Sei sulla pagina 1di 46

ARIA DE LI CASTELLI

Poesie in versi locali, tra il romano dei castelli e o ricciarlo Poesie di Antonio DAL MUTO

Edizioni CASAMIA

PRESENTAZIONE

La poesia dialettale rappresenta la creativit di un popolo presentata in rima. Ma essa anche anima del popolo, poich solamente il dialetto, forgiatosi sotto le spinte culturali locali che affondano le proprie radici in un percorso storico iniziato almeno pi di duemila anni fa, pu, rimane in grado, di esprimere le proprie emozioni, i propri punti di vista ironici o drammatici cin colorita immediatezza e profonda comprensione. Come tutti i dialetti, questi, hanno maturato la propria completa espressivit negli anni 50 del 900, dopo questo periodo, lintroduzione di nuove terminologie dovute essenzialmente alla tecnica, hanno, per cos dire stoppato levoluzione del dialetto rimasto ancorato alla sua pi vera identit, quella artigianale e contadina. Io che abito in Romagna, posso testimoniare questo che assai pi vero nel vernacolo romagnolo, molto pi difficile da scrivere per via della particolare fonetica e pronuncia di molte parole di origine gallo-italica. Comunque, conscio che il mio dialetto ricciarolo, essendo frutto della spremitura di memoria di quando

abitavo ad Ariccia, sicuramente mancher di qualche imperfezione linguistica, oscillante tra un romanesco contaminato dal ricciarolo e questultimo contaminato dal romanesco; ma questo non toglie alle poesia il mio intendo declamatorio, spesso ironico, che vuole enfatizzare e mettere in luce aspetti antichi e problematiche locali. La presenza, inoltre di alcune parolacce, nel dialetto risuonano pi che come volgarit, come espressioni colorite dette per sottolineare un concetto, pi che esprimere letteralmente il loro significato. Potremmo, per esempio immaginare un incontro da due ricciaroli per capire la funzione della parolaccia:
Ciao comp Allora ce si ito? Ito? E n do saressi dovuto da ? Comme n d saressi dovuto da tho so ditto ieri! Mo si ditto?! Ma a chi o si ditto? O so ditto a tine. A mine? Si, a tine e gi nun to ricordi. Ma tu si bbevuto! A mine nun si ditto proprio gnente. Tu si bbevuto, mucco de fregna!! Ma vvaffanculo a tine e a soreta!! Vaffanculo a tine, no a mine, va

Te saluto comp Sar p prossimo vota. Te saluto pure a tine, comp

La prima poesia quella che mi ha ridato la voglia di scrivere in rima lo avevo fatto qualche anno prima ( sono pubblicate sempre su SCRIBD) ma senza particolare convinzione. Poi rivenuta la voglia e con essa il divertimento, poich a scrivere in dialetto realmente un sano divertimento!!

Buona lettura

Lautore

Elenco Poesie A SCHERZA CO LA RIMA ALLAMICO GIANNI ER TEMPORALE ESTIVO ER BENZINARO LA STRAGGE DE LI BRETTONI DER FEBBRARO DER 1377 GITA A LI CASTELLI A NFIORATA DE GENZANO ARICCIA O PONTE DARICCIA ER FORUM PE LI CASTELLI AVEMO RIPULITO ER LAGO DARBANO ER PITTORE POVERA ITALIA ER ROLLOVERE O PARCO DE LI CASTELLI ROMANI LAEROPORTO DE CIAMPINO LINCENERITORE DE RONCIGLIANO ARICCIA, N COMMUNE COMMISSARIATO LACQUA DE LI CASTELLI EQUITALIA LUFO A LI CASTELLI LAPPIA ANTICA A SAGRA DE FRAGOLE DE NEMI A MONNEZZA DIFFERENZIATA

A scherz c la rima
A scherz c la rima se risveija la vena de scrive n versi che, artrimenti, anneranno persi. Come na spinta che tbbilga a vanz pijo la penna e n pezzo de carta butto ggi d versi senza penz e realizzo che la rima nun sarta; scorre liscia come na pesca: nun ntruppa, nun inciampa ma avanza senza timor d tresca sembra n foco ch a ddivampa. Come er temporale, che con gran botto annuncia na rinfrescata estiva li versi sciorti scorreno via da sopre a sotto e senza ntoppi sa riempie er foijo. Evviva! m me sento mejo: ho bbevuto lispirazzione mha nutrito senza sosta mha mannato nfibrillazzione ma co tutto questo, me vi dd d, che sta fatica nun me costa.

23 luglio 2011

Allamico Gianni

Caro amico e collega amato, cos, silenziosamente, te ne se annato, quer segno zodiacale, quello mannato, sibbene nun fosse er tuo, lo stesso tha segato. Nun ta ricordi quanti viaggi, quante fermate avemo fatto nsieme pann a lavor: scegni dar treno; pijia lautobus senza menzion er tempo, la pioggia, la neve, era callo: quante sdrumate. E le ncazzate nun te laricordi? Tu c lapparecchi e io c li piloti tanto che quelli, allora, ce sembrorno giorni spenti ma fatti puro de risate: n fin de conti so stati puro giorni verdi. Quantacqua passata sotto li ponti, quante giornate se ne so annate. Ma noi lavemo affrontate co passione e professionalit, tantanni de servizzio e poi la pensione cariv senza faccie aspett. Artri giorni, fatti de ricordi, dartre speranze de cose rinate e che n passato nun cera mai tempo pe realizz. Er tempo passa, vero, ma spesso te prepara n tranello e te ce ritrovi dentro senza sap che razza de budello! N tunnel che puscinne er corpo su sta tera dovevi da lasci E tutto s dissorto comme in un sogno; de tutto quello che chavevi in mente adesso nun te serve pi a gnente: nfatti, un corpo senza spirito, dimme te, de ch cha pi bisogno?

