Sei sulla pagina 1di 11

Quaderni del Gruppo Di Ur

V NUOVI DIALOGHI SULL'ERMETISMO


dedicati a J.M. Kremm-Erz V Dialogo I Ediz.: Ottobre 2007

La Terra Hermetica

Ogni quaderno del Gruppo di Ur raccoglie, in forma organica e sintetica, quanto emerso nell'omonimo Forum, in relazione ad un determinato argomento. In esso si trovano, perci, sia citazioni degli autori studiati, sia commenti. I quaderni si devono considerare in continuo aggiornamento, dal momento che l'emergere di nuovo materiale sull' argomento trattato pu rendere opportuna una nuova edizione.

INTRODUZIONE
Questo V dialogo presuppone la lettura dei primi quattro, gi pubblicati separatamente. Si infatti deciso di non appesantire il documento precedente che li contiene, ma di pubblicare il V, ed altri che dovessero eventualmente aggiungersi in futuro, nel presente file. Come nei precedenti quaderni, per poter riportare taluni dialoghi privati, pur rispettando la privacy dei partecipanti, si ricorso ad uno pseudonimo collettivo, che, rifacendosi ad una omonima opera alchimistica, - l'ormai nota ai lettori - Turba Philosophorum. SOMMARIO: L'Inno al Sole - Versione Parascandolo - Versione originaria Kremmerz Confronto tra le due. Ancora sul Corpo dei Pari - Il Corpo, La Mensa e il Simposio. Su Kremmerz e la Messa Cristiana - Influssi sottili del Cristianesimo - La Mano Agente. Su Kremmerz e i Fedeli D'Amore - Dante drogato? - Ancora sull'Ordine Egizio e sul Corpus L'epoca dei d'Aquino - Lo pseudocorpus della Luxor - Rivista Elixir n 5 - Il tempo sar galantuomo. Una nota sul Sacramentario Magico delle Fratellanze Ermetiche.

L'INNO AL SOLE
Abraxa: Durante diversi recenti interventi, stato evidenziato che, se si vuole che la religiosit classica politeista riprenda, anche pubblicamente, la sua eterna funzione di guida della civilt occidentale, non basta limitarla (sempre pubblicamente) al ristretto ambito degli studi di mitologia e simbologia ove il cristianesimo cerc di circoscriverla. Occorre ricorrere, sempre pi frequentemente, al rito pubblico. Un aspetto frequente del rito, soprattutto se pubblico, l'inno. Quello che trascrivo in questo messaggio il ben noto Inno propiziatorio al Sole interiore, con cui il Maestro Kremmerz inizia i suoi "Elementi di Magia naturale e divina". Nel pieno rispetto dello spirito del Pantheon e del Rosacrocianesimo, Kremmerz non esita a mostrare, accanto all'ovvio simbolismo Solare, il corretto (e non prevaricatore) uso del simbolismo del Cristo: " UNUS, POLLENTISSIMUS OMNIUM! O SOLE, radiante Iddio, padre nostro, tu che crei le forme e dai con l'ombra rilievo alle cose visibili nell'onda del tuo splendore eterno, illumina della tua luce divina colui che, puro di mente e cuore, legger in questo libro le leggi e le pratiche per assurgere alla potest dei Numi; fa' che egli intenda e non fraintenda, dagli l'umilt di sapersi ignorante e la virt di prescindere dalla sorda sensitivit della vita terrena affinch, dove la voce della Bestia non lo seduca, senta l'alito del tuo Spirito fecondo.

