Sei sulla pagina 1di 324

Comau Robotics

Manuale di istruzioni

Unità di controllo
Versione standard

Specifiche tecniche

Descrizione e caratteristiche generali dell'Unità di Controllo


Guida alla scelta del modello dell'Unità di Controllo
Descrizione generali sull'espandibilità verso i segnali I/O,
le reti di comunicazione, le sicurezze
Descrizione e codici di acquisto delle opzioni.

CR00757596_it-00/2012.05
Le informazioni contenute in questo manuale sono di proprietà di COMAU S.p.A.

E’ vietata la riproduzione, anche parziale, senza preventiva autorizzazione scritta di COMAU S.p.A.

COMAU si riserva il diritto di modificare, senza preavviso, le caratteristiche del prodotto presentato in questo
manuale.

Copyright © 2008-2012 by COMAU - Pubblicato in data 11/2012


Sommario

SOMMARIO

PREFAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Contenuto dei manuali dell’Unità di Controllo C5G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Conservazione della documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Limiti sui contenuti del manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Simbologia adottata nel manuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

1. PRESCRIZIONI DI SICUREZZA GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...13


Responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Prescrizioni di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Scopo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Definizioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Applicabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Modalità operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Prestazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

2. INTRODUZIONE ALL’UNITÀ DI CONTROLLO: AFFIDABILITÀ E SICUREZZA . . ...23


Affidabilità e manutenibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Potenza di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Espandibilità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Conforme alla normativa vigente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Direttive e norme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Dichiarazione di incorporazione di quasi-macchine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Riferimenti del fabbricante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Gestione delle sicurezze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Soluzioni di sicurezza adottate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Modi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

3. MODELLI E CARATTERISTICHE TECNICHE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...32


Scegliere l’Unità di Controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Unità di Controllo C5G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Caratteristiche tecniche dell’Unità di Controllo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Terminale di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Principio di funzionamento dei Terminali di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Panoramica sui Terminali di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Caratteristiche tecniche dei terminali di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
00/0511 3
Sommario

Terminale di programmazione C5G-iTP: connessione a cavo, selezione del modo T1, AUTO e
REMOTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Terminale di programmazione C5G-iTP2: connessione a cavo, selezione del modo T1 e
REMOTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Terminale di programmazione connessione wireless (C5G-WiTP) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Moduli interni interconnessi con i Terminali di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
Cavi di collegamento tra C5G e Robot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47

4. APPROFONDIMENTI SULL’UNITÀ DI CONTROLLO C5G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..48


Moduli presenti nell’Unità di Controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Arm Controller Electromechanical (ACE). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Unità di governo, alimentatori e moduli di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Moduli presenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Modulo AMS-APC820 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Modulo AMS-PPS8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Modulo AMS-ASM32 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Modulo AMS-IAM. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Dissipatore termico AMS-FMP14. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
Safety Distribution Module (SDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Uninterruptible Power Supply (UPS) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Operator Panel Devices (OPD) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
Connector Interface Panel (CIP) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
Sistema di ventilazione interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
Generalità sulle reti di comunicazione all’interno dell’Unità di Controllo C5G . . . . . . . . . . . . . . 90
Rete Ethernet POWERLINK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Indirizzo sui moduli ASM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .92
Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .94
Rete CAN Bus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Resistenza di terminazione nella rete CAN Bus. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Indirizzo sulla rete CAN Bus. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Piedinatura dei connettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
Variabili di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96

5. PANORAMICA DELLE CONNESSIONI ALL’UNITÀ DI CONTROLLO C5G . . . . . . ..97


Introduzione alle connessioni dell’Unità di Controllo C5G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Robot, posizionatori e assi aggiuntivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
Cavo segnali Robot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Cavo potenza Robot. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Connettore X10-EXT (Extension, segnali del Posizionatore). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Connettore X60-EXT (Extension, motori e freni del Posizionatore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
4 00/0511
Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per Assi aggiuntivi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Linea .................................................................. 106
Connettore X30 (Sicurezze). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
Connettore ETH2 su AMS-APC820 (Ethernet) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Connettore COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS422) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Connettore passacavo X90 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
Connettori X31..X32 (Applicazioni) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Connettore X93..X94 (Bus di campo Master) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Connettore COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS232) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Programmazione e interfaccia utente su PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Riepilogo connettori e relativa funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117

6. ALIMENTAZIONE 24VDC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...119


Fondamenti sull’alimentazione 24 Vdc nell’Unità di Controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Principi della distribuzione del 24 Vdc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
Significato delle alimentazioni a 24 Vdc all’interno dell’Unità di Controllo . . . . . . . . . . . . . . 120
Schema completo della distribuzione del 24 Vdc. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
Connettore X30/CIP: pin di riferimento delle alimetazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
Come utilizzare il 24 Vdc nelle applicazioni utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Connettore X106/SDM, a disposizione dell’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Connettore X31..X32 per le applicazioni, a disposizione dell’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Scelta della sorgente di alimentazione 24 Vdc (solo per 24V I/O e 24V SAFE) . . . . . . . . . 125
Selezione della sorgente 24 Vdc (solo per 24V I/O e 24V SAFE) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
C5G-ISAK5: kit alimentazioni per applicazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

7. SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...129
Panoramica delle opportunità per l’interfacciamento dei segnali di sicurezza. . . . . . . . . . . . . 129
Circuiti di sicurezza: generalità dei segnali di E-Stop, Auto-Stop (Fence) e General Stop . . . 131
Gestione dei segnali di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Definizione dei segnali di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Uso dei segnali di sicurezza su connettore X30 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Approfondimenti sui segnali dei circuiti di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Schemi di principio per i circuiti di sicurezza connessi al X30 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Replicazione dei segnali di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
Segnali replicabili e scelta delle opzioni abbinate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
C5G-ERCK: kit cavi espansioni a relè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza e alimentazioni per le applicazioni . . . . . 143
Soluzioni su Bus di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di sicurezza su Bus. . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
C5G-PFB: Bus di sicurezza ProfiSafe Siemens. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione C5G-PFB . . . . . . . . . . . . . . .151

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
00/0511 5
C5G-PNB: Bus di sicurezza Profinet Safe Siemens . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione C5G-PNB . . . . . . . . . . . . . . .155
C5G-PSB: Bus di sicurezza PILZ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione C5G-PSB . . . . . . . . . . . . . . .158
Soluzioni integrate per ARM e assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di sicurezza integrate per assi e ARM . . . 159
C5G-IEAK: interblocco per ARM esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
Connettore X50/CIP: pin di riferimento dei segnali di comando di disabilitazione degli ARM
.163
C5G-IESK: interblocco per assi esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Connettore X51/CIP: pin di riferimento dei segnali di stato degli assi disabilitati . . . . . . . .166
Configurazione software delle opzioni C5G-IEAK e C5G-IESK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
IO_CNFG: configurazione hardware dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK . . . . . . . . . . . . .167
IO_MAP: mappatura dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .168
C5G-ACSK: Arm Controller Safety kit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169

8. COMANDI DI AVVIO E STOP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..171


Comandi di avvio e stop ciclo nel modo automatico: principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Selezione del modo di funzionamento automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Definizione dei segnali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
Segnali previsti nelle procedure di avvio e stop: Drive On, Drive Off, Start e Hold . . . . . . . 175
Esclusione temporanea dei segnali di Drive Off e Hold in modo programmazione . . . . . . . 176
Avvio e stop in modalità automatico locale (AUTO): terminale di programmazione . . . . . . . . 177
Avvio e stop in modalità automatico remoto (REMOTE): segnali e variabili di sistema. . . . . . 178
Segnali su I/O. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Scelta dei segnali di I/O per impartire i comandi di start / stop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
Configurazione dei segnali di I/O per impartire i comandi di start / stop . . . . . . . . . . . . . . . 178
Precauzioni nella sequenza di Drive On e Drive Off in ciclo automatico . . . . . . . . . . . . . . . 179
Variabili di sistema (porte $GI17..$GI26 e $GO17..$GO32): monitor per gli stati di avvio e stop
179
Procedure di attivazione comandi con l’Unità di Controllo in modo automatico remoto . . . . . 182
Procedura di DRIVE ON da Remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Procedura di START da Remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Procedura di HOLD da Remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
Procedura di DRIVE OFF da Remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
Interazione con la procedura di HOLD da locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
Esempi di utilizzo e timing dei segnali di sistema dedicati all’interfacciamento con la linea . . 185
Esempio di avvio ciclo da remoto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Esempio di arresto e ripartenza del ciclo di lavoro da remoto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
Esempio di cambio stato da remoto a locale e da remoto a programmazione . . . . . . . . . . 188

9. INGRESSI E USCITE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..189


Panoramica delle opportunità per gli ingressi / Uscite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo SDM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
Disposizione dei connettori su Safety Distribution Module (SDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
6 00/0511
Caratteristiche elettriche degli I/O e piedinatura connettori su Safety Distribution Module (SDM)
191
Schema di collegamento degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) . . . . . . . . . . . . . . 193
Configurazione degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
Limiti di impiego degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
Ingressi / Uscite digitali, su bordo Robot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
C5G-SMK: Signal Machine Kit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
Schema elettrico di principio collegamento I/O su C5G-SMK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .199
Ingressi / Uscite e Bus di campo, su interfaccia X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Moduli di interfaccia X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Fondamenti sulla composizione del sistema a Moduli X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .202
Schema di collegamento del Modulo Bus Couple . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .203
Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .204
Requisiti minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .204
Caratteristiche tecniche e codice di acquisto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .205
Configurazione del modulo Bus Coupler nel sistema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .205
Moduli Bus di campo su interfaccia X20: principi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .206
Regole di installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus Coupler . . . . . . . . . . . . .207
Fondamenti sulla connessione dei moduli Profibus-DP e DeviceNet ai dispositivi esterni . .
.209
Fondamenti sulla connessione del modulo Profinet I/O ai dispositivi esterni . . . . . . . . . . .210
Configurazione dei moduli di Bus di campo nel sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .211
Moduli Bus di campo su interfaccia X20: DeviceNet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
C5G-DNM-DNMI: Interfaccia DeviceNet Master . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .212
C5G-DNM-DNSI: Interfaccia DeviceNet Slave. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .215
C5G-DMI: interfaccia cavo Multibus per modulo Devicenet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .217
C5G-DNPC: connettore volante per moduli Devicenet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .219
Moduli Bus di campo su interfaccia X20: Profibus-DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
C5G-PFM-PDPM: Interfaccia Profibus-DP Master. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .220
C5G-PFM-PDPS: Interfaccia Profibus-DP Slave . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .223
C5G-PMI: interfaccia cavo Multibus per modulo Profibus-DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .225
C5G-PFPC: connettore volante per moduli Profibus-DP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .227
Moduli Bus di campo su interfaccia X20: Profinet I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
C5G-PNC: Interfaccia Profinet I/O Controller . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .228
C5G-PND: Interfaccia Profinet I/O Device . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .230
Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .232
Regole di installazione degli I/O su moduli X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .233
Schema di collegamento degli I/O su moduli X20 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .233
Panoramica soluzioni precostituite degli I/O digitali e analogici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .236
C5G-D12 - C5G-D24: opzioni I/O digitali (12 I / 12 O oppure 24 I / 24 O) . . . . . . . . . . . . .237
C5G-AI2 - C5G-AO2, opzioni I/O analogici (2 I oppure 2 O) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .240
C5G-EDI: Interfaccia I/O digitali esterni (24 I / 12 O) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .243
Caratteristiche tecniche Alimentatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .246
Caratteristiche tecniche Ingressi / uscite digitali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .247
Caratteristiche tecniche Ingressi / uscite analogiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .249
Configurazione dei moduli di I/O nel sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .253

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
00/0511 7
Bus di campo (solo protocollo software) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
Profinet I/O Device (protocollo software) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
Definizioni dei termini usati in ambito I/O e Bus di campo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

10. COMUNICAZIONE SERIALE RS-232 E RS-422 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..256


Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
Caratteristiche tecniche della porta seriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
Cavo di collegamento seriale RS232 a PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
Cavo di collegamento seriale RS422 a dispositivo generico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
Programma di esempio uso della porta seriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259

11. COMUNICAZIONE SU RETE ETHERNET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..260


Panoramica delle opportunità per la connessione Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
Caratteristiche tecniche della connessione ETH2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
C5G-ETHK: Kit Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
C5G-U2E: Adattatore USB to Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263

12. PERSONALIZZAZIONE DELL’INSTALLAZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ..265


Suddivisione delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
Condizionamento armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
C5G-AFK: Kit Ventola aggiuntiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
C5G-ACO / C5G-ACBO: Condizionatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
Ampliamento spazi di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
C5G-AEB: Box vuoto per applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
C5G-APK1 kit Piastra Ausiliaria 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
C5G-APK2 kit Piastra Ausiliaria 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
C5G-APK3 kit Piastra Ausiliaria 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
C5G-APK4 kit Piastra Ausiliaria 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
Fissaggi e personalizzazione dell’installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
C5G-iBK2 e C5G-SPB: installazione remotata del terminale di programmazione wired
(C5G-iTP e C5G-iTP2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
C5G-HFK kit sfaffe di fissaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
C5G-RDS Remotazione Docking Station. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
C5G-RSK100: Kit Zoccolo alzatore 100 mm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
C5G-WHK: Kit ruote . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
Produttività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
C5G-HMK: Kit Contaore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
C5G-USBK: Kit USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
8 00/0511
13. ESPANSIONE ASSI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...286
Ampliamento con Application box . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
C5G-ACPW1: Application Box Power . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
C5G-ABSL: Application Box per Robot SMART5 Laser . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286

14. APPLICAZIONI SPECIALI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...287


Suddivisione delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
Periferia del Robot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
C5G-HSK5: High Speed Input Kit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
C5G-OTK: kit oltrecorsa assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
Applicazione SPOT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
C5G-TDC400: kit Comando Tip Dresser 400V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
C5G-TDC400-2: kit comando doppio Tip Dresser 400V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
C5G-TDS400: kit alimentazione Tip Dresser 400V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297

15. ACCESSORI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...299


Suddivisione delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
Manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
C5G-FDU: Flash Disk USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
C5G-OBR: Modulo sfrenatore assi Robot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300

16. OPZIONI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ...304


Informazioni sull’installazione delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
Schema elettrico delle opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
Opzioni per l’Unità di Controllo C5G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305

LB-RC-C5E-SPTTOC.fm
00/0511 9
Prefazione

PREFAZIONE
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Documentazione di riferimento
– Contenuto dei manuali dell’Unità di Controllo C5G
– Conservazione della documentazione
– Limiti sui contenuti del manuale
– Simbologia adottata nel manuale.

Documentazione di riferimento
Il presente documento si riferisce all’Unità di Controllo C5G.
Il set completo dei manuali del C5G è composto da:

Comau Unità di Controllo – Specifiche tecniche


C5G – Trasporto ed installazione
– Manutenzione
– Uso dell’Unità di Controllo.
Schema elettrico – Schema elettrico (ver. ACC1 e ACC3)
– Schema elettrico (ver. ACC5)
– Schema elettrico(ver. PAL)

Questi manuali devono essere integrati con i seguenti documenti:

Comau Robot SMART5 – Specifiche Tecniche *¹


– Trasporto e installazione *¹
– Manutenzione *¹
Programmazione – PDL2 Programming Language Manual
– VP2 - Visual PDL2
– Programmazione del movimento
Applicativi – Secondo il tipo di applicativo necessario.
*¹ specifici secondo il tipo di Robot installato

I manuali sopra citati devono essere mantenuti integri per tutto il tempo in cui il
Sistema Robotico è installato e operativo e devono essere sempre a disposizione
delle persone che operano sul Sistema Robotico.

HS-RC-C5E-0_01.fm
7 00/0211
Prefazione

Contenuto dei manuali dell’Unità di Controllo


C5G

Dispositivo Manuale Contenuti


Unità di Controllo – Specifiche – Descrizione e caratteristiche generali dell'Unità di Controllo
C5G tecniche – Guida alla scelta del modello dell'Unità di Controllo
– Descrizione generali sull'espandibilità verso i segnali I/O, le
reti di comunicazione, le sicurezze
– Descrizione e codici di acquisto dell’Unità di Controllo e delle
opzioni.
– Trasporto ed – Informazioni sui preparativi e predisposizioni necessarie
installazione all'installazione del C5G
– Dimensioni e pesi, metodi di trasporto e sollevamento
– Procedure per l'adeguamento dei componenti interni e
opzioni alla rete di alimentazione
– Procedura per la connessione e l'allacciamento all'energia
elettrica
– Procedure preliminari per la messa in servizio dell'Unità di
Controllo
– Manutenzione – Aiuti alla risoluzione dei problemi
– Piano di manutenzione preventiva per garantire la
funzionalità del C5G nel tempo
– Procedure di manutenzione preventiva e straordinaria
– Elenco ricambi
– Schema elettrico

Conservazione della documentazione


Tutta la documentazione fornita deve essere riposta nelle immediate vicinanze del
Sistema Robotico e mantenuto a disposizione di tutte le persone che vi operano e deve
essere conservato integro per tutta la vita operativa del Sistema Robotico.

Limiti sui contenuti del manuale


Le immagini inserite nel manuale di istruzioni hanno lo scopo di rappresentare il prodotto
e possono differire da quanto realmente visibile sul Sistema Robotico.

HS-RC-C5E-0_01.fm
00/0211 8
Prefazione

Simbologia adottata nel manuale


Di seguito vengono riportati i simboli che rappresentano: AVVERTENZE, ATTENZIONE
e NOTE ed il loro significato

Il simbolo indica procedure di funzionamento, informazioni tecniche e


precauzioni che se non vengono rispettate e/o correttamente eseguite possono
causare lesioni al personale.

Il simbolo indica procedure di funzionamento, informazioni tecniche e


precauzioni che se non vengono rispettate e/o correttamente eseguite possono
causare danni alle apparecchiature.

Il simbolo indica procedure di funzionamento, informazioni tecniche e


precauzioni che è essenziale mettere in evidenza.

Il simbolo richiama l’attenzione allo smaltimento dei materiali a cui si applica la


Direttiva RAEE.

Il simbolo richiama l’attenzione nell’evitare contaminazione ambientale e invita il


corretto conferimento dei materiali negli appositi siti di raccolta.

HS-RC-C5E-0_01.fm
9 00/0211
Prescrizioni di Sicurezza Generali

1. PRESCRIZIONI DI SICUREZZA
GENERALI

Il presente capitolo ha carattere generale e si applica all’intero Sistema Robotico.


Considerando la sua importanza, tale capitolo è richiamato incondizionatamente
in ogni manuale di istruzioni del sistema.

In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:


– Responsabilità
– Prescrizioni di sicurezza.

1.1 Responsabilità
– L'integratore dell'impianto deve eseguire l'installazione e la movimentazione del
Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo) in accordo alle Norme di Sicurezza
vigenti nel paese dove viene realizzata l’installazione. L’applicazione e l’utilizzo dei
necessari dispositivi di protezione e sicurezza, l'emissione della dichiarazione di
conformità e l’eventuale marcatura CE dell'impianto, sono a carico dell'Integratore.

– COMAU Robotics & Service declina ogni responsabilità da incidenti causati


dall'uso scorretto o improprio del Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo), da
manomissioni di circuiti, di componenti, del software e dall'utilizzo di ricambi non
presenti nella lista ricambi.
– La responsabilità dell’applicazione delle presenti Prescrizioni di Sicurezza è a
carico dei preposti che dirigono / sovrintendono alle attività citate al paragrafo
Applicabilità, i quali devono accertarsi che il Personale Autorizzato sia a
conoscenza ed osservi scrupolosamente le prescrizioni contenute in questo
documento oltre alle Norme di Sicurezza di carattere generale applicabili al
Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo) vigenti nel Paese dove viene
realizzata l’installazione.
– La mancata osservanza delle Norme di Sicurezza può causare lesioni permanenti
o morte al personale e danneggiare il Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo).

L’ installazione deve essere eseguita da Personale qualificato all’installazione e


deve essere conforme alle norme Nazionali e Locali

ge-0-0-0_01.FM
10 00/0710
Prescrizioni di Sicurezza Generali

1.2 Prescrizioni di sicurezza


1.2.1 Scopo
Le presenti prescrizioni di sicurezza hanno lo scopo di definire una serie di
comportamenti ed obblighi ai quali attenersi nell’eseguire le attività elencate al
paragrafo Applicabilità.

1.2.2 Definizioni
Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo)
Si definisce Sistema robotico l’insieme funzionale costituito da: Robot, Unità di
Controllo, Terminale di Programmazione ed eventuali opzioni.

Spazio Protetto
Si definisce spazio protetto l’area delimitata dalle barriere di protezione e destinata
all’installazione e al funzionamento del robot

Personale Autorizzato
Si definisce personale autorizzato l’insieme delle persone opportunamente istruite e
delegate ad eseguire le attività elencate al paragrafo Applicabilità.

Personale Preposto
Si definisce preposto il personale che dirige o sovrintende alle attività alle quali siano
addetti lavoratori subordinati definiti al punto precedente

Installazione e Messa in Servizio


Si definisce installazione l'integrazione meccanica, elettrica, software del Sistema
Robot e Controllo in un qualsiasi ambiente che richieda la movimentazione controllata
degli assi Robot, in conformità con i requisiti di sicurezza previsti nella Nazione dove
viene installato il Sistema.

Funzionamento in Programmazione
Modo operativo sotto controllo dell’operatore, che esclude il funzionamento automatico
e che permette le seguenti attività: movimentazione manuale degli assi robot e
programmazione di cicli di lavoro a velocità ridotta, prova del ciclo programmato a
velocità ridotta e, quando ammesso, a velocità di lavoro.

Funzionamento in Auto / Remote


Modo operativo in cui il robot esegue autonomamente il ciclo programmato alla velocità
di lavoro, con personale all’esterno dello spazio protetto, con barriere di protezione
chiuse e inserite nel circuito di sicurezza, con avviamento/arresto locale (posto
all’esterno dello spazio protetto) o remoto.

Manutenzione e Riparazione
Si definisce intervento di manutenzione e riparazione l’attività di verifica periodica e/o di
sostituzione di parti (meccaniche, elettriche, software) o componenti del Sistema Robot
e Controllo e l’attività per identificare la causa di un guasto sopraggiunto, che si
conclude con il ripristino del Sistema Robot e Controllo nelle condizioni funzionali di
progetto.

ge-0-0-0_01.FM
00/0710 11
Prescrizioni di Sicurezza Generali

Messa Fuori Servizio e Smantellamento


Si definisce messa fuori servizio l’attività di rimozione meccanica ed elettrica del
Sistema Robot e Controllo da una realtà produttiva o ambiente di studio.
Lo smantellamento consiste nell’attività di demolizione e smaltimento dei componenti
che costituiscono il Sistema Robot e Controllo.

Integratore
Si definisce Integratore la figura professionale responsabile dell’installazione e messa
in servizio del Sistema Robot e Controllo.

Uso Scorretto
Si definisce uso scorretto l’utilizzo del sistema al di fuori dei limiti specificati nella
Documentazione Tecnica.

Campo d’Azione
Per campo d'azione del Robot si intende il volume di inviluppo dell'area occupata dal
Robot e dalle sue attrezzature durante il movimento nello spazio.

1.2.3 Applicabilità
Le presenti Prescrizioni devono essere applicate nell’esecuzione delle seguenti attività:
– Installazione e Messa in Servizio
– Funzionamento in Programmazione
– Funzionamento in Auto / Remote
– Sfrenatura degli assi robot
– Manutenzione e Riparazione
– Messa Fuori Servizio e Smantellamento.

ge-0-0-0_01.FM
12 00/0710
Prescrizioni di Sicurezza Generali

1.2.4 Modalità operative


Installazione e Messa in Servizio
– La messa in servizio è permessa solo quando il Sistema Robot e Controllo è
installato correttamente e in modo completo.
– L’installazione e messa in servizio del sistema è consentita unicamente al
personale autorizzato.
– L’installazione e la messa in servizio del sistema è ammessa esclusivamente
all’interno di uno spazio protetto con dimensioni adeguate ad ospitare il robot e
l’attrezzatura con la quale è allestito, senza fuori uscite dalle barriere. Occorre
verificare inoltre che nelle condizioni di normale movimento del robot si eviti la
collisione dello stesso con parti interne allo spazio protetto (es. colonne della
struttura, linee di alimentazione, ecc.) o con le barriere. Se necessario limitare
l’area di lavoro del robot per mezzo di tamponi meccanici di finecorsa (vedere
gruppi opzionali).
– Eventuali postazioni fisse di comando del robot devono essere posizionate fuori
dallo spazio protetto e in un punto tale da consentire la più completa visione dei
movimenti del robot.
– Per quanto possibile, l’area di installazione del robot deve essere sgombra da
materiali che possano impedire o limitare la visuale.
– Durante le fasi di installazione, il robot e l’Unità di Controllo devono essere
movimentati come indicato nella Documentazione Tecnica del prodotto; in caso di
sollevamento, verificare il corretto fissaggio dei golfari ed utilizzare unicamente
imbracature ed attrezzature adeguate.
– Fissare il robot al supporto di sostegno, con tutti i bulloni e le spine previsti, serrati
alle coppie di serraggio riportate sulla Documentazione Tecnica del prodotto.
– Se presenti, rimuovere le staffe di fissaggio degli assi e verificare il corretto
fissaggio dell’attrezzatura con cui il robot è allestito.
– Verificare che i ripari del robot siano correttamente fissati e che non vi siano
particolari mobili o allentati, controllare inoltre l’integrità dei componenti dell’Unità
di Controllo.
– Installare l’Unità di Controllo all’esterno dello spazio protetto: l’Unità di Controllo
non deve essere utilizzata come parte delle recinzioni.
– Verificare la coerenza tra la tensione predisposta nell’Unità di Controllo indicata
sull’apposita targhetta ed il valore di tensione della rete di distribuzione energia.
– Prima di procedere all’allacciamento elettrico dell’Unità di Controllo, verificare che
il disgiuntore sulla rete di distribuzione sia bloccato in posizione d’apertura.
– Il collegamento tra l’Unità di Controllo e la rete di alimentazione trifase dello
stabilimento, deve essere realizzato tramite un cavo armato quadripolare (3 fasi +
terra) di dimensioni adeguate alla potenza installata sull’Unità di Controllo vedere
la Documentazione Tecnica del prodotto.
– Il cavo d’alimentazione deve entrare nell’Unità di Controllo attraverso l’apposito
passacavo ed essere correttamente bloccato.
– Collegare il conduttore di terra (PE) e di seguito collegare i conduttori di potenza
all’interruttore generale.
– Collegare il cavo d’alimentazione, collegando per primo il conduttore di terra al
disgiuntore sulla rete di distribuzione energia dopo avere verificato con apposito

ge-0-0-0_01.FM
00/0710 13
Prescrizioni di Sicurezza Generali

strumento che i morsetti del disgiuntore siano fuori tensione. Si raccomanda di


connettere l’armatura del cavo alla terra.
– Collegare i cavi di segnali e potenza tra Unità di Controllo e robot.
– Collegare il robot a terra o all’Unità di Controllo o ad una vicina presa di terra.
– Verificare che la/le porta/e dell’Unità di Controllo siano chiuse con l’apposita
chiave.
– L’errato collegamento dei connettori può provocare danni permanenti ai
componenti dell’Unità di Controllo.
– L’Unità di Controllo C5G gestisce al suo interno i principali interblocchi di sicurezza
(cancelli, pulsante di abilitazione, ecc.). Collegare gli interblocchi di sicurezza
dell’Unità di Controllo C5G con i circuiti di sicurezza della linea avendo cura di
realizzarli come richiesto dalle Norme di Sicurezza. La sicurezza dei segnali di
interblocco provenienti da linea trasferta (arresto d’emergenza, sicurezza cancelli,
ecc.), ossia la realizzazione di circuiti corretti e sicuri è a carico dell’integratore del
Sistema Robot e Controllo.

Nel circuito di arresto di emergenza della cella/linea è necessario includere i


contatti dei pulsanti di arresto di emergenza dell'unità di controllo, disponibili su
X30. I pulsanti non sono interbloccati internamente al circuito di arresto
d'emergenza dell'Unità di Controllo.

– Non si garantisce la sicurezza del sistema in caso di realizzazione errata,


incompleta o mancante di tali interblocchi.
– Nel circuito di sicurezza è previsto l’arresto controllato (IEC 60204-1, arresto di
categoria 1) per gli ingressi di sicurezza Auto Stop/ General Stop ed Emergenza.
L’arresto controllato è attivo solo in stato Automatico; in Programmazione
l’esclusione della potenza (apertura dei contattori di potenza) avviene in modo
immediato. La modalità per la selezione del tempo dell’arresto controllato
(impostabile sulla scheda SDM) è riportato nel Manuale d’Installazione.
– Nella realizzazione delle barriere di protezione, specialmente per le barriere ottiche
e le porte d’ingresso, tenere presente i tempi e gli spazi di arresto del robot in
funzione della categoria di arresto (0 oppure 1) e della massa del robot.

Verificare che il tempo di arresto controllato sia coerente con il tipo di Robot
collegato all’Unità di Controllo. Il tempo di arresto si seleziona attraverso i
selettori SW1 e SW2 sulla scheda SDM.

– Verificare che le condizioni ambientali e operative di lavoro non eccedano i limiti


specificati nella Documentazione Tecnica del prodotto specifico.
– Le operazioni di calibrazione devono essere eseguite con la massima attenzione,
come riportato nella Documentazione Tecnica del prodotto specifico, e si devono
concludere con la verifica della corretta posizione della macchina.

ge-0-0-0_01.FM
14 00/0710
Prescrizioni di Sicurezza Generali

– Per le fasi di caricamento o aggiornamento del software di sistema (per esempio


dopo la sostituzione di schede), utilizzare unicamente il software originale
consegnato da COMAU Robotics & Service. Attenersi scrupolosamente alla
procedura di caricamento del software di sistema descritta nella Documentazione
Tecnica fornita con il prodotto specifico. Dopo il caricamento eseguire sempre
alcune prove di movimentazione del Robot, a velocità ridotta rimanendo al di fuori
dello spazio protetto.
– Verificare che le barriere dello spazio protetto siano correttamente posizionate.

Funzionamento in Programmazione
– La programmazione del robot è consentita unicamente al personale autorizzato.
– Prima di procedere alla programmazione, l’operatore deve controllare il Sistema
robotico (Robot e Unità di Controllo) per assicurarsi che non sussistano condizioni
anomale potenzialmente pericolose e che nello spazio protetto non siano presenti
persone.
– Per quanto possibile la programmazione deve essere comandata restando
all’esterno dello spazio protetto.
– Prima di operare all’interno dello Spazio Protetto, l’operatore deve accertarsi,
rimanendo all’esterno dello spazio protetto, che tutte le necessarie protezioni e i
dispositivi di sicurezza siano presenti e funzionanti e in particolare che il Terminale
di Programmazione funzioni correttamente (velocità ridotta, enabling device,
dispositivo di arresto d’emergenza, ecc.).
– Durante le fasi di programmazione, la presenza all’interno dello Spazio Protetto è
consentita al solo operatore in possesso del Terminale di Programmazione.
– Se è indispensabile la presenza di un secondo operatore nell'area di lavoro
durante la verifica del programma, questi dovrà disporre di un suo enabling device
(dispositivo di abilitazione) interbloccato con i dispositivi di sicurezza.
– L’attivazione dei motori (DRIVE ON) deve essere comandata sempre da posizione
esterna al campo d’azione del robot, dopo aver verificato che nell’area interessata
non vi sia la presenza di persone. L’operazione di attivazione motori si considera
conclusa alla comparsa della relativa indicazione di stato macchina.
– Durante la programmazione l’operatore deve mantenersi ad una distanza dal robot
tale da permettergli di scansare eventuali movimenti anomali della macchina, e
comunque in posizione tale da evitare possibili rischi di costrizione tra il robot e
parti della struttura (colonne, barriera, ecc.), o tra parti mobili del robot stesso.
– Durante la programmazione l’operatore deve evitare di trovarsi in corrispondenza
di parti del robot che possono, per effetto della gravità, compiere dei movimenti
verso il basso oppure verso l’alto o lateralmente (nel caso di montaggio su piano
inclinato).
– La prova del ciclo programmato alla velocità di lavoro, in alcune situazioni in cui si
renda necessario un controllo visivo a breve distanza, con la presenza
dell’operatore all’interno dello spazio protetto, deve essere attivato solo dopo aver
effettuato un ciclo completo di prova a velocità ridotta. La prova deve essere
comandata da una distanza di sicurezza.
– Occorre prestare particolare attenzione quando si programma mediante Terminale
di Programmazione: in tal caso, benché tutti i dispositivi di sicurezza hardware e
software siano in funzione, il movimento del robot dipende comunque
dall’operatore.

ge-0-0-0_01.FM
00/0710 15
Prescrizioni di Sicurezza Generali

– La prima esecuzione di un nuovo programma può comportare il movimento del


robot lungo una traiettoria diversa da quella attesa.
– La modifica di passi del programma (es. spostamento di un passo da un punto ad
un altro del flusso, registrazione errata di un passo, modifica della posizione del
robot fuori dalla traiettoria che raccorda due passi del programma), può dare
origine a movimenti non previsti dall’operatore in fase di prova del programma
stesso.
– In entrambi i casi operare con attenzione, mantenendosi comunque al di fuori del
campo d’azione del robot e provare il ciclo a velocità ridotta.

Funzionamento in Auto / Remote


– L’attivazione del funzionamento in automatico (stati AUTO e REMOTE) è
consentita unicamente con il Sistema robotico (Robot e Unità di Controllo)
integrato in un’area dotata di barriere di protezione correttamente interbloccate,
come prescritto dalle Norme di Sicurezza vigenti nel Paese dove viene realizzata
l’installazione.
– Prima di attivare il funzionamento in automatico l’operatore deve verificare il
Sistema Robot e Controllo e lo spazio protetto per accertarsi che non sussistano
condizioni anomale potenzialmente pericolose.
– L’operatore può attivare il funzionamento automatico solo dopo aver verificato:
• che il Sistema Robot e Controllo non si trovi in stato di manutenzione o
riparazione;
• che le barriere di protezione siano correttamente collocate;
• che non vi sia personale all’interno dello spazio protetto;
• che le porte dell’Unità di Controllo siano chiuse con l’apposita chiave;
• che i dispositivi di sicurezza (arresto d’emergenza, sicurezze delle barriere di
protezione) siano funzionanti;
– Particolare attenzione deve essere posta alla selezione dello stato remote, in cui il
PLC della linea può compiere operazioni automatiche di accensione motori e avvio
del programma.

Sfrenatura degli assi robot


– In assenza della forza motrice, lo spostamento degli assi del robot è possibile per
mezzo di dispositivi opzionali per sfrenatura e adeguati mezzi di sollevamento. Tali
dispositivi permettono unicamente la disattivazione del freno di ciascun asse. In
questo caso, tutte le sicurezze del sistema (compreso l’arresto d’emergenza e il
pulsante di abilitazione) sono escluse inoltre gli assi robot possono muoversi verso
l’alto oppure verso il basso a causa di forze generate dal sistema di bilanciamento
oppure per gravità.

Prima di utilizzare i dispositivi per sfrenatura manuale si raccomanda


l’imbragatura del robot oppure l’aggancio ad un carroponte.

– L’impiego dello sfrenatore genera rischio di caduta assi soggetti a gravità e rischio
di urto determinato da un ripristino non corretto a seguito dell’uso del modulo
sfrenatore. La procedura per il corretto uso dello sfrenatore (sia lo sfrenatore
integrato sia il modulo sfrenatore) è riportata nei manuali di manutenzione.
– Alla successiva ripresa del movimento dopo una interruzione di una MOVE non
completata, la funzione tipica del recupero di traiettoria può generare percorsi non
prevedibili con conseguete rischio di urto. La stessa condizione è presente alla

ge-0-0-0_01.FM
16 00/0710
Prescrizioni di Sicurezza Generali

successiva ripresa del ciclo automatico. Evitare di spostare il Robot in posizioni


distanti da quelle previste alla ripresa del movimento; in alternativa disattivare i
programmi e/o le istruzioni di MOVE pendenti.

Manutenzione e Riparazione
– Al montaggio in COMAU Robotics & Service, il robot viene rifornito con lubrificanti
che non contengono sostanze pericolose per la salute tuttavia in alcuni casi,
l’esposizione ripetuta e prolungata al prodotto può provocare manifestazioni
cutanee irritative oppure, in caso di ingestione, malessere.
Misure di Pronto Soccorso. In caso di contatto con gli occhi e con la pelle: lavare
con abbondante acqua le zone contaminate; in caso persistessero fenomeni
irritativi consultare un medico.
In caso di ingestione non indurre il vomito o somministrare prodotti per via orale;
consultare un medico al più presto.
– Le operazioni di manutenzione, ricerca guasti e riparazione sono consentite
unicamente al personale autorizzato.
– L’attività di manutenzione e riparazione in corso deve essere segnalata con
apposito cartello indicante lo stato di manutenzione, posto sul pannello comandi
dell’Unità di Controllo, fino ad operazione ultimata anche se temporaneamente
sospesa.
– Le operazioni di manutenzione e sostituzione di componenti o dell’Unità di
Controllo, devono essere eseguite con l’interruttore generale in posizione di aperto
e bloccato per mezzo di un lucchetto di sicurezza.
– Anche se l’Unità di Controllo non è alimentata (interruttore generale aperto),
possono essere presenti tensioni interconnesse, provenienti dal collegamento con
unità periferiche o con sorgenti di alimentazioni esterne (es. input/output a 24 Vcc).
Disattivare le sorgenti esterne quando si opera sulle parti del sistema interessate.
– La rimozione di pannelli, schermi protettivi, griglie ecc. è consentita solo con
interruttore generale aperto e bloccato con lucchetto di sicurezza.
– I componenti guasti devono essere sostituiti con altri dello stesso codice oppure
equivalenti definiti dalla COMAU Robotics & Service.

Dopo la sostituzione del modulo SDM, sul nuovo modulo verificare che
l’impostazione del tempo di arresto sui selettore SW1 e SW2 sia coerente con il
tipo di Robot collegato all’Unità di Controllo.

– Le attività di ricerca guasti e di manutenzione devono essere eseguite, per quanto


possibile, all’esterno dello spazio protetto.
– Le attività di ricerca guasti eseguite sul controllo devono, per quanto possibile,
essere eseguite in assenza di alimentazione.
– Qualora si renda necessario, nel corso dell’attività di ricerca guasti, eseguire
interventi con l’Unità di Controllo alimentata, devono essere prese tutte le
precauzioni richieste dalle Norme di Sicurezza quando si opera in presenza di
tensioni pericolose.
– L’attività di ricerca guasti sul robot deve essere eseguita con alimentazione di
potenza disattivata (DRIVE OFF).
– Al termine dell’intervento di manutenzione e ricerca guasti, devono essere
ripristinate le sicurezze disattivate (pannelli, schermi protettivi, interblocchi, ecc.).

ge-0-0-0_01.FM
00/0710 17
Prescrizioni di Sicurezza Generali

– L’intervento di manutenzione, riparazione e ricerca guasti deve essere concluso


con la verifica del corretto funzionamento del Sistema robotico (Robot e Unità di
Controllo) e di tutti i dispositivi di sicurezza, eseguita restando al di fuori dello
spazio protetto.
– Durante le fasi di caricamento del software (per esempio dopo la sostituzione di
schede elettroniche) è necessario utilizzare il software originale consegnato da
COMAU Robotics & Service. Attenersi scrupolosamente alla procedura di
caricamento del software di sistema descritta nella Documentazione Tecnica del
prodotto specifico; dopo il caricamento eseguire sempre un ciclo di prova per
sicurezza, restando al di fuori dello spazio protetto.
– Lo smontaggio di componenti del robot (es. motori, cilindri per bilanciamento, ecc.)
può provocare movimenti incontrollati degli assi in qualsiasi direzione: prima di
iniziare una procedura di smontaggio è quindi necessario fare riferimento alle
targhette di avvertenze applicate sul robot e alla Documentazione Tecnica fornita.
– E’ assolutamente vietato rimuovere la copertura di protezione delle molle del robot.

Messa Fuori Servizio e Smantellamento


– La messa fuori servizio e la rimozione del Sistema Robot e Controllo è consentita
unicamente al Personale Autorizzato.
– Portare il robot in posizione di trasporto e montare le staffe di bloccaggio assi
(quando previsto) facendo riferimento alla targhetta applicata sul robot e alla
Documentazione Tecnica del robot stesso.
– Prima di procedere alla messa fuori servizio è obbligatorio togliere la tensione di
rete all’ingresso dell’Unità di Controllo (disinserire il disgiuntore sulla rete di
distribuzione energia e bloccarlo in posizione aperta).
– Dopo aver verificato con apposito strumento che i morsetti siano fuori tensione,
scollegare il cavo di alimentazione dal disgiuntore sulla rete di distribuzione
energia, staccando prima i conduttori di potenza e successivamente quello di terra.
Scollegare il cavo di alimentazione dall’Unità di Controllo e rimuoverlo.
– Scollegare prima i cavi di collegamento fra il robot e l’Unità di Controllo e
successivamente il conduttore di terra.
– Se è presente, scollegare l’impianto pneumatico del robot dalla rete di
distribuzione dell’aria.
– Verificare che il robot sia correttamente bilanciato e se necessario imbracarlo
correttamente quindi smontare i bulloni di fissaggio del robot dal supporto di
sostegno.
– Rimuovere il robot e l’Unità di Controllo dall’area di lavoro, adottando tutte le
prescrizioni indicate nella Documentazione Tecnica dei prodotti; se si rende
necessario il sollevamento, verificare il corretto fissaggio dei golfari e utilizzare
unicamente imbracature ed attrezzature adeguate.
– Prima di effettuare operazioni di smantellamento (smontaggio, demolizione e
smaltimento) dei componenti che costituiscono il Sistema Robot e Controllo,
consultare la COMAU Robotics & Service, o una delle sue filiali, che indicherà, in
funzione del tipo di robot e di Unità di Controllo, le modalità operative nel rispetto
dei principi di sicurezza e di salvaguardia ambientale.
– Le operazioni di smaltimento rifiuti devono essere eseguite in accordo con la
legislazione della Nazione in cui è installato il Sistema Robot e Controllo.

ge-0-0-0_01.FM
18 00/0710
Prescrizioni di Sicurezza Generali

1.2.5 Prestazioni
Le presenti prestazioni devono essere considerate prima di installare il sistema robotico:
– Spazi di arresto
– Mission time (valore tipico).

Spazi di arresto
– Considerando il Robot in modalità programmazione (T1), a seguito pressione del
pulsante di stop (fungo rosso su WiTP) in categoria 0 (secondo norma
EN60204-1), si ottiene:

Tab. 1.1 - Spazi di arresto in programmazione (T1)


Velocità Tempo di Spazio di
Modo Caso
aspettata arresto arresto
Nominale 120 ms 30 mm
T1 250 mm/s
Caso limite 500 ms 125 mm

Tab. 1.2 - Tempi di reazione dell’elettronica di sicurezza in


programmazione (T1)
Velocità Tempo di
Modo Caso
aspettata reazione
Per gli input di sicurezza del modulo SDM (es.
pulsante di stop del TP in versione wired)
Per input di stop e di enabling device dal TP in 150 ms
versione wireless, quando la trasmissione del
T1 250 mm/s telegramma di sicurezza è attiva.
Per time-out dell’input di stop e di enabling
device dal TP in versione wireless, quando
350 ms
viene persa o interrotta la trasmissione del
telegramma di sicurezza.

– Considerando il Robot in modalità automatico, nelle condizioni di massima


estensione, massimo carico e massima velocità, a seguito pressione del pulsante
di stop (fungo rosso su WiTP) in categoria 1 (secondo norma EN60204-1) si ottiene
la completa fermata del Robot con rampa di decelerazione controllata.
Esempio: per Robot NJ 370-2.7 si ottiene la completa fermata in circa 85 ° di
movimento, corrispondenti a circa 3000 mm di spostamento misurati sulla flangia
TCP. Nelle condizioni indicate, il tempo di fermata del Robot NJ 370-2.7 è di 1,5
secondi.
– Per ogni tipo Robot possono essere richiesti alla COMAU Robotics & Service gli
spazi di arresto limite.

Mission time (valore tipico)


– Si segnala che il periodo di tempo nel quale si ha la copertura dell’efficienza del
sistema di sicurezza è di 20 anni (mission time of safety-related parts of control
systems (SRP/CS), secondo norma EN ISO 13849-1).

ge-0-0-0_01.FM
00/0710 19
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2. INTRODUZIONE ALL’UNITÀ DI
CONTROLLO: AFFIDABILITÀ E
SICUREZZA
L’Unità di Controllo C5G è una apparecchiatura industriale creata per la gestione
semplificata, efficiente e multifunzionale di tutta la gamma dei Robot Comau serie
SMART5.

