Sei sulla pagina 1di 7

Sport La Provincia

Lunedì 24 novembre 2008

1a divisione, giornata n. 13 Pettinari in mischia trova un varco e calcia palla sul palo alla destra
di Bianchi
RAVENNA 3

CREMONESE 1
Punizione di Pesaresi, con palla che batte a terra e costringe il
portiere Rossi alla deviazione in angolo
Ravenna: Rossi Pivotto,
Ciuffetelli (dal 33' stFerra· Tiro di Pivotto, parata di Bianchi in presa
rio), Fasano, Sabato, Fab­ "'--'-'-'---
bri (dal 30'st Zizzari), .~ Ravenna in vantaggio. Carotti perde palla appena fuori area,
Sciaccaluga; Rossetti, l'et· sabato scatta e fa partire un sinistro che si infila nell'angolino
tinari, Geroino, Zecchin \",l. . alto alla sinistra di Bianchi
(dal 22'st Totta). A disposi­
zione: Brignoli, GalJillucci,
Bettega, Cavagna. All. At·
zori. Vitofrancesco al tiro da sinistra, blocca il portiere, Rossi
Cremonese: G. BianchiI ----
Ril:7.0\ Pesaresi, Carotti Offensiva griglorossa, Vitofrancesco mette a lato
(dali stChomakov), Viali,
A. Bianchi, Gori, Vltofran­
Rovesciata di Temelin, palla fuori
cesco, Temelin (dal 34' st

Coda), Tacchinardi (dall'


Pareggio della Cremonese. Guldetti scambia con

~9Temelin,
....
st Savewrino) Guidetti, A
"
Vitofrancesco, che crossa da sinistra. Bucano sia Guidetti che
di~'posizione: Paolon~ Ar·
ma non Gori che arriva da destra. Diagonale
giJlil"çremonesi, Praaolin.
rasoterra e palla nel sacco
All. Marino (Iaconi squali­

ficato ).

~
.'. Ravenna in vantaggio. Scatta in area Gerbino, Alberto Bianchi
Arbitro: Pecorelli di Arez­
. ',lo strattona un po'. Per l'arbitro è rigore, che Zizzari trasforma
zo (assistenti Sani di Empo­
..'/ alla destra di Giorgio Bianchi
li e Carmignani di Pisa).

Reti: nel pt Sabato al 41'j


Doppia occasione per Vitofrancesco e Goda, ma il portiere fa buona
nel st Gon al 29', Zizzari al
guardia
36' su rigore), Pettinari al

48'.. .
Espulso Pradolin dalla panchina per proteste nei confronti dell'arbitro
Note: spettatori 1500 cir­

ca. Espiilso al 42' st Prado·


Tiro di Guidetti, para Rossi
lin dalla panchina per

vproteste. Ainmoniti SCIac­


.JI+-i Terzo gol del Ravenna. Pettinarl scatta sulla fascia mancina in
caluga, Rossetti] Rossi e
~--«9 co.ntropiede e trafigge Bianchi con un diagonale dal lato
Zizzari; Carotti, .8.. Bianchi
-,.r; sinistro dell'area di rigore
e Gori. Calci d'angolo 6-6.

L'ultimo tiroè di Coda, ma finisce fuori


Carotti, dopo l'errore che è costato il gol, sfoga la sua rabbia

Primo tempO inguardnbile (RO[ di Sabato), buono l'inizio ripresa (pari di Gori), poi iromagnoli dilagano (Zizzari ePettinari)

