello strato superiore raggiunge una temperatura
maggiore di 500 °C,
- lo strato superiore cresce al punto da riempire 80% dell'altezza del
compartimento.

D.3 Modelli di fluidodinamica computazionale


(1) Un modello di fluidodinamica computazionale può essere usato per risolvere
numericamente le equazioni differenziali alle derivate parziali che forniscono in ogni
punto del compartimento le variabili termodinamiche e aerodinamiche.
Nota Modelli di fluidodinamica computazionale, o CFD, analizzano sistemi che comprendono flusso di fluidi,
trasferimento di calore e fenomeni associati, risolvendo le equazioni fondamentali di flusso. Queste
equazioni rappresentano la formulazione matematica delle leggi fisiche di conservazione:
- la massa del fluido si conserva;
- la derivata della quantità di moto uguaglia la somma delle forze sulle particelle fluide (seconda
legge di Newton);
- la derivata dell'energia è uguale alla somma delle derivate dell'incremento di calore e del lavoro
svolto dalle particelle di fluido (prima legge della termodinamica).

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 32


APPENDICE E CARICO D'INCENDIO SPECIFICO
(informativa)

E.1 Generalità
(1) Si raccomanda che la densità di carico d'incendio usata nei calcoli sia un valore di
progetto, basato sulle misurazioni o, in casi speciali, basato sulle prescrizioni di
resistenza al fuoco indicate nei regolamenti nazionali.
(2) Il valore di progetto può essere determinato:
- a partire da una classificazione nazionale dei carichi d'incendio in base
all'utilizzo, e/o
- specificamente per un progetto singolo, attraverso una ricognizione dei carichi
d'incendio.
(3) Il valore di progetto del carico d'incendio q f,d è definito come segue:
q f,d = q f,k ⋅ m ⋅ δq1 ⋅ δq2 ⋅ δn [MJ/m2] (E.1)
dove:
m è il fattore di combustione (vedere E.3);
δq1 è il fattore che tiene conto del rischio di attivazione del fuoco in
relazione alla dimensione del compartimento (vedere prospetto E.1);
δq2 è il fattore che tiene conto del rischio di attivazione del fuoco in
10
relazione al tipo di utilizzo (vedere prospetto E.1);
δn = ∏ δni è il fattore che tiene conto delle differenti misure di spegnimento
i=1 dell'incendio i-esime (sprinkler, sensori, allarmi, squadre antincendio,
ecc.). Queste misure attive sono generalmente imposte per ragioni di
salvaguardia della vita [vedere prospetto E.2 e i punti (4) e (5)];
q f,k è il carico d'incendio specifico caratteristico per unità di area in pianta
[MJ/m2] (vedere per esempio il prospetto E.4).

prospetto E.1 Fattori δq1, δq2

Area in pianta del compartimento Pericolo di attivazione dell'incendio Pericolo di attivazione dell'incendio Esempi di utilizzi
A f [m2] δq1 δq2
25 1,10 0,78 Gallerie d'arte, musei, piscine
250 1,50 1,00 Uffici, residenze, alberghi, industria
cartaria
2 500 1,90 1,22 Stabilimenti di macchinari e motori
5 000 2,00 1,44 Laboratori chimici, officine di
verniciatura
10 000 2,13 1,66 Stabilimenti di fuochi di artificio o
vernici

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 33


prospetto E.2 Fattori δni

δni funzione delle misure di lotta attiva contro l'incendio

Spegnimento automatico Rivelazione automatica dell'incendio Spegnimento manuale dell'incendio


dell'incendio

Sistemi di Adduzione Rivelazione e Trasmissione Squadre di Squadre di Percorsi di Dispositivi di Sistemi di


estinzione indipendente allarme incendio automatica di Vigili del fuoco Vigili del fuoco accesso lotta contro evacuazione
ad acqua di acqua automatici allarme ai Comandi operanti sul operanti sicuro l'incendio dei fumi
automatici dei Vigili del fuoco posto dall'esterno

0 1 2 Mediante Mediante
calore fumo

δn1 δn2 δn3 δn4 δn5 δn6 δn7 δn8 δn9 δn10
0,9 oppure 1 1,0 oppure 1,0 oppure
0,61 1,0 0,87 0,7 0,87 oppure 0,73 0,87 0,61 oppure 0,78
oppure 1,5 1,5 1,5

