Sei sulla pagina 1di 13

Grazie di aver scaricato questo lavoro di Willoworld.

Potrai usarlo come ti pare, scambiarlo, riproporlo sul tuo sito, modificarlo, come nella filosofia del copyleft. Se vuoi dare un contributo allautore consulta i seguenti siti e clikka sugli sponsor: http://sandokan2009.blogspot.com/ http://storiediungiorno.blogspot.com/ http://storiefantasy.blogspot.com/ http://raccontidellignoto.blogspot.com/

LABBAZIA DI SAN NAZZARO


Avventura per 4-6 personaggi ambientata nello scenario di Cthulhu Dark Ages

1. INTRODUZIONE Corre lanno del signore 1035, linizio del cosiddetto basso medioevo e i poteri universali del papato e del Sacro Romano Impero, dopo aver raggiunto il proprio apogeo, iniziano a decadere inesorabilmente a favore delle monarchie nazionali, che ormai si affermano dando all'Europa quel carattere, tutt'ora vivo, di mosaico di Stati e popoli, spesso affini, ma nel contempo diversi tra loro. Nella Bassa che si estende tra Novara e Vercelli, a poca distanza da Biandrate, sorge il piccolo centro di San Nazzaro. A ridosso del paese, che conta non pi di duecento anime, si erge il monastero benedettino di San Nazzaro, un complesso architettonico del periodo tardo romanesco che conta una cinquantina di monaci. Riprando de Pombia, vescovo di Novara e legato ai Conti de Pombia del vicino paese di Biandrate, ha da tempo pianificato la riedificazione dellabbazia, ma Roma non ha ancora dato il consenso. Novara e Vercelli sono da tempo passate dal dominio Longobardo a quello dei Franchi. Ci vorr ancora pi di un secolo per la Battaglia di Legnano contro lImpero Germanico, che tenter di affermare il suo potere sui comuni dellItalia Settentrionale.

in questo scenario che viene consumato il brutale omicidio dellAbate Bonifacio Laurentii, ritrovato sulle rive del Sesia con dei palesi segni attorno al collo: labate stato strangolato. questo il messaggio che arriva a Riprando un paio di giorni pi tardi, scritto dal pugno di Jacob De Cortina, priore dellAbbazia, e consegnato dalle mani di frate Leone Orreu. 1.1. LINGUE Si parlano i dialetti piemontesi derivati dal latino, ma nelle sedi clericali la lingua ufficiale rimane il latino, compreso anche dalla maggior parte dei cittadini. 2. I PERSONAGGI Questo modulo di avventura costruito attorno a una serie di personaggi prefabbricati. possibile introdurne di nuovi. Sta al custode riuscire a dare loro la giusta collocazione nella storia. 2.1. PERSONAGGI GIOCANTI Don Aron de Metrio - Prete esorcista della chiesa di Roma, in visita a Novara. Insister per

partecipare allindagine in quanto rappresentante della santa chiesa romana. Fra Petri de Vincula - Monaco assistente di Aron da Roma. Parteciper anche lui allindagine. Jordanus de Tauro - Sergente della guardia di Novara, incaricato di svolgere le indagini per conto della provincia. Paulus de Caprafice - Guardia e assistente di Jordanus de Tauro. Don Umberto de Arcu Chierico mandato da Riprando a investigare sullaccaduto e a recuperare un prezioso libro di propriet del vescovo, dato in prestito allabate un mese prima. Salvatoris de Camiliano Mercenario di Riprando, guardia del corpo di Umberto. Il suo incarico segreto quello di aiutare Umberto a recuperare il libro e poi appiccare un incendio doloso nel monastero, in modo da dare la possibilit a Riprando di avere il via libera per la ricostruzione delledificio. 2.2. PERSONAGGI NON GIOCANTI Riprando de Pombia Vescovo di Novara, appartenente alla famiglia dei Conti Pombia, signori di Biandrate. Fa parte dellassociazione segreta denominata Sphaerae Mortis, dedita al culto degli innominabili.

