Sei sulla pagina 1di 1

SECONDA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Oggi in molte famiglie manca Gesù e per questo è venuto a

mancare il vino dell’amore e della gioia.


Anno C - 17 Gennaio 2010 Anche in tante persone manca Gesù e non conoscono la sua amicizia
e non vivono seguendo la sua parola.
Vangelo: Giovanni 2, 1 - 12 La tristezza, il vuoto, il senso del fallimento, la noia, la rabbia, le
gelosie, le liti, le divisioni…. sono il segno della mancanza di Gesù
Siamo entrati nel tempo ordinario. nella vita di una persona o di una famiglia.
E’ così chiamato perché in questo “tempo” non ci sono celebrazioni
forti della storia della salvezza. Chiedere ai ragazzi di sostituire la parola vino con altre parole che
In questo tempo siamo chiamati a metterci alla scuola di Gesù per vi corrispondono come: gioia, amore, pace ecc.)
ascoltarlo e seguirlo. “Fate quello che vi dirà” Siamo noi dei portatori di Gesù e della gioia?
Gesù ha ormai iniziato la sua "vita pubblica". Egli è un uomo Come mi devo comportare quando vedo che non c’è più “vino” (=
come noi, ma nello stesso tempo è il Figlio di Dio: per questo amore, gioia… ecc.)
incomincia a rivelare ai discepoli la sua natura divina. ----------------------------------------------------------------------------
Durante una festa di matrimonio viene a mancare il vino; grazie CERCHIAMO LE PAROLE IMPORTANTI
all'intervento di Maria, Gesù compie il primo "segno": trasforma
l'acqua in vino. CANA
Perché Gesù compie i “Segni” o miracoli? Non lo fa per mettersi in nozze
mostra né per diventare famoso, ma per manifestare la sua gloria e Vino
per aiutare i discepoli a credere. Vuole, cioè, far crescere in loro la Fate quello che vi dirà
fede in lui. Attraverso i miracoli Gesù vuole anche farci capire che
s'interessa ai nostri problemi e che è presente nella nostra vita. Come Maria a Cana di Galilea anche noi desideriamo affidarci a te,
GESÙ PRESENTE IN FAMIGLIA. Un giorno un insegnante distribuì ai Signore, affinché ci trasformi da "semplice acqua" in "vino buono”,
ragazzi dei fogli sui quali era disegnata una abitazione alla quale segno della tua divinità. Come i servi della festa di nozze anche noi
mancavano alcuni particolari. «Guardate bene questa casa - si rivolse vogliamo essere docili alla tua Parola, per contribuire alla tua opera
ai ragazzi - e poi disegnate ciò che le manca". di salvezza. Come il maestro del banchetto ci impegniamo a
I ragazzi osservarono il disegno per alcuni minuti, poi presero in riconoscere i valori dei doni che tu continui ad elargirci. Come il
mano le matite e si misero al lavoro. Un ragazzo disegnò un primo dei credenti, noi ti chiediamo di sostenerci nella fede perché
parafulmine, un altro un camino fumante, un altro ancora le serrande possiamo vedere in te il Figlio di Dio, il nostro sposo e il nostro
moderne alle finestre, attraverso le quali si vedevano il frigorifero e Salvatore.
la radio. Una ragazza invece disegnò una croce appesa alla parete.
Certamente in un'abitazione serve la televisione, il frigorifero, le
tende e tante altre cose, ma senza la croce non sarebbe una casa
cristiana. La croce significa che in quella famiglia è presente Gesù e
che essa vuole vivere secondo il suo Vangelo.