Sei sulla pagina 1di 7
Nella Bibbia: l'acqua esisteva prima della creazione e Dio aleggiava sulle acque ... PERCHÉ DIO NON
Nella Bibbia: l'acqua esisteva prima della creazione e Dio aleggiava sulle acque ...
PERCHÉ DIO NON HA CREATO
L'UNIVERSO
CON
SETTE
RISCONTRI
BIBLICI

La vita di Dio prima della Creazione

DIO VIVEVA SULLE ACQUE PRIMA DI CREARE IL CIELO E LA TERRA

PREMESSA
PREMESSA

La Bibbia ci descrive come viveva Dio quando non c'era ancora l'universo:

nel buio e sopra le acque.

[Bibbia CEI] similmente alla Vulgata

Genesi 1,2: «le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque»

«...lo

spirito di Dio si movea sopra le acque».

Emerge implicitamente una domanda: prima della creazione, già esisteva l'acqua? Ce lo conferma sant'Agostino quando asseriva che anteriormente alla creazione già c'era "qualcosa": «non un nulla assoluto, bensì un'entità informe» [Confessioni - libro 12, cap. III + altri scritti]. Questa entità informe era il "caos acquatico" su cui aleggiava Dio. Analizziamo, allora, dove sono le conferme scritturistiche e quali sono le inevitabili

conseguenze: Dio è nato dopo il Big Bang!

Dio separò ma non creò l'acqua

La prima opera del Creatore fu il cielo: «In principio Dio creò il cielo...». Ma cosa s'intendeva per cielo? Lo spiega una nota della Bibbia Martini: «La voce ebrea "cielo" significa luogo dove sono le acque» [in Genesi 1,8]. La creazione del cielo avvenne col «separare le acque dalle acque» [Genesi 1,6] ponendo in mezzo il firmamento. Ancor più preciso è il brano successivo: Dio «separò le acque che sono sotto il firmamento, dalle acque che sono sopra il firmamento» [Genesi 1,7]. Dunque, stando alle parole bibliche, non ci fu la "creazione" delle acque bensì la loro "separazione" perché esse già preesistevano. Quest'operazione separativa è confermata anche da alcuni biblisti contemporanei: «L'atto creativo è, infatti, concepito come un intervento divisorio» [Le sorgenti di Dio, G. Ravasi, ed. San Paolo 2005]. La stessa spiegazione la troviamo nella prima nota nella Nuova Bibbia CEI «Nei primi giorni Dio crea separando» [Ed. San Paolo 2009]. Si avverte chiaramente un'acrobazia dialettica per non dire apertamente che "Dio non creò", giacché il significato di creare è incompatibile con quello di separare. Il “separare” prevede l'esistenza dell'oggetto. Di conseguenza, l'acqua non fu creata ma suddivisa perché già esisteva e conviveva con Dio. E quindi Dio viveva in uno spaziotempo contaminato. Un'altra conferma separativa la troviamo nelle parole implicite della Genesi: si parla della creazione della luce, della creazione degli alberi e

ma non si parla della creazione dell'acqua essendo pre-esistente alla

degli animali ...

"creazione". È il silenzio parlante.

La vita di Dio con l'acqua

2ª PROVA
PROVA

Le acque scorrono nel regno di Dio prima della creazione dell'universo, ma anche successivamente. Sant'Agostino, nel commentare il Salmo 115,16 «Il cielo del cielo è del Signore» [le acque delle acque sono di Dio], conferma la tesi metafisica che «sopra il nostro firmamento stanno altre acque immortali e lontane dalla corruzione terrena» [Le Confessioni, Libro 13, cap. XV]. E rafforza questo concetto dichiarando che «qualunque sia il modo e la specie delle acque che vi si trovano, non abbiamo il minimo dubbio che

