Sei sulla pagina 1di 34

Chiesa di San Bartolomeo Apostolo

Fiorentino, 26 Giugno 2010

Cristian
E Claudia

Celebrano il loro
matrimonio nella
Santa Messa
presieduta da don
Ivano Bicego
2
CANTO DI INGRESSO

Popoli tutti acclamate


D. Zschech

Mio Dio, Signore, nulla è pari a Te.


Ora e per sempre, voglio lodare
il Tuo grande amor per noi.
Mia roccia Tu sei, pace e conforto mi dai.
Con tutto il cuore e le mie forze,
sempre io ti adorerò.

Popoli tutti acclamate al Signore,


gloria e potenza cantiamo al Re,
mari e monti si prostrino a te,
al tuo nome, o Signore. (2 V.)

3
RITI DI INTRODUZIONE

S. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito


Santo.
A. Amen.

S. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l’amore


di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia
con tutti voi.
A. E con il tuo Spirito.

MEMORIA DEL BATTESIMO

Cristian e Claudia,
la Chiesa partecipa alla vostra gioia
e insieme con i vostri cari
vi accoglie con grande affetto
nel giorno in cui davanti a Dio, nostro Padre,
decidete di realizzare la comunione di tutta la vita.

4
In questo giorno per voi di festa
il Signore vi ascolti.
Mandi dal cielo il suo aiuto e vi custodisca.
Realizzi i desideri del vostro cuore
ed esaudisca le vostre preghiere.
Riconoscenti per essere divenuti figli nel Figlio,
facciamo ora memoria del Battesimo,
dal quale, come da seme fecondo,
nasce e prende vigore l'impegno
di vivere fedeli nell'amore.

Padre,
nel Battesimo del tuo Figlio Gesù al fiume Giordano
hai rivelato al mondo l'amore sponsale per il tuo popolo.

R. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.

Cristo Gesù,
dal tuo costato aperto sulla Croce
hai generato la Chiesa,
tua diletta sposa.

R. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.


5
Spirito Santo,
potenza del Padre e del Figlio,
oggi fai risplendere in Cristian e Claudia
la veste nuziale della Chiesa.

R. Noi ti lodiamo e ti rendiamo grazie.

Dio onnipotente,
origine e fonte della vita,
che ci hai rigenerati nell'acqua
con la potenza del tuo Spirito,
ravviva in tutti noi la grazia del Battesimo,
e concedi a Cristian e Claudia un cuore libero e una
fede ardente
perché, purificati nell'intimo,
accolgano il dono del Matrimonio,
nuova via della loro santificazione.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.

6
GLORIA NELL’ALTO DEI pace in terra agli uomini
CIELI Gen Verde di buona volontà. Gloria.

Gloria, gloria a Dio, Signore, figlio unigenito, Gesù


Gloria, gloria, nell’alto dei Cristo
cieli Signore, Agnello di Dio,
pace in terra agli uomini di Figlio del padre
buona volontà. Gloria. Tu che togli i peccati del
mondo
Noi ti lodiamo, ti benediciamo, abbi pietà di noi
ti adoriamo, glorifichiamo te, Tu che togli i peccati del
ti rendiamo grazie per la tua mondo
immensa gloria. accogli la nostra supplica
Tu che siedi alla destra del
Signore Dio, Gloria, padre
re del cielo, Gloria, abbi pietà di noi
Dio padre, Dio onnipotente
Gloria Gloria, Gloria a Dio
gloria, gloria, nell’alto dei cieli
Gloria, Gloria a Dio pace in terra agli uomini
gloria, gloria, nell’alto dei cieli di buona volontà. Gloria

7
Perché tu solo il Santo, il Signore Gloria, Gloria a Dio
tu solo l’altissimo, Cristo Gesù gloria, gloria, nell’alto dei cieli
con lo Spirito Santo nella gloria pace in terra agli uomini
del Padre di buona volontà. Gloria

Preghiamo.
Sii presente, Signore, in mezzo a noi, assisti con la tua
paterna protezione Cristian e Claudia, che oggi si
uniscono davanti al tuo altare, e confermali nel
reciproco amore.
Per il nostro Signore . . .
R. Amen.