ese, stavolta non èbeffa


giorossi giocGJUJ male eperdono anche aRavenna (3-1)
dall'inviato
Giorgio Barbieri Rtecnico del Ravenna
RAVENNA-La storia ci ha in­
segnato che chi ha la pancia
Atzori contento
vuota e muore di fame alla fine
si riscatta sempre. Chi invece
«Spero sia l'inìzio
ha ogni giorno la tavola imban­
dita e si crede meglio degli altri
della riscossa»
finisce con l'impigrirsi e spesso
fa una brutta fine. TI Ravenna
di ieri, messo in difficoltà dalle "
contestazioni e dalla classifica
a rischio, ha reagito alla gran­
de e si è conquistato una vitto­
,_tI)
~
ria (3-1)che sa tutta di riscatto.
Niente di clamoroso, solo tanto
impegno e spirito di sacrificio.
Doti che sono mancate ad un
Cremonese lenta, impacciata
priva di idee e, qumdi, di gioco.
Una traccia di Cremonese si è
vista solo ad inizio ripresa; trop­ .~,.
po poco per fare la voce ai pro­ L'esultanza di Gori dopo il gol Il calcio di rigore trasformato da Zizzari al 36' della ripresa
tagonista del campionato. Zero
punti in due trasferte consecu­
tive; sei &01 subiti e una classifi­
sono trovati aggrediti da tutte
le parti senza riuscire a rispon­
calcio di rigore e nel recupero
ha chiuso la partita con un mici·
co e calcia di destro a rete. La
!lalla colpisce il palo alla destra
si. TI gol arriva, dopo tanti tenta­
tivi, al 29'. Guidetti scambia
~·.~·t-::.:- ~:,~,~,~:<
ca cne si e allungata di nuovo in dere per le rime. Primo tèmpo diale contropiede di Pettinari. di Bianchi. TI Ravenna passa in con Vitofrancesco, che mette
avanti, fuori dalla zona playoff. da dimenticare per i grigioros­ Da mister Iaconi la conferma vantaggio al 41' con Sabato, in mezzo all'area. Guidetti e Te­ Atzori, tecnico del Ravenna
Non succedeva da tempo. Ci si si ieri in blu. Naturale e merita­ della formazione annunciata al· che ruba palla a Carotti e infila melin bucano pIla, va invece
d~ve pre.ocp~pare? Per. qu~~to to il vantaggio romagnolo con la vigilia della partita: dentro nell'angolino alto alla sinistra dritto al tiro di destro rasoterra RAVENNA - Gianluca
Visto IerI SI, In campo l grIglO­ un gol del difensore Sabato, Temelin al fianco di Guidetti in di Bianchi. Iaconi nella ripresa Gori e infila Rossi. TI Ravenna Atzori è contento di aver
rossi parevano quelli sul fondo uno che a Pizzighettone lo scor­ attacco, fiducia a Tacchinardi corre subito ai ripari inserendo ria~anta il successo al 36' su messo fine alla crisi delia
della classifica e il Ravenna so anno non ha di certo lasciato al posto di Saverino. due centrocampisti di regia (Sa­ calCIO di rigore per fallo di Al· sua squadra. «Ho rico­
squadra da promozione. E' sta­ il segno. Meglio la Cremonese Parte bene il Ravenna e nei verino e Chomakov) al posto di berto Bianchi su Gerbino. Zizza­ minciato a respirare solo
to bravo il tecnico dei roma~no­ di inizio ripresa, con qualche primi minuti mette in appren· Tacchinardi e Carotti. E l'inizio ri va sul dischetto e infila Bian­ sul terzo gol di Pettinari
li Atzori a creare confusIOne occasione e la rete del pareggio sione la difesa grigiorossa. Non di ripresa porta Temelin a sfio­ chi sulla destra. TI Ravenna perché non ero per nulla
con l'inedito modulo 1-4-4-1, di Gori al 29'. Ma il Ravenna succede praticamente nulla si· rare di testa il pareggio, meno chiude i conti in contropiede al tranquillo. Finalmente
non sono stati bravi i nostri gio­ non ha mollato, ha ritrovato il no al quarto d'ora, quando in tre al 2' è Vitofrancesco ad im­ 48' con un diagonale di Pettina­ qualcuno si è preso la re­
catori ad interpretarlo. COSI si vantaggio al 36' con Zizzari su mischia Pettinari trova un val" pegnare a terra il portiere Ros­ ri. sponsabilità di tirare per·
ché non si vedevano calci
verso la porta. Dopo alie­
namenti specifici abbia­

rl'\ \~ ~~~'J 11 Tif<a ARavenna Lm centinaio di ultra~ restanojùori persolidarietà con chi non è statofatto entrare mo capito che possiamo
segnare calciando in por­
ta. Quanto alla crisi sono
tteso allo Zini il pullman della squadra felice per il successo per­
ché ero arrivato ad un
Qunto che non capivo più
dove sbagliavo. Ero preso
I giocatori evitalW la contestazione entrando dal retro dello stadio da mille interrogativi e
ho anche rischiato Zizzari
Un gruppo di tifosi grigiorossi che ieri era a Ra­ sull'l-l. Mi è andata bene
venna In serata ha atteso davanti allo Zini il
pullman della squadra di rientro dalla Roma­
gna. L'intento era quello di contestare i giocato­
I ma d'altronde dovevamo
cercare di vincere è stato
giusto rischiare anche se
ri per la pessima prestazione e la sconfitta rime­ per mezz'ora del secondo
diata a Ravenna. Qualche dirigente però si è ac­ tempo la Cremonese ha
corto dei tifosi in via Persico ed ha avvisato chi giocato veramente bene.
era in pullman. TI mezzo è stato così fatto entra­ Una scena già vista tante
re allo stadio dall'iazzale clietro e quindi non ci volte e dunque non ero
sono stati contatti diretti. per nulla tranquillo, ma
Ieri al 'Benelli' in curva ospite non c'erano poi abbiamo trovato il ri­
più di una cinquantina di tifosi grigiorossi. Al­ gore del vantaggio e la ga­
meno un centinaio è rimasto fuOrI per solidarie­ ra si è messa sui binari
tà ad alcuni tifosi il cui ingresso è stato vietato • giusti. Spero proprio che
per una questione di biglietti. Due pullman so­ contro la Cremonese sia
no dunque rientrati in anticipo. Nella ripresa i solo l'inizio della nostra
tifosi del Ravenna hanno eSl'0sto uno striscio· riscossa perché abbiamo
ne con la scritta: "Salutiamo l fratelli cremane· pers<?.. moltI? terreno in
°11 --i.
• •