Nella Bibbia: l'acqua esisteva prima della creazione e Dio aleggiava sulle acque ... PERCHÉ DIO NON[ Confessioni - libro 12, cap. III + altri scritti]. Questa entità informe era il "caos acquatico" su cui aleggiava Dio. Analizziamo, allora, dove sono le conferme scritturistiche e quali sono le inevitabili conseguenze: Dio è nato dopo il Big Bang! Dio separò ma non creò l'acqua La prima opera del Creatore fu il cielo: « In principio Dio creò il cielo .. . » . Ma cosa s'intendeva per cielo? Lo spiega una nota della Bibbia Martini: «La voce ebrea "cielo" significa luogo dove sono le acque » [in Genesi 1,8] . La creazione del cielo avvenne col « separare le acque dalle acque » [Genesi 1,6] ponendo in mezzo il firmamento. Ancor più preciso è il brano successivo: Dio « separò le acque che sono sotto il firmamento, dalle acque che sono sopra il firmamento » [Genesi 1,7 ] . Dunque, stando alle parole bibliche, non ci fu la "creazione" delle acque bensì la loro "separazione" perché esse già preesistevano. Quest'operazione separativa è confermata anche da alcuni biblisti contemporanei: «L'atto creativo è, infatti, concepito come un intervento divisorio» [Le sorgenti di Dio, G. Ravasi, ed. San Paolo 2005]. La stessa spiegazione la troviamo nella prima nota nella Nuova Bibbia CEI « Nei primi giorni Dio crea separando » [ → Ed. San Paolo 2009 ] . Si avverte chiaramente un'acrobazia dialettica per non dire apertamente che "Dio non creò", giacché il significato di creare è incompatibile con quello di separare. Il “separare” prevede l'esistenza dell'oggetto. Di conseguenza, l'acqua non fu creata ma suddivisa perché già esisteva e conviveva con Dio. E quindi Dio viveva in uno spaziotempo contaminato. Un'altra conferma separativa la troviamo nelle parole implicite della Genesi: si parla della creazione della luce, della creazione degli alberi e ma non si parla della creazione dell'acqua essendo pre-esistente alla degli animali ... " creazione". È il silenzio parlante. La vita di Dio con l'acqua 2ª PROVA Le acque scorrono nel regno di Dio prima della creazione dell'universo , ma anche successivamente . Sant'Agostino, nel commentare il Salmo 115,16 « Il cielo del cielo è del Signore » [ le acque delle acque sono di Dio ], conferma la tesi metafisica che « sopra il nostro firmamento stanno altre acque immortali e lontane dalla corruzione terrena » [Le Confessioni, Libro 13, cap. XV]. E rafforza questo concetto dichiarando che « qualunque sia il modo e la specie delle acque che vi si trovano, non abbiamo il minimo dubbio che ZOOM " id="pdf-obj-0-116" src="pdf-obj-0-116.jpg">
ZOOM
ZOOM
4ª PROVA
PROVA
5ª PROVA
PROVA

esse vi siano» [De Genesi ad litteram 2,5].

Non sono miraggi agostiniani, bensì la fotografia della Scrittura:

  • - «Lodatelo, cieli dei cieli, voi acque al di sopra dei cieli» [Salmo 148,4]

  • - «Benedite, acque tutte, che siete sopra i cieli» [Daniele 3,60].

  • - «Salire in cielo» [cielo = acque] significa salire nelle acque dove risiede Dio.

  • - «Costruisci sulle acque la tua dimora, fai delle nubi il tuo carro» [Salmo 104,3].

I DUE CIELI

L’unico aspetto un po' dubbioso per sant'Agostino era il “modo e la specie” delle acque divine. Ma anche su questo dilemma agostiniano c’è il responso biblico. Dopo la separazione iniziale delle acque c’è stato un momento di ricongiungimento. Avvenne con il Diluvio universale. Scrive G. Ravasi nel testo sopra citato [pag.45]: ci fu «una retrocessione del mondo allo stato confuso antecedente alla separazione- creazione divina. Infatti anche le acque celesti s’incrociarono con quelle dell’abisso e, insieme, infrangono la frontiera che tutela la terraferma». Si riferisce a Genesi 7,11 quando l'Onnipotente aprì le cataratte del cielo [i tombini del firmamento] per far precipitare l’acqua divina provocando la "strage universale", battezzata Diluvio universale. Nell'incontro e nell'intersecarsi delle due acque c'è la conferma che le acque del cielo di Dio hanno la stessa fisicità delle acque del cosmo. E così anche

sant'Agostino può dormire sonni tranquilli.

Perché l'acqua faceva parte del mondo di Dio?

Per la scienza meccanicistica di XXX secoli fa, era inconcepibile che un oggetto potesse restare sospeso nel vuoto (es. la Terra). Non a caso, la calotta del cielo biblico era sorretta da due colonne che s'innalzavano dalla piattaforma terrestre. Il firmanentum, nel latino classico, significa appoggio, sostegno. Questa logica del sostegno-fissità la troviamo anche quando i "settanta anziani" videro Dio «Essi videro il Dio d'Israele: sotto i suoi piedi vi era come un pavimento in lastre di zaffiro (= acqua cristallina)» [Esodo 24,10]. L'acqua del cielo fungeva da supporto vaporoso/nuvoloso per sorreggere l'Essere divino nel suo librarsi. Era impensabile - finanche per l'Onnipotente - poter aleggiare nel vuoto dell'abisso. Altrimenti, precipitava! Similmente alle «stelle fisse» che erano inchiodate al cielo [Salmo 8,4 + Matteo 24,29 + altri]. Anche gli angeli - esseri spirituali - avevano bisogno di ali per spiccare il volo. Ancora nel 610 d.C. Allah si domanda: «Chi trattiene gli uccelli dal cadere?». Il Dio coranico, non conoscendo le proprietà fisiche dell'aria e non riuscendo a spiegarsi il fenomeno del volo, dichiara che Egli sorregge gli uccelli sospesi in aria [Sura LXVII,19] È lo stesso motivo per cui la sostanza vaporosa dell'acqua avvolgeva e sosteneva la

"sostanza spirituale" del Dio biblico.

Dunque, ritornando al tema della creazione, l'acqua è in ab aeterno con Dio per consentirgli di sfarfallare nella voragine dell'infinito abisso senza l'occorrenza delle ali.