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima lettura
Dal Libro della Genesi (Gen. 2, 18-24)

Il Signore Dio disse: “Non è bene che l’uomo sia solo: gli
voglio fare un aiuto che gli sia simile”. Allora il Signore
Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e
tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per
8
vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo
l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi,
quello doveva essere il suo nome. Cosi l’uomo impose
nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a
tutte le bestie selvatiche, ma l’uomo non trovò un aiuto
che gli fosse simile. Allora il Signore Dio fece scendere
un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una
delle costole e rinchiuse la carne al suo posto.
Il Signore Dio plasmo con la costola, che aveva tolta
all’uomo, una donna e la condusse all’uomo. Allora
l’uomo disse: “Questa volta essa e carne dalla mia
carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna
perché dall’uomo è stata tolta”.
Per questo l’uomo abbandonerà suo padre e sua madre
e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne.

Parola di Dio.

Salmo responsoriale (Sal. 127)

Rit. Ci benedica Dio, fonte dell’amore.

Beato l’uomo che teme il Signore


9
E cammina nelle sue vie.
Vivrai del lavoro delle tue mani,
sarai felice e godrai d’ogni bene. Rit.

La tua sposa come vite feconda


Nell’intimità della tua casa;
i tuoi figli come virgulti d’ulivo
intorno alla tua mensa. Rit.

Così sarà benedetto l’uomo


Che teme il Signore.
Ti benedica il Signore da Sion!
Possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme
Per tutti i giorni della tua vita.
Possa tu vedere i figli dei tuoi figli.
Pace su Israele! Rit.

Seconda lettura

Dal Cantico dei Cantici ( 2, 8-10)

Una voce! Il mio diletto!


Eccolo, viene
10
Saltando per i monti,
balzando per le colline.
Somigli il mio diletto a un capriolo
O ad un cerbiatto.
Eccolo, egli sta
Dietro il nostro muro;
guarda dalla finestra,
spia attraverso le inferiate.
Ora parla il mio diletto e mi dice:
“Alzati, amica mia,
mia tutta bella, e vieni!
O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia,
nei nascondigli dei dirupi,
mostrami il tuo viso,
fammi sentire la tua voce,
perché la tua voce è soave,
il tuo viso è leggiadro”.
Il mio diletto è per me e io per lui.
Egli mi dice:
“Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte come la morte è l’amore,
tenace come gli inferi è la gelosia:
11
le sue vampe sono vampe di fuoco,
una fiamma del Signore!
Le grandi acque non possono l’amore
Ne i fiumi travolgerlo”.

Parola di Dio

Canto al Vangelo

A Te canto Alleluia
a Te dono la mia gioia
a Te grido mio Signore
a Te offro ogni dolore.
Alleluia alleluia alleluia
alleluia alleluia alleluia

Io ho scelto voi, dice il Signore,


perché andiate e portiate frutto
e il vostro frutto rimanga.

Alleluia alleluia alleluia


alleluia alleluia alleluia
12
Dal Vangelo secondo Giovanni
Non vi chiamo più servi, ma vi ho chiamato amici 15, 9-
17
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi.
Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei
comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho
osservato i comandamenti del Padre mio e rimango
nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia
gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni
gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore
più grande di questo: dare la sua vita per i propri
13
amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi
comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non
sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato
amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho
fatto conoscere a voi.
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi
ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro
frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al
Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi
comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore

LITURGIA DEL MATRIMONIO

Carissimi Cristian e Claudia,


siete venuti nella casa del Signore,
davanti al ministro della Chiesa e davanti alla
comunità,
perché la vostra decisione di unirvi in Matrimonio
riceva il sigillo dello Spirito Santo,
sorgente dell'amore fedele e inesauribile.
Ora Cristo vi rende partecipi dello stesso amore
14
con cui egli ha amato la sua Chiesa,
fino a dare se stesso per lei

Vi chiedo pertanto di esprimere le vostre intenzioni.

Cristian e Claudia,
siete venuti a celebrare il Matrimonio
senza alcuna costrizione, in piena libertà e
consapevoli
del significato della vostra decisione?

Gli sposi rispondono: Sì.

Siete disposti, seguendo la via del Matrimonio,


ad amarvi e a onorarvi l’un l'altro per tutta la vita?
Gli sposi rispondono: Sì.

Siete disposti ad accogliere con amore


i figli che Dio vorrà donarvi
e a educarli secondo la legge di Cristo e della sua
Chiesa?

Gli sposi rispondono: Sì.


