Sei sulla pagina 1di 240

Introduzione

E così Phototutorial diventa un e-book

Il nostro sito è partito circa tre anni fa, con l'intento di pubblicare agili articoli rivolti a chi desiderasse familiarizzarsi con i concetti di base della fotografia. Nel corso del tempo gli articoli disponibili sono aumentati, così come i nostri affezionati lettori. Phototutorial è, nel frattempo, diventato un corso di fotografia di base completo.

Per fare un ulteriore regalo ai nostri lettori abbiamo deciso di raccogliere gran parte dei nostri tutorial, rielaborarli e farli diventare un agile e-book. In questo modo il nostro corso di fotografia sarà sempre consultabile sul vostro dispositivo mobile.

Naturalmente continueremo sempre ad aggiornare il nostro sito, con nuovi articoli e nuovi tutorial, e già abbiamo in programma iniziative che troverete molto interessanti. Quindi continuate a seguirci, visitando regolarmente il sito www.phototutorial.net.

E non dimenticate la possibilità di diventare nostri amici sui social network. Rimarrete così sempre

aggiornati sulle nostre iniziative.

Qui trovate i link alle nostre pagine social:

A presto.

Luigi Calabrese

Canio Colangelo

Nota sul copyright:

Internet

Phototutorial.net. Tutti i diritti sono riservati. Ne è vietata la duplicazione e la copia anche parziale.

Chi dovesse riscontrare l'illecita diffusione presso altri siti web, programmi di sharing, ecc pregato di avvisare gentilmente gli autori all'indirizzo e-mail contatti@phototutorial.net.

è

Questo

e-book

è

un

prodotto

gratuito

distribuito

esclusivamente

tramite

il

sito

Corso di fotografia – Phototutorial.net – edizione PDF - 2013

Corso di fotografia

Capitolo 1 La fotocamera

www.phototutorial.net

Sono passati quasi duecento anni dall’invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari di allora.

è costituita dagli stessi elementi basilari di allora. Un dagherrotipo del 1839 e una fotocamera digitale

Un dagherrotipo del 1839 e una fotocamera digitale mirrorless attuale. Ovviamente, in quanto alle dimensioni, le proporzioni non sono rispettate.

I componenti essenziali presenti ancora oggi in tutte le macchine fotografiche sono:

L’obiettivo L’obiettivo è un dispositivo ottico costituito da un insieme di lenti di vetro o di plastica in grado di deviare la luce. Ha la funzione di proiettare l’immagine sul piano del sensore o della pellicola che la registrerà.

sul piano del sensore o della pellicola che la registrerà. Elaborazione grafica di un obiettivo Sigma

Elaborazione grafica di un obiettivo Sigma 120-300 f/2,8 EX DG OS HSM, con lo schema ottico in sovrapposizione.

Nella sua forma più semplice l’obiettivo può essere costituito da un semplice forellino, chiamato foro stenopeico. Alcuni fotografi amano applicare un foro stenopeico alle reflex digitali per provare l’ebrezza della fotografia “primitiva”. I fori stenopeici adattabili alle reflex sono acquistabili in molti negozi di fotografia, anche on line, per poche decine di euro.

3

Corso di fotografia

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un "tappo" a foro stenopeico da usare su una reflex attuale. Il

www.phototutorial.net

Un "tappo" a foro stenopeico da usare su una reflex attuale.

Il dispositivo per la messa a fuoco

Il dispositivo per la messa a fuoco è un meccanismo che muove leggermente un gruppo di lenti all’interno dell’obiettivo facendolo spostare di qualche millimetro rispetto al piano del sensore in modo da “mettere a fuoco” cioè far risultare nitido, nell’immagine, il particolare che interessa al fotografo. Negli apparecchi moderni c’è un sistema autofocus che si attiva premendo il pulsante di scatto nella posizione intermedia. Ovviamente però le fotocamere reflex e le mirrorless consentono l’intervento manuale sulla focheggiatura, da operarsi attraverso la rotazione della ghiera di messa fuoco. Anche molte bridge e alcune compatte, con modalità diverse, consentono di mettere a fuoco manualmente.

L’otturatore L’otturatore impedisce alla luce di raggiungere il supporto sensibile finché non viene premuto il pulsante di scatto. Soprattutto però svolge la funzione di controllare la durata del tempo durante il quale la luce colpisce l’elemento fotosensibile. I tempi di otturazione sulle fotocamere reflex o mirrorless possono in genere variare da 30 secondi a 1/4000 di secondo (1/8000 per i modelli più raffinati). Naturalmente su questo tipo di fotocamere è anche possibile impostare la cosiddetta “posa B”, che mantiene l’otturatore aperto finché è premuto il dispositivo di scatto. I tempi vengono impostati tramite una ghiera o dal menu della fotocamera.

Il diaframma

Il diaframma è l’apertura regolabile che controlla la quantità di luce che entra nella fotocamera attraverso l’obiettivo.

Il diaframma e l’otturatore controllano dunque i due parametri principali che concorrono alla corretta esposizione: la quantità di luce che raggiungerà il supporto sensibile e il tempo di esposizione alla luce. Naturalmente di due fattori sono in relazione tra loro: per ottenere la corretta esposizione si può optare per un diaframma più chiuso legato ad un tempo di esposizione più lungo, o ad un diaframma più aperto, con un tempo di esposizione più breve.

4

Corso di fotografia

Il mirino

www.phototutorial.net

Per poter scattare una fotografia è necessario poter inquadrare, cioè vedere in un mirino l’immagine che sarà poi riprodotta nella fotografia. Attraverso il mirino si visualizza anche dove cade il punto di messa a fuoco, almeno negli apparecchi a telemetro, in quelli con mirino reflex e in quelli dotati di mirino elettronico.

Il materiale sensibile

Un tempo era costituito da lastre sensibili alla luce, poi dalle pellicole, oggi è costituito dal sensore elettronico. Mentre la pellicola svolge sia la funzione di acquisire la fotografia che quella di “memorizzarla”, e deve pertanto essere sostituita in continuazione, il sensore si limita ad acquisire l’immagine, che poi è salvata su un supporto elettronico, una scheda di memoria di tipo flash, mentre il sensore è subito pronto a registrare nuove immagini.

Quale macchina fotografica fa per me?

Il mercato della fotografia digitale offre migliaia di modelli. Come orientarsi? Fondamentalmente le macchine fotografiche in commercio possono dividersi in quattro grandi gruppi: compatte, bridge, reflex e mirrorless.

Compatte

Queste fotocamere sono caratterizzate dalle dimensioni molto piccole, spesso tascabili. Tale caratteristica ne rende comodo e pratico l’utilizzo, in quanto è molto facile portarsele dietro in ogni occasione. Esse sono inoltre molto economiche. A seconda del modello e delle offerte dei centri commerciali il loro prezzo varia dagli 80 ai 400 euro. Di solito si trovano buoni modelli in una fascia di prezzo che va dai 150 ai 250 euro. La qualità delle immagini ottenibili con queste fotocamere è in genere buona per i principali usi amatoriali.

Purtroppo i tanti vantaggi sono controbilanciati da alcuni svantaggi che ne limitano l’uso presso i fotoamatori più consapevoli e gli appassionati.

limitano l’uso presso i fotoamatori più consapevoli e gli appassionati. La fotocamera compatta Olympus SH-50 iHS

La fotocamera compatta Olympus SH-50 iHS .

5

Corso di fotografia

Questi svantaggi essenzialmente sono:

www.phototutorial.net

1) la mancanza di controlli manuali che consentano di intervenire direttamente sui principali parametri della fotografia (ci sono però alcuni modelli di classe elevata dotati di controlli manuali);

2) l’impossibilità di utilizzare accessori esterni, in primo luogo obiettivi specifici, poi aggiuntivi ottici, flash esterni, etc…;

3) le dimensioni del sensore, troppo piccole per competere, come qualità d’immagine, con

le reflex (le piccole dimensioni del sensore limitano molto anche la possibilità di giocare

con la profondità di campo).

Bridge

Le cosiddette fotocamere “bridge” si caratterizzano per essere una via di mezzo tra le compatte e le reflex. Queste fotocamere infatti di solito sono dotate di tutti i controlli manuali necessari ad ottenere gli effetti fotografici desiderati (impostazione del diaframma, impostazione del tempo di esposizione, impostazione della sensibilità), ecc…

Di solito è anche possibile montare un flash esterno. Infatti anni fa, quando il costo delle

reflex digitali era ancora proibitivo, diversi fotografi professionisti utilizzavano le bridge per i loro lavori.

Rispetto alla reflex lo svantaggio essenziale è che con le bridge non si può cambiare l’obiettivo. Di solito esse sono dotate di uno zoom che copre le principali focali utilizzate in fotografia. Ma, per quanto di buona qualità, questo zoom non potrà rivaleggiare con i migliori obiettivi disponibili per una reflex. Inoltre anche le bridge, salvo alcune eccezioni, sono dotate di sensori molto più piccoli di quelli delle reflex. Di conseguenza le immagini, per quanto di buona qualità, non potranno rivaleggiare con queste ultime. Sempre a causa del sensore piccolo, non si potrà neanche intervenire in maniera creativa sulla profondità di campo.

6

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Una fotocamera bridge Nikon Coolpix. Nei confronti delle compatte invece lo

Una fotocamera bridge Nikon Coolpix.

Nei confronti delle compatte invece lo svantaggio essenziale è che le bridge sono molto più voluminose. Sebbene più piccole delle reflex, esse non raggiungono certo le comode dimensioni tascabili delle compatte.

Reflex

Le reflex sono le macchine fotografiche più utilizzate dai professionisti e dagli appassionati di fotografia. Sono infatti le fotocamere più versatili, quelle che permettono di ottenere la migliore qualità d'immagine e di trovare una soluzione a qualsiasi necessità fotografica possa sorgere. Montano sensori molto più grandi di quelli delle bridge e delle compatte (le dimensioni vanno dai 22,5 x 13,5mm del sensore Quattro Terzi ai classici 36 x 24mm del sensore cosiddetto Full Frame), e questo consente una qualità dell'immagine molto superiore.

del sensore cosiddetto Full Frame), e questo consente una qualità dell'immagine molto superiore. La Canon 650D.

La Canon 650D.

7

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Il nome (reflex) deriva dal particolare sistema di visione: l'immagine tracciata dall'obiettivo viene inviata al mirino attraverso uno specchio inclinato, mentre un sistema di specchi definito pentaprisma provvede a raddrizzarla. In questo modo possiamo osservare esattamente ciò l'obiettivo inquadra, senza errori.

esattamente ciò l'obiettivo inquadra, senza errori. Il grande vantaggio delle reflex è che consentono di

Il grande vantaggio delle reflex è che consentono di cambiare gli obiettivi, e di utilizzare quindi ottiche specifiche per ciascuna necessità.

Mirrorless

L'ultima proposta del mercato, per quanto riguarda le fotocamere, sono le mirrorless (letteralmente "senza specchio"). Si tratta di fotocamere che sono prive dello specchio reflex e del pentaprisma, essendo dotate solo di mirino elettronico. Nel contempo però hanno mantenuto la caratteristica fondamentale delle reflex: la possibilità di cambiare l'obiettivo. L'eliminazione del pentaprisma permette di contenere moltissimo le dimensioni. Le mirrorless sono in genere sensibilmente più compatte e leggere delle reflex. Inoltre, grazie al tiraggio basso consentito proprio dalla scomparsa del pentaprisma e dello specchio ribaltabile, anche gli obiettivi possono essere molto più compatti.

8

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La Fujifilm X-pro1: una mirrorless di alta classe. L'importanza delle

La Fujifilm X-pro1: una mirrorless di alta classe.

L'importanza delle dimensioni del sensore

Un fattore di cui bisogna tener conto nella scelta della macchina fotografica è la dimensione del sensore. Sarà il sensore, infatti, a catturare l’immagine, e pertanto le sue dimensioni hanno una notevole importanza. Spesso la domanda che il fotografo più esperto si sente fare, quando qualcuno chiede informazioni sulla sua fida macchina fotografica, magari una reflex di ultima generazione, è: “quanti megapixel ha?”. L’ultima volta che ho risposto “14 megapixel”, la replica è stata, con un pizzico d’orgoglio: “anche la mia ha 14 megapixel”, e lì l’interlocutore ha tirato fuori la sua compatta da taschino. Probabilmente nella sua mente il fatto che una compatta e una voluminosa reflex abbiano entrambe un sensore da 14 megapixel, significa che entrambe possono regalare foto della stessa qualità. Ebbene purtroppo non è così. Per una serie di motivi, una compattina non può competere con una reflex. Il più importante di questi motivi è costituito proprio dalle dimensioni del sensore. Le fotocamere compatte hanno un sensore molto più piccolo di quello delle reflex.

9

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Le dimensioni dei sensori a confronto. In giallo sono rappresentate le

Le dimensioni dei sensori a confronto. In giallo sono rappresentate le dimensioni del sensore di una compatta. Con tutti gli altri colori sono rappresentate le dimensioni dei sensori dei principali sistemi reflex esistenti.

Questo fa sì che i 14 milioni di pixel di una compatta di ultima generazione siano di dimensioni estremamente piccole rispetto ai 14 milioni di pixel, disposti su un sensore di dimensioni 24mmx36mm. I pixel più grandi sono più sensibili e quindi garantiscono un segnale migliore. Pixel di dimensioni più piccole, stipati in un sensore anch’esso di dimensioni molto piccole, tendono a produrre molto rumore. In altre parole, fatti salvi i progressi tecnologici che intervengono ad ogni generazione di fotocamere, aumentando il numero di pixel, ma riducendone la dimensione, si rischia di perdere in rumore tutto ciò che si guadagna in risoluzione.

Inoltre, per ottenere il massimo da tanti milioni di pixel stipati su un sensore di dimensioni tanto piccole, sarebbe necessario che lo zoom montato sulla reflex avesse una risolvenza enorme. Questo però si scontra con la necessità di mantenere dei costi accettabili. Infatti realizzare un obiettivo di gran classe ha dei costi enormi in termini di progettazione e di materiali utilizzati per costruire le lenti.

Bisogna poi tener conto della diffrazione, un fenomeno ottico che colpisce l’obiettivo alla chiusura del diaframma. La luce, per attraversare il diaframma, deve cambiare il suo angolo di propagazione, e questo porta a ridurre la capacità dell’obiettivo di risolvere i dettagli. Quando la risoluzione dell’obiettivo diventa inferiore a quella del sensore, l’immagine risulta impastata, meno nitida. Questo fenomeno viene notevolmente accentuato dal numero dei pixel. La risoluzione della fotocamera viene limitata dalla diffrazione dell’obiettivo.

Insomma, al di là della pubblicità, e fatto salvo il progresso tecnologico che consente di spingersi sempre oltre, in genere gli utenti più riflessivi si accorgono che la nuova compatta da 12 megapixel spesso fa foto meno nitide della vecchia da 5 megapixel, forse precocemente pensionata.

In altre parole, il vantaggio dei sistemi reflex digitali, rispetto alle compatte, inizia dalle dimensioni del sensore. Si può inoltre affermare che, a parità di tecnologia, più è grande il sensore, migliore sarà la qualità delle immagini prodotte dalla fotocamera.

10

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Ovviamente questa qualità si paga: il costo delle reflex cosiddette Full Frame, con un sensore di dimensioni pari a quelle della vecchia pellicola 24mmx36mm, è in genere parecchio superiore a quello di reflex con sensore più piccolo: il Quattro Terzi delle Olympus e delle Panasonic, o l’APS-c di Canon, Nikon, Pentax e Sony.

Le diverse tipologie di reflex

La fotocamera più utilizzata dai fotoamatori che desiderano avere il pieno controllo creativo sulle proprie immagini è sicuramente la reflex digitale. Il mercato offre davvero un ampio ventaglio di opzioni, tanto che a volte diventa difficile orientarsi. Le reflex in genere vengono classificate in base ad un non sempre condivisibile criterio di “professionalità”. Adottando questo criterio sul mercato troviamo:

Reflex professionali

Reflex semi-professionali

Reflex entry-level

Proviamo ad orientarci in questo mondo per scegliere la fotocamera maggiormente adatta a noi.

mondo per scegliere la fotocamera maggiormente adatta a noi. La 1D-x, l’ultima reflex superprofessionale proposta da

La 1D-x, l’ultima reflex superprofessionale proposta da Canon.

Cosa distingue la reflex professionale dalla entry-level? Principalmente tutta una serie di caratteristiche che rendono più confortevole (si potrebbe dire comodo, semplice) ottenere fotografie.

11

Corso di fotografia

Proviamo ad elencarle:

www.phototutorial.net

Qualità costruttiva: le reflex professionali sono più robuste, presentano strutture interne realizzate in leghe metalliche molto raffinate, nonché particolarmente resistenti e leggere.

Molte reflex professionali sono tropicalizzate, sono realizzate cioè facendo in modo che non temano l’umidità o l’uso sotto la pioggia battente (bisogna considerare che per garantire una tenuta sicura agli agenti atmosferici anche l’obiettivo deve essere tropicalizzato).

Le reflex professionali sono dotate di mirini a pentaprisma migliori rispetto alle entry-level, che garantiscono una visione della scena inquadrata più ampia e confortevole, con copertura del 100%, cioè la scena vista nel mirino corrisponde esattamente a quella che poi sarà ripresa in fotografia.

Le reflex professionali poi sono dotate di una doppia ghiera di controllo (una per regolare i diaframmi, l’altra per regolare i tempi), e di una serie di pulsanti funzione personalizzabili (che evitano di passare dal menu per molte regolazioni)

Le reflex professionali di solito hanno raffica di scatto più rapida, buffer di memoria più ampio, autofocus ed esposimetro più sofisticati, otturatore più prestante e di costruzione più raffinata, e tante altre piccole e grandi raffinatezze tecniche.

Tutto queste cose fanno delle reflex professionali strumenti che assecondano in tutto e per tutto il fotografo esperto.

Le reflex entry-level sono caratterizzate da una qualità costruttiva inferiore rispetto a quelle di classe più elevata. Utilizzano ad esempio materiali plastici meno pregiati. Questo non significa che esse siano scadenti, tutt'altro: solo che essendo rivolte ad un’utenza meno specialistica, che si presume le utilizzerà meno intensamente rispetto ad un professionista, sono pensate un po’ “al risparmio”. Tuttavia non bisogna credere che le reflex entry-level offrano prestazioni, in termini di qualità delle immagini, inferiori. Le reflex attuali possono tutte offrire una qualità dell’immagine di altissimo livello.

delle immagini, inferiori. Le reflex attuali possono tutte offrire una qualità dell’immagine di altissimo livello. 12

12

Corso di fotografia

La Nikon D5100. Una entry-level molto completa.

www.phototutorial.net

Le reflex entry-level, proprio perché pensate anche per il principiante, hanno inoltre una serie di funzioni che rendono più facile ottenere buone fotografie anche a chi non è particolarmente esperto. Nello specifico, la presenza di programmi preimpostati, adatti alle diverse situazioni di ripresa, permette di ottenere buone fotografie pur non sapendo come interpretare e risolvere una particolare “situazione fotografica”.

Definire le reflex semi-professionali è un po’ più difficile. Diciamo che si pongono a metà strada, sia per dotazioni, sia per prezzo, tra le entry-level e le professionali. Possiedono alcune delle caratteristiche delle reflex professionali, ma non tutte.

Per esempio, tutte le reflex semi-professionali hanno la doppia ghiera di controllo. Infatti, tra le dotazioni sopra elencate per le reflex professionali, quella che di cui il fotografo esperto sentirà maggiormente la mancanza, scattando con una reflex entry-level, probabilmente sarà proprio la mancanza della doppia ghiera di regolazione. Quando si lavora in manuale o quando si desidera intervenire direttamente sui parametri principali della fotografia (in primo luogo tempo di esposizione e diaframma) la possibilità di controllare direttamente tali parametri, senza dover ricorrere a menu, tasti funzione o combinazioni di tasti, è molto molto importante.

funzione o combinazioni di tasti, è molto molto importante. La Pentax K5. Proposta interessante nel settore

La Pentax K5. Proposta interessante nel settore delle semi-professionali.

Allora come scegliere la reflex più adatta alle proprie necessità?

Bisogna valutare attentamente il proprio approccio alla fotografia. Se non si ha molta esperienza dal punto di vista fotografico, e non si è certi di voler dedicare molto tempo ad imparare, probabilmente la cosa migliore è orientarsi su una reflex entry-level. La già citata presenza di programmi preimpostati faciliterà molto la vita, specialmente all’inizio.

D’altra parte una reflex semi-professionale o professionale, può essere molto utile come strumento di apprendimento, in quanto la mancanza dei programmi preimpostati, “obbliga” ad imparare a cavarsela da soli. Naturalmente però anche se si possiede una entry-level, se si vuole imparare, basta far finta che tali programmi non ci siano, e decidere di operare da soli su tempi e diaframmi.

Le reflex entry-level sono ottimi strumenti per iniziare a coltivare la propria passione per la

13

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

fotografia a prezzi che sono accessibili per molti. Quelle attuali hanno caratteristiche tali, dal punto di vista delle prestazioni e della qualità delle immagini, da poter accompagnare un fotoamatore per anni, senza il pericolo di una precoce obsolescenza, come accadeva fino a qualche anno fa.

In alternativa, se il budget e limitato, ma si è orientati su una reflex semiprofessionale, ci si può rivolgere al mercato dell’usato. Con un po’ di attenzione è infatti possibile acquistare a prezzi ottimi fotocamere vecchie di uno o due anni, magari usate pochissimo.

La scelta della mirrorless

La parola mirrorless è sempre più presente nelle discussioni sui forum di fotografia e nelle chiacchierate tra fotoamatori. Sono molte le case fotografiche che hanno a listino una o più macchine mirrorless e sono sempre di più quelle che decidono di entrare in questa

nuova

mercato.

Vediamo le caratteristiche principali, i pregi e i difetti di questa recente tipologia di macchina fotografica destinata, secondo alcuni, addirittura a soppiantare la reflex.

nicchia

di

alcuni, addirittura a soppiantare la reflex. nicchia di La Samsung NX200, mirrorless di recente uscita. Quando

La Samsung NX200, mirrorless di recente uscita.

Quando si parla di mirrorless in genere ci si riferisce a quelle macchine fotografiche che hanno queste caratteristiche principali:

assenza di sistema reflex

obiettivi intercambiabili

14

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

sensore di dimensioni e qualità superiori a quello delle compatte (questo non è sempre vero)

a quello delle compatte (questo non è sempre vero) In questa immagine si nota come nelle

In questa immagine si nota come nelle mirrorless sia assente il sistema a specchio ribaltabile proprio delle reflex. Si può anche apprezzare il tiraggio ridotto.

Principali vantaggi delle mirrorless rispetto alle reflex

Assenza di parti meccaniche in movimento: l’assenza del complesso specchio ribaltabile, pentaprisma e oculare assicura assenza di vibrazioni indotte, maggiore silenziosità e maggiore robustezza. Inoltre l’assenza della meccanica può dare la possibilità ai produttori di costruire fotocamera con raffiche di scatto elevate.

