Sei sulla pagina 1di 6

VOLA SOLO CHI OSA FARLO

Il giornalino di buone notizie della classe SECONDA! (numero 2)


DIRETTORE RESPONSABILE: PROF.SSA FABIANA SARCUNO
EDITORIALE: SEGUIRE LA PROPRIA STELLA ... Se tu segui tua stella non puoi fallire a glorioso porto, se ben m'accorsi nella vita bella; e s'io non fossi s per tempo morto, veggendo il cielo a te cos benigno, dato t'avrei a l'opera conforto. (Dante Alighieri, If XV)

Dante incontra allInferno il suo maestro, Brunetto Latini, secondo il quale bisogna sempre puntare al massimo e seguire il proprio destino. Brunetto, considerato come un padre da Dante, gli dice che se non fosse morto, l'avrebbe aiutato e sostenuto. E lo esorta non diventare come la gente di Firenze: superba, avida e invidiosa. Abbiamo voluto iniziare questo numero del giornalino con le nostre riflessioni sul canto della Divina Commedia studiato in classe. (Martina L.)
Seguire la propria stella significa individuare ci a cui si chiamati, con costanza e determinazione, per poter raggiungere importanti traguardi. In questo percorso importante il ruolo delle figure educative, genitori e insegnanti, che devono essere punti di riferimento e di sostegno. Se una persona segue le sue aspirazioni e si sforza dando il meglio di s, arriver alla meta (Camilla S. e Michelle V.).

Le parole di Dante significano che se noi abbiamo un obiettivo, non possiamo fallire. Possiamo mettere in atto questo insegnamento, avendo sempre degli stimoli per migliorare e prendere esempio. Ci che conta seguire la strada del bene (Matteo M. e Dinithi W.).

Penso che nella vita di tutti i giorni sia molto importante seguire la strada del destino e dellequilibrio interiore. Ci consente di rispettare noi stessi e gli altri. Diventare adulti faticoso, ma passo dopo passo ogni difficolt pu essere superata. Bisogna avere coraggio (Kamil B. e Davide D.).

Se segui la tua via, non puoi fallire nel raggiungimento del tuo sogno. Nella mia vita potrei cercare di seguire la mia via rispettando le persone pi grandi di me e aiutando gli amici quando sono in difficolt. Grazie a questo comportamento potr essere fiero di me. (Roberto C.).

Tutti noi abbiamo dei sogni, ma spesso non li riveliamo perch abbiamo paura che non si avverino. Seguire la stella vuol dire essere il capitano della propria anima, il padrone del proprio destino (Nicola G.).

Nella vita ci sono molte possibilit di scelta ma il nostro istinto a guidarci (Alessandro D. G.).

VIAGGIANDO CON GUSTO: la nostra rubrica di cucina!! In questo numero presentiamo un antipasto Taglioline di grana con puntarelle e bresaola (specialit del Veneto) Ingredienti: 250 g. di puntarelle 4-5 spicchi daglio fresco 2-3 pomodori secchi sottolio 80 g. di grana 8 fettine di bresaola Olio extravergine di olio Sale e pepe

Preparazione: Pulite accuratamente le puntarelle e, dopo averle tagliate a fettine, tuffatele in una ciotola di acqua fredda e mettetele in frigo per circa 1 ora. Trascorso questo tempo, sgocciolatele molto bene e sistematele in uninsalatiera. In una padella antiaderente fate rosolare laglio spremuto e i pomodori secchi tagliati a striscioline in 4-5 cucchiai di olio, quindi condite le puntarelle e mescolatele. Grattugiate il grana e disponetelo a cucchiaiate, un poco distanziate sulla placca del forno leggermente unta di olio. Passate in forno caldo a 220C per non pi di 5 minuti. Prestate attenzione a non lasciar colorire troppo le tegoline di grana, poich prendono un sapore amaro. Quando le tegoline hanno assunto un bel colore dorato estraetele dal forno e staccatele delicatamente dalla placca e lasciate raffreddare Sovrapponete tegoline, puntarelle e bresaola strati alterni terminando con una tegolina. Martina L., Silvia L.

