Sei sulla pagina 1di 132

AreaOperativaAIS

FOGLIODIIDENTIFICAZIONEDELDOCUMENTO
DESCRIZIONEDELDOCUMENTO Titolodeldocumento

ManualeAIS
Riferimento
RegolamentoENACServizioInformazioniAeronautiche Ed.1del24/5/2007

Edizione:1.6 Datadiedizione:
16/04/2012

Oggetto
Il presente documento fornisce una raccolta di disposizioni e procedure che disciplinano le attivit connesse alla fornitura del Servizio Informazioni Aeronautiche ed informa/guida gli utenti rispetto allapplicazionedellanormativarelativanelcontestonazionaleedinternazionale.
FASI Redazione Verifica NOMEECOGNOME EAVSilviaLoBianco CTA/QGiulioMelilli CTA/QGiulioMelilli Dir.GianLuigiFortuna Riesame CTA/QGiovannaSantacroce CTA/QSantoGiuseppeSgr Dir.GianLuigiFortuna Validazione Dir.GianLuigiFortuna RUOLO/ STRUTTURADIAPPARTENENZA UnitREG/GEN Resp.SettoreAISRSA/REG RespSettoreAISRSA/GEN RespSettoreAISPVS(adinterim) RespSettoreAISAD Resp.SettoreAISServiziARO Resp.SettoreAISNOF(adinterim) ResponsabileAIS ResponsabileAIS DATA FIRMA

13/03/2012 15/03/2012 19/03/2012 16/03/2012 16/03/2012 19/03/2012 16/03/2012 26/03/2012

FIRMATO FIRMATO FIRMATO FIRMATO FIRMATO FIRMATO FIRMATO FIRMATO

StatuseClassificazionedelDocumento Status
Workingdraft Draft ProposedIssue ReleasedIssue BACKUPELETTRONICO Pubblica Confidenziale

Classificazione

Nomedelfile:ManualeAIS_AMDT6.pdf

ManualeAISemendamento6 Invigoredal16/04/2012

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAISemendamento6 Invigoredal16/04/2012

Area Operativa - A AIS

IL D DIRETTOR AREA OPERAT RE TIVA


ENAV S.p.A A.

VISTO

VISTO VISTO VISTO

VISTO ERATA CONSIDE

CONSIDE ERATA

il Re egolamento (CE) 550/2 2004 del Pa arlamento Euro opeo e del C Consiglio ed il Regolame ento (CE) 2096 6/2005 della Commission dellU.E., ne il Regolamento ENAC pe la costru R o er uzione e l'ese ercizio degli a aeroporti, il Re egolamento ENAC del Servizio Info ormazioni Aero onautiche, il Ce ertificato ENA con il qua si riconosce ENAV AC ale S.p.A quale forn A. nitore dei se ervizi ATS, CNS, AIS e MET per lo spa T azio aereo s sotto la giurisdizione dello Stato italiano, o lo St tatuto di ENA S.p.A., AV la certificazione UNI EN ISO 9001:2 c e 2008 del Serv vizio Inform mazioni Aero onautiche di ENAV S.p.A A., la necessit di disciplina t n tecnico-oper rativa del Serv vizio Informa azioni Aeronautiche (AIS) e delle relat attivit, tive

ADOTTA La seguente norma ativa tecnica e le proce a edure opera ative correla alle attr ate ribuzioni del Servizio Informaz zioni Aerona autiche (AIS che, nelle S) esercizio dello stesso, d devono esse osservate e fatte ere osservar da tutti coloro che, a vario tit re tolo e comp petenza, int tervengono nel ciclo di origine, trattame ento, trasmi issione delle informazio aeronautiche pubblicate attrav e oni verso i contenuti del Pacchett Integrato di Informazi to ioni Aeronau utiche (IAIP) cos come p previsto dalla normativa nazionale a ed intern nazionale.

IL DIRETT TORE AREA OPERATIVA O Massimo Belli M izzi

Manuale AIS M

In vig gore dal 16/04 4/2012

Pag. 1 emen ndamento 6

Area Operativa - AIS

INTENZIONALMENTE BIANCA

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 2 emendamento 6

Area Operativa - AIS

1. MANUALE AIS REGISTRAZIONI EMENDAMENTI


VAR nr. COR nr.
5

DATA PUBBLICAZIONE PUBLICATION DATE


7 MARZO 2011

DATA DI ENTRATA IN VIGORE EFFECTIVE DATE


7 APRILE 2011

REGISTRATA IL DATE ENTERED

REGISTRATA DA ENTERED BY

7 APRILE 2011

ENAV AIS

2 APRILE 2012

16 APRILE 2012

16 APRILE 2012

ENAV AIS

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 3 emendamento 6

Area Operativa - AIS

INTENZIONALMENTE BIANCA

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 4 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2. CHECK LIST
PARTE I PARTE II PARTE III PARTE IV PARTE V APPENDICE 1 APPENDICE 2 APPENDICE 3 APPENDICE 4 APPENDICE 5 APPENDICE 6 APPENDICE 7 APPENDICE 8 APPENDICE 9 APPENDICE 10 APPENDICE 11 APPENDICE 12 APPENDICE 13 APPENDICE 14 APPENDICE 15 APPENDICE 16 APPENDICE 17 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 6 Emendamento 5 Emendamento 6 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 6 Emendamento 5 Emendamento 5 Emendamento 6 Emendamento 5 Emendamento 6

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 5 emendamento 6

Area Operativa - AIS

INTENZIONALMENTE BIANCA

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 6 emendamento 6

Area Operativa - AIS

3. INDICE
PARTE I
Disposizioni generali Pag. I-1

PARTE II
Aeronautical Information Publication (AIP) AIP sezione GEN AIP sezione ENR AIP sezione AD Pag. Pag. Pag. Pag. II-1 II-3 II-9 II-13

PARTE III
NOTAMs (NOtice To AirMen) Pag. III-1

PARTE IV
Circolari (AIC) Pag. IV-1

PARTE V
Procedure Operative Pag. V-1

APPENDICI
Argomenti riferibili a normativa/pubblicazioni in vigore Distribuzione in Italia delle pubblicazioni AIS e dei NOTAM esteri civili Emissione/diffusione dei NOTAM in occasione di sciopero del NOF Aggiornamento dei dati riportati nelle pubblicazioni AIS Procedura per la richiesta di emissione NOTAM Norme, definizioni e procedure per la corretta trattazione dei NOTAM Esempi di NOTAM Modello richiesta NOTAM per divieto di sorvolo Modello richiesta NOTAM per ostacoli alla N.A. e relative inefficienze luci di segnalazione ostacolo Modello richiesta NOTAM generico NOTAM Selection Criteria Elenco ARO Elenco Direzioni Aeroportuali ENAC Aeronautical data quality requirements Procedura integrit dati per lOriginatore Procedura integrit dati per il personale AIS Elenco distribuzione delle copie controllate del manuale AIS APP. 1 pag. 1 APP. 2 pag. 1 APP. 3 pag. 1 APP. 4 pag. 1 APP. 5 pag. 1 APP. 6 pag. 1 APP. 7 pag. 1 APP. 8 pag. 1 APP. 9 pag. 1 APP. 10 pag. 1 APP. 11 pag. 1 APP. 12 pag. 1 APP. 13 pag. 1 APP. 14 pag. 1 APP. 15 pag. 1 APP. 16 pag. 1 APP. 17 pag. 1

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 7 emendamento 6

Area Operativa - AIS

INTENZIONALMENTE BIANCA

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Pag. 8 emendamento 6

AreaOperativaAIS

PARTEI:DISPOSIZIONIGENERALI

1. DATADIENTRATAINVIGOREDELLENORMEESUCCESSIVIEMENDAMENTI
LenormetecnicheeleprocedureoperativecontenutenelpresenteManualesonoentrateinvigore successivamente al 1 Luglio 2004 e hanno sostituito integralmente ogni precedente disposizione emanatainmateria. SuccessivevariazionialManualesarannoemanatesottoformadiemendamentoconrelativadatadi entratainvigorepostaincalceaciascunaParte/Appendiceinteressata,conindicazionedelnumero progressivodell'emendamentostesso. Talivariazionisarannoevidenziatetramitebarrettenerelungoimarginidellapaginainteressata.

2. DESTINATARIDELLANORMATIVA
IdestinataridelledisposizionidellapresentenormativasonotutteleUnitOrganizzativeENAVfruitrici delServizioInformazioniAeronautiche(diseguitoindicatocomeAIS),lequalisonotenuteallastretta osservanzadellevariedisposizioniedeidocumentiivirichiamati. altres tenuto al rispetto di quanto prescritto dalla presente normativa chiunque usufruisce del Servizio AIS, tanto nella fase informativa attiva quanto in quella passiva (Soggetti accreditati quali originatorididati/informazioni);tenutopertantoadosservarneleforme,itermini,leproceduree lemodalitinaggiuntaallanormativainternazionaleinmateriaperquantononesplicitamentecitato inquestodocumento.

3. RESPONSABILITPERLORIGINEEL'ESATTEZZADELLEINFORMAZIONI
Le pubblicazioni AIS nazionali (AIP, Emendamenti normali e a ciclo AIRAC, Supplementi normali e a cicloAIRAC,NOTAM,AIC),comeriferitodalRegolamentoENACServizioInformazioniAeronautiche e DOC 8126 ICAO, contengono informazioni aeronautiche provenienti dai Soggetti competenti per lorigineditaliinformazioniequindiresponsabilidellacorrettezzaeaccuratezzae,qualoraprevisto, dellacongruitecoerenzadeirelatividati.TalisoggettisonoindividuabilinelleAutoritaeronautiche alivellocentraleeperifericocuispettailcompitodifornireufficialmenteleinformazionidipertinenza (inclusa lopportuna traduzione in lingua inglese) per le materie di cui agli items contenuti nella successivaParteII,punti4,5e6.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

LENAVS.p.A.nonassumepertantoalcunaresponsabilitcircal'esattezzae/olacompletezzadelle notizie diffuse sulla documentazione AIS nazionale quando le stesse non siano direttamente scaturitedadisposizioniENAV,masianostatediramatesuesplicitarichiestaecomunicazionedelle Autoritaeronautichedicuisopra. NessunanotiziapuesserepubblicatatramitelAISse,inriferimentoaquantostabilitodalsecondo capoverso del precedente punto 2, essa non viene comunicata ufficialmente con atto proprio dalle Autorit competenti (cfr. precedenti alinea), nei termini, con le modalit, le procedure e le forme stabilitedallapresentenormativa. Le eventuali comunicazioni di notizie da parte di terzi privati (non identificabili quali Soggetti originatoricompetenti)dovrannopervenireperiltramiteeaseguitodelvagliodellestruttureENAC (DA/UOP) competenti per giurisdizione territoriale secondo le procedure descritte nel presente Manuale.

4. FINALITDELSERVIZIOINFORMAZIONIAERONAUTICHE
LAIS fornito in conformit alle previsioni di cui allAnnesso 15 ICAO, cos come recepite nel RegolamentoServizioInformazioniAeronautichediENACinvigore.

5. DEFINIZIONI
Le definizioni successivamente elencate, quando usate nel contesto dellAIS, hanno il seguente significato: AERONAUTICAL INFORMATION PUBLICATION (AIP): pubblicazione, emessa dallo Stato o a seguito di autorizzazione dello stesso, contenente informazioni aeronautiche a carattere duraturo essenziali allanavigazioneaerea. AERONAUTICALINFORMATIONCIRCULAR(AIC):documentoinformativochecontieneinformazionitali danonrichiederelemissionediunNOTAMolinserimentoinAIP,macheriguardanolasicurezza delvolo,lanavigazioneaerea,argomentitecnici,amministrativionormativi. AIRAC:acronimo(AeronauticalInformationRegulationandControlRegolamentazioneecontrollo delle informazioni aeronautiche) che designa un sistema di notifica anticipata di circostanze che comportano cambiamenti significativi nelle pratiche operative, basato sullutilizzo di date fisse comuni. AISAS (Aeronautical Information Service Automated System): sottosistema automatizzato del sistemaAOISperlatrattazionedelleinformazioniaeronautiche. AUTORITAAERONAUTICA:lautoritresponsabileperlaviazionecivileinItalialENAC.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

EMENDAMENTO AIP (AIP Amendment): variazioni permanenti alle informazioni contenute nellAIP. ENAVS.p.A.:Societnazionaleperlassistenzaalvolo. NOF (NOTAM Office): ufficio designato da uno Stato per lo scambio dei NOTAM a livello internazionale. NOTAM(NoticetoAirmen):avvisodistribuitomediantesistemiditelecomunicazionecontenente informazionirelativeallaistituzione,allostatooallemodifichediunqualsiasiimpiantoaeronautico, servizio, procedura o relative a condizioni di pericolo per la navigazione aerea, la cui tempestiva conoscenzaessenzialeperilpersonalecoinvoltonelleoperazionidivolo. PACCHETTO INTEGRATO DELLE INFORMAZIONI AERONAUTICHE (Integrated Aeronautical InformationPackage):pacchettocheconsistedeiseguentielementi: AIPerelativiemendamenti; SupplementiAIP; NOTAMebollettiniprevolo(PIB); AIC; ListedicontrolloelistedeiNOTAMinvigore. PIB (PreFlight Information Bulletin): raccolta di NOTAM in vigore riguardanti informazioni operativamentesignificative,preparataprimadelvolo. SERVIZIO FISSO AERONAUTICO (AFS, Aeronautical Fixed Service): servizio di telecomunicazioni trapuntifissispecificati,fornitoprimariamenteperlasicurezzadellanavigazioneaereaeperil regolare,efficienteedeconomicoeserciziodeiserviziaerei. SNOWTAM:seriespecialediNOTAM conlaqualesinotifica,utilizzando uno specificoformato,la presenza o la rimozione di condizioni di pericolo dovute a neve, ghiaccio, neve bagnata o acqua ristagnanteassociataconneve,nevebagnataeghiacciosullareadimovimento. SUPPLEMENTOAIP(AIPSupplement):variazionitemporaneealleinformazionicontenutenellAIP, pubblicateattraversopaginespeciali. UFFICIO INFORMAZIONI ATS (ARO, Air Traffic Services Reporting Office)/ARO ASSOCIATO: Ente istituito per ricevere i riporti relativi ai servizi di traffico aereo ed i piani di volo presentati prima dellapartenza. NOTA: un ARO pu essere istituito come Ente a s stante o combinato con Ente gi esistente,qualeunaltroEnteATSounEnteAIS. LARO pu essere definito ARO ASSOCIATO quando svolge le funzioni di cui sopra da una sede diversadallaeroporto.
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

6. ATTRIBUZIONIDELLAIS
Le attribuzioni dell AIS sono quelle di cui al Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENACinvigore.

7. ORARIDISERVIZIO
Gli orari di servizio presso gli ARO/ARO associato sono di norma resi noti mediante pubblicazionesuAIPItaliaoNOTAM. L'istituzione, la soppressione o la modifica funzionale dell'articolazione del servizio AIS soggettaalledisposizioniaziendaliinmateriadiassistenzaalvoloovveroadisposizionispecifiche emessedallecompetentiAutoritaeronautiche.

8. SCAMBIODIINFORMAZIONIAERONAUTICHE
LUfficiodesignatoalricevimentodiAIP(inclusigliemendamenti),NOTAM,SupplementiedAIC originatidagliAISdialtriStati,eallalorogestione,ilNOFchecostituisce,pertanto,lAISLibrary.

9. PREZZODIVENDITADELLEPUBBLICAZIONIETARIFFE
I prezzi di vendita delle pubblicazioni e le tariffe per i servizi resi sono fissati da specifiche disposizioniinmateria,pubblicateannualmentesuappositeAIC.

10. LINGUAUSATA
VediRegolamentoServizioInformazioniAeronautichediENACinvigore.

11. TOPONIMI
Le denominazioni delle localit sono compilate nelle forme d'uso locale e scritte servendosi dell'alfabetolatino.

12. ABBREVIAZIONI
L'uso delle abbreviazioni ICAO e di quelle nazionali, nell'espletamento del servizio, di norma consentitosullabasedellelencodelleabbreviazionipubblicateinAIPItaliaepiingeneraledel DOC8400ICAO.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

13. AUTOMAZIONEDELL'AIS
L'automazione dell'AIS, introdotta allo scopo di ottimizzare la trattazione di parte delle informazioniaeronautiche,sibasasullutilizzodelsottosistemaAISAS(AISAutomatedSystem)del sistema AOIS (Aeronautical Operational Information System) per i NOTAM e del sistema di gestioneautomatizzatadellAIP(DataBaseAERODB).

14. RIFERIMENTINORMATIVI
Per tutto quanto non direttamente richiamato dal presente documento, tale da costituirne integrazione e/o lettura pi ampia, si rimanda alla normativa nazionale ed internazionale applicabileinvigore(RegolamentoServizioInformazioniAeronautichediENAC,RegolamentoPer lacostruzioneeleserciziodegliaeroportidiENAC,Annesso4ICAO,DOC8126,DOC8697,DOC 7910, DOC 7383 e DOC 8400 ICAO, documento OPADD EUROCONTROL, documento SNOWTAM HarmonisationGuidelinesEUROCONTROL).

15. RIFERIMENTIAIS
SEDECENTRALE ENAVS.p.A.AIS ViaSalaria,716 00138Roma Tel. 0681662589 Fax: 0681662016 email:aip@enav.it

NOFItalia
ViaAppiaNuova,1491 00178Roma(RM) AFTN:LIIAYNYX Tel: 0679086581(linearegistrata) 0679086616(linearegistrata) Fax: 0679086568 email:nof@enav.it

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.5emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIpag.6emendamento5

AreaOperativaAIS

PARTEII:AERONAUTICALINFORMATIONPUBLICATION(AIP)

1. GENERALIT
LAIP Italia (Aeronautical Information Publication) la pubblicazione ufficiale contenente informazioni aeronautiche a carattere permanente o significativamente duraturo ovvero modifiche dinatura temporanea dilunga durata relative allo spazio aereosotto la giurisdizione dello Stato italiano (cfr. Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENAC e DOC 8126 ICAO).Lapubblicazionevienecompilata,aggiornata,prodottainversionecartaceaesusupporto elettronico CDROM, e distribuita a cura dell'ENAV S.p.A., su richiesta e dietro corresponsione del prezzodivenditastabilitoeresonotoamezzodispecificaAIC. Il formato delle pagine AIP nella versione cartacea quello standard "UNI A4", fatte salve le dimensioniditalunacartografiachepuesseredidiversaampiezza.L'AIPcompostodipagine forate sostituibili. Ogni pagina reca il numero dello specifico Emendamento (AIRAC e non) o Supplementoeladatadidecorrenzadellevariazioniintrodotteconlospecificoprovvedimento. Talivariazionisonoevidenziatetramitebarreverticalipostelungoilmarginesinistrodellapagina interessataincorrispondenzadeltestomodificato,ocondellefrecceincorrispondenzadeltesto eliminato. NellAIPvengonoesplicitamenteindicati: a. l'intestazionedell'ENAVS.p.A.; b. il riferimento alle Autorit designate competenti/responsabili dei vari Servizi per la navigazioneaerea,delleinfrastruttureedellacartografia/procedurerelativepubblicate; c. lecondizionigeneralicuibisognasottostareperutilizzareiservizieleinfrastrutturedicui trattasi; d. l'elencodelledifferenzesignificative,qualoraesistenti,tralaregolamentazionenazionaleegli StandardICAO; e. eventualiprocedurealternativeointegrativeaquantostabilitodagliStandardICAO; f. unindicedellapubblicazionenelsuoinsiemeedellesingolesezioni. Inalternativaalformatocartaceo,conparicontenuto,lAIPresodisponibilenellaversioneCDROM informatoPDFstampabile.


ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

2. SUDDIVISIONEDELLAIP
L'AIPsuddivisoin3parti,conrelativesezioniesottosezioni,ciascunaattinentegliargomentidi cuiaisuccessivipunti: GEN ENR AD (Generale) (Enroute) (Aerodromi)

3. IDENTIFICAZIONEDELLEAREEPROIBITE,REGOLAMENTATEEPERICOLOSE
Le informazioni concernenti le zone Proibite (P), Regolamentate (R), Pericolose (D), Temporaneamente Riservate (TSA) e Cross Border (CBA), stabilite dalle competenti Autorit secondoquantoprescrittodallevigentidisposizioniinmateria,devonoesserecontrassegnateda unaidentificazionecompostadaungruppodilettereenumericosdistribuiti: Indicatoredellanazione:L I Unadelleseguentilettereasecondadellatipologiadellarea: Pperlezoneproibite; Rperlezoneregolamentate; Dperlezonepericolose; TSAperlezonetemporaneamenteriservate; CBAperlecrossborderareas. unnumeroprogressivo,comunquenonduplicato,valevolepertuttoildominiodelservizio resodall'Italia. NOTA: nelcasodicancellazionediunareailrelativonumerodiidentificazionenonpuessere nuovamente riutilizzato prima che siano trascorsi 18 mesi dalla comunicazione ufficialedellacancellazionedellareastessa.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

4. AIPSEZIONEGEN(GENERALE)
Talesezionecontieneiseguentidati:

Soggetti originatori competenti per materia a fornire informazioni aeronautiche da pubblicare in AIP
NOTA: per le modalit di richiesta NOTAM vedere Appendice 5

Codice sezione/ sotto-sezione

Contenuto

GEN0.1

Prefazione: nome dellAutorit responsabile della pubblicazione, applicabilit dei documenti ICAO, strutturaAIP,serviziodacontattarepereventualierrori odomissionirilevateinAIP RegistrazioneEmendamentiAIP RegistrazioneSupplementiAIP ListadicontrollodellepagineAIP Elencoricapitolativodellevariantiamanoinvigore Indice dei contenuti (sezioni e sottosezioni) della parte GEN

ENAV(AIS)

GEN0.2 GEN0.3 GEN0.4 GEN0.5 GEN0.6

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

GEN1

REGOLAMENTAZIONE E REQUISITI NAZIONALI


Autoritdesignate

GEN1.1

ENAC

GEN1.2 GEN1.3

Aeromobiliinentrata,transitoepartenza Passeggeriedequipaggiinentrata,transitoepartenza

ENAC

ENAC

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

GEN1.4

Merciinentrata,transitoepartenza

ENAC

GEN1.5

Strumentazione aerea, equipaggiamento e documenti divolo Sommario delle regolamentazioni nazionali ed accordi econvenzioniinternazionali DifferenzerispettoalleProcedure,agliStandardedalle PraticheRaccomandateICAO

ENAC

GEN1.6

ENAC

GEN1.7

ENAC

GEN2
GEN2.1 GEN2.1.1 GEN2.1.2 GEN2.1.3 GEN2.1.4

TABELLEECODICI
Sistemadimisura,contrassegniaeromobili,festivit Unitdimisura Sistemaorario Sistemageodeticodiriferimento Contrassegni di nazionalit e di registrazione degli aeromobili Festivit

ENACENAV(AIS)

ENACENAV(AIS)

ENACENAV(AIS)

ENAC

GEN2.1.5

ENACENAV(AIS)

GEN2.2

Abbreviazioniutilizzatenellepubblicazioni AI/messaggisticaATFM Simbologiacartografica Indicatoridilocalit Listadelleradioassistenzeallanavigazioneaerea Tavolediconversione

ENACENAV(AIS)

GEN2.3 GEN2.4 GEN2.5 GEN2.6

ENAV(AIS)

ENACENAV(AIS)

ENAV(Eserc.Tecn.)AMGEST

ENAV(AIS)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

GEN2.7

Tavoledelleeffemeridi

AM(CNMCA)

GEN3
GEN3.1 GEN3.1.1 GEN3.1.2 GEN3.1.3 GEN3.1.4 GEN3.1.5

SERVIZI
ServizioInformazioniAeronautiche Serviziresponsabili Areadiresponsabilit Pubblicazioniaeronautiche SistemaAIRAC ServizioInformazioniprevolosugliaeroporti

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AISARO/AROassociato)

GEN3.2 GEN3.2.1 GEN3.2.2 GEN3.2.3 GEN3.2.4 GEN3.2.5 GEN3.2.6 GEN3.2.7 GEN3.2.8 GEN3.3

Carteaeronautiche Serviziresponsabili Aggiornamentodellecarte Condizionidiacquisto Seriedicarteaeronautichedisponibili Listadellecarteaeronautichedisponibili Cartetopografiche CorrezioniallecartenoncontenuteinAIP ListadelleAOCePATC Serviziditrafficoaereo

AMENACENAV(AIS)

AMENACENAV(AIS)

AMENAV(AIS)

AMENAV(AIS)

AMENAV(AIS)

NIL

NIL

ENAV(AIS)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.5emendamento5

AreaOperativaAIS

GEN3.3.1

Servizidellanavigazioneaerea

ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.)