(4) Con riferimento alle misure di spegnimento dell'incendio che si raccomanda siano
sempre presenti, come per esempio le vie d'accesso, le attrezzature di spegnimento
e i sistemi di estrazione dei fumi, si raccomanda che il valore di δni del prospetto E.2
sia assunto pari a 1,0. Tuttavia, se dette misure di spegnimento all'incendio non sono
previste, si raccomanda che i corrispondenti valori δni siano posti pari a 1,5.
(5) Se i vani scale sono posti in sovrapressione in caso di allarme d'incendio, il fattore
δn8 del prospetto E.2 può essere assunto pari a 0,9.
(6) Il precedente approccio è basato sull'assunzione che i requisiti nelle norme europee
relative agli sprinkler, segnalatori, allarmi, sistemi d'estrazione di fumi sono
soddisfatti, vedere anche il punto 1.3. Tuttavia, circostanze locali possono
influenzare i valori forniti dal prospetto E.2. Per ulteriori informazioni si fa riferimento
al Documento di base CEN/TC250/SC1/N300A.

E.2 Determinazione delle densità di carico d'incendio

E.2.1 Generalità
(1) Si raccomanda che il carico d'incendio comprende tutto il contenuto combustibile
dell'edificio e tutte le parti rilevanti della costruzione che possono bruciare,
compreso gli impianti e le finiture. Parti combustibili che non si carbonizzano durante
l'incendio non devono essere tenute in conto.
(2) Per la determinazione della densità di carico d'incendio si applicano i seguenti punti:
- da una classificazione del carico d'incendio in funzione dell'utilizzo (vedere
E.2.5); e/o
- specificamente per un progetto singolo (vedere E.2.6).
(3) Se le densità di carico d'incendio sono determinate a partire da una classificazione
del carico d'incendio in funzione dell'utilizzo, i carichi d'incendio sono distinti come:
- carico d'incendio proprio dell'utilizzo, fornito dalla classificazione,
- carico d'incendio dell'edificio (elementi costruttivi, impianti e finiture), che non
sono generalmente inclusi nella classificazione e che devono pertanto essere
valutati con riferimento ai seguenti punti, ove applicabili.

E.2.2 Definizioni
(1) Il carico d'incendio caratteristico è definito nella forma:
Q fi,k = Σ M k,i ⋅ Hui ⋅ Ψi = Σ Q fi,k,i [MJ] (E.2)
dove:
M k,i è l'ammontare del materiale combustibile [kg], in accordo a (3) e (4);

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 34


Hui è il potere calorifico netto [MJ/kg], vedere (E.2.4);
[Ψi] è il fattore opzionale per stimare carichi d'incendio con protezioni, vedere
(E.2.3).
(2) Il carico d'incendio specifico caratteristico qf,k per unità di area è definito come:
q f,k = Q fi,k / A [MJ/m2] (E.3)
dove:
A è l'area in pianta (A f) del compartimento o dello spazio di riferimento, oppure
l'area della superficie interna del compartimento (A t); nel primo caso si ottiene
q f,k, nel secondo q t,k
(3) Si raccomanda che i carichi d'incendio permanenti, che non ci si attende subiscano
variazioni nel corso della vita di esercizio della struttura, siano introdotti con il loro
valore atteso risultante da una analisi di dettaglio.
(4) Si raccomanda che i carichi d'incendio variabili, che possono modificarsi durante la
vita di esercizio della struttura, siano rappresentati da valori, che ci si attende non
siano superati per l'80% della vita utile.

E.2.3 Carico d'incendio protetto


(1) Non occorre considerare nel calcolo i carichi d'incendio in contenitori che sono
progettati per sopravvivere all'esposizione al fuoco.
(2) Carichi d'incendio in contenitori non combustibili che non sono progettati per
resistere al fuoco, ma che rimangono intatti per il tempo d'esposizione, possono
essere considerati come segue:
Il massimo carico d'incendio con un limite inferiore del 10% del carico d'incendio protetto,
è associato con un fattore di protezione Ψi = 1,0.
Se questo carico d'incendio sommato al carico d'incendio non protetto non è sufficiente a
riscaldare il restante carico d'incendio protetto al di là della temperatura di accensione,
allora al restante carico d'incendio protetto può essere associato un fattore Ψi = 0,0.
In alternativa occorre definire singolarmente i valori Ψi.

