Sei sulla pagina 1di 13
‘Se, come veremo, lo silppo dlls lug cisisna prin iva scmbra Guar steno in schon relat dalla Murga lan, ts pout aspetare di tovare, nelle pit anche re here el pat evan crtan, uno schema cho seg mel {O da vino lo athora DEF, Quando Il pato eats er ‘ano bon sh pid na elsnaione saceata da un fico Texte ed rehire = in eu eit cin! coninuvano a ‘ora ed ula con geben Sinagog, ma atin ors. be dl queso fio, che era pitt meno analgo a quello dela Singops ma oral propio dolla Chics cls pours ase. re ogualment dl veer sorgee wna preghiera cristana oul Spparrnno di segs Io schema ABC e pollo sca DEF. Gueso sccstamente, ped, che non si ea mai Yetiicato tr tebe in qeaio or lr | pat aon erano mal legal ne ‘Gatamente al servi snagozle, suc un probleme che non flere anore pose I parlelismo ts ABC e DEF srt tao ib scott ta guano la seompara dello Somd, soso {al pmo evcariin, pore ADC tina vsinanaa immedi ‘on DEF. Cr pot dungue aspetie di Yedere operas) una fusions, pit o meno rise, pib o meno spin, tra ABC DEF. Tuto questo, come eveno oecaslone dl cstatre,conispon- de sattamente alla storia dela Turpin eucaristica. Le pie ihe formule eucritehe che abbiamo eomporiaso esthiva: ‘mente una prehlere(o melo, un sel de preghcre) del tipo DEF. Quando Tlie di lta e di priors ctant ll past eictisico soao come slda, vedio epprte une Dreher cusses in co uno schema ABC st sds, pid 0 es facnents, alo scents DEP. ‘Ben presto, pet, si possono oxservare del rimanegsament pit © meno ingore por sntelzzare I duo grap, a modo ‘Seve |doppon oe speaon troppe apparel. La do gusts manipoisions sloerh in una nfuone completa, st {vive lla foe a un nuovo schema che possamo arate {recon formula AD BEE. TE teapoora di vedere come, dl fat, la preghor eucarst ca criniane dovva nasoe dalle bert ladsiche, dapprims ‘ate semplicement con legen loci, e pol ope ‘mente rsformate Coptolo V Dalla uberakay giudaica alleucaristia cristiana Lo della « er » da parted Ges 1 cardale Schusier dice che Cristo evra toatl Samia come, H Hbeo tsedotl bale poy a quale non avea che da Tease Ia Iurgi del bo tcc (1) ‘ibe rors pi et di dts Geis ceca ls we ‘era veo pr che exe ton fanno che meters in alo ‘ano rianeve nce hel Sato. Le parle Cis, co {be oan Tabblano fatto hla, sppongano una plea cn: Seznza dela ibbin cerca ~ on sens moto poco che ls apprtne ~" a et sla tocs dre Tutins perl. Get appre comungue come Ferede redial Sa pe Sloagoral. Si poo te che er sao reat aI fl compo {a atecare al mondo nero tte Gb che tam onenrs in ferme ea fro Sore ela sa pit E sats ped teaver tscunento de igi Mare nea po’ gadis che Ta ‘et del Filo di Diol pout erinere nanan. ‘Come i Gea i Nazar at pode che € la Parl fata came, st pebbs die dla ua anise & Tom iota ‘prone in perf beading aco tu Fe ‘manos dona in una rissa pefeta af Bo che pra La Pe ‘ols vin trove ela wita umana dt Gest a sun ere ees Hnzashne erence lve. Lert encdsone che {Gest pronuncera i compact supremo della aun eh ‘toa! Ine "pate cine revives, angel snl om hanno iat, come praia Gest, che una sla prehrs ampli cs pare san Give Mea i emer neato Tato che In preghira cat dx wo Matico © Luc dopo Is pins misione dei Dodi sia una Spica Ferild. Lo 8 pit bacon ft che lw tre sia ula che ‘lant visto lore come i ena magglore,e nfine It tn dominente delle bert: In conorernzn