De te rimane er ricordo de n pezzo de teatro su cui semo stati chiamati a recit. E taccorgi che la vita na farsa che se vissuta n cecit rischi de perde tutto er resto pe nfilatte pe sempre in un eterno mondo tetro.

25 luglio 2011

ER TEMPORALE ESTIVO
E che cazzo! Botti a pi non posso, er cielo caddivenna scuro er mare da carmo se f mosso. Sarza er vento tutto allimproviso: voleno lombrelloni, li giornali e lasciugamani, le sdraio sammischieno e la sabbia che tentra nellocchio e te sapiccica ar viso Tu cori p cerca nriparo, entri in un bar tutto arintorcinato e, poi, in men che nun se dica ecco che sariffaccia er sole: sta vorta er cielo, co tutto sto casino, cha solo coijonato.

26 luglio 2011

ER BENZINARO

E ppuroggi me s fatto quarche pieno La bbenzina eer gasolio volano cor prezzo Ma ntasca aar benzinaro nemmanco mpezzo De qua ricchezza doro nero. Maledicheno er Governo lautomobbilisti, se la pijeno co le pompe tutti ncazzati, ma poi realizzeno che vero che de quatrini, tanti ne si visti, ma che pper vanno tutti alli petrolieri moriammazzati. Ar benzinaro, che ccosta tanto che ccosta poco nulla cambia: sotto ar sole, la pioggia, er vento sgobba, suda, cure comme fusse n gioco ma tanto la tasca sua nun conoscer mai vanto.

28 luglio 2011

La Stragge de li Brettoni der Febbraro der 1377 ( Strage di Cesena, commissionata dalla Chiesa di Avignone per dare una
lezione ai Romagnoli, aizzati da Firenze, che decisero di non versare pi le tasse al papato)

N giorno ariv alle recchie der Papone, spaparanzato ad Avignone, na funesta novit: li romandioli avevano deciso d nun pag le tasse perch spinti da li fiorentini, sti bojiacci, che c le bandiere sventolanti annavano p li castelli e, in nome della libbert, invitanno tutti a nun vers manco no scudo nelle sacre casse.

Su tutte le furie, er Papone, drento le sacre mura, aggitato ar punto tale dann nescannescenza comme mmatto, penz che c le casse vote nun se poteva st. Era nindecenza. Comme se permettevano sti sudditi ngrati de ribellasse ar sacro trono? Nun se ricordavano pi tutter bene che jera stato dato ndono? Nun rimaneva che studi, verific, nzomma, quarcosa annava fatto. E fu cos che Robberto, er Cardinale de Ginevra, venne nformato che a li romandioli n serio guiderdone j annava dato.

Puntuale come norologgio, er Cardinale svizzero se circond de varia paccottiglia, specialmente d Giovanni Acuto la sordatajia. Cos fu che c tutta st ferrajia lo sintravide presso li crinali romandioli combinato comme 'n giannizzero. E su p li colli cesenati, doppo esse passato p Imola, Faenza e Forl, entr nellamena citt d Cesena, conaccomodante quanto furbesco vorto de canajia.

Acquartierati presso la famosa tana, li sordati scennevano da st budello tutti li santi ggiorni p magn a gratisse la robba che li fornari e beccherie daveno: pane e costati d vitello costringendo li commercianti cesenati a d e senza sparagnsse; fu coss che li sordati carmi e senza scatt, svotarono le riserve magnereccie mettennojie paura cor cortello.

Ma ariv er giorno de d Abbasta!. Senza li scudi nun se riempie pi la panza! Ncazzati li villani se scontrorno co li brettoni affamati che ncerca den pretesto su ordine der Cardinalone, che se present puntuale, come la frusta quanno cerca er fonnoschiena de na schiava. Vennero chiusi li portoni urbani e dettero via alla danza, anzi alla mattanza er sangue de la ggente scorse tanto da sembr n fiume de rossa lava.

Disperazione, tradimenti e morti corpi de spadone, d ascia e de cortello lasciorno su le strade 6000 corpi straziati da la furia dellAcuto quer ngran fijo de na mignotta; uno che caveva un gran fiuto p la pagnotta lui, co tutta la sordatajia sarrubborno tutto, 'n mezzo a st macello. Le grida e lurla de la ggente arrivorno fino a Rimino dove quer Galeotto der Malatesta, aspettanno a la finestra che er lavoro fosse fatto, nun sognava artro che pijasse l citt senza sforzo e senza danno, saporita comme n piatto de minestra, che gi se preparava, sicuro comera, a mettese ncammino.

Ntanto a Cesena solo le cornacchie passeggiaveno tra li strazziati corpi, arti e poveri infanti. Nun se trov pi manco mpezzo de pane, nemmanco un pezzo doro. E p corpa de chi? De li fiorentini che nun se fecero li cazzi loro. La libert na cosa grossa

Nun se po lanci er sasso, pensanno de fa nastuta mossa p poi stassene n finestra guardanno la libert dellartri divent rossa.