ACCENDI UN LIBRO: la nostra rubrica di letteratura!! In questo numero la recensione di Marcovaldo di Italo Calvino Marcovaldo vive in periferia alle porte di una grande citt con sua moglie Domitilla e quattro figli, lavorando alla SBAV come operaio. In ogni novella, nelle quattro stagioni dellanno, sono raccontate le avventure buffe del protagonista, dalle quali esce sempre sconfitto In una di queste, Marcovaldo, di ritorno dal cinema in una notte di nebbia fittissima, prende il tram, ma sbaglia fermata. Credendo di essere arrivato a casa, si ritrova in una strada con delle luci a terra e sale su uno strano autobus, scopre che non un autobus ma un aereo con destinazione Bombay, Calcutta e Singapore!! Il libro mi piaciuto perch divertente, ma nello stesso tempo drammatico: racconta come un lavoratore fatica per tirare avanti a mantenere la famiglia con un salario basso e sopravvivere. Alessandro D. G. Qualcuno in uniforme passava tra i sedili: -Scusi, signor bigliettaio- disse Marcovaldo- sa se c una fermata dalle parti di Via Pancrazio Pancrazietti Come dice signore? Il primo scalo Bombay, poi Calcutta e Singapore.

NOI E LA FAMIGLIA, ecco i temi migliori! L Incontro Mondiale delle Famiglie, alla presenza di Papa Benedetto XVI, si terr tra non molto a Milano: abbiamo cercato di raccontare che cos per noi la famiglia! Ho sempre pensato alla famiglia come a un luogo sicuro che fornisce protezione e sostegno. Un posto in cui un bambino possa trovare la propria identit, formare il suo animo e maturare i suoi desideri pi profondi. Intesa in questo senso, la famiglia ha come nucleo quella formata da un pap, una mamma e uno o pi figli, ma si pu anche estendere a comunit pi grandi che abbiano quei fini. Penso che la vita di ciascuno sia profondamente condizionata dalla vita famigliare in quanto costituisce un collegamento con le nostre radici, il nostro passato e favorisce la crescita, la pianificazione del nostro futuro, cosicch nessuno pu sentirsi un individuo a s ma partecipe di una storia, con la responsabilit di sviluppare positivamente ci che altri hanno iniziato. Camilla S.

La famiglia la patria del cuore. (G. Mazzini)

La famiglia un collegamento con il nostro passato e un ponte verso il nostro futuro. (A. Haley)

Tornando a casa, troverete i bambini. Date una carezza ai vostri bambini e dite: questa la carezza del Papa. (Giovanni Paolo II)

La famiglia dove il cuore trova sempre una casa. Voglio partire da questa frase di Stephen Littlercord per parlare del concetto e dei valori della famiglia. La famiglia intesa come un luogo ricco di amore, di affetti e comprensione. La famiglia che pu essere anche una sola persona, in cui rifugiarsi, pronta a sorreggerti e ad aiutarti a crescere nel modo migliore. Che cosa dunque la famiglia? A mio modo di pensare un gruppo di persone che si amano e che in forza di questo amore vivono insieme fanno dei figli, li adottano, li crescono e invecchiano con loro. In questo periodo la famiglia al centro di un continuo dibattito fra i politici e la chiesa: sulle unioni di fatto, sulle unioni fra omosessuali e sulle adozioni. Ma a mio parere la cosa fondamentale che alla base di una unione, qualunque essa sia, ci debba essere sempre lamore e il rispetto dellaltra persona. La mia ad esempio una famiglia tradizionale, basata sui saldi principi del matrimonio: lamore, la fede, i figli. Quello che io spero di poter avere una famiglia cos per sempre, anche se la societ di oggi ti porta a distaccarti da queste cose per dare valore ad aspetti pi effimeri, e gli esempi che ci sono intorno non ci aiutano. Tanti ragazzi che conosco sono figli di genitori separati e per loro difficile avere un concetto di famiglia unita. Mi ritengo quindi fortunato e spero di poter riuscire a trasmettere anche ai miei figli i valori fondamentali della famiglia. Edoardo M.

Qualche giorno fa, con la professoressa Sarcuno, abbiamo visto a scuola il film Mrs. Doubtfire. In esso si narra di una famiglia che deve affrontare la separazione dei due genitori. In seguito alla decisione del Tribunale dei minori di lasciargli i figli solo una volta alla settimana, il protagonista, il padre Daniel, rendendosi conto che la famiglia la cosa pi importante per lui, grazie a d un sotterfugio e a un ottimo travestimento, riesce a farsi assumere come tata dalla sua ex moglie. Io penso che la famiglia sia linsieme di anime e cuori, con idee diverse; nella famiglia ci si aiuta e si collabora e la felicit sempre presente anche quando sembra non esserci. Per questo motivo le parti del film che pi mi hanno colpito sono quelle in cui il padre cerca in tutti i modi di stare pi tempo con i figli.