O SOLE, tu che spazzi le tenebre della gran notte dei fantasmi passionali, degli spettri delle concupiscenze pi sfrenate, delle superbe creazioni dell'orgoglio umano, illumina l'ignoranza di colui che, mondo dai fremiti della volutt delle cose temporanee, ha sete di verit eterne e fa' che l'idolatra della Bestia, incatenato alla vanagloria dell'ignoranza, senta il tuo raggio divino e si prepari all'avvento del Cristo. O SOLE, sfolgorante Iddio, perdona a chi mi legger in malafede, ai preti mestieranti o ciechi, ai dottori di teologia che non intendono la parola del tuo Spirito, ai sapienti adoratori dell'acido fenico, dei microbi e dei sieri, ai critici che non sanno e ai pinzocheri che hanno paura; fa' che i tuoi Messaggeri di Luce, angeli alati e demoni cornuti, li convertano all'intelligenza della verit delle cose visibili. Ma tu, che solo ai ciechi nascondi la tua luce, o SOLE, non negare il tuo raggio e la tua provvidenza a colui che, leggendo senza la virt dell'anima e del cuore, voglia una prova sola per convertirsi alla verit. Ma se la PROVA non basta e il tentatore degli Dei, ostinato, ritenta ancora una prova senza la fede, sii clemente come sei magnifico. Perdona alla fragilit dei presuntuosi. Fa' che il tuo demonio rosso non avvampi loro il sangue nelle vene e il cervello non bolla per pazzia, innanzi alle vaganti e fuggevoli immagini della lussuria dell'inesistente. Perdona, o SOLE, e risparmia la tua collera terribile ai sofi maligni e ai giullari della sapienza umana. Mentre essi negano, il Gallo canta e l'alba della luce delle anime, delle intelligenze, si annunzia all'oriente, di sopra alla catena serrata dei monti altissimi che precludono all'occhio umano la citt di Dio. Mentre essi deridono ci che non veggono, accarezzano le pecore da tondere e i tordi grassi da pelare, cercano le carte monetate, e il paradiso della suburra; frattanto, il Gallo ripete il canto, l'alba diviene aurora, il mondo si risveglia alla luce e lascia i gufi, padroni della lunga notte, nelle tane a divorare il cadavere della grande menzogna che li ha nutricati la vigilia. A chi crede, a chi ama, a chi spera, il senso vero della mia parola, che la tua legge. Luigi Parente: La versione del testo che stata riportata non l'originale, ma quella rivista e corretta dalla C.E.U.R. La versione originale, cio quella stampata a suo tempo su "Il Mondo Secreto" la seguente (inoltre, a questo link: http://www.giulianokremmerz.it/Redazione/C_Novembre_2005/II_Kremmerz.htm vengono evidenziate le differenze tra le due versioni): UNUS, POLLENTISSIMUS OMNIUM! O SOLE, radiante Iddio, padre nostro, tu, che crei le forme e di con l'ombra rilievo alle cose visibili nell'onda del tuo splendore eterno, illumina della tua Luce Divina colui che, puro di mente e cuore, legger in questo libro le leggi e le pratiche per assorgere alla potest dei Numi: fa che egli intenda e non fraintenda: dagli l'umilt di sapersi ignorante e la virt di prescindere dalla sorda sensivit della vita terrena, affinch dove la voce della Bestia non lo seduca, senta l'alito del tuo Spirito fecondo. O SOLE, tu, che spazzi le tenebre della gran notte dei fantasmi passionali, degli spettri delle concupiscenze pi sfrenate, delle superbe creazioni dell'orgoglio umano, illumina l'ignoranza di colui che, mondo dai fremiti della volutt delle cose temporanee, ha sete di verit eterne e fa che l'idolatra della Bestia, incatenato alla vanagloria dell'ignoranza, senta il tuo raggio divino e si

prepari all'avvento del cristo. O SOLE, sfolgorante Iddio, perdona a chi mi legger in mala fede, ai massoni ignoranti, ai preti mestieranti o ciechi, ai dottori di teologia che non intendono la parola del tuo Spirito, ai sapienti adoratori dell'acido fenico, dei microbi e dei sieri, ai critici che non sanno e ai pinzocheri che hanno paura; fa che i tuoi Messaggeri di Luce, angeli alati e demoni cornuti, li convertano alla intelligenza della verit delle cose visibili. Ma tu che solo ai ciechi nascondi la tua luce, O SOLE, non negare il tuo raggio e la tua provvidenza a colui che leggendo senza la virt dell'anima e del cuore voglia una prova sola per convertirsi alla verit Ma se la PROVA non basta e il tentatore degli Dei, ostinato, ritenta ancora una prova senza la fede, sii clemente come sei magnifico. Perdona alla fragilit dei presuntuosi. Fa che il tuo demonio rosso non gli avvampi il sangue nelle vene e che il suo cervello non bolla per pazzia innanzi alle vaganti e fuggevoli immagini della lussuria dell'inesistente. Perdona, o SOLE, e risparmia la tua collera terribile ai ciechi conduttori della cieca turba, ai Sofi maligni e ai giullari della sapienza umana. Mentre essi negano, il Gallo canta, e l'alba della luce, delle anime, delle intelligenze si annunzia all'oriente, di sopra alla catena serrata dei monti altissimi che precludono all'occhio umano la citt di Dio. Mentre essi deridono ci che non veggono, accarezzano le pecore da tondere, e i tordi grassi da pelare, cercano le carte monetate e il paradiso della suburra fra tanto il Gallo ripete il canto, l'alba diviene aurora, il mondo si risveglia alla luce e lascia i gufi, padroni della lunga notte, nelle tane a divorare il cadavere della grande menzogna che li ha nutricati la vigilia. A chi crede, a chi ama, a chi spera il senso vero della mia parola, che la tua legge. Venvs Genitrix: Conoscevo da tempo entrambe le versioni dell'Inno al Sole kremmerziano e, se devo essere sincera, preferisco la versione di Parascandolo (quella postata da Abraxa), rispetto a quella originaria di Kremmerz. Premetto che non ho alcuna simpatia per il C.E.U.R. (1); anzi, con il passare degli anni, mi sono sempre pi convinta che, dopo la morte di Parascandolo, il C.E.U.R. avrebbe dovuto semplicemente sparire, non avendo Coraggia alcuna effettiva trasmissione, tanto meno poi per dirigere un presunto ordine osirideo. La mia preferenza ha tuttavia almeno due buoni motivi: - Il sito indicato da Luigi pone l'accento sulla mancanza, nella nuova versione dell'Inno, dell'espressione "massoni ignoranti". A riguardo non si pu far a meno di osservare che forse Kremmerz, quando lo pubblic, nel lontano Gennaio 1898, non prevedeva ancora quanti si sarebbero dimostrati ignoranti anche ... tra i kremmerziani. Che cos si dovrebbero aggiungere alla lista, assieme agli ignoranti di molti altri ambienti ed organizzazioni. Perch? perch gli ignoranti sono diffusi un po' ovunque, accanto a persone pi valide o pi mature. - Un Inno dovrebbe, se non proprio avere un valore eterno, perlomeno possedere un certo carattere di atemporalit. In altri termini, riletto tra alcuni secoli non deve sembrare "datato". Ora espressioni come "massoni ignoranti" o "kremmerziani ignoranti" e via dicendo sono appunto espressioni "datate", perdendo esse di significato allo scomparire delle corrispondenti organizzazioni (che non detto siano eterne!). E' del tutto sufficiente, invece, l'espressione "preti mestieranti o ciechi", dal momento che possiede il significato assolutamente generale di individui che esercitano un sacerdozio sia religioso, sia iniziatico o presunto tale, senza avere reale comprensione di ci che fanno. Il termine perci include maestri massoni, kremmerziani e via dicendo, che non fossero all'altezza della loro funzione. Si obietter che anche altre parole possono considerarsi "datate", ad es. Cristo. Ma non cos, perch Cristo significa "Unto", "Consacrato", ed perci parola che conserver il suo significato anche dopo l'eventuale scomparsa del Cristianesimo e perfino se la memoria del Ges storico dovesse andare perduta. Per i suddetti motivi e pur con tutto il rispetto per la versione originaria del Maestro Kremmerz,