L’Unità di Controllo C5G:


– E’ alimentata direttamente dalla rete di stabilimento con tensioni da 400 Vac -10%
a 500 Vac +10% senza necessità di trasformatore di adattamento.
– Può gestire fino a 16 assi interpolati con una potenza totale massima di 16 kVA,
equipaggiati con motori sincroni brushless e trasduttore di posizione di tipo
Encoder ad alta risoluzione con interfaccia EnDat 2.2.
– Può essere interfacciato mediante le più comuni interfacce di comunicazione
(USB, seriale, Ethernet) e con i più comuni Bus di campo e protocolli di
comunicazione (CanOpen, DeviceNet, Profibus-DP, EtherNet/IP, ecc.). Può
diventare un nodo di rete Ethernet sulla rete di stabilimento per facilitare
aggiornamenti e diagnostica remoti.
– Può essere programmato mediante software di facile impiego e controllato
abbinando un terminale di programmazione a scelta con connessione a cavo o
wireless. Il Terminale di programmazione è dotato di display grafico TFT 6.4” a
4096 colori, interfaccia utente di immediata comprensione, è leggero ed
ergonomico dotato di interfaccia USB a bordo.

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
00/0511 23
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

– E’ facilmente espandibile con moduli opzionali per meglio adattarsi e facilitare le


applicazioni utente.

L’Unità di Controllo deve essere abbinata solo ad un robot Comau della serie
SMART5.

L’Unità di Controllo C5G è stata progettata per poter garantire:


– Affidabilità e manutenibilità
– Potenza di calcolo
– Espandibilità
– Programmazione
– Sicurezza
– Modi di comando.
Il risultato ottenuto ha permesso di realizzare un’Unità di Controllo adatta a soddisfare
molteplici applicazioni con prestazioni sofisticate di alto livello.

2.1 Affidabilità e manutenibilità


L’Unità di Controllo C5G è progettata e costruita con attenzione e precisione,
impiegando componentistica di qualità, secondo i seguenti principi:
– suddivisioni funzionali ridotte al minimo, con moduli specifici ad elevata
potenzialità
– limitate interconnessioni tra i moduli, realizzate principalmente attraverso reti di
comunicazione
– elevato MTBF: le parti principali del sistema sono costituite per garantire un MTBF
elevato. I cablaggi e le interconnessioni interne dell’unità di controllo sono
realizzate in modo tale da essere ininfluenti sul MTBF delle parti principali.
– ridotto MTTR: l’assemblaggio delle parti principali costituenti l’Unità di Controllo è
tale da garantire una rapida sostituzione di tutte le parti interne dell’unità di
controllo.
– diagnostica sofisticata al fine di agevolare la manutenzione, con possibilità di
diagnostica da remoto, invio SMS ed email.

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
24 00/0511
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.2 Potenza di calcolo


L’Unità di Controllo C5G dispone di processori dell’ultima generazione per la gestione
della traiettoria e per controllare la periferia, del software applicativo e dell’interfaccia
utente in modo da assicurare il più alto livello di performance in entrambe le aree. I
processori operano con sistema operativo real time VxWorks.
Il processore dedicato al controllo di movimento gestisce con precisione e affidabilità le
seguenti funzioni:
– Algoritmi servoadattativi, con modello dinamico calcolato in tempo reale in base
alle condizioni di carico, posizione e velocità (Smart Move) e inerzia. Il modello
dinamico è applicato a tutti e 6 gli assi.
– Modulazione delle accelerazioni / decelerazioni per movimento tipo giunti, per
ottimizzare le prestazioni dei motori robot in termini di velocità.
– Interpolazione lineare con totale programmabilità del percorso di fly e velocità
costante.
– Interpolazione circolare con diverse possibilità di evoluzione dell’orientamento
(anche 2 angoli rispetto alla traiettoria).
– Gestione fino a 16 assi:
• Movimenti sincronizzati - Sync Move (funzione prevista)
• Arm Integrati (Integrated Arms), per la gestione di catene di bracci (1 braccio
ne trasporta un secondo che esegue il processo) (funzione prevista)
• è aperto al Movimento Cooperativo (Cooperative Motion), per la gestione di
due bracci cooperanti (1 braccio posiziona il pezzo, 1 braccio esegue il
processo).
– Inseguimento trasportatore (Conveyor tracking), per l’esecuzione del processo di
particolari in movimento su linee di trasporto o tavole rotanti non controllate dal
robot.
– Pendolamento (Weaving), per processi di saldatura all’arco più sofisticati (weaving
cartesiano e giunti ad alta frequenza).
– Inseguimento con sensore (Sensor Tracking), per un’ottima precisione di
inseguimento del percorso e la possibilità di interfaccia con differenti tipologie di
sensori: telecamere laser 3D, sensori a parametri d’arco, sensori di forza, altri
(funzione prevista).
– Sistemi di riferimento: base, tool, users, per il riutilizzo dei programmi su celle
differenti.
– Collision detection: consente di rilevare situazioni di collisione del robot con
l’ambiente circostante.
– Autodeterminazione del carico: è disponibile uno strumento software che consente
di definire correttamente i parametri di carico che andranno a influenzare i
movimenti del robot, al fine di ottimizzare le prestazioni e di salvaguardare i
componenti.

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
00/0511 25
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.3 Espandibilità
L’espandibilità si basa sull’impiego di protocolli e connessioni standard, comunemente
presenti nell’ambito industriale.
L’Unità di Controllo C5G dispone di 6 assi base, espandibili fino a 11 all’interno dello
stesso armadio.
Sono disponibili moduli su rete Ethenrnet POWERLINK di interfaccia con Bus di campo
e di gestione delle applicazioni e segnali I/O paralleli.
La predisposizione di base dei circuiti di sicurezza che consente una facile integrazione
con la linea può essere ampliata con moduli per la gestione di sicurezza su Safety Bus
e parzializzazione sicura degli assi.
Inoltre, un elevato numero di opzioni consente l’adattabilità e la personalizzazione
dell’Unità di Controllo C5G per le più diverse esigenze di installazione.

2.4 Programmazione
La programmazione è caratterizzata da:
– possibilità di programmazione on-line e off-line con terminale di programmazione
grafico, Personal computer e con l’uso di CAD dedicati (es. RobCad)
– semplicità del linguaggio PDL2 abbinata alla sua potenzialità per garantire
l’integrazione del robot nelle più impegnative applicazioni
– possibile esecuzione simultanea di più programmi PDL2
– personalizzazione dei programmi applicativi con uso di grafica e linguaggio Java.

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
26 00/0511
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.5 Sicurezza
– Conforme alla normativa vigente
– Direttive e norme
– Dichiarazione di incorporazione di quasi-macchine
– Riferimenti del fabbricante
– Gestione delle sicurezze
– Soluzioni di sicurezza adottate.

2.5.1 Conforme alla normativa vigente


L’Unità di Controllo C5G è costituita da un’area funzionale specificatamente realizzata
per soddisfare i requisiti di sicurezza richiesti dalla normativa vigente:
– Conforme alla norma EN ISO 10218-1: per l’impiego con i robot Comau l’Unità di
Controllo Robot è predisposta per adempiere alle richieste normative e facilitare
l’integrazione del controllore
– Circuiti di arresto sicuri: il comando di arresto di emergenza, disponibile anche
come collegamento esterno all’Unità di Controllo, garantisce un arresto sicuro del
robot Comau ad esso abbinato, anche considerando le situazioni estreme che è
lecito aspettarsi (elevata velocità a pieno carico)
– Circuiti di comando del movimento sicuri: il movimento è impartito e controllato
dall’Unità di Controllo che ne garantisce la corretta esecuzione e adempimento.
Ogni traiettoria è controllata e monitorata costantemente e l’eventuale
scostamento per cause esterne è prontamente identificato e corretto. Nel caso la
traiettoria sia compromessa, interviene tempestivamente l’arresto immediato.
– Categoria dei circuiti di sicurezza: tutti i circuiti di sicurezza interni all’Unità di
Controllo in versione standard sono conformi alla norma EN ISO 13849-1 (PL = d,
DCawg = 95%, MTTFd > 100, CCF = 75), assimilabile alla categoria 3. Alla stessa
stregua sono conformi i moduli di espansione che consentono l’aumento del
numero di contatti per l’interfacciamento con l’applicazione.
– Conforme alle Direttive Europee: Direttiva Macchine, Direttiva Compatibilità
Elettromagnetica (EMC), Direttiva Bassa Tensione e Direttive per il rispetto
dell’ambiente. L’Unità di Controllo abbinata ad un robot Comau è una
“quasi-macchina” (come da definizione Direttiva Macchine 2006/42/CE, art. 2
comma g). Le conformità alle direttive sono dettagliate al par. 2.5.3 Dichiarazione
di incorporazione di quasi-macchine a pag. 29.

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
00/0511 27
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.5.2 Direttive e norme


L’Unità di Controllo C5G è stata progettata e realizzata in accordo con le direttive e le
norme riportate nellaTab. 2.1.

Tab. 2.1 - Direttive e norme applicate


Direttiva / Norma Descrizione e applicazione
2006/42/CE DIRETTIVA 2006/42/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 17
maggio 2006 relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE (rifusione) (per
brevità definita Direttiva macchine)
2006/95/CE DIRETTIVA 2006/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12
dicembre 2006 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri
relative al materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di
tensione(per brevità definita Direttiva bassa tensione)
2004/108/CE DIRETTIVA 2004/108/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15
dicembre 2004 concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri
relative alla compatibilità elettromagnetica e che abroga la direttiva 89/336/CEE (per
brevità definita Direttiva EMC)
2002/95/CE DIRETTIVA 2002/95/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27
gennaio 2003 sulla restrizione dell'uso di determinate sostanze pericolose nelle
apparecchiature elettriche ed elettroniche (per brevità definita Direttiva RoHS) e
successivi emendamenti (2008/385/CE)
EN ISO 13850 Safety of machinery - Emergency stop - Principles for design
EN ISO 13732-1 Ergonomics of the thermal environment - Methods for the assessment of human
responses to contact with surfaces - Part 1: Hot surfaces
EN ISO 10218-1 Robots for industrial environments - Safety requirements - Part 1: Robot
EN ISO 13849-1 Safety of machinery - Safety related parts of control systems - General principles for
design
EN 60068-2-6 Basic environmental testing procedures - part 2: Vibration (sinusoidal)
EN 60068-2-31 Basic environmental testing procedures - part 2: Drop and topple, primarily for
equipment type specimens
EN 60068-2-64 Environmental testing - Test methods - Test FH: vibration, broad band random (Digital
Control) and guidance
EN 60204-1 Safety of Machinery - Electrical equipment of machines - Part 1: General requirements
EN 60529 Degrees of protection provided by enclosures (IP code)
EN 61000-6-2 Electromagnetic Compatibility - Generic immunity standard - Part 6-2: Industrial
environment
EN 61000-6-4 Electromagnetic Compatibility - Generic emission standard - Part 6-4: Industrial
environment

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
28 00/0511
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.5.3 Dichiarazione di incorporazione di quasi-macchine


L’insieme composto dall’Unità di Controllo C5G e robot serie SMART5 dispone di
dichiarazione di incorporazione di quasi-macchine, come stabilito nell’Allegato II b.
della direttiva 2006/42/CE.

E’ vietata la messa in servizio dell’insieme composto da Unità di Controllo C5G e


Robot serie SMART5 prima che la macchina in cui sarà incorporata sia stata
dichiarata conforme alle disposizioni della direttiva 2006/42/CE.

La Dichiarazione di incorporazione di quasi-macchine è fornita in originale con


l’insieme composto da Unità di Controllo C5G e Robot serie SMART5.
La targa di identificazione dell’Unità di Controllo C5G è installata sul frontale
dell’armadio elettrico.

Fig. 2.1 - Targa di identificazione dell’Unità di Controllo C5G


(fac-simile per il modello C5G-ACC3)

2.5.4 Riferimenti del fabbricante


Il fabbricante, come da definizione nella Direttiva Macchine, è:

COMAU S.p.A.
Robotics Business Line
Via Rivalta, 30
10095 Grugliasco (TO) - ITALY

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
00/0511 29
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

2.5.5 Gestione delle sicurezze


Per semplificare la gestione delle sicurezze sono stati integrati all’interno dell’Unità di
Controllo Robot C5G i circuiti di gestione e gli interblocchi base necessari alla gestione
di una cella.
Tale soluzione rappresenta un rilevante vantaggio per l’installazione in quando non
dovranno più essere predisposti esternamente gli interblocchi per la gestione dei
cancelli di sicurezza o altri dispositivi atti a proteggere l’operatore ma più
semplicemente, sarà sufficiente collegarsi al connettore dedicato posto alla base
dell’armadio per avvalersi di tutte le funzioni di sicurezza disponibili.
Questa flessibilità non compromette la situazione inversa, ovvero la gestione dei segnali
di sicurezza da parte di circuiti esterni. In questo caso sullo stesso connettore dedicato
sono disponibili tutti i segnali di sicurezza e di stato dell’Unità di Controllo Robot C5G.
Se il numero di contatti relativi ai segnali di sicurezza e di stato presenti nell’Unità di
Controllo non sono sufficienti per la gestione di una o più applicazioni, sono disponibili
schede di espansione che aumentano il numero dei contatti mantenendo inalterata la
categoria del circuito di sicurezza.
La categoria di arresto (secondo norma EN 60204-1) è 0 (zero) in modo
Programmazione (T1) e 1 in modo Automatico locale (AUTO) e Automatico remoto
(REMOTE)

2.5.6 Soluzioni di sicurezza adottate


Il circuito di sicurezza e le connessioni per i dispositivi consentono il rispetto della norma
EN ISO 13849-1 (vedi par. 2.5.1).
Di seguito sono illustrate le soluzioni adottate per garantire la sicurezza dell’operatore:
– Pulsante di arresto di emergenza
Sul terminale di programmazione è presente il pulsante a fungo rosso per l’arresto
di emergenza. I contatti del pulsante, liberi da potenziale, sono disponibili sul
connettore di interfaccia e non sono collegati al circuito di arresto di emergenza
interno.
– Gestione arresto di emergenza
I contatti di emergenza (pulsanti a fungo) della cella possono essere collegati al
circuito di sicurezza interno per generare l’arresto del robot. In modo automatico,
l’arresto del robot avviene con rampa di decelerazione controllata, conforme alla
categoria 1 secondo la norma EN 60204-1.
– Pulsante di Enabling Device
Sul terminale di programmazione è presente il dispositivo di abilitazione (Enabling
Device) a tre posizioni con controllo hardware. Con la pressione del dispositivo di
abilitazione viene fornita potenza agli azionamenti e si autorizzano i movimenti del
robot in modalità di funzionamento programmazione. Il dispositivo di abilitazione è
attivo solo in modalità di funzionamento programmazione ed è disabilitato negli
altri stati macchina.
– Gestione dei cancelli di accesso alla cella
I contatti dei finecorsa di sicurezza installati sui cancelli di accesso alla cella
possono essere collegati al circuito di sicurezza allo scopo di gestire l’arresto del
robot durante il modo di funzionamento automatico. Nel modo programmazione,
questi contatti sono esclusi in modo da consentire la movimentazione del robot a
cancelli aperti.
– Taglio alimentazione in sicurezza
Su connettori di interfaccia dedicati, la fornitura dell’alimentazione 24V I/O è

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
30 00/0511
Introduzione all’Unità di Controllo: affidabilità e sicurezza

condizionata dalle seguenti modalità:


• arresto di emergenza
• apertura dei cancelli di sicurezza in modalità di funzionamento automatico
• rilascio del dispositivo di abilitazione in modalità di funzionamento
programmazione
• comando spegnimento motori (Drive Off).

2.6 Modi di comando


L’insieme composto dall’Unità di Controllo C5G e robot serie SMART5 prevede 3
modalità di comando. I modi di comando sono selezionati con apposito selettore a
chiave posto sul Terminale di programmazione.
– Programmazione (T1)
Usato per la movimentazione a bassa velocità allo scopo di programmare la
traiettoria operativa del robot.
E’ possibile la presenza dell’operatore all’interno della cella. I movimenti del robot
avvengono a velocità ridotta, con una velocità massima di 250 mm/s a centro
flangia. Il robot è sotto il diretto controllo dell’operatore. Sono permessi movimenti
ed esecuzioni di programmi a velocità ridotta.
– Automatico locale (AUTO)
Usato per l’esecuzione dei programmi di lavoro in modo automatico a cancelli
chiusi alla velocità impostata ed avviati dal terminale di programmazione.
Questa modalità può non essere disponibile su alcuni modelli di Terminale di
programmazione.
– Automatico remoto (REMOTE)
Usato per l’esecuzione dei programmi eseguiti in modo automatico a cancelli
chiusi alla velocità impostata ed avviati da comandi esterni (PLC, altri).

HS-RC-C5E-SPT_01.fm
00/0511 31
Modelli e Caratteristiche tecniche

3. MODELLI E CARATTERISTICHE
TECNICHE
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Scegliere l’Unità di Controllo:
– Unità di Controllo C5G
– Terminale di programmazione
– Cavi di collegamento tra C5G e Robot

3.1 Scegliere l’Unità di Controllo


La scelta del modello dell’Unità di Controllo C5G dipende principalmente dalla famiglia
del Robot e relativa potenza elettrica richiesta. La scelta del modello del Robot non è
trattata in questo manuale e per questo si rimanda ai manuali “Specifiche Tecniche”
degli stessi Robot.
Le scelta della configurazione dell’Unità di Controllo C5G si articola nei seguenti punti:
– Unità di Controllo C5G, secondo la famiglia di Robot a cui dovrà essere abbinata
– Terminale di programmazione, secondo il tipo di collegamento che si desidera tra
Unità di Controllo e Terminale di programmazione
– Cavi di collegamento tra C5G e Robot, secondo la famiglia di Robot e la distanza
di installazione.
– Personalizzazione con funzioni opzionali (consultare il Cap.16. - Opzioni a
pag. 304).

Fig. 3.1 - Unità di Controllo C5G: vista generale

A: Unità di Controllo C5G

B: Terminale di programmazione
B -: Cavi di collegamento tra C5G e
Robot

-: Opzioni

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
32 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.2 Unità di Controllo C5G


L’Unità di Controllo C5G è disponibile in differenti configurazioni. La principale
caratteristica che contraddistingue la configurazione è la potenza elettrica disponibile e
conseguentemente la famiglia di Robot a cui può essere abbinata.
L’Unità di Controllo comprende tutti i moduli necessari alla gestione del Robot (sezione
alimentazione da rete elettrica, azionamenti, modulo distribuzione segnali e gestione
sicurezze). Non sono invece compresi nel modello base il Terminale di programmazione
e i moduli opzionali. Anche i Cavi di collegamento tra C5G e Robot devono essere scelti
separatamente.
I modelli riportati in Tab. 3.1 sono configurazioni base; in caso di esigenza, richiedere
configurazioni personalizzate.

Tab. 3.1 - C5G: modelli base disponibili


Unità di Controllo Potenza *² Numero di
Numero di
Famiglie Robot *¹ C5G Totale installata / assi
di picco robot
(serie SMART5) da abbinare corrente media disponibili /
(<= 2s) controllabili
/ Codice Comau a 400 Vac max gestiti *4
SMART5 4 kVA / 6 A 10 kVA 1 6
C5G-ACC1
SiX
CR17930181 12 kVA*³ / 18 A 20 kVA 1 6 / 11
NS
SMART5 8 kVA / 12 A 20 kVA 1 6
NM
NJ < 180 12 kVA*³ / 18 A 20 kVA 1
C5G-ACC3
SMART5 CR17930381 6/9
NJ > 175 < 400 12 kVA*³ / 18 A 30 kVA 1
NJ 450 - 2.7
SMART5 C5G-ACC3
12 kVA*³ / 18 A 30 kVA 1 6/9
NJ4 CR17930381

SMART5 C5G-ACC3P
12 kVA / 18 A 30 kVA 1 4
PAL CR17930681
SMART5
C5G-ACC5
NJ 420 - 3.0 12 kVA / 18 A 30 kVA 1 6
CR17930581
NJ 500 - 2.7
Configurazioni particolari
SMART5
C5G-ACC1TW
2 x SiX oppure 8 kVA / 12 A 20 kVA 2 12
CR17930981
2 x NS
SMART5 C5G-ACC1
2 x SiX oppure CR17930981
12 kVA / 18 A 20 kVA 3 16
2 x NS e C5G-ACPW1
con posizionatore CR17930781
SMART5 C5G-ACC3FA
12 kVA / 18 A 20 kVA 1 4
Portale CR17931181
C5G-ACC3FA 4 assi Robot
SMART5
CR17931181 10 kVA / 15 A 20 kVA 1 5 assi braccio
Laser
e C5G-ABSL *5 ottico
Configurazione C5G-ACC0
12 kVA*6 / 18 A 30 kVA *6 2 *6 12 *6
personalizzata CR17930081

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 33
Modelli e Caratteristiche tecniche

*¹ Per le informazioni sulle caratteristiche dei Robot e sui modelli disponibili consultare
i manuali “Specifiche Tecniche” dei rispettivi Robot. Gli abbinamenti delle famiglie Robot
con l’Unità di Controllo possono essere soggetti a cambiamenti; consultare il servizio
commerciale Comau.

Il valore della potenza non varia al variare della tensione di alimentazione poiché il
sistema funziona a potenza costante

Oltre gli 8 kVA installati è richiesta l’opzione C5G-AFK: Kit Ventola aggiuntiva.
*4
Consultare il paragrafo Assi aggiuntivi
*5 L’application box C5G-ABSL è trattato nei manuali specifici dell’applicazione SMART
Laser
*6 Valore massimo, che può essere inferiore secondo la configurazione degli assi
controllati

Fig. 3.2 - Unità di Controllo C5G: vista anteriore e posteriore

In figura è rappresentata l’Unità di Controllo C5G già allestita con Terminale di


programmazione iTP.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
34 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.2.1 Caratteristiche tecniche dell’Unità di Controllo


In Tab. 3.2 sono elencate le caratteristiche tecniche della versione base del prodotto.

Tab. 3.2 - Caratteristiche tecniche generali


C5G-ACC3
C5G-ACC1
C5G-ACC3P C5G-ACC5
C5G-ACC1TW
C5G-ACC3FA
Dimensioni
Altezza x Larghezza x Profondità (versione base senza 1110 x 800 x 510 mm
opzioni) 43.31 x 31.50 x 20.08 in
– Altezza con opzione ruote invariata
– Altezza con opzione zoccolo alzatore 100 mm +100 mm (+3.94 in)
– Altezza con opzione Application Box *³ +540 mm (+21.26 in)
– Altezza con condizionatore +340 mm (+13.38 in)
Dati di alimentazione

Tensione di alimentazione da 400 Vac -10%


(secondo norma EN 60204-1 § 4.3.3, interruzione della tensione non a 500 Vac +10%
superiore a 20 ms) (opzionale da 400 Vac -10% a 575 Vac +10%)*¹
Frequenza
50 a 60 Hz (±2 Hz)
(secondo norma EN 60204-1 § 4.3.3)
Potere interruzione interruttore generale 6 kA a 500 Vac
Potenza installata da 3 a 12 kVA (vedi Tab. 3.1)
Tensione dei circuiti ausiliari 24 Vdc
Assi controllabili
Totali del sistema fino a 16 assi
Unità di Controllo senza armadi di espansione fino a 11 assi
Condizioni ambientali
Protezione armadio (escluso vano posteriore)
IP 54 / NEMA 12
(secondo norma EN 60529)
Protezione vano posteriore IP 2x
(secondo norma EN 60529)

Temperatura ambiente senza sistemi di raffreddamento da +5 °C a +45 °C *²


(condizioni di prova secondo norma EN 60068-2-14) da +41 °F a 113 °F
Temperatura ambiente con sistemi di raffreddamento da +5 °C a +55 °C *²
(condizioni di prova secondo norma EN 60068-2-14) da +41 °F a 131 °F
da -25 °C a +55 °C
Temperatura ambiente di magazzinaggio
da -13 °F a 131 °F
(secondo norma EN 60204-1 § 4.5)
+70 °C / 158 °F per brevi periodi inferiori all’ora.
1,5 °C/minuto
Massimo gradiente di temperatura
2.7 °F/minuto
Umidità relativa
(secondo norma EN 60204-1 § 4.4.4, condizioni di prova HD 323.2.3. da 5% a 95% senza condensa
S2)

Altitudine del luogo di installazione da 0 a 1.000 m / 0 to 3280 ft


(secondo norma EN 60204-1 § 4.4.5) sopra il livello del mare
Raffreddamento
Cabina versione normale Convezione naturale

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 35
Modelli e Caratteristiche tecniche

Tab. 3.2 - Caratteristiche tecniche generali (Continua)


C5G-ACC3
C5G-ACC1
C5G-ACC3P C5G-ACC5
C5G-ACC1TW
C5G-ACC3FA
Cabina con opzioni di raffreddamento Condizionatore
Azionamento Ricircolo aria forzato
Peso
Unità di controllo (versione base)
Il peso indicato può differire secondo la configurazione, in particolare
125 kg / 275 lb senza imballo
nella versione con Application Box. Consultare sempre la targa
esposta sull’Unità di Controllo
Condizionatore (opzionale) 31 kg / 68 lb
Vibrazioni e urti
Frequenza 10 - 250 Hz
Vibrazioni sinusoidali accelerazione 0,6 g rms asse Z
(secondo norma EN 60068-2-64)
accelerazione 0,2 g rms assi X-Y
Colorazione
Corpo armadio, parti verniciate RAL 7024
*¹ E’ possibile estendere il campo di tensione con l’opzione trasformatore e cambio
tensione su morsettiera.
*² Con limitazioni (vedi par. 4.13 Sistema di ventilazione interno a pag. 90).
*³ Application Box opzionale presente nelle versioni per SMART5 Laser, SMART5
Power e altre personalizzazioni utente.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
36 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3 Terminale di programmazione


Il modello base dell’Unità di Controllo deve essere completato con il Teminale di
programmazione che è fornibile in modelli che si differenziano per il tipo di collegamento
desiderato tra Unità di Controllo e il Terminale di programmazione stesso.

Fig. 3.3 - Terminale di programmazione: vista generale

3.3.1 Principio di funzionamento dei Terminali di


programmazione
I Terminali di programmazione dialogano con l’Unità di Controllo C5G principalmente
attraverso il protocollo TCP/IP su rete Ethernet. Il collegamento parte dalla porta
Ethernet ETH1 dedicata sul Modulo AMS-APC820; quindi, secondo il tipo di terminale,
si collega:
– al terminale C5G-iTP / C5G-iTP2 attraverso connettore X124/CIP
– oppure, all’access point sulla docking station per il terminale C5G-WiTP.
La selezione del modo di comando Programmazione (T1), Automatico locale (AUTO)
e Automatico remoto (REMOTE) è possibile impiegando il selettore installato sul
Terminale di programmazione (nel caso del C5G-iTP / C5G-iTP2) oppure sulla docking
station (nel caso del C5G-WiTP). Il selettore è connesso con circuiti hardware, con
segnali a 24 Vdc.
L’arresto e l’abilitazione dei movimenti (Enablig Device) sono collegati con circuiti
hardware sul Terminale di programmazione (nel caso del C5G-iTP / C5G-iTP2) oppure
via software sicuro e certificato (nel caso del C5G-WiTP).
L’interfaccia utente è a colori e consente di accedere in modo semplice e chiaro a tutti
i parametri, di eseguire la movimentazione del Robot e realizzare i programmi di lavoro.
Con opportuni software applicativi (realizzabili anche a cura dell’utente) l’interfaccia può
essere personalizzata per ambienti e processi produtti specifici.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 37
Modelli e Caratteristiche tecniche

L’alimentazione 24 Vdc è fornita, secondo il tipo di terminale:


– attraverso connessione diretta (connettore X124/CIP) per il terminale C5G-iTP /
C5G-iTP2
– oppure, come alimentazione per la ricarica della batteria, attraverso all’access
point sulla docking station per il terminale C5G-WiTP. Quest’ultimo è dotato di
batteria a bordo che si ricarica automaticamente quando connesso sulla docking
station.
Il collegamento con l’Unità di Controllo è previsto, secondo il tipo di terminale:
– attraverso connessione diretta su connettore X124/CIP a base armadio, per il
terminale C5G-iTP / C5G-iTP2 (anche in configurazione con terminale remotato).
Sul connettore transitano i segnali di rete, alimentazione e selezione modale con
pulsanti di abilitazione.
– attraverso la docking station e connessione wireless quando usato in mobilità.
Quando remotata, la docking station è comunque collegata via cavo all’Unità di
Controllo e sfrutta lo stesso connettore X124/CIP a base armadio.

Il connettore X124/CIP, pur identico nella configurazione via cavo o wireless con
docking station remotata, è connesso ai moduli interni in modo differente.
Se non si rispetta l’abbinamento del terminale con la modalità di connessione,
tutte le funzioni di movimento sono inibite; restano operative le funzionalità di
diagnostica.

Approfondimenti sui modi di comando sono riportati al par. 2.6 Modi di comando
a pag. 31.
Le funzioni del Terminale di programmazione sono ampie e la trattazione
completa è riportata nel manuale di uso.

3.3.2 Panoramica sui Terminali di programmazione


Può essere scelto tra una delle seguenti possibili soluzioni:
– Terminale di programmazione C5G-iTP: connessione a cavo, selezione del modo
T1, AUTO e REMOTE
– Terminale di programmazione C5G-iTP2: connessione a cavo, selezione del modo
T1 e REMOTE
– Terminale di programmazione connessione wireless (C5G-WiTP).
Le differenze tecniche sono riportate al par. 3.3.3 Caratteristiche tecniche dei terminali
di programmazione a pag. 41.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
38 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3.3 Caratteristiche tecniche dei terminali di programmazione

Tab. 3.3 - Terminali di programmazione: modelli disponibili


Terminale Terminale
Caratteristica
C5G-iTP / C5G-iTP2 C5G-WiTP
Installato Installato
Selettore modale (Modaltà T1, AUTO *¹, REMOTE)
sul terminale sulla docking station
a cristalli liquidi retro illuminato
Display TFT 6.4” a 4096 colori
risoluzione 640 x 480
Dimensioni 360 x 210 x 80 mm
Peso 1090 g 1470 g
Porta USB 1.1 presente sul terminale 1
Metodo di connessione Cavo Wireless

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 39
Modelli e Caratteristiche tecniche

Tab. 3.3 - Terminali di programmazione: modelli disponibili


Terminale Terminale
Caratteristica
C5G-iTP / C5G-iTP2 C5G-WiTP
Distanza raggiungibile tra Unità di Controllo e
fino a 60 m fino a 40 m *4
Terminale di programmazione
Necessità di mantenere il terminale abbinato ad una
Si No*²
sola Unità di Controllo
Colorazione Grigio Blu
® ®
Processore Intel PXA 270 Intel PXA 270
Sistema operativo Microsoft® Windows® CE Microsoft® Windows® CE
Memoria interna 128 Mbyte 128 Mbyte
TCP-IP TCP-IP
Protocollo / metodo di comunicazione
via cavo IEEE802.11a
Independent communication channels *² (as
NA 19 EU / 24 USA
standard 802.11 a)
Pairing / Un-Pairing *³ -
Sicurezza di connessione cablata
Comau Patented
PL = d, DCawg = 95%,
Sicurezza secondo norma EN ISO 13849-1 PL = d
MTTFd > 100, CCF = 75
Autonomia impiego illimitata 5 ore (tipico)
Tempo di ricarica delle batterie NA 2 ore (tipico)
*¹ Modalità non disponibile sul modello C5G-iTP2
*² Each independent communication channel can be used to send and receive data from
different Wi-Fi sources at the same time.
*³ Impiegando la procedura di Pairing / Un-Pairing (Comau Patented) è possibile
utilizzare un solo terminale per 2 o più Unità di Controllo
*4 ambienti con schermature metalliche possono ridurre sensibilmente l’intensità del
segnale e la distanza operativa
NA: Non Applicabile

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
40 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3.4 Terminale di programmazione C5G-iTP: connessione a


cavo, selezione del modo T1, AUTO e REMOTE
Al primo acquisto occorre scegliere una Stazione, comprendente il Terminale di
programmazione e supporto per l’alloggiamento.
Il modello del terminale è il C5G-iTP; il supporto per l’alloggiamento è disponibile in due
versioni ed è fornito in abbinamento al terminale:
– supporto C5G-iBK2, con gancio per appendere il cavo
– supporto C5G-SPB, con tasca per contenere e nascondere il cavo.
Il supporto può essere installato sulla porta o consegnato a parte per installazione
remotata nei pressi della postazione di controllo della linea / cella (installazione a cura
utilizzatore, vedi par. 12.5.1 C5G-iBK2 e C5G-SPB: installazione remotata del terminale
di programmazione wired (C5G-iTP e C5G-iTP2) a pag. 279). In fase di acquisto
occorre precisare se deve essere premontato sulla porta dell’Unità di Controllo.
Mediante il selettore a chiave posto sul terminale è possibile la selezione del modo di
comando Programmazione (T1), Automatico locale (AUTO) e Automatico remoto
(REMOTE).

Tab. 3.4 - Terminali di programmazione con cavo, selettore per 3


stati, completo di supporto: modelli di stazione
disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

Supporto C5G-iBK2

Stazione C5G-iRT10 10 m (33 ft) C5G-iRT10 CR17431980

Stazione C5G-iRT20 20 m (66 ft) C5G-iRT20 CR17431981


Stazione C5G-iRT30 30 m (98 ft) C5G-iRT30 CR17431982
Comprende: Terminale di programmazione C5G-iTP con cavo, cavi e connettori interni armadio, supporto
C5G-iBK2.
Supporto C5G-SPB

Stazione C5G-iRTF10 10 m (33 ft) C5G-iRTF10 CR17432380

Stazione C5G-iRTF20 20 m (66 ft) C5G-iRTF20 CR17432381


Comprende: Terminale di programmazione C5G-iTP con cavo, cavi e connettori interni armadio, supporto
C5G-SPB

Quando è necessario acquistare il solo terminale di programmazione completo di cavo


è possibile scegliere tra i modelli sotto riportati.

Tab. 3.5 - Terminali di programmazione con cavo (senza


supporto): modelli disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

10 m (33 ft) C5G-iTP10 CR17910381

Terminale C5G-iTP con cavo 20 m (66 ft) C5G-iTP20 CR17910382

30 m (98 ft) C5G-iTP30 CR17910383

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 41
Modelli e Caratteristiche tecniche

Tab. 3.5 - Terminali di programmazione con cavo (senza


supporto): modelli disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau
Comprende: Terminale di programmazione C5G-iTP con cavo.
E’ inoltre possibile installare una prolunga aggiuntiva, a scelta tra i modelli sotto riportati.

Tab. 3.6 - Cavo di prolunga per Terminale di programmazione


con cavo: modelli disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

C5G-iTP prolunga cavo iTP 10 m 10 m (33 ft) -- CR17241260

C5G-iTP prolunga cavo iTP 20 m 20 m (66 ft) -- CR17241261

C5G-iTP prolunga cavo iTP 30 m 30 m (98 ft) -- CR17241262


Comprende: Cavo di prolunga con connettori maschio e femmina alle 2 estremità. Il connettore femmina è
dotato di flangia con 4 fori di fissaggio per consentire l’installazione stabile a parete.
Nota: è consentito installare un solo cavo di prolunga.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
42 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3.5 Terminale di programmazione C5G-iTP2: connessione a


cavo, selezione del modo T1 e REMOTE
Al primo acquisto occorre scegliere una Stazione, comprendente il Terminale di
programmazione e supporto per l’alloggiamento.
Il modello del terminale è il C5G-iTP2; il supporto per l’alloggiamento è disponibile nella
versione C5G-iBK2, (con gancio per appendere il cavo) ed è fornito in abbinamento al
terminale:
Il supporto può essere installato sulla porta o consegnato a parte per installazione
remotata nei pressi della postazione di controllo della linea / cella (installazione a cura
utilizzatore, vedi par. 12.5.1 C5G-iBK2 e C5G-SPB: installazione remotata del terminale
di programmazione wired (C5G-iTP e C5G-iTP2) a pag. 279). In fase di acquisto
occorre precisare se deve essere premontato sulla porta dell’Unità di Controllo.
Mediante il selettore a leva posto sul terminale è possibile la selezione del modo di
comando Programmazione (T1) e Automatico remoto (REMOTE).

Tab. 3.7 - Terminali di programmazione con cavo, selettore per 2


stati, completo di supporto: modelli di stazione
disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

Supporto C5G-iBK2

Stazione C5G-iRT210 10 m (33 ft) C5G-iRT210 CR17431680

Stazione C5G-iRT220 20 m (66 ft) C5G-iRT220 CR17431681


Stazione C5G-iRT230 30 m (98 ft) C5G-iRT230 CR17431682
Comprende: Terminale di programmazione C5G-iTP2 con cavo, cavi e connettori interni armadio, supporto
C5G-iBK2.

Quando è necessario acquistare il solo terminale di programmazione completo di cavo


è possibile scegliere tra i modelli sotto riportati.

Tab. 3.8 - Terminali di programmazione con cavo (senza


supporto): modelli disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

10 m (33 ft) C5G-iTP210 CR17910581

Terminale C5G-iTP2 con cavo 20 m (66 ft) C5G-iTP220 CR17910582


30 m (98 ft) C5G-iTP230 CR17910583
Comprende: Terminale di programmazione C5G-iTP2 con cavo.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 43
Modelli e Caratteristiche tecniche

E’ inoltre possibile installare una prolunga aggiuntiva, a scelta tra i modelli sotto riportati.

Tab. 3.9 - Cavo di prolunga per Terminale di programmazione


con cavo: modelli disponibili
Descrizione Lunghezza cavo Sigla Codice Comau

C5G-iTP prolunga cavo iTP 10 m 10 m (33 ft) -- CR17241260


C5G-iTP prolunga cavo iTP 20 m 20 m (66 ft) -- CR17241261

C5G-iTP prolunga cavo iTP 30 m 30 m (98 ft) -- CR17241262


Comprende: Cavo di prolunga con connettori maschio e femmina alle 2 estremità. Il connettore femmina è
dotato di flangia con 4 fori di fissaggio per consentire l’installazione stabile a parete.
Nota: è consentito installare un solo cavo di prolunga.

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
44 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3.6 Terminale di programmazione connessione wireless


(C5G-WiTP)
Al primo acquisto occorre scegliere una Stazione C5G-WiWS, comprendente il
Terminale di programmazione e docking station.
Il modello del terminale è il C5G-WiTP; il supporto per l’alloggiamento è disponibile sulla
docking station C5G-WiDK5.
La docking station può essere installata sulla porta o abbinata con l’opzione C5G-RDS
per l’installazione remotata nei pressi della postazione di controllo della linea / cella
(installazione a cura utilizzatore, vedi par. 12.5.3 C5G-RDS Remotazione Docking
Station a pag. 281).
Il selettore a chiave è posto sulla docking station ed è possibile la selezione del modo
di comando Programmazione (T1), Automatico locale (AUTO) e Automatico remoto
(REMOTE).

Tab. 3.10 - Terminali di programmazione senza cavo (wireless),


completi di docking station: modelli di stazione
disponibili
Descrizione Sigla Codice Comau

Stazione C5G-WiWS C5G-WiWS CR17432280


Comprende: Terminale di programmazione C5G-WiTP wireless, cavi e connettori interni armadio, supporto e
docking station C5G-WiDK5 su porta armadio, antenna

Quando è necessario acquistare i componenti separati (es. terminale di


programmazione) è possibile scegliere come sotto riportato.

Tab. 3.11 - Componenti separati: modelli disponibili


Descrizione Sigla Codice Comau

Terminale di programmazione C5G-WiTP Wireless C5G-WiTP CR17911380


Docking station C5G-WiDK5 per Terminale di
C5G-WiDK5 CR17432180
programmazione C5G-WiTP

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 45
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.3.7 Moduli interni interconnessi con i Terminali di


programmazione
I Terminali di programmazione C5G-iTP e C5G-iTP2 e la docking station C5G-WiDK5
(comprese le rispettive configurazioni remotate) condividono alcuni connettori sui
moduli interni all’Unità di Controllo. I cavi interni confluiscono sul connettore X124/CIP
a base armadio o sulla docking station secondo quanto indicato in Tab. 3.12.

Tab. 3.12 - Impiego dei connettori dei moduli interni secondo le


configurazioni del terminale installato
Terminale
Terminale
connesso via cavo Terminale
wireless
Descrizione C5G-iTP / C5G-iTP2 wireless
C5G-WiTP con docking
(remotazione C5G-WiTP
station remotata
compresa)
Tappo di richiusura Tappo di richiusura
Connettore X110/SDM Connesso a X124/CIP
circuiti circuiti
Connesso a docking
Connettore X112/SDM Connesso a X124/CIP Connesso a X124/CIP
station

Tappo di richiusura Connesso a docking


Connettore X302/SDM Connesso a X124/CIP
circuiti station

Connesso a docking
Connettore ETH1/APC Connesso a X124/CIP Connesso a X124/CIP
station

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
46 00/0512
Modelli e Caratteristiche tecniche

3.4 Cavi di collegamento tra C5G e Robot


I cavi di collegamento tra Unità di Controllo C5G e Robot sono connessi da una
estremità alla base dell’armadio e l’altra estremità alla base del Robot, sui rispettivi
pannelli connettori.
Il kit di fornitura cavi comprende il cavo segnali, il cavo motori e il cavo di terra. I cavi
sono del tipo a posa fissa e possono essere scelti secondo le lunghezze richieste
dall’installazione e la famiglia di Robot:
– cavo segnali, connettore X10 a base armadio, X1 a base Robot
– cavo motori, connettore X60 a base armadio, X2 a base Robot
– cavo di terra, completo di capocorda a occhiello alle estremità.

Tab. 3.13 - Kit di cavi di collegamento tra C5G e Robot: modelli


disponibili
Codice Comau Descrizione
Per Robot famiglia SiX, NS, NM, ARC4
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946080
Lunghezza cavi 5 m (16 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946081
Lunghezza cavi 10 m (33 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946082
Lunghezza cavi 15 m (49 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946083
Lunghezza cavi 20 m (66 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946084
Lunghezza cavi 30 m (98 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18946085
Lunghezza cavi 40 m (131 ft)
Per Robot famiglia NJ, NJ4, PAL, Laser
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945880
Lunghezza cavi 5 m (16 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945881
Lunghezza cavi 10 m (33 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945882
Lunghezza cavi 15 m (49 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945883
Lunghezza cavi 20 m (66 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945884
Lunghezza cavi 30 m (98 ft)
Kit costituito dal cavo segnali, cavo motori e cavo di terra.
CR18945885
Lunghezza cavi 40 m (131 ft)

HS-RC-C5E-SPT_02.fm
00/0512 47
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4. APPROFONDIMENTI SULL’UNITÀ DI
CONTROLLO C5G
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Moduli presenti nell’Unità di Controllo
– Arm Controller Electromechanical (ACE)
– Unità di governo, alimentatori e moduli di potenza
– Modulo AMS-APC820
– Modulo AMS-PPS8
– Modulo AMS-ASM32
– Modulo AMS-IAM
– Dissipatore termico AMS-FMP14
– Safety Distribution Module (SDM)
– Uninterruptible Power Supply (UPS)
– Operator Panel Devices (OPD)
– Connector Interface Panel (CIP)
– Sistema di ventilazione interno
– Generalità sulle reti di comunicazione all’interno dell’Unità di Controllo C5G
– Rete Ethernet POWERLINK
– Rete CAN Bus
– Piedinatura dei connettori
– Variabili di sistema.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
48 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.1 Moduli presenti nell’Unità di Controllo


Il modello base dell’Unità di Controllo C5G è costituito dai seguenti accorpamenti
omogenei:
– Arm Controller Electromechanical (ACE), costituito dai moduli elettromeccanici
della sezione alimentazione da rete elettrica
– Unità di governo, alimentatori e moduli di potenza, costituito dai moduli
dell’azionamento e l’unità di governo
– Safety Distribution Module (SDM), costituito da un modulo per la gestione dei
segnali di sicurezza e la distribuzione del 24 Vdc
– Uninterruptible Power Supply (UPS), costiuito da un modulo per il backup dei 24
Vdc (mediante batteria) per alimentare i moduli per il tempo necessario allo
spegnimento in caso di assenza di energia elettrica.
– Operator Panel Devices (OPD), costituito dal pannello frontale dell’Unità di
Controllo dove sono installati la manovra dell’interruttore generale e le opzioni per
la manutenzione del sistema robotico
– Connector Interface Panel (CIP), costituito dal pannello frontale inferiore dove
sono ubicati i connettori di l’interfacciamento con il Robot e le applicazioni
– Sistema di ventilazione interno, costituito da ventole per il ricircolo forzato dell’aria
all’interno dell’armadio e sul dissipatore posteriore.
Per consentire una maggiore versatilità e adattabilità, il modello base dell’Unità di
Controllo può essere dotata di Opzioni e/o soluzioni complete per la personalizzazione
delle applicazioni.
La Fig. 4.1 illustra la dislocazione dei moduli presenti nell’Unità di Controllo.