E.2.4 Potere calorifico netto


(1) Si raccomanda che i poteri calorifici netti siano determinati secondo la
EN ISO 1716:2002.
(2) Il contenuto d'umidità dei materiali può essere tenuto in conto come segue:
Hu = Hu0 (1 − 0,01 u ) - 0,025 u [MJ/kg] (E.4)
dove:
u è il contenuto d'umidità espresso come percentuale rispetto al peso secco;
Hu0 è il potere calorifico netto del materiale secco.
(3) I poteri calorifici di alcuni materiali solidi, liquidi e gas sono indicati nel prospetto E.3.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 35


prospetto E.3 Poteri calorifici netti Hu [MJ/kg] di materiali combustibili per il calcolo dei carichi d'incendio

Solidi
Legno 17,5
Altri materiali cellulosici 20
- vestiti
- sughero
- cotone
- carta, cartone
- seta
- paglia
- lana
Carbonio 30
- antracite
- carbone di legna
- carbone
Prodotti chimici
Paraffine 50
- metano
- etano
- propano
- butano
Olefine 45
- etilene
- propilene
- butene
Composti aromatici 40
- benzene
- toluene
Alcol 30
- metanolo
- etanolo
- alcol etilico
Combustibili 45
- benzina, petrolio
- gasolio
Plastiche da idrocarburi puri 40
- polietilene
- polistirene
- polipropilene
Altri prodotti
ABS (plastica) 35
Poliestere (plastica) 30
Poliisocianurato e poliuretano (plastica) 25
Policloruro di vinile, PVC (plastica) 20
Bitume, asfalto 40
Pelle 20
Linoleum 20
Pneumatici 30
Nota I valori forniti nel presente prospetto non sono applicabili per il calcolo del contenuto energetico dei carburanti.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 36


E.2.5 Classificazione dei carichi d'incendio per destinazione d'uso
(1) Si raccomanda che le densità di carico d'incendio siano classificate in base alla
destinazione d'uso, all'area del compartimento, e siano intese come densità
caratteristiche di carico d'incendio q f,k [MJ/m2], come indicato nel prospetto E.4.

prospetto E.4 Densità di carico d'incendio q f,k [MJ/m2] per differenti destinazioni d'uso

Destinazione d'uso Media 80% Frattile


Alloggio 780 948
Ospedale (stanza) 230 280
Albergo (stanza) 310 377
Biblioteca 1 500 1 824
Ufficio 420 511
Classe di una scuola 285 347
Centro commerciale 600 730
Teatro (cinema) 300 365
Trasporti (spazio pubblico) 100 122
Nota La distribuzione di Gumbel è spaziata per l'80% frattile.

(2) I valori del carico d'incendio specifico forniti nel prospetto E.4 sono validi nel caso
che il fattore δq2 sia uguale a 1,0 (vedere prospetto E.1).
(3) I carichi d'incendio forniti nel prospetto E.4 sono validi per compartimenti ordinari in
relazione alla destinazione d'uso indicata nel prospetto. Volumi speciali sono
considerati in accordo al punto E.2.2.
(4) Si raccomanda che i carichi d'incendio costituiti dalla costruzione stessa (elementi
costruttivi, impianti, finiture) siano determinati in accordo al punto E.2.2. Se
necessario, si raccomanda che i valori ottenuti siano sommati alle densità di carico
d'incendio di cui al punto (1).

E.2.6 Valutazione individuale delle densità di carico d'incendio


(1) In assenza di classi di destinazione d'uso, le densità di carico d'incendio possono
essere specificamente determinate per un singolo progetto, effettuando una
ricognizione dei carichi d'incendio presenti in relazione all'uso previsto.
(2) Si raccomanda che i carichi d'incendio e la loro disposizione locale siano valutati
considerando l'impiego previsto, le installazioni e gli arredi, le variazioni nel tempo, le
situazioni sfavorevoli e le possibili modifiche della destinazione d'uso.
(3) Quando disponibili, si raccomanda che sia condotta una ricognizione in progetti
simili già realizzati, di modo che in sede di commessa sia necessario specificare
soltanto le differenze rispetto al progetto esistente.

E.3 Comportamento della combustione


(1) Si raccomanda che il comportamento della combustione sia valutato in relazione
all'uso ed al tipo di carico d'incendio.
(2) Per materiali principalmente cellulosici, il fattore di combustione può essere assunto
come m = 0,8.