La Provincia
Lunedì 24 novembre 2008 Sport m
LE PAGELLE
di Giorgio Barbieri

G. Bianchi - Altri tre gol


sul groppone. Poche le colpe,
anche se sul tiro di Sabato pa­
re un po' troppo fuori dai pali.
Una bella parata nel primo tem­
po

Rizzo - Nel primo tempo è


uno dei più positivi della squa­
dra grigiorossa. Nella ripresa
si perde un paio di volte l'awer­
sario e sul gol di Pettinari non
c'è proprio

Pesaresi - Un paio di ten­


tativi su punizione ma poco di­
namismo sulla sua fascia

Carotti - La classica parti­


ta da dimenticare. Il primo gol
arriva da una sua leggerezza.
Quasi nessun passaggio arri­
va ai compagni. Già ammoni­
to, rischia l'espulsione

Viali - Una partita con tanti


errori nei disimpegni e troppo
spesso in affanno

A. Bianchi - Non sappia­


mo se il suo intervento fosse
L'arbitro espelle Pradolin dalla panchina per proteste. A sinistra il gol del
pareggio momentaneo messo asegno da Gori (fotoservizio Ib frame) fallo da rigore. Però gioca una
gara preoccupata e nei rilanci
è impreciso
Le interviste.ll vice di Iaconi ir(uriflto: «Abbimno recuperato ebuttato tutto al vento»
Gori ­ Segna il gol che ria­

eggiamo da soli»
pre le speranze grigiorosse,

«Ci
ma è una delle poche cose po­
sitive della partita

Vitofrancesco - Nem­
meno lui è il solito corridore.

- Marino: 'Ci sono limiti evidenti


Entra nell'azione del gol di Go­
ri ma è poco lucido al momen­
to degli assist e arriva spesso

Erroripuerili, ma ècolpa nostra'