Fig. 4.1 - Dislocazione moduli nell’Unità di Controllo

A: Arm Controller Electromechanical (ACE)

B: Unità di governo, alimentatori e moduli di


A E potenza

C: Safety Distribution Module (SDM)


B
D: Uninterruptible Power Supply (UPS)

C E: Operator Panel Devices (OPD)

F: Connector Interface Panel (CIP)


D

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 49
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.2 Arm Controller Electromechanical (ACE)


Scopo
L’Arm Controller Electromechanical (ACE) gestisce la distribuzione dell’energia elettrica
da rete tagliando gli eventuali disturbi elettrici con il filtro di rete.

Caratteristiche tecniche
L’Arm Controller Electromechanical (ACE) comprende l’interruttore generale, filtro e
morsettiere.

Composizione

Fig. 4.2 - ACE: vista generale

A: Maniglia per lnterruttore generale

B: interrrutore generale

C: Filtro EMI di linea

D: Morsettiera ingresso alimentazione


energia elettrica

A B C D

Tab. 4.1 - ACE: codici prodotto


Q.tà nell’Unità di Controllo
Componente Codice Comau
C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
Maniglia e prolunga per interrrutore
CR19191127 1
PKZO-XH-MCC
Interrrutore generale PKZMO-25 CR19191126 1

Filtro EMI di linea CR10140283 1

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
50 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.3 Unità di governo, alimentatori e moduli di


potenza
Scopo
L’unità di governo, gli alimentatori e i moduli di potenza alimentano e gestiscono l’intero
sistema, supervisionano e interagiscono con tutti gli altri moduli presenti nell’Unità di
Controllo.

Caratteristiche tecniche
Il sistema comprende l’unità di governo (Modulo AMS-APC820), l’alimentatore per bus
DC (Modulo AMS-PPS8), l’alimentatore 24 Vdc (Modulo AMS-ASM32) e i moduli di
potenza e controllo degli assi (Modulo AMS-IAM).
La potenza del Robot controllato dall’Unità di Controllo influenza il numero dei moduli
assi installati e le conseguenti correnti fornibili.
Ogni modulo installato può occupare da 1 a 2 slot; la dimensione di ogni slot è pari a
53,5 mm (21.00 in).
Ad eccezione del Modulo AMS-ASM32 (non richiede connessione POWERLINK), i
restanti moduli scambiano informazioni tra di loro attraverso la Rete Ethernet
POWERLINK. Ogni modulo dispone di un indirizzo IP univoco. La definizione degli
indirizzi è descritta al par. 4.15.1 Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK a pag. 92.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 51
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Composizione

Fig. 4.3 - Sistema: vista generale

A: unità di governo Modulo AMS-APC820


(Acopos PC)

B: alimentatore bus DC Modulo AMS-PPS8


(Passive Power Supply)

C: alimentatore 24 Vdc Modulo AMS-ASM32


(Ausiliary Supply Module)

D: moduli di potenza e controllo degli assi


Modulo AMS-IAM (Inverter Axis Module)

E: Dissipatore termico AMS-FMP14

F: connettore bus DC e 24 Vdc

A B C D E F
In figura è rappresentata la composizone tipica per l’Unità di Controllo C5G-ACC1

Tab. 4.2 - Sistema: codici prodotto

Slot Q.tà nell’Unità di Controllo


Componente Codice Comau
occupati C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
AMS-APC 820
1 CR10140783 1
Acopos PC
AMS-PPS 8
2 CR10140383 1
Passive Power Supply
AMS-ASM 32
1 CR10140483 1
Ausiliary Supply Module
AMS-IAM 22+22
2 CR10141583 x 2
Inverter Axis Module
AMS-IAM 11+11
2 CR10141483 1 1
Inverter Axis Module
AMS-IAM 5,5+5,5
1 CR10141283 1 x
Inverter Axis Module
AMS-IAM 2,8+2,8
1 CR10141183 1 x
Inverter Axis Module

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
52 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.2 - Sistema: codici prodotto (Continua)

Slot Q.tà nell’Unità di Controllo


Componente Codice Comau
occupati C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
AMS-ETI22
- CR10140883 6 6
Encoder trasducer
AMS-FMP 14
- CR10140183 1
Dissipatore termico
C5G-ERR
- CR19191128 1
Resistenza di recupero
Batteria ricambio per
- 1
AMS-APC 820
AMS-AFU
Ventola ricambio per -- Consultare Cap.10.3 - 2
AMS-APC 820 Elenco dei ricambi a
AMS-AFU pag. 111 nel manuale
Ventola ricambio per “Manutenzione”
AMS-PPS 8 -- 1 in ogni modulo
AMS-ASM 32
AMS-IAM x
X: Non richiesto

4.3.1 Moduli presenti


Il sistema è composto dai seguenti moduli:
– Modulo AMS-APC820 (Acopos PC) (A), unità di calcolo costituita da un modulo PC
industriale dual core.
– Modulo AMS-PPS8 (Passive Power Supply) (B), alimentatore / convertitore per
generare il bus DC dell’azionamento.
– Modulo AMS-ASM32 (Ausiliary Supply Module) (C), alimentatore / convertitore per
generare il 24 Vdc usato per alimentare i circuiti ausiliari.
– Modulo AMS-IAM (Inverter Axis Module) (D), modulo asse completo, composto
dalla sezione di potenza, controllo posizione e comando freno. I moduli IAM sono
in quantità e taglie differenti secondo la potenza del Robot e/o il numero di assi da
gestire. L’interfaccia di controllo della posizione è una scheda AMS-ETI22 inserita
nel modulo AMS-IAM.
– C5G-ERR (Energy Recovery Resistance), resistenza di recupero da 15 ohm 2 kW
– Dissipatore termico AMS-FMP14, piastra in alluminio per il fissaggio dei moduli e
per dissipazione termica degli stessi. Al dissipatore sono agganciati i connettori
bus che distribuiscono l’alimentazione del bus DC e del 24 Vdc usato dai moduli
installati.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 53
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.4 Modulo AMS-APC820


Il modulo AMS-APC820 è l’unità di calcolo che gestisce il generatore di traiettoria,
l'interfaccia HMI, l'I/O di sistema e di applicazione. E’ master del protocollo real-time
Ethernet POWERLINK (EPL) e della connessione seriale CANopen.
Il modulo è un Personal Computer (PC) industriale con processore dual core.
Gli Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK non richiedono personalizzazione da parte
dell’utente.

Fig. 4.4 - AMS-APC820: vista generale

Battery: CMOS battery

CAN Bus: porta CAN Bus per la


comunicazione con il Safety Distribution
Module (SDM)

CARD SLOT: slot espansione riservato

CompactFlash Slot 1: slot per CF di sistema

CompactFlash Slot 2: slot per CF riservato


Leds

COM1: porta seriale RS232 riservata

COM2: porta seriale RS232/RS422 per


applicazioni utente

ETH1: porta rete Ethernet per Terminale di


ETH1 XD2 XD3

ETH2 XD4 XD5


programmazione

ETH2: porta rete Ethernet per applicazioni


COM2 COM1 utente

DVI / SDL: porta monitor riservata


X3A

XD
Led / Switch: led stato terminazione CAN
Led / Switch inserita e relativo interruttore
Compact Flash Slot 1

Compact Flash Slot 2

CAN Bus

Power button: pulsante di accensione


AMS-APC820
DVI/SDL
Battery XD: porta USB per la connessione a
CARD periferiche di memorizzazione compatibili
Slot

XD2: porta USB riservata per opzione


C5G-USBK: Kit USB
Fans
XD3: porta USB riservata per opzione
Top C5G-USBK: Kit USB oppure C5G-U2E:
side Adattatore USB to Ethernet

Front XD4: porta USB riservata per ampliamenti


side XD5: porta USB riservata per ampliamenti

X3A: porta Ethernet POWERLINK

Leds: led di segnalazione

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
54 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.3 - AMS-APC820: connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

Batteria tampone
Battery Caratteristiche:
Battery – Tipo: “Renata” 950 mAh
– Durata: tipica 5 anni. La diagnostica segnala quando
restano approssimativamente 500 ore di autonomia.

Porta CAN Bus per la comunicazione con il Safety


Distribution Module (SDM)

Can resistor On
Caratteristiche:
1 – Velocità supportata: Max. 500 kbit/s
CAN Bus
4
– Lunghezza massima cavo: 1000 m (3281 ft)
Piedinatura:

CAN Bus

Tra il connettore della Rete CAN Bus e il vicino connettore


Ethernet è presente un dip-switch per inserire la resistenza
di terminazione del bus ed un led che con la sua
accensione identifica la resistenza inserita.
Entrambi i dip-switch e il led sono posizionati leggermente
all’interno, comunque visibili e accessibili.
la resistenza di terminazione deve essere
sempre inserita.

DVI/SDL Slot espansione riservato per opzioni (scheda Ethernet per


CARD slot CARD
Slot
CARD SLOT field bus (ETH3), seconda scheda Ethernet per
DVI/SDL POWERLINK)

Slot per CompactFlash card contenente il Sistema


CompactFlash Operativo, i file di sistema e i file utente.
Slot 2
CompactFlash
Slot 1 Caratteristiche:
(lato sinistro) – Dimensione: 512 Mbyte
– Formattazione: proprietaria
CompactFlash – Spazio utente disponibile: 290 Mbyte (UD:)
Slot 1

CompactFlash
Slot 2 Riservato
(lato destro)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 55
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.3 - AMS-APC820: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Porta seriale RS232 riservata.
Connettore DSUB (a vaschetta) 9 pin maschio.

9
Caratteristiche:
COM 1
– RS232, modem-capable, non isolata elettricamente
1
– UART 16550-compatible, 16-byte FIFO
– Velocità: Max. 115 kbaud *¹
– Lunghezza massima cavo: 15 m (49 ft)
Piedinatura:

COM1

*¹ dipende dal tipo di cavo e dalla lunghezza


Porta seriale RS232/RS422 per applicazioni utente. Le
porte RS232 e RS422 non possono essere usate
contemporaneamente.
9
COM 2
COM2
1
Approfondimenti al Cap.10. -
Comunicazione seriale RS-232 e RS-422 a
pag. 256.

Porta rete Ethernet 10/100/1000, riservata per la


connessione con Terminale di programmazione
ETH 1
Caratteristiche:
ETH 2
– Controller: Realtek RTL8111B
ETH1
– Velocità: 10/100/1000 Mbit/s
– Lunghezza massima cavo: 100 m (328 ft), minimo
Cat5e
– Tipo di cavo: S/STP (Cat5e)
Porta rete Ethernet 10/100/1000 per applicazioni utente
(es. connessione a Host di stabilimento)

ETH2 Approfondimenti al Cap.11. -


Comunicazione su rete Ethernet a pag. 260.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
56 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.3 - AMS-APC820: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

DVI/SDL
DVI / SDL Porta monitor riservata: DVI / SDL (Smart Display Link)

Led: segnalazione stato terminazione rete CAN Bus:


– acceso, indica la condizione di resistenza di
terminazione inserita (condizione corretta)
Led / Switch – spenta, terminazione non inserita (condizione errata)

Led / Switch Switch: inserimento / disinserimento resistenza di


terminazione:
– ON, resistenza di terminazione inserita (condizione
corretta)
– OFF, resistenza di terminazione disinserita
(condizione errata)

Reset
Porta USB per la connessione a periferiche di
XD button
memorizzazione compatibili, ad esempio C5G-FDU: Flash
XD
Disk USB (vedi par. 15.2.1 a pag. 300).
Massima corrente fornibile 1 A.

Porta USB riservata per opzione C5G-USBK: Kit USB


XD2
Massima corrente fornibile 500 mA.
XD2
XD3 Porta USB riservata per opzione C5G-USBK: Kit USB
XD3
XD4
XD5
Massima corrente fornibile 500 mA.
Porta USB riservata per ampliamenti futuri.
XD4
Massima corrente fornibile 1 A
Porta USB riservata per ampliamenti futuri.
XD5
Massima corrente fornibile 1 A
Caratteristiche comuni alle porte USB XD, XD2, XD3, XD4,
XD5:
– USB 2.0 (Universal Serial Bus)
– Connettore tipo A, femmina.
– Velocità supportate: Low speed (1.5 Mbit/s), Full
speed (12 MBit/s) e High speed (480 Mbit/s)
– Lunghezza cavo di connessione: 5 m (senza HUB)

X3A Porta rete Ethernet POWERLINK per la comunicazione


1
X3A con i moduli dell’azionamento (destinato al Modulo
AMS-PPS8)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 57
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.3 - AMS-APC820: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

Led di segnalazione:
– PWR: Power Led:
• [ON] Acceso indica la condizione di APC820
alimentato
– CF: CompactFlash Led:
• [ON] acceso durante l’accesso alla CF su slot 1
Leds – SDL: Link Led: non utilizzato
– RUN: Run Led: non utilizzato
– CAN: CAN Bus Led:
• [ON] acceso fisso durante la fase di bootstrap
– ACT LNK: Ethernet POWERLINK Led
– SPD LNK: Ethernet ETH1 Led: non utilizzato
– SPD LNK: Ethernet ETH2 Led: non utilizzato

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
58 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.5 Modulo AMS-PPS8


Il modulo AMS-PPS8 è un alimentatore / convertitore per generare il bus DC
dell’azionamento.
L’Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK è predefinito a “T1=0 e T2=1”.

Fig. 4.5 - AMS-PPS8: vista generale

X1:segnale Bus DC pronto (destinato al


Modulo AMS-ASM32)

X3A:porta Ethernet POWERLINK per la


comunicazione tra moduli (proveniente da
Modulo AMS-APC820)

X3B:porta Ethernet POWERLINK per la


X1 comunicazione tra moduli (destinato al primo
X3B dei Modulo AMS-IAM)
Leds
X3A
X5A: ingresso alimentazione da rete trifase

X5B: collegamento Resistenza di recupero

Leds: led di segnalazione

Top
side

X5B

X5A

AMS-PPS8

Front
side

Bottom
side

Tab. 4.4 - AMS-PPS8: connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

X1 X1 Segnale Bus DC pronto (destinato al Modulo AMS-ASM32)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 59
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.4 - AMS-PPS8: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

Porta rete Ethernet POWERLINK per la comunicazione


X3A con i moduli dell’azionamento (proveniente dal Modulo
X3A AMS-PPS8)

X3B Porta rete Ethernet POWERLINK per la comunicazione


X3B con i moduli dell’azionamento (destinato al primo dei
Modulo AMS-IAM)

X5A X5A Ingresso alimetazione da rete, trifase

X5B X5B Collegamento Resistenza di recupero

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
60 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.4 - AMS-PPS8: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Led di segnalazione:
Supply voltage:
– 24V (green)
• [ON] The 24 Vdc internal system supply voltage
is within the tolerance range
Inverter - power:
– RDY (green)
• [ON] The module is operational and the power
stage can be enabled (operating system present
and booted, no permanent or temporary errors).
– RUN (orange)
Leds
• [ON] The module power stage is enabled.
– ERR (red)
• [ON] A permanent *¹ or temporary*² error exists
on the module.
Ethernet POWERLINK:
– R/E (green/red): vedi Tab. 4.5
– L/D1 (green): vedi Tab. 4.5
– L/D2 (green): vedi Tab. 4.5
Encoder (sezione non usata):
– UP (giallo): non usato
– DN (giallo): non usato
*¹ Esempi di errori permanenti:
– Internal error on the device (e.g. IGBT heat sink temperature sensor defective)
*² Esempi di errori temporanei:
– 24 VDC supply voltage exceeds the tolerance range
– DC bus voltage exceeds the tolerance range
– Internal 15 VDC control voltage exceeds the tolerance range
– Over-temperature on the module (IGBT junction, heat sink)
– Powerlink network disturbance
– Over-temperature on the line filter / regeneration choke (temperature sensor)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 61
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.5 - Significato dei led Ethernet POWERLINK


Descrizione
Ethernet POWERLINK:
– R/E Read/Error (green/red)
• [OFF] Supply voltage is not applied to the module or initialization of the network interface has failed.
• [ON, Red] The POWERLINK node number of the module is 0.
• [ON, Red/Green blinking] The client is in an error state (drops out of cyclic operation).
• [ON, Green blinking x1] The client recognizes a valid POWERLINK frame on the network.
• [ON, Green blinking x2] Cyclic operation on the network; however the client itself is not yet
participating in cyclic operation.
• [ON, Green blinking x3] Cyclic operation of the client is in preparation.
• [ON, Green] The client is participating in cyclic operation.
• [ON, Green flickering] The client is not participating in cyclic operation and also does not detect any
other stations on the network that are participating in cyclic operation.
– L/D1 Link / Data activity Port 1 (green)
• [ON] There is a physical connection to another station on the network.
• [Blinking] Activity Port 1.
– L/D2 Link / Data activity Port 2 (green)
• See L/D1, for Port 2.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
62 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.6 Modulo AMS-ASM32


Il modulo AMS-ASM32 è un alimentatore / convertitore per generare il 24 Vdc usato per
alimentare i circuiti ausiliari.

Fig. 4.6 - AMS-ASM32: vista generale

X1 ingresso per segnale Bus DC pronto


proveniente dal Modulo AMS-PPS8

X2: Uscita 24 Vdc per alimentare la sezione


circuiti di sicurezza del Safety Distribution
Module (SDM) e ingresso per disattivare,
durante la procedura di shutdown, l’uscita 24
Vdc presente sul connettore X3.

X3:Uscita 24 Vdc per alimentare la sezione di


Leds distribuzione del Safety Distribution Module
(SDM) e ingresso / uscita 24 Vdc per
X2
alimentare il Uninterruptible Power Supply
X1 (UPS) e per ricevere indietro l’alimentazione
24 Vdc in assenza di alimentazione di rete.
X3

Leds: led di segnalazione

Top
side

AMS-ASM32

Front
side

Tab. 4.6 - AMS-ASM32: connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

1
Segnale Bus DC pronto proveniente dal Modulo
X1 X1 AMS-PPS8, usato per attivare il DC/DC converter interno e
generare il 24 Vdc per alimentare i circuiti ausiliari.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 63
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.6 - AMS-ASM32: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Uscita 24 Vdc per alimentare la sezione circuiti di sicurezza
X2 del Safety Distribution Module (SDM) (morsetti 1 e 2,
1
+24V2). L’uscita è presente anche in assenza di
alimentazione di rete grazie al Uninterruptible Power
X2
Supply (UPS).

Ingresso per disattivare, durante la procedura di shutdown,


l’uscita 24 Vdc presente sul connettore X3.
Uscita 24 Vdc per alimentare la sezione di distribuzione del
Safety Distribution Module (SDM) (morsetti 2 e 3, +24V1).
L’uscita è presente fino a poco prima del termine della
1
procedura di shutdown, anche in assenza di alimentazione
di rete grazie al Uninterruptible Power Supply (UPS).
X3 X3
Ingresso / uscita 24 Vdc per alimentare il Uninterruptible
Power Supply (UPS) e per ricevere indietro l’alimentazione
24 Vdc in assenza di alimentazione di rete (morsetti 1 e 4,
+24VUPS).
Led di segnalazione:
Supply voltage:
– 24V (green, left)
• [ON] The 24 Vdc internal system supply voltage
is within the permissible tolerance
– ERR (red, left)
• [ON] The module is not supplied via the DC bus
voltage. The 24 VDC internal system supply
voltage is outside of the permissible tolerance
(overload, over-temperature, short-circuit, etc).
24Vdc out:
– 24V (green, right)
Leds
• [ON] One of the switchable 24 VDC outputs is
active and the output voltage is within the
permissible tolerance. The 24 VDC internal
system supply voltage is within the permissible
tolerance.
– ERR (red, right)
• [ON] The 24 VDC internal system supply voltage
is outside of the permissible tolerance (overload,
over-temperature, short-circuit, etc). At least one
of the switchable outputs is active and the
electronic fuse has been triggered on one or more
switchable outputs.
*¹ The module is enabled via the input CR_OK, no electrical contact to the backplane
module - check bottom mounting screws.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
64 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.7 Modulo AMS-IAM


I moduli AMS-IAM sono schede di controllo assi dedicate alla gestione degli assi.
Sono disponibili moduli configurati per gestire 1 asse o 2 assi; secondo la taglia di
potenza, i moduli occupano da 1 o 2 slot (vedi Tab. 4.7).
L’Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK deve essere personalizzato.

Fig. 4.7 - AMS-IAM (doppio slot): vista generale

ETIx: modulo interfaccia Encoder AMS-ETI22

Two axis Single axis X1:segnale di abilitazione asse proveniente


da Safety Distribution Module (SDM)

X2:ingressi digitali per opzioni C5G-HSK5:


High Speed Input Kit e C5G-OTK: kit
oltrecorsa assi (sono presenti limitazioni di
impiego)

X3A:porta Ethernet POWERLINK per la


comunicazione tra moduli (nel caso sia il
primo modulo, proviene da Modulo
AMS-PPS8, altrimenti proviene dal modulo
AMS-IAM adiacente)

X3B:porta Ethernet POWERLINK per la


Top comunicazione tra moduli (destinato al
successivo modulo AMS-IAM)
side
X4A:comando freni asse (primo asse)

X4B:comando freni asse (secondo asse)


Two axis Single axis
X5A motore asse (primo asse)

X5B motore asse (primo asse)

X11: collegamento encoder

AMS-IAM

Bottom
side

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 65
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Fig. 4.8 - AMS-IAM (singolo slot): vista generale

ETIx: modulo interfaccia Encoder AMS-ETI22

Two axis Single axis X1:segnale di abilitazione asse proveniente


da Safety Distribution Module (SDM)

X2:ingressi digitali per opzioni C5G-HSK5:


High Speed Input Kit e C5G-OTK: kit
oltrecorsa assi (sono presenti limitazioni di
impiego)

X3A:porta Ethernet POWERLINK per la


comunicazione tra moduli (nel caso sia il
primo modulo, proviene da Modulo
AMS-PPS8, altrimenti proviene dal modulo
AMS-IAM adiacente)

X3B:porta Ethernet POWERLINK per la


comunicazione tra moduli (destinato al
successivo modulo AMS-IAM)
Top X4A:comando freni asse (primo asse)
side
X4B:comando freni asse (secondo asse,
Two axis Single axis quando presente)

X5A motore asse (primo asse)

X5B motore asse (secondo asse, quando


presente)

X11: collegamento encoder


AMS-IAM

Bottom
side

Tab. 4.7 - Occupazione in slot dei moduli AMS-IAM


Numero di slot
Modulo Codice Comau
occupati
AMS-IAM 2,8+2,8 Inverter Axis Module 2 CR10141183

AMS-IAM 5,5+5,5 Inverter Axis Module 2 CR10141283

AMS-IAM 11 Inverter Axis Module 1 CR10140983

AMS-IAM 11+11 Inverter Axis Module 2 CR10141483

AMS-IAM 22+22 Inverter Axis Module 2 CR10141583

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
66 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

Modulo interno per interfaccia Encoder / Resolver


Ogni modulo gestisce un solo asse.
ETI 1 gestisce il primo asse.
Quando presente, ETI 2 gestisce il secondo asse.
ETI 1
ETI 1
ETI 2
ETI 2 Soluzione Encoder:
– Modulo tipo AMS-ETI22

Soluzione Resolver:
– Modulo tipo AMS-RTI

1
Segnale di abilitazione asse/assi proveniente da Safety
Distribution Module (SDM).
Il connettore X1 è a 6 pin nel caso di modulo ad un asse,
12 pin per il modulo con doppio asse.

X1 Mantenere inalterata la posizione dei connettori


X1 volanti rispetto ai connettori X1 del modulo, in
particolare con la presenza delle opzioni per il
taglio sicuro degli assi.
Lo scambio di connettori X1 volanti tra moduli
può generare rischi in caso di arresto di un
singolo ARM.

Ingressi digitali per opzioni. Ad ogni modulo è abbinata una


X2 specifica opzione:
– primo modulo: C5G-HSK5: High Speed Input Kit
– secondo modulo: C5G-OTK: kit oltrecorsa assi
1
– terzo modulo: C5G-SMK: Signal Machine Kit.
Il connettore X2 del secondo modulo è
dotato di morsettiera con ponticelli al fine di
richiudere i circuiti dei finecorsa di oltrecorsa
X2 assi. La rimozione del connettore senza
installare l’opzione C5G-OTK genera un errore
di sistema per superamento oltrecorsa assi.
Il connettore X2 del terzo modulo è dotato di
morsettiera con ponticelli al fine di richiudere i
circuiti dei segnali di allarme su bordo robot. La
rimozione del connettore senza installare
l’opzione C5G-SMK genera un errore di
sistema per allarmi aria e flangia Robot.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 67
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

Porta rete Ethernet POWERLINK per la comunicazione


con i moduli dell’azionamento (nel caso sia il primo modulo,
X3A
X3A
proveniente da Modulo AMS-PPS8, diversamente
proveniente dal modulo AMS-IAM adiacente)

X3B Porta rete Ethernet POWERLINK per la comunicazione


X3B con i moduli dell’azionamento (destinato al successivo
modulo AMS-IAM)

X4A

X4A Comando freni asse (primo asse)

X4A

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
68 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

X4B

X4B Comando freni asse (secondo asse, quando presente)

X4B

X5B

X5A Motore asse (primo asse)

X5B

X5B

X5B Motore asse (secondo asse, quando presente)

X5B

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 69
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente

X11 (1)
Collegamento per Encoder / Resolver.
X11 (2)
X11 X11 (1) è connesso al primo asse.
Quanto presente, X11 (2) è connesso al secondo asse.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
70 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente
Led di segnalazione:
Supply voltage:
– 24V (green)
• [ON] The 24 Vdc internal system supply voltage
is within the tolerance range
Inverter primo asse:
– RDY (green)
• [ON] The module is operational and the power
stage can be enabled (operating system present
and booted, no permanent or temporary errors).
• [Blinking] No signal on or both enable inputs;
otherwise there is no permanent or temporary
error present on the module.
– RUN (orange)
• [ON] The module power stage is enabled.
– ERR (red)
• [ON] A permanent *¹ or temporary *² error exists
on the module.
Ethernet POWERLINK:
– R/E (green/red): vedi Tab. 4.5
– L/D1 (green): vedi Tab. 4.5
Leds – L/D2 (green): vedi Tab. 4.5
Encoder SLOT 1:
– UP (orange, left): Encoder direction of rotation +
• The encoder position of the connected encoder
changed in the positive direction. The faster the
encoder position changes, the brighter the LED is
lit.
– DN (orange, left): Encoder direction of rotation -
• The encoder position of the connected encoder
changed in the negative direction. The faster the
encoder position changes, the brighter the LED is
lit.

Led di segnalazione (solo nel caso di azionamento doppio):


Inverter secondo asse:
– RDY (led a destra) vedi “Inverter primo asse”
– RUN (led a destra) vedi “Inverter primo asse”
– ERR (led a destra) vedi “Inverter primo asse”
Encoder SLOT 2:
– UP (orange, right): see Encoder SLOT 1
– DN (orange, right): see Encoder SLOT 1
*¹ Esempi di errori permanenti:
– Low level on an enable input
– Internal error on the device (e.g. IGBT heat sink temperature sensor defective)
– Motor feedback not connected or defective
– Motor temperature sensor not connected or defective

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 71
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

*² Esempi di errori temporanei:


– 24 VDC supply voltage exceeds the tolerance range
– DC bus voltage exceeds the tolerance range
– Internal 15 VDC control voltage exceeds the tolerance range
– Over-temperature on the module (IGBT junction, heat sink)
– Powerlink network disturbance
– Over-temperature on the line filter / regeneration choke (temperature sensor)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
72 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.8 Dissipatore termico AMS-FMP14


Il dissipatore termico è un piastra in alluminio utilizzata anche come supporto al quale
si fissano tutti i moduli dell’azionamento e il Safety Distribution Module (SDM).
La dissipazione termica di potenza dei moduli avviene su questa piastra, raffreddata
posteriormente dalle ventole del Sistema di ventilazione interno.
Il dissipatore può ospitare moduli fino ad un massimo di 14 slot. La dimensione di ogni
slot è pari a 53,5 mm (21.00 in).

Fig. 4.9 - AMS-FMP14: vista generale

A:rack / dissipatore

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 73
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.9 Safety Distribution Module (SDM)


Scopo
Il Safety Distribution Module (SDM) è il modulo per la gestione dei segnali di sicurezza
e la distribuzione del 24 Vdc (alimentazione ausiliaria e 24 Vdc utente).

Caratteristiche tecniche
Il modulo SDM è fissato meccanicamente sul rack dell’ACC ed occupa quindi uno
spazio slot. Le alimentazioni 24 Vdc del modulo e tutti i segnali sono connessi attraverso
connettori; il bus presente sul rack non viene utilizzato.
Il modulo è dotato di logica interna con doppio processore per la gestione dei segnali di
sicurezza e la comunicazione via CAN Bus con il modulo APC. La gestione dei segnali
di sicurezza è conforme alla norma EN13849-1 (vedi par. 2.5.1).
Al suo interno il modulo è composto da 2 schede distinte interconnesse: una di
distribuzione dei 24 V e l’altra per la gestione della logica di sicurezza.

Composizione

Fig. 4.10 - SDM: vista generale

X3/SDM: CAN Bus da APC


X4/SDM: CAN Bus ad altri moduli CAN
X10/SDM: Espansione segnali di sicurezza.
X100/SDM: Ingresso alimentazione per
scheda FIA5
X101/SDM: Ingresso alimentazione per
scheda ESM5
SW1
X102/SDM: Uscita 24 V per X30 (connettore
X103
A
segnali linea)
SW2

X103
X103/A/B/C: Uscita 24 Vdc riservata per
opzioni internet
ML1 AL1 B
ML2 AL2
X103
X104/SDM: Ingresso stati e uscita inibizione
WLK
ML3 C

EN1
PSF
EN2
PEC
X106
del modulo UPS
SL1
DRO
SL2
PBA X106/SDM *¹: Uscita 24 V Safe e uscita 24 V
I/O
PSA PIO
EPR

X107/SDM: Uscita per contaore (opzionale)


RESET X124
X108/SDM: Segnali di abilitazione per assi
base (AMS-IAM 1, AMS-IAM 2, AMS-IAM 3)
X100
X109/SDM: Segnali di abilitazione per assi
X310
supplementari (AMS-IAM 4 e successivi)
X101 X110/SDM: Segnali e alimentazione per / da
X119
X126
Terminale di programmazione a cavo (Wired)
X107 X112/SDM: Segnali selettore e E-stop da
pannello OPD
X119/SDM: Uscita 24 V per ventole di
X112
X311

X108 raffreddamento interno armadio


X104 X122 X122/SDM: Segnali di sicurezza per
connettore X30 (connettore segnali linea)
X128

X302

X109
X312
X124/X126/X128/SDM: Segnali per le
applicazioni
X302/SDM: Segnali e alimentazione per / da
X3
Terminale di programmazione senca cavo
SDM JP200

X102 (Wireless) o connettore / tappo.


X4 X10 X310/X311/X312/SDM *¹: I/O digitali
disponibili per l’utente
JP200: selezione del 24 Vdc e riferimento di
X110

0V a massa
SW1/SW2: selettore rotativo tempi di arresto
del circuito di emergenza
Leds: Led di segnalazione
Top Bottom Front Reset: Pulsante per reset (riservato)
side side side *¹ richiede l’opzione C5G-UCK: kit connettori
utente, per modulo SDM

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
74 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.9 - SDM: codici prodotto


Q.tà nell’Unità di Controllo
Componente Codice Comau
C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
Safety Distribution Module
CR17430080 1
C5G-SDM

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente
CAN Bus proveniente da Modulo AMS-APC820
Piedinatura:

X3
X3
Pin Signal
1 CAN H (CAN High)
X4 X4 2 CAN L (CAN Low)
X3/SDM 3 CAN ^ (CAN Ground)
4 Not connected
5 Not connected
6 Not connected
7 Not connected
8 Not connected
CAN Bus diretto verso altri moduli CAN.
Se non ci sono altri moduli è presente il tappo di chiusura
della linea CAN. Il tappo di chiusura è costituito da un
connettore con resistenza da 120 ohm collegata tra i pin 1
e 2.
Piedinatura:
Pin Signal
X4/SDM 1 CAN H (CAN High)
2 CAN L (CAN Low)
3 CAN ^ (CAN Ground)
4 Not connected
5 Not connected
6 Not connected
7 Not connected
8 Not connected

CAN Bus
Rj45 Pins
120 ohm
1% ¼ W 1 = CAN H
Tappo di chiusura per rete 2 = CAN L
CAN 3 = GND

120 ohm
1% ¼ W

or Comau cod. 17201560

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 75
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Il modulo SDM non fornisce i contatti replicati per nessuno
dei segnali di sicurezza. Per ottenere la replicazione
occorre installare i moduli opzionali C5G-ERM1:
X10
espansione mod. 1 dei segnali di sicurezza e/o
C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza.
ERM-1: Fornisce la replicazione del segnale di:
X10/SDM – E-Stop da linea
– Drive ON
– Selettore di stato in posizione di programmazione
ERM-2: Fornisce la replicazione dei segnali:
– A-Stop da linea
– Enabling device del TP
– Selettore di stato in posizione di automatico

Ingresso alimentazione 24 Vdc proveniente da Modulo


AMS-ASM32 per la scheda interna al modulo SDM adibita
allo smistamento delle alimentazioni 24 Vdc
X100 X100/SDM
1
Caratteristiche:
– Tensione: 24 Vdc
– Segnale corrispondente: +24V1, 0V(24V1)

Ingresso alimentazione 24 Vdc proveniente da Modulo


AMS-ASM32 per la scheda interna al modulo SDM adibita
1
alla gestione dei circuiti di sicurezza. Comprende anche il
X101 segnale per disalimentare il 24 Vdc su X100 durante la fase
di shutdown.
X101/SDM Il modulo UPS garantisce 24 Vdc su questi morsetti in
assenza di alimentazione.
Caratteristiche:
– Tensione: 24 Vdc
– Segnale corrispondente: +24V2, 0V(24V2)
Ingresso/Uscita alimentazioni 24 Vdc per Connettore X30
(Sicurezze)
Caratteristiche:
1
– Tensione: 24 Vdc
X102/SDM
X102 – Corrente max: 1 A (V24 INTP), 8 A (V24 Ext), 4A
(V24 Ext FieldBus)
– Segnali corrispondenti: V24 INTP, V24 Ext,
V24 Ext FieldBus
Uscita alimentazione 24 Vdc diretta e protetta per
X103 A
dispositivi interni che non richiedono la disalimentazione
1 con E-Stop. Questi connettori sono riservati per le
X 103 B
1 X103/A/SDM alimentazioni delle opzioni.
X103 C
1 X103/B/SDM Il connettore volante è fornito con l’opzione.
X103/C/SDM Caratteristiche:
– Tensione: 24 Vdc
– Corrente max complessiva tra i connettori: 5 A
– Segnale corrispondente: +24 Vint

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
76 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

Ingresso stati e uscita inibizione del modulo UPS.


Il modulo SDM legge lo stato di Ready (UPS pronto),
X 104 X104/SDM Buffering (UPS in modalità solo batteria), Replace Battery
1 (Batteria da sostituire). Inoltre, una uscita consente di
disattivare l'UPS inviando il segnale di inibizione.

Uscita alimentazione protetta 24 V Safe e uscita 24 V I/O


per alimentare schede e dispositivi che richiedono la
disalimentazione con E-Stop.
X 106
X106/SDM Approfondimenti al par. 6.2 Come utilizzare il
1
24 Vdc nelle applicazioni utente a pag. 124.

Uscita per collegare il contaore (C5G-HMK: Kit Contaore


X 107 X107/SDM
1 opzionale).

X 108
X108/SDM Segnali di abilitazione per Modulo AMS-IAM 1, 2 e 3.
1

Segnali di abilitazione per Modulo AMS-IAM supplementari


X109/SDM
X 109 (AMS-IAM 4 e successivi)
1

Segnali e alimentazione per / da Terminale di


1
X110/SDM
programmazione a cavo (Wired).

X 110

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 77
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

X 112 Ingresso segnali dal selettore di modo (Auto-L, Auto-R,


X112/SDM
1 Local, T1), E-Stop.

X 119
Uscita 24 V e segnale PWM per alimentazione e controllo
X119/SDM
ventole di raffreddamento interno armadio

1
X 122

X122/SDM Segnali di sicurezza per Connettore X30 (Sicurezze)

X 124
1
Uscite alimentazioni e serie del circuito di arresto di
emergenza, destinati alle applicazioni utente.
X124/SDM
Se non utilizzato, deve essere dotato di connettore con la
richiusura del circuito di arresto.

1
Uscite alimentazioni e serie del circuito di arresto di
X 126 emergenza, destinati alle applicazioni utente.
X126/SDM
Se non utilizzato, deve essere dotato di connettore con la
richiusura del circuito di arresto.

Uscite alimentazioni e serie del circuito di arresto di


emergenza, destinati alle applicazioni utente.
X 128 1
Se non utilizzato, deve essere dotato di connettore con la
X128/SDM richiusura del circuito di arresto.
Usato anche per ampliamento connettori dell’alimentazione
24 Vdc e segnale E-Stop con par. 6.3 C5G-ISAK5: kit
alimentazioni per applicazioni a pag. 127.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
78 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente

X302
Segnali e alimentazione Docking Station del Terminale di
programmazione senza cavo (Wireless).
X302/SDM
Con Terminale di programmazione con cavo, il connettore
1

è dotato di tappo per la richiusura dei segnali.

4 Uscite digitali disponibili per applicazioni dell’utente.


1

X310
X310/SDM Approfondimenti al par. 9.2 Ingressi / Uscite
digitali di serie, su modulo SDM a pag. 190.

4 Ingressi digitali disponibili per applicazioni dell’utente.


1

X311
X311/SDM Approfondimenti al par. 9.2 Ingressi / Uscite
digitali di serie, su modulo SDM a pag. 190.

4 Ingressi digitali disponibili per applicazioni dell’utente.

1
X312/SDM Approfondimenti al par. 9.2 Ingressi / Uscite
X312 digitali di serie, su modulo SDM a pag. 190.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 79
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Connettore volante per realizzare:
– la selezione della sorgente di alimentazione 24 Vdc
per +24 Vdc I/O e +24 Vdc SAFE
JP200 – la connessione dello 0 V con il circuito equipotenziale
1 (PE).
Caratteristiche:
– Tensione: 24 Vdc
– Connessione dello 0 V (GND del 24 Vdc) al circuito
equipotenziale.
Il conduttore di terra connesso al morsetto 5
deve essere rimosso solo per il tempo
necessario alla ricerca guasti: la rimozione
permanente neutralizza la soluzione per i
JP200/SDM
guasti verso terra (EN 60204-1 § 9.4.3.1).
Piedinatura:
Pin Signal
1 +24Vdc INT (from AMS-ASM32)
2 To internal 24 Vdc
3 +24Vdc EXT (from X30/pin 15 & 22)
4 Not connected
5 GND
6 Not connected
Modalità d’uso al par. 6.2 Come utilizzare il
24 Vdc nelle applicazioni utente a pag. 124.

Selettori rotativi per impostare i tempi di arresto del circuito


SW1 di arresto.
Devono essere impostati coerentemente con
SW2
il tipo di Robot installato.
SW1/SW2
Modalità d’uso al par. 6.4 Arresto di
sicurezza: verifica del timer del circuito di
arresto a pag. 52 nel manuale “Trasporto e
installazione”.

RESET
RESET Pulsante di Reset (riservato ai tecnici Comau)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
80 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Status Leds
Leds di segnalazione:
– AL1: Auxiliary CPU Led 1.
• Attivo solo in presenza di Terminale di
programmazione connessione wireless
(C5G-WiTP), acceso fisso quando è possibile
eseguire la procedura di pairing o unpairing del
terminale.
– AL2: Auxiliary CPU Led 2.
Status leds LED • Spento quando tutti i segnali di sicurezza
(E-Stop, General Stop, Cancelli) sono chiusi e
non sono presenti anomalie
Drive leds
• Lampeggiante quando uno o più segnali di
sicurezza (E-Stop, General Stop, Cancelli) sono
aperti
24 Power • Acceso fisso in caso di anomalia
leds
– Nota: I leds ML2 e AL2 sono il risultato di elaborazioni
concorrenti delle CPU interne all’SDM e quindi si
accendono quasi sempre nella stessa condizione.
– DRO: Drive OFF – Acceso fisso in condizione di DRIVE-OFF, segnala la presenza di
alimentazione 24 Vdc destinata allo sfrenatore a bordo Robot
– ML1: Master CPU Led 1 – Normalmente lampeggiante: per indicare la corretta comunicazione tra il
nodo CAN Bus del SDM con il Modulo AMS-APC820.
– Acceso fisso o spento, in caso di anomalia nella comunicazione CAN
CAN Bus.
– ML2: Master CPU Led 2 – Spento quando tutti i segnali di sicurezza (E-Stop, General Stop, Cancelli)
sono chiusi e non sono presenti anomalie
– Acceso lampeggiante quando uno o più segnali di sicurezza (E-Stop,
General Stop, Cancelli) sono aperti
– Acceso fisso in caso di anomalia.
– Nota: I leds ML2 e AL2 sono il risultato di elaborazioni concorrenti delle
CPU interne all’SDM e quindi si accendono quasi sempre nella stessa
condizione.
– ML3: Master CPU Led 3 – Acceso lampeggiante quando è presente un errore sui collegamenti di
configurazione dell’SDM.
– WLK: Wireless Link – Con Terminale di programmazione C5G-iTP: connessione a cavo,
selezione del modo T1, AUTO e REMOTE: spento
– Con Terminale di programmazione connessione wireless (C5G-WiTP):
• acceso fisso quando è stato eseguito correttamente il pairing e la
comunicazione wireless tra SDM, docking station e terminale
funziona correttamente
• spento quando nessun terminale è abbinato all’Unità di Controllo
• lampeggiante quando una delle procedure di pairing / unpairing
sono in corso (lampeggio di durata uguale al tempo richiesto dalla
procedura) oppure nel caso di perdita della comunicazione con il
terminale abbinato (lampeggio continuo).

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 81
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
Drive Leds
– EN1: Enable 1: – Acceso fisso in condizione di DRIVE-ON, segnala la presenza
dell’abilitazione degli azionamenti.
– Spento in condizione di DRIVE-OFF.
– EN2: Enable 2: – è normalmente sempre Acceso fisso, in condizione di DRIVE-ON e
DRIVE-OFF. Segnala la presenza dell’abilitazione degli azionamenti,
usato sia per abilitarli in DRIVE-ON, sia per imporre la frenatura dinamica
in DRIVE-OFF.
– Spento in caso di anomalia sui rami di controllo dell’azionamento.
24 Vdc Power Leds
– EPR: Electronics Power – Normalmente Spento
out of Range – Acceso fisso in caso di anomalia, quando l’alimentazione presente sul
connettore X101 è fuori dai limiti previsti (sono accettati valori tra 18 Vdc
e 36 Vdc); oppure è presente un sovraccarico nei circuiti interni; oppure è
presente un sovraccarico su uno o più mosfet di uscita
– Nota: I circuiti controllati dai mosfet sono EnT1, EnT2 e le espansioni delle
uscite di sicurezza.
– PEC: Power Enable – Acceso fisso quando il relè interno che controlla l’alimentazione di tutti i
Circuit mosfet di uscita è chiuso.
– Spento in caso di cortocircuito dei mosfet di uscita, individuato durante
l’autotest che la scheda esegue periodicamente.
– Nota: I circuiti controllati dai mosfet sono EnT1, EnT2 e le espansioni delle
uscite di sicurezza.
– PIO: Power I/O *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V I/O è presente.
– P5A: Power 5A *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V INT è presente a valle della
protezione da 5 A.
– P8A: Power 8A *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V è presente a valle della
protezione da 8 A. Questo 24 Vdc fornisce le alimentazioni al 24V SAFE e
24V I/O.
– PSF: Power Safe *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V SAFE è presente (attiva solo in
stato di DRIVE-ON)
– SL1: Supply Led 1 *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V è presente sul connettore di
ingresso X100.
– SL2: Supply Led 2 *¹ – Acceso fisso quando l’alimentazione 24V è presente a valle del
connettore JP200, usato per la selezione dell’alimentazione interna /
esterna.
*¹ Vedi immagine successiva per maggiore comprensione.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
82 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi (Continua)


Connettore /
Descrizione
componente
*¹ Rappresentazione di
principio della connessione SDM MODULE
dei led di diagnostica dedicati X30
24V INTP
X102
1A

allo stato del 24 Vdc nel


1

8
24V EXT.

