Sei sulla pagina 1di 62

Come aprire e promuovere un centro Yoga

Guida utile per chi desidera aprire un centro Yoga, con preziose
informazioni anche per chi lavora in palestre e centri fitness o
intende aprirne uno, per tutti gli insegnanti di Yoga e molte
tipologie di personal trainer
BOZZA DI LAVORO - non distribuibile
A cura di Gianni Lombardi. Hanno collaborato con consigli, revisioni
o raccontando la loro esperienza:
Enrico Ciffo, Stefano Lavezzo, Michela Roccatagliata [elenco
provvisorio]
Sommario
1. Introduzione
2. Yoga e denaro
3. Il business plan
4. Trovare un nome
5. Trovare il luogo
6. La concorrenza
7. Cenni sulle problematiche fiscali
8. Come promuovere il centro (pubblicit, passaparola, Internet,
promozioni)
9. Un po' di Pubbliche Relazioni
10. La promozione di un singolo corso
11. Rapporti con gli allievi
12. Rapporti con gli insegnanti

13. Insegnanti e titolari di centri Yoga raccontano la loro esperienza


14. Come organizzare eventi e seminari.
15. Lavorare con le palestre
16. Conclusione

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

data di stampa: 04/12/06 10:33:17


BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

1 Introduzione
1.1 In Italia diffuso un pregiudizio: che marketing e pubblicit siano
discipline per imbroglioni.
Chi ha un sacco di soldi e vuole fregare la gente crea unimmagine
fasulla utilizzando le sofisticate tecniche del marketing e vende
patacche. Invece, secondo il pregiudizio, chi onesto si presenta cos
com, spontaneamente, e tutti ne riconosceranno le qualit...
Duecento anni fa, quando la fama di una persona o di un prodotto si
costruivano principalmente per passaparola nella propria citt, poteva
essere vero. Oggi non pi. Le citt sono troppo grandi e qualsiasi
iniziativa - commerciale o non profit che sia - deve poter comunicare
efficacemente ed economicamente anche al di fuori della propria cerchia
di quartiere. Deve fare marketing, pubblicit e pubbliche relazioni per
costruire e rinforzare la propria reputazione, fosse pure mettendo una
locandina dal panettiere e mandando un comunicato stampa al periodico
comunale.
Un buon esempio di marketing applicato bene lorganizzazione non
profit Unitus, una banca specializzata nel microcredito, come la
Grameen Bank del recente premio nobel per la pace Muhammad Yunuf, con
cui collabora. Il sito costruito professionalmente. Se chiedi
informazioni ti mandano a casa una brochure ben fatta con un dvd che
spiega la natura dei loro progetti. Trovi una pagina per scaricare
documentazione. Puoi anche richiedere una newsletter. Una volta che
entri nel loro database, vieni sicuramente ricontattato sollecitando
donazioni e passaparola in molti modi.
In altre parole, come molte altre organizzazioni non profit in tutto il
mondo, fanno marketing. Nella societ post-industriale e globalizzata,
importante imparare a comunicare in modo chiaro e professionale,
anche per il piccolo centro Yoga di periferia.
Unitus, Grameen Bank e tante altre organizzazioni non profit sarebbero
pi efficaci se avessero un sito fatto male, senza brochure e filmati,
senza una newsletter via e-mail, senza un database di contatti e
simpatizzanti?
Labito non fa il monaco, ma il monaco ha bisogno dellabito. E il
tessuto deve essere caldo d'inverno, fresco d'estate, e ben tagliato.
1.2 In tutti i casi, essere consapevoli delle regole della comunicazione
moderna, almeno a livello di infarinatura, meglio che esserne
inconsapevoli.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 1 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

2 Yoga e denaro
2.1 Il business plan
2.2 "Lo Yoga non per chi mangia troppo n per chi mangia troppo poco,
non per chi dorme troppo n per chi non dorme mai." Cos dice la
Bhagavad Gita. Mentre la Hatha Yoga Pradipika e la Gheranda Samhita,
altri due testi fondamentali, dicono entrambi qualcosa di questo
tipo: "per praticare lo Yoga bisogna scegliere una capanna ben
costruita, pulita e libera da insetti, in un paese ben governato e
dove vengono elargite generose elemosine".
2.3 Lo Yoga non neanche per chi pensa che si possa vivere d'aria o che
il denaro necessariamente il male. BKS Iyengar, nel suo "Light on
Pranayama", parlando dei quattro scopi dell'uomo, dice:
"L'uomo ha quattro obiettivi nella vita; dharma, artha, kama e
moksa. Dharma il dovere. Senza il dovere e la disciplina etica,
raggiungere il proprio obiettivo spirituale impossibile.
Artha l'acquisizione dei beni per l'indipendenza e per conseguire
pi elevati obiettivi nella vita. Non pu dare gioia durevole;
ciononostante, un corpo malnutrito pu essere fertile terreno per
preoccupazioni e malattie.
Kama rappresenta i piaceri della vita, che dipendono in larga misura
da un corpo sano; come dice la Kathopanishad, il "s" non pu essere
sperimentato da un fisico debole.
Moksa la liberazione. L'uomo illuminato si rende conto che potere,
piaceri, ricchezze e conoscenza passano e non danno la libert. Egli
cerca di trascendere le sue qualit sattviche, rajasiche e
tamasiche, per fuggire la presa dei guna."
Brano tradotto da me e tratto da "Light on Pranayama" di BKS Iyengar. Il libro stato tradotto in Italia da Edizioni Mediterranee col titolo "Teoria e pratica
del pranayama". Siccome puntualizza molti insegnamenti sullo Yoga, un libro che consiglio di comprare assolutamente. Nella prima parte c' un'ottima
sintesi della filosofia dello Yoga; nella seconda, una dettagliata spiegazione delle diverse tecniche di pranayama.

2.4 Tornando al tema del denaro, un Centro Yoga indebitato e sull'orlo


del fallimento pu essere fertile terreno per preoccupazioni,
malattie e cattivi insegnamenti, come un corpo malnutrito.
2.5 Il denaro una forma di energia. E solo un centro Yoga che paga
l'affitto senza preoccupazioni pu espandersi e aiutare pi allievi.
I quali devono pagare il giusto prezzo al centro e ai suoi
insegnanti per contraccambiare le utili e piacevoli ore di lezione
che questi offrono loro.
2.6 Farsi pagare il giusto, senza essere n avidi n troppo generosi,
quindi in linea con lo spirito yogico.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 2 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

2.6 Farsi pagare il giusto, senza essere n avidi n troppo generosi,


quindi in linea con lo spirito yogico.
2.7 Se uno in condizione di vivere di rendita e regalare le sue
lezioni di Yoga fa benissimo. Ma se lo Yoga la sua professione o
il suo secondo lavoro, se deve pagare l'affitto, le bollette e i
libri di Yoga, giusto che si faccia pagare cifre orarie che, a
seconda della sua esperienza e del tipo di mercato a cui si rivolge,
vanno dall'operaio specializzato al professionista, quindi prezzi
che, oggi in Italia, possono oscillare in uno spettro che va
tranquillamente dai 15 ai 150 euro l'ora.
2.8 Siccome nulla pi relativo del denaro, queste due indicazioni
estreme possono sembrare, appunto, "estreme" a qualcuno. In realt
si tratta solo di due parametri indicativi, che cercher di spiegare
facendo degli esempi.
2.8.1 Il parametro minimo
2.8.1.1 Nel mondo del lavoro italiano esistono molti fenomeni di
sfruttamento e di lavoro in nero. Quanto per tutto viene fatto in
regola, la paga oraria di un operaio specializzato si aggira
intorno a una certa cifra che pi alta per prestazioni
occasionali (la paga oraria dell'idraulico o dell'elettricista che
viene a farci una riparazione in casa e che spesso comprende anche
un "diritto d'uscita") e pi bassa in caso di prestazioni
continuative (un idraulico che lavora tre mesi in un cantiere
edile riceve una paga oraria pi bassa rispetto a quando va a fare
una riparazione, perch la continuit gli garantisce pi lavoro e
pi stipendio, oltre a eliminare gli spostamenti e le perdite di
tempo fra un intervento e l'altro).
2.8.1.2 Per tutte queste ragioni, qualsiasi insegnante, anche il pi
principiante di tutti, deve farsi pagare non meno di un operaio
specializzato. Se si fa pagare di meno o non si fa pagare, le
ipotesi sono tre: 1, un ingenuo; 2. chi gli da lavoro, se
titolare di un centro o di una palestra, lo sta sfruttando; 3,
entrambi sono impegnati nella missione di "regalare lo Yoga alle
masse", missione nobilissima ma di corto respiro se non si fa anche
un altro lavoro o non si vive di rendita.
2.8.2 Il parametro massimo
2.8.2.1 Il prezzo a cui si paga un servizio pu dipendere da molte
condizioni, fra cui chi lo offre e chi lo compra. 150 euro l'ora (o
un simile forfait a lezione) non per niente un prezzo esagerato
se viene applicato, ad esempio, al titolare di un'azienda o a un
dirigente d'azienda che riceve il suo insegnante in ufficio dove,
per motivi di tempo, riceve una o due lezioni di Yoga alla
settimana. Questo prezzo assimilabile a quello di molti
consulenti aziendali (i quali a loro volta si muovo su parametri
orari che vanno dai 100 ai 500 euro l'ora, fino ai 1.000 e pi di
alcuni superconsulenti) e, regolarmente fatturato, comporta il
fatto di essere al lordo di tasse , oneri e spese per una quota
variabile fra il 30 e il 50% (dipende da molte condizioni: ad
2006 Gianni esempio,
Lombardi magari
BOZZA
lavoro -puntuale
in attesa dil'insegnante
revisione
g.lombardi@essai.it
per diessere
costretto
a
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
prendere il taxi, e questo a suo carico, oppure viene
rimborsato
p. 3 di 61solo in parte le spese effettive di
con un forfait che pu coprire
trasferta).

2.8.2.1 Il prezzo a cui si paga un servizio pu dipendere da molte


condizioni, fra cui chi lo offre e chi lo compra. 150 euro l'ora (o
un simile forfait a lezione) non per niente un prezzo esagerato
BOZZA diadlavoro
- in attesa
di revisione di un'azienda o a un
se viene applicato,
esempio,
al titolare
dirigente d'azienda che riceve il suo insegnante in ufficio dove,
per motivi di tempo, riceve una o due lezioni di Yoga alla
settimana. Questo prezzo assimilabile a quello di molti
consulenti aziendali (i quali a loro volta si muovo su parametri
orari che vanno dai 100 ai 500 euro l'ora, fino ai 1.000 e pi di
alcuni superconsulenti) e, regolarmente fatturato, comporta il
fatto di essere al lordo di tasse , oneri e spese per una quota
variabile fra il 30 e il 50% (dipende da molte condizioni: ad
esempio, magari per essere puntuale l'insegnante costretto a
prendere il taxi, e questo a suo carico, oppure viene rimborsato
con un forfait che pu coprire solo in parte le spese effettive di
trasferta).
2.8.2.2 Un insegnante di Yoga che si trovasse a dare lezioni private al
Presidente del Consiglio oppure a un'alta carica dello stato, o a
un grande personaggio dello spettacolo potrebbe tranquillamente
chiedere diverse centinaia di euro a lezione, prezzo ampiamente
giustificato sia dalle possibilit economiche del cliente, sia
dalle sue esigenze (il grande stilista o l'uomo politico di livello
nazionale difficilmente si rivolgono a un insegnante di Yoga
neodiplomato, o all'ultimo arrivato), sia dalle esigenze di
riservatezza e sicurezza che questo genere di cliente comporta.
Mutatis mutandis, perfettamente possibile e anche morale che due
insegnanti di Yoga pratichino prezzi estremamente diversi perch
hanno clientele diverse, oppure che lo stesso insegnante pratichi
prezzi diversi a clienti diversi: il dirigente d'azienda potrebbe
pagare di pi dello scolaro con la scoliosi, sia perch pu
permetterselo, sia perch il dirigente magari fa un ciclo di dieci
lezioni poi basta, e il costo scaricabile per l'azienda, mentre
il ragazzo con la scoliosi ha bisogno di anni di assistenza e il
costo totalmente a carico della famiglia.
2.9 Con questo non voglio dire che sia plausibile per un normale
insegnante di Yoga "fatturare" 10.000 euro al mese: se qualcuno ci
riesce probabilmente vuol dire che, per merito o per fortuna,
diventato il maestro di yoga di grandi personaggi dello spettacolo,
dello sport o della politica.
2.10 Intendo per dire che dovrebbe essere abbastanza alla portata di
tutti ricavare un reddito dignitoso, part-time o a tempo pieno, e
qualche insegnante che riesca ad abbinare il talento didattico con
una onesta capacit commerciale e una buona capacit
autopromozionale e di pubbliche relazioni pu riuscire a guadagnare
come un qualsiasi artigiano o professionista.
2.11 Il prezzo anche un modo, uno dei tanti, per selezionare il
pubblico. BKS Iyengar diventerebbe rapidamente lo schiavo di tutti,
se offrisse le sua lezioni private per 15 euro l'ora, e non avrebbe
neanche il tempo per respirare. Un altro modo per selezionare il
pubblico ritirarsi sulle montagne ("i miei consigli te li d
gratis, per se vuoi riceverli dalla mia viva voce devi venire fin
sull'Himalaia.") oppure limitare il tempo a disposizione degli
allievi ("ricevo solo per appuntamento dalle 9 alle 11 del luned").

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 4 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

2.11 Il prezzo ancheBOZZA


un modo,
uno- in
dei
tanti,
per selezionare il
di lavoro
attesa
di revisione
pubblico. BKS Iyengar diventerebbe rapidamente lo schiavo di tutti,
se offrisse le sua lezioni private per 15 euro l'ora, e non avrebbe
neanche il tempo per respirare. Un altro modo per selezionare il
pubblico ritirarsi sulle montagne ("i miei consigli te li d
gratis, per se vuoi riceverli dalla mia viva voce devi venire fin
sull'Himalaia.") oppure limitare il tempo a disposizione degli
allievi ("ricevo solo per appuntamento dalle 9 alle 11 del luned").
2.12 Se un insegnante diventa molto richiesto, pu essere giusto
aumentare i prezzi, per questi motivi:
2.12.1 Pu offrire un servizio migliore e una maggiore competenza, perch
ha pi tempo per aggiornarsi, preparare le lezioni e fare pratica
personale (se non avido e non riempie tutto il suo tempo di
lezioni a pagamento). Invece di stremarsi per fare dieci lezioni a
20 euro l'ora, pu farne cinque a 50 euro.
2.12.2 Pu selezionare gli allievi pi seri e pi motivati (a parit di
reddito, le scelte di spesa dipendono da motivazione e valore
attribuito: se pago un servizio 50 euro invece di 30 vuol dire che
lo valuto di pi).
2.12.3 Pu comunque fare prezzi speciali e lavorare gratis per i casi
particolari o meritevoli. Anzi: i "ricchi" che pagano il prezzo
pieno contribuiscono a finanziare i "poveri" che non possono pagare
altrettanto.
2.13 Bisogna anche ricordare che il "prezzo" di un servizio spesso il
frutto del compromesso fra innumerevoli fattori, fra cui il tempo
che passa e il valore percepito da chi ne usufruisce. Nel caso della
classica offerta promozionale "due lezioni di prova gratis" (molti
centri yoga non si rendono neanche conto di fare marketing e
promozione quando offrono "vieni a fare due lezioni di prova"...) il
potenziale allievo magari non sa ancora niente dello yoga, deve
ancora valutare se i 100 o 200 euro al trimestre che gli vengono
chiesti per un ciclo di 13 lezioni (in ogni trimestre ci sono 13
settimane) valgono per lui quella spesa. Le due lezioni sono un modo
per provare senza rischi, per valutare, sia pure
approssimativamente, se lo yoga lo interessa, se l'insegnante gli
ispira simpatia, se meglio spendere i suoi soldi cos o andare a
spenderli in quattro o cinque sere al cinema e in pizzeria, o in una
sola sera nella discoteca pi trendy, pasticche d'extasy comprese, o
in montagna con lo sci club. Ecco quindi che una lezione di yoga
vale "zero" per il principiante indeciso e, dopo averne fatte due di
prova, vale 100 euro per il trimestre pi la decisione di acquistare
un tappetino, il cuscino per le cervicali, e accessori vari.
2.14 importante per tutti imparare a "fare i prezzi", mediando fra due
parametri:
1. Le proprie spese pi un margine di guadagno.
Tradotto per gli insegnanti:
Se per vivere spendo 1000 euro al mese fra affitto e bollette di luce, gas
e telefono, pi 500 euro al mese fra vitto e abbigliamento, il mio
fatturato minimo di sopravvivenza deve essere 1500 euro al mese al netto
delle tasse, e il mio obiettivo di fatturato deve essere in grado di
coprire spese + vitto e abbigliamento + tasse + spese di aggiornamento +
spese
diLombardi
trasporto + BOZZA
un margine
di- guadagno
posso spendere
e dedicare
2006
Gianni
di lavoro
in attesa diche
revisione
g.lombardi@essai.it
al risparmio.
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 5 di 61

lavoro - in aattesa
di revisione
2.14 importante per BOZZA
tutti diimparare
"fare
i prezzi", mediando fra due
parametri:
1. Le proprie spese pi un margine di guadagno.
Tradotto per gli insegnanti:
Se per vivere spendo 1000 euro al mese fra affitto e bollette di luce, gas
e telefono, pi 500 euro al mese fra vitto e abbigliamento, il mio
fatturato minimo di sopravvivenza deve essere 1500 euro al mese al netto
delle tasse, e il mio obiettivo di fatturato deve essere in grado di
coprire spese + vitto e abbigliamento + tasse + spese di aggiornamento +
spese di trasporto + un margine di guadagno che posso spendere e dedicare
al risparmio.
Bisogna tenere presente che per un insegnante professionista il semplice
fatto di disporre di una partita iva comporta un costo variabile fra gli
800 e i 1600 euro annui di commercialista: sono 100-150 euro al mese che
devono essere "pagati" dai clienti.
Tradotto per i titolari di centri Yoga
Devo calcolare una quota di iscrizione ai corsi che copra affitto,
bollette, spese generali, pubblicit, stipendi mio e degli altri
collaboratori se ci sono, e un margine di guadagno che mi consenta di fare
investimenti e mettere da parte qualche soldo per i tempi bui.
2. Quanto il cliente pu pagare in base alle sue esigenze, al suo status e
alle responsabilit che pone all'insegnante.
Tradotto per gli insegnanti
Posso praticare prezzi leggermente diversi a seconda se insegno in una
palestra in centro o in un centro Yoga in periferia, e a seconda se devo
dare lezioni private a un superdirigente presso il suo ufficio o a un
pensionato che viene a prendere lezioni a casa mia. Per evitare svarioni e
brutte figure, utile e professionale avere un prezzo di riferimento (ad
esempio 50 euro per la lezione singola) e poi praticare sconti (che possono
arrivare al 50%) a seconda della tipologia di cliente e a seconda del
numero di lezioni che acquista o prenota. buona regola, sia per motivare
il cliente, sia per evitare "scrocconi" anche in buona fede, sia per
evitare faticosi e spiacevoli recuperi crediti, farsi pagare sempre
anticipatamente il ciclo di lezioni. Il pagamento anticipato pu essere
incentivato e premiato con uno sconto dal 3 al 5%, o con una lezione
gratis per chi ne prenota pi di 5 o 10, a seconda del prezzo che si
pratica.
Tradotto per centri Yoga
Nel caso dei centri Yoga ben organizzati necessario avere un listino di
riferimento e una scala sconti trasparente e ben chiara, soprattutto pi
semplice possibile. comunque possibile praticare prezzi diversi per
tipologie di corso diverse: ad esempio, l'affollato corso serale del luned
potrebbe avere un prezzo pi alto rispetto al corso serale del venerd,
dove nelle grandi citt in genere c' meno gente per via degli impegni
serali e del fuggi fuggi del week-end. Il corso per pensionati e casalinghe
al mattino potrebbe invece avere un prezzo pi basso. Il corso
dell'intervallo di pranzo potrebbe avere un prezzo standard ma al termine
si potrebbe offrire un buffet vegetariano a un prezzo allineato ai costi di
2006
Gianni
Lombardi di zona.
BOZZAUn'offerta
di lavoro - in del
attesa
di revisione
g.lombardi@essai.it
bar
e ristoranti
genere
potrebbe essere
una gran
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
comodit per chi vuole fare yoga nell'intervallo di lavoro ma g.lombardi@tele2.it
senza
61
necessariamente saltare il pasto,p. e6 di
contemporaneamente
un'utile fonte di
entrate per il Centro Yoga.