in ritardo sul pallone

Temelin - Rimane solo il


Servizio speciale Si tratta di fare un bagno di umiltà? grande impegno al servizio del­
di Ivan Ghigi «Se i~tendete.~r:e che in campo. si la squadra. Ma da lui si deve
passeggIa e non Cl SI Impegna non e gIU­ pretendere altro, deve ricordar­
RAvENNA ­ Umberto Marino è uno sto; il problema è che ci sono evidenti si di essere un bomber
che condisce i suoi discorsi con qual­ limiti generali e l'unica ricetta che co­
che battuta ad effetto per rendere nosco per venirne fuori è il lavoro. Inu­
l'idea, ma non ha peli sulla lingua nel tile naséondersi dietro un dito, noi ab­ Tacchinardi ­ Se la ca­
bocciare la squadra. biamo regalato la vittoria al Ravenna va in interdizione. è in difficoltà
«E' tutta colpa nostra - attacca il vi­ e sono amare&giato. E' incredibile: ri­ quando deve creare il gioco.
ce di Iaconi ­ regaliamo noi i gol agli mettiamo in pIedi una gara e buttiamo Viene bocciato alla fine del pri­
avversari grazie a nostre disattenzIO­ tutto al vento. Poca personalità? Può
darsi, perché ci abbiamo messo un tem­ mo tempo
ni. Mi spiace, ma ci sono lacune spa­
ventose in questa squadra, non si pos­ po a svegliarci».
sono buttare via le partite così. Non sia­ Si diceva delle difficoltà del primo Guldetti - Pochi palloni
mo all'altezza, non cerchiamo nemme­ tempo. giocabili, è vero. Ma una sola
no la scusa dell'arbitro su cui preferi­ «Sì, il Ravenna con il 3-4-3 ci ha sor­ palla gol creata in novanta mi­
sco non commentare ufficialmente». preso\ abbiamo sbagliato tanti passag­
Marino cerca poi di spiegare cosa è gi e aobiamo trovato pochi spazi, ma nuti è davvero una miseria
successo. nonostante questo il gollo abbiamo re­
«Nel primo tempo non ha funziona­ galato noi. Ci danneggiamo da soli, Chomakov ­ Entra nella
to nulla, ci siamo fatti sorprendere dal­ perché perdiamo palla In una zona pe­ ripresa dopo un lungo periodo
l'assetto tattico del Ravenna. Nella ri­ ricolosa del campo. TI bello è che nella
presa abbiamo reagito, abbiamo rad­ ripresa dimostnamo di essere anche di infortunio. Non fa miracoli, ••
drizzato la gara ma abbiamo vanifica· in grado di dire la nostra e invece no, ma almeno porta un po' di ordi­
to tutto. Lasciamo stare il terzo gol per­ andiamo ancora a danneggiarci da soli ne al reparto
. ché ormai eravamo tutti in avanti, ma su un passaggio normale: Sul rigore lo­
al Ravenna abbiamo concesso due reti ro e su quello nostro non dico nUlla, la­ Saverino - Un tempo in
per errori puerili. Una squadra che scio stare l'arbitro perché è inutile cer­
vuole vincere non può fare certe co­ care alibi, anche se le due azioni mi panchina, l'altro in campo per
La delusione di Marino, ieri in panchina al posto di laconi se». sembravano molto simili». dare la carica. Ma è confuso,
non riesce a giocare palloni pu­
liti, perde troppi duelli
Alberto BiaJu:hi: «Mi SOflfJ sentito tirare la 111flglia, pensavo che ilfallo fosse perme»
Coda ­ Molto impegno nel­

«Troppi regali, momento pessimo»


l'ultimo quarto d'ora di partita.
Ma almeno prova a tirare a re­
te

RAVENNA ~ Krasimir Cho­ ne per noi ma sono stati applicati Marino - Voto negativo, ov­
makov è tornato in campo dopo due pesi e due misure». viamente da condividere con
un lungo periodo di infortunio e Resta il fatto che il rigore è nato laconi. La squadra gioca un pri­
non ci ha pensato due volte a but­ dall'ennesimo passaggIO sbaglia­ mo tempo dì rara bruttezza ed
tarsi a testa bassa nella mischia. to. una ripresa appena appena
La voglia del bulgaro di fare vede­ «Due errori simili ci hanno con­
dannato. Abbiamo lasciato al Ra­ meglio. Il modulo di Atzori met­
re che può dare un aiuto alla squa­ te in crisi la panchina grigioros­
dra si e vista. venna l'iniziativa nel primo tem­
«Abbiamo perso, quindi alla fi­ po, poi abbiamo fatto mezz'ora al­ sa
ne il mio ingresso è servito a poco. la grande nella ripresa ma il risul­
Che dire? Abbiamo regalato il se­ tato penalizza. Come a Padova ab­
condo gol come il primo, due palle biamo pagato errori nostri senza Arbitro - Pecorelli di Arez­
sbagliate e siamo stati punitI. Nel esprimere il nostro potenziale».
Marco Gori si consola con un zo è uno dei classici direttori di
mezzo abbiamo saputo reagire». gara che vedono solo quello
Due trasferte e due sconfitte. gol che non è servito a nulla.
«Abbiamo sba.e:liato il he v ..
«E' un momento non buono che
liti, perde troppi duelii
Alberlo Bimzchi: «Mi sono sentito tirare In maglÙ1, pensavo che ilfallo fosse per me»
Coda - Molto impegno nel­

«Troppi regali, momento pessimo»