Safety Distribution Module


29
FIELD BUS

24V EXT.

(SDM).
15

22

0V
INT./EXT.
2

16

23

30

JP200

X126
24V EXT. 8A DRIVE ON
24V SAFE
1

24V INT. 7

SL2 P8A PSF 0V


2

24V I/O
3
X100
5A 9
24V
ASM PIO 24V EXT. FIELD BUS
4
AUX. 10
SUPPLY SL1 P5A
MODULE 0V
X128
5A 24V SAFE
1

1A 5A 0V
2

24V I/O
3
DRIVE OFF
9

24V EXT. FIELD BUS


24V DRIVE OFF

4
24V ROBOT

10
24V FANS

24V INT.
0V

0V

0V

0V

X119 X110

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 83
84
Em.Stop Gen. Auto Emg-stop
Ext. Stop Stop PB

TP
SDM SAFETY BLOCK DIAGRAM
APC Mode
Select.

En.Dev.
T0 T1
Redundancy Redundancy Redundancy Robot Redundancy onlyonepresenttest
CAN-Bus test test test LocalStop test
ModeSelector
T1/T2/AutoL/AutoR Testsignals
pulsed

Programming
Programming

Automatic
Automatic

& &
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Time
OR Setting

DUALCPU
TimeDelaysignalsconditioning:
Auto=delayon DUALBRAND
Progr.=delayoff MICROCONTROLLER

&
DRIVEON COMMAND

&
ServoDriveEnables
Command

output output
T0 test T1 test
DRIVEONOUT

Test Test Test Test Test Test Supply


Block
Fig. 4.11 - Schema a blocchi del modulo SDM

Output Output
Enable1 Enable2
24VPWR

SERVOMOTOR
DRIVES

E-Stop.dupl Drv.ON.dupl Prog.dupl A-Stop.dupl En.Dev.dupl Auto.dupl

ERM1 OPTION ERM2 OPTION

00/0211
HS-RC-C5E-SPT_03.fm
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.10 Uninterruptible Power Supply (UPS)


Scopo
Il Uninterruptible Power Supply (UPS) è il modulo che garantisce la necessaria
autonomia durante le procedure di spegnimento del sistema in assenza di energia
elettrica di rete.

Caratteristiche tecniche
L’UPS funziona a 24 Vdc e, grazie ad una batteria interna, fornisce il 24 Vdc all’Unità di
Controllo per il tempo necessario allo spegnimento del sistema.
Sono diponibili Variabili di sistema per la diagnostica del modulo.

Composizione

Fig. 4.12 - UPS: vista generale

A: morsettiera ingresso / uscita 24 Vdc


(collegati al modulo ASM).

B: morsettiera segnali di stato (collegati al


modulo SDM).

C: led di stato.

D: led di diagnostica

E: led di controllo connessioni.

F: regolazione del tempo limite di


mantenimento (buffer) dell’alimentazione.
Deve essere impostato
a 30 secondi.

Tab. 4.11 - UPS: codici prodotto


Q.tà nell’Unità di Controllo
Componente Codice Comau
C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
Uninterruptible Power Supply
CR10140583 1
C5G-UPS
Batteria Consultare Cap.10.3 - 1
Elenco dei ricambi a
Fusibile pag. 111 nel manuale 1
“Manutenzione”

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 85
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.12 - UPS: connessioni e dispositivi


Connettore /
Descrizione
componente
Normalmente accesa fissa, lampeggia per indicare un
particolare stato di funzionamento:
– Ready *¹: accesa fissa (stato normale) per indicare la
batteria carica, nessun errore sulle connessioni,
Led di stato (C) alimentazione in ingresso sufficiente
verde – Charging *¹: lampeggio lento per indicare che la
batteria è in carica, autonomia inferiore a 85%
– Buffering *¹: lampeggio veloce per indicare che la
batteria fornisce energia per il mantenimento del 24V
in uscita
Normalmente spenta, lampeggia in fase di spegnimento
dell’Unità di Controllo.
Inoltre, durante il funzionamento si accende per indicare
uno stato di anomalia:
– Overload *¹: uscita 24V disattivata causa il prolungarsi
di sovraccarico o temperatura elevata
– Replace battey *¹: richiesta di sostituzione batteria da
Led di eseguirsi al più presto
diagnostica (D) – Buffer-time exspired *¹: uscita disattivata causa
giallo
superamento tempo impostato per il mantenimento
(buffering) dell’alimentazione. Questa segnalazione
resta attiva per 15 minuti
– Inhibit active *¹: segnala che la funzione di
mantenimento (buffering) dell’alimentazione è
disattivata causa presenza del segnale di inibizione
(inhibit)
*¹ Il dettaglio dello stato dei led è indicata nella figura sottostante.

Normalmente spenta, si accende per indicare lo stato di


Led controllo
errore di connessioni, di batteria, del fusibile della batteria
connessioni (E)
oppure di installazione (esempio tensione in ingresso
rosso
troppo bassa)

Selettore rotativo per la regolazione del tempo limite di


Regolazione mantenimento (buffer) dell’alimentazione.
tempo limite di Il selettore deve essere impostato su 30
mantenimento secondi.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
86 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.11 Operator Panel Devices (OPD)


Scopo
L’Operator Panel Device (OPD) è il pannello frontale dell’Unità di Controllo. E’ fornito
vuoto con sagome prefustellate dove è possibile installare le opzioni per la
manutenzione.

Caratteristiche tecniche
L’Operator Panel Device può essere allestito con opzioni per agevolare la
manutenzione del sistema robotico: il connettore USB, il connettore rete Ethernet, il
contaore e la presa alimentazione PC.

Composizione

Fig. 4.13 - OPD: vista generale

A: connettore USB

B: secondo connettore USB oppure


connettore rete Ethernet (entrambi opzionali)

C: contaore (opzionale)

D: presa alimentazione PC (opzionale)

A B C D

Tab. 4.13 - OPD: codici prodotto


Q.tà nell’Unità di Controllo
Componente Codice Comau
C5G-ACC1 C5G-ACC3 C5G-ACC5
Connettore USB
CR17130780 1 oppure 2 (il secondo è opzionale)
C5G-USBK: Kit USB
Connettore rete Ethernet (opzionale)
CR17130880 1
C5G-ETHK: Kit Ethernet
Contaore (opzionale)
CR17132480 1
C5G-HMK: Kit Contaore
Presa alimentazione (opzionale)
CR17134480 1
C5G-SSK: Kit Presa di servizio

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 87
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.12 Connector Interface Panel (CIP)


Scopo
Il Connector Interface Panel (CIP) è il pannello inferiore dell’Unità di Controllo dove sono
installati tutti i connettori di interfaccia e/o cavi passanti.

Caratteristiche tecniche
Sul pannello sono presenti i connettori per la connessione con il Robot, il terminale di
programmazione (solo per la versione a cavo) e l’interfacciamento con la linea.
Sono inoltre disponibili 32 pannelli ciechi da utilizzarsi per ampliamenti opzionali e fori
con tappi per installazione di connettori abbinati ad opzioni di interfacciamento con
l’esterno.

Composizione

Fig. 4.14 - CIP: vista generale con i principali connettori

A: connettore X60 (motori e freni)

B: connettore X124 (terminale di


programmazione a cavo)

C: connettore X10 (trasduttori di posizione e


segnali)

D: connettore X30 (interfacciamento con la


linea)

A B C D E: vite per connessione cavo di terra


destinato al Robot

F: fustellature per installazione pannelli per


ampliamenti opzionali (vedi approfondimenti
più sotto al punto Posizione preferenziale di
installazione dei connettori opzionali)

G: Connettore passacavo X90 (passaggio


cavi a disposizione per l’utente)

H: fustellature per installazione Connettore


X93..X94 (Bus di campo Master)

E F1 F2 F3 H G

Posizione preferenziale di installazione dei connettori opzionali


I connettori sul pannello CIP devono essere preferenzialmente installati come sotto
riportato:
– F1 pannello per installazione Connettore X10-EXT (Extension, segnali del
Posizionatore) e Connettore X60-EXT (Extension, motori e freni del Posizionatore)
oppure per Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per Assi aggiuntivi)

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
88 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

– F2 pannello per installazione Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per Assi


aggiuntivi) oppure per 4 connettori passacavo M25 (sono disponibili 4 fustellature
M25)
– F3 pannello per installazione Connettori X31..X32 (Applicazioni)
– H: fustellature per installazione Connettore X93..X94 (Bus di campo Master)

Predisposizioni di serie
Il pannello CIP è dotato di serie di fustellature per installare uno o più connettori, come
sotto riportato:
– 4 x connettori / passacavi M25, disponibili sul pannello F2
– 2 x connettori per installazione Connettore X93..X94 (Bus di campo Master)

Ampliamenti opzionali
Il pannello CIP può essere ampliato con pannelli opzionali già fustellati secondo le
principali esigenze, come sotto riportato:
– C5G-APK1 kit Piastra Ausiliaria 1: pannello per 2 connettori 72 poli e 1 connettore
42 poli
– C5G-APK2 kit Piastra Ausiliaria 2: pannello per 3 connettori a 42 poli
– C5G-APK3 kit Piastra Ausiliaria 3: pannello per 1 connettore a 108 poli, 1
connettore a 42 poli e 4 fori per connettori / passacavi M25
– C5G-APK4 kit Piastra Ausiliaria 4: pannello per 2 connettore a 42 poli, 1 calotta
montaggio a parete.

Ulteriori approfondimenti sui connettori e le loro funzioni sono disponibili al


par. 5.1 Introduzione alle connessioni dell’Unità di Controllo C5G a pag. 98 e
paragrafi successivi.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 89
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.13 Sistema di ventilazione interno


Scopo
Il sistema di ventilazione interno garantisce il necessario ricambio dell’aria quando
l’ambiente di installazione ha una temperatura non superiore a 40 °C, con punte fino a
45 °C.
Nel caso di ambiente di installazione con temperatura fino a 55 °C è necessario
installare l’opzione C5G-ACO / C5G-ACBO: Condizionatore (vedi par. 12.3.2 a
pag. 268).

Caratteristiche tecniche
Le ventole sono alimentate a 24 Vdc e la velocità di rotazione è controllata
automaticamente dal sistema con un segnale PWM. Il collegamento è realizzato per
tutte le ventole in parallelo, su connettore X119/SDM del modulo Safety Distribution
Module (SDM).
Sono diponibili Variabili di sistema per la diagnostica delle ventole.

Composizione
Il sistema di raffreddamento è sostituito da 1 ventola interna per ricircolo aria e da 2 o
più ventole (massimo 4) installate posteriormente all’armadio per garantire lo scambio
aria forzato sul dissipatore AMS-FMP14, posto a base del modulo Unità di governo,
alimentatori e moduli di potenza. Secondo il numero di moduli assi presenti può essere
necessario installare l’opzione C5G-AFK: Kit Ventola aggiuntiva.

Fig. 4.15 - Sistema di raffreddamento: vista generale

A: ventola interna ricircolo aria (E110)

B: ventole posteriori per aria forzara su


dissipatore (E111...E114, vista senza
pannello di copertura)

B
A

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
90 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.14 Generalità sulle reti di comunicazione


all’interno dell’Unità di Controllo C5G
I moduli presenti all’interno dell’Unità di Controllo comunicano tra loro impiegando i
seguenti protocolli e connessioni:
– Rete Ethernet POWERLINK
– Rete CAN Bus.

Fig. 4.16 - Schema di principio delle reti Ethernet POWERLINK e


CAN Bus

Ethernet POWERLINK CAN Bus

APC 820
PPS8 ASM32 IAM x X20 interface SDM

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 91
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.15 Rete Ethernet POWERLINK


La rete Ethernet POWERLINK (EPL) è impiegata per connettere tra loro tutti i moduli del
Unità di governo, alimentatori e moduli di potenza (vedi par. 4.3 a pag. 51) e i Moduli di
interfaccia X20 (vedi par. 9.4.1 a pag. 200).
La rete Ethernet POWERLINK si basa su un protocollo proprietario connesso mediante
il layer fisico di una rete Ethernet. Pur condividendo layer logici e fisico con un sistema
standard, non può essere usato per il trasporto e connessione con la rete Ethernet
tradizionale.
Ogni modulo connesso sulla rete Ethernet POWERLINK deve essere dotato di indirizzo
univoco (par. 4.15.1 Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK a pag. 92).
Per connettere l’Unità di Controllo ad un sistema Ethernet tradizionale impiegare il
Connettore ETH2 su AMS-APC820 (Ethernet) (vedi par. 5.3.2 a pag. 112).

Fig. 4.17 - Schema di principio della rete Ethernet POWERLINK

Ethernet POWERLINK

APC 820
PPS8 ASM32 IAM x X20 interface

4.15.1 Indirizzi sulla rete Ethernet POWERLINK


Tutti i moduli connessi alla rete Ethernet POWERLINK sono identificati da un indirizzo
univoco.
– Indirizzo sui moduli ASM
– Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
92 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.15.1.1 Indirizzo sui moduli ASM


L’indirizzo dei moduli ASM sulla rete Ethernet POWERLINK è configurato mediante i 2
selettori rotativi T1 e T2 (Fig. 4.18), nel rispetto di quanto indicato in Tab. 4.14.
All’interno della stessa Unità di Controllo, l’indirizzo di un modulo sulla rete Ethernet
POWERLINK deve essere univoco.
Il selettore rotativo T2 rappresenta un raggruppamento omogeneo di più moduli e il
selettore rotativo T1 il numero progressivo all’interno del raggruppamento.
Per semplicità e immediatezza, nelle configurazioni più semplici si assegna il numero
rappresentato da T2 direttamente all’ARM. Per identificare gli indirizzi assegnati ad
alcune configurazioni possibili, riferirsi alla Tab. 4.15 - Assegnazione degli indirizzi di
rete Ethernet POWERLINK su moduli ASM per configurazioni tipiche a pag. 94.

Fig. 4.18 - Selettori rotativi T1 e T2 per indirizzo Ethernet


POWERLINK

Tab. 4.14 - Regole per l’assegnazione degli indirizzi di rete


Ethernet POWERLINK sui moduli Unità di governo,
alimentatori e moduli di potenza
Impostazione
selettori rotativi
Modulo (Indirizzo) Note sulla configurazione degli indirizzi

T1 T2
Modulo connesso alla rete Ethernet POWERLINK
Modulo AMS-APC820 - - senza esigenza di personalizzazione di indirizzo da
parte dell’utente
L’indirizzo è predefinito e non deve essere
Modulo AMS-PPS8 0 1
modificato
Modulo non connesso alla rete Ethernet
Modulo AMS-ASM32 - -
POWERLINK.
Vedi esempi in Tab. 4.15 - Assegnazione degli
Modulo AMS-IAM >= 1 >= 1 indirizzi di rete Ethernet POWERLINK su moduli
ASM per configurazioni tipiche a pag. 94.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 93
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.15 - Assegnazione degli indirizzi di rete Ethernet


POWERLINK su moduli ASM per configurazioni tipiche
Impostazione
selettori rotativi
Asse Modulo (Indirizzo) Arm

T1 T2
Unità di Controllo e allestimento: C5G-ACC1 con un Robot
- Modulo AMS-PPS8 0 1 -

1e2 Modulo AMS-IAM 11+11 1 1

3e4 Modulo AMS-IAM 11+11 2 1 1

5e6 Modulo AMS-IAM 5+5 3 1


Unità di Controllo e allestimento: C5G-ACC3 con un Robot
- Modulo AMS-PPS8 0 1 -

1e2 Modulo AMS-IAM 22+22 1 1

3e4 Modulo AMS-IAM 22+22 2 1 1

5e6 Modulo AMS-IAM 11+11 3 1


Unità di Controllo e allestimento: C5G-ACC3 con 2 Robot NM o NJ
- Modulo AMS-PPS8 0 1 -

1 e 2 (Robot 1) Modulo AMS-IAM 22+22 1 1

3 e 4 (Robot 1) Modulo AMS-IAM 22+22 2 1 1

5 e 6 (Robot 1) Modulo AMS-IAM 11+11 3 1

1 e 2 (Robot 2) Modulo AMS-IAM xx+xx 1 2

3 e 4 (Robot 2) Modulo AMS-IAM xx+xx 2 2 2

5 e 6 (Robot 2) Modulo AMS-IAM xx+xx 3 2


Unità di Controllo e allestimento: C5G-ACC3 con Robot NM o NJ e con slitta (Ax7) e
pinza di saldatura elettrica (Ax8)
- Modulo AMS-PPS8 0 1 -

1e2 Modulo AMS-IAM 22+22 1 1

3e4 Modulo AMS-IAM 22+22 2 1


1
5e6 Modulo AMS-IAM 11+11 3 1

7e8 Modulo AMS-IAM 22+22 4 1

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
94 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

Tab. 4.15 - Assegnazione degli indirizzi di rete Ethernet


POWERLINK su moduli ASM per configurazioni tipiche
Impostazione
selettori rotativi
Asse Modulo (Indirizzo) Arm

T1 T2
Unità di Controllo e allestimento: C5G-ACC3 con PTDV oppure PTDO
asse principale (Ax7), asse rotazione A (Ax8) e asse rotazione B (Ax9)
- Modulo AMS-PPS8 0 1 -

1e2 Modulo AMS-IAM 22+22 1 1

3e4 Modulo AMS-IAM 22+22 2 1 1

5e6 Modulo AMS-IAM 11+11 3 1


2 (Ax7) / 3
7e8 Modulo AMS-IAM 22+22 4 2
(Ax8)

9 Modulo AMS-IAM 11 5 3 4

4.15.1.2 Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20
I Moduli di interfaccia X20 comunicano sulla rete Ethernet POWERLINK attraverso un
Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20. L’indirizzo del modulo sulla rete
Ethernet POWERLINK è configurato mediante 2 selettori rotativi.
All’interno della stessa Unità di Controllo, l’indirizzo di un modulo sulla rete Ethernet
POWERLINK deve essere univoco.

Ulteriori dettagli e modalità d’uso del modulo Bus Coupler al par. 9.4.4 Modulo
Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20 a pag. 202

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 95
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.16 Rete CAN Bus


La rete CAN Bus è impiegata per connettere tra loro il Modulo AMS-APC820 (vedi par.
4.4 a pag. 54) e il Safety Distribution Module (SDM) (vedi par. 4.9 a pag. 74).
La rete CAN Bus si basa su un protocollo libero connesso mediante il layer fisico di una
rete CAN Bus. Pur condividendo protocolli standard su layer logici e fisico con un
sistema standard non può essere usato per le connessioni con moduli CAN Bus
commerciali.
All’interno della stessa Unità di Controllo, l’indirizzo di un modulo sulla rete CAN Bus
deve essere univoco (par. 4.16.2 Indirizzo sulla rete CAN Bus a pag. 96).

Fig. 4.19 - Schema di principio della rete CAN Bus

CAN Bus

To next
CAN Bus
device

APC 820
SDM

4.16.1 Resistenza di terminazione nella rete CAN Bus


Gli estremi dei nodi nella rete CAN Bus devono sempre avere la resistenza di
terminazione attivata. Nell’Unità di Controllo base, la resistenza di terminazione è
installata nel secondo connettore CAN del Safety Distribution Module (SDM) (vedi par.
4.9 a pag. 74).
Nel caso vi sia necessità di espandere la rete con l’aggiunta di nuovi moduli, rimuovere
la resistenza ed installarla sull’ultimo modulo CAN della catena.

La piedinatura dei connettori e la resistenza di terminazione sono riportati in


Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi a pag. 75.

4.16.2 Indirizzo sulla rete CAN Bus


Tutti i moduli connessi alla rete CAN Bus sono identificati da un indirizzo univoco.
Poichè nel sistema sono presenti solo moduli personalizzati COMAU, gli stessi moduli
sono forniti già configurati e non è richiesta personalizzazione da parte dell’utente.

Opzionalmente, alla rete CAN Bus possono essere connessi moduli presenti in
specifiche applicazioni fornite da Comau Robotics. Per ulteriori informazioni
consultare i manuali delle applicazioni.

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
96 00/0211
Approfondimenti sull’Unità di Controllo C5G

4.17 Piedinatura dei connettori


Per rapidità di consultazione, i connettori a disposizione dell’utente sono inoltre
rappresentati e descritti nel presente capitolo e Cap. Panoramica delle connessioni
all’Unità di Controllo C5G a pag. 97:
– Tab. 4.3 - AMS-APC820: connessioni e dispositivi a pag. 55
– Tab. 4.4 - AMS-PPS8: connessioni e dispositivi a pag. 59
– Tab. 4.6 - AMS-ASM32: connessioni e dispositivi a pag. 63
– Tab. 4.8 - AMS-IAM (doppio e singolo): connessioni e dispositivi a pag. 67
– Tab. 4.10 - SDM: connessioni e dispositivi a pag. 75
– Tab. 4.12 - UPS: connessioni e dispositivi a pag. 86.

La piedinatura di tutti i connettori e i relativi collegamenti elettrici tra i moduli


sono inoltre documentati sullo Schema elettrico (ver. ACC1 e ACC3)Schema
elettrico (ver. ACC1 e ACC3 NA) dell’Unità di Controllo.

4.18 Variabili di sistema


L’elenco delle variabili di sistema riportato in Tab. 4.16 riassume per comodità la
diagnostica a disposizione dei solo moduli hardware principali presenti nell’Unità di
Controllo.

La lista completa delle variabili di sistema è riportata nel manuale di uso.

Tab. 4.16 - Variabili di sistema: lista sintetica per i moduli base


Modulo Diagnosi disponibile Variabili di sistema
Monitor dello stato dell’UPS:
– Ready $SDI[117]
Uninterruptible Power Supply
– Active $SDI[118]
(UPS)
– Replace battery $SDI[119]
– Disable input $SDO[5] *¹
$SDO[9]
Sistema di ventilazione Velocità impostata sulle ventole codificata a 16 $SDO[10]
interno livelli, 4 bit $SDO[11]
$SDO[12]

*¹ di sola lettura

HS-RC-C5E-SPT_03.fm
00/0211 97
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5. PANORAMICA DELLE CONNESSIONI


ALL’UNITÀ DI CONTROLLO C5G
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Introduzione alle connessioni dell’Unità di Controllo C5G
– Riepilogo connessioni del Robot, posizionatori e assi aggiuntivi
– Riepilogo connessioni di Linea
– Riepilogo connessioni delle Applicazioni
– Riepilogo connessioni per la Programmazione e interfaccia utente su PC
Per aiutare nell’individuazione delle funzioni dei principali connettori:
– Riepilogo connettori e relativa funzione.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 97
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.1 Introduzione alle connessioni dell’Unità di


Controllo C5G
L’Unità di Controllo C5G si collega e si interfaccia con:
– Robot, posizionatori e assi aggiuntivi (A). Queste connessioni permettono di
controllare il Robot e gli assi aggiuntivi.
– Linea (B). Con questa connessione, l’Unità di Controllo si collega con l’impianto di
produzione in cui è integrato il sistema robotico.
– Applicazioni (C). Consente di controllare l’applicazione connessa al Robot e le
relative attrezzature o altro richiesto dall’integratore.
– Programmazione e interfaccia utente su PC (D). Consente di programmare,
controllare e diagnosticare il sistema robotico mediante Terminale di
programmazione e software fornito a corredo.

Ethernet A - Robot,
posizionatori e assi
Safety aggiuntivi

B - Linea

B C - Applicazioni

from (Line)
D X30 D - Programmazione
(Programming) e interfaccia utente
su PC

from
X93
....
A
(Robots)
C from
(Applications) X10
X60
....

Field Bus

L’immagine rappresenta le principali connessioni tra l’Unità di Controllo e le periferiche

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
98 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2 Robot, posizionatori e assi aggiuntivi


Il collegamento con il Robot, posizionatori e gli assi aggiuntivi prevede appositi
connettori installati sul Connector Interface Panel (CIP) alla base dell’Unità di Controllo
C5G.
Le configurazioni tipiche prevedono le seguenti soluzioni:

Connettori
Periferica del C5G Descrizione
interessati
il Robot principale è connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G
X10
Robot e Robot con il Connettore X10 (Segnali Robot)Cavo segnali Robot e il
X60
Connettore X60 (Potenza Robot)Cavo potenza Robot
il posizionatore (esempio serie SMART5 PTDV, PTDORB, altro) è
connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G e Robot (utilizza gli
X10-EXT stessi cavi del Robot sfruttando solo i conduttori necessari secondo il
Posizionatore
X60-EXT numero di assi presenti) con il Connettore X10-EXT (Extension, segnali
del Posizionatore) e il Connettore X60-EXT (Extension, motori e freni
del Posizionatore)
i singoli assi ausiliari (esempio slitta su asse 7, pinza elettrica per
X61 saldatura a punti su asse 8, altro) sono connessi attraverso Cavi di
X62 collegamento tra C5G e Robot, ognuno con un solo connettore che
Assi aggiuntivi
X63 comprende sia la potenza sia i segnali di controllo, con i Connettori
X64 X61..X64 (Segnali e potenza per Assi aggiuntivi).

La piedinatura dei connettori X10, X60, X10-EXT, X60-EXT, X61..X63 è disponibile


nello schema elettrico dell’Unità di Controllo C5G.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 99
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2.1 Connettore X10 (Segnali Robot)


Il connettore X10 è un connettore multipolare che raccoglie tutti i segnali di controllo di
posizione del Robot (Encoders con interfaccia EnDat 2.2), fino alla configurazione di 6
assi in totale.
Il connettore X10 è installato su Connector Interface Panel (CIP) e, attraverso i Cavi di
collegamento tra C5G e Robot, si collega al connettore X1 a base Robot.
Alcuni segnali di I/O liberamente utilizzabili dall’utente sono a disposizione sul Safety
Distribution Module (SDM) e con opportune opzioni diventano disponibili a bordo Robot
(su appositi connettori sull’asse 3 o sul polso del Robot, secondo il modello). Ulteriori
dettagli al par. 9.3 Ingressi / Uscite digitali, su bordo Robot a pag. 196.
I segnali di High Speed Input (HSI) sono a disposizione sul Unità di governo,
alimentatori e moduli di potenza e sono disponibili a bordo del Robot solo dopo
l’installazione dell’opzione C5G-HSK5: High Speed Input Kit (vedi par. 14.2.1 a
pag. 288). Per conoscere la piedinatura e i collegamenti a bordo Robot consultare i
manuali specifici dei Robot.

Fig. 5.1 - Connettore X10: composizione

A: Connector Interface Panel (CIP)

X10 X10: connettore segnali per il Robot

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
100 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2.2 Connettore X60 (Potenza Robot)


Il connettore X60 è un connettore multipolare che raccoglie tutti i segnali di potenza degli
assi del Robot (motori) e i freni, fino alla configurazione di 6 assi in totale.
Il connettore X60 è installato su Connector Interface Panel (CIP) e, attraverso i Cavi di
collegamento tra C5G e Robot, si collega al connettore X2 a base Robot.

Fig. 5.2 - Connettore X60: composizione

A: Connector Interface Panel (CIP)

X60 X60: connettore potenza per il Robot

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 101
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2.3 Connettore X10-EXT (Extension, segnali del


Posizionatore)
Il connettore X10-EXT è un connettore multipolare che raccoglie tutti i segnali di
controllo di posizione del posizionatore (Encoders con interfaccia EnDat 2.2), con la
possibilità di connettere ulteriori 5 assi nella configurazione più estesa. Questo
connettore e il relativo cavo di collegamento sono presenti solo se sono installati assi
aggiuntivi opzionali nella configurazione per posizionatore ed è abbinato al connettore
Connettore X60-EXT (Extension, motori e freni del Posizionatore).
Il connettore X10-EXT è installato su una piastra fissata su Connector Interface Panel
(CIP) e, attraverso i Cavi di collegamento tra C5G e Robot, si collega al connettore X1
a base posizionatore.
Nel caso di necessità, sulla piastra è disponibile un spazio per l’installazione di un
ulteriore asse aggiuntivo (vedi par. 5.2.5 Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per
Assi aggiuntivi) a pag. 107).

Fig. 5.3 - Connettore X10-EXT: composizione

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori assi aggiuntivi
X60E X10E
X10E: connettore segnali di controllo
(Encoders)

X60E: Connettore X60-EXT (Extension,


motori e freni del Posizionatore) (vedi par.
5.2.4 a pag. 106)

X61: ulteriore asse aggiuntivo installato


A
X61

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
102 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2.4 Connettore X60-EXT (Extension, motori e freni del


Posizionatore)
Il connettore X60-EXT è un connettore multipolare che raccoglie tutti i segnali di potenza
degli assi del posizionatore (motori) e i freni, con la possibilità di connettere ulteriori 5
assi nella configurazione più estesa. Questo connettore e il relativo cavo di
collegamento sono presenti solo se sono installati assi aggiuntivi opzionali nella
configurazione per posizionatore ed è abbinato al connettore Connettore X10-EXT
(Extension, segnali del Posizionatore).
Il connettore X60-EXT è installato su Connector Interface Panel (CIP) e, attraverso i
Cavi di collegamento tra C5G e Robot, si collega al connettore X2 a base posizionatore.
Nel caso di necessità, sulla piastra è disponibile un spazio per l’installazione di un
ulteriore asse aggiuntivo (vedi par. 5.2.5 Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per
Assi aggiuntivi) a pag. 107).

Fig. 5.4 - Connettore X60-EXT: composizione

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori assi aggiuntivi
X60E X10E
X60E: connettore motori e freni

X10E: Connettore X10-EXT (Extension,


segnali del Posizionatore) (vedi par. 5.2.3 a
pag. 105)

X61: ulteriore asse aggiuntivo installato


A
X61

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 103
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.2.5 Connettori X61..X64 (Segnali e potenza per Assi


aggiuntivi)
I connettori X61, X62, X63 o X64 sono connettori multipolari che raccolgono la potenza,
freno e i segnali di controllo di posizione (Encoders con interfaccia EnDat 2.2) degli assi
aggiuntivi. Questi connettori e il relativo cavo di collegamento sono presenti solo se
sono installati assi aggiuntivi opzionali.
Ogni asse aggiuntivo è abbinato ad un connettore specifico e il connettore è polarizzato
in modo da impedire errori di collegamento; gli abbinamenti sono come di seguito
riportato:

Tab. 5.1 - Abbinamento assi e connettori


Asse aggiuntivo Connettore abbinato
Asse 7
X61
(tipicamente slitta)
Asse 8
X62
(tipicamente pinza elettrica)
Asse 9 X63
Asse 10 X64

I connettori X61, X62, X63 o X64 sono installati su una o più piastre fissate su Connector
Interface Panel (CIP) e, attraverso i cavi di collegamento, si collegano sul connettore
sulla scatola di smistamento del motore. Ogni piastra può ospitare fino a 3 connettori.
Di seguito alcuni esempi di abbinamenti tipici:
– Connettore X61..X63 in soluzione fino a 3 assi: composizione
– Connettore X61 in soluzione con 1 asse abbinato a X60-EXT e X10-EXT già
presenti: composizione

Fig. 5.5 - Connettore X61..X63 in soluzione fino a 3 assi:


composizione

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori assi aggiuntivi
X61 X62
X61: primo asse aggiuntivo installato

X62: secondo asse aggiuntivo installato

X63: terzo asse aggiuntivo installato

Nota: in figura è rappresentato un esempio


con 3 connettori con sigla consecutiva.
A
X63

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
104 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

Fig. 5.6 - Polarizzazione dei connettori X61..X64

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori assi aggiuntivi
A X61 X62
X61..X64: possibili configurazioni dei
connettori

X63

X61 X62 X63 X64

Pin

No
Pin
Axis 7 Axis 8 Axis 9 Axis 10

Fig. 5.7 - Connettore X61 in soluzione con 1 asse abbinato a


X60-EXT e X10-EXT già presenti: composizione

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori assi aggiuntivi
X60E X10E
X61: primo asse aggiuntivo installato

X60E: Connettore X60-EXT (Extension,


motori e freni del Posizionatore) (vedi par.
5.2.4 a pag. 106)

X10E: Connettore X10-EXT (Extension,


segnali del Posizionatore) (vedi par. 5.2.3 a
A pag. 105)

X61

I cavi, la polarizzazione dei connettori, le connessioni tra X61..X64 e i motori sono


approfonditi nel manuale di istruzioni degli assi aggiuntivi.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 105
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.3 Linea
Il collegamento con la linea prevede appositi connettori installati sul Connector Interface
Panel (CIP) alla base dell’Unità di Controllo C5G.
Le configurazioni tipiche prevedono le soluzioni sotto riportate.

ETH2
COM2

X30
X90 X20 modules

Periferica Connettori
Descrizione
connessa al C5G interessati
i segnali di sicurezza (esempio arresto di emergenza, finecorsa porte di
Sicurezze X30
accesso alla cella, altro) sono disponibili sul Connettore X30 (Sicurezze)
la comunicazione con i sistemi Host (esempio PLC di linea) può essere
Sistemi Host -- gestita attraverso Bus di campo con Moduli Bus di campo su interfaccia
X20: principi (vedi par. 9.4.5 a pag. 208).
la comunicazione con i sistemi Host (esempio PLC di linea, PC gestione
Sistemi Host per
ETH2 / produzione di stabilimento, dispositivi di analisi, altro) può essere gestita
supervisione
APC820 attraverso connessioni Ethernet (vedi Connettore ETH2 su
(via Ethernet) AMS-APC820 (Ethernet) (vedi par. 5.3.2 a pag. 112))
la comunicazione con i sistemi Host (esempio PLC di linea, PC gestione
Sistemi Host per produzione di stabilimento, dispositivi di analisi, altro) può essere gestita
COM2 /
supervisione attraverso connessione seriale RS422 (vedi Connettore COM2 su
APC820
(via Seriale) AMS-APC820 (Seriale RS422) (vedi par. 5.3.3 a pag. 112)).
E’ inoltre disponibile la connessione seriale RS232.
Altre connessioni
(es. uscita cavi di I cavi che non dispongono di connettori opzionali specifici a base
rete o X90 armadio e fuoriescono dall’Unità di Controllo diretti al dispositivo sulla
comunicazione linea, sfruttano il passaggio consentito dal Connettore passacavo X90.
seriale)

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
106 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.3.1 Connettore X30 (Sicurezze)


Il connettore X30 è un connettore multipolare che raccoglie tutti i segnali di sicurezza da
e per l’Unità di Controllo C5G allo scopo di interfacciarsi con la linea.
E’ installato su Connector Interface Panel (CIP).
Per le connessioni è disponibile di serie il connettore volante con calotta e pin a
crimpare.
I segnali di sicurezza disponibili sugli appositi pin del connettore X30 sono internamente
connessi con il Safety Distribution Module (SDM). Con opportune opzioni è possibile
replicare i segnali di sicurezza, disponibili mediante apposite opzioni su connettore
multipolari a base armadio su Connector Interface Panel (CIP).

Fig. 5.8 - Connettore X30: composizione

A: Connector Interface Panel (CIP)

X30 X30: connettore X30

Gli approfondimenti sulla connessione di segnali di sicurezza e replicazione dei


segnali sono descritti al Cap.7. - Sicurezza a pag. 129.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 107
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.3.2 Connettore ETH2 su AMS-APC820 (Ethernet)


Il connettore ETH2 è un connettore RJ45 che permette la connessione di rete Ethernet
ad un sistema host. E’ disponibile su Modulo AMS-APC820.

Fig. 5.9 - Connettore ETH2: composizione

A: connettore ETH2 su AMS-APC820

A
ETH1 XD2 XD3

ETH2 XD4 XD5

COM2 COM1

X3A

Gli approfondimenti sulla connessione con la rete Ethernet sono descritti al


Cap.11. - Comunicazione su rete Ethernet a pag. 260.

5.3.3 Connettore COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS422)


Il connettore COM2 è un connettore a vaschetta 9 pin che permette la connessione
seriale RS422. E’ disponibile su Modulo AMS-APC820.
Sullo stesso connettore è inoltre disponibile anche la connessione seriale RS232 (vedi
Connettore COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS232)).

Fig. 5.10 - Connettore COM2: composizione

A: connettore COM2 su AMS-APC820

A
ETH1 XD2 XD3

ETH2 XD4 XD5

COM2 COM1

X3A

Gli approfondimenti sulla connessione seriale sono descritti al Cap.10. -


Comunicazione seriale RS-232 e RS-422 a pag. 256.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
108 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.3.4 Connettore passacavo X90


Il connettore X90 è un passacavo a più vie che rappresenta il punto di attraversamento
dei cavi dei Field Bus e/o rete Ethernet / seriale o altri cavi che si collegano direttamente
sui connettori interni posti sul moduli specifici. E’ installato su Connector Interface Panel
(CIP). Il connettore X90 è fornito di serie con l’Unità di Controllo.
Per consettire il passaggio dei cavi mantenendo il grado di protezione IP 54 dell’Unità
di Controllo è fornito il connettore volante con calotta e passacavi in gomma.

Fig. 5.11 - Connettore X90: composizione

A: Connector Interface Panel (CIP)

X90 X90: connettore X90

Gli approfondimenti sui Field Bus sono descritti al par. 9.4.5 Moduli Bus di campo
su interfaccia X20: principi a pag. 208.
Le connessioni con rete Ethernet sono descritte al par. 5.3.2 Connettore ETH2 su
AMS-APC820 (Ethernet) a pag. 112.
Le connessioni con protocolli seriali sono descritte al par. 5.3.3 Connettore COM2
su AMS-APC820 (Seriale RS422) a pag. 112.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 109
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.4 Applicazioni
Per applicazione si intende l’insieme di una o più attrezzature o parti macchina
connesse al Robot e/o impiegate nel processo produttivo connesso al Robot,
tipicamente integrate per realizzare una soluzione omogenea.
Le configurazioni tipiche prevedono le soluzioni sotto riportate.

COM2

X31..X32 X93..X94 X90

X310/SDM
X311/SDM
X312/SDM
X20 modules

Periferica Connettori
Descrizione
connessa al C5G interessati

I/O e segnali di
X31 i segnali di I/O, sicurezze e alimentazioni direttamente disponibili su
sicurezza, su
X32 Connettori X31..X32 (Applicazioni) opzionali
connettore

I/O digitali per X310/SDM i segnali di I/O sono disponibili di serie su Safety Distribution Module
piccole X311/SDM (SDM) e descritti al par. 9.2 Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo
applicazioni X312/SDM SDM a pag. 190

I/O remoti la comunicazione con i sistemi (esempio strumenti di misura, I/O remoti,
X93
(C5G con ruolo altro) può essere gestita attraverso protocolli Field Bus con Connettore
X94
di master) X93..X94 (Bus di campo Master) impiegando Moduli di interfaccia X20

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
110 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

Periferica Connettori
Descrizione
connessa al C5G interessati
la comunicazione con i sistemi (esempio strumenti di misura, altro) può
Sistemi di analisi,
COM2 / essere gestita attraverso seriale RS232 su Connettore COM2 su
misura
APC820 AMS-APC820 (Seriale RS232).
(via seriale)
E’ inoltre disponibile la connessione seriale RS422.
Altre connessioni
(es. uscita cavi di I cavi che non dispongono di connettori opzionali specifici a base
rete o X90 armadio e fuoriescono dall’Unità di Controllo diretti al dispositivo sulla
comunicazione linea, sfruttano il passaggio consentito dal Connettore passacavo X90.
seriale)

Altre connessioni
(es. uscita cavi I cavi di alimentazione possono fuoriuscire dalla base armadio
attraverso passacavi (non forniti in dotazione) che si fissano nei fori
alimentazione per --
fustellati di 25,5 mm di diametro (passacavi M25) presenti sul pannello
ravvivatore
centrale.
elettrodo)

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 111
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.4.1 Connettori X31..X32 (Applicazioni)


Il connettore X31..X32 è un connettore multipolare che raccoglie una o più soluzioni con
I/O digitali, alimentazioni e replicazione dei segnali di sicurezza, allo scopo di fornire
interfacciamento con le applicazioni.
Il connettore è installato su Connector Interface Panel (CIP) ed è siglato X31 nel caso
sia installata una sola soluzione, X32 per la seconda soluzione.
Le soluzioni sono opzionali ed è possibile scegliere tra:
– alimentazione 24 Vdc e replicazione dei segnali di sicurezza (connettore a 42
pin) con l’opzione C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza e alimentazioni
per le applicazioni (vedi par. 7.4.5 a pag. 144). Inoltre vedi anche Connettore
X31..X32 per le applicazioni, a disposizione dell’utente (vedi par. 6.2.2 a pag. 124)
– alimentazione 24Vdc e I/O (connettore a 51 pin) con l’opzione C5G-EDI:
Interfaccia I/O digitali esterni (24 I / 12 O) (vedi par. 9.4.9.7 a pag. 247).

Fig. 5.12 - Connettore X31..X32: composizione

A: Vano dedicato all’installazione della piastra


con i connettori applicazioni
X31 X32
X31: prima applicazione installata

X32: seconda applicazione installata

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
112 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.4.2 Connettore X93..X94 (Bus di campo Master)


Il connettore per il Bus di campo Master consente il collegamento del Bus di campo tra
il modulo master interno all’Unità di Controllo e i moduli slave presenti sull’attrezzatura
e/o a bordo Robot.
Il connettore, in abbinamento al cavo specifico, è una soluzione chiamata Multibus, la
quale prevede che nello stesso cavo multipolare sia veicolato il segnale del bus di
campo (Device Net o Profibus-DP) e l’alimentazione 24 Vdc per i moduli slave remoti.
Il connettore è installato alla base dell’Unità di Controllo sul Connector Interface Panel
(CIP).
Il connettore X93 è abbinato al primo modulo di Bus di campo Master mentre il
connettore X94, quando presente, al secondo modulo master.

Fig. 5.13 - Connettore X93..X94: composizione

A: Connector Interface Panel (CIP)

X93: connettore multibus per il primo modulo


Bus di campo Master
X93
X94: connettore multibus per il secondo
modulo Bus di campo Master

A
X94

Gli approfondimenti sui Field Bus sono descritti al par. 9.4.5 Moduli Bus di campo
su interfaccia X20: principi a pag. 208.
Gli esempi di impiego, piedinatura connettore e cavi di collegamento sono
riportati nei manuali di ogni applicazione che lo impiega.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 113
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.4.3 Connettore COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS232)


Il connettore COM2 è un connettore a vaschetta 9 pin che permette la connessione
seriale RS232. E’ disponibile su Modulo AMS-APC820.
E’ inoltre disponibile anche la connessione seriale RS422 (vedi Connettore COM2 su
AMS-APC820 (Seriale RS422)).

Fig. 5.14 - Connettore COM2: composizione

A: connettore COM2 su AMS-APC820

A
ETH1 XD2 XD3

ETH2 XD4 XD5

COM2 COM1

X3A

Gli approfondimenti sulla connessione seriale sono descritti al Cap.10. -


Comunicazione seriale RS-232 e RS-422 a pag. 256.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
114 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.5 Programmazione e interfaccia utente su PC


La programmazione e il movimento è fruibile con il Terminale di programmazione (vedi
par. 3.3 a pag. 38).
Il programma WinC5G fornisce una comoda interfaccia all’Unità di Controllo al fine di
facilitare le operazioni di diagnostica, impostazione, altro. WinC5G funziona su Personal
Computer (PC) con sistema operativo Microsoft© Windows©.

A - Terminale di
programmazione

B - Personal
Computer

A B

L’uso del Terminale di programmazione e del programma WinC5G è


dettagliatamente esposto nel manuale Uso dell’Unità di Controllo” al capitolo
“Programma WinC5G – Interfaccia al C5G su Personal Computer”.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 115
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

Le connessioni tipiche prevedono le soluzioni sotto riportate.

USB
ETH

ETH2
XD2:
XD3:

ETH

XD:

Periferica Connettori
Descrizione
connessa al C5G interessati
Connessione di rete Ethernet per automazioni con sistemi Host.
Disponibiledi serie su Modulo AMS-APC820 (vedi par. 4.4 a pag. 54)
ETH2
oppure su connettore Ethernet C5G-ETHK: Kit Ethernet (vedi par. 11.4
PC via Ethernet a pag. 262) opzionale.
Connessione di rete Ethernet opzionale per programmazione.
ETH
Disponibile con l’opzione C5G-U2E: Adattatore USB to Ethernet (vedi
aggiuntiva
par. 11.5 a pag. 263).
Connessione per supporti di memorizzazione USB (es. C5G-FDU: Flash
Disk USB (vedi par. 15.2.1 a pag. 300).
USB
Supporti di Disponibili di serie:
memorizzazione XD: – XD: su Modulo AMS-APC820 (vedi par. 4.4 a pag. 54)
USB XD2: – XD2: su Operator Panel Devices (OPD).
XD3: Disponibili con opzioni:
– XD3: su Operator Panel Devices (OPD) con l’opzione C5G-USBK:
Kit USB.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
116 00/0112
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

5.6 Riepilogo connettori e relativa funzione


Allo scopo di agevolare la ricerca della funzione dei principali connettori presenti
sull’Unità di Controllo, di seguito è riportato l’elenco in ordine alfabetico e il rispettivo
paragrafo dove è trattato.