GEN3.3.2

Areadiresponsabilit

ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.)

GEN3.3.3

Tipidiservizi

ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.)

GEN3.3.4

CoordinamentotraoperatorieATS

ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.)

GEN3.3.5 GEN3.3.6 GEN3.4 GEN3.4.1

Minimaaltitudinedivolo ListaindirizzidegliEntiATS Servizidicomunicazione Serviziresponsabili

ENAV(Proced.Sp.Aerei)

ENAV(Op.Rotta/Aerop.AIS)

AM (COMLOG) ENAV (Eserc. Tecn. Op. Rotta/Aerop. Comunic.) AM (COMLOG) ENAV (Eserc. Tecn. Op. Rotta/Aerop. Comunic.) AM (COMLOG) ENAV (Eserc. Tecn. Op. Rotta/Aerop. Comunic.) AM (COMLOG) ENAV (Eserc. Tecn. Op. Rotta/Aerop. Comunic.) NIL

GEN3.4.2

Areadiresponsabilit

GEN3.4.3

Tipidiservizio

GEN3.4.4

Requisitiecondizioni

GEN3.4.5

Servizifissiaeronautici

GEN3.5 GEN3.5.1 GEN3.5.2 GEN3.5.3

Servizimeteorologici Serviziresponsabili Areadiresponsabilit Osservazionimetereologicheerapporti

AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.6emendamento5

AreaOperativaAIS

GEN3.5.4 GEN3.5.5 GEN3.5.6 GEN3.5.7 GEN3.5.8 GEN3.5.9

Tipidiservizi Notificherichiesteagliesercenti Riportidivolo ServizioVOLMETeSIGMET ServizioAIRMET Altriservizimeteorologiciautomatizzati

AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.) NIL

AM (USAM) ENAV (Meteo/Op.Aerop.Normat.)

GEN3.6 GEN3.6.1 GEN3.6.2 GEN3.6.3 GEN3.6.4 GEN3.6.5 GEN3.6.6

RicercaeSoccorso Autoritresponsabile Servizi Tipidiservizi AccordiSAR Condizionididisponibilit Procedureesegnaliutilizzati

NIL

AMENAC

AMENAC

AMENAC

AMENAC

AMENAC

GEN4.
GEN4.1 GEN4.1.1

TARIFFEAEROPORTUALIESERVIZIDINAVIGAZIONEAEREA
Tariffediaereaaeroporto/eliporto Atterraggio, parcheggio, hangaraggio, lungasosta, serviziopasseggeri Sicurezza

ENAC

GEN4.1.2

ENAC

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.7emendamento5

AreaOperativaAIS

GEN4.1.3 GEN4.1.4 GEN4.1.5 GEN4.1.6 GEN4.2 GEN4.2.1 GEN4.2.2 GEN4.2.3

Impostaerarialesulrumore Altro Riduzionie/oesenzionie Modalitdipagamento Tariffeperilserviziodinavigazioneaerea Controllodiavvicinamento Serviziodinavigazioneaereainrotta Esenzioni

NIL

ENAC

ENAC

ENAC

ENAV(Amm.neeFinanza)

ENAV(Amm.neeFinanza)

ENAV(Amm.neeFinanza)

NOTA: nella colonna 3 riportato uno schema generale relativo ai Soggetti originatori competenti a fornire informazioni sulla specifica materia AIP sulla base della normativa corrente (Regolamento ENACAIS). In tale prospetto occorre tenere contodeglieventualiopportunicoordinamentitraglistessiEnti/Unitfinalizzatia garantirelunicitdellinformazioneprodottaallAIS.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.8emendamento5

AreaOperativaAIS

5. AIPSEZIONEENR(ENROUTE) Talesezionecontieneiseguentidati:
Soggetti originatori competenti per materia a fornire informazioni aeronautiche da pubblicare in AIP
NOTA: per le modalit di richiesta NOTAM vedere Appendice 5

Codice sezione/ sotto-sezione

Contenuto

ENR1.
ENR1.1 ENR1.2

REGOLEGENERALIEPROCEDURE
Regolegenerali RegoledelvoloavistaVFR

ENACENAV(Normat.)

ENAC ENAV (Normat. Op.Rotta/Aerop.Prog. Spazi Aerei)

ENR1.3

RegoledelvolostrumentaleIFR

ENAC ENAV (Normat. Op.Rotta/Aerop.Sp.Aerei)

ENR1.4

ClassificazionedellospazioaereoATS

ENAC ENAV (Normat. Op.Rotta/Aerop.Sp.Aerei)

ENR1.5 ENR1.5.1

Procedurediarrivoepartenza Separazioni

ENAV (Normat. Proced. Op. Rotta/Aerop.)

ENR1.5.2

Procedureantirumore

ENAV (Normat. Proced. Op. Rotta/Aerop.)

ENR1.5.3

Orarioprevistodiavvicinamento

ENAV (Normat. Proced. Op. Rotta/Aerop.)

ENR1.6 ENR1.6.1

ServizidisorveglianzaATS Radarprimario

ENAV (Op. Normat.)

Rotta/Aerop.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.9emendamento5

AreaOperativaAIS ENR1.6.2 Radarsecondariodisorveglianza(SSR)


ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.)

ENR1.6.3 ENR1.7

DistribuzionedeicodiciSSRinItaliamodoA/3 Settaggioaltimetro

ENAV(Op.Rotta/Aerop.)

ENAV (Op. Rotta/Aerop. Normat.Proced.)

ENR1.8 ENR1.9 ENR1.10

Procedureregionalisupplementari ServizioATFCM Pianidivolo(PLN)

ENACENAV(Normat.)

ENAV(Op.Rotta)

ENACENAV(Normat.)

ENR1.11

Indirizzamentomessaggipianidivolo

ENACENAV(Op. Rotta/Aerop.Normat.) ENACAMI(BSA)

ENR1.12

Procedurediintercettazioneaeromobilicivili

ENR1.13 ENR1.14

Interferenzeillecite Inconvenientideltrafficoaereo

ENACENAV(Normat.)

ENACENAV(Sicur.Normat.)

ENR2
ENR2.1

SPAZIOAEREODEISERVIZIDITRAFFICOAEREO
Regioniinformazionivoloeareeterminalidicontrollo
AM ENAV (Sp. Aerei Op. Rotta)

ENR2.2

Altrispaziaereiregolamentati

AMENAV(SpaziAerei/Proced.)

ENR3
ENR3.1 ENR3.2 ENR3.3

ROTTEATS
Spazioaereoinferiore/RotteATS Spazioaereosuperiore/RotteATS Rotteanavigazionedarea(RNAV)

AMENAV(Sp.AereiProced.)

AMENAV(Sp.Aerei)

AMENAV(Sp.AereiProced.)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.10emendamento5

AreaOperativaAIS ENR3.4 ENR3.5 ENR3.6.1 ENR3.6.2 Rotteperglielicotteri RouteAvailabilityDocument(RAD) Procedurediattesainrottaattestatesupuntidiriporto Elencoradioassistenzeerotte/procedureassociate


AMENAV(Sp.AereiProced.)

AMENAV(Sp.AereiProced.)

AMENAV(Sp.AereiProced.)

AMENAV(Sp.AereiProced.)

ENR4
ENR4.1.1 ENR4.1.2 ENR4.2 ENR4.3 ENR4.4 ENR4.5

RADIOAIUTI/SISTEMIDINAVIGAZIONE
Radioaiutiallanavigazioneinrotta RadioassistenzemilitarinoncontenutenellaparteAD Sistemispecialidinavigazione GlobalNavigationSatelliteSystem(GNSS) Designatoriperpuntisignificativi Luciaeronautichealsuoloinrotta

ENAV(Eserc.Tecn./Radiomisure)

AM

NIL

NIL

ENAV(Sp.AereiProced.)

ENAC ENAV (Sp. Aerei Proced.)

ENR5
ENR5.1

PERICOLIALLANAVIGAZIONE
Zone vietate, regolamentate, pericolose, temporaneamenteriservateecrossborder Areemilitaridiesercitazioneedaddestramento Altreattivitdinaturapericolosa Ostacoliallanavigazioneaereainrotta

ENACAMENAV(SpaziAerei)

ENR5.2 ENR5.3 ENR5.4

AMENAV(SpaziAerei)

ENACAMENAV(Sp.Aerei)

ENAC AM (CIGA) ENAV (Procedure)

ENR5.5

Attivitaereesportive,ricreativeedilavoroaereo

ENACENAV(Normat.)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.11emendamento5

AreaOperativaAIS ENR5.6 Migrazionediuccelliedareeconfaunaprotetta


ENAC(Centrale/EntiLocali)

ENR6
ENR6.1 ENR6.2 ENR6.3

CARTOGRAFIAPERLANAVIGAZIONEINROTTA
Cartadicrociera(H/L) Cartedarea CarteVFR
ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

ENAV(AIS)

NOTA: nellacolonna3riportatounoschemageneralerelativoaiSoggettioriginatori competenti a fornire informazioni sulla specifica materia AIP sulla base della normativa corrente (Regolamento ENACAIS). In tale prospetto occorre tenere contodeglieventualiopportunicoordinamentitraglistessiEnti/Unitfinalizzati agarantirelunicitdellinformazioneprodottaallAIS.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.12emendamento5

AreaOperativaAIS

6. AIPSEZIONEAD(AERODROMI)
Lasezionerelativaagliaeroporti/eliporticontieneinformazioniedatirelativialleinstallazioni al suolo, fornisce la descrizione disponibile della normativa in vigore per l'uso degli stessi, di norma unitamente ai seguenti dati come resi disponibili dai competenti Enti/Autorit Aeronautici:

Soggetti originatori competenti per materia a fornire informazioni aeronautiche da pubblicare in AIP
NOTA: per le modalit di richiesta NOTAM vedere Appendice 5

Codice sezione/ sotto-sezione

Contenuto

AD1.
AD1.1 AD1.1.1 AD1.1.2 AD1.1.3 AD1.1.4 AD1.1.5 AD1.1.6 AD1.2 AD1.2.1 AD1.2.2 AD1.3

AEROPORTI/ELIPORTIINTRODUZIONE
Disponibilitdegliaeroporti/eliporti Condizionigenerali ApplicazionedeidocumentiICAO Usodibasiaereemilitaridapartediaeromobilicivili OperazioniCATII/III Sistemidimisurazionedellattrito Altreinformazioni Servizidisoccorsoeantincendioepianosgomberoneve Servizidisoccorsoedantincendio Pianosgomberoneve Elencodegliaeroporti,eliportieidroscali

ENAC

ENAC

ENAC

ENACAM

ENACENAV(Normat.)

ENAC

ENAC

ENAC

ENAC

ENAC

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.13emendamento5

AreaOperativaAIS AD1.4 Suddivisionedegliaeroporti/eliporti


ENAC

AD2LIXX
TABELLA1 TABELLA2 TABELLA3 TABELLA4 TABELLA5 TABELLA6 TABELLA7 TABELLA8

AERODROMI(perogniaerodromo)
Indicatoredilocalitenomedellaerodromo Datiamministrativiegeograficidellaeroporto Orariodiservizio Servizidisupportoedattrezzature Serviziperipasseggeri Serviziantincendioedisoccorso Disponibilitstagionaleesistemidipuliturapiste Datirelativiaipiazzali,alleviedirullaggioedallepiazzole prova Guida ai movimenti a terra e sistemi di controllo e segnalazione Ostacoliaeroportuali Informazionimeteorologiche Caratteristichefisichedellepiste Distanzedichiarate Lucidiavvicinamentoelucipista

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

TABELLA9

GEST/ENAC (AM)/ENAV (Eserc.Tecn.EntiLocali)

TABELLA10 TABELLA11 TABELLA12 TABELLA13 TABELLA14

GEST/ENAC(AM)

ENAV(Meteo)(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC (AM)/ENAV (Eserc.Tecn.EntiLocali)

TABELLA15

Illuminazioneaggiuntiva,alimentazionesecondaria

GEST/ENAC (AM)/ENAV (Eserc.Tecn.EntiLocali)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.14emendamento5

AreaOperativaAIS

TABELLA16 TABELLA17

Areadiatterraggioelicotteri SpazioaereoATS

GEST/ENAC(AM)

ENAV (Sp. Aerei Procedure) (AM)

TABELLA18 TABELLA19

ServizidicomunicazioneATS Radioassistenzeallanavigazioneeallatterraggio

ENAV(Eserc.Tecn.)(AM)

ENAV (Eserc.Tecn./Radiomisure) (AM) GEST/ENAC(AM)/ENAV

TABELLA20 TABELLA21 TABELLA22 TABELLA23 TABELLA24

Regolamentideltrafficolocale Procedureantirumore Proceduredivolo Informazioniaggiuntive Cartografiaaeroportuale

GEST/ENAC(AMCIGA)

ENAV(AMCIGA)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC ENAV (Proced.) (AMCIGA)

TAB.2421

ADC, Aerodrome Landing Chart, Aerodrome Ground MovementChart,LVPC,HotSpotMap,APDC CartadegliOstacoliAOCTIPOA,PACT LINKROUTES,STAR VACeIAC INITIALCLIMBPROCEDURESeSID Altracartografia

GEST/ENACENAV(Proced.) AM(CIGA))

TAB.2431 TAB.2441 TAB.2451 TAB.2461 TAB.2481

ENAV(Proced.)AM(CIGA)

ENAV(Proced.)AM(CIGA)

ENAV(Proced.)AM(CIGA)

ENAV(Proced.)AM(CIGA)

ENAC ENAV (Proced.) AM (CIGA)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.15emendamento5

AreaOperativaAIS

AD3

ELIPORTI(perognieliporto)
Indicatoredilocalitenomedellaerodromo Datiamministrativiegeograficidellaeroporto Orariodiservizio Servizidisupportoedattrezzature Serviziperipasseggeri Serviziantincendioedisoccorso Disponibilitstagionaleesistemidipuliturapiste Datirelativiaipiazzali,alleviedirullaggioedallepiazzole prova Guida ai movimenti a terra e sistemi di controllo e segnalazione Ostacoliaeroportuali Informazionimeteorologiche Caratteristichefisichedellepiste Distanzedichiarate Lucidiavvicinamentoelucipista Illuminazioneaggiuntiva,alimentazionesecondaria Areadiatterraggioelicotteri

GEST/ENAC(AM)

TABELLA1 TABELLA2 TABELLA3 TABELLA4 TABELLA5 TABELLA6 TABELLA7 TABELLA8

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

TABELLA9

GEST/ENAC(AM)

TABELLA10 TABELLA11 TABELLA12 TABELLA13 TABELLA14 TABELLA15 TABELLA16

GEST/ENAC(AM)

ENAV(Meteo)(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

ENAV (Sp. Aerei Proced.) (AM)

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.16emendamento5

AreaOperativaAIS TABELLA17 TABELLA18 TABELLA19 TABELLA20 TABELLA21 SpazioaereoATS ServizidicomunicazioneATS Radioassistenzeallanavigazioneeallatterraggio Regolamentideltrafficolocale Procedureantirumore
ENAV(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AMCIGA)

ENAV (Procedure) (AM CIGA)

TABELLA22 TABELLA23 TAB.2421

Proceduredivolo Informazioniaggiuntive HeliportLandingChart

GEST/ENAC(AM)

GEST/ENAC(AMCIGA)

NOTA1:nellacolonna3riportatounoschemageneralerelativoaiSoggettioriginatori competenti a fornire informazioni sulla specifica materia AIP sulla base della normativa corrente (Regolamento ENACAIS). In tale prospetto occorre tenere contodeglieventualiopportunicoordinamentitraglistessiEnti/Unitfinalizzati agarantirelunicitdellinformazioneprodottaallAIS. NOTA2: in considerazione che requisito fondamentale, ai fini della tempestivit, accuratezza, integrit e completezza dellinformazione da pubblicare su AIP, laccentramento e lunicit del soggetto competente a fornire allAIS le informazionidicartografiaaeroportuale,sispecificacheilSoggettooriginatore responsabile e competente a fornire allAIS tali informazioni (ai fini di pubblicazione tramite Emendamenti/Supplementi AIP a ciclo AIRAC e non) quindiidentificato: nel Gestore aeroportuale per gli aeroporti che abbiano ottenuto la certificazioneprevistadalRegolamentoENAC; nelle DD. AA. (ENAC) per gli aeroporti che non abbiano ancora ottenuto la certificazioneprevistadalRegolamentoENAC; nelle DD. AA. (ENAC) per tutti gli altri aeroporti non soggetti al processo di certificazioneeattualmentepubblicatiinAIP; nellAeronautica Militare nel caso di aeroporti militari (con leccezione delle CartediParcheggiodiinteressecivilediattribuzioneGestore/ENAC).

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.17emendamento5

AreaOperativaAIS

LaspecificaindicazioneditaleSoggettocosidentificatavienequindiappostain calcealla/eCarta/einteressata/ecomeprevistodallAnnesso4ICAO. Perquantoconcerneognialtrainformazionedicaratteredescrittivotestualeda pubblicaresuAIPriferitaagliaeroporti,ilSoggettoresponsabileecompetentea fornireallAIStaliinformazioniidentificatoneglistessisoggettidicuisopra,con leventuale aggiunta degli Enti periferici ENAV per gli impianti/servizi gestiti direttamentedaENAV(ServiziATS,AVL). Consideratalaparticolaresensibilitdelleinformazioniedeidatiaeroportuali,al fine ultimo della generale sicurezza delle operazioni aeronautiche, nel ritenere indispensabile la conoscenza di ognuna delle componenti aeroportuali (Gestore/ENAC/ENAV),latrasmissionedefinitivaditaliinformazioniallAISdovr essere effettuata a seguito dellavvenuto coordinamento locale con gli altri Soggetti/Autorit aeroportuali interessati, secondo le procedure attivate localmente,coerentementecon,equaleestensionegenerale,diquantoprevisto nellappositoCapitoloInformazioniAeronautichedelRegolamentoENACperla costruzioneeleserciziodegliaeroporti.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.18emendamento5

AreaOperativaAIS

7. AGGIORNAMENTODELL'AIP
LAIPcontienedocumentazioneoperativaequindisoggettaavariazionidiunacertafrequenza; neconseguelanecessitdiuncontinuoaggiornamento. L'AIPvieneaggiornatotramite: EmendamentiAIPAMDT(AIRACenon)paginedicolorebianco,perlevariazioniacarattere permanenteosignificativamenteduraturoe/o; Supplementi AIP SUP (AIRAC e non) pagine di colore giallo, per modifiche a carattere temporaneo di lunga durata (superiori ai tre mesi) ovvero informazioni che comportano modifichedinaturatestualerilevantie/onecessitanodicartografiaesplicativa. NOTA:nelcasounEmendamentoAIPnonvengapubblicatoalledatestabilite,vieneemanato unNOTAM. 7.1AIPAIRACAMDT Modifiche operativamente significative al contenuto dellAIP devono essere pubblicate in accordoconleprocedureAIRAC,ciocondatadipubblicazioneanterioredialmeno42giorni(14 per i tempi postali + 28 giorni di effettivo anticipo) rispetto alla data di entrata in vigore del provvedimentostesso. Tra le informazioni che devono essere notificate con AIRAC (Regolamento Servizio Informazioni AeronautichediENAC)rientranoleseguenti: a. posizione, frequenze, nominativo di chiamata, irregolarit conosciute e periodi di manutenzionerelativiagliaiutiallaradionavigazioneedapparatidicomunicazioni; b. apparatimeteorologici(broadcastincluso)erelativeprocedure; c. pisteestopways; d. implementazione,cancellazioneevariazionipianificatea: 7.2AIPSUP Modifichedinaturatemporaneadilungadurata(tremesiopi)e/ochecomportinomodifichedi natura testuale rilevanti e/o grafica (cartografia aeroportuale) devono essere pubblicate come SupplementiAIP. posizione,altezzaedilluminazionediostacoliallanavigazione; viedirullaggioeparcheggi; oraridiserviziodiaerodromi,facilitazionieservizi; servizididogana,immigrazioneesanitari.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.19emendamento5

AreaOperativaAIS

IlSupplementoAIPpuesserepubblicatoinqualunquedatamacomunquepreferibileutilizzare unadatacoincidenteconlapubblicazionediunaVarianteAIP. Nel caso di mutamenti operativamente significativi prepianificati che richiedano aggiornamenti cartografici e/o dei database di navigazione, il SUP AIP dovr essere pubblicato applicando le procedureAIRAC(ladistribuzionedovresseregarantitaalmeno42giorniinanticiporispettoalla dataeffettiva);sardunquepreferibile,ogniqualvoltapraticabile,utilizzareunadatacoincidente conledatedientratainvigoreAIRAC. 7.3 AIPAMDT Le Varianti AIP che non seguono il ciclo AIRAC vengono pubblicate ad intervalli regolari (ogni 28 giorni).EssecostituisconoilmezzodeputatoalregolareaggiornamentodelladocumentazioneAIP ItaliaconilrecepimentodimodifichepermanentiprecedentementeeffettuatetramiteNOTAM. NOTA: nonpertantopossibileeffettuarevariazionidicaratteresignificativodalpuntodi vistaoperativoallAIPtramiteunasempliceVarianteAIP. 7.4 DATESIGNIFICATIVE LedatedipubblicazioneperleVariantiAIPeledatedipubblicazioneedentratainvigorepreviste per il ciclo AIRAC sono pubblicate alla fine di ogni anno per lanno successivo su apposita AIC (CircolarediInformazioneAeronautica). NellAIC vengono altres indicate le date di minimo anticipo necessario per lacquisizione dei provvedimentidapubblicaredapartedelservizioAIS,lacuiosservanzadapartedeglioriginatori delle informazioni/dati indispensabile per la corretta elaborazione della documentazione AIP, nelrispettodelletempistichedichiarateedelleprocedureprevistedalSistemadiGestionedella Qualit.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIIpag.20emendamento5

AreaOperativaAIS

PARTEIII:NOTAM(NOTICETOAIRMEN)

1. GENERALIT
UnNOTAMdeveessereoriginatoeprontamentepubblicatoinognicasoincuilinformazioneda diffonderesia: 1. dinaturatemporaneaedibrevedurata; 2. relativa a variazioni operativamente significative di natura permanente da notificare in brevetempo; 3. relativaavariazionioperativamentesignificativedinaturatemporaneamadilungadurata danotificareinbrevetempo, enoncomportiunapartetestualerilevantenmodifichedinaturacartografica. Sia nella prima che nella terza condizione su esposte, la validit del NOTAM emesso non dovr superarei90giorni,potendoesseresiaditipostimato(EST)cheascadenzaprestabilita. Nellacondizione2.ovviamenteilNOTAMdovraverelacaratteristicadipermanente(PERM). Ogni NOTAM dovr essere conciso quanto pi possibile e compilato in maniera tale che il suo significatosiachiarosenzachesussistalanecessitdifarriferimentoadaltridocumenti. OgniNOTAMdovressereemessorelativamenteadununicosoggettoeadununicacondizionedi quelsoggetto.