monastero, appartenente al culto delle Sphaerae Mortis. Don Jacob de Cortina Priore dellAbbazia, secondo allabate Bonifacio. completamente alloscuro dellesistenza delle Sphaere Mortis, ma teme che lomicidio possa causare un disfacimento della comunit benedettina e che Riprando colga loccasione per riedificare il monastero. Fra Leone Frate messaggero. anche colui che ha ritrovato il corpo dellAbate e ha rubato il medaglione delle Sphaerae Mortis. Maddalena Puttana dellostello di Biandrate alla quale Leone ha dato un medaglione a pagamento di una notte. Fra Laurentio Sacrestano dellAbbazia Fra Bartholomei Cellaro per il refettorio. Benedicti de Fovea Maestro degli ospiti Barnab de Porta Infermiere 3. LE SPHAERE MORTIS

Don Bonifacio Laurentii LAbate ucciso, ritrovato sulle rive del Sesia a un chilometro dal

Le Sphaere Mortis una associazione segreta che parte da Roma e si ramifica in tutta lEuropa e lImpero Bizantino fino a Costantinopoli. dedita allo studio di materiale occulto, assolutamente proibito dalla chiesa, ciononostante la maggior parte dei suoi seguaci sono proprio degli ecclesiastici. Nelle catacombe di molti luoghi sacri si riuniscono oscuri personaggi per studiare insieme i testi dei miti di Cthulhu, partecipare ai rituali e venerare i Grandi Antichi. Sia labate Bonifacio che il vescovo di Novara, Riprando de Pombia, fanno parte di questa associazione. Riprando aveva introdotto lAbate al cerchio segreto, e in seguito gli aveva prestato una copia del Sapientia Maglorum per studiarselo. Bonifacio, in una notte di luna nuova, aveva eretto un altare nel bosco dallaltra parte del Sesia e aveva tentato di evocare un Cucciolo Oscuro. La creatura era apparsa dal

bosco e labate era riuscito a controllarla per un po, ma in un momento di distrazione il Cucciolo Oscuro lo aveva afferrato e strangolato, lasciandolo poi sulla riva opposta del fiume. Lessere si aggira ancora nei pressi dellaltare eretto in mezzo al boschetto di querce e lecci.

Mortis. Il primo e pi incombente quello di recuperare il Sapientia Maglorum senza che nessuno scopra la natura di tale testo. Per questo motivo ha incaricato il fedele Umberto de Arcu, del tutto ignaro dellesistenza delle Sphaerae Mortis, di recuperare il libro. Il suo compito quello di riportarlo nelle mani del vescovo e assolutamente di NON consultarlo. un testo delicato e molto raro, e il vescovo ci tiene parecchio, questa la scusa pronta da dare a chi desiderer guardare il tomo pi da vicino. Il secondo obbiettivo distruggere il monastero, cos da cancellare ogni eventuale traccia lasciata da Bonifacio che possa ricondurre alla societ segreta, e in modo da poter presto avviare i piani di ristrutturazione dellabbazia. Lincarico nelle mani del mercenario Salvatoris de Camiliano, pagato profumatamente per innescare un incendio apparentemente fortuito dentro il monastero. 4. INIZIO DELLAVVENTURA Lavventura incomincia a Novara. I sei personaggi vengono convocati da Riprando e da un ufficiale delle milizie Franche nella cappella laterale della chiesa (i due ecclesiastici da Roma non sono proprio invitati ma faranno di tutto per esserci). Viene detto al gruppo della morte dellabate nel vicino paese di San Nazzaro, del messaggio portato il giorno prima da frate Leone (che ripartito immediatamente), in cui il priore comunicava il presunto omicidio. Il testo del messaggio molto breve:

3.1. IL SAPIENTIA MAGLORUM Libro in Latino molto raro che contiene indicazioni per evocare Hastur, Shub-Niggurath e i suoi servitori, oltre a una possibile formula dimmortalit. Perdit della sanit: 1D6/2D6 Miti di Cthulhu: +10 % Giorni di studio: 40 Il libro si trova nello studio segreto dellAbbazia, una stanza sotterranea a cui accedeva esclusivamente lAbate. sigillato in un forziere e la chiave per aprirlo incastonata al medaglione in possesso della puttana di Biandrate, Maddalena. 3.2. I PIANI DI RIPRANDO Riprando de Pombia ha due obbiettivi estremamente importanti e legati alle Sphaerae

Allattenzione di sua santit il Vescovo di Novara, Una grande tragedia ha colpito il nostro umile monastero. Labate Bonifacio stato ieri trovato privo di vita sulle sponde del fiume Sesia. Probabilmente stato strangolato. Vi preghiamo di mandare immediatamente qualcuno ad indagare su questo funesto accadimento.