Tradotto per centri Yoga


Nel caso dei centri Yoga ben organizzati necessario avere un listino di
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
riferimento e una scala sconti trasparente e ben chiara, soprattutto pi
semplice possibile. comunque possibile praticare prezzi diversi per
tipologie di corso diverse: ad esempio, l'affollato corso serale del luned
potrebbe avere un prezzo pi alto rispetto al corso serale del venerd,
dove nelle grandi citt in genere c' meno gente per via degli impegni
serali e del fuggi fuggi del week-end. Il corso per pensionati e casalinghe
al mattino potrebbe invece avere un prezzo pi basso. Il corso
dell'intervallo di pranzo potrebbe avere un prezzo standard ma al termine
si potrebbe offrire un buffet vegetariano a un prezzo allineato ai costi di
bar e ristoranti di zona. Un'offerta del genere potrebbe essere una gran
comodit per chi vuole fare yoga nell'intervallo di lavoro ma senza
necessariamente saltare il pasto, e contemporaneamente un'utile fonte di
entrate per il Centro Yoga.
Inoltre nulla vieta di fare preventivi personalizzati per Yoga aziendale o
per corsi privati con esigenze particolari. L'importo di questi preventivi
potrebbe variare a seconda del periodo dell'anno o della quantit di
lavoro.
3 Aggiungiamo infine che, pur tenendo ben presente il principio che tutti
gli uomini sono uguali, un conto insegnare a un impiegato di 24 anni,
un conto insegnare a un amministratore delegato cinquantenne che, se si
fa male, pu farmi causa servendosi del miglior avvocato della citt. E
che, dirigendo un'azienda di 200 persone, pu influenzare con il suo
malessere (o con il suo benessere psicofisico), almeno 200 famiglie.
2.15 Per diventare insegnanti di Yoga, fra pratica personale, corso per
insegnanti, corsi e seminari di aggiornamento, libri e riviste, si
spendono - o meglio si investono - molte giornate di lavoro e cifre
che vanno tranquillamente dai 3.000 ai 10.000 euro complessivi. Un
anno di pratica di Yoga presso un centro costa dai 300 ai 600 euro
(cifre indicative del 2005); un corso per diventare insegnanti (ce
ne sono di annuali, triennali e quadriennali) pu costare intorno ai
mille-duemila euro l'anno, pi i libri, i trasporti e il tempo da
dedicare allo studio. Uno che bravo, dotato e pieno di buona
volont deve quindi fare almeno due anni di pratica personale e un
corso di almeno un anno, prima di potersi dire insegnante di Yoga. E
questo il minimo, perch nella media chi si accosta
all'insegnamento lo fa dopo almeno 4 o 5 anni di pratica personale,
e poi investe in numerosi corsi, seminari e corsi di aggiornamento
per tutta la vita.
2.16 Per insegnare occorre inoltre continuare a dedicare del tempo alla
pratica personale, investire in abbigliamento e accessori,
continuare ad aggiornarsi, preparare le lezioni sia private sia
collettive. Occorre anche assumersi dei rischi, perch gli allievi
possono trasferire sull'insegnante problemi personali che potrebbe
non essere preparato ad affrontare ma che l'insegnante potrebbe non
avere la presenza di spirito di evitare o di trasferire ad altri.
Oppure, durante la pi innocente delle lezioni, l'allievo pu
infortunarsi e attribuire la responsabilit all'insegnante. Lo Yoga
sicuramente una delle attivit fisiche meno rischiose dello
scibile universale, per ci si pu far male anche praticando Yoga.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 7 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

2.16 Per insegnare occorre inoltre continuare a dedicare del tempo alla
pratica personale, investire in abbigliamento e accessori,
continuare ad aggiornarsi, preparare le lezioni sia private sia
collettive. Occorre
anche
assumersi
dei
rischi, perch gli allievi
BOZZA
di lavoro
- in attesa
di revisione
possono trasferire sull'insegnante problemi personali che potrebbe
non essere preparato ad affrontare ma che l'insegnante potrebbe non
avere la presenza di spirito di evitare o di trasferire ad altri.
Oppure, durante la pi innocente delle lezioni, l'allievo pu
infortunarsi e attribuire la responsabilit all'insegnante. Lo Yoga
sicuramente una delle attivit fisiche meno rischiose dello
scibile universale, per ci si pu far male anche praticando Yoga.
2.17 Nel mondo moderno in cui viviamo, occorre inoltre pagare le tasse e
avvalersi di professionisti come commercialista e avvocato, i quali
giustamente pretendono di essere pagati a loro volta.
2.18 Se, oltre a insegnare, apriamo un centro Yoga, occorre che gli
allievi contribuiscano a pagare le spese generali, l'affitto, i
costi di manutenzione, permettendoci di ricavare un equo stipendio
per noi, per i nostri collaboratori, e per l'impresa di pulizie e
quelli che forniscono il boccione dell'acqua.
2.19 Ecco che sapere fare i conti, stendere un business plan, fare un
minimo di marketing e promozione pubblicitaria sono attivit karmayogiche per le quali possiamo coltivare il non-attaccamento, ma se
non le svolgiamo al meglio saremo costretti a chiudere il nostro
centro Yoga.
2.20 In quel caso accetteremo la sconfitta con distacco e ci limiteremo a
insegnare Yoga privatamente o per conto terzi, in attesa di rifare
l'esperienza quando, con la pratica, saremo diventati pi maturi.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 8 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

3 Il business plan
3.1 Il business plan un foglio in cui vengono calcolati i costi che
l'attivit deve affrontare, e i possibili ricavi. uno strumento
indispensabile per pianificare la propria azienda, anche nel caso in
cui il profitto non sia l'obiettivo primario. Qui non spieghiamo come
realizzare un business plan, ma diamo le indicazioni fondamentali.
Il profitto non dovrebbe essere l'obiettivo primario di nessuna azienda:
un'indice di salute, e uno strumento per sapere che si sta lavorando bene,
ma non l'obiettivo di nessuna attivit, anche se molti fraintendono
questo concetto. E' come la differenza che c' fra "mangiare per vivere" e
"vivere per mangiare". Un'azienda sana ed eticamente bene intesa fa
profitti per poter far bene il suo lavoro, non il contrario.
Per spiegarci: in generale l'obiettivo di una lavanderia lavare bene i
panni a un prezzo conveniente per i propri clienti, l'obiettivo di una
banca offrire servizi finanziari con un buon rapporto qualit prezzo ai
suoi clienti; l'obiettivo di un Centro Yoga offrire corsi di Yoga utili,
piacevoli e ben organizzati ai suoi allievi; in tutti e tre i casi il
profitto, o comunque un margine positivo fra entrate e uscite,
l'indicatore che si sta facendo un buon lavoro anche dal punto di vista
economico. Senza profitti da reinvestire, o almeno un pareggio fra entrate
e uscite, non possibile andare avanti a lungo, e soprattutto, nel caso di
un Centro Yoga, non possibile offrire a lungo un buon servizio agli
allievi.
3.2 Semplificando al massimo, bisogna dividere in due un foglio. A
sinistra si scrivono tutte le spese che si pensa di affrontare:
1 Insegna
L'insegna sulla strada ha un costo e, in Italia, comporta in genere una
tassa che si paga al comune. In genere consentita, senza tasse
aggiuntive, l'installazione di una targa di dimensioni non eccessivamente
grandi all'ingresso dello stabile. Se un condominio bisogna attenersi al
regolamento condominiale per dimensioni e caratteristiche. In genere il
condominio non pu proibire l'installazione della targa che indica
esistenza e ubicazione del Centro Yoga, a meno che il regolamento
condominiale non escluda la possibilit di svolgere simili attivit nel
proprio stabile (in questo caso non solo non si pu mettere la targa, ma
non si pu neanche esercitare l'attivit. Se la si esercita comunque e
qualche condomino avesse da eccepire, il condominio potrebbe passare alla
vie legali per far chiudere il centro). Ovviamente i costi di realizzazione
e installazione della targa sono a carico del Centro Yoga.
2 Affitto
L'affitto una delle voci pi importanti del bilancio, a meno di non avere
la fortuna di possedere un locale adatto. In questo caso non c' il costo
dell'affitto ma c' il mancato reddito derivante dal fatto di NON affittare
il locale a terzi. Bisogna quindi tenerne conto fra le voci di costo, anche
se, quando il locale proprio o di un caro parente, si pu contare sul
fatto che, in caso di tempi difficili, il "proprietario" non mander un
2006
Gianni Lombardi
BOZZA
di lavoro l'affitto.
- in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
decreto
ingiuntivo per
riscuotere
La quota fisiologica
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
dell'affitto circa il 10% del fatturato. Se si prevede di fatturare
p.
9
di
61
200.000 euro e l'affitto del locale 40.000 euro all'anno, bisogna
raddoppiare il fatturato oppure dimezzare la spesa d'affitto, pi o meno.

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


2 Affitto
L'affitto una delle voci pi importanti del bilancio, a meno di non avere
la fortuna di possedere un locale adatto. In questo caso non c' il costo
dell'affitto ma c' il mancato reddito derivante dal fatto di NON affittare
il locale a terzi. Bisogna quindi tenerne conto fra le voci di costo, anche
se, quando il locale proprio o di un caro parente, si pu contare sul
fatto che, in caso di tempi difficili, il "proprietario" non mander un
decreto ingiuntivo per riscuotere l'affitto. La quota fisiologica
dell'affitto circa il 10% del fatturato. Se si prevede di fatturare
200.000 euro e l'affitto del locale 40.000 euro all'anno, bisogna
raddoppiare il fatturato oppure dimezzare la spesa d'affitto, pi o meno.
Per le dimensioni della sala pratica bisogna calcolare almeno 2 mq per
allievo pi 4 mq per l'insegnante. La sala pratica ideale offre 4 mq per
allievo (un adulto di 1,80 pu stare sdraiato e aprire le braccia senza
toccare nessuno) e 8 mq per l'insegnante.
Conviene fare un giro delle agenzie immobiliari della propria zona, e
guardare gli annunci economici, per visitare il maggior numero di locali
possibile, in modo da farsi un'idea attendibile del mercato degli affitti.
Chi vive in un appartamento molto grande e ha la possibilit di destinare
una stanza o, abbattendo delle pareti, un paio di locali a sala pratica pu
iniziare l'attivit senza spese e con poche limitazioni (anche se il
condominio vietasse questo genere di attivit, non pu impedire a chi vi
abita di ricevere chi gli pare e di esercitare la propria attivit
lavorativa se questa non rumorosa, non sporchevole o non disturba).
Ancora pi libero chi vive in una villetta e pu destinare a sala pratica
la classica "taverna" seminterrata o la mansarda. Chi si trova in questa
situazione privilegiata agevolato nell'avviare il proprio centro Yoga,
fermo restando che se l'attivit cresce - o se vuole farla crescere - poi
deve necessariamente traslocare in locali pi grandi e attrezzati. Questa
tipologia di avvio somiglia di pi al lavoro del professore che offre
lezioni private a studenti singoli e piccoli gruppi. Per quanto
l'appartamento o la villetta siano grandi, sar difficile poter far lezione
a pi di quattro o sei persone, a meno di non disporre di locali extra
veramente ampi. Salvo il caso di vere e proprie "lezioni private" (in casa
sua ognuno pu ricevere chi vuole e, se non viola leggi e regolamenti, fare
ci che vuole), se il flusso di allievi ampio e allargato occorre
verificare con un commercialista eventuali obblighi d'impresa, o eventuali
obblighi associativi se si costituisce un'associazione.
Una fonte a cui chiedere informazioni per eventuali obblighi minimi per la
sede della propria attivit lo "Sportello Unico per le imprese" della
propria zona.
3 Leasing immobiliare
Invece di prendere un immobile in affitto lo si pu acquistare in leasing.
In pratica lo si paga a rate, con un importo che superiore a un affitto,
e alla fine del periodo l'immobile pu diventare nostro a un prezzo che
varia fra il 5 e il 30% del suo prezzo al momento della stipula. Il leasing
ha una durata poliennale e offre il vantaggio di fare un investimento
immobiliare invece di pagare un affitto a fondo perduto. Lo svantaggio
che si pi legati, perch, in caso di contrazione delle iscrizioni o in
caso di sviluppo, relativamente facile passare da un immobile in affitto
2006
Gianni
Lombardi
lavoro - in mentre
attesa diin
revisione
g.lombardi@essai.it
a un
altro
pi grandeBOZZA
o pidipiccolo,
caso di leasing
i
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
cambiamenti sono molto pi costosi. Diciamo che il leasing pu
valer la
p. 10 di 61 un investimento immobiliare (poi,
pena se si interessati a fare comunque
se si cambia, si pu subaffittare il locale in leasing continuando a pagare
le rate ed entrando alla fine in possesso del bene) oppure se c' qualche

3 Leasing immobiliareBOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Invece di prendere un immobile in affitto lo si pu acquistare in leasing.
In pratica lo si paga a rate, con un importo che superiore a un affitto,
e alla fine del periodo l'immobile pu diventare nostro a un prezzo che
varia fra il 5 e il 30% del suo prezzo al momento della stipula. Il leasing
ha una durata poliennale e offre il vantaggio di fare un investimento
immobiliare invece di pagare un affitto a fondo perduto. Lo svantaggio
che si pi legati, perch, in caso di contrazione delle iscrizioni o in
caso di sviluppo, relativamente facile passare da un immobile in affitto
a un altro pi grande o pi piccolo, mentre in caso di leasing i
cambiamenti sono molto pi costosi. Diciamo che il leasing pu valer la
pena se si interessati a fare comunque un investimento immobiliare (poi,
se si cambia, si pu subaffittare il locale in leasing continuando a pagare
le rate ed entrando alla fine in possesso del bene) oppure se c' qualche
socio o parente con le spalle economicamente pi grosse interessato a fare
l'investimento immobiliare e disponibile a coprirci le spalle nei periodi
di crisi.
Il leasing deve essere preso in considerazione solo da chi ha le idee ben
chiare in proposito. Con le possibili evoluzioni legislative potrebbe
diventare una soluzione alla portata solo di attivit di una dimensione
maggiore della microazienda o del piccolo centro Yoga.
4 Spese condominiali
Informarsi sull'importo per non avere sorprese, e su eventuali spese
straordinarie che ci possano riguardare come proprietari (se stiamo
comprando) o come inquilini.
5 Riscaldamento
Il riscaldamento una delle spese pi consistenti dopo l'affitto. La
metratura necessaria per aprire un centro Yoga va da un minimo di 120 mq
fino a 500 mq per i centri pi grandi e ambiziosi. Il riscaldamento varia
in proporzione. Attenzione ai soffitti: pi sono alti pi il riscaldamento
costa.
6 Condizionamento
Il condizionamento costa come e forse pi del riscaldamento. Siccome lo
Yoga in genere beneficia del fatto di essere svolto al caldo, l'esigenza
commerciale di avere un impianto di condizionamento non pressante come
nel caso delle palestre tradizionali. Per i primi anni forse
consigliabile farne a meno, anche perch d'estate c' un calo fisiologico
della partecipazione e quindi meglio stare bassi con le spese.
Se i soffitti sono alti, pu essere una buona idea installare dei
ventilatori da soffitto, che oltretutto sono utili anche d'inverno per
rimescolare l'aria e mandar gi il calore che tende a salire in alto.
Possono essere pi che sufficienti per rinfrescare d'estate e sono molto
pi economici del condizionamento.
7 Pulizie
Occorre stipulare un contratto con un'impresa di pulizie. C' di buono che
pulire un parquet di una sala pratica pi facile e veloce di una palestra
tradizionale ingombra di panche, bici da spinning, tapis roulant e macchine
da body building.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 11 di 61

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

7 Pulizie
Occorre stipulare un contratto con un'impresa di pulizie. C' di buono che
pulire un parquet di una sala pratica pi facile e veloce di una palestra
tradizionale ingombra di panche, bici da spinning, tapis roulant e macchine
da body building.
8 Pubblicit e marketing
Soprattutto nei primi tre anni, calcola di dedicare alla promozione
pubblicitaria del Centro Yoga almeno il 10% del fatturato e almeno il 20%
del tempo del titolare o di uno dei soci. In questa voce rientrano
eventuali Pagine Gialle, inserzioni su stampa locale, spese di stampa di
biglietti da visita e volantini, eventuale sito Web e promozione dello
stesso. Possono inoltre rientrare qui le lezioni gratuite e le
dimostrazioni presso palestre e luoghi pubblici.
9 Omaggi
Ad esempio, se decidi di mettere la macchina che eroga acqua calda e acqua
fredda per consentire ai tuoi allievi di dissetarsi e preparare delle
tisane, le bustine di tisana messe a disposizione vanno considerate come
omaggi. Il costo della macchina dell'acqua e dei boccioni d'acqua possono
rientrare qui o fra le spese generali.
10 Stipendio soci e titolari
In fase di avviamento, cos come nelle fasi di crisi, spesso soci e
titolari rinunciano allo stipendio sperando di rifarsi con ricchi dividendi
quando l'impresa decoller. In genere un errore, ed opportuno prevedere
sin da subito, o almeno entro il primo anno, uno stipendio per tutti,
ancorch minimo.
11 Stipendio collaboratori
Riguardo questa voce, bisogna mediare fra la prescrizione di "dare la
giusta mercede agli operai" e la necessit di contenere le spese. Iniziare
in piccolo gestendo tutto in famiglia sempre una scelta prudente. Bisogna
per anche tenere presente che alcuni collaboratori possono rendere invece
di costare. Ad esempio, un insegnante di Yoga che per ipotesi prenda 15
euro l'ora pi 3 euro per ciascun allievo della sua classe (quindi 45 euro
l'ora se insegna a 10 allievi, 75 se insegna a 20) pu essere una risorsa
se un tipo proattivo e capace di darsi da fare per procurare nuovi
allievi.
12 Spese generali
Le spese generali sono tutte le spese di cancelleria, materiali di consumo,
accessori e oggettistica necessari per mandare avanti la baracca.
Prudentemente, calcolare un 10% del fatturato previsto.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 12 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

12 Spese generali

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

13 Computer e stampante
Potrebbe rientrare fra le spese generali. Si tratta di un oggetto
indispensabile per la gestione dell'archivio degli iscritti e potenziali
iscritti. Insieme a una buona stampante laser indispensabile per la
stampa in proprio di dispense e volantini (che, a seconda della tiratura,
possono poi essere fatti fotocopiare oppure stampati tutti con la laser).
Conviene imparare ad usarlo bene, o avere un socio che lo sappia usare
bene e abbia qualche rudimento di marketing e direct marketing.
utile anche per la stampa di tessere associative, attestati di
partecipazione, nonch fatture e ricevute. utile anche per tenere una
contabilit generale, anche se un centro Yoga molto piccolo pu cavarsela
anche con le ricevute prestampate che si comprano in cartoleria e nei
centri uffici.
14 Telefono e Internet
Anche questa una spesa che potrebbe rientrare nelle spese generali. Le
tratto a parte perch hanno importanti risvolti anche dal lato
organizzativo e di comunicazione.
Un telefono fisso utile sia come recapito (molte piccolissime aziende
oggi si arrangiano col solo cellulare) sia per le attivit di
telemarketing, intendendo con questo termine tecnico: inviti ai seminari,
conferme di partecipazione, solleciti vari, telefonate ad ex allievi per
comunicare novit e invitarli a tornare, eccetera.
La connessione a Internet pu sembrare secondaria ma in realt disporre in
ufficio di una buona connessione utile: per la gestione delle e-mail, per
aggiornare il proprio sito o per studiare i siti delle palestre e degli
altri centri yoga, per ogni genere di ricerca professionale o di
documentazione.
Se il centro yoga piccolo, oppure a seconda delle proprie preferenze e
abitudini di lavoro, si pu decidere di tenere computer e connessione
Internet a casa invece che nel centro Yoga, oppure in entrambi i luoghi.
15 Arredamento
Fortunatamente lo Yoga non richiede attrezzature particolari. Calcolare una
scrivania per il lavoro amministrativo, tre sedie (una per s e due per gli
ospiti), uno scaffale per i documenti, una vetrina per i prodotti in
esposizione, una bacheca, un paio di panche o alcune sedie per la sala
d'aspetto, le panche e gli appendiabiti per gli spogliatoi, e poco altro.
una buona idea comprare mobili usati (per risparmiare), oppure mobili di
modernariato o antichi: in questo caso non si risparmia, ma c' la
possibilit che incrementino di valore negli anni, pur rappresentando una
spesa fiscalmente detraibile all'inizio della vita del centro.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 13 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

16 Manutenzioni ordinarie
Idraulico, elettricista, imbianchino per le inevitabili riparazioni
occasionali, per lo sciacquone che perde o per una presa elettrica
aggiuntiva per il computer.
17 Assicurazioni
Lo Yoga fortunatamente una delle attivit fisiche con meno infortuni.
Per con un giro di centinaia di allievi all'anno (almeno si spera),
qualcosa pu sempre capitare. Meglio coprirsi con una buona assicurazione,
sia per le responsabilit civili del proprietario (se l'immobile nostro),
sia per le responsabilit civili dell'inquilino (se siamo in affitto o in
leasing), sia contro gli infortuni nei locali del centro: magari nessuno si
far mai male facendo pratica, ma qualcuno potrebbe scivolare sul parquet
lucidato troppo bene.
18 Commercialista
Il commercialista per un'azienda, anche piccola come un centro Yoga, costa
da 1500 a 3000 euro l'anno, e anche di pi se ci si rivolge a uno studio
avviato con commercialisti di grido. Se si opta per la forma giuridica
dell'Associazione senza fini di lucro, opportuno scegliere un
commercialista che abbia esperienza concreta di associazioni di quel tipo.
19 Accantonamento per emergenze e interventi straordinari
opportuno prevedere qualche migliaio di euro per spese d'emergenza e
lavori di manutenzione straordinari. Eventuali guasti si spera siano
coperti dall'assicurazione, ma spesso bisogna pagare l'intervento in attesa
di ricevere i soldi dall'assicurazione, che magari coprono solo in parte.
20 Spese una tantum
Bisogna anche tenere presenti eventuali spese iniziali. Ad esempio la messa
a norma degli impianti esistenti o la loro ristrutturazione. Questi costi
vanno poi ammortizzati su pi anni perch sono costi che si affrontano una
volta sola, i cui benefici per si distribuiscono (o si "spalmano", come
dicono alcuni) su pi anni di esercizio.
3.3.