Tiraggio corto: non essendoci la necessità di lasciare lo spazio per lo specchio, il tiraggio di tali macchine può essere molto corto. Questo dà la possibilità di montare sulla mirrorless qualsiasi ottica progettata per le macchine fotografiche reflex o a telemetro di qualunque formato: dall'APS-c, al 35mm, al medio formato. Le ottiche si possono montare tramite i vari adattatori in commercio anche se, usando ottiche “adattate” si perdono naturalmente gli automatismi di messa a fuoco ed esposizione. Con quasi tutte le mirrorless resta possibile usare l’esposizione con priorità ai diaframmi a patto che l’obiettivo che vogliamo adattare sia provvisto dell’apposita ghiera o che questa sia presente sull’adattatore.

Compattezza: una mirrorless può essere davvero compatta pur mantenendo un sensore delle dimensioni di quello che si può trovare su di una reflex APS-C o Quattro Terzi. Se abbinata ad un obiettivo fisso compatto (spesso detto pancake) le dimensioni si

15

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

mantengono di poco superiori a quelle di una compatta di fascia alta.

di poco superiori a quelle di una compatta di fascia alta. La Panasonic GX1 col suo

La Panasonic GX1 col suo obiettivo 14mm rimane davvero molto compatta.

Mirino al 100%: il mirino elettronico (o il monitor posteriore) permette di visualizzare il 100% della scena che verrà registrata dal sensore. Inoltre esso sarà visibile, seppur con un po’ di effetto scia, anche in condizioni di poca luce, situazione in cui il mirino di una reflex diventa praticamente buio. Altro vantaggio è la possibilità di avere sovrimpresse alla scena che stiamo inquadrando una moltitudine di informazioni, dall’istogramma dei livelli ai reticoli di aiuto alla composizione all’evidenziazione delle zone sovra o sottoesposte. Questi ultimi sono vantaggi comuni anche alle reflex che hanno la possibilità di operare in live-view.

reflex che hanno la possibilità di operare in live-view. In questa immagine è evidente come anche

In questa immagine è evidente come anche con una quantità di luce molto bassa il monitor continui a mostrare la scena inquadrata. La differenza di luce ambiente nelle due immagini si deduce, oltre che visivamente, anche dal tempo di esposizione indicato dalla macchina. Notate anche la quantità di informazioni fornite a schermo. Naturalmente è possibile scegliere quali strumenti visualizzare.

Principali svantaggi rispetto alle reflex

Il mirino elettronico non sempre è presente: sotto luce intensa può essere difficile usare lo schermo LCD posteriore. Anche quando è presente molti continuano a preferire la naturalezza di visione di un mirino reflex. C’è da dire che i mirini elettronici sono in

16

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

continuo miglioramento e ne esistono già di ottima qualità.

Obiettivi non abbastanza compatti: già montando lo zoom standard fornito a corredo la compattezza della macchina viene vanificata. Se poi si iniziano ad usare zoom luminosi o teleobiettivi la differenza di dimensioni con una reflex tradizionale si riduce molto.

di dimensioni con una reflex tradizionale si riduce molto. La Panasonic GF1 con uno zoom 14-42mm.

La Panasonic GF1 con uno zoom 14-42mm. Le dimensioni dell'obiettivo, specie quando alla massima estensione, vanificano la compattezza della macchina

Velocità dell'AF: l’autofocus a contrasto presente su queste macchine difficilmente può competere con quello delle reflex, specie se si considerano i modelli semi-pro. Comunque anche in questo campo si stanno facendo notevoli passi avanti ed esistono già macchine mirrorless con un AF sufficientemente rapido ed affidabile per quasi tutti gli usi.

Mancanza di sistemi professionali: Ancora non esistono sistemi mirrorless che si possano considerare professionali per qualità e quantità di obiettivi ed accessori. Il numero di obiettivi di qualità è piuttosto limitato così come flash e accessori prettamente professionali come ad esempio il battery grip.

Per ultimo c’è da dire che alcuni sistemi mirrorless utilizzano un sensore delle dimensioni inferiori a quello delle reflex sia APS-C che Quattro Terzi. Ricadono in questa categoria il sistema Nikon 1 che ha un sensore da 1″ (definito dalla Nikon “CX”) e il sistema Pentax Q che ha un sensore di tipo CMOS back-illuminated da 1/2.3″. Questo in sé non è né un difetto né un vantaggio in quanto se è vero che la qualità delle immagini si allontana da quella delle reflex dall’altro canto si può disporre di un corredo di macchina e obiettivi di dimensioni davvero tascabili. Se il compromesso tra prestazioni e portabilità sia vantaggioso sarà il singolo fotoamatore a deciderlo in base alle proprie necessità.

17

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il sistema Pentax Q è molto compatto, ma la macchina usa un

Il sistema Pentax Q è molto compatto, ma la macchina usa un sensore delle stesse dimensioni di quello della maggior parte delle compatte anche se di tipo retroilluminato.

APPENDICE

La tropicalizzazione

Una fotocamera si dice tropicalizzata se nella sua progettazione sono stati presi degli

accorgimenti volti a renderla resistente nei confronti di situazioni climatiche difficili, quelle appunto che si potrebbero incontrare nei climi tropicali, come per esempio altissimo tasso

di umidità, alte temperature, piogge torrenziali, ecc…

La tropicalizzazione di una macchina fotografica consiste essenzialmente nell’inserire al

suo interno, nei punti più esposti (lungo le fessure di accoppiamento, al di sotto di pulsanti e ghiere) delle guarnizioni in gomma o in neoprene, che impediscono all’acqua, alla sabbia

e ad altri elementi esterni di penetrare all’interno della fotocamera. Inoltre le fotocamere

tropicalizzate hanno il corpo in magnesio o in lega di magnesio e alluminio, perché sono materiali più stabili, meno soggetti a deformazioni al variare della temperatura, e quindi in grado di garantire la tenuta delle guarnizioni nel tempo.

18

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net L'immagine mostra le guarnizioni inserite all'interno di una Nikon D3x

L'immagine mostra le guarnizioni inserite all'interno di una Nikon D3x che rendono questa reflex tropicalizzata.

Se si prevede di utilizzare la fotocamera in ambienti e situazioni difficili, come quelle che incontrano i fotografi di natura o di viaggio, ma anche semplicemente sotto la pioggia o su una spiaggia, a parere di chi scrive si dovrebbe seriamente pensare di acquistare un modello tropicalizzato.

Purtroppo ci sono due fattori di cui tenere conto. Uno è che in genere sono tropicalizzati solo i modelli di reflex più professionali e costosi. L’altro è che nessun costruttore che dichiara la sua fotocamera tropicalizzata fa riferimento alla normativa internazionale, né agli standard di tropicalizzazione degli industriali giapponesi, e nemmeno specifica che tipo di uso è consentito e cosa invece è da evitare. Questo in soldoni significa che se la fotocamera subisse dei danni causati dall’esposizione intensa all’umidità, molto probabilmente tali danni non verranno riconosciuti come riparabili in garanzia.

Detto questo però non c’è alcun dubbio che una fotocamera tropicalizzata garantisca una maggior tranquillità quando si fotografa sotto pioggia, neve, in riva al mare (si pensi a quanto è deleterio il sale per le apparecchiature elettroniche) e in tante altre circostanze.

Ricordiamo che per garantire una reale protezione la reflex tropicalizzata deve essere corredata anche di obiettivo tropicalizzato. Particolarmente importante è l’o-ring sulla baionetta di innesto, che consente la protezione nel punto più delicato, quello di accoppiamento tra fotocamera e obiettivo.

19

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net L'o-ring (rosso) sulla baionetta di un obiettivo tropicalizzato.

L'o-ring (rosso) sulla baionetta di un obiettivo tropicalizzato.

L’esigenza di avere fotocamere tropicalizzata aumenta man mano che sempre più persone abbinano la fotografia a sport ed hobby che si praticano a contatto con la natura, dalle escursioni in montagna ai viaggi in luoghi esotici. Le case produttrici di fotocamere sembrano andare incontro a tale richiesta del mercato abbassando la fascia di prezzo nella quale viene offerta questa utile caratteristica.

La Pentax, per esempio, ha appena presentato una fotocamera, la K30, che, a fronte di un prezzo da entry level, è tropicalizzata, resistente quindi a polvere e umidità.

è tropicalizzata, resistente quindi a polvere e umidità. La Pentax K30, reflex entry level tropicalizzata.

La Pentax K30, reflex entry level tropicalizzata.

Un’ultima avvertenza: tropicalizzazione non significa impermeabilizzazione. La fotocamera

20

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

tropicalizzata non è subacquea. Non provate quindi ad immergerla nell’acqua perché le guarnizioni non reggeranno e la fotocamera si danneggerà irrimediabilmente.

21

Corso di fotografia

Capitolo 2 Gli obiettivi

www.phototutorial.net

La lunghezza focale e il concetto di obiettivo normale

Gli obiettivi vengono denominati in base alla lunghezza focale, espressa in millimetri (mm).

Cos’è la lunghezza focale? Immaginiamo che un obiettivo sia composto da una sola lente. La lunghezza focale sarebbe la distanza esistente tra questa lente e il piano focale (ossia il piano del sensore o della pellicola) quando la lente è a fuoco sull'infinito. Poiché l’obiettivo è composto da molte lenti, per determinare la lunghezza focale si considera il centro ottico dell’obiettivo, cioè lo si considera comunque, virtualmente, come una lente unica. Quindi la lunghezza focale è la distanza tra il centro ottico dell’obiettivo e il piano di messa a fuoco.

centro ottico dell’obiettivo e il piano di messa a fuoco. Si considera lunghezza focale normale per

Si considera lunghezza focale normale per un determinato sistema fotografico, quella che corrisponde più o meno alla diagonale del fotogramma. Allo stesso tempo, questa focale corrisponde più o meno all’angolo di campo inquadrato dall’occhio umano, circa 43-45 gradi.

Per esempio, nella classica pellicola formato Leica 35mm, detta anche 135, dalle dimensioni di 24x36mm, la diagonale è di 43,27 mm. L’obiettivo “normale” per il formato Leica (oggi comunemente noto come Full Frame) è dunque il 43mm.

(oggi comunemente noto come Full Frame) è dunque il 43mm. Il Pentax FA 43mm limited f/1,9:

Il Pentax FA 43mm limited f/1,9: l'obiettivo "normale" per eccellenza sul formato Leica.

22

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

In realtà per una serie di ragioni, tra le quali la possibilità di adottare uno schema ottico semplice, l’obiettivo normale per il sistema 24x36mm è stato sempre considerato, per approssimazione, il 50mm. Per anni, infatti, prima dell’avvento degli zoom, il “cinquantino”

è stato l’obiettivo a corredo delle reflex. Nel corso del tempo le case si sono cimentate nella produzione di lenti da 40mm a 55mm che, con le necessarie approssimazioni, sono considerati obiettivi normali sul formato 24x36.

Si considerano pertanto obiettivi “normali” quelli che inquadrano un angolo di campo compreso tra i 45° e i 60°.

Ne consegue che la focale dell’obiettivo “normale” cambia a seconda del sistema utilizzato.

Sulle fotocamere medio formato, quelle che usano pellicole 120, il cui fotogramma ha dimensioni di 6x6cm, viene considerato normale l’obiettivo da 80mm.

Sulle reflex digitali Full Frame, che hanno un sensore delle dimensioni uguali a quelle del fotogramma Leica, 24x36mm, il 50mm continua ad essere l’ottica “normale”.

A causa del fattore di crop dovuto al sensore più piccolo, invece, sulle reflex digitali APS-c

attuali, il classico 50mm non è più un obiettivo normale, in quanto non si avvicina né alla diagonale del sensore, né all’angolo di campo inquadrato dall’occhio umano. L’angolo di campo di un 50mm su APS-c , a seconda dei diversi formati, varia tra i 31 e i 32 gradi, all’incirca quello di un 75-80mm su formato Leica. Diventa pertanto un medio tele, adatto, ad esempio, per ritratti mezzo-busto o ambientati.

Gli obiettivi considerati “normali” su APS-c sono invece quelli che vanno da 28mm a

35mm.

Per quanto riguarda le reflex del formato Quattro terzi, sono obiettivi normali quelli che hanno una focale compresa tra i 20 e i 25mm.

quelli che hanno una focale compresa tra i 20 e i 25mm . L'obiettivo Olympus Zuiko

L'obiettivo Olympus Zuiko 25mm f/2,8 "Pancake": un "normale" per il sistema Quattro Terzi.

Obiettivi e fattore di crop

Per decenni il sistema fotografico più usato è stato quello Leica 35mm, detto anche 135, che si basa su un fotogramma delle dimensioni di 36x24mm, oggi adottato dalle reflex digitali cosiddette Full Frame. Per questo motivo, quando si parla di obiettivi, ci si rapporta ancora, più o meno consapevolmente, a quel sistema.

Sul sistema Leica la classificazione degli obiettivi è, con alcune approssimazioni, la

23

Corso di fotografia

seguente:

Supergrandangolari: focali da 12mm a 21mm.

Grandangolari: focali da 24mm a 35mm.

Normali: focali da 40mm a 55mm.

Medio tele: focali da 60mm a 200mm.

Supertele: focali da 300mm in su.

www.phototutorial.net

Supertele: focali da 300mm in su. www.phototutorial.net Dimensioni dei sensori. A causa del fatto che la

Dimensioni dei sensori.

A causa del fatto che la maggior parte delle reflex digitali vendute attualmente ha un

sensore più piccolo, è necessario rivedere la suddivisione riportata sopra, tenendo conto del fattore di crop di 1,5x – 1,6x dei sistemi APS-c e o 2x per il sistema Quattro Terzi.

Per questo motivo, quando si parla degli obiettivi montati su queste fotocamere, spesso si preferisce indicarne anche la focale equivalente.

Pertanto si legge o si sente dire che un 300mm, montato su una reflex APS-c Nikon (come per esempio la D300), equivale a un 450mm, o che un 400mm equivale, sulla stessa

fotocamera, a un 600mm. Sulle reflex APS-c Canon il fattore di crop è pari a 1,6x. Quindi

si dice comunemente che un 300mm equivale a un 480mm, e che un 400mm equivale a

un 640mm. Come si nota, per coloro che usano lunghi teleobiettivi, il sensore APS-c offre notevoli vantaggi, in quanto fornisce un ingrandimento maggiore a parità di focale usata.

Per lo stesso motivo, però, i grandangoli sono penalizzati. Un 14mm, che è un grandangolo di tutto rispetto su pellicola o sensore 24x36mm, equivale solo ad un modesto 21mm se montato su APS-c.

Infatti con l’avvento del digitale, e la diffusione dei sensori APS-c, le case hanno prodotto dei grandangoli che partono da 10mm, e adesso anche da 8mm (equivalente ad un 12mm

su APS-c con fatto di crop 1,5x).

Sul sistema APS-c possiamo pertanto classificare gli obiettivi così:

Supergrandangolari: focali da 8mm a 15mm.

Grandangolari: focali da 16mm a 24mm.

Normali: focali da 28mm a 35mm.

Medio tele: focali da 40mm a 150mm.

Supertele: focali da 200mm in su.

24

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il Sigma 8-16mm f/4.5-5.6 DC HSM: lo zoom supergrandangolare più spinto

Il Sigma 8-16mm f/4.5-5.6 DC HSM: lo zoom supergrandangolare più spinto progettato per le reflex APS-c.

Per il sistema Quattro Terzi si usa in genere considerare un fattore di crop pari a 2x, anche se le proporzioni diverse del fotogramma (4:3 invece di 3:2), dovrebbero portare a fare alcune considerazioni leggermente diverse che qui si tralasciano.

Pertanto sul sistema Quattro Terzi gli obiettivi possono essere così suddivisi:

Supergrandangolari: focali da 7mm a 11mm.

Grandangolari: focali da 12mm a 20mm.

Normali: focali da 21mm a 27mm.

Medio tele: focali da 30mm a 100mm.

Supertele: focali da 150mm in su.

Anche per le fotocamere compatte si usa parlare di focali equivalenti. Spesso infatti sull’obiettivo, oltre alla focale effettiva (o al posto di essa), è indicata quella equivalente nel formato Leica. Così, per esempio, è facile trovare compatte che sull’obiettivo riportano la scritta “24-105mm eq.”, dove “eq.” indica appunto che le focali indicate sono quelle equivalenti, come angolo di campo inquadrato, al formato Leica 24x36mm.

Dal grandangolo al teleobiettivo

Si definiscono “normali” gli obiettivi che hanno un angolo di campo simile a quello restituito

dalla visione umana, quelli che inquadrano quindi un angolo tra i 45° e i 60°.

Si definiscono grandangoli gli obiettivi che hanno una lunghezza focale inferiore rispetto

all’obiettivo considerato “normale” per un determinato sistema, quelli cioè che permettono

di inquadrare una porzione più ampia della scena. Sono pertanto grandangoli tutti quegli

obiettivi che permettono di inquadrare una porzione di campo maggiore di 45°.

Si definiscono teleobiettivi gli obiettivi che, avendo una lunghezza focale superiore rispetto

al “normale”, inquadrano una porzione di campo inferiore ai 45°, creando quindi un ingrandimento rispetto alla visione umana.

Le fotografie sotto riportate permettono di farsi un’idea dell’effetto restituito dalle diverse lunghezze focali. Osservatele attentamente, consultando anche le didascalie. In particolare riflettete su come all’aumentare della focale diminuisca l’angolo di campo

25

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

inquadrato. Si tratta della stessa scena, ripresa a focali diverse.

Grandangolo

della stessa scena, ripresa a focali diverse. Grandangolo La scena è ripresa con una reflex APS-c

La scena è ripresa con una reflex APS-c - con fattore di crop 1,5x - con un obiettivo di lunghezza focale 12mm, che su questo sistema restituisce un angolo di campo di 99,6°. La focale equivalente su FullFrame (24x36mm) è 18mm.

La focale equivalente su FullFrame (24x36mm) è 18mm. A 15mm (equivalente sul FF a 22,5mm) l'angolo

A 15mm (equivalente sul FF a 22,5mm) l'angolo di campo inquadrato è di 86,8°.

26

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net A 18mm (focale equivalente su FF 27mm), l'angolo di campo inquadrato è

A 18mm (focale equivalente su FF 27mm), l'angolo di campo inquadrato è di 76,5°.

su FF 27mm), l'angolo di campo inquadrato è di 76,5°. A 24mm (focale equivalente su FF

A 24mm (focale equivalente su FF 36mm), l'angolo di campo inquadrato è di 61,2°. Si tratta di una visione leggermente grandangolare.

27

Corso di fotografia

Normali

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Normali www.phototutorial.net 28mm (focale equivalente su FF 42mm). L'angolo di campo è di

28mm (focale equivalente su FF 42mm). L'angolo di campo è di 53,8°. Il campo inquadrato e la resa prospettica sono molto simili a quelli della visione umana.

prospettica sono molto simili a quelli della visione umana. 35mm (focale equivalente su FF 52mm). L'angolo

35mm (focale equivalente su FF 52mm). L'angolo di campo inquadrato è di 44,1°. Siamo ancora nell'ambito dei "normali".

Teleobiettivi

28

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net 70mm (equivalenti su FF a 105mm). Angolo di campo pari a 22,9°.

70mm (equivalenti su FF a 105mm). Angolo di campo pari a 22,9°. Si tratta di un medio tele.

Angolo di campo pari a 22,9°. Si tratta di un medio tele. 100mm (lunghezza focale equivalente

100mm (lunghezza focale equivalente su FF 150mm). Angolo di campo pari a 16,2°. Il classico mediotele.

29

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net 200mm (focale equivalente su FF 300mm). Angolo di campo pari a 8,1°.

200mm (focale equivalente su FF 300mm). Angolo di campo pari a 8,1°. Siamo nel campo dei supertele.

Angolo di campo pari a 8,1°. Siamo nel campo dei supertele. 400mm (focale equivalente su FF

400mm (focale equivalente su FF 600mm). Angolo di campo pari a 4,1°. Siamo nel campo dei supertele.

Gli zoom

Sono definiti obiettivi zoom tutti quegli obiettivi che permettono di variare la focale nell’ambito di una certa gamma di valori. Pur comportando spesso dei compromessi, in

30

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

termini di qualità, rispetto agli obiettivi a focale fissa equivalenti, gli zoom si sono imposti sul mercato a motivo della loro versatilità e praticità. Inoltre, grazie allo sviluppo della tecnologia, oggigiorno anche gli zoom economici offrono sovente una qualità ottica di tutto rispetto. Tanto che attualmente gli obiettivi a focale fissa sono relegati ad applicazioni e generi fotografici specifici e acquistati quasi esclusivamente dai professionisti e dai fotoamatori più esigenti.

Gli zoom sulle compatte

Quasi tutte le fotocamere compatte e bridge sono dotate di un obiettivo zoom. Si tratta di obiettivi dalla focale variabile, che vanno solitamente dal modesto grandangolare al medio tele. Ragionando in termini di focali equivalenti, in genere lo zoom delle compatte copre un range di focali che va dai 24-28mm in posizione grandangolare ai 200-300mm in posizione tele. Poiché tali fotocamere non offrono la possibilità di cambiare l’obiettivo, si cerca di offrire all’acquirente una gamma di focali adatta a coprire tutte le esigenze normali di un fotoamatore.

a coprire tutte le esigenze normali di un fotoamatore. La Panasonic Lumix DMC-ZS7. Come indicato sul

La Panasonic Lumix DMC-ZS7. Come indicato sul corpo della fotocamera, essa è dotata di un obiettivo zoom 12x che parte da una focale equivalente di 25mm. Si tratta quindi di un 25-300mm equivalente. Le focali comprese in tale intervallo sono quelle maggiormente usate dai fotografi. Un obiettivo zoom del genere permette pertanto di coprire la maggior parte delle situazioni fotografiche.

Sulle fotocamere reflex

Le fotocamere reflex, almeno quelle definite entry-level, vengono normalmente vendute corredate con un obiettivo zoom 18-50mm o 18-55mm. Le focali equivalenti di cui si dispone sono quindi quelle comprese tra i 27-28mm e i 75-80mm. Si va pertanto dal moderato grandangolo al modesto medio tele. Si nota immediatamente quindi che una reflex appena acquistata è per certi aspetti meno versatile di una compatta o di una bridge.

Zoom medio-tele economico

31

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Per ovviare a questo problema le case produttrici spesso offrono dei kit con due obiettivi: il 18-50mm classico più un 50-200mm, quindi uno zoom medio tele, che amplia moltissimo le possibilità fotografiche.

tele, che amplia moltissimo le possibilità fotografiche. Il Sony 55-200mm f/4-5,6 un tele-zoom economico adatto per

Il Sony 55-200mm f/4-5,6 un tele-zoom economico adatto per "completare il corredo".

Tali zoom sono ovviamente acquistabili anche separatamente e costituiscono un modo semplice di ampliare la propria gamma di focali, e di conseguenza le possibilità fotografiche, spendendo poco. Di solito il costo di tali zoom si mantiene al di sotto dei 300- 350 euro.

di tali zoom si mantiene al di sotto dei 300- 350 euro. Il Nikon Nikkor 70-300mm

Il Nikon Nikkor 70-300mm f/4,5-5,6 VR. Un obiettivo dalla buona resa che, come indica la sigla VR, è anche stabilizzato.