2. INFORMAZIONIDAPROMULGARETRAMITENOTAM
Il NOTAM deve essere emesso relativamente alle seguenti circostanze (informazione di impatto operativodiretto): a. implementazione,chiusuraomutamentisignificativinelleoperazionidiaeroporti/eliportie piste; b. implementazione,cancellazioneemutamentisignificativinelleoperazionirelativeaiservizi aeronautici(aeroporti,AIS,ATS,comunicazioni,meteo,ecc.); c. implementazioneocancellazionediaiutielettroniciedaltriaiutiallanavigazioneaereaed aeroportuali,includendo:
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 ParteIIIpag.1emendamento6

interruzioneoripristinodelleoperazioni; cambiamentidifrequenze; cambiamentineglioraridiservizionotificati; cambiamentidiidentificazioni;

AreaOperativaAIS

cambiamentidiorientamentoelocalizzazione; aumentoodecrementodellafunzionalitinmisuradel50%opi; cambiamentidellapianificazioneodelcontenutodelletrasmissioni; irregolarit o inattendibilit delle operazioni di qualunque aiuto elettronico alla navigazioneeaiservizidicomunicazioneTBT;

d. implementazione,cancellazioneovariazionisignificativeagliaiutivisivi; e. interruzione o ripristino delle operazioni relative a componenti importanti dei sistemi di illuminazioneaeroportuale; f. implementazione,cancellazioneovariazionisignificativeapportateaprocedureperiservizi dinavigazioneaerea; g. ilverificarsiocorrezionediinconvenientioimpedimentiprincipalinellareadimanovra; h. variazionielimitazionisulladisponibilitdicarburante,olioedossigeno; i. j. variazionisignificativeaisupportidiricercaesoccorsoerelativiservizidisponibili; implementazione, rimozione o ripristino della funzionalit dei fari di pericolo su ostacoli significativiallanavigazioneaerea;

k. variazioni delle regolamentazioni che richiedano azione immediata, es.: aree vietate per attivitSAR; l. presenza di pericoli che influiscano sulla navigazione aerea (inclusi ostacoli, esercitazioni militari, manifestazioni acrobatiche, gare, attivit aviolancistica esercitata al di fuori delle areepubblicate);

m. realizzazione, rimozione o variazioni ad ostacoli significativi alla navigazione nelle aree di decollo/salita,mancatoavvicinamento,avvicinamentoestripdipista; n. implementazione o cessazione (incluse attivazione o disattivazione) come appropriato, o variazionedellostatodellezonevietate,regolamentateepericolose; o. implementazioneocessazionediareeorotteoporzionidellestesseoveesistalapossibilit di intercettazione e dove sia richiesto mantenere lascolto in VHF sulla frequenza di emergenza121.500MHz; p. attribuzione,variazioniocancellazionedegliindicatoridilocalit(secondolacodificaICAO); q. variazionisignificativeallivellodiprotezionenormalmentedisponibilesuunaeroportoper ilservizioantiincendioedisoccorso.IntalcasounNOTAMdeveessereemessosoloincaso di variazione di categoria e tale variazione deve essere chiaramente dichiarata (vedi Annesso14,VolumeI,Capitolo9eAllegatoA,Sezione17); r. presenza o rimozione o variazioni significative per condizioni pericolose a causa di neve, fango,ghiacciooacquasullareadimovimento(v.formatomessaggioSNOWTAM); s. diffondersi di epidemie che richiedano variazioni dei requisiti notificati relativi ai provvedimentidiinoculazioneequarantena; t. previsionidiradiazionesolarecosmica,dovefornite; u. mutamenti significativamente operativi nellattivit vulcanica, la localit, data ed orario delleruzione vulcanica e/o lestensione orizzontale e verticale della nube di cenere
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 ParteIIIpag.2emendamento6

AreaOperativaAIS

vulcanica, includendo la direzione di movimento, il livello di volo e le rotte o porzione di esseinteressate(v.formatomessaggioASHTAM); v. rilascio nellatmosfera di materiale radioattivo o chimico tossico a seguito di un incidente nucleare o chimico, la localit, data ed orario dellincidente, il livello di volo e le rotte o porzionediesseinteressateeladirezionedelmovimento; w. Implementazione di operazioni di missioni di soccorso umanitario, quali quelle intraprese sottogliauspici delleNazioniUnite, conleprocedureolelimitazionicheinfluisconosulla navigazioneaerea; x. Implementazione di misure contingency a breve termine in caso di decadimento totale o parzialedeiServiziATSerelativiservizidisupporto.

3. INFORMAZIONIDANONPROMULGARETRAMITENOTAM
Per quanto affermato precedentemente riguardo i casi in cui sussiste obbligatoriet per lemissionediunNOTAM eribaditala raccomandazioneICAOsecondola qualelanecessitper lemissione di un NOTAM deve essere considerata in qualunque altra circostanza che possa interessare le operazioni degli aeromobili, le informazioni che seguono, non richiedono una specificanotificaamezzoNOTAM: a. lavoridimanutenzionediroutinesuipiazzalieleviedirullaggiochenoninficianolasicurezza deimovimentidegliaeromobili; b. lavoridisegnaleticasullapista,allorchleoperazionidegliaeromobilipossanoesserecondotte insicurezzasualtrepistedisponibili,ovverolequipaggiamentoutilizzatopossaessererimosso quandonecessario; c. ostacoli temporanei nelle vicinanze degli aeroporti che non inficiano la sicurezza delle operazionidegliaeromobili; d. avaria parziale degli equipaggiamenti luminosi dellaeroporto laddove tale avaria non infici direttamenteleoperazionidegliaeromobili; e. avaria parziale temporanea delle comunicazioni TBT allorquando vi sia la disponibilit e loperativitdifrequenzealternativeadatte; f. mancanzadelserviziomarshallingsuipiazzaliecontrollodelmovimentoveicolare; g. inutilizzabilit di segnaletica di localizzazione, destinazione o altre istruzioni sullarea di movimentodellaeroporto; h. altreinformazionidisimilarenaturatemporanea. Taliinformazionidevonocomunqueessereoggettodidistribuzioneenotificalocalenellambitodei briefingprevolo(cfr.anchesuccessivopunto4)onelcorsodialtricontattilocaliconoperatorie piloti.
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 ParteIIIpag.3emendamento6

AreaOperativaAIS

4. INFORMAZIONIPREVOLOPIB
Pressociascunaeroportonormalmenteutilizzatodallaaviazionecivileinternazionale,alpersonale addettoalleoperazionidivolo,inclusigliequipaggiediresponsabiliperleinformazioniprevolo, devono essere rese disponibili le informazioni aeronautiche essenziali per la sicurezza, regolarit edefficienzadellanavigazioneaereaerelativeallatrattadivolocheoriginadallaeroporto. LemodaliteleprocedurerelativeallemetodologiediestrazionedeiNOTAMneiPIB(Preflight InformationBulletin)sonoriportateinAIPGEN3.1. Tra le altre informazioni previste dalla normativa nazionale ed internazionale (Regolamento ServizioInformazioniAeronautichediENACeDOC8126ICAO)qualeserviziodiinformazionipre volo,richiestaladisponibilitdeiNOTAMinvigoreedialtreinformazionidalcaratterediurgenza (chenoncompaiononeiNOTAM/AIP)sullecondizioniattualidaeroporto,inclusalafunzionalite lo stato operativo degli aiuti visivi di terra, aiuti non visivi e dellarea di manovra, come rese disponibilidallecompetentiAutorit/Soggettioriginatorilocali,quali: a. b. c. d. e. f. g. lavoridicostruzioneomanutenzionesullareadimanovraonelleimmediatevicinanze; tratti accidentati di qualunque parte dellarea di manovra, sia segnalate o meno, quali parti sconnessedellasuperficiedipisteediviedirullaggio; presenza e spessore di neve, ghiaccio o acqua su piste e vie di rullaggio, inclusi gli effetti conseguentisullazionefrenante; nevetrasportataoaccumulatasupisteeviedirullaggioonellelorovicinanze; aeromobiliparcheggiatioaltrioggettisuiviedirullaggioonelleimmediatevicinanze; presenzadialtripericolitemporanei,inclusiquellideterminatidagliuccelli; avaria od operativit irregolare di parte o tutto il sistema di luci dellaeroporto/eliporto, incluse luci di avvicinamento, soglia , pista, via di rullaggio, ostacoli ed area di manovra e alimentazioneelettricadellaeroporto/eliporto; avaria, operativit irregolare e cambiamenti relativi allo stato operativo di ILS (inclusi i Markers), SRE, PAR, DME, SSR, VOR, NDB, canali VHF, sistema di osservazione RVR e alimentazionesecondaria.

h.

ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 ParteIIIpag.4emendamento6

AreaOperativaAIS

PARTEIV:CIRCOLARI(AIC)

1. GENERALIT
Tutte le informazioni che non richiedono emanazione di NOTAM o pubblicazione in AIP e che attengonoadargomentitecnici,amministrativiodilegislazione,connessiallasicurezzadelvoloed allanavigazioneaerea,come: a. b. c. previsionialungoterminedirilevantimodifichealegislazione,regolamentazione,procedure o installazioni; informazionidinaturapuramenteesplicativaoconsultiva; informazioni o notifiche di natura esplicativa o consultiva relative a materie di carattere tecnico,legislativoopuramenteamministrativo,

devono essere comunicate tramite le Circolari, denominate Aeronautical Information Circular (AIC).

2. TIPOLOGIADIINFORMAZIONI
LevarietipologiediinformazioniappropriateperunaAICsonoleseguenti: a. previsioni di cambiamenti importanti nelle procedure di navigazione aerea, servizi e installazionidisponibili,adesempionuovilayoutdisettorizzazione,pianidiimplementazione diretiradar; previsionidiimplementazionedinuovisistemidinavigazione,comeVOR,DME,ecc.; informazioni significative derivanti da inchieste su incidenti di aeromobili che hanno un risvoltosullasicurezzadelvolo; informazionirelativeallaregolamentazionesullaprotezionedell'aviazionecivileinternazionale controgliattidiinterferenzaillegale; consiglidinaturamedicadiinteresseparticolareperipiloti; avvisiaipilotisulcomeevitaredannimateriali; conseguenzedifenomenimeteoparticolarisulleoperazionidivolo; nuovipericolichepossonoinfluenzareletecnichediutilizzodegliaeromobili; regolamentiperiltrasportodimerciparticolari; particolaridisposizionilegislativenazionalieloromodifiche; modalitedisposizioniperilrilasciodellelicenzealpersonalenavigante;

b. c. d. e. f. g. h. i. j. k.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIVpag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

l.

formazionedelpersonaleaeronautico;

m. applicabilitdilegginazionalierelativeeccezioni; n. o. p. q. r. s. t. suggerimentiperl'usoelamanutenzionediparticolariequipaggiamenti; pianificazionedelledisponibilitdinuoveedizioniediaggiornamentidicarteaeronautiche; tipodiequipaggiamentiradioobbligatoriabordo; chiarimentirelativialleoperazionidiriduzionerumore; direttivediaeronavigabilit; cambiamentidellaseriedeiNOTAModelladistribuzione,nuoveedizionidell'AIPoconsistenti cambiamentineilorocontenuti,coperturaoformato; piano della neve, aggiornato con informazioni stagionali emesse con congruo anticipo rispetto all'inizio di ogni inverno (non meno di un mese prima dell'inizio delle normali condizioniinvernali); altreinformazionidianaloganatura.

u.

3. DIFFUSIONEDELLEAIC
LeAICvengonodiffusemedianteserviziopostaleesonodistinteinSerie,asecondadegliargomenti trattatiedeidestinatari,nelmodoseguente: a. SERIE"A": AIC di interesse internazionale, diffuse a tutti gli utenti titolari dell'abbonamento alle AIC; SERIE"C": AIC di esclusivo interesse nazionale, diffuse agli utenti nazionali titolari dell'abbonamentoAIC.

b.

4. DISPOSIZIONIGENERALIPERLAEMISSIONEDIAIC
Ogni AIC, nell'ambito della propria Serie di appartenenza contraddistinta da un numero progressivochehainizioconilnumero1alladatadel1Gennaiodiciascunanno. LeAICcheannullanoosostituisconoprecedentiAIC,devonoriportarelaserie,ilnumeroel'annodi emissionedelleAICsostituite. LeAICsonodinormaredatteinlinguaitalianaedinglesecontestobicolonnale.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIVpag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

5. AGGIORNAMENTODELLEAICINVIGORE
ConsideratoilcontenutospecificodelleAIC,laloronaturataledaritenerechepossanorimanere invigoreancheperdiversianni. Non di meno, in presenza di eventuali modifiche da apportare, si pu prevedere una ristampa annuale.AmenodimotivateedinderogabilinecessitchedevonoesserecomunicateallAIS,non consentito apportare variazioni di sorta ad una AIC sotto forma di NOTAM, proprio in considerazionedelladiversanaturadeiprovvedimentistessi(amministrativo/operativo).

6. SOMMARIODELLEAICINVIGORE
IlsommarioconlelencazionedelleAICinvigoreperciascunaserie,anchessosottoformaordinaria diAIC,vienepubblicatocontestualmenteconluscitadiogninuovaAIC.

7. RICHIESTADIEMISSIONEDIAIC
Le richieste di AIC devono pervenire allENAV AIS da parte dell'Autorit, Ente competente o titolare dell'attivit interessata, almeno 30 giorni prima della data di prevista pubblicazione, contestogiredattoinlinguaitalianaedinglese.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIVpag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 ParteIVpag.4emendamento5

Area Operativa - AIS

PARTE V: PROCEDURE OPERATIVE

1. NOTAM
Per quanto concerne luso del NOTAM, in considerazione di quanto finora rappresentato, alle richieste di emissione inoltrate agli ARO/ARO associato/NOF si applica quanto segue: La richiesta di emissione NOTAM dovr essere obbligatoriamente corredata dei necessari riferimenti alla/e pagina/e AIP cui linformazione pertiene, dovunque ci sia applicabile. La richiesta NOTAM dovr essere obbligatoriamente corredata dagli estremi (nominativo, telefono/fax/e-mail) del richiedente originatore della stessa e firmata in modo leggibile. La richiesta di NOTAM a scadenza prefissata oppure stimata, inoltre, verr accettata solo per periodi non superiori ai 90 giorni. Per i NOTAM stimati (EST), loriginatore dovr farsi carico, allavvicinarsi della scadenza prevista, di coordinare con lUnit AIS locale (ARO/ARO associato) o il NOF (per i tramiti usuali) la cancellazione dello stesso o la necessit di procedere, in caso di effettiva reale esigenza, alla emissione di un NOTAM sostitutivo (replacement R). In questa seconda ipotesi, stante il perdurare dellevento, loriginatore del NOTAM dovr considerare, in aderenza a quanto sopra rappresentato e a seguito di un coordinamento preventivo nei confronti di ENAV-AIS, la trasposizione definitiva dellinformazione su AIP fino a successiva eventuale nuova ulteriore modifica. NOTA 1: ai NOTAM vengono applicati i parametri operativi di sistema definiti in ambito EUROCONTROL con riferimento al Documento OPADD (Operating Procedures for AIS Dynamic Data). Tale documento disponibile presso gli ARO/ARO associato e comunque consultabile sul sito http://www.eurocontrol.int/AIS. NOTA 2: per quanto relativo allemissione anticipata di almeno 7 (sette) giorni per i NOTAM si applica quanto riportato nel Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENAC in vigore. NOTA 3: da rimarcare che lUnit AIS locale (ARO/ARO associato) o il NOF tenuto alla verifica che il contenuto formale della richiesta NOTAM corrisponda a quanto previsto dalla normativa in vigore (DOC 8126 ICAO e DOC 8400 ICAO) e potr pertanto eventualmente riproporre alloriginatore un testo pi appropriato secondo lo standard ICAO. NOTA 4: per le serie di NOTAM A-B-W necessario fornire il testo in lingua inglese, mentre per la serie C necessario fornire sia il testo in lingua italiana che in lingua inglese.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 1 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2. ACCURATEZZA E INTEGRIT DEI DATI


2.2 Generalit Occorre considerare che, in aderenza agli standard ICAO per il Sistema di Qualit delle Informazioni Aeronautiche (Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENAC e DOC 8126 ICAO), i dati posizionali e dimensionali (coordinate geografiche LAT/LON, distanze, elevazioni, ecc.) contenuti nella cartografia e parimenti riportati nelle pagine AIP descrittive devono obbligatoriamente rispondere ai previsti parametri di accuratezza e integrit, determinati in funzione della maggiore o minore criticit del dato ai fini della navigazione aerea e riportati, per facilit di consultazione, in Appendice 14.

2.3 Accuratezza Laccuratezza dei dati in ingresso allAIS da parte dei Soggetti originatori deve essere necessariamente garantita a cura degli stessi, ai sensi di quanto riportato nel Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENAC in vigore (parte I, item 10.7). Pertanto loriginatore del dato aeronautico dovr accertarsi che lo stesso, prima della trasmissione allAIS, possegga le caratteristiche di accuratezza nei termini previsti dalle tabelle di cui allAppendice 14. I termini relativi alle figure professionali ed alle procedure di riferimento per il rilievo/misura degli oggetti che costituiscono informazione aeronautica da parte degli Originatori accreditati (cfr. parte II, tabelle ai punti 4, 5 e 6) sono definite da ENAC. Loriginatore dovr quindi garantire che i dati trasmessi allAIS (ai fini sia delle pubblicazioni AIP che dei NOTAM) rispecchino i parametri di accuratezza di cui trattasi attraverso lapposizione di un segno di spunta sulla casella corrispondente allo specifico statement in calce alla modulistica richiesta NOTAM ovvero la ripetizione dello stesso in calce ai documenti trasmessi ad AIS (sia a mezzo posta che e-mail che fax). La mancanza di tale espressione di conformit allaccuratezza prevista pertan to riconduce alla esclusiva responsabil it del Soggetto originatore la mancata prosecuzione del processo di pubblicaz ione del dato entro i termini richiesti. Tale processo verr riconsiderato successivamente alla effettiva conferma avvenuta positivamente. NOTA 1: al fine di garantire la prevista accuratezza dei dati, viene suggerito agli originatori degli stessi il seguente documento di riferimento: DOC 9674 ICAO - WGS84 Manual NOTA 2: si ribadisce infine che le coordinate geografiche (LAT/LON) devono essere sempre espresse e fornite in formato datum WGS84 con laccuratezza prevista dalle tabelle in Appendice 14.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 2 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2.4 Integrit

Ai sensi del Regolamento Servizio Informazioni Aeronautiche di ENAC in vigore, lAIS responsabile della garanzia dellintegrit dei dati elettronici nei suoi sistemi informatici per lo storage, il retrieval e la transmission degli stessi dati (ambito di responsabilit rappresentato dal box celeste nel diagramma che segue).

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 3 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2.4.1

Dati critici ed essenziali destinati a pubblicazione su AIP (livello di integrit 110-8 e 110-5)

Al fine di garantire lintegrit dei dati in ingresso allAIS, i Soggetti originatori degli stessi devono attenersi a quanto segue: utilizzare la maschera elettronica (file EXCEL) messa a disposizione dallAIS e preformattata in funzione delle varie tipologie di dati trattati e nella quale sono gi riportati i dati correntemente in vigore; inserire i dati/informazioni oggetto di richiesta di modifica/implementazione (il form proposto consente di effettuare automaticamente un generale controllo di coerenza numerica del dato, es.: coordinata sessagesimale 59); eseguire lassegnazione del check di integrit (CRC a 32 bit) il cui algoritmo risiede embedded nella maschera; trasmettere il foglio EXCEL cos compilato e corredato del relativo CRC via e-mail al punto di contatto abituale dellAIS. Il dettaglio della procedura da utilizzare da parte delloriginatore riportata in Appendice 15. ENAV AIS effettuer la verifica di integrit attraverso il controllo del CRC cos acquisito, quindi: se la verifica ha dato esito positivo, a tempo debito in concomitanza con la pubblicazione AIS interessata, linformazione pertinente verr inserita tramite procedura automatizzata nel DB AIS; se la verifica ha dato esito negativo, verr richiesta alloriginatore una nuova trasmissione del dato onde reiterare la verifica stessa.

Il dettaglio della procedura da utilizzare da parte del personale AIS riportata in Appendice 16. Lo storage, la permanenza e la trattazione del dato in ambito DB AIS garantisce un livello di integrit sistemistica appropriato ai livelli richiesti tramite specifico algoritmo interno. NOTA 1: in particolare, del dato cos inserito nel DB AIS, il sistema in grado sia di mantenere il CRC originario che di effettuarne un ricalcolo e lattribuzione automatica ogni qual volta il dato stesso debba essere riutilizzato per scopi diversi dalla pubblicazione finale di cui appresso. Lo stesso sistema automatizzato garantisce la fruibilit finale del dato sulla pagina AIP di cui verr realizzato il formato PDF finale attraverso il retrieval automatico dello stesso e quindi senza alcun intervento manuale da parte del personale AIS.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 4 emendamento 6

Area Operativa - AIS

NOTA 2: a regime, e quindi ad automazione AIP completata, i formati EXCEL di cui sopra verranno integralmente e compiutamente sostituiti da apposite interfacce HTML per la trasmissione dati allAIS basate sui form cosiddetti SIF di EUROCONTROL.

2.4.2

Dati critici ed essenziali destinati a pubblicazione a mezzo NOTAM (livello di integrit 110 -8 e 110-5) per motivazioni di carattere di opportunit e/o urgenza

ATTENZIONE: I dati critical (integrity level 11 0-8) sono s ostanzialmente riferiti agli elementi di pista (si veda Appendice 14) la cui modifica deve necessariamente riportarsi ad un processo di pianificazione e quindi riconducibile, come da normativa nazionale ed internazionale, alla preventiva pubblicazione tramite provvedimento AIRAC. Pertanto un processo di trattazione di tali i nformazioni a mezzo NOTAM non pu garantirne ladeguato grado di integrit. Qualora per motivazioni di carattere di opportunit e/o urgenza, e a seguito di esplicita richiesta da parte delloriginatore, sia necessario trattare dati critical (integrity level 110-8) a mezzo NOTAM si applica quanto segue: necessario rappresentare alloriginatore del dato che la pubblicazione a mezzo NOTAM non garantisce il livello di integrit richiesto; qualora loriginatore, per le motivazioni sopraccitate, ritenga opportuno procedere alla pubblicazione del dato a mezzo NOTAM, dovranno essere applicate le procedure sotto indicate previste per i dati essential (integrity level 110-5); la richiesta di emissione NOTAM non esime loriginatore dallapplicare le procedure previste per la trasmissione allAIS del dato critical (si veda Appendice 15).