A destra invece si scrivono le fonti di entrata:

1 Quote associative
Se il nostro centro Yoga si costituisce come associazione senza fini di
lucro, una fonte di entrata modesta ma significativa data dalle quote
associative. Di solito la tessera d'iscrizione viene fatta pagare dai 10 ai
40 euro, e pu comprendere una visita medica. Dalla stima di quanti allievi
abbiamo bisogno per raggiungere il punto di pareggio e far funzionare il
centro possiamo valutare quante entrate avremo dalle quote associative.
Questi soldi potrebbero servire per coprire le spese generali o le spese di
segreteria.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 14 di 61

3.3.

A destra invece si scrivono le fonti di entrata:

1 Quote associative

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Se il nostro centro Yoga si costituisce come associazione senza fini di
lucro, una fonte di entrata modesta ma significativa data dalle quote
associative. Di solito la tessera d'iscrizione viene fatta pagare dai 10 ai
40 euro, e pu comprendere una visita medica. Dalla stima di quanti allievi
abbiamo bisogno per raggiungere il punto di pareggio e far funzionare il
centro possiamo valutare quante entrate avremo dalle quote associative.
Questi soldi potrebbero servire per coprire le spese generali o le spese di
segreteria.
In certi casi, per certi corsi o in alcuni periodi dell'anno la quota
associativa pu essere gratuita a fini promozionali.

2 Iscrizioni ai corsi
Tenendo presenti i parametri a sinistra del nostro "business plan", cio le
spese reali o stimate, possiamo fare delle stime o delle simulazioni sul
numero di allievi e sui costi da applicare. A 300 euro l'anno ci vogliono
500 allievi per fatturare 150.000 euro: riusciamo a starci dentro con le
spese? Riusciamo a gestire 500 allievi? Se la risposta no a entrambe le
domande, bisogna diminuire gli allievi e aumentare il fatturato medio per
allievo.
Per non fare quote fuori mercato, opportuno valutare i prezzi medi dei
centri yoga e delle palestre in zona. Nulla poi vieta di fare prezzi
diversi, pi alti o pi bassi. Per se il prezzo medio di una lezione di
Yoga in zona 10 euro, difficile trovare allievi chiedendone 30, a meno
di non offrire qualcosa di molto speciale rispetto alla concorrenza. Ad
esempio lezioni pi lunghe, partecipazione ristretta a cinque persone, un
ambiente particolarmente confortevole o cose del genere.
3 Lezioni private
Anche qui si pu fare un ragionamento simile a quello del punto precedente.
Informandosi presso colleghi insegnanti e titolari di altri centri, si pu
scoprire che esistono utili parametri indicativi: ad esempio, si pu
scoprire che ogni 100 allievi che fanno corsi collettivi, ce ne sono,
poniamo, 10 che acquistano cicli di lezioni private. In questo modo si pu
stimare il fatturato generato dalle lezioni private.
Attenzione che in certe condizioni il fatturato delle lezioni private pu
essere un costo, se il prezzo non viene studiato attentamente. In
particolare il tempo del titolare pu essere troppo "prezioso" perch
dedichi troppo tempo a lezioni individuali a 30 o 40 euro l'ora come faceva
quando era insegnante e basta.
4 Vendita di accessori, attrezzature e materiali di consumo (tappetini,
cuscini, libri, accessori per shat-karman, incensi, tisane, ecc)
Con questa voce il primo anno si possono solo fare stime molto
approssimative. Di sicuro non tutti gli allievi compreranno aggetti e
accessori. Prudentemente, si pu calcolare che solo il 20% degli allievi
comprer tappetini, accessori, libri e altri prodotti. Tieni in
assortimento solo prodotti che "vanno" (chiedere sempre al grossista o al
rappresentante quali sono i prodotti che vende di pi: probabilmente
saranno gli stessi che venderai di pi anche tu). Dal secondo anno in poi
fare previsioni sar pi facile, se tieni una statistica dei prodotti
venduti. Il grossista pu inoltre darti indicazioni sul ricarico che
2006
Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
normalmente
viene fatto.
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 15 di 61

4 Vendita di accessori, attrezzature e materiali di consumo (tappetini,


cuscini, libri, accessori per shat-karman, incensi, tisane, ecc)
BOZZA
di lavoro
- in attesa
di revisione
Con questa voce il primo
anno
si possono
solo
fare stime molto
approssimative. Di sicuro non tutti gli allievi compreranno aggetti e
accessori. Prudentemente, si pu calcolare che solo il 20% degli allievi
comprer tappetini, accessori, libri e altri prodotti. Tieni in
assortimento solo prodotti che "vanno" (chiedere sempre al grossista o al
rappresentante quali sono i prodotti che vende di pi: probabilmente
saranno gli stessi che venderai di pi anche tu). Dal secondo anno in poi
fare previsioni sar pi facile, se tieni una statistica dei prodotti
venduti. Il grossista pu inoltre darti indicazioni sul ricarico che
normalmente viene fatto.
Il ricarico la percentuale che normalmente viene aggiunta al prezzo
all'ingrosso per calcolare il prezzo da fare al cliente finale. Il margine
la differenza percentuale fra il prezzo finale e il prezzo d'acquisto: le
due percentuali sono diverse perch vengono calcolare in modo diverso:
partendo dal prezzo d'acquisto nel caso del ricarico, partendo dal prezzo
di vendita nel caso del margine. Se compri una tisana a un euro e la
rivendi a due euro, fai un ricarico del 100% e hai un margine del 50%. Il
ricarico normale va da un minimo del 15% su oggetti di un alto costo, al
300% e oltre per oggetti di costo minimo. Ad esempio, le caramelle e i
cioccolatini venduti sfusi dai tabaccai hanno ricarichi molto elevati, sia
perch c' una transazione minima sotto la quale non c' convenienza (in
questo caso 5 o 10 centesimi di euro per il singolo cioccolatino acquistato
d'impulso), sia perch alta la percentuale di prodotti "minimi" che
vengono rubati.
Le tisane dell'esempio sugli omaggi potrebbero anche essere a pagamento:
una bustina che ti costa 10 centesimi pu essere offerta per 20 o 30
centesimi. Se le metti in un piatto col salvadanaio per raccogliere i
pagamenti volontari devi tenere presente che una quota di allievi non le
pagher. Dal 10 al 30% di quelli che prendono le tisane non pagher o
perch ritiene di pagare abbastanza per l'iscrizione, o perch vuole
approfittarsene, oppure anche perch in buona fede non ha moneta e pensa di
pagare la prossima volta ma poi se ne dimentica. un fenomeno fisiologico
e devi tenerlo presente nella formulazione del prezzo.
3.4 Commisurando le spese alle entrate previste, si pu capire se
necessario stringere la cinghia, se possibile fare investimenti, e
soprattutto quale prezzo chiedere e quanti allievi bisogna trovare.
3.5 Occorre anche tenere presente un costo rappresentato dalle tasse, che
possono pesare in modo diverso a seconda se il centro Yoga
costituito come associazione, come impresa individuale, come societ
di persone o come societ di capitali.
3.6 Il business plan serve per valutare, pi o meno, costi, ricavi e
possibile margine lordo. Su questo occorre poi valutare il peso
dell'imposizione fiscale a seconda del tipo di centro Yoga che si
apre. Qualche domanda a un commercialista, a qualche commerciante
esperto ed a chi ha gi aperto un centro Yoga o una palestra possono
dare indicazioni molto utili.
3.7 All'inizio di una nuova attivit si sempre molto entusiasti e si
spera di avere un successo particolarmente elevato. E facile
lasciarsi trascinare dall'ottimismo e investire in grande
(compatibilmente con le proprie finanze) pensando di compensare le
maggiori spese con l'affluenza di allievi che fanno la fila fuori
dalla
porta con i soldi in mano.
2006 Gianni
Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 16 di 61

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

3.7 All'inizio di una nuova attivit si sempre molto entusiasti e si


spera di avere un successo particolarmente elevato. E facile
lasciarsi trascinare dall'ottimismo e investire in grande
(compatibilmente con le proprie finanze) pensando di compensare le
maggiori spese con l'affluenza di allievi che fanno la fila fuori
dalla porta con i soldi in mano.
3.8 Purtroppo, in genere non va cos. Soprattutto agli inizi, sempre
bene fare molta attenzione alle spese e stare attenti a non
sovrastimare gli incassi. Infatti le spese hanno la cattiva abitudine
di moltiplicarsi e aumentare con grande facilit, mentre le entrate
tendono ad arrivare con maggior fatica. meglio sovrastimare le
spese ed essere cauti nel valutare le entrate, perch queste ultime
sono sempre pi lente a crescere.
3.9 Infatti nell'elenco delle spese abbiamo inserito una ventina di voci
(e altre possono ancora arrivare) mentre fra le entrate le voci sono
solo quattro, di cui una sola fa la parte del leone: le quote di
iscrizione ai corsi.
3.10 Inoltre, anche se nel mondo dello Yoga la gente generalmente pi
buona, onesta e positiva della media, bisogna sempre tenere presente
che, per un motivo o per l'altro, c' sempre qualche cliente che non
paga. A meno di non attuare una tassativa politica di pagamento
anticipato (che pu avere il difetto di scoraggiare le iscrizioni),
opportuno calcolare che il 10% degli allievi, per un motivo o per
l'altro, non pagher le lezioni, a volte anche con giustificazioni
ineccepibili:
A met anno si trasferiscono in un altro quartiere o in un'altra citt;
Perdono il lavoro;
Iniziano con le migliori intenzioni, pagano il primo trimestre, fanno il
secondo trimestre, e improvvisamente, prima che capiti loro l'occasione di
pagare, gli impegni li portano altrove;
Proprio perch sono cos buoni e disinteressati, si aspettano che anche il
loro insegnante di Yoga sia altrettanto buono e disinteressato;
In buona parte di questi casi difficile recuperare i crediti, a meno di
non voler procedere a solleciti molto puntuali e insistenti.
In tutti i casi, circa il 10% degli allievi, se va bene, non pagheranno del
tutto o in parte le lezioni che hanno fatto. opportuno tenerne conto in
fase di pianificazione. Se ci vogliono 150 allievi paganti per raggiungere
il punto di pareggio, vuol dire che occorrono almeno 160 o 170 iscritti per
essere sicuri.
Se per un seminario occorrono 10 iscritti paganti per coprire le spese e
pagare la giornata all'organizzazione, vuol dire che il giorno prima di
partire devono esserci almeno 12 o 13 iscritti, perch 2 o 3, per un motivo
o per l'altro, inevitabilmente all'ultimo momento non si presenteranno.
Spesso non cattiva volont dei singoli: che i casi della vita, quando
si ha che fare con molte persone, incidono sempre.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 17 di 61

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

Se per un seminario occorrono 10 iscritti paganti per coprire le spese e


pagare la giornata all'organizzazione, vuol dire che il giorno prima di
partire devono esserci almeno 12 o 13 iscritti, perch 2 o 3, per un motivo
o per l'altro, inevitabilmente all'ultimo momento non si presenteranno.
Spesso non cattiva volont dei singoli: che i casi della vita, quando
si ha che fare con molte persone, incidono sempre.
3.11 Compilare un business plan un grande aiuto per limitare i rischi e
capire se l'impresa alla propria portata e soprattutto alla portata
del capitale e del lavoro che si possono investire.
3.12 Se l'elenco delle spese del business plan ci scoraggia o non ce la
sentiamo di affrontarlo, invece di aprire un proprio centro Yoga
possiamo anche ipotizzare di stringere accordi con palestre o con
altri centri Yoga:
Ad esempio, si pu proporre a una palestra di organizzare un corso di Yoga
per la terza et al mattino. Siccome la mattina dei giorni feriali le
palestre sono abbastanza poco frequentate, probabile che il titolare
abbia una sala libera e sia disponibile ad affittarla a un buon prezzo
oppure in cambio di una percentuale sulla quota di ciascun allievo.
A questo punto quello che bisogna fare attivare un po' di promozione per
il corso, raccogliere le iscrizioni, tenere il corso e dividere il ricavato
con il padrone della palestra. L'intera iniziativa meno rischiosa di
aprire un proprio centro Yoga ma consente di fare una preziosa esperienza
imprenditoriale in vista di quando lo si aprir.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 18 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

4 Trovare un nome
4.1 Una delle scelte pi delicate di qualsiasi iniziativa imprenditoriale
scegliere il nome.
4.2 Il nome di un'impresa deve rispondere a molte esigenze, alcune delle
quali contraddittorie:
Deve essere piacevole,
memorabile.
facile da scrivere (se possibile),
unico (almeno nella zona: ci sono tante pizzerie "Bella Napoli" per
difficile che ce ne sia pi d'una nella stessa citt, figuriamoci nella
stessa via o nello stesso quartiere),
deve essere evocativo,
e, se possibile, anche significativo.
4.3 Come scegliere il nome del proprio centro
4.3.1 Ci sono molti modi per creare il nome di un'azienda o di un prodotto.
Da una parte ci sono i nomi totalmente inventati. L'esempio pi
classico "Kodak": si tratta di un nome che non significa niente. Il
fondatore della Kodak, George Eastman, lo adott perch era
facilmente pronunciabile in tutte le lingue: evidentemente Eastman
pensava sin da allora a un mercato globale. Dall'altra ci sono i nomi
piattamente descrittivi: il nostro centro potrebbe chiamarsi "Centro
Yoga per la Terza Et" oppure "Centro Yoga per Bambini". In questi
due casi subito chiaro che cosa offriamo. Il lato negativo che
con un nome come "Centro Yoga per la Terza Et" sar difficile
organizzare anche corsi di Fitness, di Power Yoga o di meditazione
per dirigenti stressati.
4.3.2 Si pu adottare il proprio nome: "Centro Yoga Mario Rossi"
4.3.3 Si pu scegliere un nome che per qualche motivo ci caro, per
significato o per ricordi personali: "Centro Yoga Ganesha" potrebbe
essere scelto da qualcuno che ama e vuole comunicare la bonomia e
l'ottimismo del dio indiano in forma di elefante. Il "Centro Yoga
Mumbay" potrebbe invece essere scelto da chi ha fatto un viaggio in
quella citt indiana. E cos via.
4.3.4 Un nome sanscrito o che si rif alla mitologia indiana naturalmente
comunica una certa attenzione alle tradizioni millenarie.
4.3.5 Un nome in italiano oppure in inglese invece potrebbe comunicare una
certa indipendenza e maggiore modernit: "Power Yoga Institute" un
nome che potrebbe attrarre anche persone che normalmente verrebbero
attratte da pi normali palestre.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 19 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

4.3.5 Un nome in italiano oppure in inglese invece potrebbe comunicare una


certa indipendenza e maggiore modernit: "Power Yoga Institute" un
nome che potrebbe attrarre anche persone che normalmente verrebbero
attratte da pi normali palestre.
4.3.6 Il nome potrebbe anche derivare da fatti culturali apparentemente
lontani dalla cultura dello Yoga: "Centro Yoga Matrix"; "Mompracem";
"Centro Yoga Occidentale"; oppure riferirsi a simbologie yogiche
suggestive anche per chi non si interessa di Yoga: "Centro Yoga
Bhujanga"; "Centro Yoga del Cobra";
4.3.7 La prova telefono la pi veloce e indicativa per "testare" un nome:
quando si sceglie un nome prima di tutto immaginare di rispondere al
telefono: se breve, facile da pronunciare, facile da trascrivere
senza equivoci, probabilmente va bene.
4.3.8 A titolo di esempio, ecco alcuni nomi di autentici centri Yoga:
Centro Yoga Saronno
Nome da associazione, con localizzazione geografica. Per chi lo legge,
potrebbe essere un centro comunale, o comunque legato al territorio, il che
rassicura.
Centro Yoga Satyananda
Nome da associazione, con riferimento al guru che ne ispira l'insegnamento
Istituto Yoga Patrian
Nome da associazione, "istituzionale" (gli "istituti" sono sempre seri),
con il cognome del fondatore
Now Power Yoga
Nome che esprime la tipologia di Yoga insegnato di preferenza e il legame
con l'attualit ("now")
Yoga Garden
Nome moderno che intende comunicare serenit, protezione (i giardini sono
spesso cintati) e assortimento (i giardini in genere contengono una grande
variet di piante)
Mini Yogi
Yoga per bambini. Il nome comunica la specializzazione.
Shakti, Centro Studi Yoga
Il nome sanscrito comunica il legame con la tradizione, mentre la
definizione "Centro Studi Yoga" comunica seriet.
Kundalini Yoga

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 20 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Shakti, Centro Studi Yoga

Kundalini Yoga
Attenzione per la tradizione. Energia
Darsana Path
Tradizione e modernit, data dal nome sanscrito con il termine inglese.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 21 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

5 Trovare il luogo
5.1 Salvo i casi dei fortunati che dispongono di un capannone con
parcheggio oppure un loft ben servito dai mezzi pubblici, chi vuole
aprire un centro Yoga deve trovare un posto per esercitare la propria
attivit. Che caratteristiche deve avere il luogo prescelto?
5.1.1 Caratteristiche minime
5.1.1.1 Prima di tutto la sala pratica: deve offrire da due a quattro metri
quadri di spazio libero per ciascun praticante, pi quattro metri
quadri per il maestro. Si tratta di spazi indicativi minimi.
Ovviamente se una sera c' un'affluenza eccezionale ci si pu
stringere, ma non si pu pensare di insegnare regolarmente in un
posto eccessivamente affollato, soprattutto se nelle vicinanze ci
sono centri Yoga pi ampi. Il pavimento deve essere preferibilmente
di parquet di legno. In alternativa si pu pensare al pi economico
parquet artificiale, oppure ai vari laminati plastici che lo
imitano. Il tatami sintetico delle palestre di judo pu andar bene
ma rende pi difficili le posizioni di equilibrio, compresa
sirsasana, la posizione di equilibrio sulla testa.
5.1.1.2 Occorre inoltre un ufficio per le attivit di segreteria. Deve
poter ospitare una sedia, una scrivania e almeno due sedie per gli
ospiti, oltre allo spazio per computer, mobiletti, archivi
eccetera. Naturalmente il lavoro amministrativo potrebbe anche
essere svolto a casa, oppure in un altro ufficio. In ogni caso uno
spazio separato dalla sala pratica e dagli altri ambienti in cui
possibile avere colloqui personali con un allievo ed eventuale
accompagnatore indispensabile.
5.1.1.3 Occorre inoltre uno spazio o una sala d'attesa, dove possono sedere
gli allievi che aspettano il termine della lezione precedente o
l'inizio di quella che li riguarda, con delle sedie oppure delle
panche. In teoria potrebbe andar bene anche uno spazio libero su
parquet con dei cuscini, visto che chi pratica Yoga non dovrebbe
avere problemi a sedere per terra, ma in realt molti principianti
e accompagnatori difficilmente possono rinunciare a una sedia. E'
opportuno che ci sia lo spazio per delle riviste, libri di
argomento yogico, una vetrina con prodotti in vendita, una bacheca
per avvisi.
5.1.1.4 Occorrono infine due spogliatoi, uno per i maschi e uno per le
femmine, nonch bagni e docce se si prevede di fare Yoga molto
dinamico. Se si pratica prevalentemente meditazione, Yoga non
particolarmente dinamico e comunque durante la pratica non si
prevede di far sudare particolarmente gli allievi, si pu
rinunciare alle docce, oppure, soprattutto se lo spazio poco, si
pu anche mantenere uno spogliatoio comune, visto che nella maggior
parte dei casi gli allievi devono solo cambiare i pantaloni, o
indossare una tuta.
2006 Gianni Lombardi
Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 22 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

