Sei sulla pagina 1di 3

Storia della

VIDEOCAMERA

1983 ---> 1984 ---> 1996 ---> 2008


Pian piano le videocamere portatili sono
Storia delle videocamere portatili
diventate sempre più compatte e adatte alla
Quando, nel 1895, i Lumiere costruiscono un
massa. Evolvendosi hanno anche migliorato le
apparecchio capace di riprendere e proiettare riprese, cambiando il tipo di supporto.
immagini fissate su pellicola non si sarebbero Nel 1985 è nato il Video8, un sistema di
mai aspettati che un giorno si sarebbero riprese scarso come qualità, sono stati poi
costruite telecamere in grado di riprendere in
introdotti gli Hi8 e il Digital8 (non più
qualità migliore (HD) rimanendo alla portata di
analogico). Dieci anni dopo la nascita della
tutti. prima telecamera sono nate le telecamere
La prima videocamera trasportabile/portatile miniDV (1996). Piccole, compatte ed
fu creata dalla Sony nel 1983. Questa, economiche, con una buona qualità
chiamata BetaMovie, era relativamente
d’immagine. Le miniDV si sono diffuse nel
piccola e comprendeva anche la cassetta su
campo amatoriale, lasciando nel campo
cui registrare. professionale le DVCPRO 25,50,100.
Nel 1984 la JVC mise in vendita, in Italia, la Ed ecco che, sempre la Sony, alla fine del
videocamera GR-C1. Questa era più grossa e 2008 ha messo a disposizione la HDR-TG3E,
può essere assimilata alle nuove telecamere
una videocamera “super-portatile” e semplice
professionali. La GR-C1 usava un nastro VHS,
da usare. La telecamera utilizza l’HD ovvero il
ovvero i normali nastri da TV, questo formato migliore ora in commercio, anche se
sicuramente avvantaggiava la videocamera non credo che possa filmare immagini buone
per il fatto che era facile visionare le riprese come le sue “colleghe” della Sony (meno
direttamente dalla TV (non altrettanto facile
compatte).
per la BetaMovie).
Supporti
MEMORY STICK. Questo tipo di supporto per la registrazione è
nato grazie alla Sony nel 1999, è una specie di mini Hard Disk
che permette di registrare ore di video e di poterle riversare
facilmente sul computer. Ne esistono svariati tipi: la Memory
Stick Duo e la standard (128 MB), la PRO (2 GB) e la PRO Duo
(8 e 16 GB, utilizzata dalle telecamere).

NASTRO. Esistono tre tipi di nastri: la VHS o cassetta,


DVCPRO 25,50,100 e HD o DVCAM utilizzati dalle videocamere
professionali, il miniDV più piccolo e adatto alle telecamere
compatte. Questi usano immagini PAL ovvero 768x576, a parte
le DVCPRO HD che utilizzano il formato HD (1890x1080 e
1280x720). Memory Stick

DVD. Nato da una cooperazione di marche produttrici di


elettronica di consumo, per sostituire le videocassette (audio-
video) e il CD-ROM. Viene impiegato anche questo
nell’immagazzinazione di video in formato MPEG-2, facile da
leggere per i computer. Questo formato è molto interessante
per il fatto che basta inserirlo nel PC o nel Mac per leggerlo e
farne il Download.

HARD DISK. Conosciuto anche come HD, è nato nel 1956 per
merito dell’IBM. Ora viene incorporato in una fascia di
telecamere come supporto di registrazione. Utilizzando più giri Nastro
(5200 o 7200) a seconda del tipo di telecamera.

DVD

Hard Disk
IL PIXEL
I pixel sono utilizzati dalla telecamera per secondo
formare l’immagine, ovvero il sensore CCD (mbps).
rileva la quantità di luce per pixel e la Maggiore è
trasforma nelle immagini. Ogni secondo è la quantità
formato da un tot di fotogrammi per fare in di
modo che l’immagine non risulti statica. I fotogrammi
fotogrammi sono in quantità a seconda del e migliore la
tipo di videocamera: le miniDV solitamente qualità
impiegano 24 fps (fotogrammi per dell’immagine
secondo), le DVCPRO usano circa 50 fps. le dimensioni
La quantità di fotogrammi per secondo e la del video
qualità incrementano i megabyte per aumentano.

FORMATI
Le telecamere possono riprendere in diversi visionando programmi in 4:3, la tv
formati. I formati sono la proporzione di automaticamente fa un “crop” (taglio) e usa
pixel contenuta in ogni immagine. Ad il pillarbox per zoomare l’immagine.
esempio esistono il 4:3 e il 16:9. Il primo è
lo standard per la TV, il secondo per il
cinema. Il cinema usa, però, più spesso
formati più ampi, come il 2,35:1 o il 2,40:1. 16:9 4:3
Per far apparire i formati nella loro vera
dimensione ogni dispositivo, come la tv,
usa il letterbox o il pillarbox. Il primo serve
ad aggiungere due bande nere all’immagine
16:9 o 2,35:1 quando finisce sul 4:3. Se
invece si sta usando una tv 16:9 e si stanno 2,35:1

UN OGGETTO DI MASSA
Da dieci anni a questa parte la telecamera è telecamere vengono anche usate per
diventata un oggetto “di uso comune”, ora sorvegliare edifici importanti, scuole, ecc...
le videocamere portatili sono alla portata di E come tutti gli oggetti che devono essere
tutti, come anche i software per il usati facilmente ha un linguaggio
montaggio. universale: tutti riescono a capire che il
Ormai ognuno, in famiglia, possiede una tasto rosso serve per registrare o che
telecamera senza pensare alle industrie l’icona della lente di ingrandimento segnala
cinematografiche che circa ogni due anni il pulsante dello zoom. Anche nel menù è
cambiano completamente le “macchine” facile orientarsi con le immagini.
perché ne sono usciti modelli migliori. Le

Bibliografia
Wikipedia.org
Google immagini
http://www.onevintage.it/21/07/2008/camcorder-ieri-e-oggi-storia-delle-videocamere-portatili/
libro scolastico