L'inconcepibilità del nulla

La cultura biblica non riesce a concepire il "nulla", neppure come peculiarità dell'infinito prima della creazione, quando ancora non c'era niente. Lo zero era impensabile perché «il nulla» era inammissibile.

Ma oltre al sostegno, cos'altro era l'acqua?

Ecco cosa ci dice la Bibbia: «Disse ancora Dio: producano le acque i rettili animati e viventi, e i volatili sopra la terra sotto il firmamento del cielo» [Genesi 1,20]. * Anche in questo caso la nota della Bibbia Martini ci aiuta a comprendere questo passaggio: «lo spirito vivificante infondeva nelle acque la virtù di produrre i rettili, i volatili, i pesci». In buona sostanza, questa "fetta di creazione" avvenne direttamente dall'acqua agli animali grazie al ruolo di intermediario-divino di cui godeva la sostanza acquifera. Una sorta di ricompensa divina per i servigi forniti dall'acqua. Pure Allah, che ha scopiazzato dalla Bibbia, riporta lo stesso impianto creazionista.

Ed anche nel Vangelo c'è una seconda conferma biblica.

L'acqua dalla filosofia alla teologia

La più antica divinità è stata la goccia d'acqua: il seme fecondatore della pioggia che giungeva dall'alto del cielo. Nella filosofia orientale e presocratica l’acqua era un «principio primo». L'eternità dell'acqua nasceva dalla sua indivisibilità, così considerata

4ª PROVA 5ª PROVA esse vi siano » [De Genesi ad litteram 2,5] . Non sonovaporoso/nuvoloso per sorreggere l'Essere divino nel suo librarsi. Era impensabile - finanche per l'Onnipotente - poter aleggiare nel vuoto dell'abisso. Altrimenti, precipitava! Similmente alle «stelle fisse» che erano inchiodate al cielo [Salmo 8,4 + Matteo 24,29 + altri]. Anche gli angeli - esseri spirituali - avevano bisogno di ali per spiccare il volo. Ancora nel 610 d.C. Allah si domanda: « Chi trattiene gli uccelli dal cadere? ». Il Dio coranico, non conoscendo le proprietà fisiche dell'aria e non riuscendo a spiegarsi il fenomeno del volo, dichiara che Egli sorregge gli uccelli sospesi in aria [Sura LXVII,19] È lo stesso motivo per cui la sostanza vaporosa dell'acqua avvolgeva e sosteneva la "sostanza spirituale" del Dio biblico. Dunque, ritornando al tema della creazione , l'acqua è in ab aeterno con Dio per consentirgli di sfarfallare nella voragine dell'infinito abisso senza l'occorrenza delle ali. L ' IDEA DEL SOSTEGNO LE COLONNE DELL ' UNIVERSO ALTRI BRANI L'inconcepibilità del nulla La cultura biblica non riesce a concepire il "nulla", neppure come peculiarità dell'infinito prima della creazione , quando ancora non c'era niente. Lo zero era impensabile perché « il nulla » era inammissibile . Ma oltre al sostegno, cos'altro era l'acqua? Ecco cosa ci dice la Bibbia: « Disse ancora Dio: producano le acque i rettili animati e viventi, e i volatili sopra la terra sotto il firmamento del cielo » [Genesi 1,20]. * Anche in questo caso la nota della Bibbia Martini ci aiuta a comprendere questo passaggio: « lo spirito vivificante infondeva nelle acque la virtù di produrre i rettili, i volatili, i pesci » . In buona sostanza, questa "fetta di creazione" avvenne direttamente dall'acqua agli animali grazie al ruolo di intermediario-divino di cui godeva la sostanza acquifera. Una sorta di ricompensa divina per i servigi forniti dall'acqua. Pure Allah, che ha scopiazzato dalla Bibbia, riporta lo stesso impianto creazionista . Ed anche nel Vangelo c'è una seconda conferma biblica . L'acqua dalla filosofia alla teologia La più antica divinità è stata la goccia d'acqua: il seme fecondatore della pioggia che giungeva dall'alto del cielo. Nella filosofia orientale e presocratica l’acqua era un «principio primo». L'eternità dell'acqua nasceva dalla sua indivisibilità, così considerata La logica del sostegno " id="pdf-obj-1-115" src="pdf-obj-1-115.jpg">
4ª PROVA 5ª PROVA esse vi siano » [De Genesi ad litteram 2,5] . Non sonovaporoso/nuvoloso per sorreggere l'Essere divino nel suo librarsi. Era impensabile - finanche per l'Onnipotente - poter aleggiare nel vuoto dell'abisso. Altrimenti, precipitava! Similmente alle «stelle fisse» che erano inchiodate al cielo [Salmo 8,4 + Matteo 24,29 + altri]. Anche gli angeli - esseri spirituali - avevano bisogno di ali per spiccare il volo. Ancora nel 610 d.C. Allah si domanda: « Chi trattiene gli uccelli dal cadere? ». Il Dio coranico, non conoscendo le proprietà fisiche dell'aria e non riuscendo a spiegarsi il fenomeno del volo, dichiara che Egli sorregge gli uccelli sospesi in aria [Sura LXVII,19] È lo stesso motivo per cui la sostanza vaporosa dell'acqua avvolgeva e sosteneva la "sostanza spirituale" del Dio biblico. Dunque, ritornando al tema della creazione , l'acqua è in ab aeterno con Dio per consentirgli di sfarfallare nella voragine dell'infinito abisso senza l'occorrenza delle ali. L ' IDEA DEL SOSTEGNO LE COLONNE DELL ' UNIVERSO ALTRI BRANI L'inconcepibilità del nulla La cultura biblica non riesce a concepire il "nulla", neppure come peculiarità dell'infinito prima della creazione , quando ancora non c'era niente. Lo zero era impensabile perché « il nulla » era inammissibile . Ma oltre al sostegno, cos'altro era l'acqua? Ecco cosa ci dice la Bibbia: « Disse ancora Dio: producano le acque i rettili animati e viventi, e i volatili sopra la terra sotto il firmamento del cielo » [Genesi 1,20]. * Anche in questo caso la nota della Bibbia Martini ci aiuta a comprendere questo passaggio: « lo spirito vivificante infondeva nelle acque la virtù di produrre i rettili, i volatili, i pesci » . In buona sostanza, questa "fetta di creazione" avvenne direttamente dall'acqua agli animali grazie al ruolo di intermediario-divino di cui godeva la sostanza acquifera. Una sorta di ricompensa divina per i servigi forniti dall'acqua. Pure Allah, che ha scopiazzato dalla Bibbia, riporta lo stesso impianto creazionista . Ed anche nel Vangelo c'è una seconda conferma biblica . L'acqua dalla filosofia alla teologia La più antica divinità è stata la goccia d'acqua: il seme fecondatore della pioggia che giungeva dall'alto del cielo. Nella filosofia orientale e presocratica l’acqua era un «principio primo». L'eternità dell'acqua nasceva dalla sua indivisibilità, così considerata La logica del sostegno " id="pdf-obj-1-117" src="pdf-obj-1-117.jpg">