preferisco la versione pi recente. (1) A volte ci viene chiesto se sia linguisticamente pi corretto dire "la C.E.U.R." oppure "il C.E.U.R." Dipende a cosa ci si vuole riferire: l'espressione "la C.E.U.R." indica propriamente la "Casa Editrice Universale di Roma", che pubblic la Scienza dei Magi, mentre l'espressione "il C.E.U.R." indica il "Centro Ermetico Universale Romano", che gli stava dietro [N.d.U.].

ANCORA SUL CORPO DEI PARI


Sothis_zine: Ho letto, nel quaderno dedicato al Gruppo di Ur, qualche accenno relativo al Corpo dei Pari. Mi inserisco in questo argomento, perch essendo genovese mi ha sempre interessato ricostruire la storia dei movimenti esoterici locali. Scarna, purtroppo. Mi sono gi imbattuto, tempo fa, in alcuni documenti di questo "Corpo dei Pari" e questa la seconda volta che lo sento nominare, anche se i testi di Giammaria si trovano abbastanza diffusamente in citt. Del gruppo o di personaggi avente fatto parte del Corpo nessuna traccia. Qualcuno pu riassumermi a grandi linee la storia e l'operato di questo gruppo, se possibile? Venvs Genitrix: Mai sentito parlare di privacy? La gente che non si pubblicizza vuol evidentemente ... essere lasciata in pace, anche perch ... passato tanto tempo! Infatti, il Corpo dei Pari nacque ufficialmente il 1 Gennaio 1961 e la sua attivit si concluse dodici anni dopo. Negli anni 1961-67 suscit la curiosit della stampa e dei liguri, mediante l'affissione di manifesti di Capodanno (sette in tutto) a Genova e nelle Riviere, sullo stile di quelli rosacrociani, apparsi nel Seicento a Parigi. Soprattutto l'ultimo manifesto suscit un'indagine anche da parte di carabinieri e polizia, che non ne capivano il significato. Gli unici a pubblicizzarsi (ma a Corpo ormai sciolto), oltre al "reggente" Giammaria Gonella (Ak Z Ur), sono stati: - la pittrice e scultrice Auri Campolonghi Gonella (Ur Aza), nata a Sarissola (entroterra di Genova), che ebbe per primo consorte Gianfranco Repetto (dei Repetto di Busalla) e come maestro di scultura Lorenzo Garaventa. - Giorgio Sangiorgio, anch'egli autore di alcuni libri, poi trasferitosi a Bologna. Ermete Fiorentino: Caro Sothis_zine, per ovviare alle varie opinioni e interpretazioni esprimibili sull'argomento, visto che sei di Genova, potresti contattare direttamente Giammaria che, per quanto mi consta, persona disponibilissima (come lo fu a suo tempo con Del Ponte che si rivolse a lui). A mio parere, i dati storico-anagrafici che riporta Venvs non sono tutti esatti e per mia conoscenza e per quanto ha scritto Giammaria, se giustamente si vuole intendere, prima il Corpo e poi la Mensa (che durata per 20 anni) non hanno voluto ritirarsi nella privacy, ma mantenere una giusta riservatezza. Non fosse altro che per le tematiche all'interno trattate. Ben accetto chi si accostato al Corpo e alla Mensa con coerenza e sintonia d'intenti, stesso spirito che anima i sodali del "Symposivm Pontificiorvm" di Firenze. Tutto ci posso dire in piena consapevolezza per averne fatto esperienza diretta. Sothis_Zine: Carissimo Ermete Fiorentino, il tuo un suggerimento senz'altro giusto, ma non saprei come ovviare al fatto di non avere alcuna idea di come poter contattare Giammaria non avendo alcun recapito n suo n di conoscenti. Ripeto ero rimasto incuriosito nello scoprire l'esistenza del gruppo a Genova in passato, proprio perch oggi, nella scena esoterica locale, nessuno sembra pi ricordarsene. Hai la possibilt di fornirmi qualche indicazione? Ermete Fiorentino: per contattare Giammaria basta fare una ricerca su www.paginebianche.it e troverai indirizzo e numero di telefono. In alternativa puoi provare a rivolgerti alla libreria genovese Amenothes. Luigi Parente: Mi incuriosisce il riferimento ai soldati del "Symposium Pontificiorum" di Firenze. Di cosa si tratta? Ermete Fiorentino: Sodali, Luigi, non soldati... Le "armate" sono per uomini forti, non per Bambini cui piace il Latte. Il Symposivm Pontificiorvm appunto un simposio i cui partecipanti, con coerenza e sintonia d'intenti, esperiscono la weltanschauung ermetico-alchimica. Esperienza comune, quindi, a quella dei sodali del Corpo e della Mensa.