5.1.1.4 Occorrono infine due spogliatoi, uno per i maschi e uno per le
femmine, nonch
bagni
e docce
se sidiprevede
BOZZA
di lavoro
- in attesa
revisione di fare Yoga molto
dinamico. Se si pratica prevalentemente meditazione, Yoga non
particolarmente dinamico e comunque durante la pratica non si
prevede di far sudare particolarmente gli allievi, si pu
rinunciare alle docce, oppure, soprattutto se lo spazio poco, si
pu anche mantenere uno spogliatoio comune, visto che nella maggior
parte dei casi gli allievi devono solo cambiare i pantaloni, o
indossare una tuta.
5.1.1.5 Deve infine esserci almeno un bagno, oppure il minimo di dotazioni
sanitarie previste dal tipo di uso dell'immobile.
5.1.1.6 Tutto questo deve essere verificato con gli obblighi di legge, che
possono variare a seconda della tipologia giuridica dell'attivit
(le associazioni culturali hanno obblighi diversi rispetto alle
attivit commerciali) e anche a seconda del comune o della
provincia (possono esserci normative comunali, provinciali o
regionali che cambiano, oppure interpretazioni delle normative
nazionali o regionali che cambiano a seconda dell'ufficio che le
interpreta). Ad esempio un'attivit commerciale deve ridurre o
eliminare del tutto le barriere architettoniche e prevedere almeno
un bagno per i portatori di handicap fisici. Un'associazione ha
meno obblighi da questo punto di vista. Attenzione a non dare per
scontato che quel che ti dice l'amico che ha la palestra a Viterbo
o a Bolzano valga anche per te che intendi aprire un centro Yoga
all'interno di un agriturismo in Toscana. Nel tuo comune potrebbero
valere regolamenti speciali, oppure la legge potrebbe essere
interpretata in modo diverso di come accade a Viterbo o Bolzano.
5.1.2 Location
5.1.2.1 Questo termine inglese significa molte cose. Nel mercato
immobiliare significa "localizzazione", ovvero dove si trova
l'immobile. Gli americani dicono che per determinare il valore di
un immobile bisogna tenere presenti tre cose: "location, location,
location". Ovvero, dove l'immobile si trova di fondamentale
importanza, in termini assoluti e in termini relativi. In termini
assoluti, i parametri pi importanti sono questi:
5.1.2.1.1 In centro
5.1.2.1.1.1 Gli immobili pi ambiti generalmente si trovano in centro citt, perch c' molto passaggio pedonale e automobilistico,
perch il centro in genere facilmente raggiungibile da tutte le zone della citt, perch c' sempre grande
concentrazione di servizi: bar, ristoranti, negozi, mezzi pubblici, locali. Tutti questi vantaggi si pagano con affitti alti e
difficolt di parcheggio.

5.1.2.1.2 In periferia
5.1.2.1.2.1 Le periferie e le zone semicentrali possono offrire a un centro Yoga i vantaggio di costi pi bassi senza grandi
penalizzazioni in termini di frequenza. Se la zona facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici o in auto, per l'allievo
pu non essere un problema il fatto che non sia a cinque minuti dalla piazza principale. In genere il risparmio in termini di
affitto e la pi facile accessibilit consente di tenere prezzi pi bassi oppure di raggiungere il punto di pareggio pi
facilmente. Se in zona ci sono molti uffici sar possibile effettuare corsi nell'intervallo di pranzo, mentre la pi facile
raggiungibilit serale consentir di fare corsi pomeridiani e serali senza penalizzazioni. Se invece una zona
residenziale, probabilmente ci si dovr concentrare sui corsi serali, pi qualche corso di mattina per casalinghe e
pensionati, oppure qualche corso pomeridiano per bambini e studenti.

5.1.2.1.3 Prossimit di mezzi pubblici

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 23 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

5.1.2.1.3 Prossimit di mezzi pubblici


5.1.2.1.3.1 La vicinanza di mezzi pubblici molto frequentati, in particolare la metropolitana nelle grandi citt, molto importante.
Meno cruciale nel caso delle piccole citt di provincia, dove i mezzi pubblici non sono particolarmente sviluppati e
purtroppo il mezzo preferito spesso l'auto, il motorino e, pi raramente, la bicicletta.

5.1.2.1.4 Posto per parcheggiare


5.1.2.1.4.1 Parcheggi facili, gratuiti ed accessibili sono ormai un miraggio nella maggior parte dei centri urbani. Il principale
vantaggio delle periferie che possibile ancora trovare capannoni e locali che dispongono di ampi parcheggi, oppure
che danno su viali dove l'affollamento di auto non eccessivo. Ovviamente la disponibilit di parcheggio nelle ore dei
corsi pi frequentati un grosso vantaggio sia per gli allievi sia per gli insegnanti. Fare due giri dell'isolato per trovare un
posto prima del corso di Yoga non piace a nessuno.

5.1.2.1.5 Traffico pedonale


5.1.2.1.5.1 Un grande passaggio di pedoni pu essere interessante soprattutto ai fini pubblicitari e della richiesta di informazioni. In
una strada a grande passaggio pedonale pu bastare mettere una bella targa fuori con scritto "Centro Yoga Surya
Namaskar - 2 lezioni gratuite per tutti" per garantirsi un buon flusso di persone che chiedono informazioni.

5.1.2.2 In termini relativi invece i parametri possono essere questi


5.1.2.2.1 Vicinanza alla propria abitazione
5.1.2.2.1.1 Il fatto di avere il centro Yoga a due passi da casa pu essere un grande vantaggio per alcuni, e molto meno
interessante per altri. Chi ama pranzare a casa propria, per, dopo un po' di tempo pu sentirsi penalizzato per il fatto di
avere preso un locale dall'altra parte della citt, e magari essere costretto a cambiare casa -- o a trasferire il proprio
centro Yoga. Chi invece riesce a fare casa e bottega (magari il centro Yoga al primo piano e la propria abitazione al
secondo) potrebbe scoprire di non riuscire mai a staccare dal lavoro. Ogni situazione pu avere i suoi vantaggi e i suoi
svantaggi.

5.1.2.2.2 Vicinanza di altri centri concorrenti o sinergici


5.1.2.2.2.1 Ovviamente il caso di tenere presente se ci sono altri centri Yoga nelle vicinanze. Non detto che sia
necessariamente negativo: a meno di non offrire esattamente la stessa specializzazione, il fatto che in una zona ci
siano pi di una palestra o pi di un centro Yoga potrebbe contribuire ad allargare il mercato, invece di strapparsi i clienti
l'un con l'altro. A meno che il locale che stiamo prendendo in considerazione non sia particolarmente interessante, il
fatto che ci siano concorrenti vicini da considerare generalmente uno svantaggio.
5.1.2.2.2.2 E' invece un vantaggio la presenza di centri potenzialmente sinergici: ad esempio un supermercato specializzato in
prodotti naturali, oppure un centro benessere che offre massaggi e prodotti naturali possono essere dei preziosi alleati-

5.1.2.2.3 Vicinanza di scuole, parrocchie o altri centri di aggregazione


sociale
5.1.2.2.3.1 Idem nel caso di centri di aggregazione sociale come parrocchie e scuole.

5.1.3 Ci sono diverse possibilit riguardo il luogo dove insegnare.


Proviamo a vederle una per una
5.1.3.1 Ospitalit presso una palestra o un altro centro
5.1.3.1.1 Prima di intraprendere strade impegnative come l'acquisto o
l'affitto di un locale per creare il proprio centro Yoga, ci sono
altre soluzioni a met strada fra l'insegnamento per conto terzi
e la gestione del proprio centro. Si tratta dell'ospitalit
presso un altro locale e del subaffitto.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 24 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

5.1.3 Ci sono diverse possibilit riguardo il luogo dove insegnare.


Proviamo a vederle
unadi per
una
BOZZA
lavoro
- in attesa di revisione
5.1.3.1 Ospitalit presso una palestra o un altro centro
5.1.3.1.1 Prima di intraprendere strade impegnative come l'acquisto o
l'affitto di un locale per creare il proprio centro Yoga, ci sono
altre soluzioni a met strada fra l'insegnamento per conto terzi
e la gestione del proprio centro. Si tratta dell'ospitalit
presso un altro locale e del subaffitto.
5.1.3.1.2 Una buona soluzione imprenditoriale che comporta rischi molto
limitati quella di stipulare un accordo con una palestra, con
un altro centro Yoga, o con una struttura qualsiasi che possa
disporre di una sala e delle attrezzature adatte (una scuola di
ballo, una parrocchia, una scuola privata, un circolo ricreativo,
ecc). L'accordo da fare di questo genere: "cara palestra, io
desidero organizzare un corso di Yoga, quanto mi costa affittare
una sala tutte le settimane dalle ore alle ore?" Dopo di che
stabilisci il costo della sala, il costo del corso, e il numero
di allievi minimo per avviarlo, e cominci a promuoverlo. Il
vantaggio per te che a parte la copertura del costo della sala,
non hai altri rischi. Il vantaggio per chi ti affitta la sala
che copre parte dei suoi costi generali utilizzando una sala in
orari in cui magari sarebbe rimasta vuota. Inoltre la palestra
pu procurare clienti a te, perch alcuni suoi iscritti
potrebbero essere interessati al tuo corso di Yoga, mentre tu
puoi procurare clienti alla palestra, perch alcuni degli allievi
che vengono in palestra per il tuo corso di Yoga potrebbero
decidere di iscriversi alla palestra o acquistare altri servizi
della palestra come sauna, piscina, partecipare a eventi speciali
e cos via.
5.1.3.2 Subaffitto
5.1.3.3 Affitto
5.1.3.4 Leasing immobiliare
5.1.3.5 Acquisto
6 La concorrenza

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 25 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

6 La concorrenza
6.1 Quando si deve aprire un centro yoga opportuno verificare che non ce
ne siano gi nelle immediate vicinanze. Ma la concentrazione di centri
yoga in una data citt o in un dato quartiere potrebbe anche essere un
buon segno: vuol dire che il mercato vivace e c' molta richiesta.
6.2 Inoltre, sempre possibile che, dopo aver aperto e avviato un
bellissimo centro yoga, qualcun altro meno attento nella sua
pianificazione apra il suo nuovo centro yoga proprio vicino a noi.
6.3 Cosa si pu fare? Prima di tutto potrebbe non essere una cattiva
notizia. L'apertura di nuovi centri yoga significa che sempre pi gente
desidera praticare. Inoltre la risposta migliore a un eventuale attacco
della concorrenza pu essere riassunta in una sola parola:
specializzazione.
6.4 Il modo migliore per rispondere alle sfide della concorrenza trovare
una specializzazione o un segmento di mercato in cui si pu eccellere.
6.5 Ad esempio, se i corsi pi frequentati sono quelli di yoga per i bimbi
e quelli per le mamme, mentre i corsi per la terza et battono la
fiacca, evidente che il karma del tuo centro va in una certa
direzione. Quindi un centro yoga specializzato nel seguire i bimbi e le
donne pu tranquillamente prosperare di fianco a un centro yoga
orientato a specializzazioni pi fisiche, lasciando spazio a un terzo
centro yoga che invece si concentra di pi sulle tematiche esoteriche e
spirituali.
6.6 importante quindi concentrarsi sui propri punti di forza, cercando di
coltivare un seguito di allievi interessati alle cose che tu insegnante
o tu centro yoga sai insegnare meglio.
6.7 Bisogna considerare che nel mondo moderno la vera "concorrenza" non
viene da chi fa la stessa attivit, bens da tutte le possibili
attivit alternative: la concorrenza del centro yoga il tempo che la
gente preferisce dedicare alla tv, le happy hour nei bar vicino
all'ufficio, gli impegni quotidiani, la navigazione su Internet, le
chiacchiere al telefono.
6.8 A Saronno il Centro Yoga dove ho praticato si trova in un piazzale dove
convivono felicemente anche un pub, due palestre e una scuola di ballo.
7 Cenni sulle problematiche fiscali

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 26 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

7 Cenni sulle problematiche fiscali


7.1 Molto semplicemente un centro Yoga pu configurarsi giuridicamente
secondo una di queste tipologie principali:
7.1.1 Ditta individuale
7.1.2 Associazione senza fini di lucro
7.1.3 Societ di persone
7.1.4 Societ di capitali
7.2 Ognuna di queste tipologie offre vantaggi e svantaggi diversi, che
vanno esaminati con attenzione con l'aiuto di un buon commercialista,
di un avvocato o di qualche amico esperto in grado di indirizzare,
almeno a grandi linee, la scelta.
7.3 Essenzialmente la grande divisione fra le prime tre tipologie (che
prevedono l'apertura di una partita iva) e la quarta.
7.4 I due modi pi semplici per aprire un centro Yoga sono i primi due.
7.5 La ditta individuale presuppone l'apertura di una partita iva, una
serie di obblighi commerciali e legali, la totale responsabilit
dell'impresa (se il centro Yoga si indebita e non guadagna, il
titolare paga tutti i debiti, dalla bolletta del telefono
all'affitto).
7.6 L'Associazione senza fini di lucro comporta obblighi contabili
semplificati e la responsabilit in solido del presidente che risponde
in prima persona di tutti gli impegni dell'associazione (come nel caso
della ditta individuale, se il Centro Yoga non paga la bolletta del
telefono, la societ telefonica si rivale sul presidente che paga con
i suoi soldi, se l'associazione non ne ha).
7.7 Le societ di persone comportano che gli obblighi vengono divisi
personalmente dai soci, in proporzione con le quote societarie e a
seconda della tipologia delle quote stesse.
7.8 Le societ di capitali comportano che il rischio sia limitato al
capitale versato, per hanno maggiori obblighi contabili e maggiori
costi di creazione. Aprire una srl, societ a responsabilit limitata,
comporta l'esborso di circa 10.000 euro fra spese, tasse e capitale
sociale e la tenuta dei libri contabili costa diverse migliaia di euro
l'anno di commercialista. Non il caso di pensare a una srl se non si
pensa di fatturare almeno 100.000 euro gi al primo anno.
7.9 Se si opta per l'associazione senza fini di lucro, importante
rivolgersi a un commercialista esperto di associazioni (ovvero un
commercialista che tiene la contabilit di almeno un'altra
associazione), oppure rivolgersi a strutture associative consolidate
che accolgono al loro interno altre associazioni culturali (Arci Uisp,
associazionismo cattolico, ecc).
2006 Gianni Lombardi
Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 27 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


7.9 Se si opta per l'associazione senza fini di lucro, importante
rivolgersi a un commercialista esperto di associazioni (ovvero un
commercialista che tiene la contabilit di almeno un'altra
associazione), oppure rivolgersi a strutture associative consolidate
che accolgono al loro interno altre associazioni culturali (Arci Uisp,
associazionismo cattolico, ecc).
7.10 Esistono sicuramente anche altre tipologie giuridiche e fiscali (ad
esempio le cooperative, le cooperative a responsabilit limitata, le
societ per azioni) rispetto a questo brevissimo excursus, ma l'esame
approfondito delle problematiche legali e fiscali esula da questo
manuale pratico.
7.11 Dal punto di vista fiscale e giuridico occorre tenere presenti questi
principi fondamentali:
7.11.1 La legislazione italiana particolarmente intricata
7.11.2 La legislazione soggetta ad evoluzione continua per cui quando si
decide di aprire occorre sentire persone informate e aggiornate
7.11.3 La legislazione pu variare a molti livelli: europeo, nazionale,
regionale, provinciale e comunale. Quello che vale in un comune pu
non valere in un altro comune, sia per variazioni nei regolamenti
locali, sia per variazioni negli usi, sia per variazioni nelle
interpretazioni.
7.11.4 sempre consigliabile sentire pi pareri. Un commercialista pu non
essere perfettamente informato su questa o quella problematica. Lo
stesso pu valere per il funzionario comunale.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 28 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

8 Come promuovere il centro (pubblicit, passaparola, Internet,


promozioni)
8.1 La pubblicit, come il denaro, uno strumento. Non n buono n
cattivo. Fanno pubblicit le fabbriche di armi e le associazioni non
profit. In Italia, fanno pubblicit anche la Chiesa e la Conferenza
Episcopale Italiana, con lo scopo di incoraggiare gli italiani a donare
il sette per mille nella dichiarazione dei redditi. Seguono il loro
esempio anche la Chiesa Valdese, la Chiesa Evangelica e, in un modo o
nell'altro, numerose confessioni religiose, associazioni umanitarie,
partiti politici, organizzazioni sindacali in Italia e nel mondo.
8.2 La pubblicit, come ha intitolato il suo libro Michele Rizzi, uno dei
pi grandi pubblicitari italiani, una cosa seria. Nella pratica una
serie di tecniche che consentono di far conoscere il proprio prodotto,
servizio commerciale o, come nel caso di chiese e organizzazioni
umanitarie, un problema o un servizio sociale al pubblico.
8.3 Anche mettere una semplice locandina dal panettiere o mandare un
comunicato stampa al bollettino parrocchiale pubblicit.
8.4 La pubblicit di qualsiasi tipo comporta investimenti in tempo e denaro
e, se ricorrono due condizioni, rende sempre:
8.4.1 1. Il prodotto o servizio deve essere valido per il potenziale
cliente o utilizzatore
8.4.2 2. Il messaggio deve essere il pi possibile chiaro, semplice e
diretto.
8.5 In Italia esistono numerosi pregiudizi nei confronti della pubblicit,
frutto di una mentalit piuttosto arretrata e di alcuni equivoci. Gli
equivoci principali sono due:
che la pubblicit debba essere necessariamente ingannevole
che sia un lusso riservato a chi dispone di molto denaro
8.6 La pubblicit ingannevole esiste, ma si chiama truffa. In realt in
genere pi un paese evoluto e pi difficile che i messaggi
pubblicitari siano falsi ed praticamente impossibile che falsifichino
i dati relativi a un prodotto. La pubblicit, proprio per la sua natura
di "messaggio pubblico" sottoposta a molti esami: prima di tutto
quello dei concorrenti, che sono i primi ad essere interessati a
denunciare messaggi ingannevoli. Fanno eccezione situazioni di mercato
collusivo, in cui poche aziende si dividono un mercato in base a taciti
accordi di spartizione. In Italia un esempio di oligopolio collusivo
stato fino a poco tempo fa il mercato delle telecomunicazioni, in cui
gli operatori sono stati sospettati di accordi per tenere alte le
tariffe telefoniche e i messaggi ingannevoli rispetto alle tariffe in
effetti sono stati molti. Ma il problema in questo caso sono la
legislazione accomodante nei confronti dei grossi operatori, la
collusione fra operatori economici e sistema politico, la concorrenza
imperfetta. La pubblicit in s e per s non c'entra niente: solo
2006 Gianni
Lombardi
di lavoroeticamente
- in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
l'ultimo
anello diBOZZA
una catena
discutibile.
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 29 di 61

i dati relativi a un prodotto. La pubblicit, proprio per la sua natura


di "messaggio pubblico" sottoposta a molti esami: prima di tutto
quello dei concorrenti, che sono i primi ad essere interessati a
denunciare messaggi
ingannevoli.
BOZZA
di lavoro - in Fanno
attesa eccezione
di revisione situazioni di mercato
collusivo, in cui poche aziende si dividono un mercato in base a taciti
accordi di spartizione. In Italia un esempio di oligopolio collusivo
stato fino a poco tempo fa il mercato delle telecomunicazioni, in cui
gli operatori sono stati sospettati di accordi per tenere alte le
tariffe telefoniche e i messaggi ingannevoli rispetto alle tariffe in
effetti sono stati molti. Ma il problema in questo caso sono la
legislazione accomodante nei confronti dei grossi operatori, la
collusione fra operatori economici e sistema politico, la concorrenza
imperfetta. La pubblicit in s e per s non c'entra niente: solo
l'ultimo anello di una catena eticamente discutibile.
8.7 Inoltre la pubblicit un investimento e non un costo, n tanto meno
un lusso. Qualsiasi attivit commerciale deve (anche se non se ne
accorge) dedicare tempo e risorse alla pubblicit. Fosse pure col
passaparola o telefonando ogni tanto ai clienti pi importanti quando
non si fanno vivi. normale che un'impresa dedichi una percentuale di
fatturato alla pubblicit, in genere dal 2 al 25% a seconda del settore
merceologico. Nel caso di un centro Yoga opportuno pensare almeno al
5% del proprio fatturato, pi parecchio lavoro personale del titolare o
dei soci.
8.8 Quali attivit pubblicitarie e promozionali si possono fare?
8.8.1 Sito Web
8.8.1.1 Per fare e mantenere un sito web si possono spendere 500 euro come
500.000. Ovviamente un centro Yoga si terr preferibilmente verso
la fascia bassa della spesa, con risultati in proporzione. Oggi
avere un sito web quasi indispensabile, e la spesa pu essere
mantenuta ai minimi termini se si fa un semplice sito di
presentazione con queste pagine minime:
8.8.1.1.1 Home page - Chi siamo
8.8.1.1.1.1 La pagina di sintesi che descrive brevemente il Centro Yoga e i punti essenziali della sua filosofia o dei servizi che offre.
Se offriamo condizioni promozionali, questo il luogo dove ricordarle brevemente. Ad esempio, le classiche due lezioni
di prova gratis devono essere ricordate qui. Se le offerte promozionali sono diverse, pu essere utile un link che porta
alla parte relativa nella pagina delle tariffe.