E.4 Velocità di rilascio di calore Q


(1) La fase di crescita di rilascio di calore può essere definita dall'espressione:
6 t 2
Q = 10 ⎛⎝ -----⎞⎠ (E.5)

dove:
Q è la velocità di rilascio di calore in [W];

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 37


t è il tempo in [s];
tα è il tempo necessario a raggiungere una velocità di rilascio di calore di 1 MW.
(2) Il parametro tα e la massima velocità di rilascio di calore RHRf per differenti
destinazioni d'uso sono indicate nel prospetto E.5.

prospetto E.5 Velocità di crescita dell'incendio e RHR f per differenti destinazioni d'uso

Velocità massima di rilascio di calore RHR f

Destinazione d'uso Velocità di crescita dell'incendio tα [s] RHRf [kW/m2]


Alloggio Media 300 250
Ospedale (stanza) Media 300 250
Albergo (stanza) Media 300 250
Biblioteca Veloce 150 500
Ufficio Media 300 250
Classe di una scuola Media 300 250
Centro commerciale Veloce 150 250
Teatro (cinema) Veloce 150 500
Trasporti (spazio pubblico) Lenta 600 250

(3) I valori della velocità di crescita del fuoco e di RHR f forniti nel prospetto E.5 sono
validi nel caso che il fattore δq2 sia uguale a 1,0 (vedere prospetto E.1).
(4) Per un incendio ultra rapido, tα corrisponde a 75 s.
(5) La fase di crescita è limitata da un plateau orizzontale corrispondente a uno stato
stazionario e a un valore di Q fornito da (RHR fi · A fi), dove:
Afi è la massima area dell'incendio [m2] che è il compartimento antincendio nel
caso di carico di incendio uniformemente distribuito, ma che può essere un
valore inferiore nel caso d'incendio localizzato;
RHR f è la massima velocità di rilascio di calore prodotto da 1 m2 di fuoco in caso di
condizioni controllate dal combustibile [kW/m2] (vedere prospetto E.5).
(6) Il plateau orizzontale è limitato dalla fase di riduzione che comincia quando 70% del
carico d'incendio totale è stato consumato.
(7) La fase di riduzione può essere assunta di forma lineare con inizio quando 70% del
carico d'incendio è combusto, e fine quando il carico d'incendio è completamente
combusto.
(8) Se l'incendio è controllato dalla ventilazione, il plateau deve essere ridotto in
conseguenza del contenuto d'ossigeno disponibile; tale riduzione può essere
automatica, nel caso di uso di un programma di calcolo basato su di un modello a
una zona, o attraverso l'espressione semplificata:

Qmax = 0,10 · m · Hu · Av · h eq [MW] (E.6)


dove:
Av è l'area delle aperture [m2];
heq è l'altezza media delle aperture [m];
Hu è il potere calorifico netto del legno, con Hu = 17,5 MJ/kg;
m è il fattore di combustione con m = 0,8.
(9) Quando il massimo livello di velocità di rilascio di calore è ridotto per effetto del
controllo della ventilazione sulla combustione, la curva del rilascio di calore deve
essere estesa per contenere tutta l'energia disponibile fornita dal carico d'incendio.
Se la curva non è estesa, allora si assume che è presente combustione esterna, che
produce una temperatura inferiore nel compartimento.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 38


APPENDICE F TEMPO EQUIVALENTE DI ESPOSIZIONE AL FUOCO
(informativa)
(1) L'approccio seguente può essere utilizzato quando la progettazione degli elementi è
basata su dati tabulati o altre regole semplificate, collegate all'esposizione al fuoco
normalizzata.
Nota Il metodo fornito nella presente appendice è dipendente dal materiale. Non è applicabile a strutture
composte acciaio calcestruzzo o a strutture di legno.
(2) Se le densità di carico d'incendio sono definite senza specifica attenzione al
comportamento della combustione (vedere appendice E), allora si raccomanda che
questo approccio sia limitato a compartimenti antincendio con carico d'incendio
prevalente di tipo cellulosico.
(3) Il tempo equivalente di esposizione al fuoco normalizzata è definito da:
te,d = (q f,d · k b · wf) k c oppure,
te,d = (q t,d · k b · wt) k c [min] (F.1)
dove:
q f,d è il carico d'incendio specifico di progetto in accordo all'appendice E, dove
q t,d = q f,d A f / A t;
kb è il fattore di conversione secondo il punto (4);
wf è il fattore di ventilazione secondo il punto (5);
wt = w f A t / A f;
kc è il fattore di correzione, funzione del materiale che compone le sezioni
trasversali strutturali, e definito nel prospetto F.1.

prospetto F.1 Fattore di correzione kc al fine di considerare i vari materiali (O è il fattore di apertura definito
nell'appendice A)