Per i dati essential (integrity level 110-5) la garanzia del mantenimento del relativo livello di integrit, qualora trattati a mezzo NOTAM, verr assicurata attraverso lesecuzione di una delle seguenti procedure: lanteprima AOIS del NOTAM trascritta a cura delloperatore NOF/ARO/ARO associato deve essere stampata e fatta ricontrollare e firmare in modo leggibile quale validazione finale da parte delloriginatore stesso, ovvero gli originatori dei dati/informazioni che dispongono del sistema AOIS elaborano la richiesta di NOTAM direttamente sulla prevista maschera di anteprima AOIS per il successivo inoltro automatico al NOF, nei casi previsti dal presente Manuale.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 5 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2.4.3

Dati routine destinati a pubblicazione su AIP/NOTAM (livello di integrit 110-3)

Per i dati classificati routine (integrity level 110-3) le procedure previste dal QMS di AIS sono considerate sufficienti a garantirne il relativo livello di integrit.

2.4.4 Dati destinati a pubblicazione su AIP (parti testuali e/o cartografia) La seguente procedura viene applicata per i file trasmessi ad AIS concernenti testo e/o grafica, ancorch non esplicitamente oggetto di requisito specifico di integrit. In questo caso richiesto alloriginatore di trasmettere i file opportunamente compressi in un archivio WINZIP o WINRAR Windows, onde consentire lassegnazione automatica di codice CRC ad ulteriore garanzia dellintegrit anche di tale tipologia di informazioni.

3. CARTOGRAFIA RIFERITA AD UN AEROPORTO


La cartografia aeroportuale (Carta di Aeroporto, Carta dei Parcheggi e altra cartografia richiesta o di cui se ne ritenga utile la pubblicazione, nonch la cartografia di competenza dellAeronautica Militare per i propri aeroporti), in aderenza alla disposizione ENAC Dip. Sic. 25537/SOP/CG. 17 del 4 Luglio 2002, e successiva corrispondenza, e a quanto previsto dal Regolamento ENAC Per la costruzione e lesercizio degli aeroporti in tema di informazioni aeronautiche, deve essere resa disponibile dai Soggetti competenti (cfr. parte II, punto 6 sezione AD, NOTA 2) allAIS secondo gli standard previsti dallAnnesso 4 e DOC 8697 ICAO (Aeronautical Chart Manual). Il regolare aggiornamento di tale cartografia dovr essere effettuato e garantito, a mezzo AIRAC/Supplemento AIP, ovvero Variante AIP a pronta copertura di eventuali NOTAM in vigore, in accordo alla procedura di seguito descritta:

3.1 Aerodrome Chart Il principale mezzo tecnico di produzione e aggiornamento della carta in titolo rappresentato da file CAD, normalmente prodotti con il software AUTOCAD oppure, per gli aeroporti gestiti da Aeronautica Militare, prodotti con il software MICROSTATION. Tale file deve essere compilato e messo a disposizione dellAIS entro e non oltre le date predeterminate di anticipo rispetto alle pubblicazioni (cfr. AIC edita annualmente sullargomento: Emendamenti AIP ed AIRAC; cfr. inoltre, nel presente Manuale, parte II, punto 6 sezione AD, NOTA 2 e para 7.4 Date significative). Nel caso di aggiornamento successivo alla prima pubblicazione della Carta, dovr essere preventivamente richiesta allAIS copia (preferibilmente via e-mail) del file corrispondente

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 6 emendamento 6

Area Operativa - AIS

alla versione della carta in vigore al momento, sulla quale quindi apportare le modifiche necessarie. Il documento (conseguentemente aggiornato o di nuova fattura) dovr quindi essere ri-trasmesso allAIS: via e-mail a cura dellAutorit aeronautica locale estensore competente (Gestore/ENAC/Aeronautica Militare) nella forma compressa indicata al precedente punto 2.4.4, a seguito dellavvenuto coordinamento con gli altri Soggetti/Autorit locali interessati secondo le procedure attivate localmente e, successivamente, quale documento cartaceo via fax (opportunamente ridotto se del caso) o via posta ordinaria munito della firma da parte della Autorit Aeronautica locale competente, individuata come da NOTA 2, parte II, punto 6 sezione AD, quale nulla-osta alla pubblicazione.

Nel caso di aggiornamenti dovuti a: 1. variazioni su dati conseguenti al rilievo/compilazione/aggiornamento della cartografia ostacoli (es. QFU, valore di declinazione magnetica e similari) per gli aeroporti sui quali ENAV esercita tale competenza; 2. variazioni minori (es.: voci di tabelle e RMK) a seguito di NOTAM permanenti in vigore chiaramente interpretabili o esplicite richieste da parte dei Soggetti originatori/Autorit responsabili, gli stessi verranno apportati direttamente da AIS (nel primo caso) ovvero (secondo caso) potranno essere apportati direttamente da AIS, previo appropriato coordinamento con i Soggetti originatori/Autorit responsabili. In ogni caso, i file revisionati verranno trasmessi via e-mail ai predetti Soggetti competenti in anticipo rispetto alla prevista data di pubblicazione su AIP per opportuna valutazione ed eventuali osservazioni. Infine, eccezionalmente e nel solo caso di comprovate temporanee difficolt nella finalizzazione del file CAD e comunque previo appropriato coordinamento con AIS, le modifiche ritenute necessarie potranno essere rappresentate sotto altra forma grafico/descrittiva, purch ne sia assicurata la indubbia leggibilit e la corretta interpretazione. In tale circostanza, AIS potr provvedere ad inoltrare una bozza coerente con le indicazioni fornite per la dovuta verifica di rispondenza ed il successivo nulla-osta autorizzativo di competenza da parte dei Soggetti originatori/Autorit responsabili alla pubblicazione in AIP che dovr essere fornito secondo le procedure di cui sopra.

3.2 Landing Chart Dal punto di vista della cartografia aeroportuale, sempre sulla scorta delle indicazioni emerse dalla corrispondenza intrattenuta tra i competenti Organi a livello centrale, le Landing Chart non-standard ICAO attualmente pubblicate devono essere oggetto di conversione in Aerodrome Chart standard ICAO a cura delle DD.AA. di giurisdizione.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 7 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Pertanto a tale processo di trasformazione si applicano le medesime procedure di acquisizione ed aggiornamento previste per le Aerodrome Charts al precedente paragrafo. Anche in questo caso si identifica la competenza di AM-CIGA per quegli aeroporti dichiarati militari.

3.3 Parking/Docking Chart La cartografia in titolo sottoposta alla stessa disciplina descritta per le Carte di aeroporto. Nel caso di aeroporti militari aperti al traffico civile, la procedura di acquisizione relativa richieder il coordinamento tra Autorit aeronautiche civili (Gestori/DD.AA.) e militari (Comando di Aeronautica Militare a livello locale e AM-CIGA a livello centrale) in funzione delleffettivo interesse e competenza di tali Autorit sugli apron e secondo le procedure attivate localmente.

3.4 Altra cartografia aeroportuale La necessit e/o lopportunit di elaborare altra cartografia aeroportuale (es. Ground Movement Chart, LVP Chart, Birds concentration in the vicinity of aerodrome, Hot Spot Chart ecc.) dovr essere definita da parte delle competenti Autorit aeronautiche aeroportuali sulla scorta della normativa internazionale in vigore e/o delle specifiche esigenze locali, coordinandone con AIS il corretto inserimento allinterno dellAIP.

3.5 AOC e PATC La cartografia in titolo, sia di competenza ENAV che di altri providers per gli aeroporti civili, sia di competenza AM CIGA per gli aeroporti militari, viene trasmessa allAIS pronta per la pubblicazione. Eventuali modifiche, qualora necessarie, dovranno essere coordinate con loriginatore, il quale provveder ad effettuarle e, successivamente, ad inviare allAIS il nuovo file pronto per la pubblicazione.

3.6 Altra cartografia La procedura descritta per le Aerodrome Chart viene applicata anche alla cartografia inerente le carte IAC/SID/STAR, ecc. di competenza di AM - CIGA. Per quanto riguarda linvio delle VAC prodotte da AM CIGA la procedura prevede che allAIS venga direttamente trasmesso il file pronto per la pubblicazione. Eventuali modifiche dovranno essere coordinate con loriginatore, che provveder ad effettuarle re-inviando all AIS il nuovo file pronto per la pubblicazione.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

Parte V - pag. 8 emendamento 6

AreaOperativaAIS

APPENDICI

ManualeAISemendamento5 Invigoredal07/04/2011

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAISemendamento5 Invigoredal07/04/2011

AreaOperativaAIS

APPENDICE1 ARGOMENTIRIFERIBILIANORMATIVA/PUBBLICAZIONI INVIGORE

1. CODICENOTAMEQUALIFIERSASSOCIATI
Siapplicaquantoprevistodal: DOC8126ICAOCapitolo6AppendiceCNOTAMSelectionCriteria.

2. NOTAMDELLANEVE:SNOWTAM
Sirimandaa: Annesso15ICAO; DOC8126ICAO; AIPItalia,paginaAD1.2; DocumentoSNOWTAMHarmonisationGuidelineseditodaEUROCONTROL.

3. MESSAGGIDIAVVISODIDISTRIBUZIONEDIPUBBLICAZIONIAIS:TRIGGERNOTAM
Siapplicaquantoprevistoda: Annesso15ICAO; DOC8126ICAO; DocumentoOPADDOperatingProceduresforAISDynamicDataeditodaEUROCONTROL.

4. DESCRIZIONEDETTAGLIATADELFORMATOSYSTEMNOTAM
Siapplicaquantoprevistoin: DOC8126ICAOCapitolo6AppendiceANOTAMformat; DocumentoOPADDOperatingProceduresforAISDynamicDataeditodaEUROCONTROL.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.1pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

5. NOTAMSELECTIONCRITERIA
Siapplicaquantoprevistodal: DOC8126ICAOCapitolo6AppendiceCNOTAMSelectionCriteria.

6. ABBREVIAZIONIICAO
Sirimandaa: AIPItaliaGEN2.2; DOC8400ICAO.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.1pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE2 DISTRIBUZIONEINITALIADEINOTAME DELLEPUBBLICAZIONIAISESTERE


1. Lutenza pu disporre degli elementi dellAIP (Integrated Aeronautical Information Package) di altri Stati con i quali lAIS ha raggiunto un accordo di scambio sulla base della normativa internazionale(Annesso15ICAO). 2. Talielementi,dinorma,consistonoin: AIP,congliemendamentiesupplementidisponibili; AIC; NOTAM(trattidalsistemaAOIS). 3. La lista degli Stati, le cui pubblicazioni sono disponibili presso il NOF e gli ARO/ARO associato pubblicatanellepagineAIPGEN3.1. 4. Gli operatori ARO/ARO associato e gli operatori aeronautici possono rivolgersi al NOF per acquisire informazioni riguardanti le pubblicazioni di altri Stati, di cui non dispongono direttamente. 5. IlNOFsvolgeorarioH24. 6. RiferimentidelNOFItalia: ViaAppiaNuova,1491 00178Roma(RM) AFTN:LIIAYNYX Tel:0679086581(linearegistrata) 0679086616(linearegistrata) Fax:0679086568 email:nof@enav.it

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.2pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.2pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE3 EMISSIONE/DIFFUSIONEDEINOTAMINOCCASIONEDI SCIOPERODELLUFFICIONOTAMINTERNAZIONALE(NOF)

1. LoscioperosarpreavvisatosecondolemodalitprevisteperglialtriEntiaziendaliATS/AIS. IntalecircostanzaverrinseritofragliEntidelpunto1.delNOTAMdiscioperoilnominativo "NOFLIIAYNYX",siainoccasionediproclamazionediscioperidelsolopersonaleNOFchedi agitazioniacaratterenazionale. 2. Qualoraritenutoopportuno,ENAVS.p.A.disporrl'inviodelseguentemessaggioesplicativoai NOFestericorrispondenti: IncaseofstrikeofATS/AISpersonnel,ItalyNOFSERVICE(LIIAYNYX)mightbelimitedto: issueanddistributionNOTAMwieandwefwithin12hoursfromendofstrike; repetitionofItalyNOTAMissuedduringstrike,ifrequested; othermsgwillbehandledafterstrike. ITALYAIS. 3. Duranteloscioperosarassicuratal'emissione/diffusionedeisoliNOTAM: relativiascioperodelpersonale; condecorrenzaWIE; conentratainvigorecompresaentro12oredalterminedellosciopero. 4. Verrannoripetuti,serichiesti,isoliNOTAMitalianiemessidurantelosciopero. 5. Ilcapoturnoprovvederaconservaretuttiimessaggiche,perlelorocaratteristiche,dovranno esseretrattatisoloalterminedellosciopero. 6. Incasodipresenzainserviziodelsolopersonalecontingentatoescioperanteverremessoun NOTAM, con validit per il periodo dello sciopero che interessa il personale presente, con il seguentetesto: ItalyNOFserviceassuredasflw: issueanddistributionNOTAMwieandwefwithin12hoursfromendofstrike. repetitionofItalyNOTAMissuedduringstrike,ifrequested. othermsgwillbehandledafterstrike. refNOTAMA. 7. In caso di presenza di personale non scioperante verr emesso un NOTAM con il seguente testo: ItalyNOFserviceassurednormally. refNOTAMA.
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.3pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.3pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE4 AGGIORNAMENTODEIDATIRIPORTATI NELLEPUBBLICAZIONIAIS

1. IlregolareecostanteaggiornamentodellAIPItaliaresopossibile,tralaltro,attraversolaverifica continuadellacorrispondenzadeidatipubblicaticonquellieffettiviacuradeiSoggettioriginatori competenti(ENAC/ENAV/AM/Gestori,ecc.),siaalivellocentralecheperiferico. TaliEnti/Societ/Amministrazionisonopertantotenuteadassicurarequantosopra,comunicando allAISleeventualicorrezionie/ointegrazionidaapportare,secondoleprocedureelanormativa riportatanelpresenteManuale,ovverointervenendodirettamente,neicasiprevisti,attraversola richiestadispecificoNOTAM. 2. Le richieste di aggiornamento dovranno seguire la prassi e le procedure di inoltro descritte nel presenteManuale,inrelazioneallemodalitetempisticheprevistedallanormativaapplicabile. 3. Lattoconclusivoditalirichieste,comedescrittonellepartispecifichedelpresenteManuale,dovr essereindirizzato(viaposta/fax)a: ENAVS.p.A.AIS ViaSalaria,716 00138Roma Fax:0681662125 supportatodalladocumentazionegiustificativadelprovvedimento. 4. In tutti i casi contemplati nel presente Manuale (es. cartografia aeroportuale) e/o nei casi di particolareurgenza,lerichiestediaggiornamentopotrannoessereanticipateviapostaelettronica allAIS,allindirizzo: ais.dataint@enav.it

seguitesuccessivamentedallarichiestaformale,comedescrittonelpuntoprecedente.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.4pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.4pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE5 PROCEDURAPERLARICHIESTADIEMISSIONEDINOTAM

1. AUTORITRESPONSABILE
Lacompetenza/responsabilitdirichiederelemissionediunNOTAMdellAutorit/Ente/Soggetto responsabile di un particolare servizio, infrastruttura, assistenza alla navigazione aerea, spazio aereo,inqualitdiSoggettooriginatoredellinformazioneaeronautica.

2. ACHIRICHIEDERELEMISSIONEDIUNNOTAM

a) Gli Uffici delle Sedi Centrali di ENAC e le Funzioni della Sede centrale dellENAV devono richiederelemissionediNOTAMdirettamentealNOFItalia,attraversolacompilazionedel relativomodellodirichiestaNOTAM(Appendice8,9e10); b) ISoggettioriginatoridiinformazionirelativeadattivitspecialigestitedallACU(Airspace CoordinationUnit),ivicompresigliUfficidelMinisterodegliInterniedellaDifesa,gliUffici della Protezione Civile e in generale le Autorit istituzionali, dovranno riferirsi alla normativa contenuta nella AIC alluopo pubblicata. La richiesta finale perverr in questo caso al NOF a cura della stessa unit ACU ovvero della D.A. ENAC di giurisdizione (per il tramitedellocaleARO/AROassociato)inaccordoaquantoriportatonellaAICdicuisopra. NOTA: esclusivamente in casi eccezionali, dettati da improvvise e immediate necessit di interdizione di spazi aerei per motivi di sicurezza, a seguito di comprovata impossibilit di coordinamento con la D.A. di competenza, le Prefetture/Questure potrannoinoltrarelerichiestediemissioneNOTAMdirettamentealNOFutilizzando comunqueilformatriportatoinAppendice8. c) InoccasionedioperazionidiRicercaeSoccorso,lerichiestediemissioneNOTAMrelative allo spazio aereo interessato dalle operazioni dovranno pervenire, a cura dei Centri di CoordinamentoeSoccorsoAM(RCC/RCS),delleCapitaneriediPortoodegliEnti/Ufficidella Protezione Civile, direttamente al NOF (a mezzo Fax o AFTN) e agli ACC competenti per territoriochedovrannoriscontrareprontamentealNOFqualenullaostaallapubblicazione delNOTAM. d) Le richieste NOTAM riguardanti informazioni pertinenti i manufatti/impianti costituenti ostacoli artificiali e connessa segnalazione (edifici, tralicci, piattaforme petrolifere, ecc.) dovranno essere inoltrate dagli Enti/Societ originatori (es. RAI, Gestori di telefonia, ENI, GestoriAeroportuali),secondoilformatinAppendice9,a: ARO/ARO associato di competenza o coubicato con la Direzione Aeroportuale (D.A.)competenteperterritorio/giurisdizione,oppure; ARO/ARO associato pi vicino rispetto allubicazione dellinfrastruttura costituente ostacolo (cfr. elenco ARO/ARO associato in Appendice 12 ed elenco

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

D.A.inAppendice13). Le informazioni relative ad ostacoli per la navigazione aerea al di fuori del complesso aeroportuale(orientativamenteoltrei15kmdallaeroporto)dovrannoessereinoltrate: agli ARO/ARO associato di cui sopra per ostacoli di altezza uguale o superiore a 100msulsuoloo45msullacqua; direttamentealNOFMilitareperostacolidialtezzainferiorea100msulsuoloo 45msullacqua,soloserelativeadavariaoripristinodisegnalazioniluminose.

NOTA: la mancanza anche parziale delle informazioni previste nello specifico format costituisce elemento invalidante rispetto alla emissione del NOTAM e pertanto qualora fosse impossibile da parte del NOF reperire tali informazioni dal Soggetto originatore, la responsabilit delleventuale mancata pubblicazione del NOTAM ricadesulloriginatorestesso. e) Gli Enti/Uffici periferici di ENAC (Direzioni Aeroportuali o Uffici territoriali) e i Gestori aeroportuali devono inoltrare la richiesta demissione NOTAM allARO/ARO associato competenteterritorialmentecheprovvederallinoltrodellastessaalNOFItalia,tramiteil sistemaAOIS. GliUfficiCentraliePerifericidiENAV(compresigliACC)inoltranodirettamentealNOFper gliargomentidipropriadirettacompetenza. f) LaFunzioneRadiomisurediENAVinoltralerichiestedirettamenteagliARO/AROassociato o agli ACC competenti territorialmente per la/e radioassistenza/e, che provvederanno allinoltrodellastessaalNOFItalia.

g) GliEnti/Comandi/UfficidellAM,siaalivellocentralecheperiferico,farannonormalmente richiestadiNOTAMalNOFItalia,periltramitedelcorrispettivoNOFmilitare. h) SpecificiOrganidellaDifesa(C.O.I.ComandoOperativoInterforze)ovverorappresentanze diplomaticheesterefarannopervenireeventualirichiestediemissioneNOTAMcorrelatead attivit militari NATO e non, allACU (Airspace Coordination Unit) il quale inoltrer la richiestaalNOFItalia.

3. COMERICHIEDERELEMISSIONEDIUNNOTAMALNOFITALIA
Le richieste che pervengono al NOF per l'emissione di un NOTAM devono essere inoltrate utilizzando il sistema AOIS (sottosistema AISAS). Esclusivamente nei casi di indisponibilit o impossibilitd'usoditaleterminale,lestessepossonoessereinoltratealNOFviaemail,AFTN,o FAXnellordine,utilizzando,comeappropriato,imodelliinAppendice8,9e10. NOTA 1: Le richieste devono essere sempre firmate in modo leggibile dall'originatore e contenereogniriferimentoutileperpoterlocontattare(tel.,fax,cell.,email).

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

NOTA 2: nel caso la richiesta NOTAM contenga dati di cui alla classificazione di integrit essential, loriginatore dovr attendere di ricevere via email/fax copia della maschera AOIS di anteprima elaborata dal personale NOF e ritrasmetterla allo stessoNOF,viafax,corredatadelnullaostadefinitivoallapubblicazioneefirmata inmodoleggibile. NOTA 3: in caso di utilizzo della email per la trasmissione della richiesta NOTAM il richiedentedovr: a) anticiparepertelefonolarichiestadiemissioneNOTAM; b) trasmetterelaemailallindirizzonof@enav.it,inserendonelcorpodeltesto, ovveroinallegato,lappositomodellodirichiesta; c) attendere dal NOF la comunicazione riguardante lavvenuta emissione del NOTAMe/operuneventualecoordinamento. NOTA4:incasodiutilizzodelFAXperlatrasmissionedellarichiestaNOTAMilrichiedente dovr: a) anticiparepertelefonolarichiestadiemissioneNOTAM; b) trasmetterelappositomodellodirichiesta; c) attendere dal NOF la comunicazione riguardante lavvenuta emissione del NOTAMe/operuneventualecoordinamento.