Venvs Genitrix: Caro Luigi, probabilmente ti ha incuriosito la forma latina non molto comune. Infatti sono pi frequenti espressioni (di altro significato) del tipo: Symposium Pontficum = Simposio dei Pontfici oppure Symposium Pontif cium = Simposio Pontif cio invece Symposium Pontificiorum = Simposio dei Pontif ci, cio Simposio degli Uomini del Pontefice. Che il "pontefice" in questione non sia quello che siede in S.Pietro a Roma, ma l'ex "reggente" (del Corpo dei Pari) che imbandiva la sua "mensa", non esattamente eucaristica, a Genova, appena il caso di dirlo. Ermete Fiorentino: Curiosa interpretazione la tua Venus... Comunque sia, Symposivm Pontificiorvm significa "Simposio dei Pontefici" e a volerne ben intendere il senso ovvio che non comporta alcuna mediazione alla Sophia... Ea: Onde evitare lunghe diatribe linguistiche, consiglio gli interessati a consultare, in privato, il sempre ottimo "Castiglioni-Mariotti". Oppure, on line, l'eccellente Whitaker http://lysy2.archives.nd.edu/cgi-bin/words.exe?pontificiorum ove si vede che "pontificiorum" il genitivo plurale dell'aggettivo pontificius (pontificale, pontificio, appartenente a un pontefice) e non del sostantivo pontifex (pontefice) il cui genitivo plurale invece "pontificum" http://lysy2.archives.nd.edu/cgi-bin/words.exe?pontificum Nessun problema! Tutti possono sbagliarsi. Del resto, si discute assieme anche per correggere i nostri errori. Un po' meno comprensibile perch coloro che, secondo un precedente messaggio di Ermete Fiorentino, si considerano non "Uomini forti", ma "Bambini cui piace il Latte" si attribuiscano poi, falsificando (almeno apparentemente) la precedente modestia, il titolo di pontefice. Ma forse essi vogliono semplicemente intendere tale attribuzione come ... uno scherzoso atteggiamento di "Bambini". Ermete Fiorentino: Ben accetta la correzione: il genitivo plurale di pontifex pontificum. Il nome del Gruppo "Simposio dei Pontefici" sta a significare ci: un simposio occasione d'incontro, ove sono invitati altri ospiti oltre quelli che hanno partecipato al pasto, per discutere un argomento bevendo; il Symposivm quindi un "luogo" ove ci si incontra per "bere del sacro nettare" condividendo le proprie Esperienze, mettendosi in discussione, comunque orientati allo stesso obiettivo. Un po' come questo forum dove come tu dici: <si discute assieme anche per correggere i nostri errori>. Abbiamo usato il termine Pontefici non per, come tu giudichi, "mancanza di modestia", bens per significare che l'essere umano, inteso secondo la Grande Ipotesi ermetico-alchimica come un'individuazione locale e temporanea del Principio, pu prendere Coscienza di se' e rendersi "Artefice del ponte" fra la sua persona (o maschera del Principio) e la Mente Unica. Il Symposivm Pontificvm ringrazia per l'attenzione ed invita chi interessato ad un contatto a rivolgersi in privato allo scrivente all'indirizzo vitriolvm_it@... Luigi Parente: Ringrazio Ea per la dotta precisazione. Aggiungo anche, se mi permettete, una mia riflessione personale: E'curioso che si sia parlato di privacy per un gruppo, quello dei Pari, che decise di venire clamorosamente alla scoperto affiggendo manifesti per tutta Genova! Venvs Genitrix: Nel parlare di privacy, mi riferivo esclusivamente ad esponenti del primissimo Corpo dei Pari, che hanno mantenuto e mantengono un atteggiamento riservato. Se essi potevano essere pi o meno noti in un ambiente ristretto di studiosi, non lo erano affatto al grosso pubblico ... nonostante i manifesti. Prova ne che, dopo l'uscita dell'ultimo di essi, cos scrisse Il Lavoro di Genova del 20 Gennaio 1967: "CARME Sette per dodici uno ha segnato quattro! Potrebbe fare il paio con l'antico detto genovese 'tre per otto un franco e venti' ed invece il primo 'verso' - chiamiamolo cos - di uno stranissimo carme che un privato cittadino ha fatto stampare e affiggere nei giorni scorsi a Genova e nelle Riviere: in particolare a La Spezia e a Sestri Levante. Le copie stampate sono meno di un centinaio, come stato accertato dai carabinieri e dalla polizia che da citt a paesi della Liguria hanno iniziato indagini, ma hanno