I fratelli sono molto scossi e tutti trovano conforto solamente nella preghiera. Attendiamo vostre nuove. Jacob de Cortina. Umberto e Salvatoris sono gi stati avvicinati in segreto da Riprando il quale ha illustrato loro i suoi piani. Nessuna indagine a Novara potr aiutare linvestigazione. San Nazzaro un paesino come ce sono tanti e pochi conoscono labbazia e labate. Un confronto con il Vescovo non porter a nulla, grazie allalto punteggio di oratoria e raggirare dellecclesiastico. il 12 settembre del 1035 ed mattina inoltrata. Sulla pianura padana si stende un filo di nebbia. Lestate, nonostante il calendario, sembra gi passata. Se i personaggi decideranno di partire sulla strada per Torino, potranno raggiungere in serata il paese di Biandrate e pernottare alla taverna in cui la notte prima, tornando al monastero, passato frate Leone. 5. IL VIAGGIO VERSO SAN NAZZARO La strada quella che conduce a Torino. Ce ne sarebbe unaltra che passa da Vercelli ma quasi il doppio in lunghezza. Il percorso ampio e i personaggi potranno incontrare sia mercanti che contadini sui loro carretti. Alcuni carrettieri potrebbe offrire loro un passaggio, ma non tutti insieme su un unico carro. Questo vorrebbe dire dividere il gruppo, e probabilmente nessuno lo vuole, a causa dei diversi propositi di ogni personaggio. Met giornata di viaggio baster per raggiungere il paese di Biandrate, un villaggio di tre o quattrocento anime, perlopi contadini. Vengono coltivati principalmente riso e avena. 5.1. LA LOCANDA DI BIANDRATE La locanda composta da unaccogliente cantina in cui si serve vino, carne arrostita e zuppa di riso, e da un edificio a cui si accede da una porta esterna, di propriet del gestore della cantina, un certo Savino. Ledificio a due piani e mette a disposizione sei camere doppie. Biandrate un villaggio di contadini e la locanda frequentata da vecchi e giovani agricoltori e pastori. Si aggirano tra i tavoli anche un paio di

signore dai facili costumi. Una di queste, ricciolina e mora, si chiama Maddalena e offrir la sua merce per 30 denari. Se interrogata possibile che riveli della prestazione della scorsa notte insieme a frate Leone, di ritorno da Novara. Leone, non avendo abbastanza denaro, aveva pagato la puttana con lamuleto sottratto al corpo di Bonifacio. Era stato infatti lo stesso Leone a trovare il corpo sulle rive del Sesia, e accortosi del medaglione che lAbate stava indossando, un simbolo strano che il frate non aveva mai visto prima e che temeva potesse gettare cattiva luce sullamato abate, lo aveva rimosso. La sera prima, giunto alla taverna, aveva bevuto un bicchiere di vino di troppo, ed era stato persuaso dai modi di Maddalena. Il frate, tornato al monastero, si poi ammalato della febbre del rimorso. Maddalena ceder lamuleto solo per un compenso di 80 denari, valore che pu aumentare fino a 100 o diminuire fino a 60 a seconda dei tiri di Contrattare. Maddalena si avvale di un ottimo 45%.

Fermarsi alla locanda per una notte costa 15 denari a testa, mentre un pasto viene 2 denari. Nel paese si trova anche una piccola chiesa curata da Don Eusebio, il quale conoscenza del tragico evento accaduto al vicino monastero di San Nazzaro. Il prete a sera fa sempre un salto alla locanda, ed probabile che il gruppo lo veda seduto a un tavolo. Buoni tiri di oratoria convinceranno il prete a parlare di strani eventi incorsi negli ultimi mesi. Alcune comari dei villaggi lungo la strada per