4. COMPITIDELLORIGINATOREDELLARICHIESTANOTAM
Loriginatore della richiesta NOTAM deve compilare in ogni parte necessaria, in lingua inglese (la traduzioneinitalianorichiestaperisoliNOTAMserieC),lappositomodello(Appendice8,9e10) econsegnarlo,otrasmetterlo,allARO/AROassociatodigiurisdizioneoalNOFItalia,secondoicasi. Per consentire la tracciabilit dei dati nel sistema di qualit AIS, la richiesta, prodotta su tale modello, deve comunque essere sempre firmata dal Responsabile della stessa (cfr. NOTA 1 del precedentepunto3)econtenereogniriferimentoutileperpoterlocontattare(tel.,fax,cell,email) perchiarimentie/oeventualipropostedimodificanonsostanziali. IlSoggettooriginatoredellarichiestahalobbligodicomunicaretempestivamenteognivariazione allasituazioneprecedentementesegnalata. Inoltre, nel caso di richiesta NOTAM contenente dati di cui alla classificazione di integrit essential,edeccezionalmenteneicasiprevistiperidaticlassificaticritical,loriginatoredovr attenderediricevereviaemail/faxcopiadellamascheraAOISdianteprimaelaboratadalpersonale addettoeritrasmetterla,viafax,corredatadelnullaostadefinitivoallapubblicazioneefirmatain modoleggibile.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

5. COMPITIDELLOPERATOREARO/AROASSOCIATO
LoperatoreARO/AROassociatodeve: verificare la congruit dellinformazione aeronautica oggetto della richiesta NOTAM e, se necessario, espletare i necessari coordinamenti con loriginatore per perfezionare la richiesta stessa; assicurarsi della completezza della documentazione a corredo della richiesta (es. richiesta del Gestore ed eventuale documento/sigla di approvazione ENAC come disciplinato dal RegolamentoperlacostruzioneeleserciziodegliAeroportinonchdalleprocedureattivate localmente),edellattestazionediconformitdeidatiaeronauticioggettodiNOTAMrispettoai requisitidiaccuratezzaedintegritdeidatiinaccordoaquantoprevistodallAnnesso15ICAO, attraverso la verifica della apposizione del segno di spunta nellapposito box del modello di richiesta; NOTA: atalepropositonecessariocheildocumentodirichiestasiastatoredattoa seguitodellavvenutocoordinamentoconglialtriSoggetti/Autoritinteressati (Gestore/ENAC/ENAV/AM),secondoleprocedureattivatelocalmente; nel caso la richiesta NOTAM contenga dati di cui alla classificazione di integrit essential, dovr produrre copia della maschera AOIS di anteprima relativa alla richiesta originaria sulla qualefarapporreilnullaostadefinitivoallapubblicazione,firmatainmodoleggibileacuradel richiedente; inoltrareprontamentelarichiestadiemissioneNOTAMtramiteterminaleAOIS; seguireognifaserelativaallemissionedelNOTAMattraversoilterminaleAOIS; produrre copia del NOTAM emesso agli interessati a seconda delle esigenze e degli accordi locali; mantenere in apposito archivio ogni documento inerente le richieste NOTAM, unitamente ad ogni precedente relativo ai dati trattati, includendo le eventuali pagine AIP interessate ed i NOTAMemessirelativamenteatalipagine.

ConriferimentoalladocumentazioneAISinpossesso,loperatoreARO/AROassociatodeve: curarelaggiornamentoregolaredellepubblicazioniAISnazionaliindotazione; curarelaggiornamentodelladocumentazionenormativadiriferimento; curare laggiornamento della cartografia messa a disposizione dellARO da parte del proprio impianto; rendere disponibili le pubblicazioni AIS nazionali in dotazione per diretta consultazione, o tramitecopia,aglioperatoriaeronauticiaccreditati(utenti)chenefaccianorichiesta; renderedisponibili,aglioperatoriaeronauticiaccreditati(utenti)cheneabbianofattarichiesta, lepubblicazioniAISinternazionaliindotazionealNOFItalia.Larichiestadovressereinoltrata telefonicamentealNOFItaliaacuradelloperatoreARO/AROassociato.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

6. INDIRIZZIDAUTILIZZARE NOFItalia
AFTN:LIIAYNYX
Tel:0679086581(linearegistrata) 0679086616(linearegistrata) FAX:0679086568

email:nof@enav.it

NOFMilitare
AFTN:LIICYNYX Fax:0691294347 Tel:0691292205(linearegistrata) email:ita.milais@aeronautica.difesa.it

ACU
AFTN:LIICYOYC Fax:0679086678 Tel:0679086677 email:ermete.retrosi@enav.it

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.5emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.5pag.6emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE6 NORME,DEFINIZIONIEPROCEDUREPERLACORRETTA TRATTAZIONEDEINOTAM

1. OPADDDIEUROCONTROL
Il documento OPADD di EUROCONTROL stabilisce le linee guida per il trattamento dei NOTAM, il cui contenuto, pertanto, da ritenersi indicativo in termini procedurali e normativinellacorrettatrattazionedeglistessi. Ildocumentoreperibilealseguenteindirizzo: www.eurocontrol.int/aim/gallery/content/public/pdf/OPADD_Ed%2030_Released.pdf

2. PROCEDUREOTTIMIZZATE

2.1ElaborazionedeltestodeiNOTAM

NellaelaborazionedeltestodeiNOTAM,esclusivamenteallindicazionedelsoggetto(2e3 lettera del NOTAM CODE) ed alla sua condizione (4 e 5 lettera del NOTAM CODE), si consiglia lutilizzo del testo in chiaro riportato nelle voci pubblicate nel NOTAM Selection Criteria del DOC 8126 ICAO (lutilizzo di acronimi consentito a condizione di non modificareilsensoelaleggibilitdeltesto). EsempiodiNOTAMincuisiutilizzaladecodificadelNOTAMSelectionCriteria: CodiceNOTAM:QIDAS Testo:DMEASSOCIATEDWITHILSRWY12UNSERVICEABLE. Per comporre il testo del NOTAM possibile utilizzare i soli acronimi pubblicati nel DOC 8400ICAO(intalcasoconsigliatononcombinarlicongliacronimidelNOTAMSelection CriteriaDOC8126ICAO). EsempiodiNOTAMincuisiutilizzaladecodificadelDOC8400: CodiceNOTAM:QIDAS Testo:ILSDMERWY12U/S
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

2.2NOTAMsuradioaiutidinavigazione
InrelazioneaquantoindicatoneldocumentoOPADDdiEUROCONTROL,siresanecessaria unarimodulazionedelleprocedureconnesseallemissionedeiNOTAMrelativiaradioaiuti dinavigazione. Premesso che lOPADD prescrive lemissione di pi NOTAM in relazione alle singole radioassistenze che servono pi aeroporti, tenendo conto delle AWY, SID, STAR e IAC associate,eperunacorrettaquantocapillaredistribuzionedellinformazionetramiteilPIB (PreFlight Information Bulletin), si elaborato il seguente specchietto che consente la determinazioneesattadellalocalizzazionedeiNOTAMrelativiairadioaiuti. 2.2.1 Definizionedelletipologiediradioaiutidinavigazione

R/AAD
radioaiuto ubicato entro un raggio di 20NM dallARP di uno o pi aeroporti aperti al trafficocivile,sullaqualenonsiattestialcunaaerovia,nesiadicompetenzadellAM,ma chesiaassociataalmenoadunaprocedurastrumentalediunoditaliaeroporti;

R/AENR
radioaiuto non associato a procedure strumentali di aeroporto, aperto al traffico civile, masulqualesiattestialmenounaerovia; radioaiuto non associato ne a procedure strumentali di aeroporto, aperto al traffico civile,neaeroviemasiadicompetenzadellAM.

R/AADENR
radioaiutochesiaubicatoentrounraggiodi20NMdallARPdiunoopiaeroportiaperti al traffico civile, che sia associato almeno ad una procedura strumentale di uno di tali aeroportieche: servaalmenounaeroviae/o siadicompetenzadellAM

radioaiutocheservaprocedurestrumentalidiunoopiaeroportiapertialtrafficocivile edubicatoadunadistanzamaggioredi20NMdaognunodiquesti,indipendentemente daqualunquealtracondizione. 2.2.2 LocalizzazioneequalificazionedeiNOTAMrelativiaradioaiuti Inbaseallatipologiadeiradioaiutisiapplicaquindilaseguenteproceduradilocalizzazione.

R/AAD
NOTAM localizzato su ognuno degli AD interessati (nelle diverse serie previste per ogni aeroporto),SCOPEA.
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

R/AENR
NOTAM localizzato nella FIR in cui il R/A ENR collocato, in serie A, SCOPE E e LOC TYPE FIX.

R/AADENR
NOTAMlocalizzatosulpreminentetragliADserviti,postoamenodi20NMdidistanza, serie A indipendentemente da quale sia quello previsto per quellAD, SCOPE AE e LOC TYPEAFX.InoltreemessounNOTAMperognunodegliaeroportirimanenti,nellaserie peressiprevista,SCOPEA. NOTAMlocalizzatonellaFIRincuiilR/AADENRcollocato,serieA,SCOPEEeLOCTYPE FIX. Inoltre emesso un NOTAM per ognuno degli AD aperti al traffico civile serviti, nellediverseserieperessipreviste,SCOPEA. 2.2.3 ComeemettereiNOTAMrelativiaradioaiuti a. Il primo NOTAM che si emette si localizza come FIX (se sulla FIR) o come AFX (se sullaeroporto),neltestodeveesseresempreriportatoilnomedellastazione,iltipodi R/A,lasiglatriletteraledelR/A,lafrequenzaeloggettodelNOTAM. Esempio: COMNA)BOLOGNA/BORGOPANIGALE AFXB)30JUN200608:48C)30JUN200610:30EST BOAE)BOLOGNAVOR/DMEBOA112.20MHZCH59XAVBLASFLW: VOROPR,DMEUNSERVICEABLEDUETOMAINT. Q)LIMM/QNMXX/IV/BO/AE/000/999/4432N01117E025 b. IsuccessiviNOTAM(tantiquantisonogliADinteressatiinrelazionealleSID,STAReIAC) vannolocalizzatisuognisingoloaeroporto(AIR)edebbonocontenereneltestoilnome della stazione, il tipo di R/A, la sigla triletterale del R/A, la frequenza e loggetto del NOTAM. Esempio: COMNA)VENEZIA/TESSERA AIRB)23JUN200622:00C)28JUN200604:30 LIPZD)DAILY22000430 E)VICENZAVOR/DMEVICFREQ113.400MHZCH81XUNSERVICEABLE Q)LIMM/QNMAS/IV/BO/A/000/999/4530N01221E001 c. Limitatamente ai NOTAM temporanei, non necessario indicare il riferimento allAIP Italia. d. Nei NOTAM che trattano linstallazione di nuovi apparati di radionavigazione (VOR, TACAN etc.) si consiglia lutilizzo del QCODE: QCS (nuovo apparato INSTALLED) indipendentemente se sia o meno ON TEST e fino alla pubblicazione permanente del
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

NOTAM. e. INOTAMchetrattanoRADIOAIUTIcoubicatie(vediGEN2.5ancheperlalocalizzazione), dovranno contenere per ognuna dei radioaiuti coubicati, la condizione al momento dellemissione,(es.ALGHEROVORTACAHOFREQ130.5AVBLASFLW:VORAVBL,TACAN UNSERVICEABLE). f. In caso di emissione NOTAM relativo ad un DME associato con un ILS il testo dovr esseredeltipo: DME ASSOCIATED WITH ILS RWY 12 UNSERVICEABLE o appropriato, utilizzando il QCODE:QIDAS.

2.3Regoleeprocedurevarie
1. NOTAMserieAeW: a. INOTAMdiSERIEA(dalocalizzaresullaFIResuunareaAISASquandoappropriato) da emettere circa lOrganizzazione, struttura e modifica dello spazio aereo riguardano informazioni relative allistituzione/modifica delle FIR/UIR, TMA, ATS route, CTR e delle ROTTE VFR che non abbiano come destinazione un aeroporto, listituzione/modificapermanentedellezoneP/R/D/TSA/CBAedelleareepubblicate inAIPItaliaENR5; b. lerotteVFRda/perunaeroporto(limitatamenteallultimotratto)seguonolaseriee lalocalizzazionedellaeroportointeressato; c. i NOTAM relativi alle procedure che si sviluppano allinterno di un CTR seguono la serieelalocalizzazionedellaeroportointeressato. d. i NOTAM appartenenti alla serie W hanno la stessa distribuzione prevista per i NOTAMdiserieAe,oltreaquantoelencatoinAIPGEN3.1,contemplanoiseguenti argomenti: NOTAMchetrattanomateriaRACW; istituzione/attivazione/modificadiareetemporaneeperattivitspeciali; attivazione/disattivazioneomodificatemporaneadellezoneP/R/D/TSA/CBAe diquellepubblicateinAIPItaliaENR5; attivazione/disattivazionediareerelativeadattivitdiRicercaeSoccorso. 2. Per i NOTAM che informano di RADAR SER non disponibile (per qualsiasi ragione), riconducibileagliACCoagliSCCAMdellAM,siprescrivelutilizzodelQCODEQSCLTed untestodeltipoACC/SCCAMSECTORNWAVBLWITHOUTRADAR,DUETOAPPARATUS ONMAINT. 3. TrattazionedeiNOTAMinerentiiCTR: a. Modifiche dei limiti orizzontali e verticali, installazioni di apparati radar con indicazione di tipo, codici, modo e limitazioni nella copertura e/o limitazioni operative dellapparato (non i giorni/orari di manutenzione/servizio), variazioni alla classedelCTR,altitudinielivelliditransizioneeognialtrainformazionericonducibile alla struttura/organizzazione dello spazio aereo, norme per il traffico VFR non inerenti lutilizzo di un aeroporto. Queste notizie vanno pubblicate in un unico NOTAMcomesegue:
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

SerieA CodiceNOTAM:QACYY(ancheperinstallazionidiradar) Localizzazione:FIR/CTR Scope:E LOW e UP della linea qualifiers: quelli pubblicati o quelli eventualmentevariati Testo:iniziareconilnomeinchiarodelCTR(es.RIACECTR) RiferimentoallAIPItalia:ENR2.1.XX

b. Servizio di avvicinamento e call sign, orari, frequenze, radar maint/indisponibilit temporanea,equantononcontemplatonelprecedentepuntoa.Questiargomenti vannotrattaticomesegue: b.1. emissionediunNOTAMcomedescrittoalprecedentepuntoaconilcodice NOTAMQSPYYoappropriato; b.2. un NOTAM per ogni aeroporto aperto al traffico civile presente allinterno dellaCTR,conleseguenticaratteristiche:

Serie:quellaprevistaperlaeroporto, CodiceNOTAM:QSPYYoappropriato, Localizzazione:sullaeroporto, Traffic:IVperleserieNOTAMAeB;VperlaserieNOTAMC, Scope:A, RiferimentoallAIPITALIA:ADoENR,comeappropriato.

4. Nei NOTAM che trattano il Servizio di Controllo di Aeroporto con lausilio del RADAR (ENR16)siconsiglialusodelQCODEQSTLT,etesto AERODROMECONTROLSERVICE PROVIDEDWITHOUTRADARDUETOAPPARATUSONMAINToappropriato.

5. INOTAMrelativiairadarMETEOROLOGICI(MilanoLinateeRomaFiumicino)devono:

esserelocalizzatosullaFIR(LIMMperMilano,LIRRperRoma), avereilQCODEQXXAS, esseretrattaticomemateriaRACS, edavereuntestodeltipo:RADARMETMILANO/ROMAOUTOFSERo comeappropriato.

6. INOTAMrelativiagliSCCAM:

possonoessererichiestiesclusivamentedalNOFMILITARE; devono contenere informazioni relative alle frequenze, orari di servizio (ENR2.1.1),codiciradar(ENR1.6)ealleareedicompetenza(ENR5.1); devono essere localizzati con LOC TYPE ARE seguito dal nominativo AISASdellACCappropriato; il QCODE deve essere, al pari di quello utilizzato per le notizie relative agliACC,QSC.

7. IncasodiNOTAMrelativiadAeroporticheintendonofarriferimentoagliorariHJ,HN, SR e SS, nel para B e C del NOTAM vanno inseriti gli orari riportati nelle pagine AIP GEN27relativealleeffemeridideisingoliAeroportiapertialtrafficocivile.
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.5emendamento5

AreaOperativaAIS

8. Nei NOTAM aeroportuali che trattano gli orari (estensione o nuovo orario) delle struttureaeroportualiedeiserviziATSdovrannoessereelencatituttiiservizicoinvolti coscomeriportatinellADITEM3ORARIODISERVIZIOe dovressereutilizzatoilQ CODE:QFAAH. NelcasoincuiiservizicoinvoltisianosoloquellifornitidaENAVsiconsiglialutilizzodel QCODEappropriato(es.QSFAHAFIS)ovveroQXXAH(RACScomemateria)seiservizi ENAVsonopidiuno,mentreilriferimentoallAIPdovressereallatabellariportantei serviziATSerogati. PerlacreazionediNOTAMtemporaneirelativiavariazionidegliorarideiservizirispetto aquellipubblicatiinAIPvalgonoleseguentiregole: a. Riduzionedellorariodiservizio:iltestodeveesserecompilatocomechiusuradel servizioe

1) incasodiposticipodellorariodiaperturailNOTAMrelativovaemanatocon: ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi


normaleaperturadidettoservizio,comepubblicato;

ItemC)contenenteladatadifinevaliditdellanotiziaelorariodinuova
aperturadelservizioinquestione;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e lasso orario di attivit (schedule)chesiestendedalloradinormaleaperturaaquellanuova, dovendo queste coincidere con quelle riportate negli Item B) e C) rispettivamente.

2) incasodianticipodellorariodichiusurailNOTAMrelativovaemanatocon: ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi


nuovachiusuradelservizioinquestione;

Item C) contenente la data di fine validit della notizia e lorario di


normalechiusuradidettoservizio,comepubblicato;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e lasso orario di attivit (schedule)chesiestendedalloradinuovachiusuraaquellanormale, dovendo queste coincidere con quelle riportate negli Item B) e C) rispettivamente.

3) in caso di posticipo dellorario di apertura e anticipo dellorario di chiusura il


NOTAMrelativovaemanatocon:

ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi
normaleaperturadidettoservizio,comepubblicato;

Item C) contenente la data di fine validit della notizia e lorario di


normalechiusuradidettoservizio,comepubblicato;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e due lassi orari di attivit (schedules) che si estendono il primo dallora di normale apertura a
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.6emendamento5

AreaOperativaAIS

quellanuovaeilsecondodalloradinuovachiusuraaquellanormale dovendo gli estremi coincidere con quanto riportato negli Item B) e C) rispettivamente. b. Estensione dellorario di servizio: il testo deve essere compilato come estensione delservizioe

1) incasodianticipodellorariodiaperturailNOTAMrelativovaemanatocon: ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi


nuovaaperturadelservizioinquestione;

Item C) contenente la data di fine validit della notizia e lorario di


normaleapertura,comepubblicato,didettoservizio;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e lasso orario di attivit (schedule) che si estende dallora di nuova apertura a quella vecchia, dovendo queste coincidere con quelle riportati negli Item B) e C) rispettivamente.

2) incasodiposticipodellorariodichiusurailNOTAMrelativovaemanatocon: ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi


normalechiusura,comepubblicato,delservizioinquestione;

ItemC)contenenteladatadifinevaliditdellanotiziaelorariodinuova
chiusuradidettoservizio;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e lasso orario di validit (schedule)chesiestendedalloradinormalechiusuraaquellanuova, dovendo queste coincidere con quelle riportate negli Item B) e C) rispettivamente.

3) incasodianticipodellorariodiaperturaediposticipodellorariodichiusurail
NOTAMrelativovaemanatocon:

ItemB) contenenteladatadientratainvigoredellanotiziaelorariodi
nuovaaperturadelservizioinquestione;

ItemC)contenenteladatadifinevaliditdellanotiziaelorariodinuova
chiusuradidettoservizio;

Item D) compilato con i giorni (identificati dalle date precise oppure dai
generici weekdays) cui la modifica si applica e due lassi orari di attivit (schedules)chesiestendonoilprimodalloradinuovaaperturaaquella normale e il secondo dallora di normale chiusura a quella nuova dovendo gli estremi coincidere con quanto riportato negli Item B) e C) rispettivamente. c. Nei rimanenti due possibili casi di modifiche temporanee agli orari di servizio, ossia

1) aperturaechiusuraentrambeposticipate;
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.7emendamento5

AreaOperativaAIS

2) aperturaechiusuraentrambeanticipate,
gli Item B) e C) vanno compilati combinando i vecchi orari ed i nuovi in modo da comprendere il maggior lasso di tempo possibile, non va utilizzato lItem D) e i nuovioraridiserviziovannodescrittineltestodelNOTAM. IncasodimodifichepermanentiaglioraridiservizioilNOTAMdovravereunItemB) taledagarantirelacoperturaorariarispettoaquantopubblicatoenellItemC)PERM.I nuoviorarivannopubblicatineltestodelNOTAM. ComeintuttiiNOTAMPERMluso dellItemD)nonMAIconsentito. SeguonoesempidiNOTAMperestensionediorario: a. b. c. 9. I dati posizionali/dimensionali devono essere espressi con il grado di risoluzione di cui alletabelleriportateinAppendice14. 10. Perleinformazionidiriferimento,nellerichieste di emissioneNOTAMindispensabile da parte delloriginatore inserire nel campo REQUESTING DATA: UNIT della maschera AISAS il proprio indirizzo AFTN; lindirizzo LIIAYNYX potr essere aggiunto in caso di riemissione da parte del NOF. E da evitare qualsiasi altra indicazione. Va inoltre ricordatocheloperatoreARO/AROassociato(ochiunqueutilizzilAISASpereffettuare richieste emissione NOTAM) ha a disposizione un tasto funzione chiamato RMK che deve essere utilizzato per registrare qualsiasi commento o coordinamento effettuato, nonch eventuale nome/email ecc. relativi all originatore delle informazioni da pubblicare. 11. Un NOTAM non pu cancellare una AIC (Aeronautical Information Circular) ma pu essere utilizzato per dichiararne decaduto il contenuto. Normalmente lAIS, o loriginatore dellargomento contenuto nella AIC stessa, che pu disporne la cancellazioneattraversolemissionedinuovaAICodellachecklistAIC. 12. Riferimenti AIP: possibile fare riferimento alle pagine di una pubblicazione, anche se non ancora ricevuta nel formato cartaceo, solo a partire dalla data di pubblicazione stessa; nel NOTAM pu essere aggiunto come riferimento nel testo, ad esempio AMDT/AIRAC/SUP11/10DATED15/11/2010INCOURSEOFDISTRIBUTION. 13. il significato dellacronimo ACFT (AEROMOBILE) macchina volante, (HEL compreso), mentre il significato di AIRPLANE (VELIVOLO) macchina volante con ali fisse (HEL escluso). 14. Perviedirullaggio(TWY)siintende: percorsodefinitosuunaeroportosuterra,istituitoperilrullaggiodiaeromobiliconlo scopodifornireuncollegamentotraunapartedellaeroportoeunaltra;comprendente: QFAAH AD SERVICES HR EXTENDED: AIS, ARO, MET, ATS, HANDLING, FIRE FIGHTING. QSFAHAFISHREXTENDED. QXXAH(materiaRACS)AFISANDAROSERHREXTENDED.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.8emendamento5