suscitato pi interesse e curiosit che se fossero stati mille o diecimila. Il motivo semplice: non si capisce bene che cosa il manifesto voglia dire. Dire che ermetico dir poco e lo stesso lettore pu constatarlo: 'Vinti, dispersi, transfughi - prosegue infatti il carme - non conoscono la via dei consacrati! Questi, conquistata l'investitura, non Misti ma Adepti, Iniziati al Magisterio, dimettono la Maschera e Volti distinti, irrorati di Sole, riflettono nel Grande Specchio'. E' evidente una certa ispirazione confusamente religiosa, mistica, accentuata da una impaginazione del manifesto nitida (anche se aggravata da un numero eccezionale di maiuscole) su uno sfondo rosso cupo. Ma nulla pi. Alla tipografia che ha stampato il manifesto si presentato un signore d'et, che ha dichiarato di chiamarsi Roncallo e che ha fornito un indirizzo falso. Ha solamente chiarito che il testo riguerdava un nuovo movimento filosofico". Come si pu vedere si presero opportune precauzioni, sia nel numero e nel contenuto dei manifesti, sia nelle operazioni di stampa e distribuzione, per salvaguardare la riservatezza. Per quanto riguarda la successiva tendenza di G.Gonella ed altri a pubblicizzarsi, in modo pi esplicito, l'ho indicata io per prima. Aggiungo che condivido pienamente le critiche che Nilius, nel quaderno dedicato al Gruppo di Ur, ha mosso a Gonella. Anzi, ne aggiungerei di mie, in relazione a certe affermazioni di Gonella, riguardanti l'occultismo partenopeo, del quale egli, in verit, nulla pu sapere. Luigi Parente: E' altrettanto curioso, a mio avviso, che si parli pubblicamente di un "simposio" e del suo "reggente", quando la prerogativa di qualsiasi gruppo a carattere iniziatico, para-iniziatico o similare, dovrebbe essere quella dell'anomimato e della riservatezza. Tanto pi per un gruppo concepito come luogo in cui ESPERIRE e non esclusivamente in cui "condividere" (per quanto si possa considerare condivisibile una tale esperienza!) la weltanschauung ermetico-alchimica. Ermete Fiorentino: Cosa sia il Symposivm Pontificvm stato accennato. Voglio qui precisare, a scanso di equivoci, che: 1) tale gruppo non prevede alcun simposiarca o reggente che dir si voglia. 2) Giammaria (al secolo Gonella) del tutto estraneo all'iniziativa. Come gi specificato il Simposio , s, animato dallo stesso spirito del Corpo dei Pari e della successiva Mensa, ma rispetto a questi non ha alcun rapporto di "filiazione", "parentela" o altro. Luigi Parente: E' di alchimia che stiamo parlando? Ermete Fiorentino: Ebbene s! Luigi Parente: Beh, con tutto il rispetto per Giammaria, per i suoi libri e i suoi "simposi", credo che l'Alchimia si collochi ben oltre le pure disquisizioni intellettuali che Giammaria ama fare nei suoi scritti, nelle conferenze, oppure quando si intrattiene piacevolmente con gli amici (parlo per esperienza personale). Ermete Fiorentino: Ripeto: Giammaria estraneo all'iniziativa. Ci non toglie che sia un caro Amico. Recita un vecchio adagio "chi ha orecchie per intendere intenda" E' legittimo che tu abbia un "credo" ed una personale interpretazione. Luigi Parente: L'Alchimia Arte ed Scienza, e come tale PRATICA. Ermete Fiorentino: Affermazione condivisibile. Luigi Parente: La prima regola di questa pratica non "condivisione", ma SOLITUDINE e SILENZIO. Ermete Fiorentino: Oltre ad avere un credo legittima una tua obbedienza a dei comandamenti. C' pure chi afferma che "di ogni verit vero anche il contrario".