Torino sono venute da lui per chiedere lintervento di un esorcista. Sono stati trovati alcuni capi di bestiame trucidati nei boschi vicini, e non per opera dei lupi. Le leggende popolari su mostri e altre strane creature sono sempre esistite, ma negli ultimi tempi casi del genere si sono moltiplicati. Qualcuno dice che un uomo posseduto dal demonio va in giro a recidere le teste dei vitelli e degli agnelli. Il prete non ha assolutamente idea di cosa o chi ci sia dietro questi eventi e dietro la morte dellabate. 5.2. LAMULETO DELLE SPHAERAE MORTIS Il medaglione sottratto da Fra Leone allAbate un segno di appartenenza alle Sphaerae Mortis, la societ segreta dedita ai culti oscuri. Si tratta di un frammento di giada nera su cui spicca una croce di quarzo a testa in gi con la scritta incrociata Sphaerae Mortis. Quattro tentacoli di oro rosso si dipanano da dietro la croce. Anche il telaio del gioiello in oro rosso, e sul retro vi incastonata una piccola chiave.

5.3. DA BIANDRATE A SAN NAZZARO Poco pi di una mezza giornata di viaggio a piedi separano i due villaggi. Dalla strada principale che prosegue verso Torino, il gruppo dovr imboccare un sentiero ben battuto che attraverso le risaie lo condurr al paese in cui sorge il monastero. Pi difficile lincontro con contadini di passaggio (25%). Un tiro oratoria, incrociato ad un altro tiro di carisma o stato sociale (reputazione) potrebbe invogliare i contadini a parlare dei misteriosi eventi accaduti nei boschi e del bestiame perduto. Nessuno per immagina cosa potrebbe esserci dietro a questi oscuri avvenimenti. 6. IL MONASTERO Il monastero una massiccia struttura di pietra risalente allinizio dell800, non completamente immune alle erosioni del tempo e delle intemperie, ma ancora solida e accogliente. Ci vivono allincirca cinquanta frati benedettini, collocati nei diversi dormitori attorno alla chiesa. Tutto il complesso delimitato da un muro di pietra alto tre metri. Esistono solo tre accessi allabbazia, che solitamente di giorno sono aperti e di notte vengono chiusi. Lentrata principale si trova nei pressi del giardino ortofrutticolo (I): si tratta di una cancello a doppio battente di ferro, parzialmente arrugginito. Poi c laccesso al cimitero (XIV), una semplice porta-cancello, e infine quello sul retro davanti al pozzo (XXII), per il bestiame, anche questo doppio. I personaggi avranno accesso a tutti i locali della struttura. Una volta raggiunto il monastero il priore convocher in chiesa tutti i frati per presentare i nuovi arrivati e comunicare linizio delle indagini sulla morte dellabate Bonifacio. Tutti i frati si dimostreranno disponibili anche se un po intimoriti. Nessuno per, a parte quelli indicati pi avanti, potr dare significativi indizi sul mistero. Quasi tutti conoscono gli strani eventi accaduti nelle vicinanze (animali trovati morti nei boschi) ma nessuno collega questi fatti con la morte dellabate. Alcuni potranno confessare, se ben circuiti, della curiosa apatia di Don Bonifacio nei giorni precedenti alla tragedia. Labate era comunque molto amato da tutta la comunit.

La chiave apre il forziere che si trova nelle camere segrete dellabate, sotto il monastero. Dentro il forziere si trova il libro Sapientia Maglorum. La visione dellamuleto, pur non necessitando di un tiro sanit, turber gli animi dei religiosi.

6.1. LA MAPPA DEL MONASTERO In fondo a queste dispense troverete una mappa del monastero. Qui sotto lelenco dei luoghi. Solo alcuni di questi hanno una descrizione ben precisa pi avanti. I. II. III. IV. V. VI. VII. VIII. IX. X. XI. XII. XIII. XIV. XV. XVI. XVII. XVIII. XIX. XX. XXI. XXII. XXIII. XXIV. Giardino Ortofrutticolo Giardino delle Erbe Casa degli Ospiti Piazzale Latrine e Lavatoi Forno Biblioteca Dormitorio I Dormitorio II Chiesa Casa dellAbate Infermeria Chiostro Cimitero Ripostiglio Bagni Magazzino Cucine Refettorio Dispensa Stalla Pozzo Dormitorio III Latrine e Lavatoi