La logica del sostegno

6ª PROVA sino al 1700 (Lavoisier/Cavendish). La Sapienza di Dio ha importato dalla scienza profana ilDivinità creatrice. L'acqua di Dio, silente e sottomessa, è la consorte recondita del maschio Jahvè in funzione di involucro ma soprattutto di grembo . Ma quando è nata l'acqua? Oggi sappiamo che l'acqua è una molecola formata da una rete di atomi fatti di neutroni, protoni, elettroni, energia e massa. Ma prima del Big Bang non esisteva l'atomo, non c'era l'energia e la massa, né il bosone di Higgs e quindi neppure l'acqua. Motivo per cui, Dio è nato dopo il Big Bang. L'idrogeno si è combinato con l'ossigeno quando si è formato quest'ultimo elemento: sette miliardi di anni dopo l'espansione dell'universo. Ma tutto questo Dio non lo sapeva! E non sapeva neppure che con l'acqua c'è già lo spaziotempo e con la quadridimensionalità c'è anche la relatività. E stando nel relativismo, Iddio si rivela un'entità tutta relativa. In parole povere, Dio credeva di creare non sapendo che la creazione era già avvenuta. L'acqua è il muto testimone della pubblica accusa. Col senno del poi ... Dopo le recenti scoperte scientifiche la Teoria creazionista fa acqua da tutte le parti. La scienza rivelata da Dio è inconciliabile con la vera scienza. Dopodiché l'esegesi ha cambiato rotta: «la Sacra Scrittura non ha lo scopo di dare informazioni scientifiche». Così recita la 1ª nota della Bibbia CEI ed. 1974. Pur tuttavia, fino a qualche decennio fa, il libro della Genesi era venerato come un autentico trattato di scienza. I Padri della Chiesa e l'ermeneutica biblica ricorrevano alle Scritture per spiegare la cosmologia celeste - compreso nel processo a Galilei - perché la scienza divina era la "causa delle cose" nell'ordine soprannaturale. La scienza dell'Onnisciente sino al 1900 San Tommaso d’Aquino, pilastro teologico e dottore della Chiesa, nella Summa Teologica scriveva sulla scienza di Dio: - «In Dio vi è scienza allo stato perfettissimo» - Dio «conosce le cause supreme» - «la scienza di Dio ha per oggetto non altro che il vero» → Argomento 14, art. 1 → Argomento 14, art. 1,2 → Argomento 14, art. 13,2 - «la scienza di Dio è sotto ogni modo perfetta» → Argomento 14, art. 16,2 Parole dottrinali fino a quando la scienza divina sembrava scienza esatta . Quando poi ha perso ogni fondamento scientifico è stata declassata in allegoria , sebbene la sapienza divina intende proclamare la verità vera e assoluta . «La verità è principio della tua parola» Salmo 119,160 «Le tue parole sono verità» 2Samuele 7,28 La caduta del Creatore Se la vita non è un dono divino, crolla la più alta funzione di Dio . È il collasso! L'esegesi moderna, per salvare la figura del «Creatore», ha dovuto invalidare gli episodi della sacrosanta creazione. Con la spugna dell'allegoria ha cancellato le incongruenze creazioniste tramutandole in misticismo metaforico. Vecchio trucco e vano tentativo. Alla fine della descrizione biblica c'è una dichiarazione solenne che non lascia spazio a giochi di sofismo: «Tale fu l'origine del cielo e della terra quando l’uno e l’altra fu creata» [Genesi 2,4 - Vulgata/Martini]. La molecola dell'acqua è il testimone muto della creazione simulata da Dio " id="pdf-obj-2-2" src="pdf-obj-2-2.jpg">
6ª PROVA
PROVA