i Dio» in ni, Fipondente alla conecenza ce al ha dino, nella beoadao ‘she las Poa sustain aest es bord pr In conosconzneriva im quota tet lla sa completa perch, in Ges, Dio st manifsta complete fe alumo, ¢ inmeditemente suc Inspr pati dl omo, Contemporanenmeate, questa Benth per tn eonoson za che ll Padre del Figo, e pet Ia conorcnzn cho It Figo be rcoe dl Pare supa in ana Berd per In coma Hoge at quests nimi sngolare al «pore, nel senso co tine in lal, cd a color che vivond slo dels fede oc eso, que cl € stato dato da sa Luca, probailinen- te nels fonma pid vicina sl fermule che Ged ha dora eet tamen ula In qullo somo inate Gee crt nllo Spite Sano ¢ te, che hal nce gut cove dot al sap ¢ Ichi al pc Sy Pate, poche fe pce (Gg cua ni at afta Padre oe nessa 8 I Flos non Pate, hi © IT Puke enon Fi eel al gute Figo to vopa ivan» (LE 2t2e et Mi 12520. In queso testo non particle che non sin eco di sk into. L'eullaza di Get, per comislare, epee a glo- [echo Vanima di ops Beok B esutana di elu che sco. ro eo divine vvslatee, i veto i gal cit, © pertian de Ie'ia dlfuomo, Tuto seq il suo sigaieat, Ina, ne. Ia nora conascnza ot Dip im quanlo econo fer pine. Pan che ol abblamo ccsienza gual cos, pee che ‘ot eiame, fa eh conome, Ee conuce con qualia concen: {che amore, che fas, quando las scope, che tuto a Lesulanea propela dl Gest vine, por, @superare ini tamente gulls di oasascodente delfantica allan, La mn Prego © ucla d oll che sa dl esee non solo consluto 4: Dio, ma ogo unico, in qualche modo, della sonra Alvin clu nel quale Is conoacenea popes di io, non 210 {in quanta Signore sovrano del cielo dell ter, ma in guts Padre st compioceperfetameats, Dio vera comincato 8 ‘la come Pade Teale, po ree. Ors, God sppare got ome i Figo unico, «pedo In cul tuto Ire ca isi issume, anche supers ‘Tuuavia i iconoscineato di questa nic dt « conoscen za di cul Gesb& opt, lung dal Hshindest su dT THvesa spstanesmecie ul mondo © mull vominis Beco per ‘sulle sue Tebra, la Berd 8 per exeenza confesone ¢ fprtlemasione delle meravipe divin. Pro, exa ® sopra. {o i comuniczione di qocla ravi unica che comic Tendo’ i tuto dels conoeensn diving, Resprocament, go> sta comuniaone ton 8 alto che ua iediamecto de ‘ eoeriia » peemanente che cositlsce some I fondo dln tna di Cris, [Notiamo e queso siguard come il seaso dl gusta lsepare ‘ul dela procamasione dl Vangelo dala « eseaiin 1 ‘marth vivo nella traisoe tga. Pros # Pate. Tomi prendersspontaneament Ia forma dun inno eve. Fist “Tttavi,quetacomenicaion della Spien sprems4p- ‘pon Tumiliasone dog sapenen mana, come san Polo o- eva spegue nel sun prima lewera al Covina. Eas 8 ccs. ‘Siu apical a coloro che sono tt rapiuni da quello op ‘ol infaniasopranaturae che? Tuneo Spiro det Padre, in cat slo Gesh pub ralegarst dl conweere It Padre come Padre coosce Il Sono ques color che In pie dg lint salmisl vera chiamato 1 «pore» per eccllenza (3) clo ro che hanno i propio solo I fede n goal H dona renan th ‘erva a queso Spinto. B queso il « beatpacito», le eboxl, iTalsogoe di amore gratia del Padre, i quale, oe ¢ mediante {1 Figh, over a aus realzacione ia fl wom ‘Sole al Figo nf, tuto « tremeeo 9: gl tl org: te per tl gh alee, nla sesso tempo, conan della ta dizione supe. In gust, le oaosoea che Do, eemamen te, hu dalla sa opera, rvela come condenstn inn 000. ‘eomaa unica, La sun eu, la si complacena pogsa ala 1A Cn pre eal Satna 2. 