Sei sulla pagina 1di 3

Gennaro Postiglione

Arte del costruire

peter celsing

Chiesa di S. Tomas a Vllingby, Svezia


La chiesa di Vllingby (1953-59) si caratterizza per ladozione di soluzioni semplici, dettate dal buon senso e dal carattere estremamente pragmatico dei popoli nordici, che affidano alla genuinit dei materiali, mattoni, cemento, ferro, vetro e legno, e al loro intrinseco valore semantico il compito di far parlare la forma costruita

opera di Peter Celsing si colloca tra la fine degli anni Cinquanta e gli inizi degli anni Settanta e rappresenta un importante punto di riferimento per la cultura architettonica non solo svedese, ma nordica in generale, del dopoguerra. Il suo interesse per il tardo Rinascimento italiano, la sua familiarit con il mondo nordafricano, i suoi numerosi viaggi negli Stati Uniti, ne fanno un personaggio estremamente informato e capace di coniugare i suoi interessi per la cultura classica mediterranea con i principi del movimento moderno e con le nuove esigenze sociali sviluppatesi in Svezia dopo la conclusione del conflitto bellico. Nel suo insieme, il portato del suo lavoro pu essere sintetizzato nel tentativo dellarchitetto di correlare le espressioni formali svedesi pi regionali con lenorme patrimonio costituito dalla

classicit: per Celsing la storia non rappresenta qualcosa di lontano ma un eterno presente con cui dialogare e interagire per trovare risposte adeguate ai nuovi problemi che si pongono allattenzione degli architetti. Conosce L. Sullivan e L. Kahn, in America, lavora con S. Lewerentz, in patria, e assiste alla costruzione dellUnione degli Studenti a Vastmanland, in Svezia, progettata da Aalto; amico dei suoi coetanei Sverre Fehn e di Jrn Utzon; si forma studiando i grandi, da Le Corbusier a F. Lloyd Wright a A. Loos, e non disdegna lapprofondimento dei classici, soprattutto quelli del Rinascimento italiano. in sintesi un architetto completo che unisce ricerca a operosit, tradizione a modernit, libert a classicit. La chiesa a Vllingby Questi aspetti della sua complessa personalit

emergono tutti nel progetto che larchitetto redige per la chiesa e gli uffici della parrocchia di Vllingby, una piccola cittadina satellite di Stoccolma cresciuta secondo i nuovi modelli di sviluppo urbano affermatisi in Svezia durante i primi decenni del secolo. Il lotto, destinato ad accogliere il complesso parrocchiale, si trova nelle vicinanze del principale centro commerciale cittadino, in prossimit di una fermata della linea metropolitana che collega la periferia occidentale alla capitale, per cui larea sempre molto affollata. Gi nei primi schizzi elaborati da Celsing presente lidea di un insieme molto introverso che si sottrae, per carattere e volont, alla dinamicit e al rumore della vita del luogo, proponendo un edificio estremamente raccolto che si pone come nuovo ele-

Linterno della chiesa. Nella pagina a fianco: veduta del sagrato di ingresso.

36

CIL 73

mento nel disegno urbano della cittadina. Le forme curve che caratterizzano le prime proposte, assolutamente assenti nella soluzione finale, sono influenzate sia dal fascino esercitato dalla chiesa a Rochamp di Le Corbusier, sia dalle esperienze maturate proprio in quegli anni durante la

collaborazione con S. Lewerentz per il restauro della cattedrale di Uppsala. proprio in conseguenza di questa collaborazione che larchitetto elabora un metodo progettuale che gli consente di affinare le capacit e il talento gi presenti nel suo lavoro, cos come emerge nel complesso parroc-