Zoom tuttofare

32

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Per coloro che desiderano corredare la reflex di un unico obiettivo tuttofare, perché magari non amano cambiare ottica, sono disponibili dei comodi 18-200mm o 18-250mm piuttosto versatili, anche se spesso con evidenti compromessi in termini di qualità ottica.

con evidenti compromessi in termini di qualità ottica. Il Nikon 18-200 VR (cioè stabilizzato). Un obiettivo

Il Nikon 18-200 VR (cioè stabilizzato). Un obiettivo zoom versatile, che va dal grandangolo moderato al tele spinto, per coloro che non amano cambiare ottica.

Se si desidera ampliare ulteriormente il proprio corredo fotografico e le proprie possibilità espressive, sono ovviamente disponibili obiettivi zoom per tutti i gusti. L’unico limite è costituito dall’ammontare del proprio budget di spesa.

Ecco alcuni esempi.

Zoom grandangolari

Gli zoom grandangolari coprono focali che vanno dagli 8mm ai 24mm, se disegnati per il sistema APS-c, e dai 12 ai 35mm se disegnati per il sistema Full Frame (24x36mm). Di solito non hanno una grande apertura, si limitano a f/4, perché con i grandangoli il rischio di ottenere fotografie micromosse è minore (il tempo di sicurezza, a 10mm, su sistema APS-c, è pari a 1/15 si secondo).

a 10mm, su sistema APS-c, è pari a 1/15 si secondo). Il Sony DT 11-18 mm

Il Sony DT 11-18 mm f/4,5-5,6: un obiettivo zoom che copre le focali grandangolari.

33

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Zoom normali luminosi

Sono obiettivi che coprono focali tra i 16 e i 55mm per il formato APS-c e tra i 24 e i 70mm per il formato Full Frame. Si distinguono dagli zoom che vengono forniti a corredo per essere molto più luminosi. Infatti hanno un’apertura fissa, su tutto il range di focali, di f/2,8 mentre gli zoommini a corredo sono f/4-5,6.

focali, di f/2,8 mentre gli zoommini a corredo sono f/4-5,6. Il Nikon Nikkor AF-S 17-55mm f/2.8

Il Nikon Nikkor AF-S 17-55mm f/2.8 G IF-ED DX: uno zoom "normale" luminoso.

Qual è la differenza, all’atto pratico? Beh un obiettivo luminoso, con apertura f/2,8, permette innanzitutto di bilanciare meglio la profondità di campo, sfocando meglio lo sfondo all'occorrenza, cosa molto utile in molti generi fotografici, come ad esempio il ritratto. Le grandi aperture permettono poi di impostare tempi più veloci, minimizzando il pericolo di mosso. Anche la scena visualizzata nel mirino appare più luminosa. Inoltre, trattandosi di prodotti pensati per un’utenza professionale, gli zoom ad apertura f/2,8 sono in genere progettati per garantire una resa ottica senza compromessi.

Ovviamente questi vantaggi comportano anche alcuni svantaggi. Innanzitutto il prezzo. Un 16-50 f/2,8 può costare dagli 800 ai 1500 euro, mentre un obiettivo kit 18-55 f/4-5,6 costa circa 100-150 euro, spesso anche meno se comprato insieme alla fotocamera. In secondo luogo le dimensioni e il peso.

Zoom medio-tele luminosi

Anche per quanto riguarda la gamma dei teleobiettivi esistono zoom professionali. Il più classico è il 70-200 f/2,8.

Ovviamente anche in questo caso il vantaggio, rispetto ad obiettivi con escursioni focali simili ma con diaframma f/4 o f/5,6, sta principalmente nella luminosità. Tuttavia, dato che si tratta di obiettivi professionali, nei quali i produttori riversano il top delle proprie capacità progettuali e tecniche, si riscontra in questi obiettivi una qualità ottica eccezionale. Ovviamente tale qualità si paga profumatamente. I prezzi oscillano tra gli 800-900 euro dei produttori universali e i 2000 euro o più dei brand più famosi.

34

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il Canon 70-200 f/2,8 II. Un medio tele luminoso stabilizzato dalla

Il Canon 70-200 f/2,8 II. Un medio tele luminoso stabilizzato dalla straordinaria resa ottica.

I medio-tele luminosi si usano soprattutto per la fotografia di ritratto (nella quale l’ampia apertura di diaframma consente di sfocare lo sfondo e, in generale, un completo controllo sulla profondità di campo), per la fotografia in luoghi poco illuminati, per la fotografia di cerimonia, senza tralasciare la fotografia di paesaggio e, talora, quella di animali selvatici.

La differenza di luminosità comporta ovviamente una notevole differenza in termini di dimensioni e peso, come si può osservare nella seguente foto. Gli zoom tele luminosi sono anche piuttosto pesanti.

Zoom tele

Sono obiettivi a focale variabile che che coprono le focali lunghe, ad esempio da 80mm a 400mm, o da 150mm a 500mm, poco luminosi (di solito hanno un’apertura di diaframma variabile tra f/5 ed f/7,3).

Spesso sono usati dai neofiti per cominciare a praticare generi più impegnativi e specialistici di fotografia, quale quella sportiva (si pensi alle partite di calcio, alla vela, alle gare automobilistiche su pista o a quelle di motocross), e quella di animali in natura (wildlife).

di motocross), e quella di animali in natura ( wildlife ). Il sigma 150-500 f/5-6,3 HSM

Il sigma 150-500 f/5-6,3 HSM OS è uno zoom tele stabilizzato che permette di avvicinarsi con una spesa ancora abbastanza contenuta al mondo dei supertele e a generi fotografici,

35

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

quali la fotografia di animali selvatici, che richiedono le lunghe focali.

Si tratta di generi fotografici che ben presto richiederanno l’uso di teleobiettivi a focale fissa, dall’ampia apertura, costosi e pesanti, ma per iniziare a prendere confidenza con essi, magari in attesa di capire se si tratta di un tipo di fotografia che ci interessa davvero, l’acquisto di uno zoom tele, dal costo e dal peso ancora contenuti, potrebbe essere una buona soluzione iniziale.

Gli obiettivi macro

Un ramo della ripresa fotografica che risulta sicuramente molto affascinante, sia per chi lo pratica che per gli osservatori delle foto, è quello che consiste nello spostare il punto di vista su un microcosmo che ci circonda e del quale noi siamo spesso inconsapevoli

invasori ma quasi mai attenti spettatori: quello degli insetti, dei fiori, delle gocce di rugiada

e di miliardi di altri soggetti troppo piccoli per essere apprezzati compiutamente nella loro –

a volte stupefacente – bellezza ad occhio nudo.

loro – a volte stupefacente – bellezza ad occhio nudo. Rapporto di riproduzione circa 1:1. Stiamo

Rapporto di riproduzione circa 1:1.

Stiamo ovviamente parlando della fotografia macro o macrofotografia, cioè della ripresa a distanza ravvicinata che permette di cogliere l’universo alieno che si trova all’interno del

36

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

mondo al quale siamo abituati.

Molti sono gli strumenti e gli accessori che permettono alla nostra fotocamera divenire idonea per la ripresa macro. Sicuramente però la soluzione più semplice, quella senza compromessi, ma anche più costosa è costituita dall'acquisto di un obiettivo macro.

Bisogna fare molta attenzione però: la scritta macro appare al giorno d’oggi su molti obiettivi che non lo sono affatto. I fabbricanti di ottiche, infatti, tendono a largheggiare piuttosto disinvoltamente, e ad attribuire la qualifica di macro anche ad obiettivi che permettono, sì e no, un rapporto di ingrandimento di 1:6, 1:5, 1:4. Un noto zoom 70-300 che viene definito “macro”, per esempio, permette un rapporto di ingrandimento massimo di 1:4 senza l’utilizzo di ulteriori accessori. Questo rapporto significa che, per esempio, un soggetto di 4 mm di lunghezza, verrà riprodotto con la lunghezza effettiva di 1mm sul sensore. Davvero ben poca cosa.

Gli obiettivi macro propriamente detti, invece, sono quelli che consentono un rapporto di riproduzione 1:1. Cioè ogni particolare del soggetto verrà riprodotto esattamente con le stesse dimensioni sul sensore. Alcuni obiettivi macro si fermano in realtà ad un rapporto 1:2, ma raggiungono il fatidico 1:1 con una lente close-up o un tubo di prolunga accessorio appositamente studiato dal produttore, l’utilizzo dei quali non ne pregiudica significativamente la qualità.

dei quali non ne pregiudica significativamente la qualità. Sull'obiettivo macro viene riportato il rapporto di

Sull'obiettivo macro viene riportato il rapporto di riproduzione al quale si sta lavorando. In questo caso 1:1.

Se studiamo i cataloghi dei vari produttori di obiettivi scopriamo che gli obiettivi macro sono nella quasi totalità dei casi obiettivi a focale fissa, con apertura di diaframma sicuramente buona, ma non eccezionale (si ferma a f/2,8 o a f/3,5), con una lente frontale che fuoriesce molto dal barilotto quando si trova alla minima distanza di messa a fuoco.

37

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Al massimo rapporto di riproduzione, come si vede dalla fotografia, la lente

Al massimo rapporto di riproduzione, come si vede dalla fotografia, la lente frontale di un obiettivo macro fuoriesce tantissimo dal barilotto.

La caratteristica fondamentale di un obiettivo macro è quella di riuscire a mettere a fuoco su una distanza molto più breve rispetto a quella di un obiettivo normale. Se un 50mm normale di solito mette a fuoco ad una distanza minima di circa 45 cm di distanza, un 50mm macro riuscirà a mettere a fuoco ad una distanza minima di circa 19,5 cm.

Per esemplificare altre differenze costruttive tra un obiettivo macro e uno normale, mettiamo a confronto i dati tecnici di due obiettivi di pari focale, del medesimo produttore:

di due obiettivi di pari focale, del medesimo produttore: Raffronto tra le specifiche tecniche di un

Raffronto tra le specifiche tecniche di un obiettivo da 50mm macro e uno normale

Le differenze che saltano subito all’occhio sono le seguenti:

Il 50mm normale è molto più luminoso, f/1,4 contro f/2,8. Ciò avviene perché un

38

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

50mm normale è progettato per garantire un ottimo controllo dello sfocato e quindi con la possibilità di utilizzare un diaframma molto aperto. Un obiettivo macro invece sarà usato soprattutto ai diaframmi intermedi o più chiusi. Inutile quindi, in sede di progettazione, lavorare su grandi aperture che non sarebbero utilizzate e creerebbero molti problemi ai progettisti per essere gestite.

Il 50mm macro ha un diaframma che si chiude di ben tre stop in più: f/45 contro f/16. Anche questo è dovuto ad una precisa scelta progettuale. In macrofotografia infatti la profondità di campo è sempre poca, e un diaframma più chiuso permette di guadagnare qualche millimetro di zona nitida in più. Inutile invece prevedere tali diaframmi su un obiettivo normale, dove non sarebbero quasi mai utilizzati.

Ovviamente il rapporto di riproduzione è molto diverso: 1:1 per l’obiettivo macro, 1:7,4 per l’obiettivo normale.

Quale obiettivo macro conviene scegliere?

normale. Quale obiettivo macro conviene scegliere? Nikon Micro Nikkor 60mm f/2,8 macro G ED. Esistono in

Nikon Micro Nikkor 60mm f/2,8 macro G ED.

Esistono in commercio obiettivi macro delle focali più diverse: si va dai 35mm ai 200mm. Tutti, come già detto, garantiscono un rapporto di riproduzione che è per lo meno di 1:2.

Su quale focale indirizzarsi dipende soprattutto dall’impiego che vogliamo farne.

Bisogna infatti tener conto di un fattore importante: minore è la lunghezza focale dell’obiettivo, minore sarà la distanza tra la lente frontale e il soggetto.

Questo fatto ha due conseguenze importanti:

1. se il soggetto è vivo (un insetto per esempio), qualora la distanza minima della lente frontale fosse troppo corta, potrebbe spaventarsi e fuggire;

2. una distanza troppo corta tra la lente frontale e il soggetto può creare problemi con l’utilizzo dell’eventuale illuminazione esterna (flash o lampada).

39

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Nella foto di questo ragnetto siamo ben oltre il rapporto di riproduzione

Nella foto di questo ragnetto siamo ben oltre il rapporto di riproduzione 1:1. E' stata ottenuta con un 100mm macro montato su tubi di prolunga ed è stata usata una fonte di illuminazione esterna (il flash, montato sulla fotocamera, con diffusore). La distanza minima di messa a fuoco, grazie all'utilizzo di una focale tele, ha permesso di non spaventare il ragnetto e di avere anche sufficiente spazio per illuminarlo.

Per esemplificare il problema portiamo qualche dato: con un 50mm la distanza tra la lente frontale e il soggetto sarà di circa 7 cm; se abbiamo un paraluce montato, a seconda della conformazione di questo, la distanza di lavoro scenderà a circa 4-5 cm. A questo punto è importante precisare che vi è una notevole differenza tra la distanza minima di messa a fuoco, che per un 50mm macro sarà, come detto prima, di circa 19,5 cm, e la distanza del soggetto dalla lente frontale, in quanto in fase di lavoro la lente frontale di un macro fuoriesce moltissimo dal barilotto. Alla minima distanza di messa a fuoco, che corrisponde al massimo fattore di ingrandimento (1:1), la lente frontale di un 50mm macro disterà circa 7 cm dal soggetto.

Con un 100mm invece la distanza di lavoro sale a 14 cm, 12-13 con un paraluce montato. È evidente come la differenza sia notevole: la maggior parte degli insetti non tollererà una distanza di 4-5 cm, ma una di 12-13 sì. Per gli insetti sarebbe comunque meglio utilizzare un 150mm o un 180mm, che permettono di raggiungere il rapporto di riproduzione di 1:1 rispettivamente a 18 cm e 23 cm di distanza dalla lente frontale, abbastanza per garantire anche la nostra sicurezza rispetto a soggetti pericolosi (vespe, calabroni, vipere…).

40

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il Sigma APO MACRO 180mm f/2,8 DG OS HSM: un'ottica straordinaria per

Il Sigma APO MACRO 180mm f/2,8 DG OS HSM: un'ottica straordinaria per la fotografia di insetti in quanto permette di mantenersi a una buona distanza dal soggetto.

Anche l’eventuale utilizzo di fonti di illuminazione esterna risulta parecchio facilitato se possiamo operare ad una distanza maggiore.

In

virtù di quanto sopra detto, e anche se ho visto delle foto bellissime fatte con dei macro

di

focale 35mm, il mio suggerimento è di orientarsi su obiettivi macro di focale compresa

tra i 50mm e i 100mm se pensiamo di fotografare fiori e altri soggetti statici, mentre 100mm sono davvero il minimo sindacale per fotografare gli insetti, per i quali le focali ideali sono quelle comprese tra i 150mm e i 200mm.

41

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un obiettivo molto particolare, studiato da Canon esclusivamente per la macro.

Un obiettivo molto particolare, studiato da Canon esclusivamente per la macro. Il Canon MP E 65mm f/2,8 permette di raggiungere ingrandimenti fino al 5x con effetti spettacolari.

42

Corso di fotografia

Capitolo 3 Gli accessori

Il treppiede

www.phototutorial.net

Senza ombra di dubbio l'accessorio più importante per un fotografo è il treppiede.

Molti fotografi confidano nell’efficacia dello stabilizzatore, molti detestano farsi carico del non indifferente peso di un buon treppiede, ma se volete espandere le potenzialità della vostra attrezzatura, seguite questo consiglio: dotatevi di un buon treppiede.

L’uso del treppiede infatti presenta i seguenti vantaggi:

1) semplicemente riuscirete a fare fotografie altrimenti impossibili, ad esempio quelle nelle quali per ragioni estetiche si desidera utilizzare dei lunghi tempi di esposizione, come negli esempi sotto riportati:

tempi di esposizione, come negli esempi sotto riportati: Questa immagine è stata ottenuta utilizzando un tempo

Questa immagine è stata ottenuta utilizzando un tempo di scatto di 2,5 secondi. Un tempo così lungo è necessario per rendere l'effetto del movimento del mare. Nessuno stabilizzatore potrebbe compensare una tempo di scatto tanto lungo. C'è una sola possibilità: utilizzare un treppiede.

43

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il tempo di scatto di 3 secondi permette di rendere nella fotografia

Il tempo di scatto di 3 secondi permette di rendere nella fotografia l'effetto dell'acqua in movimento. Ancora una volta è indispensabile il treppiede.

2) il treppiede permette di valutare con calma l’inquadratura. Sotto questo aspetto è molto utile: una specie di palestra di buona composizione. Specialmente all’inizio, quando certi automatismi della composizione non sono acquisiti, fermarsi a riflettere sull’inquadratura scelta, osservandola per bene nel mirino o sul live-view della fotocamera, permette di ottenere immagini migliori;

3) spesso ottenere uno scatto interessante significa aspettare il gioco di luce ideale. Capita quindi di posizionare la macchina sul treppiede, scegliere per bene l’inquadratura, e aspettare che arrivi la luce ideale. Tale attesa può durare anche molti minuti, perfino qualche ora. Se la macchina è montata sul treppiede, e l’inquadratura è stata ben pensata in precedenza, all’arrivo della luce ideale saremo pronti a scattare la fotografia senza perdere quei preziosi secondi che potrebbero vanificare la nostra attesa.

44

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un tramonto dura pochi minuti. Meglio essere pronti e scegliere

Un tramonto dura pochi minuti. Meglio essere pronti e scegliere l'inquadratura prima, aspettando poi l'attimo giusto con la fotocamera sul treppiede

Per la scelta del treppiede bisogna tener conto di un solo consiglio fondamentale: non risparmiare! Sulle bancarelle e anche nei negozi di fotografia si vedono treppiedi che costano poche decine di euro. Non comprateli! Il treppiede, per essere efficace, deve essere stabile. Per essere stabile deve essere costruito bene e deve essere anche pesante. Difficilmente si trova qualcosa che risponde a questi parametri al di sotto dei 150 euro. A cui va aggiunto il costo della testa, che nei treppiedi professionali viene venduta a parte.

che nei treppiedi professionali viene venduta a parte. Un treppiede professionale garantisce l'adeguata

Un treppiede professionale garantisce l'adeguata stabilità e la sicurezza dell'attrezzatura fotografica. Va corredato di una "testa", l'accessorio che regge la fotocamera e permette di modificare l'inquadratura.

45

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Un buon parametro per valutare se il treppiede è adeguato alle nostre necessità, è che esso deve pesare più dell’attrezzatura che andrà a reggere. Questa regola può essere derogata solo nel caso dei modernissimi e costosissimi treppiedi costruiti in fibra di carbonio con altri materiali ricercati e raffinati. Ad ogni modo i produttori di modelli professionali indicano il peso che un determinato modello di treppiede può reggere. Per resistere alla tentazione di comprare un treppiede sulle bancarelle, considerate che proprio al treppiede affidate la sicurezza della vostra preziosa fotocamera con l’obiettivo montato (si tratta probabilmente di centinaia di euro, se non migliaia). Essi andrebbero incontro a danni ingenti se il treppiede si rovesciasse. Non è proprio il caso di risparmiare sul treppiede, quindi! Un treppiede poco stabile inoltre è del tutto inutile, perché il semplice movimento che imprimete con il dito al pulsante di scatto può generare le vibrazioni che porteranno ad una foto mossa.

generare le vibrazioni che porteranno ad una foto mossa. Una testa base, a tre movimenti, da

Una testa base, a tre movimenti, da montare sul treppiede. La testa è dotata di una piastra a sgancio rapido, che va montato sotto la fotocamera, e permette di montare quest'ultima sul treppiede in pochi istanti e di staccarla altrettanto rapidamente.

Ma come scegliere il treppiede? A quali caratteristiche prestare attenzione?

Stabilità e robustezza Ripetiamolo. Siccome alla stabilità del treppiede è affidata l’integrità della nostra costosa attrezzatura fotografica, esso dovrebbe essere davvero robusto. Vi assicuro che uno dei momenti peggiori nella vita del fotografo è quando vede cadere a terra la sua preziosa fotocamera, magari con un obiettivo montato del valore di diverse centinaia o migliaia di euro. Davvero sarebbe poco saggio lesinare proprio sull’acquisto del treppiede. Se abbiamo una reflex, quindi, evitiamo accuratamente i treppiedi in vendita sulle bancarelle, ed evitiamo anche di acquistare marchi sconosciuti in negozio. Rivolgiamoci ai pochi e conosciuti produttori seri, e scegliamo accuratamente il cavalletto fotografico adatto alle nostre necessità dopo averlo provato o aver chiesto informazioni chiarificatrici agli esperti, magari rivolgendoci ad amici fotoamatori o chiedendo lumi su uno dei tanti forum on line di fotografia. Nella scelta del cavalletto possiamo avvalerci dei dati tecnici dichiarati, presenti sulle brochure, sui cataloghi, sulle scatole e sui siti web dei migliori produttori. Tra i dati tecnici viene chiaramente riportato il peso che il treppiede può sostenere.

46

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un dato fondamentale nella scelta: il peso massimo caricabile sul treppiede. In

Un dato fondamentale nella scelta: il peso massimo caricabile sul treppiede. In questo caso 8 Kg.

Una vecchia regola empirica raccomandava di scegliere un treppiede più pesante dell’attrezzatura che dovrebbe sostenere. La tecnologia e l’uso di materiali migliori ha permesso di chiudere un occhio su questa regola. Ad ogni modo

è sempre meglio largheggiare, e scegliere un cavalletto che dichiari una “capacità di carico” superiore di almeno il 30%

al peso della reflex e dell’obiettivo che dovrà sostenere.

Un treppiede di generose dimensioni garantirà, oltre che dal rischio di improvvise rovinose cadute, anche l’attenuazione

di quelle vibrazioni che provocano il micromosso, con la conseguente perdita di nitidezza della foto.

Inoltre, anche il numero delle sezioni delle gambe influenza molto la stabilità del treppiede: è importante assicurarsi che il cavalletto che stiamo acquistando non abbia più di due snodi, che le gambe, quindi, non abbiano più di tre sezioni.

Trasportabilità La trasportabilità è un fattore molto importante nella scelta del cavalletto, anche se purtroppo entra in contrasto con la caratteristica analizzata prima, in quanto un treppiede stabile di solito è anche piuttosto pesante, a meno che non ci indirizziamo verso modelli in fibra di carbonio che sono fino al 30% più leggeri degli altri a parità di capacità di carico. I treppiedi in fibra di carbonio sono piuttosto costosi ma se dobbiamo portarci dietro il cavalletto durante lunghe escursioni dobbiamo seriamente considerarne l’acquisto, oppure cercare una soluzione di compromesso.

Versatilità un elemento molto importante nella scelta del treppiede è la sua versatilità. In particolare si deve prestare attenzione a due caratteristiche: la possibilità di montare la colonna in orizzontale e la possibilità di eliminarla per allargare le gambe e raggiungere un’altezza minima da terra di non più di 15-20 cm.

47

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La colonna del treppiede. Possibilità di montare la colonna in orizzontale La

La colonna del treppiede.

Possibilità di montare la colonna in orizzontale La colonna del treppiede permette di aumentare l’altezza massima di lavoro quando le gambe sono completamente estese. Per alcuni generi fotografici (macro in primis, ma anche riproduzione di documenti, ecc…) è importante che sia possibile disporla in orizzontale, come si vede nella seguente immagine:

in orizzontale, come si vede nella seguente immagine: È importante che il treppiede abbia la possibilità

È importante che il treppiede abbia la possibilità di montare la colonna in orizzontale.

