Sei sulla pagina 1di 8

Tarantella di Santa Lucia

strumentale (ciaramella, percussioni)

Nascette lu Messia

Nascette lu Messia
avenne puveriello
nu voia e n'aseniello
pe' vrasera.
'Nu ninno a 'sta manera
nascette 'e chistu juorno
pe' fa' dispietto e scuorno
a farfariello.
Ca chillu mariunciello
nce aveva gi arraffate
e si nce avea pigliate,
ce arrusteva.
Si 'ntiempo nun veneva
da cielo lu guaglione
ca p'essere squarcione
se priggiaie.
Ce f' venire a mente
la lummenosa stella
la bella 'rutticella
e li pasture.
'Nnanz'a Maria sgravata
pasture e pecurelle,
cu ciociole e nucelle
s'addenucchiarono.
E pure li tre Magge
dalla luntana terra
cu' traine e carriagge
se ne partettero.
C'appena ca vedettero
lu cielo allummenato
dicettero era nato
lu Messia.
Ma Erode re birbante
trasette gi 'npaura
ca chella criatura
lo spriurava.
E San Giuseppe avette
da cielo lu cunziglio
e ne fui' lu figlio
tanno pe' tanno.
'Na vecchia fattucchiara
addetta a li fatture
ce rettero 'ncunzegna
'a criatura.
'Sti cose gi se sanno
ma proprio 'e chistu juorno
nce volano cc attuorno
a la memoria.
E m nce resta voce
pe' ve cerc licenzia
pe' da' 'sta bona audienza
'a Santa notte.
Pastorale
(da A. Corelli : Concerto per la notte di Natale)
(due mandolini e orchestra d'archi)

Canzone di Razzullo

Quann'io nascette ninno 'a cuorpo a mamma,


a Napule nascette muorto 'e famma.
E muorto 'e famma nun appena nato,
mammella mia dicette :"E' nato un'altro sventurato".
E arravugliato rint'a 'na mappina me 'nfasciaje,
e dint'a nu spurtone 'sta nuvena me cantaie :
Nuvena, nuvena,mammella era prena
appriesso a 'nu figlio gi n'ato ne vene.
Facette 'o primmo e nascette cecato
m cerc''a lemmosena pe''mmiez''e strate.
Facette 'o sicondo chiammato Pascale,
ca sta carcerato a Puceriale,
e aroppo 'o cchi bello 'o chiammaie Gennaro,
c''abbascio 'a Duchesca m fa 'o ricuttaro.
E m pe' cumpleto,sgravannose 'e chisto,
ha fatto un'altro povero Cristo.
Chiagnenno appena nato int'a 'stu lietto,
cercaie da mammlla 'a zizza 'mpietto.
Ma zuca che te zuca 'stu nennillo che te pesca?
Da chella zizza 'o latte era comma ll'acqua fresca!
Cchi zuca ca te zuca e chillu pietto cchi s'arrogna,
zucanno me 'mparaie a sunare la zampogna.....
Nuvena,nuvena,Natale m vene
ma cu 'sta nuvena cchi famme me vene,
verenn''o magna' pe' chi tene 'e quattrine,
verennolo sulo adderet''e vvetrine,
e allora me cocco cu tutt''e calzine
e 'a notte me sonno ca nasce un bambino
che nasce 'e rimpetto a 'na bella cantina,
cu addore 'e suffritto,cu tre litr''e vino,
n'appesa 'e sacicce,nu bellu capone,
anguille ammescate cu lu capitone,
castagne r''o prevete,noce e nucelle,
'nzalata 'e rinforzo cu lu susamiello...
Ma senza renare,
'a nott''e Natale,
me fummo 'na pippa
e me vaco a cucc.......