8.8.1.1.2 Gli insegnanti


8.8.1.1.2.1 Un breve profilo del titolare, degli eventuali soci, o dei principali insegnanti, con foto.

8.8.1.1.3 Dove siamo


8.8.1.1.3.1 Indirizzo, telefono, e-mail, e tutte le istruzioni per raggiungerci e chiedere informazioni

8.8.1.1.4 Gli orari dei corsi


8.8.1.1.4.1 In questa pagina devono esserci l'elenco dei corsi ospitati dal centro con i rispettivi orari, ricordando anche se
possibile avere lezioni private o per piccoli gruppi, presso il centro o a casa propria.

8.8.1.1.5 I servizi offerti


8.8.1.1.5.1 Questa pagina in un certo senso un doppione di quella degli orari, per consente di elencare anche eventuali altri
servizi, come massaggi, medicina ayurvedica, e cose del genere.

8.8.1.1.6 Le tariffe

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 30 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


8.8.1.1.5 I servizi offerti

8.8.1.1.6 Le tariffe
8.8.1.1.6.1 In genere in Italia, per mille motivi, siamo poco abituati alla trasparenza dei prezzi, per cui raro che vengano pubblicate
le tariffe sul sito web. In genere un'indice di seriet e professionalit. Se ci sono offerte promozionali (le gi citate
classiche due lezioni gratis, forfait annuali particolarmente convenienti, abbonamenti per tot lezioni ecc) questa la
pagina giusta per descriverle in dettaglio.

8.8.2 Locandine
8.8.2.1 Oggi con il computer e le stampanti laser e a getto d'inchiostro
possibile fare locandine e volantini in modo rapido ed economico.
Una locandina, cio un piccolo manifesto da affiggere generalmente
al chiuso, pu essere facilmente realizzata stampando una copia in
formato A4 (cm 21 x 29,7, il formato standard delle stampanti) e
poi facendola fotocopiare in formato A3 (29,7 x 42, il doppio
dell'A3). Le locandine pubblicitarie e promozionali possono essere
affisse nella sala d'attesa del proprio centro Yoga (mai
dimenticare che i primi a dover essere esposti alla propria
attivit pubblicitaria sono i propri clienti); nelle portinerie
degli stabili vicini, dove possibile; sulla porta o nei bar dei
paraggi, quando i padroni lo consentono; alle vetrine dei negozi
amici. A seconda del posto disponibile in negozio o nel bar, i
titolari potrebbero essere disponibili ad affiggere la locandina
grande, in formato A3, o una versione piccola, in formato A4. Pu
essere una buona idea ricavare in basso una serie di talloncini con
telefono e indirizzo e-mail, come fanno le baby sitter quando
mettono gli annunci nelle panetterie. La locandina pu essere
stampata in bianco e nero su carta bianca, oppure su carta
colorata, oppure totalmente a colori. Nel caso della stampa a
colori, se non si dispone di una stampante a colori in formato A3,
bisogna portare il file a un centro servizi e farsela stampare l
nel numero di copie necessarie. Se non si ha un buon gusto grafico,
meglio stare sul semplice e stampare in bianco e nero.
8.8.2.2 Attenzione che, a seconda del comune in cui operi, l'esposizione di
locandine nei luoghi pubblici potrebbe essere soggetta a obblighi
particolari e tasse comunali sulla pubblicit esterna.
8.8.3 Affissioni comunali
8.8.3.1 Un ottimo strumento pubblicitario costituito dalle affissioni
comunali perch mettono il marchio del tuo centro Yoga sotto gli
occhi di chi frequenta i suoi paraggi.
8.8.3.2 Comportano dei costi che vanno valutati:
8.8.3.2.1 Realizzazione dell'esecutivo a cura di un'agenzia pubblicitaria o
di un art director (l'esecutivo il prototipo da cui lo
stampatore ricava le pellicole di stampa. Se semplice pu
essere realizzato direttamente dallo stampatore).

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 31 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

8.8.3 Affissioni comunali


BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
8.8.3.2 Comportano dei costi che vanno valutati:
8.8.3.2.1 Realizzazione dell'esecutivo a cura di un'agenzia pubblicitaria o
di un art director (l'esecutivo il prototipo da cui lo
stampatore ricava le pellicole di stampa. Se semplice pu
essere realizzato direttamente dallo stampatore).
8.8.3.2.2 Eventuali diritti fotografici (se il manifesto contiene delle
foto, potrebbe essere necessario pagare dei diritti d'utilizzo, a
meno che non siano foto realizzate in proprio oppure di pubblico
dominio).
8.8.3.2.3 Stampa delle copie
8.8.3.2.4 Tasse comunali e costo dell'affissione
8.8.4 Volantini
8.8.4.1 Per i volantini vale lo stesso discorso delle locandine, con la
differenza che in genere pi facile poterseli stampare da soli,
soprattutto se si dispone di una stampante laser. Le stampanti a
getto d'inchiostro vanno bene per stampare un originale da
fotocopiare, ma generalmente sono troppo lente e antieconomiche per
stampare molte copie dello stesso documento. Un volantino in bianco
e nero stampato con la laser pu costare pochi centesimi per copia,
mentre lo stesso foglio stampato a getto d'inchiostro pu costare
anche 40 centesimi per copia, a causa della scarsa durata e
dell'alto costo delle cartucce d'inchiostro.
8.8.4.2 I volantini saranno distribuiti prevalentemente presso il centro e
saranno in genere dei promemoria per i propri allievi con le
offerte promozionali, le principali condizioni, i servizi offerti,
le caratteristiche di eventi e seminari.
8.8.4.3 Per fare distribuzioni per la strada occorre in genere il permesso
del comune, mentre per il cosiddetto porta a porta (la
distribuzione nelle caselle postali) ci sono aziende specializzate.
8.8.4.4 Nel caso del porta a porta, vengono distribuiti in genere alcune
migliaia di volantini in altrettante caselle postali nei quartieri
vicini al centro Yoga. I costi sono abbastanza bassi, e in genere
le agenzie specializzate forniscono anche il servizio di stampa. In
tirature sopra le 500 copie in genere la stampa tipografica pi
economica delle fotocopie o delle stampe laser. utile farsi fare
un preventivo da uno stampatore indipendente per confrontarlo con
il preventivo di stampa dell'agenzia di distribuzione.
8.8.4.5 Il fatto di distribuire 3000 o 5000 volantini non deve dare
illusioni su quella che tecnicamente viene definita "redemption",
cio il ritorno dell'operazione: per mille motivi, coloro che poi
vengono al centro col volantino in mano oppure telefonano per
chiedere informazioni sono una percentuale che va dall'1% all'1 per
mille o meno. In pratica distribuendo 5000 volantini potrebbero
saltar fuori solo 4 o 5 iscritti paganti. Ciononostante
l'operazione potrebbe essere conveniente perch, a fronte dei 500 o
1000 euro spesi per la stampa e distribuzione i 4 o 5 iscritti
paganti possono rappresentare un "fatturato" di due o tremila euro
2006 Gianni nei
Lombardi
BOZZA di lavoro
- in attesa
di revisione
tre anni seguenti,
e possono
inoltre
portare nuovig.lombardi@essai.it
clienti al
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
centro. La valutazione del ritorno pubblicitario,
infatti,
non va
p. 32 di
61
fatta sulle vendite generate
immediatamente,
ma tenendo presente la
"vita media" del cliente ed eventuali altre ricadute.

8.8.4.5 Il fatto di distribuire 3000 o 5000 volantini non deve dare


illusioni su quella
tecnicamente
viene definita "redemption",
BOZZA diche
lavoro
- in attesa di revisione
cio il ritorno dell'operazione: per mille motivi, coloro che poi
vengono al centro col volantino in mano oppure telefonano per
chiedere informazioni sono una percentuale che va dall'1% all'1 per
mille o meno. In pratica distribuendo 5000 volantini potrebbero
saltar fuori solo 4 o 5 iscritti paganti. Ciononostante
l'operazione potrebbe essere conveniente perch, a fronte dei 500 o
1000 euro spesi per la stampa e distribuzione i 4 o 5 iscritti
paganti possono rappresentare un "fatturato" di due o tremila euro
nei tre anni seguenti, e possono inoltre portare nuovi clienti al
centro. La valutazione del ritorno pubblicitario, infatti, non va
fatta sulle vendite generate immediatamente, ma tenendo presente la
"vita media" del cliente ed eventuali altre ricadute.
8.8.4.6 In genere succede molto raramente che un allievo si iscrive,
frequenta un mese e poi sparisce, cos come il caso contrario, un
allievo si iscrive e poi frequenta per sempre. Nella pratica ci
sar una frequentazione media: molto probabilmente in media gli
allievi frequenteranno per tre anni. In questo caso sappiamo che,
se la quota per un anno di Yoga 500 euro, il valore medio di un
nuovo allievo 1500 euro. Un volantinaggio porta a porta che ci
costa 500 euro e produce tre nuovi allievi quindi un successo,
perch genera un fatturato potenziale di 4500 euro, fra iscrizione
immediata e iscrizioni future. Gli investimenti pubblicitari vanno
sempre valutati tenendo presente la vita media dell'iscritto, vita
media che all'inizio dell'attivit possiamo solo ipotizzare (due o
tre anni una buona stima) ma che col tempo, registrando gli
iscritti e le quote pagate, potremo valutare con grande precisione.
8.8.5 Biglietti da visita
8.8.5.1 Il biglietto da visita lo strumento pubblicitario pi umile ma
per certi versi uno dei pi potenti. Il mio consiglio : appena
diventi insegnante di Yoga, fatti subito un biglietto da visita e
tienilo sempre a portata di mano ogni volta che capita di parlare
di Yoga con amici e conoscenti.
8.8.5.2 Come dice un esperto di marketing, il biglietto da visita un
oggetto pubblicitario che viene guardato almeno tre volte: quando
lo ricevi; quando lo tiri fuori dalla borsa o dal portafogli per
metterlo da parte; quando metti in ordine la raccolta dei biglietti
da visita per decidere se tenerlo o buttarlo. Inoltre
estremamente utile per il passaparola: la persona appena conosciuta
pu passarlo a un conoscente interessato allo Yoga, oppure pu
fotocopiarlo o fargli copiare il numero di telefono.
8.8.5.3 Il biglietto da visita deve essere semplice. Se si vuole un
biglietto da visita buono per tutti gli usi, bisogna scrivere solo
nome, cognome, indirizzo postale, telefono, cellulare, indirizzo email ed eventuale sito web. La dizione "insegnante di Yoga", oppure
"centro Yoga" e l'eventuale offerta promozionale "due lezioni
gratis" possono essere aggiunte a mano quando lo si passa alla
persona interessata. In questo modo il biglietto pu servire anche
per altri usi privati o professionali. Con l'aggiunta a mano al
momento il biglietto "acquista valore". Ovviamente se uno ha una
vita sociale attivissima e usa molti biglietti, stampare tutto
pi pratico.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 33 di 61

8.8.5.3 Il biglietto da visita deve essere semplice. Se si vuole un


biglietto da visita buono per tutti gli usi, bisogna scrivere solo
di lavoro
- in attesatelefono,
di revisione cellulare, indirizzo enome, cognome,BOZZA
indirizzo
postale,
mail ed eventuale sito web. La dizione "insegnante di Yoga", oppure
"centro Yoga" e l'eventuale offerta promozionale "due lezioni
gratis" possono essere aggiunte a mano quando lo si passa alla
persona interessata. In questo modo il biglietto pu servire anche
per altri usi privati o professionali. Con l'aggiunta a mano al
momento il biglietto "acquista valore". Ovviamente se uno ha una
vita sociale attivissima e usa molti biglietti, stampare tutto
pi pratico.
8.8.5.4 Pu essere opportuno fare un biglietto generico con il marchio del
centro Yoga, recapiti, eventuale offerta promozionale delle due
lezioni gratis e un altro biglietto che, oltre a nome e marchio del
centro Yoga riporta il proprio nome. Il biglietto generico potrebbe
essere utilizzato da insegnanti autonomi, oppure pu avere usi
multipli: come tessera d'iscrizione (riportando a mano n. di
tessera e nome dell'iscritto); come "buono sconto" da distribuire
(riportando a mano oppure con un timbro o un'etichetta autoadesiva
l'offerta o lo sconto); come "badge" per seminari ed eventi.
8.8.6 Pagine Gialle
8.8.6.1 Una volta le Pagine Gialle in edizione cartacea erano lo strumento
pubblicitario principe per le piccole attivit (anche grazie a una
forza vendita particolarmente aggressiva e tenace nei confronti di
negozi e artigiani). Oggi sono abbastanza superate da Internet,
anche se, per chi non ha l'accesso internet in casa e per le
persone di mezza et ed oltre restano una risorsa utile. Dovendo
scegliere fra spendere 1000 euro sulle pagine gialle o per fare il
proprio sito web, io opterei sicuramente per la seconda
possibilit. Se per c' un po' di "budget" pubblicitario che
avanza, forse fare un annuncio nella categoria "palestre", "Centri
benessere" e simili potrebbe valere la pena. Se si fa, bisogna
prendere l'abitudine di chiedere a tutti i nuovi arrivati che
chiedono informazioni dove hanno avuto nome e telefono. Se, dopo un
anno o due di presenza, nessuno risponde "dalle Pagine Gialle",
conviene eliminare la spesa. Se invece qualcuno segnala di aver
trovato l'indirizzo sulle Pagine Gialle, verificare se si tratta
dell'edizione cartacea o delle Pagine Gialle online su Internet, e
poi valutare in base al numero di persone che arrivano da quella
fonte. E' sempre opportuno tenere presente che le dichiarazioni dei
clienti non sempre sono perfettamente attendibili: non
infrequente che dichiarino "ho visto la pubblicit sul giornale X"
ad aziende che fanno regolarmente pubblicit sul giornale Y, oppure
"ho avuto l'indirizzo da un amico" mentre in realt hanno visto la
locandina del centro Yoga al bar e l'indirizzo dell'amico
riguardava la palestra di fitness. Questo dipende dal fatto che la
memoria, in fatto di pubblicit, labile. Nel complesso, tenere
nota delle fonti da cui arrivano richieste di informazioni e nuovi
iscritti utile per valutare, almeno a grandi linee, quali sono i
mezzi promozionali e pubblicitari che funzionano meglio.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 34 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

8.8.7 Adwords
8.8.7.1 [da completare]
8.8.8 Mailing
8.8.8.1 [da completare]
8.8.9 E-mailing
8.8.9.1 [da completare]
8.8.10 Database
8.8.10.1 La prima cosa da fare quando si intraprende qualsiasi attivit
professionale e commerciale tenere un database ben organizzato
di clienti e potenziali clienti. Questo serve sia per avere
statistiche su chi ha comprato cosa, ma anche per inviare
informazioni, novit e messaggi promozionali agli iscritti, ex
iscritti, agli amici, ai potenziali iscritti e a chiunque
conosciamo che potrebbe diventare cliente o mandare clienti.
8.8.10.2 Dal punto di vista informatico si pu partire con un semplice
foglio Excel in cui si segnano nomi e indirizzi di clienti e
potenziali clienti, per poi passare a programmi di database pi
potenti (Excel un foglio di calcolo molto potente, ma come
database molto limitato). Il programma che consiglio io, perch
lo conosco bene, Filemaker, disponibile sia per Mac OS sia per
Windows. Un altro database molto potente Servoy. Ci sono inoltre
programmi gi pronti di "contact management", ovvero di gestione
di archivi di clienti e potenziali clienti.
8.8.10.3 Se non si ha confidenza col computer, si pu utilizzare anche un
semplice schedario cartaceo: una scheda per ciascun cliente e
potenziale cliente dove segnare i recapiti, il tipo di
informazioni richieste, i corsi o le lezioni acquistate. Anche se
poi diventa difficile fare statistiche, se non contando a mano le
schede, diventa uno strumento prezioso per telefonare agli ex
iscritti e agli iscritti che non si fanno vivi da un po' di tempo.
8.8.10.4 Indipendentemente dal programma, il database dei clienti e
potenziali clienti deve contenere questi dati:
8.8.10.4.1 nome
8.8.10.4.2 cognome
8.8.10.4.3 indirizzo postale
8.8.10.4.4 telefono
8.8.10.4.5 cellulare

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 35 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

8.8.10.4 Indipendentemente dal programma, il database dei clienti e


potenziali clienti deve contenere questi dati:
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

8.8.10.4.4 telefono
8.8.10.4.5 cellulare
8.8.10.4.6 e-mail
8.8.10.4.7 eventuali recapiti di lavoro
8.8.10.4.8 esperienza Yoga (principiante, intermedio, avanzato, ecc)
8.8.10.4.9 tipo di interesse mostrato nei confronti del centro (corsi,
lezioni private, tappetini e accessori, massaggi, medicina
ayurvedica, q quant'altro offerto dal centro)
8.8.10.4.10 Cronistoria degli acquisti fatti
8.8.10.5 Questi dati non devono essere necessariamente completi per tutte
le schede: soprattutto nel caso di chi ci chiede solo
informazioni, magari potrebbero limitarsi in un nome e un numero
di telefono, oppure un nome e un indirizzo e-mail. Quando qualcuno
telefona o si fa vivo per avere informazioni sui corsi,
opportuno chiedere sempre, se possibile, nome, telefono ed
indirizzo e-mail. In questo modo la persona potr essere
ricontattata sia telefonicamente, se ne vale la pena (ogni
telefonata richiede in media almeno 5-10 minuti di tempo: in
un'ora si riescono a contattare al massimo 10-15 persone), sia via
e-mail. Quest'ultimo sicuramente il mezzo pi veloce ed
economico per mandare informazioni a un gran numero di persone:
mandare un messaggio e-mail a mille persone richiede una decina di
minuti, mentre fare mille telefonate richiede fino a cento ore di
lavoro. In certi casi pu valer la pena di telefonare (durante la
telefonata si possono raccogliere informazioni preziosissime,
inoltre una telefonata personale ha un impatto molto maggiore di
un semplice messaggio e-mail), in altri casi una circolare via email certamente la soluzione pi conveniente per il suo rapporto
costo/benefici.
8.8.11 Telemarketing
8.8.11.1 Possiamo chiamare telemarketing qualsiasi attivit che comprenda
chiamare al telefono clienti e potenziali clienti in modo
sistematico. Ad esempio, chiamare una ventina di ex iscritti per
segnalare loro che imminente un evento o un seminario che
potrebbe essere di loro interesse. Gli iscritti recenti gi lo
sanno attraverso gli avvisi che possono essere fatti all'inizio
delle lezioni, e attraverso la bacheca e i volantini del centro.
Chi invece, per mille motivi, non frequenta da qualche settimana
potrebbe essere interessato all'evento ma se nessuno glielo fa
sapere non si iscriver mai.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 36 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

sistematico. Ad esempio, chiamare una ventina di ex iscritti per


segnalare loro che imminente un evento o un seminario che
potrebbe essere di loro interesse. Gli iscritti recenti gi lo
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
sanno attraverso gli avvisi che possono essere fatti all'inizio
delle lezioni, e attraverso la bacheca e i volantini del centro.
Chi invece, per mille motivi, non frequenta da qualche settimana
potrebbe essere interessato all'evento ma se nessuno glielo fa
sapere non si iscriver mai.
8.8.11.2 Il giudizio sul telemarketing molto relativo: dal punto di vista
di chi riceve la telefonata pu essere molto fastidioso o molto
gradito. Dal punto di vista di chi fa la telefonata pu essere
molto costoso o molto economico. Il costo puro e semplice della
telefonata non l'unica componente da tenere presente: anche il
tempo di chi fa le telefonate importante.
8.8.11.3 Prima di tutto bisogna tenere presente che, a meno di dover fare
comunicazioni telegrafiche, del tipo "la lezione di gioved alle
17 annullata perch l'insegnante malato" difficilmente si
riesce a fare pi di 10 telefonate l'ora, facendo almeno 20
tentativi telefonici: almeno una volta su due non risponde nessuno
oppure il telefono occupato, e quando qualcuno risponde la
persona che cerchiamo potrebbe non essere disponibile. Se abbiamo
60 numeri di telefono di iscritti dell'anno scorso e vogliamo
invitarli al seminario da 300 euro in agriturismo, dobbiamo
calcolare almeno tre-sei ore di telefonate per tirare su due o tre
iscritti sicuri e qualche "ci devo pensare".
8.8.11.4 Se sei pieno di impegni e lavoro, telefonare un costo pari
almeno al guadagno che faresti dedicandoti ad altro, o rinunciando
al riposo. Se invece hai tanto tempo libero, allora l'unico costo
e' quello telefonico che, in caso di telefonate urbane, si riduce
s e no a un euro o due l'ora a seconda del contratto telefonico
che hai.
8.8.11.5 Tieni presente che il telemarketing pu comunque non essere
gradito, esistono degli orari in cui pi facile riuscire a
parlare senza disturbare, e inoltre un'attivit che meglio
dedicare ai clienti e potenziali clienti con un buon rapporto con
il centro, sia perch si tratta di un mezzo molto personale, sia
perch per gli altri meglio allargare il numero e usare e-mail,
posta cartacea ed sms.
8.8.12 Sms
8.8.12.1 Gli sms, acronimo di "short message service", detti anche
"messaggini" sono un buon modo per inviare messaggi ai propri
clienti che avvisano di novit importanti, di imprevisti come la
sospensione di una lezione, e di eventi per i quali il ricevente
deve chiedere informazioni telefonando al centro o facendo
riferimento al sito web della scuola.
8.8.12.2 Per poche decine di numeri telefonici possono essere spediti con
qualsiasi telefono che abbia la funzione di invio in circolare.
Per liste pi ampie ci sono servizi specializzati sul Web. Da
tenere presente che il messaggio deve essere molto sintetico (160
caratteri e' la lunghezza massima di un messaggio, anche se si
possono mandarne due o tre collegati per un totale di 320 o 460
caratteri) e ogni messaggio costa intorno ai 9 centesimi a seconda
del fornitore del servizio.
2006 Gianni Lombardi
Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 37 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