48

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

In questo modo potremo fotografare con la fotocamera rivolta verso il basso, cosa che può capitare più di frequente di quanto immaginiate, soprattutto se praticate la fotografia macro.

immaginiate, soprattutto se praticate la fotografia macro. Per scattare questa fotografia il treppiede è stato

Per scattare questa fotografia il treppiede è stato disposto con la colonna in orizzontale.

Possibilità di eliminare la colonna centrale Anche questa è una caratteristica importante, perché permette di raggiungere una altezza minima da terra non superiore ai 15-20 cm. Questa proprietà è importante soprattutto nella fotografia naturalistica. Un’altezza minima da terra contenuta, infatti, permette di fotografare gli animali (ad esempio gli anatidi in un lago) alla loro stessa altezza, cioè dalla prospettiva migliore. Naturalmente è fondamentale che le gambe del treppiede siano completamente allargabili come si vede nella foto sottostante.

49

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net È importante che il treppiede abbia la colonna centrale staccabile e le

È importante che il treppiede abbia la colonna centrale staccabile e le gambe che si allarghino completamente per garantire un’altezza minima da terra di pochi centimetri.

Altri fattori di cui tener conto nella scelta del treppiede Un altro elemento da considerare è quello dell’altezza massima. Dovrebbe essere di circa 130 – 150 cm con la colonna centrale completamente abbassata. Se è vero, infatti, che la colonna permette di aumentare l’altezza all’occorrenza, è anche vero che quando essa viene sollevata il treppiede diventa meno stabile. Per questo motivo è meglio acquistare un treppiede che sia abbastanza alto senza ricorrere alla colonna centrale. Per quanto riguarda la colorazione, non ci sono particolare necessità. Se però siamo interessati a praticare la fotografia di animali in natura, ricordiamo che molti fotografi naturalisti suggeriscono l’acquisto di treppiedi di colore verde scuro, o nero, perché il colore dell’alluminio e specialmente i riflessi del sole su di esso, potrebbero essere percepiti da alcuni animali e infastidirli. Molto utile sul cavalletto (soprattutto se lo si utilizza per riprese video) può essere una bolla di livello.

50

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Bolla di livello sul treppiede. Infine due parole sui piedini , anche

Bolla di livello sul treppiede.

Infine due parole sui piedini, anche se nei treppiedi professionali sono di solito intercambiabili e quindi facilmente sostituibili, in quanto i produttori li vendono come accessori. I piedini più comuni, quelli con i quali sono venduti in genere i cavalletti, sono in gomma, utili sia in interno (per non rigare o danneggiare i pavimenti) che nella maggior parte delle situazioni in esterno. Esistono poi i piedini a punta in metallo, da utilizzare solo all’esterno e conficcare nel terreno per aumentare la stabilità del treppiede. Vi sono poi i piedini doppi, dotati sia di gommino che di punta in metallo.

stabilità del treppiede. Vi sono poi i piedini doppi, dotati sia di gommino che di punta

Piedino in gomma.

51

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Piedino doppio con base in gomma da ruotare per fare all’occorrenza

Piedino doppio con base in gomma da ruotare per fare all’occorrenza fuoriuscire la punta in metallo.

Scegliere una testa per il treppiede

I treppiedi professionali o semi-professionali vengono venduti senza testa che dovrà essere acquistata separatamente dal fotografo in base alle proprie necessità. Vediamo quali sono le principali teste per treppiede in commercio.

Testa a sfera

Come suggerisce il nome, questo tipo di testa ha un unico snodo a sfera che permette di muovere velocemente la fotocamera in qualsiasi direzione. La testa ha una levetta o una manopola che consente di sbloccarla, collocarla nella posizione desiderata e ribloccarla.

La testa ha una levetta o una manopola che consente di sbloccarla, collocarla nella posizione desiderata

52

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Una testa a sfera prodotta da Cullmann. L'unica leva presente permette di bloccare e sbloccare la testa. Foto Cullmann.de

Vantaggi: immediatezza e velocità nel muovere la macchina fotografica sbloccando un’unica leva. Compattezza: se confrontata con una testa a tre movimenti la differenza di dimensioni è evidente. Svantaggi: sono in genere meno precise delle teste a tre movimenti ed è più difficile ottenere un’inquadratura accurata rispetto a queste ultime. Anche se bloccate tendono ad essere meno stabili e a muoversi più facilmente dalla posizione stabilita rispetto alle teste a tre movimenti (questo, naturalmente, dipende molto dalla qualità e dalla robustezza).

Usi consigliati: è una testa molto versatile che permette di fare un po’ di tutto. Diversi fotografi la usano per qualsiasi tipo

di foto, dal ritratto alla macrofotografia. Io personalmente non la ritengo adatta alla fotografia di paesaggio, per la quale è

preferibile avere il controllo separato dei tre movimenti, e alla macrofotografia spinta (ingrandimenti superiori all’1:1) per

la quale è più indicata una testa a cremagliera con movimenti micrometrici (di questo tipo di testa e di altre per usi più

specifici parleremo in un prossimo tutorial).

Testa a tre movimenti Con questo tipo di testa si ha la possibilità di muovere la fotocamera indipendentemente su ognuno dei tre assi. Ciascuna delle tre manopole sblocca e blocca uno degli assi.

Ciascuna delle tre manopole sblocca e blocca uno degli assi. Una testa a tre movimenti prodotta

Una testa a tre movimenti prodotta da Benro.Come si vede, ha una manopola per bloccare e sbloccate ognuno degli assi indipendentemente. Foto Benro USA

Vantaggi: la regolazione separata per i tre assi permette di scegliere accuratamente l’inquadratura. Si può muovere la macchina fotografica agendo su di un asse lasciando bloccati gli altri, cosa utile, ad esempio, quando si vogliono provare inquadrature diverse senza cambiare la posizione della linea dell’orizzonte o quando si vogliono unire più foto per ottenere delle panoramiche. Una volta bloccate le manopole è più difficile che l’inquadratura si sposti rispetto a quanto avviene con le teste a sfera. Svantaggi: dovendo armeggiare con tre leve, l’utilizzo è meno immediato e veloce rispetto a quello di una testa a sfera. Gli ingombri sono maggiori rispetto ad una testa a sfera di portata equivalente. Usi consigliati: si può usare per ogni genere fotografico, specialmente per quelli dove la precisione dell’inquadratura è prioritaria rispetto alla velocità operativa: paesaggi, macro, foto di architettura, riproduzione di quadri o documenti.

53

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Come scegliere Se si è indecisi nella scelta tra queste due teste può essere utile andare in un negozio di fotografia ben fornito e chiedere di poterne provare diverse di entrambi i tipi. In questo modo sarà più facile capire quale tipo di testa è più adatto al nostro modo di fotografare.

Caratteristiche a cui fare attenzione Quando si sceglie la testa per il treppiede, ci sono alcune caratteristiche comuni a cui fare attenzione. Portata massima Tutti i produttori dichiarano nelle schede tecniche la portata massima delle teste da loro prodotte. Facciamo attenzione a scegliere una testa con una portata massima superiore al peso della nostra macchina con l’obiettivo più pesante di cui disponiamo. È bene tenersi un poco larghi in modo da evitare di far lavorare la testa al limite delle sue possibilità a tutto vantaggio della stabilità e della sicurezza dell’attrezzatura che ci monteremo sopra. Solidità e qualità di assemblaggio Assicuriamoci che la testa che stiamo per acquistare non abbia giochi eccessivi, che potrebbero tradursi in foto micro mosse, e che sia sufficientemente solida per l’uso che ne faremo. Affidandoci a marche note, ed evitando le linee troppo economiche, non dovremmo aver problemi in tal senso. Meccanismo si aggancio-sgancio rapido

in tal senso. Meccanismo si aggancio-sgancio rapido La piastra rapida viene lasciata montata sulla fotocamera. 54

La piastra rapida viene lasciata montata sulla fotocamera.

54

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La piastra rapida si aggancia e sgancia dalla testa del treppiede tramite

La piastra rapida si aggancia e sgancia dalla testa del treppiede tramite un sistema di inserimento e blocco comandato da una levetta.

Quasi tutte le teste di buona qualità ne sono dotate. Il meccanismo di aggancio e di sgancio rapido consiste in una piastra da avvitare sotto la fotocamera. La piastra può essere inserita sulla testa del treppiede attraverso apposite scanalature e incastri ed esservi bloccata attraverso un apposito fermo. La funzione di questo meccanismo è quella di permettere di agganciare e sganciare la macchina dalla testa rapidamente muovendo semplicemente una levetta. In tal modo si potrà, ad esempio, posizionare con calma il treppiede e agganciarvi la fotocamera solo quando è ben stazionato. Inoltre, quando dobbiamo spostare il cavalletto possiamo sganciare la macchina fotografica in un attimo e riagganciarla dopo averlo riposizionato, evitando inutili rischi per

l’attrezzatura. Certo la stessa cosa si può fare anche senza lo sgancio rapido, ma il dover avvitare e svitare ogni volta la macchina fotografica alla testa del treppiede è certamente più laborioso. Senza uno sgancio rapido è probabile che, tra uno scatto e l’altro, si finisca per spostare il cavalletto con la macchina montata per non ripetere ogni volta la noiosa operazione di smontaggio e rimontaggio. Con il meccanismo di aggancio e sgancio rapido, inoltre, sarà possibile acquistare varie piastre, una per ogni fotocamera

e per ogni obiettivo di grandi dimensioni del nostro corredo, in modo da avere la possibilità di togliere una fotocamera e montarne un’altra sul treppiede in pochi istanti.

È quindi decisamente consigliabile scegliere una testa munita di sgancio rapido e che abbia una piastra rapida ben fatta,

che si monti con facilità e, sopratutto, che si blocchi in modo sicuro.

Teste particolari o per usi speciali

55

Corso di fotografia

Testa a cremagliera

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Testa a cremagliera www.phototutorial.net La 410 Junior, una testa a cremagliera prodotta da

La 410 Junior, una testa a cremagliera prodotta da Manfrotto. Notare le manopole la cui ratozione permette il movimento lungo i tre assi. Foto: www.manfrotto.com

Nelle normali teste a tre movimenti per muoversi lungo un asse si sblocca la relativa manopola e la si blocca nuovamente una volta raggiunta la posizione voluta. Con le teste a cremagliera, invece, ci si muove lungo gli assi ruotando le relative manopole fino a raggiungere la posizione voluta senza necessità di bloccare e sbloccare nulla. Il movimento è molto preciso e permette di curare l’inquadratura con grande accuratezza. Sono provviste anche di un meccanismo che permette di sganciare, tramite una ghiera, gli ingranaggi per muovere velocemente la testa e, una volta ribloccati, correggere con precisione l’inquadratura usando le manopole che permettono il movimento micrometrico.

Usi consigliati La testa a cremagliera è consigliata nelle situazioni che richiedono grande precisione nell’inquadratura, per la fotografia di oggetti statici e dove la velocità operativa è secondaria rispetto alla precisione. Un uso sicuramente indicato è per la macro fotografia ad alti ingrandimenti, dove con una testa senza movimenti micrometrici sarebbe arduo inquadrare con cura il soggetto e il semplice ribloccare la leva di un asse provocherebbe spostamenti significativi nell’inquadratura. Si può usare anche per la fotografia in studio o per i paesaggi, se si desidera curare l’inquadratura in modo maniacale.

Testa gimbal

56

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Una testa gimbal prodotta da Triopo. Da notare la particolare struttura della

Una testa gimbal prodotta da Triopo. Da notare la particolare struttura della testa che permette il perfetto bilanciamento dell’obiettivo e movimenti molto fluidi. Foto: www.triopo.pl

La gimbal è una testa molto particolare, lo si capisce già dall’aspetto differente da qualsiasi altra tipologia di testa. Il suo nome

deriva dal tipo di meccanismo utilizzato, denominato per l’appunto “gimbal”. Questa testa viene usata per teleobiettivi grossi e

pesanti. Ha la caratteristica di permettere di bilanciare il complesso macchina teleobiettivo. Una volta ben bilanciata, la testa

permette di muovere rapidamente l’obiettivo per seguire soggetti in rapido movimento. Se di buona fattura, i movimenti sono

fluidissimi, l’obiettivo sembra sospeso in aria e il suo peso annullato.

57

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Le teste gimbal sono ottime per sostenere obiettivi lunghi e pesanti, come

Le teste gimbal sono ottime per sostenere obiettivi lunghi e pesanti, come questo AF S Nikkor 800mm f5.6 di prossima uscita che sarà probabilmente lungo più di 50 cm e pesante più di 5 kg. Da notare la presenza dell’attacco per il treppiede, condizione essenziale per l’uso su questo tipo di testa. Foto: http://www.nikonusa.com

Usi consigliati

La testa gimbal viene usata con obiettivi dalla lunga focale e provvisti di collare con attacco per il treppiede. I generi fotografici per

cui è particolarmente indicata sono in pratica gli stessi per i quali si usano lunghi teleobiettivi: la fotografia naturalistica di animali nel

loro habitat e la fotografia di eventi sportivi.

58

Corso di fotografia

Testa video

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Testa video www.phototutorial.net La Manfrotto 501HDV, una testa video di buona qualità per

La Manfrotto 501HDV, una testa video di buona qualità per l’amatore evoluto, ma usata anche da professionisti che girano video usando le fotocamere. Foto: www.manfrotto.com

Perché parlare di teste video in un volume dedicato alla fotografia? La risposta è semplice, oggi la maggior parte delle fotocamere

offre la possibilità di girare video. Diverse reflex e mirrorless di ultima generazione permettono di fare riprese video di altissima

qualità e in full HD (1920×1080 pixel). Per questo sono sempre più le persone che oltre ad essere fotoamatori sono anche

videoamatori e usano la medesima attrezzatura sia per fotografare che per riprendere video. Per il videoamatore evoluto, che

intende fare video di alta qualità, l’uso di una testa specifica è praticamente d’obbligo. Una buona testa video permette infatti di

ottenere movimenti di camera fluidi, senza scatti. Diciamo subito che esiste una gran varietà di questo tipo di teste, si va da quelle

semplici a due movimenti, dal costo di poche decine di euro, a quelle più sofisticate che costano qualche centinaio di euro, per non

parlare, ovviamente, di quelle professionali da alcune migliaia di euro. Le prime, a mio parere, non sono di grande utilità in quanto

non permettono movimenti fluidi. Se devono essere usate solo per riprese statiche tanto vale usare una buona testa fotografica, se

già la si possiede. Le seconde, avendo sui due assi frizioni fluide e regolabili, e una molla di controbilanciamento, permettono di

59

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

fare panoramiche e movimenti verticali fluidi e senza scatti. Il rovescio della medaglia è il prezzo: si parte dai 150/200€ per avere una testa di discreta qualità, a cui va aggiunto il costo di un robusto treppiede video che, dotato di attacco a semisfera, costa grosso modo il doppio della testa.

Teste a sfera, alcune varianti

Vediamo qui alcune varianti della normale testa a sfera di cui abbiamo parlato sopra.

Testa idrostatica

a sfera di cui abbiamo parlato sopra. Testa idrostatica Una testa idrostatica che può reggere, in

Una testa idrostatica che può reggere, in questo caso, fino a 16Kg. Foto: www.manfrotto.com

Sono praticamente teste a sfera dotate di sistema di bloccaggio idraulico. Hanno le stesse caratteristiche delle normali teste a sfera, ma sopportano carichi maggiori e hanno un bloccaggio più sicuro anche con macchine e obiettivi particolarmente pesanti.

60

Corso di fotografia

Testa joystick

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Testa joystick www.phototutorial.net Testa joystick con impugnatura verticale. Notare la leva

Testa joystick con impugnatura verticale. Notare la leva facilmente azionabile dalla stessa mano che impugna la testa. Foto:

www.manfrotto.com

È una testa a sfera con un’impugnatura, orizzontale o verticale, e uno sblocco a grilletto. Si usa per cambiare rapidamente

l’inquadratura. Tenendo la mano sull’impugnatura a forma di joystick, basta premere la leva a grilletto per sbloccare, reinquadrare e

rilasciare la leva per bloccare di nuovo la testa.

Testa panoramica

61

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Testa panoramica. Si vede alla base il meccanismo di rotazione. Le slitte

Testa panoramica. Si vede alla base il meccanismo di rotazione. Le slitte servono per posizionare con cura la fotocamera. Foto:

www.manfrotto.com

Come dice il nome, è un tipo di testa che si utilizza per ottenere fotografie panoramiche composte da diversi scatti uniti tra loro in

post produzione attraverso appositi software. Sono composte da una parte che permette la rotazione a 360° a scatti costanti e una

parte che permette di posizionare con cura la fotocamera in modo da mantenere allineati il centro di rotazione col punto nodale del

complesso fotocamera obiettivo.

Esistono naturalmente altre varianti delle teste fin qui viste, ma le loro caratteristiche non si discostano molto da quelle delle

tipologie a cui appartengono.

Chi necessita di teste così specifiche? È vero che con una buona testa a sfera o a tre movimenti ci si può cimentare un po’ in tutti i

generi fotografici, ma se ci si appassiona ad uno in particolare dopo un po’ si potrebbe sentire il bisogno di attrezzatura più specifica

che permette di ottenere risultati migliori e più comodamente. Ad esempio se ci si appassionasse alla macro fotografia e si iniziasse

a fare foto con ingrandimenti spinti, una normale testa a tre movimenti comincerebbe a mostrare tutti i suoi limiti e si inizierebbe a

sentire il bisogno di una testa a cremagliera che permette movimenti micrometrici.

Il mio consiglio è di iniziare con una testa a sfera o a tre movimenti e, nel caso ci si indirizzasse verso un genere particolare,

affiancarle successivamente una testa più specifica, continuando ad utilizzare quella base per gli altri generi.

62

Corso di fotografia

Cavalletti da tavolo e altri supporti

www.phototutorial.net

Sebbene un robusto treppiede sia fondamentale in molti generi fotografici, quando si viaggia per lavoro o vacanza e si preferisce avere con sé un’attrezzatura il più possibile compatta e leggera (una fotocamera compatta, oppure una mirrorless o una reflex con un solo obiettivo), esso potrebbe risultare troppo pesante e ingombrante per portarselo dietro.

Per rispondere a questa esigenza, diversi produttori di accessori fotografici producono supporti estremamente compatti e leggeri,

tanto da poter essere infilati in una borsa o in un marsupio. Si va dai mini treppiedi da tavolo a vari tipi di morsetti da fissare su

ringhiere, pali e simili. Vediamo le principali caratteristiche di questi accessori per orientarci nella loro scelta.

Treppiedi da tavolo

Come intuibile dal nome sono piccoli treppiedi alti pochi centimetri da appoggiare su di una superficie solida come un tavolo, il

pavimento, un muretto, il tetto di un’auto e via dicendo. Ne esistono di diversi tipi, dai cavalletti telescopici reperibili per qualche

euro dai venditori cinesi, buoni al massimo per reggere una piccola compatta, ai cavalletti prodotti da aziende specializzate, robusti

a sufficienza anche per sostenere una reflex, che hanno un costo di alcune decine di euro.

specializzate, robusti a sufficienza anche per sostenere una reflex, che hanno un costo di alcune decine

63

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net

Un treppiede da tavolo sufficientemente robusto può sostenete anche una piccola reflex. Foto: www.cullmann.de

Pregi

Il pregio maggiore è sicuramente quello di essere compatti e leggeri, tanto da riuscire ad infilarli in piccole borse o marsupi

fotografici. Se di buona qualità sono anche sufficientemente robusti e stabili.

Difetti

Essendo l’altezza molto contenuta hanno bisogno di una superficie abbastanza alta su cui essere poggiati, se non abbiamo vicino

un tavolo o un muretto l’utilità è limitata. Quelli più economici non sono in genere molto stabili e robusti, quindi si possono usare al

massimo con una compatta leggera.

Morsetti

Sono dei veri e propri morsetti da fissare a tubi, ringhiere, pali e via dicendo. Ne esistono di diversi tipi, alcuni sono molto robusti e

sopportano carichi notevoli. Sono molto utilizzati anche in studio per sostenere flash, ombrelli e altre attrezzature.

studio per sostenere flash, ombrelli e altre attrezzature. Un morsetto Manfrotto molto robusto (ha una portata

Un morsetto Manfrotto molto robusto (ha una portata massima di 15Kg) con montata una piccola testa a sfera per orientare la fotocamera.

Pregi

Se di buona qualità sono molto robusti e possono sostenere tranquillamente anche una reflex. Non hanno bisogno di un piano di

appoggio per essere utilizzati, basta una ringhiera, un ramo o un palo per avere un buon punto di appoggio. Tra i pregi c’è

certamente la versatilità, oltre che per la macchina fotografica vengono buoni per fissare altri accessori fotografici, come flash,

pannelli riflettenti e via dicendo.

Difetti

Hanno in genere un prezzo superiore ai cavalletti da tavolo e pesano di più. Normalmente non hanno una testa a sfera, perciò

bisognerà acquistarla separatamente. Molti sono studiati per usi fotografici generici, pertanto potrebbe esserci la necessità di

acquistare a parte l’attacco per la macchina fotografica.

64

Corso di fotografia

Treppiedi snodabili

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Treppiedi snodabili www.phototutorial.net Il Gorillapod, famoso treppiede snodabile prodotto da Joby.

Il Gorillapod, famoso treppiede snodabile prodotto da Joby. Foto: http://joby.com/gorillapod/

Sono treppiedi di piccole dimensioni con le gambe costituite da snodi. Questa particolare costruzione permette di ancorarli a pali, ringhiere, rami e via dicendo. Le sfere hanno una parte gommata che permette una buona presa sulle superfici. Ne esiste anche un particolare tipo che ha le sfere alle estremità delle gambe dotate di magneti per permettere un buon ancoraggio su superfici metalliche. Pregi Sono molto versatili e riuniscono i pregi dei mini treppiedi e dei morsetti: è possibile usarli sia appoggiati a superfici piane che ancorati a ringhiere, rami e pali. Inoltre le gambe flessibili possono adattarsi a rocce, scogli e via dicendo. Ne esistono modelli robusti a sufficienza per sostenere una piccola reflex. Difetti I modelli più grandi, adatti anche alle reflex, possono essere piuttosto costosi. La forza di ancoraggio non è paragonabile a quella di un buon morsetto, specie con le macchine un po’ più pesanti.

Supporti per smartphone Con la crescente diffusione di smartphone dotati di fotocamera, che permettono di ottenere fotografie di discreta qualità, diversi produttori hanno messo in commercio diversi supporti adatti a sostenerli. Si va da accessori a incastro dotati di attacco a vite per essere fissati su cavalletti e mini treppiedi, a piccoli cavalletti completi di attacco ad incastro. Se si usa spesso il cellulare per fotografare, magari in sostituzione della compatta, può essere un piccolo accessorio di cui considerare seriamente l’acquisto. Può essere utile per foto con l’autoscatto, per fare foto nitide quando la luce scarseggia o per girare filmati evitando il mosso.