AreaOperativaAIS

a. Raccordo di accesso alle piazzole (ACFT Stand Taxi Lane). Porzione di un piazzale adibita a via di rullaggio per consentire laccesso solo alle piazzole di sosta degli aeromobili; b. Via di rullaggio sul piazzale (Apron TWY). Porzione di un sistema di vie di rullaggio istituita su un piazzale allo scopo di fornire un percorso di rullaggio attraverso il piazzale; c. Raccordo di uscita rapida (Rapid Exit TWY). Via di rullaggio collegata ad angolo acuto con la pista, concepita per permettere ai velivoli in atterraggio di liberare la pistaavelocitsuperioriaquelleconsentitedaaltriraccordidiuscita,minimizzando cositempidioccupazionedellapista; Nella elaborazione dei NOTAM si dovr sempre utilizzare lacronimo TWY e, dove appropriato,ledicitureprevisteaipuntia,b,c. 15. ValiditdeiNOTAM. a. UnNOTAMsiintende: VALIDO,traladatadellasuaemissioneelasuascadenza(itemC); InVIGORE,traladatadiiniziovalidit(itemB)elasuascadenza(itemC); ATTIVO,traladata/orarioindicatinellItemBeladatadellasuascadenza(Item C)/cancellazione/rinnovo;nelcasodipresenzadiperiodinellitemDilNOTAM attivosolointaliperiodi. IlNOTAMpuavereunadatadientratainvigorefuturaregolatacomesegue: Le funzioni AIS, PSA e CET e il NOF militare (questultimo limitatamente a NOTAM relativi agli Ultra Light MachineULM) possono richiedere emissione NOTAM con anticipo di 42 giorni rispetto alla data di entrata in vigore (tempisticaAIRAC); perglialtriEntilanticipomassimoaccettabilesardi30giorni; 16. Funzionamento luci. Nei NOTAM con i quali si vuole comunicare che le luci di RWY, di TWY o dellarea di MOVIMENTO sono funzionanti alternativamente (1 s e 1 no) si utilizzalespressioneEVERYOTHERWORKINGoppureEVERYSECONDWORKING. 17. NellafasedipredisposizionedelNOTAMindispensabilevalutaresenellanotiziachesi vuole pubblicare leffetto sia pi importante della causa che lo determina (OPADD). In caso di richiesta specifica di emissione NOTAM inerente a operazioni di movimento a terradaeseguireconcautelaenon,adesempio: a. b. se sono citate le piste in operazioni di LDG/TKOF il QCODE QMRXX; (es.: LDG/TKOFconprecauzionepersfalcioerba,lavorietc.); se sono citate le sole operazioni di TAXIING relative a combinazioni di due o pi soggetti tra quelli che definiscono larea di MOVIMENTO (TWY, TWYL, piazzali, parcheggi), dellintera area di MOVIMENTO o senza soggetto particolareilQCODEQMA..(es.:TAXWITHCTNDUETOGRASSCUTTING); sesonocitatelesoleoperazionidiTAXIINGnelleTWYe/oiTWYLilQCODE QMX..; sesonocitatisoloiparcheggioipiazzaliilQCODEQMN..peripiazzalie QMK..periparcheggi.

c. d.
ManualeAIS

Invigoredal07/04/2011

APP.6pag.9emendamento5

AreaOperativaAIS

18. I NOTAM che trattano notizie relative a REGOLAMENTO DEL TRAFFICO LOCALE, afferenti quindi alla sezione AIP AD ITEM 20 (uso preferenziale delle piste, delle TWY, utilizzo dellAPRON, procedure speciali applicabili agli aeromobili in condizioni di bassa visibilit, limitazioni/ritardi nelle operazioni di LDG/TKOF, followme assistance mandatory, etc.), sono normalmente dei NOTAM PERM per i quali previsto lutilizzo delQCODEQFAXX.RientranoinquestaareatematicaancheiNOTAMchecontengono informazionirelativeallecategorieaeroportuali. 19. Per i NOTAM che trattano inefficienza della AFTN, del sistema AOIS, di telefoni e di apparatiutilizzatipressogliARO/AROassociato,siutilizzailQCODEQSBLTeduntesto deltipoAROLIMITEDDUETOAFTNUNSERVICEABLE. 20. NOTAM di cancellazione. Nel testo dei NOTAM di cancellazione occorre riportare uninformazionetrattadalNOTAMoggettodellacancellazione. Lesempio che segue la cancellazione di un NOTAM emesso per una restrizione a causadiDEMOLITIONOFEXPLOSIVES: OVERFLYING WI 700M RADIUS OF 454941N0090517E /BLEVIN COMO/ RESTRICTION CNL. 21. NOTAM su ostacoli. Gli ostacoli aeroportuali vanno localizzati sullaeroporto con lo SCOPEAmentregliostacolilocalizzatisullaFIRdevonoavereloSCOPEE. SiricordacheinambedueicasiiNOTAMnondevonoconteneregliITEMF)eG).Solo per gli ostacoli in rotta, lelevazione espressa in AMSL deve essere trattata negli ITEM LOW/UP calcolata come livello di volo, con lo stesso principio di arrotondamento descrittoinOPADD(peres.:unostacolodi300ftAMSLsuicampiLOW/UPdeveessere inserito000/003).

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.6pag.10emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE7 ESEMPINOTAM

Gli esempi che seguono hanno lo scopo di contribuire al raggiungimento di una standardizzazionedeitestideiNOTAM,conlobiettivoprincipaledipermettereunalettura nonequivocadellinformazioneaeronauticaeduncorrettotrattamentoinformatizzato. 1. ESEMPIO
(siriferisceadunTRIGGERNOTAMrelativoallapubblicazionediunAIPAIRACAIPAMDT) A)REGGIOCALABRIA B)23SEP201000:00 C)06OCT201023:59 E)TRIGGERNOTAMPERMAIRACAIPAMDT8/10EFFECTIVEDATE23SEP2010HOTSPOTMAP PUBLICATION AIRACISPOSTEDANDAVBLONWEBSITEWWW.ENAV.IT Q)LIRR/QFATT/IV/BO/A/000/999/3804N01539E005

2. ESEMPIO
(il seguente NOTAM relativo alla nuova installazione di una radioassistenza di rotta, non ancora operativa,inattesadicontrolloinvolo) LIXX1B0495/200729/01/2007 COMNA)FOGGIA/GINOLISA AIR B)29JAN200712:43C)01MAR200722:59EST LIBF E)VOR/DMENEWEQPTINSTALLEDONTEST,DONOTUSEFOROPRPURPOSES. VORCHARACTERISTICS: IDENT'FGG' FREQ115.800MHZ HRSERH24 COORD412546.2N0153152.9E(WGS84) DMECHARACTERISTICS: IDENT'FGG'
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.7pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

CH105X HRSERH24 COORD412546.4N0153152.5E(WGS84) ELEV92.96MAMSL Q)LIBB/QNMCS/IV/BO/A/000/999/4126N01532E005

3. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoallinefficienzadiunapartediradioassistenza) LIXX1A0556/200707/02/2007 COMNA)FIRENZE/PERETOLA AFX B)07FEB200711:58C)12FEB200710:00EST FRZ E)FIRENZEVORTACFRZ115.20MHZ/CH99XAVBLASFLW: VOROUTOFSER,TACANAVBL. Q)LIMM/QNTXX/IV/BO/AE/000/999/4401N01100E025

4. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoalripristinodellavariadiunaradioassistenza) LIXX1A4391/200622/08/2006 COMNA)ANCONA/FALCONARA AFX B)22AUG200613:10 ANC E)ANCONAVOR/DMEANCFREQ118.5MHZ/CH34YRESUMEDNORMALOPS Q)LIMM/QNMAK/IV/BO/AE/000/999/4335N01328E025

5. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoallaindisponibilitdelsottosistemaAISASdelsistemaAOIS) LIXX1B3014/200615/06/2006 RACS A)GROSSETO AIR B)15JUN200619:00C)16JUN200620:00EST LIRS E)AROLIMITEDDUETOAISAS(AERONAUTICALINFORMATIONSERVICE AUTOMATEDSYSTEM)UNAVAILABLE
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.7pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

REFAIPGEN3.17 Q)LIRR/QSBXX/IV/NBO/A/000/999/4245N01104E005

6. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoalradarMETfuoriservizio) LIXX1A0093/200709/01/2007 RACSA)ROMAFIR SPRB)09JAN200710:21C)07FEB200710:00EST E)RADARMETROMAHASINITIALOPERATIONCAPABILITY. REFAIPGEN3.57 Q)LIRR/QXXCT/IV/NBO/E/000/999/3953N01316E338

7. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoadunaattivitpirotecnica) LIXX1W4309/200622/08/2006 RACWA)ROMAFIRROMAW COOB)14SEP200620:30C)14SEP200622:30 E)FIREWORKSDISPLAYWILLTAKEPLACEWIRADIUS0,25NMAROUND414911N 122052E/PONTEGALERIAWROMA/ELEV70MAGL F)GNDG)70MAGL Q)LIRR/QWMLW/V/BO/W/000/005/4149N01220E001

8. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoallinefficienzadellelucibordodiunapistainmodoalternato) LIXX1B0648/200309/02/2003 AGALA)REGGIOCALABRIA AIRB)09FEB200318:38C)14FEB200323:00EST LICRE)RWY11/29EDGELGTEVERYSECONDWORKING. REFAIPAD2LICR15 Q)LIRR/QLEXX/IV/NBO/A/000/999/3804N01539E005
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.7pag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

9. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoallarealizzazionediunostacoloENR5.4) LIXX1A2339/200809/05/2008(REPLACEDBY1A2340/2008) RACOA)BRINDISIFIRFOGGIANNW COOB)09MAY200811:53C)PERM E)REFAIPENR5.4.1 NEWOBSTERECTEDLATTICETOWERDISTRICTFOGGIATOWNMASSERIAPAONISITERUINI, PSN(WGS84):413537N0152731E ELEVAGL102.5M/336FT,ELEVAMSL152M/499FT, ICAOSGLPROVIDED Q)LIBB/QOBCE/IV/M/E/000/005/4135N01527E005

10. ESEMPIO
(ilseguenteNOTAMrelativoallarealizzazionediunostacoloaeroportuale) LIXX1A2591/200615/05/2006 RACOA)BRINDISICASALE AIRB)15MAY200607:17C)PERM LIBRE)OBSTLATTICETOWERERECTEDPSN392214.32N152417.12E(WGS84) 900MAFTTHR32400MRIGHTSIDERCLELEVAGL33.0M/109.0FT ELEVAMSL48.0M/158.0FTICAOSGLPROVIDED. REFAIPAD2LIBF31 Q)LIBB/QOBCE/IV/M/A/000/999/4039N01756E005

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.7pag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE8

IINTESTAZIIONE DEL RIICHIIEDENTE NTESTAZ ONE DEL R CH EDENTE LEMIISSIIONENOTAM L EM SS ONE NOTAM
ResponsabilechetrasmettelarichiestaNOTAM: .. TEL: FAX: Email:.

Prot................... .............................,li.................... AllENAVS.p.A.NOFItalia AeroportoCiampino Tel0679086581 0679086616 Fax0679086568

OGGETTO:

RICHIESTAEMISSIONENOTAMDIDIVIETODISORVOLO

Inoccasionedi...........................(*) chesiterrinlocalit................................................., laPrefettura/Questuradi....................,alloscopodigarantirelordinepubblicoesicurezza, richiededivietareilsorvolodidettalocalitatuttoiltrafficoaereo......................................(**) Pertanto,inbaseallArt.793delCodicedellaNavigazione,sirichiedelemissionediunNOTAMdidivietodisorvolodalleore .............locali,alleore..............locali, atuttoiltrafficoaereo..................(**) sullareaaventeleseguenticaratteristiche: LIMITILATERALI: COORDINATEGEOGRAFICHEgradigradigrad.noNgradigradigrad.noE (LAT/LONespressenelsistemaWGS84) gradiminutisecondi.decgradiminutisecondi.dec
ovvero

ENTROUNRAGGIODI.................NM DALPUNTODICOORDINATEgradigradigrad.noNgradigradigrad.noE
(LAT/LONespressenelsistemaWGS84) gradiminutisecondi.decgradiminutisecondi.dec

LIMITIVERTICALI dalsuoloa......................FTAGL(AboveGroundLevel) UBICAZIONERISPETTOAUNALOCALITANOTANELLEVICINANZE.......................................................... (es.NWASSISI) OGNIALTRANOTIZIARITENUTAUTILEPERLASICUREZZADELLANAVIGAZIONEAEREA ...................................................................................................................................................................................... .......................................................................................... (es.chiusuradiunAeroporto) I dati posizionali e dimensionali (coordinate geografiche LAT/LON, distanze, elevazioni, rilevamenti) sono coerenti con i valori di
accuratezzaedintegritprevistidallanormativainmateria(Annesso15ICAO).

FIRMALEGGIBILE ___________________________

(*)Specificaresemanifestazionepubblica,visitadipersonalit,brillamentodiordignoesplosivooaltroevento. (**)IndicaresesoloVFRoancheIFRinrelazionealmotivopostoallordinedeldivieto.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.8pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.8pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE9

IIN T E S T A Z IIO N E D E L R IIC H IIE D E N T E NTESTAZ ONE DEL R CH EDENTE LEMIISSIIONENOTAM L EM SS ONE NOTAM
ResponsabilechetrasmettelarichiestaNOTAM: .. TEL: FAX: Email:.

Prot................................................,li.................... AllARO/AROasssociato Aeroportodi. Tel. Fax.

OGGETTO:

RICHIESTAEMISSIONENOTAMRELATIVOA: EREZIONE/DISMISSIONEOSTACOLO SPEGNIMENTO/RIPRISTINOLUCIDISEGNALAZIONEOSTACOLO.

Si richiede lemissione NOTAM relativo a ............................................................................................................. (specificareseinnalzamento/dismissioneospegnimento/ripristinoluci) dellostacolositoinlocalit


....................................................................................................................................................................................

(es.STANGA), Comunedovelostacolosituato
.....................................................................................................................................................................................

(es.PADOVA), coordinategeografiche (LAT/LONespressenelsistemaWGS84) tipodellostacolo altezzainmetriopiedidalsuolo

gradigradigrad.noNgradigradigrad.noE
gradiminutisecondi.decgradiminutisecondi.dec

.................................................................................................................................................................................... ......................................................................................................................................................................................

elevazioneinmetriopiedisullivellodelmare
.....................................................................................................................................................................................

durataprevistadellinnalzamentoodatadiprevistoripristinodelleluci
...................................................................................................................................................................................

eventualeprecedenteNOTAMdiriferimento
....................................................................

NOTA:Ilripristinodelleluci,ancheprimadelladatapresunta,deveesseresemprecomunicatotempestivamente.

I dati posizionali e dimensionali (coordinate geografiche LAT/LON, distanze, elevazioni, rilevamenti) sono coerenti con i valori di accuratezzaedintegritprevistidallanormativainmateria(Annesso15ICAO).

FIRMALEGGIBILE
__________________________________

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.9pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.9pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE10
(NOFTELEFAX0679086568)
PROT_______________del______________

RICHIESTAEMISSIONENOTAM
DATA (DATE)

RICHIEDENTE(REQUESTFM) TEL.__________

FAX

EMAIL

NOTAM

A B C D F G

(N,R,C)(perReCindicareserie,numero,annodelNOTAMinteressato) LOCALITAICAO INIZIOVALIDITA FINEVALIDITA PERIODOVALIDITA LIMITEINFERIORE LIMITESUPERIORE


TESTOITALIANO (soloperNOTAMserieC):

WIE EST WEF PERM

TESTODELNOTAM

ENGLISHTEXT: REFAIP.

I dati posizionali e dimensionali (coordinate geografiche LAT/LON, distanze, elevazioni, rilevamenti) sono coerenti con i valori di accuratezzaedintegritprevistidallanormativainmateria(Annesso15ICAO).

FIRMALEGGIBILE __________________________________ ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.10pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.10pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE11 NOTAMSELECTIONCRITERIA

Vedere le tabelle pubblicate nellAppendice B del capitolo 6 del DOC 8126 ICAO

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.11pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.11pag.2emendamento5

Area Operativa - AIS

APPENDICE 12
ARO (ENAV)
ICAO code LIBC LIBD LIBF LIBG LIBP LICA LICC LICD LICG LICJ LICR LIEA LIEE LIEO LIMA LIMC LIME LIMF LIMG LIMJ LIML LIMP LIMZ LIPB LIPE LIPK LIPO LIPQ LIPU LIPV LIPY LIPZ LIQN LIRF LIRI LIRN Aeroporto Crotone Bari/Palese Foggia/Gino Lisa Taranto Grottaglie Pescara Lamezia/Terme Catania/Fontanarossa Lampedusa Pantelleria Palermo/Punta Raisi Reggio Calabria Alghero/Fertilia Cagliari/Elmas Olbia/Costa Smeralda Torino/Aeritalia Milano/Malpensa Bergamo/Orio al Serio Torino/Caselle Albenga Genova/Sestri Milano/Linate Parma Cuneo/Levaldigi Bolzano Bologna/Borgo Panigale Forl Brescia/Montichiari Trieste/Ronchi dei Legionari Padova Venezia/Lido Ancona/Falconara Venezia/Tessera Rieti Roma/Fiumicino Salerno/Pontecagnano Napoli/Capodichino ARO/ARO associato Crotone Roma/Fiumicino * Foggia/Gino Lisa Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Catania/Fontanarossa** Lampedusa Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Torino/Aeritalia Milano/Linate * Milano/Linate * Milano/Linate * Albenga Milano/Linate * Milano/Linate Milano/Linate * Cuneo/Levaldigi Bolzano Milano/Linate * Milano/Linate * Milano/Linate * Milano/Linate * Padova Venezia/Lido Roma Fiumicino * Milano/Linate * Rieti Roma/Fiumicino Salerno/Pontecagnano Roma/Fiumicino * ICAO code LIBC LIRF LIBF LIRF LIRF LIRF LICC LICD LIRF LIRF LIRF LIRF LIRF LIRF LIMA LIML LIML LIML LIMG LIML LIML LIML LIMZ LIPB LIML LIML LIML LIML LIPU LIPV LIRF LIML LIQN LIRF LIRI LIRF

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 12 pag. 1 emendamento 6

Area Operativa - AIS

LIRQ LIRU LIRZ

Firenze/Peretola Roma/Urbe Perugia

Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino * Roma/Fiumicino *

LIRF LIRF LIRF

ARO (AM)
ICAO code LIBA LIBN LIBR LIBV LICT LICZ LIED LIMN LIMS LIPA LIPC LIPH LIPI LIPL LIPR LIPS LIPX LIQW LIRA LIRE LIRG LIRH LIRL LIRM LIRP LIRS LIRV Aeroporto Amendola Lecce/Galatina Brindisi/Casale Gioia del Colle Trapani/Birgi Catania/Sigonella Decimomannu Cameri Piacenza/San Damiano Aviano Cervia Treviso/Sant'Angelo Udine/Rivolto Ghedi Rimini/Miramare Treviso/Istrana Verona/Villafranca Sarzana/Luni Roma/Ciampino Pratica di Mare Guidonia Frosinone Latina Grazzanise Pisa/San Giusto Grosseto Viterbo ARO/ARO associato Amendola Lecce/Galatina Brindisi/Casale*** Gioia del Colle Trapani/Birgi Catania/Sigonella Decimomannu Cameri Piacenza/San Damiano Aviano Cervia Treviso/Istrana * Udine/Rivolto Ghedi Rimini/Miramare Treviso/Istrana Verona/Villafranca Sarzana/Luni Roma/Ciampino Pratica di Mare Guidonia Frosinone Latina Grazzanise Pisa/San Giusto Grosseto Viterbo ICAO code LIBA LIBN LIBR LIBV LICT LICZ LIED LIMN LIMS LIPA LIPC LIPS LIPI LIPL LIPR LIPS LIPX LIQW LIRA LIRE LIRG LIRH LIRL LIRM LIRP LIRS LIRV

Lasterisco indica lARO associato

** In presenza di contingency, i servizi ARO sono associati allARO Roma Fiumicino. *** Aeroporto militare che per attivit civile pre volo e pianificazione volo associato allARO Roma Fiumicino.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 12 pag. 2 emendamento 6

AreaOperativaAIS

APPENDICE13

ENACDIREZIONIAEROPORTUALI
DIREZIONEAEROPORTUALE ALGHERO ANCONAPESCARA BARIBRINDISI BERGAMO BOLOGNARIMINI AEROPORTIDIGIURISDIZIONE ALGHERO/Fertilia ANCONA/FalconaraPESCARALAQUILA/Preturo FANOFOLIGNOPERUGIA/S.Egidio BARI/PaleseBRINDISI/CasaleFOGGIA/GinoLisa LECCE/LeporeTARANTO/Grottaglie BERGAMO/OrioalSerioVALBREMBO BOLOGNA/Borgo Panigale CARPI/Budrione FERRARAFORLIMODENA/MarzagliaPARMA PAVULLO PRATI VECCHI DI AGUSCELLO RIMINI/MiramareRAVENNALUGOdiRomagna REGGIOEMILIA CAGLIARI/ElmasORISTANO/Fenosu CATANIA/Fontanarossa FIRENZE/Peretola AREZZO GROSSETO LUCCA/Tassignano MARINA DI CAMPO MASSA/Cinquale PISA/S.Giusto SIENA/Ampugnano GENOVA/SestriALBENGASARZANA/Luni LAMEZIATERMECROTONE MILANO/LinateCREMONA/MigliaroMANTOVA MILANO/BressoVOGHERA/Rivanazzano MILANO/MalpensaALZATEBRIANZACALCINATE DELPESCECLUSONE/BergamoCOMO(idroscalo) VARESE/VenegonoVERGIATE NAPOLI/Capodichino CAPUA SALERNO/PontecagnanoCAPRI/AnacapriDamecuta OLBIA/CostaSmeraldaTORTOLI/Arbatax

CAGLIARI CATANIA FIRENZEPISA

GENOVA LAMEZIATERME MILANO(LINATE) MILANO(MALPENSA)

NAPOLI

OLBIA
ManualeAIS

Invigoredal07/04/2011

APP.13pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

PALERMO

PALERMO/Punta Raisi LAMPEDUSA PALERMO/Bocca di Falco PANTELLERIA TRAPANI/Birgi REGGIOCALABRIA ROMA/CiampinoAQUINOGUIDONIALATINA RIETIROMA/UrbeVITERBO ROMA/Fiumicino TORINO/Caselle ALESSANDRIA AOSTA BIELLA/Cerrione CASALE MONFERRATO CUNEO/LevaldigiNOVI/LigureTORINO/Aeritalia VERCELLI VENEZIA/TesseraBELLUNOGORIZIAPADOVA TREVISO/S. Angelo TRIESTE/Ronchi dei Legionari UDINE/CampoformidoVENEZIA/S.Nicol VERONA/Villafranca ASIAGO BOLZANO BRESCIA/Montichiari LEGNAGO THIENE TRENTO/MattarelloVERONA/Boscomantico

REGGIOCALABRIA ROMA(CIAMPINO) ROMA(FIUMICINO) TORINO

VENEZIARONCHIDEILEGIONARI

VERONA

NOTA:ingrassettosonoindicatigliaeroportisedidiD.A.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.13pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE14
AERONAUTICALDATAQUALITYREQUIREMENTS

Table1.Latitudeandlongitude

Latitudeandlongitude Flightinformationregionboundarypoints P,R,Dareasboundarypoints(outsideCTA/CTZ boundaries) Obstaclesenroute (Area1theentireStateterritory) Aerodrome/heliportreferencepoint Aircraftstandpoints/INScheckpoints P,R,Dareasboundarypoints(insideCTA/CTZ boundary) CTA/CTZboundarypoints EnrouteNAVAIDSandfixes,holding,STAR/SID points NAVAIDSlocatedattheaerodrome/heliport ObstaclesinArea2(TMAor45kmfromARP) ObstaclesinArea3(attheaerodrome/heliport) Finalapproachfixes/pointsandotheressential fixes/pointscomprisinginstrumentapproach procedure Taxiwaycentreline/parkingguidancelinepoints Taxiwayintersectionmarkingline Runwaythreshold Runwayend(flightpathalignmentpoint) Runwayholdingposition Runwaycentrelinepoints GeometriccentreofTLOForFATOthresholds, heliports