Senza scudi er Papone, p pag lAcuto e li sospesi vennette Cervia e le saline, bianche d tristezza, ar sor Polenta co l 3000 scudi mann via da la citt er fetentone c la trupppa contenta e Cesena, affittata ar Galeotto, se riemp d'astuti riminesi. Ma la lezzione fu data a li cesenati ormai ridotti a putrida monnezza. Giusto p la cronaca: lAcuto a Marino ncontr li romani che nun ciannarono de fino Tanto che li brettoni mazzati, ndovinate a chi chiesero rifuggio? A quello che nun se fece li cazzi loro: ar fiorentino. Sor Paolo Uccello a Giovanni ije fece puro n ritratto in Santa Maria der Fiore su n cavallo, che se regge su du zampe; tutteddue sinistre. Li critici dissero cher maestro sera sbaijato, ma nun capirno come er pittore lo fece apposta, perch lAcuto nun era artro che n fijo de na mignotta, uno che cha er fiuto solo p la pagnotta. P lartista nun fu un eroe d la patria fiorentina, ma sempricemente uno che p magn faceva lequilibbrista, comme tanti politici, sia de' destra che dde' sinistra Era mejio, p li cesenati, continu a paga le tasse o fa leroi comme nzistorno li fiorentini ncoro? Questo er dilemma che ancora interessa le masse. Na triste storia che la cronaca ar monno ancora mena: la strage che li brettoni fecero a Cesena p corpa de chi nun se fece li cazzi loro. 25 luglio 2006

Gita a li Castelli

Nann, a Nann Ma ndo ce porti? Ve porto a li castelli Nonno diceva che so bbelli Nann, Nann Ma che d sto puzzo che ce sturba? E linceneritore dArbano che sbuffa na mossa dellamministrazione furba Pe risorve er probblema da monnezza a uffa. Nanni, Nann Perch ce fai bbeve stacqua sdorcinata? Da li cannelli de Marino nun doveva esc er vino? E sta a bbad ar capello mp ncrinata Dicheno, dallarsenico che lha riacconciata Ma, guarda er paesaggio che meravijia Lacqua der lago de Castello.. ma nd fenita? Se sentiva d, vero, che quarcuno se la pijia, ma m pare che se sia accorciata, quasi sparita Nann, Nann E sti montarozzi de mmonnezza? Niscosti da rami e fojia? La via di Laghi, er Parco, ma nun dicevi chera aria pura e forto bbosco, invece, m, pareno spelacchiati e chi ce passeggia in quer posto se la pijia staffare me pare davero m poco losco

Nann, Nann Ho capito! Nun so sorda Aripijiamoce la machina e famo nantra vorta Speranno che la gita a li Castelli Nun aridiventi, na passeggiata mmezzo a dimostrazzioni e caroselli Nann, Nann Cereno na vorta li Castelli M, nun so pi mmano a li poeti, a li pittori che li ripijeveno co li pennelli M so mmano a li politicanti che penseno de fa li padroni nvece de penz a labbitanti Poveri Castelli na vorta la porchetta cotta a legna na vorta er vino da li cannelli, na vorta le velletranelle che balleveno sotto a le stelle m ce sta solo na gran lagna so spariti li pennelli se ammucchiata na gran monnezza e c sti politicanti li castelli perderanno der tutto la bellezza Lo vedi cera Marinoooo

21 aprile 2012

A nfiorata de Genzano
Ma che tte pare Na meravijia! N tappeto longo come na parjia che se srotola tra petali e colori lungo la salita tavvorge de profumi, darte, de vorti sacri dedicati dalla fatica. Tutto er corso sammanta de poesia, li genzanesi ne fanno n vanto da cant p tutto er monno, puro a li giapponesi Vengheno da ogni dove: castellani e furastieri Sgraneno locchi davanti a stopere darte fatte de petali de fiori Genzano, citt che riposa sopre er bordo de nantico lago affacciannose su quello specchio dacqua che fu de Diana er sacro pago Mo, da tempo, dar settecento, come si volessi ringrazzialla pe av fatto de sto posto un grande sogno che te tojie la favella pare che tu je dedichi ognanno sta poesia n fiore tanti riquadri fatti da mano ardite e da tanto core seguenno la tradizzione de famijia tutti senteno stinfiorata comme fosse na propria fijia Grandi ommini nella storia lhanno frequentata er Papa, li Re, poeti e romanzieri e puro Garibbardi lha carpestata ommini che nhanno fatto m monumento pe sta citt ma che ar Corpus Domini la dedica ognanno in realt Fenisce puro sta festa E doppo a processione, la ggente lesta lesta Sentrufola su li fiori, li carpesta, li pjia li fa vol pe llaria E po, doppo m bicchiere de vino, se ne torna a casa gaia

22 aprile 2012

Ariccia

Me pari na munella stesa sotto a o sole e comme materasso n letto de Plutone. Stai l, comme pascort na canzone fatta de aria, sogni e viole P capelli chai na chioma chiamata parco Chiggi e n tappeto pappoggi li piedi: Vallericcia na corona verde p ripos ne li meriggi guardanno la via assai antica capace ancora dannassene via spiccia Ecchelo sto paese, nun chiede gnente v solo na cosa: m po damore ma solo pe fa st mejio la sua ggente giusto p nun fajie dimentic desse de core E poi, vabb ce st puro la porchetta, la storia, Diana, o ponte e la Madonna c santa Ppellogna ma nun basta fin drento a na fraschetta pe conosce st paese che pare che dorme, ma che n realt sogna.

24 aprile 2012

O ponte dAriccia
Mmmazzelo quant arto! te santorcina er collo p vvedello si ce stai sotto nu taraccapezzi a immaggin n sarto ma si ce stai de sopra te viene n mente quer poverello che s butt de sotto m preda a la disperazzione Eppure isso se ne sta l, nun dice gnente; guarda la ggente che va e che v manco ce prova a ndovin che sente solo na cosa sente esse certa: che de li ponti isso o re, po o resto tutta convenzione . Mette paura che te f ven a scacajia, quanno lattraversi nun vedi lora desse rivato ma o ponte nun na canajia nun te pijia a tradimento, nu te fa cojionato, perch p vol da quellartezza ce vole la ggiusta condizione.