65

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un accessorio, dedicato all’Iphone, che viene montato ad incastro sul

Un accessorio, dedicato all’Iphone, che viene montato ad incastro sul telefonino ed è dotato di un attacco con filettatura standard per treppiede fotografico. In questo modo è possibile montare lo smartphone su mini treppiedi, morsetti e altri supporti. Foto:

www.kungl.com

66

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il Gorillamobile, un cavalletto snodabile dedicato all’Iphone. Si usa

Il Gorillamobile, un cavalletto snodabile dedicato all’Iphone. Si usa esattamente come un Gorillapod, ma ha un attacco ad incastro specifico per Iphone. Foto: Joby.com

Il battery grip (o impugnatura supplementare) è un dispositivo per fotocamere reflex (ma anche per alcune mirrorless) che svolge essenzialmente due funzioni:

1) aumentare l’autonomia energetica della fotocamera; 2) migliorare l’ergonomia (facilitando soprattutto gli scatti in verticale).

67

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Nikon d300 con battery grip. Questo accessorio si presenta come un oggetto

Nikon d300 con battery grip.

Questo accessorio si presenta come un oggetto sagomato da inserire sotto la reflex utilizzando la filettatura per il montaggio su treppiede. All’interno dell’impugnatura supplementare si inseriscono una o più batterie extra. Il battery grip comunica con la fotocamera attraverso un connettore elettrico, che si collega ad un connettore presente di solito nella parte inferiore della fotocamera, protetto da uno sportellino in plastica o in gomma.

protetto da uno sportellino in plastica o in gomma. Battery grip Pentax. Nella foto sono ben

Battery grip Pentax. Nella foto sono ben visibili la vite, che si inserisce nella filettatura per il treppiede presente nella base della reflex, e il connettore elettrico per il dialogo con la fotocamera.

Sulla fotocamera, tramite menu, è possibile decidere quale batteria sarà utilizzata per prima, se quella del corpo macchina o quella inserita nell’impugnatura.

È importante ricordare che non tutte le reflex consentono di utilizzare il battery grip. Molti modelli entry level, infatti, non

prevedono la possibilità di montare questo optional. Se esiste un battery grip per il vostro modello di fotocamera il libretto

di istruzioni oppure il sito web del produttore lo specificherà, indicando la sigla dell’accessorio da acquistare.

Esistono anche battery grip di produttori universali, ma è meglio evitare l’acquisto di un accessorio del genere non originale, anche perché, se causasse danni alla vostra fotocamera, comprometterebbe la validità della garanzia.

68

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La mirrorless Olympus OM-D ha la possibilità di montare un battery grip

La mirrorless Olympus OM-D ha la possibilità di montare un battery grip dedicato, a conferma della sua vocazione professionale.

Analizziamo più nello specifico le caratteristiche del battery grip per valutare con maggiore consapevolezza se è il caso

di acquistarne uno.

Aumentare l’autonomia della fotocamera La funzione principale del battery grip è quella di garantire una maggiore autonomia della fotocamera. È vero che è sempre possibile portarsi dietro delle batterie di riserva, ma in alcuni contesti la semplice operazione di cambiare le

batterie potrebbe far perdere una ghiotta occasione fotografica. Per esempio, non è raro, per un fotografo di natura o di sport rimanere senza energia proprio nel bel mezzo di un’azione, mentre stava usando la raffica a tutta velocità. Mentre

si perde tempo a cambiare la batteria della fotocamera l’azione è spesso bella che finita. Se osservate i fotografi di

natura, quindi, e quelli a bordo campo nelle manifestazioni sportive, quasi sempre li vedrete con fotocamere dotate di battery grip. L’aumento dell’autonomia energetica garantito da questo accessorio, in molti casi, non ha prezzo!

Non è infatti un caso se i modelli professionali di fotocamera spesso hanno il battery grip inglobato nel corpo macchina,

e non venduto separatamente come accessorio. I fotografi professionisti molto semplicemente non possono farne a meno.

69

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Per un modello professionale come la Canon 1D Mark IV il battery

Per un modello professionale come la Canon 1D Mark IV il battery grip non è un accessorio: fa semplicemente parte del corpo macchina.

Alcuni modelli di fotocamera, inoltre, se dotate di battery grip, sono in grado di incrementare la velocità e la durata della raffica, grazie al fatto che dispongono di maggiore energia. I battery grip permettono di inserire una o più batterie di riserva. Alcuni consentono di utilizzare, tramite un adattatore, anche delle semplici batterie stilo, cosa che può risultare utile se si lavora in un posto dove non è possibile ricaricare con facilità le batterie proprietarie della fotocamera. Spesso anche nelle zone più remote del pianeta è possibile acquistare delle batterie stilo e continuare a fotografare.

acquistare delle batterie stilo e continuare a fotografare. L'adattatore per batterie stilo presente in alcuni

L'adattatore per batterie stilo presente in alcuni battery grip.

Migliorare l’ergonomia Un altro vantaggio del battery grip è quello di migliorare l’ergonomia della fotocamera, cioè la possibilità di tenerla in mano comodamente e lavorarci per un lungo periodo di tempo. Infatti molte macchine fotografiche, specialmente nel

70

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

settore delle entry level, sono piuttosto piccoline e, sebbene il loro peso ridotto sia in linea generale un vantaggio, le dimensioni ridotte costituiscono un handicap per un uso intenso e prolungato, specialmente per chi ha le mani un po’ più grandi della media.

Il battery grip favorisce anche un’impugnatura più stabile e sicura.

I battery grip sono molto utili soprattutto nell’utilizzo in verticale della fotocamera, in quanto sono dotati anche di un tasto di scatto integrato e di una replica dei principali tasti e ghiere-funzione della fotocamera. Così è possibile impostare i parametri di scatto (tempo, diaframma, sensibilità, compensazione dell’esposizione) senza essere costretti a innaturali e scomode contorsioni del polso.

costretti a innaturali e scomode contorsioni del polso. Un battery grip per Pentax K5. In primo

Un battery grip per Pentax K5. In primo piano si vedono il pulsante di scatto, il pulsante per la compensazione dell'esposizione, il pulsante per modificare rapidamente la sensibilità e una ghiera di controllo.

Questa possibilità è particolarmente apprezzata dai fotografi che usano spesso un taglio verticale, come i ritrattisti e i fotografi di moda.

71

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Impugnatura verticale con il battery grip (a destra) e senza (a sinistra)

Impugnatura verticale con il battery grip (a destra) e senza (a sinistra) a confronto. La mano destra, quella le cui dita impostano i parametri della foto e premono il pulsante di scatto adotta una posizione molto più naturale se la fotocamera è dotata di battery grip.

Svantaggi Lo svantaggio principale, anzi unico, del battery grip è che fa aumentare il peso e le dimensioni della fotocamera. Questo può portare un maggiore affaticamento durante il trasporto e l’uso. Molti fotografi preferiscono pertanto rinunciare all’impugnatura supplementare e portare con sé solo le batterie di ricambio. Un fattore senz’altro secondario, ma da considerare, è che il battery grip rende senz’altro più difficile passare inosservati. Magari per qualcuno non è uno svantaggio, anzi alcuni fotografi montano il battery grip esclusivamente per l’aspetto professionale che esso dona alla loro fotocamera, ma alcuni generi fotografici richiedono discrezione…

Il paraluce è un oggetto in plastica, a forma di cono o sagomato a petali, che si monta sull'obiettivo. È buona abitudine utilizzarlo sempre, anzi prendere l’abitudine di montarlo sull’obiettivo non appena viene tolto il tappo della lente frontale.

72

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un paraluce. Il paraluce assolve infatti due funzioni importanti: 1) proteggere

Un paraluce.

Il paraluce assolve infatti due funzioni importanti:

1) proteggere l’obiettivo da luci parassite, in particolare quelle laterali, che possono far degradare la qualità dell’immagine ingenerando un fastidioso flare, cioè dei riflessi indesiderati tra le lenti dell’obiettivo o, più di frequente una – talvolta lieve, talvolta più sensibile – diminuzione della nitidezza e del contrasto; 2) proteggere l’obiettivo da urti, agenti atmosferici e ditate.

Molti per proteggere l’obiettivo utilizzano un filtro neutro, ma il paraluce, oltre ad essere maggiormente protettivo rispetto agli urti, ha – al contrario del filtro – un effetto benefico sulla qualità delle fotografie. In genere gli obiettivi fotografici vengono venduti con, a corredo, un paraluce dedicato opportunamente sagomato che si monta utilizzando delle apposite scanalature presenti sulla parte anteriore del barilotto. Sono riportate, sia sull’obiettivo che sul paraluce, delle tacchette che aiutano nell’operazione. Utilizzando le stesse scanalature, il paraluce di solito si può montare rovesciato sull’obiettivo quando questo viene riposto, in modo da risultare meno ingombrante.

sull’obiettivo quando questo viene riposto, in modo da risultare meno ingombrante. Paraluce montato sull’obiettivo. 73

Paraluce montato sull’obiettivo.

73

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Paraluce montato rovesciato in modo da occupare meno spazio quando lo si

Paraluce montato rovesciato in modo da occupare meno spazio quando lo si trasporta.

Vi sono anche obiettivi con paraluce integrato e scorrevole lungo l’asse dell’ottica, che si estrae e si richiude.

Solo alcuni zoom 18-55mm e pochi altri obiettivi di classe economica, vengono venduti, per contenere i costi, privi del paraluce, che andrà acquistato come accessorio a parte (il libretto d’istruzioni dell’obiettivo riporta la sigla del paraluce opzionale da acquistare). Esistono in commercio anche paraluce universali che si montano sulla filettatura per i filtri dell’obiettivo. Alcuni sono in gomma morbida, altri in gomma dura e anche sagomati a petalo. Si possono acquistare con pochi euro su E-bay o in un negozio fotografico. Se decidiamo di acquistarne uno dobbiamo ovviamente assicurarci che sia dello stesso diametro della filettatura per filtri dell’obiettivo. Facciamo anche attenzione che sia disegnato per l’angolo di campo coperto dall’obiettivo, altrimenti, specie con obiettivi grandangolari, rischiamo che il paraluce ci entri nell’inquadratura.

altrimenti, specie con obiettivi grandangolari, rischiamo che il paraluce ci entri nell’inquadratura. 74

74

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Paraluce universale a vite che si può montare sull’obiettivo attraverso la filettatura per i filtri.

sull’obiettivo attraverso la filettatura per i filtri. Paraluce universale in gomma montato sull’obiettivo

Paraluce universale in gomma montato sull’obiettivo attraverso la filettatura in posizione “da lavoro” e in poi ripiegato.

L’unica controindicazione nell’uso del paraluce può essere quella legata alle fotografie con il flash. Talvolta, specie con il flash integrato alla reflex e alle focali grandangolari, si rischia che il paraluce produca delle fastidiose ombre. In tal caso è meglio toglierlo.

Come scegliere il flash

Prima o poi arriva per ogni fotografo il momento di scegliere il flash esterno. Quello piccolino in dotazione alla propria reflex, infatti, manifesta ben presto i suoi limiti. Quali sono questi limiti? Il primo è la scarsa potenza. Ci si accorge che non si riesce ad illuminare la scena a più di qualche metro di distanza. Il secondo, che forse è anche più grave, è il fatto che il lampo del flash integrato non può essere orientato: deve per forza essere sparato in direzione del soggetto. Purtroppo però la luce diretta, frontale, è molto brutta e innaturale: l’immagine appare piatta, in quanto la luce frontale non dà rilievo ai contorni. Inoltre si creano forti ombre antiestetiche dietro il soggetto, e, se si tratta di una persona o di un animale, può facilmente insorgere il problema degli “occhi rossi”. Per ovviare a tutti questi problemi si deve ricorrere al flash esterno. È necessario però prestare attenzione ad alcuni aspetti per acquistare il flash giusto, quello adatto alle nostre necessità. Ecco un elenco delle caratteristiche da considerare.

Compatibilità con la propria fotocamera Al giorno d’oggi l’uso del flash è diventato molto semplice, almeno per un utilizzo amatoriale. Mentre un tempo per usare il flash bisognava conoscere ed applicare alcune formule, oggi tutte le fotocamere riescono a gestire automaticamente la luce del lampo. Con i moderni sistemi TTL (Through the lens – Attraverso l’obiettivo), infatti, la fotocamera interrompe automaticamente il lampo nel momento in cui giudica che la luce che ha raggiunto il soggetto è sufficiente per la corretta esposizione. La lettura avviene, come dice l’acronimo, attraverso l’obiettivo: la fotocamera legge la luce riflessa dal soggetto attraverso un apposito sensore. Per funzionare in tale maniera, però, è necessario che l’elettronica della fotocamera e quella del flash dialoghino. In altre parole il flash deve essere “dedicato” a quella fotocamera, deve essere progettato per lavorare con essa.

75

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un buon flash, che si può definire professionale, della Metz: il 58

Un buon flash, che si può definire professionale, della Metz: il 58 AF-2. Metz è un produttore universale. Attenzione quindi a prendere il flash nella versione dedicata alla vostra fotocamera.

Come si fa a sapere se il flash è compatibile con la propria fotocamera? In genere, salvo rarissime eccezioni, tutti i flash

di un determinato produttore sono perfettamente compatibili con le fotocamere dello stesso produttore. Quindi tutti i flash

Nikon saranno compatibili con le fotocamere Nikon, tutti i flash Sony saranno compatibili con le fotocamere Sony e così

via…

I produttori infatti in genere utilizzano lo stesso protocollo per tutte le fotocamere della casa, anche se di tanto in tanto vengono introdotti novità e miglioramenti. Si deve quindi solo prestare attenzione a che non si tratti di un modello di flash troppo datato rispetto alla reflex, perché magari nel frattempo sono state introdotte così tante innovazioni da rendere incompatibile, in parte o totalmente, un modello troppo vecchio. Ad ogni modo prima di acquistare il flash si dovrebbe sempre visitare il sito web del produttore per verificarne la compatibilità totale con la fotocamera sulla quale andrà montato.

Ci sono anche produttori “universali” di flash. Tali aziende (ad esempio Sigma o Metz) producono flash compatibili con le

fotocamere di qualsiasi marchio. Bisogna però prestare attenzione ad acquistare la versione di un dato flash dedicata alla propria fotocamera . Tale indicazione è chiaramente riportata sulla scatola contenente il prodotto (in genere c’è scritto “per Canon” o “per Pentax”, ecc…), e dovrebbe esserlo anche, chiaramente visibile, sul sito Internet di un venditore online. Anche in questo caso vale il consiglio di verificare attentamente, sul sito Internet del produttore, la compatibilità totale con la nostra fotocamera.

La potenza e il Numero Guida Un altro parametro da considerare nell’acquisto di un flash è la potenza. Un flash più potente permetterà di illuminare una scena più distante. La potenza dei flash è espressa attraverso il Numero Guida (NG). Il numero guida è dichiarato dal costruttore del flash per una determinata sensibilità (in Europa si usa dichiarare il NG alla sensibilità di 100 ISO). Più è elevato il numero guida, più il flash è potente. Per esempio, il piccolo flash integrato della reflex di solito ha NG compresi tra 11 e 13 ad una sensibilità di 100 ISO. Un flash di buona potenza, semi-professionale o professionale, invece avrà un NG compreso tra i 45 e i 60. Un tempo, quando non esisteva la lettura TTL e il flash “sparava” sempre il suo lampo alla massima potenza e durata, l’unico parametro sul quale si poteva intervenire per ottenere la giusta esposizione era il diaframma. Per determinare quale diaframma utilizzare, era fondamentale conoscere il NG del flash per una determinata sensibilità, perché il diaframma è legato al Numero Guida secondo la seguente formula:

76

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Ad esempio, utilizzando un flash con NG 40 a 100 ISO, con

Ad esempio, utilizzando un flash con NG 40 a 100 ISO, con il soggetto ad una distanza di 5 metri, il diaframma da impostare sulla fotocamera è 40/5 = 8, cioè f/8. Bisogna prestare attenzione al fatto che se raddoppiamo la sensibilità non raddoppia il Numero Guida perché l’intensità della luce varia in funzione del quadrato della distanza. Pertanto se vogliamo calcolare il NG ad una sensibilità diversa dobbiamo usare la seguente formula:

una sensibilità diversa dobbiamo usare la seguente formula: In pratica, se torniamo all’esempio precedente, e passiamo

In pratica, se torniamo all’esempio precedente, e passiamo ad una sensibilità di 200 ISO, il nuovo NG sarà 40 x [radice quadrata di 200 (nuova sensibilità) / 100 (sensibilità data)], quindi 40 x radice quadrata di 2, cioè 40 x 1,4142 = 56. Un flash con numero guida 40 a 100 ISO avrà un numero guida 56 a 200 ISO. Poiché alcuni produttori fanno i furbetti e dichiarano il NG a 200 ISO anziché a 100 ISO, teniamo debitamente conto di questa formuletta.

Possibilità di orientare la parabola Siccome, come abbiamo già detto, la luce diretta è molto brutta ed è la causa di problematiche quali l’effetto “occhi rossi”, è fondamentale, nella scelta del flash, accertarsi che la sua parabola sia orientabile in tutte le direzioni. In tal modo sarà possibile illuminare il soggetto non con la luce diretta, ma con la luce riflessa dalle pareti o da un pannello riflettente.

la luce riflessa dalle pareti o da un pannello riflettente. Per visualizzare come cambia l’effetto della

Per visualizzare come cambia l’effetto della luce del flash in base alla direzione dalla quale proviene si osservino gli esempi sotto riportati:

Luce diretta

77

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La luce diretta del flash appiattisce l’immagine, i rilievi che formano il
Corso di fotografia www.phototutorial.net La luce diretta del flash appiattisce l’immagine, i rilievi che formano il

La luce diretta del flash appiattisce l’immagine, i rilievi che formano il viso della bambolina non sono percepibili, la foto potrebbe essere tranquillamente quella di una maschera piatta. Se al posto della bambolina ci fosse stata una persona probabilmente avremmo avuto gli occhi rossi.

Luce laterale

78

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Nella fotografia riportata sopra la parabola del flash è stata orientata in
Corso di fotografia www.phototutorial.net Nella fotografia riportata sopra la parabola del flash è stata orientata in

Nella fotografia riportata sopra la parabola del flash è stata orientata in modo che la luce rimbalzasse sulla parete laterale prima di raggiungere il soggetto. I risultati sono evidenti: l’illuminazione appare molto più morbida, la luce laterale evidenzia i contorni del viso favorendo l’impressione di tridimensionalità, insomma l’effetto è molto più naturale. In questo caso, siccome la parete era colorata di una leggera tonalità salmone, la luce di rimbalzo a acquisito anche una tonalità più calda.

Parabola orientata verso una parete alle spalle del fotografo Se desideriamo illuminare il soggetto con una luce diretta, ma più morbida possiamo ruotare la parabola del flash di 180°, cioè puntarla alle spalle del fotografo, indirizzandola leggermente verso l’alto, come mostrato nelle due immagini seguenti.

79

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Anche in questo caso il risultato sarà un’illuminazione più morbida e
Corso di fotografia www.phototutorial.net Anche in questo caso il risultato sarà un’illuminazione più morbida e

Anche in questo caso il risultato sarà un’illuminazione più morbida e piacevole ed eviteremo, nel caso di persone ed animali, il fastidioso effetto “occhi rossi”.

Parabola orientata verso l’alto Un’altra opzione consiste nell’indirizzare la parabola verso l’alto, verso il soffitto, come mostrato nell’immagine seguente. Si tratta ancora una volta di un efficace modo per diffondere la luce, ma con un’illuminazione come questa, siccome la parte bassa del fotogramma tende ad essere visibilmente più scura, conviene che il viso stesso del soggetto sia rivolto, leggermente, verso l’alto.

80

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La possibilità di orientare la parabola su entrambi gli assi è, a
Corso di fotografia www.phototutorial.net La possibilità di orientare la parabola su entrambi gli assi è, a

La possibilità di orientare la parabola su entrambi gli assi è, a parere di chi scrive, la caratteristica più importante del flash, più importate della stessa potenza, dato che con le fotocamere attuali si possono impostare sensibilità piuttosto alte, e compensare in qualche maniera la scarsa potenza del flash. Facciamo un altro esempio di come il flash indiretto possa migliorare una fotografia. Nell’immagine qui sotto il flash diretto ha causato l’effetto “occhi rossi” (in questo caso sono “occhi gialli”, ma ci siamo capiti…) sul gatto.

81

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto ripresa con il flash in luce diretta. Con la luce del

Foto ripresa con il flash in luce diretta.

Con la luce del flash indirizzata contro la parete, oltre ad ottenere un’illuminazione più diffusa, abbiamo evitato l’effetto “occhi rossi”.

più diffusa, abbiamo evitato l’effetto “occhi rossi”. Foto ripresa con la luce del flash indirizzata verso

Foto ripresa con la luce del flash indirizzata verso la parete.

Altre caratteristiche da considerare Nella scelta del flash si deve tener conto anche di altre caratteristiche. Ne indichiamo alcune, in ordine sparso. La parabola zoom motorizzata: il flash, attraverso la fotocamera, “legge” la focale dell’obiettivo montato e si predispone per coprire con il suo fascio luminoso l’angolo di campo corrispondente. E’ una funzione molto utile in quanto, con obiettivi tele, permette di fatto di aumentare la potenza del flash. Per inciso va aggiunto che alcuni produttori dichiarano il

82

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Numero Guida non per l’angolo di campo di un 50mm (su 24 x 36mm), ma per il valore di zoommata massima permesso dal flash (in tal modo il NG diventa apparentemente più alto). La copertura grandangolare: molti flash professionali coprono per lo meno l’angolo di campo di un 24mm (su formato 24x36mm) e, se vi è un diffusore integrato (un rettangolino di plastica semitrasparente che si abbassa all’occorrenza sulla sorgente luminosa), arrivano ad un angolo di campo di 18mm (su 24x36mm). La possibilità di apportare variazioni sulle impostazioni automatiche o di operare completamente in manuale: quasi tutti i flash di un certo livello lo consentono. Alcune regolazioni inoltre (ad esempio aumentare o diminuire il valore dell’esposizione di qualche stop) si possono apportare dalla fotocamera. La possibilità di operare in wireless: funzione molto comoda, consente di lavorare con il flash, utilizzando tutti gli automatismi, senza che questo sia fisicamente collegato con la fotocamera. La presenza di tale funzione dipende, oltre che dal flash, dalla fotocamera e, talvolta, dall’utilizzo di accessori dedicati. Bisogna consultare il manuale della fotocamera per vedere se tale funzione è attivabile, con quali flash e utilizzando quali accessori. Se siamo orientati ad all’acquisto di un flash di un produttore universale dobbiamo accertarci, consultando i dati tecnici, che tale funzione sia attivabile con la nostra fotocamera. La possibilità di sincronizzare sui tempi rapidi: il tempo minimo di sincronizzazione della fotocamera con il flash è imposto dall’otturatore. Tale tempo di sincronizzazione è indicato nei dati tecnici della fotocamera. In genere si tratta di un tempo compreso tra 1/100 e 1/250 di secondo. Se impostiamo un tempo più breve (ammesso che la fotocamera ce lo consenta), una fascia del fotogramma risulterà inevitabilmente scura. In alcune condizioni, come ad esempio quando si utilizza il flash solo per schiarire le ombre in pieno giorno, il tempo minimo di sincronizzazione può non essere sufficiente. Tale problema può essere superato con alcuni moderni flash dedicati che consentono una sincronizzazione su tutti i tempi di scatto, sacrificando una quota di potenza. Sul libretto della fotocamera è indicato se è possibile attivare tale funzione e con quali flash. Se siamo orientati ad all’acquisto di un flash di un produttore universale dobbiamo accertarci, consultando i dati tecnici, che tale funzione sia attivabile con la nostra fotocamera.