Accuracy datatype 1NMdeclared 1NMdeclared 50msurveyed 30m surveyed/calculated 0.5msurveyed 100mcalculated 100mcalculated 100m surveyed/calculated 3msurveyed 5msurveyed 0.5msurveyed 3m surveyed/calculated 0.5msurveyed 1msurveyed 1msurveyed 1msurveyed 1msurveyed

Publication resolution 1min 1min 1sec 1sec 1/100sec 1sec 1sec 1sec 1/10sec 1/10sec 1/10sec 1/10sec

Integrity Classification 1x103 routine 1x103 routine 1x103 routine 1x103 routine 1x103 routine 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x108 critical 1x108 critical 1x108 critical 1x108 critical

1/100sec 1/100sec 1/100sec 1/100sec 1/100sec

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.14pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

Table2.Elevation/altitude/height

Elevation/altitude/height Obstaclesenroute (Area1theentireStateterritory) Minimumaltitudes Aerodrome/heliportelevation WGS84geoidundulationataerodrome/heliport elevationposition RunwayorFATOthreshold,nonprecision approaches WGS84geoidundulationatrunwayorFATO threshold,TLOFgeometriccentre,nonprecision approaches ObstaclesinArea2(TMAor45kmfromARP) ObstaclesinArea3(attheaerodrome/heliport) Distancemeasuringequipment/precision(DME/P) Distancemeasuringequipment(DME) RunwayorFATOthreshold,precisionapproaches WGS84geoidundulationatrunwayorFATO threshold,TLOFgeometriccentre,precision approaches Thresholdcrossingheight,precisionapproaches

Accuracy datatype 3m(10ft) surveyed 50mor100ft calculated 0.5mor1ft surveyed 0.5mor1ft surveyed 0.5mor1ft surveyed 0.5mor1ft surveyed 3msurveyed 0.5msurveyed 3m(10ft) surveyed 30m(100ft) surveyed 0.25mor1ft surveyed 0.25mor1ft surveyed 0.5mor1ft calculated

Publication resolution 1mor1ft 50mor100ft 1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft

Integrity Classification 1x103 routine 1x103 routine 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential 1x108 critical 1x108 critical 1x108 critical

1mor1ft 0.1mor0.1ft 3m(10ft) 30m(100ft) 0.1mor0.1ft 0.1mor0.1ft

0.1mor0.1ft

Table3.Declinationandmagneticvariation

Declination/variation NDBNAVAIDmagneticvariation VHFNAVAIDstationdeclinationusedfortechnical lineup

Accuracy datatype 1degree surveyed 1degree surveyed

Publication resolution 1degree 1degree

Integrity Classification 1x103 routine 1x105 essential

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.14pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS
Aerodrome/heliportmagneticvariation ILSlocalizerantennamagneticvariation MLSazimuthantennamagneticvariation 1degree surveyed 1degree surveyed 1degree surveyed

1degree 1degree 1degree

1x105 essential 1x105 essential 1x105 essential

Table4.Bearing

Bearing Airwaysegments Enrouteandterminalfixformations Terminalarrival/departureroutesegments RunwayandFATObearing(true) Instrumentapproachprocedurefixformations ILSlocalizeralignment(true) MLSzeroazimuthalignment(true) Accuracy datatype 1/10degree calculated 1/10degree calculated 1/10degree calculated 1/100degree surveyed 1/100degree calculated 1/100degree surveyed 1/100degree surveyed Integrity Classification 1degree 1x103 routine 1/10degree 1x103 routine 1degree 1x103 routine 1/100degree 1x103 True routine 1/100degree 1x105 essential 1/100degree 1x105 True essential 1/100degree 1x105 True essential Publication resolution

Table5.Length/distance/dimension

Length/distance/dimension Airwaysegmentslength. Enroutefixformationsdistance Displacedthresholddistance

Accuracy datatype 1/10kmor1/10NM calculated 1/10kmor1/10NM calculated 1msurveyed

Publication resolution 1/10kmor 1/10NM 1/10kmor 1/10NM 1mor1ft

Integrity Classification 3 1x10 routine 3 1x10 routine 3 1x10 routine

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.14pag.3emendamento5

AreaOperativaAIS
ILSlocalizerantennarunwayend,distance ILSglideslopeantennathreshold,distance alongcentreline MLSazimuthantennarunwayend,distance MLSelevationantennathreshold,distance alongcentreline Terminalarrival/departureroutesegments length Terminalandinstrumentapproachprocedure fixformationsdistance Runwaywidth CWYlengthandwidth RWYshoulderwidth TWYwidth TWYshoulderwidth ILSmarkersthresholddistance ILSDMEantennathreshold,distancealong centreline MLSDME/Pantennathreshold,distancealong centreline RunwayandFATOlength,TLOFdimensions Stopwaylength LDATORATODAASDA SWYlengthandwidth
3mcalculated 3mcalculated 3mcalculated 3mcalculated 1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft 1x10 routine 3 1x10 routine 1x10 routine 3 1x10 routine 1x10 essential 1x10 essential 1x10 essential 1x10 essential 1x10 essential 5 1x10 essential 1x10 essential 1x10 critical 8 1x10 critical 8 1x10 critical
8 5 5 5 5 5 5 3 3

1/100kmor1/100NM calculated 1/100kmor1/100NM calculated 1msurveyed 1msurveyed

1/100kmor 1/100NM 1/100kmor 1/100NM 1mor1ft 1mor1ft

3mcalculated 3mcalculated 3mcalculated

1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft

1msurveyed 1msurveyed

1mor1ft 1mor1ft 1mor1ft

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.14pag.4emendamento5

Area Operativa - AIS

APPENDICE 15 PROCEDURA DI INTEGRITA DATI PER LORIGINATORE

Il documento contiene le indicazioni per il corretto utilizzo delle maschere Excel per la trasmissione dei dati sensibili dalloriginatore del dato allAIS. Il contenuto dellAppendice rivolto a tutti coloro che si occupano dellinvio dei dati aeronautici allAIS e costituisce una guida alla corretta compilazi one delle predette maschere.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 1 emendamento 6

Area Operativa - AIS

INDICE
1. INTRODUZIONE....................................................................................................................................... 3 1.1 Scopo ............................................................................................................................................. 3 1.2 Campo di Applicazione.................................................................................................................... 3 1.3 Acronimi.......................................................................................................................................... 3 1.4 Convenzioni .................................................................................................................................... 3 2. GENERALITA........................................................................................................................................... 3 2.1 Come usare il presente documento................................................................................................ 3 2.2 Conoscenze necessarie ................................................................................................................... 3 2.3 Funzioni di base .............................................................................................................................. 4 3. INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DEL SOFTWARE ........................................................................... 4 4. GUIDA PER LUTENTE.............................................................................................................................. 5 4.1 Struttura del software .................................................................................................................... 5 4.2 Operazioni preliminari .................................................................................................................... 5 4.2.1 Individuazione delle entit aeronautiche coinvolte ........................................................ 5 4.2.2 Copia dei modelli in Dati di Uscita ................................................................................... 7 4.3 Guida alla compilazione delle maschere Excel ............................................................................... 8 4.3.1 Funzionalit offerte ......................................................................................................... 8 4.3.2 Bottone Azzera .............................................................................................................. 10 4.3.3 Campi comuni ................................................................................................................ 10 4.3.4 Campi obbligatori .......................................................................................................... 10 4.3.5 Campi pre-riempiti e campi calcolati ............................................................................. 10 4.3.6 Campi a scelta multipla.................................................................................................. 11 4.3.7 Indicazioni sui valori da inserire .................................................................................... 11 4.3.8 Bottone Blocca/Sblocca ................................................................................................. 12 4.3.9 Bottone Esporta ............................................................................................................. 12 4.4 Verifica dei dati inseriti ................................................................................................................. 12 4.5 Generazione del pacchetto da inviare allAIS ............................................................................... 13 5. ESEMPI APPLICATIVI ............................................................................................................................. 14 5.1 Modalit duso ............................................................................................................................... 14 5.2 Modifica delle distanze dichiarate ................................................................................................. 14 5.3 Modifica della variazione magnetica annuale di un aeroporto ..................................................... 15

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 2 emendamento 6

Area Operativa - AIS

1. INTRODUZIONE
1.1 Scopo
Il documento contiene le indicazioni per il corretto utilizzo delle maschere Excel per la trasmissione dei dati sensibili dalloriginatore del dato agli amministratori del database AIS.

1.2 Campo di Applicazione


Il presente manuale rivolto a tutti coloro che si occupano dellinvio dei dati aeronautici allAIS, e costituisce una guida alla corretta compilazione delle informazioni da trasmettere tramite le maschere Excel.

1.3 Acronimi
CRCV: Cyclic Redundancy Check Value

1.4 Convenzioni
Il corsivo indica il nome di una cartella su disco. Il grassetto indica il nome di un pulsante allinterno dellapplicazione, o il nome di un file.

2. GENERALITA
2.1 Come usare il presente documento
Il presente documento fornisce una panoramica sulla struttura e sulle funzionalit delle maschere Excel per la trasmissione dei dati aeronautici sensibili, e dettaglia i casi duso che descrivono i passi da effettuare per una corretta compilazione delle stesse. In particolare: il capitolo 3 descrive linstallazione del sistema; il capitolo 4 presenta la struttura delle maschere ed il loro utilizzo; il capitolo 5 contiene degli esempi pratici per meglio chiarire il processo.

2.2 Conoscenze necessarie


Il presente documento rivolto a coloro che si occupano della fornitura dei dati aeronautici agli amministratori del database AIS. Lutilizzo del sistema presuppone una conoscenza di base di Microsoft Excel.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 3 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2.3 Funzioni di base


Il sistema descritto nel presente documento si compone di due parti: Una serie di file Excel per la trasmissione dei dati aeronautici; Un file batch per il calcolo del CRCV sulle maschere prima dellinvio allAIS.

3. INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DEL SOFTWARE


Linstallazione del software presuppone la presenza del sistema operativo Microsoft Windows XP o superiore. Sulla macchina devono inoltre essere gi installati: Microsoft Office 2003 o superiore; WinZip o similari (WinRar ecc.).

Il software fornito sottoforma di cartella compressa (file zip). Allinterno del file zip, sono presenti le seguenti cartelle: Dati in Uscita: cartella di lavoro; Documentazione: contiene il manuale utente; Modelli: contiene i modelli Excel per linvio dei dati; Tools: contiene il software per il calcolo del CRC.

Per effettuare linstallazione, procedere come segue: 1. verificare che Microsoft Office 2003 o superiore e WinZip siano installati sulla macchina; 2. copiare il file .zip sul proprio pc (desktop); 3. estrarre il file .zip allinterno del disco C (estrai in C:\). Per verificare che linstallazione sia andata a buon fine, controllare che: sia presente la cartella Release_Originatore in C:\; le cartelle Dati in Uscita, Modelli, Tools, Documentazione siano state create allinterno della cartella Release_Originatore; la cartella Dati in Uscita contenga il file CalcCRC_(Excel).bat; la cartella Documentazione contenga una copia del manuale utente; la cartella Modelli contenga una serie di file Excel; la cartella Tools contenga il file jacksum.jar e una copia del file CalcCRC_(Excel).bat.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 4 emendamento 6

Area Operativa - AIS

4. GUIDA PER LUTENTE


4.1 Struttura del software
Il corretto funzionamento del software presuppone la presenza delle cartelle mostrate in Fig.1:

Fig. 1 Struttura del software Documentazione: contiene il manuale utente. Modelli: contiene i modelli vuoti delle maschere Excel per la trasmissione dei dati aeronautici; i file contenuti in questa cartella non sono scrivibili e non devono in alcun caso essere modificati dallutente; nel caso ci avvenga, procedere ad una nuova installazione del software. Dati in Uscita: la cartella di lavoro da utilizzare quando si vogliono inviare nuovi dati allAIS. Al suo interno vanno inseriti i file, copiati dalla cartella Modelli, relativi alle entit aeronautiche interessate dalle modifiche (si veda la sezione 0 per maggiori dettagli). Il file CalcCRC_(Excel).bat serve al calcolo del CRCV sulle maschere Excel presenti nella cartella, come descritto precedentemente. Tools: contiene il software necessario al calcolo del CRCV. Il file CalcCRC_(Excel).bat una copia di quello presente in Dati in Uscita (per consentirne il ripristino nel caso venga cancellato accidentalmente).

4.2 Operazioni preliminari


Nel momento in cui si renda necessario trasmettere variazioni di dati aeronautici da inserire nel database AIS, bisogna procedere come segue.

4.2.1 Individuazione delle entit aeronautiche coinvolte Innanzitutto, le maschere da compilare devono essere individuate allinterno della cartella Modelli (Fig. 2).

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 5 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Fig. 2 Cartella Modelli In particolare: Aeroporto.xls relativa allaeroporto (nome, coordinate, elevazione, variazione magnetica ecc.); Pista.xls contiene i dati della pista (designazione, dimensioni); Direzione Pista.xls serve a trasmettere i dati delle singole direzioni della pista (orientamento, coordinate, elevazione ecc.); Distanze Dichiarate.xls deve essere utilizzata per modificare i valori di TORA, TODA, ASDA, LDA; RWYclinept.xls contiene le informazioni dei punti della centerline della pista; Stopway (SWY).xls contiene le informazioni sulle dimensioni della SWY; Taxiway (TWY).xls relativa a designazione e lunghezza della TWY; Clearway (CWY).xls consente di specificare lunghezza e larghezza delle CWY; TLOF.xls fa riferimento alle dimensioni delle aree di contatto e di distacco; FATO.xls descrive le caratteristiche dellarea di decollo e di avvicinamento finale; Direzione FATO.xls serve a trasmettere i dati della FATO (designazione, coordinate, coordinate ecc.); Waypoint.xls elenca gli attributi dei waypoint (identificativo, coordinate); DME.xls elenca gli attributi dei DME (identificativo, canale, tipo, coordinate, area, elevazione,ecc.).

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 6 emendamento 6

Area Operativa - AIS

4.2.2 Copia dei modelli in Dati in Uscita Una volta scelte le maschere da riempire, ne va creata una copia (o pi di una) nella cartella Dati in Uscita, eventualmente modificando il nome del file (Fig. 3).

Fig. 3 Cartella Dati in Uscita Per rimuovere la protezione di sola lettura ai file Excel contenuti nella cartella Dati in Uscita, fare click con il tasto destro su ciascun file, e selezionare la voce Propriet (Properties): comparir la maschera mostrata in Fig. 4. Deselezionare la voce Sola Lettura (Read-only).

Fig. 4 Propriet del file

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 7 emendamento 6

Area Operativa - AIS

4.3 Guida alla compilazione delle maschere Excel


Le maschere della cartella Dati in Uscita si aprono facendo doppio click sul file. A seconda del livello di sicurezza configurato sulla macchina, potrebbe comparire il messaggio mostrato in Fig. 5.

Fig. 5 Abilitazione delle macro per Office 2003 Selezionare lopzione Abilita macro (Enable Macros) per proseguire. Le macro presenti allinterno delle maschere sono necessarie per consentire la validazione dei dati inseriti, per cui devono sempre essere abilitate; si rimanda al manuale di Office per labilitazione permanente delle macro.

4.3.1 Funzionalit offerte Ciascuna maschera contiene i seguenti fogli: Nuovo: consente di comunicare laggiunta di una nuova entit aeronautica del tipo associato alla maschera selezionata (la Fig. 6 mostra lesempio nel caso di un nuovo aeroporto). Il foglio Nuovo sempre di colore verde.

Fig. 6 Nuovo Aeroporto

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 8 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Modifica: consente di comunicare le variazioni di informazioni relative ad unentit aeronautica del tipo associato alla maschera selezionata (la Fig. 7 mostra lesempio nel caso di modifica di un aeroporto). Il foglio Modifica sempre di colore giallo. Tra le Variazioni, sufficiente specificare solo i campi che differiscono dal valore preesistente; tutte le altre possono essere omesse.

Fig. 7 Modifica Aeroporto Elimina: consente di comunicare leliminazione di unentit aeronautica del tipo associato alla maschera selezionata (la Fig. 8 mostra lesempio nel caso di eliminazione di un aeroporto). Il foglio Elimina sempre di colore rosso.

Fig. 8 Elimina Aeroporto

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 9 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Nella maggior parte dei casi, sar necessario riempire un solo foglio per maschera. Se per si rende necessario comunicare due variazioni di tipo diverso ma relative alla stessa feature (ad esempio laggiunta di un waypoint e la variazione delle coordinate di un altro) possibile riempire rispettivamente il foglio Nuovo e il foglio Modifica dello stesso file Waypoint.xls (i fogli sono indipendenti luno dallaltro).

4.3.2

Bottone Azzera Ogni volta che si inizia la compilazione di un nuovo foglio, la pressione del tasto Azzera consigliata per impostare il corretto valore del campo Data creazione/modifica/eliminazione (vedi sezione successiva). Il bottone serve anche per ripulire tutti i valori precedentemente inseriti qualora si voglia procedere con un nuovo inserimento.

4.3.3

Campi comuni Indipendentemente dalla maschera e dal foglio scelto, alcuni campi sono ricorrenti: Data effettiva: indica la data a partire dalla quale laggiunta, modifica o eliminazione dellentit aeronautica entra in vigore. Va inserita sempre in formato GG/MM/AAAA; Data creazione/modifica/eliminazione: la data in cui si compila la maschera; automaticamente impostata quando si preme il bottone Azzera; Autore: da riempire con il proprio nome; colui che comunica la variazione; Riferimento: campo libero per inserire un eventuale codice identificativo associato alloperazione; Note: consente di inserire ulteriori informazioni da trasmettere congiuntamente alla variazione dei dati.

4.3.4

Campi obbligatori I campi obbligatori sono indicati in grassetto su ciascun foglio. Il numero dei campi obbligatori cambia in base al tipo di variazione da comunicare e al tipo di entit aeronautica coinvolta. Al fine di consentire una corretta gestione dei dati da parte di chi riceve il dato, tutti i campi con il nome in grassetto devono essere riempiti prima di spedire il file Excel. Per accertarsi che ci sia avvenuto, procedere come indicato precedentemente.

4.3.5 Campi pre-riempiti e campi calcolati Per aiutare la compilazione, alcuni campi sono gi riempiti (o parzialmente riempiti) con un valore plausibile del campo. Ad esempio, in Fig. 6 lIndicatore di localit dellaeroporto impostato a LI, quindi baster inserire solo le ultime due lettere del codice ICAO per completare il campo. In ogni caso, possibile modificare i valori pre-impostati se non sono applicabili nel caso specifico. Altri campi, il cui sfondo dello stesso colore del foglio a cui appartengono, assumono un valore fisso o calcolato in base al valore di un altro campo editabile.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 10 emendamento 6

Area Operativa - AIS

4.3.6

Campi a scelta multipla Allinterno di alcune maschere compaiono dei campi a scelta multipla (individuati dal colore azzurro della casella corrispondente). I valori possibili per tali campi sono visibili selezionando la casella, e facendo click sulla freccia che compare sulla destra (vedi unit di misura per le Dimensioni (lungh. x largh.) della pista in Fig. 9.

Fig. 9 Campi a scelta multipla

4.3.7

Indicazioni sui valori da inserire Tutte le maschere forniscono un aiuto alla compilazione dei campi in varie forme: Esempi dei valori da inserire indicati tra parentesi accanto al nome del campo (ad esempio Data (es. 2006.01) in Fig. 10); Tooltip che appare quando si seleziona la casella del campo (la Fig. 10 mostra un esempio per Indicatore di Localit).

Fig. 10 Aiuto al riempimento dei campi

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 11 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Se un valore inserito allinterno di un campo non valido perch non soddisfa le restrizioni ad esso associate (lunghezza massima, intervallo numerico, ecc.), compare un messaggio di errore come quello mostrato in Fig. 11 che, quando possibile, fornisce informazioni sul tipo di errore commesso.

Fig. 11 Errore nella valorizzazione di un campo

4.3.8 Bottone Blocca/Sblocca Nel caso in cui si voglia sospendere linserimento dei dati, per riprenderlo in un momento successivo o per concluderlo, il bottone Blocca rende tutti i campi disponibili in sola lettura, evitandone modifiche accidentali. Per riattivare la possibilit di modificare i valori inseriti, premere il bottone Sblocca.

4.3.9 Bottone Esporta Una volta che linserimento dei dati stato completato, la pressione del bottone Blocca consente lattivazione del bottone Esporta, necessario per la validazione dei dati inseriti come precedentemente descritto.

4.4 Verifica dei dati inseriti


La verifica dei dati inseriti una fase essenziale prima di procedere allinvio dei dati. Solo se i dati inseriti sono validi, dal punto di vista formale, sia in termini di completezza delle informazioni che di conformit alle specifiche di ciascun campo, potranno essere presi in carico dagli amministratori del database AIS. La verifica sostanziale, ossia la correttezza dei dati inseriti, resta invece di competenza delloperatore che compila le maschere. Il bottone Esporta consente di avviare la verifica del contenuto del foglio di lavoro. Si ricorda che il bottone abilitato solo dopo la pressione del tasto Blocca. Alla pressione del tasto Esporta, si avvia una scansione di tutti i campi della maschera. Se uno di essi ha un valore non corretto, o manca un campo obbligatorio, il campo in esame lampeggia in rosso, il foglio si sblocca e il cursore posizionato sul campo da modificare o inserire ex-novo.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 12 emendamento 6

Area Operativa - AIS

In tal caso, bisogna aggiornare il campo errato, e ripetere loperazione fintantoch tutti i campi non siano stati validati. La verifica termina con la comparsa della finestra di salvataggio in un file esterno (Fig. 12), a qu esto punto non necessario procedere oltre e pertanto premere il tasto Cancel.

Fig. 12 Finestra di fine validazione Salvare il file Excel nella cartella Dati in uscita, e passare alla compilazione del foglio successivo, oppure alla generazione del pacchetto da inviare allAIS (vedere sezione successiva).

4.5 Generazione del pacchetto da inviare allAIS


Una volta che tutte le maschere sono state compilate e verificate, procedere allinvio allAIS eseguendo la procedura descritta di seguito: 1. fare doppio click sul file CalcCRC_(Excel).bat presente nella cartella Dati in Uscita in cui si trovano tutti i file Excel da inviare: al termine della sua esecuzione, un file crc.txt sar generato allinterno della stessa cartella (Fig. 13).

Fig. 13 Generazione del file crc.txt

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 13 emendamento 6

Area Operativa - AIS

2. Al termine dellesecuzione sar creato automaticamente il file dati_ais.zip, contenente tutti i file Excel e i file CRC; 3. Spedire via posta elettronica (o in altro modo) il file zip generato allAIS.

5. ESEMPI APPLICATIVI
5.1 Modalit duso
Per i dati riguardanti le piste, lOriginatore dovr iniziare la compilazione delle maschere con lindicatore di pista con lorientamento minore (es: RWY 16/34); il caso contrario determinerebbe il mancato caricamento dei dati.

5.2 Modifica delle distanze dichiarate


Il file Excel da utilizzare Distanze Dichiarate.xls. Va copiato nella cartella Dati in Uscita (Fig. 14) e reso modificabile.