l'ultimo quarto d'ora di partita.
Ma almeno prova a tirare a re­
te

RAVENNA :- Krasimir Cho­ ne per noi ma sono stati applicati Marino - Voto negativo, ov­
makov è tornato in campo dopo due pesi e due misure». viamente da condividere con
un lungo periodo di infortunio e Resta il fatto che il rigore è nato laconi, La squadra gioca un pri­
non ci ha pensato due volte a but­ dall'ennesimo passaggIO sbaglia­ mo tempo di rara bruttezza ed
tarsi a testa bassa nella mischia. to. una ripresa appena appena
La voglia del bulgaro di fare vede­ «Due errori simili ci hanno con­
dannato. Abbiamo lasciato al Ra· meglio, Il modulo di Atzori met­
re che può dare un aiuto alla squa­
dra si è vista. venna l'iniziativa nel primo tem­ te in crisi la panchina grigioros­
«Abbiamo perso, quindi alla fi­ po, poi abbiamo fatto mezz'ora al­ sa
ne il mio ingresso è servito a poco. la grande nella ripresa ma il risul·
Che dire? Abbiamo regalato il se­ tato penalizza. Come a Padova ab­
condo gol come il primo, due palle biamo pagato errori nostri senza Arbitro - Pecorelli di Arez­
sbagliate e siamo stati punitI. Nel esprimere il nostro potenziale».
Marco Gori si consola con un zo è uno dei classici direttori di
mezzo abbiamo saputo reagire», gara che vedono solo quello
Due trasferte e due sconfitte. gol che non è servito a nulla.
«E' un momento non buono che «Abbiamo sbagliato il primo che vogliono e non quello che
ha quasi compromesso la striscia tempo, non abbiamo cominciato succede davvero
precedente di risultati. Abbiamo bene laj>artita eppure il gol è arri·
fatto passi indietro, Qua si tratta vato solo su nostro invito. Nell'in­
di non concedere certe palle agli
tervallo ci siamo caricati e infatti Ravenna - Rossi 6, Pivotto 6, Ciuffe­
nella ripresa abbiamo dimostrato telli 6, Fasano 6,5, Sabato 6,5, Fabbri 6,
avversari, non possiamo commet­ che ab15iamo i giocatori adatti per
tere certi sbaglI, E' mancato lo spi­ Sciaccaluga 5,5, Rossetti 5,5, Pettinari
mettere in difficoltà chiunque. E' 6,5, Gerbino 6,5, Zecchin 7, Trotta 6, Ziz­
rito che abbiamo visto nella ripre­ arrivato il mio gol e il Ravenna
sa, di più non aggiungo. Purtrop­ sembrava ormai fermo, invece è zari 6,5, Ferrio sv. AlI. Atzori 6,5
po durante ogni'partita si regala~ arrivato il secondo errore che ha
no sempre ventI o trenta millutl cambiato tutto. Questa squadra si
agli avversari, Eccessivo», La squadra grigiorossa ieri per la prima volta in maglia blu fa male da sola e purtroppo la co­
Alberto Bianchi è ancora allibi­ sa accade troppo spesso perché
to per il rigore concesso al Raven­ avversario, mi sono sentito tirare pure ammonito. Ma con questi ar­ facciamo segnare glI avversari. In
na. la maglia e nel cadere ci siamo toc­ bitri imbarazzanti ti senti solo pre­ trasferta abbiamo grossi proble­
«Da una ripartenza è nato il cati io e un avversario. Pensavo so in giro perché non ascoltano mi ma non saprei a cosa imputar·
cross in area, io ho solo pensato che il fischio fosse il fallo a mio fa­ nemmeno cosa hai da dire. Succes­ li. TI Ravenna è più debole di noi
che dovevo stare davanti al mio vore invece era rigore e sono stato sivamente si è vista la stessa azio- ma ha dato tutto». (i.g.)

. --. - I ;T--t,J -­ ~, • - ---;-- L...... r


-eBreE) !l!UOWWV' ,g a .€ OJ l' ,6 le euadde Iol3 ow~ud TI o~
-adnoaJ 'l-S !IoBue :aloN -~qns laAe odop 'aq:> p-eslaAAe
·!JUOO.6P ~,
.~'\..
\
' ~,..-.-.
~.~
'
~ H~e OURW u~ o~epseI odwe:>
',zzal\el .6€ 'zadOl .0 ~ JS ~ -..... >-
I

/,' oddol~ aq:>ue ew '(aso.IOwep

...
,"

~
lau :)f!sweH ,6 Jd lau :!Ial::l
'gaz ' : -:.J IHd al o~~~ew uo:> '~se:> anp
-uaJ!.:l !P !Ioed a!d :OJI!qJV .....c:. u~ 'a !ZZaAe'I essa:Js 0I uo:»
'9 poallV 'IIV '(I\S f­ a~np:~} !1!0~se:>:>o addOl,L
PJeVII JS ,p€ ) g'g eosaJlenb ~'"
'e:>mssep ellap
-oV 'g epar 'g !UIPUOI8 '(I\S ~~
......-!.
pnlossB Ppl,M ~ OSlaA pep
lJezzeì IS ,7.7.) ~ nsso') ,'j".. - .. '----­
-ueI olaqqa.IAe n aq:> pund a.I:I
...,.,.~ .... "" ..... ~ .......... .:r ... _.:r .~_