Esistono in commercio molti accessori volti a controllare nel migliore dei modi l’illuminazione quando si usa il flash. Una delle prime necessità che insorgono, quando si usa il flash esterno, è quella di posizionare la nostra fonte di luce nella maniera più idonea ad ottenere l’effetto desiderato. In altre parole, di solito non è la slitta porta flash della fotocamera il posto migliore dove montare il flash. L’illuminazione diretta e frontale, infatti, non è quasi mai la più indicata. Nella scelta del flash potremmo sceglierne uno con la parabola orientabile, che consente di far rimbalzare la luce contro una parete per ottenere un’illuminazione più morbida ed angolata. Questa soluzione però, per quanto comoda, presenta due svantaggi: la prima è che con con il lampo riflesso si perde molta della potenza del flash, mentre l’altra è che… semplicemente non funziona all’aperto, dove non ci sono pareti su cui far rimbalzare la luce.

Il cavetto TTL o P-TTL

Una soluzione decisamente migliore è quindi quella di collegare il flash alla fotocamera mediante un cavetto TTL o P-

TTL,

modo potremo disporre il flash in qualsiasi posizione desideriamo rispetto alla fotocamera, con l’unico limite costituito dalla lunghezza del cavetto. Per questo motivo dovremmo acquistarne uno abbastanza lungo. La maggior parte dei cavetti ha una guaina elastica, a spirale, che fa in modo che siano abbastanza corti a riposo, ma allungabili in caso di necessità. Tutti i produttori di reflex vendono cavetti TTL e P-TTL per i flash come accessori, ma è possibile comprarli anche di produttori universali, stando attenti a verificare la compatibilità con la propria fotocamera.

che consente di mantenere tutti gli automatismi, e che viene montato tra la slitta porta flash e l’illuminatore. In tal

83

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il cavetto TTL o P-TTL consente di lavorare con il flash staccato

Il cavetto TTL o P-TTL consente di lavorare con il flash staccato dalla fotocamera.

In realtà tutti le moderne fotocamere hanno anche un sistema di controllo del flash wireless, che consente di comandare uno o più lampeggiatori esterni direttamente attraverso il flash incorporato nella reflex, oppure con un apposito accessorio di controllo. Questi sistemi rendono in molti casi superato il cavetto TTL, ma a volte ricorrere al cavetto ha ancora senso dato che se occorre un accessorio di controllo del wireless (nei modelli di fotocamera che non lo effettuano tramite il flash incorporato), esso costa più del cavetto, e che il wireless potrebbe non funzionare troppo bene se il flash è posizionato troppo vicino alla fotocamera o dietro di essa. Insomma il cavetto TTL o P-TTL è ancora un accessorio abbastanza utile.

La staffa porta flash Il cavetto TTL consente di utilizzare il flash senza montarlo sulla slitta della fotocamera, ma tenere con una mano la fotocamera e con l’altra il flash è decisamente scomodo. In studio si utilizzano stativi per i lampeggiatori separati, ma all’aperto la soluzione più semplice e pratica è costituita dalla staffa porta flash, la quale consente di assicurare saldamente il lampeggiatore alla fotocamera e nel contempo di tenerlo decentrato rispetto alla linea obiettivo-soggetto. La fotocamera viene montata sulla staffa mediante la filettatura per il treppiede.

84

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Una staffa per il flash auto-costruita in alluminio. In commercio ne esistono

Una staffa per il flash auto-costruita in alluminio. In commercio ne esistono decine di modelli dal costo spesso abbastanza contenuto.

Esistono in commercio diversi tipi di staffe che offrono svariate possibilità di configurazione. E’ anche possibile realizzare o fare realizzare da un fabbro una staffa secondo le proprie specifiche, in modo da ottenere un oggetto pienamente rispondente alle proprie necessità. La staffa è molto utile nella ritrattistica all’aperto, quando si vuole usare il lampeggiatore per schiarire le ombre del viso, ed è indispensabile nella fotografia macro, se non si possiede o non si vuole utilizzare un flash anulare.

Diffusori per il flash Per rendere più morbida la luce del flash si possono utilizzare degli appositi diffusori che si montano sulla parabola del lampeggiatore. Ne esistono in commercio svariate tipologie, quasi tutte dal costo contenuto, con le quali è possibile ottenere effetti piuttosto diversi.

Uno dei diffusori più semplici è costituito da un semplice parallelepipedo di plastica opaca da incastrare sulla parabola del flash, come mostrato nella seguente fotografia:

85

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Il diffusore montato sul flash consente di ottenere una luce più morbida.

Il diffusore montato sul flash consente di ottenere una luce più morbida.

I filtri fotografici si utilizzano per modificare la qualità della luce che entra attraverso l’obiettivo e va ad impressionare il sensore o la pellicola. Utilizzando uno o più filtri in fase di ripresa, quindi, si può correggere, modificare o trasformare l’immagine che si ottiene.

Utili e, in alcuni casi, indispensabili con la fotografia a pellicola, molti filtri sono stati efficacemente sostituiti dai software

fotografici, con i quali è facile oggi ricostruire il medesimo effetto. Solo pochi sono i filtri ancora indispensabili nella

fotografia digitale.

Un consiglio generale, comunque, è quello di usare i filtri solo quando servono davvero per ottenere un determinato

risultato fotografico. L’utilizzo di un filtro, infatti, influenza negativamente la qualità dell’immagine. Un altro suggerimento

è quello di acquistare, per quanto possibile, filtri di buona qualità.

Tipologie

In commercio si trovano essenzialmente due tipi di filtri fotografici:

i filtri cosiddetti “a vite”, costituiti da un vetro montato su un supporto circolare che si avvita direttamente sull’obiettivo;

circolare che si avvita direttamente sull’obiettivo; I filtri circolari si avvitano sull’obiettivo. • quelli

I filtri circolari si avvitano sull’obiettivo.

quelli cosiddetti “a sistema”, che necessitano di un portafiltri da montare sull’obiettivo, nel quale si infilano i filtri, che hanno forma quadrata o circolare.

86

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Filtri da montare tramite portafiltri. In questo caso il sistema Cokin, uno

Filtri da montare tramite portafiltri. In questo caso il sistema Cokin, uno dei più utilizzati dai fotografi.

Filtri circolari I filtri circolari vanno acquistati dello stesso diametro dell’obiettivo sul quale dovranno essere montati. Come si fa a sapere qual è il diametro dell’obiettivo? Si tratta di un dato riportato sull’obiettivo stesso, di solito sulla parte frontale, preceduto dal simbolo Ø. Un obiettivo sul quale è scritto Ø52 ha un diametro di 52mm. Quindi se vogliamo corredarlo di un filtro dobbiamo acquistarne uno del medesimo diametro. Cosa possiamo fare se abbiamo obiettivi di diverso diametro? Dobbiamo per forza comprare un filtro per ogni obiettivo? No, entro certi limiti possiamo usare degli anelli riduttori. Si tratta di anelli che, dotati di filettature di diametro diverso su ciascuna estremità, consentono di utilizzare un filtro su un obiettivo di diametro inferiore. Pertanto si può comprare un filtro del diametro giusto per l’obiettivo con la lente frontale più grande presente nel nostro corredo e utilizzarlo, con anelli adattatori, su obiettivi con lente frontale più piccola.

adattatori, su obiettivi con lente frontale più piccola. Anello riduttore. Consente di usare i filtri su

Anello riduttore. Consente di usare i filtri su obiettivi di diametro inferiore. In questo caso si può montare un filtro di diametro 67mm su un obiettivo di diametro 62mm.

87

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un filtro polarizzatore di diametro 58mm montato su un obiettivo con lente

Un filtro polarizzatore di diametro 58mm montato su un obiettivo con lente frontali di diametro 52mm tramite anello adattatore.

Sistema a portafiltri Anche il sistema a portafiltri si monta con un anello adattatore sull’obiettivo. Sul portafiltri poi si inseriscono i diversi filtri. Il sistema è molto pratico e permette di comprare un unico filtro, da utilizzare poi con tutti gli obiettivi. È necessario acquistare solo un anello adattatore per ciascun obiettivo. Si tratta di una soluzione molto professionale.

obiettivo. Si tratta di una soluzione molto professionale. Inoltre, vantaggio non secondario, il sistema portafiltri

Inoltre, vantaggio non secondario, il sistema portafiltri permette di utilizzare contemporaneamente più filtri.

88

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net L’illustrazione tratta da un catalogo della Cokin, mostra la

L’illustrazione tratta da un catalogo della Cokin, mostra la “componibilità” e la versatilità del sistema della nota casa produttrice.

La stessa cosa è più difficile, nella pratica, con i filtri circolari, perché montandone due o tre l’uno sull’altro si ingenerano delle fastidiosissime vignettature, specialmente se sono utilizzati su obiettivi grandangolari.

89

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net In questa foto sono stati montati due filtri circolari in serie su

In questa foto sono stati montati due filtri circolari in serie su un obiettivo grandangolare di focale 12mm su formato APS-c. Come si osserva il contorno del filtro entra nell’inquadratura. Per tentare di ovviare si possono usare i filtri con montatura più sottile denominati slim oppure passare ad un sistema a portafiltri.

Per ovviare almeno in parte a tali vignettature si possono comprare filtri circolari denominati “slim”, i quali hanno uno spessore più contenuto.

Filtro UV Il filtro UV (che sarebbe meglio chiamare filtro anti-UV) è un filtro che assorbe le radiazioni ultraviolette, riducendone gli effetti negativi sulla fotografia. Si tratta di effetti quasi sconosciuti ai fotografi più giovani, ma quelli più attempati ricorderanno le dominanti blu delle foto scattate in montagna o sulla spiaggia. Oltre alla dominante blu, si riscontrava a volte, sulla fotografia, la presenza di una “foschia” non rilevata ad occhio nudo. Tali effetti erano dovuti alla maggiore quantità di raggi ultravioletti presenti al mare o in montagna, raggi UV invisibili ad occhio nudo che però venivano, almeno in parte, impressionati sulla pellicola. Per escluderli bisognava usare un particolare filtro incolore, neutro, che impediva a tali raggi ultravioletti di raggiungere il supporto sensibile. Il filtro UV, per l’appunto.

90

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net In montagna, a causa dei raggi UV, può apparire nelle foto una

In montagna, a causa dei raggi UV, può apparire nelle foto una dominante blu.

dei raggi UV, può apparire nelle foto una dominante blu. L’uso di un filtro anti-UV permette

L’uso di un filtro anti-UV permette di eliminare la dominante blu.

Perché ho usato verbi coniugati all’imperfetto? Perché la lunga battaglia contro i raggi UV è stata vinta da decenni. Gli obiettivi sono stati dotati di rivestimenti speciali che assorbono gli UV. La stessa cosa si può dire delle pellicole, dotate

tutte di un efficacissimo strato anti-UV. Naturalmente anche gli attuali sensori digitali sono dotati di efficaci filtri anti-UV.

La dominante blu dell’esempio fotografico riportato sopra, infatti, è stato ottenuta digitalmente. Nella fotografia originale

non vi era traccia di dominanti, nonostante la foto fosse stata scattata oltre i 2000 metri e nelle ore centrali della giornata. Morale, il sistema obiettivo-sensore oggi come oggi è più che sufficiente ad eliminare le dominanti provocate dai raggi UV. Inoltre, qualora dovesse nonostante tutto permanere una lieve dominante, è facilissimo eliminarla attraverso la regolazione dei livelli utilizzando un qualsiasi software di fotosviluppo-fotoritocco.

Di conseguenza il filtro anti-UV, a parere di chi scrive, è oggi completamente inutile.

91

Corso di fotografia

Filtro Skylight

www.phototutorial.net

Il filtro Skylight costituiva un’alternativa al filtro UV. Si tratta infatti di un filtro leggermente rosato, che veniva usato per ridurre il colore blu della luce che raggiungeva l’emulsione, compensando la dominante fredda con la dominante calda introdotta dalla leggera colorazione del filtro. Per questo filtro valgono le stesse considerazioni fatte per il filtro UV: anche lo Skylight è diventato praticamente inutile con il progresso tecnologico di obiettivi, emulsioni e sensori.

il progresso tecnologico di obiettivi, emulsioni e sensori. Conviene usare filtri per proteggere l’obiettivo? Molti

Conviene usare filtri per proteggere l’obiettivo?

Molti fotografi usano i filtri per proteggere l’obiettivo. Su alcuni siti web trovate la raccomandazione di usare un filtro UV oppure uno skylight a questo scopo, in modo da proteggere l’obiettivo da urti, polvere e graffi. La domanda che molti si fanno quindi è: conviene lasciare perennemente montato sull’obiettivo un filtro al fine di proteggerne la lente frontale? Ebbene, se siete un po’ emotivi e se siete preoccupati per l’integrità del vostro obiettivo, usare un filtro di protezione può tranquillizzarvi, ma questa abitudine ha una grave controindicazione. L’inserimento di un vetro davanti all’obiettivo, infatti, inciderà negativamente sulla nitidezza dell’ottica e la nuova superficie aria-vetro creerà riflessi indesiderati. Insomma, con un filtro montato si rovina un po’ la qualità delle foto. Se ne vale la pena dovete deciderlo voi. In realtà basta fare un po’ di attenzione, e usare sempre il paraluce. Quest’ultimo, infatti, è un ottimo strumento per proteggere la lente da urti accidentali.

92

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Per proteggere la lente frontale dell’obiettivo da urti accidentali è buona

Per proteggere la lente frontale dell’obiettivo da urti accidentali è buona abitudine montare sempre il paraluce.

Per quanto riguarda la polvere, invece, basta pulire l’obiettivo con un pannetto in microfibra. Certo, quando si va a fotografare in spiaggia in una giornata ventosa, o in altre occasioni nelle quali si sa che il proprio obiettivo sarà sottoposto al rischio di contatto con acqua, fango o altri agenti atmosferici, montare un filtro protettivo potrebbe essere una scelta saggia. Ma in linea generale io considero una pessima abitudine quella di lasciare perennemente montato sull’obiettivo un filtro. Ad ogni modo, se decidete di usare un filtro protettivo, acquistatene uno di buona qualità, evitando quelli da pochi euro che si trovano online. Se comprate il filtro con l’unico scopo di proteggere la lente frontale dell’obiettivo, inoltre, non vi conviene prendere un filtro anti-UV, né uno Skylight, ma un filtro denominato Clear, che è perfettamente neutro ed è stato creato precisamente con l’unico scopo di fungere da lente protettiva.

Il filtro polarizzatore

creato precisamente con l’unico scopo di fungere da lente protettiva. Il filtro polarizzatore Filtro polarizzatore. 93

Filtro polarizzatore.

93

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Il filtro polarizzatore è uno dei filtri più usati dai fotografi. Per capire come funziona il polarizzatore e in quali applicazioni può essere utile dobbiamo ragionare sul fatto che la luce che raggiunge il nostro apparecchio fotografico non viaggia con un’unica angolazione rispetto all’obiettivo. Una parte della luce viene deviata, riflessa. Si può pensare subito ad una finestra di vetro, o ad uno specchio d’acqua, che riflette parte della luce creando un’immagine fantasma sulla propria superficie. Ma bisogna dire che anche le goccioline di umidità ed altre particelle in sospensione, sempre presenti nell’atmosfera, deviano parte della luce, causando uno sbiadimento dei colori e un effetto foschia. Il filtro polarizzatore è composto da due vetri speciali, al cui interno vi sono dei cristalli che orientati in modo da permettere il passaggio solo alla luce che ha una determinata direzione, quella con un’inclinazione parallela all’asse di polarizzazione del filtro. Alla luce che ha inclinazioni diverse viene impedito il passaggio. In pratica, nell’obiettivo entra luce da un’unica direzione. Il funzionamento del polarizzatore è molto semplice. Una volta montato il filtro sull’obiettivo della macchina fotografica non bisogna far altro che ruotarlo, variando l’asse di polarizzazione, finché i cristalli non saranno orientati in modo da eliminare la maggior parte della luce parassita. L’effetto sarà visibile nel mirino della reflex. Analizziamo quali sono gli effetti prodotti dal polarizzatore.

Far apparire più azzurro il cielo e più saturi i colori

Far apparire più azzurro il cielo e più saturi i colori In questa fotografia il contrasto

In questa fotografia il contrasto tra il cielo e le nuvole è stato esaltato mediante l'uso del filtro polarizzatore. Anche l'intensità del blu è stata accentuata dall'uso del filtro.

La presenza di minuscole goccioline d’acqua e di altri corpuscoli riflettenti nell’atmosfera ha come effetto quello di sbiadire il colore del cielo, di aumentare l’effetto della foschia e di affievolire l’intensità dei colori della foto. Il filtro polarizzatore, eliminando la luce parassita che rimbalza in tutte le direzioni, può rendere molto più vivaci i colori dell’immagine, con effetti benefici soprattutto sul blu del cielo e sul contrasto con le nuvole. Riportiamo qualche esempio:

94

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto senza filtro polarizzatore. 95

Foto senza filtro polarizzatore.

95

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto con filtro polarizzatore. I risultati sono evidenti: il cielo è di

Foto con filtro polarizzatore. I risultati sono evidenti: il cielo è di un blu più intenso. Anche la colorazione delle foglie è più vivace.

intenso. Anche la colorazione delle foglie è più vivace. Questa foto è stata scattata senza il

Questa foto è stata scattata senza il filtro polarizzatore. I colori sono poco intensi e il cielo appare celeste anziché blu. Le nuvole non risaltano molto.

96

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net L'uso del filtro polarizzatore ha reso più saturi i colori e ha

L'uso del filtro polarizzatore ha reso più saturi i colori e ha fatto aumentare il contrasto tra il blu del cielo e il bianco delle nuvole.

Il polarizzatore riduce inoltre l’effetto foschia causato dalla luce parassita, che comporta una perdita di leggibilità dello sfondo nei paesaggi.

luce parassita, che comporta una perdita di leggibilità dello sfondo nei paesaggi. Foto senza filtro polarizzatore

Foto senza filtro polarizzatore

97

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Fotografia con filtro polarizzatore. Oltre al blu del cielo, molto più intenso,

Fotografia con filtro polarizzatore. Oltre al blu del cielo, molto più intenso, e alle nuvole che risaltano di più, si osservino sullo sfondo le colline in lontananza: è evidente come siano rilevabili molti più particolari. L'effetto foschia è stato notevolmente ridotto.

Eliminare i riflessi Il polarizzatore può, entro certi limiti, eliminare i riflessi, ad esempio su una vetrina o su uno specchio d’acqua.

ad esempio su una vetrina o su uno specchio d’acqua. La foto ad una vetrina senza

La foto ad una vetrina senza filtro polarizzatore. I riflessi provenienti dall'esterno impediscono di vedere bene il contenuto.

98

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto con filtro polarizzatore: gran parte dei riflessi sono stati eliminati dal

Foto con filtro polarizzatore: gran parte dei riflessi sono stati eliminati dal filtro. Il miglioramento è piuttosto evidente.

Non a caso il filtro polarizzatore è molto utilizzato per fotografare il mare, al fine di ottenere immagini come questa, nella quale il filtro ha eliminato la luce che rimbalza sull’acqua permettendo di intravedere il fondo:

rimbalza sull’acqua permettendo di intravedere il fondo: Utilizzando il filtro polarizzatore, in questa foto, è

Utilizzando il filtro polarizzatore, in questa foto, è stato possibile eliminare i riflessi sulla superficie del mare, in modo da rendere l'acqua trasparente e intravedere il fondo. Il filtro polarizzatore è molto utilizzato per realizzare le foto che vanno sui cataloghi che pubblicizzano le destinazioni tropicali delle agenzie di viaggio.

Bisogna ricordare però che il polarizzatore non ha alcun effetto sulle superfici metalliche, come ad esempio gli specchi o le cromature delle auto e delle moto. Non pensate pertanto di usarlo per cancellare la vostra immagine che si riflette in uno specchio. Il polarizzatore funziona solo con le superfici trasparenti.

99

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Quale acquistare In commercio esistono due tipi di filtri polarizzatori, quelli definiti “lineari” e quelli definiti “circolari”. Attenzione a non farvi fuorviare dalla denominazione. L’aspetto esteriore è simile: un filtro rotondo dotato di filettatura per essere montato sull’obiettivo, con uno spessore maggiore rispetto ad altri filtri perché qui i vetri sono due. L’unica differenza è che sull’anello vi è una scritta “PL” per il lineare e “CPL” per il circolare. Anche il principio di funzionamento è lo stesso. I filtri polarizzatori circolari però hanno i cristalli orientati in modo da non creare “interferenze” con le fotocamere che hanno un sensore autofocus o un sensore per leggere l’esposizione posto dietro una superficie semitrasparente. Siccome molte fotocamere moderne adottano soluzioni del genere, l’uso di un polarizzatore lineare rischia di provocare un errore nell’esposizione o una difficoltà di messa a fuoco. Se prevediamo di utilizzare il filtro su una reflex digitale, quindi, conviene acquistare un polarizzatore di tipo circolare, anche se costa un po’ di più.

di tipo circolare, anche se costa un po’ di più. Un filtro polarizzatore circolare, denominato "CPL"

Un filtro polarizzatore circolare, denominato "CPL" e un filtro polarizzatore lineare, denominato "PL". Per le fotocamere moderne è meglio sceglierne uno circolare, anche se non sempre i lineari danno problemi. Chi scrive, per esempio non ha mai riscontrato inconvenienti usando i polarizzatori lineari su reflex digitali.

Ultime avvertenze… L’effetto del filtro polarizzatore è piuttosto variabile in quanto è legato soprattutto alla direzione della principale fonte di illuminazione rispetto al fotografo. Basta osservarne l’effetto nel mirino della reflex mentre lo ruotiamo. Se non ci sembra che la situazione cambi molto, basterà cambiare la nostra posizione rispetto al sole, ovviamente cambiando l’inquadratura. Il filtro polarizzatore assorbe parecchia luce, di solito almeno un paio di stop, teniamone conto per evitare foto mosse.

Spesso ci toccherà alzare la sensibilità o utilizzare un treppiede.

100

Corso di fotografia

Il filtro ND

www.phototutorial.net

Corso di fotografia Il filtro ND www.phototutorial.net Filtri ND. I filtri ND, o filtri a densità

Filtri ND.

I filtri ND, o filtri a densità neutra (neutral density filters), sono tra gli accessori più utili nella fotografia di paesaggio. L’ND è un filtro grigio con opacità costante per tutti i colori dello spettro, che non altera in alcun modo le caratteristiche cromatiche dell’immagine: si limita solo ad assorbire parte della luce. In tal modo si possono usare tempi di esposizione più lunghi. Usando uno o più filtri grigi ND quindi è possibile, anche quando c’è molta luce, ottenere l’effetto del mosso dell’acqua, delle nuvole, o comunque di elementi dinamici nell’immagine, contrapposti ad altri elementi del panorama che invece restano statici. L’esempio più diffuso è probabilmente quello dell’acqua. Se si vuole ottenere il cosiddetto “effetto seta”, si può fotografare quando la luce ambiente è fioca, oppure si può utilizzare un filtro ND o, se necessario, più filtri ND montati l’uno sull’altro.

