Sei sulla pagina 1di 20

PRINCIPI: Norme generali di messa in pratica della tattica SVILUPPI: La realizzazione pratica dei principi Gli Sviluppi rappresentano

i mezzi con cui vengono soddisfatti i principi di tattica.

Rappresentano gli schemi di gioco di cui verr esaminata :


1. 2. 3. 4. 5. 6.

Pressione Pressing Fuorigioco Elastico difensivo Raddoppio di marcatura Zona

E unazione che si riferisce ad un comportamento individuale ed la prima fase del pressing unazione individuale che ha lo scopo di limitare SPAZIO e TEMPO al possessore di palla Lazione di pressare vuol dire avvicinarsi allavversario pi vicino possibile, facendo attenzione a non farsi dribblare. Bisogna avvicinarsi repentinamente ma anche fermarsi in tempo utile per unazione sicura. Lintervento avviene solo in condizioni di sicurezza, altrimenti si arretra cercando di accompagnare lavversario nella zona voluta del campo.

Accompagnare lavversario, significa mai farsi dribblare:

assecondare il movimento dellavversario permette di non correre rischi e di intervenire nel tempo giusto. Restare alla giusta distanza senza intervenire aiuta la fase difensiva nel guadagnare tempo- - - AZIONE RITARDATRICE

E unazione atta a riconquistare la palla con :

lazione coordinata di pi di due giocatori, di un reparto o dellintera squadra.

Definizione

azione collettiva e coordinata atta a togliere SPAZIO e TEMPO al possessore di palla e non concedere ai compagni vicini di riceverla

Obbiettivo : la riconquista della palla

Limitare spazio e tempo al possessore di palla (pressione) con uno o pi uomini:il primo attacca gli altri marcano scalando in avanti sugli avversari pi vicini alla palla 2. Impedire ai compagni pi vicini al possessore di palla di intervenire in aiuto liberamente smarcati. Questo pu realizzarsi attraverso: Contrasto indiretto o diretto Intercettamento Ulteriore pressing 3. Se lazione eseguita dallintera squadra, vi la conseguenza logica, dellapplicazione del fuorigioco. In questo modo si toglie profondit e/o verticalizzazione alla squadra avversaria.
1.

Ci sono due Tempi di movimento per il pressing:

La pressione sulla palla

I compagni pi vicini del difensore, in relazione al Tempo giusto di intervento, intervengono in chiusura sugli avversari in zona palla

Il

pressing ha lo scopo principale di riconquista immediata della palla, ed conseguenza della fase difensiva. la transizione in minor tempo possibile nella fase offensiva (ripartenze).

Porta

Il pressing inoltre porta alla chiusura degli spazi circostanti per il portatore di palla, portando alla formazione delle seguenti situazioni favorevoli:
- Possibile errore del portatore di palla - isolamento dal gioco per colui che in possesso - passaggio arretrato dellavversario - passaggio alto da parte portatore di palla, quindi lettura della palla pi facile - se la pressione avviene nella zona centrale , in genere si obbligati a giocare sulle fasce dove quindi gli spazi si riducono - se la pressione "ultra-offensiva" l'avversario ha la quasi unica opzione di giocare palla al portiere, con conseguente situazione favorevole nei nostri confronti.

1.

Dipende da due caratteristiche : La pressione sul portatore di palla deve essere unazione coordinata dell' intera squadra. La squadra deve avere un unico pensiero comune nella fase del possesso palla avversario. Il pressing, di qualsiasi tipologia esso sia, deve essere unazione e un pensiero comune. Portare un atteggiamento propositivo instaurando cosi anche una mentalit vincente.

2.

La

principale caratteristica del pressing l'organizzazione. Per ogni zona del campo,ogni giocatore deve sapere perfettamente quale zona presidiare. quasi inutile e dannoso applicare pressing sporadici e costituiti da pochi uomini. Questo porta anche ad un dispendio energetico enorme. due aspetti principali devono essere allenate regolarmente con esercitazioni e sedute dedicate.

E'

Questi

Lato

forte e lato debole

I concetti di lato forte e debole porta allapplicazione mirata del pressing al fine di raggiungere lobbiettivo di creare superiorit numerica vicino alla palla. Nel lato forte: su questo lato si attua una pressione aggressiva chiudendo gli spazi e attuando raddoppi di marcatura. Nel lato debole: la pressione dettata dal movimento a scalare negli spazi vuoti in funzione del possibile sviluppo dellazione.

Il pressing viene generalmente descritto in 3 tipologie:

p. difensivo, p. offensivo o normale, p. ultra-offensivo o offensivo. Linea uno : PRESSING OFFENSIVO Linea due: PRESSING NORMALE Linea tre : PRESSING DIFENSIVO

Il pressing offensivo pu avere i seguenti vantaggi:


l'eventuale ripartenza vicina allarea avversaria - se i valori tecnici dei difensori non sono altissimi pu avere buona riuscita
-

- acquisizione di una mentalit offensiva

Il pressing offensivo pu avere i seguenti svantaggi:


-

rischioso se i difensori sono abili tecnicamente - concede ampi spazi se non va a buon fine - comporta un notevole dispendio energetico - il proprio portiere pu avere varie possibilit di giocate in uscita con i piedi.

Il pressing difensivo pu avere i seguenti vantaggi:


- a squadra schierata gli spazi sono chiusi

- concede poca profondit e pochi spazi vuoti allazione dellavversario - minor dispendio energetico - se i centrocampisti avversari abili e dinamici pu essere molto utile

Il pressing difensivo pu avere i seguenti svantaggi: - l'eventuale ripartenza pu diventare troppo lunga - concede spazio agli avversari per la loro azione offensiva - concede tempo e spazio allazione offensiva dei difensori e centrocampisti

DEFINIZIONE : Azione coordinata di due o pi giocatori atta a togliere :

profondit, verticalizzazione alla squadra avversaria ed impedisce di partecipare al gioco ai giocatori entrati in fuorigioco.

Ha come condizione principale lapplicazione della pressione o del pressing sul possessore di palla. Senza limitazione di Spazio e Tempo sul P.P. questazione pu essere rischiosa perch lavversario ha il tempo e lo spazio di decidere la propria giocata.

Si attua, Su palla scoperta in posizione centrale , quando la difesa alta e non ha la possibilit di retrocedere. Questazione valida per tutto il reparto difensivo e consiste nel retrocedere insieme su una stessa linea difensiva in modo da formare una linea per il fuorigioco avversario. Se un attaccante segue il movimento senza palla e il suo compagno cerca di servirlo, la linea cambia direzione di movimento scattando in avanti.

Due situazioni da non dimenticare : Il recettore informativo quello visivo con il piede di appoggio del possessore vicino la palla La situazione di palla libera centrale avviene raramente

unazione coordinata di due uomini con lo scopo di limitare spazio e tempo al possessore di palla difensore vicino alla palla va in pressione, un secondo giocatore, lo aiuta nella stessa pressione. movimenti hanno lo scopo di limitare il Tempo di gioco allavversario, ma si realizza soprattutto una riduzione dello Spazio, quindi della zona di luce di gioco allavversario.

Il

Tali

Raddoppio di marcatura
Il primo giocatore molte volte non cerca il recupero della palla ma di portare pressione allavversario per permettere il recupero della palla al secondo compagno. Un raddoppio di marcatura pu divenire la prima azione per un pressing di reparto o di squadra.