Ore 18:00 Cena Ore 19:00 Preghiera Ore 20:00 Ritiro nei dormitori. 6.3. LA CASA DEGLI OSPITI Si tratta di una costruzione confortevole che si trova nei pressi dellentrata principale, con quattro ampi alloggi ognuno dei quali presenta due giacigli. Saranno a disposizione dei personaggi per tutto il tempo dellindagine. Frate Benedicti de Fovea, maestro degli ospiti, si occuper delle sistemazioni. Se interrogato Benedicti potr fornire interessanti informazioni riguardo agli ultimi visitatori arrivati presso il monastero. Un mese prima cera stato lo stesso vescovo Riprando, accompagnato da alcuni accoliti. Si era fermato un paio di giorni intrattenendosi con labate. Benedicti aveva notato un piccolo forziere di propriet del vescovo, una cassetta di legno scuro torchiata con un lucchetto, che per il giorno della partenza non aveva pi. Il frate aveva pensato a un dono personale di sua santit allabate Bonifacio. Si tratta ovviamente del forziere che contiene il Sapientia Maglorum e che ora si trova nello studio segreto dellabate. Sar possibile aprirlo solo con la chiave incastonata nellamuleto. 6.4. IL GIARDINO DELLE ERBE Frate Titus e Fra Barnab, linfermiere, si occupano del giardino delle erbe e della loro lavorazione. I prodotti pi interessanti reperibili presso il monastero sono i seguenti: Pasta di Erbe calmante, un composto cremoso da applicare sulle infezioni o su ferite aperte. Rigenera automaticamente 2PF. Una sola applicazione possibile. Estratto di Tarassaco, disintossicante, permette un tiro costituzione per resistere a un veleno. Concentrato di Passiflora, prodotto calmante utilizzabile anche per le malattie mentali. Recupero di 1 punto sanit per una solo uso. Labate faceva un discreto uso di questultimo prodotto, specialmente negli ultimi tempi. I due frati potranno confermarlo.

6.2. LA GIORNATA DEL MONASTERO Il custode dovr tenere conto dei vari impegni dei frati durante larco della giornata, che dentro al monastero decisamente impegnata. I frati saranno disponibili per le indagini durante brevi intervalli nelle ore di lavoro o durante i pasti. Assolutamente sconsigliato cercarli nelle ore di studio e di preghiera. Ore 4:00 Sveglia Ore 4:30 Preghiera dei mattino Ore 5:00 Colazione Ore 5:30 Lavoro Ore 10:00 Studio Ore 12:00 Preghiera Ore 12:30 Pranzo Ore 13:00 Riposo Ore 14:00 Funzioni religiose Ore 16:00 Studio o Lavoro

6.5. LA BIBLIOTECA Un ampio e tranquillo vano, dove possibile consultare i testi sacri. Dentro la bibbia appartenuta allabate si potr rinvenire un foglio di carta pergamenata con su scritta la frase presa direttamente dal testo di AlAzif.

Fra Laurentio il sagrestano. lunico nel monastero a conoscenza del lato oscuro di Bonifacio. Non sa nulla dei miti e dei segreti delle Sphaerae Mortis, ma pochi giorni prima dellomicidio aveva avvicinato labate, dichiarandosi interessato agli studi occulti ai quali Bonifacio era dedito. Tutto ci non lo riveler mai, almeno che i personaggi non usino maniere forti o si avvalgano di ottimi tiri persuasione e oratoria. Se messo alle strette, Fra Laurentio potrebbe anche cedere mentalmente e tentare un gesto folle, come il suicidio o lomicidio. 6.7. I DORMITORI Tre in totale, ospitano le brande e pagliericci dei frati. Nel secondo dormitorio (IX) si trova il giaciglio di Fra Leone, che nei giorni susseguenti il ritorno da Novara si dar per malato. I personaggi lo potranno trovare qui, in preda a strane febbri. Il frate molto ancora molto scosso per il fattaccio, ma lo ancora di pi a causa del medaglione sottratto e della puttana pagata a Biandrate. Il senso di colpa lo ha fatto ammalare. Non sar difficile per i personaggi fargli ammettere la sua colpevolezza, anzi, per lui questa potrebbe essere loccasione per redimersi. 6.8. LINFERMERIA Vi si pu trovare Fra Bernab, se non a lavorare al giardino delle erbe. Qui sono reperibili i prodotti erboristici del monastero. Vedi 6.4. Ognuno dei personaggi potr servirsi di questi prodotti e portarne con se una dose. 6.9. IL CIMITERO Fra Girolamo, il becchino del monastero, si occupa del cimitero. I personaggi potranno riesumare il cadavere dellabate per ispezionarlo. Tutti potranno confermare la causa della morte per strangolamento, ma un buon tiro medicina, o un tiro idea, potrebbero mettere dei seri dubbi sullidentit dello strangolatore. Fra Bernab, che aveva per primo ispezionato il corpo, forse sotto shock per laccaduto, non si era accorto della seppur evidente stranezza. La gola dellabate non presenta infatti i segni tipici