8.8.12.2 Per poche decine


didi numeri
telefonici
possono essere spediti con
BOZZA
lavoro - in
attesa di revisione
qualsiasi telefono che abbia la funzione di invio in circolare.
Per liste pi ampie ci sono servizi specializzati sul Web. Da
tenere presente che il messaggio deve essere molto sintetico (160
caratteri e' la lunghezza massima di un messaggio, anche se si
possono mandarne due o tre collegati per un totale di 320 o 460
caratteri) e ogni messaggio costa intorno ai 9 centesimi a seconda
del fornitore del servizio.
8.8.12.3 In sintesi sono un mezzo di comunicazione limitato e relativamente
costoso, ma molto efficace per ricordare scadenze, per annunci
molto semplici, e per una forma di "telemarketing" personale non
troppo intrusivo e non troppo costoso.
8.8.12.4 Quest'ultima considerazione vale per chi ha gi un buon rapporto
con noi. Raccogliere in modo indiscriminato numeri di telefonino e
spedire sms a pioggia invece pu essere sconsigliabile e molto
fastidioso: mentre l'sms del proprio insegnante di Yoga pu essere
gradito, l'sms di un centro Yoga o di un insegnante sconosciuto
pu dare fastidio.
8.8.13 Mailing cartaceo
8.8.13.1 Una volta gli invii per posta erano lo strumento principe della
pubblicit diretta. Oggi sono stati in parte integrati in parte
spodestati da e-mail, Web ed sms, ma mantengono ancora una buona
efficacia.
8.8.13.2 Un'iniziativa di routine che rende sempre, ad esempio, l'invio
a settembre e magari anche in gennaio di una lettera con il
programma indicativo del centro Yoga per l'anno in corso.
8.8.13.3 In questo modo gli allievi pi interessati possono tenerla come
pro-memoria per poi partecipare alle diverse iniziative.
8.8.13.4 Tale invio pu essere poi integrato da telefonate, sms ed e-mail
nell'imminenza dei singoli avvenimento, oppure come invito
periodico a farsi vivi e rinnovare l'iscrizione a qualche corso.
8.8.13.5 Per stare sul semplice, i mailing cartacei possono essere di due
tipi:
8.8.13.6 Cartoline
8.8.13.7 Lettere con volantino
8.8.13.8 Le cartoline possono avere un'immagine legata al mondo dello Yoga
(attenzione che non sia coperta da copyright) e il promemoria
degli orari, oppure un'offerta promozionale valida per chi porta
la cartolina con se (ottimo quindi per la fidelizzazione ma anche
per stimolare il passaparola: l'iscritto troppo impegnato per
tornare al centro Yoga pu passare la cartolina a un amico o un
conoscente).
8.8.13.9 Le lettere consentono un discorso pi articolato, raccontando
eventuali novit, dettagli su questa o quella iniziativa,
presentando interi programmi. Lettera e volantino si integrano,
nel senso che la lettera pu contenere le stesse cose del
volantino, in modo pi discorsivo e personale nella lettera, in
modo pi schematico nel volantino. Se possibile, una buona idea
allegare anche il biglietto da visita, personale o del centro.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA
di lavoro
- in attesa divengano
revisione buttati via,
g.lombardi@essai.it
possibile che
lettera
e volantino
mentre il
Cell. 348-2288110biglietto Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
da visita pi probabile che venga conservato.
p. 38 di 61

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


8.8.13.9 Le lettere consentono un discorso pi articolato, raccontando
eventuali novit, dettagli su questa o quella iniziativa,
presentando interi programmi. Lettera e volantino si integrano,
nel senso che la lettera pu contenere le stesse cose del
volantino, in modo pi discorsivo e personale nella lettera, in
modo pi schematico nel volantino. Se possibile, una buona idea
allegare anche il biglietto da visita, personale o del centro.
possibile che lettera e volantino vengano buttati via, mentre il
biglietto da visita pi probabile che venga conservato.
8.8.13.10 Da tenere presente che i mailing cartacei possono generare da 1 a
5 iscrizioni o richieste di informazioni per ogni 100 lettere o
cartoline spedite (la percentuale esatta dipende da molti fattori
che devi scoprire nella pratica) e che fra stampa, carta e
francobollo ogni singolo indirizzo costa circa da 1 a 1,5 euro,
pi il lavoro di stampa, piegatura, imbustamento, etichettatura e
affrancatura.
8.8.13.11 Il motivo di risposte apparentemente cos basse dato dal fatto
che, anche nel caso di clienti, la gente indaffarata e
distratta e spesso "vorrebbe" fare, telefonare, iscriversi, ma
l'inerzia li induce a rinviare e quel che viene rinviato oggi
spesso viene rinviato per sempre.
8.8.13.12 Per questo importante inviare comunicazioni pubblicitarie con
diversi mezzi in modo sistematico.
8.8.14 Il programma di comunicazione
8.8.14.1 Idealmente un programma di comunicazione pubblicitaria potrebbe
comprendere queste attivit indicative:
8.8.14.1.1 Settembre/Ottobre
8.8.14.1.1.1 Programma del nuovo anno e offerta promozionale, pi magari un'offerta "amico presenta amico"

8.8.14.1.2 Gennaio
8.8.14.1.2.1 Richiamo del programma dell'anno e offerta promozionale

8.8.14.1.3 Primavera/Pasqua
8.8.14.1.3.1 Promozione evento o seminario

8.8.14.1.4 Aprile/Maggio o giugno


8.8.14.1.4.1 Promozione eventi, conferenze, pratica all'aperto

8.8.14.1.5 Giugno/luglio
8.8.14.1.5.1 Prenota adesso il tuo corso dell'inverno con sconto o offerta promozionale

8.8.14.2 L'esperienza pratica poi insegner come gestire al meglio questo


programma indicativo, integrando mailing cartaceo, e-mail,
telefonate ed sms.
2006 Gianni Lombardi
Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 39 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

8.8.14.2 L'esperienza pratica poi insegner come gestire al meglio questo


programma indicativo, integrando mailing cartaceo, e-mail,
telefonate ed sms.
9 Un po' di Pubbliche Relazioni

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 40 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

9 Un po' di Pubbliche Relazioni


9.1 Oltre alla pubblicit, c' un'altra tipologia di attivit che crea
visibilit al Centro Yoga con poca spesa e un po' di lavoro personale:
le pubbliche relazioni.
9.2 In sintesi si tratta di due attivit principali:
9.2.1 L'invio sistematico di comunicati stampa a ogni genere di testata
giornalistica potenzialmente interessata;
9.2.2 L'organizzazione periodica di eventi aperti al pubblico. Ad esempio,
la festa di inaugurazione del Centro Yoga un evento di pubbliche
relazioni, anche se non l'abbiamo mai pensato cos.
9.2.3 A cui si pu aggiungere la cosiddetta "crisis management", la
gestione degli eventi imprevisti che hanno un potenziale di
pubblicit negativa: ad esempio, scoprono che un allievo traffica in
sostanze stupefacenti e il suo arresto potrebbe coinvolgere il centro
Yoga con una pubblicit negativa.
9.3 Come nel caso della pubblicit, la prima cosa che si potrebbe pensare
"s, ma questa una cosa alla portata delle grandi aziende e dei
grandi personaggi, o comunque dei grandi centri Yoga delle grandi
citt". Sbagliato. Come lo Yoga, si tratta di un'attivit che pu
essere svolta a molti livelli, dal pi basso e banale al pi elevato e
difficile da raggiungere. Vediamo sinteticamente le due casistiche
principali delle attivit di pubbliche relazioni, cio l'invio di
comunicati stampa e gli eventi.
9.3.1 Comunicati stampa e rapporti con i giornalisti
9.3.1.1 Qualsiasi Centro Yoga anche del paesino pi piccolo pu
approfittare, con poca spesa e un po' di lavoro metodico, della
pubblicit gratuita che gli pu offrire la stampa locale: dal
quotidiano e la tv locale, al bollettino parrocchiale.
9.3.1.2 Occorre seguire questo metodo:
9.3.1.2.1 Tenere gli occhi bene aperti sulle possibilit di pubbliche
relazioni.
9.3.1.2.1.1 Questo significa raccogliere ed esaminare tutte le testate che possono offrire visibilit al proprio Centro Yoga. A titolo di
esempio, andando dal nazionale al sempre pi locale:

Testate specializzate in Yoga, fitness, prodotti naturali


Si tratta di testate che spesso hanno una rubrica di eventi, divisi per regione o per tematica: il
nostro comunicato stampa con tutte le informazioni sul seminario che organizziamo a
Roccapeparola potrebbe finire in un trafiletto l: potrebbe significare due o tre partecipanti in pi
che in altro modo non avrebbero mai potuto conoscere il nostro centro yoga.
Quotidiani che hanno una sezione di cronaca dedicata alla nostra citt o area geografica
Quotidiani locali o provinciali

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 41 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

9.3.1.2.1.1 Questo significa raccogliere ed esaminare tutte le testate che possono offrire visibilit al proprio Centro Yoga. A titolo di
esempio, andando dal nazionale al sempre pi locale:

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

Quotidiani che hanno una sezione di cronaca dedicata alla nostra citt o area geografica
Quotidiani locali o provinciali
Radio e tv locali
Testate locali di ogni genere, compreso il bollettino parrocchiale e il mensile del comune
9.3.1.2.1.2 Di questi occorre prendere nota dell'indirizzo postale, le caratteristiche editoriali, l'indirizzo e-mail e il fax della
redazione, indirizzi personali di eventuali redattori specializzati.

9.3.1.2.2 Successivamente, ogni volta che il proprio Centro Yoga produce


qualcosa che "possa" anche lontanamente rappresentare una
notizia per le diverse testate, occorre redigere un comunicato
stampa da spedire alle redazioni interessate o direttamente ai
giornalisti. Occorre tenere conto dei tempi: i mensili vengono
di norma preparati con due o tre mesi d'anticipo, i settimanali
vengono chiusi la settimana precedente (ma alcune sezioni anche
prima), i quotidiani pubblicano la notizia, se ritenuta
interessante, appena hanno spazio.
9.3.1.2.3 Cosa pu fare notizia?
9.3.1.2.4 Ovviamente dipende dal contesto e dallo specifico interesse
della testata. Se un pazzo scatenato entra nel centro yoga di
Borgodisotto e ammazza tutti con una sventagliata di mitra, lo
spazio in prima serata sul TG5 garantito, e magari anche
un'edizione di Studio Aperto con Bruno Vespa e titoli sul
giornali del tipo "Mantra a colpi di mitra". Ma non il tipo di
pubblicit che ci auguriamo. Ecco le cose che possono
interessare in diverso grado giornali, le radio e le tv locali,
le testate minori:
9.3.1.2.5 Inaugurazione
9.3.1.2.5.1 La nascita sempre un evento. L'inaugurazione del proprio centro un evento che va comunicato nel modo pi ampio
possibile. Molta gente che non mai entrata nel ristorante da vent'anni in fondo alla via pu andare per curiosit
all'inaugurazione della nuova pizzeria di fianco, se trova l'invito nella casella postale o vede una locandina dal
verduraio. L'apertura di un nuovo locale pu essere occasione per una notiziola nella cronaca locale di un quotidiano,
magari anche solo per riempire lo spazio in una giornata fiacca di altre notizie.

9.3.1.2.6 Conferenze e seminari


9.3.1.2.6.1 Anche l'ennesima conferenza sui cakra pu essere citata in un trafiletto in cronaca. Se poi la conferenza ha un titolo
interessate o un argomento meno frequente, meglio. Occorre aggiungere nel comunicato anche un breve profilo di chi
tiene la conferenza, indicando se l'ingresso gratuito o a pagamento.
9.3.1.2.6.2 A maggior ragione conferenze e seminari possono fare notizia se il relatore un personaggio di rilievo della comunit
yogica oppure un ospite straniero.

9.3.1.2.7 L'inizio dei corsi


9.3.1.2.7.1 Per quanto banale possa sembrare, inviare sistematicamente ogni met settembre la notizia della ripresa dei corsi si
Yoga, l'indicazione degli orari se possono essere facilmente sintetizzati, l'inizio di nuovi corsi, le date di incontri gratuiti
di presentazione e cos via pu farci avere il solito, sospirato trafiletto in cronaca o fra gli eventi. Il fatto che per la prima
volta organizziamo un corso di Pilates o di Tai Chi Chuan, oppure il fatto che adesso offriamo anche massaggi
Ayurvedici pu essere considerato degno di nota dal redattore di "Gente di Bavirate" ma anche dal responsabile della
cronaca locale del quotidiano nazionale.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 42 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


9.3.1.2.7 L'inizio dei corsi
9.3.1.2.7.1 Per quanto banale possa sembrare, inviare sistematicamente ogni met settembre la notizia della ripresa dei corsi si
Yoga, l'indicazione degli orari se possono essere facilmente sintetizzati, l'inizio di nuovi corsi, le date di incontri gratuiti
di presentazione e cos via pu farci avere il solito, sospirato trafiletto in cronaca o fra gli eventi. Il fatto che per la prima
volta organizziamo un corso di Pilates o di Tai Chi Chuan, oppure il fatto che adesso offriamo anche massaggi
Ayurvedici pu essere considerato degno di nota dal redattore di "Gente di Bavirate" ma anche dal responsabile della
cronaca locale del quotidiano nazionale.

9.3.1.2.8 Dimostrazioni gratuite


9.3.1.2.9 Iniziative con enti pubblici o religiosi
9.3.1.2.9.1 Se il tuo centro yoga partecipa a iniziative organizzate dal comune o dalla parrocchia, potrebbe essere materiale per
una notizia per le testate locali.

9.3.1.2.10 Iniziative promozionali


9.3.1.2.10.1 Anche le iniziative promozionali, in certi casi, possono essere riprese da qualche testata come notiziole utili. Il
redattore potrebbe essere indotto a telefonare per approfondimenti, magari per un'intervista telefonica informale al
titolare del centro. Pu essere utile estendere l'iniziativa promozionale o uno sconto particolare ai lettori della testata
in questione. Non occorrono verifiche formali o approfondite: basta che chi desidera lo sconto o le lezioni gratis dica
"l'ho letto sull'Eco di Pavanone". una modalit tanto semplice quanto a prova di errore. Chi non ha letto l'articolo non
sa dello sconto; chi ne parla lo fa perch l'ha letto. Nulla vieta di offrire come sconto speciale per chi legge L'Eco di
Pavanone lo stesso sconto o la stessa offerta promozionale che viene offerta a tutti. Se pi persone gestiscono
iscrizioni e rapporti con gli allievi importante informare tutti . Chi risponde al telefono deve comunque avere i riflessi
pronti (in caso di dubbio meglio fare uno sconto in pi piuttosto che scontentare un cliente in buona fede).

9.3.1.2.11 Personaggi famosi che frequentano il centro o lo visitano


9.3.1.2.11.1 Il personaggio famoso in questione non deve necessariamente essere una superstar televisiva. Se il capitano della
squadra di softball di serie B pratica yoga presso il nostro centro, questa pu essere una notiziola per la cronaca
sportiva del giornale locale. Idem se il centro frequentato dal cantante famoso negli anni 70 ma oggi un po'
dimenticato. In tutti i casi bisogna chiedere il permesso o prendere accordi con personaggi di fama locale o nazionale
che per caso o per destino frequentano il nostro centro. In alcuni casi saranno lieti di fornire la loro "testimonianza"
gratuitamente oppure in cambio di un'iscrizione altrettanto gratuita, magari perch un do ut des in cui anche loro
ricevono pubblicit gratuita. In altri casi potrebbero negare il permesso perch, magari per contratto, non possono
prestarsi ad attivit pubblicitarie, oppure desiderano essere pagate perch considerano l'attivit pubblicitaria una
parte importante del loro valore professionale. Molto dipende dal rapporto personale che c' tra il "vip" e il titolare o gli
insegnanti del centro.