è fioca, oppure si può utilizzare un filtro ND o, se necessario, più filtri ND montati

101

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net

Per ottenere un effetto come questo è necessario usare un tempo di esposizione variabile tra il mezzo secondo e i due secondi. Assorbendo la luce, un filtro grigio ND, permette di impostare tempi lunghi anche quando la luce ambientale è troppo forte.

I filtri ND sono disponibili sul mercato con differenti valori di densità, cioè con la capacità di assorbire una maggiore o

una minore quantità di luce. Tale densità è indicata con un numero. Si vendono filtri con valori di densità 2, 4, 8, 16, 32. Un filtro con valore di densità 2, lascia passare solo metà della luce, quindi assorbe uno stop. In altre parole, se ad un dato diaframma l’esposizione corretta richiede un tempo di 0,5 secondi, inserendo un filtro ND2 l’esposizione corretta richiederà 1 secondo. Un filtro ND4 lascia passare il 25% della luce, quindi assorbe due stop. Pertando, per tornare all’esempio precedente, se senza filtro, ad un dato diaframma, l’esposizione corretta richiede un tempo di 0,5 secondi, con un filtro ND 4 richiederà 2 secondi. Procedendo lungo la medesima scala, un filtro ND8 lascerà passare solo il 12,5% della luce con un assorbimento di 3 stop. Un filtro grigio ND16 assorbirà 4 stop, un ND 32 assorbirà 5 stop.

grigio ND16 assorbirà 4 stop, un ND 32 assorbirà 5 stop. Questa foto è stata scattata

Questa foto è stata scattata anteponendo all'obiettivo due filtri grigi: un ND8 e un ND4, per un assorbimento complessivo di 5 stop. Il tempo di esposizione è stato di 8 secondi, con una sensibilità di 80 ISO e un diaframma F/22. Senza l'utilizzo dei filtri grigi il tempo più lungo ottenibile sarebbe stato di 1/25 di secondo. Troppo breve per ottenere l'effetto del movimento dell'acqua.

I filtri grigi si possono utilizzare anche per “eliminare” le persone che si trovano davanti ad un monumento o ad un

paesaggio. Impostando un tempo di scatto di vari minuti, infatti, ci ritroveremo con una foto nella quale gli elementi statici resteranno perfettamente impressi, mentre quelli che si muovono, come appunto le persone, scompariranno magicamente. I filtri grigi, che dovranno essere molto densi in questo caso (tre o quattro ND 16 in serie), ci permetteranno di ottenere questo effetto (bisogna anche sperare che qualcuno non decida di stazionare davanti al nostro monumento per qualche minuto nella stessa posizione, perché in tal caso la sua immagine verrà comunque registrata sul fotogramma).

102

Corso di fotografia

Il filtro ND graduato

www.phototutorial.net

I filtri ND graduati (graduated neutral density filters) sono filtri grigi digradanti, che si usano per assorbire la luce solo su metà del fotogramma. La differenza rispetto al semplice filtro ND, quindi, è che l’oscuramento riguarda solo metà del fotogramma. Inoltre la zona di passaggio dalla parte perfettamente trasparente a quella grigia, inoltre, è sfumato, in modo da apparire più naturale in fotografia.

è sfumato, in modo da apparire più naturale in fotografia. Un filtro ND graduato del sistema

Un filtro ND graduato del sistema Cokin.

Gli ND graduati sono disponibili, come tutti i filtri fotografici, sia nel formato quadrato per il sistema a portafiltri, sia nel classico formato circolare che si avvita sull’obiettivo. Si utilizzano quando c’è una forte differenza di luminosità tra le due metà del fotogramma. Spesso, infatti, se si include nella scena sia il cielo che il terreno, ci si accorge che la differenza di luminosità è tale da superare la latitudine di posa del sensore o della pellicola. In altre parole, in fase di ripresa si deve decidere se esporre per il cielo, sacrificando tutto quello che si trova a livello di terreno, che verrà “annegato” nell’oscurità, oppure esporre per il terreno, sacrificando il cielo che sarà inevitabilmente sovraesposto. Per comprendere l’utilizzo del filtro ND graduato si osservino le seguenti fotografie:

103

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto esposta per il cielo: tempo di scatto 1/6 di secondo; diaframma

Foto esposta per il cielo: tempo di scatto 1/6 di secondo; diaframma f/22. Come si vede il colore del cielo viene riportato correttamente ma gli scogli e il mare in primo piano sono inevitabilmente "affogati" nel nero della sottoesposizione.

Nella fotografia riportata sopra il fotografo ha deciso di esporre per il cielo in modo da catturare gli affascinanti colori del tramonto e la bella nuvola in alto. Questo però ha portato ad una sottoesposizione del mare e degli scogli in primo piano, perché la parte alta del fotogramma, contenente il cielo, è molto più luminosa di quella inferiore. Se si vuole salvare la leggibilità degli scogli, invece, bisogna misurare l’esposizione sui medesimi, ottenendo un risultato come questo:

104

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La foto esposta per gli scogli in primo piano (quelli in secondo

La foto esposta per gli scogli in primo piano (quelli in secondo piano appaiono ancora leggermente sottoesposti): tempo di scatto 2,5 secondi, sempre ad f/22. Come si vede i particolari degli scogli sono leggibili, ma il cielo è irrimediabilmente sovraesposto. I bei colori del tramonto sono annegati nel bianco.

Il cielo appare sovraesposto e i bei colori del tramonto sono scomparsi, “annegati” irrimediabilmente nel bianco. Utilizzando un filtro ND graduato invece possiamo ottenere un risultato come questo:

105

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Utilizzando il filtro ND graduato, con la parte oscurata rivolta verso

Utilizzando il filtro ND graduato, con la parte oscurata rivolta verso l'alto, si può ottenere un effetto simile a questo: cielo e scogli correttamente esposti.

L’utilizzo di un filtro graduato permette pertanto di “ridurre” o “comprimere” la latitudine di posa della scena, in modo da poter esporre correttamente sia il cielo che il terreno. Purtroppo però l’utilizzo del filtro ND graduato comporta alcuni compromessi. Il più grave è che costringe ad adottare sempre una “composizione centrale” nella quale cioè la linea di demarcazione tra cielo e terra si trova al centro del fotogramma. Come sappiamo, invece, molto spesso nel comporre la foto è meglio seguire la regola dei terzi. Un altro problema da non sottovalutare è che il filtro rende molto meglio se usato dove vi è una linea dell’orizzonte netta di demarcazione tra la parte alta e quella bassa del fotogramma (ad esempio, per l’appunto, il mare), mentre se sono presenti alberi, colline, o un elemento qualsiasi che si estenda nella parte alta del fotogramma, l’effetto apparirà piuttosto innaturale. Per questi motivi molti fotografi preferiscono simulare l’effetto del filtro ND graduato in digitale. In che modo? Facendo due scatti, su treppiede, e unendoli in seguito con un programma di fotoritocco. In effetti anche le foto esemplificative sopra riportate sono state scattate con il fine di ottenere “l’effetto filtro graduato” a posteriori in post-produzione. Il risultato è, per l’appunto, quello mostrato nella terza foto, per la quale, quindi, non è stato utilizzato davvero il filtro graduato. La simulazione dell’effetto del filtro in post-produzione consente un maggior controllo sul risultato finale e di aggirare gli svantaggi connessi all’utilizzo dell’ND graduato. Una foto come quella riportata sotto, ad esempio, non si sarebbe potuta

106

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

ottenere con l’utilizzo del filtro graduato in ripresa: in primo luogo perché la linea dell’orizzonte rispetta la regola dei terzi, e poi perché gli scogli frastagliati sarebbero apparsi innaturali, per metà correttamente esposti, per metà scuri.

per metà correttamente esposti, per metà scuri. Una foto come questa richiede che si simuli l'effetto

Una foto come questa richiede che si simuli l'effetto del filtro graduato in post-produzione.

Bisogna però avvertire che alcuni fotografi, mentre accettano l’utilizzo dei filtri in ripresa, ritengono che un processo di post-produzione tanto spinto esuli da quella che si può veramente definire fotografia.

107

Corso di fotografia

Capitolo 4 - L'esposizione

www.phototutorial.net

La coppia tempo/diaframma: introduzione

Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo

di esposizione.

Il diaframma è un dispositivo che si trova all’interno dell’obiettivo. In pratica si tratta di un’apertura a diametro variabile.

Fondamentalmente il diaframma serve per controllare la quantità di luce che, penetrando attraverso l’obiettivo, raggiunge il sensore.

penetrando attraverso l’obiettivo, raggiunge il sensore. La scala dei diaframmi. A f/2 corrisponde un diaframma molto

La scala dei diaframmi. A f/2 corrisponde un diaframma molto aperto: passerà molta luce. A f/22 corrisponde un diaframma molto chiuso: passerà poca luce.

Il tempo di esposizione viene controllato da un dispositivo interno alla fotocamera che si chiama otturatore. Attraverso l’otturatore

noi (oppure l’automatismo della macchina fotografica) possiamo decidere per quanto tempo la luce raggiungerà il sensore.

decidere per quanto tempo la luce raggiungerà il sensore. Sulle vecchie reflex a pellicola di qualche

Sulle vecchie reflex a pellicola di qualche anno fa era presente la scala dei tempi.

Come si vede nella foto in alto, nelle vecchie reflex era presente una rotella che serviva per selezionare il tempo di scatto

desiderato. Oggi vi è comunque una rotella di comando, ma il tempo selezionato viene visualizzato nel mirino della fotocamera.

Attenzione: 1000 corrisponde ad un tempo di 1/1000 di secondo, 500 ad un tempo di 1/500 di secondo, e così via:

250= 1/250 sec.; 125= 1/125 sec.; 60= 1/60 sec.; 1 corrisponde ad 1 secondo.

Sulle moderne reflex si possono in genere selezionare tempi compresi tra 1/8000 sec. e 30 secondi, più la posa B (bulb).

108

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

La posa B permette di tenere aperto l’otturatore per tutto il tempo desiderato, consente quindi esposizioni lunghe, superiori ai 30 secondi impostabili normalmente dalle opzioni della fotocamera. La quantità di luce (regolata dall’apertura del diaframma) e il tempo di esposizione (regolato dall’otturatore) determinano la quantità totale di luce che raggiunge il sensore mentre scattiamo la fotografia. Essi sono i parametri fondamentali per ottenere una buona esposizione.

Per capirlo meglio immaginiamo di voler riempire un bicchiere d’acqua.

meglio immaginiamo di voler riempire un bicchiere d’acqua. Più apriamo il rubinetto, meno tempo ci vorrà

Più apriamo il rubinetto, meno tempo ci vorrà a riempire il bicchiere. L’unica cosa a cui bisogna stare attenti è scegliere la giusta coppia apertura rubinetto/tempo di riempimento. Se sbagliamo per eccesso l’acqua si verserà, se sbagliamo per difetto il bicchiere resterà semivuoto. Allo stesso modo se sbagliamo la coppia apertura del diaframma/tempo di esposizione per eccesso avremo una foto sovraesposta come quella riportata sotto:

apertura del diaframma/tempo di esposizione per eccesso avremo una foto sovraesposta come quella riportata sotto: 109

109

Corso di fotografia

Fotografia sovraesposta. Il sensore ha ricevuto troppa luce.

www.phototutorial.net

Se sbagliamo la coppia apertura del diaframma/tempo di esposizione per difetto avremo una foto sottoesposta come quella sotto riportata:

avremo una foto sottoesposta come quella sotto riportata: Fotografia sottoesposta.Il sensore ha ricevuto poca luce. La

Fotografia sottoesposta.Il sensore ha ricevuto poca luce.

La foto corretta dovrebbe invece presentarsi così:

sensore ha ricevuto poca luce. La foto corretta dovrebbe invece presentarsi così: Fotografia esposta correttamente. 110

Fotografia esposta correttamente.

110

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Attraverso la coppia tempo diaframma però non si controlla solo la corretta esposizione, ma anche una serie di altri parametri che

influenzano in maniera decisiva l’estetica dell’immagine.

La coppia tempo/diaframma: il diaframma

Come abbiamo visto il diaframma regola l’apertura attraverso passa la luce che raggiunge il sensore.

Per comodità, e per poter usare gli stessi parametri per ogni obiettivo, il valore del diaframma non è espresso in termini assoluti, ma

in termini relativi, con un rapporto: “f/” dove f rappresenta la lunghezza focale dell’obiettivo.

Ad esempio, per un obiettivo da 50mm, se il diaframma dichiarato è f/2, significa che il diametro del foro da cui passa la luce, con

diaframma tutto aperto, è 25mm. Se invece abbiamo un obiettivo da 100mm, di cui è dichiarata l’apertura f/2, questo vuol dire che a

diaframma tutto aperto il foro da cui passa la luce sarà di 50mm. C'è adesso da esprimere un concetto importante:

indipendentemente dalla lunghezza focale dell’obiettivo, a diaframma uguale corrisponde il passaggio della medesima quantità di

luce.

Quindi, ad esempio, se impostiamo un diaframma di f/4 su un obiettivo di focale 50mm e su un obiettivo di focale 300mm,

nonostante i due fori da cui passa la luce siano molto diversi tra loro, essendo quello del 300mm molto più grande di quello del

50mm, la quantità di luce che raggiunge il sensore sarà esattamente la stessa.

Questa che segue è la scala dei diaframmi:

f/1 – f/1,4 – f/2 – f/2,8 – f/4 – f/5,6 – f/8 – f/11 – f/16 – f/22 – f/32 – f/45 – f/64

Ad ogni scatto, detto in gergo “stop”, corrisponde il dimezzamento della quantità di luce che raggiunge il sensore. Se si

“diaframma”, cioè si chiude il diaframma dell’obiettivo, da f/2 a f/2,8, cioè di uno stop, la luce che raggiunge il sensore sarà

dimezzata. Se si diaframma di due stop, ad esempio portando l’apertura da f/8 a f/16, la quantità di luce che raggiunge il sensore

sarà 1/4 rispetto a prima.

di luce che raggiunge il sensore sarà 1/4 rispetto a prima. Ad ogni stop di chiusura

Ad ogni stop di chiusura si dimezza la quantità di luce che raggiunge il sensore. In questa scala f/2 rappresenta il diaframma più aperto, f/22 quello più chiuso (osservare la dimensione del foro).

Attenzione perché spesso i principianti sbagliano su questo punto: trattandosi di una frazione il valore numericamente più alto

corrisponde ad un diaframma più chiuso. Pertanto f/2 designa un diaframma più aperto di f/2,8 o di f/4.

Il diaframma viene selezionato direttamente sulla macchina fotografica, attraverso una rotella di regolazione. Il valore selezionato

può essere visualizzato all’interno del mirino.

Naturalmente è possibile selezionare anche valori intermedi. Nelle reflex di solito si possono impostare passi di regolazione di 1/2

stop o di 1/3 di stop.

L’uso del diaframma e il controllo della profondità di campo

111

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Uno dei concetti più importanti da imparare quando ci si accosta alla fotografia è quello di profondità di campo. Solo quando si impara a controllare alla perfezione la profondità di campo attraverso il diaframma, infatti, si inizia a padroneggiare davvero lo strumento fotografico. Un obiettivo può mettere a fuoco esclusivamente su un determinato piano. Tutto ciò che si trova sul piano di messa a fuoco apparirà nitido, mentre tutto ciò che si trova dietro e davanti il piano di messa a fuoco apparirà sfocato, ossia poco nitido.

piano di messa a fuoco apparirà sfocato, ossia poco nitido. Tutto ciò che si trova davanti

Tutto ciò che si trova davanti e dietro il piano di messa a fuoco risulta poco nitido, “sfocato”.

Ciò avviene perché un punto che si trova sul piano di messa a fuoco sarà riprodotto esattamente come un punto anche nella fotografia ottenuta, mentre un punto che si trova avanti o dietro il piano di messa a fuoco sarà riprodotto come un cerchietto sulla stessa fotografia. Nella pratica però, davanti e dietro il piano di messa a fuoco vi è un certo intervallo in cui la sfocatura è talmente contenuta da essere impercettibile: l’osservatore continua a vedere i particolari dell’immagine come nitidi. Questo intervallo è chiamato profondità di campo. Si tratta dell’intervallo all’interno del quale il cerchio di confusione è talmente piccolo da essere comunque percepito come un punto dall’osservatore.

112

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La profondità di campo, l’intervallo nel quale ciò che si trova avanti

La profondità di campo, l’intervallo nel quale ciò che si trova avanti e dietro il piano di messa a fuoco continua ad apparire nitido.

Per capire meglio cosa è la profondità di campo, e come avviene gradualmente il passaggio dal piano di perfetta nitidezza al vero e

proprio sfocato si osservi questa foto:

avviene gradualmente il passaggio dal piano di perfetta nitidezza al vero e proprio sfocato si osservi

113

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Le linee illustrano l'estensione della profondità di campo. Il controllo

Le linee illustrano l'estensione della profondità di campo.

Il controllo della profondità di campo è sicuramente uno dei concetti fondamentali della fotografia. La profondità di campo, infatti, non è sempre uguale, bensì variabile in base ad alcuni parametri:

1) La percezione personale: entro certi limiti, l’osservatore dell’immagine può percepire come nitidi dei particolari che sono leggermente sfocati. Di solito più si acquisisce l’”occhio fotografico”, più si diventa severi nel giudicare l’immagine perché si raffina la capacità di distinguere, nell’immagine, ciò che è a fuoco da ciò che non lo è. Tale percezione dipende anche dall’ingrandimento della fotografia. Su una stampa di piccole dimensioni l’immagine può apparire più nitida. 2) La lunghezza focale: per semplificare – e molto – la questione, si usa dire che nei teleobiettivi la profondità di campo è inferiore rispetto ai grandangoli. 3) La distanza del punto di messa a fuoco dal piano focale: se mettiamo a fuoco un soggetto vicino, a parità di lunghezza focale e di tutti gli altri parametri, la profondità sarà inferiore rispetto a quella che si ottiene mettendo a fuoco un soggetto più lontano. 4) L’apertura di diaframma, di cui parliamo adesso.

Il diaframma e la profondità di campo Per farla breve, la chiusura del diaframma fa aumentare la profondità di campo. Più il diaframma è chiuso, infatti, più i raggi che colpiscono il sensore saranno perpendicolari ad esso. Più i raggi di luce sono perpendicolari al sensore, più il cerchio di confusione dei piani fuori fuoco è piccolo e si avvicina ad essere percepito come un punto. Questo restituisce una sensazione di nitidezza. Per capire cosa accade chiudendo il diaframma, si osservino le seguenti immagini.

114

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net La messa a fuoco è stata effettuata sul palo in primo piano.

La messa a fuoco è stata effettuata sul palo in primo piano. È stato usato un obiettivo di focale 50mm a diaframma f/2.

piano. È stato usato un obiettivo di focale 50mm a diaframma f/2. Stessa lunghezza focale, ma

Stessa lunghezza focale, ma diaframma chiuso a f/8.

115

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Stessa focale, ma diaframma chiuso a f/22. Le tre immagini sopra riportate

Stessa focale, ma diaframma chiuso a f/22.

Le tre immagini sopra riportate ben illustrano come la variazione dell’apertura del diaframma porti ad ottenere immagini molto diverse dello stesso soggetto. Sta al fotografo selezionare, in base alla sua esperienza e al suo senso estetico, il diaframma più adeguato a restituire l’immagine che vuole ottenere.

Facciamo altri esempi:

più adeguato a restituire l’immagine che vuole ottenere. Facciamo altri esempi: Focale 50mm - diaframma f/1,7.

Focale 50mm - diaframma f/1,7.

116

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Un ulteriore esempio: Focale 50mm - diaframma f/8. Focale 130mm - diaframma

Un ulteriore esempio:

Focale 50mm - diaframma f/8.

di fotografia www.phototutorial.net Un ulteriore esempio: Focale 50mm - diaframma f/8. Focale 130mm - diaframma f/2,8.

Focale 130mm - diaframma f/2,8.

117

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Focale 130mm - diaframma f/8. Focale 130mm - diaframma f/22. Le tre

Focale 130mm - diaframma f/8.

www.phototutorial.net Focale 130mm - diaframma f/8. Focale 130mm - diaframma f/22. Le tre immagini della tazzina

Focale 130mm - diaframma f/22.

Le tre immagini della tazzina sono molto utili a dimostrare come con un uso sapiente del diaframma si possano ottenere fotografie

diverse. Per esempio, l’uso di un diaframma aperto, porta a far sparire le antiestetiche briciole sul tavolo. Viceversa un diaframma più chiuso restituisce una maggiore impressione di nitidezza generale. Quando utilizzare un diaframma aperto e quando utilizzare un diaframma chiuso?

In

generale, ma non è certo una regola, quando si fotografa un paesaggio si desidera che tutti i particolari della scena siano nitidi.

Di

solito quindi si opta per un diaframma più chiuso.

118

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Foto scattata con una focale di 18mm. L’apertura utilizzata è f/7,1, un

Foto scattata con una focale di 18mm. L’apertura utilizzata è f/7,1, un diaframma abbastanza chiuso, che con questa lunghezza focale - grandangolo abbastanza spinto - permette di percepire come nitida praticamente tutta la scena, dalla strada in primo piano, all’albero posto su un piano intermedio, alle nuvole sullo sfondo.

Quando si fa un ritratto, invece, di solito di desidera dare risalto al soggetto. Lo sfondo potrebbe distrarre inutilmente. Ecco quindi la

necessità di usare un diaframma piuttosto aperto, magari abbinato ad una focale medio-tele.

piuttosto aperto, magari abbinato ad una focale medio-tele. Il diaframma piuttosto aperto, f/2,5 ad una focale

Il diaframma piuttosto aperto, f/2,5 ad una focale di 50mm, permette di far risaltare i visi in primo piano sfocando lo sfondo.

119

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

La stessa cosa si può dire per la fotografia di animali. Spesso per dare maggior risalto al nostro amico a quattro zampe è preferibile “eliminare” lo sfondo, rendendolo così sfocato da risultare uniforma e poco invadente, come si vede nella foto sottostante, ottenuta con un teleobiettivo 150mm a diaframma f/2,8.

ottenuta con un teleobiettivo 150mm a diaframma f/2,8. Focale 150mm, diaframma f/2,8. La coppia tempo/diaframma: il

Focale 150mm, diaframma f/2,8.

La coppia tempo/diaframma: il tempo di esposizione

Uno dei concetti chiave che deve apprendere chi si accinge ad imparare a fotografare è quello del tempo di esposizione perché, insieme al diaframma, è il parametro che ha maggiore influenza sulla fotografia che otterremo.

Il tempo di esposizione è il tempo durante il quale l’otturatore rimane aperto per permettere alla luce di raggiungere il sensore (o la pellicola, ovviamente).