chiale di Vllingby dove propone una soluzione che per molti versi ricorda i coevi progetti del maestro. Il regionalismo critico Limpianto presenta una soluzione dalla stereometria estremamente compatta che rifiuta qualsiasi colloquio con lesterno, rinunciando quasi del tutto a interrompere la muratura perimetrale esterna per collocarvi le aperture, porte o finestre. La captazione della necessaria luce naturale allinterno degli uffici e dellaula sacra assicurata dalla presenza in pianta di una corte interna, sulla quale Celsing apre i principali ambienti delledificio. Ci consente allarchitetto non solo di risolvere il problema dellilluminazione, ma di legare insieme laspetto funzionale a quello qualitativo, lasciando spaziare lo sguardo esclusivamente allinterno della corte, con gli alberi attentamente posizionati in funzione delle viste e il verde del prato che rimanda ad una dimensione meno urbanizzata. Anche la chiesa, un parallelepipedo cavo, con la sua navata unica, presenta degli squarci che prospettano sulla corte, in modo da legare la dimensione sacra dello spazio interno alla sacralit della natura allesterno. Peraltro la grande finestratura che squarcia la fitta tessitura in mattoni rossi della parete trova una sua ulteriore ragione dessere nella presenza del fonte battesimale, un massiccio monolite in granito sul quale sono stati lasciati intatti i colpi inferti alla pietra. Solo lo spicchio della vasca che accoglie lacqua fa eccezione; qui una perfetta levigatura sottolinea il contrasto tra la durezza del granito, e della vita fuori dal battesimo, e la dolcezza del diventare parte della famiglia che ti accoglie, quella cristiana. Lacqua scorre senza interruzione, tracima il fonte battesimale e scivola gi fino alla base, dove viene raccolta per essere allontanata, sottolineando la presenza continua e salvifica della Fede.

Sagratodingresso. Veduta del portico che si affaccia sulla corte interna.

Nella pagina a fianco: dettaglio della corte interna.

In alcuni momenti della giornata, un fascio di luce entra dalla corte e si proietta sulla fonte, dando vita a un vertiginoso luccichio in corrispondenza della copertura della chiesa su cui si riflette lacqua colpita dal sole. Ritornano in queste soluzioni le influenze dellopera di Lewerentz, che proprio negli stessi anni realizza il complesso parrocchiale di Bjrkhagen, un quartiere nella periferia meridionale di Stoccolma, di cui la chiesa di S. Marco rappresenta lelemento compositivamente pi significativo. Qui lanziano maestro d vita a un insieme contemporaneamente poetico e rigoroso, libero ma geometricamente

controllato, in cui la presenza del mattone unico materiale adoperato per le parti principali delledificio , del legno, del vetro e delle lamiere delle coperture si traduce in parole di un nuovo vocabolario espressivo in cui la verit del processo costruttivo diviene il principale elemento del discorso architettonico. Celsing fa propria la lezione e, pur riconoscendo nella sua opera giovanile la presenza di un tributo allopera del maestro, elabora una propria sintassi progettuale. La chiesa di S. Tomas a Vllingby, inoltre, presenta un altro elemento di continuit con lopera del maestro che si identifica con lattenzione progettuale

38

CIL 73

39

AR TE DEL COS TRUIRE

Dettaglio dellaltare. Una delle pareti interne della chiesa. Nella pagina a fianco: veduta dellinterno.

posta nella collocazione e conformazione del campanile. Cos come in tutte le opere di Lewerentz il campanile assume sempre un ruolo compositivo estremamente significativo, anche in questopera di Celsing la ricerca del luogo e della forma pi appropriata per la torre campanaria accompagna tutto il processo progettuale della parrocchia. Dallinterno allesterno, in un continuo processo di ricerca, il campanile, risolto con un volume che si giustappone ad una delle pareti del complesso, diviene un elemento che arricchisce la scena urbana della piccola frazione, presentandosi con una figurativit piuttosto evidente che rimanda alla trasfigurazione tettonica di un albero di mele: memoria dellancestrale giardino dellEden? In mattoni e calcestruzzo, come del resto tutto il complesso, la torre si staglia alta contro il cielo, imponendo con la sua mole un tono severo allinsieme. In mattoni anche il sagrato e la piazza antistante lingresso principale della chiesa; anzi la facciata principale che si distingue dalle altre esclusivamente per la presenza di un varco nella muratura di dimensioni maggiori sembra essere stata il risultato di un movimento tellurico che ha sollevato, fino a configurare una parete, parte del sagrato. La semplicit e lausterit dei gesti progettuali non lasciano dubbi sulla natura nordica di questa architettura che riassume in s molti dei caratteri che individuano le specificit dellabitare scandinavo. Soluzioni semplici, dettate dal buon senso e dal carattere pragmatico dei nordici, che affidano alla genuinit dei materiali e al loro intrinseco valore semantico il compito di far parlare la forma costruita. Mattoni, cemento, ferro, vetro e legno, utilizzati per quello che sono, costituiscono infatti il repertorio di materiali a cui anche Celsing si affida per la realizzazione delle sue opere, gli attori protagonisti di quella pice che il progetto di architettura.

40

CIL 73

41

AR TE DEL COS TRUIRE