Materiale della sezione trasversale Fattore di correzione kc


Calcestruzzo armato 1,0
Acciaio protetto 1,0
Acciaio non protetto 13,7 · O

(4) Quando non si effettua nessuna valutazione dettagliata delle proprietà termiche
dell'inviluppo, il fattore di conversione kb può essere assunto come:
kb = 0,07 [min · m2/MJ] (con qd dato in [MJ/m2]) (F.2)
in alternativa kb può essere collegato alla proprietà termica b = ( ρcλ ) dell'inviluppo
in accordo al prospetto F.2. Al fine di determinare b quando pareti, soffitto o
pavimento sono composti da più strati di materiale o da differenti materiali, vedere i
punti (5) e (6) dell'appendice A.

prospetto F.2 Fattore di conversione kb dipendenti dalle proprietà termiche dell'involucro

b= ( ρcλ ) kb

[J/m2s1/2K] [min · m2/MJ]


b > 2 500 0,04
720 ≤ b ≤ 2 500 0,055
b < 720 0,07

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 39


(5) Il fattore di ventilazione wf può essere calcolato come:
wf = (6,0 / H )0,3 [0,62 + 90(0,4 − αv)4 / (1 + bv αh)] ≥ 0,5 [-] (F.3)
dove:
αv = Av / A f è l'area delle aperture verticali nella facciata (Av) in relazione all'area in
pianta del compartimento (Af), dove si raccomanda che i limiti di
applicabilità 0,025 ≤ αv ≤ 0,25 siano osservati;
αh = Ah / A f è l'area delle aperture orizzontali nella copertura in relazione all'area in
pianta del compartimento (Af).
bv = 12,5 (1 + 10 αv − αv2) ≥ 10,0
H è l'altezza del compartimento antincendio [m]
2
Per piccoli compartimenti [Af < 100 m ] senza aperture nel soffitto, il fattore wf può
essere calcolato anche come:
wf = O -1/2 · A f / A t (F.4)
dove:
O è il fattore di apertura in accordo all'appendice A.
(6) Si deve verificare che:
te,d < t fi,d (F.5)
dove:
t fi,d è il valore di progetto della resistenza al fuoco normalizzata degli elementi,
controllata in accordo alle parti dei prEN di progettazione contro l'incendio da
prEN 1992 a prEN 1996 e prEN 1999.

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 40


APPENDICE G FATTORE DI CONFIGURAZIONE
(informativa)

G.1 Generalità
(1) Il fattore di configurazione Φ è definito in 1.5.4.1, e può essere espresso dalla forma
matematica:
cos θ 1 cos θ 2
dF d1 – d2 = ------------------------------
2
- dA 2 (G.1)
π S1 – 2
Il fattore di configurazione misura la frazione del calore totale che lascia per
irraggiamento una superficie radiante data, e arriva ad una assegnata superficie
ricevente. Il suo valore dipende dalla dimensione della superficie radiante, dalla
distanza della superficie ricevente da quella radiante, e infine dall'orientazione
relativa delle due superfici (vedere figura G.1).
figura G.1 Trasferimento di calore per irraggiamento tra due aree di superficie infinitesima

(2) Nei casi in cui l'elemento radiante ha temperatura ed emissività uniformi, la


definizione può essere semplificata come segue: "l'angolo solido all'interno del quale
l'ambiente radiante può essere visto da una particolare area di superficie
infinitesima, diviso per 2π".
(3) Il trasferimento di calore per irraggiamento ad un'area infinitesima di una superficie
convessa di un elemento, è determinato dalla posizione e dalla dimensione del fuoco
soltanto (effetto di posizione).
(4) Il trasferimento di calore per irraggiamento ad un'area infinitesima di una superficie
concava di un elemento, è determinato dalla posizione e dalla dimensione del fuoco
(effetto di posizione), nonché dalla radiazione ricevuta dalle altre parti dell'elemento
(effetto schermatura).
(5) Limiti superiori per il fattore di configurazione Φ sono indicati nel prospetto G.1.

prospetto G.1 Limiti del fattore di configurazione Φ

Localizzato Generalizzato
Effetto di posizione Φ≤1 Φ=1
convesso Φ=1 Φ=1
Effetto di schermatura
concavo Φ≤1 Φ≤1

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 41


G.2 Effetto di schermatura
(1) Regole specifiche per procedere alla quantificazione dell'effetto di schermatura sono
riportate nelle parti degli eurocodici relative al comportamento dei vari materiali.