La Pro'Vineia
IV Sport Lunedì 24 novembre 2008

Quarulo si è cominciato agiocare male, è stato un netto miglioramento. Non resta che una cosa da fare...

il m
tifoso grigiorosso ha Wl sogno: oggi èil gennaio, si riapre il mercato
di Giovanni Ratti tualepareggio avrebbe evitato al­ risultato sia scritto sulla sabbia
la Cremo qualche rossore, avreb­ come le parole d'amore di Franco
uando dopo l'intervallo la be salvato la cosiddetta faccia, primo e Franco quarto al disco
Cremonese ha incomincia­ ma non avrebbe cambiato in mo­ per l'estate di chissà quanti anni
to a giocare male, in tribu­ do decisivo nè la classifica nè la fa.

na ci siamo rinfrancati.
valutazione complessiva. Questo sarebbe un duro ma do­
Era infatti un netto miglioramen­ Che si riassume così: da oggi è veroso richiamo alla società se og­
to rispetto al primo tempo, in cui aperta la raccolta di firmeper un gi fosse il due di gennaio. Ma inve­
la squadra era stata come certe referendum popolare per l'aboli­ ce è solo uno sfogo acido perchè
temperature nei bollettini: non zione del mese di dicembre. Per­ oggi è il 24 di novembre, all'aper­
pervenuta. chè il tifoso grigiorosso medio tura del mercato mancano quat­
il Ravenna, nel suo piccolo pic­ adesso ha un sogno solo: che o~ tro partite che rischiano di rove­
colo, a qualcosa era pervenuta, sia il 2gennaio, giorno in cUI si sciare un'eredità schiacciante
cioè a un vantaggio giusto alla lu­ aprirà il mercato. Una cosa è di sulla squéJdra che uscirà dal mer­
ce di quello che SI era visto e al bu­ un'impietosa chiarezza\ la Cremo cato di rifondazione. Per evitarlo
io di <J.uello che non si era visto. Si dovrà uscire rifondata aal merca­ bisogn~ che .le prestaz~oni grigio­
era VISto un Ravenna messo in to cosiddetto di riparazione. Ma rosse ntrovmo per dIrettIssIma
campo un po' in ordine sparso, chiamare riparazione quello di dignità carattenale se non coe­
con una certa :propensione agli at­ cui ha bisogno la Cremo è come renza calcistica. Questo si può e
tacchi di pamco ma sorretto da definire ristrutturazione <J.uello quindi si deve fare subito, lo di­
un sano accanimento agonistico. di cui ebbe bisogno VarsaVla do­ mostra proprio questo Ravenna
La Cremo invece non si era vista, po la guerra. Bisognerà comprare al quale la nostra visita al Benelli
non come collettivo, non come en­ bene e vendere tanto. Perchè la ha risolto i problemi in via del tut­
tità almeno caratteriale, figuria­ rosa grigiorossa così com'è non si to effimera (come li abbiamo ri­
presta alla costruzione di un undi­ solti per una settimana al Lecco,
moci come entità tecnica. Carotti ci funzionale. Sul piano dell'as­ al Portogruaro...). Giocare male
forse considerando limitativo sortimento tattico è una rosa ple­ al pallone è concepibile, non gio­
sentirsi etichettare ogni maledet­ torica in certi ruoli e lacunosa in care no. Se il movimento senza
ta domenica come valido agoni­ altri. Su quello caratteriale man­ Q?ll? va sot~o zero, se il concetto
sta ha speso il suo primo tempo Temelin cerca spazio in area (Ibframe) ca di gente in grado di prendere di aIuto recIQroco suona astruso
(cioè la sua intera maledetta do­ per mano (o magari per il bavero, come la relatività ristretta, se un
menica in braghe corte) a smenti­ glio è perchè la sua sana anarchia tro Saverino e Chomakov. il Ra­ glio che può fare nelle attuali con­ all'occorrenza) I compagni, quel­ grigiorosso preferirebbe essere
re questa sua fama, perdendo tut­ tattica,il suo agonismo irriducibi­ venna per un po' si è spaventato, dizioni è giocare male. Di più non li che in un termine certo un po' si­ mseguito da una muta di lupi affa­
ti i contrasti eccetto quello che le sono spesso le uniche risorse al­ mettendo a nudo la propria fragi­ le si può chiedere. nistro si chiamano leader. Ma lea­ matI piuttosto di avere il pallone
con l'ammonizione gli ha guada­ ternative al vuoto cosmico, all'im­ lità, l'insicurezza di fondo da cui Poi se alla fortuna del palo di der in senso sano, quel tipo di lea­ fra i piedi mentre i compagni gio­
gnato la squalificaI ma compreso balsamazione calcistica che infat­ cercava di fuggire liberando la Pettinari si fosse aggiunto un ar­ der che ~uida non con gli slogan cano simpaticamente a rimpiatti­
quello che ha proIettato Sabato ti sono tutto ciò che la Cremo ha valvola dell'aggressività; tanto è bitraggio un po' meno balordo si ma con l esempio. Questo tipo di no, vuoI dire che non si fa nemme­
al gol. Oltre a passare sempre pal­ saputo inscenare nel primo tem­ bastato perche arrivasse il pareg­ poteva anche finire per non per­ giocatore ci manca m modo addi­ no il non molto che si potrebbe fa­
la alla gente m maglia rossa, co­ po del Benelli. Proprio lui, con gio, ma pur raffazzonando qual­ dere, dato che l'e~uilibrio è stato rittura lancinante, come quelle fi­ re. E allora questo non si chiama
me tuttI i suoi compagni forse col­ Tacchinardi ha pagato il conto che pezzetto di gioco - anche per­ di nuovo spezzato da un rigore da­ gurine Panini introvabili che sa­ essere una squadra modesta, si
piti da una rara forma collettiva nell'intervallo, guando Iaconi e chè gli avversari avevano speso to di 9ui e un rigore non dato di là remmo pronti a scambiare con chiama non fare il proprio mestie­