Terzetto

Oh galantuomo!...
Oh amico!.
Sarva,sarva!..(ch'auta storia chesta)?
Forestiero!....
Passaggiero!...
E m'hanno puosto 'mmiezo... Sfurtunato!..
Vuoi tu farmi un piacere?....
Di grazia ascolta!..
Voss'orio,che bu da me?.. Jate dicenno?
Sar fortuna tua...
Sar tua sorte..
Mancu male lu cielo me te manda!...
Io cacciatore sono!...
Io pescatore!....
Ah se tu vedessi!...
Ah se tu scorgessi!..
Ma c'aggia ved,che vulite vuie da me?...
Dietro di quel cespuglio.
Presso di quella riva.
Stavvi un cinghiale ucciso.
Uno storione ho preso...
Aiutami a portarlo.
Soccorrimi a tirarlo.
E ti dar la parte.
E la met ne avrai!
Aiutami a portarlo.
Soccorrimi a tirarlo.
E la met ne avrai.
E la met ne avrai.
Add me sparto m, mannaggia craie.
Seguimi.
Vieni meco!..
Ve servo a uno a uno!..
No,che perderl' io temo.
Pavento mi si rubi!...
Vurria venir cu vvuie,gnorn cu buie!
Dove meglio ti pare.
Dove pi ti riesce!
Me tira cchi la carne, ca lu pesce!...
Io ti voglio per me!..
Io per me ti bramo!...
Chiano ca me squartate!...
Io per me ti bramo!
Non vuoi tu della carne?
Gnors,gnors!...
Non vuoi tu del pesce?
Gnors,gnors!...
Vieni al dunque e non tardar a cacciare!
Vieni al dunque e non tardar a pescare!
Jammuncenne ca so' lesto,jammuncenne a lu magna'!
Ove te 'nvai?
Chi servo a chisto, a chillo?
Vuoi gir con quegli?...
O brami andar con lui?..
Vurria fa' lu piacere a tutt''e dduie!
Oh via va' pur con esso!...
V, servi quel signore!...
Chiamer chi mi aiuti...
Avr chi mi soccorra!..
Io so' lesto co buie.Via che facimmo?......
Non disgustar Ruscellio....
Anzi servi Cidonio...
Chiste se fanno pure li cerimonie!...
Addio!...
Governati!...
Che brami?..
Che domandi?...
Io po' voglio servire a tutt''e dduie!
Ti perdesti la sorte.
La fortuna hai smarrita.
Uh mannaggia 'a sciorta mia
ca me manna chesta via!
Peste, famma e carestia,
quanno penzo a lu magna'!
Ti perdesti la sorte.
Jammo!Scioglimmolo sto 'mbruoglio!
Cu' isso chi me v?
Io per me non ti voglio!....
Ah sciorta maleretta!
Me manne pe' disgrazia la furtuna,
e io non sapendo scegliere tra la caccia e il pescio,
cosa non posso far,ca me riescio?

Canzone del pescatore

(Che abbondanza di pesce!


Ai giorni miei mai tanti ne prendei,piene le reti,
ho pieni ancora i sandali,e le nasse,
e son piene le casse,ed hor che tanto
del pesce mi venuto,trovar non posso
alcun per darmi aiuto)..
Vurria addeventare pesce d'oro,
dint''a lu mare me jesse a menre.
(Vuoi farti pescatore?)..
Venesse 'o piscatore e me pescasse,
dint''a 'na chianelluccia me mettesse.
(Ma se talor tu vedi luccicar le lamprede
Intorno ai sassi,incontro a la corrente andar le trote,
trescar le lasche,ed isfuggir le anguille,
diresti,oh che contento,vedendo argenti vivi
in chiaro argento)
Venesse nenna mia e me comprasse,
dint' a 'na tielluccia me friesse.
Me voglio f 'na casa 'mmiez' 'o mare,
fravecata de penne de pavone,
ohi de pavone.....

Canzone di Razzullo e Sarchiapone

Porta la veste rossa la quatrana.


Porta la veste rossa la quatrana,
e la quatrana ch' bbona
a me piace d'a pazzi!
Quanno spusaje don Peppe
'o rre 'e tutt''e mappine,
s'appresentaieno subbeto
samente e samentine.
Venette 'nu rinaliello
ca faceva 'o cumpariello,
venettero 'e scupature
mmiez'a tutte 'sti signure.
Tre mazze 'e lava 'nterra
aunite cu mammme e figlie
cu quatto mazze 'e scopa
abballavano 'na quatriglia....
Porta la veste rossa la quatrana.
Porta la veste rossa la quatrana,
e la quatrana ch' bbona
a me piace d'a pazzia'!
Chesta 'a canzone d''o guarracino,
'a cantano 'e guappe 'e malandrine,
'o guarracino che jeva p''o mare,
jeva truvanno 'e se 'nzurare.
La truvaje 'na vavosa
ch'era vecchia e maleziosa,
se mettette for''o balcone,
e ce sunava lu calascione.
Currite,currite cumpagne,
m t''o scassano 'stu tompagno,
e currettero 'e cicerenielle
chi cu 'a mazza e c''o curtiello,
e 'o guarracino ch'era cchi guappo
a chillo punto nun se muvette,
se 'nciarmaie comm''a lione,
curtiello,pugnale,pistola e bastone.
Me ne jette liscio liscio
'o mare 'e copp' tutto pisce
ce currevano a meliune
capeciefare e capitune.
I' 'o rancio ch' mansueto
m''o truvaie sempe arreto
e chillo ca steva sempe de posta
ogne fermata faceva 'na botta.
E 'o sorice 'ncoppa 'a banca
ogni tanto f ndinghe ndanghe,
e 'o pollece aret''e rine
me faceva arrecre.
E z Teres e z Teresella
nun songo de Napule e manco d'Avella
e manco 'e sicula 'a trainella,
' t''e veng''e fettucce janche
' t''e veng''e fettucce nere
e 'o lietto mietteme ddoi cannele.
Dint''o vicolo 'e Masaniello
sta 'nu masto scarpariello,
ca ce prore 'o mazzariello
quanno passo 'a part''e ll!
Porta la veste rossa la quatrana.
Porta la veste rossa la quatrana,
e la quatrana ch' bbona
a me piace r'a pazzia'!.......