La scala dei tempi disponibile sulle attuali fotocamere reflex è la seguente:

1/8000 di secondo – 1/4000 – 1/2000 – 1/1000 – 1/500 – 1/250 – 1/125 – 1/60 – 1/30 – 1/15 – 1/8 – 1/4 – 1/2 – 1″ – 2″ – 4″ – 8″ – 16″ – 30″ – B (bulb)

Per ogni scatto di questa scala, come avviene per la scala dei diaframmi, si parla di uno “stop” in più o in meno (si veda il paragrafo in appendice Il concetto di “stop” in fotografia). Ad esempio, se passiamo da 1/1000 a 1/500 abbiamo aumentato il tempo di esposizione di uno “stop”. Se passiamo da 16″ a 4″ abbiamo diminuito il tempo di esposizione di due “stop”. Va osservato che molti modelli entry level hanno come tempo più rapido disponibile 1/4000 di secondo. Inoltre, le fotocamere permettono di impostare anche i valori intermedi, a passi di 1/2 e di 1/3 di “stop”. La posa B (bulb) permette di mantenere aperto l’otturatore per tutto il tempo desiderato. Per utilizzare tale funzione è necessario dotarsi di un telecomando, o di un filocomando, esterno. Tenere fisicamente premuto il pulsante di scatto per molti secondi, infatti, causerebbe delle vibrazioni anche se la macchina fosse posta su un robusto treppiede, a scapito della nitidezza della foto.

120

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Nel selezionare il tempo di esposizione bisogna tener conto di un fattore determinante. Il tempo di esposizione è fondamentale per ottenere una foto “ferma”, oppure “mossa”. Questo vale sia per l’inevitabile tremolio delle mani che impugnano la fotocamera, sia per il movimento del soggetto stesso. Pertanto, se impugniamo la fotocamera a mano libera e vogliamo evitare una foto mossa, dobbiamo scegliere un tempo “di sicurezza”, cioè abbastanza veloce da annullare l’effetto del tremolio della mano e del movimento del soggetto. Quale può essere questo tempo di sicurezza? Mentre per quanto riguarda il movimento del soggetto si possono dare regole di valore generale, perché dipende dalla velocità e anche dalla direzione di quel movimento, per quanto riguarda il compensare del tremolio della mano qualche suggerimento è possibile darlo. Certo, tutto dipende anche da quanto è ferma la mano del fotografo, dalla corretta impugnatura della fotocamera, nonché dal peso

di

essa, tuttavia una regola empirica sempre valida è quella del reciproco della lunghezza focale.

In

altre parole, se abbiamo un obiettivo da 400mm, su una fotocamera dal sensore Full Frame (24x36mm), il tempo di sicurezza, il

tempo massimo da impostare per avere la ragionevole certezza di avere una foto ferma, è 1/400 sec. Se il 400mm è montato su una macchina a sensore APS-c, con fattore di crop di 1,5x, va considerata la focale risultante apparente, cioè 600mm: il tempo di sicurezza diventa quindi 1/600 sec. Per fare un altro esempio, con un obiettivo da 50mm montato su una APS-c con fattore di crop 1,5x (focale equivalente 75mm), il tempo di sicurezza è di 1/75 di secondo.

Si osservino le due fotografie sotto riportate:

di secondo. Si osservino le due fotografie sotto riportate: Lunghezza focale effettiva 200mm su APS-c 1,5x

Lunghezza focale effettiva 200mm su APS-c 1,5x (eq. 300mm), tempo di esposizione 1/15 sec. La foto risulta mossa.

121

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Lunghezza focale effettiva 200mm su APS-c 1,5x (eq. 300mm), tempo di esposizione

Lunghezza focale effettiva 200mm su APS-c 1,5x (eq. 300mm), tempo di esposizione 1/320 sec. La foto risulta nitida.

C’è da dire che al giorno d’oggi tutti i produttori prevedono dei sistemi di stabilizzazione sull’ottica o sul sensore che permettono di arrischiare tempi molto più alti rispetto al reciproco della focale. Spesso un buon sistema di stabilizzazione permette di guadagnare dai 2 ai 4 stop.

La scelta del tempo di esposizione

Quando scegliamo il tempo di esposizione dobbiamo sempre ricordare che ai fini della corretta esposizione esso è strettamente legato all’apertura del diaframma.

Si ricordi l’esempio del rubinetto:

122

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net A parità di luce, ad una apertura del diaframma maggiore, corrisponderà un

A parità di luce, ad una apertura del diaframma maggiore, corrisponderà un tempo di esposizione più breve.

A cosa serve, però, scegliere un tempo di esposizione più lungo o più breve? Ebbene, variando il tempo di esposizione, si possono ottenere immagini molto diverse. Il primo rischio da valutare attentamente è il pericolo di ottenere una foto mossa se impostiamo un tempo di esposizione troppo lungo. Bisogna tener conto che oltre al tremolio della mano, di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente, un altro fattore che rischia di far venire la foto mossa è il movimento del soggetto. Tale movimento, purtroppo, non può essere compensato da alcun meccanismo. Quindi se desideriamo avere un soggetto in movimento che risulti bello fermo e nitido nella nostra foto, dobbiamo necessariamente utilizzare un tempo sufficiente a bloccarne il movimento. Si osservino i seguenti esempi che si basano su un soggetto sempre piuttosto difficile, gli uccelli in volo. Per bloccare il movimento di un uccello di solito è necessario un tempo piuttosto breve:

gli uccelli in volo. Per bloccare il movimento di un uccello di solito è necessario un

123

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Un tempo di 1/400 di secondo è bastato in questo caso per bloccare il movimento di questo gruccione in volo.

Ma forse, anche per trasmettere il senso del movimento, il fotografo potrebbe decidere di usare un tempo di scatto più lungo al fine

di trasmettere dinamicità alla sua fotografia bloccando solo parzialmente il soggetto:

alla sua fotografia bloccando solo parzialmente il soggetto: Un tempo di 1/160 di secondo non blocca

Un tempo di 1/160 di secondo non blocca completamente il movimento degli uccelli. Si può osservare che le anatre in volo appaiono ben ferme, ma la punta delle loro ali appare mossa. Il fotografo ha ottenuto questa foto con la tecnica del panning, che consiste nel continuare a seguire il soggetto durante la fase di scatto. In tal modo il movimento orizzontale degli uccelli appare bloccato, mentre le ali, che si muovono dall'alto in basso, quindi in direzione diversa rispetto alla traiettoria seguita dagli uccelli e dalla fotocamera, appaiono mosse.

Oppure il fotografo potrebbe cercare di sfruttare il movimento per ottenere volutamente un’immagine mossa per motivi creativi, per

esempio per rendere la sua fotografia più onirica o pittorica:

124

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Con un tempo di 1/80 di secondo si ottiene un'immagine mossa. Si

Con un tempo di 1/80 di secondo si ottiene un'immagine mossa. Si può tentare di utilizzare un tempo lungo a fini creativi, per ottenere un'immagine non convenzionale.

I tempi lunghi sono molto usati per trasmettere il senso del movimento dell’acqua, come nella foto seguente:

senso del movimento dell’acqua, come nella foto seguente: I l tempo di 1/3 di secondo permette

I

l tempo di 1/3 di secondo permette di rendere l'effetto del movimento dell'acqua.

Naturalmente per ottenere effetti simili è necessario garantire la stabilità della fotocamera. Diventa pertanto necessario usare un

treppiede.

125

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Tempo di scatto di 4 secondi. L'acqua del ruscello assume un gradevole

Tempo di scatto di 4 secondi. L'acqua del ruscello assume un gradevole effetto satinato. La fotocamera naturalmente era posta su un robusto treppiede.

Per esercitarsi:

- Se possedete una fotocamera che permette di impostare il programma a priorità dei tempi (di solito contrassegnato con [Tv]),

impostatelo e poi variate i tempi con l’apposita ghiera. Osservate come la fotocamera varia i diaframmi di conseguenza.

- Con una focale medio tele, intorno agli 80mm equivalenti, scegliete un soggetto perfettamente immobile e fotografatelo a mano

libera con tempi diversi, che vanno da 1/500 di secondo a 4 secondi. Osservate attentamente le fotografie ottenute.

- Se avete un treppiede, montateci su la fotocamera e fotografate un ruscello o una fontana con tempi variabili tra 1/2000 e 30

secondi. Utilizzate un telecomando, uno scatto flessibile o il ritardo di scatto di due secondi per minimizzare il pericolo di vibrazioni.

Osservate attentamente le fotografie ottenute.

La sensibilità

L'ultimo parametro fondamentale da padroneggiare per ottenere una perfetta esposizione delle nostre fotografie è la

sensibilità del sensore o della pellicola.

Cosa si può fare quando abbiamo aperto al massimo il diaframma dell’obiettivo ma l’esposimetro della fotocamera ci segnala

ancora un tempo di esposizione così lungo che rischiamo ti ottenere una foto mossa? Le soluzioni sono diverse, dal treppiede a un

appoggio di fortuna, all’uso del flash.

Probabilmente però la soluzione più semplice consiste nell’aumentare la sensibilità.

Cos’è la sensibilità? È la capacità posseduta dal sensore o dalla pellicola di lasciarsi impressionare dalla luce. Più è alta la

sensibilità della pellicola, minore sarà la quantità di luce necessaria a creare l’immagine. Per questo motivo, fotografando con le

pellicole, si sceglie un rullino ad alta sensibilità per lavorare in locali chiusi o la sera, quando la luce è poca, mentre si sceglie un

rullino a bassa sensibilità quando si lavora all’aperto e di giorno, con molta luce.

Le sensibilità sono codificate secondo lo standard ISO 5800:1987 in questo modo:

Basse sensibilità

ISO 25 – ISO 50 – ISO 100

Medie sensibilità

126

Corso di fotografia

ISO 200 -ISO 400 – ISO 800 Alte sensibilità ISO 1600 – ISO 3200 – ISO 6400 Altissime sensibilità ISO 12500 – ISO 54000

www.phototutorial.net

sensibilità ISO 12500 – ISO 54000 www.phototutorial.net Il menu presente sulle fotocamere per selezionare la

Il menu presente sulle fotocamere per selezionare la sensibilità.

Ogni salto rappresenta un raddoppio della sensibilità, cioè un aumento di uno “stop”. Se, ad esempio, l’esposimetro ci indica, con una sensibilità di 100 ISO, un tempo di scatto di 1/25 di secondo, con diaframma f/4, se raddoppiamo la sensibilità passandola a 200 ISO, e lasciamo invariato il diaframma a f/4, dovremo usare un tempo di esposizione

di 1/50 sec. Se passiamo a 400 ISO, lasciando sempre invariato il diaframma a f/4, il tempo di esposizione corretto diventerà 1/100

sec. Questo significa che per evitare il mosso, molto spesso basta impostare una sensibilità più alta.

Perché allora non scegliere direttamente una pellicola veloce ed utilizzare sempre quella? Oppure perché non impostare di default

la sensibilità più alta disponibile sulla nostra fotocamera digitale?

Semplicemente perché le pellicole di bassa sensibilità, e le basse sensibilità impostabili sulla nostra fotocamera digitale, garantiscono una maggior risoluzione, una migliore resa dei colori e una “grana” inferiore. In altre parole, più è bassa la sensibilità, migliore sarà la fotografia. Per illustrarlo si osservino le immagini riportate sotto. Si tratta di crop al 100% di immagini scattate a diverse sensibilità. Appare evidente come all’aumentare della sensibilità le immagini si deteriorino. Diventa infatti sempre più visibile il cosiddetto “rumore digitale“. Un fenomeno dovuto al fatto che per ottenere una sensibilità più alta è necessario amplificare elettronicamente il segnale captato dal sensore.

più alta è necessario amplificare elettronicamente il segnale captato dal sensore. Sensibilità: 100 ISO. 127

Sensibilità: 100 ISO.

127

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Sensibilità: 1600 ISO. Sensibilità: 6400 ISO. Le immagini sopra riportate

Sensibilità: 1600 ISO.

di fotografia www.phototutorial.net Sensibilità: 1600 ISO. Sensibilità: 6400 ISO. Le immagini sopra riportate mostrano

Sensibilità: 6400 ISO.

Le immagini sopra riportate mostrano chiaramente il deterioramento della qualità delle fotografie all’aumentare della sensibilità. Pertanto, anche se i tecnici stanno facendo miracoli nella guerra contro il rumore digitale, e ad ogni generazione le fotocamere fanno passi da gigante nel contenimento dello stesso, resta sempre valida la regola che se si desidera ottenere la migliore qualità delle immagini, bisogna impostare basse sensibilità. Il segreto consiste nel saper giocare abilmente con i tre parametri fondamentali della fotografia: diaframma, tempo di esposizione, sensibilità, sapendo che spesso dei compromessi saranno inevitabili. In linea generale, bisogna selezionare una sensibilità più alta solo se abbiamo bisogno di tempi più rapidi, per evitare il mosso o per congelare l’azione.

Per esercitarsi:

- Provate a modificare la sensibilità lasciando invariato il diaframma: osservate come cambia il tempo di esposizione in relazione alla sensibilità selezionata. - Scattate la stessa fotografia a sensibilità diverse, lasciando invariato il diaframma, poi osservatele attentamente sul monitor per vedere le differenze tra gli scatti.

128

Corso di fotografia

Appendice

Cos’è il triangolo dell’esposizione?

ottenere

diaframma, il

Per

una

tempo

foto

di

dell’esposizione”.

correttamente

esposta

bisogna

esposizione e

la sensibilità.

prendere

Questi

tre

in

considerazione

tre

parametri

costituiscono

www.phototutorial.net

parametri: l’apertura

il

cosiddetto

del

“triangolo

parametri: l’apertura il cosiddetto del “triangolo Il triangolo dell’esposizione. Ognuno di essi gioca un

Il triangolo dell’esposizione.

Ognuno di essi gioca un ruolo fondamentale nel determinare la giusta quantità di luce che cadrà sul sensore, ed ognuno di essi è strettamente connesso agli altri, nel senso che variando uno di questi fattori, se si vuole ottenere la corretta esposizione della scena, bisognerà intervenire anche su almeno uno degli altri due. Un tempo, con la fotografia a pellicola, più che di “triangolo dell’esposizione” si parlava di “coppia tempo-diaframma“. Una volta inserita nella fotocamera una determinata pellicola, infatti, non si poteva intervenire con facilità sulla sensibilità. Pertanto gli unici due parametri sui quali si interveniva per raggiungere il corretto livello di esposizione erano il tempo di scatto e l’apertura del diaframma. Con il digitale invece si può intervenire sulla sensibilità con la stessa facilità con la quale si interviene su tempo e diaframma. Per questo motivo ha preso sempre più piede l’espressione “triangolo dell’esposizione”.

Il concetto di “stop” in fotografia

Stop”. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non

conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi nel sentire espressioni quali “avresti dovuto aprire di uno stop”,

129

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

“potevi diminuire la sensibilità anche di due stop”, “il sensore di quella fotocamera ha una latitudine di posa di otto stop” (affermazione non troppo corretta – bisognerebbe in questo caso parlare di “EV” invece che di “stop” e, anche se la questione è dibattuta, di “gamma dinamica” anziché di “latitudine di posa”- ma correntemente usata). Non c’è dubbio che una delle prime difficoltà che deve affrontare il principiante è quella di familiarizzare con il linguaggio specifico del mondo fotografico.

Allora, cosa significa “stop” in fotografia? Molto semplicemente un aumento o una diminuzione della luce che raggiunge il sensore (o la pellicola) di un fattore due. In pratica “aumentare di uno stop” significa raddoppiare la quantità luce che raggiunge il sensore, “diminuire di uno stop” significa dimezzare la quantità della luce che raggiunge il sensore. Aumentare di due stop significa quadruplicare la luce che raggiunge il sensore, diminuire di due stop significa ridurre ad un quarto la luce che raggiunge il sensore. Si osservino le fotografie seguenti. Sono distanziate di uno “stop” l’una dall’altra:

il sensore. Si osservino le fotografie seguenti. Sono distanziate di uno “stop” l’una dall’altra: - 2

- 2 stop

130

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net - 1 stop Esposizione corretta 131

- 1 stop

Corso di fotografia www.phototutorial.net - 1 stop Esposizione corretta 131

Esposizione corretta

131

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net + 1 stop + 2 stop Ma come si fa ad aumentare

+ 1 stop

Corso di fotografia www.phototutorial.net + 1 stop + 2 stop Ma come si fa ad aumentare

+ 2 stop

Ma come si fa ad aumentare o diminuire la quantità di luce che raggiunge il sensore? Essenzialmente operando su due parametri:

apertura del diaframma e tempo di esposizione. Riprendiamo la scala dei diaframmi:

f/1 – f/1,4 – f/2 – f/2,8 – f/4 – f/5,6 – f/8 – f/11 – f/16 – f/22 – f/32. Il diaframma più aperto di un certo obiettivo è dato dal rapporto tra la lunghezza focale dell’obiettivo e il diametro della sua apertura f=F/d. f/1, quindi, in questa scala rappresenta il diaframma più aperto. Ad ogni successivo scatto la luce che entrerà nell’obiettivo risulterà dimezzata. Sono considerati obiettivi luminosi, quelli che hanno un’apertura di diaframma massima compresa tra f/1 ed f/2,8. Si

132

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

tratta di obiettivi professionali e in genere piuttosto costosi. Gli obiettivi rivolti ad un pubblico meno esigente hanno un diaframma massimo molto più contenuto, di solito da f/3,5 a f/5,6. Quando si dice che un obiettivo è più luminoso di un diaframma rispetto ad un altro significa che è un obiettivo dotato di un’apertura

di diaframma massima più grande di un stop. Ad esempio, un obiettivo 50mm f/1,4 sarà di uno stop più aperto rispetto ad un 50mm

f/2.

La scala dei tempi presenti comunemente sulle reflex invece è questa:

30 secondi – 15 sec. – 8 sec. - 4 sec. – 2 sec. – 1 secondo – 1/2 secondo – 1/4 di secondo – 1/8 di sec. – 1/15 di sec. – 1/30 di sec. – 1/60 di sec. – 1/125 di sec. – 1/250 di sec. – 1/500 di sec. – 1/1000 di sec. – 1/2000 di sec. – 1/4000 di sec. – 1/8000 di secondo. Come si nota, al di là di qualche arrotondamento, ad ogni stop si raddoppia o si dimezza il tempo di esposizione, cioè va a colpire il sensore il doppio della luce o la metà della luce rispetto al valore impostato in precedenza.

Un discorso a parte va fatto per la sensibilità. Il concetto di stop infatti è stato esteso anche a questo parametro. Così si dice, comunemente, che passando da 200 ISO a 400 ISO si aumenta la sensibilità di uno stop, mentre passando da 200 ISO a 100 ISO

la si diminuisce di uno stop. Ovviamente però in questo caso non aumenta o diminuisce la quantità della luce che raggiunge il

sensore, semplicemente aumenta o diminuisce la capacità del sensore di lasciarsi impressionare dalla luce.

La scala delle sensibilità, comunemente usata, è questa:

ISO 25, ISO 50, ISO 100, ISO 200, ISO 400, ISO 800, ISO 1600, ISO 3200, ISO 6400, ISO 12800, ISO 25600, ISO 51200.

È evidente che, per ottenere la corretta esposizione, possiamo intervenire su qualsiasi dei tre fattori (apertura di diaframma, tempo

di esposizione, sensibilità) menzionati. L’unico limite è dato dalle conseguenze che variare l’uno o l’altro parametro ha sulla

fotografia. Ad esempio, se variamo il diaframma cambieremo la profondità di campo, cioè la percezione di nitidezza davanti e dietro

il punto di messa a fuoco. Se variamo il tempo dobbiamo stare attenti a che il movimento della mano o quello del soggetto non

rendano la foto “mossa” (a meno che, ovviamente, non si tratti di un effetto voluto e controllato). Se variamo la sensibilità dovremo stare attenti all’insorgenza del cosiddetto rumore e all’abbassamento generale della qualità dell’immagine. Insomma, nello scegliere il valore di diaframma, tempo di esposizione e sensibilità dobbiamo lasciarci guidare dall’esperienza per ottenere la fotografia che abbiamo in mente.

Le fotocamere attuali, ovviamente, consentono regolazioni più precise di uno stop. Sono infatti possibili (basta selezionarne la relativa opzione dal menù) variazioni sia dei tempi che dei diaframmi che delle sensibilità a passi di 1/2 stop o di 1/3 di stop, per calibrare davvero con la massima precisione l’esposizione. Per fare un esempio, oltre al diaframma f/2,8 e al diaframma f/4, distanziati di uno stop, possiamo selezionare (se abbiamo impostato la variazione a passi di 1/3 di stop) anche i valori f/3,2 ed f/3,5. In tal caso, la ghiera che ruotiamo per scegliere i diaframmi, ad ogni scatto apporterà una modifica di 1/3 di stop.

I valori che selezioniamo sono riportati nel mirino della fotocamera, come mostra l’immagine in basso:

133

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net Nel mirino di una reflex troviamo le indicazioni relative al diaframma, al

Nel mirino di una reflex troviamo le indicazioni relative al diaframma, al tempo di esposizione e alla sensibilità impostati, ed anche una barra dell'esposizione.

Nel mirino della reflex, attraverso la barra dell’esposizione, possiamo anche ricevere delle indicazioni sulla corretta esposizione

suggerita dall’esposimetro della fotocamera, e sulle variazioni che stiamo apportando, espresse proprio in termini di stop.

Nell’esempio sopra riportato l’indice mobile è allineato con la tacchetta centrale della barra dell’esposizione, stiamo cioè seguendo i

suggerimenti dell’esposimetro. Se intendiamo sovraesporre la fotografia di 1 stop e 1/3, non dobbiamo fare altro che allineare

(operando su diaframma, tempo di esposizione o sensibilità) l’indice mobile con il valore desiderato, come mostriamo sotto:

mobile con il valore desiderato, come mostriamo sotto: Similmente se vogliamo sottoesporre di 2 stop dobbiamo

Similmente se vogliamo sottoesporre di 2 stop dobbiamo far coincidere l’indice mobile con il valore -2:

dobbiamo far coincidere l’indice mobile con il valore -2: Nell’uso pratico in ambito fotografico si usa

Nell’uso pratico in ambito fotografico si usa sia il termine “Stop” che il termine “EV”, pur trattandosi di due concetti diversi.

Nel prossimo paragrafo vedremo cosa si intende con l'acronimo EV e perché, all’atto pratico, è possibile usare indifferentemente un

termine o l’altro.

Il concetto di EV (valore di esposizione o valore esposimetrico) in fotografia

In ambito fotografico si usa l’acronimo EV per indicare il Valore di esposizione (exposition value), che è una unità di misura della

intensità luminosa espressa in funzione delle diverse possibili combinazioni della coppia tempo/diaframma. Questa grandezza fu

elaborata da un costruttore di otturatori fotografici tedesco, Friedrich Deckel, attorno al 1950, proprio al fine di riassumere in un

unico valore le diverse coppie tempo/diaframma possibili, e facilitare così la vita dei fotografi.

Il Valore di esposizione è riferito alla sensibilità di 100 ISO ed è definito con la seguente formula, dove A è la l’apertura del

diaframma mentre T è il tempo di esposizione:

134

Corso di fotografia

www.phototutorial.net

Corso di fotografia www.phototutorial.net

La formula che definisce il valore di esposizione.

Un medesimo valore EV si può esprimere con diverse coppie tempo/diaframma. Per esempio, se impostiamo un diaframma f/1 e un tempo di 1 secon