sino al 1700 (Lavoisier/Cavendish). La Sapienza di Dio ha importato dalla scienza profana il «principio primo dell'acqua» tramutandolo in "elemento divino" formando un binomio indissolubile Dio-acqua. È la conferma del pensiero di sant’Agostino che «le acque del cielo sono immortali» ed è la riprova che esse sono sempre esistite (coeterne e coesistenti con Dio) perché

necessarie al reggersi-aleggiare dell'Ente Supremo.

La religiosità dell'acqua - entità femminile - è altresì il residuo simbolico di quando la donna divenne la Divinità creatrice. L'acqua di Dio, silente e sottomessa, è la consorte

recondita del maschio Jahvè in funzione di involucro ma soprattutto di grembo.

Ma quando è nata l'acqua?

Oggi sappiamo che l'acqua è una molecola formata da una rete di atomi fatti di neutroni, protoni, elettroni, energia e massa. Ma prima del Big Bang non esisteva l'atomo, non c'era l'energia e la massa, né il bosone di Higgs e quindi neppure l'acqua. Motivo per cui, Dio è nato dopo il Big Bang. L'idrogeno si è combinato con l'ossigeno quando si è formato quest'ultimo elemento:

sette miliardi di anni dopo l'espansione dell'universo.

Ma tutto questo Dio non lo sapeva!

E non sapeva neppure che con l'acqua c'è già lo spaziotempo e con la quadridimensionalità c'è anche la relatività. E stando nel relativismo, Iddio si rivela un'entità tutta relativa. In parole povere, Dio credeva di creare non sapendo che la creazione era già avvenuta.

L'acqua è il muto testimone della pubblica accusa.

Col senno del poi ...

6ª PROVA sino al 1700 (Lavoisier/Cavendish). La Sapienza di Dio ha importato dalla scienza profana ilDivinità creatrice. L'acqua di Dio, silente e sottomessa, è la consorte recondita del maschio Jahvè in funzione di involucro ma soprattutto di grembo . Ma quando è nata l'acqua? Oggi sappiamo che l'acqua è una molecola formata da una rete di atomi fatti di neutroni, protoni, elettroni, energia e massa. Ma prima del Big Bang non esisteva l'atomo, non c'era l'energia e la massa, né il bosone di Higgs e quindi neppure l'acqua. Motivo per cui, Dio è nato dopo il Big Bang. L'idrogeno si è combinato con l'ossigeno quando si è formato quest'ultimo elemento: sette miliardi di anni dopo l'espansione dell'universo. Ma tutto questo Dio non lo sapeva! E non sapeva neppure che con l'acqua c'è già lo spaziotempo e con la quadridimensionalità c'è anche la relatività. E stando nel relativismo, Iddio si rivela un'entità tutta relativa. In parole povere, Dio credeva di creare non sapendo che la creazione era già avvenuta. L'acqua è il muto testimone della pubblica accusa. Col senno del poi ... Dopo le recenti scoperte scientifiche la Teoria creazionista fa acqua da tutte le parti. La scienza rivelata da Dio è inconciliabile con la vera scienza. Dopodiché l'esegesi ha cambiato rotta: «la Sacra Scrittura non ha lo scopo di dare informazioni scientifiche». Così recita la 1ª nota della Bibbia CEI ed. 1974. Pur tuttavia, fino a qualche decennio fa, il libro della Genesi era venerato come un autentico trattato di scienza. I Padri della Chiesa e l'ermeneutica biblica ricorrevano alle Scritture per spiegare la cosmologia celeste - compreso nel processo a Galilei - perché la scienza divina era la "causa delle cose" nell'ordine soprannaturale. La scienza dell'Onnisciente sino al 1900 San Tommaso d’Aquino, pilastro teologico e dottore della Chiesa, nella Summa Teologica scriveva sulla scienza di Dio: - «In Dio vi è scienza allo stato perfettissimo» - Dio «conosce le cause supreme» - «la scienza di Dio ha per oggetto non altro che il vero» → Argomento 14, art. 1 → Argomento 14, art. 1,2 → Argomento 14, art. 13,2 - «la scienza di Dio è sotto ogni modo perfetta» → Argomento 14, art. 16,2 Parole dottrinali fino a quando la scienza divina sembrava scienza esatta . Quando poi ha perso ogni fondamento scientifico è stata declassata in allegoria , sebbene la sapienza divina intende proclamare la verità vera e assoluta . «La verità è principio della tua parola» Salmo 119,160 «Le tue parole sono verità» 2Samuele 7,28 La caduta del Creatore Se la vita non è un dono divino, crolla la più alta funzione di Dio . È il collasso! L'esegesi moderna, per salvare la figura del «Creatore», ha dovuto invalidare gli episodi della sacrosanta creazione. Con la spugna dell'allegoria ha cancellato le incongruenze creazioniste tramutandole in misticismo metaforico. Vecchio trucco e vano tentativo. Alla fine della descrizione biblica c'è una dichiarazione solenne che non lascia spazio a giochi di sofismo: «Tale fu l'origine del cielo e della terra quando l’uno e l’altra fu creata» [Genesi 2,4 - Vulgata/Martini]. La molecola dell'acqua è il testimone muto della creazione simulata da Dio " id="pdf-obj-2-38" src="pdf-obj-2-38.jpg">