Tab. 5.2 - Riepilogo connettori


Connettore /
Funzione tipica Descrizione
Posizione
Sistemi di analisi, La comunicazione con i sistemi (esempio strumenti di misura, altro) può
COM2 /
misura essere gestita attraverso seriale RS232 su Connettore COM2 su
APC820
(via seriale RS232) AMS-APC820 (Seriale RS232).
La comunicazione con i sistemi Host (esempio PLC di linea, PC
Sistemi Host per
COM2 / gestione produzione di stabilimento, dispositivi di analisi, altro) può
supervisione
APC820 essere gestita attraverso connessione seriale RS422 (vedi Connettore
(via Seriale RS422)
COM2 su AMS-APC820 (Seriale RS422) (vedi par. 5.3.3 a pag. 112)).
La comunicazione con i sistemi Host (esempio PLC di linea, PC
Sistemi Host per
ETH2 / gestione produzione di stabilimento, dispositivi di analisi, altro) può
supervisione
APC820 essere gestita attraverso connessioni Ethernet (vedi Connettore ETH2
(via Ethernet)
su AMS-APC820 (Ethernet) (vedi par. 5.3.2 a pag. 112))
Il Robot principale è connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G
X10/CIP Robot
e Robot con il Connettore X10 (Segnali Robot)Cavo segnali Robot
Il posizionatore (esempio serie SMART5 PTDV, PTDORB, altro) è
connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G e Robot (utiliza gli
X10-EXT/CIP Posizionatore stessi cavi del Robot sfruttando solo i conduttori necessari secondo il
numero di assi presenti) con il Connettore X10-EXT (Extension, segnali
del Posizionatore)
I segnali di sicurezza (esempio arresto di emergenza, finecorsa porte di
X30/CIP Sicurezze
accesso alla cella, altro) sono disponibili sul Connettore X30 (Sicurezze)
I segnali di I/O e alimentazioni direttamente disponibili su Connettori
I/O cablati
X31..X32 (Applicazioni) opzionali
X31/CIP
X32/CIP Alimentazioni e
I segnali di alimentazioni e replica dei segnali di sicurezza direttamente
replica segnali di
disponibili sul Connettori X31..X32 (Applicazioni) opzionali
sicurezza
Gli assi / ARM sono abilitati singolarmente attraverso l’opzione
Controllo assi
X50/CIP C5G-IEAK: interblocco di sicurezza ARM esterni (vedi par. 7.6.2 a
posizionatore
pag. 165)
Il Robot principale è connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G
X60/CIP Robot
e Robot con il Connettore X60 (Potenza Robot)Cavo potenza Robot
Il posizionatore (esempio serie SMART5 PTDV, PTDORB, altro) è
connesso attraverso i Cavi di collegamento tra C5G e Robot (utiliza gli
X60-EXT/CIP Posizionatore stessi cavi del Robot sfruttando solo i conduttori necessari secondo il
numero di assi presenti) con il Connettore X60-EXT (Extension, motori e
freni del Posizionatore)

X61/CIP I singoli assi ausiliari (esempio slitta su asse 7, pinza elettrica per
saldatura a punti, altro) sono connessi attraverso Cavi di collegamento
X62/CIP
Assi aggiuntivi tra C5G e Robot, ognuno con un solo connettore che comprende sia la
X63/CIP
potenza sia i segnali di controllo, con i Connettori X61..X64 (Segnali e
X64/CIP potenza per Assi aggiuntivi)
Ingresso/uscita cavi I cavi possono essere connessi all’interno dell’Unità di Controllo senza
X90/CIP
multipli essere interrotti passando attraverso il Connettore passacavo X90

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
00/0112 117
Panoramica delle connessioni all’Unità di Controllo C5G

Tab. 5.2 - Riepilogo connettori (Continua)


Connettore /
Funzione tipica Descrizione
Posizione
I/O remoti La comunicazione con i sistemi (esempio strumenti di misura, I/O
X93/CIP
(C5G con ruolo remoti, altro) può essere gestita attraverso protocolli Field Bus con
X94/CIP
di master) Connettore X93..X94 (Bus di campo Master)
Terminale di Alimentazione 24Vdc e rete Ethernet per il Terminale di
X124/CIP programmazione programmazione (vedi par. 3.3 a pag. 38) C5G-iTP / C5G-iTP2
C5G-iTP / C5G-iTP2 connesso via cavo.
Alimentazione
L’alimentazione 24Vdc è disponibile con le modalità indicate al par. 6.2
X106/SDM 24Vdc per
Come utilizzare il 24 Vdc nelle applicazioni utente a pag. 124.
applicazioni utente
Alimentazione
X124/SDM Connettori riservati. Sono utilizzati con le opzioni dell’Unità di Controllo
24Vdc e segnale di
X126/SDM per fornire le alimentazioni 24Vdc e consentire il comando di arresto di
arresto di
X128/SDM emergenza.
emergenza
X310/SDM I/O digitali per I segnali di I/O sono disponibili di serie su Safety Distribution Module
X311/SDM piccole applicazioni (SDM) e descritti al par. 9.2 Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo
X312/SDM utente SDM a pag. 190
Connessione per sistemi di memorizzazione USB (es. C5G-FDU: Flash
Disk USB (vedi par. 15.2.1 a pag. 300).
XD:
XD2: Disponibili di serie:
XD3: USB – XD: su Modulo AMS-APC820 (vedi par. 4.4 a pag. 54)
/ APC820 – XD2: su Operator Panel Devices (OPD).
oppure OPD Disponibili con opzioni:
– XD3: su Operator Panel Devices (OPD) con l’opzione C5G-USBK:
Kit USB.

HS-RC-C5E-SPT_05.fm
118 00/0112
Alimentazione 24Vdc

6. ALIMENTAZIONE 24VDC
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Fondamenti sull’alimentazione 24 Vdc nell’Unità di Controllo
– Come utilizzare il 24 Vdc nelle applicazioni utente
– C5G-ISAK5: kit alimentazioni per applicazioni.

6.1 Fondamenti sull’alimentazione 24 Vdc


nell’Unità di Controllo
– Principi della distribuzione del 24 Vdc
– Significato delle alimentazioni a 24 Vdc all’interno dell’Unità di Controllo
– Schema completo della distribuzione del 24 Vdc
– Connettore X30/CIP: pin di riferimento delle alimetazioni.

6.1.1 Principi della distribuzione del 24 Vdc


La tensione 24 Vdc nell’Unità di Controllo è generata dal Modulo AMS-ASM32.
Per alcune alimentazioni (V24 I/O e V24 SAFE) è possibile selezionare la sorgente di
alimentazione tra il Modulo AMS-ASM32 e un alimentatore esterno (approfondimenti al
par. 6.2 Come utilizzare il 24 Vdc nelle applicazioni utente a pag. 124).
Le distribuzioni del 24 Vdc sono realizzate dal Safety Distribution Module (SDM), il quale
comprende anche le protezioni per sovraccarico e cortocircuito sulle diramazioni del 24
Vdc. Le protezioni per il cortocircuito e sovraccarico sono realizzate con fusibili
autoripristinanti.
I segnali 0V delle alimentazioni 24 Vdc interne (0V I/O, 0V SAFE, ...) e il segnale 0V
dell’alimentazione proveniente dall’esterno (opzionale) sono connessi insieme ed
inoltre connessi al GND.
I valori di tensione e di corrente (se non diversamente indicato) si intendono 24 Vdc
nominali e con correnti erogate su carichi resistivi.

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
00/0112 119
Alimentazione 24Vdc

6.1.2 Significato delle alimentazioni a 24 Vdc all’interno


dell’Unità di Controllo

Tab. 6.1 - Sigle e impieghi delle alimentazioni 24 Vdc


Sigla Definizione Connettore
Sorgente: l’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. Connettore X30/CIP: pin di
riferimento delle alimetazioni
Impiego: alimentazione per componenti interni nell’Unità di
24V INTP
Controllo, utilizzabile dall’utente.

Protezione*¹: 1 A
Sorgente: l’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. Non disponibile all’utente.

Impiego: alimentazione per componenti interni nell’Unità di


24V INT Controllo.

Protezione*¹: 5 A , condivisa con 24V INTP, 24V ROB e 24V


DROFF
Sorgente: l’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. Connettore X10 (Segnali
Robot)Cavo segnali Robot
Impiego: alimentazione sempre presente su bordo Robot, per (vedi par. 5.2.1 a pag. 103)
24V ROB
piccole automazioni dell’utente.

Protezione*¹: 1 A
Sorgente: l’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. Non disponibile all’utente.

Impiego: alimentazione presente solo in condizione di Drive OFF,


24V
su bordo Robot, allo scopo di sfrenare i freni degli assi del Robot
DROFF
impiegando il modulo sfrenatore installato a bordo Robot.

Protezione*¹: 5 A , condivisa con 24V INT, 24V INTP e 24V ROB.


Sorgente: L’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. – X106/SDM. Per la
Mediante la selezione su connettore JP200/SDM può essere connessione è richiesto il
selezionata la sorgente esterna proveniente da connettore X30 C5G-UCK: kit connettori
(vedi par. 6.2.4 Selezione della sorgente 24 Vdc (solo per 24V I/O utente, per modulo SDM
e 24V SAFE) a pag. 125). (vedi par. 9.2.7 a
pag. 195).
Impiego: Alimentazione per schede e dispositivi che richiedono
alimentazione sempre presente. E’ impiegabile per applicazioni
– X106-1 / X106-2 / X106-3
utente.
24V I/O / X106-4. Connettori
Protezione*¹: 24V I/O = 8 A, condivisa con 24V SAFE disponibili con l’opzione
C5G-ISAK5: kit
alimentazioni per
applicazioni (vedi par.
6.3 a pag. 127).

– X124/SDM, X126/SDM,
X128/SDM.

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
120 00/0112
Alimentazione 24Vdc

Tab. 6.1 - Sigle e impieghi delle alimentazioni 24 Vdc (Continua)


Sigla Definizione Connettore
Sorgente: L’alimentazione proviene dal Modulo AMS-ASM32. – X106/SDM. Per la
Mediante la selezione su connettore JP200/SDM può essere connessione è richiesto il
selezionata la sorgente esterna proveniente da connettore X30 C5G-UCK: kit connettori
(vedi par. 6.2.4 Selezione della sorgente 24 Vdc (solo per 24V I/O utente, per modulo SDM
e 24V SAFE) a pag. 125) (vedi par. 9.2.7 a
pag. 195).
Impiego: Alimentazione per schede e dispositivi che richiedono la
disalimentazione con E-Stop, Drive-Off e altri comandi di arresto
– X106-1 / X106-2 / X106-3
di emergenza. E’ impiegabile per applicazioni utente.
/ X106-4. Connettori
Protezione*¹: 24V SAFE = 8 A, condivisa con 24V I/O disponibili con l’opzione
24V SAFE C5G-ISAK5: kit
Evitare i carichi capacitivi collegati a valle del alimentazioni per
24Vdc SAFE. Nel caso siano necessari, interporre applicazioni (vedi par.
un sistema di isolamento (ad esempio un contatto 6.3 a pag. 127).
elettromeccanico o diodo in serie).
Eventuale eccesso di capacità può attivare – X124/SDM, X126/SDM,
inopportune segnalazioni di diagnostica su X128/SDM.
inefficienza del segnale di 24V SAFE (codice di
errore di sistema 28946-8). – Connettore X30/CIP: pin
di riferimento delle
alimetazioni
Sorgente: L’alimentazione proviene direttamente dal Connettore – X124/SDM, X126/SDM,
X30/CIP: pin di riferimento delle alimetazioni (+24 pin 29, 0V pin X128/SDM.
30).
24V EXT
Impiego: Alimentazione per schede e dispositivi che richiedono il
FIELD
24 Vdc anche con Unità di Controllo spenta.
BUS
Protezione: non sono presenti protezioni. L’integratore deve
installare un fusibile di protezione a monte per limitare ad un
massimo di 4 A.
Sorgente: L’alimentazione proviene direttamente dal Connettore – Connettore X30/CIP: pin
X30/CIP: pin di riferimento delle alimetazioni (+24 pin 15 e 22, 0V di riferimento delle
pin 16 e 23). alimetazioni

Impiego: Alimentazione per 24V I/O e 24V SAFE che richiedono


24V EXT il 24 Vdc anche con Unità di Controllo spenta, previa selezione
sul connettore JP200 (vedi par. 6.2.4 Selezione della sorgente 24
Vdc (solo per 24V I/O e 24V SAFE) a pag. 125).

Protezione: le stesse considerate nell’alimentazione 24V I/O e


24V SAFE.
*¹ fusibili autoripristinanti installati all’interno del Safety Distribution Module (SDM).

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
00/0112 121
Alimentazione 24Vdc

6.1.3 Schema completo della distribuzione del 24 Vdc

SDM MODULE
X30 X102 X103
1A
24V INTP 24V INT. 1 A
1
2
8
24V EXT. 1 B
29
FIELD BUS 2

24V EXT. 1 C
15
0V 2
22

0V
INT./EXT.
2

9
X106
24V I/O 1
16
2
23
0V 3
30
24V SAFE 4

X122
X124
24V SAFE
1

0V
2

24V I/O
3

JP200 24V EXT. FIELD BUS


4

10

X126
24V EXT. 8A DRIVE ON
24V SAFE
1

24V INT. 7

SL2 P8A PSF 0V


2

24V I/O
3
X100
5A 9
24V
ASM PIO 24V EXT. FIELD BUS
4
AUX. 10
SUPPLY SL1 P5A
MODULE 0V
X128
5A 24V SAFE
1

1A 5A 0V
2

24V I/O
3
DRIVE OFF
9

24V EXT. FIELD BUS


24V DRIVE OFF

4
24V ROBOT

10
24V FANS

24V INT.
0V

0V

0V

0V

X119 X110
X2 X1
78 79 43 42

INT./EXT. FANS
A B

12 36 10d 11d

X10 X60 X124


24V ROBOT SUPPLY

iTP

24 Vdc Power supply


distribution
ROBOT BRAKES RELEASER

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
122 00/0112
Alimentazione 24Vdc

6.1.4 Connettore X30/CIP: pin di riferimento delle alimetazioni


Fig. 6.1 - Connettore X30/CIP: piedinatura

X30/CIP

External View

Legenda:
– Not Used / Not Available: non usato / non disponibile
– Gli 0V indicati sono collegati insieme. Le alimentazioni interne (0V INT, 0V EXT e
0V Field Bus) sono connessi tra loro, allo 0V interno dell’Unità di Controllo e riferiti
a terra.

Le informazioni generali sono disponibili nel par. 5.3.1 Connettore X30


(Sicurezze) a pag. 111.

Le connessioni interne riferite al connettore X30 sono visibili nello schema


elettrico dell’Unità di Controllo.

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
00/0112 123
Alimentazione 24Vdc

6.2 Come utilizzare il 24 Vdc nelle applicazioni


utente
– Connettore X106/SDM, a disposizione dell’utente
– Connettore X31..X32 per le applicazioni, a disposizione dell’utente
– Scelta della sorgente di alimentazione 24 Vdc (solo per 24V I/O e 24V SAFE)
– Selezione della sorgente 24 Vdc (solo per 24V I/O e 24V SAFE).

6.2.1 Connettore X106/SDM, a disposizione dell’utente


Per prelevare alimentazione interna 24 Vdc e fornirla alle applicazioni realizzate
all’interno dell’armadio, l’utente dispone del connettore X106/SDM.
Se il connettore risulta già utilizzato oppure è necessario distribuire l’alimentazione 24
Vdc ad un maggior numero di moduli, può essere impiegato il C5G-ISAK5: kit
alimentazioni per applicazioni (vedi par. 6.3 a pag. 127).

Tab. 6.2 - X106/SDM: piedinatura e caratteristiche alimentazione


24 Vdc
Caratteristiche:
– Tensione: 24 Vdc
– Corrente max: 8 A, condivisa tra (V24 I/O) e (V24
X 106
SAFE)
1
– Segnali corrispondenti: V24 I/O, GND-V0, V24 SAFE
Il connettore volante deve essere acquistato a parte con
l’opzione C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM.
X106/SDM Piedinatura:
Pin Signal
1 +24 Vdc I/O
1
2 0 Vdc I/O *
3 0 Vdc SAFE *1
4 +24 Vdc SAFE
* internamente collegati insieme. Inoltre connessi allo 0V comune
GND-V0

6.2.2 Connettore X31..X32 per le applicazioni, a disposizione


dell’utente
Per prelevare alimentazione interna 24 Vdc e fornirla alle applicazioni realizzate
all’esterno dell’armadio, l’utente dispone del connettore multipolare 42 pin X31/CIP e/o
X32/CIP (opzione C5G-SAK5). Se necessario, sullo stesso connettore si possono
collegare i segnali di replicazione dei contatti di sicurezza.

Gli approfondimenti sulla fornitura del 24 Vdc e segnali di sicurezza per le


appllicazioni sono riportati al par. 7.4.5 C5G-SAK5: connettore per i segnali di
sicurezza e alimentazioni per le applicazioni a pag. 144.

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
124 00/0112
Alimentazione 24Vdc

6.2.3 Scelta della sorgente di alimentazione 24 Vdc (solo per


24V I/O e 24V SAFE)
L’utente ha a disposizione le seguenti alimentazioni 24 Vdc:
– V24 I/O, sempre presente. Questa alimentazione può essere usata per alimentare
i dispositivi e gli I/O che necessitano dell’alimentazione sempre presente (vedi
dettagli al 24V I/O).
– V24 SAFE, presente solo in stato Drive ON. Questa alimentazione può essere
usata per alimentare le uscite che devono essere disalimentate a seguito di Drive
OFF, E-Stop e altri comandi di arresto di emergenza (vedi dettagli al 24V SAFE).
Queste alimentazioni sono disponibili sui connettori X106/SDM (a disposizione
dell’utente) e X124/SDM, X126/SDM, X128/SDM (previsti per il transito delle
alimentazioni verso le opzioni) presenti sul Safety Distribution Module (SDM).
La sorgente del 24 Vdc che fornisce alimentazione a 24V I/O e 24V SAFE è
selezionabile dal connettore JP200/SDM, per ottenere:
– l’alimentazione interna, generata internamente dal Modulo AMS-ASM32
– l’alimentazione esterna, proveniente da un alimentatore esterno.
Per meglio comprendere la distribuzione del 24 Vdc consultare il par. 6.1.3 Schema
completo della distribuzione del 24 Vdc a pag. 122.

6.2.4 Selezione della sorgente 24 Vdc (solo per 24V I/O e 24V
SAFE)
Secondo la scelta della sorgente di alimentazione, considerare i seguenti aspetti:
– la sorgente di alimentazione interna non richiede dispositivi e la selezione sul
connettore JP200/SDM è già corretta (default in posizione A in Fig. 6.2).
– la sorgente di alimentazione esterna richiede un alimentatore esterno (non fornito
con l’Unità di Controllo) che deve essere collegato attraverso il Connettore X30
(Sicurezze) (vedi par. 5.3.1 a pag. 111). Successivamente, è richiesta la selezione
sul connettore JP200/SDM (posizione B in Fig. 6.2).

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
00/0112 125
Alimentazione 24Vdc

Fig. 6.2 - Schema di principio selezione sorgente alimentazione

24V
24V SDM MODULE
EXT. X30 X102
1A
24V INTP
SUPPLY 0V
1

8
24V EXT.
29
FIELD BUS
24V 24V EXT.
24V 15

22
EXT.
SUPPLY 0V
0V INT./EXT.
2

16

23

30

X122

JP200 JP200

24V EXT. 24V EXT. 8A DRIVE ON

24V INT. 24V INT.

SL2 P8A PSF


B A
X100
5A
24V
ASM PIO
AUX.
SUPPLY SL1 P5A
MODULE 0V

5A

1A 5A

Per l’esecuzione pratica del ponticello di selezione della sorgente 24 Vdc


consultare il par. 7.3 Selezione della sorgente di alimentazione 24 Vdc a pag. 66
del manuale “Trasporto e installazione”.

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
126 00/0112
Alimentazione 24Vdc

6.3 C5G-ISAK5: kit alimentazioni per


applicazioni
Scopo
L’opzione C5G-ISAK5 (Internal Supply Application Kit) rende disponibile ulteriori 4
connettori per fornire alimentazione 24 Vdc alle applicazioni e la ripetizione della serie
del circuito di arresto di emergenza.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’alimentazione 24 Vdc disponibile sul connettore X106/SDM su Safety Distribution
Module (SDM) è disponibile su ulteriori 4 connettori X106-1, X106-2, X106-3, X106-4
presenti sul modulo C5G-IASM5. La corrente max prelevabile resta invariata da quella
dichiarata per il connettore X106/SDM, con la possibilità di suddividerla secondo
necessità tra i connettori.
Le alimentazioni e i segnali del circuito di arresto di emergenza presenti su
X128/SDM sono duplicati su 4 connettori X124-1, X126-1, X128-1, X130-1 presenti sul
modulo C5G-IASM5. La funzione del connettore X128/SDM non è più disponibile. I
connettori X124-1, X126-1, X128-1, X130-1 sono dotati di tappo per la richiusura del
circuito di arresto e, se rimossi, i segnali devono essere richiusi dall’applicazione ad essi
collegata.
L’opzione comprende il modulo C5G-IASM5 da fissare su guida omega, i connettori
volanti per consentire le connessioni, il cavo di collegamento tra il modulo C5G-IASM5
(connettore X128/A) e il Safety Distribution Module (SDM) (connettore X128/SDM) e i
connettori con i tappi di richiusura del circuito di arresto.

Fig. 6.3 - C5G-ISAK5: vista generale

A: C5G-ISAK5

Tab. 6.3 - C5G-ISAK5: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17132580
Caratteristiche elettriche – Consultare le caratteristiche dei rispettivi segnali (vedi Fig. 6.4).
Posizione di installazione – Interno C5G, su guida omega.
Limiti di impiego – E’ possibile installare massimo una opzione

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
00/0112 127
Alimentazione 24Vdc

Fig. 6.4 - Schema di principio disposizione segnali interni al


modulo C5G-IASM5

A parità di nome, tutti i segnali sono connessi in parallelo.


Approfondimenti dei segnali di alimentazione al par. 6.1.2 Significato delle alimentazioni a 24 Vdc
all’interno dell’Unità di Controllo a pag. 120:
– 24V SAFE
– 24V I/O
– 24V EXT FIELD BUS
Approfondimenti dei segnali di sicurezza al par. 7.1 Caratteristiche e definizioni dei segnali di
sicurezza a pag. 129:
– E-Stop

HS-RC-C5E-SPT_06.fm
128 00/0112
Sicurezza

7. SICUREZZA
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Caratteristiche e definizioni dei segnali di sicurezza
– Panoramica delle opportunità per l’interfacciamento dei segnali di sicurezza
– Uso dei segnali di sicurezza su connettore X30
– Replicazione dei segnali di sicurezza
– Soluzioni su Bus di sicurezza
– Soluzioni integrate per ARM e assi.

7.1 Caratteristiche e definizioni dei segnali di


sicurezza
– Gestione dei segnali di sicurezza
– Definizione dei segnali di sicurezza E-Stop, Auto-Stop (Fence) e General Stop.

7.1.1 Gestione dei segnali di sicurezza


L’integratore è responsabile della corretta gestione dei segnali di sicurezza per il
Sistema Robotico predisposti sull’Unità di Controllo (vedi definizioni in Tab. 7.1).
I segnali di sicurezza non possono essere esclusi e il mancato impiego impedisce l’avvio
del Sistema Robotico.
I segnali di sicurezza devono essere gestiti con una delle seguenti soluzioni:
– impiego del connettore di interfaccia del segnali di sicurezza X30/CIP.
Approfondimenti al par. 7.3 Uso dei segnali di sicurezza su connettore X30 a
pag. 133. La prestazione è di serie nell’Unità di Controllo
– impiego delle opzioni di sicurezza su Bus di campo. Approfondimenti al par. 7.5
Soluzioni su Bus di sicurezza a pag. 151. La prestazione è opzionale.
Inoltre, è possibile ampliare le funzionalità con:
– Replicazione dei segnali di sicurezza (vedi par. 7.4 a pag. 137). La prestazione è
opzionale.
– gestione sicura degli ARM / assi grazie alle opzioni di sicurezza specifiche.
Approfondimenti al par. 7.6 Soluzioni integrate per ARM e assi a pag. 163. La
prestazione è opzionale.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 129
Sicurezza

7.1.2 Definizione dei segnali di sicurezza E-Stop, Auto-Stop


(Fence) e General Stop
Sono disponibili 3 serie di segnali per i quali sono previsti specifiche funzioni come
indicato in Tab. 7.1.

Tab. 7.1 - Segnali di ingresso di sicurezza e relative funzioni


Segnale di
Funzione
ingresso
L’ingresso E-Stop deve essere impiegato per la connessione:
– del pulsante di arresto posto sul Terminale di programmazione
– del comando di arresto di emergenza della cella / linea in cui sarà installato il sistema
Robotico.
E-Stop
Il segnale è sempre attivo e genera un tipo di arresto (norma EN60204-1) a seconda del modo
di funzionamento selezionato:
– in categoria 1 in modo automatico
– in categoria 0 in modo programmazione.
L’ingresso Auto-Stop (Fence) deve essere impiegato per la connessione dei finecorsa di
sicurezza installati a controllo dello stato di chiuso delle porte di accesso cella / linea in cui sarà
Auto-Stop installato il sistema Robotico.
(Fence) Il segnale è attivo solo nel modo di funzionamento automatico e genera un arresto in categoria
1 (norma EN60204-1). La selezione del modo Programmazione pone il C5G sotto il controllo
dell’Enabling Device (sul terminale di programmazione) ed esclude l’ingresso Auto-Stop.
L’ingresso General Stop può essere impiegato per la funzione di arresto di sicurezza che per
esigenze funzionali non deve corrispondere all’arresto di emergenza (E-Stop), il quale è
tipicamente impiegato per area geografica più estesa e che richiede segnalazioni diagnostiche
specifiche.
L’ingresso può essere usato per arrestare in sicurezza il sistema robotico durante
General l’avvicinamento della persona all’area impegnata dal Robot (es. accesso all’area per carico /
Stop scarico o altra attività). Se l’ingresso non è usato i segnali devono essere richiusi con un
ponticello.
Il segnale è sempre attivo (è fisicamente identico all’ingresso E-Stop) e genera un tipo di arresto
(norma EN60204-1) a seconda del modo di funzionamento selezionato:
– in categoria 1 in modo automatico
– in categoria 0 in modo programmazione.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
130 00/0512
Sicurezza

7.2 Panoramica delle opportunità per


l’interfacciamento dei segnali di sicurezza
L’Unità di Controllo C5G dispone delle soluzioni riportate in Tab. 7.2.

Tab. 7.2 - Soluzioni di sicurezza disponibili


Tecnologia Dispositivi
Soluzione Descrizione Disponibilità
utilizzata interessati

Funzione: Gestione arresto di emergenza, cancelli, General Stop


Gestione delle funzioni di arresto (E-Stop,
Cancelli e General Stop) con circuiti
elettromeccanici. La funzionalità è di serie sul
Connettore X30 (Sicurezze) (vedi par. 5.3.1 a
Di serie
pag. 111) posto alla base dell’Unità di
Controllo (vedi approfondimenti al par. 7.1 Uso dei
Caratteristiche e definizioni dei segnali di segnali di
Interfaccia
sicurezza a pag. 129). sicurezza su
Circuito con la linea
connettore
elettrico X30 Opzionale
hardware vedi Segnali
Gestione di alcuni segnali di sicurezza per la
replicabili e
linea attraverso la Replicazione dei segnali di
scelta delle
sicurezza.
opzioni
abbinate
Interfaccia Gestione dei segnali di sicurezza per le Opzionale vedi Segnali
con le applicazioni attraverso la Replicazione dei replicabili e scelta delle
applicazioni segnali di sicurezza opzioni abbinate
Gestione delle funzioni di arresto (E-Stop,
Opzionale.
Cancelli e General Stop) su protocollo
Segnali via ProfiSafe Siemens. La funzionalità è C5G-PFB:
Richiede
opzionale (vedi approfondimenti al par. 7.1 Bus di
bus Interfaccia C5G-PFB:
Caratteristiche e definizioni dei segnali di sicurezza
ProfiSafe con la linea Bus di
sicurezza a pag. 129). ProfiSafe
Siemens sicurezza
Siemens.
ProfiSafe
I segnali di sicurezza su connettore X30 non
Siemens
sono più disponibili.
Gestione delle funzioni di arresto (E-Stop,
Opzionale.
Cancelli e General Stop) su protocollo Profinet
Segnali via Safe Siemens. La funzionalità è opzionale C5G-PNB:
Richiede
(vedi approfondimenti al par. 7.1 Bus di
bus Interfaccia C5G-PNB:
Caratteristiche e definizioni dei segnali di sicurezza
Profinet Safe con la linea Bus di
sicurezza a pag. 129). Profinet Safe
Siemens sicurezza
Siemens.
Profinet Safe
I segnali di sicurezza su connettore X30 non
Siemens
sono più disponibili.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 131
Sicurezza

Tab. 7.2 - Soluzioni di sicurezza disponibili (Continua)


Tecnologia Dispositivi
Soluzione Descrizione Disponibilità
utilizzata interessati
Gestione delle funzioni di arresto (E-Stop,
Cancelli e General Stop) su protocollo Pilz Opzionale.
Segnali via Safety Bus. La funzionalità è opzionale (vedi
C5G-PSB:
approfondimenti al par. 7.1 Caratteristiche e Richiede
bus Interfaccia Bus di
definizioni dei segnali di sicurezza a C5G-PSB:
Pilz Safety con la linea sicurezza
pag. 129). Bus di
Bus PILZ.
sicurezza
I segnali di sicurezza su connettore X30 non PILZ
sono più disponibili.
Funzione: Disattivazione sicura degli ARM / assi

Circuito Opzionale.
elettrico
hardware C5G-IEAK:
Il comando di disattivazione sicura degli ARM Richiede
ARM tavole interblocco di
con è fornito attraverso segnali elettromeccanici, a C5G-IEAK:
girevoli sicurezza
comando 2 canali. interblocco di
ARM esterni
elettro- sicurezza
meccanico ARM esterni

Circuito Opzionale.
elettrico Il comando di disattivazione sicura degli ASSI
C5G-IESK:
è fornito attraverso comando software (con Richiede
hardware Assi dei interblocco di
specifica buit-in) e i segnali di verifica C5G-IESK:
con posizionatori sicurezza per
dell’esito del comando di arresto sono interblocco di
comando assi ausiliari
elettromeccanici, a 2 canali. sicurezza per
software assi ausiliari

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
132 00/0512
Sicurezza

7.3 Uso dei segnali di sicurezza su connettore


X30
– Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza
– Approfondimenti sui segnali dei circuiti di arresto
– Schemi di principio per i circuiti di sicurezza connessi al X30.

7.3.1 Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza


Fig. 7.1 - Connettore X30/CIP: piedinatura

X30/CIP

External View
Auto
Drive ON T1 mode General E-stop E-stop
Stop
(optional) (optional) Stop PB Line
(Fence)

default

with C5G-SLC1 option

Legenda:
– Not Used / Not Available: non usato / non disponibile
– Gli 0V indicati sono collegati insieme. Le alimentazioni interne (0V INT, 0V EXT e
0V Field Bus) sono connessi tra loro, allo 0V interno dell’Unità di Controllo e riferiti
a terra.

Le connessioni interne riferite al connettore X30 sono visibili nello schema


elettrico dell’Unità di Controllo.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 133
Sicurezza

7.3.2 Approfondimenti sui segnali dei circuiti di arresto


I segnali di ingresso / uscita per i circuiti di arresto sono disponibili sul connettore
X30/CIP posto alla base dell’Unità di Controllo.

Tab. 7.3 - Connettore X30/CIP: definizione dei segnali di


sicurezza
Sgnale Pin su X30 Definizione e impiego Diagnosi
Stato: è sempre attivo e genera un tipo di arresto (norma
EN60204-1) a secondo del modo di funzionamento selezionato: $SDI[41]
• in categoria 1 in modo automatico Canale 1
• in categoria 0 in modo programmazione *¹
Segnale: ingresso utilizzato per la funzione di arresto di $SDI[42]
emergenza; collegare una coppia di contatti liberi da tensione di un Canale 2
dispositivo di sicurezza proveniente dalla linea.

C5G X30
Ingresso
4, 6 +24V INTP
E-Stop
5, 7
Linea
External
E-Stop

Caratteristiche elettriche:
– fusibile autoripristinante 1 A
– corrente sui contatti da 20 a 50 mA ogni ingresso
– tensione 24 Vdc

Stato: è attivo solo nel modo di funzionamento automatico e


genera un arresto in categoria 1 (norma EN60204-1). La selezione
$SDI[47]
del modo Programmazione pone il C5G sotto il controllo
Canale 1
dell’Enabling Device (sul terminale di programmazione) ed esclude
l’ingresso Auto-Stop.
$SDI[48]
Segnale: ingresso utilizzato per la funzione di arresto di sicurezza;
Canale 2
collegare una coppia di contatti liberi da tensione di un dispositivo
di sicurezza proveniente dalla linea.

C5G X30
Ingresso
18, 20
Auto-Stop +24V INTP
19, 21
Linea

Auto-Stop
(Fence)

Caratteristiche elettriche:
– fusibile autoripristinante 1 A
– corrente sui contatti da 20 a 50 mA ogni ingresso
– tensione 24 Vdc

*¹ Per ragioni di sicurezza, in modalità Programmazione è attivo solamente l’arresto in categoria 0 (secondo EN
60204-1).

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
134 00/0512
Sicurezza

Tab. 7.3 - Connettore X30/CIP: definizione dei segnali di


sicurezza (Continua)
Sgnale Pin su X30 Definizione e impiego Diagnosi
Stato: è sempre attivo e genera un tipo di arresto (norma
EN60204-1) a seconda del modo di funzionamento selezionato:
• in categoria 1 in modo automatico
$SDI[43]
• in categoria 0 in modo programmazione *¹
Canale 1
Segnale: ingresso utilizzato per la funzione di arresto di sicurezza;
collegare una coppia di contatti liberi da tensione di un dispositivo
$SDI[44]
di sicurezza proveniente dalla linea. E’ fisicamente identico
Canale 2
all’ingresso E-Stop e può essere usato per esigenze funzionali per
attivare l’arresto di emergenza del Robot senza agire su E-Stop,
che tipicamente è attivo per area geografica più estesa.

Ingresso C5G
25, 27 X30
Gen-Stop
26, 28
Linea +24V INTP

General
Stop

Caratteristiche elettriche:
– fusibile autoripristinante 1 A
– corrente sui contatti da 20 a 50 mA ogni ingresso
– tensione 24 Vdc

Stato: è sempre attivo. $SDI[120]


Segnale: uscita dei contatti (liberi da tensione) del pulsante di Entrambi i
arresto di emergenza presente sul terminale di programmazione. canali
Il pulsante di emergenza presente sul terminale di
programmazione non è collegato direttamente al circuito di
arresto di emergenza dell’Unità di Controllo.
E’ compito dell’integratore:
– interbloccare correttamente i contatti del pulsante con il circuito di
arresto di emergenza della macchina (cella / impianto)
– ricordarsi di inserire nelle procedure di verifica periodica dei dispositivi
di emergenza della macchina anche il pulsante di E-Stop del terminale
di programmazione.
Uscita 11, 13
E-Stop PB 12, 14 C5G X30

Internal
E-Stop
iTP = Teach Pendant E-Stop

Caratteristiche elettriche contatti interni:


– corrente max 1 A
– tensione tipica 24 Vdc, max 50 V
Nota: installare fusibile 1 A rapido di protezione su ingresso alimentazione 24
Vdc (a cura integratore)

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 135
Sicurezza

Tab. 7.3 - Connettore X30/CIP: definizione dei segnali di


sicurezza (Continua)
Sgnale Pin su X30 Definizione e impiego Diagnosi
*¹ Per ragioni di sicurezza, in modalità Programmazione è attivo solamente l’arresto in categoria 0 (secondo EN
60204-1).

7.3.3 Schemi di principio per i circuiti di sicurezza connessi al


X30

Considerando l’importanza della realizzazione dei collegamenti al momento


dell’installazione, l’argomento è approfondito nel manuale “Trasporto e
installazione” al par. 6.5 Circuiti di arresto: ingressi e gestione dei circuiti di
arresto e del pulsante a fungo sul terminale di programmazione a pag. 54.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
136 00/0512
Sicurezza

7.4 Replicazione dei segnali di sicurezza


– Segnali replicabili e scelta delle opzioni abbinate
– C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di sicurezza
– C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza
– C5G-ERCK: kit cavi espansioni a relè
– C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza e alimentazioni per le applicazioni
– C5G-SLC1: cavo integrazione segnali di sicurezza su X30

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 137
Sicurezza

7.4.1 Segnali replicabili e scelta delle opzioni abbinate


Alcuni segnali di sicurezza sono replicabili e successivamente sono a disposizione per
le applicazioni dell’utente (connettori X31..X32) o per la linea (connettore X30).
La replicazione è realizzata con i moduli opzionali C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei
segnali di sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza (ogni
modulo replica specifici segnali come indicato in Tab. 7.4). E’ possibile utilizzare uno o
più segnali di sicurezza, anche contemporaneamente.
I segnali di sicurezza a doppio canale sono a disposizione dell’utente sui Connettori
X31..X32 (Applicazioni) a base armadio aggiungendo l’opzione C5G-SAK5: connettore
per i segnali di sicurezza e alimentazioni per le applicazioni.

Tab. 7.4 - Riepilogo dei segnali replicati e moduli opzionali


abbinati, secondo il connettore usato
Opzioni necessarie

Cavi, connettore e
Segnale
Descrizione Modulo di accessori
replicato
espansione Uso su Uso su
X31..X32 X30

Segnale replica dello stato dell’emergenza Già


E-Stop
proveniente dalla linea. disponibile
Segnale replica dello stato di Drive On. C5G-ERCK
Questo segnale può essere usato per controllare i *¹
dispositivi a bordo macchina, subordinandoli con lo
Drive On stato del Drive On (che è attivo a 1 in automatico C5G-SAK5
C5G-ERM-1
con Drive On e anche in programmazione con il *²
pulsante di Enablig Device su Terminale di C5G-SLC1
programmazione). C5G-APK2
Selettore di *³
Segnale replica che identifica la posizione del
stato
selettore modale in modo Programmazione (T1).
(modo T1)
Segnale replica dello stato dei finecorsa di
sicurezza della cella / linea posti a controllo delle
porte di accesso.
Auto-Stop Già
Questo segnale può essere usato per controllare i C5G-ERCK
(Fence) disponibile
dispositivi a bordo macchina, subordinandoli con lo *¹
stato della porta (che è attivo a 1 solo se la porta è
chiusa). C5G-SAK5
C5G-ERM-2
Selettore di Segnale replica che identifica la posizione del *²
selettore modale in modo automatico Not
stato (modo
(indipendentemente il segnale di Automatico locale C5G-APK2 available
automatico)
(AUTO) e Automatico remoto (REMOTE). *³

*¹ E’ necessario un solo C5G-ERCK per entrambi i moduli C5G-ERM1 e C5G-ERM2.


*² E’ necessario un C5G-SAK5 per ogni applicazione
*³ E’ necessario un solo C5G-APK2 per alloggiare entrambe le applicazioni X31..X32

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
138 00/0512
Sicurezza

7.4.2 C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di sicurezza


Scopo
L’opzione C5G-ERM1 (Expansion Relays Module 1) rende disponibile la replica dei
segnali di sicurezza E-Stop, Drive On e stato del selettore modale in posizione
Programmazione (T1). Gli approfondimenti sul segnale replicato sono indicati in
Tab. 7.4.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione è composta dal modulo C5G-ERM1.
Se non è già installato un modulo C5G-ERM2, è necessaria l’opzione C5G-ERCK: kit
cavi espansioni a relè (vedi par. 7.4.4 a pag. 143) che comprende i cavi interni armadio
diretti al Safety Distribution Module (SDM) dal quale si prelevano i segnali di sicurezza
da replicare e l’alimentazione.
Le connessioni a disposizione sull’opzione garantiscono la categoria 3 secondo la
norma EN ISO 13849-1 e le uscite sono del tipo a relè (2 canali per ogni segnale).
L’utente può prelevare i segnali E-Stop, Drive On e stato del selettore modale in
posizione Programmazione (T1) sui Connettori X31..X32 (Applicazioni) a base armadio
aggiungendo l’opzione C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza e alimentazioni
per le applicazioni.
Se non è già presente, è necessaria l’opzione C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par.
12.4.6 a pag. 276) installata nella posizione destra dell’armadio.
In alternativa, l’utente può prelevare i segnali Drive On e stato del selettore modale in
posizione Programmazione (T1) sul Connettore X30 (Sicurezze) a base armadio
aggiungendo l’opzione C5G-SLC1: cavo integrazione segnali di sicurezza su X30.
A seguito installazione dell’opzione C5G-ERM1, i segnali di sicurezza presenti in
precedenza sul connettore X30 sono comunque disponibili.

Fig. 7.2 - C5G-ERM1: vista generale

A: modulo C5G-ERM1

B: Cavi di connessione tra modulo


C5G-ERM1 e modulo SDM
C
C: Modulo SDM

Tab. 7.5 - C5G-ERM1: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10156860

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 139
Sicurezza

Tab. 7.5 - C5G-ERM1: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Caratteristiche elettriche – Alimentazione 24 Vdc ricavata dal modulo SDM. L’alimentazione è
riservata per opzioni interne Comau e non è a disposizione
dell’utente.
– Connettori sul circuito stampato per prelevare i segnali di sicurezza
replicati di:
• E-Stop, connettore X410
• Drive On, connettore X411
• stato del selettore in posizione Programmazione (T1),
connettore X412.
Dimensioni e peso – Occupa lo spazio di una guida omega su C5G-OPK: Kit Piastra
Opzioni (vedi par. 12.4.6 a pag. 276)

ERM1 ERM2

Posizione di installazione – Nella posizione destra dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.
– La funzione può essere prelevata per un solo tra i Connettori
X31..X32 (Applicazioni) o Connettore X30 (Sicurezze). Se è
necessario disporre del segnale replicato su più connettori occorre
installare l’opzione C5G-SEK5: duplicazione dei segnali di
sicurezza.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
140 00/0512
Sicurezza

7.4.3 C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza


Scopo
L’opzione C5G-ERM2 (Expansion Relays Module 2) rende disponibile la replica dei
segnali di sicurezza Auto-Stop (Fence), Enablig Device e stato del selettore modale
in posizione Automatico (indipendentemente il segnale di Automatico locale (AUTO) e
Automatico remoto (REMOTE). Gli approfondimenti sul segnale replicato sono indicati
in Tab. 7.4.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione è composta dal modulo C5G-ERM2.
Se non è già installato un modulo C5G-ERM1, è necessaria l’opzione C5G-ERCK: kit
cavi espansioni a relè (vedi par. 7.4.4 a pag. 143) che comprende i cavi interni armadio
diretti al Safety Distribution Module (SDM) dal quale si prelevano i segnali di sicurezza
da replicare e l’alimentazione.
Le connessioni a disposizione sull’opzione garantiscono la categoria 3 secondo la
norma EN ISO 13849-1 e le uscite sono del tipo a relè (2 canali per ogni segnale).
La connessione per l’utente è disponibile sui Connettori X31..X32 (Applicazioni) a
base armadio, aggiungendo l’opzione C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza
e alimentazioni per le applicazioni.
Se non è già presente, è necessaria l’opzione C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par.
12.4.6 a pag. 276) installata nella posizione destra dell’armadio.
A seguito installazione dell’opzione C5G-ERM2, i segnali di sicurezza presenti in
precedenza sul connettore X30 sono comunque disponibili.