Si quarcosa va storto nun tela pij co isso forse li probblemi stanno ner core de chi sentenno comm messo decide de fa er gran sarto e rimanecce fesso. N fin d i conti a ognuno la propria libberazzione.

6 maggio 2012

Er Forum p li Castelli
M, v de moda assai, ma p necessit, ncontrasse per sarv er monno So persone oneste quille che saritroveno tutte n tonno a discute quello che sha da f e si nun te piace, te ne poi puro ann! Er forum p li Castelli na manifestazione damore n sentimento che mostra quanto a sti posti ce voi bbene Te senti ribboll er sangue per quillo che chi no core Quanno vedi che a o politico, a sta terra, nun ce tiene. Chai vojia de fatte sent, de manifestne Se dice spesso: nun c peggior sordo de chi nun v sentne Ma a te, nun te frega gnente e vai avanti: a te stesso nun poi mentne E cos organizzi n gran casino che quarcuno te dovr ascortne. Ma si er politico nun te se fila e nun ce ti a o verde, Perch cha pi grosso er culo de la faccia Sappi solo na cosa: tutto quillo che fai pare comme ninutile faticaccia Ma sta tera te ricambia, cor vento tra le fronne, co lechi de la storia, rime de natura che solo tu che lami poi scopr e dorgojio ann in boria. per il resto, chi nu cha core sordo e cieco e nun s quillo che se perde.

11 maggio 2012

Avemo ripulito er lago dArbano


A reg, avemo fatto m ber lavoro Nun c cche d. Adesso la sponna cha pi decoro Ma chi la bbutta tutta sta robba lhai da cap. Ma nun tanto chi la bbutta Anche perch se sa come lomo sia no zozzone, er fatto che m lamministrazzione, avanti tutta, ce se st a abbitu a sto carozzone Stanno a guard da la finestra E vedenno come tutta sta ggente mossa da grande amore Se istruisce, se organizza nsomma la solita minestra, a sti signori ncravattati je sapre er core tanto che ponno d a voce piena Signori, accomodateve pure che la zona pulita A noiantri dellamministrazzione ce se rompe la schina P favve st decentemente n riva a questa che pare na laguna! Beh, e mica tanto. M la nostra parte noi lavemo fatta, camo rimesso puro m po de sordi p compr guanti, sacchi e stivaloni p riccojie limmondizzia sfatta Amo rimesso a posto ogni cosa, ma la cosa nun deve divent coatta E sapete che vve diciamo cor core n mano? Signori, lesempio, m, ve lamo dato e limmondizia avemo scarozzato Ora tocca a voi a fa er vostro mestiere che sovrano, e si quarcuno de voi dice na cosa sbajiata noi lo mannamo a moriammazzato!

14 maggio 2012

Er Pittore
Cor pennello ce vai de tosto, Ma nun hai fatto li conti co la ggente Quella che dellarte, oggi comme oggi, nun je ne frega pi gnente Per cui rimpacchetta tutto e rimetti tutto a posto. Eh, ggi! Teri illuso che c li paesaggi Potevi raccojie, qua e l, quarche riscontro Uno de queji comprimenti che se nun te li fanno lo paragoni a naffronto, eppure ecchete qua: hai ripulito li pennelli e de li meriggi de li tramonti, de li cieli nfocati de rosso pompeiano nun rimane che n ricordo de na passione, che s squaijata come ghiaccio da bere p corpa d lignoranza e der mercato che nun guarda pi a larte ma a laffare per resto, quello che conta fa finta desse bravo, come Coriolano che voleva vendicasse della sua ggente alleandose c li nemici p fa poi la figura der patacca p fasse d: Era neroe, un vero fijo de Roma; uno de quelli che nun se stacca da li valori dellantica storia! giusto per f appari grande quello che era gnente. Nun larte che fa grande la pittura, Oggi so li sordi che fanno de na merda na campionatura Forse la fortuna ce mette lo zampino, ma per il resto tutta na montatura Messa su p illude tanti pittori che se credeno maestri de coloritura Ma che n realt so solo principianti mprovvisati, m preda a nillusione pura. Cos, finisce lavventura: eri Maestro de pittura e disegnator capace ma si sei finito cos, questo, vor d solo na cosa: che morta larte e la curtura e hai fatto bene a mpacchett tutto. M, nun te rimane che datte pace.

27 magggio 2012

Povera Italia.

Come sei ridotta. Da sotto er teremoto e li sommovimenti te squasseno ; de sopra la delinquenza, lincivirt e la politica de merda che se la spasseno. Quanti so lItaliani onesti che ponno d: questo nun me lo merito? S solo che tanti s li fiji de na mignotta Che sarrubbano tutto, puro la la cassa dello Stato marridotta E che nun se fermeno nemmeno davanti a un munello candido. Tra pedofili, bancarottieri, evasori, corruttori, puttane e politicanti Lonesto se sente un gran cojione Che tira avanti la carretta, p poi constat che pi rubbi pi chai visione, mentre tu, urtimo lavoratore, nun hai voce nemmanco p sfog giusti lamenti. Povera Italia, e chi tte mette pi in sesto? Berlusconi? Bossi? Rutelli? Bersani? Pierferdi? Fini o Monti? Ma chi cce crede pi a costoro che hanno creato sta situazzione, sto palinsesto de casini, de storture, de zozzerie che nun ce se raccapezza pi a f li conti. Irap, Irpef e Imu, tasse e balzelli vari Lonesto stretto dentro na morsa badata co lo schioppo da Equitalia Te strizzano come na zinna de vacca, come fossi na balia e taccorgi che a pag rimangheno solo lonesti, ma quelli veri. Voi sap, povera Italia chi te sarveranno? Nun saranno li banchieri o lindustriali a tiratte fori dar guado, dallimpasse,

ma i lavoratori e li pensionati, quelli costretti ad esse onesti paganno tutte le tasse mentre magnaccia, puttane, fiji de na mignotta e politicanti se la squajierano!! Ma dico io: n teremoto nun potrebbe tir laddove penso io? Nun potrebbe becc la casa de Berlusconi, de DAlema, de Fini e compagni? Armeno cos potranno d: puro noi semo italiani, comme voi degni Desse compatiti e aiutati da lommeni e da domineddio. 27 maggio 2012