stata appuntata dallo stesso Bonifacio, e lasciata in mezzo al suo libro come esca per eventuali interessati allordine delle Sphaerae Mortis. La congrega infatti, pur stando molto attenta a rimanere segreta, cerca sempre nuovi adepti. Bonifacio intendeva circuire uno o pi dei suoi accoliti per condurli alle pratiche occulte. Sotto la scritta spicca il simbolo delle Sphaerae Mortis. 6.6. LA CHIESA Gli ampi spazi della struttura interna conferiscono al luogo tutta la sua sacralit. Laltare spicca in fondo alla navata, con due acquasantieri ai lati. Ci sono dieci file di inginocchiatoi e molti candelieri disposti sulle colonne e sulle navate laterali. Sul lato destro visibile un confessionale, su quello sinistro un loculo interno che funge da sagrestia. Larredo essenziale e umile. Il tetto ha subito alcuni danni a causa di un recente temporale, per questo motivo sono presenti sul pavimento alcuni secchi per contenere lacqua piovana.

dei pollici, n quelli di una corda. Lo strangolamento evidente, ma sembra stato eseguito da un appendice molto grossa. Qualcuno, dopo un buon tiro, potrebbe pensare ad un serpente esotico. Vi sono anche escoriazioni su molte parti del corpo, e fratture, come se labate fosse caduto da una notevole altezza. Tutte queste cose non erano state notate durante la prima ispezione. 6.10. LA CASA DELLABATE un ambiente umile e austero, con un letto comodo ma piccolo, una scrivania e un armadio. Vi ununica entrata che da direttamente sulla chiesa. Oltrepassata la porta, sul lato sinistro della stanza (quello a ridosso della navata), vi una cassapanca sotto la quale si trova una stuoia di vimini. Rimovendo cassapanca e stuoia, sar possibile, con un buon tiro individuare, rinvenire la botola che accede allo studio segreto dellabate. Nellarmadio, insieme alle vesti religiose, si nasconde un abito diverso, di seta scura. Non sembra servire a nessuna delle funzioni conosciute. Si tratta della veste usata dai seguaci delle Sphaerae Mortis. Nei cassetti della scrivania possibile scoprire alcune lettere del vescovo indirizzate allabate. Si parla del progetto per una riedificazione dellabbazia, ma leggendo attentamente (almeno unora e con un buon tiro lettura latino) si pu intuire qualcosa riguardo a certe pratiche non proprio religiose. Queste le frasi che salteranno agli occhi dei lettori: Mi auguro che il mio regalo ti possa aprire le porte degli altri mondi Non essere avventato. Le parole, se usate male, possono richiamare gli incubi Semina la conoscenza dei grandi antichi, ma sii cauto con chi sceglierai come tuo accolito Tra queste lettere si trova anche il seguente frammento di pergamena.

6.11. LO STUDIO SEGRETO DELLABATE In principio questo locale era annesso direttamente alla chiesa e veniva usato come sagrestia. Fu poi sigillato perch non consono (era troppo umido), e costruito, allinterno della cattedrale, un loculo per collocare gli arredi sacri. Per mantenere segreti i suoi affari, Bonifacio, ricordandosi di questo locale sotterraneo, fece aprire un passaggio dalla sua casa. Lo fece con laiuto di un esterno, un muratore di Vercelli. Nessuno nel monastero a conoscenza di questo passaggio che si trova sotto la stuoia nella casa dellabate, ma Fra Bartholomei, il cellaro del refettorio, si ricorder della presenza di un muratore di Vercelli chiamato per dei lavori di ristrutturazione. La botola rinvenibile solo se si rimuove prima la cassapanca e la stuoia, e poi cinque assi di legno mobili che fanno parte del pavimento (tiro individuare). Una scala, anche questa di legno, conduce ad un ampia saletta nel mezzo della quale spicca un tavolo di pietra che potrebbe ricordare un altare. Laria del luogo ha un odore non piacevole e si avverte subito la presenza di una notevole umidit. Su un lato del pavimento piastrellato, vi unaltra stuoia sopra la quale si trova una