Fig. 7.3 - C5G-ERM2: vista generale

A: modulo C5G-ERM2

B: Cavi di connessione tra modulo


C5G-ERM1 e modulo SDM
C
C: Modulo SDM

Tab. 7.6 - C5G-ERM2: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10156960

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 141
Sicurezza

Tab. 7.6 - C5G-ERM2: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Caratteristiche elettriche – Alimentazione 24 Vdc ricavata dal modulo SDM. L’alimentazione è
riservata per opzioni interne Comau e non è a disposizione
dell’utente.
– Connettori sul circuito stampato per prelevare i segnali di sicurezza
replicati di:
• Enablig Device, connettore X413
• Auto-Stop (Fence), connettore X414
• stato del selettore modale in posizione Automatico
(indipendentemente il segnale di Automatico locale (AUTO) e
Automatico remoto (REMOTE), connettore X415
Dimensioni e peso – Occupa lo spazio di una guida omega su C5G-OPK: Kit Piastra
Opzioni (vedi par. 12.4.6 a pag. 276)

ERM1 ERM2

Posizione di installazione – Nella posizione destra dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.
– La funzione può essere prelevata per un solo tra i Connettori
X31..X32 (Applicazioni). Se è necessario disporre del segnale
replicato su più connettori occorre installare l’opzione C5G-SEK5:
duplicazione dei segnali di sicurezza.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
142 00/0512
Sicurezza

7.4.4 C5G-ERCK: kit cavi espansioni a relè


Scopo
L’opzione C5G-ERCK (Expansion Relays Cable Kit) rende disponibile i cavi interni
armadio necessari a collegare i moduli C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di
sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza con il Safety
Distribution Module (SDM).

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione è composta dal cavo alimentazione 24 Vdc da Safety Distribution Module
(SDM), cavo alimentazione 24 Vdc tra i moduli C5G-ERM1 e C5G-ERM2, cavo flat per
i segnali provenienti dal Safety Distribution Module (SDM).
Il kit cavi è sufficiente per collegare entrambi i moduli C5G-ERM1 e C5G-ERM2. Nel
caso sia installato un solo modulo, il cavo alimentazione 24 Vdc tra moduli deve essere
conservato all’interno dell’armadio, per uso futuro.

Fig. 7.4 - C5G-ERCK: vista generale

A: Cavo alimentazione 24 Vdc tra i moduli


C5G-ERM1 e C5G-ERM2

B: Cavo flat per i segnali provenienti dal


modulo SDM
C
C: Cavo alimentazione 24 Vdc da modulo
SDM

Tab. 7.7 - C5G-ERCK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17133080
Caratteristiche elettriche – Connettori e cavo flat per trasferire i segnali di sicurezza da modulo
SDM ai moduli sC5G-ERM1 e C5G-ERM2
Dimensioni e peso – non influenti
Posizione di installazione – Lato destro interno armadio
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 143
Sicurezza

7.4.5 C5G-SAK5: connettore per i segnali di sicurezza e


alimentazioni per le applicazioni
Scopo
L’opzione C5G-SAK5 (Supply Application Kit) rende disponibile un connettore a 42 pin
a base armadio per fornire alle applicazioni utente l’alimentazione 24 Vdc e la replica
dei segnali di sicurezza dei moduli C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di
sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il connettore è denominato X31/CIP o X32/CIP secondo il numero di opzioni C5G-SAK5
installate.
L’opzione consente di interfacciare un’applicazione utente fornendogli:
– l’alimentazione 24 Vdc prelevata sul connettore X124/SDM del Safety Distribution
Module (SDM) (segnali 24V I/O, 24V SAFE e 24V EXT FIELD BUS).
Approfondimenti sulle alimentazioni sono documentati al par. 6.1 Fondamenti
sull’alimentazione 24 Vdc nell’Unità di Controllo a pag. 119.
– lo stato dei segnali di sicurezza replicati dai moduli opzionali C5G-ERM1:
espansione mod. 1 dei segnali di sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei
segnali di sicurezza. Se non sono necessari i segnali di sicurezza, i moduli
C5G-ERM1 e C5G-ERM2 possono essere omessi.
L’opzione è composta da un connettore da pannello a 42 pin, cablato con cavi interni
armadio e connettore volante (frutto maschio, calotta e pin) per le connessioni esterne,
a cura integratore.
Al fine di prelevare il segnale di sicurezza necessario all’applicazione (a scelta secondo
quando indicato in Tab. 7.4), l’altra estremità dei cavi interni è dotata di connettori da
collegarsi sui connettori X410..X415 dei moduli opzionali C5G-ERM1: espansione mod.
1 dei segnali di sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2 dei segnali di sicurezza;
se uno o più connettori X410..X415 sono utilizzati, è necessario replicare il segnale con
l’opzione C5G-SEK5: duplicazione dei segnali di sicurezza.
Se non è già installato un pannello preforato a base armadio, è consigliata l’opzione
C5G-APK2 kit Piastra Ausiliaria 2 (vedi par. 12.4.3 a pag. 273) che dispone di 3
fustellature per connettori a 42 poli.
La connessione per l’utente è disponibile sul connettore volante X31..X32, da cablare
a cura utilizzatore.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
144 00/0512
Sicurezza

Fig. 7.5 - C5G-SAK5: vista generale

A: Connettore multipolare 42 pin femmina

B: Cavo connessione segnali di sicurezza su


moduli
C
C: Cavo connessione alimentazione 24 Vdc
da modulo SDM

Tab. 7.8 - C5G-SAK5: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17132980
Caratteristiche elettriche Alimentazione 24 Vdc:
– Alimentazione 24V I/O, 24V SAFE e 24V EXT FIELD BUS, ricavata
dal modulo SDM, connettore X124/SDM
– Tensione: 24 Vdc
– Corrente max: 8 A, condivisa tra 24V I/O e 24V SAFE e tra le
applicazioni eventualmente già presenti
– Corrente max: 8 A, condivisa tra 24V EXT FIELD BUS e tra i moduli
bus di campo eventualmente già presenti, limitato comunque dalla
corrente massima fornita attraverso X30 dalla stessa applicazione
utente.
– Segnali corrispondenti: V24 I/O, GND-V0, V24 SAFE
Contatti dei segnali di sicurezza replicati:
– Tensione max: 30 Vdc
– Corrente max: 2A, resistivo
– Corrente min: 5 mA
– E’ richiesta la protezione per sovraccarico e cortocircuito sui contatti
con fusibile rapido 2 A
Dimensioni e peso – non influenti
Posizione di installazione – Sul pannello CIP a base armadio, su C5G-APK2 kit Piastra
Ausiliaria 2 (vedi par. 12.4.3 a pag. 273) installata nella sezione
centrale.
Requisiti di installazione – Richiede pinza per crimpare Harting Crimping Tool 09 99 000 0001
ed eventuale estrattore Harting Removal Tool 09 99 000 0012.
– La calotta volante, il frutto connettore e i pins (serie Harting
09 15 000 6xxx) sono forniti con l’opzione.
– Se sono necessari segnali di sicurezza, C5G-ERM1: espansione
mod. 1 dei segnali di sicurezza e/o C5G-ERM2: espansione mod. 2
dei segnali di sicurezza.
Limiti di impiego – E’ possibile installare due opzioni.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 145
Sicurezza

Fig. 7.6 - Connettore X31/CIP, X32/CIP per opzione C5G-SAK5:


piedinatura

X31/CIP, X32/CIP

External View

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
146 00/0512
Sicurezza

Fig. 7.7 - Connettore X31/CIP, X32/CIP per opzione C5G-SAK5:


suddivisione segnali

X31/CIP, X32/CIP

Supply pins

External View

Safety signals pins

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 147
Sicurezza

7.4.6 C5G-SLC1: cavo integrazione segnali di sicurezza su X30


Scopo
L’opzione C5G-SLC1 (Safety Line Contacts type 1) rende disponibile le connessioni
elettriche dei segnali Drive On e stato del selettore modale in posizione
Programmazione (T1) sul Connettore X30 (Sicurezze) per agevolare l’interfacciamento
verso la linea.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il cavo preleva i segnali di Drive On e stato del selettore modale in posizione
Programmazione (T1) disponibili sul modulo opzionale C5G-ERM1: espansione mod. 1
dei segnali di sicurezza e li collega su specifici pin non usati del Connettore X30
(Sicurezze).
L’opzione è composta da due cavi, con connettore su una estremità e pin pre-crimpati
sull’altra, pronti per essere inseriti nel Connettore X30 (Sicurezze).
La connessione per l’utente è disponibile sul connettore Connettore X30 (Sicurezze).

Tab. 7.9 - C5G-SLC1: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17243660
Dimensioni e peso – non influenti
Requisiti di installazione – E’ richiesto il modulo C5G-ERM1: espansione mod. 1 dei segnali di
sicurezza, con connettori X411 e X412 non usati. Se i connettori
sono già utilizzati, è necessario replicare il segnale richiesto con
l’opzione C5G-SEK5: duplicazione dei segnali di sicurezza.
– Eventuale estrattore Harting Removal Tool 09 99 000 0012.
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
148 00/0512
Sicurezza

7.5 Soluzioni su Bus di sicurezza


– Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di sicurezza su Bus
– C5G-PFB: Bus di sicurezza ProfiSafe Siemens
– C5G-PNB: Bus di sicurezza Profinet Safe Siemens
– C5G-PSB: Bus di sicurezza PILZ.

7.5.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di


sicurezza su Bus
L’integratore è responsabile della corretta integrazione dei segnali di sicurezza ed è
tenuto ad osservare le successive prescrizioni (ma senza limitarsi alle sole indicate):
– L’integratore deve eseguire la connessione e configurazione della rete, nonché
l’implementazione del software residente sul PLC di sicurezza dell’area
– Il pulsante di arresto di emergenza presente sul terminale di programmazione non
è gestito dal circuito di arresto interno al C5G e risulta connesso sui moduli di
sicurezza presenti nelle opzioni. E’ compito dell’integratore:
• interbloccare correttamente i contatti del pulsante con il circuito di arresto di
emergenza della macchina (cella / impianto)
• inserire nelle procedure di verifica periodica dei dispositivi di emergenza della
macchina anche il pulsante di E-Stop del terminale di programmazione
– L’integratore è responsabile della connessione dei suddetti contatti al circuito di
arresto di emergenza della macchina completa.

Se queste prescrizioni minime non sono eseguite è presente un elevato rischio


per la persona addetta alla programmazione e per la persona addetta alla
conduzione della macchina.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 149
Sicurezza

7.5.2 C5G-PFB: Bus di sicurezza ProfiSafe Siemens


Scopo
L’opzione C5G-PFB (ProFiSafe Bus) rende disponibili i segnali di sicurezza E-Stop,
Auto-Stop (Fence) e General Stop (vedi definizioni in Tab. 7.1) via protocollo ProfiSafe
su modulo Siemens ET200S, rimuovendoli dal connettore X30.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione prevede un cavo di connessione tra il modulo Siemens ET200S - IM151-PFP
High Feature e il Safety Distribution Module (SDM) (connettore X122/SDM), così da
destinare i segnali di sicurezza direttamente sulle morsettiere degli I/O del modulo
Siemens.
Le connessioni interne realizzate dall’opzione garantiscono la categoria 3 secondo la
norma EN ISO 13849-1.
Gli ingressi sono alimentati dal 24V trigger e impiegano 2 canali per ogni segnale.
Le uscite sono del tipo statico e impiegano 2 canali per ogni segnale.
L’opzione deve essere alimentata a 24 Vdc attraverso il connettore X30, con 2 differenti
sorgenti protette da cortocircuiti e sovraccarichi: alimentazione 24V per punti di I/O (24V
EXT) e alimentazione nodo del bus (24V EXT FIELD BUS).
Non è richiesta alcuna selezione sul connettore JP200 (vedi par. 6.1.3 Schema
completo della distribuzione del 24 Vdc a pag. 122).
La connessione di rete per il ProfiSafe deve essere eseguita direttamente sul modulo
Siemens (connettore vaschetta 9 pin maschio, 9 pin volante femmina), entrando con il
cavo di rete attraverso il Connettore passacavo X90 (vedi par. 5.3.4 a pag. 113) a base
armadio. Selezionare un adeguato indirizzo di rete sul modulo Siemens secondo quanto
previsto dalla rete.
A seguito installazione dell’opzione C5G-PFB, i segnali di sicurezza replicati dal bus non
sono più disponibili sul connettore X30.
L’opzione prevede il modulo Siemens ET200S - IM151-PFP High Feature, moduli
alimentatore, ingressi safe, uscita safe, morsettiere e cavi interni di collegamento,
connettore volante uscita 90° e la C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276).

L’integratore deve garantire la corretta integrazione del sistema robotico nell’area


di lavoro (vedi dettagli al par. 7.5.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle
opzioni di sicurezza su Bus a pag. 151).

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
150 00/0512
Sicurezza

Fig. 7.8 - C5G-PFB: vista generale

A: C5G-PFB (dettaglio modulo Siemens


ET200S - IM151-PFP High Feature)

B: Cavo di connessione tra modulo Siemens


C ET200S e modulo SDM (tratto arancione)

C: Modulo SDM

Tab. 7.10 - C5G-PFB: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17131780
Caratteristiche elettriche – Alimentazione 24 Vdc ±10%, 300 mA attraverso 24V EXT pin 15 e
16 del connettore X30. E’ necessario prevedere a monte una
protezione per cortocircuiti / sovraccarichi a max 1A (fusibile rapido)
– Connettore volante fornito in dotazione: Profibus, uscita cavo 90°,
Siemens 6ES7972-0BA41-0XA0
Dimensioni e peso – Occupa un vano C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276)
Posizione di installazione – Nella posizione centrale dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.

Tab. 7.11 - Assegnazione I/O su modulo Siemens ET200S


Morsetto su Alimentazione
Segnale Descrizione
ET200S trigger
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 1
Ingresso 0 .0 VS1
(ex pin 11 e 13 del connettore X30 *¹)
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 2
Ingresso 1 .4 VS2
(ex pin 12 e 14 del connettore X30 *¹)
Ingresso 2 .1 -- Non usato.
Ingresso 3 .5 -- Non usato.
Ingresso 4 .2 -- Non usato.
Ingresso 5 .6 -- Non usato.
Ingresso 6 .3 -- Non usato.
Ingresso 7 .7 -- Non usato.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 151
Sicurezza

Tab. 7.11 - Assegnazione I/O su modulo Siemens ET200S


Morsetto su Alimentazione
Segnale Descrizione
ET200S trigger
E-Stop di linea - canale 1.
Uscita 0 .0P, .0M
(ex pin 4 e 6 del connettore X30 *¹)
E-Stop di linea - canale 2
Uscita 1 .1P, .1M
(ex pin 5 e 7 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 1
Uscita 2 .2P, .2M
(ex pin 18 e 20 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 2
Uscita 3 .3P, .3M Non applicabile (ex pin 19 e 21 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 1
Uscita 4 .0P, .0M
(ex pin 25 e 27 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 2
Uscita 5 .1P, .1M
(ex pin 26 e 28 del connettore X30 *¹)
Uscita 6 .2P, .2M Non usato.
Uscita 7 .3P, .3M Non usato.
*¹ vedi par. 7.3.1 Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza a pag. 133

Consultare inoltre il manuale della Siemens per la piedinatura, il metodo di


connessione, la configurazione e l’uso del modulo Siemens ET200S.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
152 00/0512
Sicurezza

7.5.2.1 Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione


C5G-PFB
Nello schema sottostante:
– sono riportati solo i segnali di pertinenza per meglio comprendere il principio di
collegamento
– il Terminale di programmazione è significativo e rappresenta tutte le versioni
previste.

Fig. 7.9 - C5G-PFB: schema di collegamento

User C5G
EXT X30
SUPPLY SDM MODULE
X102
F 1A 15 24V EXT.
24V 22
*1
0V
16 INT./EXT.
0V
23

X90 SIEMENS ET200S


PASS-HOOD
X1 IM151 X122
PROFISAFE INTERFACE
PROFISAFE 1L
Fieldbus Network 1M

PM-E 3 iTP
POWER SUPPLY 2 E-Stop
VS1
VS2
F-DI
SAFETY INPUT
.4
.0
External E-Stop
0P
.1P

.1M
F-DO .0M
SAFETY OUTPUT Auto-Stop (Safety Gates)
I° MODULE .2P
.3P

.3M
.2M
General-Stop
.0P
F-DO .1P
SAFETY OUTPUT
II° MODULE
.1M
.0M

*¹ L’alimentazioni 24 Vdc deve essere protetta con fusibili rapidi.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 153
Sicurezza

7.5.3 C5G-PNB: Bus di sicurezza Profinet Safe Siemens


Scopo
L’opzione C5G-PNB (ProfiNet Bus) rende disponibili i segnali di sicurezza E-Stop,
Auto-Stop (Fence) e General Stop (vedi definizioni in Tab. 7.1) sul Profinet Safe su
modulo Siemens ET200S, rimuovendoli dal connettore X30.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione prevede un cavo di connessione tra il modulo Siemens ET200S - IM151-3PN
High Feature e il Safety Distribution Module (SDM) (connettore X122/SDM), così da
destinare i segnali di sicurezza direttamente sulle morsettiere degli I/O del modulo
Siemens.
Le connessioni interne realizzate dall’opzione garantiscono la categoria 3 secondo la
norma EN ISO 13849-1.
Gli ingressi sono alimentati dal 24V trigger e impiegano 2 canali per ogni segnale.
Le uscite sono del tipo statico e impiegano 2 canali per ogni segnale.
L’opzione deve essere alimentata a 24 Vdc attraverso il connettore X30, con 2 differenti
sorgenti protette da cortocircuiti e sovraccarichi: alimentazione 24V per punti di I/O (24V
EXT) e alimentazione nodo del bus (24V EXT FIELD BUS).
Non è richiesta alcuna selezione sul connettore JP200 (vedi par. 6.1.3 Schema
completo della distribuzione del 24 Vdc a pag. 122).
La connessione di rete per il Profinet Safe deve essere eseguita direttamente sul
modulo Siemens (connettore RJ45), entrando con il cavo di rete attraverso il Connettore
passacavo X90 (vedi par. 5.3.4 a pag. 113) a base armadio. Selezionare un adeguato
indirizzo di rete sul modulo Siemens secondo quanto previsto dalla rete.
A seguito installazione dell’opzione C5G-PSB, i segnali di sicurezza replicati dal bus
non sono più disponibili sul connettore X30.
L’opzione prevede il modulo Siemens ET200S - IM151-3PN High Feature, moduli
alimentatore, ingressi safe, uscita safe, morsettiere e cavi interni di collegamento e la
C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a pag. 276).
Inoltre è fornito un cavo di rete aggiuntivo di 0,5 m da impiegarsi nel caso sia necessario
aggiungere soluzioni di Ingressi / Uscite e Bus di campo, su interfaccia X20 (vedi par.
9.4 a pag. 200)

L’integratore deve garantire la corretta integrazione del sistema robotico nell’area


di lavoro (vedi dettagli al par. 7.5.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle
opzioni di sicurezza su Bus a pag. 151).

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
154 00/0512
Sicurezza

Fig. 7.10 - C5G-PNB: vista generale

A: C5G-PNB (dettaglio modulo Siemens


ET200S - IM151-3PN High Feature)

D B: Cavo di connessione tra modulo Siemens


ET200S e modulo SDM (tratto arancione)

C C: Modulo SDM

D: Cavo Ethernet di connessione tra modulo


Siemens ET200S e modulo APC820 (tratto
azzurro)

Tab. 7.12 - C5G-PNB: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17131880
Caratteristiche elettriche – Alimentazione 24 Vdc ±10%:
• alimentazione nodo: 250 mA attraverso 24V EXT FIELD BUS
i pin 29 e 30 del connettore X30. E’ necessario prevedere a
monte una protezione per cortocircuiti / sovraccarichi a max 1A
(fusibile rapido)
• alimentazione moduli I/O: 250 mA attraverso 24V EXT pin 15
e 16 del connettore X30. E’ necessario prevedere a monte una
protezione per cortocircuiti / sovraccarichi a max 1A (fusibile
rapido)
– I segnali GND delle 2 alimentazioni sono connesse insieme sui
connettori del modulo ET200
Dimensioni e peso – Occupa un vano C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276)
Posizione di installazione – Nella posizione centrale dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.

Tab. 7.13 - Assegnazione I/O su modulo Siemens ET200S


Morsetto su Alimentazione
Segnale Descrizione
ET200S trigger
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 1
Ingresso 0 .0 VS1
(ex pin 11 e 13 del connettore X30 *¹)
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 2
Ingresso 1 .4 VS2
(ex pin 12 e 14 del connettore X30 *¹)
Ingresso 2 .1 -- Non usato.
Ingresso 3 .5 -- Non usato.
Ingresso 4 .2 -- Non usato.
Ingresso 5 .6 -- Non usato.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 155
Sicurezza

Tab. 7.13 - Assegnazione I/O su modulo Siemens ET200S


Morsetto su Alimentazione
Segnale Descrizione
ET200S trigger
Ingresso 6 .3 -- Non usato.
Ingresso 7 .7 -- Non usato.
E-Stop di linea - canale 1.
Uscita 0 .0P, .0M
(ex pin 4 e 6 del connettore X30 *¹)
E-Stop di linea - canale 2
Uscita 1 .1P, .1M
(ex pin 5 e 7 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 1
Uscita 2 .2P, .2M
(ex pin 18 e 20 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 2
Uscita 3 .3P, .3M Non applicabile (ex pin 19 e 21 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 1
Uscita 4 .0P, .0M
(ex pin 25 e 27 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 2
Uscita 5 .1P, .1M
(ex pin 26 e 28 del connettore X30 *¹)
Uscita 6 .2P, .2M Non usato.
Uscita 7 .3P, .3M Non usato.
*¹ vedi par. 7.3.1 Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza a pag. 133

Consultare inoltre il manuale della Siemens per la piedinatura, il metodo di


connessione, la configurazione e l’uso del modulo Siemens ET200S.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
156 00/0512
Sicurezza

7.5.3.1 Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione


C5G-PNB
Nello schema sottostante:
– sono riportati solo i segnali di pertinenza per meglio comprendere il principio di
collegamento
– il Terminale di programmazione è significativo e rappresenta tutte le versioni
previste.

Fig. 7.11 - C5G-PNB: schema di collegamento

User C5G
EXT X30
SUPPLY SDM MODULE
X102
F 1A 15 24V EXT.
24V 22
*1
0V
16 INT./EXT.
0V
23

F1A 29 24V EXT. FIELD_BUS


24V
*1

X90 SIEMENS ET200S


PASS-HOOD
P1 IM151-3 X122
PROFINET INTERFACE
PROFINET 1L
Fieldbus Network P2 1M

PM-E 3 iTP
POWER SUPPLY 2 E-Stop
VS1
VS2
F-DI
SAFETY INPUT
.4
.0
External E-Stop
0P
.1P

.1M
F-DO .0M
SAFETY OUTPUT Auto-Stop (Safety Gates)
I° MODULE .2P
.3P

.3M
.2M
General-Stop
.0P
F-DO .1P
SAFETY OUTPUT
II° MODULE
.1M
.0M

STD. PROFINET I/O


& ETHERNET

*¹ Le alimentazioni 24 Vdc devono essere protette con fusibili rapidi.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 157
Sicurezza

7.5.4 C5G-PSB: Bus di sicurezza PILZ


Scopo
L’opzione C5G-PSB (Pilz Safety Bus) rende disponibili i segnali di sicurezza E-Stop,
Auto-Stop (Fence) e General Stop (vedi definizioni in Tab. 7.1) sul Safety Bus PILZ,
rimuovendoli dal connettore X30.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione prevede un cavo di connessione tra il modulo PILZ PSS SB DI8O8 e il Safety
Distribution Module (SDM) (connettore X122/SDM), così da destinare i segnali di
sicurezza direttamente sulle morsettiere degli I/O del modulo PILZ.
Le connessioni interne realizzate dall’opzione garantiscono la categoria 3 secondo la
norma EN ISO 13849-1.
Gli ingressi sono alimentati dal 24V trigger e impiegano 2 canali per ogni segnale.
Le uscite sono del tipo statico e impiegano 2 canali per ogni segnale.
L’opzione deve essere alimentata a 24 Vdc attraverso il connettore X30 (vedi 24V
EXT), protetta da cortocircuiti e sovraccarichi.
Non è richiesta alcuna selezione sul connettore JP200 (vedi par. 6.1.3 Schema
completo della distribuzione del 24 Vdc a pag. 122).
La connessione di rete per il Safety Bus PILZ deve essere eseguita direttamente sul
modulo PILZ, entrando con il cavo di rete attraverso il Connettore passacavo X90 (vedi
par. 5.3.4 a pag. 113) a base armadio. Selezionare un adeguato indirizzo di rete del
modulo PILZ secondo quanto previsto dalla rete.
A seguito installazione dell’opzione C5G-PSB, i segnali di sicurezza replicati dal bus
non sono più disponibili sul connettore X30.
L’opzione prevede il modulo PILZ PSS SB DI8O8, morsettiere e cavi interni di
collegamento e la C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a pag. 276).

L’integratore deve garantire la corretta integrazione del sistema robotico nell’area


di lavoro (vedi dettagli al par. 7.5.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle
opzioni di sicurezza su Bus a pag. 151).

Fig. 7.12 - C5G-PSB: vista generale

A: C5G-PSB (dettaglio modulo PILZ PSS SB


DI8O8)

B: Cavo di connessione tra modulo PILZ PSS


SB DI8O8 e modulo SDM
C
C: Modulo SDM

B
A

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
158 00/0512
Sicurezza

Tab. 7.14 - C5G-PSB: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17131680
Caratteristiche elettriche – Alimentazione 24 Vdc ±10%, 300 mA attraverso 24V EXT pin 15 e
16 del connettore X30. E’ necessario prevedere a monte una
protezione per cortocircuiti / sovraccarichi a max 1A (fusibile
rapido).
Dimensioni e peso – Occupa un vano C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276)
Posizione di installazione – Nella posizione centrale dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione.

Tab. 7.15 - Assegnazione I/O su modulo PILZ PSS SB DI8O8


Morsetto su Alimentazione
Segnale Descrizione
SB DI8O8 trigger
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 1
Ingresso 0 I0 Trigger T0
(ex pin 11 e 13 del connettore X30 *¹)
Pulsanti di emergenza dell’Unità di Controllo - canale 2
Ingresso 1 I1 Trigger T1
(ex pin 12 e 14 del connettore X30 *¹)
Ingresso 2 I2 -- Non usato.
Ingresso 3 I3 -- Non usato.
Ingresso 4 I4 -- Non usato.
Ingresso 5 I5 -- Non usato.
Ingresso 6 I6 -- Non usato.
Ingresso 7 I7 -- Non usato.
E-Stop di linea - canale 1.
Uscita 0 O0
(ex pin 4 e 6 del connettore X30 *¹)
E-Stop di linea - canale 2
Uscita 1 O1
(ex pin 5 e 7 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 1
Uscita 2 O2
(ex pin 18 e 20 del connettore X30 *¹)
AutoStop (Fence) - canale 2
Uscita 3 O3 Non applicabile (ex pin 19 e 21 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 1
Uscita 4 O4
(ex pin 25 e 27 del connettore X30 *¹)
General-Stop - canale 2
Uscita 5 O5
(ex pin 26 e 28 del connettore X30 *¹)
Uscita 6 O6 Non usato.
Uscita 7 O7 Non usato.

*¹ vedi par. 7.3.1 Connettore X30/CIP: pin di riferimento segnali di sicurezza a pag. 133

Consultare inoltre il manuale della PILZ per la piedinatura, il metodo di


connessione, la configurazione e l’uso del modulo PILZ PSS SB DI8O8.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 159
Sicurezza

7.5.4.1 Schema elettrico di principio del collegamento dell’opzione


C5G-PSB
Nello schema sottostante:
– sono riportati solo i segnali di pertinenza per meglio comprendere il principio di
collegamento
– il Terminale di programmazione è significativo e rappresenta tutte le versioni
previste.

Fig. 7.13 - C5G-PSB: schema di collegamento

User C5G
EXT X30
SUPPLY SDM MODULE
X102
F 1A 15 24V EXT.
24V 22
*1
0V
16 INT./EXT.
0V
23

X122

4 iTP
SUPPLY
1
E-Stop
T0
T1

I1
I0
External E-Stop
O0
O1
PILZ
DI8O8 GRN
GRN
Auto-Stop (Safety Gates)
O2
O3

GRN
GRN
SafetyBUS P General-Stop
X90 O4
PASS-HOOD O5

GRN
SafetyBUS P GRN
Fieldbus Network 9 SubD

*¹ L’alimentazione 24 Vdc deve essere protetta con fusibili rapidi.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
160 00/0512
Sicurezza

7.6 Soluzioni integrate per ARM e assi


– Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di sicurezza integrate per assi e
ARM
– C5G-IEAK: interblocco di sicurezza ARM esterni
– C5G-IESK: interblocco di sicurezza per assi ausiliari
– Configurazione software delle opzioni C5G-IEAK e C5G-IESK
– C5G-ACSK: Arm Controller Safety kit.

7.6.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle opzioni di


sicurezza integrate per assi e ARM
Le opzioni di sicurezza per la disattivazione sicura degli assi o ARM non contemplano
tutte le necessarie prescrizioni di sicurezza per una macchina e l’integratore
responsabile della corretta integrazione ed è tenuto ad osservare le successive
prescrizioni (ma senza limitarsi alle sole indicate):
– secondo il tipo di opzione, l’integratore deve interfacciare l’opzione con i sistemi di
sicurezza della macchina completa, ponendo particolare attenzione allla verifica
degli stati degli ARM / assi in correlazione con l’operatore che interagisce con essi
– può essere necessario integrare la soluzione con dispositivi di sicurezza aggiuntivi
(es. barriere immateriali) o pulsantiere con dispositivi di comando e di arresto di
emergenza. L’integratore è responsabile della connessione dei suddetti contatti al
circuito di arresto di emergenza della macchina completa.
– i segnali di sicurezza di arresto di emergenza, cancelli e general stop presenti
sull’Unità di Controllo non sono implementate nelle opzioni integrate per ARM e
assi. Si rimanda quindi alle prescrizioni riportate al par. 7.1 Caratteristiche e
definizioni dei segnali di sicurezza a pag. 129 e seguenti.

Se queste prescrizioni minime non sono eseguite si genera un elevato rischio per
la persona addetta alla programmazione e per la persona addetta alla conduzione
della macchina.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 161
Sicurezza

7.6.2 C5G-IEAK: interblocco di sicurezza ARM esterni


Scopo
L’opzione C5G-IEAK (Interlock External Arm Kit) rende disponibile la funzione di
disattivazione sicura di uno o più ARM (fino ad un massimo di 4, secondo l’opzione
scelta) attraverso comandi esterni con contatti puliti. L'impiego tipico è la disattivazione
sicura degli ARM delle tavole girevoli. Consultare anche il par. Correlazione e
limitazioni tra ARM e assi nell’opzione C5G-IEAK a pag. 166.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’azione di disabilitazione sicura degli ARM avviene attraverso contatti puliti
(bicanale) collegati sul connettore X50 a 42 vie a base armadio sul pannello CIP.
La categoria del circuito di abilitazione ARM dell’opzione è assimilabile alla 3 secondo
norma EN ISO 13849-1, garantita da un modulo di sicurezza PILZ PNOZ XV1P 3/24Vdc
previsto nell’opzione: il suo contatto istantaneo è usato come ingresso verso il
software di sistema per generare l’arresto controllato dell’ARM (Motor OFF) e il contatto
ritardato è usato per tagliare l'abilitazione (in serie al segnale di comando
dell’abilitazione hardware del modulo ASM-IAM).
Lo stato dell’ARM (disattivato o non disattivato) è impartito attraverso i contatti NC
provenienti della linea e collegati sul connettore X50; i comandi di Motor ON e Motor
OFF sono gestibili attraverso specifiche azioni (bit ad indirizzo predefinito, riportati in
Tab. 7.17). A queste azioni possono essere abbinati a Ingressi fisici o mappati sulla rete.
Una apposita etichetta di identificazione gialla posta all’interno dell’Unità di Controllo
segnala la presenza del modulo e su quali ARM è stato installato.
L’opzione non richiede l’uso di pacchetti software o built-in interne al sistema.
La configurazione software dell'opzione (obbligatoria per poterla utilizzare) predispone
il sistema per il corretto uso (vedi par. 7.6.4 Configurazione software delle opzioni
C5G-IEAK e C5G-IESK a pag. 175).
L’opzione prevede una sezione I/O composta da un modulo di 12 punti di Input usato
per la gestione dell'interfaccia dell'opzione. Il modulo di Input è installato come primo
modulo dopo il primo Bus Coupler. Il modulo Bus Coupler deve essere acquistato
separatamente.
Nel caso siano necessari I/O per uso utente, fino al limite dello spazio disponibile è
possibile aggiungerli esclusivamente con moduli aggiuntivi installati a destra di quelli già
previsti nell'opzione, previa separazione con modulo alimentatore.
L’opzione comprende il modulo PILZ, modulo di ingressi, morsettiere e cavi interni di
collegamento, calotta e connettore volante X50 con pin a crimpare e la C5G-APK3 kit
Piastra Ausiliaria 3 (vedi par. 12.4.4 a pag. 274) ma non comprende il Modulo Bus
Coupler PFG-BCO su interfaccia X20 (vedi par. 9.4.4 a pag. 202).
Non è possibile installare contemporaneamente l'opzione C5G-IESK: interblocco di
sicurezza per assi ausiliari (vedi par. 7.6.3 a pag. 170).

L’integratore deve garantire la corretta integrazione del sistema robotico nell’area


di lavoro (vedi dettagli al par. 7.6.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle
opzioni di sicurezza integrate per assi e ARM a pag. 164).

Tempi di intervento del C5G-IEAK


Il tempo impostato sul modulo di sicurezza PILZ è regolato di default a 1 secondo e
agisce solo sull’ARM dove è connessa l’opzione. Questo tempo è indipendente dal
tempo di intervento impostato sul modulo SDM che si riferisce all’intero sistema
Robotico.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
162 00/0512
Sicurezza

Nel caso il tempo impostato sul modulo PILZ sia superiore al tempo impostato modulo
SDM, quest’ultimo agisce in modo prioritario disattivando anticipatamente anche l’ARM
controllato dall’opzione.
L’integratore deve adeguare il tempo sul modulo di sicurezza PILZ coordinandolo con il
tempo di arresto dell’ARM controllato.

Correlazione e limitazioni tra ARM e assi nell’opzione C5G-IEAK


L’opzione C5G-IEAK taglia in hardware l’abilitazione a seguito di comando esterno con
contatti puliti, indipendentemente dai programmi di movimento attivi. Ogni comando
esterno informa tempestivamente il sistema mediante un ingresso digitale (scheda di
ingressi su moduli X20).
L’integratore deve gestire il modo cooperativo tra ARM o assi appartenenti ad ARM
diversi, specialmente se sono necessarie cooperazioni tra ARM tagliati in hardware ed
altri in movimento.
Ogni ARM tagliato dall’opzione C5G-IEAK è costituito da un solo asse.
Il taglio hardware dell’ARM avviene mediante un comando di Drive ON / Drive OFF
specifico per ogni ARM, definito rispettivamente Motor ON e Motor OFF.

Fig. 7.14 - C5G-IEAK: vista generale

A: C5G-IEAK (dettaglio modulo PILZ PNOZ)

B: Modulo Bus Coupler PFG-BCO su


interfaccia X20 abbinato a modulo di ingresso

C C: Cavo di connessione tra modulo PILZ


PNOZ e moduli assi

C: Connettore X50/CIP

B
D

E: Etichetta di identificazione degli assi su cui


è installato il modulo IEAK. L’etichetta è
presente su lato interno Unità di controllo

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 163
Sicurezza

Tab. 7.16 - C5G-IEAK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17132780 per versione un solo ARM
– CR17132781 per versione due ARM
– CR17132782 per versione tre ARM
– CR17132783 per versione quattro ARM
Caratteristiche elettriche – 2 contatti puliti ogni ARM
– Tensione max sui contatti: 30 Vdc
– Corrente min: 5 mA
– Sezione cavo di collegamento: 20AWG.
– Non richiede alimentazione esterna.
– connessione disponibile sul connettore X50 (vedi piedinatura in
Fig. 7.16).
Dimensioni e peso – Occupa un vano C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276)
Posizione di installazione – Nella posizione destra dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)
Requisiti per installazione – Deve essere già installato un Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20 (vedi par. 9.4.4 a pag. 202)
– Richiede pinza per crimpare Harting Crimping Tool 09 99 000 0001
ed eventuale estrattore Harting Removal Tool 09 99 000 0012.
– La calotta volante, il frutto connettore e i pins (serie Harting
09 15 000 6xxx) sono forniti con l’opzione.
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione, scelta tra le 4
disponibili.
– Non è possibile installare contemporaneamente l'opzione
C5G-IESK: interblocco di sicurezza per assi ausiliari (vedi par. 7.6.3
a pag. 170).

Tab. 7.17 - C5G-IEAK: I/O su configurazione di sistema


Caratteristica Descrizione Azione / Bit
Segnali di stato dei relè di – stato primo relè di sicurezza – $DIN[2050]
sicurezza di abilitazione – stato secondo relè di sicurezza – $DIN[2051]
ARM
– stato terzo relè di sicurezza – $DIN[2052]
– stato quarto relè di sicurezza – $DIN[2053]
Segnali di comando per – comando Motor ON primo ARM – IEAK ARM 1 MOTOR ON
Motor ON abbinato al modulo IEAK – $DIN[2054]
– comando Motor ON secondo ARM – IEAK ARM 2 MOTOR ON
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2055]
– comando Motor ON terzo ARM – IEAK ARM 3 MOTOR ON
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2056]
– comando Motor ON quarto ARM – IEAK ARM 4 MOTOR ON
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2057]

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
164 00/0512
Sicurezza

Tab. 7.17 - C5G-IEAK: I/O su configurazione di sistema (Continua)


Caratteristica Descrizione Azione / Bit
Segnali di comando per – comando Motor OFF primo ARM – IEAK ARM 1 MOTOR OFF
Motor OFF abbinato al modulo IEAK – $DIN[2058]
– comando Motor OFF secondo ARM – IEAK ARM 2 MOTOR OFF
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2059]
– comando Motor OFF terzo ARM – IEAK ARM 3 MOTOR OFF
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2060]
– comando Motor OFF quarto ARM – IEAK ARM 4 MOTOR OFF
abbinato al modulo IEAK – $DIN[2061]

7.6.2.1 Connettore X50/CIP: pin di riferimento dei segnali di comando di


disabilitazione degli ARM

Fig. 7.15 - Connettore X50/CIP: piedinatura

External View

ARM4 ARM3 ARM2 ARM1

Legenda:
– Not Used: non usato

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 165
Sicurezza

7.6.2.2 Tecniche di collegamento dell’opzione C5G-IEAK


In Fig. 7.17 è rappresentato lo schema di principio per la connessione dell’opzione
C5G-IEAK.
Lo schema è significativo per tutte le versioni, adeguando i pin secondo la disponibilità
di assi gestiti come indicato in Fig. 7.16.

Fig. 7.16 - Principio delle connessioni dei segnali del C5G-IEAK

C5G LINE
System Software
Motor On
(status)

Q S Motor On

Motor Off
R

Line
Safe Logic
delay 1 s

HW Safety Timer

HW Enable Drives

SW Enable Arm

Acopos Drive

Table Light barrier

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
166 00/0512
Sicurezza

7.6.3 C5G-IESK: interblocco di sicurezza per assi ausiliari


Scopo
L’opzione C5G-IESK (Interlock External Safety Kit) rende disponibile la funzione di
disattivazione di uno o più assi (fino ad un massimo di 3, secondo opzione scelta)
attraverso comandi software. La sicurezza dell’avvenuto taglio hardware e la gestione
dell’intera opzione è a carico dell’integratore. L'impiego tipico è la disattivazione degli
assi dei posizionatori Comau.

Caratteristiche tecniche e composizione


La disabilitazione degli assi avviene attraverso comando software con la built-in
AUX_DRIVES interna al sistema.
Lo stato dell’asse (disattivato o non disattivato) ovvero l'esito del comando impartito
attraverso la built-in deve essere diagnosticata interfacciandosi opportunamente con i
contatti puliti (bicanale) disponibili sul connettore X51 a base armadio sul pannello CIP.
E' responsabilità dell'integratore il corretto posizionamento e collegamento dei
dispositivi di sicurezza esterni (barriera ottica, laser scanner) nonché abbinare lo stato
dell’asse con lo stato dei relativi varchi tecnici protetti da barriere immateriali e, nel caso
di incongruenza, attivare conseguentemente l'arresto di emergenza del C5G che
controlla gli assi.
La categoria del circuito di stato dell’asse dell’opzione è assimilabile alla 3 secondo
norma EN ISO 13849-1, garantita da un modulo C5G-IIE (Interlock Inverter Enable) con
relè di sicurezza con contatti istantanei guidati ad azione positiva usati per tagliare
l'abilitazione (contatto NA connesso in serie al segnale di comando dell’abilitazione
dell'asse) e come segnale di stato che deve essere preso in carico dall’integratore
(contatto NC).
L’opzione non richiede l’uso di pacchetti software ma utilizza la built-in AUX_DRIVES
interna al sistema.
La configurazione software dell'opzione (obbligatoria per poterla utilizzare) predispone
il sistema per il corretto uso (vedi par. 7.6.4 Configurazione software delle opzioni
C5G-IEAK e C5G-IESK a pag. 175).
L’opzione prevede una sezione I/O composta da un modulo di 12 Input e un modulo da
6 output usati per la gestione dell'interfaccia dell'opzione. I moduli di Input/Output
devono essere installati rispettivamente come primi moduli nel primo Bus Coupler. Il
modulo Bus Coupler deve essere acquistato separatamente.
Nel caso siano necessari I/O per uso utente, fino al limite dello spazio disponibile è
possibile aggiungerli esclusivamente con moduli aggiuntivi installati a valle di quelli già
previsti nell'opzione, previa separazione con modulo alimentatore.
L’opzione comprende il modulo C5G-IIE (Interlock Inverter Enable), moduli X20 di
ingressi e uscite, morsettiere e cavi interni di collegamento, calotta e connettore volante
X51 con pin a crimpare e la C5G-APK3 kit Piastra Ausiliaria 3 (vedi par. 12.4.4 a
pag. 274) ma non comprende il Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20 (vedi
par. 9.4.4 a pag. 202).
Non è possibile installare contemporaneamente l'opzione C5G-IEAK: interblocco di
sicurezza ARM esterni (vedi par. 7.6.2 a pag. 165).

L’integratore deve garantire la corretta integrazione del sistema robotico nell’area


di lavoro (vedi dettagli al par. 7.6.1 Requisiti minimi per l’integrazione delle
opzioni di sicurezza integrate per assi e ARM a pag. 164).

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 167
Sicurezza

La built-in AUX_DRIVES è documentata nel manuale PDL2 Programmi Language


Manual.

Fig. 7.17 - C5G-IESK: vista generale

A: C5G-IEAK (dettaglio modulo C5G-IIE)

B: modulo Modulo Bus Coupler PFG-BCO su


interfaccia X20 abbinato a modulo di ingresso
e uscita
C
C: Cavo di connessione tra modulo C5G-IIE e
moduli assi

C: Connettore X51/CIP

B
D

E: Etichetta di identificazione degli assi su cui


è installato il modulo IESK. L’etichetta è
presente su lato interno Unità di controllo

Tab. 7.18 - C5G-IEAK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17132880 per versione un solo asse
– CR17132881 per versione due assi
– CR17132882 per versione tre assi
Caratteristiche elettriche – 2 contatti puliti ogni asse. Tensione sui contatti 24 Vdc
– sezione cavo di collegamento 20AWG
– Non richiede alimentazione esterna
– connessione disponibile sul connettore X51 (vedi piedinatura in
Fig. 7.19).
Dimensioni e peso – Occupa un vano C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni (vedi par. 12.4.6 a
pag. 276)
Posizione di installazione – Nella posizione destra dello spazio opzioni (vedi Tab. 12.10
- Esempi di l’installazione della piastra C5G-OPK a pag. 278)

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
168 00/0512
Sicurezza

Tab. 7.18 - C5G-IEAK: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Requisiti per installazione – Deve essere già installato un Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20 (vedi par. 9.4.4 a pag. 202)
– Richiede pinza per crimpare Harting Crimping Tool 09 99 000 0001
ed eventuale estrattore Harting Removal Tool 09 99 000 0012.
– La calotta volante, il frutto connettore e i pins (serie Harting
09 15 000 6xxx) sono forniti con l’opzione.
Limiti di impiego – E’ possibile installare al massimo una opzione, scelta tra le 3
disponibili.
– Non è possibile installare contemporaneamente l'opzione
C5G-IEAK: interblocco di sicurezza ARM esterni (vedi par. 7.6.2 a
pag. 165).

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 169
Sicurezza

7.6.3.1 Connettore X51/CIP: pin di riferimento dei segnali di stato degli assi
disabilitati

Fig. 7.18 - Connettore X51/CIP: piedinatura

External View

Ax3 Ax2 Ax1

Legenda:
– Not Used: non usato

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
170 00/0512
Sicurezza

7.6.3.2 Tecniche di collegamento dell’opzione C5G-IESK


In Fig. 7.20 è rappresentato lo schema di principio per la connessione dell’opzione
C5G-IESK con i circuiti di sicurezza e comando provenienti dalla linea.
Lo schema è significativo per tutte le versioni, adeguando i pin secondo la disponibilità
di assi gestiti come indicato in Fig. 7.19.