Er ROLLOVERE Aho, mo ce mancava puro st eufemismo na cosa che a pronuncialla te rivorta lo stommico comme m pedalino: Rollovere, dicheno lesperti, ma che ce spieghino m momentino che cazzo vor d stanglicismo. Dicheno che potrebbe capit che er lago dArbano Tutto m botto se mette a vomit na specie de veleno, a respir, Quarcosa che te manna subbito ar creatore si per caso te trovi l Naria che se chiama Anidiride carbonica: un nome che cha molto durbano Ner senzo che tu la trovi solo n citt, Che t esce da li tubbi de scappamento, da li camini de le case, Ma mai taspetteresti che pure er lago riuscisse a f ste cose E noi ce chiedemo: m m po daria bbona n do cazzo, lannamo a respir? Voi ved che rivato er momento Che la natura se risvejia da lo sgomento de vedesse violentata E senza penzacce, te guarda n faccia come p ditte: A fijo de na mignotta, m mhai proprio rotto! Me so stufata de vedemme nquinata da la monnezza tua, da li veleni che distruggieno li boschi, da a zozzeria che riversi na nottata pe nun fatte ved; dar fatto che sotterri la merda tua nella robba mia. Certo, e chi sse meravija si la natura reaggisse co sto Rollovere, si ncambio te stordisse co m po de nidrite nellesofago doppo tutto come lamo ringrazziata: come amo trattato li boschi, er lago, sto po po de natura che er padreterno cha donato a noi povere Criature, povere de rispetto, povere damore e de coraggio De fa rispett sto tesoro riccuntato sin dallantichit. Tocca a noi pochi rispettosi, preg che la natura nun ce facci sto rtraggio Speranno che la coscienza se risveji p rimbocasse le maniche pe dasse poi da f. 28 maggio 2012

O Parco de li Castelli Romani


E ce risemo!! Nun abbastava o Rollovere a scompisciatte o sonno Che mo saffaccia nantro pasticcio: o cemento mmezzo a li bboschi. So lommeni, li soliti, che a o momento ggiusto azzanneno quanno ponno Tutto quillo che teneveno da custod, c laiuto de li poltici e senza rischi. O Parco di Castelli se s, e fatto de nsacco dangoli belli. na natura ancora ggioviale che taccoije a braccia aperte co li sua ggioielli Ma pare na munella sola e ndifesa vittima da furbizia che s quillo che ff. M, o Parco, pare che sia troppo largo e vasto Allora sapete o politico che f? So rosica piano piano pe facce quarche villetta Uno de qui posti fatti mica po popolo, ma pa cricchetta. Voi mette ad abbit alle Piagge de Nemi? O su a o Vivaro, a consumatte m pasto? Tutti daccordo, li politici, quanno se tratta de distrugge Chissenefrega do mito e de a tradizzione Quillo che conta o sordo e da Reggione la benedizzione Pe consum nantro scempio in nome do progresso artro che protegge! Morale da favela: a portrona nun ingrossa o core, ma o culo e li saccoccioni, nun so ommeni quilli che ce stanno, ma lupi famelici vecino a na tavela quilla dellaffari e vaffanculo a a curtura, aa natura e a tutti i rompicoijoni!!!

29 maggio 2012

LAeroporto de Ciampino

Che caciara! Che casino! Tarzi la matina c locchio sfatto, perch dorm diventato n lusso Laeroprani come si tatterrassero n cammera da letto. E a chi bbusso P d: Aho, qui volemo dorm Nisuno cha pi lorecchio fino Che te permetteva de sent usignoli o lartri uscelletti Pare che thanno messo ntappo e m, le recchie serveno solo p regge locchiali Perch tra n rombo e nartro nun rimane che li gesticoli P comunic co r resto del famijia che, me pare, esse fatto da tutti matti. Per sinceramente, na cosa bisogna dilla Quarche anno fa attorno ar Pastine cera campagna Er paese de Ciampino stava su n lato e nisuno se ne addolorava, ma magna magna come funghi so nate da tutte le parti palazzine e d campagna manco pi na villa Ciampino s ntorcinato tutto attorno allaeroporto Case ovunque, alla pista appiccicate e m? M ma che cazzo volete, si p corpa dellamministratori er Pastine s trovato fora dalle case apparecchiate lareoprano nun centra gnente, la corpa de chi ha tajiato corto pensanno: Ma chissenefrega si poi sti villici chavranno dei probblemi! So cazzi loro se vonno ven ad abbit quaggi. Limportante f guadagn a quarche costruttore e tanto p cambi, se tratt solo de magn mp de tereno a la faccia della programmazione, della loggica e delle soluzioni Quelle che er buon senso vorebbero che naeroporto rimanesse Fori de la citt. Mo tutta na caciara: drento laeroprani e fora li villici incazzati Che nvece de piassela co lEnacche, annassero sotto casa der sindaco nferociti

P dijie: Ma che cazzo avete fatto? Nun potevate progett mejio sta citt nvece de costruilla attorno ar Pastine come fosse na stufetta p scallasse M troppo tardi e se po d solo na cosa: la vita qui proprio na merda de qualit!!!