seconda cassapanca, simile a quella nella casa dellabate. La cassapanca imbottita in modo da proteggere dallumidit il suo contenuto. Dentro di questa sono rinvenibili alcune lettere del vescovo, ancora direttamente inerenti ai miti e alle Sphaerae Mortis, e quella che potrebbe sembrare la custodia di legno di una lama sacrificale, adornata da strani simboli. Inoltre si trova anche il forziere che contiene il Sapientia Maglorum. Per aprirlo bisogna usare la chiave dellamuleto oppure tentare di spaccare la serratura con ottimo tiro di forza. Vedi 3.1. 7. IL BOSCO Il bosco in cui stato consumato il rituale per levocazione del cucciolo oscuro di Shub Niggurath si trova dal lato opposto del Sesia, che, data la stagione, ancora guadabile in molti punti. Dato che il corpo dellabate stato ritrovato sulla riva orientale, i personaggi non hanno un vero motivo per esplorarlo. Potrebbero per associare le morti dei capi di bestiame trovati da contadini nei boschi, con lomicidio di Bonifacio, e cos andare ad ispezionare il bosco. Lassociazione esiste, perch stato lo stesso Bonifacio a provare pi volte il rituale e a servirsi di pecore e addirittura vitelli. Il cucciolo oscuro, che dopo aver strangolato labate lo ha impudentemente scaraventato dallaltra parte del fiume, si aggira ancora nel bosco. Lo far per tutti i sei giorni successivi alla sua evocazione, dopo di che torner nella sua dimensione. I personaggi potrebbero incontrarlo, se lispezione si riveler accurata. Dovranno tirare la loro sanit e perdere, nel caso di riuscita del tiro, 1d3 PS, altrimenti 1d20. Cucciolo Oscuro di Shub Niggurath: FOR 36 COS 15 TAG 41 MAN 11 DES 26 PF 28 MOV 8 Arma 4 Tentacoli Danno 4d6 + dissanguamento. Lesplorazione del bosco potr condurre i personaggi alla radura dove stata fatta levocazione. Potranno rinvenire laltare di pietra, il corpo mutilato di un grande vitello bianco, il pugnale sacrificale la cui custodia si trova nello studio segreto dellabate e infine, in parte rovinata dallumidit, i resti della seguente pergamena utilizzata per levocazione.

La visione della scena dellaltare con lanimale sgozzato richiede un tiro sanit per evitare di perdere 1d6 di punti. 8. CONCLUSIONI I personaggi allinizio dellavventura hanno uno scopo ben preciso. Alcuni vogliono svelare il mistero della morte dellabate, altri invece eseguono semplicemente gli ordini di Riprando. Tutti per rimarranno certamente colpiti dalle conseguenze dellindagine, e le risposte che troveranno condurranno inevitabilmente verso nuove domande. Cosa sono le Sphaerae Mortis? Da dove spunta la strana creatura che ha ucciso Bonifacio? Cosa nasconde il Sapientia Maglorum? Insomma, ce n di materiale per continuare la campagna. Gli uomini di Riprando potrebbero anche ricredersi e decidere di esplorare pi a fondo la questione, tradendo le aspettative del loro padrone. Al custode e ai giocatori il compito di dare la giusta svolta agli eventi. Seguire la pista delle Sphaerae Mortis potrebbe essere unavventura non da poco, un viaggio che porterebbe le indagini fino alla grande Costantinopoli e poi nuovamente a Roma, dove tutte le strade convergono. 9. SCHEDE DEI PERSONAGGI Don Aron de Metrio - Prete esorcista della chiesa di Roma, in visita a Novara. Insister per partecipare allindagine in quanto rappresentante della santa chiesa romana. FOR 12 - COS 12 - TAG 14 - DES 13 - FAS 8 - INT 14 - MAN 15 - EDU 18 - SAN 75 Idea 70% Fortuna 75% - Conoscenza 90% - Destrezza 65% - Carisma 40% - Bonus danno 1d4 PF 13 Punti educazione 270 Punti Intelligenza 70.