Fig. 7.19 - Principio delle connessioni dei segnali del C5G-IESK

C5G LINE
System Software
IIE module
Aux_Drive On/Off
Built-In Emerg.-Stop

13 23

Safety
Module
HW Enable Drive 14 24

13 23

Safety
SW Enable Module
Axis 14 24

Acopos Drive

Table Light barrier

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 171
Sicurezza

7.6.4 Configurazione software delle opzioni C5G-IEAK e


C5G-IESK
La configurazione dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK si compone delle seguenti fasi:

a. IO_CNFG: configurazione hardware dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK

b. IO_MAP: mappatura dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK.

7.6.4.1 IO_CNFG: configurazione hardware dei moduli C5G-IEAK e


C5G-IESK
Le opzioni devono essere configurate usando la funzione IO_CNFG.
La configurazione richiede:
– come prima attività, l’ubicazione dei moduli X20 di I/O (compreso il BusCoupler)
– successivamente, l’abbinamento dei moduli di I/O all’opzione.
I moduli I/O usati nelle opzioni IEAK, IESK e altre derivate sono abbinabili alle suddette
opzioni solo se:
– non sono precedute da moduli alimentatori tipo X20 PS2100
– sono i primi moduli nell'elenco dei moduli installati
– sono installati sul primo modulo BusCoupler.
Di seguito sono riportati i passi fondamentali da eseguire sul Terminale di
programmazione. Per chiarezza, le Voci di menù e impostazioni sul Terminale sono
sequenziali a partire dal menù principale ma è ovviamente possibile accedere alle
sottovoci contestualmente alla posizione in cui ci si trova dopo ogni passo.

a. Passo 1: configurare il modulo Bus Coupler


Voci di menù e impostazioni sul Terminale: IO_CNFG, Rete (Network), Powerlink,
Add. Il primo modulo Bus Coupler compare nella lista, con indirizzo 129 (0x81).
Assicurarsi che l’impostazione dell’indirizzo sul modulo fisico sia corretto (vedi
par. 9.4.4.3 Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20 a
pag. 204).

b. Passo 2: configurare i moduli di I/O previsti nell'opzione (12 I per IEAK o 12I/6O
per IESK).
Voci di menù e impostazioni sul Terminale: IO_CNFG, Rete (Network), Powerlink,
X20, Inserisci (Insert), scegliere il modulo X20DI9371 (codice Comau
CR10146183), confermare con Inserisci (Insert). Ripetere il passo per eventuale
modulo di uscita (se previsto nell’opzione).

c. Passo 2: configurare l’opzione installata.


Voci di menù e impostazioni sul Terminale: IO_CNFG, Rete (Network), Powerlink,
X20, Kit, scegliere il nome dell'opzione. Assicurarsi di avere il cursore sul primo
modulo della lista. Il nome dell'opzione si evidenzia automaticamente secondo il
principio logico con cui sono configurati i moduli di I/O. Se è presente un solo
modulo di 12 punti di input è possibile selezionare solo IEAK; se è presente un
modulo di 12 punti di input e 6 di output è possibile selezionare IESK.
Successivamente indicare su quale ARM è abbinato il modulo e confermare con
SET. La lista degli ARM che compare a video è quella presente nella

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
172 00/0512
Sicurezza

configurazione del Sistema Robotico.

Poichè non è possibile eseguire un controllo di coerenza tra gli ARM


impostati e gli ARM fisici, è responsabilità dell’utente il corretto
abbinamento.

d. Passo 3: salvare la configurazione e riavviare


Voci di menù e impostazioni sul Terminale: IO_CNFG, Salva (Save) nel menù
principale dell'IO_CNFG. Successivamente, se richiesto, eseguire il Restart-Cold.

e. Passo 4: eseguire la mappatura dei moduli


Continuare con la IO_MAP: mappatura dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK (vedi
par. 7.6.4.2 a pag. 176)

La procedura qui indicata è definita per estrema sintesi, considerando che


l’utente sia già a conoscenza dei fondamenti della configurazione. Se necessario,
ulteriori approfondimenti sono disponibili nel manuale Uso dell'Unità di
Controllo.

7.6.4.2 IO_MAP: mappatura dei moduli C5G-IEAK e C5G-IESK


Le opzioni devono essere mappate usando la funzione IO_MAP.

La procedura qui indicata è definita per estrema sintesi, considerando che


l’utente sia già a conoscenza dei fondamenti della mappatura degli I/O. Se
necessario, ulteriori approfondimenti sono disponibili nel manuale Uso dell'Unità
di Controllo.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 173
Sicurezza

7.6.5 C5G-ACSK: Arm Controller Safety kit


Scopo
L’opzione C5G-ACSK (Arm Controller Safety Kit) rende disponibile un sistema di
gestione evoluto dei segnali di sicurezza presenti nella cella di saldatura Athomo.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il kit impiega un modulo Siemens ET200S tipo IM 151-8 F-CPU Profinet che sovrintende
a tutta la gestione delle procedure della cella Athomo, compresi gli accessi alla zona di
carico / scarico, avvio e ripresa ciclo, accessi dalle porte, arresti di emergenza, gestione
sicura della disattivazione degli assi del posizionatore SMART5 PTDV.
Il modulo Siemens ET200S è completo di schede di I/O Safe, sulle quali convergono tutti
i segnali dei dispositivi installati dall’integratore nella cella (barriere ottiche, laser
scanner, finecorsa di controllo porte di accesso, arresto di emergenza, posizioni del
posizionatore SMART5 PTDV, pulsanti e lampade di segnalazione). Inoltre, convergono
i segnali di gestione dei moduli C5G-IESK: interblocco di sicurezza per assi ausiliari
(vedi par. 7.6.3 a pag. 170) abbinati al posizionatore (i moduli C5G-IESK non compresi
nell’opzione).
Tutti i segnali di sicurezza sono gestiti e connessi internamente per ottenere la categoria
3 (secondo norma EN ISO 13849-1).
Gli attuatori e i dispositivi di sicurezza presenti nella cella si collegano all’opzione
attraverso specifici connettori messi a disposizione dall’opzione e fissati sul pannello
C5G-APK5 a base armadio e i componenti installati sulla piastra interna C5G-OPK2.
L’opzione può essere usata solo nelle celle di saldatura Athomo.

I circuiti di sicurezza della cella, i dispositivi di sicurezza e i corrispondenti


collegamenti e il software di sicurezza da caricare nel PLC sono a cura
dell’integratore e devono essere realizzati nel rispetto della norma EN ISO 13849-1
e della gestione sicura dell’interazione tra uomo e macchina.
Poiché l’opzione è applicabile solo su cella Athomo realizzata da Comau
Robotics, si rimanda allo specifico manuale di istruzioni della cella per ulteriori
approfondimenti tecnici e di sicurezza.

Fig. 7.20 - C5G-ACSK: vista generale

A: C5G-ACSK

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
174 00/0512
Sicurezza

Tab. 7.19 - C5G-ASCK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17531280
Posizione di installazione – Interno C5G; occupa contemporaneamente la posizione sinistra e
centrale dell’area dedicata alle piastre opzionali.
Limiti di impiego – E’ possibile installare massimo 1 opzione.

Modalità d’uso
L’opzione C5G-ACSK deve essere integrata da opportuno software di gestione e di
sicurezza.
Lo schema elettrico fornito con l’opzione riporta il principio di collegamento funzionale
dei dispositivi, lasciando all’integratore il compito di realizzarlo e integrarlo con quanto
richiesto dall’analisi rischi della macchina completa (cella di saldatura Athomo).

Consultare il manuale della cella Athomo per ulteriori informazioni.

HS-RC-C5E-SPT_07.fm
00/0512 175
Comandi di avvio e stop

8. COMANDI DI AVVIO E STOP


In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Comandi di avvio e stop ciclo nel modo automatico: principi generali
– Selezione del modo di funzionamento automatico
– Definizione dei segnali
– Avvio e stop in modalità automatico locale (AUTO): terminale di programmazione
– Avvio e stop in modalità automatico remoto (REMOTE): segnali e variabili di
sistema
– Procedure di attivazione comandi con l’Unità di Controllo in modo automatico
remoto
– Esempi di utilizzo e timing dei segnali di sistema dedicati all’interfacciamento con
la linea.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 171
Comandi di avvio e stop

8.1 Comandi di avvio e stop ciclo nel modo


automatico: principi generali
Per “modo automatico” si intende la partecipazione del Sistema Robotico nel processo
produttivo attraverso l’esecuzione autonoma e automatica dei programmi in PDL2 e
relativi movimenti.

Il modo automatico richiede che l’integratore garantisca la corretta integrazione


del sistema robotico nell’area di lavoro, secondo quanto richiesto dalle attuali
direttive e norme armonizzate di riferimento (vedi inoltre il Cap.7. - Sicurezza a
pag. 129).

L’Unità di Controllo consente di essere avviata e arrestata in modalità automatica


mediante:
– comandi impartiti sul Terminale di programmazione
– oppure, comandi impartiti da I/O.
La selezione delle due opportunità (comandi da Terminale o I/O) dipende dal selettore
modale dell’Unità di Controllo C5G, rispettivamente in modo AUTO e in modo REMOTE.
Il comando di avvio ciclo non è consentito in modalità programmazione (T1) mentre i
comandi di stop (Drive Off e Hold) sono attivi in tutte le modalità (T1, AUTO e REMOTE).
I comandi in modalità T1 e AUTO si impartiscono dal Terminale di programmazione.
I comandi in modalità REMOTE sono possibili solo da I/O dopo aver configurato
il sistema attraverso la creazione di profili per abbinare “Varibili di sistema” -> “Eventi
di sistema” -> “I/O“ (sono disponibili profili predefiniti) oppure mediante
personalizzazioni specifiche dell’utente.
Genericamente, la procedura di avvio ciclo è così sintetizzabile:
– selezione del modo di funzionamento su selettore modale (AUTO o REMOTE
secondo esigenza)
– avvio dei motori (procedura definita Drive On)
– avvio del ciclo (procedura definita Start).
Genericamente, la procedura di stop ciclo è così sintetizzabile:
– arresto del ciclo (procedura definita Hold)
– arresto dei motori (procedura definita Drive Off).

Nel proseguio dei paragrafi saranno approfonditi gli aspetti hardware dei
comandi. Si rimanda al manuale “Uso dell’Unità di Controllo” e “PDL2
Programming Language Manual” per gli approfondimenti sulla parametrizzazione
e sui programmi.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
172 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.2 Selezione del modo di funzionamento


automatico
La selezione del modo di funzionamento dipende dalle esigenze dell’utente:
– modo Automatico locale (abbreviato AUTO), se è necessario impartire i comandi
da Terminale di programmazione. Questa modalità può non essere disponibile su
alcuni modelli di Terminale di programmazione (vedi par. 3.3 a pag. 38).
– modo Automatico remoto (abbreviato REMOTE), se è necessario impartire
comandi da remoto (es. con sistemi PLC).
– modo Programmazione (abbreviato T1), se è necessario movimentare il Robot in
programmazione. Questa modalità non consente comandi di avvio ciclo e
pertanto non sarà citata nei successivi paragrafi.
La selezione della modalità è possibile solo attraverso il selettore modale dell’Unità di
Controllo, secondo le caratteristiche riportate in Tab. 8.1.
Ogni posizione del selettore modale è univoca e non è possibile ottenere due o più
modalità contemporaneamente.
Il selettore modale è installato sul Terminale di programmazione C5G-iTP:
connessione a cavo, selezione del modo T1, AUTO e REMOTE (vedi par. 3.3.4 a
pag. 42) o sulla docking station nel caso di Terminale di programmazione connessione
wireless (C5G-WiTP) (vedi par. 3.3.6 a pag. 46).
Se sono presenti remotazioni opzionali del Terminale, il selettore modale potrebbe
essere installato sull’opzione remotata.

Tab. 8.1 - Caratteristiche delle modalità di funzionamento


Modo di
Selezione sul selettore Funzionalità
funzionamento
– I comandi di avvio / stop ciclo sono impartiti
sul Terminale di programmazione, con gli
appositi pulsanti preposti a tale funzione
– Questa modalità può non essere disponibile
C5G-iTP

Automatico su alcuni modelli.


locale – Dettagli al par. 8.4 Avvio e stop in modalità
(AUTO) automatico locale (AUTO): terminale di
programmazione a pag. 177.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 173
Comandi di avvio e stop

Tab. 8.1 - Caratteristiche delle modalità di funzionamento


Modo di
Selezione sul selettore Funzionalità
funzionamento
– I comandi di avvio / stop ciclo sono impartiti
attraverso I/O fisici o logici.
– Dettagli al par. 8.5 Avvio e stop in modalità

C5G-iTP
automatico remoto (REMOTE): segnali e
Automatico variabili di sistema a pag. 178
remoto
(REMOTE)
C5G-iTP2

– I comandi di avvio / stop ciclo non possono


essere impartiti in questa modalità.
– Ciò nonostante, se sono stati configurati i
C5G-iTP

comandi di Drive Off / Hold da remoto, le


funzioni di movimento in programmazione
Programmazione sono inibite fino a quanto il segnale risulta
(T1) chiuso o temporaneamente escluso (vedi
C5G-iTP2

par. 8.3.2 Esclusione temporanea dei segnali


di Drive Off e Hold in modo programmazione
a pag. 176).

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
174 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.3 Definizione dei segnali


– Segnali previsti nelle procedure di avvio e stop: Drive On, Drive Off, Start e Hold
– Esclusione temporanea dei segnali di Drive Off e Hold in modo programmazione

8.3.1 Segnali previsti nelle procedure di avvio e stop: Drive On,


Drive Off, Start e Hold
Drive On
– Per consentire l’attivazione della procedura di Drive On (in qualsiasi modalità) è
necessario che tutti i segnali di sicurezza siano correttamente collegati. Al
proposito consultare il par. 7.1 Caratteristiche e definizioni dei segnali di sicurezza
a pag. 129.
– Nel programma di gestione del ciclo automatico è necessario considerare che la
procedura di DRIVE ON deve essere attivata almeno dopo 1 secondo dopo l’ultimo
Drive Off

Drive Off
– Il comando di Drive Off sul Terminale di programmazione è sempre attivo, in
qualsiasi modalità (AUTO / REMOTE / T1).
– Il segnale di Drive Off, solo dopo essere stato configurato come comando remoto,
è sempre attivo, in qualsiasi modalità (AUTO / REMOTE / T1).
– L’assenza del segnale di Drive Off (o Hold) in modalità programmazione (T1)
impedisce l’avvio dei motori. Solo nel modo T1 è comunque possibile l’Esclusione
temporanea dei segnali di Drive Off e Hold in modo programmazione (vedi par.
8.3.2 a pag. 176).

Start
– Il comando di Start non ha priorità su altri comandi di arresto
– Il segnale di Start, solo dopo essere stato configurato come comando remoto, è
attivo solo in modalità Automatica e solo se non sono presenti errori di sistema.

Hold
– Il comando di Hold sul Terminale di programmazione è sempre attivo, in qualsiasi
modalità (T1, AUTO, REMOTE).
– Il segnale di Hold, solo dopo essere stato configurato come comando remoto, è
sempre attivo, in qualsiasi modalità (T1, AUTO, REMOTE).
– L’assenza del segnale di Hold (o Drive Off) (in modalità programmazione (T1)
impedisce il comando di Start. Solo nel modo T1 è comunque possibile
l’Esclusione temporanea dei segnali di Drive Off e Hold in modo programmazione
(vedi par. 8.3.2 a pag. 176).

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 175
Comandi di avvio e stop

8.3.2 Esclusione temporanea dei segnali di Drive Off e Hold in


modo programmazione
In modo programmazione (T1), l’assenza dei segnali di Drive Off di Hold (segnale
aperto) impedisce l’avvio dei motori. Se necessario, i segnali possono essere
temporaneamente esclusi.

L’esclusione del segnale di Drive Off o Hold può ridurre le precauzioni funzionali
adottate dal sistema di controllo esterno / interfacciamento con la linea di
produzione.

La procedura per escludere temporaneamente i segnali è la seguente:


– Accedere all’Unità di Controllo da WinC5G o dalla funzione TPInt sul Terminale di
programmazione
– Comando: SET INPUT REMOTE, selezionare DISABLE
– A video compare il messaggio di avvenuta esclusione. Nel caso il comando sia
impartito in modo programmazione con Motori accesi, i motori sono
immediatamente arrestati.
– La disattivazione non è possibile in uno degli stati di automatico (AUTO o
REMOTE).
La procedura per riattivare nuovamente i segnali è la seguente:
– Accedere all’Unità di Controllo da WinC5G o dalla funzione TPInt sul Terminale di
programmazione
– Comando: SET INPUT REMOTE, selezionare ENABLE
– In ogni caso, l’esclusione si disattiva automaticamente quando la modalità è
nuovamente selezionata in uno degli stati di automatico (AUTO o REMOTE).

Per approfondimenti sull’uso del programma WinC5G e Terminale di


programmazione consultare il manuale “Uso dell’Unità di Controllo”.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
176 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.4 Avvio e stop in modalità automatico locale


(AUTO): terminale di programmazione
I comandi in modalità automatica locale sono impartiti solo dal Terminale di
programmazione. Questa modalità non è disponibile sul modello C5G-iTP2.
Per avviare l’Unità di Controllo in modalità automatica locale occorre:
– selezionare il modo Automatico locale (AUTO) sul selettore modale posto sul
Terminale di programmazione / docking station
– premere il pulsante di DRIVE ON / OFF per accendere i motori
– premere il pulsante di START per avviare il programma
Per arrestare l’Unità di Controllo in modalità automatica locale occorre:
– premere il pulsante di HOLD per arrestare il programma. Il programma può essere
riavviato dal punto in cui si è fermato premendo nuovamente il pulsante START.
– premere il pulsante di DRIVE ON / OFF per spegnere i motori.

Fig. 8.1 - Tasti su C5G-iTP / C5G-WiTP per avvio e stop in


modalità AUTO

A
E E

D D

C C
B B

C5G-iTP (wired) C5G-WiTP (wireless)

A - Selettore modale D - Pulsante DRIVE ON / OFF (Pulsante R5)


B - Pulsante START E - Led verde di segnalazione dello stato del DRIVE ON
C - Pulsante HOLD (acceso fisso se i motori sono accesi)

L’uso del terminale di programmazione è trattato in modo approfondito nel


manuale “Uso dell’Unità di Controllo”.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 177
Comandi di avvio e stop

8.5 Avvio e stop in modalità automatico remoto


(REMOTE): segnali e variabili di sistema
– Segnali su I/O
– Scelta dei segnali di I/O per impartire i comandi di start / stop
– Configurazione dei segnali di I/O per impartire i comandi di start / stop
– Precauzioni nella sequenza di Drive On e Drive Off in ciclo automatico
– Variabili di sistema (porte $GI17..$GI26 e $GO17..$GO32): monitor per gli stati di
avvio e stop

8.5.1 Segnali su I/O


I comandi in modalità automatica remota sono impartiti attraverso I/O.
Per avviare e arrestare l’Unità di Controllo in modalità automatica remota occorre:
– selezionare il modo Automatico remoto (REMOTE) sul selettore modale posto sul
Terminale di programmazione / docking station.
– integrare il sistema con I/O per consentire il comando da remoto.

8.5.2 Scelta dei segnali di I/O per impartire i comandi di start /


stop
I segnali di I/O possono essere fisici (connessi a I/O su Moduli I/O digitali e analogici
su interfaccia X20 (vedi par. 9.4.9 a pag. 236) o logici (provenienti da Moduli Bus di
campo su interfaccia X20: principi (vedi par. 9.4.5 a pag. 208).
Allo scopo di impartire comandi di start / stop da I/O, non è consentito usare
contemporaneamente i segnali provenienti dal Bus di campo e da I/O su moduli X20.

8.5.3 Configurazione dei segnali di I/O per impartire i comandi


di start / stop
Una specifica selezione di Variabili di sistema (porte $GI17..$GI26 e $GO17..$GO32):
monitor per gli stati di avvio e stop (vedi par. 8.5.5 a pag. 179), di sola lettura,
permettono di monitorare i comandi e gli stati in ciclo automatico.
Per eseguire i comandi di avvio e stop nei programmi PDL2 è necessario abbinare
queste variabili di sistema (dette Porte) ad eventi e ad I/O fisici o logici.
Questa associazione “Porte” -> “Eventi” -> “I/O” è definita con un profilo di
configurazione oppure mediante personalizzazioni specifiche dell’utente.
Per la configurazione con i Bus di campo, l’utente è agevolato da una configurazione
predefinita denominata “Profilo Comau”.
Per la configurazione con I/O fisici, è comunque possibile creare un nuovo profilo
accedendo ai “Profili Custom” dove, oltre agli adeguamenti secondo personali
esigenze, possono essere abbinati I/O fisici su moduli X20 o altre variabili
personalizzate.
Allo scopo di impartire comandi di start / stop da I/O, non è consentito configurare
contemporaneamente i segnali provenienti dal Bus di campo e da I/O su moduli X20.

La configurazione e uso del “Profilo Comau” o “Profilo Custom” è trattato in


modo approfondito nel manuale “Uso dell’Unità di Controllo”.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
178 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.5.4 Precauzioni nella sequenza di Drive On e Drive Off in ciclo


automatico
Nel programma di gestione del ciclo automatico, l’integratore deve considerare i
seguenti tempi minimi determinati dal funzionamento dell’azionamento:
– la richiesta di DRIVE ON deve avvenire almeno dopo:
• 3 secondi dopo l’ultimo DRIVE OFF nel caso di Robot con carico inferiore a
400 kg
• 6 secondi dopo l’ultimo DRIVE OFF nel caso di Robot con carico superiore
a 400 kg
– tra due comandi di DRIVE ON si consigliano minimo 30 secondi.

8.5.5 Variabili di sistema (porte $GI17..$GI26 e $GO17..$GO32):


monitor per gli stati di avvio e stop
Alcune variabili di sistema (di sola lettura) consentono di monitorare i comandi e gli stati
in ciclo automatico (vedi elenco in Tab. 8.2). Queste variabili sono definiti Porte.
Le Porte con funzione di ingresso possono essere interrogate per assicurarsi se l’Unità
di Controllo ha effettivamente ricevuto il comando.
Le Porte con funzione di uscita possono essere interrogate per verificare se l’Unità di
Controllo ha effettivamente eseguito il comando (o se il comando è attivo in quel
momento).
Per poter utilizzare questa funzionalità è necessario che le porte riportate in Tab. 8.2
siano associate ad eventi e ad I/O. Questa associazione “Porte” -> “Eventi” -> “I/O”
è definita con un profilo di configurazione (vedi par. 8.5.3 Configurazione dei segnali di
I/O per impartire i comandi di start / stop a pag. 178).

Tab. 8.2 - Porte per la verifica degli stati di avvio e stop


Segnale Porte Descrizione

Ingressi
DRIVE ON
$GI[17] Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
DRIVE ON
attivazione del ciclo di accensione motori da un dispositivo remoto
(normalmente basso, è attivo a livello logico alto).
DRIVE-OFF
$GI[18] Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
DRIVE OFF
disattivazione del ciclo di accensione motori da un dispositivo remoto
(normalmente alto, è attivo a livello logico basso).
START
$GI[19] Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
START
abilitazione del ciclo di lavoro da un dispositivo remoto (normalmente
basso, è attivo a livello logico alto).
HOLD
$GI[20] Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
HOLD
disabilitazione del ciclo di lavoro da un dispositivo remoto (normalmente
alto, è attivo a livello logico basso).

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 179
Comandi di avvio e stop

Tab. 8.2 - Porte per la verifica degli stati di avvio e stop


Segnale Porte Descrizione

U1 $GI[21] U1/U2/U3/U4
Segnale disponibile per i programmi PDL2
Input non predefiniti con funzioni personalizzabili dall’utente tramite
programmazione.
U2 $GI[22]
Questi ingressi possono essere configurati in una delle seguenti
modalità:
– tasti U sul Terminale di programmazione (impostazione di default)
U3 $GI[23] – tasti utente su pannello di controllo esterno (è richiesta la
configurazione)
– ingressi su bus di campo (è richiesta la configurazione).
U4 $GI[24]

CANCEL ALARM
Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
CANCEL ALARM $GI[25] cancellazione dell’allarme. L’esecuzione della richiesta consente di
uscire dallo stato di allarme (normalmente basso, è attivo a livello logico
alto).
SAFETY SPEED
$GI[26] Quando il sistema si trova in stato REMOTE rappresenta la richiesta di
SAFETY SPEED
forzatura della massima velocità a 250 mm/s, indipendentemente dalle
impostazioni (normalmente basso, è attivo a livello logico alto).
Uscite
ALARM
ALARM $GO[17] Normalmente alto, è attivo a livello basso per indicare la presenza di
allarme rilevata dall’Unità di Controllo.
DRIVE ON STATUS
$GO[18] Quando è alto indica che l’Unità di Controllo ha ricevuto il comando di
DRIVE ON/OFF
DRIVE ON da remoto e ha completato la procedura di attivazione motori
e si trova in stato DRIVE ON.
START/HOLD ON MOTion PROG
$GO[19] Quando è alto indica che l’Unità di Controllo ha ricevuto il comando di
START / HOLD
START con almeno un programma “Holdable” attivato in precedenza e
avviato.
REMOTE
$GO[20] Quando è alto indica la selezione del modo di funzionamento
LOCAL / REMOTE
automatico remoto (REMOTE) sul selettore stati dell’Unità di Controllo e
conferma l’effettivo stato di REMOTE del sistema.
TEACH ENABLED (DRIVE ON nella modalità T1)
Quando è alto indica che il sistema di trova:
– in DRIVE ON
TEACH EN. / DIS $GO[21] – in PROGRAMMAZIONE (posizione T1 del selettore corrispondente
allo stato PROG del sistema)
– ha introdotto le sicurezze relative a questo stato (velocità ridotta,
restrizione soglie di allarme servo).

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
180 00/0411
Comandi di avvio e stop

Tab. 8.2 - Porte per la verifica degli stati di avvio e stop


Segnale Porte Descrizione

U1 $GO[22]
Segnale disponibile per i programmi PDL2
Output non predefiniti con funzioni personalizzabili dall’utente tramite
programmazione.
U2 $GO[23]
Queste uscite possono essere configurate in una delle seguenti
modalità:
– accensione di colore verde dei softkey relativi alle funzioni U sul
U3 $GO[24] terminale di programmazione
– led sui tasti utente su pannello di controllo remoto
– uscite su bus di campo.
U4 $GO[25]

NO ACTIVE LATCH ALARM


NO ACTIVE GO[26] Quando è alto indica la presenza di allarmi di tipo “Latch”. Questi allarmi
LATCH ALARM richiedono la tacitazione (ACK) senza la quale non è possibile avviare il
ciclo.
SAFETY SPEED ENABLED
SAFETY SPEED
GO[27] Quando è alto conferma l’attivazione della massima velocità,
ENABLED
configurata a 250 mm/s
PROGRAMMING MODE (T1)
PROGRAMMING GO[28] Quando è alto indica la selezione del modo di funzionamento T1 sul
MODE (T1) selettore stati dell’Unità di Controllo e conferma l’effettivo stato di T1 del
sistema.
PROGRAMMING MODE (AUTO-T)
PROGRAMMING GO[29] Quando è alto indica la selezione del modo di funzionamento
MODE (AUTO-T) automatico locale (AUTO) sul selettore stati dell’Unità di Controllo e
conferma l’effettivo stato di AUTO del sistema.

ROBOT IN ROBOT IN AUTOMATIC


GO[30]
AUTOMATIC

SYSTEM READY
SYSTEM READY GO[31]

HEART BIT
HEART BIT $GO[32] Cambia stato ogni 330 ms. Utile per controllare da PLC se l’Unità di
Controllo e la comunicazione sono funzionanti.

La configurazione e uso del “Profilo Comau” o “Profilo Custom” è trattato in


modo approfondito nel manuale “Uso dell’Unità di Controllo”.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 181
Comandi di avvio e stop

8.6 Procedure di attivazione comandi con l’Unità


di Controllo in modo automatico remoto
L’Unità di Controllo gestisce i comandi di avvio / arresto motori e avvio/arresto ciclo con
i comandi di DRIVE ON / OFF e START / HOLD provenienti da attrezzature esterne
dopo aver verificato le condizioni di congruenza e di sicurezza.
– Procedura di DRIVE ON da Remoto
– Procedura di START da Remoto
– Procedura di HOLD da Remoto
– Procedura di DRIVE OFF da Remoto
– Interazione con la procedura di HOLD da locale.

8.6.1 Procedura di DRIVE ON da Remoto


La procedura di DRIVE ON eseguita da remoto consente di attivare i motori quando il
segnale di DRIVE ON è attivo e se tutte le verifiche di sistema hanno dato esito positivo.
Tale procedura può essere attivata solo se il selettore di stato è in posizione di
Automatico remoto (REMOTE).

a. Il sistema può accettare il comando di DRIVE ON da remoto se le seguenti


condizioni sono verificate:
– selettore in stato REMOTE (verificabile leggendo lo stato del segnale
LOCAL/REMOTE = 1) ($GO[20])
– assenza di allarmi sul controllo (verificabile leggendo il segnale ALARM
OUTPUT = 1) ($GO[17])
– il comando di DRIVE OFF ($GI[18]) da remoto deve essere posto in stato 1.

b. Il sistema avvia la procedura di DRIVE ON quando:


– il segnale di comando DRIVE ON ($GI[17]) passa da zero a uno (fronte
positivo).

c. Dopo qualche istante vengono attivati i driver e alla fine della procedura:
– il segnale "DRIVE ON/OFF OUTPUT" ($GO[18]) passa in stato 1
– quando il segnale "DRIVE ON/OFF OUTPUT" ($GO[18]) è ad uno può
essere riportato a zero il segnale di comando di DRIVE ON ($GI[17]).

8.6.2 Procedura di START da Remoto


La procedura di START da remoto consente l’attivazione del programma holdable, dopo
aver effettuato tutte le verifiche di sistema e verificato lo stato di DRIVE ON. Tale
procedura viene attivata solo se il selettore di stato posto sul pannello operatore è in
posizione Automatico remoto (REMOTE). L’Unità di Controllo non attiva lo stato di
START se il comando DRIVE ON ($GI[17]) non è stato rimosso.

a. Il sistema può accettare il comando di START da remoto se le seguenti condizioni


sono verificate:
– attivazione di un programma holdable
– selettore in stato REMOTE (verificabile leggendo lo stato del segnale
LOCAL/REMOTE = 1) ($GO[20])

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
182 00/0411
Comandi di avvio e stop

– assenza di allarmi sul controllo (verificabile leggendo il segnale ALARM


OUTPUT = 1)
– robot in stato DRIVE ON (verificabile leggendo il segnale DRIVE ON/OFF
OUTPUT = 1)
– il comando di HOLD da remoto deve essere posto in stato 1

b. Il sistema avvia la procedura di START quando:


– il segnale di comando START ($GI[19]) passa da zero a uno (fronte positivo).

c. Dopo qualche istante programma passa nello stato RUNNING e alla fine della
procedura:
– il segnale START/HOLD OUTPUT ($GO[19]) passa in stato 1
Se il segnale di START/HOLD OUTPUT ($GO[19]) non si attiva entro 100 ms dal
fronte positivo del comando ($GI[19]) significa che non è stato attivato nessun
programma holdable da eseguire (attivabile con gli appositi comandi sul Terminale
di programmazione).

8.6.3 Procedura di HOLD da Remoto


La procedura di HOLD può essere attivata se la macchina si trova in stato di START
(ciclo attivo).
Il comando di HOLD ($GI[20]) è sempre abilitato e può essere attivato in qualsiasi
momento. Non esistono condizioni da rispettare prima di attivare il comando di HOLD.
Il comando è attivo quando è a zero. Per consentire l'avvio del ciclo (START), il
comando deve essere posto ad uno.

a. Il sistema avvia la procedura di HOLD quando:


– il segnale di comando HOLD ($GI[20]) passa da uno a zero (fronte negativo).
Quando si attiva la procedura di HOLD, immediatametne inizia la decelerazione
del movimento del robot.

b. Quando il Robot è fermo e alla fine della procedura:


– il segnale START/HOLD OUTPUT ($GO[19]) passa in stato zero
Il comando di HOLD ($GI[20]) può essere rimosso (riportare ad uno) quando il
segnale di "START/HOLD OUTPUT" ($GO[19]) è zero. Se si desidera impedire
l'avvio di un nuovo ciclo, il comando di HOLD ($GI[20]) può rimanere a zero fino a
quando necessario.

8.6.4 Procedura di DRIVE OFF da Remoto


La procedura di DRIVE OFF può essere attivata se il robot è in stato di DRIVE ON.
Il comando di DRIVE OFF ($GI[18]) è sempre abilitato e può essere attivato in qualsiasi
momento. Non esistono condizioni da rispettare prima di attivare il comando di DRIVE
OFF.
Il comando è attivo quando è a zero. Per consentire il DRIVE ON, il comando deve
essere posto ad uno.

a. Il sistema avvia la procedura di DRIVE OFF quando:


– il segnale di comando DRIVE OFF ($GI[18]) passa da uno a zero (fronte
negativo).
Quando si attiva la procedura di DRIVE OFF, immediatametne inizia la

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 183
Comandi di avvio e stop

decelerazione del movimento del robot e successivamente è rimossa l’


alimentazione ai motori..

b. Quando il Robot è fermo e alla fine della procedura:


– il segnale DRIVE ON/OFF OUTPUT ($GO[18]) passa in stato zero
Se si intende impedire una nuova accensione dei motori può rimanere a zero fino
a quando è necessario.

8.6.5 Interazione con la procedura di HOLD da locale


I comandi di arresto (DRIVE OFF e HOLD) sono sempre attivi indipendentemente dalla
posizione del selettore degli stati PROG T1, LOCAL, REMOTE. E’ pertanto possibile
che venga attivato un comando di HOLD da terminale di programmazione mente l’Unità
di Controllo si trova in stato remoto e che di conseguenza siano arrestati tutti i
programmi “Holdable” in corso d’esecuzione.
Lo stato di HOLD dell’Unità di Controllo viene segnalato all’applicazione con la
disattivazione del segnale di START/HOLD ($GO[19]). Inoltre, il segnale di LOCAL /
REMOTE ($GO[20]) viene disattivato segnalando che il sistema sta operando a seguito
di un comando locale.
Il segnale di HOLD ($GO[19]) è mantenuto a zero (HOLD) anche quando il comando di
HOLD da pannello operatore è rimosso.
Il segnale LOCAL/REMOTE ($GO[20]) si attiva quando il comando di HOLD da
pannello operatore viene rimosso, segnalando che il sistema è passato nuovamente
sotto il controllo remoto.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
184 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.7 Esempi di utilizzo e timing dei segnali di


sistema dedicati all’interfacciamento con la
linea
Nei successivi paragrafi sono rappresentati l’andamento dei segnali necessari alla
corretta implementazione dei segnali di sistema dedicati all’interfacciamento con la
linea.
Si consiglia di:
– Evitare le commutazioni tra i fronti di salita e discesa inferiori a 100 ms, le quali
possono generare interpretazioni incerte del comando.
– Attivare comandi quando non sono presenti le condizioni minime.
– Preferire la disattivazione del segnale di comando solo quando si è verificata la
reale commutazione dello stato richiesto.
– Considerare i tempi indicati in ms come tempi medi che possono variare secondo
il numero e il tipo di Arm installati.
Sono disponibili i seguenti esempi:
– Esempio di avvio ciclo da remoto
– Esempio di arresto e ripartenza del ciclo di lavoro da remoto
– Esempio di cambio stato da remoto a locale e da remoto a programmazione.

I tempi riportati negli esempi al par. 8.7.1 Esempio di avvio ciclo da remoto a
pag. 186 e successivi si riferiscono a misure effettuate su Unità di Controllo con
Robot di tipo standard (carico inferiore a 400 kg).
Altri tempi e limitazioni sono riportate al par. 8.5.4 Precauzioni nella sequenza di
Drive On e Drive Off in ciclo automatico a pag. 179.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 185
Comandi di avvio e stop

8.7.1 Esempio di avvio ciclo da remoto

START UP DRIVE ON PROGR. START


C5G-CONTROL SYSTEM (1)

DRIVE ON INPUT

DRIVE OFF INPUT

START INPUT

HOLD INPUT

DRIVE ON/OFF OUTPUT

(2)
START/HOLD OUTPUT

LOCAL/REMOTE OUTPUT

ALARM OUTPUT

DRIVE ON OUTPUT
($SDO[1])
DRIVE ON COMM. REL.
DRIVE ON COMMAND
SYSTEM START UP

DRIVE ON STATUS

START COMMAND

RUNNING STATE
HW TEST OK

START REL.
$SDO[1]
1200 msec MAX.

1400 msec MIN.

100 msec MAX.


500 msec MAX.

100 msec MIN.


100 msec MIN.

300 msec MIN.


500 msec MIN.

Legenda:
(1) Stato iniziale dell’Unità di Controllo: selettore stati in posizione Automatico remoto
(REMOTE)
(2) Se non ci sono programmi holdable attivati il comando di START non ha effetto e
questo segnale rimane a zero

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
186 00/0411
Comandi di avvio e stop

8.7.2 Esempio di arresto e ripartenza del ciclo di lavoro da


remoto

REMOTE REMOTE REMOTE LOCAL HOLD LOCAL


HOLD HOLD (RE) START (OPERATOR HOLD REMOTE
C5G-CONTROL SYSTEM RESTORE PANEL) RESTORE (RE) START

(3) (3)

DRIVE ON INPUT

DRIVE OFF INPUT

START INPUT

(4)
HOLD INPUT

DRIVE ON/OFF OUTPUT

START/HOLD OUTPUT (4)

LOCAL/REMOTE OUTPUT

ALARM OUTPUT

TEACH EN./DIS OUTPUT

DRIVE ON OUTPUT
($SDO[1])

PROGRAMMING

LOCAL HOLD PUSHBUTTON


ON THE OPERATOR PANEL
LOCAL HOLD RESTORE
HOLD COMMAND REL.

LOCAL HOLD COMM.

(RE) START COMM.


(RE) START COMM.
HOLD COMMAND

HOLDA STATUS

START STATUS
START STATUS
HOLD STATUS
100 msec MAX.

100 msec MAX.


80 msec MIN.

80 msec MIN.

Legenda:
(3) Stato iniziale dell’Unità di Controllo: alimentazione agli azionamenti inserita e
selettore di stato in posizione Automatico remoto (REMOTE), PROGRAM EXECUT.
(4) Non è prevista alcuna segnalazione all’esterno dell’avvenuta rimozione dello stato di
HOLD.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
00/0411 187
Comandi di avvio e stop

8.7.3 Esempio di cambio stato da remoto a locale e da remoto a


programmazione

STATUS CHANGE STATUS CHANGE


REMOTE TO REMOTE REMOTE TO PROGR. T1
REMOTE LOCAL ON DRIVE PROGR. T1 ON LOCAL
HOLD THE OPER. PANEL OFF THE OPER. PANEL DRIVE ON
C5G-CONTROL SYSTEM
(5)

DRIVE ON INPUT
(6)

DRIVE OFF INPUT

START INPUT
(6)

HOLD INPUT
(7)

DRIVE ON/OFF OUTPUT

(7)
START/HOLD OUTPUT

LOCAL/REMOTE OUTPUT

ALARM OUTPUT

TEACH EN./DIS OUTPUT

DRIVE ON OUTPUT
($SDO[1])

PROG-T1 OUTPUT (8)


(8) 300 msec
REMOTE DRIVE OFF

DRIVE OFF STATUS

TEACH EN. STATUS

LOCAL DRIVE ON
HOLD COMMAND

LOCAL STATUS

PROG. T1 SEL.
HOLD STATUS
HOLD STATUS

$SDO[1]

200 msec MAX.


100 msec MAX.
100 msec MAX.

80 msec MIN.
80 msec MIN.

1400 msec
MAX.

Legenda:
(5) Stato iniziale dell’Unità di Controllo: alimentazione agli azionamenti inserita e
selettore di stato in posizione Automatico remoto (REMOTE), PROGRAM EXECUT.
(6) I segnali DRIVE OFF e HOLD INPUT devono essere ripristinati al cambiamento di
stato.
(7) I segnali verso l’applicazione sono gestiti in tutti gli stati
(8) Incertezza dovuta alla risposta del selettore di stato.

HS-RC-C5E-SPT_14.fm
188 00/0411
Ingressi e Uscite

9. INGRESSI E USCITE
In questo capitolo sono riportati i seguenti argomenti:
– Panoramica delle opportunità per gli ingressi / Uscite
– Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo SDM
– Ingressi / Uscite digitali, su bordo Robot
– Ingressi / Uscite e Bus di campo, su interfaccia X20
– Bus di campo (solo protocollo software)
– Definizioni dei termini usati in ambito I/O e Bus di campo.

9.1 Panoramica delle opportunità per gli ingressi


/ Uscite
L’Unità di Controllo C5G dispone delle seguenti soluzioni:
– Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo SDM. Questi I/O possono essere usati
per piccole automazioni connettendosi direttamente alla morsettiera interna al
C5G.
– Ingressi / Uscite digitali, su bordo Robot. Questi I/O possono essere usati per
piccole automazioni connettendosi direttamente ai connettori a bordo Robot.
– Ingressi / Uscite e Bus di campo, su interfaccia X20. I moduli Bus di campo master
possono essere usati per connettersi con i dispositivi periferici del C5G e/o a
bordo Robot, mentre i moduli Bus di campo slave possono essere usati per
collegare il C5G alla rete della macchina completa.
– Bus di campo (solo protocollo software)

Considerare inoltre le soluzioni riportate al par. 14.2 Periferia del Robot a


pag. 288.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 189
Ingressi e Uscite

9.2 Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo


SDM
– Principi generali
– Disposizione dei connettori su Safety Distribution Module (SDM)
– Caratteristiche elettriche degli I/O e piedinatura connettori su Safety Distribution
Module (SDM)
– Schema di collegamento degli I/O su Safety Distribution Module (SDM)
– Configurazione degli I/O su Safety Distribution Module (SDM)
– Limiti di impiego degli I/O su Safety Distribution Module (SDM)
– C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM.

9.2.1 Principi generali


L’Unità di Controllo dispone di serie di 8 ingressi e 4 uscite digitali (I/O), a
disposizione per applicazioni dell’utente. Gli I/O sono disponibili direttamente sui
connettori del Safety Distribution Module (SDM) e il loro impiego è subordinato
dall’acquisto dell’opzione C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM (vedi par.
9.2.7 a pag. 195).
Gli I/O digitali su Safety Distribution Module (SDM) sono utilizzati anche su alcune
opzioni del C5G. Se queste opzioni sono installate, la quantità di I/O a disposizione
dell’utente può essere inferiore a quanto indicato (vedi il par. 9.2.6 Limiti di impiego
degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) a pag. 194).

