Sei sulla pagina 1di 2

ATEISMO E MASSONERIA

Interpretazione degli Antichi Doveri


M.M.1 = Maestro Muratore giovane - 2°S. = Secondo Sorvegliante

MM
C’è un mio caro amico che è interessato alla Massoneria. Penso che voglia entrare nella nostra loggia.
2°S
È persona onesta, libera e di sani principi?
MM
Oh, per questo è irreprensibile. Lo conosco da anni e ti posso assicurare che lo è. Però… c’è un problema.
2°S
Quale?
MM
È un agnostico. Non proprio ateo, ma insomma...
2°S
Agnostico e ateo sono due cose diverse.
MM
Non è credente in una religione, però non vuol definirsi ateo. Preferisce rimanere in zona di ricerca.
2°S
E allora?
MM
Per entrare nella Massoneria bisogna essere credenti.
2°S
Certamente. Si deve credere in un Ente superiore.
MM
In tal caso non potrei presentarlo alla loggia.
2°S
Perché no?
MM
Per quello appena detto. Deve essere credente per essere iniziato.
2°S
Nei Landmarks si fa un preciso riferimento a quest’aspetto. Un Massone non può essere un “ateo libertino”.
Però dobbiamo intendere queste affermazioni, o meglio, prescrizioni, alla luce dell’essenza della Massoneria.
MM
Cosa vuoi dire?
2°S
La Massoneria non discrimina sulla base delle differenze che dividono gli uomini tra loro.
MM
Però discriminano gli atei!
2°S
Intendiamoci sul significato di questa parola.
MM
Ateo è chi non crede in Dio.
2°S
Non precisamente, ateo è il senza-Dio, che è cosa diversa da chi non crede in un dio. Essere senza e non
credere sono due cose diverse. Si può avere un profondo senso spirituale senza riferirsi ad una o più divinità
e si può non credere in un sistema di spiritualità negando ogni valore spirituale e assieme la divinità.
MM
Capisco.
2°S
Considera che la Massoneria è un sistema che usa allegorie e simboli. Tutto il suo linguaggio è simbolico. Se
noi volessimo definire le frasi dei Landmarks alla lettera, saremmo costretti ad una disamina filologia di tali
scritti.
MM
In che senso?
2°S
Sono scritti che risalgono a quasi tre secoli fa. L’uso di certe parole nel XVIII secolo aveva dei sensi che
oggi possono non essere gli stessi. Pensa soltanto al termine “ateo libertino”. I libertini non erano persone
dai costumi amorali, erano gli appartenenti ad una corrente di pensiero del ‘600 che si trasmise anche nel
‘700.
MM
Sì, so di chi stai parlando. Ma erano atei dichiarati. Cosa per quei tempi assolutamente
esecrabile, giacché tutti, anche le menti più libere, erano credenti.
2°S
Basterebbe questo per imporci uno studio ermeneutico degli Antichi Doveri. Ma chi lo fa?
MM
Non lo so.
2°S
Neppure io. Ma siamo ignoranti, forse qualcuno l’ha fatto. La Massoneria è innanzitutto un’associazione
iniziatica, ma è anche connotata dall’esoterismo e da un suo peculiare linguaggio simbolico. Tutte le sue
forme espressive sono fortemente simboliche e il percorso conoscitivo del Massone è anche quello di
indagare e scoprire il senso intimo e i significati della simbologia massonica.
MM
Che è universale.
2°S
Non è la simbologia massonica ad essere universale, non possiede una valenza universale, tant’è che nelle
varie epoche e culture si possono dare significati esoterici diversi ai simboli. Universale è l’essenza della
Massoneria.
MM
Vorresti dire che è l’essenza della Massoneria a darle universalità.
2°S
Questa essenza dà significato ai simbolismi e i significati discendono da questo rapporto tra essenza e
linguaggio simbolico. L’essenza si esprime con allegorie e simboli. La comprensione degli uni passa per la
comprensione dell’altra e viceversa in una spirale virtuosa di conoscenza iniziatica. La comprensione è come
la sabbia che da un’ampolla passa all’altra della clessidra e viceversa, dando il senso del tempo.
MM
Il senso del tempo è dato dallo scorrere della sabbia.
2°S
Quindi, la comprensione non è la sabbia né l'ampolla, ma è il senso del tempo.
MM
Torniamo alla nostra questione.
2°S
Volevo dire che tutto ciò che è massonico non può essere preso alla lettera, specialmente con i criteri d’oggi,
riguardo a testi antichi. Da una parte c’è la necessità dello studio ermeneutico e dall’altra dello studio
esoterico. Nulla dei nostri rituali e simbolismi è da considerare in sé. Tutto deve essere considerato in base
allo scopo ultimo della Massoneria.
MM
Vuoi dire che anche la parola “ateo” è simbolica?
……..

Il testo continua nel libro di Francesco Angioni: DIALOGHI MASSONICI (pagine 186) prezzo €18
più spedizione
Per l’acquisto inviare richiesta a
webmasters@cittadelladelleliberemura.eu
con
*NOME COGNOME
*VIA E NUMERO
*CAP
*CITTÀ
*PROVINCIA
Eventuale telefono per contatti (opzionale)