10

Fra Petri de Vincula - Monaco assistente di Aron da Roma. Parteciper anche lui allindagine. FOR 16 - COS 8 - TAG 14 - DES 18 - FAS 11 - INT 11 - MAN 16 - EDU 15 - SAN 80 Idea 55% Fortuna 80% - Conoscenza 75% - Destrezza 90% - Carisma 55% - Bonus danno 1d4 PF 11 Punti educazione 225 Punti Intelligenza 55. Jordanus de Tauro - Sergente della guardia di Novara, incaricato di svolgere le indagini per conto della provincia. FOR 16 - COS 14 - TAG 12 - DES 11 - FAS 11 INT 13 - MAN 8 - EDU 14 - SAN 40 Idea 65% Fortuna 40% - Conoscenza 70% - Destrezza 55% - Carisma 55% - Bonus danno 1d4 PF 13 Punti educazione 210 Punti Intelligenza 65. Paulus de Caprafice - Guardia e assistente di Jordanus de Tauro. FOR 13 - COS 14 - TAG 10 - DES 14 - FAS 13 INT 9 - MAN 17 - EDU 17 - SAN 85 Idea 45% Fortuna 85% - Conoscenza 85% - Destrezza 70% - Carisma 65% - Bonus danno 0 PF 12 Punti educazione 255 Punti Intelligenza 45. Don Umberto de Arcu Chierico mandato da Riprando a investigare sullaccaduto e a recuperare un prezioso libro di propriet del vescovo, dato in prestito allabate un mese prima. FOR 11 - COS 12 - TAG 12 - DES 12 - FAS 13 INT 14 - MAN 13 - EDU 13 - SAN 65 Idea 70% - Fortuna 65% - Conoscenza 65% - Destrezza 60% - Carisma 65% - Bonus danno 0 PF 12 Punti educazione 195 Punti Intelligenza 70. Salvatoris de Camiliano Mercenario di Riprando, guardia del corpo di Umberto. Il suo incarico segreto quello di aiutare Umberto a recuperare il libro e poi appiccare un incendio doloso nel monastero, in modo da dare la possibilit a Riprando di avere il via libera per la ricostruzione delledificio. FOR 15 - COS 14 - TAG 16 - DES 16 - FAS 10 INT 16 - MAN 13 - EDU 15 - SAN 65 Idea 80% - Fortuna 65% - Conoscenza 75% - Destrezza 80% - Carisma 50% - Bonus danno 1d4 PF 15 Punti educazione 225 Punti Intelligenza 80. Riprando de Pombia Vescovo di Novara, appartenente alla famiglia dei Conti Pombia,

signori di Biandrate. Fa parte dellassociazione segreta denominata Sphaerae Mortis, dedita al culto degli innominabili. FOR 12 - COS 12 - TAG 14 - DES 11 - FAS 15 INT 15 - MAN 14 - EDU 18 - SAN 22 Idea 75% - Fortuna 70% - Conoscenza 90% - Destrezza 55% - Carisma 75% - Bonus danno 1d4 PF 13 Oratoria 82% - Raggirare 62% - Occultismo 58% Miti 31% Fra Laurentio Sacrestano dellAbbazia FOR 10 - COS 10 - TAG 13 - DES 13 - FAS 9 - INT 13 - MAN 14 - EDU 16 - SAN 63 Idea 65% Fortuna 70% - Conoscenza 80% - Destrezza 65% - Carisma 45% - Bonus danno 0 PF 11 Oratoria 32% - Occultismo 10%

NOTE Gli eventi, i luoghi e i nomi che appaiono in questo modulo di avventura, pur rispecchiando a volte la realt, sono frutto dellimmaginazione dellautore. Scritta nel giugno 2009 GM Willo www.willoworld.net

11

12

www.willworld.net

Tutto il materiale originale di questo modulo sotto il "Creative Commons License".

13