9.3.2 Come scrivere un comunicato stampa


9.3.2.1 Scrivere un comunicato stampa non difficile. Basta non seguire i
consigli appresi alle scuole medie.
9.3.2.1.1 Prima di tutto: la notizia deve essere nel titolo. Ad esempio "il
maestro indiano Swami Bastiananda per la prima volta a
Capalberlocco", Non aspettarti che "La Padania" salti sopra una
notizia del genere, ma altre testate un trafiletto possono
dedicartelo.
9.3.2.1.2 Poi, il comunicato se possibile va scritto tutto in una pagina.
Il succo della notizia nel primo terzo del testo. Per esempio, il
comunicato potrebbe iniziare cos: "Dopo venti anni di assenza
dall'Italia, torna il famoso maestro di yoga Bastiananda che
terr una conferenza dal titolo "Kundalini per la Terza Et: come
risvegliare il serpente nel pensionato". ecc ecc ecc"
(naturalmente qui negli esempi si scherza un po' ma occorre fare
attenzione allo schema: titolo; notizia; dettagli; recapiti)

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 43 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

9.3.2.1.2 Poi, il comunicato


possibile
scritto tutto in una pagina.
BOZZA di se
lavoro
- in attesava
di revisione
Il succo della notizia nel primo terzo del testo. Per esempio, il
comunicato potrebbe iniziare cos: "Dopo venti anni di assenza
dall'Italia, torna il famoso maestro di yoga Bastiananda che
terr una conferenza dal titolo "Kundalini per la Terza Et: come
risvegliare il serpente nel pensionato". ecc ecc ecc"
(naturalmente qui negli esempi si scherza un po' ma occorre fare
attenzione allo schema: titolo; notizia; dettagli; recapiti)
9.3.2.1.3 poi le informazioni di contorno: ad esempio chi il relatore del
seminario, di cosa si occupato nella vita, aneddoti correlati;
9.3.2.1.4 Poi le informazioni standard sul Centro: chi il titolare,
quando stato fondato, quanti iscritti ha (ad esempio: "i corsi
del Centro Yoga Perbacco sono frequentati da oltre 200 allievi
provenienti da tutta la provincia";
9.3.2.1.5 Infine, tutti i dettagli operativi: indirizzo del centro o del
luogo dove si terr la conferenza, orari, modi per raggiungere il
luogo, recapiti telefonici ed e-mail, persona da contattare per
ulteriori informazioni, per un'intervista o per visitare il
centro (ammesso che i giornalisti vogliano scomodarsi, eventuali
orari in cui preferibile telefonare, sia per i giornalisti sia
per il pubblico, eventuale cellulare riservato ai giornalisti o
disponibile anche per il pubblico.
9.3.3 Come inviare un comunicato stampa
9.3.3.1 Oggi come oggi la modalit preferita via e-mail. Puoi usare anche
il fax o l'invio postale: in questi casi hai pi impatto (la pagina
gi stampata, soprattutto nel caso dell'invio postale puoi anche
usare il colore o allegare delle foto di grande formato), ma c' lo
svantaggio che il giornalista non pu fare copia e incolla delle
informazioni ed eventuali foto vanno scannerizzate.
9.3.3.2 Indicativamente, l'e-mail pi veloce e meno costosa. Ma se hai
tempo sufficiente e vuoi dare particolare enfasi a una notizia,
l'invio cartaceo quello che ha pi impatto. E' una buona idea
mandare una cartella stampa per posta, magari con foto e
depliantino del centro e farla seguire da un richiamo via e-mail,
magari con le stesse identiche cose in formato digitale. Negli
invii cartacei e via e-mail indicare sempre un recapito a cui
chiedere maggiori informazioni e materiali digitali.
9.3.3.3 Quando spedisci un comunicato stampa via e-mail devi seguire,
indicativamente, questo formato:
9.3.3.3.1 La notizia deve stare nell'oggetto, in un massimo di 10 parole.
Infatti l'oggetto del messaggio e-mail molto limitato, devi
sintetizzare al massimo: funge da titolo.
9.3.3.3.2 Nel corpo del messaggio devi ripetere l'oggetto, espandendolo con
un sottotitolo oppure esprimendo lo stesso concetto in modo pi
articolato.
9.3.3.3.3 Dopo di che segue il comunicato, secondo lo schema indicato
precedentemente.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 44 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

indicativamente, questo formato:


BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

9.3.3.3.3 Dopo di che segue il comunicato, secondo lo schema indicato


precedentemente.
9.3.3.3.4 In allegato puoi mettere copia del comunicato in formato Word,
PDF (Acrobat) o RTF (un formato universale interpretabile da
tutti i word processor) ed eventuali foto in bassa risoluzione.
Indica sempre, in coda al comunicato come i giornalisti possono
richiedere le foto ad alta risoluzione. In genere sono molto
pesanti e non educato spedirle se non vengono richieste. Se
per spedisci le versioni a bassa risoluzione, il giornalista le
vede e pu valutare se vale la pena di richiederle per la
pubblicazione.
9.4 L'invio di comunicati stampa rende se diventa un'attivit sistematica,
da svolgere in modo continuativo ogni volta che c' una possibilit di
"notizia" per qualcuna delle testate che teniamo d'occhio.
9.5 importante, contemporaneamente, mantenere aggiornata una buona
rubrica (o pi tecnicamente un database) di testate e giornalisti. Col
tempo sar possibile stringere rapporti o fare amicizia con giornalisti
interessati allo Yoga. Questi diventeranno i canali preferenziali a cui
spedire le notizie, perch pi facilmente le faranno pubblicare.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 45 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

10 La promozione di un singolo corso


10.1 Oltre che promuovere il Centro Yoga in generale e il catalogo dei
suoi corsi, si pu avere il problema di promuovere un singolo corso.
un problema che pu riguardare sia chi titolare o socio di un
Centro Yoga, sia gli insegnanti che desiderano organizzare un corso
presso il centro Yoga o la palestra per cui lavorano, sia gli
insegnanti che desiderano avere corsi un po' pi affollati, magari
per il venale motivo che sono pagati un tanto ad allievo, o magari
perch preferiscono insegnare a 15 persone invece di 7 o 8.
10.2 Il problema sorge anche quando si organizza un nuovo corso, o si pone
a catalogo una nuova categoria di corsi.
10.3 La maggior parte dei consigli che seguono valgono per entrambi i
casi: titolare che promuove un corso del proprio centro Yoga, o
insegnante che organizza e promuove un corso presso il centro o la
palestra di terzi.
10.4 Gli allievi non arrivano attraverso chiamate telepatiche, non tutti
almeno. Occorre informarli del corso, attrarli per una o due lezioni
gratuite, iscriverli. Ecco come si pu fare.
10.5 Nell'ipotesi di un corso organizzato presso una palestra amica, prima
di tutto, mettere un annuncio in palestra.
10.6 Pu essere una locandina (cio un piccolo manifesto) del formato A3,
ovvero 42x29,7, il formato delle fotocopie grandi. Nella locandina si
informa che inizia il corso di Yoga, il giorno o i giorni tali si
terr la prima lezione, chi interessato a partecipare pu fare due
lezioni gratuite prima di iscriversi. Il costo del corso di tot
euro al mese, con sconti per chi paga trimestralmente, semestralmente
o tutto anticipato.
10.7 Il padrone della palestra potrebbe inoltre essere cos cortese da
invitare alcuni soci che ritiene adatti a partecipare ( bene
chiedergli di darsi da fare per promuovere il passaparola)
10.8 Se la palestra ha un indirizzario e-mail, pu mandare l'annuncio via
e-mail.
10.9 L'insegnante pu fare la stessa cosa con il suo indirizzario,
spedendo preferibilmente a chi abita nella stessa citt (pu essere
inutile informare del nuovo corso a Brescia un ex allievo che si
trasferito a Firenze)
10.10 Se si vuole essere pi proattivi, si possono stampare diverse copie
della locandina e si pu fare il giro dei negozi e delle portinerie
nei dintorni della palestra per chiedere se possono esporla. In
genere i negozianti e i bar consentono di esporre delle piccole
locandine nel loro locale, sulla porta, sul bancone, vicino al
telefono pubblico quando c', o in altri luoghi del locale. Quando lo
consentono, ringraziare. Se non lo consentono, ringraziare lo stesso.
2006 Gianni Lombardi
Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 46 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


10.10 Se si vuole essere pi proattivi, si possono stampare diverse copie
della locandina e si pu fare il giro dei negozi e delle portinerie
nei dintorni della palestra per chiedere se possono esporla. In
genere i negozianti e i bar consentono di esporre delle piccole
locandine nel loro locale, sulla porta, sul bancone, vicino al
telefono pubblico quando c', o in altri luoghi del locale. Quando lo
consentono, ringraziare. Se non lo consentono, ringraziare lo stesso.
10.11 Infine si pu telefonare ai propri allievi (in particolare quelli che
non dispongono dell'e-mail) oppure, se si sa che lo consentono, si
possono mandare degli sms che ricordano la data della prossima
lezione, e il fatto che le prime due sono gratuite. Un sms, ad
esempio, potrebbe essere cos: "tutti i marted dalle 9 alle 11 Yoga
antireumatico. Due lezioni di prova gratuite per tutti. Palestra
Himalaia, Trezzano. Insegnante: Mario Rossi". Attenzione che gli sms
non possono essere inviati indiscriminatamente; vanno inviati solo ad
allievi, ex allievi e potenziali allievi che ci hanno dato il numero
di cellulare e sanno che potrebbero ricevere messaggi informativi o
pubblicitari da noi.
10.12 Fare pubblicit onesta e priva di inganni un modo di informare gli
altri di iniziative potenzialmente utili e gradite.
10.13 importante ricordarsi di mettere in ogni singola comunicazione
tutti i dettagli indspensabili: indirizzo, recapiti telefonici, email, eventuale indirizzo del sito web, se il caso gli orari dei
corsi o gli orari normali di segreteria, eventuali promozioni fisse
(lezione gratuita, due lezioni gratuite, orari del corso per
principianti e cose del genere).
10.14 Ogni singolo pezzo di carta o e-mail che esce dal Centro deve avere
almeno indirizzo e recapiti per chiedere informazioni.
10.15 Due errori da evitare sono: non inserire i recapiti nei moduli da
compilare (uno potrebbe avere dei dubbi e voler chiedere informazioni
per telefono, oppure vuole spedire il modulo via fax); e fare
riferimento a comunicazioni precedenti per dati operativi. Il centro
Yoga che frequento, ad esempio, ogni anno manda una lettera per
annunciare l'inizio dei corsi. Un anno scrissero "gli orari dei corsi
sono gli stessi dell'anno scorso" senza riportarli nuovamente... s,
ma chi ti dice che gli allievi se li ricordino a memoria come te che
sei il titolare del centro? Oppure chi ti dice che abbiano conservato
il pro-memoria dell'anno scorso? Inoltre se passano la lettera a un
amico interessato, questo come fa a saperli?
11 Rapporti con gli allievi

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 47 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

11 Rapporti con gli allievi


11.1 Gli allievi sono clienti, amici, discepoli, e tante altre cose.
Questo comporta una serie di problemi nei rapporti con loro.
11.2 Come clienti, in teoria almeno, hanno sempre ragione. Si rivolgono
al centro Yoga per avere una soluzione ai loro problemi, quantomeno
il problema di ricevere un buon insegnamento di Yoga a un buon
prezzo.
11.3 Come amici possono aspettarsi un trattamento preferenziale che il
centro in realt non sempre in grado di dare loro. Con decine e
decine di allievi per insegnante, il rapporto personale, ma spesso
non abbastanza personale per tutti.
11.4 Inoltre ci sono gli allievi narcisisti, quelli che desiderano essere
al centro dell'attenzione di tutti, quelli che desiderano
l'attenzione esclusiva dell'insegnante, quelli che stanno zitti e
sono contentissimi, quelli che stanno zitti, non si lamentano mai e
poi si scopre che hanno un sacco di lamentele, quelli timidi, quelli
estroversi, e cos via.
11.5 Fortunatamente lo Yoga tende ad attirare gente prevalentemente
tranquilla. Ma, per forza di cose, anche persone con problemi nelle
relazioni personali o nel rapporto con la vita. Se non avessero
problemi, forse non farebbero Yoga, o non lo farebbero adesso.
11.6 Un problema per le insegnanti donne di poter diventare oggetto di
attenzioni e magari un vero e proprio corteggiamento da parte di
allievi maschi sedotti dalla loro avvenenza oppure dalla loro
personalit.
11.7 Un problema pi diffuso quello degli insegnanti maschi che, in un
settore a frequentazione prevalentemente femminile, possono essere
tentati di approfittare del proprio ruolo e del propria ascendente
di insegnanti per sedurre le allieve.
11.8 Si tratta di "tentazioni" e "pericoli" che devono essere
adeguatamente riconosciuti e affrontati.
11.9 Soprattutto per gli uomini, la tentazione di approfittare di una
posizione di "potere" come quella di insegnante oggetto se non di
ammirazione almeno di stima da parte delle proprie allieve, pu
essere forte.
11.10 La seduzione occasionale di proprie allieve o allievi pu essere
molto pericolosa emotivamente per s, per l'oggetto di seduzione e
per il gruppo. Se poi uno dei due sposato, peggio ancora.
11.11 Per evitare tentazioni sempre meglio evitare di frequentare
individualmente propri allievi e proprie allieve. La pizza con tutto
il gruppo sempre una buona idea. Appartarsi con questo allievo o
con questa allieva, difficilmente lo .

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 48 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

11.11 Per evitare tentazioni sempre meglio evitare di frequentare


individualmente propri allievi e proprie allieve. La pizza con tutto
il gruppo sempre una buona idea. Appartarsi con questo allievo o
con questa allieva, difficilmente lo .
11.12 Non si tratta di moralismo, ma di buon senso.
11.13 Se si pensa di avere una particolare attrazione per un allievo o
un'allieva, meglio cercar di capire come stanno le cose dal punto
di vista emotivo (attrazione fisica, premesse di innamoramento,
colpo di fulmine o altro) per poi decidere:
11.13.1 Se solo attrazione fisica o curiosit sessuale, in genere meglio
lasciar perdere;
11.13.2 Se si pensa che sia qualcosa di pi serio, bisogna agire con
equilibrio e prudenza.
11.13.3 In tutti i casi, se si decide di uscire insieme, opportuno che
l'allievo o l'allieva si rivolga altrove per il corso di Yoga, per
poter essere entrambi liberi di frequentarsi nella vita privata. a
senza trascinare negli inevitabili alti e bassi della relazione
tutto il gruppo di allievi.
11.14 Naturalmente resta valido il principio che due adulti consenzienti
possono fare quel che gli pare, per bisogna sempre tenere presente
che il rapporto fra insegnante allievo un rapporto in cui il
"potere" e la consapevolezza sono generalmente squilibrati a
vantaggio dell'insegnante, che in genere in una posizione di
maggior controllo e consapevolezza. Una focosa relazione sessuale
pu essere molto tentatrice e appagante sul momento, ma fonte di
pentimenti e scompensi emotivi pi avanti, turbando anche
l'equilibrio e l'affiatamento di tutto il gruppo.
12 Rapporti con gli insegnanti

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 49 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

12 Rapporti con gli insegnanti


12.1 Per chi ha un centro
collaboratori e, nel
nella promozione dei
sviluppo e la salute

Yoga gli altri insegnanti sono colleghi e


caso di insegnanti proattivi che si danno da fare
loro corsi, pu trattarsi di vere risorse per lo
economica del centro.

12.2 Qualcuno di questi insegnanti forse un giorno aprir un suo centro


Yoga e diventer un concorrente: fa parte della ruota della vita,
inoltre, almeno per diversi anni ancora, ogni nuovo centro Yoga che
apre contribuir ad allargare il mercato invece che il contrario.
12.3 Se quindi un proprio insegnante manifesta l'intenzione di aprire un
suo centro, aiutarlo e associarsi a lui potrebbe essere una buona
idea, invece di ostacolarlo o temerne la concorrenza.
12.4 Se invece sta zitto zitto e poi un giorno apre il suo centro e
comincia a contattare gli allievi dei suoi corsi per attirarli al suo
centro, forse tanto corretto non , anche se, entro certi limiti, si
tratta di un comportamento legittimo. Il collaboratore che apre una
sua attivit pu avvisare i clienti che serviva presso l'antico datore
di lavoro, questi possono rivolgersi a lui (e in questo caso diventano
suoi clienti), ma lui non pu sollecitarli attivamente (nella pratica
pu inviare una lettera o distribuire un volantino che informa dei
suoi nuovi recapiti, ma non pu telefonare per sollecitare
trasferimenti). Naturalmente se l'allievo a cercarlo, tutto
regolare perch fa parte dei diritti dell'allievo valutare altri
centri Yoga.
12.5 Gli insegnanti vanno pagati bene, nei limiti delle possibilit del
centro e del mercato cittadino o regionale. A mio parere una buona
formula dare un minimo per lezione pi una percentuale per allievo
iscritto: insegnare a 40 allievi comporta pi attenzione,
responsabilit e fatica rispetto ad insegnare a 5. In questo modo
inoltre l'insegnante incentivato a presentare nuovi allievi che poi
possono iscriversi anche ad altri corsi, fare i massaggi (se ne
offriamo), iscriversi ai seminari, comprare prodotti e accessori.
12.6 Alcuni insegnanti per possono preferire una paga fissa, sia perch
preferiscono non avere problemi con conti e verifiche, sia perch non
hanno alcun talento "imprenditoriale" e non farebbero nessuna
promozione per il corso che tengono, sia infine perch per loro
insegnare a 10 allievi o 20 fa poca differenza.
13 Insegnanti e titolari di centri Yoga raccontano la loro esperienza.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 50 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

13 Insegnanti e titolari di centri Yoga raccontano la loro esperienza.


13.1 Stefano Lavezzo, Milano
Inizi
Potrei dire di essere un insegnante per caso, infatti, quando
mi iscrissi al corso di formazione dellIstituto Yoga di Carlo
Patrian, mai avrei pensato di poter fare davvero un giorno
linsegnante di yoga (o meglio listruttore, cos come recita il
mio diploma).
Avevo accettato la proposta della mia insegnante di allora di
iscrivermi
al
corso
di
formazione
considerandola
un
riconoscimento allimpegno che mettevo nella mia pratica, ma lo
ritenevo solo unopportunit per approfondire le mie conoscenze
personali.
Invece, alla fine del corso, unamica che si era diplomata
assieme a me ha avuto la disponibilit di uno spazio presso una
palestra e mi ha proposto di iniziare ad insegnare assieme a
lei, e cos, facendoci coraggio a vicenda, siamo partiti con il
nostro corso di yoga a quattro mani.
A posteriori devo dire che, specialmente allinizio, questo tipo
di appoggio (morale e pratico) servito molto ad entrambi, ma
penso anche che questa formula possa funzionare solo se le due
persone che lavorano assieme si conoscono veramente bene ed
arrivano dallo stesso tipo di formazione, meglio ancora se hanno
avuto gli stessi insegnanti (era appunto il nostro caso).
Viceversa il rischio quello di confondere gli allievi,
proponendo allinterno della stessa lezione cose troppo
differenti tra di loro; ed infatti ora, che siamo un po
cresciuti
come
insegnanti,
lavorando
autonomamente
e
staccandoci da quei modelli di riferimento che avevamo in
comune, ci siamo resi conto che questo tipo di esperienza dovr
concludersi.
Trovare gli allievi
Mi sono sempre affidato ai volantini (che funzionano poco) ed al
passaparola (pi efficace, ma prima ti devi costruire un minimo
di base), consentendo ai nuovi arrivati una o due lezioni di
prova per lasciare loro un minimo di tempo per capire se lo yoga
li interessava (o almeno li incuriosiva) e se piaceva loro il
mio modo di proporlo.
A questo proposito raccomando di non scoraggiarsi se alla
lezione di prova si presentano dieci persone che se ne vanno
apparentemente soddisfatte e poi, se va bene, due o tre si fanno
rivedere e gli altri spariscono nel nulla. Noi tutti amiamo
questa pratica, ma dobbiamo anche capire che ci sono milioni di
persone a questo mondo alle quali non importa assolutamente
nulla dello yoga, e alcune di queste se ne rendono conto proprio
venendo a fare una lezione di prova; oppure un potenziale
allievo pu essere interessato alla disciplina ma non sopporta
il modo nel quale noi la presentiamo, ed anche questo va
2006
Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
accettato.
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p.
51
di
61
Allievi con difficolt
Il primo iscritto che abbiamo avuto aveva subito un infarto
pochi mesi prima e veniva a fare yoga su consiglio del

prova per lasciare loro un minimo di tempo per capire se lo yoga


li interessava (o almeno li incuriosiva) e se piaceva loro il
mio modo di proporlo.
A questo proposito BOZZA
raccomando
non scoraggiarsi
se alla
di lavoro di
- in attesa
di revisione
lezione di prova si presentano dieci persone che se ne vanno
apparentemente soddisfatte e poi, se va bene, due o tre si fanno
rivedere e gli altri spariscono nel nulla. Noi tutti amiamo
questa pratica, ma dobbiamo anche capire che ci sono milioni di
persone a questo mondo alle quali non importa assolutamente
nulla dello yoga, e alcune di queste se ne rendono conto proprio
venendo a fare una lezione di prova; oppure un potenziale
allievo pu essere interessato alla disciplina ma non sopporta
il modo nel quale noi la presentiamo, ed anche questo va
accettato.
Allievi con difficolt
Il primo iscritto che abbiamo avuto aveva subito un infarto
pochi mesi prima e veniva a fare yoga su consiglio del
cardiologo, a questo punto linfarto venuto anche a me
Scherzi a parte, in caso di problemi di salute seri come questo,
accertarsi che ci sia un parere favorevole alla pratica da parte
del medico curante, meglio se scritto, e consultarsi con uno o
pi insegnanti pi esperti per sapere soprattutto quali pratiche
evitare (primo non nuocere).
Va da s che il lavoro per un gruppo di persone allinterno del
quale ce ne sia una con difficolt del genere sar diverso
rispetto alla classe ideale da manuale per insegnanti (et media
e nessun problema fisico), perch non sempre esiste la
possibilit di preparare delle lezioni con varianti adatte a chi
non
pu
fare
determinate
posizioni.
Sta
allabilit
dellinsegnante escludere quelle pratiche che non possono essere
proposte senza per questo far sentire diverso chi si trova gi
ad avere a che fare con un problema fisico. Se, come a volte
capita, qualche allievo un po pi esperto si dovesse lamentare
perch il programma delle lezioni troppo semplice, si pu
sempre ricordare che non dalla complessit della posizione che
si valutano i risultati raggiunti nella propria pratica.
Pagamento
Nella mia esperienza, allinizio i rapporti fra gestori di
centri o palestre e insegnanti sono molto alla buona. Nessuno
dei due (insegnante e gestore) si vuole impelagare in pratiche
burocratiche per una cosa che magari dopo due mesi finisce
perch non ci sono abbastanza iscritti e invece il corso di
danza del ventre dellora prima trabocca di persone ed ha
bisogno di spazio (niente contro la danza del ventre, solo un
esempio). Inizialmente ci si accorda per una spartizione (in
genere al 50%) delle (magre) entrate.
Se poi le cose vanno bene e non veniamo defenestrati per far
posto a qualche altra attivit, si potr decidere di
regolarizzare il rapporto economico, trasformandolo ad esempio
in una collaborazione, ed a questo punto si presentano due
alternative: proseguire con la divisione degli introiti come
sopra (ma al gestore non conviene, a meno che il corso non abbia
30 iscritti) o fare un accordo per pagare un affitto per le ore
di utilizzo del locale e linsegnante poi libero di chiedere
agli allievi ci che vuole.
Premesso che il proprietario dello spazio ha il coltello dalla
parte del manico, prima di accettare un accordo del secondo tipo
2006
Gianni
Lombardi
BOZZA e
di lavoro
- in attesa
revisione
sar
bene
fare due conti
valutare
benedi le
cose, perch g.lombardi@essai.it
per
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
luso di uno spazio per due o tre ore alla settimana
ci g.lombardi@tele2.it
si
di 61 abbastanza elevate, e
possono sentir chiedere anchep. 52
cifre
sarebbe bello almeno riuscire ad andare a pari alla fine
dellanno senza rimetterci del proprio (allinizio pi che

genere al 50%) delle (magre) entrate.