Dopo le recenti scoperte scientifiche la Teoria creazionista fa acqua da tutte le parti. La scienza rivelata da Dio è inconciliabile con la vera scienza. Dopodiché l'esegesi ha cambiato rotta: «la Sacra Scrittura non ha lo scopo di dare informazioni scientifiche». Così recita la 1ª nota della Bibbia CEI ed. 1974. Pur tuttavia, fino a qualche decennio fa, il libro della Genesi era venerato come un autentico trattato di scienza. I Padri della Chiesa e l'ermeneutica biblica ricorrevano alle Scritture per spiegare la cosmologia celeste - compreso nel processo a Galilei - perché la scienza divina era la "causa delle cose" nell'ordine soprannaturale.

La scienza dell'Onnisciente sino al 1900

San Tommaso d’Aquino, pilastro teologico e dottore della Chiesa, nella Summa

Teologica scriveva sulla scienza di Dio:

  • - «In Dio vi è scienza allo stato perfettissimo»

  • - Dio «conosce le cause supreme»

  • - «la scienza di Dio ha per oggetto non altro che il vero»

→ Argomento 14, art. 1 → Argomento 14, art. 1,2 → Argomento 14, art. 13,2

  • - «la scienza di Dio è sotto ogni modo perfetta» → Argomento 14, art. 16,2

Parole dottrinali fino a quando la scienza divina sembrava scienza esatta. Quando poi ha perso ogni fondamento scientifico è stata declassata in allegoria, sebbene la sapienza divina intende proclamare la verità vera e assoluta. «La verità è principio della tua parola» Salmo 119,160 «Le tue parole sono verità» 2Samuele 7,28

La caduta del Creatore

Se la vita non è un dono divino, crolla la più alta funzione di Dio. È il collasso! L'esegesi moderna, per salvare la figura del «Creatore», ha dovuto invalidare gli episodi della sacrosanta creazione. Con la spugna dell'allegoria ha cancellato le incongruenze creazioniste tramutandole in misticismo metaforico. Vecchio trucco e vano tentativo. Alla fine della descrizione biblica c'è una dichiarazione solenne che non lascia spazio a giochi di sofismo: «Tale fu l'origine del cielo e della terra quando l’uno e l’altra fu creata» [Genesi 2,4 - Vulgata/Martini].

6ª PROVA sino al 1700 (Lavoisier/Cavendish). La Sapienza di Dio ha importato dalla scienza profana ilDivinità creatrice. L'acqua di Dio, silente e sottomessa, è la consorte recondita del maschio Jahvè in funzione di involucro ma soprattutto di grembo . Ma quando è nata l'acqua? Oggi sappiamo che l'acqua è una molecola formata da una rete di atomi fatti di neutroni, protoni, elettroni, energia e massa. Ma prima del Big Bang non esisteva l'atomo, non c'era l'energia e la massa, né il bosone di Higgs e quindi neppure l'acqua. Motivo per cui, Dio è nato dopo il Big Bang. L'idrogeno si è combinato con l'ossigeno quando si è formato quest'ultimo elemento: sette miliardi di anni dopo l'espansione dell'universo. Ma tutto questo Dio non lo sapeva! E non sapeva neppure che con l'acqua c'è già lo spaziotempo e con la quadridimensionalità c'è anche la relatività. E stando nel relativismo, Iddio si rivela un'entità tutta relativa. In parole povere, Dio credeva di creare non sapendo che la creazione era già avvenuta. L'acqua è il muto testimone della pubblica accusa. Col senno del poi ... Dopo le recenti scoperte scientifiche la Teoria creazionista fa acqua da tutte le parti. La scienza rivelata da Dio è inconciliabile con la vera scienza. Dopodiché l'esegesi ha cambiato rotta: «la Sacra Scrittura non ha lo scopo di dare informazioni scientifiche». Così recita la 1ª nota della Bibbia CEI ed. 1974. Pur tuttavia, fino a qualche decennio fa, il libro della Genesi era venerato come un autentico trattato di scienza. I Padri della Chiesa e l'ermeneutica biblica ricorrevano alle Scritture per spiegare la cosmologia celeste - compreso nel processo a Galilei - perché la scienza divina era la "causa delle cose" nell'ordine soprannaturale. La scienza dell'Onnisciente sino al 1900 San Tommaso d’Aquino, pilastro teologico e dottore della Chiesa, nella Summa Teologica scriveva sulla scienza di Dio: - «In Dio vi è scienza allo stato perfettissimo» - Dio «conosce le cause supreme» - «la scienza di Dio ha per oggetto non altro che il vero» → Argomento 14, art. 1 → Argomento 14, art. 1,2 → Argomento 14, art. 13,2 - «la scienza di Dio è sotto ogni modo perfetta» → Argomento 14, art. 16,2 Parole dottrinali fino a quando la scienza divina sembrava scienza esatta . Quando poi ha perso ogni fondamento scientifico è stata declassata in allegoria , sebbene la sapienza divina intende proclamare la verità vera e assoluta . «La verità è principio della tua parola» Salmo 119,160 «Le tue parole sono verità» 2Samuele 7,28 La caduta del Creatore Se la vita non è un dono divino, crolla la più alta funzione di Dio . È il collasso! L'esegesi moderna, per salvare la figura del «Creatore», ha dovuto invalidare gli episodi della sacrosanta creazione. Con la spugna dell'allegoria ha cancellato le incongruenze creazioniste tramutandole in misticismo metaforico. Vecchio trucco e vano tentativo. Alla fine della descrizione biblica c'è una dichiarazione solenne che non lascia spazio a giochi di sofismo: «Tale fu l'origine del cielo e della terra quando l’uno e l’altra fu creata» [Genesi 2,4 - Vulgata/Martini]. La molecola dell'acqua è il testimone muto della creazione simulata da Dio " id="pdf-obj-2-86" src="pdf-obj-2-86.jpg">