SU KREMMERZ E LA MESSA CRISTIANA


Marco de Berardinis: Gli effetti sottili negativi dell'educazione cattolica, di cui ha parlato il nostro Ekatlos nel quaderno dedicato al Gruppo di Ur, vertono a mio parere soprattutto sul "senso di colpa" e sul "peccato". Tuttavia, un Iniziato non dovrebbe perdere tempo nel criticare ci che, nella Chiesa, decadente, ma dovrebbe far di tutto per prodigarsi per quegli impulsi,

dentro la Chiesa stessa, che tendono a un risanamento... Se poi si conoscesse la legge di causa ed effetto, si saprebbe perch il Kremmerz diceva di dire di aiutare il Sacerdote durante una particolare fase del Rito della Messa. Pirofilo: Kremmerz (vedi "Angeli e Demoni dell'Amore") dice: " L'iniziato non deve ascoltar la messa recitata da un prete impuro, non solo, ma assistendo al sacrificio della messa deve seguirlo passo passo, interpretandolo secondo il suo significato vero, e all'Orate fratres gli lecito, se attivo, di invertire tutta l'anima dell'uditorio al fine della sua intenzionalit; e far compiere l'operazione della catena fluidica a beneficio della mano-agente". Al fine della sua intenzionalit - che una con quella del "Capitolo Operante" dell'Ordine ("mano-agente") - e non ai fini voluti dal prete! Marco de Berardinis: L'Iniziato puo' tranquillamente servirsi di tutta la "riserva" anche dei luoghi di culto...ai fini che vuole... ma non operer mai contro il prossimo o in contrasto con le intenzioni di chi opera, ossia del prete pena il flop... Provare per credere. Purtroppo non posso espriemrmi sui fini occulti del "Capitolo operante" della mano-agente e se sono o meno in contrasto con l'intenzione di chi opera in quanto non li conosco. Data per la statura morale del Kremmerz, dovrebbero essere sicuramente in linea con quanto nella Chiesa impulso risanatore... Pirofilo: Ecco i veri limiti che il battesimo e l'educazione cattolica producono in chi li subisce: una impossibilit vera e propria (tu la chiami "flop") ad attuare qualsiasi cosa esuli dall'angusto orizzonte cattolico. Ma se, come affermi, ti sono ignoti i fini del Capitolo Operante - che certo esulano da quel limitato orizzonte - perch provi ad attuare - con pericolo di tutti, te compreso una operativit che ti ovviamente ignota e alla quale non sei iniziato? Che essa non funzioni veramente il minimo che ti possa capitare.

SU KREMMERZ E I FEDELI D'AMORE


Ea: Ecco cosa mi toccato leggere su: http://ansa.it/site/notizie/awnplus/cultura/news/2007-01-30_13045067.html "Dante drogato? Storico, probabile Padre di 'Dante detective' parla di libro studiosa inglese (ANSA) - ROMA, 30 GEN - "Non solo possibile ma probabile". Cos lo storico Giulio Leoni sul fatto che il Divin Poeta abbia consumato stupefacenti. Il professore di letteratura italiana che per Mondadori ha scritto tre libri su Dante "investigatore" commenta la prima pagina del "Times Literary Supplement" che recensisce il libro di una delle massime dantiste inglesi, Barbara Reynolds. Uno studio di circa 500 pagine che scandaglia minuziosamente la vita e le opere di Dante". Ma certi "professoroni" non lo sanno che l'Amore pu mettere l'uomo in particolari stati di coscienza, senza dover ricorrere agli stupefacenti? Forse bisognerebbe consigliar loro la lettura di Kremmerz. Iogaila: Lettura di Kremmerz? Di cosa parli di preciso? Ea: Se vai al quaderno da noi dedicato ai Fedeli D'Amore, noterai che, eccettuato Nicol de Rossi - il quale parla esplicitamente di pratiche con contatto fisico - gli altri Fedeli, tra i quali Dante, praticano senza contatto, in maniera analoga a quanto indicato da Kremmerz nel saggio "Il Pazzo preludia alla Piromagia" (un capitolo de Il Libro Degli Arcani Maggiori). Lo stesso contenuto ripreso da Abraxa nel saggio "Operazioni magiche a due vasi" (Intr. alla Magia, I v.), ove si dice ad es. "Devi desiderare l'anima, l'essere dell'altra, cos come si pu desiderare il corpo di essa". Ci pu ovviamente esser fatto in presenza dell'altra persona o in assenza. Kremmerz e Abraxa descrivono il primo caso. Invece i Fedeli d'Amore sceglievano in genere una donna "irraggiungibile" (e perci assente), cos da tagliar fuori a priori l'aspetto carnale. Abraxa, peraltro, parla anche delle pratiche con contatto fisico, nel saggio "La magia dei congiungimenti" (Intr. alla Magia, II v.), indicando l'opportunit di farle precedere nel tempo da quelle senza contatto.

