Sei sulla pagina 1di 6

SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA

DI UNA DIFESA A 4 A ZONA


____________________________________________________________________________________________________________

Un approccio complesso: organizzazione


del gioco di squadra attraverso le
categorie di spazio e tempo individuali
Sviluppare la potenza aerobica attraverso l’utilizzo di una
progressione tecnico-tattica di una difesa a zona.

di Raffaele Di Pasquale – All. Prof. I Categ.


Angelo Iervolino – All. di Base UEFA-B

PREMESSA

Costruire il percorso di organizzazione del gioco di squadra attraverso le


categorie di spazio e tempo individuali significa mettere al centro del processo
dell’allenamento calcistico il giocatore inteso nell’accezione più ampia di “
Unità Significativa “, cioè come colui che nella data situazione in maniera
originale e personale ed in piena autonomia esegue una decisione
consapevole.
Per essere messo in condizione di scegliere dal punto di vista tattico-strategico
la soluzione efficace deve essere continuamente ed in modo mirato sollecitato
dal punto di vista senso-percettivo, attenzionale e di concentrazione.
Senza scendere qui troppo nei dettagli ( per soddisfare tali esigenze si rimanda
alla lettura della tesi di fine corso master 2010 di mister Di Pasquale pubblicata
sul sito del settore tecnico della F.I.G.C. ), procediamo a comprendere la
differenza tra le capacità prima menzionate:
- Sensazione = capacità dei nostri organi di senso ( tutti ) di stabilire un
rapporto con l’ambiente circostante;
- Percezione = capacità della nostra mente di dare un significato alle
sensazioni ( utilizzo prioritario della memoria a breve termine );
- Attenzione = capacità della nostra mente di catalogare le percezioni
utilizzando la memoria a lungo termine ( i vissuti );
- Concentrazione = capacità della nostra mente di selezionare il/i
dettaglio/i che sono funzionali alla decisione del momento.

Vediamo adesso con l’aiuto di due schede cosa implica tutto questo dal punto
di vista dell’apprendimento calcistico e tattico – strategico.

________________________________________________________________________________
-1- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino
SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA
DI UNA DIFESA A 4 A ZONA
____________________________________________________________________________________________________________

Capacità motorie
Sussidi multimediali

Stili cognitivi Motivazione

Transfert positivi
Emozioni
Apprendimento
Calcistico
Stili di
insegnamento
Zone di sviluppo
prossimale
Compiti e funzioni
Esperienze
pregresse

Prende le distanze da una :

• Didattica trasmissiva e direttiva;


• Apprendimento lineare e sequenziale
• Verifica “oggettiva”
• Allenamento analitico e frazionato;
• Conoscenza come rispecchiamento oggettivo della realtà;
• Apprendimento come semplice acquisizione quantitativa di informazioni

________________________________________________________________________________
-2- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino
SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA
DI UNA DIFESA A 4 A ZONA
____________________________________________________________________________________________________________

Orientamento dell’attenzione
Attenzione selettiva Ad esempio: un giocatore che
Ad esempio: ignorare il concerto si trova dall’altra parte del campo
di fischi del pubblico avversario di gioco alzando il braccio segnala
prima dell’esecuzione di un calcio la sua disponibilità a ricevere
d’angolo per inviare in modo il passaggio, per cui il giocatore
preciso il pallone al giocatore in possesso del pallone dirige
che colpisce meglio di testa il suo focus attentivo su di esso
per eseguire un passaggio lungo

Fasi finali del processo


elaborativo/decisionale
Tattico- strategico

Attenzione distribuita Concentrazione


Ad esempio: copertura
della palla mentre si esplora Ad esempio:
il campo di gioco per cercare fissare il pallone in un passaggio
il compagno smarcato da 60 m per stopparlo al volo
e poi giocarlo

LA SEDUTA DI ALLENAMENTO SECONDO LA METODOLOGIA OPERATIVA

E’ costituita in 4 fasi di lavoro:

- 1^ fase : categorie di spazio e di tempo universali e necessarie


PERCEZIONE ED ORIENTAMENTO SPAZIO-TEMPO:
( apprezzamento delle distanze, parabole, velocità, traiettoria, numero di
tocchi, contromovimenti ecc. )
Tutta la squadra
- 2^ fase : categorie di spazio e tempo in situazione
Contesto di catena e di reparto
- 3^ fase : categorie di spazio e tempo per funzione
Riferiti al ruolo ed a compiti specifici
- 4^ fase : categoria di sistema
Nel proprio sistema di gioco ed in riferimento alla gara.

________________________________________________________________________________
-3- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino
SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA
DI UNA DIFESA A 4 A ZONA
____________________________________________________________________________________________________________

ESERCITAZIONI PER LO SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA


PROGRESSIONE TECNICO-TATTICA DI UNA DIFESA A 4 DISPOSTA A ZONA

Autori: Raffaele Di Pasquale – All. Prof. I Categ.