30 maggio 2012

LInceneritore de Roncigliano
Mortacci loro!! Ma nzomma, staria benedetta sti quattro fiji de na mignotta Proprio se so messi ntesta de rovinalla. Nun abbastava la minaccia de r Rollovere de ven a galla? Der cemento ner Parco de li castelli? M puro linceneritore de Roncigliano Pabbrucia ortre che a monnezza, puro quer pezzo d pormone che ce rimasto sano Nun c pi religione so tutti diventati marcheselli, nfatti se credeno tutti de comann Dimenticanno che, nonostante avemo fatto lerore de votalli Dovrebbero da govern, preoccupasse de la salute de li Castelli Der teritorio, der turismo e nvece che te vanna ff? Aggischeno tutti allincontraro: Tajieno larberi n bboschi, e ce li lasceno cor lago tutti nquinati, Minacceno de n zozz laria.. moriammazzati, ma n vece de fa li politici m potevano fa er pecoraro? Armeno cos pi de la merda de le pecore nun ce lasciavano!!

30 maggio 2012

ARiccia, n Comune commissariato


Chieee! E proprio o caso de d: Quanti ne vevo e quanti ne vavo. Ma dde chi? Come de chi.. De sindaci ricciaroli! Mo sto paese stato commissariato e p quistioni che pareno coriandoli, carnevalate tra sindaco e aspirante tale che pensa: Ce vaijo io si ccha cavo! Nun pi quistione de voto, de scerta do cittadino Mann su qua portrona quillo che pi taggrada. M n fatto de controllo Se tutto s svorto po meijo, si tutto stato fatto a pennello Artrimenti subbentra la maggistratura che stappa tutto comme fusse n lavandino: Se rivedeno le schede, li broijacci e li reggistri: pi m portante o timbro che la volont do cittadino? Nartra vittoria da burocrazia che pare che te dica: Tu vali meno de m pedalino! Cosicch, tutti a casa, se ricomincia da capo Lezzio Maggistri. Cos l ARiccia se ritrova co o commissario ad acta Quasi che fusse m paese de bbriganti E comme se sa, siccome quilla na portrona de comando e gran rispetto O sindaco semo riusciti a mannallo a casa, ce semo fatto un gran dispetto, Anche si nun avemo vinto ce semo fatto n tasca i conti ARiccia nun mica o paese di campanelli Deve esse m paese de Felici. I ricciaroli, caro Cianfanelli, m tenno da sogn mari e monti Pe quisto che dicemo: Nun ve la pijate, la politica , a rivot, ve vole sempre pronti.

31 maggio 2012

Lacqua de li Castelli

Acqua Leggera alla Riccia, scennenno da la pentima e da li parapetti Acqua Acetosa n fonno a o Lago dArbano Quilla po fegato a Velletri, fora da o centro urbano E perch quilla de Squarciarelli n do la metti? Nun te dimentic quilla che cera a li Campi dAnnibbale su a la Rocca Gi, si ditto bene: cera E m vatte a ricord commera, c quer frescore m bocca Che taggustava assai doppo na camminata m mezzo a li boschi a primavera Ma m me chi da d n do so ite a fen tutte ste delizzie Certo le fonti stanno ancora l ma c tutto quillo channo combinato na cosa sola diventata certa: lacqua de li Castelli cha abbandonato Vettime dellincuria umana e dellinquinamento, sa solo d sporcizie. Senza menzion lacqua de li rubinetti Che na vorta era solo fresca, comme scennesse da la montagna Ma m channo messo puro la correzione: mp darsenico eo gusto ce guadagna Ecco che cos, tra cemento servaggio, speculazzione e vari impiccetti Ce ritrovemo a parl dellacqua comme fosse na cosa do passato na preziosit diventata oggetto da museo, esposto p vedello ma nun toccallo Grazzie a a distrazione de llamministrazzioni, channo fregato nantro ggioiello Vanto de li Castelli assieme allaria bona che finora channo abbonato M ce rimasto solo o pagnottone Armeno cos me pare. Quillo cotto a o forno a legna de Genzano e de Lariano Ce rimasto o vino de Marino, de Frascati e a porchetta da Riccia m mano, Che quarc uno se ricorda de cocela ancora comme dice a tradizzione

Ma stamo ncampana brava ggente A sto monno nun se sarva pi gnente Qua se rischia che tte fregheno a portrona da sotto o culo E questa la sola preoccupazione de o politico ca capoccia tosta comme o mulo. E che nun s ancora accorto Che abbit e amministr na serie de paesi che s gioielli Che vanno tenuti de gran conto, e no comme fanno li munelli Che quanno giocheno a pallone, tireno fregannose si quarcosa po va storto, perch noi stamo a parl d na cosa speciale, de li Castelli.

3 giugno 2012

EQUITALIA Mmmazza che batosta! Aho m rivata na communicazzione dallAggenzia dellEntrate Che farebbero b a d, Aggenzia dellUscite pe vvia de li sordi che ve pijate E me vi spontaneo d ma quanto me costa! Amico Stato na formula sbandierata Da chi vorebbe fa pass che chi te leva i sordi te vole puro bbene, a me me pare, nvece, che si potesse te chiederebbe puro n rene da trapiant a chi due nun je bbasteno p fa na vita esaggerata. Fortuna che quarche Commune lha gi mannata a quer paese Ma mica perch nun faceva bene er proprio mestiere, anzi Ma solo perch ortre a li sordi voleva puro la pelle senza sent raggione, te sfilava le mutanne lasciannote un po de caramelle giusto pe fatte d: n fondo n fondo brava ggente! Anche se p d sordi tereno ipotecato tutto lasciannote un ber gnente, Equitalia, che situazione: le tasse, li balzelli oramai comme linsalata: Te condischeno la vita c laceto e poi te dicheno: mo fatte na risata Tanto a chi cha poco je leveno puro lanima; Chi cha nsacco se f p davero na risata perch si vero cha rubbato, capirai che danno ja riservato perch der malloppo quillo che restituisce solo un nulla de fatto Lo sanno tutti che chi cha li sordi casca sempre m piedi Mentre ch i campa de lavoro e paga quillo che po pe pot b e magnne Si casca se fa male assai e nun cha la forza che de dne: Me rimasto m po de sangue drento e vene fa quillo che v ma lasceme ancora sognne.