ANCORA SULL'ORDINE EGIZIO E IL CORPUS


Vojnakk: Esistono fonti documentali in grado di fornire indicazioni sul periodo "oscuro" in cui la reggenza dell'O.E. era (stando a quanto riportato nei precedenti Nuovi Dialoghi sull'Ermetismo) nelle mani dei d'Aquino? In particolare, nei meno di dodici mesi di durata della Repubblica Napoletana, che vide la partecipazione attiva anche di massoni ed ermetisti, che fine fa l'Ordine Egizio e con esso la Schola? Inoltre cosa possibile sapere sulla enigmatica figura del Pontefice Mamo Rosar Amru, jeronimo la cui origine "mitica" mi nota ma sulla cui identificazione, in termini umani, sono alquanto all'oscuro? Lvx120: Mi sono spesso chiesto e giro a voi questa mia ingenua domanda, ovvero: perch l'Ordine Egizio mantiene, per quel poco che mi noto ovviamente, una simbologia marcatamente cristiana piuttosto che egiziana? Mi sembrato, sempre per quel poco che mi noto ovviamente, che di egiziano ci sia solo il nome. Inoltre: quando si parla di O.E. si cita un qualcosa che ha continuit con Cagliostro o, almeno, che passa per questo personaggio? Nilius: Domande ... sempre domande. Si consideri anzitutto che di una societ esoterica pu sapersi .. solo cio che essa vuole o accetta di far sapere; ed essa normalmente ... si cura poco di storici e curiosi, non avendo bisogno del loro riconoscimento. Questo particolarmente vero nei periodi - descritti da Sadescan nella prima parte dei Dialoghi- in cui la sua esistenza pu correre dei rischi. Nonostante si fosse riusciti momentaneamente a diminuire la pressione poliziesca ottenendo - grazie all'amicizia di Francesco d'Aquino (padre di Tommaso Landolfo e di Paolo) con la regina Maria Carolina - l'allontanamento del ministro Tannucci, le cose peggiorarono con il "tradimento" di Giovanni Acton che, dopo esser stato chiamato a Napoli (1778) per suggerimento dello stesso d'Aquino, ne divenne oppositore. Francesco d'Aquino venne allontanato, come ambasciatore, a Londra (1781) e a Parigi (1785) e infine, come vicer, in Sicilia (Aprile del 1786). Sospettato di mantenere rapporti con il movimento giacobino, mor il 9 Gennaio del 1795, apparentemente di morte naturale, ma c' chi parl di suicidio. Come che sia, i segreti di famiglia e quindi dell'O.E. erano salvi. L'O.E., pur muovendosi con estrema prudenza come ha detto Sadescan, non aveva certo interrotto la sua attivit. Tra le sue emanazioni in ambito massonico, non solo sussisteva la Massoneria Egizia fondata in precedenza da Cagliostro (epoca di Vincenzo di Sangro), ma aveva preso avvio il Rito di Misram, affidato, tra gli altri, al G.M. Nicola Palomba dei Marchesi di Pascarola. Dei suoi rapporti con Vincenzo di Sangro si trova un cenno nel quaderno dedicato al Rito di Misram. Il G.M. Nicola Palomba non da confondersi con l'omonimo e contemporaneo sacerdote di Avigliano, martire della Repubblica Partenopea. Fortunatamente, riguardo ai significati terreni dei nomi "Mamo Rosar Amru" e "Izar" non pi necessaria la riservatezza di una volta. Essi non sono dei comuni ieronimi, ma dei titoli che spettano rispettivamente al capo dell'O.E. e al suo delfino. Tuttavia, storicamente, il Mamo Rosar Amru per antonomasia fu Antonio Marino, abate di S. Giovanni a Carbonara (area, tra l'altro, legata alla nascita della Carboneria napoletana). Essendo Marino un sacerdote, il suo nome non veniva mai pronunciato e ci si riferiva a lui unicamente con il suo titolo. Di conseguenza, il suo delfino e successore, Pasquale de Servis, ... l'Izar per antonomasia. Una stessa pratica pu esser trasmessa con simboli di differente origine, cosa che Lvx120 (non fa le pratiche della Golden Dawn?) sa benissimo. Oltretutto ... non esistono simboli cristiani: sono stati tutti presi a prestito. Detto questo, che tra le emanazioni dell'O.E. ve ne siano anche (ma non solo) di Rosacrociane cosa nota. Per quanto riguarda invece le pratiche degli ambienti interni ... vale quanto detto all'inizio. Vojnakk: Ringrazio Nilius per la sua lunga ed articolata risposta, e per la disponibilit a fare chiarezza su alcuni punti per me oscuri. Turba Philosophorum: Il Corpus dell'Ordine Egizio di cui si discusso in questo forum - se e