La molecola dell'acqua è il testimone muto della creazione simulata da Dio

6ª PROVA sino al 1700 (Lavoisier/Cavendish). La Sapienza di Dio ha importato dalla scienza profana ilDivinità creatrice. L'acqua di Dio, silente e sottomessa, è la consorte recondita del maschio Jahvè in funzione di involucro ma soprattutto di grembo . Ma quando è nata l'acqua? Oggi sappiamo che l'acqua è una molecola formata da una rete di atomi fatti di neutroni, protoni, elettroni, energia e massa. Ma prima del Big Bang non esisteva l'atomo, non c'era l'energia e la massa, né il bosone di Higgs e quindi neppure l'acqua. Motivo per cui, Dio è nato dopo il Big Bang. L'idrogeno si è combinato con l'ossigeno quando si è formato quest'ultimo elemento: sette miliardi di anni dopo l'espansione dell'universo. Ma tutto questo Dio non lo sapeva! E non sapeva neppure che con l'acqua c'è già lo spaziotempo e con la quadridimensionalità c'è anche la relatività. E stando nel relativismo, Iddio si rivela un'entità tutta relativa. In parole povere, Dio credeva di creare non sapendo che la creazione era già avvenuta. L'acqua è il muto testimone della pubblica accusa. Col senno del poi ... Dopo le recenti scoperte scientifiche la Teoria creazionista fa acqua da tutte le parti. La scienza rivelata da Dio è inconciliabile con la vera scienza. Dopodiché l'esegesi ha cambiato rotta: «la Sacra Scrittura non ha lo scopo di dare informazioni scientifiche». Così recita la 1ª nota della Bibbia CEI ed. 1974. Pur tuttavia, fino a qualche decennio fa, il libro della Genesi era venerato come un autentico trattato di scienza. I Padri della Chiesa e l'ermeneutica biblica ricorrevano alle Scritture per spiegare la cosmologia celeste - compreso nel processo a Galilei - perché la scienza divina era la "causa delle cose" nell'ordine soprannaturale. La scienza dell'Onnisciente sino al 1900 San Tommaso d’Aquino, pilastro teologico e dottore della Chiesa, nella Summa Teologica scriveva sulla scienza di Dio: - «In Dio vi è scienza allo stato perfettissimo» - Dio «conosce le cause supreme» - «la scienza di Dio ha per oggetto non altro che il vero» → Argomento 14, art. 1 → Argomento 14, art. 1,2 → Argomento 14, art. 13,2 - «la scienza di Dio è sotto ogni modo perfetta» → Argomento 14, art. 16,2 Parole dottrinali fino a quando la scienza divina sembrava scienza esatta . Quando poi ha perso ogni fondamento scientifico è stata declassata in allegoria , sebbene la sapienza divina intende proclamare la verità vera e assoluta . «La verità è principio della tua parola» Salmo 119,160 «Le tue parole sono verità» 2Samuele 7,28 La caduta del Creatore Se la vita non è un dono divino, crolla la più alta funzione di Dio . È il collasso! L'esegesi moderna, per salvare la figura del «Creatore», ha dovuto invalidare gli episodi della sacrosanta creazione. Con la spugna dell'allegoria ha cancellato le incongruenze creazioniste tramutandole in misticismo metaforico. Vecchio trucco e vano tentativo. Alla fine della descrizione biblica c'è una dichiarazione solenne che non lascia spazio a giochi di sofismo: «Tale fu l'origine del cielo e della terra quando l’uno e l’altra fu creata» [Genesi 2,4 - Vulgata/Martini]. La molecola dell'acqua è il testimone muto della creazione simulata da Dio " id="pdf-obj-2-90" src="pdf-obj-2-90.jpg">
 