__
di daltonismo. Se facciamo di Ca­ Marino hanno deciso di fare un più del giusto nel primo tempo ­ (ma l arbitro scarso era intonato pacchi di doppie) e fa sì che gual­ re. Guardate che se andiamo
rotti il centro del nostro bersa- trapianto di centrocampo: den- la Cremo ha confermato che il me- allivello della partita). Un even- siasi scampolo di gioco, qualsiasi avanti così chianIO Brunetta.

I TABELLINI DI SERIE C1 o-_~~ ~~

Le ,~ '-J.IJ"L OJ~""", .u..L-.JYID1ano (3-0) e si rorta in testa alla classifica


.A.......oI"""
.....,..t"~ '-'''''''~~ ...L.&.. .A.......oI""bJLJL~JL'-' \--' '-' / "" . . .,. . . r-~:&..-'
CA:&. ..
~~-........,..

NOVARA 3 VENEZIA 2
LEGNANO o
PORTOGRUARO 1 CESENA 1 SPAL 3
Novara: Brichetto; Morganti, Lorenzini, Gheller, Tombesi
Venezia: Lotti; Lebran, Tricoli, Galuppo; Collauto (25' st Dra­
Legnano: loime; Maggioni, Rossini, Battaglia, Bertoli; Rosel­

(34'st Maggiolini); Matteassi, Evola, Porcari; Bertani (25'st


scek), Bono, Ruffini, Semenzato, Anderson (32' st Gardella);
li, Agazzone (1' st Bosio), Chiazzolino(24' st Romeo); Nizzet­

Brizzi), Sinigaglia (1 'st Chìappara); Rubino. Ali. Notaristefa­


Poggi, Momentè. Ali.: Cuoghi.
to 5, Lanteri; Virdis (9' st Enow). AlI.: A. Lombardo.

no.

Cesena: Ravaglia; Bisemi, Cusaro, Biasi, Lauro; Ceccarelli


Spal: Capecchi; Ghetti, Zamboni, Lorenzi, Cabeccia; Centi

Portogruaro: Rossi; Cardin, Montero, Maraschi, Cherubini;

Cuffa (22'st Scozzarella), Giardina (30'st William); Mattielig,


(9' st Ferretti), Segarelli, Bonura (1' st Sacilotto), Giaccherini
(31' st Rivaldo), Savi, Cazzamalli; Bracaletti (38' pt Martuc­

Cunico, Carboni (17'st Mortelliti); Abate. AlI. Domenicali.


(18' st Chiavarini); Veronese, Motta. Ali.: Bisoli.
ci), Arma (16' st Quintavalla), Moro. Ali.: Dolcetti.

Arbitro: Bellutti di Trento.


Arbitro: Zonno di Bari.
Arbitro: Stefanini di Livorno.

Reti: pt3' Cuffa, 27' e 15'st Bertani, 44' Rubino.


Reti: pt 45' est 13' Momentè; 49' Motta.
Reti: pt 10' Bracaletti, 22' Arma; st 13' Arma.

Note: espulso Chiappara per doppia ammonizione al21 'st.


Note: spettatori 2.788. Espulso: st 48' l'allenatore del Vene­
Note: spettatori 1.345. Espulso al st 5' Maggioni per gioco fal­

Spettatori 2200 circa.


zia, Cuoghi, per proteste.
loso.