solo se stiamo parlando della stessa cosa - spiegato e teorizzato in maniera puntuale e precisa utilizzando una simbologia ed una teologia giudaica e cristiana. Si cita la Genesi, Adamo, Lilith, il Fiume Fison, l'Opera Cristica dal Battesimo al Calvario, la Trinit, Ges Bambino, Ges Re, il Corpo di Cristo e cos via. Anche le fasi di Nigredo/Albedo/Rubedo sono ritagliate intorno alla morte e rinascita di Cristo e la presenza di Nomi Divini e di Nomi Angelici di origine ebraica rientrano nel discorso. Ora se tale simbologia presa "in prestito" quale era la simbologia "originale" ? Nilius: Nessun editore possiede il "Corpus dell'Ordine Egizio", non farti turlupinare. Quello a cui ti riferisci - e che facile trovare in commercio - il rimaneggiamento della copia del Corpus, sottratta a suo tempo dai Gesuiti, fatto dalla finta Hermetic Brotherhood of Luxor. Se ne parlato pi ampiamente nel quaderno "Considerazioni sullo Spiritualismo Contemporaneo", parte A: Theurgia Sexualis. Turba Philosophorum: Ho letto, nella rivista Elixir n 5, la seguente domanda di un lettore: "La C.E.U.R. adoperava il corpus mistificato, oppure possedeva l'originale? ... Come possibile che Hahajah ... non abbia messo in guardia gli altri dal granchio che avevano preso? Occhi di If: Durante lo svolgimento dei primi IV Dialoghi, abbiamo aspettato che fossero i membri, collegati in qualche modo al C.E.U.R., a dire, se lo desiderano, a che tipo di corpus facevano riferimento. Tuttora rispettiamo il loro silenzio. L'obiezione riguardante Hahajah (Parascandolo) non ha fondamento, dal momento che non tiene conto che: 1) Parascandolo indic effettivamente taluni "granchi", come dimostrano i suoi carteggi e lo stesso tono (vedi il nostro IV Dialogo) dell'Appendice all'Opera Omnia di Giuliano Kremmerz (III vol. della Scienza dei Magi), nonch il suo progressivo distacco interiore da Coraggia e soci. 2) La sua precoce fine terrena gli imped di fare di meglio. Ma ci che pi fa sorridere, in Elixir n 5, non tanto la domanda - formulata in maniera assai ingarbugliata - quanto la risposta: un mero elenco di affermazioni, che lasciano il tempo che trovano. Lasciamo pure che quelle persone pratichino quello che vogliono e come vogliono: Il TEMPO SARA' GALANTUOMO! Ma, mentre Aleandro Tommasi, alla fine di quel genere di pratiche, ebbe il coraggio di ammettere che "gli mancavano i riscontri di una qualsivoglia significativa e concreta realizzazione come risultato delloperativit alchemica", ce l'avranno altrettanta onest intellettuale i suoi attuali epigoni? Turba Philosophorum: Permangono le mie perplessit riguardo al rifarsi ad un Egitto, prima travolto dal cristianesimo ed ormai islamizzato e senza continuit con i tempi antichi... Nilus: Non la prima volta che (vedi il caso del Buddhismo) una forma religiosa o iniziatica si diffonde fuori dai confini territoriali in cui nata. Inoltre, in Italia, l'Egittismo non solo: si da sempre armonizzato perfettamente con le forme locali della Via agli Dei: la romana, l'etrusca, la greca, la celtica etc.

Una Nota sul "Sacramentario Magico delle Fratellanze Ermetiche"


Luigi X: Gi conoscevo questo gruppo per la sua seriet e il suo spessore, parteciper con interesse, intanto potete fare riferimento al materiale presente sul mio sito amatoriale (IniziazioneAntica), resto a disposizione per eventuali chiarimenti. Turba Philosophorum: L'ho visto: rassomiglia parecchio ai precedenti siti di Vittorio Fincati e contiene analoghe (vecchie e nuove) distorsioni. Ad es., riguardo al Sacramentario Magico delle Fratellanze Ermetiche, riportata una pagina sicuramente spuria (non esiste nella versione originale che, a suo tempo, era acquistabile presso talune librerie autorizzate: ad es. Amenothes a Genova): si tratta di quella che riporta come curatore Caliel. Sipex: Caliel (Luigi Petriccione) fu un importante membro dell'Ordine ma, proprio per questo motivo, si sarebbe guardato bene dal curare quell'opera. Ne furono estranee tanto l'Ordine che le Accademie Kremmerziane ortodosse. Caldeggiatore ne fu invece il C.E.U.R. Prima Ciardiello e poi Petriccione furono incaricati dall'Ordine di osservare da vicino il comportamento del C.E.U.R. e, constatati i suoi errori, ne presero esplicitamente le distanze. La S.P.H.C.I. ha

pubblicato una lettera di Petriccione a Tommasi (che allora dirigeva il C.E.U.R.) dove il primo si rammarica che sia stato inserito, nel Sacramentario, anche un brano tratto dai Fascicoli riservati di Miriam. Il C.E.U.R. attualmente "fuori moda", anche per l'esplicita ed onesta affermazione di Tommasi di non aver ottenuto i risultati interiori che si aspettava. Ed ecco qualcuno che (per vendere meglio? o per darsi importanza?) sfrutta il nome di Caliel".