103 itera sul Figo, come unio « preieto» del Pre I Pade, fafa, tora in ot ucla conduanznreipoca cho & come ‘rcoptsimeno» parflo del suo amore. Ma questa conooen- {idl Pade chee € Tonio ad aver, il pio cele even {condo To stesso isepnepatern; eal ifat loin Pe ‘econ fa suas sonfeston in elt comple ello les tr. ola patlad Dio ela isons dl wom Harack bu deta moto bene di questo testo che eso app re al sot come um serBitogivanneo (4). Non vst sen- fe roltnto una, pregsarone serpeenienc dllaimoser ‘a tone she sono prop isan Giovanni annunca ia fe il'cl svoimen thal centro del 1V vangelo: Pick tic tai Pade ell Figo, «il « Vang In bona 90: ‘lla, ce ot introdce in usta Sadia). C8 ped da me ‘avila che Harmac, ein genere | wl contemporas, slano nt col pooo capa render conto dl rovexo db usta falole, Quewo tro dl Lua e di tio muita da slo, ‘elo qualia altro argmento, ero ches 8 commas ee troppo tempo dt ole ceeare 1 segeto dla crloga {Govanac in une presunaelleizacione del vanglo primitive. ‘Non ct mol infos ib proto, pid semi, dl la ‘iplesmentegudseo del gludlsmo della Siagog, come 1 tt mini e petino Inform oh gots preghiers (lta dae ‘ilppaio® fore fp cntale dela Biba, e glunge al 00 ‘Rocco fine sequendo la sun Tinea pil! atonoma: conosen- ba che @ amor, concen che si ha i Dio, la quale non bal fo che la consceaza che Dio hadi ol. modi dl expesions ono alent bibl, cn it paralismo sntico, afer: one asoluts, sito ‘atenuata con un corettvo che sombre cntedirl, ma che a fa alto vec, eho prolangara. I Sine, Fait i cul cbs civ Hane ea ‘une preghiera models “Gb che Mattoo agiungs altro che, sortanlalnent, ® co- (0 mola dle wavs ce i vent gro, et dle 0) oe Cnt Fon 3 th ap ee (0, Emeric on eas el grote pn etre opr stu hehe hls pl eu = Ca 104 mune con quello i Lass, non 8 meno ebro sia nella forme ‘heel stand’ «Vente me, vol tut che ste ast! ¢ opr, © Fronds io log spread vot ao gogo infat aoe ‘ust slog, che & un cario Seggeo, entamente spree Sone che dasignava, po | abil, accion dalla Tor, co tmp abbiame vise riguardo alla bord pe Ia Toe ¢ la cone- ‘Senza (7). Sines, pose sabatcd ova be sa {ne nelngreso nel pose della promesse, imo «Ub In froin quello sess ipso di Dio che fu it compimento de- Troperaereaice (8). La, uova Tord, Taleazn elem cho 2 sept, cl fara eatae nel vero sabato quel ipo peno {got che teh dito al opera i Dio plenameate compl ‘qostopere, come die san Giovanni, & che no eedlamo (cf Go020, San Giovanni, dal canto suo, mete una grande prehiera in bocca Gest, dopo la Cena, proprio mente ta per cone: ‘nurs alla sua Pasione (ef Gy i). ase non fa che Hpeadere 4 eoplctare quello cheer gid pi che in gee per Isl in fuel era dt san Mao san Lea, neu i Cito ee teva il senso dela sus misione, quella sie che gl aPo- oll avrbber profent. 'Eyoro she nel 17d san Glovann,sguendo une china che abbismo mason lace nelle beat psdsche, In supplicn ‘ora, in uelche modo, sul'alone di grase; ma Faslone dt faze confosione » ela Toe, legge in fligrane da wm ‘apo aValio, Tutt quest progr scerdoale», come a china), & fro duns ontemplazione di quella glorf fasione di DIS chef opera terena on esi Gand chins Is ‘propria plorgeaione nella quale quel dsl Padre anh consi. nso ealverza del cede (Crp eand erg pri asp, 10s,