15
MANIFESTAZIONE DEL CONSENSO

Celebrante: Se dunque è vostra intenzione unirvi in


matrimonio, datevi la mano destra ed esprimete
davanti a Dio e alla sua Chiesa il vostro consenso.

Cristian: Io, Cristian, accolgo te, Claudia, come mia


sposa.
Con la grazia di Cristo prometto di esserti fedele
sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella
malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia
vita.
Claudia: Io, Claudia, accolgo te, Cristian, come mio
sposo.
Con la grazia di Cristo prometto di esserti fedele
sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella

16
malattia, e di amarti e onorarti tutti i giorni della mia
vita.

Celebrante: – Il Signore onnipotente e misericordioso


confermi il consenso che avete manifestato davanti alla
Chiesa e vi ricolmi della sua benedizione. L’uomo non
osi separare ciò che Dio unisce.

Tutti: Amen

BENEDIZIONE E CONSEGNA DEGLI ANELLI

Il Signore benedica X questi anelli,


che vi donate scambievolmente
in segno di amore e di fedeltà.
Tutti: Amen.

Lo sposo, mettendo l’anello al dito anulare della sposa,


dice:
17
Claudia, ricevi questo anello,
segno del mio amore e della mia fedeltà.
Nel nome del Padre e del Figlio
e dello Spirito Santo.

Quindi la sposa, mettendo l'anello al dito anulare dello


sposo, dice:

Cristian, ricevi questo anello,


segno del mio amore e della mia fedeltà.
Nel nome del Padre e del Figlio
e dello Spirito Santo.

PREGHIERA DEI FEDELI


E INVOCAZIONE DEI SANTI

C: Invochiamo, fratelli, Dio Padre sorgente del vero


amore, perché nel nome di Cristo Signore
esaudisca la nostra comune preghiera. Preghiamo
insieme e diciamo:
A: Ascoltaci, Signore.
18
Per Cristian e Claudia che hanno consacrato la loro
vita nell’amore e nella fedeltà reciproca, perché siano
sempre fedeli al loro impegno. Preghiamo.

Perché Cristian e Claudia, attraverso l‘unione santa del


Matrimonio, possano godere della salute del corpo e
della salvezza eterna. Preghiamo.

Per Cristian e Claudia, perché il Signore conceda loro


di accogliere con gioia e con fede il dono dei figli.
Preghiamo.

Per tutti gli amici e parenti di Cristian e Claudia riuniti


nella gioia, perché il Signore metta nei loro cuori il
desiderio di proseguire nel cammino di collaborazione,
di fraternità e di amicizia. Preghiamo.

Perché il popolo cristiano cresca di giorno in giorno


nella certezza della fede, e tutti coloro che sono
oppressi dalle difficoltà della vita ricevano l’aiuto della
grazia che viene dall’Alto. Preghiamo

19
C: Ora, in comunione con la Chiesa del cielo,
invochiamo l'intercessione dei santi.
Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi
Santa Maria, Madre della Chiesa, prega
per noi
Santa Maria, Regina della famiglia, prega
per noi
San Giuseppe, Sposo di Maria, prega
per noi
Santi Angeli di Dio, pregate per
noi
Santi Gioacchino ed Anna,
pregate per noi
Santi Elisabetta e Zaccaria, pregate per
noi
San Giovanni Battista, prega per noi
Santi Pietro e Paolo, pregate per
noi
Santi Apostoli ed Evangelisti, pregate per
noi
Santi Martiri di Cristo, pregate per
noi
Santa Giovanna Beretta Molla, prega
20
per noi
San Bartolomeo Apostolo,
pregate per noi
Santi e Sante tutti di Dio,
pregate per noi

Effondi, Signore, su Cristian e Claudia


lo Spirito del tuo amore,
perché diventino un cuore solo e un'anima sola;
nulla separi questi sposi che tu hai unito
e, ricolmati della tua benedizione, nulla li affligga.
Per Cristo nostro Signore.

Tutti: Amen

CANTO DI OFFERTORIO

Ogni mia parola

Come la pioggia e la neve


scendono giù dal cielo
e non vi ritornano
senza irrigare
21
e far germogliare la terra,

Così ogni mia parola


non ritornerà a me
senza operare quanto desidero,
senza aver compiuto
ciò per cui l'avevo mandata.
Ogni mia parola,
ogni mia parola.