PRO PATRIA o
MONZA 1
LECCO o

VERONA o PADOVA o SAMBENEDETTESE 1


Pro Patria: Anania; Music (30' st. Pisani), Morello, Urbano,
Monza: Rossi Chauvenet; Vicari, Teani, Bacis, Taccucci;
Lecco: Orlandi; D'Ambrosio (35' st Danieli), Villagatti, Ma·

Barjie; Dalla Bona (11' st Bruccini), Cristiano, Zappacosta;


Chianese, Pizza, lacopino, Bolzan (19' sì Capocchiano);
teo, Grimaldi; Sangiovanni, Buda(43' stAltobelli); Corti, Alte·

Melara, Cammarata (6' st Fofana), Toledo. Ali.: Lerda.


Samb (43' st Kyeremateng), Torri (34' st Scanu). Ali.: Marco­
ri, Montalto; Guglieri. Ali.: Cadregari.

lino

Verona: Rafael; Campagna, Ceccarelli, Bergamelli, Morac­


Padova: Cano; Carbone, Cotroneo, Faisca, Falsini; Bovo,
Sambenedettese: Dazzi; Pistillo, Forò, Pal1adini, Moi; Bon­

ci; Garzon, Campisi, Bellavista; Parolo (45' st Gomez); Tibo­


Pederzoli (29' st Varricchio), Campan Holi (1' st Levandoski);
fanti; Titone (29' st Servi), Ferrini, Pippi (1' st Magnani), Oli­

ni (24' st Girardi), Scapini (38' st Anaclerio). AlI.: Remondi­


Rabito, Gasparello, Di Nardo (18' st Filippini). AlI.: Sabatini.
vieri; Marini. AlI.: Piccioni.

na.
Arbitro: Nasca di Bari.
Arbitro: Gallione di Alessandria.

Arbitro: Viti di Campobasso.


Rete: pt 42' Torri.
Rete: pt 31 ' (rig.) Morini.

Note: spettatori 2.600 circa. Ammoniti: Melara, Cristiano,


Note: spettatori 1.530. Ammoniti: Samb, Vicari, Pederzoli,
Note: spettatori paganti 502. Espulso al st 28' Moi per gioco

Garzon.
Filippini, Cano, Varricchio. falloso.

la divisione, classifica marcatori.Anna (Spal) grazie a W1a doppietta insegue


T divisione~ Alessandria capolista, il Como iJU:alZ/l.
Torri (Monza) èil nuovo leader

La punta è da sola aquota 8 .~ -~-~. -­ Frenata del Rodengo

8 reti: Torri (Monza).


3
Al termine della 12 giorna­ • Ivrea-Alessandria 0-1.
7 reti:Correa (Pro F1atria), Rabito (Padova), Arma
ta l'Alessandria vola grazie Marcatore: 87' Buglio
(Spal).
a Buglio, il Rodengo mantie­ (Ale).
o reti: Motta (Cesena), Rubino, Bertani (Novara),
ne la seconda posizione ma
• Montichiari-Canavese
Zizzari (RaVenna~.
incalza il Como grazie ad O-O.
Masc~io
5 reti: Ùuidetti Cremonese, Nizzetto(Legna­
una vittoria. Diversi ieri i
no), Fofanà (Pro atria), (Reggiana).
pareggi a reti inviolate. • Pro Vercelli-Pavia l-O.
• Alghero-Sambonifacese Marcatore: 53' Lo Bosco
l-l. Marcatori: 2' Altinier (Pro).
I MARCATORI GRIGIOROSSI

(Sam); 41' rigo Orlandi • Valenzana-Varese O-O.


5 reti: Guidetti.
(Alg).
3 reti: Saverino.

2 reti: Gori, Pesaresi.


• Alto Adige-Mezzocorona
1 rete: Viali, Temelin, Graziani, Coda, A. Bian­
O-O. IMARCATORI
chi.
• Carpenedolo-Como 1·2. DEL PIZZIGHETTONE
Marcatori: 20' Cirina (Car);
36' Sehic (Com); 42' Guazzo 4 reti: Graziano.
I MARCATORI GIALLOBLU (Com). 2 reti: Russo, Piccolo.
3 reti: Bonazzi. • Itala S.Marco-Rodengo 1 rete: Ondei, Santinelli, Fu­
2 reti:.~ N~~i, 9arJ.lb~garo, Facchinetti. SaianoO-O. masoli, Lucci, Zerbini. Graziano del Pizzighettone
01 al Ravenna