3 giugno 2012

UFO A LI CASTELLI

Arzo locchi pe gustamme o panorama, do lago la vallata Quanno te vedo na palla colorata Sfreccia deritta comme fosse na cannonata Poi, tutto de m botto se ferma sopre la citt dell infiorata Ma limortacci sua so lallieni LUFO ma allora esisteno e so veri So rivati qua a li Castelli e quanta strada avo fatto sti marziani Mo si se fermeno ce favo ved de tutti li colori Mortacci loro qua o finimonno sti posti che addivenneranno si, m, ce vengheno puro da nantro monno Nun abbasteveno lextracommunitari a riemp li Castelli M ce se metteno puro lextragalattici fratelli !! Ma che cce vevo a f? Ma che je vene mmente? Nun da d che qua ce tenno quarche parente Fosse c hanno sentito parl da porchetta e do pagnottone? Voi ved che prima o poi li vedemo seduti a na fraschetta a b e a magnane? Nun ce vojio pi penz LUFO se n ito silenzioso comme na piuma Li Castelli so tornati commereno prima Mejio cos, perch solo a penzacce davecce a che f c loro nun me vi pi manco na rima.

09 giugno 2012

LAPPIA ANTICA

Pare na donna bella dartri tempi Addormentata a o sole, stesa lungo pa campagna Se ne sta li bona, nun dice gnente, anche si la rompi Si je fai artri danni ce abbituata a subb sta rogna. Sallontana da Roma p sfil verso li Castelli Ariva a santa Maria delle Mole senza fa tanti caroselli sarampica su pe le Frattocchie e punta dritta aRbano Pe scenne allAriccia, da la Stella, che conserva ancora o gesto de la sacrilega mano. Silenziosa se ne va via spiccia Saluta da dumila anni o paese gi da Vallericcia Parampicasse p su p sotruzzione Che de li romani na magnifica costruzzione Ariva a Genzano Passanno p lombra de le frasche Scenne dar colle, scivolannno via piano E deretta punta sopra Lanuvio senza curve brusche Saffaccia accanto allappia nova Mostra ancora con orgojio de che pietre fatta Po, senza penzacce, saddentra pe la campagna rispettanno lantica rotta. Da lontano Velletri sentravede tra le rova Nun manca tanto p icce assai vecino Roma luntana Li Castelli saffievolischeno, a la vista, comme n lumecino Ma essa continua obbedendo a quellantica e poderosa mano.

10 giugno 2012

A SAGRA DE FRAGOLE DE NEMI Chiee! Ammazza che robba Ma nu lo senti o profume de fragole Che pare che sale, sale pariv fino a le tegole nnondando de soavit sto paese su la gobba De nantico lago, na specie de terazza che su la storia saffaccia riccuntando de lantica razza dellabbitanti de sto vecchio pago, padrone e guardiano der prezzioso lago. Ma puro sopra lorti che sibbene siano lunghi comme na spanna A lavor la tera li Nemsi vanno forti E te tireno fora dar tereno sta sciccheria da f resuscit puro li morti Le fragole!!! Hai da sent che s c la panna

Nun c nantro posto ar monno P gust sta prelibbatezza Seduti lungo o corso che comme la terrazza Delli dei dellolimpo: basta affacciasse p godesse er monno, tonno, tonno Le fragole de Nemi Meriteno la Sagra che, da illo tempore, caggrada E molti furastieri pe ven fino qua ne fanno de strada P gustasse sto dono de Ddio, perch der paradiso so semi Quilli che te rendeno piacevole La vita su sta tera fatta de sgobbo, de sudore e de preghiera E si locchio vole la sua parte, voji mette la gola, co chi s schiera? Ma c le fragole de Nemi e co stangolo de li Castelli assai pregevole.

10 giugno 2012

A MONNEZZA DIFFERENZIATA Ta ricordi tantanni fa? Arivava o scopino co caretto Dava na scopata su la strada e se pijava er sacchetto Da monnezza tua messa in un angoletto, la. Tutto era assai pi semplice: nun cera da scervellasse Comme m che chi da st attento a quillo che butti: a plastica, o vetro, a carta, o polistirolo nun vavo nsieme tutti ma vanno separati, drento a secchi diversi, tanto da scapicollasse quanno passa quillo che riccojie o vetro o a carta, perche si sarti la consegna te ne ritrovi quarche quintalata a casa. Pe nun parl dellummido che se squaia no sacchetto p divent na cosa Na specie de portija da fatte arivomit pa puzza tutto de na vorta. Semo addiventati assai drento a o paese E o scopino co o caretto nun ja farebbe a riccoje quintalate de monnezza Anzi, m, nun passa manco pi a scop la strada che ncerti angoli rimane zozza Chi solo da sper che passi a pul armeno na vorta a o mese. Pe falla corta: na vorta a strada a teneva pulita o scopino Mo tanto che te porta via a monnezza che in nome do progresso diventata assai, ma cos assai che te vi da d: ma a butt sta robba quanto cho rimesso? E si perch pi quillo che bbutti che quillo che va n magazzino Nsomma, la modernit a me me pare Che significa produrre solo monnezza Co o probblema che la devi sap differenzi e evit che lamministrazzione se ncazza Perch na carta nun ce trovi o vetro: p butta a robaccia m te chi da sap organizzare. 10 giugno 2012

ANTONIO DAL MUTO 349.35.80.890 dalmuto_antonio@tin.it

Accenni biografici
Romano di nascita, vive e lavora a Cesena. E maestro dArte Pittura e Disegno diplomato; possiede la qualifica di Architetto Interior Designer; possiede labilitazione allInsegnamento della Storia dellArte e del Disegno; ha frequentato la Facolt di Architettura a Firenze; Critico dArte.