Se poi le cose vanno bene e non veniamo defenestrati per far
posto a qualche altra attivit, si potr decidere di
BOZZA di
lavoro - in attesa
di revisione
regolarizzare il rapporto
economico,
trasformandolo
ad esempio
in una collaborazione, ed a questo punto si presentano due
alternative: proseguire con la divisione degli introiti come
sopra (ma al gestore non conviene, a meno che il corso non abbia
30 iscritti) o fare un accordo per pagare un affitto per le ore
di utilizzo del locale e linsegnante poi libero di chiedere
agli allievi ci che vuole.
Premesso che il proprietario dello spazio ha il coltello dalla
parte del manico, prima di accettare un accordo del secondo tipo
sar bene fare due conti e valutare bene le cose, perch per
luso di uno spazio per due o tre ore alla settimana ci si
possono sentir chiedere anche cifre abbastanza elevate, e
sarebbe bello almeno riuscire ad andare a pari alla fine
dellanno senza rimetterci del proprio (allinizio pi che
accettabile guadagnare solo in esperienza).
Problemi con centri e palestre
A me ed alla mia amica insegnante di cui parlavo allinizio
capitato di essere allontanati dalla palestra nella quale
avevamo iniziato ad insegnare perch era cambiata la gestione e
la nuova proprietaria non considerava lo yoga unattivit
redditizia. Scelta legittima, ma non bello saperlo ad una
settimana dallinizio dei corsi.
Visto che gli accordi con il precedente gestore erano
esclusivamente verbali, non abbiamo avuto alcuna possibilit di
opporci (non penso che le avremmo fatto causa, per cos non
abbiamo proprio potuto dir nulla). Facendo i salti mortali e
perdendo alcuni iscritti siamo riusciti a spostare il corso in
un altro centro con il quale collaboravamo ma la lezione
servita: da allora, esclusa la fase iniziale di prova, meglio
mettere sempre tutto per iscritto.
Cautelarsi
Non obbligatorio, ma consiglierei di cautelarsi dal punto di
vista assicurativo, indipendentemente dallassicurazione che ha
il centro o la palestra presso la quale lavoriamo.
Una soluzione pu essere quella di usufruire dellassicurazione
che la YANI (Yoga Associazione Nazionale Insegnanti) mette a
disposizione
di
tutti
suoi
iscritti
(per
informazioni,
condizioni
e
massimali
vedere
il
sito
della
YANI
www.insegnantiyoga.it),
lalternativa

quella
di
fare
unassicurazione personale per la propria attivit di insegnante
e i danni che eventualmente si possono causare a terzi.
Sempre a proposito di precauzioni, buona norma far compilare
agli allievi una scheda nella quale possano indicare i loro
problemi fisici e le eventuali operazioni chirurgiche subite,
senza doverne parlare apertamente davanti a tutto il gruppo.
Aggiornarsi
Mai pensare di non avere pi nulla da imparare, anche gli
insegnanti pi esperti continuano ad aggiornarsi e cos dovremmo
fare tutti noi, non lasciandoci condizionare dalla pigrizia. Non
pensiamo che il pezzo di carta con su scritto insegnante di
yoga sia un punto di arrivo, solo un punto di partenza per
apprendere sempre qualcosa di pi.
2006 Gianni Lombardi
BOZZA di lavoro - in attesa di revisione
g.lombardi@essai.it
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
Tempo
p.
53
di
61
Dovendo dedicare allinsegnamento una parte del tempo destinato
allo yoga, pu accadere che il neo-insegnante non abbia pi modo
di frequentare le lezioni del proprio insegnante o che trascuri

Sempre a proposito di precauzioni, buona norma far compilare


agli allievi una scheda nella quale possano indicare i loro
problemi fisici e le eventuali operazioni chirurgiche subite,
di lavoro davanti
- in attesaaditutto
revisione
senza doverne parlareBOZZA
apertamente
il gruppo.
Aggiornarsi
Mai pensare di non avere pi nulla da imparare, anche gli
insegnanti pi esperti continuano ad aggiornarsi e cos dovremmo
fare tutti noi, non lasciandoci condizionare dalla pigrizia. Non
pensiamo che il pezzo di carta con su scritto insegnante di
yoga sia un punto di arrivo, solo un punto di partenza per
apprendere sempre qualcosa di pi.
Tempo
Dovendo dedicare allinsegnamento una parte del tempo destinato
allo yoga, pu accadere che il neo-insegnante non abbia pi modo
di frequentare le lezioni del proprio insegnante o che trascuri
la propria pratica individuale (ahim, a me capita una cosa e
anche laltra).
Bisognerebbe invece cercare di salvaguardare questi preziosi
spazi, altrimenti rischiamo di praticare per noi stessi mentre
stiamo insegnando, cosa scorretta dal punto di vista etico nei
confronti dei nostri allievi (stiamo rubando un momento che
dovrebbe essere dedicato esclusivamente a loro), ed in una certa
misura anche pericolosa, perch ci induce ad allentare quella
vigilanza che dovremmo sempre mantenere nei confronti di chi
pratica sotto la nostra guida.
Atteggiamento
Nel momento in cui si tiene un corso di yoga non ci si pu
permettere quellatteggiamento svogliato che a volte si ha
quando si segue la lezione di qualcun altro. Pu capitare a
tutti di non sentirsi bene o di essere particolarmente stanchi,
ed in questo caso non c nulla di male nellammetterlo, ma
anche in queste situazioni non facili bisogna farsi forza e
cercare di mantenere un atteggiamento professionale, conducendo
la lezione al meglio delle proprie possibilit.

14 Come organizzare eventi e seminari.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 54 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

14 Come organizzare eventi e seminari.


14.1 Un buon modo per raggiungere diversi obiettivi organizzare eventi
all'interno del centro Yoga e seminari, sia all'interno che in
localit amene.
14.2 A cosa pu servire? Ecco alcuni dei vantaggi offerti
dall'organizzazione di eventi e seminari:
14.2.1 Fidelizzazione iscritti
14.2.2 Recupero ex iscritti
14.2.3 Incremento di fatturato
14.2.4 Offerta di servizi aggiuntivi
14.2.5 Promozione e attrazione di nuovi potenziali iscritti
14.3 Cosa si pu organizzare?
14.3.1 Seminari di approfondimento yogico
14.3.1.1 Approfondimenti su particolari tipologie di asana per intermedi e
avanzati
14.3.1.2 Seminari di purificazione sulle tecniche relative: pulizia del
naso, dell'intestino, ecc
14.3.1.3 Seminari sulle tradizioni filosofiche yogiche
14.3.1.4 Yoga per bambini
14.3.1.5 Yoga per la terza et
14.3.2 Seminari di argomenti attinenti
14.3.2.1 Shiatsu
14.3.2.2 Reiki
14.3.2.3 Medicina ayurvedica
14.3.2.4 Rilassamento
14.3.2.5 Ginnastica dolce
14.3.3 Conferenze gratuite
14.3.4 Conferenze a pagamento
14.3.5 Proiezioni di filmati con introduzione, commento o dibattito.
14.3.6 Lezioni gratuite e presentazioni di nuovi servizi e prodotti

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 55 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

14.3.6 Lezioni gratuite e presentazioni di nuovi servizi e prodotti


14.3.7 Week-end e settimane di approfondimento yogico in agriturismo o in
localit turistiche o termali
14.4 Prima di lanciarsi nell'organizzazione di un evento bisogna osservare
diverse cautele.
14.4.1 1. Prima di tutto calcolare bene le spese e il numero minimo di
partecipanti paganti necessari.
14.4.2 2. Se il seminario in agriturismo o in albergo, verificare
alloggi, servizi e lo spazio dove si praticher. E' bellissimo
progettare un corso di pratica su un prato in riva al lago, ma
bisogna che ci sia lo spazio al coperto per praticare anche se
piove.
14.4.3 3. Se l'albergo o l'agriturismo non riservato esclusivamente al
seminario, verificare che non ci sia proprio in quel week-end o in
quella settimana anche il festival di ballo sudamericano:
provocherebbe una certa distrazione.
14.4.4 Tenere presente che, in media, ogni dieci iscritti almeno due non si
presenteranno. Al momento del seminario pi facile che gli
iscritti si riducano per improvvisi impegni, indisposizioni o
semplice indecisione, piuttosto che aumentino. Questo soprattutto
nel caso il pagamento non sia anticipato o non vengano richiesti
acconti. Occorre quindi che ci sia un minimo di elasticit anche dal
lato alberghiero e degli alloggi. Se l'albergatore non offre nessuna
elasticit, occorre o assumersi il rischio (tenendo presente che un
10-20% di iscritti dar forfait all'ultimo) oppure esigere un
acconto non restituibile. Questa seconda soluzione pu far diminuire
il numero di iscritti totale, quindi consigliabile solo quando i
posti sono veramente limitati.
14.4.5 Occorre stabilire bene la politica di pagamento. La politica pi
"user friendly" e quella che in genere consente di avere il maggior
numero di iscritti paganti : niente acconto, paghi all'inizio del
seminario, se all'ultimo non vieni non hai nessuna penalizzazione.
normale che con questa politica circa il 20% degli iscritti non si
presenti, ma il numero di iscrizioni totali generalmente superiore
rispetto alle situazioni in cui si chiede un acconto o un pagamento
anticipato. Un lato negativo di questa politica che, nel caso di
seminari nel week-end, si incassano un sacco di soldi il venerd
sera o il sabato mattina, e quindi bisogna custodire qualche
migliaio di euro in contanti e assegni fino al luned seguente,
quando si potr portarli in banca. Il problema pu essere in parte
risolto depositando questi valori presso la cassaforte dell'albergo
e facendoci rilasciare una ricevuta. Finch sono l sono coperti
dall'assicurazione dell'albergo o comunque sotto la responsabilit
dell'albergatore. Anche quando l'acconto o il pagamento anticipato
non obbligatorio, una buona idea offrire un piccolo sconto (dal
3 al 5%) per chi paga anticipato. Questo permette di migliorare il
flusso di cassa, di disporre di contante per eventuali acconti
2006 Gianniall'albergatore,
Lombardi
BOZZA
lavoro - in attesa
di revisione
g.lombardi@essai.it
e didi limitare
i rischi
di furto una volta
sul
Cell. 348-2288110
Come
Aprire
e
Promuovere
un
Centro
Yoga
g.lombardi@tele2.it
posto.
p. 56 di 61

anticipato. Un lato negativo di questa politica che, nel caso di


seminari nel week-end, si incassano un sacco di soldi il venerd
sera o il sabato mattina, e quindi bisogna custodire qualche
migliaio di euro
in contanti
e attesa
assegni
fino al luned seguente,
BOZZA
di lavoro - in
di revisione
quando si potr portarli in banca. Il problema pu essere in parte
risolto depositando questi valori presso la cassaforte dell'albergo
e facendoci rilasciare una ricevuta. Finch sono l sono coperti
dall'assicurazione dell'albergo o comunque sotto la responsabilit
dell'albergatore. Anche quando l'acconto o il pagamento anticipato
non obbligatorio, una buona idea offrire un piccolo sconto (dal
3 al 5%) per chi paga anticipato. Questo permette di migliorare il
flusso di cassa, di disporre di contante per eventuali acconti
all'albergatore, e di limitare i rischi di furto una volta sul
posto.
14.4.6 Se i posti sono limitati e si prevede che le iscrizioni superino i
posti disponibili, meglio richiedere il pagamento anticipato
oppure un acconto non restituibile se la disdetta non avviene almeno
una settimana prima dell'evento. Dal lato amministrativo bisogna
tenere presente che acconto e saldo comportano due registrazioni e
due scritture contabili, quindi il lavoro di gestione dei pagamenti
raddoppia.
15 Lavorare con le palestre

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 57 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

15 Lavorare con le palestre


15.1 Organizzare un corso per una palestra diverso che organizzare e
tenere un corso per un centro yoga. Il pubblico diverso e
altrettanto diverse, spesso sono le esigenze di chi partecipa a corsi
in palestra.
15.2 I corsi in palestra

in genere sono di due tipi:

Corsi ad accesso libero per tutti gli iscritti della palestra


Corsi a pagamento per iscritti e per esterni
15.3 Nel primo caso la frequentazione sar tendenzialmente occasionale:
spesso capiteranno in sala persone che entrano per pura curiosit,
oppure perch il corso di spinning pieno e allora si rivolgono allo
yoga come seconda o terza scelta.
15.4 difficile quindi fare un discorso didattico coerente, o seguire un
certo programma. Lo spazio per la teoria sar minimo e sostanzialmente
ci si limiter a proporre delle sequenze di asana a seconda del
proprio stile e cercando di seguire quello che appare essere il
gradimento degli allievi.
15.5 Nel secondo caso invece gli allievi saranno pi specificamente
motivati e sar possibile seguire un programma.
15.6 Sono diversi anche gli atteggiamenti del titolare della palestra nei
confronti della possibile retribuzione dell'insegnante. Nel caso di
corsi "compresi nel prezzo d'iscrizione alla palestra", a meno di non
suscitare ondate di entusiasmo fra gli allievi, o di dimostrare che
arrivano frotte di persone ansiose di iscriversi alla palestra per
poter accedere alle sessioni di yoga, dal punto di vista del titolare
il valore aggiunto dell'insegnante sar poco e quindi tender a pagare
il meno possibile o comunque prezzi allineati ai livelli bassi del
mercato (mentre gli insegnanti dei corsi best seller o alla moda
potranno spuntare qualche euro in pi).
15.7 Nel caso di corsi a pagamento, le opportunit di miglior retribuzione
dell'insegnante sono maggiori. Se l'insegnante bravo, ha un po' di
carisma e ha l'accortezza di farsi dare un minimo per la lezione pi
una percentuale per allievo, facile che il titolare veda una
favorevole relazione "pi iscritti allo yoga pi guadagno per me -- e
anche per l'insegnante". L'insegnante, oltre a conquistare nuovi
allievi per il suo corso grazie al passaparola positivo, pu inoltre
darsi proattivamente da fare per portare nuovi allievi, invitando
amici e conoscenti, oppure esponendo locandine e volantini nei
dintorni.
15.8 Il fatto
un fatto
dedicare
dialoghi

di essere pagati meglio o peggio non indifferente e non


puramente venale. Se un insegnante pagato meglio, pu
pi tempo alla preparazione delle lezioni, oppure pi tempo a
individuali con gli allievi prima o dopo del corso.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 58 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

15.8 Il fatto
un fatto
dedicare
dialoghi

di essere pagati meglio o peggio non indifferente e non


puramente venale. Se un insegnante pagato meglio, pu
pi tempo alla preparazione delle lezioni, oppure pi tempo a
individuali con gli allievi prima o dopo del corso.

15.9 Inoltre l'organizzazione di un corso a pagamento presso una palestra


un allenamento imprenditoriale utile per la futura apertura di un
proprio centro yoga.
16 Conclusione

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 59 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

16 Conclusione
16.1 Aprire un Centro Yoga un'attivit imprenditoriale, e come tutte le
attivit imprenditoriali, comporta dei rischi. Naturalmente, siccome
lo Yoga una filosofia con delle caratteristiche particolari fra
cui la non violenza, il distacco dai risultati dell'azione, la
frugalit personale e di vita, la maggior parte di coloro che aprono
o apriranno un centro Yoga lo faranno per numerose motivazioni. Fare
i soldi e diventare ricchi difficilmente sar la principale. Per
tenere conto delle problematiche commerciali, finanziarie, di
marketing, fiscali e assicurative importante nel mondo moderno
tanto per le imprese commerciali pi aggressive quanto, all'estremo
opposto, per le organizzazioni non profit pi disinteressate.
16.2 I consigli riportati in questa piccola pubblicazione sono utili per
affrontare l'impresa con maggiore consapevolezza, per limitare i
rischi dove possibile, per evitare almeno alcuni errori, per
apprendere a grandi linee le tecniche che possono aiutare a
raccogliere pi iscritti e quindi coprire meglio le spese,
raggiungendo prima la situazione ottimale, cio tirare fuori
dall'attivit un margine lordo che consenta, coperte tutte le spese
e pagati tutti gli stipendi, un piccolo utile da reinvestire per la
crescita o per retribuire il titolare.
16.3 Non detto che i consigli e le tecniche illustrate fin qui siano
tutte applicabili per la tua situazione, e ce ne possono essere
alcune pi simpatiche o pi attraenti per te. C' chi trova
"artificiale" andare in giro con i biglietti da visita o i volantini
in tasca per darli ai conoscenti con cui capita di parlare di Yoga e
chi considera il biglietto da visita un normale strumento
professionale che va utilizzato in tutte le occasioni in cui utile
dare a qualcuno i propri recapiti (anche quando, in fila alla posta,
capita di parlare di Yoga col vicino).
16.4 Questi suggerimenti sono utili anche per chi vuole fare soltanto
l'insegnante, perch - a meno che non sia un secondo lavoro senza
impegno o un hobby per riempire il tempo libero - anche lui avr il
problema di far quadrare i conti del lato economico della sua vita e
trovare nuovi allievi per le lezioni private o nuovi sbocchi in
palestre e centri Yoga di terzi.
16.5 Chi si lancia nell'avventura di aprire un centro Yoga deve tenere
presente che i primi tre anni dell'impresa saranno molto
probabilmente anni di duro lavoro. In questi primi anni dovr sempre
fare particolare attenzione alle spese, e dedicare tempo ed energie
alla ricerca di nuovi iscritti. Perch purtroppo le spese si
moltiplicano molto facilmente mentre le entrate fanno molta pi
fatica ad arrivare.
16.6 Le attivit di promozione e marketing che sono consigliate qui
possono essere un aiuto per avere un centro economicamente pi sano
e pi frequentato. Sono strumenti che vanno usati per quello che
sono: tecniche per comunicare la propria offerta commerciale in modo
2006 Gianni
Lombardi
chiaro
e onesto, BOZZA
per avere,
se- in
possibile,
pi allievi. g.lombardi@essai.it
di lavoro
attesa di revisione
Cell. 348-2288110
Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
g.lombardi@tele2.it
p. 60 di 61

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione

16.6 Le attivit di promozione e marketing che sono consigliate qui


possono essere un aiuto per avere un centro economicamente pi sano
e pi frequentato. Sono strumenti che vanno usati per quello che
sono: tecniche per comunicare la propria offerta commerciale in modo
chiaro e onesto, per avere, se possibile, pi allievi.
16.7 Alcune possono funzionare meglio, altre meno, per una serie di
motivi: attitudine, esperienza, disponibilit del mercato, o
semplice fortuna.
16.8 In ogni caso, come insegna la Bhagavad Gita, la battaglia della vita
va combattuta fino in fondo, indifferenti al risultato, ma
pienamente consapevoli e impegnati nell'impresa. La vita moderna non
richiede pi di saper combattere a cavallo, ma pu richiedere di
sapere come realizzare un'affissione comunale per promuovere il
proprio centro Yoga.

2006 Gianni Lombardi


Cell. 348-2288110

BOZZA di lavoro - in attesa di revisione


Come Aprire e Promuovere un Centro Yoga
p. 61 di 61

g.lombardi@essai.it
g.lombardi@tele2.it