Angelo Iervolino – All. di Base UEFA-B

Obiettivi: sviluppo della potenza aerobica ed affinamento dei tempi di


pressione, arresto, copertura e riallineamento attraverso la metodologia
operativa .

Modalità : 4 blocchi di lavoro intermittente corsa ed intermittente forza della


durata di 4’ ciascuno con 5”di scatto e 15” di corsa lenta intervallati tra di loro
con 2’ di recupero, per un totale di 22’complessivi, con attenzione e cura dei
tempi di gioco.

MOTIVAZIONE DELLA SCELTA

- perché i tempi di gioco sono ritenuti premessa ed al tempo stesso


essenza del gioco e quindi secondo noi vanno educati sempre anche
quando è prevalente nella esercitazione l’obiettivo fisico;
- perché secondo la filosofia della metodologia operativa la prestazione
calcistica è un’interazione continua tra aspetti organici,
funzionali,coordinativi, tecnico-strategici ed emozionali;
- perché realizza una maggiore efficacia dell’allenamento in virtù di una
sollecitazione motivazionale superiore;
- perché così l’obiettivo tattico è sempre perseguito;
- perché si coniuga la combinazione di abilità specifiche e di capacità
motorie;
- per la possibilità di poter gestire l’intensità del lavoro a seconda delle
dimensioni del campo, il numero dei partecipanti, le regole di gioco;
- per la sua specificità.

PRINCIPI DEL PROCESSO OPERATIVO:

- utilizzo di campi e luoghi di esercitazione sempre di forma rettangolare


per sollecitare continuamente i parametri spazio-temporali della gara;
- linea difensiva posta sempre alla distanza dei 22,23m dalla porta;
- privilegio delle attività di gruppo rispetto a quelle individuali;
- esercizi ed esercitazioni speciali eseguiti in forma globale;
- proposta di tipo complesso con graduale e necessario incremento delle
difficoltà.

________________________________________________________________________________
-4- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino
SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA
DI UNA DIFESA A 4 A ZONA
____________________________________________________________________________________________________________

ESERCITAZIONE N°1

La linea è disposta come in figura, di


fronte ad essa ci sono 4 delimitatori
dietro ai quali stazionano 4 giocatori
ciascuno dei quali con la palla in
mano. I giocatori gialli a turno
cominciando dall’esterno vanno a
colpire di testa seguiti in forma
collaborativa dagli altri 3 giocatori del
reparto che vanno a sistemarsi in linea
e vicino ai cinesini rossi.
TEMPI:
Il giocatore con la palla la lancia
quando il corrispettivo calciatore giallo
supera il cinesino rosso;il giocatore
che va a colpire di testa stacca quando
la palla raggiunge il massimo della
ESERCITAZIONE N°2

La linea difensiva disposta come da


figura.
I giocatori gialli di corsa raggiungono
i cinesini rossi arrestandosi in
divaricata anteroposteriore ad 1m.di
distanza da questi. Nella corsa di
ritorno alla postazione iniziale devono
cercare subito l’allineamento. Il
ritorno in posizione è effettuato con
una corsa incrociata e con il corpo
orientato verso la palla. In questa
esercitazione simulando la posizione
della palla centralmente gli esterni ed
i centrali difensivi rientrano con il
corpo orientato all’interno.

________________________________________________________________________________
-5- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino
SVILUPPO DELLA POTENZA AEROBICA ATTRAVERSO L’UTILIZZO DI UNA PROGRESSIONE TECNICO TATTICA
DI UNA DIFESA A 4 A ZONA
____________________________________________________________________________________________________________

ESERCITAZIONE N°3

Si dispongono due linee difensive a


circa 2m dal limite dell’area. Un
pallone a coppia. I giocatori gialli a
partire dall’esterno sx , uno alla volta,
calciano la palla al rispettivo giocatore
rosso. Una volta calciata si sale con gli
stessi tempi e spazi e ci si arresta un
attimo prima che la palla venga
controllata dal giocatore rosso.Si
ritorna in posizione in corsa in
arretramento a passo incrociato e con
l’orientamento del corpo come
l’esercizio precedente. I rossi faranno
lo stesso. Quest’esercitazione aiuta la
collaborazione tra i giocatori e

ESERCITAZIONE N°4

Si dispongono linea di difesa e di


centrocampo. Sul rilancio del portiere
verso uno dei centrocampisti la linea
difensiva sale e si arresta un attimo
prima che questi controlli la palla.
Quando ciò è avvenuto la linea
difensiva indietreggia, in corsa in
arretramento,e si riposiziona come alla
partenza per ripetere l’esercizio non
appena il portiere rinvia. La linea
difensiva si muoverà con gli stessi
tempi e si disporrà (su stop del
centrocampista) su due linee di
copertura. Esercitazione indicata, oltre

________________________________________________________________________________
-6- Raffaele Di Pasquale – Angelo Iervolino