G.3 Elementi esterni


(1) Per il calcolo della temperatura in elementi esterni si può assumere che tutte le
superfici radianti siano di forma rettangolare. Tra le superfici sono comprese le
finestre e le altre aperture nelle pareti dei compartimenti antincendio e le superfici
rettangolari equivalenti delle fiamme, vedere appendice B.
(2) Quando si calcola un fattore di configurazione per una data situazione, si
raccomanda che preliminarmente sia definito un inviluppo rettangolare della sezione
trasversale dell'elemento che riceve trasferimento di calore per irraggiamento, come
indicato in figura G.2 (tale procedimento considera l'effetto di schermatura in una
forma approssimata). Quindi si raccomanda che il valore di Φ sia determinato per il
punto di mezzo P di ciascun lato del rettangolo.
(3) Si raccomanda che il fattore di configurazione per ogni superficie ricevente sia
calcolato come somma dei contributi da ognuna delle zone della superficie radiante
(generalmente quattro), che sono visibili dal punto P sulla superficie ricevente, come
indicato nelle figure G.3 e G.4. Si raccomanda che queste zone siano definite con
riferimento al punto X dove una linea orizzontale perpendicolare alla superficie
ricevente, incontra un piano che contiene la superficie radiante. Si raccomanda che
nessun contributo sia considerato dalle zone che non sono visibili dal punto P, come
per esempio le zone schermate indicate in figura G.4.
(4) Se il punto X giace al di fuori della superficie radiante, si raccomanda che il fattore di
configurazione effettivo sia determinato sommando il contributo dei due rettangoli
che si estendono da X al lato più lontano della superficie radiante, e quindi
sottraendo i contributi dei due rettangoli che si estendono da X al lato più vicino della
superficie radiante.
(5) Si raccomanda che il contributo di ciascuna zona sia determinato come segue:
figura G.2 Inviluppo delle superfici riceventi
Legenda
1 Inviluppo

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 42


a) superficie ricevente parallela alla superficie radiante:

- tan ⎛ -------------------------
-⎞ + -------------------------
- tan ⎛ -------------------------
-⎞
1 a -1 b a -1 b
Φ = ------ ------------------------- ⎝
(G.2)
2π ( 1 + a 2 ) 0,5 2 0,5⎠ 2 0,5 ⎝ 2 0,5⎠
(1 + a ) (1 + b ) (1 + b )
dove:
a =h/s;
b =w/s;
s è la distanza tra P e X;
h è l'altezza della zona sulla superficie radiante;
w è la larghezza di tale zona.
b) superficie ricevente perpendicolare alla superficie radiante:

- tan ⎛ -------------------------
-⎞
1 -1 1 -1 a
Φ = ------ tan ( a ) – ------------------------- ⎝
(G.3)
2π 2 0,5 2 0,5⎠
(1 + b ) (1 + b )
c) superficie ricevente in un piano posto ad un angolo θ rispetto alla superficie
radiante:
( 1 – b cosθ )
- tan ⎛ -----------------------------------------------------
-⎞ +
1 -1 -1 a
Φ = ------ tan ( a ) – -----------------------------------------------------
0,5 ⎝ 0,5⎠
2π 2
( 1 + b – 2b cosθ )
2
( 1 + b – 2b cosθ )
( b – cosθ ) ⎞
tan ⎛ ------------------------------------ + tan ⎛ ------------------------------------⎞
a cosθ -1 -1 cosθ
------------------------------------ (G.4)
2 2 0,5 ⎝ 2 2 0,5⎠ ⎝ 2 2 0,5⎠
( a + sin θ ) ( a + sin θ ) ( a + sin θ )
figura G.3 Superficie ricevente in un piano parallelo a quello della superficie radiante
Legenda
a Superficie radiante
b Superficie ricevente
Φ = (Φ1 + Φ2 + Φ3 + Φ4)

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 43


figura G.4 Superficie ricevente perpendicolare al piano della superficie radiante
Legenda
a Superficie radiante
b Superficie ricevente
Φ = (Φ1 + Φ2)

figura G.5 Superficie ricevente in un piano posto ad un angolo θ rispetto alla superficie radiante
Legenda
1 Superficie radiante
2 Superficie ricevente

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 44


BIBLIOGRAFIA
EN ISO 1716:2002 Reaction to fire tests for building products - Determination of the
heat of combustion (ISO 1716:2002)
EN 1363-2 Fire resistance tests - Alternative and additional procedures

UNI EN 1991-1-2:2005 © UNI Pagina 45