Fig. 14 Dati in Uscita per Distanze Dichiarate

Allapertura del file, si dovr selezionare il foglio Modifica e procedere al riempimento dei campi (Fig. 15). Solo i valori selezionati saranno verificati e gestiti.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 14 emendamento 6

Area Operativa - AIS

Fig. 15 Modifica Distanze dichiarate Procedere alla validazione e alla generazione del pacchetto come precedentemente indicato.

5.3 Modifica della variazione magnetica annuale di un aeroporto


Il file Excel da utilizzare Aeroporto.xls. Va copiato nella cartella Dati in Uscita (Fig. 16) e reso modificabile.

Fig. 16 Dati in Uscita per Aeroporto Allapertura del file, si dovr selezionare il foglio Modifica e procedere al riempimento dei campi (Fig. 17). E sufficiente riempire solo la sezione Variazione magnetica annuale, in quanto le altre

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 15 emendamento 6

Area Operativa - AIS

voci contenute in Variazioni (Indicatore di localit, Nome dellAeroporto ecc.) devono rimanere invariate.

Fig. 17 Modifica Aeroporto Procedere alla validazione e alla generazione del pacchetto come precedentemente indicato.

Manuale AIS

In vigore dal 16/04/2012

APP. 15 pag. 16 emendamento 6

AreaOperativaAIS

APPENDICE16 PROCEDURADIINTEGRITADATIPERILPERSONALEAIS

IldocumentocontieneleindicazioniperilcorrettoutilizzodellemaschereExcelperlatrasmissione deidatisensibilidalloriginatoreallAIS. IlpresentedocumentorivoltoatuttiglioperatoridellAISchesioccupanodellamanutenzionedei dati aeronautici e costituisce una guida alla corretta gestione delle informazioni trasmesse tramite maschereExcel.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.1emendamento5

AreaOperativaAIS

INDICE
1.INTRODUZIONE.................................................................................................................................3 1.1Scopo.....................................................................................................................................3 1.2CampodiApplicazione..........................................................................................................3 1.3Acronimi................................................................................................................................3 1.4Convenzioni...........................................................................................................................3 2.GENERALITA.....................................................................................................................................3 2.1Comeusareilpresentedocumento......................................................................................3 2.2Conoscenzenecessarie.........................................................................................................3 2.3Funzionidibase....................................................................................................................4 3.INSTALLAZIONEECONFIGURAZIONEDELSOFTWARE......................................................................4 4.GUIDAPERLUTENTE........................................................................................................................5 4.1Strutturadelsoftware ..........................................................................................................5 . 4.2Operazionipreliminari..........................................................................................................5 4.2.1Estrazionedelcontenutodellarchivioricevuto.........................................................5 4.2.2Verificadellaconformitdeidati...............................................................................6 4.2.3VerificadelCRCV........................................................................................................6 4.3Estrazionedeidati.................................................................................................................7 4.3.1Tipidivariazionipossibili ...........................................................................................8 . 4.3.2BottoneEsporta.........................................................................................................9 4.4CaricamentodellevariazionineldatabaseAIS...................................................................10

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.2emendamento5

AreaOperativaAIS

1. INTRODUZIONE
1.1Scopo
Il documento contiene le indicazioni per il corretto utilizzo delle maschere Excel per la trasmissionedeidatisensibilidalloriginatoreagliamministratorideldatabaseAIS.

1.2CampodiApplicazione
Il presente documento rivolto a tutti gli operatori dellAIS che si occupano della manutenzione dei dati aeronautici, e costituisce una guida alla corretta gestione delle informazionitrasmessetramitemaschereExcel.

1.3 Acronimi
CRCV: CyclicRedundancyCheckValue IAS: IDSAeroDBSuite

1.4Convenzioni
Ilcorsivoindicailnomediunacartellasudisco. Ilgrassettoindicailnomediunpulsanteallinternodellapplicazione,oilnomediunfile.

2. GENERALITA
2.1Comeusareilpresentedocumento
Il manuale fornisce le indicazioni per acquisire dati aeronautici sensibili trasmessi tramite maschereExceledettagliaipassidaeffettuareperunacorrettagestionedellestesse. Inparticolare: ilcapitolo3descrivelinstallazionedelsistema; il capitolo 4 elenca le operazioni da compiere dalla ricezione dei dati alla predisposizioneperilloroinserimentoneldatabaseAIS.

2.2Conoscenzenecessarie
IlpresentedocumentorivoltoaigestorideldatabaseAIS.Lutilizzodelsistemapresuppone unaconoscenzadibasediMicrosoftExcel.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.3emendamento5

AreaOperativaAIS

2.3Funzionidibase
Ilsistemadescrittonelpresentemanualesicomponedidueparti: UnaseriedifileExcelperlatrasmissionedeidatiaeronautici; Un file batch per la verifica del codice CRCV sulle maschere Excel ricevute dagli originatorideldato.

3. INSTALLAZIONEECONFIGURAZIONEDELSOFTWARE

LinstallazionedelsoftwarepresupponelapresenzadelsistemaoperativoMicrosoftWindows XPosuperiore. Sullamacchinadevonoinoltreesseregiinstallati: MicrosoftOffice2003osuperiore WinZiposimilari(WinRarecc.)

Il software fornito sottoforma di cartella compressa (file zip). Allinterno del file zip, sono presentileseguenticartelle: DatiinIngresso:cartelladilavoro; Documentazione:contieneilmanualeutente; Modelli:contieneimodelliExcelperlinviodeidati; Tools:contieneilsoftwareperilcalcolodelCRC.

Pereffettuarelinstallazione,procederecomesegue: 1. verificare che Microsoft Office 2003 o superiore e WinZip siano installati sulla macchina, 2. copiareilfile.zipsulpropriopc(desktop), 3. estrarreilfile.zipallinternodeldiscoC(estraiinC:\). Perverificarechelinstallazionesiaandataabuonfine,controllareche: siapresentelacartellaRelease_AISinC:\, lecartelleDatiinUscita, Modelli,Tools,Documentazionesiano statecreate allinterno dellacartellaRelease_AIS, lacartellaDatiinIngressocontengailfileCheckCRC_(Excel).bat, lacartellaDocumentazionecontengaunacopiadelmanualeutente, lacartellaModellivuota, lacartellaToolscontengailfilejacksum.jareunacopiadelfileCheckCRC_(Excel).bat.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.4emendamento5

AreaOperativaAIS

4. GUIDAPERLUTENTE
4.1Strutturadelsoftware
IlcorrettofunzionamentodelsoftwarepresupponelapresenzadellecartellemostrateinFig. 1:

Fig.1Strutturadelsoftware Documentazione:contieneilmanualeutente; Modelli:vuota; DatiinIngresso:lacartelladilavorodautilizzarequandosiricevonocomunicazionidi variazionididatiaeronauticidaunoriginatoredeldato.Alsuointernovannocopiatii file ricevuti dalloriginatore (trasmessi sottoforma di archivio .zip o similare). Il file CheckCRC.batserveallaverificadelCRCVsullemaschereExcelpresentinellacartella; Tools:contieneilsoftwarenecessarioallaverificadelCRCV.IlfileCheckCRC.batuna copiadiquellopresenteinDatiinIngresso(perconsentirneilripristinonelcasovenga cancellatoaccidentalmente).

4.2Operazionipreliminari
NelmomentoincuisirendanecessarioinserireneldatabaseAISvariazionididatiaeronautici, bisognaprocederecomesegue. 4.2.1Estrazionedelcontenutodellarchivioricevuto Le variazioni provenienti da un originatore del dato devono essere trasmesse sottoforma di archivioWinZiposimilare,viapostaelettronicaoaltro. LarchivioricevutovaestrattoallinternodellacartellaDatiinIngressodopoaverrimossoogni altro file presente ad eccezione di CheckCRC.bat. Il contenuto di eventuali cartelle presenti allinternodellarchiviovacopiatoallivellosuperiore,inmodochetuttiifilestianoallostesso livellodiCheckCRC.batcomeinFig.2.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.5emendamento5

AreaOperativaAIS

Fig.2CartellaDatiinIngresso

4.2.2Verificadellaconformitdeidati Traifilecontenutinellarchiviocideveessereilfilecrc.txt.Senonfossepresente,ilpacchetto va rimandato alloriginatore richiedendone un nuovo invio, in quanto non sarebbe possibile verificareilCRCVequindilintegritdeidatiricevuti. 4.2.3VerificadelCRCV PeravviarelaproceduradiverificadelCRCV,faredoppioclicksulfileCheckCRC.bat:comparir unafinestracomeinFig.3:

Fig.3VerificadelCRCV Lelaborazionedeidatiricevutivainterrottasesiverificaunadelleseguenticondizioni:

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.6emendamento5

AreaOperativaAIS

La scritta [FAILED] compare accanto al nome di un file (come per DME.xls in Fig. 3): significachealfileinesameassociatouncodiceCRCVnonvalido,percuiilcontenuto delfilenonsipuconsiderareaffidabile. UnoopifileExcelfraquellipresentinellacartellaDatiinIngressononcomparenella listamostratanellafinestradiverifica(Fig.3):cisignificachesutalifilenonstato calcolato,dapartedelloriginatore,ilCRCVequindiilcontenutononattendibile. Al termine della procedura sar prodotto un log (file verifica_crc.txt) contenente le informazionirappresentatesullaFig.4elutenteelapostazionedovestataeseguita laverificadeifile

Fig.4Generazionedelfilediverifica

4.3Estrazionedeidati
Per i file Excel che hanno superato il controllo del CRCV, si pu procedere allestrazione del lorocontenuto. Le maschere si aprono facendo doppio click sul file. A seconda del livello di sicurezza configuratosullamacchina,potrebbecomparireilmessaggiomostratoinFig.5.

Fig.5AbilitazionedellemacroOffice2003
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.7emendamento5

AreaOperativaAIS

Selezionare lopzione Abilita macro (Enable Macros) per proseguire. Le macro presenti allinternodellemascheresononecessarieperconsentirelestrazionedeidatiinseriti,percui devonosempreessereabilitate.Perlabilitazionepermanentedellemacrosifariferimentoal manualeutentediOffice.

4.3.1Tipidivariazionipossibili Ciascunamascheracontieneiseguentifogli: Nuovo: contiene la comunicazione dellaggiunta di una nuova entit aeronautica del tipo associato alla maschera selezionata (la Fig. 6 mostra lesempio nel caso di un nuovoaeroporto).IlfoglioNuovosempredicoloreverde.

Fig.6NuovoAeroporto

Modifica: contiene le variazioni di informazioni relative ad unentit aeronautica del tipoassociatoallamascheraselezionata(laFig.7mostralesempionelcasodimodifica diunaeroporto).IlfoglioModificasempredicoloregiallo.

Fig.7ModificaAeroporto
ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.8emendamento5

AreaOperativaAIS

Elimina: comunica leliminazione di unentit aeronautica del tipo associato alla maschera selezionata (la Fig. 8 mostra lesempio nel caso di eliminazione di un aeroporto).IlfoglioEliminasempredicolorerosso.

Fig.8EliminaAeroporto Nella maggior parte dei casi, sar riempito un solo foglio per maschera. Se per si rende necessario comunicare due variazioni di tipo diverso ma relative alla stessa feature (ad esempiolaggiuntadiunwaypointelavariazionedellecoordinatediunaltro)possibileche sianoriempitirispettivamenteilfoglioNuovoeilfoglioModificadellostessofileWaypoint.xls (ifoglisonoindipendentilunodallaltro). La procedura di estrazione descritta nel seguito va ripetuta per ogni file Excel ricevuto, e allinternodiunostessofile,perognifogliocontenentedati(Nuovo,Modifica,Elimina). 4.3.2BottoneEsporta I fogli contenenti le variazioni devono apparire con i campi in grigio (significa che sono stati bloccati dalloriginatore del dato). In tal caso il tasto Esporta abilitato. Se cos non fosse, premereiltastoBloccaprimadiprocedere. La pressione del bottone Esporta avvia la verifica dei dati inseriti. Solo se i dati inseriti sono validi, dal punto di vista formale, sia in termini di completezza delle informazioni che di conformitallespecifichediciascuncampo,potrannoesserepresiincaricoperlinserimento neldatabaseAIS. AllapressionedeltastoEsporta,siavviaunascansionedituttiicampidellamaschera. Seunodiessihaunvalorenoncorretto,omancauncampoobbligatorio,ilcampoinesame lampeggia in rosso, il foglio si sblocca e il cursore posizionato sul campo non valido. In tal caso,loperatoreAISdeveinterromperelelaborazione,erichiederealloriginatoredeldatoun nuovoinviodellamaschera,alfinediottenereunaversionecorrettaecompletadeidati.Se invece compare la finestra mostrata in Fig. 9, si pu procedere al salvataggio del contenuto dellamascherainunfileesterno.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.9emendamento5

AreaOperativaAIS

Nella casella Nome del File (File Name), specificare il nome desiderato, oppure mantenere quelloautomaticamenteimpostato.Sceglierelacartelladidestinazioneepremereilbottone Salva(Save).

Fig.9FinestradifinevalidazioneOffice2003 NelcasochelafinestraFileSave(Fig.9)nonrappresentinelcampoSaveastypeilformato desideratoselezionareilvaloreXMLData.

4.4CaricamentodellevariazionineldatabaseAIS
I file XML esportati secondo la procedura precedentemente descritta saranno gestiti dal software IAS per consentirne linserimento controllato allinterno del database AIS a tempo debitoinconcomitanzaconlapubblicazioneAISinteressata.

ManualeAIS Invigoredal07/04/2011 APP.16pag.10emendamento5

AreaOperativaAIS

APPENDICE17 ELENCODIDISTRIBUZIONEDELLECOPIECONTROLLATE DELMANUALEAIS

AM,UfficioGeneraleSpazioAereoeMeteorologia AM,ComandoSquadraAerea7Ufficio AM,CentroInformazioniGeotopograficheAeronautiche ANSVAgenziaNazionaleperlaSicurezzadelVolo ENAC,DirezioneCentraleCoordinamentoAeroporti ENAC,DirezioneAeroportualeCagliari ENAC,DirezioneAeroportualeAlgheroOlbia ENAC,DirezioneAeroportualeBariBrindisi ENAC,DirezioneAeroportualeBergamo ENAC,DirezioneAeroportualeBolognaRimini ENAC,DirezioneAeroportualeCatania ENAC,DirezioneAeroportualeAnconaPescara ENAC,DirezioneAeroportualeFirenzePisa ENAC,DirezioneAeroportualeGenova ENAC,DirezioneAeroportualeLameziaTermeReggioCalabria ENAC,DirezioneAeroportualeMilanoLinate ENAC,DirezioneAeroportualeMilanoMalpensa ENAC,DirezioneAeroportualeNapoli ENAC,DirezioneAeroportualePalermo ENAC,DirezioneAeroportualeRomaCiampino ENAC,DirezioneAeroportualeRomaFiumicino ENAC,DirezioneAeroportualeTorino ENAC,DirezioneAeroportualeVeneziaRonchideiLegionari ENAC,DirezioneAeroportualeVerona ENAC,DirezioneCentraleStandardizzazioneSicurezza ENAC,DirezioneCentraleInfrastruttureAeroporti ENAC,DirezioneCentraleSviluppoEconomico ENAC,DirezioneCentraleSpazioAereo ENAC,DirezioneRegolazioneSpazioAereo ENAC,DirezioneServiziSpazioAereo ENAC,DirezioneCentraleAttivitAeronautiche ENAC,DirezioneOperazionisedediTorino ENAC,DirezioneOperazionisedediMilano ENAC,DirezioneOperazionisedediVenezia ENAC,DirezioneOperazionisedediRoma
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012

2 1 2 3 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

APP.17pag.1emendamento6

AreaOperativaAIS

ENAC,DirezioneOperazionisedediNapoli ENAC,SedeAeroportualediPerugia ENAC,SedediServizioAlbenga ENAC,SedeAeroportualediCrotone ENAC,SedeAeroportualediReggioCalabria ENAC,SedediServizioForl ENAC,SedediServizioPadova ENAC,SedediServizioSiena ENAC,SedeAeroportualediParma ENAC,SedediServizioSalerno/Pontecagnano ENAC,SedeAeroportualediRimini ENAC,SedeAeroportualediTreviso ENAC,SedeAeroportualediBolzano ENAC,SedeAeroportualediBrindisi ENAC,SedeAeroportualediFirenze ENAC,SedeAeroportualediLampedusa ENAC,SedeAeroportualediPantelleria ENAC,SedeAeroportualediPescara ENAC,SedeAeroportualediRomaUrbe ENAC,SedeAeroportualediTrapani ENAC,SedeAeroportualediTriesteRonchideiLegionari ENAVS.p.A.,ACCBrindisi ENAVS.p.A.,ACCMilano ENAVS.p.A.,ACCPadova ENAVS.p.A.,ACCRoma ENAVS.p.A.,ACU,c/oRomaACC ENAVS.p.A.,AIS,Dirigente ENAVS.p.A.,AIS,ResponsabileQualit ENAVS.p.A.,AIS ENAVS.p.A.,AIS,ArchivioPubblicazioni ENAVS.p.A.,NOF,Responsabile ENAVS.p.A.,NOF ENAVS.p.A.,AMC,c/oRomaACC ENAVS.p.A.,AOIS ENAVS.p.A.,CAAVBari ENAVS.p.A.,CAAVBologna ENAVS.p.A.,CAAVCatania ENAVS.p.A.,CAAVNapoli,Direzione ENAVS.p.A.,CAAVOlbia ENAVS.p.A.,CAAVOrioalSerio ENAVS.p.A.,CAAVPalermo ENAVS.p.A.,CAAVTorinoCaselle
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012

1 2 1 2 2 1 1 1 2 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 3 3 3 3 1 1 1 1 1 1 4 1 5 3 3 3 3 3 3 3 3

APP.17pag.2emendamento6

AreaOperativaAIS

ENAVS.p.A.,CAAVVeneziaTessera ENAVS.p.A.,CAAVVerona ENAVS.p.A.,CNR,c/oRomaACC ENAVS.p.A.,FunzioneACADEMY ENAVS.p.A.,FunzioneCoord.EsercizioTecnico ENAVS.p.A.,FunzioneMeteorologia ENAVS.p.A.,FunzioneOperazioniAeroportoSAAV/CAAV ENAVS.p.A.,FunzioneOperazioniAeroportoUAAV/NAAV ENAVS.p.A.,FunzioneOperazionidiRotta ENAVS.p.A.,FunzioneProgettazioneSpaziAerei ENAVS.p.A.,FunzioneRadiomisure ENAVS.p.A.,FunzioneSafetyeSecurity ENAVS.p.A.,NAAVTorinoAeritalia ENAVS.p.A.,NAAVAlbenga ENAVS.p.A.,NAAVBolzano ENAVS.p.A.,NAAVCrotone ENAVS.p.A.,NAAVCuneo ENAVS.p.A.,NAAVFoggia ENAVS.p.A.,NAAVLampedusa ENAVS.p.A.,NAAVPadova ENAVS.p.A.,NAAVPantelleria ENAVS.p.A.,NAAVRieti ENAVS.p.A.,NAAVSalerno ENAVS.p.A.,NAAVVeneziaLido ENAVS.p.A.,SAAVFiumicino ENAVS.p.A.,SAAVLinate ENAVS.p.A.,SAAVMalpensa ENAVS.p.A.,UAAVAlghero ENAVS.p.A.,UAAVAnconaFalconara ENAVS.p.A.,UAAVBrescia ENAVS.p.A.,UAAVCagliari ENAVS.p.A.,UAAVFirenze ENAVS.p.A.,UAAVForl ENAVS.p.A.,CAAVGenova ENAVS.p.A.,UAAVGrottaglie ENAVS.p.A.,UAAVLameziaTerme ENAVS.p.A.,UAAVParma ENAVS.p.A.,CAAVPerugia ENAVS.p.A.,UAAVPescara ENAVS.p.A.,UAAVReggioCalabria ENAVS.p.A.,UAAVRonchi ENAVS.p.A.,UAAVUrbe
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012

3 3 1 1 1 1 1 1 1 4 3 1 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 4 4 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3 3

APP.17pag.3emendamento6

AreaOperativaAIS

AVAS.p.A.Handling,AeroportoAlbenga SO.GE.A.AL,AeroportoAlghero AERDORICAS.p.A.,AeroportoAncona/Falconara AVDAS.p.A.,AeroportoAosta AeroportidiPugliaS.p.A. S.A.C.B.O.,AeroportoBergamo/OrioalSerio SocietSACES.p.A.,AeroportodiBiella AeroportoGuglielmoMarconidiBolognaS.p.A. ABDAirportS.p.A.,AeroportoBolzano AeroportoV.CatullodiVeronaVillafrancaS.p.A. SO.G.AERS.p.A.,AeroportodiCagliari/Elmas SAC,AeroportoCatania/Fontanarossa AEROPORTOS.ANNAS.p.A.,AeroportoCrotone AeroportodiCuneoLevaldigiGEACS.p.A. AdFAEROPORTODIFIRENZES.p.A. SEAFS.p.A.,AeroportoForl AeroportodiGenovaS.p.A. Soc.S.E.A.M.S.p.A.,AeroportoGrosseto S.A.C.A.L.S.p.A.,AeroportoLameziaTerme ASTS.p.A.,AeroportoLampedusa AeroportodiLuccaS.p.A. SocietAlaToscanaS.p.A.,AeroportoMarinadiCampo S.E.A.S.p.A.,AeroportidiMilano GESACS.p.A.,AeroportoNapoli/Capodichino GeasarS.p.A.,AeroportoOlbia/CostaSmeralda SOGEAORS.p.A.,AeroportodiOristano AeroportoCivilePadovaS.p.A. GESAPS.p.A.,AeroportoPalermo/PuntaRaisi SOGEAPS.p.A.,AeroportoParma SASES.p.A.,AeroportoPerugia/S.Egidio S.A.G.A.S.p.A.,AeroportoPescara SocietAeroportoToscanoS.p.A.,AeroportoPisa/S.Giusto SOGASSpA,AeroportoReggioCalabria SocietAPT,AeroportodiReggioEmilia AeradriaS.p.A.,AeroportoRimini/Miramare AeroportidiRomaS.p.A. AEROPORTOSALERNOS.p.A. AeroportodiSienaS.p.A. S.A.G.A.T.S.p.A.,AeroportoTorino/Caselle GE.AR.TOS.p.A.,AeroportoTortol/Arbatax AIRGESTS.p.A.,AeroportoTrapani/Birgi AERTRES.p.A.,AeroportoTrevisoS.p.A.
ManualeAIS Invigoredal16/04/2012

1 1 1 1 4 1 1 1 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 1 1 1 1 1 1

APP.17pag.4emendamento6

AreaOperativaAIS

AEROPORTOGianniCaproniS.p.A.,AeroportoTrento AeroportoFriuliVeneziaGiuliaS.p.A.,AeroportoRonchideiLegionari SAVES.p.A.,AeroportoVenezia/Tessera

1 1 1

NOTA:eventuali ulteriori copie del Manuale AIS potranno essere prodotte a livello locale sotto la responsabilit di chi effettua tale operazione, che dovr pertanto garantireladistribuzionecorrettadeisuccessiviaggiornamenti.

ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 APP.17pag.5emendamento6

AreaOperativaAIS

INTENZIONALMENTEBIANCA

ManualeAIS Invigoredal16/04/2012 APP.17pag.6emendamento6