Sei sulla pagina 1di 4

Le cinque ferite dell’anima

- INGIUSTIZIA
- ABBANDONO
- RIFIUTO
- TRADIMENTO
- UMILIAZIONE

Come riconosciamo queste ferite? PROPRIO DAI NOSTRI COMPORTAMENTI

- INGIUSTIZIA: siamo persone estremamente attente ai dettagli. Se c’è qualcosa di diverso da ciò che
si è detto diventiamo irascibili
Le persone con la Ferita da Ingiustizia sono impegnate a fare e pensare mille cose e a
volte svolgono più attività diverse contemporaneamente. La loro serenità diminuisce perché
la loro mente è troppo carica di pensieri e il carico di lavoro che si prefiggono supera le loro
possibilità concrete di svolgerlo nei tempi previsti.
- ABBANDONO: tendiamo a stare in compagnia, fare subito amicizia e a fare estremo casino nel
gruppo. A farci notare
Le persone che hanno la Ferita da Abbandono diminuiscono la propria serenità perché le
attività quotidiane dipendono dal proprio umore e da quello di chi hanno intorno. Possono
ritrovarsi preoccupati senza sapere perché. Questa preoccupazione a volte la sentono
perfino a livello fisico sotto forma di disagi imprecisati
- RIFIUTO: Al contrario dell’abbandono tendiamo a farci notare il meno possibile
Quando la Ferita è Rifiuto, le persone sono meno serene perché non sentono uno scopo
in ciò che fanno e a volte le attività sembrano avere poco senso. Hanno bisogno di trovare
un posto alle loro motivazioni all'interno della situazione concreta in cui si trovano e allora
riescono a immergersi in ciò che fanno.
- TRADIMENTO: ci mostriamo estremamente sicuri e convinti delle nostre cose. Facciamo vedere di
sapere
Se la Ferita è da Tradimento, la persona avvia progetti ambiziosi e intraprendenti, ma a
volte si accorge strada facendo di aver sovrastimato i mezzi a propria disposizione. Si
rende conto che forse avrebbe dovuto suddividere l'obiettivo in passi più piccoli e la
serenità è influenzata dal timore di non farcela come previsto.
- UMILIAZIONE: non siamo molto interessati al nostro aspetto
Quando la Ferita è Umiliazione, la serenità è turbata dalle preoccupazioni. La persona
trova molti motivi per essere preoccupata, che siano temi di lavoro, familiari, personali o
perfino di amici e conoscenti. Le vengono in mente tutte le possibili conseguenze di una
situazione, anche le più improbabili.

“Egli portò i nostri peccati nel suo corpo sul legno della croce, perché, non
vivendo più per il peccato, vivessimo per la giustizia; dalle sue piaghe siete stati
guariti” (1 Pietro 2, 24-25).
Le sue piaghe sono questo, non solo un castigo fisico, ma anche un carico
spirituale di portata inimmaginabile, estremamente doloroso e che nessun altro
se non Gesù poteva alleviare, perché “nessun uomo, fosse pure il più santo, era
in grado di prendere su di sé i peccati di tutti gli uomini e di offrirsi in sacrificio
per tutti” (Catechismo, n. 616).
Pagine: 1 2 3 4
-PIEDI SANGUINANTI : LA DUREZZA DEL CAMMINO DELLA NOSTRA VITA

- MANI INCHIODATE: LOTTA PER LA SPERANZA

- IL COSTATO TRAFITTO: TUTTI QUEI DOLORI CHE NON CI LASCIANO IN PACE E LA PAURA DI AVER FALLITO

- lA CORONA DI SPINE: L’UMILIAZIONE, CHI VIENE PERSEGUITATO INGIUSTAMENTE

- LA SCHIENA FLAGELLATA: L’ACCOGLIENZA SULLE PROPRIE SPALLE DI TUTTI I DOLORI DEL MONDO

Gesù viene ad accogliere il dolore di tanti che si caricano di storie di vita che li
hanno segnati per sempre. Famiglie spezzate, malattie incurabili, esperienze
traumatiche che lasciano piaghe profonde, che non riescono a guarire e per le
quali non c’è altra opzione che mettere una croce, che spesso ci provoca più
dolore. Sappiamo che Gesù mostra la propria schiena per ricevere quella croce.
La prende su di sé, allevia il nostro peso.