ORAZIONE SULLE OFFERTE

S. O Dio, Padre di bontà, accogli il pane e il vino, che la


tua famiglia ti offre con intima gioia, e custodisci nel
tuo amore Cristian e Claudia che hai unito in
Cristo col sacramento nuziale.
Per Cristo nostro Signore.

22
A. Amen.

S. E’ veramente cosa buona e giusta,


nostro dovere e fonte di salvezza
rendere grazie sempre ed in ogni luogo a Te,
Signore, Padre Santo, Dio onnipotente ed eterno:
per Cristo nostro Signore.
Tu hai stabilito col tuo popolo un patto nuovo,
perché in Cristo morto per la nostra redenzione
e gloriosamente risorto,
l’umanità diventi partecipe della tua vita immortale
e coerede della gloria dei cieli.
Nell’alleanza tra l’uomo e la donna
ci hai dato l’immagine viva
dell’amore di Cristo per la sua Chiesa,
e nel sacramento nuziale riveli
il mistero ineffabile del tuo amore.
E noi, uniti agli angeli ed ai santi,
cantiamo insieme l’inno della tua gloria.

Santo
Gen Rosso, Gen Verde

23
Santo, Santo, Dio dell'universo.
Santo il Signore, Santo, Santo.
Dio dell'universo.
Santo, Santo. I cieli e la terra
sono pieni della tua
I cieli e la terra gloria.
sono pieni della tua
gloria. Benedetto colui che viene
nel nome del Signore.
Osanna nell'alto dei cieli.
Osanna nell'alto dei cieli. Osanna nell'alto dei cieli.
Osanna nell'alto dei cieli.
Santo, Santo, Santo, Santo, Santo.
Santo il Signore,

BENEDIZIONE DEGLI SPOSI

S. Fratelli carissimi, invochiamo su questi sposi,


Cristian e Claudia la benedizione di Dio: egli, che oggi
li ricolma di grazia con il sacramento del Matrimonio,
li accompagni sempre con la sua protezione.

Padre santo, creatore dell'universo,


24
che hai formato l'uomo e la donna a tua immagine
e hai voluto benedire la loro unione,
ti preghiamo umilmente per questi tuoi figli,
che oggi si uniscono con il sacramento nuziale.

V. Ti lodiamo, Signore, e ti benediciamo


R. Eterno è il tuo amore per noi

Scenda, o Signore, su questi sposi Cristian e Claudia


la ricchezza delle tue benedizioni
e la forza del tuo Santo Spirito infiammi dall'alto i loro
cuori, perché nel dono reciproco dell'amore,
allietino di figli la loro famiglia e la comunità ecclesiale.

V. Ti supplichiamo, Signore
R. Ascolta la nostra preghiera

Ti lodino, Signore, nella gioia,


ti cerchino nella sofferenza;
godano del tuo sostegno nella fatica
e del tuo conforto nella necessità;
ti preghino nella santa assemblea,
siano tuoi testimoni nel mondo.
25
Vivano a lungo nella prosperità e nella pace,
e con tutti gli amici che ora li circondano,
giungano alla felicità del tuo regno.
Per Cristo nostro Signore.
Tutti: Amen
RITI DELLA PACE

S. Signore, Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli:


“Vi lascio la pace, vi do la mia pace”, non guardare
ai nostri peccati, ma alla fede della tua chiesa:
donale unità e pace secondo la tua volontà. Tu che
vivi e regni nei secoli dei secoli.
A. Amen.

S. La pace del Signore sia sempre con voi.


A. E con il tuo spirito.

S. Scambiatevi un segno di pace


Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi
pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, abbi
pietà di noi.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, dona a
26
noi la pace.

S. Beati gli invitati alla cena del Signore! Ecco l’agnello


di Dio, che toglie i peccati del mondo.
A. O Signore, non sono degno di partecipare alla
tua mensa, ma dì soltanto una parola ed io
sarò salvato.