EPILOGO

La confessione dei biblisti
La confessione dei biblisti

Il colpo di grazia

I biblisti hanno sempre evitato ogni commento sull'aleggiare di Dio nelle acque: non potendo dire che la Bibbia ha torto e non potendo girare la frittata, bocche cucite per insabbiare quella boiata pazzesca. Oggi, però, hanno dichiarato che «nei primi giorni Dio creò separando» confermando che la vita di Dio era sulle acque del cielo fin da prima della creazione. Tuttavia, non hanno compreso fino in fondo ciò che hanno scritto. Se Dio non creò «all'inizio di tutte le cose», non creò neppure dopo. Dopo non ha più senso ed è comunque inutile.

Il fallimento dell'infallibile Parola

Dio non conosce la vera scienza. La scienza della Bibbia, concepita per suscitare

stupore e devozione, non è una sacra menzogna ma una divina ignoranza. Intanto,

una nuova Torre di Babele (LHC) sta per entrare in scena. Non più per toccare il cielo bensì il microcosmo, conducendoci a ritroso sulla nascita dell'universo. Lì è il timor di Dio. E lì che stiamo per giungere. Punto.

EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-25" src="pdf-obj-3-25.jpg">
EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-27" src="pdf-obj-3-27.jpg">
EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-29" src="pdf-obj-3-29.jpg">

* In Genesi 1,20

  • - «Producano le acque i rettili

...

»

nella Bibbia Martini, Volgata e Vulgata, Ed. Paoline

  • - «Le acque brulichino di esseri viventi

...

»

nella Bibbia CEI, 1974 e 2008

  • - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata

  • - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA «IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA».

EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-66" src="pdf-obj-3-66.jpg">

LE INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA

EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-88" src="pdf-obj-3-88.jpg">
EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-90" src="pdf-obj-3-90.jpg">

Homepage

LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO

EPILOGO La confessione dei biblisti Il colpo di grazia I biblisti hanno sempre evitato ogni commentoA LLEGATI - Alcuni brani della Genesi nella Bibbia Martini con a fronte la Vulgata - Alcune note della Bibbia Martini LE MODIFICHE SULLA PRIMA FRASE DELLA BIBBIA « IN PRINCIPIO GLI DÈI FECERO IL CIELO E LA TERRA ». GLI DÈI NELLA CREAZIONE BIBLICA IL TRAPASSO DA FECIT A CREAVIT L ' INVERSIONE TEMATICA DEI BRANI LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTIFICABILE L A CREAZIONE DALL ' APERTURA DELLO ZERO L E INESATTEZZE SCIENTIFICHE NELLA BIBBIA Homepage e-mail LA PROVA DELLA SCRITTURA CHE INVALIDA LA CREAZIONE DI DIO Stampa Citare la fonte La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso " id="pdf-obj-3-102" src="pdf-obj-3-102.jpg">

Citare la fonte

La prova che Dio non ha creato la terra nelle parole rivelate da Dio stesso

L'ACQUA CONVIVENTE DI DIO LA VERA "PARTICELLA DI DIO" È L'ACQUA E NON IL BOSONE DI

L'ACQUA CONVIVENTE DI DIO

LA VERA "PARTICELLA DI DIO" È L'ACQUA E NON IL BOSONE DI HIGGS

L'acceleratore del CERN LHC non è un test sulla creazione di Dio perché ha già oltrepassato la struttura del cosmo biblico.

IL MUTAMENTO DELLA TRADUZIONE

L'ACQUA CONVIVENTE DI DIO LA VERA "PARTICELLA DI DIO" È L'ACQUA E NON IL BOSONE DI
Sant'Agostino « in principio fecisti caelum et terram » Le Confessioni - Libro 11, cap. 3

Sant'Agostino «in principio fecisti caelum et terram» Le Confessioni - Libro 11, cap. 3

San Tommaso d'Aquino Le opere compiute nel primo e secondo giorno sono indicate

col verbo fare; infatti leggiamo: «Dio disse: sia fatta la luce», «Sia fatto il firmamento».

Summa teologica - Argomento 69 art. 1

La Bibbia CEI ha rimosso il verbo fare: «E così fu fatto» (Martini/Vulgata) «E così avvenne» (CEI)

Nella prima frase della Bibbia dei LXX [tradotta dalla Bibbia Ebraica] c'è scritto epoiesen = «fece»

Nella prima frase della Bibbia dei LXX [tradotta dalla Bibbia Ebraica] c'è scritto epoiesen = «L'EDIZIONE STAMPA " id="pdf-obj-6-11" src="pdf-obj-6-11.jpg">
Nella prima frase della Bibbia dei LXX [tradotta dalla Bibbia Ebraica] c'è scritto epoiesen = «L'EDIZIONE STAMPA " id="pdf-obj-6-13" src="pdf-obj-6-13.jpg">