9.2.2 Disposizione dei connettori su Safety Distribution Module


(SDM)
Fig. 9.1 - I/O a disposizione dell’utente: connettori

X310/SDM: 4 uscite 24 Vdc *¹

X311/SDM: 4 ingressi 24 Vdc *¹

X312/SDM: 4 ingressi 24 Vdc *¹


OUT
X310 *¹ connettori volanti opzionali C5G-UCK: kit
connettori utente, per modulo SDM (vedi par.
9.2.7 a pag. 195)

X126

X311 IN

X128

X312 IN

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
190 00/0512
Ingressi e Uscite

9.2.3 Caratteristiche elettriche degli I/O e piedinatura connettori


su Safety Distribution Module (SDM)

Tab. 9.1 - I/O a disposizione dell’utente: caratteristiche e


piedinatura
Connettore su
Funzione Safety Distribution Module Caratteristiche
(SDM)
4 Uscite digitali X310/SDM Caratteristiche:
24 Vdc – Tensione *¹: 24 Vdc tipica (da 18 a 35 Vdc max)
– Corrente max per uscita: 0,5 A (autoprotetta)
1
– Tipo di uscita: PNP (source), optoisolata
X310 – Tempo scansione / aggiornamento I/O: 10 ms
Il connettore volante deve essere acquistato a parte con
l’opzione C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM.
Piedinatura:
Pin Signal
1 Output common Supply *1
2 Output common Supply *1
3 Output 4
4 Output 3
5 Output 2
6 Output 1
7 GND Output
8 GND Output
*¹ fornita esternamente, a carico dell’utente
4 Ingressi X311/SDM Caratteristiche:
digitali – Tensione: 24 Vdc (da 18 a 35 Vdc max)
24 Vdc (“1 logico” > 18 Vdc, “0 logico” < 4 Vdc)
1
– Corrente tipica: 8 mA
X311
– Tipo di ingresso: PNP (sink), optoisolato
– Tempo scansione / aggiornamento I/O: 10 ms
Il connettore volante deve essere acquistato a parte con
l’opzione C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM.
Piedinatura:
Pin Signal
1 Input 1
2 Input 2
3 Input 3
4 Input 4
5 GND Input * 1
6 GND Input * 1
*¹ connessi al GND del connettore X312/SDM.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 191
Ingressi e Uscite

Tab. 9.1 - I/O a disposizione dell’utente: caratteristiche e


piedinatura (Continua)
Connettore su
Funzione Safety Distribution Module Caratteristiche
(SDM)
4 Ingressi X312/SDM Caratteristiche:
digitali – Tensione: 24 Vdc (da 18 a 35 Vdc max)
24 Vdc (“1 logico” > 18 Vdc, “0 logico” < 4 Vdc)
– Corrente min: 8 mA
1
– Tipo di ingresso: PNP (sink), optoisolato
X312 – Tempo scansione / aggiornamento I/O: 10 ms
Il connettore volante deve essere acquistato a parte con
l’opzione C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM.
Piedinatura:
Pin Signal
1 Input 5
2 Input 6
3 Input 7
4 Input 8
5 GND Input * 1
6 GND Input * 1
*¹ connessi al GND del connettore X311/SDM

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
192 00/0512
Ingressi e Uscite

9.2.4 Schema di collegamento degli I/O su Safety Distribution


Module (SDM)
Fig. 9.2 - I/O su SDM: schema di collegamento

C5G SDM

Output

*1

Input

Input

*¹ Collegare in parallelo ai carichi induttivi il dispositivo spegniarco

Consultare l’argomento I/O digitali sul Modulo SDM (vedi par. 7.4 a pag. 68) del
manuale “Trasporto e installazione”.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 193
Ingressi e Uscite

9.2.5 Configurazione degli I/O su Safety Distribution Module


(SDM)
Gli I/O digitali su Safety Distribution Module (SDM) non sono utilizzabili nel software fino
a quando non sono opportunamente configurati.
La configurazione degli I/O deve essere eseguita con appositi programmi forniti con
l’Unità di Controllo (IO_MAP / IO_CNFG).

Le istruzioni per l’uso dei programmi IO_MAP e IO_CNFG sono riportate nel
manuale “Uso dell’Unità di Controllo” al capitolo “Programmi per la
configurazione degli I/O”.

9.2.6 Limiti di impiego degli I/O su Safety Distribution Module


(SDM)
Gli I/O digitali su Safety Distribution Module (SDM) sono utilizzati anche su alcune
opzioni del C5G. Se queste opzioni sono installate, la quantià di I/O a disposizione
dell’utente può essere inferiore, secondo il prospetto sottostante:

Tab. 9.2 - Limitazione del numero di I/O in presenza di opzioni


I/O utilizzati I/O a disposizione
Opzione installata
dall’opzione dell’utente
Inp 1..2 e 4 su X311
C5G-DMI: cavo di interfaccia multibus per Devicenet
Inp 3 su X311 Inp 1..4 su X312
Master
Out 1..4 su X310
Inp 1..2 e 4 su X311
C5G-PMI: cavo di interfaccia multibus per Profibus-DP
Inp 3 su X311 Inp 1..4 su X312
Master
Out 1..4 su X310
Inp 1..4 su X311
C5G-SMK: Signal Machine Kit Inp 1..4 su X312
Out 1..4 su X310
Inp 3..4 su X311
Inp 1..2 su X311
C5G-TDC400: kit Comando Tip Dresser 400V Inp 1..4 su X312
Out 1 su X310
Out 2..4 su X310
Inp 3..4 su X311
Inp 1..2 su X311
C5G-TDC400-2: kit comando doppio Tip Dresser 400V Inp 1..4 su X312
Out 1..2 su X310
Out 3..4 su X310
Inp 2..4 su X311
C5G-TDS400: kit alimentazione Tip Dresser 400V Inp 1 su X311 Inp 1..4 su X312
Out 1..4 su X310

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
194 00/0512
Ingressi e Uscite

9.2.7 C5G-UCK: kit connettori utente, per modulo SDM


Scopo
L’opzione C5G-UCK (User Connector Kit) rende disponibili i 3 connettori volanti per
consentire il cablaggio degli Ingressi / Uscite digitali di serie, su modulo SDM (vedi par.
9.2 a pag. 190).

Caratteristiche tecniche e composizione

Fig. 9.3 - C5G-UCK: vista generale

A: C5G-UCK

Tab. 9.3 - C5G-UCK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17241380
Descrizione – Kit connettore utente
Caratteristiche elettriche – connettori volanti X106/SDM, X310/SDM, X311/SDM e X312/SDM
per conduttori fino a 1,5 mm², comprensiva di etichette di
identificazione
Dimensioni e peso – Non rilevanti; non alterano le considerazioni sulle dimensioni e pesi
del modello base dell’Unità di Controllo
Posizione di installazione – Esclusivamente sul modulo SDM
Limiti di impiego – E’ possibile installare massimo 1 opzione

Modalità d’uso

Approfondimenti e modalità d’uso al par. 9.2 Ingressi / Uscite digitali di serie, su


modulo SDM a pag. 190.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 195
Ingressi e Uscite

9.3 Ingressi / Uscite digitali, su bordo Robot


I Robot SMART5 sono predisposti per impiegare I/O digitali per piccole applicazioni. Gli
I/O sono sfruttabili collegandosi agli opportuni connettori su asse 3 o sul polso del
Robot. La posizione dei connettori e le possibilità offerte differiscono secondo il modello
del Robot.
Per poter impiegare gli I/O digitali a bordo Robot, l’Unità di Controllo deve essere dotata
di opzione C5G-SMK: Signal Machine Kit (vedi par. 9.3.1 a pag. 196).

Gli schemi di collegamento specifici per ogni Robot (con approfondimenti sul
metodo di impiego) sono riportati nel manuale “Interfacce e impiantizzazioni per
Robot serie SMART5“.

9.3.1 C5G-SMK: Signal Machine Kit


Scopo
L’opzione C5G-SMK (Signal Machine Kit) rende disponibili due ingressi di allarme 24
Vdc, 4 ingressi 24Vdc e 4 uscite 24Vdc sul bordo Robot, da impiegarsi per piccole
applicazioni a cura utente. L’opzione utilizza tra l’altro alcuni ingressi e uscite già
presenti di serie sul Safety Distribution Module (SDM).

Caratteristiche tecniche e composizione


I due ingressi di allarme a 24 Vdc sono “Robot Allarm” (allarme flangia) e Air Input
(anomalia aria). I segnali sono del tipo normalmente chiusi (NC). Se non utilizzati
devono essere ponticellati.
I 4 ingressi 24 Vdc e le 4 uscite 24 Vdc sono prelevate direttamente dal Safety
Distribution Module (SDM), rispettivamente dal connettore X311 e X310.
I 10 segnali I/O così ottenuti transitano dal Connettore X10 (Segnali Robot)Cavo segnali
Robot a base armadio fino alla base del Robot (connettore X1), dalla quale ripartono per
essere disponibili su connettori specifici installati nei pressi dell’asse 3 del Robot.
Il kit, che comprende il solo cavo di connessione, si installa all’interno del C5G con le
opportune connessioni tra il connettore X2 del terzo Modulo AMS-IAM, connettori X311
e X310 del Safety Distribution Module (SDM) e il Connettore X10 (Segnali Robot)Cavo
segnali Robot. Il connettore con funzione di tappo ancora presente sul connettore X2
del modulo deve essere rimosso.
Il Robot è già predisposto con le connessioni tra il connettore X1 a base Robot e il polso
(o asse 3 secondo il modello). Il Robot non è dotato di connettore volante che deve
essere acquistato a parte.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
196 00/0512
Ingressi e Uscite

Fig. 9.4 - C5G-SMK: vista generale

A: C5G-SMK
X2/IAM

SDM

Internal
C5G X10/CIP X3A/CAB

to Robot, X1

Tab. 9.4 - Percorso segnali da C5G a Robot


C5G Bordo Robot

Moduli A base A base


Segnale SiX / NS NM NJ *¹
interessati C5G Robot

Robot Alarm X2/IAM3 X92

Air input X2/IAM3 X91


X10/CIP X1 X91 X70
4 Input X311/SDM X91

4 Output X310/SDM X91

*¹ non disponibile sulla serie NJ4

Lo schema di collegamento tipico consigliato è riportato par. 9.3.1.1 Schema


elettrico di principio collegamento I/O su C5G-SMK a pag. 199.

Gli schemi di collegamento specifici per ogni Robot (con approfondimenti sul
metodo di impiego) sono riportati nel manuale “Interfacce e impiantizzazioni per
Robot serie SMART5“.

La descrizione, la piedinatura e il codice di acquisto del connettore volante da


usare per i collegamenti a bordo robot è riportato nel manuale “Specifiche
tecniche” del Robot.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 197
Ingressi e Uscite

Tab. 9.5 - C5G-SMK: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17130280
Caratteristiche elettriche segnali di – 2 ingressi
allarme (Robot Allarm, Air Input) – Tensione: 24 Vdc (da 15 a 30 Vdc max)
(“1 logico” > 15 Vdc, “0 logico” < 5 Vdc)
– Corrente tipica: 10 mA
– Connessione con contatto pulito e/o segnale digitale
– Segnali elettrici provenienti dal terzo Modulo AMS-IAM (connettore
X2)
– Nota: poichè si tratta di ingressi per anomalia, devono essere
collegati come normalmente chiusi (NC). Se non utilizzati, devono
essere ponticellati; se lasciati aperti, si attiva il relativo allarme.
Caratteristiche elettriche segnali di – 4 ingressi / 4 uscite
Ingresso / Uscita – Tensione: 24 Vdc
– Segnali elettrici provenienti dal Safety Distribution Module (SDM)
(connettori X311 e X312)
– Ulteriori dettagli al par. 9.2.3 Caratteristiche elettriche degli I/O e
piedinatura connettori su Safety Distribution Module (SDM) a
pag. 191
Posizione di installazione – Su bordo Robot
Limiti di impiego – E’ possibile installare massimo una opzione.
– Non è possibile installare l’opzione se sono già presenti le opzioni
C5G-TDC400: kit Comando Tip Dresser 400V (vedi par. 14.3.1 a
pag. 293), C5G-TDC400-2: kit comando doppio Tip Dresser 400V
(vedi par. 14.3.2 a pag. 295) o C5G-TDS400: kit alimentazione Tip
Dresser 400V (vedi par. 14.3.3 a pag. 297).
– Richiede il connettore volante per la connessione a bordo robot
(vedi manuale “Specifiche tecniche” del Robot).

Modo d’uso
I segnali di allarme (Robot Allarm, Air Input) sono già configurati nel sistema. Se non
utilizzati, devono essere richiusi sul +24Vdc; se lasciati aperti, si attiva il relativo allarme.
Il par. 9.3.1.1 Schema elettrico di principio collegamento I/O su C5G-SMK a pag. 199
riporta un esempio di collegamento dell’opzione.
I 4 segnali di ingresso e i 4 segnali di uscita del modulo SDM devono essere configurati
(vedi par. 9.2.5 Configurazione degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) a
pag. 194).
Gli I/O occupati dall’opzione e quelli ancora a disposizione dell’utente sono riportati al
par. 9.2.6 Limiti di impiego degli I/O su Safety Distribution Module (SDM) a pag. 194.
Consultare inoltre lo schema elettrico dell’opzione.

Modalità d’uso nel manuale “Trasporto e installazione” del Robot.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
198 00/0512
Ingressi e Uscite

9.3.1.1 Schema elettrico di principio collegamento I/O su C5G-SMK


Nello schema sottostante:
– il riferimento al connettore X70 a bordo Robot è al solo fine di migliorare la
comprensione. Il connettore ed i pins abbinati possono essere differenti secondo il
modello del Robot (consultare la configurazione riportata in Tab. 9.4
– i collegamenti riportati in colore verde rappresentano le connessione dell’opzione.

Fig. 9.5 - I/O su SMK: schema di collegamento

C5G Robot User

*2
Alarm
Input
*2

*1

Input

Output

*3

*¹ Secondo esigenza, è possibile selezionare il comune 24 Vdc positivo delle uscite digitali spostando
il collegamento sul morsetto +24 SAFE o +24 I/O
*² Se non utilizzati, gli ingressi Robot Alarm e Air Input devono essere chiusi sul +24V dc
*³ Collegare in parallelo ai carichi induttivi il dispositivo spegniarco

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 199
Ingressi e Uscite

9.4 Ingressi / Uscite e Bus di campo, su


interfaccia X20
L’Unità di Controllo può essere ampliata con moduli opzionali I/O digitali, analogici, e
Bus di campo, mediante la soluzione costituita da Moduli di interfaccia X20 (vedi par.
9.4.1 a pag. 200).

9.4.1 Moduli di interfaccia X20


– Principi generali
– Fondamenti sulla composizione del sistema a Moduli X20
– Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20

Bus di campo
– Moduli Bus di campo su interfaccia X20: principi
– Moduli Bus di campo su interfaccia X20: DeviceNet
– Moduli Bus di campo su interfaccia X20: Profibus-DP
– Moduli Bus di campo su interfaccia X20: Profinet I/O

I/O
– Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20.

9.4.2 Principi generali


La flessibilità dei moduli opzionali per I/O digitali, analogici e Bus di campo su interfaccia
X20 permette di far coesistere I/O e Bus di campo su uno stesso rack di piccole
dimensioni.
Il sistema a Moduli X20 è costituito da elementi di interfaccia denominati “Moduli X20”
montati all’interno del C5G, i quali sono controllati dal Modulo AMS-APC820 attraverso
la rete Ethernet POWERLINK (approfondimenti al par. 9.4.3 Fondamenti sulla
composizione del sistema a Moduli X20 a pag. 201).

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
200 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.3 Fondamenti sulla composizione del sistema a Moduli X20


Il sistema a moduli di interfaccia X20 (opzionale) si compone dei seguenti componenti:
– Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20, componente fondamentale
per l'interconnessione tra la rete Ethernet POWERLINK interna e i moduli di
espansione (I/O e/o Bus di campo).
Ogni modulo Bus Coupler è configurato con un indirizzo univoco sulla rete Ethernet
POWERLINK. E’ possibile installare fino a 2 moduli Bus Coupler.
– Moduli Bus di campo su interfaccia X20: principi, componente opzionale
necessario per la connessione Master e/o Slave con moduli remoti in protocollo
Profibus-DP, Profinet e DeviceNet.
– Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20, componente opzionale
necessario per la connessione di I/O digitali o analogici.

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
Profibus-DP DeviceNet
Inp Out

APC 820 IAM x

PPS8 ASM32

Bus Coupler

DC/DC
Profibus-DP DeviceNet
Inp Out

L’installazione del sistema X20 richiede la successiva configurazione software.


Allo scopo consultare il manuale di istruzioni “Uso dell’Unità di Controllo”.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 201
Ingressi e Uscite

9.4.4 Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20


– Principi generali
– Schema di collegamento del Modulo Bus Couple
– Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20
– Requisiti minimi
– Caratteristiche tecniche e codice di acquisto
– Configurazione del modulo Bus Coupler nel sistema
– Caratteristiche tecniche alimentatore X20 PS9400.

9.4.4.1 Principi generali


Il modulo opzionale Bus Coupler C5G-PFG-BCO (Bus COupler) è il nodo fondamentale
e deve essere sempre presente per consentire l’interconnessione tra la rete Ethernet
POWERLINK interna all’Unità di Controllo e i Moduli Bus di campo su interfaccia X20:
principi e Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20.
Il modulo Bus Coupler è fornito come singola unità ed è composto da:
– una base per fissaggio a guida omega (A), con 2 slot liberi per i Moduli Bus di
campo su interfaccia X20: principi
– una interfaccia di collegamento con la rete Ethernet POWERLINK (B)
– un alimentatore DC/DC (C), identificativo *¹ X20 PS9400. Il modulo fornisce
alimentazione sia al modulo Bus Coupler sia al bus interno X2X.
– predisposizione per aggiunta di Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20.

Fig. 9.6 - Modulo Bus Coupler PFG-BCO

A: base e bus del sistema moduli interfaccia


X20, con 2 slot liberi per moduli Bus di campo
B: interfaccia di collegamento con la rete
POWERLINK
C: alimentatore DC/DC 24 Vdc, identificativo
DC *¹ X20 PS94000
/
DC
Interface

Slot Slot
2 1

A B C
*¹ Sigla identificativa riportata sul fronte del componente

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
202 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.4.2 Schema di collegamento del Modulo Bus Couple


Ogni modulo Bus Coupler è collegato come nodo aggiuntivo sulla rete Ethernet
POWERLINK (vedi Fig. 9.7) e configurato con un indirizzo univoco (vedi par. 9.4.4.3
Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20 a pag. 204).
La connessione dei moduli alla rete è eseguita con cavi Ethernet POWERLINK di
lunghezza 1,5 m (4.9 ft) (fornito separatamente).
E’ possibile installare fino a 2 moduli Bus Coupler. Su ogni modulo Bus Coupler è
possibile abbinare:
– fino a 2 Moduli Bus di campo su interfaccia X20: principi (vedi par. 9.4.5 a
pag. 208), installati direttamente sui 2 slot a disposizione a sinistra
– una soluzione con Moduli I/O digitali e analogici su interfaccia X20, installati sul lato
destro del Bus Coupler.

Fig. 9.7 - Principi generali di connessione del Modulo Bus


Coupler PFG-BCO

From last Ethernet POWERLINK internal module

Ethernet POWERLINK Cable Ethernet POWERLINK Cable

Bus Coupler Bus Coupler


#1 #2

&H81 &H82

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 203
Ingressi e Uscite

9.4.4.3 Indirizzo sul modulo Bus Coupler per i Moduli di interfaccia X20
L’indirizzo del modulo sulla rete Ethernet POWERLINK è configurato mediante 2
selettori rotativi X1 e X16 (Fig. 9.8), nel rispetto di quanto indicato in Tab. 9.6.
All’interno della stessa Unità di Controllo, l’indirizzo di un modulo sulla rete Ethernet
POWERLINK deve essere univoco.

Fig. 9.8 - Selettori rotativi X1 e X16 per modulo Bus Coupler per
moduli di interfaccia X20

Tab. 9.6 - Configurazione indirizzi di rete Ethernet POWERLINK


su modulo Bus Coupler dei moduli di interfaccia X20
Impostazione
selettori rotativi
Funzione del modulo Bus Coupler (Indirizzo) Note sulla configurazione degli indirizzi

X16 X1

Primo modulo installato 8 1 Indirizzo del primo modulo installato.

Secondo modulo installato 8 2 Indirizzo del secondo modulo installato.

Per approfondimenti sugli indirizzi e modalità di impostazione consultare il


par. 4.15 Rete Ethernet POWERLINK a pag. 92.

9.4.4.4 Requisiti minimi


L’opzione Bus Coupler può essere installata solo se sono già presenti i seguenti
componenti opzionali:
– C5G-OPK: Kit Piastra Opzioni
– cavo Ethernet POWERLINK da 1,5 m (CR17231863)
– cavo alimentazione 24 Vdc (CR17240260) per alimentare il Bus Coupler.
L’alimentazione è prelevata dal modulo SDM, connettore X103.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
204 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.4.5 Caratteristiche tecniche e codice di acquisto

Fig. 9.9 - C5G-PFG-BCO: vista generale

A: C5G-PFG-BCO

Tab. 9.7 - C5G-PFG-BCO: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10146383
Caratteristiche elettriche – Alimentazione: 24 Vdc (-15% a +20%)
– Slot disponibili: 2, solo per moduli bus di campo tipo:
• C5G-DNM-DNMI: Interfaccia DeviceNet Master
• C5G-DNM-DNSI: Interfaccia DeviceNet Slave
• C5G-PFM-PDPM: Interfaccia Profibus-DP Master
• C5G-PFM-PDPS: Interfaccia Profibus-DP Slave
Posizione di installazione – Interno C5G, su guida omega.
Limiti di impiego – E’ possibile installare massimo due opzioni
Cavo Ethernet POWERLINK – CR17231863 (ACC ETH POWERLINK 1,5 m)
1,5 m (4.9 ft) Codice Comau
Cavo alimentazione 24 Vdc – CR17240260 (PFG supply cable)
Codice Comau

9.4.4.6 Configurazione del modulo Bus Coupler nel sistema


Il modulo Bus Coupler non è utilizzabile nel sistema fino a quando non è
opportunamente configurato.
La configurazione del modulo Bus Coupler deve essere eseguita con apposito
programma IO_CNFG (configurazione del modulo nel sistema) fornito con l’Unità di
Controllo. A seguito configurazione è necessario riavviare il sistema con il comando
Restart Cold.

Le istruzioni per l’uso del programma IO_CNFG sono riportate nel manuale “Uso
dell’Unità di Controllo” al capitolo “Programmi per la configurazione degli I/O”.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 205
Ingressi e Uscite

9.4.4.7 Caratteristiche tecniche alimentatore X20 PS9400

Tab. 9.8 - X20 PS9400: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Identificativo *¹ – X20 PS9400
Caratteristiche elettriche – Ingresso alimentazione 24 Vdc fornita da Safety Distribution Module
(SDM), connettore X103A, 24V INT
– usato per alimentare sia il modulo Bus Coupler sia il bus interno
X2X
Posizione di installazione – Interno C5G, vicino al Bus Coupler, su guida omega.
Dimensione – 1 modulo (12,5 mm)
Piedinatura
– +24 V Bus Coupler e bus interno X2X, ingresso alimentazione,
morsetto 14
– +24 V Bus Coupler e bus interno X2X, ingresso alimentazione,
morsetto 15
– GND, ingresso alimentazione, morsetto 16
– +24 VI/O, ingresso alimentazione, morsetto 24
– +24 VI/O, ingresso alimentazione, morsetto 25
– GND, ingresso alimentazione, morsetto 26

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
206 00/0512
Ingressi e Uscite

Tab. 9.8 - X20 PS9400: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Led di stato
– r (verde):
• [OFF]: mancanza di alimentazione in ingresso da Modulo SDM
o mancanza alimentazione sul bus interno X2X
• [Lampeggio singolo]: reset mode
• [Lampeggiante]: Preoperational mode
• [ON]: Run mode
– e (rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione in ingresso da Modulo SDM
o mancanza alimentazione sul bus interno X2X o tutto ok
• [Doppio lampeggio]: alimentazione I/O non sufficiente
oppure alimentazione sul bus interno X2X non sufficiente
oppure sovraccarico alimentazione sul bus interno X2X.
– e + r:
• [Rosso fisso, Verde lampeggio singolo]: firmware non
corretto
– l:
• [OFF]: alimentazione sul bus interno X2X è nel range
accettabile
• [ON]: sovraccarico alimentazione sul bus interno X2X
*¹ Sigla identificativa riportata sul fronte del componente

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 207
Ingressi e Uscite

9.4.5 Moduli Bus di campo su interfaccia X20: principi


– Principi generali
– Regole di installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus Coupler
– Fondamenti sulla connessione dei moduli Profibus-DP e DeviceNet ai dispositivi
esterni
– Fondamenti sulla connessione del modulo Profinet I/O ai dispositivi esterni
– Configurazione dei moduli di Bus di campo nel sistema.

9.4.5.1 Principi generali


Il modulo bus di campo è disponibile nelle versioni master e slave, a scelta tra i
protocolli Profibus-DP, Profinet I/O e Devicenet.
I moduli bus di campo si installano esclusivamente sugli slot 1 e 2 del Modulo Bus
Coupler PFG-BCO su interfaccia X20 (vedi par. 9.4.4 a pag. 202).
E’ possibile installare contemporaneamente moduli bus di campo e moduli I/O.
La connessione ai moduli di Bus di campo è possibile:
– con connettori volanti opzionali, disponibili per la connessione diretta sul modulo
Bus di campo
– oppure attraverso opzioni comprensive di cablaggi interno armadio, terminanti su
Connettore X93..X94 (Bus di campo Master) (vedi par. 5.4.2 a pag. 117) i quali
sono fissati a base armadio sul Connector Interface Panel (CIP).
Prima di essere utilizzati, i moduli bus di campo richiedono la successiva
Configurazione dei moduli di Bus di campo nel sistema (vedi par. 9.4.5.5 a pag. 213).

Fig. 9.10 - Moduli bus di campo

A: Modulo Bus Coupler PFG-BCO su


interfaccia X20 (vuoto)
B: modulo Device Net (esempio di
installazione master su slot 1)
C: modulo Profibus-DP (esempio di
DC installazione slave su slot 2)
/
DC
Interface

Slot Slot
2 1

A B C

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
208 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.5.2 Regole di installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus


Coupler
Le regole per l’installazione dei moduli bus di campo (valide per tutti i modelli) sono:
– installazione esclusiva su Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
– installazione fino a 3 moduli bus di campo in totale nella stessa Unità di Controllo
C5G, con l’impiego di 2 moduli Bus Coupler
– il modulo master:
• occupa sempre il primo slot disponibile (1, poi 2), ma la precedenza dello slot
1 è per il modulo slave (quando presente)
• è possibile installare un solo modulo master sullo stesso Modulo Bus Coupler
PFG-BCO su interfaccia X20
• se è necessaria la presenza di due moduli master occorre installare un
secondo Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20, realizzando una
rete il cui principio di collegamento è indicato in Fig. 9.7
– il modulo slave:
• il primo modulo slave occupa sempre lo slot 1 (slot a destra)
• il secondo modulo slave occupa sempre lo slot 2 (slot a sinistra)
• è possibile installare fino ad un massimo di 2 moduli slave sullo stesso
Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
• se è necessaria la presenza di due moduli slave con un modulo master già
installato occorre installare un secondo Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20, realizzando una rete il cui principio di collegamento è indicato
in Fig. 9.7

Fig. 9.11 - Esempi di composizione dei moduli bus di campo

In figura sono rappresentate le


Slot 2 1 composizioni possibili con un solo
Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20.
M
A: Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20 (vuoto)
M: modulo Master
S, S1, S2: modulo Slave

Nota: moduli master e slave a scelta tra i


S protocolli disponibili

M
S

A
S
S
2
1

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 209
Ingressi e Uscite

In figura sono rappresentate le


Slot 2 1 2 1 composizioni possibili con due
Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20.
M M
S
1 2 A: Modulo Bus Coupler PFG-BCO su
interfaccia X20 (vuoto)
M1, M2: modulo Master
S, S1, S2: modulo Slave

Nota: moduli master e slave a scelta tra i


M S protocolli disponibili
S
1 2
1

M M
1 2
A

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
210 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.5.3 Fondamenti sulla connessione dei moduli Profibus-DP e DeviceNet


ai dispositivi esterni
Il sistema a moduli di interfaccia X20 su bus di campo Profibus-DP e DeviceNet
permette la connessione con i dispositivi esterni nelle seguenti modalità:
– Master: connessione con cavi interni che raccolgono il bus e l’alimentazione 24
Vdc, per confluire sul un solo connettore X93 e/o X94 (opzioni C5G-DMI: cavo di
interfaccia multibus per Devicenet Master o C5G-PMI: cavo di interfaccia multibus
per Profibus-DP Master). E’ disponibile un Cavo Multibus opzionale per collegare
i connettori X93/X94 alla base Robot sul connettore X90.
– Slave: connessione diretta del cavo di rete su connettore opzionale, disponibile
per ogni modulo specifico (opzioni C5G-DNPC: connettore volante per moduli
Devicenet e C5G-PFPC: connettore volante per moduli Profibus-DP). Il cavo
destinato alla rete della macchina transita verso l’esterno dell’armadio attraverso il
Connettore passacavo X90 (vedi par. 5.3.4 a pag. 113).

Fig. 9.12 - Schema di principio connessione ai moduli Master

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
DeviceNet
Inp Out

Bus
SDM 24Vdc
Bus Coupler
24Vdc

X94/CIP
OR
DeviceNet X93/CIP
Profibus-DP Master
Master Bus
to Robot, X90

Fig. 9.13 - Schema di principio connessione ai moduli Slave

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
DeviceNet
Inp Out

Bus

Bus Coupler

DeviceNet X90/CIP
Slave

Profibus-DP Bus
to Line
Slave

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 211
Ingressi e Uscite

9.4.5.4 Fondamenti sulla connessione del modulo Profinet I/O ai dispositivi


esterni
Il sistema a moduli di interfaccia X20 su bus di campo Profinet I/O permette la
connessione con i dispositivi esterni nelle seguenti modalità:
– Master: connessione diretta del cavo di rete Ethernet su connettore RJ45 del
modulo. Il cavo destinato al dispositivo slave (es. Robot) transita verso l’esterno
dell’armadio attraverso il Connettore passacavo X90 (vedi par. 5.3.4 a pag. 113)
– Slave: connessione diretta del cavo di rete Ethernet su connettore RJ45 del
modulo. Il cavo destinato alla rete della macchina transita verso l’esterno
dell’armadio attraverso il Connettore passacavo X90 (vedi par. 5.3.4 a pag. 113).

Fig. 9.14 - Schema di principio connessione ai moduli Master

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
Profinet I/O
Inp Out

Ethernet Cable

Bus Coupler

Profinet I/O X90/CIP

Ethernet Cable
to Robot

Fig. 9.15 - Schema di principio connessione ai moduli Slave

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
Profinet I/O
Inp Out

Ethernet Cable

Bus Coupler

Profinet I/O X90/CIP

Ethernet Cable
to Line

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
212 00/0512
Ingressi e Uscite

Fig. 9.16 - Schema di principio di possibile interconnessione


interna attraverso Ethernet switch integrato

Ethernet POWERLINK

Bus Coupler

DC/DC
Profinet I/O
Inp Out

Ethernet Cable

Bus Coupler

Profinet I/O X90/CIP


by internal
Eth switch

Ethernet Cable
to Line

9.4.5.5 Configurazione dei moduli di Bus di campo nel sistema


I moduli di Bus di campo non sono utilizzabili nel sistema fino a quando non sono
opportunamente configurati.
I parametri di funzionamento dei moduli di Bus di campo e gli indirizzi di rete devono
essere configurati con gli appositi programmi IO_CNFG (configurazione del modulo nel
sistema) e IO_MAP (mappatura dei segnali) forniti con l’Unità di Controllo. A seguito
configurazione può essere necessario riavviare il sistema con il comando Restart Cold.

Le istruzioni per l’uso dei programmi IO_CNFG e IO_MAP sono riportate nel
manuale “Uso dell’Unità di Controllo” al capitolo “Programmi per la
configurazione degli I/O”.

I file di configurazione dei moduli bus di campo (es. Profibus file .GSD, DeviceNet file
.EDS, ecc.) sono disponibile nel CD Rom del software di sistema fornito con l’Unità di
Controllo, cartella SYS\Fieldbus.

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 213
Ingressi e Uscite

9.4.6 Moduli Bus di campo su interfaccia X20: DeviceNet


– C5G-DNM-DNMI: Interfaccia DeviceNet Master
– C5G-DNM-DNSI: Interfaccia DeviceNet Slave
– C5G-DMI: cavo di interfaccia multibus per Devicenet Master
– C5G-DNPC: connettore volante per moduli Devicenet

9.4.6.1 C5G-DNM-DNMI: Interfaccia DeviceNet Master


Scopo
L’opzione C5G-DNM-DNMI (DeviceNet Module - DeviceNet Master Interface) rende
disponibile un modulo di interfaccia DeviceNet Master all’interno dell’Unità di Controllo.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il modulo deve essere installato sul Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
(vedi par. 9.4.4 a pag. 202). Il connettore di collegamento è il C5G-DNPC: connettore
volante per moduli Devicenet (vedi par. 9.4.6.4 a pag. 221), fornito come opzione.

Fig. 9.17 - C5G-DNM-DNMI: vista generale

A: C5G-DNM-DNMI

Tab. 9.9 - C5G-DNM-DNMI: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10145783
Identificativo *¹ – X20 IF1051-1
Caratteristiche elettriche – Richiede il connettore opzionale C5G-DNPC: connettore volante
per moduli Devicenet (vedi par. 9.4.6.4 a pag. 221)

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
214 00/0512
Ingressi e Uscite

Tab. 9.9 - C5G-DNM-DNMI: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Piedinatura

Resistenza di terminazione – Integrata nel modulo


– Segnalazione di terminazione inserita su fronte modulo (Led A)

Botton view Front view

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 215
Ingressi e Uscite

Tab. 9.9 - C5G-DNM-DNMI: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Led di stato
– READY/RUN (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X
• [ON Rosso]: Communication on the PCI bus has not yet been
started
• [ON Verde]: Communication on the PCI bus is operating
– MOD/NET (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X oppure
modulo non in online
• [Lampeggiante Verde]: Module is online but the I/O
connection is not active
• [ON Verde]: Module is online and the I/O connection is active
("operating")
• [Lampeggiante Rosso]: The red LED blinks if at least one of
the following errors has occurred:
– Minor fault (recoverable fault)
– Connection error
– No DeviceNet supply voltage
• [ON Rosso]: Critical fault or critical connection error (double
MAC ID, bus failure or module defect)
– TxD (giallo):
• [Flickering or on]: The module is sending data via the
DeviceNet interface
– Term (giallo):
• [On]: The terminating resistor integrated in the module is
turned on
Indirizzamento del modulo – Vedi par. 9.4.5.5 Configurazione dei moduli di Bus di campo nel
sistema a pag. 213
Posizione di installazione – Interno C5G, su Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20.
– Vedi Fig. 9.11 - Esempi di composizione dei moduli bus di campo a
pag. 209
Limiti di impiego – Fino a 2 moduli (limiti e posizione nel par. 9.4.5.2 Regole di
installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus Coupler a
pag. 209)
*¹ Sigla identificativa riportata sul fronte del componente

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
216 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.6.2 C5G-DNM-DNSI: Interfaccia DeviceNet Slave


Scopo
L’opzione C5G-DNM-DNSI (DeviceNet Module - DeviceNet Slave Interface) rende
disponibile un modulo di interfaccia DeviceNet Slave all’interno dell’Unità di Controllo.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il modulo deve essere installato sul Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
(vedi par. 9.4.4 a pag. 202). Il connettore di collegamento è il C5G-DNPC: connettore
volante per moduli Devicenet (vedi par. 9.4.6.4 a pag. 221), fornito come opzione.

Fig. 9.18 - C5G-DNM-DNSI: vista generale

A: C5G-DNM-DNSI

Tab. 9.10 - C5G-DNM-DNSI: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10145883
Identificativo *¹ – X20 IF1053-1
Caratteristiche elettriche – Richiede il connettore opzionale C5G-DNPC: connettore volante
per moduli Devicenet (vedi par. 9.4.6.4 a pag. 221)
Piedinatura

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 217
Ingressi e Uscite

Tab. 9.10 - C5G-DNM-DNSI: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Resistenza di terminazione – Integrata nel modulo
– Segnalazione di terminazione inserita su fronte modulo (Led A)

Botton view Front view


Led di stato
– READY/RUN (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X
• [ON Rosso]: Communication on the PCI bus has not yet been
started
• [ON Verde]: Communication on the PCI bus is operating
– MOD/NET (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X oppure
modulo non in online
• [Lampeggiante Verde]: Module is online but the I/O
connection is not active
• [ON Verde]: Module is online and the I/O connection is active
("operating")
• [Lampeggiante Rosso]: The red LED blinks if at least one of
the following errors has occurred:
– Minor fault (recoverable fault)
– Connection error
– No DeviceNet supply voltage
• [ON Rosso]: Critical fault or critical connection error (double
MAC ID, bus failure or module defect)
– TxD (giallo):
• [Flickering or on]: The module is sending data via the
DeviceNet interface
– Term (giallo):
• [On]: The terminating resistor integrated in the module is
turned on
Indirizzamento del modulo – Vedi par. 9.4.5.5 Configurazione dei moduli di Bus di campo nel
sistema a pag. 213
Posizione di installazione – Interno C5G, su Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20.
– Vedi Fig. 9.11 - Esempi di composizione dei moduli bus di campo a
pag. 209

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
218 00/0512
Ingressi e Uscite

Tab. 9.10 - C5G-DNM-DNSI: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Limiti di impiego – Fino a 2 moduli (limiti e posizione nel par. 9.4.5.2 Regole di
installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus Coupler a
pag. 209)
*¹ Sigla identificativa riportata sul fronte del componente

9.4.6.3 C5G-DMI: cavo di interfaccia multibus per Devicenet Master


Scopo
L’opzione C5G-DMI (Devicenet Multibus Interface cable) rende disponibile un
connettore a base armadio che comprende 24 Vdc, rete Devicenet Master ed alcuni
segnali di I/O digitali, idoneo per connettere dispositivi esterni slave (es. Robot)
attraverso il Cavo Multibus.

Caratteristiche tecniche e composizione


L’opzione è composta da cavi e connettori interni armadio per far confluire il 24 Vdc, un
ingresso del modulo SDM, High Speed Input (HSI) e il segnale della rete DeviceNet
sul connettore circolare X93 o X94 a base armadio.
Il 24 Vdc è prelevato dal connettore X124/SDM (se occupato, si usa X126/X128). Sul
connettore X93/X94 sarà possibile prelevare il 24V I/O e il 24V SAFE.
Il segnale di rete DeviceNet è prelevato dal modulo C5G-DNM-DNMI: Interfaccia
DeviceNet Master.
Il segnale di ingresso, definto “Thermal Probe” (TP), è prelevato dal connettore
X311/SDM (Inp 3). Se il connettore X311/SDM è già occupato da altre opzioni e il
segnale TP non è necessario, lasciare disconnesso il connettore volante.
Il segnale HSI3 è predisposto ma non collegato sull’estremintà lato scheda. I conduttori
sono terminati con puntalini ed il contatto elettrico isolato. Gli HSI sono descritti
nell’opzione C5G-HSK5: High Speed Input Kit (vedi par. 14.2.1 a pag. 288).

Fig. 9.19 - C5G-DMI: vista generale

A: C5G-DMI
B: Connettore X93 o X94 a base armadio

A
B

Tab. 9.11 - C5G-DMI: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17130960

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 219
Ingressi e Uscite

Tab. 9.11 - C5G-DMI: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Caratteristiche elettriche – Lo schema elettrico dell’opzione è disponibile nello schema elettrico
dell’Unità di Controllo
Posizione di installazione – Interno Unità di Controllo, con connettore disponibile a base
armadio
Limiti di impiego – E’ possibile installare fino a 2 opzioni, rispettivamente su altrettanti
moduli Bus di campo master.
Piedinatura connettore X93 / X94: Pin 1: 0V (24Vdc)
Pin 2: 0V (24Vdc)
Pin 3: 24 V SAFE
Pin 4: 24 V I/O
Pin 5: Ground
Pin 6: Non usato
Pin 7: Thermal Probe Input *²
Pin 8: Non usato
Pin 9: + Vsec
Pin 10: - Vsec
Pin 11: Non usato
Pin 12: HSR/HSI3+ *¹
Pin 13: CAN H
Pin 14: CAN L
Pin 15: Riservato
Pin 16: Riservato
Pin 17: HSR/HSI3- *¹
*¹ HSR nel caso di applicazioni SPOT Welding, HSI nel caso di
applicazioni generiche
*² Usato tipicamente in caso di applicazione SPOT Welding

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
220 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.6.4 C5G-DNPC: connettore volante per moduli Devicenet


Scopo
L’opzione C5G-DNPC (DeviceNet Plug Connector) rende disponibile il connettore
idoneo per la connessione del cavo di rete DeviceNet sul modulo C5G-DNM-DNMI:
Interfaccia DeviceNet Master o C5G-DNM-DNSI: Interfaccia DeviceNet Slave.

Caratteristiche tecniche e composizione

Fig. 9.20 - C5G-DNPC: vista generale

A: C5G-DNPC

Tab. 9.12 - C5G-DNPC: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR17132080

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 221
Ingressi e Uscite

9.4.7 Moduli Bus di campo su interfaccia X20: Profibus-DP


– C5G-PFM-PDPM: Interfaccia Profibus-DP Master
– C5G-PFM-PDPS: Interfaccia Profibus-DP Slave
– C5G-PMI: cavo di interfaccia multibus per Profibus-DP Master
– C5G-PFPC: connettore volante per moduli Profibus-DP

9.4.7.1 C5G-PFM-PDPM: Interfaccia Profibus-DP Master


Scopo
L’opzione C5G-PFM-PDPM (ProFibus Module - Profibus-DP Master) rende disponibile
un modulo di interfaccia Profibus-DP Master all’interno dell’Unità di Controllo.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il modulo deve essere installato sul Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
(vedi par. 9.4.4 a pag. 202). Il connettore di collegamento è il C5G-PFPC: connettore
volante per moduli Profibus-DP (vedi par. 9.4.7.4 a pag. 229), fornito come opzione.

Fig. 9.21 - C5G-PFM-PDPM: vista generale

A: C5G-PFM-PDPM

Tab. 9.13 - C5G-PFM-PDPM: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10145483
Identificativo *¹ – X20 IF1061-1
Caratteristiche elettriche – Richiede il connettore opzionale C5G-PFPC: connettore volante per
moduli Profibus-DP (vedi par. 9.4.7.4 a pag. 229)

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
222 00/0512
Ingressi e Uscite

Tab. 9.13 - C5G-PFM-PDPM: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Piedinatura

Resistenza di terminazione – Integrata nel C5G-PFPC: connettore volante per moduli


Profibus-DP (interruttore a levetta A)

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 223
Ingressi e Uscite

Tab. 9.13 - C5G-PFM-PDPM: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Led di stato
– READY/RUN (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X
• [Lampeggiante]: Boot error
• [ON Rosso]: Communication on the PCI bus has not yet been
started
• [ON Verde]: Communication on the PCI bus is operating
– STATUS DP (verde / rosso):
• [Cyclic blinking Rosso]: Communication to at least one slave
has been disrupted
• [On Rosso]: Communication to one/all slave(s) has been
disrupted
• [Acyclic blinking Verde]: No configuration or stack error
• [Cyclic blinking Verde]: Bus is configured, but
communication has not yet been enabled by the application
• [ON Verde]: Communication established with all slaves
– RxD (giallo):
• [On]: The module is receiving data via the Profibus DP master
interface
– TxD (giallo):
• [On]: The module is transmitting data via the Profibus DP
master interface
Indirizzamento del modulo – Vedi par. 9.4.5.5 Configurazione dei moduli di Bus di campo nel
sistema a pag. 213
Posizione di installazione – Interno C5G, su Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20.
– Vedi Fig. 9.11 - Esempi di composizione dei moduli bus di campo a
pag. 209
Limiti di impiego – Fino a 2 moduli (limiti e posizione nel par. 9.4.5.2 Regole di
installazione dei moduli bus di campo su Modulo Bus Coupler a
pag. 209)
*¹ Sigla identificativa riportata sul fronte del componente

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
224 00/0512
Ingressi e Uscite

9.4.7.2 C5G-PFM-PDPS: Interfaccia Profibus-DP Slave


Scopo
L’opzione C5G-PFM-PDPS (ProFibus Module - Profibus-DP Slave) rende disponibile un
modulo di interfaccia Profibus-DP Slave all’interno dell’Unità di Controllo.

Caratteristiche tecniche e composizione


Il modulo deve essere installato sul Modulo Bus Coupler PFG-BCO su interfaccia X20
(vedi par. 9.4.4 a pag. 202). Il connettore di collegamento è il C5G-PFPC: connettore
volante per moduli Profibus-DP (vedi par. 9.4.7.4 a pag. 229), fornito come opzione.

Fig. 9.22 - C5G-PFM-PDPS: vista generale

A: C5G-PFM-PDPS

Tab. 9.14 - C5G-PFM-PDPS: caratteristiche tecniche


Caratteristica Descrizione
Codice Comau – CR10145583
Identificativo *¹ – X20 IF1063-1
Caratteristiche elettriche – Richiede il connettore opzionale C5G-PFPC: connettore volante per
moduli Profibus-DP (vedi par. 9.4.7.4 a pag. 229)
Piedinatura

HS-RC-C5E-SPT_08.fm
00/0512 225
Ingressi e Uscite

Tab. 9.14 - C5G-PFM-PDPS: caratteristiche tecniche (Continua)


Caratteristica Descrizione
Resistenza di terminazione – Integrata nel C5G-PFPC: connettore volante per moduli
Profibus-DP (interruttore a levetta A)

Led di stato
– READY/RUN (verde / rosso):
• [OFF]: mancanza di alimentazione sul bus interno X2X
• [Lampeggiante]: Boot error
• [ON Rosso]: Communication on the PCI bus has not yet been
started
• [ON Verde]: Communication on the PCI bus is operating
– STATUS DP (verde / rosso):
• [Cyclic flash Rosso]: STOP, no communication, connection
error
• [Acyclic flash Rosso]: Slave not configured
• [ON Verde]: RUN, cyclic communication