CANTO DI COMUNIONE
Verbum panis
Prima del tempo più fame.
prima ancora che la terra Qui vive la tua chiesa
cominciasse a vivere intorno a te
il Verbo era presso Dio. dove ognuno troverà la sua
Venne nel mondo vera casa.
e per non abbandonarci
in questo viaggio ci lasciò Verbum caro factum est...
tutto se stesso come pane.
Prima del tempo
Verbum caro factum est quando l'universo fu creato
Verbum panis factum est. dall'oscurità
il Verbo era presso Dio.
Qui spezzi ancora il pane in Venne nel mondo
mezzo a noi nella sua misericordia
e chiunque mangerà non avrà Dio ha mandato il Figlio
27
suo
tutto se stesso come pane. Qui spezzi ancora ...

Verbum caro factum est... Verbum caro factum est...

Nel tuo silenzio

Nel tuo silenzio accolgo il mistero


venuto a vivere dentro di me.
Sei tu che vieni, o forse è più vero
che tu mi accogli in te, Gesù.
Sorgente viva che nasce nel cuore
è questo dono che abita in me.
La tua presenza è un Fuoco d’Amore
che avvolge l’anima mia, Gesù.
Ora il tuo Spirito in me dice: “Padre”,
non sono io a parlare, sei tu.
Nell’infinito oceano di pace
tu vivi in me, io in te, Gesù.
RITO DI CONCLUSIONE

S. O Signore, per questo sacrificio di salvezza,


accompagna con la tua provvidenza la nuova

28
famiglia che hai istituito:
fa' che Cristian e Claudia, uniti nel vincolo santo
e saziati con l’unico pane e l’unico calice,
vivano concordi nel tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.
A. Amen
Lettura degli Articoli del Codice Civile e delle firme

S. Il Signore sia con voi.


A. E con il tuo Spirito
S. Dio, nostro Padre, vi conservi uniti nell’amore; la
pace di Cristo abiti in voi e rimanga sempre nella
vostra casa.
A. Amen
S. Abbiate benedizione nei figli, conforto dagli amici,
vera pace con tutti.
A. Amen
S. Siate nel mondo testimoni della carità di Cristo,
sappiate riconoscere Dio nei poveri e nei sofferenti;
perché essi vi accolgano un giorno nella casa del
Padre.
A. Amen
S. E su voi tutti, che avete partecipato a questa liturgia
29
nuziale, scenda la benedizione di Dio onnipotente,
Padre, Figlio e Spirito Santo.
A. Amen

S. La Messa è finita, andate in pace.


A. Rendiamo grazie a Dio.

CANTO FINALE

Le tue meraviglie
Gen Rosso

Ora lascia o Signore


che io vada in pace
perché ho visto le tue meraviglie.
Il tuo popolo in festa
per le strade correrà
a portare le tue meraviglie.

La tua presenza ha riempito d’amore


le nostre vite e le nostre giornate.
In te una sola anima
un solo cuore siamo noi
30
con te la luce risplende
splende più chiara che mai.

Ora lascia o Signore...

La tua presenza ha inondato d’amore


le nostre vite e le nostre giornate.
Fra la tua gente resterai
per sempre vivo in mezzo a noi
fino ai confini del tempo
così ci accompagnerai.

Ora lascia o Signore


che io vada in pace
perché ho visto le tue meraviglie.
Il tuo popolo in festa
per le strade correrà
a portare le tue meraviglie.

31
Voi siete nati insieme

Voi siete nati insieme, e insieme starete per sempre.


Voi sarete insieme quando le bianche ali della morte
disperderanno i vostri giorni.
Sì, insieme anche nella tacita memoria di Dio.
Ma vi siano spazi nella vostra unione,
e fate che i celesti venti danzino tra voi.

Amatevi reciprocamente, ma non fate dell'amore un


laccio:
Lasciate piuttosto che vi sia un mare in moto tra le
sponde delle vostre anime.
Riempa ognuno la coppa dell'altro, ma non bevete da una
coppa sola.
Scambiatevi il pane, ma non mangiate dalla stessa
pagnotta.
Cantate e danzate e siate gioiosi insieme, ma che ognuno
di voi resti solo, così come le corde di un liuto son sole
benchè vibrino della stessa musica.

Datevi il cuore, ma l'uno non sia in custodia dell'altro.


Poichè solo la mano della Vita può contenere entrambi i
cuori.
E restate uniti, benchè non troppo vicini insieme,
poichè le colonne del tempio restano tra loro
distanti,
e la quercia e il cipresso non crescono l'una all'ombra
dell'altro.

Kahlil Gibran
Cristian e Claudia
ringraziano di aver
condiviso con loro la
preghiera e la gioia di
questo giorno