Accenni sulla sua attivit


- Pittura

e Grafica

La sua esperienza nellambito della Pittura pluridecennale; ha

partecipato a diverse mostre collettive e organizzato personali. Ma ha affrontato e affronta percorsi creativi diversi seppur accomunati dal disegno e dalla pittura:

- Scenografia: sue sono le scenografie degli anni 90 realizzate per


E Campanon, il Festival della canzone Romagnola che si tenne a Cesena fino al 2005;

- Fumetto: Ha realizzato una poderosa 5 volumi Storia a fumetti di Cesena, Rimini,


Ravenna e Forl. Dalle Origini allUnit dItalia pubblicata dalla locale Casa Editrice Ponte vecchio. Il premio Nobel Dario Fo lo ha citato nella sua opera Storia di Ravenna. Ha recentemente pubblicato la Storia di Ariccia Antica fumetto sponsorizzato dalla Provincia di Roma, Comune di Ariccia (RM) e dallArcheoclub locale per diffondere la conoscenza del territorio nella popolazione scolastica e non. Storia di Sarsina Antica, Dalle Origini all XI secolo; Storia di Castrocaro, dalle Origini alla costruzione della cittadella di Terra del Sole( tradotte ambedue in lingua inglese dallo stesso autore e inserite nel sito web SCRIBD la biblioteca mondiale on line); Storia di Comacchio e Storia di Anzio. Dalle Origini a Nerone appena ultimata e pubblicata con Arduino Sacco Editore..

- Vignettista-caricaturista:

Ha collaborato, nel 1986, con la sede Rai di Bologna, partecipando alla trasmissione Il Rubricone. Attualmente, sempre come caricaturista, collabora con il settimanale della diocesi di Cesena-Sarsina, il Corriere cesenate; inoltre, in tale veste ha collaborato con Teleromagna la pi importante emittente televisiva locale Ora collabora con Videoregione nella trasmissione A Trebb curando la rubrica Il Colore, la Forma e le parole impegnandosi in riflessioni su opere di artisti, di varie discipline, che operano nel territorio cesenate. Dal 2007 al 2010 ha collaborato con La VOCE, altro quotidiano locale; dal 2011 ha riallacciato la collaborazione con il CORRIERE di Romagna; e,

- Critico dArte: dal 1999 al 2007 ha collaborato con il quotidiano il CORRIERE di Romagna,

inoltre, intervenuto spesso, come critico darte in incontri con pittori e artisti in trasmissioni organizzate da Teleromagna

- Tematiche : Antonio Dal Muto ritiene che la ricerca, enfatizzata da una tematica, possa essere,
anzi, rappresentare la linfa vitale per una pittura che tende sempre pi a ripetersi e a sovrapporsi per contenuti ed immagini e linguaggi; pittura che ha perso gran parte della sua anima dinamica. A tale scopo ha affrontato il tema della SHOAH o Olocausto in una serie di opere che sono stato oggetto di quattro esposizioni coincidenti con il Giorno della Memoria; per quanto riguarda, invece, le DeComposizioni Pittoriche, esse sono il risultato su una riflessione tematica con diverse sfaccettature che sono iniziate sotto lasserzione che: Se tutto e Arte allora anche la Spazzatura Arte Ovviamente, questo nasce dalla reazione alla compiacenza che il mondo della Critica assai sensibile, pare essere diventata in questi ultimi tempi, al profumo del denaro, rendendosi disponibile a parlar bene di tutto, anche della spazzatura artistica.. Ma al di l della provocazione, le De-Composizioni Pittoriche testimoniano come il rifiuto, la spazzatura ( e non il materiale da riciclo che tanto va di moda ) lImmondizia ecc oltre che essere testimonianza di una societ che si dissolve e si trasforma assieme ad essa, sottolinea come la spazzatura sia elemento e figlia della cultura

propria alla societ, e del suo divenire: simbolo delle Trasformazioni della produzione, del consumismo sociale, indice della cultura consumistica, nonch del benessere.

- Ritrattistica: ha realizzato:
la Galleria di uomini illustri legati allamministrazione comunale cesenate. Dal Risorgimento allultimo sindaco in carica di propriet dellamministrazione comunale; la Galleria degli abati del monastero di Santa Maria del Monte di Cesena. Dal 1888 allultimo abate in carica di propriet del Monastero omonimo; la Galleria dei parroci della Parrocchia di SantEgidio di Cesena. Dal 1954 allultimo parroco in carica di propriet della Parrocchia omonima. Ritratto di Gianni Agnelli, di propriet dellomonima famiglia; Ritratto del Premio Nobel Rita Levi Montalcini, di propriet della stessa; Ritratto di Marco Pantani, di propriet della famiglia Pantani ed esposto allo Spazio Pantani a Cesenatico; Ritratto di famiglia di Marina Berlusconi di propriet della stessa; Ritratti di Ferrari, Agnelli, Montezemolo, Schumacher e Barrichello di propriet della Ferrari sede di Maranello ecc

Interessi correlati