Rosa d'argento e rosa d'amore

Quanno la Mamma partur a 'stu figlio,


tutti li santi jetteno a cunziglio.
Tanno la luna e tanno lu viaggiare,
tanno lu figlio sull'onda del mare.
Bellu lu mare,bella la marina,
bella la luna quanno ce cammina.
Cunocchia d'oro, fronna de castagna,
viaggia la Mamma e lu mare l'accumpagna.
'Stu figlio mio bello cchi de tutti,
comm''a lu grano sopra l'auti frutti.
Li rose e li vviole nun so' asciute
e chistu figlio mio ni v vistute.
'Nfronte la stella e 'mmano lu fiore,
rosa d'argento e rosa d'amore.......

Aria del cacciatore

Tra queste ombrose selve di spechi, di belve,


la faretrata dea ci chiama a l'ardir..
Gi odi lo squillo,che belve minaccia,
gi freme la caccia,gi freme la caccia!...
Ma io che ne saccio,ma io che ne saccio,
me 'mparo la caccia si pozzo magna'!..
Gi senti le selve d'augelli cantar!.
All'acquisto di fama anch'io v seguir!
Si pe' la famma ce stongo pur''!
Tra queste ombrose selve di spechi, di belve,
la faretrata dea ci chiama a l'ardir..
Si a tanto fracasso la caccia me 'ngrassa
a far lu smargiasso me voglio 'mpara'!... ( Di Diana lo squillo senti gi! )
Si' storto nun cagne, e ' nun me sbaglio,
ce faccio battaglia po' acciro 'na quaglia
me faccio frattaglie, po' arrivan''e cagne
la vonno magn. A caccia mangiata
risponno arraggiato cu sische cu saute
cu l'uocchie abbuttate pe' f lu pignato,
e la supressata la voglio purz....
Ci chiama a l'ardir!
A l'ardir! (purz)...

'O ciaramellaro a Napule

Cump,mannaggia zieta! m'he sentuto?


Tre ore ca te cerco maccarone!
Appriesso a me,cu 'a mano 'int''o cazone :
me tasto e nun te trovo.Add s gghiuto?
Piglia 'na fune,avimm''a st attaccate
comme a galline,anfino a che turnammo.
S' fatto notte,sona,accumminciammo,
pecch se sona sempe 'e 'sti gghiurnate.
Pe' li sunate
'mmiez''a li strate
simme chiammate
e accaparrate.
Sciosci''a zampogna
piede e melogna.
Meh,a ogna a ogna
ca n'' vriogna.
Miettete avante,
sona cc 'nnante.
Falle pe' Sante,
nun me d schiante.
'Sta 'Mmaculata
ca sta appicciata
v 'na sunata,
ce 'avimm''a f!

La sciorta ca 'ngrata

La sciorta ca 'ngrata
cuntraria me v,
se mostra spiatata
strellare me f,
strellare me f....
Bella donna,palla d'oro,
palummiello,speretillo
e riavolo pigliatillo
pe' lu surco v m v!...
E la monaca v lu ppane
e datele 'o ppane 'a monac,
chi 'a 'mpana 'a cc
chi 'a 'mpana 'a ll,
e datele 'o ppane 'a monac!
E la monaca v lu ccaso
e datele 'o ccaso 'a monac,
chi 'a 'ncasa 'a cc,
chi 'a 'ncasa 'a ll,
e datele 'o ccaso 'a monac!
E la monaca v lu pesce,
e date lu pesce 'a monac,
chi 'a 'mpescia 'a cc,
chi 'a 'mpescia 'a ll,
e date lu pesce 'a monac!
E la monaca v la pizza
e date la pizza 'a monac,
chi 'a 'mpizza 'a cc,
chi 'a 'mpizza 'a ll,
e date la pizza 'a monac!.....
S'aspetto ristoro,
m'accide e nun moro,
m'accide e nun moro,
se mostra spiatata,
strellare me f,
strellare me f!...
Bella donna,palla d'oro,
palummiello,speretillo
e riavolo pigliatillo
pe' lu surco v m v!...
E la bella mia add steva
'ncopp'a n'albero durmeva,
e chi le tuccava lu pere,
chella faceva "Uel!Uel!,
pere cu pere ca m se ne vene,
naso cu naso ch' rattacasa,
uocchie cu uocchie ca se scunocchia,
panza cu panza ch' 'na valanza,
coscia cu coscia ch' 'na brioscia
culo cu culo se romp''arciulo.....

Magnammo amice miei e po' bevimmo,


fin quando nce st uoglio a la lucerna!
Chiss si a l'auto munno nce vedimmo,
chiss si a l'auto munno c' taverna!
Vedimmoncenne de la vita bene,
la morte certa e primma o doppo vene!

Quanno nascette Ninno

Quanno nascette Ninno a Betlemme,


era notte e para miezojuorno...
Maie le stelle lustre e belle
se vedettero accuss,
e 'a cchi lucente,
jette a chiamm li Magge all'Uriente...
Nun c'erano nemice pe la terra
la pecora pasceva c''o lione.
C''o crapetto se vedette
'o liupardo pazzi
l'urzo e 'o vetiello
e cu lu lupo 'mpace 'o pecuriello.....

Interessi correlati