La mia famiglia, come quella nel film, composta da cinque persone; ognuno di noi ha il suo carattere e le sue esigenze, per cui spesso capita di discutere, per, dato che ci volgiamo bene, troviamo sempre il modo di riconciliarci. Inoltre, ci piace molto divertirci assieme e, seppur gi numerosi, amiamo avere ospiti in casa e, per giunta, siamo stati eletti cugini e zii onorari da amici di altre tre famiglie numerosissime con cui stiamo appena possiamo. Per me la famiglia il mio rifugio, dove mi sentir sempre al sicuro ed il luogo dove sento di poter crescere. Roberto C. Per me la famiglia il mio punto di riferimento; ho un buon rapporto sia con i miei genitori che con le mie sorelle e so che posso sempre contare su di loro per qualsiasi esigenza; inoltre, posso confidare loro le miei preoccupazioni e so che sicuramente mi daranno i giusti consigli. Silvia G.

ARTE ANIMATA! La Disney Pixar svela i suoi retroscena in una mostra a Milano Al PAC di via Palestro, per celebrare il venticinquesimo anno dalla nascita della Pixar, sono state esposte molte immagini di film danimazione come Toy Story e Cars. Sono state presentate le tecnologie usate per costruire le scene, come il Carosello, una giostra che va velocissima con la luce stroboscopica con limmagine di Toy Story. La mostra era strutturata su due piani: cerano dei grani schermi, che rappresentavano tutti gli scenari dei film e la costruzione dei personaggi. Al secondo piano erano presenti dei monitor con i cortometraggi e lanteprima di un film che uscir. La mostra stata interessante, perch si trattava di film di animazione che conoscevamo, ma abbiamo potuto capire meglio come vengono realizzati i personaggi e le scene. Nicola G. e Roberto C.

MENS SANA IN CORPORE SANO la pagina della salute! Il nostro benessere dipende dalla salute, una condizione di armonia fisica e mentale con noi stessi e il mondo circostante. La domanda che spesso ci si pone come raggiungere o conservare questa condizione di benessere? Mi sembra importante uno stile di vita sano che contempli unalimentazione corretta, equilibrata nella quantit e negli ingredienti, con cibi di qualit che non contengano conservanti o coloranti, piatti semplici e genuini. Un altro elemento utile la pratica di uno sport o del movimento allaria aperta rinunciando a qualche comodit come lutilizzo della macchina. fondamentale cercare di limitare lo stress che molti vivono quotidianamente concedendosi delle pause rilassandosi e dedicandosi ai propri hobby. Forse semplicemente luoghi dove stare a contatto con la natura e dove si possa respirare aria pulita, lontano dallinquinamento delle nostre citt. Camilla S.

KOME UN KIODO NELLA TESTA Resoconto dello spettacolo sulle

dipendenze al quale abbiamo assistito in seguito al lavoro di educazione civica sulla salute. Nella foto, la seconda al completo davanti al teatro Leonardo da Vinci

Qualche giorno fa siamo andati a teatro a vedere uno spettacolo sulle dipendenze da droga, alcool, videogiochi e dal successo facile. Quando siamo entrati nel teatro, io ho preso posto in prima fila: ero molto curiosa di vedere lo spettacolo! Prima dellinizio si presentata la regista per darci unidea dellargomento trattato. Finalmente le luci si sono spente e sono entrati in scena i due lucignoli, ragazzi che danno il cattivo esempio agli altri portandoli su una brutta strada. Poi abbiamo conosciuto i tre protagonisti: Letizia, una ragazza che vuole diventare famosa a tutti i costi, e i suoi amici Riccardo e Tommaso. Riccardo, dipendente dalle tecnologie, passa tutto il giorno a giocare col computer o col cellulare; Tommaso invece inizia a far uso di droga e alcolici, convincendo anche gli altri due a bere e fumare. Questo mi ha insegnato che molte volte luso di droghe causato da cattive compagnie. Nello svolgimento della storia Letizia va a una festa e, pur di farsi notare, assume sostanze che la fanno andare in coma, mentre Riccardo viene mandato in un college americano per disintossicarsi dai videogame. Tommaso morir investito da un treno, sotto leffetto della droga. La sua morte mi ha fatto capire che non sempre si esce vivi quando si diventa dipendenti da qualcosa, ma ci che conta saper chiedere aiuto per togliersi di testa il chiodo che stato piantato. Questa la speranza che non si deve perdere. Astrea B.