Corona alle cinque Piaghe


di nostro Signore Gesù Cristo
Prima piaga
Crocifisso mio Gesù, adoro devotamente la dolorosa piaga del vostro piede
sinistro.
Deh! per quel dolore che in esso sentiste, e per quel sangue che da quel piede
versaste, concedetemi la grazia di fuggire l'occasione del peccato e di non
camminare per la via dell'iniquità che conduce alla perdizione.
Cinque Gloria, un'Ave Maria.
Seconda piaga
Crocifisso mio Gesù, adoro devotamente la dolorosa Piaga del vostro piede
destro.
Deh! per quel dolore che in esso sentiste, e per quel sangue che da quel piede
versaste, concedetemi la grazia di camminare costantemente nella via delle virtù
cristiane fino all'ingresso del Paradiso.
Cinque Gloria, un'Ave Maria.
Terza piaga
Crocifisso mio Gesù, adoro devotamente la dolorosa Piaga della vostra mano
sinistra.
Deh! per quel dolore che in essa sentiste, e per quel sangue che da essa
versaste, non permettetemi che io mi trovi alla sinistra coi reprobi il giorno
dell'universale giudizio.
Cinque Gloria, un'Ave Maria.
Quarta piaga
Crocifisso mio Gesù, adoro devotamente la dolorosa Piaga della vostra mano
destra.
Deh! per quel dolore che in essa sentiste, e per quel sangue che da essa
versaste, benedite l'anima mia e conducetela al vostro Regno.
Cinque Gloria, un'Ave Maria.
Quinta piaga
Crocifisso mio Gesù, adoro devotamente la Piaga del vostro Costato.
Deh! per quel sangue che da essa versaste accendete nel mio cuore il fuoco
dell'amor vostro e datemi la grazia di proseguire ad amarvi per tutta l'eternità.
Cinque Gloria, un'Ave Maria

Le 13 promesse di Nostro Signore a chi recita questa corona,


trasmesse da Suor Maria Marta Chambon.

1) "Io accorderò tutto ciò che Mi si domanda con l’invocazione


delle Mie sante Piaghe. Bisogna spargerne la devozione".
2) "In verità questa preghiera non è della terra, ma del cielo…
e può ottenere tutto".
3) "Le mie sante Piaghe sostengono il mondo… chiedimi di
amarle costantemente, perché Esse sono sorgente di ogni
grazia. Bisogna invocarle spesso, attirarvi il prossimo ed
imprimerne la devozione nelle anime".
4) "Quando avete delle pene da soffrire portatele prontamente
nelle Mie Piaghe, e saranno addolcite".
5) "Bisogna ripetere spesso vicino agli ammalati: ‘Gesù mio,
perdono, ecc.’ Questa preghiera solleverà l’anima e il corpo".
6) "E il peccatore che dirà: ‘Eterno Padre, Vi offro le Piaghe,
ecc…’ otterrà la conversione. Le Mie Piaghe ripareranno le
vostre".
7) "Non vi sarà morte per l’anima che spirerà nelle Mie Piaghe.
Esse danno la vera vita".
8) "A ogni parola che pronunciate della Corona della
misericordia, Io lascio cadere una goccia del Mio Sangue
sull’anima di un peccatore".
9) "L’anima che avrà onorato le Mie sante Piaghe e le avrà
offerte all’Eterno Padre per le anime del Purgatorio, sarà
accompagnata in morte dalla santissima Vergine e dagli
Angeli; e Io, risplendente di gloria, la riceverò per incoronarla".
10) "Le sante Piaghe sono il Tesoro dei tesori per le anime del
Purgatorio".
11) "La devozione alle Mie Piaghe è il rimedio per questo
tempo di iniquità".
12) "Dalle Mie Piaghe escono i frutti di Santità. Meditandole vi
troverete sempre nuovo alimento di amore".
13) "Figlia mia, se immergi le tue azioni nelle Mie sante
Piaghe acquisteranno valore, le vostre minime azioni ricoperte
del Mio Sangue appagheranno il Mio Cuore"